rxycq8-20a7y1b_im_4pit327528-1_it

rxycq8-20a7y1b_im_4pit327528-1_it
MANUALE
D'INSTALLAZIONE
Condizionatore
Condizionatore con Sistema VRV Classic
RXYCQ8A7Y1B
RXYCQ10A7Y1B
RXYCQ12A7Y1B
RXYCQ14A7Y1B
RXYCQ16A7Y1B
RXYCQ18A7Y1B
RXYCQ20A7Y1B
2
1
B
b
cC
Aa
e
e
D
RXYCQ16~20
c C
d
D
A+B
a
b
c
d
10 mm
300 mm
10 mm
500 mm
a
b
c
d
50 mm
100 mm
50 mm
500 mm
a 200 mm
b 300 mm
a
b
c
d
e
10 mm
300 mm
10 mm
500 mm
20 mm
a
b
c
d
e
50 mm
100 mm
50 mm
500 mm
100 mm
a 200 mm
b 300 mm
a
b
c
d
e
f
10 mm
300 mm
10 mm
500 mm
20 mm
600 mm
a
b
c
d
e
f
50 mm
100 mm
50 mm
500 mm
100 mm
500 mm
a
b
c
d
e
10 mm
300 mm
10 mm
500 mm
20 mm
a
b
c
d
e
50 mm
100 mm
50 mm
500 mm
100 mm
4
B
b
e
Aa
1+2
1
2
1
2
c C
3
3
2
6
d
e 400 mm
2
3
4
b
D
h2
5
00
≥15 00
≥15
≥1500
h1
1
500
4
RXYCQ10~14
f
1500
3
Aa
RXYCQ8
D
A+B+C+D
2
cC
d
d
1
3
B
b
e
≥1000
≥10
00
≥1
00
0
b
a
A
2
B
≥1500
1
(mm)
1
3
4
5
3
5
3
1
5
3
5
3
5
5
1
RXYCQ8
RXYCQ10~20
1
2
2
4
4
5
7
6
A
B
6
max
15° A
765
67
≥100
≥100
722-737
67
≥67 ≥67
11
1
7
8
1
2
4
5
6
10
B
7
3
1
1
A
8
2
9
A
C
8
7
8
11
10
9
B
8
5
>12
0m
>50 m
0m
m
3
25
8
4
8
6
1
90
1
1
3
2
D
B
2
3
150
A
8
4
8 9
9
10
11
2
15
12
1
13
2
2
1
3
3
B
4
1 3
3
12
2 5 4
2
A B
1
2
3
4
4
5
5
14
3
6
5
6
6
6
13
14
15
1
16
18
13
17
7 8
9
8
±30°
A
1
4
12
7
1
3
1
B
12
5
2
16
11
6
14
10
2
3
4
6
5
17
18
22
19
1
L1
L2
L3
5
6
7
N
2
8
3
21
9
4
10
11
3
4
A1P
A B C
A
F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
C
F1 F2 F1 F2 Q1 Q2
C/H SELECTOR
B
TO IN/D UNIT TO OUT/D UNIT TO MULTI UNIT
ABC
19
1
2
20
1
A
1
1
1
3
7
2
5
6
8
B
2
5
2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
4
7
2
5
6
2
2
2
4
2
7
5
3
20
21
22
23
1 10 2
3
5
1 10 2
3
6
6
6
6
6
9
4
11
9
4
11
6
6
6
7
8
7
7
12
14 13 15
23
16
17
18
7
8
CE - DECLARACION-DE-CONFORMIDAD
CE - DICHIARAZIONE-DI-CONFORMITA
CE - ∆HΛΩΣΗ ΣΥΜΜΟΡΦΩΣΗΣ
CE - ERKLÆRING OM-SAMSVAR
CE - ILMOITUS-YHDENMUKAISUUDESTA
CE - PROHLÁŠENÍ-O-SHODĚ
01 *** Daikin Europe N.V. is authorised to compile the Technical Construction File.
02 *** Daikin Europe N.V. hat die Berechtigung die Technische Konstruktionsakte zusammenzustellen.
03 *** Daikin Europe N.V. est autorisé à compiler le Dossier de Construction Technique.
04 *** Daikin Europe N.V. is bevoegd om het Technisch Constructiedossier samen te stellen.
05 *** Daikin Europe N.V. está autorizado a compilar el Archivo de Construcción Técnica.
06 *** Daikin Europe N.V. è autorizzata a redigere il File Tecnico di Costruzione.
11 * enligt <A> och godkänts av <B> enligt Certifikatet <C>.
** i enlighet med den Tekniska Konstruktionsfilen <D> som positivt
intygats av <E> (Fastsatt modul <F>). <G>. Riskkategori <H>.
Se även nästa sida.
12 * som det fremkommer i <A> og gjennom positiv bedømmelse av <B>
ifølge Sertifikat <C>.
** som det fremkommer i den Tekniske Konstruksjonsfilen <D> og
gjennom positiv bedømmelse av <E> (Anvendt modul <F>). <G>.
Risikokategori <H>. Se også neste side.
13 * jotka on esitetty asiakirjassa <A> ja jotka <B> on hyväksynyt
Sertifikaatin <C> mukaisesti.
** jotka on esitetty Teknisessä Asiakirjassa <D> ja jotka <E> on
hyväksynyt (Sovellettu moduli <F>). <G>. Vaaraluokka <H>.
Katso myös seuraava sivu.
145th of November 2012*jak bylo uvedeno v <A> a pozitivně zjištěno <B>
v souladu s osvědčením <C>.
** jak bylo uvedeno v souboru technické konstrukce <D> a pozitivně
zjištěno <E> (použitý modul <F>). <G>. Kategorie rizik <H>.
Viz také následující strana.
15 * kako je izloženo u <A> i pozitivno ocijenjeno od strane <B> prema
Certifikatu <C>.
** kako je izloženo u Datoteci o tehničkoj konstrukciji <D> i pozitivno
ocijenjeno od strane <E> (Primijenjen modul <F>). <G>. Kategorija
opasnosti <H>. Također pogledajte na slijedećoj stranici.
Daikin.TCFP.001
AIB Vinçotte (NB0026)
D1
—
II
<F>
<G>
<H>
<C>
<E>
12080901.T30
<B>
<D>
DAIKIN.TCF.030A1/10-2012
TÜV (NB1856)
<A>
19 Direktive z vsemi spremembami.
20 Direktiivid koos muudatustega.
21 Директиви, с техните изменения.
22 Direktyvose su papildymais.
23 Direktīvās un to papildinājumos.
24 Smernice, v platnom znení.
25 Deǧiştirilmiş halleriyle Yönetmelikler.
21 съответстват на следните стандарти или други нормативни
документи, при условие, че се използват съгласно нашите
инструкции:
22 atitinka žemiau nurodytus standartus ir (arba) kitus norminius
dokumentus su sąlyga, kad yra naudojami pagal mūsų
nurodymus:
23 tad, ja lietoti atbilstoši ražotāja norādījumiem, atbilst sekojošiem
standartiem un citiem normatīviem dokumentiem:
24 sú v zhode s nasledovnou(ými) normou(ami) alebo iným(i)
normatívnym(i) dokumentom(ami), za predpokladu, že sa
používajú v súlade s našim návodom:
25 ürünün, talimatlarımıza göre kullanılması koşuluyla aşağıdaki
standartlar ve norm belirten belgelerle uyumludur:
19 *** Daikin Europe N.V. je pooblaščen za sestavo datoteke s tehnično mapo.
20 *** Daikin Europe N.V. on volitatud koostama tehnilist dokumentatsiooni.
21 *** Daikin Europe N.V. е оторизирана да състави Акта за техническа конструкция.
22 *** Daikin Europe N.V. yra įgaliota sudaryti šį techninės konstrukcijos failą.
23 *** Daikin Europe N.V. ir autorizēts sastādīt tehnisko dokumentāciju.
24 *** Spoločnosť Daikin Europe N.V. je oprávnená vytvoriť súbor technickej konštrukcie.
25 *** Daikin Europe N.V. Teknik Yapı Dosyasını derlemeye yetkilidir.
21 * както е изложено в <A> и оценено положително от <B> съгласно
Сертификата <C>.
** както е заложено в Акта за техническа конструкция <D> и
оценено положително от <E> (Приложен модул <F>). <G>.
Категория риск <H>. Вижте също на следващата страница.
22 * kaip nustatyta <A> ir kaip teigiamai nuspręsta <B> pagal
Sertifikatą <C>.
** kaip nurodyta Techninėje konstrukcijos byloje <D> ir patvirtinta <E>
(taikomas modulis <F>). <G>. Rizikos kategorija <H>. Taip pat
žiūrėkite ir kitą puslapį.
23 * kā norādīts <A> un atbilstoši <B> pozitīvajam vērtējumam saskaņā
ar sertifikātu <C>.
** kā noteikts tehniskajā dokumentācijā <D>, atbilstoši <E> pozitīvajam
lēmumam (piekritīgā sadaĮa: <F>). <G>. Riska kategorija <H>. Skat.
arī nākošo lappusi.
24 * ako bolo uvedené v <A> a pozitívne zistené <B> v súlade
s osvedčením <C>.
** ako je to stanovené v Súbore technickej konštrukcie <D> a kladne
posúdené <E> (Aplikovaný modul <F>). <G>. Kategória nebezpečia
<H>. Viď tiež nasledovnú stranu.
25 * <A>’da belirtildiği gibi ve <C> Sertifikasına göre <B> tarafından
olumlu olarak değerlendirildiği gibi.
** <D> Teknik Yapı Dosyasında belirtildiği gibi ve <E> tarafından
olumlu olarak (Uygulanan modül <F>) değerlendirilmiştir. <G>.
Risk kategorisi <H>. Ayrıca bir sonraki sayfaya bakın.
13 *** Daikin Europe N.V. on valtuutettu laatimaan Teknisen asiakirjan.
14 *** Společnost Daikin Europe N.V. má oprávnění ke kompilaci souboru technické konstrukce.
15 *** Daikin Europe N.V. je ovlašten za izradu Datoteke o tehničkoj konstrukciji.
16 *** A Daikin Europe N.V. jogosult a műszaki konstrukciós dokumentáció összeállítására.
17 *** Daikin Europe N.V. ma upoważnienie do zbierania i opracowywania dokumentacji konstrukcyjnej.
18 *** Daikin Europe N.V. este autorizat să compileze Dosarul tehnic de construcţie.
16 * a(z) <A> alapján, a(z) <B> igazolta a megfelelést, a(z)
<C> tanúsítvány szerint.
** a(z) <D> műszaki konstrukciós dokumentáció alapján, a(z) <E>
igazolta a megfelelést (alkalmazott modul: <F>). <G>.
Veszélyességi kategória <H>. Lásd még a következő oldalon.
17 * zgodnie z dokumentacją <A>, pozytywną opinią <B> i
Świadectwem <C>.
** zgodnie z archiwalną dokumentacją konstrukcyjną <D> i pozytywną
opinią <E> (Zastosowany moduł <F>). <G>. Kategoria
zagrożenia <H>. Patrz także następna strona.
18 * aşa cum este stabilit în <A> şi apreciat pozitiv de <B> în conformitate
cu Certificatul <C>.
** conform celor stabilite în Dosarul tehnic de construcţie <D>
şi apreciate pozitiv de <E> (Modul aplicat <F>). <G>. Categorie
de risc <H>. Consultaţi de asemenea pagina următoare.
19 * kot je določeno v <A> in odobreno s strani <B> v skladu
s certifikatom <C>.
** kot je določeno v tehnični mapi <D> in odobreno s strani <E>
(Uporabljen modul <F>). <G>. Kategorija tveganja <H>.
Glejte tudi na naslednji strani.
20 * nagu on näidatud dokumendis <A> ja heaks kiidetud <B> järgi
vastavalt sertifikaadile <C>.
** nagu on näidatud tehnilises dokumentatsioonis <D> ja heaks kiidetud
<E> järgi (lisamoodul <F>). <G>. Riskikategooria <H>. Vaadake ka
järgmist lehekülge.
CE - ATITIKTIES-DEKLARACIJA
CE - ATBILSTĪBAS-DEKLARĀCIJA
CE - VYHLÁSENIE-ZHODY
CE - UYUMLULUK-BİLDİRİSİ
10 Direktiver, med senere ændringer.
11 Direktiv, med företagna ändringar.
12 Direktiver, med foretatte endringer.
13 Direktiivejä, sellaisina kuin ne ovat muutettuina.
14 v platném znění.
15 Smjernice, kako je izmijenjeno.
16 irányelv(ek) és módosításaik rendelkezéseit.
17 z późniejszymi poprawkami.
18 Directivelor, cu amendamentele respective.
17 spełniają wymogi następujących norm i innych dokumentów
normalizacyjnych, pod warunkiem że używane są zgodnie z
naszymi instrukcjami:
18 sunt în conformitate cu următorul (următoarele) standard(e) sau
alt(e) document(e) normativ(e), cu condiţia ca acestea să fie
utilizate în conformitate cu instrucţiunile noastre:
19 skladni z naslednjimi standardi in drugimi normativi, pod
pogojem, da se uporabljajo v skladu z našimi navodili:
20 on vastavuses järgmis(t)e standardi(te)ga või teiste
normatiivsete dokumentidega, kui neid kasutatakse vastavalt
meie juhenditele:
01 Directives, as amended.
02 Direktiven, gemäß Änderung.
03 Directives, telles que modifiées.
04 Richtlijnen, zoals geamendeerd.
05 Directivas, según lo enmendado.
06 Direttive, come da modifica.
07 Οδηγιών, όπως έχουν τροποποιηθεί.
08 Directivas, conforme alteração em.
09 Директив со всеми поправками.
13 vastaavat seuraavien standardien ja muiden ohjeellisten
dokumenttien vaatimuksia edellyttäen, että niitä käytetään
ohjeidemme mukaisesti:
14 za předpokladu, že jsou využívány v souladu s našimi pokyny,
odpovídají následujícím normám nebo normativním
dokumentům:
15 u skladu sa slijedećim standardom(ima) ili drugim normativnim
dokumentom(ima), uz uvjet da se oni koriste u skladu s našim
uputama:
16 megfelelnek az alábbi szabvány(ok)nak vagy egyéb irányadó
dokumentum(ok)nak, ha azokat előírás szerint használják:
Machinery 2006/42/EC ***
Electromagnetic Compatibility 2004/108/EC *
Pressure Equipment 97/23/EC **
09 соответствуют следующим стандартам или другим
нормативным документам, при условии их использования
согласно нашим инструкциям:
10 overholder følgende standard(er) eller andet/andre
retningsgivende dokument(er), forudsat at disse anvendes i
henhold til vore instrukser:
11 respektive utrustning är utförd i överensstämmelse med och
följer följande standard(er) eller andra normgivande dokument,
under förutsättning att användning sker i överensstämmelse med
våra instruktioner:
12 respektive utstyr er i overensstemmelse med følgende
standard(er) eller andre normgivende dokument(er), under
forutssetning av at disse brukes i henhold til våre instrukser:
07 *** Η Daikin Europe N.V. είναι εξουσιοδοτημένη να συντάξει τον Τεχνικό φάκελο κατασκευής.
08 *** A Daikin Europe N.V. está autorizada a compilar a documentação técnica de fabrico.
09 *** Компания Daikin Europe N.V. уполномочена составить Комплект технической документации.
10 *** Daikin Europe N.V. er autoriseret til at udarbejde de tekniske konstruktionsdata.
11 *** Daikin Europe N.V. är bemyndigade att sammanställa den tekniska konstruktionsfilen.
12 *** Daikin Europe N.V. har tillatelse til å kompilere den Tekniske konstruksjonsfilen.
06 * delineato nel <A> e giudicato positivamente da <B> secondo
il Certificato <C>.
** delineato nel File Tecnico di Costruzione <D> e giudicato
positivamente da <E> (Modulo <F> applicato). <G>. Categoria
di rischio <H>. Fare riferimento anche alla pagina successiva.
07 * όπως καθορίζεται στο <A> και κρίνεται θετικά από το <B> σύμφωνα
με το Πιστοποιητικό <C>.
** όπως προσδιορίζεται στο Αρχείο Τεχνικής Κατασκευής <D> και
κρίνεται θετικά από το <E> (Χρησιμοποιούμενη υπομονάδα <F>).
<G>. Κατηγορία επικινδυνότητας <H>. Ανατρέξτε επίσης στην
επόμενη σελίδα.
08 * tal como estabelecido em <A> e com o parecer positivo de <B>
de acordo com o Certificado <C>.
** tal como estabelecido no Ficheiro Técnico de Construção <D>
e com o parecer positivo de <E> (Módulo aplicado <F>). <G>.
Categoria de risco <H>. Consultar também a página seguinte.
09 * как указано в <A> и в соответствии с положительным решением <B>
согласно Свидетельству <C>.
** как указано в Досье технического топкования <D> и в соответствии
с положительным решением <E> (Прикладной модуль <F>). <G>.
Категория риска <H>. Также смотрите следующую страницу.
10 * som anført i <A> og positivt vurderet af <B> i henhold til
Certifikat <C>.
** som anført i den Tekniske Konstruktionsfil <D> og positivt vurderet af <E>
(Anvendt modul <F>). <G>. Risikoklasse <H>. Se også næste side.
19 ob upoštevanju določb:
20 vastavalt nõuetele:
21 следвайки клаузите на:
22 laikantis nuostatų, pateikiamų:
23 ievērojot prasības, kas noteiktas:
24 održiavajúc ustanovenia:
25 bunun koşullarına uygun olarak:
05 están en conformidad con la(s) siguiente(s) norma(s) u otro(s)
documento(s) normativo(s), siempre que sean utilizados de
acuerdo con nuestras instrucciones:
06 sono conformi al(i) seguente(i) standard(s) o altro(i)
documento(i) a carattere normativo, a patto che vengano usati in
conformità alle nostre istruzioni:
07 είναι σύμφωνα με το(α) ακόλουθο(α) πρότυπο(α) ή άλλο
έγγραφο(α) κανονισμών, υπό την προϋπόθεση ότι
χρησιμοποιούνται σύμφωνα με τις οδηγίες μας:
08 estão em conformidade com a(s) seguinte(s) norma(s) ou
outro(s) documento(s) normativo(s), desde que estes sejam
utilizados de acordo com as nossas instruções:
10 under iagttagelse af bestemmelserne i:
11 enligt villkoren i:
12 gitt i henhold til bestemmelsene i:
13 noudattaen määräyksiä:
14 za dodržení ustanovení předpisu:
15 prema odredbama:
16 követi a(z):
17 zgodnie z postanowieniami Dyrektyw:
18 în urma prevederilor:
01 * as set out in <A> and judged positively by <B> according to the
Certificate <C>.
** as set out in the Technical Construction File <D> and judged
positively by <E> (Applied module <F>). <G>. Risk category <H>.
Also refer to next page.
02 * wie in <A> aufgeführt und von <B> positiv beurteilt gemäß
Zertifikat <C>.
** wie in der Technischen Konstruktionsakte <D> aufgeführt und von
<E> (Angewandtes Modul <F>) positiv ausgezeichnet. <G>. Risikoart
<H>. Siehe auch nächste Seite.
03 * tel que défini dans <A> et évalué positivement par <B>
conformément au Certificat <C>.
** tel que stipulé dans le Fichier de Construction Technique <D> et jugé
positivement par <E> (Module appliqué <F>). <G>. Catégorie de
risque <H>. Se reporter également à la page suivante.
04 * zoals vermeld in <A> en positief beoordeeld door <B>
overeenkomstig Certificaat <C>.
** zoals vermeld in het Technisch Constructiedossier <D> en
in orde bevonden door <E> (Toegepaste module <F>). <G>.
Risicocategorie <H>. Zie ook de volgende pagina.
05 * como se establece en <A> y es valorado positivamente por <B>
de acuerdo con el Certificado <C>.
** tal como se expone en el Archivo de Construcción Técnica <D>
y juzgado positivamento por <E> (Modulo aplicado <F>). <G>.
Categoría de riesgo <H>. Consulte también la siguiente página.
01 following the provisions of:
02 gemäß den Vorschriften der:
03 conformément aux stipulations des:
04 overeenkomstig de bepalingen van:
05 siguiendo las disposiciones de:
06 secondo le prescrizioni per:
07 με τήρηση των διατάξεων των:
08 de acordo com o previsto em:
09 в соответствии с положениями:
EN60335-2-40,
01 are in conformity with the following standard(s) or other
normative document(s), provided that these are used in
accordance with our instructions:
02 der/den folgenden Norm(en) oder einem anderen
Normdokument oder -dokumenten entspricht/entsprechen, unter
der Voraussetzung, daß sie gemäß unseren Anweisungen
eingesetzt werden:
03 sont conformes à la/aux norme(s) ou autre(s) document(s)
normatif(s), pour autant qu'ils soient utilisés conformément à nos
instructions:
04 conform de volgende norm(en) of één of meer andere bindende
documenten zijn, op voorwaarde dat ze worden gebruikt
overeenkomstig onze instructies:
* = , , 1, 2, 3, ..., 9
RXYCQ8A7Y1B*, RXYCQ10A7Y1B*, RXYCQ12A7Y1B*, RXYCQ14A7Y1B*, RXYCQ16A7Y1B*, RXYCQ18A7Y1B*, RXYCQ20A7Y1B*,
CE - IZJAVA O SKLADNOSTI
CE - VASTAVUSDEKLARATSIOON
CE - ДЕКЛАРАЦИЯ-ЗА-ϹЪОТВЕТСТВИЕ
17 m deklaruje na własną i wyłączną odpowiedzialność, że modele klimatyzatorów, których dotyczy niniejsza deklaracja:
18 r declară pe proprie răspundere că aparatele de aer condiţionat la care se referă această declaraţie:
19 o z vso odgovornostjo izjavlja, da so modeli klimatskih naprav, na katere se izjava nanaša:
20 x kinnitab oma täielikul vastutusel, et käesoleva deklaratsiooni alla kuuluvad kliimaseadmete mudelid:
21 b декларира на своя отговорност, че моделите климатична инсталация, за които се отнася тази декларация:
22 t visiška savo atsakomybe skelbia, kad oro kondicionavimo prietaisų modeliai, kuriems yra taikoma ši deklaracija:
23 v ar pilnu atbildību apliecina, ka tālāk uzskaitīto modeļu gaisa kondicionētāji, uz kuriem attiecas šī deklarācija:
24 k vyhlasuje na vlastnú zodpovednosť, že tieto klimatizačné modely, na ktoré sa vzťahuje toto vyhlásenie:
25 w tamamen kendi sorumluluǧunda olmak üzere bu bildirinin ilgili olduǧu klima modellerinin aşaǧıdaki gibi olduǧunu beyan eder:
CE - IZJAVA-O-USKLAĐENOSTI
CE - MEGFELELŐSÉGI-NYILATKOZAT
CE - DEKLARACJA-ZGODNOŚCI
CE - DECLARAŢIE-DE-CONFORMITATE
09 u заявляет, исключительно под свою ответственность, что модели кондиционеров воздуха, к которым относится настоящее заявление:
10 q erklærer under eneansvar, at klimaanlægmodellerne, som denne deklaration vedrører:
11 s deklarerar i egenskap av huvudansvarig, att luftkonditioneringsmodellerna som berörs av denna deklaration innebär att:
12 n erklærer et fullstendig ansvar for at de luftkondisjoneringsmodeller som berøres av denne deklarasjonen, innebærer at:
13 j ilmoittaa yksinomaan omalla vastuullaan, että tämän ilmoituksen tarkoittamat ilmastointilaitteiden mallit:
14 c prohlašuje ve své plné odpovědnosti, že modely klimatizace, k nimž se toto prohlášení vztahuje:
15 y izjavljuje pod isključivo vlastitom odgovornošću da su modeli klima uređaja na koje se ova izjava odnosi:
16 h teljes felelőssége tudatában kijelenti, hogy a klímaberendezés modellek, melyekre e nyilatkozat vonatkozik:
CE - DECLARAÇÃO-DE-CONFORMIDADE
CE - ЗАЯВЛЕНИЕ-О-СООТВЕТСТВИИ
CE - OVERENSSTEMMELSESERKLÆRING
CE - FÖRSÄKRAN-OM-ÖVERENSTÄMMELSE
01 a declares under its sole responsibility that the air conditioning models to which this declaration relates:
02 d erklärt auf seine alleinige Verantwortung daß die Modelle der Klimageräte für die diese Erklärung bestimmt ist:
03 f déclare sous sa seule responsabilité que les appareils d'air conditionné visés par la présente déclaration:
04 l verklaart hierbij op eigen exclusieve verantwoordelijkheid dat de airconditioning units waarop deze verklaring betrekking heeft:
05 e declara baja su única responsabilidad que los modelos de aire acondicionado a los cuales hace referencia la declaración:
06 i dichiara sotto sua responsabilità che i condizionatori modello a cui è riferita questa dichiarazione:
07 g δηλώνει με αποκλειστική της ευθύνη ότι τα μοντέλα των κλιματιστικών συσκευών στα οποία αναφέρεται η παρούσα δήλωση:
08 p declara sob sua exclusiva responsabilidade que os modelos de ar condicionado a que esta declaração se refere:
Daikin Europe N.V.
CE - DECLARATION-OF-CONFORMITY
CE - KONFORMITÄTSERKLÄRUNG
CE - DECLARATION-DE-CONFORMITE
CE - CONFORMITEITSVERKLARING
2P329110-2B_RXYCQ8~20A7Y1B.fm Page 1 Monday, September 24, 2012 10:11 AM
2P329110-2B
declaración:
заявление:
06 • Pressione massima consentita (PS): <K> (bar)
• Temperatura minima/massima consentita (TS*):
* TSmin: temperatura minima nel lato di bassa pressione: <L> (°C)
* TSmax: temperatura satura corrispondente alla pressione
massima consentita (PS): <M> (°C)
• Refrigerante: <N>
• Impostazione del dispositivo di controllo della pressione: <P> (bar)
• Numero di serie e anno di produzione: fare riferimento alla targhetta
del modello
07 • Mέγιστη επιτρεπόμενη πίεση (PS): <K> (bar)
• Ελάχιστη/μέγιστη επιτρεπόμενη θερμοκρασία (TS*):
* TSmin: Ελάχιστη θερμοκρασία για την πλευρά χαμηλής πίεσης:
<L> (°C)
* TSmax: Κορεσμένη θερμοκρασία που αντιστοιχεί με τη μέγιστη
επιτρεπόμενη πίεση (PS): <M> (°C)
• Ψυκτικό: <N>
• Ρύθμιση της διάταξης ασφάλειας πίεσης: <P> (bar)
• Αριθμός κατασκευής και έτος κατασκευής: ανατρέξτε στην πινακίδα
αναγνώρισης του μοντέλου
08 • Pressão máxima permitida (PS): <K> (bar)
• Temperaturas mínima e máxima permitidas (TS*):
* TSmin: Temperatura mínima em baixa pressão: <L> (°C)
* TSmax: Temperatura de saturação correspondente à pressão
máxima permitida (PS): <M> (°C)
• Refrigerante: <N>
• Regulação do dispositivo de segurança da pressão: <P> (bar)
• Número e ano de fabrico: consultar a placa de especificações
da unidade
09 • Максимально допустимое давление (PS): <K> (бар)
• Минимально/Максимально допустимая температура (TS*):
* TSmin: Минимальная температура на стороне низкого
давления: <L> (°C)
* TSmax: Температура кипения, соответствующая максимально
допустимому давлению (PS): <M> (°C)
• Хладагент: <N>
• Настройка устройства защиты по давлению: <P> (бар)
• Заводской номер и год изготовления: смотрите паспортную
табличку модели
06 Nome e indirizzo dell’Ente riconosciuto che ha riscontrato la
conformità alla Direttiva sulle apparecchiature a pressione: <Q>
07 Όνομα και διεύθυνση του Κοινοποιημένου οργανισμού που
απεφάνθη θετικά για τη συμμόρφωση προς την Οδηγία
Εξοπλισμών υπό Πίεση: <Q>
08 Nome e morada do organismo notificado, que avaliou
favoravelmente a conformidade com a directiva sobre
equipamentos pressurizados: <Q>
09 Название и адрес органа технической экспертизы,
принявшего положительное решение о соответствии
Директиве об оборудовании под давлением: <Q>
01 Name and address of the Notified body that judged positively
on compliance with the Pressure Equipment Directive: <Q>
02 Name und Adresse der benannten Stelle, die positiv unter
Einhaltung der Druckanlagen-Richtlinie urteilte: <Q>
03 Nom et adresse de l’organisme notifié qui a évalué positivement
la conformité à la directive sur l’équipement de pression: <Q>
04 Naam en adres van de aangemelde instantie die positief geoordeeld
heeft over de conformiteit met de Richtlijn Drukapparatuur: <Q>
05 Nombre y dirección del Organismo Notificado que juzgó
positivamente el cumplimiento con la Directiva en materia de
Equipos de Presión: <Q>
Jean-Pierre Beuselinck
Director
Ostend, 5th of November 2012
10 Navn og adresse på bemyndiget organ, der har foretaget en
positiv bedømmelse af, at udstyret lever op til kravene i PED
(Direktiv for Trykbærende Udstyr): <Q>
11 Namn och adress för det anmälda organ som godkänt
uppfyllandet av tryckutrustningsdirektivet: <Q>
12 Navn på og adresse til det autoriserte organet som positivt
bedømte samsvar med direktivet for trykkutstyr (Pressure
Equipment Directive): <Q>
13 Sen ilmoitetun elimen nimi ja osoite, joka teki myönteisen
päätöksen painelaitedirektiivin noudattamisesta: <Q>
10 • Maks. tilladt tryk (PS): <K> (bar)
• Min./maks. tilladte temperatur (TS*):
* TSmin: Min. temperatur på lavtrykssiden: <L> (°C)
* TSmax: Mættet temperatur svarende til maks. tilladte tryk (PS):
<M> (°C)
• Kølemiddel: <N>
• Indstilling af tryksikringsudstyr: <P> (bar)
• Produktionsnummer og fremstillingsår: se modellens fabriksskilt
11 • Maximalt tillåtet tryck (PS): <K> (bar)
• Min/max tillåten temperatur (TS*):
* TSmin: Minimumtemperatur på lågtryckssidan: <L> (°C)
* TSmax: Mättnadstemperatur som motsvarar maximalt tillåtet tryck
(PS): <M> (°C)
• Köldmedel: <N>
• Inställning för trycksäkerhetsenhet: <P> (bar)
• Tillverkningsnummer och tillverkningsår: se modellens namnplåt
12 • Maksimalt tillatt trykk (PS): <K> (bar)
• Minimalt/maksimalt tillatt temperatur (TS*):
* TSmin: Minimumstemperatur på lavtrykkssiden: <L> (°C)
* TSmax: Metningstemperatur i samsvar med maksimalt tillatt trykk
(PS): <M> (°C)
• Kjølemedium: <N>
• Innstilling av sikkerhetsanordning for trykk: <P> (bar)
• Produksjonsnummer og produksjonsår: se modellens merkeplate
13 • Suurin sallittu paine (PS): <K> (bar)
• Pienin/suurin sallittu lämpötila (TS*):
* TSmin: Alhaisin matalapainepuolen lämpötila: <L> (°C)
* TSmax: Suurinta sallittua painetta (PS) vastaava
kyllästyslämpötila: <M> (°C)
• Kylmäaine: <N>
• Varmuuspainelaitteen asetus: <P> (bar)
• Valmistusnumero ja valmistusvuosi: katso mallin nimikilpi
14 • Maximální přípustný tlak (PS): <K> (bar)
• Minimální/maximální přípustná teplota (TS*):
* TSmin: Minimální teplota na nízkotlaké straně: <L> (°C)
* TSmax: Saturovaná teplota odpovídající maximálnímu
přípustnému tlaku (PS): <M> (°C)
• Chladivo: <N>
• Nastavení bezpečnostního tlakového zařízení: <P> (bar)
• Výrobní číslo a rok výroby: viz typový štítek modelu
15 y nastavak s prethodne stranice:
16 h folytatás az előző oldalról:
17 m ciąg dalszy z poprzedniej strony:
18 r continuarea paginii anterioare:
CE - IZJAVA-O-USKLAĐENOSTI
CE - MEGFELELŐSÉGI-NYILATKOZAT
CE - DEKLARACJA-ZGODNOŚCI
CE - DECLARAŢIE-DE-CONFORMITATE
14 Název a adresa informovaného orgánu, který vydal pozitivní
posouzení shody se směrnicí o tlakových zařízeních: <Q>
15 Naziv i adresa prijavljenog tijela koje je donijelo pozitivnu
prosudbu o usklađenosti sa Smjernicom za tlačnu opremu: <Q>
16 A nyomástartó berendezésekre vonatkozó irányelvnek való
megfelelőséget igazoló bejelentett szervezet neve és címe: <Q>
17 Nazwa i adres Jednostki notyfikowanej, która wydała pozytywną
opinię dotyczącą spełnienia wymogów Dyrektywy dot. Urządzeń
Ciśnieniowych: <Q>
18 Denumirea şi adresa organismului notificat care a apreciat pozitiv
conformarea cu Directiva privind echipamentele sub presiune: <Q>
15 • Najveći dopušten tlak (PS): <K> (bar)
• Najniža/najviša dopuštena temperatura (TS*):
* TSmin: Najniža temperatura u području niskog tlaka: <L> (°C)
* TSmax: Standardna temperatura koja odgovara najvećem
dopuštenom tlaku (PS): <M> (°C)
• Rashladno sredstvo: <N>
• Postavke sigurnosne naprave za tlak: <P> (bar)
• Proizvodni broj i godina proizvodnje: pogledajte natpisnu pločicu
modela
16 • Legnagyobb megengedhető nyomás (PS): <K> (bar)
• Legkisebb/legnagyobb megengedhető hőmérséklet (TS*):
* TSmin: Legkisebb megengedhető hőmérséklet a kis nyomású
oldalon: <L> (°C)
* TSmax: A legnagyobb megengedhető nyomásnak (PS) megfelelő
telítettségi hőmérséklet: <M> (°C)
• Hűtőközeg: <N>
• A túlnyomás-kapcsoló beállítása: <P> (bar)
• Gyártási szám és gyártási év: lásd a berendezés adattábláján
17 • Maksymalne dopuszczalne ciśnienie (PS): <K> (bar)
• Minimalna/maksymalna dopuszczalna temperatura (TS*):
* TSmin: Minimalna temperatura po stronie niskociśnieniowej: <L>
(°C)
* TSmax: Temperatura nasycenia odpowiadająca maksymalnemu
dopuszczalnemu ciśnieniu (PS): <M> (°C)
• Czynnik chłodniczy: <N>
• Nastawa ciśnieniowego urządzenia bezpieczeństwa: <P> (bar)
• Numer fabryczny oraz rok produkcji: patrz tabliczka znamionowa
modelu
18 • Presiune maximă admisibilă (PS): <K> (bar)
• Temperatură minimă/maximă admisibilă (TS*):
* TSmin: Temperatură minimă pe partea de presiune joasă: <L>
(°C)
* TSmax: Temperatură de saturaţie corespunzând presiunii maxime
admisibile (PS): <M> (°C)
• Agent frigorific: <N>
• Reglarea dispozitivului de siguranţă pentru presiune: <P> (bar)
• Numărul de fabricaţie şi anul de fabricaţie: consultaţi placa de
identificare a modelului
22 t ankstesnio puslapio tęsinys:
23 v iepriekšējās lappuses turpinājums:
24 k pokračovanie z predchádzajúcej strany:
25 w önceki sayfadan devam:
CE - ATITIKTIES-DEKLARACIJA
CE - ATBILSTĪBAS-DEKLARĀCIJA
CE - VYHLÁSENIE-ZHODY
CE - UYUMLULUK-BİLDİRİSİ
TSmin
TSmax
<L>
<M>
<P>
<N>
PS
<K>
40 bar
R410A
63 °C
–30 °C
40 bar
24 • Maximálny povolený tlak (PS): <K> (bar)
• Minimálna/maximálna povolená teplota (TS*):
* TSmin: Minimálna teplota na nízkotlakovej strane: <L> (°C)
* TSmax: Nasýtená teplota korešpondujúca s maximálnym
povoleným tlakom (PS): <M> (°C)
• Chladivo: <N>
• Nastavenie tlakového poistného zariadenia: <P> (bar)
• Výrobné číslo a rok výroby: nájdete na výrobnom štítku modelu
25 • İzin verilen maksimum basınç (PS): <K> (bar)
• İzin verilen minimum/maksimum sıcaklık (TS*):
* TSmin: Düşük basınç tarafındaki minimum sıcaklık: <L> (°C)
* TSmax: İzin verilen maksimum basınca (PS) karşı gelen doyma
sıcaklığı: <M> (°C)
• Soğutucu: <N>
• Basınç emniyet düzeninin ayarı: <P> (bar)
• İmalat numarası ve imalat yılı: modelin ünite plakasına bakın
19 Ime in naslov organa za ugotavljanje skladnosti, ki je pozitivno
24 Názov a adresa certifikačného úradu, ktorý kladne posúdil zhodu
ocenil združljivost z Direktivo o tlačni opremi: <Q>
so smernicou pre tlakové zariadenia: <Q>
20 Teavitatud organi, mis hindas Surveseadmete Direktiiviga
25 Basınçlı Teçhizat Direktifine uygunluk hususunda olumlu olarak
ühilduvust positiivselt, nimi ja aadress: <Q>
değerlendirilen Onaylanmış kuruluşun adı ve adresi: <Q>
21 Наименование и адрес на упълномощения орган, който
се е произнесъл положително относно съвместимостта
с Директивата за оборудване под налягане: <Q>
22 Atsakingos institucijos, kuri davė teigiamą sprendimą pagal
<Q> AIB VINÇOTTE INTERNATIONAL N.V.
slėginės įrangos direktyvą pavadinimas ir adresas: <Q>
Diamant Building, A. Reyerslaan 80
23 Sertifikācijas institūcijas, kura ir devusi pozitīvu slēdzienu par
B-1030 Brussels, Belgium
atbilstību Spiediena lekārtu Direktīvai, nosaukums un adrese: <Q>
19 • Maksimalni dovoljeni tlak (PS): <K> (bar)
• Minimalna/maksimalna dovoljena temperatura (TS*):
* TSmin: Minimalna temperatura na nizkotlačni strani: <L> (°C)
* TSmax: Nasičena temperatura, ki ustreza maksimalnemu
dovoljenemu tlaku (PS): <M> (°C)
• Hladivo: <N>
• Nastavljanje varnostne naprave za tlak: <P> (bar)
• Tovarniška številka in leto proizvodnje: glejte napisno ploščico
20 • Maksimaalne lubatud surve (PS): <K> (bar)
• Minimaalne/maksimaalne lubatud temperatuur (TS*):
* TSmin: Minimaalne temperatuur madalsurve küljel: <L> (°C)
* TSmax: Maksimaalsele lubatud survele (PS) vastav küllastunud
temperatuur: <M> (°C)
• Jahutusaine: <N>
• Surve turvaseadme seadistus: <P> (bar)
• Tootmisnumber ja tootmisaasta: vaadake mudeli andmeplaati
21 • Максимално допустимо налягане (PS): <K> (bar)
• Минимално/максимално допустима температура (TS*):
* TSmin: Минимална температура от страната на ниското
налягане: <L> (°C)
* TSmax: Температура на насищане, съответстваща на
максимално допустимото налягане (PS): <M> (°C)
• Охладител: <N>
• Настройка на предпазното устройство за налягане: <P> (bar)
• Фабричен номер и година на производство: вижте табелката
на модела
22 • Maksimalus leistinas slėgis (PS): <K> (bar)
• Minimali/maksimali leistina temperatūra (TS*):
* TSmin: Minimali temperatūra žemo slėgio pusėje: <L> (°C)
* TSmax: Prisotinta temperatūra, atitinkamti maksimalų leistiną slėgį
(PS): <M> (°C)
• Šaldymo skystis: <N>
• Apsauginio slėgio prietaiso nustatymas: <P> (bar)
• Gaminio numeris ir pagaminimo metai: žiūrėkite modelio pavadinimo
plokštelę
23 • Maksimālais pieļaujamais spiediens (PS): <K> (bar)
• Minimālā/maksimālā pieļaujamā temperatūra (TS*):
* TSmin: Minimālā temperatūra zemā spiediena pusē: <L> (°C)
* TSmax: Piesātinātā temperatūra saskaņā ar maksimālo
pieļaujamo spiedienu (PS): <M> (°C)
• Dzesinātājs: <N>
• Spiediena drošības ierīces iestatīšana: <P> (bar)
• Izgatavošanas numurs un izgatavošanas gads: skat. modeļa
izgatavotājuzņēmuma plāksnītie
20 Deklaratsiooni alla kuuluvate mudelite disainispetsifikatsioonid:
21 Проектни спецификации на моделите, за които се отнася декларацията:
22 Konstrukcinės specifikacijos modelių, kurie susiję su šia deklaracija:
23 To modeļu dizaina specifikācijas, uz kurām attiecas šī deklarācija:
24 Konštrukčné špecifikácie modelu, ktorého sa týka toto vyhlásenie:
25 Bu bildirinin ilgili olduğu modellerin Tasarım Özellikleri:
19 o nadaljevanje s prejšnje strani:
20 x eelmise lehekülje järg:
21 b продължение от предходната страница:
CE - IZJAVA O SKLADNOSTI
CE - VASTAVUSDEKLARATSIOON
CE - ДЕКЛАРАЦИЯ-ЗА-ϹЪОТВЕТСТВИЕ
13 Tätä ilmoitusta koskevien mallien rakennemäärittely:
14 Specifikace designu modelů, ke kterým se vztahuje toto prohlášení:
15 Specifikacije dizajna za modele na koje se ova izjava odnosi:
16 A jelen nyilatkozat tárgyát képező modellek tervezési jellemzői:
17 Specyfikacje konstrukcyjne modeli, których dotyczy deklaracja:
18 Specificaţiile de proiectare ale modelelor la care se referă această declaraţie:
19 Specifikacije tehničnega načrta za modele, na katere se nanaša ta deklaracija:
12 n fortsettelse fra forrige side:
13 j jatkoa edelliseltä sivulta:
14 c pokračování z předchozí strany:
CE - ERKLÆRING OM-SAMSVAR
CE - ILMOITUS-YHDENMUKAISUUDESTA
CE - PROHLÁŠENÍ-O-SHODĚ
10 Typespecifikationer for de modeller, som denne erklæring vedrører:
11 Designspecifikationer för de modeller som denna deklaration gäller:
12 Konstruksjonsspesifikasjoner for de modeller som berøres av denne deklarasjonen:
01 • Maximum allowable pressure (PS): <K> (bar)
• Minimum/maximum allowable temperature (TS*):
* TSmin: Minimum temperature at low pressure side: <L> (°C)
* TSmax: Saturated temperature corresponding with the maximum
allowable pressure (PS): <M> (°C)
• Refrigerant: <N>
• Setting of pressure safety device: <P> (bar)
• Manufacturing number and manufacturing year: refer to model
nameplate
02 • Maximal zulässiger Druck (PS): <K> (Bar)
• Minimal/maximal zulässige Temperatur (TS*):
* TSmin: Mindesttemperatur auf der Niederdruckseite: <L> (°C)
* TSmax: Sättigungstemperatur die dem maximal zulässigen Druck
(PS) entspricht: <M> (°C)
• Kältemittel: <N>
• Einstellung der Druck-Schutzvorrichtung: <P> (Bar)
• Herstellungsnummer und Herstellungsjahr: siehe Typenschild
des Modells
03 • Pression maximale admise (PS): <K> (bar)
• Température minimum/maximum admise (TS*):
* TSmin: température minimum côté basse pression: <L> (°C)
* TSmax: température saturée correspondant à la pression
maximale admise (PS): <M> (°C)
• Réfrigérant: <N>
• Réglage du dispositif de sécurité de pression: <P> (bar)
• Numéro de fabrication et année de fabrication: se reporter à la
plaquette signalétique du modèle
04 • Maximaal toelaatbare druk (PS): <K> (bar)
• Minimaal/maximaal toelaatbare temperatuur (TS*):
* TSmin: Minimumtemperatuur aan lagedrukzijde: <L> (°C)
* TSmax: Verzadigde temperatuur die overeenstemt met de
maximaal toelaatbare druk (PS): <M> (°C)
• Koelmiddel: <N>
• Instelling van drukbeveiliging: <P> (bar)
• Fabricagenummer en fabricagejaar: zie naamplaat model
05 • Presión máxima admisible (PS): <K> (bar)
• Temperatura mínima/máxima admisible (TS*):
* TSmin: Temperatura mínima en el lado de baja presión: <L> (°C)
* TSmax: Temperatura saturada correspondiente a la presión
máxima admisible (PS): <M> (°C)
• Refrigerante: <N>
• Ajuste del presostato de seguridad: <P> (bar)
• Número de fabricación y año de fabricación: consulte la placa
de especificaciones técnicas del modelo
06 Specifiche di progetto dei modelli cui fa riferimento la presente dichiarazione:
08 p continuação da página anterior:
09 u продолжение предыдущей страницы:
10 q fortsat fra forrige side:
11 s fortsättning från föregående sida:
CE - DECLARAÇÃO-DE-CONFORMIDADE
CE - ЗАЯВЛЕНИЕ-О-СООТВЕТСТВИИ
CE - OVERENSSTEMMELSESERKLÆRING
CE - FÖRSÄKRAN-OM-ÖVERENSTÄMMELSE
07 Προδιαγραφές Σχεδιασμού των μοντέλων με τα οποία σχετίζεται η δήλωση:
08 Especificações de projecto dos modelos a que se aplica esta declaração:
09 Проектные характеристики моделей, к которым относится настоящее
05 e continuación de la página anterior:
06 i continua dalla pagina precedente:
07 g συνέχεια από την προηγούμενη σελίδα:
01 a continuation of previous page:
02 d Fortsetzung der vorherigen Seite:
03 f suite de la page précédente:
04 l vervolg van vorige pagina:
01 Design Specifications of the models to which this declaration relates:
02 Konstruktionsdaten der Modelle auf die sich diese Erklärung bezieht:
03 Spécifications de conception des modèles auxquels se rapporte cette déclaration:
04 Ontwerpspecificaties van de modellen waarop deze verklaring betrekking heeft:
05 Especificaciones de diseño de los modelos a los cuales hace referencia esta
CE - DECLARACION-DE-CONFORMIDAD
CE - DICHIARAZIONE-DI-CONFORMITA
CE - ∆HΛΩΣΗ ΣΥΜΜΟΡΦΩΣΗΣ
CE - DECLARATION-OF-CONFORMITY
CE - KONFORMITÄTSERKLÄRUNG
CE - DECLARATION-DE-CONFORMITE
CE - CONFORMITEITSVERKLARING
2P329110-2B_RXYCQ8~20A7Y1B.fm Page 2 Monday, September 24, 2012 10:11 AM
2P329110-2B
RXYCQ8A7Y1B
RXYCQ10A7Y1B
RXYCQ12A7Y1B
RXYCQ14A7Y1B
INDICE
RXYCQ16A7Y1B
RXYCQ18A7Y1B
RXYCQ20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
Pagina
1. Presentazione............................................................................ 2
1.1.
1.2.
1.3.
1.4.
2.
3.
4.
5.
6.
Combinazione .............................................................................. 2
Accessori di fornitura standard .................................................... 2
Accessori opzionali ...................................................................... 2
Specifiche elettriche e tecniche ................................................... 2
Componenti principali ................................................................ 2
Scelta della posizione d'installazione ........................................ 2
Ispezione e movimentazione dell'unità ...................................... 4
Rimozione dell'imballaggio e posizionamento dell'unità............ 4
Linee del refrigerante................................................................. 5
6.1.
6.2.
6.3.
6.4.
6.5.
Attrezzatura necessaria per l'installazione................................... 5
Scelta dei materiali delle tubazioni .............................................. 5
Collegamento delle tubature........................................................ 6
Collegamento delle linee del refrigerante .................................... 6
Protezione dalle contaminazioni durante l'installazione delle
tubazioni ...................................................................................... 7
6.6. Esempio di collegamento............................................................. 8
7. Prova di tenuta e disidratazione sotto vuoto............................ 10
8. Collegamenti da effettuarsi in loco .......................................... 10
8.1.
8.2.
8.3.
8.4.
8.5.
8.6.
Collegamenti elettrici interni: tabella dei componenti................. 11
Parti optional Selettore raffreddamento/riscaldamento.............. 11
Circuito d'alimentazione e caratteristiche dei cavi ..................... 12
Avvertenze generali ................................................................... 12
Esempi di sistema...................................................................... 13
Allacciamento della linea d'alimentazione e della linea di
trasmissione............................................................................... 13
8.7. Collegamenti da effettuarsi in loco: cavi di trasmissione
e selezione raffreddamento/riscaldamento................................ 13
8.8. Collegamenti da effettuarsi in loco: fili di collegamento ............. 15
8.9. Esempio di collegamento per il collegamento dell'unità
interna........................................................................................ 15
9. Isolamento delle tubature ........................................................ 15
10. Controllo dell'unità e condizioni di installazione ...................... 16
11. Caricamento del refrigerante ................................................... 16
11.1.
11.2.
11.3.
11.4.
11.5.
11.6.
Informazioni importanti sul refrigerante utilizzato ...................... 16
Precauzioni durante il rabbocco con R410A.............................. 17
Procedura di funzionamento della valvola d'arresto .................. 17
Controllo del numero di unità collegate ..................................... 18
Rabbocco del refrigerante ......................................................... 18
Controlli successivi all'aggiunta di refrigerante .......................... 19
12. Prima della messa in marcia ................................................... 19
12.1.
12.2.
12.3.
12.4.
Manuale d'installazione
Precauzioni per la manutenzione .............................................. 19
Controlli da eseguire prima della messa in marcia .................... 20
Impostazioni sul posto ............................................................... 20
Prova di funzionamento ............................................................. 22
13. Funzionamento in modalità manutenzione.............................. 23
14. Precauzioni contro le perdite di refrigerante............................ 24
15. Istruzioni per lo smaltimento.................................................... 24
PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIO
LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTO MANUALE. NON
GETTARLO VIA MA RIPORLO IN UN LUOGO SICURO IN
MODO CHE SIA DISPONIBILE PER QUALSIASI
NECESSITÁ FUTURA.
L'INSTALLAZIONE O IL MONTAGGIO IMPROPRI
DELL'APPARECCHIO O DI UN SUO ACCESSORIO
POTREBBERO DAR LUOGO A FOLGORAZIONI,
CORTOCIRCUITI, PERDITE OPPURE DANNI ALLE
TUBAZIONI O AD ALTRE PARTI DELL'APPARECCHIO.
USARE ESCLUSIVAMENTE ACCESSORI ORIGINALI
DAIKIN, CHE SONO SPECIFICATAMENTE PROGETTATI
PER ESSERE USATI SU APPARECCHI DI QUESTO TIPO
PRETENDENDO CHE ESSI VENGANO MONTATI
ESCLUSIVAMENTE DA UN INSTALLATORE QUALIFICATO.
GLI APPARECCHI DAIKIN SONO PROGETTATI PER
DETERMINATE APPLICAZIONI. PER L'USO IN ALTRE
APPLICAZIONI CONTATTARE IL RIVENDITORE LOCALE
DAIKIN.
CONTATTARE L'INSTALLATORE PER AVERE CONSIGLI IN
CASO DI DUBBI SULLE PROCEDURE DI MONTAGGIO O
D'USO.
IL PRESENTE CLIMATIZZATORE RIENTRA NELLA
CATEGORIA "DISPOSITIVI NON ACCESSIBILI AD UN
PUBBLICO GENERICO".
Il testo in inglese corrisponde alle istruzioni originali. Le altre lingue
sono traduzioni delle istruzioni originali.
Per il refrigerante R410A occorre porre in atto alcune
rigorose precauzioni in modo da mantenere il circuito
frigorifero assolutamente pulito, asciutto e a tenuta.
■
Pulito e asciutto
Ogni materiale estraneo (compresi l'umidità e gli oli
minerali come il SUNISO) deve essere rigorosamente
mantenuto al di fuori dal circuito frigorifero.
■
Tenuta
L'R410A non contiene cloro e quindi non danneggia in
alcun modo lo strato atmosferico di ozono che
protegge la terra dagli effetti nocivi dei raggi
ultravioletti.
L'R410A può lievemente contribuire alla creazione
dell'effetto serra, se viene disperso nell'ambiente.
È pertanto necessario prestare particolare attenzione
nel controllare la tenuta dell'installazione,
Nonché leggere attentamente il capitolo "6. Linee del
refrigerante" a pagina 5 e applicare le istruzioni che
seguono.
Usare tubature di spessore maggiorato, in quanto la
pressione di progetto del circuito è di 4,0 MPa o 40 bar
(per le unità R407C: 3,3 MPa o 33 bar). Selezionare
attentamente lo spessore delle tubature, facendo
riferimento al paragrafo "6.2. Scelta dei materiali delle
tubazioni" a pagina 5 per maggiori informazioni.
Manuale d'installazione
1
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
1.
PRESENTAZIONE
1.3.
Il presente manuale d'installazione riguarda le unità VRV Inverter
della serie Daikin RXYCQ-A. Queste unità sono progettate per
installazioni esterne e per essere usate in applicazioni di
riscaldamento e pompe di calore.
Accessori opzionali
Occorrono i seguenti componenti opzionali per installare le summenzionate unità esterne.
Kit di derivazione delle linee del refrigerante (solo per l'R410A: si
raccomanda l'uso del kit appropriato specifico per il sistema scelto).
Le unità RXYCQ possono essere abbinate alle unità interne Daikin
VRV per il condizionamento dell'aria e adattabili per l'R410A.
Collettore Refnet
Giunto Refnet
KHRQ22M29H
KHRQ22M20T
Questo manuale d'installazione descrive le procedure relative
all'eliminazione dell'imballaggio, l'installazione ed il collegamento
delle unità RXYCQ. L'installazione delle unità interne non è trattata in
questo manuale. Per l'installazione di queste ultime è quindi
indispensabile riferirsi al manuale di cui esse sono corredate.
KHRQ22M64H
KHRQ22M29T9
1.4.
1.1.
Per le specifiche tecniche complete fare riferimento al manuale
tecnico.
Combinazione
KHRQ22M64T
Specifiche elettriche e tecniche
Le unità interne possono essere installate nella seguente gamma.
■
Usare sempre unità interne compatibili con R410A.
Per conoscere quali sono i modelli compatibili con R410A, fare
riferimento al catalogo dei prodotti.
■
Indice della capacità totale delle unità interne
Minimo
Massimo
RXYCQ8
100
200
RXYCQ10
125
250
RXYCQ12
150
360
RXYCQ14
175
420
RXYCQ16
200
480
RXYCQ18
225
540
RXYCQ20
250
600
3.
2
1
1
1
1
Quantità
8~20 Hp
1
8~12, 16, 18 Hp
1
14, 20 Hp
1
(a) = unità principale
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
I piccoli animali potrebbero venire in contatto con le
parti elettriche e potrebbero essere la causa di
malfunzionamenti, fumo o incendi. Dare istruzioni al
cliente di tenere pulita l'area intorno all'unità.
Utilizzare un piano d'appoggio abbastanza robusto da reggere il
peso dell'unità e sufficientemente piano da evitare la generazione di rumori e di vibrazioni.
Il piano deve lasciare attorno all'apparecchio gli spazi liberi
necessari per la manutenzione e la circolazione dell'aria in
ingresso e in uscita (vedere la figura 1 e scegliere una delle
possibilità).
ABCD
8~12 Hp
Tipo di unità
■
Lati del luogo di istallazione con ostacoli.
Lato aspirazione
Quantità
8~20 Hp
Tubazione accessoria lato liquido(a)
Articolo
Assicurarsi di adottare tutte le necessarie misure al
fine di evitare che l'unità esterna diventi un rifugio per
i piccoli animali.
In caso contrario, l'apparecchio potrebbe cadere e
provocare danni o lesioni.
1
1
1
Vedere la posizione 2 in figura 2 come riferimento se i seguenti
accessori sono forniti insieme all'unità.
14~20 Hp
■
Gli apparecchi con inverter devono essere installati in luoghi che
abbiano le caratteristiche di seguito elencate.
Vedere la posizione 1 in figura 2 come riferimento se i seguenti
accessori sono forniti insieme all'unità.
Tubazione accessoria lato gas(a)
Articolo
SCELTA DELLA POSIZIONE D'INSTALLAZIONE
Prima dell'installazione è necessario il permesso del cliente.
1
Accessori di fornitura standard
Tipo di unità
PRINCIPALI
Sia l'unità interna che quella esterna sono adatte per l'installazione in
ambienti commerciali o dell'industria leggera. Nell'uso domestico,
potrebbero essere causa di interferenze elettromagnetiche; si
richiede quindi all'utente di adottare provvedimenti adeguati.
Per maggiori informazioni fare riferimento alla sezione
sulle caratteristiche del funzionamento nel Manuale
tecnico.
Manuale d'installazione
Manuale d'uso
Etichetta dei gas serra fluorinati
Etichetta multilingue dei gas serra
fluorinati
COMPONENTI
Fare riferimento al manuale tecnico per ciò che riguarda l'elenco e la
funzione dei componenti principali.
Se la capacità totale delle unità interne collegate
è superiore alla capacità dell'unità esterna, il
raffreddamento e il riscaldamento potrebbero essere
compromessi durante il funzionamento delle unità
interne.
NOTA
1.2.
2.
■ Se il luogo di installazione presenta degli ostacoli sui lati
A+B+C+D, l'altezza delle pareti dei lati A+C non influisce
sulle dimensioni di spazio di servizio. Fare riferimento a
figura 1 per maggiori informazioni sull'influenza dell'altezza
delle pareti sui lati B+D sulle dimensioni di spazio di servizio.
■ Se il luogo di installazione presenta degli ostacoli solo sui lati
A+B, l'altezza delle pareti non influisce su nessuna delle
dimensioni di spazio di servizio indicate.
NOTA
Le dimensioni di spazio di servizio indicate in
figura 1 si basano sul funzionamento di raffreddamento a 35°C.
Manuale d'installazione
2
3
Non devono sussistere pericoli d'incendio derivanti da perdite di
gas infiammabili.
4
L'acqua che può gocciolare dall'unità (per esempio in caso di
ostruzione della linea di drenaggio) non deve avere la possibilità
di fare danni.
5
La lunghezza delle tubature tra unità esterna e quella interna
non deve essere superiore alla lunghezza massima indicata in
questo manuale (consultare il capitolo "6.6. Esempio di
collegamento" a pagina 8).
6
Scegliere una posizione in cui né il rumore e né l'aria scaricata
dall'unità possa in alcun modo arrecare disturbo.
7
L'ingresso e l'uscita dell'aria non devono essere in direzione
opposta a quella della corrente d'aria prevalente. In caso contrario il funzionamento dell'unità potrebbe risultarne disturbato.
Se necessario, proteggere l'unità con uno schermo frangivento.
8
9
■
Non installare o utilizzare l'unità in luoghi la cui aria contiene alti
livelli di sodio, come ad esempio in prossimità dell'oceano. (per
ulteriori informazioni consultare l'Engineering Databook).
Durante l'installazione, evitare di salire sull'unità o di collocarvi
oggetti.
Quando l'unità viene installata in un ambiente piccolo, adottare
le necessarie precauzioni per evitare che, in caso di fughe di
refrigerante, la concentrazione di quest'ultimo nell'aria non
superi i limiti di sicurezza indicati.
La concentrazione eccessiva di refrigerante in un
ambiente chiuso può provocare carenza di ossigeno.
11
L'apparecchio non deve
potenzialmente esplosive.
essere
utilizzato
in
1
PC o radio
2
Fusibile
3
Interruttore differenziale
4
Telecomando
5
Selettore raffreddamento/riscaldamento
6
Unità interna
In luoghi con ricezione bassa, mantenere una
distanza di 3 m o più per evitare interferenze elettromagnetiche di altri apparecchi e utilizzare tubi
protettivi per le condutture di alimentazione e
trasmissione.
In caso di caduta, si potrebbero subire lesioni.
10
L'apparecchiatura descritta nel presente manuale può
causare disturbi elettronici generati dall'energia di
radiofrequenza. L'apparecchiatura risponde alle specifiche tecniche previste per offrire una ragionevole
protezione contro tale interferenza. Tuttavia, non è
possibile garantire che tale interferenza non si verifichi
con installazioni particolari.
Si raccomanda, quindi, di installare l'apparecchiatura
e i collegamenti elettrici ad una giusta distanza da
apparecchi stereo, computer, ecc...
(Vedere la figura 3).
■
Nelle aree soggette a forti cadute di neve il luogo
d'installazione deve essere scelto in modo che la neve
non possa in alcun modo interferire con il
funzionamento dell'unità.
■
Il refrigerante R410A è sicuro, di per sé non è tossico
né infiammabile. Tuttavia, in caso di fughe la sua
concentrazione potrebbe far superare il limite di
tollerabilità negli ambienti chiusi. Per questo motivo è
indispensabile prendere ogni precauzione contro le
possibili fughe di refrigerante. Fare riferimento al
capitolo "14. Precauzioni contro le perdite di
refrigerante" a pagina 24.
■
Luoghi in cui si sconsigli l'installazione.
atmosfere
■ Luoghi in cui si può riscontrare la presenza di acidi
solforici e altri tipi di gas corrosivi nell'aria.
Le tubature in rame e le giunture saldate
potrebbero corrodersi e disperdere il refrigerante.
■ Luoghi in cui si può riscontrare la presenza di
nebbia di olio minerale, olio nebulizzato o vapore
nell'aria.
Le parti in plastica possono deteriorarsi e cadere o
provocare perdite d'acqua.
■ Luoghi in cui l'apparecchiatura potrebbe generare
onde elettromagnetiche.
Le onde elettromagnetiche potrebbero essere
causa di malfunzionamenti del sistema di controllo,
impedendo la sua normale operatività.
■ Luoghi in cui vi si potrebbero disperdere gas
infiammabili, dove vengono adoperati solventi,
benzina o altre sostanze volatili o dove è possibile
riscontrare la presenza di polvere di carbone e
altre sostanze infiammabili nell'aria.
Perdite di gas potrebbero concentrarsi intorno
all'unità provocandone l'esplosione.
■
Manuale d'installazione
3
Durante l'installazione, tenere presenti le sollecitazioni
che possono essere provocate da venti forti, tifoni e
terremoti.
Un'installazione errata potrebbe causare la caduta
dell'unità.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
ISPEZIONE E MOVIMENTAZIONE
DELL'UNITÀ
Al momento della consegna è bene controllare ogni collo indicando
immediatamente per iscritto allo spedizioniere ogni danno
eventualmente riscontrato.
5.
■
Rimuovere le quattro viti che fissano l'unità al pallet.
■
Assicurarsi che l'unità sia appoggiata su una
sufficientemente salda da evitare vibrazioni e disturbi.
Durante la movimentazione dell'unità tenere presente i seguenti
punti:
1
RIMOZIONE DELL'IMBALLAGGIO
E POSIZIONAMENTO DELL'UNITÀ
Non usare supporti solo per sostenere gli angoli. (Vedere
la figura 6)
Fragile, maneggiare con cura.
Mantenere l'unità in posizione verticale in modo da evitare
danni al compressore.
2
Scegliere in anticipo il percorso attraverso il quale l'unità verrà
portata all'interno.
3
Per evitare danni durante il trasporto, portare l'unità
nell'imballaggio originale il più vicino possibile al luogo
d'installazione. (Vedere la figura 4)
4
X
Non consentito (eccetto RXYCQ8)
O
Consentito (unità: mm)
■
Assicurarsi che la base sotto l'unità sia più larga dei 765 mm
della profondità dell'unità. (Vedere la figura 7)
■
L'altezza della base di appoggio deve essere almeno di 150 mm
dal pavimento.
■
L'unità deve essere posizionata su un basamento solido (in
calcestruzzo o con angolari metallici) così come indicato nella
figura 7.
1
Materiale da imballaggio
2
Apertura (grande)
3
Imbracatura
Modello
4
Apertura (piccola) (40x45)
RXYCQ8
5
Protezione
RXYCQ10~14
930
792
RXYCQ16~20
1240
1102
L'unità deve essere preferibilmente sollevata con una gru e
2 cinghie d'imbracatura lunghe almeno 8 m. (Vedere la figura 4)
NOTA
Utilizzare un'imbracatura di larghezza ≤20 mm in
grado di sostenere adeguatamente il peso
dell'unità.
Se è necessario utilizzare un elevatore a forca, all'inizio
trasportare l'unità preferibilmente con il pallet, quindi far passare
i bracci dell'elevatore attraverso le ampie aperture rettangolari
sul fondo dell'unità. (Vedere la figura 5)
5.1 Dal momento in cui si utilizza un elevatore a forca per spostare
l'unità nella posizione finale, sollevarla sotto il pallet.
5.2 Una volta raggiunta la posizione finale, togliere l'imballaggio
dall'unità e passare i bracci dell'elevatore attraverso le ampie
aperture rettangolari sul fondo dell'unità stessa.
NOTA
Utilizzare un panno di protezione sui bracci
dell'elevatore per evitare danni all'unità. Se la
vernice sulla parte inferiore viene via, l'effetto
anticorrosione potrebbe diminuire.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
A
B
635
497
■
Installare l'unità su una base di appoggio larga 67 mm o
superiore (il sostegno dell'unità è largo 67 mm, vedere la
figura 7).
■
Fissare l'unità al basamento per mezzo di
bulloni per base di appoggio M12. Si
consiglia di avvitare i bulloni per base di
appoggio fino a che la loro distanza dalla
superficie della base di appoggio sia di
20 mm.
Utilizzare sempre delle protezioni in modo da evitare danni alle
cinghie e fare attenzione alla posizione del baricentro dell'unità.
5
base
20 mm
4.
■
Predisporre intorno al basamento una canalina per lo
scolo dell'acqua scaricata dall'unità.
■
Se l'unità viene installata su un tetto, controllare
preventivamente la robustezza del tetto e la possibilità
di scaricare la condensa.
■
Quando l'unità viene installata su un telaio,
prolungare il cartone catramato contro la pioggia fino
a 150 mm dall'unità stessa in modo da prevenire ogni
infiltrazione d'acqua dal di sotto di quest'ultimo.
■
Se l'apparecchio viene installato
in un ambiente corrosivo,
utilizzare un dado con una
rosetta in plastica (1) per evitare
la formazione di ruggine nella
parte di serraggio del dado.
1
Manuale d'installazione
4
6.
LINEE
DEL REFRIGERANTE
Non inserire le dita, o comunque bastoncini e altri
oggetti, nell'entrata e nell'uscita dell'aria, poiché la
ventola, ruotando ad alta velocità, può provocare
lesioni.
6.2.
Scelta dei materiali delle tubazioni
1.
Le sostanze estranee all'interno del circuito (ivi compresi gli oli
usati durante la produzione) deve essere pari o inferiore a
30 mg/10 m.
2.
Le tubazioni usate per realizzare le linee frigorifere devono
avere le seguenti caratteristiche:
■ Grandezza: individuare la giusta grandezza facendo
riferimento al capitolo "6.6. Esempio di collegamento" a
pagina 8.
Utilizzare R410A come refrigerante.
Tutti i collegamenti frigoriferi devono essere eseguiti da un
frigorista qualificato ed essere conformi alle normative
locali e nazionali vigenti.
■ Materiale da costruzione: rame per refrigerazione senza
saldatura, disossidato con acido fosforico.
■ Grado di tempra: utilizzare una tubatura con un grado di
tempra in funzione al diametro del tubo come elencato di
seguito nella tabella.
Adottare le dovute cautele quando si brasano le
tubature del refrigerante
Non utilizzare flussi di cloro durante la brasatura rame
contro rame dei tubi del refrigerante. Specialmente per le
tubature del refrigerante HFC usare, quindi, il metallo di
riempimento per la brasatura in rame fosforoso (BCuP)
che non richiede alcun flusso.
Al termine dell'installazione, controllare che non ci siano
perdite di refrigerante.
Utilizzare una pompa a vuoto del tipo a 2 stadi con valvola di ritegno
in grado di espellere fino a –100,7 kPa (5 Torr, –755 mm Hg).
NOTA
Spessore minimo
t (mm)
Ø tubo
Spessore minimo
t (mm)
6,4
0,80
22,2
0,80
9,5
0,80
28,6
0,99
12,7
0,80
34,9
1,21
15,9
0,99
41,3
1,43
19,1
0,80
4.
Se le dimensioni richieste dei tubi (dimensioni in pollici) non
sono indicate, è consentito utilizzare altri diametri (dimensioni in
mm), tenendo presente quanto segue:
■ selezionare la dimensione del tubo più adatta rispetto a
quella richiesta,
■ utilizzare adattatori idonei per passare da tubi in pollici a tubi
in mm (non inclusi nella fornitura).
5.
Prestare attenzione quando si scelgono i tubi di derivazione
Quando la lunghezza equivalente del tubo tra le unità esterne e
interne è di 90 m o superiore, la misura delle tubazioni principali
(sia lato gas, sia lato liquido) deve essere aumentata.
A seconda della lunghezza delle tubazioni, la capacità potrebbe
essere compromessa, ma anche in questo caso è possibile
aumentare la misura delle tubazioni principali. Fare riferimento
alla pagina 8. Se non si dispone della misura del tubo
consigliata, utilizzare il diametro del tubo originale (anche se
potrebbe verificarsi una leggera diminuzione della capacità).
Accertarsi che quando viene disattivata la pompa a
vuoto l'olio circolante non possa venire risucchiato
verso il lato interno del circuito.
Manuale d'installazione
5
Ø tubo
Accertarsi che vengano usati derivazioni di tubature che sono
state scelte facendo riferimento al capitolo "6.6. Esempio di
collegamento" a pagina 8.
Attrezzatura necessaria per l'installazione
Accertarsi che tutta l'attrezzatura usata per la manutenzione
(collettore a manometri, flessibili di carica, etc.) sia adatta a reggere
le pressioni in gioco ed usata solo per gli impianti funzionanti ad
R410A, in modo da impedire che materiali estranei, come per
esempio olio minerale SUNISO o umidità, possano inquinare il lato
interno delle tubazioni.
(Le specifiche delle viti sono diverse per l'R410A e l'R407C.)
1/2H
3.
In caso di fuga di refrigerante, non toccare direttamente il
refrigerante fuoriuscito, poiché ciò potrebbe causare gravi
ustioni da gelo.
6.1.
O
≥19,1
■ Lo spessore delle tubazioni usate per le linee frigorifere deve
essere conforme alle normative localmente vigenti. Lo
spessore minimo del tubo per la linea di R410A deve essere
in conformità con la tabella di seguito riportata.
Durante la brasatura, accertarsi di far passare un flusso di
azoto. Se si esegue la brasatura senza sostituire l'azoto o
lo si scarica nella tubazione, si crea un forte strato di
ossidazione all'interno dei tubi che danneggia le valvole e il
compressore nel sistema di refrigerazione, non consentendo il corretto funzionamento dell'apparecchio.
In caso di fuga di refrigerante, arieggiare immediatamente
l'ambiente.
≤15,9
O = Temprato
1/2H = Semi duro
Il flusso è particolarmente nocivo ai sistemi di tubazione
del refrigerante. Ad esempio, se viene usato un flusso a
base di cloro, questo corrode le tubature o se nello
specifico il flusso contiene fluoro, questo rovina l'olio
refrigerante.
Se il refrigerante viene disperso nell'ambiente ed entra in
contatto con fonti infiammabili, potrebbe sprigionarsi un
gas tossico.
Grado di tempra del materiale
di tubatura
Ø tubo
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
6.3.
Collegamento delle tubature
Durante la brasatura, accertarsi di far passare un flusso di azoto e di
leggere prima il paragrafo "Adottare le dovute cautele quando si
brasano le tubature del refrigerante" a pagina 5.
Usare la procedura che segue per rimuovere le tubazioni
pizzicate:
1
Rimuovere il coperchio delle valvole
e verificare che le valvole di arresto
siano completamente chiuse.
Il regolatore di pressione per il rilascio di azoto durante
la brasatura deve essere impostato ad un valore pari
o inferiore a 0,02 MPa. (Vedere la figura 8)
NOTA
1
Linee frigorifere
5
2
3
Valvola manuale
2
Punto da sottoporre a brasatura
6
Regolatore
3
Azoto
7
Azoto
4
Nastro
4
Non utilizzare antiossidanti durante la brasatura dei giunti
delle tubature.
5
Le sostanze residue potrebbero ostruire le tubazioni e
danneggiare l'apparecchio.
6.4.
1
Collegamento delle linee del refrigerante
1
NOTA
2
6
Collegamento frontale o laterale
È possibile fare dei collegamenti laterali o frontali per
l'installazione delle tubature del refrigerante (quando queste
partono dal fondo dell'unità) come mostrato in figura.
2
Collegamento laterale sinistro
2
Collegamento della parte anteriore
3
Collegamento laterale destro
Prestare attenzione quando si rompono i fori di
espulsione.
■ Accertarsi di non danneggiare il telaio.
■ Dopo aver riaperto i fori, si consiglia di rimuovere
le sbavature e di ridipingere i bordi e le aree
intorno ai bordi dei fori usando una tintura
antiruggine.
■ Quando si fanno passare i cavi elettrici attraverso i
suddetti fori, avvolgere i cavi con del nastro
protettivo per non danneggiarli.
Rimozione delle tubature serrate (Vedere la figura 12)
Una volta ricuperato tutto il gas e l'olio dalle
tubazioni pizzicate, scollegare il tubo flessibile di
carica e chiudere le aperture di servizio.
Se la parte inferiore della tubazione pizzicata si
presenta come il particolare A della figura 12,
seguire le istruzioni dei punti 7+8 della procedura.
Se la parte inferiore della tubazione pizzicata si
presenta come il particolare B della figura 12,
seguire le istruzioni dei punti 6+7+8 della procedura.
Tagliare via la parte inferiore della
tubazione pizzicata più piccola, servendosi
di un attrezzo appropriato (per esempio: un
tagliatubi, un paio di tenaglie, ...), in modo
tale che rimanga aperta una sezione, consentendo
all'olio rimasto di gocciolare fuori nel caso in cui il
ricupero non fosse stato completo.
Attendere che sia gocciolato fuori tutto l'olio.
7
Tagliare via la tubazione pizzicata con un tagliatubi
immediatamente sopra al punto di brasatura o alla
marcatura in mancanza del punto di brasatura.
Non
rimuovere
mai
la
tubazione pizzicata mediante
brasatura.
8
Attendere che sia gocciolato fuori tutto l'olio nel caso
il ricupero non fosse avvenuto completamente, e
solo dopo procedere con il collegamento delle
tubazioni in loco.
3
1
Collegare un tubo flessibile di carica alle aperture di
servizio di tutte le valvole di arresto.
Ricuperare il gas e l'olio dalle tubazioni pizzicate
utilizzando l'apposita unità.
Non liberare tali gas nell'atmosfera.
Vedere la figura 12.
1
Apertura di servizio
2
Valvola di arresto
3
Punto di taglio della tubazione immediatamente sopra al
punto di brasatura o alla marcatura
A
Tubazioni pizzicate
B
Tubazioni pizzicate
Non rimuovere mai la tubazione pizzicata mediante
brasatura.
Precauzioni durante il collegamento delle tubature
esistenti.
Se le tubazioni rimangono pizzicate, il gas o l'olio
eventualmente rimasto all'interno della valvola di arresto
potrebbe farle esplodere.
■
Il mancato rispetto delle istruzioni della procedura sotto
può provocare danni alle cose o lesioni alle persone, che
potrebbero anche avere gravi conseguenze a seconda
delle circostanze.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
■
Effettuare la brasatura sulla valvola d'arresto del
gas prima di effettuarla sulla valvola di arresto
del liquido.
Aggiungere materiale per la brasatura come
mostrato in figura.
Manuale d'installazione
6
3
4
■
Assicurarsi di utilizzare i tubi accessori forniti al
momento del collegamento delle tubature.
■
Assicurarsi che le tubature installate sul luogo
non tocchino le altre tubature, il pannello di fondo
o quello laterale. In particolare per il collegamento laterale e di fondo, assicurarsi di
proteggere le tubature con isolante idoneo, per
evitare che vengano a contatto con il telaio.
■ Per l'installazione dei kit di derivazione delle linee del
refrigerante fare riferimento alle istruzioni che corredano i kit
stessi.
(Vedere la figura 16)
1
Installata una unità esterna:
Collegamento frontale:
Per fare il collegamento togliere la copertura della valvola di
arresto.
■
Collegamento dalla parte inferiore:
Togliere il materiale dal foro a frattura prestabilita sul telaio di
fondo e far passare la tubatura sotto il telaio di fondo.
■
A
Collegamento della parte anteriore
Per fare il collegamento togliere la copertura della valvola di
arresto.
B
Collegamento dalla parte inferiore:
Togliere il materiale dal foro a frattura prestabilita sul telaio di
fondo e far passare la tubatura sotto il telaio di fondo
1
Valvola di arresto lato gas
2
Valvola di arresto lato liquido
3
Apertura di servizio per aggiungere il refrigerante
4
Tubazione accessoria lato gas (1)
5
Tubazione accessoria lato gas (2)
6
Tubazione accessoria lato liquido (1)
7
Tubazione accessoria lato liquido (2)
8
Saldatura
9
Tubatura lato gas (non di fornitura)
10
Tubatura lato liquido (non di fornitura)
11
Rompere i fori di espulsione (utilizzare un martello)
■ Installazione del kit di tubature di collegamenti multipli
(Vedere la figura 11)
- Installare i giunti orizzontalmente, in modo che l'etichetta
di sicurezza (1) unita al giunto arrivi nella parte
superiore.
Non piegare il giunto oltre 15° (fare riferimento alla
vista A).
Non installare il giunto verticalmente (fare riferimento
alla vista B).
- Accertarsi che la lunghezza totale delle tubature
collegate al giunto sia completamente dritta per oltre
500 mm. Solo se vengono collegate tubature esistenti
dritte di oltre 120 mm, possono essere garantiti oltre
500 mm di sezione dritta.
- Un'installazione impropria potrebbe causare un
malfunzionamento dell'unità esterna.
5
Restrizioni alla lunghezza delle tubature
Accertarsi che le tubature installate rientrino nella gamma delle
lunghezze massime, dei dislivelli massimi e delle lunghezze
massime a valle di ogni derivazione come viene precisato nel
capitolo "6.6. Esempio di collegamento" a pagina 8.
6.5.
Lavorazione del tubo accessorio lato gas (2)
Solo in caso di collegamento laterale, tagliare il tubo accessorio
lato gas (2) come mostrato in figura 10.
1
Tubazione accessoria lato gas
2
Punto in cui effettuare il taglio
3
Tubatura lato gas (non di fornitura)
4
Base
Modello
RXYCQ8
RXYCQ10
RXYCQ12
RXYCQ14
RXYCQ16~20
NOTA
(mm)
(mm)
(mm)
(mm)
(mm)
Superficie orizzontale
Seguire le istruzioni elencate di seguito:
- montare il giunto Refnet in modo tale che le derivazioni
siano sia orizzontali che verticali,
- montare il collettore Refnet in modo che le derivazioni
siano orizzontali.
(Vedere la figura 9)
■
Derivazione delle tubature del refrigerante
■
Protezione dalle contaminazioni durante
l'installazione delle tubazioni
Adottare tutte le precauzioni atte a prevenire che materiali
estranei come umidità o altro possano contaminare l'interno del
circuito.
Durata dell'installazione
Più di un mese
A
B
C
D
166
156
156
150
150
16
17
23
29
29
199
188
192
192
192
246
247
247
247
251
■
Quando si collegano le tubazioni sul posto,
utilizzare i tubi accessori.
■
Accertarsi che le tubature in loco non vengano a
contatto con altre tubature, con la parte inferiore o
con i pannelli laterali dell'unità.
Meno di un mese
Indipendentemente dalla
durata
Metodo di protezione
Pinzare l'estremità della
tubazione
Pinzare o nastrare l'estremità
della a tubazione
■
Fare la massima attenzione durante il passaggio dei tubi in rame
attraverso le pareti.
■
Ricoprire tutte le aperture dei fori di passaggio delle tubature e
dei cavi elettrici usando del materiale sigillante (non forniti da
Daikin) (La capacità dell'unità diminuirà e nella macchina
potrebbero penetrare piccoli animali.)
Esempio: passaggio della tubatura nella parte frontale
1
2
3
1
Chiudere le aree contrassegnate
con "
".
(Quando la tubatura si dirama dal
pannello frontale).
2
Tubature lato gas
3
Tubazioni lato liquido
Dopo aver collegato tutte le tubature, accertarsi che non ci
siano perdite di gas. Utilizzare l'azoto per controllare
eventuali perdite di gas.
Manuale d'installazione
7
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
4P327528-1 – 2012.08
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
i
2
c
C
j
3
d
D
k
4
e
E
l
5
f
F
m
6
g
G
n
7 H2
8
p
H1
H1
[Esempio] unità 8: a+b+c+d+e+f+g+p≤135 m
1
d
2
e
3
A
b
4
f
5
i
g
6
h
B
j
7
8
k
H2
[Esempio] unità 6: a+b+h≤135 m, unit 8: a+i+k≤135 m
c
a
1
c
2
d
3
e
4
5
f
6
g
[Esempio] unità 8: a+i≤135 m
b
a
h
7 H2
8
i
H1
Lunghezza
effettiva
Nome del kit di derivazione del
refrigerante
KHRQ22M20T
KHRQ22M29T9
KHRQ22M64T
Nome del kit di derivazione del
refrigerante
KHRQ22M20T
KHRQ22M29T9
KHRQ22M64T
Tipo di capacità interna
<290
290≤x<600
Nome del kit di derivazione del
refrigerante
KHRQ22M29H (Max. 8 derivazioni)
KHRQ22M64H (Max. 8 derivazioni)
• Scegliere dalla seguente tabella in base alla capacità totale di tutte le unità interne
collegate al di sotto del collettore Refnet.
• Nota: il tipo 250 non può essere collegato al di sotto del collettore Refnet.
[Esempio]
[Esempio]
[Esempio]
in caso di giunto Refnet C; unità interne 3+4+5+6+7+8 in caso di giunto Refnet B; unità interne 7+8,
in caso di collettore Refnet;
in caso di collettore Refnet; unità interne 1+2+3+4+5+6 unità interne 1+2+3+4+5+6+7+8
Tipo di capacità interna
<200
200≤x<290
290≤x<600
• Per giunti Refnet oltre alla prima derivazione, selezionare il modello di kit di derivazione
appropriato in base all'indice della capacità totale.
Tipo di capacità dell'unità
esterna
RXYCQ8
RXYCQ10~12
RXYCQ14~16
[Esempio] unità 8: i≤40 m
Scelta del collettore Refnet
[Esempio] unità 6: b+h≤40 m, 8 unità: i+k≤40 m
• Quando si utilizzano giunti Refnet alla prima derivazione conteggiata partendo da il lato
unità esterna.
Scegliere dalla seguente tabella in base alla capacità dell'unità esterna.
Scelta del giunto Refnet
[Esempio] unità 8: b+c+d+e+f+g+p≤40 m
Lunghezza della tubatura dal primo kit di derivazione del refrigerante (sia giunto Refnet sia collettore Refnet) all'unità interna ≤40 m (vedi nota 1)
Dislivello tra le unità interne adiacenti (H2)≤15 m
Dislivello tra le unità interne ed esterne (H1)≤30 m
Lunghezza della tubatura totale dall'unità esterna* a quelle interne ≤300 m
Dislivello
Esempio riferito ad una unità interna collegata a valle
1
B
Lunghezza di
estensione totale
Dislivello
I kit di derivazione del refrigerante possono essere usati solo con R410A.
h
b
Derivazione con giunto Refnet
Lunghezza equivalente tra le unità esterne(*) ed interne ≤155 m (tener presente nei calcoli che la lunghezza equivalente di un giunto Refnet sia di 0,5 m e che quella
di un collettore Refnet sia di 1,0 m).
Tra unità interna e unità interna
Selezione del kit di derivazione del refrigerante
A
Derivazione con giunto Refnet e collettore Refnet
Lunghezza delle linee tra le unità esterne(*) ed interne ≤135 m
a
Derivazione con giunto Refnet
Lunghezza
equivalente
Lunghezza
effettiva
Installata una
unità esterna
Tra unità interna e unità esterna
Tra unità interna e unità esterna
Lunghezza consentita dopo ogni derivazione
Altezza consentita
Lunghezza massima
consentita
collettore Refnet
giunto Refnet
unità interna
Esempio di collegamento
(Collegamento di 8 unità esterne con il sistema a pompa di calore)
6.6.
Esempio di collegamento
Manuale d'installazione
8
9
Manuale d'installazione
C
Nota 2
Nota 1
Come calcolare il refrigerante aggiuntivo da caricare
Rabbocco di refrigerante R (kg)
R deve essere arrotondato in unità di 0,1 kg
B
A
Selezione delle misure delle tubazioni
Capacità totale
dell'unità interna
ed esterna
<150
150≤x<200
200≤x<290
290≤x<420
420≤x<600
Misura tubatura
(diametro esterno) (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
Ø15,9
Ø19,1
Ø9,5
Ø22,2
Ø12,7
Ø28,6
Ø15,9
• Scegliere dalla seguente tabella in base alla capacità totale di tutte le
unità esterne collegate al di sotto di questo.
• Fare in modo che le tubature di collegamento non siano di misura
maggiore di quelle del refrigerante scelte dal nome del modello del
sistema generale.
B. Tubatura tra i kit di derivazione del refrigerante
Tipo di capacità
interna
20~50
63~125
200
250
Misura tubatura
(diametro esterno) (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
Ø12,7
Ø6,4
Ø15,9
Ø19,1
Ø9,5
Ø22,2
• La misura del tubo per il collegamento diretto ad una unità interna deve
essere pari a quella del collegamento dell'unità interna).
C. Tubatura tra il kit di derivazione e l'unità interna
Lato gas
Ø15,9 ➞
Ø19,1 ➞
Ø22,2 ➞
Ø28,6
Ø28,6 ➞
Ø19,1
Ø22,2
Ø25,4(a)
—
Ø31,8(a)
RXYCQ8
RXYCQ10~12
RXYCQ14~18
RXYCQ20
— Non è consentito aumentare
Lato liquido
Ø9,5
—
Ø9,5 ➞ Ø12,7
Ø12,7 ➞ Ø15,9
Ø15,9 ➞ Ø19,1
Aumento
Tubi principali
Unità esterna
2
3
5
4
4
Primo kit di
derivazione del
refrigerante
Unità interna
5
a : Ø15.9x30 m e : Ø12.7x5 m i : Ø6.4x3 m
m: Ø9.5x3 m
b : Ø15.9x5 m f : Ø12.7x5 m j : Ø9.5x3 m
n : Ø9.5x3 m
k : Ø6.4x3 m
c : Ø15.9x5 m g : Ø9.5x5 m
p : Ø9.5x3 m
l : Ø6.4x3 m
d : Ø12.7x5 m h : Ø6.4x3 m
R = [40x0.18]+[15x0.12]+[17x0.059]+[12x0.022] = 10.27
⇒ R = 10.3 kg
Esempio di derivazione del refrigerante usando giunto Refnet
Se l'unità esterna è RXYCQ20A e le lunghezze delle tubature
corrispondono ai valori qui di seguito
3
1
2
1
h, i, j....... p≤40 m
L'unità interna più lontana 8
L'unità interna più vicina 1
(a+b+c+d+e+f+g+p)–(a+h)≤40 m
Unità interne al kit di derivazione più vicino ≤40 m
La differenza tra la distanza dell'unità esterna all'unità interna più lontana e la distanza dell'unità esterna
all'unità interna più vicina è di ≤40 m
Ø19,1
Ø22,2
0,26
0,37
Tubazioni del sistema metrico
Dimensioni
Fattore di peso
(mm)
Ø6
0,018
Ø10
0,065
Ø12
0,097
Ø15
0,16
Ø16
0,18
Ø18
0,24
Ø22
0,35
a+b*2+c*2+d*2+e*2+f*2+g*2
+h+i+j+k+l+m+n+p≤1000 m
Per il calcolo della lunghezza di estensione totale, la lunghezza effettiva delle suddette tubature deve
essere raddoppiata (ad eccezione del tubo principale e i tubi che non devono aumentare la misura del
tubo)
Tubazioni in pollici
Dimensioni
Fattore di peso
(mm)
Ø6,4
0,022
Ø9,52
0,056
Ø12,7
0,12
Ø15,9
0,18
unità interna 8:
b+c+d+e+f+g+p≤90 m
aumentare la misura dei tubi di b,
c, d, e, f, g
È necessario aumentare le dimensioni del tubo del liquido e del tubo del gas se la lunghezza del tubo tra
il primo e l'ultimo kit di derivazione è superiore a 40 m (i riduttori devono essere procurati dal cliente).
Se le nuove dimensioni del tubo superano le dimensioni del tubo principale, è necessario aumentare le
dimensioni anche del tubo principale stesso.
Se si usano tubazioni del sistema metrico, si prega di tenere in
considerazione la tabella qui di seguito, che riguarda il fattore di peso
da assegnare. Deve sostituire R nella formula.
Figure di esempio
Condizioni richieste
Ø15,9 ➞ Ø19,1
Ø19,1 ➞ Ø22,2
Ø22,2 ➞ Ø25,4*
Ø28,6 ➞ Ø31,8*
2
3
1
a
A
h
1
b
B
i
2
c
C
j
3
d
D
k
4
e
E
l
5
f
F
m
6
g
G
n
7 H2
8
p
H1
1 Unità esterna
2 Giunto Refnet
(a~g)
3 Unità interne
(1~8)
* Se disponibile in loco. Altrimenti non è possibile aumentare.
Ø9,5 ➞ Ø12,7
Ø12,7 ➞ Ø15,9
Aumentare la misura delle tubazioni come segue
La lunghezza consentita dopo il primo kit di derivazione del refrigerante all'unità esterne è di 40 m o inferiore, tuttavia è possibile arrivare fino a 90 m solo se sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni.
Se si usano tubazioni del sistema metrico, vedere la nota 2.
X1...5 = Lunghezza totale (m) della conduttura del liquido con Øa
A = Peso in conformità con la tabella
(a) Se non disponibile, non è consentito aumentare
RXYCQ8
RXYCQ10
RXYCQ12
RXYCQ14+16
RXYCQ18+20
— Non è consentito aumentare
Quando la lunghezza equivalente del tubo tra le unità esterne e interne è di 90 m o superiore, la misura delle tubazioni principali (quelle laterali del gas e quelle laterali del liquido) deve essere aumentata.
A seconda della lunghezza delle tubazioni, la capacità potrebbe essere compromessa, ma anche in questo caso è possibile aumentare la misura delle tubazioni principali.
Tipo di capacità
dell'unità esterna
RXYCQ8
RXYCQ10
RXYCQ12
RXYCQ14~18
RXYCQ20
Misura tubatura (diametro esterno) (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
Ø15,9
Ø19,1
Ø9,5
Ø22,2
Ø12,7
Ø28,6
Ø15,9
• Scegliere dalla seguente tabella in base al tipo di capacità totale di unità
esterne, collegate a valle.
Misura della tubazione dei collegamento dell'unità esterna
A. Tubazione tra l'unità esterna ed il kit di derivazione del
refrigerante
Come calcolare il refrigerante aggiuntivo da caricare
Condizionatore con Sistema VRV Classic
RXYCQ8~20A7Y1B
4P327528-1 – 2012.08
7.
PROVA
DI TENUTA E DISIDRATAZIONE
SOTTO VUOTO
Le unità hanno già subito una prova di tenuta in fabbrica.
■
Disidratazione sotto vuoto: Usare una pompa a vuoto che sia
in grado di abbassare la pressione fino a –100,7 kPa (5 Torr,
–755 mm Hg)
1.
Estrarre il liquido e il gas dai tubi del circuito tramite una pompa
per almeno 2 ore e portare la pressione fino a –100,7 kPa.
Lasciare il tutto a riposo per almeno 1 ora e poi accertarsi che la
pressione non sia aumentata. L'eventuale aumento di pressione
denuncia la presenza di umidità o perdite nel circuito.
2.
Se si sospetta che nelle tubazioni vi sia dell'umidità (come per
esempio se la posa è stata eseguita in tempi lunghi o giornate
piovose dando così alla pioggia la possibilità di entrare nelle
tubazioni), adottare le misure descritte di seguito.
Dopo avere estratto l'aria per 2 ore, rompere il vuoto tramite
azoto anidro portando la pressione all'interno fino a 0,05 MPa;
ricreare quindi il vuoto lasciando in azione per un'ora la pompa a
vuoto in modo da riabbassare la pressione fino a –100,7 kPa
(disidratazione sotto vuoto). Se dopo 2 ore la pressione non si è
abbassata a –100,7 kPa è necessario rompere ancora il vuoto e
disidratare nuovamente.
Dopo avere lasciato il circuito sotto vuoto per un'ora, controllare
infine che la pressione al suo interno non sia aumentata.
Dopo il collegamento alla tubature esistente, effettuare i seguenti
controlli.
1
Preparazione
Facendo riferimento alla figura 17, collegare una bombola di
azoto, un serbatoio di refrigerazione e un apompa a vuoto
all'unità esterna ed eseguire la prova di tenuta e la disidratazione sotto vuoto. La valvola di arresto e la valvola A nella
figura 17 devono essere aperte e chiuse come mostrato nella
tabella sottostante mentre si effettua la prova di tenuta e la
disidratazione sotto vuoto.
1
Valvola di riduzione della pressione
2
Azoto
3
Serbatoio
4
Sistema del sifone
5
Strumento di misurazione
6
Pompa a vuoto
7
Valvola A
8
Valvola d'arresto della linea del gas
9
Valvola d'arresto della linea del liquido
10
Apertura di servizio della valvola d'arresto
11
Tubo flessibile di caricamento
12
Unità interna
13
Unità esterna
14
Le linee punteggiate indicano le tubature in loco
Verso unità interna
Stato della valvola A
e della valvola di arresto
Esecuzione della prova
di tenuta e disidratazione sotto vuoto.
2
Valvola A
Valvola di
arresto lato
liquido
Valvola di
arresto lato
gas
Aperto
Chiuso
Chiuso
Prova di tenuta e disidratazione sotto vuoto
NOTA
■
8.
Accertarsi di effettuare la prova di
tenuta e la disidratazione sotto vuoto
usando le aperture di manutenzione
delle valvole d'arresto lato liquido e
lato gas (per trovare l'apertura di
manutenzione,
fare
riferimento
all'etichetta "Attenzione" posta sul
pannello frontale dell'unità esterna).
■
Vedere "11.3. Procedura di funzionamento della
valvola d'arresto" a pagina 17 per maggiori informazioni sulla gestione della valvola di arresto.
■
Per evitare qualsiasi contaminazione ed evitare la
resistenza alla pressione insufficiente, utilizzare
sempre attrezzatura specifica per lavorare con il
refrigerante R410A.
Prova di tenuta:
NOTA
Accertarsi di usare azoto anidro.
La linea del gas e quella del liquido devono avere una pressione
interna di 4,0 MPa (40 bar) (non immettere una pressione
superiore a 4,0 MPa (40 bar)). La prova può considerarsi
superata se tale pressione viene mantenuta per almeno 24 ore.
Se in tale periodo la pressione diminuisse, identificare ed
eliminare le perdite.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
COLLEGAMENTI
DA EFFETTUARSI IN LOCO
Tutti i collegamenti elettrici e i componenti non di fornitura
devono essere eseguiti/installati esclusivamente da un
elettricista qualificato ed in conformità alle specifiche della
normativa nazionale e locale vigente in materia.
I collegamenti elettrici devono inoltre essere eseguiti in
conformità con le istruzioni e con lo schema elettrico qui di
seguito riportati.
Accertarsi che venga usata una linea d'alimentazione
appropriata. Non alimentare l'apparecchio attraverso una
linea alla quale sono collegate anche altre utenze. Si
potrebbero verificare scosse elettriche o incendi.
Assicurarsi di installare un interruttore differenziale,
(poiché questa unità utilizza un inverter, installare un
interruttore differenziale in grado di gestire l'alta armonia al
fine di evitare possibili malfunzionamenti dello stesso
interruttore differenziale).
Non avviare l'unità finché l'installazione delle tubazioni del
refrigerante non è completata.
(Se l'unità viene attivata prima che i collegamenti siano
stati completati, il compressore potrebbe rompersi).
Non rimuovere il termistore, il sensore, ecc. durante il
collegamento dei cavi di alimentazione o di trasmissione.
(Se l'unità viene avviata senza il termistore, il sensore ecc.,
il compressore potrebbe rompersi).
Il rilevatore di protezione di fase inversa di questo prodotto
funziona unicamente all'accensione del dispositivo. Di
conseguenza, quando il dispositivo è in funzione non
avviene il rilevamento di fase inversa.
Il rilevatore di protezione di fase inversa è studiato per
arrestare il prodotto in caso di disfunzione, nel momento in
cui si accende il dispositivo.
Sostituire due delle tre fasi (L1, L2 e L3) nel corso
dell'operazione di circuito di protezione di fase inversa.
Se vi è la possibilità di una fase inversa a seguito di un
momentaneo black-out e l'alimentazione si accende e si
spegne mentre il il dispositivo è in funzione, collegare
localmente un circuito di protezione di fase inversa.
Operare il dispositivo in fase inversa potrebbe danneggiare
il compressore ed altri componenti.
Sistemi di scollegamento devono essere integrati nei
collegamenti elettrici in loco conformemente alla normativa
sui collegamenti elettrici.
(Sull'unità deve essere presente un interruttore di
scollegamento universale).
Manuale d'installazione
10
8.1.
Collegamenti elettrici interni: tabella dei
componenti
Y2S...................... Elettrovalvola (ritorno dell'olio)
Y3S...................... Elettrovalvola (valvola a 4 vie)
Fare riferimento all'adesivo relativo allo schema elettrico dei
collegamenti che correda l'unità. Di seguito è riportata la legenda
delle abbreviazioni che sono usate in tale schema:
A1P~A7P ............ Scheda a circuiti stampati
Y4S...................... Valvola solenoide (iniezione)
Z1C~Z7C............. Filtro antirumore (nucleo di ferrite)
Z1F ...................... Filtro antirumore (con assorbi disturbi)
L1,L2,L3 .............. Fasi
BS1~BS5 ............ Premere il pulsante l'interruttore (modalità,
impostazione, ripresa, controllo, riarmo)
N.......................... Neutro
............ Collegamenti da effettuarsi in loco
C1,C63,C66 ........ Condensatore
............... Morsettiera
DS1,DS2 ............. Microinterruttore
....................... Connettore
E1HC~E3HC ....... Elettroriscaldatore dell'olio
F1U ..................... Fusibile (650 V, 8 A, B) (A4P) (A8P)
...................... Morsetto
F1U,F2U.............. Fusibile (250 V, 3,15 A, T) (A1P)
....................... Vite di collegamento a terra
F5U ..................... Fusibile (non di fornitura)
BLK...................... Nero
F400U ................. Fusibile (250 V, 6,3 A, T) (A2P)
H1P~H8P ............ Diodo luminoso
arancione)
(monitoraggio
BLU ..................... Blu
di
servizio:
GRN .................... Verde
H2P: Se lampeggia, l'unità si trova nella fase di
preparazione o di test
H2P: Se
accesa,
è
malfunzionamento
BRN..................... Marrone
stato
rilevato
un
GRY..................... Grigio
ORG .................... Arancione
PNK ..................... Rosa
HAP..................... Spia luminosa (monitoraggio di servizio – verde)
RED..................... Rosso
K1........................ Relè magnetico
WHT .................... Bianco
K2........................ Contattore magnetico (M1C)
YLW..................... Giallo
K2M,K3M ............ Contattore magnetico (M2C,M3C)
(solo per unità da 12~20 hp)
NOTA
K1R,K2R ............. Relè magnetico (K2M, K3M)
■
Questo schema elettrico si applica solo all'unità
esterna.
■
In caso di utilizzo dell'adattatore, fare riferimento
al manuale di installazione.
■
Consultare il manuale d'installazione per la
connessione del cablaggio alla trasmissione
interno-esterno F1-F2 e in merito all'uso degli
interruttori a pulsante BS1~BS5 e dei
microinterruttori DS1, DS2.
■
Non avviare l'apparecchio cortocircuitando il
dispositivo di sicurezza S1PH.
K3R~K5R ............ Relè magnetico (Y1S~Y3S)
K6R~K9R ............ Relè magnetico (E1HC~E3HC)
L1R...................... Reattore
M1C~M3C ........... Motore (compressore)
M1F,M2F ............. Motore (ventola)
PS ....................... Interruttore di alimentazione (A1P,A3P)
Q1DI.................... Interruttore differenziale (non di fornitura)
Q1RP .................. Circuito di rilevamento delle inversioni tra le fasi
R1T ..................... Termistore (alettatura) (A2P)
8.2.
R1T ..................... Termistore (aria) (A1P)
R2T ..................... Termistore (aspirazione)
Parti optional Selettore raffreddamento/
riscaldamento
R4T ..................... Termistore (serpentina antigelo)
S1S...................... Selettore
(ventilazione,
riscaldamento)
R5T ..................... Termistore (uscita serpentina)
S2S...................... Selettore (raffreddamento/riscaldamento)
R6T ..................... Termistore (ricevitore linea del liquido)
NOTA
■
Usare esclusivamente dei cavi con conduttori in
rame.
■
Per quanto riguarda i collegamenti elettrici al telecomando centralizzato fare riferimento al manuale
d'installazione del telecomando centralizzato
stesso.
■
Usare un filo isolato per il cavo di alimentazione.
R7T ..................... Termistore (accumulatore)
R10...................... Resistore (sensore di corrente) (A4P) (A8P)
R31T~R33T ........ Termistore (scarico) (M1C~M3C)
R50,R59 .............. Resistore
R95...................... Resistore (limitatore di corrente)
S1NPH ................ Sensore di pressione (alta)
raffreddamento/
S1NPL................. Sensore di pressione (basso)
S1PH,S3PH ........ Pressostato di alta pressione
T1A...................... Sensore di corrente (A6P,A7P)
SD1 ..................... Input dei dispositivi di sicurezza
V1R ..................... Modulo di potenza (A4P,A8P)
V1R,V2R ............. Modulo di potenza (A3P)
X1A,X4A.............. Connettore (M1F,M2F)
X1M..................... Morsettiera (alimentazione)
X1M..................... Morsettiera (controllo) (A1P)
X1M..................... Morsettiera (A5P)
Y1E,Y2E.............. Valvola d'espansione (tipo elettronico - principale,
sottoraffreddamento)
Y1S ..................... Elettrovalvola (gas caldo)
Manuale d'installazione
11
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
8.3.
Circuito d'alimentazione e caratteristiche
dei cavi
8.4.
Avvertenze generali
■
Alla stessa fonte d'alimentazione può essere collegato un
massimo di 3 unità esterne. Le unità di minor potenzialità
devono essere tuttavia collegate a valle di quelle con maggiore
potenza. Per ulteriori dettagli fare riferimento ai dati tecnici.
■
Quando si collegano molteplici unità in combinazione VRV, la
rete di alimentazione di ciascuna unità esterna può essere
collegata separatamente. Per ulteriori dettagli fare riferimento al
manuale tecnico per i collegamenti eseguiti in loco.
■
Accertarsi che la linea d'alimentazione sia stata collegata ai
morsetti d'alimentazione e che sia stata fissata come indicato
alla figura 19 e descritto al capitolo "8.8. Collegamenti da
effettuarsi in loco: fili di collegamento" a pagina 15.
■
Per i collegamenti condizionali, fare riferimento ai dati tecnici.
■
Poiché l'apparecchio in questione è dotato di un inverter,
l'installazione di un condensatore di rifasatura non solo disturba
l'effetto migliorativo che tale dispositivo ha sul fattore di potenza,
ma può anche provocare un eccessivo surriscaldamento del
condensatore stesso a causa di onde ad alta frequenza. Quindi,
non installare mai un condensatore di rifasatura.
■
Lo sbilanciamento della tensione tra le fasi deve essere
contenuto entro il 2% della tensione d'alimentazione.
• Sbilanciamenti maggiori potrebbero inficiare la vita del
condensatore di smorzamento.
• Come ulteriore misura protettiva l'apparecchio s'arresta e
segnala un'anomalia qualora lo sbilanciamento della
tensione d'alimentazione superi il 4%.
La presente apparecchiatura è conforme rispettivamente alle
certificazioni:
■
Durante il collegamento elettrico attenersi allo "schema elettrico"
fornito con l'unità.
■
EN/IEC 61000-3-11(1) se il sistema di impedenza Zsys è minore
o uguale a Zmax e
■
Procedere con il collegamento elettrico solo dopo aver
scollegato tutto dall'alimentazione.
■
EN/IEC 61000-3-12(2) se la potenza del cortocircuito Ssc è
maggiore o uguale al valore Ssc minimo
■
Mettere sempre lo scarico a terra (in base alle normative vigenti
sul luogo).
nel punto di interfaccia tra il sistema di alimentazione dell'utente e il
sistema pubblico. È responsabilità dell'installatore o dell'utente
dell'apparecchiatura di verificare, consultandosi con l'operatore della
rete di distribuzione se necessario, che l'apparecchiatura sia
collegata esclusivamente ad un'alimentazione rispettivamente con:
■
Non collegare lo scarico a terra alle linee del gas, ai condotti
fognari, ai parafulmini o alla linea di terra del telefono. Ciò
potrebbe causare scosse elettriche.
• Linee del gas combustibile: potrebbero esplodere o prendere
fuoco in caso di dispersione di gas.
• Condotti fognari: non si ottiene alcun effetto di scarica a terra
se sono usati tubi in plastica resistente.
• Le linee di terra del telefono e i parafulmine: risultano molto
pericolosi poiché se colpiti da fulmini il potenziale elettrico a
terra potrebbe aumentare in maniera anomala.
■
Questa unità utilizza un inverter che genera rumore, il quale
deve essere ridotto per evitare interferenze con altre
apparecchiature. Il telaio esterno del prodotto potrebbe
prendere un carico elettrico dovuto alla dispersione di corrente,
la quale deve essere scaricata con la messa a terra.
■
Assicurarsi di installare un interruttore differenziale. (un tipo che
possa gestire disturbi elettrici ad alta frequenza).
(Questa unità utilizza un inverter; ciò significa che è necessario
utilizzare un interruttore differenziale in grado di gestire disturbi
elettrici ad alta frequenza al fine di evitare possibili malfunzionamenti dell'interruttore differenziale stesso).
■
Gli interruttori differenziali, progettati in particolare per evitare i
disturbi di messa a terra, devono essere collegati ad un sezionatore e ad un fusibile di rete da utilizzare con i collegamenti.
■
Non collegare mai l'alimentazione in fase inversa.
In fase inversa l'unità non può funzionare normalmente. Se
collegata in fase inversa, sostituire due delle tre fasi.
■
Questa unità ha un circuito di rilevamento di fase inversa, (se è
in funzione, utilizzare l'unità solo dopo aver corretto i
collegamenti).
■
I cavi di alimentazione devono essere collegati in modo sicuro.
■
Se la fase N dell'alimentazione elettrica è mancante o errata,
l'apparecchio si rompe.
■
Accertarsi che tutti i collegamenti siano sicuri, che siano stati
utilizzati i cavi indicati e che nessuna forza esterna agisca sui
cavi o sui collegamenti dei morsetti.
È necessario predisporre un circuito d'alimentazione (vedi tabella)
per il collegamento dell'unità. Tale circuito deve essere protetto con i
dispositivi di sicurezza necessari, ossia un sezionatore generale, un
fusibile ad intervento ritardato su ogni fase e un interruttore
differenziale.
Fasi e
Corrente
Fusibili
frequenza Tensione minima del raccomandati
(Hz)
circuito (A)
(A)
(V)
3N~ 50
3N~ 50
3N~ 50
3N~ 50
3N~ 50
3N~ 50
3N~ 50
RXYCQ8
RXYCQ10
RXYCQ12
RXYCQ14
RXYCQ16
RXYCQ18
RXYCQ20
NOTA
380~415
380~415
380~415
380~415
380~415
380~415
380~415
11,9
18,5
21,6
22,7
31,5
31,5
32,5
16
25
25
25
40
40
40
Sezione della
linea di
trasmissione
(mm2)
0,75~1,25
0,75~1,25
0,75~1,25
0,75~1,25
0,75~1,25
0,75~1,25
0,75~1,25
La suddetta tabella indica le specifiche di alimentazione per le combinazioni standard. Vedere
"1. Presentazione" a pagina 2.
Se vengono utilizzati salvavita a corrente residua, accertarsi di usare
un modello ad alta velocità 300 mA consigliato per la corrente
operativa residua.
Nota relativa alla qualità dell'alimentazione dell'elettricità
pubblica
■
Zsys minore o uguale a Zmax e
■
Ssc maggiore o uguale al valore Ssc minimo.
Ω)
Zmax (Ω
Valore minimo Ssc
RXYCQ8
—
—
RXYCQ10
—
910 kVA
RXYCQ12
0,27
838 kVA
RXYCQ14
0,27
849 kVA
RXYCQ16
0,24
873 kVA
RXYCQ18
0,24
873 kVA
RXYCQ20
0,24
878 kVA
Assicurarsi di installare un interruttore principale per l'intero sistema.
NOTA
■
I cavi di alimentazione devono essere dimensionati in base alle specifiche della normativa
vigente sul luogo.
■
La misura del filo elettrico deve essere conforme
alle norme locali e nazionali in vigore.
■
Le specifiche per il cavo di alimentazione locale e
per i cavi di derivazione rispettano la normativa
IEC60245.
■
CAVO TIPO H05VV(*)
*Solo per tubi protetti (utilizzare H07RN-F quando
non si utilizzano tubi protetti).
(1) Standard tecnico europeo/internazionale che definisce i limiti per le variazioni,
gli sbalzi e lo sfarfallio di voltaggio nei sistemi di alimentazione pubblica a basso
voltaggio per apparecchiature con corrente ≤75 A.
(2) Standard tecnico europeo/internazionale che definisce i limiti di corrente
armonica prodotta da apparecchiature collegate a sistemi a basso voltaggio
pubblico con corrente di alimentazione >16 A e ≤75 A ogni fase.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
12
■
Collegamenti o installazioni errate potrebbero causare incendi.
■
Durante il cablaggio dell'alimentazione elettrica e il collegamento dei cavi del comando a distanza e dei cavi di trasmissione, posizionare i cavi in modo tale che il coperchio del
quadro di comando sia fissato saldamente.
Se il coperchio del quadro di comando viene posizionato in
modo errato, potrebbero verificarsi scosse elettriche, incendi o il
surriscaldamento dei morsetti.
8.5.
Esempi di sistema
■
Usare i condotti di alimentazione per i fili di
alimentazione.
■
All'esterno dell'unità, assicurarsi che il filo elettrico a
basso voltaggio (ad esempio quello del telecomando,
quello tra le unità, ecc.) e quello ad alto voltaggio non
passino l'uno vicino all'altro, mantenendoli distanti a
almeno 50 mm. La loro vicinanza potrebbe causare
un'interferenza elettrica, malfunzionamenti e rotture.
■
Assicurarsi di collegare i fili di alimentazione alla morsettiera di alimentazione e assicurarsi che effettuare
l'operazione come descritto su "8.8. Collegamenti da
effettuarsi in loco: fili di collegamento" a pagina 15.
■
I collegamenti tra le unità devono essere eseguiti
come descritto in "8.7. Collegamenti da effettuarsi in
loco: cavi di trasmissione e selezione raffreddamento/
riscaldamento" a pagina 13.
(Vedere la figura 13)
1
Alimentazione
2
Selezionatore generale
3
Interruttore differenziale
4
Unità esterna
5
Unità interna
6
Telecomando
■ Fissare i fili con i morsetti forniti affinché non
possano toccare le tubature e nessuna forza
esterna possa gravare sul terminale.
Collegamenti d'alimentazione (cavo inguainato) (230 V)
■ Assicurarsi che i fili e il coperchio del quadro
elettrico non siano troppo al di sopra della struttura
e chiudere il coperchio saldamente.
Cavi di trasmissione (cavo inguainato) (16 V)
8.6.
Allacciamento della linea d'alimentazione e della
linea di trasmissione
■
Non dimenticarsi che le linee di trasmissione e di alimentazione
devono essere fatte correre attraverso i fori passacavi appositamente predisposti.
■
La linea d'alimentazione deve attraversare il foro superiore sul
pannello di destra guardando l'apparecchio dalla parte frontale
(attraverso il foro passacavi della piastra di montaggio dei
collegamenti) oppure attraverso un foro a frattura prestabilita da
liberare nel pannello di fondo dell'apparecchio. (Vedere la
figura 18)
1
Schema elettrico. Stampato sul retro del coperchio del
quadro elettrico.
2
Collegare i fili di alimentazione e quelli di terra tra le unità
esterne (passacavi interno)
(quando i fili vengono dirottati attraverso il pannello laterale).
3
Cavi di trasmissione
4
Apertura tubo
5
Passacavi
6
Fili di alimentazione e fili di terra
7
Tagliare le zone contrassegnate prima dell'uso.
8
Passaggio attraverso il coperchio
8.7.
(Vedere la figura 21)
1
Selettore raffreddamento/riscaldamento
2
Scheda a circuiti stampati della sezione esterna (A1P)
3
Accertarsi della polarità
4
Usare cavo inguainato a 2 conduttori (senza polarità)
5
Morsettiera (non di fornitura)
6
Unità interna
7
Unità esterna
I fili degli altri sistemi devono essere collegati ai morsetti F1/F2
(Uscita-uscita) sul quadro P nell'unità esterna a cui sono collegati i fili
di interconnessione per le unità esterne.
Fissaggio dei cavi di trasmissione (Vedere la figura 22)
Quadro elettrico interno
1
Cavo del telecomando dell'interruttore riscaldamento/
raffreddamento (qualora sia collegato un telecomando [opzionale]
dell'interruttore riscaldamento/raffreddamento) (ABC)
2
Fissare alla staffa in plastica indicate utilizzando materiale di
fissaggio non in dotazione.
3
Collegamenti tra le unità (esterno - esterno) (F1+F2 destro)
4
Collegamenti tra le unità (interno - esterno) (F1+F2 sinistro)
5
Staffa in plastica
Prestare attenzione quando si rompono i fori di espulsione.
■
Per rompere un foro di espulsione, colpirlo con un martello.
■
Dopo aver riaperto i fori, si consiglia di ridipingere i bordi e le
aree intorno ai bordi dei fori usando una tintura antiruggine.
■
Quando si fanno passare i cavi elettrici attraverso i fori presagomati,
rimuovere tutte le sbavature dai bordi dei fori presagomati.
Avvolgere i cavi con nastro protettivo per non danneggiarli, inserire i
cavi attraverso il manicotto protettivo non di fornitura presente in
loco, oppure sistemare, nei fori presagomati, gli attacchi dei cavi
adeguati non di fornitura oppure una boccola in gomma.
1
2
3
1
Foro di espulsione
2
Sbavatura
3
Se sussiste la possibilità che piccoli animali entrare nel sistema
attraverso questi fori, sigillare i fori con del materiale da
imballaggio (da preparasi in loco).
Manuale d'installazione
13
Collegamenti da effettuarsi in loco: cavi di
trasmissione e selezione raffreddamento/
riscaldamento
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Unità esterna
■
■
■
■
■
■
Accertarsi che vengano rispettati i limiti di seguito
indicati. Se la lunghezza dei collegamenti tra le unità
superasse tali limiti possono verificarsi degli
inconvenienti nella trasmissione.
- Lunghezza massima di un collegamento: 1000 m
- Lunghezza totale dei collegamenti:
2000 m
- Lunghezza massima dei fili di
30 m
collegamento tra le unità esterne:
- Cavi di trasmissione e selettore
500 m
raffreddamento/riscaldamento:
- Numero massimo di derivazioni:
16
Numero massimo di sistemi indipendenti collegabili tra
loro (TO OUT/D UNIT F1-F2) : 10.
Per un cablaggio da unità a unità sono possibili fino a
16 derivazioni. Dopo una derivazione non è più
possibile aggiungere un'altra derivazione.
(Vedere la figura 20)
1
Unità esterna
2
Unità interna
3
Linea principale
4
Linea di derivazione 1
5
Linea di derivazione 2
6
Linea di derivazione 3
7
Dopo una derivazione non è più possibile
aggiungere un'altra derivazione.
8
Telecomando centralizzato (ecc…)
A
Cavi di trasmissione tra le unità esterne e quelle
interne.
B
Cavi di trasmissione tra le unità esterne
Non collegare mai l'alimentazione alla morsettiera
riservata ai cavi di trasmissione. In caso contrario
l'intero sistema potrebbe danneggiarsi.
Non collegare 380~415 V alla morsettiera di
alimentazione dei fili di interconnessione. Se ciò
accadesse si romperebbe l'intero sistema.
- I fili che partono dall'unità interna devono essere
collegati ai morseti F1/F2 (entrata/uscita) sulla
scheda a circuiti stampati nell'unità esterna.
- Dopo aver installato i fili di interconnessione
all'interno dell'unità, avvolgerli insieme alle tubature
in loco del refrigerante usando il nastro adesivo,
come illustrato in figura 14.
1
Conduttura del liquido
2
Tubo del gas
3
Isolatore
4
Fili di interconnessione
5
Nastro di finitura
■
■
■
■
■
Assicurarsi che la linea di trasmissione sia stata
mantenuta separata da quella di alimentazione.
Fare attenzione alla polarità della linea di
trasmissione.
Accertarsi che la linea di trasmissione sia bloccata
con morsetti come indicato in figura 22.
Accertarsi che le linee elettriche non vengano mai a
contatto con le linee frigorifere.
Chiudere saldamente il coperchio e sistemare i fili
elettrici evitando che il coperchio o altri componenti
possano allentarsi.
Se non si utilizza un manicotto protettivo, accertarsi di
proteggere i cavi con tubi di plastica vinilica, ecc… per
evitare che i bordi taglienti del foro danneggino i fili.
Avvio in sequenza
La scheda a circuiti stampati (A1P) dell'unità esterna viene impostata
in fabbrica per "Avviamento in sequenza disponibile".
Impostazione raffreddamento/riscaldamento
1
Esecuzione
dell'impostazione
raffreddamento/riscaldamento
attraverso
il
telecomando
collegato con l'unità interna.
Il
selettore
raffreddamento/
riscaldamento
(DS1)
della
scheda a circuiti stampati
dell'unità esterna deve essere
lasciato nella posizione di IN/D
UNIT assegnatagli in fabbrica.
1
2
TO IN/D
UNIT
F1 F2
F1 F2
ON
OFF
DS1
1 2 3 4
I
N
P1 P2
P1 P2
1
Telecomando
Esecuzione
dell'impostazione
raffreddamento/riscaldamento
attraverso
il
selettore
raffreddamento/riscaldamento.
Collegare il comando a distanza
del selettore raffreddamento/
riscaldamento
(optional)
ai
morsetti A/B/C e impostare su
OUT/D
UNIT
il
selettore
raffreddamento/riscaldamento
(DS1) della scheda a circuiti
stampati della sezione esterna
(A1P).
1
O
U
T
O
U
T
ON
OFF
ABC
ABC
DS1
1 2 3 4
I
N
1
Selettore raffreddamento/riscaldamento
Per i suddetti collegamenti dei fili, utilizzare sempre
cavi con guaine viniliche da 0,75 a 1,25 mm2 o conduttori (cavi con 2 conduttori). (i cavi con 3 conduttori
sono ammessi solo per il telecomando del
commutatore caldo/freddo).
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
14
8.8.
Collegamenti da effettuarsi in loco: fili di
collegamento
Raccomandazioni durante il collegamento della terra
Quando si estrae il filo di terra, sfilarlo in modo che passi
attraverso la fessura della rosetta a tazza (un collegamento a terra improprio potrebbe comportare una scarica
a terra non corretta). (Vedere la figura 19)
Il cavo d'alimentazione deve fissato alle staffe in plastica utilizzando
materiale di fissaggio non in dotazione.
I fili di colore giallo-verde devono essere usati per la messa a terra.
(Vedere la figura 19)
1
Alimentazione di rete (380~415 V, 3N~ 50 Hz)
2
Fusibile
3
Interruttore differenziale
4
Filo di messa a terra
5
Morsettiera di collegamento dell'alimentazione
1
Fili elettrici
Collegare ciascun filo di alimentazione
RED su L1, WHT su L2, BLK su L3 e BLU su N
2
Collegamenti tra le unità
3
Collegare al quadro elettrico utilizzando morsetti non in dotazione.
7
Messa a terra (GRN/YLW)
4
Quando si dirottano i fili di terra/alimentazione dal lato destro:
8
Fissare il filo di alimentazione alla staffa in plastica utilizzando
fascetta non di fornitura per evitare che il terminale subisca forze
esterne.
5
Quando si inserisce il cavo del telecomando e i collegamenti tra
le unità, lasciare uno spazio di 50 mm o maggiore dai cavi di
alimentazione. Assicurarsi che i fili di alimentazione non vengano
in contatto con nessuna delle sezioni riscaldate (
).
6
8.9.
Esempio di collegamento per il collegamento
dell'unità interna
Vedere la figura 23.
9
Fascetta (non di fornitura)
10
Rosetta a tazza
6
11
Durante il collegamento dei fili di terra, si consiglia di raccogliere
il filo.
Bloccare sul retro del supporto a colonna utilizzando morsetti non
in dotazione.
7
Quando si dirottano i collegamenti tra le unità dall'apertura per
la tubatura:
■
8
Quando si dirottano i fili di terra/alimentazione dalla parte frontale:
9
Quando si dirottano i fili di terra/alimentazione dal lato sinistro:
10
Filo di messa a terra
11
Quando si fa il collegamento dei fili, prestare attenzione a non
staccare gli isolatori acustici dal compressore.
12
Alimentazione
13
Fusibile
14
Interruttore differenziale
15
Filo di messa a terra
16
Unità A
17
Unità B
18
Unità C
■
Quando si inseriscono i fili di terra, lasciare uno
spazio di almeno 50 mm dai cavi di collegamento del
compressore. Il mancato rispetto di tale indicazione
potrebbe causare il malfunzionamento di altre unità
collegate allo stesso filo di terra.
Quando si collega il cavo di alimentazione, effettuare il
collegamento a terra prima di stabilire i collegamenti di
corrente. Quando si scollega il cavo di alimentazione,
separare i collegamenti di corrente prima del
collegamento a terra. La lunghezza dei conduttori tra
l'ancoraggio del cavo di alimentazione e la morsettiera
deve essere tale da poter tirare i conduttori di corrente
prima del cavo di messa a terra, nel caso in cui il cavo
di alimentazione sia allentato dall'ancoraggio del cavo.
Precauzioni durante
alimentazione
■
■
■
■
la
sistemazione
dei
fili
di
Non collegare cavi di diversa sezione alla stessa
morsettiera di alimentazione (un allentamento nei fili
di alimentazione potrebbe causare un surriscaldamento anomalo).
Quando si collegano i fili elettrici della stessa sezione,
eseguire l'operazione come mostrato in figura.
Durante la posa dei fili elettrici, utilizzare fili per
l'alimentazione specifici e collegarli saldamente,
quindi assicurarsi di evitare che sulla morsettiera
venga esercitata una pressione esterna.
Usare un cacciavite adatto per tirare le viti della morsettiera. Un cacciavite con la testa piccola potrebbe
rovinare la testa della vite e rendere impossibile
l'avvitamento.
■
Tirare troppo le viti della morsettiera potrebbe
rovinarle.
■
Vedere la tabella sottostante per la coppia di
serraggio delle viti dei morsetti.
9.
ISOLAMENTO
DELLE TUBATURE
Una volta terminate la prova di tenuta e la disidratazione sotto vuoto
delle linee è necessario isolare queste ultime. L'isolamento deve
essere applicato tenendo conto di quanto segue:
■
Accertarsi di isolare completamente anche gli attacchi ed i kit di
derivazione del refrigerante.
■
Accertarsi di isolare le tubature del gas e del liquido (di tutte le
unità).
■
Per l'isolamento usare schiuma di polietilene termoresistente
che sia in grado di sopportare una temperatura di almeno 70°C
per il lato liquido e di almeno 120°C sul lato gas.
■
Aumentare l'isolamento del tubo del refrigerante in base
all'ambiente in cui si trova l'installazione.
Temperatura
ambiente
Umidità
Spessore minimo
≤30°C
RH da 75% a 80%
15 mm
>30°C
RH ≥80
20 mm
È possibile che si formi della condensa sulla superficie
dell'isolamento.
Coppia di serraggio (N•m)
M8 (morsettiera di alimentazione)
M8 (terra)
M3 (morsettiera di collegamento fra
le unità)
Manuale d'installazione
15
5,5~7,3
0,8~0,97
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
■
Isolando i collegamenti, evitare accuratamente che la condensa
presente sulla valvola d'arresto possa filtrare all'interno dell'unità
interna attraverso le fessure createsi nell'isolamento e nelle
tubature, essendo l'unità esterna posizionata più in alto rispetto
a quella interna. Vedere figura 15.
1
Valvola d'arresto della linea del gas
2
Valvola d'arresto della linea del liquido
3
Apertura di servizio per aggiungere il refrigerante
4
Modalità d'isolamento
5
Isolamento
6
Tubature del collegamento interno-esterno
11. CARICAMENTO
L'unità esterna viene caricata in fabbrica, ma potrebbe essere
necessario un rabbocco in base alla lunghezza delle tubazioni
presenti sul luogo di installazione.
Per rabboccare il refrigerante, attenersi alla procedura descritta nel
presente capitolo.
Il refrigerante non può essere caricato fino a quando non
sono stati completati tutti i collegamenti e le tubazioni in
loco.
Il rabbocco deve essere effettuato solo dopo avere
eseguito la prova di tenuta e la messa sotto vuoto con
disidratazione.
Accertarsi di isolare le tubature locali, poiché se toccate
potrebbero causare incendi.
Il carico di refrigerante per il sistema deve essere inferiore
a 100 kg. Ciò significa che se il carico di refrigerante
calcolato è uguale o superiore a 95 kg sarà necessario
dividere il sistema esterno in sistemi indipendenti più
piccoli, ognuno contenente un carico di refrigerante
inferiore a 95 kg.
10. CONTROLLO
DELL'UNITÀ E CONDIZIONI DI
INSTALLAZIONE
Eseguire le verifiche di seguito indicate:
Per conoscere il carico eseguito in fabbrica, fare
riferimento alla targhetta con il nome dell'unità.
Collegamento delle tubature
1
2
Accertarsi che la misura della tubatura sia corretta.
Vedere "6.2. Scelta dei materiali delle tubazioni" a pagina 5.
Accertarsi che sia stato effettuato l'isolamento.
Vedere "9. Isolamento delle tubature" a pagina 15.
3
Accertarsi che i tubi del refrigerante non siano danneggiati.
Vedere "6. Linee del refrigerante" a pagina 5.
Collegamenti elettrici
1
Accertarsi che i cavi di alimentazione non siano danneggiati
e che i dadi non siano allentati.
Vedere "8. Collegamenti da effettuarsi in loco" a pagina 10.
DEL REFRIGERANTE
11.1. Informazioni importanti sul refrigerante
utilizzato
Questo prodotto contiene gas fluorurati ad effetto serra inclusi nel
protocollo di Kyoto. Non liberare tali gas nell'atmosfera.
Tipo di refrigerante:
Valore GWP(1):
(1)
R410A
1975
GWP = potenziale di riscaldamento globale
Indicare con inchiostro indelebile,
■
➀ la carica di refrigerante di fabbrica del prodotto,
■
➁ la quantità di refrigerante aggiuntiva nel campo e
■
➀+➁ la carica totale di refrigerante
2
Accertarsi che i cavi di trasmissione non siano danneggiati
e che i dadi non siano allentati.
Vedere "8. Collegamenti da effettuarsi in loco" a pagina 10.
sull'etichetta relativa ai gas serra fluorinati fornita con il prodotto.
3
Accertarsi che la resistenza di isolamento del circuito elettrico
principale non sia deteriorata.
L'etichetta compilata deve essere applicata all'interno del prodotto e
in prossimità della porta di carica del prodotto (ad esempio, all'interno
del coperchio di ispezione).
Per mezzo di un megaohmetro da 500 V, controllare che vi sia
una resistenza di 2 MΩ o maggiore con una tensione di 500 V
DC tra i morsetti di alimentazione e la terra. Non utilizzare il
megaohmetro per i cavi di trasmissione (tra l'unità interna e
quella esterna, tra il selettore esterno e quello raffreddamento/
riscaldamento, ecc.).
4
1
carica di refrigerante
di fabbrica del prodotto:
vedi targhetta con
il nome dell'unità(2)
2
quantità di refrigerante
aggiuntiva nel campo
3
carica di refrigerante
totale
4
Contiene gas fluorurati
ad effetto serra inclusi nel
protocollo di Kyoto
5
unità esterna
6
cilindro del refrigerante
e collettore di carica
1
2
3
6
5
(2)
Se vi sono sistemi con più unità esterne, deve essere applicata
una sola etichetta, indicante la carica totale di refrigerante eseguita in
fabbrica di tutte le unità esterne collegate al sistema refrigerante.
NOTA
L'applicazione nazionale della normativa dell'UE su alcuni
gas serra fluorinati potrebbe richiedere l'utilizzo della lingua
nazionale ufficiale adeguata sull'apparecchio. Con
l'apparecchio viene infatti fornita un'etichetta multilingue
aggiuntiva sui gas serra fluorinati.
Le istruzioni sono riportate sul retro dell'etichetta.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
16
11.2. Precauzioni durante il rabbocco con R410A
Apertura della valvola d'arresto
1
Accertarsi di rabboccare la quantità specificata di refrigerante allo
stato liquido attraverso la linea del liquido.
2
Poiché questo refrigerante è costituito da una miscela di refrigeranti,
il rabbocco in forma gassosa potrebbe modificare la composizione
del refrigerante stesso ed impedire il normale funzionamento.
■
Prima di effettuare il rabbocco, controllare se la bombola del
refrigerante è dotata di sifone.
Effettuare il rabbocco
del liquido refrigerante
tenendo la bombola in
posizione verticale.
■
Effettuare il rabbocco
del liquido refrigerante
tenendo la bombola in
posizione capovolta.
Accertarsi di utilizzare esclusivamente strumenti adatti
all'R410A per garantire la necessaria resistenza alla pressione e
per evitare che materiali estranei finiscano all'interno del
sistema.
5
del
refrigerante
deve
essere
■
■
3.
Assicurarsi di stringere accuratamente il tappo. Fare riferimento
alla tabella seguente
Torsione N•m (per chiudere ruotare in senso orario)
Alberino
Dimensione della Corpo della
valvola d'arresto
valvola
Ø9,5(a)
Valvola d'arresto della
Ø15,9 Ø19,1
linea del gas
14
16
18
20
5,4~6,6
8,1~9,9
Ø15,9
13,5~16,5
6 mm
23,0~27,0
27,0~33,0
8 mm
22,5~27,5
Manuale d'installazione
17
4 mm
Apertura
di servizio
13,5~16,5
18,0~22,0
11,5~13,9
Chiusura della valvola d'arresto Vedere la figura riportata
paragrafo "Apertura della valvola d'arresto" a pagina 17
al
1.
Togliere il tappo e ruotare in senso orario la valvola con la chiave
esagonale.
2.
Stringere accuratamente la valvola fino a quando l'alberino
arriva a contatto con la guarnizione principale.
3.
Assicurarsi di stringere accuratamente il tappo.
Per la torsione, consultare la tabella riportata in precedenza.
Ø12,7(b)
Ø25,4(c)
(a) Il modello RXYCQ14 supporta tubazioni in loco con Ø12,7 in corrispondenza del
tubo accessorio in dotazione con l'unità.
(b) Il modello RXYCQ20 supporta tubazioni in loco con Ø15,9 in corrispondenza del
tubo accessorio in dotazione con l'unità.
(c) Il modello RXYCQ12 supporta tubazioni in loco con Ø22,2 in corrispondenza del
tubo accessorio in dotazione con l'unità.
Il modello RXYCQ14~20 supporta tubazioni in loco con Ø28,6 in corrispondenza
del tubo accessorio in dotazione con l'unità.
Tappo
(coperchio
della valvola)
Ø9,5
Ø25,4
Le dimensioni delle valvole di arresto collegate al sistema sono
elencate nella tabella sottostante.
Chiave
esagonale
Ø12,7
Ø19,1
12
3
Non usare troppa forza con la valvola d'arresto,
perché potrebbe rompersi il corpo della valvola,
essendo una valvola di tipo a fermo posteriore Usare
sempre attrezzatura specifica.
Dimensione della valvola di arresto
10
Guarnizione
Prestare attenzione al fatto che la gamma di coppie
menzionate è applicabile soltanto per aprire le valvole
di arresto delle linee del gas Ø19,1 e Ø25,4.
Dopo aver stretto il tappo, controllare che non vi siano
perdite di refrigerante.
8
Alberino
5
Ruotare fino all'arresto dell'alberino.
Per aprire completamente la valvola di arresto della linea del gas
Ø19,1 o Ø25,4, ruotare la chiave esagonale fino ad ottenere una
coppia compresa tra 27 e 33 N•m.
Una coppia inadeguata può causare perdite di refrigerante e la
rottura del coperchio della valvola di arresto.
Utilizzare sempre un tubo flessibile di caricamento da
collegare all'apertura di manutenzione.
Tipo
Foro esagonale
4
2.
aperta
Non aprire la valvola di arresto finché le fasi di
collegamento elettrico e le tubazioni ("10. Controllo
dell'unità e condizioni di installazione" a pagina 16)
non sono state completate. Se la valvola di arresto
viene lasciata aperta senza attivare l'alimentazione, è
possibile che il refrigerante si accumuli nel
compressore e che deteriori le guarnizioni.
Valvola d'arresto della
linea del liquido
Tappo
3
Togliere il tappo e ruotare in senso antiorario la valvola con la
chiave esagonale.
11.3. Procedura di funzionamento della valvola
d'arresto
■
Apertura di servizio
2
1.
L'introduzione nel circuito di composti chimici non idonei
potrebbe risultare pericoloso in quanto potrebbe provocare
incidenti ed esplosioni. Verificare quindi che nel circuito
venga introdotto esclusivamente R410A.
La bombola
lentamente.
4
1
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
11.4. Controllo del numero di unità collegate
11.5. Rabbocco del refrigerante
È possibile rilevare il numero di unità interne attive e collegate
utilizzando l'interruttore sulla scheda di circuiti stampati (A1P)
dell'unità esterna in uso. In un sistema con più unità esterne,
è possibile rilevare il numero di unità esterne collegate al sistema
seguendo la stessa procedura.
Attenersi alle procedure riportate di seguito.
Accertarsi che tutte le unità interne collegate all'unità esterna siano
attive.
Seguire la procedura in 5 fasi riportata di seguito.
■
■
Quando si effettua il rabbocco di un sistema, una
quantità superiore a quella consentita può provocare
l'aspirazione del liquido.
■
Durante le fasi di caricamento del refrigerante
indossare sempre guanti e occhiali di protezione.
■
Al termine della procedura di caricamento del refrigerante, o in caso di pause, chiudere immediatamente la
valvola del serbatoio del refrigerante. Se la valvola del
serbatoio rimane aperta, la quantità di refrigerante
correttamente caricata può traboccare. Dopo l'arresto
dell'unità è possibile caricare altro refrigerante, in
base alla pressione rimanente.
I LED su A1P indicano lo stato di funzionamento dell'unità
esterna e il numero di unità interne attive.
x
■
OFF
w
c
ON/ATTIVAZIONE
Lampeggiante
Il numero di unità attive può essere letto dal display dei LED
nella procedura riportata di seguito ("Modalità monitoraggio").
Esempio: nella procedura seguente sono attive 22 unità:
NOTA
Avvertimento scosse elettriche
Durante questa procedura, premere il pulsante
BS1 MODE se qualcosa non è chiaro.
In questo modo si ritorna alla modalità di
impostazione 1 (H1P= x "OFF").
1
■
Chiudere il coperchio del quadro elettrico prima di
attivare l'alimentazione principale.
■
Effettuare le impostazioni sulla scheda di circuiti (A1P)
dell'unità esterna e controllare il display del LED dopo
l'attivazione dell'alimentazione utilizzando il coperchio
di servizio, presente nel coperchio del quadro
elettrico.
Azionare gli interruttori con un
bastoncino isolato (ad esempio una
penna a sfera), per evitare di
toccare parti in tensione.
Dopo aver completato l'operazione, rimettere il
coperchio di ispezione sul coperchio del quadro
elettrico.
■
Se l'alimentazione di alcune unità è disattivata, la
procedura di caricamento non può essere portata a
termine correttamente.
■
In caso di sistema con più unità esterne, attivare
l'alimentazione di tutte le unità esterne.
■
Accertarsi di accendere l'interruttore di alimentazione
almeno 6 ore prima di metterle in operatività Ciò è
necessario per riscaldare l'elettroriscaldatore dell'olio
del riscaldatore elettrico.
■
Se il sistema viene utilizzato entro 12 minuti
dall'accensione delle unità interne ed esterne, si
accende il LED H2P e il compressore non entra in
funzione.
Modalità di impostazione 1 (stato predefinito del sistema)
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Stato predefinito (normale)
x
x w x
x
x
x
Premere il pulsante BS1 MODE per passare dalla modalità di
impostazione 1 alla modalità di monitoraggio.
2
Modalità monitoraggio
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Display dello stato predefinito
c x
x
x
x
x
x
Per controllare il numero di unità interne, premere 5 volte il
pulsante BS2 SET .
Per controllare il numero di unità esterne, premere 8 volte il
pulsante BS2 SET .
3
Modalità monitoraggio
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Stato di selezione del numero
di unità interne collegate da
visualizzare.
c x
x
x w x w
OPPURE
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Stato di selezione del numero
di unità esterne collegate da
visualizzare.
c x
x w x
x
x
Premendo il pulsante BS3 RETURN , il display del LED mostra i dati sul
numero di unità interne collegate oppure il numero di unità esterne
collegate in un sistema con più unità esterne.
4
NOTA
■
Consultare "11.3. Procedura di funzionamento
della valvola d'arresto" a pagina 17 per
informazioni sull'utilizzo delle valvole di arresto.
■
La porta di caricamento del refrigerante è
collegata alle tubazioni all'interno dell'unità.
Le tubazioni interne dell'unità vengono riempite di
refrigerante in fabbrica, quindi prestare attenzione
durante il collegamento del tubo di caricamento.
■
Dopo l'aggiunta del refrigerante, chiudere il
coperchio della porta di caricamento del
refrigerante.
La coppia di torsione del coperchio è compresa
tra 11,5 e 13,9 N•m.
■
Per garantire una distribuzione uniforme del
refrigerante, è necessario attendere ±10 minuti
per l'avvio del compressore dopo l'avvio dell'unità.
Ciò non è un segno di anomalia.
Modalità monitoraggio
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Visualizzazione del numero
di unità interne collegate
c x c x c c x
32
16
8
4
2
1
Calcolare il numero di unità interne collegate sommando i valori di tutti
i LED (H2P~H7P) lampeggianti (c).
In questo esempio: 16+4+2=22 unità
Premere il pulsante BS1 MODE per ritornare al punto 1, modalità di
impostazione 1 (H1P= x "OFF").
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
18
■
Caricamento con unità esterna inattiva
1.
Per calcolare la quantità di refrigerante da aggiungere, utilizzare
la formula indicata nel capitolo "Come calcolare il refrigerante
aggiuntivo da caricare" a pagina 9.
2.
La valvola A e la valvola di arresto devono rimanere chiuse,
caricare la quantità necessaria di refrigerante attraverso lo
sportello di servizio della valvola d'arresto sul lato liquido.
12. PRIMA
12.1.
■ Una volta caricata la quantità di refrigerante richiesta.
Registrare la quantità di refrigerante aggiunta sull'etichetta in
dotazione con l'unità e applicarla sul lato posteriore del
pannello frontale. Eseguire la procedura di verifica come
descritto in "12.4. Prova di funzionamento" a pagina 22.
Precauzioni per la manutenzione
ATTENZIONE: FOLGORAZIONE
Precauzioni per la manutenzione dell'invertitore
Se non è possibile caricare il refrigerante mentre l'unità
esterna è inattiva, eseguire l'operazione utilizzando la
funzione ricarica refrigerante (far riferimento a "Modalità
d'impostazione 2" a pagina 21).
1
Non aprire il coperchio del quadro elettrico per
almeno
10
minuti
dopo
lo
spegnimento
dell'alimentazione.
2
Misurare la tensione tra i terminali della morsettiera di
alimentazione utilizzando un tester e verificare che
l'alimentazione sia disattivata.
Misurare inoltre i punti indicati nella figura sottostante
con un tester e verificare che il voltaggio del condensatore nel circuito principale sia inferiore a 50 V CC.
Ricarica a unità esterna attiva
1
2
3
Aprire completamente la valvola di arresto del gas.
La valvola A deve essere lasciata completamente chiusa.
Accertarsi che la valvola di arresto del liquido sia
completamente chiusa. Se è aperta, non è possibile effettuare la
ricarica del refrigerante.
Caricare il rabbocco allo stato liquido attraverso l'apertura di
servizio della valvola di arresto della linea del liquido.
A2P
A3P
Con l'unità inattiva e in modalità d'impostazione 2 (far riferimento
a Controlli da eseguire prima della messa in marcia,
"Impostazione della modalità" a pagina 21), impostare la
funzione richiesta A (operazione di rabbocco) su ON (ON).
L'operazione ha inizio. Il LED H2P lampeggiante indica che si
tratta di una prova di funzionamento, mentre il telecomando
indica
(prova di funzionamento) e
(controllo
esterno).
3
Per impedire danni alla scheda, toccare una parte
metallica non rivestita prima di collegare o scollegare i
connettori, in modo da eliminare l'elettricità statica.
4
Le operazioni di manutenzione dell'inverter devono
essere eseguite dopo aver scollegato i connettori di
giunzione X1A, X2A, X3A, X4A (X3A e X4A solo per
unità RXYCQ16~20) dei motori del ventilatore
nell'unità esterna. Non toccare le parti sotto tensione.
Dopo aver caricato la quantità di refrigerante indicata, premere il
pulsante BS1 MODE . L'operazione si conclude.
Se un ventilatore viene messo in funzione dal vento,
può accumulare elettricità nel condensatore o nel
circuito principale e provocare scosse elettriche).
■ Se dopo 30 minuti la ricarica del refrigerante non è stata
ancora completata, ripetere il passaggio 2.
5
A1P
TP1 TP2
■ L'operazione si conclude automaticamente entro 30 minuti.
4
DELLA MESSA IN MARCIA
■ Se l'operazione si arresta immediatamente dopo il riavvio, il
sistema potrebbe essere sovraccarico.
Non è possibile rabboccare il refrigerante oltre la quantità
specificata.
5
Dopo aver rimosso il tubo per la ricarica del refrigerante, aprire
completamente la valvola di arresto del liquido (in caso
contrario, le tubazioni potrebbero scoppiare a causa del blocco
del liquido).
Per informazioni, fare riferimento al diagramma dei
collegamenti sul retro del coperchio del quadro elettrico.
Dopo aver ricaricato il refrigerante, riattivare l'alimentazione
elettrica delle unità interne e di quella esterna.
11.6. Controlli successivi all'aggiunta di refrigerante
■
Le valvole di arresto sono aperte sia per il liquido sia per il gas?
■
La quantità di refrigerante aggiunta è stata registrata?
Accertarsi di aprire le valvole di arresto dopo il caricamento del refrigerante.
Dopo aver completato la manutenzione, ricollegare il
connettore di giunzione. Diversamente, sul comando
a distanza viene visualizzato il codice di errore E7 e il
funzionamento normale non è consentito.
Fare attenzione alla ventola. È pericoloso ispezionare l'unità
quando la ventola è in funzione. Assicurarsi di spegnere l'interruttore
generale e rimuovere i fusibili dal circuito di controllo posizionato
nell'unità esterna.
NOTA
Sicurezza innanzitutto!
Prima di eseguire la manutenzione, toccare
l'alloggiamento del quadro elettrico per eliminare
l'elettricità statica dal proprio corpo e proteggere la
scheda.
Il funzionamento del sistema con le valvole di arresto
chiuse provoca il danneggiamento del compressore.
Manuale d'installazione
19
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
12.2. Controlli da eseguire prima della messa in
marcia
Tenere presente che durante il primo ciclo di funzionamento dell'unità, la potenza di alimentazione richiesta
potrebbe essere maggiore di quanto riportato sulla
targhetta dell'unità. Questo fenomeno è causato dal
compressore che richiede un periodo di 50 ore di
rodaggio prima di raggiungere un funzionamento
regolare e un consumo elettrico stabile.
NOTA
■
Accertarsi che il teleruttore del quadro d'alimentazione sia stato aperto.
■
Fissare saldamente i fili di alimentazione.
■
L'apparecchiatura potrebbe rompersi se si immette
l'alimentazione con una fase-N mancante o con una
fase-N errata.
Terminata l'installazione, prima di porre l'unità sotto tensione,
controllare i seguenti punti.
1
Microinterruttori che necessitano di un'impostazione iniziale
Prima di dar corrente accertarsi che i microinterruttori siano stati
impostati a seconda delle esigenze delle applicazioni.
2
Collegamenti dei circuiti d'alimentazione e di trasmissione
E' bene pretendere una progettazione analitica di tali circuiti in
modo da potersi accertare che essi siano stati eseguiti secondo
le indicazioni di questo manuale e secondo la normativa vigente
in sito.
3
Misura ed isolamento delle tubazioni
5
6
Se necessario, eseguire le impostazioni sul posto in base alle
istruzioni seguenti. Per ulteriori informazioni, consultare il manuale di
servizio.
Apertura del quadro elettrico e gestione degli
interruttori
Per eseguire le impostazioni sul campo,
togliere il coperchio del quadro elettrico (1).
Azionare gli interruttori con un bastoncino
isolato (come ad esempio una penna a
sfera), per evitare di toccare parti sotto
tensione.
2
Accertarsi che tutti i pannelli esterni, tranne il pannello
sul quadro elettrico, siano chiusi durante il
funzionamento.
NOTA
Chiudere il coperchio del quadro elettrico prima di
attivare l'alimentazione.
Posizione dei microinterruttori, dei LED e dei pulsanti
LED H1~8P
2
Pulsanti BS1~BS5
3
Microinterruttore 1
(DS1: 1~4)
Prova di tenuta ed essiccazione sotto vuoto.
4
Accertarsi di portare a termine la prova di tenuta ed
essiccazione sotto vuoto.
Microinterruttore 2
(DS2: 1~4)
5
Microinterruttore 3
(DS3: 1~2)
Rabbocchi della carica
1
2
4
3
5
La quantità di refrigerante da rabboccare nell'unità deve essere
riportata nella piastra "rabbocco refrigerante" fornita e applicata
nella parte posteriore del coperchio frontale.
Stato LED
Prova d'isolamento del circuito elettrico principale
All'interno del manuale lo stato dei LED viene indicato come segue:
Per mezzo di un megaohmetro da 500 V, controllare che vi sia
una resistenza di 2 MΩ o maggiore con una tensione di 500 V
DC tra i morsetti di alimentazione e la terra. Il megaohmetro non
deve essere mai usato per il circuito di trasmissione.
7
1
Dopo aver completato l'operazione, rimettere il coperchio di
ispezione (1) sul coperchio del quadro elettrico (2).
1
Accertarsi che siano state installate tubazioni della misura
adeguata e che le stesse siano state correttamente ed
accuratamente isolate.
4
12.3. Impostazioni sul posto
x
w
c
Data di installazione e impostazione sul posto
In conformità alle prescrizioni della norma EN60335-2-40 è
necessario annotare la data d'installazione sull'etichetta apposta
sulla parte posteriore superiore del pannello frontale e
conservare le registrazioni sul contenuto delle impostazioni in
loco.
OFF
ON/ATTIVAZIONE
Lampeggiante
Impostazione dei microinterruttori (soltanto per i modelli a
pompa di calore)
Dati da impostare con il microinterruttore DS1
1
Selettore RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO (far
riferimento a "8.7. Collegamenti da effettuarsi in loco: cavi di
trasmissione e selezione raffreddamento/riscaldamento" a
pagina 13)
( OFF = non installato = impostazione di fabbrica)
2~4
NON UTILIZZATO
NON CAMBIARE L'IMPOSTAZIONE DI FABBRICA
1~4
NON UTILIZZATO
NON CAMBIARE L'IMPOSTAZIONE DI FABBRICA
1+2
NON UTILIZZATO
NON CAMBIARE L'IMPOSTAZIONE DI FABBRICA
Dati da impostare con il microinterruttore DS2
Dati da impostare con il microinterruttore DS3
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
20
Impostazione dell'interruttore a pulsante (BS1~BS5)
Funzione dell'interruttore a pulsante situato sulla scheda dell'unità
esterna (A1P):
MODE
TEST:
C/H SELECT
HWL:
MASTER
SLAVE
H3P
H4P
H5P
BS1
BS2
BS3
BS4
BS5
MODE
SET
RETURN
TEST
RESET
H1P
H2P
H6P
(non in caso di unità di solo riscaldamento)
Il LED H1P è spento (impostazione selezione RAFFREDDAMENTO/
RISCALDAMENTO).
L.N.O.P DEMAND
IND
Modalità d'impostazione 1
MULTI
H8P
H7P
BS1 MODE
Modifica della modalità d'impostazione
BS2 SET
Impostazione sul campo
BS3 RETURN
Impostazione sul campo
BS4 TEST
Prova di funzionamento
BS5 RESET
Ripristino dell'indirizzo dopo la sostituzione dei
collegamenti elettrici o l'installazione di unità interna
supplementare
Procedura di impostazione
1
Premere il pulsante BS2 SET e regolare l'indicazione del LED
su una delle impostazioni possibili come illustrato di seguito nel
campo contrassegnato con
:
1
Impostazione RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO per ogni
singolo circuito dell'unità esterna.
2
Impostazione RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO dall'unità
master in caso di unità esterne collegate in combinazione di
sistemi multipla(a).
3
Impostazione RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO dall'unità
slave in caso di unità esterne collegate in combinazione di sistemi
multipla(a).
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
La figura mostra lo stato delle indicazioni dei LED all'uscita dalla
fabbrica.
1
2
Procedura di controllo del funzionamento
1
3
Attivare l'alimentazione per l'unità esterna e l'unità interna.
Accertarsi di attivare l'alimentazione almeno 6 ore prima dell'uso
in modo che il riscaldatore basamento disponga di energia
sufficiente.
2
Accertarsi che la trasmissione impostata sia quella normale,
controllando il LED sulla scheda di circuiti dell'unità esterna
(A1P) (se la trasmissione è normale, i LED sono visualizzati
come mostrato di seguito).
Visualizzazione LED
(stato di
default
prima della
consegna)
Sistema
con unità
esterna singola
Commutatore
raffredemento/
riscaldamento
Microcomputer
- monitor
di
funzionamento
Modalità
Pronto
/Errore
Singolo
Massa Massa
(master) (slave)
Rumorosità
bassa Richiesta Multi
HAP
H1P
H2P
H3P
H4P
H5P
H6P
H7P
H8P
c
x
x
w
x
x
x
x
x
2
Modalità d'impostazione 2
Il LED H1P è acceso.
Procedura di impostazione
Premere il pulsante BS2 SET in base alla funzione richiesta
(A~G). L'indicazione del LED per la funzione richiesta è illustrata
di seguito nel campo contrassegnato con
:
Possibili funzioni
Per cambiare modalità utilizzare il pulsante BS1 MODE seguendo la
procedura descritta di seguito.
■
Impostazione modalità 2: premere il pulsante BS1 MODE per
5 secondi; il LED H1P è acceso w.
Se il LED H1P lampeggia c e il pulsante BS1 MODE viene premuto
una volta, la modalità d'impostazione passa a modalità
d'impostazione 1.
A
rabbocco del refrigerante
B
recupero refrigerante/messa a vuoto
C
attivazione automatica modalità silenziosa durante la notte
D
impostazione livello modalità silenziosa ( L.N.O.P ) mediante
l'adattatore di comando esterno
E
impostazione della limitazione del consumo di energia
( DEMAND ) mediante l'adattatore di comando esterno
F
abilitazione della funzione di impostazione del livello della
modalità silenziosa ( L.N.O.P ) e/o di impostazione della
limitazione del consumo di energia ( DEMAND ) mediante
l'adattatore di comando esterno (DTA104A61/62)
G
controllo del funzionamento (senza decisione iniziale sul
refrigerante)
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
A
B
NOTA
In caso di dubbi o incertezze durante il processo di
impostazione, premere il pulsante BS1 MODE . L'unità
tornerà in modalità d'impostazione 1 (il LED H1P è
spento).
C
D
E
F
G
2
Manuale d'installazione
21
x
x
x
Premere il pulsante BS3 RETURN per definire l'impostazione.
Impostazione della modalità
Impostazione modalità 1: premere il pulsante BS1 MODE una
volta; il LED H1P è spento x.
x c x x x
x x c x x
x x x c x
(a) Per l'unità esterna (DTA104A61/62) è necessario utilizzare l'adattatore di
comando esterno opzionale. Consultare le istruzioni fornite con
l'adattatore.
1
■
x
x
x
w
w
w
w
w
w
w
x
x
x
x
x
x
x
w
w
w
w
w
x
x
x
x
x
w
w
w
x
w
w
w
x
w
w
x
x
x
w
x
w
x
w
x
w
x
w
x
x
w
Per memorizzare l'impostazione corrente premere il pulsante
BS3 RETURN .
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
3
Premere il pulsante BS2 SET a seconda dell'impostazione
richiesta, come illustrato nel campo contrassegnato con
.
3
Indicazione di stato della modalità silenziosa L.N.O.P
-
3.1 Le impostazioni possibili per le funzioni A, B, F e G sono ON
(ON) o OFF (OFF).
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
x
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
ON
(a)
OFF
w x
w x
x
x
x
x
x c x
x x c
4
1 ).
(a)
1
2
3
w
w
w
w
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x x x
x x c
x c x
x c c
3
w x
w x
w x
x
x
x
x x x c
x x c x
x c x x
Premere il pulsante BS3 RETURN per definire l'impostazione.
5
Quando il pulsante BS3 RETURN viene premuto di nuovo,
l'operazione si avvia in base all'impostazione memorizzata.
Per ulteriori informazioni e per le altre impostazioni, consultare il
manuale di servizio.
Conferma della modalità d'impostazione
■
■
2
Indicazione dello stato di funzionamento presente
-
x, normale
w, anomalo
c, in preparazione o in prova di funzionamento
3
2
x w x
Indicazione
dell'impostazione
RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO
x
x
di
x
selezione
1
Impostazione di commutazione RAFFREDDAMENTO/
RISCALDAMENTO da ogni singolo circuito dell'unità esterna
(= impostazione di fabbrica)
2
Indicazione sull'unità master quando la commutazione
RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO viene eseguita dal
sistema esterno collegato a più combinazioni di sistema.
3
Indicazione sull'unità slave quando la commutazione
RAFFREDDAMENTO/RISCALDAMENTO viene eseguita dal
sistema esterno collegato a più combinazioni di sistema.
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
1(a)
2
3
x
x
x
x w x x x
x x w x x
x x x w x
x
x
x
Chiudere tutti i pannelli anteriori, tranne quello del quadro
elettrico.
Accendere l'interruttore di alimentazione di tutte le unità esterne
e di quelle interne collegate.
Accertarsi di attivare l'alimentazione almeno 6 ore prima dell'uso
in modo che il riscaldatore basamento disponga di energia
sufficiente e in modo da proteggere il compressore.
Eseguire l'impostazione sul posto, come descritto nel paragrafo
"12.3. Impostazioni sul posto" a pagina 20.
4
Premere una volta il pulsante BS1 MODE , quindi attivare la
MODALITÀ DI IMPOSTAZIONE (H1P led = OFF).
5
Tenere premuto il pulsante BS4 TEST per almeno 5 secondi.
Viene avviata l'operazione di prova dell'unità.
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
x
Durante l'operazione di controllo, effettuare i seguenti controlli e
valutazioni:
■ Controllare l'apertura della valvola d'arresto.
■ Controllare la correttezza dei collegamenti.
■ Controllo della carica eccessiva di refrigerante
■ Valutare la lunghezza delle tubature
Sono necessari ±40 minuti per completare l'operazione di controllo.
Procedura per la prova di funzionamento
Controllare l'indicazione del LED nel campo contrassegnato con
.
-
x
Eseguire l'operazione di prova descritta nel paragrafo "Procedura per
la prova di funzionamento" a pagina 22.
1
-
x
Durante l'esecuzione dell'operazione di prova, sono in
funzione sia l'unità esterna sia l'unità interna collegata.
L'utilizzo di un'unità interna durante l'operazione di prova è
pericoloso.
Con la modalità d'impostazione 1 (LED H1P spento) possono
essere confermate le condizioni indicate di seguito.
1
x
Non eseguire l'operazione di prova durante l'utilizzo di
unità interne.
(a) Questa impostazione = impostazione di fabbrica
4
x w x
Non inserire le dita, o comunque bastoncini e altri
oggetti, nell'entrata e nell'uscita dell'aria, poiché la
ventola, ruotando ad alta velocità, può provocare
lesioni.
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
(a)
x
12.4. Prova di funzionamento
(a) Questa impostazione = impostazione di fabbrica
2
x
x funzionamento standard (= impostazione di fabbrica)
w DEMAND funzionamento
x
3.3 Possibili impostazioni per le funzioni D e E
Per la funzione D ( L.N.O.P ) soltanto: rumore di livello 3 < livello 2
1 ).
< livello 1 (
Per la funzione E ( DEMAND ) soltanto: consumo di energia di
3 ).
livello 1< livello 2< livello 3 (
1
x
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
OFF
x w x
Indicazione dell'impostazione della limitazione del consumo di
energia DEMAND
-
(a) Questa impostazione = impostazione di fabbrica
3.2 Possibili impostazioni per la funzione C
Rumore di livello 3 < livello 2 < livello 1 (
x funzionamento standard (= impostazione di fabbrica)
w L.N.O.P funzionamento
■ L'operazione di prova viene eseguita automaticamente nella
modalità di raffreddamento; il H2P si illumina e sul comando
a distanza vengono visualizzati i messaggi "Test operation"
(operazione di prova) e "Under centralized control" (sotto
controllo centralizzato).
■ Per rendere il refrigerante uniforme e consentire al compressore di entrare in funzione sono necessari 10 minuti.
■ Durante l'operazione di prova, potrebbe essere udibile il
suono della circolazione del refrigerante o quello di una
valvola magnetica solenoide, e la visualizzazione del LED
potrebbe cambiare: non si tratta di problemi di
funzionamento.
■ Durante la prova di funzionamento non è possibile arrestare
il funzionamento dell'unità dal comando a distanza. Per
terminare l'operazione, premere il pulsante BS3 RETURN .
L'apparecchio si ferma dopo ±30 secondi.
(a) Questa impostazione = impostazione di fabbrica.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
22
6
Chiudere il pannello anteriore per evitare che sia causa di
valutazioni errate.
7
Verificare i risultati della prova utilizzando l'indicazione del LED
sull'unità esterna.
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
8
Completamento
normale
x
x w x
x
x
x
Completamento
anomalo
x w w x
x
x
x
13. FUNZIONAMENTO
Metodo di messa a vuoto
Dopo la prima installazione non è necessario mettere a vuoto l'unità.
La messa a vuoto è necessaria soltanto in caso di riparazioni.
1
Con l'unità inattiva e in modalità d'impostazione 2, impostare la
funzione richiesta B (recupero refrigerante/messa a vuoto) su
ON (ON).
- Dopo aver impostato la funzione, non ripristinare la modalità
d'impostazione 2 finché la messa a vuoto non è completata.
- Il LED H1P è acceso e il telecomando indica
(prova di
funzionamento) e
(comando esterno) e l'operazione è
vietata.
2
Liberare il sistema con una pompa a vuoto.
3
Premere il pulsante BS1 MODE e ripristinare la modalità
d'impostazione 2.
Al termine dell'operazione di prova, il funzionamento normale
può essere ripreso dopo 5 minuti.
Diversamente, fare riferimento a "Correzione dopo il
completamento anomalo dell'operazione di prova" a pagina 23
per eseguire le operazioni di correzione dell'anomali.
Correzione dopo il completamento anomalo dell'operazione di
prova
IN MODALITÀ
MANUTENZIONE
L'operazione di prova è completata solo se sul comando a distanza
non viene visualizzato alcun codice di malfunzionamento. Se viene
visualizzato un codice di malfunzionamento, attenersi alla procedura
seguente per correggere l'anomalia:
Metodo di recupero del refrigerante
■
1
Con l'unità inattiva e in modalità d'impostazione 2, impostare la
funzione richiesta B (recupero refrigerante/messa a vuoto) su
ON (ON).
- Le valvole di espansione dell'unità interna e dell'unità esterna
si aprono completamente e vengono attivate alcune valvole
solenoidi.
- Il LED H1P è acceso e il telecomando indica
(prova di
funzionamento) e
(comando esterno) e l'operazione è
vietata.
2
Scollegare l'alimentazione elettrica alle unità interne e a quella
esterna con l'interruttore di protezione. Dopo aver scollegato
l'alimentazione a uno dei lati, scollegarla anche all'altro lato
entro 10 minuti. In caso contrario, la comunicazione tra l'unità
interna e quella esterna potrebbe diventare anomala e le valvole
di espansione potrebbero richiudersi completamente.
3
Recuperare il refrigerante utilizzando l'apposito strumento. Per
ulteriori informazioni, consultare il manuale d'uso fornito con il
recuperatore di refrigerante.
Controllare il codice di malfunzionamento sul comando a
distanza
Errore di installazione
Codice
di errore
Rimedio
La valvola d'arresto di
un'unità esterna viene
lasciata chiusa.
E3
E4
F3
UF
Controllare facendo riferimento alla
tabella in "11.5. Rabbocco del
refrigerante" a pagina 18.
Le fasi
dell'alimentazione
verso le unità esterne
sono invertite.
U1
Scambiare due delle tre fasi (L1, L2,
L3) per ottenere una connessione di
fase positiva.
Non arriva
alimentazione all'unità
interna o a quella
esterna (compresa
l'interruzione di fase).
U1
U4
Controllare che i collegamenti elettrici
delle unità esterne siano corretti.
(Se i collegamenti elettrici non sono
collegati alla fase L2, non apparirà
nessun messaggio di anomalia e il
compressore non si avvia).
Interconnessioni
errate fra le unità
UF
Controllare che i condotti del
refrigerante e i collegamenti elettrici
dell'unità siano ben collegati tra loro.
Sovraccarico di
refrigerante
E3
F6
UF
Ricalcolare la quantità di refrigerante
richiesta in base alla lunghezza delle
tubature e correggere il livello di
carico del refrigerante recuperando
il refrigerante in eccesso con
una macchina di recupero del
refrigerante.
Il cablaggio
è collegato al Q1/Q2
(Out Multi)
U7
UF
Togliere i fili da Q1/Q2 (Out Multi).
Refrigerante
insufficiente
E4
F3
Controllare che il rabbocco del
refrigerante sia stato fatto
correttamente.
Ricalcolare la quantità di refrigerante
richiesta in base alla lunghezza della
tubatura e aggiungere la quantità di
refrigerante necessaria.
■
Dopo
la
correzione
utilizzando un recuperatore di refrigerante
dell'anomalia,
premere
il
pulsante
BS3 RETURN per azzerare il codice di malfunzionamento.
■
Ripetere l'operazione di prova e verificare l'avvenuta correzione
dell'anomalia.
Manuale d'installazione
23
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
14. PRECAUZIONI
CONTRO LE PERDITE DI
REFRIGERANTE
2
Calcolare il volume dell'ambiente più piccolo (m3)
Nei casi come il seguente si deve calcolare il volume di (A) e di (B)
come quello di un solo locale o come se fosse il locale più piccolo.
Introduzione
A.
Nel caso in cui vi siano divisioni del locale più piccolo
B.
Nel caso in cui vi sia una divisione nel locale, ma in
cui esista un'apertura tra i locali sufficiente a permettere la libera circolazione dell'aria.
L'installatore e il tecnico specializzato nell'installazione deve
accertarsi che non vi siano perdite in base alle norme o agli
standard locali. Si possono applicare i seguenti standard se non
sono disponibili normative locali.
Il sistema utilizza il refrigerante R410A. Il refrigerante R410A è
sicuro, di per sé non è tossico né infiammabile. Ciò nonostante, non
installare questi sistemi di climatizzazione in locali troppo angusti.
Questa prassi evita, nell'improbabile caso di grosse fughe, che la
concentrazione di refrigerante nel locale possa superare la soglia di
sicurezza indicata dalle Norme Locali vigenti in merito.
Livello massimo di concentrazione
La concentrazione massima di refrigerante nell'aria dipende
dall'entità della carica del sistema e dal volume del locale nel quale si
potrebbe verificare la perdita.
L'unità di misura della concentrazione è di kg/m3 (il peso di
refrigerante in kg contenuto in 1 m3 di spazio occupato).
Rispettare le specifiche delle Norme Locali in merito alle
concentrazioni massime tollerabili.
1
2
In base agli standard europei, il livello di concentrazione massimo di
refrigerante consentito in ambienti frequentati da uomini da per
l'R410A è limitato a 0,44 kg/m3.
1
3
1
aperture tra i locali
2
divisione
(Nel caso in cui esista una divisione priva di porte o dove
esistano aperture al di sopra e al di sotto della porta di
superficie pari almeno al 0,15% della superficie del pavimento)
Calcolare la concentrazione di refrigerante usando i dati
calcolati ai punti 1 e 2 di cui sopra.
2
Quantità totale di
refrigerante nel sistema
(m3
1
Direzione del flusso del refrigerante
2
Locale in cui è avvenuta la fuga (con fuoriuscita di tutto il
refrigerante)
volume
) del locale
più piccolo in cui sia
stata installata un'unità
interna
Il livello di concentrazione massima deve essere determinato
mediante la procedura delineata ai successivi punti da 1 a 4 e
mettendo in atto ogni misura necessaria a rispettarla.
1
livello massimo di concentrazione
(kg/m3)
Se il risultato dei calcoli fosse superiore al livello massimo di
concentrazione tollerabile è necessario eseguire calcoli analoghi
per il secondo, il terzo locale e così in ordine inverso di
grandezza fino a identificare un valore che risulti inferiore al
valore minimo tollerabile.
Prestare particolare attenzione ai luoghi, come ad esempio le
basi di appoggio, in cui viene conservato il refrigerante, in
quanto il refrigerante è più pesante dell'aria.
Procedura per la verifica della concentrazione massima
≤
4
Gestione delle situazioni nelle quali il risultato supera il valore
massimo di concentrazione consentito.
Se in caso di fuga si possono verificare concentrazioni di livello
superiore al massimo tollerabile è necessario rivedere il lay-out
dell'impianto.
In questi casi consultare un installatore di fiducia.
Calcolare la quantità di refrigerante (kg) che costituisce la carica
di ogni sistema.
la quantità di
refrigerante (kg)
che costituisce la
carica di ogni
sistema (vale a
dire la carica di
refrigerante introdotta in fabbrica)
NOTA
+
l'entità dei
rabbocchi (introdotti in cantiere nel
sistema in
funzione della
lunghezza effettiva
delle linee
frigorifere)
=
quantità totale (kg)
del refrigerante
contenuto nel
sistema
15. ISTRUZIONI
PER LO SMALTIMENTO
La rimozione dell'apparecchio, nonché il recupero del refrigerante,
dell'olio e di qualsiasi altra parte devono essere eseguiti in conformità
alla legislazione locale e nazionale.
Quando un unico apparecchio refrigerante si divide in
2 sistemi refrigeranti completamente indipendenti,
utilizzare la stessa quantità di refrigerante con cui è
stato caricato ciascun sistema separatamente.
RXYCQ8~20A7Y1B
Condizionatore con Sistema VRV Classic
4P327528-1 – 2012.08
Manuale d'installazione
24
4P327528-1 2012.08
Copyright 2012 Daikin
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement

Table of contents