FABBRICATORE ELETTRONICO MODULARE DI GHIACCIO IN

FABBRICATORE ELETTRONICO MODULARE DI GHIACCIO IN
Pagina 1
Pagina 1
MANUALE DI SERVIZIO
MC 15
MC 45
VERSIONE R 404 A
Fabbricatori elettronici
modulari di ghiaccio
a cubetti
090088.08 REV. 09/2001
Pagina 2
INDICE
Pagina 2
Indice
Specifiche tecniche MC 15
Specifiche tecniche MC 45
pagina
2
3
5
INFORMAZIONI GENERALI ED INSTALLAZIONE
Introduzione
Disimballaggio ed ispezione - Fabbricatore di ghiaccio
Disimballaggio ed ispezione - Contenitore del ghiaccio
Posizionamento e livellamento
Installazione multipla
Installazione multipla mista
Installazione multipla elettronica
Collegamenti elettrici
Alimentazione idraulica e scarico
Controllo finale
Schema di installazione
7
7
7
8
8
8
10
11
11
11
12
ISTRUZIONI DI FUNZIONAMENTO
Avviamento
Controlli durante il funzionamento
13
14
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
Ciclo di congelamento
Ciclo di sbrinamento
Sequenza dei vari comandi
Descrizione dei componenti
18
20
21
22
PROCEDURE PER LA REGOLAZIONE, LA RIMOZIONE E LA
SOSTITUZIONE DEI VARI COMPONENTI
Regolazione della dimensione dei cubetti
Sostituzione del sensore dell’evaporatore
Sostituzione del sensore del condensatore
Sostituzione del sensore ambiente
Sostituzione del controllo ottico di livello ghiaccio
Sostituzione della scheda elettronica
Sostituzione della pompa
Sostituzione della valvola solenoide di ingresso acqua
Rimozione del controllo di flusso
Sostituzione della bobina della valvola gas caldo
Sostituzione della valvola di scarico acqua (opzionale)
Sostituzione del timer elettronico di scarico acqua (opzionale)
Sostituzione del motoventilatore
Sostituzione della barra spruzzante
Sostituzione del filtro deumidificatore
Sostituzione del corpo della valvola gas caldo
Sostituzione della piastra evaporatore
Sostituzione del condensatore di raffreddamento ad aria
Sostituzione del condensatore di raffreddamento ad acqua
Sostituzione della valvola pressostatica (app. raffr. ad acqua)
Sostituzione del compressore
Schema elettrico
Servizio analisi guasti e malfunzionamenti
26
26
26
26
26
26
26
27
27
27
27
27
27
28
28
28
28
29
29
29
30
31
33
ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE E LA PULIZIA
Premessa
Pulizia del fabbricatore di ghiaccio
Istruzioni per la pulizia del circuito idraulico
35
35
36
Pagina 3
Pagina 3
SPECIFICHE TECNICHE
FABBRICATORE ELETTRONICO MODULARE DI
GHIACCIO IN CUBETTI mod. MC 15
Limiti di funzionamento
Temperatura ambiente
Temperatura acqua
Pressione acqua
Variazione rispetto
alla tensione di targa
MIN.
10°C
5°C
1 bar
MAX.
40°C
35°C
5 bar
-10%
+10%
capacità di produzione
MODÈLES REFROIDIS PAR AIR
AIR COOLED MODELS
RAFFREDDAMENTO
AD ARIA
MODÈLES REFROIDIS PAR EAU
RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
Kg.
170
10
21
170
160
150
140
32
130
38
120
110
100
90
80
°C
10
21
32
38
160
150
140
130
120
110
TEMPERATURAAMBIANTE
AMBIENTE
TEMPÉRATURE
180
PRODUZIONE
GHIACCIO
PER
PRODUCTION
DE GLACE
EN24
24ORE
H
°C
TEMPERATURAAMBIANTE
AMBIENTE
TEMPÉRATURE
PRODUCTION
DE GLACE
EN24
24 ORE
H
PRODUZIONE
GHIACCIO
PER
Kg.
180
100
90
80
32
27
21
15
TEMPERATURA ACQUA
TEMPÉRATURE DE L'EAU
10 °C
32
27
21
15
10 °C
TEMPERATURA ACQUA
TEMPÉRATURE DE L'EAU
NOTA. La capacità di produzione giornaliera varia con il variare della temperatura ambiente,
dell’acqua di alimentazione e dello spazio intorno all’apparecchio.
Per mantenere il vostro fabbricatore di ghiaccio SCOTSMAN a cubetti in condizioni di massima
efficienza è necessario eseguire la manutenzione periodica come prescritto a pagina 35 di questo
manuale.
Pagina 4
Pagina 4
SPECIFICHE TECNICHE
SCARICO ACQUA
SCARICO ACQUA - ATTR. VALVOLA
LATO FRONTALE
ENTRATA ACQUA - SOLO RAFFR. ACQUA
SCARICO CUBETTI
SPAZIO MINIMO PER COLLEGAMENTI
SCARICO ACQUA - SOLO RAFFR. ACQUA
ENTRATA ACQUA
CAVO D'ALIMENTAZIONE
ACCESSORI:
KSC 11 - Raccordo scarico ghiaccio
DIMENSIONI :
ALTEZZA
LARGHEZZA
PROFONDITA'
PESO
500 mm.
1073 mm.
534 mm.
70 Kgs.
MC 15 - SPECIFICHE DELL'APPARECCHIO
Modello
MC 15 AS 6B
MC 15 WS 6B
Standard elettrici
230/50/1
220-230/50/1
400/50/3
Raffredd.
Finitura
Compr. HP
Aria
Acqua
Acciaio inox
Acciaio inox
1.5
Amper
5.5
Ass. di avv. Potenza inst.
Amp.
Watt.
32
1250
Cons. acqua - lt/24 HR
300
1700*
Cons. en. elettr.
Kwh per 24 Hr
Nr. cavi
26
3 x 1.5 mm2
5 x 1.5 mm2
Cubetti per ciclo: MCL-15 72 grande - MCM-15 102 medio - MCS 15 198 piccolo
* A 15°C temperatura acqua
Fusibile
20
10
3x
Pagina 5
Pagina 5
SPECIFICHE TECNICHE
FABBRICATORE ELETTRONICO MODULARE DI
GHIACCIO IN CUBETTI mod. MC 45
Limiti di funzionamento
Temperatura ambiente
Temperatura acqua
Pressione acqua
Variazione rispetto
alla tensione di targa
MIN.
10°C
5°C
1 bar
MAX.
40°C
35°C
5 bar
-10%
+10%
capacità di produzione
MODÈLES REFROIDIS PAR AIR
RAFFREDDAMENTO AD ARIA
MODÈLES REFROIDIS
EAU
RAFFREDDAMENTO
ADPAR
ACQUA
°C
300
10
300
10
290
21
290
21
280
32
270
38
280
270
260
32
250
240
230
38
220
210
200
190
PRODUZIONE
GHIACCIO
24HORE
PRODUCTION
DE GLACEPER
EN 24
310
260
250
240
230
220
210
TEMPERATURA
AMBIENTE
TEMPÉRATURE
AMBIANTE
Kg.
°C
TEMPERATURA
AMBIENTE
TEMPÉRATURE
AMBIANTE
PRODUCTION
DE GLACEPER
EN 24
PRODUZIONE
GHIACCIO
24HORE
Kg.
310
200
190
180
32
27
21
15
TEMPERATURA ACQUA
TEMPÉRATURE DE L'EAU
10 °C
180
32
27
21
15
10 °C
TEMPERATURA ACQUA
TEMPÉRATURE DE L'EAU
NOTA. La capacità di produzione giornaliera varia con il variare della temperatura ambiente,
dell’acqua di alimentazione e dello spazio intorno all’apparecchio.
Per mantenere il vostro fabbricatore di ghiaccio SCOTSMAN a cubetti in condizioni di massima
efficienza è necessario eseguire la manutenzione periodica come prescritto a pagina 35 di questo
manuale.
Pagina 6
Pagina 6
SPECIFICHE TECNICHE
SCARICO ACQUA
SCARICO BACINELLA SOLO PER KWD
SCARICO ACQUA - SOLO PER RAFFR. AD ACQUA
ENTRATA ACQUA - SOLO PER RAFFR. AD ACQUA
ENTRATA ACQUA
CAVO DI ALIMENTAZIONE
CAVO DI ALIMENTAZIONE - SOLO PER 380/50/3
LATO FRONTALE
SCARICO CUBETTI
SPAZIO MINIMO PER COLLEGAMENTI
SCARICO BACINELLA SOLO PER KWD
ACCESSORI:
KSC 11 - Raccordo scarico ghiaccio
DIMENSIONI :
ALTEZZA
LARGHEZZA
PROFONDITA'
PESO
860 mm.
1073 mm.
554 mm.
110 Kgs.
MC 45 - SPECIFICHE DELL'APPARECCHIO
Modello
MC 45 AS 6B
MC 45 WS 6B
Standard elettrici
230/50/1
220-230/50/1
400/50/3
Raffredd.
Finitura
Compr. HP
Aria
Acqua
Acciaio inox
Acciaio inox
2.5
Amper
10
7.6
5.5
Ass. di avv. Potenza inst.
Amp.
Watt.
53
36
14
2400
Cons. acqua - lt/24 HR
660
2800*
Cons. en. elettr.
Kwh per 24 Hr
Nr. cavi
50
3 x 1.5 mm 2
5 x 1.5 mm 2
Cubetti per ciclo: MCL-45 144 grande - MCM-45 204 medio - MCS 45 396 piccolo
* A 15°C temperatura acqua
Fusibile
20
10
3x
Pagina 7
Pagina 7
INFORMAZIONI GENERALI ED INSTALLAZIONE
A.
INTRODUZIONE
Il presente manuale di servizio è stato redatto per
poter fornire le specifiche tecniche nonché tutte
le istruzioni per l’installazione, l’avviamento, il
funzionamento, la manutenzione e la pulizia dei
fabbricatori modulari di ghiaccio a cubetti
SCOTSMAN della serie MC Elettronici.
I fabbricatori elettronici di ghiaccio in cubetti sono
stati progettati e costruiti con un elevato standard
qualitativo.
Essi vengono collaudati interamente per diverse
ore e sono in grado di assicurare il massimo
rendimento relativamente ad ogni particolare
uso e situazione.
NOTA. Per non compromettere o ridurre le
caratteristiche di qualità e sicurezza di questo fabbricatore di ghiaccio si raccomanda,
nell’effettuare l’installazione e le operazioni
periodiche di manutenzione, di attenersi scrupolosamente a quanto prescritto, al riguardo,
in questo manuale.
B.
7. Controllare che le tubazioni del circuito
refrigerante non sfreghino tra di loro e non tocchino altre tubazioni o superfici; accertarsi inoltre che il ventilatore giri liberamente.
8. Controllare che il compressore sia libero di
oscillare su i propri supporti ammortizzanti.
9. Osservare i dati riportati sulla targhetta
fissata alla parte posteriore del telaio vicino ai
raccordi idraulici ed elettrici e verificare che il
voltaggio della rete elettrica disponibile corrisponda a quello dell’apparecchio riportato sulla
targhetta.
ATTENZIONE. Un errato voltaggio dell’alimentazione elettrica annullerà automaticamente il vostro diritto alla garanzia.
10. Compilare la cartolina di garanzia posta
all’interno del “Manuale d’Uso” segnando sia il
modello che il numero di serie dell’apparecchio
rilevandolo dalla targhetta fissata al telaio. Spedire la cartolina debitamente compilata alla
FRIMONT S.p.a.
DISIMBALLAGGIO ED ISPEZIONE
Fabbricatore di ghiaccio
1. Richiedere l’assistenza del distributore autorizzato o rappresentante SCOTSMAN per effettuare una corretta installazione.
2. Ispezionare visivamente l’imballo esterno
in cartone e il basamento in legno usati per la
spedizione. Qualsiasi danno evidente sull’imballo esterno deve essere riferito allo spedizioniere;
in tale evenienza procedere all’ispezione dell’apparecchio con un rappresentante dello spedizioniere presente.
3. a) Tagliare e rimuovere i nastri in plastica
che mantengono sigillato l’imballo di cartone.
b) Rimuovere i punti metallici che fissano il
cartone di imballo al basamento.
c) Aprire la parte superiore dell’imballo e
togliere i fogli e gli angolari protettivi di polistirolo.
d) Sollevare l’intero cartone sfilandolo dall’apparecchio.
4. Togliere il pannello frontale ed i pannelli
laterali dell’apparecchio ed ispezionare lo stesso
onde accertare se abbia subito danni o meno.
Notificare allo spedizioniere eventuali danni subiti come riportato al punto 2.
5. Togliere tutti i supporti interni usati per la
spedizione ed i nastri adesivi di protezione.
6. Svitare i due bulloni che fissano l’apparecchio al basamento in legno quindi rimuovere
l’apparecchio in modo da poterlo installare sopra
il corrispondente contenitore di ghiaccio.
Contenitore del ghiaccio
1. Seguire le procedure dei punti 1, 2 e 3
sopracitati per il disimballaggio del contenitore
del ghiaccio.
2. Svitare i due bulloni e rimuovere la protezione in lamiera del raccordo di scarico.
3. Adagiare il contenitore sul suo lato posteriore e montare i piedini nelle loro sedi.
4. Togliere tutti i supporti interni usati per la
spedizione ed i nastri adesivi di protezione così
come il deflettore in plastica dei cubetti.
5. Compilare la cartolina di garanzia posta
all’interno del “Manuale d’Uso” segnando sia il
modello che il numero di serie del contenitore
rilevandolo dalla targhetta fissata al medesimo.
Spedire la cartolina debitamente compilata alla
FRIMONT S.p.a.
C.
POSIZIONAMENTO E LIVELLAMENTO
ATTENZIONE. Questo fabbricatore di
ghiaccio è stato progettato per essere
installato all’interno di locali in cui la
temperatura ambiente non scenda mai al
di sotto di 10°C ne superi i 40°C.
Periodi prolungati di funzionamento a
temperature al di fuori dei seguenti limiti
costituiscono cattivo uso secondo i termini di garanzia SCOTSMAN e fanno decadere automaticamente il vostro diritto
alla garanzia.
Pagina 8
1. Posizionare il contenitore ed il corrispettivo
fabbricatore modulare di ghiaccio nel luogo di
installazione definitivo.
La scelta del luogo di installazione definitivo
deve tener in considerazione i seguenti limiti
operativi:
a) Temperatura ambiente minima 10°C e
temperatura ambiente massima 40°C.
b) Temperature dell’acqua di alimentazione: minima 5°C; massima 35°C.
c) Luogo ben aerato per assicurare un
efficace ventilazione all’apparecchio e quindi un
corretto funzionamento del condensatore.
d) Spazio adeguato per i collegamenti di
servizio previsti nella parte posteriore dell’apparecchio. Lasciare almeno 15 cm di spazio attorno
all’unità così da permettere una corretta ed efficace circolazione d’aria sopratutto nei modelli
raffreddati ad aria.
2. Livellare il contenitore in entrambe le direzioni, dall’anteriore alla posteriore e da sinistra a
destra mediante i piedini regolabili.
3. Controllare la guarnizione superiore del
contenitore del ghiaccio al fine di accertarsi che
non presenti rotture o fessurazioni così da garantire la corretta sigillatura tra contenitore e il Modulare a Cubetti.
4. Installare il Modulare a Cubetti sopra il
contenitore facendo attenzione a non danneggiare la guarnizione.
5. Sollevare leggermente il lato destro del
Modulare a Cubetti al fine di poter installare il
supporto in metallo del lettore ottico avendo cura
di far combaciare i fori di ancoraggio.
6. Togliere il tappo in PVC posto sul lato
destro dell’apertura di scarico dei cubetti.
7. Individuare il lettore ottico del livello del
ghiaccio posto sopra l’evaporatore ed inserirlo
all’interno del contenitore attraverso il foro rotondo.
8. Fissare il lettore ottico al suo supporto in
lamiera tramite le due viti fornite in dotazione con
l’apparecchio.
9. Tagliare radialmente il tappo in PVC, inserire il cavo del lettore ottico nel taglio praticato
così da evitare ad esso ogni possibilità di contatto con il bordo in lamiera del basamento quindi
riposizionare il tappo in PVC nella sua sede
avvolgendo, la porzione esuberante del cavo,
all’interno dell’apparecchio.
Pagina 8
NOTA. Questo fabbricatore di ghiaccio incorpora dei componenti delicati e di massima precisione pertanto bisogna evitargli urti
e scossoni violenti.
D.
INSTALLAZIONE MULTIPLA
A richiesta è disponibile un Kit di sovrapposizione
KSC 11 da utilizzare nel caso di installazione di
un fabbricatore di ghiaccio modulare a cubetti
MC 15 oppure MC 45 sopra un secondo apparecchio della medesima serie.
Il Kit di sovrapposizione consiste di:
a) un Condotto di Collegamento in plastica
rinforzato
b) una Scheda Elettronica di Interfaccia
c) un Cavo Elettrico di Prolunga
d) una Striscia di Gomma adesiva
in modo da poter far fronte alle due possibili
combinazioni di installazioni come:
a) sovrapposizione di un Modulare a Cubetti
Elettronico sopra un preesistente modello
Elettromeccanico.
b) sovrapposizione di due Modulari a Cubetti
Elettronici.
Installazione multipla mista
1. Svitare le quattro viti e rimuovere il pannello superiore.
2. Togliere il tappo in plastica nero dai due
montanti laterali del telaio della macchina inferiore.
3. Rimuovere dalla parte superiore
dell’evaporatore dell’Apparecchio Elettronico il
supporto in lamiera che serve per ancorare il
lettore ottico all’interno del contenitore.
4. Sollevare leggermente il lato destro del
Modulare a Cubetti al fine di poter installare il
supporto in metallo del lettore ottico avendo cura
di far combaciare i fori di ancoraggio.
5. Installare il Modulare a Cubetti Elettronico
sopra l’apparecchio esistente fissandolo ad esso
con i bulloni ed i dadi forniti in dotazione.
6. Rimuovere il condotto di convogliamento
dei cubetti da entrambi gli apparecchi ed inserire, attraverso l’apertura di passaggio dei cubetti
dell’apparecchio superiore, il Condotto di Congiunzione dei convogliatori in plastica.
10. Installare il deflettore dei cubetti di plastica
agganciandolo al bordo superiore dell’apertura
di scarico cubetti come illustrato.
7. Scollegare la spina del lettore ottico dalla
scheda elettronica dell’Apparecchio Elettronico.
11. Fissare il Modulare a Cubetti al Contenitore
tramite le due viti fornite in dotazione con esso.
8. Installare e fissare il controllo ottico di livello ghiaccio al suo supporto tramite le due viti
fornite.
Pagina 9
Pagina 9
9. Far passare il cavo del lettore ottico prima
attraverso l’apertura di scarico dei cubetti dell’apparecchio inferiore posizionando la guaina di
protezione in prossimità della stessa poi, attraverso il foro previsto nel basamento dell’apparecchio superiore.
NOTA. Sostituire il precedente deflettore
cubetti/portabulbo con il nuovo di lunghezza
maggiore cod. CM25260459 così da non
interferire con il raggio all’infrarosso del lettore ottico.
10. Collegare la spina del lettore ottico al Cavo
di Prolunga e questi alla presa della scheda
elettronica.
12. Fissare la striscia autoadesiva di gomma
sul bordo superiore del pannello frontale dell’apparecchio inferiore così da chiudere la fessura
venutasi a creare tra l’unione dei due apparecchi.
11. Ruotare la vite di regolazione del Trimmer,
posto nella parte frontale della scheda elettronica, in senso orario - alla sua massima potenza così da compensare la maggiore resistenza elettrica causata dal cavo di prolunga.
13. Installare di nuovo i due condotti di scarico
del ghiaccio così come i pannelli precedentemente rimossi.
Pagina 10
Installazione multipla elettronica
1. Svitare le quattro viti e rimuovere il pannello
superiore dall’apparecchio esistente (primario).
2. Togliere il tappo in plastica nero dai due
montanti laterali del telaio della macchina inferiore.
3. Installare il secondo apparecchio Modulare
a Cubetti Elettronico sopra l’apparecchio esistente assicurandolo ad esso tramite i bulloni ed
i dadi forniti in dotazione.
4. Rimuovere il condotto di convogliamento
dei cubetti da entrambi gli apparecchi ed inserire
attraverso l’apertura di passaggio dei cubetti
dell’apparecchio superiore il Condotto di Congiunzione dei convogliatori in plastica.
ATTENZIONE. Entrambe le schede elettroniche installate nei fabbricatori, così
come l'interfaccia fornita con il kit KSC11
deve essere dello stesso marchio (Syen o
Pro. El. Ind.) altrimenti si potrebbero verificare anomali arresti di funzionamento di
"contenitore pieno".
5. Scollegare la spina del lettore ottico dalla
scheda elettronica dell’apparecchio superiore
(secondario).
Pagina 10
6. Fissare la scheda elettronica di interfaccia
al supporto in metallo del teleruttore dell’apparecchio inferiore (primario) con la fascetta in
plastica fornita nel kit.
7. Scollegare la spina del lettore ottico dalla
scheda elettronica dell’apparecchio primario e
collegarlo alla presa di ingresso IN della scheda
di interfaccia (cavo più corto).
8. Collegare la spina di uscita OUT primaria
(cavo di lunghezza media) della scheda di
interfaccia alla corrispondente presa della scheda elettronica dell’apparecchio primario.
9. Collegare la spina di uscita OUT secondaria (cavo più lungo) della scheda di interfaccia
alla corrispondente presa della scheda elettronica dell’apparecchio secondario.
10. Ruotare il “TRIMMER” del lettore ottico
dell’apparecchio secondario, posto al centro
della scheda elettronica, alla massima potenza
(rotazione in senso orario).
11. La scheda di interfaccia è ora in grado di
arrestare contemporaneamente il funzionamento dei due apparecchi qualora il fascio luminoso
del lettore ottico venga interrotto dal ghiaccio
accumulato nel contenitore.
Pagina 11
ATTENZIONE. Al ripristino del fascio luminoso i due apparecchi partiranno contemporaneamente dall’inizio del ciclo di
congelazione.
Nel primo ciclo di congelamento è possibile che il ghiaccio prodotto da uno dei
due apparecchi non sia di dimensioni e di
aspetto regolare (parzialmente vuoto e
opaco) a causa di una possibile mancanza d’acqua all’interno del suo serbatoio.
Dopo il primo ciclo di congelazione questa anomalia scomparirà poiché l’apparecchio avrà modo di caricare sufficiente
acqua per riempire il proprio serbatoio.
12. Fissare la striscia autoadesiva di gomma
sul bordo superiore del pannello frontale dell’apparecchio inferiore così da chiudere la fessura
venutasi a creare tra l’unione dei due apparecchi.
13. Installare di nuovo i due condotti di scarico
del ghiaccio così come i pannelli precedentemente rimossi.
E.
COLLEGAMENTI ELETTRICI
Osservare la targhetta dell’apparecchio così da
determinare, in funzione dell’amperaggio indicato, tipo e sezione del cavo elettrico da usarsi.
Tutti gli apparecchi SCOTSMAN sono muniti di
un cavo di alimentazione elettrica per cui si
richiede un collegamento dello stesso ad una
linea elettrica provvista di cavo di messa a terra
e che faccia capo ad un proprio interruttore
magneto-termico munito di fusibili adeguati come
indicato nella targhetta di ogni singolo apparecchio.
La massima variazione di voltaggio consentita
non deve eccedere il 10% del valore di targa od
essere inferiore del 10% dello stesso. Un basso
voltaggio può causare un funzionamento anomalo e può essere la causa di seri danni alle
protezioni ed agli avvolgimenti elettrici.
NOTA. Tutti i collegamenti esterni devono
essere fatti a regola d’arte in conformità con
quanto stabilito dalle norme locali. In alcuni
casi è richiesto l’intervento di un elettricista
patentato.
Prima di collegare il fabbricatore di ghiaccio alla
linea elettrica accertarsi ancora una volta che il
voltaggio dell’apparecchio, specificato sulla
targhetta, corrisponda al voltaggio rilevato all’alimentazione elettrica.
F.
ALIMENTAZIONE IDRAULICA
E SCARICO
Premessa
Nella scelta dell’alimentazione idraulica al
fabbricatore di ghiaccio modulare a cubetti della
serie MC si deve tenere presente:
a) Lunghezza della tubazione
b) Limpidezza e purezza dell’acqua
c) Adeguata pressione dell’acqua di alimentazione
Pagina 11
Poiché l’acqua è l’unico nonché il più importante
ingrediente per la fabbricazione del ghiaccio non
bisogna trascurare in nessun caso i tre punti
suddetti. Una bassa pressione dell’acqua di alimentazione, inferiore ad 1 bar, può causare
malfunzionamento dell’apparecchio. L’uso di
acque contenenti una quantità eccessiva di minerali darà luogo ad una produzione di cubetti di
ghiaccio opachi e ad una notevole incrostazione
delle parti interne del circuito idraulico.
Alimentazione idraulica
Collegare al raccordo da 3/4 di pollice maschio
della valvola solenoide di ingresso acqua la
tubazione di alimentazione idrica utilizzando un
tubo in plastica rinforzato del tipo alimentare
atossico o un tubo in rame del diametro esterno
di 3/8 di pollice.
La linea di alimentazione idraulica deve essere
munita di un rubinetto di intercettazione posto in
un luogo accessibile nei pressi dell’apparecchio.
Alimentazione idraulica - Modelli raffreddati
ad acqua
I modelli raffreddati ad acqua richiedono due
linee di alimentazione acqua separate; una che
alimenti il serbatoio dell’acqua che serve per la
formazione dei cubetti di ghiaccio, l’altra che
alimenti, attraverso una valvola di regolazione
meccanica, il condensatore di raffreddamento.
Anche per l’allacciamento idraulico del condensatore occorre impiegare un tubo flessibile in
plastica rinforzato oppure un tubo di rame da
3/8 con raccordo femmina da 3/4 di pollice ed
una valvola di intercettazione propria.
Scarico acqua
Si consiglia di usare, come tubo di scarico, un
tubo in plastica rigida avente diametro interno di
18 mm.
Lo scarico dell’acqua in eccesso avviene per
gravità; per avere un regolare deflusso è indispensabile che lo scarico disponga di una presa
d’aria e vada in un sifone aperto.
Scarico acqua - Modelli raffreddati ad acqua
Gli apparecchi raffreddati ad acqua richiedono
una linea di scarico acqua separata da raccordarsi all’apposito raccordo da 3/4 di pollice contrassegnato con “Scarico acqua - Solo raffr. ad
acqua”.
NOTA. Tutti i collegamenti idraulici devono
essere eseguiti a regola d’arte in conformità
con le norme locali. In alcuni casi è richiesto
l’intervento di un idraulico patentato.
G.
CONTROLLO FINALE
1. L’apparecchio è stato installato in un locale
dove la temperatura ambiente è di almeno 10°C
anche durante i mesi invernali?
Pagina 12
Pagina 12
2. Ci sono almeno 15 cm di spazio dietro ed ai
lati dell’apparecchio onde avere una efficace
ventilazione del condensatore?
inoltre che le fascette stringitubo siano ben serrate e che i cavetti elettrici siano fermamente
collegati.
3. L’apparecchio è ben livellato? (IMPORTANTE)
8. Sono stati controllati i bulloni di ancoraggio
del compressore? Permettano a questi di oscillare sui propri supporti?
4. L’apparecchio è stato collegato alla linea di
alimentazione elettrica? É stato eseguito il collegamento alle tubazioni dell’acqua di alimentazione e di scarico?
9. Le pareti interne del contenitore del ghiaccio e le sue pareti esterne così come quelle
dell’apparecchio sono state pulite?
5. É stato controllato il voltaggio della linea di
alimentazione elettrica? Questi corrisponde al
voltaggio specificato sulla targhetta dell’apparecchio?
10. É stato consegnato il libretto di istruzione e
sono state date al proprietario le istruzioni necessarie per il funzionamento e la manutenzione
periodica dell’apparecchio?
6. É stata controllata la pressione dell’acqua
di alimentazione in modo da assicurare all’apparecchio una pressione di ingresso di almeno 1
bar? Aprire il rubinetto e verificare che non vi
siano perdite d’acqua dai raccordi idraulici.
11. La cartolina di garanzia è stata compilata?
7. Controllare tutte le tubazioni del circuito
refrigerante e del circuiti idraulico verificando se
esistono vibrazioni o sfregamenti. Controllare
12. É stato dato al proprietario il nome ed il
numero telefonico del servizio di assistenza tecnica autorizzato della zona?
Controllare il numero di serie ed il modello sulla
targhetta dell’apparecchio, quindi spedirla al
Costruttore.
H. SCHEMA DI INSTALLAZIONE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7/9.
8/10.
11.
Rubinetto di intercettazione
Filtro acqua
Linea di alimentazione idraulica
Raccordo da 3/4 di pollice
Linea elettrica
Interruttore principale
Raccordo di scarico
Scarico ventilato
Scarico acqua con sifone ventilato
ATTENZIONE. Questo fabbricatore di ghiaccio non è stato progettato per essere installato
all’aperto o per funzionare a delle temperature ambienti inferiori a 10°C o superiori a 40°C.
Lo stesso vale per la temperatura dell’acqua di alimentazione che non deve essere inferiore
a 5°C o superiore a 35°C.
Pagina 13
Pagina 13
ISTRUZIONI DI FUNZIONAMENTO
AVVIAMENTO
Dopo aver correttamente installato l’apparecchio ed averlo collegato alla rete elettrica ed
idrica, attenersi alla seguente procedura per
l’avviamento:
A. Rimuovere dal fabbricatore di ghiaccio il
pannello frontale e localizzare la scatola elettrica.
B. Individuare, attraverso il foro del coperchio
della scatola elettrica, il selettore dei programmi
della scheda elettronica e, con l’ausilio di un
giravite appropriato (evitare di usare giraviti
aventi la punta molto stretta - tipo cercafase - in
quanto possono danneggiare l’impronta del
selettore in plastica), posizionarlo su FUNZIONAMENTO.
C. Dar corrente all’apparecchio attivando l’interruttore generale esterno posto sulla linea di
alimentazione elettrica.
NOTA. Ogni volta che viene data tensione
all’apparecchio dopo un periodo di fermata
(scollegato elettricamente) la valvola di ingresso acqua, così come la valvola del gas
caldo, vengono alimentate per 5 minuti assicurando così il riempimento del serbatoio ed
un risciacquo del medesimo asportando
quanto eventualmente accumulatosi (polvere, etc.) durante il periodo di arresto (Fig.1).
D. Durante la fase di caricamento o riempimento, osservare che l’acqua cada a rivoli dai
forellini della piastra evaporatore andando così
a colmare il serbatoio sottostante.
Osservare inoltre che l’eccesso di acqua trabocchi attraverso il tubo verticale di troppo pieno e
fluisca liberamente attraverso la condotta di scarico dell’apparecchio
Durante la fase di caricamento acqua i componenti in funzione sono:
VALVOLA SOLENOIDE DI INGRESSO ACQUA
VALVOLA SOLENOIDE GAS CALDO
VALVOLA SCARICO ACQUA
FIG. 1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
16
DIP
SWITCH
- CONDENSATORE
CONDENSER
15
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
L
1
N
2
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
DATA
MICROPROCESSORE
PROCESSOR
BIN TEMPERATURE
CONTENITORE
SENSORISENSORS
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
7
VALV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELAY
RELE'
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC
CARD
ELETTRONICA
Pagina 14
Pagina 14
NOTA. Qualora il serbatoio dell’acqua non
risulti colmo trascorsi i 5 minuti di caricamento,
verificare che:
1. La pressione idrica sia di almeno 1 bar
(Max 5 bar ).
2. Eventuali dispositivi di filtrazione montati
sulla rete idrica non riducano la pressione
della stessa al di sotto del suddetto valore.
3. Non vi siano ostruzioni nel circuito idraulico dell’apparecchio (Filtro a rete posto all’interno della valvola d’ingresso acqua. Controllo di flusso.Ecc.).
E. Completata la fase di caricamento (5 minuti) l’apparecchio inizia automaticamente il primo
ciclo di congelamento attivando i seguenti componenti:
COMPRESSORE
MOTORE/I POMPA
MOTORE/I VENTILATORE (nel caso di apparecchi raffreddati ad aria ) controllato dal sensore
temperatura del condensatore posto tra le alette
del medesimo (Fig.2).
CONTROLLI DURANTE IL FUNZIONAMENTO
F. Se necessario, installare i manometri di
servizio su entrambe le valvoline Schräder -di
alta e di bassa- in modo da verificare le pressioni
di condensazione e di aspirazione.
NOTA. Nei modelli raffreddati ad aria, la pressione di condensazione è mantenuta tra i
valori di 16 e 18 bar per mezzo della sonda/
sensore posta tra le alette del condensatore.
Nei modelli raffreddati ad acqua, la pressione
di condensazione è mantenuta costante a 14
bar per mezzo della valvola pressostatica
posta sull’alimentazione idrica al condensatore. Se la temperatura di condensazione dovesse raggiungere i 70°C - negli apparecchi
condensati ad aria - oppure i 62°C in quelli
raffreddati ad acqua - per via del condensatore ostruito, motoventilatore non funzionante o
mancanza d’acqua di condensazione, la sonda di temperatura del condensatore fa arrestare immediatamente il funzionamento dell’apparecchio accendendo contemporaneamente la spia Rossa di avvertimento (Fig.3).
Dopo aver diagnosticato ed eliminato le cause dell’eccessiva temperatura di condensazione, occorre ruotare con l’aiuto di un giravite
appropriato la vite del selettore della scheda
elettronica sulla posizione REINSERZIONE/
ALTA TEMPERATURA quindi, riposizionarlo
subito dopo sulla precedente posizione FUNZIONAMENTO. L’apparecchio inizierà un
nuovo ciclo congelamento dopo aver effettuato un nuovo caricamento dell’acqua. Qualora dopo 15 minuti dalla partenza del ciclo di
congelamento, la temperatura del sensore
evaporatore sia superiore a 0°C (mancanza
di refrigerante, trafilamento valvola gas caldo, ecc.) la scheda elettronica arresta il
funzionamento dell'apparecchio con il LED
rosso lampeggiante.
FIG.2
CONTENITORE
SENSORI SENSORS
BIN TEMPERATURE
L
1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
VÁLV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
N
2
16
DIP
SWITCH
-CONDENSATORE
CONDENSER
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
ELECTR.
TIMER
TIMER
ELETTR.
MICRODATA
PROCESSORE
PROCESSOR
15
7
WATER
IN VALVE
VALV.
INGR.
ACQUA
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELAY
RELE'
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Pagina 15
Pagina 15
G. Osservare, attraverso l’apertura di scarico
dei cubetti, che la barra spruzzante sia correttamente posizionata e che l’acqua venga uniformemente spruzzata all’interno dei bicchierini rovesciati dell’evaporatore.
H. Il processo di fabbricazione del ghiaccio ha
così inizio con l’acqua che viene continuamente
spruzzata all’interno dei bicchierini rovesciati e
con la temperatura dell’evaporatore che gradualmente si abbassa.
Quando questa si sarà abbassata ad un valore
prefissato il sensore posto a contatto con la
serpentina evaporatore darà luogo ad un passaggio di corrente a bassa tensione consentendo l’attivazione del timer elettronico, posto nella
scheda, che assumerà il comando del ciclo di
congelamento sino al suo compimento (Fig.4).
FIG. 3
CONTENITORE
SENSORISENSORS
BIN TEMPERATURE
-EVAPORATORE
EVAPORATOR
L
1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
N
2
16
-CONDENSATORE
CONDENSER
-AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
VÁLV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
MICRODATA
PROCESSORE
PROCESSOR
15
7
DIP
SWITCH
9
VALV.
GASVALVE
CALDO
HOT GAS
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
5
TRIAC
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
FIG. 4
CONTENITORE
SENSORISENSORS
BIN TEMPERATURE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
L
1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
N
2
16
DIP
SWITCH
- CONDENSATORE
CONDENSER
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
MICRODATA
PROCESSORE
PROCESSOR
15
7
VALV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Pagina 16
Pagina 16
NOTA. La durata del ciclo di congelamento è
determinata prima dal sensore di temperatura posto a contatto con la serpentina
dell’evaporatore (non regolabile) e poi dal
timer elettronico (regolabile) incorporato nella scheda elettronica.
La regolazione del timer elettronico è
prefissata in fabbrica in funzione del modello
di apparecchio, del tipo di raffreddamento e
della dimensione dei cubetti prodotti (piccolo, medio, grande).
E’ possibile comunque variare la fase controllata dal timer elettronico agendo sui tasti
di commutazione del DIP SWITCH posto
sulla parte frontale della scheda elettronica.
Nella tabella B del PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO sono indicati i tempi della seconda fase del ciclo di congelamento in funzione
della posizione dei tasti del DIP SWITCH.
I.
Trascorsi all’incirca 17-20 minuti del ciclo di
congelamento, ipotizzando una temperatura
ambiente di circa 21°C, ha inizio la fase di
scongelamento per cui le valvole a solenoide del
gas caldo e dell’acqua di alimentazione vengono
attivate (Fig.5).
I componenti in funzione in questa nuova situazione sono:
COMPRESSORE
POMPA
VALVOLA SOLENOIDE DI INGRESSO ACQUA
VALVOLA SOLENOIDE DEL GAS CALDO
VALVOLA SCARICO ACQUA (per i primi 15
secondi).
NOTA. La durata del ciclo di scongelamento,
prefissata in fabbrica, è anch’essa controllata dal timer elettronico in combinazione con
la sonda/sensore temperatura ambiente posta sul davanti del condensatore.
E’ comunque possibile variare questa durata
agendo sui tasti 5, 6 e 7 del DIP SWITCH
come illustrato nella tabella C del PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO.
Come è possibile notare, con la medesima
regolazione dei tasti del DIP SWITCH si
possono avere durate diverse del ciclo di
scongelamento in funzione delle diverse temperature ambiente: più corte in presenza di
alte temperature, più lunghe nel caso contrario così da compensare parzialmente la
durata del ciclo di congelamento (più lungo
per alte temperature, più corto viceversa).
J. Verificare che, durante la fase di
scongelamento, l’acqua di alimentazione vada a
reintegrare quella precedentemente usata per la
produzione dei cubetti e che una certa quantità di
essa trabocchi nel tubo di troppo pieno e fluisca
nella tubazione di scarico dell’apparecchio.
K. Osservare i cubetti di ghiaccio prodotti.
Questi devono essere della giusta dimensione
con una cavità nella parte della corona di circa 56 mm. Nel caso contrario, dopo il secondo ciclo
di produzione del ghiaccio, modificare la durata
del ciclo di congelamento controllata dal timer
elettronico agendo sulla posizione dei tasti del
DIP SWITCH (vedi tab. B del PRINCIPIO DI
FIG. 5
COMPRESSOR
COMPRESSORE
- EVAPORATOR
EVAPORATORE
16
DIP
SWITCH
- CONDENSATORE
CONDENSER
15
AMBIENTE
- AMBIENT
14
Rx
Tx
13
L
1
N
2
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
DATA
MICROPROCESSOR
PROCESSORE
BIN TEMPERATURE
CONTENITORE
SENSORISENSORS
VÁLV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
7
VALV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Pagina 17
Pagina 17
FUNZIONAMENTO) fino all’ottenimento della
dimensione corretta.
Controllare l’aspetto dei cubetti di ghiaccio prodotti: cubetti aventi delle corrette dimensioni
esterne ma particolarmente opachi, indicano che
il fabbricatore di ghiaccio ha avuto una mancanza d’acqua durante la fase finale del ciclo di
congelamento oppure che l’acqua usata per la
produzione del ghiaccio è di pessima qualità e
quindi si rende necessario l’uso di filtri adeguati
o di un condizionatore d’acqua oppure.
L. Per verificare il corretto funzionamento del
controllo ottico del livello del ghiaccio, porre una
mano tra i due sensori ubicati all’interno del
contenitore del ghiaccio.
Così facendo il flusso luminoso tra i due sensori
all’infrarosso viene interrotto spegnendo nel
medesimo tempo il LED ROSSO posto sulla
parte frontale della scheda elettronica.
L’apparecchio si fermerà automaticamente dopo
circa 60 secondi accendendo nel frattempo il
LED GIALLO di CONTENITORE PIENO (Fig.6).
La macchina ripartirà automaticamente, dall’inizio del ciclo di congelamento, dopo circa 6" dal
ripristino del raggio luminoso tra i due sensori,
con lo spegnimento della luce di segnalazione
precedente e l’accensione simultanea della luce
gialla di FUNZIONAMENTO.
NOTA. Il funzionamento del sistema ottico
del controllo del livello del ghiaccio è
indipendente dalla temperatura ma, può essere influenzato sia da fonti di luce esterna
che da eventuali depositi calcarei che si
possono accumulare sui suoi lettori ottici
(sensori all’infrarosso).
Per un corretto funzionamento dell’apparecchio è pertanto consigliabile: installarlo lontano da fonti di luce diretta, tenere lo sportello
del contenitore chiuso e seguire scrupolosamente quanto riportato nel paragrafo della
manutenzione relativo alla pulizia periodica
dei lettori ottici.
M. Se installati, togliere i manometri di servizio
e rimontare il pannello frontale rimosso in precedenza.
N. Istruire il proprietario sul funzionamento del
fabbricatore di ghiaccio così come sulle operazioni di pulizia ed igienizzazione del medesimo.
FIG. 6
CONTENITORE
SENSORISENSORS
BIN TEMPERATURE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
L
1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
N
2
16
DIP
SWITCH
- CONDENSATORE
CONDENSER
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
MICRODATA
PROCESSORE
PROCESSOR
15
7
VALV. INGR.
WATER
IN ACQUA
VALVE
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Pagina 18
Pagina 18
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
dell’ evaporatore che ne determina la durata.
Allorché la temperatura della serpentina
dell’evaporatore scende ad un valore prestabilito,
la parte sensibile della sonda evaporatore (a
contatto con la medesima) varia il suo potenziale
elettrico per attivare così il timer della scheda
elettronica al quale è demandato il controllo della
seconda fase del ciclo di congelamento.
Nei fabbricatori modulari di ghiaccio SCOTSMAN
l’acqua, usata per la produzione del ghiaccio, è
tenuta costantemente in movimento tramite una
pompa elettrica che spruzza l’acqua, a pressione moderata attraverso un sistema spruzzante,
all’interno dei bicchierini rovesciati
dell’evaporatore (Fig. B).
Qui una parte dell’acqua spruzzata ghiaccia
all’istante; il rimanente di essa ricade nel
sottostante serbatoio di recupero per essere
ricircolata.
NOTA. L’alimentazione del timer della scheda elettronica è segnalato dall’accensione
del LED ROSSO posto sulla parte frontale
della medesima.
CICLO DI CONGELAMENTO (Fig. A)
ATTENZIONE. Qualora, dopo 15 minuti
dalla partenza del ciclo di congelamento,
la temperatura del sensore evaporatore
sia superiore a 0°C (mancanza di refrigerante, trafilamento valvola gas caldo, ecc.)
la scheda elettronica arresta il funzionamento dell'apparecchio con il LED rosso
lampeggiante.
Il refrigerante, allo stato gassoso ed ad alta
temperatura, viene pompato dal compressore e,
passando poi attraverso il condensatore, si trasforma in refrigerante allo stato liquido.
La linea del liquido permette al refrigerante di
fluire dal condensatore al tubo capillare attraverso il filtro deumidificatore. Durante il passaggio
attraverso il tubo capillare, il refrigerante allo
stato liquido, perde gradualmente parte della
sua pressione e conseguentemente parte della
sua temperatura.
Successivamente raggiunge ed entra nella
serpentina dell’evaporatore.
L’acqua, spruzzata nei bicchierini rovesciati
dell’evaporatore, cede calore al refrigerante circolante all’interno della serpentina, causandone
l’evaporazione ed il conseguente cambiamento
del suo stato fisico, cioè da liquido diviene vapore.
Il refrigerante, allo stato vaporoso, dopo essere
passato attraverso l’accumulatore viene aspirato nuovamente nel compressore tramite la linea
di aspirazione.
La prima fase del ciclo di congelamento è mantenuto sotto controllo dalla sonda di temperatura
La durata di questa seconda fase del ciclo di
congelamento è fissa e dipende dalla regolazione
dei tasti 1, 2, 3 e 4 del DIP SWITCH della scheda
elettronica, regolazione fatta in considerazione
del diverso modello di fabbricatore di ghiaccio,
della sua versione ( raffreddato ad aria oppure ad
acqua) e del formato dei cubetti (piccoli, medi,
grossi).
Nella tabella B sono indicati i tempi della seconda fase del ciclo di congelamento in funzione
delle diverse possibili combinazioni dei tasti del
DIP SWITCH.
Di seguito sono illustrate, per i diversi modelli di
fabbricatori di ghiaccio SCOTSMAN e per le loro
varie versioni, le posizioni dei tasti del DIP
SWITCH effettuate in fabbrica (Tab.A).
TAB. A
REGOLAZIONE TASTI DIP SWITCH PER MODELLO E VERSIONE
CICLO CONGELAMENTO
DIP SWITCH
MCL 15 / 45 A
MCL 15 W
MCL 45 W
MCM 15 A
MCM 15 W
MCM 45 A
MCM 45 W
MCS 15 / 45 A
MCS 15 / 45 W
CICLO SBRINAMENTO
W.
DIAGN. POMPA KWD
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
ON
ON
ON
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
OFF
OFF
ON
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
ON
ON
OFF
ON
ON
ON
OFF
OFF
ON
OFF
ON
ON
OFF
ON
OFF
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
Pagina 19
Pagina 19
VÁLVULA
DE ENTRADA
DE AGUA
ACUMULADOR
EVAPORADOR
EVAPORADOR
VÁLVULA DE GAS
CALIENTE
BRAZO DUCHA
CONDENSADOR
COMPRESOR
TUBO CAPILAR
BOMBA
DE AGUA
VENTILADOR
DESHIDRATADOR
DESAGÜE
DE NIVEL
VÁLVULA
DE ENTRADA
DE AGUA
ACUMULADOR
EVAPORADOR
EVAPORADOR
VÁLVULA DE GAS
CALIENTE
BRAZO DUCHA
CONDENSADOR
TUBO CAPILAR
BOMBA
DE AGUA
VENTILADOR
DESHIDRATADOR
DESAGÜE
DE NIVEL
Pagina 20
I componenti in funzione durante il ciclo di
congelamento sono:
COMPRESSORE
VENTILATORE (nei modelli raffreddati ad aria)
POMPA
BOBINA DEL TELERUTTORE
ai quali va aggiunto nella seconda fase del ciclo
di congelamento
TIMER ELETTRONICO
La pressione di mandata del sistema refrigerante (alta pressione) viene mantenuta tra due valori
prestabiliti (18 e 16 bar) per mezzo del sensore
della temperatura del condensatore che è situato tra le alette del medesimo - sulle macchine con
condensatore ad aria - oppure, a contatto con la
linea del refrigerante liquido - sulle macchine con
condensatore ad acqua.
Sugli apparecchi condensati ad aria, come la
temperatura del condensatore supera un determinato valore, il sensore varia il suo potenziale
elettrico trasmettendo corrente a bassa tensione
al MICROPROCESSORE della scheda elettronica; questi elabora il segnale ricevuto ed alimenta elettricamente IL MOTORE DEL VENTILATORE attraverso un TRIAC posto all’uscita
della scheda elettronica.
Appena la temperatura del condensatore si abbassa il sensore riporta il suo potenziale elettrico
al valore primitivo riducendo così il passaggio di
corrente alla scheda elettronica fermando di
conseguenza il ventilatore.
NOTA. Qualora il sensore di temperatura del
condensatore avvertisse che la temperatura
del condensatore ha raggiunto il valore di
70°C - negli apparecchi raffreddati ad aria oppure i 62°C - in quelli raffreddati ad acqua
- per una delle seguenti cause anomale:
CONDENSATORE SPORCO (Raffr. ad aria)
ACQUA DI CONDENSAZIONE INSUFFICIENTE (Raffr. ad acqua)
MOTOVENTILATORE BRUCIATO O
BLOCCATO (Raffr. ad aria)
TEMPERATURA AMBIENTE ELEVATA
(SUPERIORE A 40°C)
provoca l’immediato arresto del funzionamento dell’apparecchio onde evitarne il funzionamento prolungato in condizioni anomale e, nel medesimo tempo, provoca l’accensione del LED Rosso di allarme.
Per poter rimettere in funzione l’apparecchio
è necessario prima, eliminare la causa dell’eccessiva temperatura del condensatore
che ha provocato l’intervento del sensore
quindi, ruotare il selettore della scheda elettronica su RIPRISTINO ALTA TEMPERATURA ed immediatamente di seguito, posizionarlo di nuovo su FUNZIONAMENTO.
L’apparecchio ripartirà in un nuovo ciclo di
congelamento passando prima attraverso la
fase di caricamento dell’acqua della durata
di 5 minuti.
La pressione di aspirazione o bassa pressione
scende rapidamente a 2,5 bar all’inizio del ciclo
di congelamento, cioè quando il cubetto di ghiac-
Pagina 20
cio inizia a formarsi, declinando lentamente a
circa 1.6 ÷ 1.7 bar allorché il cubetto di ghiaccio
è completamente formato; questa fase ha una
durata media di circa 20-25 minuti.
CICLO DI SCONGELAMENTO O
SBRINAMENTO (Fig. C)
Non appena il timer della scheda elettronica fa
terminare la seconda fase del ciclo di
congelamento, l’apparecchio entra nel ciclo di
scongelamento.
ATTENZIONE. Nel caso l'apparecchio raggiunga la temperatura di evaporazione di
0°C entro 15 minuti ma, dopo 45 minuti
dalla partenza del ciclo di congelamento,
non abbia ancora raggiunto la temperatura di -15°C, la scheda elettronica commuta l'apparecchio direttamente nella fase
di sbrinamento bypassando il tempo aggiuntivo controllato dal timer elettronico.
NOTA. La durata del ciclo di scongelamento
è determinata dalle regolazioni dei tasti 5, 6
e 7 del DIP SWITCH della scheda elettronica
ed è legata alla temperatura ambiente come
dettagliato nella tabella C.
I componenti elettrici in funzione durante questa
fase del ciclo sono:
COMPRESSORE
POMPA
VALVOLA DI INGRESSO ACQUA
VALVOLA DEL GAS CALDO
VALVOLA SCARICO ACQUA (per i primi 30
secondi).
L’acqua in immissione passa attraverso la valvola solenoide di ingresso ed al controllo di flusso,
che è posto al suo interno (modelli con cella di
raccolta del ghiaccio) o inserito nella tubazione di
alimentazione idrica interna (modelli modulari a
cubetti), arriva poi alla parte superiore
dell’evaporatore da dove cola, dai fori di drenaggio, nel sottostante serbatoio di pescaggio della
pompa (Fig. D).
Il livello dell’acqua nel serbatoio è limitato da un
tubo di troppo pieno che ha la funzione di eliminare l’acqua in eccesso indirizzandola allo scarico dell’apparecchio.
Il refrigerante allo stato gassoso, pompato dal
compressore, viene ora dirottato dalla valvola
del gas caldo aperta direttamente alla serpentina
dell’evaporatore, seguendo il percorso più diretto cioè, non passando attraverso il condensatore.
Il gas caldo circolante all’interno della serpentina
dell’evaporatore, fa aumentare la temperatura
dei bicchierini causando quindi lo stacco dei
cubetti di ghiaccio dai medesimi.
I cubetti che si staccano cadono per gravità
sopra un piano inclinato da dove scivolano, attraverso la bocca di scarico, all’interno del contenitore del ghiaccio.
Pagina 21
NOTA. La durata del ciclo di scongelamento,
prefissato in fabbrica, può essere variata in
funzione della temperatura ambiente (come
mostrato nella tabella C) al fine di ridurla allo
stretto necessario qualora la temperatura
esterna fosse elevata, così da recuperare
parte del maggiore tempo speso per il
congelamento.
Al termine del ciclo di scongelamento le valvole di entrata acqua e del gas caldo vengono
disattivate cosicché l’apparecchio ripartirà automaticamente nel nuovo ciclo di congelamento.
SEQUENZA DEI VARI COMANDI
All’inizio del ciclo di congelamento il sensore
della temperatura dell’evaporatore regola
la durata della prima fase del ciclo di
congelamento. Questi, appena rileva il valore
di temperatura prestabilito, trasmette corrente
a bassa tensione al MICROPROCESSORE
della scheda il quale attiva il timer elettronico
che assume il comando per completare il ciclo
di congelamento la cui durata è prefissata in
funzione delle posizioni dei tasti del DIP
SWITCH (vedi tab. B).
NOTA. Il sensore dell’evaporatore è identico
per tutti i diversi modelli ed è tarato in fabbrica; non è possibile variare la sua temperatura di intervento.
Una volta completata la seconda fase del ciclo di
congelamento, della durata prefissata, l’apparecchio entra direttamente nel ciclo di
scongelamento la cui durata varia in relazione
della temperatura ambiente segnalata dalla sonda posta sulla parte frontale del condensatore
(vedi tab. C).
L’apparecchio inizierà automaticamente un nuovo ciclo completo dopo aver terminato il ciclo di
sbrinamento.
SEQUENZA DEI COMPONENTI ELETTRICI
La tabella seguente illustra quali contatti e quali
componenti sono alimentati o meno durante le
varie fasi del ciclo completo.
Consultare lo schema elettrico per un riferimento
più preciso.
Pagina 21
1° FASE CICLO DI CONGELAMENTO
Componenti elettrici alimentati .......
Compressore ......................................
Motoventilatore e TRIAC ....................
Valvola gas caldo ...............................
Valvola ingresso acqua ......................
Relè 1 Scheda Elettronica .................
Relè 2 & 3 Scheda Elettronica ...........
Pompa ................................................
Bobina teleruttore ...............................
Timer elettronico ................................
ON OFF
Sensori e controlli elettrici ..............
Sensore temperatura evaporatore .....
Sensore temperatura condensatore ..
Sensore temperatura ambiente .........
Controllo livello ghiaccio ....................
ON OFF
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
2° FASE CICLO CONGELAMENTO
(Temporizzata)
Componenti elettrici alimentati .......
Compressore ......................................
Motoventilatore e TRIAC ....................
Valvola gas caldo ...............................
Valvola ingresso acqua ......................
Relè 1 Scheda Elettronica .................
Relè 2 & 3 Scheda Elettronica ...........
Pompa ................................................
Bobina teleruttore ...............................
Timer elettronico ................................
ON OFF
Sensori e controlli elettrici ..............
Sensore temperatura evaporatore .....
Sensore temperatura condensatore ..
Sensore temperatura ambiente .........
Controllo livello ghiaccio ....................
ON OFF
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
CICLO DI SBRINAMENTO
Componenti elettrici alimentati .......
Compressore ......................................
Motoventilatore e TRIAC ....................
Valvola gas caldo ...............................
Valvola ingresso acqua ......................
Valvola scarico acqua (30 sec.) .........
Relè 1 & 2 Scheda Elettronica ...........
Relè 3 Scheda Elettronica .................
Pompa ................................................
Bobina teleruttore ...............................
Timer elettronico ................................
ON OFF
Sensori e controlli elettrici ..............
Sensore temperatura evaporatore .....
Sensore temperatura condensatore ..
Sensore temperatura ambiente .........
Controllo livello ghiaccio ....................
ON OFF
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Pagina 22
Pagina 22
CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Nei modelli raffreddati ad aria la pressione di
mandata viene mantenuta tra due valori
prestabiliti (16 e 18 bar) per mezzo del sensore
condensatore durante il ciclo di congelamento.
Come il ghiaccio inizia a formarsi all’interno dei
bicchierini rovesciati dell’evaporatore, la pressione di aspirazione diminuisce gradatamente
raggiungendo il suo valore più basso proprio
pochi instanti prima dell’inizio del ciclo di
sbrinamento. L’assorbimento elettrico del compressore ha anch’esso un andamento simile.
Nei modelli raffreddati ad acqua, la pressione di
mandata rimane costante al valore di 17 bar per
l’intera durata del ciclo di congelamento tramite
l’azione regolatrice della valvola pressostatica
posta sull’alimentazione idraulica al condensatore. La pressione di aspirazione così come
l’assorbimento elettrico del compressore, declinano come nei modelli raffreddati ad aria in
rapporto all’inspessirsi dei cubetti di ghiaccio nei
bicchierini.
PRESSIONI DI FUNZIONAMENTO
Ciclo di congelamento
Pressione di mandata:
Raffr. ad aria
16÷18 bar
Raffr. ad acqua
17 bar
Pressione di aspirazione
fine ciclo di congelamento
1.6÷1.7 bar
In funzione del segnale ricevuto il MICROPROCESSORE da il consenso al timer elettronico,
posto all’interno della scheda, di partire per completare il ciclo di congelamento la cui durata è
fissa ed invariabile in relazione alla regolazione
dei primi quattro tasti del DIP SWITCH.
Il passaggio di corrente dal sensore alla scheda
elettronica viene segnalato dall’accensione del
LED ROSSO collocato sulla parte frontale della
stessa indicando così il passaggio dalla prima
alla seconda fase del ciclo di congelamento.
B.
SENSORE TEMPERATURA
CONDENSATORE
Il sensore temperatura del condensatore (posto
tra le alette del condensatore ad aria oppure a
contatto della serpentina del medesimo, nel caso
di condensatore ad acqua) rileva la temperatura
di condensazione e ne trasmette le variazioni
inviando un segnale, sotto forma di corrente
elettrica a bassa tensione, alla scheda elettronica.
Nei modelli raffreddati ad aria, in funzione del
segnale ricevuto, relativo alla temperatura di
condensazione, il MICROPROCESSORE da il
consenso o meno, tramite un TRIAC, al
motoventilatore di funzionare asportando così il
calore dal condensatore e quindi abbassandone
la sua temperatura.
Nel caso la temperatura del condensatore superasse il valore di 70°C nei modelli raffreddati ad
aria ed i 62°C nei modelli ad acqua, il segnale che
arriva al MICROPROCESSORE è tale che questi ferma immediatamente il funzionamento dell’apparecchio.
CARICA REFRIGERANTE R 404 A ( Gr.)
C.
Modelli raffreddati ad aria ed ad acqua:
Il sensore temperatura ambiente, situato sulla
parte frontale dell’apparecchio, proprio sul davanti del condensatore, ha la funzione di captare
la temperatura ambiente o dell’acqua di alimentazione al condensatore (apparecchi raffreddati
ad acqua) e, modificando il suo potenziale elettrico, trasmettere un segnale (corrente) variabile
alla scheda elettronica in funzione delle diverse
temperature.
Questo segnale viene successivamente elaborato dal MICROPROCESSORE della scheda
elettronica variando la durata del ciclo di
scongelamento (più lungo per temperature fredde, più corto viceversa).
MC 15
MC 45
Raffr. aria
640
1150
Raffr. acqua
500
700
NOTA. Prima di immettere del refrigerante
nel circuito frigorifero verificare il tipo di refrigerante ed i dati di carica indicati sulla
targhetta di ogni singolo apparecchio. I dati
di carica indicati sono relativi ai valori medi di
funzionamento.
SENSORE TEMPERATURA AMBIENTE
DESCRIZIONE DEI COMPONENTI
A.
SENSORE TEMPERATURA
EVAPORATORE
Il sensore temperatura dell’evaporatore, situato
a contatto della serpentina del medesimo, rileva
la temperatura del refrigerante in circolazione
all’interno della stessa (variabile durante il ciclo
di congelamento) e, trasmettendo il segnale (corrente a bassa tensione) al MICROPROCESSORE, ne segnala la variazione.
D.
SISTEMA OTTICO DI CONTROLLO
LIVELLO GHIACCIO
Il sistema ottico per il controllo del livello del
ghiaccio fissato all’interno del contenitore ha il
compito di arrestare il funzionamento dell’apparecchio quando il livello del ghiaccio arriva ad
interrompere il raggio luminoso all’infrarosso tra
il trasmettitore ed il ricevente.
Pagina 23
Quando il fascio luminoso viene interrotto, il
secondo LED ROSSO collocato sulla parte frontale della scheda elettronica si spegne; l’interruzione costante del fascio luminoso per un tempo
superiore ai 60 secondi provoca l’arresto immediato del fabbricatore di ghiaccio segnalando nel
contempo, con l’accensione del secondo LED
GIALLO, il motivo della fermata.
I 60 secondi di ritardo per la fermata del funzionamento dell’apparecchio evitano che la macchina si arresti per ogni minima casuale interruzione del fascio luminoso.
Non appena il ghiaccio viene rimosso così da
ripristinare il raggio luminoso tra i lettori ottici, il
LED ROSSO si riaccende immediatamente, dando il consenso al riavvio, dopo circa 6 secondi,
dell’apparecchio.
Pagina 23
REINSERZIONE/ALTA TEMPERATURA. Posizione da selezionare per far ripartire il
fabbricatore di ghiaccio dopo l’arresto a seguito
dell’intervento del sensore “alta temperatura di
condensazione”.
I cinque LED sporgenti dalla parte frontale della
scheda elettronica indicano:
LED VERDE
Apparecchio sotto
tensione/Parcheggio
LED GIALLO
Contenitore ghiaccio pieno
E.
SCHEDA ELETTRONICA
(MICROPROCESSORE)
La scheda elettronica situata nella parte frontale
dell’apparecchio è composta da un circuito elettronico ad alta e bassa tensione integrato da un
selettore di funzioni, da cinque LED di indicazione di funzioni e due LED di segnalazione, da una
serie di dieci tasti di commutazione del DIP
SWITCH e dai terminali di collegamento con le
periferie sia di controllo (sensori) che di funzionamento (componenti elettrici).
La scheda elettronica è l’effettivo cervello del
sistema; essa infatti riceve i segnali in entrata dai
sensori e dopo averli elaborati attraverso il suo
MICROPROCESSORE, comanda i componenti
elettrici (pompa, compressore, ecc.) gestendo
così il funzionamento dell’intero apparecchio.
Le funzioni che si possono selezionare sono
quattro corrispondenti a:
LAVAGGIO/RISCIACQUO. La sola pompa è in
funzione per permettere la circolazione nel sistema idraulico dell’apparecchio della soluzione di
acqua e disincrostante (Da selezionare durante
le operazioni di lavaggio).
ATTESA/PARCHEGGIO. L’apparecchio, sotto
tensione, rimane completamente fermo inoperativo-(Da selezionare durante le operazioni di controllo e verifica).
FUNZIONAMENTO. L’apparecchio funziona regolarmente alternando cicli di congelamento a
cicli di sbrinamento arrestandosi automaticamente solo a contenitore pieno.
LED ROSSO
Intervento sonda alta temperatura
di condensazione (fisso)
Intervento sonda alta temperatura
di evaporazione (lampeggiante)
LED GIALLO
Apparecchio nel ciclo di
congelamento
LED GIALLO
Apparecchio in
lavaggio/risciacquo
Tramite due spinette poste nella parte posteriore della scheda elettronica è possibile
modificare la temperatura di sicurezza del
condensatore da 70°C (raffr. ad aria) a 62°C
(raffr. ad acqua) così come il differenziale del
motoventilatore pari a 0,2 - 0,5 - 1 e 2°C.
F.
DIP SWITCH (MICROINTERRUTTORI)
SCHEDA ELETTRONICA
Il dispositivo di controllo elettronico che governa
il funzionamento del produttore di ghiaccio è
dotato di un DIP SWITCH (interruttore a commutatori numerici) con 10 tasti di commutazione che
permettono di impostare il programma del MICROPROCESSORE per variare la durata dei
cicli di congelamento e di sbrinamento.
Pagina 24
Pagina 24
I primi quattro tasti del DIP SWITCH
consentono di intervenire sulla durata
TAB. B
TEMPI DI DURATA DELLA SECONDA FASE DEL CICLO DI CONGELAMENTO SECONDO
DISPOSIZIONE DEI TASTI DI COMMUTAZIONE DEI DIP SWITCH
I tasti 5° 6° e 7° del DIP SWITCH consentono di
intervenire sulla durata del ciclo di scongelamento
TAB. C
della seconda fase del ciclo di congelamento.
o di sbrinamento attraverso il sensore di temperatura ambiente (vedi tabella C).
TEMPI DI DURATA DEL CICLO DI SCONGELAMENTO (IN SECONDI) IN FUNZIONE
DELLA TEMPERATURA AMBIENTE E DELLA DISPOSIZIONE DEI DIP SWITCH
L’OTTAVO tasto del DIP SWITCH consente di
effettuare una rapida autodiagnosi sulle uscite
del MICROPROCESSORE al compressore,
pompa, ventilatore, valvola gas caldo ed ingresso acqua alimentandole in rapida successione
per 2" dando così modo di verificare che i circuiti
in uscita del microprocessore siano integri. QUESTO TASTO DEVE ESSERE SEMPRE LASCIATO SULLA POSIZIONE OFF (SPENTO).
ATTENZIONE.
L’operazione
di
autodiagnosi deve essere fatta per un
periodo brevissimo per evitare che componenti come il compressore vengano
accesi e spenti più volte per pochi secondi, compromettendo così il loro funzionamento.
Il NONO tasto del DIP SWITCH consente di far
funzionare la pompa anche durante i primi 15 o
30 secondi del ciclo di scongelamento (ON) o no
(OFF).
Il DECIMO tasto del DIP SWITCH permette di
selezionare il tempo di funzionamento della pom-
pa durante lo sbrinamento 15 secondi (OFF) o 30
secondi (ON).
G.
BARRA SPRUZZANTE
La barra spruzzante serve a dirigere l’acqua,
forzata dalla pompa all’interno della stessa, nei
bicchierini rovesciati dell’evaporatore attraverso
gli ugelli posti sulla sua superficie; viene tenuta
costantemente in rotazione dalla pressione dell’acqua che fuoriesce da un forellino di propulsione posto su un braccio della stessa.
H.
POMPA
La pompa funziona continuamente sia durante il
ciclo di congelamento che di scongelamento
(per agevolare il distacco dei cubetti di ghiaccio)
dirigendo l’acqua allo spruzzatore.
Attraverso i fori praticati nello spruzzatore l’acqua viene diretta all’interno dei bicchierini rovesciati subendo, in questo tragitto, una certa
aerazione che permette così di formare dei cubetti
di ghiaccio solidi e cristallini.
Pagina 25
I.
VALVOLA SOLENOIDE DI INGRESSO
ACQUA
La valvola solenoide di ingresso acqua è alimentata, attraverso la scheda elettronica, durante i
primi 5 minuti della fase di caricamento (all’atto
della messa in moto dell’apparecchio) e durante
il ciclo di sbrinamento.
Quando è alimentata permette ad una quantità
calibrata di acqua di fluire sulla parte superiore
della piastra evaporatore che unitamente al gas
caldo circolante nella serpentina, provoca il distacco dei cubetti di ghiaccio.
L’acqua cola attraverso i fori di drenaggio della
piastra evaporatore nel serbatoio di raccolta
sottostante da dove verrà poi aspirata dalla pompa di ricircolo e diretta di nuovo allo spruzzatore.
J.
VALVOLA SOLENOIDE DEL GAS
CALDO
La valvola solenoide del gas caldo è composta
essenzialmente da due parti; il corpo e la bobina.
Situata sulla linea di mandata del compressore è
attivata dalla scheda elettronica durante il ciclo di
scongelamento (e di caricamento) apre il passaggio al gas caldo il quale, pompato dal compressore, fluisce direttamente nella serpentina
dell’evaporatore per lo stacco dei cubetti di ghiaccio dai bicchierini.
Pagina 25
L.
Il compressore ermetico è il cuore del sistema e
fa circolare il refrigerante attraverso l’intero sistema.
Esso aspira il refrigerante sotto forma di vapore
a bassa pressione e temperatura, lo comprime,
facendone aumentare di conseguenza la sua
pressione e la sua temperatura, e lo trasforma in
vapore ad alta pressione e temperatura allorché
passando attraverso la valvola di scarico entra in
circuito.
M.
MOTOVENTILATORE
(Modelli raffr. ad aria)
Il motoventilatore collegato elettricamente al
TRIAC della scheda elettronica opera durante il
ciclo di congelamento facendo circolare l’aria
attraverso il condensatore mantenendo così entro
due valori prestabiliti la temperatura e quindi la
pressione di condensazione (16 e 18 bar).
VALVOLA PRESSOSTATICA
(Modelli raffr. ad acqua)
La valvola pressostatica mantiene ad un valore
costante l’alta pressione nel circuito refrigerante
variando il flusso di acqua di raffreddamento del
condensatore.
Quando la pressione sale la valvola pressostatica
si apre ulteriormente per accrescere il flusso
d’acqua di raffreddamento al condensatore.
N.
TELERUTTORE
Posto esternamente alla scatola elettrica, il
teleruttore è comandato dalla scheda elettronica
per chiudere ed aprire il circuito elettrico al compressore.
O.
K.
COMPRESSORE
VALVOLA SOLENOIDE DI SCARICO
ACQUA
Questa valvola solenoide tramite l’azione della
pompa serve a deviare verso la tubazione di
scarico l’acqua residua, rimasta nel serbatoio
dell’apparecchio nel precedente ciclo di
congelamento. Questa valvola viene attivata
durante i primi 15-30 secondi del ciclo di
sbrinamento tramite un apposito timer elettronico.
Pagina 26
Pagina 26
PROCEDURE PER LA REGOLAZIONE, LA RIMOZIONE E LA
SOSTITUZIONE DEI VARI COMPONENTI
A.
REGOLAZIONE DELLA DIMENSIONE
DEI CUBETTI
ATTENZIONE. Prima di procedere a qualunque regolazione o sostituzione dei
componenti controllare, attraverso il servizio analisi guasti/malfunzionamenti contenuto in questo capitolo, per individuare
eventuali cause che possono aver generato un anomalia nell’apparecchio.
Non procedere ad alcuna regolazione fino
a quando il sistema frigorifero dell’apparecchio non si sarà assestato completando diversi cicli di congelamento e
sbrinamento.
I.
Se i cubetti di ghiaccio sono
sottodimensionati (cavità troppo profonda) probabilmente la durata della seconda parte del
ciclo di congelamento è troppo corta; per aumentarla bisogna:
PICCOLA
CAVITA'
CUBETTO NORMALE
1. Localizzare sulla parte frontale della scheda elettronica i commutatori DIP SWITCH.
2. Prendere nota della combinazione dei primi
quattro commutatori e rilevare dalla tabella B la
durata corrispondente della seconda fase del
ciclo di congelamento.
3. Regolare gli stessi commutatori in modo
che corrispondano alla combinazione precedente a quella rilevata sulla tabella B, così da estendere di due minuti il ciclo di congelamento.
CAVITA'
ECCESSIVA
CUBETTO VUOTO
4. Osservare i cubetti di ghiaccio scaricati nei
successivi due cicli di sbrinamento e ripetere
quanto illustrato ai punti 2 e 3 nel caso i cubetti
non fossero delle dimensioni regolari (Vedi figura).
II. Se i cubetti di ghiaccio sono
sovradimensionati (convessità attorno alla corona) probabilmente la durata della seconda parte
del ciclo di congelamento è troppo lunga; per
ridurla bisogna:
1. Localizzare sulla parte frontale della scheda elettronica i commutatori DIP SWITCH.
2. Prendere nota della combinazione dei primi
quattro commutatori e rilevare dalla tabella B la
durata corrispondente della seconda fase del
ciclo di congelamento.
3. Regolare gli stessi commutatori in modo
che corrispondano alla combinazione successiva a quella rilevata sulla tabella B, così da ridurre
di due minuti il ciclo di congelamento.
ECCESSO
DI GHIACCIO
ATTORNO
ALLA NASE
CUBETTO TROPPO PIENO
4. Osservare i cubetti di ghiaccio scaricati nei
successivi due cicli di sbrinamento e ripetere
quanto illustrato ai punti 2 e 3 nel caso i cubetti
non fossero delle dimensioni regolari (Vedi figura).
Pagina 27
B.
SOSTITUZIONE DEL SENSORE
DELL’EVAPORATORE
Pagina 27
E.
SOSTITUZIONE DEL CONTROLLO
OTTICO DI LIVELLO GHIACCIO
1. Rimuovere il pannello frontale, laterale sinistro e superiore.
1. Rimuovere il pannello frontale ed i pannelli
laterali destro e sinistro.
2. Togliere il coperchio dell’evaporatore e rimuovere le due mollette di metallo che fissano il
bulbo sensibile del sensore dell’evaporatore alla
serpentina.
2. Rintracciare nella parte posteriore della
scatola elettrica il terminale del controllo ottico di
livello ghiaccio (il solo a quattro spine) e sganciarlo dalla sua sede facendo leva sulla linguetta
di ancoraggio.
3. Rintracciare nella parte posteriore della
scatola elettrica il terminale del sensore
dell’evaporatore e sganciarlo dalla sua sede
facendo leva sulla linguetta di ancoraggio.
4. Per installare il nuovo sensore
dell’evaporatore seguire le procedure a ritroso.
C.
SOSTITUZIONE DEL SENSORE DEL
CONDENSATORE
1. Rimuovere il pannello frontale e laterale
sinistro.
2. Rintracciare il bulbo sensibile del sensore
del condensatore posto tra le alette del medesimo nei modelli raffreddati ad aria ed estrarlo.
Nei modelli raffreddati ad acqua rimuoverlo, dopo
aver aperto la fascetta in plastica (riutilizzabile)
che lo assicura alla tubazione del liquido.
3. Rintracciare nella parte posteriore della
scatola elettrica il terminale del sensore del condensatore e sganciarlo dalla sua sede facendo
leva sulla linguetta di ancoraggio.
4. Per installare il nuovo sensore del condensatore seguire le procedure a ritroso.
3. Rimuovere il tappo in plastica che chiude il
foro di passaggio del porta LED, posto sul lato
destro del condotto di convogliamento cubetti e
far sfilare l’intero cavo elettrico all’interno del
contenitore.
4. Svitare le due viti che fissano l’assieme
porta LED al supporto posto all’interno della cella
di raccolta del ghiaccio e rimuoverlo dal suo
interno.
5. Per installare il nuovo controllo ottico di
livello ghiaccio seguire le procedure a ritroso.
F.
SOSTITUZIONE DELLA SCHEDA
ELETTRONICA
1. Rimuovere il pannello frontale e laterale
sinistro.
2. Rintracciare nella parte posteriore della
scatola elettrica i terminali del sensore
dell’evaporatore e di livello ghiaccio e sganciarli
dalle loro sedi facendo leva sulle linguette di
ancoraggio.
1. Rimuovere il pannello frontale e laterale
sinistro.
3. Sganciare dalla parte posteriore della scheda elettronica il morsetto dei collegamenti elettrici quindi rimuovere l’intera scheda elettronica
svitando le quattro viti che la fissano alla scatola
elettrica di plastica.
2. Nei modelli raffreddati ad aria, rimuovere il
bulbo sensibile del sensore ambiente ancorato,
tramite un supporto in metallo, alla parte frontale
del condensatore.
G.
Nelle versioni ad acqua, rimuoverlo dopo aver
aperto la fascetta in plastica (riutilizzabile) che lo
ancora alla linea di alimentazione idrica.
1. Rimuovere il pannello frontale e laterale
destro.
3. Rintracciare nella parte posteriore della
scatola elettrica il terminale del sensore ambiente e sganciarlo dalla sua sede facendo leva sulla
linguetta di ancoraggio.
2. Rimuovere il condotto di convogliamento
cubetti e successivamente lo scivolo mobile posto all’interno dell’involucro evaporatore.
4. Per installare il nuovo sensore ambiente
seguire le procedure all’inverso.
3. Attraverso il serbatoio dell’acqua provvedere a staccare il tubo di plastica collegato alla
pompa.
NOTA. I sensori termici ambiente e del condensatore sono dotati degli stessi terminali di
ancoraggio.
Per evitare errori durante la loro sostituzione,
ogni coppia di terminali e di spinette di ancoraggio ha un proprio colore.
4. Svitare il cavetto giallo/verde di messa a
terra quindi scollegare elettricamente la pompa
dai relativi morsetti.
D.
SOSTITUZIONE DEL SENSORE
AMBIENTE
SOSTITUZIONE DELLA POMPA
5. Svitare le viti di fissaggio del supporto pompa al serbatoio ed estrarre dallo stesso il gruppo
pompa completo.
Pagina 28
6. Sostituire la pompa e procedere al suo
rimontaggio agendo a ritroso di quanto sopra
indicato.
H.
SOSTITUZIONE DELLA VALVOLA
SOLENOIDE DI INGRESSO ACQUA
1. Chiudere il rubinetto di intercettazione e
scollegare la tubazione di alimentazione idrica
dalla parte posteriore dell’apparecchio.
2.
Rimuovere il pannello laterale destro.
3. Scollegare le spinette che collegano i cavi
elettrici alla valvola.
4. Svitare le due viti che fissano la valvola
all’apparecchio.
5. Svitare la fascetta stringitubo dall’uscita
della valvola e liberarla dal tubo in plastica.
6. Per montare la nuova valvola a solenoide
di ingresso acqua seguire le voci precedenti a
ritroso.
Pagina 28
K.
SOSTITUZIONE DEL
MOTOVENTILATORE
1.
Togliere il pannello laterale sinistro.
2. Svitare il dado e togliere il cavo giallo/verde
di messa a terra. Individuare le spinette che
collegano i cavi elettrico del ventilatore e
scollegarli.
3. Svitare i bulloni che fissano l’assieme ventilatore al basamento dell’apparecchio e quindi
rimuoverlo.
4. Per montare il nuovo ventilatore seguire le
voci precedenti a ritroso.
L.
SOSTITUZIONE DELLA BARRA
SPRUZZANTE
1. Rimuovere il pannello laterale destro ed il
condotto di convogliamento dei cubetti sganciandolo dalla parte frontale dell’involucro
evaporatore.
2. Raggiungere attraverso l’apertura di scarico cubetti la barra spruzzante.
I.
SOSTITUZIONE DELLA BOBINA DELLA
VALVOLA GAS CALDO
1.
Rimuovere il pannello laterale sinistro.
2. Svitare il dado che fissa la bobina della
valvola gas caldo al corpo.
3. Individuare le spinette che collegano i cavi
elettrici della valvola dal gas caldo e scollegarli;
sollevare la bobina dal suo corpo.
4. Per montare la nuova bobina seguire le
voci precedenti a ritroso.
3. Sollevare la barra spruzzante e la rondella
di rasamento dal suo raccordo centrale quindi
estrarla dall’involucro evaporatore.
4. Per installare la nuova barra spruzzante
seguire le voci precedenti a ritroso dopo aver
posizionato sul perno del raccordo centrale la
rondella di rasamento.
M.
SOSTITUZIONE DEL FILTRO
DEUMIDIFICATORE
1. Togliere il pannello frontale e laterale sinistro.
J.
SOSTITUZIONE DELLA VALVOLA DI
SCARICO DELL’ACQUA
1.
Rimuovere il pannello posteriore.
2. Individuare le spinette che collegano i cavi
elettrici della valvola di scarico dell’acqua e
scollegarli.
3. Rimuovere le fascette stringitubo che ancorano le tubazioni alla valvola e scollegarli.
4. Svitare le viti che fissano la valvola al
basamento.
5. Per montare la nuova valvola a solenoide
di scarico acqua seguire le voci precedenti a
ritroso.
NOTA. Prestare attenzione, nel rimontaggio
della valvola di scarico dell’acqua, alla direzione del flusso indicata sulla medesima.
2. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
3. Dissaldare le tubazioni dell’impianto frigorifero dalle due estremità del filtro deumidificatore.
4. Per installare il nuovo filtro deumidificatore
togliere i tappi che lo sigillano dalle due estremità
e saldare le tubazioni del refrigerante facendo
attenzione di posizionarlo con la freccia rivolta
lungo la direzione di flusso del refrigerante.
Nell’effettuare la saldatura evitare di surriscaldare il corpo del filtro deumidificatore.
5. Spurgare accuratamente il circuito refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas non
condensabili dopo la sostituzione del filtro
deumidificatore tramite una pompa del vuoto.
6. Caricare il circuito frigorifero con la corretta
carica di refrigerante (vedere la targhetta) e
Pagina 29
controllare se ci sono perdite dai punti di saldatura appena eseguiti.
7. Rimontare i pannelli precedentemente rimossi.
N.
SOSTITUZIONE DEL CORPO DELLA
VALVOLA GAS CALDO
1. Seguire le procedure del punto J per rimuovere la bobina della valvola del gas caldo.
2. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
3. Dissaldare le tubazioni dalla valvola del
gas caldo e quindi rimuoverla dall’apparecchio.
Pagina 29
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto. Non
applicare il nuovo filtro deumidificatore finché tutte le riparazioni o le sostituzioni sono
state effettuate.
7. Per installare in nuovo evaporatore seguire
le suddette procedure a ritroso.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione
dell’evaporatore.
P.
SOSTITUZIONE DEL CONDENSATORE
DI RAFFREDDAMENTO AD ARIA
1. Togliere il pannello frontale e laterale sinistro.
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto.
Non applicare il nuovo filtro deumidificatore
finché tutte le riparazioni o le sostituzioni
sono state effettuate.
2. Rimuovere dalle alette del condensatore
sia il bulbo sensibile del sensore del condensatore che quello del sensore ambiente.
4. Per installare la nuova valvola del gas
caldo seguire le suddette procedure a ritroso
facendo attenzione di non investire direttamente
con la fiamma, il corpo valvola durante le operazioni di saldatura.
4. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
3. Svitare e rimuovere i due bulloni che lo
fissano al basamento.
5. Dissaldare le tubazioni dell’impianto refrigerante dalle due estremità del condensatore.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione del
corpo della valvola gas caldo.
O.
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto. Non
applicare il nuovo filtro deumidificatore finché tutte le riparazioni o le sostituzioni sono
state effettuate.
SOSTITUZIONE DELLA PIASTRA
EVAPORATORE
1. Rimuovere il pannello frontale e posteriore
ed i pannelli laterali destro e sinistro.
2. Rimuovere il coperchio in plastica dalla
parte superiore ell’evaporatore.
3. Togliere il bulbo sensibile del sensore
dell’evaporatore dopo aver rimosso le due mollette metalliche che lo fissano alla serpentina.
4. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
6. Per installare un nuovo condensatore seguire le suddette procedure a ritroso.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione del
condensatore.
Q.
SOSTITUZIONE DEL CONDENSATORE
DI RAFFREDDAMENTO AD ACQUA
1. Togliere il pannello frontale e laterale sinistro.
5. Dissaldare e scollegare il tubo capillare con
la linea del gas caldo da una estremità della
serpentina evaporatore e il tubo di aspirazione
dall’altra estremità.
2. Rimuovere dal condensatore sia il bulbo
sensibile del sensore del condensatore che quello del sensore ambiente.
6. Sollevare l’assieme evaporatore dal suo
alloggiamento.
3. Svitare e rimuovere i due bulloni che lo
fissano al basamento.
Pagina 30
4. Svitare le fascette stringitubo e scollegare
le tubazioni in plastica dalle due estremità del
condensatore.
5. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
6. Dissaldare le tubazioni dell’impianto refrigerante dalle due estremità del condensatore.
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto. Non
applicare il nuovo filtro deumidificatore finché tutte le riparazioni o le sostituzioni sono
state effettuate.
7. Per installare un nuovo condensatore seguire le suddette procedure a ritroso.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione del
condensatore.
Pagina 30
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto. Non
applicare il nuovo filtro deumidificatore finché tutte le riparazioni o le sostituzioni sono
state effettuate.
7. Per installare la nuova valvola pressostatica
seguire le suddette procedure a ritroso prestando attenzione alla direzione del flusso dell’acqua.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione della
valvola pressostatica.
NOTA. La portata d’acqua che passa attraverso la valvola pressostatica deve essere
regolata tramite l’apposita vite posta nella
parte alta del suo stelo fino ad avere una
pressione di condensazione di 17 bar.
S.
SOSTITUZIONE DEL COMPRESSORE
1. Togliere il pannello laterale sinistro e posteriore.
R.
SOSTITUZIONE DELLA VALVOLA
PRESSOSTATICA (App. raffr. ad acqua)
1. Chiudere la valvola di intercettazione idraulica e scollegare la tubazione di alimentazione
alla valvola pressostatica dalla parte posteriore
dell’apparecchio.
2. Togliere il pannello laterale destro e sinistro.
3. Svitare la fascetta stringitubo e rimuovere il
tubo in plastica dal portagomma all’uscita della
valvola pressostatica.
4. Svitare il raccordo da 3/4 maschio che fissa
la valvola pressostatica al telaio dell’apparecchio.
5. Svitare e rimuovere dalla valvola sia il nipplo
posto all’entrata che il raccordo portagomma in
plastica posto all’uscita per essere riutilizzati con
la nuova valvola.
6. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
7. Individuare e dissaldare il tubo capillare
della valvola pressostatica al circuito frigorifero
quindi rimuoverla dall’apparecchio.
2. Togliere il coperchio e scollegare i cavi
elettrici dai terminali del compressore.
3. Evacuare il refrigerante dal sistema e trasferirlo in un apposito contenitore per poterlo
successivamente riciclare dopo averlo opportunamente depurato.
4. Dissaldare e scollegare sia la tubazione di
mandata che quella di aspirazione dal compressore.
5. Svitare i bulloni che lo fissano al basamento
e rimuovere il compressore dal basamento dell’apparecchio.
6. Dissaldare la tubazione di servizio/carica
per essere risaldata sul nuovo compressore.
NOTA. Sostituire il filtro deumidificatore ogni
qualvolta il circuito refrigerante è aperto. Non
applicare il nuovo filtro deumidificatore finché tutte le riparazioni o le sostituzioni sono
state effettuate.
7. Per installare il nuovo compressore seguire
le suddette procedure all’inverso.
NOTA. Spurgare accuratamente il circuito
refrigerante per rimuovere l’umidità ed i gas
non condensabili dopo la sostituzione del
compressore
Pagina 31
Pagina 31
SCHEMA ELETTRICO
MC 15 - MC 45 - RAFFREDDAMENTO AD ARIA ED AD ACQUA
MONOFASE
B
G
N
A
M
GV
-BIANCO
- GRIGIO
- NERO
- AZZURRO
- MARRONE
- GIALLO VERDE
APPARECCHIO IN FUNZIONE
SOVRATEMPERATURA CONDENSATORE
FUSIBILE
CONTENITORE PIENO
MORSETTIERA INGRESSO
CIRCUITO STAMPATO
RISCIACQUO
FUSIBILE
APPARECCHIO IN TENSIONE
SOLO PER RAFFREDDAMENTO AD ARIA
COMPRESSORE
VALVOLA SCARICO ACQUA
VENTILATORI
VÁLVULA SOLENOIDE H20
POMPE
SENSORI
ELETTROVALVOLA GAS
OTTICI LIV. GHIACCIO
TEMP. AMBIENTE
TEMP. CONDENSATORE
TEMP. EVAPORATORE
TELERUTTORE
AUTOTRASFORMATORE
REINSERZIONE
IN FUNZIONE
PRONTO
RISCIACQUO
SOLO PER APPARECCHI A 240V E MC-15 A 115V
Pagina 32
Pagina 32
SCHEMA ELETTRICO
MC 15 - MC 45 - RAFFREDDAMENTO AD ARIA ED AD ACQUA
TRIFASE
B
G
N
A
M
GV
-BIANCO
- GRIGIO
- NERO
- AZZURRO
- MARRONE
- GIALLO VERDE
CIRCUITO STAMPATO
RISCIACQUO
APPARECCHIO IN FUNZIONE
SOVRATEMPERATURA CONDENSATORE
CONTENITORE PIENO
FUSIBILE
APPARECCHIO IN TENSIONE
MORSETTIERA
INGR.
REINSERZIONE
IN FUNZIONE
PRONTO
RISCIACQUO
COMPRESSORE
2 VENTILATORI
2 ELETTROVALVOLA H20
ELETTROVALVOLA GAS
2 POMPE
2 VÁLV. SCARICO ACQUA
OTTICI LIV. GHIACCIO
TEMP. AMBIENTE
TEMP. CONDENSATORE
TEMP. EVAPORATORE
RELE'
TELERUTTORE
SENSORI
IL COLLEGAMENTO RIMPIAZZA IL NEUTRO PER MODELLI 220/50-60/3
Pagina 33
Pagina 33
SERVIZIO ANALISI GUASTI E MALFUNZIONAMENTI
SINTOMI
POSSIBILE CAUSA
RIMEDI SUGGERITI
L’unità non funziona
(Nessun LED acceso)
Fusibile Scheda Elettr. bruciato
Sostituire il fusibile e cercare
la causa per cui è bruciato
Interruttore principale spento
Porre l’interruttore su acceso
Scheda Elettronica non funzionante Sostituire Scheda Elettronica
Cavi elettrici scollegati
Controllare il cablaggio
(LED verde funzionamento acceso)
Selett. Scheda Elettr. su attesa
Ruotare il selett. su funzion.to
(LED contenitore pieno)
Controllo ottico livello ghiaccio
Pulire o sostituire il controllo
sporco o non funzionante ottico
livello ghiaccio
(LED rosso acceso)
Pressione di mandata eccessiva
Condensatore sporco. Pulire
Motoventil. bruciato. Sostituire
Il Compressore fa dei cicli
ad intermittenza
Basso voltaggio
Contr. il circuito per sovraccarico
Contr. la tensione di alimentazione
Se basso contattare l’azienda elettr.
Teleruttore con contatti ossidati
Pulire o sostituire
Gas non condensabili nel sistema
Scaricare, fare vuoto e ricaricare
Cavi compress. parz. scollegati
Controllare ai vari terminali
Cubetti troppo piccoli
Cubetti opachi
Ciclo di congelamento troppo corto Regolare i tasti 1, 2, 3 e 4
del DIP SWITCH
Tubo capillare parz. otturato
Scaricare, sost. filtro deumidif.
fare vuoto e ricaricare
Umidità nel sistema
Vedi come sopra
Mancanza d’acqua
Vedi rimedi per mancanza d’acqua
Mancanza di refrigerante
Cercare event. perdite e ricaricare
Sensore evaporatore non funz.
Sostituire il sensore
Scarsità d’acqua
Vedi rimedi per mancanza d’acqua
Acqua sporca
Usare un filtro per acqua o un
depuratore
Impurità accumulate
Usare il liquido disincrostante
SCOTSMAN come da istruzioni
Barra spruzz. non ruota
Rimuovere la barra ed il perno
centrale e pulirli
Pagina 34
Pagina 34
SERVIZIO ANALISI GUASTI E MALFUNZIONAMENTI
SINTOMI
POSSIBILE CAUSA
RIMEDI SUGGERITI
Mancanza d’acqua
Valvola ingr. acqua non apre
Sostituire la valvola
Perdita acqua dal serbatoio
Localizzarla e ripararla
Mancanza d’acqua
Vedi rimedi per mancanza d’acqua
Apparecchio non livellato
Livellare come richiesto
Barra spruzz. non ruota
Rimuovere la barra ed il perno
centrale e pulirli
Ciclo di congelamento troppo lungo
Regolare i tasti 1, 2, 3 e 4
del DIP SWITCH
Sensore evaporatore non funziona
Sostituire il sensore
Compressore inefficiente
Sostituire
Trafilamento valvola ingr. acqua
Riparare o sostituire
Gas non condensabili nel sistema
Scaricare, fare vuoto e ricaricare
Poca circolazione d’aria o temp.
ambiente troppo elevata
Cambiare il luogo dell’installazione
Sovraccarico di refrigerante
Regolare la carica scaric.
lentamente
Tubo capillare parz. otturato
Scaricare, sost. filtro deumidif.
fare vuoto e ricaricare
Trafilamento valvola gas caldo
Sostituire
Mancanza di refrigerante
Caricare come da targhetta
Barra spruzz. non ruota
Rimuovere la barra ed il perno
centrale e pulirli
Pressione di mandata eccessiva
Condensatore sporco. Pulire
Motoventil. bruciato. Sostituire
Tempo sbrinamento troppo breve
Contr. e regolare
DIP SWITCH 5-6-7
Otturazione tubazione
Controllare filtro e controllo
ingresso acqua di flusso. Se il
caso allargare l’orifizio
Valvola ingr. acqua non apre
Sostituire
Valvola gas caldo non apre
Sostituire
Forellini dei bicchierini otturati
Pulire i fori
Cubetti d’aspetto irregolare
ed opachi
Cubetti sovradimensionati
Diminuzione della produzione
Sbrinamento inefficiente
Pressione di mandata troppo bassa Controllare pressione e carica
Pagina 35
Pagina 35
ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE E PULIZIA
A.
PREMESSA
Con un corpo appuntito pulire il foro di spinta
della barra spruzzante.
I periodi e le procedure per la manutenzione e la
pulizia sono indicativi per cui non devono esser
considerati come assoluti e invariabili. La pulizia,
in modo particolare, è strettamente legata alla
condizioni ambientali, alla qualità d’acqua utilizzata ed alla quantità di ghiaccio prodotta.
Ogni apparecchio deve avere una propria individuale manutenzione in accordo alla sua particolare locazione.
B.
PULIZIA DEL FABBRICATORE DI
GHIACCIO
Le seguenti operazioni di manutenzione devono
essere eseguite almeno due volte l’anno:
1. Controllare e pulire la retina del filtro posta
all’interno della valvola di ingresso dell’acqua.
2. Controllare che l’apparecchio sia livellato in
entrambe le direzioni. Nel caso contrario livellarlo agendo sui piedini del contenitore.
3. Pulire il circuito idraulico, l’evaporatore ed il
contenitore del ghiaccio usando il liquido
disincrostante SCOTSMAN CLEANER.
Fare riferimento alle istruzioni di pulizia del circuito idraulico contenute al punto C; a pulizia
avvenuta si può stimare la frequenza e la procedura da seguire in futuro in funzione del luogo
dove è installato l’apparecchio.
4. Togliere la barra spruzzante e la sua rondella di rasamento dall’interno dell’evaporatore
sollevandola dal perno centrale.
NOTA. La pulizia del circuito idraulico è
legata alle condizioni dell’acqua usata ed al
particolare uso di ogni singolo apparecchio.
Controllare in continuazione la limpidezza
dei cubetti di ghiaccio ed osservando i getti
dell’acqua prima e dopo le operazioni di
pulizia, si potrà avere una indicazione circa
la frequenza e la procedura da seguire nelle
varie località.
5. Con il fabbricatore di ghiaccio spento, nei
modelli raffreddati ad aria, pulire il condensatore
usando un aspirapolvere od una spazzola non
metallica facendo attenzione a non danneggiare
i sensori di temperatura ambiente e del condensatore.
6. Controllare se ci sono perdite nel circuito
idraulico. Versare dell’acqua all’interno del contenitore del ghiaccio onde assicurarsi che la
tubazione di scarico sia libera.
7. Controllare la dimensione e l’aspetto dei
cubetti di ghiaccio. Se è il caso, variare la combinazione dei tasti del DIP SWITCH come illustrato nel punto A del paragrafo precedente.
8. Controllare il funzionamento del controllo
ottico di livello del ghiaccio ponendo una mano
tra i lettori ottici cosi da interrompere il raggio
luminoso all’infrarosso.
Così facendo si causa lo spegnimento del LED
rosso di funzionamento posto nella parte frontale
della scheda elettronica e, dopo alcuni secondi,
lo spegnimento dell’intero apparecchio con la
contemporanea accensione del secondo LED
giallo.
IMPORTANTE. Eseguire il suddetto controllo solo alla fine del ciclo di
scongelamento oppure all’inizio del ciclo
di congelamento così da evitare all’apparecchio l’eventualità di fare un doppio
ciclo di congelazione.
Mettere a bagno l’intera barra spruzzante in un
recipiente contenente una soluzione
disincrostante quindi risciacquare con un getto
d’acqua.
Dopo alcuni istanti dalla rimozione della mano
posta tra i lettori ottici l’apparecchio riparte nel
ciclo di congelazione.
Pagina 36
Pagina 36
NOTA. Il controllo del livello del ghiaccio
all’infrarosso è composto da due LEDS, il
trasmettitore ed il ricevente, tra i quali viene
trasmesso un fascio luminoso; per permettere il corretto funzionamento dell’apparecchio
è tassativo pulire, almeno una volta al mese,
con un panno pulito i bulbi sensibili posti alle
estremità del supporto portaled.
2. Attendere la fine del ciclo di sbrinamento
quindi con l’ausilio di un giravite appropriato,
fermare l’apparecchio ruotando il selettore di
funzioni su ATTESA (Fig.7).
3. In un secchio pulito preparare la soluzione
disincrostante diluendo in 2-3 litri di acqua potabile calda (45-50°C) 0,2-0,3 litri di disincrostante
SCOTSMAN CLEANER. Nel caso di apparecchi
dotati di due evaporatori raddoppiare la quantità
di soluzione da preparare.
ATTENZIONE. Il disincrostante per produttori di ghiaccio SCOTSMAN CLEANER
contiene una soluzione di acido fosforico
e idrossiacetico. Questa soluzione è corrosiva e, se ingerita, può causare disturbi
intestinali. Non provocare il vomito. In
questo caso bisogna bere una abbondante quantità di acqua o di latte e chiamare
subito il medico. Nel caso di contatto
esterno è sufficiente lavare la parte con
acqua. TENERLO LONTANO DALLA PORTATA DEI BAMBINI.
9. Controllare che non vi siano perdite di refrigerante.
C.
ISTRUZIONI PER LA PULIZIA DEL
CIRCUITO IDRAULICO
1. Togliere il pannello frontale, laterale destro
e superiore per accedere alla scatola elettrica ed
all’evaporatore.
4. Prelevare tutto il ghiaccio stivato nel contenitore in modo che questi non venga contaminato con la soluzione disincrostante quindi, scaricare l’acqua contenuta nel serbatoio dell’apparecchio piegando verso il basso il tubo di drenaggio.
5. Rimuovere il coperchio dell’evaporatore e
versare lentamente la soluzione disincrostante
tra le formine di rame. Impiegare un pennello per
sciogliere le incrostazioni presenti negli angoli
più remoti.
FIG. 7
CONTENITORE
SENSORISENSORS
BIN TEMPERATURE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
L
1
COMPRESSOR
COMPRESSORE
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
N
2
16
DIP
SWITCH
- CONDENSER
CONDENSATORE
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
DATA
MICROPROCESSORE
PROCESSOR
15
7
VALV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
9
VALV.
GAS
CALDO
HOT GAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Pagina 37
Pagina 37
6. Posizionare il selettore di funzioni su LAVAGGIO/RISCIACQUO.
Il 5° LED GIALLO si illuminerà (Fig.8).
NOTA. Con l’apparecchio nella fase di lavaggio la sola pompa resta in funzione per far
circolare la soluzione disincrostante in tutto il
sistema idraulico.
7. Lasciare l’apparecchio in funzione per circa
20 minuti quindi posizionare il selettore su ATTESA per arrestarne il funzionamento.
8. Ripetere quanto fatto al punto 4 per svuotare il serbatoio dalla soluzione disincrostante quindi
versare circa 2-3 litri di acqua potabile nella parte
superiore dell’evaporatore per risciacquare la
cavità in plastica ed i bicchierini di rame.
Se necessario pulire separatamente la barra
spruzzante e poi rimontarla come illustrato nel
punto 4 del paragrafo B.
9. Ruotare di nuovo il selettore su LAVAGGIO/RISCIACQUO. La pompa ritorna in funzione per far circolare l’acqua in tutto il sistema
idraulico dell’apparecchio così da asportare le
tracce di soluzione disincrostante eventualmente rimaste quindi, arrestare l’apparecchio e scaricare di nuovo l’acqua contenuta nel serbatoio.
10. Ruotare il selettore sulla posizione
REINSERZIONE/ALTA TEMPERATURA quindi, su FUNZIONAMENTO.
NOTA. Passando da REINSERZIONE a
FUNZIONAMENTO la valvola di ingresso
acqua viene alimentata permettendo così
all’acqua della rete idrica di entrare nell’apparecchio per un tempo di 5 minuti così da
risciacquare ulteriormente il circuito idraulico
prima di passare ad un nuovo ciclo di
congelamento.
11. Rimontare il coperchio dell’evaporatore ed
i pannelli frontale e superiore precedentemente
rimossi.
12. Controllare che i cubetti di ghiaccio prodotti
dopo il primo ciclo di congelamento siano trasparenti e che non abbiano sapore acidulo.
ATTENZIONE. Non utilizzare i cubetti opachi-bianchi e di sapore acidulo prodotti
dopo il procedimento di pulizia del sistema idraulico con il disincrostante
SCOTSMAN CLEANER.
Per ogni evenienza è bene versare dell’acqua tiepida all’interno del contenitore
così da sciogliere i cubetti di ghiaccio
appena prodotti.
13. Sciacquare ed asciugare le pareti interne
del contenitore del ghiaccio.
NOTA. Ricordarsi che per evitare l’accumulo
di batteri indesiderati è necessario, ogni settimana, pulire ed igienizzare le pareti interne
del contenitore con una soluzione di acqua
mista ad una sostanza battericida.
FIG. 8
COMPRESSOR
COMPRESSORE
- EVAPORATORE
EVAPORATOR
16
DIP
SWITCH
-CONDENSATORE
CONDENSER
15
- AMBIENTE
AMBIENT
14
Rx
Tx
13
L
1
N
2
TIMER
ELECTR.
ELETTR.
TIMER
DATA
MICROPROCESSOR
PROCESSORE
BIN TEMPERATURE
CONTENITORE
SENSORISENSORS
VALV.
SCARICO
ACQUA
WATER
DRAIN VALVE
7
VALV.
INGR.
ACQUA
WATER
IN VALVE
8
9
VALVOLA
CALDO
HOT GASGAS
VALVE
10
RELAYS
RELE'
3
BOBINA
TELERUTTORE
CONTACTOR
COIL
4
TRIAC
5
VENTILATORE
FAN MOTOR
6
TRANSF.
RELE'
RELAY
POMPA
WATER
PUMP
11
12
SCHEDA
ELECTRONIC CARD
ELETTRONICA
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement