Attenzione - Saunier Duval
INDICE
INTRODUZIONE
1
1.1
1.2
1.3
1.4
Istruzioni ............................................................
Documentazione del prodotto ...............................
Osservanza della documentazione
complementare ..................................................
Spiegazione dei simboli ...........................................
Validità delle istruzioni ............................................
2
2.1
2.2
2.3
2.4
2.4.1
2.4.2
2.5
2.6
Descrizione dell’apparecchio ........................... 4
Dispositivi di sicurezza ............................................. 4
Targa del tipo ............................................................. 5
Categoria di gas......................................................... 5
Requisiti normativi e legislativi ............................. 5
Contrassegno CE ....................................................... 5
Normative locali......................................................... 5
Impiego conforme alla destinazione .................... 5
Schema idraulico ....................................................... 5
3
3.1
3.2
3.3
3.4
Istruzioni e normative di sicurezza ................ 6
Istruzioni di sicurezza .............................................. 6
Installazione e regolazione ..................................... 6
Modifiche alle parti collegate al riscaldatore .... 6
Avvertenze importanti sugli apparecchi a
propano ....................................................................... 6
Normative ................................................................... 7
3.5
3
3
3
3
3
4.6
4.7
4.8
5
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6
5.7
5.8
5.8.1
6
6.1
6.2
6.3
6.4
6.4.1
6.4.2
6.4.3
6.5
6.5.1
6.5.2
6.5.3
6.5.4
6.5.5
6.6
INSTALLAZIONE
4
4.1
4.2
4.3
4.3.1
4.3.2
4.4
4.5
5.8.2 Avvertenze e indicazioni sull’installazione
B23P .............................................................................
5.9
Allacciamento elettrico ...........................................
5.9.1 Allacciamento alla rete ............................................
5.9.2 Collegamento di apparecchi di regolazione .......
5.9.3 Relè supplementare (connettore grigio della
scheda) e modulo multifunzione "2 di 7" ............
5.9.4 Azionamento di una pompa di carica del
bollitore .......................................................................
5.9.5 Azionamento di una pompa di ricircolo in
funzione del fabbisogno (solo in combinazione
con un bollitore ad accumulo) ...............................
5.9.6 Collegamento della sonda del bollitore ...............
5.9.7 Collegamento del regolatore solare Solar
Controller ....................................................................
5.9.8 Schemi di collegamento ..........................................
Montaggio ..........................................................
Fornitura .....................................................................
Accessori .....................................................................
Ubicazione...................................................................
Istruzioni......................................................................
Normative ...................................................................
Distanze .......................................................................
Distanze minime richieste/spazi liberi per il
montaggio ...................................................................
Uso della sagoma di montaggio ............................
Aggancio a muro dell'apparecchio .......................
Rimozione/applicazione del rivestimento
anteriore......................................................................
8
8
8
8
8
9
10
Installazione ......................................................
Modalità di riscaldamento ......................................
Modalità di carica del bollitore ..............................
Modalità di riscaldamento e modalità di carica
del bollitore.................................................................
Raccordo del gas .......................................................
Collegamento lato riscaldamento .........................
Valvola di sicurezza (gruppo di sicurezza)
dell'impianto di riscaldamento ..............................
Scarico della condensa ............................................
Condotto aria/fumi ...................................................
Avvertenze sull’installazione B23 .........................
13
13
14
11
11
12
12
15
15
16
17
17
17
17
6.6.1
6.6.2
6.6.3
6.6.4
6.6.5
6.6.6
6.6.7
6.7
6.7.1
6.7.2
6.7.3
6.7.4
6.7.5
6.7.6
6.8
6.8.1
6.8.2
6.8.3
6.8.4
6.8.5
6.8.6
Impianto concentrico Ø 80/125 ......................
Gamma dei prodotti ..................................................
Massime lunghezze del tubo consentite..............
Montaggio del separatore .......................................
Passante a tetto verticale .......................................
Fornitura passante a tetto verticale .....................
Montaggio attraverso tetti obliqui ........................
Montaggio attraverso tetti piani ............................
Montaggio passante a parete/
tetto orizzontale ........................................................
Fornitura passante a parete/tetto orizzontale ...
Montaggio del passante a parete ..........................
Montaggio del passante a tetto .............................
Installazione diretta ..................................................
Installazione a distanza ...........................................
Montaggio del raccordo concentrico e della
tubazione fumi rigida Ø 80 nel pozzo .................
Fornitura raccordo concentrico .............................
Esempi di montaggio ................................................
Montaggio tubazione fumi rigida Ø 80................
Montaggio del faldale in acciaio inox
N. art. A00670042 ..................................................
Funzionamento a camera aperta ..........................
Funzionamento a camera stagna ..........................
Installazione distanziata ..........................................
Montaggio del tubo fumi sulla parete esterna ...
Rappresentazione del sistema ...............................
Misure statiche...........................................................
Montaggio del condotto fumi .................................
Montaggio del colletto antipioggia .......................
Montaggio della prolunga accorciabile ................
Montaggio interno del raccordo fumi...................
Montaggio di prolunghe e curve ...........................
Montaggio delle prolunghe .....................................
Montaggio della curva a 87° (bianca) ..................
Montaggio della curva a 45° (bianca) ..................
Montaggio della curva a 30° (muro esterno)
con deviazione ...........................................................
Montaggio della curva a 45° (muro esterno)
con deviazione ...........................................................
Montaggio della curva a 87° (muro esterno)
con deviazione ...........................................................
18
18
18
19
20
20
20
20
20
21
23
23
29
30
30
30
31
31
32
32
32
32
33
33
34
34
34
35
35
36
36
37
38
38
38
39
42
42
43
43
43
45
46
47
48
49
-1-
INDICE
6.8.7 Montaggio del raccordo a T per revisione .......... 51
6.9
Montaggio delle fascette stringitubo ................... 51
10.3
10.3.1
7
7.1
7.2
7.3
Impianto separato Ø 80/80 ............................
Gamma dei prodotti ..................................................
Massime lunghezze del tubo consentite..............
Sostituzione dell'elemento di raccordo
dell'apparecchio .........................................................
Montaggio del condotto di adduzione dell'aria
comburente dal camino ...........................................
Modalità a camera aperta .......................................
52
52
54
Messa in servizio ..............................................
Riempimento dell’impianto.....................................
Preparazione dell’acqua di riscaldamento .........
Riempimento e sfiato sul lato riscaldamento ....
Riempimento del sifone della condensa .............
Controllo della regolazione del gas ......................
Impostazione di fabbrica.........................................
Controllo della pressione di allacciamento
(pressione dinamica del gas) .................................
8.2.3 Controllo del tenore di CO2 ed eventuale
correzione (regolazione del rapporto ariacombustibile) ..............................................................
8.3
Controllo del funzionamento dell'apparecchio .
8.3.1 Riscaldamento ...........................................................
8.3.2 Caricamento del bollitore .......................................
8.4 Consegna all'utente..................................................
59
59
59
59
60
61
61
7.4
7.5
8
8.1
8.1.1
8.1.2
8.1.3
8.2
8.2.1
8.2.2
9
9.1
9.2
9.2.1
9.2.2
9.2.3
9.2.4
9.2.5
9.2.6
9.2.7
55
56
58
10.3.2
10.3.3
10.4
10.4.1
10.4.2
10.4.3
10.4.4
10.4.5
10.5
10.6
10.7
10.7.1
10.7.2
10.8
61
10.9
62
62
63
63
63
Adeguamento all'impianto di
riscaldamento .................................................... 64
Selezione e impostazione di parametri ............... 64
Schema dei parametri impostabili
dell’impianto ............................................................... 64
Impostazione del carico parziale
riscaldamento ............................................................ 66
Impostazione del tempo di ritardo pompa e
della modalità di funzionamento della pompa .. 66
Regolazione della temperatura di mandata
massima....................................................................... 66
Impostazione della temperatura massima
bollitore........................................................................ 66
Impostazione del tempo di blocco del
bruciatore ................................................................... 66
Intervallo e indicazione di manutenzione ........... 67
Adeguamento dell'apparecchio a maggiori
lunghezze del tubo fumi .......................................... 67
Diagramma della pompa.......................................... 67
10.10
10.11
11
11.1
11.1.1
11.1.2
11.1.3
11.1.4
11.2
11.3
12
12.1
12.2
12.3
12.4
12.5
Riempimento e svuotamento dell'apparecchio
e dell'impianto di riscaldamento ...........................
Riempimento dell'apparecchio e dell'impianto
di riscaldamento ........................................................
Svuotamento dell'apparecchio ..............................
Svuotamento dell'intero impianto ........................
Manutenzione del modulo termico compatto....
Smontaggio del modulo termico compatto........
Pulizia dello scambiatore termico a
condensazione integrale .........................................
Trattamento anticalcare dello scambiatore
termico a condensazione integrale ......................
Controllo del bruciatore ..........................................
Montaggio del modulo termico compatto ..........
Pulizia del sifone della condensa ..........................
Pulizia dei condotti della condensa ......................
Pulizia del sistema di separazione dell'aria .......
Pulizia del filtro .........................................................
Pulizia del separatore d'aria ..................................
Controllo della pressione all'entrata del vaso
di espansione .............................................................
Controllo della pressione di allacciamento
(pressione dinamica del gas) .................................
Controllo del tenore di CO2 (non
imprescindibile) .........................................................
Funzionamento di prova .........................................
Risoluzione dei problemi ..................................
Diagnosi .......................................................................
Codici di stato ............................................................
Codici di diagnosi ......................................................
Codici d’errore ...........................................................
Memoria degli errori ................................................
Programmi di prova .................................................
Ripristino dei parametri alle impostazioni di
fabbrica........................................................................
Sostituzione di componenti.............................
Avvertenze per la sicurezza...................................
Sostituzione del bruciatore ....................................
Sostituzione del ventilatore o della valvola
del gas ..........................................................................
Sostituzione dello scambiatore termico a
condensazione integrale .........................................
Sostituzione del sistema elettronico e del
display ..........................................................................
69
69
69
69
70
70
71
71
71
72
72
73
73
73
73
74
74
74
74
74
74
74
75
78
78
80
80
81
81
81
81
82
83
13
Parti di ricambio ............................................... 83
14
Dichiarazione di conformità............................. 83
MANUTENZIONE
15
Registrazione degli intervalli di
manutenzione .................................................... 83
10
10.1
10.2
16
16.1
16.2
Riciclaggio e smaltimento ............................... 84
Apparecchio ............................................................... 84
Imballo ......................................................................... 84
17
Dati tecnici ........................................................ 85
9.3
-2-
Ispezione e manutenzione ............................... 68
Intervalli di ispezione e manutenzione................ 68
Istruzioni generali sull'ispezione e la
manutenzione ............................................................ 68
INTRODUZIONE
INTRODUZIONE
1
Istruzioni
1.1
Documentazione del prodotto
Le istruzioni sono parte integrante dell’apparecchio e
devono essere consegnate all’utente al termine dell’installazione per essere conformi alla normativa corrente.
• Leggere attentamente il manuale per comprendere
tutte le informazioni per la sicurezza di installazione,
uso e manutenzione. La mancata osservazione delle
istruzioni contenute nel presente manuale esimono da
eventuali responsabilità in caso di danni.
1.4
Validità delle istruzioni
Queste istruzioni per l’installazione valgono esclusivamente per gli apparecchi con il seguente numero di articolo:
Denominazione del modello
THESI R CONDENSING 45 A
Numero di articolo
0010017842
Tab. 1.1 Denominazione del modello e numero di articolo
Il numero di articolo dell’apparecchio va tratto dalla targhetta.
1.2
Osservanza della documentazione complementare
Attenersi tassativamente a tutti i manuali di servizio e
installazione allegati agli altri componenti dell‘impianto.
1.3
Spiegazione dei simboli
Durante l’installazione dell’apparecchio attenersi alle
istruzioni di sicurezza contenute in questo manuale.
Qui di seguito sono spiegati i simboli utilizzati nel testo:
d Pericolo!
Grave pericolo per l'incolumità e la vita
e Pericolo!
Pericolo di morte per scarica elettrica
H Pericolo!
Pericolo di ustioni e scottature
a Attenzione!
Possibili situazioni di pericolo per il prodotto e
per l‘ambiente
h Nota
Suggerimenti per l'utenza
• Attività necessaria
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
-3-
INTRODUZIONE
2
2.1
Descrizione dell’apparecchio
Dispositivi di sicurezza
1
15
2
14
3
4
13
12
5
6
11
7
10
8
9
Fig. 2.1 Elementi funzionali 45 A
Legenda
1 Raccordo per il condotto aria/fumi
2 Scambiatore termico a condensazione integrale
3 Modulo termico compatto
4 Sensore della portata in volume
5 Ventola
6 Sensore della pressione dell'acqua
7 Pompa
8 Collegamento per vaso di espansione
9 Collegamento per valvola di sicurezza
10 Scatola elettronica
11 Sistema di separazione dell'aria
12 Sfiatatoio rapido
13 Valvolame del gas
14 Elettrodo di accensione
15 Tubo di aspirazione dell'aria
-4-
h Nota
Quando si utilizzano accessori, prestare attenzione alle distanze minime e agli spazi liberi per
il montaggio (vedere cap. 4.5).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INTRODUZIONE
2.2
Targa del tipo
La targa del tipo certifica il Paese di produzione dell’apparecchio e il Paese in cui si prevede di installarlo.
La targa del tipo è applicata in fabbrica sul fondo dell‘apparecchio.
d Pericolo!
L’apparecchio deve essere collegato solamente
al(i) tipo(i) di gas indicati sulla targa.
2.3
Categoria di gas
La presente caldaia è prevista esclusivamente per
l'impiego con gas metano H, ma può essere convertita
per l'impiego con propano.
a Attenzione!
Tale conversione deve essere eseguita esclusivamente ad opera di un centro di assistenza autorizzato Hermann.
Modello di
apparecchio
THESI R
CONDENSING
45 A
Paese di
destinazione (denominazioni secondo ISO
3166)
IT (Italia)
Categoria Tipo di
di omolo- gas
gazione
II2H3P
Campo di potenza calorifica nominale
P (kW)
Metano E
- G 20 20 mbar
13,3 - 47,7
(40/30 °C)
Propano
- G 31 37 mbar
12,3 - 44,1
(80/60 °C)
Tab. 2.1 Panoramica del modello
2.4
Requisiti normativi e legislativi
2.4.1
Contrassegno CE
Con la codifica CE viene certificato che i prodotti con i dati riportati sulla targhetta del
modello soddisfano i requisiti fondamentali
delle direttive pertinenti in vigore.
La dichiarazione di conformità può essere richiesta al
produttore.
2.4.2 Normative locali
La legislazione nazionale prevede obblighi legislativi e
normativi che sono indicati al successivo punto 3.5. Tuttavia è possibile che in talune regioni sussistano particolari prescrizioni che possono ulteriormente impattare
sulle modalità di realizzazione degli impianti o sull’utilizzo di particolari dispositivi o apparecchi.
Consigliamo quindi di verificare preventivamente presso
gli enti locali preposti se sussistono disposizioni particolari e vincolanti nella realizzazione degli impianti.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
2.5
Impiego conforme alla destinazione
L'apparecchio THESI R CONDENSING è costruito secondo gli standard tecnici e le regole di sicurezza tecnica riconosciute. Ciononostante possono insorgere pericoli
per l'incolumità dell'utilizzatore o di terzi o anche danni
alle apparecchiature e ad altri oggetti, in caso di un uso
improprio e non conforme alla destinazione d'uso.
L'installazione e il funzionamento degli apparecchi
THESI R CONDENSING di Hermann citati in queste istruzioni sono consentiti solo in combinazione con gli accessori riportati nelle relative istruzioni di montaggio LAZ
(vedere capitolo Documentazione complementare).
I prodotti citati in queste istruzioni vanno installati e
usati solo in combinazione con gli accessori citati nella
documentazione complementare relativa al condotto
aria-fumi.
Eccezioni: nei tipi di installazione C63 e B23P seguire le
indicazioni riportate nelle presenti istruzioni.
Non è consentito l'uso dell'apparecchio a persone (compresi i bambini) con facoltà psichiche, sensoriali o
intellettuali limitate, ovvero persone prive di esperienza
e/o di conoscenze, a meno che tali persone non vengano sorvegliate da una persona responsabile della loro
sicurezza o ricevano da quest'ultima istruzioni sull'uso
dell'apparecchio. I bambini vanno sorvegliati per impedire che giochino con l'apparecchio.
L'apparecchio è previsto come generatore termico per
impianti chiusi di riscaldamento e di produzione di
acqua calda. Qualsiasi altro utilizzo diverso da quello
descritto è da considerarsi come non conforme. Il produttore/fornitore declina ogni responsabilità per danni
causati da uso improprio. La responsabilità ricade unicamente sull’utilizzatore.
Un uso conforme alla destinazione comprende anche
l'osservanza delle istruzioni per l'uso e l'installazione e
il rispetto delle condizioni di manutenzione e ispezione.
Attenzione!
a Ogni
altro scopo è da considerarsi improprio e
quindi non ammesso.
2.6
Schema idraulico
Possibili schemi idraulici sono riportati ai capitoli da 5.1
a 5.3.
-5-
INTRODUZIONE
3
Istruzioni e normative di sicurezza
3.1
Istruzioni di sicurezza
Se la pressione del gas all’entrata dell’apparecchio è al
di fuori del range specificato, l’apparecchio non deve essere acceso.
3.2
Installazione e regolazione
L’installazione, i lavori di regolazione, di manutenzione e
di riparazione dell'apparecchio devono essere eseguiti
solo da una ditta abilitata e riconosciuta.
a Attenzione!
Per serrare e allentare i collegamenti a vite uti-
e Pericolo!
L’installazione errata può causare scossa elet-
lizzare chiavi fisse adeguate (non impiegare
pinze per tubi, prolunghe, ecc.).
L'impiego di utensili non adeguati può provocare danni (per es. fughe di gas o perdite d'acqua)!
trica o danni all’apparecchio.
• Non disattivare mai i dispositivi di sicurezza e non tentare di regolarli.
• Verificare le seguenti tecniche e precauzioni di maneggiabilità:
- Afferrare la caldaia alla base.
- Utilizzare abbigliamento di sicurezza adeguato, per
esempio guanti, scarpe di sicurezza.
• Utilizzare tecniche di sicurezza definite:
- Mantenere la schiena diritta.
- Evitare di ruotare il girovita.
- Evitare di piegare con forza la parte superiore del
corpo.
- Afferrare sempre usando il palmo della mano.
- Utilizzare le apposite maniglie.
- Mantenere il carico il più vicino possibile al corpo.
- Usare sempre aiuto se necessario.
• In nessun caso l’utente deve interferire con le parti sigillate o regolarle.
• Durante il montaggio delle connessioni, posizionare
correttamente le guarnizioni per evitare perdite di gas
o acqua.
• La caldaia contiene parti metalliche (componenti) che
richiedono attenzione durante la pulizia, con particolare cura per i bordi.
Prima della manutenzione o la sostituzione delle parti di
ricambio è necessario osservare le istruzioni elementari
di sicurezza:
• Fermare l’apparecchio.
• Isolare elettricamente l’apparecchio dalla fonte di alimentazione elettrica.
• Chiudere la valvola di isolamento del gas dell’apparecchio.
• Isolare idraulicamente l’apparecchio mediante le apposite valvole fornite.
• In caso di necessità di sostituzione dei componenti
idraulici, scaricare l’apparecchio.
• Proteggere tutti i componenti elettrici dall’acqua
quando si lavora sull’apparecchio.
• Usare solo parti di ricambio originali.
• Usare solo anelli O-ring e guarnizioni nuove.
• Al termine del lavoro su componenti di trasporto di
gas o acqua, controllarne la tenuta.
• Al termine del lavoro sull’apparecchio, eseguire un
collaudo operativo e di sicurezza.
-6-
3.3
Modifiche alle parti collegate al riscaldatore
Non devono essere apportate modifiche ai seguenti
dispositivi/componenti:
– al riscaldatore
– alle linee di gas, aria, acqua e corrente elettrica
– al condotto di scarico fumi
– alla valvola di sicurezza e alla tubazione di scarico per
l'acqua di riscaldamento
– agli elementi costruttivi che influiscono sulla sicurezza
operativa dell'apparecchio.
3.4
Avvertenze importanti sugli apparecchi a
propano
Eseguire uno sfiato del serbatoio del gas liquido nel
caso di nuova installazione dell’impianto:
Prima dell’installazione dell'apparecchio, assicurarsi che
sia stato eseguito lo sfiato del serbatoio del gas. Il fornitore del gas liquido è considerato responsabile ai sensi
di legge dello sfiato corretto del serbatoio del gas. Un
serbatoio non sfiatato correttamente può provocare
problemi all’accensione. In questo caso rivolgersi prima
al fornitore di gas.
h Nota
Attenersi anche alle indicazioni sulla trasformazione per gas liquido riportate al capitolo 8.2
delle presenti istruzioni.
Installazione sotto il livello del suolo
Per l'installazione in locali sotto il livello del suolo, attenersi alla normativa nazionale. Si raccomanda l'impiego
di una valvola elettromagnetica esterna (da installare
sul posto). È possibile collegarla alla scheda direttamente o tramite il modulo multifunzione "2 di 7", come descritto al capitolo 5.8.3.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INTRODUZIONE
Applicazione dell'adesivo al serbatoio:
Applicare l'adesivo in dotazione (qualità propano) sul
serbatoio o sull'armadio portabombole in modo che risulti ben visibile, possibilmente in prossimità del bocchettone di riempimento.
a Attenzione!
Se il tipo di gas utilizzato è erroneo, possono
verificarsi rumori durante la bruciatura e spegnimenti dovuti a guasti.
Utilizzare esclusivamente propano G31.
3.5
Normative
Le principali direttive, leggi e le norme di riferimento
per l’installazione, l’esercizio e la manutenzione di caldaie con potenza nominale maggiore o uguale a 35 kW
sono le seguenti:
- Direttiva Gas 90/396/CE
- Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 89/336/CE
- Direttiva Rendimenti 92/42/CE
- Direttiva Bassa Tensione 73/23/CE
- Direttiva Rendimento Energetico negli edifici 2002/21/
CE
- Legge 05-03-90 n°46 art. 8, 14 e 16 “Norme per la sicurezza degli impianti”.
- Legge 09-01-91 n°10 “Norme per l’attuazione del piano
energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle
fonti rinnovabili di energia”.
- D.P.R. 26-08-93 n°412 e successive modifiche “Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione e la manutenzione degli impianti termici degli
edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia,
in attuazione dell’art. 4, comma 4 della Legge 9 Gennaio 1991 n°10”.
- Decreto Legislativo 19-08-05 n°192 e successive modifiche ” Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa
al rendimento energetico nell’edilizia ”.
- ALLEGATO F Decreto Legislativo 19-08-05 n°192
- Decreto Ministeriale 17-03-03 “Libretto di Centrale”.
- Decreto Ministeriale 1-12-1975 “Norme di sicurezza per
apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione”
Raccolta “R”
- Decreto Ministeriale 12-04-96 “Approvazione della regola termica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti termici
alimentati da combustibili gassosi”.
- Decreto Ministeriale 22-01-08 n°37 “Regolamento
concernente l’attuazione dell’articolo 11-quaterdecies,
comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre
2005, recante riordino delle disposizioni in materia di
attività di installazione degli impianti all’interno degli
edifici”
- Norma UNI 7129/72 “Impianti a gas per uso domestico
alimentati da rete di distribuzione”.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- UNI 10412-1:2006 “Impianti di riscaldamento ad acqua
calda. Requisiti di sicurezza. Requisiti specifici per impianti con generatori di calore alimentati da combustibili liquidi, gassosi, solidi polverizzati o con generatori
di calore elettrici»
- UNI 8364-1:2007 “Impianti di riscaldamento - parte 1:
esercizio”
- UNI 8364-2:2007 “Impianti di riscaldamento - parte 2:
conduzione”
- UNI 8364-3:2007 “Impianti di riscaldamento - parte 3:
controllo e manutenzione”
- UNI 9317:1989 “Impianti di riscaldamento. Conduzione
e controllo”
- UNI 8065:1989 “Trattamento dell’ acqua negli impianti termici ad uso civile”
- Norma per impianti elettrici CEI EN 60079-10 (CEI 3130). “Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive
per presenza di gas - Parte l0. Classificazione dei luoghi pericolosi»
- Norma per impianti elettrici CEI EN 60079-14 (CEI 3135). “Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive
per la presenza di gas - Parte 14. Impianti elettrici nei
luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di
gas (diversi dalle miniere)»
- Decreto Legislativo 04-12-1992 n° 475 “Attuazione
della direttiva 89/686/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale
- Decreto Legislativo 09-04-2008 n° 81 "Attuazione
dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi
di lavoro"
-7-
INSTALLAZIONE
INSTALLAZIONE
4
4.2
Accessori
Per l'installazione e il funzionamento dell'apparecchio
sono disponibili accessori facoltativi.
Montaggio
a Attenzione!
Lavare accuratamente l’impianto di riscaldamento prima di montare l’apparecchio, al fine di
rimuovere particelle estranee quali perle di saldatura, resti di mastice oppure sporco.
4.1
Fornitura
L'apparecchio THESI R CONDENSING è consegnato
preassemblato in una confezione.
Verificare il contenuto della confezione del prodotto
consegnato.
5
4.3
Ubicazione
4.3.1 Istruzioni
Prima di scegliere una sede per l’apparecchio, leggere
attentamente le avvertenze e le istruzioni di sicurezza
contenute nella guida per l’utente e nel manuale di installazione.
• Verificare che la parete di montaggio dell’apparecchio
sia strutturalmente sicura per sostenere il peso dell’apparecchio.
• Verificare che lo spazio nel quale l’apparecchio sarà
installato consenta l’installazione alle distanze opportune.
• Ciò permetterà che le connessioni ad acqua, gas e
fumi siano accessibili e controllabili (vedi capitolo 4.5).
• Spiegare questi requisiti all’utente dell’apparecchio
1
Nella scelta del luogo d'installazione, osservare le seguenti indicazioni:
A00670009
2
4
a Attenzione!
Collocare l’apparecchio in locali protetti dal
gelo. In locali dove sono presenti vapori o polveri aggressive l'apparecchio deve funzionare a
camera stagna!
3
Fig. 4.1 Fornitura
Posizione
1
Q.tà
1
2
3
1
1
4
1
5
1
Denominazione
Supporto dell'apparecchio
Apparecchio
Sacchetto con minuteria (kit di montaggio)
- 2 viti per legno
- 2 tasselli 10 x 60 mm
- 2 rondelle
- 1 guarnizione
- 2 guarnizioni R 1⁄2
- 1 serraggio a pressione
- connettore periferico per sonda esterna
Sacchetto con scritte stampate:
- istruzioni per l'installazione e la
manutenzione
- lista di controllo per la messa in servizio
- istruzioni per l'uso
- sagoma di montaggio
- cartolina di garanzia
- div. adesivi
- Libretto di centrale
Nella scelta del luogo d'installazione e durante il funzionamento della caldaia, sincerarsi che l'aria comburente
sia tecnicamente priva di sostanze chimiche contenenti
fluoro, cloro, zolfo ecc.
Spray, solventi o detergenti, vernici e colle possono contenere tali sostanze, che durante il funzionamento a camera stagna dell'apparecchio possono provocare, nei
casi più gravi, corrosione nell'impianto e anche nel sistema di scarico fumi. Anche l’impiego di un vecchio camino di una caldaia a gasolio può provocare gli stessi problemi.
Soprattutto presso parrucchieri, vernicerie, falegnamerie, lavanderie, ecc. si raccomanda il funzionamento dell'apparecchio a camera stagna. Se ciò non fosse possibile, l'apparecchio deve essere installato in un locale separato per garantire che l'aria comburente sia priva
delle sostanze citate sopra.
Sacchetto con minuteria (valvola di sicurezza)
- Valvola di sicurezza, 3 bar
- Connettore a gomito
- Nipplo di riduzione
Tab. 4.1 Fornitura
-8-
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
4.3.2 Normative
Le principali leggi e le norme di riferimento che identificano le caratteristiche dei locali di installazione delle
caldaie maggiori di 35 kW sono le seguenti:
- Decreto Ministeriale 12-04-96 “Approvazione della regola termica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti termici
alimentati da combustibili gassosi”.
- Decreto Ministeriale 1-12-1975 “Norme di sicurezza per
apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione”
Raccolta “R”
- Norma di installazione UNI 7129/72 “Impianti a gas per
uso domestico alimentati da rete di distribuzione”.
- Norma per impianti elettrici CEI EN 60079-10 (CEI 3130). “Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive
per presenza di gas - Parte l0. Classificazione dei luoghi pericolosi”
- Norma per impianti elettrici CEI EN 60079-14 (CEI 3135). “Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive
per la presenza di gas - Parte 14. Impianti elettrici nei
luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di
gas (diversi dalle miniere)“
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
-9-
INSTALLAZIONE
4.4
Distanze
480
450
Ø 80/125
190
94
A
1
800
2
3
Ø20, R1
30
4
8
7
Rp 1
Rp 1
G 11/2
G 11/2
R
1/2
5
6
9
48
100
5, 8
R1
100
152
100
152
Fig. 4.2 Distanze in mm
Legenda
1 Raccordo aria/fumi Ø 80/125 mm
Misura A (supporto dell'apparecchio – centro tubo aria-fumi)
con curva a 87º: 253 mm
con raccordo a T con ispezione: 270 mm
2 Supporto dell'apparecchio
3 Tubo del gas Ø 20 mm, allacciamento del gas R1“ (VM 466),
R3/4" (VU 356)
4 Collegamento per scarico della condensa
5 Collegamento per vaso di espansione
6 Collegamento di ritorno riscaldamento
7 Collegamento di mandata riscaldamento
- 10 -
8 Raccordo valvola di sicurezza
9 Dispositivo di riempimento e svuotamento
h Nota
Quando si utilizzano accessori, prestare attenzione alle distanze minime e agli spazi liberi per
il montaggio (vedere cap. 4.5).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
Funzionamento a camera aperta
4.5
Distanze minime richieste/spazi liberi per il
montaggio
Sia per l'installazione/il montaggio dell'apparecchio sia
per l'esecuzione dei lavori di manutenzione successivi è
indispensabile mantenere le seguenti distanze minime o
spazi liberi per il montaggio:
B
c
350
Fig. 4.3 Funzionamento a camera aperta
Funzionamento a camera stagna
B
C
250
Fig. 4.5 Distanze minime/spazi liberi per il montaggio
necessari
Non è necessario rispettare distanze specifiche tra l’apparecchio e componenti in materiale infiammabile in
quanto l'apparecchio, alla potenza nominale, non supera
la temperatura massima ammessa di 85° C.
Fig. 4.4 Funzionamento a camera stagna
Apparecchio
THESI R
CONDENSING 45
Dim
80/125
80/125
con curva a 87° con raccordo a T
con ispezione
B
90
85
C
25
25
Tab. 4.2 Dimensioni di montaggio raccordo sistema aria/fumi,
funzionamento a camera aperta e a camera stagna (in
mm)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
4.6
Uso della sagoma di montaggio
Per il montaggio dell'apparecchio, utilizzare la sagoma
fornita.
• Disporre la sagoma di montaggio nel punto di montaggio in posizione verticale e fissarla alla parete.
• Contrassegnare sulla parete la posizione dei fori la
staffa di supporto ed eventualmente anche il punto in
cui passerà il condotto aria/fumi.
• Togliere la sagoma di montaggio dalla parete.
• Praticare sulla parete 2 fori da Ø 8 mm per la staffa di
supporto.
• Eventualmente, aprire sulla parete la breccia per il
condotto aria/fumi.
- 11 -
INSTALLAZIONE
4.7
Aggancio a muro dell'apparecchio
4.8
Rimozione/applicazione del rivestimento anteriore
a Attenzione
Quando si monta l’apparecchio, osservare che i
pezzi predisposti per il fissaggio presentino una
portata sufficiente. Occorre inoltre tener conto
delle caratteristiche della parete.
2
1
1
2
3
Fig. 4.7 Rimozione del rivestimento dell’apparecchio
Fig. 4.6 Aggancio dell'apparecchio
• Montare sulla parete la staffa dell'apparecchio (1) con
i tasselli e le viti in dotazione (2).
• Agganciare l'apparecchio (3) dall'alto nel relativo supporto con la staffa di montaggio a parete.
Per lo smontaggio della copertura dell'apparecchio procedere come segue.
• Allentare la vite (1) sul fondo dell'apparecchio.
• Premere le due clip di fissaggio (2) sul fondo dell'apparecchio, in modo da staccare il rivestimento anteriore.
• Tirare il rivestimento in avanti afferrandolo per il
bordo inferiore ed estrarlo dal supporto sfilandolo dall'alto.
Per montare il rivestimento anteriore, procedere
come segue:
• Inserire il rivestimento anteriore sui ganci superiori
dell'apparecchio.
• Applicare il rivestimento premendolo sull'apparecchio
in modo che le clip di fissaggio (2) del rivestimento si
inseriscano. Eventualmente è possibile tirare contemporaneamente in avanti le molle di fissaggio (2) finché
non si inseriscono.
• Fissare il rivestimento anteriore avvitando la vite (1)
sul fondo dell'apparecchio.
- 12 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
5
Installazione
Per l‘impiego di un deviatore non sono necessari accessori elettrici. Gli impianti semplici possono essere allacciati direttamente al quadro di comando.
d Pericolo!
Rischio di lesioni personali e/o danni materiali a
causa di un montaggio non corretto.
L'installazione del THESI R CONDENSING è riservata ad una ditta abilitata e riconosciuta,
che si assume anche la responsabilità per l'installazione, la regolazione e la messa in servizio corretti.
a Attenzione!
L'apparecchio THESI R CONDENSING può essere messo in servizio solo quando tra il circuito
dell'apparecchio e quello di riscaldamento è
stato installato un deviatore idraulico sufficientemente dimensionato. In caso contrario possono verificarsi malfunzioni, danni o riduzioni
della vita utile dell'apparecchio.
Scelta del deviatore idraulico
Il deviatore idraulico scollega il generatore termico dal
sistema di riscaldamento. Ciò elimina la dipendenza
dalla prevalenza residua del generatore termico.
È possibile scegliere un deviatore idraulico idoneo di
tipo WH (accessorio) con l'aiuto della tab. 5.1.
Il deviatore idraulico, combinato con la pompa del circuito dell'apparecchio, garantisce che la quantità minima di
acqua che circola attraverso il riscaldatore sia sempre
sufficiente.
Differenza del sistema di
riscaldamento
10 K
15 K
20 K
Potenza del sistema di
riscaldamento
Apparecchio singolo
WH 95
WH 40
Cascata a due
WH 160
WH 95
WH 95
Cascata a tre
WH 280
WH 160
WH 160
Cascata a quattro
WH 280
WH 160
WH 160
WH 40
Tab. 5.1 Scelta del deviatore idraulico
Dispositivi di sicurezza
• Collegare in loco un tubo di scarico con imbuto e sifone dal tubo di sfogo della valvola di sicurezza a un
punto di scarico idoneo. Lo scarico deve essere visibile!
• Se nell'impianto di riscaldamento si usano tubi di plastica, occorre montare un termostato di massimo sulla
mandata del riscaldamento. Questo è necessario per
proteggere l'impianto da danni per temperature troppo elevate in caso di guasto.
• Se si impiegano tubi in plastica non ermetici alla diffusione, effettuare una separazione degli elementi del
sistema inserendo uno scambiatore termico esterno
tra l'apparecchio e l'impianto, per evitare corrosione
nel circuito del generatore termico o nell'apparecchio.
Per informazioni dettagliate sugli esempi di impianto e
sulle dotazioni degli impianti, rivolgersi al punto di vendita Hermann più vicino.
Attenzione
a Pericolo
di danni a persone e cose.
I seguenti schemi dell’impianto sono solo indicativi e non sostituiscono una pianificazione a
regola d'arte. Gli schemi degli impianti non riportano i dispositivi di intercettazione e sicurezza necessari ad un montaggio corretto. Attenersi alle norme e direttive pertinenti.
5.1
Modalità di riscaldamento
L'apparecchio THESI R CONDENSING è in grado di servire direttamente un circuito di riscaldamento attraverso
il deviatore idraulico. A valle del deviatore è possibile
utilizzare una pompa idonea all'impianto, in modo da alimentare il sistema in modo (pompa da 4 m 6 m o pompa
a regolazione elettronica). Negli impianti con vari circuiti, attenersi inoltre agli accessori di regolazione.
Dal punto di vista della tecnica del sistema, occorre distinguere tra i seguenti casi:
- impianto idraulico nella modalità di riscaldamento
- impianto idraulico nella modalità di carica del bollitore
- impianto idraulico nella modalità di riscaldamento e di
carica del bollitore
h Nota
Per il ritorno verso il deviatore idraulico (non
verso l‘apparecchio) si raccomanda di montare
un filtro antisporco, specialmente negli impianti
più vecchi. Questo filtro protegge l‘apparecchio
dallo sporco proveniente dall‘impianto. Assicurassi che il filtro sia correttamente dimensionato per evitare un rapido intasamento e un‘ulteriore, elevata perdita di pressione.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 13 -
INSTALLAZIONE
Schema idraulico:
Collegamento al circuito di riscaldamento con deviatore idraulico
h Nota
Si tenga presente che saranno eventualmente
necessari freni a gravità o circuiti di miscelazione per sopprimere le correnti trasversali
verso altri circuiti o gli influssi delle alte temperature provenienti dal circuito di carica.
Schema idraulico:
Inserimento prioritario del bollitore tramite deviatore
idraulico
4
1
4
3
2
Fig. 5.1 Collegamento al circuito di riscaldamento con deviatore
idraulico
Legenda
1 Apparecchio con pompa interna
2 Separatore idraulico
3 Pompa di riscaldamento esterna
4 Utenze (ad esempio circuito di riscaldamento)
8 9
LN
3 4 5
X18
X13
3
1
2
Fig. 5.3 Inserimento prioritario del bollitore tramite deviatore
idraulico
1
Legenda
1 Apparecchio con pompa interna
2 Separatore idraulico
3 Pompa di riscaldamento esterna
4 Pompa di carica del bollitore esterna
X14
X11
8 9
LN
3 4 5
X18
X13
X6
Fig. 5.2 Collegamento elettrico della pompa di riscaldamento
dietro il deviatore idraulico
La pompa interna è regolata in fabbrica. Non occorre
impostare la potenza della pompa.
Per il collegamento elettrico della pompa di riscaldamento esterna utilizzare il connettore grigio.
Per assegnare la funzione "Pompa di riscaldamento
esterna" al connettore (1) (relè supplementare), è necessario impostare sul valore 2 il punto di diagnosi "d.26"
del 2º livello di diagnostica, vedere cap. 11.1.2.
5.2
Modalità di carica del bollitore
Il sistema elettronico del THESI R CONDENSING è concepito in modo da rendere possibile il collegamento diretto
di un circuito di carica del bollitore e di un circuito di riscaldamento, senza accessori.
Il collegamento del circuito di carica del bollitore a valle
del deviatore idraulico consente di scegliere la dimensione del bollitore e la pompa di carica del bollitore.
- 14 -
X14
1
X11
X6
Fig. 5.4 Allacciamento elettrico della pompa di carica del bollitore
Per l'allacciamento elettrico della pompa di carica del
bollitore, utilizzare il connettore fornito (1).
Per mettere in servizio la pompa di carica del bollitore
non è necessario impostare un punto di diagnosi. Lo slot
della scheda è riservato a questa pompa.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
5.3
h
Modalità di riscaldamento e modalità di carica
del bollitore
h Nota
Si tenga presente che saranno eventualmente
necessari freni a gravità o circuiti di miscelazione per sopprimere le correnti trasversali
verso altri circuiti o gli influssi delle alte temperature provenienti dal circuito di carica.
Nota
Consultare anche i capp. 5.1 e 5.2 di queste
istruzioni.
La modalità di riscaldamento e la modalità di carica del
bollitore dell'apparecchio non vanno equiparate alla modalità di riscaldamento o di carica semplici. Per un funzionamento privo di inconvenienti occorre tener conto
di altri nessi di tipo idraulico.
Il deviatore idraulico consente di scollegare l'apparecchio dai circuiti delle utenze, rendendo possibile strutturare i circuiti a valle dell'apparecchio in base al fabbisogno (dimensione della pompa, posizione del bollitore).
Schema idraulico:
Inserimento di priorità del bollitore e circuito di riscaldamento attraverso deviatore idraulico
8 9
LN
X14
3 4 5
X18
X13
2
1
X11
X6
Fig. 5.6 Collegamento elettrico della pompa di carica del bollitore e della pompa di riscaldamento esterna
Legenda
1 Slot per pompa di carica del bollitore
2 Slot per pompa di riscaldamento esterna
6
4
1
3
5
2
Fig. 5.5 Inserimento di priorità del bollitore e circuito di riscaldamento attraverso deviatore idraulico
Legenda
1 Apparecchio con pompa interna
2 Separatore idraulico
3 Pompa di riscaldamento esterna
4 Utenze (ad esempio circuito di riscaldamento)
5 Pompa di carica del bollitore esterna
6 Bollitore
Il sistema elettronico del THESI R CONDENSING è concepito in modo da rendere possibile il collegamento di un
sistema standard (1 circuito di riscaldamento più 1 circuito di carica del bollitore) senza accessori speciali. Qualora fossero necessari più circuiti, occorrono accessori
speciali o centraline. La prevalenza residua dell'apparecchio verso il deviatore è sufficiente.
È possibile adattare il collegamento del circuito di carica
del bollitore a valle del deviatore idraulico alle proprie
esigenze (dimensioni del bollitore, misura della pompa
di carica ecc.).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
Per il collegamento elettrico, utilizzare i pertinenti connettori in dotazione.
Per mettere in servizio la pompa di carica del bollitore
non è necessario impostare un punto di diagnosi. Lo slot
della scheda è (1) riservato a questa pompa.
Per assegnare la funzione "Pompa di riscaldamento
esterna" al connettore grigio (2) (relè supplementare),
è necessario impostare sul valore 2 il punto di diagnosi
"d.26" del 2º livello di diagnostica, vedere cap. 11.1.2.
5.4
Raccordo del gas
Pericolo!
d Rischio
di lesioni personali e/o danni materiali a
causa di un montaggio non corretto.
L'installazione del THESI R CONDENSING è riservata ad una ditta abilitata e riconosciuta,
che si assume anche la responsabilità per l'installazione, la regolazione e la messa in servizio corretti. Occorre osservare le disposizioni di
legge e la normativa locale dell'azienda erogatrice del gas.
Attenzione!
a Per
evitare perdite, montare il condotto del gas
senza sottoporlo a tensioni.
- 15 -
INSTALLAZIONE
a Attenzione!
Possibili danni al valvolame a causa del superamento della pressione di prova o della pressione
di esercizio.
La tenuta della valvola del gas deve essere controllata solo con una pressione massima di
110 mbar. La pressione d’esercizio non deve superare i 60 mbar.
h Nota
Evitare di ridurre la dimensione della tubazione
5.5
Collegamento lato riscaldamento
a Attenzione!
Per evitare perdite, montare le tubazioni di raccordo senza sottoporle a tensioni.
L'apparecchio viene collegato alla mandata e al ritorno
riscaldamento mediante rubinetti di manutenzione.
Per collegare l'impianto di riscaldamento sono disponibili appositi accessori.
del gas dopo il contatore, mantenere invece la
dimensione fino all'apparecchio. Scegliere il rubinetto di intercettazione del gas corretto.
Quando si impiega un rompi tiraggio antivento
bisogna scegliere la sezione trasversale del tubo
immediatamente superiore.
1
2
Fig. 5.8 Collegamento del riscaldamento
1
• Montare correttamente i rubinetti di manutenzione sul
collegamento della mandata (1) e sul collegamento del
ritorno (2) dell'apparecchio.
Fig. 5.7 Montaggio dell'allacciamento del gas
L'apparecchio deve essere collegato alla tubazione del
gas dell'edificio mediante un rubinetto a sfera per gas.
• Pulire dapprima, tramite soffiatura, il condotto del
gas. In questo modo si evitano danni all'apparecchio.
• Avvitare il tubo di alimentazione del gas (1) dell'apparecchio al rubinetto a sfera del gas (preinstallato) in
modo ermetico. A tale scopo utilizzare il serraggio a
pressione G 1 a corredo.
• Prima della messa in servizio sfiatare la tubazione del
gas.
• Controllare la tenuta dell'allacciamento del gas.
- 16 -
h Nota
Si raccomanda l'impiego di guarnizioni di materiale fibroso analogo al cartone invece che di
guarnizioni di materiale gommoso. Le guarnizioni di materiale gommoso possono subire deformazioni plastiche con conseguenti perdite di
pressione.
a Attenzione!
Per il riempimento è indispensabile utilizzare il
rubinetto KFE (2) sul ritorno, altrimenti può risultare impossibile eseguire lo sfiato dell'apparecchio.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
5.6
Valvola di sicurezza (gruppo di sicurezza)
dell'impianto di riscaldamento
2
5.7
Scarico della condensa
3
1
2
1
Fig. 5.10 Scarico della condensa
A00670009
La condensa creatasi durante la combustione viene condotta al raccordo dell'acqua di scarico per mezzo di un
tubo di scarico della condensa (1) e di un imbuto per il
suo scarico (2).
Fig. 5.9 Montaggio della valvola di sicurezza
Pericolo!
d Pericolo
di intossicazione da fughe di gas combusti!
Non collegare il tubo di scarico della condensa
alla tubazione dell'acqua di scarico in modo
fisso e a tenuta, poiché altrimenti il sifone interno potrebbe venire svuotato per aspirazione.
Quando si accende l'apparecchio, è necessario
che il sifone della condensa sia pieno d'acqua,
in modo che non possano fuoriuscirne fumi
(vedere cap. 8.1.3).
L'apparecchio THESI R CONDENSING è dotata di serie
dei collegamenti di un gruppo di sicurezza:
– Valvola di sicurezza (1)
– Dispositivo di riempimento (rubinetto KFE) (2)
– Collegamento per vaso di espansione (3)
• Montare la valvola di sicurezza in dotazione (3 bar,
DN 15) utilizzando il connettore a gomito e il nipplo di
riduzione.
• Montare sull'apposito collegamento un vaso di espansione di dimensioni sufficienti da approntare in
loco (3).
H Pericolo!
Pericolo di ustioni e scottature
Deve essere possibile osservare la valvola di sicurezza (1). Far terminare la tubazione in modo
che, in caso di fuoriuscita di acqua o vapore,
nessuno possa risultare ferito.
La terminazione del tubo deve essere visibile.
a Attenzione!
Pericolo di danneggiamento.
Far terminare la tubazione in modo da evitare
di danneggiare cavi o altri componenti elettrici.
5.8
Condotto aria/fumi
Pericolo!
d Rischio
di danni a persone e cose a causa di
condotti di aria/fumi non omologati!
Le caldaie Hermann sono omologate insieme ai
condotti aria/fumi originali Hermann. L‘uso di
altri accessori può compromettere la sicurezza
operativa dell‘apparecchio e provocare danni a
cose e persone. Il tipo d‘installazione B23P consente anche accessori di terzi (vedere la sezione Dati tecnici in appendice).
• Si prega di impiegare solo condotti aria/fumi originali
Hermann.
• Se per B23P sono consentiti accessori di terzi, assicurarsi che i collegamenti dei tubi fumi siano correttamente posati, ermetizzati e fissati in modo da non scivolare fuori.
5.8.1 Avvertenze sull’installazione B23
Un condotto gas combusti secondo il modello di apparecchio B23 (caldaia a gas da parete a camera aperta) richiede una progettazione e un’attuazione accurate. In
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 17 -
INSTALLAZIONE
fase di progettazione fare attenzione ai dati tecnici del
prodotto e fare riferimento alle regole della tecnica riconosciute.
5.8.2
Avvertenze e indicazioni sull’installazione
B23P
Il condotto gas combusti deve essere conforme almeno
alla classificazione T 120 P1 W 1 secondo la norma EN
1443. La lunghezza massima del tubo può essere calcolata dalla differenza di pressione ammessa indicata nei
Dati tecnici.
La lunghezza massima del tubo (solo tubo diritto) corrisponde alla lunghezza tubazione gas combusti massima
ammessa senza curve. Se vengono utilizzate curve, la
lunghezza del tubo massima deve essere ridotta in base
alle caratteristiche dinamiche della portata delle curve.
Le curve non devono essere direttamente una successiva all’altra, perché in questo modo la perdita di pressione aumenta significativamente.
Il cavo di alimentazione deve essere allacciato ad un
attacco fisso e ad un dispositivo di sezionamento con
una distanza di apertura dei contatti di almeno 3 mm
(per es. fusibili, interruttore di potenza). Impiegare allo
scopo un cavo di collegamento alla rete comunemente in
commercio.
Il cablaggio esterno deve essere collegato a terra, con
polarità corretta e in conformità con gli standard correnti.
Il produttore declina qualsiasi responsabilità per danni a
persone o cose causati dalla errata installazione della
messa a terra dell’apparecchio. Ciò comprende la mancata osservazione degli standard correnti.
La tensione nominale di rete deve essere di 230 V.
In particolare se il tubo gas combusti viene installato in
locali freddi o all’esterno dell’edificio, si può raggiungere
il punto di congelamento sulla superficie del lato interno
del tubo. È possibile evitare questo problema con una
progettazione collaudata ai sensi della norma EN 13384-1
con una sollecitazione minima dell’apparecchio di riscaldamento a una temperatura fumi di 40 °C. Il prodotto
non va collegato a un impianto gas combusti a cascata
utilizzato da altri apparecchi.
1
• Attenersi alle disposizioni nazionali e locali per i condotti gas combusti in particolare in caso di installazione in spazi abitativi. Informare l’utilizzatore sull’uso
corretto del prodotto.
5.9
2
3
Allacciamento elettrico
e Pericolo!
L’installazione errata può causare scossa elettrica o danni all’apparecchio. La connessione
elettrica dell’apparecchio deve essere effettuata
esclusivamente da un tecnico qualificato.
4
Fig. 5.11 Apertura della parete posteriore della scatola elettronica
e Pericolo!
I collegamenti che conducono tensione possono
causare folgorazioni letali.
L’installazione elettrica deve essere eseguita
unicamente da una ditta abilitata ai sensi di
legge.
Per prima cosa, disinserire sempre l'alimentazione di corrente e bloccarla per evitarne il
reinserimento involontario. Solo successivamente è possibile procedere all'installazione.
Nei connettori di rete L e N vi è tensione anche
ad interruttore generale spento.
5.9.1
- 18 -
Allacciamento alla rete
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
-
+
7 8 9
LN
3 4 5
BUS
-
+
7 8 9
LN
3 4 5
BUS
Fig. 5.12 Esempio di posa dei cavi
• Rimuovere il rivestimento anteriore dell'apparecchio
(vedere cap. 4.8) e ribaltare in avanti la scatola elettronica (3).
• Sganciare il coperchio posteriore (2) della scatola
elettronica nei punti (1) e ribaltare il coperchio verso
l'alto.
• Fare passare il cavo di collegamento alla rete attraverso l'apposita fessura (4). Usare l'isolatore passante per impermeabilizzare l'apertura.
• Introdurre poi il cavo di allacciamento alla rete nella
scatola elettronica e accorciare la linea a misura.
• Rimuovere la guaina dalla linea di collegamento per
circa 2 – 3 cm, togliendo l’isolamento dai conduttori.
a Attenzione!
Il collegamento della linea di alimentazione dalla
rete ad un morsetto errato può distruggere il sistema elettronico. Collegare il cavo di alimentazione esclusivamente ai morsetti specificamente contrassegnati!
• Collegare i fili agli slot del sistema elettronico (L, N e
Terra), vedere fig. 5.12. Impiegare l'apposito connettore.
• Infine richiudere il coperchio posteriore della scatola
elettronica premendolo finché non si inserisce udibilmente nei ganci.
• Ribaltare la scatola elettronica verso l’alto e spingerla
contro i pannelli di copertura laterali dell'apparecchio
in modo che le clip a destra e sinistra si inseriscano
udibilmente.
• Montare il rivestimento anteriore (vedere cap. 4.8).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
5.9.2 Collegamento di apparecchi di regolazione
Per il montaggio di apparecchi di regolazione procedere
in base alle pertinenti istruzioni per l'uso e l'installazione.
Eseguire i collegamenti necessari al sistema elettronico
dell'apparecchio (per es. termostati di regolazione
esterni, sonde esterne, ecc.) procedendo nel modo
seguente:
• Rimuovere il rivestimento anteriore dell'apparecchio
(vedere cap. 4.8) e ribaltare in avanti la scatola elettronica (3) (vedere fig. 5.11).
• Sganciare il coperchio posteriore (2) della scatola
elettronica nei punti (1) e sollevare il coperchio
(vedere fig. 5.11).
• Fare passare le linee di collegamento dei vari componenti da allacciare attraverso i passacavo (4) situati
sulla parte inferiore sinistra dell'apparecchio (vedere
fig. 5.11).
• Introdurre poi i cavi di allacciamento alla rete nella
scatola elettronica e accorciare le linee a misura.
• Rimuovere la guaina dalla linea di collegamento per
circa 2 – 3 cm, togliendo l’isolamento dai conduttori.
• Collegare i fili ai connettori corrispondenti o ai relativi
slot del sistema elettronico (vedere fig. 5.12).
Attenzione!
a Pericolo
di danni irreparabili al sistema elettronico!
Ai morsetti 7, 8, 9 e all'eBUS (+, -) non deve
essere collegata tensione di rete.
h Nota
Assicurarsi che i fili siano fissati meccanicamente ai morsetti a vite del connettore.
• Se non vi è un termostato ambiente/cronotermostato
collegato, è necessario creare un ponte tra i morsetti
3 e 4 (se non è già presente). Se si collega un termostato ambiente/cronotermostato ai morsetti 3 e 4, togliere il ponte.
• In tutti gli altri casi il ponticello tra i morsetti 3 e 4
deve rimanere inserito.
• Infine richiudere il coperchio posteriore della scatola
elettronica premendolo finché non si inserisce udibilmente nei ganci.
• Ribaltare la scatola elettronica verso l’alto e spingerla
contro i pannelli di copertura laterali dell'apparecchio
in modo che le clip a destra e sinistra si inseriscano
udibilmente.
• Montare il rivestimento anteriore (vedere cap. 4.8).
• Per ottenere la modalità di funzionamento pompa 1
(pompa continua) per centraline a più circuiti, commutare il punto di diagnosi "d.18" Modalità pompa da 3
"intermittente" a 1 "continua" (vedere cap. 11.2.2).
Ricordarsi in particolare di rimuovere il ponte sul connettore quando si collega un termostato di sicurezza
(termostato a contatto) per il riscaldamento a pannelli
radianti.
- 19 -
INSTALLAZIONE
5.9.3
Relè supplementare (connettore grigio della
scheda) e modulo multifunzione "2 di 7"
Per l’apparecchio THESI R CONDENSING deve essere
possibile comandare un componente supplementare mediante il relè supplementare (connettore grigio).
Con il punto di diagnosi “d.26” al livello di diagnosi 2 è
possibile selezionare il componente installato (vedi cap.
11.1.2).
Se si desidera collegare altri componenti, utilizzare il
modulo multifunzionale di Hermann “2 di 7” (accessorio). Eseguire il montaggio secondo le istruzioni d’installazione e d’uso corrispondenti.
Per il comando del relè 1 sul modulo multifunzionale, selezionare al livello di diagnosi 2 il punto di diagnosi
“d.27”, per il relè 2 il punto di diagnosi “d.28” (vedi cap.
11.1.2). Qui è possibile selezionare i seguenti componenti:
1 = pompa di ricircolo
2 = pompa esterna
3 = pompa di carico
4 = aspiratore domestico
5 = valvola elettromagnetica esterna
6 = segnalazione d’errore esterna
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non attivo)
9 = pompa antilegionella (non attiva)
pinza a cesoia, rimuovere dal gruppo di cavetti di THESI
R CONDENSING la spina già presente sui morsetti X2/4
e X2/10. Quindi è possibile collegare il sensore con la
morsettiera.
5.9.7
Collegamento del regolatore solare Solar
Controller
Il sistema elettronico di THESI R CONDENSING offre la
possibilità di effettuare il collegamento del regolatore
solare Solar Controller (n. art. A00650007). Per questo
motivo è necessario, con l’ausilio di una pinza a cesoia,
rimuovere dal gruppo di cavetti di THESI R CONDENSING la spina già presente sui morsetti X2/10 e X2/14.
Quindi è possibile collegare il Solar Controller con i suoi
morsetti AQ1/AQ2 ai morsetti X2/10 e X2/14 della morsettiera di THESI R CONDENSING (vedi fig. 5.13).
5.9.4
Azionamento di una pompa di carica del
bollitore
Per il modello THESI R CONDENSING è possibile comandare direttamente una pompa di carico del boiler predisposta sul posto. A tal fine collegare il rispettivo componente al connettore X6 (rosa) sulla scheda elettronica
dell’apparecchio.
5.9.5 Azionamento di una pompa di ricircolo in funzione del fabbisogno (solo in combinazione
con un bollitore ad accumulo)
Il sistema elettronico di THESI R CONDENSING permette
di comandare la pompa di ricircolo di un bollitore a seconda del fabbisogno (simile al funzionamento di un interruttore a tempo per luci scale). La pompa viene comandata tramite un pulsante che è possibile installare
sul posto, esternamente all’apparecchio, in un luogo
qualsiasi dell’abitazione, per es. bagno o cucina. Il pulsante è collegato ai morsetti X41/1 e X41/6 del sistema
elettronico di THESI R CONDENSING (vedi fig. 5.13).
Quando viene premuto il pulsante, la pompa di ricircolo
viene avviata. La pompa si spegne nuovamente dopo 5
minuti. È possibile collegare diversi pulsanti in parallelo.
Indipendentemente dal comando esterno della pompa di
ricircolo rimane comunque attiva la funzione “Comando
ad intervalli programmabili” attraverso la centralina di
termoregolazione.
5.9.6 Collegamento della sonda del bollitore
Il sistema elettronico di THESI R CONDENSING offre la
possibilità di collegare il sensore del bollitore (n. art.
A00650016) ai morsetti X2/4 e X2/10 (vedi fig. 5.13).
Per questo motivo è necessario, con l’ausilio di una
- 20 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
5.9.8
Schemi di collegamento
X 11
14
marrone
10
4
nero
arancione
viola
X2
9
11
12
1
Connettore bassa tensione
nero
1
2
4
rosso
verde
rosso
13
X20
Sonda bollitore
17
3
4
16
5
7
8
12
13
14
18
9
+
Segnale
verde
nero
Sensore della portata in volume
-
blu
nero
Massa
1 Segnale di Hall
2
grigio
3 Segnale PWM
4 +24V
5
rosso
rosso
nero
blu
nero
nero
Ventola
non colorato
Sonda di mandata
nero
Sonda di ritorno
nero
blu
rosso
+
Dispositivo di accensione
X14
P Sensore di pressione dell’acqua
Rete
2
5
Termostato bollitore (accessorio)
“C1/C2”
verde / giallo
Valvolame del gas
Elettrodo di accensione
Massa apparecchio
Fig. 5.13 Schema di collegamento THESI R CONDENSING (cont.
pagina seguente)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 21 -
Tensione di rete
N
L
X6
X1
Bassa tensione
rosa
X41
X22
N
L
Relè supplementare (impostabile con d.26)
230 V~
X18
Rosso Bianco Turchese Viola
X11
Pompa di carica
del bollitore
N
L
Pompa interna
5
4
3
Opzione centralina est./termostato ambientale 3-4
(contatto)
N
L
Ingresso rete
9
8
7
Opzione centralina est./termostato ambientale 7-8-9
(costante, analogico)
+
-
Opzione collegamento eBUS (centralina/termostato
ambientale digitale)
Opzione termostato a contatto
2
1
0
0
DCF
RF
AF
6 FB
1
24 V
N
L
Grigio
X13
Connettore periferico Blu
Blu
Ventola 230V~
Verde
INSTALLAZIONE
Massa
Massa
Connettore per accessori
Collegamento DCF
centralina VRC 4xx o comando ZP
Sensore-separatore
Sonda esterna
Telecomando pompa di ricircolo
Segnale PWM pompa interna
Ventola
Fig. 5.14 Schema di collegamento THESI R CONDENSING
(cont.)
- 22 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6
Impianto concentrico Ø 80/125
a Attenzione!
Si devono usare solo accessori per i fumi specificamente studiati per questo apparecchio.
6.1
Gamma dei prodotti
A00670017 = Passante verticale a tetto
(nero, RAL 9005)
A00670019 = Raccordo concentrico per condotto
fumi; posa nel camino
A00670018 = Passante orizzontale a parete / a tetto
A00670020 = Sistema a facciata
Elementi
No. art.
A00670017
A00670018
A00670019
A00670020
Prolunga (PP), concentrica
0,5 m - Ø 80/125
A00670021
X
X
X
X
Prolunga (PP), concentrica
1,0 m - Ø 80/125
A00670022
X
X
X
X
Prolunga (PP), concentrica
2,0 m - Ø 80/125
A00670023
X
X
X
X
Curva (PP), concentrico (2 pezzi)
45° - Ø 80/125
A00670024
X
X
X
X
Curva (PP), concentrico
87° - Ø 80/125
A00670025
X
X
X
X
Fascetta di sospensione per tubi
(5 pezzi), Ø 125
A00670026
X
X
X
X
A00670027
X
X
X
X
A00670028
X
X
X
X
Faldale per tetti inclinati flessibile
(piombo)
A00670055
X
Prolunghe, condotto fumi (PP) 0,5 m - Ø 80
A00670029
X
Prolunghe, condotto fumi (PP) 1,0 m - Ø 80
A00670030
X
Prolunghe, condotto fumi (PP) 2,0 m - Ø 80
A00670031
Separatore (PP) Ø 80/125
Raccordo a T per revisione – 87°
(PP) - Ø 80/125 (per funzionamento
a camera aperta o a camera stagna)
Prolunghe, condotto fumi (PP) 0,25 m - Ø 80
con apertura per revisione
X
A00670032
Tab. 6.1 Gamma prodotti
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 23 -
INSTALLAZIONE
Elementi
No. art.
A00670017
A00670018
A00670019
A00670020
Mensola di supporto per parete
esterna, acciaio inox
A00670044
X
A00670045
X
Prolunga per supporto per parete
esterna (da 90 a 280 mm),
acciaio inox
A00670046
X
Prolunga di 0,5 m per posa su
parete esterna, concentrico 80/125,
acciaio inox
A00670047
X
Prolunga di 1,0 m per posa su parete
esterna, concentrico 80/125,
acciaio inox
A00670048
X
Prolunga di 0,5 m per posa su
parete esterna, concentrico 80/125,
acciaio inox, accorciabile
A00670049
X
Curva a 87° per posa su parete
esterna, concentrica 80/125,
acciaio inox
A00670050
X
Curva a 45° (2 pz.) per posa su
parete esterna, concentrica 80/125,
acciaio inox
A00670051
X
Curva a 30° (2 pz.) per posa su
parete esterna, concentrica 80/125,
acciaio inox
A00670052
X
Modulo di revisione 0,25 m,
concentrico 80/125,
acciaio inox
A00670053
X
A00670054
X
Supporto per parete esterna
(da 50 a 90 mm), acciaio inox
Colletto antipioggia per passaggio
nel tetto, acciaio inox
Tab. 6.1 Gamma prodotti (continuazione)
- 24 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
Elementi
No. art.
A00670017
A00670018
A00670019
Curva 15°, condotto fumi (PP) Ø 80
A00670034
X
Curva 30°, condotto fumi (PP) Ø 80
A00670035
X
Curva 45°, condotto fumi (PP) Ø 80
A00670036
X
A00670037
X
A00670039
X
A00670042
X
A00670043
X
Curva 87°, condotto fumi (PP) Ø 80
A00670020
Distanziatore - Ø 80 (7 pz.)
Faldale in acciaio inox DN 80
Tubo finale in acciaio inox
DN 80, 1,0 m
Tab. 6.2 Gamma prodotti DN 80
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 25 -
INSTALLAZIONE
Descrizione
Elementi
Descrizione
25
25
Descrizione
Prolunghe, condotto fumi
Ø 80 (PP)
0,5 m: no. art. A00670029
1,0 m:
no. art. A00670030
2,0 m: no. art. A00670031
Curva, condotto fumi (PP)
87°
no. art. A00670025
Prolunghe, condotto fumi
Ø 80 (PP) di 0,25 m,
con apertura di pulizia no. art.
A00670032
15
45° (2 pezzi)
no. art. A00670024
15
25
15
Elementi
Prolunga (PP), concentrica
0,5 m: no. art. A00670021
1,0 m: no. art. A00670022
2,0 m: no. art. A00670023
Curva di sostegno (PP),
con mensola di supporto
no. art. A00670033
150
Fascetta di sospensione
per tubi Ø 125
(5 pezzi)
no. art. A00670026
Ø125
Avvertenza
A sostegno dei tubi.
Utilizzare una fascetta per
ogni prolunga
Separatore (PP)
no. art. A00670027
41
87°
350
Curva, condotto fumi (PP)
Ø 80
15°: no. art. A00670034
30°: no. art. A00670035
45°: no. art. A00670036
87°: no. art. A00670037
164
120
Raccordo a T per revisione
(PP) 87°
no. art. A00670028
233
Raccordo a T per revisione
(PP) 87°
Ø 80
70
no. art. A00670038
Tab. 6.3 Elementi 80/125
- 26 -
Attenzione!
Osservare rigorosamente la
posizione di montaggio
rappresentata al capitolo
6.14.7. Posizioni di montaggio
diverse provocano il
danneggiamento delle
guarnizioni a causa
dell'accumulo di condensa.
Tab. 6.3 Elementi 80/125 (continuazione)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
Elementi
Descrizione
Elementi
Descrizione
Distanziatore Ø 80
(7 pezzi)
no. art. A00670039
Faldale per tetti inclinati
flessibile (piombo)
no. art. A00670055
495
132
495
Fascette di fissaggio per il
tubo fumi Ø 80 (PP)
con viti e tasselli
(5 pezzi)
no. art. A00670040
Mensola di supporto per
parete esterna, acciaio inox
no. art. A00670044
150
200
325
220
Rosetta a muro Ø 80
no. art. A00670041
25
Supporto per parete esterna
(da 50 a 90 mm),
acciaio inox
no. art. A00670045
130
125
195
45
Faldale in acciaio inox
DN 80
no. art. A00670042
Prolunga per il supporto
per parete esterna
(da 90 a 280 mm),
acciaio inox
no. art. A00670046
È necessario inoltre:
tubo finale di 1 m in
acciaio inox DN 80
no. art. A00670043
330
00
10
Tab. 6.3 Elementi 80/125 (continuazione)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
Prolunga di 0,5 m per posa
su parete esterna,
concentrica 80/125,
acciaio inox
no. art. A00670047
125
80
500
Tubo finale in acciaio inox
DN 80
no. art. A00670043
Tab. 6.3 Elementi 80/125 (continuazione)
- 27 -
INSTALLAZIONE
Elementi
Descrizione
Elementi
Descrizione
Modulo di revisione
di 0,25 m,
concentrico 80/125,
in acciaio inox
no. art. A00670053
Prolunga di 1,0 m per posa
su parete esterna,
concentrica 80/125,
acciaio inox
no. art. A00670048
80
125
1000
125
80
250
Prolunga di 0,5 m per la
posa su parete esterna,
concentrica 80/125,
in acciaio inox,
accorciabile
no. art. A00670049
Colletto antipioggia per
passaggio nel tetto,
acciaio inox
no. art. A00670054
500
125
80
Curva a 87° per la posa su
parete esterna,
concentrica 80/125,
in acciaio inox
no. art. A00670050
Tab. 6.3 Elementi 80/125 (continuazione)
127
125
80
133
125
Curva a 45° (2 pz.) per la
posa su parete esterna,
concentrica 80/125,
acciaio inox
no. art. A00670051
80
125
85
Curva a 30° (2 pz.) per la
posa su parete esterna,
concentrica 80/125,
acciaio inox
no. art. A00670052
80
125
85
Tab. 6.3 Elementi 80/125 (continuazione)
- 28 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.2
Massime lunghezze del tubo consentite
Elementi
Passante verticale a tetto
Passante orizzontale a parete /
a tetto
No. art.
A00670017
A00670018
THESI R CONDENSING 45 A
Lungh. max.
tubo
concentrico
Lungh. max.
tubo
concentrico
21,0 m
senza curve
Max. 5,0 m di questi nella zona fredda.
Con la disposizione di gomiti aggiuntivi nell'impianto di evacuazione
fumi la lunghezza massima dei tubi si riduce come segue:
- 2,5 m per ogni gomito a 87°
- 1,0 m per ogni gomito a 45°
18,0 m
più 1 curva 87°
Max. 5,0 m di questi nella zona fredda.
Con la disposizione di gomiti aggiuntivi nell'impianto di evacuazione
fumi la lunghezza massima dei tubi si riduce come segue:
- 2,5 m per ogni gomito a 87°
- 1,0 m per ogni gomito a 45°
Raccordo concentrico sul
condotto fumi
A00670019
Lungh. max.
totale
tubo
(tratto
concentrico e
condotto fumi
DN 80 nel
camino)
33,0 m
più 3 x curva 87° e curva di sostegno
Di cui max. 30,0 m verticali nel camino e 5,0 m nella zona fredda.
A00670019
Lungh. max.
totale
tubo
(tratto
concentrico e
condotto fumi
DN 80 nel
camino)
19,0 m
più 1 x curva 87° e curva di sostegno
Max. 5,0 m di questi nella zona fredda.
Con la disposizione di gomiti aggiuntivi nell'impianto di evacuazione
fumi la lunghezza massima dei tubi si riduce come segue:
- 2,5 m per ogni gomito a 87°
- 1,0 m per ogni gomito a 45°
Lunghezza max.
totale tubo
22,0 m
più 3 curve 87° e curva di sostegno
L'elemento di aspirazione dell'aria può distare al massimo 4 m dal
raccordo dell'apparecchio
Con la disposizione di gomiti aggiuntivi nell'impianto di evacuazione
fumi la lunghezza massima dei tubi si riduce come segue:
- 2,5 m per ogni gomito a 87°
- 1,0 m per ogni gomito a 45°
DN 80 (fisso) nel camino,
camino di sezione min.:
- rotondo: 140 mm
- quadrato: 120 x 120 mm
a camera aperta
Raccordo concentrico sul
condotto fumi
DN 80 (fisso) nel camino,
camino di sezione min.:
- rotondo: 130 mm
- quadrato: 120 x 120 mm
a camera stagna
Raccordo del condotto fumi sulla A00670020
parete esterna
Tab. 6.4 Lunghezze massime dei tubi ammesse in combinazione con THESI R CONDENSING
h Avvertenza
Non montare distanziatori in camini dal
diametro compreso tra 113 mm e 120 mm o con
una lunghezza laterale tra 100 mm e 110 mm.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 29 -
INSTALLAZIONE
6.3
Montaggio del separatore
1
Passante a tetto verticale
6.4.1
Fornitura passante a tetto verticale
3
70
1430
4
2
6.4
Fig. 6.2 Dotazione
5
7
6
Fig. 6.1 Montaggio del separatore
h Nota
Il dispositivo di separazione agevola il montaggio del condotto aria/fumi e la sua separazione
dall‘apparecchio.
Il kit (no. art. A00670017) comprende:
- passante verticale a tetto
- adattatore (aria) per Ø 110/125
- fascetta da 70 mm
- fascetta di fissaggio
h Nota
Gli elementi del condotto aria/fumi sono descritti al capitolo 6.1.
• Spingere il dispositivo di separazione (1) sul tubo fumi
fino alla battuta (2).
• Ritirare il dispositivo di separazione (1) dal tubo fumi
(2), finché l’estremità ad innesto del dispositivo si inserisce nel manicotto (3) del tubo fumi (4).
• Collegare i tubi dell‘aria (5 e 6) con la fascetta a tenuta d‘aria (7).
- 30 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.4.2
Montaggio attraverso tetti obliqui
h Nota
Osservare le lunghezze massime dei tubi (vede-
• Collegare tutti gli altri punti di separazione usando le
fascette per i tubi dell‘aria, come descritto al capitolo
6.9.
h Nota
Per l‘impiego di prolunghe e curve, vedere la de-
re capitolo 6.2).
scrizione al capitolo 6.8.
545
5
Attenzione!
a Le
prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante staffe per tubi, al fine di
evitare il distacco della tubazione fumi.
Impiegare sempre 1 staffa per ogni prolunga.
1
740
20-50°
6.4.3
Montaggio attraverso tetti piani
545
0-5
6
Ø 125
A
1
B
880
7
8
5
120
6
Ø 125
2
2
3
3
8
Fig. 6.3 Montaggio dell‘apparecchio e del passante in caso di
tetto obliquo
• Stabilire il luogo per l'installazione del passante a
tetto.
• Inserire la tegola (1).
• Inserire il passante a tetto (5) dall‘alto attraverso il
coppo finché non aderisce perfettamente.
• Allineare il passante a tetto in verticale e fissarlo con
la staffa in dotazione (6) alla struttura del tetto.
• Montare l‘elemento di supporto dell‘apparecchio (2).
• Installare l’apparecchio (3) (vedere capitolo 5).
• Infilare il separatore (4) con il manicotto sulla prolunga fino all‘arresto.
• Collegare il passante a tetto (5) alla prolunga (7).
• Collegare il dispositivo di separazione (4) all‘elemento
di raccordo dell‘apparecchio (8). Il separatore permette una facile separazione di condotto aria/fumi e apparecchio.
• Montare la fascetta a tenuta d‘aria (8, vedere fig. 6.1)
del dispositivo di separazione.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
4
82-90
4
82 - 90
7
7
Fig. 6.4 Montaggio dell‘apparecchio e del passante in caso di
tetto piano
Legenda
A = tetto freddo
B = tetto caldo
• Stabilire il luogo per l‘installazione del passante a
tetto.
• Inserire il collare per tetto piano (1).
• Incollare saldamente il collare per tetto piano (osservare le indicazioni della Direttiva tetti piani).
• Inserire il passante a tetto (5) dall‘alto attraverso il
collare per tetto piano finché non aderisce perfettamente.
• Allineare il passante a tetto in verticale e fissarlo con
la staffa in dotazione (6) alla struttura del tetto.
- 31 -
INSTALLAZIONE
• Installare l‘apparecchio (3) (vedere capitolo 5).
• Inserire il dispositivo di separazione (4) con il manicotto sul passante a tetto fino all‘arresto. Il dispositivo
di separazione permette una facile separazione di
condotto aria/fumi e apparecchio.
• Collegare il separatore (4) con l’elemento di raccordo
dell‘apparecchio.
• Montare la fascetta a tenuta d‘aria (8) del dispositivo
di separazione.
• Collegare tutti i punti di separazione usando le fascette stringitubo, come descritto al capitolo 6.9.
6.5.2
Montaggio del passante a parete
136
3°
1
h Nota
Per l‘impiego di prolunghe e curve, vedere la de-
15
scrizione al capitolo 6.8.
Fig. 6.6 Montaggio del passante orizzontale a parete
a
6.5
Attenzione!
Le prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante staffe per tubi, al fine di
evitare il distacco della tubazione fumi.
Impiegare sempre 1 staffa per ogni prolunga.
Montaggio passante a parete/
tetto orizzontale
h Nota
Osservare le lunghezze massime dei tubi (vede-
• Stabilire il luogo per l‘installazione del condotto aria/
fumi.
• Praticare un foro con un diametro di nocciolo di minimo 130 mm.
• Inserire il condotto aria/fumi (1) nel foro della parete.
• Fissare il condotto aria/fumi con della malta e lasciare
indurire la malta.
6.5.3
Montaggio del passante a tetto
re capitolo 6.2).
6.5.1
Fornitura passante a parete/tetto orizzontale
136
1020
15
3°
1
70
70
15
Fig. 6.7 Montaggio del passante orizzontale a tetto
Fig. 6.5 Fornitura
Il kit (no. art. A00670018) comprende:
- passante orizzontale a parete/a tetto
- curva a 87°
- 2 fascette da 70 mm
- 2 rosette da parete Ø 125
Per il montaggio di un passante orizzontale a tetto montare un abbaino.
Dimensioni minime dell‘abbaino:
Altezza: 300 mm, larghezza: 300 mm.
• Inserire nell‘abbaino il condotto aria/fumi.
h Nota
Attenersi alle disposizioni riguardanti le distanh Nota
Per gli elementi del condotto aria/fumi vedere il
ze dalle finestre o dalle aperture di aerazione.
capitolo 6.1.
a Attenzione!
Osservare che la pendenza verso l‘interno sia
pari a 3° (3° corrispondono ad una pendenza di
circa 50 mm per ogni metro di lunghezza del
tubo).
- 32 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.5.4 Installazione diretta
6.5.5
Installazione a distanza
8
6
6
5
5
4
4
82 - 90
2
82 - 90
2
7
3
7
3
Fig. 6.8 Installazione diretta
Fig. 6.9 Installazione a distanza
• Montare l‘elemento di supporto dell‘apparecchio (2).
• Installare l’apparecchio (3) (vedere capitolo 5).
• Infilare il separatore (7) con il manicotto sul passante
a tetto e a parete fino all‘arresto.
• Collegare la curva di raccordo (5) all‘elemento di raccordo dell‘apparecchio (4).
• Collegare il separatore con il raccordo a T con ispezione.
• Montare l‘elemento di supporto dell‘apparecchio (2).
• Installare l‘apparecchio (3) (vedere capitolo 5).
• Collegare la curva di raccordo (5) all‘elemento di raccordo dell‘apparecchio (4).
• Inserire il separatore (7) con il manicotto sulle prolunghe necessarie (8) fino all’arresto.
• Montare le prolunghe e collegare il separatore al raccordo a T.
Nota
h Questo punto servirà in seguito da punto di separazione.
h Nota
Questo punto servirà in seguito da punto di separazione.
• Montare la fascetta a tenuta d‘aria (6) del dispositivo di
separazione.
• Collegare tutti gli altri punti di separazione usando le
fascette per tubi dell‘aria, come descritto al capitolo
6.9.
• Montare la fascetta (6) del separatore.
• Collegare tutti gli altri punti di separazione usando le
fascette per tubi dell‘aria, come descritto al capitolo
6.9.
h Nota
Per l‘impiego di prolunghe e curve, vendere la
descrizione al capitolo 6.8.
Attenzione!
a Le
prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante staffe per tubi, al fine di
evitare il distacco della tubazione fumi.
Impiegare sempre 1 staffa per ogni prolunga.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 33 -
INSTALLAZIONE
6.6
Montaggio del raccordo concentrico e della
tubazione fumi rigida Ø 80 nel pozzo
6.6.2
Esempi di montaggio
h Nota
Osservare le lunghezze massime dei tubi (vede6.6.1
max. 5,0 m
re capitolo 6.2).
Fornitura raccordo concentrico
500
70
70
Fig. 6.10 Fornitura
Fig. 6.11 Esempio di montaggio a camera stagna
max. 5 m
Il kit (no. art. A00670019) comprende:
- raccordo a T con ispezione
- 2 x fascetta da 70 mm
- prolunga 0,5 m
- curva di sostegno
- mensola di supporto
- disco di tenuta a muro
h Nota
Per gli elementi del condotto aria/fumi vedere il
capitolo 6.1.
a Attenzione!
Osservare che la pendenza verso l‘interno sia
pari a 3° (3° corrispondono ad una pendenza di
circa 50 mm per ogni metro di lunghezza del
tubo).
Dimensioni minime del camino:
- quadrato: 120 mm x 120 mm
- rotondo: a camera stagna: Ø 130 mm
a camera aperta: Ø 140 mm
a
- 34 -
Attenzione!
In caso di funzionamento a camera aperta deve
essere assicurata una sufficiente adduzione di
aria fresca. Le aperture di aerazione devono rimanere aperte! Altrimenti non può essere garantito il perfetto funzionamento dell‘apparecchio.
A
Fig. 6.12 Esempio di montaggio a camera aperta
Legenda
A Ventilazione camino Amin = 125 cm2
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.6.3
Montaggio tubazione fumi rigida Ø 80
• Fissare la curva di sostegno (1) sulla mensola di supporto in modo che, una volta montato, il condotto di
scarico fumi si trovi centrato nel camino.
• Inserire la mensola di supporto con la curva di sostegno nel camino.
• Infilare sui tubi di scarico fumi almeno un distanziatore (6) ogni 5 metri.
1
Attenzione!
a Non
montare distanziatori in camini rotondi dal
diametro compreso tra < 113 mm e > 120 mm e
in camini quadrati con una lunghezza laterale
tra < 100 mm e > 110 mm!
2
• Calare il primo tubo di scarico fumi (4) servendosi di
una fune (5) finché non è possibile innestare il tubo
successivo (3).
h Nota
Osservare che il lato con il manicotto dei tubi
fumi sia sempre rivolto verso l‘alto.
3
4
• Continuare ad innestare i tubi finché il tubo più in
basso arriva ad innestarsi nella curva di sostegno.
Per ora non innestare ancora l‘ultimo tubo in alto.
• Rimuovere la fune dal camino.
6.6.4
Montaggio del faldale in acciaio inox
N. art. A00670042
h Avvertenza!
L'ultimo tratto del tubo di scarico fumi (1) deve
essere in acciaio inox (n. art.A00670043).
1
5
330 - 340 mm
2
min.
400 mm
6
Fig. 6.13 Montaggio della mensola di supporto e dell‘arco di sostegno, inserimento dei tubi fumi nel pozzo
Fig. 6.14 Accorciamento del tubo in acciaio inox
• Stabilire il luogo per l‘installazione e praticare una
breccia nel muro di dimensioni adeguate.
• Praticare un foro nella parete posteriore del camino.
Eventualmente accorciare la mensola di supporto (2).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
• Accorciare il tubo in acciaio inox (1) come indicato in
fig. 6.14.
• Inserire il tubo in acciaio inox.
• Impermeabilizzare con silicone il bordo di sbocco del
tubo (2).
- 35 -
INSTALLAZIONE
6.6.5
Funzionamento a camera aperta
3
4
1
Fig. 6.15 Montaggio della copertura del camino
• Calcare la copertura del camino (4) sul tubo di sbocco
e applicarla sopra il camino.
• Fissare la copertura del camino con 4 tasselli e viti.
• Montare il cappello antipioggia (3).
2
Fig. 6.16 Funzionamento a camera aperta (installazione diretta)
a
Attenzione!
Non inserire il cappello antipioggia direttamente
sulle guide, poiché il tubo fumi può ritirarsi in
caso di raffreddamento. Lasciare un gioco di
circa 2 cm in basso.
A causa della dilatazione dovuta al calore a cui
è soggetto il condotto per fumi in PP, è
possibile che il cappello si sollevi talvolta anche
di 20 cm. Assicurarsi che vi sia uno spazio
sufficiente sopra al cappello.
h Avvertenza!
Eventualmente è possibile accorciare la base del
faldale utilizzando una cesoia da lamiera.
• Accorciare il tubo di scarico fumi (1) ed inserirlo nella
curva di raccordo.
• Fissare i bordi del tubo di scarico fumi con la malta e
lasciare indurire la malta.
• Accorciare il tubo di adduzione dell‘aria (2) ed infilarlo
sul tubo fumi fino alla parete.
• Quando si riduce la lunghezza del tubo, prestare attenzione a non tagliare l’estremità con il dispositivo di
blocco. Il dispositivo di blocco è necessario per il centraggio. Il centraggio avviene mediante il dispositivo di
blocco, il disco di tenuta a muro e la fascetta stringitubo.
• Aprire il coperchio (3) dell‘apertura di aspirazione dell‘aria sul raccordo a T.
6.6.6
Funzionamento a camera stagna
1
2
Fig. 6.17 Funzionamento a camera stagna
(installazione diretta)
• Accorciare il tubo di scarico fumi (1) ed inserirlo nella
curva di raccordo.
- 36 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
• Accorciare il tubo di adduzione dell‘aria (2) ed infilarlo
sul tubo fumi nel camino, finché non si trova allineato
con la parete interna.
• Quando si riduce la lunghezza del tubo, prestare attenzione a non tagliare l’estremità con il dispositivo di
blocco. Il dispositivo di blocco è necessario per il centraggio.
• Fissare i bordi del tubo di adduzione dell‘aria con la
malta e lasciare indurire la malta.
6.6.7
Installazione distanziata
• Montare la fascetta a tenuta d‘aria (8) del dispositivo
di separazione.
• Collegare tutti i punti di separazione usando le fascette stringitubo, come descritto al capitolo 6.9.
h Nota
Per le istruzioni per l‘uso di prolunghe e curve,
consultare il capitolo 6.8.
Attenzione!
a Le
prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante staffe per tubi, al fine di
evitare il distacco della tubazione fumi.
Impiegare sempre una fascetta per ogni prolunga.
82 - 90
8
3
6
7
9
5
4
Fig. 6.18 Installazione a distanza
•
•
•
•
Montare il disco di tenuta a muro (3).
Montare l‘elemento di supporto dell‘apparecchio (2).
Installare l‘apparecchio (4).
Collegare il raccordo a T di 87° con ispezione (6) all‘elemento di raccordo dell‘apparecchio.
• Infilare il separatore (7) con il manicotto sulla prolunga fino all‘arresto.
h Nota
Rispettare le lunghezze tubo massime consentite, vedere capitolo 6.2.
• Collegare le prolunghe (9) alla tubazione fumi.
• Collegare il separatore (7) con il raccordo a T con
ispezione.
h Nota
Questo punto servirà in seguito da punto di separazione.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 37 -
INSTALLAZIONE
6.7
Montaggio del tubo fumi sulla parete esterna
6.7.1
Rappresentazione del sistema
6.7.2
Misure statiche
1
D
2
C
2
3
B
C
2
4
12
11
5
2
6
9
2
10
9
7
8
A
Fig. 6.20 Misure statiche
Fig. 6.19 Rappresentazione del sistema di evacuazione dei fumi
Legenda
1 Elemento di sbocco
2 Fascetta stringitubo
3 Supporto per parete esterna
4 Prolunga
5 Mensola per parete esterna
6 Elemento di aspirazione aria
7 Curva passante a parete
8 Rosetta esterna, divisa
9 Fascetta stringitubo interna
10 Raccordo a T per revisione
11 Prolunga interna
12 Rosetta interna
- 38 -
Legenda
A: max 2 m (distanza verticale tra la curva passante a parete e la
mensola)
B: max 22 m (altezza verticale massima al di sopra della mensola)
C: max 2 m (distanza tra i supporti per parete esterna)
D: max 1,5 m (altezza max. al di sopra dell'ultimo supporto a
parete)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
a Attenzione!
La misura A indica l'altezza A massima
ammessa tra la curva passante a parete e la
mensola. Se il valore viene superato, la curva
passante a parete può essere danneggiata.
La misura B indica l'altezza massima del tubo
fumi al di sopra della mensola. Se il valore viene
superato, il peso verticale eccede la capacità di
carico della mensola.
Non superare la misura C, per non
compromettere la sicura resistenza alle forze
dei venti.
La misura D indica l'altezza massima al si sopra
dell'ultimo supporto a parete, che non deve
essere superata a causa dei venti.
Se il valore viene superato, il condotto fumi può
subire danni meccanici. In casi estremi possono
staccarsi pezzi dalla parete che cadendo
possono costituire un pericolo per le persone.
max. 2 m
max. 87°
Pericolo!
d Pericolo
di ferimento per il crollo di pezzi.
Non prevedere alcuna deviazione tra i due
supporti a parete superiori. Una deviazione
ridurrebbe la rigidità del condotto fumi, che in
caso di vento potrebbe torcersi o staccarsi.
6.7.3
Montaggio del condotto fumi
h Avvertenza!
Prima di iniziare il montaggio stabilire
l'andamento del condotto fumi così come il
numero e la posizione delle mensole e dei
supporti a parete. Osservare il cap. 6.12.2
Misure statiche.
Attenzione!
a Considerare
l'eventuale cornicione di gronda. Se
necessario, utilizzare le tegole per tetti obliqui.
Mantenere una distanza di 20 cm tra il
condotto fumi e le finestre o altri vani.
max. 2 m
max. 87°
Attenzione!
Osservare che la pendenza del condotto fumi
orizzontale verso l'interno sia pari a 3° (3°
corrispondono a una pendenza di ca. 50 mm per
ogni metro di lunghezza tubo), in modo da
evitare danni alle guarnizioni dovuti
all'accumulo di condensa.
150
max. 2 m
(220)
(325)
max. 2 m
1
a
Attenzione!
A partire da un'altezza verticale di 2 m è
necessaria una mensola per parete esterna per
sostenere i carichi verticali. Perciò dopo una
deviazione del condotto fumi può essere
necessario installare una seconda mensola sulla
parete esterna. Tale mensola è disponibile su
richiesta.
125
300
189
159
Fig. 6.21 Indicazioni statiche per la deviazione del condotto
fumi
189
159
150
1
125
Fig. 6.22 Montaggio della mensola
• Praticare un foro con un diametro di nocciolo di
minimo 150 mm.
• Montare la mensola, composta da 2 sostegni e una
lamiera portante.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 39 -
INSTALLAZIONE
• Per una distanza dalla parete di 50 - 150 mm montare
la lamiera di appoggio sul lato più corto e per una
distanza di 150 - 300 mm sul lato più lungo della
mensola.
• Regolare la distanza desiderata dalla parete e
stringere saldamente le 4 viti (1, fig. 6.22) nella
posizione di montaggio.
60
1
1
70
2
7
6
3
Fig. 6.24 Assemblaggio dei componenti di evacuazione fumi del
sistema esterno
4
• Montare le curve passanti a parete, l'elemento di
aspirazione dell'aria e una prolunga per la parete
esterna.
min.
50 mm
5
Fig. 6.23 Montaggio del raccordo per il condotto sulla parete
esterna
Legenda
1 Prolunga parete esterna
2 Collare mensola parete esterna
3 Elemento di aspirazione aria
4 Curva passante a parete
5 Rosetta esterna, divisa
6 Prolunga interna
7 Rosetta interna
h Avvertenza!
L'apertura di aspirazione dell'aria deve trovarsi
ad un'altezza minima di 0,3 m dal suolo, perché
non rimanga bloccata da neve o altro.
L'elemento di aspirazione dell'aria può essere
applicato ad un'altezza a piacere. I valori limite
sono riportati alla tabella “Lunghezze tubo
massime”. Deve essere però sempre disposto in
verticale affinché non possa penetrare acqua
piovana nelle aperture di aspirazione dell'aria. Il
manicotto del condotto fumi deve essere
sempre rivolto verso il lato di sbocco dei fumi.
• Montare la mensola almeno 50 mm al di sopra del
foro nella parete, per permettere il montaggio della
rosetta sul tubo di evacuazione fumi.
- 40 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
25
130
125
50 - 90 mm
195
45
1
2
3
90 - 130 mm
Fig. 6.25 Bloccaggio degli elementi della parete esterna con
fascette
• Applicare una fascetta stringitubo (1, fig. 6.24)
rispettivamente su una prolunga per parete esterna (1,
fig. 6.23) e sull'elemento di aspirazione dell'aria (3,
fig. 6.23).
• Inserire l'elemento di aspirazione dell'aria (3, fig. 6.23)
nella curva passante a parete (4, fig. 6.23) fino
all'arresto, e la prolunga per parete esterna (1, fig.
6.23) nell'elemento di aspirazione dell'aria (3, fig.
6.23).
• Applicare la fascetta stingitubo (1, fig. 6.24) sulle due
nervature esterne (1, 3, fig. 6.25) e stringere il
dispositivo di serraggio (2, fig. 6.25).
• Inserire la curva passante a parete (4, fig. 6.23) con
l'elemento di aspirazione dell'aria e la prolunga nella
breccia del muro.
• Applicare il collare della mensola (2, fig. 6.23) alla
prolunga per parete esterna e serrare le due viti di
arresto.
• Eventualmente accorciare la prolunga bianca (6, fig.
6.23).
• Inserire la prolunga bianca 6, fig. 6.23) dall'interno
nella curva passante a parete (4, fig. 6.23).
• Riempire la fessura tra il tubo dell'aria e la breccia con
malta procedendo dall'esterno verso l'interno.
Lasciare indurire la malta.
• Avvitare la rosetta interna (7, fig. 6.23) dall'interno.
• Avvitare la rosetta esterna (5, fig. 6.23) dall'esterno.
• Fissare i supporto per parete esterna ad una distanza
di max. 2 m.
140 - 330 mm
Fig. 6.26 Campo di regolazione dei supporti parete esterna
Il campo di regolazione dei supporti parete esterna è
compreso tra 50 mm e 90 mm.
In caso di distanze maggiori dal muro sono necessarie
prolunghe per i supporti, che permettono di raggiungere
una distanza dal muro di 300 mm. Le possibilità di
regolazione sono illustrate alla fig. 6.26.
Per il campo di regolazione compreso tra 90 mm e 160
mm è necessario rimuovere la staffa esterna e avvitare
il supporto esterno direttamente alla parte inferiore
della prolunga del supporto.
• Montare i tubi di evacuazione fumi, eventualmente
anche l'apertura di pulizia, i gomiti e il terminale.
h IlAvvertenza!
lato fumi del terminale è in acciaio
inossidabile, che protegge lo sbocco del
condotto fumi anche dai raggi UV.
• Serrare tutti i fissaggi a parete e le fascette
stringitubo.
Avvertenza!
h Rispettare
una distanza di min. 40 cm tra lo
sbocco del condotto e la superficie del tetto,
100 cm per potenze superiori a 50 kW.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 41 -
INSTALLAZIONE
6.7.4 Montaggio del colletto antipioggia
In caso il condotto fumi passi attraverso un cornicione
di gronda, il colletto antipioggia deve essere montato
sul condotto.
• Estrarre il tubo fumi dal tubo esterno per accorciare la
prolunga.
• Accorciare il tubo fumi e il tubo esterno in uguale
misura.
Avvertenza!
h Accorciare
il tubo fumi e il tubo esterno sul lato
opposto dei manicotti (fig. 6.28).
Il distanziatore deve rimanere bloccato sul tubo
fumi.
• Reinserire il tubo fumi nel tubo esterno, come indicato
alla fig. 6.28.
1
2
Fig. 6.27 Montaggio del colletto antipioggia
6.7.5 Montaggio della prolunga accorciabile
Per la prolunga accorciabile, n. art. A00670049, il
distanziatore per il centraggio del tubo fumi nel tubo
esterno non è collegato con il tubo esterno. Il tubo
esterno non presenta nervature sul lato d'innesto, in
quanto viene accorciato su questo lato.
Fig. 6.29 Prolunga accorciabile con supporto alla parete
esterna
Pericolo!
d Pericolo di ferimento per crollo dei pezzi!
Poiché il tubo esterno della prolunga
accorciabile non presenta nervature sul lato
inferiore, la fascetta di blocco (2) non può
stabilizzare il sistema di tubi. È necessario un
supporto aggiuntivo (1) perché il sistema non si
divida e non si stacchi sotto l'influsso del vento.
• Montare direttamente sopra la prolunga accorciabile
un supporto a muro aggiuntivo (1), come illustrato alla
fig. 6.29.
Fig. 6.28 Accorciamento della prolunga
- 42 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.7.6
Montaggio interno del raccordo fumi
82 - 90
6.8
Montaggio di prolunghe e curve
6.8.1
Montaggio delle prolunghe
1
3
4
2
3
2
4
1
7
6
5
Fig. 6.30 Montaggio dei raccordo fumi
Fig. 6.31 Smontaggio del condotto fumi
• Installare l'apparecchio (5) (per le misure di
montaggio vedi le istruzioni allegate all'apparecchio).
• Collegare il raccordo a T per revisione (7)
all'adattatore dell'apparecchio.
• Inserire il separatore (2) con il manicotto sulle
prolunghe necessarie (3) fino all'arresto. Per
l'installazione diretta non è possibile impiegare un
separatore.
• Montare le prolunghe e collegare il separatore al
raccordo a T.
a Attenzione!
Le prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante fascette di sospensione per
tubi, al fine di evitare il distacco del condotto di
scarico fumi. Impiegare sempre 1 fascetta per
ogni prolunga.
• Montare la fascetta (1) del separatore.
• Collegare tutti gli altri punti di separazione usando le
fascette di sospensione tubi, come descritto al
capitolo 6.9.
h Avvertenza
Per accorciare separatamente i tubi per
l'adduzione dell'aria comburente e quelli per lo
scarico dei gas combusti è possibile smontare le
prolunghe già installate, senza l'impiego di
utensili.
• Ruotare il condotto fumi (1) in una posizione che
permetta lo scorrimento delle sporgenze sul tubo in
plastica (3) attraverso il distanziatore (4).
• Dopo avere accorciato i tubi, bloccare nuovamente il
tubo fumi nel tubo aria (2).
2
70
A
1.
1
1
2
B
25
2.
+ 40 mm
15
Fig. 6.32 Accorciamento dei tubi
• Accorciare i tubi con una sega o una cesoia da
lamiera.
• Misurare prima il tratto di tubo aria* necessario (Laria)
e calcolare poi la lunghezza corrispondente per il tubo
fumi (Lfumi) come segue:
Lfumi = Laria + 40 mm
Lfumi = lunghezza del tubo fumi (B)
Laria = lunghezza del tubo aria (A)
* Lunghezza minima della prolunga del tubo aria: 100 mm.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 43 -
INSTALLAZIONE
a Attenzione!
Le prolunghe devono essere fissate alla parete o
al soffitto mediante fascette di sospensione per
tubi, al fine di evitare il distacco del condotto di
scarico fumi. Impiegare sempre 1 fascetta per
ogni prolunga.
Attenzione!
Le guarnizioni sono sensibili ai grassi a base di
oli minerali. Non ingrassare pertanto le
guarnizioni. Se necessario, per facilitare il
montaggio utilizzare esclusivamente acqua. La
mancata osservanza di queste indicazioni può
provocare delle perdite e quindi delle fughe di
gas combusti.
Attenzione!
Sbavare e smussare i tubi prima di montarli, in
modo da non danneggiare le guarnizioni, ed
eliminare i trucioli.
Attenzione!
Non montare tubi ammaccati o danneggiati in
altra maniera (rischi di perdite).
Attenzione!
Durante l'installazione dei tubi osservare
assolutamente il corretto alloggiamento delle
guarnizioni (non montare guarnizioni
danneggiate).
Attenzione!
Per il centraggio del tubo fumi all'interno del
tubo aria il tubo fumi vi deve essere fissato
usando il dispositivo di blocco.
- 44 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.8.2 Montaggio della curva a 87° (bianca)
A
190
Legenda
A deviazione
B lunghezza del tubo aria
95
95
B
5
5
Esempio:
La deviazione misurata è di 400 mm. Con questo valore
è possibile determinare la lunghezza del tubo aria in
base alla tabella seguente (= 200 mm).
Si ottiene una lunghezza corrispondente per il tubo fumi
di 200 + 40 = 240 mm.
Fig. 6.33 Montaggio curve 87°
Spostamento
[in mm]
Lunghezza del
tubo dell‘aria
[in mm]
Spostamento
[in mm]
Lunghezza del
tubo dell‘aria
[in mm]
Spostamento
[in mm]
Lunghezza del
tubo dell‘aria
[in mm]
190
195
200
da > 200 a
< 300 mm
0
0
0
non
possibile
300
305
310
315
320
325
330
335
340
345
350
355
360
365
370
375
380
385
390
395
400
405
410
415
420
425
430
435
440
445
450
455
460
465
470
475
480
485
490
495
100
105
110
115
120
125
130
135
140
145
150
155
160
165
170
175
180
185
190
195
200
205
210
215
220
225
230
235
240
245
250
255
260
265
270
275
280
285
290
295
500
505
510
515
520
525
530
535
540
545
550
555
560
565
570
575
580
585
590
595
600
605
610
615
620
625
630
635
640
645
650
655
660
665
670
675
680
685
690
695
700
705
710
715
720
725
730
300
305
310
315
320
325
330
335
340
345
350
355
360
365
370
375
380
385
390
395
400
405
410
415
420
425
430
435
440
445
450
455
460
465
470
475
480
485
490
495
500
505
510
515
520
525
530
735
740
745
750
755
760
765
770
775
780
785
790
795
800
805
810
815
820
825
830
835
840
845
850
855
860
865
870
875
880
885
890
895
900
905
910
915
920
925
930
935
940
945
950
955
960
535
540
545
550
555
560
565
570
575
580
585
590
595
600
605
610
615
620
625
630
635
640
645
650
655
660
665
670
675
680
685
690
695
700
705
710
715
720
725
730
735
740
745
750
755
760
Tab. 6.5 Misure di deviazione con curve a 87°
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 45 -
INSTALLAZIONE
6.8.3
Montaggio della curva a 45° (bianca)
A
Legenda
A deviazione
B lunghezza del tubo aria
C altezza
5
B
5
C
Esempio:
La deviazione misurata è di 300 mm. Con questo valore
è possibile determinare la lunghezza (= 294 mm) e l‘altezza (= 420 mm) del tubo aria in base alla tabella seguente.
Si ottiene una lunghezza corrispondente per il tubo fumi
di 294 + 40 = 334 mm.
Fig. 6.34 Montaggio curve 45°
Spostamento Lunghezza
[in mm]
del tubo
dell‘aria
[in mm]
Altezza
[in mm]
Spostamento Lunghezza
[in mm]
del tubo
dell‘aria
[in mm]
Altezza
[in mm]
Spostamento Lunghezza
[in mm]
del tubo
dell‘aria
[in mm]
Altezza
[in mm]
85
90
95
100
da > 100 a
< 170 mm
-10
-3
4
11
non
possibile
205
210
215
220
165
170
175
180
185
190
195
200
205
210
215
220
225
230
235
240
245
250
255
260
265
270
275
280
285
290
295
300
305
310
315
320
325
103
110
117
125
132
139
146
153
160
167
174
181
188
195
202
209
216
224
231
238
245
252
259
266
273
280
287
294
301
308
315
323
330
285
290
295
300
305
310
315
320
325
330
335
340
345
350
355
360
365
370
375
380
385
390
395
400
405
410
415
420
425
430
435
440
445
330
335
340
345
350
355
360
365
370
375
380
385
390
395
400
405
410
415
420
425
430
435
440
445
450
455
460
465
470
475
480
485
490
495
500
505
510
515
520
525
530
450
455
460
465
470
475
480
485
490
495
500
505
510
515
520
525
530
535
540
545
550
555
560
565
570
575
580
585
590
595
600
605
610
615
620
625
630
635
640
645
650
535
540
545
550
555
560
565
570
575
580
585
590
595
600
605
610
615
620
625
630
635
640
645
650
655
660
665
670
675
680
685
690
695
700
705
710
715
720
725
730
655
660
665
670
675
680
685
690
695
700
705
710
715
720
725
730
735
740
745
750
755
760
765
770
775
780
785
790
795
800
805
810
815
820
825
830
835
840
845
850
337
344
351
358
365
372
379
386
393
400
407
414
422
429
436
443
450
457
464
471
478
485
492
499
506
513
521
528
535
542
549
556
563
570
577
584
591
598
605
612
620
627
634
641
648
655
662
669
676
683
690
697
704
711
719
726
733
740
747
754
761
768
775
782
789
796
803
810
818
825
832
839
846
853
860
867
874
881
888
895
902
Tab. 6.6 Misure di deviazione con curve a 45°
- 46 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.8.4 Montaggio della curva a 30° (muro esterno)
con deviazione
Legenda
A = deviazione
B = lunghezza del tubo aria
C = altezza
C
B
Esempio (con prolunga accorciabile, n. art.
A00670049):
La deviazione misurata è di 300 mm. Con questo valore
è possibile determinare la lunghezza (= 494 mm) e
l'altezza (= 656 mm) del tubo esterno della prolunga
accorciabile in base alla tabella seguente.
A
Fig. 6.35 Montaggio delle curve a 30° con deviazione
Con prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Con prolunga 0,5 m
n. art. A00670047 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Devia- Lunghezza
Altezza Deviazione
del
[in mm] zione
[in mm] tubo esterno
[in mm]
della prolunga
accorciabile
[in mm]
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
A
B
C
A
B
53
da 54
a 109
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200
210
220
230
240
250
260
270
280
290
300
0
non
possibile
114
134
154
174
194
214
234
254
274
294
314
334
354
374
394
414
434
454
474
494
228
298
da 299
a 339
340
350
360
370
380
390
400
410
420
430
440
450
460
470
480
490
500
510
520
530
490
non
possibile
574
594
614
634
654
674
694
714
734
754
774
794
814
834
854
874
894
914
934
954
327
344
361
378
396
413
430
448
465
482
500
517
534
552
569
586
604
621
638
656
Con prolunga 1,0 m
n. art. A00670048 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Lunghezza del Altezza Deviatubo esterno
[in mm] zione
della prolunga
[in mm]
accorciabile [in
mm]
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
C
A
B
0
652
114
134
154
174
194
214
234
254
274
294
314
334
354
374
394
414
434
454
474
494
725
742
759
777
794
811
829
846
863
881
898
915
933
950
967
985
1002
1019
1037
1054
548
da 549
a 589
590
600
610
620
630
640
650
660
670
680
690
700
710
720
730
740
750
760
770
780
990
non
possibile
1074
1094
1114
1134
1154
1174
1194
1214
1234
1254
1274
1294
1314
1334
1354
1374
1394
1414
1434
1454
Lunghezza del Altezza
tubo esterno
[in mm]
della prolunga
accorciabile [in
mm]
C
0
1085
114
134
154
174
194
214
234
254
274
294
314
334
354
374
394
414
434
454
474
494
1158
1175
1192
1210
1227
1244
1262
1279
1296
1314
1331
1348
1366
1383
1400
1418
1435
1452
1470
1487
Tab. 6.7 Misure di deviazione per curve a 30° con deviazione
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 47 -
INSTALLAZIONE
6.8.5
Montaggio della curva a 45° (muro esterno)
con deviazione
Legenda
A deviazione
B lunghezza del tubo aria
C altezza
Esempio (con prolunga accorciabile, n. art.
A00670049):
La deviazione misurata è di 430 mm. Con questo valore
è possibile determinare la lunghezza (= 488 mm) e
l'altezza (= 580 mm) del tubo esterno della prolunga
accorciabile in base alla tabella seguente.
C
B
A
Fig. 6.36 Montaggio delle curve a 45° con deviazione
Con prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Con prolunga 0,5 m
n. art. A00670047 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Devia- Lunghezza del Altezza Deviazione
tubo esterno
[in mm] zione
[in mm] della prolunga
[in mm]
accorciabile
[in mm]
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
A
106
da 106
a 169
170
180
190
200
210
220
230
240
250
260
270
280
290
300
310
320
330
340
350
360
370
380
390
400
410
420
430
B
490
non
possibile
587
601
615
630
644
658
672
686
700
714
729
743
757
771
785
799
813
828
842
856
870
884
898
912
926
941
955
B
0
non
possibile
120
135
149
163
177
191
205
219
234
248
262
276
290
304
318
333
347
361
375
389
403
417
432
446
460
474
488
C
256
320
330
340
350
360
370
380
390
400
410
420
430
440
450
460
470
480
490
500
510
520
530
540
550
560
570
580
A
431
da 432
a 499
500
510
520
530
540
550
560
570
580
590
600
610
620
630
640
650
660
670
680
690
700
710
720
730
740
750
760
Con prolunga 1,0 m
n. art. A00670048 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Lunghezza del Altezza Deviatubo esterno [in mm] zione
della prolunga
[in mm]
accorciabile
[in mm]
0
C
581
127
141
155
170
184
198
212
226
240
254
269
283
297
311
325
339
353
368
382
396
410
424
438
452
466
481
495
650
660
670
680
690
700
710
720
730
740
750
760
770
780
790
800
810
820
830
840
850
860
870
880
890
900
910
A
785
da 786
a 849
850
860
870
880
890
900
910
920
930
940
950
960
970
980
990
1000
1010
1020
1030
1040
1050
1060
1070
1080
1090
1100
1110
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
B
990
non
possibile
1082
1096
1110
1124
1139
1153
1167
1181
1195
1209
1223
1238
1252
1266
1280
1294
1308
1322
1337
1351
1365
1379
1393
1407
1421
1436
1450
Lunghezza del Altezza
tubo esterno
[in mm]
della prolunga
accorciabile
[in mm]
0
C
935
122
136
150
164
179
193
207
221
235
249
263
278
292
306
320
334
348
362
377
391
405
419
433
447
461
476
490
1000
1010
1020
1030
1040
1050
1060
1070
1080
1090
1100
1110
1120
1130
1140
1150
1160
1170
1180
1190
1200
1210
1220
1230
1240
1250
1260
Tab. 6.8 Misure di deviazione per curve a 45° con deviazione
- 48 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.8.6
Montaggio della curva a 87° (muro esterno)
con deviazione
C
B
A
Fig. 6.37 Montaggio delle curve a 87° con deviazione
Legenda
A deviazione
B lunghezza del tubo aria
C altezza
Esempio (con prolunga accorciabile, n. art.
A00670049):
La deviazione misurata è di 760 mm. Con questo valore
è possibile determinare la lunghezza (= 486 mm) e
l'altezza (= 345 mm) del tubo esterno della prolunga
accorciabile in base alla tabella seguente.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 49 -
INSTALLAZIONE
Con prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Con prolunga 0,5 m
n. art. A00670047 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Deviazione
[in mm]
Lunghezza del Altezza Deviatubo esterno [in mm] zione
della prolunga
[in mm]
accorciabile
[in mm]
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
A
275
da 276
a 399
400
410
420
430
440
450
460
470
480
490
500
510
520
530
540
550
560
570
580
590
600
610
620
630
640
650
660
670
680
690
700
710
720
730
740
750
760
B
0
non
possibile
126
136
146
156
166
176
186
196
206
216
226
236
246
256
266
276
286
296
306
316
326
336
346
356
366
376
386
396
406
416
426
436
446
456
466
476
486
B
490
non
possibile
586
596
606
616
626
636
646
656
666
676
686
696
706
716
726
736
746
756
766
776
786
796
806
816
827
837
847
857
867
877
887
897
907
917
927
937
947
C
319
326
326
327
328
328
329
329
330
330
331
331
332
332
333
333
334
334
335
335
336
336
337
337
338
339
339
340
340
341
341
342
342
343
343
344
344
345
A
764
da 765
a 859
860
870
880
890
900
910
920
930
940
950
960
970
980
990
1000
1010
1020
1030
1040
1050
1060
1070
1080
1090
1100
1110
1120
1130
1140
1150
1160
1170
1180
1190
1200
1210
1220
Con prolunga 1,0 m
n. art. A00670048 e
prolunga accorciabile
n. art. A00670049
Lunghezza del Altezza Deviatubo esterno [in mm] zione
della prolunga
[in mm]
accorciabile
[in mm]
0
C
345
126
136
146
156
166
176
186
196
206
216
226
236
246
256
266
276
286
296
306
316
326
336
346
356
367
377
387
397
407
417
427
437
447
457
467
477
487
350
351
351
352
352
353
353
354
354
355
355
356
356
357
357
358
358
359
360
360
361
361
362
362
363
363
364
364
365
365
366
366
367
367
368
368
369
A
1263
da 1264
a 1359
1360
1370
1380
1390
1400
1410
1420
1430
1440
1450
1460
1470
1480
1490
1500
1510
1520
1530
1540
1550
1560
1570
1580
1590
1600
1610
1620
1630
1640
1650
1660
1670
1680
1690
1700
1710
1720
Lunghezza
totale dei
tubi esterni
[in mm]
B
990
non
possibile
1087
1097
1107
1117
1127
1137
1147
1157
1167
1177
1187
1197
1207
1217
1227
1237
1247
1257
1267
1277
1287
1297
1307
1317
1327
1337
1347
1357
1367
1377
1387
1397
1407
1417
1427
1437
1447
Lunghezza del Altezza
tubo esterno [in mm]
della prolunga
accorciabile
[in mm]
0
C
371
127
137
147
157
167
177
187
197
207
217
227
237
247
257
267
277
287
297
307
317
327
337
347
357
367
377
387
397
407
417
427
437
447
457
467
477
487
376
377
377
378
378
379
379
380
380
381
382
382
383
383
384
384
385
385
386
386
387
387
388
388
389
389
390
390
391
391
392
393
393
394
394
395
395
Tab. 6.9 Misure di deviazione per curve a 87° con deviazione
- 50 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
6.8.7 Montaggio del raccordo a T per revisione
Osservare la posizione di montaggio del raccordo a T
per revisione, in base alle figure seguenti.
• Praticare un foro di 3 mm nel tubo aria passando
attraverso i fori della fascetta (2) e inserire le viti di
sicurezza (3).
Attenzione!
a Fare
attenzione a non danneggiare il tubo fumi
nel forarlo.
Fig. 6.38 Posizione di montaggio del raccordo a T per revisione
a Attenzione!
Una posizione di montaggio errata può
provocare la fuoriuscita di condensa dal
coperchio di pulizia e causare danni da
corrosione.
6.9
Montaggio delle fascette stringitubo
1
2
3
min. 30 mm
Fig. 6.39 Montaggio della fascetta stringitubo
• Infilare la fascetta sul punto di separazione dei tubi
dell'aria e serrare le viti (1).
a Attenzione!
Osservare che la fascetta ricopra di almeno
30 mm il tubo aria e che la distanza dei tubi
aria non superi i 5 mm.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 51 -
INSTALLAZIONE
7
Impianto separato Ø 80/80
a Attenzione!
Si devono usare solo accessori per i fumi specificamente studiati per questo apparecchio e forniti dal costruttore dell'apparecchio stesso.
7.1
Gamma dei prodotti
A00670033 = Curva di sostegno con mensola
di supporto
Elementi
No. art.
A00670033
A00670056
X
A00670029
X
A00670030
X
A00670031
X
A00670032
X
A00670037
X
A00670034
A00670035
A00670036
X
A00670038
X
A00670039
X
A00670041
X
A00670040
X
Elemento di raccordo dell'apparecchio Ø 80/80
Prolunga, condotto di scarico fumi (PP) - 0,5 m - Ø 80
Prolunga, condotto di scarico fumi (PP) - 1,0 m - Ø 80
Prolunga, condotto di scarico fumi (PP) - 2,0 m - Ø 80
Prolunghe, condotto fumi (PP) - 0,25 m - Ø 80
con apertura per revisione
Curva, condotto di scarico fumi (PP) - 87° - Ø 80
Curva, condotto di scarico fumi (PP) - 15°
Curva, condotto di scarico fumi (PP) - 30°
Curva, condotto di scarico fumi (PP) - 45°
Raccordo a T per pulizia (PP) 87° - Ø 80
Distanziatore - Ø 80 (7 pezzi)
Rosetta a muro
Fascette di sospensione per tubi (5 pezzi), Ø 80
Tab. 7.1 Gamma dei prodotti
- 52 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
Descrizione
Descrizione
Prolunghe, condotto fumi Ø
80 (PP)
0,25 m,
con apertura di revisione
no. art. A00670032
)
Curva condotto fumi Ø 80
(PP)
87°
no. art. A00670037
(110)
(120)
Elementi
71
Descrizione
(2
50
Elementi
56
Prolunghe, condotto fumi Ø
80 (PP)
0,5 m: no. art. A00670029
1,0 m: no. art. A00670030
2,0 m: no. art. A00670031
Curva di sostegno con
mensola di supporto (PP),
concentrica
87° - Ø 80/125
no. art. A00670033
41
87°
350
Fascette di sospensione per
tubi, Ø 80
(5 pezzi)
no. art. A00670040
200
45°
Curva condotto fumi
Ø 80 (PP)
45°
no. art. A00670036
Distanziatore Ø 80
(7 pezzi)
no. art. A00670039
Tab. 7.2 Elementi (continuazione)
Tab. 7.2 Elementi
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 53 -
INSTALLAZIONE
7.2
Massime lunghezze del tubo consentite
Elementi
Raccordo sul condotto fumi
No. art.
A00670033
DN 80 nel camino,
camino di sezione min.:
- rotondo: 140 mm
- quadrato: 120 x 120 mm
THESI R CONDENSING 45 A
Lunghezza max. totale del tubo
(condotto fumi orizzontale e
condotto fumi nel camino)
33,0 m
più 3 x curva 87° e curva di sostegno
Di cui max. 30,0 m verticali nel camino e 5,0 m nella
zona fredda.
a camera aperta
Raccordo separato sul
condotto fumi
DN 80 nel camino,
camino di sezione min.:
- rotondo: 130 mm
- quadrato: 120 x 120 mm
A00670033
Lunghezza totale massima del
tubo fumi e tubo fumi nel
camino (se il tubo aria è più
lungo di quello fumi, usare
questo come base di
misurazione)
a camera stagna
19,0 m
più rispettivamente
1 x curva 87°
nel tubo aria e tubo fumi e curva di sostegno
Aggiungendo dei gomiti nell'impianto di scarico fumi
la lunghezza massima dei tubi si riduce come segue:
- 2,5 m per ogni gomito a 87°
- 1,0 m per ogni gomito a 45°
Tab. 7.3 Lunghezze tubi massime ammesse in combinazione
con THESI R CONDENSING 45
- 54 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
7.3
Sostituzione dell'elemento di raccordo
dell'apparecchio
1
2
Fig. 7.3 Montaggio dell'elemento di raccordo dell'apparecchio
per raccordo separato
Fig. 7.1 Elemento di raccordo dell'apparecchio per raccordo
separato Ø 80/80 n. art. A00670056
Il set (n. art. A00670056) comprende:
- elemento di raccordo dell'apparecchio per raccordo
separato Ø 80/80
1
2
• Inserire l'elemento di raccordo dell'apparecchio per il
raccordo separato (2) dall'alto con l'estremità d'innesto sul manicotto della vasca di raccolta fumi.
• Premere l'elemento di raccordo verso il basso, finché
la flangia poggia sulla camera di combustione.
• Inserire nuovamente le viti di fissaggio (1).
Attenzione!
a Le
guarnizioni sono sensibili ai grassi a base di
oli minerali. Non ingrassare pertanto le
guarnizioni. Se necessario, per facilitare il
montaggio utilizzare esclusivamente acqua. La
mancata osservanza di queste indicazioni può
provocare delle perdite e quindi delle fughe di
gas combusti.
Fig. 7.2 Smontaggio dell'elemento di raccordo dell'apparecchio
L'apparecchio è dotato in fabbrica di un elemento di
raccordo dell'apparecchio al sistema aria/fumi 80/125.
• Allentare le quattro viti (1) ed estrarre l'elemento di
raccordo dell'apparecchio (2) dall'alto.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 55 -
INSTALLAZIONE
7.4
Montaggio del condotto di adduzione dell'aria
comburente dal camino
d Pericolo!
Pericolo di intossicazione per fughe di gas combusti!
Il tubo di scarico fumi deve presentare una pendenza di 3° rispetto all‘apparecchio, per evitare
che rimanga condensa nei manicotti e che vengano rovinate le guarnizioni!
1
2
4
3
2. Il tubo di adduzione dell‘aria orizzontale deve presentare una pendenza di 2° verso l‘esterno (3 cm +- 1 cm
di tolleranza per ogni metro di lunghezza tubo).
3. I tubi tra l‘apparecchio e il tratto verticale del condotto fumi non devono essere inseriti fino all‘arresto.
10 - 15 mm
7
8
5
10
11
Fig. 7.5 Collegamento corretto dei tubi
6
Fig. 7.4 Montaggio del condotto di adduzione dell'aria
comburente dal camino
Legenda della fig. 7.4
1 Copertura camino
2 Prolunga con apertura d'ispezione
3 Apertura d'ispezione camino
4 Distanziatore
5 Curva a 87° con mensola di supporto (5a)
6 Apertura per l'aria nel camino
7 Prolughe diritte
8 Curva a 87° Ø 80 o raccordo a T per pulizia 87°
9 Curva a 45° Ø 80
10 Raccordo dell'apparecchio
11 Apparecchio di riscaldamento
Avvertenze importanti per la posa del tubo
• Stabilire la disposizione dei tubi in modo da rispettare
le seguenti condizioni.
1. Il tubo fumi orizzontale deve presentare una pendenza di 3° rispetto all‘apparecchio (5 cm +- 1 cm di tolleranza per ogni metro di lunghezza tubo).
• Per ogni collegamento lasciare 1 cm di gioco, vedi
fig. 7.5.
d Pericolo!
Pericolo di intossicazione da fughe di gas combusti!
Il condotto di scarico fumi si dilata al calore.
Se non viene lasciato un gioco sufficiente nei
collegamenti per consentire la dilatazione dei
tubi, questi possono rompersi e causare la fuoriuscita di gas combusti.
4. Ogni tubo deve potere essere fissato al soffitto o ad
una parete.
d Pericolo!
Pericolo di intossicazione da fughe di gas combusti.
Per consentire ai tubi di scarico fumi di dilatarsi
nei punti di collegamento ad innesto in caso di
riscaldamento e di ritirarsi in caso di raffreddamento, ogni tubo deve essere fissato al soffitto
o alla parete. Altrimenti sussiste il pericolo che
il condotto di scarico si separi con conseguente
fuga di gas.
• A tale scopo impiegare le fascette di fissaggio (no. art.
A00670040). Se la distanza dalla parete o dal soffitto
è superiore a 160 mm, impiegare, al posto delle viti
prigioniere, delle comuni aste filettate M8.
- 56 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
5. Il condotto fumi non deve essere esposto a urti.
d Pericolo!
Pericolo di intossicazione da fughe di gas combusti!
Il condotto di scarico fumi non deve essere posato in zone soggette a rischio di sollecitazioni
d‘urto meccaniche esterne, in quanto i tubi per i
fumi potrebbero rompersi e causare la fuoriuscita dei gas di scarico.
Il condotto di scarico fumi può anche essere salvaguardato da tali sollecitazioni mediante dispositivi di protezione da installare sul posto.
6. Il condotto di scarico fumi nel camino deve essere retroventilato sull‘intera lunghezza. A tale scopo il camino deve essere dotato di un‘apertura di ventilazione con una sezione minima di 150 cm2 (vedi pos. 6
nella fig. 7.4).
a
Attenzione!
Una ventilazione carente può provocare la concentrazione di umidità nella canna fumaria,
anche in caso di minime perdite del tubo di scarico dei fumi.
7. Se posto all‘interno di edifici, il condotto di scarico
deve trovarsi in locali costantemente ventilati dall‘esterno. L‘apertura verso l‘esterno deve presentare
una sezione interna di almeno 150 cm2, vedi pos. 6
nella fig. 7.4.
Pericolo!
d Pericolo di intossicazione da fughe di gas combusti!
Anche le più piccole perdite ammesse per i condotti di scarico fumi possono risultare nocive
per le persone se i locali non sono bene ventilati
o addirittura pericolose se i locali sono molto
stagni. Il locale deve quindi essere bene ventilato.
Se non è possibile ventilare sufficientemente il locale,
scegliere un condotto di scarico fumi e adduzione dell‘aria di tipo concentrico.
Per l'installazione del condotto di adduzione dell'aria
comburente dal camino eseguire le seguenti operazioni:
• Inserire il tubo aria nella breccia del camino, in modo
che l'estremità esterna risulti allineata con l'estremità
della parete interna del camino.
• Fissare il tubo di adduzione dell'aria con la malta e
lasciare indurire la malta.
• Montare la rosetta (n. art. A00670041) sul camino.
• Montare l'apparecchio (11, fig. 7.4) come indicato nelle
istruzioni per l'installazione dell'apparecchio.
È necessario il raccordo dell'apparecchio 80/80.
Eventualmente sostituire l'elemento di raccordo
dell'apparecchio (vedi cap. 7.3).
• Montare le prolunghe (7, fig. 7.4) procedendo dal
camino o dalla parete esterna fino all'apparecchio.
• Accorciare le prolunghe di quanto necessario con una
sega.
Pericolo!
d Pericolo
di intossicazione da fughe di gas
combusti!
Sbavare smussare i tubi prima di montarli, in
modo da non danneggiare le guarnizioni, ed
eliminare i trucioli.
Non montare tubi danneggiati.
Durante il montaggio dei tubi, assicurarsi che le
guarnizioni siano correttamente in sede e non
utilizzare guarnizioni danneggiate.
• Montare una fascetta di fissaggio per ogni prolunga.
h Avvertenza
Per ogni prolunga impiegare sempre una
fascetta (12) direttamente vicino al manicotto.
Dopo ogni gomito a 87° deve essere applicata
un'altra fascetta alla prolunga, vedi figg. 7.6 e
7.7.
• Per ultimo inserire le curve o i raccordi a T per la
pulizia (8, fig. 7.4) e (9, fig. 7.4) del condotto aria e di
quello fumi nei raccordi corrispondenti
dell'apparecchio.
• Prestare attenzione a non scambiare i lati aria e gas
dei raccordi!
• Montare la curva di sostegno (5) dal locale
d'installazione al camino per lo scarico dei gas
combusti, come descritto al capitolo 6.6.3.
• Montare il condotto di scarico fumi nel camino e il
faldale, come descritto al cap. 6.6.3 e 6.6.4.
• Stabilire il luogo per l'installazione del condotto di
adduzione dell'aria comburente sulla parete del
camino, vedi fig. 7.4.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 57 -
INSTALLAZIONE
12
a Attenzione!
Prima della messa in servizio dell‘apparecchio
controllare l‘intero condotto di adduzione dell‘aria comburente e di scarico dei gas combusti e
assicurarsi che sia fissato correttamente e che
sia ermetico.
Attenzione!
Durante la manutenzione annuale, verificare
che l‘impianto di scarico fumi
- non presenti difetti esterni, quali infragilimento o danneggiamento
- presenti collegamenti dei tubi e fissaggi sicuri.
d Pericolo!
Pericolo di intossicazione da fughe di gas combusti!
I condotti di scarico dei fumi non possono essere impiegati per sostenere altri condotti o carichi, in quanto ciò provocherebbe il loro danneggiamento e la fuoriuscita dei gas di scarico.
Fig. 7.6 Esempio di fissaggio di una tubazione fumi con curve
da 87°
7.5
12
Modalità a camera aperta
Montaggio del condotto di alimentazione di aria
comburente dal locale d‘installazione
1
3
2
13
4
8
7
5
5a
Fig. 7.7 Esempio di fissaggio di una tubazione fumi con curve
da 45°
11
6
Fig. 7.8 Montaggio del condotto di alimentazione di aria
comburente dal locale d‘installazione
• Montare il condotto di scarico dei fumi come descritto
al capitolo 6.6.3 e 6.6.4.
- 58 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
8
Messa in servizio
a
Attenzione!
Per un funzionamento regolare dell'apparecchio
la copertura deve rimanere sempre chiusa. Altrimenti, in condizioni di esercizio non regolare,
può insorgere il rischio di danneggiamento
dell’apparecchiatura e anche di morte per le
persone.
Attenzione!
a Riempire
l'impianto solo mediante il rubinetto
KFE interno all'apparecchio. Altrimenti può risultare difficoltoso effettuare lo sfiato.
h Nota
L'apparecchio THESI R CONDENSING è dotato
di un indicatore digitale della pressione. Quando
il riscaldatore è in funzione, è possibile visualizzare la pressione di riempimento esatta premendo il tasto "-" (2) del display. È inoltre possibile alternare tra l'indicazione della temperatura e quella della pressione sul display mantenendo premuto per circa 5 secondi il tasto "-".
h Nota
Per la messa in servizio osservare in particolare i seguenti punti.
Prima di riempire il circuito di riscaldamento o
il circuito di carica del bollitore, aprire il cappuccio dello sfiato, che resta aperto durante il
funzionamento successivo.
Per sfiatare il circuito di riscaldamento o il circuito di carica del bollitore, servirsi del programma di sfiato (vedere cap. 11.2).
8.1
Riempimento dell’impianto
8.1.1
Preparazione dell’acqua di riscaldamento
a Attenzione!
Non aggiungere prodotti antigelo o anticorro-
Per un funzionamento perfetto dell'impianto di
riscaldamento, la pressione di riempimento deve essere
compresa tra 1,0 e 2,0 bar.
Se l'impianto di riscaldamento si estende su più piani, è
possibile che per la pressione dell'acqua si rendano
necessari valori più alti (per evitare la penetrazione di
aria).
• Sciacquare accuratamente l’impianto prima del riempimento vero e proprio.
1
sione all’acqua di riscaldamento! L’aggiunta di
tali sostanze nell’acqua di riscaldamento può
provocare la deformazione delle guarnizioni e
rumori non regolari durante il funzionamento.
Per questi inconvenienti, come per eventuali
danni che potrebbero derivarne, Hermann declina ogni responsabilità. Informare l’utente sui
provvedimenti antigelo ammessi.
8.1.2
Riempimento e sfiato sul lato riscaldamento
Fig. 8.2 Sfiatatoio rapido
• Allentare il cappuccio dello sfiatatoio rapido (1) di uno
o due giri (l'apparecchio si sfiata automaticamente
durante il funzionamento continuo attraverso lo Sfiatatoio rapido).
• Aprire tutte le valvole termostatiche dell'impianto.
• Collegare a norma il rubinetto KFE dell'impianto ad
una valvola di prelievo dell'acqua fredda.
1
Fig. 8.1 Controllo della pressione di riempimento dell’impianto
di riscaldamento
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 59 -
INSTALLAZIONE
h Nota
Per evitare il funzionamento dell’impianto con
una quantità d’acqua insufficiente e di conseguenza per evitare che si generino eventuali
danni, l'apparecchio dispone di un sensore di
pressione. Se la pressione scende al disotto di
0,6 bar, il sensore segnala l'insufficienza di
pressione facendo lampeggiare il valore sul display. Se la pressione scende al disotto di
0,3 bar, l'apparecchio si spegne. Sul display
compare la segnalazione d'errore F.22 ("Scarsezza d'acqua"). Per rimettere in servizio l'apparecchio, va dapprima rabboccata acqua
nell'impianto. Ciò va fatto anche quando si accende l'apparecchio ancora vuoto. Durante il riempimento, l'indicazione scompare poi automaticamente.
h Nota
All’avvio dell’apparecchio può apparire un messaggio di richiesta di manutenzione o una segnalazione di errore a causa della pressione
nuovamente in calo. Questa segnalazione scompare automaticamente quando si riempie l'apparecchio.
8.1.3
Riempimento del sifone della condensa
a Attenzione!
Se la pressione scende con frequenza, è neces-
1
sario determinare ed eliminare la causa della
perdita dell'acqua di riscaldamento.
• Aprire lentamente il rubinetto di riempimento e la
valvola di prelievo e riempire con acqua finché sul
manometro o sul display non viene raggiunta la
pressione necessaria per l'impianto.
• Chiudere la valvola di prelievo.
h Nota
Per sfiatare il riscaldatore, usare il programma
di prova P.0: l'apparecchio non si mette in funzione. La pompa interna funziona ad intermittenza e sfiata il circuito dell'apparecchio. L'indicazione della pressione è digitale. Per un corretto svolgimento dell'operazione di sfiato,
prima di iniziare sincerarsi che la pressione
dell'impianto non scenda al disotto di 0,8 bar. Il
programma di sfiato si svolge per circa 6,5 minuti.
• Eseguire lo sfiato di tutti i termosifoni.
• Al termine. controllare nuovamente la pressione di
riempimento dell'impianto.
Fig. 8.3 Riempimento del sifone della condensa
Pericolo
d Se l'apparecchio viene messo in servizio con sifone per condensa vuoto, sussiste il pericolo di
intossicazioni per fuoriuscite di gas combusti.
È quindi indispensabile riempire il sifone prima
della messa in servizio seguendo la descrizione
seguente.
• Svitare la parte inferiore (1) del sifone della condensa.
• Riempire la parte inferiore per circa 3/4 con acqua.
• Riavvitare la parte inferiore al sifone della condensa.
a Attenzione!
Se al termine del programma di sfiato vi è ancora troppa aria nell'impianto, occorre riavviare
il programma. Al termine del processo di riempimento la pressione dell'impianto deve essere
di min 0,2 bar superiore alla contropressione
del vaso di espansione (VE)
(Pimpianto  PVE + 0,2 bar).
• Controllare la tenuta di tutti i raccordi.
- 60 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
8.2
Controllo della regolazione del gas
8.2.1 Impostazione di fabbrica
L’apparecchio è impostato di fabbrica sull’impiego di
metano con i valori indicati alla tabella 8.1. In alcune
zone potrebbe essere necessario eseguire un adeguamento dei valori sul posto.
a Attenzione!
Disturbi dell’apparecchio oppure riduzione della
durata dell’apparecchio.
Prima della messa in servizio dell'apparecchio,
confrontare i dati del tipo di gas impostato riportati sulla targhetta con il tipo di gas fornito
sul luogo. Non è necessaria una verifica volumetrica della portata gas. L’impostazione avviene
in base al valore di CO2 nei gas combusti..
La versione dell’apparecchio corrisponde al tipo di
gas erogato sul luogo:
• Controllare il carico parziale per il riscaldamento e
correggerlo, se necessario; vedi paragrafo 9.2.1.
La versione dell’apparecchio non corrisponde al tipo
di gas erogato sul luogo:
• Rivolgersi ad un centro di assistenza autorizzato
Hermann per la conversione del gas.
8.2.2 Controllo della pressione di allacciamento
(pressione dinamica del gas)
Per controllare la pressione di allacciamento procedere
come segue.
• Rimuovere il rivestimento anteriore dell'apparecchio.
• Chiudere il rubinetto d'intercettazione del gas dell'apparecchio.
1
• Svitare il nipplo di misurazione contrassegnato con
“in” (1) sulla valvola del gas.
• Collegare un manometro digitale o a tubo a U (2).
• Aprire il rubinetto d'intercettazione del gas dell'apparecchio.
• Mettere in funzione l'apparecchio.
• Misurare la pressione di allacciamento rispetto alla
pressione atmosferica.
Metano:
a Se
la pressione di allacciamento non è compresa tra 1,7 hPa (17 mbar) e 2,5 hPa (25 mbar),
non effettuare impostazioni e non mettere in
servizio l'apparecchio.
Propano:
Se la pressione di allacciamento non è compresa tra 2,5 hPa (25 mbar) e 4,5 hPa (45 mbar),
non effettuare impostazioni e non mettere in
servizio l'apparecchio.
Se la pressione di allacciamento rientra nel campo ammesso, procedere come segue.
• Spegnere l'apparecchio.
• Chiudere il rubinetto d'intercettazione del gas dell'apparecchio.
• Rimuovere il manometro e serrare nuovamente la vite
del nipplo di misurazione (1).
• Aprire il rubinetto d'intercettazione del gas dell'apparecchio.
• Controllare la tenuta ermetica della vite del nipplo di
misurazione.
• Riapplicare il rivestimento anteriore e mettere in servizio l'apparecchio.
Se la pressione di allacciamento non rientra nell'ambito
ammesso e non si è in grado di correggere l'errore, avvertire l'azienda del gas e procedere come segue:
• Spegnere l'apparecchio.
• Chiudere il rubinetto d'intercettazione del gas dell'apparecchio.
• Rimuovere il manometro e serrare nuovamente la vite
del nipplo di misurazione (1).
• Controllare la tenuta ermetica della vite del nipplo di
misurazione.
• Riapplicare la copertura anteriore.
Non rimettere in servizio l'apparecchio.
2
Fig. 8.4 Misurazione della pressione di allacciamento
(pressione dinamica del gas)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 61 -
INSTALLAZIONE
8.2.3 Controllo del tenore di CO2 ed eventuale correzione (regolazione del rapporto aria-combustibile)
• Rimuovere la copertura anteriore.
• Avviare il programma di prova P.1.
• Attendere almeno 5 minuti, finché l’apparecchio non
ha raggiunto la temperatura d'esercizio.
1
2
3
4
• Ribaltare di nuovo verso l’alto il tubo di aspirazione
dell’aria a regolazione completata.
• Controllare nuovamente il tenore di CO2.
• Ripetere il procedimento di regolazione, se necessario.
• Premere il tasto “i”. Il funzionamento a pieno carico
viene terminato se per 15 minuti non viene premuto
nessun tasto.
• Fissare di nuovo il tubo di aspirazione dell’aria con la
vite (2).
• Riapplicare la copertura anteriore.
Valori d’impostazione
Tolleranza
metano
Tolleranza
propano
Unità
di
misura
CO2 dopo 5 min. di esercizio a
pieno carico con copertura
anteriore chiusa
9,2 +/- 1,0
10,2 +/- 0,5 Vol.-%
CO2 dopo 5 min. di esercizio
a pieno carico con copertura
anteriore rimossa
9,0 +/- 1,0
10,0 +/- 0,5 Vol.-%
impostati per indice di
Wobbe W0
15,0
22,5
kWh/m3
Tab. 8.1 Valori di regolazione in fabbrica del gas
8.3
Controllo del funzionamento dell'apparecchio
Al termine dell’installazione e della verifica della regolazione del gas, prima di accendere l'apparecchio e di consegnarlo all’utente effettuare un controllo di funzionamento.
Fig. 8.5 Misurazione di CO2, regolazione del rapporto aria-combustibile (regolazione gas)
• Misurare il tenore di CO2 sul bocchettone di misurazione gas combusti (1). Confrontare il valore misurato
con quello corrispondente indicato nella tabella 8.1.
• Se è necessaria una regolazione del valore fumi, allentare la vite (2) e ribaltare in avanti di 90° il tubo di
aspirazione dell’aria (3). Non rimuovere il tubo di aspirazione dell’aria!
• Impostare, se necessario, il valore fumi corrispondente (valore con copertura anteriore rimossa, vedi tab.
8.1) ruotando la vite (4).
h Nota!
Per ruotare la vite, utilizzare un chiave ad esa-
2
1
Fig. 8.6 Elementi di comando
gono cavo da 4 mm.
- Rotazione verso sinistra: tenore maggiore di CO2
- Rotazione verso destra: tenore minore di CO2
h Nota!
Metano:
regolare compiendo passi di 1/8 di giro e attendere ca. 1 min. dopo ogni regolazione che il valore si sia stabilizzato.
GPL:
regolare solo compiendo passi molto ridotti (ca.
1/16 di giro) e attendere ca. 1 min dopo ogni regolazione che il valore si sia stabilizzato.
- 62 -
• Ruotare in senso orario la manopola per il
riscaldamento (1) sul massimo servendosi di un
utensile idoneo.
• Ruotare in senso orario la manopola per l'acqua calda
(2) sul massimo, se necessario, servendosi di un
utensile idoneo.
• Riapplicare la copertura anteriore.
• Mettere in servizio l'apparecchio come descritto nelle
istruzioni per l’uso.
• Controllare la tenuta del condotto di alimentazione
del gas, dell'impianto fumi, dell'impianto di riscaldamento e delle tubazioni dell'acqua calda.
• Controllare che l'installazione del condotto aria/fumi
sia corretta.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
• Assicurarsi che il rivestimento anteriore sia chiuso
correttamente.
• Controllare il funzionamento del riscaldamento
(vedere cap. 8.3.1) e della produzione di acqua calda
(vedere cap. 8.3.2).
• Consegnare l'apparecchio all'utilizzatore.
L'apparecchio THESI R CONDENSING è dotato di codici
di stato che visualizzano lo stato di esercizio dell'apparecchio sul display. Premendo il tasto "i" è possibile
svolgere un controllo del funzionamento in base a questi codici di stato.
8.3.2 Caricamento del bollitore
• Accendere l'apparecchio e il bollitore ad accumulo collegato.
• Assicurarsi che il termostato del bollitore richieda calore.
• Premere il tasto "i".
Quando il bollitore viene caricato correttamente, l’apparecchio passa dall’indicazione di stato “S. 20” fino a
“S. 23”, fino a quando l’apparecchio funziona regolarmente e sul display appare l’indicazione “S. 24”.
h Nota
Se la centralina è collegata tramite un cavo
eBUS a due fili, regolare la manopola della temperatura dell'acqua calda sulla massima temperatura possibile. La temperatura nominale del
bollitore va regolata dalla centralina.
Fig. 8.9 Indicatore durante il funzionamento con acqua calda
8.4
Consegna all'utente
Fig. 8.7 Controllo della tenuta
8.3.1 Riscaldamento
• Accendere l'apparecchio.
• Assicurarsi che vi sia richiesta di calore.
• Premere il tasto "i" per attivare l'indicazione di stato.
Non appena vi è richiesta di calore, l’apparecchio assa
dall’indicazione di stato “S. 1” fino a “S. 3”, fino a quando l’apparecchio funziona regolarmente e sul display appare l’indicazione “S. 4”.
h Nota
Terminata l’installazione, applicare sulla parte
anteriore di questo apparecchio l’etichetta codice 835593, in dotazione con lo stesso, nella
lingua dell’utilizzatore.
Al termine dell’installazione l’installatore deve:
– Illustrare all’utente il funzionamento dell’apparecchio
e dei relativi dispositivi di sicurezza e se necessario
fornire una dimostrazione e rispondere ad eventuali
domande;
– Fornire all’utente tutta la documentazione richiesta;
– Compilare i documenti necessari;
– Illustrare all’utente le precauzioni necessarie per prevenire danni al sistema, all’apparecchio e all’edifi cio;
– Rammentare all’utente di effettuare la manutenzione
annuale.
Attenzione!
a Per
un funzionamento regolare dell’apparecchio
Fig. 8.8 Visualizzazione sul display durante il riscaldamento
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
la copertura deve rimanere sempre chiusa. Altrimenti, in condizioni di esercizio non regolare,
può insorgere il rischio di danneggiamento
dell’apparecchiatura e anche di morte per le
persone.
- 63 -
INSTALLAZIONE
9
Adeguamento all'impianto di
riscaldamento
Gli apparecchi THESI R CONDENSING sono dotati di un
sistema di informazione e analisi digitale.
9.1
Selezione e impostazione di parametri
Nella modalità di diagnosi è possibile modificare diversi
parametri per adeguare il riscaldatore all’impianto di
riscaldamento.
Nella tabella 9.1 sono elencati solo i punti di diagnosi
che è possibile modificare. Tutti gli altri punti di diagnosi
sono riservati per la diagnosi e l'eliminazione guasti
(vedere capitolo 11).
Selezionare i parametri corrispondenti come descritto di
seguito:
• Premere contemporaneamente i tasti “i” e “+”
Sul display appare "d. 0".
• Sfogliare con i tasti "+" o "–" per raggiungere il numero di diagnosi desiderato.
• Premere il tasto "i".
Sul display appare l’informazione di diagnosi corrispondente.
• Se necessario, modificare il valore servendosi dei tasti
"+" o "–" (l'indicazione lampeggia).
• Memorizzare il nuovo valore impostato premendo per
ca. 5 sec. il tasto "i" finché l'indicazione smette di
lampeggiare.
Abbandonare la modalità di diagnosi nel modo
seguente:
• Premere contemporaneamente i tasti “i” e “+” oppure
non premere nessun tasto per circa 4 min.
Sul display compare nuovamente l'attuale temperatura
di mandata del riscaldamento o in alternativa, se lo si è
impostato, la pressione dell'impianto.
9.2
Schema dei parametri impostabili
dell’impianto
I seguenti parametri possono essere impostati per adeguare l'apparecchio all'impianto di riscaldamento e alle
esigenze dell'utente.
h Nota
Nell’ultima colonna è possibile inserire le proprie impostazioni dopo avere regolato i parametri specici dell’impianto.
h Nota
I punti di diagnosi d.14, d.17, d.18, d.20, d.26,
d.27, d.28, d.50, d.51, d.70, d.71, d.72, d.75,
d.77, d.78, d.84, d.93 e d.96 si trovano nel 2º
livello di diagnostica, vedere cap. 11.1.2.
Fig. 9.1 Impostazione dei parametri
- 64 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
Indicazione
d. 0
d. 1
Significato
Valori impostabili
Carico parziale riscaldamento
12,5 - 45 kW (F AS 45)
Impostazione
di fabbrica
32 kW
d.50
Tempo di inerzia della pompa interna 2 - 60 min
per modalità di riscaldamento
Tempo di blocco max. riscaldamento a 2 - 60 min
una temperatura di mandata di 20 °C
Valore nominale numero di giri pompa Valore nominale pompa interna in %.
0 = auto, 1 = 53, 2 = 60, 3 = 70, 4 = 85, 5 = 100
Commutazione regolazione mandata/ 0 = mandata, 1 = ritorno
ritorno riscaldamento
Tipo di funzionamento della pompa
0 = a inerzia, 1 = continua,
(inerzia)
2 = inverno, 3 = intermittente
Valore di regolazione max. per valore da 40 a 70° C
nominale del bollitore
Azionamento relè supplementare
1 = pompa di ricircolo
THESI R CONDENSING
2 = pompa est.
3 = pompa di carica
4 = cappa aspirante
5 = valvola elettromagnetica est.
6 = segnalazione di guasto est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
Commutazione del relè 1 sul modulo
1 = pompa di ricircolo
multifunzione "2 di 7"
2 = pompa est.
3 = pompa di carica
4 = cappa aspirante
5 = pompa est.
6 = pompa est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
Commutazione del relè 2 sul modulo 1 = pompa di ricircolo
multifunzione "2 di 7"
2 = pompa est.
3 = pompa di carica
4 = cappa aspirante
5 = pompa est.
6 = pompa est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
Offset per numero di giri minimo
in giri/min/10, campo di regolazione: da 0 a 300
d.51
Offset per numero di giri massimo
in giri/min/10, campo di regolazione: da -99 a 0 -45
d.70
non rilevante
non rilevante
d.71
Valore nominale della temperatura di
mandata max. del riscaldamento
Tempo di ritardo della pompa dopo il
caricamento del bollitore
Tempo di carica max. del bollitore ad
accumulo senza regolazione propria
Limitazione della potenza di carico
boiler in kW
Limitazione della temperatura di
carico bollitore in °C
Indicazione di manutenzione:
numero di ore fino alla manutenzione
successiva
Impostazione versione
dell'apparecchio DNS
Impostazione di fabbrica
Da 40 a 85 °C
75 °C
0 - 600 s
80 s
20 - 90 min
45 min
Come carico parziale del riscaldamento
45 kW
55 - 85 °C
80 °C
Da 0 a 3000 h e "-"
(300 corrisponde a 3000 h, "-" = disattivato)
„-“
Campo di regolazione: da 0 a 99
51
d. 2
d.14
d.17
d.18
d.20
d.26
d.27
d.28
d.72
d.75
d.77
d.78
d.84
d.93
d.96
d.97
Attivazione del 2° livello
di diagnostica
Impostazione specifica dell’impianto
5 min
20 min
5
0
non cambiare
la regolazione
3
65 °C
2
1
2
30
1 = ripristino dei parametri impostabili ai valori
di fabbrica
Codice: 17 per il 2º livello
Tab. 9.1 Parametri impostabili livello 1 e 2
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 65 -
INSTALLAZIONE
9.2.1
Impostazione del carico parziale
riscaldamento
Gli apparecchi sono regolati in fabbrica su 35 kW. Al
punto di diagnosi "d.0" è possibile impostare un valore
che corrisponda alla potenza dell'apparecchio in kW.
Impostazione del tempo di ritardo pompa e
della modalità di funzionamento della pompa
Il tempo di inerzia della pompa per il riscaldamento è
impostato di fabbrica su un valore di 5 minuti. Nel punto
di diagnosi "d. 1“ è possibile impostare un valore compreso nell'intervallo da 2 a 60 minuti. Al punto di diagnosi “d.18” è possibile impostare un altro comportamento di inerzia della pompa.
A inerzia: al termine del fabbisogno termico, la pompa
di riscaldamento interna continua a funzionare per il
tempo impostato al punto "d. 1".
Continua: la pompa viene attivata quando la manopola
di regolazione della temperatura di mandata riscaldamento non è posizionata sull’arresto sinistro e la richiesta di calore viene attivata da una centralina esterna.
Intermittente: questa modalità di funzionamento della
pompa è raccomandata in caso di fabbisogno termico
molto ridotto e di grandi variazioni termiche tra il valore
nominale della carica del bollitore e il valore nominale
della modalità di riscaldamento, per scaricare il calore
residuo dopo una carica del bollitore. Si evita così che le
stanze non vengano scaldate a sufficienza. In presenza
di fabbisogno termico, al termine del periodo di inerzia
la pompa viene attivata per 5 minuti ogni 25 minuti
9.2.4
Impostazione della temperatura massima bollitore
La temperatura massima di mandata per il
funzionamento con bollitore è impostata di fabbrica su
65 °C. Essa può essere impostata al punto di diagnosi
"d.20" in un campo compreso tra 40 e 70 °C.
9.2.2
9.2.3
Regolazione della temperatura di mandata
massima
La temperatura massima di mandata per il riscaldamento è impostata in fabbrica su 75° C. Essa può essere impostata al punto di diagnosi "d.71" in un campo compreso tra 40 e 85 °C.
- 66 -
d Pericolo!
Pericolo di sviluppo del batterio della legionella!
Quando l’apparecchio viene utilizzato per il riscaldamento integrativo in un impianto per la
produzione di acqua calda sanitaria per mezzo
di collettori solari, regolare la temperatura di
erogazione dell’acqua calda su almeno 60° C.
a Attenzione!
Pericolo di depositi di calcare!
In presenza di acqua di durezza superiore a
3,57 mol/m3 (20 °dH) non impostare l'acqua
calda su una temperatura superiore a 55 °C.
h InAvvertenza!
presenza di una centralina che regola anche
la temperatura del bollitore, impostare la
temperatura dell'acqua calda al punto d.20 sul
massimo (70 °C). La temperatura nominale del
bollitore deve essere impostata sulla centralina.
9.2.5
Impostazione del tempo di blocco del
bruciatore
Allo scopo di evitare frequenti accensioni e spegnimenti
del bruciatore (spreco di energia), dopo ogni spegnimento del bruciatore viene attivato per un determinato
tempo un blocco elettronico da riaccensione. Il tempo di
blocco può essere adeguato alle condizioni dell'impianto
di riscaldamento.
Il tempo di blocco del bruciatore viene attivato solo per
l’esercizio di riscaldamento.
Tale impostazione non ha effetto alcuno sulla produzione di acqua calda durante il tempo di blocco del bruciatore. Il tempo di blocco massimo del bruciatore può essere impostato al punto di diagnosi d.2 tra 2 e 60 minuti
(impostazione di fabbrica: 20 min). Il tempo di blocco
valido viene calcolato in base alla temperatura nominale
di mandata momentanea e al tempo di blocco bruciatore massimo impostato.
Premendo il tasto di eliminazione del guasto oppure attivando per breve tempo la modalità estiva (potenziometro nominale di mandata spostato brevemente tutto
a sinistra e poi nuovamente nella posizione di partenza)
è possibile azzerare oppure cancellare l’impostazione
del tempo di blocco. Il tempo di blocco del bruciatore rimanente dopo il disinserimento del regolatore nella modalità di riscaldamento può essere richiamato al punto
di diagnosi “d.67”.
I tempi di blocco del bruciatore validi in funzione della
temperatura nominale di mandata e del tempo di blocco
bruciatore massimo impostato sono riportati nella tabella 9.2.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
INSTALLAZIONE
TMan (nominale) [°C]
20
25
30
35
40
45
50
55
60
65
70
75
Tempo di blocco
1
5
2,0
5,0
2,0
4,5
2,0
4,0
2,0
4,0
2,0
3,5
2,0
3,0
2,0
3,0
2,0
2,5
2,0
2,0
2,0
1,5
2,0
1,5
2,0
1,0
bruciatore massimo impostato [min]
10
15
20
25
30
10,0
15,0
20,0
25,0
30,0
9,2
14,0
18,5
23,0
27,5
8,5
12,5
16,5
20,5
25,0
7,5
11,0
15,0
18,5
22,0
6,5
10,0
13,0
16,5
19,5
6,0
8,5
11,5
14,0
17,0
5,0
7,5
9,5
12,0
14,0
4,5
6,0
8,0
10,0
11,5
3,5
5,0
6,0
7,5
9,0
2,5
3,5
4,5
5,5
6,5
2,0
2,5
2,5
3,0
3,5
1,0
1,0
1,0
1,0
1,0
35
35,0
32,0
29,0
25,5
22,5
19,5
16,5
13,5
10,5
7,0
4,0
1,0
40
40,0
36,5
33,0
29,5
26,0
22,5
18,5
15,0
11,5
8,0
4,5
1,0
45
45,0
41,0
37,0
33,0
29,0
25,0
21,0
17,0
13,0
9,0
5,0
1,0
50
50,0
45,0
41,0
36,5
32,0
27,5
23,5
19,0
14,5
10,0
5,5
1,0
55
55,0
50,0
45,0
40,5
35,5
30,5
25,5
20,5
15,5
11,0
6,0
1,0
60
60,0
54,5
49,5
44,0
38,5
33,0
28,0
22,5
17,0
11,5
6,5
1,0
Tab. 9.2 Tempi di blocco del bruciatore attivi
9.2.6 Intervallo e indicazione di manutenzione
Il sistema elettronico del THESI R CONDENSING consente di stabilire gli intervalli di manutenzione per il proprio
apparecchio.
Questa funzione consente al sistema di segnalare con
un messaggio la necessità di manutenzione dell'apparecchio, dopo un determinato numero di ore di esercizio
del bruciatore da impostare.
Allo scadere delle ore di esercizio impostate per il bruciatore, sul display del THESI R CONDENSING viene visualizzata la segnalazione di manutenzione SEr alternata alla temperatura di mandata attuale. Sul display della
centralina eBUS (accessorio) compare l'indicazione "Manutenzione".
h Nota
Allo scadere delle ore di esercizio impostate occorre immettere nuovamente l'intervallo di manutenzione nella modalità di diagnosi.
9.2.7
Adeguamento dell'apparecchio a maggiori
lunghezze del tubo fumi
Per lunghezze del tubo di scarico fumi superiori a 10 m
(sistema 80/125) è possibile aumentare il numero di giri
del ventilatore.
• Richiamare nel sistema DIA il punto di diagnosi “d.51”.
• Aumentare il valore di 20.
Il numero di giri massimo aumentato di 200 g/min.
9.3
Fabbisogno
termico
5 kW
10 kW
15 kW
20 kW
25 kW
> 27 kW
Numero di
persone
1-2
2-3
1-2
2-3
2-3
3-4
3-4
4-5
3-4
4-6
3-4
4-6
Ore di esercizio fino alla successiva ispezione/manutenzione
(a seconda del tipo di impianto)
1.650 h
1.650 h
2.300 h
2.300 h
1.800 h
1.800 h
2.500 h
2.500 h
2.600 h
2.600 h
3.000 h
3.000 h
Tab. 9.3 Valori indicativi per le ore di esercizio
Diagramma della pompa
A
900
800
700
600
100%
500
400
53%
300
200
100
Le ore di esercizio rimanenti fino alla manutenzione
successiva possono essere impostate al punto di diagnosi “d.84”. Rilevare i valori indicativi per questa impostazione alla tabella 7.3; questi valori corrispondono ad
un tempo di esercizio dell'apparecchio di circa un anno.
Le ore di esercizio possono essere impostate in passi da
dieci in un campo compreso tra 0 e 3000 h.
Se al punto di diagnosi “d.84” viene immesso il simbolo
“-” invece di un valore numerico, la funzione “Indicazione di manutenzione” non risulta attiva.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
0
B
0
250 500 750 1000 1250 1500 1750 2000 2250 2500
Fig. 9.2 Diagramma della pompa Thesi R CONDENSING 45 A
Legenda
A Altezza di trasporto residua della pompa in hPa (mbar)
B Portata volumetrica dell’impianto in l/h,
vorticità min. e portata volumetrica nominale (DT 20 K) sono
contrassegnate
- 67 -
MANUTENZIONE
MANUTENZIONE
10 Ispezione e manutenzione
10.1
Intervalli di ispezione e manutenzione
Adeguate ispezioni di controllo e manutenzioni regolari
(almeno una volta all'anno), nonché l'impiego esclusivo
di pezzi di ricambio originali, sono le prerogative per un
funzionamento senza disturbi e di lunga durata della
caldaia THESI R CONDENSING.
d Pericolo!
L'ispezione, manutenzione e riparazione della
caldaia devono essere eseguite solo da
un’azienda specializzata oppure dal servizio
d’assistenza clienti. Un'ispezione/manutenzione
carente e/o scorretta può comportare danni a
cose e persone.
Si raccomanda la stipula di un contratto di
manutenzione.
L'ispezione di controllo ha lo scopo di determinare lo
stato effettivo della caldaia e di confrontarlo con quello
nominale. Ciò si verifica effettuando misurazioni,
verifiche e osservazioni.
La manutenzione è necessaria per eliminare eventuali
scostamenti dello stato effettivo da quello nominale.
Normalmente si ottiene mediante la pulizia, la
correzione o l'eventuale sostituzione di singoli
componenti soggetti ad usura.
Per la caldaia THESI R CONDENSING si raccomanda di
effettuare un'ispezione annuale.
Grazie all'interrogazione di dati nel sistema di diagnosi,
al semplice controllo visivo e alla misurazione del
rapporto aria-combustibile è possibile eseguire
l'ispezione di controllo in modo rapido ed economico,
anche senza dovere smontare le parti costruttive.
L'esperienza ha dimostrato che in normali condizioni di
esercizio non occorre eseguire la pulizia annuale del
bruciatore e degli scambiatori di calore. Gli intervalli di
manutenzione (almeno ogni 2 anni) e il tipo di
intervento sono determinati dal tecnico abilitato a
seconda dello stato da questi constatato durante
l'ispezione.
Tutti gli interventi di ispezione e manutenzione devono
essere effettuati nella sequenza descritta alla tab. 10.1.
a Attenzione!
Per un funzionamento regolare dell’apparecchio
la copertura deve rimanere sempre chiusa. Altrimenti, in condizioni di esercizio non regolare,
può insorgere il rischio di danneggiamento
dell’apparecchiatura e anche di morte per le
persone.
- 68 -
10.2
Istruzioni generali sull'ispezione e la manutenzione
Per garantire un funzionamento durevole dell'apparecchio Hermann e per non modificare lo stato della serie
ammesso, per i lavori di ispezione, manutenzione e riparazione vanno utilizzati esclusivamente ricambi ed accessori originali Hermann.
I pezzi di ricambio eventualmente necessari sono
elencati nei rispettivi cataloghi per i pezzi di ricambio.
Per informazioni contattare uno dei centri di assistenza
Hermann.
Avvertenze per la sicurezza
e Pericolo!
Pericolo di morte per scarica elettrica
I morsetti di alimentazione dell'apparecchio si
trovano sotto tensione anche ad interruttore
generale spento.
h Nota
Se, a interruttore generale acceso, sono richiesti interventi di ispezione o manutenzione, ne
viene visualizzata una descrizione.
Prima dei lavori di manutenzione eseguire sempre le seguenti operazioni.
• Spegnere l’interruttore generale.
• Staccare l'apparecchio dalla rete elettrica e privarlo
dell'alimentazione di tensione collegando un dispositivo di sezionamento con una distanza di apertura dei
contatti di almeno 3 mm (per es. fusibili o interruttori
di potenza).
• Chiudere il rubinetto d'intercettazione del gas.
• Chiudere i rubinetti di manutenzione della mandata e
del ritorno riscaldamento.
• Rimuovere il rivestimento anteriore dell'apparecchio.
Al termine di tutti i lavori di manutenzione eseguire
sempre le seguenti operazioni.
• Aprire i rubinetti di manutenzione della mandata e del
ritorno riscaldamento.
• Se necessario, riempire nuovamente la caldaia sul lato
acqua di riscaldamento fino a raggiungere una pressione compresa fra 1,0 e 2,0 bar.
• Sfiatare l'impianto di riscaldamento (vedere cap. 8.1.2,
riempimento dell'apparecchio e uso del programma di
prova P.0).
• Aprire il rubinetto d’intercettazione del gas.
• Collegare nuovamente l'apparecchio alla rete elettrica.
• Inserire l’interruttore generale.
• Controllare la tenuta dell'apparecchio sul lato gas e
sul lato acqua.
• Riempire e sfiatare ancora una volta l’impianto, se necessario.
• Riapplicare la copertura anteriore dell'apparecchio.
• Eseguire un controllo del funzionamento dell'apparecchio.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
N.
Da eseguire durante:
ManutenIspezione
zione
Operazione
2
Staccare l'apparecchio dalla rete di alimentazione e chiudere l'alimentazione del gas e i rubinetti di manutenzione,
Togliere pressione all'apparecchio dal lato acqua (osservare il manometro)
Smontare il modulo termico compatto
3
Pulire lo scambiatore termico a condensazione integrale
X
4
Controllare che il bruciatore non sia sporco
X
5
Montare il modulo termico compatto. Attenzione: sostituire le guarnizioni!
6
Controllare ed event. correggere la posizione delle connessioni e dei collegamenti elettrici
X
7
Controllare la pressione all'entrata del vaso di espansione (accessorio), se necessario rabboccare
X
8
11
Pulire il sistema di separazione dell'aria
Aprire i rubinetti di manutenzione, riempire l'apparecchio/l'impianto fino a circa 1,0 - 2,0 bar
(a seconda dell’altezza statica dell’impianto)
Avviare il programma di sfiato
Controllare lo stato generale dell'apparecchio, eliminare le impurità sull'apparecchio
e nella camera di combustione
Controllare il sifone della condensa nell'apparecchio, event. pulirlo e riempirlo
12
Pulire i condotti della condensa
13
X
X
X
X
15
Aprire l'alimentazione del gas e i rubinetti di manutenzione, accendere l'apparecchio
Avviare il funzionamento di prova dell'apparecchio e dell'impianto di riscaldamento compresa la
produzione di acqua calda, eventualmente eseguire lo sfiato
Controllare l'accensione e la combustione
X
X
16
Controllare la tenuta dell'apparecchio lato fumi, acqua calda e condensa
X
X
17
Controllare la tenuta e il fissaggio dell'impianto aria/fumi, eventualmente correggere
X
X
18
Chiudere il rivestimento anteriore e riavviare l'apparecchio
X
X
19
Controllare la regolazione del gas dell'apparecchio, event. reimpostarla e protocollarla
Eseguire la manutenzione del bollitore (se presente): lavare il serbatoio interno, controllare il grado di
corrosione dell'anodo di protezione al magnesio, sostituirlo al max. dopo 5 anni
Registrare l'ispezione e la manutenzione effettuate
1
9
10
14
20
21
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Tab. 10.1 Fasi di lavoro degli interventi di ispezione e
manutenzione
10.3
Riempimento e svuotamento dell'apparecchio
e dell'impianto di riscaldamento
10.3.1 Riempimento dell'apparecchio e dell'impianto
di riscaldamento
Il riempimento dell'apparecchio è descritto al cap. 8.1.
10.3.2 Svuotamento dell'apparecchio
• Chiudere i rubinetti di manutenzione dell'apparecchio.
• Aprire le valvole di svuotamento sui rubinetti di manutenzione.
• Aprire la valvola di sfiato sul separatore dell'aria per
svuotare completamente l'apparecchio.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
10.3.3 Svuotamento dell'intero impianto
• Fissare un tubo flessibile nel punto di svuotamento
dell’impianto.
• Porre l'altra l'estremità libera del tubo in un punto di
scarico idoneo.
• Assicurarsi che i rubinetti di manutenzione dell'apparecchio siano aperti.
• Aprire il rubinetto di svuotamento.
• Aprire le valvole di sfiato sui termosifoni.
Iniziare con il termosifone che si trova più in alto e
procedere dall’alto verso il basso.
• Una volta scaricata tutta l'acqua, richiudere le valvole
di sfiato dei termosifoni e il rubinetto di svuotamento.
- 69 -
MANUTENZIONE
10.4
Manutenzione del modulo termico compatto
10.4.1 Smontaggio del modulo termico compatto
Il modulo termico compatto è composto dal ventilatore
con regolazione del numero di giri, dalla valvola
combinata per gas e aria, l’alimentazione del gas (tubo
di miscelazione) per il bruciatore di premiscelazione
con ventilatore e dal bruciatore di premiscelazione
stesso. Questi quattro componenti costituiscono
complessivamente il gruppo costruttivo del modulo
termico compatto..
• Staccare il tubo di alimentazione del gas (3) sulla valvola del gas. Assicurarsi che il tubo flessibile ondulato
per il gas non possa torcersi, tenendo saldo il tubo
contro la superficie della chiave mentre si svita il dado
per raccordo
a Attenzione!
Danneggiamento del condotto del gas!
Non appendere in nessun caso il modulo termico
compatto al tubo flessibile ondulato per il gas.
H Pericolo!
Pericolo di ustioni e scottature
Rischio di ustioni e scottature a contatto con il
modulo termico compatto e con tutti i componenti che conducono acqua. Lavorare su tali
componenti solo una volta che si sono raffreddati.
7
1
6
2
5
d Pericolo!
Pericolo di esplosione a causa di fughe di gas!
Non aprire il tubo di miscelazione tra l’unità di
regolazione del gas e il bruciatore. La tenuta di
questo componente può essere garantita unicamente dopo un controllo in fabbrica.
Per lo smontaggio procedere nel modo seguente:
• Staccare l'apparecchio dall'alimentazione di corrente.
• Chiudere l'alimentazione del gas all'apparecchio.
• Rimuovere il rivestimento anteriore dell'apparecchio.
• Aprire la scatola comandi.
1
2
3
3
4
Fig. 10.2 Smontaggio del modulo termico compatto
• Staccare i due connettori del cavo di accensione (5) e
del cavo di massa (6) dall’elettrodo d’accensione.
• Staccare il connettore (3) dal motore del ventilatore e
il cavo (4) dalla valvola del gas.
• Svitare i cinque dadi (7).
• Staccare l’intero modulo termico compatto (2) dallo
scambiatore termico a condensazione integrale (1).
• Al termine dello smontaggio, controllare che il bruciatore e lo scambiatore termico a condensazione integrale non presentino danni o impurità e procedere, se
necessario, alla pulizia dei componenti come descritto
di seguito.
• Controllare lo strato isolante dello sportello del bruciatore. Sostituirlo se mostra tracce di.
Fig. 10.1 Smontaggio tubo di aspirazione dell'aria
• Rimuovere la vite (2) ed estrarre il tubo di aspirazione
dell’aria (1) dal bocchettone di aspirazione.
- 70 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
10.4.2 Pulizia dello scambiatore termico a condensazione integrale
a Attenzione!
Rischio di cortocircuito e di danni irrimediabili
alla scheda e alla ventola.
Proteggere la scatola elettronica aperta e la
ventola da spruzzi d'acqua.
1
2
10.4.3 Trattamento anticalcare dello scambiatore
termico a condensazione integrale
• Chiudere i rubinetti di manutenzione.
• Svuotare l'apparecchio.
• Versare il decalcificante (ET 990098) nell'apparecchio.
• Riempire l'apparecchio di acqua pulita fino a raggiungere la pressione nominale.
• Regolare la pompa su "continuo".
• Riscaldare l'apparecchio con il tasto spazzacamino.
• Lasciar agire il decalcificante per circa 30 min. in modalità spazzacamino.
• Risciacquare quindi l'apparecchio con abbondante
acqua pulita.
• Riportare la pompa allo stato iniziale.
• Aprire i rubinetti di manutenzione e riempire all'occorrenza l'impianto di riscaldamento.
10.4.4 Controllo del bruciatore
1
3
2
3
4
Fig. 10.3 Pulizia dello scambiatore termico a condensazione integrale
Fig. 10.4 Controllo del bruciatore
• Smontare il modulo termico compatto come descritto
al paragrafo 10.4.1.
• Pulire la spirale di riscaldamento (2) dello scambiatore a condensazione integrale (3) con un'essenza di
aceto comunemente in commercio. Risciacquare con
acqua. L'acqua defluisce dallo scambiatore termico attraverso il sifone della condensa. Attraverso l'apertura (4) è possibile pulire anche la cavità di raccolta
della condensa.
• Fare agire per circa 20 minuti, quindi risciacquare con
un forte getto d'acqua le impurità disciolte. Evitare di
dirigere il getto d'acqua direttamente sulla superficie
isolante (1) del lato posteriore dello scambiatore
termico.
Per la pulizia è possibile usare anche una spazzola di
plastica.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
Il bruciatore (2) non richiede manutenzione né pulizia.
• Controllare che non presenti danni superficiali, altrimenti sostituirlo con uno nuovo.
• Dopo il controllo o la sostituzione del bruciatore, rimontare il modulo termico compatto come descritto
al cap. 10.4.5.
- 71 -
MANUTENZIONE
10.4.5 Montaggio del modulo termico compatto
• Sostituire le guarnizioni (1) e (3) dello sportello del
bruciatore (vedere fig. 10.4).
10.5
Pulizia del sifone della condensa
H Pericolo!
Rischio di ustioni e danni a causa della fuoriuscita di fumi incandescenti
La due guarnizioni dello sportello del bruciatore
(1) e (3) e i dadi autobloccanti dello sportello
del bruciatore vanno sostituiti ad ogni apertura
dello sportello del bruciatore (ad esempio in occasione di interventi di manutenzione e assistenza). Se lo strato isolante dello sportello del
bruciatore presenta indizi di danni, è necessario
sostituire anche quello.
• Inserire il modulo termico compatto (2, fig. 10.2) sullo
scambiatore termico a condensazione integrale
(1, fig. 10.2).
• Serrare i cinque dadi (7, fig. 10.2) e il supporto per il
tubo di aspirazione dell’aria in senso incrociato, fino a
quando lo sportello del bruciatore non si è posizionato
uniformemente sulle superfici di arresto.
• Inserire il cavo di accensione (5, fig. 10.2) e il cavo di
massa (6, fig. 10.2).
• Inserire il cavo (3, fig. 10.2) sul motore del ventilatore
e il cavo (4, fig. 10.2) sulla valvola del gas.
• Collegare il condotto del gas con la guarnizione nuova
alla valvola del gas. Serrare tenendo salda la superficie della chiave sul condotto del gas.
1
Fig. 10.6 Pulizia del sifone della condensa
d Pericolo!
Se l'apparecchio viene messo in servizio con il
sifone per condensa vuoto, sussiste il pericolo
di intossicazioni per fuoriuscite di fumi.
Quindi riempire sempre il sifone dopo ogni
pulizia.
• Svitare la parte inferiore (1) del sifone della condensa.
• Pulire la parte inferiore del sifone risciacquandola con
acqua.
• Riempire quindi d'acqua la sezione inferiore fino a
circa 3⁄4.
• Riavvitare la parte inferiore al sifone della condensa.
1
Fig. 10.5 Controllo della tenuta del gas
a Attenzione!
Aprire l’alimentazione del gas e controllare l’apparecchio con uno spray cercafughe. In particolare controllare il raccordo (1).
• Controllare se l’anello di tenuta blu all’interno del tubo
di aspirazione dell’aria è posizionato correttamente
nella sede della guarnizione.
• Inserire il tubo di aspirazione dell’aria nel bocchettone
di aspirazione e fissare il tubo con la vite di tenuta (2,
fig. 10.1).
- 72 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
10.6
Pulizia dei condotti della condensa
4
5
2
1
6
Fig. 10.9 Pulizia del filtro
Fig. 10.7 Smontaggio del sifone della condensa
• Per pulire i condotti della condensa, togliere il sifone
della condensa completa estraendo le graffe (1). Dopodiché sarà possibile accedere al bocchettone di scarico della condensa dello scambiatore termico.
• Attraverso l’apertura per la pulizia inferiore (2) dello
scambiatore termico è possibile rimuovere le impurità
accumulatesi nella zona anteriore dello scarico della
condensa.
• Riempire nuovamente d'acqua il sifone.
10.7
Pulizia del sistema di separazione dell'aria
H Pericolo!
Pericolo di ustioni o scottature.
Pericolo di ustioni e scottature a contatto con
tutti i componenti che conducono acqua. Lavorare su tali componenti solo una volta che si
sono raffreddati.
1
2
10.7.1 Pulizia del filtro
È possibile pulire o sostituire il filtro (5) del separatore
dell'aria (2) senza dover smontare il separatore.
• Svitare il coperchio di ottone (4) dell'alloggiamento di
acciaio (6).
• Estrarre il filtro sfilandolo verso l'alto (5).
È possibile pulire il filtro con acqua bollente o sostituirlo
con un filtro nuovo.
• Inserire il filtro nel separatore d'aria.
• Avvitare il coperchio di ottone sul separatore d'aria.
10.7.2 Pulizia del separatore d'aria
Se la coppa di raccolta (dentro l'alloggiamento, accanto
al filtro) è molto sporca, è possibile smontare il separatore d'aria completo (2), pulirlo con acqua bollente e
reinserirlo.
• Allentare innanzitutto il dado da 1,5“ (3) dello scarico
inferiore.
• Ruotare ora l'alloggiamento sull'asse del collegamento superiore.
• Solo adesso è possibile allentare il dado zigrinato (1)
dell'entrata superiore.
• A questo punto, spingere l'alloggiamento verso il
basso ed estrarre in avanti il separatore d'aria completo.
• Smontare il filtro come descritto al paragrafo 10.7.1.
Adesso è possibile pulire il separatore d'aria e il filtro
con acqua bollente.
Attenzione!
a Tutte
le guarnizioni circolari vanno sostituite
3
Fig. 10.8 Pulizia del sistema di separazione dell'aria
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
con pezzi nuovi. In caso contrario possono verificarsi perdite.
• Per il montaggio procedere in ordine inverso.
- 73 -
MANUTENZIONE
10.8
Controllo della pressione all'entrata del vaso
di espansione
• Misurare la pressione all'entrata del vaso di espansione presso il bocchettone di controllo dell'apparecchio,
quando l'apparecchio è senza pressione.
• Se la pressione è inferiore a 0,75 bar, aggiungere aria
al vaso di espansione secondo l'altezza statica dell'impianto di riscaldamento.
• Se dal bocchettone di controllo del vaso di espansione
esce acqua, sostituire il vaso.
Controllo della pressione di allacciamento
(pressione dinamica del gas)
Per il controllo della pressione di allacciamento procedere come descritto al capitolo 8.2.2.
• Registrare nell'apposito protocollo tutti gli interventi
di ispezione e manutenzione effettuati.
11
h Nota
Se si desidera rivolgersi al servizio clienti della
Hermann o al concessionario di manutenzione,
si prega di citare se possibile il codice di errore
visualizzato (F.xx) e lo stato dell'apparecchio
(S.xx).
10.9
Controllo del tenore di CO2 (non imprescindibile)
Per controllare il tenore di CO2, procedere come descritto al cap. 8.2.3.
10.10
10.11 Funzionamento di prova
Al termine dei lavori di manutenzione devono essere effettuati i seguenti controlli.
• Mettere in servizio l'apparecchio come descritto nelle
istruzioni per l’uso.
Risoluzione dei problemi
11.1
Diagnosi
11.1.1 Codici di stato
I codici di stato visualizzati sul display forniscono informazioni sullo stato di esercizio attuale dell'apparecchio.
Richiamare la visualizzazione dei codici di stato nel
modo seguente:
Fig. 11.1 Visualizzazione sul display dei codici di stato
• Premere il tasto "i".
Sul display compare il codice di stato, ad es. "S. 4" per
"Funzionamento bruciatore riscaldamento”.
Fig. 10.10 Controllo della tenuta
Terminare la visualizzazione dei codici di stato nel modo
seguente:
• Premere il tasto “i
oppure
• Non azionare nessun tasto per circa 4 minuti.
A seconda dell'impostazione, sul display compare nuovamente la temperatura di mandata attuale o la pressione di riempimento attuale dell'impianto di riscaldamento.
• Controllare la tenuta dell'apparecchio sul lato gas e
sul lato acqua.
• Controllare la tenuta e il fissaggio dell'impianto aria/
fumi.
• Controllare l’accensione e che la fiamma del bruciatore sia costante.
• Controllare il funzionamento del riscaldamento
(vedere cap. 8.3.1) e della produzione di acqua calda
(vedere cap. 8.3.2).
- 74 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
IndicaSignificato
zione
Riscaldamento
S. 0
Riscaldamento, nessun fabbisogno termico
S. 1
Riscaldamento, avviamento ventola
S. 2
Riscaldamento, mandata pompa
S. 3
Riscaldamento, accensione
S. 4
Riscaldamento, bruciatore acceso
S. 5
Riscaldamento, inerzia pompa/ventola
S. 6
Riscaldamento, inerzia ventola
S. 7
Riscaldamento, inerzia pompa
S. 8
Riscaldamento, tempo di blocco residuo xx minuti
Funzionamento acqua calda
S.20
Acqua calda richiesta
S.21
Funzionamento con acqua calda, avviamento ventola
S.22
Funzionamento con acqua calda, mandata pompa
S.23
Funzionamento con acqua calda, accensione
S.24
Funzionamento con acqua calda, bruciatore acceso
S.25
Funzionamento con acqua calda, inerzia pompa/ventola
S.26
Funzionamento con acqua calda, inerzia ventola
S.27
Funzionamento con acqua calda, inerzia pompa
S.28
Acqua calda, tempo di blocco del bruciatore
altro
S.30
S.31
S.32
S.34
S.36
Il termostato ambientale blocca il riscaldamento
(morsetti 3-4 aperti)
Funzionamento estivo attivo o assenza di richiesta di
calore dalla centralina eBUS
Protezione antigelo dello scambiatore termico attiva
perché la variazione del numero di giri della ventola è
troppo grande. L'apparecchio si trova entro il tempo di
attesa della funzione di blocco del funzionamento
Funzionamento antigelo attivo
S.39
Il valore nominale predefinito del regolatore continuo
7-8-9 o della centralina eBUS è < 20° C e blocca la modalità di riscaldamento
Il termostato a contatto ha reagito
S.41
Pressione dell'acqua > 2,8 bar
S.42
Il riscontro della valvola fumi blocca il funzionamento del
bruciatore (solo in combinazione con accessorio) o la
pompa della condensa è guasta, la richiesta di calore
viene bloccata
L'apparecchio si trova entro il tempo di attesa del blocco
modulazione/ della funzione di blocco del funzionamento
a causa della scarsità d'acqua (espansione mandataritorno troppo grande)
L'apparecchio si trova entro il tempo di attesa della
funzione di blocco del funzionamento a causa della scarsità d'acqua (gradiente di temperatura)
Tempo di attesa: Quantità minima di acqua circolante
non raggiunta
Segnalazione di servizio "Controllare quantità di acqua
circolante"
È in corso il test della sonda di ritorno, le richieste di
riscaldamento sono bloccate
È in corso il test del sensore di pressione dell'acqua,
le richieste di calore sono bloccate
È in corso il test della sonda di mandata/ritorno,
le richieste di calore sono bloccate
S.53
S.54
S.59
S.85
S.96
S.97
S.98
11.1.2 Codici di diagnosi
Nella modalità di diagnosi è possibile modificare determinati parametri o visualizzare ulteriori informazioni.
Le informazioni di diagnosi sono suddivise in due livelli
di diagnosi. Al 2° livello di diagnostica si ha accesso solo
inserendo una password.
Attenzione!
a L'accesso
al 2° livello di diagnostica è possibile
solo al tecnico specializzato.
1º livello di diagnostica
• Premere contemporaneamente i tasti “i” e “+”
Sul display appare "d. 0".
• Sfogliare con i tasti "+" o "–" per raggiungere il numero di diagnosi desiderato del 1° livello di diagnostica
(vedere tab. 9.2).
• Premere il tasto "i".
Sul display appare l’informazione di diagnosi corrispondente.
• Se necessario, modificare il valore servendosi dei tasti
"+" o "–" (l'indicazione lampeggia).
• Memorizzare il nuovo valore impostato premendo per
circa 5 secondi il tasto "i" finché l'indicazione smette
di lampeggiare.
Abbandonare la modalità di diagnosi nel modo
seguente:
• Premere contemporaneamente i tasti "i" e "+" oppure
• Non azionare nessun tasto per circa 4 minuti.
A seconda dell'impostazione, sul display compare nuovamente la temperatura di mandata attuale o la pressione di riempimento attuale dell'impianto di riscaldamento.
Tab. 11.1 Codici di stato
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 75 -
MANUTENZIONE
Indicazione
d. 0
Significato
Valori visualizzati/valori regolabili
Carico parziale riscaldamento
d.1
Carico parziale riscaldamento regolabile in kW (impostazione di fabbrica: circa il 70% della potenza max.)
2 - 60 minuti (impostazione di fabbrica: 5)
Tempo di inerzia della pompa per modalità di riscaldamento
Tempo di blocco max. riscaldamento a una temperatura 2 - 60 minuti (impostazione di fabbrica: 20)
di mandata di 20 °C
Valore misurato della sonda del bollitore
in °C
d. 2
d. 4
d. 5
d. 7
Valore nominale temperatura di mandata (o valore nominale temperatura di ritorno)
Valore nominale della temperatura dell’acqua calda
in °C, max. del valore impostato in d.71 limitato da una centralina
eBUS, se collegata
da 40 a 65° C (temperatura max. regolabile in d.20)
d. 8
Termostato ambiente sui morsetti 3-4
d. 9
Temperatura nominale di mandata nei morsetti 7-8-9
d.10
Stato pompa interna
0 = termostato ambiente aperto (nessuna richiesta di calore)
1 = termostato ambiente chiuso (richiesta di calore)
in °C, minimo dal valore nominale eBUS esterno e valore nominale
morsetto 7
1 = on, 0 = off
d.11
Stato pompa riscaldamento esterna
da 1 a 100 = on, 0 = off
d.12
Stato pompa di carica del bollitore
da 1 a 100 = on, 0 = off
d.13
Stato pompa di ricircolo dell'acqua calda
da 1 a 100 = on, 0 = off
d.15
Valore reale numero di giri pompa
Valore reale pompa interna in %
d.22
d.24
Richiesta acqua calda tramite C1/C2, regolazione interna 1 = on, 0 = off
acqua calda
Modalità estiva/invernale (riscaldamento on/off)
1 = riscaldamento on, 0 = riscaldamento off (funzionamento
estivo)
non rilevante
non rilevante
d.25
Produzione di acqua calda sbloccata da centralina eBUS 1 = sì, 0 = no
d.29
Valore effettivo quantità acqua circolante del sensore di Valore effettivo in m3/h
flusso
Segnale di comando per valvola del gas
1 = on, 0 = off
d.23
d.30
d.33
Valore nominale numero di giri della ventola
d.34
Valore effettivo numero di giri della ventola
in giri/min/10
d.35
non rilevante
non rilevante
d.40
Temperatura di mandata
Valore reale in °C
d.41
Temperatura di ritorno
Valore reale in °C
d.44
Tensione di ionizzazione digitalizzata
d.47
d.90
Temperatura esterna (con centralina azionata in base
alle condizioni atmosferiche)
Variante di apparecchio (indicazione) (Device specific
number)
Stato centralina digitale
Campo di indicazione da 0 a 102, > 80 nessuna fiamma, < 40 fiamma
buona
Valore reale in °C
d.91
Stato DCF a sonda esterna collegata
0 = nessuna ricezione, 1 = ricezione, 2 = sincronizzato, 3 = valido
d.97
Attivazione del 2° livello di diagnostica
Codice: 17 per il 2º livello
d.76
in giri/min/10
49 = F AS 35
51 = F AS 45
1 = riconosciuto, 0 = non riconosciuto (indirizzo eBUS <=10)
Tab. 11.2 Codici diagnosi del 1° livello di diagnostica
2° livello di diagnostica
• Sfogliare come descritto precedentemente nel 1° livello di diagnostica per raggiungere il numero di diagnosi
"d.97".
• Modificare il valore visualizzato in "17" (password) e
memorizzare il valore.
Ora si è entrati nel 2° livello di diagnostica, in cui sono
visualizzate tutte le informazioni del 1° livello di diagnostica (vedere tab. 11.2) e del 2° livello di diagnostica
(vedere tab. 11.3).
- 76 -
A questo punto, analogamente a quanto avviene nel 1º
livello di diagnostica, è possibile sfogliare i valori e modificarli, nonché uscire dalla modalità di diagnostica.
h Nota
Se entro 4 minuti dopo l'uscita dal 2° livello di
diagnostica si premono i tasti "i" e "+", si giunge di nuovo direttamente al 2° livello di diagnostica.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
Indicazione
d.14
Significato
Valori visualizzati/valori regolabili
Valore nominale numero di giri pompa
d.17
Valore nominale pompa interna in %. Impostazioni possibili:
0 = auto
1 = 53
2 = 60
3 = 70
4 = 85
5 = 100 (regolazione di fabbrica)
Commutazione regolazione mandata/ritorno riscaldamento 0 = mandata, 1 = ritorno (regolazione di fabbrica: 0)
d.18
Impostazione della modalità di funzionamento della pompa
d.20
0 = a inerzia
1 = continua
2 = inverno
3 = intermittente (regolazione di fabbrica)
Valore di regolazione max. per valore nominale del bollitore da 40° C a 70° C (regolazione di fabbrica: 65° C)
d.26
Azionamento relè supplementare
d.27
Commutazione del relè 1 sul modulo multifunzione "2 di 7"
d.28
Commutazione del relè 2 sul modulo multifunzione "2 di 7"
d.50
Offset per numero di giri minimo
d.51
Offset per numero di giri massimo
d.60
d.61
Numero di spegnimenti determinati dal limitatore
di temperatura
Numero di guasti del dispositivo automatico di combustione numero di accensioni fallite durante l’ultimo tentativo
d.64
Tempo medio di accensione
in secondi
d.65
Tempo di accensione massimo
in secondi
d.67
Tempo di blocco bruciatore rimanente
in minuti
d.68
Accensioni fallite durante il 1° tentativo
numero
d.69
Accensioni fallite durante il 2° tentativo
numero
d.70
non rilevante
non rilevante
d.71
Valore nominale della temperatura di mandata max. del riscaldamento
Campo di impostazione in °C: da 40 a 85
(impostazione di fabbrica: 75)
1 = pompa di ricircolo
2 = pompa est. (regolazione di fabbrica)
3 = pompa di carica
4 = cappa aspirante
5 = pompa est.
6 = pompa est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
1 = pompa di ricircolo (regolazione di fabbrica)
2 = pompa est.
3 = pompa di carica
4 = cappa aspirante
5 = valvola elettromagnetica est.
6 = segnalazione di guasto est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
1 = pompa di ricircolo
2 = pompa est. carica (regolazione di fabbrica)
3 = pompa di
4 = cappa aspirante
5 = pompa est.
6 = pompa est.
7 = non attivo
8 = telecomando eBUS (non ancora disponibile)
9 = pompa antilegionella (non attivo)
in giri/min/10, campo di regolazione:
da 0 a 300 (regolazione di fabbrica 30)
in giri/min/10, campo di regolazione:
da -99 a 0 (regolazione di fabbrica -45)
numero
Tab. 11.3 Codici di diagnostica del 2º livello di diagnostica
(cont. pagina seguente)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 77 -
MANUTENZIONE
Indicazione
d.72
d.75
d.77
d.78
Significato
Valori visualizzati/valori regolabili
Tempo di ritardo della pompa dopo il caricamento del
bollitore
Tempo di carica max. del bollitore ad accumulo senza
regolazione propria
Limitazione della potenza di carico boiler in kW
Campo di impostazione in sec.: da 0, 10, 20 a 600
(regolazione di fabbrica: 80 sec.)
Campo di impostazione in min: 20 - 90 (regolazione di fabbrica: 45
min)
Einstellbereich in kW: abhängig vom Heizgerät
(Werkseinstellung: max. Leistung)
55 - 85 °C (regolazione di fabbrica: 80° C)
d.80
Limitazione della temperatura di carica del bollitore in
°C
Ore di esercizio riscaldamento
d.81
Ore di esercizio produzione acqua calda
in ore1)
d.82
Cicli di commutazione nella modalità di riscaldamento
Numero/1001) (3 corrisponde a 300)
d.83
Cicli di commutazione funzionamento con acqua calda
Numero/1001) (3 corrisponde a 300)
d.84
d.93
Indicazione di manutenzione: numero di ore fino alla
manutenzione successiva
Impostazione versione dell'apparecchio DNS
Campo di regolazione: da 0 a 3000 ore e "-" per disattivato
Regolazione di fabbrica: “-” (300 corrisponde a 3000 h)
Campo di regolazione: da 0 a 99
d.96
Impostazione di fabbrica
1 = ripristino dei parametri impostabili ai valori di fabbrica
in ore1)
1) Nei codici di diagnosi da 80 a 83 vengono memorizzati valori numerici a 5 cifre. Ad esempio, se si seleziona d.80 vengono mostrate
solo le prime due cifre del valore numerico (per es. 10). Premendo "i", l'indicazione passa alle ultime tre cifre (per es. 947). In questo
esempio, il numero di ore d'esercizio del riscaldamento è pari a 10947. Premendo ancora "i" ritorna al punto di diagnosi aperto.
Tab. 11.3 Codici diagnosi del 2° livello di diagnostica (cont.)
11.1.3
Codici d’errore
a Attenzione!
Gli errori descritti nel presente capitolo devono
essere risolti da un tecnico qualificato e se necessario dal servizio post-vendita.
Se intervengono delle anomalie, i codici di errore che
appaiono sul display si sostituiscono a tutte le altre indicazioni. Gli errori vengono indicati sul display con "F ...",
ad esempio "F.10" (vedere tab. 11.4).
Se insorgono più anomalie contemporaneamente, i codici di errore corrispondenti sono indicati in alternanza
ogni due secondi circa.
Una volta eliminato l'errore, premere il tasto di eliminazione del guasto per rimettere in funzione l'apparecchio.
Qualora non fosse possibile eliminare l'errore, che continua a verificarsi anche dopo diversi tentativi di eliminazione del guasto, rivolgersi al servizio clienti.
- 78 -
11.1.4 Memoria degli errori
Nella memoria degli errori dell'apparecchio vengono
memorizzati gli ultimi dieci errori intervenuti.
• Premere contemporaneamente i tasti “i” e “-”.
• Sfogliare indietro nella memoria con il tasto “+”.
Terminare la visualizzazione della memoria errori nel
modo seguente:
• Premere il tasto “i”
oppure
• Non azionare nessun tasto per circa 4 minuti.
A seconda dell'impostazione, sul display compare nuovamente la temperatura di mandata attuale o la pressione di riempimento attuale dell'impianto di riscaldamento.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
Codice
F. 0
F. 1
Significato
Interruzione sensore della temperatura di
mandata
Causa
Il connettore del termistore NTC non è bene inserito, connettore multiplo
non inserito correttamente nel sistema elettronico, interruzione nel fascio
cavi, cavo difettoso, NTC difettoso
Interruzione sensore della temperatura di ritorno Il connettore del termistore NTC non è bene inserito, connettore multiplo
non inserito correttamente nel sistema elettronico, interruzione nel fascio
cavi, cavo difettoso, NTC difettoso
F.10
F.11
Corto circuito sonda mandata
Corto circuito sonda ritorno
Scarica a massa/corto circuito nel fascio cavi, NTC difettoso
Scarica a massa/corto circuito nel fascio cavi, NTC difettoso
F.13
Corto circuito sonda boiler
F.20
Spegnimento di sicurezza limitatore di temperatura
F.22
Spegnimento di sicurezza scarsezza d'acqua
Scarica a massa/corto circuito nel fascio cavi, umidità nel connettore,
NTC difettoso
Collegamento di massa dal fascio cavi all'apparecchio non corretto, NTC
di mandata o di ritorno difettoso (contatto lasco), scarica attraverso il
cavo di accensione, il connettore di accensione o l'elettrodo di accensione
Acqua scarsa o assente nell'apparecchio, cavo verso pompa, sensore
della pressione dell'acqua o della portata in volume lasco/difettoso,
pompa bloccata o difettosa, potenza della pompa insufficiente, freno a
gravità bloccato/mal montato, mancato raggiungimento della quantità
minima di acqua circolante, sensore di flusso difettoso
F.23
Spegnimento di sicurezza: Differenza di tempera- La pompa si blocca, potenza minima della pompa, aria nell'apparecchio,
tura tra mandata e ritorno troppo elevata
pressione dell’impianto troppo bassa, NTC di mandata e di ritorno scambiati
Spegnimento di sicurezza: aumento di temperatu- La pompa si blocca, potenza minima della pompa, aria nell'apparecchio,
ra troppo rapido
pressione dell’impianto troppo bassa, freno a gravità bloccato/mal montato, NTC di mandata e di ritorno scambiati
F.24
F.25
Spegnimento di sicurezza: Temperatura dei fumi
troppo elevata
Allacciamento a spina opzione limitatore di temperatura fumi di sicurezza
(STB) interrotto, interruzione nel fascio cavi
F.27
Spegnimento di sicurezza: Finta fiamma
Umidità nel sistema elettronico, sistema elettronico (indicatore di combustione) difettoso, valvola elettromagnetica del gas non a tenuta
F.28
Errore all'avvio: accensione fallita
F.29
Errore durante il funzionamento: riaccensione
fallita
Contatore del gas difettoso, il pressostato del gas è scattato, aria nel gas,
pressione dinamica del gas troppo bassa,
è scattato il dispositivo di intercettazione termico (TIT), percorso della
condensa intasato, guarnizione del gas erronea, errore nel valvolame del
gas, connettore multiplo non inserito correttamente nel sistema elettronico, interruzione nel fascio cavi, impianto di accensione (trasformatore,
cavo di accensione, connettore di accensione, elettrodo di accensione) difettoso, interruzione del flusso di ionizzazione (cavo, elettrodo), collegamento a massa dell'apparecchio erroneo, sistema elettronico difettoso
Alimentazione di gas temporalmente interrotta, ricircolo fumi, percorso
della condensa intasato, collegamento a massa dell'apparecchio erroneo
F.32
Errore ventola
F.49
F.61
F.62
F.63
F.64
F.65
Connettore non correttamente inserito nella ventola, connettore multiplo
non inserito correttamente nel sistema elettronico, connettore multiplo
non inserito correttamente nel sistema elettronico, ventola bloccata, sensore ad effetto Hall guasto, sistema elettronico difettoso
Errore eBUS
Corto circuito su eBUS, sovraccarico su eBUS oppure due alimentazioni di
tensione su eBUS con differente polarità
Errore azionamento valvola del combustibile
- Cortocircuito/scarica a massa nel fascio cavi verso il valvolame del gas
- Valvolame del gas difettoso (scarica a massa delle bobine)
- Sistema elettronico difettoso
Errore ritardo di spegnimento valvola del combu- - Disinserimento ritardato del valvolame del gas
stibile
- Scomparsa ritardata del segnale di fiamma
- Valvolame del gas non a tenuta
- Sistema elettronico difettoso
Errore EEPROM
Sistema elettronico guasto
Errore sistema elettronico/sonda
Corto circuito NTC mandata o ritorno, sistema elettronico guasto - Ricircolo
Errore temperatura sistema elettronico
Sistema elettronico troppo caldo a causa di influenze esterne,
sistema elettronico guasto
F.67
F.70
Errore sistema elettronico/fiamma
Codifica apparecchio non valida
F.71
Errore sensore di mandata
F.72
Errore del sensore di mandata e/o sensore di ritorno
Segnale di fiamma non plausibile, sistema elettronico guasto
Caso di pezzo di ricambio: sostituzione contemporanea di display e sistema elettronico senza nuova impostazione della variante di apparecchio
Il sensore di mandata segnala un valore costante -> NTC di mandata difettoso
Differenza di temperatura NTC mandata/ritorno troppo grande -> sensore
di mandata e/o sensore di ritorno guasto
Tab. 11.4 Codici d'errore (cont. pagina seguente)
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 79 -
MANUTENZIONE
Codice
F.73
Significato
Errore sensore pressione acqua
Causa
Interruzione/cortocircuito del sensore pressione acqua, interruzione/cortocircuito verso GND nella linea di alimentazione del sensore pressione acqua
F.74
Segnale sensore pressione acqua in ambi- La linea verso il sensore di pressione dell'acqua presenta un cortocircuito su 5
to erroneo (troppo alto)
V/24 V o errore interno del sensore di pressione dell'acqua
F.75
Errore pompa scarsezza d'acqua
F.77
Errore sportello fumi/pompa della condensa
con
Nessuna comunicazione con la scheda
elettronica
Sensore di pressione dell'acqua e/o pompa guasti, aria nell'impianto di riscaldamento, troppo poca acqua nell'apparecchio; controllare il bypass regolabile, collegare il vaso di espansione esterno al ritorno
- Pompa per la condensa difettosa
- Collegamento segnale di ritorno sportello fumi (ponticello) del modulo multifunzionale “2 di 7” non disponibile
- Sportello fumi scattato
Errore di comunicazione tra il display e la scheda della scatola elettronica
Tab. 11.4 Codici d'errore (cont.)
11.2
Programmi di prova
Con l'attivazione di diversi programmi di prova è possibile attivare alcune funzioni speciali degli apparecchi.
Questi sono consultabili dettagliatamente nella tab. 11.5.
• Avviare i programmi di prova da P.0 a P.6:
- inserendo l’interruttore generale e tenendo premuto
contemporaneamente per 5 sec. il tasto “+” oppure
- tenendo premuti contemporaneamente il tasto di
sblocco e il tasto “+”, rilasciando quindi il tasto di
sblocco e tenendo premuto per 5 sec. il tasto “+”.
Sul display appare l’indicazione P.0.
• Premendo il tasto “+” viene aumentato il numero del
programma di prova.
• Premere ora il tasto “i” per avviare l'apparecchio e il
programma di prova.
• I programmi di prova possono essere terminati premendo contemporaneamente i tasti "i" e "+". I programmi di prova vengono terminati anche quando non
viene attivato alcun tasto per 15 minuti.
Indicazione
P. 0 1)
P.1
P.2
P.5
P.6
Significato
Programma di prova sfiato:
Il circuito di riscaldamento e il circuito dell’acqua calda
vengono sfiatati mediante la valvola automatica di
sfiato (il coperchio della valvola automatica di sfiato
deve essere allentato).
1 x tasto "i": avvio sfiato circuito di riscaldamento (indicazione sul display: HP)
2 x tasto "i": avvio sfiato circuito di carica del bollitore
(indicazione sul display: SP)
3 x tasto "i": uscita dal programma di sfiato
La pompa di riscaldamento viene azionata ritmicamente. Nota: il programma di sfiato dura circa 6,5 min.
Programma di prova carico max:
Dopo l'accensione e la calibratura, l'apparecchio viene
fatto funzionare a pieno carico.
Programma di prova carico min:
Dopo l'accensione e la calibratura, l'apparecchio viene
fatto funzionare a carico ridotto.
Programma di prova LTS (limitatore di temperatura di
sicurezza):
Il bruciatore viene acceso alla massima potenza e la
regolazione della temperatura viene spenta, in modo
che l'apparecchio riscalda fino a raggiungere la temperatura di spegnimento del limitatore di temperatura di
sicurezza, pari a 97° C, evitando il disinserimento del
regolatore.
Programma di prova posizione centrale VUV:
(non attivo)
Tab. 11.5 Programmi di prova
1)
Sfiato del circuito dell'apparecchio:
Azionamento della pompa di riscaldamento per 15 cicli: 15 sec.
on, 10 sec. off. Indicazione display: HP o SP.
11.3
Ripristino dei parametri alle impostazioni di
fabbrica
È possibile sia ripristinare manualmente i valori di fabbrica di singoli parametri, riportati nelle tabelle 11.2 e
11.3, sia ripristinarli tutti contemporaneamente.
• Nel 2° livello di diagnostica, al punto di diagnosi
"d.96", portare il valore a 1 (vedere capitolo 11.1.2).
I parametri di tutti i punti di diagnosi regolabili corrispondono ora alle impostazioni di fabbrica.
- 80 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
12 Sostituzione di componenti
12.2
I lavori descritti nel presente capitolo devono essere
eseguiti esclusivamente da tecnici abilitati e qualificati.
• Per le riparazioni impiegare unicamente pezzi di ricambio originali Hermann.
• Accertarsi che i pezzi siano montati correttamente e
che la loro posizione e il loro orientamento originali
siano mantenuti.
Pericolo!
d Prima
di sostituire questo componente osser-
12.1
d
Sostituzione del bruciatore
vare le indicazioni per la sicurezza riportate al
capitolo 12.1.
• Smontare il modulo termico compatto come descritto
al cap. 10.4.1.
Avvertenze per la sicurezza
1
Pericolo!
Per la vostra sicurezza e per evitare danni
all'apparecchio, osservare le seguenti istruzioni
di sicurezza ogni volta che si sostituiscono
delle parti costruttive.
• Spegnere l'apparecchio.
e Pericolo!
Pericolo di morte per scarica elettrica!
Separare l'apparecchio dalla rete elettrica e privarlo dell'alimentazione di tensione collegando
un dispositivo di sezionamento con una distanza di apertura dei contatti di almeno 3 mm (per
es. fusibili o interruttori di potenza).
• Chiudere il rubinetto di intercettazione del gas e i rubinetti di manutenzione della mandata e del ritorno riscaldamento.
• Chiudere il rubinetto di manutenzione del tubo di alimentazione dell'acqua fredda.
• Svuotare l'apparecchio se si vogliono sostituire parti
dell'apparecchio che conducono acqua.
• Assicurarsi che non goccioli acqua su parti che conducono corrente (per es. scatola elettronica).
• Utilizzare solo guarnizioni e guarnizioni circolari
nuove.
• Al termine dei lavori, verificare la tenuta al gas e il
funzionamento (vedere cap. 10.11).
Fig. 12.1 Sostituzione del bruciatore
• Svitare le 4 viti (1) del bruciatore ed estrarre il bruciatore.
• Montare il nuovo bruciatore con una nuova guarnizione. Prestare attenzione che la linguetta sulla finestra
del bruciatore a livello della guarnizione si inserisca
nei relativi incavi.
• Rimontare il modulo termico compatto come descritto
al cap. 10.4.5.
• Al termine dei lavori, verificare la tenuta al gas e il
funzionamento (vedere cap. 10.11).
12.3
Sostituzione del ventilatore o della valvola
del gas
Pericolo!
d Prima
di sostituire questo componente osservare le indicazioni per la sicurezza riportate al
capitolo 12.1.
• Staccare l'apparecchio dalla rete elettrica come descritto al paragrafo 12.1 e chiudere il rubinetto di intercettazione del gas.
• Rimuovere il tubo di aspirazione dell’aria (1, fig. 10.1).
• Staccare il condotto del gas dalla valvola del gas (6,
fig. 12.3).
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 81 -
MANUTENZIONE
12.4
Sostituzione dello scambiatore termico a condensazione integrale
d Pericolo!
Prima di sostituire questo componente osser1
2
4
3
vare le indicazioni per la sicurezza riportate al
capitolo 12.1.
• Staccare l'apparecchio dalla rete elettrica come descritto al capitolo 12.1 e chiudere il rubinetto di intercettazione del gas.
• Chiudere i rubinetti di manutenzione della mandata e
del ritorno riscaldamento e svuotare l'apparecchio.
• Smontare il modulo termico compatto come descritto
al cap. 10.4.1.
1
2
Fig. 12.2 Smontaggio del ventilatore con la valvola del gas
• Staccare il connettore (4) dalla valvola del gas.
• Estrarre il connettore (2) dal ventilatore.
• Allentare le quattro viti (3) sul modulo termico compatto (1).
• Rimuovere l’intera unità valvola del gas/ventilatore.
3
5
4
6
Fig. 12.3 Raccordo filettato valvola del gas/ventilatore
• Allentare entrambe le viti di fissaggio (5) sulla valvola
del gas e smontare il ventilatore dalla valvola del gas.
• Sostituire il componente difettoso.
a Attenzione!
Posizionare la valvola del gas e il ventilatore
nella stessa posizione che avevano precedentemente. Impiegare una nuova guarnizione!
• Avvitare il ventilatore con la valvola del gas. Impiegare
le nuove guarnizioni.
• Rimontare l’intera unità valvola gas/ventilatore in sequenza inversa.
• Al termine dei lavori eseguire un controllo della tenuta
del gas e una prova di funzionamento (vedi capitolo
10.11).
- 82 -
5
Fig. 12.4 Sostituzione dello scambiatore termico a condensazione integrale
• Estrarre le graffe (4) del sifone della condensa (5).
• Staccare i raccordi a vite del sifone della condensa e
staccarlo dallo scambiatore termico a condensazione
integrale.
• Staccare il raccordo di mandata (2) e quello di ritorno
(1) dello scambiatore termico a condensazione integrale.
• Allentare il dado di plastica bianco tra il sifone e lo
scambiatore termico a condensazione integrale.
• Allentare le tre viti (3) dello scambiatore termico a
condensazione integrale ed estrarlo dall'apparecchio.
• Staccare i due elementi di raccordo di ottone (nelle
posizioni 1 e 2) dal vecchio scambiatore termico a
condensazione integrale e avvitarli al nuovo. Usare
guarnizioni nuove.
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
• Montare il nuovo scambiatore termico a condensazione integrale in sequenza inversa e sostituire le guarnizioni.
• Dopo il montaggio del nuovo scambiatore termico a
condensazione integrale, riempire e sfiatare l'apparecchio ed eventualmente anche l'impianto.
• Al termine dei lavori, verificare la tenuta al gas e all'acqua e il funzionamento (vedere cap. 10.11).
12.5
Sostituzione del sistema elettronico e del
display
d Pericolo!
Prima di sostituire questo componente osser-
13
Parti di ricambio
Per garantire una durata sicura del prodotto, è necessario usare parti di ricambio originali del produttore.
Attenzione!
a Questo
apparecchio riporta il contrassegno di
conformità CE. Usare solo ricambi originali
nuovi del produttore.
• Verificare che le parti di ricambio siano montate in posizione e direzione corretta. Dopo la sostituzione delle
parti o la manutenzione, è necessario controllare il
funzionamento sicuro dell’apparecchio.
vare le indicazioni per la sicurezza riportate al
capitolo 12.1.
14 Dichiarazione di conformità
e
Pericolo!
Pericolo di morte per scarica elettrica!
Separare l'apparecchio dalla rete elettrica e privarlo dell'alimentazione di tensione collegando
un dispositivo di sezionamento con una distanza di apertura dei contatti di almeno 3 mm (per
es. fusibili o interruttori di potenza).
• Osservare le istruzioni per il montaggio e l’installazione allegate ai pezzi di ricambio.
Sostituzione del display o del sistema elettronico
Quando viene sostituito uno dei due componenti, la regolazione dei parametri funziona automaticamente. All’accensione dell'apparecchio, il nuovo componente acquisisce i parametri precedentemente impostati dal
componente non sostituito.
Sostituzione contemporanea del display e del sistema elettronico
Quando vengono sostituiti contemporaneamente entrambi i componenti (caso pezzo di ricambio), all’accensione l'apparecchio presenta un disturbo e segnala l’errore “F.70”.
• Nel secondo livello di diagnostica, nel punto di diagnosi "d.93" immettere il numero della variante di apparecchio secondo la tab. 12.1 (vedere cap. 11.1.2).
Le caldaie Hermann hanno ottenuto la certificazione CE
(DM 2 Aprile 1998 regolamento di attuazione art. 32
Legge 10/91) e sono conformi alle seguenti Direttive e
successivi aggiornamenti: Direttiva Gas 90/396; Direttiva Compatibilità Elettromagnetica CE 89/336; Direttiva
Rendimenti CE 92/42; Direttiva Bassa Tensione CE
73/23; rispondono ai requisiti di rendimento minimo a
carico nominale ed al 30 % del carico previsti dal DPR
412/93 (regolamento di attuazione Legge 10/91, art. 4,
comma 4) e successive modifiche.
Certificato CE
Il certificato CE della caldaia è scaricabile, in formato
PDF a colori, dal sito internet di Hermann.
Visitate www.hermann.it.
15 Registrazione degli intervalli di manutenzione
Per gli impianti di riscaldamento di potenza nominale
del focolare superiore o uguale a 35 kW, le operazioni di
manutenzione devono essere riportate nel rapporto di
controllo e manutenzione che deve essere conforme al
modello di cui all’allegato F del D.Lgs. 192/05 e successive modifiche. Inoltre tale rapporto deve essere menzionato indicandone gli estremi negli appositi riquadri sul libretto di Centrale previsto dal D.M. 17-03-03.
Il sistema elettronico è ora impostato sul tipo di apparecchio e i parametri di tutti i punti di diagnosi regolabili
corrispondono alle impostazioni di fabbrica. A questo
punto è possibile procedere alle regolazioni specifiche
dell'impianto.
Apparecchio
Numero della variante
di apparecchio (DSN)
THESI R CONDENSING 45 A
51
Tab. 12.1 Numeri delle varianti di apparecchio
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 83 -
MANUTENZIONE
16 Riciclaggio e smaltimento
Sia il riscaldatore a gas da parete che l'imballo per il trasporto sono costituiti principalmente da materiali riciclabili.
16.1
Apparecchio
Il riscaldatore a gas da parete e i suoi accessori devono
essere smaltiti adeguatamente. Provvedere a smaltire
l'apparecchio vecchio e gli accessori differenziandoli
opportunamente.
16.2
Imballo
Delegare lo smaltimento dell’imballo usato per il trasporto dell’apparecchio all’azienda qualificata, responsabile dell’installazione dell’apparecchio.
h Nota
Osservare le norme nazionali vigenti.
- 84 -
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
MANUTENZIONE
17
Dati tecnici
THESI R CONDENSING
45 A
Campo di potenza calorifica nominale P a 40/30 °C
Campo di potenza calorifica nominale P a 50 / 30 °C
Campo di potenza calorifica nominale P a 60 / 40 °C
Campo di potenza calorifica nominale P a 80 / 60 °C
Massimo affaticamento termico Q in modalità di riscaldamento
Minimo affaticamento termico
Riscaldamento
Temperatura max. mandata ca.
Campo di regolazione temperatura di mandata max.
(impostazione di fabbrica: 75 °C)
Sovrapressione complessiva ammessa
Portata acqua di ricircolo (riferita a T = 20 K)
Quantità di condensa (pH approssimativo: 3,7
con riscaldamento 40 °C mandata / 30 °C ritorno
Caricamento bollitore
Massimo affaticamento termico Q con carica del bollitore
Potenza di carica del bollitore Pw
In generale
Raccordo del gas
Raccordo riscaldamento
Filettatura interna
Filettatura esterna
Raccordo aria/fumi
Pressione di allacciamento (pressione dinamica del gas) metano, G20
Pressione di allacciamento (pressione dinamica del gas) propano, G31
Valore di allacciamento a 15 °C e 1013 mbar
Portata massima fumi min./max.
Temperatura fumi min./max.
Omologazione raccordo fumi
Differenza di pressione ammessa nel tubo fumi per tipo d’installazione
B23p come impiego semplice max.
Differenza di pressione ammessa nel tubo fumi per tipo d’installazione
B23p come funzionamento a cascata max.
Rendimento al 30%
Classe NOx
Dimensioni apparecchio (A x L x P)
Peso di montaggio circa
Collegamento elettrico
Fusibile integrato
Potenza elettrica assorbita 30 %/max.
Tipo di protezione
Marchio di controllo/n. di registrazione
G20
G31
Unità di
misura
13,3 – 47,7
12,9 – 46,4
12,5 – 45,0
12,3 – 44,1
45,0
12,5
kW
kW
kW
kW
kW
kW
90
°C
40-85
°C
3,0
1896
bar
l/h
4,5
l/h
come riscaldamento
come riscaldamento
kW
kW
1
1
1,5
80/125
20
37
4,8
3,5
5,7/20,0
38/73
C13, C33, C43, C53, B23, B23P, B33
Pollici
Pollici
Pollici
mm
mbar
mbar
m3/h
kg/h
g/s
°C
125
Pa
50
Pa
107
5
800 x 480 x 440
46
230/50
2 A, ritardato
82/131
IP X4 D
CE-0085BU0012
%
mm
kg
V / Hz
W
Tab. 17.1 Dati tecnici
0020214579_00 - 04/15 - Hermann
- 85 -
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement