Manuale 4t 2008 ITA

Manuale 4t 2008 ITA
TM
2008
1
ITALIANO
ITALIANO
2
IMPOR
TANTE
IMPORT
TI RACCOMANDIAMO DI LEGGERE CON MOLTA ATTENZIONE TUTTO IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI INIZIARE AD USARE LA TUA MOTO TM.
CONTIENE MOLTE INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI CHE TI RENDERANNO L’ USO E LA MANUTENZIONE DELLA MOTO PIU’ FACILI E SICURI.
NEL TUO SPECIFICO INTERESSE FAI ATTENZIONE IN PARTICOLARE ALLE AVVERTENZE CONTRASSEGNATE
NEL SEGUENTE MODO:
PERICOLO
L’ INOSSERVANZA DI QUESTO AVVISO METTE A RISCHIO LA VITA!
AV V E R T I M E N T
O
TO
L’ INOSSERVANZA DI TALE AVVERTIMENTO POTREBBE CAUSARE DANNI A PARTI DELLA MOTOCICLETTA O
RENDERLA NON PIU’ SICURA ALL’ USO.
Per favore annota nei sottostanti riquadri i numeri di matricola della tua motocicletta.
Nel momento in cui è necessario mettersi in comunicazione con TM per eventuali parti di ricambio, richiesta aggiornamenti o
segnalazione di problemi indicare modello, cilindrata, anno di realizzazione e soprattutto numero di mattricola del telaio e numero di matricola del motore.
MA
TRICOLA TELAIO
MATRICOLA
MA
TRICOLA MO
T ORE
MATRICOLA
MOT
MA
TRICOLA CHIA
VE
MATRICOLA
CHIAVE
TIMBRO DEL CONCESSIONARIO
La TM si riserva il diritto di eseguire cambiamenti senza preavviso. Le specifiche possono variare da paese a paese.
Tutte le indicazioni sono valide salvo errori ortografici e di stampa.
3
ITALIANO
Caro Cliente TM,
Ci congratuliamo con te per aver scelto una moto TM.
La TM è una moto sportiva e moderna che ti darà sicuramente molte soddisfazioni se la tratterai secondo le
prescrizioni contenute nel presente manuale. Prima di mettere in funzione la tua motocicletta TM per la
prima volta, devi assolutamente leggere con attenzione il presente manuale per prendere conoscenza
delle norme di uso e delle caratteristiche della tua nuova motocicletta.
Solo in questa maniera saprai come regolare la moto per adattarla nel modo migliore alle tue caratteristiche personali e come proteggerti da eventuali danni. Questo manuale inoltre contiene importanti
informazioni sulla manutenzione della tua nuova moto.
Il presente manuale è basato sulle informazioni più recenti del prodotto disponibili al momento della stampa.
Ulteriori variazioni dovute ad un successivo sviluppo costruttivo delle motociclette sono comunque possibili.
Questo manuale è parte integrante della moto, deve essere consegnato al cliente al momento dell’acquisto della
moto e deve restare con la moto qualora questa venisse rivenduta.
Ti facciamo notare espressamente che le operazioni contrassegnate con (A) nel capitolo “Manutenzione telaio e
motore” devono essere eseguite da un’officina specializzata TM. Se tali operazioni di manutenzione dovessero
essere necessarie nel corso di un eventuale impegno agonistico, esse dovranno essere eseguite da un meccanico
qualificato.
Per la tua sicurezza utilizza solo ricambi ed accessori originali TM.
TM non si assume alcuna responsabilità per l’uso di altri prodotti e per i danni da essi derivati.
Ti raccomandiamo di rispettare rigorosamente il periodo di rodaggio e gli intervalli d’ispezione e di manutenzione
prescritti. Solo l’osservanza precisa di queste norme permetterà di prolungare la durata della tua motocicletta. Fai
eseguire le revisioni e le riparazioni solo da un’officina specializzata TM.
Per qualsiasi informazione o richiesta rivolgiti ad un’officina specializzata TM che si appoggerà all’importatore TM.
Si ricorda inoltre che su internet all’ indirizzo: www.tmracing.it sono disponibili numerosi dati tecnici ed informazioni sulle moto TM.
Il motociclismo è uno sport meraviglioso che potrai godere con la tua moto TM.
Ricorda sempre però di rispettare l’ ambiente e le altre persone. Usa la tua moto con cautela e prudenza sempre,
nell’ interesse di tutti e per salvaguardare il futuro del nostro sport.
Buon divertimento con la tua moto TM!
TM RACING S.p.A.
Via Fano 6 - 61100 PESARO
ITALY
TM SI RISERVA DI APPORTARE MODIFICHE DI COSTRUZIONE E DI ESECUZIONE.
ITALIANO
4
AVVER
TENZE IMPOR
TANTI SU
VVERTENZE
IMPORT
GARANZIA LEGALE E GARANZIA
COMMER
CIALE
COMMERCIALE
Le motociclette sportive TM sono progettate e realizzate in maniera tale da sopportare le sollecitazioni riscontrabili in normali impieghi stradali e agonistici.
Le motociclette da competizione sono conformi ai regolamenti delle rispettive categorie attualmente
in vigore presso le più importanti federazioni motociclistiche internazionali.
L’ osservanza scrupolosa delle prescrizioni di controllo, manutenzione e taratura di motore e parte
ciclistica della moto, indicate nel manuale d’uso, è indispensabile per il buon funzionamento e per
evitare un’usura prematura delle parti della moto stessa.
Un’ errata taratura del motore o della parte ciclistica può inoltre compromettere l’ incolumità propria
ed altrui.
Le operazioni di manutenzione prescritte nella “Tabella manutenzione e lubrificazione” devono assolutamente essere eseguite presso un’officina specializzata TM alle scadenze previste, altrimenti decade
ogni diritto di garanzia.
Nel momento in cui è necessario mettersi in comunicazione con TM per eventuali parti di ricambio,
richiesta aggiornamenti o segnalazione di problemi indicare modello, cilindrata, anno di realizzazione
e soprattutto numero di matricola del telaio e numero di matricola del motore.
I carburanti e lubrificanti devono essere quelli prescritti nel manuale di uso e manutenzione e devono
essere utilizzati come da programma di manutenzione. Sono ammessi prodotti di altre marche purchè
abbiano specifiche equivalenti.
In caso di danni diretti e conseguenti causati da manipolazioni o modifiche alla motocicletta non può
essere fatto valere alcun diritto di garanzia legale.
L’uso della moto in condizioni estreme, ad esempio su terreno molto fangoso e bagnato, può portare
ad un’usura superiore alla norma di componenti come gli organi di trasmissione o i freni. E’ quindi
possibile che la manutenzione o la sostituzione di alcuni parti sia necessaria prima del limite normalmente previsto dal programma di manutenzione.
I MODELLI MX E SMX NON SONO AMMESSI ALL’USO SU STRADE PUBBLICHE.
I modelli 250, 450 e 530 nelle versioni END, SMR ed SMM sono ammessi all’uso stradale solo nella
versione omologata invariata (depotenziata). Senza questa limitazione della potenza (cioè
depotenziati) questi modelli sono ammessi solo all’uso in fuoristrada, ma non alla circolazione stradale.
I modelli END sono concepiti per gare di resistenza fuoristradistiche (Enduro) e non sono adatti ad un
uso crossistico.
5
ITALIANO
INDICE
INDICE
Pagina
POSIZIONE DEI NUMERI DI MATRICOLA ....................................... 7
Numero di matricola telaio ................................................................. 8
Numero di matricola motore ............................................................... 8
ORGANI DI COMANDO ..................................................................... 9
Leva della frizione ............................................................................. 10
Leva del decompressore manuale .................................................... 10
Leva freno anteriore ......................................................................... 10
Spie di controllo ................................................................................. 10
Tachimetro elettronico ....................................................................... 11
Scelta della funzione e reset ............................................................ 11
Programmazione del tachimetro elettronico ...................................... 11
Programmazione dell’ orologio ........................................................... 12
Settaggio della distanza percorsa .................................................... 12
Tachimetro elettronico digitale retroilluminato .................................... 12
Bottone di massa (MX/SMX) .............................................................. 13
Interruttore a combinazione (END/SMR/SMM) ................................... 13
Interruttore a combinazione abbinato a tachimetro
elettronico digitale retroilluminato (END/SMR/SMM) ........................... 13
Comando di avviamento e di arresto d’emergenza
(END/MXE.S./SMXE.S./SMR/SMM) ..................................................... 14
Tappo serbatoio ................................................................................ 14
Rubinetto del carburante .................................................................. 14
Comando arricchitore (starter a freddo) ........................................... 15
Comando “By-Pass” (starter a caldo) ............................................... 15
Comando regolazione minimo............................................................. 15
Pedale del cambio .............................................................................. 16
Pedale di avviamento ......................................................................... 16
Pedale freno ...................................................................................... 16
Cavalletto laterale .............................................................................. 16
Fissaggio per percorso fuoristrada .................................................. 17
Blocchetto chiave di accensione ...................................................... 17
Regolazione forcella in compressione .............................................. 17
Regolazione forcella in estensione ................................................... 18
Regolazione ammortizzatore in compressione ................................. 18
Regolazione ammortizzatore in estensione ....................................... 19
Bloccasterzo ..................................................................................... 20
CONSIGLI ED AVVERTENZE GENERALI PER LA
MESSA IN SERVIZIO DELLA MOTOCICLETTA ............................. 21
Indicazioni per la prima messa in funzione ....................................... 22
Istruzioni di rodaggio ......................................................................... 22
ISTRUZIONI PER L’USO ................................................................... 23
Controllo prima di ogni messa in funzione ......................................... 24
Avviamento del motore a freddo........................................................ 25
Avviamento a motore caldo ............................................................... 25
Rimedio in caso di motore “ingolfato” ................................................ 26
Partenza ............................................................................................ 26
Cambiare le marce, accellerare, rallentare ....................................... 26
Frenare................................................................................................28
Arresto e parcheggio ........................................................................ 28
Benzina ............................................................................................. 29
PROGRAMMA DI LUBRIFICAZIONE E MANUTENZIONE ................ 31
MANUTENZIONE TELAIO E MOTORE ............................................. 37
Controllo cuscinetti di sterzo e registrazione gioco .......................... 38
Viti di sfiato forcella telescopica ....................................................... 39
Pulizia raschiapolvere forcella telescopica ....................................... 39
Taratura base della ciclistica in base al peso pilota .......................... 40
Taratura ammortizzatore e controllo molla ......................................... 40
Determinazione abbassamento statico ammortizzatore .................... 40
Determin. abbassam. in ordine di marcia ammortizzatore ................. 41
Controllo taratura base forcella telescopica ..................................... 41
Variazione precarico forcella telescopica ......................................... 41
Sostituzione molle forcella ................................................................. 42
ITALIANO
Pagina
Variazione precarico molla ammortizzatore....................................... 42
Leveraggio sospensione posteriore ................................................. 42
Controllare la tensione della catena .................................................. 43
Correzione tensione catena (tutti tranne SMM) ................................. 43
Correzione tensione catena (SMM) ................................................... 44
Manutenzione della catena ................................................................ 44
Usura della catena............................................................................. 45
Indicazioni di base per i freni a disco TM .......................................... 45
Regolazione corsa a vuoto della leva freno anteriore....................... 46
Controllo livello liquido freno anteriore ............................................... 47
Rabbocco liquido freno anteriore........................................................47
Controllo pastiglie freno anteriore...................................................... 47
Sostituzione pastiglie freno anteriore ................................................ 48
Modifica posizione base del pedale freno posteriore ....................... 49
Controllo livello liquido freno posteriore ............................................. 49
Rabbocco liquido freno posteriore .................................................... 49
Controllo pastiglie freno posteriore ................................................... 50
Sostituzione pastiglie freno posteriore .............................................. 50
Smontaggio e montaggio ruota anteriore ........................................... 50
Smontaggio e montaggio ruota posteriore (tutti tranne SMM) ......... 51
Smontaggio e montaggio ruota posteriore (SMM).............................. 52
Controllo tensione raggi ..................................................................... 52
Pneumatici, pressione pneumatici...................................................... 53
Controllo / regolazione distanza sensore magnetico......................... 53
Batteria(tutti i modelli con E.S.) .......................................................... 53
Carica batteria ................................................................................... 54
Fusibile ricarica (tutti i modelli con E.S.)............................................. 55
Fusibile servizi (tutti i modelli con luci) ............................................... 55
Sostituzione lampadina faro / luce posizione .................................... 55
Sostituzione lampadina faro / luce posizione (con ciclope) .............. 56
Sostituzione lampadina fanalino posteriore
luce posizione/luce stop/luce targa (END/SMR/SMM) ....................... 56
Sostituzione lampadina indicatore direzione ..................................... 56
Raffreddamento ................................................................................ 57
Controllo livello liquido di raffreddamento .......................................... 58
Scarico, riempimento e spurgo sistema di raffreddamento .............. 58
Sostituzione materiale di riempimento silenziatore di scarico ............ 58
Pulizia filtro aria ................................................................................. 59
Controllo regolazione decompressore a mano .................................. 59
Regolazione comando a cavo del gas............................................... 60
Regolazione posizione base della leva frizione................................. 60
Controllo livello olio della frizione idraulica ......................................... 60
Spurgo frizione idraulica .................................................................... 60
Carburatore - Regolazione del minimo ............................................... 61
Indicazioni di base sull’ usura del carburatore .................................. 61
Controllo livello carburante (altezza galleggiante) ............................. 62
Svuotamento vaschetta carburatore ................................................ 62
Circuito dell’olio .................................................................................. 62
Controllo livello olio motore ................................................................ 63
Olio motore ........................................................................................ 63
Cambio olio motore ............................................................................ 63
DIAGNOSI DEI PROBLEMI ................................................................ 66
PULIZIA ............................................................................................ 68
PRECAUZIONE PER L’USO INVERNALE .......................................... 68
CONSERVAZIONE ............................................................................. 68
Rimessa in funzione dopo la pausa stagionale ................................. 68
DATI TECNICI - MOTORE ............................................................ 69/70
SETTAGGIO CARBURATORI ........................................................... 71
COPPIE DI SERRAGGIO MOTORE .................................................. 72
DATI TECNICI CICLISTICA ..........................................................73-74
INDEX ALFABETICO ........................................................................ 75
SCHEMA ELETTRICO......................................................... appendice
6
7
ITALIANO
POSIZIONE
MATRICOLA
MATRICOLA
POSIZIONE DEI
DEI NUMERI
NUMERI DI
DI MA
TRICOLA
NUMER
O DI MA
TRICOLA TELAIO
NUMERO
MATRICOLA
Il numero di matricola del telaio è stampigliato sul lato destro del
cannotto di sterzo. Annotate questo numero nell’ apposito spazio a
pagina 3. Nei modelli END, SMR, SMM il numero di matricola è riportato anche su una targhetta posta sul lato sinistro. Vedi foto.
NUMER
O
NUMERO
DI MA
TRICOLA MO
TORE
MATRICOLA
MOT
Il numero di matricola del motore è inciso sul lato sinistro del motore
sotto il pignone catena. Annotate questo numero nell’ apposito spazio
a pagina 3.
ITALIANO
8
9
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
LEV
A DELLA FRIZIONE
LEVA
La leva frizione (1) è montata sul manubrio a sinistra. Con la vite di
regolazione (A) può essere variata la posizione della leva frizione rispetto alla manopola (vedi operazioni di manutenzione).
Con la vite di regolazione (B) si regola la corsa della pompa dopo aver
regolato la posizione della leva.
LEV
A DEL DECOMPRESSORE MANU
ALE
LEVA
MANUALE
(TUTTI 530 CC.)
La leva del decompressore a mano (2) si trova sul manubrio a sinistra, e si usa quando, o dopo una caduta o in seguito ad un
surriscaldamento, il motore fatica a riavviarsi a caldo. Per ventilare il
motore, tirare la leva del decompressore durante l’avviamento.
La leva deve avere sempre almeno un gioco di ca. 10 mm misurato tra
leva e supporto, prima di iniziare ad aprire le valvole. Il momento di
apertura si riconosce da una maggior resistenza della leva (vedi capitolo “Manutenzione Telaio e Motore”).
LEV
A FRENO ANTERIORE
LEVA
La leva del freno anteriore (3) è collocata sulla destra del manubrio ed
aziona il freno della ruota anteriore. La posizione della leva del freno
rispetto alla manopola può essere variata con la vite di regolazione (A)
(vedi capitolo “Manutenzione Telaio e Motore”).
SPIE DI CONTROLLO (END/SMR/SMM)
La spia di controllo verde (1) si illumina a lampeggiatore
inserito, al ritmo del lampeggio.
La spia di controllo blu (2) si illumina quando è accesa la
luce abbagliante.
1
ITALIANO
10
2
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
TACHIMETRO ELETTRONICO (END/SMR/SMM)
Il display del tachimetro elettronico è sempre attivo.
Il tachimetro elettronico è alimentato da una batteria da 1,5Volt, tipo
SR44 (D357) 11,6x5,4mm.
Sostituire la batteria ogni 2 anni o in caso di offuscamento del display.
Per sostituire la batteria aprire con un cacciavite il coperchietto posto
sul retro ed estrarre la batteria.
Inserire la nuova batteria posizionandola in modo che il polo positivo
sia visibile dall’ esterno e richiudere il coperchietto.
Prima di estrarre la batteria, annotare i valori di WS (sviluppo ruota) e
DST (chilometraggio totale).
Tali valori andranno riprogrammati nello strumento dopo la sostituzione della batteria.
SCEL
TA DELLA FUNZIONE E RESET
SCELT
(END/SMR/SMM)
Il tachimetro elettronico mentre visualizza sempre la velocità del veicolo espressa in Kmh (o Mph in base alla scelta fatta) permette anche di
visualizzare a scelta le seguenti funzioni:
TRP Chilometraggio giornaliero
AVS Velocità media (dopo 10 ore o 1000Km premere RESET)
STP Cronometro (start e stop autom. tempo max. 10 ore)
MAX Velocità max. raggiunta (dall’ ultimo RESET)
DST Percorso totale (fino a 99999Km)
CLK Orologio
Per resettare le funzioni TRP, AVS, STP e MAX, premere il pulsante destro (blu).
Scegliere la funzione e premere per 5 sec. il pulsante sinistro (giallo).
I valori visualizzati vengono azzerati.
PR
OGRAMMAZIONE DEL TACHIMETR
O ELETTR
ONICO
PROGRAMMAZIONE
CHIMETRO
ELETTRONICO
(END/SMR/SMM) (solo dopo sostituzione batteria)
Rimuovere il connettore posto sul dorso dello strumento.
Premere per 5 secondi il bottone grigio posto sul retro dello strumento
e nel display appaiono 4 cifre di cui la prima lampeggiante, e la dicitura “WS” (Wheel Size) anch’ essa lampeggiante in alto a destra nel
display.
Premere ora in sequenza il pulsante a sinistra (giallo) per cambiare il
valore della prima cifra lampeggiante.
Premere il pulsante destro (blu) per spostare il lampeggio sulla seconda cifra e premere in sequenza il pulsante sinistro (giallo) per
visualizzare il valore desiderato.
Ripetere l’ operazione per cambiare il valore della cifra seguente e
così via fino a visualizzare l’ esatto sviluppo della ruota espresso in
mm. (=diam. pneumatico in mm.x3.14).
Infine, con la 4° cifra ancora lampeggiante, per variare l’ unità di misura da Kmh in Mph, premere il pulsante destro (blu) e “Kmh” inizierà a
lampeggiare, premere ora il pulsante sinistro (giallo) per passare a
“Mph”.
Terminare la programmazione premendo per 1 sec. il bottone grigio
sul retro dello strumento.
11
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
PR
OGRAMMAZIONE DELL
OL
OGIO
PROGRAMMAZIONE
DELL’’ OR
OROL
OLOGIO
(END/SMR/SMM)
Rimuovere il connettore posto sul dorso dello strumento.
Selezionare la funzione CLK sul display premendo il pulsante a destra
(blu)
Premere per 5 secondi il bottone grigio posto sul retro dello strumento e la
dicitura “CLK” (Clock) inizierà a lampeggiare nel display insieme alle ore.
Premere il pulsante sinistro (giallo) per settare l’ ora (su 24 ore).
Premere nuovamente il pulsante destro (blu) per spostare il lampeggio
sulle decine di minuti, premere il pulsante sinistro (giallo) per settare
le decine di minuti.
Ripetere per settare i minuti.
Terminare premendo per 1 sec. il bottone grigio sul retro dello strumento.
SETT
AGGIO DELLA DIST
ANZA PER
CORSA
SETTA
DISTANZA
PERCORSA
(END/SMR/SMM) (solo dopo sostituzione batteria)
Solo in caso di sostituzione della batteria bisogna reinserire il valore
della distanza percorsa.
Nel display appaiono 5 “zeri” di cui il primo lampeggiante e la dicitura
DST lampeggiante anch’ essa.
Premere il pulsante destro (blu) per spostare il lampeggio sul primo
dei 4 numeri da impostare e premere il pulsante sinistro (giallo) per
impostare il valore desiderato.
Ripetere l’ operazione sino a quando tutti i numeri sono stati impostati
come desiderato.
Terminare premendo per 1 sec. il bottone grigio sul retro dello strumento.
TACHIMETR
O ELETTR
ONICO DIGIT
ALE
CHIMETRO
ELETTRONICO
DIGITALE
RETR
OILL
UMIN
ATO
RETROILL
OILLUMIN
UMINA
(IN AL
TERN
ATIV
A PER END / SMR / SMM)
ALTERN
TERNA
TIVA
In alternativa al precedente strumento, sui modelli equipaggiati con
batteria ed avviamento elettrico, è prevista l’ introduzione del tachimetro/contakilometri visibile in figura con il n. 1. E’ composto da un ampio
display retroilluminato e da una serie di spie.
In alto è situata la spia del lampeggiatore sx (2), la spia degli anabbaglianti (3), la spia degli abbaglianti (4) e quella del lampeggiatore dx
(5).
Nel display troviamo l’ indicatore digitale della velocità (tachimetro)
(6), il contakm parziale (7) ed il contakm totale (8).
In basso sono situati due pulsanti, “SET” (9) e “MODE” (10).
L’ unità di misura del tachimetro è il Kmh ma può essere settato in
Mph nel seguente modo: premere e mantenere premuto il pulsante
SET, premere contemporaneamente il pulsante MODE una volta. Compiere la stessa operazione per tornare ai Kmh.
Il contakm parziale può essere azzerato premendo una volta il bottone
SET.
Il contakm totale si azzera automaticamente al raggiungimento del
limite di 99999 Km o Miglia.
Lo strumento si accende automaticamente premendo e posizionando in fuori il pulsante rosso situato sulla dx del manubrio e si spegne
premendo e posizionando in dentro il pulsante rosso.
ITALIANO
12
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
BOTTONE DI MASSA (MX/SMX)
Il bottone di massa si trova vicino alla manopola sinistra del manubrio.
Tramite il bottone di massa (1) viene arrestato il motore: quando viene
azionato si provoca un cortocircuito nell’ accensione che non fornisce
più tensione alla candela.
Premere il bottone fino allo spegnimento del motore, quindi rilasciare.
1
INTERRUTTORE A COMBINAZIONE
(END/SMR/SMM)
Questo comando si trova sul manubrio vicino alla manopola sinistra.
Il commutatore dell’illuminazione ha 4 posizioni:
(A) = luci spente
(B) = luci di posizione accese
(C) = luci di posizione e anabbaglianti accese
(D) = luci di posizione e abbaglianti accese
Con il tasto (1) si aziona il clacson.
Con il cursore (2) si aziona l’ indicatore di direzione: spostandolo verso sinistra per voltare a sinistra e verso destra per voltare a destra.
Riportarlo in posizione centrale dopo aver effettuato la manovra.
Con il tasto (3) si spegne il motore (solo nel caso in cui la moto sia
sprovvista di batteria). Con la batteria questo tasto è disattivato.
INTERR
UTT
ORE A COMBIN
AZIONE ABBIN
ATO
INTERRUTT
UTTORE
COMBINAZIONE
ABBINA
A TACHIMETR
O ELETTR
ONICO DIGIT
ALE
CHIMETRO
ELETTRONICO
DIGITALE
RETR
OILL
UMIN
ATO (END/SMR/SMM)
RETROILL
OILLUMIN
UMINA
In abbinamento al tachimetro elettronico digitale retroilluminato, viene
montato l’ interruttore a combinazione visibile in figura con il n. 1.
Il funzionamento è molto intuitivo.
Quando la ghiera girevole (2) è posizionata con il simbolo (3) in corrispondenza del simbolo (4) sull’ interruttore, le luci sono spente. Per
accendere le luci di posizione, ruotare la ghiera (2) in senso antiorario
fino a portare il simbolo (5) in corrispondenza del simbolo (4).
Operare nello stesso modo per accendere gli anabbaglianti (7) o gli
abbaglianti (6).
Premere il tasto (8) per azionare l’ avvisatore acustico.
Premere il tasto a bilanciere (9) a sx per azionare l’ indicatore di direzione sx, o a dx per azionare l’ indicatore dx.
13
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
COMANDO DI AVVIAMENT
O E DI ARREST
O
VVIAMENTO
ARRESTO
D’EMERGENZA (END/MXE.S./SMXE.S./SMR/SMM)
In questi modelli muniti di batteria ed avviamento elettrico, a fianco del
comando gas, si trova un comando con due pulsanti, uno rosso e uno
nero.
Il pulsante rosso (1) è a due posizioni. Posizionato dentro, interrompe
il contatto con la batteria, togliendo corrente a tutti i servizi. Il motore
non parte neanche con il pedale.
1
Su questi modelli posizionarlo così per spegnere il
motore.
Si raccomanda di lasciarlo così fino al prossimo avviamento del motore, altrimenti si scarica la batteria.
Posizionato fuori invece chiude il contatto con la batteria, abilita l’ uso di tutti i servizi, ivi incluso l’ avviamento
elettrico. Per questo motivo non lasciarlo mai così a
motore spento, altrimenti la centralina di accensione,
che comunque assorbe corrente anche a motore spento, può arrivare a scaricare la batteria.
Il pulsante nero (2) aziona il motorino di avviamento.
Premere per l’ avviamento del motore e rilasciare non
appena questo è in moto.
Azionare questo comando al massimo per 8/10 sec. alla
volta ed attendere qualche secondo prima di riprovare.
Non insistere per più di 3/4 volte: ricercare l’ eventuale
difetto.
Non premere mai questo pulsante mentre il motore è
già in moto.
TAPPO SERB
ATOIO
SERBA
Il tappo di rifornimento del carburante si trova sulla parte alta del serbatoio.
Aprire: girare il tappo del serbatoio in senso antiorario
Chiudere: poggiare il tappo del serbatoio sul bocchettone e avvitarlo in
senso orario.
Sistemare il tubo di sfiato del serbatoio (1) evitando pieghe o
schiacciature e curando che sia inserito correttamente.
RUBINETTO DEL CARBURANTE
Il rubinetto si trova sul lato sinistro del fondo del serbatoio.
OFF Sulla posizione OFF il rubinetto del carburante è chiuso.
ON
Sulla posizione ON il rubinetto del carburante è aperto.
Quando si usa la moto girare la manopola in posizione ON. In
questo modo il carburante affluisce al carburatore e il serbatoio si svuota fino alla riserva.
RES Sulla posizione RES viene utilizzata la riserva. Dopo aver fatto il
pieno, non dimenticare di riportare la manopola sulla posizione ON.
Capienza del serbatoio (tutti i modelli)............ lt. 8 + riserva lt. 1
ITALIANO
14
2
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
COMANDO ARRICCHIT
ORE (ST
AR
TER A FREDDO)
ARRICCHITORE
(STAR
ARTER
Questo comando si trova sul lato sinistro della moto.
Per carburatori MIKUNI
Estraendo il pomello dell’ arricchitore (1) verso l’ esterno fino all’arresto, nel carburatore viene aperto un passaggio attraverso il quale il
motore può aspirare ulteriore carburante. Così viene ottenuta una miscela aria-carburante “ricca” che è necessaria per l’avviamento a freddo.
Per disinserire il comando, spingete il pomello dello starter verso
l’interno nella sua posizione iniziale.
Per carburatori KEIHIN
Estraendo il pomello ruotarlo in senso orario per bloccarlo in posizione di arresto. Per disinserirlo ruotarlo in senso antiorario.
COMANDO “BY
-PASS” (ST
AR
TER A CALDO)
“BY-PASS”
(STAR
ARTER
Tutti i modelli con a
vviamento elettrico
avviamento
Questo comando si trova sul lato destro della moto.
Tirando il pomello del by-pass (1) in avanti fino all’arresto, si apre un
foro nel condotto di alimentazione attraverso il quale il motore può
aspirare un quantitativo supplementare di aria non carburata. Ne risulta una miscela aria-carburante “povera”, richiesta per l’avviamento
del motore quando questo sia ingolfato o particolarmente surriscaldato.
Non appena avviato il motore, spingere il pomello dello starter a caldo
per riportarlo nella sua posizione normale.
COMANDO “BY
-PASS” (ST
AR
TER A CALDO)
“BY-PASS”
(STAR
ARTER
Tutti i modelli con a
vviamento a pedale
avviamento
Questo comando si trova sul manubrio, vicino alla manopola destra.
Ruotando la leva del by-pass (1) fino all’arresto, si apre un foro nel
condotto di alimentazione attraverso il quale il motore può aspirare un
quantitativo supplementare di aria non carburata. Ne risulta una miscela aria-carburante “povera”, richiesta per l’avviamento del motore
quando questo sia ingolfato o particolarmente surriscaldato.
Non appena avviato il motore, spingere il pomello dello starter a caldo
per riportarlo nella sua posizione normale.
1
COMANDO REGOLAZIONE MINIMO
Questo comando si trova sul lato sinistro della moto.
Ruotando il pomello della regolazione del minimo, si alza o si abbassa il regime del motore al minimo.
Ruotando in senso orario, il minimo si alza, ruotando in senso antiorario
il minimo si abbassa.
Il regime del minimo, a motore caldo, deve essere compreso tra 1.600
e 1.800 giri/min.
15
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
PED
ALE DEL CAMBIO
PEDALE
Il pedale del cambio è montato sul motore a sinistra. La posizione
delle marce è indicata nell’illustrazione. La posizione di folle si trova
fra la prima e la seconda marcia.
PED
ALE DI AVVIAMENT
O
PEDALE
VVIAMENTO
Il pedale di avviamento è montato sul lato destro del motore. La parte
superiore va ruotata verso l’ esterno per avviare il motore e riposta all’
interno non appena il motore si è avviato .
PED
ALE FRENO
PEDALE
Il pedale del freno è posizionato davanti il poggiapiede destro. La
posizione di base può essere regolata in base alla posizione del sedile (vedere lavori di manutenzione).
CA
VALLETT
O LA
TERALE
CAV
ALLETTO
LATERALE
Con il piede premere in terra il cavalletto laterale e caricarlo con il
motociclo. Far attenzione che il suolo sia solido e la posizione stabile.
ITALIANO
16
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
FISSA
GGIO PER PER
CORSO FUORISTRAD
A
FISSAGGIO
PERCORSO
FUORISTRADA
Se andate con il motociclo fuoristrada, il cavalletto laterale chiuso può
essere ulteriormente fissato con un nastrino di gomma (2).
BL
OCCHETT
O CHIA
VE DI ACCENSIONE
BLOCCHETT
OCCHETTO
CHIAVE
Nei modelli SMR e SMM viene aggiunta una chiave di accensione sul
lato sinistro del cruscotto.
Ruotando la chiave in senso orario si chiude il circuito elettrico e, dopo
aver posizionato il bottone del comando di avviamento in posizione
tale da chiudere il contatto con la batteria, è possibile azionare il comando di avviamento elettrico.
Per spegnere il motore ricordarsi di posizionare il bottone rosso di
avviamento in posizione tale da interrompere il circuito di collegamento con la batteria e girare la chiave in senso antiorario.
REGOLAZIONE FORCELLA IN COMPRESSIONE
Il sistema di freno idraulico in compressione determina il comportamento in fase di affondamento della forcella. Il grado di frenatura idraulica in compressione può essere regolato in base alle preferenze del
pilota e/o alla durezza della molla installata.
FORCELLA PAIOLI USD (STANDARD)
Rimuovere il cappuccio in gomma (1) situato nella parte inferiore del
piedino forcella e intervenire sulla vite di regolazione (2) mediante un
giravite. Ruotando in senso orario la frenatura aumenta, in senso
antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 26 scatti.
1
2
3
FORCELLA MARZOCCHI USD (STANDARD)
Nella parte superiore del tappo forcella si trova la vite di regolazione (4).
Agire mediante un giravite. Ruotando in senso orario la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 28 scatti.
Non toccare mai la vite laterale (5).
FORCELLA OHLINS USD (OPZIONALE)
Nella parte inferiore del piedino forcella si trova la vite di regolazione
(3). Agire mediante un giravite. Ruotando in senso orario la frenatura
aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili
20 scatti.
4
AVVERTIMENTO
PRIMA DI INIZIARE SI CONSIGLIA DI AVVITARE IL REGISTRO DALLA POSIZIONE
STANDARD FINO ALLA POSIZIONE “TUTTO CHIUSO” E CONTARE GLI SCATTI.
ANNOTARE IL NUMERO DI SCATTI RILEVATO PER POTER SEMPRE RIPRISTINARE LA REGOLAZIONE STANDARD.
PER CONVENZIONE, GLI SCATTI SI INDICANO DALLA POSIZIONE DI “TUTTO
CHIUSO”.
ENTRAMBI GLI STELI DOVRANNO AVERE LA MEDESIMA REGOLAZIONE.
17
5
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
REGOLAZIONE FORCELLA IN ESTENSIONE
Il sistema di freno idraulico in estensione determina il comportamento in fase di ritorno della forcella.
Il grado di frenatura idraulica in estensione può essere regolato in
base alle preferenze del pilota e/o alla durezza della molla installata.
FORCELLA PAIOLI USD (STANDARD)
Nella parte superiore del tappo forcella si trova la vite di regolazione (4).
Agire mediante un giravite. Ruotando in senso orario la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 28 scatti.
4
5
FORCELLA MARZOCCHI USD (STANDARD)
Nella parte inferiore del piedino forcella si trova la vite di regolazione
(8). Agire mediante un giravite. Ruotando in senso orario la frenatura
aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 28
scatti.
FORCELLA OHLINS USD (OPZIONALE)
Nella parte superiore del tappo forcella si trova il pomello di regolazione
(5). Agire a mano. Ruotando in senso orario la frenatura aumenta, in
senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 20 scatti.
AVVERTIMENTO
PRIMA DI INIZIARE SI CONSIGLIA DI AVVITARE IL REGISTRO DALLA POSIZIONE
STANDARD FINO ALLA POSIZIONE “TUTTO CHIUSO” E CONTARE GLI SCATTI.
ANNOTARE IL NUMERO DI SCATTI RILEVATO PER POTER SEMPRE RIPRISTINARE LA REGOLAZIONE STANDARD.
PER CONVENZIONE, GLI SCATTI SI INDICANO DALLA POSIZIONE DI “TUTTO
CHIUSO”.
ENTRAMBI GLI STELI DOVRANNO AVERE LA MEDESIMA REGOLAZIONE.
AVVERTIMENTO
PER ULTERIORI E PIU’ DETTAGLIATE INFORMAZIONI SULLA FORCELLA SIA
STANDARD CHE OPZIONALE, SI RIMANDA L’ UTENTE AL “MANUALE DEL PROPRIETARIO” FORNITO DAL FABBRICANTE DELLA FORCELLA E DATO DALLA
TM A CORREDO DELLA MOTO.
REGOLAZIONE AMMOR
TIZZA
TORE IN
AMMORTIZZA
TIZZAT
COMPRESSIONE
Il sistema di freno idraulico in compressione determina il comportamento in fase di affondamento dell’ ammortizzatore. Il grado di frenatura
idraulica in compressione può essere regolato in base alle preferenze del pilota e/o alla durezza della molla installata.Gli ammortizzatori
sia standard che opzionali montati sulle TM offrono la possibilità di
una doppia regolazione in compressione per le basse ed alte velocità.
Con basse ed alte velocità si intende la velocità di movimento dell’ammortizzatore in compressione e non la velocità di marcia della motocicletta.
AMMORTIZZATORE SACHS (STANDARD)
Basse velocità - La vite di registro (6) si trova sulla sommità del serbatoio gas dell’ ammortizzatore. Agire con un giravite. Ruotando in senso
orario la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale
sono disponibili 24 scatti.
Alte velocità - Il registro è un pomello (7) ed è concentrico alla vite di
registro delle basse velocità. Agire a mano. Ruotando in senso orario
la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono
disponibili 20 scatti.
ITALIANO
18
8
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
AMMORTIZZATORE OHLINS (OPZIONALE)
Basse velocità - La vite di registro (1) si trova sulla sommità del serbatoio gas dell’ ammortizzatore. Agire con un giravite. Ruotando in senso
orario la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale
sono disponibili 25 scatti.
Alte velocità - Il registro è una ghiera esagonale (2) ed è concentrica
alla vite di registro delle basse velocità. Agire con una chiave esagonale
da 17mm. Ruotando in senso orario la frenatura aumenta, in senso
antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 4 giri.
AVVERTIMENTO
PRIMA DI INIZIARE SI CONSIGLIA DI AVVITARE IL REGISTRO DALLA POSIZIONE
STANDARD FINO ALLA POSIZIONE “TUTTO CHIUSO” E CONTARE GLI SCATTI E/
O I GIRI. ANNOTARE IL NUMERO DI SCATTI E/O GIRI RILEVATO PER POTER
SEMPRE RIPRISTINARE LA REGOLAZIONE STANDARD.
PER CONVENZIONE, GLI SCATTI E/O I GIRI SI INDICANO DALLA POSIZIONE DI
“TUTTO CHIUSO”.
REGOLAZIONE AMMOR
TIZZA
TORE IN
AMMORTIZZA
TIZZAT
ESTENSIONE
Il sistema di freno idraulico in estensione determina il comportamento in fase di ritorno dell’ ammortizzatore. Il grado di frenatura idraulica
in estensione può essere regolato in base alle preferenze del pilota e/
o alla durezza della molla installata.
AMMORTIZZATORE SACHS (STANDARD)
La vite di regolazione (3) è situata sull’ attacco a forcella dell’ ammortizzatore al leveraggio. Agire con un giravite. Ruotando in senso orario
la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono
disponibili 40 scatti.
AMMORTIZZATORE OHLINS (OPZIONALE)
Il pomello di regolazione (4) è situato in basso alla fine dello stelo dell’
ammortizzatore. Agire a mano. Ruotando in senso orario (guardando
dal basso verso l’ alto) la frenatura aumenta, in senso antiorario diminuisce. In totale sono disponibili 40 scatti.
AVVERTIMENTO
PRIMA DI INIZIARE SI CONSIGLIA DI AVVITARE IL REGISTRO DALLA POSIZIONE
STANDARD FINO ALLA POSIZIONE “TUTTO CHIUSO” E CONTARE GLI SCATTI.
ANNOTARE IL NUMERO DI SCATTI RILEVATO PER POTER SEMPRE RIPRISTINARE LA REGOLAZIONE STANDARD.
PER CONVENZIONE, GLI SCATTI SI INDICANO DALLA POSIZIONE DI “TUTTO
CHIUSO”.
PERICOLO
IL SERBATOIO GAS DELL’AMMORTIZZATORE È’ RIEMPITO CON AZOTO
AD ALTA PRESSIONE. NON PROVATE MAI A SMONTARE L’AMMORTIZZATORE O AD ESEGUIRE I LAVORI DI MANUTENZIONE SENZA L’AIUTO DI TECNICI, POTREBBERO ALTRIMENTI VERIFICARSI DANNI ALLE PERSONE ED
ALLE COSE.
19
ITALIANO
ORGANI
ORGANI DI
DI COMANDO
COMANDO
BLOCCASTERZO
Questo comando si trova sul lato sinistro del cannotto di sterzo.
Con questo comando è possibile bloccare la rotazione del manubrio,
impedendo la guida della moto.
Per bloccare lo sterzo, ruotare il manubrio completamente a destra,
introdurre la chiave, girarla a sinistra, premere, girare a destra ed
estrarre.
AVVERTIMENTO
NON LASCIATE MAI LA CHIAVE NELLA SERRATURA. RUOTANDO IL MANUBRIO A
SINISTRA, LA CHIAVE POTREBBE ESSERE DANNEGGIATA.
ITALIANO
20
21
ITALIANO
CONSIGLI
VVERTENZE
VVERTENZE
CONSIGLI ED
ED A
AVVER
TENZE GENERALI
GENERALI PER
PER LA
LA MESSA
MESSA
IN
SERVIZIO
MOT
OCICLETTA
SERVIZIO
MOT
OCICLETTA
IN SER
VIZIO DELLA
DELLA MO
TOCICLETT
A
INDICAZIONI PER LA PRIMA MESSA IN
FUNZIONE
PERICOLO
- USATE SEMPRE UN ABBIGLIAMENTO ADEGUATO QUANDO UTILIZZATE LA MOTOCICLETTA. I MOTOCICLISTI AVVEDUTI CHE
GUIDANO UNA TM PORTANO SEMPRE IL CASCO OMOLOGATO,
STIVALI, GUANTI E UN GIUBBOTTO, CHE SI TRATTI DI UN VIAGGIO LUNGO O SOLO DI BREVI PERCORSI. GLI INDUMENTI
PROTTETIVI DOVREBBERO ESSERE VISTOSI AFFINCHÉ IL MOTOCICLISTA VENGA RICONOSCIUTO PRESTO DAGLI ALTRI UTENTI
DEL TRAFFICO.
- DURANTE I VOSTRI VIAGGI ACCENDENTE SEMPRE IL FARO, AFFINCHÉ GLI ALTRI UTENTI DEL TRAFFICO VI POSSANO VEDERE
PER TEMPO.
- NON GUIDATE DOPO IL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE.
- UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE GLI ACCESSORI ORIGINALI TM. I
RIVESTIMENTI FRONTALI, PER ESEMPIO, POSSONO INFLUENZARE
NEGATIVAMENTE IL COMPORTAMENTO SU STRADA DELLA MOTO
A VELOCITA’ ELEVATE. ANCHE BAGAGLI, SERBATOI SUPPLEMENTARI ECC. POSSONO AVERE INFLUENZE NEGATIVE SUL COMPORTAMENTO SU STRADA DELLA MOTO A CAUSA DELLA DIVERSA
RIPARTIZIONE DEL PESO.
- LA RUOTA ANTERIORE E QUELLA POSTERIORE DEVONO ESSERE MUNITE DI PNEUMATICI DALLO STESSO TIPO DI PROFILO.
- DOPO I PRIMI 30 MINUTI DI GUIDA CONTROLLARE ASSOLUTAMENTE LA TENSIONE DEI RAGGI. SU RUOTE NUOVE LA TENSIONE
DEI RAGGI DIMINUISCE DOPO BREVE TEMPO. SE SI PROSEGUE
CON RAGGI LENTI, SI RISCHIA LA ROTTURA DEI RAGGI STESSI
CHE PROVOCA UN COMPORTAMENTO DI GUIDA INSTABILE (VEDI
CONTROLLO TENSIONE RAGGI).
- I MODELLI RACING SONO CONCEPITI E PREDISPOSTI PER L’USO
A SOLO 1 POSTO. È VIETATO PORTARE CON SÉ UN PASSEGGERO.
- OSSERVATE LE NORME DEL TRAFFICO, GUIDATE IN MODO PRUDENTE E PREVIDENTE ONDE RICONOSCERE I PERICOLI IL PIÙ PRESTO POSSIBILE.
- ADEGUATE LA VELOCITA DEL MEZZO ALLE CONDIZIONI DELLA
STRADA ED ALLE VOSTRE CAPACITÀ DI GUIDA.
- GUIDATE CON PRUDENZA SU STRADE O TERRENI SCONOSCIUTI.
- FUORI STRADA DOVRESTE SEMPRE ESSERE ACCOMPAGNATI DA
UN AMICO CON UNA SECONDA MOTO, IN MODO DA POTERVI
AIUTARE A VICENDA IN CASO DI DIFFICOLTÀ.
- SOSTITUITE A TEMPO DEBITO LA VISIERA O LE LENTI DEGLI
OCCHIALI. IN CASO DI CONTROLUCE SI É PRATICAMENTE CIECHI SE LA VISIERA O GLI OCCHIALI PRESENTANO GRAFFIATURE.
- NON LASCIARE MAI LA MOTOCICLETTA INCUSTODITA SE IL
MOTORE É ACCESO.
- Assicuratevi che le “OPERAZIONI DI PRECONSEGNA” della
motocicletta siano state eseguite dal vostro rivenditore TM.
- Leggete attentamente tutte le istruzioni per l’uso prima di affrontare il primo viaggio.
- Familiarizzate con tutti gli organi di comando.
- Regolate la leva frizione, la leva freno anteriore ed il pedale
freno nella posizione a voi più comoda.
- Abituatevi in un parcheggio vuoto o su terreno facile al maneggio della motocicletta prima di percorrere tragitti lunghi.
Cercate una volta anche di procedere a bassa andatura in
piedi, per abituarvi meglio alla moto.
- Non fate percorsi troppo difficili per le vostre capacità e per la
vostra esperienza.
- Per strada tenete il manubrio con entrambe le mani e lasciate i piedi sui poggiapiedi.
- Fate attenzione a non premere il piede destro sul pedale del
freno se non desiderate frenare. Se il pedale del freno non
viene lasciato, le pastiglie del freno sfregano in continuazione e il freno si surriscalda.
- Non apportate modifiche alla moto e utilizzate sempre PARTI
DI RICAMBIO ORIGINALI TM. Le parti di ricambio di altri fabbricanti possono pregiudicare la sicurezza della motocicletta.
- Le motociclette reagiscono in modo sensibile agli spostamenti
della ripartizione del peso. Quando portate bagagli fissateli
possibilmente vicini al centro della moto e ripartite il peso uniformemente sulla ruota anteriore e su quella posteriore.
- Seguire le istruzioni di rodaggio.
ISTR
UZIONI DI R
OD
AGGIO
ISTRUZIONI
ROD
ODA
Le superfici dei componenti di un motore nuovo, per quanto sottoposte ad una lavorazione di precisione, sono comunque meno
levigate degli stessi componenti di motori in funzione già da tempo: questo spiega la necessità di rodare un motore nuovo.
Per ottenere un assestamento ottimale delle parti in movimento un motore nuovo deve essere portato gradatamente ad erogare le massime prestazioni.
Per questo motivo nelle prime 3 ore d’esercizio (1 ora per uso
competizione) il motore deve essere sfruttato solo fino a max.
50% della sua potenza. Inoltre il numero di giri non deve superare i 7000/min.
Nelle successive 5 ore d’esercizio (1 ora per uso competizione) il motore può essere sfruttato fino a max. 75% della sua
potenza. Guidare la moto in diverse condizioni d’uso (strada,
tratti in fuoristrada ma meno impegnativi). Non compiere lunghi
percorsi senza chiudere mai il gas.
Seguendo queste norme, si otterranno le massime prestazioni
ed una maggior durata nel tempo del motore.
PERICOLO
- I MODELLI MX E SMX NON SONO OMOLOGATI PER L’USO SU
STRADE PUBBLICHE O AUTOSTRADE.
- FACENDO USO DELLA VOSTRA MOTOCICLETTA TENETE SEMPRE PRESENTE CHE L’ECCESSIVO RUMORE DISTURBA GLI ALTRI.
AVVERTIMENTO
I MODELLI 250/450/530 END/MX/SMX SONO STATI SVILUPPATI SENZA
COMPROMESSI PER COMPETIZIONI FUORI STRADISTICHE. BENCHÉ I
MODELLI END SIANO OMOLOGATI, SI RACCOMANDA CAUTELA NELL’
USO STRADALE. EVITARE SOPRATUTTO LUNGHI TRATTI A TUTTO GAS.
ITALIANO
22
23
ITALIANO
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
CONTROLLO PRIMA DI OGNI MESSA IN FUNZIONE
Per poter usare la moto in sicurezza è necessario che questa si trovi in
buono stato di manutenzione. Sarebbe opportuno abituarsi ad una
verifica generale della motocicletta prima di ogni messa in funzione.
Tale verifica deve comprendere i seguenti controlli:
1 LIVELLO DELL’OLIO DEL MOTORE
Per assicurare una adeguata lubrificazione, il livello dell’ olio nel
motore deve essere tenuto nei limiti previsti. Usare il motore con l’
olio sotto al livello porta ad usura precoce e, in seguito, a
danneggiamenti del motore e rischi per il guidatore.
2 CARBURANTE
Se non si dispone di una moto con serbatoio trasparente, aprire il
tappo del serbatoio e verificare visivamente la quantità di carburante
contenuta nel serbatoio, quindi richiudere il tappo, curando che il tubo
di sfiato non formi pieghe che impediscano il passaggio dell’aria.
3 CATENA
La catena di trasmissione deve essere sempre tensionata correttamente e ben lubrificata.
Una catena troppo lenta sbatte e può fuoriuscire dalle ruote dentate.
Una catena troppo tesa si usura precocemente e può causare l’
usura e la rottura di alcuni importanti organi di trasmissione.
4 PNEUMATICI
Controllare l’eventuale presenza di danni. Pneumatici che presentano tagli o rigonfiamenti devono essere immediatamente sostituiti.
Controllare la profondità del battistrada che deve corrispondere alle
norme di legge.
Verificare infine la pressione dell’ aria ed eventualmente riportarla ai
valori previsti dalle tabelle.
Il battistrada consumato e la pressione d’aria non adeguata peggiorano la guidabilità della moto e possono causare perdita del
controllo del mezzo e gravi incidenti.
5 FRENI
Verificarne il corretto funzionamento.
Controllare il livello del liquido freni. I serbatoi posizionati sulle pompe sono dimensionati in modo tale che in caso di pastiglie del freno
normalmente consumate non è necessario un rabbocco del liquido. Se il livello del liquido freni scende al di sotto del valore minimo,
questo indica perdite del sistema di frenatura o il consumo completo delle pastiglie del freno. Fate controllare il sistema di frenatura da
un’officina specializzata TM, dato che in questo caso è possibile che
venga a mancare il funzionamento dei freni.
Occorre controllare inoltre lo stato dei tubi flessibili dei freni e lo
spessore delle pastiglie.
Controllare la corsa a vuoto e la scorrevolezza della leva del freno
anteriore e del pedale del freno posteriore.
6 COMANDI A CAVO FLESSIBILE
Controllare la regolazione e il funzionamento corretto di tutti i comandi a cavo flessibile.
7 LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO
Verificare il livello del liquido di raffreddamento a motore freddo. In
caso di necessità rabboccare con il liquido prescritto nelle tabelle.
8 IMPIANTO ELETTRICO
Controllare a motore acceso il corretto funzionamento del faro anteriore, delle luci di posizione anteriore e posteriore, della luce di arresto posteriore, degli indicatori di direzione, delle spie di controllo e
dell’avvisatore acustico.
9 BAGAGLI
Se portate con voi bagagli controllatene l’adeguato fissaggio.
ITALIANO
24
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
AVVIAMENTO DEL MOTORE A FREDDO
1
2
3
4
Aprire il rubinetto del carburante (1).
Togliere la motocicletta dal cavalletto.
Mettere il cambio in folle.
Azionare il comando arricchitore (2) che si trova sul lato sinistro
della moto.
5 SENZA dare gas schiacciare energicamente il pedale di avviamento
FINO IN FONDO oppure azionare il motorino di avviamento elettrico.
6 Iniziare a riscaldare il motore accelerando dolcemente per circa 30
secondi. Disinserire il comando arricchitore (2) che si trova sul lato
sinistro della moto.
PERICOLO
- PER AVVIARE IL MOTORE INDOSSATE SEMPRE DEGLI STIVALI DA MOTO
ROBUSTI PER EVITARE EVENTUALI LESIONI. POTRESTE SCIVOLARE DAL
PEDALE OPPURE IL MOTORE POTREBBE DARE UN CONTRACCOLPO E
FARVI SBATTERE CON VIOLENZA IL VOSTRO PIEDE IN ALTO.
- PIGIARE SEMPRE IL PEDALE DI AVVIAMENTO ENERGICAMENTE FINO IN
FONDO SENZA ACCELERARE. UN AVVIAMENTO A PEDALE CON TROPPA
POCA SPINTA O CON LA MANOPOLA GAS APERTA AUMENTA IL RISCHIO DI UN CONTRACCOLPO DEL MOTORE.
- NON AVVIATE IL MOTORE IN UN LOCALE CHIUSO E NON LASCIATELO
MAI ACCESO IN TALI LOCALI. I GAS DI SCARICO SONO VELENOSI E
POSSONO PORTARE ALLA PERDITA DI COSCIENZA ED ALLA MORTE. IN
CASO DI FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASSICURATE SEMPRE
UN’AERAZIONE SUFFICIENTE.
- CONTROLLARE SEMPRE CHE IL CAMBIO SIA IN FOLLE PRIMA DI
AZIONARE IL PULSANTE DI AVVIAMENTO. SE AL MOMENTO DELL’ AVVIAMENTO È’ INSERITA UNA MARCIA, LA MOTO SALTA AVANTI.
AVVERTIMENTO
- AZIONARE IL MOTORINO DI AVVIAMENTO AL MASSIMO PER 5 SECONDI
ALLA VOLTA. ATTENDERE ALTRI 5 SECONDI PRIMA DEL PROSSIMO TENTATIVO DI AVVIAMENTO.
- NON FATE SALIRE TROPPO DI GIRI IL MOTORE FINCHE’ E’ FREDDO. QUESTO
POTREBBE CAUSARE DANNEGGIAMENTI DEL MOTORE PERCHÉ IL PISTONE
SI RISCALDA E, CONSEGUENTEMENTE, SI DILATA PIÙ RAPIDAMENTE DEL
CILINDRO CHE E’ RAFFREDDATO AD ACQUA. FATE SEMPRE RISCALDARE
PRIMA IL MOTORE DA FERMI OPPURE FATELO RISCALDARE MARCIANDO A
NUMERO DI GIRI BASSO.
AVVIAMENTO A MOTORE CALDO
1
2
3
4
Aprire il rubinetto del carburante (1).
Togliere la motocicletta dal cavalletto.
Mettere il cambio in folle.
SENZA dare gas schiacciare energicamente il pedale avviamento
FINO IN FONDO oppure azionare il motorino di avviamento elettrico.
AVVERTIMENTO
- AZIONARE IL MOTORINO DI AVVIAMENTO AL MASSIMO PER 5 SECONDI
ALLA VOLTA. ATTENDERE ALTRI 5 SECONDI PRIMA DEL PROSSIMO TENTATIVO DI AVVIAMENTO.
25
ITALIANO
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
RIMEDIO IN CASO DI MO
TORE “INGOLF
ATO”
MOT
“INGOLFA
Nel caso di una caduta può succedere che una certa quantità di carburante trabocchi dal carburatore ed entri nella testa, “ingolfando” il
motore.
Per avviare il motore, tirare il pomello o ruotare la leva del “by-pass” (1).
SENZA dare gas schiacciare energicamente il pedale di avviamento
FINO IN FONDO oppure azionare il motorino di avviamento elettrico.
Sui modelli dotati di decompressore a mano, per eliminare il carburante in eccesso dal motore, tirare la leva del decompressore a mano
ed azionare il pedale di avviamento 5 -10 volte oppure il pulsante di
avviamento elettrico rispettivamente 2 volte per 5 secondi. Avviare quindi
il motore come precedentemente descritto. Se necessario svitare la
candela ed asciugarla.
AVVERTENZA: II carburatore è dotato di una pompa di ripresa. Ogni
volta che date gas,sia a motore acceso che spento, una quantità di
carburante viene spruzzato nel condotto di aspirazione. Questa operazione, fatta a motore spento, provoca l’ ingolfamento del motore, con le
conseguenti difficoltà di avviamento ed un pericoloso spargimento di
carburante.
NON RUOTATE MAI LA MANOPOLA DEL GAS A MOTORE SPENTO SE
NON STRETTAMENTE NECESSARIO. IN CASO FATELO UNA SOLA
VOLTA E MAI RIPETUTAMENTE!
PARTENZA
Tirare la leva della frizione, innestare la 1' marcia, lasciare lentamente
la leva della frizione accelerando contemporaneamente.
PERICOLO
PRIMA DI PARTIRE CONTROLLATE SEMPRE SE IL CAVALLETTO LATERALE È’ ORIENTATO IN ALTO FINO ALL’ARRESTO. SE IL CAVALLETTO STRISCIA PER TERRA SI POTREBBE PERDERE IL CONTROLLO DELLA MOTOCICLETTA.
CAMBIARE LE MARCE, ACCELERARE,
RALLENT
ARE
RALLENTARE
La 1a marcia, con la quale state procedendo, è la marcia di partenza e
di salita. Se le circostanze lo permettono (limiti di velocità, traffico,
pendenza) per aumentare la velocità potete innestare le marce superiori. Per fare questo chiudere il gas, tirare contemporaneamente la
leva della frizione, innestare la marcia successiva, lasciare la frizione
e accelerare fino a 1/2 corsa della manopola del gas. Quindi innestare
la marcia successiva e ripetere questa operazione fino a raggiungere
la velocità desiderata e comunque permessa dai limiti in vigore.
Un’ apertura graduale dell’ acceleratore favorisce una guida prudente
e limita i consumi. Imparare a capire la giusta apertura della manopola del gas in base all’ andatura che si desidera imprimere alla moto.
Per ridurre la velocità è necessario chiudere la manopola del gas, ed
eventualmente frenare e scalare le marce, tirando la leva della frizione
e innestando una marcia inferiore. Rilasciare dolcemente la frizione e
accelerare o procedere a nuovo cambio di marcia. Aumentare o scalare le marce sempre una alla volta!
ITALIANO
26
1
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
INDICAZIONE:
Tutti i modelli TM non dispongono di una ventola di raffreddamento dei
radiatori e la loro dimensione è stata studiata ottimizzando la compattezza ed il peso. Il sistema di raffreddamento è sufficiente per l’uso
turistico o sportivo.
Nel caso si voglia utilizzare una ventola di raffreddamento aggiuntiva è
necessario rivolgersi ad un concessionario TM.
- I MODELLI TM POSSONO ESSERE RIAVVIATI IN OGNI MOMENTO A
PEDALE O CON L’AVVIAMENTO ELETTRICO. SPEGNETE QUINDI IL
MOTORE QUANDO INTENDETE TENER FERMA LA MOTO PER PIÙ DI
2 MINUTI.
PERICOLO
- DOPO OGNI CADUTA LA MOTO DEVE ESSERE CONTROLLATA COME
PRIMA DI OGNI MESSA IN FUNZIONE.
- UN MANUBRIO DEFORMATO VA SEMPRE SOSTITUITO. IN NESSUN CASO
RADDRIZZARE IL MANUBRIO, PERCHÉ PERDEREBBE LA SUA RESISTENZA.
AVVERTIMENTO
- L’ UTILIZZO DEL MOTORE AD ALTO NUMERO DI GIRI QUANDO E’ ANCORA
FREDDO SI RIPERCUOTE NEGATIVAMENTE SULLA DURATA D’ESERCIZIO DEL
MOTORE STESSO. É’ PERTANTO PREFERIBILE, PRIMA DI LANCIARE IL MOTORE A PIENO REGIME, RISCALDARLO ADEGUATAMENTE PERCORRENDO QUALCHE CHILOMETRO IN CAMPO DI VELOCITÀ MEDIO. IL MOTORE HA RAGGIUNTO LA SUA TEMPERATURA D’ESERCIZIO APPENA I RADIATORI DIVENTANO
CALDI.
- NON SCALATE MAI UNA MARCIA SENZA AVER PRIMA RALLENTATO L’ ANDATURA. IL MOTORE VERREBBE PORTATO AD UN NUMERO DI GIRI ECCESSIVO E VENGONO DANNEGGIATE LE VALVOLE ED ALTRI ORGANI DEL MOTORE. INOLTRE SI POTREBBE ARRIVARE AL BLOCCAGGIO DELLA RUOTA
POSTERIORE E AD UNA PERDITA DI CONTROLLO DEL MEZZO.
- IN CASO DI VIBRAZIONI ANORMALI DURANTE IL FUNZIONAMENTO VERIFICARE SE LE VITI DI FISSAGGIO DEL MOTORE SONO BEN SERRATE.
- SE DURANTE LA GUIDA SI MANIFESTANO DEI RUMORI ANOMALI, ARRESTATEVI SUBITO, SPEGNETE IL MOTORE E METTETEVI IN CONTATTO CON UN
CONCESSIONARIO TM.
27
ITALIANO
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
FRENARE
Togliere il gas e frenare contemporaneamente e progressivamente
con il freno anteriore ed il freno posteriore. Innestare anche le marce
inferiori in funzione della velocità. Su fondi polverosi, bagnati da pioggia o comunque scivolosi, azionare i freni e scalare le marce con la
massima delicatezza senza bloccare le ruote. Il bloccaggio delle ruote
porta a sbandare o a cadere.
In occasione di lunghi percorsi in discesa sfruttate l’effetto frenante
del motore. Per fare ciò tornate in 1ª o in 2ª marcia, senza però salire
eccessivamente di giri. In questo modo dovete frenare molto meno e
i freni non si surriscaldano.
PERICOLO
- IN CASO DI PIOGGIA, DOPO UN LAVAGGIO DEL MOTOCICLO, DOPO IMMERSIONE IN ACQUA OPPURE ANDANDO SU TERRENO BAGNATO L’AZIONE
FRENANTE POTREBBE RITARDARE A CAUSA DI DISCHI FRENO BAGNATI O
SPORCHI. I FRENI QUINDI DEVONO ESSERE AZIONATI RIPETUTAMENTE FINCHÉ’ NON SI SIANO ASCIUGATI E RIPULITI.
- L’AZIONE FRENANTE PUÒ RITARDARE ANCHE QUANDO SI VIAGGIA SU
STRADE SPORCHE O COSPARSE DI SALE. I FRENI DEVONO ESSERE AZIONATI FINCHÉ NON SIANO PULITI.
- CON DISCHI FRENO SPORCHI SI VERIFICA UNA MAGGIOR USURA DELLE
PASTIGLIE ED ANCHE DEI DISCHI FRENO STESSI.
- IN SEGUITO ALL’ UTILIZZO DEL FRENO, IL DISCO, LE PASTIGLIE, LA
PINZA ED IL LIQUIDO DEL FRENO SI RISCALDANO. PIÙ QUESTE PARTI
SONO CALDE, PIÙ’ DIMINUISCE L’EFFETTO DI FRENATURA. IN CASO DI
SURRISCALDAMENTO PUÒ’ NON FUNZIONARE TUTTO IL SISTEMA DI
FRENATURA.
- SE LO SFORZO ALLA LEVA FRENO ANTERIORE OPPURE AL PEDALE DEL
FRENO POSTERIORE RISULTASSE MINIMO, POTREBBE ESSERCI UN DIFETTO NELL’IMPIANTO FRENANTE. IN QUESTO CASO É’ OPPORTUNO FAR VERIFICARE IL MOTOCICLO DA UN CONCESSIONARIO TM.
ARREST
O E P
AR
CHEGGIO
ARRESTO
PAR
ARCHEGGIO
Frenare il motociclo e mettere il cambio in folle. Per spegnere il motore premere, a regime del minimo, il bottone di massa finchè il motore
si è fermato oppure il pulsante rosso di arresto di emergenza. Si raccomanda in questo caso di lasciare il bottone rosso così fino al prossimo avviamento del motore.Chiudere il rubinetto del carburante, parcheggiare su terreno solido e bloccare la motocicletta con il
bloccasterzo.
PERICOLO
DURANTE IL FUNZIONAMENTO LE MOTOCICLETTE PRODUCONO MOLTO
CALORE. IL MOTORE, I RADIATORI, L’IMPIANTO DI SCARICO, I DISCHI DEI
FRENI NONCHÉ GLI AMMORTIZZATORI POSSONO DIVENTARE MOLTO CALDI. NON TOCCATE QUESTE PARTI DURANTE LA GUIDA E DOPO AVER SPENTO IL MOTORE E POSTEGGIATE LA MOTOCICLETTA IN MODO CHE SIA
IMPROBABILE CHE I PEDONI LA TOCCHINO USTIONANDOSI.
AVVERTIMENTO
- NON SPEGNERE IL MOTORE CON LA LEVA DEL DECOMPRESSORE, MA USARE A QUESTO SCOPO IL BOTTONE DI MASSA OPPURE IL PULSANTE DI
ARRESTO D’EMERGENZA.
- QUANDO LA MOTOCICLETTA VIENE PARCHEGGIATA DEVE ESSERE SEMPRE
CHIUSO IL RUBINETTO DEL CARBURANTE. SE NON VIENE CHIUSO, IL CARBURANTE POTREBBE TRABOCCARE ALL’ INTERNO DEL CARBURATORE E
PENETRARE NEL MOTORE, INGOLFANDOLO.
- NON STAZIONARE MAI A MOTORE ACCESO O PARCHEGGIARE LA MOTOCICLETTA IN LUOGHI DOVE C’É IL PERICOLO D’INCENDIO PER ERBA SECCA O
ALTRI MATERIALI FACILMENTE INFIAMMABILI.
ITALIANO
28
ISTR
ISTRUZIONI
L’USO
ISTRUZIONI
L’USO
UZIONI PER
PER L
’USO
INDICAZIONI SUL CAVALLETTO LATERALE:
Portare con il piede il cavalletto in avanti fino all’arresto ed inclinare
lateralmente il motociclo. Accertarsi che il suolo sia solido e che la
posizione di parcheggio sia stabile. Per maggiore sicurezza si può
innestare la 1a marcia.
AVVERTIMENTO
IL CAVALLETTO LATERALE É CONCEPITO SOLO PER IL PESO DELLA MOTO.
NON SEDERSI QUINDI MAI SULLA MOTO QUANDO É’ APPOGGIATA SUL CAVALLETTO LATERALE, ALTRIMENTI IL CAVALLETTO SI PUO’ DANNEGGIARE E LA
MOTO PUO’ CADERE.
BENZINA
I motori TM richiedono carburante super senza piombo con almeno
95 RON.
AVVERTIMENTO
RIEMPITE IL SERBATOIO CON BENZINA SENZA PIOMBO CON UN NUMERO
D’OTTANO MINIMO 95. NON USARE ASSOLUTAMENTE BENZINA CON NUMERO
D’OTTANO INFERIORE A 95, PERCHÉ’ POTREBBE PROVOCARE DANNI AL MOTORE.
PERICOLO
LA BENZINA É’ FACILMENTE INFIAMMABILE E TOSSICA. MANEGGIANDO
LA BENZINA SI ADOTTI LA MASSIMA CAUTELA. NON FATE RIFORNIMENTO DI BENZINA NELLE VICINANZE DI FIAMME APERTE O SIGARETTE ACCESE. SPEGNETE SEMPRE IL MOTORE PER FARE BENZINA. FATE ATTENZIONE A NON VERSARE BENZINA SUL MOTORE O SUL TUBO DI SCARICO.
ELIMINARE IMMEDIATAMENTE CON UN PANNO LA BENZINA EVENTUALMENTE VERSATA. QUALORA LA BENZINA DOVESSE VENIRE INGOIATA O
SPRUZZATA NEGLI OCCHI OCCORRE RECARSI IMMEDIATAMENTE DA UN
MEDICO.
II carburante si dilata in caso di riscaldamento. Quindi con temperature ambiente elevate non riempite il serbatoio fino all’orlo superiore .
29
ITALIANO
ITALIANO
30
31
ITALIANO
T
LUBRIFICAZIONE
LUBRIFICAZIONE
TABELLA
ABELLA MANUTENZIONE
MANUTENZIONE E
E L
UBRIFICAZIONE
TABELLA MANUTENZIONE E LUBRIFICAZIONE
250/450/530
STRADALE/HOBBY
STRADALE/HOBBY
250/450/530 END/SMR/SMM
END/SMR/SMM USO
USO STRAD
ALE/HOBBY
UN VEICOLO PULITO PERMETTE ISPEZIONI PIÙ BREVI E QUINDI PIÙ ECONOMICHE
MOTORE
Sostituzione olio motore, filtro olio a cartuccia
Pulizia calamita vite di scarico
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe delle tubazioni in gomma
•
•
•
Controllo catena distribuzione
•
Controllo serraggio viti di fissaggio motore
CARBURATORE
1° TAGLIANDO
DOPO 3 ORE O
15 LT. DI
CARBURANTE
Controllo condizioni e tenuta manicotto carburatore e cassa filtro
Controllo regolazione minimo
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe tubi di sfiato
Controllo tenuta del sistema di raffreddamento e livello liquido refrigerante
•
•
•
Controllo tenuta e fissaggi impianto di scarico
OGNI 30 ORE O
150 LT. DI
CARBURANTE
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
SERVIZI
Controllo condizioni, scorrevolezza e sistemazione senza pieghe,
regolazione e lubrificazione dei cavi di comando
Controllo livello liquido nel serbatoio comando frizione idraulica
•
•
Pulizia cassafiltro e filtro aria
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe dei cavi
Controllo orientamento faro
Controllo funzionamento impianto elettrico (anabbagliante, abbagliante, stop, frecce,
•
•
•
•
•
•
•
spie di controllo, clacson, pulsante/interruttore di sicurezza)
FRENI
Controllo livello liquido freni, spessore pastiglie, dischi freno
Controllo condizioni e tenuta tubazioni dei freni
Controllo funzionalità, regolazione, scorrevolezza e corsa a vuoto leva freno ant. e pedale freno
Controllo serraggio viti dell’impianto freni
CICLISTICA
Controllo tenuta e funzionamento ammortizzatore e forcella
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Pulizia parapolvere
Spurgo gambe forcella
Controllo serraggio viti leveraggio sospensione post.
Controllo e registrazione cuscinetti sterzo
Controllo serraggio viti ciclistica (piastre forcella, piedini forcella, dadi e viti
dei perni ruota, perno forcellone, ammortizzatore)
RUOTE
Controllo tensione raggi e centratura cerchi
Controllo condizioni e pressione pneumatici
Controllo usura di catena,maglia di giunzione, pignone, corona e guide, tensione catena
Lubrificazione catena
Controllo gioco cuscinetti ruota
ALTRI
ALTRI IMPORTANTI
IMPORTANTI LAVORI
LAVORI DI
DI MANUTENZIONE
MANUTENZIONE CONSIGLIATI
CONSIGLIATI CHE
CHE VANNO
VANNO ESEGUITI
ESEGUITI ANNUALMENTE
ANNUALMENTE
OGNI ANNO
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Manutenzione completa forcella
Manutenzione completa ammortizzatore
Pulizia ed ingrassaggio cuscinetti sterzo e relativi elementi di tenuta
Pulizia e taratura carburatore
Sostituzione materiale fonoassorbente del silenziatore
Trattamento contatti elettrici ed interruttori con spray per contatti
Trattamento connessioni batteria con grasso per contatti
Sostituzione liquido della frizione idraulica
Sostituzione liquido freni
La percorrenza per gli intervalli di manutenzione non dovrebbe assolutamente essere superata di oltre 2 ore o 15 litri.
I LAVORI DI MANUTENZIONE DEL CONCESSIONARIO TM NON SOSTITUISCONO I LAVORI DI CONTROLLO E MANUTENZIONE
DEL GUIDATORE.
ITALIANO
32
T
LUBRIFICAZIONE
LUBRIFICAZIONE
TABELLA
ABELLA MANUTENZIONE
MANUTENZIONE E
E L
UBRIFICAZIONE
TABELLA MANUTENZIONE E LUBRIFICAZIONE
250/450/530
END/MX/SMX
END/MX/SMX
USO COMPETIZIONE
COMPETIZIONE
250/450/530 END/MX
/SMX 660
660 SMX
SMX USO
UN VEICOLO PULITO PERMETTE ISPEZIONI PIÙ BREVI E QUINDI PIÙ ECONOMICHE
MOTORE
Sostituzione olio motore, filtro olio a cartuccia
Pulizia calamita vite di scarico
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe delle tubazioni in gomma
•
•
•
Controllo catena distribuzione
Controllo e registrazione gioco valvole
•
Controllo serraggio viti di fissaggio motore
CARBURATORE
1° TAGLIANDO
DOPO 2 ORE O
12 LT. DI
CARBURANTE
Controllo condizioni e tenuta manicotto carburatore e cassa filtro
Controllo regolazione minimo
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe tubi di sfiato
Controllo tenuta del sistema di raffreddamento e livello liquido refrigerante
•
•
•
Controllo tenuta e fissaggi impianto di scarico
SERVIZI
Controllo scorrevolezza, sistemazione senza pieghe,regolazione e lubrificazione cavi di comando
•
Sostituzione materiale fonoassorbente del silenziatore
Controllo livello liquido nel serbatoio comando frizione idraulica
•
Pulizia cassafiltro e filtro aria
Controllo condizioni e sistemazione senza pieghe dei cavi
Controllo orientamento faro (END)
Controllo funzionamento impianto elettrico (anabbagliante, abbagliante, stop, frecce,
•
OGNI GARA
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
spie di controllo, clacson) (END), pulsante/interruttore di sicurezza
FRENI
Controllo livello liquido freni, spessore pastiglie, dischi freno
Controllo condizioni e tenuta tubazioni dei freni
Controllo funzionalità, regolazione, scorrevolezza e corsa a vuoto leva freno ant. e pedale freno
Controllo serraggio viti dell’impianto freni
CICLISTICA
Controllo tenuta e funzionamento ammortizzatore e forcella
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Pulizia parapolveri
Spurgo steli forcella
Controllo serraggio viti leveraggio sospensione post.
Controllo/registrazione cuscinetti sterzo
Controllo serraggio viti ciclistica (piastre forcella, piedini forcella, dadi e viti
dei perni ruota, perno forcellone, ammortizzatore)
RUOTE
Controllo tensione raggi e centratura cerchi
Controllo condizioni e pressione pneumatici
Controllo usura di catena, maglia di giunzione, pignone, corona e guide, tensione catena
Lubrificazione catena
Controllo gioco cuscinetti ruota
ALTRI
ALTRI IMPORTANTI
IMPORTANTI LAVORI
LAVORI DI
DI MANUTENZIONE
MANUTENZIONE CONSIGLIATI
CONSIGLIATI OGNI
OGNI 3
3 GARE
GARE
OGNI 3 GARE
•
•
•
•
•
•
•
•
Manutenzione completa forcella
Manutenzione completa ammortizzatore
Pulizia ed ingrassaggio cuscinetti sterzo e relativi elementi di tenuta
Pulizia e taratura carburatore
Trattamento contatti elettrici ed interruttori con spray per contatti
Trattamento connessioni batteria con grasso per contatti
Sostituzione liquido della frizione idraulica
Sostituzione liquido freni
La percorrenza per gli intervalli di manutenzione non dovrebbe assolutamente essere superata di oltre 2 ore o 15 litri.
I LAVORI DI MANUTENZIONE DEL CONCESSIONARIO TM NON SOSTITUISCONO I LAVORI DI CONTROLLO E MANUTENZIONE
DEL PILOTA.
33
ITALIANO
T
LUBRIFICAZIONE
LUBRIFICAZIONE
TABELLA
ABELLA MANUTENZIONE
MANUTENZIONE E
E L
UBRIFICAZIONE
BREVI OPERAZIONI DI CONTR
OLL
O E MANUTENZIONE A CURA DEL GUID
A
OTA
CONTROLL
OLLO
GUIDA
ORE/PILO
AT
TORE/PIL
A
PRIMA DI OGNI
MESSA IN
SERVIZIO
DOPO
OGNI
LAVAGGIO
FUORI
IMPIEGO
IN
STRADA
•
•
•
•
•
Controllo livello olio motore
Controllo livello liquido freni
Controllo usura pastiglie freni
Controllo funzionamento impianto luci (se presente)
Controllo funzionamento clacson (se presente)
•
Lubrificazione e regolazione cavi di comando
Spurgo steli forcella
Smontaggio e pulizia dei parapolveri
•
Pulizia, lubrificazione e controllo tensione catena trasmissione
Pulizia cassafiltro e filtro aria
•
•
•
•
•
•
•
Controllo pressione ed usura pneumatici
Controllo livello liquido refrigerante
Controllo tenuta tubazioni carburante
•
Svuotamento vaschetta del carburatore (da eventuali gocce d’ acqua o particelle di sporco)
•
•
Controllo scorrevolezza di tutti gli elementi di comando
Controllo effetto frenante
Trattamento parti di metallo lucido (tranne impianto freni e scarico) con anticorrosivi
Trattamento blocchetto accensione/bloccasterzo con spray per contatti
•
•
•
•
Controllo regolare serraggio di tutte le viti, dadi e fascette
ITALIANO
DOPO
34
T
LUBRIFICAZIONE
LUBRIFICAZIONE
TABELLA
ABELLA MANUTENZIONE
MANUTENZIONE E
E L
UBRIFICAZIONE
CONTR
OLLI D
A EFFETTU
ARE SUL MO
TORE 250/450/530 END/MX/SMX
CONTROLLI
DA
EFFETTUARE
MOT
USO COMPETIZIONE
15 ORE DI SER
VIZIO EQ UIV
AL
GONO A CIR
CA 100 L
T.
SERVIZIO
UIVA
LGONO
CIRCA
LT
DI CONSUMO DI CARBURANTE
135
30 ORE 45 ORE 60 ORE 90 ORE 120 ORE
ORE
LT..
200 LT
LT.. 300 LT
LT.. 400 LT
LT.. 600 LT
LT.. 800 LT
900 LT
LT..
Controllo usura cilindro e pistone
Controllo spinotto (controllo visivo)
Controllo usura alberi a camme e bicchierini (controllo visivo)
Controllo supporti albero a camme
•
Controllo catena distribuzione (oltre a quello ogni gara)
Controllo lunghezza molle valvole
Controllo usura piattelli molla inferiore e superiore
Controllo semiconi e steli valvole
Controllo usura guide valvole
Controllo tenuta valvole
Controllo funzionalità decompressore automatico
Controllo piani testa e cilindro
Controllo centratura albero motore
Sostituzione biella, asse e gabbia a rulli
Controllo pompa olio e circuito di lubrificazione
Sostituzione cuscinetti di banco
Controllo cambio completo inclusi il desmodromico e forchette
Controllo usura dischi frizione
•
Controllo lunghezza molle frizione
660 SMX
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
AVVERTENZA
SE AL CONTROLLO VIENE RISCONTRATO CHE LE RELATIVE TOLLERANZE SONO STATE SUPERATE, I COMPONENTI INTERESSATI VANNO SOSTITUITI.
SI CONSIGLIA IL MONTAGGIO DI UNO STRUMENTO CONTAORE.
LE SUDDETTE OPERAZIONI DEVONO ESSERE EFFETTUATE DA UNA OFFICINA AUTORIZZATA TM O DA PERSONALE SPECIALIZZATO.
35
ITALIANO
T
LUBRIFICAZIONE
LUBRIFICAZIONE
TABELLA
ABELLA MANUTENZIONE
MANUTENZIONE E
E L
UBRIFICAZIONE
CONTR
OLLI D
A EFFETTU
ARE SUL MO
T ORE 250/450/530 END/SMR/SMM
CONTROLLI
DA
EFFETTUARE
MOT
USO STRAD
ALE /HOBBY
STRADALE
20 ORE DI SER
VIZIO EQ UIV
AL
GONO A CIR
CA 100 L
T.
SERVIZIO
UIVA
LGONO
CIRCA
LT
DI CONSUMO DI CARBURANTE
60 ORE 90 ORE
300 LT
LT.. 450 LT
LT..
Controllo usura cilindro e pistone
Controllo spinotto (controllo visivo)
Controllo usura alberi a camme e bicchierini (controllo visivo)
Controllo supporti alberi a camme
•
•
Controllo catena distribuzione (dopo controllo a 30 ore)
Controllo e registrazione gioco valvole
•
Controllo lunghezza molle valvole
Controllo usura piattelli molla inferiore e superiore
Controllo semiconi e steli valvole
Controllo usura guide valvole
Controllo tenuta valvole
•
Controllo funzionalità decompressore automatico
Controllo piani testa e cilindro
Controllo centratura albero motore
Sostituzione biella, asse e gabbia a rulli
Controllo ramatura piede biella
Controllo pompa olio e circuito di lubrificazione
Sostituzione cuscinetti di banco
Controllo cambio completo inclusi il desmodromico e le forchette
•
•
Controllo usura dischi frizione
Controllo lunghezza molle frizione
270
120
180
240 ORE
ORE
O R E 1200 LT
ORE
LT..
1350
LT
LT..
600 LT
LT.. 900 LT
LT..
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
A VVER
TENZA
VVERTENZA
SE AL CONTROLLO VIENE RISCONTRATO CHE LE RELATIVE TOLLERANZE SONO STATE SUPERATE, I COMPONENTI INTERESSATI VANNO SOSTITUITI.
SI CONSIGLIA IL MONTAGGIO DI UNO STRUMENTO CONTAORE.
LE SUDDETTE OPERAZIONI DEVONO ESSERE EFFETTUATE DA UNA OFFICINAAUTORIZZATA TM.
ITALIANO
36
37
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
PERICOLO
TUTTI I LAVORI DI MANUTENZIONE O DI REGOLAZIONE CHE SONO CONTRASSEGNATI CON (A) RICHIEDONO COGNIZIONI TECNICHE. PER
QUESTO MOTIVO NELL’INTERESSE DELLA VOSTRA SICUREZZA FATE ESEGUIRE TALI LAVORI ESCLUSIVAMENTE IN UN’OFFICINA SPECIALIZZATA TM DOVE LA VOSTRA MOTO SARA’ MANTENUTA IN MANIERA OTTIMALE DA PERSONALE SPECIFICAMENTE ISTRUITO.
AVVERTIMENTO
- PER IL LAVAGGIO DELLA MOTOCICLETTA ,SE POSSIBILE, NON USATE UN GETTO AD ALTA PRESSIONE PERCHÉ ALTRIMENTI L’ACQUA POTREBBE
PENETRARE NEI CUSCINETTI, NEL CARBURATORE, NEI CONNETTORI ELETTRICI ECC.
- TRASPORTANDO LA VOSTRA TM ASSICURATEVI CHE ESSA SIA BEN TENUTA IN POSIZIONE VERTICALE MEDIANTE CINGHIE O ALTRI DISPOSITIVI
MECCANICI DI FISSAGGIO E CHE IL RUBINETTO DELLA BENZINA SIA SU OFF. SE LA MOTOCICLETTA DOVESSE CADERE PUÒ FUORIUSCIRE
BENZINA DAL CARBURATORE O DAL SERBATOIO.
- PER IL FISSAGGIO DEI CONVOGLIATORI AL SERBATOIO UTILIZZARE SOLO LE VITI SPECIALI CON LA GIUSTA LUNGHEZZA DEL FILETTO DELLA
TM. SE UTILIZZATE VITI DIVERSE O MONTATE VITI PIÙ LUNGHE, IL SERBATOIO POTREBBE DANNEGGIARSI CON CONSEGUENTE FUORIUSCITA
DI CARBURANTE.
- NON UTILIZZARE ROSETTE DENTATE O RONDELLE ELASTICHE PER LE VITI DI FISSAGGIO DEL MOTORE, PERCHÉ’ POTREBBERO PENETRARE IN
PARTI DEL TELAIO ED ALLENTARSI IN CONTINUAZIONE. UTILIZZATE DADI AUTOBLOCCANTI.
- PRIMA DI INIZIARE I LAVORI DI MANUTENZIONE LASCIATE RAFFREDDARE LA MOTOCICLETTA IN MODO DA EVITARE USTIONI.
- SMALTITE OLI, GRASSI , FILTRI, CARBURANTI, DETERGENTI, ECC. IN MANIERA REGOLAMENTARE. OSSERVATE LE RISPETTIVE NORME DEL
VOSTRO PAESE.
- LIBERATEVI DELL’OLIO ESAUSTO IN MODO REGOLARE ! NON VERSATE IN NESSUN CASO L’OLIO VECCHIO NELLE FOGNATURE O NEI FIUMI.
CONTROLLO CUSCINETTI DI STERZO
E REGISTRAZIONE GIOCO (A)
Controllare periodicamente il gioco dei cuscinetti di sterzo. Per il controllo, sollevare la ruota anteriore e scuotere avanti e indietro la forcella. Per la registrazione, allentare le quattro viti M8 (1) e il dado (2) della
testa di forcella ed agire sulla ghiera (3), serrandola fino a quando non
vi è più del gioco. Non serrare ulteriormente la ghiera per evitare danni
ai cuscinetti. Serrare il dado della testa di forcella e a seguire le quattro
viti M8 a 20 Nm.
Controllare che la sterzata sia fluida e senza impuntamenti.
PERICOLO
SE I CUSCINETTI DI STERZO SONO TROPPO SERRATI O HANNO DEL GIOCO
IL COMPORTAMENTO SU STRADA SARA’ IRREGOLARE E SI POTREBBE
PERDERE IL CONTROLLO DELLA MOTO.
AVVERTIMENTO
FACENDO LUNGHI PERCORSI CON UNA ERRATA REGISTRAZIONE DEI CUSCINETTI DI STERZO, SI RISCHIA DI ROVINARE I CUSCINETTI ED ANCHE LE LORO
SEDI NEL TELAIO.
I cuscinetti di sterzo dovrebbero essere reingrassati almeno una volta
all’anno.
ITALIANO
38
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
VITI DI SFIA
TO FOR
CELLA TELESCOPICA
SFIAT
FORCELLA
Ogni 5 ore di impiego in competizione allentare di qualche giro le viti di
sfiato (1), consentendo così lo sfogo di un’eventuale sovrappressione
dall’interno della forcella. La forcella Marzocchi ha, al posto di una vite,
una valvolina da pneumatico (3) protetta da un gommino (4). Rimuovere il gommino e premere delicatamente il gambo della valvolina.
Prima di operare sulle viti o sulla valvolina, sollevare il motociclo sul
cavalletto in modo che la ruota anteriore non tocchi terra. Se la motocicletta viene impiegata soprattutto su strada, è sufficiente eseguire
questa operazione solo durante la manutenzione periodica.
AVVERTIMENTO
1
1
PRESSIONE TROPPO ALTA ALL’INTERNO DELLA FORCELLA PUÒ PROVOCARE
MANCANZE DI TENUTAALLA FORCELLA. SE LA VOSTRA FORCELLA PRESENTA
UNA MANCANZA DI TENUTA, ALLENTARE LE VITI DI SFIATO PRIMA DI FAR SOSTITUIRE GLI ELEMENTI DI TENUTA.
3
4
PULIZIA RASCHIAPOL
VERE
RASCHIAPOLVERE
FORCELLA TELESCOPICA
I raschiapolvere (2) devono raschiare polvere e sporco grosso dagli
steli forcella. Però con il tempo può giungere dello sporco anche dietro i raschiapolvere. Se questo non viene rimosso gli anelli paraolio,
che si trovano dietro, possono perdere la tenuta.
Con un cacciavite levare i raschiapolvere dai tubi esterni e spingerli in
basso.
2
Pulire con cura i raschiapolvere, i tubi esterni e gli steli ed oliarli bene
con spray al silicone o con olio motore. Infine spingere a mano i
raschiapolvere nei tubi esterni.
39
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
TARA
TURA B
ASE DELLA CICLISTICA IN B
ASE
TARATURA
BASE
BASE
AL PESO PIL
OTA
PILO
Per ottenere caratteristiche di guida ottimali della motocicletta e per
evitare danneggiamenti a forcella, ammortizzatore, forcellone e telaio
è necessario che la taratura base delle sospensioni venga adattata al
vostro peso corporeo. Nello stato di consegna le moto TM da fuoristrada
sono tarate su un peso pilota (con abbigliamento protettivo completo)
di 70 – 80 kg. Se il vostro peso non rientra in questi valori, dovete
adattare adeguatamente la taratura base delle sospensioni. Minori
variazioni di peso possono essere compensate variando il precarico
molla, con maggiori variazioni devono essere montate delle molle
adatte.
TARA
TURA AMMOR
TIZZA
TORE E
TARATURA
AMMORTIZZA
TIZZAT
CONTROLLO MOLLA
Se la molla dell’ammortizzatore è adatta al vostro peso, lo potete vedere dall’abbassamento in ordine di marcia. Però prima di determinare
l’abbassamento in ordine di marcia, deve essere regolato correttamente l’abbassamento statico.
DETERMIN
AZIONE ABB
ASSAMENT
O ST
ATICO
DETERMINAZIONE
ABBASSAMENT
ASSAMENTO
STA
’AMMOR
TIZZA
TORE
DELL’AMMOR
’AMMORTIZZA
TIZZAT
DELL
L’abbassamento statico dovrebbe essere di 35 mm. Variazioni di oltre 2
mm possono influire notevolmente sul comportamento di guida della
motocicletta.
Procedura:
- Posizionate la moto su un cavalletto in modo che la ruota posteriore
non tocchi più terra.
- Misurate la distanza tra il perno ruota posteriore ed un punto fisso
(p.es. un segno sulla fiancatine) facendo attenzione che la retta che
congiunge il perno ruota ed il punto fisso sia il più perpendicolare
possibile al terreno ed annotate il valore come misura A.
- Appoggiate di nuovo la moto a terra.
- Chiedete ad un aiutante di tenere la moto in posizione verticale.
- Misurate nuovamente la distanza tra il perno ruota posteriore ed il
punto fisso ed annotate il valore come misura B.
- L’abbassamento statico è la differenza tra le due misure A e B.
ESEMPIO:
Motocicletta sul cavalletto (misura A)………………........... 600 m m
Motocicletta a terra non caricata (misura B) …………...... - 565 m m
Abbassamento statico ……………………………................. 35 m m
Se l’abbassamento statico è inferiore, il precarico molla dell’ammortizzatore va diminuito, se l’abbassamento statico è maggiore, il
precarico molla va aumentato. Vedi capitolo Variazione precarico molla dell’ammortizzatore.
ITALIANO
40
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
DETERMIN
AZIONE DELL
’ABB
ASSAMENT
O IN
DETERMINAZIONE
DELL’ABB
’ABBASSAMENT
ASSAMENTO
ORDINE DI MAR
CIA DELL
’AMMOR
TIZZA
TORE
MARCIA
DELL’AMMOR
’AMMORTIZZA
TIZZAT
- Ora, con l’aiuto di una persona che sorregga la moto, sedetevi con
l’abbigliamento protettivo completo, in sella alla moto in posizione
normale (con i piedi sulle pedane) e dondolate su e giù alcune volte
per normalizzare l’ assetto della sospensione posteriore.
- Una terza persona poi misura a motocicletta caricata la distanza fra
gli stessi punti di misura ed annota il valore come misura C.
- L’abbassamento in ordine di marcia è la differenza tra le due misure
A e C.
ESEMPIO:
Motocicletta sul cavalletto (misura A) …………...……....
600 m m
Motocicletta a terra caricata con il peso del pilota (misura C) ..- 510 mm
Abbassamento in ordine di marcia …………………........... 90 m m
L’abbassamento in ordine di marcia dovrebbe essere di 90÷105 mm.
Se l’abbassamento in ordine di marcia è inferiore a 90 mm, la molla è
troppo dura (indice di rigidezza troppo alto).
Se l’abbassamento di marcia è superiore a 105 mm, la molla è troppo
morbida (indice di rigidezza troppo basso).
L’indice di rigidezza è indicato sul lato esterno della molla.
Dopo il montaggio di un’altra molla, l’abbassamento statico va di nuovo regolato a 35 mm (± 2 mm).
Secondo le nostre esperienze il grado di ammortizzamento in compressione può rimanere invariato. Con una molla più morbida il grado
di ammortizzamento in estensione può essere ridotto di alcuni click,
con una molla più dura aumentato di alcuni click.
CONTR
OLL
O TARA
TURA B
ASE FOR
CELLA
CONTROLL
OLLO
ARATURA
BASE
FORCELLA
TELESCOPICA
Per diversi motivi non può essere stabilito un esatto abbassamento in
ordine di marcia sulle forcelle telescopiche. Minori variazioni del vostro peso corporeo possono essere compensate come nel caso dell’ammortizzatore attraverso il precarico molla. Se la vostra forcella telescopica però va spesso a fondo corsa è indispensabile montare
molle forcella più dure al fine di evitare danneggiamenti alla forcella
telescopica e al telaio.
VARIAZIONE PRECARICO
FORCELLA TELESCOPICA
Per variare il precarico molla su queste forcelle telescopiche, è necessario disassemblarle parzialmente (vedi manuale specifico della forcella montata sulla moto). E’ possibile aggiungere boccole di precarico.
Le molle forcella però possono essere precaricate al massimo di 20
mm.
41
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
SOSTITUZIONE MOLLE FORCELLA
Se il vostro peso corporeo è inferiore a 70 kg o superiore a 80 kg,
dovreste montare delle molle forcella adeguate.
Se siete insicuri o avete qualche domanda, rivolgetevi per favore alla
vostra officina specializzata TM.
Secondo le nostre esperienze il grado di ammortizzamento in compressione può rimanere invariato. Con una molla più morbida il grado
di ammortizzamento in estensione può essere ridotto di alcuni click,
con una molla più dura aumentato di alcuni click.
AVVERTIMENTO
PER ULTERIORI E PIÙ DETTAGLIATE INFORMAZIONI SULLA FORCELLA SIA
STANDARD CHE OPZIONALE, FARE RIFERIMENTO AL LIBRETTO DI ISTRUZIONI
FORNITO DAL FABBRICANTE DELLA FORCELLA E DATO DALLA TM A CORREDO DELLA MOTO.
VARIAZIONE PRECARICO
MOLLA AMMOR
TIZZA
TORE
AMMORTIZZA
TIZZAT
Il precarico della molla può essere variato girando l’anello di
regolazione (5). A questo scopo si consiglia di smontare e pulire accuratamente l’ammortizzatore.
INDICAZIONE:
- Prima di variare il precarico molla dovreste annotarvi la regolazione
base - per esempio quante spire di filettatura sono visibili sopra
l’anello di regolazione.
- Ad 1 giro dell’anello di regolazione (5) il precarico molla varia di 1,5 mm.
Allentare la ghiera di bloccaggio (6) e ruotare la ghiera di regolazione.
Girandola in senso antiorario il precarico diminuisce, girando in senso orario il precarico aumenta.
Dopo la regolazione serrare la ghiera di bloccaggio (6).
LEVERAGGIO SOSPENSIONE POSTERIORE
La sospensione posteriore di tutte le moto TM è munita di un meccanismo di biella e bilanciere che modifica progressivamente il rapporto
di leva tra ruota ed ammortizzatore.
Tale meccanismo lavora su cuscinetti che vanno puliti ed ingrassati
agli intervalli previsti per mantenere efficiente il funzionamento della
sospensione.
Al lavaggio del motociclo con pulitori ad alta pressione evitare che il
getto sia puntato direttamente sul leveraggio della sospensione.
ITALIANO
42
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTR
OLLARE LA TENSIONE DELLA CA
TEN
A
CONTROLLARE
CATEN
TENA
Per controllare la tensione della catena mettere la moto sul cavalletto
centrale.
Spingere in alto la catena all’estremità del pattino guida catena.
Il ramo superiore della catena (A) deve essere teso (vedi schizzo). La
distanza fra catena e forcellone deve essere di ca. 10-15 mm. Se
necessario, regolarne la tensione.
PERICOLO
- SE LA CATENA È TROPPO TESA, I COMPONENTI DELLA TRASMISSIONE
FINALE (CATENA, CUSCINETTI CAMBIO E RUOTA POSTERIORE) VENGONO
MAGGIORMENTE SOLLECITATI. OLTRE AD UNA PRECOCE USURA, NEL CASO
ESTREMO SI PUÒ VERIFICARE PERSINO LA ROTTURA DELLA CATENA O
DELL’ALBERO SECONDARIO DEL CAMBIO.
- SE INVECE LA TENSIONE DELLA CATENA È INSUFFICIENTE, QUESTA PUÒ
USCIRE DAL ROCCHETTO E BLOCCARE LA RUOTA POSTERIORE O CAUSARE DANNI AL MOTORE.
- IN ENTRAMBI I CASI SI PUÒ FACILMENTE PERDERE IL CONTROLLO DELLA MOTOCICLETTA.
CORREZIONE TENSIONE CA
CATEN
TENA
TEN
A
(TUTTI I MODELLI TRANNE SMM)
4
Allentare il dado del perno ruota (1) , allentare i controdadi (2) e girare
le viti di registro (3) a destra ed a sinistra della stessa misura. Per
aumentare la tensione della catena, svitare le viti di registro. Per diminuire la tensione della catena, avvitare le viti di registro. Raggiungere
la corretta tensione della catena.
Per un corretto allineamento della ruota posteriore i contrassegni (4)
sui tendicatena destro e sinistro devono trovarsi nella stessa posizione rispetto alle marcature di riferimento (5). Serrare i controdadi delle
viti di registro. Prima di bloccare il dado del perno ruota controllare che
i tendicatena (6) siano in appoggio alle teste delle viti di regolazione e
che la ruota posteriore sia allineata con la ruota anteriore.
Serrare il dado del perno ruota a 80 Nm.
1
5
3
6
2
ATTENZIONE
- SE AL MONTAGGIO NON DISPONETE DI UNA CHIAVE DINAMOMETRICA, FATE
CONTROLLARE LA COPPIA DI SERRAGGIO AL PIÙ PRESTO POSSIBILE IN
UN’OFFICINA SPECIALIZZATA TM .
UN PERNO RUOTA ALLENTATO PUÒ CAUSARE UN COMPORTAMENTO DI
GUIDA INSTABILE DELLA MOTO.
43
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CORREZIONE TENSIONE CA
TEN
A (SMM)
CATEN
TENA
Allentare le due viti (7) di bloccaggio del mozzo eccentrico posteriore in
modo che il mozzo stesso possa ruotare sul suo asse.
Usando l’ apposito attrezzo TM cod. F50806 (8), ruotare il mozzo fino a
raggiungere la corretta tensione della catena. Serrare le due viti di
bloccaggio a 31 Nm.
Dato il sistema di movimento ad eccentrico, l’ allineamento della ruota
posteriore rimane invariato, non necessitando di alcuna regolazione.
Allo stesso tempo, ruotando il mozzo si può verificare una lieve variazione di altezza dell’ asse ruota posteriore e di conseguenza della
parte posteriore della moto. E’ possibile compensare questo, variando la sporgenza degli steli forcella dalla piastra superiore.
Ad esempio, se la moto, per effetto della registrazione della catena, si
è alzata di 5mm. al posteriore, è consigliabile diminuire la sporgenza
degli steli della forcella di circa 5mm. per alzare anche l’ anteriore e
ripristinare il livellamento originale della moto.
Si consiglia di adattare l’attrezzo TM cod. F50806 con due viti da M8 e
due dadi al fine di potere ruotare il mozzo sull’eccentrico infilando le
due viti nei due fori del mozzo stesso.
ATTENZIONE
- SE NON SI DISPONE DI ADEGUATA ESPERIENZA, E’ CONSIGLIABILE FAR
EFFETTUARE L’ OPERAZIONE DA UNA OFFICINA AUTORIZZATA TM.
MANUTENZIONE DELLA CA
TEN
A
CATEN
TENA
La durata della catena dipende soprattutto dalla manutenzione. Catene senza O-ring vanno regolarmente pulite in petrolio e poi immerse
in olio per catene caldo oppure trattate con spray per catena. La manutenzione della catena con O-ring è ridotta al minimo. Il miglior modo
per pulirla è l’uso di abbondante acqua. Mai usare spazzole o solventi
per pulire la catena. Quando la catena è asciugata, si può utilizzare
uno spray per catene specialmente adatto per catene con O-ring.
PERICOLO
FARE IN MODO CHE IL LUBRIFICANTE NON RAGGIUNGA IN NESSUN CASO
NÉ IL PNEUMATICO POSTERIORE NÉ IL DISCO DEL FRENO, ALTRIMENTI
L’ADERENZA AL SUOLO DEL PNEUMATICO E L’AZIONE DEL FRENO POSTERIORE SI RIDURREBBERO NOTEVOLMENTE E SI POTREBBE FACILMENTE
PERDERE IL CONTROLLO DELLA MOTOCICLETTA.
AVVERTIMENTO
AL MONTAGGIO DEL GIUNTO CATENA LA PARTE CHIUSA DEVE SEMPRE TROVARSI NEL SENSO SI MARCIA.
Controllare sempre l’usura dei pignone, della corona e dei pattini guida. Se necessario, sostituire questi particolari.
ITALIANO
44
7
8
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
USURA DELLA CA
TEN
A
CATEN
TENA
Per controllare lo stato di usura della catena seguire attentamente le
seguenti istruzioni:
Mettere il cambio in folle, tirare il ramo superiore della catena verso
l’alto con una forza di 10 - 15 chilogrammi (vedere la figura). A questo
punto misurare la distanza di 18 rulli sul ramo inferiore della catena.
Se la distanza supera la misura di 272 mm si consiglia di sostituire la
catena. Le catene non si usurano sempre in modo uniforme, per questo motivo bisognerebbe ripetere la misurazione in diversi punti della
catena.
INDICAZIONE:
Quando viene montata una catena nuova, si raccomanda di sostituire
anche il pignone e la corona. Una catena nuova si usura più velocemente su pignoni vecchi e usurati.
AVVERTIMENTO
IN OCCASIONE DELLA SOSTITUZIONE DELLA CATENA E DI PIGNONE E CORONA, SI CONSIGLIA DI MONTARE DADI AUTOBLOCCANTI NUOVI E DI SERRARE
CON SEQUENZAA CROCE.
COPPIA DI SERRAGGIO AI DADI 35 NM.
INDICAZIONI DI BASE PER I FRENI A DISCO TM
PINZE :
Il fissaggio delle pinze di questa serie di modelli è “flottante”, esse
cioè non sono solidali al loro supporto. La compensazione laterale
consente sempre un’appoggio ottimale delle pastiglie sui dischi. Le
viti del supporto pinza freno vanno assicurate con Loctite 243 e serrate
con 25 Nm.
Fanno eccezione le pinze anteriori dei modelli SMR/SMM/SMX che sono
di tipo fisso.
PASTIGLIE:
Lo spessore minimo del materiale di attrito non può scendere sotto al
limite di 1mm.
In caso di sostituzione si raccomanda di usare sempre il ricambio
originale TM prescritto per la Vostra moto.
DISCHI FRENO:
Con l’usura si riduce lo spessore del disco freno nella zona della
superficie di contatto (1) delle pastiglie. Nel punto più debole (A) i
dischi freno possono presentare un’usura massima di 0,4 mm rispetto allo spessore nominale. Lo spessore nominale può essere misurato in un punto (B) fuori della superficie di contatto. Controllare l’usura
in più punti diversi.
A
B
1
PERICOLO
- DISCHI FRENO CON UN’USURA SUPERIORE A 0,4 MM SONO UN RISCHIO
PER LA SICUREZZA. QUANDO È STATO RAGGIUNTO IL LIMITE DI USURA,
FAR SOSTITUIRE SUBITO I DISCHI FRENO.
- E’ OBBLIGATORIO FAR ESEGUIRE RIPARAZIONI ALL’IMPIANTO FRENI DA
UN’OFFICINA AUTORIZZATA TM.
45
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
RECIPIENTI DI LIQUIDO FRENI:
I recipienti di liquido freni del freno anteriore e posteriore sono
dimensionati in modo tale che non è necessario un rabbocco neanche in caso di pastiglie del freno consumate. Infatti al consumarsi
delle pastiglie il liquido nei tubi tende ad occupare quello spazio lasciato dai pistoncini che si sono spostati per avere sempre la pastiglia in appoggio sul disco. Se il livello del liquido freno scende al di
sotto del valore minimo, questo indica perdite del sistema di frenatura
o il consumo delle pastiglie dei freni oltre il limite consentito.
LIQUIDO FRENI:
Gli impianti di frenatura vengono riempiti dalla TM di liquido per freni
DOT 4 di qualità superiore. Raccomandiamo di eseguire i rabbocchi e
le sostituzioni complete con liquido dello stesso tipo (DOT 4).
PERICOLO
FATE SOSTITUIRE IL LIQUIDO FRENI ALMENO UNA VOLTA ALL’ANNO. SE
LAVATE SPESSO LA MOTOCICLETTA, ESSO DOVREBBE ESSERE SOSTITUITO ANCHE PIÙ SPESSO. IL LIQUIDO FRENI HA LA CARATTERISTICA DI ASSORBIRE ACQUA. IN UN LIQUIDO “VECCHIO” QUINDI È POSSIBILE CHE SI
FORMINO GIA A BASSE TEMPERATURE BOLLE DI VAPORE ED IL SISTEMA
FRENANTE NON FUNZIONA PIU’ CORRETTAMENTE.
REGOLAZIONE CORSA A VUO
TO DELLA LEV
A
VUOT
LEVA
FRENO ANTERIORE
La corsa a vuoto alla leva freno anteriore può essere variata con la vite
di registro (1). In questo modo la posizione del punto di pressione (la
resistenza che diventa percepibile alla leva freno anteriore quando le
pastiglie vengono pressate contro il disco del freno) può essere regolata per qualsiasi grandezza della mano.
AVVERTIMENTO
LA CORSA A VUOTO DELLA LEVA FRENO ANTERIORE DEVE ESSERE DI ALMENO 3 MM. SOLO ALLORA LA LEVA DEVE INIZIARE A MUOVERE IL PISTONE
NELLA POMPA FRENO ANTERIORE (PERCEPIBILE DALLA MAGGIORE RESISTENZA ALLA LEVA ). SE MANCA QUESTA CORSA A VUOTO, SI FORMA DELLA
PRESSIONE NEL SISTEMA DI FRENATURA E LA CONSEGUENZA PUÒ ESSERE
UN MANCATO FUNZIONAMENTO DEL FRENO RUOTA ANTERIORE DOVUTO A
SURRISCALDAMENTO O IL BLOCCAGGIO DELLA RUOTA STESSA.
ITALIANO
46
DOT4
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTROLLO LIVELLO LIQUIDO FRENO
ANTERIORE
II serbatoio dei liquido fa corpo unico con la pompa freno anteriore
posta sul manubrio ed è provvisto di una spia di ispezione: con serbatoio in posizione orizzontale, il livello dei liquido non deve mai scendere sotto la mezzeria della spia.
Fanno eccezione i modelli SMR/SMM/SMX che hanno un serbatoio
indipendente di plastica trasparente.
Anche in questo caso il livello del liquido non deve mai scendere sotto
la metà del serbatoio.
PERICOLO
SE IL LIVELLO DEL LIQUIDO FRENI SCENDE Al DI SOTTO DEL VALORE MINIMO,
QUESTO INDICA PERDITE DEL SISTEMA DI FRENATURA O IL CONSUMO DELLE
PLASTIGLIE DEL FRENO OLTRE IL LIMITE CONSENTITO.
RABBOCCO LIQUIDO FRENO ANTERIORE (A)
3
Rimuovere le viti (2) e togliere il coperchio (3) e la membrana (4).
Portare la pompa del freno anteriore in posizione orizzontale e
rabboccare il liquido per freni fino a 5 mm sotto il bordo superiore del
contenitore. Rimontare membrana, coperchio e viti. Lavare con acqua
il liquido per freni che sia travasato o che si sia versato.
Dove è presente il serbatoio separato, svitare il tappo e rimuovere la
membrana. Ripetere le operazioni di rabbocco anzidette.
Lavare con acqua il liquido per freni che sia travasato o che si sia
versato.
2
4
PERICOLO
- CONSERVATE IL LIQUIDO FRENI FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI.
- IL LIQUIDO FRENI PUÒ PROVOCARE IRRITAZIONI ALLA PELLE. NON
PORTARLO A CONTATTO CON LA PELLE O CON GLI OCCHI. SE DOVESSE SCHIZZARE DEL LIQUIDO FRENI NEGLI OCCHI, SCIACQUATE
ACCURATAMENTE CON ACQUA E CONSULTATE UN MEDICO.
AVVERTIMENTO
- NON PORTARE IL LIQUIDO FRENI A CONTATTO CON PARTI VERNICIATE, IL
LIQUIDO FRENI CORRODE LA VERNICE.
- UTILIZZATE SOLO LIQUIDO FRENI PULITO PROVENIENTE DA UN CONTENITORE A TENUTA ERMETICA.
CONTR
OLL
O P
ASTIGLIE FRENO ANTERIORE
CONTROLL
OLLO
PASTIGLIE
min 1 mm
Le pastiglie del freno vanno controllate dal basso. Lo spessore del
materiale di attrito delle pastiglie non deve essere inferiore a 1 mm.
PERICOLO
LO SPESSORE DEL MATERIALE DI ATTRITO DELLE PASTIGLIE DEI FRENI
NON DEVE ESSERE INFERIORE A 1 MM, ALTRIMENTI SI POTREBBE VERIFICARE UN GUASTO AI FRENI. NELL’INTERESSE DELLA VOSTRA PROPRIA
SICUREZZA FATE PERCIÒ’ SOSTITUIRE IN TEMPO LE PASTIGLIE.
AVVERTIMENTO
SE LE PASTIGLIE DEL FRENO VENGONO SOSTITUITE TROPPO TARDI COSICCHÉ
ESSE RISULTANO COMPLETAMENTE CONSUMATE, LE PARTI IN ACCIAIO DELLE
PASTIGLIE SFREGANO SUL DISCO. CIÒ COMPORTA UNA NOTEVOLE DIMINUZIONE DELL’EFFETTO FRENATE ED IL DETERIORAMENTO DEL DISCO DEL FRENO.
47
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
SOSTITUZIONE P
ASTIGLIE FRENO ANTERIORE (A)
PASTIGLIE
PER TUTTI I MODELLI CON PINZA FLOTTANTE (END/MX)
Spingere la pinza del freno verso il disco, in modo che i pistoncini del
freno raggiungano la loro posizione base. Rimuovere le sicure (1),
estrarre il perno (2) e togliere le pastiglie dalla pinza. Pulire con aria
compressa la pinza del freno e il supporto della pinza, controllare che
le guarnizioni dei perni di guida non siano danneggiate e, se occorre,
ingrassarli.
Montare la pastiglia destra del freno e fissarla con il perno. Montare la
pastiglia sinistra dei freno ed inserire il perno fino all’arresto. Montare
le sicure. Accertarsi durante il montaggio delle pastiglie che la lamierina
di scorrimento nel supporto della pinza e la molla a balestra siano
posizionate correttamente.
1
2
PER TUTTI I MODELLI CON PINZA FISSA (SMR/SMM/SMX)
SMR/SMM - Svitare le due viti da M8 (1) e rimuovere la pinza. Fare leva
per spingere i pistoncini nella propria sede quindi togliere la coppiglia
di sicurezza (2), sfilare il perno (3) e quindi estrarre le pastiglie, facendo attenzione alla lamina a molla (4). Rimontare le pastiglie nuove, la
lamina, il perno e il fermo di sicurezza, quindi rimontare la pinza e
serrare le viti M8 a 25Nm.
SMX - Svitare le due viti M10 (10) e rimuovere la pinza dal gambaletto.
Premere uno alla volta i due ganci (8) per liberare e sfilare i perni di
ritegno (9). Fare leva su una coppia di pastiglie per far rientrare i pistoncini
alla posizione base. Estrarre le pastiglie usurate ed inserire le nuove.
Ripetere l’ operazione per l’ altra coppia di pastiglie. Premere di nuovo
sino in fondo i due ganci e reinserire i perni: assicurarsi che essi siano
inseriti fino in fondo, abbiano il loro gioco e siano correttamente agganciati. Rimontare la pinza e serrare le viti M10 a 40Nm.
4
3
1
2
AVVERTIMENTO
- PER TUTTI I MODELLI: QUANDO SI FANNO RIENTRARE I PISTONCINI ALLA
POSIZIONE BASE PER FARE SPAZIO ALLE PASTICCHE NUOVE, FARE ATTENZIONE CHE L’ OLIO CONTENUTO NEL SERBATOIO ABBIA LO SPAZIO PER
ESPANDERSI. NON LAVORARE SENZA TAPPO MONTATO, ALTRIMENTI L’ OLIO
ESPANDENDOSI POTREBBE TRABOCCARE DANNEGGIANDO PARTI DELLA
MOTO.
10
PERICOLO
- IL DISCO DEL FRENO VA MANTENUTO SEMPRE PERFETTAMENTE PULITO DA OLIO E GRASSO, IN CASO CONTRARIO VERREBBE FORTEMENTE
RIDOTTO L’EFFETTO FRENANTE.
- DOPO IL MONTAGGIO CONTROLLARE IL CORRETTO POSIZIONAMENTO
DELLE SICURE. DOPO OGNI INTERVENTO SUL SISTEMA DI FRENATURA
AZIONARE LA LEVA DEL FRENO ANTERIORE E IL PEDALE DEL FRENO
POSTERIORE PER FAR ADERIRE LE PASTIGLIE AL DISCO E PER RIPRISTINARE LA CORRETTA REGOLAZIONE DEL GIOCO.
ITALIANO
48
8
9
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
MODIFICA POSIZIONE B
ASE DEL PED
ALE
BASE
PEDALE
FRENO POSTERIORE (A)
La posizione base del pedale del freno posteriore può essere modificata nel modo seguente: allentare il controdado M6 (1) lato forcella,
ruotare la vite di registro agendo sulla testa esagonale (2). Una volta
trovata la posizione ideale, serrare il controdado.
La corsa a vuoto del pedale è data dalla corsa del pistoncino della
pompa; verificare che il pedale abbia una corsa a vuoto prima di iniziare la frenatura di circa 1,5 cm.
AVVERTIMENTO
SE NON VI È QUESTA CORSA A VUOTO, SI SVILUPPA DELLA PRESSIONE NEL
SISTEMA DI FRENATURA E DI CONSEGUENZA LA RUOTA POSTERIORE VIENE
FRENATA. IL SISTEMA DI FRENATURA SI SURRISCALDA E NEL CASO ESTREMO
IL SUO FUNZIONAMENTO PUÒ VENIRE A MANCARE COMPLETAMENTE.
CONTROLLO LIVELLO LIQUIDO FRENO
POSTERIORE
TUTTI I MODELLI
II contenitore del liquido per il freno a disco posteriore è incorporato
nella pompa freno posteriore. A motociclo verticale il livello deve trovarsi sempre oltre la metà della spia (3) posta sul corpo pompa.
PERICOLO
SE IL LIVELLO DEL LIQUIDO FRENI SCENDE AL DI SOTTO DEL VALORE
MINIMO, QUESTO INDICA PERDITE DEL SISTEMA DI FRENATURA O IL CONSUMO COMPLETO DELLE PASTIGLIE DEL FRENO.
RABBOCCO LIQUIDO FRENO POSTERIORE (A)
TUTTI I MODELLI
Non appena il livello del liquido del freno posteriore raggiunge la metà
della spia situata sul corpo pompa, occorre provvedere al rabbocco. A
questo scopo svitare le due viti (4) e rimuovere il coperchietto.
Rabboccare con liquido del freno DOT4 fino alla fine della spia. Rimontare il coperchietto e serrare le viti.
Lavare con acqua il liquido per freni che sia travasato o che si sia versato.
PERICOLO
- NON UTILIZZARE IN NESSUN CASO DEL LIQUIDO FRENI DOT5! SI TRATTA
DI UN LIQUIDO PER FRENI A BASE DI OLIO DI SILICONE ED È COLOR
PORPORA. ESSO RICHIEDE L’IMPIEGO DI GUARNIZIONI E TUBI SPECIALI.
- CONSERVATE IL LIQUIDO FRENI FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI.
- IL LIQUIDO FRENI PUÒ PROVOCARE IRRITAZIONI ALLA PELLE. NON PORTATELO A CONTATTO CON LA PELLE O CON GLI OCCHI. SE DOVESSE
SPRUZZARE DEL LIQUIDO FRENI NEGLI OCCHI, SCIACQUATE ACCURATAMENTE CON ACQUA E CONSULTATE UN MEDICO.
AVVER
TIMENT
O
VVERTIMENT
TIMENTO
- NON PORTARE IL LIQUIDO FRENI A CONTATTO CON PARTI VERNICIATE, IL
LIQUIDO FRENI CORRODE LA VERNICE !
- UTILIZZATE SOLO LIQUIDO FRENI PULITO PROVENIENTE DA UN CONTENITORE A TENUTA ERMETICA.
49
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTR
OLL
O P
ASTIGLIE FRENO POSTERIORE
CONTROLL
OLLO
PASTIGLIE
Le pastiglie dei freno vanno controllate dal lato posteriore. Lo spessore
del materiale di attrito delle pastiglie non deve essere inferiore a 1 mm.
PERICOLO
AL PUNTO PIÙ SOTTILE LO SPESSORE DEL MATERIALE DI ATTRITO DELLE
PASTIGLIE DEI FRENI NON DEVE ESSERE INFERIORE A 1 MM, ALTRIMENTI SI
POTREBBE VERIFICARE UN GUASTO AI FRENI. NELL’INTERESSE DELLA VOSTRA
PROPRIA SICUREZZA FATE PERCIÒ SOSTITUIRE IN TEMPO LE PASTIGLIE.
AVVERTIMENTO
SE LE PASTIGLIE DEL FRENO VENGONO SOSTITUITE TROPPO TARDI COSICCHÉ
IL MATERIALE D’ ATTRITO RISULTI COMPLETAMENTE CONSUMATO, LE PARTI IN
ACCIAIO DELLE PASTIGLIE SFREGANO SUL DISCO. CIÒ COMPORTA UNA NOTEVOLE DIMINUZIONE DELL’EFFETTO FRENATE ED IL DETERIORAMENTO DEL
DISCO DEL FRENO
SOSTITUZIONE P
ASTIGLIE FRENO POSTERIORE (A)
PASTIGLIE
PER TUTTI I MODELLI CON PINZA FLOTTANTE (END/MX/SMR/SMX)
Spingere la pinza freno (1) verso il disco, affinché il pistoncino giunga
nella sua posizione base. Rimuovere il tappo (2) con un giravite, svitare il perno (3) e sfilare le pastiglie freno. Fare attenzione alle lamelle
(4) interposte tra le pastiglie: esse devono essere rimontate molto
accuratamente. Pulire accuratamente la pinza freno con aria compressa e controllare che non sia danneggiata la superficie dei perni di
guida.
Rimontare le pastiglie nuove curando il posizionamento delle lamelle,
inserire il perno, riavvitarlo e serrare. Rimontare il tappo usando un
giravite. Serrare forte.
PER TUTTI I MODELLI CON PINZA FISSA (SMM)
Rimuovere l’ anello di sicurezza e sfilare il perno battendo con un
cacciaspine da diam. 4mm. sullo stesso lato dove si trova l’ anello di
sicurezza.
1
2
3
4
PERICOLO
- IL DISCO DEL FRENO VA MANTENUTO SEMPRE PERFETTAMENTE PULITO DA OLIO E GRASSO, IN CASO CONTRARIO VERREBBE FORTEMENTE
RIDOTTO L’EFFETTO FRENANTE.
- DOPO IL MONTAGGIO CONTROLLARE IL CORRETTO POSIZIONAMENZO
DELLE SICURE.
- DOPO OGNI INTERVENTO SUL SISTEMA DI FRENATURA AZIONARE LA
LEVA DEL FRENO ANTERIORE E IL PEDALE DEL FRENO POSTERIORE PER
FAR ADERIRE LE PASTIGLIE AL DISCO E PER RIPRISTINARE LA CORRETTA REGOLAZIONE DEL GIOCO.
SMONT
AGGIO E MONT
AGGIO R
UO
TA ANTERIORE
SMONTA
MONTA
RUO
UOT
Posizionare la moto con la culla del telaio su un cavalletto di modo che
la ruota anteriore non tocchi più terra.
Allentare il dado flangiato (5), allentare le viti di serraggio sui piedini
forcella sinistro e destro (6), finire di svitare il dado flangiato.
Tenendo ferma la ruota anteriore, sfilare il perno ruota (7).
Se fosse necessario, per aiutare il perno ruota ad uscire, battere leggermente con un mazzuolo (martello con estremità in plastica) sull’
estremità filettata del perno stesso.
In alternativa si può usare un martello comune interponendo una tavoletta di legno.
NON USARE MAI IL MARTELLO DIRETTAMENTE SUL PERNO, SI RISCHIA DI DANNEGGIARE IL PERNO IN MODO IRREPARABILE.
Sfilare con cautela la ruota anteriore dalla forcella.
ITALIANO
50
6
5
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
AVVERTIMENTO
- NON AZIONARE MAI LA LEVA DEL FRENO QUANDO LA RUOTA ANTERIORE È
SMONTATA.
- POGGIATE LA RUOTA SEMPRE CON IL DISCO FRENO IN ALTO PER EVITARE DI
DANNEGGIARLO.
Per il rimontaggio della ruota anteriore, inserirla con cautela nella forcella,
avendo cura di infilare correttamente il disco tra le pastiglie del freno senza
danneggiarle, posizionarla correttamente e montare il perno ruota.
Avvitare e stringere provvisoriamente il dado flangiato (5) fino a bloccare
lo spessore ruota, serrare le viti di bloccaggio (6) sul piedino forcella
destro per impedire che il perno ruota giri e serrare il dado flangiato a 40
Nm. Serrare le viti di bloccaggio sul piedino forcella sinistro a 12Nm.
Allentare di nuovo le viti di bloccaggio sul piedino destro, rimuovere la
motocicletta dal cavalletto, azionare il freno anteriore e far affondare con
forza alcune volte la forcella per allinearne gli steli. Terminare serrando
definitivamente le viti di bloccaggio sul piedino forcella destro a 12Nm.
6
7
PERICOLO
- SE AL MONTAGGIO NON DISPONETE DI UNA CHIAVE DINAMOMETRICA,
FATE CONTROLLARE LA COPPIA DI SERRAGGIO AL PIÙ PRESTO POSSIBILE IN UN’OFFICINA SPECIALIZZATA TM. UN PERNO RUOTA ALLENTATO
PUÒ CAUSARE UN COMPORTAMENTO DI GUIDA INSTABILE DELLA MOTO.
- DOPO AVER MONTATO LA RUOTA ANTERIORE AZIONATE
RIPETUTAMENTE LA LEVA DEL FRENO FINO A FAR ADERIRE NUOVAMENTE LE PASTIGLIE AL DISCO.
- IL DISCO DEL FRENO VA MANTENUTO SEMPRE PERFETTAMENTE PULITO DA OLIO E GRASSO. IN CASO CONTRARIO L’EFFETTO FRENANTE
VERREBBE NOTEVOLMENTE RIDOTTO.
SMONT
AGGIO E MONT
AGGIO R
UO
TA
SMONTA
MONTA
RUO
UOT
POSTERIORE (TUTTI I MODELLI TRANNE SMM)
Appoggiare la motocicletta con la culla del telaio su un cavalletto, in modo
che la ruota posteriore non tocchi più il suolo. Svitare il dado flangiato (1)
e, sorreggendo la ruota, estrarre il perno ruota (2), rimuovere la slitta
tendicatena (3), togliere la catena dalla corona, togliere la pinza con il suo
supporto ed estrarre con cautela la ruota posteriore dal forcellone. Fare
attenzione agli spessori ruota basso (lato corona) ed alto (lato freno).
AVVERTIMENTO
- NONAZIONARE ILFRENOAPEDALE QUANDO LARUOTAPOSTERIORE È SMONTATA.
- POGGIATE LA RUOTA SEMPRE CON IL DISCO FRENO IN ALTO PER EVITARE DI
DANNEGGIARLO.
- QUANDO VIENE SMONTATO IL PERNO RUOTA OCCORRE PULIRE ACCURATAMENTE LE FILETTATURE DEL PERNO RUOTA E DEL DADO A COLLETTO E
REINGRASSARLE PER EVITARE UN GRIPPAGGIO DELLE FILETTATURE.
3
1
Per il montaggio inserire lo spessore basso (lato corona) nel mozzo,
posizionare i tendicatena, infilare la ruota nel forcellone, e, sorreggendo la ruota, posizionare la pinza con il suo supporto e montare la
catena sulla corona. Inserire il perno dal lato corona fino a metà ruota
onde permettere il posizionamento dello spessore alto (lato freno).
Finire di inserire il perno, inserire la slitta tendicatena, avvitare il dado
e serrare a 80 Nm. Prima di serrare il dado flangiato, spingere in
avanti la ruota posteriore affinché i tendicatena siano in contatto con le
teste delle viti di registro.
PERICOLO
- SE AL MONTAGGIO NON DISPONETE DI UNA CHIAVE DINAMOMETRICA,
FATE CORREGGERE LA COPPIA DI SERRAGGIO AL PIÙ PRESTO POSSIBILE IN UN’OFFICINA SPECIALIZZATA TM. UN PERNO RUOTA ALLENTATO
PUO CAUSARE UN COMPORTAMENTO DI GUIDA INSTABILE DELLA MOTO.
- TENETE IL DISCO FRENO SEMPRE PULITO DA OLIO E GRASSO, PERCHÉ
ALTRIMENTI L’EFFETTO FRENANTE VERREBBE FORTEMENTE RIDOTTO.
- DOPO AVER RIMONTATO LA RUOTA POSTERIORE AZIONATE SEMPRE IL FRENO A PEDALE FINO A FAR ADERIRE NUOVAMENTE LE PASTIGLIE AL DISCO.
- STRINGERE IL DADO FLANGIATO CON LA COPPIA DI SERRAGGIO PRESCRITTA. UN PERNO RUOTA ALLENTATO PUO’ COMPORTARE UNA TENUTA DI STRADA INSTABILE.
51
2
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
SMONT
AGGIO E MONT
AGGIO R
UO
TA
SMONTA
MONTA
RUO
UOT
POSTERIORE (SMM)
8
Appoggiare la motocicletta con la culla del telaio su un cavalletto, in
modo che la ruota posteriore non tocchi più il suolo. Tagliare la legatura di sicurezza (6), sfilare il fermaglio (7) e svitare il dado ruota
M50x1,5(8). Fare attenzione allo spessore conico (9) interposto fra
dado e cerchio. Estrarre con cautela la ruota.
AVVERTIMENTO
- QUANDO VIENE SMONTATO IL DADO RUOTA OCCORRE PULIRE ACCURATAMENTE LE FILETTATURE DELL’ALBERO E DEL DADO E REINGRASSARLE PER
EVITARE UN GRIPPAGGIO DELLE FILETTATURE.
6
7
Per il montaggio procedere in senso inverso, serrando il dado ruota
M50x1,5 a 185 Nm. Rimontare il fermaglio e rifare la legatura di sicurezza.
9
PERICOLO
- NON DIMENTICARE DI ESEGUIRE LA LEGATURA DI SICUREZZA ALLE
ESTREMITA’ DEL FERMAGLIO
- SE AL MONTAGGIO NON DISPONETE DI UNA CHIAVE DINAMOMETRICA,
FATE CORREGGERE LA COPPIA DI SERRAGGIO AL PIÙ PRESTO POSSIBILE IN UN’OFFICINA SPECIALIZZATA TM. UN PERNO RUOTA ALLENTATO
PUO CAUSARE UN COMPORTAMENTO DI GUIDA INSTABILE DELLA
MOTO.
- TENETE IL DISCO FRENO SEMPRE PULITO DA OLIO E GRASSO, PERCHÉ
ALTRIMENTI L’EFFETTO FRENANTE VERREBBE FORTEMENTE RIDOTTO.
- DOPO AVER RIMONTATO LA RUOTA POSTERIORE AZIONATE SEMPRE IL
FRENO A PEDALE FINO A FAR ADERIRE NUOVAMENTE LE PASTIGLIE AL
DISCO.
CONTROLLO TENSIONE RAGGI
Una corretta tensione dei raggi è molto importante per la stabilità della
ruota e quindi per la sicurezza su strada. Un raggio insufficientemente
teso comporta lo squilibrio della ruota ed in breve tempo l’allentamento
di altri raggi. Controllare regolarmente la tensione dei raggi, particolarmente su motociclette nuove. A tal fine colpire brevemente ogni raggio con la punta di un cacciavite (vedi foto): il raggio dovrà produrre un
suono chiaro. Suoni cupi invece significano raggi lenti. In tal caso
occorrerà far registrare i raggi in un’officina specializzata e far centrare
la ruota.
PERICOLO
- SE PROSEGUITE IL VIAGGIO CON RAGGI INSUFFICIENTEMENTE TESI, I
RAGGI POSSONO STRAPPARSI CAUSANDO PROBLEMI DI INSTABILITA’.
- RAGGI ECCESSIVAMENTE TESI SI POSSONO STRAPPARE A CAUSA DI
UN SOVRACCARICO LOCALE.
ITALIANO
52
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
PNEUMA
TICI, PRESSIONE PNEUMA
TICI
PNEUMATICI,
PNEUMATICI
PRESSIONE
PNEUMATICI
PNEUMATICI
TICI
PRESSIONE PNEUMA
PNEUMATICI
Il tipo, lo stato e la pressione dei pneumatici condizionano il comportamento su strada della motocicletta e vanno pertanto controllati prima di ogni viaggio.
- La misura dei pneumatici è indicata nei dati tecnici e nel libretto
della moto.
- Lo stato dei pneumatici deve essere controllato prima di ogni viaggio.
Controllare i pneumatici verificando che non presentino tagli, chiodi
conficcati o altri oggetti appuntiti.
Riguardo alla profondità minima del profilo rispettate le normative
vigenti nel vostro paese. Noi raccomandiamo di cambiare i pneumatici al più tardi quando il profilo ha raggiunto una profondità di 2 mm.
- La pressione d’aria dei pneumatici va controllata regolarmente a
pneumatici “freddi”. La corretta regolazione della pressione garantisce ottimale confort di viaggio e massima durata del pneumatico.
ANTERIORE
POSTERIORE
Fuori strada
1,1 bar
1,1 bar
Strada, solo guidatore
1,7 bar
1,7 bar
PERICOLO
- FAR MONTARE ESCLUSIVAMENTE PNEUMATICI DI TIPO E MISURE OMOLOGATI PER IL VOSTRO VEICOLO E COMUNQUE PRESCRITTI DALLA
TM. PNEUMATICI DIVERSI POSSONO CONDIZIONARE NEGATIVAMENTE
IL COMPORTAMENTO SU STRADA DELLA MOTOCICLETTA E FARVI INCORRERE NELLE SANZIONI PREVISTE DALLE NORMATIVE VIGENTI NEL
VOSTRO PAESE .
- PER GARANTIRE LA VOSTRA ED ALTRUI INCOLUMITÀ, PNEUMATICI
DANNEGGIATI VANNO SOSTITUITI IMMEDIATAMENTE.
- PNEUMATICI ECCESSIVAMENTE USURATI CONDIZIONANO NEGATIVAMENTE IL COMPORTAMENTO SU STRADA DEL MOTOCICLO, SOPRATTUTTO SU FONDO BAGNATO.
- UNA PRESSIONE NON CORRETTA COMPORTA UN’USURA ANOMALA ED
IL SURRISCALDAMENTO DEL PNEUMATICO.
CONTR
OLL
O/REGOLAZIONE DIST
ANZA
CONTROLL
OLLO/REGOLAZIONE
DISTANZA
SENSORE MAGNETICO (A)
2-4 mm
TACHIMETRO ELETTRONICO
Nelle versioni END il sensore magnetico è posizionato sulla ruota anteriore mentre nelle versioni SMR, SMM è posizionato su quella posteriore.
TACHIMETRO ELETTRONICO DIGITALE RETROILLUMINATO
In tutte le versioni il sensore magnetico è posizionato sulla ruota posteriore.
2
1
La distanza fra rilevatore (2) e sensore (1) deve essere di 2-4mm. In
caso contrario possono verificarsi irregolarità di funzionamento del
tachimetro.
BA
TTERIA (END/MX/SMR/SMM/SMX
BATTERIA
- TUTTI I MODELLI CON E.S.)
Per accedere alla batteria bisogna rimuovere la sella.
La batteria non richiede manutenzione.
Non è necessario controllare il livello dell’elettrolita o rabboccare con
acqua.
Bisogna soltanto tenere puliti i poli della batteria e, se necessario,
ungerli leggermente con grasso privo di acidi.
Smontaggio batteria:
Staccare dalla batteria prima il polo negativo poi quello positivo.
Sganciare gli elastici (1).
Togliere la batteria.
Al montaggio della batteria inserirla con i poli rivolti verso la parte
posteriore della moto (vedi figura), collegare prima il polo positivo e
poi il polo negativo alla batteria.
53
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
PERICOLO
- SE PER QUALUNQUE MOTIVO CI DOVESSE ESSERE UNA FUORIUSCITA DI
ELETTROLITA (ACIDO SOLFORICO) DALLA BATTERIA, SI RACCOMANDA LA MASSIMA PRECAUZIONE.
L’ELETTROLITA PUÒ PROVOCARE GRAVI USTIONI.
- AL CONTATTO CON LA PELLE SCIACQUARE ABBONDANTEMENTE CON
ACQUA.
- SE QUALCHE GOCCIA DI ELETTROLITA ENTRA NEGLI OCCHI, SCIACQUARE ALMENO PER 15 MINUTI CON ACQUA E CONSULTARE SUBITO UN
MEDICO.
- BENCHÉ’ SI TRATTI DI UNA BATTERIA SIGILLATA È POSSIBILE CHE
FUORIESCANO DEI GAS ESPLOSIVI. TENERE SCINTILLE O FIAMME APERTE LONTANE DALLA BATTERIA.
- TENERE BATTERIE DIFETTOSE FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI E
PROVVEDERE AD UN REGOLARE SMALTIMENTO.
2
AVVERTIMENTO
- IL LISTELLO DI CHIUSURA (2) NON VA ASSOLUTAMENTE TOLTO, PERCHÉ
ALTRIMENTI IL REGOLATORE-RADDRIZZATORE VERREBBE DISTRUTTO.
- LA BATTERIA DEVE ESSERE MONTATA CON I POLI DAVANTI (COME NELLA
FIGURA), SE VIENE MONTATAAL CONTRARIO, È POSSIBILE CHE FUORIESCA
DELL’ELETTROLITA!
CONSERVAZIONE:
Se la motocicletta viene tenuta ferma per molto tempo, smontare la
batteria e caricarla. Conservare ad una temperatura di 0-35°C al riparo da luce solare diretta.
CARICA B
ATTERIA
BA
Smontare la batteria e determinare lo stato di carica. A questo scopo
misurare con un voltmetro la tensione fra i poli della batteria (tensione
di riposo).
Per ottenere una misurazione esatta, prima della misurazione la batteria non deve essere né caricata né scaricata per almeno 30 minuti.
VOLT
Se non è possibile determinare lo stato di carica, la batteria può essere caricata al massimo per 10 ore con 0,5 ampere e max. 14,4 volt.
AVVERTIMENTO
- IL LISTELLO DI CHIUSURA NON VA ASSOLUTAMENTE RIMOSSO, PERCHÉ
ALTRIMENTI ESSO VIENE DANNEGGIATO.
- PER LA RICARICA COLLEGARE PRIMA LA BATTERIA AL CARICA-BATTERIE,
POI ACCENDERE IL CARICA-BATTERIE.
- ALLA CARICA IN LOCALI CHIUSI PROVVEDERE AD UNA BUONAAERAZIONE.
DURANTE LA CARICA LA BATTERIA PRODUCE GAS ESPLOSIVI.
- SE LA BATTERIA VIENE CARICATA PER TROPPO TEMPO O CON UNA TENSIONE TROPPO ALTA FUORIESCE DELL’ELETTROLITA ATTRAVERSO LE VALVOLE DI SICUREZZA. COSÌ LA BATTERIA PERDE CAPACITÀ.
- EVITARE POSSIBILMENTE LE CARICHE VELOCI.
ITALIANO
54
TENSIONE
DI RIPOSO
STATO DI
CARICA
DURATA DI TENSIONE
CARICA A DI CARICA
VOLT
%
0,5 A
>12,7
100
-
Max.
~12,5
75
4 ore
14,4 V
~12,2
50
7 ore
~12,0
25
11 ore
~11,8
0
14 ore
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
FUSIBILE RICARICA (TUTTI I MODELLI CON E.S.)
Il fusibile (1) si trova nel relè del motorino d’avviamento elettrico (2)
sotto il portabatteria rimovibile.
Dopo aver rimosso la sella ed il portabatteria si può accedere al fusibile.
Il fusibile ha una portata di 30 ampere.
Con esso sono protette le seguenti utenze:
- sistema di ricarica
- batteria
Nel relè d’avviamento si trova anche un fusibile di scorta (3) da 10
ampere.
FUSIBILE SERVIZI (TUTTI I MODELLI CON LUCI)
Il fusibile si trova nell’ apposito portafusibile (4) in gomma situato
sotto il portabatteria rimovibile.
Dopo aver rimosso la sella ed il portabatteria ed aperto il portafusibile
si può accedere al fusibile.
Il fusibile ha una portata di 10 ampere.
Con esso sono protette le seguenti utenze:
- impianto di illuminazione
- indicatore di direzione
- avvisatore acustico
Un fusibile bruciato deve essere sostituito esclusivamente con un altro
equivalente. Se anche il nuovo fusibile dovesse bruciarsi una volta
montato, rivolgersi assolutamente ad una officina specializzata TM.
AVVERTIMENTO
NON MONTARE IN NESSUN CASO UN FUSIBILE DI MAGGIORE PORTATA O
TENTARE DI “AGGIUSTARE” LO STESSO FUSIBILE. TRATTAMENTI NON APPROPRIATI POTREBBERO CAUSARE IL GUASTO DELL’INTERO IMPIANTO ELETTRICO.
SOSTITUZIONE LAMP
ADIN
A F
LAMPADIN
ADINA
FAR
ARO/LAMP
O/LAMPADIN
ADINA
AR
O/LAMP
ADIN
A
LUCE POSIZIONE (CON FARO STANDARD END/SMR/SMM)
7
Staccare entrambi gli elastici e spostare in avanti la mascherina
portafaro.
LAMPADINA BILUCE FARO
Staccare i cavi blu, bianco e nero e rimuovere la protezione in gomma
(7). Sganciare il fermo ed estrarre con cautela il portalampada (8).
Sostituire la lampadina (9). Rimontare il portalampada, la protezione
in gomma e i cavi rispettando la posizione indicata.
LAMPADINA POSIZIONE
Estrarre il portalampada (10) dalla parabola, sostituire la lampadina.
Rimontare il portalampada.
Riposizionare la mascherina portafaro e fissarla con gli elastici.
55
8
9
NERO
10
BLU
BIANCO
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
SOSTITUZIONE LAMP
ADINE F
AR
O/LAMP
ADIN
A
LAMPADINE
FAR
ARO/LAMP
O/LAMPADIN
ADINA
LUCE POSIZIONE
19
21
(CON F
AR
O OPZION
ALE “CICL
OPE” END/SMR/SMM)
FAR
ARO
OPZIONALE
“CICLOPE”
Staccare entrambi gli elastici e spostare in avanti la mascherina
portafaro.
20
LAMPADINA FARO ANABBAGLIANTE
Disconnettere il terminale, rimuovere il coperchietto (13) e la guarnizione (14). Svitare la vite (15) e rimuovere il fermo (16). Allentare la vite
a brugola (17) ed estrarre con cautela la lampadina (18). Sostituire
con una equivalente, serrare di nuovo la vite a brugola, rimontare il
fermo in posizione corretta e bloccare con la vite avendo cura di inserire l’ occhiello di massa sotto la testa della vite. Rimontare il
coperchietto con la guarnizione e collegare il terminale.
LAMPADINA FARO ABBAGLIANTE
Rimuovere la protezione in gomma (19), svitare la vite (20) ed estrarre
con cautela la lampadina (21). Sostituire la lampadina con una equivalente.
Rimontare la vite avendo cura di inserire l’ occhiello di massa sotto la
testa della vite stessa. Riposizionare la protezione in gomma.
LAMPADINA POSIZIONE
Estrarre il portalampada (22) dalla parabola, sostituire la lampadina
(23). Rimontare il portalampada.
Riposizionare la mascherina portafaro e fissarla con gli elastici.
22
13-14
17
16
15
AVVERTIMENTO
NON TOCCARE MAI IL BULBO IN VETRO DELLE LAMPADINE CON LE DITA PER
EVITARE DI LASCIARE TRACCE DI GRASSO.
PER ESSERE SICURI DI INSTALLARE LE LAMPADINE PRESCRITTE, CONSULTARE LA TABELLA “DATI TECNICI CICLISTICA”.
SOSTITUZIONE LAMP
ADIN
A F
AN
ALINO
LAMPADIN
ADINA
FAN
ANALINO
POSTERIORE LUCE POSIZIONE/LUCE STOP/
LUCE TAR
GA (END/SMR/SMM)
ARGA
Svitare le viti (1) e rimuovere il coperchietto (2).
Sostituire la lampadina con una equivalente. Rimontare il coperchietto
e serrare le viti.
La lampadina è biluce e provvede a tutte le funzioni suddette.
1
SOSTITUZIONE LAMP
ADIN
A INDICA
TORE
LAMPADIN
ADINA
INDICAT
DI DIREZIONE (END/SMR/SMM)
Svitare la vite(3) e rimuovere il coperchietto (4).
Sostituire la lampadina con una equivalente. Rimontare il coperchietto
e serrare la vite.
ITALIANO
56
2
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
RAFFREDD
AMENT
O
RAFFREDDAMENT
AMENTO
La pompa dell’acqua (1) alloggiata nel motore induce una circolazione forzata del liquido di raffreddamento.
Nell’ impianto non vi è termostato, pertanto a motore freddo è importante moderare il numero di giri del motore e la velocità. Procedere per
almeno 5 minuti a metà gas e ad andatura ridotta per permettere al
motore di raggiungere una adeguata temperatura di funzionamento.
Il raffreddamento avviene grazie al passaggio dell’ aria attraverso le
alette dei radiatori, più la velocità è bassa, minore è l’effetto di raffreddamento. Anche alette del radiatore sporche diminuiscono l’effetto di
raffreddamento.
La pressione causata dall’elevata temperatura del liquido viene regolata da una valvola sul tappo del radiatore (2); si possono raggiungere
temperature prossime ai 120°C senza timore di inconvenienti.
PERICOLO
- CONTROLLARE IL LIVELLO DEL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO POSSIBILMENTE A MOTORE FREDDO. SE DOVETE TOGLIERE IL TAPPO DEL
RADIATORE A MOTORE CALDO, COPRITELO CON UN PANNO ED APRITELO LENTAMENTE PER SCARICARE LA SOVRAPPRESSIONE. ATTENZIONE, PERICOLO DI SCOTTATURE!
- NON STACCARE I MANICOTTI DEL RADIATORE A MOTORE CALDO. IL
LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO ED IL VAPORE CALDI CHE FUORIESCONO,
POSSONO CAUSARE USTIONI GRAVI.
- IN CASO DI USTIONI TENETE SUBITO LA PARTE INTERESSATA SOTTO
ACQUA CORRENTE FREDDA.
- IL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO È TOSSICO! CONSERVATELO QUINDI
FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI.
- SE AVETE INGERITO DEL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO, FATEVI SUBITO VISITARE DA UN MEDICO.
- SE DEL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO ENTRA NEGLI OCCHI, SCIACQUATE SUBITO CON ACQUA FREDDA E FATEVI VISITARE DA UN MEDICO.
Come liquido di raffreddamento viene impiegata una miscela di
anticongelante al 40% e di acqua al 60%. Il limite della protezione
anticongelamento deve però essere di almeno -25°C. Questa miscela offre oltre alla protezione contro il congelamento anche una buona
protezione contro la corrosione e non dovrebbe quindi essere sostituita da acqua pura.
AVVERTIMENTO
- QUANDO IL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO È STATO SCARICATO, AL NUOVO RIEMPIMENTO È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO SPURGARE IL SISTEMA
DI RAFFREDDAMENTO (VEDI PAGINA SEGUENTE).
- USARE SEMPRE PRODOTTI DI BUONA QUALITÀ PER EVITARE L’INSORGERE
DI CORROSIONE O LA FORMAZIONE DI SCHIUMA.
- AD ESTREME CONDIZIONI CLIMATICHE OPPURE NEL TRAFFICO STOP-ANDGO SI PUÒ VERIFICARE UN SURRISCALDAMENTO. PER OVVIARE AL PROBLEMA E DISPONIBILE COME ACCESSORIO PER I MODELLI CON AVVIAMENTO ELETTRICO UN KIT DI ELETTROVENTILATORE (CHIEDETE AL VOSTRO
CONCESSIONARIO TM).
57
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTROLLO LIVELLO LIQUIDO DI
RAFFREDD
AMENT
O
RAFFREDDAMENT
AMENTO
A motore freddo, il liquido deve coprire per circa 10 mm. le canaline del
radiatore. In caso di svuotamento del circuito, provvedere subito al
riempimento e spurgo aria.
AVVERTIMENTO
QUANDO IL LIQUIDO DI RAFFREDDAMENTO È STATO SCARICATO, AL NUOVO
RIEMPIMENTO È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO SPURGARE IL SISTEMA DI
RAFFREDDAMENTO (VEDI SOTTO).
SCARICO, RIEMPIMENTO E SPURGO SISTEMA
DI RAFFREDD
AMENT
O
RAFFREDDAMENT
AMENTO
Il liquido di raffreddamento può essere scaricato togliendo la vite (5)
dal coperchio pompa acqua sul lato destro del motore. Predisporre un
adeguato recipiente per raccogliere il liquido mentre viene scaricato.
Per scaricare il liquido è necessario aprire il tappo di riempimento.
Alla fine riavvitare la vite di scarico e serrare a 12 Nm.
Per riempire il sistema di raffreddamento versare dal bocchettone le
quantità indicate nella tabella “Dati Tecnici Motore” di liquido di raffreddamento. Chiudere il tappo del radiatore e avviare il motore per qualche istante. Riaprire il tappo e controllare il livello: se necessario aggiungere liquido.
Dopo un breve giro controllare di nuovo il livello del liquido di raffreddamento.
SOSTITUZIONE MA
TERIALE DI RIEMPIMENT
O
MATERIALE
RIEMPIMENTO
SILENZIA
TORE DI SCARICO
SILENZIAT
I silenziatori in alluminio sono riempiti di materiale fonoassorbente
(filato di fibra di vetro) al fine di limitare la rumorosità della motocicletta. A causa dell’elevata temperatura raggiunta dai gas di scarico la
lana di vetro tende a bruciarsi, comportando una diminuzione dell’effetto di assorbimento del rumore e causando anche una diminuzione
della potenza.
Per sostituire la fibra di lana di vetro smontare il silenziatore dal telaio
della motocicletta, togliere i rivetti (1) che sostengono il tappo anteriore (2) e sfilare il tappo e la lana da sostituire.
Nei modelli END/SMM/SMR la cartuccia (3) di lana di vetro deve essere tagliata ad una lunghezza di circa 35 cm (peso 350 grammi) mentre
negli altri modelli va inserita intera.
Calzare la cartuccia di lana di vetro sul tubo forato (4) e inserire il tutto
nel silenziatore. Riposizionare la fascetta e fissare con nuovi rivetti.
Non smontare mai il tappo posteriore (5), non occorre e si rischia di
danneggiare il silenziatore.
PERICOLO
DURANTE IL FUNZIONAMENTO DELLA MOTOCICLETTA L’IMPIANTO DI
SCARICO DIVENTA MOLTO CALDO. INIZIATE I LAVORI SULL’IMPIANTO DI
SCARICO SOLO DOPO IL RAFFREDDAMENTO DELLO STESSO ONDE EVITARE BRUCIATURE.
Per facilitare il montaggio del silenziatore ingrassare le parti terminali
dei tubi.
Fissare anche la molla di tenuta tra il tubo ed il silenziatore.
Al momento della messa in moto del motore si può sprigionare un po’
di fumo dalle parti precedentemente ingrassate a causa dell’elevata
temperatura che scioglie il grasso introdotto.
ITALIANO
58
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
AVVERTIMENTO
SOSTITUIRE LA CARTUCCIA DI FIBRA DI LANA CON UNA NUOVA DI UGUALE
GRAMATURA O ACQUISTATA PRESSO I RIVENDITORI TM.
PULIZIA FIL
TR
O ARIA
FILTR
TRO
Un filtro aria sporco compromette il passaggio dell’aria, riduce la potenza del motore ed aumenta il consumo di carburante. In qualche
caso, la polvere può persino giungere nel motore e causare gravi
danni. Per questo la manutenzione del filtro aria va eseguita regolarmente.
Per accedere al filtro rimuovere la sella e sollevare il portabatteria.
Per rimuovere il filtro svitare la vite con testa ad alette posta al centro
del filtro e sfilare con cautela il filtro dalla sua cassa.
AVVERTIMENTO
- NON PULIRE IL FILTRO IN SPUGNA CON BENZINA O PETROLIO CHE LO POSSONO CORRODERE. PER UNA CORRETTA MANUTENZIONE DEL FILTRO IN
SPUGNA, USARE GLI APPOSITI PRODOTTI IN COMMERCIO PER LA PULIZIA E
PER LA LUBRIFICAZIONE.
- NON METTERE MAI IN FUNZIONE LA MOTOCICLETTA SENZA FILTRO ARIA.
L’INFILTRAZIONE DI POLVERE E SPORCO PUÒ CAUSARE DANNI ED UN’ELEVATA USURA.
Lavare con cura il filtro con lo speciale liquido detergente e farlo asciugare bene: spremere leggermente il filtro ma mai strizzarlo. Pulire
anche la cassafiltro e controllare che il cuffiotto che collega il carburatore alla cassa filtro sia integro e correttamente posizionato.
Rimontare il filtro aria posizionandolo correttamente sul suo piano d’
appoggio, curando che non vi siano lembi del filtro sollevati o non
aderenti al piano d’ appoggio stesso.
Riavvitare la vite con testa ad alette e serrare adeguatamente.
CONTROLLO REGOLAZIONE COMANDO
DECOMPRESSORE A MANO (A)
(TUTTI I MODELLI DI 530 CC.)
Portare l’ albero motore al PMS a valvole chiuse e azionare la leva del
decompressore a mano. Si deve percepire una corsa a vuoto di circa
5mm.sull’ estremità della leva. La fine della corsa a vuoto si riconosce
dall’ indurimento della leva che inizia ad aprire la valvola di scarico
destra. Se necessario regolare la corsa a vuoto. Per regolare: spingere indietro il cappuccio protettivo, allentare il controdado (1) e avvitare
o svitare il registro (2). Serrare il controdado e reinfilare il cappuccio
protettivo.
AVVERTIMENTO
SE NON VI È CORSA A VUOTO ALLA LEVA DI DECOMPRESSIONE, CIÒ COMPORTA DANNEGGIAMENTI DEL MOTORE.
INDICAZIONE:
II decompressore automatico non richiede nessuna regolazione.
59
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
REGOLAZIONE COMANDO A CA
VO DEL GAS
CAV
Il comando gas dovrebbe avere sempre un gioco di 3-5 mm. Inoltre, a
motore acceso, il numero di giri del minimo non deve variare quando
si sterza fino all’arresto a destra ed a sinistra. Per regolare il gioco,
togliere la sella ed il serbatoio con i convogliatori. Spingere indietro il
cappuccio di protezione (3). Allentare il controdado (4) e avvitare o
svitare il registro (5). Avvitando la corsa a vuoto aumenta. Svitando la
corsa a vuoto diminuisce.
Serrare il controdado e controllare la scorrevolezza della manopola
comando gas. Rimontare serbatoio e sella.
A motore spento non aprire e chiudere la manopola del gas più di 1-2
volte: ad ogni apertura corrisponde l’azionamento della pompa di ripresa, questo potrebbe causare l’ingolfamento del motore.
REGOLAZIONE POSIZIONE B
ASE DELLA LEV
A
BASE
LEVA
FRIZIONE
Con la vite di regolazione (1) la posizione base della leva frizione può
essere individualmente regolata. Così può essere regolata la posizione ottimale della leva frizione per qualsiasi misura della mano. Se la
vite di regolazione viene girata in senso orario, la leva frizione si avvicina al manubrio. Se la vite di regolazione viene girata in senso antiorario,
la leva frizione si allontana dal manubrio.
Con la vite di regolazione (2) si regola la corsa della pompa dopo aver
regolato la posizione della leva.
AVVERTIMENTO
IL CAMPO DI REGOLAZIONE È LIMITATO. GIRARE LA VITE DI REGOLAZIONE
SOLO MANUALMENTE SENZA SFORZARE.
CONTROLLO LIVELLO OLIO DELLA FRIZIONE
IDRAULICA
4
2
II serbatoio dell’ olio fa corpo unico con la pompa frizione posta sul
manubrio ed è provvisto di una spia di ispezione: con serbatoio in posizione orizzontale, il livello dei liquido non deve mai scendere sotto la
mezzeria della spia, nè oltrepassarne il margine superiore. In caso
fosse necessario, per rabboccare l’ olio rimuovere le viti (2) e togliere il
coperchio (3) unitamente al soffietto di gomma (4). Tenendo sempre il
serbatoio in posizione orizzontale, rabboccare con liquido per freni DOT4.
3
AVVERTIMENTO
- PER IL COMANDO IDRAULICO DELLA FRIZIONE LA TM UTILIZZA LIQUIDO
PER FRENI DOT4, NON USARE MAI DOT5 O ALTRO.
- NON PORTARE IL LIQUIDO FRENI A CONTATTO CON PARTI VERNICIATE, IL
LIQUIDO FRENI CORRODE LA VERNICE !
- UTILIZZATE SOLO LIQUIDO FRENI PULITO PROVENIENTE DA UN CONTENITORE A TENUTA ERMETICA.
SPURGO FRIZIONE IDRAULICA
Per lo spurgo va tolto il coperchio della pompa frizione. A questo scopo
rimuovere le viti (2) e togliere il coperchio (3) unitamente al soffietto di
gomma (4). Al nipplo di spurgo (5) del cilindro pompa frizione sul motore
collegare l’ apposita macchina aspirante ed azionarla, contemporaneamente allentare il nipplo di spurgo. Continuare finchè non esca più
aria ma solo olio dal nipplo. Serrare il nipplo. Disconnettere la macchina aspirante. Durante l’ operazione controllare che il livello nel serbatoio della pompa frizione sia sempre sufficiente ad evitare che la pompa
peschi aria. All’occorrenza rabboccare con liquido per freni DOT4.
AVVERTIMENTO
- PER IL COMANDO IDRAULICO DELLA FRIZIONE LA TM UTILIZZA LIQUIDO
PER FRENI DOT4, NON USARE MAI DOT5 O ALTRO.
- NON PORTARE IL LIQUIDO FRENI A CONTATTO CON PARTI VERNICIATE, IL
LIQUIDO FRENI CORRODE LA VERNICE !
- UTILIZZATE SOLO LIQUIDO FRENI PULITO PROVENIENTE DA UN CONTENITORE A TENUTA ERMETICA.
ITALIANO
60
5
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CARB
URA
TORE - REGOLAZIONE DEL MINIMO (A)
CARBURA
URAT
La regolazione del minimo influisce fortemente sulla messa in moto
del motore, vale a dire che un motore con un minimo regolato correttamente sarà più facile da avviare di un motore con una regolazione
errata del minimo.
II minimo viene regolato con il pomello di registro (1) e la vite di registro miscela (2). Con il pomello di registro viene regolata la posizione
base della valvola gas. Con la vite di registro miscela viene regolata la
miscela per il minimo, che giunge attraverso il sistema per il minimo
fino al motore. Girando in senso orario la quantità di carburante diminuisce (miscela magra), girando in senso antiorario la quantità di
carburante aumenta (miscela grassa).
PER IMPOSTARE CORRETTAMENTE IL FUNZIONAMENTO AL MINIMO PROCEDERE COME SEGUE:
1 Avvitare la vite registro miscela (2) fino all’arresto senza forzare,
quindi svitarla fino ad ottenere la regolazione base prevista dalla TM
(vedi Dati Tecnici Motore).
2 Scaldare il motore
3 Con il pomello di registro (1) regolare il numero di giri del minimo
normale (1600 - 1800/min).
4 Girare lentamente la vite di regolazione della miscela (2) in senso
orario finché il numero di giri del minimo inizia ad abbassarsi. Tenete a mente questa posizione e girate ora lentamente la vite di
regolazione della miscela in senso antiorario finché il numero di
giri del minimo torna nuovamente ad abbassarsi. Impostare il punto tra queste due posizioni in cui il numero di giri del minimo è più
elevato. Se dovesse verificarsi un notevole aumento del numero di
giri, ridurre il numero di giri al livello normale con il pomello di registro (1) e ripetere la procedura del punto 4. Chi fa un impiego estremamente sportivo della motocicletta imposterà una miscela più magra di
ca. 1/4 di giro (in senso orario) rispetto a questo valore ideale, perché il
suo motore si scalda di più.
NOTA: Se procedendo nei modi descritti non si dovesse raggiungere alcun risultato soddisfacente, la causa può essere un getto del
minimo con dimensioni non adatte.
a) Se la vite di regolazione della miscela viene avvitata fino all’arresto senza che si registrino variazioni nel numero di giri del minimo,
occorrerà montare un getto del minimo più piccolo.
b) Se il motore si spegne a vite di regolazione della miscela ancora
aperta di due giri occorrerà montare un getto del minimo più grande. Ovviamente dopo aver sostituito il getto occorrerà ricominciare
dall’inizio la regolazione
5 Ora regolare con il pomello di registro il numero di giri del minimo
desiderato.
6 In presenza di forti variazioni della temperatura esterna e dell’altitudine di marcia occorre impostare nuovamente il minimo.
2
Per la regolazione della vite miscela minimo può essere necessario
l’utilizzo di un cacciavite molto corto, inoltre può essere utile la presenza di tacche sull’ impugnatura.
INDICAZIONI DI B
ASE SULL
’USURA
BASE
SULL’USURA
DEL CARB
URA
TORE
CARBURA
URAT
La valvola gas, lo spillo conico, il polverizzatore (ove presente) e la
valvola a spillo del galleggiante sono soggetti ad usura elevata a causa della vibrazione del motore. Di conseguenza possono manifestarsi dei malfunzionamenti al carburatore (p.es. arricchimento della miscela). Questi pezzi dovrebbero quindi essere controllati dopo 200
ore.
61
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTROLLO LIVELLO CARBURANTE
(AL
TEZZA GALLEGGIANTE) (A)
(ALTEZZA
A questo scopo smontare il carburatore e rimuovere la vaschetta. Rovesciare il carburatore (sottosopra) e tenerlo inclinato in modo che il
galleggiante si appoggi alla valvola a spillo ma non ne comprima la
molla con il suo peso.
In questa posizione misurare con un calibro la distanza tra l’ apice del
galleggiante e il piano vaschetta sul corpo carburatore (vedi immagine).
Fare riferimento ai dati tecnici per il valore corretto per la vostra moto.
Se necessario regolare l’ altezza piegando leggermente la linguetta
del galleggiante (4).
Controllare se possibile anche la tenuta e lo stato di usura della conicità
della valvola: nel dubbio sostituire valvola e sede in ottone.
Montare la vaschetta del carburatore, montare il carburatore e regolare il
minimo.
4
SVUO
TAMENT
O VASCHETT
A CARB
URA
TORE
SVUOT
AMENTO
ASCHETTA
CARBURA
URAT
Dopo ogni lavaggio o percorrenza in ambiente bagnato (guadi, etc.) la
vaschetta del carburatore dovrebbe essere svuotata per rimuovere
l’acqua che eventualmente si è introdotta. Acqua nella vaschetta del
carburatore provoca disturbi di funzionamento. Eseguire questo lavoro a motore freddo. Chiudete il rubinetto del carburante e disponete un
recipiente sotto il carburatore per raccogliere il carburante che fuoriesce.
Ora aprite la vite (1) per scaricare il carburante e l’ eventuale acqua.
Richiudete la vite, aprite il rubinetto del carburante e controllate la
tenuta del sistema.
PERICOLO
- IL CARBURANTE È FACILMENTE INFIAMMABILE E TOSSICO. MANEGGIARE QUINDI IL CARBURANTE CON TUTTE LE PRECAUZIONI DEL CASO.
MAI ESEGUIRE LAVORI ALL’IMPIANTO DEL CARBURANTE VICINO A
FIAMME APERTE O SIGARETTE ACCESE.
- FAR SEMPRE RAFFREDDARE PRIMA IL MOTORE. CON UNO STRACCIO
PULIRE SUBITO IL CARBURANTE CHE EVENTUALMENTE È STATO VERSATO. ANCHE MATERIALI IMPREGNATI DI CARBURANTE SONO FACILMENTE INFIAMMABILI. SE IL CARBURANTE È STATO INGERITO O È ENTRATO NEGLI OCCHI, CONSULTARE SUBITO UN MEDICO.
- SMALTIRE IL CARBURANTE SECONDO LE NORME PREVISTE DAL VOSTRO PAESE.
CIR
CUIT
O DELL
’OLIO
CIRCUIT
CUITO
DELL’OLIO
La pompa di mandata (3) aspira l’olio motore attraverso il filtro a rete (4)
dalla coppa olio. L’olio viene mandato in pressione attraverso un condotto
(5) al filtro a cartuccia dove viene depurato di tutte le particelle e inviato in
parte all’ albero motore ed in parte alla distribuzione ed al cambio.
L’ olio inviato all’ albero motore entra in un condotto coassiale all’
albero ed arriva a lubrificare il cuscinetto della testa di biella (6).
L’ olio inviato alla distribuzione ed al cambio viene fatto salire fino alla
sommità del basamento e, prima di entrare nel cilindro, si dirama
ulteriormente.
Una parte viene incanalata verso il cambio di cui lubrifica, attraverso
un distributore (7), la dentatura degli ingranaggi.
Un’ altra parte viene indirizzata tramite un ugello spruzzatore verso il
piede di biella (8) per la lubrificazione dello spinotto pistone.
Infine un’ ulteriore parte si incanala lungo il cilindro ed attraverso
opportune forature arriva ai cuscinetti lisci degli alberi a camme ed al
punto di contatto tra camme e bicchierini (9-10).
Tutto l’ olio mandato in pressione ai principali organi del motore viene
riportato per caduta e per depressione al punto in cui la pompa di drenaggio (11) provvede a recuperarlo ed inviarlo nuovamente alla coppa olio.
Si noti che la coppa olio è separata dagli organi rotanti del motore
(carter secco) ma integrata nella fusione del basamento.
Inoltre per la circolazione dell’ olio sono state usate esclusivamente
canalizzazioni ricavate all’ interno del motore, senza fare ricorso a tubazioni esterne.
ITALIANO
62
11
10
7
9
8
5
4 3
6
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
CONTROLLO LIVELLO OLIO MOTORE
Il livello olio motore deve essere controllato a motore in moto. Mettere la moto
su fondo piano e mantenerla in posizione verticale (non sul cavalletto laterale).
La spia del livello si trova sul lato destro del motore per tutti i modelli
tranne il 660 SMX in cui si trova sul lato sinistro (vedi foto).
Avviare il motore e tenerlo ad un regime costante poco sopra il minimo: il livello dell’ olio deve essere visibile da metà a 3/4 del vetro spia
posto sul lato destro del motore.
In caso fosse prossimo alla parte inferiore del vetro spia o addirittura
non visibile, rabboccare immediatamente con olio motore possibilmente dello stesso tipo di quello già immesso nel motore.
AVVERTIMENTO
UN LIVELLO TROPPO BASSO, OLIO DI QUALITÀ INFERIORE O INTERVALLI DI
MANUTENZIONE PIU’ LUNGHI DI QUANTO PRESCRITTTO, PROVOCANO GRAVI
DANNI AL MOTORE .
OLIO MOTORE
Uses and recommends
Usare solamente olio motore di alta qualità 100% sintetico SAE 10W50 che corrisponde o supera gli standard delle classi API SG, JASO MA.
Gli olii Bel-Ray Thumper Motor Oil SAE 20W-50 e 10W-50 sono gli
unici approvati, usati e raccomandati tra gli olii semi-sintetici da TM.
Motor
Trans
Brake Chassis
Filter
4-Stroke
AVVERTIMENTO
UN LIVELLO TROPPO BASSO, OLIO DI QUALITÀ INFERIORE O INTERVALLI DI
MANUTENZIONE PIU’ LUNGHI DI QUANTO PRESCRITTTO, PROVOCANO GRAVI
DANNI AL MOTORE .
USE ONLY HI OCTANE (98) UNLEADEAD FUEL
www.belray.com
CAMBIO OLIO MOTORE (A)
AVVERTENZA: AL CAMBIO DELL’OLIO PULIRE IL MAGNETE DEL TAPPO DI
SCARICO E SOSTITUIRE IL FILTRO A CARTUCCIA.
Il cambio olio va eseguito a motore a temperatura d’esercizio.
PERICOLO
UN MOTORE A TEMPERATURA D’ESERCIZIO E L’OLIO CHE SI TROVA AL SUO
INTERNO SONO MOLTO CALDI - FAR ATTENZIONE A NON USTIONARSI.
Posizionare la moto su fondo piano, allentare e svitare il tappo di
chiusura (1) posto sulla faccia inferiore del motore e far defluire l’olio
in un recipiente.
FARE ATTENZIONE ALL’ OLIO CALDO!
Pulire accuratamente il tappo di chiusura ed il magnete incorporato.
Dopo che l’olio è defluito completamente, pulire la superficie di tenuta,
rimontare il tappo di chiusura unitamente alla guarnizione e serrare a
20 Nm. Se la guarnizione fosse danneggiata, sostituirla.
63
ITALIANO
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
SOSTITUZIONE FILTRO OLIO A CARTUCCIA
(solo dopo aver vuotato l’ olio dal motore)
Il filtro olio a cartuccia si trova sul lato destro del motore sotto il
coperchietto (1).Predisporre una vaschetta sotto il motore per raccogliere l’ olio che comunque fuoriesce dal vano filtro. Svitare le due viti
(2) e rimuovere il coperchietto, estrarre il filtro a cartuccia.
Attendere che l’ olio scoli completamente, quindi pulire i piani del
carter e del coperchietto, controllare l’ O-Ring ed in caso sostituirlo.
Inserire un filtro a cartuccia nuovo, curando di avere il lato aperto verso
l’ esterno del motore. Il filtro deve inserirsi nel carter fino in fondo nella
sua sede.
ITALIANO
64
MANUTENZIONE
MOT
MOT
MANUTENZIONE TELAIO
TELAIO E
E MO
TORE
ORE
Rimontare il coperchietto facendo attenzione a non rovinare l’ O-Ring
e ad inserire correttamente il tubetto sporgente del coperchietto nel
foro del filtro a cartuccia. Ungere l’ O-Ring con un po’ di grasso aiuta a
tenerlo in sede durante il montaggio.
Avvitare le viti e serrare a 10Nm.
SI RICORDA CHE NON E’ POSSIBILE IN ALCUN MODO PULIRE IL
FILTRO A CARTUCCIA, ESSO VA SOSTITUITO AGLI INTERVALLI PREVISTI.
Preparare un misurino con 1.4 (1.0 per 660 SMX) Litri di olio motore
completamente sintetico del tipo prescritto (vedi dati motore). Svitare il
tappo di carico olio e riempire con circa 0.8 Litri.
Chiudere provvisoriamente il tappo, avviare il motore e farlo girare per
circa 5 secondi. NON FARLO GIRARE DI PIU’ PER EVITARE DANNI.
Riaprire il tappo e finire il riempimento con l’ olio rimasto nel misurino.
Avremo introdotto un totale di 1.4 (1.0 per 660 SMX) Litri di olio.
Avvitare e serrare il tappo a 20Nm.
Avviare il motore e controllare la tenuta dei tappi di carico e scarico, del
tappo del filtro a rete e del coperchio filtro a cartuccia.
Infine controllare il livello olio motore ed all’occorrenza correggerlo.
65
ITALIANO
DIA
GNOSI DEI PR
OBLEMI
DIAGNOSI
PROBLEMI
Se fate eseguire sulla Vostra motocicletta i lavori di manutenzione previsti, difficilmente si verificheranno inconvenienti. Nel caso in
cui tuttavia dovesse presentarsi un eventuale problema, Vi preghiamo di ricercare nella seguente tabella quello che avete riscontrato e mettere in atto il rimedio. Vi facciamo notare che molti lavori non possono essere eseguiti senza l’aiuto di tecnici. Nel caso
in cui abbiate dei dubbi, Vi raccomandiamo di rivolgervi ad un rivenditore TM.
PROBLEMA
RIMEDIO
CAUSA
Comando errato
IL MOTORINO
DI AVVIAMENTO
Posizionare su “ONN” il pulsante di arresto d’emergenza e,ove presente, girare la chiave di accensione in modo da abilitare l’ avviamento.
Fusibile bruciato
Rimuovere il fianchetto sinistro e sostituire il fusibile da 30 A nel
relè avviamento.
NON RIESCE
A FAR GIRARE
IL MOTORE
Chiave di avviamento non inserita o non ruotata
Inserire e ruotare in senso orario la chiave di avviamento
Batteria scarica
Caricare la batteria e individuare la causa della scarica, rivolgersi ad un’officina specializzata.
Bassa temperatura esterna
Avviare il motore mediante il pedale di avviamento.
IL MOTORINO DI
AVVIAMENTO FA GIRARE Mancanza di carburante al motore
IL MOTORE, MA IL
MOTORE NON PARTE
(MODELLI CON
AVVIAMENTO ELETTRICO)
Aprire il rubinetto del carburante, fare il pieno di carburante,
osservare le indicazioni per l’ avviamento (vedere capitolo “Istruzioni per l’ uso”)
Il motociclo non è stato usato da tempo, quindi del I componenti volatili dei carburanti evaporano facilmente. Se il
carburante vecchio è rimasto nella vaschetta del motociclo non é stato usato per più di 1 settimana, il carburante
vecchio dovrebbe essere scaricato dalla vaschetta del carbu-
carburatore
ratore. Quando la vaschetta sarà riempita di carburante fresco, il motore partirà subito.
Staccare il tubo del carburante dal carburatore, metterlo dentro
Alimentazione del carburante interrotta
un recipiente ed aprire il rubinetto del carburante,
- nel caso in cui fuoriesca del carburante, pulire il carburatore
- nel caso in cui non fuoriesca del carburante, controllare lo
sfiato del serbatoio oppure pulire il rubinetto del carburante
Utilizzare il comando “by-pass” come spiegato nel capitolo “Or-
Motore ingolfato
gani di comando”.
Candela annerita o bagnata
Pulire ed asciugare la candela o eventualmente sostituirla.
Distanza tra gli elettrodi non corretta
Regolare la distanza tra gli elettrodi a 0,8 mm
IL MOTORE
Sfilare il cappuccio candela, svitare la candela, infilare il cap-
NON SI AVVIA
puccio sulla candela e, impugnando il cappuccio, tenere la par-
(MODELLI CON
te filettata della candela a contatto della testa del motore.
Far girare il motore con l’ avviamento elettrico o con il pedale, una
AVVIAMENTO A PEDALE)
forte scintilla dovrebbe scoccare tra gli elettrodi della candela
Cappuccio candela o candela danneggiati
- se la candela non emette alcuna scintilla, é necessario sostituirla
- se non si presenta neanche adesso alcuna scintilla, staccare
il cappuccio della candela dal cavo A.T. proveniente dalla
bobina, tenerlo ad una distanza di ca. 5 mm dalla massa e
agire sull’avviamento
- se ora compare una scintilla, sostituire il cappuccio candela
- se invece non si presenta alcuna scintilla, far controllare
l’impianto di accensione
Togliere sella e serbatoio del carburante, disconnetere il cavo
Cavo del bottone di massa spellato, bottone di mas- del pulsante di arresto d’emergenza oppure del bottone di massa o pulsante di arresto d’emergenza danneggiati. sa e controllare la scintilla. Se si presenta la scintilla, cercare il
difetto lungo il cavo del pulsante di arresto di emergenza o del
bottone di massa.
Connettori dell’unità CDI, del pickup o della bobina di Togliere la sella, il fianchetto sinistro ed il serbatoio del carbuaccensione ossidati
rante, pulire i connettori e trattarli con uno spray per contatti.
Acqua nel carburatore oppure getti intasati
Smontare e pulire il carburatore
Sostituire la candela
ITALIANO
66
DIAGNOSI
DIAGNOSI DEI
DEI PROBLEMI
PROBLEMI
PROBLEMA
IL MOTORE
NON STA IN MOTO
AL MINIMO
RIMEDIO
CAUSA
Getto del minimo intasato
Smontare il carburatore e pulire i getti
Viti di regolazione minimo starate
Eseguire la regolazione delle viti del minimo
Candela danneggiata
Sostituire la candela
Impianto di accensione difettoso
Far controllare l’impianto di accensione
II carburante trabocca perché il livello è regolato Smontare il carburatore e controllare l’ altezza del galleggiante
II MOTORE
troppo alto o la valvola a spillo del galleggiante è e lo stato della valvola a spillo come descritto nel capitolo “Ma-
NON RAGGIUNGE
sporca o logorata
nutenzione Telaio e Motore”
IL PIENO REGIME
I getti del carburatore sono allentati
Serrare i getti
La fase di accensione non è corretta
Fare controllare l’impianto di accensione
Alimentazione del carburante parzialmente
Pulire e controllare il circuito del carburante ed il carburatore
interrotta o carburatore sporco
Galleggiante non a tenuta
Sostituire il galleggiante
Filtro dell’aria molto sporco
Pulire o sostituire il filtro dell’aria, rivolgersi ad un’officina
POTENZA
DEL
MOTORE SCARSA
specializzata
Impianto di scarico non a tenuta, deformato o fibra di Controllare le parti difettose sull’impianto di scarico, sostituire la
vetro nel silenziatore esausta
fibra di vetro nel silenziatore di scarico
Gioco valvole insufficiente
Regolare il gioco valvole
Vi è perdita di compressione perché il decompressore Regolare il comando a cavo flessibile del decompressore a
a mano non ha gioco sufficiente (resta “in tiro”)
mano
La fase di accensione non è corretta
Fare controllare l’impianto di accensione
IL MOTORE PERDE COLPI Mancanza di carburante
O VI È RITORNO DI
Trafilaggi nei manicotti di aspirazione
FIAMMA DAL MOTORE
NEL CARBURATORE
Pulire e controllare il circuito del carburante ed il carburatore
Controllare i manicotti in gomma tra cassa filtro e carburatore e
tra carburatore e testa ed il serraggio delle fascette
Non vi è sufficiente liquido nel sistema di raffredda- Riempire con il liquido di raffreddamento (vedere capitolo “Mamento
nutenzione Telaio e Motore”), controllare la tenuta del sistema
di raffreddamento
Ventilazione insufficiente
Proseguire a velocità sostenuta (è possibile montare un
IL MOTORE
SI SURRISCALDA
ECCESSIVAMENTE
elettroventilatore opzionale)
Aria nel sistema di raffreddamento
Spurgare il sistema di raffreddamento
Le lamelle dei radiatore sono molto sporche
Pulire le lamelle dei radiatore con getto d’acqua
Formazione di schiuma nel sistema di raffreddamento Sostituire il liquido di raffreddamento, utilizzare anticongelanti
di buona marca
Tubo del radiatore piegato
Accorciare il tubo del radiatore o sostituirlo
ECCESSIVO
Il tubo di sfiato è piegato
Sistemare il tubo di sfiato oppure sostituirlo
CONSUMO
Livello olio motore troppo alto
Controllare ed eventualmente correggere il livello olio motore
Olio motore troppo fluido (viscosità)
Utilizzare olio più viscoso, vedere capitolo “Olio motore”
DI OLIO
Togliere la sella ed il serbatoio e controllare i collegamenti del
TUTTE LE LAMPADINE
SI FULMINANO
Il regolatore di tensione è danneggiato
regolatore di tensione. Far controllare il regolatore di tensione
in un’officina specializzata TM
IMPROVVISAMENTE
LUCI, CLACSON E
Il fusibile del cablaggio luci è bruciato
Togliere il fianchetto sinistro e sostituire il fusibile da 5A del
cablaggio luci
LAMPEGGIATORI
NON FUNZIONANO
LA BATTERIA
È SCARICA
Togliere la sella e controllare i contatti del regolatore di tensioLa batteria non viene caricata dal generatore
ne, far controllare il regolatore di tensione ed il generatore da
un’officina specializzata TM
67
ITALIANO
PULIZIA
Pulire regolarmente la motocicletta in modo da mantenere la superficie delle parti in plastica in buona condizione.
Per far ciò si consiglia di utilizzare acqua calda con aggiunta di prodotto detergente d’uso commerciale ed una spugna. Lo sporco
più grosso può essere eliminato con un leggero getto d’acqua.
AVVERTIMENTO
NON PULIRE MAI LA MOTOCICLETTA CON UN PULITORE AD ALTA PRESSIONE O CON UN FORTE GETTO D’ACQUA! ALTRIMENTI A CAUSA DELL’ALTA
PRESSIONE L’ACQUA POTREBBE RAGGIUNGERE LE PARTI ELETTRICHE, I CONNETTORI, I COMANDI A CAVO FLESSIBILE, I CUSCINETTI, IL CARBURATORE, ETC... E CAUSARE GUASTI O PORTARE ALLA PRECOCE ROTTURA DI QUESTE PARTI.
- Prima di ogni pulizia tappare il tubo di scarico per impedire un’introduzione di acqua.
- Per il lavaggio dei motore si dovrebbe usare pulitori normalmente disponibili in commercio. I punti particolarmente sporchi
dovranno essere puliti con un apposito pennello.
- Dopo avere sciacquato a fondo la motocicletta con un leggero getto d’acqua asciugare con aria compressa e un con un panno.
Svuotare la vaschetta del carburatore. Fare subito dopo un breve giro finché il motore non abbia raggiunto la temperatura di
regime e a questo punto azionare anche i freni. Attraverso il calore l’acqua rimasta nei punti non raggiungibili e sui freni
evaporerà.
- Dopo il raffreddamento della motocicletta oliare o ingrassare tutti i punti di scorrimento ed i cuscinetti. Trattare la catena con un
apposito spray per catene. Oliare anche il rubinetto dei carburante.
- Per prevenire guasti nell’impianto elettrico, trattare l’interruttore di arresto d’emergenza, il bottone di massa, l’interruttore luci ed
i connettori con spray per contatti.
PRECA
UZIONE PER L
’USO INVERN
ALE
PRECAUZIONE
L’USO
INVERNALE
Se la moto viene utilizzata anche d’inverno e si deve tener conto di spargimento di sale sulle strade, è necessario prendere dei
provvedimenti contro il sale aggressivo.
- Pulire a fondo la moto dopo ogni uso e lasciarla asciugare.
- Trattare motore, carburatore, forcellone e tutti gli altri componenti lucidi o zincati (dischi dei freni esclusi) con anticorrosivi a base
di cera.
PERICOLO
EVITARE IL CONTATTO DELL’ANTICORROSIVO CON I DISCHI DEI FRENI. CIÒ RIDURREBBE FORTEMENTE L’EFFETTO DI FRENATURA.
AVVERTIMENTO
DOPO VIAGGI SU STRADE SPARSE DI SALE, PULIRE A FONDO LA MOTO CON ACQUA FREDDA E FARLA ASCIUGARE BENE.
CONSER
VAZIONE
CONSERV
Se avete intenzione di non usare il motociclo per un lungo periodo, dovete prendere le seguenti misure:
- Pulire accuratamente la motocicletta (vedi il capitolo PULIZIA)
- Cambiare l’olio motore ed il filtro olio a cartuccia, pulire il filtro a rete (un olio vecchio contiene delle impurità dannose).
- Controllare l’anticongelante e la quantità del liquido di raffreddamento.
- Far riscaldare nuovamente il motore, chiudere il rubinetto del carburante e attendere finché il motore si spegne da solo.
Successivamente aprire la vite di scarico della vaschetta del carburatore per scaricare anche il carburante rimanente.
- Smontare la candela e versare attraverso il foro della candela ca. 5 cc di olio motore nel cilindro. Azionare 10 volte il pedale di
avviamento per far sì che l’olio motore venga distribuito sulla parete dei cilindro e rimontare la candela.
- Mettere il pistone in compressione per indurre la chiusura delle valvole.
- Scaricare dal serbatoio il carburante raccogliendolo in un apposito contenitore.
- Regolare la pressione dei pneumatici.
- Ungere i cuscinetti o supporti delle leve di comando, dei poggiapiedi, ecc. ed anche la catena. Smontare la batteria e caricarla
(vedere capitolo BATTERIA). Conservarla smontata dalla moto.
- Il luogo di conservazione dovrebbe essere asciutto e non soggetto a forti sbalzi di temperatura.
- Coprire la motocicletta preferibilmente con un telone o una coperta permeabile all’aria. Non usare materiali non permeabili
all’aria, dal momento che l’umidità non riuscirebbe a fuoriuscire e potrebbe causare corrosioni.
AVVERTIMENTO
E’ ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIABILE AVVIARE PER BREVE TEMPO IL MOTORE DI UNA MOTO MESSA A RIPOSO. IL MOTORE NON SI RISCALDEREBBE SUFFICIENTEMENTE, E QUINDI IL VAPORE D’ACQUA CREATOSI DURANTE IL PROCESSO DI COMBUSTIONE SI CONDENSEREBBE CAUSANDO L’OSSIDAZIONE DELLE VALVOLE E DELL’ IMPIANTO DI SCARICO.
RIMESSA IN FUNZIONE DOPO LA PAUSA STAGIONALE
- Montate la batteria carica (fare attenzione alla polarità)
- Riempire il serbatoio con carburante nuovo
- Controllare la motocicletta come prima di ogni messa in funzione (vedere capitolo “Istruzioni per l’uso”) - Fare un breve giro di collaudo.
AVVERTENZA: Prima di mettere a riposo stagionale la moto, controllare il funzionamento e l’usura di tutti i componenti. Se sono
necessari lavori di manutenzione, riparazioni o modifiche, sarebbe opportuno farli eseguire durante la pausa invernale (meno impegni
di lavoro nelle officine). In questo modo si possono evitare i lunghi tempi di attesa nelle officine all’inizio della stagione primaverile.
ITALIANO
68
DATI TECNICI - MO
TORE
MOT
DA
TORE 250 END/MX/SMX/SMR/SMM - 450 END/MX/SMX/SMR/SMM 2008
MOT
ATI TECNICI - MO
MOTORE
250
END
250
250
MX/SMX SMM/SMR
450
END
450
MX
450
SMX
Tipo
4 tempi monocilindrico bialbero , raffreddato a liquido
Cilindrata
250 cm3
Alesaggio x corsa
449 cm3
77x53,6 mm
95x63,4 mm
Compressione
13.5 : 1
Carburante
carburante super senza piombo con almeno 95 NO
Distribuzione
Diametro valvola scarico
11.5 : 1
A2 / N2
30 mm
30 mm Ti
24.5 mm 24.5mmTi
Gioco valvola aspir. a freddo
mm. 0.20
Gioco valvola scar. a freddo
mm. 0.25
N2 / N3
30 mm
24.5 mm
Supporti albero motore
12.2 : 1
11.5 : 1
N2/N3
SM4 / S4
N2 / N3
36 mm
36 mm Ti
36 mm
31 mm
31 mm Ti
31 mm
mm. 0.20 mm. 0.20
mm. 0.20 mm. 0.20
mm. 0.25 mm. 0.25
mm. 0.25 mm. 0.25
2 cuscinetti a sfere
Cuscinetto di biella
gabbia a rullini argentata
Rivestimento pieda di biella
ramatura
Pistone
forgiato in lega leggera
Segmenti
2 segmenti + 1 raschiaolio
Lubrificazione
2 pompe olio (1 di mandata+1 di recupero)
Olio Motore
olio di marca completamente sintetico SAE 10W-50 API SG-SH
Quantitativo di olio
Trasmissione primaria
11.8 : 1
bialbero 4 valvole in testa azionata da catena silenziosa
Alberi a camme A / S
Diametro valvola aspirazione
450
SMM/SMR
1,4 litri
ingranaggi a denti dritti 18 / 67
Frizione
ingranaggi a denti dritti 20 / 57
a dischi multipli in bagno d’olio
Cambio (ad innesti frontali)
5 marce
5 marce
5 marce
5 marce
5 marce
5 marce
Rapporti cambio
1a 14:28
1a 15:27
1a 14:28
1a 14:28
1a 16:27
1a 14:28
2a 17:25
2a 17:25 2a 17:25
2a 17:25
2a 17:24
2a 17:25
a
3 19:23
a
a
a
a
3 19:23 3 19:23
a
3 19:23
a
3a 19:23
a
3 16:19
4 21:21
4 21:21 4 21:21
4 21:21
4 21:21
4a 21:21
5a 24:19
5a 23:20 5a 23:20
5a 24:19
5a 23:20
5a 23:20
Accensione
Generatore
a
a
Kokusan CDI digitale con anticipo variabile
12V 180W
Generatore con E.S. optional
-----
12 V 180W 12V 180W
-----
12V180W
Candela
12V 180W
12V180W
NGK CR 8E
Distanza elettrodi
0,8 mm
Raffreddamento
raffreddamento a liquido 40 % antigelo, 60 % acqua(fino a -25°C),
circolazione forzata con pompa
Quantitativo liquido
Avviamento
1 litro
E.S.+K.S.
K.S.
(E.S.opt.)
1,3 litri
E.S.+K.S. E.S.+K.S.
1 litro
K.S.
E.S.+K.S.
(E.S.opt.)
LEGENDA: E.S. = Avviamento Elettrico K.S. = Avviamento a pedale
69
ITALIANO
D
MOT
MOT
DA
ATI
TI TECNICI
TECNICI -- MO
TORE
ORE
DA
TORE 530 END/MX/SMX/SMR/SMM - 660 SMX 2008
MOT
ATI
TI TECNICI - MO
MOTORE
530 END
530 SMM/SMR
530 MX
660 SMX
4 tempi monocilindrico bialbero , raffreddato a liquido
Tipo
528 cm3
Cilindrata
Alesaggio x corsa
Compressione
530 SMX
657,5cm3
98x70 mm
11.3 : 1
11.9 : 1
Carburante
104 x 77,4 mm
11.3 : 1
12.4 : 1
12.4 : 1
carburante super senza piombo con almeno 95 NO
Distribuzione
bialbero 4 valvole in testa azionata da catena silenziosa
Alberi a camme A / S
N2/N3
SM2/C1
SM1/C1
Diametro valvola aspirazione
36 mm
36 mm Ti
36 mm
36 mm Ti
36mm Ti
Diametro valvola scarico
31 mm
31 mm Ti
31 mm
31 mm Ti
31 mm Ti
Gioco valvola aspir. a freddo
mm. 0.20
mm. 0.20
mm. 0.20
mm. 0.20
mm. 0.20
Gioco valvola scar. a freddo
mm. 0.25
mm. 0.25
mm. 0.25
mm. 0.25
Supporti albero motore
2 cuscinetti a sfere
Cuscinetto di biella
gabbia a rullini argentata
Rivestimento pieda di biella
ramatura
Pistone
forgiato in lega leggera
Segmenti
2 segmenti + 1 raschiaolio
Lubrificazione
Olio Motore
olio di marca completamente sintetico SAE 10W-50 API SG-SH
Trasmissione primaria
Frizione
Rapporti cambio
1,4 litri
1,0 litri
ingranaggi a denti dritti 21 / 53
22 / 53
a dischi multipli in bagno d’olio
5 marce
5 marce
a
a
1 14:28
1 16:27
a
a
a
1 14:28
5 marce
a
1a 16:27
a
1 16:27
2 17:25
2 17:24
2a 17:24
3a 19:23
3a 16:19
3a 19:23
3a 16:19
3a 16:19
a
a
5 marce
2 17:24
4 21:21
4 21:21
4 21:21
4 21:21
4a 21:21
5a 24:19
5a 23:20
5a 23:20
5a 23:20
5a 25:22
12V 180W
-------
12V 180W
-------
-------
12 V 180W
-------
12 V 180W
Accensione
Generatore con E.S. optional
5 marce
2 17:25
a
Generatore
1 segm. + 1 raschiaolio
2 pompe olio (1 di mandata+1 di recupero)
Quantitativo di olio
Cambio (ad innesti frontali)
mm. 0.25
1 cusc. a sfere + 1 a rulli
a
a
Kokusan CDI digitale con anticipo variabile
Candela
NGK CR 8E
Distanza elettrodi
0,8 mm
Raffreddamento
raffreddamento a liquido 40 % antigelo, 60 % acqua(fino a -25°C),
Quantitativo liquido
1,3 litri
circolazione forzata con pompa
Avviamento
1 litro
E.S.+K.S.
K.S.
(E.S.opt.)
LEGENDA: E.S. = Avviamento Elettrico K.S. = Avviamento a pedale
ITALIANO
70
E.S.+K.S.
1,3 litri
K.S.
(E.S.opt.)
13.0 mm.
71
Vite aria min.
45
50
45
45
3,8
1.5 giro
1,5
3^
OCEMP
100% corsa gas 35% corsa gas 100% corsa gas 100% corsa gas 100% corsa gas
3,8
1.5 giro
1,5
3^
OCEMP
195
Chiusura pompa accel.
3,8
1.5 giro
1,5
3^
NCYP
165
FCRD41
450cc.SMX
530cc.SMX
FCRD41
15/08
450cc.MX
530cc.MX
05/08
14/08
04/08
0% corsa gas 0% corsa gas 0% corsa gas 0% corsa gas 0% corsa gas
3,8
1.25 giro
1,5
3^
NCYP
165
FCRD39
450cc.END
13/08
03/08
16/08
06/08
MODELLI
MODELLI 2008
2008
Apertura pompa accel.
Ugello entr. benzina
3,8
1.25 giro
Valvola gas
Altezza galleggiante
3^
1,5
Posiz. clip
NCYP
50
Spillo conico
Getto min.
180
FCRD39
FCRD39
165
250cc.SMX
Getto max.
Tipo
KEIHIN
12/08
250cc.MX
40
11.5 mm.
85.0 mm.
3.8
11.0 mm.
120
1.0 giri
11/08
35
81.0 mm.
Sporg. vite fine corsa max.
3.8
Interasse biella pompa acc.
11.0 mm.
Ugello entr. benzina
120
Getto aria min.
Altezza galleggiante
1.5 giri
Vite aria min.
Ugello pompa acc.
3^ da alto
10E1-52
P-6
50
170
2.0 senza fori 2.0 senza fori
3^ da alto
Posiz. clip
Valvola gas
P-6
10E1-52
Spillo conico
45
Polverizzatore
170
TDMR 38
Tipo
Getto min.
TDMR 41
250cc.
END/SMM/SMR
Getto max.
02/08
450cc.SMR7SMM
530cc.END/SMM/
SMR
01/08
MIKUNI
TM
RACING
SETTA
CARBURA
URAT
RACING
ABELLA SETT
SETTA
AGGIO
GGIO CARB
CARBURA
URAT
TORI
TM RA
CING T
TABELLA
ORI 4T
4T
17/08
07/08
30/10/07
30/10/07
18/08
08/08
19/08
09/08
REV
REV.
REV.. 01
01
20/08
10/08
SETT
AGGIO CARB
URA
TORI
SETTA
CARBURA
URAT
ITALIANO
COPPIE DI SERRA
GGIO MO
TORE
SERRAGGIO
MOT
COPPIE
DI
SERRAGGIO
MOTORE
Viti a brugola carter, cop. trasmissione, cop. frizione, cop. accensione
M6
10 Nm
Tappo a vite scarico olio
M16x1,5
20 Nm
Tappo a vite carico olio
M20x1,5
20 Nm
Tappo a vite filtro olio a rete
M28x1,5
15 Nm
Viti a brugola coperchio filtro olio a cartuccia
M6
10 Nm
Viti corpo pompa olio motore
M6
10 Nm
Dadi serraggio testa-cilindro
M10
40 Nm
Dadi flangiati serraggio testa-cilindro
M8
20 Nm
Dadi flangiati serraggio testa-cilindro
M6
12 Nm
Viti serraggio testa-cilindro
M8
20 Nm
Viti a brugola cappello cuscinetto albero a camme
M6
12 Nm
Viti a brugola cappelli albero a camme
M6
12 Nm
Viti a brugola tensionatore catena distribuzione
M6
10 Nm
Viti a brugola coperchio pompa acqua
M6
10 Nm
Girante pompa acqua
M8
Loctite 243 + 15 Nm
Viti a brugola coperchio testa
M6
10 Nm
Dado esagonale pignone primaria
M20x1,25
Loctite 270 + 100 Nm
Dado mozzo frizione
M18x1.5
Loctite 270 + 80 Nm
Viti a brugola molle frizione
M6
8 Nm
Vite a brugola testa svasata boccola motorino avviamento
M5
Loctite 243 + 6 Nm
Viti a brugola fissaggio motorino avviamento
M6
12 Nm
Viti flangiate fissaggio guidacatena mobile
M6
12 Nm
Viti a brugola statore accensione
M5
Loctite 243 + 8 Nm
Viti a brugola fissaggio pickup accensione
M5
8 Nm
Vite a brugola per bloccamarce
M6
Loctite 243 + 10 Nm
Dado flangiato volano accensione
M12x1
60 Nm
Vite pedale avviamento
M8
Loctite 243 + 25 Nm
Vite a brugola leva cambio
M6
Loctite 243 + 10 Nm
Dadi flangiati collettore scarico
M6
Loctite 243 + 12 Nm
Viti/dadi generici
M5
8 Nm
Viti/dadi generici
M6
10 Nm
Viti/dadi generici
M8
20 Nm
OLIO MOTORE
Usare solo olii di qualità superiore completamente sintetici SAE10W50 che corrispondono o superano gli standard di qualità delle classi
API - SG o SH (indicazione sul contenitore).
AVVERTIMENTO
UN LIVELLO TROPPO BASSO, OLIO DI QUALITÀ INFERIORE O INTERVALLI DI
MANUTENZIONE PIU’ LUNGHI DI QUANTO PRESCRITTTO, PROVOCANO GRAVI
DANNI AL MOTORE.
ITALIANO
72
DATI TECNICI - CICLISTICA
D
DATI
TI TECNICI
TECNICI CICLISTICA
CICLISTICA 250/450/530
250/450/530 END
END -- 250/450/530
250/450/530 MX
MX 2008
2008
250 END
450 END
Telaio
530 END
250 MX
530 MX
450 MX
Perimetrale in lega di alluminio ad alta resistenza
Sospensione anteriore
Forcella Marzocchi USD/ Forcella Paioli USD (optional Ohlins USD)
Corsa sospensione ant/post
300/315 mm
Sospensione posteriore
Forcellone in alluminio, Leveraggio progressivo, Ammortizzatore Sachs (optional Ohlins)
Freno anteriore a disco
Ø 270 mm pinza flottante
Freno posteriore a disco
Ø 245 mm pinza flottante
Limite usura disco freno
mm. 0,4 sotto allo spessore originale
Pneumatico anteriore
90/90 - 21”
Pressione aria fuori strada
Pneumatico posteriore
1,1 bar
120/90 - 18”
140/80 - 18”
100/90 - 19”
Pressione aria fuori strada
1,1 bar
Capacità serbatoio
Trasmissione finale
9 litri
13/51
Catena
13/50
13/50
Batteria
13/51
O-Ring 5/8 x 1/4”
Corone dentate opzionali
Lampade (END-SMR/SMM)
110/90 - 19”
13/49
13/49
5/8 x 1/4”
48, 49, 50, 51, 52, 53
Faro abbagl./anabbagl.
S212V 45/40W BA20d
(Opt. Ciclope H3 12V 55W PK22s)
Luce di posizione ant.
T4W 12V 4W BA9s
(Opt. Ciclope T10 12V 5W)
Luce di posizione post./stop/targa
P21/5W 12V 21/5W BAY15d
Lampeggiatore
R10W 12V 10W BA15S
12V 6Ah
12V 6Ah (solo con E.S. opt.)
COPPIE DI SERRAGGIO 250/450/530 END - 250/450/530 MX
Dado flangiato perno ruota anteriore
Vite fiss. pinza freno ant. (END,MX)
M20x1,5
40 Nm
M8
25 Nm
Vite fiss. disco freno anteriore
M6 cl. 10,9
15 Nm
Vite fiss. disco freno posteriore
M6 cl. 10,9
15 Nm
Vite serraggio testa forcella superiore
M8
20 Nm
Vite serraggio testa forcella inferiore
M8
20 Nm
Viti serraggio piedino forcella Paioli
M6
12 Nm
Viti serraggio piedino forcella Ohlins
M8
12 Nm
Dado flangiato perno ruota posteriore
M22x1,5
80 Nm
Dado flangiato perno forcellone
M16x1,5
80 Nm
Viti cappelli serraggio manubrio
M8
20 Nm
Dado supporto elastico del manubrio
M10
35 Nm
Dado ammortizzatore superiore
M10x1,25
40 Nm
Vite ammortizzatore inferiore
M10x1,25
35 Nm
Dadi corona dentata
M8
35 Nm
Dado registro pedale freno post.
M6
15 Nm
Vite fissaggio motore
M10
45 Nm
Viti telaio generiche
M6
10 Nm
M8
25 Nm
M10
45 Nm
M6
15 Nm
M8
30 Nm
M10
50 Nm
Dadi telaio generici
73
ITALIANO
D
DA
ATI
TI TECNICI
TECNICI -- CICLISTICA
CICLISTICA
DATI
TI TECNICI CICLISTICA 250/450/530 SMR/SMM - 250/450/530/660 SMX 2008
250/450/530
SMR
Telaio
250/450/530
270/280 mm
Forcellone in alluminio (Monobraccio su SMM), Leveraggio progressivo, Ammortizzatore Sachs (opt. Ohlins)
Ø 320 mm pinza a 4 pistoni
Freno anteriore a disco
Ø 320 pinza a 4 pistoni radiale
Ø 240 mm pinza flottante Ø 220 mm pinza rigida
Ø 245 pinza flottante
mm. 0,4 sotto allo spessore originale
Limite usura disco freno
120/70 - 17”
Pneumatico anteriore
1,7 bar
Pressione aria “solo”
150/60 - 17”
Pneumatico posteriore
165/55 - 17”
1,7 bar
Pressione aria “solo”
9 litri
Capacità serbatoio
13/40
Trasmissione finale
14/46
15/47
5/8 x 1/4”
Catena
39, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49
Corone dentate opzionali
Lampade (solo SMR/SMM)
660 SMX
SMX
Forcella Marzocchi USD/ Forcella Paioli USD (optional Ohlins USD)
Corsa sospensione ant/post
Freno posteriore a disco
250/450/530
Perimetrale in lega di alluminio ad alta resistenza
Sospensione anteriore
Sospensione posteriore
SMM
Faro abbagl./anabbagl.
S212V 45/40W BA20d
(Opt. Ciclope H3 12V 55W PK22s)
Luce di posizione ant.
T4W 12V 4W BA9s
(Opt. Ciclope T10 12V 5W)
Luce di posizione post./stop/targa
P21/5W 12V 21/5W BAY15d
Lampeggiatore
R10W 12V 10W BA15S
Batteria
12V 6Ah
12V 6Ah (solo con E.S. opt.)
COPPIE DI SERRAGGIO 250/450/530 SMR/SMM - 250/450/530/660 SMX
Dado flangiato perno ruota anteriore
Vite fiss. pinza freno ant. (SMR/SMM,SMX)
Vite fiss. pinza freno post. (SMM)
M20x1,5
40 Nm
M10
40 Nm
M8
25 Nm
Vite fiss. disco freno anteriore
M6 cl. 10,9
15 Nm
Vite fiss. disco freno posteriore (SMR,SMX)
M6 cl. 10,9
15 Nm
Dado fiss. disco freno posteriore (SMM)
M8
25 Nm
Vite serraggio testa forcella superiore
M8
20 Nm
Vite serraggio testa forcella inferiore
M8
20 Nm
Viti serraggio piedino forcella Paioli
M6
12 Nm
Viti serraggio piedino forcella Ohlins
M8
12 Nm
Dado flangiato perno ruota posteriore
M22x1,5
80 Nm
Dado flangiato perno forcellone
M16x1,5
80 Nm
Viti cappelli serraggio manubrio
M8
20 Nm
Dado supporto elastico del manubrio
M10
35 Nm
Dado ammortizzatore superiore
M10x1,25
40 Nm
Vite ammortizzatore inferiore
M10x1,25
35 Nm
Dadi corona dentata
M8
35 Nm
Dado registro pedale freno post.
M6
15 Nm
Vite fissaggio motore
M10
45 Nm
Dado ruota post. (SMM)
M50
185 Nm
M12x1.25
31 Nm
M6
10 Nm
M8
25 Nm
M10
45 Nm
M6
15 Nm
M8
30 Nm
M10
50 Nm
Viti bloccaggio mozzo posteriore (SMM)
Viti telaio generiche
Dadi telaio generici
ITALIANO
74
INDICE ALF
ABETICO
ALFABETICO
Pagina
Arresto e parcheggio......................................................................... 28
Avviamento a motore caldo................................................................ 25
Avviamento del motore a freddo........................................................ 25
Batteria(tutti i modelli con E.S.) .......................................................... 53
Benzina.............................................................................................. 29
Bloccasterzo...................................................................................... 20
Blocchetto chiave di accensione....................................................... 17
Bottone di massa (MX/SMX) ............................................................. 13
Cambiare le marce, accellerare, rallentare ....................................... 26
Cambio olio motore ........................................................................... 63
Carburatore - Regolazione del minimo .............................................. 61
Carica batteria .................................................................................. 54
Cavalletto laterale .............................................................................. 16
Circuito dell’olio .................................................................................. 62
Comando “By-Pass” (starter a caldo) ............................................. 15
Comando arricchitore (starter a freddo) .......................................... 15
Comando di avviamento e di arresto d’emergenza
(END/MXe.s./SMXe.s./SMR/SMM) ..................................................... 14
Comando regolazione minimo ........................................................... 15
CONSERVAZIONE ............................................................................ 68
CONSIGLI ED AVVERTENZE GENERALI PER LA
MESSA IN SERVIZIO DELLA MOTOCICLETTA ................................... 21
Controllare la tensione della catena................................................... 43
Controllo / regolazione distanza sensore magnetico ........................ 53
Controllo cuscinetti di sterzo e registrazione gioco........................... 38
Controllo livello carburante (altezza galleggiante) ............................. 62
Controllo livello liquido di raffreddamento .......................................... 58
Controllo livello liquido freno anteriore .............................................. 47
Controllo livello liquido freno posteriore ............................................. 49
Controllo livello olio della frizione idraulica ......................................... 60
Controllo livello olio motore ................................................................ 63
Controllo pastiglie freno anteriore ..................................................... 47
Controllo pastiglie freno posteriore ................................................... 50
Controllo prima di ogni messa in funzione ......................................... 24
Controllo regolazione decompressore a mano .................................. 59
Controllo taratura base forcella telescopica...................................... 41
Controllo tensione raggi ..................................................................... 52
COPPIE DI SERRAGGIO MOTORE ...................................................... 72
Correzione tensione catena (SMM) ................................................... 44
Correzione tensione catena (tutti tranne SMM) ................................. 43
DATI TECNICI - MOTORE .......................................................... 69/70
DATI TECNICI CICLISTICA ........................................................ 73-74
Determin. abbassam. in ordine di marcia ammortizzatore ................. 41
Determinazione abbassamento statico ammortizzatore .................... 40
DIAGNOSI DEI PROBLEMI ............................................................... 66
Fissaggio per percorso fuoristrada .................................................. 17
Frenare ............................................................................................. 28
Fusibile ricarica (tutti i modelli con E.S.) ............................................ 55
Fusibile servizi (tutti i modelli con luci) ............................................... 55
INDEX ALFABETICO ........................................................................... 75
Indicazioni di base per i freni a disco TM........................................... 45
Indicazioni di base sull’ usura del carburatore................................... 61
Indicazioni per la prima messa in funzione ........................................ 22
Interruttore a combinazione (END/SMR/SMM) .................................. 13
Interruttore a combinazione abbinato a tachimetro
elettronico digitale retroilluminato (END/SMR/SMM) ........................... 13
Istruzioni di rodaggio ......................................................................... 22
ISTRUZIONI PER L’USO ...................................................................... 23
Leva del decompressore manuale .................................................... 10
Leva della frizione ............................................................................. 10
Leva freno anteriore ......................................................................... 10
Leveraggio sospensione posteriore ................................................. 42
Pagina
Manutenzione della catena ................................................................ 44
MANUTENZIONE TELAIO E MOTORE ................................................ 37
Modifica posizione base del pedale freno posteriore ....................... 49
Numero di matricola telaio ................................................................ 8
Numero di matricola motore ............................................................... 8
Olio motore ........................................................................................ 63
ORGANI DI COMANDO ..................................................................... 9
Partenza ............................................................................................ 26
Pedale del cambio ............................................................................. 16
Pedale di avviamento ......................................................................... 16
Pedale freno ...................................................................................... 16
Pneumatici, pressione pneumatici ..................................................... 53
PRECAUZIONE PER L’USO INVERNALE ............................................ 68
PROGRAMMA DI LUBRIFICAZIONE E MANUTENZIONE ..................... 31
Programmazione del tachimetro elettronico ...................................... 11
Programmazione dell’ orologio ........................................................... 12
PULIZIA ............................................................................................. 68
Pulizia filtro aria ................................................................................. 59
Pulizia raschiapolvere forcella telescopica ....................................... 39
Rabbocco liquido freno posteriore .................................................... 49
Rabbocco liquido freno anteriore....................................................... 47
Raffreddamento ................................................................................ 57
Regolazione ammortizzatore in compressione .................................. 18
Regolazione ammortizzatore in estensione ....................................... 19
Regolazione comando a cavo del gas ............................................. 60
Regolazione corsa a vuoto della leva freno anteriore ...................... 46
Regolazione forcella in compressione .............................................. 17
Regolazione forcella in estensione ................................................... 18
Regolazione posizione base della leva frizione ................................ 60
Rimedio in caso di motore “ingolfato” ................................................ 26
Rimessa in funzione dopo la pausa stagionale ................................. 68
Rubinetto del carburante ................................................................... 14
Scarico, riempimento e spurgo sistema di raffreddamento .............. 58
Scelta della funzione e reset ............................................................. 11
SCHEMA ELETTRICO .......................................................... appendice
SETTAGGIO CARBURATORI ........................................................... 71
Settaggio della distanza percorsa ..................................................... 12
Smont. e mont. ruota post. (SMM) .................................................... 52
Smont. e mont. ruota post. (tutti tranne SMM) .................................. 51
Smontaggio e montaggio ruota anteriore .......................................... 50
Sostituzione lampadina fanalino posteriore
luce posizione/luce stop/luce targa (END/SMR/SMM) ....................... 56
Sostituzione lampadina faro / luce posizione .................................... 55
Sostituzione lampadina faro / luce posizione (con ciclope) .............. 56
Sostituzione lampadina indicatore direzione ..................................... 56
Sostituzione materiale di riempimento silenziatore di scarico ........... 58
Sostituzione molle forcella ................................................................. 42
Sostituzione pastiglie freno anteriore ................................................ 48
Sostituzione pastiglie freno posteriore ............................................. 50
Spie di controllo ................................................................................. 10
Spurgo frizione idraulica .................................................................... 60
Svuotamento vaschetta carburatore ................................................ 62
Tachimetro elettronico........................................................................ 11
Tachimetro elettronico digitale retroilluminato .................................... 12
Tappo serbatoio ................................................................................. 14
Taratura ammortizzatore e controllo molla ........................................ 40
Taratura base della ciclistica in base al peso pilota .......................... 40
Usura della catena ............................................................................ 45
Variazione precarico forcella telescopica ......................................... 41
Variazione precarico molla ammortizzatore ...................................... 42
Viti di sfiato forcella telescopica ....................................................... 39
75
ITALIANO
76
BLACK-GREEN
BLACK-YELLOW
YELLOW
RED
BLACK-PURPLE
SWITCH
(BLACK BUTTON)
ENGINE
START
(RED BUTTON)
ENGINE
RUN/STOP
SKY BLUE
(TO LIGHTS/HORN)
NOT USED
DC+
BLACK-YELLOW
BLACK-GREEN
BLACK
REG/RECT
BLACK-GREEN
BLACK-YELLOW
BLACK
WHITE
BROWN
FURUKAWA 6 POLES CONNECTOR
(REGULATOR SIDE)
DC-
BLACK-YELLOW
RED-BLACK
SUMITOMO 3 POLES FEMALE
SUMITOMO 3 POLES MALE
F68131 FUSIBILE 10A IMPERMEABILE IMP. LUCI
F68131 SEALED 10A FUSE FOR LIGHTS
ACG
PULSER
WHITE
GREEN
SUMITOMO 2 POLES MALE
RED
SKY BLUE
RED
WHITE
YELLOW
BLACK
SUMITOMO 2 POLES FEMALE
STARTER
RELAIS
30A
ITALIANO
BLACK
SKY BLUE
ORANGE
BLACK
KWHITE
STARTER
MOTOR
+
-
23/05/05
E.ROSSI
PESARO
R
SPARK PLUG
COIL
TERMINAL No
1
3
5
7
9
11
13
15
10
9
TERMINAL NAME WIRE COLOR TERMINAL No TERMINAL NAME WIRE COLOR
PULSER BROWN
2
PULSER +
WHITE
NO USE (GND)
4
NO USE (OPEN)
NO USE (GND)
6
SW.
RXD
8
TXD
GND
BLACK-PURPLE
RED
10
BATTERY +
NO USE (GND)
12
IGN. COIL PRIMARY SKY BLUE
GND
BLACK
14
NO USE (OPEN)
PHASE SIG
BLACK-GREEN
BLACK-YELLOW
16
PHASE SIG
15 16
13 14
11 12
SOST. IL N°
SOST. DAL N°
STATO
MATERIALE
FINITURA
TRATTAMENTO
GRUPPO
MODIFICA
F 68133
DIS.
IGNITION WIRING DIAGRAM E.S. WITH BATTERY
SCHEMA ELETTRICO ACCENSIONE CON BATTERIA E.S. MOD. 2006
DENOMINAZIONE
4 STROKE
4 TEMPI
PZ.
DATA
SCHEMA PER ACCENSIONE CON CONNETTORI PROTETTI
WIRING DIAGRAM FOR IGNITION WITH SEALED CONNECTORS
MACCHINA
WHITE-BLUE
BLACK
SKY BLUE
BLACK-PURPLE
6
8
7
4
3
5
2
1
A TERMINE DI LEGGE E' RIGOROSAMENTE VIETATO RIPRODURRE O COMUNICARE A TERZI IL CONTENUTO DEL PRESENTE ELABORATO
SCALA
DATA
VISTO
DIS.
12V BATTERY
+
INTERFACE
K2164
CDI UNIT
CONNECTION FOR DATA CHANGE - NOT AVAILABLE FOR PRODUCTION
SCHEMI ELETTRICI
ACG
PULSER
77
RED-WHITE
YELLOW
WHITE
BLACK-RED
SUMITOMO 4 POLES FEMALE
SUMITOMO 4 POLES MALE
BLACK-RED
WHITE
YELLOW
RED-WHITE
GREEN (-)
WHITE (+)
GREEN (-)
WHITE (+)
SPARK PLUG
COIL
BLACK-WHITE
WHITE-BLUE
SUMITOMO 2 POLES MALE
SUMITOMO 2 POLES FEMALE
KILL SWITCH
SUMITOMO 2 POLES MALE
BROWN
WHITE-BLUE
EXCITER +
EXCITER NOT USED
SIGNAL
6
7
8
9
BLUE
BLACK
YELLOW
SUMITOMO
3 POLES MALE
SUMITOMO
3 POLES FEMALE
TPS
SENSOR
19/05/05
BLUE
RED
TxD
12V
1
2
11
3
12
STATO
MATERIALE
FINITURA
TRATTAMENTO
4
13
5
14
6
15
7
16
8
17
9
18
SOST. DAL N°
F 68135
DIS.
GRUPPO
MODIFICA
PZ.
DATA
VIEW OF JAE 18 POLES CONNECTOR
(CDI BOX SIDE)
10
IGNITION WIRING DIAGRAM MX/SMX 2006
SCHEMA ELETTRICO ACCENSIONE MX/SMX 2006
SOST. IL N°
GREEN
YELLOW
NMI
RxD
BLACK
BLUE
YELLOW
TPS GND
TPS 5V
TPS SENSOR
WHITE
GREEN
PULSER -
WIRE COLOR
PULSER +
TERMINAL NAME
4 STROKE
4 TEMPI
DENOMINAZIONE
MACCHINA
18
17
16
15
14
13
12
11
10
TERMINAL No
A TERMINE DI LEGGE E' RIGOROSAMENTE VIETATO RIPRODURRE O COMUNICARE A TERZI IL CONTENUTO DEL PRESENTE ELABORATO
SCALA
DATA
VISTO
E.ROSSI
R
YELLOW
-
RED-WHITE
BLACK-RED
BROWN
-
-
BLACK
WIRE COLOR
WHITE-BLUE
PESARO
NOT USED
NOT USED
KILL SWITCH
3
4
5
GND
2
TERMINAL NAME
IGNITION PRIMARY
DIS.
BLACK
CDI UNIT
BLACK
INTERFACE
WITH PC
K2B44
CONNECTION FOR TPS - NOT AVAILABLE FOR PRODUCTION
TERMINAL No
1
BLACK-WHITE
BLACK
BLACK
SUMITOMO 2 POLES FEMALE
RED
BLUE
YELLOW
YELLOW
RED
BLUE
BLUE
GREEN (OPEN)
YELLOW
SUMITOMO 6 POLES MALE
GREEN
SUMITOMO 6 POLES FEMALE
CONNECTION FOR DATA CHANGE - NOT AVAILABLE FOR PRODUCTION
SCHEMI
SCHEMI ELETTRICI
ELETTRICI
ITALIANO
ITALIANO
78
79
ITALIANO
ITALIANO
80
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement