PYTHAGORAS - ABBAS, a.s.

PYTHAGORAS - ABBAS, a.s.
PYTHAGORAS
Barriera Multi-tecnologia
Microonde e infrarosso
per protezioni esterne
Manuale di Installazione/
Multi-technology Barrier
Microwave and Infrared
Installation Manual
Edizione / Edition 2.5
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
INDICE
1 DESCRIZIONE........................................................................................................................................................................3
1.1 DESCRIZIONE ......................................................................................................................................................................3
2 INSTALLAZIONE...................................................................................................................................................................4
2.1 MONTAGGIO DELLE UNITÀ ...................................................................................................................................................4
2.2 NUMERO DI TRATTE ............................................................................................................................................................6
2.3 AVVERTENZE PER L’INSTALLAZIONE .................................................................................................................................7
2.4 CONDIZIONI DEL TERRENO..................................................................................................................................................7
2.5 PRESENZA DI OSTACOLI ......................................................................................................................................................7
2.6 AMPIEZZA DEI FASCI SENSIBILI A MW ...............................................................................................................................8
2.7 LUNGHEZZA DELLE ZONE MORTE IN PROSSIMITÀ DEGLI APPARATI.....................................................................................8
3.
COLLEGAMENTI ...........................................................................................................................................................9
3.1
MORSETTIERE, CONNETTORI E FUNZIONALITÀ DEI CIRCUITI ..........................................................................................9
3.1.1
Circuito di controllo Trasmettitore ....................................................................................................................9
3.1.2
Circuito di controllo Ricevitore........................................................................................................................11
3.1.3
Circuito di Interfaccia Trasmettitore ...............................................................................................................14
3.1.4
Circuito di Interfaccia Ricevitore.....................................................................................................................15
3.2
COLLEGAMENTO ALL’ALIMENTAZIONE PRINCIPALE ....................................................................................................16
3.2.1
Collegamento all’alimentazione per il Riscaldatore........................................................................................16
3.2.2
Collegamento all’Alimentazione di Rete ..........................................................................................................16
3.2.3
Collegamento all’Alimentazione di Riserva (Batteria) ....................................................................................16
3.3
COLLEGAMENTO ALLA CENTRALE ...............................................................................................................................17
3.3.1
Contatti di segnalazione:..................................................................................................................................17
3.3.2
Connessioni per Sincronismo ...........................................................................................................................18
3.3.3
Connessioni per Test ........................................................................................................................................18
3.3.4
Connessioni per Stand by .................................................................................................................................18
3.4
LINEA SERIALE RS-485 ...............................................................................................................................................19
3.4.1
Interfaccia Linea Seriale RS-485 / 232 ............................................................................................................19
3.4.2
Connessioni per Linea Seriale RS-485.............................................................................................................19
3.4.3
Configurazione Rete e Rigeneratori di segnale................................................................................................19
3.5
COLLEGAMENTO DA ACCESSO REMOTO .......................................................................................................................20
4.
ALLINEAMENTO E VERIFICA MICROONDA ......................................................................................................21
4.1
ALLINEAMENTO E VERIFICA .........................................................................................................................................21
4.1.1
Operazioni sul Trasmettitore............................................................................................................................21
4.1.2
Operazioni sul Ricevitore .................................................................................................................................22
4.2 ALLINEAMENTO E VERIFICA CON SOFTWARE....................................................................................................................26
5
ALLINEAMENTO E VERIFICA INFRAROSSO ......................................................................................................27
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
6
SELEZIONE CANALI ......................................................................................................................................................27
ALLINEAMENTO OTTICO ..............................................................................................................................................28
ALLINEAMENTO ELETTRONICO ....................................................................................................................................29
TEMPO DI RISPOSTA .....................................................................................................................................................30
CONTROLLO FINALE .....................................................................................................................................................30
MANUTENZIONE E ASSISTENZA............................................................................................................................31
6.1
6.2
6.3
7
RICERCA GUASTI ..........................................................................................................................................................31
KIT ASSISTENZA MW..................................................................................................................................................31
KIT ASSISTENZA INFRAROSSI ......................................................................................................................................31
CARATTERISTICHE....................................................................................................................................................32
7.1
7.2
CARATTERISTICHE TECNICHE .......................................................................................................................................32
CARATTERISTICHE FUNZIONALI ..................................................................................................................................33
Manuale di Installazione
Pagina 1 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
INDEX
1
DESCRIPTION...............................................................................................................................................................34
1.1 DESCRIPTION ....................................................................................................................................................................34
2 INSTALLATION ...................................................................................................................................................................35
2.1 MOUNTING OF THE UNIT ....................................................................................................................................................35
2.2 NUMBER OF ZONES ...........................................................................................................................................................37
2.3 INSTALLATION ADVICE ....................................................................................................................................................38
2.4 GROUND CONDITIONS .......................................................................................................................................................38
2.5 OBSTACLES .......................................................................................................................................................................38
2.6 AMPLITUDE OF THE MW SENSITIVE BEAM .......................................................................................................................39
2.7 LENGTH OF THE DEAD ZONES NEAR THE EQUIPMENT........................................................................................................39
3
CONNECTIONS.............................................................................................................................................................40
3.1
TERMINALS, CONNECTORS AND CIRCUIT FUNCTIONS ....................................................................................................40
3.1.1
Transmitter Control Circuit .............................................................................................................................40
3.1.2
Receiver Control Circuit ..................................................................................................................................42
3.1.3
Transmitter Interface Circuit ...........................................................................................................................45
3.1.4
Receiver Interface Circuit ................................................................................................................................46
3.2
CONNECTION TO POWER SUPPLY..................................................................................................................................47
3.2.1
Connection to the Power Supply for Heating...................................................................................................47
3.2.2
Connection to Main Power Supply...................................................................................................................47
3.2.3
Connection to Stand-by Power Supply (Battery)..............................................................................................47
3.3
CONNECTION TO THE CONTROL UNIT ...........................................................................................................................48
3.3.1
Alarm Contacts: Alarm, Tamper, Fault ...........................................................................................................48
3.3.2
Synchronisation Connections ...........................................................................................................................49
3.3.3
Test Connections ..............................................................................................................................................49
3.3.4
Stand by Connections .......................................................................................................................................49
3.4
RS-485 SERIAL LINE ....................................................................................................................................................50
3.4.1
RS-485 / 232 Serial Line Interface ...................................................................................................................50
3.4.2
RS-485Serial Line Connections........................................................................................................................50
3.4.3
Network Configuration and Signal Regeneration ............................................................................................50
3.5
CONNECTION FOR REMOTE ACCESS .............................................................................................................................51
4
MICROWAVE ALIGNMENT AND CONFIGURATION.........................................................................................52
4.1
ALIGNMENT AND CONFIGURATION...............................................................................................................................52
4.1.1
Operations at the TRANSMITTER ...................................................................................................................52
4.1.2
Operations at the Receiver ...............................................................................................................................53
4.2 ADJUSTMENT AND TESTING WITH SOFTWARE ...................................................................................................................57
5.
INFRARED ALIGNMENT AND CONFIGURATION ..............................................................................................58
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
6.
CHANNEL SELECTION ...................................................................................................................................................58
OPTICAL ALIGNMENT ...................................................................................................................................................59
ELECTRONIC ALIGNMENT.............................................................................................................................................60
RESPONSE TIME............................................................................................................................................................61
FINAL CHECKS .............................................................................................................................................................61
MAINTENANCE AND SERVICE................................................................................................................................62
6.1
6.2
6.3
7.
FAULT FINDING ............................................................................................................................................................62
MW SERVICE KIT ........................................................................................................................................................62
IR SERVICE KIT ...........................................................................................................................................................62
CHARACTERISTICS....................................................................................................................................................63
7.1
7.2
TECHNICAL CHARACTERISTICS ....................................................................................................................................63
FUNCTIONAL CHARACTERISTICS ..................................................................................................................................64
SCHEDA DI COLLAUDO – TEST SHEET ............................................................................................................................0
SCHEDA DI COLLAUDO – TEST SHEET ............................................................................................................................1
Manuale di Installazione
Pagina 2 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
1 DESCRIZIONE
1.1 Descrizione
PYTHAGORAS è una barriera multi tecnologia per protezioni volumetriche perimetrali esterne.
La barriera è in grado di rilevare la presenza di un corpo che si muove all’interno di un campo
sensibile instauratosi tra il Trasmettitore (TX) e il Ricevitore (RX).
I segnali ricevuti dai singoli rivelatori, vengono analizzati e valutati mediante un microprocessore
secondo modelli comportamentali (Analisi con logica Fuzzy), in base allo scenario impostato, e
sfruttando le migliori sinergie delle tecnologie impiegate (barriere a Microonda, ad Infrarosso e
sensori ad effetto doppler), permettono di raggiungere eccellenti prestazioni nella rilevazione,
ed un numero estremamente limitato di falsi allarmi. Inoltre un completo efficiente sistema di
test e qualifica sonora consentono una enorme semplicità di installazione e di manutenzione.
PYTHAGORAS è disponibile con le seguenti portate:
- PYTHAGORAS100
- PYTHAGORAS160
Portata 100 metri
Portata 160 metri
Disponibile inoltre con colonne alte 2 metri o 3 metri, in doppia tecnologia (barriera infrarosso e
barriera a microonde) o tripla tecnologia (barriera infrarosso, barriera microonde e doppler
microonde su ogni colonna)
Manuale di Installazione
Pagina 3 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
2 INSTALLAZIONE
2.1 Montaggio delle unità
Per il montaggio delle due unità (TX e RX) fissare la base di sostegno a terra.
Aprire ogni singola colonna partendo dal coperchio superiore. Rimuovere le viti con l’aiuto di un
cacciavite. Estrarre la calotta. Sollevare leggermente il cover dall’estremità della colonna da cui
è stato appena rimosso il coperchio. Scorrere con le mani tra cover e parte metallica lungo tutta
la colonna. Una volta raggiunta l’altra estremità della colonna, sollevare completamente il cover.
Fig. 1a
Fig. 1b
Fig .1c
Fig .1d
Posizionare coperchio inferiore sopra la base, inserire la colonna nell’apposita spina dopo aver
posizionato la staffa a L di bloccaggio e fissare il tutto utilizzando le viti in dotazione.
Fig .1e
Fig .1f
Fig .1g
Fig .1h
Manuale di Installazione
Pagina 4 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
Nella parte superiore di ciascuna colonna sono presenti due interruttori (tamper) in serie. Quello
laterale segnala la rimozione del coperchio superiore. Quello centrale segnala invece la
pressione sul coperchio ed è quindi indicato per rivelare tentativi di scavalcamento.
Interruttore
tamper
per
segnalazione
antiscavalcamento attraverso pressione
su coperchio superiore
Interruttore tamper per
segnalazione rimozione
coperchio superiore
Figura 1i
Manuale di Installazione
Pagina 5 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
2.2 Numero di Tratte
Dovendo progettare la protezione con barriere volumetriche di un perimetro chiuso, oltre alle
normali considerazioni di suddivisione del perimetro in un certo numero di tratte che tengano
conto delle necessità gestionali dell'intero impianto, occorre ricordare che è sempre preferibile
installare un numero di tratte pari. Questo perché in un perimetro chiuso formato da un numero
di tratte dispari si forma un incrocio dove sono presenti un trasmettitore ed un ricevitore i quali
potrebbero interferire tra di loro.
Nella figura 2a) l’angolo tra le due teste Tx ed Rx è corretto, ma le due teste sono molto vicine
ed il trasmettitore corrispondente al ricevitore posto in questo angolo è molto lontano. Nel caso
di figura 2d) le due teste Tx ed Rx formano un angolo maggiore di 90° e ciò non è corretto,
queste due teste inoltre sono molto vicine l’una all’altra.
Fig.2a
ERRATO
CORRETTO
ERRATO
Fig.2d
CORRETTO
Fig.2e
CORRETTO
Fig.2f
Fig.2b
Fig.2c
Manuale di Installazione
CORRETTO
Pagina 6 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
2.3 Avvertenze per l’Installazione
Per una corretta installazione delle barriere infrarosso, è necessario attenersi alle seguenti
regole:
ƒ
Non posizionare i ricevitori in modo tale che la luce solare, diretta o riflessa, possa
raggiungerli. Infatti se la luce solare, colpisse direttamente o per riflessione i ricevitori,
potrebbero manifestarsi falsi allarmi.
ƒ
Non posizionare la barriera infrarosso accostata a superfici altamente riflettenti, quali
pareti bianche o addirittura vetrate, potrebbero, in questo caso, verificarsi fenomeni di
insensibilità della barriera (difficoltà a generare un allarme).
ƒ
Non posizionare la barriera infrarosso su supporti meccanicamente instabili, quali
recinzioni che possono muoversi, pali male ancorati, in questi casi, potrebbero verificarsi
disallineamenti della barriera con conseguente generazione di falsi allarmi.
2.4 Condizioni del Terreno
E' sconsigliabile installare l'apparato lungo tratti dove vi siano: erba alta (maggiore di 10 cm),
stagni, corsi d'acqua in senso longitudinale ed in generale tutti quei tipi di terreni la cui
conformazione sia rapidamente variabile.
2.5 Presenza di Ostacoli
Le recinzioni, se metalliche e pertanto molto riflettenti, possono causare diversi problemi di
riflessione della microonda, è quindi necessario adottare alcuni accorgimenti:
- la recinzione deve essere accuratamente fissata, in modo che il vento non ne provochi il
movimento;
- dove possibile la tratta non deve essere installata in parallelo alla recinzione, è
necessario creare un angolo rispetto ad essa;
- nel caso in cui il fascio sensibile debba essere delimitato lateralmente da due reti
metalliche, è consigliabile che il corridoio tra esse non sia inferiore ai 5 m. in quanto il
loro movimento potrebbe creare dei disturbi. Occorre notare che utilizzando uno degli
scenari “AND” successivamente descritti al capitolo 4, Pythagoras può essere
installato anche in corridoi di dimensioni inferiori a 5 m. e anche parallelamente a
recinzioni non ben fissate.
- recinzioni metalliche poste dietro gli apparati possono provocare talvolta distorsioni del
fascio sensibile.
Gli alberi, le siepi, i cespugli, la vegetazione in genere richiede una grande attenzione
qualora ve ne sia in prossimità o entro i fasci di protezione.
Questi ostacoli sono elementi variabili sia come dimensione che come posizione, possono infatti
crescere ed essere mossi dal vento.
Pertanto è sconsigliabile tollerare la presenza di detti ostacoli entro le tratte di protezione.
E’ possibile tollerarne la presenza solo a patto che la loro crescita venga limitata mediante una
metodica manutenzione e che il loro movimento venga inibito mediante barriere di
contenimento. All’interno del fascio di protezione, è altresì tollerabile la presenza di tubi, pali ed
ostacoli vari (illuminazione, camini, ecc) purché non presentino dimensioni eccessive all’interno
dei lobi di protezione. Questi infatti sono la causa di Zone d’Ombra non protette e di Zone di
Ipersensibilità, fonti di falsi allarmi.
Manuale di Installazione
Pagina 7 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
2.6 Ampiezza dei Fasci Sensibili a MW
L'ampiezza del Campo Sensibile è in funzione dalla regolazione di sensibilità impostata.
Le figure seguenti ci forniscono la dimensione a metà tratta del Fascio Sensibile, in funzione
della lunghezza della tratta, nel caso di sensibilità massima e minima.
20
Diametro zona
sensibile
a
metà
tratta [m]
16
18
Sensibilità
Massima (”F”)
14
12
10
8
Sensibilità
minima (”0”)
6
4
2
Lunghezza
della tratta [m]
20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220
Figura 3
Larghezza della zona sensibile a metà tratta per PYTHAGORAS 100-160 (campo libero)
2.7 Lunghezza delle Zone Morte in prossimità degli apparati
La lunghezza delle Zone Morte in prossimità degli apparati è in funzione sia della distanza
dell'apparato stesso dal suolo, sia della sensibilità impostata sul Ricevitore (figura 4). L’Altezza
consigliata per installazioni standard è di 80 cm circa, compatibilmente con le esigenze
impiantistiche. La misura è da considerarsi tra il suolo e il centro dell'antenna. Con una
sensibilità media, la distanza minima consigliata per effettuare l’Incrocio è di 3,5 m.
100
Altezza dal suolo
90
al centro
antenna
[cm]
80
Sensibilità
Massima (”F”)
Sensibilità
minima (”0”)
100
90
80
70
70
60
60
50
50
40
40
30
30
20
20
10
Lunghezza
10
zona morta [m]
6
1
2
3
4
5
7
8
9
10
Figura 4 Lunghezza della zona morta in prossimità degli apparati in funzione dell’altezza dal
centro dell’antenna al suolo per PYTHAGORAS
Manuale di Installazione
Pagina 8 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
3. COLLEGAMENTI
3.1
Morsettiere, connettori e Funzionalità dei Circuiti
3.1.1 Circuito di controllo Trasmettitore
1000uF
J2
S1
TERMINAZIONE
DI LINEA RS 485
OFF
ON
J4
P
J4
SW2
SW1
J3
SW3
LED
GUASTO
LED
TAMPER
JP2 LED
ON OFF
OUT
SYNC
GND
TEST
STBY
FLT
FLT
TMP
TMP
LO
LH
GND
13,8V
MS3
IN
SYNC
Jp1
MS2
Figura 5 Disposizione topografica dei componenti nel circuito di controllo Tx
Nelle seguenti tabelle sono indicate le funzioni delle morsettiere presenti sulla scheda
PYTHAGORASTX:
MORSETTIERA MS 2 TRASMETTITORE
Mors
1
2
3
4
5
6
7
8
Simbolo
TMP
TMP
FLT
FLT
STBY
TEST
GND
SYNC
Manuale di Installazione
Funzione
Contatto Relè di Manomissione + Ampolla AMP1 (NC)
Contatto Relè di Manomissione + Ampolla AMP1 (NC)
Contatto Relè di Guasto (NC)
Contatto Relè di Guasto (NC)
Non utilizzato
Ingresso per Comando TEST (Norm. Aperto da GND)
Uscita Ausiliaria di Massa
Uscita (Ingresso) del Segnale di Sincronismo, verso (da) Tx Slave
(Master)
Pagina 9 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
MORSETTIERA MS 3 TRASMETTITORE
Pin
1
2
3
4
Simbolo
Funzione
13,8V
Positivo di alimentazione Convertitore RS 485/232 (+13,8V )
GND
Negativo di alimentazione e riferim. dati
LH
Linea Alta Dati (+ RS 485)
Linea Bassa Dati (-RS 485)
LO
CONNETTORE J2
Pin
1
2
3
Simbolo
Funzione
GND
Massa per Oscillatore a MW
DRO
Collegamento per Oscillatore a MW
GND
Massa per Oscillatore a MW
CONNETTORE J3
Pin
1-2-3-5-8-9-10-1114-15
4
6
7
12
13
Simbolo
N.C.
16
+8V
GND
+13,8
GND
+5V
OSC
TRASMETTITORE
Funzione
Non Connesso
Massa
Tensione di Alimentazione (13,8 V )
Massa
Tensione di Alimentazione interna (5 V )
Misura Funzionamento Oscillatore (+4V
OK, 0 o 8V = NON OK)
Tensione di Alimentazione interna (8 V )
CONNETTORE J4
Pin
1
2
3
TRASMETTITORE
=
TRASMETTITORE
Simbolo
Funzione
GND
Collegamento di Massa al Microinterruttore di Manomissione
ING
Ingresso Microinterruttore di manomissione
GND
Collegamento di Massa al Microinterruttore di Manomissione
SELETTORE CANALI DEL TRASMETTITORE
Simbolo
Funzione
SW3
Commutatore esadecimale per la Selezione dei Canali di
Modulazione da 0 a F
SELETTORI NUMERO DI TRATTA
Simbolo
SW2
Selettore delle Decine
SW1
Selettore delle Unità
Funzione
JUMPERS DEL TRASMETTITORE
Simbolo
Jp1
Jp2
Funzione
OUT = Modulazione Interna ( il Tx è Master ed
il segnale di Sincronismo esce)
IN = Modulazione Esterna (il Tx è Slave ed il
segnale di sincronismo entra)
Esclusione leds di indicazione guasto e
manomissione,
Normalmente
OUT
ON
LEDS DEL TRASMETTITORE
Simbolo
Indicazione
D7
Guasto
D3
Manomissione.
Manuale di Installazione
Pagina 10 di 64
Normalmente
ON
ON
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
3.1.2 Circuito di controllo Ricevitore
1000uF
J2
BZ1
Jp2
OFF
J4
ON
SW2
SW3
SW4
SW5
SW1
ON
S1
Tp
FLT
MS2
FLT
TMP
MS3
TMP
ALL
ALL
LO
LH
GND
13,8V
OFF
Jp1
LED
LED
ALLARME LED GUASTO
TAMPER
Figura 6 Disposizione topografica dei componenti nel circuito di elaborazione Rx
Nelle seguenti tabelle sono indicate le funzioni delle morsettiere presenti sulla scheda
PYTHAGORAS RX:
MORSETTIERA MS2
Mors
1
2
3
4
5
6
RICEVITORE
Simbolo
Funzione
ALL
Contatto Relè di Allarme (NC)
ALL
Contatto Relè di Allarme (NC)
TMP
Contatto Relè di Manomissione + Ampolla AMP1 (NC)
TMP
Contatto Relè di Manomissione + Ampolla AMP1 (NC)
FLT
Contatto Relè di Guasto (NC)
FLT
Contatto Relè di Guasto (NC)
MORSETTIERA MS 3 RICEVITORE
Mors
1
2
3
4
Simbolo
13,8V
GND
LH
LO
Manuale di Installazione
Funzione
Positivo di alimentazione Convertitore RS 485/232 (+13,8V )
Negativo di alimentazione e riferim. dati
Linea Alta Dati (+ RS 485)
Linea Bassa Dati (-RS 485)
Pagina 11 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
CONNETTORE J2
Pin
1
2
3
RICEVITORE
Simbolo
Funzione
GND
Massa per Rivelatore a Microonde
DET
Collegamento per Rivelatore a Microonde (Detector)
GND
Massa per Rivelatore a Microonde
CONNETTORE J3 RICEVITORE
Pin
Simbolo
Funzione
1-2-3-5-8-10-11-13N.C.
Non Connesso
15-16
4
GND
Massa
6
+13,8 Tensione di Alimentazione (13,8 V )
7
GND
Massa
9
0,2V
Segnale Ricevuto 200 mVpp
12
+5V
Tensione di Alimentazione Interna (5 V )
14
VRAG Tensione del Regolatore Automatico di Guadagno
CONNETTORE J4
Pin
1
2
3
RICEVITORE
Simbolo
Funzione
GND
Collegamento di Massa al Microinterruttore di Manomissione
ING
Ingresso Microinterruttore di manomissione
GND
Collegamento di Massa al Microinterruttore di Manomissione
Simbolo
Jp1
Simbolo
D4
D5
D6
Simbolo
S1
Simbolo
Tp 3
Tp 4
Tp 10
JUMPERS DEL RICEVITORE
Funzione
Esclusione leds di indicazione Allarme, Manomissione e
Guasto (D6, D5, D4)
LEDS DEL RICEVITORE
Indicazione
Guasto + Allineamento
Manomissione + Allineamento
Allarme + Allineamento
Default
ON
Default
ON
ON
ON
PULSANTE DI ATTIVAZIONE DELLE FUNZIONI
Funzione
-Attivazione recupero e acquisizione valori in fase di allineamento
(con SW1 In posizione 1)
- Acquisizione Canale, Valore di Campo e Indicazione della Qualità
dell’Allineamento (con SW1 In posizione 2)
- Attivazione della indicazione della qualità dell’allineamento (con
SW1 In posizione 3)
TEST POINTS DEL RICEVITORE
Funzione
Misura del Segnale di campo 200 mVpp (Oscilloscopio)
Misura del Valore di tensione del Regolatore Automatico di Guadagno
(V RAG)
Massa per strumenti di misura
Manuale di Installazione
Pagina 12 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Simbolo
SW1
Ed. 2.5
SELETTORE DI FUNZIONI SUL RICEVITORE
Funzione
Posizione 1 = Allineamento Barriera MW
Posizione 2 = Acquisizione parametri Barriera MW (Canale, Valore di
Campo, Acquisizione Soglie di Sensibilità e Mascheramento,
Indicazione della Qualità dell’Allineamento)
Posizione 3 = Walk Test Barriera MW, acquisizione Soglie di
sensibilità e mascheramento, verifica della qualità dell’allineamento
Posizione 4 = Walk Test Sensore Doppler Colonna Rx
Posizione 5 = Walk Test Sensore Doppler Colonna Tx
Posizione 6 = NON attivo
Posizione 7 = NON attivo
Posizione 8 = NON attivo
Posizione 9 = Impostazione scenario “AND con filtro 2 tecnologie”
Posizione A = Impostazione scenario “AND con filtro per priorità”
Posizione B = Impostazione Scenario “AND”
Posizione C = Impostazione Scenario “AND con Antiscavalcamento”
Posizione D = Impostazione Scenario “AND con Antistrisciamento”
Posizione E = Impostazione Scenario “AND con Antistrisciamento +
Antiscavalcamento”
Posizione F = Impostazione Scenario “OR”
Posizione 0 = Impostazione Scenario “AND con filtri: 2 tecn. + priorità”
SELETTORI IMPOSTAZIONE PARAMETRI DI LAVORO DEL RICEVITORE
Simbolo
Funzione
SW4
Regolazione della sensibilità del controllo di mascheramento (“0” =
Poco sensibile, “F” = Molto sensibile, Default = “2”)
SW5
Regolazione della sensibilità della barriera all’intrusione (“0” = Poco
sensibile, “F” = Molto sensibile , Default = “7”)
Manuale di Installazione
Pagina 13 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
+13,8V
GND
1
MS4
MS1
1
DZD
JP1
OFF
JP2
OFF
OFF
JP5
OFF
DISQ
JP4
DISQ
IR1 Low
OFF
J1
+13,8V
GND
MPR
GND
+13,8V
DISQ
1
MS5
MS2
Power
IR High
JP3
IN AL
IN AL
DISQ
GND
+13,8V
IN AL
3.1.3 Circuito di Interfaccia Trasmettitore
1
DISQ
DISQ
IN AL
MS3 GND
1 +13,8V
IR2 Low
Figura 7 Disposizione topografica dei componenti nel circuito di interfaccia Tx
MORSETTIERA MS5 (POWER) INTERFACCIA TRASMETTITORE
Mors Simbolo
Funzione
1
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
2
GND
Negativo per alimentazione circuito
3
MPR
Positivo Presenza Rete (+14,6V = Rete e Alimentatore OK)
MORSETTIERA MS1 (DZD) INTERFACCIA TRASMETTITORE
Mors Simbolo
Funzione
1
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
2
GND
Negativo per alimentazione circuito
3
IN AL
Ingresso segnale di allarme Doppler
MORSETTIERA MS2 (IR HIGH) - MS3 (IR2 LOW) – MS4 (IR1 LOW)
INTERFACCIA TRASMETTITORE
Mors Simbolo
Funzione
1
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
2
GND
Negativo per alimentazione circuito
Simbolo
Jp1
Simbolo
J1
JUMPERS INTERFACCIA TRASMETTITORE
Funzione
Gestione Allarme Sensore Doppler (opzione)
Default
OFF
CONNETTORE PER CIRCUITO DI ELABORAZIONE
Funzione
Connettore per collegamento al circuito di elaborazione per fornire
alimentazione e segnali di allarme provenienti dal doppler a microonde.
Manuale di Installazione
Pagina 14 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
+13,8V
1
1
MS4
OFF
IR High
JP2
OFF
OFF
MS5
1
DISQ
Power
DISQ
JP5
MS3 IN AL
OFF
GND
DISQ
JP4
DISQ
IR1 Low
+13,8V
GND
MPR
GND
DISQ
+13,8V
1
MS2
JP3
JP1
IN AL
DISQ
+13,8V
MS1
DZD
GND
IN AL
GND
IN AL
3.1.4 Circuito di Interfaccia Ricevitore
OFF
J1
1 +13,8V
IR2 Low
Figura 8 Disposizione topografica dei componenti nel circuito di interfaccia Rx
Mors
1
2
3
MORSETTIERA MS5 (POWER) INTERFACCIA RICEVITORE
Simbolo
Funzione
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
GND
Negativo per alimentazione circuito
MPR
Positivo Presenza Rete (+14,6V = Rete e Alimentatore OK)
Mors
1
2
3
MORSETTIERA MS1 (DZD) INTERFACCIA RICEVITORE
Simbolo
Funzione
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
GND
Negativo per alimentazione circuito
IN AL
Ingresso segnale di allarme Doppler
MORSETTIERA MS2 (IR HIGH) - MS3 (IR2 LOW) – MS4 (IR1 LOW)
INTERFACCIA RICEVITORE
Mors Simbolo
Funzione
1
13,8V
Positivo per alimentazione circuito (+13,8V )
2
GND
Negativo per alimentazione circuito
3
IN AL
Ingresso contatto di allarme barriera infrarosso
4
DISQ
Ingresso contatto di disqualifica
5
DISQ
Ingresso contatto di disqualifica
Simbolo
Jp1
Jp2
Jp3
Jp4
Jp5
Simbolo
J1
JUMPERS INTERFACCIA RICEVITORE
Funzione
Gestione Allarme Sensore Doppler (opzione)
Gestione Allarme Barriera IR Alta
Gestione Disqualifica Barriera IR Alta
Gestione Allarme Barriera IR 2 Low
Gestione Disqualifica Barriera IR 2 Low
Default
OFF
ON
ON
OFF
OFF
CONNETTORE PER CIRCUITO DI ELABORAZIONE
Funzione
Connettore per collegamento al circuito di elaborazione per fornire
alimentazione e segnali di allarme provenienti dai dispositivi ad
infrarosso e dal doppler a microonde.
Manuale di Installazione
Pagina 15 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
3.2
Ed. 2.5
Collegamento all’Alimentazione Principale
Gli apparati devono essere alimentati in Corrente Continua alla tensione nominale di 13,8 V ,
attraverso il connettore MS5 presente sul circuito interfaccia ricevitore e trasmettitore.
Il collegamento tra l’alimentatore e la testa deve essere adeguatamente dimensionato,
quindi la sezione del conduttore deve essere calcolata in base alla lunghezza del collegamento
ed all’assorbimento degli apparati. Nel caso in cui i collegamenti risultassero troppo lunghi, si
consiglia l’utilizzo dell’alimentatore supplementare.
Di seguito viene riportata una tabella che indica in funzione della lunghezza dei conduttori la
sezione minima impiegabile per alimentare gli apparati nella configurazione base, senza i
riscaldatori. I conduttori devono essere di tipo schermato ed intrecciato.
Sezione
conduttori
[mm2]
Lunghezza dei conduttori [m]
Lunghezza dei conduttori [m]
PYTHAGORAS 100
PYTHAGORAS 160
0,6
1,5
2,5
4
Tx
120
280
480
750
Rx
80
200
300
500
Tx
100
250
450
700
Rx
80
200
300
500
Nota: utilizzando lo stesso cavo per alimentare più barriere Pythagoras le distanze indicate
devono essere divise per il numero di barriere collegate
3.2.1 Collegamento all’alimentazione per il Riscaldatore
L’alimentazione relativa al sistema di riscaldamento, deve essere connessa direttamente
all’apposita morsettiera (HEATER) di ogni sensore IR e deve essere realizzata con una linea di
alimentazione separata, rispetto a quella di alimentazione del modulo. Tale alimentazione può
essere realizzata sia mediante tensione continua 12V sia mediante tensione alternata 12V~.
3.2.2 Collegamento all’Alimentazione di Rete
Il collegamento tra l’alimentatore supplementare e la rete a 230 V~ dovrà essere effettuato con
conduttori adeguati, come da prescrizioni e normative vigenti.
Il collegamento del alimentatore alla rete 230 V~ deve essere effettuato attraverso un idoneo
dispositivo di sezionamento che abbia le seguenti caratteristiche:
• bipolare con distanza minima tra i contatti di 3 mm
• previsto nell’impianto fisso
• facilmente accessibile
È possibile utilizzare l’alimentatore Newton-Alim all’interno delle colonne TX e RX.
In ogni caso occorre attenersi scrupolosamente alle prescrizioni contenute nelle
leggi e normative vigenti in materia di installazioni fisse di apparati collegati
permanentemente alla rete di alimentazione come la Legge 46/90 e la Normativa CEI
64-8.
3.2.3 Collegamento all’Alimentazione di Riserva (Batteria)
L’eventuale batteria opzionale da 12V 2,1 Ah alloggiata all’interno della colonna e ricaricata
da Newton-Alim consente un’autonomia superiore a 12 ore (Attivazione del Guasto per assenza
di Rete dopo 3 ore di assenza rete consecutive, se connesso il positivo di presenza rete sul
morsetto MPR ).
N.B. gli involucri delle batterie tampone utilizzate, devono avere una classe di autoestinguenza
HB o migliore ( Standard UL 94 ).
Manuale di Installazione
Pagina 16 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
3.3
Ed. 2.5
Collegamento alla Centrale
Le connessioni alla Centrale di elaborazione devono essere effettuate mediante cavi schermati.
3.3.1 Contatti di segnalazione:
Le uscite degli apparati sono costituite:
sul ricevitore da 3 contatti normalmente chiusi liberi da potenziale, per la segnalazione dei
seguenti stati:
• ALLARME, MANOMISSIONE, GUASTO
sul Trasmettitore da 2 contatti normalmente chiusi liberi da potenziale, per la segnalazione dei
seguenti stati:
• MANOMISSIONE, GUASTO
Sono inoltre presenti sul trasmettitore 2 Ingressi per attuare le seguenti funzioni:
• Test
• Sincronismo (Ingresso o Uscita)
I contatti di uscita per allarme, manomissione e guasto sia sul Trasmettitore sia sul Ricevitore,
sono costituiti da Relè statici con una portata di 100 mA max.
N.B. i contatti di Allarme, Manomissione e Guasto presentano, in stato di Vigilanza (contatto
chiuso), una resistenza di circa 40 Ohm. I contatti d’allarme, sono attivati, per i seguenti
motivi:
- RELE’ di ALLARME
1. Preallarme sul Ricevitore (Nota 1) più un allarme di almeno una barriera infrarosso
2. Allarme canale più un allarme di almeno una barriera infrarosso
3. Allarme di almeno 2 barriere infrarosso
4. Disqualifica di almeno una barriera infrarosso più un altro qualsiasi allarme
5. Qualsiasi allarme descritto successivamente nel capitolo allineamento e verifica,
operazioni sul ricevitore, punto 5 scenari
- RELE’ di MANOMISSIONE
1- Rimozione del coperchio (Radome)
2- Sposizionamento Ampolla (Tilt Bulb)
- RELE’ di GUASTO
1- Tensione di Batteria Bassa (< +11V )
2- Tensione di Batteria Alta (> +14.8V )
3- Guasto oscillatore BF (bassa frequenza) o RF (radio frequenza) circuito TX
4- Assenza rete per più di 3 ore continuative se utilizzato l’apposito ingresso
5- Disqualifica di una o più Barriere IR su RX
Nota 1: se il segnale di intrusione, dopo aver superato la soglia di inizio analisi (Buzzer di
Walk-Test con suono intermittente), resta per 30 secondi circa, in queste condizioni, si
ha l’attivazione del preallarme.
Manuale di Installazione
Pagina 17 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
3.3.2 Connessioni per Sincronismo
Per effettuare il Sincronismo tra due Trasmettitori occorre connettere tra loro i morsetti 8
“SYNC” ed i morsetti 7 “GND” della morsettiera MS2 dei due Trasmettitori.
È Inoltre necessario selezionare un Trasmettitore come “Master” e l’altro come “Slave”
mediante il ponticello Jp1.
• Con Jp1 in posizione “IN” il morsetto 8 di MS2 è il morsetto di ingresso per un
sincronismo che proviene dall’esterno, pertanto il Trasmettitore così predisposto è
“Slave”.
• Con Jp1 in posizione “OUT” il morsetto 8 di MS2 è il morsetto di uscita del segnale di
sincronismo che viene prodotto all’interno, pertanto il Trasmettitore così predisposto è
“Master”.
N.B. il cavo di connessione tra un trasmettitore e l’altro, deve essere il più breve possibile
(< 10 metri) e deve essere schermato con schermo collegato a terra. Per lunghezze del
cavo di sincronismo maggiori di 10 metri occorre utilizzare un circuito di ripetizione del
sincronismo (mod. SYNC 01).
3.3.3 Connessioni per Test
La funzione di test viene attivata connettendo il morsetto 6 “TEST” della morsettiera MS2 del
circuito Trasmettitore a GND. Se la procedura di test è andata a buon fine dopo 10 sec si
attiverà il relè di allarme sul circuito Ricevitore.
N.B. nelle protezioni ad Alto Rischio è indispensabile che i rivelatori siano sottoposti con
adeguata periodicità al Test operativo. In questo modo la centrale di allarme sarà in grado
di riconoscere i tentativi di elusione dei rivelatori.
3.3.4 Connessioni per Stand by
La funzione di stand by non è attiva.
NB: accertarsi che il morsetto 5 “STAND BY” della morsettiera MS2 del circuito Tx, se non è
presente il circuito d’interfaccia, sia connesso a GND
Manuale di Installazione
Pagina 18 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
3.4
Ed. 2.5
Linea Seriale RS-485
3.4.1 Interfaccia Linea Seriale RS-485 / 232
Sia il ricevitore che il trasmettitore della barriera PYTHAGORAS, sono dotati, ciascuno, di una
interfaccia seriale standard RS-485. I parametri di comunicazione sono i seguenti:
Modo:
Asincrono Half-Duplex
Velocità:
9600 b/s
Lunghezza del carattere:
8bit
Controllo di parità:
Nessuno
Bit di Stop:
1
3.4.2 Connessioni per Linea Seriale RS-485
Il collegamento può essere di tipo “multidrop”, possono cioè essere collegate più barriere in
parallelo alla stessa linea seriale (configurazione Bus). Tale connessione si effettua collegando,
sulla morsettiera MS3 del Ricevitore e del Trasmettitore, il conduttore relativo ai dati della linea
RS-485 negativi (RS-485 - ) al morsetto 4 “LO”, il conduttore relativo ai dati della linea RS-485
positivi (RS-485 + ) al morsetto 3 “LH”, il conduttore relativo al riferimento di massa dei dati al
morsetto 2 “GND”. Per collegare a questa linea Seriale un PC, dotato di interfaccia seriale RS
232, occorre utilizzare un Convertitore di interfaccia RS 485/232 in dotazione con il SW WAVETEST. L’alimentazione di questo convertitore, può essere prelevata dal morsetto 1 (+13,8V ) e
2 (GND) di MS3.
Cavo per connettere i circuiti di tutte le teste Rx e Tx
al P.C. di manutenzione con SW WAVE TEST
PIN
Morsettiera
MS3
N°
1
2
3
4
Connettore
25 pin (D
Type) del
convertitore
N°
12
9
10
11
Simbolo
+13,8
GND
LH 485
LO 485
Funzione
Alimentazione (13,8 V ) per convertitore 485/232
Massa dati e alim. per convertitore 485/232
Linea dati Alta per RS 485
Linea dati Bassa per RS 485
3.4.3 Configurazione Rete e Rigeneratori di segnale
La connessione seriale tra le varie teste di tutte le barriere installate, deve essere effettuata
mediante cavo schermato, intrecciato ed a bassa capacità (< 70 pF/m) es. “Belden 9842”.
L’architettura della rete deve essere di tipo a “BUS”, con una lunghezza massima del bus pari a
1200 m. Qualora fosse necessario utilizzare una architettura stellare, o la lunghezza massima
del bus fosse superiore a 1200 m, occorre utilizzare uno o più ripetitori di linea modello “BUSREP”. Si possono realizzare stesure di cavo con configurazioni diverse:
- completamente stellari,
- miste, a bus e stellare utilizzando ripetitori/rigeneratori e
moltiplicatori di interfaccia (BUS REP) fig. 9. ll numero totale di dispositivi (Tx o RX) che
possono essere connessi sulla linea è di 32, per un numero maggiore di dispositivi è necessario
utilizzare uno o più rigeneratori di linea RS-485, anche se la lunghezza del cavo è inferiore a
1200 m fig. 10. Per un’efficace protezione dai disturbi indotti su tale linea occorre assicurare la
continuità della connessione dello schermo, il quale deve essere connesso a TERRA solo in un
punto, per esempio in prossimità dell’alimentatore. Quando vi sono più barriere connesse sul
bus seriale RS-485, la tensione d’alimentazione per il convertitore d’interfaccia da RS-485 a
RS-232 deve essere fornita mediante un alimentatore locale, collocato vicino al convertitore
stesso e quindi al PC.
Manuale di Installazione
Pagina 19 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
ARCHITETTURA DI LINEA “STELLARE” IMPIEGANDO “BUSREP” COME MOLTIPLICATORE
Linea RS- 485
max 1200 mt.
3
2
CONVERTITORE
DI LINEA SERIALE
RS-485/RS-232
BUSREP 1
Linea RS- 485
max 1200 mt.
13
1
1
L4
1
RS232 RS-485
1
32 L1
L3
1
2
3
Linea RS- 485
max 1200 mt.
1
L2
13,8 Vcc
32
Barriere
1
31
3
2
32
ALIMENTATORE
LOCALE
Dispositivi
di Campo
0 Vcc
Barriere
2
3
32
Barriere
Nella figura è rappresentato un impianto che richiede una linea seriale RS - 485 a più rami (Architettura Stellare)
Questa architettura è realizzabile utilizzando un BUSREP come moltiplicatore. Le 4 tratte risultanti possono essere
lunghe, ciascuna, fino a 1200 mt e ad ognuna possono essere collegati un numero massimo di
dispositivi pari a 32 compreso il BUSREP, e nella prima tratta compreso il convertitore di linea seriale
Figura 9
ESTENSIONE DELLA DISTANZA IMPIEGANDO “BUSREP” COME RIGENERATORE
CONVERTITORE
DI LINEA SERIALE
RS-485/RS-232
BUSREP 1
Linea RS- 485
max 1200 mt.
13
1
11 L1
RS232 RS-485
1
1
13,8 Vcc
1
L3
L2
2
3
BUSREP 2
Linea RS- 485
max 1200 mt.
L4
10
21 L1
12
0 Vcc
L3
L2
13
14
ALIMENTATORE
LOCALE
Barriere
Barriere
Linea RS- 485
max 1200 mt.
L4
20
22
23
24
29
Barriere
Nella figura è rappresentato un impianto che richiede una linea seriale RS - 485 di lunghezza superiore a 1200 mt.
Essa è stata spezzata, utilizzando due BUSREP come rigeneratori, in 3 tratte ciascuna di lunghezza inferiore.
In questo caso i dispositivi di campo, sono meno di 32 ma possono essere dislocati su una linea lunga 3600 mt.
Figura 10
3.5 Collegamento da Accesso Remoto
Per interfacciare il modem (per linea telefonica commutata con velocità di 9600 b/s) alle barriere
PYTHAGORAS oltre alla conversione RS485/RS232 occorre la conversione cross mostrata di
seguito:
Figura 11
Manuale di Installazione
Pagina 20 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
4. ALLINEAMENTO E VERIFICA MICROONDA
4.1
Allineamento e Verifica
Le barriere PYTHAGORAS sono dotate di un sistema di allineamento elettronico, di un sistema
di regolazione dei parametri di lavoro e di un sistema di test, che rendono particolarmente
semplici ed efficaci sia le operazioni di installazione che di manutenzione periodica, senza la
necessità di utilizzare particolari strumenti.
4.1.1 Operazioni sul Trasmettitore
Aprire la colonna seguendo le istruzioni riportate al paragrafo 2.1. La rimozione del coperchio
superiore e l’apertura del radome (coperchio frontale) provocheranno l’apertura del
microinterruttore “Tamper” collegato al connettore J4.
1. Connettere i fili di alimentazione continua (13,8 V ) ai morsetti 1 e 2 di MS5 del circuito di
interfaccia Trasmettitore.
2. Predisporre uno dei 16 canali di modulazione disponibili ruotando il commutatore
esadecimale “SW3” in una posizione compresa tra 0 e F.
L’utilizzo di un canale di modulazione piuttosto di un altro non altera il funzionamento della
barriera, è però buona norma predisporre canali differenti per le differenti barriere di un
impianto, in modo da accrescerne le doti di insabotabilità.
N.B. qualora vi fosse la probabilità che due barriere si interferiscano reciprocamente,
perché i segnali a MW dell’una possono, per ragioni impiantistiche, essere intercettati
dall’altra, si renderà necessario sincronizzare gli apparati trasmittenti, facendo in modo
che uno dei due (Master) fornisca all’altro (Slave) il segnale di sincronismo. In questo
caso la frequenza di modulazione del Trasmettitore Slave, non dipenderà dalla
posizione del proprio commutatore, ma solo dal segnale di sincronismo.
3. Agire sullo snodo allentando leggermente le viti per effettuare il puntamento orizzontale e
verticale, effettuato il puntamento serrare le viti dello snodo.
4. Assicurarsi che l’ampolla anti-sposizionamento “Amp 1” risulti in posizione tale da fornire un
contatto chiuso (Perpendicolare rispetto al suolo).
Manuale di Installazione
Pagina 21 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
4.1.2 Operazioni sul Ricevitore
Aprire la colonna seguendo le istruzioni riportate al paragrafo 2.1. La rimozione del coperchio
superiore e l’apertura del radome (coperchio frontale) provocheranno l’apertura del
microinterruttore “Tamper” collegato al connettore J4.
1
Connettere i fili di alimentazione continua (13,8 V ) ai morsetti 1 e 2 di MS5 del circuito
interfaccia Ricevitore.
2
Per ottimizzare l’allineamento della barriera ed impostare i parametri senza l’ausilio di
alcuno strumento, utilizzando il sistema elettronico integrato, dopo un primo allineamento
ottico, procedere nel seguente modo:
a. Assicurarsi che il microinterruttore di controllo apertura del coperchio collegato al connettore
J4 sia aperto.
b. Ruotare il commutatore di funzione SW1 in posizione 1. Questa operazione attiva la fase di
installazione della barriera.
c. Premere il pulsante S1. Tale operazione attiverà il sistema di regolazione rapida del segnale
ricevuto ed attiverà, con suono intermittente il buzzer che in questa fase indica il livello del
segnale ricevuto.
d. Allentare le viti di fissaggio dello snodo, agire sull’orientamento orizzontale della testa
ricevente, in modo da ricercare il valore massimo di segnale.
e. Se durante l’orientamento, si verifica un incremento della frequenza dell’intermittenza del
suono del Buzzer, significa che il segnale ricevuto è aumentato rispetto alla situazione
precedente. Se l’incremento del segnale ricevuto, durante questa operazione, è sostanzioso,
il suono del buzzer può diventare continuo. Premere nuovamente il pulsante S1 e quando il
suono del buzzer torna ad avere una frequenza di intermittenza più bassa e stabile (per
l’avvenuto recupero del segnale), procedere nuovamente ad orientare la testa. Qualora
durante l’orientamento, anziché aumentare, diminuisce la frequenza del suono intermittente,
significa che il segnale ricevuto dopo il movimento della testa è diminuito, occorre quindi
ruotare nella direzione opposta la testa e ricercare un eventuale nuovo massimo. Se non si
trovano altre posizioni migliori, significa che l’orientamento attuale fornisce il massimo del
segnale.
f. Allentare le viti di fissaggio dello snodo, per effettuare l’orientamento sul piano orizzontale
della testa trasmittente e ripetere le operazioni descritte al punto “e”. NB: durante
l’orientamento della testa trasmittente, per riattivare il recupero del segnale, invece di
premere il pulsante S1 del ricevitore, oscurare momentaneamente
l’emissione di
radiofrequenza (per esempio passando una mano davanti all’antenna del trasmettitore), in
questo modo una sola persona potrà facilmente ed efficacemente effettuare l’allineamento
delle barriere PYTHAGORAS.
g. Ottenuto il miglior allineamento (quindi il massimo segnale disponibile) bloccare il
movimento orizzontale sia sul Ricevitore sia sul Trasmettitore.
h. Sbloccare il movimento verticale della testa ricevente (Rx) ed orientarla verso l’alto. Premere
quindi il pulsante S1 ed attendere che il suono intermittente si stabilizzi, Ruotare lentamente
verso il basso ricercando il massimo segnale come descritto precedentemente al punto “e”.
Manuale di Installazione
Pagina 22 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
i. Sbloccare il movimento verticale della testa trasmittente (Tx) ed effettuare le operazioni
descritte per l’orientamento verticale del Ricevitore, invece di premere il pulsante S1 del
ricevitore oscurare momentaneamente l’emissione di radiofrequenza del trasmettitore. Al
termine delle operazioni, bloccare il movimento verticale sia sul Ricevitore sia sul
Trasmettitore.
j. Portare il commutatore di funzioni SW1 in posizione 2, assicurandosi che durante questa
operazione non vi siano ostacoli o alterazioni del campo a microonde, ad esempio che gli
stessi operatori non entrino nel campo. Questo fatto riveste una notevole importanza, in
quanto in questa fase, la barriera acquisisce sia il valore del canale di modulazione, sia il
valore di campo presenti, un’alterazione del campo in questo momento condurrebbe quindi
ad un’acquisizione scorretta. L’acquisizione di questi parametri da parte del ricevitore
avviene dopo alcuni secondi che è stato premuto il pulsante S1. Dopo circa 3 secondi il
Buzzer BZ1 emetterà un certo numero di suoni per indicare la qualità dell’allineamento, e più
precisamente:
1 Beep =
Qualità Ottima
2 beep =
Qualità Buona
3 Beep =
Qualità Scarsa
4 Beep =
Qualità Insufficiente
5 o più Beep = Qualità Pessima.
Qualora la qualità dell’allineamento risulti scarsa o peggio, portare il commutatore SW1 in
posizione 1, ripetere tutta la procedura di allineamento accertandosi che non vi siano
ostacoli o disturbi nel campo di protezione ritornare quindi in questa fase e premere
nuovamente il pulsante S1.
3
Portando il commutatore di funzione SW1 in posizione 3, è possibile effettuare il WalkTest, infatti, la barriera funziona con i parametri impostati mediante i commutatori di
sensibilità SW5 e di Mascheramento SW4, ed ogni perturbazione (variazione) del segnale
a microonde (Fascio sensibile), dà luogo all’attivazione del Buzzer che si trova a bordo della
scheda del ricevitore. Il suono del buzzer è intermittente, la frequenza dell’intermittenza
dipende dalla intensità del segnale perturbante, se la frequenza cresce, significa che il
segnale perturbante è cresciuto, (quindi indica una maggiore penetrazione dell’intruso nel
campo di protezione), se il segnale perturbante, raggiunge le condizioni per determinare un
evento di allarme, il buzzer verrà attivato con un suono continuo. In questo modo è
possibile valutare la reale consistenza del fascio sensibile ed anche verificare se presunte
fonti di disturbo (Per esempio recinzioni non ben fissate o altro), influiscono realmente sulla
protezione ed in che misura. Con il commutatore di funzione SW1 in posizione 3, premendo
il pulsante S1, si memorizzano i parametri impostati sui commutatori SENS e MASK e si
ottiene la indicazione sonora relativa alla qualità dell’allineamento, come descritta al punto
“j” . questa possibilità è particolarmente utile quando si effettuano le verifiche per la
manutenzione. Qualora il risultato del walk-test, non soddisfi i requisiti di protezione
richiesti per quella tratta, è possibile regolare la sensibilità della barriera PYTHAGORAS,
agendo sul commutatore SW5 e premendo il pulsante S1. La regolazione di default è “7”
e rappresenta la regolazione ottimale nella maggior parte dei casi. Volendo aumentare la
sensibilità, occorre regolare questo commutatore a valori maggiori, cioè: “8”, “9”, “A”,
“B”, “C”, “D”, “E”, “F”. volendo diminuire la sensibilità, occorre regolare questo
commutatore a valori minori, cioè: “6”, “5”, “4”, “3”, “2”, “1”, “0”, è importante ricordare
che i parametri si attivano solo dopo aver premuto il pulsante S1. Il cambio di
sensibilità che si effettua con il commutatore SW5 ed il pulsante S1 ha effetto sulla
dimensione del fascio sensibile, pertanto un aumento eccessivo della sensibilità, può
portare ad un aumento di allarmi impropri della barriera MW, mentre una diminuzione
eccessiva di sensibilità può portare ad una minore capacità di rivelazione delle reali
intrusioni.
Manuale di Installazione
Pagina 23 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
4
Le soglie di mascheramento sono poste una sopra ed una sotto il valore di campo
memorizzato durante la fase di Acquisizione Parametri di lavoro (SW1 in posizione 2 fase
“j”). Esse verificano se avvengono variazioni del campo ricevuto, che possano provocare
una alterazione della capacità di protezione della barriera. Questo genere di alterazioni
possono essere provocate, per esempio, dal progressivo accumularsi di uno strato di neve
lungo la tratta, oppure potrebbero essere prodotte dolosamente, per cercare di superare la
protezione. La sensibilità della barriera per la rivelazione di queste variazioni è impostata in
fabbrica mediante il commutatore SW4 al valore di default “2”. Qualora si desideri
diminuire tale sensibilità, portare il commutatore SW1 in fase 3 regolare mediante il
commutatore SW4 un valore inferiore, cioè: “1”, “0” e premere S1. NB. L’impostazione del
valore “0” equivale in pratica alla esclusione di tale funzione. Qualora si desideri aumentare
la sensibilità al mascheramento portare il commutatore SW1 in fase 3 regolare mediante il
commutatore SW4 un valore superiore, cioè: “3”, “4”, “5”, “6”, “7”, “8”, “9”, “A”, “B”,
“C”, “D”, “E”, “F” e premere S1. NB. L’impostazione di valori di sensibilità troppo alti,
potrebbe provocare la produzione di allarmi impropri della barriera MW.
5
Dopo aver effettuato l’allineamento dei fasci IR (Illustrato al capitolo successivo), occorre
scegliere lo scenario di funzionamento più adatto alle esigenze dello specifico sito protetto.
La scelta dello scenario si effettua agendo sul commutatore SW1 e selezionando una delle
seguenti posizioni: “9”, “A”, “B”, “C”, “D”, “E”, “F”, “0”.
Gli scenari settati sono i seguenti:
Scenario “0” : AND con filtri 2 tecnologie + priorità
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme solo se una coppia di sensori di
diversa tecnologia, raggiunge la condizione di allarme con la seguente priorità: prima la barriera
MW o sensore Doppler e poi una barriera IR. Per esempio: IR basso e poi MW = nessun
allarme, MW e poi IR basso = Allarme; MW e poi IR alto = Allarme, IR alto e poi MW =
nessun allarme, IR basso e poi IR alto = nessun allarme, Doppler e poi IR basso = Allarme,
Doppler e poi IR Alto = Allarme, IR basso e poi Doppler = nessun allarme, IR alto e poi
Doppler = nessun allarme, Doppler e barriera MW = nessun allarme.
Questo scenario consente, di ridurre drasticamente i falsi allarmi che le condizioni di
installazione quali vicinanza a recinzioni non perfettamente fisse, o le condizioni ambientali quali
forti nebbie o pesanti condense, provocherebbero alle differenti tecnologie (MW e IR). La
riduzione della probabilità di detezione è piuttosto modesta e quantunque vada sempre
preventivamente valutata in funzione delle esigenze dello specifico sito, risulta nella grande
maggioranza delle applicazioni, del tutto accettabile.
Nota: IR Medio è sempre opzionale.
Scenario “9” : AND con Filtro 2 tecnologie
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se una coppia di barriere di diversa
tecnologia, a prescindere dalla sequenza (priorità), raggiunge la condizione di allarme. Per
esempio: IR basso e MW = Allarme, MW e IR basso = Allarme, MW e IR alto = Allarme, IR alto
e MW = Allarme, Doppler e IR basso = Allarme, IR basso e Doppler = Allarme, IR alto e Doppler
= Allarme, Doppler e IR alto = Allarme, IR basso e IR alto = nessun allarme, barriera MW e
Doppler = nessun allarme.
Questo scenario consente di filtrare allarmi dovuti alle Barriere IR quando per esempio, prima di
segnalare una condizione di disqualifica, esse riescano a produrre una condizione di allarme.
Manuale di Installazione
Pagina 24 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
Scenario “A” : AND con Filtro per priorità
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se almeno una coppia di singoli
sensori / barriere raggiunge la condizione di allarme ma la sequenza di allarme prima Barriera
IR e poi Barriera MW o Doppler viene scartata. Per esempio prima IR basso e poi MW o
Doppler = nessun allarme, mentre la sequenza
prima MW o Doppler e poi IR basso =
Allarme.
Questo scenario consente di filtrare allarmi dovuti alle Barriere IR quando per esempio prima di
segnalare una condizione di disqualifica (che riconfigura la sensibilità della MW), ed in presenza
di perturbazioni sulla parte a MW esse riescano a produrre una condizione di allarme.
Scenario “B” : AND
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se una coppia di sensori / barriere sia
della stessa che di diversa tecnologia, a prescindere dalla sequenza (priorità), raggiunge la
condizione di allarme. Per esempio: IR basso e MW = Allarme, MW e IR basso = Allarme, MW
e IR alto = Allarme, IR alto e MW = Allarme, IR basso e IR alto = allarme, Doppler e IR basso =
Allarme, IR basso e Doppler = Allarme, Doppler e IR alto = Allarme, IR alto e Doppler = Allarme,
MW e Doppler = nessun allarme.
Scenario “C” : AND con Antiscavalcamento
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se almeno una coppia di barriere MW
e IR Medio, MW e IR Basso, Doppler e IR Basso, Doppler e IR Medio o IR Basso e IR Medio
raggiunge la condizione di allarme o se il solo IR Alto (Antiscavalcamento) raggiunge una
condizione di allarme.
Questo scenario consente un innalzamento della probabilità di rivelazione nelle posizioni dove
può risultare facile eludere la protezione scavalcandola.
Nota: IR Medio è sempre opzionale.
Scenario “D” : AND con Antistrisciamento
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se almeno una coppia di barriere MW
e IR Medio, MW e IR Alto, Doppler e IR Medio, Doppler e IR Alto o IR Medio e IR Alto
raggiunge la condizione di allarme o se il solo IR Basso (Antistrisciamento) raggiunge una
condizione di allarme.
Questo scenario consente un innalzamento della probabilità di rivelazione nelle posizioni dove
può risultare facile eludere la protezione strisciando sul terreno per esempio laddove gli incroci
delle barriere siano di lunghezza insufficiente.
Nota: IR Medio è sempre opzionale.
Scenario “E” : AND con Antistrisciamento e Antiscavalcamento
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme se una coppia di sensori MW e IR
Medio, Doppler e IR Medio, raggiunge la condizione di allarme o se il solo IR Basso
(antistrisciamento), o il solo IR Alto (Antiscavalcamento) raggiunge una condizione di allarme.
Questo scenario consente un innalzamento della probabilità di rivelazione nelle posizioni dove
può risultare facile eludere la protezione strisciando sul terreno o scavalcandola.
Nota: IR Medio è sempre opzionale.
Scenario “F” : OR
Scegliendo questo scenario si ha la produzione di allarme quando qualsiasi singolo sensore
raggiunge la condizione di allarme. Per esempio solo IR basso o solo MW, o solo IR Medio, o
solo IR Alto, o solo il Doppler.
La scelta di questo scenario rende massima la probabilità di rivelazione ma può dare luogo ad
un elevato tasso di falsi allarmi, quindi va utilizzata nei casi di effettiva necessità quando
comunque un tasso di falsi allarmi maggiore sia accettabile.
Manuale di Installazione
Pagina 25 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
Nota importante: La segnalazione all’elaboratore di uno stato di Disqualifica da parte di una
qualsiasi barriera IR tra le tre possibili presenti in ciascuna barriera Pythagoras, produce oltre
che una segnalazione di guasto con l’attivazione dell’apposito relè sul Ricevitore, anche una
riconfigurazione automatica della barriera MW e del sensore Doppler, portando sulla barriera la
sensibilità dalla regolazione impostata all’installazione, ad una condizione di sensibilità inferiore
di 3 passi, mentre sul Doppler la sensibilità viene dimezzata. Per esempio se la regolazione di
sensibilità della barriera MW all’installazione era posizionata al valore di default pari a 7, quando
una barriera IR segnala Disqualifica, la sensibilità della parte MW si porta automaticamente al
valore 4. In queste condizioni l’allarme della sola barriera MW o del solo sensore Doppler,
produce uno stato di allarme per qualsiasi scenario scelto. In questo modo vengono sfruttate al
meglio le capacità di rivelazione di ciascuna tecnologia per quanto concerne la probabilità di
detezione, minimizzando la produzione di falsi allarmi mediante l’utilizzo di opportune regole
che in funzione degli avvenimenti reali avversi ad una o all’altra tecnologia ricondizionano la
funzionalità dell’intera barriera, senza mai privare di protezione la tratta, anche in caso di forti
nebbie o piogge intense.
4.2 Allineamento e Verifica con Software
Per visualizzare e gestire con estrema precisione tutti i parametri software della barriera,
compresi i livelli analogici delle soglie e del segnale ricevuto, è possibile utilizzare un PC con il
programma “WAVE-TEST” CIAS; riferirsi alla documentazione tecnica di questi programmi per
le procedure di collegamento e/o gestione delle funzionalità software.
Manuale di Installazione
Pagina 26 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
5 ALLINEAMENTO E VERIFICA INFRAROSSO
5.1 Selezione Canali
Prima di alimentare la barriera Infrarosso, è necessario accertarsi che il numero di canale
impostato sul modulo elettronico Trasmettitore sia il medesimo di quello impostato sul modulo
elettronico Ricevitore. Qualora i canali impostati su Ricevitore e Trasmettitore non
corrispondessero, la barriera non può funzionare, se ciò accadesse, disalimentare, cambiare il
numero di canale, quindi rialimentare.
La selezione del canale si effettua sia sul modulo elettronico Trasmettitore che sul modulo
elettronico Ricevitore, mediante l’apposito “dip-switch” come mostrato in figura.
DIP-SWITCH PER SELEZIONE CANALE
SW1
Morsettiera di Collegamento
1
1
ON
1
CANALE 1
BORNIER DE RACCORDEMENT
SW1
ON
2
2
ON
Morsettiera di
Collegamento
2
BORNIER DE RACCORDEMENT
ON
1
2
12V
DC
HEATER
3
4
12V
5
6
POWER TAMPER HEATER
ON
C7
C4
R1
C3
R2
C9
MODULO ELETTRONICO
TRASMETTITORE
PT4
CI1
P5
P4
P3
P2
P1
PT1
C10
R17
R5
AP1
CANALE 4
1
R3
ON
R9
2
R7
R8
CANALE 3
1
G1
MODULO ELETTRONICO
RICEVITORE
2
1
C12
10
C11
DISQ.
9
CI3
8
G3
POWER TAMPER ALARM
7
R6
6
G2
5
R12 R11
C8 PT2 R10
4
C14
3
R16
2
C15
1
CANALE 2
12V
12V
DC
2
L’utilizzo di differenti canali consente di installare più barriere Infrarosso sovrapposte (max 4)
senza alcuna necessità di utilizzo di cavi di sincronismo e senza alcun tipo di interferenza
reciproca (sincronismo ottico).
Manuale di Installazione
Pagina 27 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
5.2 Allineamento Ottico
L’allineamento ottico consiste nel far coincidere gli assi dei moduli ottici trasmettitori e ricevitori.
Questo allineamento fondamentale deve essere fatto per ognuna delle due coppie di moduli
ottici utilizzando il sistema di puntamento integrato.
Tx
Rx
Modulo ottico
Trasmettitore
Modulo ottico
Ricevitore
Descrizione dell’allineamento ottico dei moduli
ƒ Allentare la vite di bloccaggio della posizione orizzontale ed orientare il modulo ottico
verso la corrispondente colonna.
ƒ Ai due lati del modulo ottico, si trovano due fori che fungono da visore per
l’allineamento. Accostando l’occhio a circa 5 cm da uno di questi fori, è possibile
inquadrare, attraverso un sistema di specchi interni e dei due mirini anteriori, la scena
nella direzione verso la quale è diretto il modulo.
ƒ Dopo aver inquadrato in questo modo la colonna corrispondente, bloccare il movimento
di rotazione orizzontale mediante l’apposita vite.
ƒ Regolare ora, mediante la vite di regolazione micrometrica, la posizione verticale, fino ad
ottenere il perfetto inquadramento del corrispondente modulo ottico posto nella
corrispondente colonna.
ƒ Ripetere l’operazione con il secondo modulo ottico.
ƒ Portarsi alla corrispondente colonna e ripetere le operazioni precedenti.
Regolazione
Verticale
Micrometrica
+/- 10°
Modulo ottico
Visibilità obliqua
Immagine Visualizzata
attraverso il mirino
dopo un buon allineamento
5
cm
Foro visore
laterale
Mirini frontali per
l’allineamento ottico
Vite per bloccaggio
posizione Orizzontale
Regolazione
Orizzontale
+/- 90°
Manuale di Installazione
Vite per Regolazione
Verticale
Micrometrica
Pagina 28 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
5.3 Allineamento Elettronico
Dopo aver effettuato l’allineamento per mezzo dei visori e dei mirini incorporati in ciascun
gruppo ottico e dopo aver alimentato la barriera Infrarosso, si verificherà la seguente situazione:
1. il LED verde, presente sul modulo elettronico Trasmettitore, è acceso indicando che
esso è alimentato ed il Trasmettitore è attivo.
2. il LED verde “Signal” presente sul modulo elettronico Ricevitore è acceso indicando
che esso è alimentato e riceve un segnale infrarosso di intensità superiore al minimo
indispensabile.
Il modulo elettronico Ricevitore è dotato anche di altri 2 led uno rosso “Alarm”che quando è
acceso indica la presenza di un allarme, ed uno giallo “DISQ” indica, quando acceso che
l’assenza o la insufficienza di segnale ad infrarosso si è protratta per circa 1 minuto ed è attiva
quindi la segnalazione di disqualifica.
Per ottimizzare l’allineamento, utilizzando il sistema elettronico incorporato, procedere come
segue:
3
4
5
6
7
8
utilizzando le due mascherine nere di cui ogni barriera Infrarosso è dotata, occludere i due
moduli ottici Tx ed Rx superiori.
inserire i puntali di un voltmetro negli appositi punti di misura presenti sul Ricevitore.
regolare l’orientamento dei due moduli ottici Tx ed Rx inferiori, in modo che la tensione letta
con il voltmetro raggiunga il valore massimo possibile.
rimuovere le mascherine dai moduli ottici superiori, ed applicarle a quelli inferiori, facendo
attenzione a non alterarne l’orientamento ottimizzato.
regolare l’orientamento dei due moduli ottici Tx ed Rx superiori, in modo che la tensione
letta con il voltmetro raggiunga il valore massimo possibile.
rimuovere le mascherine anche dai moduli ottici inferiori, facendo attenzione a non alterarne
l’orientamento ottimizzato. La tensione letta sul voltmetro fornisce una misura della qualità
dell’allineamento. La tabella seguente riporta questa valutazione.
Tensione Misurata
Qualità dell’allineamento
> 1,5 V
da 0,4 a 1,5 V
< 0,4 V
Eccellente
Buono
Cattivo
RICEVITORE
Manuale di Installazione
Pagina 29 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
5.4 Tempo di Risposta
Il Tempo di Risposta, regolabile mediante il potenziometro “Response Time” posto sul modulo
elettronico Ricevitore, può assumere valori che vanno da 50 a 800 ms. questa regolazione
consente di ottimizzare la Sensibilità di rivelazione ad ogni particolare condizione di
installazione. Aumentando il tempo di risposta, diminuisce la sensibilità.
5.5 Controllo finale
Ad installazione completata eseguire le seguenti verifiche:
ƒ
ƒ
ƒ
Verificare che l’attraversamento della barriera produca una segnalazione di allarme
intrusione.
Verificare che l’occlusione prolungata per almeno 1 minuto, produca l’attivazione
dell’allarme disqualifica. Quando si attiva l’allarme disqualifica si disattiva l’allarme
intrusione.
Accertarsi che i coperchi siano puliti
Ripetere almeno annualmente il controllo finale con particolare riguardo alla pulizia dei
coperchi. È consigliabile inoltre annotare ad ogni intervento il valore della tensione di
allineamento, in modo da poter rilevare per tempo eventuali degradi ed evitare falsi
allarmi.
Manuale di Installazione
Pagina 30 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
6 MANUTENZIONE E ASSISTENZA
6.1 Ricerca Guasti
In caso di falsi allarmi, verificare i parametri riscontrati durante l’Installazione che saranno stati
registrati nell’apposita Scheda di Collaudo allegata e se si riscontrano delle variazioni che
eccedono i limiti indicati, rivedere i relativi punti nel capitolo “ Allineamento e Verifica “ (4 e 5).
Difetto
Led Guasto spento
Possibile Causa
Tensione alta e/o bassa
Guasto oscillatore BF Tx
Led Allarme spento
Guasto oscillatore MW
Tx o Rx guasti
Disqualifica di uno o più IR
Movimento od ostacoli nel campo
protetto
Ostacoli nel campo protetto
Segnale trasmesso insufficiente
Controllare il Trasmettitore
Circuito guasto
Ricevitore a microonde guasto
Microinterruttore aperto
Ampolla in posizione errata
Sostituire il Ricevitore
Sostituire il Rilevatore a microonde
Verificare chiusura microinterruttore
Verificare la posizione dell’ampolla
Selezione canale errata
Più allarme infrarossi
Led Manomissione spento
Verificare la tensione di batteria e
l’alimentatore
Sostituire circuito Tx
Sostituire Cavità Tx
Sostituire il circuito
Verificare IR
Assicurarsi che il campo protetto sia
libero da ostacoli e non vi siano
oggetti e/o persone in movimento
Rifare il puntamento come descritto
nel
capitolo
4.1.2
punti
a,b,c,d,e,f,g,h,i,j e 5.2 5.3 per
Infrarosso
Effettuare nuovamente l’acquisizione
del canale, capitolo 4.1.2 punto j
E
verificare
l’allineamento
del
Infrarosso
Eseguire
il
puntamento
come
descritto nel capitolo 4.1.2 punti
a,b,c,d,e,f,g,h,i,j
Rimuovere gli ostacoli
Barriere disallineate
VRag elevato
Possibile Soluzione
Teste disallineate
6.2 Kit Assistenza MW
I Kit di Assistenza sono costituiti dalla parte di elaborazione circuitale, completi di parte a
microonde. L’operazione di sostituzione è molto semplice.
La sostituzione della parte circuitale e della cavità sia sul Trasmettitore sia sul Ricevitore
altera l’orientamento della barriera e quindi obbliga ad effettuare un nuovo allineamento
meccanico. Poiché è necessario acquisire il valore di campo ed il numero di canale,
eseguire le relative operazioni indicate nel capitolo 4.1.2
6.3 Kit Assistenza Infrarossi
I kit di assistenza Tx ed Rx sono costituiti dalla parte di elaborazione circuitale (modulo
elettronico) e da due moduli ottici.
Per ciascuno di questi Kit vengono fornite le viti di fissaggio all’incastellatura di alluminio, i due
cavetti di collegamento tra moduli ottici e modulo elettronico provvisti degli appositi connettori, le
mascherine per effettuare l’ottimizzazione elettronica dell’allineamento
Manuale di Installazione
Pagina 31 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
7 CARATTERISTICHE
7.1 Caratteristiche Tecniche
CARATTERISTICHE TECNICHE
Min
Nom
Max
9,46 GHz
10,6 GHz
20mW
500 mW
50/50
16
24,162 GHz
Frequenza di lavoro doppler microonde
Potenza
40mW
Modulazione
Duty-cycle
10%
950 n/m
Lunghezza d’onda barriera infrarossi
Numero di canali di modulazione
4
Numero di raggi IR emessi
4
Portata PYTHAGORAS 100
100 m
Portata PYTHAGORAS 160
160 m
11,5 V
13,8 V
14,8 V
Tensione d'alimentazione ( V ) :
Corrente d'alimentazione TX in vigilanza * ( mA ):
122
Corrente d'alimentazione RX in vigilanza * ( mA ):
173
Corrente d'alimentazione RX in allarme * ( mA ):
180
10V
15V
Tensione d'alimentazione Riscaldatore ( V / V∼)
170
Corrente assorbita riscaldatore Ricevitore IR ( mA
)
170
Corrente assorbita riscaldatore Trasmettitore IR( mA
)
Alloggiamento per batteria:
Contatto allarme intrusione (RX)
100mA
Contatto manomissione (TX+RX)
100mA
Contatto di guasto (TX+RX)
100mA
Allarme intrusione (RX ) Led verde acceso
Manomissione (TX+RX) Led verde acceso
Guasto (TX+RX) Led verde acceso
Regolazione dei Parametri di lavoro
Peso senza batteria (TX)
ND
Peso senza batteria (RX)
ND
Larghezza
160mm
Altezza PYTHAGORAS 2 metri
2000 mm
Altezza PYTHAGORAS 3 metri
3000 mm
Temperatura di lavoro
-25 °C
+55 °C
Livello di prestazione:
3°
Grado di protezione dell'involucro:
IP44
Frequenza di lavoro barriera microonde
Potenza
Modulazione
Duty-cycle
Numero di canali
Note
e.i.r.p
On/off
e.i.r.p.
On/off
Ogni kit
1MW+2IR
1MW+2IR
1MW+2IR
Ogni kit
Ogni kit
12Vn/7Ah
NC
NC
NC
A riposo
A riposo
A riposo
A bordo
-
* Le misure di corrente sono da considerarsi senza i riscaldatori attivi.
Manuale di Installazione
Pagina 32 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.5
7.2 Caratteristiche Funzionali
1
2
Analisi
Analisi
3
Analisi
4
Analisi
5
6
7
8
Analisi
Analisi
Analisi
Disponibilità
9
Attivazione
10
Attivazione
11
Disponibilità
12
Disponibilità
13
Disponibilità
14
Disponibilità
15
Disponibilità
16
Disponibilità
17
18
Disponibilità
Disponibilità
della Frequenza del Canale di Modulazione MW impiegato (16 canali)
del Valore Assoluto del Segnale ricevuto per garantire un buon rapporto
segnale/rumore. (Segnale Basso)
del Valore Assoluto del Segnale ricevuto per segnalare guasti, deterioramenti,
mascheramenti.
dell’andamento del segnale, al fine di differenziare, per i vari casi, il comportamento del
Controllo Automatico di Guadagno.
della Tensione di alimentazione in corrente continua (Carica Batteria), Alta o Bassa.
della Tensione di alimentazione primaria in corrente alternata, presente o non presente.
dell’apertura della testa ricevente e della testa trasmittente.
di un ingresso per il comando di Test, sul Tx che provoca sul ricevitore l’attivazione del
relè di allarme in caso di risultato positivo.
sul ricevitore di tre uscite a relè statico per allarme, manomissione e guasto, e sul
trasmettitore di due uscite a relè statico per manomissione e guasto
sul ricevitore di tre leds di segnalazione allarme, manomissione, guasto (escludibili). e
sul trasmettitore di due leds di segnalazione, manomissione, guasto (escludibili)
sul trasmettitore di un segnale di uscita con funzione di sincronismo per altri
trasmettitori che possano interferire tra loro.
sul trasmettitore di un ingresso di sincronismo proveniente da un altro trasmettitore che
possa interferire.
sul trasmettitore di un commutatore a 16 posizioni, che consente di stabilire quale
canale di modulazione utilizzare. Il ricevitore, durante la fase di installazione, riconosce e
memorizza automaticamente, quale canale deve essere utilizzato, durante la fase di
lavoro.
Sul ricevitore di un sistema acustico per effettuare le fasi di allineamento elettronico,
acquisizione valori di allineamento, qualifica dell’allineamento, walk-test, senza ausilio di
altri strumenti esterni
sia sul ricevitore sia sul trasmettitore di un connettore per le misure con strumentazione
esterna.
Selezione di 4 canali per la sovrapposizione di più barriere infrarosso senza l’utilizzo di
cavi di sincronismo
Linea seriale RS 485 per la raccolta degli allarmi e la gestione da remoto
di uno storico eventi che memorizza gli ultimi 128 eventi verificatisi
Manuale di Installazione
Pagina 33 di 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
1 DESCRIPTION
1.1 Description
PYTHAGORAS is a multi technology barrier designed for volumetric external perimeter
protection. The barrier is able to detect the presence of an object moving in a sensitive field
established between the transmitter (TX) and receiver (RX).
The signals received by each detector are analysed and evaluated by a microprocessor
according to behavioural models (Fuzzy logic analysis), based on the set scenario and, taking
advantage of the synergy between the three technologies used (microwave barriers, infrared
barriers, microwave Doppler), give excellent detection performance and extremely low false
alarms. In addition a complete set of test and audible set up functions allow very simple
installation and maintenance.
PYTHAGORAS is available with the following ranges:
- PYTHAGORAS100
- PYTHAGORAS160
Range 100 metres
Range 160 metres
The barrier is available with column 2 or 3 meters high, with double technology (infrared barrier
and microwave barrier) or triple technology (infrared barrier, microwave barrier and microwave
doppler on each column)
Installation Manual
Page 34 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
2 INSTALLATION
2.1 Mounting of the Unit
Both the units (TX and RX) are mounted by fixing the support base to the ground.
Start from the top cover. Remove the screws by using a screw driver. Then remove the top
cover. Lift up slightly the front cover on the side of the column where the top cover has been
removed. Slide the hands between the front cover and the metallic part along the column. Once
reached the other side of the column, pull up completely the front cover.
Fig. 1a
Fig. 1b
Fig .1c
Fig .1d
Place the bottom lid of the column on the base, place the column into the proper plug and after
placing the “L” locking racket, tighten them up by using the provided screws.
Fig .1e
Fig .1f
Fig .1g
Fig .1h
Installation Manual
Page 35 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
On the top of each column there are two tamper switches. The one on the side provides
information about the top cover removal. The one on the center, on the other hand, provides
information regarding the top cover pushing and it is suitable in order to detect climbing
attempts.
Tamper switch for providing
information about climbing by
pushing the top cover
Tamper
switch
for
providing information about
the top cover removal
Figure 1i
Installation Manual
Page 36 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
2.2 Number of Zones
When planning protection of a closed perimeter using volumetric barriers, as well as the normal
considerations relating to the subdivision of the system into a specific number of zones to suit
the management of the systems, it is also necessary to remember that it is preferable to install
an even number of zones for this type of technology. This is because in a closed perimeter
created by a odd number of zones it would be necessary to have an overlap/crossover between
a transmitter and a receiver which could cause mutual interference.
In figure 2a) the corner between the two Tx and Rx is correct, but the two heads are very close
and the transmitter that corresponds to the receiver positioned on this corner is a very long way
away. In figure 2d) the two Tx and RX heads create a corner greater than 90° and are therefore
not correct because the two heads are very close together.
Fig.2a
INCORRECT
CORRECT
INCORRECT
Fig.2d
CORRECT
Fig.2e
CORRECT
Fig.2f
Fig.2b
Fig.2c
Installation Manual
CORRECT
Page 37 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
2.3 Installation Advice
For a correct installation of infrared barriers it is necessary to be aware of the following rules:
ƒ
Do not place the receiver so that direct or reflected sunlight can reach it. Direct or
reflected sunlight hitting the receiver can cause false alarms.
ƒ
Do not place the infrared barriers next to a highly reflective surface such as a white wall
or directly by a window as , in this case, the barrier can become insensitive (difficult to
generate an alarm).
ƒ
Do not place the barrier on an unstable mechanical support, such as fences that can
move, badly anchored poles, as, in this case, the barrier may cause false alarms.
2.4 Ground Conditions
It is not advisable to install the equipment along zones where there is: long grass (higher than
10cm), ponds, water courses along the line of the barrier and in general where the layout of the
ground can change rapidly.
2.5 Obstacles
Fences, if metallic, are very reflective and can cause different problems of reflection for the
microwave and it is therefore necessary to take some precautions:
- The fence must be firmly fixed so that there is no movement caused by the wind.
- Where possible the barrier must not be installed exactly parallel to the fence. It is then
necessary to create a small angle to the fence.
- When the sensitive zone is bounded by two metallic fences it is advisable to ensure that
the corridor is not less than 5m wide so that fence movements will not create
disturbances. It should be noted that when using one of the “AND” scenarios
described in section 4, Pythagoras can be installed both in a corridor with
dimensions of less than 5m and parallel to a badly fixed fence.
- Metallic fence placed behind the units can create distortion of the sensitive zone.
Trees, hedges, bushes and vegetation in general require special attention when they are near
or inside the detection zone.
These obstacles are variable both by size and position because they can grow and be affected
by the wind.
Therefore it is not advisable to allow these types of obstacle in the protection zones.
It is possible to tolerate these obstacles only if their growth is limited by a regular maintenance
and their movement is limited by retaining fences. Inside the protection zone it is possible to
tolerate the presence of tubes, poles and various obstacles (lights, chimneys, etc) as long as
their dimensions are not excessive within the detection lobes. These obstacles can cause
unprotected dead zones and hypersensitive zones, sources of false alarms.
Installation Manual
Page 38 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
2.6 Amplitude of the MW Sensitive Beam
The dimensions of the sensitive beam is based on the sensitivity setting of the barrier.
The following figure gives the dimensions at the middle-point of the sensitive zone, as a function
of the length of the zone for maximum and minimum sensitivities.
20
18
16
Half range
sensitive zone
diameter [m]
Maximum
sensitivity (”F”)
14
12
10
8
Minimum
sensitivity (”0”)
6
4
2
Range [m]
20
40
60
80
100
120
140
160
180
200
220
Figure 3
Dimensions of the sensitive zone at the mid-point for PYTHAGORAS 100-160 (open field)
2.7 Length of the Dead Zones near the equipment
The dimensions of the dead zone close to the units is a function of both the height of the units
above the ground and the sensitivity setting of the Receiver (figure 5). The recommended
height for a standard installation is approximately 80 cm, dependent on the requirements of
the system. The measurement is from the centre of the antenna to the ground. With average
sensitivity the minimum crossover distance should be 3.5m each.
.
100
100
Antenna centre
Maximum
Minimum
90 distance from the
90
Sensitivity (F)
Sensitivity (0)
ground (cm)
80
80
70
70
60
60
50
50
40
40
30
30
20
20
Length of
dead zone (m)
10
10
6
1
2
3
4
5
7
8
9
10
Figure 4 Length of the dead zone near the equipment for PYTHAGORAS based on the
distance of the centre of the antenna from the ground and on the sensitivity setting
Installation Manual
Page 39 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3 CONNECTIONS
3.1 Terminals, connectors and circuit functions
3.1.1 Transmitter Control Circuit
1000uF
J2
S1
TERMINAZIONE
DI LINEA RS 485
OFF
ON
J4
P
J4
SW2
SW1
J3
SW3
LED
GUASTO
LED
TAMPER
JP2 LED
ON OFF
OUT
SYNC
GND
TEST
STBY
FLT
FLT
TMP
TMP
LO
LH
GND
13,8V
MS3
IN
SYNC
Jp1
MS2
Figure 5 Component layout TX circuit
The following tables show the functions of the terminals on the PYTHAGORAS TX board:
TERMINAL BLOCK MS 2 TRANSMITTER
Term
1
2
3
4
5
6
7
8
Symbol
TMP
TMP
FLT
FLT
STBY
TEST
GND
SYNC
Installation Manual
Function
Tamper Relay Contact + Tilt AMP1 (NC)
Tamper Relay Contact + Tilt AMP1 (NC)
Fault Relay Contact (NC)
Fault Relay Contact (NC)
Not used
Input for TEST Command (Norm. Open from GND)
Auxiliary Ground Output
Output (Input) for Synchronising signal, to (from) Tx Slave (Master)
Page 40 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
TERMINAL BLOCK MS 3 TRANSMITTER
Pin
1
2
3
Symbol
13,8V
GND
LH
4
LO
Function
Positive for RS 485/232 Converter power supply (+13,8V )
Negative for power supply and data reference
High Data line (+ RS 485)
Low Data line (-RS 485)
CONNECTOR J2
Pin
1
2
3
Symbol
GND
DRO
GND
Function
Ground for MW Oscillator
Connection for MW Oscillator
Ground for MW Oscillator
CONNECTOR J3
Pin
1-2-3-5-8-9-10-1114-15
4
6
7
12
13
Symbol
N.C.
16
+8V
Symbol
GND
ING
GND
TRANSMITTER
Function
Not used
GND
+13,8
GND
+5V
OSC
Ground
Power Supply (13,8 V )
Ground
Internal power supply voltage (5 V )
Oscillator operation measurement
(+4V = OK, 0 o 8V = NON OK)
Internal power supply voltage (8 V )
CONNECTOR J4
Pin
1
2
3
TRANSMITTER
TRANSMITTER
Function
Ground Connection to Tamper switch
Tamper switch input
Ground Connection to Tamper switch
TRANSMITTER CHANNEL SELECTOR
Symbol
SW3
Function
Hexadecimal switch for the selection of the modulation
channel from 0 to F
LINK NUMBER SELECTOR
Symbol
SW2
SW1
Function
Tens Selector
Units Selector
TRANSMITTER JUMPERS
Symbol
Jp1
Jp2
Function
OUT = Internal Modulation (the Tx is Master
and the Synchronisation signal is output)
IN = External Modulation (the Tx is Slave and
the Synchronisation signal is input)
Exclusion of fault and tamper led
Normal
OUT
ON
TRANSMITTER LEDS
Symbol
D7
D3
Installation Manual
Indication
Fault
Tamper
Page 41 of 64
Normal
ON
ON
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3.1.2 Receiver Control Circuit
1000uF
J2
BZ1
Jp2
OFF
J4
SW3
ON
SW2
SW4
SW5
SW1
ON
S1
Tp
FLT
MS2
FLT
TMP
MS3
TMP
ALL
ALL
LO
LH
GND
13,8V
OFF
Jp1
LED
LED
ALLARME LED GUASTO
TAMPER
Figure 6 Component layout RX circuit
The following tables show the functions of the terminals on the PYTHAGORAS RX board:
Term
1
2
3
4
5
6
Symbol
ALL
ALL
TMP
TMP
FLT
FLT
TERMINAL BLOCK MS2 RECEIVER
Function
Alarm Relay Contact (NC)
Alarm Relay Contact (NC)
Tamper Relay Contact + Tilt AMP1 (NC)
Tamper Relay Contact + Tilt AMP1 (NC)
Fault Relay Contact (NC)
Fault Relay Contact (NC)
TERMINAL BLOCK MS 3 RECEIVER
Term
1
2
3
4
Installation Manual
Symbol
13,8V
GND
LH
LO
Function
Positive for RS 485/232 Converter power supply (+13,8V )
Negative for power supply and data reference
High Data line (+ RS 485)
Low Data line (-RS 485)
Page 42 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
CONNECTOR J2
Pin
1
2
3
Symbol
GND
DET
GND
RECEIVER
Function
Ground for Microwave Detector a
Connection for Microwave Detector
Ground for Microwave Detector
Pin
1-2-3-5-8-10-11-1315-16
4
6
7
9
12
14
CONNECTOR J3
Symbol
N.C.
Not used
GND
+13,8
GND
0,2V
+5V
VRAG
RECEIVER
Function
Ground
Power supply (13,8 V )
Ground
Received Signal 200 mVpp
Internal power supply voltage (5 V )
Automatic Gain Control (AGC) voltage
CONNECTOR J4
Pin
1
2
3
Symbol
GND
ING
GND
Symbol
Jp1
Symbol
D4
D5
D6
Symbol
S1
Symbol
Tp 3
Tp 4
Tp 10
Installation Manual
RECEIVER
Function
Ground Connection to Tamper switch
Tamper switch input
Ground Connection to Tamper switch
JUMPERS RECEIVER
Function
Exclusion of Alarm, Tamper and Fault led (D6, D5, D4)
RECEIVER LEDS
Indication
Fault + Alignment
Tamper + Alignment
Alarm + Alignment
Default
ON
Default
ON
ON
ON
FUNCTION ACTIVATION PUSH BUTTONS
Function
-Activation of recovery and acquisition of values in Alignment phase
(with SW1 in position 1)
- Acquisition of Channel, Field values and indication of Alignment
quality (with SW1 in position 2)
- Activation of Alignment quality indication (with SW1 in position 3)
RECEIVER TEST POINTS
Function
Field signal measurement 200 mVpp (Oscilloscope)
Automatic Gain Control Voltage Measurement (V RAG)
Ground for measuring instrument
Page 43 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Symbol
SW1
Ed. 2.4
RECEIVER FUNCTION SELECTORS
Function
Position 1 = MW Barrier Alignment
Position 2 = MW Barrier parameter Acquisition (Channel, Field Values,
masking and sensitivity threshold acquisition, indication of alignment
quality)
Position 3 = MW Barrier Walk Test, Masking and sensitivity threshold
acquisition, verification of alignment quality
Position 4 = NOT Active
Position 5 = NOT Active
Position 6 = NOT Active
Position 7 = NOT Active
Position 8 = NOT Active
Position 9 = Set scenario “AND with 2 technology filter”
Position A = Set scenario “AND with priority filter”
Position B = Set scenario “AND”
Position C = Set scenario “AND with Anti-climb”
Position D = Set scenario “AND with Anti-creep”
Position E = Set scenario “AND with Anti-creep + Anti-climb”
Position F = Set scenario “OR”
Position 0 = Set scenario “AND with: 2 technology + priority filters”
SELECTORS TO SET WORKING PARAMETERS OF RECEIVER
Symbol
Function
SW4
Control of anti-masking sensitivity (“0” = low sensitivity, “F” = High
sensitivity, Default = “2”)
SW5
Control of intrusion sensitivity (“0” = Low sensitivity, “F” = High
sensitivity, Default = “7”)
Installation Manual
Page 44 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
+13,8V
GND
1
MS4
MS1
1
DZD
JP1
OFF
JP2
OFF
OFF
JP5
OFF
DISQ
JP4
DISQ
IR1 Low
OFF
+13,8V
GND
MPR
1
MS5
MS2
Power
IR High
JP3
IN AL
+13,8V
IN AL
GND
DISQ
DISQ
GND
+13,8V
Transmitter Interface Circuit
IN AL
3.1.3
Ed. 2.4
1
DISQ
DISQ
IN AL
MS3 GND
1 +13,8V
IR2 Low
J1
Figure 7 Component layout TX interface circuit
TERMINAL BLOCK MS5 (POWER) TRANSMITTER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Input for Positive power supply (+13,8V )
2
GND
Input for Negative for power supply
3
MPR
Positive Mains Present (+14,6V = mains and power supply OK)
TERMINAL BLOCK MS1 (DZD) TRANSMITTER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Positive power supply for Doppler device (+13,8V )
2
GND
Negative power supply for Doppler device
3
IN AL
Doppler input signal
TERMINAL BLOCK MS2 (IR HIGH) - MS3 (IR2 LOW) - MS4 (IR1 LOW)
TRANSMITTER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Positive for power supply circuit (+13,8V )
2
GND
Negative for power supply circuit
Symbol
JP1
Simbolo
J1
Installation Manual
JUMPERS TRANSMITTER INTERFACE CIRCUIT
Symbol
Doppler Alarm Management
Default
OFF
TRANSMITTER CONTROL CIRCUIT CONNECTOR
Funzione
Connector for the transmitter control circuit. It provides power and
alarm contact coming from the mW doppler.
Page 45 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
+13,8V
1
1
MS4
OFF
IR High
JP2
OFF
OFF
GND
MS5
1
DISQ
Power
DISQ
JP5
MS3 IN AL
OFF
GND
DISQ
JP4
DISQ
IR1 Low
+13,8V
MPR
GND
DISQ
+13,8V
1
MS2
JP3
JP1
IN AL
DISQ
+13,8V
MS1
DZD
GND
IN AL
GND
IN AL
3.1.4 Receiver Interface Circuit
OFF
J1
1 +13,8V
IR2 Low
Figure 8 Component layout RX interface circuit
TERMINAL BLOCK MS5 (POWER) RECEIVER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Input for Positive power supply (+13,8V )
2
GND
Input for Negative for power supply
3
MPR
Positive Mains Present (+14,6V = mains and power supply OK)
TERMINAL BLOCK MS1 DZD RECEIVER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Positive power supply for Doppler device (+13,8V )
2
GND
Negative power supply for Doppler device
3
IN AL
Doppler input signal
TERMINAL BLOCK MS2 (IR HIGH) - MS3 (IR2 LOW) - MS4 (IR1 LOW)
RECEIVER INTERFACE CIRCUIT
Term Symbol
Function
1
13,8V
Positive for power supply circuit (+13,8V )
2
GND
Negative for power supply circuit
3
IN AL
Infrared barrier input alarm contact
4
DISQ
Infrared barrier disqualification alarm contact
5
DISQ
Infrared barrier disqualification alarm contact
Symbol
JP1
JP2
JP3
JP4
JP5
Simbolo
J1
Installation Manual
JUMPERS RECEIVER INTERFACE CIRCUIT
Symbol
Doppler Alarm Management
IR High Barrier Alarm Management
IR High Barrier Disqualification Management
IR 2 Low (middle) Barrier Alarm Management
IR 2 Low (middle) Barrier Disqualification Management
Default
OFF
ON
ON
OFF
OFF
RECEIVER CONTROL CIRCUIT CONNECTOR
Funzione
Connector for the receiver control circuit. It provides power and alarm
contact coming from the infrared devices and mW doppler.
Page 46 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3.2 Connection to Power Supply
The units must be powered by direct current at a nominal voltage of 13,8 V , using the MS5
connector on the transmitter and receiver interface circuit.
The connection between the power supply and the device must have adequate dimensions,
calculating the cross-section based on the length of the connection and the current consumption
of the devices. When the connection is very long it is recommended to use a supplementary
power supply.
A table is reported below indicating the length of the conductors based on the minimum section
implemented. The conductors must be of the shielded and braided type.
Section of
wires
[mm2]
0,6
1,5
2,5
4
Wires length [m]
Wires length [m]
PYTHAGORAS 100
PYTHAGORAS 160
Tx
120
280
480
750
Rx
80
200
300
500
Tx
100
250
450
700
Rx
80
200
300
500
Note: When using the same cable to power several Pythagoras barriers the distances indicated
must be divided by the number of barriers connected.
3.2.1 Connection to the Power Supply for Heating
The power supply concerning the heating system must be realised through a separate power
supply line other than that used for the module. Connect the power line directly to the terminal
block of each IR Module to the pin named as "HEATER".
This power supply can be either of the 12V or 12V~ type.
3.2.2 Connection to Main Power Supply
The connection between the supplementary power supply and the 230/240 V~ network must
use conductors of the correct size, as proscribed in local regulations.
The connection of the 230/240 V~ network must be made using a suitable size device with the
following characteristics:
• bipolar with a minimum distance of 3mm between the contacts.
• configured as part of the fixed system
• easily accessible
It is possible to use the Newton-Alim power supply inside the TX and RX column.
Full attention must be paid to the rules and regulations covering the permanent
connection of fixed devices to the national power supply network such as Law 46/90
and CEI 64-8 Standard in Italy.
3.2.3 Connection to Stand-by Power Supply (Battery)
The optional 12 V 2.1Ah battery placed inside the column and recharged by the Newton-Alim
will provide power supply autonomy for more than 12 hours (Fault contact is activated after
main power failure of more than 3 hours, if the positive for main present is connected on
terminal MPR ).
N.B. the casing of the stand-by batteries used must be of self-extinguishing class HB or better (
Standard UL 94 ).
Installation Manual
Page 47 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3.3 Connection to the Control Unit
Connections to the central control unit must use shielded cable.
3.3.1 Alarm Contacts: Alarm, Tamper, Fault
The device outputs are:
on the receiver there are 3 voltage free, normally closed contacts to indicate the following
conditions:
• ALARM, TAMPER, FAULT
on the transmitter there are 3 voltage free, normally closed contacts to indicate the following
conditions:
• TAMPER, FAULT
There are also two inputs on the transmitter to activate the following functions:
• Test
• Synchronisation (Input or Output)
All output contacts on the transmitter and the receiver are solid state relays with a rating of
100mA max.
N.B. the resistance of Alarm, Tamper and Fault contacts, when closed, is approximately 40
Ohm. The alarm contacts will activate under the following conditions:
- ALARM RELAY
1- Pre-Alarm on receiver (Note 1) plus at least an Alarm on an infrared barrier
2- Channel Alarm plus at least an Alarm on an infrared barrier
3- Alarm from at least 2 infrared barriers
4- Disqualification of at least one infrared barrier plus any other alarm
5- Any Alarm described in the chapter alignment and configuration
- TAMPER RELAY
3- Removal of cover (Radome)
4- Tilt bulb operation
- FAULT RELAY
1 Low battery voltage (< +11V )
2 High battery voltage (> +14.8V )
3 Oscillator Fault BF (low frequency) or RF (radio frequency) TX circuit
4 Loss of main power for more than 3 hours continuously if using the appropriate input
5 Disqualification of one or more IR barriers on the RX
Note 1: a pre-alarm will be generated, if the intrusion signal, after passing the start analysis
threshold (Walk-test buzzer sounds intermittently), remains in this condition for about 30
seconds.
Installation Manual
Page 48 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3.3.2 Synchronisation Connections
To synchronise two transmitters it is necessary to make connection between terminals 8
“SYNC” and terminals 7 “GND” on terminal blocks MS2 of the two transmitters.
It is also necessary to select one transmitter as the “Master” and the other as the “Slave” using
the jumper Jp1.
• With Jp1 in position “IN” the terminal 8 of MS2 is the Input terminal for an external
synchronisation signal making the transmitter a “Slave”.
• With Jp1 in position “OUT” the terminal 8 of MS2 is the Output terminal for a
synchronisation signal making the transmitter a “Master”.
N.B. the interconnection cable between the two transmitters must be as short as possible
(<10m) and must be shielded with the shield connected to ground. For lengths longer
than 10m it is necessary to use a synchronisation repeater circuit (mod. SYNC 01).
3.3.3 Test Connections
The Test Function is activated by connecting terminal 6 “TEST” of terminal block MS2 on the
transmitter circuit to GND. If the test function is activated after about 10 seconds the alarm relay
on the receiver will be activated.
N.B. for high risk protection it’s necessary a Periodic Test for the equipments. In this way the
control panel will be able to detect bypass attempts of the sensors.
3.3.4 Stand by Connections
The Stand by Function is not active, and the terminal 5 ”STAND BY” of terminal block MS2 on
the transmitter must be connected to GND, if the transmitter interface circuit is not present.
Installation Manual
Page 49 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
3.4 RS-485 Serial Line
3.4.1 RS-485 / 232 Serial Line Interface
Both the receiver and the transmitter of the PYTHAGORAS barrier are provided with a standard
RS485 serial interface. The communication parameters are as follows:
Mode:
Asynchronous Half-Duplex
Speed:
9600 b/s
Length:
8bit
Parity:
None
Stop Bit:
1
3.4.2 RS-485Serial Line Connections
The connection can be "multidrop” type, with many barriers connected in parallel on the same
serial line (Bus configuration). These connections are made by connecting, on terminal block
MS3 of both transmitter and receiver, negative RS485 data (RS-485 - ) to terminal 4 “LO”,
positive RS485 data to terminal 3 “LH”, and the data ground reference conductor to terminal 2
“GND”. To connect a PC to the data line use an RS232 serial interface via an RS 485/232
interface converter, provided with the WAVE-TEST software. The power supply for this
converter can be supplied via terminals 1 (+13,8V ) and 2 (GND) on MS3.
Interconnection cable for all RX or TX heads to PC for maintenance using
SW WAVE TEST
PIN
Terminal
Block MS3
N°
1
2
3
4
CONNECTOR
25 pin
(D Type)
on converter
N°
Symbol
Function
+13,8 Power supply (13,8 V ) for 485/232converter
12
GND Data and power ground for 485/232 converter
9
LH
485 High data line for RS 485
10
LO 485 Low data line for RS 485
11
3.4.3 Network Configuration and Signal Regeneration
The serial connection between the various heads of the installed barriers must be made using a
shielded cable, twisted and with low capacitance (< 70 pF/m) e.g. “Belden 9842”. The
network architecture should be “BUS” type with a maximum length of 1200m. If it is necessary
to use a star architecture or the maximum length of the cable is more than 1200m it will be
necessary to use one or more line repeaters (BUS-REP model). It is then possible to create
different cable configurations:
- full star, - mixed, with bus and star using repeaters/regenerators and multiple BUS-REP
interfaces fig. 9. The total number of devices that can be connected to the line is 32 and for
greater numbers it is necessary to use one or more RS485 line regenerators even if the total
length is less than 1200m. For effective protection against induced interference on the line it is
essential that the shield is connected throughout the length of the cable and that it is connected
to GROUND at only one point, usually near the power supply. When there are many barriers
connected to the serial line, the power for the RS485/RS232 converter must be provided by a
local power supply, located close to the converter and, therefore, the PC.
Installation Manual
Page 50 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
ARCHITETTURA DI LINEA “STELLARE” IMPIEGANDO “BUSREP” COME MOLTIPLICATORE
Linea RS- 485
max 1200 mt.
1
1
L4
1
RS232 RS-485
1
Barriere
BUSREP 1
Linea RS- 485
max 1200 mt.
13
32 L1
L3
1
2
3
Linea RS- 485
max 1200 mt.
1
L2
13,8 Vcc
32
3
2
CONVERTITORE
DI LINEA SERIALE
RS-485/RS-232
1
31
3
2
32
ALIMENTATORE
LOCALE
Dispositivi
di Campo
0 Vcc
Barriere
2
3
32
Barriere
Nella figura è rappresentato un impianto che richiede una linea seriale RS - 485 a più rami (Architettura Stellare)
Questa architettura è realizzabile utilizzando un BUSREP come moltiplicatore. Le 4 tratte risultanti possono essere
lunghe, ciascuna, fino a 1200 mt e ad ognuna possono essere collegati un numero massimo di
dispositivi pari a 32 compreso il BUSREP, e nella prima tratta compreso il convertitore di linea seriale
Figure 9
ESTENSIONE DELLA DISTANZA IMPIEGANDO “BUSREP” COME RIGENERATORE
CONVERTITORE
DI LINEA SERIALE
RS-485/RS-232
BUSREP 1
Linea RS- 485
max 1200 mt.
13
1
11 L1
RS232 RS-485
1
1
13,8 Vcc
BUSREP 2
Linea RS- 485
max 1200 mt.
L4
1
L3
2
3
21 L1
12
L2
10
0 Vcc
14
13
Barriere
Barriere
L3
L2
ALIMENTATORE
LOCALE
Linea RS- 485
max 1200 mt.
L4
20
22
23
24
29
Barriere
Nella figura è rappresentato un impianto che richiede una linea seriale RS - 485 di lunghezza superiore a 1200 mt.
Essa è stata spezzata, utilizzando due BUSREP come rigeneratori, in 3 tratte ciascuna di lunghezza inferiore.
In questo caso i dispositivi di campo, sono meno di 32 ma possono essere dislocati su una linea lunga 3600 mt.
Figure 10
3.5 Connection for Remote Access
To interface a modem (for switched telephone lines with a speed of 9600 b/s) to the
PYTHAGORAS barriers in addition to the RS485/RS232 conversion a cross conversion is
required as shown below:
Figure 11
Installation Manual
Page 51 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
4 MICROWAVE ALIGNMENT AND CONFIGURATION
4.1 Alignment and Configuration
The PYTHAGORAS barriers have an electronic alignment system, a system for parameter
adjustment and a test system which greatly simplify both the installation and routine
maintenance without the need for special tools.
4.1.1 Operations at the TRANSMITTER
Open the column following the procedure described on the paragraph 2.1. Removing the top
cover and opening the radome (front cover) will activate the “Tamper” switch connected to
CONNECTOR J4.
1. Connect the DC (13,8 V ) power supply cables to terminals 1 and 2 of MS5 of the
Transmitter interface circuit.
2. Set one of the 16 modulation channels available by rotating the hexadecimal switch “SW3”
to a position between 0 and F.
The use of one channel rather than another will not modify the barrier performance, but it is
good practice to set different channels for the different barriers on a system to avoid the
possibility of sabotage or deliberate interference.
N.B. when there is a possibility that two barriers are affected by reciprocal interference
because, for system reasons, the signal from one microwave can be intercepted by
the other, it is necessary to synchronise the transmitter units, making one unit (the
MASTER) provide a synchronisation signal to the other (SLAVE). In this mode the
modulation frequency is not dependent on the position of the switch, but only on the
synchronising signal.
3. To adjust the horizontal and vertical alignment release lightly the screws on the bracket and
when complete tighten them back.
4. Ensure that the tilt switch bulb “Amp 1” is in a position that keeps the contact closed
(perpendicular to the ground).
Installation Manual
Page 52 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
4.1.2 Operations at the Receiver
Open the column following the procedure described on the paragraph 2.1. Removing the top
cover and opening the radome (front cover) will activate the “Tamper” switch connected to
CONNECTOR J4.
1
Connect the DC (13,,8 V ) power supply cables to terminals 1 and 2 of MS5 of the
interface Receiver circuit.
2
To optimise the alignment of the barrier and to set the operating parameters without the use
of an instrument, using the integrated electronic system, after a preliminary optical
alignment, proceed as follows:
a. Ensure that the micro switch that monitors the opening of the cover, connected to
CONNECTOR J4, is open.
b. Rotate Function SW1 to Position 1. This activates the installation phase of the barrier.
c. Press push button S1. This activates the fast signal acquisition system and also activates
the buzzer, with an intermittent sound, which in this phase indicates the level of signal
received.
d. Release lightly the bracket screws and move the horizontal alignment of the receiver, looking
for the maximum received signal.
e. If during alignment there is an increase in the intermittent frequency of the buzzer this
means that there is an increase in the received signal with respect to the previous level. If
the increase in the received signal is significant the buzzer sound may be continuous. Press
push button S1 again and when the buzzer sound becomes intermittent again or with a
lower intermittent frequency (when the signal has recovered) reorientation the head again. If
during the alignment the intermittent frequency drops, instead of increasing, this means that
the received signal has reduced after the movement and the movement should be reversed
in the opposite direction to try and find a new maximum. If the frequency drops no matter
which direction the head is moved this means that the current position gives the maximum
signal..
f. Release lightly the bracket screws on the transmitter head and repeat the operation
described in “e”.
NB: during alignment of the transmitter to activate the signal recovery, rather than pushing
the button S1 on the receiver, mask temporary the radio frequency beam (for example by
placing a hand in front of the transmitter antenna) so that a single person can easily align
the PYTHAGORAS barrier.
g. Got the best alignment (maximum signal), lock the horizontal movement of the transmitter
and receiver.
h. Release the vertical movement of the receiver head and orientate it upwards. Push button
S1 and wait until the intermittent buzzer has stabilised. Rotate the antenna slowly
downwards looking for the maximum signal as described in “e”.
Installation Manual
Page 53 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
i.
Ed. 2.4
Release the vertical movement of the transmitter and carry out the operations described for
the vertical alignment of the receiver, blocking the transmission by hand instead of pushing
the button S1. At the end of this operation lock the vertical movement of both transmitter
and receiver.
j. Rotate switch SW1 to Position 2, ensuring that during this operation there are no obstacles
or alterations within the microwave field, for example the operator standing into the
microwave beam. This is very important because during this phase the barrier acquires the
modulation channel value and the field signal value and any change into the field can lead
to acquisition of incorrect values. The acquisition of these values by the receiver takes a few
seconds after the button S1 is pushed. After about 3 seconds the buzzer BZ1 emits a
certain number of sounds indicating the alignment quality or more precisely:
1 Beep =
Best Quality
2 Beep =
Good Quality
3 Beep =
Poor Quality
4 Beep =
Insufficient Quality
5 or more Beep =
None.
If the alignment is insufficient or none then all the alignment procedures must be repeated
ensuring that there are no obstacles or interference in the detection field and return to this
phase by pushing button S1.
3
Rotating the function switch SW1 to position 3 makes it possible to perform a Walk-Test,
while the barrier works with the parameters set using the sensitivity switch SW5 and the
masking switch SW4, and every variation in the microwave signal in the sensitive zone will
activate the buzzer mounted on the board of the receiver. The buzzer sound is intermittent
the frequency of which is dependent on the intensity of the variation. If the frequency
increases then this means that the variation has increased (which indicates a greater
penetration of the detection field) and if the disturbance signal reaches a level that meets
the alarm condition and there is also an alarm on the infrared barrier the buzzer will sound
continuously. In this mode it is possible to evaluate the actual size of the sensitive zone and
find potential sources of interference (for example loose fences or other factors) that can
influence the detection zone in which it is detected. With the function switch SW1 in position
3, push the button S1, memorising the parameters set by the SENS and MASK switches
and obtaining the sound indication relating to the quality of alignment as described in “j”.
This is particularly useful when making checks for maintenance. If the results of the walk
test do not satisfy the detection requirements for the zone it is possible to adjust the
sensitivity of the PYTHAGORAS, using switch SW5 and pushing the button S1. The default
setting is “7” and represents the best setting for most situations. To increase the sensitivity
set this switch to a higher value, such as: “8”, “9”, “A”, “B”, “C”, “D”, “E”, “F”. And to
decrease the sensitivity set this switch to a lower value, such as: “6”, “5”, “4”, “3”, “2”, “1”,
“0”. It is important to remember that the value is only active after pressing the push button
S1.
Changes in sensitivity made using SW5 and push button S1 will affect the dimensions of the
sensitive field, and an excessive increase in the sensitivity can lead to an increase in false
alarms from the MW barrier while an excessive reduction in the sensitivity can reduce the
detection capability for detecting genuine intrusions.
Installation Manual
Page 54 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
4
The masking thresholds are positioned one above and one below the field signal level
memorised during the working parameter acquisition phase (SW1 in Position 2 phase “j”).
They verify if there is a variation in the received field that could alter the detection capability
of the barrier. These variations can be created, for example, by progressive accumulation of
snow along the protected area or they could be produced deliberately in an attempt to
overcome the protection. The sensitivity to the detection of these variations is set during
manufacture to the default value of “2”, using switch SW4. To reduce this sensitivity move
SW1 to position 3 and set SW4 to a lower value, such as: “1”, “0” and press S1. NB.
Setting the value to “0” effectively disables this function. If an increase in sensitivity is
required move SW1 to position 3 and set SW4 to a higher value, such as: “3”, “4”, “5”,
“6”, “7”, “8”, “9”, “A”, “B”, “C”, “D”, “E”, “F” an press S1. NB. Setting this value too
high will create more possibilities of false alarms from the MW barrier.
5
After completing the IR alignment phase (described in the next section) it is possible to
select the operating scenario most suitable to the requirements of the site to be protected.
The choice of scenario is made using switch SW1 and selecting one of the following
positions: “9”, “A”, “B”, “C”, “D”, “E”, “F”, “0”.
The scenarios are as follows:
Scenario “0” : AND with 2 technologies + priority Filters
Selecting this option will produce an alarm only if at least one pair of barriers of different
technologies reach alarm with the following sequence: first MW or Doppler and then IR. For
example: IR Low + MW = No Alarm, MW + low IR = alarm, MW + high IR = alarm, IR High +
MW = No Alarm, Doppler + IR Low = alarm, Doppler + IR High = alarm, IR Low + Doppler =
No Alarm, IR High + Doppler = No Alarm, Doppler + MW = No Alarm. The use of this scenario
allows to reduce drastically false alarms due to the reaction of the different technologies used in
critical environmental conditions, such as heavy fogs or rain, narrow corridors and closed and
loosen fences. The consequent reduction in probability of detection must be always evaluated
for the specific site requirements.
Note: middle IR is optional.
Scenario “9” : AND with 2 technologies Filter
Selecting this scenario will produce an alarm if at least two of barriers of different technologies,
regardless to the sequence (priority), detect an alarm condition. For example, first low IR and
then MW = alarm, first MW and then low IR = alarm, while the sequence first low IR then high IR
= No Alarm. Doppler + IR low = Alarm, IR low + Doppler = Alarm. IR high + Doppler = Alarm,
Doppler + IR high = Alarm, MW + Doppler = No Alarm.
This scenario will filter alarms created by the IR barriers when, for example, two of them, just
before to go into disqualification, produce the alarm condition.
Scenario “A” : AND with Priority Filter
Selecting this scenario will produce an alarm if at least one single pair of barriers detects an
alarm condition as per scenario “0” but the alarm sequence of first IR barrier and then MW
barrier or Doppler is discarded. For example, first low IR and then MW or Doppler = No alarm
while the sequence first MW or Doppler then low IR = Alarm.
This scenario will filter alarms created by the IR barrier when for example it is about to go into
disqualification and when interference is present on the MW it will produce one alarm condition.
Installation Manual
Page 55 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
Scenario “B” : AND
Selecting this scenario will produce an alarm if at least two of barriers regardless to the
technologies, and regardless to the sequence (priority), detect an alarm condition. For example,
first low IR and then MW = alarm, first MW and then low IR = alarm, first low IR then high IR =
Alarm. Doppler + IR low = Alarm, IR low + Doppler = Alarm, Doppler + IR high = Alarm, IR high
+ Doppler = Alarm, MW + Doppler = No Alarm
Scenario “C” : AND with Anti-climb
Selecting this option will produce an alarm if at least one MW barrier pair and the middle IR or
MW and low IR, Doppler + IR Low, Doppler + IR Medium reach alarm conditions or if only the
top IR (anti-climb) reaches alarm condition.
This scenario allows an increased probability of detection in positions where it may be possible
to elude the detection by climbing.
Note: middle IR is optional.
Scenario “D” : AND with Anti-creep
Selecting this option will produce an alarm if at least one MW barrier pair and the middle IR or
MW and bottom IR, Doppler + IR Medium, Doppler + IR High reach alarm conditions or if only
the bottom IR (anti-creep) reaches alarm condition.
This scenario allows an increased probability of detection in positions where it may be possible
to elude the detection by crawling on the ground for example where the barriers overlap when
the length of one barrier is insufficient.
Note: middle IR is optional.
Scenario “E” : AND with Anti-creep and Anti-climb
Selecting this option will produce an alarm if at least one MW barrier pair and the middle IR,
Doppler + IR Medium reach an alarm condition or if only the bottom IR (anti-creep) or only the
top IR (anti-climb) reach alarm conditions.
This scenario allows an increased probability of detection in positions where it may be possible
to elude the detection by crawling on the ground or climbing.
Note: middle IR is optional.
Scenario “F” : OR
Selecting this option will produce an alarm if any single barrier reaches an alarm condition. For
example, only bottom IR or only MW or only middle IR or only top IR or only the Doppler.
The selection of this option gives the greatest probability of alarm but also creates the greatest
probability of false alarms and should only be used in the highest security situations when a
high false alarm rate is acceptable.
Note: middle IR is optional.
Important Note: The indication to the processor of disqualification of any of the three IR
barriers available in the Pythagoras barrier, produces not only the activation of the appropriate
relay on the receiver but also a reconfiguration of the MW barrier and the Doppler, reducing the
sensitivity by 3 steps from the sensitivity set during installation, while in the Doppler Sensor the
sensitivity becomes half.. For example if the installed value of sensitivity is set to the default
value of 7, when an IR barrier signals disqualification the MW sensitivity is reduced
automatically to 4. In these alarm conditions from only the MW barrier or only the Doppler
Sensor an alarm is produced for any scenario selected. In this way better advantage can be
taken of the detection capabilities for each technology in relation to the probability of detection
minimising the production of false alarms by using the best operational parameters when real
events can reconfigure the functionality of the entire barrier without loosing the capability to
protect the zone even in thick fog or heavy rain.
Installation Manual
Page 56 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
4.2 Adjustment and Testing with Software
Use a PC with “WAVE-TEST CIAS” programs so as to view and manage all the software
parameters of the barrier, including the analogue levels of the thresholds and of the received
signal. The connections and/or software functions management procedures are specified in this
program’s technical documentation.
Installation Manual
Page 57 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
5. INFRARED ALIGNMENT AND CONFIGURATION
5.1
Channel Selection
Before powering the infrared barrier it is necessary to ensure that the transmitter and receiver
are set to the same channel number. If the channels on the receiver and transmitter do not
correspond the barrier will not work correctly and it is necessary to remove the power, set the
correct channels and then re-connect the power.
The cannel selection is via the appropriate “dip-switch” on the transmitter and receiver modules
as shown in the figure.
DIP-SWITCH PER SELEZIONE CANALE
SW1
BORNIER DE
Morsettiera
diRACCORDEMENT
Collegamento
1
ON
1
CANALE 1
1
SW1
ON
2
2
ON
Morsettiera di
Collegamento
2
BORNIER DE RACCORDEMENT
ON
1
2
12V
DC
HEATER
4
12V
5
6
C7
R9
C4
R1
C3
R3
R2
C9
MODULO ELETTRONICO
TRASMETTITORE
R7
R8
PT4
CI1
P5
P4
P3
P2
P1
PT1
C10
R17
R5
AP1
CANALE 4
1
G1
2
C12
CANALE 3
1
ON
Installation Manual
3
POWER TAMPER HEATER
ON
MODULO ELETTRONICO
RICEVITORE
2
1
C11
10
CI3
DISQ.
9
G3
8
R6
POWER TAMPER ALARM
7
G2
6
R12 R11
C8 PT2 R10
5
C14
4
R16
3
C15
2
1
CANALE 2
12V
12V
DC
2
Page 58 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
5.2
Ed. 2.4
Optical Alignment
Optical alignment consists of making the optical axes of the optical transmitter and receiver
modules coincide. This basic alignment must be performed for each pair of optical modules
using the integrated alignment system.
Tx
Rx
Transmitter
Optic Module
Receiver
Optic Module
Description of the alignment of the optical modules
ƒ Loosen the horizontal alignment securing screws and rotate the optical module towards
the corresponding column.
ƒ On two sides of the optical module there are two holes which act as a mask for
alignment. Bringing the eye to within about 5 cm from one of these holes it is possible to
see, using a system of internal mirrors and viewfinders, the scene which the module is
directed towards.
ƒ After having viewed the corresponding column lock the horizontal movement using the
appropriate screw.
ƒ Adjust by eye, using the micrometric adjustment screw, the vertical position so that the
corresponding module in the corresponding column is perfectly framed.
ƒ Repeat the operation for the second optical module.
ƒ Go to the corresponding column and repeat the previous operations.
Vertical Micrometric
Regolation
+/- 10°
Optic Module
Sied View
Image Through
alignment window
after a good alignment
5
cm
Hole For Side
Vision
Frontal Windows
For
Optical Alignment
Horizontal Lock
Screw
Horizontal
Regolation
+/- 90°
Installation Manual
Page 59 of 64
Vertical Micrometric
Regolation
Screw
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
5.3
Ed. 2.4
Electronic Alignment
After completing the optical alignment for all the optical modules using the integrated mirrors
and masks and after powering the infrared barriers check for the following situation:
1
Green LED, on the transmitter electronic module is ON indicating that it is powered and
active.
2 Green “Signal” LED on the receiver electronic module is ON indicating that it is powered
and that it is receiving an infrared signal of an intensity greater than the minimum required.
The receiver module also has two additional led, one red “Alarm”, which when ON will indicate
an alarm, and one yellow “DISQ” which indicates when ON the absence or insufficient infrared
signal for longer than about 1 minute and is active when disqualified.
To optimise the alignment, using the integrated electronic system, proceed as follows:
3
4
5
6
7
8
using the two small black masks supplied with each infrared barrier block the upper two TX
and RX modules.
insert the probes of a volt meter in the appropriate test points on the receiver.
adjust the orientation of the lower two TX and RX optical modules so that the voltage
measured by the voltmeter is as high as possible.
remove the masks from the two upper modules and fit them to the lower modules, taking
care not to disturb the alignment of the lower modules.
adjust the orientation of the upper two TX and RX optical modules so that the voltage
measured by the voltmeter is as high as possible.
remove the masks from the two lower modules taking care not to disturb the alignment of
the modules. The voltage measured by the voltmeter is a measure of the alignment quality.
The following table shows this evaluation.
Voltage Measured
Alignment Quality
> 1.5 V
from 0.4 to 1.5 V
< 0.4 V
Excellent
Good
Poor
RICEVITORE
Installation Manual
Page 60 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
5.4
Ed. 2.4
Response Time
The response Time controlled by the potentiometer “Response Time” located on the receiver
module can have a value between 50 and 800 ms. This allows the optimisation of the detection
sensitivity for any particular installation situation. Increasing the Response Time reduces the
sensitivity.
5.5
Final Checks
On completion of the installation check the following:
ƒ
ƒ
ƒ
Verify that crossing the protected area creates an intrusion alarm.
Verify that blocking the barrier for at east one minute creates a disqualification alarm.
When the disqualification alarm activates the intrusion alarm will de-activate.
Ensure that the covers are clean
Repeat all the final checks at least once every year, particularly the cleanliness of the
covers. It is recommended that the alignment voltage is noted at each visit so that any
degradation can be detected and corrected to avoid eventual false alarms.
Installation Manual
Page 61 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
6. MAINTENANCE AND SERVICE
6.1
Fault Finding
In case of false alarms, verify that the parameters set during installation and recorded on the
Commissioning Sheet are still correct and appropriate and that any variations have not
exceeded the stated limits, shown in the “Alignment and Configuration” section (4 and 5).
Fault
Fault Led off
Possible Cause
Voltage high and/or low
BF Oscillator Fault Tx
Alarm Led off
High VRag
Tamper Led off
6.2
MW Oscillator Fault
Tx or Rx faults
Disqualification one or more IR
Movement or obstacles in the
protected area
Barrier mis-aligned
Possible Solution
Check power supply and battery
voltage
Replace Tx circuit
Obstacles in the protected area
Replace Tx cavity
Replace circuit
Check IR
Check that the protected area is clear
of obstacles and/or people moving
Refer to section 4.1.2 points
a,b,c,d,e,f,g,h,i,j and 5.2 5.3 for the
Infrared
Re-acquire channel section 4.1.2
point j and check infrared alignment
Refer to section 4.1.2 points
a,b,c,d,e,f,g,h,i,j
Remove obstacles
Transmitted signal insufficient
Check transmitter
Circuit Fault
Microwave Receiver Fault
Micro switch open
Tilt switch in wrong position
Replace receiver
Replace Microwave detector
Check switch is closed
Check position
Incorrect channel selection plus
infrared alarm
Heads mis-aligned
MW Service Kit
The service kits comprise the processing circuit and all the microwave parts. Replacement is
very simple.
Changing circuit boards and cavities on either the transmitter or the receiver can change
the orientation of the barrier and therefore it is essential to re-align the barrier after
substitution. Therefore it is necessary to acquire the field signal value and the channel
number as described in section 4.1.2
6.3
IR Service Kit
The Tx and Rx service Kits are composed by 1 electronic module and 2 optical modules
The following is supplied for each of the cited Kits:
- screws for fastening to the aluminium rack,
- two connection wires and relevant connectors for the connection between the optical module
and the electronic module
- plates to electronically optimise alignment.
Installation Manual
Page 62 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
Ed. 2.4
7. CHARACTERISTICS
7.1
Technical Characteristics
Technical Characteristics
Min
Microwave Barrier Working Frequency
Power
Modulation
Duty-cycle
Number of channels
Microwave Doppler Working Frequency
Power
Modulation
Duty-cycle
9.46 GHz
20mW
-
Optical wave length
Number of channels
Number of IR beams
PYTHAGORAS 100 range
PYTHAGORAS 160 range
11.5 V
10V
-25 °C
3°
IP44
Power supply voltage ( V ) :
Quiescent Current TX * ( mA ):
Quiescent Current RX * ( mA ):
Current in alarm RX * ( mA ):
Heater power supply: ( V / V∼)
Current absorption IR RX ( mA ):
Current absorption IR TX ( mA ):
Space for battery:
Intrusion Alarm Contact (RX)
Tamper Contact (TX+RX)
Fault Contact (TX+RX)
Intrusion Alarm (RX ) Led green on
Tamper (TX+RX) Led green on
Fault (TX+RX) Led green on
Working parameter Adjustment
Weight without battery (TX)
Weight without battery (RX)
Width
PYTHAGORAS 2m Height
PYTHAGORAS 3m Height
Working Temperature **
Performance Level:
Protection:
*
**
Nom
Max
10.6 GHz
500 mW
50/50
16
24,162 GHz
40mW
10%
950 n/m
4
4
100 m
160 m
13.8 V
14.8 V
122
173
180
15V
170
170
100mA
100mA
100mA
ND
ND
160mm
2000 mm
3000 mm
+55 °C
Note
e.i.r.p
On/off
e.i.r.p
On/off
-
Every kit
1MW+2IR
1MW+2IR
1MW+2IR
12Vn/7Ah
NC
NC
NC
Clear
Clear
Clear
Clear
-
-
Current shown with heaters not active.
The manufacturer declares that the operational working temperatures for this device are included
within the range -35°C /+65°C
Installation Manual
Page 63 of 64
PYTHAGORAS
© CIAS Elettronica S.r.l.
7.2
Ed. 2.4
Functional Characteristics
1
2
Analysis
Analysis
3
4
Analysis
Analysis
5
6
7
8
Analysis
Analysis
Analysis
Available
9
Activation
10
Activation
11
Available
12
13
Available
Available
14
Available
15
16
Available
Available
17
18
Available
Available
Installation Manual
Of the channel modulation frequency for the microwave system (16 channels)
Of the absolute value of the received signal to guarantee a good signal/noise ratio. (Low
Signal)
Of the absolute value of the received signal to signal faults, deterioration, masking
Of the changes in the signal to differentiate in various cases the behaviour of the
Automatic Gain Control.
Of the DC power supply voltage (battery charging). High or Low.
Of the primary AC supply voltage, present or not present.
Of the opening of the receiver or transmitter heads.
Of a Test command input on the TX, which will activate the alarm relay on the RX if the
test is successful.
On the receiver of three solid state relays for Alarm, Tamper and Fault, and on the
transmitter two relays for Tamper and Fault
On the receiver of three to indicate Alarm, Tamper, Fault (excludible) and on the
transmitter two leds for Tamper, Fault (excludible)
On the transmitter an output signal for the synchronisation of another transmitter tat
could produce mutual interference.
On the transmitter a synchronisation input for a signal provided by another transmitter.
On the transmitter a 16 position switch for setting the modulation channel to be used.
The receiver, during installation, will automatically detect and memorise which channel is
to used during normal operation.
On the receiver an acoustic system used during the electronic alignment phase,
alignment qualification, walk-test, without using any additional external test equipment.
On both receiver and transmitter of a connector for external measuring device.
4 channel selection use of multiple infrared barriers without using a synchronisation
cable
RS 485 serial Line for collection of alarms and remote management
A historical event file which can store up to 128 detected events
Page 64 of 64
PYTHAGORAS
SCHEDA DI COLLAUDO – TEST SHEET
PYTHAGORAS TX MW
NUMERO DI SERIE
SERIAL NUMBER:
Cliente/Customer
Indirizzo/Address
Barriera /Barrier N°
VALORI MISURATI SUL TRASMETTITORE – MEASURED VALUES ON THE TRASMITTER
MISURE
MEASUREMENTS
1
2
3
TAGLIARE QUI / CUT HERE
4
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE, MISURATA TRA I
PIN 1-2 DI MS1, CON BATTERIA SCOLLEGATA. (*)
SUPPLY VOLTAGE, MEASURED BETWEEN PINS
1-2 OF MS1 WITH BATTERY DISCONNECTED. (*)
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE INTERNA
MISURATA TRA IL PIN 16 DI J3 E GND. (*)
INSIDE SUPPLY VOLTAGE MEASURED BETWEEN
PIN 16 OF J3 AND GND. (*)
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE INTERNA,
MISURATA TRA IL PIN 12 DI J3 E GND. (*)
INSIDE SUPPLY VOLTAGE MEASURED BETWEEN
PIN 12 OF J3 AND GND. (*)
TENSIONE OSCILLATORE FUNZIONANTE
MISURATA TRA IL PIN 13 DI J3 E GND. (*)
OSCILLATOR OK VOLTAGE MEASURED BETWEEN
PIN 13 OF J3 AND GND. (*)
VALORI TIPICI
STANDARD
VALUES
INSTALLAZIONE
INSTALLATION
MANUTENZIONE
MAINTENANCE
13,8 VDC ± 10%
8 VDC ± 10%
5 V ± 10%
4 V ± 10%
5
SELEZIONE MASTER/SLAVE
MASTER/SLAVE SELECTION
-
6
CANALE DI MODULAZIONE SELEZIONATO
MODULATION CHANNEL SELECTED
-
(*)
(*)
VALORI MISURATI
MEASURED VALUES
□ MASTER
□ MASTER
□ SLAVE
□ SLAVE
□ Ch 0 □ Ch 8 □ Ch 0 □ Ch 8
□ Ch 1 □ Ch 9 □ Ch 1 □ Ch 9
□ Ch 2 □ Ch A □ Ch 2 □ Ch A
□ Ch 3 □ Ch B □ Ch 3 □ Ch B
□ Ch 4 □ Ch C □ Ch 4 □ Ch C
□ Ch 5 □ Ch D □ Ch 5 □ Ch D
□ Ch 6 □ Ch E □ Ch 6 □ Ch E
□ Ch 7 □ Ch F □ Ch 7 □ Ch F
misura può essere effettuata anche con lo strumento STC 95
It is possible to make the measure also by the STC 95
OSSERVAZIONI DELL’INSTALLATORE – INSTALLER COMMENTS
Data installazione/Installation date
Firma Installatore/Installer Signature
SCHEDA DI COLLAUDO – TEST SHEET
PYTHAGORAS RX MW
NUMERO DI SERIE
SERIAL NUMBER:
Cliente/Customer
Indirizzo/Address
Barriera /Barrier N°
VALORI MISURATI SUL RICEVITORE – MEASURED VALUES ON THE RECEIVER
MISURE
MEASUREMENTS
1
2
3
4
5
(*)
(*)
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE, MISURATA TRA I
PIN 1-2 DI MS3, CON BATTERIA SCOLLEGATA. (*)
SUPPLY VOLTAGE, MEASURED BETWEEN PINS
1-2 OF MS3 WITH BATTERY DISCONNECTED. (*)
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE INTERNA,
MISURATA TRA IL PIN 12 DI J3 E GND. (*)
INSIDE SUPPLY VOLTAGE MEASURED BETWEEN
PIN 12 OF J3 AND GND. (*)
TENSIONE DI RAG, MISURATA TRA IL PIN 14 DI J3
E GND. (*)
AGC VOLTAGE MEASURED BETWEEN PIN 14 OF
J3 AND GND. (*)
VERIFICA SEGNALE RIVELATO, MISURATA CON
LO STRUMENTO STC 95.
SIGNAL DETECTED VOLTAGE MEASURED BY
STC 95.
CANALE DI MODULAZIONE UTILIZZATO
MODULATION CHANNEL USED
VALORI MISURATI
MEASURED VALUES
VALORI TIPICI
STANDARD
VALUES
INSTALLAZIONE
INSTALLATION
MANUTENZIONE
MAINTENANCE
□ Ch 0
□ Ch 1
□ Ch 2
□ Ch 3
□ Ch 4
□ Ch 5
□ Ch 6
□ Ch 7
□ Ch 0
□ Ch 1
□ Ch 2
□ Ch 3
□ Ch 4
□ Ch 5
□ Ch 6
□ Ch 7
13,8 VDC ± 10%
5 VDC ± 10%
2,5 ÷ 6 VDC
6 VDC ± 10%
STABILE
STEADY
-
□ Ch 8
□ Ch 9
□ Ch A
□ Ch B
□ Ch C
□ Ch D
□ Ch E
□ Ch F
□ Ch 8
□ Ch 9
□ Ch A
□ Ch B
□ Ch C
□ Ch D
□ Ch E
□ Ch F
misura che può essere effettuata anche con lo strumento STC 95
It is possible to make the measure also by the STC 95
Data installazione/Installation date
Firma Installatore/Installer Signature
TAGLIARE QUI / CUT HERE
OSSERVAZIONI DELL’INSTALLATORE – INSTALLER COMMENTS
Con la presente, CIAS Elettronica, dichiara che questo rivelatore di intrusione “PYTHAGORAS ” è conforme
ai requisiti essenziali ed alle altre disposizioni rilevanti della Direttiva 1999/5/CE (Art.3.1a-3.1b-3.2)
Hereby, CIAS Elettronica, declares that this movement detector “PYTHAGORAS ” is in compliance with the
essential requirement and other relevant provisions of Directive 1999/5/EC (Art.3.1a-3.1b-3.2)
Questo apparecchio è contrassegnato in conformità alla Direttiva Europea 2002/96/EC, Waste Electrical and
Electronic Equipment (WEEE)
Assicurarandosi che questo prodotto sia smaltito in modo corretto, l’utente contribuisce a prevenire le
potenziali conseguenze negative per l’ambiente e la salute.
sul prodotto o sulla documentazione d’accompagnamento indica che questo prodotto non
Il simbolo
deve essere trattato come rifiuto domestico ma deve essere consegnato presso l’idoneo punto di raccolta per
il riciclaggio d’apparecchiature elettriche ed elettroniche.
Disfarsene seguendo le normative locali per lo smaltimento rifiuti.
Lo smaltimento abusivo è punito con le sanzioni previste dalla legislazione nazionale vigente
Il prodotto può essere riconsegnato al distributore/installatore a fine vita in occasione di un nuovo acquisto.
This product is marked in compliance with the European Directive 2002/96/EC, Waste Electrical and
Electronic Equipment (WEEE).
The correct disposal of the product will prevent potential negative consequences for the environment and the
human health.
The symbol
on the product or into the annexed documentation indicates that this product does not
have to be dealt like domestic refusal but must be delivered near the suitable point of collection for the
recycling of electrical and electronic equipment.
The illicit disposal will be endorsed according to local l regulations.
At the end of operative life the product can be given back to the vendor/installation organization in occasion of
a new purchase.
© Copyright CIAS Elettronica S.r.l.
Stampato in Italia / Printed in Italy
CIAS Elettronica S.r.l.
Direzione, Ufficio Amministrativo, Ufficio Commerciale, Laboratorio di Ricerca e Sviluppo
Direction, Administrative Office, Sales Office, Laboratory of Research and Development
20158 Milano, via Durando n. 38
Tel. +39 02 376716.1
Fax +39 02 39311225
Web-site: www.cias.it
E-mail: [email protected]
Stabilimento / Factory
23887 Olgiate Molgora (LC), Via Don Sturzo n. 17
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement