Scarica Manuale

Scarica Manuale
Run
Sliding Gate Opener
RUN1800
RUN1800P
RUN2500
RUN2500P
Instructions and warnings for the fitter
Istruzioni ed avvertenze per l’installatore
Instructions et recommandations pour l’installateur
Anweisungen und Hinweise für den Installateur
Instrucciones y advertencias para el instalador
Instrukcje i uwagi dla instalatora
Aanwijzingen en aanbevelingen voor de installateur
Run
Indice:
1
1800/1800P
2500/2500P
pag.
Avvertenze
29
2
Descrizione prodotto e destinazione d’uso
30
2.1
Limiti d’impiego
30
2.2
Impianto tipico
32
2.3
Elenco cavi
32
7.2.1
Funzioni primo livello (funzioni ON-OFF)
7.2.2
Programmazione primo livello
(funzioni ON-OFF)
7.2.3
Installazione
33
3.1
Verifiche preliminari
33
3.2
Fissaggio del motoriduttore
33
3.3
Fissaggio delle staffe di finecorsa nelle
7.2.5
41
Esempio di programmazione primo livello
(funzioni ON-OFF)
7.2.6
40
Programmazione secondo livello
(parametri regolabili)
3
40
Funzioni secondo livello
(parametri regolabili)
7.2.4
39
42
Esempio di programmazione secondo livello
(parametri regolabili)
42
versioni con finecorsa induttivo
34
7.3
Aggiunta o rimozione dispositivi
42
3.4
Installazione dei vari dispositivi
35
7.3.1
BlueBUS
42
3.5
Collegamenti elettrici
35
7.3.2
Ingresso STOP
43
3.6
Descrizione dei collegamenti elettrici
36
7.3.3
Fotocellule
43
7.3.4
Fotocellula FT210B
43
4
Verifiche finali ed avviamento
36
7.3.5
RUN in modalità “Slave”
44
4.1
Selezione della direzione
36
7.3.6
Apprendimento altri dispositivi
45
4.2
Allacciamento dell’alimentazione
36
7.4
Funzioni particolari
45
4.3
Apprendimento dei dispositivi
36
7.4.1
Funzione “Apri sempre”
45
4.4
Apprendimento lunghezza dell’anta
37
7.4.2
Funzione “Muovi comunque”
45
4.5
Verifica del movimento del cancello
37
7.4.3
Sistema di controllo del riscaldamento e
4.6
Funzioni preimpostate
37
4.7
Ricevitore radio
37
raffreddamento
45
7.4.4
Avviso di manutenzione
45
7.5
Collegamento altri dispositivi
46
5
Collaudo e messa in servizio
37
7.6
Risoluzione dei problemi
47
5.1
Collaudo
38
7.6.1
Elenco storico anomalie
47
5.2
Messa in servizio
38
7.7
Diagnostica e segnalazioni
47
7.7.1
Segnalazioni con il lampeggiante
48
6
Manutenzione e smaltimento
38
7.7.2
Segnalazioni sulla centrale
48
6.1
Manutenzione
38
7.8
Accessori
49
6.2
Smaltimento
38
7.8.1
Unità di programmazione remota
49
7
Approfondimenti
39
8
Caratteristiche tecniche
50
7.1
Tasti di programmazione
39
7.2
Programmazioni
39
Istruzioni ed avvertenze destinate all’utilizzatore del
motoriduttore RUN
28
51
1) Avvertenze
Questo manuale di istruzioni contiene importanti informazioni riguardanti la sicurezza per l'installazione, è necessario leggere tutte le istruzioni
prima di procedere all'installazione. Conservare con cura questo manuale anche per utilizzi futuri.
Considerando i pericoli che si possono verificare durante l'installazione e
l'uso di RUN, per la massima sicurezza è necessario che l'installazione
avvenga nel pieno rispetto di leggi, norme e regolamenti. In questo capitolo verranno riportate avvertenze di tipo generico; altre importanti avvertenze sono presenti nei capitoli “3.1 Verifiche preliminari”; “5 Collaudo e
messa in servizio”.
! Secondo la più recente legislazione europea, l'automazione di una porta o cancello ricade in quanto previsto dalla
Direttiva 98/37/CE (Direttiva Macchine) e nel particolare, alle
norme: EN 13241-1 (norma armonizzata); EN 12445; EN
12453 ed EN 12635, che consentono di dichiarare la conformità alla direttiva macchine.
Ulteriori informazioni, linee guida all'analisi dei rischi ed alla realizzazione
del Fascicolo Tecnico, sono disponibili su:”www.niceforyou.com”. Il presente manuale è destinato solamente al personale tecnico qualificato per
l'installazione. Salvo lo specifico allegato da staccare a cura dell'installatore”Istruzioni ed avvertenze destinate all' utilizzatore del motoriduttore
RUN” nessuna altra informazione contenuta nel presente fascicolo può
essere considerata d'interesse per l'utilizzatore finale!
• L'uso di RUN diverso da quanto previsto in queste istruzioni è vietato;
usi impropri possono essere causa di pericoli o danni a persone e
cose.
• Prima di iniziare l'installazione è necessario eseguire l'analisi dei rischi
che comprende l'elenco dei requisiti essenziali di sicurezza previsti nell'allegato I della Direttiva Macchine, indicando le relative soluzioni adottate. Si ricorda che l'analisi dei rischi è uno dei documenti che costituiscono il fascicolo tecnico dell'automazione.
• Verificare la necessità di ulteriori dispositivi per completare l'automazione con RUN in base alla specifica situazione d'impiego ed ai pericoli presenti; devono essere considerati ad esempio i rischi di impatto,
schiacciamento, cesoiamento, convogliamento, ecc., ed altri pericoli in
genere.
• Non eseguire modifiche su nessuna parte se non previste nelle presenti istruzioni; operazioni di questo tipo possono solo causare malfunzionamenti; NICE declina ogni responsabilità per danni derivati da
prodotti modificati.
• Durante l'installazione e l'uso evitare che parti solide o liquidi possano
penetrare all'interno della centrale e di altri dispositivi aperti; eventualmente rivolgersi al servizio di assistenza NICE; l'uso di RUN in queste
situazioni può causare situazioni di pericolo
• L'automatismo non può essere utilizzato prima di aver effettuato la
messa in servizio come specificato nel capitolo: “5 Collaudo e messa
in servizio”.
• Il materiale dell'imballaggio di RUN deve essere smaltito nel pieno
rispetto della normativa locale.
• Nel caso di guasto non risolvibile facendo uso delle informazioni riportate nel presente manuale, interpellare il servizio di assistenza NICE.
• Qualora si verifichino interventi di interruttori automatici o di fusibili, prima di ripristinarli è necessario individuare ed eliminare il guasto.
• Prima di accedere ai morsetti interni al coperchio di RUN scollegare
tutti i circuiti di alimentazione; se il dispositivo di sconnessione non è a
vista apporvi un cartello: “ATTENZIONE MANUTENZIONE IN CORSO”.
Avvertenze particolari sull'idoneità all'uso di questo prodotto in relazione
alla Direttiva "Macchine" 98/37/CE (ex 89/392/CEE):
• Questo prodotto viene immesso sul mercato come "componente di
macchina" e quindi costruito per essere incorporato in una macchina
o per essere assemblato con altri macchinari al fine di realizzare "una
macchina" ai sensi della Direttiva 98/37/CE solo in abbinamento agli
altri componenti e nei modi così come descritto nel presente manuale
di istruzioni. Come previsto dalla direttiva 98/37/CE si avverte che non
è consentita la messa in servizio di questo prodotto finché il costruttore della macchina, in cui questo prodotto è incorporato, non l'ha identificata e dichiarata conforme alla direttiva 98/37/CE.
Avvertenze particolari sull'idoneità all'uso di questo prodotto in relazione
alla Direttiva "Bassa Tensione" 73/23/CEE e successive modifiche
93/68/CEE:
• Questo prodotto risponde ai requisiti previsti dalla Direttiva "Bassa Tensione" se impiegato per l'uso e nelle configurazioni previste in questo
manuale di istruzioni ed in abbinamento con gli articoli presenti nel
catalogo prodotti di Nice S.p.a. Potrebbero non essere garantiti i requisiti se il prodotto è usato in configurazioni o con altri prodotti non previsti; è vietato l'uso del prodotto in queste situazioni finché chi esegue
l'installazione non abbia verificato la rispondenza ai requisiti previsti
dalla direttiva.
Avvertenze particolari sull'idoneità all'uso di questo prodotto in relazione
alla Direttiva "Compatibilità Elettromagnetica" 89/336/CEE e successiva
modifiche 92/31/CEE e 93/68/CEE:
• Questo prodotto è stato sottoposto alle prove relative alla compatibilità elettromagnetica nelle situazioni d'uso più critiche, nelle configurazioni previste in questo manuale di istruzioni ed in abbinamento con gli
articoli presenti nel catalogo prodotti di Nice S.p.a. Potrebbe non essere garantita la compatibilità elettromagnetica se il prodotto è usato in
configurazioni o con altri prodotti non previsti; è vietato l'uso del prodotto in queste situazioni finché chi esegue l'installazione non abbia
verificato la rispondenza ai requisiti previsti dalla direttiva.
29
I
2) Descrizione prodotto e destinazione d’uso
RUN è una linea di motoriduttori elettromeccanici irreversibili, destinati all' automazione di cancelli scorrevoli. Dispongono di una centrale elettronica di controllo e di un connettore tipo “SM” per il ricevitore dei radiocomandi (opzionale). I collegamenti elettrici verso i
dispositivi esterni sono semplificati grazie all'uso di “BlueBUS”, una
tecnica che permette di collegare più dispositivi con soli 2 fili. L'elenco dei dispositivi che si possono collegare a BlueBUS di Run è
presente nel capitolo 7.3.1 "BlueBUS"; un elenco aggiornato, con le
relative compatibilità è presente anche su: www.niceforyou.com.
RUN dispone di un connettore per l'unità di programmazione remota che consente una completa e rapida gestione dell'installazione,
della manutenzione e della diagnosi di eventuali malfunzionamenti;
vedere anche 7.8.1 "Unità di programmazione remota".
RUN funzionano mediante energia elettrica, in caso di mancanza di
alimentazione dalla rete elettrica, è possibile effettuare lo sblocco
mediante apposita chiave e muovere manualmente il cancello.
Della linea RUN fanno parte i prodotti le cui differenze principali sono descritte in tabella 1.
Tabella 1: comparazione caratteristiche essenziali motoriduttore RUN
Motoriduttore tipo
Tipo di finecorsa
Lunghezza massima anta
Peso massimo anta
Coppia massima allo spunto
(corrispondenti a forza)
Motore
RUN1800
elettromeccanico
RUN1800P
di prossimità induttivo
15m
1800Kg
40Nm
(1110N)
Asincrono monofase 700W massimo
RUN2500
elettromeccanico
RUN2500P
di prossimità induttivo
18m
2500Kg
50Nm
(1390N)
Asincrono monofase 870W massimo
108mm
387mm
Nota: 1Kg = 9,81N quindi, ad esempio: 1390N = 142Kg
400mm
253mm
1
2.1) Limiti d’impiego
I dati relativi alle prestazioni dei prodotti della linea RUN sono riportati nel capitolo “8 Caratteristiche tecniche” e sono gli unici valori che
consentono la corretta valutazione dell'idoneità all'uso. Le caratteristiche strutturali di RUN li rendono adatti all'uso su ante scorrevoli,
secondo i limiti riportati nelle tabelle 2, 3 e 4.
gli attriti); inoltre per stabilire il numero di cicli/ora e i cicli consecutivi
occorre considerare quanto riportato nelle tabelle 2 e 3.
La reale idoneità di RUN ad automatizzare un determinato cancello
scorrevole dipende dagli attriti e da altri fenomeni, anche occasionali, come la presenza di ghiaccio che potrebbe ostacolare il movimento dell'anta.
Per una verifica reale è assolutamente indispensabile misurare la forza necessaria per muovere l'anta in tutta la sua corsa e controllare
che questa non superi la metà della “coppia nominale” riportata nel
capitolo “8 Caratteristiche tecniche” (è consigliato un margine del
50% perché le condizioni climatiche avverse possono far aumentare
Tabella 2: limiti in relazione alla lunghezza dell'anta
Lunghezza anta (m)
Fino a 6
6÷9
9 ÷ 12
12 ÷ 15
15 ÷ 18
30
RUN1800/ RUN1800P
cicli/ora massimi
cicli consecutivi massimi
42
28
28
18
21
14
17
11
RUN2500/ RUN2500P
cicli/ora massimi
cicli consecutivi massimi
42
42
28
28
21
21
17
17
14
14
Tabella 3: limiti in relazione al peso dell'anta
Peso dell'anta (kg)
Fino a 500
500 ÷ 900
900 ÷ 1200
1200 ÷ 1500
1500 ÷ 1800
2000 ÷ 2300
2300 ÷ 2500
RUN1800/ RUN1800P
Percentuale cicli
100%
80
75
60
50
-----
RUN2500/ RUN2500P
Percentuale cicli
100%
80
75
60
50
40
30
I
La lunghezza dell'anta permette di determinare il numero massimo di cicli per ora ed i cicli consecutivi mentre il peso permette di determinare la percentuale di riduzione dei cicli; ad esempio per RUN1800, se l'anta è lunga 10m sarebbero possibili 21 cicli/ora e 14 cicli consecutivi ma se l'anta pesa 1300Kg occorre ridurli al 60%, il risultato è quindi circa 9 cicli/ora e 8 cicli consecutivi. Per evitare surriscaldamenti
la centrale prevede un limitatore di manovre che si basa sullo sforzo del motore e la durata dei cicli, intervenendo quando viene superato il
limite massimo. Il limitatore delle manovre misura anche la temperatura ambientale riducendo ulteriormente le manovre in caso di temperatura particolarmente alta.
Nel capitolo "8 Caratteristiche tecniche" è riportata la stima di "durabilità" cioè di vita economica media del prodotto. Il valore è fortemente
influenzato dall'indice di gravosità delle manovre, cioè dalla somma di tutti i fattori che concorrono all'usura. Per effettuare la stima occorre
sommare tutti gli indici di gravosità della tabella 4, poi con il risultato totale verificare nel grafico la durabilità stimata. Ad esempio, RUN1800
su un cancello di 1300Kg, lungo 10m, dotato di fotocellule e senza altri elementi di affaticamento, ottiene un indice di gravosità pari al 45%
(20+15+10). Dal grafico la durabilità stimata è 200.000 cicli.
Si precisa che la stima di durabilità viene fatta sulla base dei calcoli progettuali e dei risultati di prove effettuate sui prototipi; essendo una stima non rappresenta alcuna garanzia sulla effettiva durata del prodotto.
Tabella 4: stima della durabilità in relazione all'indice di gravosità della manovra
Peso dell'anta Kg
Fino a 500
500 ÷ 900
900 ÷ 1200
1200 ÷ 1500
1500 ÷ 1800
1800 ÷ 2200
2200 ÷ 2500
Lunghezza dell'anta metri
Fino a 6
6÷9
9 ÷ 12
12 ÷ 15
15 ÷ 18
Run
1800 2500
5
10
20
30
40
-
5
10
15
25
-
5
10
20
30
40
50
60
5
10
15
25
35
Durabilità in cicli
500.000
450.000
Durabilità in cicli
Indice di gravosità %
400.000
350.000
300.000
250.000
200.000
150.000
100.000
50.000
10
10
15
20
10
20
10
15
20
10
20
10
0%
10
90
%
80
%
70
%
60
%
50
%
40
%
30
%
20
%
0
10
%
Altri elementi di affaticamento
(da considerare se la probabilità che
accadano è superiore al 10%)
Temperatura ambientale superiore a 40°C
o inferiore a 0°C o umidità superiore all'80%
Presenza di polvere o sabbia
Presenza di salsedine
Interruzione manovra da Foto
Interruzione manovra da Alt
Spunto attivo
Totale indice di gravosità %:
Indice di gravosità %
Nota: se l'indice di gravosità supera il 100% significa che le condizioni sono oltre il limite di accettabilità; si consiglia l'uso di un modello di taglia superiore.
31
2.2) Impianto tipico
In figura 2 è riportato l'impianto tipico di un cancello scorrevole automatizzato con RUN.
3
1
5
3
E
8
11
10
6
D
2
C
F
7
C
4
12
9
F
B
A
2
1
2
3
4
5
6
Selettore a chiave
Ricevitore FT210B
Fotocellule
Trasmettitore FT210B
Bordo primario mobile
Staffa di finecorsa “Aperto”
7
8
9
10
11
12
Cremagliera
Lampeggiante con antenna incorporata
RUN
Staffa di finecorsa “Chiuso”
Bordo secondario mobile (opzionale)
Radio trasmettitore
2.3) Elenco cavi
Nell'impianto tipico di figura 2 sono indicati anche i cavi necessari per i collegamenti dei vari dispositivi; in tabella 5 sono indicate le caratteristiche dei cavi.
! I cavi utilizzati devono essere adatti al tipo di installazione; ad esempio si consiglia un cavo tipo H03VV-F per posa in
ambienti interni oppure H07RN-F se posato all'esterno.
Tabella 5: elenco cavi
Collegamento
A: Linea elettrica di alimentazione
B: Lampeggiante con antenna
C: Fotocellule
D: Selettore a chiave
E: Collegamento tra i 2 bordi mobili
F: Collegamento bordi mobili
Tipo cavo
N°1 cavo 3x1,5mm2
N°1 cavo 2x0,5mm2
N°1 cavo schermato tipo RG58
N°1 cavo 2x0,5mm2
N°2 cavi 2x0,5mm2 (nota 3)
N°1 cavo 2x0,5mm2 (nota 4)
N°1 cavo 2x0,5mm2 (nota 5)
Lunghezza massima consentita
30m (nota 1)
20m
20m (consigliato minore di 5m)
30m (nota 2)
50m
20m
30m
Nota 1: se il cavo di alimentazione è più lungo di 30m occorre un cavo con sezione maggiore, ad esempio 3x2,5mm2 ed è necessaria una
messa a terra di sicurezza in prossimità dell'automazione.
Nota 2: se il cavo "BLUEBUS" è più lungo di 30m, fino ad un massimo di 50m, occorre un cavo 2x1mm2.
Nota 3: i due cavi 2x0,5mm2 possono essere sostituiti da un solo cavo 4x0,5mm2.
Nota 4: se è presente più di un bordo vedere il paragrafo "7.3.2 Ingresso STOP" per il tipo di collegamento consigliato
Nota 5: per il collegamento dei bordi mobili su ante scorrevoli occorre utilizzare opportuni dispositivi che permettono la connessione anche
con l'anta in movimento; nella figura è indicato l'utilizzo di FT210B.
32
3) Installazione
! L'installazione di RUN deve essere effettuata da personale qualificato, nel rispetto di leggi, norme e regolamenti e di quanto riportato nelle presenti istruzioni.
3.1) Verifiche preliminari
Prima di procedere con l'installazione di RUN è necessario eseguire
questi controlli:
• Verificare che tutto il materiale da utilizzare sia in ottimo stato, adatto all'uso e conforme alle norme.
• Verificare che la struttura del cancello sia adatta ad essere automatizzata.
• Verificare che peso e dimensioni dell'anta rientrino i limiti di impiego riportati nel capitolo “2.1 Limiti d'impiego”.
• Verificare, confrontando con i valori riportati nel capitolo “8 Caratteristiche tecniche”, che la forza necessaria per mettere in movimento l'anta sia inferiore a metà della “Coppia massima” e che la
forza necessaria per mantenere in movimento l'anta sia inferiore a
metà della “Coppia nominale”; viene consigliato un margine del
50% sulle forze perché le condizioni climatiche avverse possono
far aumentare gli attriti.
• Verificare che in tutta la corsa del cancello, sia in chiusura che in
apertura, non ci siano punti con maggiore attrito.
• Verificare che non vi sia pericolo di deragliamento dell'anta e che
non ci siano rischi di uscita dalle guide.
• Verificare la robustezza degli arresti meccanici di oltre corsa controllando che non vi siano deformazioni anche se l'anta dovesse
sbattere con forza sull'arresto.
• Verificare che l'anta sia in equilibrio cioè non deve muoversi se
lasciata ferma in una qualsiasi posizione.
• Verificare che la zona di fissaggio del motoriduttore non sia soggetta ad allagamenti; eventualmente prevedere il montaggio del
motoriduttore adeguatamente sollevato da terra.
• Verificare che la zona di fissaggio del motoriduttore permetta lo
sblocco ed una manovra manuale facile e sicura.
• Verificare che i punti di fissaggio dei vari dispositivi siano in zone
protette da urti e le superfici siano sufficientemente solide.
• Evitare che le parti dell'automatismo possano venir immerse in
acqua o in altre sostanze liquide.
• Non porre RUN vicino a fiamme o fonti di calore; in atmosfere
potenzialmente esplosive, particolarmente acide o saline; questo
può danneggiare RUN ed essere causa di malfunzionamenti o
situazioni di pericolo.
• Nel caso sia presente un porta di passaggio interna all'anta oppure una porta sull'area di movimento dell'anta, occorre assicurarsi
che non intralci la normale corsa ed eventualmente provvedere
con un opportuno sistema di interblocco.
• Collegare la centrale ad una linea di alimentazione elettrica dotata
di messa a terra di sicurezza.
• La linea di alimentazione elettrica deve essere protetta da un adeguato dispositivo magnetotermico e differenziale.
• Sulla linea di alimentazione dalla rete elettrica è necessario inserire
un dispositivo di sconnessione dell'alimentazione (con categoria di
sovratensione III cioè distanza fa i contatti di almeno 3,5mm) oppure altro sistema equivalente ad esempio una presa e relativa spina.Se il dispositivo di sconnessione dell'alimentazione non è in
prossimità dell'automazione deve disporre di un sistema di blocco
contro la connessione non intenzionale o non autorizzata.
I
3.2) Fissaggio del motoriduttore
Se la superficie di appoggio è già esistente il fissaggio del motoriduttore dovrà avvenire direttamente sulla superficie utilizzando adeguati mezzi ad esempio attraverso tasselli ad espansione. Altrimenti,per fissare il motoriduttore:
1. Eseguire uno scavo di fondazione di adeguate dimensioni usando come riferimento le quote indicate in figura 3.
2. Predisporre uno o più tubi per il passaggio dei cavi elettrici come
in figura 4.
3. Assemblare le 4 zanche sulla piastra di fondazione ponendo un
dado sotto ed uno sopra la piastra; il dado sotto alla piastra va
avvitato come in figura 5 in modo che la parte filettata sporga al
massimo 40mm dalla piastra.
4. Effettuare la colata di calcestruzzo e, prima che inizi la presa, porre la piastra di fondazione alle quote indicate in figura 3; verificare che sia parallela all'anta e perfettamente in bolla, figura 6.
Attendere la completa presa del calcestruzzo.
5. Togliere i 4 dadi superiori alla piastra quindi appoggiarvi il motoriduttore;verificare che sia perfettamente parallelo all'anta poi avvitare leggermente i 4 dadi e rondelle in dotazione come in figura 7.
240
0÷10
Max. 40mm
0÷50
4
5
240
0÷10
400
0÷50
3
400
6
7
33
! Per evitare che il peso dell'anta possa gravare sul
motoriduttore è importante che tra cremagliera e pignone
ci sia un gioco di 1÷2 mm come in figura 9.
1÷2mm
6. Sbloccare il motoriduttore come indicato nel paragrafo “Sblocco
e movimento manuale” sul capitolo “Istruzioni ed avvertenze
destinate all'utilizzatore del motoriduttore RUN”.
7. Aprire completamente l'anta, appoggiare sul pignone il primo
tratto di cremagliera e verificare che l'inizio della cremagliera corrisponda all'inizio dell'anta come in figura 8. Verificare che tra
pignone e cremagliera vi sia un gioco di 1÷2 mm, quindi fissare
con mezzi adeguati la cremagliera sull'anta.
8
9
10
11
8.
Far scorrere l'anta ed utilizzare sempre il pignone come riferimento
per fissare gli altri elementi della cremagliera.
9. Tagliare l'ultimo tratto di cremagliera per la parte eccedente.
10. Provare a muovere l'anta varie volte in apertura e chiusura e verificare che la cremagliera scorra allineata sul pignone con un disallineamento massimo di 5 mm e che per tutta la lunghezza sia stato
rispettato il gioco 1÷2 mm tra pignone e cremagliera.
11. Serrare energicamente i dadi di fissaggio del motoriduttore assicurandosi così che sia ben saldo a terra; coprire i dadi di fissaggio con
gli appositi tappi come in figura 10.
12. Fissare le staffe di finecorsa come descritto di seguito (per le versioni RUN1800P e RUN2500P fissare le staffe come descritto nel
paragrafo “3.3 Fissaggio delle staffe di finecorsa nelle versioni con
finecorsa di prossimità induttivo”):
• Portare manualmente l'anta in posizione di apertura lasciando
almeno 2-3cm dall'arresto meccanico.
• Far scorrere la staffa sulla cremagliera nel senso dell'apertura
fino a far intervenire il finecorsa. Quindi far avanzare la staffa di
almeno 2cm e poi bloccare con i relativi grani la staffa alla cremagliera, come in figura 11.
• Eseguire la stessa operazione per il finecorsa di chiusura.
13. Bloccare il motoriduttore come indicato nel paragrafo. Sblocco e
movimento manuale. sul capitolo “Istruzioni ed avvertenze destinate all'utilizzatore”.
3.3) Fissaggio delle staffe di finecorsa nelle versioni con finecorsa di prossimità induttivo
Per le versioni RUN1800P e RUN2500P che utilizzano il finecorsa di
prossimità induttivo, occorre fissare le staffe finecorsa come descritto di seguito.
1. Portare manualmente l'anta in posizione di apertura lasciando
almeno 2-3cm dall'arresto meccanico.
2. Far scorrere la staffa sulla cremagliera nel senso dell'apertura fino
a quando il led corrispondente si spegne, come in figura 12.
Quindi far avanzare la staffa di almeno 2cm e poi bloccare con i
relativi grani la staffa alla cremagliera.
3. Portare manualmente l'anta in posizione di chiusura lasciando
almeno 2-3cm dall'arresto meccanico.
4. Far scorrere la staffa sulla cremagliera nel senso della chiusura
fino a quando il led corrispondente si spegne. Quindi far avanzare la staffa di almeno 2cm e poi bloccare con i relativi grani la staffa alla cremagliera.
12
3÷8mm
! Nel finecorsa di prossimità induttivo, la distanza della staffa deve essere compresa tra 3 e 8mm, come indicato in figura 13.
34
13
3.4) Installazione dei vari dispositivi
Effettuare l'installazione degli altri dispositivi previsti seguendo le rispettive istruzioni. Verificare nel paragrafo “3.6 Descrizione dei collegamenti
elettrici” ed in figura 2 i dispositivi che possono essere collegati a RUN.
3.5) Collegamenti elettrici
! Tutti i collegamenti elettrici devono essere eseguiti in
assenza di tensione all'impianto.
1. Per rimuovere il coperchio di protezione ed accedere alla centrale elettronica di controllo di RUN occorre togliere la vite a lato e sfilare il coperchio tirandolo verso l'alto.
2. Rimuovere le due membrane di gomma che chiudono i due fori
per il passaggio dei cavi. Infilare il cavo di alimentazione, da solo,
nel foro più piccolo e tutti gli altri cavi verso i vari dispositivi nel foro
più grande. Lasciare i cavi 20÷30 cm più lunghi del necessario.
Vedere tabella 5 per il tipo di cavi e figura 2 per i collegamenti.
3. Attraverso una fascetta raccogliere ed unire tutti i cavi che entrano dal foro più grande, porre la fascetta poco sotto il foro d'entrata cavi. Sulla membrana più grande ritagliare un foro un po' più
14
stretto del diametro dei cavi raccolti ed infilare la membrana lungo i cavi fino alla fascetta; quindi reinserire la membrana nella sua
sede. Porre una seconda fascetta per raccogliere i cavi appena
sopra la membrana.
4. Sulla membrana più piccola ritagliare un foro un po' più stretto del
diametro del cavo di alimentazione ed infilare la membrana lungo
il cavo fino a reinserirla nella sua sede.
5. Collegare il cavo di alimentazione da rete sull'apposito morsetto e
bloccarlo con l'apposito collarino come indicato in figura 14.
6. Eseguire i collegamenti degli altri cavi secondo lo schema di figura 16. Per maggiore comodità i morsetti sono estraibili.
7. Terminati i collegamenti bloccare con delle fascette i cavi raccolti agli
anelli ferma cavi. La parte eccedente del cavo d'antenna va bloccata agli altri cavi con un'altra fascetta come indicato in figura 15.
I
15
LUCYB
MOFB
OPEN CLOSE
MOSE
S.C.A.
16
Per il collegamento di 2 motori su ante contrapposte vedere il paragrafo “7.3.5 RUN in modalità Slave”.
35
3.6) Descrizione dei collegamenti elettrici
In questo paragrafo c'è una breve descrizione dei collegamenti elettrici; ulteriori informazioni sono presenti nel paragrafo “7.3 Aggiunta
o rimozione dispositivi”.
FLASH: uscita per uno o due lampeggianti tipo “LUCYB” o simili
con la sola lampada 12V massimo 21W.
S.C.A.: uscita “Spia Cancello Aperto”; è possibile collegare una
lampada di segnalazione 24V massimo 4W. Può essere programmata anche per altre funzioni; vedere paragrafo “7.2.3 Funzioni
secondo livello”
BLUEBUS: su questo morsetto si possono collegare i dispositivi
compatibili; tutti vengono collegati in parallelo con soli due conduttori sui quali transita sia l'alimentazione elettrica che i segnali di
comunicazione. Altre informazioni su BlueBUS sono presenti nel
paragrafo “7.3.1 BlueBUS”.
STOP: ingresso per dispositivi che bloccano o eventualmente arrestano la manovra in corso; con opportuni accorgimenti sull'ingresso
è possibile collegare contatti tipo “Normalmente Chiuso”, tipo “Normalmente Aperto” oppure dispositivi a resistenza costante. Altre
informazioni su STOP sono presenti nel paragrafo “7.3.2 Ingresso
STOP”.
P.P.: ingresso per dispositivi che comandano il movimento in modalità Passo-Passo; è possibile collegare contatti di tipo “Normalmente Aperto”.
OPEN: ingresso per dispositivi che comandano il movimento di sola
apertura; è possibile collegare contatti di tipo “Normalmente Aperto”.
CLOSE: ingresso per dispositivi che comandano il movimento di
sola chiusura; è possibile collegare contatti di tipo “Normalmente
Aperto”.
ANTENNA: ingresso di collegamento dell'antenna per ricevitore
radio (l'antenna è incorporata su LUCY B).
4) Verifiche finali ed avviamento
Prima di iniziare la fase di verifica ed avviamento dell'automazione è consigliabile porre l'anta a metà corsa circa in modo che sia libera di
muovere sia in apertura che in chiusura.
4.1) Selezione della direzione
A seconda della posizione del motoriduttore rispetto all'anta è
necessario scegliere la direzione della manovra di apertura; se per
l'apertura l'anta deve muovere verso sinistra occorre spostare il
selettore verso sinistra come in figura 17, se per l'apertura l'anta
deve muovere a destra occorre spostare il selettore a destra come
in figura 18.
17
18
4.2) Allacciamento dell’alimentazione
! L'allacciamento dell'alimentazione a RUN deve essere
eseguito da personale esperto, qualificato, in possesso
dei requisiti richiesti e nel pieno rispetto di leggi, norme e
regolamenti.
Non appena viene fornita tensione a RUN è consigliabile fare alcune
semplici verifiche:
1. Verificare che il led BlueBUS lampeggi regolarmente alla frequenza di un lampeggio al secondo.
2. Verificare che lampeggino anche i led sulle fotocellule (sia su TX
che su RX); non è significativo il tipo di lampeggio, dipende da altri
fattori.
3. Verificare che il lampeggiante collegato all'uscita FLASH e la lampada spia collegata sull'uscita S.C.A. siano spenti
Se tutto questo non avviene occorre spegnere immediatamente l'alimentazione alla centrale e controllare con maggiore attenzione i collegamenti elettrici.
Altre informazioni utili per la ricerca e la diagnosi dei guasti sono presenti nel capitolo “7.6 Risoluzione dei problemi”.
4.3) Apprendimento dei dispositivi
Dopo l'allacciamento dell'alimentazione occorre far riconoscere alla centrale i dispositivi collegati sugli ingressi BlueBUS e STOP. Prima di
questa fase i led L1 e L2 lampeggiano per indicare che occorre eseguire l'apprendimento dei dispositivi.
1.
2.
3.
4.
Premere e tenere premuti i tasti [▲] e [Set]
Rilasciare i tasti quando i led L1 e L2 iniziano a lampeggiare molto velocemente (dopo circa 3s)
Attendere alcuni secondi che la centrale finisca l'apprendimento dei dispositivi
Al termine dell'apprendimento il led STOP deve rimanere acceso, i led L1 e L2 si spegneranno (eventualmente inizieranno a lampeggiare i led L3 e L4)
19
La fase di apprendimento dispositivi collegati può essere rifatta in qualsiasi momento anche dopo l'installazione per esempio se venisse
aggiunto un dispositivo; per effettuare il nuovo apprendimento vedere paragrafo “7.3.6 Apprendimento altri dispositivi”.
36
4.4) Apprendimento lunghezza dell'anta
Dopo l'apprendimento dei dispositivi inizieranno a lampeggiare i led L3 e L4; ciò significa che è necessario far riconoscere alla centrale la lunghezza dell'anta (distanza dal finecorsa di chiusura al finecorsa di apertura); questa misura è necessaria per il calcolo dei punti di rallentamento ed il punto di apertura parziale.
1. Premere e tenere premuti i tasti [▼] e [Set]
2. Rilasciare i tasti quando inizia la manovra (dopo circa 3s)
3. Verificare che la manovra in corso sia una apertura altrimenti premere il tasto [Stop] e controllare con maggiore attenzione il paragrafo “4.1 Selezione della direzione”; poi ripetere dal punto 1.
4. Attendere che la centrale completi la manovra di apertura fino al raggiungimento del finecorsa di apertura;
subito dopo inizia la manovra di chiusura.
5. Attendere che la centrale completi la manovra di chiusura.
I
20
Se tutto questo non avviene occorre spegnere immediatamente l'alimentazione alla centrale e controllare con maggiore attenzione i collegamenti elettrici. Altre informazioni utili sono presenti nel capitolo “7.6 Risoluzione dei problemi”.
4.5) Verifica del movimento del cancello
Dopo l'apprendimento della lunghezza dell'anta è consigliabile effettuare alcune manovre per verificare il corretto movimento del cancello.
1. Premere il tasto [Open] per comandare una manovra di “Apre”;
verificare che l'apertura del cancello avvenga regolarmente senza
variazioni di velocità; solo quando l'anta è tra 70 e 50cm dal finecorsa di apertura dovrà rallentare e fermarsi, per intervento del
finecorsa, a 2÷3cm dall'arresto meccanico di apertura.
2. Premere il tasto [Close] per comandare una manovra di “Chiude”; verificare che la chiusura del cancello avvenga regolarmente
senza variazioni di velocità; solo quando l'anta è tra 70 e 50cm dal
finecorsa di chiusura dovrà rallentare e fermarsi, per intervento del
finecorsa, a 2÷3cm dall'arresto meccanico di chiusura.
3.Durante le manovra verificare che il lampeggiante effettui i lampeggi con periodi di 0,5s acceso e 0,5s spento. Se presente,
controllare anche i lampeggi della spia collegata al morsetto
S.C.A.: lampeggio lento in apertura, veloce in chiusura.
4.Effettuare varie manovre di apertura e chiusura con lo scopo di
evidenziare eventuali difetti di montaggio e regolazione o altre
anomalie come ad esempio punti con maggior attrito.
5.Verificare che il fissaggio del motoriduttore RUN, della cremagliera
e delle staffe di finecorsa siano solidi, stabili ed adeguatamente
resistenti anche durante le brusche accelerazioni o decelerazioni
del movimento del cancello.
4.6) Funzioni preimpostate
La centrale di controllo di RUN dispone di alcune funzioni programmabili, di fabbrica queste funzioni vengono regolate in una configurazione che dovrebbe soddisfare la maggior parte delle automazioni; comunque le funzioni possono essere cambiate in qualsiasi
momento attraverso una opportuna procedura di programmazione,
a questo scopo vedere paragrafo “7.2 Programmazioni”.
4.7) Ricevitore radio
Per il comando a distanza di RUN, sulla centrale di controllo è previsto l'innesto SM per ricevitori radio opzionali tipo SMXI o SMXIS. Per inserire il ricevitore radio occorre spegnere l'alimentazione a RUN ed eseguire l'operazione indicata in figura 21. In tabella 6 è descritta l'associazione tra l'uscita dei ricevitori radio SMXI e SMXIS ed il comando che RUN eseguirà:
Tabella 6: comandi con ricevitore SMXI, SMXIS
Uscita
Uscita
Uscita
Uscita
N°1
N°2
N°3
N°4
Comando
Comando
Comando
Comando
“P.P.” (Passo-Passo)
“Apertura parziale”
“Apre”
“Chiude”
21
Per ulteriori informazioni, consultare il manuale di istruzioni del ricevitore radio.
5) Collaudo e messa in servizio
Questa è la fase più importante nella realizzazione dell'automazione
al fine di garantire la massima sicurezza. Il collaudo può essere usato anche come verifica periodica dei dispositivi che compongono
l'automatismo.
! Il collaudo dell'intero impianto deve essere eseguito da
personale esperto e qualificato che deve farsi carico delle prove richieste, in funzione del rischio presente e di
verificare il rispetto di quanto previsto da leggi, normative
e regolamenti, ed in particolare tutti i requisiti della norma EN12445 che stabilisce i metodi di prova per la verifica degli automatismi per cancelli.
37
5.1) Collaudo
Ogni singolo componente dell'automatismo, ad esempio bordi sensibili, fotocellule, arresto di emergenza, ecc. richiede una specifica
fase di collaudo; per questi dispositivi si dovranno eseguire le procedure riportate nei rispettivi manuali istruzioni. Per il collaudo di RUN
eseguire la seguente sequenza di operazioni:
1. Verificare che sia stato rispettato rigorosamente tutto quanto previsto nel presente manuale ed in particolare nel capitolo “1 Avvertenze”;
2. Sbloccare il motoriduttore come indicato nel paragrafo “Sblocco
e movimento manuale” sul capitolo “Istruzioni ed avvertenze
destinate all'utilizzatore del motoriduttore RUN”.
3. Verificare che sia possibile muovere manualmente l'anta in apertura e in chiusura con una forza non superiore a 390N (circa
40kg).
4. Bloccare il motoriduttore.
5. Utilizzando i dispositivi di comando o arresto previsti (selettore a
chiave, pulsanti di comando o trasmettitori radio), effettuare delle
prove di apertura, chiusura ed arresto del cancello e verificare che
il comportamento corrisponda a quanto previsto.
6. Verificare uno ad uno il corretto funzionamento di tutti i dispositivi
di sicurezza presenti nell'impianto (fotocellule, bordi sensibili, arresto di emergenza, ecc.); e verificare che il comportamento del cancello corrisponda a quanto previsto. Ogni volta che un dispositivo
interviene, sulla centrale il led “BlueBUS” deve eseguire 2 lampeggi più veloci a conferma che la centrale riconosce l'evento.
7. Se le situazioni pericolose provocate dal movimento dell'anta
sono state salvaguardate mediante la limitazione della forza d'impatto si deve eseguire la misura della forza secondo quanto previsto dalla norma EN 12445. Se la regolazione della “Sensibilità
rivelazione ostacoli” ed il controllo della “Coppia Motore” vengono
usati come ausilio al sistema per la riduzione della forza d'impatto, provare e trovare le regolazioni che offrono i migliori risultati.
5.2) Messa in servizio
La messa in servizio può avvenire solo dopo aver eseguito con esito
positivo tutte le fasi di collaudo di RUN e degli altri dispositivi presenti.
E' vietata la messa in servizio parziale o in situazioni “provvisorie”.
1. Realizzare e conservare per almeno 10 anni il fascicolo tecnico dell'automazione che dovrà comprendere almeno: disegno complessivo dell'automazione, schema dei collegamenti elettrici, analisi dei
rischi e relative soluzioni adottate, dichiarazione di conformità del
fabbricante di tutti i dispositivi utilizzati (per RUN utilizzare la Dichiarazione CE di conformità allegata); copia del manuale di istruzioni
per l'uso e del piano di manutenzione dell'automazione.
2. Apporre sul cancello una targhetta contenente almeno i seguenti
dati: tipo di automazione, nome e indirizzo del costruttore (responsabile della “messa in servizio”), numero di matricola, anno di
costruzione e marchio “CE”.
3. Fissare in maniera permanente in prossimità del cancello un'etichetta o una targa con indicate le operazioni per lo sblocco e la
manovra manuale.
4. Realizzare e consegnare al proprietario la dichiarazione di conformità dell'automazione.
5. Realizzare e consegnare al proprietario il manuale di “Istruzioni ed
avvertenze per l'uso dell'automazione”.
6. Realizzare e consegnare al proprietario il piano di manutenzione
dell'automazione (che deve raccogliere tutte le prescrizioni sulla
manutenzione dei singoli dispositivi installati).
7. Prima di mettere in servizio l'automatismo informare adeguatamente ed in forma scritta il proprietario (ad esempio sul manuale di
istruzioni ed avvertenze per l'uso dell'automazione) sui pericoli ed
i rischi residui ancora presenti.
6) Manutenzione e smaltimento
In questo capitolo sono riportate le informazioni per la realizzazione del piano di manutenzione e lo smaltimento di RUN.
6.1) Manutenzione
Per mantenere costante il livello di sicurezza e per garantire la massima durata dell'intera automazione è necessaria una manutenzione
regolare; a tale scopo RUN dispone di un contatore di manovre e un
sistema di segnalazione di manutenzione richiesta; vedere paragrafo
“7.4.4 Avviso di Manutenzione”.
! La manutenzione deve essere effettuata nel pieno rispetto delle prescrizioni sulla sicurezza del presente manuale e
secondo quanto previsto dalle leggi e normative vigenti.
Per gli altri dispositivi diversi da RUN seguire quanto previsto nei
rispettivi piani manutenzione.
1. Per RUN è necessaria una manutenzione programmata al massimo entro 6 mesi o al massimo dopo 30.000 manovre dalla precedente manutenzione.
2. Scollegare qualsiasi sorgente di alimentazione elettrica.
3. Verificare lo stato di deterioramento di tutti i materiali che compongono l'automazione con particolare attenzione a fenomeni di
erosione o di ossidazione delle parti strutturali; sostituire le parti
che non forniscono sufficienti garanzie.
4. Verificare lo stato di usura delle parti in movimento: pignone, cremagliera e tutte le parti dell'anta, sostituire la parti usurate.
5. Ricollegare le sorgenti di alimentazione elettrica ed eseguire tutte
le prove e le verifiche previste nel paragrafo “5.1 Collaudo”.
6.2) Smaltimento
Come per l'installazione, anche al termine della vita di questo prodotto, le operazioni di smantellamento devono essere eseguite da
personale qualificato.
Questo prodotto è costituito da vari tipi di materiali, alcuni possono
essere riciclati altri devono essere smaltiti; informatevi sui sistemi di
riciclaggio o smaltimento previsti dai regolamenti locali per questa
categoria di prodotto.
Come indicato dal simbolo di figura 22 è
vietato gettare questo prodotto nei rifiuti
domestici. Eseguire la "raccolta separata" per lo smaltimento secondo i metodi
previsti dai regolamenti locali; oppure
riconsegnare il prodotto al venditore nel
momento dell'acquisto di un nuovo prodotto equivalente.
22
! Alcune parti del prodotto possono contenere sostanze
inquinanti o pericolose, se disperse potrebbero provocare
effetti dannosi sull'ambiente e sulla salute umana.
38
Regolamenti locali possono prevedere pesanti sanzioni in caso di
smaltimento abusivo di questo prodotto.
7) Approfondimenti
In questo capitolo verranno trattate le possibilità di programmazione, personalizzazione, diagnostica e ricerca guasti su RUN.
7.1) Tasti di programmazione
Sulla centrale di controllo di RUN sono presenti 3 tasti che possono essere usati sia
per il comando della centrale durante le prove sia per le programmazioni:
Open
▲
Stop
Set
Close
▼
Il tasto “OPEN” permette di comandare l'apertura del cancello oppure di
spostare verso l'alto il punto di programmazione
Il tasto “STOP” permette di fermare la manovra se premuto per più di
5 secondi permette di entrare in programmazione.
Il tasto “CLOSE “permette di comandare la chiusura del cancello oppure
di spostare verso il basso il punto di programmazione
I
23
7.2) Programmazioni
Sulla centrale di controllo di RUN sono disponibili alcune funzioni
programmabili; la regolazione delle funzioni avviene attraverso 3 tasti
presenti sulla centrale: [▲] [Set] [▼] e vengono visualizzate attraverso 8 led: L1….L8.
Le funzioni programmabili disponibili su RUN sono disposte su 2 livelli:
Primo livello: funzioni regolabili in modo ON-OFF (attivo oppure non
attivo); in questo caso ogni led L1…L8 indica una funzione, se acceso
la funzione è attiva, se spento la funzione non è attiva; vedere tabella 7.
Secondo livello: parametri regolabili su una scala di valori (valori
da 1 a 8); in questo caso ogni led L1…L8 indica il valore regolato tra
i 8 possibili; vedere tabella 9.
7.2.1) Funzioni primo livello (funzioni ON-OFF)
Tabella 7: elenco funzioni programmabili: primo livello
Led
L1
Funzione
Chiusura Automatica
Descrizione
Questa funzione permette una chiusura automatica del cancello dopo il tempo pausa programmato, di
fabbrica il Tempo Pausa è posto a 30 secondi ma può essere modificato a 5, 15, 30, 45, 60, 80, 120 e
180 secondi. Se la funzione non è attivata, il funzionamento è “semiautomatico”.
L2
Richiudi Dopo Foto
Questa funzione permette di tenere il cancello aperto solo per il tempo necessario al transito, infatti
l'intervento di "Foto" provoca sempre una richiusura automatica con un tempo pausa di 5s
(indipendentemente dal valore programmato)
Il comportamento cambia a seconda che sia attiva o meno la funzione di "Chiusura Automatica".
Con "Chiusura Automatica" non attiva: Il cancello raggiunge sempre la posizione di totale apertura
(anche se il disimpegno di Foto avviene prima). Al disimpegno di Foto si provoca la richiusura automatica
con una pausa di 5s.
Con "Chiusura Automatica" attiva: la manovra di apertura si arresta subito dopo il disimpegno delle
fotocellule e si provoca la richiusura automatica con una pausa di 5s. La funzione di "Richiudi Dopo Foto"
viene sempre disabilitata nelle manovre interrotte con un comando di Stop.
Se la funzione "Richiudi Dopo Foto" non è attiva il tempo di pausa sarà quello programmato o non ci sarà
richiusura automatica se la funzione non è attiva.
L3
Chiude Sempre
La funzione “Chiude Sempre” interviene, provocando una chiusura, quando al ritorno dell'alimentazione
viene rilevato il cancello aperto. Per questioni di sicurezza la manovra viene preceduta da 5s di
prelampeggio. Se la funzione non è attiva, al ritorno dell'alimentazione il cancello rimarrà fermo.
L4
Rallentamento
Attivando questa funzione, viene inserita una fase di rallentamento alla fine delle manovre di apertura e di
chiusura. La velocità di rallentamento corrisponde a circa il 60% della velocità nominale.
Attenzione: durante il rallentamento il motore sviluppa solo metà della coppia nominale; non sarà
possibile utilizzare il rallentamento su cancelli pesanti o che richiedono il massimo della coppia.
Se il rallentamento non è attivo la velocità rimarrà costante per tutta la manovra.
L5
Spunto
Attivando questa funzione, viene disinserita l'accelerazione graduale ad ogni inizio manovra; permette di avere
la massima forza di spunto ed è utile dove ci sono elevati attriti statici, ad esempio in caso di neve o ghiaccio
che bloccano l'anta.
Se lo spunto non è attivo la manovra inizia con una accelerazione graduale.
L6
Prelampeggio
Con la funzione di prelampeggio viene aggiunta una pausa di 3s tra l'accensione del lampeggiante e l'inizio
della manovra per avvertire in anticipo della situazione di pericolo. Se il prelampeggio non è attivo
l'accensione del lampeggiante coincide con l'inizio manovra.
L7
“Chiude” diventa
Attivando questa funzione tutti i comandi “chiude” (ingresso “CLOSE” o comando radio “chiude”) attivano
“Apre Parziale”
una manovra di apertura parziale (vedere led L6 su tabella 9).
L8
Modo “Slave” (schiavo) Attivando questa funzione RUN diventa “Slave” (schiavo): è possibile, così, sincronizzare il funzionamento
di 2 motori su ante contrapposte nelle quali un motore funziona da Master e uno da Slave; per maggiori
dettagli vedere il paragrafo “7.3.5 RUN in modalità “Slave”.
Durante il funzionamento normale di RUN i led L1….L8 sono accesi o spenti in base allo stato della funzione che rappresentano, ad esempio L1 è acceso se è attiva la “Chiusura automatica”.
39
7.2.2) Programmazione primo livello (funzioni ON-OFF)
Di fabbrica le funzioni del primo livello sono poste tutte “OFF” ma si possono cambiare in qualsiasi momento come indicato in tabella 8. Fare
attenzione nell'eseguire la procedura perché c'è un tempo massimo di 10s tra la pressione di un tasto e l'altro, altrimenti la procedura finisce automaticamente memorizzando le modifiche fatte fino a quel momento.
Tabella 8: per cambiare le funzioni ON-OFF
Esempio
1.
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led lampeggiante sul led che rappresenta la funzione
da modificare
Premere il tasto [Set] per cambiare lo stato della funzione (lampeggio breve = OFF;
lampeggio lungo = ON)
Attendere 10s per uscire dalla programmazione per fine tempo massimo.
SET
L1
4.
5.
3s
SET
o
SET
10s
Nota: i punti 3 e 4 possono essere ripetuti durante le stessa fase di programmazione per porre ON o OFF altre funzioni.
7.2.3) Funzioni secondo livello (parametri regolabili)
Tabella 9: elenco funzioni programmabili: secondo livello
Led di entrata Parametro Led (livello)
Valore
L1
Tempo
Pausa
L2
Funzione P.P.
L3
40
Sensibilità
rilevazione
ostacoli
L4
Uscita
S.C.A.
L5
Controllo
coppia
motore
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
5 secondi
15 secondi
30 secondi
45 secondi
60 secondi
80 secondi
120 secondi
180 secondi
Apre - stop – chiude- stop
Apre - stop - chiude- apre
Apre - chiude- apre – chiude
Condominiale
Condominiale 2 (più di 2” fa stop)
Passo-Passo 2 (meno di 2” fa apre parziale)
Uomo presente
Apertura in “semiautomatico”, chiusura a
“uomo presente”
Sensibilità altissima (cancelli leggeri)
Sensibilità molto alta
Sensibilità alta
Sensibilità media
Sensibilità medio bassa
Sensibilità bassa
Sensibilità molto bassa
Sensibilità bassissima (cancelli pesanti)
Funzione “Spia Cancello Aperto”
Attiva se anta chiusa
Attiva se anta aperta
Attiva con uscita radio N°2
Attiva con uscita radio N°3
Attiva con uscita radio N°4
Spia manutenzione
Elettroserratura
Fisso a 40%
Fisso a 50%
Fisso a 60%
Fisso a 80%
Fisso a 100%
Semiautomatico 1=40÷100% (1)
Semiautomatico 2=60÷100%(1)
Automatico = 0÷100% (2)
Descrizione
Regola il tempo di pausa cioè il tempo prima
della richiusura automatica. Ha effetto solo
se la chiusura automatica è attiva.
Regola la sequenza di comandi associati
all'ingresso P.P. oppure al 1° comando
radio.
Regola la sensibilità della rilevazione degli
ostacoli. Fare attenzione che la sensibilità è
influenzata anche dalla forza del motore
(vedere L5); la forza del motore va sempre
regolata per prima; solo dopo si potrà regolare la sensibilità alla rivelazione ostacoli
Regola la funzione associata all'uscita
S.C.A. (qualunque sia la funzione associata
l'uscita, quando attiva, fornisce una tensione di 24V -30 +50% con una potenza massima di 4W).
Dopo l'avvio del motore regola la forza per
adeguarla al peso del cancello. Il sistema di
controllo misura anche la temperatura
ambientale aumentando automaticamente
la forza in caso di temperature particolarmente basse.
Led di entrata
L6
L7
L8
Parametro
Apre Parziale
Avviso di
manutenzione
Elenco
anomalie
Led (livello)
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
L1
L2
L3
L4
L5
L6
L7
L8
Valore
0,5 mt
1 mt
1,5 mt
2 mt
2,5 mt
3 mt
3,4 mt
4 mt
Automatico (in base alla gravosità delle
manovre)
2.000
4.000
7.000
10.000
15.000
20.000
30.000
Esito 1a manovra (la più recente)
Esito 2a manovra
Esito 3a manovra
Esito 4a manovra
Esito 5a manovra
Esito 6a manovra
Esito 7a manovra
Esito 8a manovra
Descrizione
Regola la misura dell'apertura parziale.
L'apertura parziale si può comandare col 2°
comando radio oppure con “CHIUDE” se c'è
la funzione “Chiude” diventa “Apre Parziale”.
I
Regola il numero di manovre dopo il quale
segnalare la richiesta di manutenzione dell'automazione (vedere paragrafo “7.4.4
Avviso di Manutenzione”).
Permette di verificare il tipo di anomalia
intervenuta nelle ultime 8 manovre (vedere
paragrafo “7.6.1 Storico anomalie”).
Nota: “
” rappresenta la regolazione di fabbrica
Nota (1): Regola automaticamente la forza necessaria mantenendo un livello minimo di forza garantita.
Nota (2): Regola automaticamente la forza necessaria.
Tutti i parametri possono essere regolati a piacere senza nessuna controindicazione; solo le regolazioni di “Sensibilità alla rivelazione ostacoli” e il “Controllo forza motore” potrebbero richiedere una attenzione particolare:
• E' sconsigliato utilizzare valori alti di forza per compensare il fatto che l'anta abbia dei punti di attrito anomali; una forza eccessiva può pregiudicare il funzionamento del sistema di sicurezza o danneggiare l'anta.
• Se il controllo della “Sensibilità alla rivelazione ostacoli” viene usato come ausilio al sistema per la riduzione della forza di impatto, dopo
ogni regolazione ripetere la misura della forza, come previsto dalla norma EN 12445.
• L'usura e le condizioni atmosferiche influiscono sul movimento del cancello, periodicamente e necessario ricontrollare la regolazione della
forza.
7.2.4) Programmazione secondo livello (parametri regolabili)
Di fabbrica i parametri regolabili sono posti come evidenziato in tabella 9 con: “
” ma si possono cambiare in qualsiasi momento come
indicato in tabella N°10. Fare attenzione nell'eseguire la procedura perché c'è un tempo massimo di 10s tra la pressione di un tasto e l'altro, altrimenti la procedura finisce automaticamente memorizzando le modifiche fatte fino a quel momento.
Tabella 10: per cambiare i parametri regolabili
1.
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led lampeggiante sul “led di entrata” che rappresenta
il parametro da modificare
Premere e mantenere premuto il tasto [Set], il tasto [Set] va mantenuto premuto durante tutti
i passi 5 e 6
Attendere circa 3s dopodiché si accenderà il led che rappresenta il livello attuale del
parametro da modificare
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led che rappresenta il valore del parametro.
Esempio
SET
L1
4.
5.
6.
3s
SET
o
SET
o
7.
Rilasciare il tasto [Set]
8.
Attendere 10s per uscire dalla programmazione per fine tempo massimo.
SET
10s
Nota: i punti da 3 a 7 possono essere ripetuti durante la stessa fase di programmazione per regolare più parametri
41
7.2.5) Esempio di programmazione primo livello (funzioni ON-OFF)
Come esempio viene riportata la sequenza di operazioni per cambiare l'impostazione di fabbrica delle funzioni di “Chiusura Automatica” (L1)
e “Chiude Sempre” (L3).
Tabella 11: esempio di programmazione primo livello
Esempio
1.
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere una volta il tasto [Set] per cambiare lo stato della funzione associata ad L1
(Chiusura Automatica) ora il led L1 lampeggia con lampeggio lungo
Premere 2 volte il tasto [▼] per spostare il led lampeggiante sul led L3
SET
SET
L1
4.
3s
L1
SET
L3
5.
6.
Premere una volta il tasto [Set] per cambiare lo stato della funzione associata ad L3
(Chiude Sempre) ora il led L3 lampeggia con lampeggio lungo
Attendere 10s per uscire dalla programmazione per fine tempo massimo
L3
SET
10s
Al termine di queste operazioni i led L1 ed L3 devono rimanere accesi ad indicare che sono attive le funzioni di “Chiusura Automatica” e
“Chiude Sempre”.
7.2.6) Esempio di programmazione secondo livello (parametri regolabili)
Come esempio viene riportata la sequenza di operazioni per cambiare l'impostazione di fabbrica dei parametri ed aumentare il “Tempo Pausa” a 60s (entrata su L1 e livello su L5) e ridurre il “Controllo coppia” al 60% (entrata su L5 e livello su L3).
Tabella 12: esempio di programmazione secondo livello
1.
Esempio
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
SET
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
6.
Premere e mantenere premuto il tasto [Set]; il tasto [Set] va mantenuto premuto durante tutti
i passi 4 e 5
Attendere circa 3s fino a che si accenderà il led L3 che rappresenta il livello attuale
del “Tempo Pausa”
Premere 2 volte il tasto [▼] per spostare il led acceso su L5 che rappresenta il nuovo valore
del “Tempo Pausa”
Rilasciare il tasto [Set]
7.
Premere 4 volte il tasto [▼] per spostare il led lampeggiante sul led L5
8.
11.
Premere e mantenere premuto il tasto [Set]; il tasto [Set] va mantenuto premuto durante
tutti i passi 9 e 10
Attendere circa 3s fino a che si accenderà il led L5 che rappresenta il livello attuale del controllo
“Coppia Motore”
Premere 2 volte il tasto [▲] per spostare il led acceso su L3 che rappresenta il nuovo valore del
Controllo “Coppia Motore”
Rilasciare il tasto [Set]
12.
Attendere 10s per uscire dalla programmazione per fine tempo massimo
SET
L1
4.
5.
3s
SET
L3
3s
L5
SET
L5
9.
10.
SET
3s
L5
L3
SET
10s
7.3) Aggiunta o rimozione dispositivi
Ad una automazione con RUN è possibile aggiungere o rimuovere
dispositivi in qualsiasi momento. In particolare a “BlueBUS” ed all'ingresso “STOP” possono essere collegati vari tipi di dispositivi come
indicato nei paragrafi seguenti.
Dopo aver aggiunto o rimosso dei dispositivi è necessario
rifare l'apprendimento dei dispositivi come descritto nel
paragrafo “7.3.6 Apprendimento altri dispositivi”.
7.3.1) BlueBUS
BlueBUS è una tecnica che permette di effettuare i collegamenti dei
dispositivi compatibili con soli due conduttori sui quali transita sia l'alimentazione elettrica che i segnali di comunicazione. Tutti i dispositivi vengono collegati in parallelo sugli stessi 2 conduttori di BlueBUS
e senza necessità di rispettare alcuna polarità; ogni dispositivo viene
riconosciuto singolarmente poiché durante l'installazione gli viene
assegnato un indirizzo univoco. A BlueBUS si possono collegare ad
esempio: fotocellule, dispositivi di sicurezza, pulsanti di comando,
42
spie di segnalazione ecc. La centrale di controllo di RUN riconosce
uno ad uno tutti i dispositivi collegati attraverso un'opportuna fase di
apprendimento ed è in grado di rilevare con estrema sicurezza tutte
le possibili anomalie. Per questo motivo ogni volta che viene aggiunto o tolto un dispositivo collegato a BlueBUS occorrerà eseguire, nella centrale, la fase di apprendimento come descritto nel paragrafo
“7.3.6 Apprendimento altri dispositivi”.
7.3.2) Ingresso STOP
STOP è l'ingresso che provoca l'arresto immediato della manovra
seguito da una breve inversione. A questo ingresso possono essere
collegati dispositivi con uscita a contatto normalmente aperto “NA”,
normalmente chiuso “NC” oppure dispositivi con uscita a resistenza
costante 8,2KΩ, ad esempio bordi sensibili.
Come per BlueBUS, la centrale riconosce il tipo di dispositivo collegato all'ingresso STOP durante la fase di apprendimento (vedere
paragrafo “7.3.6 Apprendimento altri dispositivi”); successivamente
viene provocato uno STOP quando si verifica una qualsiasi variazione rispetto allo stato appreso.
Con opportuni accorgimenti è possibile collegare all'ingresso STOP
più di un dispositivo, anche di tipo diverso:
• Più dispositivi NA si possono collegare in parallelo tra di loro senza alcun limite di quantità.
• Più dispositivi NC si possono collegare in serie tra di loro senza
alcun limite di quantità.
• Due dispositivi con uscita a resistenza costante 8,2KΩ si possono collegare in parallelo; se vi sono più di 2 dispositivi allora tutti
devono essere collegati “in cascata” con una sola resistenza di
terminazione da 8,2KΩ.
• E' possibile la combinazione di NA ed NC ponendo i 2 contatti in
parallelo con l'avvertenza di porre in serie al contatto NC una resistenza da 8,2KΩ (ciò rende possibile anche la combinazione di 3
dispositivi: NA, NC e 8,2KΩ).
I
! Se l'ingresso STOP è usato per collegare dispositivi con
funzioni di sicurezza; solo i dispositivi con uscita a resistenza costante 8,2KΩ garantiscono la categoria 3 di sicurezza ai guasti secondo la norma EN 954-1.
7.3.3) Fotocellule
Il sistema “BlueBUS” consente, tramite l'indirizzamento con gli
appositi ponticelli, il riconoscimento delle fotocellule da parte della
centrale e di assegnare la corretta funzione di rilevazione. L'operazione di indirizzamento va fatta sia sul TX che sul RX (ponendo i ponticelli nello stesso modo) verificando che non vi siano altre coppie di
fotocellule con lo stesso indirizzo.
In un automatismo per cancelli scorrevoli con RUN è possibile installare le fotocellule secondo quanto rappresentato in figura 24.
Dopo l'installazione o la rimozione di fotocellule occorrerà eseguire
nella centrale la fase di apprendimento come descritto nel paragrafo
“7.3.6 Apprendimento altri dispositivi”.
Tabella 13: indirizzi delle fotocellule
Fotocellula
Ponticelli
FOTO
Fotocellula esterna h = 50
con intervento in chiusura
FOTO II
Fotocellula esterna h = 100
con intervento in chiusura
FOTO 1
Fotocellula interna h = 50
con intervento in chiusura
FOTO 1 II
Fotocellula interna h = 100
con intervento in chiusura
24
Fotocellula
Ponticelli
FOTO 2
Fotocellula esterna
con intervento in apertura
FOTO 2 II
Fotocellula interna
con intervento in apertura
FOTO 3
Fotocellula unica che copre tutto
l’automatismo
! L'installazione di FOTO 3 assieme a FOTO II richiede che la posizione degli elementi che compongono la fotocellula (TX - RX) rispetti
l'avvertenza riportata nel manuale di istruzioni delle fotocellule.
7.3.4) Fotosensore FT210B
Il fotosensore FT210B unisce in un unico dispositivo un sistema di
limitazione della forza (tipo C secondo la norma EN12453) ed un rilevatore di presenza che rileva ostacoli presenti sull'asse ottico tra trasmettitore TX e ricevitore RX (tipo D secondo la norma EN12453).
Nel fotosensore FT210B i segnali dello stato del bordo sensibile vengono inviati attraverso il raggio della fotocellula integrando i 2 sistemi in un unico dispositivo. La parte trasmittente posta sull'anta mobile è alimentata con batterie eliminando così gli antiestetici sistemi di
collegamento; speciali circuiti riducono il consumo della batteria per
garantire una durata fino a 15 anni (vedere i dettagli della stima nelle istruzioni del prodotto).
Un solo dispositivo FT210B abbinato ad un bordo sensibile (esempio TCB65) permette di raggiungere il livello di sicurezza del "bordo
primario" richiesto dalla norma EN12453 per qualsiasi "tipo di utilizzo" e "tipo di attivazione".
Il fotosensore FT210B abbinato a bordi sensibili "resistivi" (8,2Kohm),
è sicuro al guasto singolo (categoria 3 secondo EN 954-1). Dispone
di uno speciale circuito anticollisione che evita interferenze con altri
rilevatori anche se non sincronizzati e permette di aggiungere altre
fotocellule; ad esempio, nel caso di transito di veicoli pesanti dove
normalmente si pone una seconda fotocellula a 1m da terra.
Per ulteriori informazioni sulle modalità di collegamento e indirizzamento vedere il manuale di istruzioni di FT210B.
43
7.3.5) RUN in modalità “Slave”
Programmando e collegando opportunamente, RUN può funzionare
in modalità “Slave” (schiavo); questa modalità di funzionamento viene utilizzata nel caso serva automatizzare 2 ante contrapposte e si
desidera che i movimenti delle ante avvengano in modo sincronizzato. In questa modalità un RUN funziona come Master (maestro) cioè
comanda le manovre, mentre il secondo RUN funziona come Slave,
cioè esegue i comandi inviati dal Master (di fabbrica tutti i RUN sono
Master).
Per configurare RUN come Slave bisogna attivare la funzione di primo livello “Modo Slave” (vedere tabella 7).
Il collegamento tra il RUN Master e RUN Slave avviene tramite BlueBUS.
! In questo caso deve essere rispettata la polarità nel
collegamento fra i due RUN come illustrato in figura 26 (gli
altri dispositivi continuano a non avere polarità) .
Per installare 2 RUN in modalità Master e Slave eseguire le seguenti operazioni:
• Effettuare l'installazione dei 2 motori come illustrato in figura 25. È
indifferente quale motore funziona come Master e quale come Slave; nella scelta occorre valutare la comodità dei collegamenti ed il
fatto che il comando Passo-Passo sullo Salve consente l'apertura
totale solo dell'anta Slave.
25
• Collegare i 2 motori come in figura 26.
• Selezionare la direzione della manovra di apertura dei 2 motori
come indicato nel paragrafo “4.1 Selezione della direzione”.
• Alimentare i 2 motori.
• Nel RUN Slave programmare la funzione “Modo Slave” (vedere
tabella 7).
• Eseguire l'acquisizione dispositivi sul RUN Slave (vedere paragrafo
“4.3 Apprendimento dei dispositivi”).
• Eseguire l'acquisizione dispositivi sul RUN Master (vedere paragrafo “4.3 Apprendimento dei dispositivi).
• Eseguire l'acquisizione della lunghezza delle ante sul RUN Master
(vedere paragrafo “4.4 Apprendimento lunghezza dell'anta”).
LUCYB
LUCYB
S.C.A.
MOFB
OPEN CLOSE MOSE
S.C.A.
STOP PP
26
Nel collegamento di 2 RUN in modalità Master-Slave porre attenzione che:
• Tutti i dispositivi devono essere collegati su RUN Master (come in fig. 26) compreso il ricevitore radio
• Tutte le programmazioni sul RUN Slave vengono ignorate (prevalgono quelle di RUN Master) ad esclusione di quelle riportate in tabella 14.
44
Tabella 14: programmazioni su RUN Slave indipendenti da RUN Master
Funzioni di primo livello (funzioni ON – OFF)
Stand-by
Spunto
Modo Slave
Nello Slave è possibile collegare:
• un proprio lampeggiante (Flash)
• una propria Spia Cancello Aperto (S.C.A.)
• un proprio bordo sensibile (Stop)
Funzioni di secondo livello (parametri regolabili)
Sensibilità rilevazione ostacoli
Uscita SCA
Controllo coppia motore
Elenco anomalie
• un proprio dispositivo di comando (P.P.) che comanda l'apertura
totale solo dell'anta Slave.
• Nello Slave gli ingressi Open e Close non vengono utilizzati.
I
7.3.6) Apprendimento altri dispositivi
Normalmente l'operazione di apprendimento dei dispositivi collegati a BlueBUS ed all'ingresso STOP viene eseguita durante la fase di installazione;
tuttavia se vengono aggiunti o rimossi dispositivi è possibile rifare l'apprendimento come riportato in tabella 15.
Tabella 15: per l’apprendimento di altri dispositivi
Esempio
1.
Premere e tenere premuti i tasti [▲] e [Set]
2.
Rilasciare i tasti quando i led L1 e L2 iniziano a lampeggiare molto velocemente (dopo circa 3s)
3.
Attendere alcuni secondi che la centrale finisca l’apprendimento dei dispositivi
4.
Al termine dell'apprendimento i led L1 e L2 smetteranno di lampeggiare, il led STOP deve rimanere acceso,
mentre i led L1…L8 si accenderanno in base allo stato delle funzioni ON-OFF che rappresentano.
SET
SET
L1
L2
L1
L2
! Dopo aver aggiunto o rimosso dei dispositivi è necessario eseguire nuovamente il collaudo dell'automazione secondo quanto indicato nel paragrafo “5.1 Collaudo”.
7.4) Funzioni particolari
7.4.1) Funzione “Apri sempre”
La funzione “Apri sempre” è una proprietà della centrale di controllo che
permette di comandare sempre una manovra di apertura quando il
comando di “Passo-Passo” ha una durata superiore a 2 secondi; ciò è
utile ad esempio per collegare al morsetto P.P. il contatto di un orologio
programmatore per mantenere aperto il cancello per una certa fascia
oraria. Questa proprietà è valida qualunque sia la programmazione dell'ingresso di P.P. ad esclusione della programmazione come “Condominiale 2”, vedere parametro “Funzione P.P.” in tabella 9.
7.4.2) Funzione “Muovi comunque”
Nel caso in cui qualche dispositivo di sicurezza non dovesse funzionare correttamente o fosse fuori uso, è possibile comunque comandare e muovere il cancello in modalità “Uomo presente”.
Per i dettagli vedere il paragrafo “Comando con sicurezze fuori uso”
presente nell'allegato “Istruzioni ed avvertenze destinate all'utilizzatore del motoriduttore RUN ”.
7.4.3) Sistema di controllo del riscaldamento e raffreddamento.
RUN dispone di un sofisticato sistema di controllo della temperatura
del motore. Il valore della temperatura interna a RUN vene rilevata con
uno specifico sensore ed utilizzato per la gestione del sistema di climatizzazione in grado di riscaldare il motore quando la temperatura
esterna scende sotto la soglia di circa 0°C (se la funzione di "Riscaldamento" è stata attivata attraverso l'unità di programmazione remota "OperaView"); oppure di accelerare il raffreddamento del motore
quando la temperatura supera circa i 40°C
7.4.4) Avviso di manutenzione
RUN consente di avvisare l'utente quando eseguire un controllo di
manutenzione dell'automazione. Il numero di manovre dopo il quale
avviene la segnalazione è selezionabile tra 8 livelli, mediante il parametro regolabile “Avviso di manutenzione” (vedere tabella 9).
Il livello 1 di regolazione è “automatico” e tiene conto della gravosità
delle manovre, cioè dello sforzo e della durata della manovra, mentre le altre regolazioni sono fissate in base al numero delle manovre.
La segnalazione di richiesta di manutenzione avviene attraverso il lampeggiante Flash oppure sulla lampada collegata all'uscita S.C.A.
quando è programmata come "Spia Manutenzione" (vedere tabella 9).
In base al numero di manovre eseguite rispetto al limite programmato il lampeggiante Flash e la spia manutenzione danno le segnalazioni riportate in tabella 16.
Tabella 16: avviso di manutenzione con Flash e spia manutenzione
Numero manovre
Segnalazione su Flash
Inferiore a 80% del limite
Tra 81 e 100% del limite
Oltre il 100% del limite
Normale (0.5s acceso, 0.5s spento)
A inizio manovra rimane acceso per 2s poi
prosegue normalmente
Ad inizio e fine manovra rimane acceso per
2s poi prosegue normalmente
Segnalazione si spia manutenzione
Accesa per 2s ad inizio apertura
Lampeggia durante tutta la manovra
Lampeggia sempre.
45
Verifica del numero di manovre effettuate
Con la funzione di “Avviso di manutenzione” è possibile verificare il numero di manovre eseguite in percentuale sul limite impostato. Per la
verifica procedere come descritto in tabella 17.
Tabella 17: verifica del numero di manovre effettuate
Esempio
1.
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led lampeggiante sul L7, cioè il “led di entrata” per il
parametro “Avviso si manutenzione”
Premere e mantenere premuto il tasto [Set], il tasto [Set] va mantenuto premuto
durante tutti i passi 5, 6 e 7
Attendere circa 3s dopodiché si accenderà il led che rappresenta il livello attuale del
parametro “Avviso si manutenzione”
Premere e subito rilasciare i tasti [▲] e [▼].
SET
3s
L1
4.
5.
6.
SET
o
L7
SET
3s
e
7.
8.
Il led corrispondente al livello selezionato farà alcuni lampeggi. Il numero di lampeggi identifica la
percentuale di manovre effettuate (in multipli di 10%) rispetto al limite impostato.
Ad esempio: con impostato l'avviso di manutenzione su L5 cioè 10000, il 10% corrisponde a 1000
manovre; se il led di visualizzazione fa 4 lampeggi, significa che è stato raggiunto il 40% delle manovre
(cioè tra 4000 e 4999 manovre). Se non è stato raggiunto il 10% delle manovre non ci sarà nessun
lampeggio.
Rilasciare il tasto [Set]
....
n=?
SET
Azzeramento contatore manovre
Dopo aver eseguito la manutenzione dell'impianto è necessario azzerare il contatore delle manovre.
Procedere come descritto in tabella 18.
Tabella 18: azzeramento contatore manovre
1.
Esempio
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
SET
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led lampeggiante sul L7, cioè il “led di entrata” per il
parametro “Avviso si manutenzione”
Premere e mantenere premuto il tasto [Set], il tasto [Set] va mantenuto premuto
durante tutti i passi 5, e 6
Attendere circa 3s dopodiché si accenderà il led che rappresenta il livello attuale del
parametro “Avviso si manutenzione”
Premere e tenere premuto per almeno 5 secondi i tasti [▲] e [▼], quindi rilasciare i 2 tasti.
Il led corrispondente al livello selezionato eseguirà una serie di lampeggi veloci per segnalare che il
contatore delle manovre è stato azzerato.
Rilasciare il tasto [Set]
3s
L1
4.
5.
6.
7.
SET
o
L7
SET
3s
e
SET
7.5) Collegamento altri dispositivi
Se vi fosse l'esigenza di alimentare dispositivi esterni ad esempio un
lettore di prossimità per tessere a transponder oppure la luce d'illuminazione del selettore a chiave è possibile prelevare l'alimentazione
come indicato in figura 27. La tensione di alimentazione è 24Vcc 30% ÷ +50% con corrente massima disponibile di 100mA.
27
46
-
+
24Vcc
7.6) Risoluzione dei problemi
Nella tabella 19 è possibile trovare utili indicazioni per affrontare gli
eventuali casi di malfunzionamento in cui è possibile incorrere durante l'installazione o in caso di guasto.
F2
F1
I
28
Tabella 19: ricerca guasti
Sintomi
Il trasmettitore radio non comanda il cancello ed
il led sul trasmettitore non si accende
Il trasmettitore radio non comanda il cancello
ma il led sul trasmettitore si accende
Non si comanda nessuna manovra ed il led
“BlueBUS” non lampeggia
Non si comanda nessuna manovra ed il lampeggiante è spento
Non si comanda nessuna manovra ed il lampeggiante fa alcuni lampeggi
La manovra ha inizio ma subito dopo avviene
l'inversione
La manovra viene eseguita regolarmente ma il
lampeggiante non funziona
La manovra viene eseguita regolarmente ma la
spia SCA non funziona
Verifiche consigliate
Verificare che le pile del trasmettitore non siano scariche, eventualmente sostituirle
Verificare se il trasmettitore è correttamente memorizzato nel ricevitore radio
Verificare che RUN sia alimentato con la tensione di rete.
Verificare che i fusibili non siano interrotti; in questo caso, verificare la causa del guasto
e poi sostituirli con altri dello stesso valore di corrente e caratteristiche.
Verificare che il comando venga effettivamente ricevuto. Se il comando giunge sull'ingresso PP il relativo led “PP” deve accendersi; se invece viene utilizzato il trasmettitore
radio, il led “BluBus” deve fare due lampeggi veloci.
Contare il numero di lampeggi e verificare secondo quanto riportato in tabella 21
La sensibilità rivelazione ostacoli selezionata potrebbe essere troppo alta per il tipo di
cancello. Verificare se ci sono degli ostacoli ed eventualmente selezionare una sensibilità inferiore.
Verificare che durante la manovra vi sia tensione sul morsetto FLASH del lampeggiante
(essendo intermittente il valore di tensione non è significativo: circa 10-30Vcc); se c'è
tensione, il problema è dovuto alla lampada che dovrà essere sostituita con una di
uguali caratteristiche; se non c'è tensione, potrebbe essersi verificato un sovraccarico
sull'uscita FLASH, verificare che non vi sia corto circuito sul cavo.
Verificare il tipo di funzione programmata per l'uscita SCA (L4 su Tabella 9)
Quando la spia dovrebbe essere accesa, verificare vi sia tensione sul morsetto SCA
(circa 24Vcc); se c'è tensione, il problema è dovuto alla spia che dovrà essere sostituita con una di uguali caratteristiche; se non c'è tensione, potrebbe essersi verificato un
sovraccarico sull'uscita SCA. verificare che non vi sia corto circuito sul cavo.
7.6.1) Elenco storico anomalie
RUN permette di visualizzare le eventuali anomalie che si sono verificate nelle ultime 8 manovre, ad esempio l'interruzione di una manovra
per l'intervento di una fotocellula o di un bordo sensibile. Per verificare l'elenco delle anomalie precedere come in tabella 20.
Tabella 20: storico anomalie
1.
Esempio
Premere e tener premuto il tasto [Set] per circa 3s
SET
2.
Rilasciare il tasto [Set] quando il led L1 inizia a lampeggiare
3.
Premere i tasti [▲] o [▼] per spostare il led lampeggiante sul L8, cioè il “led di entrata”
per il parametro “Elenco anomalie”
Premere e mantenere premuto il tasto [Set], il tasto [Set] va mantenuto premuto
durante tutti i passi 5, e 6
Attendere circa 3s dopodiché si accenderanno i led corrispondenti alle manovre che hanno avuto delle
anomalie. Il led L1 indica l’ esito della manovra più recente, il led L8 indica l’esito dell’ottava. Se il led è
acceso significa che durante la manovra si sono verificate delle anomalie; se il led è spento significa che
la manovra è terminata senza anomalie.
Premere i tasti i tasti [▲] e [▼] per selezionare la manovra desiderta:
Il led corrispondente farà un numero di lampeggi pari a quelli normalmente eseguiti dal lampeggiante
dopo un’anomalia (vedere tabella 21).
Rilasciare il tasto [Set]
L1
4.
5.
6.
7.
3s
SET
o
L8
SET
3s
e
SET
7.7) Diagnostica e segnalazioni
Alcuni dispositivi offrono direttamente delle segnalazioni particolari attraverso le quali è possibile riconoscere lo stato di funzionamento o dell'eventuale malfunzionamento.
47
7.7.1) Segnalazioni con il lampeggiante
Il segnalatore lampeggiante FLASH durante la manovra esegue un lampeggio ogni secondo; quando accadono delle anomalie, vengono
emessi dei lampeggi più brevi; i lampeggi si ripetono due volte, separati da una pausa di un secondo.
Tabella 21: segnalazioni sul lampeggiante FLASH
Lampeggi veloci
Causa
AZIONE
All'inizio della manovra, la verifica dei dispositivi collegati a BlueBUS non corrisponde a quelli memorizzati durante la fase di apprendimento. E' possibile vi
siano dispositivi guasti, verificare e sostituire; se sono state fatte delle modifiche
occorre rifare l'apprendimento (7.3.4 Apprendimento altri dispositivi).
1 lampeggio
pausa di 1 secondo
1 lampeggio
Errore sul BluBUS
2 lampeggi
pausa di 1 secondo
2 lampeggi
Intervento di una fotocellula
All'inizio della manovra una o più fotocellule non danno il consenso al movimento, verificare se ci sono ostacoli.
Durante il movimento è normale se effettivamente è presente un ostacolo.
3 lampeggi
pausa di 1 secondo
3 lampeggi
Intervento della “Rivelazione
ostacoli”
Durante il movimento il cancello ha incontrato un maggiore attrito; verificare la
causa
4 lampeggi
pausa di 1 secondo
4 lampeggi
Intervento dell’ingresso di
STOP
All'inizio della manovra o durante il movimento c'è stato un intervento dell'ingresso di STOP; verificare la causa
5 lampeggi
pausa di 1 secondo
5 lampeggi
Errore nei parametri interni
della centrale elettronica
Attendere almeno 30 secondi e riprovare a dare un comando; se lo stato rimane potrebbe esserci un guasto grave ed occorre sostituire la scheda elettronica.
6 lampeggi
pausa di 1 secondo
6 lampeggi
Superato il limite massimo
di manovre per ora.
Attendere alcuni minuti che il limitatore di manovre ritorni sotto il limite massimo.
7 lampeggi
pausa di 1 secondo
7 lampeggii
Errore nei circuiti elettrici
interni
Scollegare tutti i circuiti di alimentazione per qualche secondi poi riprovare a
dare un comando; se lo stato rimane potrebbe esserci un guasto grave ed
occorre sostituire la scheda elettronica
8 lampeggi
pausa di 1 secondo
8 lampeggi
E ‘ già presente un comando che non consente di
eseguire altri comandi.
Verificare la natura del comando sempre presente; ad esempio potrebbe essere il comando da un orologio sull'ingresso di “apre”.
7.7.2) Segnalazioni sulla centrale
Nella centrale di RUN ci sono una serie di LED ognuno dei quali può
dare delle segnalazioni particolari, sia nel funzionamento normale
che in caso di anomalia.
29
Tabella 22: led sui morsetti della centrale
Led BLUEBUS
Causa
Spento
Anomalia
Acceso
Anomalia grave
Un lampeggio al secondo
Tutto OK
E’ avvenuta una variazione
dello stato degli ingressi
AZIONE
Verificare se c'è alimentazione; verificare che i fusibili non siano intervenuti; nel
caso, verificare la causa del guasto e poi sostituirli con altri dello stesso valore
C'è una anomalia grave; provare a spegnere per qualche secondo la centrale;
se lo stato permane c'è un guasto e occorre sostituire la scheda elettronica
Funzionamento normale della centrale
E' normale quando avviene un cambiamento di uno degli ingressi: PP, STOP,
OPEN, CLOSE, intervento delle fotocellule o viene utilizzato il trasmettitore radio
Varie
E' la stessa segnalazione che c'è sul lampeggiante Vedere tabella 21
2 lampeggi veloci
Serie di lampeggi separati da
una pausa di un secondo
Led STOP
Spento
Acceso
Led P.P.
Spento
Acceso
Led APRE
Spento
Acceso
Led CHIUDE
Spento
Acceso
48
Causa
Intervento dell’ingresso di
STOP
Tutto OK
Causa
Tutto OK
Intervento dell’ingresso di PP
Causa
Tutto OK
Intervento dell’ingresso di OPEN
Causa
Tutto OK
Intervento dell’ingresso di CLOSE
AZIONE
Verificare i dispositivi collegati all’ingresso di STOP
Ingresso STOP attivo
AZIONE
Ingresso PP non attivo
E’ normale se è effettivamente attivo il dispositivo collegato all’ingresso PP
AZIONE
Ingresso APRE non attivo
E’ normale se è effettivamente attivo il dispositivo collegato all’ingresso APRE
AZIONE
Ingresso CHIUDE non attivo
E’ normale se è effettivamente attivo il dispositivo collegato all’ingresso CHIUDE
Tabella 23: led sui tasti della centrale
Led 1
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica “Chiusura automatica” non attiva
Spento
Durante il funzionamento normale indica “Chiusura automatica” attiva
Acceso
• Programmazione delle funzioni in corso
Lampeggia
• lampeggia assieme ad L2 indica che è necessario eseguire la fase di apprendimento dei dispositivi
(vedere paragrafo “4.3 Apprendimento dei dispositivi”).
Led L2
Descrizione
Spento
Durante il funzionamento normale indica “Richiudi Dopo Foto” non attivo.
Acceso
Durante il funzionamento normale indica “Richiudi Dopo Foto” attivo.
• Programmazione delle funzioni in corso
Lampeggia
• Se lampeggia assieme ad L1 indica che è necessario eseguire la fase di apprendimento dei dispositivi
(vedere paragrafo “4.3 Apprendimento dei dispositivi”).
Led L3
Spento
Acceso
Lampeggia
Led L4
Spento
Acceso
Lampeggia
Led L5
Spento
Acceso
Lampeggia
Led L6
Spento
Acceso
Lampeggia
Led L7
Spento
Acceso
Lampeggia
Led L8
Spento
Acceso
Lampeggia
I
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica “Chiude Sempre” non attivo.
Durante il funzionamento normale indica “Chiude Sempre” attivo.
• Programmazione delle funzioni in corso
• Se lampeggia assieme ad L4 indica che è necessario eseguire la fase di apprendimento della lunghezza
dell’anta (vedere paragrafo “4.4 Apprendimento lunghezza dell’anta”).
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica “Stand-By” non attivo.
Durante il funzionamento normale indica “Stand-By” attivo.
• Programmazione delle funzioni in corso
• Se lampeggia assieme ad L3 indica che è necessario eseguire la fase di apprendimento della lunghezza
dell’anta (vedere paragrafo “4.4 Apprendimento lunghezza dell’ anta”).
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica
Durante il funzionamento normale indica
Programmazione delle funzioni in corso
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica
Durante il funzionamento normale indica
Programmazione delle funzioni in corso
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica
Durante il funzionamento normale indica
Programmazione delle funzioni in corso
Descrizione
Durante il funzionamento normale indica
Durante il funzionamento normale indica
Programmazione delle funzioni in corso
“Spunto” non attivo.
“Spunto” attivo.
“Prelampeggio” non attivo.
“Prelampeggio” attivo.
che l’ingresso CHIUDE attiva una manovra di chiusura
che l’ingresso CHIUDE attiva una manovra di apertura parziale.
che RUN è configurato come Master
che RUN è configurato come Slave
7.8) Accessori
Per RUN sono previsti i seguenti accessori opzionali:
• SMXI o SMXIS: Ricevitore radio a 433.92MHz con codifica digitale Rolling Code.
• ONEXI: Ricevitore radio a 433.92MHz con codifica digitale Rolling
Code; dotato di Modo III per inviare 15 tipi di comandi alla centrale
• OperaView; Unità di programmazione remota.
Consultare il catalogo prodotti di Nice S.p.a. per l'elenco completo
ed aggiornato degli accessori.
7.8.1) Unità di programmazione remota
Nello specifico connettore BusT4 (vedere figura 30) è possibile
collegare l'unità di programmazione remota Oview che consente una
completa e rapida gestione dell'installazione, della manutenzione e
della diagnosi di eventuali malfunzionamenti.
Per accedere al connettore è necessario togliere la membrana come
indicato in figura 31. L'unità di programmazione remota può essere
posta a distanza dalla centrale, fino a 100m di cavo; può essere collegata simultaneamente a più centrali, fino a 16 e può rimanere collegata anche durante il normale funzionamento di RUN; in questo
caso, uno specifico menù "utilizzatore" permette di inviare i comandi alla centrale. Se nella centrale è inserito un ricevitore radio tipo Oxi
o Oxit, attraverso l'unità di programmazione remota è possibile avere accesso ai parametri dei trasmettitori memorizzati.
Per queste funzioni è necessario un cavo di collegamento a 4 conduttori (BusT4). E’ possibile anche effettuare l'aggiornamento del
firmware della centrale di RUN.
Ulteriori informazioni sono contenute nel manuale di istruzioni del
programmatore Oview.
IMPORTANTE – Per approfondire in dettaglio tutte le funzionalità del
sistema NiceOpera e l’interdipendenza operativa che lega i vari dispositivi del sistema, consultare il manuale generale “NiceOpera System
Book”, disponibile anche nel sito internet www.niceforyou.com.
30
31
49
8) Caratteristiche tecniche
Con lo scopo di migliorare i propri prodotti, Nice S.p.a si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche in qualsiasi momento e senza preavviso pur mantenendo funzionalità e destinazione d'uso.
Tutte le caratteristiche tecniche riportate si riferiscono alla temperatura ambientale di 20°C (±5°C).
Caratteristiche tecniche RUN
Modello tipo
Tipologia
Pignone
Coppia massima allo spunto
(corrispondente alla capacità di sviluppare
una forza per mettere in movimento l'anta)
RUN 1800 - RUN 1800P - RUN 1800/V1
RUN 2500 - RUN 2500P
Motoriduttore elettromeccanico per il movimento automatico di cancelli scorrevoli per uso
industriale completo di centrale elettronica di controllo.
Numero denti 18; Modulo 4 *
40Nm
(1110N)
Coppia nominale
20Nm
(corrispondente alla capacità di sviluppare una
(560N)
forza per mantenere in movimento l'anta)
10m/min (12m/min versione /V1)
Velocità (a vuoto)
Velocità (alla coppia nominale)
8.5m/min (8.9m/min versione /V1)
50Nm
(1390N)
30Nm
(830N)
Frequenza massima cicli di funzionamento
(alla coppia nominale)
11 cicli/ora (264 cicli/giorno),
per un cancello da 15m (pari ad un ciclo del
63%), (la centrale limita i cicli al massimo
previsto nelle tabelle 2 e 3)**
15 cicli/ora (365 cicli/giorno),
per un cancello da 15m (pari ad un ciclo del
88%), (la centrale limita i cicli al massimo
previsto nelle tabelle 2 e 3)**
Tempo massimo funzionamento continuo
(alla coppia nominale)
40 minuti,
(la centrale limita il funzionamento continuo
al massimo previsto nelle tabelle 2 e 3)***
60 minuti,
(la centrale limita il funzionamento continuo
al massimo previsto nelle tabelle 2 e 3)***
Limiti d’impiego
Generalmente RUN è in grado di automatizzare cancelli con peso oppure lunghezza secondo i limiti riportati nelle tabelle 2, 3 e 4
Durabilità
Stimata tra 150.000 cicli e 450.000 cicli, secondo le condizioni riportate in tabella 4
Alimentazione RUN 1800 - 2500
Alimentazione RUN 1800/V1-2500/V1
Potenza massima assorbita allo spunto [corrispondenti ad Ampere]
Potenza alla coppia nominale [corrispondenti
ad Ampere]
Classe di isolamento
Uscita lampeggiante
230Vac (+10% -15%) 50 Hz
120Vac (+10% -15%) 60 Hz
Uscita S.C.A
Uscita BLUEBUS
Ingresso STOP
Ingresso PP
Ingresso APRE
Ingresso CHIUDE
Innesto radio
Ingresso ANTENNA Radio
Funzioni programmabili
Funzioni in auto apprendimento
Temperatura di funzionamento
Utilizzo in atmosfera particolarmente acida
o salina o potenzialmente esplosiva
Grado di protezione
Dimensioni e peso
700 W [3 A] [5 A versione /V1]
870 W [3.8 A]
400 W [1.8 A] [3 A versione /V1]
600 W [2.7 A]
1 (è necessaria la messa a terra di sicurezza)
per 2 lampeggianti LUCYB (lampada 12V, 21W)
per 1 lampada 24V massimo 4W (la tensione d'uscita può variare tra -30 e +50% e può
comandare anche piccoli relè)
una uscita con carico massimo di 15 unità BlueBus
Per contatti normalmente chiusi, normalmente aperti oppure a resistenza costante 8,2KΩ; in auto
apprendimento (una variazione rispetto allo stato memorizzato provoca il comando “STOP”)
per contatti normalmente aperti (la chiusura del contatto provoca il comando P.P.)
per contatti normalmente aperti (la chiusura del contatto provoca il comando APRE)
per contatti normalmente aperti (la chiusura del contatto provoca il comando CHIUDE)
Connettore SM per ricevitori SMXI; SMXIS o ONEXI
Ingresso ANTENNA Radio 52Ω per cavo tipo RG58 o simili
8 funzioni di tipo ON-OFF e 8 funzioni regolabili (vedere tabelle 7 e 9)
Auto apprendimento dei dispositivi collegati all'uscita BlueBus
Auto apprendimento del tipo di dispositivo di "STOP" (contatto NA, NC o resistenza 8,2KΩ)
Auto apprendimento della lunghezza del cancello e calcolo dei punti di rallentamento ed
apertura parziale.
-20°C ÷ 50°C
No
IP 44
400 x 255 h 390; 24.5Kg
* Disponibile pignone opzionale a 12 denti modulo 6.
** A 50°C e con un cancello da 15 metri la frequenza massima di funzionamento è di 7 cicli/ora (pari ad un ciclo del 40%).
*** A 50°C il tempo massimo di funzionamento continuo è 10 minuti.
50
Istruzioni ed avvertenze destinate all'utilizzatore del motoriduttore RUN
Complimenti per aver scelto per la vostra automazione un prodotto Nice! Nice S.p.a. produce componenti per l'automazione di cancelli, porte,serrande,
tapparelle e tende da sole: motoriduttori, centrali di
comando,radiocomandi, lampeggianti, fotocellule e
accessori. Nice utilizza solo materiali e lavorazioni di
qualità, e per vocazione ricerca soluzioni innovative
che semplifichino al massimo l'utilizzo delle sue apparecchiature, curate nelle soluzioni tecniche, estetiche,
ergonomiche: nella grande gamma Nice il vostro installatore avrà senz'altro scelto il prodotto più adatto alle
vostre esigenze. Nice non è però il produttore della
vostra automazione, che è invece il risultato di un'opera di analisi, valutazione, scelta dei materiali, e realizzazione dell'impianto eseguita dal vostro installatore di
fiducia. Ogni automazione è unica e solo il vostro
installatore possiede l'esperienza e la professionalità
necessarie ad eseguire un impianto secondo le vostre
esigenze, sicuro ed affidabile nel tempo, e soprattutto
a regola d'arte, rispondente cioè alle normative in vigore. Un impianto di automazione è una bella comodità,
oltre che un valido sistema di sicurezza e, con poche,
semplici attenzioni, è destinato a durare negli anni.
Anche se l'automazione in vostro possesso soddisfa il
livello di sicurezza richiesto dalle normative, questo
non esclude l'esistenza di un “rischio residuo”, cioè la
possibilità che si possano generare situazioni di pericolo, solitamente dovute ad un utilizzo incosciente o
addirittura errato, per questo motivo desideriamo darvi alcuni consigli sui comportamenti da seguire per evitare ogni inconveniente:
•Prima di usare per la prima volta l’automazione, fatevi spiegare dall’installatore l’origine dei rischi
residui, e dedicate qualche minuto alla lettura del
manuale di istruzioni ed avvertenze per l’utilizzatore consegnatovi dall’installatore. Conservate il
manuale per ogni dubbio futuro e consegnatelo ad un
eventuale nuovo proprietario dell’automazione.
•La vostra automazione è un macchinario che
esegue fedelmente i vostri comandi; un uso
incosciente ed improprio può farlo diventare pericoloso: non comandate il movimento dell’automazione se
nel suo raggio di azione si trovano persone, animali o
cose.
•Bambini: un impianto di automazione garantisce un
alto grado di sicurezza, impedendo con i suoi sistemi
di rilevazione il movimento in presenza di persone o
cose, e garantendo un’attivazione sempre prevedibile e sicura. È comunque prudente vietare ai bambini
di giocare in prossimità dell’automazione e per evitare attivazioni involontarie non lasciare i telecomandi
alla loro portata: non è un gioco!
zione, ma richiedete l’intervento del vostro installatore di fiducia: nel frattempo l’impianto può funzionare
come un’apertura non automatizzata, una volta
sbloccato il motoriduttore come descritto più avanti.
I
•Manutenzione: Come ogni macchinario la vostra
automazione ha bisogno di una manutenzione periodica affinché possa funzionare più a lungo possibile
ed in completa sicurezza. Concordate con il vostro
installatore un piano di manutenzione con frequenza
periodica; Nice consiglia un intervento ogni 6 mesi
per un normale utilizzo domestico, ma questo periodo può variare in funzione dell’intensità d’uso. Qualunque intervento di controllo, manutenzione o riparazione deve essere eseguito solo da personale qualificato.
•Anche se ritenete di saperlo fare, non modificate l’impianto ed i parametri di programmazione e di regolazione dell’automazione: la responsabilità è del vostro
installatore.
• Il collaudo, le manutenzioni periodiche e le eventuali
riparazioni devono essere documentate da chi le esegue e i documenti conservati dal proprietario dell’impianto.
Gli unici interventi che vi sono possibili e vi consigliamo di effettuare periodicamente sono la pulizia dei
vetrini delle fotocellule e la rimozione di eventuali foglie
o sassi che potrebbero ostacolare l’automatismo. Per
impedire che qualcuno possa azionare il cancello, prima di procedere, ricordatevi di sbloccare l’automatismo (come descritto più avanti) e di utilizzare per la
pulizia solamente un panno leggermente inumidito con
acqua.
• Smaltimento: Al termine della vita dell'automazione, assicuratevi che lo smantellamento sia eseguito
da personale qualificato e che i materiali vengano riciclati o smaltiti secondo le norme valide a livello locale.
• In caso di rotture o assenza di alimentazione:
Attendendo l’intervento del vostro installatore, o il
ritorno dell’energia elettrica se l’impianto non è dotato di batterie tampone, l’automazione può essere
azionata come una qualunque apertura non automatizzata. Per fare ciò è necessario eseguire lo sblocco
manuale (unico intervento consentito all’utente sull’automazione): tale operazione è stata particolarmente studiata da Nice per assicurarvi sempre la
massima facilità di utilizzo, senza uso di attrezzi particolari o necessità di sforzo fisico.
•Anomalie: Non appena notate qualunque comportamento anomalo da parte dell’automazione, togliete
alimentazione elettrica all’impianto ed eseguite lo
sblocco manuale. Non tentate da soli alcuna ripara-
51
Sblocco e movimento manuale: prima di eseguire questa operazione porre attenzione che lo sblocco può
avvenire solo quando l’anta è ferma.
1 Far scorrere il dischetto copri serratura.
3 Tirare la maniglia di sblocco.
Per bloccare: eseguire, al contrario le stesse operazioni
Comando con sicurezze fuori uso: nel caso i
dispositivi di sicurezza presenti nel cancello non
dovessero funzionare correttamente è possibile
comunque comandare il cancello.
• Azionare il comando del cancello (col telecomando,
col selettore a chiave, ecc.); se tutto è a posto il
cancello si aprirà o chiuderà normalmente, altrimenti il lampeggiante farà alcuni lampeggi e la manovra
non partirà (il numero di lampeggi dipende dal motivo per cui la manovra non può partire).
• In questo caso, entro tre secondi si deve azionare
nuovamente e tenere azionato il comando.
• Dopo circa 2s inizierà il movimento del cancello in
modalità a “uomo presente”, cioè finché si mantiene
il comando, il cancello continuerà a muoversi; appena il comando viene rilasciato, il cancello si ferma.
! Con le sicurezze fuori uso è necessario far
riparare quanto prima l’automatismo.
52
2 Inserire e ruotare la chiave in senso orario.
4 Muovere manualmente l’anta.
Sostituzione pila del telecomando: se il vostro
radiocomando dopo qualche tempo vi sembra funzionare peggio, oppure non funzionare affatto, potrebbe
semplicemente dipendere dall’esaurimento della pila (a
seconda dell’uso, possono trascorrere da diversi mesi
fino ad oltre un anno). Ve ne potete accorgere dal fatto che la spia di conferma della trasmissione non si
accende, è fioca, oppure si accende solo per un breve
istante. Prima di rivolgervi all’installatore provate a
scambiare la pila con quella di un altro trasmettitore
eventualmente funzionante: se questa fosse la causa
dell’anomalia, sarà sufficiente sostituire la pila con altra
dello stesso tipo.
Le pile contengono sostanze inquinanti: non gettarle
nei rifiuti comuni ma utilizzare i metodi previsti dai
regolamenti locali.
Siete soddisfatti? Nel caso voleste aggiungere nella vostra casa un nuovo impianto di automazione, rivolgendovi allo stesso installatore e a Nice vi garantirete,
oltre che la consulenza di uno specialista e i prodotti
più evoluti del mercato, il migliore funzionamento e la
massima compatibilità delle automazioni.
Vi ringraziamo per aver letto queste raccomandazioni,
e vi auguriamo la massima soddisfazione dal vostro
nuovo impianto: per ogni esigenza presente o futura
rivolgetevi con fiducia al vostro installatore.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement