Dettaglio Scheda PDF

Dettaglio Scheda PDF
ROY9
Motoriduttore per cancelli scorrevoli fino a Kg 1000
Manuale di istruzioni
LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL’ INSTALLAZIONE.
CONSERVARE QUESTO MANUALE PER OGNI
FUTURA CONSULTAZIONE.
1
ROY9
Il motoriduttore ROY 9 si compone di un solido blocco in alluminio
pressofuso contenente il motore elettrico, il sistema di trasmissione
e l’apparecchiatura elettronica.
Il gruppo riduttore lavora con lubrificazione a olio e dispone di una
regolazione di coppia antischiacciamento di tipo meccanico.
All’interno di un coperchio in ABS è alloggiata l’apparecchiatura
elettronica a microprocessore in grado di gestire più logiche di
funzionamento e tutti i dispositivi di comando e di sicurezza.
Allo sblocco di emergenza si accede con una speciale chiave
protetta da uno sportellino con serratura.
I fine corsa di tipo magnetico o meccanico permettono di controllare
i limiti di corsa del cancello.
Shock elettrico!
ATTENZIONE
Distanza di sicurezza!
ATTENZIONE
Dati tecnici
8 Kg.
Peso:
280 x 164 x 260 h mm
Dimensioni:
7,5 Nm
Coppia nominale:
1/33
Rapporto di trasmissione:
olio ATF DEXRON 3
Lubrificante:
1000 Kg
Peso max anta:
8,5 ms
Velocità del cancello:
4
Modulo pignone:
16
Numero denti:
IP 44
Grado di protezione:
-20°C/+55°C
Temperatura ambiente:
Motore:
Tensione:
Corrente:
Velocità di rotazione:
Condensatore:
Potenza:
Protezione termica:
ATTENZIONE
asincrono monofase
230 V 50 Hz
1,5 A
1400 g/min
12 microF
350 W
120° C
Meccanismi
in movimento!
ATTENZIONE
Non installare
l'automazione in
ambienti saturi di
miscele esplosive
Norme
generali
di
sicurezza
3
Livello di competenza necessario
Per installare un operatore ROY 9 è necessario leggere
attentamente questo manuale.
Il manuale infatti non solo spiega come installare in maniera corretta
e più veloce il motoriduttore ma espone anche le caratteristiche che
il cancello automatizzato deve avere per soddisfare le norme di
sicurezza.
Controllo pre-installazione
Prima di procedere all'installazione dell' automazione occorre
verificare che l'anta del cancello:
- possa scorrere senza impuntamenti col terreno
- non oscilli e si svergoli durante il movimento
- sia tenuta in asse dalle apposite guide
- sia dotata di battute meccaniche di arresto in apertura e chiusura
Eventualmente se questi difetti e mancanze sono presenti vanno
corretti prima di installare l'automazione.
Norme
Le norme stabiliscono le caratteristiche meccaniche e i requisiti che
devono avere le chiusure automatizzate che si trovano a contatto con
il pubblico (per es. cancelli residenziali che si affacciano sulla pubblica
via) per garantire la sicurezza.
L'installatore deve verificare che:
Attrezzatura
necessaria
per
l'installazione
4
- eventuali superfici trasparenti siano almeno in classe di resistenza 1
che siano infrangibili o almeno non formino frammenti aguzzi o
taglienti in caso di rottura.
- se scarsamente visibili le superfici vanno colorate o comunque
marcate per renderle visibili.
- l'anta possa muoversi manualmente con una forza inferiore ai 15 Kg
nel caso di cancello residenziale e di 26 Kg nel caso di cancello
industriale/commerciale.
- l'anta e i relativi accessori non espongano le persone al rischio di
convogliamento, trascinamento e cesoiamento.
La zona di pericolo si intende estesa in verticale fino ad un'altezza di
2.5 metri.
- l'anta durante il movimento di apertura e chiusura non crei zone di
intrappolamento.
Si ricorda che la BAME s.r.l. non è responsabile che dei singoli
articoli che produce e commercializza.
Il cancello una volta automatizzato diventa un macchinario ed è quindi
soggetto alle norme della Direttiva Macchine.
E' quindi compito dell'installatore verificare la sicurezza del cancello
automatizzato.
ATTENZIONE: Eventuali modifiche, alterazioni e migliorie arbitrarie
apportate ai prodotti sollevano la BAME s.r.l. da ogni
responsabilità derivante da conseguenti danni a persone animali o
cose.
ATTENZIONE: L'utilizzo dei prodotti della BAME s.r.l. con
apparecchiature elettroniche, fotocellule e altri accessori di marche
diverse o comunque non previsti dalla BAME s.r.l. stessa la
sollevano da ogni responsabilità derivante da conseguenti danni a
persone, animali o cose e ai prodotti stessi.
Dimensioni
100
260
257
Ø 30
Ø 30
125
Contropiastra
di fissaggio
102
176
30
92
65
257
280
84
Ø 10
280
30
38
126
164
5
Predisposizione impianto elettrico
Per la predisposizione dei collegamenti elettrici utilizzare i seguenti cavi:
- 3 x 1,5 per la linea a 230 V
- 2 x 1,5 + 1xRG58 per lampeggiante e antenna
- 2 x 1 per il trasmettitore della fotocellula
- 4 x 1 per il ricevitore della fotocellula
- 3 x 1 per il selettore a chiave
- 2 x 1 per la costa meccanica
Se si utilizza la contropiastra di fissaggio far passare il tubo corrugato
negli appositi fori facendo attenzione a posizionare la piastra rispetto
al motore come in figura 4.
Passaggio tubi
6
Figura 4
Sblocco di emergenza del motoriduttore:
in caso di mancanza di elettricità per sbloccare il motore agire come
segue:
1. con la chiave in dotazione aprire lo sportellino (fig. 1)
2. all’interno dello sportellino è alloggiata una chiave esagonale
da 6 mm (fig. 2)
3. inserire la chiave nel grano di sblocco e avvitare in senso orario
di 3/4 giri (fig. 3)
4. per ribloccare girare in senso antiorario di 3/4 giri .
5. richiudere lo sportellino.
ATTENZIONE:
QUESTO FOGLIO
DEVE ESSERE
CONSEGNATO
AL CLIENTE
ATTENZIONE:
IL CLIENTE DEVE
CONSERVARE
QUESTO FOGLIO
INSIEME ALLA
CHIAVE DI
SBLOCCO IN UN
LUOGO AL
QUALE SI POSSA
ACCEDERE
ANCHE IN CASO
DI MANCATA
EROGAZIONE
DELL'ENERGIA
ELETTRICA
FIGURA 1
FIGURA 2
ATTENZIONE:
INFORMARE
ANCHE ALTRI
EVENTUALI
UTILIZZATORI
DEL CANCELLO
DELL'UBICAZIONE
DI QUESTO
FOGLIO E DELLA
CHIAVE DI
EMERGENZA
FIGURA 3
7
Controlli e verifiche
URTO
SCHIACCIAMENTO
CESOIAMENTO
Verifiche:
Verificata la solidità della struttura presente utilizzati materiali ed eseguiti
fissaggi adeguati.
Eseguiti gli opportuni interventi per impedire la caduta delle ante.
Verificato che le soglie presenti siano opportunamente modellate ed
evidenziate per evitare inciampo.
Installati e verificati adeguati finecorsa.
Gli elementi mobili sono dotati di adeguate protezioni e installate in
conformità alle istruzioni del costruttore.
La regolazione della forza dell'anta può essere fatta solo da personale
specializzato operando sulla centralina di comando in accordo con le
istruzioni del produttore.
La chiusura è dotata di sblocco per consentire l'azionamento manuale.
Sono fornite adeguate istruzioni per l' azionamento dello sblocco.
Rischi presenti:
urto
taglio
sollevamento
convogliamento uncinamento
INCUNEAMENTO
CONVOGLIAMENTO
TAGLIO
8
cesoiamento
schiacciamento
Segnare per ogni rischio eventualmente presente la soluzione adottata.
(Soluzioni applicabili: 1- comando a uomo presente, 2- bordi sensibili,
3- fotocellule, 4- franchi di sicurezza, 5- limitatori di forza,
6- modellazione delle superfici, 7- pedane, 8- radar,
9- segnalazione acustica, 10- segnalazione visiva, 11- segnaletica,
12- segregazione, 13-rete di protezione ,14-..........................................,
15-........................................ )
Rischi elettrici:
Utilizzati componenti marchiati CE ai sensi della direttiva BT (73/23/CEE).
Eseguiti i collegamenti elettrici in osservanza alle norme vigenti in
accordo con le istruzioni del costruttore della motorizzazione.
Utilizzati radiocomandi omologati e conformi alla direttiva
R&TTE(99/5/CE).
Utilizzati componenti marchiati CE secondo la direttiva EMC
(89/336/CEE).
Sicurezza e affidabilità dell'attuatore e dei dispositivi di comando:
Verificata la coerenza del comando in relazione al movimento e alle
istruzioni fornite dal costruttore.
I dispositivi di comando sono stati installati in posizione facilmente
accessibile e visibile.
Utilizzato un attuatore elettromeccanico rispondente alla norma EN12453.
Effettuate le verifiche per la rilevazione di presenza in accordo con la
norma EN12445.
Dichiarazione di conformità
(a cura dell'installatore)
DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÁ A
Il sottoscritto
Nome: ........................................................................................................
Indirizzo:.....................................................................................................
in qualità di Responsabile della messa in funzione dichiara
che il prodotto:
Tipologia cancello:................................................................
Ubicazione:...........................................................................
...........................................................................
risulta in conformità a quanto previsto dalle seguenti
Direttive Comunitarie:
-Direttiva Macchine 98/37/CEE e successive modifiche
-Direttiva Bassa Tensione 73/23/CEE e successive modifiche
-Direttiva Compatibilità elettromagnetica 89/336/CEE e successive modifiche
Inoltre dichiara che sono state applicate le norme armonizzate e/o le norme
specifiche tecniche nazionali:
EN 12453/ EN 12445 Cancelli e porte industriali commerciali e residenziali
Sicurezza nell'uso delle porte motorizzate - Requisiti e classificazione Metodi di prova
EN 12604 / EN 12605 Cancelli e porte industriali commerciali e residenziali
Aspetti meccanici - Requisiti e classificazione - Metodi di prova.
CEI 64/8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a
1000 V c.a. e 1500 V c.c.
Note: ...................................................................................................
...................................................................................................
...................................................................................................
Luogo:..................................................................................................
...................................................................................................
Data: ...................................................................................................
Firma:........................................
9
Dichiarazione di conformità
DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÁ B
alle prescrizioni di sicurezza della:
- Direttiva Macchine 98/37/CEE e successive modificazioni
- Direttiva EMC 89/336/CEE
- Direttiva BT 73/23/CEE e 93/68/CEE
Noi
BAME srl
Via Leonardo da Vinci, 23
46020 San Giacomo Segnate (MN)
Italia
dichiariamo che il prodotto
motoriduttore per automatizzare cancelli ad ante dei tipi specificati nel libretto d'uso
e manutenzione allegato ad ogni prodotto
tipo
ROY 9
è conforme alle Direttive in oggetto.
Il prodotto svolge la funzione di sicurezza.
E' FATTO DIVIETO DI METTERE IN SERVIZIO LA MACCHINA IN OGGETTO DELLA
PRESENTE DICHIARAZIONE PRIMA CHE IL PRODOTTO RELATIVO ALLA
DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ "A" SIA STATO DICHIARATO CONFORME ALLE
DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA.
San Giacomo Segnate , 01/01/2011
Baraldini Silvano
Bame srl
10
Fissaggio del motore ai piedi del cancello
1. FISSAGGIO DEL MOTORIDUTTORE SENZA CONTROPIASTRA
Predisporre un’adeguata piazzola in cemento perfettamente in bolla
rialzata di almeno 40-50 mm dal terreno.
Dalla piazzola dovranno emergere 2 tubi flessibili per il passaggio dei
cavi elettrici in corrispondenza dei due fori sotto il basamento del
motore. Posizionare il motoriduttore sopra la piazzola ben pulita
rispettando le misure riportate. Praticare 4 fori per ancoraggi
meccanici con almeno 10 mm di diametro e bloccare il motoriduttore
al basamento in cemento.
2. FISSAGGIO DEL MOTORIDUTTORE CON CONTROPIASTRA
A richiesta il gruppo motore viene corredato da un’apposita
contropiastra di fissaggio. Serrare i 4 tiranti filettati ai fori della
contropiastra facendoli emergere dalla parte superiore di almeno 50
mm per consentire le regolazioni successive. Affogare i 4 tiranti nella
piazzola di cemento precedentemente preparata, rialzarla dal
terreno di almeno 50 mm, facendo attenzione che la contropiastra
risulti perfettamente in bolla e che dai due fori emergano i tubi
flessibili per il passaggio dei cavi di collegamento elettrico. Procedere
ora alla posa del motore sopra la contropiastra e serrare con gli
appositi dadi i 4 tiranti.
FISSAGGIO CREMAGLIERA ZINCATA
Portare il motore in posizione di sblocco. Appoggiare il primo metro di
cremagliera al pignone del motore e al cancello con i pioli di fissaggio
avvitati a metà regolazione. Mettere in bolla e saldare i pioli al
cancello. Accoppiare il secondo metro di cremagliera e ripetere le
operazioni sopra indicate per tutta la lunghezza del cancello avendo
l’accortezza di utilizzare un altro pezzo di cremagliera come riscontro
(fig.5). Far scorrere manualmente il cancello per l’intera corsa e
verificare lo scorrimento corretto, regolando la cremagliera se e dove
necessario. E’ importante lasciare un gioco di 1 o 2 mm tra pignone e
cremagliera, per evitare che il cancello gravi sul riduttore. Eseguite le
regolazioni, stringere bene le viti e lubrificare leggermente la
cremagliera.
Figura 5
11
FISSAGGIO STAFFE FINE CORSA
Fissare sul cancello con le apposite viti autofilettanti le staffe di
supporto dei fine corsa magnetici e regolarle in modo che il cancello
non vada ad urtare i fermi meccanici di cui deve essere dotato.
Affinare tale regolazioni sfruttando le apposite asole ricavate nei
supporti magnetici.
E’ importante installare il magnete di colore giallo nel lato fine
corsa di chiusura ed il magnete di colore verde nel lato fine
corsa di apertura.
La distanza massima tra il magnete ed il sensore sulla scheda non
deve superare i 15 mm e la posizione di tale sensore è indicata in
fig. 6.
Ribloccare il motore e procedere al collegamento elettrico dell’apparecchiatura e di tutti i dispositivi di comando e di sicurezza.
MANUTENZIONE
55
35
Asse scorrimento cancello
Il motoriduttore non richiede manutenzione; verificare comunque 2
volte l’anno l’efficienza di tutti i dispositivi di sicurezza.
Cremagliera
Pignone
Sportellino con chiave per accesso
sblocco di emergenza
93
Contropiastra
di fissaggio
Tiranti
Sensore fine corsa
Guaine
passaggio cavi
Piazzola di
cemento
Pignone motore
Figura 6
12
REGOLAZIONE DELLA FRIZIONE MECCANICA DEL
MOTORIDUTTORE ROY 9
La frizione meccanica è un sistema di sicurezza aggiuntivo che non
sostituisce in nessun modo la regolazione della coppia presente sulla
centrale elettronica. Pertanto i due sistemi vanno regolati in modo
autonomo tenendo presente che la forza per fermare il cancello non
deve essere superiore a 15 Kg. per cancello residenziale e a 26 Kg.
per cancello industriale.
ATTENZIONE: dopo aver installato il motore, togliere la spina di
chiusura presente sul tappo. Si consiglia di conservarla e di
riapplicarla al tappo in caso di rimozione del motore, onde
evitare perdite di olio accidentali.
13
1
2
4
3
5
7
8
9
6
10
11
ELENCO DEI PEZZI DI RICAMBIO
MOTORE ROY 9
12
14
1. COPERCHIO COMPLETO DI VITI
2. COPPETTA MOTORE COMPLETA
3. STATORE
4. CARCASSA COMPLETA
5. RUOTA ELICOIDALE
6. COPERCHIO LATERALE COMPLETO
7. ALBERO MOTORE CON FRIZIONE
8. ALBERO FINALE COMPLETO
9. PIGNONE ESTERNO
10. FINE CORSA DI CHIUSURA COMPLETO (GIALLO)
11. FINE CORSA DI APERTURA COMPLETO (VERDE)
12. CONTROPIASTRA CON TIRANTI
AVVERTIMENTI:
La BAME srl, quale ditta costruttrice declina ogni responsabilita’ per danni
causati da connessioni errate, mancanti o causati da una errata
programmazione.
Durante la chiusura del sistema e’ presente il rischio di schiacciamento; quindi
una errata regolazione della forza massima di lavoro puo’ causare danni alle
persone, agli animali ed alle cose.
Le fotocellule sono componenti di sicurezza che devono essere sempre
installati e mantenuti in perfetta efficienza.
La costa e’ un componente di sicurezza che deve essere mantenuto in perfetta
efficienza.
Terminata la regolazione e la programmazione si deve provvedere a
riposizionare il contenitore al proprio posto avendo cura di serrare bene le
apposite viti.
La BAME srl, quale ditta costruttrice declina ogni responsabilità per danni
causati da un uso errato del cancello.
È vietata la sostituzione di qualsiasi particolare elettrico, elettronico, meccanico
con materiale non originale della BAME srl.
La BAME srl si riserva il diritto di apportare modifiche alle schede ed ai
manuali senza preavviso alcuno.
CONDIZIONI DI GARANZIA:
Il materiale BAME e i relativi accessori, sono garantiti 24 mesi dalla data di
fabbricazione stampata nelle apparecchiature. La BAME si impegna alla
riparazione o eventuale sostituzione del pezzo, previa restituzione alla nostra
sede. Al fine di permettere l'analisi di accertamento dei pezzi restituiti, i
sostituiti rimangono di proprietà della Fornitrice. Sono esclusi dalla garanzia i
difetti dei materiali derivati da manomissioni o fatti che sono stati causati
arbitrariamente dall’acquirente quali: mancato rispetto delle istruzioni incluse
nei materiali, manutenzione o modifiche effettuate senza previa autorizzazione
richiesta alla sede BAME. Non vengono considerati in garanzia i difetti che
dipendono dalla irregolarità della tensione di alimentazione o qualsiasi altra
causa non imputabile alla costruttrice. Il materiale in garanzia deve essere
spedito alla sede BAME, in porto franco e sarà rispedito in porto assegnato.
La garanzia viene a cessare se il cliente non è in regola con i pagamenti. Ogni
impianto deve essere realizzato nella osservanza scrupolosa delle norme di
sicurezza vigenti (UNI 8612 e CEI64-8). La BAME declina ogni responsabilità
dovuta alla inosservanza delle norme di sicurezza da parte dell'installatore.
Il materiale difettoso spedito in sede per la riparazione, che sia in
garanzia o meno, deve essere accompagnato da un commento
dell’installatore sul difetto riscontrato, al fine di diminuire il tempo di
restituzione. Inoltre, l’imballo deve essere scrupolosamente curato onde
evitare l’esclusione della garanzia.
15
BAME s.r.l.
46020, San Giacomo Segnate (MN) Italy
Leonardo da Vinci, 23
Tel. +39 0376 616638
Fax +39 0376 629456
www.bame.it
e-mail:[email protected]
16
Local Branch
63844, Grottazzolina (FM) Italy
E. Berlinguer, 6
Tel. +39 0734 633533
Fax +39 0734 636895
www.delma.it
e-mail: [email protected]
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement