Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V Guida per l`Operatore

Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V Guida per l`Operatore
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
Guida per l'Operatore
Numero Documento: D5038996 A
Data di Pubblicazione: Luglio 2012
Il presente documento è fornito ai clienti che hanno acquistato le
apparecchiature AB Sciex come guida per l'uso e il funzionamento
delle suddette apparecchiature AB Sciex. Il presente documento è
protetto da copyright e qualsiasi riproduzione, parziale o totale, dei
contenuti del presente documento è severamente vietata, salvo il
rilascio di un'autorizzazione scritta da parte di AB Sciex.
Il software menzionato nel presente documento viene fornito con un
contratto di licenza. La copia, le modifiche e la distribuzione del
software attraverso qualsiasi mezzo sono vietate dalla legge, salvo
diversa indicazione presente nel contratto di licenza. Inoltre il contratto
di licenza può vietare che il software venga disassemblato, sottoposto
a reverse engineering o decompilato per qualsiasi fine.
Alcune parti di questo documento possono far riferimento a produttori
terzi e/o ai loro prodotti, che possono contenere parti i cui nomi siano
registrati e/o siano usati come marchi registrati dai rispettivi proprietari.
Tali riferimenti mirano unicamente a designare i prodotti di terzi forniti
da AB Sciex e incorporati nelle sue apparecchiature e non implicano
alcun diritto e/o licenza circa l'utilizzo o il permesso concesso a terzi di
utilizzare i nomi dei detti produttori e/o dei loro prodotti come marchi
registrati.
AB Sciex non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito all'idoneità di
questa apparecchiatura per alcuno scopo in particolare e non si
assume alcuna responsabilità diretta o accessoria derivante dall'uso
della presente apparecchiatura da parte dell'acquirente, inclusi i danni
indiretti o consequenziali e qualsiasi altra circostanza sfavorevole che
ne potrebbe insorgere.
Solo per scopi di ricerca. Non usare nelle procedure
diagnostiche.
I marchi registrati menzionati nel presente documento sono di
proprietà di AB Sciex Pte. Ltd. o dei rispettivi proprietari.
AB SCIEX™ è utilizzato su licenza.
AB SCIEX
71 Four Valley Dr., Concord, Ontario, Canada. L4K 4V8.
AB Sciex LP è certificata ISO 9001.
© 2012 AB SCIEX.
Stampato in Canada.
Sommario
Capitolo 1 Presentazione della Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Note sulla Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
Sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Sonda TurboIonSpray . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Collegamenti di Elettricità e Gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Blocco della Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Sistema di Scarico della Sorgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Capitolo 2 Installazione della Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Preparazione per l'Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
Installare la Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
Installare la Sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12
Collegare il Tubo della Sorgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12
Installare la Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
Collegare il Tubo di Campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
Capitolo 3 Ottimizzazione della Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Introduzione del Campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15
Ottimizzare la Sonda TurboIonSpray® . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Eseguire il Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16
Impostare le Condizioni Iniziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17
Ottimizzare la Posizione della Sonda TurboIonSpray . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17
Ottimizzare le Velocità di Flusso di Gas 1, Gas 2, e Curtain Gas™,
e la Tensione IonSpray™ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18
Ottimizzare la Temperatura del Riscaldatore Turbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19
Suggerimenti per l'Ottimizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19
Ottimizzare la Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20
Eseguire il Metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20
Impostare le Condizioni Iniziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21
Ottimizzare il Flusso del Gas 1 e del Curtain Gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21
Regolare la Posizione dell'Ago di Scarica a Corona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21
Ottimizzare la Posizione della Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
Ottimizzare la Nebulizer Current . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
Ottimizzare la Temperatura della Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Capitolo 4 Manutenzione della Sorgente ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Pulire le Sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26
Movimentazione della Sorgente Ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Rimuovere la Sorgente ionica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Rimuovere la Sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28
Pulire l'Elettrodo Tubolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28
Montare il Tubo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Regolare l'Estensione della Punta dell'Elettrodo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Sostituire l'Ago di Scarica a Corona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31
Sostituire il Tubo di Campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
3 of 64
Sommario
Capitolo 5 Risoluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Capitolo 6 Test per la Sorgente Ionica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Preparazione del Test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .39
Testare la Sonda TurboIonSpray® . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40
Testare la Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .42
Appendice A Principi di Funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45
Modalità TurboIonSpray® . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45
Modalità APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .47
Regione di Ionizzazione APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .49
Appendice B Elenco Consumabili e Parti di Ricambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .53
Appendice C Parametri e Tensioni della Sorgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55
Parametri Sonda TurboIonSpray® . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55
Parametri Sonda APCI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .56
Descrizione Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .56
Posizione della Sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59
Composizione dei solventi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59
Declustering Potential . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60
Indice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
4 of 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
1
Presentazione della Sorgente Ionica
La sorgente ionica IonDrive ™ Turbo V è stata progettata per offrire più calore e processi di
desolvatazione e ionizzazione più performanti, specialmente alle velocità di flusso elevate.
Presenta riscaldatori di diametro maggiorato per una ionizzazione più performante, un' area di
impatto più ampia e una ridotta variabilità delle prestazioni.
Con la sorgente ionica IonDrive Turbo V si possono usare sia le sonde TurboIonSpray®, sia le
sonde APCI (ionizzazione chimica a pressione atmosferica). É possibile utilizzare la sorgente
ionica sia per la ionizzazione elettrospray con la sonda TurboIonSpray, sia per la ionizzazione
chimica con la sonda APCI. Le applicazioni della sorgente ionica comprendono lo sviluppo di
metodi qualitativi e l'analisi qualitativa e quantitativa.
Per informazioni su normative e sicurezza, fare riferimento alla Guida Per l'Utente - Strumenti
Serie 6500 (D5030602).
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Utilizzare la sorgente ionica solo se si
hanno la conoscenza e l'esperienza necessarie riguardo l'utilizzo, il
contenimento e l'evacuazione dei materiali tossici o nocivi utilizzati con la
sorgente ionica. Qualsiasi materiale velenoso o nocivo introdotto
nell'apparecchiatura sarà presente nella sorgente ionica e nel sistema di
scarico.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
5 di 64
Presentazione della Sorgente Ionica
Note sulla Sorgente Ionica
Figura 1-1 mostra le parti della sorgente ionica.
12
1
11
10
9
2
8
7
6
3
5
4
1
Figura 1-1
Componenti della sorgente ionica
Elemento Descrizione
1
Tubo di campionamento
2
Torretta della sonda
3
Giunzione di messa a terra
4
Uno dei due fermi che fissano la sorgente ionica allo spettrometro di massa
5
Finestrella
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
6 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Presentazione della Sorgente Ionica
Figura 1-1
Componenti della sorgente ionica (Continua)
Elemento Descrizione
6
Micrometro usato per posizionare la sonda sull'asse orizzontale quando si
regola la sensibilità della sorgente ionica
7
Riscaldatore turbo
8
Vite di messa a terra
9
Ghiera di fermo in bronzo
10
Dado di regolazione dell'elettrodo
11
Dado del tubo di campionamento
12
Micrometro usato per posizionare la sonda sull'asse verticale per la
regolazione della sensibilità della sorgente ionica
Sonde
Le sonde TurboIonSpray e APCI coprono un certo range di capacità per l'analisi dei campioni.
Scegliere la sonda e il metodo più adatto al composto che sarà introdotto nel flusso da
analizzare.
Tabella 1-1 Specifiche della Sorgente Ionica
Parametro
Sonda TurboIonSpray®
Gamma di temperatura Temperatura della sonda da temperatura
della sorgente ionica
ambiente a 750°C, secondo il flusso del
liquido
sonda APCI
Temperatura della sonda
da 50°C a 750°C,
secondo il flusso del
liquido
Cromatografia liquida
Si interfaccia a qualsiasi sistema di cromatografia liquida
Gas di nebulizzazione
(Gas 1)
Fare riferimento alla Guida alla Pianificazione del Sito.
Gas ausiliario (Gas 2)
La sonda TurboIonSpray produce ioni attraverso i processi di evaporazione ionica. La sonda
APCI vaporizza il campione prima di indurre la ionizzazione attraverso la ionizzazione chimica a
pressione atmosferica. Questo processo è indotto da un ago scarica a corona quando gli ioni
passano dalla sorgente ionica nella regione dell'interfaccia. Si può facilmente passare da una
modalità di ionizzazione all'altra cambiando la sonda installata nella sorgente.
Il software Analyst® determina quale sonda è installata e attiva i controlli per l'utente
corrispondenti. Tutti i dati acquisiti tramite la sorgente ionica sono identificati con
un'abbreviazione che rappresenta la sonda utilizzata per acquisire i dati (TIS per la sonda
TurboIonSpray, HN per la sonda APCI).
Sonda TurboIonSpray
La sonda TurboIonSpray è ideale per le analisi LC/MS/MS. La sensibilità che si ottiene con
questa tecnica dipende sia dalla velocità di flusso, sia dall'analita. Alle velocità di flusso più
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
7 di 64
Presentazione della Sorgente Ionica
elevate l'efficienza della ionizzazione aumenta di pari passo con l'aumento della temperatura
della sorgente ionica, con conseguente miglioramento della sensibilità. I composti con una
polarità estremamente alta e una bassa attività superficiale di norma mostrano i maggiori
aumenti di sensibilità quando la temperatura della sorgente aumenta. La tecnica TurboIonSpray
è abbastanza delicatada poter essere utilizzata con composti labili come peptidi, proteine e
farmaci termolabili.
Quando il riscaldatore non è attivo, la sonda TurboIonSpray funziona come una sorgente ionica
convenzionale IonSpray™. Funziona anche con velocità di flusso da 5 µL/min a 3000 µL/min e
vaporizza solventi in una gamma che va dal 100% acquoso fino al 100% organico.
La sonda TurboIonSpray è composta da un tubo in acciaio inossidabile di diametro esterno
0,012" ed è posizionata centralmente, in mezzo a due riscaldatori turbo disposti ad un
angolazione di 45 gradi ad ogni lato. I campioni introdotti attraverso la sonda TurboIonSpray
sono ionizzati all'interno del tubo mediante l'applicazione dell'alta tensione (voltaggio IonSpray) e
successivamente nebulizzati da un getto di azoto ultra puro (UHP) caldo e secco o dall'aria di
zero proveniente dai riscaldatori Turbo, creando un aerosol di piccole goccioline di carica
elevata. La combinazione tra l'effluente della IonSpray e il gas secco, portato a temperatura dai
riscaldatori Turbo, è proiettata ad un'angolazione di 90 gradi verso il percorso degli ioni. Fare
riferimento alla Principi di Funzionamento a pagina 45.
1
2
3
Figura 1-2
Componenti della sonda TurboIonSpray
Elemento Descrizione
1
Dado di regolazione dell'elettrodo (di colore nero) che regola l'estensione della
punta dell'elettrodo
2
Ghiera di fermo in bronzo che fissa la sonda alla torretta sul corpo della sorgente
ionica
3
Punta dell'elettrodo attraverso il quale i campioni sono nebulizzati nell'area di
introduzione del campione della sorgente ionica
Sonda APCI
La sonda APCI è adatta per:
•
Ionizzazione di composti che non formano facilmente ioni in soluzione. Di solito si
tratta di composti non polari.
•
Creazione di spettri APCI semplici da esperimenti MS/MS.
•
Analisi ad alto rendimento di campioni complessi e sporchi. É meno sensibile agli
effetti di soppressione ionica.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
8 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Presentazione della Sorgente Ionica
•
Introduzione rapida del campione attraverso iniezione del flusso con o senza
colonna LC
La sonda APCI può accettare l'intero effluente, senza dividerlo, a velocità di flusso che vanno da
50 µL/min a 3000 µL/min (attraverso una colonna wide-bore). Può vaporizzare composti labili e
volatili riducendo al minimo la decomposizione termica. La desolvatazione e la vaporizzazione
rapida delle goccioline e dell'analita inglobato minimizzano la decomposizione termica e
preservano l'identità molecolare per la ionizzazione, che sarà compiuta dall'ago di scarica a
corona. I tamponi sono tollerati senza difficoltà dalla sorgente ionica, senza che abbia luogo una
contaminazione rilevante, e la vaporizzazione tempestiva degli effluenti nebulizzati permette
l'uso di acqua fino al 100% senza difficoltà.
La sonda APCI è composta da un tubo di acciaio inossidabile, dal diametro interno di 100 µm
(0.004"), circondato da un flusso di gas di nebulizzazione (Gas 1). Il flusso del campione liquido
viene pompato nel nebulizzatore, dove viene nebulizzato in un tubo di ceramica che contiene un
riscaldatore. La parete interna del tubo in ceramica può essere mantenuta ad una temperatura
tra 100 °C e 750 °C ed è controllata dal sensore incorporato nel riscaldatore.
Un getto ad alta velocità di gas di nebulizzazione scorre intorno alla punta dell'elettrodo per
disperdere il campione in un aerosol di particelle fini. L'aerosol si sposta, attraverso il riscaldatore
in ceramica per la vaporizzazione, nella regione di reazione della sorgente ionica collocata dopo
l'ago di scarica a corona, dove le molecole del campione sono ionizzate mentre passano
attraverso il corpo della sorgente ionica. Fare riferimento alla Principi di Funzionamento a
pagina 45.
1
Figura 1-3
2
3
Componenti della sonda APCI
Elemento Descrizione
1
Dado di regolazione dell'elettrodo (di colore nero) che regola l'estensione della
punta
2
Ghiera di fermo in bronzo che fissa la sonda alla torretta sul corpo della sorgente
ionica
3
Punta dell'elettrodo attraverso il quale i campioni sono nebulizzati nell'area di
introduzione del campione della sorgente ionica
Collegamenti di Elettricità e Gas
I collegamenti del gas e dell'alta tensione entrano attraverso la piastra frontale dell'interfaccia e si
connettono all'interno attraverso il corpo della sorgente ionica. Quando la sorgente ionica è
installata sullo spettrometro di massa, tutti i collegamenti elettrici e del gas sono in funzione.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
9 di 64
Presentazione della Sorgente Ionica
Blocco della Sorgente Ionica
Un dispositivo di blocco disabilita l'alimentazione dell'alta tensione per lo spettrometro di massa e
il sistema di scarico della sorgente se:
•
La sorgente ionica non è installata o non è installata correttamente.
•
Non è presente alcuna sonda.
•
Lo spettrometro di massa rileva un guasto al sistema del gas.
•
Lo scarico della sorgente è bloccato.
Sistema di Scarico della Sorgente
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Assicurarsi di usare il sistema di
scarico della sorgente per rimuovere in tutta sicurezza i vapori di scarico
del campione dall'ambiente di laboratorio. Per i requisiti del sistema di
scarico della sorgente, fare riferimento alla Guida alla Pianificazione del
Sito per lo spettrometro di massa.
Tutte le sorgenti ioniche producono vapori di solvente e di campione. Questi vapori comportano
dei rischi per l'ambiente di laboratorio. Il sistema è dotato di un sistema di scarico a pressione
negativa per far sì che tutte le sostanze chimiche tossiche e pericolose siano convogliate in
sicurezza verso un impianto di ventilazione che scarica verso l'esterno. Quando la sorgente
ionica è installata, lo spettrometro di massa non entrerà in funzione finché il sistema di scarico
della sorgente non sarà operativo.
Un vacuostato montato nel circuito di scarico della sorgente misura il vuoto nella sorgente. Se il
vuoto nella sorgente aumenta oltre il valore prefissato mentre le sonde sono installate, il sistema
entra in modalità 'Not Ready', indicando un guasto allo scarico.
Un sistema di scarico attivo rimuove gli scarichi dalla sorgente ionica (vapori di solventi, gas
campioni) attraverso una bocca di scarico, senza introdurre rumore chimico. La bocca di scarico
si collega attraverso una vaschetta di scarico a un contenitore di raccolta, e da lì a un impianto di
ventilazione degli scarichi fornito dall'utente. Per ulteriori informazioni sui requisiti del sistema di
scarico della sorgente, fare riferimento alla Guida alla Pianificazione del Sito per lo spettrometro
di massa.
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Collegare il sistema di scarico della
sorgente a una cappa aspirante o un impianto di ventilazione che
scaricano verso l'esterno, per impedire che i vapori pericolosi siano
rilasciati nell'ambiente di laboratorio. Assicurarsi che tutti i tubi flessibili
esterni siano collegati e fissati con ulteriori fascette di rinforzo.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
10 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
2
Installazione della Sorgente Ionica
Il corpo della sorgente ionica è collegato al corpo dell'interfaccia di vuoto ed è mantenuto in
posizione da due fermi. L'interno della sorgente ionica è visibile dalla finestrella in vetro
temperato posta di lato nella parte frontale del corpo della sorgente ionica.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: L'installazione della sorgente ionica
sullo spettrometro di massa deve essere l'ultimo passo di questa procedura.
L'alta tensione è presente quando la sorgente ionica è installata
sull'apparecchiatura.
Preparazione per l'Installazione
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici. Assicurarsi che l'elettrodo protenda
oltre l'estremità della sonda, in modo da evitare che i vapori pericolosi
fuoriescano dalla sorgente. L'elettrodo non deve essere incassato
all'interno della sonda.
ATTENZIONE!Pericolo di Perforazione: Maneggiare l'ago con cura. La punta
dell'ago è estremamente acuminata.
Materiali richiesti
• Gruppo sorgente ionica (corpo)
• Sonda
• Kit bulloneria/attrezzi della sorgente ionica
•
Regolare il dado di regolazione dell'elettrodo (di colore nero) sulla sonda per
spostare la punta dell'elettrodo all'interno del tubo.
Per garantire stabilità e prestazioni migliori, la punta dell'elettrodo dovrebbe
fuoriuscire per una lunghezza compresa tra 0,5 mm (velocità di flusso alte) e 1,0
mm (velocità di flusso basse) dall'estremità della sonda.
Installare la Sorgente Ionica
Suggerimento!Non gettare via gli imballaggi. Utilizzarli per conservare la sorgente
ionica quando non è in uso.
La sonda non è consegnata già installata nella sorgente ionica. Installare la sonda nel corpo
della sorgente ionica prima di installare la sorgente ionica. Rimuovere sempre la sorgente ionica
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
11 di 64
Installazione della Sorgente Ionica
dallo spettrometro di massa prima di cambiare le sonde. Fare riferimento alla Rimuovere la
Sorgente ionica a pagina 27.
Quando la sorgente ionica è installata, lo spettrometro di massa riconosce la sorgente ionica e
visualizza l'identificazione della IonDrive™ Turbo V nel software Analyst®.
Installare la Sonda
Se la sonda non è installata correttamente nel corpo della sorgente ionica, la corrente ad alta
tensione non arriverà allo spettrometro di massa e al sistema di scarico della sorgente.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Assicurarsi che il corpo della
sorgente ionica sia completamente scollegato dallo spettrometro di massa prima
di procedere.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Quando si installa la sorgente ionica,
installare la sonda prima di montare la sorgente ionica sullo spettrometro di
massa.
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Non lasciare che la parte sporgente
dell'elettrodo tocchi una qualsiasi parte del corpo della sorgente ionica, onde evitare che
la sonda subisca danni.
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Assicurarsi che l'ago di scarico a
corona non sia rivolto verso la fenditura quando si usa la sonda TurboIonSpray.
1. Inserire la sonda nella torretta.
2. Allineare il buco sulla sonda con il perno di allineamento sulla parte superiore del
corpo della sorgente ionica. Fare riferimento alla Figura 2-1 a pagina 14.
3. Spingere delicatamente la sonda verso il basso in modo che i contatti siano
agganciati a quelli presenti nella torretta.
4. Ruotare la ghiera di fermo in bronzo sulla sonda mentre la si spinge verso il basso,
in modo da agganciarne la filettatura con la filettatura nella torretta.
5. Stringere la ghiera senza forzare eccessivamente.
Se si usa la sonda APCI, assicurarsi che la punta dell'ago di scarica a corona punti
verso la fenditura.
Collegare il Tubo della Sorgente
1. Inserire un pezzo di tubo rosso in PEEK lungo 30 cm nel dado del tubo di
campionamento.
2. Montare il dado del tubo di campionamento nell'attacco in cima alla sonda.
3. Stringere il dado del tubo di campionamento senza forzare eccessivamente.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
12 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Installazione della Sorgente Ionica
Installare la Sorgente Ionica
Se il corpo stesso della sorgente ionica non è installato correttamente, l'alimentazione elettrica
ad alta tensione non sarà disponibile.
1. Assicurarsi che i fermi posti sui lati della sorgente ionica siano in posizione aperta
(ore 12).
2. Allineare la sorgente ionica con l'interfaccia di vuoto, assicurandosi che i fermi sulla
sorgente ionica siano allineati con gli attacchi dell'interfaccia di vuoto.
3. Premere delicatamente la sorgente ionica contro l'interfaccia di vuoto e poi ruotare i
fermi della sorgente ionica, illustrati in Figura 2-1 a pagina 14, fino in fondo verso il
basso per bloccare la sorgente ionica in posizione (posizione di blocco a ore 6:30).
Collegare il Tubo di Campionamento
Collegare il tubo in PEEK rosso dal dispositivo di erogazione del campione fino alla giunzione di
messa a terra posta sulla sorgente ionica.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Non bypassare la giunzione di messa
a terra. La giunzione di messa a terra fornisce una messa a terra di sicurezza tra lo
spettrometro di massa e il dispositivo di introduzione del campione.
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Assicurarsi che il dado del tubo di
campionamento sia stretto correttamente prima di usare questa
apparecchiatura. Se il dado non è serrato, il campione può fuoriuscire e
sussiste il rischio di esposizione a sostanze chimiche pericolose.
1. Inserire un pezzo di tubo rosso in PEEK lungo 30 cm con il terminale nel dado del
tubo di campionamento.
2. Montare il dado del tubo di campionamento nell'attacco in cima alla sonda.
3. Stringere il dado del tubo di campionamento senza forzare eccessivamente.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
13 di 64
Installazione della Sorgente Ionica
1
7
2
6
3
4
5
1
Figura 2-1
Componenti della sorgente ionica
Elemento Descrizione
1
Tubo di campionamento
2
Vite di regolazione dell'ago di scarica a corona
(plastica)
3
Torretta della sonda
4
Giunzione di messa a terra
5
Uno dei due fermi che fissano la sorgente ionica allo
spettrometro di massa
6
Ghiera di fermo in bronzo
7
Dado del tubo di campionamento
4. Collegare l'altro capo del tubo rosso in PEEK alla giunzione di messa a terra.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
14 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
3
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la sorgente ionica ogni qual volta si modifica l'analita, la velocità di flusso o la
composizione della fase mobile.
Diversi parametri possono influenzare le prestazioni della sonda. Ottimizzare le prestazioni
mentre si inietta un composto già noto e si controlla il segnale dello ione noto. Regolare i
parametri del gas, del voltaggio e del micrometro per massimizzare il rapporto segnale/rumore e
la stabilità del segnale.
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Utilizzare la sorgente ionica solo se si
hanno la conoscenza e l'esperienza necessarie riguardo l'utilizzo, il
contenimento e l'evacuazione dei materiali tossici o nocivi utilizzati con la
sorgente ionica. Qualsiasi materiale velenoso o nocivo introdotto
nell'apparecchiatura sarà presente nella sorgente ionica e nel sistema di
scarico.
Introduzione del Campione
Metodo
Il campione liquido viene pompato nella sorgente ionica tramite una pompa LC o una pompa a
siringa. Se introdotto da una pompa LC, il campione può essere iniettato direttamente nella fase
mobile usando la FIA (analisi mediante iniezione in flusso) o mediante infusione con raccordo a
T, oppure attraverso una colonna di separazione (LC/MS) usando un iniettore con loop o un
autocampionatore. Se introdotto tramite una pompa a siringa, il campione è iniettato direttamente
nella sorgente ionica. L'ottimizzazione dell'infusione ha lo scopo di ottimizzare il percorso degli
ioni e la selezione dei frammenti nella MS/MS.
Velocità di Flusso
La velocità di flusso di ogni campione è determinata dal sistema di cromatografia o dal volume
del campione disponibile.
Requisiti per il Sistema di Introduzione del Campione
Il sistema di introduzione del campione trasferisce il campione liquido alla sorgente ionica senza
perdite e con un volume morto ridotto al minimo. Usare procedure e pratiche analitiche
appropriate per minimizzare i volumi morti esterni.
Filtrare preventivamente i campioni in modo che i tubi capillari presenti nel sistema di
introduzione del campione non siano bloccati da particelle, campioni precipitati o sali.
Assicurarsi che tutti i collegamenti siano ermetici e stretti allo scopo di prevenire eventuali
perdite. Fare attenzione a non stringere eccessivamente.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
15 di 64
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la Sonda TurboIonSpray®
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Assicurarsi che il laboratorio sia dotato
di un sistema di ventilazione adeguato. Un'adeguata ventilazione del
laboratorio è necessaria per un funzionamento sicuro dello spettrometro
di massa.
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Se il sistema LC connesso allo
spettrometro di massa non è controllato dal software Analyst, non lasciare lo
spettrometro non presidiato mentre è in funzione. Il sistema LC può allagare il corpo della
sorgente ionica quando lo spettrometro di massa entra in modalità Standby.
Nota: Se il voltaggio della IonSpray è troppo alto, può avere luogo un effetto corona.
Questo si manifesta come un bagliore blu all'estremità della sonda TurboIonSpray. Il
risultato sarà una perdita di sensibilità e di stabilità del segnale ionico.
Tabella 3-1 Valori Tipici per l'Ottimizzazione della Sonda TurboIonSpray
Parametri
Velocità di flusso LC
Gamma di
esercizio
Valore
iniziale
da 5 µL/min
a 50 µL/min
200 µL/min
1000 µL/
min
da 5 µL/min a
3000 µL/min
Impostazione del
micrometro
sull'asse
orizzontale*
5
da 2 a 8
da 2 a 8
da 2 a 8
da 0 a 10
Impostazione del
micrometro
sull'asse verticale**
5
da 5 a 10
da 0 a 5
da 0 a 5
da 0 a 13
* La posizione ottimale sull'asse orizzontale, in relazione al centro della fenditura sul separatore
di interfaccia, è a una distanza di 3 mm da uno dei lati della fenditura.
** La posizione ottimale sull'asse verticale, in relazione al centro della fenditura sul separatore
di interfaccia, è a una distanza da 3 mm a
8 mm al di sopra della fenditura. Più alti saranno i valori impostati sul micrometro, più la sonda
sarà vicina alla fenditura.
Eseguire il Metodo
1. Nel software Analyst®, in modalità Tune and Calibrate, fare doppio clic su Manual
Tune.
2. Immettere un valore iniziale per Temperature (TEM) (ad es., 450) e lasciare che la
sorgente ionica si riscaldi per 30 minuti.
La fase di riscaldamento, della durata di 30 minuti, impedisce ai vapori di solvente di
condensarsi nella sonda ancora fredda. Dopo 1 o 2 minuti i riscaldatori della
sorgente ionica diventano rossi. Questo mostra che la sorgente si sta scaldando.
3. Avviare il flusso del campione.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
16 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
4. Aprire un metodo già usato in precedenza per ottimizzare lo spettrometro di massa.
Impostare le Condizioni Iniziali
1. Immettere un valore iniziale per Ion Source Gas 1 (GS1).
Per le pompe LC, immettere un valore compreso tra 40 e 60 per GS1.
2. Immettere un valore iniziale per Ion Source Gas 2 (GS2).
Per le pompe LC, immettere un valore compreso tra 30 e 50 per GS2.
3. Immettere 4500 V per IonSpray Voltage (IS).
4. Immettere 30 nel campo Curtain Gas (CUR).
5. Immettere 100 nel campo Declustering Potential (DP) della scheda Compound.
6. Immettere 45 per Collision Energy (CE).
7. Immettere un valore iniziale per Collision Exit Potential (CXP).
Ottimizzare la Posizione della Sonda TurboIonSpray
Suggerimento!Alle basse velocità di flusso la sonda può essere posizionata fino a
toccare il punto più basso sull'asse verticale. Alle velocità di flusso elevate posizionare
la sonda più in alto, al di sopra della fenditura. La fenditura del separatore di interfaccia
deve restare sempre libera da solventi o goccioline di solvente.
1. Guardare attraverso la finestrella nel corpo della sorgente ionica per controllare la
posizione della sonda.
2. Usare le impostazioni precedenti degli assi orizzontali e verticali dei micrometri o
impostare i micrometri con 5 come posizione iniziale di partenza. Fare riferimento
alla Tabella 3-1.
3. Usare la FIA o un infusione tramite raccordo a T per iniettare il campione a velocità
di flusso elevata.
4. Monitorare il segnale all'interno del software.
5. Utilizzare il micrometro sull'asse orizzontale per regolare la posizione della sonda in
piccoli incrementi, fino ad ottenere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
La sonda può essere leggermente ottimizzata su ambo i lati della fenditura.
Suggerimento!É più facile ottimizzare il segnale e il rapporto segnalerumore con iniezioni FIA o iniezioni in testa alla colonna.
6. Utilizzare il micrometro sull'asse verticale per regolare la posizione della sonda in
piccoli incrementi, fino ad ottenere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
Nota: La posizione verticale della sonda dipende dalla velocità di flusso.
Alle basse velocità di flusso la sonda dovrebbe essere posta più vicina alla
fenditura. Alle velocità di flusso elevate la sonda dovrebbe esserne
allontanata.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
17 di 64
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o
Esposizione ad Agenti Tossici Chimici e Biologici. Assicurarsi
che l'elettrodo protenda oltre l'estremità della sonda, in modo
da evitare che i vapori pericolosi fuoriescano dalla sorgente.
L'elettrodo non deve essere incassato all'interno della sonda.
7. Regolare il dado di regolazione dell'elettrodo (di colore nero) sulla sonda per
spostare la punta dell'elettrodo rispetto al nebulizzatore tubolare. In genere
l'estensione ottimale dell'elettrodo dal nebulizzatore tubolare va da 0,5 mm (velocità
di flusso alta) a 1,0 mm (velocità di flusso bassa).
Una volta che la sonda è stata ottimizzata, richiederà solo alcune piccole
regolazioni.
Ottimizzare le Velocità di Flusso di Gas 1, Gas 2, e Curtain
Gas™, e la Tensione IonSpray™
Ottimizzare i valori di Gas 1, Gas 2 e IonSpray Voltage per una miglior stabilitò e sensibilitò del
segnale.
Suggerimento!Il gas ausiliario (Gas 2), una volta riscaldato, favorisce l'evaporazione
del solvente, aumentando così la ionizzazione del campione. In ogni caso una
temperatura troppo alta può causare una vaporizzazione prematura del solvente alla
punta della sonda TurboIonSpray, specialmente se la posizione della sonda causa il
passaggio diretto del flusso nebulizzato nella regione dell'orifizio (fare riferimento alla
Tabella 3-1). La vaporizzazione prematura crea instabilità nel segnale e un elevato
rumore di fondo chimico. Allo stesso modo un flusso elevato di gas ausiliario può
generare rumore o instabilità del segnale.
1. Nella scheda Source/Gas del Tune Method Editor, regolare GS1 e GS2 in
incrementi di 5 psi fino a raggiungere il segnale o il rapporto segnale-rumore
migliore.
Nota: Il Gas 2 è usato a velocità di flusso più elevate, comuni quando si
usa un sistema LC, e a temperature più alte.
2. Nel campo Curtain Gas (CUR), incrementare il valore CUR fino a che il segnale
inizia a decrescere.
Nota: Usare il valore più alto possibile per il CUR in modo da impedire la
contaminazione senza che ne risenta la sensibilità. Non impostare il CUR a
valori più bassi di 20.
3. Regolare IS in incrementi di 500 V per massimizzare il rapporto segnale-rumore.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
18 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la Temperatura del Riscaldatore Turbo
La temperatura ottimale del riscaldatore Turbo va regolata in funzione del composto, della
velocità di flusso e della composizione della fase mobile. Maggiori saranno le velocità di flusso e
le diluizioni delle soluzioni acquose, maggiore sarà la temperatura ottimale. L'ottimizzazione di
norma è eseguita in incrementi da 50°C a 100°C.
Nota: Quando si avvia la sorgente ionica, i riscaldatori della sorgente ionica richiedono
1 o 2 minuti per diventare rossi, segno che la sorgente si sta scaldando.
•
Regolare il parametro Temperatura in incrementi da 50°C a 100°C fino a
raggiungere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
Quando si ottimizza la temperatura della sorgente ionica, assicurarsi che la sorgente
ionica sia assestata sulla nuova temperatura prima di procedere.
Nota: La temperatura ottimizzata per la sorgente ionica Turbo V potrebbe
non essere adatta alla sorgente ionica IonDrive Turbo V, dato che i
riscaldatori hanno dimensioni differenti. Si consiglia vivamente di ripetere la
procedura di ottimizzazione della Temperatura del Riscaldatore Turbo se il
metodo precedente è stato messo a punto per una sorgente ionica Turbo V,
in modo da garantire sensibilità e stabilità ottimali. Normalmente la
temperatura ottimale del Riscaldatore Turbo sulla sorgente Turbo IonDrive
V è inferiore a quella richiesta per la sorgente Turbo V.
Suggerimenti per l'Ottimizzazione
•
Utilizzare le temperature più alte possibili quando si ottimizzano i composti. Le
temperature alte aiutano a mantenere pulita la sorgente ionica e riducono il rumore
di fondo.
•
Utilizzare la velocità di flusso più alta possibile per il Curtain Gas (CUR) senza che il
segnale diminuisca. Questo aiuta a:
•
•
•
Impedire la penetrazione del flusso del Curtain Gas, che può generare rumore
nel segnale
•
Impedire la contaminazione della fenditura
•
Aumentare nel complesso il rapporto segnale-rumore
Dirigere la nebulizzazione dei liquidi dalla sonda TurboIonSpray lontano dalla
fenditura, in modo da:
•
Impedire la contaminazione della fenditura.
•
Impedire la penetrazione del flusso del Curtain Gas, che può generare
instabilità nel segnale
•
Impedire il cortocircuito elettrico dovuto alla presenza di liquido
Usare il voltaggio IonSpray più basso possibile senza che il segnale ne risenta.
Concentrarsi sul rapporto segnale-rumore e non solo sul segnale.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
19 di 64
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la Sonda APCI
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Assicurarsi che il laboratorio sia dotato
di un sistema di ventilazione adeguato. Un'adeguata ventilazione del
laboratorio è necessaria per un funzionamento sicuro dello spettrometro
di massa.
Tabella 3-2 Valori Tipici per l'Ottimizzazione della Sonda APCI
Parametro
Valore iniziale
Gamma di esercizio
Impostazione del micrometro
sull'asse orizzontale*
5
da 0 a 10
Impostazione del micrometro
sull'asse verticale**
5
da 0 a 13
* La posizione ottimale sull'asse orizzontale in relazione alla fenditura del separatore di
interfaccia è a una distanza di 2 mm da uno dei lati della fenditura.
** La posizione ottimale sull'asse verticale in relazione alla fenditura del separatore di interfaccia
è a una distanza da 3,0 mm a 8,0 mm sopra la fenditura. Più alti saranno i valori impostati sul
micrometro, più la sonda sarà vicina alla fenditura.
Nota: Quando si usa la sonda APCI, assicurarsi che l'ago di scarica a corona punti
verso la fenditura.
Eseguire il Metodo
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Se il sistema LC connesso allo
spettrometro di massa non è controllato dal software Analyst, non lasciare lo
spettrometro non presidiato mentre è in funzione. Il sistema LC può allagare il corpo della
sorgente ionica quando lo spettrometro di massa entra in modalità Standby.
1. In modalità Tune and Calibrate , fare doppio clic su Manual Tune.
2. Immettere 400 nel campo Temperature (TEM).
3. Immettere un valore iniziale per Temperature (TEM) (ad es., 400) e lasciare che la
sorgente ionica si riscaldi per 30 minuti.
La fase di riscaldamento, della durata di 30 minuti, impedisce ai vapori di solvente di
condensarsi nella sonda ancora fredda. Dopo 1 o 2 minuti i riscaldatori della
sorgente ionica diventano rossi. Questo mostra che la sorgente si sta scaldando.
4. Avviare il flusso del campione.
5. Attendere che la sonda APCI raggiunga una temperatura tale che il solvente
nebulizzato sia rimosso dal corpo della sorgente ionica (circa 10 minuti).
6. Aprire un metodo già usato in precedenza per ottimizzare lo spettrometro di massa.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
20 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Impostare le Condizioni Iniziali
1. Immettere 30 nel campo Ion Source Gas 1 (GS1).
2. Immettere 30 nel campo Curtain Gas (CUR).
3. Immettere un valore iniziale per Nebulizer Current (NC).
4. Immettere 100 nel campo Declustering Potential (DP) della scheda Compound.
5. Immettere 45 per Collision Energy (CE).
6. Immettere un valore iniziale per Collision Exit Potential (CXP).
Ottimizzare il Flusso del Gas 1 e del Curtain Gas
1. Regolare i valori del GS1 in incrementi da 5 fino a ottenere il segnale o il rapporto
segnale-rumore migliore.
2. Aumentare il CUR fino a quando il segnale inizia a diminuire.
Nota: Usare il valore più alto possibile per il CUR in modo da impedire la
contaminazione senza che ne risenta la sensibilità. Non impostare il CUR a
valori più bassi di 20.
Regolare la Posizione dell'Ago di Scarica a Corona
Assicurarsi che l'ago di scarica a corona punti verso la fenditura.
Materiali richiesti
• Cacciavite a taglio piccolo
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Seguire questa procedura per evitare
il contatto con le alte tensioni presenti sull'ago di scarica a corona e sul
separatore di interfaccia.
1. Usare il cacciavite a taglio piccolo per girare la vite di regolazione in plastica in cima
all'ago.
2. Guardare attraverso la finestrella per assicurarsi che la punta dell'ago sia allineata in
direzione della fenditura.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
21 di 64
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la Posizione della Sonda APCI
Assicurarsi che la fenditura del separatore di interfaccia sia sempre libera da solventi o
goccioline di solvente.
La posizione della sonda in relazione alla fenditura del separatore di interfaccia influisce sulla
sensibilità e la stabilità del segnale. La posizione sull'asse verticale della sonda è dipendente
dalla velocità di flusso. Alle velocità di flusso basse, spostare la sonda fino alla posizione più
bassa. Alle velocità di flusso elevate, posizionare la sonda più in alto, al di sopra della fenditura
del separatore di interfaccia.
1. In modalità Tune and Calibrate, fare doppio clic su Manual Tune e poi eseguire il
metodo per ottimizzare la sorgente ionica.
2. Guardare attraverso la finestrella nel corpo della sorgente ionica per controllare la
posizione della sonda.
3. Usare le impostazioni precedenti degli assi orizzontali e verticali dei micrometri o
impostare i micrometri con 5 come posizione iniziale di partenza.
4. Usare la FIA o un infusione tramite raccordo a T per iniettare il campione alle
velocità di flusso elevate.
5. Monitorare il segnale all'interno del software Analyst.
6. Utilizzare il micrometro sull'asse orizzontale per regolare la posizione della sonda in
piccoli incrementi, fino ad ottenere il segnale o rapporto segnale-rumore migliore
(fare riferimento a Tabella 3-2).
Suggerimento!É più facile ottimizzare il segnale e il rapporto segnalerumore con iniezioni FIA o iniezioni in testa alla colonna.
7. Utilizzare il micrometro sull'asse verticale per regolare la posizione della sonda in
piccoli incrementi, fino ad ottenere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
Ottimizzare la Nebulizer Current
La sorgente ionica è controllata dalla corrente e non dalla tensione. Selezionare il valore di
corrente appropriato per il metodo di acquisizione, indipendentemente dalla posizione di
selezione della sorgente ionica. Usare la manopolina di regolazione in PEEK per posizionare
l'ago di scarica a corona in modo tale che la punta dell'ago punti dritta verso il centro della sonda.
•
Iniziare con un valore di Nebulizer Current (NC) di 1 e aumentarlo fino a
raggiungere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
La NC (Corrente del Nebulizzatore) applicata all'ago di scarica a corona è di norma
ottimizzata tra 1 µA e 5 µA in modalità positiva. Se non si osservano cambiamenti
nel segnale quando si aumenta la corrente, lasciare la corrente al valore più basso
che fornisce il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
22 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Ottimizzare la Temperatura della Sonda APCI
La quantità e il tipo di solvente influenzano la temperatura ottimale della sonda APCI. La
temperatura ottimale aumenta alle velocità di flusso più elevate.
Nota: Quando si avvia la sorgente ionica, i riscaldatori della sorgente ionica richiedono
1 o 2 minuti per diventare rossi, segno che la sorgente si sta scaldando.
•
Regolare il parametro Temperatura in incrementi da 50°C fino a ottenere il segnale o
il rapporto segnale-rumore migliore.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
23 di 64
Ottimizzazione della Sorgente Ionica
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
24 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
4
Manutenzione della Sorgente ionica
Questo capitolo descrive le procedure di manutenzione generale della sorgente ionica. Per
determinare la frequenza delle operazioni di pulizia della sorgente ionica o della manutenzione
preventiva, tenere in considerazione quanto segue:
•
Composti testati
•
Pulizia dei metodi di preparazione
•
Periodo di inattività di una sonda contenente un campione
•
Tempo di attività generale del sistema
Questi fattori possono causare dei cambiamenti nelle prestazioni della sorgente ionica, che
indicano la necessità di un intervento di manutenzione.
Assicurarsi che la tenuta della sorgente ionica montata sullo strumento sia perfetta, senza alcuna
traccia di perdite di gas. Eseguire i controlli di manutenzione generale per verificare il
funzionamento sicuro del sistema. Pulire regolarmente i componenti della sorgente ionica per
mantenerli in condizioni ottimali.
ATTENZIONE!Pericolo di Incendio e di Esposizione ad Agenti Chimici Tossici:
Tenere il metanolo lontano da fiamme e scintille e usarlo solo sotto una cappa
aspirante per fumi chimici o negli armadi di sicurezza. Generano vapori che
comportano rischi di incendio e inalazione di sostanze tossiche.
ATTENZIONE!Pericolo di Esposizione ad Agenti Chimici Tossici: Indossare i
dispositivi di protezione individuale (DPI)—mascherina e filtro, guanti e occhiali
di sicurezza per evitare l'esposizione degli occhi o della pelle ad acetone,
metanolo o alcol isopropilico, e non ingerire queste sostanze.
ATTENZIONE!Pericolo di Perforazione: Maneggiare l'ago con cura. La punta
dell'ago è estremamente acuminata.
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: In caso di fuoriuscita di prodotti
chimici, consultare le istruzioni contenute nelle Schede di Sicurezza dei
materiali. Arrestare la fuoriuscita o la perdita solo se ciò può essere fatto
in sicurezza. Usare i dispositivi di protezione individuale appropriati per
contenere la fuoriuscita e smaltirla secondo le normative locali.
Attenzione:Rischio di Danni allo Strumento: Usare solo il metodo di pulizia raccomandato
per evitare di danneggiare l'apparecchiatura.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
25 di 64
Manutenzione della Sorgente ionica
Materiali richiesti
• Metanolo per LC-MS
• Acqua deionizzata per HPLC
• Chiave aperta da 1/4"
• chiave esagonale da 9/64" (in dotazione)
• chiave esagonale da 5 mm
• chiave esagonale da 2,5 mm
• Cacciavite a croce
• Cacciavite a taglio
• Guanti senza polvere (consigliati in nitrile)
• Mascherina/filtro
• Occhiali di sicurezza
• Camice da laboratorio
Pulire le Sonde
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: In caso di fuoriuscita di prodotti
chimici, consultare le istruzioni contenute nelle Schede di Sicurezza dei
materiali. Arrestare la fuoriuscita o la perdita solo se ciò può essere fatto
in sicurezza. Usare i dispositivi di protezione individuale appropriati per
contenere la fuoriuscita e smaltirla secondo le normative locali.
La sorgente ionica va lavata regolarmente, indipendentemente dal tipo di composti campionati.
Si può svolgere questa operazione configurando un metodo specifico per eseguire
un'operazione di lavaggio delle sonde nel software Analyst®.
1. Passare a una fase mobile composta da acqua/acetonitrile 50:50 o acqua/metanolo
50:50.
2. Impostare TEM tra 500 e 600, GS1 e GS2 ad almeno 40, e il flusso del Curtain Gas
al valore più alto possibile senza che ci sia una perdita di segnale. Attendere fino a
che il valore impostato per TEM sia raggiunto.
3. Infondere o iniettare la fase mobile attraverso i tubi e la sonda di campionamento a
1 mL/min per circa 10 o 15 minuti.
4. Assicurarsi che la sonda e il tubo di campionamento siano lavati abbondantemente.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
26 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Manutenzione della Sorgente ionica
Movimentazione della Sorgente Ionica
Le superfici della sorgente ionica raggiungono temperature considerevoli durante il
funzionamento. La figura in basso mostra le superfici meno calde (blu e grigio) e le superfici che
restano calde per un periodo di tempo prolungato (rosso). Non toccare le superfici rosse illustrate
in basso mentre si usa o si rimuove la sorgente ionica.
2
1
1
2
2
Figura 4-1
Superfici calde della sorgente ionica
Elemento Descrizione
1
Superfici calde—non toccare
2
Superfici meno calde—maneggiare
con cura
Rimuovere la Sorgente ionica
La sorgente ionica può essere rimossa facilmente e rapidamente, senza l'uso di attrezzi.
Rimuovere sempre la sorgente ionica dallo spettrometro di massa prima di svolgere qualsiasi
attività di manutenzione sulla sorgente ionica o durante lo scambio delle sonde.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Non toccare le superfici rosse come
illustrato in Figura 4-1. Toccare solo il coperchio in plastica blu. Le superfici della
sorgente ionica raggiungono temperature considerevoli durante il
funzionamento. Lasciar raffreddare la sorgente ionica per almeno 90 minuti prima
di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione.
1. Arrestare le scansioni in corso.
2. Arrestare il flusso del campione.
3. Attivare la modalità Standby per lo spettrometro di massa attraverso il software
Analyst. Consultare il menu Help del software Analyst.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
27 di 64
Manutenzione della Sorgente ionica
4. Lasciar raffreddare la sorgente ionica per almeno 90 minuti.
5. Scollegare il tubo di campionamento dalla giunzione di messa a terra.
6. Sbloccare la sorgente ionica girando i due fermi di sicurezza (posizione aperta a ore
12).
7. Porre le mani sul coperchio blu ed estrarre delicatamente la sorgente ionica
dall'interfaccia di vuoto.
8. Posizionare la sorgente ionica su una superficie pulita e stabile.
Rimuovere la Sonda
La sonda può essere rimossa facilmente e rapidamente, senza l'uso di attrezzi. Rimuovere
sempre la sorgente ionica dallo spettrometro di massa prima di cambiare le sonde o di svolgere
la manutenzione sulle stesse.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Lasciar raffreddare la sorgente ionica
per almeno 90 minuti prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione. Le
superfici della sorgente ionica raggiungono temperature considerevoli durante il
funzionamento.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Rimuovere la sorgente ionica dallo
spettrometro di massa prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione.
1. Rimuovere la sorgente ionica dallo spettrometro di massa. Fare riferimento alla
Rimuovere la Sorgente ionica a pagina 27.
2. Svitare il dado da 1/8" del tubo di campionamento e rimuovere il tubo dalla sonda.
3. Svitare la ghiera di fermo in bronzo che fissa la sonda al corpo della sorgente ionica.
4. Estrarre delicatamente la sonda dall'alto della torretta. Non lasciare che la punta
della sonda tocchi alcun oggetto quando la si rimuove o conserva.
5. Poggiare la sonda su una superficie pulita e stabile.
Pulire l'Elettrodo Tubolare
La configurazione standard della sonda impiega un elettrodo tubolare con un diametro interno di
100 µm (0.004"). Pulire l'elettrodo tubolare regolarmente, o quando si nota un calo delle
prestazioni. Fare riferimento a
Questa procedura è applicabile sia alle sonde TurboIonSpray®, sia alle sonde APCI. Seguire
questa procedura per rimuovere e pulire l'elettrodo tubolare. Se non si riesce a pulire l'elettrodo
tubolare, seguire questa procedura per sostituirlo con uno nuovo.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Lasciar raffreddare la sorgente ionica
per almeno 90 minuti prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione. Le
superfici della sorgente ionica raggiungono temperature considerevoli durante il
funzionamento.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
28 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Manutenzione della Sorgente ionica
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Rimuovere la sorgente ionica dallo
spettrometro di massa prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione.
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: In caso di fuoriuscita di prodotti
chimici, consultare le istruzioni contenute nelle Schede di Sicurezza dei
materiali. Arrestare la fuoriuscita o la perdita solo se ciò può essere fatto
in sicurezza. Usare i dispositivi di protezione individuale appropriati per
contenere la fuoriuscita e smaltirla secondo le normative locali.
1. Rimuovere la sorgente ionica dallo spettrometro di massa e la sonda dalla sorgente
ionica. Fare riferimento a Rimuovere la Sorgente ionica a pagina 27 e Rimuovere la
Sonda a pagina 28.
ATTENZIONE!Pericolo di Perforazione: Maneggiare con cura. Le
estremità dell'elettrodo e della sonda sono appuntite.
2. Rimuovere il dado di regolazione dell'elettrodo. Tenere la sonda con l'ugello rivolto
verso il basso in modo che la molla resti all'interno della sonda mentre si estrae
l'elettrodo tubolare. Fare riferimento alla Figura 4-2.
1
8
6
7
2
Figura 4-2
Elemento
4
3
Sonda - particolare
Descrizione
1
Dado di regolazione dell'elettrodo
2
Raccordo in PEEK
3
Molla
4
Ghiera di fermo in bronzo
5
Punta dell'elettrodo
6
Nebulizzatore tubolare
7
Elettrodo tubolare
8
Dado di fissaggio da 1/4"
Guida per l'Operatore
D5038996 A
5
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
29 di 64
Manutenzione della Sorgente ionica
3. Estrarre il raccordo in PEEK e l'elettrodo tubolare ad esso collegato dalla sonda.
Fare riferimento alla Figura 4-2.
4. Usare la chiave aperta da 1/4" per rimuovere il dado di fissaggio che mantiene
l'elettrodo tubolare nel raccordo in PEEK, poi rimuovere l'elettrodo tubolare dal dado
di fissaggio.
5. Pulire l'elettrodo tubolare con una soluzione acqua/metanolo 50:50, facendo
scorrere la soluzione nel tubo o immergendo il tubo in un bagno a ultrasuoni.
Montare il Tubo
1. Inserire l'elettrodo tubolare nel dado di fissaggio e poi nel raccordo di giunzione in
PEEK.
Assicurarsi che l'elettrodo tubolare sia inserito fino in fondo nel raccordo di giunzione
in PEEK. Se resta dello spazio vuoto tra l'elettrodo tubolare e la sua sede all'interno
del raccordo di giunzione, potrebbe generarsi un volume morto nel campione.
2. Allineare l'elettrodo tubolare con l'apertura presente nel tubo del nebulizzatore e
inserire nella sonda il raccordo di giunzione in PEEK e l'elettrodo tubolare ad esso
collegato. Fare attenzione a non piegare l'elettrodo tubolare.
3. Assicurarsi che la molla sia ancora all'interno della sonda e poi serrare il dado di
fissaggio dell'elettrodo.
4. Inserire la sonda nella torretta, facendo attenzione a non lasciare che la punta della
sonda entri in contatto con qualsiasi componente del corpo della sorgente ionica.
5. Premere verso il basso la ghiera di fermo in bronzo per agganciare la filettatura con
la filettatura posta sul corpo della sorgente ionica e poi serrare la ghiera.
6. Inserire il tubo di campionamento nel dado, inserire il dado nell'attacco in cima alla
sonda, e infine serrare il dado senza forzare eccessivamente.
7. Installare la sorgente ionica nello spettrometro di massa e poi regolare la punta
dell'elettrodo secondo le specifiche. Fare riferimento a Installare la Sorgente Ionica a
pagina 11 e Regolare l'Estensione della Punta dell'Elettrodo. a pagina 30.
Regolare l'Estensione della Punta dell'Elettrodo.
L'estensione della punta dell'elettrodo può essere regolata per ottenere prestazioni migliori. La
configurazione ottimale varia secondo il composto. La distanza di estensione della punta
dell'elettrodo influisce sulla forma del cono di nebulizzazione, e la forma del cono influisce sulla
sensibilità dello spettrometro di massa.
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici. Assicurarsi che l'elettrodo protenda
oltre l'estremità della sonda, in modo da evitare che i vapori pericolosi
fuoriescano dalla sorgente. L'elettrodo non deve essere incassato
all'interno della sonda.
•
Regolare il dado di regolazione dell'elettrodo (di colore nero) in cima alla sonda per
estendere o ritirare la punta dell'elettrodo.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
30 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Manutenzione della Sorgente ionica
Generalmente la punta dell'elettrodo dovrebbe fuoriuscire per una lunghezza
compresa tra 0,5 mm (velocità di flusso alte) e 1,0 mm (velocità di flusso basse)
dall'estremità della sonda come mostrato in Figura 4-3.
1
2
0.5 - 1 mm
Figura 4-3
Regolazione dell'estensione della punta dell'elettrodo
Elemento Descrizione
1
Sonda
2
Elettrodo
Sostituire l'Ago di Scarica a Corona
La punta dell'ago di scarica a corona può essere soggetta a corrosione, fino al punto che dovrà
essere tagliata dall'ago. Se questo accade, sostituire l'ago di scarica a corona.
ATTENZIONE!Pericolo di Scosse Elettriche: Rimuovere la sorgente ionica dallo
spettrometro di massa prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione.
ATTENZIONE!Pericolo di Perforazione: Maneggiare l'ago con cura. La punta
dell'ago è estremamente acuminata.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Lasciar raffreddare la sorgente ionica
per almeno 90 minuti prima di iniziare qualsiasi procedura di manutenzione. Le
superfici della sorgente ionica raggiungono temperature considerevoli durante il
funzionamento.
1. Rimuovere la sorgente ionica e la sonda dallo spettrometro di massa. Fare
riferimento a Rimuovere la Sorgente ionica a pagina 27 e Rimuovere la Sonda a
pagina 28.
2. Girare la sorgente ionica in modo da trovarsi di fronte l'apertura.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
31 di 64
Manutenzione della Sorgente ionica
1
2
3
Figura 4-4
Elemento
Rimuovere l'ago di scarica a corona
Descrizione
1
Cannula in ceramica
2
Punta dell'ago di scarica a corona
3
Camino di scarico
3. Mantenere la punta dell'ago di scarico a corona tra il pollice e l'indice. Girare con
l'altra mano la manopolina di regolazione dell'ago di scarico a corona in senso
antiorario per rimuoverla.
4. Tirare delicatamente l'ago di scarica a corona attraverso il camino di scarico per
rimuoverlo.
5. Inserire il nuovo ago attraverso il camino di scarico nella cannula in ceramica fino in
fondo.
ATTENZIONE!Pericolo di Perforazione: Maneggiare l'ago con cura. La
punta dell'ago è estremamente acuminata.
6. Mentre si mantiene ferma la punta dell'ago di scarico a corona, rimontare e serrare
la manopolina di regolazione dell'ago.
7. Inserire la sonda e poi montare il corpo della sorgente ionica sullo spettrometro di
massa. Fare riferimento alla Installazione della Sorgente Ionica a pagina 11.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
32 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Manutenzione della Sorgente ionica
Sostituire il Tubo di Campionamento
Utilizzare la seguente procedura per sostituire il tubo di campionamento se è ostruito.
1. Assicurarsi di aver arrestato il flusso del campione e che tutto il gas residuo sia stato
rimosso attraverso il sistema di scarico della sorgente. Fare riferimento alla
Rimuovere la Sorgente ionica a pagina 27.
2. Scollegare il tubo di campionamento dalla sonda e dal raccordo.
3. Sostituire il tubo di campionamento con uno della stessa lunghezza.
Ora si può ripristinare il flusso del campione.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
33 di 64
Manutenzione della Sorgente ionica
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
34 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
5
Risoluzione dei problemi
Tabella 5-1 Risoluzione dei problemi
Problema
Analyst®
Il software
riporta che
lo spettrometro di massa è in
stato di Fault (guasto)
La nebulizzazione non è
uniforme.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Probabile causa
Intervento
• La sonda non è installata.
• Installare la sonda. Fare
riferimento alla Installare la
Sonda a pagina 12.
• La sonda non è collegata
correttamente.
L'elettrodo è bloccato.
• Rimuovere e rimontare la
sonda. Serrare la ghiera di
fermo in bronzo che stringe
la sonda. Fare riferimento
a Rimuovere la Sonda a
pagina 28 e Installare la
Sonda a pagina 12.
Pulire o sostituire l'elettrodo.
Fare riferimento alla Pulire
l'Elettrodo Tubolare a
pagina 28.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
35 di 64
Risoluzione dei problemi
Tabella 5-1 Risoluzione dei problemi
Problema
Probabile causa
Intervento
Il rumore di fondo è alto
• La Temperature (TEM) è
troppo alta.
• Ottimizzare la temperatura.
• La velocità di flusso del gas • Ottimizzare il flusso del
gas ausiliario.
ausiliario (GS2) è troppo
alta.
•
Pulire o sostituire i
• La sorgente ionica è
componenti della sorgente
contaminata.
ionica. Fare riferimento alla
Manutenzione della
Sorgente ionica a
pagina 25.
• Mettere a punto la
sorgente e la parte
frontale:
1. Spostare la sonda APCI o
TIS nella posizione più
lontana dalla fenditura
(verticalmente e
orizzontalmente)
2. Assicurarsi che il
riscaldatore di interfaccia
sia su On.
3. Infondere o iniettare una
soluzione metanolo/acqua
50:50 con una portata di 1
mL/min.
4. Impostare nel software
Analyst TEM a 650, GS1
a 60, e GS2 a 60.
5. Impostare il flusso del
Curtain Gas a 45 o 50.
6. Far girare per un minimo
di 2 ore, o ancora meglio
per tutta la notte, per
ottenere i risultati migliori.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
36 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Risoluzione dei problemi
Tabella 5-1 Risoluzione dei problemi
Problema
Probabile causa
Intervento
Le prestazioni della sorgente
ionica sono peggiorate.
• La sonda non è ottimizzata. • Ottimizzare la Sonda
TurboIonSpray® o
Ottimizzare la Sonda
APCI.
• Il campione non era
preparato a dovere o è
andato incontro a
degradazione.
• Verificare che il campione
sia stato preparato
correttamente.
• Verificare se ci sono perdite
• Verificare che gli attacchi
nel sistema presso gli
siano stretti e sostituire gli
attacchi di introduzione del
attacchi se sussistono
campione.
ancora delle perdite. Non
stringere eccessivamente
gli attacchi.
• Installare e ottimizzare una
sorgente ionica alternativa.
Se il problema persiste
contattare un
Responsabile
dell'Assistenza Tecnica
(FSE).
Scariche ad arco o scintille.
La posizione dell'ago di
scarica a corona non è
corretta.
Girare l'ago di scarica a
corona in direzione del
separatore di interfaccia e
lontano dal flusso di gas
ausiliario. Fare riferimento
alla Regolare la Posizione
dell'Ago di Scarica a Corona
a pagina 21.
• Verificare che gli O-ring
siano in posizione
sull'interfaccia per
assicurarsi che i
riscaldatori ricevano un
flusso di gas uguale.
• Questo può essere
osservato quando uno dei
riscaldatori sembra essere
molto più caldo dell'altro
alla vista.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
37 di 64
Risoluzione dei problemi
Tabella 5-1 Risoluzione dei problemi
Problema
Probabile causa
La sensibilità è scarsa.
• I componenti dell'interfaccia • Pulire le componenti
(parte frontale) sono
dell'interfaccia e
sporchi.
riposizionare la sorgente
ionica.
• Vapori di solvente o altri
composti ignoti sono
presenti nella regione
dell'analizzatore.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
38 di 64
Intervento
• Ottimizzare il flusso del
Curtain Gas™. Fare
riferimento alla Ottimizzare
le Velocità di Flusso di Gas
1, Gas 2, e Curtain Gas™,
e la Tensione IonSpray™ a
pagina 18.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
6
Test per la Sorgente Ionica
Questo capitolo descrive i test per misurare le prestazioni della sorgente ionica. Effettuare questi
test in presenza di una qualsiasi delle seguenti situazioni:
•
Quando si installa una nuova sorgente ionica.
•
Quando una sorgente ionica secondaria o alternativa viene acquistata
separatamente e installata in un secondo momento sullo spettrometro di massa.
•
Dopo un lavoro di manutenzione importante sulla sorgente ionica.
•
Ogni volta che si necessita di valutare nuovamente le prestazioni della sorgente
ionica, prima di iniziare un progetto o come parte della procedura operativa
standard.
Per le specifiche di test delle sonde e i parametri degli strumenti, fare riferimento alle Specifiche
della Sorgente Ionica.
ATTENZIONE!Rischio di Contaminazione da Radiazioni o Esposizione ad
Agenti Tossici Chimici e Biologici: Utilizzare la sorgente ionica solo se si
hanno la conoscenza e l'esperienza necessarie riguardo l'utilizzo, il
contenimento e l'evacuazione dei materiali tossici o nocivi utilizzati con la
sorgente ionica. Qualsiasi materiale velenoso o nocivo introdotto
nell'apparecchiatura sarà presente nella sorgente ionica e nel sistema di
scarico.
Materiali richiesti
• Solvente della fase mobile; soluzione acetonitrile/acqua 70:30
• Soluzione di Test: Reserpina 0.0167 pmol/µL (equivalente a 10 pg/µL) nella fase mobile.
Usare la soluzione pre-diluita di reserpina 0,0167 pmol/µL inclusa nel Kit Prodotti Chimici
Standard AB SCIEX (N.P. 4406127).
• Pompa HPLC (per fase mobile)
• Iniettore manuale (Rheodyne Mod. 8125 o equivalente) con un loop da 5 µL o un
autocampionatore predisposto per iniezioni da 5 µL
• Tubo in PEEK diam.est. 1/16" diam.int. 0,005"
• Sorgente ionica con sonda installata
• Siringa da 250 µL a 1000 µL
• Guanti senza polvere (consigliati in nitrile)
• Occhiali di sicurezza
• Camice da laboratorio
Preparazione del Test
•
Se si installa la sorgente ionica per la prima volta, assicurarsi che lo spettrometro di
massa funzioni in conformità alle specifiche tecniche.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
39 di 64
Test per la Sorgente Ionica
•
Rimuovere le eventuali sorgenti ioniche installate sullo spettrometro di massa e
installare la sorgente ionica IonDrive™ Turbo V. Fare riferimento alla Installazione
della Sorgente Ionica a pagina 11.
•
Fare riferimento a tutte le Schede di Sicurezza dei Materiali per le precauzioni
necessarie prima di maneggiare soluzioni o solventi chimici. Il test deve essere
condotto solo da persone che hanno esperienza o una formazione adeguata nell'uso
degli spettrometri di massa, con una perfetta conoscenza delle procedure di
sicurezza.
Testare la Sonda TurboIonSpray®
Per ulteriori informazioni riguardo l'installazione o l'ottimizzazione della sorgente ionica, fare
riferimento a Installare la Sorgente Ionica a pagina 11 e Ottimizzazione della Sorgente Ionica a
pagina 15.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Le superfici della sorgente ionica
raggiungono temperature considerevoli durante il funzionamento. Lasciar
raffreddare la sorgente ionica per almeno 90 minuti prima di iniziare qualsiasi
procedura di manutenzione.
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Non introdurre alcun flusso di solvente
prima di aver verificato che la sorgente ionica abbia raggiunto la corretta temperatura.
1. Nel software Analyst® software, in modalità Tune and Calibrate, fare doppio clic su
Manual Tune.
2. Aprire un metodo già usato in precedenza per tarare lo spettrometro di massa.
Questo metodo rappresenterà un punto di partenza.
3. Configurare i parametri del metodo come illustrato in Tabella 6-1.
Tabella 6-1 Parametri del Metodo
Parametro
Valore
Parametri MS
Modalità Scansione
MRM
Q1
609,2
Q3
195,1
Tempo di scansione
0.200 secondi
Durata
10 minuti
Parametri Sorgente/Gas
Flusso Curtain Gas (CUR) 30 (o come da ottimizzazione)
Temperature (TEM)
700°C (o come da ottimizzazione)
Ion Source Gas 1(GS1)
60 (o come da ottimizzazione)
Ion Source Gas 2 (GS2)
70 (o come da ottimizzazione)
IonSpray Voltage (IS)
4500 V (o come da ottimizzazione)
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
40 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Test per la Sorgente Ionica
Tabella 6-1 Parametri del Metodo (Continua)
Parametro
Valore
Parametri Composto
Declustering Potential
(DP)
100 (o come da ottimizzazione)
Collision Energy (CE)
45 (o come da ottimizzazione)
Collision Exit Potential
(CXP)
Come da ottimizzazione
4. Configurare la pompa HPLC per il rilascio di 0.5 mL/min di fase mobile.
5. Collegare la giunzione di messa a terra posta sulla sorgente ionica a una pompa,
attraverso un iniettore dotato di un loop da 5 µl o un autocampionatore.
6. Fare clic su Start o Acquire per iniziare la raccolta dei dati.
Attenzione:Rischio di Danni Allo Strumento: Usare il valore più alto possibile
per il flusso del Curtain Gas in modo da evitare la contaminazione dello
spettrometro di massa.
7. Eseguire diverse iniezioni da 5 µL di soluzione di reserpina 0,0167 pmol/µL mentre
si ottimizzano i flussi del gas di nebulizzazione (GS1), del gas ausiliario (GS2), e del
Curtain Gas (CUR) per ottenere la massima intensità e stabilità del segnale. Fare
riferimento alla Ottimizzare la Sonda TurboIonSpray® a pagina 16.
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o
Esposizione ad Agenti Tossici Chimici e Biologici. Assicurarsi
che l'elettrodo protenda oltre l'estremità della sonda, in modo
da evitare che i vapori pericolosi fuoriescano dalla sorgente.
L'elettrodo non deve essere incassato all'interno della sonda.
8. Ottimizzare l'estensione della punta dell'elettrodo. Fare riferimento alla Ottimizzare
la Sonda TurboIonSpray® a pagina 16.
9. Ottimizzare la posizione orizzontale e verticale della sonda.
10. Dopo che la sorgente è stata ottimizzata, iniettare 5 µL di soluzione di reserpina
0,0167 pmol/µL mentre si controlla il rapporto m/z prestabilito 609/195.
Suggerimento!AB SCIEX raccomanda di rabboccare il loop da 5 µL con 30
µL o 40 µL di soluzione.
11. Ripetere passo 10 altre due volte e annotare l'intensità media delle tre iniezioni.
12. Stampare una copia dei risultati.
13. Rivedere la copia stampata dei risultati del test della sonda TurboIonSpray.
14. Verificare che le tre iniezioni di soluzione di reserpina 0,0167 pmol/µL siano
accettabili. Fare riferimento alle Specifiche della Sorgente Ionica dello spettrometro
di massa, se necessario.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
41 di 64
Test per la Sorgente Ionica
15. Se le prestazioni della sorgente ionica sono notevolmente peggiorate, fare
riferimento a Risoluzione dei problemi a pagina 35.
16. Dopo aver completato i test, arrestare la pompa LC e impostare la temperatura su 0.
Testare la Sonda APCI
Per ulteriori informazioni riguardo l'installazione o l'ottimizzazione della sorgente ionica, fare
riferimento a Installare la Sorgente Ionica a pagina 11 e Ottimizzazione della Sorgente Ionica a
pagina 15.
ATTENZIONE!Pericolo - Superfici Calde: Le superfici della sorgente ionica
raggiungono temperature considerevoli durante il funzionamento. Lasciar
raffreddare la sorgente ionica per almeno 90 minuti prima di iniziare qualsiasi
procedura di manutenzione.
Attenzione:Rischio di Danni All'Apparecchiatura: Non introdurre alcun flusso di solvente
prima di aver verificato che la sorgente ionica abbia raggiunto la corretta temperatura.
1. Nel software Analyst , in modalità Tune and Calibrate, fare doppio clic su Manual
Tune.
2. Aprire un metodo già usato in precedenza per tarare lo spettrometro di massa.
Questo metodo rappresenterà un punto di partenza.
3. Configurare i parametri del metodo come illustrato in Tabella 6-2.
Tabella 6-2 Parametri del Metodo
Parametro
Valore
Parametri MS
Modalità Scansione
MRM
Q1
609,2
Q3
195,1
Tempo di scansione
0.200 secondi
Durata
10 minuti
Parametri Sorgente/Gas
Flusso Curtain Gas (CUR)
30 (o come da ottimizzazione)
Gas CAD
9 (o come da ottimizzazione)
Nebulizer Current (NC)
3 (o come da ottimizzazione)
Temperature (TEM)
425°C
Ion Source Gas1 (GS1)
Come da ottimizzazione
Parametri Composto
Declustering Potential (DP)
100 (o come da ottimizzazione)
Collision Energy (CE)
45 (o come da ottimizzazione)
Collision Exit Potential (CXP) Come da ottimizzazione
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
42 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Test per la Sorgente Ionica
4. Configurare la pompa HPLC per il rilascio di 1 mL/min di fase mobile.
5. Collegare la giunzione di messa a terra posta sulla sorgente ionica a una pompa,
attraverso un iniettore dotato di un loop da 5 µl o un autocampionatore.
6. Fare clic su Start o Acquire per iniziare la raccolta dei dati.
Attenzione:Rischio di Danni Allo Strumento: Usare il valore più alto possibile
per il flusso del Curtain Gas in modo da evitare la contaminazione dello
spettrometro di massa.
7. Eseguire diverse iniezioni da 5 µL di soluzione di reserpina 0,0167 pmol/µL mentre
si ottimizzano i flussi del gas di nebulizzazione (GS1), del gas ausiliario (GS2), del
Curtain Gas (CUR) e della corrente del nebulizzatore (NC) per ottenere la massima
intensità e stabilità del segnale. Fare riferimento alla Ottimizzare la Sonda APCI a
pagina 20.
ATTENZIONE!Pericolo di Contaminazione da Radiazioni o
Esposizione ad Agenti Tossici Chimici e Biologici. Assicurarsi
che l'elettrodo protenda oltre l'estremità della sonda, in modo
da evitare che i vapori pericolosi fuoriescano dalla sorgente.
L'elettrodo non deve essere incassato all'interno della sonda.
8. Ottimizzare l'estensione della punta dell'elettrodo. Fare riferimento alla Ottimizzare
la Sonda APCI a pagina 20.
9. Ottimizzare la posizione orizzontale e verticale della sonda.
10. Dopo che la sorgente è stata ottimizzata, iniettare 5 µL di soluzione di reserpina
0,0167 pmol/µL mentre si controlla il rapporto m/z prestabilito 609/195.
Suggerimento!AB SCIEX raccomanda di rabboccare il loop da 5 µL con 30
µL o 40 µL di soluzione.
11. Ripetere passo 10 altre due volte e annotare l'intensità media delle tre iniezioni.
12. Stampare una copia dei risultati.
13. Rivedere la copia stampata dei risultati del test della sonda APCI.
14. Verificare che le tre iniezioni di soluzione di reserpina 0,0167 pmol/µL siano
accettabili. Fare riferimento alle Specifiche della Sorgente Ionica dello spettrometro
di massa, se necessario.
15. Se le prestazioni della sorgente ionica sono notevolmente peggiorate, fare
riferimento a Risoluzione dei problemi a pagina 35.
16. Dopo aver completato i test, arrestare la pompa LC e impostare la temperatura su 0.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
43 di 64
Test per la Sorgente Ionica
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
44 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
A
Principi di Funzionamento
Modalità TurboIonSpray®
Solo i composti che si ionizzano nel solvente liquido possono essere generati come ioni in fase
gassosa nella sorgente. L'efficienza e la velocità di generazione degli ioni dipende dalle energie
di solvatazione degli ioni in questione. Gli ioni con energie di solvatazione inferiori hanno più
probabilità di evaporare rispetto agli ioni con energie di solvatazione superiori.
La sonda TurboIonSpray® usa due riscaldatori ad alta potenza (Turbo) per immettere aria calda e
secca. La sonda TurboIonSpray è posizionata centralmente tra i due riscaldatori Turbo, che sono
collocati simmetricamente su ogni lato della sonda. La combinazione tra l'effluente della
IonSpray e il gas secco, portato a temperatura dai riscaldatori Turbo, è proiettata ad
un'angolazione di 90 gradi verso la fenditura del separatore di interfaccia.
L'interazione tra la IonSpray e i riscaldatori Turbo aiuta a concentrare il getto TurboIonSpray e
aumenta il tasso di evaporazione delle goccioline, incrementando di conseguenza il segnale
degli ioni. Il gas riscaldato aumenta l'efficienza dell'evaporazione degli ioni, con conseguente
maggiore sensibilità e capacità di gestire velocità di flusso più elevate di campione liquido.
Un flusso ad alta velocità di gas di nebulizzazione fa staccare delle goccioline dal flusso del
campione liquido nell'ingresso della IonSpray. Utilizzando l'alta tensione variabile applicata al
nebulizzatore, la sorgente ionica applica una carica netta a ogni gocciolina. Questa carica
favorisce la dispersione delle goccioline. L'alta tensione tende ad estrarre di preferenza gli ioni
unipolari nelle goccioline appena queste sono separate dal getto del liquido. Tuttavia questa
separazione è incompleta e ciascuna gocciolina contiene molti ioni di entrambe le polarità. Gli
ioni di una polarità definita sono predominanti in ciascuna gocciolina, e la differenza tra il numero
di ioni caricati positivamente o negativamente rappresenta la carica netta. Solo gli ioni in eccesso
della polarità predominante sono disponibili per l'evaporazione ionica, e solo una frazione di
questi riesce effettivamente ad evaporare.
La polarità e la concentrazione degli ioni in eccesso dipende dall'intensità e dalla polarità del
potenziale ad alta tensione applicato alla punta del nebulizzatore. Ad esempio, quando un
campione contiene arginina in una soluzione di acqua e acetonitrile e si applica un potenziale
positivo al nebulizzatore, gli ioni positivi in eccesso saranno H+ e MH+ arginina.
La sonda TurboIonSpray può generare ioni multicarica a partire da composti che hanno molti siti
protonabili, come peptidi e oligonucleotidi. Questo è di grande utilità quando si osservano specie
ad alto peso molecolare, dove le cariche multiple producono ioni con un rapporto massa/ carica
(m/z) nell'intervallo di massa dello spettrometro. Questo permette la determinazione ordinaria del
peso molecolare dei composti nell'ordine del kiloDalton (kDa)
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
45 di 64
Principi di Funzionamento
1
2
3
4
Figura A-1 Evaporazione ioni
Elem Descrizione
ento
1
Le goccioline contengono ioni di ambo le polarità con una polarità
predominante.
2
Quando il solvente evapora, il campo elettrico aumenta e gli ioni si
muovono verso la superficie.
3
Una volta raggiunto un determinato valore critico del campo, gli ioni
sono emessi dalle goccioline.
4
I residui non volatili restano come particella secca.
Come illustrato in Figura A-1 a pagina 46, ogni gocciolina carica contiene solvente e ioni negativi
e positivi, ma con il predominio di una delle due polarità. Dato che si tratta di un mezzo di
conduzione, le cariche in eccesso risiedono sulla superficie della gocciolina. Quando il solvente
evapora, il campo elettrico alla superficie della gocciolina aumenta, dato che il raggio della
gocciolina diminuisce.
Se la gocciolina contiene ioni in eccesso e una quantità di solvente sufficiente evapora dalla
gocciolina, si raggiunge un campo critico dove gli ioni sono emessi dalla superficie. Al termine
del processo tutto il solvente sarò evaporato dalla gocciolina, lasciando una particella secca
costituita dai componenti non volatili della soluzione campione.
Dato che le energie di solvatazione di buona parte delle molecole organiche sono sconosciute, le
sensibilità di ogni dato ione organico all'evaporazione ionica sono difficili da prevedere.
L'importanza dell'energia di solvatazione è evidente, in quanto i surfactanti che si concentrano
sulla superficie di un liquido possono essere rilevati in modo molto sensibile.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
46 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Principi di Funzionamento
Modalità APCI
I motivi delle incompatibilità riscontrate in passato nel collegare la cromatografia liquida con la
spettrometria di massa sussistevano nella difficoltà nel convertire molecole relativamente non
volatili in un gas molecolare senza indurre una decomposizione eccessiva. La sonda APCI
nebulizza delicatamente il campione in piccole goccioline finemente disperse in un tubo di
ceramica riscaldato, permettendo una rapida vaporizzazione del campione per far sì che le
molecole del campione stesso non siano decomposte.
Figura A-2 Diagramma di flusso reazione APCI
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
47 di 64
Principi di Funzionamento
La Figura A-2 mostra il flusso di reazione del processo di ionizzazione chimica a pressione
atmosferica (APCI) per gli ioni reagenti positivi (i protoni idrati, H3O+[H2O]n).
Gli ioni primari principali N2+, O2+, H2O+, e NO+ sono formatti dall'impatto degli elettroni originati
dall'effetto corona sulle componenti neutre principali dell'aria. Anche se il NO+ non è di norma
uno dei maggiori costituenti dell'aria pulita, la concentrazione di questa specie nella sorgente è
aumentata a causa delle reazioni neutre iniziate dalla scarica a corona.
I campioni introdotti attraverso la sonda APCI vengono nebulizzati, con l'aiuto di un gas di
nebulizzazione, nel tubo in ceramica riscaldato. All'interno del tubo le goccioline finemente
disperse di campione e di solvente subiscono una vaporizzazione rapida con la decomposizione
termica ridotta al minimo. La vaporizzazione delicata preserva l'identità molecolare del
campione.
Le molecole di campione gassoso e di solvente passano nel corpo della sorgente ionica,
all'interno della quale la ionizzazione tramite APCI è indotta da un ago di scarica a corona
collegato all'estremità del tubo in ceramica. Le molecole del campione sono ionizzate dalla
collisione con gli ioni reagenti creati dalla ionizzazione delle molecole di solvente della fase
mobile. Come illustrato in Figura A-3, le molecole di solvente vaporizzate sono ionizzate per
produrre gli ioni reagenti [X+H]+ in modalità positiva e [X-H]– in modalità negativa. Sono questi
ioni reagenti che producono ioni campione stabili quando collidono con le molecole del
campione.
6
1
X
M
X
XH
X
X
2
M
3
XH
X
M
X
M
XH
XH
XH
MH
M
X
4
5
Figura A-3 Ionizzazione chimica a pressione atmosferica (APCI)
Elemento Descrizione
1
Campione
2
Gli ioni primari sono creati in prossimità dell'ago di scarica a
corona.
3
La ionizzazione produce in prevalenza ioni solvente
4
Gli ioni reagenti reagiscono con le molecole del campione
formando dei cluster
5
Interfaccia
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
48 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Principi di Funzionamento
Figura A-3 Ionizzazione chimica a pressione atmosferica (APCI) (Continua)
Elemento Descrizione
6
Separatore di interfaccia
X=molecole solvente; M=molecole campione
Le molecole del campione sono ionizzate attraverso un processo di trasferimento di protoni in
modalità positiva e da un trasferimento di elettroni o protoni in modalità negativa. L'intero
processo di formazione degli ioni è dominato dalla collisione a causa della pressione atmosferica
relativamente elevata della sonda APCI.
Per applicazioni in fase inversa, gli ioni reagenti sono costituiti da molecole di solvente protonate
in modalità positiva e da ioni di ossigeno solvatati in modalità negativa. In condizioni
termodinamiche favorevoli, l'aggiunta di modificatori cambia la composizione dello ione
reagente. Ad esempio l'aggiunta di modificatori o tamponi acetato può rendere lo ione acetato
[CH3COO]– il reagente primario in modalità negativa. I modificatori di ammonio possono rendere
l'ammoniaca protonata [NH4]+ il reagente primario in modalità positiva.
Attraverso le collisioni, viene mantenuto un equilibrio nella distribuzione di determinati ioni (ad
esempio, cluster di ioni d'acqua protonati). La probabilità di una frammentazione prematura degli
ioni campione nella sorgente ionica viene ridotta dall'influenza limitante dei cluster di solvente
sugli ioni reagenti e dalla pressione del gas relativamente elevata nella sorgente. Di
conseguenza il processo di ionizzazione genera principalmente ioni prodotto molecolari per
l'analisi delle masse nello spettrometro di massa.
Regione di Ionizzazione APCI
Le linee oblique in Figura A-4 indicano un reattore senza pareti. Una corrente ionica spontanea
nell'ordine dei microampere è generata da una scarica a effetto corona, come conseguenza del
campo elettrico tra l'ago di scarica e il separatore di interfaccia. Gli ioni primari, ad esempio, N2+
e O2+, sono generati mediante la perdita di elettroni originati all'interno del plasma, nelle
immediate vicinanze della punta dell'ago di scarica. L'energia di questi elettroni è limitata da un
certo numero di collisioni con molecole gassose, prima di raggiungere un'energia in cui la loro
sezione d'urto effettiva gli consente di ionizzare le molecole neutre in modo efficiente.
La Figura A-4 mostrala posizione generale del reattore ione-molecola della sonda APCI.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
49 di 64
Principi di Funzionamento
5
8
5
7
6
1
3
4
5
2
Figura A-4 Regione di ionizzazione APCI
Elemento Descrizione
1
Punta dell'ago di scarica
2
Flusso del campione
3
Reattore senza pareti
4
Fenditura del separatore di interfaccia
5
Erogazione Curtain Gas™
6
Fenditura
7
Separatore di vuoto
8
Tubo in ceramica
Gli ioni primari, a loro volta, generano ioni intermedi che portano alla formazione di ioni
campione. Gli ioni della polarità prescelta sono deviati sotto l'influenza del campo elettrico in
direzione del separatore di interfaccia e poi nell'analizzatore di massa attraverso la cortina di
gas. L'intero processo di formazione degli ioni è dominato dalla collisione a causa della
pressione atmosferica relativamente elevata della sonda APCI. Ad eccezione delle immediate
vicinanze della punta dell'ago di scarica, dove la forza del campo elettrico è più grande, l'energia
impartita a uno ione dal campo elettrico è irrilevante in confronto all'energia termica dello ione.
Attraverso le collisioni viene mantenuta una parità nella distribuzione di determinati ioni (ad
esempio, cluster di ioni d'acqua protonati). Ogni eccesso di energia che uno ione può acquistare
nel processo di reazione ione-molecola è termalizzato. Molti degli ioni prodotti sono fissati
attraverso la stabilizzazione collisionale, anche se avvengono molte altre collisioni in seguito. La
formazione sia degli ioni prodotto, sia degli ioni reagenti è governata da condizioni di equilibrio a
una pressione di esercizio (atmosferica) di 760 torr.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
50 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Principi di Funzionamento
La sonda APCI funziona come un reattore senza pareti, dato che gli ioni che passano dalla
sorgente alla camera da vuoto ed infine nel rivelatore non vanno mai incontro a collisioni con una
parete, ma solo a collisioni con altre molecole. Gli ioni si formano anche fuori dalla sorgente API
designata, ma non sono rilevati e sono infine neutralizzati dall'interazione con una parete.
La temperatura della sonda è un fattore importante per il funzionamento della sonda APCI. Per
mantenere l'identità molecolare la temperatura deve essere abbastanza alta da garantire
un'evaporazione rapida. Ad una temperatura di funzionamento sufficientemente elevata, le
goccioline sono vaporizzate rapidamente in modo che le molecole organiche sono desorbite
dalle goccioline con una degradazione termica ridotta al minimo. Tuttavia, quando la temperatura
è impostata su valori troppo bassi, il processo di evaporazione è più lento e la pirolisi, o
decomposizione, può verificarsi prima che la vaporizzazione sia completa. Il funzionamento della
sonda APCI a temperature superiori alla temperatura ottimale può provocare la decomposizione
termica del campione.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
51 di 64
Principi di Funzionamento
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
52 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
B
Elenco Consumabili e Parti di Ricambio
Le tabelle in basso elencano le parti di ricambio ordinabili per la sorgente ionica IonDrive™
Turbo V. Questi ricambi sono disponibili nel Kit Consumabili per lo spettrometro di massa.
I consumabili e i ricambi sono illustrati dalla Figura B-1 a pagina 54 alla Figura B-3 a pagina 54.
Tabella B-1 Consumabili
Numero Descrizione
Particolare
(NP)
Quantità Dettagli
016316
TUBE*1 16 OD X .005 BORE
cm
016325
FITTING*PEEK 10 32 X 1 16
INCH
1
016485
TUBE* 1 16 OD-0.0025 INCH ID
PEEK
019675
FITTING*TEE INSERT .25
BORE
1
Inserto a T (d.i. [ID] da 0,25 mm)
025388
ELECTRODE*N
1
Elettrodo APCI
025392
ELECTRODE*T
1
Elettrodo TurboIonSpray®
cm
Tubo rosso in PEEK (d.i. [ID] da
0,0005")
Raccordo marrone in PEEK
Tubo marrone chiaro in PEEK (d.i.
[ID] da 0,0025")
Tabella B-2 Ricambi
Numero Descrizione
Particolare
(NP)
Quantità Dettagli
027460
OPT*ASSY NEB
1
Gruppo sonda APCI
027461
OPT*ASSY TURBO
1
Gruppo sonda TurboIonSpray®
027947
FRU*KIT NEB NEEDLE
1
Ago di scarica a corona
027950
FRU*KIT ELECTRODE NEB
1
Kit elettrodo APCI
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
53 di 64
Elenco Consumabili e Parti di Ricambio
1
1
Figura B-1 Consumabili della sorgente ionica
Elemento
1
Descrizione
Tubo in PEEK, N.P. 016316 o N.P. 016485
Figura B-2 Gruppo sonda TurboIonSpray (N.P. 027461)
Figura B-3 Gruppo sonda APCI (N.P. 027460)
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
54 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
C
Parametri e Tensioni della Sorgente
Parametri Sonda TurboIonSpray®
La Tabella C-1 mostra le condizioni operative raccomandate per la sonda TurboIonSpray a tre
velocità di flusso differenti. Il flusso del Curtain Gas™dovrebbe essere sempre impostato a un
valore più alto possibile a qualsiasi velocità di flusso.
La composizione del solvente usato per l'ottimizzazione era acqua/acetonitrile 50:50. Queste
sono le condizioni di partenza per ottimizzare la sonda TurboIonSpray. Attraverso un processo
iterativo, si possono ottimizzare i parametri usando l'analisi mediante iniezione in flusso fino a
raggiungere il segnale o il rapporto segnale-rumore migliore per il composto in questione.
Tabella C-1 Ottimizzazione dei Parametri per la Sonda TurboIonSpray
Parametro
Flusso LC
Valori Tipici
da 5 µL/min a
50 µL/min
200 µL/min
Gas 1 (gas
da 20 psi a 40 psi da 40 psi a 60 psi
di nebulizzazio
ne)
Gamma di esercizio
1000 µL/min
da 5 µL/min a
3000 µL/min
da 40 psi a 60
psi
da 0 psi a 90 psi
Gas 2 (gas
ausiliario)
0 psi
50 psi
50 psi
da 0 psi a 90 psi
Erogazione
Curtain Gas
30 psi
30 psi
30 psi
da 20 psi a 50 psi
Temperatura*
da 0ºC a 200ºC
da 200ºC a 650ºC
da 400ºC a
750ºC
fino a 750ºC
DP**
Positiva: 70 V
Negativa: -70 V
Positiva: 70 V
Negativa: -70 V
Impostazione
del micrometro
sull'asse
orizzontale
da 3 a 8
da 3 a 8
da 3 a 8
da 0 a 10
Impostazione
del micrometro
sull'asse
verticale
da 5 a 10
da 0 a 5
da 0 a 5
da 0 a 13
Positiva: 70 V Positiva: da 0 V a 400
Negativa: -70 V V Negativa: da -400 V
a0V
* I valori di temperatura ottimali dipendono dal composto e dalla composizione della fase mobile
(un contenuto maggiormente acquoso richiede una temperatura più alta). 0 indica che non è
applicata alcuna temperatura.
** Il valore DP dipende dal composto.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
55 di 64
Parametri e Tensioni della Sorgente
Parametri Sonda APCI
Tabella C-2 Ottimizzazione dei Parametri per la Sonda APCI
Parametro
Valore nominale
Gamma di esercizio
Flusso LC
1000 µL/min
da 200 µL/min a 2000 µL/
min
Gas 2
30 psi
da 0 psi a 90 psi
Erogazione Curtain Gas
30 psi
da 20 psi a 50 psi
Temperatura*
400ºC
da 100ºC a 750ºC
Positiva: 3
Negativa: –3
Positiva: 0 to 5
Negativa: –5 to 0
Positiva: 60 V
Negativa: –60 V
Positiva: da 0 V a 300 V
Negativa: da –300 V a 0 V
5
da 0 a 13
Nebulizer Current
DP
Impostazione del micrometro
sull'asse verticale
* Il valore della temperatura dipende dal composto.
Descrizione Parametri
Tabella C-3 Parametri Dipendenti dalla Sorgente
ID
Nome
Descrizione
GS1
Ion Source
Gas 1
Controlla il gas di nebulizzazione per la sonda TurboIonSpray® e il
gas ausiliario per la sonda APCI. Il gas di nebulizzazione favorisce la
generazione di piccole goccioline dal flusso di campione e influenza
la stabilità e la sensibilità della nebulizzazione.
GS2
Ion Source
Gas 2
Controlla il gas ausiliario per la sonda TurboIonSpray. Il gas
ausiliario fa evaporare le goccioline nebulizzate. La sensibilità
migliore si ottiene quando la combinazione di temperatura (TEM) e
velocità di flusso del gas ausiliario (GS2) porta il solvente LC a
raggiungere un punto in cui è quasi completamente vaporizzato. Per
ottimizzare il GS2, incrementare il flusso fino a ottenere il miglior
segnale o rapporto segnale-rumore. Se si nota un aumento
significativo del rumore di fondo, ridurre il valore. Un flusso troppo
elevato di gas può generare rumore o instabilità del segnale.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
56 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Parametri e Tensioni della Sorgente
Tabella C-3 Parametri Dipendenti dalla Sorgente (Continua)
ID
CUR
Nome
Descrizione
Flusso del
Curtain Gas™
Flow (Flusso
del Curtain
Gas™)
Controlla il flusso di gas nell'interfaccia del Curtain Gas. L'interfaccia
del Curtain Gas è posizionata tra il separatore di interfaccia e la
fenditura. Impedisce all'aria presente nell'ambiente e alle goccioline
di solvente di entrare e contaminare le ottiche ioniche, permettendo
allo stesso tempo il convogliamento degli ioni campione nella
camera da vuoto tramite i campi elettrici generati tra l'interfaccia di
vuoto e l'ago del nebulizzatore. La contaminazione delle ottiche
ioniche di ingresso riduce quindi la trasmissione al Q0, la stabilità e
la sensibilità, e aumenta inoltre il rumore di fondo.
Mantenere il flusso del Curtain Gas più alto possibile senza perdere
la sensibilità.
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
57 di 64
Parametri e Tensioni della Sorgente
Tabella C-3 Parametri Dipendenti dalla Sorgente (Continua)
ID
TEM
Nome
Descrizione
Temperature Controlla il calore applicato al campione per vaporizzarlo. La
(Temperatura) temperatura ottimale è la temperatura più bassa alla quale il
campione è completamente vaporizzato.
Ottimizzare in incrementi di 50°C.
Sonda TurboIonSpray : Controlla la temperatura del gas ausiliario
nella sonda TurboIonSpray. Il gas ausiliario fa evaporare il solvente
per produrre ioni campione in fase gassosa.
La sensibilità migliore si ottiene quando la combinazione di
temperatura (TEM) e velocità di flusso del gas ausiliario (GS2) porta
il solvente LC a raggiungere un punto in cui è quasi completamente
vaporizzato.
Quando il contenuto organico del solvente aumenta, la temperatura
ottimale della sonda diminuisce. Con solventi costituiti da 100%
metanolo o acetonitrile, le prestazioni della sonda possono essere
ottimizzate a temperature non inferiori ai 300 °C. I solventi acquosi
costituiti da 100% acqua a un flusso di circa 1000 µL/min richiedono
una temperatura massima della sonda di 750 °C.
Se la temperatura è impostata a valori troppo bassi, la
vaporizzazione resta incompleta e grandi e visibili goccioline sono
espulse nel corpo della sorgente ionica.
Se la temperatura è impostata su valori troppo alti, i solventi possono
essere vaporizzati prematuramente alla punta della sonda
TurboIonSpray, specialmente se la sonda è posizionata troppo in
basso (da 5 mm a 13 mm).
Sonda APCI: Controlla la temperatura della sonda APCI.
Quando il contenuto organico del solvente aumenta, la temperatura
ottimale della sonda diminuisce. Con solventi costituiti da 100%
metanolo o acetonitrile, le prestazioni della sonda possono essere
ottimizzate a temperature non inferiori ai 400 °C a velocità di flusso
di 1000 µL/min. I solventi acquosi costituiti da 100% acqua a una
velocità di flusso di circa 2000 µL/min richiedono una temperatura
minima della sonda di 700 °C.
Se la temperatura è impostata a valori troppo bassi, la
vaporizzazione resta incompleta e grandi e visibili goccioline sono
espulse nel corpo della sorgente ionica.
Se la temperatura è impostata su valori troppo alti, avviene la
degradazione termica del campione.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
58 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Parametri e Tensioni della Sorgente
Tabella C-3 Parametri Dipendenti dalla Sorgente (Continua)
ID
Nome
Descrizione
NC
Nebulizer
Current (o
Needle
Current)
Il parametro NC controlla la corrente applicata all'ago di scarica a
corona nella sonda APCI. La scarica ionizza le molecole di solvente,
che a loro volta ionizzano le molecole del campione. Per la sonda
APCI la corrente applicata all'ago di scarica a corona (NC) è
ottimizzata solitamente in un intervallo piuttosto ampio (da 1 mA a 5
mA circa ). Ottimizzare iniziando con un valore di 1 e aumentarlo
fino a raggiungere il miglior segnale o rapporto segnale-rumore. Se
aumentando la corrente non si osserva nessun cambiamento nel
segnale, lasciare la corrente al valore più basso che fornisce la
migliore sensibilità (ad esempio, 2 mA).
IS
IonSpray™
Voltage
Il parametro IS controlla la tensione applicata al nebulizzatore, che
ionizza il campione nella sorgente ionica. Il parametro dipende dalla
polarità e influenza la stabilità del getto e la sensibilità.
ihe
Interface
Heater
Questo parametro è sempre impostato su On per gli spettrometri di
massa serie 6500.
Il parametro ihe attiva o disattiva il funzionamento del riscaldatore di
interfaccia. Riscaldare l'interfaccia permette di massimizzare il
segnale degli ioni e impedisce la contaminazione delle ottiche
ioniche. A meno che il composto che si voglia analizzare sia
estremamente fragile, è consigliabile riscaldare l'interfaccia.
Posizione della Sonda
La posizione della sonda può influenzare la sensibilità dell'analisi. Fare riferimento a Ottimizzare
la Sonda TurboIonSpray® a pagina 16 e Ottimizzare la Sonda APCI a pagina 20. Per
informazioni su come ottimizzare lo spettrometro di massa, fare riferimento alla Guida
Introduttiva al Software Analyst®.
Composizione dei solventi
La concentrazione standard del formiato d'ammonio o dell'acetato d'ammonio va da 2 mmol/L a
10 mmol/L per gli ioni positivi e da 2 mmol/L a 50 mmol/L per gli ioni negativi. La concentrazione
degli acidi organici va da 0,1% a 0,5% in volume per la sonda TurboIonSpray e da 0,1% a 2,0%
in volume per la sonda APCI.
I solventi comunemente impiegati sono:
•
Acetonitrile
•
Metanolo
•
Propanolo
•
Acqua
I modificatori comunemente impiegati sono:
•
Acido acetico
•
Acido formico
•
Formiato d'ammonio
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
59 di 64
Parametri e Tensioni della Sorgente
•
Acetato d'ammonio
I seguenti modificatori non sono di norma impiegati, in quanto complicano lo spettro con le loro
miscele di ioni e le combinazioni in cluster. Possono anche limitare la forza del segnale degli ioni
del composto oggetto d'analisi:
•
Trietilammina (TEA)
•
Fosfato di sodio
•
Acido trifluoroacetico (TFA)
•
Dodecilsolfato di sodio (SLS)
Declustering Potential
Il potenziale di declustering dovrebbe essere impostato a un voltaggio abbastanza alto per
ridurre il rumore chimico, ma sufficientemente basso per evitare la frammentazione. L'energia di
frammentazione di un composto varia in funzione della sua struttura e del suo peso molecolare.
In generale, i composti di peso molecolare inferiore richiedono meno energia - potenziale di
declustering più basso - per indurre la frammentazione.
In generale, maggiore è il potenziale di declustering, maggiore è l'energia impartita agli ioni che
entrano nella regione di analisi dello spettrometro di massa. L'energia favorisce il declustering
degli ioni e la riduzione del rumore chimico nello spettro, risultante in un aumento del rapporto
segnale-rumore o della sensibilità. Aumentare la tensione oltre le condizioni ottimali può indurre
la frammentazione prima che gli ioni entrino nei filtri di massa, causando una diminuzione della
sensibilità. In alcuni casi la frammentazione è uno strumento prezioso che fornisce ulteriori
informazioni strutturali.
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
60 di 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Indice
A
E
ago di scarica a corona
ottimizzazione della corrente per la sonda
APCI 22
regolazione 20
sostituzione 31
ago, scarica a corona. Vedi ago di scarica a corona
analisi mediante iniezione in flusso. Vedi FIA
analisi test
sonda TurboIonSpray 41
azoto
processo di ionizzazione 49
sonda TurboIonSpray 8
elenco ricambi 53
elettrodo tubolare
risoluzione dei problemi 35
erogazione Curtain Gas, panoramica 57
evaporazione durante la ionizzazione 45
C
campioni
complessi 8
metodi di introduzione 15
prefiltraggio 15
solventi 8
sonda APCI e 7, 8
temperatura 18
tubo, sostituzione 33
cavi, collegamento 13
collegamenti del gas 9
collegamenti elettrici 9
collegamento tubi e cavi 13
composti
labili, e sonda APCI 9
labili, e sonda TurboIonSpray 8
pulizia della sorgente ionica 26
sensibilità scarsa 38
volatili, e sonda APCI 9
contaminazione
evitare 19, 59
pulizia dell'elettrodo tubolare 28
pulizia sonde 26
tamponi e 9
D
dado del tubo di campionamento 7, 14
dado di regolazione dell'elettrodo 7, 8, 9
decontaminazione. Vedi pulizia
Guida per l'Operatore
D5038996 A
F
fase mobile, composizione della soluzione detergente 26
fermi della sorgente 6, 14
FIA
introduzione del campione 15
ottimizzazione parametri 55
sonda APCI 9
G
Gas 1
ottimizzazione 18
Vedi ancheparametro GS1
Gas 2
ottimizzazione 18, 36
gas ausiliario. Vedi Gas 2
gas di nebulizzazione. Vedi Gas 1
ghiera di fermo in bronzo 7, 8, 9, 14
giunzione di messa a terra 6, 13, 14
I
infusione con raccordo a T 15
installazione
sonde 12
sorgente ionica 12
introduzione del campione, requisiti operativi
15
ionizzazione
illustrazione 50
processo 49
regione 50
ionizzazione chimica a pressione atmosferica.
Vedi sonda APCI
K
kit consumabili 53
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
61 of 64
Indice
M
Manopolina di regolazione asse X 6, 14
messa a terra 13
modificatori, tipi di 60
N
nebulizzazione
direzione corretta della 19
risoluzione dei problemi 35
O
ottimizzazione
corrente dell'ago 22
Gas 1 18
Gas 2 18
sonda TurboIonSpray 15
temperatura sonda APCI 23
P
parametro DP 41, 56
parametro GS1
parametri di test per sonda TurboIonSpray
40
valori tipici per sonda TurboIonSpray 55
parametro GS2
descrizione 56
parametri di test per sonda TurboIonSpray
40
parametro NC 56
parametro TEM 56
pulizia
elettrodo tubolare 28
sonde 26
punta dell'elettrodo
illustrazione 8, 9
R
regolazione
ago di scarica a corona 20
posizione della sonda APCI 22
posizione sonda TurboIonSpray 17
rimozione
sonde 28
sorgente ionica 27
riscaldatore turbo
illustrazione 7
ottimizzazione della temperatura della sonda TurboIonSpray 19
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
62 of 64
Vedi anche Gas 2
riscaldatori turbo
panoramica 8, 45
rumore di fondo
riduzione 18
risoluzione dei problemi 18, 36, 56
rumore. Vedi rumore di fondo
S
scarica a corona
panoramica 48, 49
risoluzione dei problemi 37
scariche, risoluzione dei problemi 37
scintille, risoluzione dei problemi 37
sensibilità, risoluzione dei problemi 38
sistema di scarico della sorgente
panoramica 10
soluzione di test 39
solventi
MSDS 40
ottimizzazione Gas 1 e Gas 2 18
sistema di scarico della sorgente 10
sonda APCI 23
sonda TurboIonSpray 8
tipi 59
sonda APCI
illustrazione 9
installazione 12
ionizzazione, descrizione 47
regione di ionizzazione 49
solventi su 23
specifiche 7
usi per 8
velocità di flusso 9
Vedi anche sonda TurboIonSpray
sonda TurboIonSpray
composti labili 8
installazione 12
ionizzazione, descrizione 45
nebulizzazione 19
ottimizzazione 15
panoramica 7
parametri 55, 59
regolazione 17
test su sistemi a triplo quadrupolo e Trap
40
velocità di flusso ed efficienza della ionizzazione 8
Vedi anche sonda APCI
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Indice
sondaAPCI
panoramica 47
parametri 59
test su sistemi a triplo quadrupolo e Trap
42
sondaTurboIonSpray
scambio 28
specifiche 7
sonde
illustrazione 29
installazione 12
pulizia 26
rimozione 28
sorgente ionica
collegamenti del gas 9
collegamenti elettrici 9
installazione 12
panoramica 5, 11
rimozione 27
sonda APCI, test su sistemi a triplo quadrupolo e Trap 42
sondaTurboIonSpray, test su sistemi a triplo quadrupolo e Trap 40
sorgente ionica Ionspray 8
sostituzione
ago di scarica a corona 31
specifiche, sonda 7
stato di Fault, risoluzione dei problemi 35
Guida per l'Operatore
D5038996 A
T
temperatura
effetto sulla vaporizzazione 18
efficienza della ionizzazione 58
ottimizzazione flussi dei gas 18
ottimizzazione sonda APCI 23
parametri sonda APCI 56
risoluzione dei problemi 36
test
preparazione 39
sonda APCI su sistemi a triplo quadrupolo
e Trap 42
sonda TurboIonSpray su sistemi a triplo
quadrupolo e Trap 40
tubo di campionamento 6, 14
diametro 39
tubo, collegamento 13
V
vacuostato di scarico della sorgente
posizione 10
vapore
risoluzione dei problemi 38
velocità di flusso 15
posizione della sonda APCI 22
posizione sonda TurboIonSpray 16
sonda APCI 9
sonda TurboIonSpray 8
ventilazione 10
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
63 of 64
Indice
Sorgente Ionica IonDrive™ Turbo V
64 of 64
Guida per l'Operatore
D5038996 A
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement