C4000 Palletizer Standard/Advanced C4000 Fusion

C4000 Palletizer Standard/Advanced C4000 Fusion
ISTRUZIONI D’USO
C4000 Palletizer Standard/Advanced
C4000 Fusion
Cortina di sicurezza
I
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Il presente manuale è coperto da diritti d’autore. Tutti i diritti che ne derivano appartengono alla ditta SICK AG. Il
manuale o parti di esso possono essere fotocopiati esclusivamente entro i limiti previsti dalle disposizioni di
legge in materia di diritti d’autore. Non è consentito modificare o abbreviare il presente manuale senza previa
autorizzazione scritta della ditta SICK AG.
2
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Indice
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Indice
8012251/TG79/2009-10-07
1
A proposito di questo documento....................................................................................7
1.1
Funzione di questo documento............................................................................7
1.2
Destinatari .............................................................................................................7
1.3
Campo di applicazione..........................................................................................7
1.4
Grado di informazione ..........................................................................................8
1.5
Abbreviazioni utilizzate .........................................................................................8
1.6
Simboli utilizzati ....................................................................................................9
2
Sulla sicurezza .................................................................................................................10
2.1
Persone competenti............................................................................................10
2.2
Campi d’impiego del dispositivo ........................................................................11
2.3
Uso conforme a norma .......................................................................................12
2.4
Note di sicurezza generali e misure di protezione ............................................12
2.5
Comportamento per rispettare l’ambiente........................................................13
3
Descrizione del prodotto.................................................................................................14
3.1
Caratteristiche particolari ...................................................................................14
3.1.1
C4000 Palletizer ...............................................................................14
3.1.2
C4000 Fusion....................................................................................15
3.2
Funzionamento del dispositivo...........................................................................16
3.2.1
Applicazioni orizzontali......................................................................16
3.2.2
Applicazioni verticali .........................................................................18
3.2.3
Campi d’impiego ...............................................................................18
3.2.4
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti................................................19
3.2.5
Rilevamento di merci ........................................................................20
3.2.6
Rilevamento di pallet ........................................................................21
3.2.7
Rilevamento di modelli di oggetti.....................................................22
3.2.8
Rilevamento di oggetti dalla geometria uniforme ...........................24
3.2.9
Funzionamento protetto per una protezione del punto
oppure dell’area di pericolo..............................................................25
3.2.10
Funzionamento protetto con blanking.............................................25
3.3
Elementi di visualizzazione.................................................................................25
3.3.1
Visualizzazioni di stato dell’emettitore ............................................26
3.3.2
Visualizzazioni di stato del ricevitore ...............................................27
4
Funzioni configurabili .....................................................................................................28
4.1
Blocco al riavvio ..................................................................................................29
4.2
Controllo dei contattori esterni (EDM) ...............................................................31
4.3
Arresto di emergenza..........................................................................................32
4.4
Bypass .................................................................................................................33
4.5
Uscita di segnalazione (ADO)..............................................................................34
4.6
Barriera optoelettronica virtuale ........................................................................35
4.7
Codifica dei raggi.................................................................................................36
4.8
Campo di lavoro ..................................................................................................37
4.9
Valutazione multipla ...........................................................................................38
4.10 Risoluzione ridotta ..............................................................................................38
4.11 Test emettitore ....................................................................................................40
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
3
Indice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4
5
Configurazione blanking ................................................................................................ 41
5.1
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti ................................................................. 42
5.2
Blanking dinamico con autoapprendimento per il rilevamento di merci ........ 44
5.2.1
Sorveglianza delle dimensioni di oggetti......................................... 45
5.2.2
Autoapprendimento di singoli oggetti.............................................. 46
5.2.3
Soppressione dei vuoti di oggetti .................................................... 46
5.3
Blanking dinamico con autoapprendimento per il rilevamento di pallet ........ 47
5.4
Blanking dinamico per i rilevamento di modelli di oggetti ............................... 48
Sorveglianza delle dimensioni di oggetti......................................... 51
5.4.1
5.4.2
Sorveglianza della sequenza ........................................................... 52
5.4.3
Soppressione dei vuoti di oggetti .................................................... 52
5.5
Funzioni supplementari per le applicazioni orizzontali .................................... 53
5.6
Blanking fisso...................................................................................................... 53
5.7
Blanking dalle geometrie uniformi .................................................................... 57
6
Montaggio........................................................................................................................ 59
6.1
Misure supplementari per rendere impossibile che la protezione sia
schivata ............................................................................................................... 59
6.2
Calcolare la distanza di sicurezza per un’applicazione orizzontale................. 60
6.2.1
Calcolo della distanza di sicurezza conforme
all’Associazione degli operatori nel settore alimentare e
gastronomico (Berufsgenossenschaft Nahrungsmittel und
Gaststätten - BGN)............................................................................ 62
6.3
Calcolare la distanza di sicurezza per un’applicazione verticale..................... 63
6.3.1
Calcolare la distanza di sicurezza verso la protezione
dell’accesso con l’aiuto del blanking di oggetti dalle
geometrie uniformi ........................................................................... 67
6.3.2
Distanza minima da superfici riflettenti .......................................... 68
6.4
Fasi di montaggio del dispositivo....................................................................... 69
6.4.1
Fissaggio con supporto Swivel Mount ............................................. 70
6.4.2
Fissaggio con supporto su guida laterale........................................ 72
6.4.3
Fissaggio con piedistallo .................................................................. 74
7
Installazione elettrica..................................................................................................... 75
7.1
Connessione di sistema M26 × 11 + TF ............................................................ 76
7.2
Connessione di configurazione M8 × 4 (interfaccia seriale) ............................ 77
7.3
Connessione in cascata M26 × 11 + TF ............................................................ 78
7.4
Controllo dei contattori esterni (EDM)............................................................... 79
7.5
Pulsante di ripristino........................................................................................... 80
7.6
Arresto di emergenza ......................................................................................... 81
7.7
Interruttore a chiave per bypass........................................................................ 82
7.8
Uscite delle barriere optoelettroniche virtuali................................................... 82
7.9
Uscita di segnalazione (ADO) ............................................................................. 83
7.10 Ingresso test (test dell’emettitore) .................................................................... 83
7.11 Pulsante di autoapprendimento a chiave ......................................................... 84
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Indice
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8
Messa in servizio .............................................................................................................85
8.1
Sequenza delle visualizzazioni all’accensione ..................................................85
8.2
Allineamento di emettitore e ricevitore..............................................................86
8.2.1
Allineamento della C4000 Fusion con il laser per
allineamento integrato......................................................................87
8.3
Indicazioni sulla verifica......................................................................................88
8.3.1
Verifiche preventive alla prima messa in servizio ...........................88
8.3.2
Regolarità della verifica del dispositivo di protezione da
parte di persone competenti ............................................................88
8.3.3
Verifiche giornaliere dell’efficacia del dispositivo di
protezione..........................................................................................89
9
Configurazione.................................................................................................................91
9.1
Stato di fornitura .................................................................................................91
9.2
Preparare la configurazione ...............................................................................92
10 Cura e manutenzione ......................................................................................................93
11 Diagnostica delle anomalie............................................................................................94
11.1 Comportamento in caso di anomalia.................................................................94
11.2 Supporto SICK .....................................................................................................94
11.3 Visualizzazione di anomalie dei LED di diagnostica..........................................95
11.4 Visualizzazione delle anomalie con display a 7 segmenti ................................96
11.5 Diagnostica ampliata ..........................................................................................98
12 Dati tecnici .......................................................................................................................99
12.1 Scheda tecnica....................................................................................................99
12.2 Tempo di risposta............................................................................................. 104
12.3 Tolleranze ......................................................................................................... 106
12.3.1
Tolleranze di dimensioni e distanze.............................................. 106
12.4 Tabella dei pesi ................................................................................................ 107
12.4.1
C4000............................................................................................. 107
12.5 Disegni quotati ................................................................................................. 108
12.5.1
C4000 senza connessione in cascata.......................................... 108
12.5.2
C4000 con connessione in cascata ............................................. 109
12.5.3
Supporto Swivel Mount.................................................................. 110
12.5.4
Supporto su guide laterali ............................................................. 110
12.5.5
Piedistallo ....................................................................................... 111
12.5.6
Specchio deviatore PNS75............................................................ 112
12.5.7
Specchio deviatore PNS125 ......................................................... 113
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
5
Indice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13 Dati di ordinazione ........................................................................................................114
13.1 Dotazione della fornitura..................................................................................114
13.2 Sistemi C4000..................................................................................................115
13.2.1
C4000 Palletizer Standard senza connessione in cascata .........115
13.2.2
C4000 Palletizer Advanced senza connessione in cascata ........116
13.2.3
C4000 Palletizer Advanced con connessione in cascata
al ricevitore .....................................................................................117
13.2.4
C4000 Fusion senza connessione in cascata ..............................118
C4000 Fusion con connessione in cascata al ricevitore .............119
13.2.5
13.3 Frontalino supplementare (protezione da spruzzi di saldatura) ....................120
13.4 Specchi deviatori ..............................................................................................120
13.4.1
Specchi deviatori PNS75 per larghezza del campo protetto
0 … 12 m (complessivo).................................................................120
13.4.2
Specchi deviatori PNS125 per larghezza del campo protetto
4 … 18,5 m (complessivo) .............................................................121
13.5 Accessori ...........................................................................................................121
14 Appendice ......................................................................................................................123
14.1 Dichiarazione di conformità CE........................................................................123
14.2 Lista di verifica per il costruttore .....................................................................124
14.3 Indice delle tabelle ...........................................................................................125
14.4 Indice delle figure .............................................................................................127
6
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
A proposito di questo
documento
Istruzioni d’uso
Capitolo 1
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
1
A proposito di questo documento
Vi preghiamo di leggere attentamente il presente capitolo prima di iniziare a lavorare con
la documentazione e con la C4000 Palletizer o la C4000 Fusion, chiamata in seguito
anche nel modo abbreviato C4000.
1.1
Funzione di questo documento
Queste istruzioni d’uso forniscono al personale tecnico del produttore o del gestore della
macchina le istruzioni necessarie per un sicuro montaggio, la configurazione,
l’installazione elettrica, la messa in funzione e per il funzionamento e la manutenzione
della cortina di sicurezza C4000.
Queste istruzioni d’uso non guidano all’uso della macchina a cui è stata o verrà integrata
la cortina di sicurezza. Le informazioni a riguardo sono contenute nel manuale istruzioni
d’uso della macchina.
1.2
Destinatari
Queste istruzioni d’uso sono dirette ai progettisti, costruttori e responsabili di impianti da
rendere sicuri con una o varie cortine di sicurezza C4000. Sono dirette anche alle persone
che provvedono ad integrare la C4000 in una macchina, che la mettono in funzione o
provvedono alla sua manutenzione per la prima volta.
1.3
Nota
Campo di applicazione
Le presenti istruzioni d’uso valgono per la cortina di sicurezza C4000 Palletizer o C4000
Fusion che riporta sulla sua targhetta alla voce Operating Instructions una delle scritte
seguenti:
8012246
8012246/TE44
8012246/TG79
Il presente documento fa parte dell’articolo SICK con codice numerico 8012246 (istruzioni
d’uso “Cortina di sicurezza C4000 Palletizer Standard/Advanced/C4000 Fusion” in tutte
le lingue disponibili).
Le presenti istruzioni d’uso sono la traduzione delle istruzioni d’uso originali.
Per la configurazione e la diagnostica di questi dispositivi avete bisogno della versione
3.6.1, o più recente, del CDS (Configuration & Diagnostic Software). Per verificare la
versione del software selezionate nel ? la voce Informazioni....
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
7
A proposito di questo
documento
Capitolo 1
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
1.4
Grado di informazione
Le presenti istruzioni d’uso contengono informazioni sui seguenti argomenti della cortina
di sicurezza C4000:
montaggio
installazione elettrica
diagnostica ed eliminazione delle
anomalie
messa in servizio e configurazione
codici numerici
cura e manutenzione
conformità e omologazione
La progettazione e l’impiego di dispositivi di protezione come la C4000 richiedono inoltre
particolari conoscenze tecniche, non fornite dal presente documento.
Vanno fondamentalmente rispettate le prescrizioni di autorità e di legge durante il
funzionamento della C4000.
Informazioni generali sulla protezione antinfortunistica con l’aiuto di dispositivi di
protezione optoelettronici si trovano nell’opuscolo “Sicurezza Industriale con protezioni
optoelettroniche”.
Nota
Utilizzate anche la home page della SICK in internet sottowww.sick.com.
Vi troverete:
esempi di applicazioni
esempi di collegamento
disegni CAD
modelli con misure CAD
queste istruzioni d’uso in varie lingue da visualizzare e stampare
i certificati della prova di omologazione del campione, la dichiarazione CE di conformità
ed altri documenti
1.5
ADO
Application diagnostic output = uscita di segnalazione configurabile che indica uno stato
particolare del dispositivo di protezione
CDS
SICK Configuration & Diagnostic Software = software per la configurazione e la diagnostica
della vostra cortina di sicurezza C4000
EDM
External device monitoring = controllo dei contattori esterni
EFI
8
Abbreviazioni utilizzate
Enhanced function interface = comunicazione sicura dei dispositivi SICK
ESPE
Electro-sensitive protective equipment = dispositivo elettrosensibile di protezione (p. es.
C4000)
OSSD
Output signal switching device = uscita di comando che controlla il circuito elettrico di
sicurezza
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
A proposito di questo
documento
Istruzioni d’uso
Capitolo 1
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
1.6
Raccomandazione
Nota
,
Simboli utilizzati
Le raccomandazioni aiutano a prendere una decisione inerente l’applicazione di una
funzione o di un provvedimento tecnico.
Le note informano su particolarità del dispositivo.
Le visualizzazioni del display indicano lo stato di display a 7 segmenti di emettitore o
ricevitore:
visualizzazione costante dei caratteri, p. es. U
visualizzazione lampeggiante dei caratteri, p. es. 8
visualizzazione alternata dei caratteri, p. es. L e 2
,
Con l’aiuto del CDS la rappresentazione delle cifre del display a 7 segmenti può venire
ruotata di 180°. In questo documento le cifre del display a 7 segmenti vengono però
rappresentate senza essere ruotate.
Rosso,
Giallo,
Verde
Agite …
I simboli LED descrivono lo stato di un LED di diagnostica. Esempi:
Rosso
Il LED rosso è illuminato costantemente.
Giallo
Il LED giallo lampeggia.
Verde
Il LED verde è spento.
Le istruzioni su come agire sono contrassegnate da una freccia. Leggete e seguite
attentamente le istruzioni su come agire.
Avvertenza!
Un’avvertenza vi indica dei pericoli concreti o potenziali. Esse hanno il compito di
ATTENZIONE proteggervi dagli incidenti.
Leggete e seguite attentamente le avvertenze!
Le indicazioni software indicano dove potete effettuare la relativa impostazione nel CDS
(Configuration & Diagnostic Software).
Emettitore e ricevitore
In figure e schemi di collegamento il simbolo
il ricevitore.
contrassegna l’emettitore ed il simbolo
Il termine “stato pericoloso”
Nelle figure di questo documento lo stato pericoloso (termine di norma) della macchina
viene sempre considerato come movimento di un componente della macchina. Nella
pratica sono possibili vari stati pericolosi:
movimenti della macchina
componenti a carica elettrica
radiazione visibile o invisibile
una combinazione di vari pericoli
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
9
Capitolo 2
Sulla sicurezza
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
2
Sulla sicurezza
Questo capitolo serve alla vostra sicurezza e a quella degli operatori dell’impianto.
Vi preghiamo di leggere attentamente il presente capitolo prima di lavorare con la
C4000 o con la macchina protetta dalla C4000.
2.1
Persone competenti
C4000È consentito soltanto alle persone competenti montare, collegare, mettere in
funzione o eseguire la manutenzione della cortina di sicurezza. Viene considerato
competente chi …
dispone di sufficienti conoscenze nel settore dello strumento di lavoro azionato con
forza che è da controllare, e le ha acquisite mediante un’adeguata formazione tecnica e
la dovuta esperienza
e
è stato istruito dal responsabile della sicurezza macchine nell’uso e nelle direttive di
sicurezza vigenti
e
ha sufficiente dimestichezza con le rispettive prescrizioni nazionali per la sicurezza sul
lavoro e antinfortunistiche, con le direttive e regole tecniche comunemente riconosciute
(p. es.. norme DIN, normativa VDE, regole tecniche di altri stati membri della CE) così da
poter valutare lo stato antinfortunistico dello strumento di lavoro azionato con forza
e
ha letto le istruzioni d’uso e ha la possibilità di accedere a esse.
Si tratta generalmente di persone competenti dei costruttori degli ESPE oppure anche di
persone adeguatamente addestrate dal costruttore degli ESPE, che si occupano
generalmente di verifiche di ESPE e che sono state incaricate dal gestore degli ESPE.
10
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Sulla sicurezza
Istruzioni d’uso
Capitolo 2
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
2.2
Campi d’impiego del dispositivo
La cortina di sicurezza C4000 è un dispositivo elettrosensibile di protezione (ESPE). La
C4000 e composta da un emettitore e un ricevitore (Fig. 1 e Fig. 2). Il campo protetto è
collocato tra di loro.
Le dimensioni di costruzione della C4000 definiscono la lunghezza del campo protetto
nelle applicazioni orizzontali, e l’altezza del campo protetto nelle applicazioni verticali. La
lunghezza o l’altezza realizzabile del campo protetto è compresa tra 300 e 1800 mm.
La larghezza del campo protetto risulta dalla lunghezza del fascio di luce tra emettitore e
ricevitore (vedere “Dati tecnici” a pagina 99).
La risoluzione fisica è di 20, 30 o 40 mm.
Il dispositivo è un ESPE di tipo 4 conforme a DIN EN 61 496T1 e CLC/TS 61 496T2 e può
1)
dunque essere impiegato in comandi con categoria 4 conforme a EN 954T1 /con
categoria 4 PL e conforme a EN ISO 13 849T1 oppure con SIL3 conforme a IEC 61 508.
La sorveglianza dell’arresto di emergenza del dispositivo corrisponde alla categoria di
arresto 0 conforme a EN ISO 13 850. La C4000 Palletizer Standard/Advanced e la C4000
Fusion sono adatte per:
proteggere l’area di pericolo
protezione di accesso
La C4000 Fusion è inoltre adatta per:
protezione dei punti di pericolo
La C4000 impiegata come protezione di aree di pericolo e di accesso viene usata per
proteggere le aree di pericolo calpestabili. L’accesso può avvenire tramite il livello in cui
avviene la movimentazione (p. es. il pavimento del capannone) o tramite il livello di
convogliamento (p. es. rulliere o convogliatori a catena).
Il raggiungimento del punto di pericolo deve essere possibile soltanto attraverso il campo
protetto. Fino a quando nell’area di pericolo si trovano delle persone, l’impianto non deve
avviarsi. Una rappresentazione dei modi di protezione si trova nel capitolo 3 “Descrizione
del prodotto” a pagina 14.
Per informazioni sullo stato di fornitura consultare la sezione 9.1 “Stato di fornitura” a
pagina 91.
Impiegate la cortina di sicurezza esclusivamente come misura di protezione indiretta!
Un dispositivo di protezione optoelettronico protegge indirettamente, p. es. disattivando la
ATTENZIONE forza nella fonte di pericolo. Esso non può proteggere da parti lanciate verso l’esterno, né
da radiazioni fuoriuscite. Gli oggetti trasparenti non vengono riconosciuti.
A seconda dell’applicazione, oltre alla cortina di sicurezza possono risultare necessari dei
dispositivi meccanici di protezione.
1)
8012251/TG79/2009-10-07
Per la presunta conformità valida ancora solo fino al 28/12/2009. In seguito potrà essere impiegata solo la
versione successiva EN ISO 13 849T1.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
11
Sulla sicurezza
Capitolo 2
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Requisiti per la funzione di protezione
La cortina di sicurezza C4000 può adempiere la sua funzione di protezione soltanto se le
condizioni seguenti sono soddisfatte:
il comando della macchina deve essere elettrico.
lo stato pericoloso della macchina deve poter essere portato in qualsiasi momento ad
uno stato sicuro.
l’emettitore e il ricevitore devono essere allineati in modo da rilevare con sicurezza gli
oggetti che penetrano nell’area di pericolo controllata dalla C4000.
il pulsante di ripristino deve essere predisposto fuori dall’area di pericolo, ed in modo
tale, da non poter essere usato da una persona che si trova nell’area di pericolo.
L’operatore deve avere inoltre la visione totale dell’area di pericolo quando aziona il
pulsante di ripristino.
durante montaggio e impiego dei dispositivi vanno rispettate le normative di autorità e
di legge in vigore.
Note
I file di configurazione dei dispositivi con versione software V05.x non sono utilizzabili
per i dispositivi con versione software da V06.x o V07.x in poi.
I file di configurazione dei dispositivi con versione software V06.x non sono utilizzabili
per i dispositivi con versione software da V07.x in poi.
2.3
Uso conforme a norma
La cortina di sicurezza C4000 va utilizzata esclusivamente ai sensi del capitolo 2.2 “Campi
d’impiego del dispositivo”. Deve essere utilizzata esclusivamente da personale
specializzato ed esclusivamente sulla macchina in cui essa è stata montata e messa in
funzione la prima volta da una persona competente ai sensi di queste istruzioni d’uso.
Se il dispositivo viene usato per altri scopi o in caso di modifiche effettuategli – anche in
fase di montaggio o di installazione – decade ogni diritto di garanzia nei confronti della
SICK AG.
2.4
Note di sicurezza generali e misure di protezione
Indicazioni di sicurezza
Per garantire l’uso della cortina di sicurezza C4000 conforme a norma ed in modo sicuro
ATTENZIONE si devono osservare i punti seguenti.
L’impiego della cortina di sicurezza richiede un’analisi dei rischi. Verificare se è
possibile impiegare la cortina di sicurezza come dispositivo di protezione o se saranno
necessarie ulteriori misure di protezione.
Per l’installazione e l’uso della cortina di sicurezza come pure per la messa in servizio e le
ripetute verifiche tecniche sono valide le normative nazionali/internazionali, in particolare
– la Direttiva Macchine 98/37/CE (da 01.01.2010: Direttiva Macchine 2006/42/CE)
– la Direttiva sugli operatori di attrezzature di lavoro 89/655/CEE
– le prescrizioni antinfortunistiche/le regole di sicurezza
– altre prescrizioni di sicurezza importanti
I costruttori e gli operatori della macchina su cui viene impiegata la cortina di sicurezza
devono accordare, sotto la propria responsabilità, tutte le vigenti prescrizioni e regole di
sicurezza con l’ente di competenza e sono anche responsabili della loro osservanza.
12
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Sulla sicurezza
Istruzioni d’uso
Capitolo 2
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Si devono osservare tassativamente le indicazioni, in particolare le prescrizioni di verifica
(vedere “Indicazioni sulla verifica” a pagina 88) di queste istruzioni d’uso (come p.es. per
l’impiego, per il montaggio, l’installazione o per l’integrazione nel comando macchina).
Il gestore della macchina su cui è impiegata la cortina di sicurezza deve applicare delle
misure supplementari idonee che impediscano la possibilità di aggirare il campo
protetto (vedere “Misure supplementari per rendere impossibile che la protezione sia
schivata” a pagina 59).
Per modificare la configurazione è necessario eseguire un’analisi separata dei rischi.
Verificate con precisione se, e dove, è veramente necessario il blanking.
Le modifiche della configurazione dei dispositivi possono compromettere la funzione di
protezione. In seguito a qualsiasi tipo di modifica della configurazione dovrete verificare
che il dispositivo di protezione sia efficace.
La persona che esegue la modifica è anche responsabile del mantenimento della
funzione di protezione del dispositivo. In caso la configurazione venga modificata
preghiamo di utilizzare sempre la gerarchia di password messa a disposizione dalla
SICK per garantire che le modifiche vengano eseguite esclusivamente da persone
autorizzate. Per chiarimenti in riguardo contattate la squadra di Servizio SICK.
Le verifiche devono essere effettuate da persone competenti, oppure da persone
autorizzate ed incaricate appositamente; e devono essere documentate in modo da
essere comprensibili in qualsiasi momento.
Le istruzioni d’uso devono essere messe a disposizione dell’operatore della macchina
dotata della cortina di sicurezza C4000. L’operatore della macchina deve essere istruito
da persone competenti ed esortato a leggere le istruzioni d’uso.
Per rispondere ai requisiti delle norme di prodotto in materia (p. es. DIN EN 61 496T1),
l’alimentazione di tensione esterna dei dispositivi (SELV) deve poter compensare una
breve mancanza di rete di 20 ms come richiesto da EN 60 204T1 . L’alimentatore deve
garantire una separazione di rete sicura (SELV/PELV) e una limitazione della corrente di
max 8 A. Degli alimentatori idonei possono essere ordinati presso la SICK come
accessori (vedi sezione 13.5 “Accessori” a pagina 121).
2.5
Comportamento per rispettare l’ambiente
La cortina di sicurezza C4000 è concepita in modo di avere un impatto ambientale
minimo. Essa consuma soltanto un minimo di energia e di risorse.
Abbiate sempre riguardo dell’ambiente anche sul posto di lavoro. Osservate dunque le
informazioni seguenti sullo smaltimento.
Smaltimento
Smaltite i dispositivi inutilizzabili o non riparabili sempre attenendovi alle prescrizioni
nazionali vigenti in materia di smaltimento dei rifiuti.
Nota
8012251/TG79/2009-10-07
Vi supportiamo volentieri nello smaltimento dei dispositivi. Contattateci.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
13
Capitolo 3
Descrizione del prodotto
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3
Descrizione del prodotto
Questo capitolo vi informa sulle particolarità della cortina di sicurezza C4000. Descrive la
struttura ed il funzionamento del dispositivo, in particolare i vari modi operativi.
Leggete assolutamente questo capitolo prima di montare, installare o mettere in
funzione il dispositivo.
3.1
Caratteristiche particolari
3.1.1
C4000 Palletizer
La cortina di sicurezza C4000 Palletizer dispone delle caratteristiche seguenti:
Advanced
blanking dinamico con autoapprendimento per il rilevamento di pallet che consente la
distinzione di vari oggetti mossi nel livello del campo protetto con distanza statica (p. es.
gli zoccoletti di pallet o di gabbie o le ruote di un carrello) da altri oggetti, in particolare
dalle persone
sorveglianza dell’ingresso di oggetti: La C4000 Palletizer consente la fuoriuscita
dell’oggetto nell’uscita unidirezionale di una macchina indipendentemente dalle sue
dimensioni, purché la sua direzione di transito sia corretta.
Standard
blanking dinamico con autoapprendimento per il rilevamento di merci, distinzione di un
unico oggetto nel livello del campo protetto (p. es. colli o merce su un pallet) da altri
oggetti, in particolare dalle persone
Standard e Advanced
sorveglianza dell’ingresso di oggetti (Exit Only). Questa funzione universale consente la
fuoriuscita nell’uscita unidirezionale di una macchina, indipendentemente dalle
dimensioni degli oggetti e con una tolleranza rispetto la loro distanza, purché gli oggetti
siano trasportati dall’area di pericolo verso il suo esterno.
autoapprendimento automatico delle dimensioni di oggetti
sorveglianza delle dimensioni di oggetti
soppressione di vuoti
risoluzione ridotta
valutazione multipla
controllo dei contattori esterni (EDM)
connessione di un pulsante di ripristino al quadro elettrico o direttamente al dispositivo
(il collegamento al dispositivo consente in molti casi una lunghezza inferiore dei cavi
con maggiore visualità sul punto di pericolo)
bypass per stati di funzionamento sicuri o arresto di emergenza (possibilità di collegare
al dispositivo un interruttore a chiave per bypass o un pulsante di arresto di emergenza)
2 codifiche di raggi contro la mutua interferenza di sistemi adiacenti
all’accensione l’emettitore ed il ricevitore si sincronizzeranno automaticamente per via
ottica utilizzando il primo e l’ultimo raggio come raggi di sincronizzazione. Per questo
motivo uno dei due raggi deve essere libero al momento dell’accensione. Durante il
funzionamento sarà poi possibile coprire questi due raggi contemporaneamente (non
nel caso di rilevamento merce).
14
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
uscita di segnalazione configurabile (ADO) per una disponibilità migliore
visualizzazione dello stato attraverso display a 7 segmenti
due barriere optoelettroniche virtuali nel campo protetto per definire il posizionamento
del pallet/dello skid (risparmio di ulteriori barriere optoelettroniche). Emissione tramite
protocollo EFI, anche nei dispositivi con connessione in cascata i segnali di uscita sono
disponibili qui.
cambiamento del modo operativo (soltanto in abbinamento a un dispositivo di comando
SICK, p. es. all’UE402)
quantità di funzioni ampliabile mediante dei dispositivi di comando della famiglia di
prodotti SICK sens:Control
3.1.2
C4000 Fusion
La C4000 Fusion dispone inoltre delle caratteristiche seguenti:
laser con attivazione elettrosensibile nell’emettitore, per un allineamento più semplice
in caso di campi protetti di ampia larghezza
Funzionamento orizzontale
blanking personalizzato per il rilevamento di modelli di oggetti che consente la
distinzione di oggetti complessi nel livello di campo protetto (p. es. slitte di trasporto)
dagli altri oggetti, in particolare dalle persone
Funzionamento verticale
elevata disponibilità con funzionamento protetto in ambienti sporchi grazie alla
risoluzione ridotta e la valutazione multipla
protezione di accesso con rilevamento di oggetti dalla geometria uniforme
protezione di punti di pericolo con fino a cinque aree escluse (blanking)
autoapprendimento del numero, delle dimensioni e della posizione delle aree escluse
(blanking) con l’aiuto di pulsante di autoapprendimento a chiave
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
15
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2
Funzionamento del dispositivo
La cortina di sicurezza C4000 Palletizer, oppure la C4000 Fusion, rende possibile una
protezione di accesso che consente p. es. a dei colli o a delle merci su un pallet di
accedere ad un impianto o una macchina.
La C4000 Fusion permette inoltre una protezione dell’accesso consentendo agli oggetti
dalla geometria uniforme e senza spazi vuoti di accedere a un impianto o a una macchina.
Permette inoltre la protezione dei punti di pericolo con fino a cinque aree escluse
(blanking).
Fig. 1: impiego orizzontale
della C4000 Palletizer
Standard/Advanced e della
C4000 Fusion per la
protezione di punti pericolosi
e di accessi
ricevitore
ricevitore
emettitore
Fig. 2: impiego verticale della
C4000 Fusion per la
protezione di accessi, di aree
o di punti pericolosi
emettitore
3.2.1
Applicazioni orizzontali
I modi operativi per il rilevamento di merce e di pallet capaci di riconoscere i modelli,
oppure il rilevamento dei modelli degli oggetti, rappresentano un’alternativa alla inibizione
(muting).
L’inibizione (muting) bypassa provvisoriamente l’effetto di protezione di un dispositivo di
sicurezza. Questo permette di trasportare del materiale verso/da una macchina o un
impianto senza dover interrompere il processo di lavoro.
Con la funzione d’inibizione (muting) si distingue tra uomo e materiale grazie a degli
ulteriori segnali del sensore. Sulla base di una valutazione logica di questi segnali di
sensore esterni, in presenza di un requisito di inibizione (muting) valido il dispositivo di
protezione verrà ponticellato permettendo così al materiale trasportato di passare. Appena
l’area di pericolo è penetrata da qualcos’altro che da del materiale, il processo di lavoro
viene interrotto.
Blanking dinamico con autoapprendimento per il rilevamento di merci e di pallet, oppure
per il rilevamento dei modelli di oggetti, segue questo principio congelando brevemente un
oggetto (merce, pallet, gabbia ecc.) in funzione del suo modello statico e permettendo il
transito/trasporto. Un uomo invece interrompe i raggi dinamicamente.
Le considerazioni sulla sicurezza saranno quindi paragonabili a quella per l’inibizione
(muting).
ATTENZIONE Le differenze rispetto alla inibizione (muting) sono: la commutazione del C4000 è sempre
attiva, mai “muta”, e cioè una parte del campo protetto continua a sorvegliare che una
persona non acceda al punto di pericolo.
16
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Descrizione del prodotto
Istruzioni d’uso
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Rispetto alle soluzioni di inibizione (muting) comunemente in commercio si ottengono
inoltre numerosi vantaggi:
non è necessario nessun sensore di inibizione (muting), e quindi nessun nuovo
allineamento dei sensori quando cambia la merce trasportata.
richiedono cablaggi, installazioni e manutenzioni ridotti
il periodo di transito degli oggetti validi nel campo protetto è illimitato (anche dopo il
riavvio della macchina). risparmiando spazio prezioso nel vostro impianto.
richiedendo meno sensori offrono una disponibilità più elevata
una struttura di collegamento molto più semplice, solo le uscite della C4000 vanno
integrate nel percorso di disattivazione.
Raccomandazione
Per informazioni più dettagliate sull’impostazione esatta della vostra macchina, o del
vostro impianto, preghiamo di contattare la vostra sede SICK di riferimento.
Fig. 3: protezione di accesso
con la C4000
protezione di accesso con la C4000
protezione di accesso con inibizione (muting)
Nota
A causa del principio di funzionamento della C4000 può essere possibile, in presenza di
condizioni ben precise, che una persona penetri parzialmente nel campo protetto senza
che gli OSSD si disattivino. Nella formula per il calcolo della distanza di sicurezza questo
viene considerato tramite un fattore di maggiorazione differente dalla norma (vedi
sezione 6.2 “Calcolare la distanza di sicurezza per un’applicazione orizzontale” a
pagina 60).
Nota
Se si può assicurare che nel campo protetto sia presente sempre solo un unico oggetto,
sarà possibile sorvegliare vari accessi contemporaneamente! In tal caso sarà necessario
impedire la possibilità di seguire la merce muovendosi nella sua ombra.
Fig. 4: protezione di vari
accessi
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
17
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.2
Applicazioni verticali
Il montaggio verticale della C4000 avviene nella direzione di trasporto degli oggetti,
oppure come protezione di accesso o dei punti di pericolo.
3.2.3
Campi d’impiego
La Tab. 1 mostra i campi d’impiego delle varianti della C4000:
Tab. 1: campi d’impiego delle
varianti della C4000
Campo d’impiego
C4000 Palletizer
Standard
C4000 Palletizer
Advanced
C4000
Fusion
Applicazioni orizzontali
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti
(vedi 3.2.4 a pagina 19)
Rilevamento di merci
(vedi 3.2.4 a pagina 19)
Rilevamento di pallet
(vedi 3.2.6 a pagina 21)
Rilevamento di modelli di oggetti
(vedi 3.2.7 a pagina 22)
Proteggere l’area di pericolo
(vedi 3.2.9 a pagina 25)
Applicazioni verticali
Rilevamento di oggetti dalla
geometria uniforme
(vedi 3.2.8 a pagina 24)
Protezione dei punti di pericolo
(vedi 3.2.9 a pagina 25)
Autoapprendimento manuale di
aree escluse (blanking)
18
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.4
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti
La sorveglianza dell’ingresso di oggetti sorveglia la direzione di trasporto degli oggetti. Con
la sorveglianza dell’ingresso di oggetti si impedisce che le persone accedano con le gambe
all’interno di un impianto.
Fig. 5: sorveglianza
dell’ingresso di oggetti
È possibile ad esempio impiegare questa funzione se è necessario sorvegliare dei pallet
che non riescono a soddisfare i parametri del rilevamento di pallet o di merce, come nel
caso di pallet srotolati solo parzialmente o di pallet con un unico piedino sempre visibile
nel campo protetto (come p. es. i pallet Düsseldorf o CHEP, in cui i piedini sono stati
sostituiti da profili in acciaio).
Se nel campo protetto sono presenti vari oggetti, la sorveglianza dell’ingresso di oggetti
consente ai pallet anche di allontanarsi o avvicinarsi tra di loro. Gli oggetti rilevati non
devono però unirsi ad altri “formando un’unità unica”.
Se è prevedibile che i pallet saranno avvolti completamente, è necessario predisporre che
la lunghezza del campo protetto superi l’oggetto più lungo di circa 150 mm evitando così
l’oscuramento completo.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
19
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.5
Rilevamento di merci
Il rilevamento di merci rende possibile una protezione di accesso che consente p. es. a dei
colli, o a delle merci su un pallet come minimo inferiori di 150 mm rispetto alla lunghezza
del campo protetto, di accedere a un impianto o a una macchina. Nel caso che degli altri
oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo protetto la C4000 disattiverà
le sue uscite di comando.
Fig. 6: rilevamento di merci
La C4000 viene montata orizzontalmente nella direzione di trasporto degli oggetti. I raggi
della cortina di sicurezza vengono allineati sugli oggetti sopra al pallet.
Le dimensioni dell’oggetto consentito (come min. di 500 mm) vengono configurate o
autoapprese (vedi sezione 5.2 “Blanking dinamico con autoapprendimento per il
rilevamento di merci” a pagina 44).
Nel campo protetto deve entrare un unico oggetto (p. es. una catasta di pallet)
interrompendo uno dopo l’altro il primo, il secondo, il terzo raggio, ecc., e che
abbandonerà poi il campo protetto dando il via libera ad un raggio dopo l’altro della
cortina di sicurezza. L’arresto e la ripartenza di un oggetto valido sono consentiti e non
comportano la disattivazione degli OSSD. Con il funzionamento bidirezionale viene
consentito all’oggetto di entrare e di tornare indietro nell’area di ingresso.
Fig. 7: principio di
funzionamento del
rilevamento di merci
oggetto valido nel campo protetto
20
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
persona nel campo protetto
8012251/TG79/2009-10-07
Descrizione del prodotto
Istruzioni d’uso
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.6
Rilevamento di pallet
Il rilevamento di pallet permette una protezione di accesso in cui è consentito p. es. a
pallet, gabbie o carrelli di accedere a un impianto o a una macchina. Nel caso che degli
altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo protetto la C4000
disattiverà le sue uscite di comando.
Nota
Con questo tipo di protezione di accesso è possibile convogliare dei pallet molto diversi tra
di loro senza dovere ricorrere prima all’autoapprendimento. Non è necessario nessun
sensore di inibizione (muting), e quindi nessun nuovo allineamento dei sensori quando
cambia la merce trasportata.
Fig. 8: rilevamento di pallet
La C4000 viene montata orizzontalmente nella direzione di trasporto degli oggetti. I raggi
della cortina di sicurezza vengono allineati in base agli zoccoli di un pallet o di una gabbia.
Per ogni pallet entreranno poi nel campo protetto vari oggetti.
Il numero massimo di questi oggetti mobili dipende dalla lunghezza del campo protetto
(vedi Tab. 2). Le loro dimensioni massime fisse preimpostate di 240 mm.
Tab. 2: numero di oggetti
mobili nel rilevamento di
pallet
Lunghezza del campo protetto [mm]
C4000 Palletizer Advanced
C4000 Fusion
Numero di oggetti mobili
–
300
1
–
450
2
–
600
2
750
750
3
900
900
4
1050
1050
4
1200
1200
4
1350
1350
5
1500
1500
5
1650
1650
5
1800
1800
5
Il primo oggetto dovrà interrompere, come nel rilevamento di merci, uno dopo l’altro il
primo, il secondo, il terzo raggio, ecc. Non appena nel campo protetto penetrerà un altro
oggetto, sarà definita la distanza tra gli oggetti. che dovrà restare invariata durante il
percorso dell’oggetto attraverso il campo protetto.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
21
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Fig. 9: principio di
funzionamento del
rilevamento di pallet
oggetti validi nel campo protetto
3.2.7
persona nel campo protetto
Rilevamento di modelli di oggetti
Il rilevamento di un modello di oggetti permette una protezione di accesso in cui è
consentito a degli oggetti complessi, come p. es. a slitte di trasporto, di accedere a un
impianto o a una macchina. Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone,
accedano al campo protetto la C4000 disattiverà le sue uscite di comando.
Fig. 10: rilevamento di
modelli di oggetti
La C4000 viene montata orizzontalmente nella direzione di trasporto degli oggetti. I raggi
della cortina di sicurezza vengono p. es. allineati con i longheroni della slitta di trasporto.
Per ogni slitta di trasporto entreranno poi nel campo protetto vari oggetti.
Il numero massimo di questi oggetti mobili dipende dalla lunghezza del campo protetto
(vedere Tab. 3 a pagina 23) con dimensioni da configurare. Inoltre sarà configurabile
anche la distanza tra gli oggetti. Questo permette una configurazione ben definita di un
modello di oggetti personalizzando così il blanking alla relativa applicazione del cliente.
22
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Fig. 11: principio di
funzionamento del
rilevamento di modelli di
oggetti
oggetti validi nel campo protetto
Tab. 3: numero di oggetti
mobili nel rilevamento di
modelli di oggetti
8012251/TG79/2009-10-07
Lunghezza del campo protetto [mm]
persona nel campo protetto
Numero di oggetti mobili
C4000 Fusion
300
1
450
2
600
2
750
3
900
4
1050
4
1200
4
1350
5
1500
5
1650
5
1800
5
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
23
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.8
Rilevamento di oggetti dalla geometria uniforme
Il rilevamento di oggetti dalle geometrie uniformi (oggetti che producono un’ombra dal
bordo anteriore e posteriore diritto) consente un tipo di protezione di accesso in cui gli
oggetti, come p. es. rotoli di carta o scatoloni, possono accedere a un impianto o una
macchina Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al
campo protetto la C4000 disattiverà le sue uscite di comando.
Fig. 12: esempi di oggetti
dalle geometrie uniformi
ombra con bordi dritti
(nessuno spazio vuoto)
ombra senza bordi
diritti (spazio vuoto)
Fig. 13: rilevamento di oggetti
dalla geometria uniforme
Il campo protetto viene escluso fino all’altezza massima prevedibile di oggetti singoli
predefiniti. Gli oggetti consentiti devono presentare un profilo continuo senza spazi vuoti.
24
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.2.9
Funzionamento protetto per una protezione del punto oppure dell’area di
pericolo
Nel funzionamento protetto, la valutazione multipla e/o la risoluzione ridotta configurabile
e i due raggi di sincronizzazione garantiscono un’elevata disponibilità, anche in condizioni
ambientali gravose.
Fig. 14: protezione dei punti
di pericolo
3.2.10
Funzionamento protetto con blanking
Inoltre è possibile escludere fino a cinque aree fisse. il numero massimo delle aree è
configurabile nel CDS. Il numero reale, le dimensioni e la posizione delle aree vengono
apprese tramite il pulsante di autoapprendimento a chiave.
L’autoapprendimento permette all’operatore di ridefinire facilmente il numero, le
dimensioni e la posizione delle aree escluse (blanking). Egli conduce a tal fine degli oggetti
delle dimensioni da rilevare nei punti desiderati del campo protetto. Questo è utile p. es.
quando si sostituisce un utensile.
Le aree escluse (blanking) sottostanno a una sorveglianza di oggetti permanente e la
cortina di sicurezza interrompe il movimento pericoloso quando l’oggetto o gli oggetti
vengono tolti dal percorso dei raggi dopo l’autoapprendimento.
3.3
Elementi di visualizzazione
I LED e il display a 7 segmenti dell’emettitore e del ricevitore segnalano lo stato di
funzionamento della C4000.
Le cifre rappresentate nel display a 7 segmenti possono essere ruotate di 180° mediante
il CDS (Configuration & Diagnostic Software). Se le cifre sono ruotate si spegne il punto del
display a 7 segmenti:
punto visibile: il bordo inferiore delle cifre rappresentate con il display a 7 segmenti è
diretto verso la connessione della configurazione.
punto non visibile: il bordo inferiore delle cifre rappresentate con il display a 7 segmenti
è diretto verso la visualizzazione LED.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
25
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.3.1
Fig. 15: visualizzazioni di
stato dell’emettitore della
C4000 Palletizer
Visualizzazioni di stato dell’emettitore
giallo
display a 7 segmenti
Fig. 16: visualizzazioni di
stato dell’emettitore della
C4000 Fusion
display a 7 segmenti
giallo
Tab. 4: significato delle
visualizzazioni di stato
dell’emettitore
Visualizzazione
Giallo
Significato
Alimentazione elettrica o.k.
Errore di sistema. Il dispositivo è difettoso. Cambiate l’emettitore.
Il dispositivo è in modo test.
Funzionamento a codifica 1 (soltanto dopo l’accensione)
Funzionamento a codifica 2 (soltanto dopo l’accensione)
Altre
visualizzazioni
26
Tutte le altre visualizzazioni segnalano guasti. Preghiamo di
consultare il capitolo 11 “Diagnostica delle anomalie” a pagina 94.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
3.3.2
Visualizzazioni di stato del ricevitore
Fig. 17: visualizzazioni del
ricevitore
arancione
rosso
giallo
verde
display a 7 segmenti
Tab. 5: significato delle
visualizzazioni di stato del
ricevitore
Visualizzazione
Arancione
Giallo
Significato
È necessaria la pulizia o l’allineamento
Ripristino necessario
Rosso
Il sistema fornisce i segnali per lo spegnimento della macchina
(uscite di comando disattive)
Verde
Sistema libero (uscite di comando attive)
Bypass attivo
Errore di sistema. Il dispositivo è difettoso. Cambiate il ricevitore.
Allineamento imperfetto con l’emettitore.
Preghiamo di consultare il capitolo 8.2 “Allineamento di emettitore e
ricevitore” a pagina 86.
Funzionamento con larghezza ampia del campo protetto
(soltanto dopo l’accensione)
Blanking o risoluzione ridotta attivo/a
Oggetto nel campo protetto con risoluzione ridotta o blanking attiva/o
Funzionamento a codifica 1 (soltanto dopo l’accensione)
Funzionamento a codifica 2 (soltanto dopo l’accensione)
Arresto di emergenza attivo
Altre
visualizzazioni
8012251/TG79/2009-10-07
Tutte le altre visualizzazioni segnalano guasti. Preghiamo di
consultare il capitolo 11 “Diagnostica delle anomalie” a pagina 94.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
27
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4
Funzioni configurabili
Verificate il dispositivo di protezione dopo aver eseguito delle modifiche!
In seguito ad ogni modifica della configurazione dovete verificare l’efficacia dell’intero
ATTENZIONE dispositivo di protezione (vedi sezione 8.3 “Indicazioni sulla verifica” a pagina 88).
Tab. 6: prospetto funzioni
configurabili
C4000 Palletizer
Connessione in cascata al ricevitore
Standard
Senza
Con
C4000 Fusion
Advanced
Senza
Con
Senza
Con
Funzioni di base (vedi capitolo 4)
Funzionamento protetto
Blocco al riavvio
EDM
Arresto di emergenza
Bypass sul dispositivo
Bypass in abbinamento a un dispositivo di
comando SICK, p. es. all’UE402
Uscita di segnalazione (ADO)
Barriere optoelettroniche virtuali
Codifica dei raggi
Campo di lavoro [m]
2)
0,5–6
2)
0,5–6
0,5–6
2)
0,5–6
1,5–19
1,5–19
Valutazione multipla
Risoluzione ridotta
Modi operativi in abbinamento a un
dispositivo di comando SICK, p. es. all’UE402
Blanking (vedi capitolo 5)
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti3)
Rilevamento di merci
500 … CP–150 mm
Sorveglianza delle dimensioni di oggetti
Autoapprendimento di singoli oggetti
Soppressione dei vuoti di oggetti
4)
4)
4)
4)
4)
4)
4)
4)
Rilevamento di pallet
05) … 240 mm/2 … 5 oggetti,
in funzione della lunghezza
Rilevamento di modelli di oggetti
05) … CP–150 mm/1 … 5 oggetti,
in funzione della lunghezza
Autoapprendimento di modelli di oggetti
Sorveglianza delle dimensioni e delle
distanze degli oggetti
Sorveglianza della sequenza
Rilevamento della direzione
Rilevamento di oggetti dalla geometria
uniforme (p. es. coil)
Blanking fisso
Autoapprendimento di 0 … 5 oggetti
2)
3)
4)
5)
28
In abbinamento a un dispositivo sens:Controltramite EFI.
A partire dalla versione software V07.20 in poi.
Solo con la configurazione del blanking di un singolo oggetto.
0 mm solo senza risoluzione ridotta.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Funzioni configurabili
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.1
Blocco al riavvio
Fig. 18: blocco al riavvio in
caso di attivazione della
protezione di accesso
Lo stato pericoloso della macchina ( ) viene bloccato e non più reso agibile ( ) in caso di
presenza di un oggetto non valido nel campo protetto ( nella Fig. 18), oppure di
un’interruzione del fascio di luce ( nella Fig. 19), finché l’operatore non avrà azionato il
pulsante di ripristino.
Nota
Il pulsante di ripristino e chiamato spesso anche “pulsante locale di abilitazione”. In
queste istruzioni d’uso viene utilizzato il termine pulsante di ripristino.
Fig. 19: blocco al riavvio
con protezione dei punti
di pericolo
Potete realizzare il blocco al riavvio in due modi:
con il blocco al riavvio interno della C4000:
le uscite della C4000 vengono rese agibili dopo aver attivato il dispositivo di
azionamento connesso.
con il blocco al riavvio del comando macchina:
la C4000 non influenza il riavvio.
La tabella seguente indica gli abbinamenti possibili:
Tab. 7: configurazione
ammessa del blocco al
riavvio
Blocco al riavvio
Blocco al riavvio
Applicazione
della C 4000
della macchina
ammessa
Disattivato
Disattivato
In caso di protezione di accesso: non è
permesso!
In caso di protezione dei punti di pericolo: solo
se non si può sostare dietro alla cortina di
sicurezza. Osservare la EN 60 204T1!
8012251/TG79/2009-10-07
Disattivato
Attivato
Tutte
Attivato
Disattivato
Solo se non si può sostare dietro alla cortina di
sicurezza. Osservare la EN 60 204T1!
Attivato
Attivato
Tutte. Il blocco al riavvio della C4000 rileva la
funzione di ripristino. (vedere “Ripristinare” a
pagina 30).
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
29
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Se è possibile abbandonare il campo protetto dirigendosi verso il punto di pericolo
bisogna assolutamente configurare la C4000 con il blocco al riavvio!
ATTENZIONE
Un blocco al riavvio è obbligatorio se è possibile abbandonare il campo protetto
dirigendosi verso il punto di pericolo. In tal caso, disattivando sia il blocco al riavvio della
C4000 che il blocco al riavvio della macchina esponete gli operatori dell’impianto ad un
pericolo grave. Verificate eventualmente se è possibile impedire che si abbandoni il campo
protetto dirigendosi verso il punto di pericolo ricorrendo ad un’apposita progettazione.
Scegliere l’ubicazione giusta del pulsante di ripristino!
Installate il pulsante di ripristino all’esterno dell’area di pericolo e in modo che non possa
venire azionato dall’interno di essa. L’operatore deve avere inoltre la visione totale
dell’area di pericolo quando aziona il pulsante di ripristino.
Nota
Non scambiate il blocco al riavvio con il blocco all’avvio della macchina. Il blocco all’avvio
impedisce che la macchina si avvii dopo l’accensione. Il blocco al riavvio impedisce che la
macchina si riavvii dopo un errore o un’interruzione del fascio di luce.
Il blocco al riavvio e la connessione del pulsante di ripristino (nel connettore di sistema o
nella connessione in cascata) si configurano nel CDS della C4000 (ricevitore).
Il collegamento elettrico del pulsante di ripristino è descritto nel capitolo 7.5 “Pulsante di
ripristino” a pagina 80.
Raccomandazione
Potete visualizzare lo stato Ripristino necessario mediante una lampada di segnalazione.
La C4000 dispone a tal fine di un’apposita uscita. Il collegamento elettrico della lampada
di segnalazione è descritto nella sezione “Collegamento di una lampada di segnalazione
all’uscita Ripristino necessario” a pagina 80.
Ripristinare
Se attivate sia il blocco al riavvio della C4000 (interno) che un blocco al riavvio nella
macchina (esterno), andrà assegnato ad ogni blocco un pulsante proprio.
Azionando il pulsante di ripristino (per il blocco al riavvio interno) …
la C4000 attiva le uscite di comando.
la cortina di sicurezza indica verde.
Solamente il blocco al riavvio esterno impedisce qui il riavvio della macchina. Dopo aver
premuto il pulsante di ripristino della C4000 l’operatore deve spingere anche il pulsante di
riavvio della macchina. Se il pulsante di ripristino ed il pulsante di riavvio non vengono
premuti nell’ordine prescritto, lo stato pericoloso rimane interrotto.
Raccomandazione
30
Con l’aiuto del pulsante di ripristino potete escludere l’azionamento involontario del
pulsante di riavvio esterno. L’operatore deve prima confermare lo stato privo di pericolo
con il pulsante di ripristino.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Funzioni configurabili
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.2
Controllo dei contattori esterni (EDM)
Il controllo dei contattori esterni verifica se i contattori ricadono veramente quando il
dispositivo di protezione risponde. Attivando il controllo dei contattori esterni, la C4000
controlla i contattori dopo ogni interruzione del fascio di luce e prima di riavviare la
macchina. In questo modo il controllo dei contattori esterni può rilevare se uno dei contatti
dei contattori è per es. saldato. In questo caso …
appare la segnalazione
nel display a 7 segmenti che indica un guasto.
la cortina di sicurezza rimane sul rosso.
la cortina di sicurezza segnala “Ripristino necessario” con il LED lampeggiante
Giallo se il blocco al riavvio è attivato internamente.
Nota
in
Se a causa del non funzionamento di un contattore, il sistema non può realizzare uno
stato di funzionamento sicuro, esso si blocca del tutto (lockTout). Nel display a 7 segmenti
appare quindi la segnalazione di guasto
.
Il collegamento elettrico del controllo dei contattori esterni è descritto nel capitolo 7.4
“Controllo dei contattori esterni (EDM)” a pagina 79.
La funzione di controllo dei contattori esterni (EDM) si configura nel CDS della
C4000 (ricevitore).
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
31
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.3
Arresto di emergenza
La C4000 dispone di un ingresso per un pulsante di arresto di emergenza a due canali. La
sorveglianza dell’arresto di emergenza del dispositivo corrisponde alla categoria di
arresto 0 conforme a EN ISO 13 850. All’ingresso per l’arresto di emergenza potete
collegare p. es. il contatto di una porta o un pulsante di arresto di emergenza.
L’azionamento del pulsante di arresto di emergenza comporta quanto segue:
la cortina di sicurezza disattiva gli OSSD
la C4000 passa al rosso.
il display a 7 segmenti della C4000 indica
Note
.
La funzione di arresto di emergenza disattiva gli OSSD anche se la funzione bypass è
attivata.
Considerate il tempo di risposta della funzione di arresto di emergenza! Il tempo di
risposta della cortina di sicurezza in caso d’interruzione tramite l’ingresso per l’arresto di
emergenza è di massimo 200 ms.
Fate attenzione a come agisce la funzione di arresto di emergenza!
Il pulsante di arresto di emergenza collegato alla connessione in cascata della C4000
ATTENZIONE agisce esclusivamente sulle uscite di comando (OSSD) della C4000.
Note
Dopo l’accensione la C4000 controlla se è stata configurata la funzione di arresto di
emergenza, e se è collegato l’interruttore di una porta o un interruttore simile. Se la
configurazione e la connessione elettrica non corrispondono, il sistema si blocca del
tutto (lockTout). Nel display a 7 segmenti appare quindi la segnalazione di guasto
.
La cortina di sicurezza dispone di un’uscita di segnalazione (ADO) in grado di segnalare
lo stato dell’ingresso per l’arresto di emergenza. Una descrizione si trova nel
capitolo 4.5 “Uscita di segnalazione (ADO)” a pagina 34.
Controllate regolarmente il pulsante di arresto di emergenza oppure il contatto della
porta collegati!
ATTENZIONE
Assicurate mediante delle misure organizzative che il pulsante di arresto di emergenza,
oppure il contatto della porta, vengano azionati entro un certo intervallo di tempo.
Questo è necessario affinché la C4000 possa riconoscere se è sorto uno stato errato
del pulsante di arresto di emergenza, o dell’interruttore della porta. L’apposito intervallo
di tempo va definito individualmente e dipende dal tipo di applicazione.
Controllate sempre che azionando il pulsante di arresto di emergenza, oppure
l’interruttore della porta, vengano disattivate le uscite di comando della cortina.
L’arresto di emergenza, e se l’ingresso va allacciato in modo equivalente o antivalente, si
configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
Il collegamento elettrico dell’arresto di emergenza è descritto nel capitolo 7.6 “Arresto di
emergenza” a pagina 81.
32
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Funzioni configurabili
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.4
Fig. 20: rappresentazione
schematica della funzione
bypass nelle applicazioni
orizzontali
Bypass
bypass
non attivo
bypass
attivo
In alcune applicazioni è necessario escludere temporaneamente l’analisi del campo
protetto della cortina di sicurezza.
Nella protezione di accessi (Fig. 20), p. es. per l’ulteriore trasporto di un pallet con
carico che è scivolato
Nella protezione dei punti di pericolo (Fig. 21), p. es. in una modalità di impostazione
sicura della macchina che permette solo un movimento a passi
Fig. 21: rappresentazione
schematica della funzione
bypass nelle applicazioni
verticali
bypass
non attivo
Se il bypass è attivo, la cortina di sicurezza indica
ricevitore indica .
bypass
attivo
Verde e il display a 7 segmenti del
Se utilizzate la funzione bypass, potete collegare l’impianto senza pericoli!
Fintanto che la funzione bypass è attiva, la cortina di sicurezza non rileva un’entrata nel
campo
protetto. Dovete garantire che durante il bypass siano obbligatoriamente attivi altri
ATTENZIONE
dispositivi di protezione, ad es. il funzionamento sicuro di preparazione macchina, in modo
che durante il bypass l’impianto non possa diventare fonte di pericolo per persone o parti
dell’impianto.
La funzione di bypass può essere attivata solo come segue:
tramite un pulsante a chiave con riposizionamento automatico e due posizioni
tramite due segnali di ingresso indipendenti l’uno dall’altro, p. es. due pulsanti di
posizione o due segnali di PLC sicuri
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
33
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Note
è necessario organizzare con delle apposite misure che l’attivazione della funzione di
bypass sia durevole.
all’azionamento del pulsante a chiave, tutta l’area di pericolo deve essere
perfettamente identificabile.
le funzioni bypass e funzionamento a cadenza non sono combinabili.
200 ms dopo la disattivazione del bypass, il sistema è di nuovo in stato di sicurezza
(tempo di latenza).
La funzione di bypass, e se l’ingresso è allacciato in modo equivalente o antivalente, si
configura nel CDS del C4000 (ricevitore).
Nel capitolo 7.7 “Interruttore a chiave per bypass” a pagina 82 è descritto il collegamento
del interruttore a chiave per bypass.
4.5
Uscita di segnalazione (ADO)
La C4000 dispone di un’uscita di segnalazione configurabile (ADO). Mediante l’uscita di
segnalazione la cortina di sicurezza è in grado di segnalare degli stati particolari. Potete
mettere a disposizione questa uscita per un relè o un FPLC.
Non è ammesso usare l’uscita di segnalazione per delle funzioni attinenti per la
sicurezza!
ATTENZIONE L’uscita di segnalazione è utilizzabile esclusivamente per segnalare. È assolutamente
vietato impiegare i segnali dell’uscita di segnalazione per comandare l’applicazione o per
influenzare delle funzioni attinenti per la sicurezza.
Si può selezionare che l’uscita segnali uno dei seguenti stati:
Tab. 8: possibilità di
configurazione dell’uscita
di segnalazione
Assegnazione
Possibilità d’impiego
Sporco
Facilita la diagnostica in caso il frontalino sia sporco
Stato OSSD con
ritardo di [s]
Segnala lo stato delle uscite di comando. Se la cortina di
sicurezza passa al rosso, segnala immediatamente lo stato. Se
essa passa al verde, segnala lo stato solo dopo che è trascorso
un periodo di ritardo impostabile tra i 0,1 e i 3,1 secondi.
Stato dell’arresto di
emergenza
Il segnale è presente se è stato premuto il pulsante collegato
all’ingresso per l’arresto di emergenza della C4000.
Oggetto valido nel
campo protetto
Presenza di segnale se nel campo protetto si trova come minimo
un oggetto valido (OSSD attivati).
L’uscita di segnalazione (ADO) si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
Il collegamento elettrico di un comando/PLC all’uscita di segnalazione è descritto nel
capitolo 7.9 “Uscita di segnalazione (ADO)” a pagina 83.
34
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Funzioni configurabili
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.6
Barriera optoelettronica virtuale
Non è ammesso usare le barriere optoelettroniche virtuali per delle funzioni attinenti
per la sicurezza!
ATTENZIONE Le barriere optoelettroniche virtuali sono utilizzabili esclusivamente per la segnalazione. È
assolutamente vietato impiegare i segnali delle uscite per comandare l’applicazione o per
influenzare delle funzioni attinenti per la sicurezza.
Due dei raggi della C4000 sono utilizzabili come cosiddetta barriera optoelettronica
virtuale. Con il supporto delle due barriere optoelettroniche la cortina di sicurezza è in
grado di segnalare p. es le posizioni degli oggetti del campo protetto.
Con la configurazione nel CDS della C4000 (ricevitore) si definisce quali raggi devono
rappresentare le barriere optoelettroniche virtuali e che tipo di collegamento devono
avere.
Il collegamento elettrico delle barriere optoelettroniche è descritto nel capitolo 7.8 “Uscite
delle barriere optoelettroniche virtuali” a pagina 82.
Nota
Se sono configurate delle barriere optoelettroniche virtuali non sarà possibile collegare al
connettore in cascata nessuno arresto di emergenza, nessun pulsante di ripristino,
interruttore a chiave per bypass o pulsante di autoapprendimento a chiave e nessuna
lampada che segnala il “Ripristino necessario”.
I risultati delle barriere optoelettroniche possono essere emessi anche via EFI e inoltrati a
un (F)PLC tramite un dispositivo di comando della famiglia sens:Control.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
35
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.7
Codifica dei raggi
Se varie cortine di sicurezza sono impiegate a poca distanza tra di loro i raggi
dell’emettitore di un sistema possono interferire sul ricevitore dell’altro sistema. Se la
codifica 1 o 2 è attivata il ricevitore è in grado di riconoscere i raggi destinati a lui da raggi
estranei. Le impostazioni disponibili sono: codifica 1 e codifica 2.
In caso di sistemi impiegati a poca distanza tra di loro applicate codifiche dei raggi
differenti!
ATTENZIONE I sistemi montati a poca distanza tra di loro vanno messi in funzione con codifiche dei
raggi differenti (codifica 1 o codifica 2). In caso contrario la funzione di protezione
dell’impianto può venir influenzata dai raggi del sistema installato nelle vicinanze, e quindi
esso diventare insicuro. In questo caso l’operatore è esposto ad un pericolo.
Fig. 22: rappresentazione
schematica della codifica
dei raggi
codifica 1
codifica 2
Note
La codifica dei raggi aumenta la disponibilità della macchina protetta. La codifica dei
raggi aumenta inoltre l’immunità alle interferenze ottiche come spruzzi di saldatura e
simili.
La codifica dei raggi aumenta il tempo di risposta del sistema. Ciò può anche
comportare la modifica della distanza di sicurezza necessaria. Una descrizione si trova
nel capitolo 12.2 “Tempo di risposta” a pagina 104.
Dopo l’accensione l’emettitore ed il ricevitore visualizzano brevemente la codifica.
La codifica dei raggi si configura nel CDS della C4000 (ricevitore) e della
C4000 (emettitore).
36
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Funzioni configurabili
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.8
Campo di lavoro
Adattate il campo di lavoro alla larghezza del campo protetto!
Dovete adattare il campo di lavoro del sistema alla larghezza del campo protetto.
ATTENZIONE
Se il valore impostato del campo di lavoro è troppo piccolo la cortina potrebbe non
passare al verde.
Se il valore impostato del campo di lavoro è troppo grande la cortina può reagire in
modo sbagliato. In tal caso sussiste un pericolo per l’operatore dell’impianto o della
macchina.
Le impostazioni disponibili dipendono dalla variante della C4000:
Tab. 9: campi di lavoro
garantite
Campi di lavoro
Campo di lavoro con 1
Campo di lavoro con 2
Variante
impostabili
frontalino supplementare
frontalini supplementari
C4000 Palletizer
0,5–2 m
0,5–6 m
0,5–1,5 m
0,5–5,5 m
0,5–1,5 m
0,5–5 m
C4000 Fusion
1,5–6 m
5–19 m
1,5–5,5 m
4,6–17,4 m
1,5–5 m
4,2–16 m
Il campo di lavoro si configura nel CDS alla C4000 (ricevitore).
Nota
Il frontalino supplementare offerto come accessorio (vedere pagina 120), riduce il
campo di lavoro utile dell’8% per ogni frontalino supplementare.
La C4000 Fusion può essere fatta funzionare con degli specchi dei lettori. Gli specchi
deviatori (vedere pagina 112p.) riducono il campo di lavoro utile in base al numero di
specchi nel fascio di luce (vedi Tab. 10). Se impiegate degli specchi deviatori dovete
configurare la cortina di sicurezza per un elevato campo di lavoro.
Non usate degli specchi deviatori se è prevedibile la formazione di gocce o che gli
specchi si possano sporcare molto!
ATTENZIONE La formazione di gocce o una forte presenza di sporco possono interferire sul
comportamento di riflessione. La funzione di protezione dell’impianto viene influenzata e
resa quindi insicura. In questo caso l’operatore è esposto ad un pericolo.
Tab. 10: campo di lavoro per
l’impiego di 1 o 2 specchi
deviatori
20, 30 o 40 mm
Specchi deviatori
Minimo
Tipico
1 × PNS75
8m
13 m
2 × PNS75
8m
12 m
1 × PNS125
17 m
18,5 m
2 × PNS125
15,2 m
16,8 m
I dati della tabella si riferiscono ad una deviazione di raggi di 90° per specchio e ad
un’altezza del campo protetto di 900 mm. In caso abbiate bisogno di una più ampia
consulenza sulle applicazioni di specchi rivolgetevi al vostro partner di riferimento SICK.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
37
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
4.9
Valutazione multipla
Se è impostata la valutazione multipla la C4000 dovrà rilevare un oggetto varie volte
prima di disattivare i suoi OSSD. Potete ridurre così la possibilità di spegnimento
dell’impianto a causa di oggetti che cascano nel campo protetto, come per esempio i
trucioli di legno, gli spruzzi di saldatura o altre particelle.
Se è configurata per esempio la valutazione multipla con valore 2 la C4000 dovrà
innanzitutto rilevare un oggetto per due volte prima di disattivare i suoi OSSD.
In caso di rilevamento di merce, di pallet e di modelli di oggetti è possibile configurare al
massimo una valutazione multipla di 2 volte, con il funzionamento protetto una
valutazione multipla di 4 volte.
Verificate il tempo di risposta complessivo!
La valutazione multipla aumenta il tempo di risposta totale! Se modificate la valutazione
ATTENZIONE multipla dovete calcolare nuovamente il tempo di risposta (vedi 12.2 a pagina 104).
La valutazione multipla si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
4.10
Risoluzione ridotta
Con la risoluzione ridotta la cortina di sicurezza permette l’interruzione di vari raggi
adiacenti. Gli oggetti di dimensione non superiore possono così muoversi nella cortina di
sicurezza senza che essa commuti.
La funzione a risoluzione ridotta è impiegabile per sopprimere gli oggetti di disturbo come i
nastri che avvolgono i colli o le schegge di legno, o quando si desidera per esempio
introdurre all’interno del campo protetto dei cavi o dei tubi. Dedurre le dimensioni di
oggetti che non provocano la disattivazione da Tab. 11.
Nei dispositivi con una risoluzione di 20 mm è possibile ridurre i raggi della risoluzione fino
a 30, nei dispositivi con una risoluzione di 30 mm la riduzione possibile è di 3 raggi e in
quelli con una risoluzione di 40 mm fino a 2 raggi.
Una risoluzione ridotta si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
Nota
38
Nella risoluzione ridotta il display a 7 segmenti visualizza
ricevitore risultano allineati.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
appena l’emettitore ed il
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Funzioni configurabili
Capitolo 4
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Una risoluzione ridotta cambia la risoluzione effettiva di una cortina di sicurezza. La
Tab. 11 mostra la risoluzione effettiva in funzione della risoluzione ridotta per varie
risoluzioni fisiche.
Tab. 11: risoluzione effettiva
in funzione della risoluzione
ridotta
Risoluzione
fisica
Risoluzione ridotta
Risoluzione effettiva
Dimensioni di oggetti che non
provocano la disattivazione
20 mm
1 raggio
30 mm
10 mm
2 raggi
40 mm
20 mm
3 raggi
50 mm
30 mm
4 raggi
60 mm
40 mm
5 raggi
70 mm
50 mm
6 raggi
80 mm
60 mm
7 raggi
90 mm
70 mm
8 raggi
100 mm
80 mm
9 raggi
110 mm
90 mm
10 raggi
120 mm
100 mm
11 raggi
130 mm
110 mm
12 raggi
140 mm
120 mm
13 raggi
150 mm
130 mm
14 raggi
160 mm
140 mm
15 raggi
170 mm
150 mm
16 raggi
180 mm
160 mm
17 raggi
190 mm
170 mm
18 raggi
200 mm
180 mm
19 raggi
210 mm
190 mm
20 raggi
220 mm
200 mm
21 raggi
230 mm
210 mm
22 raggi
240 mm
220 mm
23 raggi
250 mm
230 mm
24 raggi
260 mm
240 mm
25 raggi
270 mm
250 mm
26 raggi
280 mm
260 mm
27 raggi
290 mm
270 mm
28 raggi
300 mm
280 mm
29 raggi
310 mm
290 mm
30 raggi
320 mm
300 mm
1 raggio
50 mm
20 mm
2 raggi
70 mm
40 mm
3 raggi
90 mm
60 mm
1 raggio
70 mm
30 mm
2 raggi
100 mm
60 mm
30 mm
40 mm
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
39
Funzioni configurabili
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Nelle applicazioni orizzontali è consentito ridurre la risoluzione effettiva al massimo
fino a 70 mm!
ATTENZIONE
Impiegando la C4000 con risoluzione ridotta in un’applicazione orizzontale, il dispositivo
potrebbe non riconoscere più la gamba di un uomo a partire da una risoluzione di 70 mm.
Controllare la distanza di sicurezza in caso di montaggio verticale del campo protetto!
In caso di montaggio verticale del campo protetto e di risoluzione ridotta, la distanza di
sicurezza necessaria dipenderà dalla risoluzione effettiva.
Calcolate nuovamente la distanza di sicurezza e correggetela nella macchina.
Esempio:
– risoluzione fisica di 20 mm
– risoluzione ridotta di 1 raggio
– risoluzione effettiva di 30 mm
Calcolate la distanza di sicurezza con una risoluzione di 30 mm (vedere
pagina 63).
Segnate la risoluzione effettiva sull’etichetta delle indicazioni “Nel funzionamento con
‘risoluzione ridotta’ o ‘blanking’ …” del singolo emettitore e del singolo ricevitore.
Fig. 23: segnare la
risoluzione effettiva sul
dispositivo
Attenzione: nel funzionamento con “Risoluzione ridotta” o “Blanking” va rispettata la
distanza di sicurezza in base alla risoluzione modificata.
Risoluzione modificata:
(contrassegnare)
Riduzione
1 raggio
2 raggi
3 raggi
n raggi
Nota
Risoluzione fisica
14 mm
20 mm
30 mm
40 mm
Risoluzione effettiva/Dimensioni minime dell’oggetto
22 mm
30 mm
50 mm
70 mm
30 mm
40 mm
70 mm
100 mm
37 mm
50 mm
90 mm
130 mm
mm
mm
mm
mm
In caso di risoluzione ridotta le tolleranze di dimensioni e posizioni nel blanking di oggetti
cambia (vedi sezione 12.3 “Tolleranze” a pagina 106).
4.11
Test emettitore
L’emettitore della C4000 possiede al pin 3 un ingresso per test per verificare l’emettitore
ed il ricevitore corrispondente. Durante il test l’emettitore non trasmette più segnale
ottico, simulando così al ricevitore un intervento nel campo protetto.
Durante il test l’emettitore indica
.
Il test è stato concluso con successo se il ricevitore C4000 passa al rosso, e cioè le
uscite di comando (OSSD) cadono.
Nota
L’emettitore e il ricevitore C4000 sono autotestanti. Dovete configurare la funzione di test
dell’emettitore soltanto se risulta necessario per un’applicazione più vecchia già esistente.
Per poter eseguire un test dell’emettitore …
deve essere attiva l’opzione Consenti test emettitore (viene fornita disattivata).
deve esistere una possibilità di comando per l’ingresso test.
Il test dell’emettitore si configura nel CDS della C4000 (emettitore).
Il collegamento elettrico dell’ingresso per test è descritto nel capitolo 7.10 “Ingresso test
(test dell’emettitore)” a pagina 83.
40
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Configurazione blanking
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5
Configurazione blanking
La C4000 offre varie possibilità di blanking delle aree del campo protetto. Questo
permette di garantire in molte applicazioni una maggiore sicurezza e disponibilità rispetto
ad un impiego privo della funzione blanking. Ciò però a condizione che in queste
applicazioni l’impiego del blanking sia stato accuratamente analizzato mediante un’analisi
dei rischi. Ne è consigliabile l’impiego soltanto se questa analisi dimostra che l’impiego
della funzione blanking comporta vantaggi di affidabilità, e quindi anche di sicurezza.
È compito del responsabile della sicurezza macchine prendere tale decisione e, in caso
d’impiego della funzione blanking, di eseguire l’installazione, il montaggio e l’applicazione
della cortina di sicurezza nel modo dovuto affinché
sia garantita la sicurezza necessaria della macchina
e
l’accesso all’area di pericolo con corpo/mani attraverso la cortina di sicurezza abbinata
alla funzione blanking sia impedito da altre protezioni.
Tab. 12: tipi di blanking
possibili per le varie varianti
della C4000
8012251/TG79/2009-10-07
Applicazione
Tipo di blanking
Orizzontale
Verticale
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti
C4000 Palletizer Advanced
C4000 Fusion
Non è permesso!
Blanking dinamico con
autoapprendimento per il
rilevamento di merci
C4000 Palletizer
Standard/Advanced
C4000 Fusion
Non è permesso!
Blanking dinamico con
autoapprendimento per il
rilevamento di pallet
C4000 Palletizer Advanced
C4000 Fusion
Non è permesso!
Blanking dinamico per i rilevamento
di modelli di oggetti
C4000 Fusion
Non è permesso!
Blanking di aree fisse
C4000 Fusion
C4000 Fusion
Blanking fisso per il rilevamento di
oggetti dalla geometria uniforme
Non è permesso!
C4000 Fusion
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
41
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Le aree escluse (blanking) richiedono un’analisi dei rischi separata!
Un’area esclusa (blanking) rappresenta in linea di principio un buco del campo protetto.
Verificate con precisione se, e dove, è veramente necessario il blanking. Dovete
ATTENZIONE
proteggere l’area esclusa (blanking) in un altro modo, p. es. con una protezione
meccanica. In caso contrario si dovrà considerare l’area esclusa (blanking) per il calcolo
della distanza di sicurezza, e montare in modo appropriato la cortina di sicurezza.
Fig. 24: esempio di
protezione meccanica
per blanking fisso
area esclusa (blanking), protetta
lateralmente mediante blocchi
meccanici
Ogni volta che adattate il blanking nelle applicazioni verticali verificate il campo protetto
con l’asta di verifica. Una descrizione si trova nella sezione 8.3.3 “Verifiche giornaliere
dell’efficacia del dispositivo di protezione” a pagina 89.
Verificate il campo protetto nelle applicazioni orizzontali introducendo un oggetto non
valido nel campo protetto. La C4000 deve disattivare i suoi OSSD.
Limitare nelle applicazioni orizzontali la velocità degli oggetti nel campo protetto a
massimo 2 m/s.
Osservate anche le avvertenze delle singole sezioni.
5.1
Sorveglianza dell’ingresso di oggetti
Nella sorveglianza dell’ingresso di oggetti, i raggi della C4000 vengono allineati ai piedini o
alla merce del pallet. Questa funzione consente di escludere tutte le merci e i pallet che
escono da un impianto.
Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo
protetto nella direzione opposta a quella consentita, la C4000 disattiverà le sue uscite di
comando.
È possibile ad esempio impiegare questa sorveglianza dell’ingresso di oggetti quando è
necessario sorvegliare dei pallet che non sono in grado di soddisfare i parametri precisi
del rilevamento di pallet o di merce, come nel caso di pallet srotolati solo parzialmente o di
pallet con un unico piedino sempre visibile nel campo protetto (come p. es. i pallet
Düsseldorf o CHEP, in cui i piedini sono stati sostituiti da profili in acciaio).
42
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
La funzione di Sorveglianza dell’ingresso di oggetti si configura nel CDS della
C4000 (ricevitore).
In caso di sorveglianza dell’ingresso di oggetti si configurano:
la direzione di ingresso nel percorso dei raggi:
– ingresso di oggetti solo nelle vicinanze del display
– ingresso di oggetti solo lontano dal display
eventualmente le dimensioni massime consentite per gli oggetti
Fare attenzione che la direzione di montaggio e la configurazione della C4000 siano
corrette!
ATTENZIONE Una C4000 in cui è configurata la sorveglianza dell’ingresso di oggetti può essere
impiegata soltanto all’uscita di una macchina o di un impianto. Durante la configurazione
fare attenzione alla direzione di montaggio della C4000 configurando analogamente
l’ingresso degli oggetti solo con lontananza o vicinanza del display.
La direzione della sorveglianza dell’ingresso di oggetti sottostà a una tolleranza di
150 mm. garantendo così che la vibrazione o il breve scivolamento all’indietro di un
oggetto non comporti lo spegnimento della C4000.
La C4000 passa al rosso se …
un oggetto penetra il campo protetto dalla direzione sbagliata.
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
la distanza tra gli oggetti supera il limite minimo.
nel campo protetto sono presenti più oggetti del numero massimo consentito.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
Distanza minima tra due oggetti con sorveglianza dell’ingresso di oggetti
Affinché i singoli oggetti possano essere riconosciuti, la loro distanza minima da rispettare
è di 20, 30 o 40 mm a seconda della risoluzione della cortina di sicurezza.
Dimensioni di oggetto che provocano una disattivazione sicura
Le dimensioni dell’oggetto che comportano una disattivazione sicura dipendono dalle
dimensioni massime configurate e dalla risoluzione della C4000.
Come calcolare le dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione sicura:
Tab. 13: calcolo delle
dimensioni dell’oggetto
che provocano una
disattivazione sicura
Risoluzione fisica dei dispositivi
30 mm
20 mm
Dimensioni massime configurate per l’oggetto
+ 38 mm
+ 28 mm
= Dimensioni di oggetto per una disattivazione sicura
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
43
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.2
Blanking dinamico con autoapprendimento per il
rilevamento di merci
Nel rilevamento di merce vengono diretti i raggi della C4000 verso la merce del pallet. Con
la funzione è possibile p. es. escludere dei pallet con colli, permettendone l’accesso a un
impianto o a una macchina.
Fig. 25: principio di
funzionamento del
rilevamento di merci
oggetto valido nel campo protetto
persona nel campo protetto
Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo
protetto la C4000 disattiverà le sue uscite di comando.
Nota
Se si impiega una C4000 con una lunghezza del campo protetto <750 mm, sarà
necessario prendere delle misure adatte per impedire che il campo protetto possa essere
superato (vedi sezione 6.1 “Misure supplementari per rendere impossibile che la
protezione sia schivata” a pagina 59).
Impedire che le persone di fianco all’oggetto possono accedere all’area di pericolo!
Al suo ingresso la merce trasportata deve bloccare l’area di pericolo.
ATTENZIONE
La funzione di rilevamento di merci si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
In caso di rilevamento di merci si configurano:
6)
dimensioni minime dell’oggetto. All’incirca 500 mm .
6)
dimensioni massime dell’oggetto. Sono inferiori al campo protetto di circa 150 mm .
Le dimensioni dell’oggetto possono anche essere autoapprese (vedi sezione 5.2.2
“Autoapprendimento di singoli oggetti” a pagina 46).
Nota
La C4000 passa al rosso se …
nel campo protetto penetra più di un oggetto.
le dimensioni dell’oggetto superano il limite minimo o il limite massimo.
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
se in presenza di un rilevamento di direzione configurato l’oggetto penetra il campo
protetto dalla direzione sbagliata.
l’oggetto presenta gli spazi vuoti o se questi spazi vuoti superano la soppressione
configurata per gli spazi vuoti di oggetti.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
6)
44
In funzione della risoluzione della C4000.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Dimensioni di oggetto che provocano una disattivazione sicura
Le dimensioni dell’oggetto che comportano una disattivazione sicura dipendono dalle
dimensioni configurate, dall’eventuale configurazione di una risoluzione ridotta e dalla
risoluzione della C4000.
Come calcolare le dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione sicura:
Tab. 14: calcolo delle
dimensioni dell’oggetto
che provocano una
disattivazione sicura
Risoluzione fisica dei dispositivi
40 mm
30 mm
20 mm
Dimensioni massime configurate per l’oggetto
± 48 mm
± 38 mm
± 28 mm
= Dimensioni di oggetto per una disattivazione sicura
5.2.1
Sorveglianza delle dimensioni di oggetti
Con la sorveglianza delle dimensioni dell’oggetto si sorvegliano più severamente le
dimensioni dell’oggetto aldilà delle dimensioni minime e massime configurate.
Fig. 26: sorveglianza delle
dimensioni di oggetti
Quando gli oggetti penetrano nel campo protetto viene innanzitutto verificata la validità
dell’oggetto in base alle dimensioni minime e massime configurate per l’oggetto ( ).
Una volta che l’oggetto è penetrato completamente nel campo protetto, la C4000 potrà
rilevarne le dimensioni esatte e salvarle per il periodo del passaggio dell’oggetto . La
C4000 passerà poi al rosso se le dimensioni dell’oggetto momentaneamente salvate
dovessero cambiare superando la tolleranza di dimensione .
Quando l’oggetto avrà riabbandonato il campo protetto, le dimensioni dell’oggetto salvate
saranno ripristinate. Quando penetra il prossimo oggetto ne verrà innanzitutto verificata la
validità in base ai valori di configurazione immessi, quindi salvato il valore esatto e
controllato.
Nota
Durante il salvataggio delle dimensioni dell’oggetto la C4000 non passa al rosso.
La funzione di sorveglianza delle dimensioni dell’oggetto si configura nel CDS della C4000
(ricevitore).
Tolleranza di dimensione
Configurando la sorveglianza delle dimensioni dell’oggetto viene impostata
automaticamente una tolleranza di dimensione per l’oggetto (vedi Fig. 26, ). Questa
tolleranza di dimensione dipende dalla risoluzione della C4000 e dalla risoluzione ridotta
configurata (vedi sezione 12.3.1 “Tolleranze di dimensioni e distanze” a pagina 106).
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
45
Capitolo 5
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.2.2
Autoapprendimento di singoli oggetti
È assolutamente necessario configurare un blocco al riavvio se si impiega la funzione
di autoapprendimento (vedi sezione 4.1 “Blocco al riavvio” a pagina 29)!
ATTENZIONE Se non si configura nessun blocco al riavvio, al termine dell’autoapprendimento di un
oggetto la cortina di sicurezza passerà al verde dopo 1 s.
L’autoapprendimento permette di ridefinire facilmente le dimensioni dell’area esclusa
(blanking). Per poter utilizzare la funzione di autoapprendimento è necessario attivarne
l’opzione nel CDS.
Un oggetto dalle dimensioni differenti da quello precedente penetra nella campo protetto
tramite il sistema di trasporto. Una volta che l’oggetto è completamente dentro al campo
protetto e l’area di ingresso si è nuovamente liberata, la cortina di sicurezza passerà al
rosso.
Dopo 1 s la C4000 salva automaticamente la parte interrotta del campo protetto come
dimensioni di oggetto nuove. Il display a 7 segmenti del ricevitore indica quando
l’oggetto rappresenta un oggetto valido.
Dopo che l’operatore avrà azionato il pulsante di ripristino, la cortina di sicurezza passerà
al verde. L’oggetto uscirà dal campo protetto. Nel campo protetto possono passare degli
altri oggetti con le stesse dimensioni (nel limite delle tolleranze).
Tolleranza di dimensione
Configurando l’autoapprendimento di singoli oggetti verrà impostata automaticamente
una tolleranza di dimensione per l’oggetto (vedi Fig. 26, ). Questa tolleranza di
dimensione dipende dalla risoluzione della C4000 e dalla risoluzione ridotta configurata
(vedi sezione 12.3.1 “Tolleranze di dimensioni e distanze” a pagina 106).
La funzione di autoapprendimento dei singoli oggetti si configura nel CDS della C4000
(ricevitore).
5.2.3
Soppressione dei vuoti di oggetti
Nel rilevamento di merci, gli spazi vuoti in oggetti, come ad esempio gli oggetti di un pallet
impilati con poca precisione, provocano la disattivazione degli OSSD.
Per questo motivo è possibile consentire uno spazio vuoto di circa 21 mm (per la C4000
Palletizer Standard) oppure di circa 11 mm (per la C4000 Palletizer Advanced e C4000
Fusion).
La funzione di soppressione dei vuoti di oggetti si configura nel CDS della
C4000 (ricevitore).
46
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Configurazione blanking
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.3
Blanking dinamico con autoapprendimento per il
rilevamento di pallet
I raggi della cortina di sicurezza vengono allineati p. es. in base agli zoccoli di un pallet o di
una gabbia, o alle ruote di un carrello. Per ogni trasportatore di merce entrano nel campo
protetto vari oggetti.
La C4000 consente oggetti con dimensioni fino a 240 mm. Essa apprende
automaticamente le distanze tra gli oggetti permettendo così ad esempio l’accesso di vari
tipi di pallet a un impianto (vedi Fig. 27, ).
Fig. 27: principio di
funzionamento del
rilevamento di pallet
Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo
protetto la C4000 disattiverà le sue uscite di comando (vedi Fig. 27, ).
Quando gli oggetti penetrano nel campo protetto viene innanzitutto verificata la validità
dell’oggetto in base alle dimensioni massime dell’oggetto ( ).
Fig. 28: sorveglianza delle
distanze tra oggetti
Una volta che gli oggetti sono penetrati completamente nel campo protetto, la C4000
salva le distanze degli oggetti per il passaggio del pallet . Durante il passaggio si
potranno modificare le distanze raddoppiando la risoluzione ridotta ed aggiungendo inoltre
altri due raggi (vedi in riguardo sezione 12.3.1 “Tolleranze di dimensioni e distanze” a
pagina 106).
Quando gli oggetti riabbandonano il campo protetto i valori salvati vengono ripristinati.
Quando penetra il prossimo oggetto ne verrà innanzitutto verificata la validità in base alle
dimensioni dell’oggetto, quindi salvate le distanze e sorvegliate.
La funzione di rilevamento di pallet si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
Per il rilevamento di pallet non è necessario configurare le dimensioni o le distanze degli
oggetti. Le dimensioni massime consentite per gli oggetti sono fissate a 240 mm.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
47
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
La C4000 passa al rosso se …
l’intero campo protetto viene attraversato da un unico oggetto.
se nel campo protetto penetrano più oggetti del numero consentito (in funzione della
lunghezza del campo protetto, vedere la Tab. 2 a pagina 21).
le distanze tra gli oggetti cambiano oltre la tolleranza (vedi sezione 12.3.1 a
pagina 106).
vengono superate le dimensioni di oggetto consentite.
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
se in presenza di un rilevamento di direzione configurato l’oggetto penetra il campo
protetto dalla direzione sbagliata.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
Dimensioni di oggetto per una disattivazione sicura con rilevamento di pallet
Una disattivazione sicura richiede per i dispositivi con una risoluzione di 20 mm una
dimensione minima dell’oggetto di 260 mm, per quelli con una risoluzione di 30 mm una
dimensione minima dell’oggetto di 270 mm.
Distanza minima tra due oggetti con rilevamento di pallet
Affinché i singoli oggetti possano essere riconosciuti, la loro distanza minima da rispettare
è di 20, 30 o 40 mm a seconda della risoluzione della cortina di sicurezza.
5.4
Blanking dinamico per i rilevamento di modelli di
oggetti
Questo blanking consente la protezione di un accesso senza inibizione (muting) in cui gli
oggetti in sé rigidi accedono a un impianto o a una macchina (p. es. degli skid per
carrozzerie di veicoli) .
Fig. 29: principio di
funzionamento del
rilevamento di modelli
di oggetti
Se degli oggetti mobili accedono al campo protetto, ed in particolare le gambe di persone,
la C4000 disattiverà le sue uscite di comando .
A seconda della lunghezza del campo protetto sarà possibile l’esclusione dinamica di vari
oggetti contemporaneamente (vedi Tab. 3 a pagina 23). con la sorveglianza che gli oggetti
raggiungano o non superino le dimensioni minime o massime configurate.
Una volta che gli oggetti sono penetrati completamente nel campo protetto, la C4000
salva le distanze degli oggetti per il passaggio dello skid. Durante il passaggio le distanze
potranno variare nel rispetto delle tolleranze previste (vedi sezione 12.3.1 a pagina 106).
48
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Nel blanking dinamico per il rilevamento di modelli di oggetti sono vari i tipi di skid che
potrebbero essere pronti al passaggio. Il campo protetto può essere utilizzato anche come
parcheggio permanente.
Note
Se si impiega una C4000 con una lunghezza del campo protetto inferiore a 750 mm,
sarà necessario prendere delle misure adatte per impedire che il campo protetto sia
superato (vedi sezione 6.1 a pagina 59).
Per impedire che il campo protetto sia attraversato da oggetti superiori ai 240 mm
vanno prese le seguenti misure supplementari:
configurare due come numero minimo di oggetti che devono essere presenti
contemporaneamente nel campo protetto.
Oppure:
selezionare una lunghezza per il campo protetto equivalente come minimo alla doppia
lunghezza di un passo = 1500 mm.
Oppure:
prendere ulteriori misure come p. es. un’altezza di montaggio adeguata per impedire la
penetrazione involontaria.
La funzione di rilevamento di modelli di oggetti si configura nel CDS della C4000
(ricevitore).
Nel blanking di modelli di oggetti si configurano:
il numero massimo di oggetti (da 1 a 5, dipende dalla lunghezza del campo protetto,
vedi Tab. 2 a pagina 21)
il numero minimo di oggetti che devono trovarsi contemporaneamente nel campo
protetto (da 1 a 5) prima che esso si liberi nuovamente.
dimensioni dell’oggetto minime e massime
La C4000 passa al rosso se …
il numero di oggetti che attraversa il campo protetto e inferiore o superiore a quello
configurato
se un oggetto non raggiunge o supera le dimensioni minime o massime configurate.
le distanze tra gli oggetti cambiano oltre la tolleranza (vedi sezione 12.3.1 a
pagina 106).
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
l’oggetto presenta degli spazi vuoti o se questi spazi vuoti superano la soppressione
configurata dei vuoti in oggetti.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
49
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Dimensioni di oggetto che provocano una disattivazione sicura
Le dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione sicura dipendono dalle
dimensioni configurate.
Come calcolare le dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione sicura:
Tab. 15: calcolo delle
dimensioni dell’oggetto
che provocano una
disattivazione sicura
Risoluzione fisica dei dispositivi
20 mm
Dimensioni massime configurate per l’oggetto
± 28 mm
= Dimensioni di oggetto per una disattivazione sicura
Autoapprendimento di modelli di oggetti
In alternativa all’immissione manuale delle dimensioni e delle distanze di oggetti, è
possibile misurare gli skid presenti utilizzando la funzione “Autoapprendimento di modelli
di oggetti”. Questa funzione permette di misurare facilmente le dimensioni e le distanze
tra le aree escluse (p. es. supporti, sospensioni, ammortizzatori). Per poter utilizzare la
funzione di autoapprendimento è necessario attivarne l’opzione nel CDS.
La funzione di autoapprendimento dei singoli oggetti si configura nel CDS della C4000
(ricevitore). Per l’autoapprendimento è necessario che il PC con il CDS resti collegato alla
C4000.
L’autoapprendimento avviene tramite vari skid che percorrono il campo protetto. Il CDS
sviluppa in base ai modelli di oggetti visti una proposta modificabile e adottabile.
50
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Configurazione blanking
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.4.1
Sorveglianza delle dimensioni di oggetti
Inoltre è possibile configurare una sorveglianza per le dimensioni dell’oggetto. Quando gli
oggetti penetrano nel campo protetto, viene verificata la validità dell’oggetto in base alle
dimensioni minime e massime configurate per l’oggetto . Le dimensioni reali vengono
“congelate” e sorvegliate durante l’intero passaggio . Inoltre viene sorvegliato che le
distanze tra gli oggetti non cambino. .
Fig. 30: sorveglianza delle
dimensioni di oggetti
La C4000 passa al rosso se …
il numero di oggetti che attraversa il campo protetto e inferiore o superiore a quello
configurato.
le dimensioni dell’oggetto superano il limite minimo o il limite massimo.
le dimensioni congelate cambiano superando la tolleranza consentita (vedi
sezione 12.3.1 a pagina 106).
le distanze tra gli oggetti cambiano oltre la tolleranza (vedi sezione 12.3.1 a
pagina 106).
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
l’oggetto presenta degli spazi vuoti o se questi spazi vuoti superano la soppressione
configurata dei vuoti in oggetti.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
Distanza minima tra due oggetti con rilevamento di modelli di oggetti
Affinché i singoli oggetti siano riconosciuti devono rispettare una distanza minima di
20 mm.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
51
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.4.2
Sorveglianza della sequenza
In alternativa alla sorveglianza delle dimensioni dell’oggetto è possibile attivare la
sorveglianza della sequenza configurando oltre alle dimensioni minime e massime degli
oggetti ( ) anche le distanze minime e massime tra di loro ( ).
Il congelamento automatico delle dimensioni e delle distanze è disattivato.
Fig. 31: sorveglianza delle
dimensioni e delle distanze
degli oggetti
Durante l’intero passaggio le dimensioni e la distanza degli oggetti sottostanno ad una
sorveglianza costante ( e ).
La C4000 passa al rosso se …
il numero di oggetti che attraversa il campo protetto e inferiore o superiore a quello
configurato.
le dimensioni dell’oggetto superano il limite minimo o il limite massimo.
il limite minimo o il limite massimo di distanza tra gli oggetti è superato.
quando la sorveglianza della sequenza è configurata non è rispettata la sequenza degli
oggetti.
un oggetto non penetra il campo protetto all’inizio del campo.
un oggetto non abbandona il campo protetto alla fine del campo.
l’oggetto presenta degli spazi vuoti o se questi spazi vuoti superano la soppressione
configurata dei vuoti in oggetti.
il campo protetto della cortina di sicurezza viene interrotto completamente.
all’ accensione il primo e l’ultimo raggio del campo protetto sono interrotti.
5.4.3
Soppressione dei vuoti di oggetti
Se il modello degli oggetti configurato prevede un unico oggetto sarà possibile configurare
una soppressione dei vuoti di oggetti similmente al rilevamento di merce (vedi 5.2.3 a
pagina 46). La C4000 Fusion offre la possibilità di consentire uno spazio vuoto di circa
10 mm.
La funzione di soppressione dei vuoti di oggetti si configura nel CDS della C4000
(ricevitore).
52
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
5.5
Funzioni supplementari per le applicazioni orizzontali
Rilevamento della direzione
La C4000 può inoltre sorvegliare la direzione del movimento dell’oggetto.
La funzione per il rilevamento della direzione si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
A tal fine è possibile configurare la direzione di ingresso nel percorso dei raggi:
ingresso di oggetti solo nelle vicinanze del display
ingresso di oggetti solo lontano dal display
da tutte e due le direzioni
Oltre ai criteri di disattivazione delle sezioni 5.1, 5.3 e 5.4 vale:
se è selezionata l’opzione “ingresso di oggetti solo nelle vicinanze del display” o “ingresso
di oggetti solo lontano dal display”, la C4000 passa al rosso non appena un oggetto si
muove nella direzione sbagliata.
Nota
La tolleranza per il riconoscimento della direzione è di 150 mm. Questo consente
all’oggetto di muoversi all’interno del campo protetto anche con movimenti bruschi. Se un
oggetto penetra dalla direzione sbagliata, la C4000 passerà al rosso solo quando l’oggetto
sarà penetrato nel campo protetto di 150 mm.
5.6
Blanking fisso
La cortina di sicurezza C4000 Fusion può escludere in modo fisso fino a cinque aree del
campo protetto permettendo così ad esempio il funzionamento nonostante la presenza
permanente di un tavolo nel fascio di luce.
Fig. 32: rappresentazione
schematica del blanking fisso
L’area esclusa (blanking) non fa parte del campo protetto. Di conseguenza gli oggetti
esclusi devono trovarsi permanentemente nell’area di blanking ( ). Se l’oggetto viene
tolto dal percorso dei raggi la cortina di sicurezza interrompe il movimento pericoloso ( ),
non essendo in caso contrario più garantita la protezione.
Le dimensioni e la posizione delle aree escluse (blanking) vengono definite dall’operatore
con facilità introducendo nei punti desiderati del campo protetto gli oggetti dalle
dimensioni corrispondenti ed eseguendone l’autoapprendimento tramite l’apposito
pulsante di autoapprendimento a chiave. Questo è utile p. es. quando si sostituisce un
utensile.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
53
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Le aree escluse (blanking) richiedono un’analisi dei rischi separata!
Un’area esclusa (blanking) rappresenta in linea di principio un buco del campo protetto.
Verificate con precisione se, e dove, è veramente necessario il blanking. Dovete
ATTENZIONE
proteggere l’area esclusa (blanking) in un altro modo, p. es. con una protezione
meccanica. In caso contrario si dovrà considerare l’area esclusa (blanking) per il calcolo
della distanza di sicurezza, e montare in modo appropriato la cortina di sicurezza.
Fig. 33: esempio di
protezione meccanica
per blanking fisso
area esclusa
(blanking), protetta
lateralmente
mediante blocchi
meccanici
Ogni volta che adattate il blanking verificate il campo protetto con l’asta di verifica. Una
descrizione si trova nella sezione 8.3.3 a pagina 89.
Osservate anche le avvertenze delle singole sezioni.
Un blanking di aree fisse si configura nel CDS della C4000 (ricevitore).
Nel blanking di aree fisse oggetti si configurano:
il numero massimo di oggetti (da 1 a 5)
un pulsante di autoapprendimento a chiave (vedi sezione 7.11 “Pulsante di
autoapprendimento a chiave” a pagina 84).
La C4000 passa al rosso se …
il numero di oggetti che penetra nel campo protetto è inferiore o superiore a quello degli
oggetti appresi.
le dimensioni degli oggetti apprese cambiano superando la tolleranza consentita.
l’oggetto abbandona la posizione appresa superando la tolleranza consentita.
Limiti del funzionamento ad autoapprendimento
L’autoapprendimento viene eseguito in modo sicuro solo se gli oggetti da
autoapprendere misurano come minimo 20 mm. In caso di oggetti <20 mm
l’autoapprendimento del blanking potrebbe non riuscire e comportare delle
disattivazioni in caso di vibrazione degli oggetti durante funzionamento. In tal caso
potrebbe risultare utile effettuare una leggera registrazione e/o il nuovo
autoapprendimento delle aree.
Tra gli oggetti deve rimanere come minimo un raggio senza interruzione.
Il primo o l’ultimo raggio del campo protetto deve rimanere libero.
Nota
54
A differenza delle istruzioni d’uso del dispositivo di comando SICK UE402, per la funzione
di autoapprendimento non è necessario un pulsante di ripristino, e al posto di un
interruttore di autoapprendimento a chiave un pulsante di autoapprendimento a chiave.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Come eseguire l’autoapprendimento di un’area esclusa (blanking):
Impedite l’autoapprendimento in aree o modi operativi non dedicati!
Un processo di autoapprendimento terminato con successo modifica le dimensioni e, in
ATTENZIONE caso di blanking fisso, anche la posizione delle aree escluse. Le aree apprese con
dimensioni o in posizioni non adatte possono ridurre la disponibilità dell’impianto. E di
conseguenza:
assicurate con misure organizzative che l’operatore effettui esclusivamente
l’autoapprendimento di aree e con modi operativi adatti all’applicazione.
assicurate che alla chiave di autoapprendimento possano accedere esclusivamente le
persone autorizzate.
Conducete l’oggetto/gli oggetti nel campo protetto.
La cortina di sicurezza indica rosso.
Nota
Per ogni area esclusa (blanking) dovete condurre nel campo protetto un oggetto dalle
dimensioni adatte. Nel campo protetto non devono trovarsi ulteriori oggetti.
Premete il pulsante di autoapprendimento a chiave.
Dopo aver rilasciato la C4000 salva la parte interrotta del campo protetto come area
esclusa (blanking). Il display a 7 segmenti del ricevitore indica quando è stato
eseguito l’autoapprendimento di aree da escludere (blanking) valide.
Se durante l’autoapprendimento le proprietà degli oggetti si differenziano dai parametri
configurati non verrà appresa nessun’area esclusa (blanking). Il campo protetto della
C4000 avrà in tal caso la stessa forma che prima dell’autoapprendimento.
Se la tensione di alimentazione della C4000 viene disattivata verranno cancellate tutte le
aree salvate dall’autoapprendimento. Dopo essersi riaccesa la cortina di sicurezza si trova
in stato di funzionamento protetto.
Verificate il dispositivo di protezione dopo aver eseguito l’autoapprendimento!
Verificate l’efficacia dell’intero dispositivo di protezione (vedi 8.3 a pagina 88).
ATTENZIONE
Se utilizzate aree escluse (blanking), essa comporterà la suddivisione del campo
protetto in varie sottoaree. Verificate in tal caso tutte le sottoaree del campo protetto.
Verificate se la cortina di sicurezza reagisce secondo le aspettative quando inserite, e
ritogliete, nel/dal campo protetto l’oggetto salvato con l’autoapprendimento, o quando
fate funzionare l’impianto senza l’oggetto.
Calcolate la distanza di sicurezza e correggetela se necessario nella macchina.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
55
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Come ripristinare le aree escluse (blanking):
eliminare dal campo protetto tutti gli oggetti o quelli non più necessari.
premete il pulsante di autoapprendimento a chiave. La cortina di sicurezza indica rosso.
Dopo aver rilasciato il pulsante di autoapprendimento a chiave la C4000 cancellerà
tutte le aree escluse (blanking) e sorveglierà il nuovo campo protetto definito. La cortina
di sicurezza passa al verde quando il campo protetto è libero e il display a 7 segmenti
del ricevitore si spegne.
Oppure:
spegnete la tensione di alimentazione della C4000. Le aree escluse (blanking) saranno
così cancellate.
Dopo essersi riaccesa la cortina di sicurezza si troverà in stato di funzionamento
protetto.
Controllare il dispositivo di protezione dopo aver effettuato il ripristino delle aree
escluse (blanking)!
ATTENZIONE
Verificate l’efficacia dell’intero dispositivo di protezione (vedi sezione 8.3 “Indicazioni
sulla verifica” a pagina 88).
Risoluzione effettiva con aree apprese
La risoluzione effettiva di un sistema ottico dipende sia dai suoi componenti ottici che
dalla sua configurazione. La risoluzione effettiva non può essere superiore alla più elevata
risoluzione fisica permessa dal sistema. Può pertanto essere ridotta tramite la
configurazione, p. es. con il blanking di raggi.
Insieme alla tolleranza di dimensione si riduce la risoluzione effettiva nei margini delle
aree escluse (blanking). La risoluzione effettiva della C4000 Fusion in caso di blanking con
tolleranza di dimensione fissa è di 30 mm.
Controllate la distanza di sicurezza!
In caso di blanking con tolleranza delle dimensioni fissa la distanza di sicurezza richiesta
ATTENZIONE dipende dalla risoluzione effettiva di 30 mm.
Ricalcolare la distanza di sicurezza con una risoluzione di 30 mm (veder pagina 63) e
correggerlo nella macchina.
Segnate la risoluzione effettiva sull’etichetta delle indicazioni “Nel funzionamento con
‘risoluzione ridotta’ o ‘blanking’ …” del singolo emettitore e del singolo ricevitore.
Fig. 34: segnare la
risoluzione effettiva sul
dispositivo
Attenzione: nel funzionamento con “Risoluzione ridotta” o “Blanking” va rispettata la
distanza di sicurezza in base alla risoluzione modificata.
Risoluzione modificata:
(contrassegnare)
Riduzione
1 raggio
2 raggi
3 raggi
n raggi
56
Risoluzione fisica
14 mm
20 mm
30 mm
40 mm
Risoluzione effettiva/dimensioni minime dell’oggetto
22 mm
30 mm
50 mm
70 mm
30 mm
40 mm
70 mm
100 mm
37 mm
50 mm
90 mm
130 mm
mm
mm
mm
mm
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione blanking
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Soppressione dei vuoti di oggetti
Inoltre, è possibile configurare la soppressione dei vuoti di oggetti per consentire nelle
aree escluse (blanking) degli spazi vuoti in gli oggetti. È possibile consentire uno spazi
vuoti di circa 10 mm.
La funzione di soppressione dei vuoti di oggetti si configura nel CDS della C4000
(ricevitore).
5.7
Blanking dalle geometrie uniformi
Con la funzione è possibile p. es. escludere rotoli di carta o scatoloni su sistemi di
convogliamento, permettendone l’accesso a un impianto o a una macchina.
Fig. 35: blanking dalle
geometrie uniformi
Nel caso che degli altri oggetti, ed in particolare delle persone, accedano al campo
protetto la C4000 disattiverà le sue uscite di comando.
Impedire che le persone di fianco all’oggetto possono accedere all’area di pericolo!
Al suo ingresso la merce trasportata deve bloccare l’area di pericolo.
ATTENZIONE L’area esclusa (blanking) richiede un’analisi dei rischi separata!
Il gestore della macchina ha la responsabilità di verificare se questo tipo di protezione
all’accesso comporta una disattivazione sicura della vostra applicazione. Di norma è
necessario un apposito collaudo per l’applicazione. Preghiamo di consultare la vostra
associazione professionale, oppure il vostro assicuratore.
Con l’area esclusa (blanking) viene definita la risoluzione della cortina di sicurezza. Questo
va considerato per il calcolo della distanza di sicurezza (vedi sezione 6.3 “Calcolare la
distanza di sicurezza per un’applicazione verticale” a pagina 63).
Note
Per rilevare con sicurezza una persona, l’area del campo protetto permanentemente
attivo deve iniziare al massimo 1500 mm sopra al livello di accesso.
La C4000 Fusion viene montata leggermente diagonale alla direzione di trasporto
degli oggetti. La leggera inclinazione è necessaria per impedire delle interferenze a
causa delle superfici frontali degli oggetti non completamente lisce.
La cortina di sicurezza deve essere montata vicino al pavimento per impedire che si
riesca a strisciarle sotto.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
57
Configurazione blanking
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
La funzione blanking di oggetti dalle geometrie uniformi si configura nel CDS della
C4000 (ricevitore).
Nel blanking di oggetti dalle geometrie uniformi si configurano:
1 oggetto da escludere
altezza dell’area esclusa (blanking)
La C4000 passa al rosso se …
un oggetto con spazi vuoti penetra nel campo protetto.
nel campo protetto penetra più di un oggetto.
un oggetto penetra il campo protetto al disopra dell’area esclusa (blanking)
un oggetto oltrepassa l’area esclusa (blanking).
Risoluzione effettiva per l’area esclusa (blanking) configurata
Come calcolare la risoluzione effettiva:
Tab. 16: calcolo della
risoluzione effettiva
Dimensioni massime configurate per l’oggetto
– Dimensioni minime configurate per l’oggetto
+ 29 mm
= Risoluzione effettiva
Esempio:
risoluzione fisica del dispositivo = 20 mm
dimensioni massime configurate per l’oggetto = 1500 mm
dimensioni minime configurate per l’oggetto = 0 mm
risoluzione effettiva = 1500 mm – 0 mm + 29 mm = 1529 mm
58
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6
Montaggio
Questo capitolo descrive i preparativi e l’esecuzione del montaggio della cortina di
sicurezza C4000. Il montaggio richiede due fasi:
il calcolo della distanza di sicurezza necessaria
il montaggio con supporti Swivel Mount o supporti su guida laterale
misure supplementari per rendere impossibile che la protezione sia schivata
In seguito al montaggio è necessario procedere come segue:
effettuare i collegamenti elettrici (capitolo 7)
allineare emettitore e ricevitore (capitolo 8.2)
verificare l’installazione (capitolo 8.3)
6.1
Nota
Misure supplementari per rendere impossibile che la
protezione sia schivata
Le misure descritte si riferiscono al montaggio orizzontale della C4000.
Affinché il campo protetto non venga schivato volontariamente o involontariamente
potrebbe essere necessario prendere le seguenti misure supplementari:
Tab. 17: misure
supplementari per rendere
impossibile che la protezione
sia schivata
Tentativi di schivare la protezione
Saltare/scavalcare il campo
protetto
Misure possibili
Scegliere una lunghezza della cortina di
sicurezza sufficiente
Montare la cortina di sicurezza più in alto
Montare una barriera fissa
Limitare l’altezza di ingresso e di uscita del
materiale
Strisciare sotto al campo protetto
Rispettare l’altezza di montaggio massima di
400 mm o prendere ulteriori misure
Muoversi con equilibrio sul
campo protetto
Montare delle altre cortine di sicurezza
Camminare nell’ombra di un
oggetto
Montare dei dispositivi anticalpestio o delle
barriere
Autoapprendimento di persone
con oggetto fisso (scatolone,
ventiquattrore)
Rendere minima la distanza tra pallet e ESPE
per impedire che sia possibile inserire un piede
Essere trasportati
involontariamente, p. es. da nastri
trasportatori
Montare delle altre barriere di sicurezza
Montare una barriera fissa
Ridurre l’altezza di passaggio
Limitare l’altezza di passaggio verso il
movimento pericoloso
Prendere delle misure organizzative (come
p. es. dei corsi e attaccare dei cartelli di divieto)
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
59
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.2
Calcolare la distanza di sicurezza per un’applicazione
orizzontale
La cortina di sicurezza deve essere montata con una distanza di sicurezza sufficiente:
dal punto di pericolo
da superfici riflettenti
Nessuna funzione di protezione è sicura se la distanza di sicurezza non è corretta!
Il montaggio del sistema alla corretta distanza dal punto di pericolo è presupposto
ATTENZIONE indispensabile per l’effetto di protezione della cortina di sicurezza.
Tra cortina di sicurezza e punto di pericolo deve essere mantenuta una distanza di
sicurezza. Questa garantisce che il punto di pericolo sia raggiungibile soltanto quando lo
stato pericoloso della macchina è completamente inattivo.
7)
La distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1 e EN ISO 13 857 dipende:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto (il tempo di arresto totale viene
indicato nella documentazione della macchina o va rilevato con apposita misura).
tempo di risposta del dispositivo di protezione (per i tempi di risposta vedere
sezione 12.2 “Tempo di risposta” a pagina 104)
velocità di avvicinamento
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
Fig. 36: distanza di sicurezza
dal punto di pericolo
area di pericolo
distanza di sicurezza S
ESPE
Nota
altezza di montaggio H
La distanza di sicurezza si riferisce al primo raggio del campo protetto visto dalla direzione
dell’avvicinamento verso il punto di pericolo (cfr. Fig. 36).
I seguenti schemi mostrano in modo esemplificativo il calcolo della distanza di sicurezza. A
seconda dell’applicazione e delle condizioni ambientali può risultare necessario un’altro
schema di calcolo.
7)
60
EN 999 verrà sostituita da EN ISO 13 855.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Montaggio
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8)
Come calcolare la distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855 e
EN ISO 13 857:
Calcolate la distanza di sicurezza con la formula seguente:
S
= k × T + 1200 mm – (0,4 × H) + ZApp
Significa …
S
= Distanza di sicurezza [mm]
k
= Velocità di avvicinamento [1600 mm/s]
T
= Tempo di arresto totale della macchina
+ tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce [s]
1200 = Lunghezza del braccio (850 mm) + metà della lunghezza del passo (350 mm)
8)
conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855 [mm]
H
= Altezza di montaggio della C4000
ZApp
= Maggiorazione richiesta dall’applicazione
ZApp è composta da: ET + KApp
Significa …
ET
= Profondità di penetrazione
8)
(un passo lungo 700 mm conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855)
KApp = Costante di 150 mm richiesta dall’applicazione
(area di ingresso della cortina di sicurezza)
Esempio:
Tempo di arresto totale della macchina = 290 ms
Tempo di risposta dopo l’interruzione del fascio di luce = 30 ms
T = 290 ms + 30 ms = 320 ms = 0,32 s
Altezza di montaggio della C4000 = 500 mm
ZApp = 850 mm
S = 1600 × 0,32 + 1200 – (0,4 × 500) + 850 = 2362 mm
Con i fattori seguenti è possibile ridurre la distanza di sicurezza:
si configurano dei modelli di oggetti ben definiti.
La maggiorazione ZApp è così ridotta della distanza tra gli oggetti. Esempio: con gli
Europallet il campo protetto sarà penetrato dal secondo oggetto dopo al massimo
380 mm. Per questo motivo la profondità di penetrazione ET è = 700 – 380 mm =
320 mm.
configurare il rilevamento della direzione in modo da impedire agli oggetti di muoversi
verso lo stato pericoloso.
ZApp è in tal caso solo di 150 mm.
configurare un modello di oggetti in cui il primo oggetto è inferiore a 60 mm (a partire
8)
da un’altezza di montaggio minima di 300 mm la EN 999+A1 /EN ISO 13 855
considera una larghezza della caviglia di 70 mm, meno 10 mm di tolleranza).
Se in tal caso la gamba di una persona penetra il campo protetto, la disattivazione non
avverrà solo dopo la lunghezza di un passo bensì dopo 150 mm.
ZApp è in tal caso solo di 150 mm.
8)
8012251/TG79/2009-10-07
Per la presunta conformità valida ancora solo fino al 28/12/2009. In seguito potrà essere impiegata solo la
versione successiva EN ISO 13 855. Le formule di calcolo essenziali non saranno modificate.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
61
Capitolo 6
Montaggio
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.2.1
Calcolo della distanza di sicurezza conforme all’Associazione degli operatori
nel settore alimentare e gastronomico (Berufsgenossenschaft
Nahrungsmittel und Gaststätten - BGN)
Per i campi protetti lunghi 1350 mm sarà possibile, conforme alla valutazione dell’ente di
collaudo e certificazione della commissione per prodotti alimentari, bevande e tabacco
presso l’Associazione degli operatori nel settore alimentare e gastronomico (BGN),
applicare il calcolo seguente:
Nel rilevamento di merce con l’aiuto della C4000 Palletizer Standard si presuppone una
profondità di penetrazione massima fino allo spegnimento di 450 mm. Nel rilevamento di
pallet con l’aiuto della C4000 Palletizer Advanced si presuppone una profondità di
penetrazione massima fino allo spegnimento di 900 mm.
Come calcolare la distanza di sicurezza impiegando la C4000 Palletizer Standard con
un campo protetto lungo 1350 mm:
calcolate la distanza di sicurezza con la formula seguente:
S
= k×T+E
Significa …
S
= Distanza di sicurezza [mm] (come minimo la lunghezza del campo protetto)
k
= Velocità di avvicinamento [1600 mm/s]
T
= Tempo di arresto totale della macchina
+ Tempo di risposta del dispositivo di protezione dopo l’interruzione del fascio
di luce [s]
E
= Profondità di penetrazione nel campo protetto fino alla disattivazione
[450 mm]
Esempio:
Tempo di arresto totale della macchina = 290 ms
Tempo di risposta dopo l’interruzione del fascio di luce = 30 ms
T = 290 ms + 30 ms = 320 ms = 0,32 s
S = 1600 × 0,32 + 450 = 962 mm pertanto, a causa del requisito minimo, S = 1350 mm
Come calcolare la distanza di sicurezza impiegando la C4000 Palletizer Advanced con
un campo protetto lungo 1350 mm:
Calcolate la distanza di sicurezza con la formula seguente:
S=
k×T+E
Significa …
62
S
= Distanza di sicurezza [mm] (come minimo la lunghezza del campo protetto +
850 mm)
k
= Velocità di avvicinamento [1600 mm/s]
T
= Tempo di arresto totale della macchina
+ Tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce [s]
E
= Profondità di penetrazione nel campo protetto fino alla disattivazione
[900 mm]
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Esempio:
Tempo di arresto totale della macchina = 290 ms
Tempo di risposta dopo l’interruzione del fascio di luce = 30 ms
T = 290 ms + 30 ms = 320 ms = 0,32 s
S = 1600 × 0,32 + 900 = 1412 mm pertanto, a causa del requisito minimo, S =
2.200 mm
Nota
Con il rilevamento di pallet e l’aiuto della C4000 Palletizer Advanced potrebbe accadere
che la 1a gamba di un uomo penetri nel campo protetto interrompendo il primo raggio e
che la 2a gamba lo scavalchi disattivando così gli OSSD soltanto quando la 1a gamba
abbandonerà il campo protetto. Per escludere questo rischio residuo sarà necessario
rispettare una distanza di sicurezza di 2200 mm (lunghezza del campo protetto +
850 mm).
6.3
Calcolare la distanza di sicurezza per un’applicazione
verticale
La cortina di sicurezza deve essere montata con una distanza di sicurezza sufficiente:
dal punto di pericolo
da superfici riflettenti
Nessuna funzione di protezione è sicura se la distanza di sicurezza non è corretta!
Il montaggio del sistema alla corretta distanza dal punto di pericolo è presupposto
ATTENZIONE indispensabile per l’effetto di protezione della cortina di sicurezza.
Tra cortina di sicurezza e punto di pericolo deve essere mantenuta una distanza di
sicurezza. Questa garantisce che il punto di pericolo sia raggiungibile soltanto quando lo
stato pericoloso della macchina è completamente inattivo.
9)
La distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1 e EN ISO 13 857 dipende:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto
(Il tempo di arresto totale viene indicato nella documentazione della macchina o va
rilevato con apposita misura.)
tempo di risposta del dispositivo di protezione (vedi sezione 12.2 “Tempo di risposta” a
pagina 104)
velocità di avvicinamento del corpo o delle mani
risoluzione della cortina di sicurezza oppure distanza tra i raggi
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
9)
8012251/TG79/2009-10-07
EN 999 verrà sostituita da EN ISO 13 855.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
63
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Nel campo di applicazione di OSHA e ANSI, ai sensi di ANSI B11.19L1990 E.4.2.3.3.5 e
del Code of Federal Regulations, edizione 29, parte 1910.217 … (h) (9) (v), la distanza
di sicurezza dipende da:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto
(Il tempo di arresto totale viene indicato nella documentazione della macchina o va
rilevato con apposita misura.)
tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione (per i tempi di risposta vedere
capitolo 12.2 “Tempo di risposta” a pagina 104)
velocità di avvicinamento del corpo o delle mani
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
Fig. 37: distanza di sicurezza
dal punto di pericolo in caso
di un montaggio verticale
distanza di sicurezza S (Ds)
altezza del campo protetto
punto di
pericolo
distanza per evitare di stazionare
oltre la cortina 75 mm
64
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
10)
Come calcolare la distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855 e
EN ISO 13 857:
Nota
Il seguente schema mostra un esempio per il calcolo della distanza di sicurezza. A
seconda dell’applicazione e delle condizioni ambientali può risultare necessario un’altro
schema di calcolo.
Calcolate dapprima S con la formula seguente:
S = 2000 × T + 8 × (d – 14) [mm]
Significa …
T = Tempo di arresto totale della macchina
+ Tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce [s]
d = Risoluzione della cortina di sicurezza [mm]
S = Distanza di sicurezza [mm]
La velocità di avvicinamento del corpo/delle mani fa già parte della formula.
Se il risultato è S
500 mm utilizzate il valore calcolato come distanza di sicurezza.
Se il risultato è S > 500 mm, ricalcolare S come segue:
S = 1600 × T + 8 × (d – 14) [mm]
Se il valore nuovo è S > 500 mm utilizzate il valore risultante dal nuovo calcolo come
distanza minima di sicurezza.
Se il nuovo valore per S è
sicurezza.
500 mm, utilizzare 500 mm come distanza minima di
Esempio:
Tempo di arresto totale della macchina = 290 ms
Tempo di risposta dopo l’interruzione del fascio di luce = 30 ms
Risoluzione della cortina di sicurezza = 14 mm
T = 290 ms + 30 ms = 320 ms = 0,32 s
S = 2000 × 0,32 + 8 × (14 – 14) = 640 mm
S > 500 mm, e di conseguenza:
S = 1600 × 0,32 + 8 × (14 – 14) = 512 mm
10)
8012251/TG79/2009-10-07
Per la presunta conformità valida ancora solo fino al 28/12/2009. In seguito potrà essere impiegata solo la
versione successiva EN ISO 13 855. Le formule di calcolo essenziali non saranno modificate.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
65
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Come calcolare la distanza di sicurezza Ds ai sensi di ANSI B11.19L1990 E.4.2.3.3.5 e
del Code of Federal Regulations, edizione 29, parte 1910.217 … (h) (9) (v):
Nota
Il seguente schema mostra un esempio per il calcolo della distanza di sicurezza. A
seconda dell’applicazione e delle condizioni ambientali può risultare necessario un’altro
schema di calcolo.
Calcolate Ds con la formula seguente:
Ds = Hs × (Ts + Tc + Tr + Tbm) + Dpf
Significa …
Ds = La distanza minima in pollici (o millimetri) tra punto pericoloso e dispositivo di
protezione
Hs = Un parametro in pollici/secondo oppure in millimetri/secondo basato sulla
velocità di avvicinamento delle mani, del corpo o di parti del corpo. Per Hs viene
impiegato spesso il valore di 63 pollici/secondo (1600 millimetri/secondo).
Ts = Tempo di arresto totale della macchina rilevato dall’ultimo elemento di comando
Tc = Tempo di arresto totale del comando
Tr = Tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce
Tbm = Tempo di risposta supplementare che compensa il controllo di usura dei freni
Nota
Nel calcolo vanno presi in considerazione tutti gli altri tempi di risposta.
Dpf = Una distanza supplementare che va sommata alla distanza di sicurezza totale.
Questo valore si basa sulla penetrazione verso il punto di pericolo prima
dell’azionamento del dispositivo di protezione elettrosensibile (ESPE). I valori
variano da 0,25 fino a 48 pollici (6 fino a 1220 millimetri) o oltre, a seconda
dell’applicazione.
Esempio:
In caso di protezione verticale da un dispositivo optoelettronico con una
risoluzione effettiva inferiore a 2,5 pollici (64 millimetri), è possibile definire
approssimativamente il valore Dpf con la formula seguente:
Dpf (pollici) = 3,4 × (risoluzione effettiva – 0,276), ma non inferiore a 0.
66
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.3.1
Calcolare la distanza di sicurezza verso la protezione dell’accesso con l’aiuto
del blanking di oggetti dalle geometrie uniformi
La distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1
11)
e EN ISO 13 857 dipende:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto
(Il tempo di arresto totale viene indicato nella documentazione della macchina o va
rilevato con apposita misura.)
tempo di risposta del dispositivo di protezione (vedi sezione “Tempo di risposta” a
pagina 104)
velocità di avvicinamento
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
Fig. 38: distanza di sicurezza
dal punto di pericolo
area di pericolo
ESPE
distanza di sicurezza S
Va assolutamente impedito qualsiasi strisciamento da sotto. A tal fine è assolutamente
indispensabile che sia montata vicinissima al pavimento.
Note
Poiché la valutazione se si tratta di un oggetto valido o ad esempio di una persona,
potrebbe avvenire solo al momento di abbandono del campo protetto, è necessario
aggiungere alla distanza di sicurezza una maggiorazione di sicurezza. Essa dovrà
11)
contenere conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855 la lunghezza del braccio (850 mm)
+ la lunghezza di mezzo passo (350 mm).
11)
Come calcolare la distanza di sicurezza conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855:
Calcolate la distanza di sicurezza con la formula seguente:
S
= k × T + 1200 mm
Significa …
S
= Distanza di sicurezza [mm]
k
= Velocità di avvicinamento [1600 mm/s]
T
= Tempo di arresto totale della macchina
+ Tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce [s]
1200 = Lunghezza del braccio (850 mm) + metà della lunghezza del passo (350 mm)
11)
conforme a EN 999+A1 /EN ISO 13 855 [mm]
11)
8012251/TG79/2009-10-07
EN 999 verrà sostituita da EN ISO 13 855.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
67
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.3.2
Distanza minima da superfici riflettenti
I raggi ottici dell’emettitore possono venire deviati da superfici riflettenti. Questo può
portare al non rilevamento di un oggetto.
Motivo per cui tutte le superfici e gli oggetti riflettenti (p. es. contenitori di materiale)
devono rispettare una distanza minima a dal campo protetto del sistema. La distanza
minima a dipende dalla distanza D tra emettitore e ricevitore.
Fig. 39: distanza minima
da superfici riflettenti
superficie riflettente
angolo di apertura
distanza minima a
distanza D emettitore–ricevitore
Nota
L’angolo di apertura dell’ottica di emettitore e ricevitore è identico.
Come calcolare la distanza minima da superfici riflettenti:
rilevate la distanza D [m] emettitore–ricevitore.
deducete la distanza minima a [mm] dal diagramma:
Fig. 40: diagramma per la
distanza minima da superfici
riflettenti
Nota
68
Nel caso non fosse possibile rispettare la distanza minima da superfici riflettenti richiesta,
si ha la possibilità di ridurre il pericolo dovuto al riflesso e la risoluzione risultante. Per
verificare se queste misure sono sufficienti per ridurre al minimo il rischio residuo andrà
eseguita un’analisi dei rischi. Per ulteriori informazioni contattare la vostra sede SICK di
riferimento.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.4
Fasi di montaggio del dispositivo
Durante il montaggio prestate particolare attenzione a:
montate l’emettitore e il ricevitore sempre su un fondo piano.
ATTENZIONE
fate attenzione nel montaggio che l’emettitore e il ricevitore siano allineati in modo
corretto. Le ottiche di emettitore e ricevitore devono risultare esattamente di fronte
l’una all’altra. I connettori di ambedue i sistemi devono essere diretti nella stessa
direzione.
la distanza minima tra emettitore e ricevitore è di 500 mm per la C4000 Palletizer
Standard e Advanced, ovvero di 1500 mm per la C4000 Fusion.
prendete gli appositi provvedimenti per ridurre le vibrazioni se la sollecitazione supera i
valori di resistenza agli urti riportati nella sezione 12.1 “Scheda tecnica” a pagina 103.
rispettate nel montaggio la distanza di sicurezza del sistema. Leggete in proposito il
capitolo 6.2 a pagina 60 o 6.3 a pagina 63.
si deve accedere all’area di pericolo soltanto dal campo protetto.
dopo il montaggio dovete attaccare una o varie etichette autoadesive previste per le
indicazioni ed incluse nella fornitura:
– per le indicazioni utilizzate esclusivamente delle etichette nella lingua parlata dagli
operatori della macchina.
– incollate le etichette con le indicazioni in modo che siano visibili ad ogni operatore
durante il funzionamento previsto. Le etichette con le indicazioni non devono venire
nascoste neanche in seguito al montaggio di oggetti supplementari.
– incollate l’etichetta con l’indicazione “Indicazioni importanti” su un punto visibile
dell’impianto, vicinissimo all’emettitore o al ricevitore.
Da osservare ulteriormente per il montaggio orizzontale:
montate la cortina di sicurezza in modo tale da escludere che si possa penetrare
scavalcandola dall’alto, strisciando sotto ad essa o accedendo con le gambe da dietro,
escludendo anche qualsiasi spostamento della cortina di sicurezza. Il valore di altezza
di montaggio ritenuto non critico per impedire lo strisciamento dal basso è di 400 mm.
Da osservare ulteriormente per il montaggio verticale:
montare la cortina di sicurezza in modo tale da escludere che si possa penetrare con le
mani al disopra, al disotto di essa o stazionare dietro ad essa, ed escludendo qualsiasi
spostamento della cortina di sicurezza. Il valore di altezza di montaggio ritenuto non
critico per impedire lo strisciamento dal basso è di 300 mm.
Fig. 41: mediante un
montaggio corretto (in alto) si
escludono gli errori (in basso)
di penetrare con le mani al
disopra, al disotto di essa e di
penetrare con le gambe da
dietro
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
69
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Per fissare gli emettitori ed i ricevitori ci sono tre possibilità:
fissaggio con supporto Swivel Mount (vedi 6.4.1)
fissaggio con supporto su guida laterale (vedi 6.4.2)
fissaggio su piedistalli (vedi 12.5.5)
6.4.1
Fissaggio con supporto Swivel Mount
Il supporto Swivel Mount è di poliammide PA6 nera. Il supporto permette un allineamento
esatto dell’emettitore e del ricevitore sull’asse del dispositivo anche dopo il montaggio dei
supporti.
Nota
Serrate le viti del supporto Swivel Mount con coppia di serraggio meccanico da 2,5 a
3 Nm. Delle coppie di serraggio meccanico superiori possono danneggiare il supporto,
delle coppie di serraggio inferiori non offrono una sicurezza sufficiente contro le
vibrazioni.
Fig. 42: composizione del
supporto Swivel Mount
codice num. 2019659
70
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Fig. 43: montaggio di
emettitore e ricevitore con
supporto Swivel Mount
Note
Montate le viti da a verso il lato operatore in modo da poter essere accessibili
anche dopo il montaggio, permettendo di registrare la cortina di sicurezza anche in un
secondo tempo.
Se volete utilizzare il frontalino supplementare (vedere “Frontalino supplementare
(protezione da spruzzi di saldatura)” a pagina 120) fate attenzione che il lato bombato
del dispositivo rimanga accessibile dopo il montaggio.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
71
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.4.2
Fissaggio con supporto su guida laterale
Il supporto su guida laterale è in pressofusione di zinco ZP 0400. È verniciato in nero. Il
supporto su guida laterale viene nascosto in gran parte dal dispositivo. È adatto pertanto
esclusivamente per superfici di montaggio ubicate in parallelo al campo protetto
desiderato, dato che l’allineamento di emettitore e ricevitore è correggibile dopo il
montaggio di soli 2,5°.±
Fig. 44: composizione del
supporto su guida laterale
codice num. 2019506
Note
Serrate le viti del supporto su guida laterale con coppia di serraggio meccanico da 5 a
6 Nm. Delle coppie di serraggio meccanico superiori possono danneggiare il supporto,
delle coppie di serraggio inferiori non offrono una sicurezza sufficiente contro gli
spostamenti.
Fare attenzione durante il montaggio alla distanza e alla posizione dei tasselli come
descritto nella sezione 12.5 “Disegni quotati” a pagina 108.
72
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Fig. 45: montaggio della
C4000 con supporto
su guida laterale
tassello
tassello
Note
Nel montaggio del supporto su guida laterale fate attenzione che le viti denominate e
rimangano accessibili in modo da poter registrare e bloccare la cortina di sicurezza in
un secondo tempo.
Se volete utilizzare il frontalino supplementare (vedere “Frontalino supplementare
(protezione da spruzzi di saldatura)” a pagina 120) fate attenzione che il lato bombato
del dispositivo rimanga accessibile dopo il montaggio.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
73
Montaggio
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
6.4.3
Fissaggio con piedistallo
70
430
519
780
Fig. 46: montaggio
con piedistallo
codice num. 2041661
Il piedistallo è adatto per montare orizzontalmente la C4000. A seconda della forma di
montaggio desiderata consente la realizzazione di altezze di montaggio da 70 a 430,
oppure da 519 a 780 mm.
74
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7
Installazione elettrica
Togliere la tensione all’impianto!
Durante i lavori di collegamento dei dispositivi l’impianto potrebbe avviarsi
ATTENZIONE involontariamente.
Assicurarsi che l’intero impianto non sia sotto tensione durante la fase di installazione
elettrica.
Assicurare che i contattori collegati siano sorvegliati!
I contattori collegati devono essere a guida positiva e monitorati (vedi sezione 7.4
“Controllo dei contattori esterni (EDM)” a pagina 79)!
Allacciate l’OSSD1 e l’OSSD2 separati l’uno dall’altro!
L’OSSD1 e l’OSSD2 non vanno collegati tra di loro o la sicurezza del segnale non sarà
garantita.
Assicuratevi che il comando macchina elabori i due segnali separatamente.
8012251/TG79/2009-10-07
OSSD2
OSSD1
OSSD2
OSSD1
Se si allacciano agli OSSD, ovvero alle uscite di sicurezza, dei carichi non protetti contro
l’inversione di polarità, sarà indispensabile che le connessioni 0 V di questi carichi e
quelle del dispositivo di protezione corrispondente vengano allacciate singolarmente e
direttamente nella stessa morsettiera a listello 0 V. Solo così si impedirà la presenza di
una differenza di potenziale tra le connessioni 0 V dei carichi e quelle del dispositivo di
protezione corrispondente.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
75
Installazione elettrica
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Note
La cortina di sicurezza C4000 è conforme alle normative di protezione da radiodisturbi
(EMC) per il settore industriale (classe di protezione da radiodisturbi A). Può creare dei
radiodisturbi se impiegata in una zona abitata.
Per rispondere ai requisiti di compatibilità EMC la messa a terra funzionale (TF) deve
essere collegata.
Per rispondere ai requisiti delle norme di prodotto in materia (p. es. DIN EN 61 496T1),
l’alimentazione di tensione esterna dei dispositivi (SELV) deve poter compensare una
breve mancanza di rete di 20 ms come richiesto da EN 60 204T1. L’alimentatore deve
garantire una separazione di rete sicura (SELV/PELV) e una limitazione della corrente di
max 8 A. Degli alimentatori idonei possono essere ordinati presso la SICK come
accessori (vedi sezione 13.5 “Accessori” a pagina 121).
7.1
Connessione di sistema M26 × 11 + TF
Fig. 47: assegnazione dei pin
connessione di sistema
M26 × 11 + TF
5
10
6
7 11
8
1
TF
4
Tab. 18: assegnazione dei
pin connessione di sistema
M26 × 11 + TF
Pin Colore filo
2
9
2
3
4
TF
1
Emettitore
8
11
7
6
10
5
Ricevitore
1
Marrone
Ingresso 24 V cc
(alimentazione di tensione)
Ingresso 24 V cc
(alimentazione di tensione)
2
Blu
0 V cc (alimentazione di tensione)
0 V cc (alimentazione di tensione)
3
Grigio
Ingresso test:
0 V: test esterno attivo
24 V: test esterno non attivo
OSSD1 (uscita di comando 1)
4
Rosa
Riservato
OSSD2 (uscita di comando 2)
5
Rosso
Riservato
Ripristino/riavvio
6
Giallo
Riservato
Controllo dei contattori esterni
(EDM)
7
Bianco
Riservato
Uscita di segnalazione (ADO)
8
Rosso/blu
Riservato
Uscita Ripristino necessario
9
Nero
Comunicazione dei dispositivi
(EFIA)
Comunicazione dei dispositivi
(EFIA)
Comunicazione dei dispositivi
(EFIB)
Comunicazione dei dispositivi
(EFIB)
10 Violetto
76
3
9
11 Grigio/rosa Riservato
Riservato
TF
Messa a terra funzionale
Verde
Messa a terra funzionale
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Note
Per collegare i pin 9 e 10 utilizzate un solo cavo con fili intrecciati, p. es. i cavi di
allacciamento SICK offerti come accessorio (vedi sezione 13.5 “Accessori” a
pagina 121).
Se non utilizzate né un dispositivo di comando SICK né un nodo bus SICK, per
migliorare le caratteristiche EMC consigliamo di far terminare nel quadro elettrico i
collegamenti pin 9 e 10 (comunicazione dei dispositivi EFI) della connessione del
sistema con una resistenza di 182 (codice num. SICK 2027227).
7.2
Connessione di configurazione M8 × 4 (interfaccia
seriale)
Fig. 48: assegnazione
dei pin connessione di
configurazione M8 × 4
Tab. 19: assegnazione
dei pin connessione di
configurazione M8 × 4
Pin
Note
Emettitore/
4
2
3
1
ricevitore
RSL232LDLSub del PC
1
Non utilizzato
2
RxD
Pin 3
3
0 V cc (alimentazione di tensione)
Pin 5
4
TxD
Pin 2
I pin dell’emettitore e del ricevitore sono assegnati in modo identico.
Dopo la configurazione scollegate sempre il cavo di collegamento dalla connessione di
configurazione!
Dopo aver configurato il dispositivo riinfilate sempre il tappo di protezione nella
connessione di configurazione (coperchio fissato al dispositivo).
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
77
Installazione elettrica
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.3
Connessione in cascata M26 × 11 + TF
Fig. 49: assegnazione dei pin
connessione in cascata
M26 × 11 + TF
8
11
7
6
10
5
TF
Note
11
7
6
10 5
TF
1
Tab. 20: assegnazione dei
pin connessione in cascata
M26 × 11 + TF
8
9
2
3
4
Emettitore
1
9
2
3
4
Pin
Colore filo
Ricevitore
1
Marrone
Uscita 24 V cc
(alimentazione di tensione)
2
Blu
0 V cc (alimentazione di tensione) 0 V cc (alimentazione di tensione)
3
Grigio
Riservato
Ingresso per l’arresto di
emergenza 1/Bypass
4
Rosa
Riservato
Ingresso per l’arresto di
emergenza 2/Bypass/
autoapprendimento
5
Rosso
Riservato
Ripristino/riavvio
6
Giallo
Riservato
Uscita test arresto di
emergenza 2/Bypass/
uscita barriera optoelettronica 2/
autoapprendimento
7
Bianco
Riservato
Uscita test arresto di
emergenza 1/Bypass/
uscita barriera optoelettronica 1
8
Rosso/blu
Riservato
Uscita Ripristino necessario
9
Nero
Comunicazione dei dispositivi
(EFIA)
Comunicazione dei dispositivi
(EFIA)
10
Violetto
Comunicazione dei dispositivi
(EFIB)
Comunicazione dei dispositivi
(EFIB)
11
Grigio/rosa
Riservato
Riservato
TF
Verde
Messa a terra funzionale
Messa a terra funzionale
Uscita 24 V cc
(alimentazione di tensione)
La posizione del connettore (posizione dei pin) nel involucro può variare da dispositivo a
dispositivo. Riconoscete la correlazione dei pin del connettore dalla posizione dei pin tra
di loro.
Se non collegate a una connessione in cascata un ulteriore cortina di sicurezza, non
dovete allacciare nessuno cavo ai pin 9 e 10.
Avvitate sempre sulla connessione in cascata il tappo di protezione fornitovi quando la
connessione non è necessaria.
78
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.4
Controllo dei contattori esterni (EDM)
Il controllo dei contattori esterni verifica se i contattori ricadono veramente quando il
dispositivo di protezione risponde. Se il controllo dei contattori esterni dopo un tentativo di
ripristino ed entro 300 ms non constata nessuna reazione da parte dei dispositivi di
comando ridisattiva le relative uscite.
Fig. 50: connessione degli
organi di comando al
controllo dei contattori
esterni (EDM)
k2
24 V cc
k1
pin 3
pin 6
K1
0 V cc
pin 4
K2
Dal punto di vista elettrico dovete realizzare il controllo dei contattori esterni con la
chiusura a guida positiva dei due contatti in apertura (k1, k2) quando gli organi di
comando (K1, K2) raggiungono la loro posizione di riposo dopo la risposta del dispositivo
di protezione. All’ingresso del controllo dei contattori esterni ci sono adesso 24 V. Se dopo
la risposta del dispositivo di protezione non sussistono 24 V, uno degli organi di comando
è difettoso ed il controllo dei contattori esterni non permette il riavvio della macchina.
Note
Se collegate i contatti degli organi di comando da sorvegliare all’ingresso del controllo
dei contattori esterni (EDM), dovete attivare la funzione Controllo dei contattori esterni
nel CDS (Configuration & Diagnostic Software). In caso contrario il dispositivo indica
l’errore
.
Se rimuovete successivamente il modo operativo di controllo dei contattori esterni, il
pin 6 del connettore di sistema non deve rimanere allacciato a 24 V.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
79
Installazione elettrica
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.5
Pulsante di ripristino
Nel funzionamento di protezione con blocco al riavvio interno (vedere pagina 29)
l’operatore deve premere il pulsante di ripristino prima di riavviare.
Scegliere l’ubicazione giusta del pulsante di ripristino!
Installate il pulsante di ripristino all’esterno dell’area di pericolo e in modo che non possa
ATTENZIONE venire azionato dall’interno di essa. L’operatore deve avere inoltre la visione totale
dell’area di pericolo quando aziona il pulsante di ripristino.
Fig. 51: collegamento del
pulsante di ripristino e della
lampada di segnalazione
“Ripristino necessario” alla
connessione in cascata
pin 1 (24 V cc)
pin 2 (0 V cc)
pin 8
pin 5
in alternativa il collegamento può
avvenire agli stessi pin della
connessione del sistema
Nuova configurazione dopo il cambio del dispositivo!
Se sostituite una cortina di sicurezza con funzione di ripristino disattivata con un
ATTENZIONE dispositivo di ricambio, dovete nuovamente disattivare la funzione di ripristino tramite il
software. Non basta realizzare i collegamenti elettrici perché nei dispositivi nuovi
provenienti direttamente dalla fabbrica la funzione di ripristino è sempre attivata.
Collegamento di una lampada di segnalazione all’uscita Ripristino necessario
Il pin 8 del connettore di sistema è l’uscita Ripristino necessario (24 V). Qui potete
collegare una lampada di segnalazione per far visualizzare questo stato. L’uscita ha una
frequenza di 1 Hz.
80
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.6
Arresto di emergenza
L’ingresso per l’arresto di emergenza è a due canali. La sorveglianza dell’arresto di
emergenza del dispositivo corrisponde alla categoria di arresto 0 conforme a
EN ISO 13 850. Una disattivazione nell’ingresso per l’arresto di emergenza ha le stesse
conseguenze di un accesso con mani o braccia nel campo protetto (vedere pagina 32).
All’ingresso per l’arresto di emergenza potete collegare p. es. l’interruttore di una porta.
L’arresto di emergenza può essere collegato al posto dell’interruttore a chiave per bypass
e nelle stesse connessioni dell’interruttore a chiave per bypass.
Fig. 52: possibilità di
collegamento dell’interruttore
di una porta, o simili, con
l’ingresso per l’arresto di
emergenza
equivalente
antivalente
pin 3 pin 7
pin 3 pin 7
pin 4
pin 6
pin 4
pin 6
Potete impostare il pulsante a due canali equivalenti (contatto in apertura/contatto in
apertura) oppure antivalenti (contatto in chiusura/contatto in apertura). Dovete poi
adattare la C4000 configurandola con l’aiuto del CDS. Se la configurazione e la
connessione elettrica non corrispondono, il sistema si blocca del tutto (lockTout). Nel
display a 7 segmenti appare quindi la segnalazione di guasto
.
Nota
Se allacciate un arresto di emergenza alla C4000 non sarà più possibile collegare un
bypass perché richiedono lo stesso tipo di collegamento.
Si dovrà configurare il collegamento dell’arresto di emergenza (equivalente/antivalente)
con l’aiuto del CDS.
Nuova configurazione dopo il cambio del dispositivo!
Se una cortina di sicurezza con la funzione di arresto di emergenza attivata viene
ATTENZIONE sostituita da un altro dispositivo dovrete ritrasmettere la configurazione al dispositivo. Non
è sufficiente realizzare le connessioni elettriche perché i dispositivi nuovi vengono forniti
con la funzione di arresto di emergenza disattivata.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
81
Installazione elettrica
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.7
Interruttore a chiave per bypass
La funzione di bypass può essere attivata solo come segue:
tramite un pulsante a chiave con riposizionamento automatico e due posizioni
tramite due segnali di ingresso indipendenti l’uno dall’altro, p. es. due pulsanti di
posizione o due segnali di PLC sicuri
L’interruttore a chiave per bypass viene collegato al posto dell’arresto di emergenza e
nelle stesse connessioni dell’arresto di emergenza. Potete impostarlo sia come
equivalente (contatto in apertura/contatto in apertura) oppure come antivalente (contatto
in chiusura/contatto in apertura). Vedi sezione 7.6 “Arresto di emergenza” a pagina 81.
Note
Montate l’interruttore a chiave per bypass in modo che la zona di pericolo sia
perfettamente visibile quando si aziona l’interruttore a chiave.
L’interruttore a chiave per bypass deve avere contatti liberi da potenziale.
Se si collega l’interruttore a chiave per bypass alla C4000 non sarà più possibile
allacciare un arresto di emergenza poiché richiede lo stesso tipo di collegamento.
Con l’ausilio del CDS dovete configurare il tipo di interruttore a chiave per bypass
secondo il tipo scelto (contatto in apertura/contatto in chiusura, contatto in
chiusura/contatto in chiusura).
7.8
Uscite delle barriere optoelettroniche virtuali
I pin 6 e 7 della connessione in cascata del ricevitore sono le uscite per le barriere
optoelettroniche virtuali. Potete mettere a disposizione queste uscite per un PLC.
Fig. 53: collegamento delle
barriere optoelettroniche
virtuali
0 V cc
pin 6
pin 7
0 V cc
Se si collegano le uscite delle barriere optoelettroniche sarà necessario configurarle con
l’aiuto del CDS prima di farle funzionare.
82
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.9
Uscita di segnalazione (ADO)
Il pin 7 del connettore di sistema è un’uscita di segnalazione (ADO). Potete mettere a
disposizione questa uscita per un relè o un PLC.
Fig. 54: collegamento con
uscita di segnalazione
pin 7
0 V cc
Se collegate l’uscita di segnalazione dovete configurarla con l’aiuto del CDS prima di farla
funzionare.
Nuova configurazione dopo il cambio del dispositivo!
Se una cortina di sicurezza in cui è collegata e configurata l’uscita di segnalazione (ADO),
ATTENZIONE viene sostituita da un altro dispositivo, dovrete ritrasmettere la configurazione al
dispositivo. Non è sufficiente realizzare le connessioni elettriche perché i dispositivi nuovi
vengono forniti con l’uscita di segnalazione disattivata.
7.10
Ingresso test (test dell’emettitore)
Fig. 55: connessione del
pulsante per il test
dell’emettitore
pin 3
comando test emettitore,
p.es. con pulsante
24 V cc
Il test dell’emettitore viene eseguito quando l’ingresso per test (pin 3) presenta 0 V.
Per poter utilizzare il pulsante di test dell’emettitore dovete inoltre configurare con l’aiuto
del CDS la funzione di test dell’emettitore.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
83
Installazione elettrica
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
7.11
Pulsante di autoapprendimento a chiave
Fig. 56: collegamento
di un pulsante di
autoapprendimento a chiave
pin 4
pin 6
pulsante di
autoapprendimento
a chiave
Note
Al posto del pulsante di autoapprendimento a chiave è possibile anche collegare un
dispositivo antimanipolazione paragonabile, come p. es. una MMI (man-machineinterface) protetta da password.
Se collegate un pulsante di autoapprendimento a chiave alla C4000 non sarà più
possibile utilizzare la funzione di arresto di emergenza o la funzione di bypass della
C4000.
Assicurate che alla chiave di autoapprendimento possano accedere esclusivamente le
persone autorizzate.
84
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Messa in servizio
Istruzioni d’uso
Capitolo 8
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8
Messa in servizio
Nessuna messa in servizio senza verifica da parte di persona competente!
Prima di mettere in servizio per la prima volta un impianto protetto dalla cortina di
ATTENZIONE sicurezza C4000, l’impianto deve essere controllato e ritenuto idoneo da una persona
competente. Osservate a riguardo le indicazioni del capitolo 2 “Sulla sicurezza” a
pagina 10.
8.1
Sequenza delle visualizzazioni all’accensione
Dopo l’accensione nell’emettitore e nel ricevitore si svolge l’apposito ciclo di accensione. Il
display a 7 segmenti visualizza lo stato del dispositivo durante questo ciclo.
I valori visualizzati hanno il significato seguente:
Tab. 21: visualizzazioni
durante il ciclo di accensione
Visualizzazione
, , , ,
, , ,
Significato
Test del display a 7 segmenti. Tutti i segmenti vengono attivati uno
dopo l’altro.
Circa 0,5 s. Appare soltanto sul ricevitore e soltanto nel
funzionamento ad alto campo di lavoro.
,
oppure
Circa 0,5 s. Funzionamento senza codifica oppure funzionamento
con codifica 1 o 2.
,
oppure
Il dispositivo è pronto al funzionamento. La visualizzazione
appare se durante l’accensione il dispositivo rileva un oggetto nel
campo protetto.
,
oppure
Solo sul ricevitore: l’allineamento ricevitore-emettitore non è
ottimale (vedi “Allineamento di emettitore e ricevitore” più in basso).
Altra
visualizzazione
8012251/TG79/2009-10-07
Anomalia del dispositivo. Vedere “Diagnostica delle anomalie” a
pagina 94.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
85
Messa in servizio
Capitolo 8
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8.2
Allineamento di emettitore e ricevitore
Dopo il montaggio e l’allacciamento della cortina di sicurezza l’emettitore e il ricevitore
devono venire allineati tra di loro. I raggi dell’emettitore devono centrare esattamente il
ricevitore.
Come allineare emettitore e ricevitore tra di loro:
Escludere lo stato pericoloso dell’impianto!
Assicuratevi che lo stato pericoloso dell’impianto sia e resti disattivato! Le uscite della
ATTENZIONE cortina di sicurezza non devono avere nessun effetto sulla macchina durante il processo di
allineamento.
Allentate le viti di arresto che fissano la cortina di sicurezza.
Accendete l’alimentazione elettrica della cortina di sicurezza.
Per una operatività a regola d’arte è importante l’allineamento di tutti gli assi:
Applicate l’AR60 in successione alle due estremità del dispositivo. Il punto laser indica
verso la scritta “Receiver/Sender” del dispositivo di fronte oppure verso il foro del
secondo angolo di fissaggio che è ugualmente da montare sul dispositivo.
Prestate attenzione all’informazione sull’allineamento visualizzata dai 7 segmenti del
ricevitore (vedi Tab. 22). Correggete l’allineamento tra emettitore e ricevitore fino a
quando si spegne il display a 7 segmenti.
Fissate la cortina di sicurezza con le viti di arresto.
Spegnete e riaccendete l’alimentazione elettrica e controllate mediante il display a
7 segmenti se l’allineamento è corretto dopo il fissaggio delle viti di arresto (Tab. 22).
I valori visualizzati hanno il significato seguente:
Tab. 22: valori visualizzati
durante l’allineamento di
emettitore e ricevitore
Visualizzazione
Significato
Il ricevitore non riesce a sincronizzarsi all’emettitore, l’allineamento
è molto impreciso.
Alcuni raggi non centrano ancora il ricevitore.
Tutti i raggi centrano il ricevitore ma l’allineamento non è ancora
ottimale.
oppure
Note
L’allineamento è ora ottimale, il fissaggio dei dispositivi va bloccato
in questa posizione. La visualizzazione appare se il dispositivo ha
rilevato un oggetto nel campo protetto, in caso contrario verrà
visualizzato.
Se l’allineamento ottimale (= nessuna visualizzazione) sussiste oltre 2 minuti senza che
il campo protetto sia stato interrotto il sistema spegne il modo di allineamento.
Se volete in seguito a questo impostare nuovamente l’allineamento spegnete e
riaccendete l’alimentazione elettrica della C4000.
Raccomandazione
86
Per allineare emettitori e ricevitori della C4000 Palletizer servitevi del laser per
allineamento AR60. Per allineare emettitori e ricevitori della C4000 Fusion servitevi del
laser per allineamento integrato.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Messa in servizio
Istruzioni d’uso
Capitolo 8
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8.2.1
Allineamento della C4000 Fusion con il laser per allineamento integrato
La C4000 Fusion contiene un laser collimato interno visibile della classe 1 che offre
supporto durante l’allineamento di emettitori e ricevitori. Il laser per l’allineamento tra
emettitore e ricevitore è alloggiato nell’emettitore. Effettuare le ulteriori impostazioni nel
ricevitore finché il sistema non sarà allineato correttamente.
Il pulsante del sensore per l’attivazione del laser si trova vicino ai LED dell’emettitore della
C4000 Fusion. Toccare il sensore più di 0,25 secondi. Il laser si illuminerà in seguito per
sette (7) minuti. Quando il sensore riverrà toccato si spegnerà il laser.
Fig. 57: laser per
allineamento della
C4000 Fusion
laser per allineamento
LED
ll laser per allineamento della C4000 è classificato come
appartenente alla classe 1. Non sono necessarie ulteriori
misure per schermare la radiazione laser.
L’etichetta di avvertenza laser fa parte delle informazioni
della targhetta sul retro dell’emettitore C4000 Fusion,
posizionata direttamente sul tappo terminale del sistema.
Il presente dispositivo è conforme alla norma CDRH 21 CFR 1040.10 e EN 60 825T1.
Esse richiedono il seguente avvertimento: “Attenzione – L’utilizzo di elementi di comando,
di impostazioni e di tipi di procedimento qui non specificati può comportare un’esplosione
di raggi pericolosa!”
Nota
Il laser viene utilizzato per allineare le ottiche delle singole coppie di emettitore/ricevitore.
Non rivolgere lo sguardo all’oblò del laser!
Il laser per allineamento dell’emettitore della C4000 Fusion appartiene conforme a le
ATTENZIONE norme applicabili alla classe 1 (sicuro per gli occhi). Come per qualsiasi fonte che riflette
energia (p. es. la luce), un’irradiazione diretta prolungata di luce a laser potrebbe
comunque danneggiare la vista.
Insieme ai valori indicati dal display a 7 segmenti, il laser per allineamento vi permette di
registrare e allineare la C4000 Fusion con precisione. Il laser per allineamento va attivato
manualmente.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
87
Capitolo 8
Messa in servizio
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Come allineare la C4000 Fusion con l’aiuto del laser per allineamento integrato:
controllate con una livella ad acqua se i dispositivi sono montati verticalmente oppure
orizzontalmente.
verificate che i punti seguenti abbiano la stessa distanza da terra:
– primo raggio dell’emettitore
– primo raggio del ricevitore
allentate le viti di arresto che fissano l’emettitore e il ricevitore.
attivare il laser per allineamento appoggiando il dito sul laser nell’emettitore.
ruotate l’emettitore finché il raggio di allineamento non colpirà il centro del ricevitore.
prestate attenzione all’informazione sull’allineamento visualizzata dal display a
7 segmenti del ricevitore. L’allineamento ottimale del raggio vicino al display a
7 segmenti è raggiunto quando sul display a 7 segmenti appare o .
quindi fissate l’emettitore e il ricevitore.
8.3
Indicazioni sulla verifica
Le verifiche descritte di seguito servono a confermare i requisiti di sicurezza richiesti dalle
prescrizioni nazionali/internazionali, in particolare i requisiti di sicurezza della Direttiva
Macchine o della Direttiva per gli operatori di attrezzature di lavoro (conformità CE).
Queste verifiche servono anche a rilevare le interferenze sull’effetto di protezione
provocate da fonti di luce indesiderate e da altri fattori ambientali particolari.
Queste verifiche sono quindi da effettuare in qualsiasi caso.
8.3.1
Verifiche preventive alla prima messa in servizio
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione della macchina in tutti i modi operativi
in essa impostabili conforme a la lista di verifica nell’appendice (vedi 14.2 a
pagina 124).
Assicurate che gli operatori della macchina protetta dalla cortina di sicurezza vengano
istruiti da persone competenti del responsabile della sicurezza macchine prima di
iniziare il lavoro. Il responsabile della sicurezza macchine ha la responsabilità di tale
istruzione.
Nell’appendice 14.2 del documento presente è riportata una lista di verifica per il
controllo da parte del costruttore e dell’equipaggiatore. Utilizzate questa lista di verifica
come riferimento per la verifica preventiva alla prima messa in servizio.
8.3.2
Regolarità della verifica del dispositivo di protezione da parte di persone
competenti
Verificate l’impianto in conformità alle prescrizioni nazionali valide e entro i termini
richiesti da esse. Questo serve a scoprire modifiche della macchina o manipolazioni sul
dispositivo di protezione dopo la prima messa in servizio.
Riverificate l’impianto in base alla lista di verifica dell’appendice in seguito a modifiche
importanti su macchina o dispositivo di protezione o in seguito ad un nuovo
equipaggiamento o alla riparazione della cortina di sicurezza.
88
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Messa in servizio
Istruzioni d’uso
Capitolo 8
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8.3.3
Verifiche giornaliere dell’efficacia del dispositivo di protezione
L’efficacia del dispositivo di protezione deve essere verificata quotidianamente e con
l’apposita asta da persone autorizzate e incaricate.
Nota
Orientate il movimento di verifica sempre all’area di pericolo da proteggere e non alla
posizione di montaggio della cortina di sicurezza.
Nessun ulteriore funzionamento se durante la verifica non si illumina l’indicatore
luminoso (LED) rosso!
ATTENZIONE Se durante la verifica non si illumina l’indicatore luminoso rosso non è più permesso
lavorare con la macchina. In tal caso sarà necessario che una persona competente
verifichi il montaggio e la configurazione della cortina di sicurezza (vedere capitolo 6).
Verificare prima dell’interruzione del campo protetto, oppure prima dell’introduzione
dell’asta di verifica, se con il blocco al riavvio interno disattivato si illumina il LED verde,
oppure, se con il blocco al riavvio interno attivato lampeggia il LED giallo (“È necessario
ripristinare”). In caso contrario dovete innanzitutto portarla in questa condizione.
Altrimenti la verifica non è significativa.
Come verificare l’efficacia della cortina di sicurezza montata nelle applicazioni
orizzontali:
Le uscite di comando della cortina di sicurezza devono cadere una volta durante 24
ore, i LED devono quindi passare al rosso. Interrompete a tal fine il campo protetto
avvicinandovi al centro dall’alto, e non dall’area d’ingresso o di uscita. In questo caso
un’accensione breve dei LED rossi indicherà che gli OSSD sono caduti.
Non è necessario verificare i raggi singoli.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
89
Messa in servizio
Capitolo 8
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Come verificare l’efficacia della cortina di sicurezza montata nelle applicazioni
verticali:
Selezionate l’asta di verifica corretta in base alla risoluzione del dispositivo. Attraverso
la configurazione, il sistema può avere una risoluzione effettiva totale o di singole aree
che diverge dalla risoluzione fisica, p. es. in caso di blanking o di risoluzione ridotta. In
tal caso dovete selezionare l’asta di verifica in base alla risoluzione effettiva. La
risoluzione effettiva è descritta nelle singole funzioni del capitolo 4.
Esempio: – Risoluzione fisica di 20 mm
– Funzionamento con risoluzione ridotta di 1 raggio
– Risoluzione effettiva 30 mm
Utilizzate l’asta di verifica per una risoluzione di 30 mm.
Conducete lentamente l’asta di verifica attraverso il campo protetto da verificare, come
indicato da in Fig. 58.
Conducete poi l’asta di verifica lungo i bordi del campo protetto, come indicato da
Fig. 58. Con questo verificate se la protezione per non penetrare con le gambe e le
mani da dietro è ancora garantita (vedere 6.4 “Fasi di montaggio del dispositivo” a
pagina 69).
in
Se utilizzate uno o vari specchi deviatori (p. es. PNS) dovrete condurre lentamente l’asta
di verifica attraverso il campo protetto anche direttamente davanti agli specchi.
Se utilizzate la funzione blanking fisso (vedere capitolo 5.6 “Blanking fisso” a
pagina 53), essa comporterà la suddivisione del campo protetto in varie sottoaree.
Verificate in tal caso tutte le sottoaree del campo protetto.
Nota
Sul ricevitore della C4000 deve essere illuminato esclusivamente il LED rosso in tutte le
verifiche.
Fig. 58: verifica giornaliera
del dispositivo di protezione
90
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Configurazione
Istruzioni d’uso
Capitolo 9
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
9
Configurazione
9.1
Stato di fornitura
La C4000 viene fornita con le configurazioni seguenti:
blocco al riavvio: interno
controllo dei contattori esterni (EDM): disattivato
valutazione multipla: doppia
C4000 Palletizer Standard
rilevamento di merci
dimensioni dell’oggetto: da 500 mm fino alla lunghezza del campo protetto – 150 mm
sorveglianza delle dimensioni di oggetti
campo di lavoro: 0,5–6 m
risoluzione ridotta: 2 raggi
codifica dei raggi: codice 1
C4000 Palletizer Advanced
rilevamento di pallet
– 2–5 oggetti
– dimensioni massime dell’oggetto 240 mm
risoluzione ridotta: 3 raggi
campo di lavoro: 0,5–6 m
codifica dei raggi: codice 1
C4000 Fusion
funzionamento protetto
risoluzione ridotta: nessuno
campo di lavoro: 1,5–6 m
codifica dei raggi: codice 1
Verificare le funzioni configurate prima della messa in servizio!
Verificare se la configurazione delle funzioni fornita corrisponde alle necessità della
ATTENZIONE propria applicazione. Modificare se necessario le funzioni con l’aiuto del CDS.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
91
Capitolo 9
Configurazione
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
9.2
Preparare la configurazione
Preparate la configurazione come segue:
assicuratevi che il montaggio e l’allacciamento elettrico della cortina di sicurezza sia
avvenuto correttamente.
pianificate tutte le impostazioni necessarie (modi operativi, codifica dei raggi,
risoluzione, ecc.).
Per configurare la cortina di sicurezza avete bisogno di:
CDS (Configuration & Diagnostic Software) su CDTROM
manuale per l’utente del CDS su CDTROM
PC/Notebook con Windows 9x/NT 4/2000 Professional/XP/Vista e un’interfaccia
seriale (RST232). PC/Notebook non compreso nella fornitura
cavo di collegamento per collegare PC e C4000 (codice num. SICK 6021195)
Potrebbe essere eventualmente necessario un adattatore da USB a RST232 per il vostro
notebook. È disponibile come accessorio SICK: UCT232 A (codice num. SICK 6035396).
per la configurazione leggete il manuale per l’utente del CDS (Configuration &
Diagnostic Software) e utilizzate la guida in linea del programma.
92
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Cura e manutenzione
Istruzioni d’uso
Capitolo 10
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
10
Cura e manutenzione
La cortina di sicurezza C4000 funziona senza necessità di manutenzione. Il frontalino
della cortina di sicurezza C4000, come un eventuale frontalino supplementare (vedere
“Frontalino supplementare (protezione da spruzzi di saldatura)” a pagina 120) va pulito
regolarmente, e quando si sporca.
Non usare detergenti aggressivi.
Non usare detergenti abrasivi.
Nota
A causa della carica statica rimangono attaccati al frontalino dei granelli di polvere. Potete
attenuare questo effetto utilizzando per la pulizia il detergente antistatico per plastica
della SICK (codice num. SICK 5600006) e il panno SICK per dispositivi ottici (codice num.
4003353).
Come pulire il frontalino e/o il frontalino supplementare (accessori):
togliere la polvere dal frontalino con un pennello pulito e morbido.
passate poi sul frontalino un panno pulito ed umido.
Nota
Verificate dopo la pulizia la posizione di emettitore e ricevitore per assicurare che non si
possa penetrare con le mani al disopra e al disotto del dispositivo di protezione, o con
le gambe da dietro.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 8.3
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 88.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
93
Diagnostica delle anomalie
Capitolo 11
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
11
Diagnostica delle anomalie
Il capitolo presente descrive come riconoscere ed eliminare le anomalie della cortina di
sicurezza.
Raccomandazione
Potete accelerare la diagnostica di alcune anomalie frequenti richiedendo un segnale
tramite l’uscita di segnalazione della cortina di sicurezza quando avviene l’errore. Una
descrizione si trova nel capitolo 4.5 “Uscita di segnalazione (ADO)” a pagina 34.
11.1
Comportamento in caso di anomalia
Nessun funzionamento se non è chiaro come intervenire!
Disattivate la macchina se non riuscite ad attribuire l’anomalia a una causa in modo
ATTENZIONE univoco e se non sapete come eliminarla definitivamente.
Lo stato di funzionamento lockLout
In caso di alcuni errori o di configurazione anomala il sistema può passare allo stato del
sistema di lockTout. In tal caso il display a 7 segmenti della cortina di sicurezza indica ,
, , o . Per rimettere in funzione il dispositivo:
eliminate la causa dell’errore conforme a Tab. 24.
spegnete e riaccendete l’alimentazione elettrica dell C4000 (p. es. disinserendo e
quindi reinserendo il connettore di sistema).
11.2
Supporto SICK
Se non riuscite ad eliminare un’anomalia con l’aiuto delle informazioni del capitolo
presente, vi preghiamo di contattare la vostra sede SICK di riferimento.
94
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Diagnostica delle anomalie
Capitolo 11
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
11.3
Visualizzazione di anomalie dei LED di diagnostica
Il capitolo presente spiega cosa significano le visualizzazioni delle anomalie dei LED e
come potete reagire ad esse. Per una descrizione dei LED consultate il capitolo 3.3
“Elementi di visualizzazione” a pagina 25.
Tab. 23: visualizzazioni delle
anomalie dai LED
Visualizzazione
Arancione
LED del ricevitore
acceso
Causa possibile
Il segnale è
debole
Come eliminare l’errore
Verificate l’allineamento
dell’emettitore e del ricevitore.
Controllate se i frontalini sono
sporchi e puliteli se
necessario.
LED del ricevitore
lampeggia
Ripristino
necessario
Azionate il pulsante di
ripristino.
Giallo
LED
dell’emettitore
non è acceso
Verificare l’alimentazione di
tensione e, accendetela se
necessario.
Rosso e
Verde
Non è acceso né
il LED rosso né il
LED verde del
ricevitore
La tensione di
esercizio non
c’è o è troppo
bassa
Giallo
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
95
Diagnostica delle anomalie
Capitolo 11
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
11.4
Visualizzazione delle anomalie con display a
7 segmenti
Il capitolo presente spiega cosa significano le anomalie indicate dal display a 7 segmenti e
come potete reagire ad esse. Trovate la descrizione del display a 7 segmenti nella
sezione 3.3 “Elementi di visualizzazione” a pagina 25.
Tab. 24: visualizzazione
delle anomalie con
display a 7 segmenti
Visualizzazione
,
oppure
Causa possibile
Allineamento
insufficiente
Come eliminare l’errore
Riallineate l’emettitore e il ricevitore (vedere
pagina 86).
La visualizzazione si spegne dopo 2 minuti.
Configurazione
non terminata
La visualizzazione scompare automaticamente
se la configurazione è stata trasmessa con
successo.
Se non scompare la visualizzazione
:
Verificate la configurazione del sistema con
l’aiuto del CDS (Configuration & Diagnostic
Software).
Ritrasmettete la configurazione corretta al
sistema.
oppure
Errore del
controllo dei
contattori esterni
Verificate i contattori e il loro cablaggio ed
eliminate l’eventuale errore di cablaggio.
Errore del
pulsante di
ripristino o
nel suo
azionamento
Verificare che il pulsante di ripristino funzioni.
È probabile che il pulsante sia difettoso o
incollato.
Se viene visualizzato
spegnete e
riaccendete il dispositivo.
Verificare se è stato premuto il pulsante di
ripristino prima che il ripristino fosse
necessario.
Controllare se il cablaggio del pulsante di
ripristino presenta un corto circuito verso 24 V.
96
La configurazione
del dispositivo di
comando (p. es.
UE402) collegato
non è corretta
Configurate il dispositivo di comando collegato
con l’aiuto del CDS.
Sono configurati
vari modi
operativi ma
nessuno è
selezionato
Verificate la connessione e la funzione del
selettore dei modi operativi.
Sono selezionati
contemporaneam
ente vari modi
operativi
Verificate la connessione e la funzione del
selettore dei modi operativi.
Verificate i collegamenti tra la C4000 e il
dispositivo di comando.
Verificate il collegamento del selettore dei
modi operativi con il dispositivo di comando.
Verificate se il collegamento del selettore dei
modi operativi con il dispositivo di comando
presenta un corto circuito.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Diagnostica delle anomalie
Capitolo 11
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Visualizzazione
Causa possibile
Come eliminare l’errore
È selezionato un
modo operativo
non configurato
Configurate il modo operativo impostato con il
selettore dei modi operativi, oppure, assicurate
che questo modo operativo non sia
selezionabile.
L’interruttore a
chiave per bypass
è difettoso o la
configurazione
non valida
Verificate se la configurazione dell’interruttore
a chiave per bypass nel CDS corrisponde al
collegamento elettrico.
Verificate che l’interruttore a chiave per bypass
funzioni e sostituitelo se necessario.
Assicurate che tutti e due i contatti
dell’interruttore a chiave per bypass vengano
premuti entro 2 secondi.
!
Corto circuito del
selettore dei modi
operativi
Controllate se gli ingressi dei modi operativi del
dispositivo di comando collegato presentano
un corto circuito verso 24 V.
Errore di sistema
Fate cambiare l’unità (emettitore o ricevitore).
Il dispositivo di
comando
collegato (p. es.
UE402) è
difettoso
Interrompete la tensione di alimentazione della
C4000 e del dispositivo di comando per
minimo 3 secondi.
Se il problema continua a sussistere sostituite
il dispositivo di comando.
Sovracorrente
all’uscita di
comando 1
Corto circuito
all’uscita di
comando 1
"
!
Corto circuito
all’uscita di
comando 1
Sovracorrente
all’uscita di
comando 2
Controllate il contattore. Sostituirlo se
necessario.
Controllate se il cablaggio presenta un corto
circuito.
Corto circuito
all’uscita di
comando 2
Corto circuito
all’uscita di
comando 2
Corto circuito tra
uscita di
comando 1 e 2
8012251/TG79/2009-10-07
Controllate il cablaggio ed eliminate il guasto.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
97
Capitolo 11
Diagnostica delle anomalie
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Visualizzazione
"
Causa possibile
Come eliminare l’errore
Errore del
pulsante di
arresto di
emergenza o
dell’interruttore a
chiave per bypass
Verificate se la configurazione del CDS per il
pulsante di arresto di emergenza oppure per
l’interruttore a chiave per bypass corrisponde
al collegamento elettrico.
Configurazione
non valida del
controllo dei
contattori esterni
Verificate che il controllo dei contattori esterni
da parte della macchina sia collegato.
Riconoscimento
di emettitore
esterno
Verificate la distanza minima da superfici
riflettenti (vedere pagina 68)/da altre cortine di
sicurezza.
Verificate che il pulsante di arresto di
emergenza oppure l’interruttore a chiave per
bypass sia funzionante.
Configurate eventualmente il dispositivo con
un un’altra codifica dei raggi (vedi pagina 36) o
montate delle pareti di separazione non
riflettenti.
#
11.5
Tensione di
alimentazione
troppo bassa
Controllate la tensione di alimentazione e
l’alimentatore. Cambiate gli eventuali
componenti difettosi.
Errore di un
dispositivo
collegato tramite
EFI
Eseguite una diagnostica delle anomalie del
dispositivo collegato all’C4000.
Diagnostica ampliata
Il Software CDS (Configuration & Diagnostic Software) fornito insieme al prodotto contiene
delle possibilità di diagnostica ampliate. Vi permette di determinare un problema quando
non si riesce ad inquadrare il tipo di errore o in caso di problema di disponibilità. Trovate
delle informazioni dettagliate …
nella guida in linea del CDS
nel manuale per l’utente del CDS.
98
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12
Dati tecnici
12.1
Scheda tecnica
Tab. 25: scheda tecnica
C4000
Minimo
Tipico
Massimo
Dati generali del sistema
Lunghezza del campo protetto,
in base al tipo
300 mm fino a 1800 mm
Risoluzione, in base al tipo
20 mm, 30 mm o 40 mm
Larghezza del campo protetto
C4000 Fusion
C4000 Palletizer
1,5–21 m
0,5 –6 m
0,5–7 m
Classe di protezione
13)
(EN 50 178)
III
Grado di protezione
IP 65 (EN 60 529)
Tensione di alimentazione UV
14)
del dispositivo
19,2 V
Ondulazione residua
12)
24 V
15)
28,8 V
± 10 %
Sincronizzazione
Ottica, senza sincronizzazione separata
Tipo
Tipo 4 (DIN EN 61 496T1)
Categoria
Categoria 4 (EN ISO 13 849T1)
17)
Categoria 4 (EN 954T1 )
18)
Performance Level
Livello di integrità di sicurezza
SIL3 (IEC 61 508)
SILCL3 (EN 62 061)
–8
PFHd (probabilità media di un
malfunzionamento pericoloso
all’ora)
1,50 × 10
TM (durata di utilizzo)
20 anni (EN ISO 13 849)
12)
13)
14)
15)
16)
17)
18)
16)
PL e (EN ISO 13 849T1)
18)
Tempo di accensione dopo aver
applicato la tensione di
alimentazione all’emettitore e
ricevitore
8012251/TG79/2009-10-07
12)
1,5–19 m
8s
Se utilizzate questa larghezza del campo protetto aspettatevi che il LED arancione si illumini (è necessaria la
pulizia o l’allineamento). Il sistema avrà comunque ancora una riserva del 30 %.
Protezione a bassa tensione SELV/PELV.
Per rispondere ai requisiti delle norme di prodotto in materia (p.es. DIN EN 61 496T1), l’alimentazione di
tensione esterna dei dispositivi (SELV) deve poter compensare una breve mancanza di rete di 20 ms come
richiesto da EN 60 204T1.
Entro i limiti di UV.
Durante l’accensione con l’aiuto del primo o dell’ultimo raggio, dopodiché con un altro qualsiasi.
Per la presunta conformità valida ancora solo fino al 28/12/2009. In seguito potrà essere impiegata soltanto
la versione successiva EN ISO 13 849T1.
Per informazioni più dettagliate sull’impostazione esatta della vostra macchina, o del vostro impianto,
preghiamo di contattare la vostra sede SICK di riferimento.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
99
Capitolo 12
Dati tecnici
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Minimo
Tipico
Massimo
Emettitore
Ingresso test
Tensione d’ingresso
(attiva)
19)
HIGH
Corrente d’ingresso HIGH
11 V
24 V
30 V
7 mA
10 mA
20 mA
0V
5V
0 mA
0,5 mA
Tensione di commutazione LOW –30 V
(inattiva)
Corrente d’ingresso LOW
19)
Tempo di reazione al test
–3,5 mA
Dipende dal numero di raggi, al massimo 150 ms
Lunghezza d’onda emettitore
950 nm
Assorbimento
Laser di aiuto per l’allineamento
Classe 1 conforme a EN 60 825T1 e
21 CFR 1040.10 e 1040.11 eccetto le divergenze
conforme alla Laser Notice No. 50, June 24, 2007,
potenza di uscita ottica 390 µW CW
tipica = 650 nm
Peso
Dipende dalla lunghezza del campo protetto (vedi
pagina 107)
19)
100
1A
Conforme a IEC 61 131T2.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Minimo
Tipico
Massimo
Ricevitore
Uscite di comando (OSSD)
2 semiconduttori PNP, protetti da corto
20)
circuiti , e con controllo di corto trasversale fra
le stesse
Tempo di risposta
Vedere sezione 12.2 a pagina104
Tempo di spegnimento
100 ms
Tempo di spegnimento con
configurazione di blanking
dinamico con
autoapprendimento
1000 ms
Tempo di accensione
1,5 × tempo di
risposta
21) 22)
UV – 2,25 V
24 V
UV
Tensione di commutazione
LOW (inattiva)
21)
0V
0V
3,5 V
Corrente di commutazione
0 mA
Tensione di commutazione
HIGH (attiva, Ueff)
Corrente di fuga
500 mA
23)
0,25 mA
2,2 µF
Carico capacitivo
Sequenza di commutazione
Carico induttivo
Dipende dal carico induttivo
24)
2,2 H
25)
Dati di impulsi test
Ampiezza impulsi di test
Frequenza degli impulsi di test
120 µs
1
3 /s
150 µs
1
5 /s
300 µs
1
10 /s
Resistenza di cavo permessa
Tra dispositivo e carico
26)
2,5
Cavo di alimentazione
Assorbimento
20)
21)
22)
23)
24)
25)
26)
8012251/TG79/2009-10-07
1
0,6 A
1,8 A (<50 ms)
Vale per tensioni in aree tra –30 V e +30 V.
Conforme a IEC 61 131T2.
Nel connettore del dispositivo.
In caso di errore (interruzione del cavo 0 V) scorrerà al massimo la corrente di fuga nel cavo OSSD.
L’elemento di comando collegatogli deve riconoscere questo stato LOW. Un FPLC (fail-safe programmable
logic controller) deve riconoscere questo stato.
Se la sequenza di commutazione è minima l’induttività max. di carico ammessa è maggiore.
Le uscite in stato attivo vengono controllate ciclicamente (commutazione LOW breve). Selezionando gli
elementi di comando da connettere, dovete assicurarvi che gli impulsi di test con i parametri sopraindicati
non provochino una disattivazione.
Limitate a questo valore la singola tensione del filo conduttore verso il dispositivo collegato. Viene così
riconosciuto in modo sicuro un corto trasversale tra le uscite. (osservate inoltre l’EN 60 204 Equipaggiamenti
Elettrici per Macchine, parte 1: Requisiti generali).
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
101
Capitolo 12
Dati tecnici
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Minimo
Tipico
Massimo
Contattori
Tempo di disattivazione
permesso
300 ms
Tempo di chiusura permesso
300 ms
Ingresso controllo dei contattori
esterni (EDM)
27)
11 V
24 V
30 V
6 mA
10 mA
20 mA
–30 V
0V
5V
–2,5 mA
0 mA
0,5 mA
11 V
24 V
30 V
6 mA
10 mA
20 mA
–30 V
0V
5V
Corrente d’ingresso LOW
–2,5 mA
0 mA
0,5 mA
Tempo di azionamento del
dispositivo di azionamento
50 ms
Tensione d’ingresso
(inattiva)
HIGH
Corrente d’ingresso HIGH
27)
Tensione d’ingresso
(attiva)
LOW
Corrente d’ingresso LOW
Ingresso dispositivi di
azionamento (pulsante di
ripristino)
27)
Tensione d’ingresso
(attiva)
HIGH
Corrente d’ingresso HIGH
27)
Tensione d’ingresso
(inattiva)
LOW
Uscita Ripristino necessario
(uscita lampada di 24 V)
Tensione di commutazione
HIGH (attiva)
4 W/0,2 A
15 V
Tensione di commutazione LOW
(inattiva)
27)
102
24 V
28,8 V
con alta
resistenza
elettrica
Conforme a IEC 61 131T2.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Minimo
Tipico
Massimo
Uscita di segnalazione (ADO)
Tensione di commutazione
HIGH (attiva)
15 V
Tensione di commutazione LOW
(inattiva)
Corrente di commutazione
24 V
28,8 V
con alta
resistenza
elettrica
0 mA
100 mA
Uscite delle barriere
optoelettroniche virtuali
Tensione di commutazione
HIGH (attiva)
15 V
Tensione di commutazione LOW
(inattiva)
Corrente di commutazione
24 V
28,8 V
con alta
resistenza
elettrica
0 mA
100 mA
Arresto di emergenza/bypass
Tempo di commutazione
2s
Tempo di latenza
200 ms
Resistenza del cavo
30
Capacità del cavo
10 nF
Ingresso autoapprendimento
Tensione d’ingresso HIGH
(attivo)
13,5 V
24 V
30 V
Corrente d’ingresso HIGH
1,5 mA
2 mA
2,5 mA
Tensione d’ingresso LOW
–0,5 V
0V
5V
Corrente d’ingresso LOW
0 mA
0 mA
0,4 mA
Tempo di azionamento del
pulsante di autoapprendimento
a chiave
100 ms
Peso
Dipende dalla lunghezza del campo protetto (vedi
pagina 107)
Dati di esercizio
Connessione
Lunghezza cavo
Spina Hirschmann M26 × 11 + TF
28)
50 m
Sezione del conduttore
Temperatura di funzionamento
0 °C
+55 °C
Umidità dell’aria (senza condensa)
15 %
95 %
Temperatura di
immagazzinamento
–25°C
+70 °C
Dimensioni del involucro
40 mm × 48 mm
Limite di fatica
5 g, 10–55 Hz (EN 60 068T2T6)
Resistenza agli urti
10 g, 16 ms (EN 60 068T2T29)
28)
8012251/TG79/2009-10-07
0,75 mm²
Dipende dal carico, dall’alimentatore e sezione cavo. I dati tecnici indicati devono essere rispettati.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
103
Dati tecnici
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.2
Tempo di risposta
Il tempo di risposta dipende dai parametri seguenti:
numero di raggi
codifica dei raggi
valutazione multipla
Come rilevare il tempo di risposta:
leggete in proposito dalla targhetta, i tempi di risposta della C4000. Fate attenzione a
come è messo in funzione il sistema, se con o senza codifica di raggi.
Nota
Se state ancora progettando l’applicazione, e non avete ancora a disposizione i dispositivi,
potete determinare il tempo di risposta con l’ausilio delle Tab. 26 e Tab. 27.
Dedurre il numero di raggi da Tab. 26.
Dedurre poi il tempo di risposta da Tab. 27.
Tab. 26: numero di raggi a
seconda della lunghezza del
campo protetto e della
risoluzione fisica
Altezza del campo protetto
[mm]
Numero di raggi
20 mm
30 mm
40 mm
300
30
15
10
450
45
23
15
600
60
30
20
750
75
38
25
900
90
45
30
1050
105
53
35
1200
120
60
40
1350
135
68
45
1500
150
75
50
1650
165
83
55
1800
180
90
60
Dedurre il tempo di risposta dalla Tab. 27 a pagina 105.
104
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Tab. 27: tempo di risposta a
seconda del numero di raggi
e della valutazione multipla
selezionata
Valutazione multipla
Semplice
Tripla
Quadrupla
Applicazione
Numero
di raggi
Verticale
Orizzontale
Verticale
Orizzontale
Verticale
Verticale
10
10 ms
12 ms
16 ms
18 ms
21 ms
26 ms
15
11 ms
14 ms
17 ms
20 ms
23 ms
29 ms
20
12 ms
15 ms
19 ms
22 ms
25 ms
31 ms
23
13 ms
16 ms
20 ms
23 ms
26 ms
33 ms
25
13 ms
17 ms
20 ms
23 ms
27 ms
34 ms
30
14 ms
18 ms
22 ms
25 ms
29 ms
36 ms
35
15 ms
20 ms
23 ms
27 ms
31 ms
38 ms
38
16 ms
21 ms
24 ms
29 ms
32 ms
40 ms
40
16 ms
21 ms
25 ms
29 ms
33 ms
41 ms
45
17 ms
23 ms
26 ms
31 ms
35 ms
43 ms
50
18 ms
24 ms
27 ms
33 ms
37 ms
46 ms
53
19 ms
25 ms
28 ms
34 ms
38 ms
47 ms
55
19 ms
26 ms
29 ms
35 ms
39 ms
48 ms
60
20 ms
27 ms
30 ms
37 ms
41 ms
51 ms
68
22 ms
29 ms
33 ms
40 ms
44 ms
55 ms
75
23 ms
31 ms
35 ms
43 ms
46 ms
58 ms
80
24 ms
33 ms
36 ms
45 ms
48 ms
61 ms
83
25 ms
34 ms
37 ms
46 ms
50 ms
62 ms
90
26 ms
36 ms
39 ms
49 ms
52 ms
65 ms
100
28 ms
39 ms
42 ms
53 ms
56 ms
70 ms
105
29 ms
40 ms
44 ms
55 ms
58 ms
73 ms
120
32 ms
45 ms
48 ms
61 ms
64 ms
80 ms
135
35 ms
49 ms
52 ms
67 ms
70 ms
87 ms
140
36 ms
51 ms
54 ms
69 ms
72 ms
90 ms
150
38 ms
54 ms
57 ms
72 ms
76 ms
95 ms
160
40 ms
56 ms
60 ms
76 ms
80 ms
100 ms
165
41 ms
58 ms
61 ms
78 ms
82 ms
102 ms
180
44 ms
62 ms
66 ms
84 ms
88 ms
29)
8012251/TG79/2009-10-07
Doppia
29)
110 ms
Consentito solo per l’impiego orizzontale. Un impiego diverso non è consentito conforme a DIN EN 61 496.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
105
Dati tecnici
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.3
Tolleranze
12.3.1
Tolleranze di dimensioni e distanze
La tabella indica con quale modifica di dimensione di un oggetto, oppure con quale
modifica della distanza tra due oggetti la C4000 passa sicuramente al rosso.
La tabella indica anche fino a che modifica di dimensione di un oggetto, oppure fino a
quale modifica della distanza tra due oggetti la C4000 rimane sicuramente impostata sul
verde.
Tab. 28: tolleranze di
dimensioni e distanze
Tolleranze di dimensioni e distanze
[mm]
Risoluzione ridotta
Nota
Fusion
risoluzione 20 mm
Palletizer Advanced
risoluzione 30 mm
Palletizer Standard
risoluzione 40 mm
[raggi]
Verde
Rosso
Verde
Rosso
Verde
Rosso
0
20
39
40
69
60
99
1
40
59
80
109
120
159
2
60
79
120
149
180
219
3
80
99
160
189
–
–
4
100
119
–
–
–
–
5
120
139
–
–
–
–
Le tolleranze vanno intese come bande di tolleranza intorno a cui è consentito modificare
le dimensioni o la distanza. La modifica delle dimensioni o della distanza può essere
negativa o positiva ma mai superare il limite di tolleranza complessivo.
Esempio:
Con una tolleranza di 20 mm (C4000 Fusion con risoluzione di 20 mm, senza risoluzione
ridotta) si hanno le possibilità seguenti:
se le dimensioni cambiano di +10 mm potranno cambiare anche di –10 mm.
se le dimensioni cambiano di +20 mm non possono più cambiare negativamente.
se le dimensioni cambiano di T20 mm non possono più cambiare positivamente.
106
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Tab. 29: peso di emettitore e
ricevitore
8012251/TG79/2009-10-07
12.4
Tabella dei pesi
12.4.1
C4000
Lunghezza del campo protetto
[mm]
Peso [g]
Emettitore
Ricevitore
300
820
850
450
1100
1130
600
1390
1420
750
1670
1700
900
1960
1990
1050
2250
2280
1200
2530
2560
1350
2820
2850
1500
3110
3140
1650
3390
3420
1800
3680
3710
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
107
Dati tecnici
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.5
Disegni quotati
12.5.1
C4000 senza connessione in cascata
Fig. 59: disegno quotato
C4000 senza connessione
in cascata, emettitore (mm).
Ricevitore in simmetria
40
48
22,4
20
2,2
1
3,5
10
14
6
10,5
spina in conformità a DIN 43 651
(M26 × 11 + TF)
Tab. 30: dimensioni in
funzione della lunghezza del
campo protetto, oppure
dell’altezza del campo
protetto, C4000 senza
connessione in cascata
108
65
100
circa 140 (zona di innesto)
75
circa 100 (zona di innesto)
36,2
56,3
74
L2
A
L1
S
scanalatura
tassello per
montaggio su
guida laterale
connettori M26 × 11 + TF con contatti crimp
Lunghezza del campo
Misura L1
Misura L2
Misura A
protetto S [mm]
[mm]
[mm]
[mm]
300
381
427
224
450
532
578
374
600
682
728
524
750
833
879
674
900
984
1030
824
1050
1134
1180
974
1200
1283
1329
1124
1350
1435
1481
1274
1500
1586
1632
1424
1650
1736
1782
1574
1800
1887
1933
1724
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
presa in conformità a DIN 43 651 (M26 × 11 + TF)
40
20
1
3,5
46,5
14
6
48
2,2
22,4
10,5
scanalatura
tassello per
montaggio su
guida laterale
65
100
circa 140 (zona di innesto)
75
circa 100 (zona di innesto)
A
74
56,3
8012251/TG79/2009-10-07
cavo con spina
M26 × 11 + TF
con contatti
crimp
S
L2
L1
36,2
spina in conformità a
DIN 43 651 (M26 × 11 + TF)
Tab. 31: dimensioni in
funzione della lunghezza del
campo protetto, oppure
dell’altezza del campo
protetto, C4000 con
connessione in cascata
110
Fig. 60: disegno quotato
C4000 con connessione in
cascata, emettitore (mm).
Ricevitore in simmetria
C4000 con connessione in cascata
circa 150 (zona di innesto)
12.5.2
connettori M26 × 11 + TF con contatti crimp
Lunghezza o altezza
Misura L1
Misura L2
Misura A
del campo protetto S
[mm]
[mm]
[mm]
[mm]
300
381
464
224
450
532
614
374
600
682
765
524
750
833
915
674
900
984
1066
824
1050
1134
1216
974
1200
1283
1366
1124
1350
1435
1517
1274
1500
1586
1669
1424
1650
1736
1818
1574
1800
1887
1969
1724
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
109
Dati tecnici
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.5.3
Supporto Swivel Mount
Fig. 61: disegno quotato del
supporto Swivel Mount (mm)
3,8
44,4
13
8
44
30,6
75
42
codice num. 2019659
12.5.4
Supporto su guide laterali
Fig. 62: disegno quotato del
supporto su guide laterali
(mm)
19
18
50
15
9
5,5
34,5
6
codice num. 2019506
110
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.5.5
Piedistallo
40
Fig. 63: disegno quotato del
piedistallo (mm)
80
110
780
80
80
25
50
519
594
30
40
40
vite di fissaggio
per M10 non
inclusa nella
fornitura
800
15
circa
80
430
500
circa 80
70
45°
codice num. 2041661
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
111
Dati tecnici
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.5.6
Specchio deviatore PNS75
13,3
Fig. 64: disegno quotato di
specchio deviatore PNS75
(mm)
35
±60°
L3
10,5
A
73
L2
S
L1
4,5
6,5
2,5
fissaggion con
supporto Swivel Mount
scanalatura tassello per
montaggio su guida laterale
50
114
Tab. 32: misure dello
specchio deviatore PNS75 a
seconda dell’altezza dello
specchio
Nota
Altezza dello
specchio S [mm]
Misura L1
[mm]
Misura L2
[mm]
Misura L3
[mm]
Misura A
[mm]
340
372
396
460
440
490
522
546
610
590
640
672
696
760
740
790
822
846
910
890
940
972
996
1060
1040
1090
1122
1146
1210
1190
1240
1272
1296
1360
1340
1390
1422
1446
1510
1490
1540
1572
1596
1660
1640
1690
1722
1746
1810
1790
1840
1872
1896
1960
1940
Se impiegate degli specchi deviatori il campo di lavoro utile si riduce (vedi Tab. 10 a
pagina 37).
Non usate degli specchi deviatori se è prevedibile la formazione di gocce o che gli
specchi si possano sporcare molto!
ATTENZIONE La formazione di gocce o una forte presenza di sporco possono interferire sul
comportamento di riflessione. La funzione di protezione dell’impianto viene influenzata e
resa quindi insicura. In questo caso l’operatore è esposto ad un pericolo.
112
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Dati tecnici
Istruzioni d’uso
Capitolo 12
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
12.5.7
13,3
Fig. 65: disegno quotato di
specchio deviatore PNS125
(mm)
Specchio deviatore PNS125
35
±60°
fissaggion con
supporto Swivel Mount
L3
10,5
A
123
L2
S
L1
4,5
2,5
6,5
scanalatura tassello per
montaggio su guida laterale
50
50
50
164
Tab. 33: misure dello
specchio deviatore PNS125 a
seconda dell’altezza dello
specchio
Nota
Altezza dello
specchio S [mm]
Misura L1
[mm]
Misura L2
[mm]
Misura L3
[mm]
Misura A
[mm]
340
372
396
460
440
490
522
546
610
590
640
672
696
760
740
790
822
846
910
890
940
972
996
1060
1040
1090
1122
1146
1210
1190
1240
1272
1296
1360
1340
1390
1422
1446
1510
1490
1540
1572
1596
1660
1640
1690
1722
1746
1810
1790
1840
1872
1896
1960
1940
Se impiegate degli specchi deviatori il campo di lavoro utile si riduce (vedi Tab. 10 a
pagina 37).
Non usate degli specchi deviatori se è prevedibile la formazione di gocce o che gli
specchi si possano sporcare molto!
ATTENZIONE La formazione di gocce o una forte presenza di sporco possono interferire sul
comportamento di riflessione. La funzione di protezione dell’impianto viene influenzata e
resa quindi insicura. In questo caso l’operatore è esposto ad un pericolo.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
113
Capitolo 13
Dati di ordinazione
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13
Dati di ordinazione
13.1
Dotazione della fornitura
Dotazione di fornitura relativa all’emettitore
emettitore
Dotazione di fornitura relativa al ricevitore
Ricevitore
8 tasselli per supporto su guida laterale
asta di verifica con diametro in base alla risoluzione fisica della cortina di sicurezza
adesivi “Indicazioni importanti”
istruzioni d’uso su CDTROM
CDS (Configuration & Diagnostic Software) su CDTROM
114
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati di ordinazione
Capitolo 13
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Tab. 34: codici numerici
C4000 Palletizer Standard
senza connessione in
cascata
13.2
Sistemi C4000
13.2.1
C4000 Palletizer Standard senza connessione in cascata
Lunghezza del
campo protetto
[mm]
Codici numerici per risoluzione
40 mm
1043445
750
(C40S-0704CD010)
1043171
(C40E-0704FP010)
1043446
900
(C40S-0904CD010)
1043172
(C40E-0904FP010)
1043447
1050
(C40S-1004CD010)
1043173
(C40E-1004FP010)
1043448
1200
(C40S-1204CD010)
1043174
(C40E-1204FP010)
1043449
1350
(C40S-1304CD010)
1043175
(C40E-1304FP010)
1043450
1500
(C40S-1504CD010)
1043176
(C40E-1504FP010)
1043451
1650
(C40S-1604CD010)
1043177
(C40E-1604FP010)
1043452
1800
(C40S-1804CD010)
1043178
(C40E-1804FP010)
Ulteriori sistemi a richiesta.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
115
Dati di ordinazione
Capitolo 13
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.2.2
Tab. 35: codici numerici
C4000 Palletizer Advanced
senza connessione in
cascata
C4000 Palletizer Advanced senza connessione in cascata
Lunghezza del
campo protetto
Codici numerici per risoluzione
30 mm
[mm]
1041900
750
(C40S-0703CD010)
1043155
(C40E-0703FK010)
1041901
900
(C40S-0903CD010)
1043156
(C40E-0903FK010)
1041902
1050
(C40S-1003CD010)
1043157
(C40E-1003FK010)
1041903
1200
(C40S-1203CD010)
1043158
(C40E-1203FK010)
1041904
1350
(C40S-1303CD010)
1043159
(C40E-1303FK010)
1041905
1500
(C40S-1503CD010)
1043160
(C40E-1503FK010)
1041907
1650
(C40S-1603CD010)
1043161
(C40E-1603FK010)
1041908
1800
(C40S-1803CD010)
1043162
(C40E-1803FK010)
Ulteriori sistemi a richiesta.
116
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati di ordinazione
Capitolo 13
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.2.3
Tab. 36: codici numerici
C4000 Palletizer Advanced
con connessione in cascata
al ricevitore
C4000 Palletizer Advanced con connessione in cascata al ricevitore
Lunghezza del
campo protetto
[mm]
Codici numerici per risoluzione
30 mm
1041900
750
(C40S-0703CD010)
1043220
(C40E-0703GK010)
1041901
900
(C40S-0903CD010)
1043179
(C40E-0903GK010)
1041902
1050
(C40S-1003CD010)
1043180
(C40E-1003GK010)
1041903
1200
(C40S-1203CD010)
1043221
(C40E-1203GK010)
1041904
1350
(C40S-1303CD010)
1043181
(C40E-1303GK010)
1041905
1500
(C40S-1503CD010)
1043222
(C40E-1503GK010)
1041907
1650
(C40S-1603CD010)
1043223
(C40E-1603GK010)
1041908
1800
(C40S-1803CD010)
1043182
(C40E-1803GK010)
Ulteriori sistemi a richiesta.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
117
Dati di ordinazione
Capitolo 13
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.2.4
Tab. 37: codici numerici
C4000 Fusion senza
connessione in cascata
C4000 Fusion senza connessione in cascata
Lunghezza del
campo protetto
Codici numerici per risoluzione
20 mm
[mm]
1043224
300
(C40S-0302FY010)
1043225
(C40E-0302FY010)
1043226
450
(C40S-0402FY010)
1043227
(C40E-0402FY010)
1043228
600
(C40S-0602FY010)
1043229
(C40E-0602FY010)
1043183
750
(C40S-0702FY010)
1043184
(C40E-0702FY010)
1043185
900
(C40S-0902FY010)
1043186
(C40E-0902FY010)
1043187
1050
(C40S-1002FY010)
1043189
(C40E-1002FY010)
1043190
1200
(C40S-1202FY010)
1043191
(C40E-1202FY010)
1043192
1350
(C40S-1302FY010)
1043193
(C40E-1302FY010)
1043194
1500
(C40S-1502FY010)
1043195
(C40E-1502FY010)
1043196
1650
(C40S-1602FY010)
1043197
(C40E-1602FY010)
1043198
1800
(C40S-1802FY010)
1043199
(C40E-1802FY010)
Ulteriori sistemi a richiesta.
118
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati di ordinazione
Capitolo 13
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.2.5
Tab. 38: codici numerici
C4000 Fusion con
connessione in cascata
al ricevitore
C4000 Fusion con connessione in cascata al ricevitore
Lunghezza del
campo protetto
[mm]
Codici numerici per risoluzione
20 mm
1043224
300
(C40S-0302FY010)
1043239
(C40E-0302GY010)
1043226
450
(C40S-0402FY010)
1043240
(C40E-0402GY010)
1043228
600
(C40S-0602FY010)
1043241
(C40E-0602GY010)
1043183
750
(C40S-0702FY010)
1043242
(C40E-0702GY010)
1043185
900
(C40S-0902FY010)
1043243
(C40E-0902GY010)
1043187
1050
(C40S-1002FY010)
1043244
(C40E-1002GY010)
1043190
1200
(C40S-1202FY010)
1043245
(C40E-1202GY010)
1043192
1350
(C40S-1302FY010)
1043246
(C40E-1302GY010)
1043194
1500
(C40S-1502FY010)
1043247
(C40E-1502GY010)
1043196
1650
(C40S-1602FY010)
1043248
(C40E-1602GY010)
1043198
1800
(C40S-1802FY010)
1043249
(C40E-1802GY010)
Ulteriori sistemi a richiesta.
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
119
Dati di ordinazione
Capitolo 13
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.3
Note
Frontalino supplementare (protezione da spruzzi di
saldatura)
Per ogni codice numerico vengono forniti due frontalini supplementari (protezione da
spruzzi di saldatura).
Il frontalino supplementare si adatta sia all’emettitore che al ricevitore.
Il frontalino supplementare va utilizzato soltanto se il lato bombato del involucro rimane
accessibile.
Un frontalino supplementare riduce il campo di lavoro del sistema dell 8 %. Se un
frontalino supplementare è utilizzato dall’proiettore e da ricevitore, il campo di lavoro si
riduce del 16 %.
Tab. 39: codici numerici
frontalino supplementare
(protezione da spruzzi di
saldatura)
Tab. 40: codici numerici
specchio deviatore PNS75
Altezza del campo
Codice numerico
Altezza del campo
protetto [mm]
Codice numerico
protetto [mm]
300
2022412
1200
2022418
450
2022413
1350
2022419
600
2022414
1500
2022420
750
2022415
1650
2022421
900
2022416
1800
2022422
1050
2022417
13.4
Specchi deviatori
13.4.1
Specchi deviatori PNS75 per larghezza del campo protetto 0 … 12 m
(complessivo)
Altezza del campo protetto
Codice modello
Codice numerico
300
PNS75-034
1019414
450
PNS75-049
1019415
600
PNS75-064
1019416
750
PNS75-079
1019417
900
PNS75-094
1019418
1050
PNS75-109
1019419
1200
PNS75-124
1019420
1350
PNS75-139
1019421
1500
PNS75-154
1019422
1650
PNS75-169
1019423
1800
PNS75-184
1019424
[mm]
Vedi disegno quotato di Fig. 64 a pagina 112. Per l’effetto sul campo di lavoro vedere
Tab. 10 a pagina 37.
120
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Dati di ordinazione
Capitolo 13
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
13.4.2
Tab. 41: codici numerici
specchio deviatore PNS125
Specchi deviatori PNS125 per larghezza del campo protetto
4 … 18,5 m (complessivo)
Altezza del campo protetto
Codice modello
Codice numerico
300
PNS125-034
1019425
450
PNS125-049
1019426
600
PNS125-064
1019427
750
PNS125-079
1019428
900
PNS125-094
1019429
1050
PNS125-109
1019430
1200
PNS125-124
1019431
1350
PNS125-139
1019432
1500
PNS125-154
1019433
1650
PNS125-169
1019434
1800
PNS125-184
1019435
[mm]
Vedi disegno quotato di Fig. 65 a pagina 113. Per l’effetto sul campo di lavoro vedere
Tab. 10 a pagina 37.
13.5
Tab. 42: codici numerici degli
accessori
Accessori
Articolo
Codice numerico
C4000connessione di sistema
Connettore Hirschmann M26 × 11 + TF, contatti crimp, diritto
6020757
Connettore Hirschmann M26 × 11 + TF, contatti crimp, ad angolo
6020758
Morsetto con resistenza 182 per le connessioni pin 9 e 10 della
connessione del sistema (cfr. pagina 77)
2027227
Cavo di allacciamento
8012251/TG79/2009-10-07
Connettore diritto/spelatura preparata, 2,5 m
2022544
Connettore diritto/spelatura preparata, 5 m
2022545
Connettore diritto/spelatura preparata, 7,5 m
2022546
Connettore diritto/spelatura preparata, 10 m
2022547
Connettore diritto/spelatura preparata, 15 m
2022548
Connettore diritto/spelatura preparata, 20 m
2022549
Connettore diritto/spelatura preparata, 30 m
2022550
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
121
Capitolo 13
Dati di ordinazione
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Articolo
Codice numerico
Accessori ulteriori
Set di fissaggio 2: orientabile (Swivel Mount), 4 pezzi per tutte le
lunghezze del campo protetto
2019659
Set di fissaggio 6: orientabile (supporto su guida laterale), 4 pezzi per
tutte le lunghezze del campo protetto. Per sollecitazioni di vibrazione
e urto elevate
2019506
Supporto in acciaio inox rinforzato, girevole (Swivel Mount), 4 pezzi
per tutte le lunghezze di campo protetto (sollecitazione di vibrazioni
5 g/10T55 Hz, sollecitazione di urto 10 g/16 ms)
2026850
Piedistalli (2 pezzi, con altezza regolabile, per emettitori o ricevitori)
2041661
AR60 – laser per allineamento (non richiede connessione alla rete
elettrica)
1015741
Adattatore AR60 per C4000 (per l’allineamento di tutti gli assi sono
consigliabili 2 pezzi)
4032461
Dispositivo di comando UE402: integra la C4000 delle funzioni
bypass e cambiamento del modo operativo
1023577
Cavo di collegamento M8 × 4/DTSub 9Tpoli (DIN 41 642); per il
collegamento della connessione di configurazione con l’interfaccia
seriale del PC
Se avete bisogno per il vostro PC di un commutatore RST232/USB vi
consigliamo di utilizzare per l’adattatore un cavo dell’azienda Spectra
Computersysteme GmbH (vedi www.spectra.de).
2m
6021195
8m
2027649
Alimentatore 24 V, 2,1 A, 100/240 V CA, 50 W
7028789
Alimentatore 24 V, 3,9 A, 120/240 V CA, 95 W
7028790
Accessori già inclusi nella fornitura
122
Tasselli per supporto su guida laterale, 4 pezzi
2017550
Software CDS (Configuration & Diagnostic Software) su CDTROM incl.
documentazione online e le istruzioni d’uso in tutte le lingue
disponibili
2032314
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Appendice
Istruzioni d’uso
Capitolo 14
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
14
Appendice
14.1
Nota
8012251/TG79/2009-10-07
Dichiarazione di conformità CE
Trovate la versione completa della dichiarazione di conformità CE in internet nel sito SICK:
www.sick.com
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
123
Capitolo 14
Appendice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
14.2
Lista di verifica per il costruttore
Lista di verifica destinata a costruttori/equipaggiatori per l’installazione di dispositivi elettrosensibili di protezione
(ESPE)
I dati relativi ai punti trattati in seguito devono essere a disposizione per lo meno alla prima messa in funzione,
dipendono tuttavia dal tipo di applicazione di cui il costruttore/equipaggiatore è tenuto a verificare i requisiti.
Consigliamo di conservare accuratamente la presente lista di verifica, oppure di custodirla assieme alla
documentazione della macchina, affinché possa servire da riferimento per i controlli periodici.
1. Sono state rispettate le prescrizioni di sicurezza ai sensi delle direttive/norme valide per la macchina?
Sì
No
2. Le direttive e le norme applicate sono riportate nella dichiarazione di conformità?
Sì
No
3. Il dispositivo di protezione corrisponde ed è conforme alla categoria richiesta dalla
30)
EN 954%1 /EN ISO 13 849%1?
Sì
No
4. Corpo e mani accedono all’area/al punto di pericolo soltanto attraverso il campo protetto dall’ESPE?
Sì
No
5. Sono state prese le misure atte ad impedire lo stazionamento non protetto nell’area pericolosa (protezione
meccanica contro l’accesso dal retro) o a controllarlo in caso di protezione dell’area/dei punti di pericolo, ed è
assicurato che tali dispositivi non possano essere rimossi?
Sì
No
6. Sono prese ulteriori misure di protezione meccanica per impedire l’accesso scavalcando dall’alto, o strisciando
da sotto, ed è assicurato che questi dispositivi non possano essere manipolati?
Sì
No
7. È stato verificato il valore del tempo massimo di arresto oppure del tempo di arresto totale della macchina, ed è
stato indicato e riportato (sulla macchina e/o nei documenti della macchina)?
Sì
No
8. Viene rispettata la necessaria distanza di sicurezza tra l’ESPE e il punto pericoloso più vicino?
Sì
No
9. I dispositivi ESPE sono fissati a regola d’arte e sono stati protetti contro gli spostamenti involontari dopo essere
stati registrati?
Sì
No
10. Le misure di protezione contro le scosse elettriche sono efficaci (classe di protezione)?
Sì
No
11. È presente il dispositivo di azionamento che comanda il ripristino del dispositivo di protezione (ESPE), oppure che
comanda il riavvio della macchina, ed è installato ai sensi delle normative?
Sì
No
12. Le uscite degli ESPE (OSSD) sono collegate secondo la categoria necessaria in conformità a
30)
EN 954%1 /EN ISO 13 849%1 e tale connessione corrisponde agli schemi elettrici?
Sì
No
13. La funzione di protezione è controllata in base alle indicazioni sulla verifica di questa documentazione?
Sì
No
14. Le funzioni di protezione indicate sono efficaci in qualsiasi posizione del selettore dei modi operativi?
Sì
No
15. I dispositivi di comando controllati dall’ESPE, p. es. contattori esterni, valvole, vengono sorvegliati?
Sì
No
16. L’ESPE agisce durante la durata complessiva dello stato pericoloso?
Sì
No
17. Uno stato pericoloso attivato si ferma quando l’ESPE viene spento/disinserito, se si cambia da un modo
operativo a un altro o se si cambia dispositivo di protezione?
Sì
No
18. L’etichetta con le indicazioni per il controllo giornaliero è affissa in modo ben visibile dall’operatore?
Sì
No
La presente lista di verifica non sostituisce l’intervento di una persona competente per la prima messa in servizio
e per il controllo regolare da effettuare.
30)
124
Per la presunta conformità valida ancora solo fino al 28/12/2009. In seguito potrà essere impiegata solo la
versione successiva EN ISO 13 849T1.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 14
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
14.3
Indice delle tabelle
Tab. 1:
campi d’impiego delle varianti della C4000 ..........................................................18
Tab. 2:
numero di oggetti mobili nel rilevamento di pallet ................................................21
Tab. 3:
numero di oggetti mobili nel rilevamento di modelli di oggetti.............................23
Tab. 4:
significato delle visualizzazioni di stato dell’emettitore ........................................26
Tab. 5:
significato delle visualizzazioni di stato del ricevitore...........................................27
Tab. 6:
prospetto funzioni configurabili ..............................................................................28
Tab. 7:
configurazione ammessa del blocco al riavvio ......................................................29
Tab. 8:
possibilità di configurazione dell’uscita di segnalazione ......................................34
Tab. 9:
campi di lavoro garantite ........................................................................................37
Tab. 10: campo di lavoro per l’impiego di 1 o 2 specchi deviatori......................................37
Tab. 11: risoluzione effettiva in funzione della risoluzione ridotta......................................39
Tab. 12: tipi di blanking possibili per le varie varianti della C4000 ....................................41
Tab. 13: calcolo delle dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione
sicura........................................................................................................................43
Tab. 14: calcolo delle dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione
sicura........................................................................................................................45
Tab. 15: calcolo delle dimensioni dell’oggetto che provocano una disattivazione
sicura........................................................................................................................50
Tab. 16: calcolo della risoluzione effettiva ...........................................................................58
Tab. 17: misure supplementari per rendere impossibile che la protezione sia
schivata....................................................................................................................59
Tab. 18: assegnazione dei pin connessione di sistema M26 × 11 + TF .............................76
Tab. 19: assegnazione dei pin connessione di configurazione M8 × 4 ...............................77
Tab. 20: assegnazione dei pin connessione in cascata M26 × 11 + TF .............................78
Tab. 21: visualizzazioni durante il ciclo di accensione.........................................................85
Tab. 22: valori visualizzati durante l’allineamento di emettitore e ricevitore.....................86
Tab. 23: visualizzazioni delle anomalie dai LED...................................................................95
Tab. 24: visualizzazione delle anomalie con display a 7 segmenti.....................................96
Tab. 25: scheda tecnica C4000 ............................................................................................99
Tab. 26: numero di raggi a seconda della lunghezza del campo protetto e della
risoluzione fisica ................................................................................................... 104
Tab. 27: tempo di risposta a seconda del numero di raggi e della valutazione
multipla selezionata ............................................................................................. 105
Tab. 28: tolleranze di dimensioni e distanze..................................................................... 106
Tab. 29: peso di emettitore e ricevitore............................................................................. 107
Tab. 30: dimensioni in funzione della lunghezza del campo protetto, oppure
dell’altezza del campo protetto, C4000 senza connessione in cascata........... 108
Tab. 31: dimensioni in funzione della lunghezza del campo protetto, oppure
dell’altezza del campo protetto, C4000 con connessione in cascata .............. 109
Tab. 32: misure dello specchio deviatore PNS75 a seconda dell’altezza dello
specchio ................................................................................................................ 112
Tab. 33: misure dello specchio deviatore PNS125 a seconda dell’altezza dello
specchio ................................................................................................................ 113
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
125
Capitolo 14
Appendice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
Tab. 34: codici numerici C4000 Palletizer Standard senza connessione in cascata......115
Tab. 35: codici numerici C4000 Palletizer Advanced senza connessione in cascata.....116
Tab. 36: codici numerici C4000 Palletizer Advanced con connessione in cascata
al ricevitore ............................................................................................................117
Tab. 37: codici numerici C4000 Fusion senza connessione in cascata ..........................118
Tab. 38: codici numerici C4000 Fusion con connessione in cascata al ricevitore..........119
Tab. 39: codici numerici frontalino supplementare (protezione da spruzzi di
saldatura) ..............................................................................................................120
Tab. 40: codici numerici specchio deviatore PNS75 .........................................................120
Tab. 41: codici numerici specchio deviatore PNS125.......................................................121
Tab. 42: codici numerici degli accessori ............................................................................121
126
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 14
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8012251/TG79/2009-10-07
14.4
Indice delle figure
Fig. 1:
impiego orizzontale della C4000 Palletizer Standard/Advanced e della
C4000 Fusion per la protezione di punti pericolosi e di accessi..........................16
Fig. 2:
impiego verticale della C4000 Fusion per la protezione di accessi, di aree
o di punti pericolosi .................................................................................................16
Fig. 3:
protezione di accesso con la C4000 ......................................................................17
Fig. 4:
protezione di vari accessi........................................................................................17
Fig. 5:
sorveglianza dell’ingresso di oggetti ......................................................................19
Fig. 6:
rilevamento di merci................................................................................................20
Fig. 7:
principio di funzionamento del rilevamento di merci ............................................20
Fig. 8:
rilevamento di pallet................................................................................................21
Fig. 9:
principio di funzionamento del rilevamento di pallet ............................................22
Fig. 10:
rilevamento di modelli di oggetti ............................................................................22
Fig. 11:
principio di funzionamento del rilevamento di modelli di oggetti.........................23
Fig. 12:
esempi di oggetti dalle geometrie uniformi ...........................................................24
Fig. 13:
rilevamento di oggetti dalla geometria uniforme...................................................24
Fig. 14:
protezione dei punti di pericolo ..............................................................................25
Fig. 15:
visualizzazioni di stato dell’emettitore della C4000 Palletizer .............................26
Fig. 16:
visualizzazioni di stato dell’emettitore della C4000 Fusion .................................26
Fig. 17:
visualizzazioni del ricevitore....................................................................................27
Fig. 18:
blocco al riavvio in caso di attivazione della protezione di accesso.....................29
Fig. 19:
blocco al riavvio con protezione dei punti di pericolo............................................29
Fig. 20:
rappresentazione schematica della funzione bypass nelle applicazioni
orizzontali.................................................................................................................33
Fig. 21:
rappresentazione schematica della funzione bypass nelle applicazioni
verticali.....................................................................................................................33
Fig. 22:
rappresentazione schematica della codifica dei raggi..........................................36
Fig. 23:
segnare la risoluzione effettiva sul dispositivo ......................................................40
Fig. 24:
esempio di protezione meccanica per blanking fisso ...........................................42
Fig. 25:
principio di funzionamento del rilevamento di merci ............................................44
Fig. 26:
sorveglianza delle dimensioni di oggetti ................................................................45
Fig. 27:
principio di funzionamento del rilevamento di pallet ............................................47
Fig. 28:
sorveglianza delle distanze tra oggetti...................................................................47
Fig. 29:
principio di funzionamento del rilevamento di modelli di oggetti.........................48
Fig. 30:
sorveglianza delle dimensioni di oggetti ................................................................51
Fig. 31:
sorveglianza delle dimensioni e delle distanze degli oggetti ................................52
Fig. 32:
rappresentazione schematica del blanking fisso ..................................................53
Fig. 33:
esempio di protezione meccanica per blanking fisso ...........................................54
Fig. 34:
segnare la risoluzione effettiva sul dispositivo ......................................................56
Fig. 35:
blanking dalle geometrie uniformi..........................................................................57
Fig. 36:
distanza di sicurezza dal punto di pericolo ............................................................60
Fig. 37:
distanza di sicurezza dal punto di pericolo in caso di un montaggio
verticale....................................................................................................................64
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
127
Capitolo 14
Appendice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
128
Fig. 38:
distanza di sicurezza dal punto di pericolo............................................................ 67
Fig. 39:
distanza minima da superfici riflettenti ................................................................. 68
Fig. 40:
diagramma per la distanza minima da superfici riflettenti .................................. 68
Fig. 41:
mediante un montaggio corretto (in alto) si escludono gli errori (in basso)
di penetrare con le mani al disopra, al disotto di essa e di penetrare con
le gambe da dietro .................................................................................................. 69
Fig. 42:
composizione del supporto Swivel Mount ............................................................. 70
Fig. 43:
montaggio di emettitore e ricevitore con supporto Swivel Mount........................ 71
Fig. 44:
composizione del supporto su guida laterale........................................................ 72
Fig. 45:
montaggio della C4000 con supporto su guida laterale ...................................... 73
Fig. 46:
montaggio con piedistallo....................................................................................... 74
Fig. 47:
assegnazione dei pin connessione di sistema M26 × 11 + TF............................. 76
Fig. 48:
assegnazione dei pin connessione di configurazione M8 × 4 .............................. 77
Fig. 49:
assegnazione dei pin connessione in cascata M26 × 11 + TF ............................. 78
Fig. 50:
connessione degli organi di comando al controllo dei contattori esterni
(EDM) ....................................................................................................................... 79
Fig. 51:
collegamento del pulsante di ripristino e della lampada di segnalazione
“Ripristino necessario” alla connessione in cascata............................................ 80
Fig. 52:
possibilità di collegamento dell’interruttore di una porta, o simili, con
l’ingresso per l’arresto di emergenza .................................................................... 81
Fig. 53:
collegamento delle barriere optoelettroniche virtuali........................................... 82
Fig. 54:
collegamento con uscita di segnalazione.............................................................. 83
Fig. 55:
connessione del pulsante per il test dell’emettitore............................................. 83
Fig. 56:
collegamento di un pulsante di autoapprendimento a chiave............................. 84
Fig. 57:
laser per allineamento della C4000 Fusion .......................................................... 87
Fig. 58:
verifica giornaliera del dispositivo di protezione ................................................... 90
Fig. 59:
disegno quotato C4000 senza connessione in cascata, emettitore (mm)........108
Fig. 60:
disegno quotato C4000 con connessione in cascata, emettitore (mm). ..........109
Fig. 61:
disegno quotato del supporto Swivel Mount (mm) .............................................110
Fig. 62:
disegno quotato del supporto su guide laterali (mm).........................................110
Fig. 63:
disegno quotato del piedistallo (mm) ..................................................................111
Fig. 64:
disegno quotato di specchio deviatore PNS75 (mm) .........................................112
Fig. 65:
disegno quotato di specchio deviatore PNS125 (mm) .......................................113
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 14
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
129
Capitolo 14
Appendice
Istruzioni d’uso
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
130
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012251/TG79/2009-10-07
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 14
C4000 Palletizer Std./Adv.
C4000 Fusion
8012251/TG79/2009-10-07
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
131
8012251/TG79/2009-10-07 ∙ RV/XX ∙ Printed in Germany (2009-10) ∙ Subject to change without notice ∙ The specified product features and technical data do not represent any guarantee ∙ A4 sw int34
Australia
Phone+61 3 9497 4100
1800 33 48 02 – tollfree
E-Mail [email protected]
Belgium/Luxembourg
Phone +32 (0)2 466 55 66
E-Mail [email protected]
Brasil
Phone+55 11 3215-4900
E-Mail [email protected]
Ceská Republika
Phone+420 2 57 91 18 50
E-Mail [email protected]
China
Phone+852-2763 6966
E-Mail [email protected]
Danmark
Phone+45 45 82 64 00
E-Mail [email protected]
Deutschland
Phone+49 211 5301-301
E-Mail [email protected]
España
Phone+34 93 480 31 00
E-Mail [email protected]
France
Phone+33 1 64 62 35 00
E-Mail [email protected]
Great Britain
Phone+44 (0)1727 831121
E-Mail [email protected]
India
Phone+91–22–4033 8333
E-Mail [email protected]
Israel
Phone+972-4-999-0590
E-Mail [email protected]
Italia
Phone+39 02 27 43 41
E-Mail [email protected]
Japan
Phone+81 (0)3 3358 1341
E-Mail [email protected]
Österreich
Phone+43 (0)22 36 62 28 8-0
E-Mail [email protected]
Polska
Phone+48 22 837 40 50
E-Mail [email protected].pl
Republic of Korea
Phone+82-2 786 6321/4
E-Mail [email protected]
Republika Slovenija
Phone+386 (0)1-47 69 990
E-Mail [email protected]
România
Phone+40 356 171 120
E-Mail [email protected]
Russia
Phone+7 495 775 05 34
E-Mail [email protected]
Schweiz
Phone+41 41 619 29 39
E-Mail [email protected]
Singapore
Phone+65 6744 3732
E-Mail [email protected]
Suomi
Phone+358-9-25 15 800
E-Mail [email protected]
Sverige
Phone+46 10 110 10 00
E-Mail [email protected]
Taiwan
Phone+886 2 2375-6288
E-Mail [email protected]
Türkiye
Phone+90 216 587 74 00
E-Mail [email protected]
United Arab Emirates
Phone+971 4 8865 878
E-Mail [email protected]
USA/Canada/México
Phone+1(952) 941-6780
1 800-325-7425 – tollfree
E-Mail [email protected]
Nederlands
Phone+31 (0)30 229 25 44
E-Mail [email protected]
Norge Phone+47 67 81 50 00
E-Mail [email protected]
SICK AG|Waldkirch|Germany|www.sick.com
More representatives and agencies
in all major industrial nations at
www.sick.com
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement