vedi scheda tecnica
ITA
Manuale d’installazione e utilizzo
iBasic 2/3
Termostato multifunzione
con microprocessore
per controllo ventilconvettori
Direttiva BT – Direttiva EMC
ATTENZIONE
Prima di utilizzare iBasic leggere attentamente il presente manuale seguendo accuratamente tutte le indicazioni.
Conservare il presente manuale in modo che sia facilmente recuperabile per la consultazione.
Manuale installazione ed utilizzo iBasic REV.01
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
Indice:
1.0
2.0
3.0
3.1
3.2
4.0
5.0
5.1
6.0
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
7.0
Funzioni del termostato.......................................... 3
Caratteristiche tecniche .......................................... 3
Installazione ........................................................... 4
Descrizione delle connessioni ............................. 4
Installazione e montaggio ................................... 5
Descrizione ed utilizzo ............................................ 6
Configurazione DIP-SWITCH ................................... 7
Grafici regolazione ZN e BP .................................. 8
Collegamenti elettrici del termostato .................... 8
Avvertenze e raccomandazioni ............................ 8
Collegamenti elettrici generali ............................. 9
Collegamenti elettrici RJ45.................................. 10
Collegamenti elettrici CN1 .................................. 11
Collegamenti sonde ed E/I esterni ...................... 12
Informazioni per l’ordine ........................................ 13
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
2
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
1.0 : FUNZIONI GENERALI DEL TERMOSTATO
iBasic è un termostato elettronico con
microprocessore per il controllo della temperatura
in ambienti riscaldati o raffrescati da fan-coil
(ventilconvettori).
Permette di controllare in maniera manuale o
automatica le velocità di un ventilatore tradizionale
(AC-230V) oppure a basso consumo brusch-less (EC0…10V) e l’apertura/chiusura delle valvole per
impianti a 2 o 4 tubi, con valvole ON-OFF oppure
modulanti 0-10V.
La rilevazione della temperatura ambiente può
essere effettuata dal sensore interno oppure dalla
sonda remota (opzionale).
Le innumerevoli configurazioni d’impianto
selezionabili tramite i micro-switch posti al suo
interno, lo rendono un prodotto versatile ed
adattabile a tutte le richieste provenienti
dall’installazione di fan-coil.
PRINCIPALI FUNZIONI:
-Funzionamento con impianti 2 tubi – 2 tubi +
resistenza - 4 tubi – solo ventilazione (SW1)
-Controllo resistenza elettrica in sostituzione o
integrazione (SW 3 e 4)
-Commutazione automatica/manuale/centralizzata del
cambio stagione EST/INV (SW2 e 7)
-Funzionamento ventilatore continuo o termostatato
(SW 5)
-Commutazione automatica/manuale delle velocità
del ventilatore
-Rilevazione temperatura aria con sonda interna o
sonda aria remota (riconoscimento automatico sonda)
-Segnalazione filtro sporco di serie
-Temperature consenso avvio ventilatore controllate
in Estate ed in Inverno
-Cambio stagione centralizzato in sostituzione utilizzo
della sonda mandata
-Cambio stagione automatico con riferimento alla
temperatura mandata (sonda optional)
-Cambio stagione automatico con riferimento alla
temperatura dell’aria (zona neutra 4°C)
-Gestione ingresso contatto ausiliario per funzione
Economy o contatto finestra (SW 8)
-Funzionamento comfort/economy centralizzato (fisso
17°C in inverno e 28 in estate).
-Gestione valvole ON-OFF, valvole modulanti, valvole
flottanti , resistenza elettrica (SW 6)
-Gestione gruppi ventilanti tradizionali a 3 velocità e
gruppi brushless a basso consumo energetico.
-Ingressi per gestione contatto finestra, contatto
economy.
-Silenziosità di regolazione ottenuta con la tecnologia
di regolazione a triac
-Funzione antigelo attiva anche a termostato spento
2.0 : CARATTERISTICHE TECNICHE
Alimentazione: 230V~ -15% +10% 50Hz
Potenza assorbita: 2 VA
Temperatura di funzionamento: 0°C .. 40°C
Temperatura di stoccaggio: -10°C .. +50°C
Umidità funz.: 20% .. 80% RH non condensante
Umidità stoccaggio: 20% .. 80% RH (N.C.)
Contenitore: ABS V0 autoestinguente RAL9001
Grado di protezione: IP 20
Dimensioni: 110 x 110 x 40 mm (L x A x P)
Peso: 200 gr circa
PORTATA USCITE:
Ventilatore: 1A @ 230V~ cosφ=1 complessivo
Ventilatore modulante 0…10V : 1mA (10KΩ)
Valvole: 0,3A @ 230V~ cosφ=1 per ogni uscita
Valvole carico induttivo: 10VA per ogni uscita
Valvole modulanti 0…10V: 0,2 mA (50KΩ) x canale
SONDE ARIA AMBIENTE:
Campo di regolazione : 10°C..30°C
Sensore utilizzato: NTC 10kΩ @ 25°C ±1%
Precisione sensore aria: ± 1°C
Risoluzione sensore aria: 0,2 °C
Isteresi: 0,5 °C
Cablaggio: max. 15mt cavo schermato 0,5..1,5mm²
SONDA MANDATA:
Tipo di sensore: NTC 10kΩ @ 25°C ±1%
Precisione: ± 1°C
Risoluzione: 0,2°C
Cablaggio: max. 15mt cavo schermato 0,5..1,5mm²
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
3
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
3.0 : CORRETTA INSTALLAZIONE
-Posizionare il termostato a circa 1,50 mt dal piano di calpestio.
Il dispositivo è predisposto per il fissaggio su scatole da incasso parete con a fissaggio vite aventi interasse 60mm o
83,5mm (scatole unificate 3 moduli). Nel caso non sia presente la scatola incasso a parete, predisporre una scatola a
parete da esterno oppure richiedere l’apposita base a profilo rialzato (OPTINAL ) fissandola alla parete utilizzando gli
appositi tasselli S4 forniti i dotazione.
Per ottenere una corretta acquisizione della temperatura ambiente è necessario tenere presenti le seguenti
indicazioni:
- Per consentire al termostato una corretta regolazione della temperatura ambiente, si consiglia di installarlo lontano
da fonti di calore, fonti di condizionamento, correnti d’aria, pareti particolarmente fredde/calde o dall’esposizione
diretta dei raggi solari.
Se si usa una sonda a distanza dette precauzioni vanno applicate alla sonda remota.
- Nel caso di utilizzo di sonda a distanza evitare di cablare i cavi con quelli di potenza (valvole-attuatori-ventilatore) in
quanto la precisione dell’acquisizione della temperatura potrebbe essere disturbata da fenomeni di tipo induttivo.
Utilizzare un cavetto schermato bipolare con calza libera collegata a massa solo dal lato termostato
(pin 10 CN1) di sezione min. 0,5 max. 1,5 mm² e lunghezza massima 15m.
- Con utilizzo della sonda ambiente interna, il termostato provvede a controllare il valore da misurare secondo uno
speciale algoritmo, allo scopo di compensare il riscaldamento delle sue parti elettroniche interne. È normale
che appena alimentato, il termostato visualizzi una temperatura più bassa dell’effettiva e che tale differenza
diminuisca fino ad azzerarsi nell’arco di alcuni minuti.
- Nel caso in cui il termostato debba pilotare sulle uscite dei carichi importanti (la corrente assorbita sia
prossima alla massima consentita) è possibile che si verifichi un aumento della temperatura dei circuiti
elettronici interni. Tale aumento di temperatura potrebbe influenzare l’acquisizione della temperatura ambiente
qualora sia rilevata dalla sonda interna. La condizione non si verifica nel caso in cui si utilizza la sonda ambiente
esterna.
4
3.1 : DESCRIZIONE CONNESSIONI
LEGGENDA:
J2 : Input Economy/Finestra
J3 : Sonda aria con connettore JST
J9 : RJ45 connettore I/0
CN1 : Attuatori 230Vac + I/O
S1 : DIP-SWITCH configurazione
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
3.2 : INSTALLAZIONE E MONTAGGIO DEL PRODOTTO
Fig. 1: Aprire il termostato utilizzando
un cacciavite come indicato in figura
Fig. 2: Scegliere l’interasse di fissaggio e forare la
parete (altezza 1,50mt da terra) sulla quale si
intende installare il prodotto
5
Fig. 3: Eseguire i collegamenti elettrici
Fig. 4: terminati i collegamenti, fissare la base
rispettando le prescrizioni indicate in figura
del termostato utilizzando le viti in dotazione
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Fig 5: verificati nuovamente collegamenti e fissaggio, posizionare il corpo del termostato sulla base avendo
cura di allinearlo perpendicolarmente nelle apposite guide, spingere con cura
4.0 : DESCRIZIONE ED UTILIZZO
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
iBasic 2/3
ITA
I comandi per l’utilizzo del termostato sono semplici
ed ed intuitivi:
SELETTORE STAGIONE ( destra ):
-Posizione
: termostato spento (antigelo attivo)
-Posizione INVERNO (pupazzo di neve) :
termostato in funzione riscaldamento
-Posizione ESTATE ( ombrellone) :
termostato in funzione raffreddamento
SELETTORE VENTILAZIONE ( sinistra )
>Posizione I : ventilazione attiva alla prima velocità
>Posizione II: ventilazione attiva alla seconda velocità
>Posizione A: selezione della velocità automatica
Nota: Nel caso in cui sia stato selezionato il cambio
stagione automatico oppure centralizzato, sarà
indifferente posizionare il selettore della stagione su
ESTATE oppure su INVERNO, in questo caso entrambe
le posizioni prendono la funzione di attivazione del
termostato.
MANOPOLA REGOLAZIONE TEMPERATURA :
Impostare l’indice della manopola alla temperatura
desiderata.
ANTIGELO:
Per attivare la funzione antigelo invernale automatica
a 3°C impostare, il termostato con selettore stagione
in posizione
. Per l’attivazione della funzione
antigelo ad una temperatura desiderata, impostare il
selettore stagione in INVERNO, impostando l’indice
della manopola alla temperatura minima desiderata (
es. 10°C)
FILTRO SPORCO:
L’accensione del LED rosso/verde indica che sono
trascorse 800 ore di funzionamento del ventilatore.
RESET indicazione: effettuare 5 transazioni veloci del
selettori ventilazione tra la pos. I e la pos. II.
Tabella 1: stato led
Stato led
Selettore stagione
SPENTO
Descrizione segnalazione
Termostato spento/Antigelo
SPENTO
INVERNO
Temperatura impostata alla manopola raggiunta
ROSSO
LAMPEGGIANTE
INVERNO
Termostato in attesa consenso/i riscaldamento
ROSSO FISSO
INVERNO
Termostato in riscaldamento
SPENTO
ESTATE
Temperatura impostata alla manopola raggiunta
VERDE
LAMPEGGIANTE
ESTATE
Termostato in attesa consenso/i raffreddamento
VERDE FISSO
ESTATE
Termostato in raffreddamento
ROSSO + VERDE
ESTATE/INVERNO
Filtro sporco, raggiunto max. numero ore lavoro
Note: con cambio stagione automatico o centralizzato la posizione del selettore stagione è indifferente, il termostato
riconosce la stagione automaticamente dalla temperatura aria/acqua oppure la rileva da comando esterno.
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
6
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
5.0 : CONFIGURAZIONE DIP-SWITCH
N° DIP
FUNZIONE
OFF
ON
1
Impianto 2/4 tubi
2 tubi
4 tubi
2
Cambio stagione
Manuale
Automatico o centralizzato
se DIP 7 = ON
DIP 3 = OFF + DIP 4 = OFF
Nessuna resistenza
DIP 3 = ON + DIP 4 = ON
Nessuna resistenza
DIP 3 = ON + DIP 4 = OFF
Resistenza in sostituzione
DIP 3 = OFF + DIP 4 = ON
Resistenza in integrazione
3
Resistenza elettrica
4
5
Ventilazione
Termostatata
Continua
6
Valvole
ON/OFF
Flottante (3 punti)
7
Cambio stagione
Manuale
Centralizzato
8
Funzione contatto
ausiliario
Economy
Finestra/on-off remoto
NOTE :
DIP 1: riconoscimento automatico sonda mandata SM collegata. Nel caso impianto 2 tubi con sonda SM collegata
attiva automaticamente consenso di minima ventilatore a 35°C (off 30°), consenso di massima a 15°C (off 18°C). Nel
caso impianto 4 tubi si attiva solo consenso di minima (inserire sonda SM in batteria calda). Nel caso impianto 2 tubi
non possibile cambio stagione all’aria.
DIP 2: Nel caso impostazione AUTOMATICA per l’impianto 2 tubi avremo il cambio stagione all’acqua, 35°C per
commutazione INVERNO e 15°C per commutazione ESTATE (se sonda SM mancante forza cambio stagione manuale)
per l’impianto 4 tubi avremo il cambio stagione all’aria.
Con impianto 2 tubi cambio stagione all’acqua posizionare la sonda SM a monte della valvola, in tal caso il ventilatore
in riscaldamento parte con 60” di ritardo.
DIP 3 e 4: la resistenza in sostituzione è possibile per impianti a 2 e 4 tubi, la resistenza in integrazione solo per
impianti 2 tubi, nel caso 4 tubi tale impostazione viene ignorata.
DIP 5: con ventilazione continua e selettore velocità in automatico, a temperatura set raggiunta il ventilatore rimane
attivo alla minima velocità.
DIP 6 : corsa valvola flottante 150”, esclusivamente per impianti 2 tubi, resistenza elettrica non possibile.
DIP 7: se E/I locale decide DIP 2, se centralizzato contato aperto = ESTATE, contatto chiuso = INVERNO
DIP 8: se finestra blocca valvole e ventilatore con contatto aperto, se economy con contatto chiuso set 17° in INVERNO
e 28°C in ESTATE.
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
7
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
5.1 : GRAFICI REGOLAZIONE ZONA NEUTRA E BANDA PROPORZIONALE
6.0 : COLLEGAMENTI ELETTRICI DEL TERMOSTATO
6.1:
AVVERTENZE E RACCOMANDAZIONI
-Il collegamento alla rete elettrica va eseguito utilizzando un interruttore onnipolare conforme alle norme vigenti e
con distanza di apertura dei contatti di almeno 3 mm in ciascun polo.
- L’installazione ed il collegamento elettrico del dispositivo devono essere eseguiti da personale qualificato ed in
conformità alle vigenti leggi e normative.
- Prima di effettuare qualsiasi collegamento accertarsi che la rete sia scollegata.
- Attenzione: assicurarsi che la sonda di mandata (SM) sia installata in modo tale da rivelare correttamente la
temperatura dell’acqua anche nel caso in cui il flusso fosse interrotto dalla valvola.
- Non è possibile collegare la stessa sonda remota ai morsetti di diversi termostati.
- Le uscite di comando in bassa tensione 0-10V, le sonde remote, il contatto finestra, il contatto economy e tutti i
contatti collegati agli ingressi del termostato, devono essere isolati verso l’impianto di terra e verso la tensione di rete.
Non rispettare questo punto o il precedente, può portare a danneggiamenti irreversibili del prodotto.
- Le sonde remote, il contatto bimetallico, il contatto finestra, il contatto economy e tutti gli altri ingressi ausiliari
devono essere in doppio isolamento (o isolamento rinforzato) nel caso siano accessibili a una persona.
- Cablare in canaline separate isolando i cavi di segnale (sonde remote, contatti in ingresso in generale) dai cavi di
potenza (valvole,ventilatori, relè ed altri attuatori).
- CABLAGGIO POTENZA : cablando il termostato verso il fancoil o altre unità esterne, utilizzare conduttori con sezione
minima 0.5mm² - massima 1.5mm² , lunghezza massima 20mt con isolamento adatto alla tensione di 250Vac.
-CABLAGGIO SEGNALI: cablando il termostato verso sonde remote, contatto economy, contatto finestra, contatto
ausiliario utilizzare conduttori schermati con sezione minima 0.5mm² - massima 1.5mm², lunghezza massima 20m,
isolamento 250Vac.
-CABLAGGIO RJ45: nel cablaggio del connettore RJ45 utilizzare conduttori schermati-twisted/pair con sezione minima
0.5mm² - massima 1.5mm²; lunghezza massima della dorsale di rete 500mt; collegare la calza del cavo a GND del
termostato.
-Si raccomanda l’utilizzo dei puntalini di cablaggio (vedi fig.3 pag.5) per una connessione più sicura ed efficace.
- Durante la verifica con un multimetro (tester) delle uscite delle valvole, resistenza e del ventilatore, eseguita a
vuoto (morsetti senza carichi collegati), non si potrà vedere correttamente la commutazione a causa dei filtri
applicati alle uscite a TRIAC. E’ necessario collegare un carico all’uscita (Es: valvola/ventilatore/lampadina) per
poter visualizzare correttamente lo stato della commutazione.
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
8
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
6.2 : COLLEGAMENTI ELETTRICI GENERALI
9
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
6.3 : COLLEGAMENTI ELETTRICI CONNETTORE RJ 45
10
NEL CASO D’UTILIZZO INGRESSO J2 NECESSARIO CAVETTO
ADATTATORE DA RICHIEDERE IN FASE D’ORDINE!
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
6.4 : CONNETTORE CN1 COLLEGAMENTI ELETTRICI DISPONIBILI
11
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
iBasic 2/3
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
ITA
6.5 : COLLEGAMENTO SENSORI ESTERNI ED ESTATE/INVERNO CENTRALIZZATO
12
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
Termostato con microprocessore
per ventilconvettori
iBasic 2/3
ITA
7.0 : Informazioni per l’ordine
Tabella 2: Versioni/accessori disponibili
MODULI / FUNZIONI / COMPONENTI
VERSIONI
Valvole
ON-OFF
Valvole
flottanti
Valvole
0/10V
Velocità
automatiche
Ventilatore
EC 0/10V
Funzione
filtro
Led stato
termostato
Connettore
J9 RJ45
iBasic 2
√
√
--
--
--
--
--
--
iBasic 3
√
√
√
√
√
√
√
√
LX001000
Sonda IP 67 a bulbo PVC 6x15 NTC 10K per misura temperatura aria esterna o temperatura acqua mandata
LX001010
Sonda IP 67 bulbo metallico 6x30 NTC 10K per rilevazione temperatura mandata impianto
LX001020
Base termostato profilo rialzato per montaggio in assenza scatola incasso parete
LX001030
Scheda interconnessione RJ45/morsetti a vite per derivazioni collegamenti connettore J9
LX001040
Cavetto adattatore L=30cm per collegamento ingressi connettore J2
13
NOTE:
Manuale installazione ed utilizzo iBasic 2/3 REV.01
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement