vacon 100 flow manuale applicazioni

vacon 100 flow manuale applicazioni

vacon 100 flow

inverter ca

manuale applicazioni

vacon • 0

S

OMMARIO

Documento: DPD01250C

Data rilascio versione: 7.1.14

Corrisponde al pacchetto applicativo FW0159V008.vcx

1.

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido ........................................................6

1.1

Pannello di Vacon®100 FLOW ...........................................................................................6

1.1.1 Tasti del pannello...............................................................................................................6

1.1.2 Display ................................................................................................................................6

1.2

Primo avvio.........................................................................................................................8

1.3

Procedura guidata Fire Mode ..........................................................................................10

1.4

Procedure guidate applicazione ......................................................................................11

1.4.1 Procedure guidate applicazione Standard e HVAC .........................................................12

1.4.2 Procedura guidata applicazione controller PID ..............................................................12

1.4.3 Procedura guidata Applicazione Multi-pompa (inverter singolo) ...................................14

1.4.4 Procedura guidata Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo) .................................16

1.5

Descrizione delle applicazioni .........................................................................................18

1.5.1 Applicazioni Standard e HVAC .........................................................................................18

1.5.2 Applicazione controller PID .............................................................................................24

1.5.3 Applicazione Multi-pompa (inverter singolo) ..................................................................30

1.5.4 Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo) ................................................................39

2.

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW..........................................................53

2.1

Navigazione sul pannello di comando .............................................................................53

2.2

Pannello di comando grafico Vacon ................................................................................55

2.2.1 Uso del pannello di comando grafico ..............................................................................55

2.3

Pannello di comando standard Vacon .............................................................................63

2.3.1 Display del pannello.........................................................................................................63

2.3.2 Uso del pannello standard ...............................................................................................64

2.4

Struttura dei menu...........................................................................................................67

2.4.1 Configurazione rapida......................................................................................................68

2.4.2 Monitor .............................................................................................................................68

2.5

Vacon Live ........................................................................................................................70

3.

Menu monitoraggio ........................................................................................71

3.1

Gruppo di monitoraggio ...................................................................................................71

3.1.1 Multimonitor.....................................................................................................................71

3.1.2 Curva trend.......................................................................................................................71

3.1.3 Base..................................................................................................................................74

3.1.4 I/O .....................................................................................................................................75

3.1.5 Ingressi temperatura .......................................................................................................75

3.1.6 Extra e avanzati ................................................................................................................76

3.1.7 Monitoraggio delle funzioni timer ...................................................................................78

3.1.8 Monitoraggio del controller PID ......................................................................................78

3.1.9 Monitoraggio del controller PID esterno.........................................................................79

3.1.10 Monitoraggio multi-pompa ..............................................................................................79

3.1.11 Contatori di manutenzione...............................................................................................81

3.1.12 Monitoraggio dati bus di campo.......................................................................................81

4.

Menu parametri .............................................................................................83

4.1

Gruppo 3.1: impostazioni motore ....................................................................................83

4.1.1 Parametri Targhetta motore ...........................................................................................83

4.1.2 Impostazioni controllo motore ........................................................................................84

4.1.3 Impostazioni limiti motore...............................................................................................85

4.1.4 Impostazioni anello aperto ..............................................................................................86

4.2

Gruppo 3.2: configurazione Marcia/Arresto ....................................................................88

4.3

Gruppo 3.3: riferimenti ....................................................................................................89

4.3.1 Parametri Riferimento di frequenza................................................................................89

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

vacon • 1

4.3.2 Frequenze prefissate .......................................................................................................91

4.3.3 Parametri Motopotenziometro ........................................................................................92

4.3.4 Parametri di flush ............................................................................................................92

4.4

Gruppo 3.4: impostazione rampe e freni .........................................................................93

4.4.1 Impostazione rampa 1 .....................................................................................................93

4.4.2 Impostazione rampa 2 .....................................................................................................93

4.4.3 Parametri Avvia magnetizzazione ...................................................................................94

4.4.4 Parametri Freno CC .........................................................................................................94

4.4.5 Parametri Frenatura a flusso ..........................................................................................94

4.5

Gruppo 3.5: configurazione I/O ........................................................................................95

4.5.1 Impostazioni ingressi digitali ...........................................................................................95

4.5.2 Ingressi analogici .............................................................................................................97

4.5.3 Uscite digitali, slot B (standard) ....................................................................................100

4.5.4 Uscite digitali slot C, D e E scheda espansione.............................................................101

4.5.5 Uscite analogiche, slot A (standard) ..............................................................................102

4.5.6 Uscite anagogiche slot C, D e E scheda espansione .....................................................103

4.6

Gruppo 3.6: mappatura dati del bus di campo ..............................................................104

4.7

Gruppo 3.7: frequenze proibite ......................................................................................105

4.8

Gruppo 3.8: supervisioni ................................................................................................106

4.9

Gruppo 3.9: protezioni....................................................................................................107

4.9.1 Impostazioni protezioni generali ...................................................................................107

4.9.2 Impostazioni protezione termica del motore ................................................................108

4.9.3 Impostazioni protezione stallo motore..........................................................................108

4.9.4 Impostazioni protezione da sottocarico (pompa asciutta) ............................................109

4.9.5 Impostazioni di arresto rapido.......................................................................................109

4.9.6 Impostazioni Errore ingresso temperatura 1................................................................110

4.9.7 Impostazioni Errore ingresso temperatura 2................................................................111

4.9.8 Bassa Protezione AI .......................................................................................................112

4.10

Gruppo 3.10: reset automatico ......................................................................................113

4.11

Gruppo 3.11: impostazioni applicazione ........................................................................114

4.12

Gruppo 3.12: funzioni timer ...........................................................................................115

4.13

Gruppo 3.13: controller PID 1 ........................................................................................117

4.13.1 Impostazioni base ..........................................................................................................117

4.13.2 Valori impostati ..............................................................................................................120

4.13.3 Impostazioni feedback ...................................................................................................122

4.13.4 Impostazioni feedforward ..............................................................................................123

4.13.5 Funzione standby Impostazioni .....................................................................................124

4.13.6 Parametri Supervisione Feedback ...............................................................................125

4.13.7 Parametri Compensazione perdita pressione...............................................................125

4.13.8 Impostazioni Soft Fill .....................................................................................................126

4.13.9 Supervisione pressione ingresso...................................................................................127

4.13.10 Standby - Nessun rilevamento richiesta .....................................................................128

4.14

Gruppo 3.14: controller PID esterno .............................................................................129

4.14.1 Impostazioni di base per il controller PID esterno .......................................................129

4.14.2 Controller PID esterno, valori impostati .......................................................................130

4.14.3 Feedback ........................................................................................................................131

4.14.4 Supervisione feedback ...................................................................................................131

4.15

Gruppo 3.15: multi-pompa.............................................................................................132

4.15.1 Parametri Multi-pompa .................................................................................................132

4.15.2 Segnali di interblocco ....................................................................................................134

4.15.3 Parametri Supervisione sovrapressione .......................................................................135

4.15.4 Contatori delle ore di marcia della pompa....................................................................135

4.15.5 Impostazioni avanzate....................................................................................................135

4.16

Gruppo 3.16: contatori di manutenzione .......................................................................136

4.17

Gruppo 3.17: modalità Fire mode ..................................................................................137

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

vacon • 2

4.18

Gruppo 3.18: parametri Preriscaldamento motore ......................................................138

4.19

Gruppo 3.19: programmaz. blocchi ...............................................................................139

4.20

Gruppo 3.21: controllo pompa .......................................................................................140

4.20.1 Parametri Pulizia automatica ........................................................................................140

4.20.2 Parametri Pompa Jockey...............................................................................................141

4.20.3 Parametri Pompa adescante .........................................................................................141

4.20.4 Parametri antibloccaggio ..............................................................................................142

4.20.5 Parametri Protezione da congelamento .......................................................................143

5.

Menu Diagnostica ......................................................................................... 144

5.1

Guasti attivi.....................................................................................................................144

5.2

Reset guasti....................................................................................................................144

5.3

Memoria guasti ..............................................................................................................144

5.4

Contatori.........................................................................................................................145

5.5

Contatori parziali............................................................................................................146

5.6

Info software ..................................................................................................................146

6.

Menu I/O e hardware.................................................................................... 147

6.1

I/O di base.......................................................................................................................147

6.2

Slot scheda opzionale ....................................................................................................148

6.3

Orologio in tempo reale .................................................................................................148

6.4

Impostazioni unità di potenza ........................................................................................149

6.5

Pannello .........................................................................................................................150

6.6

Bus di campo..................................................................................................................151

7.

Impostazioni utente, preferiti e menu livello utente.................................... 152

7.1

Impostazioni utente........................................................................................................152

7.1.1 Backup parametri ..........................................................................................................152

7.2

Valori preferiti ................................................................................................................153

7.3

Livelli utente...................................................................................................................154

8.

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio ................................ 155

8.1

Descrizioni dei valori di monitoraggio ...........................................................................155

8.2

Descrizioni dei parametri...............................................................................................156

8.3

Impostazioni motore ......................................................................................................157

8.3.1 Funzione Marcia I/f ........................................................................................................164

8.4

Configurazione Marcia/Arresto .....................................................................................165

8.5

Riferimenti .....................................................................................................................172

8.5.1 Riferimento di frequenza ...............................................................................................172

8.5.2 Frequenze prefissate .....................................................................................................172

8.5.3 Parametri Motopotenziometro ......................................................................................174

8.5.4 Parametri di flush ..........................................................................................................175

8.6

Impostazione rampe e freni...........................................................................................176

8.7

Configurazione I/O .........................................................................................................178

8.7.1 Programmazione degli ingressi analogici e digitali......................................................178

8.7.2 Assegnazioni predefinite per ingressi programmabili..................................................184

8.7.3 Ingressi digitali...............................................................................................................185

8.7.4 Ingressi analogici ...........................................................................................................185

8.7.5 Uscite digitali..................................................................................................................189

8.7.6 Uscite analogiche ...........................................................................................................191

8.8

Frequenze proibite .........................................................................................................194

8.9

Supervisioni....................................................................................................................196

8.9.1 Protezioni termiche del motore.....................................................................................196

8.9.2 Protezione stallo motore ...............................................................................................199

8.9.3 Protezione da sottocarico (pompa asciutta) ..................................................................200

8.10

Reset automatico ...........................................................................................................204

8.11

Funzioni timer ................................................................................................................205

8.12

Controller PID 1 .............................................................................................................208

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

vacon • 3

8.12.1 Feedforward ...................................................................................................................208

8.12.2 Funzione standby ...........................................................................................................209

8.12.3 Supervisione feedback ...................................................................................................211

8.12.4 Compensazione perdita di pressione ............................................................................212

8.12.5 Soft Fill ...........................................................................................................................213

8.12.6 Supervisione pressione ingresso...................................................................................215

8.12.7 Standby - Nessuna funzione rilevamento richiesta ......................................................217

8.13

Funzione Multi-pompa ...................................................................................................219

8.13.1 Checklist per la messa a punto del sistema multi-pompa (inverter multiplo) ............219

8.13.2 Configurazione del sistema ...........................................................................................221

8.13.3 Interblocchi ....................................................................................................................227

8.13.4 Collegamento sensore feedback in un sistema multi-pompa......................................227

8.13.5 Supervisione sovrapressione.........................................................................................235

8.13.6 Contatori delle ore di marcia della pompa....................................................................236

8.14

Contatori di manutenzione.............................................................................................239

8.15

Modalità Fire Mode ........................................................................................................240

8.16

Funzione preriscaldamento motore ..............................................................................242

8.17

Controllo pompa ............................................................................................................243

8.17.1 Pulizia automatica..........................................................................................................243

8.17.2 Pompa Jockey ................................................................................................................245

8.17.3 Pompa adescante...........................................................................................................246

8.17.4 Funzione antibloccaggio ................................................................................................247

8.17.5 Protezione da congelamento .........................................................................................247

8.18

Contatori.........................................................................................................................248

9.

Monitoraggio guasti ..................................................................................... 253

9.1

Notifica di un guasto ......................................................................................................253

9.2

Memoria guasti ..............................................................................................................254

9.3

Codici dei guasti .............................................................................................................255

10.

Appendice 1.................................................................................................. 265

10.1

Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata...........................265

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

vacon • 4

Informazioni sul manuale

Questo manuale è copyright di Vacon

®

Plc. Tutti i diritti riservati.

In questo manuale vengono descritte le funzioni e l'uso di Vacon

®

100 FLOW. Il manuale è stato compilato

in conformità con la struttura dei menu dell'inverter

(capitoli 1 e 3-7):

Capitolo 1, Guida di avvio rapido, fornisce informazioni su

- Come iniziare a utilizzare il pannello

- Come selezionare la configurazione applicazione

- Come configurare rapidamente l'applicazione selezionata

- Applicazioni con esempi

Capitolo 2, Interfacce utente, fornisce informazioni su

- Pannello in dettaglio, viste, tipi di pannelli e così via

- Vacon Live

- Funzionalità bus di campo incorporata

Capitolo 3, Menu monitoraggio, fornisce informazioni dettagliate sui valori di monitoraggio.

Capitolo 4, Menu parametri contiene l'elenco di tutti i parametri dell'inverter

Capitolo 5 illustra il menu Diagnostica

Capitolo 6 illustra il menu I/O e hardware

Capitolo 7 illustra le impostazioni utente, i preferiti e i menu livello utente

Capitolo 8, Descrizione dei parametri, fornisce ulteriori informazioni su

- Parametri e loro utilizzo

- Programmazione ingressi digitali e analogici

- Funzioni specifiche dell'applicazione

Capitolo 9, Monitoraggio guasti, fornisce informazioni su

- Guasti e relative cause

- Ripristino dei guasti

Capitolo 10, Appendice fornisce informazioni sui diversi valori predefiniti delle applicazioni

NOTA! In questo manuale sono presenti numerose tabelle di parametri. Di seguito vengono indicati i nomi delle colonne e le relative descrizioni:

Indicazione posizione sul pannello di comando;

Mostra all'operatore il numero di parametro

Nome del parametro

Valore minimo del parametro

Valore massimo del parametro

Numero identificativo del parametro

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Ulteriori informazioni su questo parametro sono disponibili più avanti nel manuale.

Unità di misura del valore del parametro; fornita se disponibile

Figura 1.

Valore preimpostato in fabbrica

Breve descrizione dei valori dei parametri e/o della loro funzione

9434_it

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

vacon • 5

Funzioni specifiche dell'inverter CA Vacon

®

100 FLOW

Caratteristiche

Dettagliate procedure guidate di avvio, standard, HVAC, controllo PID, multi-pompa

(inverter singolo e inverter multiplo) e Fire Mode per facilitare la messa a punto

Tasto FUNCT (funzione) per passare facilmente dalla postazione di controllo locale

(pannello) alla postazione di controllo remoto e viceversa. La postazione di controllo remoto

è selezionabile tramite parametro (I/O o Bus di campo)

• 8 velocità prefissate

• Funzioni motopotenziometro

• Funzione Flush

• 2 tempi di rampa programmabili, 2 supervisioni e 3 gamme di frequenze proibite

• Arresto rapido

Pagina di controllo per l'utilizzo e il monitoraggio dei valori più essenziali.

• Mappatura dati del bus di campo

• Reset automatico

• Varie modalità di preriscaldamento utilizzate per evitare i problemi di condensa

• Massima frequenza di uscita 320 Hz

• Sono disponibili le funzioni di orologio in tempo reale e timer (serve una batteria aggiuntiva). Possibilità di programmare 3 canali temporali per diverse funzioni dell'inverter

(ad esempio, Marcia/Arresto e Frequenze prefissate)

• Disponibile un controller PID esterno. Può essere utilizzato per controllare, ad esempio, una valvola tramite l'I/O dell'inverter CA

Funzione Stand-by che abilita e disabilita automaticamente l'inverter in base ai livelli di risparmio energetico prefissati dall'utente.

Controller PID a 2 zone (2 diversi segnali di feedback; controllo minimo e massimo)

Due origini valori impostati per il controllo PID. Selezionabili con l'ingresso digitale

• Funzione Boost valore impostato (SP) PID

Funzione feedforward per migliorare la risposta alle modifiche apportate al processo

• Supervisione valore processo

Controllo multi-pompa per sistemi a inverter singolo e a inverter multiplo

Modi Multimaster e Multifollower in sistemi a inverter multiplo

• Alternativa multi-pompa basata su orologio in tempo reale

• Contatori manutenzione

Funzioni controllo pompa: Rotazione ausiliari, Controllo pompa adescante, Controllo pompa

Jockey, Pulizia automatica girante pompa, Antibloccaggio, Supervisione pressione ingresso pompa e funzione di Protezione da congelamento

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 6

1.

V

ACON

®

100 FLOW - G

UIDA DI AVVIO RAPIDO

1.1

Pannello di Vacon

®

100 FLOW

Il pannello di comando costituisce l'interfaccia tra l'inverter CA Vacon

®

100 e l'utente. Il pannello di comando consente di controllare la velocità di un motore, lo stato delle apparecchiature e l'impostazione dei parametri dell'inverter CA.

Per quanto riguarda l'interfaccia utente, si può scegliere tra due tipi di pannelli: il

pannello con display grafico

e

pannello standard.

Per una descrizione dettagliata del funzionamento del pannello, vedere il capitolo 2.

1.1.1

Tasti del pannello

La sezione tasti del pannello è identica in entrambi i tipi:

Per spostarsi all'indietro nel menu

Per uscire dal modo modifica

Per resettare i guasti premendo più a lungo

Per scorrere il menu verso l'alto

Per aumentare un valore

FUNCT

Per cambiare la postazione di controllo

Per accedere alla pagina di controllo

Per cambiare direzione

Vedere il cap. 2.4.1.3 per ulteriori informazioni

Per spostare il cursore a sinistra

Per spostare il cursore a destra

Per accedere al modo modifica

Per saltare la pagina delle proprietà

Tasto Arresto

Per scorrere il menu verso il basso

Per diminuire un valore

Tasto Marcia

9086.emf

Per accedere a un livello/ elemento attivo

Per confermare una selezione

Figura 2.

1.1.2

Display

Il display del pannello indica lo stato del motore e dell'inverter e riporta ogni eventuale anomalia nelle funzioni del motore o dell'inverter. Il display visualizza le informazioni relative all'inverter e i riferimenti relativi alla posizione corrente dell'utente nella struttura dei menu e nell'elemento visualizzato.

Display grafico:

Campo dello stato

Campo dello stato

ARRESTO/MARCIA

Direzione

PRONTO/NON PRONTO/GUASTO

ALLARME

Postazione di controllo:

PC/IO/PANNELLO/BUS DI CAMPO

Campo della posizione

(ID parametro e menu attuale)

Gruppo/elemento attivato:

Premere OK per accedere

Numero di elementi nel gruppo

Figura 3.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 7 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Se la stringa di testo è troppo lunga per essere visualizzata nel display, è possibile scorrere la riga da sinistra a destra per visualizzare l'intera stringa di testo:

Visualizzazione testo:

Indicatori:

Stato

Indicatori:

Allarme, Guasto

Nome del gruppo o del parametro

Posizione nel menu

Indicatori:

Direzione

Indicatori:

Postazione di controllo

Figura 4.

1

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 8

1.2

Primo avvio

Dopo l'accensione dell'inverter, viene iniziata la procedura guidata di avvio.

Nella procedura guidata di avvio

verranno richieste le informazioni essenziali necessarie all'inverter per iniziare a controllare il processo.

1

Scelta della lingua (P6.1) Dipende dal Language Package

2

Ora legale

*

(P5.5.5)

Russia

US

EU

OFF

3

Ora* (P5.5.2)

4

Anno* (P5.5.4)

5

Data* (P5.5.3) hh:mm:ss aaaa gg.mm.

* Questi passi vengono visualizzati solo se è installata la batteria

6

7

Eseguire la procedura guidata di avvio?

Selezionare la configurazione preimpostata per l'applicazione

(P1.2 Applicazione (ID 212))

No

Selezionare ‘Sì’ e premere OK. Se si seleziona ‘No’ la procedura guidata verrà chiusa.

NOTA! Se si seleziona ‘No’ e si preme OK, sarà necessario impostare tutti i valori dei parametri manualmente.

Standard

HVAC

Controller PID

Multi-pompa (inverter singolo)

Multi-pompa (inverter multiplo)

NOTA! Se si cambia il valore di P1.2 Applicazione (ID 212) più avanti nel pannello grafico, verranno

visualizzati i passi da 8 a 17, quindi si passerà alla procedura guidata per l'applicazione selezionata.

8

9

10

11

12

13

Selezionare

P3.1.2.2

Tipo motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.1

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.2

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.3

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.4

Corrente nominale del motore

Impostare il valore per

P3.1.1.5

Cosfi motore

Motore PM

Motore a induzione

Gamma:

Varie

Gamma:

8,00...320,00 Hz

Gamma:

24...19200

Gamma:

Varie

Gamma:

0,30-1,00

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 9 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

14

15

16

17

18

Se si seleziona 'Motore a induzione' nel passo 8, vengono visualizzati i passi da 9 a 13. Se si seleziona

‘Motore PM’, vengono visualizzati i passi da 9 a 12 e la procedura guidata riprende dal passo 14 successivo.

Impostare il valore per

P3.3.1.1

Riferimento frequenza minima

Impostare il valore per

P3.3.1.2

Riferimento frequenza massima

Impostare il valore di

P3.4.1.2

Tempo di accelerazione 1

Impostare il valore per

P3.4.1.3

Tempo di decelerazione 1

Eseguire la procedura guidata applicazione?

Gamma: 0,00...P3.3.1.2 Hz

Gamma: P3.3.1.1...320,00 Hz

Gamma: 0,1...3000,0 s

Gamma: 0,1...3000,0 s

No

Se si seleziona ‘Sì’ e si preme il pulsante OK, si andrà direttamente alle procedure guidate applicazione in base alla selezione effettuata nel passo 7.

Se si seleziona ‘No’ e si preme OK, la procedura guidata viene interrotta e sarà necessario impostare tutti i valori dei parametri manualmente.

Ora la procedura guidata di avvio è completata.

La procedura guidata di avvio può essere riavviata attivando il parametro P6.5.1

Ripristina val. fabbrica

OPPURE selezionando

Attivare

per il parametro B1.1.2 Procedura guidata di avvio.

1

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 10

1.3

Procedura guidata Fire Mode

NOTA! SE VIENE ATTIVATA LA FUNZIONE FIRE MODE, LA GARANZIA È NULLA.

La Modalità test può essere utilizzata per provare la funzione Fire Mode senza invalidare la garanzia. Prima di procedere, leggere le importanti informazioni riguardanti la password e la

garanzia contenute nel capitolo 8.13.

La procedura guidata Fire Mode facilita la messa a punto della funzione Fire Mode e può essere avviata selezionando

Attivazione

per il parametro B1.1.2 nel menu Configurazione rapida.

1

Selezionare l'origine frequenza fire mode (P3.17.2).

Frequenza fire mode

Frequenze predefinite

Rif. pannello

Bus di campo

Ingresso analogico 1

Ingresso analogico 2

Ingresso analogico 1 + Ingresso analogico 2

Riferimento PID 1

Riferimento motopotenziometro

Uscita blocco 1-10

Se ‘Frequenza fire mode’ non è selezionato per l'origine frequenza fire mode, andare al passo 3.

2

3

Impostare il valore per la frequenza fire mode (P3.17.3).

Selezionare il segnale di attivazione.

Gamma: Varie

Contatto chiuso

Contatto aperto

Se è selezionato ‘Contatto aperto’, andare al passo 5. Se è selezionato ‘Contatto chiuso’, andare al passo 4 e saltare il passo 5.

4

5

6

7

Selezionare l'origine per la chiusura attivazione fire mode

(P3.17.5).

Selezionare l'origine per l'apertura attivazione fire mode

(P3.17.4).

Selezionare l'origine per la marcia indietro fire mode (P3.17.6).

Impostare la password per fire mode (P3.17.1).

Gamma: Varie

Gamma: Varie

Gamma: Varie

Gamma: 0 - 9999

La procedura guidata fire mode è pronta.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 11 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

1.4

Procedure guidate applicazione

Le procedure guidate applicazione sono state progettate per facilitare la messa in servizio e la parametrizzazione dell'inverter CA. Le impostazioni verranno personalizzate per soddisfare i requisiti di utilizzo finale in termini di funzionalità e connessioni I/O. Le procedure guidate sono adatte per applicazioni di campo tipiche ed è possibile selezionare la configurazione applicazione più prossima all'uso previsto del convertitore di frequenza. È possibile selezionare la configurazione applicazione

nella procedura guidata di avvio durante la messa in servizio (vedere capitolo 1.2, passo 7), o in

qualsiasi momento con il parametro P1.2 Applicazione (ID 212). (Vedere il capitolo 8).

Se si esegue la selezione con il parametro P1.2, i valori predefiniti del parametro sono impostati per la conformità con l'applicazione selezionata. Nel menu Configurazione rapida vengono visualizzati i parametri specifici dell'applicazione più essenziali. Questi e tutti gli altri parametri possono anche essere modificati e cambiati nel menu Parametri (M3) in qualsiasi momento, offrendo all'utente la libertà di apportare modifiche, indipendentemente dalla configurazione selezionata per l'applicazione.

Vedere descrizioni dettagliate delle applicazioni nel capitolo 1.5.

Quando si seleziona una delle applicazioni con parametro P1.2 Applicazione (ID 212), nella procedura

guidata vengono sempre visualizzati i seguenti passi che occorre seguire:

1

2

3

4

5

6

Selezionare

P3.1.2.2

Tipo motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.1

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.2

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.3

Velocità nominale del motore

(vedere la targhetta dell'inverter)

Impostare il valore per

P3.1.1.4

Corrente nominale del motore

Impostare il valore per

P3.1.1.5

Cosfi motore

Motore PM

Motore a induzione

Gamma: Varie

Gamma: 8,00...320,00 Hz

Gamma: 24...19200

Gamma: Varie

Gamma: 0,30-1,00

Il passo 6 viene visualizzato solo se si seleziona 'Motore a induzione' nel passo 1.

7

8

9

10

Impostare il valore per

P3.3.1.1

Riferimento frequenza minima

Impostare il valore per

P3.3.1.2

Riferimento frequenza massima

Impostare il valore di

P3.4.1.2

Tempo di accelerazione 1

Impostare il valore per

P3.4.1.3

Tempo di decelerazione 1

Gamma: 0,00...P3.3.1.2 Hz

Gamma: P3.3.1.1...320,00 Hz

Gamma: 0,1...3000,0 s

Gamma: 0,1...3000,0 s

Al termine, si andrà direttamente ai passi specifici dell'applicazione, presentati nei capitoli successivi.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 12

1.4.1

Procedure guidate applicazione Standard e HVAC

Se si seleziona Applicazione standard o HVAC con parametro P1.2 Applicazione (ID 212), vengono

visualizzati i passi 1 - 10 suddetti (capitolo 1.4).

Tuttavia, se si seleziona Applicazione standard o Applicazione HVAC nel passo 7 della procedura

guidata di avvio (vedere capitolo 1.2), questo sarà l'unico passo visualizzato:

1

Selezionare la postazione di controllo (dalla quale vengono immessi i comandi di marcia/arresto e il riferimento di frequenza)

Terminale I/O

Bus di campo

Pannello

La procedura guidata applicazione standard o HVAC è ora completata.

1.4.2

Procedura guidata applicazione controller PID

Se si seleziona Applicazione controller PID con parametro P1.2 Applicazione (ID 212), vengono

visualizzati i passi 1 - 10 suddetti (capitolo 1.4).

Tuttavia, se si seleziona Applicazione controller PID nel passo 7 della procedura guidata di avvio, i passi seguenti verranno visualizzati accanto al passo 18 della procedura guidata di avvio

(vedere capitolo 1.2):

1

2

Selezionare la postazione di controllo (dalla quale vengono immessi i comandi di marcia/arresto e il riferimento di frequenza)

Selezione unità di processo

(P3.13.1.4)

Terminale I/O

Bus di campo

Pannello

Varie scelte

Se si seleziona l'unità di processo %, la procedura guidata andrà direttamente al passo 6.

Se si seleziona un'unità diversa da ‘%’, vengono visualizzati i passaggi seguenti:

3

Min. unità processo (P3.13.1.5) Impostare il valore in base all'escursione segnale feedback

PID. Ad esempio, 0...20 mA corrisponde a 0...10 bar.

4

Max unità processo (P3.13.1.6) Come sopra.

5

6

Decimali unità processo

(P3.13.1.7)

Selezione origine feedback 1

(P3.13.3.3)

Gamma: 0…4

Vedere la tabella 61 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 6, viene visualizzato il passo 7. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente al passo 8.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 13 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

8

9

10

Gamma segnale ingresso analogico

Inversione valore di errore

(P3.13.1.8)

Selezione origine valore impostato (P3.13.2.6)

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

0 = Normale

1 = Invertito

Vedere la tabella 60 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 9, viene visualizzato il passo 10 e a seguire il passo 12. Se viene effettuata una selezione diversa da AI1 - AI6, la procedura guidata andrà direttamente al passo 11.

Se si seleziona l'opzione ‘Valore impostato da pannello 1’ o ‘Valore impostato da pannello 2’ nel passo 9, la procedura guidata andrà direttamente al passo 12.

11

12

13

Gamma segnale ingresso analogico

Valore impostato da pannello

(P3.13.2.1 o P3.13.2.2)

Funzione standby?

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

Dipende dalla selezione al passo 9.

0 = No

1 = Sì

Se si seleziona l'opzione ‘Sì', vengono visualizzati i seguenti passi. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente alla fine.

14

Limite frequenza standby

(P3.13.5.1)

Gamma: 0,00…320,00 Hz

15

Ritardo standby SP1 (P3.13.5.2) Gamma: 0…3000 s

16

Livello riavvio (P3.13.5.3) L'escursione segnale dipende dall'unità di processo selezionata.

La procedura guidata applicazione controller PID è ora completata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 14

1.4.3

Procedura guidata Applicazione Multi-pompa (inverter singolo)

Se si seleziona Applicazione multi-pompa (inverter singolo) con parametro P1.2 Applicazione

(ID 212), vengono visualizzati i passi 1 - 10 suddetti (capitolo 1.4).

Tuttavia, se si seleziona Applicazione multi-pompa (inverter singolo) nel passo 7 della procedura guidata di avvio, i passi seguenti verranno visualizzati accanto al passo 18 della procedura guidata

di avvio (vedere capitolo 1.2):

1

2

Selezionare la postazione di controllo dalla quale vengono immessi i comandi di marcia/arresto e il riferimento di frequenza)

Selezione unità di processo

(P3.13.1.4)

Terminale I/O

Bus di campo

Pannello

Varie scelte

Se si seleziona l'unità di processo %, la procedura guidata andrà direttamente al passo 6.

Se si seleziona un'unità diversa da ‘%’, vengono visualizzati i passaggi seguenti:

3

Min. unità processo (P3.13.1.5) Impostare il valore in base all'escursione segnale feedback PID.

Ad esempio, 0...20 mA corrisponde a 0...10 bar.

4

Max unità processo (P3.13.1.6) Come sopra.

5

6

Decimali unità processo

(P3.13.1.7)

Selezione origine feedback 1

(P3.13.3.3)

Gamma: 0…4

Vedere la tabella 61 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 6, viene visualizzato il passo 7. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente al passo 8.

7

8

9

Gamma segnale ingresso analogico

Inversione valore di errore

(P3.13.1.8)

Selezione origine valore impostato (P3.13.2.6)

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

0 = Normale

1 = Invertito

Vedere la tabella 60 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 9, viene visualizzato il passo 10 e a seguire il passo 12. Se viene effettuata una selezione diversa da AI1 - AI6, la procedura guidata andrà direttamente al passo 11.

Se si seleziona l'opzione ‘Valore impostato da pannello 1’ o ‘Valore impostato da pannello 2’ nel passo 9, la procedura guidata andrà direttamente al passo 12.

10

11

12

Gamma segnale ingresso analogico

Valore impostato da pannello

(P3.13.2.2)

Funzione standby?

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

Dipende dalla selezione al passo 9.

0 = No

1 = Sì

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 15 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Se si seleziona l'opzione ‘Sì', vengono visualizzati i passi 13 - 15. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente al passo 16.

13

Limite frequenza standby

(P3.13.5.1)

Gamma: 0,00…320,00 Hz

14

Ritardo standby SP1 (P3.13.5.2) Gamma: 0…3000 s

15

Livello riavvio (P3.13.5.3) L'escursione segnale dipende dall'unità di processo selezionata.

16

Numero di pompe (P3.15.2) Gamma: 1…8

17

Interblocco pompa (P3.15.5)

18

Rotazione ausiliari (P3.15.6)

0 = Non usato

1 = Abilitato

0 = Disabilitato

1 = Abilitato (intervallo)

2 = Abilitato (tempo reale)

Se la funzione Rotazione ausiliari è abilitata, vengono visualizzati i passi 19 - 24. Se la funzione

Rotazione ausiliari è disabilitata, la procedura guidata andrà direttamente al passo 25.

19

Pompe a rotazione ausiliari

(P3.15.7)

0 = Pompe ausiliarie

1 = Tutte le pompe

Il passo 20 viene visualizzato solo se l'opzione 'Abilitato (intervallo)' è stata selezionata nel

passo 18.

20

Intervallo rotazione ausiliari

(P3.15.8)

Gamma: 0…3000 s

I passi 21-22 vengono visualizzati solo se l'opzione 'Abilitato (tempo reale)' è stata selezionata nel passo 18.

21

22

23

24

Rotazione ausiliari - Giorni

(P3.15.9)

Rotazione ausiliari - Ora

(P3.15.10)

Limite frequenza rotazione ausiliari (P3.15.11)

Limite pompa rotazione ausiliari

(P3.15.12)

Gamma: Lunedì...Domenica

Gamma: 00:00:00…23:59:59

Gamma: P3.3.1.1…P3.3.1.2 Hz

Gamma: 1…8

25

Larghezza di banda (P3.15.13) 0...100%

26

Ritardo larghezza di banda

(P3.15.14)

0...3600 s

La procedura guidata Applicazione multi-pompa (inverter singolo) è ora completata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 16

1.4.4

Procedura guidata Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo)

Se si seleziona Applicazione multi-pompa (inverter multiplo) con parametro P1.2 Applicazione

(ID 212), vengono visualizzati i passi 1 - 10 suddetti (capitolo 1.4).

Tuttavia, se si seleziona Applicazione multi-pompa (inverter multiplo) nel passo 7 della procedura guidata di avvio, i passi seguenti verranno visualizzati accanto al passo 18 della procedura guidata

(vedere capitolo 1.2):

1

2

Selezionare la postazione di controllo (dalla quale vengono immessi i comandi di marcia/arresto e il riferimento di frequenza)

Selezione unità di processo

(P3.13.1.4)

Terminale I/O

Bus di campo

Pannello

Varie scelte

Se si seleziona l'unità di processo %, la procedura guidata andrà direttamente al passo 6.

Se si seleziona un'unità diversa da ‘%’, vengono visualizzati i passaggi seguenti:

3

Min. unità processo (P3.13.1.5) Impostare il valore in base all'escursione segnale feedback PID.

Ad esempio, 0...20 mA corrisponde a 0...10 bar.

4

Max unità processo (P3.13.1.6) Come sopra.

5

6

Decimali unità processo

(P3.13.1.7)

Selezione origine feedback 1

(P3.13.3.3)

Gamma: 0…4

Vedere la tabella 61 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 6, viene visualizzato il passo 7. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente al passo 8.

7

8

9

Gamma segnale ingresso analogico

Inversione valore di errore

(P3.13.1.8)

Selezione origine valore impostato (P3.13.2.6)

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

0 = Normale

1 = Invertito

Vedere la tabella 60 per le

selezioni.

Se si seleziona uno dei segnali di ingresso analogici nel passo 9, viene visualizzato il passo 10 e a seguire il passo 12. Se viene effettuata una selezione diversa da AI1 - AI6, la procedura guidata andrà direttamente al passo 11.

Se si seleziona l'opzione ‘Valore impostato da pannello 1’ o ‘Valore impostato da pannello 2’ nel passo 9, la procedura guidata andrà direttamente al passo 12.

10

11

12

Gamma segnale ingresso analogico

Valore impostato da pannello

(P3.13.2.2)

Funzione standby?

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

Dipende dalla selezione al passo 9.

0 = No

1 = Sì

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 17 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Se si seleziona l'opzione ‘Sì', vengono visualizzati i passi 13 - 15. In caso contrario, la procedura guidata andrà direttamente al passo 16.

13

Limite frequenza standby

(P3.13.5.1)

Gamma: 0,00…320,00 Hz

14

Ritardo standby SP1 (P3.13.5.2) Gamma: 0…3000 s

15

16

Livello riavvio (P3.13.5.3)

Modo multi-pompa (P3.15.1)

L'escursione segnale dipende dall'unità di processo selezionata.

1 = Multifollower

2 = Multimaster

Gamma: 1…8

17

Numero identificativo pompa

(P3.15.3)

Avvio e feedback (P3.15.4)

18

0 = Segnali non collegati

1 = Solo segnale di avvio collegato

2 = Segnali di avvio e feedback collegati

19

Numero di pompe (P3.15.2) Gamma: 1…8

20

Interblocco pompa (P3.15.5)

21

Rotazione ausiliari (P3.15.6)

0 = Non usato

1 = Abilitato

0 = Disabilitato

1 = Abilitato (intervallo)

2 = Abilitato (giorni feriali)

Se la funzione Rotazione ausiliari è abilitata (intervallo), verrà visualizzato il passo 23 e a seguire la procedura guidata andrà direttamente al passo 26. Se la funzione Rotazione ausiliari è abilitata

(giorni feriali), la procedura guidata andrà direttamente al passo 24. Se la funzione Rotazione ausiliari è disabilitata, la procedura guidata andrà direttamente al passo 26.

22

Pompe a rotazione ausiliari

(P3.15.7)

0 = Pompe ausiliarie

1 = Tutte le pompe

Il passo 23 viene visualizzato solo se l'opzione 'Abilitato (intervallo)' è stata selezionata nel

passo 18.

23

Intervallo rotazione ausiliari

(P3.15.8)

Gamma: 0…3000 h

I passi 24-25 vengono visualizzati solo se l'opzione 'Abilitato (giorni feriali)' è stata selezionata nel passo 18.

24

Rotazione ausiliari - Giorni

(P3.15.9)

Gamma: Lunedì...Domenica

25

Rotazione ausiliari - Ora (P3.15.10) Gamma: 00:00:00…23:59:59

26

Larghezza di banda (P3.15.13) 0...100%

27

Ritardo larghezza di banda

(P3.15.14)

0...3600 s

La procedura guidata Applicazione multi-pompa (inverter multiplo) è ora completata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 18

1.5

Descrizione delle applicazioni

1.5.1

Applicazioni Standard e HVAC

Le applicazioni Standard e HVAC sono utilizzate di norma in semplici applicazioni di velocità controllata da inverter, per le quali non sono necessarie particolari funzionalità (ad esempio, pompe e ventole).

L'inverter può essere controllato da pannello, bus di campo o morsetto I/O.

Nel controllo tramite morsetto I/O, il segnale del riferimento di frequenza dell'inverter è collegato ad AI1 (0…10 V) o AI2 (4…20 mA), a seconda del tipo di segnale del riferimento. Sono disponibili tre riferimenti di frequenza prefissati. I riferimenti prefissati possono essere attivati tramite DI4 e DI5.

I segnali di marcia/arresto dell'inverter sono collegati a DI1 (marcia avanti) e DI2 (marcia indietro).

Tutti le uscite dell'inverter sono configurabili a piacere. Un'uscita analogica (frequenza di uscita) e tre uscite relè (Marcia, Guasto, Pronto) sono disponibili sulla scheda I/O base.

Per le descrizioni dettagliate dei parametri specifici dell'applicazione, vedere il capitolo 8.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 19 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

1.5.1.1

Collegamenti di controllo predefiniti per le applicazioni Standard e HVAC

1

Morsetto

+10 Vref

Scheda I/O standard

Segnale

Uscita tensione di riferimento

Descrizione

Potenziometro di riferimento 1...10 k

Ω

2

AI1+ Ingresso analogico 1 + Riferimento frequenza

(predefinito 0...10 V)

3

AI1Ingresso analogico 1 -

4

5

11

12

13

14

15

16

6

7

8

9

10

17

18

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

DI1

DI2

DI3

CM

24 Vout

GND

DI4

DI5

DI6

CM

AO1+

Ingresso analogico 2 +

Ingresso analogico 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 1

Ingresso digitale 2

Ingresso digitale 3

Comune per DI1-DI6

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 4

Ingresso digitale 5

Ingresso digitale 6

Comune per DI1-DI6

Uscita analogica 1 +

Riferimento frequenza

(predefinito 4...20 mA)

Marcia avanti

Marcia indietro

Guasto esterno

*)

DI4

Aperto

Chiuso

Aperto

Chiuso

DI5

Aperto

Aperto

Chiuso

Chiuso

Rif. freq.

Ingresso anal. 1

Freq. preimp. 1

Freq. preimp. 2

Freq. preimp. 3

Reset guasti

*)

mA

Frequenza di uscita

(predefinita: 0...20 mA)

19

AO1Uscita analogica 1 -

MARCIA

GUASTO

30

A

B

21

22

23

24

25

26

32

33

+24 Vin

RS485

RS485

RO1/1 NC

RO1/2 CM

RO1/3 NO

RO2/1 NC

RO2/2 CM

RO2/3 NO

RO3/2 CM

RO3/3 NO

Tensione ingresso

24 V ausiliario

Bus seriale, negativo

Bus seriale, positivo

Uscita relè 1

Uscita relè 2

Uscita relè 3

Modbus RTU

MARCIA

GUASTO

PRONTO

**)

9301.emf

Figura 5.

**) Nella Figura 5. è mostrato l'inverter standard. Se si esegue l'ordinazione con il codice di opzione

+SBF4, l'uscita relè 3 viene sostituita dall'ingresso termistore. Vedere il

manuale d'installazione

.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 20

*) Gli ingressi digitali possono essere isolati dalla terra con un interruttore DIP, vedere la figura che segue:

Ingressi digitali

Isolato da massa

Connesso a massa

(Predefinito)

9109.emf

Figura 6.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 21

1.5.1.2

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Parametri di configurazione rapida per le applicazioni Standard e HVAC

M1.1 Proc Guidate

Indice

1.1.1

1.1.2

Parametro

Proc. di avvio

Procedura guidata

Fire Mode

Min

0

0

Max

1

1

Unità

Predefinito

0

0

ID Descrizione

1170

1672

0 = Non attivare

1 = Attivare

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata di avvio

(vedere il capitolo 1.2 "Primo avvio")

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata fire mode

(vedere il capitolo 1.3

"Procedura guidata Fire Mode")

M1 Config. rapida:

Indice

1.2

1.3

1.4

1.5

1.6

1.7

1.8

1.9

1.10

1.11

Riferimento frequenza minima

Riferimento frequenza massima

Tempo di accelerazione 1

Tempo di decelerazione 1

Limite corrente motore

Tipo motore

Tensione nominale del motore

Frequenza nominale motore

Velocità nominale motore

I

0,00

P1.3

H

*0,1

0

1.12

Corrente nominale del motore

I

H

*0,1

1.13

Parametro

Applicazione

Cosfi motore

Min

0

0,1

0,1

Varie

8,0

24

0,3

Max

4

P1.4

320,0

3000,0

3000,0

Varie

320,0

19200

I

I

S

1

S

1,00

Unità

Predefinito

ID Descrizione

Hz s s

A

V

Hz

Giri/ min

A

1

0,0

212

101

Hz 50,0/60,0 102

5,0

5,0

Varie

0

Varie

50,0/60,0

Varie

Varie

Varie

103

103

107

650

110

111

112

113

120

0 = Standard

1 = HVAC

2 = Controller PID

3 = Multi-pompa (inverter singolo)

4 = Multi-pompa (inverter multiplo)

Riferimento frequenza minima consentita.

Riferimento frequenza massima consentita.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero.

Corrente massima del motore dall’inverter CA.

0 = Motore a induzione

1 = Motore a magneti permanenti

Questo valore U n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

SI NOTI anche il collegamento utilizzato (Delta/Star).

Questo valore f n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore n n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore I n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 22

Indice

1.14

1.15

1.16

1.17

1.18

1.19

1.20

Parametro

Ottimizzaz. energia

Identificazione

Funzione marcia

Funzione arresto

Reset automatico

Reazione guasto esterno

Risposta a Errore livello AI basso

1.21

Postazione ctrl remoto

Min

0

0

0

0

0

0

0

0

1

1

1

Max

1

2

3

5

1

Unità

Predefinito

0

0

0

0

0

2

0

0

ID Descrizione

666

631

505

506

731

701

700

172

L'inverter ricerca la corrente minima del motore per risparmiare energia e ridurre la rumorosità del motore. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per pompe e ventole.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

0 = Nessuna azione

1 = In arresto

2 = Con rotazione

NOTA! Impostare i parametri per la targhetta motore prima di poter effettuare l'identificazione.

0 = Rampa

1 = Aggancio in velocità

0 = Inerzia

1 = Rampa

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (par. P3.9.1.13)

3 = Allarme + riferimento freq precedente

4 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

5 = Guasto (Arresto per inerzia)

Selezione della postazione di controllo remoto (marcia/arresto).

0 = Controllo I/O

1 = Controllo bus di campo

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 23 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.22

Parametro

Selezione A per riferimento controllo I/O

Min

1

1.23

1.24

1.25

1.26

1.27

1.28

1.29

1.30

Selezione riferimento controllo da pannello

Selezione riferimento controllo bus di campo

Escursione segnale

AI1

Escurs. segn AI2

Funzione RO1

Funzione RO2

Funzione RO3

Funzione AO1

0

0

0

0

0

0

1

1

M1.31 Standard/M1.32 HVAC

Indice Parametro Min

1.31.1

1.31.2

1.31.3

Velocità prefissata 1

Velocità prefissata 2

Velocità prefissata 3

P1.3

P1.3

P1.3

1

1

51

51

51

31

20

20

Max

20

Unità

Predefinito

5

1

ID Descrizione

117

Selezione origine riferimento di frequenza quando la postazione di controllo è I/O A

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

NOTA! Il valore predefinito dipende dall'applicazione selezionata con il parametro 1.2

121 Vedere P1.22.

2

0

1

1

2

2

3

122 Vedere P1.22.

379

390

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

1101 Vedere P3.5.3.2.1.

1104 Vedere P3.5.3.2.1.

1107 Vedere P3.5.3.2.1.

10050 Vedere P3.5.4.1.1.

Max

P1.4

P1.4

P1.4

Unità

Predefinito

Hz

Hz

Hz

10,0

15,0

20,0

ID Descrizione

105

106

126

Velocità prefissata selezionata tramite ingresso digitale DI4.

Velocità prefissata selezionata tramite ingresso digitale DI5.

Velocità prefissata selezionata tramite ingressi digitali DI4 e DI5.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 24

1.5.2

Applicazione controller PID

L'applicazione controller PID viene utilizzata di norma in applicazioni per le quali la variabile di processo (ad esempio, la pressione) viene controllata regolando la velocità del motore (ad esempio, pompa o ventola). In questa configurazione, il controller PID interno dell'inverter è configurato per un valore impostato e un segnale feedback. L'applicazione controller PID offre un controllo preciso e regolare e un software di controllo e misurazione integrato che evita di dover aggiungere altri componenti.

Si possono utilizzare due singole postazioni di controllo. La scelta tra le postazioni di controllo A e B viene fatta tramite DI6. Quando è attiva la postazione di controllo A, i comandi di marcia/arresto vengono dati tramite DI1 e il riferimento di frequenza viene preso dal controller PID. Quando è attiva la postazione di controllo B, i comandi di marcia/arresto vengono dati tramite DI4 e il riferimento di frequenza viene preso direttamente da AI1.

Tutti le uscite dell'inverter sono configurabili a piacere. Un'uscita analogica (frequenza di uscita) e tre uscite relè (Marcia, Guasto, Pronto) sono disponibili sulla scheda I/O base.

Per le descrizioni dettagliate dei parametri specifici dell'applicazione, vedere il capitolo 8.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 25 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

1.5.2.1

Collegamenti predefiniti per l'applicazione controller PID

Potenziometro di riferimento 1...10 kΩ

Trasmettitore a 2 fili

Valore effettivo

-

I = (0)4...20 mA

+

1

2

3

4

5

12

13

14

15

16

17

8

9

6

7

10

11

Morsetto

+10 Vref

AI1+

AI1-

AI2+

AI2-

GND

DI4

DI5

DI6

CM

24 Vout

GND

DI1

DI2

DI3

CM

24 Vout

Scheda I/O standard

Segnale

Uscita tensione di riferimento

Descrizione

Ingresso analogico 1 +

Ingresso analogico 1 -

Postazione A:

Valore impostato PID

(riferimento)

Postazione B:

Riferimento di frequenza

(predefinito: 0...10 V)

Ingresso analogico 2 +

Ingresso analogico 2 -

Feedback PID

(valore effettivo)

(predefinito:

4...20 mA)

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 1

Ingresso digitale 2

Ingresso digitale 3

Comune per DI1-DI6

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 4

Ingresso digitale 5

Ingresso digitale 6

Comune per DI1-DI6

Postazione A: Marcia avanti

(Controllore PID)

Guasto esterno

Reset guasti

Postazione B: Marcia avanti

(Rif. frequenza P3.3.1.6)

Vel. prefissata 1

Selezione postazione di controllo A/B

*)

*)

mA

18

AO1+ Uscita analogica 1 +

Frequenza di uscita

(predefinito:

0...20 mA)

19

AO1-/GND

Uscita analogica 1 -

30

+24 Vin

Tensione ingresso

24 V ausiliario

MARCIA

GUASTO

A

B

24

25

26

21

22

23

RS485

RS485

RO1/1 NC

RO1/2 CM

RO1/3 NO

RO2/1 NC

RO2/2 CM

RO2/3 NO

Bus seriale, negativo

Bus seriale, positivo

Uscita relè1

Uscita relè2

Modbus RTU

MARCIA

GUASTO

32

33

RO3/2 CM

RO3/3 NO

Uscita relè3

PRONTO

**)

9407_it.emf

Figura 7.

**) Nella Figura 7. è mostrato l'inverter standard. Se si esegue l'ordinazione con il codice di opzione

+SBF4, l'uscita relè 3 viene sostituita dall'ingresso termistore. Vedere il

manuale d'installazione

.

*) Gli ingressi digitali possono essere isolati dalla terra con un interruttore DIP, vedere la figura che segue

Ingressi digitali

Isolato da massa

Connesso a massa

(Predefinito)

9109.emf

Figura 8.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 26

1.5.2.2

Parametri di configurazione rapida per l'applicazione controller PID

M1.1 Proc Guidate

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

1.1.1

1.1.2

Proc. di avvio

Procedura guidata

Fire Mode

0

0

1

1

0

0

1170

1672

0 = Non attivare

1 = Attivare

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata di avvio

(vedere il capitolo 1.2 "Primo avvio")

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata fire mode

(vedere il capitolo 1.3

"Procedura guidata Fire Mode")

M1 Config. rapida:

Indice

1.2

1.3

1.4

1.5

1.6

1.7

1.8

1.9

1.10

1.11

1.12

1.13

Parametro

Applicazione

Riferimento frequenza minima

Riferimento frequenza massima

Tempo di accelerazione 1

Tempo di decelerazione 1

Limite corrente motore

Tipo motore

Tensione nominale del motore

Frequenza nominale motore

Velocità nominale motore

Corrente nominale del motore

Cosfi motore

Min

0

0,00

P1.3

0,1

0,1

IH*0,1

0

Varie

8,0

24

I

H

*0,1

0,30

Max

4

P1.4

320,0

3000,0

3000,0

I

S

1

Varie

320,0

19200

I

S

1,00

Unità

Hz

Hz s s

A

V

Hz

Giri/ min

A

Predefinito

ID Descrizione

2

0,0

5,0

5,0

Varie

0

Varie

Varie

Varie

Varie

212

101

50,0/60,0 102

103

104

107

650

110

50,0 111

112

113

120

0 = Standard

1 = HVAC

2 = Controller PID

3 = Multi-pompa (inverter singolo)

4 = Multi-pompa (inverter multiplo)

Riferimento frequenza minima consentita.

Riferimento frequenza massima consentita.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero.

Corrente massima del motore dall’inverter CA.

0 = Motore a induzione

1 = Motore a magneti permanenti

Questo valore U n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

SI NOTI anche il collegamento utilizzato (Delta/Star).

Questo valore f n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore n n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore I n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 27 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.14

Ottimizzaz. energia

1.15

1.16

1.17

1.18

1.19

1.20

1.21

Parametro

Identificazione

Funzione marcia

Funzione arresto

Reset automatico

Reazione guasto esterno

Risposta a Errore livello AI basso

Postazione ctrl remoto

0

0

0

Min

0

0

0

0

0

1

1

1

Max

1

2

3

5

1

Unità

Predefinito

0

0

0

0

0

2

0

0

ID Descrizione

666

631

505

506

731

701

700

172

L'inverter ricerca la corrente minima del motore per risparmiare energia e ridurre la rumorosità del motore. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per pompe e ventole.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

0 = Nessuna azione

1 = In arresto

2 = Con rotazione

NOTA! Targhetta motore i parametri per la targhetta motore prima di poter effettuare l'identificazione.

0 = Rampa

1 = Aggancio in velocità

0 = Inerzia

1 = Rampa

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (par. P3.9.1.13)

3 = Allarme + riferimento freq precedente

4 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

5 = Guasto (Arresto per inerzia)

Selezione della postazione di controllo remoto (marcia/arresto).

0 = Controllo I/O

1 = Controllo bus di campo

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 28

Indice Parametro

1.22

Selezione A per riferimento controllo

I/O

1

1.25

1.26

1.27

1.28

1.29

1.30

1.23

1.24

Selezione riferimento controllo da pannello

Selezione riferimento controllo bus di campo

Escursione segnale AI1

Escurs. segn AI2

Funzione RO1

Funzione RO2

Funzione RO3

Funzione AO1

Min

1

1

0

0

0

0

0

0

20

1

1

51

51

51

31

Max

20

20

Unità

Predefinito

6

ID Descrizione

117

Selezione origine riferimento di frequenza quando la postazione di controllo è I/O A

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

NOTA! Il valore predefinito dipende dall'applicazione selezionata con il parametro 1.2.

1 121 Vedere P1.22.

2

0

1

1

2

2

3

122 Vedere P1.22.

379

390

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

11001 Vedere P3.5.3.2.1.

11004 Vedere P3.5.3.2.1.

11007 Vedere P3.5.3.2.1.

10050 Vedere P3.5.4.1.1.

M1.33 Controller PID

Indice

1.33.1

Parametro

Guadagno PID

1.33.2

Costante di tempo integrale controller PID

Min

0,00

0,00

Max

100,00

600,00

Unità

Predefinito

% s

100,00

1,00

ID Descrizione

118

119

Se il valore del parametro

è impostato su 100%, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del 10% all'uscita del controller.

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del

10,00%/s all'uscita del controller.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 29 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.33.3

1.33.4

Parametro

Costante di tempo derivativa controller PID

Selezione unità processo

1.33.5

Min. unità processo

1.33.6

Max unità processo

1.33.7

1.33.8

1.33.9

1.33.10

1.33.11

1.33.12

Selezione origine feedback 1

Selezione origine valore impostato 1

Valore impostato da pannello 1

Limite frequenza standby 1

Ritardo standby 1

Livello riavvio 1

1.33.13

Velocità prefissata 1

Min

0,00

1

Varie

Varie

0

0

Varie

0,0

0

Varie

P1.3

Max

100,00

44

Varie

Varie

30

Unità

Predefinito

s 0,00

1

Varie

Varie

2

ID Descrizione

1132

1036

1033

1034

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore durante 1 secondo provoca una variazione del 10,00% all'uscita del controller.

Selezionare l'unità per le variabili di processo. Vedere P3.13.1.4.

Valore dell'unità di processo corrispondente allo 0% del segnale di feedback PID.

Valore dell'unità di processo corrispondente al 100% del segnale di feedback PID.

334 Vedere P3.13.3.3.

32

Varie Varie

1

0

320,0

3000

Varie

P1.4

Hz s

Varie

Hz

0,0

0

Varie

10,0

332 Vedere P3.13.2.6.

167

1016

1017

1018

105

L'inverter va in standby quando la frequenza di uscita rimane sotto questo limite per un tempo maggiore di quello definito dal parametro Ritardo standby.

Il tempo minimo in cui la frequenza deve rimanere al di sotto del livello di standby perché l'inverter venga arrestato.

Definisce il livello della supervisione di riavvio feedback

PID. Utilizza le unità di processo selezionate.

Velocità prefissata selezionata tramite ingresso digitale DI5.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 30

1.5.3

Applicazione Multi-pompa (inverter singolo)

L'applicazione Multi-pompa (inverter singolo) è progettata per applicazioni in cui un solo inverter controlla un sistema composto da un massimo di 8 motori in parallelo (ad esempio pompe, ventilatori, compressori). Per impostazione predefinita, l'applicazione Multi-pompa (inverter singolo) è configurata con 3 motori in parallelo.

L'inverter è collegato a uno dei motori. Il controller PID interno dell'inverter controlla la velocità del motore di regolazione e fornisce segnali di controllo (tramite le uscite relè) per mettere in marcia/ arrestare i motori ausiliari. I contattori esterni sono necessari per collegare i motori ausiliari all'alimentazione di rete.

La variabile di processo (ad esempio, la pressione) è controllata regolando la velocità di uno dei motori e il numero i motori in marcia.

Per le descrizioni dettagliate dei parametri specifici dell'applicazione, vedere il

capitolo 8.13

.

3

~

Avvio/Arresto

RO2

RO3

M1

M2

M3

M1

M2

M3

PT

3068.emf

Figura 9. Principio della configurazione Multi-pompa (inverter singolo) (PT = sensore di pressione)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 31 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

La funzione Rotazione ausiliari può essere utilizzata per equiparare il consumo di tutti i motori nel sistema. La funzione Rotazione ausiliari consente di monitorare le ore di marcia di ciascun motore e di organizzare l'ordine di marcia dei motori in base a tali numeri. Il motore con il numero di ore di marcia più basso viene avviato per primo, mentre il motore con il numero di ore di marcia più alto viene avviato per ultimo. La rotazione ausiliari (cambio dell'ordine di marcia) può essere configurata per avere luogo in base alla durata dell'intervallo rotazione ausiliari o in base all'orologio in tempo reale interno degli inverter (se la batteria RTC è installata nell'inverter).

La rotazione ausiliari può essere configurata per includere tutte le pompe nel sistema o solo le pompe ausiliarie.

NOTA! Collegamenti diversi, in base alla modalità rotazione ausiliari selezionata (vedere Figura 10

e Figura 11).

3 ~

K2 K3

M1 M2 M3

3069.emf

Figura 10. Schema dei collegamenti, quando la rotazione viene applicata solo ai motori ausiliari

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 32

K1 K1.1

K2 K2.1

K3 K3.1

M1 M2 M3

3070.emf

Figura 11. Schema dei collegamenti, quando la rotazione viene applicata a tutte le pompe

Si possono utilizzare due singole postazioni di controllo. La scelta tra le postazioni di controllo A e B viene fatta con DI6. Quando è attiva la postazione di controllo A, i comandi di marcia/arresto vengono dati con DI1 e il riferimento di frequenza viene preso dal controller PID. Quando è attiva la postazione di controllo B, i comandi di marcia/arresto vengono dati con DI4 e il riferimento di frequenza viene preso direttamente da AI1.

Tutti le uscite dell'inverter sono configurabili a piacere. Un'uscita analogica (frequenza di uscita) e tre uscite relè (Marcia, Guasto, Pronto) sono disponibili sulla scheda I/O base.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 33 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

1.5.3.1

Collegamenti di controllo predefiniti per l'Applicazione Multi-pompa (inverter singolo)

1

Morsetto

+10 Vref

Scheda I/O standard

Segnale

Uscita tensione di riferimento

Descrizione

Potenziometro di riferimento 1...10 kΩ

2

3

AI1+

AI1-

Ingresso analogico 1 +

Ingresso analogico 1 -

Postazione A:

Non in uso

Postazione B:

Riferimento di frequenza

(predefinito: 0...10 V)

Trasmettitore a 2 fili

Valore effettivo

-

4

5

AI2+

AI2-

Ingresso analogico 2 +

Ingresso analogico 2 -

Feedback PID

(valore effettivo)

(predefinito:

4...20 mA)

I = (0)4...20 mA

+

12

13

14

15

16

17

9

10

11

6

7

8

24 Vout

GND

DI1

DI2

DI3

CM

24 Vout

GND

DI4

DI5

DI6

CM

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 1

Ingresso digitale 2

Ingresso digitale 3

Comune per DI1-DI6

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 4

Ingresso digitale 5

Ingresso digitale 6

Comune per DI1-DI6

Postazione A: Marcia avanti

(Controllore PID)

Postazione B: Marcia avanti

(Rif. frequenza P3.3.1.6)

Selezione postazione di controllo A/B

Interblocco rotazione ausiliari motore 1

Interblocco rotazione ausiliari motore 2

Interblocco rotazione ausiliari motore 3

*)

*)

mA

18

AO1+ Uscita analogica 1 +

Frequenza di uscita

(predefinito:

0...20 mA)

19

AO1-/GND

Uscita analogica 1 -

30

+24 Vin

Tensione ingresso

24 V ausiliario

A1 A2

A

B

21

22

23

RS485

RS485

RO1/1 NC

RO1/2 CM

RO1/3 NO

Bus seriale, negativo

Bus seriale, positivo

Uscita relè 1

Modbus RTU

Controllo motore 1

(Contattore K1 multi-pompa)

A1 A2

24

25

RO2/1 NC

RO2/2 CM

RO2/3 NO

Uscita relè 2

Controllo motore 2

(Contattore K2 multi-pompa)

26

A1 A2

32

33

RO3/2 CM

RO3/3 NO

Uscita relè 3

Controllo motore 3

(Contattore K3 multi-pompa)

9431_it

**)

Figura 12.

**) Nella Figura 12. è mostrato l'inverter standard. Se si esegue l'ordinazione con il codice di opzione

+SBF4, l'uscita relè 3 viene sostituita dall'ingresso termistore. Vedere il

manuale d'installazione

.

*) Gli ingressi digitali possono essere isolati dalla terra con un interruttore DIP, vedere la Figura 13. di seguito.

Ingressi digitali

Isolato da massa

Connesso a massa

(Predefinito)

9109.emf

Figura 13.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 34

1.5.3.2

Parametri di configurazione rapida per l'Applicazione Multi-pompa (inverter singolo)

M1.1 Proc Guidate

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

1.1.1

1.1.2

Proc. di avvio

Procedura guidata

Fire Mode

0

0

1

1

0

0

1170

1672

0 = Non attivare

1 = Attivare

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata di avvio

(vedere il capitolo 1.2 "Primo avvio")

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata fire mode

(vedere il capitolo 1.3

"Procedura guidata Fire Mode")

M1 Config. rapida:

Indice

1.2

1.3

1.4

1.5

1.6

1.7

1.8

1.9

1.10

1.11

1.12

1.13

Parametro

Applicazione

Riferimento frequenza minima

Riferimento frequenza massima

Tempo di accelerazione 1

Tempo di decelerazione 1

Limite corrente motore

Tipo motore

Tensione nominale del motore

Frequenza nominale motore

Velocità nominale motore

Corrente nominale del motore

Cosfi motore

Min

0

0,00

P1.3

0,1

0,1

I

H

*0,1

0

Varie

8,0

24

I

H

*0,1

0,30

Max

4

P1.4

320,0

3000,0

3000,0

I

S

1

Varie

320,0

19200

I

S

1,00

Unità

Hz

Hz s s

A

V

Hz

Giri/ min

A

Predefinito

ID Descrizione

3

0,0

5,0

5,0

Varie

0

Varie

Varie

Varie

Varie

212

101

50,0/60,0 102

103

104

107

650

110

50,0 111

112

113

120

0 = Standard

1 = HVAC

2 = Controller PID

3 = Multi-pompa (inverter singolo)

4 = Multi-pompa (inverter multiplo)

Riferimento frequenza minima consentita.

Riferimento frequenza massima consentita.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero.

Corrente massima del motore dall’inverter CA.

0 = Motore a induzione

1 = Motore a magneti permanenti

Questo valore U n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

SI NOTI anche il collegamento utilizzato (Delta/Star).

Questo valore f n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore n n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore I n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 35 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.14

Ottimizzaz. energia

1.15

1.16

1.17

1.18

1.19

1.20

1.21

Parametro

Identificazione

Funzione marcia

Funzione arresto

Reset automatico

Reazione guasto esterno

Risposta a Errore livello AI basso

Postazione ctrl remoto

0

0

0

Min

0

0

0

0

0

1

1

1

Max

1

2

3

5

1

Unità

Predefinito

0

0

0

0

0

2

0

0

ID Descrizione

666

631

505

506

731

701

700

172

L'inverter ricerca la corrente minima del motore per risparmiare energia e ridurre la rumorosità del motore. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per pompe e ventole.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

0 = Nessuna azione

1 = In arresto

2 = Con rotazione

NOTA! Targhetta motore i parametri per la targhetta motore prima di poter effettuare l'identificazione.

0 = Rampa

1 = Aggancio in velocità

0 = Inerzia

1 = Rampa

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (par. P3.9.1.13)

3 = Allarme + riferimento freq precedente

4 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

5 = Guasto (Arresto per inerzia)

Selezione della postazione di controllo remoto (marcia/arresto).

0 = Controllo I/O

1 = Controllo bus di campo

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 36

Indice Parametro

1.22

Selezione A per riferimento controllo I/O

Min

1

Max

20

20

Unità

Predefinito

6

ID Descrizione

117

Selezione origine riferimento di frequenza quando la postazione di controllo è I/O A

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

NOTA! Il valore predefinito dipende dall'applicazione selezionata con il parametro 1.2.

1 121 Vedere P1.22.

1.25

1.26

1.27

1.28

1.29

1.30

1.23

1.24

Selezione riferimento controllo da pannello

Selezione riferimento controllo bus di campo

Escursione segnale

AI1

Escurs. segn AI2

Funzione RO1

Funzione RO2

Funzione RO3

Funzione AO1

1

1

0

0

0

0

0

0

20

1

1

51

51

51

31

2

0

1

1

2

2

3

122 Vedere P1.22.

379

390

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

11001 Vedere P3.5.3.2.1.

11004 Vedere P3.5.3.2.1.

11007 Vedere P3.5.3.2.1.

10050 Vedere P3.5.4.1.1.

M1.34 Multi-pompa (inverter singolo)

Indice

1.34.1

1.34.2

Parametro

Guadagno PID

Costante di tempo integrale controller PID

Min

0,00

0,00

Max

100,00

600,00

Unità

Predefinito

% s

100,00

1,00

ID Descrizione

18

119

Se il valore del parametro è impostato su 100%, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del 10% all'uscita del controller.

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del

10,00%/s all'uscita del controller.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 37 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.34.3

1.34.4

1.34.10

1.34.11

1.34.12

1.34.13

1.34.14

1.34.15

1.34.16

1.34.17

Parametro

Costante di tempo derivativa controller PID

Selezione unità processo

1.34.5

Min. unità processo

Limite frequenza standby 1

Ritardo standby 1

Livello riavvio 1

Modo multi-pompa

Numero di pompe

Interblocco pompa

Rotazione ausiliari

Pompa a rotazione ausiliari

Min

0,00

1

Varie

1.34.6

Max unità processo Varie

1.34.7

1.34.8

1.34.9

Selezione origine feedback 1

Selezione origine valore impostato 1

Valore impostato da pannello 1

0

0

Varie

0,0

0

Varie

0

1

0

0

0

Max

100,00

44

Varie

Varie

30

Unità

Predefinito

s 0,00

1

Varie

Varie

2

ID Descrizione

1132

1036

1033

1034

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore durante 1 secondo provoca una variazione del 10,00% all'uscita del controller.

Selezionare l'unità per le variabili di processo. Vedere P3.13.1.4.

Valore dell'unità di processo corrispondente allo 0% del segnale di feedback PID.

Valore dell'unità di processo corrispondente al 100% del segnale di feedback PID.

334 Vedere P3.13.3.3.

32

Varie Varie

1

0

320,0

3000

Varie

2

8

1

2

1

Hz s

Varie

0,0

0

Varie

0

1

1

1

1

332 Vedere P3.13.2.6.

167

1016

1017

1018

1785

1001

1032

1027

1028

L'inverter va in standby quando la frequenza di uscita rimane sotto questo limite per un tempo maggiore di quello definito dal parametro Ritardo standby.

Il tempo minimo in cui la frequenza deve rimanere al di sotto del livello di standby perché l'inverter venga arrestato.

Definisce il livello della supervisione di riavvio feedback PID.

Utilizza le unità di processo selezionate.

Seleziona il modo multi-pompa.

0 = Inverter singolo

1 = Multifollower

2 = Multimaster

Numero totale di motori

(pompe/ventole) utilizzato nel sistema multi-pompa.

Abilita/disabilita l'uso degli interblocchi. Gli interblocchi vengono utilizzati per indicare al sistema se un motore è o non è collegato.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Disabilita/abilita la rotazione dell'ordine/priorità di avvio dei motori.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato (intervallo)

2 = Abilitato (giorni feriali)

0 = Pompa ausiliaria

1 = Tutte le pompe

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 38

Indice

1.34.18

1.34.19

1.34.23

1.34.24

1.34.25

1.34.26

1.34.27

1.34.28

1.34.29

1.34.30

1.34.31

1.34.32

Parametro

Intervallo rotaz. ausil.

Rotazione ausiliari -

Giorni

Larghezza di banda

Ritardo larghezza di banda

Interblocco pompa 1

Interblocco pompa 2

Interblocco pompa 3

Interblocco pompa 4

Interblocco pompa 5

Interblocco pompa 6

Interblocco pompa 7

Interblocco pompa 8

Min

0,0

0

Max

3000,0

127

1.34.20

1.34.21

1.34.22

Rotazione ausiliari -

Ora

Rotazione ausiliari:

Limite di frequenza

00:00:00 23:59:59 Ora

0,00 P3.3.1.2

Hz

Rotazione ausiliari:

Limite pompa

1 6

0

0

100

3600

Unità

h

% s

Predefinito

ID Descrizione

48,0

25,00

1

10

10

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

SlotA.4

DigIN

SlotA.5

DigIN

SlotA.6

DigIN

Slot0,1

1029

Alla scadenza del tempo definito da questo parametro, la funzione di rotazione ausiliari subentra nel caso in cui la capacità utilizzata risulti inferiore al livello definito dai parametri P3.15.11 e P3.15.12.

15904

Gamma

B0 = domenica

B1 = lunedì

B2 = martedì

B3 = mercoledì

B4 = giovedì

B5 = venerdì

B6 = sabato

15905 Gamma: 00:00:00…23:59:59

1031

1030

1097

1098

426

427

428

429

430

486

487

488

Questi parametri definiscono il livello al di sotto del quale deve rimanere la capacità utilizzata perché abbia luogo la rotazione ausiliari.

Percentuale del valore impostato. Esempio: Valore impostato = 5 bar, Larghezza di banda = 10%: se il valore feedback rimane entro l'intervallo

4,5...5,5 bar, il motore non viene scollegato o escluso.

Se il valore di feedback è esterno alla larghezza di banda, deve trascorrere questo periodo di tempo prima che vengano aggiunte o rimosse le pompe.

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 39 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

1.5.4

Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo)

L'applicazione Multi-Pompa (inverter multiplo) è progettata per un sistema composto da un massimo di 8 motori a velocità variabile in parallelo (ad esempio pompe, ventilatori, compressori).

Per impostazione predefinita, l'applicazione Multi-pompa (inverter multiplo) è configurata con 3 motori in parallelo.

Per le descrizioni dettagliate dei parametri specifici dell'applicazione, vedere

capitolo 8.13

.

La checklist per la messa a punto di un sistema multi-pompa (inverter multiplo) è riportata nel

capitolo

8.13.1

.

Ogni motore è controllato dal suo inverter. Gli inverter del sistema comunicano tra di loro mediante comunicazione Modbus RTU.

3 ~

Avvio/Arresto

FB

1

M1

M2

M3

M1

M2

M3

PT

3071.emf

Figura 14. Principio della configurazione multi-pompa (inverter multiplo).

(PT = Sensore di pressione, FB = Bus di comunicazione)

La variabile di processo (ad esempio, la pressione) è controllata regolando la velocità dei motori e il numero di motori in marcia. Il controller PID interno dell'inverter principale controlla la velocità dei motori e richiede la messa in marcia/arresto degli altri motori quando necessario.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 40

Il funzionamento del sistema dipende dalla modalità operativa selezionata. Nel modo Multifollower, i motori ausiliari seguono la velocità dell'inverter di regolazione.

Giri/min

f

max

A

f

min t

3072.emf

P1 P2 P3

Figura 15. Regolazione in modo Multifollower. La pompa 1 effettua la regolazione e le pompe 2 e 3 seguono la velocità della pompa 1, come mostrato dalle curve A

Nella figura riportata di seguito viene illustrato un esempio di modo Multimaster, in cui la velocità del motore di regolazione è bloccata sulla velocità di produzione costante (B), quando il motore successivo viene messo in marcia. (A = curve di regolazione delle pompe)

B

Giri/min

f max

A

f min

P1 P2 P3

Figura 16. Regolazione in modo Multimaster

3073.emf

t

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 41 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

La funzione Rotazione ausiliari può essere utilizzata per equiparare il consumo di tutti i motori nel sistema. La funzione Rotazione ausiliari consente di monitorare le ore di marcia di ciascun motore e di organizzare l'ordine di marcia dei motori in base a tali numeri. Il motore con il numero di ore di marcia più basso viene avviato per primo, mentre il motore con il numero di ore di marcia più alto viene avviato per ultimo. La rotazione ausiliari (cambio dell'ordine di marcia) può essere configurata per avere luogo in base alla durata dell'intervallo rotazione ausiliari o in base all'orologio in tempo reale interno degli inverter (se la batteria RTC è installata nell'inverter).

1

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 42

1.5.4.1

Collegamenti di controllo predefiniti per l'Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo)

Scheda I/O standard

Trasmettitore a 2 fili

1

2

3

Morsetto

+10 Vref

AI1+

AI1-

Segnale

Uscita tensione di riferimento

Ingresso analogico 1 -

Ingresso analogico 1 -

Descrizione

Non in uso per impostazione predefinita

(predefinito: 0...10 V)

Valore effettivo

(0)4...20mA

+

-

4

5

12

13

14

15

16

17

6

7

8

9

10

11

AI2+

AI2-

GND

DI4

DI5

DI6

CM

24 Vout

GND

DI1

DI2

DI3

CM

24 Vout

Ingresso analogico 2 +

Ingresso analogico 2 -

Feedback PID

(valore effettivo)

(predefinito:

4...20 mA)

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 1

Ingresso digitale 2

Ingresso digitale 3

Marcia avanti

Annullamento

(Marcia avanti + velocità flush)

Selezione valore impostato PID

(Aperto=Pannello di comando SP1,

Chiuso=Pannello di comando SP2)

Comune per DI1-DI6

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Ingresso digitale 4

Ingresso digitale 5

Ingresso digitale 6

Reset allarmi

Interblocco pompa

(Aperto=Non disponibile, Chiuso=Disponibile)

Guasto esterno

Comune per DI1-DI6

18 AO1+ mA

19 AO1-

Uscita analogica 1 +

Uscita analogica 1 -

Frequenza di uscita

(predefinito:

0...20 mA)

Tensione ingresso

24 V ausiliario

Bus seriale, negativo

Bus seriale, positivo

Comunicazione da inverter a inverter

(Modibus RTU)

Al morsetto A negli altri inverter

MARCIA

GUASTO

Al morsetto B negli altri inverter

30

A

B

24

25

26

32

33

21

22

23

+24 Vin

RS485

RS485

RO1/1 NC

RO1/2 CM

RO1/3 NO

RO2/1 NC

RO2/2 CM

RO2/3 NO

RO3/2 CM

RO3/3 NO

Uscita relè 1

Uscita relè 2

Uscita relè 3

MARCIA

GUASTO

PRONTO

9432_it

*)

**) Nella Figura 17. è mostrato l'inverter standard. Se si esegue l'ordinazione con il codice di opzione

+SBF4, l'uscita relè 3 viene sostituita dall'ingresso termistore. Vedere il

manuale d'installazione

.

Ingressi digitali

Isolato da massa

Connesso a massa

(Predefinito)

9109.emf

Figura 17.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 43

1.5.4.2

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Diagramma cablaggio elettrico sistema multi-pompa (inverter multiplo)

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

1

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

9423_it.emf

Figura 18.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 44

Figura 19.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9424_it.emf

1

vacon • 45

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

1

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

9425_it.emf

Figura 20.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 46

Figura 21.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9426_it.emf

1

vacon • 47

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

1

SELEZIONE VALORE IMPOSTATO PID. (Aperto=Pannello di comando SP1, Chiuso=Pannello di comando SP2)

9427_it.emf

Figura 22.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 48

1.5.4.3

Parametri di configurazione rapida per l'Applicazione Multi-pompa (inverter multiplo)

M1.1 Proc Guidate

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

1.1.1

1.1.2

Proc. di avvio

Procedura guidata

Fire Mode

0

0

1

1

0

0

1170

1672

0 = Non attivare

1 = Attivare

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata di avvio

(vedere il capitolo 1.2 "Primo avvio")

Scegliendo Attivare si avvia la procedura guidata fire mode

(vedere il capitolo 1.3

"Procedura guidata Fire Mode")

M1 Config. rapida:

Indice

1.2

1.3

1.4

1.5

1.6

1.7

1.8

1.9

1.10

1.11

1.12

1.13

Parametro

Applicazione

Riferimento frequenza minima

Riferimento frequenza massima

Tempo di accelerazione 1

Tempo di decelerazione 1

Limite corrente motore

Tipo motore

Tensione nominale del motore

Frequenza nominale motore

Velocità nominale motore

Corrente nominale del motore

Cosfi motore

Min

0

0,00

P1.3

0,1

0,1

I

H

*0,1

0

Varie

8,0

24

I

H

*0,1

0,30

Max

4

P1.4

320,0

3000,0

3000,0

I

S

1

Varie

320,0

19200

I

S

1,00

Unità

Hz

Hz s s

A

V

Hz

Giri/ min

A

Predefinito

ID Descrizione

4

0,0

5,0

5,0

Varie

0

Varie

Varie

Varie

Varie

212

101

50,0/60,0 102

103

104

107

650

110

50,0/60,0 111

112

113

120

0 = Standard

1 = HVAC

2 = Controller PID

3 = Multi-pompa (inverter singolo)

4 = Multi-pompa (inverter multiplo)

Riferimento frequenza minima consentita.

Riferimento frequenza massima consentita.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero.

Corrente massima del motore dall’inverter CA.

0 = Motore a induzione

1 = Motore a magneti permanenti

Questo valore U n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

SI NOTI anche il collegamento utilizzato (Delta/Star).

Questo valore f n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore n n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore I n

è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 49 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.14

Ottimizzaz. energia

1.15

1.16

1.17

1.18

1.19

1.20

1.21

Parametro

Identificazione

Funzione marcia

Funzione arresto

Reset automatico

Reazione guasto esterno

Risposta a Errore livello AI basso

Postazione ctrl remoto

0

0

0

Min

0

0

0

0

0

1

1

1

Max

1

2

3

5

1

Unità

Predefinito

0

0

0

0

0

2

0

0

ID Descrizione

666

631

505

506

731

701

700

172

L'inverter ricerca la corrente minima del motore per risparmiare energia e ridurre la rumorosità del motore. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per pompe e ventole.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

0 = Nessuna azione

1 = In arresto

2 = Con rotazione

NOTA! Impostare i parametri per la targhetta motore prima di poter effettuare l'identificazione.

0 = Rampa

1 = Aggancio in velocità

0 = Inerzia

1 = Rampa

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (par. P3.9.1.13)

3 = Allarme + riferimento freq precedente

4 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

5 = Guasto (Arresto per inerzia)

Selezione della postazione di controllo remoto (marcia/arresto).

0 = Controllo I/O

1 = Controllo bus di campo

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 50

Indice Parametro

1.22

Selezione A per riferimento controllo I/O

1.25

1.26

1.27

1.28

1.29

1.30

1.23

1.24

Selezione riferimento controllo da pannello

Selezione riferimento controllo bus di campo

Escursione segnale

AI1

Escurs. segn AI2

Funzione RO1

Funzione RO2

Funzione RO3

Funzione AO1

Min

1

1

1

0

0

0

0

0

0

20

1

1

51

51

51

31

Max

20

20

Unità

Predefinito

6

ID Descrizione

117

Selezione origine riferimento di frequenza quando la postazione di controllo è I/O A.

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

NOTA! Il valore predefinito dipende dall'applicazione selezionata con il parametro 1.2.

1 121 Vedere P1.22.

2

0

1

1

2

2

3

122 Vedere P1.22.

379

390

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

0 = 0..10 V / 0..20 mA

1 = 2..10 V / 4..20 mA

11001 Vedere P3.5.3.2.1.

11004 Vedere P3.5.3.2.1.

11007 Vedere P3.5.3.2.1.

10050 Vedere P3.5.4.1.1.

M1.35 Multi-pompa (inverter multiplo)

Indice

1.35.1

1.35.2

Parametro

Guadagno PID

Costante di tempo integrale controller PID

Min

0,00

0,00

Max

100,00

600,00

Unità

Predefinito

% s

100,00

1,00

ID Descrizione

18

119

Se il valore del parametro

è impostato su 100%, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del 10% all'uscita del controller.

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del

10,00%/s all'uscita del controller.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

1 vacon • 51 Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido

Indice

1.35.3

1.35.10

1.35.11

1.35.12

1.35.13

1.35.14

1.35.15

1.35.16

Parametro

Costante di tempo derivativa controller PID

1.35.4

Selezione unità processo

1.35.5

Min. unità processo

1.35.6

Max unità processo

1.35.7

1.35.8

1.35.9

Selezione origine feedback 1

Selezione origine valore impostato 1

Valore impostato da pannello 1

Limite frequenza standby 1

Ritardo standby 1

Livello riavvio 1

Modo multi-pompa

Numero di pompe

Numero identificativo pompa

Segnali di avvio e feedback

Min

0,00

1

Varie

Varie

0

0

Varie

0,0

0

Varie

0

1

1

0

Max

100,00

44

Varie

Varie

30

Unità

Predefinito

s 0,00

1

Varie

Varie

2

ID Descrizione

1132

1036

1033

1034

Se il valore del parametro è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore durante 1 secondo provoca una variazione del

10,00% all'uscita del controller.

Selezionare l'unità per le variabili di processo. Vedere P3.13.1.4.

Valore dell'unità di processo corrispondente allo 0% del segnale di feedback PID.

Valore dell'unità di processo corrispondente al 100% del segnale di feedback PID.

334 Vedere P3.13.3.3.

32

Varie Varie

1

0

320,0

3000

Varie

2

6

8

2

Hz s

Varie

0,0

0

Varie

0

1

1

0

332 Vedere P3.13.2.6.

167

1016

1017

1018

1785

1001

1500

1782

L'inverter va in standby quando la frequenza di uscita rimane sotto questo limite per un tempo maggiore di quello definito dal parametro Ritardo standby.

Il tempo minimo in cui la frequenza deve rimanere al di sotto del livello di standby perché l'inverter venga arrestato.

Definisce il livello della supervisione di riavvio feedback

PID. Utilizza le unità di processo selezionate.

Seleziona il modo Multi-pompa.

0 = Inverter singolo

1 = Multifollower

2 = Multimaster

Numero totale di motori

(pompe/ventole) utilizzato nel sistema multi-pompa.

Numero d'ordine dell’inverter nel sistema.

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo nel modo

Multifollower o Multimaster

Il segnale di avvio e/o il segnale di feedback PID sono collegati all'inverter?

0 = Non connesso

1 = Solo segnale di avvio collegato

2 = Entrambi i segnali collegati

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Vacon®100 FLOW - Guida di avvio rapido vacon • 52

Indice

1.35.17

1.35.18

1.35.19

1.35.20

1.35.21

1.35.22

1.35.23

1.35.24

1.35.25

1.35.26

1.35.27

1.35.28

1.35.29

Parametro

Interblocco pompa

Rotazione ausiliari

Pompa a rotazione ausiliari

Intervallo rotaz. ausil.

Rotazione ausiliari -

Giorni

Rotazione ausiliari -

Ora

Rotazione ausiliari:

Limite di frequenza

Rotazione ausiliari:

Limite pompa

Larghezza di banda

Ritardo larghezza di banda

Velocità di produzione costante

Interblocco pompa 1

Riferimento di flush

Min

0

0

0

0,0

0

0,00

1

0

0

0

Max

1

1

1

3000,0

127

Unità

Predefinito

h

1

1

1

48,0

ID Descrizione

1032

1027

1028

1029

Abilita/disabilita l'uso degli interblocchi. Gli interblocchi vengono utilizzati per indicare al sistema se un motore è o non è collegato.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Disabilita/abilita la rotazione dell'ordine/priorità di avvio dei motori.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Pompa ausiliaria

1 = Tutte le pompe

Alla scadenza del tempo definito da questo parametro, la funzione di rotazione ausiliari subentra nel caso in cui la capacità utilizzata risulti inferiore al livello definito dai parametri

P3.15.11 e P3.15.12.

1786 Gamma: Lunedì...Domenica

P3.3.1.2

6

100

3600

100

- Rif. Max Rif. Max

Ora

Hz

% s

%

Hz

25,00

1

10

10

100

DigIN

Slot0,1

50,00

1787 Gamma: 00:00:00…23:59:59

1031

1030

1097

1098

1513

426

1239

Questi parametri definiscono il livello al di sotto del quale deve rimanere la capacità utilizzata perché abbia luogo la rotazione ausiliari.

Percentuale del valore impostato. Esempio: Valore impostato = 5 bar, Larghezza di banda = 10%: se il valore feedback rimane entro l'intervallo

4,5...5,5 bar, il motore non viene scollegato o escluso.

Se il valore di feedback è esterno alla larghezza di banda, deve trascorrere questo periodo di tempo prima che vengano aggiunte o rimosse le pompe.

Definisce la velocità costante a cui la pompa è bloccata dopo che è stata raggiunta la frequenza massima e la pompa successiva viene messa in marcia per effettuare la regolazione in modo Multimaster.

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

Definisce il riferimento frequenza quando la funzione di flush è attivata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

1

vacon • 53 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

2.

I

NTERFACCE UTENTE SU

V

ACON

®

100 FLOW

In questo capitolo vengono presentate le diverse interfacce utente su Vacon

®

100 FLOW:

• Pannello

• Vacon Live

• Bus di campo

2.1

Navigazione sul pannello di comando

Per una descrizione dettagliata dei pulsanti e display del pannello, vedere il 1.1.

I dati visualizzati sul pannello di comando sono organizzati in menu e sottomenu. Utilizzare i tasti freccia su e giù per spostarsi tra i vari menu. Accedere al gruppo/elemento premendo il tasto

OK e ritornare al livello precedente premendo il tasto Back/Reset (indietro/reset).

Il

campo della posizione

indica l'attuale posizione dell'utente. Il

campo dello stato

contiene informazioni sullo stato attuale dell'inverter. Vedere la Figura 24.

Nella Figura 23 è riprodotta la struttura di base dei menu.

2

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 54

Figura 23. Schema di navigazione del pannello di comando

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 55

2.2

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

Pannello di comando grafico Vacon

Campo dello stato

Campo dello stato

ARRESTO/MARCIA

Direzione

PRONTO/NON PRONTO/GUASTO

ALLARME

Postazione di controllo:

PC/IO/PANNELLO/BUS DI CAMPO

Campo della posizione

(ID parametro e menu attuale)

Gruppo/elemento attivato:

Premere OK per accedere

Numero di elementi nel gruppo

Figura 24. Menu principale

2.2.1

Uso del pannello di comando grafico

2.2.1.1

Modifica dei valori

È possibile accedere e modificare i valori selezionabili sul pannello di comando grafico in due diversi modi.

Parametri con un valore valido

Generalmente, per ogni parametro viene impostato un valore. Il valore può essere selezionato da un elenco di valori (vedere l'esempio di seguito riportato) oppure al parametro viene assegnato un valore numerico compreso in una gamma definita (ad esempio, da 0,00 a 50,00 Hz).

Modificare il valore di un parametro utilizzando la seguente procedura:

1.

Visualizzare il parametro.

2.

Accedere al modo

Modifica

.

3.

Impostare il nuovo valore utilizzando i tasti freccia su/giù. I tasti freccia sinistra/destra consentono invece di spostarsi da una cifra all'altra, se il valore è numerico. Modificare poi la cifra desiderata con i tasti freccia su/giù.

4.

Confermare la modifica con il tasto

OK

oppure annullarla ritornando al livello precedente con il tasto Back/Reset (indietro/reset).

OPPURE:

2

Figura 25. Classica procedura di modifica dei valori sul pannello di comando grafico (valore testuale)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 56

9257.emf

Figura 26. Classica procedura di modifica dei valori sul pannello di comando grafico

(valore numerico)

Parametri con selezione tramite casella di controllo

Nel caso di alcuni parametri, sono molti i valori che è possibile selezionare. Selezionare la casella di controllo accanto a ciascuno dei valori che si desidera impostare, come di seguito indicato.

...

9256.emf

Simbolo che indica la casella di controllo selezionata

Figura 27. Selezione del valore desiderato tramite casella di controllo sul pannello grafico

2.2.1.2

Reset di un guasto

Le istruzioni per resettare un guasto si trovano nel capitolo 9.1 Notifica di un guasto.

2.2.1.3

Tasto FUNCT (funzione)

Il tasto

FUNCT

viene usato per quattro funzioni:

1. per accedere rapidamente alla pagina di controllo,

2. per passare rapidamente dalla postazione di controllo remoto alla postazione di controllo locale

(pannello) e viceversa,

3. per cambiare la direzione della rotazione e

4. per modificare rapidamente il valore di un parametro.

Postazioni di controllo

La

postazione di controllo

è il centro di controllo dal quale è possibile avviare e arrestare l'inverter.

Ciascuna postazione di controllo ha un proprio parametro per la scelta dell'origine del riferimento di frequenza. La

postazione di controllo locale

è sempre il pannello. La

postazione di controllo remota

è determinata dal parametro P3.2.1 (I/O o bus di campo). La postazione di controllo selezionata è indicata sulla barra di stato del pannello.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 57 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

I/O

P3.5.1.7 Forza ctrl I/O B

P

P3.2.1. Postazione ctrl remoto

V

I/O A

V

BUS DI CAMPO

MUX

K

IN 0

IN 1

V

I/O B

P

P3.2.2 Locale/remoto

SEL

G

IN 0

IN 1

V PANNELLO DI

COMANDO

SEL

G

IN 0

IN 1

I/O P3.5.1.9 Forza controllo bus di campo

V

BUS DI CAMPO

SEL

G

IN 0

IN 1

2

I/O

P3.5.1.10

Forza controllo pannello

V PANNELLO DI

COMANDO

SEL

G

IN 0

IN 1

FB CW.bit8 Forza su controllo FB

V

BUS DI CAMPO

G

SEL

IN 0

IN 1

PC Controllo PC attivo

C

PC

SEL

G

IN 0

IN 1

V

POSTAZIONE

DI

CONTROLLO

FINALE

9336.emf

Figura 28. Postazione di controllo

Postazione controllo remoto

Come postazioni di controllo remote è possibile utilizzare I/O A, I/O B e bus di campo. I/O A e bus di campo hanno la priorità più bassa e possono essere selezionate mediante il parametro P3.2.1

(Postaz. ctrl rem)

. I/O B è in grado di sostituire la postazione di controllo remota selezionata mediante il parametro P3.2.1 utilizzando un ingresso digitale selezionato tramite il parametro

P3.5.1.7

(Forza ctrl I/O B)

Controllo locale

Per il controllo locale, come postazione di controllo si utilizza sempre il pannello di comando.

Il controllo locale ha priorità sul controllo remoto. Quindi, se ad esempio la postazione di controllo

è stata sostituita dal parametro P3.5.1.7 tramite ingresso digitale in

Remoto

, questa passerà comunque al pannello di comando se è selezionato

Locale

. Il passaggio dalla postazione di controllo remoto alla postazione di controllo locale e viceversa è effettuato premendo il tasto

FUNCT

sul pannello di comando oppure utilizzando il parametro “Locale/remoto” (ID211).

Modifica delle postazioni di controllo

Modifica della postazione di controllo da

Remoto

a

Locale

(pannello).

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il pulsante

freccia su

o

freccia giù

per selezionare

Locale/remoto

e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Sulla schermata successiva, selezionare

Locale

o

Remoto

e confermare di nuovo premendo il tasto

OK

.

4. Si ritornerà alla stessa schermata sulla quale è stato premuto il tasto

FUNCT

(funzione).

Se però si è modificata la postazione di controllo da Remoto a Locale (pannello), viene richiesto il riferimento del pannello.

STOP READY

Main Menu

ID:

Monitor

( 12 )

Parameters

( 21 )

Diagnostics

( 6 )

M1

Keypad

FUNCT

STOP

STOP READY

Main Menu

ID:

Monitor

( 12 )

Parameters

( 21 )

Diagnostics

( 6 )

M1

I/O

Ready Keypad

Choose action

Change direction

Control page

Local/Remote

STOP

?

READY

Local/Remote

Keypad

Figura 29. Modifica delle postazioni di controllo

Local

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 58

Accesso alla pagina di controllo

La

pagina di controllo

consente di utilizzare e monitorare i valori più essenziali.

5. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

6. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare la

pagina di controllo

e confermare premendo il tasto

OK

.

7. Viene visualizzata la pagina di controllo.

Se è selezionato l'uso della postazione di controllo da pannello e del riferimento pannello, sarà possibile impostare il

Riferimento pannello

dopo avere premuto il tasto

OK

. Se sono utilizzati altri valori di riferimento o postazioni di controllo, il display visualizzerà la frequenza di riferimento che non è modificabile. Gli altri valori della pagina riguardano il multimonitoraggio.

È possibile scegliere i valori per il monitoraggio (per la procedura, vedere 2.4.2 Monitor).

STOP READY

Main Menu

ID:

Monitor

( 12 )

Parameters

( 21 )

Diagnostics

( 6 )

M1

I/O

STOP READY Keypad

Keypad Reference

ID:168

0.00 Hz

Output Frequency Motor Torque

0.00Hz

Motor Current Motor Power

0.00%

0.00%

9162.emf

FUNCT

STOP Ready Keypad

Choose action

Change direction

Control page

Local/Remote

STOP READY Keypad

Keypad Reference

ID:184

Output Frequency Motor Torque

Motor Current

Figura 30. Accesso alla pagina di controllo

Motor Power

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

2 vacon • 59 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

Cambio di direzione

È possibile cambiare rapidamente la direzione di rotazione del motore premendo il tasto

FUNCT

(funzione).

NOTA! Il comando

Cambia direzione

non è visibile sul menu a meno che non sia selezionata la postazione di controllo

Locale

.

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare Cambia direzione e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Quindi scegliere la direzione desiderata e mettere in marcia il motore. La direzione di rotazione in uso lampeggia. Confermare premendo il tasto

OK

.

4. La direzione di rotazione cambia immediatamente così come l'indicatore di rotazione a freccia nel campo dello stato.

Ready Keypad

Choose action

RUN Ready Keypad

Choose action

STOP READY

Main Menu

ID:

Monitor

( 7 )

Parameters

( 15 )

Diagnostics

( 6 )

M1

STOP READY

Main Menu

ID:

Monitor

( 7 )

Parameters

( 15 )

Diagnostics

( 6 )

M1

I/O

I/O

FUNCT

RUN

Change direction

Control page

Local/Remote

Reverse

Forward

Figura 31.

Modifica rapida

Grazie alla funzionalità

Modifica rapida

, è possibile accedere rapidamente al parametro desiderato immettendo direttamente l'ID di quel parametro.

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare Modif. rapida e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Quindi immettere l'ID del parametro o del valore di monitoraggio a cui si vuole accedere.

Premere il tasto

OK

per confermare.

4. Il parametro/valore di monitoraggio richiesto viene visualizzato sul display (in modalità modifica/monitoraggio).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 60

2.2.1.4

Copia dei parametri

NOTA!

Questa funzione è disponibile solo sul pannello di comando grafico.

La funzione di copia dei parametri può essere utilizzata per copiare i parametri da un inverter a un altro.

I parametri vengono prima salvati sul pannello di comando che poi viene scollegato e collegato ad un altro inverter. Infine i parametri vengono scaricati sul nuovo inverter ripristinandoli dal pannello di comando.

Per poter effettuare correttamente la copia di parametri dal pannello di comando all'inverter,

è necessario arrestare l'inverter prima del trasferimento dei parametri.

• Per prima cosa, accedere al menu

Impostaz. utente

e individuare il sottomenu

Backup parametri

. Nel sottomenu

Backup parametri

è possibile selezionare tre funzioni di seguito indicate:

Ripristina val. fabbrica

che ristabilisce le impostazioni originali dei parametri effettuate in fabbrica.

• Selezionando

Salva nel pannello

è possibile copiare tutti i parametri sul pannello.

Riprist da pannello

copia tutti i parametri dal pannello di comando all'inverter.

STOP READY

Main Menu

ID: M6

I/O and Hardware

( 9 )

User settings

( 4 )

Favourites

( 0 )

Keypad STOP

READY Keypad

User settings

ID:

Application selection

Parameter backup

( 7 )

Drive name

Drive

Figura 32. Copia parametri

STOP

READY Keypad

Parameter backup

ID:

Restore factory defaults

Save to keypad

Restore from keypad

NOTA!

Se si scambia il pannello tra inverter di dimensioni diverse, non verranno utilizzati i valori copiati per i seguenti parametri:

Corrente nominale del motore (P3.1.1.4)

Tensione nominale del motore (P3.1.1.1)

Velocità nominale motore (P3.1.1.3)

Potenza nominale motore (P3.1.1.6)

Frequenza nominale motore (P3.1.1.2)

Cosfi motore (P3.1.1.5)

Frequenza di commutazione (P3.1.2.3)

Limite corrente motore (P3.1.3.1)

Limite corrente stallo (P3.9.3.2)

Frequenza max. (P3.3.1.2)

Frequenza punto di indebolimento campo (P3.1.4.2)

Frequenza intermedia V/f (P3.1.4.4)

Tensione frequenza zero (P3.1.4.6)

Corrente di magnetizzazione marcia (P3.4.3.1)

Corrente di frenatura in CC (P3.4.4.1)

Corrente frenatura a flusso (P3.4.5.2)

Costante temporale protezione termica motore (P3.9.2.4)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 61 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

2.2.1.5

Confronto parametri

Con questa funzione, l'utente può confrontare il gruppo di parametri attivi con uno dei quattro di seguito indicati:

Gruppo1 (B6.5.4: Salva in grp 1, vedere il capitolo 7.1.1)

Gruppo 2 (B6.5.6: Salva in grp 2, vedere il capitolo 7.1.1)

Valori predefiniti (Valori di fabbrica, vedere capitolo 7.1.1)

Grp pannello (B6.5.2: Salva nel pannello, vedere capitolo 7.1.1)

Vedere la figura riportata di seguito.

NOTA! Se il gruppo di parametri da confrontare non è stato salvato, sul display viene visualizzato il messaggio: “Confronto non riuscito”

Valore parametro corrente

Valore gruppo confronto

Figura 33. Confronto parametri

2

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 62

2.2.1.6

Guida

Il pannello di comando grafico offre una guida istantanea e schermate di informazioni per vari elementi. Tutti i parametri dispongono di una schermata istantanea di informazioni guida.

Selezionare Guida e premere il tasto

OK

.

Sono disponibili informazioni sotto forma di testo guida anche per guasti, allarmi e la procedura guidata di avvio.

STOP

READY I/O

Digital Inputs

ID:403 M3.5.1.1

Ctrl Signal 1 A

Ctrl Signal 2 A

Ctrl Signal 1 B

( 6 )

STOP

Edit

READY I/O

Ctrl signal 1 A

ID:403 M3.5.1.1

Help

Add to favorites

( 6 )

Figura 34. Esempio di testo guida

STOP READY I/O

Ctrl signal 1 A

ID:403 M3.5.1.1

Start Signal 1 for control Place

I/O A. Start Signal 1 functionality chosen with I/O A

Logic in Start/Stop Setup Menu.

NOTA! I testi della Guida sono sempre in lingua inglese.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 63 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

2.3

Pannello di comando standard Vacon

Come interfaccia utente è possibile scegliere il cosiddetto

pannello standard

. Esso dispone delle stesse funzionalità del pannello di comando grafico, sebbene alcune di queste siano in qualche modo limitate.

2.3.1

Display del pannello

Il display del pannello indica lo stato del motore e dell'inverter e riporta ogni eventuale anomalia nelle funzioni del motore o dell'inverter. Il display visualizza le informazioni relative all'inverter e i riferimenti relativi alla posizione corrente dell'utente nella struttura dei menu e nell'elemento visualizzato. Se la stringa di testo da visualizzare è troppo lunga per essere visualizzata nel display,

è possibile scorrere la riga da sinistra a destra per visualizzare l'intera stringa di testo.

Indicatori:

Stato

Indicatori:

Allarme, Guasto

Nome del gruppo o del parametro

Posizione nel menu

Indicatori:

Direzione

Indicatori:

Postazione di controllo

Figura 35.

2

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 64

2.3.2

Uso del pannello standard

2.3.2.1

Modifica dei valori

Modificare il valore di un parametro utilizzando la seguente procedura:

1.

Visualizzare il parametro.

2.

Accedere al modo Modifica premendo

OK

.

3.

Impostare il nuovo valore utilizzando i tasti freccia su/giù. I tasti freccia sinistra/destra consentono invece di spostarsi da una cifra all'altra, se il valore è numerico. Modificare quindi la cifra desiderata con i tasti freccia su/giù.

4.

Confermare la modifica con il tasto

OK

oppure annullarla ritornando al livello precedente con il tasto Back/Reset (indietro/reset).

BACK

RESET

9168.emf

Figura 36. Modifica dei valori

2.3.2.2

Reset di un guasto

Le istruzioni per resettare un guasto si trovano in 9.1 Notifica di un guasto.

2.3.2.3

Tasto FUNCT (funzione)

Il tasto FUNCT viene usato per quattro funzioni:

Postazioni di controllo

La

postazione di controllo

è il centro di controllo dal quale è possibile avviare e arrestare l'inverter.

Ciascuna postazione di controllo ha un proprio parametro per la scelta dell'origine del riferimento di frequenza. La

postazione di controllo locale

è sempre il pannello. La

postazione di controllo remota

è determinata dal parametro P3.2.1 (I/O o bus di campo). La postazione di controllo selezionata è indicata sulla barra di stato del pannello.

Postazione controllo remoto

Come postazioni di controllo remote è possibile utilizzare I/O A, I/O B e bus di campo. I/O A e bus di campo hanno la priorità più bassa e possono essere selezionate mediante il parametro P3.2.1

(Postaz. ctrl rem)

. I/O B è in grado di sostituire la postazione di controllo remota selezionata mediante il parametro P3.2.1 utilizzando un ingresso digitale selezionato tramite il parametro

P3.5.1.7

(Forza ctrl I/O B).

Controllo locale

Per il controllo locale, come postazione di controllo si utilizza sempre il pannello di comando.

Il controllo locale ha priorità sul controllo remoto. Quindi, se, ad esempio, la postazione di controllo

è stata sostituita dal parametro P3.5.1.7 tramite ingresso digitale in

Remoto

, questa passerà comunque al pannello di comando se è selezionato

Locale

. Il passaggio dalla postazione di controllo remoto alla postazione di controllo locale e viceversa è effettuato premendo il tasto

FUNCT

sul pannello di comando oppure utilizzando il parametro “Locale/remoto” (ID211).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

2 vacon • 65 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

Modifica delle postazioni di controllo

Modifica della postazione di controllo da

Remoto

a

Locale

(pannello).

1.

Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2.

Tramite i tasti freccia, selezionare Locale/remoto e confermare premendo il tasto

OK

.

3.

Sulla schermata successiva, selezionare Locale o Remoto e confermare di nuovo premendo il tasto

OK

.

4.

Si ritornerà alla stessa schermata sulla quale è stato premuto il tasto

FUNCT

(funzione).

Se però si è modificata la postazione di controllo da Remoto a Locale (pannello), viene richiesto il riferimento del pannello.

FUNCT

9169.emf

Figura 37. Modifica delle postazioni di controllo

Accesso alla pagina di controllo

La

pagina di controllo

consente di utilizzare e monitorare i valori più essenziali.

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare la

pagina di controllo

e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Viene visualizzata la pagina di controllo.

Se è selezionato l'uso della postazione di comando da pannello e del riferimento pannello,

sarà possibile impostare il

Riferimento pannello

dopo avere premuto il pulsante

OK

. Se sono utilizzati altri valori di riferimento o postazioni di controllo, il display visualizzerà la frequenza di riferimento che non è modificabile.

FUNCT

9170.emf

Figura 38. Accesso alla pagina di controllo

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 66

Cambio di direzione

È possibile cambiare rapidamente la direzione di rotazione del motore premendo il tasto

FUNCT

(funzione).

NOTA! Il comando

Cambia direzione

non è visibile sul menu a meno che non sia selezionata la postazione di controllo

Locale

.

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare Cambia direzione e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Quindi scegliere la direzione desiderata e mettere in marcia il motore. La direzione di rotazione in uso lampeggia. Confermare premendo il tasto

OK

.

4. La direzione di rotazione cambia immediatamente così come l'indicatore di rotazione a freccia nel campo dello stato.

Modifica rapida

Grazie alla funzionalità

Modifica rapida

, è possibile accedere rapidamente al parametro desiderato immettendo direttamente l'ID di quel parametro.

1. Da un punto qualsiasi nella struttura dei menu, premere il tasto

FUNCT

(funzione).

2. Premere il tasto

freccia su

o

freccia giù

per selezionare Modif. rapida e confermare premendo il tasto

OK

.

3. Quindi immettere l'ID del parametro o del valore di monitoraggio a cui si vuole accedere.

Premere il tasto

OK

per confermare.

4. Il parametro/valore di monitoraggio richiesto viene visualizzato sul display (in modalità modifica/monitoraggio).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

2 vacon • 67

2.4

Struttura dei menu

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

Tabella 1. Menu del pannello di comando

Configurazione rapida

Vedere il capitolo 1.

Monitor

Parametri

Diagnostica

Multi-monitor*

Curva trend*

Base

I/O

Extra/Avanzati

Funzioni timer

Controller PID

Controller PID esterno

Multipompa

Contatori di manutenzione

Dati bus di campo

Vedere il capitolo 8.

Guasti attivi

Reset guasti

Memoria guasti

Contatori

Contatori parziali

Info software

I/O e hardware

Impostazioni utente

Impostazioni utente

Valori preferiti

*

Slot C

Slot D

Slot E

Orologio in tempo reale

Impostazioni unità di potenza

Pannello

RS-485

Ethernet

Scelta della lingua

Backup parametri*

Confronto parametri

Nome inverter

Vedere il capitolo 7.2.

Livelli utente

Vedere il capitolo 7.3.

*. Non disponibile nel pannello standard

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 68

2.4.1

Configurazione rapida

Il gruppo Configurazione rapida include varie procedure guidate e parametri di configurazione rapida dell'Applicazione Vacon

®

100. Per ulteriori informazioni su questo gruppo di parametri,

vedere il capitolo 1.

2.4.2

Monitor

Multi-monitor

NOTA!

Questo menu non è disponibile nel pannello standard.

Sulla pagina Multi-monitor è possibile raccogliere da quattro a nove valori da sottoporre a monitoraggio. Il numero di valori da monitorare può essere selezionato con il parametro 3.11.4.

STOP READY

Main Menu

M1 ID:

Quick Setup

( 4 )

Monitor

( 12 )

Parameters

( 21 )

I/O STOP

READY

Monitor

M2.1

ID:

Multimonitor

Basic

(7)

Timer functions

(13)

I/O

STOP READY

Multimonitor

ID25 FreqReference

FreqReferenc

20.0 Hz

0.00 Hz

0.00Hz

Motor Speed

0.0rpm

Motor Curre

Motor Torque Motor Voltage

0.00A

0.00% 0.0V

DC-link volt Unit Tempera Motor Tempera

0.0V

81.9°C 0.0%

I/O STOP Ready

FreqReference

I/O

ID:1

Output frequency

M2.1.1.1

0.00 Hz

10.00 Hz

FreqReference

Motor Speed

Motor Current

0.00 rpm

0.00 A

Motor Torque

Motor Power

0.00 %

0.00 %

9171.emf

Figura 39. Pagina Multi-monitor

Modificare il valore monitorato attivando la cella del valore (con i tasti freccia destra/sinistra) e facendo clic su

OK

. Quindi, scegliere un nuovo valore nell'elenco dei valori da monitorare e fare di nuovo clic su

OK

.

Curva trend

La funzione

Curva trend

è la rappresentazione grafica del monitoraggio di due valori alla volta.

Base

I valori di monitoraggio base sono i valori effettivi dei parametri e segnali selezionati, nonché il relativo stato e le relative misurazioni.

I/O

Qui è possibile monitorare stati e livelli di vari valori di segnale I/O. Vedere il capitolo 3.1.4.

Ingressi temperatura

Vedere capitolo 3.1.5.

Extra/Avanzati

Monitoraggio di valori avanzati, ad esempio valori bus di campo. Vedere il capitolo 3.1.6.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 69 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW

Funzioni timer

Monitoraggio delle funzioni timer e dell'orologio in tempo reale. Vedere il capitolo 3.1.7.

Controller PID

Monitoraggio dei valori del controller PID. Vedere il capitolo 3.1.8.

Controller PID esterno

Monitoraggio dei valori del controller PID esterno. Vedere il capitolo 3.1.9.

Multipompa

Monitoraggio dei valori relativi all'utilizzo di diversi inverter. Vedere il capitolo 3.1.10.

Contatori di manutenzione

Monitoraggio dei valori relativi ai contatori di manutenzione. Vedere il capitolo 3.1.11.

Dati bus di campo

I dati bus di campo visualizzati come valori di monitoraggio ai fini del debug, ad esempio,

per la messa a punto dei dati bus di campo. Vedere il capitolo 3.1.12.

2

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Interfacce utente su Vacon®100 FLOW vacon • 70

2.5

Vacon Live

Vacon Live è uno strumento per PC per la messa a punto e la manutenzione di una nuova generazione di inverter (Vacon10, Vacon20, Vacon100). Lo strumento Vacon Live può essere scaricato da www.vacon.com.

Vacon Live include le seguenti funzionalità:

• Parametrizzazione, monitoraggio, informazioni inverter, logger dati e così via.

• Lo strumento di download del software Vacon Loader è integrato.

• Supporto per RS-422 ed Ethernet.

• Supporto di Windows XP, Vista 7 e 8.

• Lingue supportate: inglese, tedesco, spagnolo, finlandese, francese, italiano, russo, svedese, cinese, ceco, danese, olandese, polacco, portoghese, rumeno, slovacco e turco.

• La connessione può essere eseguita utilizzando il cavo USB/RS-422 nero di Vacon o il cavo

Ethernet (Vacon 100).

• Gli inverter RS-422 vengono installati automaticamente durante l'installazione di Vacon Live.

• Quando si effettua la connessione, Vacon Live rileva automaticamente l'inverter collegato.

Figura 40. Vacon Live - Finestra principale

NOTA! Ulteriori informazioni sull'utilizzo di Vacon Live sono disponibili nella guida del programma.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

2

vacon • 71 Menu monitoraggio

3.

M

ENU MONITORAGGIO

3.1

Gruppo di monitoraggio

L'inverter CA consente di monitorare i valori effettivi di parametri e segnali nonché il relativo stato e le relative misurazioni. Alcuni dei valori da monitorare sono personalizzabili.

3.1.1

Multimonitor

Sulla pagina Multi-monitor è possibile raccogliere da quattro a nove valori da sottoporre a monitoraggio. Il numero di elementi monitorati può essere selezionato con il parametro P3.11.4.

Vedere Tabella 50 per ulteriori informazioni.

3

3100.emf

Figura 41.

3.1.2

Curva trend

La funzione

Curva trend

è la rappresentazione grafica del monitoraggio di due valori alla volta.

Selezionando i valori da monitorare si avvia la registrazione dei valori. Nel sottomenu Curva trend,

è possibile visualizzare la curva trend, eseguire le selezioni segnale, definire le impostazioni dei valori minimi e massimi, definire l'intervallo di campionamento e scegliere se usare l'opzione Scala auto.

Cambiare i valori da monitorare eseguendo la procedura di seguito indicata:

1. Individuare il menu

Curva trend

nel menu

Monitor

e premere OK.

2. Accedere al menu

Visual. curva trend

premendo nuovamente OK.

3. Le selezioni correnti per il monitoraggio sono

Rif. frequenza

e

Velocità motore

visibili nella parte inferiore del display.

4. Come Curva trend, è possibile monitorare soltanto due valori contemporaneamente.

Selezionare con i tasti freccia uno dei valori correnti che si desidera cambiare e premere OK.

5. Scorrere l'elenco dei valori di monitoraggio con i tasti freccia, selezionare quello che interessa e premere OK.

6. La curva trend del valore cambiato è visibile sul display.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio vacon • 72

9250.emf

Figura 42.

La funzione

Curva trend

consente anche di fermare la progressione della curva e leggere i singoli valori.

1. Nella visualizzazione Curva trend, selezionare il display con il tasto freccia su (il bordo del display viene visualizzato in grassetto) e premere OK sul punto desiderato della curva in progressione. Sul display compare una sottile linea verticale.

2. Il display si blocca e i valori nella parte inferiore del display sono quelli che corrispondono alla posizione in cui si trova la linea sottile.

3. Usare i tasti freccia destra e sinistra per spostare la linea sottile e vedere i valori relativi a qualche altra posizione.

Figura 43.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

vacon • 73 Menu monitoraggio

Indice Parametro

M2.2.1

Visual. curva trend

P2.2.2

P2.2.3

P2.2.4

P2.2.5

P2.2.6

P2.2.7

Intervallo campionamento

Canale 1 min

Canale 1 max

Canale 2 min

Canale 2 max

Scala auto

Tabella 2. Parametri Curva trend

Min

100

-214748 1000

-1000 214748

-214748 1000

-1000 214748

0

Max

432000

1

Unità

ms

Predefinito

ID Descrizione

100

1000

1000

0

2368

-1000 2369

2370

-1000 2371

2372

2373

Accedere a questo menu per selezionare e monitorare valori da visualizzare sotto forma di curva.

Impostare qui l'intervallo di campionamento.

Usato come valore predefinito per la scalatura. Possono essere necessari degli adeguamenti.

Usato come valore predefinito per la scalatura. Possono essere necessari degli adeguamenti.

Usato come valore predefinito per la scalatura. Possono essere necessari degli adeguamenti.

Usato come valore predefinito per la scalatura. Possono essere necessari degli adeguamenti.

Il segnale selezionato viene scalato automaticamente tra i valori min e max se a questo parametro è stato assegnato il valore 1.

3

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio vacon • 74

3.1.3

Base

I valori di monitoraggio base sono riportati nella Tabella 3. sottostante.

NOTA! Nel menu Monitor sono disponibili solo gli stati della scheda I/O standard. Gli stati di tutti i segnali della scheda I/O si trovano, sotto forma di dati grezzi, nel menu I/O e hardware.

NOTA! Verificare lo stato della scheda I/O opzionale, se necessario, nel menu di sistema I/O e hardware.

Tabella 3. Voci del menu di monitoraggio

Indice Valore di monitoraggio

V2.3.1

V2.3.2

V2.3.3

V2.3.4

V2.3.5

V2.3.7

Frequenza di uscita

Riferimento di frequenza

Velocità motore

Corrente motore

Coppia motore

Potenza del motore

Unità

Hz

Hz giri/min.

A

%

%

V2.3.8

V2.3.9

V2.3.10

V2.3.11

V2.3.12

Temperatura motore

V2.3.13

Potenza del motore

Tensione motore

Tensione DC link

Temperatura unità

Preriscaldamento motore kW/hp

V

V

°C/°F

%

Scala

0,01

0,01

1

Varie

0,1

0,1

Varie

0,1

1

0,1

0,1

1

ID

1

25

2

3

4

5

73

6

7

8

9

1228

Descrizione

Frequenza di uscita al motore

Riferimento frequenza a controllo motore

Velocità effettiva motore in giri/min

Coppia albero motore calcolata

Potenza motore calcolata in %

Potenza motore calcolata in kW o hp.

L'unità utilizzata dipende dal parametro per la relativa selezione.

Tensione di uscita al motore

Tensione misurata nel DC link dell'inverter

Temperatura del dissipatore di calore in °C o °F

Temperatura motore calcolata come percentuale della temperatura di esercizio nominale.

Stato funzione di preriscaldamento motore.

0 = OFF

1 = Riscaldamento (alimentazione in CC)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

vacon • 75 Menu monitoraggio

3.1.4

I/O

Indice

V2.4.1

V2.4.2

V2.4.3

Valore di monitoraggio

Slot A DIN 1, 2, 3

Slot A DIN 4, 5, 6

Slot B RO 1, 2, 3

V2.4.4

Ingresso analogico 1

V2.4.5

Ingresso analogico 2

V2.4.6

Ingresso analogico 3

V2.4.7

Ingresso analogico 4

V2.4.8

Ingresso analogico 5

V2.4.9

Ingresso analogico 6

V2.4.10

Slot A AO1

Tabella 4. Monitoraggio segnale I/O

Unità Scala ID

%

%

%

%

%

%

%

1

1

1

0,01

0,01

0,01

0,01

0,01

0,01

0,01

15

16

17

59

60

61

62

75

76

81

Descrizione

Mostra lo stato degli ingressi digitali 1-3 nello slot A (standard I/O).

Mostra lo stato degli ingressi digitali 4-6 nello slot A (standard I/O).

Mostra lo stato degli ingressi relè 1-3 nello slot B.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot A.1 come valore predefinito.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot A.2 come valore predefinito.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot D.1 come valore predefinito.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot D.2 come valore predefinito.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot E.1 come valore predefinito.

Segnale di ingresso come percentuale della gamma utilizzata. Slot E.2 come valore predefinito.

Segnale in uscita analogico come percentuale della gamma utilizzata.

Slot A (standard I/O)

3

3.1.5

Ingressi temperatura

NOTA! Questo gruppo di parametri è visibile solo se è installata una scheda opzionale per la rilevazione della temperatura (OPT-BH).

Tabella 5. Monitoraggio valori ingressi temperatura

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.5.1

V2.5.2

V2.5.3

Ingresso

Temperatura 1

Ingresso

Temperatura 2

Ingresso

Temperatura 3

°C/°F

°C/°F

°C/°F

0,1

0,1

0,1

50

51

52

Descrizione

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 1.

L'elenco degli ingressi temperatura è formato dai primi 6 ingressi temperatura disponibili, dallo slot A fino allo slot E.

Se l'ingresso è disponibile ma non

è collegato alcun sensore, viene visualizzato il valore massimo perché la resistenza rilevata è infinita. Il valore può essere forzato sul suo limite minimo mediante cablaggio dell'ingresso.

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 2.

Vedere sopra.

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 3.

Vedere sopra.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio vacon • 76

Tabella 5. Monitoraggio valori ingressi temperatura

Scala ID Indice Valore di monitoraggio Unità

V2.5.4

V2.5.5

V2.5.6

Ingresso

Temperatura 4

Ingresso

Temperatura 5

Ingresso

Temperatura 6

°C/°F

°C/°F

°C/°F

0,1

0,1

0,1

69

70

71

Descrizione

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 4.

Vedere sopra.

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 5.

Vedere sopra.

Valore rilevato per Ingresso Temperatura 6.

Vedere sopra.

3.1.6

Extra e avanzati

Tabella 6. Monitoraggio valori avanzati

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.6.1

V2.6.2

Status Word inverter

Stato di Pronto

V2.6.3

StatusWord1 applicazione

1

1

1

43

78

89

Descrizione

Word codificata in bit

B1 = Pronto

B2 = Marcia

B3 = Guasto

B6 = Abilitaz. marcia

B7 = AllarmeAttivo

B10 = Corrente CC in arresto

B11 = Frenatura CC attiva

B12 = Esecuz.Richiesta

B13 = RegolatoreMotoreAttivo

Info codificate in bit sui criteri stato di pronto.

Utile per il debug quando l'inverter non è in stato di pronto.

I valori sono rappresentati sotto forma di caselle di controllo sul pannello grafico.

Se le caselle sono selezionate (), il relativo valore è attivo.

B0: AbilMarcia alta

B1: Nessun guasto attivo

B2: Interrutt. carica chiuso

B3: Tensione CC nei limiti

B4: Gest. aliment. inizializzata

B5: L'unità di potenza non inibisce la marcia

B6: Il software di sistema non inibisce la marcia

Stati codificati in bit dell'applicazione.

I valori sono rappresentati sotto forma di caselle di controllo sul pannello grafico.

Se le caselle sono selezionate (), il relativo valore è attivo.

B0 = Interb rot aus 1

B1 = Interb rot aus 2

B2 = Riservato

B3 = Rampa 2 attiva

B4 = Riservato

B5 = Controllo I/O A Attivo

B6 = Controllo I/O B Attivo

B7 = Ctrl BusCampo attivo

B8 = Controllo locale attivo

B9 = Controllo PC attivo

B10 = Frequenze preimpostate attive

B11 = Flush Attiva

B12 = Fire Mode attivo

B13 = Preriscaldamento motore attivo

B14 = Arresto rapido attivo

B15 = Drive arrestato da pannello

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

3 vacon • 77 Menu monitoraggio

Tabella 6. Monitoraggio valori avanzati

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.6.4

StatusWord2 applicazione

V2.6.5

V2.6.6

V2.6.7

V2.6.8

Status Word DIN 1

Status Word DIN 2

Corrente motore 1 decimale

Origine riferimento frequenza

V2.6.9

Ultimo codice guasto attivo

V2.6.10

ID ultimo guasto attivo

V2.6.11

Codice ultimo allarme attivo

V2.6.12

ID ultimo allarme attivo

1

1

1

0,1

1

1

1

1

1

90

56

57

45

1495

37

95

74

94

Descrizione

Stato codificato in bit dell'applicazione.

I valori sono rappresentati sotto forma di caselle di controllo sul pannello grafico.

Se le caselle sono selezionate (), il relativo valore è attivo.

B0 = Accelerazione/decelerazione proibita

B1 = Interruttore motore aperto

B2 = PID attivo

B3 = Standby PID attivo

B4 = Soft Fill PID attivo

B5 = Pulizia automatica attiva

B6 = Pompa Jockey attiva

B7 = Pompa adescante attiva

B8 = Antibloccaggio attivo

B9 = Supervisione pressione ingresso

(Allarme/guasto)

B10 = Protezione da congelamento

(Allarme/guasto)

B11 = Allarme sovrapressione

Word a 16 bit nella quale ciascun bit rappresenta lo stato di un ingresso digitale.

Vengono letti 6 ingressi digitali per ogni slot.

La word 1 inizia dall'ingresso 1 dello slot A (bit0) e finisce all'ingresso 4 dello slot C (bit15).

Word a 16 bit nella quale ciascun bit rappresenta lo stato di un ingresso digitale.

Vengono letti 6 ingressi digitali per ogni slot.

La word 1 inizia dall'ingresso 5 dello slot C

(bit0) e finisce all'ingresso 6 dello slot E (bit13).

Valore di monitoraggio corrente motore con numero di decimali fisso e minor tempo di filtraggio. Può essere utilizzato, ad esempio, per il bus di campo in modo che si ottenga sempre il valore corretto indipendentemente dalla taglia oppure per scopi di monitoraggio quando serve un minor tempo di filtro per la corrente del motore.

Mostra il valore momentaneo dell'origine del riferimento di frequenza.

0 = PC

1 = Frequenze preimpostate

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = Controllore PID

8 = Motopotenziometro

10 = Flush

100 = Non definito

101 = Allarme,Frequenze preimpostate

102 = Pulizia automatica

Il codice dell'ultimo guasto attivo non resettato.

L'ID dell'ultimo guasto attivo non resettato.

Il codice dell'ultimo allarme attivo non resettato.

L'ID dell'ultimo allarme attivo non resettato.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio

Tabella 6. Monitoraggio valori avanzati

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.6.13

Stato del regolatore motore

1 77

Descrizione

B0 = Limite corrente (motore)

B1 = Limite corrente (generatore)

B2 = Limite coppia (motore)

B3 = Limite coppia (generatore)

B4 = Ctrl sovratensione

B5 = Ctrl sottotensione

B6 = Limite potenza (motore)

B7 = Limite potenza (generatore) vacon • 78

3.1.7

Monitoraggio delle funzioni timer

È possibile monitorare i valori dei timer e dell'orologio in tempo reale.

Tabella 7. Monitoraggio delle funzioni timer

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.7.1

TC 1, TC 2, TC 3

V2.7.2

V2.7.3

V2.7.4

V2.7.5

Intervallo 1

Intervallo 2

Intervallo 3

Intervallo 4

V2.7.6

V2.7.7

V2.7.8

V2.7.9

Intervallo 5

Timer 1

Timer 2

Timer 3

V2.7.10

Orologio in tempo reale s s s

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1441

1442

1443

1444

1445

1446

1447

1448

1449

1450

Descrizione

È possibile monitorare lo stato dei tre canali temporali (Time Channel)

Stato dell'intervallo del timer

Stato dell'intervallo del timer

Stato dell'intervallo del timer

Stato dell'intervallo del timer

Stato dell'intervallo del timer

Tempo rimanente sul timer, se attivo

Tempo rimanente sul timer, se attivo

Tempo rimanente sul timer, se attivo hh:mm:ss

3.1.8

Monitoraggio del controller PID

Tabella 8. Monitoraggio valore del controller PID

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala

V2.8.1

Valore impostato PID1

V2.8.2

V2.8.3

V2.8.4

V2.8.5

Feedback PID1

Feedback PID

(Origine 1)

Feedback PID

(Origine 2)

Valore errore PID 1

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

In base a

P3.13.1.7

In base a

P3.13.1.7

In base a

P3.13.1.7

In base a

P3.13.1.7

In base a

P3.13.1.7

ID

20

21

15541

15542

22

Descrizione

Valore impostato controller PID nelle unità di processo. L'unità di processo è selezionata con un parametro.

Valore di feedback controller PID nelle unità di processo. L'unità di processo

è selezionata con un parametro.

Valore di monitoraggio per segnale di feedback PID dall'origine di feedback 1. Riportato nelle unità di processo selezionate.

Valore di monitoraggio per segnale di feedback PID dall'origine di feedback 2. Riportato nelle unità di processo selezionate.

Valore errore controller PID. Deviazione feedback da valore impostato nelle unità di processo. L'unità di processo

è selezionata con un parametro.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

vacon • 79 Menu monitoraggio

Tabella 8. Monitoraggio valore del controller PID

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.8.6

Uscita controller PID1

V2.8.7

Stato PID1

% 0,01

1

23

24

Descrizione

Uscita controller PID in percentuale

(0..100%). Questo valore può essere specificato ad esempio per Controllo motore

(Riferimento frequenza) o Uscita analogica.

0 = Arrestato

1 = In marcia

3 = Standby

4 = In banda morta (vedere capitolo 4.13.1)

3.1.9

Monitoraggio del controller PID esterno

Tabella 9. Monitoraggio valore del controller PID esterno

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.9.1

V2.9.2

Valore impostato

PIDEst

Feedback PIDEst

V2.9.3

Valore errore PIDEst

V2.9.4

V2.9.5

Uscita PIDEst

Stato PIDEst

Varie

Varie

Varie

%

In base a

P3.14.1.10

In base a

P3.14.1.10

In base a

P3.14.1.10

0,01

1

83

84

85

86

87

Descrizione

Valore impostato controller PID esterno nelle unità di processo. L'unità di processo

è selezionata con un parametro.

Valore di feedback controller PID esterno nelle unità di processo. L'unità di processo

è selezionata con un parametro.

Valore errore controller PID esterno.

Deviazione feedback da valore impostato nelle unità di processo. L'unità di processo

è selezionata con un parametro.

Uscita controller PID esterno in percentuale

(0..100%). Questo valore può essere specificato ad esempio per Uscita analogica.

0 = Arrestato

1 = In marcia

2 = In banda morta (vedere capitolo 4.13.1)

3

3.1.10

Monitoraggio multi-pompa

NOTA! Ore di marcia della pompa

'Tempo di marcia pompa 2'...'Tempo di marcia pompa 8' vengono utilizzati solo nel modo Multipompa (inverter singolo).

Se si utilizza il modo Multimaster o Multifollower, il valore del contatore delle ore di marcia pompa viene letto da “Tempo di marcia pompa (1)”. Il tempo di marcia di ogni pompa deve essere letto individualmente da ogni inverter.

Indice

V2.10.1

V2.10.2

V2.10.3

Tabella 10. Monitoraggio multi-pompa

Valore di monitoraggio Unità Scala

Motori in marcia

Rotazione ausiliari

Rotazione ausiliari successiva h

1

1

0,1

ID

30

1113

1503

Descrizione

Il numero di motori in marcia nel momento in cui viene utilizzata la funzione Multi-pompa.

Informa l'utente se è stata richiesta la rotazione ausiliari.

0 = Ness. richiesta

1 = Richiesto

Tempo rimanente prima della rotazione ausiliari successiva. Riportato con risoluzione 0,1 h.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio vacon • 80

Indice

V2.10.4

V2.10.5

V2.10.6

V2.10.7

V2.10.8

V2.10.9

V2.10.10

V2.10.11

V2.10.12

V2.10.13

V2.10.14

Tabella 10. Monitoraggio multi-pompa

Valore di monitoraggio Unità Scala

Mod. operativa

Stato multi-pompa

Stato comunicazione

Tempo di marcia pompa (1)

Tempo di marcia pompa (2)

Tempo di marcia pompa (3)

Tempo di marcia pompa (4)

Tempo di marcia pompa (5)

Tempo di marcia pompa (6)

Tempo di marcia pompa (7)

Tempo di marcia pompa (8) h h h h h h h h

1

1

1

0,1

0,1

0,1

0,1

0,1

0,1

0,1

0,1

ID

1505

1628

1629

1620

1621

1622

1623

1624

1625

1626

1627

Descrizione

Modalità operativa dell'inverter nel sistema multi-pompa (inverter multiplo).

0 = Slave (funzionante come pompa ausiliaria)

1 = Master (funzionante come master del sistema multi-pompa)

2 = Non definito

0 = Non in uso

10 = Arrestato

20 = Standby

30 = Antibloccaggio

40 = Pulizia automatica

50 = Flush

60 = Riempimento graduale

70 = Regolazione

80 = Segue

90 = Produzione costante

200 = Sconosciuto

0 = Non in uso (funzione multi-pompa (inverter multiplo) non utilizzata)

10 = Si sono verificati errori di comunicazione gravi (o nessuna comunicazione presente)

11 = Si sono verificati errori (invio dati)

12 = Si sono verificati errori (ricezione dati)

20 = Comunicazione funzionante, non si

è verificato alcun errore

30 = Stato sconosciuto

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 1.

Modo inverter multiplo: Ore di funzionamento dell'inverter (questa pompa)

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 2.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 3.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 4.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 5.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 6.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 7.

Modo inverter multiplo: Non in uso

Modo inverter singolo: Ore di funzionamento pompa 8.

Modo inverter multiplo: Non in uso

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

3 vacon • 81 Menu monitoraggio

3.1.11

Contatori di manutenzione

Tabella 11. Monitoraggio contatori manutenzione

Indice Valore di monitoraggio Unità Scala ID

V2.11.1

Contatore manutenzione1 h/kRev Varie 1101

Descrizione

Stato del contatore di manutenzione in giri moltiplicati per 1000 o in ore.

Per la configurazione e l'attivazione di questo

contatore, vedere il capitolo 4.16.

3.1.12

Monitoraggio dati bus di campo

Tabella 12. Monitoraggio dati bus di campo

Indice

Valore di monitoraggio

Unità Scala ID Descrizione

V2.12.1

Control Word FB

V2.12.2

V2.12.12

Riferimento velocità FB

V2.12.3

Ingresso dati FB 1

V2.12.4

Ingresso dati FB 2

V2.12.5

Ingresso dati FB 3

V2.12.6

Ingresso dati FB 4

V2.12.7

Ingresso dati FB 5

V2.12.8

Ingresso dati FB 6

V2.12.9

Ingresso dati FB 7

V2.12.10

Ingresso dati FB 8

V2.12.11

Status Word FB

Velocità effettiva FB

V2.12.13

Uscita dati FB 1

V2.12.14

Uscita dati FB 2

1

Varie

1

1

1

1

1

1

1

1

1

0,01

1

1

874

875

876

877

878

879

880

881

882

883

864

865

866

867

La control word del bus di campo utilizzata dall'applicazione quando si trova in modalità/ formato bypass. A seconda del tipo di bus di campo o profilo, i dati possono essere modificati prima di essere inviati all'applicazione.

Riferimento di velocità scalato tra una frequenza minima e massima al momento della ricezione dall'applicazione. Le frequenze minime e massime possono essere modificate dopo aver ricevuto il riferimento senza che quest'ultimo ne risulti alterato.

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

La status word del bus di campo inviata dall'applicazione quando si trova in modalità/ formato bypass. A seconda del tipo di bus di campo o profilo, i dati possono essere modificati prima di essere inviati al bus di campo.

Velocità effettiva espressa in %. 0 e 100% corrispondono rispettivamente alle frequenze minima e massima. Questo valore viene continuamente aggiornato a seconda dei valori momentanei delle frequenze minima e massima e della frequenza in uscita.

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu monitoraggio vacon • 82

Indice

Valore di monitoraggio

V2.12.15

Uscita dati FB 3

V2.12.16

Uscita dati FB 4

V2.12.17

Uscita dati FB 5

V2.12.18

Uscita dati FB 6

V2.12.19

Uscita dati FB 7

V2.12.20

Uscita dati FB 8

Tabella 12. Monitoraggio dati bus di campo

Unità Scala

1

1

1

1

1

1

ID

868

869

870

871

872

873

Descrizione

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

Valore grezzo dei dati di processo in formato a 32 bit con segno

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

3

vacon • 83 Menu parametri

4.

M

ENU PARAMETRI

4.1

Gruppo 3.1: impostazioni motore

4.1.1

Indice

P3.1.1.1

P3.1.1.2

P3.1.1.3

P3.1.1.4

P3.1.1.5

P3.1.1.6

Parametri Targhetta motore

Tabella 13. Parametri Targhetta motore

Parametro

Tensione nominale del motore

Frequenza nominale motore

Velocità nominale motore

Corrente nominale del motore

Cosfi motore

Potenza nominale motore

Min

Varie

8,00

24

Max

Varie

320,00

19200

I

H

* 0,1 I

H

* 0,1

0,30

Varie

1,00

Varie

Unità

Predefinito

ID Descrizione

V giri/ min.

A kW

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

110

Hz 50,0/60,0 111

112

113

120

116

Questo valore Un è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Si noti anche il collegamento utilizzato (Delta/Star).

Questo valore fn è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore nn è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore In è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

Questo valore In è riportato sulla targhetta con i dati caratteristici del motore.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 84

4.1.2

Indice

P3.1.2.2

P3.1.2.3

P3.1.2.4

Frequenza di commutazione

P3.1.2.5

Corrente magnetizz.

P3.1.2.6

P3.1.2.10

Ctrl sovratensione

P3.1.2.11

Impostazioni controllo motore

Tabella 14. Impostazioni controllo motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Tipo motore

Identificazione

Interruttore motore

Ctrl sottotensione

0

1,5

0

0,0

0

0

0

1

Varie

2

2*IH

1

1

1 kHz

A

0

Varie

0

0,0

0

1

1

Descrizione

650

601

631

612

653

607

608

0 = Motore a induzione

1 = Motore PM

Aumentando la frequenza di commutazione, si riduce la capacità dell'inverter CA.

Si consiglia di utilizzare una frequenza inferiore quando il cavo del motore è molto lungo, in modo da ridurre al minimo le correnti capacitive nel cavo. Il livello di rumorosità del motore può anche essere ridotto al minimo utilizzando un'elevata frequenza di commutazione.

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

0 = Nessuna azione

1 = In arresto

2 = Con rotazione

NOTA! I parametri targhetta motore nel menu M3.1.1

Targhetta motore devono essere impostati prima di eseguire l'identificazione.

Corrente di magnetizzazione del motore (corrente a vuoto). I valori dei parametri V/f vengono identificati in base alla corrente di magnetizzazione se assegnati prima dell’identificazione. Se questo valore è impostato su zero, la corrente di magnetizzazione verrà calcolata nternamente.

Abilitando questa funzione, si impedisce l'impatto negativo sull'inverter quando l'interruttore del motore viene chiuso e aperto, ad esempio quando si utilizza l'aggancio in velocità.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 85 Menu parametri

Indice Parametro

Tabella 14. Impostazioni controllo motore

Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.1.2.12

Ottimizzaz. energia

P3.1.2.13

Regolazione tensione statore

0

50,0

1

150,0 %

0

100,0

Descrizione

666

659

L'inverter ricerca la corrente minima del motore per risparmiare energia e ridurre la rumorosità del motore. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per applicazioni quali ventilatori e pompe, ma non

è adatta per processi rapidi controllati da PID.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Parametro di regolazione della tensione dello statore in motori a magneti permanenti.

4.1.3

Indice

Impostazioni limiti motore

Tabella 15. Impostazioni limiti motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.1.3.1 Limite corrente motore

I

H

*0,1

P3.1.3.2

Limite coppia motore 0,0

I

S

300,0

A

%

Varie

300,0

Descrizione

107

1287

Corrente massima del motore dall’inverter CA

Limite massimo coppia motore

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 86

4.1.4

Indice

P3.1.4.1

P3.1.4.3

Tensione al punto di indebolimento campo

P3.1.4.4

P3.1.4.5

P3.1.4.6

P3.1.4.7

P3.1.4.8

P3.1.4.9

M3.1.4.12

Impostazioni anello aperto

Tabella 16. Impostazioni anello aperto

Parametro

Rapporto V/f

P3.1.4.2

Frequenza punto di indebolimento campo

Frequenza intermedia V/f

Tensione intermedia V/f

Tensione frequenza zero

Opzioni aggancio in velocità

Corrente scansione aggancio in velocità

Boost avvio

Marcia I/f

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

0

8,00

10,00

0,00

0,0

0,00

0

0,0

2

P3.3.1.2

200,00

P3.1.4.2

100,0

40,00

51

100,0

Hz

%

Hz

%

%

%

0

Varie

100,00

Varie

100,0

Varie

0

45,0

108

602

603

604

605

606

1590

1610

Tipo di curva U/f tra frequenza zero e punto di indebolimento campo.

0 = Lineare

1 = Quadratico

2 = Programmabile

Il punto di indebolimento campo corrisponde alla frequenza di uscita a cui la tensione di uscita raggiunge la tensione del punto di indebolimento campo.

Tensione al punto di indebolimento campo come % della tensione nominale del motore

Se è stata selezionata la curva V/f programmabile

(par. P3.1.4.1), questo parametro definisce la frequenza intermedia della curva.

Se è stata selezionata la curva V/f programmabile

(par. P3.1.4.1), questo parametro definisce la tensione intermedia della curva.

Questo parametro definisce la tensione di frequenza zero della curva V/f. Il valore predefinito varia in base alla taglia dell’unità.

Selezione casella di controllo:

B0 = Ricerca la frequenza di rotazione solo nella stessa direzione del riferimento di frequenza.

B1 = Disabilita scansione CA

B4 = Usa riferimento di frequenza per stima iniziale

B5 = Disabilita impulsi CC

Definita come percentuale della corrente nominale del motore.

0 1 0 109

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

In questo menu sono presenti tre parametri. Vedere la tabella seguente.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 87 Menu parametri

Indice

P3.1.4.12.1

P3.1.4.12.2

Parametro

Marcia I/f

Frequenza

Marcia I/f

P3.1.4.12.3

Corrente Marcia I/f

Tabella 17. Parametri Marcia I/f

Min Max Unità

Predefinito

ID

0

0,0

0,0

1

P3.1.1.2

100,0

Hz

%

0

10,0

80,0

Descrizione

534

535

536

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Limite frequenza di uscita al di sotto del quale il motore riceve la corrente marcia I/f definita.

La corrente che il motore riceve quando è attivata la funzione Marcia I/f.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 88

4.2

Gruppo 3.2: configurazione Marcia/Arresto

Tabella 18. Menu Configurazione Marcia/Arresto

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.2.1

P3.2.2

P3.2.3

P3.2.4

P3.2.5

P3.2.6

Postazione controllo remoto

Locale/remoto

Tasto di arresto sul pannello

Funzione marcia

Funzione arresto

I/O A - selezione logica marcia/arresto

0

0

0

0

0

0

1

1

1

1

1

4

0 *

0 *

0

0

0

1*

172

211

114

505

506

300

Selezione della postazione di controllo remoto (marcia/ arresto). Può essere utilizzato per il controllo remoto da Vacon Live, ad esempio, in caso di guasto del pannello.

0 = Controllo I/O

1 = Controllo bus di campo

Passaggio dalla postazione di controllo remoto alla postazione di controllo locale

(pannello) e viceversa.

0 = Remoto

1 = Locale

0 = Pulsante Arresto sempre abilitato (Sì)

1 = Funzionalità limitata del tasto Arresto (No)

0 = Rampa

1 = Aggancio in velocità

0 = Inerzia

1 = Rampa

Logica = 0:

Sgn ctrl 1 = Avanti

Sgn ctrl 2 = Indietro

Logica = 1:

Sgn ctrl 1 = Avanti (fronte)

Sgn ctrl 2 = Arresto invertito

Sgn ctrl 3 = Indietro (fronte)

Logica = 2:

Sgn ctrl 1 = Avanti (fronte)

Sgn ctrl 2 = Indietro (fronte)

Logica = 3:

Sgn ctrl 1 = Marcia

Sgn ctrl 2 = Indietro

Logica = 4:

Sgn ctrl 1 = Marcia (fronte)

Sgn ctrl 2 = Indietro

P3.2.7

P3.2.8

P3.2.9

I/O B - selezione logica marcia/arresto

Logica marcia bus di campo

Ritardo marcia

P3.2.10

Funzione da Remoto a

Locale

0

0

0,00

0

4

1

60,00

2 s

1 *

0

0,00

2

363 Vedere sopra.

889

524

181

0 = Richiesto fronte di salita

1 = Stato

Il ritardo tra il comando di marcia e l'effettivo avvio dell'inverter può essere definito con questo parametro.

Scegliere se copiare lo stato

Marcia e Riferimento quando si passa dal controllo Remoto a Locale (pannello):

0 = Mantieni Marcia

1 = Mantieni Marcia e Riferimento

2 = Arresto

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro P1.2

Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 89 Menu parametri

4.3

Gruppo 3.3: riferimenti

4.3.1

Indice

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.3

Riferimento frequenza minima

Riferimento frequenza massima

Limite riferimento frequenza positiva

0,00

P3.3.1.1

320,00

-320,0

P3.3.1.2

320,0

P3.3.1.4

P3.3.1.5

Parametri Riferimento di frequenza

Tabella 19. Parametri Riferimento di frequenza

Parametro

Limite riferimento frequenza negativa

Selezione A per riferimento controllo I/O

P3.3.1.6

Selezione Riferimento controllo I/O B

Min

-320,0

0

0

Max

320,0

20

20

Unità

Hz

Hz

Hz

Hz

Predefinito

ID Descrizione

0,00

50,00/

60,00

101

102

320,00 1285

-320,00 1286

6*

4 *

117

131

Riferimento frequenza minima consentita

Riferimento frequenza massima consentita

Limite riferimento frequenza finale per la direzione positiva

Limite riferimento frequenza finale per la direzione negativa.

NOTA!

Questo parametro può essere utilizzato, ad esempio, per impedire al motore di andare a marcia indietro.

Selezione origine riferimento quando la postazione di controllo è I/O A

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

Selezione origine riferimento quando la postazione di controllo è I/O B. Vedere sopra.

NOTA! La postazione di controllo I/O B può essere forzatamente attivata solo con

l'ingresso digitale (P3.5.1.7).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 90

Indice

P3.3.1.7

P3.3.1.8

Riferimento pannello

P3.3.1.9

Tabella 19. Parametri Riferimento di frequenza

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Selezione riferimento

Ctrl su pannello

Direzione (sul pannello)

P3.3.1.10

Selezione riferimento controllo bus di campo

0

0,00

0

0

20

P3.3.1.2

1

20

Hz

1 *

0,00

0

2 *

Descrizione

121

184

123

122

Selezione origine riferimento quando la postazione di controllo è il pannello:

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

Il riferimento di frequenza può essere regolato sul pannello utilizzando questo parametro.

Rotazione motore quando la postazione di controllo

è il pannello

0 = Avanti

1 = Indietro

Selezione origine riferimento quando la postazione di controllo è il bus di campo:

0 = PC

1 = Velocità prefissata 0

2 = Riferimento pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID

8 = Motopotenziometro

11 = Uscita Blocco 1

12 = Uscita Blocco 2

13 = Uscita Blocco 3

14 = Uscita Blocco 4

15 = Uscita Blocco 5

16 = Uscita Blocco 6

17 = Uscita Blocco 7

18 = Uscita Blocco 8

19 = Uscita Blocco 9

20 = Uscita Blocco 10

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 91 Menu parametri

4.3.2

Frequenze prefissate

Tabella 20. Parametri velocità prefissate

Indice

P3.3.3.1

P3.3.3.2

P3.3.3.3

P3.3.3.4

P3.3.3.5

P3.3.3.6

P3.3.3.7

P3.3.3.8

P3.3.3.9

P3.3.3.10

P3.3.3.11

P3.3.3.12

Parametro

Modo velocità prefissata

Vel. prefissata 0

Vel. prefissata 1

Vel. prefissata 2

Vel. prefissata 3

Vel. prefissata 4

Vel. prefissata 5

Vel. prefissata 6

Vel. prefissata 7

Selezione velocità prefissata 0

Selezione velocità prefissata 1

Selezione velocità prefissata 2

Min

0

Max

1

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

P3.3.1.1

P3.3.1.2

Unità

Predefinito

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

ID Descrizione

0 *

5,00

25,00

30,00

40,00

50,00

DigIN

SlotA.4

DigIN

SlotA.5

DigIN

Slot0,1

182

180

10,00 * 105

15,00 * 106

20,00 * 126

127

128

129

130

419

420

421

0 = Codifica binaria

1 = Numero di ingressi. La velocità prefissata è selezionata in base al numero di ingressi digitali attivi.

Velocità prefissata base 0 se selezionata tramite il parametro Riferimento controllo (P3.3.1.5).

Selezionare con l'ingresso digitale:

Selezione velocità prefissata 0

(P3.3.3.10)

Selezionare con l'ingresso digitale:

Selezione velocità prefissata 1

(P3.3.3.11)

Selezionare con gli ingressi digitali: Selezione velocità prefissata 0 & 1

Selezionare con l'ingresso digitale:

Selezione velocità prefissata 2

(P3.3.3.12)

Selezionare con gli ingressi digitali: Selezione velocità prefissata 0 & 2

Selezionare con gli ingressi digitali: Selezione velocità prefissata 1 & 2

Selezionare con gli ingressi digitali: Selezione velocità prefissata 0 & 1 & 2

Selettore binario per le velocità prefissate (0-7). Vedere parametri da P3.3.3.2 a P3.3.3.9.

Selettore binario per le velocità prefissate (0-7). Vedere parametri da P3.3.3.2 a P3.3.3.9.

Selettore binario per le velocità prefissate (0-7). Vedere parametri da P3.3.3.2 a P3.3.3.9.

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 92

4.3.3

Indice

P3.3.4.1

P3.3.4.2

P3.3.4.3

P3.3.4.4

Parametri Motopotenziometro

Tabella 21. Parametri Motopotenziometro

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

MotPot aum.

MotPot dim.

Tempo rampa motopotenziometro

Reset del motopotenziometro

0,1

0

500,0

2

Hz/s

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

10,0

1

Descrizione

418

417

331

367

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo (la frequenza di riferimento del motopotenziometro AUMENTA fino a quando il contatto non viene aperto)

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo (la frequenza di riferimento del motopotenziometro DIMINUISCE fino a quando il contatto non viene aperto)

Velocità di variazione della frequenza di riferimento del motopotenziometro, se aumentata o diminuita mediante i parametri

P3.3.4.1 o P3.3.4.2.

Logica di reset della frequenza di riferimento del motopotenziometro.

0 = Nessun reset

1 = Reset in caso di arresto

2 = Reset in caso di spegnimento

4.3.4

Parametri di flush

Tabella 22. Parametri di flush

Indice

P3.3.6.1

P3.3.6.2

Parametro

Attivazione riferimento flush

Min Max

Riferimento di flush -RifMax RifMax

Unità

Hz

Predefinito

ID Descrizione

DigIN

Slot0,1 *

530

0,00 * 1239

Collegare a ingresso digitale per attivare par. P3.3.6.2.

NOTA! L'inverter si avvia se l'ingresso è attivato.

Definisce il riferimento frequenza quando è attivato il riferimento di flush (P3.3.6.1).

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 93 Menu parametri

4.4

4.4.1

Indice

P3.4.1.1

P3.4.1.2

P3.4.1.3

Gruppo 3.4: impostazione rampe e freni

Impostazione rampa 1

Tabella 23. Impostazione rampa 1

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Forma rampa 1

Tempo di accelerazione 1

Tempo di decelerazione 1

0,0

0,1

0,1

100,0

3000,0

3000,0

% s s

0,0

5,0

5,0

Descrizione

500

103

104

Le rampe di accelerazione/ decelerazione di marcia/arresto possono essere controllate con questo parametro.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero.

4.4.2

Indice

P3.4.2.1

P3.4.2.2

P3.4.2.3

P3.4.2.4

Selezione Rampa 2

P3.4.2.5

Impostazione rampa 2

Tabella 24. Impostazione rampa 2

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Forma rampa 2

Tempo di accelerazione 2

Tempo di decelerazione 2

Soglia velocità rampa 2

0,0

0,1

0,1

Varie

0,0

100,0

300,0

300,0

Varie

P3.3.1.2

% s s

Hz

0,0

10,0

10,0

DigIN

Slot0,1

0,0

Descrizione

501

502

503

408

533

Le rampe di accelerazione/ decelerazione di marcia/arresto possono essere controllate con questo parametro.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare da zero alla frequenza massima.

Definisce il tempo necessario alla frequenza di uscita per passare dalla frequenza massima a zero

Utilizzato per passare dalla rampa 1 alla rampa 2 e viceversa.

FALSE = Forma rampa 1, tempo di accelerazione 1 e tempo di decelerazione 1.

TRUE = Forma rampa 2, tempo di accelerazione 2 e tempo di decelerazione 2.

Definisce la frequenza al di sopra della quale vengono utilizzati i tempi e le forme della seconda rampa.

0 = Non usato

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 94

4.4.3

Indice

P3.4.3.1

P3.4.3.2

Parametri Avvia magnetizzazione

Tabella 25. Parametri Avvia magnetizzazione

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Corrente di magnetizzazione marcia

Tempo di magnetizzazione marcia

0,00

0,00

IL

600,00

A s

IH

0,00

Descrizione

517

516

Definisce la corrente CC che il motore riceve all'avvio.

Disabilitato se impostato su 0.

Questo parametro definisce per quanto tempo il motore deve ricevere la corrente CC prima che abbia inizio l’accelerazione.

4.4.4

Indice

P3.4.4.1

Corrente di frenatura in CC

P3.4.4.2

Parametri Freno CC

Tabella 26. Parametri Freno CC

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Tempo di frenatura in CC all'arresto

P3.4.4.3

Frequenza per l'avvio della frenatura in CC in fase di arresto rampa

0

0,00

0,10

IL

600,00

10,00

A s

Hz

IH

0,00

1,50

Descrizione

507

508

515

Definisce la corrente diretta al motore in fase di frenatura in CC.

0 = Disabilitato

Stabilisce se la frenatura è

ON oppure OFF e determina il tempo di frenatura in CC quando il motore è in fase di arresto.

La frequenza di uscita alla quale entra in azione la frenatura CC.

4.4.5

Indice

P3.4.5.1

P3.4.5.2

Parametri Frenatura a flusso

Tabella 27. Parametri Frenatura a flusso

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Frenatura a flusso

Corrente frenatura a flusso

0

0

1

IL A

0

IH

Descrizione

520

519

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Definisce la corrente per la frenatura a flusso.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 95 Menu parametri

4.5

Gruppo 3.5: configurazione I/O

4.5.1

Impostazioni ingressi digitali

Tabella 28. Impostazioni ingressi digitali

Indice Parametro Predefinito ID Descrizione

P3.5.1.1

P3.5.1.2

P3.5.1.3

P3.5.1.4

P3.5.1.5

P3.5.1.6

P3.5.1.7

P3.5.1.8

P3.5.1.15

P3.5.1.16

Segnale controllo 1 A

Segnale controllo 2 A

Segnale controllo 3 A

Segnale controllo 1 B

Segnale controllo 2 B

Segnale controllo 3 B

Forza controllo I/O B

Forza riferimento I/O B

Abilitazione marcia

Interblocco rotazione ausiliari marcia 1

DigIN

SlotA.1*

DigIN

SlotA.2*

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1*

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1*

DigIN Slot0,1*

DigIN Slot0,2

DigIN Slot0,2

403

404

434

423

424

435

425

343

407

1041

Segnale controllo 1 quando la postazione di controllo è I/O A (FWD /avanti)

Segnale controllo 2 quando la postazione di controllo è I/O A (REV /indietro)

Segnale controllo 3 quando la postazione di controllo è I/O A

Segnale marcia 1 quando la postazione di controllo è I/O B

Segnale marcia 2 quando la postazione di controllo è I/O B

Segnale marcia 3 quando la postazione di controllo è I/O B

CLOSED = Forza la postazione di controllo su I/O B

CLOSED = Il riferimento di frequenza utilizzato

è specificato dal parametro Riferimento I/O B

(P3.3.1.6).

P3.5.1.9

Forza controllo bus di campo

DigIN Slot0,1* 411 Forza controllo a bus di campo

P3.5.1.10

Forza controllo pannello DigIN Slot0,1* 410 Forza controllo a pannello

P3.5.1.11

Chiusura guasto esterno

DigIN

SlotA.3*

405

OPEN = OK

CLOSED = Guasto esterno

P3.5.1.12

Apertura guasto esterno DigIN Slot0,2 406

OPEN = Guasto esterno

CLOSED = OK

P3.5.1.13

P3.5.1.14

Chiusura reset guasto

Apertura reset guasto

DigIN

SlotA.6*

414

Resetta tutti i guasti attivi se impostato su

CLOSED

DigIN Slot0,1 213 Resetta tutti i guasti attivi se impostato su OPEN

Deve essere attivo per impostare l'inverter su Pronto

L'inverter potrebbe essere pronto per la marcia, ma la marcia è bloccata fino a che

è attivo il parametro di rotazione ausiliari.

P3.5.1.17

Interblocco rotazione ausiliari marcia 2

DigIN Slot0,2 1042 Come sopra.

P3.5.1.18

P3.5.1.19

P3.5.1.20

Preriscaldamento motore attivo

Selezione Rampa 2

Acc/dec proibita

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

1044

408

415

OPEN = Nessuna azione

CLOSED = Utilizza la corrente CC per il preriscaldamento motore nello stato di arresto Utilizzato quando il parametro P3.18.1

è impostato su 2.

Utilizzato per passare dalla rampa 1 alla rampa 2 e viceversa.

OPEN = Forma rampa 1, tempo di accelerazione 1 e tempo di decelerazione 1

CLOSED = Forma rampa 2, tempo di accelerazione 2 e tempo di decelerazione 2

Nessuna accelerazione o decelerazione possibile finché il contatto è aperto.

P3.5.1.21

Selezione velocità prefissata 0

DigIN

SlotA.4*

419 Selettore binario per le velocità prefissate (0-7).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 96

Tabella 28. Impostazioni ingressi digitali

Indice Parametro Predefinito ID Descrizione

P3.5.1.22

P3.5.1.23

Selezione velocità prefissata 1

Selezione velocità prefissata 2

DigIN

SlotA.5*

DigIN Slot0,1*

420

421

Selettore binario per le velocità prefissate (0-7).

Selettore binario per le velocità prefissate (0-7).

P3.5.1.24

P3.5.1.25

P3.5.1.33

P3.5.1.34

MotPot aum.

MotPot dim.

Selezione valore impostato (SP) PID

Esterno

Ripristino contatore manutenzione 1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

418

417

1048

490

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo (la frequenza di riferimento del motopotenziometro AUMENTA fino a quando il contatto non viene aperto)

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo (la frequenza di riferimento del motopotenziometro DIMINUISCE fino a quando il contatto non viene aperto)

P3.5.1.26

P3.5.1.27

P3.5.1.28

Attivazione arresto rapido

Timer 1

Timer 2

DigIN Slot0,2 1213

OPEN = Attivato

Vedere gruppo parametri Arresto rapido per configurare queste funzioni.

DigIN Slot0,1 447

Fronte di salita avvia Timer 1 programmato nel

gruppo di parametri Gruppo 3.12: funzioni timer

DigIN Slot0,1 448 Vedere sopra

P3.5.1.29

P3.5.1.30

P3.5.1.31

P3.5.1.32

Timer 3

Boost valore impostato

PID1

Selezione valore impostato (SP) PID1

Segnale Marcia

PID Esterno

DigIN Slot0,1 449 Vedere sopra

DigIN Slot0,1 1046

OPEN = Nessun boost

CLOSED = Boost

DigIN Slot0,1* 1047

DigIN Slot0,2 1049

OPEN = Valore impostato 1

CLOSED = Valore impostato 2

OPEN = PID2 in modalità arresto

CLOSED = PID2 regolante

Questo parametro non avrà alcun effetto se il

PID esterno non è abilitato in 4.14 Gruppo 3.14: controller PID esterno.

OPEN = Valore impostato 1

CLOSED = Valore impostato 2

CLOSED = Reset

P3.5.1.36

P3.5.1.38

P3.5.1.39

P3.5.1.40

P3.5.1.41

Attivazione riferimento flush

Apertura attivazione

FireMode

Chiusura attivazione

FireMode

Marcia indietro FireMode

Attivazione pulizia automatica

DigIN Slot0,1*

DigIN Slot0,2

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

DigIN Slot0,1

530

1596

1619

1618

1715

Collegare a ingresso digitale per attivare par.

P3.3.6.2. NOTA! L'inverter si avvia se l'ingresso

è attivato.

Attiva Fire Mode se abilitato mediante password corretta.

OPEN = Fire Mode attivo

CLOSED = Nessuna azione

Attiva Fire Mode se abilitato mediante password corretta.

OPEN = Nessuna azione

CLOSED = Fire Mode attivo

Comando di inversione del senso di rotazione in Fire Mode. Questa funzione non ha alcun effetto durante il normale funzionamento.

0PEN = Avanti

CLOSED = Indietro

Avvia la sequenza di pulizia automatica.

La sequenza verrà terminata se il segnale di attivazione viene rimosso prima del completamento della sequenza.

NOTA! L'inverter si avvia se l'ingresso è attivato.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 97 Menu parametri

Indice

P3.5.1.42

P3.5.1.43

P3.5.1.44

P3.5.1.45

P3.5.1.46

P3.5.1.47

P3.5.1.48

P3.5.1.49

P3.5.1.52

Tabella 28. Impostazioni ingressi digitali

Parametro

Interblocco pompa 1

Interblocco pompa 2

Interblocco pompa 3

Interblocco pompa 4

Interblocco pompa 5

Interblocco pompa 6

Interblocco pompa 7

Interblocco pompa 8

Reset contatore parziale kWh

Predefinito ID

DigIN Slot0,1* 426

DigIN Slot0,1* 427

DigIN Slot0,1* 428

DigIN Slot0,1 429

DigIN Slot0,1 430

DigIN Slot0,1 486

DigIN Slot0,1 487

DigIN Slot0,1 488

Descrizione

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

OPEN = Non attivo

CLOSED = Attivo

DigIN Slot0,1 1053 Ripristina il contatore parziale kWh

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

4.5.2

Ingressi analogici

NOTA! Il numero di ingressi analogici utilizzabili dipende dall'impostazione della propria scheda

(opzionale). La scheda I/O standard include due ingressi analogici.

Ingresso analogico 1

Tabella 29. Impostazioni ingresso analogico 1

Indice Parametro

P3.5.2.1.1

Selezione segnale AI1

Min

P3.5.2.1.2

Tempo filtro segnale AI1 0,00

P3.5.2.1.3

Escurs. segn AI1

P3.5.2.1.4

Autocal. min AI1

P3.5.2.1.5

Autocal. max AI1

P3.5.2.1.6

Inversione segnale AI1

0

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0

Max

300,00

1

1

Unità

Predefinito

ID Descrizione

s

%

AnIN

SlotA.1

*

0,1 *

0 *

0 *

377

378

379

0,00 * 380

% 100,00* 381

387

Collegare il segnale AI1 all'ingresso analogico scelto utilizzando questo parametro.

Programmabile. Vedere il

capitolo 8.5.1.

Tempo filtro per ingresso analogico

0 = 0…10 V / 0…20 mA

1 = 2…10 V / 4…20 mA

Impostazione Autocalibrazione minima

20% = 4-20 mA/2-10 V

Impostazione Autocalibrazione massima

0 = Normale

1 = Segnale invertito

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 98

Ingresso analogico 2

Tabella 30. Impostazioni ingresso analogico 2

Indice Parametro

P3.5.2.2.1

Selezione segnale AI2

Min Max

P3.5.2.2.2

Tempo filtro segnale AI2

P3.5.2.2.3

Escurs. segn AI2

P3.5.2.2.4

Autocal. min AI2

P3.5.2.2.5

Autocal. max AI2

P3.5.2.2.6

Inversione segnale AI2

0,00

0

300,00

1

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0 1

Unità

Predefinito

s

%

%

ID Descrizione

AnIN

SlotA.2*

0,1 *

1 *

388 Vedere la P3.5.2.1.1.

389 Vedere la P3.5.2.1.2.

390 Vedere la P3.5.2.1.3.

0,00 * 391 Vedere la P3.5.2.1.4.

100,00* 392 Vedere la P3.5.2.1.5.

0 * 398 Vedere la P3.5.2.1.6.

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

Ingresso analogico 3

Tabella 31. Impostazioni ingresso analogico 3

Indice Parametro

P3.5.2.3.1

Selezione segnale AI3

Min Max

P3.5.2.3.2

Tempo filtro segnale AI3

P3.5.2.3.3

Escursione segnale AI3

P3.5.2.3.4

Autocal. min AI3

P3.5.2.3.5

Autocal. max AI3

P3.5.2.3.6

Inversione segnale AI3

0,00

0

300,00

1

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0 1

Unità

s

%

%

Predefinito

ID Descrizione

AnIN

SlotD.1

0,1

0

141 Vedere la P3.5.2.1.1.

142 Vedere la P3.5.2.1.2.

143 Vedere la P3.5.2.1.3.

0,00 144 Vedere la P3.5.2.1.4.

100,00 145 Vedere la P3.5.2.1.5.

0 151 Vedere la P3.5.2.1.6.

Ingresso analogico 4

Tabella 32. Impostazioni ingresso analogico 4

Indice Parametro

P3.5.2.4.1

Selezione segnale AI4

Min Max

P3.5.2.4.2

Tempo filtro segnale AI4

P3.5.2.4.3

Escursione segnale AI4

P3.5.2.4.4

Autocal. min AI4

P3.5.2.4.5

Autocal. max AI4

P3.5.2.4.6

Inversione segnale AI4

0,00 300,00

0 1

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0 1

Unità

s

%

%

Predefinito

ID Descrizione

AnIN

SlotD.2

0,1

152 Vedere la P3.5.2.1.1.

0

0,00

153 Vedere la P3.5.2.1.2.

154

155

Vedere la P3.5.2.1.3.

Vedere la P3.5.2.1.4.

100,00 156 Vedere la P3.5.2.1.5.

0 162 Vedere la P3.5.2.1.6.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 99 Menu parametri

Ingresso analogico 5

Tabella 33. Impostazioni ingresso analogico 5

Indice Parametro

P3.5.2.5.1

Selezione segnale AI5

Min Max

P3.5.2.5.2

Tempo filtro segnale AI5

P3.5.2.5.3

Escursione segnale AI5

P3.5.2.5.4

Autocal. min AI5

P3.5.2.5.5

Autocal. max AI5

P3.5.2.5.6

Inversione segnale AI5

0,00

0

300,00

1

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0 1

Unità

s

%

%

Predefinito

ID Descrizione

AnIN

SlotE.1

0,1

0

188 Vedere la P3.5.2.1.1.

189 Vedere la P3.5.2.1.2.

190 Vedere la P3.5.2.1.3.

0,00 191 Vedere la P3.5.2.1.4.

100,00 192 Vedere la P3.5.2.1.5.

0 198 Vedere la P3.5.2.1.6.

Ingresso analogico 6

Tabella 34. Impostazioni ingresso analogico 6

Indice Parametro Min Max

P3.5.2.6.1

Selezione segnale AI6

P3.5.2.6.2

Tempo filtro segnale AI6

P3.5.2.6.3

Escursione segnale AI6

P3.5.2.6.4

Autocal. min AI6

P3.5.2.6.5

Autocal. max AI6

P3.5.2.6.6

Inversione segnale AI6

0,00 300,00

0 1

-160,00 160,00

-160,00 160,00

0 1

Unità

s

%

%

Predefinito

ID Descrizione

AnIN

SlotE.2

0,1

199 Vedere la P3.5.2.1.1.

0

0,00

200 Vedere la P3.5.2.1.2.

201

202

Vedere la P3.5.2.1.3.

Vedere la P3.5.2.1.4.

100,00 203 Vedere la P3.5.2.1.5.

0 209 Vedere la P3.5.2.1.6.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 100

4.5.3

Uscite digitali, slot B (standard)

Tabella 35. Impostazioni uscite digitali su scheda I/O standard

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.5.3.2.1

Funzione RO1 base 0 56 2* 11001

Selezione funzione per RO1 base:

0 = Nessuna

1 = Pronto

2 = Marcia

3 = Guasto generale

4 = Guasto generale invertito

5 = Allarme generale

6 = Invertito

7 = Alla velocità

8 = Guasto termistore

9 = Regolatore motore attivo

10 = Segnale Marcia attivo

11 = Controllo da pannello attivo

12 = Controllo I/O B attivato

13 = Supervisione limite 1

14 = Supervisione limite 2

15 = Fire Mode attivo

16 = Flush attivato

17 = Velocità prefissata attiva

18 = Attivazione arresto rapido

19 = PID in modo Stand-by

20 = Soft Fill PID attivo

21 = Limiti supervisione PID

22 = Limiti supervisione PIDEst

23 = Allarme/guasto press. ingresso

24 = Allarme/guasto protez. congel.

25 = Canale temporale 1

26 = Canale temporale 2

27 = Canale temporale 3

28 = Control Word FB B13

29 = Control Word FB B14

30 = Control Word FB B15

31 = FB ProcessData1.B0

32 = FB ProcessData1.B1

33 = FB ProcessData1.B2

34 = Allarme manutenzione

35 = Guasto manutenzione

36 = Uscita Blocco 1

37 = Uscita Blocco 2

38 = Uscita Blocco 3

39 = Uscita Blocco 4

40 = Uscita Blocco 5

41 = Uscita Blocco 6

42 = Uscita Blocco 7

43 = Uscita Blocco 8

44 = Uscita Blocco 9

45 = Uscita Blocco 10

46 = Controllo pompa Jockey

47 = Controllo pompa adescante

48 = Pulizia automatica attiva

49 = Controllo K1 multi-pompa

50 = Controllo K2 multi-pompa

51 = Controllo K3 multi-pompa

52 = Controllo K4 multi-pompa

53 = Controllo K5 multi-pompa

54 = Controllo K6 multi-pompa

55 = Controllo K7 multi-pompa

56 = Controllo K8 multi-pompa

M3.5.3.2.2

M3.5.3.2.3

Ritardo funzione base

RO1 ON

Ritardo funzione base

RO1 OFF

M3.5.3.2.4

Funzione base RO2

M3.5.3.2.5

M3.5.3.2.6

Ritardo funzione base

RO2 ON

Ritardo funzione base

RO2 OFF

0,00

0,00

0

0,00

320,00

320,00

56

320,00 s s s

0,00 11002 Ritardo attivazione relè

0,00 11003 Ritardo disattivazione relè

3* 11004 Vedere la P3.5.3.2.1.

0,00 11005 Vedere la M3.5.3.2.2.

M3.5.3.2.7

Funzione base RO3

0,00

0

320,00

56 s 0,00 11006 Vedere la M3.5.3.2.3.

1* 11007

Vedere la P3.5.3.2.1.

Non visibile se sono installati solo 2 relè di uscita

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro P1.2

Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 101 Menu parametri

4.5.4

Uscite digitali slot C, D e E scheda espansione

Mostra solo i parametri per le uscite esistenti sulle schede opzionali negli slot C, D e E. Selezioni come in RO1 standard (P3.5.3.2.1).

Questo gruppo o questi parametri non sono visibili se non esiste alcuna uscita digitale negli slot C,

D o E.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 102

4.5.5

Uscite analogiche, slot A (standard)

Tabella 36. Impostazioni uscite analogiche scheda I/O standard

Indice

P3.5.4.1.1

Funzione

(uscita analogica) AO1

P3.5.4.1.2

Tempo filtro

(uscita analogica) AO1

P3.5.4.1.3

Segnale minimo AO1

P3.5.4.1.4

Parametro

Scala minima AO1

P3.5.4.1.5

Scala massima AO1

Min

0

0,0

0

Varie

Varie

Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

31

300,0

1 s

2 * 10050

1,0 * 10051

0 * 10052

Varie Varie 0,0 * 10053

Varie Varie 0,0 * 10054

0 = TEST 0% (Non in uso)

1 = TEST 100%

2 = Freq uscita (0 -fmax)

3 = Rif. frequenza (0-fmax)

4 = Velocità motore (0 - Velocità nominale)

5 = Corrente uscita (0-InMotor)

6 = Coppia motore (0-TnMotor)

7 = Potenza motore (0-PnMotor)

8 = Tensione motore (0-UnMotor)

9 = Tensione DC link (0-1000V)

10 = Val. impost. PID (0-100%)

11 = Feedback PID (0-100%)

12 = Uscita PID (0-100%)

13 = Uscita PIDEst (0-100%)

14 = ProcessDataIn1 (0-100%)

15 = ProcessDataIn2 (0-100%)

16 = ProcessDataIn3 (0-100%)

17 = ProcessDataIn4 (0-100%)

18 = ProcessDataIn5 (0-100%)

19 = ProcessDataIn6 (0-100%)

20 = ProcessDataIn7 (0-100%)

21 = ProcessDataIn8 (0-100%)

22 = Uscita Blocco 1 (0-100%)

23 = Uscita Blocco 2 (0-100%)

24 = Uscita Blocco 3 (0-100%)

25 = Uscita Blocco 4 (0-100%)

26 = Uscita Blocco 5 (0-100%)

27 = Uscita Blocco 6 (0-100%)

28 = Uscita Blocco 7 (0-100%)

29 = Uscita Blocco 8 (0-100%)

30 = Uscita Blocco 9 (0-100%)

31 = Uscita Blocco 10 (0-100%)

Tempo filtro segnale uscita analogica. Vedere P3.5.2.1.2.

0 = Nessun filtro

0 = 0 mA / 0 V

1 = 4 mA / 2 V

Tipo di segnale (corrente/ tensione) selezionato con interruttori DIP.

Si noti la differenza di scalatura dell'uscita analogica nel parametro P3.5.4.1.4.

Vedere anche il parametro

P3.5.2.1.3.

Scala minima nell'unità di processo (dipende dalla selezione della funzione AO1)

Scala massima nell'unità di processo (dipende dalla selezione della funzione AO1)

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 103 Menu parametri

4.5.6

Uscite anagogiche slot C, D e E scheda espansione

Mostra solo i parametri per le uscite esistenti sulle schede opzionali negli slot C, D e E. Selezioni come in AO1 standard (P3.5.4.1.1).

Questo gruppo o questi parametri non sono visibili se non esiste alcuna uscita analogica negli slot

C, D o E.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri

4.6

Gruppo 3.6: mappatura dati del bus di campo

vacon • 104

Indice

P3.6.1

P3.6.2

P3.6.3

P3.6.4

P3.6.5

P3.6.6

P3.6.7

P3.6.8

Parametro

Tabella 37. Mappatura dati del bus di campo

Min Max Unità

Predefinito

ID

Selezione uscita dati bus di campo 1

Selezione uscita dati bus di campo 2

Selezione uscita dati bus di campo 3

Selezione uscita dati bus di campo 4

Selezione uscita dati bus di campo 5

Selezione uscita dati bus di campo 6

Selezione uscita dati bus di campo 7

Selezione uscita dati bus di campo 8

0

0

0

0

0

0

0

0

35000

35000

35000

35000

35000

35000

35000

35000

1

2

3

4

5

6

7

37

Descrizione

852

853

854

855

856

857

858

859

I dati da inviare al bus di campo possono essere scelti indicando i numeri identificativi dei valori dei monitor e dei parametri. I dati vengono scalati al formato 16 bit senza segno per adattarli al formato utilizzato dal pannello. Ad esempio, il valore 25,5 sul pannello viene visualizzato come 255.

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Selezione dell'uscita dati processo con l'ID parametro

Uscita dati processo bus di campo

Nella Tabella 38. sono riportati i valori predefiniti e la scala corrispondente per l'uscita dati processo, se i parametri elencati nella Tabella 37 non sono stati modificati.

Tabella 38. Uscita dati processo bus di campo

Dati Valore

Uscita dati processo 1 Frequenza di uscita

Uscita dati processo 2 Velocità motore

Uscita dati processo 3 Corrente motore

Uscita dati processo 4 Coppia motore

Uscita dati processo 5 Potenza motore

Uscita dati processo 6 Tensione motore

Uscita dati processo 7 Tensione DC link

Uscita dati processo 8 Ultimo codice guasto attivo

Scala

0,01 Hz

1 giro/min

0,1 A

0,1 %

0,1 %

0,1 V

1 V

1

Esempio: il valore ‘2500’ per

Frequenza uscita

corrisponde a ‘25,00 Hz’ (valore di scala 0,01).

Per tutti i valori di monitoraggio elencati nel capitolo 3.1.12 Monitoraggio dati bus di campo viene

indicato il valore di scala.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 105 Menu parametri

4.7

Indice

P3.7.1

P3.7.2

P3.7.3

P3.7.4

P3.7.5

P3.7.6

Gruppo 3.7: frequenze proibite

Tabella 39. Frequenze proibite

Parametro Min Max Unità

Predefinito

Frequenza proibita -

Limite inf. gamma 1

Frequenza proibita -

Limite sup. gamma 1

Frequenza proibita -

Limite inf. gamma 2

Frequenza proibita -

Limite sup. gamma 2

Frequenza proibita -

Limite inf. gamma 3

Frequenza proibita -

Limite sup. gamma 3

-1,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

320,00

320,00

320,00

320,00

320,00

320,00

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

Hz

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

P3.7.7

Fattore Tempo Rampa 0,1 10,0 Ore 1,0

ID Descrizione

509 0 = Non usato

510 0 = Non usato

511 0 = Non usato

512 0 = Non usato

513 0 = Non usato

514 0 = Non usato

518

Moltiplicatore del tempo di rampa attualmente selezionato tra i limiti delle frequenze proibite.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 106

4.8

Gruppo 3.8: supervisioni

Scegliere qui di seguito:

1.

Uno o due (P3.8.1/P3.8.5) valori di segnale per la supervisione.

2.

Se la supervisione riguarda il limite superiore o inferiore (P3.8.2/P3.8.6)

3.

Gli effettivi valori limite (P3.8.3/P3.8.7).

4.

L'isteresi per i valori limite impostati (P3.8.4/P3.8.8).

Indice

P3.8.1

P3.8.2

Modo supervisione 1

Min

0

0

P3.8.3

Limite supervisione 1 -50,00

P3.8.4

Parametro

Tabella 40. Impostazioni parametri supervisione

Selezione voce supervisione 1

Isteresi limite supervisione 1

0,00

P3.8.5

P3.8.6

Modo supervisione 2 0

P3.8.7

Limite supervisione 2 -50,00

P3.8.8

Selezione voce supervisione 2

Isteresi limite supervisione 2

0

0,00

Max

17

2

50,00

50,00

17

2

50,00

50,00

Unità

Varie

Varie

Predefinito

ID Descrizione

0

0

5,00

1431

1432

25,00 1433

1434

0 = Frequenza di uscita

1 = Riferimento frequenza

2 = Corrente motore

3 = Coppia motore

4 = Potenza motore

5 = Tensione DC link

6 = Ingresso analogico 1

7 = Ingresso analogico 2

8 = Ingresso analogico 3

9 = Ingresso analogico 4

10 = Ingresso analogico 5

11 = Ingresso analogico 6

12 = Ingresso Temperatura 1

13 = Ingresso Temperatura 2

14 = Ingresso Temperatura 3

15 = Ingresso Temperatura 4

16 = Ingresso Temperatura 5

17 = Ingresso Temperatura 6

0 = Non usato

1 = Limite supervisione inferiore

(uscita attiva sotto il limite)

2 = Limite supervisione superiore

(uscita attiva sopra il limite)

Limite supervisione per l'elemento selezionato. L'unità viene impostata automaticamente.

Isteresi limite supervisione per l'elemento selezionato.

L'unità viene impostata automaticamente.

Varie

Varie

1 1435 Vedere la P3.8.1.

0 1436 Vedere la P3.8.2.

40,00 1437 Vedere la P3.8.3.

5,00 1438 Vedere la P3.8.4.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 107 Menu parametri

4.9

Gruppo 3.9: protezioni

4.9.1

Indice

P3.9.1.2

Impostazioni protezioni generali

Tabella 41. Impostazioni protezioni generali

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Reazione guasto esterno

P3.9.1.3

Reazione errore fase in ingresso

P3.9.1.4

Guasto sottotensione

P3.9.1.5

Reazione errore fase uscita

P3.9.1.6

Reazione a Errore comunicaz. bus campo

P3.9.1.7

P3.9.1.8

P3.9.1.9

P3.9.1.10

P3.9.1.11

Errore comunicazione slot

Guasto termistore

Errore Soft Fill PID

Reazione a errore supervisione PID1

Reazione a errore supervisione PID esterno

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

3

1

1

3

5

3

3

3

3

3

2

0

0

2

3

2

0

2

2

2

Descrizione

701

730

727

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

0 = supporto trifase

1 = supporto monofase

NOTA! Se si utilizza l'alimentazione monofase, deve essere selezionato il supporto monofase.

0 = Guasto memorizzato

1 = Guasto non memorizzato

702 Vedere la P3.9.1.2.

733

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (P3.9.1.13)

3 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

4 = Guasto (Arresto per inerzia)

734 Vedere la P3.9.1.2.

732 Vedere la P3.9.1.2.

748 Vedere la P3.9.1.2.

749 Vedere la P3.9.1.2.

757 Vedere la P3.9.1.2.

P3.9.1.12

P3.9.1.13

P3.9.1.14

Guasto terra

Frequenza allarme prefissata

Guasto STO

0

P3.3.1.1

P3.3.1.2

0

3

3

Hz

3

25,00

703

183

775

Vedere la P3.9.1.2.

NOTA!

Questo guasto può essere configurato soltanto nelle taglie da MR7 a MR9.

Questa frequenza è utilizzata quando la reazione al guasto

(in Gruppo 3.9: protezioni) è

Allarme, velocità prefissata

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 108

4.9.2

Indice

P3.9.2.1

P3.9.2.3

P3.9.2.4

P3.9.2.5

Impostazioni protezione termica del motore

Tabella 42. Impostazioni protezione termica del motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Protezione termica del motore

P3.9.2.2

Temperatura ambiente -20,0

Fattore raffr. veloc. zero

Costante temporale protezione termica motore

Protezione termica del motore

0

5,0

1

10

3

100,0

150,0

200

150

°C/°F

% min

%

2

40,0

Varie

Varie

100

704

705

706

707

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

Se disponibile, usare il termistore del motore per proteggere il motore. Scegliere quindi il valore 0 per questo parametro.

Temperatura ambiente in °C/°F

Definisce il fattore di raffreddamento a velocità zero rispetto al punto in cui il motore funziona alla velocità nominale senza raffreddamento esterno.

La costante di tempo è il tempo entro il quale la fase termica calcolata raggiunge il 63% del suo valore finale.

708

4.9.3

Indice

Impostazioni protezione stallo motore

Tabella 43. Impostazioni protezione stallo motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.9.3.1

Protezione da stallo

P3.9.3.2

Corrente di stallo

P3.9.3.3

Limite tempo di stallo

0

0,00

1,00

P3.9.3.4

Limite frequenza stallo 1,00

3

I

S

120,00

P3.3.1.2

A s

Hz

0

Varie

15,00

25,00

Descrizione

709

710

711

712

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

Perché si verifichi una fase di stallo, la corrente deve aver superato questo limite.

È il tempo massimo consentito per una fase di stallo.

Perché si verifichi uno stato di stallo, la frequenza di uscita deve essere rimasta al di sotto di questo limite per un certo periodo di tempo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 109 Menu parametri

4.9.4

Indice

P3.9.4.1

P3.9.4.2

Protezione da sottocarico:

Carico al punto di indebolimento campo

P3.9.4.4

Impostazioni protezione da sottocarico (pompa asciutta)

Tabella 44. Impostazioni protezione sottocarico motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Errore sottocarico

P3.9.4.3

Protezione da sottocarico:

Carico Frequenza Zero

Protezione da sottocarico:

Limite tempo

0

10,0

5,0

2,00

3

150,0

150,0

600,00

%

% s

0

50,0

10,0

20,00

713

714

715

716

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

Questo parametro fornisce il valore della coppia minima consentita quando la frequenza di uscita è superiore al punto di indebolimento del campo.

Questo parametro fornisce il valore della coppia minima consentita con frequenza zero.

Se si cambia il valore del parametro P3.1.1.4, questo parametro viene automaticamente riportato sul valore predefinito.

Questo è il tempo massimo consentito per la persistenza di uno stato di sottocarico.

4.9.5

Indice

P3.9.5.1

Modo Arresto rapido

P3.9.5.2

P3.9.5.3

P3.9.5.4

Impostazioni di arresto rapido

Tabella 45. Impostazioni di arresto rapido

Parametro

Attivazione arresto rapido

Tempo decel. arresto rapido

Reazione guasto arresto rapido

Min

0

Varie

0,1

0

Max

2

Varie

300,0

2

Unità

Predefinito

s

ID Descrizione

1

DigIN

Slot0,2

3,0

1276

Metodo di arresto dell'inverter e la funzione

Arresto rapido è attivata da DI o bus di campo

0 = Inerzia

1 = Arresto rapido (arresto rampa in base al parametro

P3.9.5.3)

2 = Arresto in base alla funzione di arresto (P3.2.5)

1213 FALSE = Attivato

1

1256

744

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base al Modo arresto rapido)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 110

4.9.6

Impostazioni Errore ingresso temperatura 1

NOTA! Questo gruppo di parametri è visibile solo se è installata una scheda opzionale per la rilevazione della temperatura (OPT-BH).

Indice

P3.9.6.1

P3.9.6.2

P3.9.6.3

P3.9.6.4

Tabella 46. Impostazioni Errore ingresso temperatura 1

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Segnale

Temperatura 1

Limite allarme 1

Limite guasto 1

Reazione limite guasto 1

0

-50,0

-50,0

0

63

200,0

200,0

3

°C/°F

°C/°F

0

130,0

155,0

2

739

741

742

740

Selezione dei segnali da usare per attivare la condizione di allarme ed errore/guasto.

B0 = Segnale Temperatura 1

B1 = Segnale Temperatura 2

B2 = Segnale Temperatura 3

B3 = Segnale Temperatura 4

B4 = Segnale Temperatura 5

B5 = Segnale Temperatura 6

Il valore massimo viene preso dai parametri scelti e utilizzato per attivare la condizione di allarme/errore.

NOTA! Sono supportati solo i primi 6 ingressi per la temperatura (contando le schede da slot A a slot E).

Limite temperatura per attivazione allarme.

NOTA! Solo gli ingressi scelti

con il parametro P3.9.6.1

vengono confrontati.

Limite temperatura per attivazione allarme.

NOTA! Solo gli ingressi scelti

con il parametro P3.9.6.1

vengono confrontati.

0 = Nessuna reazione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 111 Menu parametri

4.9.7

Impostazioni Errore ingresso temperatura 2

NOTA! Questo gruppo di parametri è visibile solo se è installata una scheda opzionale per la rilevazione della temperatura (OPT-BH).

Indice

P3.9.6.5

P3.9.6.6

P3.9.6.7

P3.9.6.8

Tabella 47. Impostazioni Errore ingresso temperatura 2

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Segnale

Temperatura 2

Limite allarme 2

Limite guasto 2

Reazione limite guasto 2

0

-30,0

-30,0

0

63

200,0

200,0

3

°C/°F

°C/°F

0

130,0

155,0

2

763

764

765

766

Selezione dei segnali da usare per attivare la condizione di allarme ed errore/guasto.

B0 = Segnale Temperatura 1

B1 = Segnale Temperatura 2

B2 = Segnale Temperatura 3

B3 = Segnale Temperatura 4

B4 = Segnale Temperatura 5

B5 = Segnale Temperatura 6

Il valore massimo viene preso dai parametri scelti e utilizzato per attivare la condizione di allarme/errore.

NOTA! Sono supportati solo i primi 6 ingressi per la temperatura (contando le schede da slot A a slot E).

Limite temperatura per attivazione allarme.

NOTA! Solo gli ingressi scelti

con il parametro P3.9.6.5

vengono confrontati.

Limite temperatura per attivazione allarme.

NOTA! Solo gli ingressi scelti

con il parametro P3.9.6.5

vengono confrontati.

0 = Nessuna reazione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 112

4.9.8

Indice

P3.9.8.1

P3.9.8.2

Bassa Protezione AI

Tabella 48. Impostazioni Bassa Protezione AI

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

Bassa protezione ingresso analogico

Errore basso livello ingresso analogico

0

0

2

5

2

0

Descrizione

767

700

0 = Nessuna protezione

1 = Protezione abilitata in stato Marcia

2 = Protezione abilitata in stato Marcia e Arresto

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Allarme + frequenza errore pref. (par. P3.9.1.13)

3 = Allarme + riferimento freq precedente

4 = Guasto (Arresto in base alla funzione di arresto)

5 = Guasto (Arresto per inerzia)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 113 Menu parametri

4.10

Gruppo 3.10: reset automatico

Tabella 49. Impostazioni reset automatico

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.10.1

P3.10.2

P3.10.3

P3.10.4

P3.10.5

P3.10.6

P3.10.7

P3.10.8

P3.10.9

P3.10.10

P3.10.11

P3.10.12

P3.13.14

P3.13.15

P3.10.13

Reset automatico

Funzione riavvio

Tempo di attesa

Tempo tentativi

Numero tentativi

Reset automatico:

Sottotensione

Reset automatico:

Sovratensione

Reset automatico:

Sovracorrente

Reset automatico:

AI basso

Reset automatico:

Errore sovratemperatura unità

Reset automatico:

Errore sovratemperatura motore

Reset automatico:

Guasto esterno

Errore supervisione

PID

Errore supervisione

PID esterno

Reset automatico:

Errore sottocarico

0

0

0,10

0,00

1

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

1

1

10000,00

10000,00

10

1

1

1

1

1

1

1

1

1

1 s s

0 *

1

0,50

60,00

4

1

1

1

1

1

1

0

0

0

0

731

719

717

718

759

720

721

722

723

724

725

726

776

777

738

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Il modo di marcia per il reset automatico è selezionato con questo parametro:

0 = Aggancio in velocità

1 = In base al param. P3.2.4

Tempo di attesa prima del primo reset.

Trascorso il tempo tentativi, se il guasto è ancora attivo, l'inverter si blocca.

NOTA! Numero totale di tentativi (indipendentemente dal tipo di guasto). Se l'inverter non è in grado di resettarsi entro questo numero di tentativi e il tempo tentativi impostato, verrà generata una condizione di errore.

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

Reset automatico consentito?

0 = No

1 = Sì

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro P1.2

Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri

4.11

Gruppo 3.11: impostazioni applicazione

vacon • 114

Indice

P3.11.1

P3.11.2

P3.11.3

Parametro

Password

Selezione °C/°F

Selezione kW/HP

P3.11.4

Vista multimonitor

Tabella 50. Impostazioni applicazione

Min Max Unità Predefinito

0

0

0

0

9999

1

1

2

0

0

0

1

ID Descrizione

1806

1197

1198

1196

Password amministratore

Nessuna funzione corrente.

0 = Celsius

1 = Fahrenheit

Tutti i valori di monitoraggio e i parametri relativi alla temperatura vengono visualizzati in base all'unità di misura selezionata.

0 = kW

1 = HP

Tutti i valori di monitoraggio e i parametri relativi alla potenza vengono visualizzati in base all'unità di misura selezionata.

Con la Vista multimonitor il display del pannello di comando viene suddiviso in sezioni.

0 = sezioni 2x2

1 = sezioni 3x2

2 = sezioni 3x3

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 115 Menu parametri

4.12

Intervallo 1

Gruppo 3.12: funzioni timer

Tabella 51. Funzioni timer, Intervallo 1

Indice

P3.12.1.1

P3.12.1.2

P3.12.1.3

Parametro

Tempo ON

Tempo OFF

Giorni

P3.12.1.4

AssegnaAlCanale

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1464 Tempo ON

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1465 Tempo OFF

1466

1468

Giorni della settimana quando attivo.

Selezione casella di controllo:

B0 = domenica

B1 = lunedì

B2 = martedì

B3 = mercoledì

B4 = giovedì

B5 = venerdì

B6 = sabato

Selezionare il Canale temporale interessato (1-3)

Selezione casella di controllo:

B0 = CanaleTemporale1

B1 = CanaleTemporale2

B2 = CanaleTemporale3

Intervallo 2

Tabella 52. Funzioni timer, Intervallo 2

Indice Parametro

P3.12.2.1

P3.12.2.2

Tempo ON

Tempo OFF

P3.12.2.3

Giorni

P3.12.2.4

AssegnaAlCanale

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1469 Vedere P3.12.1.1.

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1470 Vedere P3.12.1.2.

1471 Vedere P3.12.1.3.

1473 Vedere P3.12.1.4.

Intervallo 3

Tabella 53. Funzioni timer, Intervallo 3

Indice Parametro

P3.12.3.1

P3.12.3.2

P3.12.3.3

Tempo ON

Tempo OFF

Giorni

P3.12.3.4

AssegnaAlCanale

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1474 Vedere P3.12.1.1.

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1475 Vedere P3.12.1.2.

1476 Vedere P3.12.1.3.

1478 Vedere P3.12.1.4.

Intervallo 4

Tabella 54. Funzioni timer, Intervallo 4

Indice Parametro

P3.12.4.1

P3.12.4.2

Tempo ON

Tempo OFF

P3.12.4.3

Giorni

P3.12.4.4

AssegnaAlCanale

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1479 Vedere P3.12.1.1.

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1480 Vedere P3.12.1.2.

1481 Vedere P3.12.1.3.

1483 Vedere P3.12.1.4.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 116

Intervallo 5

Tabella 55. Funzioni timer, Intervallo 5

Indice Parametro

P3.12.5.1

P3.12.5.2

Tempo ON

Tempo OFF

P3.12.5.3

Giorni

P3.12.5.4

AssegnaAlCanale

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1484 Vedere P3.12.1.1.

00:00:00 23:59:59 hh:mm:ss 00:00:00 1485 Vedere P3.12.1.2.

1486 Vedere P3.12.1.3.

1488 Vedere P3.12.1.4.

Timer 1

Indice

P3.12.6.1

P3.12.6.2

Parametro

Durata

Timer 1

P3.12.6.3

AssegnaAlCanale

Tabella 56. Funzioni timer, Timer 1

Min

0

Max

72000

Unità

s

Predefinito

ID Descrizione

0

DigINSlot

0,1

1489

447

1490

Il timer inizia il conteggio del tempo nel momento in cui viene attivato. (Attivato da DI)

Fronte di salita avvia Timer 1 programmato nel gruppo

di parametri Gruppo 3.12: funzioni timer.

Selezionare il Canale temporale interessato (1-3)

Selezione casella di controllo:

B0 = CanaleTemporale1

B1 = CanaleTemporale2

B2 = CanaleTemporale3

Timer 2

Indice Parametro

P3.12.7.1

P3.12.7.2

Durata

Timer 2

P3.12.7.3

AssegnaAlCanale

Tabella 57. Funzioni timer, Timer 2

Min

0

Max

72000

Unità

s

Predefinito

ID Descrizione

0

DigINSlot0

,1

1491 Vedere P3.12.6.1.

448 Vedere P3.12.6.2.

1492 Vedere P3.12.6.3.

Timer 3

Indice Parametro

P3.12.8.1

P3.12.8.2

Durata

Timer 3

P3.12.8.3

AssegnaAlCanale

Tabella 58. Funzioni timer, Timer 3

Min

0

Max

72000

Unità

s

Predefinito

ID Descrizione

0

DigINSlot

0,1

1493 Vedere P3.12.6.1.

448 Vedere P3.12.6.2.

1494 Vedere P3.12.6.3.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 117 Menu parametri

4.13

Gruppo 3.13: controller PID 1

4.13.1

Impostazioni base

Tabella 59. Impostazioni base controller PID 1

Indice

P3.13.1.1

P3.13.1.2

P3.13.1.3

Parametro

Guadagno PID

Costante di tempo integrale controller PID

Costante di tempo derivativa controller PID

Min

0,00

0,00

0,00

Max

1000,00

600,00

100,00

Unità

% s s

Predefinito

ID Descrizione

100,00 118

1,00

0,00

119

132

Se il valore del parametro

è impostato su 100%, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del 10% all'uscita del controller.

Se il valore del parametro

è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore provoca una variazione del 10,00%/s all'uscita del controller.

Se il valore del parametro

è impostato su 1 secondo, una variazione del 10% nel valore di errore durante

1 secondo provoca una variazione del 10,00% all'uscita del controller.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 118

P3.13.1.4

Tabella 59. Impostazioni base controller PID 1

Selezione unità processo

P3.13.1.5

Min. unità processo

P3.13.1.6

Max unità processo

P3.13.1.7

Decimali unità processo

1

Varie

Varie

0

44

Varie

Varie

4

Varie

Varie

1

0

100

2

1036

1033

30 = ft3/min

31 = ft3/h

32 = ft/s

33 = in wg

34 = ft wg

35 = PSI

36 = lb/in2

37 = psig

38 = hp

39 = °F

40 = ft

41 = pollici

42 = mm

43 = cm

44 = m

Selezionare l'unità del valore effettivo.

1 = %

2 = 1/min

3 = giri/min

4 = ppm

5 = pps

6 = l/s

7 = l/min

8 = l/h

9 = kg/s

10 = kg/min

11 = kg/h

12 = m3/s

13 = m3/min

14 = m3/h

15 = m/s

16 = mbar

17 = bar

18 = Pa

19 = kPa

20 = mVS

21 = kW

22 = °C

23 = gal/s

24 = gal/min

25 = gal/h

26 = lb/s

27 = lb/min

28 = lb/h

29 = ft3/s

Valore nelle unità di processo con valore impostato o feedback a 0%.

Questa scalatura ha esclusivamente scopi di monitoraggio. Il controller PID continua a utilizzare la percentuale internamente per valori impostati e feedback.

1034 Vedere sopra.

1035

Numero di decimali per il valore dell'unità di processo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 119 Menu parametri

P3.13.1.8

P3.13.1.9

Tabella 59. Impostazioni base controller PID 1

Inversione valore di errore

Banda morta

P3.13.1.10

Ritardo banda morta

0

Varie

0,00

1

Varie

320,00

Varie s

0

0

0,00

340

1056

1057

0 = Normale (Feedback <

Valore impostato ->

Incremento uscita PID)

1 = Invertito (Feedback <

Valore impostato ->

Decrementa uscita PID)

L'area di banda morta intorno al valore impostato nelle unità di processo. Se il feedback rimane all'interno dell'area di banda morta per un tempo predefinito, l'uscita

PID è bloccata.

Se il feedback rimane all'interno dell'area di banda morta per un tempo predefinito, l'uscita è bloccata.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 120

4.13.2

Valori impostati

Tabella 60. Impostazioni valori impostati

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.13.2.1

P3.13.2.2

Valore impostato da pannello 1

Valore impostato da pannello 2

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

0 167

P3.13.2.3

Tempo rampa valore impostato

P3.13.2.4

P3.13.2.5

Attivazione boost valore impostato PID1

Selezione valore impostato (SP) PID1

P3.13.2.6

Selezione origine valore impostato 1

P3.13.2.7

P3.13.2.8

Valore impostato minimo 1

Valore impostato massimo 1

P3.13.2.9

Boost valore impostato

(SP) 1

0,00

Varie

Varie

0

Varie

Varie

-2,0

300,0

Varie

Varie

32

Varie

Varie

2,0 s

%

% x

Descrizione

0 168

0,00

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1*

3 *

0,00

1,0

1068

1046

1047

332

1069

100,00 1070

1071

Definisce i tempi rampa in accelerazione e decelerazione per le variazioni del valore impostato. (Il tempo varia da un minimo a un massimo)

FALSE = Nessun boost

TRUE = Boost

FALSE = Valore impostato 1

TRUE = Valore impostato 2

0 = Non usato

1 = Valore impostato da pannello 1

2 = Valore impostato da pannello 2

3 = AI1

4 = AI2

5 = AI3

6 = AI4

7 = AI5

8 = AI6

9 = ProceDataIn1

10 = ProceDataIn2

11 = ProceDataIn3

12 = ProceDataIn4

13 = ProceDataIn5

14 = ProceDataIn6

15 = ProceDataIn7

16 = ProceDataIn8

17 = Temp.Input 1

18 = Temp.Input 2

19 = Temp.Input 3

20 = Temp.Input 4

21 = Temp.Input 5

22 = Temp.Input 6

23 = Uscita Blocco 1

24 = Uscita Blocco 2

25 = Uscita Blocco 3

26 = Uscita Blocco 4

27 = Uscita Blocco 5

28 = Uscita Blocco 6

29 = Uscita Blocco 7

30 = Uscita Blocco 8

31 = Uscita Blocco 9

I valori AI e ProcessDataIn sono gestiti come percentuale

(0,00-100,00%) e scalati in base a minimo e massimo del valore impostato.

NOTA! I segnali ProcessDataIn utilizzano 2 decimali.

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

Il valore impostato può essere ottimizzato con un ingresso digitale.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 121 Menu parametri

Tabella 60. Impostazioni valori impostati

P3.13.2.10

P3.13.2.11

P3.13.2.12

P3.13.2.13

Selezione origine valore impostato 2

Valore impostato minimo 2

Valore impostato massimo 2

Boost valore impostato

(SP) 2

0

Varie

Varie

-2,0

Varie

Varie

Varie

2,0

%

% x

2 *

0,00 1073

100,00 1074

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

1,0

431 Vedere il par. P3.13.2.6.

1078 Vedere la P3.13.2.9.

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 122

4.13.3

Impostazioni feedback

Tabella 61. Impostazioni feedback

Indice Parametro

P3.13.3.1

Funzione feedback

P3.13.3.2

P3.13.3.3

Guadagno funzione feedback

Selezione origine feedback 1

Min

1

-1000,0 1000,0

0

Max

9

30

Unità

%

Predefinito

ID Descrizione

1 *

100,0 1058

2 *

333

334

1 = Solo origine1 in uso

2 = SQRT (Origine1); (Flusso =

Costante x SQRT (Pressione))

3 = SQRT(Origine1 - Origine2)

4 = SQRT(Origine 1) + SQRT

(Origine 2)

5 = Origine 1 + Origine 2

6 = Origine 1 - Origine 2

7 = MIN (Origine 1, Origine 2)

8 = MAX (Origine 1, Origine 2)

9 = MEAN (Origine 1, Origine 2)

Usato, ad esempio, con la selezione 2 nella funzione

Feedback

0 = Non usato

1 = AI1

2 = AI2

3 = AI3

4 = AI4

5 = AI5

6 = AI6

7 = ProcessDataIn1

8 = ProcessDataIn2

9 = ProcessDataIn3

10 = ProcessDataIn4

11 = ProcessDataIn5

12 = ProcessDataIn6

13 = ProcessDataIn7

14 = ProcessDataIn8

15 = Ingresso Temperatura 1

16 = Ingresso Temperatura 2

17 = Ingresso Temperatura 3

18 = Ingresso Temperatura 4

19 = Ingresso Temperatura 5

20 = Ingresso Temperatura 6

21 = Uscita Blocco 1

22 = Uscita Blocco 2

23 = Uscita Blocco 3

24 = Uscita Blocco 4

25 = Uscita Blocco 5

26 = Uscita Blocco 6

27 = Uscita Blocco 7

28 = Uscita Blocco 8

29 = Uscita Blocco 9

30 = Uscita Blocco 10

I valori AI e ProcessDataIn sono gestiti come % (0,00-

100,00%) e scalati in base al valore Feedback minimo e massimo.

NOTA! ProcessDataIn utilizza due decimali.

NOTA! Se sono selezionati ingressi temperatura,

è necessario impostare parametri di scala min & max del feedback. -50..200°C.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 123 Menu parametri

P3.13.3.4

Feedback minimo 1

P3.13.3.5

Feedback massimo 1

Tabella 61. Impostazioni feedback

Varie

Varie

Varie

Varie

%

%

0,00 336

100,00 337

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

P3.13.3.6

Selezione origine feedback 2

0 Varie 0 335 Vedere P3.13.3.3

P3.13.3.7

Feedback minimo 2

M3.13.3.8

Feedback massimo 2

Varie

Varie

Varie

Varie

%

%

0,00 338

100,00 339

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

4.13.4

Impostazioni feedforward

Tabella 62. Impostazioni feedforward

Indice Parametro Min Max

P3.13.4.1

Funzione feedforward

P3.13.4.2

Guadagno funzione feedforward

1

-1000

9

1000

P3.13.4.3

Selezione origine

Feedforward 1

0 25

P3.13.4.4

Feedforward minimo 1 -200,00 200,00

P3.13.4.5

Feedforward massimo 1

-200,00 200,00

P3.13.4.6

Selezione origine

Feedforward 2

P3.13.4.7

Feedback minimo 2

0

-200,00

25

200,00

P3.13.4.8

Feedback massimo 2 -200,00 200,00

Unità

%

Predefinito

1

ID Descrizione

1059 Vedere la P3.13.3.1.

100,0 1060 Vedere la P3.13.3.2.

%

%

%

%

0 1061 Vedere la P3.13.3.3.

0,00 1062 Vedere la P3.13.3.4.

100,00 1063 Vedere la P3.13.3.5.

0 1064 Vedere la P3.13.3.6.

0,00 1065 Vedere la P3.13.3.7.

100,00 1066 Vedere la M3.13.3.8.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 124

4.13.5

Funzione standby Impostazioni

Tabella 63. Impostazioni funzione standby

Indice

P3.13.5.1

P3.13.5.2

P3.13.5.3

Parametro

Limite frequenza standby SP1

Ritardo standby SP1

Livello riavvio SP1

P3.13.5.4

Modalità riavvio SP1

P3.13.5.10

Modalità riavvio SP2

Min

0,00

0

Varie

0

P3.13.5.5

P3.13.5.6

P3.13.5.7

P3.13.5.8

P3.13.5.9

Boost standby SP1

Tempo massimo boost standby SP1

Frequenza standby

SP2

Ritardo standby SP2

Livello riavvio SP2

-9999

1

0,00

0

Varie

0

P3.13.5.11

P3.13.5.12

Boost standby SP2

Tempo massimo boost standby SP2

-9999

1

Max

320,00

3000

Varie

1

Unità

Hz s

Varie

9999 P3.13.1.4

Predefinito

ID Descrizione

0,00

0

0,0000

0

0

1016

1017

1018

1019

L'inverter va in standby quando la frequenza di uscita rimane sotto questo limite per un tempo maggiore di quello definito dal parametro

SP1 Ritardo standby,

P3.13.5.2.

Il tempo minimo in cui la frequenza deve rimanere al di sotto del parametro

P3.13.5.1 perché l'inverter venga arrestato.

Definisce il livello della supervisione di riavvio feedback PID. Utilizza le unità di processo selezionate.

Selezionare l'operazione per il parametro P3.13.5.3

Livello riavvio SP1.

0 = Livello assoluto

1 = Valore impostato relativo

1793 Boost valore impostato (SP) 1

300 s 30 1795 Timeout boost standby SP1

320,00

3000

Varie

1

Hz s

Varie

9999 P3.13.1.4

300 s

0,00

0

0,0

0

0

30

1075 Vedere la P3.13.5.1.

1076 Vedere la P3.13.5.2.

1077 Vedere P3.13.5.3.

1020

Selezionare l'operazione per il parametro P3.13.5.9

Livello riavvio SP2.

0 = Livello assoluto

1 = Valore impostato relativo

1794 Vedere P3.13.5.4.

1796 Vedere P3.13.5.5.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 125 Menu parametri

4.13.6

Parametri Supervisione Feedback

Tabella 64. Parametri Supervisione Feedback

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.13.6.1

P3.13.6.2

P3.13.6.3

P3.13.6.4

P3.13.6.5

Abilita supervisione feedback

Limite superiore

Limite inferiore

Ritardo

Reazione a errore supervisione PID1

0

Varie

Varie

0

0

1

Varie

Varie

30000

3

Varie

Varie s

0

Varie

Varie

0

2

Descrizione

735

736

758

737

749

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Supervisione valore di processo/feedback superiore.

Supervisione valore di processo/feedback inferiore.

Se il valore desiderato non viene raggiunto nel tempo limite, viene generato un guasto o un allarme.

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (arresto secondo

P3.2.5)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

4.13.7

Parametri Compensazione perdita pressione

Tabella 65. Parametri Compensazione perdita pressione

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.13.7.1

Abilita compensazione per il valore impostato 1

P3.13.7.2

Compensazione max valore impostato 1

0

Varie

1

Varie Varie

0

0,0

1189

1190

Abilita la compensazione per la perdita di pressione per il valore impostato 1.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Valore aggiunto proporzionalmente alla frequenza

Compensazione valore impostato = Compensazione max * (FreqUsc-FreqMin)/

(FreqMax-FreqMin)

P3.13.7.3

P3.13.7.4

Abilita compensazione per il valore impostato 2

Compensazione max valore impostato 2

0

Varie

1

Varie Varie

0

0,0

1191 Vedere la P3.13.7.1.

1192 Vedere la P3.13.7.2.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 126

4.13.8

Impostazioni Soft Fill

Tabella 66. Impostazioni Soft Fill

Indice

P3.13.8.1

P3.13.8.3

P3.13.8.4

P3.13.8.5

Parametro

Funzione Soft Fill

P3.13.8.2

Frequenza Soft Fill

Livello Soft Fill

Timeout Soft Fill

Reazione a timeout

Soft Fill PID

Min

0

0,00

Varie

0

0

Max

2

P3.3.1.2

Varie

30000

3

Unità

Predefinito

ID Descrizione

Hz

Varie 0,0000 1095 s

0

20,00 1055

0

2

1094

1096

738

0 = Disabilitato

1 = Abilitato, Livello

2 = Abilitato, Timeout

Riferimento frequenza da utilizzare quando la funzione

Soft Fill è attiva.

L'inverter funziona alla frequenza Soft Fill (P3.13.8.2) fino a quando il feedback PID non raggiunge questo valore. A questo punto il controller PID inizia l'attività di regolazione.

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo se è selezionato P3.13.8.1 = 1

Abilitato (Livello).

Se P3.13.8.1 = 1 Abilitato

(Livello):

Se il livello Soft Fill desiderato non viene raggiunto nel tempo limite, viene generato un guasto o un allarme.

0 = Nessun timeout, nessuna attivazione guasto

Se P3.13.8.1 = 2 Abilitato

(Timeout):

L'inverter funziona alla frequenza Soft Fill (P3.13.8.2) fino alla scadenza del tempo definito da questo parametro.

Dopodiché, il controller PID inizia l'attività di regolazione.

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo se P3.13.8.1 = 1

Abilitato (Livello)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 127 Menu parametri

4.13.9

Supervisione pressione ingresso

Tabella 67. Parametri Supervisione pressione ingresso

Indice

P3.13.9.1

Abilita supervisione

P3.13.9.2

Segnale supervisione

P3.13.9.3

P3.13.9.4

P3.13.9.5

P3.13.9.6

Valore massimo unità supervisione

P3.13.9.7

Parametro

Selezione unità supervisione

Decimali unità supervisione

Valore minimo unità supervisione

Livello allarme supervisione

Min

0

0

1

0

Varie

Varie

Varie

Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

1

23

9

4

Varie

Varie

Varie

Varie

P3.13.9.3

P3.13.9.3

P3.13.9.3

0

0

3

2

0,00

10,00

0,50

1685

1686

1687

1688

1689

1690

1691

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Abilita la supervisione pressione ingresso.

L'origine del segnale di misurazione pressione ingresso:

0 = Ingresso analogico 1

1 = Ingresso analogico 2

2 = Ingresso analogico 3

3 = Ingresso analogico 4

4 = Ingresso analogico 5

5 = Ingresso analogico 6

6 = ProcessDataIn1 (0-100%)

7 = ProcessDataIn2 (0-100%)

8 = ProcessDataIn3 (0-100%)

9 = ProcessDataIn4 (0-100%)

10 = ProcessDataIn5 (0-100%)

11 = ProcessDataIn6 (0-100%)

12 = ProcessDataIn7 (0-100%)

13 = ProcessDataIn8 (0-100%)

14 = Uscita Blocco 1

15 = Uscita Blocco 2

16 = Uscita Blocco 3

17 = Uscita Blocco 4

18 = Uscita Blocco 5

19 = Uscita Blocco 6

20 = Uscita Blocco 7

21 = Uscita Blocco 8

22 = Uscita Blocco 9

23 = Uscita Blocco 10

1 = %

2 = mbar

3 = bar

4 = Pa

5 = kPa

6 = PSI

7 = mmHg

8 = Torr

9 = lb/in2

Scegliere il numero di decimali da visualizzare.

I parametri minimo e massimo dell'unità sono i valori di segnale corrispondenti, ad esempio, rispettivamente a 4 mA e 20 mA (scalati linearmente tra questi).

L'allarme (ID guasto 1363) verrà generato se il segnale di supervisione si mantiene al di sotto del livello di allarme più a lungo di quanto stabilito dal parametro P3.13.9.9.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 128

Tabella 67. Parametri Supervisione pressione ingresso

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.13.9.8

P3.13.9.9

P3.13.9.10

V3.13.9.11

Livello errore supervisione

Ritardo errore supervisione

Riduzione valore impostato (SP) PID

Pressione ingresso

Varie

0,00

0,0

Varie

60,00

100,0

P3.13.9.3

s

%

P3.13.9.5 P3.13.9.6 P3.13.9.3

0,10

5,00

10,0

Varie

1692

1693

1694

1695

Il guasto (ID guasto 1409) verrà generato se il segnale di supervisione si mantiene al di sotto del livello di allarme più a lungo di quanto stabilito dal parametro P3.13.9.9.

Tempo di ritardo per generare l'allarme supervisione

pressione ingresso o generare il guasto se il segnale di supervisione si mantiene al di sotto del livello allarme/guasto più a lungo di quanto stabilito da questo parametro.

Definisce la velocità della riduzione valore impostato controller PID quando l'allarme di supervisione pressione ingresso è attivo.

Valore di monitoraggio per il segnale di supervisione pressione ingresso selezionato.

Valore di scala in base a

P3.13.9.4.

4.13.10

Standby - Nessun rilevamento richiesta

Tabella 68. Standby - Nessun parametro rilevamento richiesta

Indice

P3.13.10.1

P3.13.10.3

P3.13.10.4

P3.13.10.5

Parametro

Standby - Nessuna abilitazione rilevamento richiesta

P3.13.10.2

Isteresi errore SNDD

Isteresi frequenza

SNDD

Tempo supervisione

SNDD

Aggiunta SNDD effettivo

Min

0

0

1,00

0

Max

1

Unità

99999.9

P3.13.1.4

P3.3.1.2

600

Hz s

0,1 P3.13.10.2

P3.13.1.4

Predefinito

ID Descrizione

0

0,5

120

0,5

1649

1658

3,00 1663

1668

1669

Abilita la funzione Standby - Nessuna funzione rilevamento richiesta

(SNDD).

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Semi-amplificazione banda di errore processo simmetrico per nessuna rilevazione richiesta

(0±insteresi)

Isteresi frequenza per nessun rilevamento richiesta

Tempo supervisione per nessun rilevamento richiesta

Scostamento aggiunto al valore impostato effettivo del controller PID per diminuire l'uscita PID e raggiungere il livello di standby.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 129 Menu parametri

4.14

Gruppo 3.14: controller PID esterno

4.14.1

Impostazioni di base per il controller PID esterno

Per informazioni più dettagliate, vedere il capitolo 4.13.

Tabella 69. Impostazioni di base per il controller PID esterno

Indice

P3.14.1.1

P3.14.1.2

P3.14.1.3

Parametro

Abilita PID esterno

Segnale avvio

Uscita in Arresto

Min

0

0,0

0,00

Max

1

100,0

1000,00

Unità

%

%

Predefinito

ID Descrizione

0

DigIN

Slot0,2

1630

1049

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

FALSE = PID esterno arrestato

TRUE = PID esterno regolante

Questo parametro non avrà alcun effetto se il controllore

PID esterno non è abilitato da

P3.14.1.1.

0,0 1100

Il valore in uscita del regolatore PID espresso in % rispetto al valore in uscita massimo mentre il motore

è arrestato dall'ingresso digitale

100,00 1631 Vedere P3.13.1.1.

P3.14.1.4

P3.14.1.5

P3.14.1.6

P3.14.1.7

Guadagno PID

Costante di tempo integrale controller PID

Costante di tempo derivativa controller PID

Selezione unità processo

Min. unità processo

Max unità processo

P3.14.1.8

P3.14.1.9

P3.14.1.10

P3.14.1.11

Decimali unità processo

Inversione valore di errore

P3.14.1.12

Banda morta

P3.14.1.13

Ritardo banda morta

0,00

0,00

0

Varie

Varie

0

0

Varie

0,00

600,00

100,00 s s

44

Varie Varie

Varie Varie

4

1

Varie Varie

320,00 s

1,00

0,00

0

0

100

2

0

0,0

0,00

1632 Vedere P3.13.1.2.

1633 Vedere P3.13.1.3.

1635 Vedere P3.13.1.4.

1664 Vedere P3.13.1.5.

1665 Vedere P3.13.4.6.

1666

1636 Vedere P3.13.18.

1637 Vedere P3.13.1.9.

1638 Vedere P3.13.1.10.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 130

4.14.2

Controller PID esterno, valori impostati

Tabella 70. Controller PID esterno, valori impostati

Indice

P3.14.2.1

P3.14.2.2

P3.14.2.3

P3.14.2.4

P3.14.2.5

P3.14.2.6

P3.14.2.7

P3.14.2.8

P3.14.2.9

P3.14.2.10

Parametro Min Max Unità

Predefinito

Valore impostato da pannello 1

Valore impostato da pannello 2

Tempo rampa valore impostato

Selezione valore impostato SP

P3.14.1.8 P3.14.1.8

Varie

P3.14.1.8 P3.14.1.9

Varie

0,00 300,00 s

0,00

0,00

Selezione origine valore impostato 1

Valore impostato minimo 1

Valore impostato massimo 1

Selezione origine valore impostato 2

Valore impostato minimo 2

Valore impostato massimo 2

0

Varie

Varie

0

Varie

Varie

32

Varie

Varie

32

Varie

Varie

%

%

%

%

ID

1640

1641

Descrizione

0,00 1642

DigIN

Slot0,1

1

0,00

1048

1643

1644

100,00 1645

FALSE = Valore impostato 1

TRUE = Valore impostato 2

0 = Non usato

1 = Valore impostato da pannello 1

2 = Valore impostato da pannello 2

3 = AI1

4 = AI2

5 = AI3

6 = AI4

7 = AI5

8 = AI6

9 = ProcessDataIn1

10 = ProcessDataIn2

11 = ProcessDataIn3

12 = ProcessDataIn4

13 = ProcessDataIn5

14 = ProcessDataIn6

15 = ProcessDataIn7

16 = ProcessDataIn8

17 = Ingresso Temperatura 1

18 = Ingresso Temperatura 2

19 = Ingresso Temperatura 3

20 = Ingresso Temperatura 4

21 = Ingresso Temperatura 5

22 = Ingresso Temperatura 6

23 = Uscita Blocco 1

24 = Uscita Blocco 2

25 = Uscita Blocco 3

26 = Uscita Blocco 4

27 = Uscita Blocco 5

28 = Uscita Blocco 6

29 = Uscita Blocco 7

30 = Uscita Blocco 8

31 = Uscita Blocco 9

32 = Uscita Blocco 10

I valori AI e ProcessDataIn sono gestiti come percentuale

(0,00-100,00%) e scalati in base a minimo e massimo del valore impostato.

NOTA! I segnali ProcessDataIn utilizzano 2 decimali.

NOTA! Se sono selezionati ingressi temperatura, è necessario impostare parametri di scala min & max del valore impostato.

-50..200°C.

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

0 1646 Vedere la P3.14.2.5.

0,00 1647

100,00 1648

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 131 Menu parametri

4.14.3

Feedback

Per informazioni più dettagliate, vedere il capitolo 4.13.

Tabella 71. Controller PID esterno, feedback

Indice Parametro

P3.14.3.1

Funzione feedback

P3.14.3.2

Guadagno funzione feedback

P3.14.3.3

Selezione origine feedback 1

P3.14.3.4

Feedback minimo 1

Min

0

Varie

Max

1 9

-1000,0 1000,0

30

Varie

Unità

%

Predefinito

1

ID Descrizione

1650 Vedere P3.13.3.1.

100,0 1651 Vedere P3.13.3.2.

%

P3.14.3.5

Feedback massimo 1

P3.14.3.6

Selezione origine feedback 2

P3.14.3.7

Feedback minimo 2

P3.14.3.8

Feedback massimo 2

Varie

0

Varie

Varie

Varie

30

Varie

Varie

%

%

%

1 1652 Vedere la P3.13.3.3.

0,00 1653

100,00 1654

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

2 1655 Vedere la P3.13.3.6.

0,00 1656

100,00 1657

Valore minimo al segnale analogico minimo.

Valore massimo al segnale analogico massimo.

4.14.4

Supervisione feedback

Per informazioni più dettagliate, vedere il capitolo 4.13.

Tabella 72. Controller PID esterno, supervisione processo

Indice

P3.14.4.4

Parametro

P3.14.4.1

Abilita supervisione

P3.14.4.2

P3.14.4.3

Limite superiore

Limite inferiore

Ritardo

Min

0

Varie

Varie

0

Max

1

Varie

Varie

30000

Unità

Varie

Varie s

Predefinito

ID Descrizione

0

0

1659

1662

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Varie 1660 Vedere P3.13.6.2.

Varie 1661 Vedere P3.13.6.3.

Se il valore desiderato non viene raggiunto nel tempo limite, viene attivato un guasto o un allarme.

P3.14.4.5

Reazione a errore supervisione feedback

PID esterno

0 3 2 757 Vedere la P3.9.1.2.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 132

4.15

Gruppo 3.15: multi-pompa

4.15.1

Parametri Multi-pompa

Tabella 73. Parametri Multi-pompa

Indice

P3.15.1

P3.15.2

P3.15.3

P3.15.4

P3.15.5

P3.15.6

P3.15.7

Parametro

Modo multi-pompa

Numero di pompe

Numero identificativo pompa

Segnali di avvio e feedback

Interblocco pompa

Rotaz. ausiliari

Pompe con rotazione ausiliari

P3.15.8

Intervallo rotaz. ausil.

Min

0

1

0

0

0

0

0

0,0

Max

2

8

10

2

1

2

1

3000,0

Unità

h

Predefinito

ID Descrizione

0 *

1 *

0

1

1 *

1 *

1 *

1785

1001

1500

1782

1032

1027

1028

48,0 * 1029

0 = Inverter singolo

1 = Multifollower

2 = Multimaster

Numero totale di motori

(pompe/ventole) utilizzato nel sistema multi-pompa.

A ogni inverter nel sistema a pompa deve essere assegnato un numero identificativo d'ordine univoco iniziando sempre da 1.

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo se si seleziona la modalità

Multifollower o Multimaster con il parametro P3.15.1.

Il segnale di avvio e/o il segnale di feedback PID sono collegati all'inverter?

0 = Non collegato

1 = Solo segnale di avvio collegato

2 = Entrambi i segnali collegati

Abilita/disabilita l'uso degli interblocchi. Gli interblocchi vengono utilizzati per indicare al sistema se un motore è o non è collegato.

0 = Non usato

1 = Abilitato

Disabilita/abilita la rotazione dell'ordine/priorità di avvio dei motori.

0 = Disabilitato

1 = Abilitato (intervallo)

2 = Abilitato (giorni feriali)

0 = Pompe ausiliarie

1 = Tutte le pompe

Alla scadenza del tempo definito da questo parametro, la funzione di rotazione ausiliari subentra nel caso in cui la capacità utilizzata risulti inferiore al livello definito dai parametri

P3.15.11 e P3.15.12.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 133 Menu parametri

Tabella 73. Parametri Multi-pompa

Indice

P3.15.9

P3.15.10

P3.15.11

P3.15.12

P3.15.13

P3.15.14

P3.15.15

P3.15.16

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Rotazione ausiliari -

Giorni

Rotazione ausiliari: ora

Rotazione ausiliari:

Limite di frequenza

Rotazione ausiliari:

Limite pompa

Larghezza di banda

Ritardo larghezza di banda

Velocità di produzione costante

Numero massimo di pompe in funzione contemporaneamente

0

0,00

1

0

0

0,0

1

127

P3.3.1.2

8

100

3600

100,0

P3.15.2

Hz

% s

%

0

1 *

10 *

10 *

3 *

1786

00:00:00 23:59:59 Ora 00:00:00 1787

25,00 * 1031

1030

1097

1098

100,0 * 1513

1187

Giorni feriali di riorganizzazione dell'ordine di avvio

(rotazione ausiliari).

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo se

P3.15.6 = 2 e se la batteria

RTC è installata.

B0 = domenica

B1 = lunedì

B2 = martedì

B3 = mercoledì

B4 = giovedì

B5 = venerdì

B6 = sabato

Ora riorganizzazione dell'ordine di avvio

(rotazione ausiliari).

NOTA! Questo parametro viene utilizzato solo se

P3.15.6 = 2 e se la batteria

RTC è installata.

Questi parametri definiscono il livello al di sotto del quale deve rimanere la capacità utilizzata perché abbia luogo la rotazione ausiliari.

Percentuale del valore impostato, ad esempio,

Valore impostato = 5 bar

Larghezza di banda = 10%.

Finché il valore di feedback rimane entro l'intervallo compreso tra 4,5 e 5,5, le pompe ausiliarie non saranno avviate o arrestate.

Se il feedback è al di fuori della larghezza di banda, il tempo che deve trascorrere prima dell'avvio o dell'arresto delle pompe ausiliarie.

Velocità di produzione nominale della pompa come percentuale di Freq-

Min...FreqMax. Definisce la velocità costante a cui la pompa è bloccata dopo che

è stata raggiunta la frequenza massima e la pompa successiva inizia la regolazione in modo Multimaster

Numero massimo di pompe in funzione contemporaneamente in un sistema multipompa.

NOTA! Se si modifica il parametro P3.15.2, lo stesso valore viene copiato automaticamente in questo parametro.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 134

Indice Parametro

M3.15.17

Segnali di interblocco

M3.15.18

Supervisione sovrapressione

M3.15.19

Tempo di marcia pompa

M3.15.22

Impostazioni avanzate

Tabella 73. Parametri Multi-pompa

Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Vedere il capitolo 4.15.2 di seguito riportato.

Vedere il capitolo 4.15.3 di seguito riportato.

Vedere il capitolo 4.15.4 di seguito riportato.

Vedere il capitolo 4.15.5 di seguito.

* Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro

P1.2 Applicazione. Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

4.15.2

Segnali di interblocco

Tabella 74. Segnali di interblocco

Indice Parametro

P3.15.17.1

Interblocco pompa (1)

P3.15.17.2

Interblocco pompa 2

P3.15.17.3

Interblocco pompa 3

P3.15.17.4

Interblocco pompa 4

P3.15.17.5

Interblocco pompa 5

P3.15.17.6

Interblocco pompa 6

P3.15.17.7

Interblocco pompa 7

P3.15.17.8

Interblocco pompa 8

Min

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Max

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Varie

Unità

Predefinito

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

DigIN

Slot0,1

ID Descrizione

426

427

428

429

430

486

487

488

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

FALSE = Non attivo

TRUE = Attivo

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 135 Menu parametri

4.15.3

Parametri Supervisione sovrapressione

Tabella 75. Parametri Supervisione sovrapressione

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.15.16.1

Abilita supervisione sovrapressione

P3.15.16.2

Livello supervisione

0

Varie

1

Varie Varie

0

0,00

Descrizione

1698

1699

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Questa funzione interrompe immediatamente tutte le pompe ausiliarie, quando il feedback PID raggiunge questo livello.

4.15.4

Contatori delle ore di marcia della pompa

Tabella 76. Parametri Contatori delle ore di marcia della pompa

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.15.19.1

Imposta contatore ore di marcia

P3.15.19.2

Imposta contatore ore di marcia: Valore

P3.15.19.3

Imposta contatore ore di marcia:

Selezione pompa

P3.15.19.4

Limite allarme ore di marcia della pompa

P3.15.19.5

Limite guasto ore di marcia della pompa

0

0

0

0

0

1

300 000

8

300 000

300 000 h h h

0

0

1

0

0

1673

1087

1088

1109

1110

0 = Nessuna azione

1 = Impostare valore contatore definito (P3.15.19.2) su contatore delle ore di marcia della pompa selezionato

Valore da impostare sul contatore ore di marcia della pompa o delle pompe selezionato con P3.15.19.3.

Selezionare la pompa il cui contatore delle ore di marcia verrà impostato sul valore definito con P3.15.19.2.

Quando il numero delle ore di marcia supererà questo limite, verrà generato un allarme.

0 = Non usato

Quando il numero delle ore di marcia supererà questo limite, verrà generato un guasto.

0 = Non usato

4.15.5

Impostazioni avanzate

Tabella 77. Parametri per le impostazioni avanzate

Indice Parametro Min Max

P3.15.22.1

Frequenza di staging P3.3.1.1

320,0

P3.15.22.2

Frequenza di destaging

0,0 P3.3.1.2

Unità

Hz

Predefinito

320,0

Hz 0,0

ID

15545

15546

Descrizione

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 136

4.16

Indice

Gruppo 3.16: contatori di manutenzione

Tabella 78. Parametri Contatore manutenzione

Parametro Min Max Unità Predefinito

P3.16.1

Modalità Contatore 1

P3.16.2

P3.16.3

Limite allarme

Contatore 1

Limite guasto

Contatore 1

0

0

0

B3.16.4

Reset Contatore 1 0

P3.16.5

Reset DI Contatore 1 Varie

2

Varie h/kRev

Varie h/kRev

1

Varie

0

0

0

0

0

ID Descrizione

1104

1105

0 = Non usato

1 = Ore

2 = Giri*1000

Indica quando attivare un allarme manutenzione per il contatore 1.

0 = Non usato

1106

Indica quando generare una condizione di manutenzione guasto per il contatore 1.

0 = Non usato

1107

Attivare per resettare il contatore manutenzione 1.

490 TRUE = Reset

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 137 Menu parametri

4.17

Gruppo 3.17: modalità Fire mode

Tabella 79. Parametri Fire mode

Indice

P3.17.1

P3.17.2

P3.17.3

P3.17.4

P3.17.5

P3.17.6

V3.17.7

V3.17.8

Parametro

Password per la

Modalità Fire Mode

Origine frequenza

Fire Mode

Frequenza Fire Mode

Apertura attivazione

FireMode

Chiusura attivazione

FireMode

Marcia indietro

FireMode

Stato FireMode

Contatore FireMode

Min

0

0

0,00

0

Max

9999

18

P3.3.1.2

3

Unità Predefinito

Hz

ID Descrizione

0

0

50,00

0

1599

1617

1598

DigIN Slot0,2 1596

DigIN Slot0,1 1619

DigIN Slot0,1 1618

1597

1679

1002 = Abilitato

1234 = Modalità test

Selezione origine di riferimento quando la Modalità Fire Mode

è attiva. Questo parametro permette di selezionare ad esempio

AI1 o un controller PID come origine del riferimento anche durante il funzionamento nella modalità Fire Mode.

0 = Frequenza Fire Mode

1 = Velocità preimpostate

2 = Pannello

3 = Bus di campo

4 = AI1

5 = AI2

6 = AI1 + AI2

7 = PID1

8 = Motopotenziometro

9 = Uscita Blocco 1

10 = Uscita Blocco 2

11 = Uscita Blocco 3

12 = Uscita Blocco 4

13 = Uscita Blocco 5

14 = Uscita Blocco 6

15 = Uscita Blocco 7

16 = Uscita Blocco 8

17 = Uscita Blocco 9

18 = Uscita Blocco 10

La frequenza utilizzata quando viene attivata la modalità

Fire Mode.

FALSE = Fire Mode attivo

TRUE = Nessuna azione

FALSE = Nessuna azione

TRUE = Fire Mode attivo

Comando di inversione del senso di rotazione in Fire

Mode. Questa funzione non ha alcun effetto durante il normale funzionamento.

DigIN Slot0,1 = Avanti

DigIN Slot0,2 = Indietro

Valore monitoraggio (vedere

anche la Tabella 3)

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

2 = Attivato (Abilitato + DI aperto)

3 = Modalità test

Valore di scala: 1

Segnala quante volte la Modalità FireMode è stata attivata in modalità Fire mode attivo.

Questo contatore non può essere ripristinato.

Valore di scala: 1

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 138

4.18

Indice

P3.18.1

P3.18.2

P3.18.3

P3.18.4

Gruppo 3.18: parametri Preriscaldamento motore

Tabella 80. Parametri Preriscaldamento motore

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Funzione preriscaldamento motore

Limite temperatura preriscaldamento

Corrente preriscaldamento motore

Preriscaldamento motore attivo

0

-20

0

Varie

4

100

0,5*I

L

Varie

°C/°F

A

0

0

Varie

DigIN

Slot0,1

1225

1226

1227

1044

0 = Non usato

1 = Sempre in stato di arresto

2 = Controllato da DI

3 = Limite temperatura

4 = Limite temperatura

(temperatura motore misurata)

NOTA! La funzione 4 necessita dell'installazione della scheda opzionale per la rilevazione della temperatura.

Preriscaldamento motore si attiva quando la temperatura del dissipatore o la temperatura misurata del motore scende al di sotto di questo livello purché

P3.18.1 sia impostato sulle selezioni 3 o 4.

La corrente CC per il preriscaldamento di motore e inverter in stato di arresto.

Attivata in base a P3.18.1.

FALSE = Nessuna azione

TRUE = Preriscaldamento attivato in stato di arresto

Utilizzato quando il parametro P3.18.1

è impostato su 2.

NOTA!

Anche i canali temporali possono essere collegati a Preriscaldam. ON a patto che venga utilizzato il

Controllo DIN (selezione 2 per il parametro P3.18.1).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

vacon • 139 Menu parametri

4.19

Gruppo 3.19: programmaz. blocchi

Programmaz. blocchi è una funzione mini-PLC programmabile integrata all'interno dell'inverter.

Programmaz. blocchi consente di adattare l'inverter a quasi tutte le funzioni che richiedono logica di controllo e I/O. La funzione Programmaz. blocchi include una vasta gamma di blocchi funzione logici e numerici che si combinano alle funzioni dell'inverter e le ampliano, consentendo così di soddisfare le esigenze specifiche degli utenti.

Programmaz. blocchi è costituito da dieci blocchi funzione definiti dall'utente. Ciascun blocco funzione include tre ingressi, un'uscita e una vasta gamma di funzioni assegnabili.

Tutti i parametri o i segnali di monitoraggio possono essere collegate agli ingressi dei blocchi con i numeri identificativi. Le uscite dei blocchi sono disponibili in ogni posizione in cui è possibile selezionare i segnali analogici o digitali. I blocchi funzione possono inoltre essere utilizzati per controllare il valore di qualsiasi parametro.

Ingresso dig.1

Modalità: Numero identificativo

Ingresso digitale 5

Modalità: Numero identificativo

StatusWordDrive

Modalità: ID e Bit 1

1

0

1

IN 1

IN 2

IN 3

Blocco 1

AND

OUT

ID15020

0

9433_it

Programmaz. blocchi non richiede strumenti o addestramento speciali, poiché è possibile eseguire una configurazione completamente grafica utilizzando lo strumento di configurazione Vacon Live.

Le configurazioni possono essere copiate utilizzando Vacon Live come parte dell'elenco parametri standard.

4

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 140

4.20

Gruppo 3.21: controllo pompa

4.20.1

Parametri Pulizia automatica

Tabella 81. Parametri Pulizia automatica

Indice

P3.21.1.1

P3.21.1.2

Parametro

Funzione pulizia

Attivazione pulizia

P3.21.1.3

Limite corrente pulizia

P3.21.1.4

P3.21.1.5

P3.21.1.6

P3.21.1.7

P3.21.1.8

P3.21.1.9

P3.21.1.10

P3.21.1.11

P3.21.1.12

P3.21.1.13

Ritardo corrente pulizia

Giorni feriali pulizia

Ora pulizia

Cicli di pulizia

Frequenza pulizia avanti

Tempo pulizia avanti

Freq pulizia indietro

Tempo pulizia indietro

Tempo accelerazione pulizia

Tempo decelerazione pulizia

Min

0

0,0

0,0

00:00:00

1

0,00

0,00

0,00

0,00

0,1

0,1

Max Unità

3

200,0

300,0

23:59:59

100

P3.3.1.2

320,00

P3.3.1.2

320,00

300,0

300,0

%

%

Hz s

Hz s s s

Predefinito

ID Descrizione

0

DigIN

Slot0,1

120,0

60,0

0

5

45,00

2,00

45,00

0,00

0,1

0,1

1714

1715

1712

1713

1723

00:00:00 1700

1716

1717

1718

1719

1720

1721

1722

0 = Disabilitato

1 = Abilitato (DIN)

2 = Abilitato (corrente)

3 = Abilitato (giorni feriali)

Il segnale di ingresso digitale usato per avviare la sequenza di pulizia automatica.

La sequenza di pulizia automatica verrà terminata se il segnale di attivazione viene rimosso prima del completamento della sequenza.

NOTA! L'inverter si avvia se l'ingresso è attivato.

Se P3.12.1.1 = 2, la sequenza di pulizia si avvia quando la corrente del motore supera questo limite per un periodo di tempo superiore al valore di P3.21.1.4.

Se P3.12.1.1 = 2, la sequenza di pulizia viene avviata quando la corrente del motore supera questo limite (3.21.1.3) per un periodo di tempo superiore a questo ritardo.

Se P3.12.1.1 = 3, questo parametro definisce i giorni feriali di esecuzione del ciclo di pulizia.

Se P3.12.1.1 = 3, questo parametro definisce l'ora di esecuzione del ciclo di pulizia

(i giorni vengono selezionati con il parametro P3.21.1.5).

Numero di cicli di pulizia avanti/indietro.

Frequenza marcia avanti nel ciclo di pulizia automatica.

Tempo di marcia avanti nel ciclo di pulizia automatica.

Frequenza marcia indietro nel ciclo di pulizia automatica.

Tempo di marcia indietro nel ciclo di pulizia automatica.

Tempo di accelerazione del motore quando è attiva la pulizia automatica.

Tempo di decelerazione del motore quando è attiva la pulizia automatica.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 141 Menu parametri

4.20.2

Parametri Pompa Jockey

Tabella 82. Parametri Pompa Jockey

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.21.2.1

Funzione Jockey

P3.21.2.2

Livello marcia Jockey

P3.21.2.3

Livello arresto Jockey

0

Varie

Varie

2

Varie

Varie

Varie

Varie

0

0,00

0,00

Descrizione

1674

1675

1676

0 = Non usato

1 = Standby PID: la pompa

Jockey è sempre in funzione quando è attivo lo standby PID.

2 = Standby PID (Livello): la pompa Jockey si avvia a livelli predefiniti quando

è attivo lo standby PID.

La pompa Jockey si avvia quando è attivo lo standby

PID e il segnale di feedback

PID scende al di sotto del livello stabilito con questo parametro.

NOTA! Questo parametro è

usato soltanto se P3.21.2.1 =

2 Standby PID (Livello)

La pompa Jockey si arresta quando è attivo lo standby PID e il segnale di feedback PID sale al di sopra del livello stabilito con questo parametro oppure il controller PID si riavvia dallo standby.

NOTA! Questo parametro è

usato soltanto se P3.21.2.1 =

2 Standby PID (Livello).

4.20.3

Parametri Pompa adescante

Tabella 83. Parametri Pompa adescante

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.21.3.1 Funzione adescamento

P3.21.3.2

Tempo adescamento

0

0,0

1

320,0 s

0

3,0

Descrizione

1677

1678

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

È possibile definire un tempo per l'avvio della pompa adescante prima che venga avviata la pompa principale.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu parametri vacon • 142

4.20.4

Parametri antibloccaggio

Tabella 84. Parametri antibloccaggio

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID

P3.21.4.1

P3.21.4.2

P3.21.4.3

Intervallo antibloccaggio

Ore di marcia antibloccaggio

Frequenza antibloccaggio

0

0

960

300 h s

P3.3.1.1

P3.3.1.2

Hz

0

20

15,0

Descrizione

1696

1697

1504

Definisce l'intervallo di tempo in modalità standby del PID che deve trascorrere prima che la pompa venga messa in marcia per impedire il blocco della pompa se questa rimane in modalità standby per molto tempo.

Definisce per quanto tempo la pompa viene mantenuta in marcia quando la funzione antibloccaggio è attivata.

Definisce il riferimento frequenza utilizzato quando la funzione antibloccaggio

è attivata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

4

4 vacon • 143 Menu parametri

4.20.5

Parametri Protezione da congelamento

Parametri Protezione da congelamento

Indice

P3.21.5.1

P3.21.5.2

P3.21.5.3

P3.21.5.4

P3.21.5.5

P3.21.5.6

V3.21.5.7

Parametro

Protezione da congelamento

Segnale temperatura

Segnale temperatura min.

Segnale temperatura max

Limite temperatura protezione congelamento

Frequenza protezione congelamento

Monitor temperatura congelamento

Min

0

0

Max

1

29

-50,0 (°C) P3.21.5.4

°C/°F

P3.21.5.3

200,0 (°C) °C/°F

P3.21.5.3

P3.21.5.4

°C/°F

0,0

Varie

P3.3.1.2

Varie

Unità

Hz

°C/°F

Predefinito

ID Descrizione

0

6

1704

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

1705

0 = Ingresso Temperatura 1

(-50..200°C)

1 = Ingresso Temperatura 2

(-50..200°C)

2 = Ingresso Temperatura 3

(-50..200°C)

3 = Ingresso Temperatura 4

(-50..200°C)

4 = Ingresso Temperatura 5

(-50..200°C)

5 = Ingresso Temperatura 6

(-50..200°C)

6 = Ingresso analogico 1

7 = Ingresso analogico 2

8 = Ingresso analogico 3

9 = Ingresso analogico 4

10 = Ingresso analogico 5

11 = Ingresso analogico 6

12 = ProcessDataIn1 (0-100%)

13 = ProcessDataIn2 (0-100%)

14 = ProcessDataIn3 (0-100%)

15 = ProcessDataIn4 (0-100%)

16 = ProcessDataIn5 (0-100%)

17 = ProcessDataIn6 (0-100%)

18 = ProcessDataIn7 (0-100%)

19 = ProcessDataIn8 (0-100%)

20 = Uscita Blocco 1

21 = Uscita Blocco 2

22 = Uscita Blocco 3

23 = Uscita Blocco 4

24 = Uscita Blocco 5

25 = Uscita Blocco 6

26 = Uscita Blocco 7

27 = Uscita Blocco 8

28 = Uscita Blocco 9

29 = Uscita Blocco 10

-50,0

(°C)

200,0

(°C)

1706

Valore temperatura corrispondente al valore minimo del segnale temperatura selezionato.

1707

Valore temperatura corrispondente al valore massimo del segnale temperatura selezionato.

5,00

(°C)

1708

Limite temperatura al di sotto del quale viene attivata la funzione

Protezione congelamento.

10,0 1710

Riferimento frequenza costante utilizzato quando viene attivata la funzione Protezione congelamento.

1711

Valore di monitoraggio per il segnale di temperatura misurata nella funzione Protezione congelamento. Valore di scala: 0,1.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu Diagnostica vacon • 144

5.

M

ENU

D

IAGNOSTICA

5.1

Guasti attivi

Menu

Guasti attivi

Tabella 85.

Funzione Descrizione

Quando viene rilevato uno o più guasti, il display con il nome del guasto inizia a lampeggiare.

Premere OK per ritornare al menu

Diagnostica. Il sottomenu

Guasti attivi

visualizza il numero di guasti

rilevati. Selezionare il guasto e premere OK per vedere i dati temporali del guasto.

Il guasto rimane attivo finché non viene eliminato tramite il tasto Reset

(tenere premuto per 2 secondi) oppure tramite un segnale di reset proveniente dal morsetto I/O o dal bus di campo oppure selezionando

Reset guasti

(vedere sotto).

Questa memoria dei guasti attivi può contenere fino a un massimo di

10 guasti in ordine di rilevazione.

5.2

Reset guasti

Menu

Reset guasti

Tabella 86.

Funzione

Questo menu consente di resettare i guasti. Per istruzioni più dettagliate, vedere il capitolo

9.1 Notifica di un guasto.

Descrizione

13006.emf

ATTENZIONE!

Eliminare il segnale di controllo esterno prima di resettare il guasto per evitare che l'inverter possa inavvertitamente rimettersi in marcia.

5.3

Memoria guasti

Tabella 87.

Menu Funzione

Memoria guasti

La Memoria guasti può contenere gli ultimi 40 guasti rilevati.

Descrizione

Accedendo al menu Memoria guasti e facendo clic su OK per il guasto selezionato vengono visualizzati i dati temporali di tale guasto (dettagli).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

5

5 vacon • 145 Menu Diagnostica

5.4

Indice

V4.4.1

V4.4.3

V4.4.4

V4.4.5

V4.4.6

V4.4.7

V4.4.8

V4.4.9

V4.4.10

V4.4.11

V4.4.12

V4.4.13

V4.4.14

V4.4.15

Contatori

Tabella 88. Menu Diagnostica, Parametri dei contatori

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Contatore energia Varie a d hh:min

2291

Quantità di energia presa dalla rete di alimentazione.

Nessun reset.

NOTA PER IL PANNELLO

STANDARD: l'unità di misura più alta visualizzata sul pannello standard è il MW. Qualora il conteggio energetico fornisca un risultato superiore a 999,9 MW, sul pannello non viene visualizzata alcuna unità di misura.

2298

Ore di esercizio dell'unità di controllo.

Contatore ore di esercizio

(pannello grafico)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard)

Cont. ore marcia

(pannello grafico)

Cont. ore marcia

(pannello standard)

Cont. ore marcia

(pannello standard)

Cont. ore marcia

(pannello standard)

Cont. ore accens

(pannello grafico)

Cont. ore accens

(pannello standard)

Cont. ore accens

(pannello standard)

Cont. ore accens

(pannello standard)

Avvia contatore comandi a d hh:mm:ss a d hh:min a d hh:mm:ss a d hh:min a d hh:mm:ss

Ore di esercizio dell'unità di controllo in anni totali.

Ore di esercizio dell'unità di controllo in giorni totali.

Tempo di esercizio dell'unità di controllo in ore, minuti e secondi.

2293 Tempo di marcia motore.

2294

2295

Tempo di marcia del motore in anni totali.

Tempo di marcia del motore in giorni totali.

Tempo di marcia del motore in ore, minuti e secondi.

Quantità di tempo in cui l'unità di potenza è rimasta alimentata fino al momento attuale. Nessun reset.

Ore di accensione in anni totali.

Ore di accensione in giorni totali.

Tempo di accensione in ore, minuti e secondi.

Il numero di volte in cui l'unità di potenza è stata riavviata.

Per informazioni più dettagliate sui contatori, vedere il capitolo 8.13.6 Contatori delle ore di marcia della pompa.

Se si utilizza il bus di campo per leggere i valori, vedere il capitolo 8.18 Contatori.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu Diagnostica vacon • 146

5.5

Contatori parziali

Tabella 89. Menu Diagnostica, Parametri dei contatori parziali

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P4.5.1

Contatore parziale energia

Varie 2296

Contatore di energia resettabile.

NOTA! L'unità di misura più alta visualizzata sul pannello standard è il MW. Qualora il conteggio energetico fornisca un risultato superiore a

999,9 MW, sul pannello non viene visualizzata alcuna unità di misura.

Per azzerare il contatore:

Pannello standard:

Tenere premuto (per circa

4 secondi) il tasto OK.

Pannello grafico:

Premere un volta OK. Viene visualizzata la pagina Reset

contatore. Premere di nuovo

OK.

P4.5.3

P4.5.4

P4.5.5

P4.5.6

Contatore ore di esercizio

(pannello grafico)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard)

Contatore ore di esercizio

(pannello standard) a d hh:min a d hh:mm:ss

2299 Resettabile. Vedere la P4.5.1.

Tempo operativo totale in anni.

Tempo di esercizio totale in giorni.

Tempo di esercizio in ore, minuti e secondi.

Se si utilizza il bus di campo per leggere i valori, vedere il capitolo 8.18 Contatori.

5.6

Indice

V4.6.1

V4.6.2

V4.6.3

V4.6.4

V4.6.5

V4.6.6

V4.6.7

Info software

Tabella 90. Menu Diagnostica, Parametri info software

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Pacchetto software

(pannello grafico)

ID pacchetto sfw

(pannello standard)

Versione pacchetto sfw

(pannello standard)

Carico sistema

Nome applicaz.

(pannello grafico)

ID applicazione

Ver applicazione

0 100 %

Codice identificazione software.

2300

Carico sulla CPU dell'unità di controllo.

Nome dell'applicazione.

Codice applicazione.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

5

6 vacon • 147 Menu I/O e hardware

6.

M

ENU

I/O

E HARDWARE

6.1

I/O di base

Monitorare qui lo stato degli ingressi e delle uscite.

Tabella 91. Menu I/O e hardware, Parametri di base I/O

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

V5.1.1

V5.1.2

V5.1.3

V5.1.4

V5.1.5

V5.1.6

V5.1.7

V5.1.8

V5.1.9

V5.1.10

V5.1.11

V5.1.12

V5.1.13

V5.1.14

V5.1.15

Ingresso digitale 1

Ingresso digitale 2

Ingresso digitale 3

Ingresso digitale 4

Ingresso digitale 5

Ingresso digitale 6

Modo ingresso analogico 1

Ingresso analogico 1

Modo ingresso analogico 2

Ingresso analogico 2

Modo uscita analogica 1

Uscita analogica 1

Uscita relè 1

Uscita relè 2

Uscita relè 3

0

0

0

0

0

0

1

0

1

0

1

0

0

0

0

1

1

1

1

1

1

3

100

3

100

3

100

1

1

1

%

%

%

0

0

0

0

0

0

3

0,00

3

0,00

1

0,00

0

0

0

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Stato del segnale dell'ingresso digitale

Mostra il modo selezionato

(tramite jumper) per il segnale dell'ingresso analogico

1 = 0...20 mA

3 = 0...10 V

Stato del segnale dell'ingresso analogico

Mostra il modo selezionato

(tramite jumper) per il segnale dell'ingresso analogico

1 = 0...20 mA

3 = 0...10 V

Stato del segnale dell'ingresso analogico

Mostra il modo selezionato

(tramite jumper) per il segnale dell'uscita analogica

1 = 0...20 mA

3 = 0...10 V

Stato del segnale dell'uscita analogica

Stato del segnale per uscita relè

Stato del segnale per uscita relè

Stato del segnale per uscita relè

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu I/O e hardware vacon • 148

6.2

Slot scheda opzionale

I parametri di questo gruppo dipendono dalla scheda opzionale installata. Se nessuna scheda opzionale è inserita nello slot C, D o E, non è visibile alcun parametro. Vedere il capitolo

8.7.1 Programmazione degli ingressi analogici e digitali per la posizione degli slot.

Quando si rimuove una scheda opzionale, sul display compare il testo informativo 39

Dispositivo rimosso

. Vedere la Tabella 133.

Menu

Slot C

Slot D

Slot E

Tabella 92. Parametri relativi alla scheda opzionale

Funzione

Impostazioni

Monitoraggio

Impostazioni

Monitoraggio

Impostazioni

Monitoraggio

Descrizione

Impostazioni relative alla scheda opzionale.

Monitoraggio delle informazioni relative alla scheda opzionale.

Impostazioni relative alla scheda opzionale.

Monitoraggio delle informazioni relative alla scheda opzionale.

Impostazioni relative alla scheda opzionale.

Monitoraggio delle informazioni relative alla scheda opzionale.

6.3

Indice

V5.5.1

P5.5.2

P5.5.3

P5.5.4

P5.5.5

Orologio in tempo reale

Tabella 93. Menu I/O e hardware, Parametri orologio in tempo reale

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Stato batteria

Ora

Data

Anno

Ora legale

1

1

3

4 hh:mm:ss gg.mm.

aaaa

2

1

2205

Stato della batteria.

1 = Non installata

2 = Installata

3 = Sostituzione batteria

2201 Ora corrente

2202 Data corrente

2203 Anno corrente

2204

Ora legale

1 = Off

2 = EU; Dall'ultima domenica di marzo fino all'ultima domenica di ottobre

3 = US; Dalla seconda domenica di marzo fino alla prima domenica di novembre

4 = Russia (permanente)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

6

vacon • 149 Menu I/O e hardware

6.4

Impostazioni unità di potenza

Ventola

Il funzionamento della ventola può essere Ottimizzato o Sempre on. Nel modo Ottimizzato, la velocità della ventola viene controllata dalla logica interna dell'inverter che riceve dati dalle misurazioni della temperatura e quando l'inverter si trova nello stato Pronto la ventola si arresta dopo 5 minuti.

Nel modo Sempre on, la ventola è sempre attiva e gira a tutta velocità, senza arrestarsi.

Indice

P5.6.1.1

Tabella 94. Impostazioni unità di potenza, Controllo ventole

Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Mod ctrl ventole 0 1 1 2377

0 = Sempre on

1 = Ottimizzato

Filtro sinusoidale

Il supporto filtro sinusoidale limita la profondità di sovramodulazione e impedisce alle funzioni di gestione termica di ridurre la frequenza di commutazione.

Tabella 95. Impostazioni unità di potenza, Filtro sinusoidale

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P5.6.4.1

Filtro sinusoidale 0 1 0

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

6

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Menu I/O e hardware vacon • 150

6.5

Pannello

Tabella 96. Menu I/O e hardware, Parametri del pannello

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P5.7.1

P5.7.2

P5.7.3

P5.7.4

P5.7.5

Tempo ripristino

Pagina default

Indice dei menu

Contrasto

**

Tmp luce display

0

0

30

0

60

4

70

60 min

% min

0

0

*

*

50

5

Tempo trascorso il quale il display ritorna alla pagina definita mediante il parametro P5.7.2.

0 = Non usato

La pagina che il pannello visualizza quando l'inverter

è acceso o quando è scaduto il tempo impostato tramite il parametro P5.7.1. Se il valore è 0, il display mostra l'ultima pagina visualizzata.

0 = Nessuna

1 = Ins. indice menu

2 = Menu principale

3 = Pagina di ctrl

4 = Multimonitor

Imposta l'indice dei menu per la pagina desiderata e lo attiva mediante il parametro P5.7.2 = 1.

Imposta il contrasto del display (30...70%).

Imposta il tempo trascorso il quale la retroilluminazione del display si disattiva

(0...60 min). Se il valore è 0, la retrolluminazione è sempre attiva.

*

Il valore predefinito del parametro varia in base all'applicazione selezionata con il parametro Applicazione P1.2.

Vedere il capitolo 10.1 Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata.

**

Disponibile solo con il pannello grafico.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

6

6 vacon • 151 Menu I/O e hardware

6.6

Bus di campo

I parametri relativi alle diverse schede bus di campo si trovano nel menu

I/O e hardware

. Questi parametri sono illustrati più in dettaglio nel manuale della rispettiva scheda bus di campo.

Sottomenu livello 1

RS-485

Ethernet

Tabella 97.

Sottomenu livello 2 Sottomenu livello 3

Impostaz. comuni

Impostaz. comuni

Protocollo

Mod indirizzo IP

IP fisso

Modbus TCP

Bacnet IP

Indirizzo IP

Subnet Mask

Gateway predef.

Indirizzo MAC

Impostaz. comuni

Impostazioni

Monitoraggio

Sottomenu livello 4

NA

NA

Indirizzo IP

Subnet Mask

Gateway predef.

NA

NA

NA

NA

Limite connessione

Indirizzo slave

Timeout comunicazione

Numero istanza

Timeout comunicazione

Protoc. in uso

BBMD IP

Porta BBMD

Durata residua

Stato protoc. FB

Stato comunicazione

Istanza effett.

Control Word

Status Word

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Impostazioni utente, preferiti e menu livello utente

7.

7.1

vacon • 152

I

MPOSTAZIONI UTENTE

,

PREFERITI E MENU LIVELLO UTENTE

Impostazioni utente

Indice

P6.1

P6.2

M6.5

M6.6

P6.7

Tabella 98. Menu Impostazioni utente, Impostazioni generali

Parametro

Scelta della lingua

Selezione applicazione

Backup parametri

Confronto parametri

Nome inverter

Min

Varie

Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

Varie Varie 802

801

Dipende dal Language

Package.

Per selezionare l'applicazione da utilizzare.

Vedere il capitolo 7.1.1 di seguito riportato.

Fornire il nome dell'inverter, se necessario.

7.1.1

Backup parametri

Tabella 99. Menu Impostazioni utente, parametri della copia di backup parametri

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P6.5.1

Ripristina val. fabbrica

P6.5.2

P6.5.3

B6.5.4

B6.5.5

B6.5.6

B6.5.7

Salva nel pannello*

Riprist da pannello*

Salva in grp 1

Ripr. da gruppo 1

Salva in grp 2

Ripr. da gruppo 2

0 1 0

831

Ripristina i valori predefiniti dei parametri e inizia la procedura guidata di avvio.

Salva i valori dei parametri nel pannello, ad esempio, per copiarli su un altro inverter.

0 = No

1 = Sì

Carica i valori dei parametri dal pannello all'inverter.

Memorizza un gruppo di parametri personalizzati

(tutti i parametri inclusi nell'applicazione).

Carica il gruppo di parametri personalizzati sull'inverter.

Memorizza un altro gruppo di parametri personalizzati

(tutti i parametri inclusi nell'applicazione).

Carica sull'inverter il gruppo

2 di parametri personalizzati.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

7

vacon • 153 Impostazioni utente, preferiti e menu livello utente

7.2

Valori preferiti

NOTA!

Questo menu non è disponibile nel pannello standard.

I valori preferiti sono utilizzati per raccogliere un gruppo di parametri o segnali di monitoraggio dai vari menu del pannello di comando.

Spesso occorre far riferimento a un certo numero di parametri o elementi ricorrenti. Invece di cercarli uno ad uno nei vari menu, è possibile raccoglierli in una speciale cartella chiamata

Preferiti

in modo che possano essere facilmente reperibili.

Per aggiungere elementi o parametri alla cartella

Preferiti

, fare quanto segue:

STOP READY I/O

Motor Nom Freq

STOP READY I/O

Motor Nom Freq

STOP

READY I/O

Basic Settings

Motor Nom Voltg

230.00 V

Motor Nom Freq

50.00 Hz

Motor Nom Speed

1430 rpm

Edit

Help

Add to favorites was added to favorites. Press OK to continue.

Figura 44. Aggiunta di un elemento ai preferiti

Per rimuovere un elemento o un parametro dalla cartella

Preferiti

, fare quanto segue:

STOP

READY

Favorites

I/O

Motor Nom Freq

50.00 Hz

STOP

READY I/O

Motor Nom Freq

Monitor

Help

Rem from favorites

Figura 45. Rimozione di un elemento dai preferiti

7

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Impostazioni utente, preferiti e menu livello utente vacon • 154

7.3

Livelli utente

I parametri relativi al livello dell'utente sono studiati per limitare la visibilità dei parametri ed evitare la parametrizzazione non autorizzata o accidentale sul pannello.

Tabella 100. Parametri livello utente

Indice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P8.1

P8.2

Livello utente

Codice accesso

1

0

3

99999

1

0

1194

2362

1 = Normale; Tutti i menu visibili nel Menu principale

2 = Monitoraggio; Solo i menu

Monitor e Livelli utente sono visibili nel Menu principale

3 = Valori preferiti; Solo i menu Valori preferiti e Livelli utente sono visibili nel Menu principale

Se si imposta un valore diverso da 0 prima di passare al monitoraggio mentre è attivo, ad esempio, il livello utente Normale, quando si tenta di ritornare al livello

Normale viene richiesto il codice di accesso. Può essere pertanto utilizzato per impedire la parametrizzazione non autorizzata o accidentale sul pannello.

NOTA! Non smarrire il codice! Qualora si smarrisse il codice, contattare il centro di assistenza più vicino.

STOP

READY ALARM

User levels

ID:2362 P8.2

Keypad

User level

Normal

Access code

00000

STOP READY ALARM

Access code

ID:2362 P8.2

I/O

00000

Min:0

Max:9

Figura 46.

9173.emf

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

7

8 vacon • 155 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.

D

ESCRIZIONI DEI PARAMETRI E DEI VALORI

DI MONITORAGGIO

8.1

Descrizioni dei valori di monitoraggio

In questo capitolo vengono fornite informazioni aggiuntive su alcuni valori di monitoraggio. Le

descrizioni di base di tutti i valori di monitoraggio sono riportate nel capitolo 3 Menu monitoraggio.

V2.10.6 S

TATO COMUNICAZIONE

(ID 1629)

Stato della comunicazione da inverter a inverter nel sistema multi-pompa (inverter multiplo).

0 = Non in uso (funzione multi-pompa non utilizzata)

10 = Si sono verificati errori di comunicazione gravi (o nessuna comunicazione presente)

11 = Si sono verificati errori (invio dati)

12 = Si sono verificati errori (ricezione dati)

20 = Comunicazione funzionante, non si è verificato alcun errore

30 = Stato sconosciuto

NOTA! Se sono presenti gli stati comunicazione 11 o 12, in genere significa che solo uno degli inverter nel sistema multi-pompa ha perso la comunicazione. La comunicazione tra gli altri inverter funziona ancora normalmente.

V2.10.7 T

EMPO DI MARCIA POMPA

1 (ID 1620)

Il valore di monitoraggio indica le ore di funzionamento della pompa 1 nel sistema multi-pompa a inverter singolo. Nel sistema multi-pompa a inverter singolo il valore di monitoraggio indica le ore di funzionamento di questa pompa. Le ore di funzionamento sono presentati con la risoluzione di 0,1 h.

V2.10.8

T

EMPO DI MARCIA POMPA

2 (ID 1621)

V2.10.9 T

EMPO DI MARCIA POMPA

3 (ID 1622)

V2.10.10 T

EMPO DI MARCIA POMPA

4 (ID 1623)

V2.10.11 T

EMPO DI MARCIA POMPA

5 (ID 1624)

V2.10.12 T

EMPO DI MARCIA POMPA

6 (ID 1625)

V2.10.13 T

EMPO DI MARCIA POMPA

7 (ID 1626)

V2.10.14 T

EMPO DI MARCIA POMPA

8 (ID 1627)

I valori di monitoraggio indicano le ore di funzionamento delle pompe 2-8 nel sistema multi-pompa a inverter singolo. Nel sistema multi-pompa a inverter singolo la funzione non è disponibile. Vedere

il valore di monitoraggio V2.10.7 nella Tabella 10 Monitoraggio multi-pompa.

Le ore di funzionamento sono presentati con la risoluzione di 0,1 h.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 156

8.2

Descrizioni dei parametri

Per la loro semplicità, la maggior parte dei parametri dell'inverter richiede solo una breve descrizione, che viene fornita nelle tabelle dei parametri riportate nel capitolo 4 Menu parametri.

Nei seguenti capitoli vengono fornite informazioni aggiuntive su alcuni parametri più complessi dell'inverter. Se non è possibile trovare le informazioni necessarie, contattare il proprio distributore.

P1.2 A

PPLICAZIONE

(ID 212)

Durante la messa a punto o l'avvio dell'inverter, l'utente può selezionare una delle configurazioni applicazione preimpostate (quella che meglio corrisponde alle esigenze). Le configurazioni preimpostate dell'applicazione sono costituite da gruppi di parametri predefiniti, che saranno caricati sull'inverter nel momento in cui cambia il valore del parametro P1.2 Applicazione.

La selezione dell'applicazione riduce al minimo la modifica manuale dei parametri e agevola la messa a punto dell'inverter.

NOTA! Le procedure guidate applicazione sono riportate nel capitolo 1.4 Procedure guidate applicazione.

Se questo parametro viene modificato da un pannello (grafico), la configurazione selezionata viene caricata sull'inverter e viene avviata una procedura guidata applicazione per semplificare l'inserimento dei parametri di base relativi all'applicazione selezionata.

È possibile selezionare le seguenti configurazioni applicazione preimpostate:

0 = Standard

1 = HVAC

2 = Controller PID

3 = Multi-pompa (inverter singolo)

4 = Multi-pompa (inverter multiplo)

NOTA! Il contenuto del menu M1 Config. rapida varia a seconda dell'applicazione selezionata.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 157 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.3

Impostazioni motore

P3.1.1.2 F

REQUENZA NOMINALE DEL MOTORE

(ID 111)

NOTA! Quando questo parametro viene cambiato, i parametri P3.1.4.2 Frequenza punto di indebolimento campo e P3.1.4.3 Tensione al punto di indebolimento campo verranno automaticamente ini-

zializzati in base al tipo di motore P3.1.2.2 selezionato. Vedere la tabella 102.

P3.1.2.2 T

IPO MOTORE

(ID 650)

Questo parametro definisce il tipo di motore utilizzato.

Tabella 101.

Numero selezione

Nome selezione Descrizione

0

1

Motore a induzione (IM) Selezionare se si utilizza un motore a induzione.

Motore a magneti permanenti (PM) Selezionare se si utilizza un motore a magneti permanenti.

Quando questo parametro viene cambiato, i parametri P3.1.4.2 e P3.1.4.3 vengono automaticamente inizializzati in base al tipo di motore selezionato.

Vedere la Tabella 102 per i valori di inizializzazione:

Parametro

P3.1.4.2

(Frequenza punto di indebolimento campo)

P3.1.4.3

(Tensione al punto di indebolimento campo)

Tabella 102.

Motore a induzione (IM)

Frequenza nominale motore

100,0%

Motore a magneti permanenti (PM)

Calcolata internamente

Calcolata internamente

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 158

P3.1.2.4 I

DENTIFICAZIONE

(ID 631)

L'identificazione automatica del motore calcola o rileva i parametri necessari per ottimizzare il controllo di velocità e del motore.

L’identificazione è parte delle operazioni di regolazione del motore e dei parametri specifici dell'inverter. È uno strumento per la messa a punto e la manutenzione dell'inverter che consente di trovare il maggior numero possibile di valori ottimali dei parametri per la maggior parte degli inverter.

NOTA! Prima di eseguire l’identificazione, è necessario impostare correttamente i parametri ricavati dalla targhetta motore.

Tabella 103.

0

1

Numero selezione

2

Nome selezione Descrizione

Nessuna azione

Identificazione in arresto

Identificazione con rotazione del motore

Nessuna identificazione richiesta.

L'inverter è in funzione ed esegue l'identificazione dei parametri del motore senza farlo ruotare (senza velocità). Vengono erogate corrente e tensione al motore, ma la frequenza è zero. Il rapporto

V/f viene identificato.

L'inverter è in funzione e fa ruotare il motore per identificarne i parametri. Vengono identificati il rapporto V/f e la corrente di magnetizzazione.

NOTA!

Per ottenere risultati migliori, si consiglia di eseguire l’identificazione senza alcun carico sull’albero motore.

L'identificazione automatica viene attivata impostando questo parametro sul valore desiderato e immettendo un comando di marcia nella direzione richiesta. Il comando di marcia all'inverter deve essere fornito entro 20 secondi. In caso contrario, l'identificazione viene annullata, viene ripristinato il valore predefinito del parametro e viene generato un allarme

Identificazione

.

L’identificazione può essere interrotta in qualsiasi momento con un normale comando di arresto che ripristina anche il valore predefinito del parametro. Se l'identificazione ha esito negativo, viene generato un allarme

Identificazione

.

NOTA! Per l'avvio dell'inverter dopo l'identificazione, è necessario un nuovo comando di marcia

(Fronte salita).

P3.1.2.6 I

NTERRUTTORE MOTORE

(ID 653)

Questa funzione viene generalmente utilizzata in presenza di un interruttore tra inverter e motore.

Questi interruttori vengono spesso utilizzati nelle applicazioni in ambito residenziale e industriale per garantire che un circuito elettrico possa essere completamente scollegato dal motore per assistenza e manutenzione.

Quando questo parametro è abilitato e l'interruttore del motore è aperto per scollegare il motore in funzione, l'inverter rileva l'assenza del motore senza bloccarsi. Non è necessario apportare alcuna modifica al comando di marcia o al segnale di riferimento all'inverter dalla stazione di controllo di processo. Quando il motore viene ricollegato dopo la manutenzione chiudendo l'interruttore, l'inverter rileva il collegamento del motore e lo mette in marcia alla velocità di riferimento definita nei comandi di processo.

Se il motore è in rotazione quando viene ricollegato, l'inverter rileva la velocità del motore mediante la funzione

Aggancio in velocità

e lo gestisce alla velocità desiderata in base ai comandi di processo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 159 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

3 ~

MS

0

1

8

M

3076.emf

Figura 47. Interruttore motore

P3.1.2.10 C

TRL SOVRATENSIONE

(ID 607)

P3.1.2.11 C

TRL SOTTOTENSIONE

(ID 608)

Questi parametri permettono di disattivare i controller di sottotensione/sovratensione. Ciò può essere utile, ad esempio, se la tensione di alimentazione di rete presenta variazioni superiori a -15% e +10% e l'applicazione non tollera il funzionamento del controller di sovratensione/sottotensione.

Se questa funzione è abilitata, i controller modificano la frequenza di uscita tenendo conto delle fluttuazioni dell'alimentazione.

P3.1.2.13 R

EGOLAZIONE TENSIONE STATORE

(ID 659)

NOTA! Questo parametro verrà automaticamente impostato durante l'identificazione. Si consiglia di eseguire l'identificazione, se possibile. Vedere il parametro P3.1.2.4.

Il parametro

Regolazione tensione statore

viene utilizzato solo quando si seleziona

Motore a magneti permanenti (Motore PM)

per il parametro P3.1.2.2. Questo parametro non ha alcun effetto se si seleziona

Motore a induzione

. Con un motore a induzione in uso, il valore viene internamente forzato su 100% è non può essere cambiato.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 160

Quando il valore del parametro P3.1.2.2 (Tipo motore) viene cambiato in

Motore PMS

, i parametri

P3.1.4.2 (Frequenza punto di indebolimento campo) e P3.1.4.3 (Tensione al punto di indebolimento campo) verranno automaticamente aumentati fino ai limiti della tensione totale di uscita dell'inverter, mantenendo il rapporto V/f definito. L'incremento interno serve a evitare che il motore

PMS marci nell'area di indebolimento campo poiché la tensione nominale del motore PMS è in genere molto inferiore alla capacità di tensione di uscita totale dell'inverter.

La tensione nominale del motore PMS rappresenta in genere la tensione contro-elettromotrice

(back-EMF) del motore alla frequenza nominale, ma, in base al costruttore del motore, può rappresentare, ad esempio, la tensione dello statore a carico nominale.

Questo parametro offre un modo facile per regolare la curva V/f dell'inverter avvicinandola alla curva della tensione contro-elettromotrice (back-EMF) del motore senza bisogno di cambiare molti parametri della curva V/f.

Il parametro Regolazione tensione statore definisce la tensione di uscita dell'inverter come percentuale della tensione nominale del motore alla frequenza nominale del motore.

La curva V/f dell'inverter viene in genere regolata leggermente al di sopra della curva della tensione contro-elettromotrice (back-EMF) del motore. La corrente del motore aumenta proporzionalmente allo scostamento della curva V/f dell'inverter dalla curva della tensione controelettromotrice (back-EMF) del motore.

U [V]

Tensione punto di indebolimento campo

Tensione nominale del motore

20

Regolazione tensione statore

0%

(50..200%)

10

0%

Te ns ion e c on tro

-el ett rom otri ce

(b ac k E

MF

)

50%

Tensione frequenza zero f [Hz]

Frequenza nominale motore

Punto di indebolimento campo

Figura 48. Principio di regolazione della tensione dello statore

9208.emf

P3.1.3.1 L

IMITE CORRENTE MOTORE

(ID 107)

Questo parametro stabilisce la corrente massima che arriva al motore dall'inverter CA. La gamma dei valori del parametro varia da taglia a taglia.

Quando il limite di corrente è attivo, la frequenza di uscita dell'inverter viene ridotta.

NOTA! Questo non è un limite che comporta il blocco da sovracorrente.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 161 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.1.4.1 R

APPORTO

V/

F

(ID 108)

Tabella 104.

0

Numero selezione

Nome selezione

Lineare

1

2

Quadratico

Programmabile

Descrizione

La tensione del motore varia linearmente in funzione della frequenza di uscita dalla tensione di uscita a frequenza zero

(P3.1.4.6) alla tensione del punto di indebolimento campo (FWP)

(P3.1.4.3) in corrispondenza della frequenza FWP (P3.1.4.2).

Se non vi sono esigenze specifiche di altre impostazioni,

è opportuno utilizzare questa impostazione predefinita.

La tensione del motore varia dalla tensione frequenza zero

(P3.1.4.6) seguendo una curva quadratica da zero alla frequenza

punto di indebolimento campo (P3.1.4.2). Vedere la figura 49. Al

di sotto del punto di indebolimento campo, il motore funziona con magnetizzazione ridotta e produce una coppia inferiore. Il rapporto

V/f quadratico può essere utilizzato nelle applicazioni in cui la richiesta relativa alla coppia del carico è proporzionale al quadrato della velocità, ad esempio nelle pompe e nei ventilatori centrifughi.

La curva V/f può essere programmata con tre diversi punti (vedere

la figura 50): tensione frequenza zero (P1), tensione/frequenza

punto intermedio (P2) e punto di indebolimento campo (P3).

La curva V/f programmabile può essere utilizzata quando serve una coppia maggiore alle basse frequenze. Le impostazioni ottimali si possono ottenere automaticamente con l’identificazione del motore (P3.1.2.4).

U[V]

Un

ID603

Impostazione predefinita:

Tensione nominale del motore

Punto di indebolimento campo

Lineare

Quadratico

Impostazione predefinita:

Frequenza nominale del motore f[Hz]

ID602

9094.emf

Figura 49. Variazione lineare e quadratica della tensione del motore, ID 602 = P3.1.4.2 Punto di indebolimento campo, ID 603 = P3.1.4.3 Tensione al punto di indebolimento campo

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

U[V]

Un

ID603

Impostazione predefinita:

Tensione nominale del motore

P3

Punto di indebolimento campo vacon • 162

ID605

ID606

P1

P2

ID604

Impostazione predefinita:

Frequenza nominale del motore f[Hz]

ID602

9119.emf

Figura 50. Curva V/f programmabile, D 602 = P3.1.4.2 Punto di indebolimento campo, ID 603 =

P3.1.4.3 Tensione al punto di indebolimento campo, ID 604 = P3.1.4.4 Frequenza intermedia V/f,

ID 605 = P3.1.4.5 Tensione intermedia V/f, ID 606 = P3.1.4.6 Tensione frequenza zero

NOTA! Questo parametro viene forzato sul valore ‘1’

Lineare

quando il parametro

Tipo motore

è impostato sul valore ‘1’ Motore a magneti permanenti (PM).

NOTA! Quando questo parametro viene cambiato, i parametri P3.1.4.2 Frequenza punto di indebolimento campo, P3.1.4.3 Tensione al punto di indebolimento campo, P3.1.4.4 Frequenza intermedia V/f, P3.1.4.5 Tensione intermedia V/f e P3.1.4.6 Tensione frequenza zero verranno automaticamente impostati sui rispettivi valori predefiniti, se il parametro P3.1.2.2 Tipo motore

è impostato su ‘0’

Motore a induzione (IM)

.

P3.1.4.3 T

ENSIONE AL PUNTO DI INDEBOLIMENTO CAMPO

(ID 603)

Al di sopra della frequenza al punto di indebolimento campo, la tensione di uscita rimane al livello massimo fissato. Al di sotto della frequenza al punto di indebolimento campo, la tensione di uscita dipende dai valori dei parametri della curva V/f. Vedere i parametri P3.1.4.1, P3.1.4.4 e P3.1.4.5.

Quando vengono impostati i parametri P3.1.1.1 Tensione nominale del motore e P3.1.1.2 Frequenza nominale del motore, ai parametri P3.1.4.2 Frequenza punto di indebolimento campo e P3.1.4.3 Tensione al punto di indebolimento campo vengono automaticamente assegnati i valori corrispondenti.

Se sono necessari valori diversi per il punto di indebolimento campo e per la tensione di uscita massima, modificare questi parametri dopo aver impostato i parametri P3.1.1.1 e P3.1.1.2.

P3.1.4.7

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 163 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.1.4.7 A

GGANCIO IN VELOCITÀ

(ID 1590)

L'aggancio in velocità può essere configurato impostando i bit del parametro per le opzioni di aggancio in velocità. I bit regolabili consentono di disabilitare gli impulsi CC e la scansione CA, determinare la direzione della ricerca e utilizzare il riferimento di frequenza come punto iniziale per la ricerca della velocità di rotazione dell'asse.

La direzione della ricerca è determinata tramite B0. Quando il bit è impostato su 0, la velocità dell'asse viene ricercata da entrambe le direzioni positiva e negativa. Quando il bit è impostato su

1, la ricerca è limitata alla direzione del riferimento di frequenza per evitare qualunque movimento dell'asse nell'altra direzione.

L'obiettivo principale della scansione CA è la premagnetizzazione del motore. La scansione CA viene effettuata tramite lo sweep della frequenza dal valore massimo a zero. La scansione viene interrotta in presenza di una regolazione della velocità dell'asse. La scansione CA può essere disabilitata impostando B1 su 1. Se il tipo di motore selezionato è un motore a magneti permanenti, la scansione CA viene disabilitata automaticamente.

Il bit B5 consente di disabilitare gli impulsi CC. Lo scopo principale degli impulsi CC è la premagnetizzazione e il rilevamento del motore in rotazione. Se gli impulsi CC e la scansione CA sono entrambi abilitati, il metodo applicato viene scelto internamente in base alla frequenza di scorrimento. Gli impulsi CC vengono disabilitati anche internamente se la frequenza di scorrimento

è minore di 2 Hz o il tipo di motore selezionato è un motore a magneti permanenti.

P3.1.4.9 B

OOST AVVIO

(ID 109)

È possibile utilizzare il boost avvio nei casi in cui la coppia di spunto è elevata.

La tensione sul motore cambia in proporzione alla coppia richiesta. Questo consente al motore di produrre una coppia maggiore in fase di avvio.

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 164

8.3.1

Funzione Marcia I/f

La funzione

Marcia I/f

viene generalmente utilizzata con motori a magneti permanenti (PM) per l'avvio del motore con controllo corrente costante. Questa funzione è molto utile con motori di elevata potenza a bassa resistenza e con difficile regolazione della curva V/f.

L'utilizzo della funzione Marcia I/f può anche rivelarsi utile a ottenere una coppia sufficiente al motore in fase di avvio.

f uscita

P3.1.4.12.3

CM

P3.1.4.12.2

3082.emf

t [s]

Figura 51. Marcia I/f (CM = Corrente motore), P3.1.4.12.2 = Frequenza Marcia I/f,

P3.1.4.12.3 = Corrente Marcia I/f

P3.1.4.12 M

ARCIA

I/

F

(ID 534)

Se la funzione è attivata, l'inverter è impostato sul modo controllo corrente e una corrente costante definita mediante il parametro P3.1.4.11.3 viene alimentata al motore fino a che la frequenza di uscita dell'inverter non supera il livello impostato con il parametro P3.1.4.11.2. Quando la frequenza di uscita ha superato il livello Frequenza Marcia I/f, viene ripristina la normale modalità di controllo V/f dell'inverter.

P3.1.4.12.2

F

REQUENZA

M

ARCIA

I/

F

(ID 535)

La funzione Marcia I/f viene usata quando la frequenza di uscita dell'inverter è al di sotto di questo limite di frequenza. Quando la frequenza di uscita supera questo limite, viene ripristinata la normale modalità di controllo V/f dell'inverter.

P3.1.4.12.3 C

ORRENTE

M

ARCIA

I/

F

(ID 536)

Questo parametro definisce la corrente che il motore deve ricevere quando è attivata la funzione

Marcia I/f.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 165 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.4

Configurazione Marcia/Arresto

I comandi Marcia/Arresto vengono inviati diversamente, a seconda della postazione di controllo.

Postazione controllo remoto (I/O A): i comandi di marcia, arresto e inversione sono controllati da due ingressi digitali selezionati con i parametri P3.5.1.1 Segnale controllo 1 A, P3.5.1.2 Segnale controllo 2 A e P3.5.1.3 Segnale controllo 3 A. La funzionalità/logica di questi ingressi viene quindi selezionata con il parametro P3.2.6 Logica I/O A (in questo gruppo).

Postazione controllo remoto (I/O B): i comandi di marcia, arresto e inversione sono controllati da due ingressi digitali selezionati con i parametri P3.5.1.3 Segnale controllo 3 A, P3.5.1.4 Segnale controllo 1 B e P3.5.1.5 Segnale controllo 2 B. La funzionalità/logica di questi ingressi viene quindi selezionata con il parametro P3.2.7 Logica I/O B (in questo gruppo).

Postazione di controllo locale (Pannello): i comandi di marcia e arresto vengono inviati tramite i tasti del pannello, mentre la direzione di rotazione viene selezionata mediante il parametro P3.3.1.9.

Postazione controllo remoto (Bus di campo): i comandi di marcia, arresto e inversione vengono inviati tramite codice di campo.

P3.2.5 F

UNZIONE ARRESTO

(ID 506)

Tabella 105.

0

Numero selezione

Nome selezione

Inerzia

1 Rampa

Descrizione

Al motore è consentito arrestarsi per inerzia. Il controllo dell'inverter viene interrotto e la corrente proveniente dall'inverter scende a zero non appena viene dato il comando di arresto.

Dopo il comando di arresto, la velocità del motore diminuisce in base ai parametri di decelerazione impostati fino alla velocità zero.

P3.2.6 I/O A -

SELEZIONE LOGICA MARCIA

/

ARRESTO

(ID 300)

I valori 0...4 offrono la possibilità di controllare la marcia e l'arresto dell'inverter CA con il segnale digitale collegato agli ingressi digitali. CS = Segnale controllo.

Le selezioni che includono il testo 'fronte' devono essere utilizzate per escludere la possibilità di un avvio accidentale quando, ad esempio, l'alimentazione è allacciata o riallacciata dopo un'interruzione della corrente, dopo il ripristino da un guasto, dopo l'arresto dell'inverter tramite Abilitazione

Marcia (Abilitazione Marcia = False) oppure quando la postazione di controllo viene cambiata in controllo I/O. Il contatto Marcia/Arresto deve essere aperto prima di poter avviare il motore.

La modalità di arresto utilizzata è

Inerzia

in tutti gli esempi.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 166

V

1

Postazione di controllo

POSTAZ. CTRL I/O A

EQ

IN 1

IN 2

V

Avvio consentito

AND

IN 1

IN 2

P

IO

IO

IO

Pan

Logica I/O A(/B)

Segnale ctrl 1 A(/B)

Segnale ctrl 2 A(/B)

Segnale ctrl 3 A(/B)

TastoMarcia

IO_FunzioneMarcia

Abilita

Marcia

LogicaMarciaArresto

Segnale 1

Indietro

ArrestoRapidoAttivo

Segnale 2

Segnale 3

TastoMarcia

ArrestoRapido

V

V

V

Ctrl I/O A(/B) Marcia

Ctrl I/O A(/B) Indietro

Attiva info Pan

Tasto di arresto sul pannello:

NO = FALSE

SÌ = TRUE

P

Tasto di arresto sul pannello

0 FALSE

Pan TastoArresto

SEL

G

IN 0

IN 1

V Attiva info Pan

Messaggio info

All'inverter è stato inviato un arresto forzato dal pannello di comando

L'inverter può essere riavviato premendo il pulsante di avvio sul pannello, se il segnale di marcia viene tenuto continuamente attivo dalla provenienza originaria

9144.emf

Figura 52. I/O A - selezione logica marcia/arresto, diagramma a blocchi

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 167 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 106.

0

Numero selezione

Nome selezione

CS1: Avanti

CS2: Indietro

Nota

Le funzioni vengono eseguite alla chiusura dei contatti.

FWD Frequenza di uscita

Frequenza impostata t

0 Hz

Frequenza impostata

REV

Abilitazione marcia

Segnale Ctrl 1

Segnale Ctrl 2

Tasto Marcia pannello

Tasto di arresto sul pannello

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

9135.emf

Figura 53. I/O A - selezione logica marcia/arresto = 0

Spiegazioni:

1

2

3

4

5

Tabella 107.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva causando l'aumento della frequenza di uscita. Il motore marcia in avanti.

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva, ma senza alcun effetto sulla frequenza di uscita, perché la prima direzione selezionata è quella ad avere la priorità più alta.

Il segnale di controllo (CS) 1 viene disattivato e questo avvia il cambio di direzione della marcia (da AVANTI a INDIETRO), perché il segnale di controllo (CS) 2 è ancora attivo.

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e la frequenza alimentata al motore scende a 0.

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva nuovamente e il motore accelera in direzione

(AVANTI) della frequenza fissata.

8

9

10

11

12

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su

FALSE e questo fa scendere la frequenza a 0. Il segnale di abilitazione marcia viene configurato con il parametro P3.5.1.15.

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su TRUE e questo fa aumentare la frequenza in direzione della frequenza impostata, perché il segnale di controllo (CS) 1 è ancora attivo.

Viene premuto il tasto Arresto sul pannello e la frequenza alimentata al motore scende a 0

(questo segnale funziona solo se P3.2.3 Tasto

Arresto pannello = Sì).

L'inverter si avvia premendo il tasto Marcia sul pannello.

Per arrestare la marcia si preme di nuovo il tasto Arresto sul pannello.

6

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e la frequenza alimentata al motore scende a 0.

13

Il tentativo di avviare l'inverter premendo il tasto

Marcia non è riuscito perché il segnale di controllo (CS) 1 non è attivo.

7

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e il motore accelera in direzione (AVANTI) della frequenza impostata.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 108.

1

Numero selezione

Nome selezione

CS1: Avanti (fronte)

CS2: Arresto invertito

CS3: Indietro (fronte)

Descrizione

Per il controllo tripolare (impulso) vacon • 168

FWD Frequenza di uscita

Frequenza impostata

0 Hz

Frequenza impostata

REV

Abilitazione marcia

Segnale Ctrl 1

Segnale Ctrl 2

Segnale Ctrl 3 t

Tasto di arresto sul pannello

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

9120.emf

Figura 54. I/O A - selezione logica marcia/arresto = 1

Spiegazioni:

1

2

3

Tabella 109.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva causando l'aumento della frequenza di uscita. Il motore marcia in avanti.

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e questo fa scendere la frequenza a 0.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e questo fa aumentare di nuovo la frequenza. Il motore marcia in avanti.

6

7

8

Il tentativo di avvio della marcia con il segnale di controllo (CS) 1 non è riuscito, perché il segnale di abilitazione marcia è ancora impostato su FALSE.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e il motore accelera in direzione (AVANTI) della frequenza fissata, perché il segnale di abilitazione marcia è stato impostato su TRUE.

Viene premuto il tasto Arresto sul pannello e la frequenza alimentata al motore scende a 0

(questo segnale funziona solo se P3.2.3 Tasto

Arresto pannello = Sì).

4

5

Il segnale di controllo (CS) 3 si attiva e questo avvia il cambio di direzione della marcia (da

AVANTI a INDIETRO).

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su FALSE e questo fa scendere la frequenza a 0.

Il segnale di abilitazione marcia viene configurato con il parametro 3.5.1.15.

9

10

Il segnale di controllo (CS) 3 si attiva e il motore si avvia e marcia indietro.

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e questo fa scendere la frequenza a 0.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 169 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 110.

2

Numero selezione

Nome selezione

CS1: Avanti (fronte)

CS2: Indietro (fronte)

Nota

Viene utilizzato per escludere la possibilità di un avvio accidentale della marcia. Il contatto Marcia/Arresto deve essere aperto prima di poter riavviare il motore.

8

FWD

Frequenza di uscita

Frequenza impostata

0 Hz

Frequenza impostata

REV

Abilitazione marcia

Segnale Ctrl 1

Segnale Ctrl 2 t

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

9121.emf

Figura 55. I/O A - selezione logica marcia/arresto = 2

Spiegazioni:

1

2

3

4

Tabella 111.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva causando l'aumento della frequenza di uscita. Il motore marcia in avanti.

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva, ma senza alcun effetto sulla frequenza di uscita, perché la prima direzione selezionata è quella ad avere la priorità più alta.

7

8

Il segnale di controllo (CS) 1 viene disattivato e questo avvia il cambio di direzione della marcia (da AVANTI a INDIETRO), perché il segnale di controllo (CS) 2 è ancora attivo.

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e la frequenza alimentata al motore scende a 0.

9

10

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e il motore accelera in direzione (AVANTI) della frequenza impostata.

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su

FALSE e questo fa scendere la frequenza a 0. Il segnale di abilitazione marcia viene configurato con il parametro P3.5.1.15.

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su

TRUE, ma questo, a differenza di quando viene impostato il valore 0 per questo parametro, non ha alcun effetto, in quanto per avviare la marcia

è necessario un fronte di salita anche quando è ancora attivo il segnale di controllo (CS) 1.

Viene premuto il tasto Arresto sul pannello e la frequenza alimentata al motore scende a 0

(questo segnale funziona solo se P3.2.3 Tasto

Arresto pannello = Sì).

5

6

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva nuovamente e il motore accelera in direzione

(AVANTI) della frequenza fissata.

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e la frequenza alimentata al motore scende a 0.

11

12

Il segnale di controllo (CS) 1 viene aperto e richiuso e questo determina l'avvio del motore.

Il segnale di controllo (CS) 1 viene disattivato e la frequenza alimentata al motore scende a 0.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 112.

3

Numero selezione

Nome selezione

CS1: Marcia

CS2: Indietro

Nota

FWD Frequenza di uscita

Frequenza impostata

0 Hz

Frequenza impostata

REV

Abilitazione marcia

Segnale Ctrl 1

Segnale Ctrl 2 vacon • 170 t

1 2 3 4

5

6 7 8 9 10

Figura 56. I/O A - selezione logica marcia/arresto = 3

11 12

9142.emf

1

2

3

4

5

6

Tabella 113.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva causando l'aumento della frequenza di uscita. Il motore marcia in avanti.

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva e questo avvia il cambio di direzione della marcia

(da AVANTI a INDIETRO).

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e questo avvia il cambio di direzione della marcia (da INDIETRO ad AVANTI), perché

è ancora attivo il segnale di controllo (CS) 1.

Viene disattivato anche il segnale di controllo

(CS) 1 e la frequenza scende a 0.

Nonostante l'attivazione del segnale di controllo

(CS) 2, il motore non parte, perché il segnale di controllo (CS) 1 non è attivo.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e questo fa aumentare di nuovo la frequenza. Il motore marcia in avanti, perché il segnale di controllo

(CS) 2 non è attivo.

7

8

9

10

11

12

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su

FALSE e questo fa scendere la frequenza a 0. Il segnale di abilitazione marcia viene configurato con il parametro P3.5.1.15.

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su TRUE e questo fa aumentare la frequenza in direzione della frequenza impostata, perché il segnale di controllo (CS) 1 è ancora attivo.

Viene premuto il tasto Arresto sul pannello e la frequenza alimentata al motore scende a 0

(questo segnale funziona solo se P3.2.3 Tasto

Arresto pannello = Sì).

L'inverter si avvia premendo il tasto Marcia sul pannello.

Il motore viene arrestato premendo di nuovo il tasto Arresto sul pannello.

Il tentativo di avviare l'inverter premendo il tasto

Marcia non è riuscito perché il segnale di controllo (CS) 1 non è attivo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 171 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 114.

4

Numero selezione

Nome selezione

CS1: Marcia (fronte)

CS2: Indietro

Nota

Viene utilizzato per escludere la possibilità di un avvio accidentale della marcia. Il contatto Marcia/Arresto deve essere aperto prima di poter riavviare il motore.

FWD

Frequenza di uscita

Frequenza impostata

0 Hz

Frequenza impostata

REV

Abilitazione marcia

Segnale Ctrl 1

Segnale Ctrl 2 t

1 2 3 4

6 7 8 9 10

5

Figura 57. I/O A - selezione logica marcia/arresto = 4

11

9143.emf

1

2

3

4

5

6

Tabella 115.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva causando l'aumento della frequenza di uscita. Il motore marcia in avanti, perché il segnale di controllo

(CS) 2 non è attivo.

Il segnale di controllo (CS) 2 si attiva e questo avvia il cambio di direzione della marcia

(da AVANTI a INDIETRO).

Il segnale di controllo (CS) 2 viene disattivato e questo avvia il cambio di direzione della marcia (da INDIETRO ad AVANTI), perché

è ancora attivo il segnale di controllo (CS) 1.

Viene disattivato anche il segnale di controllo

(CS) 1 e la frequenza scende a 0.

Nonostante l'attivazione del segnale di controllo

(CS) 2, il motore non parte, perché il segnale di controllo (CS) 1 non è attivo.

Il segnale di controllo (CS) 1 si attiva e questo fa aumentare di nuovo la frequenza. Il motore marcia in avanti, perché il segnale di controllo

(CS) 2 non è attivo.

7

8

9

10

11

Il segnale di abilitazione marcia è impostato su

FALSE e questo fa scendere la frequenza a 0. Il segnale di abilitazione marcia viene configurato con il parametro P3.5.1.15.

Prima di poter avviare la marcia, il segnale di controllo (CS) 1 deve essere aperto e richiuso.

Viene premuto il tasto Arresto sul pannello e la frequenza alimentata al motore scende a 0

(questo segnale funziona solo se P3.2.3 Tasto

Arresto pannello = Sì).

Prima di poter avviare la marcia, il segnale di controllo (CS) 1 deve essere aperto e richiuso.

Il segnale di controllo (CS) 1 viene disattivato e la frequenza scende a 0.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 172

8.5

Riferimenti

8.5.1

Riferimento di frequenza

L'origine del riferimento di frequenza è programmabile per tutte le postazioni di controllo, a eccezione del

PC

che riceve sempre la frequenza di riferimento dallo strumento per PC.

Postazione controllo remoto (I/O A): l'origine del riferimento di frequenza può essere selezionata mediante il parametro P3.3.1.5.

Postazione controllo remoto (I/O B): l'origine del riferimento di frequenza può essere selezionata mediante il parametro P3.3.1.6.

Postazione di controllo locale (Pannello): se per il parametro P3.3.1.7 si utilizzata il valore predefinito, si applica il riferimento impostato mediante il parametro P3.3.1.8.

Postazione controllo remoto (Bus di campo): se per il parametro P3.3.1.10 si mantiene il valore predefinito, il riferimento di frequenza proviene dal bus di campo.

8.5.2

Frequenze prefissate

P3.3.3.1 M

ODO VELOCITÀ PREFISSATA

(ID 182)

I parametri per la velocità prefissata consentono di definire certi riferimenti di frequenza in anticipo. Questi riferimenti vengono applicati attivando/disattivando gli ingressi digitali collegati ai parametri P3.3.3.10, P3.3.3.11 e P3.3.3.12 (Selezione frequenza predefinita 0, Selezione frequenza predefinita 1 e Selezione frequenza predefinita 2).

Si possono selezionare due diverse logiche:

Tabella 116.

0

Numero selezione

Nome selezione

Codifica binaria

Descrizione

1 Numero (di ingressi utilizzati)

Combinare gli ingressi attivati in base alla Tabella 118 per scegliere la velocità prefissata necessaria.

In base al numero degli ingressi che risultano attivi tra quelli assegnati alle scelte della velocità prefissata, è possibile applicare le velocità prefissate da 1 a 3.

P3.3.3.2 FINO A (ID 180)

P3.3.3.9 V

ELOCITÀ PREFISSATE DA

0

A

7 (ID 130)

Valore ‘0’ selezionato per il parametro P3.3.3.1:

La velocità prefissata 0 può essere scelta come riferimento selezionando il valore 0 (Velocità prefissata 0) per i parametri P3.3.1.5 Selezione riferimento A I/O, P3.3.1.6 Selezione riferimento

B I/O, P3.3.1.7 Selezione riferimento Ctrl su pannello e P3.3.1.10 Selezione riferimento controllo bus di campo.

Altre velocità prefissate da 1 a 7 sono selezionate come riferimento riservando gli ingressi digitali ai parametri P3.3.3.10, P3.3.3.11 e/o P3.3.3.12. Combinazioni di ingressi digitali attivi determinano la velocità prefissata utilizzata in base a quanto indicato nella tabella 118 riportata di seguito.

I valori delle velocità prefissate vengono automaticamente limitati all'intervallo compreso tra i valori minimo e massimo (P3.3.1.1 e P3.3.1.2). Vedere la tabella seguente:

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 173 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Azione richiesta

Tabella 117.

Velocità attivata

Vel. prefissata 0 Scegliere quindi il valore 1 per i parametri P3.3.1.5, P3.3.1.6,

P3.3.1.7 e P3.3.1.10.

Velocità prefissate da 1 a 7:

Tabella 118. Selezione delle velocità prefissate; = ingresso attivato

Attivare ingresso digitale per parametro

Velocità attivata

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 1

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 2

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 3

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 4

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 5

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 6

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 7

8

Valore ‘1’ selezionato per il parametro P3.3.3.1:

A seconda di quanti sono gli ingressi attivi tra quelli assegnati alle scelte della velocità prefissata, si possono applicare le velocità prefissate da 1 a 3.

Tabella 119. Selezione delle velocità prefissate; = ingresso attivato

Ingresso attivato Velocità attivata

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 1

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 1

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 1

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 2

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 2

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 2

P3.3.3.12

P3.3.3.11

P3.3.3.10

Vel. prefissata 3

P3.3.3.10 S

ELEZIONE VELOCITÀ PREFISSATA

0 (ID 419)

P3.3.3.11 S

ELEZIONE VELOCITÀ PREFISSATA

1 (ID 420)

P3.3.3.12 S

ELEZIONE VELOCITÀ PREFISSATA

2 (ID 421)

Collegare un ingresso digitale a queste funzioni (vedere il capitolo 8.7.1 Programmazione degli ingressi analogici e digitali) per essere in grado di applicare le frequenze predefinite da 1 a 7

(vedere la Tabella 118 precedente).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 174

8.5.3

Parametri Motopotenziometro

La funzione motopotenziometro consente all'utente di aumentare o diminuire la frequenza di uscita. Associando un ingresso digitale al parametro P3.3.4.1 (

MotPot aum.

) e attivando il segnale ingresso digitale, la frequenza di uscita aumenterà finché il segnale sarà attivo. Per il parametro

P3.3.4.2 (

MotPot dim.

) vale l'esatto contrario, in quanto la frequenza di uscita diminuisce.

La velocità con cui il riferimento di frequenza aumenta o diminuisce quando l'impostazione MotPot aum. o MotPot dim. è attivata dipende dal

Tempo di rampa motopotenziometro

(P3.3.4.3)

NOTA! La frequenza di uscita è limitata dai normali tempi di accelerazione e decelerazione, se viene impostata su un valore inferiore al parametro Tempo rampa motopotenziometro.

Il parametro per il reset del motopotenziometro (P3.3.4.4) viene usato per stabilire se resettare

(impostazione RifFrequenzaMin) il riferimento di frequenza del motopotenziometro in caso di arresto o spegnimento.

Il riferimento di frequenza del motopotenziometro è disponibile per tutte le postazioni di controllo nel menu Gruppo 3.3. Riferimenti. Il riferimento del motopotenziometro può essere cambiato quando l'inverter è in stato di marcia.

P3.3.4.1 M

OT

P

OT AUM

. (ID 418)

P3.3.4.2 M

OT

P

OT DIM

. (ID 417)

La funzione motopotenziometro consente all'utente di aumentare o diminuire la frequenza di uscita. Associando un ingresso digitale al parametro P3.3.4.1 (MotPot aum.) e attivando il segnale ingresso digitale, la frequenza di uscita aumenterà finché il segnale sarà attivo. Per il parametro

P3.3.4.2 (MotPot dim.) vale l'esatto contrario, in quanto la frequenza di uscita diminuisce.

La velocità con cui la frequenza di uscita aumenta o diminuisce quando l'impostazione MotPot aum. o MotPot dim. è attivata dipende dal Tempo rampa motopotenziometro (P3.3.4.3) e dai tempi di accelerazione/decelerazione rampa (P3.4.1.2/P3.4.1.3).

Il parametro per il reset del motopotenziometro (P3.3.4.4) imposterà il riferimento di frequenza su zero, se attivato.

P3.3.4.4 R

ESET DEL MOTOPOTENZIOMETRO

(ID 367)

Definisce la logica per il reset del riferimento di frequenza del motopotenziometro.

0

Numero selezione

Nome selezione

Nessun reset

1

2

Stato di arresto

Spento

Nota

Il precedente riferimento di frequenza del motopotenziometro viene mantenuto dopo lo stato di arresto e memorizzato in caso di spegnimento.

Il riferimento di frequenza del motopotenziometro viene impostato su zero quando l'inverter è in stato di arresto o spento.

Il riferimento di frequenza del motopotenziometro viene impostato su zero solo in una situazione di spegnimento.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 175 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Riferimento di frequenza

Frequenza max

Tempo rampa motopotenziometro

Frequenza min

Tempo [s]

MotPot aum.

MotPot dim.

9122.emf

Figura 58. Parametri Motopotenziometro

8.5.4

Parametri di flush

La funzione di flush viene usata per prevalere momentaneamente sul normale controllo.

La funzione può essere utilizzata per il flush delle tubature o utilizzare la pompa manualmente, ad esempio alla velocità costante preimpostata.

La funzione di flush avvia l'inverter in base a un riferimento selezionato senza un ulteriore comando marcia, indipendentemente dalla postazione di controllo.

P3.3.6.1 A

TTIVAZIONE RIFERIMENTO FLUSH

(ID 530)

Il parametro definisce il segnale di ingresso digitale utilizzato per selezionare il riferimento di frequenza per la funzione di flush e forzare l'avvio dell'inverter.

Il riferimento di frequenza flush è bidirezionale e il comando di marcia indietro non influisce sulla direzione del riferimento flush.

NOTA! L'attivazione dell'ingresso digitale avvia l'inverter.

P3.3.6.2 R

IFERIMENTO FLUSH

(ID 1239)

Questo parametro definisce il riferimento di frequenza per la funzione di flush. Il riferimento

è bidirezionale e il comando di marcia indietro non influisce sulla direzione del riferimento flush.

I riferimenti per la direzione di marcia avanti e indietro sono definiti rispettivamente come un valore positivo e un valore negativo.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.6

Impostazione rampe e freni

P3.4.1.1 F

ORMA RAMPA

1 (ID 500)

P3.4.2.1 F

ORMA RAMPA

2 (ID 501)

vacon • 176

Le rampe di accelerazione/decelerazione di marcia/arresto possono essere controllate con questi parametri. Impostando il valore su 0,0% si ottiene una forma di rampa lineare che provoca un'immediata reazione in accelerazione/decelerazione alle variazioni del segnale di riferimento.

Impostando il valore di questo parametro su 1,0…100,0% si ottiene un modello di accelerazione/ decelerazione di forma sinusoidale. Questa funzione viene in genere utilizzata per ridurre l'erosione meccanica e i picchi di corrente quando viene modificato il riferimento.

f

uscita

0 %

10 %

3077.emf

t [s]

Figura 59.

P3.4.2.5 S

OGLIA VELOCITÀ RAMPA

2 (ID 533)

Questo parametro definisce il limite di frequenza di uscita, al di sopra del quale vengono utilizzati i tempi e le forme della seconda rampa.

La funzione può essere ad esempio utilizzata nelle applicazioni per pompe per pozzi profondi, in cui sono richiesti tempi di rampa più veloci in corrispondenza della marcia/arresto della pompa (che marcia al di sotto della frequenza minima).

I tempi della seconda rampa vengono attivati quando la frequenza di uscita dell'inverter supera il limite definito da questo parametro. La funzione viene disabilitata quando il valore del parametro

è impostato su zero.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 177 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

f

uscita

[Hz]

P3.4.5.2

P3.4.1.2

P3.4.2.2

P3.4.2.3

P3.4.1.3

t [s]

3079.emf

Figura 60. Attivazione della rampa 2 quando la frequenza di uscita supera il livello di soglia.

(P.3.4.5.2 = Soglia velocità rampa, P3.4.1.2 = Tempo acc. 1, P3.4.2.2 = Tempo acc. 2,

P3.4.1.3 = Tempo dec. 1, P3.4.2.3 = Tempo dec. 2)

P3.4.5.1 F

RENATURA A FLUSSO

(ID 520)

Invece della frenatura in CC, è possibile usare la frenatura a flusso per aumentare la capacità di frenatura del motore nei casi i cui non sono necessari altri resistori di frenatura.

Quando è necessario frenare, la frequenza viene ridotta e il flusso del motore incrementato con conseguente aumento della capacità di frenatura del motore. A differenza della frenatura in CC, la velocità del motore rimane controllata durante la frenatura.

La frenatura a flusso può essere attivata o disattivata.

NOTA! La frenatura a flusso converte l'energia in calore e non deve essere utilizzata in modo continuativo per evitare danni al motore.

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 178

8.7

Configurazione I/O

8.7.1

Programmazione degli ingressi analogici e digitali

La programmazione degli ingressi nell'applicazione Vacon

®

100 FLOW è molto flessibile. Gli ingressi disponibili sulle schede I/O standard e opzionali possono essere utilizzati per varie funzioni in base alle scelte dell'operatore.

Le schede I/O disponibili possono essere integrate con schede opzionali da installare negli slot C,

D ed E. Ulteriori informazioni sull'installazione di schede opzionali sono contenute nel Manuale d'installazione.

Scheda standard

Slot A

(morsetti)

Slot B

(morsetti)

Slot schede opzionali C, D ed E

Ingressi analogici programmabili (AI)

Ingressi digitali programmabili (DI)

Slot A Slot B

Figura 61. Slot schede e ingressi programmabili

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 179 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.7.1.1

Ingressi digitali

Le funzioni valide per gli ingressi digitali sono disponibili sotto forma di parametri nel gruppo di parametri M3.5.1. Il valore assegnato al parametro è un riferimento per l'ingresso digitale che si sceglie di utilizzare per la funzione. L'elenco di funzioni che si possono assegnare agli ingressi digitali disponibili è riportato nella Tabella 28. Impostazioni ingressi digitali nel capitolo 4.

Esempio

PANNELLO

GRAFICO

Nome parametro (= Funzione)

Valore parametro

(= ingresso digitale selezionato)

8

PANNELLO

STANDARD

Nome parametro (= Funzione)

Valore parametro

(= ingresso digitale selezionato)

Figura 62.

Nel caso della compilazione della scheda I/O standard sull'inverter CA Vacon

®

100, sono disponibili

6 ingressi digitali (Slot A morsetti 8, 9, 10, 14, 15 e 16). Nella visualizzazione della programmazione, questi ingressi sono indicati come segue:

Tabella 120.

Tipo ingresso

(Pannello grafico)

DigIN

DigIN

DigIN

DigIN

DigIN

DigIN

Tipo ingresso

(Pannello standard)

dI dI dI dI dI dI

Slot Ingresso n.

A.

A.

A.

A.

A.

A.

1

2

3

4

5

6

Spiegazione

Ingresso digitale n. 1 (morsetto 8) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso digitale n. 2 (morsetto 9) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso digitale n. 3 (morsetto 10) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso digitale n. 4 (morsetto 14) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso digitale n. 5 (morsetto 15) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso digitale n. 6 (morsetto 16) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Nell'esempio 61, alla funzione

Chiusura guasto esterno

nel menu M3.5.1, parametro P3.5.1.11, viene assegnato come valore predefinito

DigIN SlotA.3

(pannello grafico) o

dI A.3

(pannello standard). Ciò significa che la funzione

Chiusura guasto esterno

è ora controllata con un segnale digitale all'ingresso digitale DI3 (morsetto 10).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 180

Questo è quanto indicato nella Tabella 28. Impostazioni ingressi digitali nel capitolo 4:

Codice Parametro Predefinito ID

P3.5.1.11

Chiusura guasto esterno DigIN SlotA.3

405

Descrizione

FALSE = OK

TRUE = Guasto esterno

Si supponga di dover cambiare l'ingresso selezionato. Invece di DI3 si desidera usare DI6 (morsetto 16) sulla scheda I/O standard. Procedere come indicato di seguito:

BACK

RESET

BACK

RESET

Figura 63. Programmazione ingressi digitali con pannello grafico

Figura 64. Programmazione ingressi digitali con pannello standard

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 181 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Tabella 121. Programmazione ingressi digitali

ISTRUZIONI DI PROGRAMMAZIONE

Pannello grafico Pannello standard

1. Selezionare il parametro e premere il tasto

freccia destra

.

2. È ora attivo il modo

Modifica

poiché il valore relativo allo slot

DigIN SlotA.

lampeggia ed è sottolineato. Se sulla scheda I/O sono disponibili più ingressi digitali, ad esempio grazie a schede opzionali installate negli slot C, D o E, anche questi possono essere

selezionati qui. Vedere la figura 65.

3. Premere di nuovo il tasto

freccia destra

per attivare il valore del morsetto

3

.

4. Premere il tasto

freccia su

tre volte per cambiare il valore del morsetto in

Confermare premendo il tasto OK.

6

.

1. Selezionare il parametro e premere il tasto

OK

.

2. È ora attivo il modo

Modifica

poiché la lettera

d

lampeggia. Se sulla scheda I/O sono disponibili più ingressi digitali, ad esempio grazie a schede opzionali installate negli slot C, D o E, anche questi possono

essere selezionati qui. Vedere la figura 65.

3. Premere il tasto

freccia destra

per attivare il valore del morsetto

3

. La lettera

d

smette di lampeggiare.

4. Premere il tasto

freccia su

tre volte per cambiare il valore del morsetto in

6

.

Confermare premendo il tasto OK.

5. NOTA! Se l'ingresso digitale DI6 è già utilizzato per qualche altra funzione, viene visualizzato un messaggio. Sarà quindi possibile cambiare entrambe le selezioni.

5. NOTA! Se l'ingresso digitale DI6 era già utilizzato per qualche altra funzione, sul display scorrerà un messaggio. Sarà quindi possibile cambiare entrambe le selezioni.

La funzione

Chiusura guasto esterno

è ora controllata con un segnale digitale all'ingresso digitale

DI6 (morsetto 16).

NOTA! La funzione non viene assegnata ad alcun morsetto o l'ingresso viene impostato per essere sempre FALSE, se il suo valore è DigIN Slot0,1 (pannello grafico) o dI 0,1 (pannello standard).

Questo è il valore predefinito della maggior parte dei parametri nel gruppo M3.5.1.

Alcuni ingressi, invece, sono preimpostati per essere sempre TRUE. Il valore indicato è DigIN

Slot0,2 (pannello grafico) o dI 0,2 (pannello standard).

NOTA! Anche i Canali temporali possono essere assegnati agli ingressi digitali. Per ulteriori informazioni, vedere la Tabella 63. Impostazioni funzione standby nel capitolo 4.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 182

8.7.1.2

Ingressi analogici

L'ingresso di destinazione per il segnale riferimento frequenza analogico può anche essere scelto tra gli ingressi analogici disponibili.

PANNELLO

GRAFICO

Nome parametro

Valore parametro

(= ingresso analogico selezionato)

PANNELLO

STANDARD

Nome parametro

Valore parametro

(= ingresso analogico selezionato)

Figura 65.

Nel caso della compilazione della scheda I/O standard sull'inverter CA Vacon

®

100, sono disponibili

2 ingressi analogici digitali (Slot A morsetti 2/3 e 4/5). Nella visualizzazione della programmazione, questi ingressi sono indicati come segue:

Tabella 122. Programmazione ingressi analogici

Tipo ingresso

(Pannello grafico)

AnIN

AnIN

Tipo ingresso

(Pannello standard)

AI

AI

Slot

A.

A.

Ingresso n.

1

2

Spiegazione

Ingresso analogico n. 1 (morsetti 2/3) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Ingresso analogico n. 2 (morsetti 4/5) su scheda in Slot A (scheda I/O standard).

Nell'esempio 64, al parametro

Selezione segnale AI1

presente nel menu M3.5.2.1 con codice parametro P3.5.2.1.1, viene assegnato come valore predefinito

AnIN SlotA.1

(pannello grafico) o

AI

A.1

(pannello standard). Questo significa che l'ingresso di destinazione per il segnale riferimento frequenza analogico AI1 è ora l'ingresso analogico nei terminali 2/3. La scelta se il segnale è in tensione o in corrente deve essere determinata con gli

interruttori DIP

. Per ulteriori informazioni, vedere il Manuale d'installazione.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 183 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Questo è quanto indicato nell'elenco parametri della Tabella 29. Impostazioni protezioni generali nel capitolo 4:

Codice Parametro Min Max Unità

Predefinito

ID Descrizione

P3.5.2.1.1

Selezione segnale AI1

AnIN

SlotA.1

377

Collegare il segnale AI1 all'ingresso analogico scelto utilizzando questo parametro.

Programmabile. Vedere il cap. 8.5.1

Si supponga di dover cambiare l'ingresso selezionato. Invece di AI1 si desidera usare l'ingresso analogico sulla scheda opzionale nello slot C. Procedere come indicato di seguito:

8

Figura 66. Programmazione ingressi analogici con pannello grafico

Figura 67. Programmazione ingressi analogici con pannello standard

ISTRUZIONI DI PROGRAMMAZIONE

Pannello grafico Pannello standard

1. Selezionare il parametro e premere il tasto

freccia destra

.

2. È ora attivo il modo

Modifica

poiché il valore relativo allo slot

AnIN SlotA.

lampeggia ed è sottolineato.

3. Premere il tasto

freccia su

tre volte per cambiare il valore dello slot in

AnIN SlotC

.

Confermare premendo il tasto OK.

1. Selezionare il parametro e premere il tasto

OK

.

2. È ora attivo il modo

Modifica

poiché la lettera

A

lampeggia.

3. Premere una volta il tasto

freccia su

per cambiare il valore dello slot in

Confermare premendo il tasto OK.

C

.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.7.1.3

Descrizioni delle origini di segnale

Tabella 123. Descrizioni delle origini di segnale

Origine

Slot0.#

SlotA.#

SlotB.#

SlotC.#

SlotD.#

SlotE.#

CanaleTemporale.#

CW BusCampo.#

PD BusCampo.#

Funzione

Ingressi digitali:

Un segnale digitale può essere forzato su uno stato OPEN o CLOSED costante mediante questa funzionalità.

Ad esempio, alcuni segnali sono stati impostati dal costruttore per essere sempre nello stato CLOSED, ad esempio il parametro P3.5.1.15 (Abilitazione marcia). Se non viene cambiato, il segnale di abilitazione marcia è sempre attivo.

# = 1: Sempre OPEN

# = 2-10: Sempre CLOSED

Ingressi analogici (usati a scopo di test):

# = 1: Ingresso analogico = forza segnale 0%

# = 2: Ingresso analogico = forza segnale 20%

# = 3: Ingresso analogico = forza segnale 30% e così via

# = 10: Ingresso analogico = forza segnale 100%

Il numero (#) corrisponde all'ingresso digitale nello slot A.

Il numero (#) corrisponde all'ingresso digitale nello slot B.

Il numero (#) corrisponde all'ingresso digitale nello slot C.

Il numero (#) corrisponde all'ingresso digitale nello slot D.

Il numero (#) corrisponde all'ingresso digitale nello slot E.

Il numero (#) corrisponde a: 1 = CanaleTemporale1,

2 = CanaleTemporale2, 3 = CanaleTemporale3

Il numero (#) si riferisce al numero di bit della Control Word.

Il numero (#) si riferisce al numero di bit di Dati di processo.

vacon • 184

8.7.2

Assegnazioni predefinite per ingressi programmabili

Nell'applicazione Vacon 100 FLOW, le assegnazioni predefinite degli ingressi digitali e analogici programmabili variano in base all'applicazione selezionata (P1.2 Applicazione). Nella Tabella 124 di seguito sono riportate le assegnazioni predefinite quando è selezionata l'applicazione standard.

Tabella 124. Assegnazioni predefinite ingressi

Ingresso

DI1

DI2

DI3

DI4

DI5

DI6

AI1

AI2

Morsetti

8

9

10

14

15

16

2/3

4/5

Riferimento

A.1

A.2

A.3

A.4

A.5

A.6

A.1

A.2

Funzione assegnata Codice parametro

Segnale controllo 1 A

Segnale controllo 2 A

P3.5.1.1

P3.5.1.2

Chiusura guasto esterno P3.5.1.11

Selezione velocità prefissata 0 P3.5.1.21

Selezione velocità prefissata 1 P3.5.1.22

Chiusura guasto esterno P3.5.1.13

Selezione segnale AI1

Selezione segnale AI2

P3.5.2.1.1

P3.5.2.2.1

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 185 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.7.3

Ingressi digitali

L'uso degli ingressi digitali consente molta flessibilità. I parametri sono funzioni collegate al morsetto dell'ingresso digitale appropriato. Gli ingressi digitali sono rappresentati, ad esempio, come

DigIN Slot A.2,

per indicare il secondo ingresso sullo slot A.

È anche possibile collegare le funzioni ai canali temporali (Time Channel) che sono anch'essi rappresentati come morsetti.

NOTA! Gli stati degli ingressi digitali e dell'uscita digitale sono monitorati nella vista multimonitor.

P3.5.1.15 A

BILITAZIONE MARCIA

(ID 407)

Contatto aperto: marcia motore disabilitata

Contatto chiuso: marcia motore abilitata

L’inverter si arresterà sempre per inerzia.

P3.5.1.16 I

NTERBLOCCO ROTAZIONE AUSILIARI MARCIA

1 (ID 1041)

P3.5.1.17 I

NTERBLOCCO ROTAZIONE AUSILIARI MARCIA

2 (ID 1042)

L'inverter non può essere avviato se uno qualunque degli interblocchi è aperto.

Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per l'interblocco di un dissipatore, impedendo all'inverter di avviarsi quando il dissipatore è chiuso. L'inverter CA viene arrestato in base alla funzione selezionata con il parametro P3.2.5 Funzione arresto, se uno qualunque degli interblocchi

è aperto durante la marcia.

8.7.4

Ingressi analogici

P3.5.2.1.2 T

EMPO FILTRO SEGNALE

AI1 (ID 378)

Quando a questo parametro viene assegnato un valore maggiore di 0, viene attivata la funzione di filtro dei disturbi provenienti dal segnale analogico in ingresso.

NOTA! Un lungo tempo di filtraggio rallenta la reazione di regolazione!

Segnale ingresso analogico

[%]

Segnale non filtrato

100%

Segnale filtrato

63% t [s]

ID 378

Figura 68. Filtro segnale AI1

9095.emf

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 186

P3.5.2.1.3 E

SCURSIONE SEGNALE

AI1 (ID 379)

L'escursione segnale per il segnale analogico può essere selezionata come riportato di seguito.

Il tipo del segnale ingresso analogico (corrente o tensione) viene selezionato mediante gli interruttori DIP sulla scheda di controllo (vedere il Manuale d'installazione).

Negli esempi che seguono, il segnale ingresso analogico viene usato come riferimento di frequenza. Le figure mostrano come la scalatura del segnale ingresso analogico viene cambiata a seconda dell'impostazione di questo parametro.

0

Numero selezione

Nome selezione

0…10 V/0…20 mA

Descrizione

Escursione segnale ingresso analogico 0…10 V o 0…20 mA (a seconda delle impostazioni degli interruttori DIP sulla scheda di controllo).

Segnale ingresso usato 0…100%.

Riferimento di frequenza

[Hz]

Riferimento freq max

Riferimento freq min

0%

0 mA

50%

10 mA

100%

20 mA

9244.emf

Segnale ingresso analogico [%]

Figura 69. Escursione segnale ingresso analogico, selezione ‘0’

1

Numero selezione

Nome selezione

2…10 V/4…20 mA

Descrizione

Escursione segnale ingresso analogico 2…10 V o 4…20 mA (a seconda delle impostazioni degli interruttori DIP sulla scheda di controllo).

Segnale ingresso usato 20…100%.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 187 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Riferimento frequenza [Hz]

Riferimento freq max

Riferimento freq min

0%

0 mA

20%

4 mA

50%

10 mA

9245.emf

100%

20 mA

Segnale ingresso analogico [%]

Figura 70. Escursione segnale ingresso analogico, selezione ‘1’

P3.5.2.1.4 A

UTOCAL

.

MIN

AI1 (ID 380)

P3.5.2.1.5 A

UTOCAL

.

MAX

AI1 (ID 381)

Questi parametri consentono di regolare liberamente l'escursione segnale ingresso analogico tra -

160…160%.

Esempio: se il segnale ingresso analogico viene usato come riferimento di frequenza e questi parametri sono impostati su 40…80%, il riferimento di frequenza viene cambiato tra Riferimento frequenza minima e Riferimento frequenza massima quando il segnale ingresso analogico viene cambiato tra 8…16 mA.

Riferimento frequenza [Hz]

Riferimento freq max

Riferimento freq min

0%

0 mA

40%

8 mA

Autocal. min AI

80%

16 mA

Autocal. max AI

100%

20 mA

9246.emf

Segnale ingresso analogico [%]

Figura 71. Autocalibrazione min/max AI

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 188

P3.5.2.1.6 I

NVERSIONE SEGNALE

AI1 (ID 387)

Invertire il segnale analogico con questo parametro.

Negli esempi che seguono, il segnale ingresso analogico viene usato come riferimento di frequenza. Le figure mostrano come la scalatura del segnale ingresso analogico viene cambiata a seconda dell'impostazione di questo parametro.

0

Numero selezione

Nome selezione

Normale

Descrizione

Nessuna inversione. Il valore segnale ingresso analogico 0% corrisponde al Riferimento frequenza minima e il valore segnale ingresso analogico 100% al Riferimento frequenza massima.

Riferimento di frequenza

[Hz]

Riferimento freq max

9247.emf

Riferimento freq min

0%

0 mA

50%

10 mA

100%

20 mA

Segnale ingresso analogico [%]

Figura 72. Inversione segnale AI, selezione ‘0’

1

Numero selezione

Nome selezione

Invertito

Descrizione

Segnale invertito. Il valore segnale ingresso analogico 0% corrisponde al Riferimento frequenza massima e il valore segnale ingresso analogico

100% al Riferimento frequenza minima.

Riferimento frequenza [Hz]

Riferimento freq max

9248.emf

Riferimento freq min

0%

0 mA

50%

10 mA

100%

20 mA

Segnale ingresso analogico [%]

Figura 73. Inversione segnale AI, selezione ‘1’

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 189 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8

8.7.5

Uscite digitali

P3.5.3.2.1 F

UNZIONE

RO1

BASE

(ID 11001)

Tabella 125. Segnali di uscita via RO1

15

16

17

18

19

20

21

25

26

27

28

8

9

6

7

4

5

2

3

0

1

Selezione

10

11

12

13

14

22

23

24

29

30

Nome selezione Descrizione

Non in uso

Pronto

Marcia

Guasto generale

Uscita non usata.

L'inverter CA è pronto per l'uso.

L'inverter CA è in funzione (il motore è in marcia).

Si è verificato un blocco a causa di un guasto.

Guasto generale invertito Non si è verificato un blocco a causa di un guasto.

Allarme generale È stato generato un allarme.

Inversione marcia

Alla velocità

È stato selezionato il comando di inversione marcia.

La frequenza di uscita ha raggiunto il riferimento frequenza impostato.

Guasto termistore Si è verificato un guasto al termistore.

Regolatore motore attivato Uno dei regolatori limite (ad esempio, limite di corrente, limite di coppia) è attivo.

Segnale Marcia attivo Il comando Marcia è attivo.

Controllo da pannello attivo Selezionato il controllo da pannello (la postazione di controllo attiva è il pannello).

Controllo I/O B attivo

Supervisione limite 1

Supervisione limite 2

Selezionata la postazione di controllo su I/O B

(la postazione di controllo attiva è I/O B).

Si attiva quando il valore del segnale scende sotto il minimo o supera il massimo valore impostato come limite di supervisione (P3.8.3 o P3.8.7), a seconda della funzione selezionata.

Fire Mode attivo

Flush Attiva

Velocità prefissata attiva

Arresto rap. attivo

PID in modo standby

Soft Fill PID attivato

La funzione Fire Mode è attiva.

La funzione flush è attiva.

La velocità prefissata è stata selezionata con segnali ingresso digitale.

È stata attivata la funzione di arresto rapido.

Il controller PID è in modo standby.

La funzione Soft Fill del controller PID è attivata.

Supervisione feedback PID Il valore feedback del controller PID supera i limiti di supervisione.

Supervisione feedback PID esterno

Il valore feedback del controller PID esterno supera i limiti di supervisione.

Allarme pressione ingresso Il valore del segnale pressione ingresso della pompa è sceso al di sotto del valore definito con il parametro P3.13.9.7.

Allarme protezione da congelamento

La temperatura misurata della pompa è scesa al di sotto del livello definito con il parametro P3.13.10.5.

CanaleTemporale1

CanaleTemporale2

CanaleTemporale3

Bus campo CW.B13

Bus campo CW.B14

Stato del CanaleTemporale1

Stato del CanaleTemporale2

Stato del CanaleTemporale3

Controllo uscita (relè) digitale da Bus di campo control word bit 13.

Controllo uscita (relè) digitale da Bus di campo control word bit 14.

Bus campo CW.B15

Controllo uscita (relè) digitale da Bus di campo control word bit 15.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 190

Tabella 125. Segnali di uscita via RO1

51

52

53

54

48

49

50

55

56

Selezione

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

Nome selezione Descrizione

Ingresso dati di processo bus di campo 1 bit 0

Ingresso dati di processo bus di campo 1 bit 1

Ingresso dati di processo bus di campo 1 bit 2

Allarme contatore manutenzione 1

Guasto contatore manutenzione 1

Uscita Blocco 1

Uscita Blocco 2

Uscita Blocco 3

Uscita Blocco 4

Uscita Blocco 5

Controllo uscita (relè) digitale da Ingresso dati FB1, bit 0.

Controllo uscita (relè) digitale da Ingresso dati FB1, bit 1.

Controllo uscita (relè) digitale da Ingresso dati FB1, bit 2.

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite allarme definito con il parametro P3.16.2.

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite allarme definito con il parametro P3.16.3.

Uscita blocco programmabile 1. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 2. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 3. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 4. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 5. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita Blocco 6

Uscita Blocco 7

Uscita Blocco 8

Uscita Blocco 9

Uscita blocco programmabile 6. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 7. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 8. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 9. Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita Blocco 10

Controllo pompa Jockey

Uscita blocco programmabile 10. Vedere il menu parametri M3.19 Programmazione blocchi.

Segnale di controllo per pompa Jockey esterna.

Vedere il capitolo 8.7.33.2.

Controllo pompa adescante

Segnale di controllo per pompa adescante esterna. Vedere il capitolo 8.7.33.3.

La funzione di pulizia automatica della pompa è attiva.

Pulizia automatica attiva

Controllo K1 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K2 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K3 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K4 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K5 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K6 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K7 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

Controllo K8 multi-pompa Controllo tramite contattore per la funzione Multi-pompa

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 191 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.7.6

Uscite analogiche

P3.5.4.1.1 FUNZIONE AO1 (ID 10050)

Questo parametro definisce il contenuto del segnale uscita analogica 1. La scalatura del segnale uscita analogica dipende dal segnale selezionato. Vedere la Tabella 126. seguente.

Tabella 126. Scalatura segnale AO1

1

2

4

5

9

10

11

12

13

14

0

Selezione

3

6

7

8

15

16

17

18

19

20

21

22

Nome selezione Descrizione

Test 0% (Non usato) L'uscita analogica viene forzata su 0% o su 20% in base al parametro P3.5.4.1.3.

L'uscita analogica viene forzata su 100% (10 V/20 mA).

TEST 100%

Frequenza di uscita

Riferimento di frequenza Riferimento frequenza effettivo da zero a riferimento frequenza massima.

Velocità motore

Corrente di uscita

Frequenza uscita effettiva da zero a riferimento frequenza massima.

Velocità motore effettiva da zero a coppia nominale motore.

Corrente di uscita effettiva da zero a corrente nominale del motore.

Coppia motore

Potenza motore

Coppia motore effettiva da zero a coppia nominale motore

(100%).

Potenza motore effettiva da zero a potenza nominale motore

(100%).

Tensione motore Tensione motore effettiva da zero a tensione nominale motore.

Tensione DC link Tensione DC link effettiva 0…1000 V.

Valore impostato (SP) PID Valore impostato effettivo controller PID (0…100%).

Feedback PID

Uscita PID

Uscita PIDEst

Ingresso dati FB 1

Valore feedback effettivo controller PID (0…100%).

Uscita controller PID (0…100%).

Uscita controller PID esterno (0…100%).

Ingresso dati di processo bus di campo 1 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati FB 2

Ingresso dati FB 3

Ingresso dati FB 4

Ingresso dati FB 5

Ingresso dati FB 6

Ingresso dati FB 7

Ingresso dati FB 8

Uscita Blocco 1

Ingresso dati di processo bus di campo 2 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 3 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 4 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 5 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 6 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 7 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Ingresso dati di processo bus di campo 8 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%).

Uscita blocco programmabile 1 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 192

24

25

26

27

28

29

30

31

Uscita Blocco 3

Uscita Blocco 4

Uscita Blocco 5

Uscita Blocco 6

Uscita Blocco 7

Uscita Blocco 8

Uscita Blocco 9

Uscita Blocco 10

Tabella 126. Scalatura segnale AO1

Selezione

23

Nome selezione

Uscita Blocco 2

Descrizione

Uscita blocco programmabile 2 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 3 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 4 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 5 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 6 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 7 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 8 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 9 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

Uscita blocco programmabile 10 da 0…10000

(corrispondente a 0…100,00%). Vedere il menu parametri

M3.19 Programmazione blocchi.

P3.5.4.1.4 S

CALA MINIMA

AO1 (ID 10053)

P3.5.4.1.5 S

CALA MASSIMA

AO1 (ID 10054)

Questi parametri possono essere utilizzati per regolare liberamente la scalatura del segnale di uscita analogico. La scala viene definita nelle unità di processo e dipende dalla selezione del parametro P3.5.4.1.1.

Esempio: la frequenza di uscita dell'inverter è selezionata per il contenuto del segnale uscita analogica e i parametri P3.5.4.1.4 e P3.5.4.1.5 sono impostati su 10…40 Hz.

Quando la frequenza di uscita dell'inverter cambia tra 10 e 40 Hz il segnale uscita analogica cambia tra 0…20 mA.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 193 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Segnale uscita analogica [%]

100%

20 mA

50%

10 mA

9249.emf

0%

0 mA

0 Hz

10 Hz

Scala min AO

40 Hz

Scala max AO

Riferimento freq max

Figura 74. Scalatura segnale AO1

Frequenza di uscita [Hz]

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 194

8.8

Frequenze proibite

In alcuni sistemi potrebbe essere necessario evitare certe frequenze a causa di problemi di risonanza meccanica. Impostando le frequenze proibite, è possibile evitare l'utilizzo di tali frequenze. Quando il riferimento di frequenza (ingresso) viene aumentato, il riferimento di frequenza interno viene mantenuto sul limite inferiore finché il riferimento (ingresso) rimane al di sopra del limite superiore

P3.7.1 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE INF

.

GAMMA

1 (ID 509)

P3.7.2 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE SUP

.

GAMMA

1 (ID 510)

P3.7.3 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE INF

.

GAMMA

2 (ID 511)

P3.7.4 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE SUP

.

GAMMA

2 (ID 512)

P3.7.5 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE INF

.

GAMMA

3 (ID 513)

P3.7.6 F

REQUENZA PROIBITA

- L

IMITE SUP

.

GAMMA

3 (ID 514)

Riferimento effettivo

Limite sup.

Limite inf.

Limite inf.

Limite sup.

Figura 75. Frequenze proibite

Rif. richiesto

9118.emf

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 195 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.7.7 F

ATTORE

T

EMPO

R

AMPA

(ID 518)

Il

Fattore Tempo Rampa

definisce il tempo di accelerazione/decelerazione quando la frequenza di uscita si trova in un intervallo di frequenze proibite. Il

Fattore Tempo Rampa

viene moltiplicato per il valore dei parametri P3.4.1.2/P3.4.1.3 (

Tempo accelerazione/decelerazione rampa

). Ad esempio, il valore 0,1 produce un tempo di accelerazione/decelerazione dieci volte più breve.

Frequenza di uscita

[Hz]

Limite sup.

Limite inf.

Tempo di rampa

Fattore = 0,3

Tempo di rampa

Fattore = 2,5

9211.emf

Figura 76. Fattore Tempo Rampa

Tempo [s]

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 196

8.9

Supervisioni

P3.9.1.2 R

EAZIONE A UN GUASTO ESTERNO

(ID 701)

Un messaggio di allarme o un messaggio e azione per guasto vengono generati a seguito di un segnale di guasto esterno che raggiunge uno degli ingressi digitali programmabili (l'ingresso predefinito è DI3) che utilizza i parametri P3.5.1.11 e P3.5.1.12. Queste informazioni possono essere programmate anche in una qualunque delle uscite dei relè.

8.9.1

Protezioni termiche del motore

La protezione termica del motore serve a proteggere il motore dal surriscaldamento. L'inverter CA

è in grado di fornire al motore una corrente superiore alla corrente nominale. Se il carico richiede una corrente così elevata, c'è il rischio che si verifichi un sovraccarico termico del motore. Ciò vale in particolare alle basse velocità, in quanto l'effetto di raffreddamento del motore è ridotto, come pure la sua capacità. Se il motore è dotato di una ventola esterna, la riduzione del carico alle basse velocità è modesta.

La protezione termica del motore si basa su un modello di calcolo e utilizza la corrente di uscita dell'inverter per determinare il carico del motore.

È possibile regolare la protezione termica del motore mediante alcuni parametri riportati di seguito.

Il display del pannello di comando permette il monitoraggio della fase termica del motore. Vedere

il capitolo 2 2 Interfacce utente su Vacon®100 FLOW.

NOTA! Se si utilizzano cavi del motore lunghi (max. 100 m) con inverter di piccole dimensioni

(≤1,5 kW), la corrente del motore misurata dall'inverter può essere molto più alta rispetto a quella effettivamente presente nel motore, a causa delle correnti capacitive presenti nel cavo del motore.

Tenere conto di questo aspetto durante la configurazione delle funzioni di protezione termica del motore.

13006.emf

ATTENZIONE! Il modello di calcolo non protegge il motore se il flusso d'aria diretto verso il motore stesso è ridotto a causa dell'intasamento della griglia della presa d'aria. Il modello parte da zero se la scheda di controllo

è spenta.

P3.9.2.3 F

ATTORE RAFFR

.

VELOC

.

ZERO

(ID 706)

Definisce il fattore di raffreddamento a velocità zero rispetto al punto in cui il motore funziona alla

velocità nominale senza raffreddamento esterno. Vedere la figura 77 riportata di seguito.

Il valore predefinito è impostato presupponendo l'assenza di una ventola di raffreddamento esterna. In presenza di una ventola di raffreddamento esterna, questo parametro può essere impostato su 90% (e oltre).

Se si modifica il parametro P3.1.1.4 (Corrente nominale del motore), viene immediatamente ripristinato il valore predefinito del parametro.

L'impostazione di questo parametro non influenza la corrente di uscita massima dell'inverter che

è determinata esclusivamente dal parametro P3.1.3.1.

La frequenza angolare per la protezione termica è il 70% della frequenza nominale del motore

(P3.1.1.2).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 197 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P raffreddamento

100%

Area di sovraccarico

I

T

Par.

ID 706 =

40%

0

Freq.

angolare f n f

9129.emf

Figura 77. Curva IT della corrente di protezione termica del motore,

ID 706 = P3.9.2.3 Fattore raffr. veloc. zero

P3.9.2.4 C

OSTANTE TEMPORALE PROTEZIONE TERMICA MOTORE

(ID 707)

È la costante temporale di protezione termica del motore. Più grande è il motore, più alta è la costante di tempo. La costante di tempo è il tempo entro il quale la fase termica calcolata raggiunge il 63% del suo valore finale.

La costante termica è specifica di ciascun modello di motore e varia a seconda del produttore.

Il valore predefinito del parametro varia a seconda della taglia.

Il tempo t6 del motore (t6 è il tempo espresso in secondi per il quale il motore può funzionare in sicurezza con una corrente sei volte superiore a quella nominale) è noto, in quanto fornito dal produttore, e il parametro della costante di tempo può essere impostato in base a esso. Di norma, la costante di tempo espressa in minuti è pari a 2*t6. Se l'inverter è in arresto, la costante di tempo viene aumentata internamente di tre volte rispetto al valore del parametro impostato. Il raffreddamento in fase di arresto avviene per convezione e la costante di tempo viene aumentata.

Vedere la figura 79 riportata di seguito.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

I/I

T

Corrente vacon • 198 t

T

100%

63% t

T= Costante temporale protezione termica motore

Figura 78. Costante temporale protezione termica motore

P3.9.2.5 P

ROTEZIONE TERMICA DEL MOTORE

(ID 708)

Se si imposta il valore su 130% significa che la temperatura nominale verrà raggiunta con il 130% della corrente nominale del motore.

I/I

T

Corrente

Area di blocco

Guasto/allarme

T

105%

Caricabilità termica 80%

Caricabilità termica 100%

Caricabilità termica 130%

Figura 79. Calcolo della temperatura del motore

t

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

t

8

8 vacon • 199 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.9.2

Protezione stallo motore

La protezione da stallo protegge il motore da situazioni di breve sovraccarico come quelle provocate dallo stallo di un asse. Per il tempo di reazione della protezione da stallo è possibile impostare un valore più breve di quello della protezione termica del motore. Lo stato di stallo

è definito mediante due parametri, P3.9.3.2 (

Corrente di stallo

) e P3.9.3.4 (

Limite frequenza stallo

).

Se la corrente supera il limite impostato e la frequenza di uscita è inferiore al limite stabilito, si verifica lo stato di stallo. Non esiste alcuna indicazione reale della rotazione dell'asse.

La protezione da stallo è un tipo di protezione da sovracorrente.

NOTA! Se si utilizzano cavi del motore lunghi (max. 100 m) con inverter di piccole dimensioni

(≤1,5 kW), la corrente del motore misurata dall'inverter può essere molto più alta rispetto a quella effettivamente presente nel motore, a causa delle correnti capacitive presenti nel cavo del motore.

Si tenga conto di questo aspetto durante la configurazione delle funzioni di protezione da stallo.

P3.9.3.2 C

ORRENTE DI STALLO

(ID 710)

Per la corrente è possibile impostare valori compresi nell'intervallo 0,0…2*IL. Perché si verifichi una fase di stallo, la corrente deve aver superato questo limite. Se il parametro P3.1.3.1 Limite corrente motore viene modificato, questo parametro viene automaticamente calcolato al 90% del limite di corrente.

NOTA! Per garantire un funzionamento ottimale, impostare questo parametro su un valore inferiore al limite di corrente.

I

9130.emf

Area dello stallo

Par. ID 710

f

Par. ID 712

Figura 80. Impostazioni relative alle caratteristiche dello stallo,

ID 710 = P3.9.3.2 Corrente di stallo, ID 712 = P3.9.3.4 Limite frequenza stallo

P3.9.3.3 L

IMITE TEMPO DI STALLO

(ID 711)

Per questo tempo è possibile impostare un valore compreso fra 1,0 e 120,0 secondi.

È il tempo massimo consentito per una fase di stallo. Il tempo di stallo viene misurato mediante un contatore interno progressivo/regressivo.

Se il valore del contatore del tempo di stallo supera questo limite, la protezione causa un blocco

(vedere il parametro P3.9.3.1).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 200

8.9.3

Protezione da sottocarico (pompa asciutta)

Lo scopo della protezione da sottocarico è accertarsi che sia presente un carico sul motore quando l'inverter è in funzione. Se il motore perde il suo carico, potrebbe essersi verificato un problema nel processo, ad esempio cinghie rotte o pompe asciutte.

È possibile regolare la protezione da sottocarico del motore impostando la curva di sottocarico mediante i parametri P3.9.4.2 (

Protezione da sottocarico: Carico al punto di indebolimento campo

) e P3.9.4.3 (

Carico Frequenza Zero

). La curva di sottocarico è una curva quadratica definita fra la frequenza zero e il punto di indebolimento del campo. La protezione non è attiva al di sotto di

5 Hz (il contatore del tempo di sottocarico viene arrestato).

I valori di coppia per l'impostazione della curva di sottocarico vengono a loro volta impostati sotto forma di percentuali della coppia nominale del motore. Per individuare il rapporto di scala per il valore della coppia interna, si utilizzano i dati riportati sulla targhetta del motore, il parametro

Corrente nominale del motore e la corrente nominale dell'inverter. Se l'inverter viene utilizzato con un motore diverso da quello nominale, la precisione del calcolo della coppia diminuisce.

NOTA! Se si utilizzano cavi del motore lunghi (max. 100 m) con inverter di piccole dimensioni

(

1,5 kW), la corrente del motore misurata dall'inverter può essere molto più alta rispetto a quella effettivamente presente nel motore, a causa delle correnti capacitive presenti nel cavo del motore.

Si tenga conto di questo aspetto durante la configurazione delle funzioni di protezione da stallo.

P3.9.4.2 P

ROTEZIONE DA SOTTOCARICO

:

CARICO AL PUNTO DI INDEBOLIMENTO CAMPO

(ID 714)

Per il limite di coppia è possibile impostare un valore compreso nell'intervallo 10,0 - 150,0 % x T nMotor

.

Questo parametro fornisce il valore della coppia minima consentita quando la frequenza di uscita

è superiore al punto di indebolimento del campo.

Se si modifica il parametro P3.1.1.4 (Corrente nominale del motore), viene ripristinato automaticamente il valore predefinito del parametro.

Coppia

Par.

ID 714

Par.

ID 715

5 Hz

Area di sottocarico

f

Punto di indebolimento campo

9131.emf

Figura 81. Impostazione del carico minimo, ID 714 = P3.9.4.2 Protezione da sottocarico: Carico al punto di indebolimento campo, ID 715 = P3.9.4.3 Protezione da sottocarico: Carico Frequenza Zero

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 201 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.9.4.4 P

ROTEZIONE DA SOTTOCARICO

: L

IMITE TEMPO

(ID 716)

Per questo tempo è possibile impostare un valore compreso fra 2,0 e 600,0 secondi.

Questo è il tempo massimo consentito per la persistenza di uno stato di sottocarico. Un contatore interno progressivo/regressivo registra il tempo cumulativo di sottocarico. Se il valore del contatore del tempo di sottocarico supera questo limite, la protezione causa un blocco secondo il parame-

tro P3.9.4.1. Se l'inverter viene arrestato, il contatore di sottocarico si azzera. Vedere la figura 82

riportata di seguito.

Par. ID 716

Contatore tempo di sottocarico

Area di blocco

Blocco/ avvertenza par. ID 713

Ora

Sottocarico

Nessun sottocarico

9132.emf

Figura 82. Funzione contatore tempo di sottocarico, ID 713 = P3.9.4.1 Errore sottocarico,

ID 716 = P3.9.4.4 Protezione da sottocarico: limite tempo

P3.9.5.1 M

ODO

A

RRESTO RAPIDO

(ID 1276)

P3.5.1.26 A

TTIVAZIONE ARRESTO RAPIDO

(ID 1213)

P3.9.5.3 T

EMPO DECEL

.

ARRESTO RAPIDO

(ID 1256)

P3.9.5.4 R

EAZIONE GUASTO ARRESTO RAPIDO

(ID 744)

La funzione

Arresto rapido

è un intervento eccezionale per arrestare l'inverter da I/O o Bus di campo in circostanze eccezionali. Quando è attiva la funzione

Arresto rapido

, è possibile far decelerare l'inverter fino all'arresto secondo una modalità definita separatamente. Se per il riavvio è richiesto un reset, è inoltre possibile impostare un allarme o una reazione al guasto, per lasciare nella memoria guasti la traccia dell'arresto rapido che si è reso necessario.

NOTA! L'

Arresto rapido

non è un arresto di emergenza o una funzione di sicurezza! Si consiglia di prevedere un arresto di emergenza che interrompa fisicamente l'alimentazione al motore.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

FB

Control Word.B12

I/O

Attiv. arresto rap.

OPPURE

IN 1

IN 2 vacon • 202

Normale funzionam.

Attivazione arresto rapido

Avvio sequenza arresto in base a ”Modo.

Arr. Rap.” e ”Tempo decel Arr. R.”

Inverter arrestato?

Inverter forzato su modo

”Non Pronto” e allarme/guasto attivato secondo

”Reazione guasto

Arresto Rapido”

NO

Attivazione arresto rapido

9124.emf

Figura 83. Logica Arresto rapido

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 203 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.9.8.1 B

ASSA PROTEZIONE INGRESSO ANALOGICO

(ID 767)

Questo parametro definisce l'eventuale utilizzo dell'impostazione Bassa Protezione AI.

Bassa Protezione AI viene utilizzata per rilevare guasti a livello di segnale ingresso analogico se il segnale ingresso usato come riferimento di frequenza o riferimento di coppia o i controller PID/

PIDEst sono configurati per usare segnali ingresso analogico.

L'utente può scegliere se la protezione deve essere abilitata solo quando l'inverter è in stato Marcia oppure in entrambi gli stati Marcia e Arresto. La reazione a un Errore livello AI basso può essere selezionata mediante il parametro P3.9.8.2 Err liv AI basso.

Tabella 127. Impostazioni Bassa Protezione AI

1

2

Numero selezione

3

Nome selezione Descrizione

Protezione disabilitata

Protezione abilitata in stato Marcia

Protezione abilitata in Marcia e Arresto

La protezione è abilitata solo quando l'inverter è in stato Marcia

La protezione è abilitata in entrambi gli stati Marcia e Arresto

P3.9.8.2 E

RRORE BASSO LIVELLO INGRESSO ANALOGICO

(ID 700)

Il parametro definisce la reazione a F50 - Err liv AI basso (ID guasto: 1050) se Bassa Protezione AI

è abilitata dal parametro 3.9.8.1.

Bassa Protezione AI monitora il livello di segnale degli ingressi analogici 1-6. L'errore o l'allarme basso livello ingresso analogico viene generato se il parametro P3.9.8.1 Bassa Protezione AI

è abilitato e il segnale ingresso analogico scende per 500 ms al di sotto del 50% dell'escursione segnale minima definita.

Tabella 128.

4

5

1

2

Numero selezione

Nome selezione

Allarme

Allarme

3 Allarme

Guasto

Guasto

Descrizione

P3.9.1.13 è impostato sul riferimento di frequenza.

L'ultima frequenza valida viene mantenuta come frequenza di riferimento.

Arresto in base alla funzione di arresto P3.2.5

Arresto per inerzia

NOTA! La reazione 3 a Err liv AI basso (Allarme + Freq precedente) può essere utilizzata soltanto se l'ingresso analogico 1 o l'ingresso analogico 2 viene utilizzato come riferimento di frequenza.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.10

Reset automatico

P3.10.1 R

ESET AUTOMATICO

(ID 731)

Usare questo parametro per attivare il

reset automatico

dopo un guasto.

vacon • 204

NOTA! Il reset automatico è consentito solo per certi guasti. Assegnando ai parametri da P3.10.6

a P3.10.13 il valore 0 o 1, si può consentire o rifiutare il reset automatico dopo i rispettivi guasti.

P3.10.3 T

EMPO DI ATTESA

(ID 717)

P3.10.4 R

ESET AUTOMATICO

:

TEMPO TENTATIVI

(ID 718)

P3.10.5 N

UMERO TENTATIVI

(ID 759)

La funzione Reset automatico tenta continuamente di eseguire il reset dei guasti verificatisi nel tempo impostato con questo parametro. Se il numero dei guasti durante il tempo tentativi supera il valore del parametro P3.10.5, viene generato un guasto permanente. In caso contrario, il guasto viene eliminato una volta trascorso il tempo tentativi e al guasto successivo il conteggio del tempo riprende.

Il parametro P3.10.5 determina il numero massimo di tentativi di reset automatico durante il tempo tentativi impostato con questo parametro. Il calcolo del tempo parte dal primo reset automatico.

Il numero massimo è indipendente dal tipo di guasto.

Tempo di attesa

ID 717

Tempo di attesa

ID 717

Tempo di attesa

ID 717

Trigger guasto

Allarme

Reset 1 Reset 2

Reset autom.

Tempo tentativi

Tempo tentativi

ID 718

Guasto attivo

9096.emf

Numero tentativi: (ID759 = 2)

Figura 84. Funzione di reset automatico, ID = 717 P3.10.3 Tempo di attesa,

P3.10.4 Tempo tentativi, ID 759 = P3.10.5 Numero tentativi

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 205 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.11

Funzioni timer

Le funzioni temporali (canali temporali) in Vacon

®

100 offrono la possibilità di programmare le funzioni controllate dall'orologio in tempo reale interno (RTC = Real Time Clock). Pressoché ogni funzione controllabile da un ingresso digitale può anche essere controllata da un canale temporale.

Invece di avere un PLC esterno che controlla un ingresso digitale, è possibile programmare internamente degli intervalli “chiusi” e “aperti” dell'ingresso.

NOTA! Le funzioni di questo gruppo di parametri possono essere sfruttate al meglio solo se

è installata la batteria (opzionale) e se l'orologio in tempo reale è stato configurato in modo appropriato durante l'esecuzione della procedura guidata di avvio (vedere pagine 2 e 3). Si

sconsiglia l'uso di queste funzioni se non si installa la batteria opzionale, in quanto senza la batteria per l'RTC le impostazioni della data e dell'ora dell'inverter vengono ripristinate a ogni spegnimento.

Canali temporali

La logica di accensione/spegnimento dei

canali temporali

viene configurata assegnando loro

Intervalli

e/o

Timer

. Un

canale temporale

può essere controllato da numerosi

Intervalli

o

Timer

assegnandogli il numero necessario di

canali temporali

.

P AssegnaAlCanale

Intervallo 1

Intervallo 2

Intervallo 3

Intervallo 4

Intervallo 5

CanaleTemporale 1

CanaleTemporale 2

Timer 1

Timer 2

Timer 3

CanaleTemporale 3

9146.emf

Figura 85. È possibile assegnare in modo flessibile intervalli e timer ai canali temporali. Ogni intervallo e ogni parametro dispone di un suo parametro per l'assegnazione a un canale temporale.

Intervalli

Tramite i parametri, a ogni intervallo vengono assegnati un “Tempo ON” e un “Tempo OFF”. Questi definiscono l'arco del giorno in cui l'intervallo è attivo nei giorni impostati mediante i parametri “Dal giorno” e “Al giorno”. Ad esempio, l'impostazione del parametro sottostante indica che l'intervallo

è attivo dalle 7 alle 9 ogni giorno della settimana (da lunedì a venerdì). Durante tale periodo, il canale temporale cui tale intervallo viene assegnato viene visto come un “ingresso digitale virtuale” chiuso.

Tempo ON: 07:00:00

Tempo OFF: 09:00:00

Dal giorno: da lunedì

Al giorno: venerdì

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 206

Timer

È possibile utilizzare i timer per impostare un canale temporale attivo durante un certo periodo mediante un comando proveniente da un ingresso digitale (o un canale temporale).

I parametri elencati di seguito attivano il timer quando l'ingresso digitale 1 nello slot A è chiuso e lo mantengono attivo per 30 secondi dopo l'apertura.

Durata: 30 s

Timer: DigIn SlotA.1

Suggerimento! È possibile utilizzare una durata di 0 secondi semplicemente per disattivare un canale temporale attivato da un ingresso digitale senza alcun ritardo di spegnimento dopo il fronte di discesa.

ESEMPIO

Problema:

Si supponga di avere un inverter CA per il condizionamento dell'aria in un magazzino. L'inverter deve funzionare dalle 7.00 alle 17.00 durante la settimana e dalle 9.00 alle 13,00 durante il fine settimana. Occorre inoltre essere in grado di forzare manualmente l'inverter affinché protragga il funzionamento oltre l'orario di lavoro, se nell'edificio sono presenti dei collaboratori, e lasciarlo in funzione per 30 minuti dopo la loro uscita.

Soluzione:

Occorre configurare due intervalli, uno per i giorni feriali e uno per i weekend. È inoltre necessario un timer per l'attivazione al di fuori degli orari di lavoro. Di seguito è riportato un esempio di configurazione.

Intervallo 1

P3.12.1.1:

Tempo ON:

07:00:00

P3.12.1.2:

Tempo OFF:

17:00:00

P3.12.1.3:

Giorni

: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì

P3.12.1.4:

Assegna al canale:

CanaleTemporale1

STOP

READY

Interval 1

ID:1466

ON Time

M3.12.1.3

07:00:00

OFF Time

17:00:00

Days

I/O

0

STOP

ID:

READY

Days

M3.12.1.3

Edit

I/O

Help

Add to favorites

STOP

Sunday

Monday

Tuesday

Wednesday

ID:

READY

Days

M3.12.1.3.1

Thursday

Friday

I/O

9158.emf

Figura 86.

Intervallo 2

P3.12.2.1:

Tempo ON:

09:00:00

P3.12.2.2:

Tempo OFF:

13:00:00

P3.12.2.3:

Giorni:

sabato, domenica

P3.12.2.4:

Assegna al canale:

CanaleTemporale1

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 207 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Timer 1

Il bypass manuale può essere gestito mediante un ingresso digitale 1 nello slot A (tramite un interruttore o un collegamento diverso all'illuminazione).

P3.12.6.1:

Durata:

1800 s (30 min)

P3.12.6.3:

Assegna al canale:

CanaleTemporale1

P3.12.6.2:

Timer 1

: DigIn SlotA.1 (Parametro contenuto nel menu Ingressi digitali).

Infine selezionare il Canale 1 per il comando Marcia I/O.

P3.5.1.1:

Segnale controllo 1 A

: Canale temporale 1

Intervallo 1

Giorni = da lunedì a venerdì

ON = 07:00:00 Off = 17:00:00

Segnale Ctrl 1A

Intervallo 2

Giorni = sabato e domenica

ON = 09:00:00 Off = 13:00:00

CanaleTemporale1 Avvio/Arresto

Ingresso digitale 1 su Slot A

Timer 1

Durata = 1800 s

Figura 87. Configurazione finale, in cui il canale temporale 1 viene utilizzato come segnale di controllo per il comando di avvio al posto di un ingresso digitale

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 208

8.12

Controller PID 1

P3.13.1.9 B

ANDA MORTA

(ID 1056)

P3.13.1.10 R

ITARDO BANDA MORTA

(ID 1057)

L'uscita controller PID è bloccata se il valore effettivo rimane all'interno dell'area di banda morta intorno al riferimento di un tempo predefinito. Questa funzione impedisce movimenti non necessari e l'usura degli attuatori, ad esempio, le valvole.

Banda morta (ID1056)

Riferimento

Valore effettivo

Ritardo banda morta

(ID1057)

Uscita bloccata

9097.emf

Figura 88. Banda morta

8.12.1

Feedforward

P3.13.4.1 F

UNZIONE FEEDFORWARD

(ID 1059)

La funzione Feedforward in genere richiede modelli di processo molto precisi, ma in alcuni casi più semplici il tipo di Feedforward dato da guadagno + offset è sufficiente. La parte feedforward non utilizza alcuna misurazione feedback del valore di processo effettivo controllato (il livello dell'acqua, nell'esempio 1 riportato di seguito). Il controllo feedforward di Vacon utilizza altre misurazioni che influenzano indirettamente il valore di processo controllato.

Esempio 1:

Controllo del livello d'acqua di un serbatoio per mezzo del controllo di flusso. Il livello ottimale di acqua è stato definito come valore impostato e il livello effettivo come valore feedback. Il segnale di controllo agisce sul flusso in ingresso.

Il flusso in uscita può essere considerato come un disturbo che può essere misurato. In base alle misurazioni del disturbo, si può provare a compensare quest'ultimo attraverso un semplice controllo feedforward (guadagno e offset) che viene aggiunto all'uscita PID.

In questo modo, il controller reagisce molto più velocemente alle variazioni del flusso in uscita rispetto alla semplice misurazione del livello.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 209 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Rif. livello

Controllo

+ +

FFW

8

LT

Controllo livello

FT

Controllo flusso in uscita

9099.emf

Figura 89. Controllo feedforward

8.12.2

Funzione standby

Questa funzione consente di attivare il modo standby dell'inverter, se la frequenza rimane al di sotto del limite di standby per un tempo maggiore di quello impostato nel parametro Ritardo standby. Ciò significa che il comando di arresto rimane attivo, mentre la richiesta di marcia è disattivata. Quando il valore effettivo scende al di sotto, o sale al di sopra, del livello di riavvio, a seconda del modo di azione impostato, la richiesta di marcia viene riattivata, se il comando di marcia è ancora attivo.

Pertanto l'inverter viene riattivato.

P3.13.5.1 F

REQUENZA STANDBY

SP1 (ID 1016)

L'inverter entra in modalità standby (l'inverter si arresta) quando la frequenza di uscita dell'inverter scende sotto il limite di frequenza definito dal parametro.

Il valore del parametro è utilizzato quando il segnale del valore impostato del controllore PID viene ricavato dall'origine valore impostato 1.

L'inverter entra in modalità standby se

• la frequenza di uscita rimane sotto alla frequenza standby per un periodo superiore al tempo di ritardo standby

• il segnale di feedback PID rimane sopra il livello di riavvio definito.

L'inverter si riavvia dalla modalità standby se

• il segnale di feedback PID scende sotto il livello di riavvio definito.

NOTA! L'impostazione errata del livello di riavvio potrebbe non consentire di attivare la modalità standby.

P3.13.5.2 R

ITARDO STANDBY

SP1 (ID 1017)

L'inverter entra in modalità standby (l'inverter si arresta) quando la frequenza di uscita dell'inverter scende sotto il limite di frequenza standby per un periodo superiore a quello definito dal parametro.

Il valore del parametro è utilizzato quando il segnale del valore impostato del controllore PID viene ricavato dall'origine valore impostato 1.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 210

P3.13.5.3

RIAVVIO

SP1 (ID 1018)

P3.13.5.4

M

ODALITÀ RIAVVIO

SP1 (ID 1019)

I parametri Livello riavvio SP1 e Modalità riavvio SP1 definiscono il momento in cui l'inverter si riavvia dalla modalità standby, ovvero quando il valore del feedback PID scende sotto il livello di riavvio.

Il parametro Modalità riavvio SP1 definisce se il livello di riavvio è utilizzato come livello assoluto statico, o come livello relativo, che segue il valore impostato PID.

0 = Livello assoluto (Livello riavvio = livello statico che non segue il valore impostato)

1 = Valore impostato relativo (Livello riavvio = offset sotto il valore impostato effettivo, il livello di riavvio segue il valore impostato effettivo)

Valore impostato

Valore impostato (SP) PID

Livello riavvio

Figura 90. Modalità riavvio: livello assoluto

Valore impostato

Valore impostato (SP) PID t

Livello riavvio

Figura 91. Modalità riavvio: valore impostato relativo

t

P3.13.5.5 B

OOST STANDBY

SP1 (ID 1793)

L'incremento automatico del valore impostato di regolazione PID prima dell'attivazione dello stato standby consente di ottenere un valore di processo più elevato e di mantenere pertanto lo stato standby più a lungo, anche in presenza di una dispersione moderata.

Il livello di aumento viene applicato dopo che le normali condizioni per attivare lo stato di standby (soglia e ritardo di frequenza) sono positivamente verificate. Dopo che l'incremento nel valore impostato ha raggiunto il valore Effettivo, l'incremento del boost sul valore impostato viene cancellato e l'inverter entra nello stato di standby, arrestando il motore. L'incremento del boost sarà positivo con regolazione PID diretta (P3.13.1.8 = Normale) e negativo con regolazione PID inversa (P3.13.1.8 = Invertito).

Se il valore effettivo non raggiunge il livello impostato incrementato, il valore di boost viene sempre cancellato dopo il tempo impostato con P3.13.5.5. In questo caso, viene ripristinata la normale regolazione dell'inverter con il valore impostato standard.

In una configurazione multi-pompa: se durante il boost viene avviata una pompa ausiliaria, la sequenza di boost è interrotta e viene ripristinata la normale regolazione.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 211 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.13.5.7 F

REQUENZA STANDBY

SP2 (ID 1075)

Vedere la descrizione del parametro P3.13.5.1.

P3.13.5.8 R

ITARDO STANDBY

SP2 (ID 1076)

Vedere la descrizione del parametro P3.13.5.2.

P3.13.5.9

L

IVELLO RIAVVIO

SP2 (ID 1077)

P3.13.5.10 M

ODALITÀ RIAVVIO

SP2 (ID 1020)

Vedere le descrizioni dei parametri P3.13.5.3 e P3.13.5.4.

P3.13.5.11

B

OOST STANDBY

SP2 (ID 1794)

Vedere la descrizione del parametro P3.13.5.5.

8.12.3

Supervisione feedback

La supervisione feedback viene utilizzata per controllare che il

valore feedback PID

(valore di processo effettivo) rimanga all'interno dei limiti predefiniti. Con questa funzione è possibile, ad esempio, rilevare il cedimento di un tubo ed evitare la fuoriuscita eccessiva di liquido.

Vengono impostati i limiti superiore e inferiore intorno al riferimento. Quando il valore effettivo sale al di sopra o scende al di sotto del limite, un contatore inizia a contare in direzione del ritardo (P3.13.6.4).

Quando il valore effettivo si trova all'interno dell'area consentita, lo stesso contatore inizia ugualmente a contare, ma alla rovescia. Ogni volta che il conteggio del contatore è superiore al ritardo, viene generato un allarme o guasto (a seconda della reazione selezionata con il parametro P3.13.6.5).

Limite superiore

(ID736)

Limite inferiore

(ID758)

Valore effettivo

Riferimento

Ritardo (ID737)

8

Modo regolazione

Figura 92. Supervisione feedback

Allarme o guasto

P3.13.6.1 A

BILITA SUPERVISIONE FEEDBACK

(ID 735)

Questi parametri definiscono l'intervallo in cui dovrebbe essere compreso il valore del segnale di feedback PID in condizioni normali. Se il segnale di feedback PID sale al di sopra o scende al di sotto dell'intervallo di supervisione definito per un periodo di tempo superiore a quello stabilito come

Ritardo

, verrà generato un errore di supervisione PID (F101).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 212

8.12.4

Compensazione perdita di pressione

Quando si utilizza un tubo lungo con molti scarichi, il punto migliore per posizionare il sensore

è probabilmente a metà del tubo stesso (posizione 2). Tuttavia, i sensori potrebbero essere posizionati, ad esempio, direttamente dopo la pompa. Ciò consente di rilevare la pressione corretta subito dopo la pompa, ma più avanti lungo il tubo la pressione calerà in base al flusso.

Pressione

Senza flusso

Con flusso

Lunghezza tubo

PT PT

Posizione 1 Posizione 2

9101.emf

Figura 93. Posizione del sensore di pressione (PT)

P3.13.7.1 A

BILITA VALORE IMPOSTATO

1 (ID 1189)

P3.13.7.2 C

OMPENSAZIONE MAX VALORE IMPOSTATO

1 (ID 1190)

Il sensore viene inserito nella Posizione 1. La pressione nel tubo rimane costante in assenza di flusso. Tuttavia, in presenza del flusso, la pressione più avanti lungo il tubo calerà. Ciò può essere compensato aumentando il valore impostato all'aumentare del flusso. In questo caso, il flusso viene rilevato dalla frequenza di uscita e il valore impostato viene aumentato in misura lineare

rispetto al flusso, come illustrato nella figura 94 riportata di seguito.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 213 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Valore impostato

Valore impostato + compensazione max

Valore impostato

Freq e flusso min

Pressione

Freq e flusso max

Senza flusso

Con compensazione e flusso

Lunghezza tubo

PT PT

Posizione 1 Posizione 2

9102.emf

Figura 94. Abilitazione del valore impostato 1 per compensare la perdita di pressione

8.12.5

Soft Fill

La funzione Soft Fill viene utilizzata per portare il processo a un determinato livello a bassa velocità prima dell'attivazione del controller PID. Questa funzione può essere utilizzata, ad esempio, per il riempimento graduale di una tubatura vuota, evitando i cosiddetti “colpi d'ariete” che altrimenti potrebbero rompere i tubi.

Si consiglia di utilizzare sempre la funzione Soft Fill quando si utilizza la funzionalità Multi-pompa.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Riferimento

Valore effettivo

Livello Soft Fill vacon • 214

Frequenza

Frequenza Soft Fill

Modo Soft Fill Modo regolazione

Figura 95. Funzione Soft Fill

9105.emf

P3.13.8.1 F

UNZIONE

S

OFT

F

ILL

(ID 1094)

Il parametro definisce la modalità operativa della funzione Soft Fill.

L'uso della funzione Soft Fill nel sistema multi-pompa è consigliata per evitare i cosiddetti “colpi d'ariete” che altrimenti potrebbero rompere i tubi.

0 = Disabilitato

La funzione Soft Fill è disabilitata e non in uso.

1 = Abilitato (Livello)

La funzione Soft Fill è abilitata. Quando viene avviato, l'inverter marcia a una frequenza costante

(P3.13.8.2 Frequenza Soft Fill) fino a quando il segnale di feedback PID non raggiunge il livello Soft

Fill (P3.13.8.3 Livello Soft Fill). A questo punto, il controller PID inizia l'attività di regolazione.

Inoltre, se il livello Soft Fill non viene raggiunto entro il timeout specificato (P3.13.8.4 Timeout Soft

Fill), viene generato un guasto di riempimento graduale (se P3.13.8.4 Timeout Soft Fill è impostato su un valore maggiore di zero).

Il modo Soft Fill viene in genere utilizzato nelle installazioni verticali.

2 = Abilitato (Timeout)

La funzione Soft Fill è abilitata. Quando viene avviato, l'inverter funziona a una frequenza costante (P3.13.8.2 Frequenza Soft Fill) fino alla scadenza del tempo di riempimento graduale

(P3.13.8.4 Timeout Soft Fill). Al termine, il controller PID inizia l'attività di regolazione.

In questa modalità, il guasto di riempimento graduale non è disponibile.

Questo modo Soft Fill viene in genere utilizzato nelle installazioni orizzontali.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 215 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.13.8.2 F

REQUENZA

S

OFT

F

ILL

(ID 1055)

Questo parametro definisce il riferimento frequenza costante utilizzato quando viene attivata la funzione Soft Fill.

P3.13.8.3 L

IVELLO

S

OFT

F

ILL

(ID 1095)

Questo parametro viene utilizzato solo se l'opzione “Abilitato (Livello)” è impostata sul parametro

Funzione Soft Fill (P3.13.8.1 Funzione Soft Fill).

Il parametro definisce il livello del segnale di feedback PID che deve essere raggiunto prima che la funzione Soft Fill venga disattivata e il controller PID inizi l'attività di regolazione.

P3.13.8.4 T

IMEOUT SOFT FILL

(ID 1096)

Il funzionamento del parametro dipende dalla selezione del parametro Funzione Soft Fill (P3.13.8.1

Funzione Soft Fill).

Se l'opzione “Abilitato (Livello)” è impostata sul parametro Funzione Soft Fill (P3.13.8.1 Funzione

Soft Fill), questo parametro definisce il timeout allo scadere del quale viene generato l'errore Soft

Fill (se il livello Soft Fill definito non è stato raggiunto).

Se l'opzione “Abilitato (Timeout)” è impostata sul parametro Funzione Soft Fill (P3.13.8.1 Funzione

Soft Fill), questo parametro definisce per quanto tempo l'inverter funziona alla frequenza Soft Fill costante (P3.13.8.2 Frequenza Soft Fill) prima che il controller PID inizi l'attività di regolazione.

P3.13.8.5 R

EAZIONE A GUASTO

S

OFT

F

ILL

(ID 738)

Selezione reazione a guasto per F100 - Errore timeout Soft Fill PID.

0 = Nessuna azione

1 = Allarme

2 = Guasto (Arresto in base alla modalità di arresto)

3 = Guasto (Arresto per inerzia)

8.12.6

Supervisione pressione ingresso

La funzione

Supervisione pressione ingresso

viene utilizzata per verificare che la quantità d'acqua nella flangia di ingresso della pompa sia sufficiente per evitare che la pompa aspiri aria o si verifichino problemi di cavitazione. Questa funzione richiede l'installazione di un sensore di pressione sulla flangia di ingresso della pompa; vedere la figura 96.

Se la pressione della flangia di ingresso scende al di sotto del limite allarme impostato, verrà generato un allarme e la pressione di uscita della pompa verrà ridotta diminuendo il valore impostato del controller PID. Se la pressione della flangia di ingresso continua a scendere sotto il limite guasto, la pompa verrà arrestata e verrà generata una condizione di guasto.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

3 ~ vacon • 216

PT

I O

3080.emf

Figura 96. Posizione del sensore di pressione (PT), I = ingresso, O = uscita

Pressione ingresso

Monitor pressione ingresso

Livello allarme supervisione

Livello errore supervisione

Valore impostato (SP) PID

Valore impostato

(SP) PID

Ritardo errore supervisione

Ritardo errore supervisione

Riduzione valore impostato (SP) PID

Allarme pressione ingresso

(Segnale uscita digitale)

Motore in marcia

Figura 97.Supervisione pressione ingresso

9213.emf

No

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 217 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.12.7

Standby - Nessuna funzione rilevamento richiesta

Viene raggiunto il valore impostato e il riferimento frequenza è costante all'interno di un intervallo parametrico, che è immediatamente superiore alla soglia frequenza standby. Uno scostamento temporaneo viene aggiunto al valore effettivo. In assenza di richiesta, questo porta la frequenza di uscita sotto la soglia frequenza standby. Se il valore effettivo rimane stabile, viene forzato lo stato

standby dell'inverter. Vedere la figura 98 riportata di seguito.

In particolare, se Errore (Valore impostato-Effettivo) è compreso all'interno di una determinata banda di isteresi che attraversa lo zero:

Isteresi errore SNDD < = Errore < = Isteresi errore SNDD e la relazione seguente rimane vera per il periodo di tempo definito da Tempo supervisione SNDD:

Max[Frequenza di uscita(t)] - Min[Frequenza di uscita(t)] < Isteresi frequenza SNDD

Un valore di scostamento temporaneo viene aggiunto al valore effettivo. Se la frequenza di uscita scende al di sotto della soglia frequenza standby per il periodo di tempo richiesto mentre Errore rimane all'interno della banda, l'inverter entra nello stato standby e lo scostamento del valore effettivo viene rimosso.

Se si verifica una delle seguenti condizioni:

- l'errore supera la banda di isteresi

- la variazione della frequenza di uscita supera l'isteresi di frequenza SNDD, lo scostamento del valore effettivo viene rimosso e ripristinato il normale funzionamento.

L'incremento di scostamento sul valore effettivo sarà positivo con regolazione PID diretta

(P3.13.1.8 = Normale) e negativo con regolazione PID inversa (P3.13.1.8 = Invertito).

La funzione è abilitata dal parametro Abilita SNDD. Se uno dei parametri correlati è = 0, la funzione

è inattiva.

f uscita

A

B

C

D

E t

F

G H

I

Figura 98. Standby, nessun rilevamento richiesta

3094.emf

t

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 218

A = Frequenza di uscita interna all'isteresi per il tempo specificato, scostamento aggiunto al valore effettivo qui

B = Attivazione modalità standby

C = Isteresi frequenza SNDD (P3.13.10.3)

D = Tempo supervisione SNDD (P3.13.10.4)

E = Tempo di ritardo standby SP1 (P3.13.5.2)

F = Unità processo (P3.13.1.4)

G = Banda di errore che attraversa lo zero

H = Errore

I = Scostamento valore effettivo

P3.14.1.7 S

ELEZIONE UNITÀ DI PROCESSO

(ID 1636)

P3.14.1.8

P3.14.1.9

M

M

AX

IN

.

UNITÀ

UNITÀ

PROCESSO

PROCESSO

(ID 1664)

(ID 1665)

Con i parametri Selezione unità processo, Min. unità processo e Max unità processo, è possibile visualizzare tutti i parametri e i valori di monitoraggio relativi al controllo PID (ad esempio feedback e valore impostato) nelle unità di processo selezionate (ad esempio bar o Pascal).

I parametri Min. unità processo e Max unità processo sono implosati in base all'escursione del sensore di feedback.

Esempio:

Nell'applicazione pompa l'escursione segnale del sensore di pressione è 4..20 mA, che corrisponde a una pressione di 0...10 bar. Le impostazioni dell'unità di processo del controllore PID sono le seguenti:

• SelUnitàProcesso = bar

• MinUnitàProcesso = 0,00 bar

• MaxUnitàProcesso = 10,00 bar

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 219 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.13

Funzione Multi-pompa

La funzione Multi-pompa è progettata per il controllo di un sistema composto da un massimo di

8 motori (ad esempio pompe, ventilatori o compressori) che funzionano in parallelo. Il controller

PID interno dell'inverter regola il sistema mettendo in marcia il numero necessario di motori e controllando la velocità del motore o dei motori in base alla richiesta.

8.13.1

Checklist per la messa a punto del sistema multi-pompa

(inverter multiplo)

La checklist riportata di seguito consente di configurare le impostazioni base del sistema multipompa (inverter multiplo). Se si utilizza il pannello per la parametrizzazione, è anche possibile utilizzare la procedura guidata applicazione per configurare queste impostazioni base.

Avviare la messa a punto con gli inverter il cui segnale di feedback PID (ad esempio, sensore di pressione) è collegato a un ingresso analogico (valore predefinito: AI2). Esaminare tutti gli inverter nel sistema.

1

2

3

4

Controllare i cablaggi.

• Cavi di alimentazione (cavo di rete, cavo motore): vedere il manuale d'installazione dell'inverter.

• Cablaggio dell'unità di controllo (I/O, sensore feedback PID, comunicazione): vedere lo schema di cablaggio nel capitolo 1.5.4.2 e le connessioni I/O predefinite nel capitolo 1.5.4.1.

• Il collegamento di un singolo segnale di avvio per ciascun inverter

è consigliato, ma non obbligatorio. Tuttavia, gli inverter con segnale di feedback PID collegato devono avere collegato anche il segnale di avvio.

• Se è richiesta ridondanza, accertarsi che il segnale di feedback PID

(per impostazione predefinita: AI2) sia cablato ad almeno due inverter.

Vedere le istruzioni di cablaggio nel capitolo 1.5.4.2.

Accendere l'inverter e avviare la parametrizzazione.

• Avviare la parametrizzazione con gli inverter il cui segnale di feedback

PID è collegato. Tali inverter possono funzionare come master del sistema multi-pompa.

• La parametrizzazione può essere effettuata, ad esempio, con pannello o strumento per PC.

Selezionare la configurazione per l'applicazione 'Multi-pompa (inverter multiplo)' con il parametro P1.2.

• La maggior parte delle impostazioni e configurazioni correlate al sistema multi-pompa vengono effettuate automaticamente, quando si seleziona l'applicazione 'Multi-pompa (inverter multiplo)' con il parametro P1.2

Applicazione (ID 212). Vedere il cap. 1.4.4.

• Se si utilizza il pannello per la parametrizzazione, la procedura guidata applicazione verrà avviata quando viene modificato il parametro P1.2

Applicazione (ID 212). La procedura guidata applicazione offre assistenza alle domande più comuni relative al sistema multi-pompa.

Impostare i parametri motore.

• Impostare i parametri motore controllando la targhetta con i dati caratteristici del motore.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 220

5

6

7

8

Impostare il numero totale di inverter utilizzati nel sistema multi-pompa

.

• Questo valore è impostato con il parametro P1.35.14 (menu parametro

Configurazione rapida).

• Lo stesso parametro è disponibile dal menu Parametri -> Gruppo 3.15 ->

P3.15.2

• Per impostazione predefinita, il sistema multi-pompa è configurato con 3 pompe (inverter).

Selezionare i segnali collegati all'inverter.

• Passare al parametro P1.35.16 (menu parametro Configurazione rapida).

• Lo stesso parametro è disponibile dal menu Parametri -> Gruppo 3.15

-> P3.15.4

• Se il segnale di feedback PID è collegato, l'inverter è in grado di funzionare come master del sistema multi-pompa. In caso contrario, l'inverter funziona come unità slave.

• Selezionare 'Segnali collegati' se all'inverter sono collegati sia i segnali di avvio che di feedback PID (ad esempio, il sensore di pressione).

• Selezionare 'Solo segale di avvio' se al driver è collegato solo il segnale di avvio (nessun segnale di feedback PID collegato.

• Selezionare 'Non collegato' se all'inverter non è collegato alcun segnale di avvio o di feedback PID.

Impostare il numero identificativo pompa.

• Passare al parametro P1.35.15 (menu parametro Configurazione rapida).

• Lo stesso parametro è disponibile dal menu Parametri -> Gruppo 3.15

-> P3.15.3

• A ogni inverter nel sistema multi-pompa deve essere assegnato un numero identificativo univoco. I numeri identificativi devono essere in ordine numerico, a partire dal numero 1.

• Lo stesso numero identificativo non deve essere utilizzato per più inverter. In caso contrario, la comunicazione tra gli inverter non funziona correttamente.

• Gli inverter a cui è collegato un segnale di feedback PID sono in genere caratterizzati dai numeri identificativi più bassi (ad esempio, ID 1 e ID 2) per offrire il ritardo di avvio più breve all'accensione del sistema.

Configurare la funzione di interblocco.

• Passare al parametro P1.35.17 (menu parametro Configurazione rapida).

• Lo stesso parametro è disponibile dal menu Parametri -> Gruppo 3.15

-> P3.15.5

• La funzione di interblocco è disabilitata per impostazione predefinita.

• Selezionare 'Abilitato' se il segnale di interblocco è collegato all'ingresso digitale DI5 dell'inverter (Segnale di interblocco = segnale di ingresso digitale che indica se la pompa è disponibile o meno nel sistema multi-pompa).

• In caso contrario, selezionare 'Non usato'. Il sistema presuppone che tutte le pompe nel sistema multi-pompa siano disponibili.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 221 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

9

Verificare l'origine del segnale valore impostato PID

• Per impostazione predefinita, il valore impostato PID viene ricavato dal parametro P1.35.9 Valore impostato da pannello 1.

• Se necessario, l'origine del segnale del valore impostato PID può essere modificata tramite il parametro P1.35.8 (ad esempio, è possibile scegliere ingresso analogico o dati processo bus di campo in 1-8).

Le impostazioni base per il sistema multi-pompa sono ora configurate. È possibile utilizzare la stessa checklist quando si configurano gli inverter successivi nel sistema.

8.13.2

Configurazione del sistema

Per la funzione Multi-pompa sono possibili due diverse configurazioni, in base al numero di inverter inclusi nel sistema:

Configurazione a inverter singolo

Il modo Inverter singolo è progettato per controllare un sistema composto da una pompa a velocità variabile e un massimo di 7 pompe ausiliarie. Il controller PID interno dell'inverter controlla la velocità di una sola pompa e fornisce segnali di controllo (tramite uscite relè) per mettere in marcia/ arrestare le pompe ausiliarie. I contattori esterni sono necessari per collegare le pompe ausiliarie all'alimentazione di rete.

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

3 ~

Avvio/Arresto

RO2

RO3

RO8 vacon • 222

M1

M1

M2

M3

M2

PT

M3 M8

M8

3088.emf

Figura 99. Configurazione a inverter singolo (PT = sensore di pressione)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 223 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Configurazione a inverter multiplo

I modi inverter multiplo (Multimaster e Multifollower) sono progettati per controllare un sistema composto da un massimo di 8 pompe a velocità variabile. Ogni pompa è controllata dal suo inverter.

Tutte le pompe sono regolate dal controller PID interno dell'inverter. La comunicazione tra gli inverter viene eseguita tramite bus di comunicazione (Modbus RTU).

Nella figura che segue viene illustrato il principio della configurazione a inverter multiplo. Vedere anche il diagramma elettrico generale di un sistema multi-pompa nel capitolo 1.5.4.2 Diagramma cablaggio elettrico sistema multi-pompa (inverter multiplo).

3 ~

Avvio/Arresto

M1

M1

M2

M3

M2

PT

M3 M8

M8

3089.emf

Figura 100. Configurazione a inverter multiplo (PT = sensore di pressione)

8

P3.15.1 M

ODO MULTI

-

POMPA

(ID 1785)

Questo parametro definisce la configurazione e la modalità operativa del sistema multi-pompa.

0 = Inverter singolo

Il modo Inverter singolo è progettato per controllare un sistema composto da una pompa a velocità variabile e un massimo di 7 pompe ausiliarie. Il controller PID interno dell'inverter controlla la velocità di una sola pompa e fornisce segnali di controllo (tramite uscite relè) per mettere in marcia/ arrestare le pompe ausiliarie. I contattori esterni sono necessari per collegare le pompe ausiliarie all'alimentazione di rete.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 224

Una delle pompe è collegata all'inverter e funziona da pompa di regolazione. Quando la pompa di regolazione rileva una richiesta di maggiore capacità (marciando alla massima frequenza), ma non è in grado di produrla in maniera autonoma, richiede la messa in marcia della pompa ausiliaria successiva tramite segnale di uscita relè. Quando la pompa ausiliaria viene messa in marcia, la pompa di regolazione continua la sua attività, partendo dalla frequenza minima.

Quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva (marciando alla frequenza minima), richiede l'arresto della pompa ausiliaria recentemente messa in marcia. Se nessuna pompa ausiliaria è in marcia quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva, la pompa entra in modo standby (se la funzione Standby è abilitata).

Giri/min

f

max

B

f

min t

3095.emf

P1 P2 P3

Figura 101. Regolazione pompa in modo Inverter singolo

P1 è la pompa di regolazione

B = Pompa ausiliaria collegata all'alimentazione di rete (Direct-On-Line)

1 = Multifollower

Il modo Multifollower è progettato per controllare un sistema composto da un massimo di 8 pompe a velocità variabile. Ogni pompa è controllata dal suo inverter. Tutte le pompe sono regolate dal controller PID interno dell'inverter.

Una delle pompe funziona sempre come pompa di regolazione. Quando la pompa di regolazione rileva una richiesta di maggiore capacità (marciando alla massima frequenza), ma non è in grado di produrla in maniera autonoma, richiede la messa in marcia della pompa successiva tramite bus di comunicazione. La pompa successiva accelera e inizia a marciare alla stessa velocità della pompa di regolazione. In altre parole, le pompe ausiliarie seguono la velocità della pompa di regolazione.

Quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva (marciando alla frequenza minima), richiede l'arresto della pompa recentemente messa in marcia. Se nessuna pompa ausiliaria è in marcia quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva, la pompa entra in modo standby (se la funzione Standby è abilitata).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 225 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Giri/min

f

max

A

f

min t

3072.emf

P1 P2 P3

Figura 102. Regolazione in modo Multifollower. La pompa 1 effettua la regolazione e le pompe 2 e 3 seguono la velocità della pompa 1, come mostrato dalle curve A.

1 = Multimaster

Il modo Multimaster è progettato per controllare un sistema composto da un massimo di 8 pompe a velocità variabile. Ogni pompa è controllata dal suo inverter. Le pompe sono regolate dal controller

PID interno dell'inverter. Una delle pompe funziona sempre come pompa di regolazione. Quando la pompa di regolazione rileva una richiesta di maggiore capacità (marciando alla massima frequenza), ma non è in grado di produrla in maniera autonoma, blocca il suo funzionamento a una velocità di produzione costante e richiede la messa in marcia della pompa successiva che inizia l'attività di regolazione.

Quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva (marciando alla frequenza minima), si arresta e la pompa che marcia a una velocità di produzione costante inizia l'attività di regolazione. Se sono presenti più pompe che marciano a una velocità di produzione costante, la pompa recentemente messa in marcia inizia l'attività di regolazione. Se nessuna pompa marcia a una velocità di produzione costante quando la pompa di regolazione rileva una capacità eccessiva, viene attivato il modo standby della pompa (se la funzione Standby è abilitata).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

vacon • 226 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

B

Giri/min

f max

A

f min

t

3073.emf

P1 P2 P3

Figura 103. Regolazione in modo Multimaster. Le curve A mostrano l'attività di regolazione delle pompe. B = Le pompe sono bloccate alla frequenza di produzione costante

P3.15.2 N

UMERO DI POMPE

(ID 1001)

Definisce il numero totale di pompe nell'installazione. Il numero massimo di pompe in un sistema multi-pompa è 8.

Questo parametro viene impostato al momento dell'installazione. Se, ad esempio, un inverter viene rimosso (per scopi di manutenzione pompa), questo parametro non deve essere modificato.

NOTA! Nei modi Multifollower e Multimaster, il valore di questo parametro deve essere identico per tutti gli inverter. In caso contrario, la comunicazione tra gli inverter non funziona correttamente.

P3.15.3 N

UMERO IDENTIFICATIVO POMPA

(ID 1500)

Questo parametro viene utilizzato solo nei modi Multifollower e Multimaster.

A ogni inverter (pompa) nell'installazione deve essere assegnato un numero univoco. Al primo inverter nel sistema deve sempre essere assegnato il numero identificativo 1 e i numeri degli inverter devono essere in ordine numerico.

La pompa numero 1 è sempre il master principale del sistema multi-pompa. L'inverter numero 1 controlla il processo ed esegue il controller PID. Questo significa che i segnali feedback PID e valore impostato PID devono essere collegati all'inverter numero 1.

Se l'inverter numero 1 non è disponibile nel sistema (ad esempio l'inverter è spento o non è in grado di comunicare con altri inverter), l'inverter successivo viene messo in marcia per funzionare come master secondario del sistema multi-pompa.

NOTA! La comunicazione tra gli inverter non funziona correttamente se si verifica una delle seguenti condizioni:

• I numeri identificativi delle pompe non sono in ordine numerico (a partire da 1) o,

• Due inverter hanno lo stesso numero identificativo.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 227 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.4 C

ONFIGURAZIONE DEI SEGNALI DI AVVIO E FEEDBACK

(ID 1782)

Il parametro definisce se i segnali di comando marcia e feedback processo (feedback PID) sono collegati all'inverter in questione.

0 = Segnali di avvio e feedback PID non collegati all'inverter in questione

1 = Solo i segnali di avvio sono collegati all'inverter in questione

2 = Entrambi i segnali di avvio e feedback PID sono collegati all'inverter in questione

NOTA! Il parametro definisce la modalità di funzionamento dell'inverter ((master o slave) nel sistema multi-pompa. L'inverter con entrambi i segnali di comando marcia e feedback PID collegati

è in grado di funzionare come inverter master nel sistema multi-pompa. Se sono presenti più inverter nel sistema multi-pompa con entrambi i segnali collegati, l'inverter con il numero identificativo pompa più basso (P3.15.3) inizia a funzionare come master.

8.13.3

Interblocchi

La funzione Interblocco può essere utilizzata per indicare al sistema multi-pompa quali pompe sono disponibili nel sistema, mediante segnali ingresso digitale. Il sistema multi-pompa controlla solo le pompe con dati interblocco attivi.

Questa funzione può essere utilizzata per indicare al sistema multi-pompa se, ad esempio, una delle pompe è esclusa dal sistema per manutenzione. I segnali di interblocco provengono in genere dagli interruttori motore.

P3.15.5 I

NTERBLOCCO POMPA

(ID 1032)

Si possono utilizzare gli interblocchi rotazione ausiliari per indicare al sistema multi-pompa che un motore non è disponibile, ad esempio, perché escluso dal sistema per manutenzione o ignorato per il controllo manuale.

Per utilizzare gli interblocchi rotazione ausiliari, abilitare questa funzione. Selezionare lo stato desiderato per ciascun motore tramite gli ingressi digitali (parametri da P3.5.1.42 a P3.5.1.49).

Se l'ingresso è chiuso (TRUE), il motore è disponibile per il sistema multi-pompa, altrimenti la logica multi-pompa non ne permetterà il collegamento.

8.13.4

Collegamento sensore feedback in un sistema multi-pompa

Per ottenere la migliore precisione e ridondanza in un sistema multi-pompa utilizzare sensori

(feedback) singoli per ogni inverter. Vedere la figura 104 riportata di seguito.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 228

Valore effettivo

(0)4..20 mA

-

+

Valore effettivo

(0)4..20 mA

-

+

Valore effettivo

(0)4..20 mA

-

+

4

5

6

7

Inverter 1: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

4

5

6

7

Inverter 2: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

4

5

6

7

Inverter 3: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

3096.emf

Figura 104. Principio di cablaggio dei singoli sensori feedback

È anche possibile utilizzare un sensore comune. Il sensore (trasduttore) può essere alimentato utilizzando l'alimentazione a 24 V esterna o dalla scheda di controllo dell'inverter.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 229 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Valore effettivo

(0)4..20 mA

-

+

Inverter 1: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

4

5

AI2+

AI2-

12 24 Vout

13 GND

17 CM

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Comune per DI1-DI6

Inverter 2: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

4

5

AI2+

AI2-

12 24 Vout

13 GND

17 CM

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Comune per DI1-DI6

4

5

Inverter 3: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

12 24 Vout

13 GND

17 CM

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

Comune per DI1-DI6

3097.emf

Figura 105.Principio di cablaggio del sensore comune (alimentato dalla scheda I/O dell'inverter)

-

+

Alimentazione

24 V esterna

Valore effettivo

(0)4..20 mA

-

+

4

5

6

7

Inverter 1: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

4

5

6

7

Inverter 2: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

4

5

6

7

Inverter 3: scheda I/O standard

Morsetto Segnale

AI2+

AI2-

24 Vout

GND

Ingresso anal. 2 +

Ingresso anal. 2 -

Tensione ausiliaria 24 V

Massa I/O

3098.emf

Figura 106. Principio di cablaggio del sensore comune (alimentato dall'alimentazione a 24 V esterna)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 230

Se un sensore è fornito dalla scheda I/O degli inverter (vedere la Figura 108) e i diodi sono collegati ai morsetti 12 e 17, gli ingressi digitali devono essere isolati dalla terra impostando l'interruttore

DIP di isolamento sulla posizione 'Float'. In questo modo, gli ingressi digitali sono attivi quando sono collegati a massa. In tutti gli altri casi, l'interruttore DIP di isolamento può essere lasciato nella posizione predefinita 'Collegato a massa'.

Ingressi digitali

Isolato da massa

Connesso a massa

(Predefinito)

9109.emf

Figura 107. Interruttore DIP di isolamento

P3.15.6 R

OTAZIONE AUSILIARI

(ID 1027)

Tabella 129.

0

Selezione

1

2

Nome selezione Descrizione

Disabilitato

Abilitato (intervallo)

L'ordine di priorità/marcia dei motori è sempre 1-2-3-4-5 nel funzionamento normale. Tale priorità/ordine potrebbe aver subito delle modifiche durante la marcia se gli interblocchi rotazione ausiliari sono stati rimossi e poi aggiunti di nuovo, ma dopo un arresto viene sempre ripristinata la priorità/ordine iniziale.

La funzione Rotazione ausiliari è abilitata. L'ordine di marcia delle pompe è riorganizzato a intervalli regolari. L'intervallo di tempo tra gli eventi di riorganizzazione dell'ordine di marcia è definito dal parametro P3.15.8 Intervallo rotazione ausiliari. Il timer Intervallo rotazione ausiliari funziona solo quando il sistema multi-pompa è in funzione.

Abilitato (tempo reale) La funzione Rotazione ausiliari è abilitata. L'ordine di marcia delle pompe è riorganizzato nei giorni feriali selezionati, in corrispondenza dell'ora definita. I giorni e l'ora di rotazione ausiliari possono essere definiti con i parametri

P3.15.9 e P3.15.10.

NOTA!

Questo modo richiede che nell'inverter sia installata la batteria dell'orologio in tempo reale (RTC).

ESEMPIO:

Nella sequenza di rotazione ausiliari, dopo che la rotazione ha avuto luogo, il motore con la priorità più alta viene messo all'ultimo posto e tutti gli altri avanzati di una posizione:

Ordine di marcia/priorità dei motori: 1->2->3->4->5

--> Rotazione ausiliari -->

Ordine di marcia/priorità dei motori: 2->3->4->5->1

--> Rotazione ausiliari -->

Ordine di marcia/priorità dei motori: 3->4->5->1->2

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 231 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.7 P

OMPE A ROTAZIONE AUSILIARI

(ID 1028)

Tabella 130.

0

1

Selezione Nome selezione

Pompe ausiliarie

Tutte le pompe

Descrizione

Il motore 1 (collegato all'inverter) è sempre controllato in frequenza e non è interessato dai segnali di interblocco o dalla procedura di rotazione ausiliari.

Tutti i motori possono essere controllati e sono interessati dagli interblocchi rotazione ausiliari. Tutti i motori sono inclusi nella procedura di rotazione ausiliari.

NOTA! Vedere anche il capitolo 1.5.3 Applicazione Multi-pompa (inverter singolo).

CABLAGGIO

Esistono due diversi modi per effettuare i collegamenti a seconda che si imposti 0 o 1 come valore del parametro.

0 = Pompe ausiliarie:

L'inverter CA o il motore di regolazione non sono inclusi nella logica di rotazione ausiliari o degli interblocchi rotazione ausiliari. L'inverter è collegato direttamente al motore 1 come illustrato nella

figura 108 riportata di seguito. Gli altri motori sono motori ausiliari collegati alla rete di alimentazione

tramite contattori e controllati da relè presenti nell'inverter.

3 ~

8

K2 K3

M1

M1 RO

M2

M2 RO

M3

M3 RO

X

K2

K3

3086.emf

Figura 108. M1-3 RO = Controllo motore da relè, X = non utilizzato

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 232

1 = Tutte le pompe:

Se il motore di regolazione deve essere incluso nella logica di rotazione ausiliari o interblocco

rotazione ausiliari, i collegamenti devono essere effettuati come illustrato nella figura 109 riportata

di seguito.

Ogni motore è controllato da un relè e la logica del contattore assicura che il primo motore collegato sia sempre connesso all'inverter e poi anche alla rete di alimentazione.

3 ~

K1 K1.1

K2 K2.1

K3 K3.1

M1

M1 RO

M2

M2 RO

M3

M3 RO

K3

K2

K2 K3 K3

K1

K1 K3 K1

K2

K2 K1

K1.1

K1

K1

K1.1

K2.1

K2

K2

K2.1

K3.1

K3

K3

K3.1

3087.emf

Figura 109. M1-3 RO = Controllo motore da relè

P3.15.8 I

NTERVALLO ROTAZIONE AUSILIARI

(ID 1029)

Questo parametro definisce l'intervallo di tempo tra eventi rotazione ausiliari (avvio della pompa per riorganizzare l'ordine). Questo parametro viene utilizzato solo se è selezionato il modo rotazione ausiliari basato su intervallo (1 / Abilitato (Intervallo)) con parametro P3.15.6.

La rotazione ausiliari viene eseguita quando sono soddisfatte le seguenti condizioni:

• Il sistema multi-pompa è in marcia (comando di marcia attivo)

• L'intervallo di tempo rotazione ausiliari è scaduto

• La pompa di regolazione funziona sotto la frequenza definita con parametro P3.15.11 Limite frequenza rotazione ausiliari

• Il numero di pompe in funzione è inferiore o uguale al limite definito con parametro P3.15.12

Limite pompa rotazione ausiliari

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 233 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.9 R

OTAZIONE AUSILIARI

- G

IORNI

(ID 1786)

P3.15.10 R

OTAZIONE AUSILIARI

- O

RA

(ID 1787)

Questi parametri definiscono i giorni feriali e l'ora in cui ha luogo la rotazione ausiliari (avvio della pompa per riorganizzare l'ordine). Questi parametri vengono utilizzati solo se è selezionato il modo rotazione ausiliari basato sull'ora (2 / Abilitato (Tempo reale)) con parametro P3.15.5.

La rotazione ausiliari viene eseguita quando sono soddisfatte le seguenti condizioni:

• Il sistema multi-pompa è in marcia (comando di marcia attivo)

• È stato raggiunto il giorno feriale e l'ora rotazione ausiliari definiti

• La pompa di regolazione funziona sotto la frequenza definita da parametro P3.15.11.

• Il numero di pompe in funzione è inferiore o uguale al limite definito con parametro P3.15.12

P3.15.11 L

IMITE FREQUENZA ROTAZIONE AUSILIARI

(ID 1031)

P3.15.12 L

IMITE POMPA ROTAZIONE AUSILIARI

(ID 1030)

Questi parametri definiscono il livello al di sotto del quale deve rimanere la capacità utilizzata per consentire la rotazione ausiliari.

Questo livello è definito come segue:

• Se il numero di pompe in funzione nel sistema multi-pompa è inferiore o uguale al limite definito dal parametro P3.15.12 e la pompa di regolazione funziona sotto la frequenza definita dal parametro P3.15.11, la rotazione ausiliari può essere eseguita.

NOTA! Questi parametri sono necessari principalmente nel modo Inverter singolo, poiché un evento rotazione ausiliari potrebbe essere richiesto per riavviare l'intero sistema (in base al numero di motori attualmente in marcia).

Nei modi Multifollower e Multimaster si consiglia di impostare questi parametri sui valori massimi per consentire immediatamente un evento rotazione ausiliari in corrispondenza dell'ora rotazione ausiliari. I modi Multifollower e Multimaster sono ottimizzati per gestire la situazione di rotazione ausiliari in maniera discreta, indipendentemente dal numero di pompe in funzione.

P3.15.13 L

ARGHEZZA DI BANDA

(ID 1097)

P3.15.14 R

ITARDO LARGHEZZA DI BANDA

(ID 1098)

Questi parametri definiscono le condizioni per la messa in marcia/l'arresto delle pompe nel sistema multi-pompa. Il numero di pompe in funzione viene incrementato/ridotto se il controller

PID non è in grado di mantenere il valore di processo (feedback) all'interno della larghezza di banda definita intorno al valore impostato.

L'area della larghezza di banda è definita come una percentuale del valore impostato PID. Se il valore feedback PID rimane entro l'area della larghezza di banda, non è necessario incrementare/ ridurre il numero di pompe in funzione.

Quando il valore feedback esce al di fuori dell'area della larghezza di banda, prima che il numero di pompe in funzione venga incrementato/ridotto deve trascorre il tempo definito dal parametro

P3.15.14. Nella figura 90 riportata di seguito vengono illustrati i criteri per la messa in marcia e l'arresto delle pompe ausiliarie. Il numero di pompe in funzione viene incrementato/ridotto se il controller PID non è in grado di mantenere il valore di processo (feedback) (C) all'interno della larghezza di banda definita intorno al valore impostato (D).

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 234

Figura 110. Criteri per la messa in marcia e l'arresto delle pompe ausiliarie.

(P3.15.13 = Larghezza di banda, P3.15.14 = Ritardo larghezza di banda)

Criteri per l'incremento del numero di motori in funzione:

• Il valore feedback è al di fuori dell'area della larghezza di banda.

• La pompa di regolazione funziona a una frequenza “vicina al massimo” (-2 Hz) (A nella figura)

• Ci sono più pompe disponibili.

• Le suddette condizioni vengono soddisfatte per un tempo più lungo rispetto al ritardo della larghezza di banda.

Criteri per il decremento del numero di motori in funzione:

• Il valore feedback è al di fuori dell'area della larghezza di banda.

• La pompa di regolazione funziona a una frequenza “vicina al minimo” (+2 Hz) (B nella figura)

• Ci sono più pompe disponibili.

• Le suddette condizioni vengono soddisfatte per un tempo più lungo rispetto al ritardo della larghezza di banda.

P3.15.16 L

IMITE POMPE IN FUNZIONE

(ID 1187)

Il parametro definisce il numero massimo di pompe in funzione contemporaneamente nel sistema multi-pompa.

NOTA! Se si modifica il parametro P3.15.2, lo stesso valore viene copiato automaticamente anche in questo parametro.

Esempio:

Il sistema multi-pompa è costituito da 3 pompe, ma è possibile utilizzare un massimo di 2 pompe contemporaneamente. La terza pompa è installata nel sistema per la ridondanza. Il numero di pompe in funzione contemporaneamente è limitato come segue:

• Limite pompe in funzione = 2

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 235 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.17.1 I

NTERBLOCCO POMPA

1 (ID 426)

Questo parametro definisce l'ingresso digitale dell'inverter, in cui viene letto il segnale di interblocco

(feedback) della pompa (1).

Se la funzione Interblocco pompa (P3.15.5) è abilitata, l'inverter leggerà lo stato degli ingressi digitali (feedback) Interblocco pompa. Se l'ingresso è chiuso (TRUE), il motore è disponibile per il sistema multi-pompa, altrimenti verrà escluso.

Se la funzione Interblocco pompa (P3.15.5) non è utilizzata, gli stati degli ingressi digitali (feedback)

Interblocco pompa non sono letti e il sistema multi-pompa presume che tutte le pompe nel sistema siano disponibili.

NOTA!

• Nel modo Inverter singolo, il segnale ingresso digitale selezionato con questo parametro indica lo stato di interblocco della pompa 1 nel sistema multi-pompa.

• Nei modi Multifollower e Multimaster, il segnale ingresso digitale selezionato con questo parametro indica lo stato di interblocco della pompa collegata a questo inverter.

P3.15.17.2 I

NTERBLOCCO POMPA

2 (ID 427)

P3.15.17.3 I

NTERBLOCCO POMPA

3 (ID 428)

P3.15.17.4 I

NTERBLOCCO POMPA

4 (ID 429)

P3.15.17.5 I

NTERBLOCCO POMPA

5 (ID 430)

P3.15.17.6 I

NTERBLOCCO POMPA

6 (ID 486)

P3.15.17.7 I

NTERBLOCCO POMPA

7 (ID 487)

P3.15.17.8 I

NTERBLOCCO POMPA

8 (ID 488)

Questi parametri definiscono gli ingressi digitali dell'inverter, in cui vengono letti i segnali di interblocco (feedback) delle pompe 2…8.

NOTA! Questi parametri vengono utilizzati solo nel modo Inverter singolo.

Se la funzione Interblocco pompa (P3.15.5) è abilitata, l'inverter leggerà lo stato degli ingressi digitali (feedback) Interblocco pompa. Se l'ingresso è chiuso (TRUE), il motore è disponibile per il sistema multi-pompa, altrimenti verrà escluso.

Se la funzione Interblocco pompa (P3.15.5) non è utilizzata, gli stati degli ingressi digitali (feedback)

Interblocco pompa non sono letti e il sistema multi-pompa presume che tutte le pompe nel sistema siano disponibili.

8.13.5

Supervisione sovrapressione

La funzione Supervisione sovrapressione viene utilizzata per la supervisione della pressione in un sistema multi-pompa. Ad esempio, quando la valvola principale del sistema a pompa viene chiusa rapidamente, la pressione nelle tubature aumenterà rapidamente. La pressione potrebbe persino aumentare troppo rapidamente perché il controller PID riesca a reagire. La funzione Supervisione sovrapressione serve a impedire che i tubi scoppino, arrestando rapidamente i motori ausiliari nel sistema multi-pompa.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 236

P3.15.16.1 A

BILITA SUPERVISIONE SOVRAPRESSIONE

(ID 1698)

Se la Supervisione sovrapressione è abilitata e il segnale di feedback PID (pressione) supera il livello di supervisione definito dal parametro P3.15.18.2, tutti i motori ausiliari nel sistema multipompa verranno arrestati. Soltanto il motore di regolazione continua a marciare normalmente. Una volta diminuita la pressione, il sistema continuerà a funzionare normalmente, ricollegando i motori

ausiliari, uno per uno. Vedere la figura 111.

La funzione Supervisione sovrapressione monitorerà il segnale di feedback controller PID e arresterà immediatamente tutte le pompe ausiliarie se il segnale supera il livello di sovrapressione definito.

Pressione

Livello allarme supervisione

ID 1699

Valore impostato (SP) PID

ID 167

Feedback PID

(ID 21)

Motore 2

Motore 3

ON

OFF

ON

OFF

9133.emf

Figura 111. Supervisione sovrapressione

8.13.6

Contatori delle ore di marcia della pompa

Nel sistema multi-pompa, il tempo di marcia di ogni pompa è supervisionato da un singolo contatore ore marcia. Ad esempio, l'ordine di marcia delle pompe è organizzato in base ai valori dei contatori delle ore di marcia delle pompe per equiparare il consumo di tutte le pompe nel sistema.

I contatori delle ore di marcia delle pompe possono anche essere utilizzati per segnalare all'operatore che una pompa richiede la manutenzione (vedere da P3.15.19.4 a P3.15.19.5 sottostanti).

I contatori delle ore di marcia delle pompe sono disponibili dal menu monitoraggio, vedere capitolo 3.1.10.

P3.15.19.1 I

MPOSTA CONTATORE ORE DI MARCIA

(ID 1673)

Quando si preme questo parametro di tipo tasto, il contatore delle ore di marcia della pompa o delle pompe selezionate (P3.15.19.3) verrà impostato sul valore definito.

P3.15.19.2 I

MPOSTA CONTATORE ORE DI MARCIA

:

VALORE

(ID 1087)

Questo parametro definisce il valore del contatore delle ore di marcia che verrà impostato sul contatore o contatori delle ore di marcia della pompa o delle pompe selezionate con P3.15.19.3.

NOTA! Nei modi Multimaster e Multifollower, è possibile resettare (o impostare sul valore desiderato) solo il contatore “Ore di marcia pompa (1)”. (Nei modi Multimaster e Multifollower, il valore di monitoraggio “Ore di marcia pompa (1)” indica il numero di ore della pompa, collegata a questo inverter, indipendentemente dal numero identificativo della pompa).

Esempio:

Nel sistema multi-pompa (inverter singolo), la pompa numero 4 è stata sostituita con una pompa completamente nuova e il valore del contatore “Ore di marcia pompa 4” deve essere ripristinato.

1. Selezionare 'Pompa' 4 con parametro P3.15.19.3.

2. Impostare il valore parametro P3.15.19.2 su '0 h'.

3. Premere il parametro tipo tasto P3.15.19.1.

4. “Ore di marcia pompa 4” è stato ripristinato.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 237 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.19.3 I

MPOSTA CONTATORE ORE DI MARCIA

:

SELEZIONE POMPA

(ID 1088)

Questo parametro viene utilizzato per selezionare le pompe, il cui valore del contatore delle ore di marcia verrà ripristinato (o impostato sul valore desiderato) quando viene premuto il parametro tipo tasto P3.15.19.1.

Se viene selezionato il modo Multi-pompa (Inverter singolo), sono disponibili le seguenti selezioni:

0 = Tutte le pompe

1 = Pompa (1)

2 = Pompa 2

3 = Pompa 3

4 = Pompa 4

5 = Pompa 5

6 = Pompa 6

7 = Pompa 7

8 = Pompa 8

Se è selezionato il modo Multifollower o Multimaster, è disponibile solo la seguente selezione:

1 = Pompa (1)

NOTA! Nei modi Multimaster e Multifollower, è possibile resettare (o impostare sul valore desiderato) solo il contatore “Ore di marcia pompa (1)”. (Nei modi Multimaster e Multifollower, il valore di monitoraggio “Ore di marcia pompa (1)” indica il numero di ore della pompa collegata a questo inverter, indipendentemente dal numero identificativo della pompa).

Esempio:

Nel sistema multi-pompa (inverter singolo), la pompa numero 4 è stata sostituita con una pompa completamente nuova e il valore del contatore “Ore di marcia pompa 4” deve essere ripristinato.

1. Selezionare 'Pompa' 4 da parametro P3.15.19.3.

2. Impostare il valore parametro P3.15.19.2 su '0 h'.

3. Premere il parametro tipo tasto P3.15.19.

4. “Ore di marcia pompa 4” è stato ripristinato.

P3.15.19.4 L

IMITE ALLARME ORE DI MARCIA

(ID 1109)

P3.15.19.5 L

IMITE GUASTO ORE DI MARCIA

(ID 1110)

I contatori delle ore di marcia delle pompe possono anche essere utilizzati per segnalare all'operatore che è richiesto un intervento di manutenzione della pompa. Quando il valore del contatore delle ore di marcia della pompa supera il limite definito, verrà generato rispettivamente un allarme o un guasto. Una volta eseguito l'intervento di manutenzione, il contatore delle ore di marcia può essere ripristinato (o impostato sul valore desiderato).

NOTA!

• Nel modo Multi-pompa (inverter singolo), i limiti di allarme e guasto sono comuni per tutte le pompe. Se uno dei singoli contatori delle ore di marcia (Pompa 1…Pompa 8) supera il valore limite, viene attivato un allarme o guasto.

• Nei modi Multimaster e Multifollower, ogni inverter monitora solo le ore di marcia della sua pompa ('Ore di marcia pompa (1)'). Questo significa che i limiti di allarme e guasto devono essere attivati e configurati singolarmente per ogni inverter.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

P3.15.22.1 F

REQUENZA DI STAGING

(ID 15545)

vacon • 238

Il parametro è utilizzato per regolare il livello della frequenza di uscita, al quale viene avviata la pompa ausiliaria nel sistema multi-pompa.

NOTA! Il parametro non ha alcun effetto se viene impostato un valore superiore a quello del riferimento frequenza massima (P3.3.1.2).

In genere (per impostazione predefinita), una pompa ausiliaria viene avviata (staging) se il segnale di feedback PID scende sotto l'area della larghezza di banda definita e la pompa di regolazione funziona alla frequenza massima.

In alcuni casi, la pompa ausiliaria deve essere avviata precedentemente (a una frequenza inferiore) per ottenere migliori dinamiche di processo e risparmi energetici. Dopodiché, il parametro è utilizzato per impostare la frequenza di avvio della pompa ausiliaria sotto la frequenza massima.

M Feedback PID

P Larghezza di banda

M Frequenza di uscita

IN 1

IN 2

P Riferimento freq max

P Frequenza di staging

IN 1

IN 2

IN 1

IN 2

IN 1

IN 2

IN 1

IN 2

RITARDO DI

ATTIVAZIONE

IN

ORA

OUT V Avvio pompa ausiliaria

9417_it.emf

Figura 112.

P3.15.22.2 F

REQUENZA DI DESTAGING

(ID 15546)

Il parametro è utilizzato per regolare il livello della frequenza di uscita, al quale viene interrotta la pompa ausiliaria nel sistema multi-pompa.

NOTA! Il parametro non ha alcun effetto se viene impostato un valore inferiore a quello del riferimento frequenza minima (P3.3.1.1).

In genere (per impostazione predefinita), una pompa ausiliaria viene arrestata (destaging) se il segnale di feedback PID sale sopra l'area della larghezza di banda definita e la pompa di regolazione funziona alla frequenza minima.

In alcuni casi, la pompa ausiliaria deve essere arrestata precedentemente (a una frequenza più alta) per ottenere migliori dinamiche di processo e risparmi energetici. Dopodiché, il parametro è utilizzato per impostare la frequenza di avvio della pompa ausiliaria sopra la frequenza minima.

AND

IN 1

IN 2

RITARDO DI

ATTIVAZIONE

IN

ORA

OUT

V

Arresto pompa ausiliaria

M Feedback PID

AGG

IN 1

IN 2

P Larghezza di banda

M

Frequenza di uscita

P Riferimento freq min

P

Frequenza di destaging

MAX

IN 1

IN 2

GT

IN 1

IN 2

LT

IN 1

IN 2

9418_it.emf

Figura 113.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 239 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.14

Contatori di manutenzione

Il contatore di manutenzione è un mezzo per segnalare all'operatore la necessità di eseguire un intervento di manutenzione. Ad esempio, la sostituzione di una cinghia o un cambio d'olio.

Per i contatori di manutenzione sono previste due modalità: ore o giri*1000. I contatori vengono incrementati soltanto durante il modo Marcia in entrambi i casi.

NOTA! I giri si basano sulla velocità del motore che è solo un valore stimato (integrazione ogni secondo).

Quando il contatore supera il limite verrà generato rispettivamente un allarme o un guasto. I singoli segnali di guasto e allarme manutenzione possono essere collegati ad un'uscita relè/digitale

Una volta eseguito l'intervento di manutenzione, il contatore può essere ripristinato mediante un ingresso digitale o il parametro B3.16.4.

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 240

8.15

Modalità Fire Mode

NOTA! La modalità Fire Mode può anche essere configurata con la procedura guidata Fire Mode che

è possibile attivare nel menu Config. rapida, P1.1.2, vedere capitolo 1.3 Procedura guidata Fire Mode.

Quando è attivata la modalità Fire Mode, l'inverter ripristina tutti i guasti che si verificheranno e continua a operare alla velocità stabilita il più a lungo possibile. L'inverter ignora tutti i comandi da pannello, bus di campo e strumento per PC, a esclusione dei segnali da I/O Attivazione Fire Mode,

Marcia indietro FireMode, Abilitazione marcia, Interblocco rotazione ausiliari marcia 1 e Interblocco rotazione ausiliari marcia 2.

La funzione Fire Mode presenta due modalità operative che sono Modalità test e Fire Mode attivo.

La modalità operativa può essere selezionata immettendo password diverse per il parametro

P3.17.1. In Modalità test, gli errori che si verificheranno non saranno ripristinati automaticamente e l'inverter si arresterà nel momento in cui si verificheranno i guasti.

Quando la funzione Fire Mode è attivata, sul pannello di comando viene visualizzato un allarme.

NOTA! SE VIENE ATTIVATA QUESTA FUNZIONE, LA GARANZIA È NULLA! La Modalità test può essere utilizzata per provare la funzione Fire Mode senza invalidare la garanzia.

P3.17.1 P

ASSWORD

F

IRE

M

ODE

(ID 1599)

Scegliere qui la modalità operativa della funzione Fire Mode.

Selezione

1002

1234

Nome selezione

Fire Mode attivo

Modalità test

Descrizione

L'inverter ripristina tutti i guasti che si verificheranno e continua a operare alla velocità stabilita il più a lungo possibile.

NOTA!

Tutti i parametri Fire Mode verranno bloccati se è stata assegnata questa password. Per abilitare la modifica dei parametri Fire Mode, impostare innanzitutto il valore del parametro su zero.

Gli errori che si verificheranno non saranno ripristinati automaticamente e l'inverter si arresterà nel momento in cui si verifica un eventuale guasto.

P3.17.3 F

REQUENZA

F

IRE

M

ODE

(ID 1598)

Questo parametro definisce il riferimento frequenza costante in uso quando viene attivata la funzione Fire Mode e la

Frequenza Fire Mode

viene selezionata come origine della frequenza di riferimento nel parametro P3.17.2.

Vedere il parametro P3.17.6 per selezionare o cambiare la direzione di rotazione del motore quando la funzione Fire Mode è attiva.

P3.17.4 A

PERTURA ATTIVAZIONE

F

IRE

M

ODE

(ID 1596)

Se attivato, sul pannello viene visualizzato il segnale d'allarme e la garanzia è nulla. Per abilitare questa funzione, occorre impostare una password nel campo della descrizione del parametro

Password Fire Mode.

NOTA! Si noti la tipologia NC (normalmente chiuso) di questo ingresso

È possibile provare la funzione

Fire Mode

senza invalidare la garanzia utilizzando la password che consente a

Fire Mode

di funzionare in modalità test. Nella Modalità test, gli errori che si verificheranno non saranno ripristinati automaticamente e l'inverter si arresterà nel momento in cui si verifica un eventuale guasto.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 241 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

NOTA! Tutti i parametri Fire Mode verranno bloccati se Fire Mode è abilitato e per il parametro

Password Fire Mode è stata specificata una password valida. Per modificare i parametri Fire Mode, impostare innanzitutto il parametro

Password Fire Mode

su zero.

Normale avvio

Abilitazione marcia

Interblocco rotazione ausiliari marcia 1

Interblocco rotazione ausiliari marcia 2

Attivaz.

Fire Mode

(Contatto chiuso)

Velocità motore

Velocità Fire Mode

Velocità normale

Arrestato

9138.emf

Figura 114. Funzionalità Fire Mode

P3.17.5 C

HIUSURA ATTIVAZIONE

F

IRE

M

ODE

(ID 1619)

Vedere sopra.

P3.17.6 M

ARCIA INDIETRO FIRE MODE

(ID 1618)

Questo parametro definisce il segnale ingresso digitale per selezionare la direzione di rotazione del motore quando la funzione Fire Mode è attiva. Non ha alcun impatto sul normale funzionamento.

Se in Fire Mode il motore deve funzionare sempre marcia AVANTI o sempre marcia INDIETRO, selezionare:

DigIn Slot0,1 = Sempre a marcia AVANTI

DigIn Slot0,2 = Sempre a marcia INDIETRO

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 242

8.16

Funzione preriscaldamento motore

La funzione di preriscaldamento del motore serve a mantenere caldi sia l'inverter sia il motore quando questi sono in stato di arresto immettendo corrente CC al motore per evitare, ad esempio, il formarsi di condensa. Il preriscaldamento del motore può essere attivato sempre nello stato di arresto mediante ingresso digitale, oppure quando la temperatura del dissipatore o del motore scende al di sotto di un determinato valore.

P3.18.1 F

UNZIONE PRERISCALDAMENTO MOTORE

(ID 1225)

La funzione di preriscaldamento del motore serve a mantenere caldi sia l'inverter sia il motore quando questi sono in stato di arresto immettendo corrente CC al motore per evitare, ad esempio, il formarsi di condensa.

Tabella 131. Tabella

0

1

Selezione

2

3

4

Nome selezione Descrizione

Non in uso La funzione di preriscaldamento del motore è disabilitata.

Sempre in stato di arresto La funzione di preriscaldamento del motore è sempre attivata quando l'inverter è in stato di arresto.

Controllato tramite ingresso digitale

Limite di temperatura

(dissipatore)

La funzione di preriscaldamento del motore è attivata mediante un segnale ingresso digitale quando l'inverter è in stato di arresto. L'ingresso digitale (DI) per l'attivazione può essere selezionato con il parametro

P3.5.1.18

.

La funzione di preriscaldamento del motore è attivata se l'inverter è in stato di arresto e la temperatura del dissipatore dell'inverter scende al di sotto del valore limite definito dal parametro

P3.18.2

.

Limite temperatura

(temperatura motore misurata)

La funzione di preriscaldamento del motore è attivata se l'inverter è in stato di arresto e la temperatura (misurata) del motore scende al di sotto del valore limite definito dal parametro

P3.18.2

.

Il segnale di misurazione della temperatura del motore può essere selezionato con il parametro

P3.18.5

.

NOTA!

Questa modalità operativa presuppone l'installazione di una scheda opzionale per la rilevazione della temperatura

(ad esempio, OPTBH).

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 243 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.17

Controllo pompa

8.17.1

Pulizia automatica

La funzione di pulizia automatica viene utilizzata per eliminare ogni traccia di sporco o qualsiasi altro tipo di materiale che potrebbe essersi attaccato al girante della pompa. La pulizia automatica viene utilizzata, ad esempio, nei sistemi per il trattamento delle acque reflue per mantenere inalterata l'efficienza della pompa. La funzione di pulizia automatica può anche essere utilizzata per sturare un tubo intasato o liberare una valvola bloccata.

La funzione di pulizia automatica si basa sulla rapida accelerazione e decelerazione della pompa.

Vedere la Figura 115 e le descrizioni dei parametri riportate di seguito:

f uscita

ID 1721 ID 1722

ID 1718

ID 1717

0

ID 1719

ID 1720

ID 1716 (1) ID 1716 (2)

ID 1715

3090.emf

Figura 115. Funzione pulizia automatica. (0 = frequenza zero, ID 1716 = cicli di pulizia 1 e 2),

ID 1715 = P3.5.1.41 Attivazione pulizia automatica, ID 1717 = P3.21.1.8 Frequenza pulizia avanti, ID 1718 = P3.21.1.9 Tempo pulizia avanti, ID 1719 = P3.21.1.10 Frequenza pulizia indietro, ID 1720 = P3.21.1.11 Tempo pulizia indietro, ID 1721 = P3.21.1.12 Tempo accelerazione pulizia, ID 1722 = P3.21.1.13 Tempo decelerazione pulizia

P3.21.1.1 F

UNZIONE PULIZIA

(ID 1714)

Questo parametro definisce la modalità di avvio della sequenza di pulizia automatica. Sono disponibili le seguenti modalità di avvio (se si seleziona 0, la funzione di pulizia non viene utilizzata):

1 = Abilitato (DIN)

La sequenza di pulizia viene avviata con segnale ingresso digitale. Un fronte di salita sul segnale ingresso digitale (P3.21.1.2) avvia la sequenza di pulizia, se il comando di marcia dell'inverter è attivo.

La sequenza di pulizia può anche essere attivata se l'inverter è in modalità standby (Standby PID).

2 = Abilitato (Corrente)

La sequenza di pulizia viene avviata quando la corrente del motore supera il valore limite definito

(P3.21.1.3) per un tempo superiore a quello definito con P3.21.1.4.

3 = Abilitato (tempo reale)

La sequenza di pulizia è conforme all'orologio in tempo reale interno dell'inverter.

NOTA! Richiede l'installazione della batteria dell'orologio in tempo reale.

La sequenza di pulizia viene avviata in giorni feriali selezionati (P3.21.1.5) in corrispondenza dell'ora definita (P3.21.1.6) se il comando di marcia dell'inverter è attivo. La sequenza di pulizia può anche essere attivata se l'inverter è in modalità standby (Standby PID).

NOTA! La sequenza di pulizia può sempre essere arrestata disattivando il comando di marcia dell'inverter.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 244

P3.21.1.2 A

TTIVAZIONE PULIZIA

(ID 1715)

Se una funzione di pulizia automatica viene abilitata mediante il parametro P3.21.1.1, la sequenza di pulizia automatica avrà inizio attivando il segnale ingresso digitale selezionato con il parametro

P3.21.1.2.

P3.21.1.3 L

IMITE CORRENTE PULIZIA

(ID 1712)

P3.21.1.4 R

ITARDO CORRENTE PULIZIA

(ID 1713)

Questi parametri vengono utilizzati solo quando P3.21.1.1 = 2.

La sequenza di pulizia viene avviata quando la corrente del motore supera il valore limite definito

(P3.21.1.3) per un tempo superiore a quello definito con P3.21.1.4. Il limite di corrente è definito come una percentuale della corrente nominale del motore.

P3.21.1.5 G

IORNI FERIALI PULIZIA

(ID 1723)

P3.21.1.6 T

EMPO DI RITARDO PULIZIA

(ID 1700)

Questi parametri vengono utilizzati solo quando P3.21.1.1 = 3.

NOTA! Questa modalità richiede che nell'inverter sia installata la batteria dell'orologio in tempo reale.

P3.21.1.7 C

ICLI PULIZIA

(ID 1716)

Il ciclo di pulizia avanti/indietro verrà ripetuto per il numero di volte specificato da questo parametro.

P3.21.1.8 F

REQUENZA PULIZIA AVANTI

(ID 1717)

P3.21.1.9 T

EMPO PULIZIA AVANTI

(ID 1718)

P3.21.1.10 F

REQUENZA PULIZIA INDIETRO

(ID 1719)

P3.21.1.11 T

EMPO PULIZIA INDIETRO

(ID 1720)

La funzione di pulizia si basa sulla rapida accelerazione e decelerazione della pompa. Con questi parametri l'utente può definire i tempi del ciclo di pulizia avanti/indietro.

P3.21.1.12 T

EMPO ACCELERAZIONE PULIZIA

(ID 1721)

P3.21.1.13 T

EMPO DECELERAZIONE PULIZIA

(ID 1722)

Per la funzione di pulizia automatica, l'utente può anche definire rampe di accelerazione e decelerazione diverse tramite questi parametri.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 245 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.17.2

Pompa Jockey

P3.21.2.1 F

UNZIONE

J

OCKEY

(ID 1674)

La funzione pompa Jockey serve a controllare una pompa Jockey mediante un segnale di uscita digitale. La pompa Jockey può essere utilizzata se si utilizza un controller PID per controllare la pompa principale. Questa funzione ha tre modalità operative:

Tabella 132.

0

1

Numero selezione

2

Nome selezione Descrizione

Non in uso

Standby PID La pompa Jockey entra in funzione quando lo stato Standby PID della pompa principale è attivo e si ferma quando la pompa principale esce dallo stato standby.

Standby PID (Livello) La pompa Jockey si avvia quando lo standby PID è attivo e il segnale di feedback PID scende al di sotto del livello stabilito dal parametro P3.21.2.2. La pompa Jockey verrà arrestata quando il feedback supera il livello definito dal parametro P3.21.2.3 oppure la pompa principale esce dallo stato standby.

Feedback PID

LivelloArrestoJockey

LivelloMarciaJockey

Livello riavvio controller PID

Freq uscita

Ritardo standby PID

8

Standby PID

Controllo pompa Jockey

(Valore selezionato = Standby PID)

Controllo pompa Jockey

(Valore selezionato = Standby PID)

(Livello)

Figura 116. Funzionalità controllo pompa Jockey

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 246

8.17.3

Pompa adescante

La pompa adescante è una pompa più piccola utilizzata per aspirare la flangia di ingresso di una pompa principale più grande ed evitare che la pompa principale aspiri aria.

La funzione pompa adescante serve a controllare una pompa adescante mediante il segnale di uscita digitale. È possibile definire un tempo per l'avvio della pompa adescante prima che venga avviata la pompa principale. La pompa adescante funzionerà in maniera continua per tutto il tempo di funzionamento della pompa principale.

P3.21.3.1 F

UNZIONE ADESCAMENTO

(ID 1677)

Abilita il controllo di una pompa adescante esterna tramite uscita digitale se è stato selezionato

Controllo pompa adescante

come impostazione per il valore dell'uscita digitale desiderata.

La pompa adescante funzionerà in maniera continua per tutto il tempo di funzionamento della pompa principale.

Comando Marcia

(Pompa principale)

Controllo pompa adescante

(Segnale uscita digitale)

Tempo adesc.

Freq uscita

(Pompa principale)

9141.emf

Figura 117.

P3.21.3.2 T

EMPO ADESCAMENTO

(ID 1678)

È possibile definire un tempo per l'avvio della pompa adescante prima che venga avviata la pompa principale.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

vacon • 247 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

8.17.4

Funzione antibloccaggio

La funzione antibloccaggio impedisce il blocco della pompa se questa rimane ferma (standby) per molto tempo, mettendo in marcia la pompa periodicamente mentre è in standby. È possibile configurare l'intervallo, le ore di marcia e la velocità antibloccaggio.

P3.21.4.1 I

NTERVALLO ANTIBLOCCAGGIO

(ID 1696)

Quando la pompa è in modo standby, questo parametro definisce il tempo che deve trascorrere prima che la pompa venga messa in marcia a un velocità definita (P3.21.4.3 Velocità antibloccaggio) per un tempo definito (P3.21.4.2 Ore di marcia antibloccaggio) per impedire che la pompa resti bloccata quando rimane in modalità standby per molto tempo.

La funzione antibloccaggio può essere utilizzata in sistemi a inverter singolo e a inverter multiplo e può avere luogo solo quando la pompa è in modo standby (in sistemi a inverter multiplo).

NOTA! La funzione antibloccaggio viene abilitata quando questo parametro è impostato su un valore maggiore di zero e disabilitata quando è impostato su zero.

P3.21.4.2 O

RE DI MARCIA ANTIBLOCCAGGIO

(ID 1697)

Questo parametro definisce per quanto tempo la pompa viene mantenuta in marcia quando la funzione antibloccaggio è attivata.

P3.21.4.3 F

REQUENZA ANTIBLOCCAGGIO

(ID 1504)

Questo parametro definisce il riferimento frequenza utilizzato quando la funzione antibloccaggio

è attivata.

8.17.5

Protezione da congelamento

La funzione Protezione da congelamento serve a proteggere la pompa dai danni del gelo impostando per la pompa la Frequenza protezione congelamento costante se la pompa è in standby e la temperatura misurata della pompa scende al di sotto della temperatura di protezione stabilita.

La funzione necessita di un trasduttore di temperatura o di un sensore di temperatura installato sul coperchio della pompa o sulla tubatura in prossimità della pompa.

8

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 248

8.18

Contatori

L'inverter Vacon

®

100 FLOW dispone di vari contatori per la rilevazione delle ore di esercizio e dei consumi energetici. Alcuni di questi contatori forniscono i valori totali e altri possono essere ripristinati dall'utente.

I contatori dei consumi energetici servono a misurare la quantità di energia erogata dalla rete di alimentazione, mentre gli altri servono a misurare le ore di esercizio dell'inverter e del motore.

Tutti i valori rilevati dai contatori possono essere monitorati da PC, pannello o bus di campo. Nel caso di monitoraggio da pannello di comando o PC, i valori dei contatori possono essere monitorati dal menu M4 Diagnostica. Nel caso di monitoraggio dal bus di campo, i valori dei contatori possono essere letti tramite i numeri identificativi.

Lo scopo di questo capitolo è descrivere i valori dei contatori e i numeri identificativi necessari per leggerli tramite il bus di campo.

Questo capitolo è valido per i pacchetti software FW0065V017.vcx e FW0072V003.vcx o versioni successive.

Contatore delle ore di esercizio

Contatore delle ore di esercizio dell'unità di controllo (totale). Il contatore non può essere ripristinato.

Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

Il valore del contatore delle ore di esercizio è costituito dai seguenti valori a 16 bit (UINT).

ID 1754 Contatore delle ore di esercizio (anni)

ID 1755 Contatore delle ore di esercizio (giorni)

ID 1756 Contatore delle ore di esercizio (ore)

ID 1757 Contatore delle ore di esercizio (minuti)

ID 1758 Contatore delle ore di esercizio (secondi)

Esempio:

Contatore delle ore di esercizio: il valore ‘1a 143d 02:21’ viene riportato come segue dal bus di campo:

ID1754: 1 (anni)

ID1755: 143 (giorni)

ID1756: 2 (ore)

ID1757: 21 (minuti)

ID1758: 0 (secondi)

Contatore parziale delle ore di esercizio

Contatore resettabile delle ore di esercizio delle unità di controllo (valore parziale). Il contatore può essere ripristinato da PC, pannello o bus di campo. Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

Il valore del contatore parziale delle ore di esercizio è costituito dai seguenti singoli valori a 16 bit

(UINT).

ID 1766 Contatore parziale delle ore di esercizio (anni)

ID 1767 Contatore parziale delle ore di esercizio (giorni)

ID 1768 Contatore parziale delle ore di esercizio (ore)

ID 1769 Contatore parziale delle ore di esercizio (minuti)

ID 1770 Contatore parziale delle ore di esercizio (secondi)

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 249 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Esempio:

Contatore parziale delle ore di esercizio: il valore ‘1a 143d 02:21’ viene riportato come segue dal bus di campo:

ID1766: 1 (anni)

ID1767: 143 (giorni)

ID1768: 2 (ore)

ID1769: 21 (minuti)

ID1770: 0 (secondi)

ID 2311 Reset contatore parziale delle ore di esercizio

Reset contatore parziale delle ore di esercizio.

Il contatore parziale delle ore di esercizio può essere ripristinato da PC, pannello o bus di campo.

Nel caso di ripristino da PC o pannello, il contatore viene ripristinato dal menu M4 Diagnostica.

Nel caso di monitoraggio dal bus di campo, il contatore parziale delle ore di esercizio può essere ripristinato scrivendo un fronte di salita (0 = > 1) in ID2311 Reset contatore parziale delle ore di

esercizio.

Contatore ore marcia

Contatore delle ore di marcia del motore (totale). Il contatore non può essere ripristinato. Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

Il valore del contatore delle ore di marcia è costituito dai seguenti singoli valori a 16 bit (UINT).

ID 1772 Contatore ore marcia (anni)

ID 1773 Contatore ore marcia (giorni)

ID 1774 Contatore ore marcia (ore)

ID 1775 Contatore ore marcia (minuti)

ID 1776 Contatore ore marcia (secondi)

Esempio:

Contatore ore marcia: il valore ‘1a 143d 02:21’ viene riportato come segue dal bus di campo:

ID1772: 1 (anni)

ID1773: 143 (giorni)

ID1774: 2 (ore)

ID1775: 21 (minuti)

ID1776: 0 (secondi)

Contatore delle ore di accensione

Contatore delle ore di accensione dell'unità di potenza (totale). Il contatore non può essere ripristinato. Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

Il valore del contatore delle ore di accensione è costituito dai seguenti valori a 16 bit (UINT).

ID 1777 Contatore ore di accensione (anni)

ID 1778 Contatore ore di accensione (giorni)

ID 1779 Contatore ore di accensione (ore)

ID 1780 Contatore ore di accensione (minuti)

ID 1781 Contatore ore di accensione (secondi)

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 250

Esempio: Contatore ore di accensione: il valore ‘1a 240d 02:18’ viene riportato come segue dal bus di campo:

ID1777: 1 (anni)

ID1778: 240 (giorni)

ID1779: 2 (ore)

ID1780: 18 (minuti)

ID1781: 0 (secondi)

Contatore energia

Quantità di energia prelevata dalla rete di alimentazione. Il contatore non può essere ripristinato.

Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

Il valore del contatore energia è costituito dai seguenti valori a 16 bit (UINT).

ID 2291 Contatore energia

Il contatore ha sempre quattro cifre significative. Il formato e l'unità di misura del contatore energia vengono cambiati in modo dinamico a seconda del valore del contatore (vedere l'esempio che segue).

Il formato e l'unità di misura del contatore energia possono essere monitorati tramite ID2303

Formato contatore energia e ID2305 Unità di misura contatore energia.

Esempio:

0,001 kWh

0,010 kWh

0,100 kWh

1,000 kWh

10,00 kWh

100,0 kWh

1,000 MWh

1,000 MWh

1,000 MWh

1,000 GWh e così via

Esempio:

Se il valore 4500 viene letto da ID2291, il valore 42 da ID2303 e il valore 0 da ID2305: il corrispondente valore è 45,00 kWh.

ID2303 Formato contatore energia

Formato contatore energia definisce la posizione della virgola decimale nel valore del contatore energia.

40 = 4 decine, 0 unità

41 = 4 decine, 1 unità

42 = 4 decine, 2 unità

43 = 4 decine, 3 unità

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

8 vacon • 251 Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio

Esempio:

0,001 kWh (Formato = 43)

100,0 kWh (Formato = 41)

10,00 MWh (Formato = 42)

ID2305 Unità di misura contatore energia

Unità di misura contatore energia definisce l'unità di misura del contatore energia.

0 = kWh

1 = MWh

2 = GWh

3 = TWh

4 = PWh

Contatore parziale energia

Quantità di energia presa dalla rete di alimentazione (parziale). Il contatore può essere ripristinato da PC, pannello o bus di campo. Il valore del contatore può essere letto dall'inverter interpretando i seguenti numeri identificativi tramite il bus di campo.

ID 2296 Contatore parziale energia

Il contatore ha sempre quattro cifre significative. Il formato e l'unità di misura del contatore parziale energia vengono cambiati in modo dinamico a seconda del contatore (vedere l'esempio che segue).

Il formato e l'unità di misura del contatore energia possono essere monitorati tramite ID2307

Formato contatore parziale energia e ID2309 Unità di misura contatore parziale energia.

Esempio:

0,001 kWh

0,010 kWh

0,100 kWh

1,000 kWh

10,00 kWh

100,0 kWh

1,000 MWh

1,000 MWh

1,000 MWh

1,000 GWh e così via

ID2307 Formato contatore parziale energia

Formato contatore parziale energia definisce la posizione della virgola decimale nel valore del contatore parziale energia.

40 = 4 decine, 0 unità

41 = 4 decine, 1 unità

42 = 4 decine, 2 unità

43 = 4 decine, 3 unità

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Descrizioni dei parametri e dei valori di monitoraggio vacon • 252

Esempio:

0,001 kWh (Formato = 43)

100,0 kWh (Formato = 41)

10,00 MWh (Formato = 42)

ID2309 Unità di misura contatore parziale energia

Unità di misura contatore parziale energia definisce l'unità di misura del contatore parziale energia.

0 = kWh

1 = MWh

2 = GWh

3 = TWh

4 = PWh

ID2312 Reset contatore parziale energia

Reset contatore parziale energia.

Il contatore parziale energia può essere resettato dal PC, dal pannello o dal bus di campo. Nel caso di ripristino da PC o pannello, il contatore viene ripristinato dal menu M4 Diagnostica.

Nel caso di monitoraggio dal bus di campo, il contatore parziale energia può essere resettato scrivendo un fronte di salita (0 = > 1) in ID2312 Reset contatore parziale energia.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

8

9 vacon • 253 Monitoraggio guasti

9.

M

ONITORAGGIO GUASTI

Quando la diagnostica di controllo dell'inverter CA rileva una condizione operativa anomala, l'inverter invia una notifica visibile, ad esempio, sul pannello di comando. Il pannello visualizza il codice, il nome e una breve descrizione del guasto o dell'allarme.

Le notifiche variano in termini di conseguenze e azione richiesta. I

guasti

provocano l'arresto dell'inverter e ne richiedono il reset. Gli allarmi indicano una condizione operativa anomala e richiedono un reset, ma la marcia dell'inverter non si arresta. Le informazioni potrebbero richiedere un reset, ma non influiscono sul funzionamento dell'inverter.

Per alcuni guasti, si possono programmare reazioni differenti nell'applicazione. Vedere il gruppo di parametri Protezioni.

Il guasto può essere ripristinato con il

tasto Reset

sul pannello di comando o tramite morsetto I/O, bus di campo o strumento per PC. I guasti vengono memorizzati nel menu Memoria guasti di cui

è possibile visualizzare il contenuto. I diversi codici di errore sono riportati nella tabella che segue.

NOTA! Prima di contattare il distributore o il produttore in merito a un guasto, trascrivere sempre tutto il testo visualizzato sul display, il codice guasto, l'ID guasto, le informazioni sull'origine, l'elenco guasti attivi e la Memoria guasti.

Le informazioni sull'origine indicano all'utente l'origine del guasto, cosa l'ha causato, dove

è avvenuto e altre informazioni dettagliate

9.1

Notifica di un guasto

Quando viene notificato un guasto e l'inverter si arresta, analizzare la causa del guasto, eseguire le azioni consigliate e resettare il guasto

• premendo per almeno 2 secondi il tasto

Reset

sul pannello oppure

• aprendo il menu

Diagnostica

(M4), quindi il menu

Reset guasti

(M4.2) e selezionando il parametro

Reset guasti

.

STOP READY

Main Menu

I/O STOP READY

Diagnostics

ID: M4.1

Active faults

( 0 )

I/O STOP

READY

Reset faults

I/O

ID:

Monitor

( 5 )

Parameters

( 12 )

Diagnostics

( 6 )

M4

Reset faults

ID:

Help

M4.2

Reset faults

Fault history

( 39 )

Figura 118.

Soltanto per il pannello standard: selezionando

per il parametro e facendo clic su OK.

Figura 119.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 254

9.2

Memoria guasti

Il menu M4.3 Memoria guasti può contenere un numero massimo di 40 guasti. Per ciascun guasto

in memoria, vengono fornite anche informazioni, aggiuntive; vedere di seguito.

STOP READY

ID:

Diagnostics

M4.1

Active faults

( 0 )

Reset faults

Fault history

( 39 )

I/O STOP

!

!

!

ID:

READY

Info old

Fault history

Fault old

Fault old

M4.3.3

External Fault

External Fault

Device removed

I/O

51

891384s

51

871061s

39

862537s

STOP

!

Code

ID:

ID

State

Date

Time

Operating time

READY I/O

Device removed

M4.3.3.2

39

380

Info old

7.12.2009

04:46:33

862537s

Source1

Source2

Source3

Figura 120.

Ecco le schermate visualizzate sul Pannello standard:

Figura 121.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

9 vacon • 255 Monitoraggio guasti

9.3

Codici dei guasti

Tabella 133. Descrizioni e codici dei guasti

Codice guasto

Guasto

ID

Nome guasto Possibile causa

1

2

3

5

7

1

2

10

11

20

21

40

60

Rimedio

Sovracorrente

(guasto hardware)

Sovracorrente

(guasto software)

L’inverter CA ha rilevato una corrente troppo elevata (>4*I

H

) sul cavo motore:

• incremento di carico improvviso

• corto circuito sui cavi motore

• motore non adatto

• impostazioni parametri non eseguite correttamente

Controllare il carico.

Controllare il motore.

Controllare cavi e collegamenti.

Eseguire l'identificazione.

Impostare un tempo di accelerazione più lungo

(P3.4.1.2/ P3.4.2.2).

Sovratensione

(guasto hardware) La tensione DC link ha superato i limiti definiti:

• tempo di decelerazione troppo breve

Sovratensione

(guasto software)

• elevati picchi di sovratensione nell'alimentazione

Impostare un tempo di decelerazione più lungo

(P3.4.1.3/P3.4.2.3).

Attivare il controller di sovratensione.

Controllare la tensione d'ingresso.

Guasto terra

(guasto hardware)

Guasto terra

(guasto software)

La misurazione della corrente ha rilevato che la somma della corrente di fase del motore non è zero:

• guasto nell’isolamento dei cavi o del motore

• guasto filtro (du/dt, sinusoidale)

Controllare il motore e i relativi cavi.

Verificare i filtri.

Interruttore di carica

Saturazione

L’interruttore di carica è chiuso e info feedback è ancora ‘APERTO':

• funzionamento anomalo

• guasto componente

Resettare il guasto e riavviare.

Controllare il segnale di feedback e il collegamento del cavo tra la scheda di controllo e la scheda di alimentazione.

Se il guasto si ripresenta, contattare il distributore più vicino.

Diverse cause:

• IGBT non esegue la sua funzione

(è difettoso)

• corto circuito desaturazione IGBT

• sovraccarico o corto circuito del resistore di frenatura

Impossibile eseguire il reset dal pannello.

Disattivare l'alimentazione.

NON RIAVVIARE o RICONNET-

TERE L’ALIMENTAZIONE!

Contattare il produttore.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 256

Codice guasto

Guasto

ID

600

601

8

602

603

604

605

606

607

608

609

610

614

647

648

649

Nome guasto Possibile causa Rimedio

Interruzione comunicazione tra scheda di controllo e unità di potenza.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

La tensione dell'alimentatore ausiliario nell'unità di potenza è troppo bassa.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

La tensione di una fase in uscita non

è conforme al valore di riferimento.

Guasto feedback.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

Resettare il guasto e riavviare.

Download e aggiornamento con il software più recente disponibile sul sito Web di Vacon.

Se il guasto si ripresenta, contattare il distributore più vicino.

Il software dell'unità di controllo e quello dell'unità di potenza sono incompatibili.

Guasto di sistema

Impossibile leggere la versione del software. Sull'unità di potenza non

è installato alcun software.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo (problema di scheda di alimentazione o scheda di rilevazione).

Sovraccarico della CPU.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

Sovraccarico delle risorse.

Errore durante il caricamento, il ripristino o il salvataggio dei parametri.

RESETTARE il guasto e spegnere due volte l'inverter.

Download e aggiornamento con il software più recente disponibile sul sito Web di Vacon.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

Errore di configurazione.

Errore software.

Guasto componente (scheda di controllo).

Funzionamento anomalo.

Guasto componente.

Funzionamento anomalo.

Funzionamento anomalo.

Il software di sistema e l'applicazione non sono compatibili.

Resettare il guasto e riavviare.

Download e aggiornamento con il software più recente disponibile sul sito Web di Vacon.

Se il guasto si ripresenta, contattare il distributore più vicino.

Caricare le impostazioni predefinite in fabbrica.

Download e aggiornamento con il software più recente disponibile sul sito Web di Vacon.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

9 vacon • 257 Monitoraggio guasti

Codice guasto

Guasto

ID

9

10

11

13

14

15

16

17

Nome guasto Possibile causa Rimedio

80

91

100

120

130

131

132

133

140

150

160

Sottotensione

(guasto)

La tensione DC-link è al di sotto dei limiti definiti:

• tensione troppo bassa

• guasto componente

• fusibile ingresso difettoso

• interruttore di alimentazione esterno non chiuso

NOTA!

Questo guasto si attiva soltanto se l'inverter si trova nello stato di marcia.

In caso di temporanea interruzione dell'alimentazione, resettare il guasto e riavviare l'inverter CA. Verificare la tensione di alimentazione.

Se corretta, significa che si

è verificato un guasto interno.

Controllare che non vi siano guasti sulla rete elettrica.

Contattare il distributore più vicino.

Fase di ingresso

• problema di tensione di alimentazione

• guasto fusibile o guasto dei cavi di alimentazione

Il carico deve essere almeno del 10-

20% perché la supervisione funzioni.

Supervisione fase di uscita

La misurazione della corrente ha rilevato che non vi è corrente su una fase del motore.

• problema del motore o dei cavi del motore

• guasto filtro (du/dt, sinusoidale)

Verificare tensione di alimentazione, fusibili e cavo, ponte raddrizzatore e gate del tiristore (MR6->).

Controllare il motore e i relativi cavi.

Controllare il filtro du/dt o sinusoidale.

Temperatura insufficiente inverter CA

(guasto)

Surriscaldamento inverter CA

(guasto, dissipatore)

Temperatura troppo bassa rilevata nel dissipatore di calore o nella scheda di alimentazione.

La temperatura ambiente

è troppo bassa per l'inverter

CA. Spostare l'inverter CA in un luogo più caldo.

Surriscaldamento inverter CA

(allarme, dissipatore)

Surriscaldamento inverter CA

(guasto, scheda)

Temperatura troppo alta rilevata nel dissipatore di calore o nella scheda di alimentazione.

NOTA!

I limiti di temperatura del dissipatore sono specifici per le varie taglie.

Surriscaldamento inverter CA

(allarme, scheda)

Verificare l'effettiva quantità e l'effettivo flusso di aria di raffreddamento.

Verificare che non vi sia polvere sul dissipatore di calore.

Controllare la temperatura ambiente.

Accertarsi che la frequenza di commutazione non sia troppo alta rispetto alla temperatura ambiente e al carico del motore.

Verificare la ventola di raffreddamento.

Stallo motore Il motore è in stallo.

Controllare motore e carico.

Errore sovratemperatura motore

Sottocarico motore

Il motore è in sovraccarico.

Il motore è soggetto a un sottocarico.

Diminuire il carico del motore.

Se il motore non presenta sovraccarico, controllare i parametri del modello di temperatura (parametro

Gruppo 3.9: protezioni).

Controllare il carico.

Controllare i parametri.

Controllare i filtri du/dt e sinusoidale.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 258

Codice guasto

Guasto

ID

19

25

26

29

Nome guasto Possibile causa Rimedio

180

181

240

241

250

280

Sovraccarico di potenza

(supervisione a breve termine)

Sovraccarico di potenza

(supervisione a lungo termine)

La potenza dell'inverter CA è eccessiva.

Ridurre il carico.

Verificare le dimensioni dell'inverter. È troppo piccolo per il carico?

Err. ctrl motore

Impedim. avvio

Termistore Atex

Viene visualizzato solo in caso di applicazioni personalizzate dall'utente, se la funzione è in uso.

Identificazione angolo di avvio non riuscita.

• Il rotore si muove durante l'identificazione.

• Il nuovo anglo identificato non corrisponde al valore esistente.

Resettare il guasto e riavviare l'inverter CA. Aumentare il livello corrente per l'identificazione.

Per maggiori informazioni, vedere la memoria guasti.

L'avvio dell'inverter è stato impedito.

Richiesta marcia è ON quando un nuovo software (firmware o applicazione), un'impostazione parametro o qualsiasi altro file condizionante per il funzionamento dell'inverter viene caricato sull'inverter.

Resettare il guasto e arrestare l'inverter CA.

Caricare il software e avviare l'inverter CA.

Il termistore Atex ha rilevato la sovratemperatura.

Resettare il guasto. Verificare il termistore e i relativi collegamenti.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

9 vacon • 259 Monitoraggio guasti

Codice guasto

Guasto

ID

30

30

Nome guasto Possibile causa Rimedio

290

291

500

Configurazione sicurezza

501

502

503

504

505

506

507

520

521

522

530

Disab sicura off

Disab sicura off

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Configurazione sicurezza

Diagnostica sicurezza

Diagnostica sicurezza

Diagnostica sicurezza

Coppia di sicurezza off

Il segnale di disabilitazione sicura off A non consente di impostare l'inverter CA su PRONTO.

Il segnale di disabilitazione sicura off B non consente di impostare l'inverter CA su PRONTO.

Resettare il guasto e riavviare l'inverter CA.

Controllare i segnali dalla scheda di controllo all'unità di potenza e il connettore D.

Viene visualizzato quanto viene installato l'interruttore della configurazione di sicurezza.

Nell'inverter è stata rilevata la presenza di troppe schede opzionali

STO. Soltanto una è supportata.

Rimuovere l'interruttore della configurazione di sicurezza dalla scheda di controllo.

Rimuovere le schede opzionali

STO in eccesso. Vedere il manuale della sicurezza.

La scheda opzionale STO non è stata installata nello slot corretto.

Sulla scheda di controllo manca l'interruttore della configurazione di sicurezza.

L'interruttore della configurazione di sicurezza non è stato installato correttamente sulla scheda di controllo.

L'interruttore della configurazione di sicurezza non è stato installato correttamente sulla scheda opzionale

STO.

La comunicazione con la scheda opzionale STO si è interrotta.

L'hardware non supporta la scheda opzionale STO.

Installare la scheda opzionale

STO nello slot corretto. Vedere il manuale della sicurezza.

Installare l'interruttore della configurazione di sicurezza sulla scheda di controllo. Vedere il manuale della sicurezza.

Installare l'interruttore della configurazione di sicurezza sulla scheda di controllo in posizione corretta. Vedere il manuale della sicurezza.

Verificare l'installazione dell'interruttore della configurazione di sicurezza sulla scheda opzionale STO. Vedere il manuale della sicurezza.

Verificare l'installazione della scheda opzionale STO Vedere il manuale della sicurezza.

Resettare l’inverter e riavviare.

Se il guasto si ripresenta, contattare il distributore più vicino.

Guasto componente su scheda opzionale STO.

Guasto diagnostica termistore ATEX.

Collegamento ingresso termistore

ATEX non riuscito.

Resettare l’inverter e riavviare.

Se il guasto si ripresenta, sostituire la scheda opzionale.

Corto circuito collegamento ingresso termistore ATEX.

È stato collegato il pulsante di arresto di emergenza oppure è stata attivata qualche altra funzionalità STO.

Verificare il collegamento ingresso termistore ATEX.

Verificare il collegamento ATEX esterno.

Verificare il termistore ATEX esterno.

Quando viene attivata la funzione STO, l'inverter è in sicurezza.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 260

Codice guasto

Guasto

ID

32

33

37

38

Nome guasto Possibile causa Rimedio

311

312

320

361

362

363

364

365

372

373

374

375

Raffreddamento ventola

Raffreddamento ventola

Fire mode attivo

Dispositivo cambiato

(stesso tipo)

Dispositivo cambiato

(stesso tipo)

La velocità della ventola non segue con precisione il riferimento di velocità.

Tuttavia, l'inverter CA funziona regolarmente. Questo guasto riguarda esclusivamente la taglia MR7 e inverter più grandi.

Resettare il guasto e riavviare.

Pulire o sostituire la ventola.

Il ciclo di vita della ventola (50,000h) si è esaurito.

Sostituire la ventola e resettare il relativo contatore.

La modalità Fire Mode dell'inverter

è abilitata. Le protezioni dell'inverter non sono in uso.

NOTA!

Questo allarme viene resettato automaticamente quando si disabilita Fire Mode.

Controllare i segnali e le impostazioni parametro. Alcune protezioni dell'inverter sono disabilitate.

L'unità di potenza è stata cambiata con una di dimensioni corrispondenti.

L'inverter è pronto per essere utilizzato. I parametri sono già disponibili nell'inverter.

Resettare il guasto.

NOTA!

L'inverter si riavvia dopo il reset.

Scheda opzionale nello slot B cambiata con una già inserita in precedenza nel medesimo slot. L'inverter è pronto per essere utilizzato.

Resettare il guasto. Verranno utilizzate le precedenti impostazioni.

Dispositivo cambiato

(stesso tipo)

Dispositivo cambiato

(stesso tipo)

Dispositivo cambiato

(stesso tipo)

Come per ID362 ma con riferimento allo slot C.

Come per ID362 ma con riferimento allo slot D.

Come per ID362 ma con riferimento allo slot E.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

Dispositivo aggiunto

(stesso tipo)

Scheda opzionale aggiunta nello slot B.

La scheda opzionale era stata già inserita in precedenza nel medesimo slot. L'inverter è pronto per essere utilizzato.

L'inverter è pronto per essere utilizzato. Verranno utilizzate le precedenti impostazioni.

Dispositivo aggiunto

(stesso tipo)

Dispositivo aggiunto

(stesso tipo)

Dispositivo aggiunto

(stesso tipo)

Come per ID372 ma con riferimento allo slot C.

Come per ID372 ma con riferimento allo slot D.

Come per ID372 ma con riferimento allo slot E.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

9 vacon • 261 Monitoraggio guasti

Codice guasto

Guasto

ID

39

40

41

44

Nome guasto Possibile causa Rimedio

382

383

384

385

390

400

431

433

434

435

Dispositivo rimosso

Dispositivo rimosso

Dispositivo rimosso

Dispositivo rimosso

Dispositivo rimosso dallo slot A o B.

Come per ID380 ma con riferimento allo slot C.

Come per ID380 ma con riferimento allo slot D.

Come per ID380 ma con riferimento allo slot E.

Dispositivo attualmente indisponibile. Resettare il guasto.

Dispositivo sconosciuto

Temperatura

IGBT

Dispositivo cambiato (tipo diverso)

Collegato dispositivo sconosciuto

(unità di potenza / scheda opzionale)

Temperatura IGBT calcolata troppo alta.

• Carico motore troppo elevato

• Temperatura ambiente troppo alta

• Guasto hardware

Installato tipo diverso di unità di potenza. I parametri non sono disponibili nelle impostazioni.

Dispositivo attualmente indisponibile. Se il guasto si ripresenta, contattare il distributore più vicino.

Controllare le impostazioni dei parametri.

Verificare l'effettiva quantità e l'effettivo flusso di aria di raffreddamento.

Controllare la temperatura ambiente.

Verificare che non vi sia polvere sul dissipatore di calore.

Accertarsi che la frequenza di commutazione non sia troppo alta rispetto alla temperatura ambiente e al carico del motore.

Verificare la ventola di raffreddamento.

Eseguire l'identificazione.

Resettare il guasto.

NOTA!

L'inverter si riavvia dopo il reset.

Impostare nuovamente i parametri dell'unità di potenza.

Dispositivo cambiato (tipo diverso)

Scheda opzionale nello slot C cambiata con una non presente in precedenza nel medesimo slot. Nessuna impostazione parametri salvata.

Resettare il guasto.

Impostare di nuovo i parametri della scheda opzionale.

Dispositivo cambiato (tipo diverso)

Come per ID433 ma con riferimento allo slot D.

Dispositivo cambiato (tipo diverso)

Come per ID433 ma con riferimento allo slot D.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 262

Codice guasto

Guasto

ID

45

46

47

50

51

52

53

54

57

Nome guasto Possibile causa Rimedio

441

443

444

445

662

663

1050

1051

1052

1352

1053

1354

1454

1554

1654

1754

1057

Dispositivo aggiunto

(tipo diverso)

Aggiunto tipo diverso di unità di potenza. I parametri non sono disponibili nelle impostazioni.

Resettare il guasto.

NOTA!

L'inverter si riavvia dopo il reset.

Impostare nuovamente i parametri dell'unità di potenza.

Dispositivo aggiunto

(tipo diverso)

Scheda opzionale, non presente in precedenza nel medesimo slot, aggiunta nello slot C. Nessuna impostazione parametri salvata.

Dispositivo aggiunto

(tipo diverso)

Dispositivo aggiunto

(tipo diverso)

Come per ID443 ma con riferimento allo slot D.

Come per ID443 ma con riferimento allo slot E.

Orologio in tempo reale

Il livello di tensione della batteria RTC

è basso e la batteria deve essere sostituita.

Software aggiornato

Il software dell'inverter è stato aggiornato (intero pacchetto software o applicazione).

Impostare di nuovo i parametri della scheda opzionale.

Vedere sopra.

Vedere sopra.

Sostituire la batteria.

Nessuna azione richiesta.

Err liv AI basso

Almeno uno dei segnali ingresso analogico disponibili è sceso al di sotto del 50% dell'escursione segnale minima definita.

Il cavo di controllo è rotto o allentato

Il guasto riguarda l'origine del segnale.

Sostituire i componenti guasti.

Controllare il circuito degli ingressi analogici.

Verificare che il parametro

Escursione segnale AI1 sia

impostato correttamente.

Guasto esterno - dispositivo

Il segnale ingresso digitale definito dal parametro P3.5.1.11 o P3.5.1.12 è stato attivato per segnalare il guasto in un dispositivo esterno.

Guasto definito dall'utente.

Verificare ingressi digitali/ diagrammi tecnici

Guasto comunicazione pannello

Guasto comunicazione bus di campo

Il collegamento tra il pannello di comando e l’inverter CA si è interrotto.

Il collegamento dati tra il master e la scheda del bus di campo è interrotto.

Controllare il collegamento e l'eventuale cavo del pannello.

Verificare l'installazione e il master del bus di campo.

Guasto Slot A

Guasto Slot B

Guasto Slot C Slot o scheda opzionale difettosa.

Controllare la scheda e lo slot.

Rivolgersi al distributore più vicino.

Guasto Slot D

Guasto Slot E

Identificazione Identificazione non riuscita.

Controllare che il motore sia collegato all'inverter.

Accertarsi che non vi sia alcun carico sull'albero motore.

Accertarsi che il comando di marcia non venga rimosso prima del completamento dell’identificazione.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

9 vacon • 263 Monitoraggio guasti

Codice guasto

Guasto

ID

63

65

66

68

69

76

77

Nome guasto Possibile causa Rimedio

1063

1363

1065

1366

1466

1566

1301

1302

1303

1304

1310

1311

1312

1076

1077

Guasto arresto rapido

Allarme arresto rapido

Errore di comunicazione con il PC

Guasto ingresso termistore 1

Guasto ingresso termistore 2

Guasto ingresso termistore 3

Attivazione arresto rapido.

Attivazione arresto rapido.

Verificare il motivo dell'attivazione dell'arresto rapido. Trovato il motivo ed eseguite le azioni correttive necessarie, resettare il guasto e riavviare l'inverter. Vedere il parametro P3.5.1.26 e il gruppo parametri 3.4.22.5.

Il collegamento dati tra il PC e l’inverter

CA è interrotto.

Controllare l'installazione, il cavo e i morsetti tra il PC e l'inverter CA.

L'ingresso termistore ha rilevato un aumento della temperatura del motore.

Verificare il sistema di raffreddamento e il carico del motore.

Controllare il collegamento del termistore.

Se l’ingresso termistore non

è in uso, è necessario metterlo in corto circuito.

Rivolgersi al distributore più vicino.

Allarme contatore manutenzione 1

Allarme contatore manutenzione 2

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite allarme.

Guasto contatore manutenzione 1

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite guasto.

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite allarme.

Eseguire la necessaria manutenzione e resettare il contatore. Vedere parametro

B3.16.4 o P3.5.1.40.

Guasto contatore manutenzione 2

Il contatore di manutenzione ha raggiunto il limite allarme.

Guasto comunicazione bus di campo

Per la mappatura dei valori sull'uscita dati processo bus di campo è stato utilizzato un ID inesistente.

Verificare i parametri nel menu

Mappatura dati del bus di

campo (capitolo 4.6).

Impossibile convertire uno o più valori per l'uscita dati processo bus di campo.

Il valore mappato potrebbe essere di tipo indefinito.

Verificare i parametri nel menu Mappatura dati del

bus di campo (capitolo 4.6).

Avvio impedito

>5 collegamenti

Si è verificata un'eccedenza (overflow) durante la mappatura e la conversione dei valori per l'uscita dati processo bus di campo (16 bit).

Verificare i parametri nel menu Mappatura dati del

bus di campo (capitolo 4.6).

Il comando Marcia è attivo ed è stato bloccato per impedire la rotazione accidentale del motore al momento della prima accensione.

Resettare l'inverter per ripristinare il normale funzionamento. La necessità del riavvio dipende dalle impostazioni dei parametri.

Il numero massimo di 5 collegamenti attivi contemporanei bus di campo o strumento per PC supportati dall'applicazione è stato superato.

Eliminare i collegamenti attivi in eccesso.

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Monitoraggio guasti vacon • 264

Codice guasto

Guasto

ID

100

101

105

109

111

112

113

300

Nome guasto Possibile causa Rimedio

1100

1101

1105

1109

1409

1315

1316

1317

1318

1113

1313

700

701

Timeout Soft Fill

Supervisione pressione ingresso

Si è verificato il timeout della funzione

Soft Fill nel controller PD. Il valore di processo desiderato non è stato raggiunto entro questo tempo.

Guasto supervisione feedback (PID1)

Controller PID: il valore di feedback ha superato i limiti di supervisione

(P3.13.6.2, P3.13.6.3) e il ritardo

(P3.13.6.4), se impostato.

Guasto supervisione feedback (PIDEst)

Controller PID esterno: il valore di feedback è esterno ai limiti di supervisione (P3.14.4.2, P3.14.4.3) e al ritardo (P3.14.4.4), se impostato.

Errore ingresso temperatura 1

Errore ingresso temperatura 2

Tempo di marcia pompa

Tempo di marcia pompa

La ragione potrebbe essere il cedimento di un tubo.

Controllare il processo.

Controllare i parametri nel

menu M3.13.8 Soft Fill.

Controllare il processo.

Controllare le impostazioni dei parametri, i limiti di supervisione e il ritardo.

Controllare il processo.

Controllare le impostazioni dei parametri, i limiti di supervisione e il ritardo.

Il segnale di supervisione pressione ingesso (P3.13.9.2) è andato al di sotto del limite allarme (P3.13.9.7).

Il segnale di supervisione pressione ingesso (P3.13.9.2) è andato al di sotto del limite guasto (P3.13.9.8).

Almeno uno dei segnali ingresso temperatura selezionati (P3.9.6.1) ha raggiunto il limite allarme (P3.9.6.2).

Almeno uno dei segnali ingresso temperatura selezionati (P3.9.6.1) ha raggiunto il limite guasto (P3.9.6.3).

Almeno uno dei segnali ingresso

temperatura selezionati (P3.9.6.5) ha

raggiunto il limite guasto (P3.9.6.6).

Almeno uno dei segnali ingresso

temperatura selezionati (P3.9.6.5) ha raggiunto il limite guasto (P3.9.6.7).

Controllare il processo.

Controllare i parametri nel menu M3.13.9.

Controllare i collegamenti e il sensore pressione ingresso.

Cercare le cause dell’aumento di temperatura.

Controllare i collegamenti e il sensore di temperatura.

Controllare che l'ingresso temperatura sia cablato se non

è collegato alcun sensore.

Per ulteriori informazioni, vedere il manuale della scheda opzionale.

Nel sistema multi-pompa, almeno uno dei contatori delle ore di marcia della pompa ha superato un limite di allarme impostato dall'utente

Eseguire le azioni di manutenzione necessarie, azzerare il contatore delle ore di marcia e resettare l'allarme. (Vedere

il cap. 4.15.4)

Nel sistema multi-pompa, almeno uno dei contatori delle ore di marcia della pompa ha superato un limite di guasto impostato dall'utente

Eseguire le azioni di manutenzione necessarie, azzerare il contatore delle ore di marcia e resettare il guasto. (Vedere

il cap. 4.15.4)

Utilizzata applicazione non supportata. Cambiare applicazione.

Non supportato

Si sta tentando di usare una scheda opzionale o uno slot non supportato.

Rimuovere la scheda opzionale.

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

9

vacon • 265 Appendice 1

10.

A

PPENDICE

1

10.1

Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione selezionata

I valori predefiniti dei seguenti parametri variano in base alla procedura guidata per l'applicazione selezionata.

Tabella 134. Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione

Predefinito

Indice Parametro Unità ID Descrizione

10

P3.2.1

P3.2.2

P3.2.6

P3.2.7

Postazione ctrl remoto

Locale/remoto

Logica I/O A

Logica I/O B

0

0

2

2

P3.3.1.5

P3.3.1.6

P3.3.1.7

P3.3.1.10

Selezione riferimento A I/O

Selezione riferimento B I/O

Selezione riferimento pannello

Selezione riferimento bus di campo

6

4

2

3

0

0

2

2

6

4

2

3

0

0

2

2

7

4

2

3

0

0

0

2

7

4

2

3

0

0

0

2

7

4

2

3

172 0 = Controllo I/O

211

0 = Remoto

300

0 = Avanti/Indietro

2 = Avanti/Indietro (fronte)

363 2 = Avanti/Indietro (fronte)

117

6 = AI1 + AI2

7 = PID

131 4 = AI1

121 2 = Riferimento pannello

122

3 = Riferimento bus di campo

P3.3.3.1

P3.3.3.3

P3.3.3.4

P3.3.3.5

P3.5.1.1

P3.5.1.2

P3.5.1.4

P3.5.1.7

P3.5.1.8

P3.5.1.9

P3.5.1.10

P3.5.1.11

P3.5.1.13

P3.5.1.21

Modo velocità prefissata

Vel. prefissata 1

Vel. prefissata 2

Vel. prefissata 3

Segnale ctrl 1 A

Segnale ctrl 2 A

Segnale ctrl 1 B

Forza controllo I/O B

Forza riferimento I/O B

Forza controllo bus di campo

Forza controllo pannello

Guasto esterno (chiuso)

Reset guasto (chiuso)

Selezione velocità prefissata 0

103

0

0

0

102

105

100

101

0

0

0 0 0

10,0 10,0 10,0

15,0 15,0 15,0

20,0 20,0 20,0

105

0

0

101

102

100

0

103

105

104

0

0

0

102

105

100

101

0

0

103

0

10,0

15,0

20,0

102

0

0

0

0

100

0

101

102

0

0

10,0

15,0

20,0

100

0

0

0

0

0

0

105

103

0

Hz

Hz

Hz

P3.3.6.1

P3.3.6.2

P3.3.6.4

P3.3.6.6

Attivazione riferimento flush

Annullamento riferimento

Riferimento di velocità di jog 1

Rampa Vel. Jog

0

0

0,0

0

0

0,0

0

0

0,0

10,0 10,0 10,0

0

0

0,0

10,0

101

101

50,0

3,0

Hz s

532

530

1239

1257

343

411

410

405

414

403

404

423

425

419

182 0 = Codifica binaria

105

106

126

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Appendice 1

Tabella 134. Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione

P3.5.1.22

P3.5.1.23

Selezione velocità prefissata 1

Selezione velocità prefissata 2

P3.5.1.31

Selezione valore impostato PID

P3.5.1.35

Abilita Vel. Jog DI

P3.5.1.36

Attivazione riferimento flush

P3.5.1.42

P3.5.1.43

P3.5.1.44

Interblocco pompa 1

Interblocco pompa 2

Interblocco pompa 3

104

0

0

0

0

0

0

0

104

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

0

103

104

105

0

0

102

101

101

0

0

0

420

421

1047

532

530

426

427

428 vacon • 266

P3.5.2.1.1

P3.5.2.1.2

P3.5.2.1.3

P3.5.2.1.4

P3.5.2.1.5

P3.5.2.1.6

P3.5.2.2.1

P3.5.2.2.2

P3.5.2.2.3

P3.5.2.2.4

P3.5.2.2.5

P3.5.2.2.6

P3.5.3.2.1

P3.5.3.2.4

P3.5.3.2.7

P3.5.4.1.1

P3.5.4.1.2

P3.5.4.1.3

P3.5.4.1.4

P3.5.4.1.5

P3.10.1

P3.13.2.5

P3.13.2.6

P3.13.2.10

P3.13.3.1

P3.13.3.3

P3.15.1

P3.15.2

Selezione segnale AI1

Tempo filtro AI1

Escursione segnale AI1

Autocal. min AI1

Autocal. max AI1

Inversione segnale AI1

100

0,1

0

0,0

100

0,1

0

0,0

100

0,1

0

0,0

100

0,1

0

0,0

100

0,1

0

0,0

100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

0 0 0 0 0 s

377

378

379 0 = 0…10 V / 0…20 mA

380

381

387

Selezione segnale AI2

Tempo filtro AI2

Escurs. segn AI2

Autocal. min AI2

Autocal. max AI2

Inversione segnale AI2

101

0,1

1

0,0

101

0,1

1

0,0

101

0,1

1

0,0

101

0,1

1

0,0

101

0,1

1

0,0

100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

0 0 0 0 0 s

388

389

390 1 = 2…10 V / 4…20 mA

391

392

398

Funzione RO1

Funzione RO2

Funzione RO3

Funzione AO1

Tempo filtro

(uscita analogica) AO1

Segnale min AO1

Scala min AO1

Scala max AO1

Reset automatico

2

3

1

0

2

3

1

2

1,0

0

0,0

0,0

2

1,0

0

0,0

0,0

0

2

3

1

2

1,0

0

0,0

0,0

1

49

50

51

2

1,0

0

0,0

0,0

1

2

3

1

2

1,0

0

0,0

0,0

1

11001 2 = Marcia

11004 3 = Guasto

11007 1 = Pronto s

10050 2 = Frequenza di uscita

10051

10052

10053

10054

731

0 = Disabilitato

1 = Abilitato

Selezione valore impostato PID

Valore impostato PID origine 1

Valore impostato PID origine 2

Funzione feedback PID

Origine feedback PID

Modo multi-pompa

Numero di pompe

0

-

-

-

-

-

1

0

-

-

-

-

-

1

0

1

-

1

2

-

1

0

1

-

1

2

0

3

102

1

2

1

2

2

3

1047

332

431

333

334

1785

1001

1 = Valore impostato da pannello 1

2 = Valore impostato da pannello 2

24-hour support +358 (0)201 212 575 • Email: [email protected]

10

vacon • 267

P3.15.5

P3.15.6

P3.15.7

P3.15.8

P3.15.11

P3.15.12

P3.15.13

P3.15.14

P3.15.15

P3.15.16

Tabella 134. Valori predefiniti dei parametri in base all'applicazione

Interblocco pompa

Rotazione ausiliari

Pompe con rotazione ausiliari

Intervallo rotaz. ausil.

Limite frequenza rotazione ausiliari

Limite pompa rotazione ausiliari

Larghezza di banda

Ritardo larghezza di banda

Velocità di produzione costante

Limite pompe in funzione

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

1

1

1

48,0

25,0

1

10,0

10

-

3

1

1

1

48,0

50,0

3

10,0

10

100,0

3

Hz

% s

%

1032

1027

1028

1029

1031

1030

1097

1098

1513

1187

Appendice 1

P5.7.1

P5.7.2

Tempo ripristino

Pagina predefinita

5

4

5

5

5

4

5

4

5

4 min 804

2318 4 = Multimonitor

10

Tel. +358 (0) 201 2121 • Fax +358 (0)201 212 205

Find your nearest Vacon office on the Internet at: www.vacon.com

Manual authoring: [email protected]

Vacon Plc.

Runsorintie 7

65380 Vaasa

Finland

Subject to change without prior notice

© 2014 Vacon Plc.

Document ID:

Rev. C

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement

Table of contents