Manuale d`Uso

Manuale d`Uso
3
I n v a c a r e Action Junior
®
Manuale d'uso
Il presente manuale DEVE essere fornito all’utilizzatore del prodotto.
Leggere il presente manuale e conservarlo per eventuali consultazioni successive,
PRIMA di utilizzare il prodotto.
®
IT
Premessa
- I dati contenuti nel presente manuale sono soggetti a modifica senza preavviso. Alcune delle informazioni fornite sono vincolate
dalla legge sul diritto d’autore. La copia o la riproduzione fotostatica, totale o parziale, del presente documento sono vietate
senza la preventiva autorizzazione scritta di Invacare .
®
- Invacare , leader a livello europeo e mondiale nella costruzione di carrozzine per disabili, produce una vasta gamma di articoli
che consentono all’utilizzatore di far fronte agevolmente alle quotidiane necessità.
La scelta del modello di carrozzina che meglio si adatta ai requisiti di ogni singolo paziente, comunque, spetta sempre
all’utilizzatore, opportunamente consigliato dal personale sanitario competente.
®
- L’utilizzo corretto ed efficace della carrozzina prescelta é strettamente legato alla prescrizione medica, stilata in base alla
patologia o all’handicap del paziente.
La carrozzina oggetto del presente manuale é stata pensata per un utilizzo prevalente in ambienti chiusi e, solo in misura limitata,
Simboli
ATTENZIONE ! : Indica una potenziale situazione di pericolo che potrebbe essere causa di lesioni gravi o morte, se non
venisse evitata.
: Indica consigli e raccomandazioni utili per un uso efficiente e privo di inconvenienti della carrozzina.
: Questo prodotto è conforme alla direttiva 93/42/ECC relativa ai prodotti medicali.
La data di lancio di questo prodotto è indicata nella dichiarazione di conformità CE.
Timbro del distributore
Introduzione
Ai nostri clienti
Grazie per aver scelto una carrozzina della serie Invacare e per la fiducia accordataci.
®
Questo modello presenta tutti i vantaggi e le caratteristiche che possono soddisfare al meglio le vostre esigenze. I componenti
dell’ausilio che avete scelto sono stati selezionati in funzione della loro qualità e sugli stessi sono stati eseguiti degli accurati
controlli durante la fabbricazione.
Questo manuale istruzioni descrive l’uso previsto della vostra carrozzina e illustra le operazioni di manutenzione/regolazioni che
dovrete eseguire o far eseguire sulla stessa.
Occorre comunque precisare che le riparazioni - con la sola eccezione di quanto riguarda le camere d’aria - e una parte delle
regolazioni richiedono una formazione tecnica specifica; per questo motivo si raccomanda che le stesse vengano eseguite dal
vostro Distributore.
Destinazione d’uso
La carrozzina deve essere utilizzata esclusivamente su pavimentazioni piane, terreni praticabili e all’interno di edifici.
ATTENZIONE!
Ogni utilizzo non conforme agli scopi previsti o di qualsiasi altro tipo della carrozzina può portare a situazioni pericolose.
Durata di esercizio
Anche se la vostra carrozzina Invacare è stata progetta per durare a lungo senza inconvenienti tecnici, è inevitabile che uso,
logoramento e usura rendano il prodotto inutilizzabile. Invacare raccomanda di utilizzare questo prodotto per un periodo medio
di cinque anni, a condizione che il prodotto sia sottoposto a manutenzione secondo le raccomandazioni del produttore.
®
®
INDICE
A. GENERALITA’
1. Sicurezza e uso previsto
1.1. Come raggiungere un oggetto dalla carrozzina
1.2. Trasferimento su altre sedute
1.3. Basculamento sulle ruote posteriori
1.4. Basculamento, bordi del marciapiede
1.5. Scale
1.6. Pendenze
2
2. Consigli per l’uso
2.1. Come piegare e aprire la carrozzina
2.2. Sistema di propulsione della carrozzina
2.3. Sollevamento della carrozzina
B. DESCRIZIONE DELLA CARROZZINA
Pagina
3
5
6
6
7
7
8
9
9
3. Controllo di sicurezza e manutenzione
3.1. Verifica delle prestazioni
3.2. Verifica dello stato generale
10
10
4. Trasporto
4.1. Raccomandazioni
4.2. Metodi di bretellagio
10
10
5. Riepilogo delle condizioni di garanzia
14
6. Riepilogo delle istruzioni per l’uso
14
1. Presentazione
1.1. Introduzione
1.2. Descrizione generale
2. Regolazioni
2.1. Gruppo seduta
2.1.1 Rivestimenti seduta
2.1.2 Tipo di schienale
2.1.3 Rivestimenti schienale
2.1.4 disppositivi pedana
2.1.5 Braccioli
2.2. Telaio
2.2.1 Fiancate
2.2.2 Sistema di piegatura
2.2.3 Tubi sterzanti
2.2.4 Stabilizzatore
2.3. Ruote posteriori
2.3.1 Ruote
2.3.2 Anelli corrimano
2.3.3 Assi
2.4. Ruote piroettanti
2.4.1 Ruote
2.4.2 Forcelle
2.5. Freni
2.5.1 Freni manuali
2.5.2 Freni a tamburo
2.6. Opzioni
2.6.1 Opzioni gruppo seduta
2.6.2 Opzioni propulsione
2.6.3 Opzioni di sicurezza
2.6.4 Opzione supplementare
Pagina
15
15
16
16
17
19
19
21
22
22
22
22
23
23
23
23
24
24
24
24
25
25
25
26
26
27
27
29
3. Caratteristiche tecniche e dotazione accessori di regolazione
3.1. Caratteristiche tecniche della carrozzina standard
29
3.2. Dotazione accessori per la regolazione e la
manutenzione (non forniti)
30
3.3 Caratteristiche dimensionali y Etichettatura
30
Queste azioni modificano il normale bilanciamento, il
baricentro (G) e la distribuzione del peso sulla carrozzina.
A. GENERALITA’
1. Sicurezza e uso previsto
Per garantire un utilizzo efficace e sicuro della carrozzina
é necessario assicurare il pieno rispetto dei parametri di
seguito dettagliati :
- Stabilità ed equilibrio
La carrozzina é stata progettata in modo tale da assicurare
al paziente la massima stabilità, nell’ottica di un normale uso
quotidiano.
Va sottolineato che qualsiasi movimento eseguito dal
paziente sulla carrozzina si riflette sulla posizione del
baricentro ; ciò può provocare un’oscillazione dell’ausilio
e la caduta dell’utilizzatore. Per aumentare la sicurezza del
paziente che ha bisogno di muoversi molto o di spostare
il proprio peso da un punto all’altro della carrozzina si
raccomanda di utilizzare delle cinture di sicurezza.
- Distribuzione del peso (figura 1).
Le necessità della vita quotidiana impongono all’utilizzatore
di sporgersi, appoggiarsi coi gomiti ai braccioli, spostarsi e
cambiare posizione nella carrozzina e fuori dalla stessa.
1
- Peso massimo
Il peso massimo consigliato per l’utilizzatore é pari a 80 kg.
Occorre comunque precisare che il grado di attività del
paziente è un fattore determinante ; a titolo di esempio, un
utilizzatore attivo di 45 kg. può sottoporre la carrozzina
ad una sollecitazione maggiore rispetto a quanto possa
fare un paziente di 60 kg. di peso. E’ proprio per questo
motivo che si raccomanda all’utilizzatore di consultare il
proprio rivenditore al momento della scelta del modello
di carrozzina; quest’ultimo sarà infatti in grado di proporre
l’articolo più adatto, in funzione dello stile di vita e delle
abitudini del paziente.
3
1.1. Come raggiungere un oggetto dalla carrozzina
I limiti di equilibrio per riuscire a raggiungere un oggetto
stando seduti sulla carrozzina (si vedano a riguardo le figure
2, 3 e 4) sono stati determinati sulla base di un campione
rappresentativo di utilizzatori del prodotto.
- E’ possibile tendere solo le braccia (figura 2) oltre la zona
della seduta della carrozzina.
2
3
1.1.2. Inclinazione all’indietro
- Il corpo e la testa devono rimanere entro i limiti della seduta
(figura 3).
1.1.1. Inclinazione in avanti
Si raccomanda di non sporgersi con il busto oltre il bracciolo
(figura 4).
Per raggiungere un oggetto che si trovi davanti al paziente
questi avrà bisogno di sporgersi ; a tale scopo egli utilizzerà
le ruote piroettanti come un “utensile” (posizionandole in
avanti) per mantenere la stabilità e l’equilibrio. Al fine di
garantire la sicurezza dell’utilizzatore è fondamentale che le
ruote siano allineate correttamente. (figura 5)
4
4
5
Portare la carrozzina il più vicino possibile all’oggetto da
raggiungere, in modo da poterlo prendere semplicemente
tendendo il braccio dalla normale posizione seduta. In
particolare si raccomanda di non sporgersi all’indietro per
evitare il possibile ribaltamento della carrozzina
(figure 6 e 7).
Avvertenza :
Se si appendono carichi supplementari (sacco o oggetti simili)
alla struttura posteriore della carrozzina se ne potrebbe
pregiudicare la stabilità.
La carrozzina potrebbe ribaltarsi all’indietro causando lesioni
all’utilizzatore. Invacare raccomanda pertanto di utilizzare
dispositivi antiribaltamento (disponibili in opzione) se si
agganciano al telaio posteriore della carrozzina carichi
supplementari (sacco o altri oggetti simili).
6
7
1.2. Trasferimento su altre sedute
1.2.1. Trasferimenti laterali
Questo trasferimento può essere eseguito senza bisogno di
aiuto, a condizione che la mobilità del paziente sia buona e
il suo tono muscolare lo consenta.
- Avvicinare il più possibile la carrozzina alla superficie su
cui si desidera sedersi; le ruote piroettanti devono essere
posizionate in avanti. Bloccare i freni manuali delle ruote
posteriori. Le impugnature si piegano per facilitare il
trasferimento. A questo punto il paziente può spostare il
proprio corpo verso la nuova seduta. (figura 8) .
- Durante la fase di trasferimento il paziente non avrà (o
avrà solo in minima parte) bisogno di un sostegno sotto il
proprio corpo ; eventualmente l’utilizzatore potrà avvalersi
di una tavola di trasferimento;
- Se il paziente é più o meno in grado di mantenersi in
posizione eretta e la parte superiore del suo corpo è
sufficientemente robusta e caratterizzata da buona mobilità,
questi si potrà trasferire spostandosi in avanti.
8
9A
Ripiegare la pedana e spingere da una parte il poggiapiedi/
poggiagambe in modo da liberare il passaggio ; inclinare
il corpo in avanti afferrando saldamente i due braccioli e
sollevarsi in posizione eretta ; spostarsi subito verso la nuova
superficie su cui si desidera sedersi, distribuendo il proprio
peso sulle braccia e sulle mani. (figura 8A)
1.2.2. Trasferimento frontale (figure 9-10)
Se avete forza sufficiente per alzarvi ed una buona mobilità
del tronco, potete facilmente trasferirvi in avanti o da e per
la carrozzina. Poiché questo movimento presenta dei rischi,
vi raccomandiamo sempre la presenza di un accompagnatore.
Prima di tutto frenate la carrozzina utilizzando i freni in
dotazione e portate le ruote anteriori in aventi. Attenzione
a non utilizzare i freni come appigli per il trasferimento.
Afferrate il bracciolo per l’impugnatura, facendo attenzione
anche alla spondina. Fate forza sulle braccia facendovi aiutare
dall’assistente per alzarvi e spostarvi.
Avvertenza :
- Portarsi quanto più possibile vicino alla superficie su cui si
desidera sedersi ;
9B
10
5
- Durante il trasferimento sedersi bene sulla carrozzina
(fino in fondo), per evitare di rompere le viti, rovinare il
rivestimento o far ribaltare l’ausilio in avanti;
- Bloccare i due freni, che non devono comunque mai
servire da appoggio per i trasferimenti ;
- Evitare di appoggiarsi ai poggiapiedi quando ci si siede o ci
si alza dalla carrozzina (figura 10).
1.3. Basculamento (bilanciamento sulle ruote posteriori)
6
Per garantire una maggior sicurezza si raccomanda che
questa manovra venga eseguita da una terza persona.
Quest’ultima dovrà avere la consapevolezza dello sforzo
fisico che dovrà sostenere e quindi trovarsi in una posizione
comoda, che le permetta di non gravare troppo sulla propria
schiena (schiena diritta e ginocchia flesse durante lo sforzo).
Per far basculare la carrozzina l’assistente deve afferrare
saldamente le manopole di accompagnamento, verificando
che le stesse siano state adeguatamente fissate; in seguito
provvede ad informare il paziente che sta per eseguire
la manovra e gli chiede di inclinarsi all’indietro. Prima di
procedere egli deve verificare che i piedi e le mani del
paziente non vadano a toccare le ruote della carrozzina.
A questo punto l’assistente esercita una pressione con il
piede sul tubo di basculamento e fa ribaltare l’ausilio con un
movimento dolce e senza strappi, fino a sentire una diversa
ripartizione del peso (equilibrio che si produce ad un angolo
approssimativo di 30°)
La carrozzina é ora in grado di superare l’ostacolo senza
difficoltà. Per concludere la sequenza delle operazioni
l’assistente abbassa lentamente la parte anteriore dell’ausilio,
sempre con un movimento continuo, fino a toccare il suolo
e mantenendo salda l’impugnatura delle manopole.
Avvertenza :
- Fare attenzione alle parti mobili, come ad esempio i
braccioli o i poggiagambe: questi elementi non devono
MAI essere utilizzati come sostegni in fase di sollevamento,
in quanto potrebbero staccarsi accidentalmente e ferire
l’utilizzatore e/o il suo aiutante.
-Evitare di abbassare bruscamente la carrozzina, anche se
la distanza da coprire é di pochi centimetri, in quanto un
movimento repentino potrebbe provocare delle lesioni al
paziente.
1.4. Basculamento, bordi del marciapiede
Per salire su un marciapiede :
- Metodo 1 (figura 11)
L’aiutante provvede a posizionare la carrozzina di fronte al
marciapiede, in marcia avanti; successivamente fa basculare
l’ausilio all’indietro per far salire le ruote piroettanti sul
marciapiede. A questo punto spinge in avanti la carrozzina
fino a portare le ruote posteriori in battuta contro il bordo
del marciapiede e quindi continua a spingere l’ausilio in
avanti finché anche le ruote posteriori avranno superato il
bordo.
11
- Metodo 2 (figura 12)
In questo caso l’aiutante si porta sul marciapiede e posiziona
la carrozzina con lo schienale rivolto al marciapiede stesso,
le ruote posteriori in battuta contro il bordo ; quindi fa
basculare la carrozzina all’indietro fino a farla sbilanciare
e poi la tira con un movimento regolare finché le ruote
posteriori non abbiano superato il bordo del marciapiede. A
questo punto l’assistente può abbassare le ruote piroettanti,
accertandosi comunque che l’ausilio sia sufficientemente
lontano dal bordo, per evitare che le ruote cadano nel vuoto.
Per scendere da un marciapiede :
L’assistente posiziona la carrozzina di fronte al marciapiede, in
marcia avanti, e la fa basculare all’indietro fino a sbilanciarla,
quindi la fa avanzare finché le ruote posteriori - una volta
superato l’ostacolo - tocchino la carreggiata ; a questo punto
provvede ad abbassare progressivamente le ruote piroettanti
fino a farle poggiare a terra.
1.5. Scale
Si tratta di una manovra delicata ed é per questa ragione che
si raccomanda di eseguirla con l’aiuto di due persone, una
davanti e l’altra dietro.
12
Avvertenza :
l’utente con peso superiore ai 80 kg NON deve compiere
questa operazione !
Per salire le scale (figura 13) :
La persona che si trova dietro fa basculare la carrozzina
all’indietro fino a sbilanciarla, quindi mantiene l’ausilio fermo
contro il primo gradino, afferrando saldamente le manopole
della carrozzina per consentirne la salita. L’assistente che si
trova davanti afferra saldamente i montanti laterali del telaio
(parte anteriore) e solleva la carrozzina oltre gli scalini, finché
l’altro aiutante sale sullo scalino successivo e ripete la prima
operazione. Le ruote piroettanti della carrozzina non devono
essere abbassate fino a quando l’aiutante che si trova davanti
non avrà superato l’ultimo scalino.
Per scendere le scale :
Stessa manovra descritta sopra, ma in senso contrario.
Avvertenza :
- Afferrare solo le parti fisse della carrozzina (quelle che non si
possono smontare ; evitare quindi i braccioli, i poggiagambe o i
poggiapiedi) ; - Evitare di utilizzare le scale mobili che potrebbero provocare gravi lesioni in caso di caduta.
13
14
7
- Evitare di utilizzare le scale mobili che potrebbero
provocare gravi lesioni in caso di caduta.
Se la carrozzina è dotata di schienale reclinabile si
raccomanda di installare ed utilizzare le due ruotine
antiribaltamento ogni qualvolta lo schienale sia reclinato.
Esempio: Configurazione standard con schienale fisso.
1.6. Pendenze
Si raccomanda di non affrontare rampe con una pendenza
superiore a 7°. Oltre detto limite la carrozzina rischia di
rovesciarsi in caso di rotazione o spostamento laterale
(figura 14)
8
La posizione dell’asse posteriore e l’angolo di inclinazione
dello schienale della carrozzina sono due variabili
fondamentali che possono influire sulla tua stabilità mentre
sei seduta/o sulla carrozzina (vedere fig. 14A).
Si raccomanda di non affrontare rampe con un’inclinazione
superiore a 7 gradi e di non provare a cambiare traiettoria
mentre si percorrono superfici in pendenza.
La posizione delle ruote è standard e non deve essere
cambiata se non sotto la supervisione di un esperto che abbia
necessariamente valutato l’impatto di questa modifica sulla
stabilità in condizioni d’uso normale assieme al Vs. medico
prescrittore.
Rampe ascendenti (figura 15) :
Inclinare il busto in avanti e spingere rapidamente sugli
anelli corrimano per raggiungere una velocità sufficiente
e riuscire a controllare la direzione. Qualora ci fosse la
necessità di una sosta durante il percorso per potersi
riposare è sufficiente azionare contemporaneamente i due
freni al momento dell’arresto.
Rampe discendenti (figura 16) :
Inclinare il busto all’indietro e lasciar scorrere gli anelli
corrimano, facendo sempre attenzione a controllare la
velocità e la direzione.
Avvertenza :
- Evitare di sterzare bruscamente e di salire o scendere da
una rampa in diagonale. (figura 17).
Questo simbolo vi suggerisce di
contattare il Vs. rivenditore per avere
maggiori informazioni
14A
15
16
17
18
2. Consigli per l’uso
Avvertenza :
- Quando si ripiega la carrozzina é necessario mantenere la
tela della seduta verso l’alto in modo da evitare che venga
danneggiata durante l’operazione.
2.1 Come piegare e aprire la carrozzina
2.1.1 Come aprire la carrozzina (figura 18) :
- Afferrare con una mano il bracciolo o uno dei montanti
laterali e inclinarlo leggermente verso sé stessi (in modo
da sollevare la ruota posteriore e la ruota piroettante dal
suolo) ;
- Con l’altra mano spingere sul rivestimento della seduta
fino a che il telaio che la sostiene risulti completamente
aperto. Il rivestimento della seduta deve essere ben teso ;
- Azionare quindi i due freni manuali, estrarre il
poggiapiedi/poggiagambe e controllare la distanza tra la
pedana e il pavimento (cfr. § B-2.1.4). A questo punto é
possibile sedersi sulla carrozzina.
2.2 Sistema di propulsione della carrozzina
2.1.2 Come ripiegare la carrozzina (figure 19 e 20) :
2.3. Sollevamento della carrozzina
- Ripiegare il poggiapiedi/poggiagambe lungo il dispositivo
pedana.
- Afferrare i due bordi (anteriore e posteriore) della tela
della seduta e sollevare.
Prima di tutto chiudere la carrozzina (vedere § 2.1.2), poi
sollevarla sempre afferrandola per il telaio dai punti (A)
evidenziati in figura 21.
La propulsione della carrozzina è assicurata dagli anelli
corrimano montati sulle ruote. Detti anelli possono essere
regolati in funzione della statura dell’utilizzatore, che potrà
così afferrarli correttamente ; per migliorarne la presa,
inoltre, è possibile prevedere degli accessori supplementari
(materiale anti-scivolo, kit timone regolabile ecc….)
Il personale medico o paramedico qualificato sarà senz’altro
in grado di fornire tutti i suggerimenti necessari circa il
metodo di propulsione più adatto alle esigenze del paziente.
Avvertenza :
NON sollevare mai la
carrozzina afferrando parti
mobili (portapedane, braccioli).
Assicurarsi sempre che i tubi
schienale siano perfettamente
alloggiati in sede.
A
19
20
21
9
3. Controlli di sicurezza e manutenzione
3.2 Controllo dello stato generale
3.1 Controllo delle prestazioni
Gli utilizzatori saranno i primi ad osservare eventuali difetti
di funzionamento della loro carrozzina.
La tabella seguente riporta i sintomi di malfunzionamento
più comuni e i controlli preliminari che l’utilizzatore stesso
può effettuare.
Se il problema dovesse persistere anche dopo aver regolato
la pressione dei pneumatici e ribloccato i dadi e le viti si
raccomanda di contattare il proprio rivenditore.
Qualsiasi intervento di manutenzione è da delegarsi al
Distributore, che dispone delle competenze tecniche
necessarie. Si raccomanda di far revisionare integralmente
la carrozzina al proprio Distributore almeno una volta
l’anno. E’ importante sottolineare infatti che un programma
di manutenzione periodica permette di identificare e
sostituire i componenti difettosi e usurati, contribuendo
quindi a garantire un miglior funzionamento dell’ausilio su
base quotidiana.
I controlli da eseguire o da far eseguire periodicamente
sono i seguenti:
(Coppia di serraggio raccomandato: M5 = 3-6 Nm; M6 = 7-12
Nm; M8 = 10-20 Nm).
10
Un intervento di riparazione diretto da parte dell’utilizzatore
si limita infatti alle sole camere d’aria delle ruote (cfr. § B2.3).
La
carrozzina
sbanda verso
destra
La
carrozzina
sbanda verso
sinistra
La
carrozzina
gira o si sposta
lentamente
Le
ruote
piroettanti
sbandano
Cigolii e
clicchettii
Gioco
nella
carrozzina
Controlli da
eseguire
Verificare che la pressione
sia corretta e identica in
entrambi i pneumatici (cfr.
par. B 2-3)
Verificare che le viti siano
sufficiente-mente serrate
Verificare che l’angolo
delle forcelle anteriori sia
corretto
Verificare che le ruote
piroettanti siano ben a
contatto con il suolo.
a. Stato generale
Verificare che la carrozzina si possa piegare e riaprire
facilmente.
Verificare che la carrozzina si sposti seguendo una linea
retta (nessuna resistenza o deviazione).
b. Freni manuali
Verificare che i freni manuali non vadano a toccare i
pneumatici in fase di spostamento.
Verificare che i freni manuali funzionino/si azionino
agevolmente.
Verificare che gli snodi non siano usurati o non presentino
un gioco eccessivo.
c. Sistema di piegatura
Esaminare il sistema di piegatura per accertarsi che non
presenti segni di usura o risulti deformato.
d. Spondine para-abiti / braccioli
Accertarsi che tutti gli attacchi siano posizionati
correttamente e saldamente fissati.
e. Braccioli
Accertarsi che i braccioli siano saldamente fissati, ma al
contempo facili da rimuovere.
f. Poggiabraccia
Verificare che i poggiabraccia siano in buona condizione.
g. Rivestimenti della seduta e dello schienale
Verificare che il rivestimento sia in buono stato.
h. Ruote posteriori
Verificare che i dadi delle ruote e i cuscinetti di precisione
siano saldamente bloccati. Accertare il parallelismo delle
ruote rispetto al telaio.
i. Anelli corrimano
Controllare che non si registrino rugosità.
j. Raggi
Accertarsi che i raggi non siano deformati, allentati o rotti.
k. Ruote piroettanti
Accertare il serraggio dell’asse facendo ruotare la ruota:
questa deve fermarsi progressivamente.
l. Forcelle / tubi sterzanti
Verificare che tutti gli attacchi siano saldamente bloccati.
m. Pneumatici e ruote piene
Per quanto riguarda i pneumatici verificare la pressione
(valore riportato sul fianco); per quanto riguarda le ruote
piene, verificare l’usura della superficie di scorrimento.
n. Manutenzione
Pulire tutti i componenti con un panno asciutto; i
rivestimenti invece possono essere lavati con acqua e
sapone.
Aver cura di asciugare bene la carrozzina se questa risulta
bagnata (dopo il lavaggio o se é stata colpita dalla pioggia).
Evitare l’uso della carrozzina su pavimentazioni umide,
ciottoli, erba ecc. (attenzione: la sabbia e l’acqua di mare
danneggiano significativamente i cuscinetti a sfera); per
l’uso in ambienti chiusi si raccomanda di applicare delle
ruote piroettanti piene; nello specifico questo accorgimento
è consigliato se la carrozzina viene fatta scorrere sulla
moquette.
Evitare di esporre la carrozzina ad una temperatura
superiore a 40°C (per esempio caricandola su un veicolo).
4. Trasporto
Trasporto della carrozzina a bordo di un veicolo
La carrozzina Invacare Action3 Junior é stata testata per
verificarne la sicurezza in caso di incidenti stradali secondo
la normativa ISO 7176-19. Invacare Action3 Junior può
essere utilizzata per il trasporto su veicoli che siano stati
appositamente adattati allo scopo. L’ausilio deve essere
saldamente bloccato all’interno del veicolo secondo le
modalità descritte alla pagina seguente.
Ricordiamo comunque che, per maggior sicurezza, la
soluzione da preferirsi è sempre quella di trasferire il
paziente dalla carrozzina al sedile della vettura.
I sistemi di bretellaggio usati in questo test devono essere
conformi seconda la ISO 10542-1.
11
4.1 Raccomandazioni
12
• Si raccomanda di trasferire il paziente sul sedile dell’auto e
di utilizzare i sistemi di sicurezza e bretellaggio montati sul
veicolo.
• Le carrozzine sono state testate nella configurazione
standard. L’uso in altre configurazioni non è stato testato.
• Per evitare che eventuali oggetti non fissati alla carrozzina si
spostino e possano ferire i passeggeri durante il trasporto è
necessario togliere tutti quei componenti rimovibili
(vassoio…) e assicurarli saldamente all’interno del veicolo.
Eventuali ulteriori accessori andranno bloccati alla carrozzina
o tolti dalla stessa e custoditi in luogo sicuro nell’automezzo.
• NON sono permesse alterazioni di qualsiasi natura alla
struttura della carrozzina o parte di essa e/o ai punti di
ancoraggio della carrozzina al veicolo. Se necessario richiedere
autorizzazione SCRITTA di Invacare.
• Nel caso che il paziente rimanga sulla carrozzina, una
ulteriore cintura pelvica deve aggiunta alle altre cinture di
sicurezza o sistemi di bretellaggio (a 3 punti).
• Le cinture devono NECESSARIAMENTE passare all’interno
del telaio della carrozzina o componenti quali braccioli
(vedere figura sottostante)
• La carrozzina deve essere fissata con sicurezza al veicolo
secondo quanto prescritto dalla norma ISO 10542-1 e con
cinture a 4-punti approvate
• Il paziente deve essere bloccato nella carrozzina con
l’apposita cinghia a livello pelvico e sull’autovettura con
l’apposito sistema di imbracatura di tipo a bobina ad inerzia, in
modo da evitare eventuali lesioni alla testa e al torace in caso
di collisione o brusche frenate.
• Durante il trasporto, quando la carrozzina é stata bloccata
sul veicolo, é necessario azionare i freni di stazionamento
dell’ausilio.
• Lo schienale deve essere regolato a 90°
• Si raccomanda l’utilizzo di un poggiatesta posizionato in
maniera adeguate e corretta.
Fate attenzione che se anche vengono seguite e rispettate
tutte le raccomandazioni sopra riportate per una maggiore
sicurezza delle persone e delle cose a bordo di un veicolo,
il rischio di danni fisici rimane in ogni caso se si entra
in collisione con altri veicoli ed in caso di incidenti e
conseguentemente NON esiste alcuna garanzia in merito.
Modo corretto/Modo NON corretto di posizionamento
della cintura (figura 23)
4.2. Metodi di bretellaggio (figura 23A i dettaglio A)
A. Bretellaggio frontale con cinghia
(figura 23A i dettaglio A)
1. Collegare le cinghie anteriori che avvolgono il telaio
portante della carrozzina.
2. Sbloccare i freni e mettere in tensione le cinghie anteriori
tirando indietro la carrozzina (agire da dietro).
3. Azionare nuovamente i freni della carrozzina.
B. Bretellaggio posteriore
(figura 23B versione 24" i 23C versione 12")
1. Fissare i moschettoni delle cinghie posteriori agli anello
arancione per il trasporto sul retro del telaio.
3. Serrare le cinghie.
C. Aggancio della cinghia a livello pelvico (figura 24)
1. Accertarsi che la cinghia a livello pelvico sulla carrozzina sia
agganciata correttamente.
22
Se la carrozzina fosse sprovvista della cinghia a livello
pelvico occorrerà fare accomodare il paziente sul sedile
dell’autovettura.
C
D. Cintura di sicurezza
La cintura è fissata ai supporti presenti sullo schienale, vedere
(figura 23A)
2. Assicurare il paziente e allacciare la cintura di sicurezza in
corrispondenza dei tre punti previsti.
I componenti della carrozzina non dovrebbero impedire il
contatto della cintura di sicurezza con il corpo del paziente.
13
23A
A
A
23B
A
23C
24
5. Riepilogo delle condizioni di garanzia
La garanzia Invacare si applica solo alle carrozzine per le quali
si comprovi la data di acquisto/consegna documentabile con
regolare scontrino, fattura o certificato di collaudo.
5.1 Garanzia contrattuale
La Garanzia si applica a condizione che l’acquirente
documenti di avere eseguito correttamente e
tempestivamente le manutenzioni periodiche menzionate nel
presente manuale d’uso.
14
La carrozzina manuale oggetto delle presenti istruzioni è
garantita da difetti di fabbricazione per un periodo di 2 (due)
anni a partire dalla data di consegna/acquisto ad esclusione
dei particolari di consumo(copertoni, tele sedile e schienale,
parti imbottite...).
5.2 Garanzia legale
I diritti legali dell’acquirente rispetto ad eventuali difetti e vizi
occulti sono esercitabili ai sensi della legge 24 del 02/02/2002.
La Garanzia non è applicabile quando il vizio o difetto sia
conseguenza diretta o indiretta di incidenti, cadute, urti, uso
improprio...o sia conseguenza di una errata manutenzione,
smontaggio.
6. Riepilogo delle istruzioni per l’uso
per operare con la massima sicurezza
- Limite di peso dell’utilizzatore : 80 kg ;
- Non cercare di raggiungere degli oggetti se questo implica
la necessità di sporgersi tra le ginocchia ;
- Evitare di inclinarsi troppo all’indietro per raggiungere
degli oggetti posti dietro di sé : c’é il rischio di ribaltarsi
all’indietro ;
- Bloccare sempre contemporaneamente i due freni manuali ;
- I freni manuali sono freni di stazionamento: questi non
devono mai essere utilizzati per rallentare la carrozzina o
fungere da appoggio durante dei trasferimenti ;
- Evitare di far basculare la carrozzina (marciapiede, scale)
da soli, senza ricorrere all’aiuto di una terza persona ;
- Non portare su scale o scale mobili l’utente seduto sulla
carrozzina con un solo accompagnatore; pericolo di gravi
lesioni.
- Evitare di utilizzare la carrozzina se i pneumatici non sono
gonfiati alla pressione indicata sul fianco ;
- Non gonfiare eccessivamente i pneumatici : rischio di
scoppio e quindi di lesione ;
- Evitare di esporre la carrozzina ad una temperatura
superiore a 40° ;
- Per evitare possibili lesioni mantenere le dita a debita
distanza dalla parti mobili (braccioli, sistema di piegatura,
poggiagambe/poggiapiedi) e assumere una buona posizione
prima di sollevare la carrozzina.
B. DESCRIZIONE DELLA CARROZZINA
1.2. Descrizione generale (vedi foto)
1. Presentazione
La carrozzina si compone di numerosi elementi ; nel
presente manuale viene fornita una descrizione dei principali
componenti dell’ausilio. Si raccomanda di acquisire buona
familiarità con i termini di seguito riportati in modo da
poter comprendere al meglio il funzionamento del prodotto
acquistato.
1.1. Introduzione
La carrozzina é stata sottoposta a numerose pre-regolazioni
standard a cura del costruttore, ma successivamente
all’acquisto essa deve essere specificatamente adattata alle
esigenze dell’utilizzatore.
I paragrafi seguenti illustrano le diverse funzioni e
regolazioni possibili, nonché le varie opzioni disponibili.
Alcune registrazioni potranno essere eseguite direttamente
dall’utilizzatore, mentre per altre sarà necessario richiedere
l’intervento del Distributore.
Importante : in base al modello o alle opzioni scelte la
vostra nuova carrozzina Action3 Junior potrà prevedere o
meno alcuni dei componenti o opzioni descritti nelle pagine
seguenti.
Questo simbolo è un invito a prestare attenzione : é
assolutamente necessario rispettare le indicazioni contenute
nei paragrafi caratterizzati da questo segnale di avvertenza
per evitare lesioni personali.
Il gruppo seduta comprende i rivestimenti del sedile e
dello schienale, lo schienale e i braccioli. Questo assieme é
stato concepito in modo tale da garantire all’utilizzatore un
comfort ottimale ;

Portapedana : si tratta del componente di raccordo tra
il telaio e il poggiapiedi ; è un componente orientabile
per facilitare i trasferimenti e smontabile per ragioni di
trasporto ;

Il poggiapiedi comprende il tubo regolabile e la pedana che
sostiene il piede ;

Il telaio pieghevole comprende i montanti laterali e il
sistema di piegatura, ivi inclusi i tubi reggi seduta. Questi
elementi costituiscono il telaio, ossia la struttura portante
della carrozzina ; in questo caso è stata prestata particolare
attenzione alla robustezza (testata a 80 kg) ;

Una bussola registrabile è l’elemento di giunzione tra le
ruote anteriori ed il telaio ;

Questo simbolo vi suggerice di contattare il Vs. rivenditore
per avere maggiori informazioni.
La ruota posteriore é composta dalla ruota, dall’asse e
dall’ anello corrimano. Le ruote posteriori garantiscono
la stabilità all’indietro e consentono la propulsione della
carrozzina tramite gli anelli corrimano.
Questi ultimi sono fissati sui supporti delle ruote ;

15
La ruota piroettante é composta dalla ruota anteriore e
dalla forcella. Le ruote piroettanti assicurano il contatto con il
suolo quando la carrozzina avanza e determinano la direzione
tramite l’orientamento delle forcelle.
 Il freno manuale é un freno di stazionamento. I due freni
manuali servono a bloccare la carrozzina durante le soste
prolungate.

rivestimento schienale
schienale
ruota
posteriore
poggiabraccio
bracciolo
rivestimento
seduta
16
supporto ruota
poggiagambe
asse ruota
posteriore
poggiapiedi
2. Regolazioni
2.1. Gruppo seduta
2.1.1. Rivestimento della seduta
- Sedute standard :
 Seduta in tela di nylon : che il cuscino sia posizionato
correttamente sulla seduta (foto 1).
Sollevare la parte anteriore e tirare la fodera fino alla
profondità desiderata.

Seduta in tela imbottita : garantisce un sostegno
confortevole al paziente che utilizza quotidianamente
l’ausilio, senza bisogno di ricorrere al cuscino.

Le sedute standard non sono regolabili ; nel caso il cui nel
tempo dovessero risultare meno tese se ne raccomanda la
sostituzione; a tale scopo contattare il proprio Distributore.
Invacare propone una gamma di cuscini che ben si adattano
alle diverse esigenze dei singoli pazienti ; si invita a
contattare il proprio Distributore a tale riguardo.
anello
corrimano
freno
manuale
telaio
pieghevole
pedana
bussola
ruota piroettante
dispositivo pedana ribaltabile
1
Usare sempre un cuscino Invacare o Matrx con rivestimento antiscivolo della base per evitare il rischio di scivolamento. Accertarsi che la seduta sia posizionata correttamente
sui due tubi che la sostengono, al fine di garantire la sicurezza
e il comfort dell’utilizzatore.
Per evitare possibili lesioni durante le fasi di apertura e
piegatura della carrozzina si raccomanda di mantenere le dita
a debita distanza dalle parti mobili !
- Schienale reclinabile a metà altezza (foto 4) : per ridurre
l’ingombro in fase di trasporto, azionare la leva (A) - tirandola
o spingendola - e reclinare la parte alta dello schienale.
Per ritornare alla posizione originaria è sufficiente riportare
la parte alta in posizione verticale: l’aggancio in posizione è
automatico.
Eseguire sempre queste regolazioni prima che
l’utilizzatore si accomodi sulla carrozzina, per evitare ogni
possibile rischio di lesioni !
2.1.2. Tipi di schienale
- Schienali fissi :

Schienale fisso 0° e 7° (foto 2):
17
Questi due schienali non richiedono alcuna regolazione ;
possono essere in tela imbottita o in versione tensionabile
(optional, si veda §2.1.3.). La versione 7° può essere dotata
- a richiesta - di manopole di spinta regolabili in altezza per
favorire il comfort dell’assistente (foto 3).
A
2
3
B
A
4
- Schienale reclinabile 0° - 30°
L’inclinazione si regola molto facilmente e ciò permette di
guadagnare una posizione di riposo sempre confortevole.
Esercitare contemporaneamente una pressione sulle due leve
(B) per garantire un ’inclinazione identica sui due lati; una volta
raggiunta l ’inclinazione desiderata rilasciare le leve.
Per non compromettere l’equilibrio dell’utilizzatore si
raccomanda - a titolo di esempio - di evitare l’azionamento delle
leve (A) in occasione di un trasferimento laterale !
Per la sicurezza dell’utente, quando lo schienale è reclinato, vi
raccomandiamo di usare il sistema antiribaltamento (disponibile
come optional)
 Versione meccanica (4 angoli a passi di 10°)
Premere sui tubi dello schienale, prima di agire sulle leve.
Questo serve a disimpegnare il sistema di sicurezza autobloccante (schema 5 A).
Nota : La manutenzione del meccanismo degli schienali
inclinabili varia a seconda dell’utilizzo; si raccomanda di
contattare il proprio Distributore a tale riguardo.
Versione Pneumatica (regolazione in continuo di 30°)
Il martinetto pneumatico aiuta l’assistente ad alzare lo
schienale, operare sempre con l’utente seduto sulla carrozzina.

18
Questa manovra deve essere eseguita esclusivamente
dall’assistente.Verificare sempre che lo schienale sia stato
opportunamente bloccato in posizione per garantire la
massima sicurezza del paziente.
Presso i Distributori Invacare é disponibile la documentazione
relativa alla gamma Invacare Action3 Junior : vengono infatti
proposti diversi articoli in grado di adattarsi alle esigenze, in
costante evoluzione, dei propri pazienti. Si invita a contattare il
Distributore per ottenere dei consigli specifici.
®
Per evitare rischi di lesione é necessario mantenere le dita a
debita distanza dalle parti mobili (leve, martinetti, meccanismi,
ecc..) !
A
A
5
A
5A
6
B
6A
2.1.3. Rivestimenti degli schienali
- Schienali con tela standard :
Questa manovra deve essere eseguita unicamente
dall’assistente.Verificare sempre il bloccaggio corretto dello
schienale per accertare che il paziente non corra pericoli.
Schienale in tela imbottito : assicura un comfort eccellente
al paziente che fa uso ogni giorno della carrozzina e non ha
bisogno di un supporto del tronco specifico.
Mantenere sempre le dita a debita distanza dalle parti mobili
per evitare rischi di lesione !

Se lo schienale in tela imbottito dovesse, nel tempo,
risultare meno teso si consiglia di farlo sostituire contattando
il proprio Distributore.
2.1.4. Dispositivi pedana
Schienale tensionabile (foto 7) : permette di adattare la
curvatura dello schienale alla morfologia e alla posizione
dell’utilizzatore. Sollevare il bordo (A) e tirare le cinghie (B)
per tenderle o allentarle. Ogni cinghia può essere regolata
separatamente. Rimettere in posizione il bordo (A).
- Portapedane ad inclinazione fissa 80° ed estraibili (foto 8) :
sono ribaltabili per i trasferimenti e amovibili in caso di trasporto. Agendo sulla leva (A) spingere lateralmente e far ruotare verso l’esterno o verso l’interno in caso di spazi ridotti.
Per ritornare alla posizione iniziale riportare il dispositivo in
linea : l’aggancio è automatico.
Per togliere il dispositivo è sufficiente tirarlo verso l’auto una
volta sbloccato il sistema. Eseguire la medesima procedura,
in sequenza inversa, per rimontare il dispositivo, mantenendo
comunque la posizione sbloccata.

Verificare la tenuta e la posizione delle fascette in Velcro.
Eseguire sempre questa regolazione prima che l’utilizzatore si
accomodi sulla carrozzella, per evitare possibili lesioni !
Portapedane ad inclinazione fissa 80° e 90°
A
B
A
7
8
B
9
B
19
- Portapedane ad inclinazione fissa 90° ed estraibili (foto 9):
Per rimuovere il poggiagambe, basta semplicemente tirare
verso l’alto.
Per girarlo, tirare leggermente verso l’alto (solo 2 cm) e ruotare verso l’interno o verso l’esterno (come desiderato).
- Ajustes en altura (foto 10):
Rimuovere la vite esagonale (B) e portare la pedana all’altezza
desiderata, utilizzando i fori presenti sul tubo. Allineare
(collimare) i due fori, riposizionare e serrare la vite esagonale,
facendo attenzione a non stringerla troppo.
20
Regolazione in angolo da 0°a 30° (foto 11) solo per questo
portapedana: Rimuovere la vite esagonale (C) e portare il
componente (D) a 30° sul tubo verticale (utilizzando il foro
preesistente). Far collimare (allineare) i due fori, riposizionare
la vie esagonale e serrare con forza il tutto.
Poggiagambe/poggiapiedi
Nota: il poggiagambe della Action3 Junior è specifico per
questa carrozzina e non può essere utilizzato/montato sulla
Action3 NG.
A
C
Smontabile e girevole:
Per rimuovere il poggiagambe, basta semplicemente tirare
verso l’alto. Per girarlo, tirare leggermente verso l’alto (solo
2 cm) e ruotare verso l’interno o verso l’esterno (come
desiderato).
Regolazioni (foto 11)
Inclinazione tubo poggiagambe. La regolazione si effettua
tramite una piastrina dentata: svitare il volantino (A), portare
all’inclinazione
desiderata in base alla posizione del dente della piastrina e
poi chiudere con forza il volantino.
Regolazione in altezza del poggiapolpaccio. Svitare il volantino
(B), portare il poggiapolpaccio all’altezza desiderata, facendolo scorrere sul tubo, riavvitare il volantino con forza.
Regolazione in altezza del poggiapiedi. Svitare il volantino (C),
portare la pedana all’altezza voluta utilizzando i fori presenti
sul tubo ed infine riserrare il volantino.
Regolazione in angolo del poggiapiedi. Svitare il volantino
(D), portare la pedana all’inclinazione desiderata in base alla
posizione del dente della piastrina e poi chiudere con forza
il volantino.
B
C
D
10
11
D
11A
A
Poggiapiedi, pedana unica (foto 11A): può essere sollevato
durante i trasferimenti, è regolabile in altezza e inclinazione.
Allentare la vite (A) per regolare l’altezza desiderata (fori
predisposti) su entrambi i lati, per regolare l’angolo e serrare
desiderato saldamente su entrambi i lati.
Nota : i dispositivi pedana standard e i poggiagambe sono
montati a coppie sulla carrozzina: in fase di smontaggio non
dimenticare che c’è un lato destro e un lato sinistro!
Evitare assolutamente di sollevare la carrozzina
prendendola per i dispositivi pedana o i poggiagambe !
Per evitare gli eventuali rischi di lesione durante le operazioni
di rotazione dei particolari a scomparsa, di smontaggio o
di regolazione si raccomanda di mantenere le dita a debita
distanza dalle parti mobili !
2.1.5. Braccioli (foto 12, 13 e 13A)
Nota : La regolazione delle fiancate laterali segue la regolazione in altezza desiderata; svitare le due viti di fissaggio
e spostare i fianchi nella nuova posizione, poi chiudere con
forza le due viti.
I braccioli con fissaggio centrale (n°1) sono ora equipaggiati
con un supporto regolabile (composto da in 2 parti) che
riduce i giochi tra le parti e che facilita l’estrazione verticale
del tubo del bracciolo. E’ necessario aprire o chiudere le 4
viti (C) come illustrato precedentemente (foto 13A).
Nota : i braccioli vengono considerati come paio, quando
ne togliete uno, ricordatevi che esiste il lato destro (dx) e
sinistro (sx).
NON SOLLEVARE mai la carrozzina per i braccioli.
TENERE lontano le dita da parti mobili durante l’apertura/
chiusura della carrozzina, smontaggio o regolazione, in questo
modo si evitano lesioni personali.
Per regolare in altezza il bracciolo, allentare la vite (A), portare
il bracciolo nella posizione desiderata e poi chiudere senza
forzare la vite (A).
A
A
B
B
12
13
C
13A
21
2.2. Telaio
2.2.3. Tubi sterzanti
2.2.1. Fiancate
Consentono l’inclinazione del gruppo seduta
(1,5° ; 5° o 8,5°) in funzione delle capacità dell’utilizzatore, del
modo di propulsione, dell’altezza suolo-seduta desiderata e
delle ruote anteriori/posteriori adottate.
Le fiancate o montanti laterali sono sostanzialmente previsti
per alloggiare il tubo sterzante per le ruote anteriori e i
supporti delle ruote multiregolabili per le ruote posteriori.
Questi supporti prevedono cinque posizioni di regolazione
in altezza e tre posizioni in direzione longitudinale (Paziente
attivo = avanzata, più maneggevole ; Standard = di serie ;
Paziente amputato = arretrata, per garantire maggior stabilità,
di serie con schienali inclinabili).
Prevede due crociere che vanno ad integrare i tubi di
sostegno seduta.
In posizione “Paziente Attivo” é possibile che il freno
manuale venga accidentalmente rilasciato durante la fase
conclusiva della rotazione del dispositivo pedana verso
l’esterno. In questo caso specifico si raccomanda ruotare il
dispositivo pedana verso l’interno !
Per piegare e riaprire la carrozzina si veda il capitolo A
Generalità al paragrafo 2.1.
La posizione attiva non è compatibile con le ruote anteriori
di 5”.
Sistema piegamento con rettifica di ampiezza di posto.
L’ampiezza di posto del telaio può essere aggiustata grazie
ad una traversa telescopica per quattro fisso-faccia sedere
posizioni. (Bambino : 20,5 a 28 cm; Giovane : 30,5 a 38 cm).
Quando si utilizza la carrozzina su una rampa è necessario
adottare delle ruote anti-ribaltamento per evitare qualsiasi
rischio di caduta all’indietro.
2.2.2. Sistema di piegatura
22
Nota : tutte queste regolazioni e cambi di posizione devono
essere eseguite da un tecnico qualificato nel rispetto delle
prescrizioni mediche; a tale riguardo si invita a contattare il
proprio Distributore per i consigli del caso.
A
C
1
B
2
D
2.2.4 Stabilizzatore (foto 14)
Impedire al bambino attivo di fornire di punta in avanti quando
spingendo, scalando su o in giù il footplates e l’equipaggiamento
di Stabilizzatore è disponibile come una scelta per migliorare la
stabilità generale.
2.3. Ruote posteriori
2.3.1. Ruote
Le ruote posteriori da 22 “ (550 mm) sono raggiate, le ruote
da 20 “ (500mm), invece, sono raggiate ; possono essere dotate
di pneumatici o piene in versione antiforo.
Le ruote raggiate possono prevedere a richiesta dei pararaggi
per evitare lesioni alle dita in fase di propulsione.
Riparazione (foto 15) : quando un pneumatico si fora é
necessario smontarlo per procedere alla riparazione.
Smontare l’assieme (pneumatico e camera d’aria) dal
cerchione, riparare o sostituire la camera d’aria, inserirla
nuovamente nel pneumatico e rimontare il tutto sul cerchione.
Si raccomanda di rispettare le indicazioni circa la pressione di
gonfiaggio riportata sul fianco del pneumatico.
14
Nota : E’ importante ricordare che per garantire
l’intercambiabilità delle ruote di carrozzine dotate di assi a
smontaggio rapido occorre che entrambi i pneumatici siano
gonfiati alla stessa pressione.
La pressione riportata sul fianco del pneumatico non
va mai superata, per evitare rischi di lesione a seguito di un
possibile scoppio !
I pneumatici sono soggetti a usura: la loro durata é
ugualmente influenzata dalla rugosità del suolo e dal modo in
cui la carrozzina viene condotta dall’utilizzatore. Per evitare
i disagi legati alla riparazione a seguito di una foratura si
raccomanda di far sostituire regolarmente i pneumatici; a
tale riguardo si invita a prendere contatto con il proprio
Distributore.
2.3.2. Anelli corrimano
La loro funzione é quella di consentire la propulsione ;
possono essere realizzati in alluminio anodizzato o rivestiti
in materiale plastico antiscivolo (a richiesta).
Gli anelli corrimano sono costantemente a contatto
con le mani, pertanto é importante verificare periodicamente
che non siano danneggiati !
15
23
2.3.3. Assi
Gli assi collegano le ruote al telaio ; possono essere fissi o a
smontaggio rapido :
L’asse ad estrazione rapida è un componente di precisione,
fare attenzione affinché non subisca urti e pulirlo
regolarmente per assicurare il buon funzionamento del
meccanismo.
- Assi fissi : monitorare regolarmente il serraggio dell’asse.
2.4. Ruote piroettanti
- Assi a smontaggio rapido (foto 20) : premere il bottone (A)
e inserire l’asse nel mozzo della ruota. Posizionare l’assieme
nel cuscinetto (B) del supporto della ruota multiregolabile
fino al bloccaggio in posizione.
Le sfere d’arresto devono uscire dal cuscinetto e non deve
presentarsi un gioco laterale eccessivo.
Per ridurre il gioco al minimo (foto 21), occorre togliere
l’asse e regolare il dado tramite una chiave da 19 mm,
ribloccare quindi l’asse con una chiave piana da 11 mm.
24
Per evitare i possibili rischi di caduta é assolutamente
necessario che il bottone (A) e le sfere di arresto siano
assolutamente liberi, garantendo così il perfetto bloccaggio
delle ruote posteriori.
A
A
16
B
Le ruote anteriori sono disponibili con diametro 5 “ (125
mm) e due larghezze, la prima da 1 “ (25 mm) e la seconda
da 1 3/4 “ (45 mm).
Nota : Per quanto concerne la manutenzione ordinaria si
veda il paragrafo 2.3.1.
2.4.2. Forcelle
Controllare periodicamente che Il mozzo le sfere di
arresto siano pulite.
B
2.4.1. Ruote
C
17
Le differenti posizioni delle forcelle anteriori dipendono
dalla scelta dell’altezza della seduta da terra, dal tipo di ruote
anteriori e posteriori.
Se si desidera cambiare la forcella della ruota anteriore o
posteriore si invita a contattare il proprio Distributore.
2.5. Freni
2.5.2. Freni a tamburo
2.5.1. Freni manuali
Questi freni svolgono le medesime funzioni di quelli manuali,
con l’aggiunta – però – della funzione di rallentamento
(ad esempio per percorrere una rampa) e di una maggior
sicurezza, in quanto la loro efficacia non è compromessa
neppure quando i pneumatici risultano sgonfi !
I freni manuali (foto 18 e 19) servono a bloccare la carrozzina
durante le soste prolungate e non vanno utilizzati per
rallentare la velocità dell’ausilio o fungere da appoggio
in fase di trasferimento. I freni devono essere azionati
contemporaneamente ; a tale scopo è sufficiente spingere la
manopola (A) in avanti. La manopola (A) può essere ripiegata
all’interno per agevolare il trasporto dell’ausilio.
Una volta azionati i freni la carrozzina deve risultare
assolutamente bloccata nel movimento.
Nota : le regolazioni dei freni dipendono dal diametro e dal
tipo di ruote utilizzate. Una volta riparato un pneumatico
sgonfio o successivamente all’usura del pneumatico o della
ruota piena può rendersi necessario regolare il/i freno/i. A
tale scopo allentare le due viti (B) e fare scorrere il gruppo
freno per ottenere – tra la ruota e il pattino di frenatura in
posizione sbloccata – il seguente valore X :
Ruota piena X = 4 mm - Pneumatici X = 4 mm
Una volta regolate, serrare saldamente le viti (B) .
Mantenere le dita a debita distanza dalle parti mobili per
evitare possibili lesioni !
Per regolare la frenatura (foto 21) : far ruotare la vite ( C)
in senso antiorario per aumentare la forza di frenatura e in
senso orario per ridurla.
Le regolazioni specifiche dei freni a tamburo sono a cura
del Distributore.
C
B
A
B
18
Sono disponibili in due versioni : con comando a cura
dell’assistente e con doppio comando (assistente e
utilizzatore). Per rallentare (foto 20), tirare progressivamente
la leva (A) verso l’altro. Per bloccare in posizione
“stazionamento”, con la leva (A) bloccata esercitare una
pressione sul nottolino d’arresto (B) allo scopo di innestarlo
tra le tacche della manopola del freno ; per sbloccare tirare il
nottolino verso l’alto.
X
A
19
20
21
25
Azionare sempre i due freni contemporaneamente ;
evitare di affrontare pendenze superiori al 5% per garantire il
perfetto controllo della carrozzina.
2.6. Opzioni
2.6.1. Opzioni gruppo seduta
- Poggiatesta, con alette parietali e con supporti mandibolari
Montaggio (foto 22): Montare i 2 morsetti e il sistema di
supporto del poggiatesta sul tubo tensore (fisso) o sul maniglione di spinta (regolabile) utilizzando le 2 viti (E) fornite
con il kit.
26
Dopo aver sistemato il poggiatesta nella posizione desiderata, avvitare con forza le 2 viti, utilizzando un cacciavite
Pozidriv n°2,
Nota: avere cura di orientare opportunamente le leve per
la regolazione di questi due componenti opzionali in modo
da garantire che la loro posizione non sia d ’impaccio o
possa provocare lesioni all’utilizzatore della carrozzina o al
suo assistente.
D
Evitare di procedere alla regolazione di questi accessori
quando il paziente é in appoggio sugli stessi ; verificare
attentamente il bloccaggio dello schienale per evitare
qualsiasi rischio di lesioni al paziente.
- Tenditore dello schienale (foto 23 e 23A) : questo
accessorio assicura il costante tensionamento del
rivestimento dello schienale; una volta installato in posizione
alta, questo particolare consente all’assistente di assumere
una postura più ergonomica quando si trova a spingere la
carrozzina.
Nota : si tratta di un particolare che, quando occorre
piegare la carrozzina, viene fatto “scomparire” : a tale scopo
è sufficiente premere leggermente il bottone (A), tirare il
tenditore verso l’alto e farlo girare fino a raggiungere la
posizione verticale lungo lo schienale. Per ricollocarlo in
posizione é sufficiente procedere nell’ordine contrario,
serrando saldamente il bottone (A) e verificando con
attenzione il bloccaggio del bottone (B).
Mantenere sempre le dita a debita distanza dalle parti
mobili per evitare rischi di lesioni !
B
A
B
22
A
C
23
23A
Non sollevare la carrozzina utilizzando il tubo dello
schienale. Rischio di sbocco dello schienale quando lo si
solleva. Tenere le dita lontano da qualsiasi componente
rimovibile onde evitare lesioni.
2.6.3. Opzioni di sicurezza
- Cinture di sicurezza
Chiusura di sicurezza a gancio (foto 26) : per agganciare
inserire la parte (A) nella parte (B) ; per sganciare premere
in corrispondenza del punto (C).

2.6.2. Opzioni di propulsione
- Versione transit (foto 24 e 25) : questo modello di
carrozzina é pensato unicamente per essere spinto
dall’assistente. Per facilitare i trasferimenti laterali e ridurre
gli ingombri é dotato di ruote posteriori da 12” (305 mm)
con pneumatici o piene antiforo.
A seconda della corporatura del paziente si renderà
necessario tirare una delle estremità della cinghia che, dal
gancio, passa nella parte B e aggiustare quindi il passante (D)
in funzione della lunghezza che è rimasta libera.
I freni manuali (su richiesta freni a tamburo) sono accessibili
unicamente all’assistente : azionare la manopola (A) per
bloccare la carrozzina in posizione di stazionamento.
La cintura di contenimento deve essere conforme
a quanto consegnato con la singola spedizione, la cintura
dovrebbe essere montala e regolata dal Vs. distributore di
fiducia.
Nota : per qualsiasi precisazione supplementare circa l’uso
dei due tipi di freni si rimanda ai paragrafi 2.5.1 e 2.5.2
A
C
A
24
Fare attenzione che le cinture non si impiglino nei raggi
della ruota posteriore. Le cinture in oggetto non devono
essere usate come cinture di sicurezza per un trasporto in
automobile.
25
B
A
D
E
F
G
26
27
- Routine antiribaltamento (foto 27) : la loro funzione é quella
di evitare eventuali ribaltamenti all’indietro, per rendere più
sicuro l’impiego di uno schienale inclinabile, le evoluzioni
quando si percorre una rampa o si deve superare un ostacolo.
Si tratta di un particolare amovibile ; a tale scopo è sufficiente
premere sul bottone (A) e tirare all’indietro. Eseguire le
medesime operazioni nella sequenza inversa per rimontarle;
accertarsi che il dentino (B) fuoriesca dal tubo del telaio.
- Dispositivo antiribaltamento (foto 28): riduce il rischio di
ribaltamento all’indietro quando si utilizza una carrozzina
dotata di schienale reclinabile, o quando si affrontano salite,
ostacoli o terreni accidentati. E’ regolabile in altezza e può
essere usato dall’assistente come aiuto ribaltamento (vedere
paragrafo Aiuto ribaltamento)
10
28
dall’assetto della carrozzina e dalla dimensione delle ruote
posteriori. Per regolare tale distanza, premere il piolo (A
dello schema 29) e portare il tubo fino a che le ruotine sono
alla distanza desiderata da terra. Il piolo deve fuoriuscire da
un dei fori presenti sul tubo.
Assicurarsi sempre che il dispositivo sia perfettamente
agganciato e fissato al tubo posteriore della carrozzina.
Aiuto ribaltamento (photo 30) : consente all’assistente di
far basculare agevolmente la carrozzina quando si rende
necessa-rio superare degli ostacoli (marciapiede, scalino…);
eserci-tare sul aiuto una pressione con il piede (destro o
sinistro) e mantenere l’equilibrio mediante le impugnature di
spinta (si vedano i paragrafi 1.3 e 1.4)
m
m
Il dispositivo antiribaltamento deve rimanere in posizione
anche quando la carrozzina non viene utilizzata e può essere
disimpegnato ruotando il tubo di mezzo giro (dopo aver
premuto il piolo - punto A dello schema 29).
Il dispositivo di aiuto ribaltamento è montato sullo stesso
tubo del dispositivo antiribaltamento.
La distanza raccomandata tra le routine del dispositivo
antiribaltamento e il suolo è di 3 – 5 cm. Tale distanza dipende
A
A
C
C
B
27
28
3 cm mini
29
!
30
2.6.4. Opzione supplementare
3. Caratteristiche tecniche e attrezzatura
- Tavoletta trasparente (foto 31) : far scorrere la tavoletta
in avanti o all’indietro, in funzione della corporatura
dell’utilizzatore.
3.1. Caratteristiche tecniche
Peso massimo dell’utilizzatore :
80 kg
Evitare di appoggiare oggetti pesanti o instabili,
recipienti con liquidi caldi o corrosivi che, in caso di caduta
o semplicemente rovesciandosi potrebbero provocare delle
gravi lesioni.
Larghezza seduta :
20,5/23/25,5/28
30,5/33/35,5/38 cm
Profondità seduta :
20 - 25/25 - 30
27,5 - 32,5/30 - 35
32,5 - 37 cm
Altezza suolo/seduta :
41/43,5/46cm
Ruota posteriore :
22" (550 mm)
con pneumatico
Ruota anteriore :
5" (125 mm) piena
Freno di bloccaggio :
Manuale con pattino
dentellato
Schienali :
Fissi, reclinabili a metà altezza,
inclinabili
Braccioli :
Estraibili, estraibili e ribaltabili
Dispositivi pedana & poggiagambe :
Estraibili e ruotabili int./est.
Rivestimenti gruppo seduta :
Nylon nero
Telaio :
Alluminio, verniciatura
epossidica
Peso medio della carrozzina :
14,5 kg
31
29
3.2. Attrezzatura necessaria per le regolazioni e
la manutenzione ordinaria (non forniti)
Funzione
Attrezzo
Freno
Tubo poggiapiedi
Pedana
Braccioli regolabili (3)
Braccioli semplici (1)
30
Chiave esagonale (a brugola) da 5 mm
Chiave esagonale (a brugola) da 5 mm
Chiave esagonale (a brugola) da 5 mm
Chiave esagonale (a brugola) da 5 mm
Chiave esagonale (a brugola) da 4 mm
Chiave piana da 10 mm
Poggiabraccia
Chiave Torx T20
Ruota anteriore
Chiave esagonale (a brugola) da 5 mm (X 2)
Asse fissa della ruota posteriore Chiave piana da 19 mm (X 2)
Asse a smontaggio rapido
Chiave piana da 19 mm
Chiave piana da 11 mm
Servizio post vendita e smaltimento
• Devono essere utilizzati i ricambi originali Invacare® disponibili
presso tutti i Distributori autorizzati Invacare®.
• Per eventuali riparazioni si invita a contattare il proprio
Distributore che provvederà a trasferire la vostra carrozzina al
servizio post-vendita Invacare®.
• Smaltimento/Riciclaggio : L’imballo é stato pensato
specificatamente per consentire il riciclaggio.
I particolari metallici e quelli in plastica sono riciclabili (riutilizzo del
metallo e delle materie plastiche). Lo smaltimento dei rifiuti deve
essere eseguito conformemente alle prescrizioni vigenti a livello
locale e nazionale. Per qualsiasi informazione a riguardo si invita a
contattare il proprio comune che potrà fornire i dettagli necessari
circa le ditte locali che si occupano dello smaltimento dei rifiuti.
3.3. Caratteristiche dimensionali y etichettatura
LARGHEZZA
SEDUTA
(mm)
LARGHEZZA
TOTALE
(mm)
LARGHEZZA
CARROZZINA
PIEGATA
(mm)
ALTEZZA
TOTALE
(mm)
205/380
395/570
315
910/930
ALTEZZA
COMPRESO
POGGIATESTA
(mm)
1040/
1160
LUNGHEZZA
TOTALE
(mm)
930
LUNGHEZZA
SENZA
PEDANA
(mm)
DISTANZA TRA
RUOTE ANTERIORI
E POSTERIORI
(mm)
700/750
355/405
ALTEZZA
POSTERIORE
SEDILE
(mm)
400/450
ANGOLAZIONE
SCHIENALE
(0°)
0/30
ALTEZZA
ANTERIORE
SEDILE
(mm)
410/460
INCLINAZIONE
PEDANA
(mm)
80
ALTEZZA
SCHIENALE
(mm)
400/450
DISTANZA
TRA PEDANA
E SEDILE
(mm)
ALTEZZA
BRACCIOLO
CON SEDILE
(mm)
690/710
DISTANZA TRA
BRACCIOLI E
SCHIENALE
(mm)
210/410
150/240
Etichettatura
-
105
150/240
Standard
16
Stabiliser
23,5
-
7
480/560
Standard
15
Stabiliser
18,3
440/490
Ruote,
dispositivo
pedana,
braccioli
1,5/8,5
500
14,5
80
750
8,5
50
Nylon:M4
EN1021
1/2
A = Indirizzo del produttore
B = Data di produzione
C =Numero di serie
A
C
B
31
Manufacturer : Invacare France Operations SAS - Route de Saint Roch - 37230 Fondettes - France
®
Invacare Australia Pty Ltd.
1 lenton Place, North Rockes NSW 2151 Australia ( (61) 2 8839 5333 Fax (61) 2 8839 5353
®
Invacare n.v.
Autobaan 22 8210 Loppem (Brugge) Belgium & Luxemburg ( +32 (50) 831010 Fax +32 (50) 831011
®
Invacare A/S
Sdr. Ringvej 37 2605 Brøndby Danmark ((kundeservice) +45 - (0) 3690 0000 Fax (kundeservice) +45 - (0) 3690 0001
®
Invacare GmbH
Alemannenstraße 10, D-88316 Isny Deutschland ( +49 (0) 75 62 7 00 0 Fax +49 (0) 75 62 7 00 66
®
Invacare European Distributor Organisation
Kleiststraße 49, D-32457 Porta Westfalica Deutschland ( +49 (0) 31 754 540 Fax +49 (0) 57 31 754 541
®
Invacare SA
c/Areny s/n Poligon Industrial de Celrà 17460 Celrà (Girona) España ( +34 - (0) 972 - 49 32 00 Fax +34 - (0) 972 - 49 32 20
®
Invacare Poirier SAS
Route de St Roch F-37230 Fondettes France ( +33 - (0) 2 47 62 64 66 Fax +33 - (0) 2 47 42 12 24
®
Invacare Mecc San s.r.l.
Via dei Pini, 62 I-36016 Thiene (VI) Italia ( +39 - (0) 445-380059 Fax +39 - (0) 445-380034
®
Invacare Ireland Ltd
Unit 5 Seatown Business Campus, Seatown Rd, Swords, County Dublin Ireland ( (353) 1 8107084 Fax (353) 1 8107085
®
Invacare NZ
4 Westfield Place Mt.Wellington Auckland New Zealand ((kundeservice) +64 - 22 57 95 10 Fax (kundeservice) +64 - 22 57 95 01
®
Invacare AS
Grensesvingen 9 0603 Oslo Norge ((kundeservice) +47 - 22 57 95 10 Fax (kundeservice) +47 - 22 57 95 01
®
Invacare PORTUGAL Lda
Rua Estrada Velha, 949 4465-784 Leça do Balio Portugal
®
( +351-225105946 Fax +351-225105739
Invacare AB
Fagerstagatan 9 163 91 Spånga Sverige ((kundtjänst) +46 - (0) 8 761 70 90 Fax (kundtjänst) +46 - (0) 8 761 81 08
®
Invacare B.V.
Celsiusstraat 46 NL-6716 BZ Ede Nederland ( +31 - (0) 318 - 69 57 57 Fax +31 - (0) 318 - 69 57 58
®
Invacare Ltd
Pencoed Technology Park, Pencoed, Bridgend CF35 5AQ United Kingdom
( Customer service +44 - (0) 1656 - 776222 Fax +44 - (0) 1656 - 776220
®
Manufacturer
Invacare France Operations SAS
Route de Saint Roch
37230 Fondettes
France
®
1492462 E 2015/02/25
Making Life's Experiences Possible
TM
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement