Italiano

Italiano
TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE AD INCASSO
VRF HP
ISTRUZIONI D’INSTALLAZIONE, FUNZIONAMENTO E MANUTENZIONE
Da utilizzare con gli impianti City Multi (VRF)
SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTE ISTRUZIONI PRIMA DI PROCEDERE
ALL’INSTALLAZIONE
Thermoscreens Ltd
St. Mary’s Road Nuneaton
Warwickshire England
CV11 5AU
Email: [email protected]
Tel: +44 (0) 24 7638 4646
Fax: +44 (0) 24 7638 8578
www.thermoscreens.com
T9901078-1-1 IT
Italiano
Pagina 1 di 36
Thermoscreens / Mitsubishi Electric
Impianto termoconvettore a pompa di calore da incasso
City Multi (VRF) HP
INDICI
Pagina
Schemi dell’impianto termoconvettore
Informazioni di progettazione
Rimozione del termoconvettore dall’imballo
3
5
8
INSTALLAZIONE
Installazione del termoconvettore
Figure 1 – Dimensioni del termoconvettore R VRF HP
Montaggio della griglia da incasso
Unità compressore Mitsubishi Electric
Tubazione refrigerazione
Accesso all’interno del termoconvettore
Alimentazione elettrica e cablaggio del termoconvettore
Diagramma di cablaggio 1 (Riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento
disabilitato – così come fornito dalla fabbrica)
Diagramma di cablaggio 2 (Riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento
abilitato in loco)
Dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA
Cablaggio velocità ventola del termoconvettore
Impianto di eliminazione della condensa
10
12
13
14
14
15
16
18
19
20
20
20
MESSA IN FUNZIONE
Controlli sul termoconvettore
Selezione delle velocità delle ventole del termoconvettore
Avvio dell'impianto a pompa di calore
Indicatore filtro sporco
Consegna all’utilizzatore finale
22
24
26
27
29
ISTRUZIONI PER L’UTILIZZATORE
Istruzioni per l’utilizzatore del termoconvettore
30
MANUTENZIONE
Pulitura ogni quindici giorni
Manutenzione semestrale
Individuazione dei guasti
T9901078-1-1 IT
31
31
34
Pagina 2 di 36
Thermoscreens / Mitsubishi Electric
I termoconvettori a pompa di calore Thermoscreens HP City Multi (VRF) possono essere
utilizzati con gli impianti della serie Mitsubishi Electric City Multi Y/WY (pompa di calore) o
City Multi R2/WR2 (recupero di calore).
Termoconvettore a pompa di calore serie
City Multi Y/WY
Schema del termoconvettore a pompa di calore City Multi Y/WY:Alimentazione elettrica continua
(da raccordo locale)
Alimentazione elettrica continua (da raccordo locale)
1-fase di termoconvettore come fornito
3-fase solo se il riscaldatore ausiliario ciclo di
sbrinamento e necessario (modifica del luogo di)
Link comunicazione M-Net
da unità compressore
Termo
convettore
Unità compressore
Mitsubishi Electric
VRF
Controllo
BMS
Dispositivo di controllo remoto
Mitsubishi Electric
PAR-30MAA
o PAR-F27MEA
Unità interne
Mitsubishi Electric
Tubazioni refrigerazione
Cavi elettrici
Modalità Su/Spento
Capacità di
controllare le ventole
a 3 velocità
Monitoraggio temp.
Errore Mitsubishi
Cavi di controllo
Controllo BMS
Interruttore a porta per cambiare le
velocità delle ventole,
Porta aperta – Alta
Porta chiusa – Bassa
(opzionalel)
Impianto serie City Multi Y:Le unità interne e i termoconvettori operano entrambi contemporaneamente sull’impostazione
riscaldamento, oppure operano contemporaneamente sull’impostazione raffrescamento.
Il termoconvettore a pompa di calore serie City Multi Y si compone come segue: uno o più termoconvettori a pompa di calore Thermoscreens VRF HP (riscaldamento e
raffrescamento)*
 uno o più unità compressore Mitsubishi Electric serie City Multi Y/WY +
 un dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric PAR-30MAA o PAR-F27MEA+
 un interruttore controllato dal movimento della porta per cambiare le velocità di funzionamento
delle ventole; velocità più alta quando la porta è aperta, velocità più bassa quando la porta è
chiusa (opzionale)^
 unità interna Mitsubishi Electric + [NB. Può essere utilizzata sulla base di un termoconvettore se
necessario fino ad una diversità del 100%]
* - fornito in dotazione da Thermoscreens Ltd.
+
- componenti Mitsubishi Electric da fornirsi a cura dell’installatore
^
- fornito a cura dell’installatore
T9901078-1-1 IT
Pagina 3 di 36
Impianto termoconvettore a pompa di calore serie
Multi R2/WR2
Schema del termoconvettore a pompa di calore serie City Multi R2/WR2:Alimentazione elettrica continua
(da raccordo locale)
Controllore BC
Alimentazione elettrica continua (da raccordo locale)
1-fase di termoconvettore come fornito
3-fase solo se il riscaldatore ausiliario ciclo di
sbrinamento e necessario (modifica del luogo di)
Link comunicazione
M-Net
Termo
convettore
Unità compressore
Mitsubishi Electric
VRF
Controllo
BMS
Dispositivo di controllo remoto
Mitsubishi Electric
PAR-30MAA
o PAR-F27MEA
Unità interne
Mitsubishi Electric
Tubazione refrigerazione
Cavi elettrici
Modalità Su/Spento
Capacità di
controllare le ventole
a 3 velocità
Monitoraggio temp.
Errore Mitsubishi
Cavi di controllo
Controllo BMS
Interruttore a porta per cambiare le
velocità delle ventole,
Porta aperta – Alta
Porta chiusa – Bassa
(opzionalel)
Impianto serie City Multi R2/WR2:Le unità interne e i termoconvettori possono operare contemporaneamente in modalità di
riscaldamento o di raffrescamento, per es.: alcune unità interne raffrescano mentre altre
unità interne e termoconvettori riscaldano.
L’impianto a recupero di calore City Multi R2/WR2 con termoconvettore a pompa di calore si
compone come segue: uno o più termoconvettore a pompa di calore Thermoscreens VRF HP (riscaldamento e
raffrescamento)*
 una o più unità compressore Mitsubishi Electric serie City Multi R2/WR2 +
 dispositivo di controllo BC Mitsubishi Electric +
 un dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric PAR-30MAA o PAR-F27MEA +
 un interruttore controllato dal movimento della porta per cambiare le velocità di
funzionamento delle ventole; velocità più alta quando la porta è aperta, velocità più
bassa quando la porta è chiusa (opzionale)^
 unità interna Mitsubishi Electric + [NB. Può essere utilizzata sulla base di un
termoconvettore se necessario fino ad una diversità del 100%]
* - fornito in dotazione da Thermoscreens Ltd.
+
- componenti Mitsubishi Electric da fornirsi a cura dell’installatore
^
- fornito a cura dell’installatore
T9901078-1-1 IT
Pagina 4 di 36
INFORMAZIONI DI PROGETTAZIONE
COSI COME FORNITO DALLA FABBRICA, il termoconvettore funziona con alimentazione
monofase (1L+N+E) da un raccordo locale che alimenta le ventole e i controlli. All’interno del
termoconvettore è presente un riscaldatore ausiliario per il ciclo di sbrinamento integrato, ma
al momento della consegna al cliente è disabilitato. Se è richiesto un riscaldatore ausiliario per
il ciclo di sbrinamento, il termoconvettore dovrà essere provvisto di un’alimentazione elettrica
trifase (3L+N+E) da un raccordo locale, anziché un’alimentazione elettrica monofase, allo
scopo di alimentare anche il riscaldatore, il quale sarà abilitato in loco, al momento della
messa in funzione, vedi anche le note su pag. 6 e la sezione “Installazione – Alimentazione
elettrica e cablaggio del termoconvettore” a pag. 14.
L’alimentazione elettrica all'unità compressore Mitsubishi Electric e al dispositivo di controllo
BC è alimentata separatamente nel modo normale (vedi le istruzioni separate Mitsubishi
Electric).
È presente un link di comunicazione M-Net Mitsubishi Electric tra l’unità compressore
Mitsubishi Electric o il dispositivo di controllo BC e il termoconvettore a pompa di calore
Thermoscreens. Quando utilizzato con un dispositivo di controllo PAR-30MAA o PAR-27MEA
Mitsubishi, questo link fornisce: controllo On/Off dell’impianto a pompa di calore Mitsubishi Electric
 modalità di commutazione tra riscaldamento, solo ventola e raffrescamento dell’impianto a
pompa di calore Mitsubishi Electric
 capacità di controllo dell’impianto a pompa di calore Mitsubishi Electric
 controllo a 3 velocità delle ventole del termoconvettore Thermoscreens*
 monitoraggio della temperatura dell’aria in ingresso che entra nel termoconvettore, o della
temperatura dell’aria ambiente da un dispositivo di controllo remoto
 segnale per quando l’unità esterna è in modalità di brinamento, in modo che il riscaldatore
ausiliario del ciclo di sbrinamento (se abilitato) possa fornire un back-up di
riscaldamento parziale per alcuni minuti durante lo sbrinamento.
 Segnale di errore qualora l’impianto Mitsubishi Electric abbia un problema
* In alternative, un interruttore montato sulla porta può essere utilizzato per commutare tra la
velocità alta delle ventole quando la porta è aperta o la velocità bassa quando la porta è
chiusa.
Il termoconvettore può essere impostato per funzionare in modalità Riscald, Vent o Raffred
all’interno dell’impianto City Multi (VRF) Mitsubishi Electric, utilizzando un dispositivo di
controllo remoto Mitsubishi PAR-30MAA o PAR-27MEA o un controllo BMS Mitsubishi Electric
o un dispositivo di controllo centralizzato.
Fare riferimento all’agente/rappresentante Mitsubishi Electric se il termoconvettore deve
essere controllato attraverso il Building Management System (BMS) o il dispositivo di controllo
centralizzato.
Si noti che durante il funzionamento in modalità di riscaldamento, se l’unità compressore attiva
il ciclo di sbrinamento quando il clima è freddo, le ventole del termoconvettore continueranno a
funzionare per mantenere il getto d’aria nel vano porta. Proprio questo getto d’aria, soprattutto
verso la parte alta del vano porta, che è particolarmente efficace nell'impedire che l'aria calda
all'interno dell'edificio fuoriesca all'esterno, sprecando così energia e riducendo la
contaminazione trasportata dall'aria.
Per gli impianti della serie Y, la temperatura dell’aria erogata può essere bassa durante il ciclo
di sbrinamento che può verificarsi ad intervalli di alcune ore in particolari condizioni climatiche
esterne, ma questo diventa raramente un problema per l'utilizzatore finale ed è solo percepito
T9901078-1-1 IT
Pagina 5 di 36
come un problema. Un riscaldatore ausiliario per il ciclo di sbrinamento è installato nel
termoconvettore che è disabilitato quando il termoconvettore viene consegnato. Se esistono
preoccupazioni per una particolare installazione della serie Y, questo riscaldatore ausiliario per
il ciclo di sbrinamento può essere abilitato durante la messa in funzione in loco ed esso
manterrà il flusso dell’aria erogata alla temperatura più alta durante il ciclo di sbrinamento.
Pertanto serve un'alimentazione elettrica trifase per alimentare il termoconvettore.
NB. Il riscaldatore ausiliario per il ciclo di sbrinamento non deve essere abilitato in loco
durante la messa in funzione per i sistemi R2, WY e WR2. Per i sistemi R2 la valvola lineare di
espansione (LEV) nel termoconvettore si chiude durante lo sbrinamento del sistema e nei
sistemi WY e WR2 lo sbrinamento non avviene.
Punto informativo: se utilizzato, il riscaldatore ausiliario di sbrinamento potrebbe sembrare
controproducente per un impianto a pompa di calore. Se contestualizzato, tuttavia, il
riscaldatore ausiliario montato è di bassa potenza rispetto alla dimensione del
termoconvettore, ed esso mitigherà solamente l’aria erogata e sarà utilizzato solo per pochi
minuti al giorno, per brevi periodi di tempo durante l’anno. I test condotti al Building Research
Establishment (BRE) sull'impianto termoconvettore a pompa di calore hanno mostrato che
anche con l'utilizzo del riscaldatore ausiliario durante lo sbrinamento, come riprodotto durante
il test sulle prestazioni EN14511, il COP stagionale annuale non è stato quasi influenzato.
Il termoconvettore viene fornito con un vassoio di raccolta della condensa integrato all’interno
dell’unità, in modo che possa essere usata durante il funzionamento in modalità di
raffrescamento durante il periodo estivo, se lo si desidera. Questo aspetto deve essere deciso
nella fase di progettazione poiché l’impianto di eliminazione della condensa dovrà essere
installato se si desidera utilizzare il raffrescamento ed esteso dall’installatore. La condensa
può essere eliminata per gravità collegando il tubo di scarico condensa al raccordo da 15mm
presente sul vassoio di raccolta della condensa all’interno del termoconvettore. Se questo
sistema non è realizzabile, sarà necessario rimuovere la condensa mediante una pompa di
aspirazione, la quale dovrà essere fornita e montata da un installatore. La pompa di
aspirazione della condensa può essere situata nella parte destra all’interno
del
termoconvettore o, se richiesto, in un luogo remoto all’esterno dell’unità. Essa deve avere una
capacità sufficiente, vedi pagina 21, deve essere autoadescante e deve avere una testa di
aspirazione appropriata per poter aspirare la condensa dal termoconvettore, e questo vale
particolarmente se si trova in un luogo remoto. Nella parte destra del termoconvettore vi sono
due aperture/fori per permettere l’inserimento dei tubi di scarico della condensa, vedi figura 1,
pagina 12. Pompe di aspirazione della condensa idonee allo scopo sono quelle di tipo
peristaltico o a membrana rotante. Noi raccomandiamo quella a membrana rotante Blue
Diamond con sensore di segnalazione raffrescamento (drainStik) prodotta da Charles Austen
Pumps Ltd. (www.miniblue.co.uk).
Se si utilizza una pompa di aspirazione della condensa, si consiglia che essa funzioni
unicamente quando il termoconvettore è in modalità di raffrescamento, rilevando la presenza
di acqua nel vassoio di raccolta o rilevando il differenziale di raffrescamento nel flusso
dell’aria. Deve anche essere predisposto un dispositivo per svuotare il vassoio di raccolta il più
possibile quando il termoconvettore è spento. Esso deve essere dotato di un sistema di
allarme con un sensore appropriato inserito nel vassoio di raccolta condensa, il quale
emetterà un segnale privo di corrente (circuito chiuso=allarme) che arresterà il raffrescamento
del termoconvettore se il vassoio rischia di allagarsi (le ventole del termoconvettore
continueranno a funzionare). È disponibile una staffa di fissaggio con un foro da 8mm di
diametro attaccata al vassoio all’interno del termoconvettore, in modo che l’installatore possa
montare un sensore di condensa nel vassoio. Il foro può essere ingrandito, se necessario, per
adattarsi al tipo di sensore utilizzato, in modo che sia collocate nel vassoio nella posizione
appropriata; per ulteriori informazioni, vedi le istruzioni del costruttore fornite con la pompa.
Per alimentare la pompa di aspirazione della condensa, all’interno del termoconvettore è
T9901078-1-1 IT
Pagina 6 di 36
disponibile un’alimentazione elettrica monofase AC da 230V e una connessione allarme
condensa è effettuata al circuito di allarme pompa.
Avvertenza: L’impianto di raccolta condensa del termoconvettore è progettato per rimuovere
la condensa quando il termoconvettore funziona in modalità di raffrescamento durante le
normali condizioni climatiche estive nei paesi temperati. In caso di condizioni climatiche
estreme, potrebbero verificarsi il blocco del vassoio di scarico o il guasto della pompa di
aspirazione della condensa, e per questi motivi è fondamentale che la superficie del
pavimento sottostante il termoconvettore non diventi scivolosa o si danneggi in caso di
bagnato. Questa è una situazione simile alle condizioni che potrebbero verificarsi in caso di
precipitazioni intense con il vano porta aperto o in presenza di un passaggio intenso di pedoni,
quindi particolare attenzione deve essere dedicata alla progettazione di quel pavimento e della
sua finitura superficiale.
Se si prevede che il termoconvettore non funzionerà in modalità di raffrescamento e il sistema
di eliminazione della condensa non è montato, il sistema di controllo BMS, il dispositivo di
controllo centralizzato o il dispositivo di controllo remoto PAR-30 MAA / PAR-27 MEA deve
essere configurato al momento della messa in funzione, in modo che la modalità Raffred o
AUTO non possa mai essere selezionata (vedi sezione – Messa in funzione, pagina 22). Si
raccomanda tuttavia che il pavimento e la sua superficie abbiano le caratteristiche descritte
sopra, qualora si decida in futuro di utilizzare la modalità di raffrescamento e anche per far
fonte al verificarsi di precipitazioni intense o di passaggio intenso di pedoni.
Nota: Potrebbe essere ancora possibile, per l’utilizzatore finale, bloccare il dispositivo di
controllo remoto PAR-30 MAA / PAR-27 MEA se scopre come commutarlo in raffrescamento,
senza rendersi conto che la condensa che si produrrebbe allagherebbe completamente il
vassoio di raccolta. Potrebbe quindi essere prudente installare comunque un sistema di
eliminazione della condensa anche se si pensa di utilizzare l'unità solo nella modalità di
Riscald o Vent.
Il termoconvettore è stato progettato per essere usato esclusivamente con il sistema
Mitsubishi Electric City Multi (VRF) per l’utilizzo su R410A. L'impianto completo
termoconvettore Thermoscreens / pompa di calore Mitsubishi Electric, compresi la tubazione
refrigerante, cablaggi, controlli, ecc… devono essere installati solo da un tecnico di
refrigerazione Mitsubishi Electric autorizzato.
Le persone che utilizzano il termoconvettore devono ricevere istruzioni e supervisione
adeguate sull’uso dell’apparecchiatura da una persona responsabile per la sicurezza. Il
termoconvettore non deve essere usato da persone (compresi bambini) con capacità mentali
o fisiche ridotte.
Queste istruzioni devono essere lette congiuntamente alle istruzioni separate di Mitsubishi
Electric allegate agli altri componenti del sistema di pompa di calore, per ese.: unità
compressore, dispositivo di controllo BC, dispositivo di controllo remoto PAR-30 MAA / PAR27 MEA, sistema BMS, dispositivo di controllo centralizzato, ecc. Tutte le istruzioni devono
essere conservate dall’amministratore dell’edificio per riferimenti futuri.
T9901078-1-1 IT
Pagina 7 di 36
RIMUOVERE IL TERMOCONVETTORE DALL’IMBALLO
I seguenti componenti sono forniti ed imballati nella confezione del termoconvettore:Termoconvettore a pompa di
calore VRF da incasso
Ingresso
i
Griglia da incasso con filtro
Ingresso
i
Scarico aria
Scarico aria
Se manca qualche componente, o è danneggiato, contattate immediatamente il negozio
dove avete acquistato il termoconvettore.
Sarà anche disponibile un sistema a pompa di calore “City Multi (VRF)” fornito da Mitsubishi
Electric.
L’installatore dovrà fornire ed installare i seguenti componenti:Disp. di controllo PAR-30 MAA o
PAR-F27 MEA
NB. Il dispositivo di
controllo remoto
PAR-F27 MEA non
ha un mer/orologio
Se il termoconvettore deve essere controllato
manualmente, anche necessario per la messa in funzione
L’installatore potrà anche dover fornire ed installare i seguenti componenti opzionali:Interruttore porta – per efficienza energetica,
silenziosità, controllo velocità ventola,
Porta aperta – velocità ventola più elevata
Porta chiusa – velocità ventola più bassa
Pompa di aspirazione della condensa –
autoadescante con rilevamento modalità di
raffrescamento, sistema di allarme ed
esclusione pompa
Es. solo con interruttore
Permette di ottenere standard industriali per il controllo
della velocità ventola – vedi diagrammi di cablaggio a
pagina 18 e 19 e le descrizioni alle pagine 20 e 24 per
ulteriori informazioni
T9901078-1-1 IT
Se il termoconvettore funziona in modalità Raffred
e AUTO non si può eliminare la condensa per
gravità – vedi pagina 6 e 7 per ulteriori informazioni
Pagina 8 di 36
L’impianto completo termoconvettore Thermoscreens / pompa di calore Mitsubishi Electric,
per creare una lama d’aria calda su un vano porta, compreso cablaggio, tubazioni di
refrigerazione, ecc… deve essere installato unicamente da un addetto di refrigerazione
Mitsubishi Electric autorizzato.
IMPORTANTE
Questo termoconvettore a pompa di calore deve essere utilizzato unicamente con
sistema Mitsubishi Electric City Multi (VRF), per l’utilizzo su R410A.
Queste istruzioni devono essere lette congiuntamente con le istruzioni separate
Mitsubishi Electric City Multi (VRF).
(Tutta la documentazione fornita per ogni unità deve essere conservata per riferimenti futuri.)
Per vostra informazione:
Data d’acquisto ……………………………..
Luogo d’acquisto…………………………….
Numero di serie…………………………………
Ai fini della garanzia, per dimostrarne l’acquisto, è necessario conservare una copia della
fattura d’acquisto.
T9901078-1-1 IT
Pagina 9 di 36
INSTALLAZIONE DEL TERMOCONVETTORE
Il termoconvettore è stato progettato per essere montato ad incasso all’interno di un
vano nel controsoffitto all’interno dell’edificio e collocato orizzontalmente sopra il
vano porta. Questo termoconvettore non deve essere installato all’esterno
dell’edificio.
Ubicazione
Il termoconvettore deve essere montato in modo tale
Ingresso
che la griglia da incasso sia collocata al massimo a
3,8m sopra il piano pavimento e il più vicino possibile
al vano porta. La sezione riservata allo scarico
dell’aria della griglia da incasso deve essere il più
vicino possibile al vano porta e la sezione
Scarico aria
dell’ingresso dell’aria più lontano possibile dal vano
porta. Il termoconvettore deve essere installato in
VANO
piano altrimenti la condensa potrebbe fuoriuscire se
viene attivata la modalità di raffrescamento.
Attenzione ai bordi superiori del vano porta, ai travi
strutturali, ai dispositivi di aperture/chiusura della porta, ecc. poiché potrebbero interferire
con il getto d’aria e influenzare l’ubicazione dell’unità.
Assicurarsi che ci sia uno spazio adeguato sopra la parte superiore dell’unità all’interno del
vano dell’incasso, per permettere le operazioni di saldatura delle tubazioni.
Sospensione a soffitto
Praticare i fori nel soffitto delle dimensioni indicate
nella figura 1, pag. 12, cercando di essere il più precisi
possibili. Il termoconvettore può essere manovrato
attraverso i fori nel soffitto. Potrebbe essere
necessario intagliare i fori nel soffitto per liberare le viti
sull’alloggiamento. In alternativa il soffitto può essere
preparato dopo che il termoconvettore è stato
installato. Si ricordi che sarà necessario effettuare le
operazioni di saldatura/brasatura sulle tubazioni sopra
il termoconvettore una volta che è stato collocato in
posizione. Assicurarsi che ci sia l’accesso sufficiente e
l’altezza sufficiente all’interno dell‘incasso praticato ad hoc nel soffitto.
Aste di
sospensio
ne filettate
M10
Dei fori sono praticati nella superficie superiore dell’involucro (vedi figura 1, pag. 12 per le
posizioni) per permettere all’unità di essere sospesa mediante le aste filettate M10 (non
fornite in dotazione). Ci sono 4 punti di ancoraggio sull’unità VRF HP1000R e 5 punti di
ancoraggio sulle unità VRF HP1500R e VRF HP2000R – e
Non deve
devono essere usati tutti i punti di ancoraggio.
fuoriuscire sotto
l’involucro
Peso (kg)
Numero di punti di
ancoraggio
VRF HP1000R DXE
52
4
VRF HP1500R DXE
75
5
VRF HP2000R DXE
93
5
Termoconvettore
T9901078-1-1 IT
Pagina 10 di 36
Vi sono due aste filettate M10 all’estremità dell’unità (quattro in totale) che penetrano
nell’alloggiamento dall’alto e si ancorano a delle staffe di fissaggio vicino alla parte
inferiore dell'unità (vedi foto sopra – guardando in alto nel termoconvettore). Utilizzare dei
dati di bloccaggio M10 su uno dei lati della staffa di fissaggio per fissare l'asta di
sospensione. Non permettere a queste quattro aste di fuoriuscire al di sotto della parte
inferiore dell’alloggiamento dell’unità, altrimenti potrebbero impedire il corretto
posizionamento della griglia ad incasso.
Sulle unità VRF HP1500R e VRF HP2000R è presente un punto di ancoraggio
supplementare al centro dell’unità per un’asta di sospensione M10 e questa deve essere
usata.
Assicurarsi che ogni asta di sospensione sia fissata ad una struttura idonea capace di
sostenere il peso dell’unità (vedi Tabella a pag 10).*
Regolare l’altezza dell’unità sulle aste di sospensione in modo che la superficie inferiore
dell’alloggiamento entri per 38mm nel soffitto come illustrato nel grafico. Assicurarsi che
l’unità sia in piano altrimenti la condensa potrebbe fuoriuscire se venisse utilizzata la
modalità di raffrescamento.
aste di sospensione M10
TERMOCONVETTORE INCASSATO
LIVELLO SOFFITTO
LIVELLO SOFFITTO
38
38
Superficie inferiore del
termoconvettore incassato
lama d'aria
* L’installatore è l’unica persona che ha la responsabilità di assicurare che i punti di fissaggio nell’edificio e che
il sistema di sospensione utilizzato siano idonei al tipo di termoconvettore installato.
T9901078-1-1 IT
Pagina 11 di 36
T9901078-1-1 IT
LIVELLO SOFFITTO
6
L
in.
in.
in.
485
1750
2
8
8
8
in.
in.
485
2340
5
189
Foro 20mm sopra pompato per lo smaltimento
della condensa (se il raffreddamento)
C
115
265
E
Attaco
refrigentante
tubo gas (G)
Attaco refrigentante
tubo liquido (L)
Alimentazione
elettrica e Mitsubishi
ingressi cavi di
controllo (M20)
25
FIGURA 1 – DIMENSIONI DEL TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE AD INCASSO VRF HP
485
1250
2
1
7
200
Ritagliata Lunghezza (mm)
nel
soffitto Larghezza (mm)
in.
G
8
166
170
5
E (mm)
A
200
1
1803
1303
D (mm)
Fori per aste di
sosensione M10.
4 per unità 1m, 5 per
unità da 1,5m e 2m.
Utilizzare tutti i fori delle
aste di sospensione!
B
D
Foro da 20mm per gravità o pompato
condensa (se il raffreddamento)
100
5
1161
976
-
C (mm)
65
2393
1129
724
-
B (mm)
2340
1750
1250
A (mm)
VRF
VRF
VRF
HP1000R DXE HP1500R DXE HP2000R DXE
25
Supplementari (M20) prese
di cablaggio in cima
Attaco refrigentante tubo liquido (L)
348
539
485
Attaco refrigentante tubo gas (G)
100
Pagina 12 di 36
Montaggio della griglia da incasso
La griglia da incasso si compone di un telaio in metallo, di
una griglia cellulare per la diffusione dell’aria e di una
griglia d’ingresso dell’aria incernierata dotata di filtro. Vi
sono 4 punti di fissaggio sull’unità HP1000R e 6 punti di
fissaggio sulle unità HP1500R e HP2000R, vedi foto –le
frecce indicano i punti di fissaggio.
Solo HP1500R
& HP2000R
Aprire la griglia d’ingresso aria incernierata utilizzando un
cacciavite a punta piatta per allentare le viti di fissaggio di
un quarto di giro, vedi foto. Vi sono 2 viti di fissaggio
sull’unità VRF HP1000R e 3 viti di fissaggio sulle unità
VRF HP1500R e VRF HP2000R.
Assicurarsi che la griglia vada nella direzione giusta
rispetto a getto più vicino al vano porta. Alzare la griglia da
incasso attraverso il foro nel soffitto e fissarla al fondo del
termoconvettore utilizzando le 8 viti Pozi in dotazione.
Cominciare con le viti indicate nella foto e poi inserire le
due ad ogni estremità della griglia di diffusione dell’aria.
Nelle unità VRF HP1500R e VRF HP2000R vi sono due
viti di fissaggio aggiuntive, una al centro dell’unità, come
illustrato nella figura,
E l’altra vite al centro della griglia di diffusione, vedi foto
(questa vite è più facilmente accessibile se la griglia
incernierata è temporaneamente chiusa).
Con la griglia di diffusione incernierata aperta, regolare
nuovamente le aste di sospensione in modo che il telaio
della griglia aderisca perfettamente al soffitto. Il telaio della
griglia deve inserirsi perfettamente nel soffitto senza
lasciare alcuno spazio vuoto attorno alla cornice.
Regolare le aste
di sospensione
Nota: L’accesso agli allacciamenti elettrici e per gli interventi di manutenzione avviene
attraverso la griglia incernierata.
T9901078-1-1 IT
Pagina 13 di 36
Unità esterna Mitsubishi Electric
Vedi tabella qui sotto per il dimensionamento dell’impianto VRF da utilizzare insieme ai
dati di prestazione del termoconvettore.
Termoconvettore
Dimensionamento
indice VRF
VRF HP1000R
DXE
VRF HP1500R
DXE
VRF HP2000R
DXE
Parametri termoconvettore
Velocità
Pot.
Pot.
max del
Livello
massima
massima
flusso del
massima
riscaldame raffrescame
volume
rumorosità
nto
nto
d’aria
dB(A) @3m
(kW)
(kW)
(m3/h)
Larghezza
effettiva
lama d’aria
(m)
P71
8,3
7,4
1310
58
1,18
P125
13,2
11,8
2070
58
1,68
P140
15,7
14,0
2590
58
2,27
Le potenze si basano su:- Temperatura aria interna = 20ºC. Condizioni esterne = 7/6 db/wb ºC per la potenza di
riscaldamento, 35/27 db/wb ºC per la potenza di raffrescamento.
I dati sulle prestazioni sono derivati da test indipendenti realizzati da BRE e BSRIA nel Regno Unito
conformemente allo standard sui test EN14511. I test sulla rumorosità sono stati eseguiti da Sound Research
Laboratories ai sensi delle norme ISO3741 e BS4856-4.
Vedi la tabella a pagina 25 per ulteriori dettagli sulle velocità del volume d’aria e sui livelli di rumorosità.
Tubazione refrigerazione
Questo deve essere effettuato prima di realizzare qualsiasi allacciamento elettrico
e di collegare qualsiasi cavo di controllo e conformemente alle istruzioni fornite
per l’unità esterna Mitsubishi Electric. Questo intervento deve essere effettuato
unicamente da un fornitore autorizzato Mitsubishi Electric.
Contattare Mitsubishi Electric per conoscere le dimensioni consigliate delle tubazioni, le
lunghezze, il numero di raccordi, ecc.
L’installazione deve essere effettuata conformemente al manuale d’installazione di
Mitsubishi Electric in dotazione con l’unità compressore e facendo riferimento all‘indice
di dimensionamento del termoconvettore (unità interna).
Le connessioni delle tubazioni refrigeranti al termoconvettore sono realizzate con punti
di saldatura/brasatura, i quali devono essere realizzati in sicurezza e in modo
professionale. Se le dimensioni dei tubi dell’installazione per lo scarico del gas e del
liquido sono diverse dalle connessioni al termoconvettore (vedi figura 1, pagina 10)
devono essere utilizzati idonei riduttori. I sistemi refrigeranti R410A possono operare a
pressioni fino a 610 psi (c. 42 Bar). Se questi giunti brasati fossero collocati in un’area
pubblica, un eventuale guasto potrebbe causare un’esplosione, la quale sarebbe
estremamente pericolosa.
Il termoconvettore con la sua bobina è stato realizzato conformemente alla Direttiva
Apparecchi in Pressione (PED) e l’installazione deve essere effettuata ad arte.
Utilizzare un’apposita protezione sulle tubazioni di rame durante la brasatura per ridurre
il trasferimento di calore all’interno del termoconvettore qualora si trovino componenti
sensibili. Assicurarsi che il sensore termistore (gas) non sia stato inserito nel suo
alloggiamento sulla tubazione del gas sulla parte superiore del termoconvettore prima di
T9901078-1-1 IT
Pagina 14 di 36
effettuare le operazioni di saldatura/brasatura. Rimuoverlo se è stato in qualche modo
danneggiato durante tali operazioni.
Per il sistema della serie City Multi (VRF) R2 e WR2, la tubazione di ogni
termoconvettore deve essere collegata a delle porte sul dispositivo di controllo BC
Mitsubishi Electric. Non combinare insieme la tubazione di due o più termoconvettori in
un’unica tubazione e poi collegarla a questa coppia di porte. Tuttavia, con il
termoconvettore VRF HP2000 DXE, sebbene sia possibile un indice massimo di P140
da una coppia di porte, si consiglia che 2 coppie di porte sul dispositivo di controllo BC
siano utilizzate per raggiungere il corretto output, contattare Mitsubishi Electric per
ricevere consulenza in merito.
Installare
il
bulbo
del
sensore
termistore
(gas)
nell’alloggiamento Hot-Gas sulla tubazione del gas
refrigerante nella parte superiore del termoconvettore dopo
aver eseguito la saldatura/brasatura di tutte le connessioni dei
tubi. Isolare la parte sopra l’alloggiamento mentre si applica
l’isolante sulla tubazione refrigerante.
Accedere all’interno del termoconvettore
Per accedere ed effettuare gli allacciamenti dell’alimentazione elettrica, dei cablaggi dei
controlli e per lavorare sull’unità durante la messa in funzione, rimuovere le griglie
d’ingresso dell’aria e il pannello di accesso inferiore.
Aprire la griglia d’ingresso dell’aria incernierata
utilizzando un cacciavite a punta piatta per allentare
le viti di un quarto di giro, vedi foto. Sono presenti 2
viti sull’unità VRF HP1000R e 3 viti sulle unità VRF
HP1500R e VRF HP2000R.
La griglia d’ingresso dell’aria incernierata si apre e
permette di avere accesso al termoconvettore, vedi
foto.
T9901078-1-1 IT
Pagina 15 di 36
Alimentazione elettrica e cablaggio al termoconvettore
Questa operazione deve essere effettuata DOPO aver collegato la tubazione del
refrigerante. Tutti i cavi elettrici e gli allacciamenti DEVONO essere effettuati da un
elettricista competente qualificato, conformemente all’ultima edizione delle norme di
cablaggio IEE e/o alle normative locali. (vedi anche Diagrammi di cablaggio 1 e 2 a
pagina 18/19)
 Un isolatore locale con separazione di contatto di almeno 3mm su tutti i poli deve
essere montato nell’alimentazione elettrica monofase (1L + N + E) collegata al
termoconvettore e situato in una posizione adiacente all'unità.
 Se s’intende utilizzare il riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento, il
termoconvettore necessiterà di ricevere un’alimentazione trifase (3L + N + E) anziché
l’alimentazione monofase. Deve essere installato un isolatore locale con separazione
di contatto di almeno 3mm su tutti i poli sull’alimentazione trifase e situato in posizione
accessibile adiacente all’unità. Il riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento dovrà
essere abilitato durante la messa in funzione (vedi la sezione “Informazioni di
progetto” – pagina 5 e la sezione “Messa in funzione” pag. 22).
 L’apparecchiatura deve essere collegata utilizzando cavi caratterizzati da una
appropriata resistenza alla temperatura (resistenti al calore).
 Assicurarsi che i cavi di alimentazione, gli interruttori automatici e le altre
apparecchiature elettriche siano correttamente dimensionate per il tipo di
termoconvettore installato. Vedi Tabella qui sotto.
 Utilizzare un premistoppa o un connettore di condotta da 25mm per l’alimentazione
elettrica nel termoconvettore. Vedi figura 1, pagina 12 la quale illustra il punto in cui
l’alimentazione elettrica entra nell’unità.
 Questa apparecchiatura deve essere messa a terra.
 Cablare conformemente alle seguenti opzioni 1) o 2) indicate nella tabella qui di
seguito:
Termoconvettore
VRF HP1000R DXE
VRF HP1500R DXE
VRF HP2000R DXE
1) Unità così come esce dalla fabbrica –
2) Il riscaldatore ausiliario ciclo di
riscaldatore ausiliario ciclo di sbrinamento
sbrinamento deve essere abilitato durante la
disabilitato
messa in funzione (alimentazione elettrica
(alimentazione elettrica da 230V/monofase/50Hz
da 400V/3ph/50Hz da isolatore locale
da isolatore locale separato)
separato)
Alimentazione
Corrente nominale
Alimentazione elettrica
Corrente nominale
elettrica nominale in
nominale in entrata (kW)
(A)
per fase (A)
entrata (kW)
0,2
0,3
0,35
0,8
1,2
1,4
4,7
7,8
9,35
7,3
12,1
14,4
1) Così come fornito dalla fabbrica – il riscaldatore
ausiliario del ciclo di sbrinamento è disabilitato, vedi
diagramma di cablaggio 1, pagina 18 (alimentazione
elettrica da 230V/monofase/50Hz da isolatore locale
separato)
Collegare ai morsetti di Terra, L1 e N con l’alimentazione
elettrica monofase.
Collegare il dispositivo di controllo Mitsubishi Electric PAR30MAA ai morsetti 1 e 2 sul termoconvettore, o il dispositivo
di controllo PAR-F27MEA ai morsetti M1 e M2.
Collegare il cavo bifase M-Net 2-core ai morsetti M1 e M2
sul termoconvettore – questo è in link di comunicazione tra il
sistema City Multi e il termoconvettore.
T9901078-1-1 IT
Pagina 16 di 36
2) Se il riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento
deve essere abilitato durante la messa in funzione,
vedere diagramma di cablaggio 2, pagina 19
(alimentazione elettrica da 400V/trifase/50Hz sa
isolatore locale separato)
Collegare ai morsetti di Terra, L1, L2, L3 e N con
l’alimentazione elettrica trifase.
Collegare il dispositivo di controllo remoto Mitsubishi
Electric PAR-30MAA ai morsetti 1 e 2 sul
termoconvettore, o il dispositivo di controllo PARF27MEA ai morsetti M1 e M2.
Collegare il cavo bifase M-Net ai morsetti M1 e M2 sul
termoconvettore – si tratta del link di comunicazione tra il
sistema City Multi e il termoconvettore.
Se richiesto, il riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento
può essere abilitato scollegando il cavo neutro (viola) dal
morsetto ausiliario
14NO
sul contattore all’interno del
termoconvettore. Questo cavo deve poi essere collegato al
morsetto A2 sul contattore, come illustrato nella fotografia
adiacente (vedi anche diagramma di cablaggio 2 a pagina 19).
Dimensioni consigliate dei cavi per le connessioni elettriche sono le seguenti:
Connessione elettrica
Alimentazione monofase da isolatore locale separato
Alimentazione trifase da isolatore locale separato – se il
riscaldatore ausiliario di sbrinamento deve essere abilitato
Dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric PAR30MAA o PAR-27MEA (cavo bifase)
M-Net Mitsubishi Electric (cavo bifase)
Interruttore collegato all’apertura e chiusura della porta per
cambiare le velocità delle ventole
T9901078-1-1 IT
Dimensione cavo
2,5mm2 max. per
accesso
2,5mm2 max. per
accesso
0,75mm2
0,75mm2
0,75mm2
Pagina 17 di 36
T9901078-1-1 IT
ALLARME CONDENSA
Circuito aperto = Allarme
(Stop compressore)
Giallo
Nero
Grigio
0V DURANTE LO
SBRINAMENTO
12V DC DURANTE IL
FUNZIONAMENTO
LEV
Nero
Giallo
Rosso
230V
Rosso
Rosa
SBRINARE
12V DC
Relè
Giallo
Trasformatore
Mitsubishi
12V DC
Relè
Grigio
PCB
INDICATORE
FILTRO
Nero
Rosso
SEGNALE
OPERATIVO
K1
Viola
12V DC
Relè
Blu
Rosso
Rosso
K1
Bianco (Neutro)
Nero (Alta)
Grigio
Giallo
~ Marrone
Blu
Rosso (Basso)
Motore Ventola 1
1
SEGNALE
DI ERRORE
Il termoconvettore è
fornito con il riscaldatore
ausiliario del ciclo di
sbrinamento disabilitato
RISCALDATORE AUSILIARIO
CICLO DI SBRINAMENTO
Grigio
Grigio
Rosa
Nero
Arancio
4
5
6
4
5
6
3
2
2
3
0
1
0
1
Bianco
Rosso
Giallo
Nero
Marrone
Viola
Blu
Bianco
Verde
Arancio
FUSIBILE
T 5A
Rosa/Nero
Marrone
Grigio
Nero
Marrone
1
(Basso)
(Medio)
(Alto)
(Vento)
Rosa
Rosso
0V
12V DC, 1mA
Motore Ventola 2
( solo 2m)
Bianco (Neutro)
Nero (Alta)
Grigio
Giallo
~
Marrone
Blu
Rosso (Basso)
Fan
High
Med
Low
4
TOC
TOC
1
2
M1
M2
3
A1
A2
D11
D12
FUSE
TERM.
L1
L2
L3
N
Alimentazione elettrica da 230V AC per la pompa
N di aspirazione della condensa (se richiesta)
2
4
Fan
High
Med
Low
Interrutore porta
3
4
SCOLLEGARE IL
CONNETTORE CN90 DA PCB
CAMBIARE DIP
PCB SW4 SU
Cablare un interruttore
comandato dal
Porta aperta - velocità più alta
movimento della porta:- Porta chiusa - velocità più bassa
(Basso)
(Medio)
(Alto)
(Vento)
1
2A - AC3, 230v AC
RIMUOVERE
LINK
CABLAGGIO
Scatto interruttore
termico riscaldatore
sbrinamento
(x2 sulle unità 2m)
ERRORE IMPIANTO POMPA DI CALORE MITSUBISHI
SEGNALE (OUTPUT) Circuito Chiuso = Errore
REMOTO SU/SPENTO, se il è tra (A1 - 3)
Abilita/Disabilita "Dispositivo di controllo PAR" per ON/OFF
(ABILITA = NESSUN CAVO, DISABILITA = CAVO)
BUS DI COMUNICAZIONE M-NET AL SISTEMA
CITY MULTI E DISPOSITIVO DI CONTROLLO
PAR-F27MEA
A DISPOSITIVO DI CONTROLLO
B AMBIENTE MANUALE PAR-30MAA
L
L1 N
230V/monofase/50Hz
Alimentazione elettrica
VRF HP1000DXE = 0.8A
VRF HP1500DXE = 1.2A
VRF HP2000DXE = 1.4A
DIAGRAMMA DI CABLAGGIO 1 – TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE VRF HP
(Senza riscaldatore per il ciclo di sbrinamento – unità così come è fornita dalla fabbrica)
Termistore (aria in entrata) - montato
in fabbrica
Termistore (Liquido) - montato in
Bianco
fabbrica
Termistore (Gas) - sensore montato in loco
Nero
nell'alloggiamento superiore dopo la brasatura
Rosso
4
Marrone
Blu
Verde/Giallo
Blu
Rosso
12V
TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE THERMOSCREENS
MORSETTIERA
PCB D'INTERFACCIA
MITSUBISHI ELECTRIC
da PAC-AH...M-G
Marrone
Marrone
AGGIO
C AB L
CO
IN LO
Il rettangolo nero indica la testa mobile del commutatore/pulsante DIP
Pagina 18 di 36
T9901078-1-1 IT
ALLARME CONDENSA
Circuito aperto = Allarme
(Stop compressore)
Giallo
Nero
Grigio
0V DURANTE LO
SBRINAMENTO
12V DC DURANTE IL
FUNZIONAMENTO
LEV
Nero
Giallo
Rosso
230V
12V DC
Relè
Grigio
PCB
INDICATORE
FILTRO
Nero
Rosso
SEGNALE
OPERATIVO
K1
Rosso
Rosso
Bianco (Neutro)
Nero (Alta)
Grigio
Giallo
~ Marrone
Blu
Rosso (Basso)
Motore Ventola 1
1
SEGNALE
DI ERRORE
12V DC
Relè
Blu
K1
Grigio
Grigio
Rosa
Nero
Arancio
4
5
6
4
5
6
3
2
2
3
0
1
0
1
Bianco
Rosso
Giallo
Nero
Marrone
Viola
Blu
Bianco
Verde
Arancio
FUSIBILE
T 5A
Rosa/Nero
Marrone
Grigio
Nero
Marrone
1
(Basso)
(Medio)
(Alto)
(Vento)
Rosa
0V
12V DC, 1mA
Alimentazione elettrica da 230V AC per la pompa
N di aspirazione della condensa (se richiesta)
2
4
Fan
High
Med
Low
Interrutore porta
3
4
SCOLLEGARE IL
CONNETTORE CN90 DA PCB
CAMBIARE DIP
PCB SW4 SU
Cablare un interruttore
comandato dal
Porta aperta - velocità più alta
movimento della porta:- Porta chiusa - velocità più bassa
(Basso)
(Medio)
(Alto)
(Vento)
1
2A - AC3, 230v AC
RIMUOVERE
LINK
CABLAGGIO
Scatto interruttore
termico riscaldatore
sbrinamento
(x2 sulle unità 2m)
ERRORE IMPIANTO POMPA DI CALORE MITSUBISHI
SEGNALE (OUTPUT) Circuito Chiuso = Errore
REMOTO SU/SPENTO, se il è tra (A1 - 3)
Abilita/Disabilita "Dispositivo di controllo PAR" per ON/OFF
(ABILITA = NESSUN CAVO, DISABILITA = CAVO)
BUS DI COMUNICAZIONE M-NET AL SISTEMA
CITY MULTI E DISPOSITIVO DI CONTROLLO
PAR-F27MEA
A DISPOSITIVO DI CONTROLLO
B AMBIENTE MANUALE PAR-30MAA
L
L1 L2 L3 N
Alimentazione elettrica da 400V/trifase/50Hz per il
riscaldatore ausliario del ciclo di sbrinamento deve
essere abilitata durante la messa in servizio del sito
VRF HP1000DXE = 7.3A per fase
VRF HP1500DXE = 12.1A per fase
VRF HP2000DXE = 14.4A per fase
Motore Ventola 2
( solo 2m)
Bianco (Neutro)
Nero (Alta)
Grigio
Giallo
~
Marrone
Blu
Rosso (Basso)
Fan
High
Med
Low
4
TOC
TOC
1
2
M1
M2
3
A1
A2
D11
D12
FUSE
TERM.
L1
L2
L3
N
Rosso
AVVERTENZA! 400V su alcuni morsetti
DIAGRAMMA DI CABLAGGIO 2 – TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE VRF HP
(Riscaldatore ausiliario per il ciclo di sbrinamento abilitato in loco)
Rosso
Rosa
SBRINARE
12V DC
Relè
Giallo
CONTATTORE
TRIFASE PER IL
RISCALDATORE
DELLO
SBRINAMENTO
Viola
1m unità 3 x 1.5kW = 4.5kW
1.5m unità 3 x 2.5kW = 7.5kW
2m unità 3 x 3.0kW = 9kW
RISCALDATORE AUSILIARIO
CICLO DI SBRINAMENTO
SPOSTARE IL CAVO
NEUTRO VIOLA DAL
MORSETTO 14NO A
A2 PER PERMETTERE
IL FUNZIONAMENTO
DEL RISCALDATORE
DELLO SBRINAMENTO
Termistore (aria in entrata) - montato
in fabbrica
Termistore (Liquido) - montato in
Bianco
fabbrica
Termistore (Gas) - sensore montato in loco
Nero
nell'alloggiamento superiore dopo la brasatura
Rosso
4
Marrone
Blu
Verde/Giallo
Blu
Rosso
12V
Trasformatore
Mitsubishi
TERMOCONVETTORE A POMPA DI CALORE THERMOSCREENS
MORSETTIERA
PCB D'INTERFACCIA
MITSUBISHI ELECTRIC
da PAC-AH...M-G
Marrone
Marrone
AGGIO
CABL
CO
IN LO
Il rettangolo nero indica la testa mobile del commutatore/pulsante DIP
Pagina 19 di 36
Dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA
Se il termoconvettore deve essere controllato manualmente dall’utilizzatore
finale, deve essere fornito e montato dall’installatore un dispositivo di
controllo remoto Mitsubishi Electric PAR-30MAA
(non fornito da
Thermoscreens). Esso è collegato ai morsetti 1 e 2 sul termoconvettore
utilizzando un cavo bifase. Consultare le istruzioni Mitsubishi Electric
allegate al dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA per l’installazione e il
cablaggio del dispositivo di controllo.
Il dispositivo di controllo remoto A PAR-30MAA è anche richiesto per gli
scopi di messa in funzione se si utilizza la modalità AUTO con il sistema
BMS o un dispositivo di controllo centralizzato. Il comando Master/Slave con un dispositivo PAR30MAA deve essere eseguito come segue:12V DC
1
2
TERMO
CONVETTORE
1
2
TERMO
CONVETTORE
1
2
TERMO
CONVETTORE
PAR-30MAA
NB. I sistemi della serie Y necessitano di due dispositivi di controllo, per il comando AUTO,
dispositivo di controllo Master agli indirizzi più bassi, fare riferimento a Mitsubishi Electric per
ulteriori dettagli.
Un dispositivo A PAR-F27MEA può anche essere utilizzato per controllare il termoconvettore
manualmente. Il dispositivo PAR-F27MEA è un dispositivo M-NET e deve essere collegato ai
morsetti M1 & M2 sul termoconvettore od ovunque nel cablaggio M-NET, tuttavia non offre
l’accensione temporizzata.
Cablaggio commando velocità ventola del termoconvettore
Così come consegnato dalla fabbrica, il termoconvettore è impostato per permettere il controllo
delle ventole a 3 velocità (Alta, Media e Bassa) utilizzando un dispositivo di controllo remoto PAR30MAA o PAR-F27MEA. Un’alternativa possibile consiste nell’avere un interruttore collegato
all’apertura e chiusura della porta collegato per azionare l’unità tra velocità più alta della ventola –
porta aperta e velocità più bassa della ventola – porta chiusa. Questo sistema è facile da usare e
permette di ottenere un risparmio energetico. È presente un link via cavo che necessita di essere
rimosso dai morsetti del termoconvettore e l’interruttore DIP SW4 deve essere sostituito (il
dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA o PAR-F27MEA non fornirà quindi il controllo delle
ventole a 3 velocità). Vedi Diagramma di cablaggio 1 o 2 alle pagine 18 o 19 per ulteriori dettagli e
la sezione, Messa in funzione; “Selezionare le velocità delle ventole del termoconvettore” a pagina
24 nella quale sono forniti dettagli su come le velocità dei motori a sei velocità disponibili possono
essere impostate per adattarsi alle condizioni ambientali esterne e minimizzare i livelli di
rumorosità interni.
Impianto di eliminazione della condensa
Se si desidera utilizzare il termoconvettore in modalità di Raffred, è necessario installare un
sistema di eliminazione della condensa.
Il termoconvettore è dotato di un vassoio di raccolta della condensa
con un tubo di rame da 15mm in uscita, collocato nel lato destro del
termoconvettore. Possono essere collegati tubi flessibili idonei per
la condensa alla tubazione (vedi fotografia) e fatti passare
attraverso un foro da 20mm nella parte posteriore dell’unità, vedi
figura 1, pagina 12, in modo che la condensa sia eliminata
mediante l’effetto della gravità. Mezzi per l’eliminazione della
T9901078-1-1 IT
Pagina 20 di 36
condensa devono essere predisposti nella parte posteriore del termoconvettore.
Se l’eliminazione della condensa mediante gravità non è praticabile, allora deve essere montata
una pompa di aspirazione (non fornita in dotazione con il termoconvettore) la quale può essere
fornita ed montata dall'installatore per rimuovere la condensa direttamente dall'unità. La pompa di
aspirazione della condensa deve avere una capacità di aspirazione sufficiente (vedi tabella qui
sotto) e se collocate più in alto rispetto al vassoio di raccolta; deve essere autoadescante e capace
di aspirare adeguatamente la condensa dalla parte superiore del termoconvettore. Le pompe
idonee a questo scopo sono quelle peristaltiche o a membrana rotante. Si raccomanda che la
pompa di aspirazione della condensa sia in grado di operare quando il termoconvettore funziona in
modalità di raffreddamento, rilevando la presenza di acqua nel vassoio di raccolta o rilevando un
differenziale di raffrescamento nel flusso dell’aria. Deve anche essere dotata di un dispositivo che
permetta di svuotare il vassoio il più possibile quando il termoconvettore è spento. Noi consigliamo
il tipo a membrane rotante Blue Diamond con sensore di raffrescamento (drainStik) prodotta da
Charles Austen Pumps Ltd. (www.miniblue.co.uk).
Termoconvettore
Velocità massima flusso della condensa
(litri/ora)
VRF HP1000R DXE
6,0
VRF HP1500R DXE
9,0
VRF HP2000R DXE
11,0
All’interno del termoconvettore è presente uno spazio a destra dell’unità in cui è possibile montare
la pompa di aspirazione della condensa. Internamente al termoconvettore è presente
un’alimentazione elettrica AC da 230V monofase ai morsetti DIN-Rail per alimentare la pompa.
Vedi diagrammi di cablaggio 1 e 2 alle pagine 18 e 19. Sono presenti due fori da 20mm per
l’eliminazione della condensa realizzati nell’involucro del termoconvettore, uno sulla parte
superiore dell’unità e uno più in basso e in posizione posteriore, entrambi provvisti di tappi di
gomma (vedi figura 1, pagina 12). Essi possono essere utilizzati per inserire un tubo flessibile
collegato alla pompa di aspirazione per scaricare la condensa in un vassoio di raccolta remoto.
Il tubo flessibile per scaricare la condensa deve essere spinto attraverso uno dei due fori, dopo
aver rimosso il tappo, e collegato alla pompa utilizzando l'adattatore fornito in dotazione con la
pompa. Potrebbe essere necessario allungare il tubo qualora la pompa si trovi in posizione remota.
Sia che venga utilizzato un sistema a gravità, o una pompa di aspirazione per rimuovere la
condensa, deve essere installato un sistema di allarme con apposito sensore nel vassoio di
raccolta della condensa per lanciare un segnale senza corrente (circuito chiuso = allarme). Il
segnale di allarme condensa a 2 cavi deve essere cablato con la connessione allarme condensa
fornita nell’interfaccia PCB all’interno del termoconvettore. Questo dispositivo di allarme bloccherà
il raffrescamento del termoconvettore se il vassoio di raccolta della condensa è pieno e l’acqua
rischia di fuoriuscire, indicando un codice di errore sul sistema Mitsubishi Electric (le ventole del
termoconvettore continueranno a funzionare). Le altre unità interne nello stesso sistema City Multi
non sono influenzate se s’inserisce l’allarme condensa del termoconvettore.
È disponibile una staffa di fissaggio con un foro da 8mm attaccata
al vassoio all’interno del termoconvettore per permettere il
montaggio del sensore di allarme condensa da parte
dell’installatore. Inclinare il vassoio per avere migliore accesso per
fissare la staffa (vedi fotografia e la sezione, Manutenzione –
pagina 31). Allargare il foro se necessario per adattare la staffa al
tipo di sensore in modo che sia collocato nel vassoio nella giusta
posizione. Se viene utilizzata una pompa di aspirazione, vedere le
istruzioni del costruttore allegate alla pompa stessa per ulteriori
informazioni.
T9901078-1-1 IT
Pagina 21 di 36
MESSA IN FUNZIONE
Assicurarsi che l’alimentazione elettrica locale al termoconvettore e, se
necessario, l’alimentazione al sistema Mitsubishi Electric City Multi siano spente.
Controlli sul termoconvettore
Controllare che i componenti all’interno del termoconvettore siano come illustrato nella
figura qui sotto. Se il riscaldatore ausiliario del ciclo di sbrinamento è stato abilitato,
verificare che l’interruttore/i termici di surriscaldamento non siano scattati. Premere il
pulsante di reset nella parte superiore dell’unità (2 su una unità HP2000). Se
l’interruttore automatico è scattato, esso si ripristinerà – vedi figura.
HP2000R solo
PREMERE PER
RESETTARE
Interfaccia
PCB
Sede vite di
fissaggio
PCB
Sensore
ingresso
aria
ROSSO
Una interfaccia PCB Mitsubishi Electric è presente all’interno nel lato sinistro del
termoconvettore Thermoscreens. Essa permette di controllare e consente la
comunicazione tra il sistema Mitsubishi Electric City Multi e l’unità interna del
termoconvettore. È fissata da una vite nel pannello sinistro del termoconvettore, sotto la
copertura terminale in plastica di sinistra. Rimuovere la vite e far scorrere delicatamente
la PCB parzialmente fuori.
INTERRUTTORI
DIP
Connessione
allarme pompa
condensa
T9901078-1-1 IT
Pagina 22 di 36
Verificare che gli interruttori DIP sull’interfaccia PCB come impostato ed illustrato nei
diagrammi di cablaggio 1 o 2 sulle pagine 18 e 19. L’impostazione di capacità SW2 dell’
interruttore DIP devono essere come indicato qui di seguito:
VRF HP1000R
(su) ON
VRF HP1500R
(su) ON
(spento) OFF
(su) ON
(spento) OFF
1 2 3 4 5 6
SW2 per P71
VRF HP2000R
(spento) OFF
1 2 3 4 5 6
SW2 per P125
1 2 3 4 5 6
SW2 per P140
Il rettangolo nero indica la testa mobile del commutatore/pulsante DIP
NB. Se è stato installato un interruttore comandato dalla porta per controllare le velocità
delle ventole, in alternativa al dispositivo di controllo PAR-30MAA delle ventole a 3
velocità, l’interruttore DIP SW4 dovrà anch’esso essere cambiato. Vedi diagramma di
cablaggio 1 o 2 sulle pagine 18 e 19 per i dettagli.
Verificare che il cablaggio tra il termoconvettore e il sistema City Multi (VRF) sia conforme
al diagramma di cablaggio 1 o 2 alle pagine 18 e 19. Se ancora ritirato, far scorrere
delicatamente l’interfaccia PCB indietro nel suo alloggiamento. Assicurarsi che i cavi non
siano pizzicati all’interno e reinserire la vite di fissaggio.
Se non è già stato fatto, cablare un dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric PAR30MAA ai morsetti 1 e 2, o un dispositivo di controllo remoto PAR-F27MEA ai morsetti M1 e
M2 (vedi i diagrammi di cablaggio 1 o 2 alle pagine 18 e 19 per ulteriori dettagli). Esso è
utilizzato per impostare il termoconvettore nella modalità di funzionamento, Riscald, Vent,
AUTO o Raffred, e per impostate la temperatura target.
T9901078-1-1 IT
Pagina 23 di 36
Selezionare le velocità della ventola del termoconvettore
I motori/e della ventola del termoconvettore hanno sei velocità e le velocità della ventola
possono essere riselezionate al momento della messa in funzione per adattarsi
all’installazione, alle condizioni ambientali esterne e per ridurre al minimo i livelli di
rumorosità interni.
Così come fornito dalla fabbrica, per le 3 velocità delle ventole disponibili dal dispositivo di
controllo remoto PAR-30MAA o PAR-F27MEA:La velocità ALTO (cavo nero) è collegata alla motore a velocità 1 (motore a velocità alta),
La velocità MEDIO (cavo giallo) è collegata alla motore a velocità 3,
La velocità BASSO (cavo rosso) è collegata alla motore a velocità 6 (motore a velocità
minima)
6 5 4
3
2 1
654321
VRF HP1000R DXE
VRF HP2000R DXE
T9901078-1-1 IT
VRF HP1500R DXE
Pagina 24 di 36
La tabella qui di seguito fornisce le linee guida su come possono essere impostate le velocità
delle ventole. AVVERTENZA: sul modello VRF HP2000R DXE ci sono due motori, quindi
assicuratevi che entrambi i motori siano cablati esattamente allo stesso modo altrimenti si
surriscalderanno e potrebbero verificarsi dei danni.
Velocità
ventola
Velocità del
motore
(termoconv
ettore così
come
consegnat
o dalla
fabbrica)
ALTO
(cavo
nero)
(vedi diagramma di
cablaggio 1, pag. 16
o diagramma di
cablaggio 2, pag.17)
MEDIO
(cavo
giallo)
1 – cavo nero al
motore
(velocità più
alta)
2 – cavo grigio al
motore
Altezza consigliata per il
montaggio del
termoconvettore (m)
Sito
Sito
normale
esposto
3,8
3,3
3,5
3,0
3 – cavo giallo al
motore
3,2
2,8
4 – cavo marrone
al motore
2,8
2,3
5 – cavo blu al
motore
2,4
2,0
BASSO
(cavo
rosso)
Livelli di
pressione
sicuri del
termoconvett
ore
Flusso
massimo
volume
d’aria
[dB(A) a 3m]
(m3/h)
HP1000DXE - 58
HP1500DXE - 58
HP2000DXE - 58
1310
2070
2590
HP1000DXE - 57
HP1500DXE - 55
HP2000DXE - 57
HP1000DXE - 55
HP1500DXE - 54
HP2000DXE - 55
HP1000DXE - 53
HP1500DXE - 52
HP2000DXE - 53
HP1000DXE - 50
HP1500DXE - 49
HP2000DXE - 50
HP1000DXE - 48
HP1500DXE - 45
HP2000DXE - 48
1250
1900
2480
1170
1800
2340
1070
1650
2160
970
1450
1930
900
1240
1810
6 – cavo rosso al
motore
2,0
1,7
(velocità più
bassa)
Vedi anche la sezione, Installazione; “Cablaggio della velocità della ventola del
termoconvettore” a pag. 20 con i dettagli su come effettuare il cablaggio.
I livelli di pressione sicuri dB(A) a 3m di distanza si riferiscono ad un termoconvettore singolo,
montato all’altezza massima, funzionante in una stanza con caratteristiche acustiche medie,
come definito nella Guida CIBSE B5 (tempo di riverberazione 0,7s a 1kHz) e in una stanza di
dimensioni equivalenti a 8 cambi d’aria l’ora. Fare attenzione nella selezione del termoconvettore,
perché i livelli di rumorosità possono essere di molti dB più alti se l’altezza di montaggio è ridotta,
se la stanza è più “vivace” (per esempio, presenza di superfici dure, assenza di mobili o di
materiali assorbenti), se la stanza è più piccola di 8 cambi d’aria l’ora o è caratterizzata da una
combinazione di questi fattori. I livelli di rumore aumenteranno anche se è installato più di un
termoconvettore nello stesso vano porta (per es. +3dB(A) per 2 fonti dallo stesso punto: campo
diretto).
T9901078-1-1 IT
Pagina 25 di 36
Avvio del sistema a pompa di calore
Effettuare un’ispezione finale per assicurarsi che tutti i cablaggi siano conformi al
diagramma di cablaggio 1 a pag. 18 o al diagramma di cablaggio 2 a pag. 19 e che tutte le
connessioni siano state effettuate correttamente. Assicurarsi che il sistema refrigerante sia
completo, che non ci siano perdite e che il carico di refrigerante di R410A sia sufficiente.
Accendere l’alimentazione elettrica all’unità di compressione Mitsubishi Electric e agli altri
componenti City Multi system. Attendere 30 secondi e accendere l'alimentazione elettrica al
termoconvettore attraverso l'isolatore locale.
ATTENZIONE! La scheda di interfaccia all'interno del termoconvettore avere 230 volt su di
esso e ci saranno 400V in alcuni terminali cortina se il riscaldatore ciclo di sbrinamento
ausiliario è abilitat
Il sistema farà il “riavvio” (boot-up) e poi lo schermo del dispositivo di controllo remoto PAR30MAA o PAR-F27MEA diventerà attivo e ripeterà il messaggio PLEASE WAIT (Prego
Attendere). Alcuni minuti dopo che il messaggio PLEASE WAIT (Prego Attendere) è
scomparso, il sistema è pronto a cominciare.
PERICOLO: Attenzione all’avvio delle ventole!
Accendere il termoconvettore utilizzando il pulsante ON/OFF sul dispositivo di controllo
remoto e le ventole si azioneranno immediatamente. Utilizzando il pulsante delle velocità
delle ventole sul dispositivo di controllo, verificare che le ventole girino a velocità ALTA,
MEDIA e BASSA e che non ci siano rumori meccanici provenienti dalle ventole nelle varie
velocità di funzionamento. Se è stato installato un interruttore sulla porta per cambiare le
velocità delle ventole da Alta (porta aperta) a Bassa (porta chiusa), verificare che funzioni
correttamente. Premere il pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto selezionando
Riscald e regolare la temperatura impostata a 28°C massimo utilizzando il pulsante
+ Temp. Verificare che il getto d’aria nel vano porta sia caldo in tutta la lunghezza dopo
circa 20 minuti di funzionamento e che il getto d’aria raggiunga tutto il vano porta sia con la
porta aperta che con la porta chiusa.
Se l’utilizzatore finale intende utilizzare il termoconvettore mediante un dispositivo di
controllo remoto, esso può essere impostato per monitorare la temperatura dell’aria
ambiente anziché la temperatura dell’aria di ritorno all’ingresso dell’aria nel
termoconvettore. Se è richiesto questo tipo di approccio, consultare le istruzioni del
dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric per ulteriori dettagli.
Se si prevede di far funzionare il termoconvettore in modalità di raffrescamento* premere il
pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA su Raffred e regolare la
temperatura impostata ad un minimo di 14°C utilizzando il pulsante - Temp. Attendere fino
a quando il getto d’aria sarà freddo. Verificare che non ci siano residui nel raccordo di
uscita, che non ci siano danneggiamenti sui tubi flessibili di scarico della condensa e che la
pompa di aspirazione della condensa (se utilizzata) funzioni correttamente. È improbabile
che la condensa riempia il vassoio di raccolta immediatamente, quindi sarà necessario
riempire il vassoio a mano con dell'acqua per vedere se il sistema di eliminazione della
condensa funziona correttamente. Se un sensore di allarme è installato nel vassoio di
raccolta, verificare che funzioni nel bloccare la funzione di raffrescamento del
termoconvettore se il vassoio di raccolta si riempie. Testare il termoconvettore durante il
raffrescamento con tutti i pannelli e le griglie montate e, se le condizioni ambientali lo
permettono, verificare che la condensa venga raccolta e aspirata dalla pompa di
aspirazione preposta. La condensa non deve fuoriuscire dal termoconvettore. Al termine del
test di raffrescamento, rimuovere le griglie d’ingresso e il pannello di accesso inferiore e
controllare che l’interno del termoconvettore sia asciutto e che tutta la condensa sia stata
raccolta dal sistema di scarico.
* Per fare in modo che il termoconvettore funzioni in modalità di raffrescamento deve essere presente un
sistema di scarico della condensa.
T9901078-1-1 IT
Pagina 26 di 36
Per risparmiare energia e CO2, si consiglia d’impostare il dispositivo di controllo remoto, il
sistema BMS o il dispositivo di controllo centralizzato in modo che funzionino in modalità
Riscald alla temperatura impostata di 24°C. Questa è la normale modalità di funzionamento per
il termoconvettore a pompa di calore e deve operare con questa impostazione senza ulteriori
aggiustamenti, con riscaldamento automatico come richiesto. Quando la temperatura target è
raggiunta, le ventole del termoconvettore saranno ancora in funzione ma il getto d’aria non
sarà più riscaldato (temperature ambiente).
Se l’utilizzatore finale desidera far funzionare il termoconvettore con il dispositivo di controllo
remoto, impostare la funzione di blocco n°1 sul dispositivo di controllo, in modo che sia solo
possibile accendere e spegnere il termoconvettore, senza controllo della modalità di
funzionamento o temperature impostata. Se non è presente un sistema di scarico della
condensa, la modalità Raffred deve essere bloccata sul dispositivo di controllo remoto, in modo
che non possa essere attivata. Vedi le istruzioni del dispositivo di controllo remoto Mitsubishi
Electric PAR-30MAA o PAR-F27MEA.
Se si desidera far funzionare il termoconvettore dal sistema BMS o attraverso il dispositivo di
controllo centralizzato, esso deve essere configurato in modo che il termoconvettore possa solo
funzionare in modalità Riscald o Vent, se non è montato un sistema di eliminazione della
condensa. Il termoconvettore deve solo essere configurato per operare nella modalità AUTO o
Raffred se è dotato di un sistema di eliminazione della condensa.
ATTENZIONE: È possibile che il termoconvettore entri in modalità di raffrescamento in una
giornata particolarmente calda se il dispositivo di controllo remoto, il sistema BMS o il
dispositivo di controllo centralizzato è impostato sulla modalità AUTO. Pertanto, È buona norma
prevedere l’installazione di un sistema di scarico della condensa all’interno del termoconvettore
se si prevede di utilizzare la modalità AUTO.
Disabilitare l’alimentazione elettrica al termoconvettore e al sistema Mitsubishi Electric City
Multi. Far scorrere delicatamente la PCB d’interfaccia riportandola nel suo alloggiamento.
Assicurarsi che i cavi non rimangano intrappolati all’interno e riavvitare la vite di fissaggio.
Indicatore filtro sporco
Il termoconvettore è dotato di un indicatore di filtro sporco. Esso si
trova a sinistra della griglia di scarico e segnala quando i filtri della
griglia del termoconvettore devono essere aspirati o quando il
termoconvettore necessità di manutenzione. Aprire la griglia
d’ingresso dell’aria incernierata per poter accedere all’indicatore filtro
sporco.
NB. La funzione intervallo dell’indicatore filtro sporco non è disponibile
sul dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric.
Gli stati dell’indicatore sono indicati qui di seguito:
Stato indicatore
Spia indicatore
Azione richiesta
Pulsante di reset
VERDE LAMPEGGIANTE
On 0,5s; Off 3s
Nessuna
N/A
ROSSO FISSO
Spia fissa
Aspirare ingresso
Reset rapido
ROSSO LAMPEGGIANTE
On 0,5s; Off 0,5s
Manutenzione filtri
Premere per 5s
Il programma dell’indicatore del filtro si basa sulle ore di funzionamento delle ventole. Per il
programma di default, mostrato schematicamente qui sotto, il filtro della griglia d’ingresso deve
essere aspirato ogni 240 ore di funzionamento delle ventole (ogni 3-4 settimane in funzione
dell’uso) e un intervento di manutenzione completo deve essere effettuato ogni 960 ore di
funzionamento delle ventole (ogni 4-6 mesi in funzione dell’uso).
T9901078-1-1 IT
Pagina 27 di 36
AVVIO
240 ore
ROSSO FISSO: Reset rapido
960 ore
Ore funzionamento ventola
MT2
240 ore
ROSSO FISSO: Reset rapido
240 ore
ROSSO FISSO: Reset rapido
240 ore
ROSSO LAMPEGGIANTE: tenere premuto per 5s per effettuare il reset
Il programma impostato per default dalla fabbrica è adatto per molte applicazioni.
Tuttavia, l’attuale frequenza di pulizia richiesta dipenderà dall’ambiente. Sono disponibili
due programmi alternativi per l’indicatore del filtro, e possono essere selezionati
cambiando la posizione del ponticello (contrassegnato 1, 2 o 3) sulla PCB
dell’indicatore del filtro.
Programma indicatore
filtro
Posizione ponticello
Intervallo aspirazione
griglia ingresso
Frequenza manutenzione
filtro
Mezza
frequenza
Periodo di
default
Doppia
frequenza
   
   
   
1 23
1 23
1 23
120 ore
240 ore
480 ore
480 ore
960 ore
1920 ore
Per accedere alla PCB dell’indicatore del filtro, cambiare la posizione del
ponticello:Aprire la griglia d’ingresso dell’aria ad incasso incernierata (vedi sezione “Accedere
all’interno del termoconvettore”, pag. 15).
Ora la PCB dell’indicatore filtro è accessibile per cambiare la
posizione del ponticello, vedi foto.
ponticello
Controllo finale dell’unità
Chiudere la griglia d’ingresso dell’aria incernierata e serrare le viti di fissaggio di un
quarto di giro.
Accendere l’alimentazione elettrica dell’impianto Mitsubishi Electric City Multi e del
termoconvettore e ricontrollare il funzionamento dell’unità.
T9901078-1-1 IT
Pagina 28 di 36
Consegna all’utente finale
Prima di lasciare il luogo in cui è avvenuta l’installazione, è importante che sia
organizzata una breve “riunione di consegna” per consegnare l’impianto a pompa di
calore e il termoconvettore all’utilizzatore finale o ad un suo rappresentante. Questo
deve includere una spiegazione completa e chiara di come funziona l’impianto e una
dimostrazione per illustrare praticamente il funzionamento del termoconvettore.
Assicurarsi di spiegare il programma di manutenzione dell'indicatore del filtro, che le
griglie di entrata dell’aria devono essere pulite regolarmente (mediante aspirazione) e
ribadire che l’unità deve essere sottoposta ad interventi regolari di manutenzione. Vedi
“Manutenzione del termoconvettore” pagina 31.
Se il termoconvettore deve funzionare con il comando manuale utilizzando il dispositivo
di controllo remoto PAR-30MAA o PAR-F27MEA, è importante che l’utilizzatore
comprenda come funziona il sistema a pompa di calore. Deve sapere che il
termoconvettore funziona in modalità Vent (Ambiente) o in modalità Riscald con una
temperatura impostata fissa di, per esempio, 24°C.
Spiegare come funzionano le velocità delle ventole, se si tratta di un controllo manuale
delle ventole a 3 velocità utilizzando un dispositivo di controllo remoto PAR-30MAA o
PAR-F27MEA, o se è presente un interruttore azionato dal movimento della porta:
velocità alta – porta aperta, o bassa – porta chiusa.
Se è stato installato un sistema di scarico della condensa e se si prevede che l’unità
possa funzionare in modalità di raffreddamento, mostrare all’utilizzatore finale come
funziona la modalità Raffred/AUTO. Lasciate l’impianto impostato su Riscald e
bloccare tutti i pulsanti sul dispositivo di controllo remoto, eccetto il pulsante ON/OFF
prima di lasciare il luogo dell’installazione (N°1 funzione di blocco).
Se il termoconvettore deve funzionare mediante il sistema BMS o un dispositivo di
controllo centralizzato, illustrare tutte le impostazioni e dimostrare il funzionamento
dell’impianto. Spiegare che il termoconvettore deve funzionare in modalità Vent
(ambiente) o in modalità Riscald ad una temperatura impostata fissa di, per esempio,
24°C. È fondamentale che l’utilizzatore finale capisca che il termoconvettore non deve
funzionare in modalità di Raffred o AUTO se non è stato installato un sistema di scarico
della condensa.
Se la pompa di aspirazione della condensa e il sistema di scarico sono stati installati, e
il termoconvettore può funzionare in modalità di Raffred, spiegare che la temperatura
target deve essere regolata ad un livello confortevole di raffrescamento, non
necessariamente impostando la temperatura più bassa possibile, poiché questo
comporterebbe maggiori consumi energetici e maggiori emissioni di CO2.
Spiegare all’utilizzatore finale che il vano porta, ove possibile, deve essere
chiuso, ma in caso d’intenso traffico pedonale, dovrà rimanere aperto. Il
termoconvettore serve essenzialmente allo scopo di risparmiare energia e a
garantire il comfort agli occupanti quando la porta rimane aperta, rispetto ad una
situazione in cui la porta a lama d’aria non è installata.
Assicurarsi che tutte le istruzioni e i manuali siano consegnati all'utilizzatore finale o ad
un suo rappresentante.
T9901078-1-1 IT
Pagina 29 di 36
ISTRUZIONI PER L’UTILIZZATORE
Accensione e spegnimento:
Accendere il termoconvettore premendo il pulsante ON/OFF sul dispositivo di controllo remoto PAR30MAA (o PAR-F27MEA) e le ventole si accenderanno entro alcuni secondi. Come impostato dal
tecnico incaricato dell'avviamento dell'impianto, il termoconvettore funzionerà in modalità Riscald,
auto,anticamente come richiesto, ad una temperatura impostata di 24°C - tutti gli altri pulsanti sul
dispositivo di controllo remoto sono bloccati.
Temperatura aria in
ingresso o ambiente
Pulsante velocità ventole (se abilitato)
Modo Riscald, AUTO Riscald e Vent
(Velocità ventole Bassa o Media o Alta)
C
20°
Temp impostata
26°
Modo
Modo Raffred e AUTO Raffred
(Velocità media fissa delle ventole)
C
+
Temp.
Vent
Pulsante SU/SPENTO
Dispositivo di controllo
remoto PAR-30MAA
Spegnere il termoconvettore premendo il pulsante ON/OFF sul dispositivo di controllo remoto e le
ventole del termoconvettore si fermeranno entro alcuni secondi. Non spegnere se SBRINAMENTO
mostra sullo schermo, attendere 5 minuti dopo lo sbrinamento è terminato.
Se il dispositivo di controllo remoto non è bloccato, le seguenti funzioni saranno operative:VELOCITÀ VENT:
Se abilitata, premere il pulsante Velocità Ventole sul dispositivo di controllo remoto per azionare le
ventole alla velocità BASSA, MEDIA o ALTA. La logica della velocità delle ventole è spiegata nel
diagramma riportato sopra. Se è stato impostato l’interruttore comandato dal movimento della porta
per cambiare le velocità delle ventole, il pulsante Velocità Ventole non sarà abilitato.
Modalità di Riscald :
Premere il pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto fino a quando compare la scritta
Riscald sul display. Regolare la temperatura impostata mediante i pulsanti - o + Temp. impostando
una temperatura compresa tra 22°C e 28°C. Questa è la normale modalità di funzionamento del
termoconvettore a pompa di calore, e deve essere utilizzato con questa impostazione senza
effettuare altre regolazioni, riscaldamento automatico come richiesto. Attendere qualche minuto per
permettere al getto d’aria di riscaldarsi.
MODALITÀ AUTO: (utilizzare solamente se è stato installato un sistema di scarico della
condensa e una pompa di aspirazione)
Premere il pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto fino a quando appare la scritta AUTO
sul display. Regolare la temperatura impostata utilizzando i pulsanti - o + Temp. Attendere qualche
minuto per permettere al getto d’aria di riscaldarsi o di raffrescarsi.
Modalità VENT (Solo vent – nessun riscald o raffred):
Premere il pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto fino a quando compare la scritta
Vent sul display.
Modalità di Raffred: (da utilizzare solo se è stato installato una pompa di aspirazione o un
sistema di scarico della condensa)
Premere il pulsante Modalità sul dispositivo di controllo remoto fino a quando compare la scritta
Raffred sul. Regolare la temperatura impostata utilizzando i pulsanti - o + Temp. e impostando una
temperatura compresa tra 24°C e 19°C (minimo consigliato). Attendere qualche minuto per
permettere al getto d’aria di raffrescarsi. Non utilizzare necessariamente la temperatura impostata
più bassa possibile, poiché questo comporterebbe un maggior consumo di energia e maggiori
emissioni di CO2.
T9901078-1-1 IT
Pagina 30 di 36
MANUTENZIONE DEL TERMOCONVETTORE
A POMPA DI CALORE
Aspirare le griglie di ingresso dell’aria/filtri
(Settimanalmente, o quando l’indicatore filtro sporco mostra la SPIA ROSSA FISSA)
Con il termoconvettore spento, utilizzare un aspirapolvere con
prolunga e spazzola all’estremità, pulire la superficie delle griglie
d’ingresso dell’aria e il filtro della griglia. Questo intervento di pulizia
è molto importante per ridurre al minimo l’accumulo di polvere e di
sporcizia sui filtri dell’aria che potrebbe influenzare negativamente le
prestazioni del termoconvettore. Questo intervento di pulizia è molto
facile e può essere eseguito da un addetto alle pulizie
settimanalmente, non serve utilizzare una scala per raggiungere il
termoconvettore. Questo intervento deve essere effettuato
settimanalmente, come compito regolare e/o quando l’indicatore
filtro sporco mostra una spia rossa fissa.
SOLO se l’indicatore filtro sporco mostra una spia ROSSA FISSA
Aprire la griglia da incasso e resettare l’indicatore filtro sporco al
termine dell’intervento di pulizia, premendo rapidamente sul
pulsante Reset.
NB. La funzione intervallo filtro sporco non è disponibile sul
dispositivo di controllo remoto Mitsubishi Electric.
Manutenzione del termoconvettore
(consigliata ogni 6 mesi, o se l’indicatore filtro sporco mostra una spia ROSSA LAMPEGGIANTE)
Prima di effettuare interventi di manutenzione o di riparazione sul
termoconvettore, disabilitare ed isolare sempre l’alimentazione principale del
termoconvettore e, se necessario, anche l’alimentazione del sistema Mitsubishi
Electric City Multi.
Nota: Tutti gli interventi di manutenzione e di riparazione sul termoconvettore devono essere
effettuati da un manutentore autorizzato. Conservare eventuali viti di fissaggio rimosse
per il rimontaggio.
Aprire la griglia d’ingresso aria incernierata utilizzando un
cacciavite a punta piatta per allentare le viti di fissaggio di
un quarto di giro, vedi foto. Sono presenti 2 viti di fissaggio
sull’unità VRF HP1000R e 3 viti di fissaggio sulle unità
VRF HP1500R e VRF HP2000R.
La griglia d’ingresso aria incernierata si apre per permettere
l’accesso al termoconvettore, vedi foto.
T9901078-1-1 IT
Pagina 31 di 36
Il filtro dell’aria in ingresso può ora essere svincolato
dalla parte superiore della griglia, spazzolato ad
aspirato.
Rimontare il filtro seguendo la stessa procedura in senso inverso. Il filtro è durevole ma
deve essere sostituito dopo un certo numeri d’interventi di manutenzione.
Aspirare e rimuovere qualsiasi accumulo di polvere, sporco e detriti presenti all'interno
del termoconvettore, soprattutto sulle ventole.
Nota: i motori delle ventole sono autolubrificanti e pertanto non richiedono alcuna
lubrificazione aggiuntiva.
Se il termoconvettore è stato utilizzato nel
raffrescamento:Rimuovere il tubo flessibile della condensa dal
raccordo collegato al vassoio di raccolta, vedi foto.
Allentare la file di viti che fissano la guida dell’aria
(vedi foto) e sollevare la guida sulle asole. Non
rimuovere completamente queste guide.
Rimuovere la fila di viti di fissaggio lungo tutta la
lunghezza del vassoio di raccolta (vedi foto).
Ora il vassoio di raccolta della condensa s'inclina
lungo il suo bordo anteriore per permetterne la
pulizia. Rimuovere tutto lo sporco dal vassoio,
dagli scarichi e dal tubo flessibile di drenaggio
della condensa.
T9901078-1-1 IT
Pagina 32 di 36
Verificare che i tubi flessibili della condensa non siano danneggiati. Se è stata montata
una pompa di aspirazione della condensa di tipo peristaltica, cambiare la testa di
gomma della pompa. Rimontare il vassoio di raccolta della condensa seguendo la
procedura opposta seguita per smontarlo.
Una volta che il termoconvettore è stato pulito, ispezionare visivamente tutti i
componenti del termoconvettore. Assicurarsi che i sensori di temperatura delle
tubazioni siano collocati negli appositi alloggiamenti e che gli isolanti schiumati di questi
alloggiamenti non siano danneggiati. Controllare che l’interruttore termico automatico
(due sull’unità VRF HP2000R DXE) non sia scattato (vedi Sezione – Messa in funzione,
pag. 22). Controllare che tutti gli allacciamenti e i morsetti all’interno dell’unità siano ben
saldi e che le connessioni non si allentino.
Chiudere la griglia e serrare nuovamente le viti di fissaggio di un quarto di giro.
Accendere le alimentazioni elettriche ed effettuare un test di funzionamento completo
del termoconvettore per assicurarsi del corretto funzionamento (vedi sezione – Messa
in funzione, pagina 22). Controllare il funzionamento della pompa di aspirazione della
condensa, se installata.
Resettare l’indicatore filtro sporco dopo l’intervento di
manutenzione premendo il pulsante Reset per almeno 5
secondi (anche se la spia rossa non sta lampeggiando) e
riconsegnare l’unità all’utilizzatore finale.
T9901078-1-1 IT
Pagina 33 di 36
Guasti
Se il termoconvettore a pompa di calore Thermoscreens non funziona come previsto, fare
riferimento alla tabella di risoluzione dei problemi riportata qui di seguito:
Sintomo
Causa possibile
Azione richiesta
L’alimentazione elettrica non è accesa e non
alimenta il sistema Mitsubishi Electric City Multi
e l’isolatore elettrico locale di fianco al
termoconvettore Thermoscreens
Accendere l’alimentazione a tutti i
componenti dell’impianto a pompa di
calore e attendere il riavvio del
sistema
Accendere il termoconvettore
utilizzando il dispositivo di controllo
Il termoconvettore non è acceso
remoto, il sistema BMS o il
Le ventole del
dispositivo di controllo centralizzato
termoconvettore
Remoto ON/OFF o cablaggio
Cablare i morsetti 3, A1 e A2
non funzionano
ABILITA/DISABILITA ai morsetti 3, A1 e A2 non correttamente – vedi Diagramma di
collegato correttamente
cablaggio
Problema ai motori delle ventole del
termoconvettore, al cablaggio interno, ai
Utilizzare il diagramma di cablaggio
comandi o all’interruttore di controllo velocità
per investigare le possibili cause del
ventole collegato al movimento della porta, se
guasto
montato
Il termoconvettore ha funzionato per meno di 20 Dare all‘impianto il tempo sufficiente
per raggiungere la condizione di
minuti e si sta ancora riscaldando o
funzionamento
raffrescando
Il termoconvettore è impostato su solo Vent sul
Verificare il programma sul
dispositivo di controllo remoto PARdispositivo di controllo e, se
30MAA/F27MEA, sul sistema BMS o sul
necessario, modificarlo
dispositivo di controllo centralizzato
La temperatura target è impostata in modo
Regolare la temperatura impostata
errato, per es. è troppo bassa per il
sul dispositivo di controllo remoto,
Il flusso d’aria
riscaldamento o troppo alta per il
sul sistema BMS o sul dispositivo di
diffuse dal
raffrescamento
controllo centralizzato
termoconvettore
Selezionare la modalità corretta per
non è caldo o
La modalità di funzionamento è impostata in
le condizioni sul dispositivo di
non è freddo
modo errato, per es. è impostata su Raffred
controllo remoto, sul sistema BMS o
quando
quando invece serve il riscaldamento
sul dispositivo di controllo
richiesto
centralizzato
Correggere il circuito di allarme che
Il circuito di allarme della condensa è un circuito
deve essere chiuso perché
aperto e il termoconvettore non Raffred o non
l’impianto a pompa di calore possa
Riscald
funzionare
Effettuare la manutenzione del
I filtri del termoconvettore e/o la bobina sono
termoconvettore come descritto nella
sporchi.
Sezione – Manutenzione, pagine da
29 a 31
Ispezionare il vassoio di raccolta
Il codice di errore 2503 indica l’allarme di
della condensa e la pompa di
condensa emesso dal sistema di allarme della
aspirazione, e se necessario
Il sistema
pompa di aspirazione della condensa.
effettuare interventi di manutenzione
Mitsubishi
o riparazione.
Electric indica
Fare riferimento al Manuale di
un codice di
Possono verificarsi una serie di codici di errore Manutenzione Mitsubishi Electric
errore
a causa di un guasto all’interno del
per capire il guasto, poi ispezionare
termoconvettore.
e riparare il termoconvettore se è
presente un guasto.
Se il sistema del termoconvettore a pompa di calore non funziona ancora
correttamente, chiamare un tecnico di assistenza Mitsubishi Electric.
T9901078-1-1 IT
Pagina 34 di 36
Garanzia
Se s’incontrano dei problemi con il termoconvettore a pompa di calore, contattare un
tecnico di manutenzione Mitsubishi Electric.
Queste istruzioni sono state realizzare con particolare attenzione per assicurarsi che
fossero corrette, tuttavia Thermoscreens Ltd. non si assume alcuna responsabilità per
eventuali danni che potrebbero risultare da inesattezze e/o lacune di questo
documento. Thermoscreens Ltd. si riserva il diritto di modificare le specifiche indicate in
queste istruzioni.
Thermoscreens Ltd
St. Mary’s Road Nuneaton
Warwickshire Inghilterra
CV11 5AU
Email: [email protected]
Tel: + 44 (0) 24 7638 4646
Fax: + 44 (0) 24 7638 8578
www.thermoscreens.com
T9901078-1-1 IT
Pagina 35 di 36
Thermoscreens Ltd
St. Mary’s Road
Nuneaton
Warwickshire
CV11 5AU
Regno Unito
Telephone: +44 (0)24 7638 4646
Fax: +44 (0)24 7638 8578
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ CE
Come stabilito dalla Direttiva Macchine 2006/42/EC, dalla Direttiva Bassa Tensione 73/23/EEC, dalla
direttiva Compatibilità Elettromagnetica 89/336/EEC e dalla Direttiva Apparecchi in Pressione 97/23/EC
Con il presente documento si dichiara che l’apparecchiatura per la movimentazione dell’aria descritta qui di
seguito, sulla base del suo progetto e della sua costruzione nella forma presentata da noi sul mercato, è
conforme ai requisiti di sicurezza, salute e prestazione della Macchina.
Se vengono introdotte delle modifiche alla macchina senza richiederci alcuna autorizzazione scritta preventiva,
questa dichiarazione perderà completamente la sua validità.
Descrizione dell’apparecchiatura :TERMOCONVETTORI A POMPA DI CALORE THERMOSCREENS
utilizzati con un
SISTEMA A POMPA DI CALORE MITSUBISHI ELECTRIC CITY MULTI
Tipo serie :
VRF HP1000 DXE; VRF HP1000R DXE; VRF HP1500 DXE;
VRF HP1500R DXE; VRF HP2000 DXE; VRF HP2000R DXE
Direttive del Consiglio
CE
:
La Direttiva Macchine (2006/42/EC)
La Direttiva Bassa Tensione (2006/95/EC)
La Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (2004/108/EC)
La Direttiva Apparecchi in Pressione(97/23/EC)
Norme applicate
armonizzate :
Macchine - EN ISO 14121-1:2007, EN 294:1992, EN 414:2000
LVD - EN 60335-1:2002, EN 60335-2-30:2003, EN 60335-2-40:2003
EMC - EN 61000-6-1:2007, EN 61000-6-3:2007,
EN 61000-3-2:2006 + A2:2009, EN 61000-3-3:2008
PED - EN 13133:2000, EN 13134:2000
Base di autocertificazione :
Assicurazione Qualità BS EN ISO 9001 : 2008
Società registrata B.S.I. Certificato n° FM 85224
Rapporto collaudo SGS DUR 43908/2/R/RG/05; Rapporto collaudo GL
Rapporto collaudo Wemtech 6619
Responsabile :
Dott. P.Casey, Amm. Del. In loco, Thermoscreens Ltd.
Data :
19 gennaio 2012
Signed :
T9901078-1-1 IT
Pagina 36 di 36
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement