RXYSCQ4-5TMV1B_installer and user reference

RXYSCQ4-5TMV1B_installer and user reference
Guida di riferimento per
l'installatore e l'utente
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
RXYSCQ4TMV1B RXYSCQ5TMV1B
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
Italiano
Indice
6.4.1
Indice
1 Precauzioni generali di sicurezza
1.1
1.2
1.3
Note relative alla documentazione ............................................
1.1.1
Significato delle avvertenze e dei simboli ...................
Per l'utente ................................................................................
Per l'installatore .........................................................................
1.3.1
Generale .....................................................................
1.3.2
Luogo d'installazione...................................................
1.3.3
Refrigerante ................................................................
1.3.4
Salamoia .....................................................................
1.3.5
Acqua..........................................................................
1.3.6
Circuiti elettrici.............................................................
2 Note relative alla documentazione
2.1
Informazioni su questo documento ...........................................
3
3
3
4
4
4
5
5
6
6
6
7
7
Per l'installatore
7
3 Informazioni relative all'involucro
7
3.1
3.2
Panoramica: operazioni sulla scatola di consegna ...................
Unità esterna .............................................................................
3.2.1
Per disimballare l'unità esterna ...................................
3.2.2
Per movimentare l'unità esterna .................................
3.2.3
Per rimuovere gli accessori dall'unità esterna.............
4 Note sulle unità ed opzioni
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
Panoramica: note sulle unità ed opzioni....................................
Identificazione ...........................................................................
4.2.1
Etichetta di identificazione: Unità esterna ...................
Informazioni sull'unità esterna ...................................................
Layout sistema ..........................................................................
Unità combinatrici e opzioni ......................................................
4.5.1
Informazioni sulla combinazione di unità e opzioni.....
4.5.2
Possibili combinazioni delle unità interne ...................
4.5.3
Opzioni possibili per l'unità esterna.............................
5 Preparazione
5.1
5.2
5.3
5.4
Panoramica: preparazione ........................................................
Preparazione del luogo d'installazione ......................................
5.2.1
Requisiti del luogo di installazione dell'unità esterna ..
5.2.2
Requisiti aggiuntivi del luogo di installazione
dell'unità esterna in climi freddi ...................................
5.2.3
Messa in sicurezza contro le perdite di refrigerante ...
Preparazione delle tubazioni del refrigerante............................
5.3.1
Requisiti delle tubazioni del refrigerante .....................
5.3.2
Materiale delle tubazioni del refrigerante ....................
5.3.3
Per selezionare le misure delle tubazioni ...................
5.3.4
Per selezionare i kit di diramazione del refrigerante ...
5.3.5
Lunghezza e dislivello delle tubazioni del refrigerante
Preparazione del cablaggio elettrico .........................................
5.4.1
Informazioni sulla conformità alle norme elettriche.....
5.4.2
Requisiti dei dispositivi di sicurezza............................
6 Installazione
6.1
6.2
6.3
6.4
Panoramica: installazione .........................................................
Apertura delle unità ...................................................................
6.2.1
Note relative all’apertura delle unità............................
6.2.2
Per aprire l'unità esterna .............................................
Montaggio dell'unità esterna......................................................
6.3.1
Informazioni sul montaggio dell'unità esterna .............
6.3.2
Precauzioni per il montaggio dell'unità esterna...........
6.3.3
Per fornire la struttura di installazione.........................
6.3.4
Per installare l'unità esterna........................................
6.3.5
Per fornire lo scolo ......................................................
6.3.6
Prevenzione della caduta dell'unità esterna................
Collegamento delle tubazioni del refrigerante ...........................
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
2
6.5
6.6
6.7
7
7
7
7
8
8
8
8
8
8
8
9
9
9
9
9
9
9
9
11
11
12
12
13
13
14
14
15
15
15
6.8
6.9
7 Configurazione
7.1
7.2
7.3
16
16
16
16
16
16
16
16
16
17
17
17
17
Informazioni sul collegamento delle tubazioni del
refrigerante...................................................................
6.4.2
Precauzioni per il collegamento delle tubazioni del
refrigerante...................................................................
6.4.3
Linea guida per il collegamento delle tubazioni del
refrigerante...................................................................
6.4.4
Linee guida per curvare i tubi.......................................
6.4.5
Per svasare l'estremità dei tubi ....................................
6.4.6
Per saldare le estremità dei tubi ..................................
6.4.7
Utilizzo della valvola di arresto e dell'apertura di
servizio.........................................................................
6.4.8
Per collegare le tubazioni del refrigerante all'unità
esterna .........................................................................
6.4.9
Per collegare il kit di diramazione del refrigerante .......
Controllo delle tubazioni del refrigerante....................................
6.5.1
Controllo della tubazione del refrigerante ....................
6.5.2
Controllo della tubazione del refrigerante: Linee
guida generali ..............................................................
6.5.3
Controllo della tubazione del refrigerante:
Impostazione................................................................
6.5.4
Per effettuare una prova di tenuta ...............................
6.5.5
Per effettuare la disidratazione a vuoto .......................
Per isolare la tubazione del refrigerante.....................................
Carica del refrigerante................................................................
6.7.1
Informazioni sul caricamento del refrigerante ..............
6.7.2
Precauzioni durante il caricamento del refrigerante.....
6.7.3
Per determinare la quantità di refrigerante aggiuntivo .
6.7.4
Per caricare il refrigerante............................................
6.7.5
Codici di malfunzionamento durante il caricamento
del refrigerante.............................................................
6.7.6
Per fissare l'etichetta dei gas serra fluorinati ...............
Collegamento dei fili elettrici.......................................................
6.8.1
Note relative al collegamento del cablaggio elettrico...
6.8.2
Precauzioni durante il collegamento dei fili elettrici .....
6.8.3
Linee guida quando si aprono i fori ciechi....................
6.8.4
Linee guida per il collegamento dei fili elettrici.............
6.8.5
Per collegare i cavi elettrici all'unità esterna ................
Completamento dell'installazione dell'unità esterna ...................
6.9.1
Per completare il cablaggio di trasmissione.................
6.9.2
Per chiudere l'unità esterna .........................................
17
18
18
18
19
19
20
20
21
21
21
21
22
22
22
23
23
23
23
23
25
25
25
25
26
26
26
27
28
28
28
28
Panoramica: Configurazione ......................................................
Esecuzione delle impostazioni sul campo..................................
7.2.1
Informazioni sull'esecuzione delle impostazioni sul
campo ..........................................................................
7.2.2
Per accedere ai componenti delle impostazioni in
loco ..............................................................................
7.2.3
Componenti delle impostazioni in loco.........................
7.2.4
Per accedere alla modalità 1 o 2 .................................
7.2.5
Per utilizzare la modalità 1...........................................
7.2.6
Per utilizzare la modalità 2...........................................
7.2.7
Modalità 1 (e situazione predefinita): Impostazioni di
monitoraggio ................................................................
7.2.8
Modalità 2: Impostazioni in loco...................................
7.2.9
Per collegare il configuratore PC all'unità esterna .......
Risparmio energetico e funzionamento ottimale ........................
7.3.1
Metodi operativi principali disponibili............................
7.3.2
Impostazioni di comfort disponibili ...............................
7.3.3
Esempio: Modalità automatica durante il
raffreddamento.............................................................
7.3.4
Esempio: Modalità automatica durante il
riscaldamento...............................................................
8 Messa in funzione
8.1
8.2
8.3
8.4
17
28
28
28
29
29
29
30
30
30
31
33
33
34
34
35
35
36
Panoramica: Messa in funzione .................................................
Precauzioni durante la messa in funzione..................................
Elenco di controllo prima della messa in esercizio.....................
Lista di controllo durante la messa in funzione ..........................
8.4.1
Informazioni sulla prova di funzionamento...................
8.4.2
Per eseguire una prova di funzionamento (display a
7 LED)..........................................................................
36
36
36
37
37
37
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
1 Precauzioni generali di sicurezza
8.4.3
8.4.4
Correzione dopo il completamento anomalo della
prova di funzionamento............................................... 38
Utilizzo dell'unità ......................................................... 38
9 Consegna all'utente
38
10 Manutenzione e assistenza
38
10.1
10.2
10.3
10.4
Panoramica: Manutenzione e assistenza..................................
Precauzioni generali di sicurezza..............................................
10.2.1 Per prevenire pericoli elettrici......................................
Lista di controllo per la manutenzione annuale dell'unità
esterna ......................................................................................
Informazioni sul funzionamento della modalità di
manutenzione............................................................................
10.4.1 Per utilizzare la modalità di messa a vuoto.................
10.4.2 Per recuperare il refrigerante ......................................
11 Individuazione e risoluzione dei problemi
11.1
11.2
11.3
Panoramica: Individuazione e risoluzione dei problemi ............
Precauzioni durante la risoluzione dei problemi........................
Risoluzione dei problemi in base ai codici di
malfunzionamento .....................................................................
11.3.1 Codici di malfunzionamento Panoramica....................
38
38
38
39
39
39
39
39
13 Dati tecnici
42
Panoramica: dati tecnici ............................................................
Dimensioni: Unità esterna .........................................................
Spazio di servizio: Unità esterna ...............................................
Componenti: Unità esterna........................................................
Schema delle tubazioni: Unità esterna......................................
Schema dell'impianto elettrico: Unità esterna ...........................
Specifiche tecniche: Unità esterna ............................................
Tabella capacità: Unità interna..................................................
42
42
43
45
46
47
49
51
Per l'utente
52
14 Informazioni sul sistema
52
14.1
Layout sistema .......................................................................... 52
15 Interfaccia utente
52
16 Prima dell'uso
52
17 Funzionamento
53
17.1
17.2
17.3
17.4
17.5
Portata di funzionamento ..........................................................
Utilizzo del sistema....................................................................
17.2.1 Informazioni sull'utilizzo del sistema ...........................
17.2.2 Informazioni su raffreddamento, riscaldamento, solo
ventola e funzionamento automatico ..........................
17.2.3 Informazioni sul funzionamento di riscaldamento .......
17.2.4 Per utilizzare il sistema ...............................................
Utilizzo del programma di deumidificazione ..............................
17.3.1 Informazioni sul programma di deumidificazione........
17.3.2 Per utilizzare il programma di deumidificazione..........
Impostazione della direzione di mandata dell'aria.....................
17.4.1 Informazioni sul deflettore del flusso d'aria .................
Configurazione dell'interfaccia utente master............................
17.5.1 Informazioni sulla configurazione dell'interfaccia
utente master ..............................................................
17.5.2 Per designare l'interfaccia utente master (VRV DX) ...
17.5.3 Per designare l'interfaccia utente master (RA DX) .....
17.5.4 Informazioni sui sistemi di controllo ............................
18 Risparmio energetico e funzionamento
ottimale
18.1
18.2
19.1
53
53
53
53
53
53
53
53
54
54
54
54
54
54
55
55
56
Manutenzione dopo un lungo periodo di arresto ....................... 56
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
56
56
56
56
57
57
57
58
Codici di malfunzionamento: Panoramica ..................................
Sintomi che non sono indice di problemi al climatizzatore .........
20.2.1 Sintomo: mancato funzionamento del sistema ............
20.2.2 Sintomo: la ventola funziona, ma le modalità di
raffreddamento e riscaldamento non funzionano.........
20.2.3 Sintomo: la potenza di ventilazione non corrisponde
all'impostazione............................................................
20.2.4 Sintomo: la direzione di ventilazione non corrisponde
all'impostazione............................................................
20.2.5 Sintomo: della nebbia bianca fuoriesce da un'unità
(unità interna)...............................................................
20.2.6 Sintomo: della nebbia bianca fuoriesce da un'unità
(unità interna, unità esterna) ........................................
20.2.7 Sintomo: Il display dell’interfaccia utente indica "U4"
o "U5", si arresta e dopo pochi minuti si riavvia ...........
20.2.8 Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità interna)........
20.2.9 Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità interna,
unità esterna) ...............................................................
20.2.10 Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità esterna).......
20.2.11 Sintomo: fuoriuscita di polvere dall'unità......................
20.2.12 Sintomo: le unità possono emettere degli odori...........
20.2.13 Sintomo: La ventola dell’unità esterna non gira ...........
20.2.14 Sintomo: il display mostra "88" ....................................
20.2.15 Sintomo: il compressore nell'unità esterna non si
arresta dopo una breve operazione di riscaldamento..
20.2.16 Sintomo: la parte interna di un'unità esterna è calda
anche se l'unità è ferma ...............................................
20.2.17 Sintomo: si può percepire dell'aria calda una volta
arrestata l'unità interna.................................................
58
59
59
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
60
61
21 Riposizionamento
61
22 Smaltimento
61
23 Glossario
61
1
Precauzioni generali di
sicurezza
1.1
Note relative alla documentazione
▪ La documentazione originale è scritta in inglese.
documentazione in tutte le altre lingue è stata tradotta.
La
▪ Le precauzioni descritte nel presente documento trattano
argomenti molto importanti, si raccomanda di attenervisi
scrupolosamente.
▪ L'installazione del sistema e tutte le attività descritte nel manuale
d'installazione e nella guida di riferimento per l'installatore devono
essere eseguite da un installatore autorizzato.
1.1.1
Significato delle avvertenze e dei simboli
PERICOLO
55
Metodi operativi principali disponibili ......................................... 55
Impostazioni di comfort disponibili............................................. 56
19 Manutenzione e assistenza
20.1
20.2
39
39
39
41
Manutenzione prima di un lungo periodo di arresto ...................
Informazioni sul refrigerante.......................................................
Servizio di assistenza e garanzia post-vendita ..........................
19.4.1 Periodo di garanzia ......................................................
19.4.2 Manutenzione e ispezione consigliate .........................
19.4.3 Cicli di manutenzione e ispezione consigliati...............
19.4.4 Cicli di manutenzione e sostituzione ridotti ..................
20 Individuazione e risoluzione dei problemi
39
12 Smaltimento
13.1
13.2
13.3
13.4
13.5
13.6
13.7
13.8
19.2
19.3
19.4
Indica una situazione che provoca lesioni gravi o letali.
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
Indica una situaizone che potrebbe provocare la scossa
elettrica.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
3
1 Precauzioni generali di sicurezza
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
▪ Le batterie sono contrassegnate con il simbolo seguente:
Indica una situaizone che potrebbe provocare ustioni a
causa delle temperature estremamente alte o basse.
AVVERTENZA
Indica una situazione che potrebbe provocare lesioni gravi
o letali.
ATTENZIONE
Indica una situazione che potrebbe provocare lesioni
secondarie o moderate.
NOTA
Indica una situazione che potrebbe provocare danni alle
apparecchiature o alla proprietà.
INFORMAZIONI
Indica suggerimenti utili o informazioni aggiuntive.
1.2
Per l'utente
▪ In caso di dubbi su come usare l'unità, contattare il proprio
installatore.
▪ Questo apparecchio può essere utilizzato dai bambini a partire
dagli 8 anni di età e dalle persone con capacità fisiche, sensoriali
o mentali ridotte, o prive di esperienza e conoscenze, purché
abbiano ricevuto assistenza o formazione per l'uso
dell'apparecchio in modo sicuro e capiscano i rischi che questo
implica. Evitare che i bambini giochino con l'apparecchio. La
pulizia e la manutenzione ordinaria possono essere effettuate dai
bambini solo sotto la supervisione di un adulto.
AVVERTENZA
Per prevenire il rischio di elettrocuzione o incendi:
▪ NON pulire l'unità con acqua.
▪ NON azionare l'unità con le mani bagnate.
▪ NON posizionare oggetti contenenti acqua sull'unità.
NOTA
▪ NON posizionare oggetti o apparecchiature sulla parte
superiore dell'unità.
▪ NON sedersi, non arrampicarsi né sostare in piedi
sopra l'unità.
▪ Le unità sono contrassegnate con il simbolo seguente:
Ciò significa che i prodotti elettrici ed elettronici non possono
essere smaltiti insieme ai rifiuti domestici non differenziati. NON
cercare di smontare il sistema da soli: lo smontaggio del sistema,
nonché il trattamento del refrigerante, dell'olio e di qualsiasi altra
parte devono essere eseguiti da un installatore qualificato in
conformità alla legislazione applicabile.
Le unità devono essere trattate presso una struttura specializzata
nel riutilizzo, riciclaggio e recupero dei materiali. Il corretto
smaltimento del prodotto eviterà le possibili conseguenze negative
sull'ambiente e sulla salute dell'uomo. Per maggiori informazioni,
contattare il proprio installatore o l'ente locale preposto.
Ciò significa che le batterie non possono essere smaltite insieme
ai rifiuti domestici non differenziati. Se sotto al simbolo figura un
simbolo chimico stampato, tale simbolo chimico indica che la
batteria contiene un metallo pesante in una concentrazione
superiore ad un certo valore.
I simboli chimici che è possibile trovare sono: Pb: piombo
(>0,004%).
Le batterie da gettare via devono essere trattate presso una
struttura specializzata nel riutilizzo. Il corretto smaltimento delle
batterie da gettare via eviterà le possibili conseguenze negative
sull'ambiente e sulla salute dell'uomo.
1.3
Per l'installatore
1.3.1
Generale
In caso di dubbi su come installare o usare l'unità, contattare il
proprio rivenditore.
NOTA
L'installazione o il montaggio impropri dell'apparecchio o
dei relativi accessori potrebbero dar luogo a folgorazioni,
cortocircuiti, perdite, incendi oppure altri danni
all'apparecchio. Utilizzare esclusivamente accessori,
apparecchiature opzionali e ricambi approvati da Daikin.
AVVERTENZA
Assicurarsi che l'installazione, il collaudo e i materiali
applicati siano conformi alla legislazione applicabile (oltre
alle istruzioni descritte nella documentazione Daikin).
ATTENZIONE
Indossare un equipaggiamento personale di protezione
adeguato (guanti di protezione, occhiali di sicurezza,…)
durante i lavori di installazione, manutenzione o
riparazione del sistema.
AVVERTENZA
Lacerare e gettare via i sacchetti degli imballaggi di
plastica, in modo che nessuno, in particolare i bambini, li
possa utilizzare per giocare. Rischio possibile:
soffocamento.
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
▪ NON toccare le tubazioni del refrigerante, le tubazioni
idrauliche o i componenti interni durante e
immediatamente dopo il funzionamento. Questi
potrebbero essere troppo caldi o troppo freddi. Lasciare
loro il tempo di tornare alla normale temperatura. Non
toccare questi componenti, indossare i guanti di
protezione.
▪ NON toccare direttamente il refrigerante fuoriuscito
accidentalmente.
AVVERTENZA
Prevedere misure adeguate per impedire che l'unità possa
essere usata come riparo da piccoli animali. I piccoli
animali che dovessero entrare in contatto con le parti
elettriche possono causare malfunzionamenti, fumo o
incendi.
ATTENZIONE
NON toccare l'entrata dell'aria o le alette di alluminio
dell'unità.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
4
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
1 Precauzioni generali di sicurezza
NOTA
▪ NON posizionare oggetti o apparecchiature sulla parte
superiore dell'unità.
▪ NON sedersi, non arrampicarsi né sostare in piedi
sopra l'unità.
NOTA
I lavori eseguiti sull'unità esterna risultano migliori in
condizioni di tempo asciutto, per evitare infiltrazioni di
umidità.
Secondo la legislazione applicabile, potrebbe essere necessario
fornire un registro insieme al prodotto, contenente almeno: le
informazioni sulla manutenzione, sui lavori di riparazione, i risultati
delle prove, i periodi di stand-by, ...
Inoltre, dovranno essere tenute a disposizione le seguenti
informazioni, in un luogo accessibile presso il prodotto:
▪ Istruzioni per l'arresto del sistema in caso di emergenza
▪ Nome e indirizzo della stazione dei Vigili del Fuoco, della Polizia e
dell'ospedale
▪ Nome, indirizzo e numeri telefonici sia diurni che notturni per
chiamare l'assistenza
In Europa, la norma EN378 offre le necessarie istruzioni per redigere
questo registro.
AVVERTENZA
Durante le prove, NON portare MAI il prodotto ad una
pressione più alta della pressione massima ammessa
(come indicato sulla piastra informativa dell'unità).
AVVERTENZA
Prendere sufficienti precauzioni in caso di perdita di
refrigerante. In presenza di perdite di gas refrigerante,
ventilare immediatamente l'area. Rischi possibili:
▪ Concentrazioni eccessive di refrigerante in un ambiente
chiuso possono causare la riduzione dell'ossigeno
nell'ambiente.
▪ Se il gas refrigerante entra in contatto con una fiamma
può generare gas tossico.
AVVERTENZA
Recuperare sempre il refrigerante. NON disperderlo
direttamente nell'ambiente. Usare una pompa del vuoto
per evacuare l'impianto.
NOTA
Dopo che sono state collegate tutte le tubazioni,
assicurarsi che non vi siano perdite di gas. Usare l'azoto
per verificare l'eventuale presenza di perdite di gas.
NOTA
1.3.2
Luogo d'installazione
▪ Prevedere uno spazio intorno all'unità sufficiente per gli interventi
di riparazione e la circolazione dell'aria.
▪ Assicurarsi che il luogo d'installazione possa sopportare il peso e
la vibrazione dell'unità.
▪ Per evitare il guasto del compressore, NON superare la
quantità di refrigerante specificata per la carica.
▪ Se si deve aprire il sistema del refrigerante,
quest'ultimo dev'essere trattato secondo la legislazione
vigente.
▪ Assicurarsi che l'area sia ben ventilata.
AVVERTENZA
▪ Assicurarsi che l'unità sia in piano.
Accertarsi che non vi sia ossigeno nel sistema. Il
refrigerante può essere caricato solo dopo aver effettuato
la prova di tenuta e l'essiccazione sotto vuoto.
NON installare l'unità in luoghi in cui siano presenti le condizioni
seguenti:
▪ In atmosfere potenzialmente esplosive.
▪ In presenza di macchine che emettono onde elettromagnetiche.
Le onde elettromagnetiche potrebbero disturbare il sistema di
controllo e causare un difetto dell'apparecchiatura.
▪ In luoghi in cui esiste il rischio d'incendio dovuto alla perdita di gas
infiammabili (esempio: diluenti o benzina), fibre di carbonio,
polvere incendiabile.
▪ In luoghi in cui si producono gas corrosivi (esempio: gas di acido
solforico). La corrosione delle tubazioni di rame o delle parti
saldate può causare perdite di refrigerante.
1.3.3
Refrigerante
Se applicabile. Per maggiori informazioni, vedere il manuale
d'installazione o la guida di riferimento dell'installatore relativa alla
propria applicazione.
NOTA
Assicurarsi che l'installazione delle tubazioni di refrigerante
sia conforme alla legislazione applicabile. In Europa, la
normativa applicabile è la EN378.
NOTA
▪ Qualora fosse necessario ripetere la carica, consultare la piastra
informativa dell'unità. Su di essa sono riportati il tipo di
refrigerante e la quantità necessaria.
▪ Quest’unità è stata caricata con il refrigerante alla fabbrica e, a
seconda delle dimensioni e delle lunghezze dei tubi, per certi
sistemi potrebbe essere necessario caricarne una quantità
aggiuntiva.
▪ Utilizzare esclusivamente attrezzi adatti per il tipo di refrigerante
utilizzato nel sistema, per assicurare la necessaria resistenza alla
pressione e per impedire l'ingresso di materiali estranei nel
sistema.
▪ Caricare il refrigerante liquido nel modo seguente:
Se
Allora
È presente un tubo che funge da Effettuare la carica mantenendo
sifone
la bombola in posizione eretta.
(vale a dire che la bombola è
contrassegnata dalla scritta
“Liquid filling siphon
attached” (Sifone di riempimento
del liquido in dotazione))
NON è presente un tubo che
funge da sifone
Effettuare la carica mantenendo
la bombola in posizione
capovolta.
Assicurarsi che le tubazioni e i collegamenti in loco non
siano soggetti a sollecitazioni.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
5
1 Precauzioni generali di sicurezza
▪ Aprire le bombole del refrigerante lentamente.
AVVERTENZA
▪ Caricare il refrigerante nello stato liquido. L'aggiunta di
refrigerante in forma gassosa può prevenire il normale
funzionamento.
Se NON è già stato installato alla fabbrica, sarà necessario
installare nel cablaggio fisso un interruttore generale o altri
mezzi per la sconnessione, aventi una separazione dei
contatti per tutti i poli, che provveda alla completa
sconnessione nella condizione di sovratensione categoria
III.
ATTENZIONE
Una volta completata la procedura di carica del
refrigerante, o in caso di pausa, chiudere immediatamente
la valvola del serbatoio del refrigerante. Se non si dovesse
chiudere immediatamente la valvola, la pressione residua
potrebbe caricare una quantità aggiuntiva di refrigerante.
Conseguenza probabile: Errata quantità di refrigerante.
1.3.4
Salamoia
Se applicabile. Per maggiori informazioni, vedere il manuale
d'installazione o la guida di riferimento dell'installatore relativa alla
propria applicazione.
AVVERTENZA
La selezione della salamoia DEVE avvenire in base alle
leggi applicabili.
AVVERTENZA
Prendere sufficienti precauzioni in caso di perdita di
salamoia. Se si verifica una perdita di salamoia, aerare
immediatamente l'area e contattare il proprio rivenditore di
zona.
AVVERTENZA
La temperatura ambiente interna all'unità può essere molto
maggiore di quella ambiente, per esempio, 70°C. In caso
di perdite di salamoia, le parti interne all'unità potrebbero
creare situazioni pericolose.
AVVERTENZA
L'installazione e l'utilizzo delle applicazioni DEVE rispettare
le precauzioni ambientali e di sicurezza specificate nelle
normative vigenti.
1.3.5
Acqua
Se applicabile. Per maggiori informazioni, vedere il manuale di
installazione o la guida di riferimento dell'installatore relativa alla
propria applicazione.
NOTA
Assicurarsi che la qualità dell'acqua sia conforme alla
direttiva UE 98/83 EC.
1.3.6
Circuiti elettrici
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
▪ Portare su DISATTIVATO tutte le sorgenti di
alimentazione prima di rimuovere il coperchio del
quadro elettrico, prima di collegare cavi elettrici o di
toccare parti elettriche.
▪ Scollegare la sorgente di alimentazione per più di
1 minuto e misurare la tensione ai terminali dei
condensatori del circuito principale o dei componenti
elettrici prima di intervenire. La tensione DEVE essere
minore di 50 V CC prima che sia possibile toccare i
componenti elettrici. Per quanto riguarda l'ubicazione
dei terminali, vedere lo schema elettrico.
AVVERTENZA
▪ Utilizzare SOLO fili di rame.
▪ Assicurarsi che i collegamenti elettrici in loco siano
conformi alla legislazione applicabile.
▪ I collegamenti elettrici in loco devono essere eseguiti
conformemente allo schema elettrico fornito insieme al
prodotto.
▪ NON stringere MAI assieme i fasci di cavi ed
assicurarsi che questi non entrino in contatto con
tubazioni e bordi taglienti. Assicurarsi che sui
collegamenti dei terminali non gravi alcuna pressione
esterna.
▪ Non dimenticare di installare il cablaggio di terra. NON
effettuare la messa a terra dell'unità tramite tubi
accessori, assorbitori di sovratensione o la messa a
terra del telefono. Una messa a terra incompleta può
provocare scosse elettriche.
▪ Accertarsi che venga usata un circuito d'alimentazione
dedicato. NON alimentare MAI l'apparecchio attraverso
una sorgente di alimentazione alla quale sono
collegate anche altre utenze.
▪ Accertarsi di installare i fusibili o gli interruttori
magnetotermici richiesti.
▪ Non dimenticare di installare un interruttore di
dispersione a terra. Il mancato rispetto di questa
precauzione può causare scosse elettriche o incendi.
▪ Durante l'installazione dell'interruttore di dispersione a
terra, accertarsi della sua compatibilità con l'inverter
(resistente ai disturbi elettrici ad alta frequenza), per
evitare inutili aperture dell'interruttore di dispersione a
terra.
Installare i cavi di alimentazione ad una distanza di almeno 1 metro
da televisori o radio, per prevenire le interferenze. A seconda del
tipo di onde radio, la distanza di 1 metro potrebbe non essere
sufficiente.
AVVERTENZA
▪ Dopo aver completato i collegamenti elettrici, accertarsi
che ogni componente elettrico e terminale all'interno
del quadro elettrico siano saldamente connessi.
▪ Assicurarsi che tutti i coperchi siano stati chiusi prima
di avviare l'unità.
NOTA
Valido in presenza di alimentazione trifase e di
compressore dotato di metodo di avviamento ATTIVATO/
DISATTIVATO.
Se esiste la possibilità di fase invertita dopo un black-out
momentaneo e l'alimentazione passa da ATTIVATO a
DISATTIVATO e viceversa mentre il prodotto è in funzione,
attaccare localmente un circuito di protezione da fase
invertita. Facendo funzionare il prodotto in fase invertita, il
compressore ed altre parti potrebbero danneggiarsi.
▪ NON toccare i componenti elettrici con le mani
bagnate.
▪ NON lasciare l'unità incustodita se è stato rimosso il
coperchio di servizio.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
6
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
2 Note relative alla documentazione
2
Note relative alla
documentazione
2.1
Informazioni su questo documento
Pubblico di destinazione
Installatori autorizzati + utenti finali
INFORMAZIONI
Questo apparecchio è destinato ad essere utilizzato da
utenti esperti o qualificati nei negozi, nell'industria leggera
e nelle fattorie, o per uso commerciale da persone non
esperte.
Serie di documentazioni
Questo documento fa parte di una serie di documentazioni. La serie
completa è composta da:
Documento
Contiene...
Formato
Precauzioni Istruzioni per la sicurezza Cartaceo (nella
generali per da leggere prima
confezione dell'unità
la sicurezza dell'installazione
esterna)
Manuale di Istruzioni per
installazione l'installazione e il
e d'uso
funzionamento
dell'unità
esterna
Guida di
▪ Preparazione
riferimento
dell'installazione,
per
specifiche tecniche, dati
l'installatore
di riferimento...
e l'utente
▪ Istruzioni dettagliate e
informazioni di base per
l'utilizzo di base e
avanzato
File digitali all'indirizzo
http://
www.daikineurope.com/
support-and-manuals/
product-information/.
Potrebbe essere disponibile una revisione più recente della
documentazione fornita andando sul sito web regionale Daikin
oppure chiedendo al proprio rivenditore.
La documentazione originale è scritta in inglese. La documentazione
in tutte le altre lingue è stata tradotta.
Per l'installatore
3
Informazioni relative
all'involucro
3.2
Unità esterna
3.2.1
Per disimballare l'unità esterna
1
3.1
2
Panoramica: operazioni sulla
scatola di consegna
In questo capitolo sono descritte le operazioni da eseguire dopo la
consegna in sede della confezione con l'unità esterna.
In questo capitolo vengono fornite informazioni su:
▪ Rimozione dell'imballaggio e movimentazione delle unità
▪ Rimozione degli accessori dalle unità
Tenere a mente quanto segue:
▪ Alla consegna, l'unità deve essere controllata per verificare
l'eventuale presenza di danni. Eventuali danni debbono essere
segnalati immediatamente all'agente addetto ai reclami del
trasportatore.
▪ Per evitare danni durante il trasporto, portare l'unità ancora
imballata il più vicino possibile al luogo d'installazione definitivo.
▪ Quando si maneggia l'unità, tenere conto di quanto segue:
Fragile. Trattare l'unità con cura.
Tenere l'unità in posizione verticale per non danneggiare
il compressore.
3.2.2
Per movimentare l'unità esterna
Trasportare lentamente l’unità, come indicato di seguito:
▪ Scegliere in anticipo il percorso attraverso il quale l’unità verrà
portata all’interno.
ATTENZIONE
Per evitare infortuni, NON toccare l'ingresso dell'aria o le
alette in alluminio dell'unità.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
7
4 Note sulle unità ed opzioni
Carrello elevatore. Finché l’unità rimane sul pallet, è possibile
utilizzare anche un carrello elevatore.
Identificazione del modello
Esempio: R X Y SC Q 4 TM V1 B [*]
Spiegazione
Codice
3.2.3
Per rimuovere gli accessori dall'unità
esterna
1
Rimuovere il coperchio di servizio. Vedere "6.2.2 Per aprire
l'unità esterna" a pagina 16.
2
Rimuovere gli accessori.
b
a
1×
c
1×
R
Raffreddato mediante aria esterna
X
Pompa di calore (senza riscaldamento continuo)
Y
Modulo singolo
SC
Serie Compact S
Q
Refrigerante R410A
4+5
Classe di capacità
TM
Serie VRV IV
V1
Alimentazione
B
Mercato europeo
[*]
Indicazione di modifica secondaria al modello
4.3
Informazioni sull'unità esterna
Questo manuale di installazione è relativo al sistema a pompa di
calore comandato da full inverter VRV IV-S.
1×
Queste unità sono destinate all’installazione all’aperto e alle
applicazioni con pompa di calore aria-aria.
RXYSCQ4+5
Specifica
d
1×
e
Capacità
Riscaldamento
2×
Temperatura di
progettazione
ambiente
a
b
c
d
e
Precauzioni generali per la sicurezza
Manuale di installazione e d'uso dell'unità esterna
Etichetta per i gas serra fluorinati
Adesivo con informazioni sull'installazione
Fascetta per cavi
4
Note sulle unità ed opzioni
4.1
Panoramica: note sulle unità ed
opzioni
4.4
14,2~16 kW
Raffreddamento
12,1~14 kW
Riscaldamento
–20~15,5°C WB
Raffreddamento
–5~46°C DB
Layout sistema
NOTA
Il sistema non deve essere utilizzato a temperature inferiori
a –15°C.
INFORMAZIONI
Non tutte le combinazioni di unità interne sono ammesse;
per le indicazioni, vedere "4.5.2 Possibili combinazioni
delle unità interne" a pagina 9.
a
In questo capitolo vengono fornite informazioni su:
▪ Identificazione dell'unità esterna.
▪ Posizione dell'unità esterna nella disposizione del sistema.
b
c
c
e
f
▪ Unità interne e opzioni combinabili alle unità esterne.
4.2
Identificazione
NOTA
Se si devono installare o riparare varie unità
contemporaneamente, assicurarsi di NON scambiare i
coperchi di servizio tra un modello e l'altro.
d
a
b
c
d
e
f
4.2.1
Etichetta di identificazione: Unità esterna
Ubicazione
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
8
e
g
d
f
g
g
VRV IV-S Unità esterna a pompa di calore
Tubazioni del refrigerante
VRV Unità interna a espansione diretta (DX)
Interfaccia utente (dedicata in base al tipo di unità interna)
Scatola BP (necessaria per il collegamento delle unità
interne a espansione diretta (DX) Residential Air (RA) o
Sky Air (SA))
Unità interne a espansione diretta (DX) Residential Air
(RA)
Interfaccia utente (wireless, dedicata in base al tipo di unità
interna)
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
5 Preparazione
4.5
4.5.1
Unità combinatrici e opzioni
Informazioni sulla combinazione di unità e
opzioni
NOTA
Per garantire il funzionamento della propria configurazione
del sistema (unità esterna + unità interna/e), è necessario
consultare i dati tecnici più aggiornati per la pompa di
calore VRV IV-S.
Il sistema a pompa di calore VRV IV-S può essere combinato con
diversi tipi di unità interne ed è progettato esclusivamente per l'uso
di R410A.
Per informazioni sulle unità disponibili è possibile consultare il
catalogo dei prodotti VRV IV-S.
Sono disponibili informazioni generali sulle combinazioni ammesse
di unità interne e unità esterne. Non tutte le combinazioni sono
consentite. Esistono delle regole (combinazione tra unità internaesterna, combinazioni di unità interne e così via) indicate nei dati
tecnici.
4.5.2
Possibili combinazioni delle unità interne
In generale, al sistema a pompa di calore VRV IV-S è possibile
collegare i seguenti tipi di unità interne. L'elenco non è esaustivo e
dipende sia dal modello di unità esterna sia dal modello di unità
interna.
▪ Unità interne (VRV a espansione diretta DX (applicazioni ariaaria).
▪ Unità interne (SA) a espansione diretta RA/DX (Sky Air/
Residential Air) (applicazioni aria-aria). Di seguito sono definite
unità interne RA DX. Queste unità interne richiedono una scatola
BP.
▪ AHU (applicazioni aria-aria): A seconda dell'applicazione sono
richiesti il kit EKEXV e il box EKEQ.
▪ Cortina d'aria (applicazioni aria-aria): Serie CYQ/CAV (Biddle), a
seconda dell'applicazione.
▪ La combinazione delle unità interne VRV DX e RA DX
non è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e AHU non
è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e a cortina
d'aria non è consentita.
Opzioni possibili per l'unità esterna
Consultare i dati tecnici per conoscere i nomi delle opzioni
più recenti.
Kit di diramazione del refrigerante
Nome del modello
Collettore Refnet
KHRQ22M29H
Giunto Refnet
KHRQ22M20T
Per la scelta del kit di diramazione ottimale, vedere "5.3.4 Per
selezionare i kit di diramazione del refrigerante" a pagina 14.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
L'adattatore di controllo esterno deve essere installato nell'unità
interna.
Cavo di configurazione per PC (EKPCCAB)
È possibile configurare diverse impostazioni in loco di messa in
esercizio tramite un'interfaccia PC. Per questa opzione è richiesto
EKPCCAB, un cavo dedicato per la comunicazione con l'unità
esterna. Il software di interfaccia utente è disponibile all'indirizzo
http://www.daikineurope.com/support-and-manuals/softwaredownloads/.
5
Preparazione
5.1
Panoramica: preparazione
In questo capitolo è descritto ciò che è necessario fare e sapere
prima di portarsi sul luogo d'installazione.
In questo capitolo vengono fornite informazioni su:
▪ Preparazione del luogo di installazione
▪ Preparazione delle tubazioni del refrigerante
▪ Preparazione dell'impianto elettrico
5.2
Preparazione del luogo
d'installazione
NON installare l'unità in luoghi che vengono utilizzati spesso come
sede di attività lavorative. In caso di lavori di costruzione (ad es.
molatura) in cui si genera una grande quantità di polvere, l'unità
deve essere coperta.
5.2.1
Requisiti del luogo di installazione
dell'unità esterna
INFORMAZIONI
Leggere inoltre i seguenti requisiti:
▪ Requisiti generici del luogo di installazione. Consultare
il capitolo "Precauzioni generali per la sicurezza".
▪ Requisiti dello spazio di servizio. Consultare il capitolo
"Dati tecnici".
INFORMAZIONI
Descrizione
L'adattatore di controllo esterno può essere utilizzato per impartire
un'istruzione specifica con un ingresso esterno proveniente da un
controllo centrale. Possono essere impartite istruzioni (singole o di
gruppo) per il funzionamento a bassa rumorosità e per il
funzionamento a risparmio energetico.
Scegliere un luogo d'installazione con spazio a sufficienza per
trasportare l'unità dentro e fuori da questo.
INFORMAZIONI
4.5.3
Adattatore di controllo esterno (DTA104A61/62)
▪ Requisiti delle tubazioni del refrigerante (lunghezza,
dislivello). Vedere la parte successiva di questo
capitolo "Preparazione".
ATTENZIONE
Dispositivi non accessibili a un pubblico generico.
L'installazione deve avvenire in un luogo sicuro e protetto
contro un accesso troppo semplice.
Sia l'unità interna che quella esterna sono adatte per
l'installazione in ambienti commerciali o industriali.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
9
5 Preparazione
NOTA
L'apparecchiatura descritta nel presente manuale potrebbe
causare disturbi elettromagnetici generati dall'energia a
radio frequenza. L'apparecchiatura è conforme alle
specifiche concepite per garantire una protezione
ragionevole contro tale interferenza. Ciononostante, non
esistono garanzie che escludano tale interferenza in una
particolare installazione.
Installare l'unità esterna al riparo dai venti diretti provenienti dal
mare.
Esempio: dietro l'edificio.
b
a
c
Si consiglia pertanto di installare l'apparecchiatura e i cavi
elettrici assicurando una distanza adeguata dalle
apparecchiature stereo, dai personal computer, ecc.
c
b
e
c
(mm)
Se l'unità esterna è esposta ai venti diretti provenienti dal mare,
installare un frangivento.
b
d
▪ Altezza del frangivento ≥ 1,5×altezza dell'unità esterna
d
f
a
a
b
c
d
e
f
▪ Tenere in considerazione i requisiti relativi allo spazio di servizio
durante l'installazione del frangivento.
d
Personal computer o radio
Fusibile
Differenziale di terra
Interfaccia utente
Unità interna
unità esterna
c
b
a
d
c
Nei luoghi in cui la ricezione è debole, mantenere una distanza di
almeno 3 m per evitare le interferenze elettromagnetiche di altri
apparecchi e utilizzare tubi protettivi per le linee di alimentazione e
trasmissione.
▪ Scegliere un luogo che consenta di evitare il più possibile la
pioggia.
▪ In caso di perdite di acqua, assicurarsi che l'acqua non possa
danneggiare l'installazione e lo spazio circostante.
▪ Scegliere un luogo in cui l'aria calda/fredda scaricata dall'unità o il
rumore dovuto al funzionamento NON possa arrecare disagio a
nessuno.
▪ Le alette dello scambiatore di calore sono affilate ed è possibile
ferirsi. Scegliere un luogo di installazione in cui non vi sia il rischio
di infortuni (particolarmente nelle aree in cui giocano i bambini).
NON installare l'unità in luoghi in cui siano presenti le condizioni
seguenti:
▪ Aree che richiedono silenzio (per esempio nelle vicinanze di una
camera da letto e simili), onde evitare che il rumore del
funzionamento possa causare disagio alle persone.
Nota: Se il livello del suono viene misurato nelle condizioni
d'installazione effettive, il valore misurato sarà superiore al livello
di pressione del suono riportato nella sezione Spettro del suono
del databook, a causa del rumore ambientale e delle riflessioni
acustiche.
a
b
c
d
Vento proveniente dal mare
Edificio
Unità esterna
Frangivento
Un vento forte (≥18 km/h) che soffi contro l'uscita dell'aria dell'unità
esterna provoca un cortocircuito (aspirazione dell'aria di scarico).
Questo potrebbe comportare:
▪ deterioramento della capacità operativa;
▪ accelerazioni frequenti del congelamento durante il funzionamento
in riscaldamento;
▪ interruzione del funzionamento dovuta alla riduzione della bassa
pressione o all'aumento dell'alta pressione;
▪ rottura della ventola (se la ventola dovesse essere esposta a un
forte vento costante, potrebbe iniziare a girare molto velocemente,
fino a rompersi).
Si raccomanda di installare un pannello deflettore nei casi in cui
l'uscita dell'aria sia esposta al vento.
Ruotare il lato di uscita dell'aria verso la parete dell'edificio, la
recinzione o lo schermo di protezione.
▪ In luoghi in cui si può riscontrare la presenza di vapore o nebbia
d’olio minerale nell’atmosfera. Le parti in plastica possono
deteriorarsi e cadere o provocare perdite d’acqua.
Si SCONSIGLIA di installare l'unità nei luoghi sotto riportati, poiché
la durata di vita dell'unità ne potrebbe risentire:
▪ In luoghi soggetti a forti oscillazioni della tensione
▪ In veicoli o navi
▪ Dove sono presenti vapori acidi o alcalini
Installazione sul mare. Assicurarsi che l'unità esterna NON sia
direttamente esposta ai venti provenienti dal mare. Questo consente
di prevenire la corrosione provocata dagli alti livelli di sale nell'aria,
che potrebbero ridurre la durata dell'unità.
a
a
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
10
Assicurarsi che lo spazio per l'installazione sia sufficiente
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
5 Preparazione
Posizionare il lato di uscita dell'aria ad angolo retto rispetto alla
direzione del vento.
NOTA
Se l'unità viene utilizzata per il riscaldamento in condizioni
di temperatura ambiente esterna bassa e umidità elevata,
adottare le precauzioni necessarie per mantenere liberi i
fori di scolo dell'unità ricorrendo alle attrezzature
appropriate.
a
b
a
In riscaldamento:
20
a
b
15.5
15
Direzione prevalente del vento
Uscita dell'aria
10
Requisiti aggiuntivi del luogo di
installazione dell'unità esterna in climi
freddi
5
TAO (°C WB)
5.2.2
Proteggere l'unità esterna dalla caduta diretta della neve e prestare
attenzione a che l'unità esterna NON venga MAI sepolta sotto la
neve.
a
b
0
–5
–10
–15
–20
10
15
20
25 27 30
TAI (°C DB)
a
a Campo di funzionamento di riscaldamento
c
b Campo di funzionamento
TAI Temperatura interna ambiente
d
TAO Temperatura esterna ambiente
b
Se l'unità deve essere utilizzata a una temperatura
ambiente inferiore ai –5°C per un periodo di 5 o più giorni,
con un livello di umidità relativa superiore al 95%, si
consiglia di scegliere una gamma Daikin appositamente
concepita per tale utilizzo e/o di rivolgersi al proprio
rivenditore per maggiori informazioni.
c
a
b
c
d
Copertura o riparo contro la neve
Piedistallo (altezza minima = 150 mm)
Direzione prevalente del vento
Uscita dell'aria
5.2.3
Messa in sicurezza contro le perdite di
refrigerante
Informazioni sulla sicurezza contro le perdite di
refrigerante
L'installatore e lo specialista di sistema devono garantire la giusta
protezione contro le perdite in base alle normative o agli standard
vigenti a livello locale. Se non esiste una normativa locale specifica,
attenersi ai seguenti standard.
Il sistema utilizza il refrigerante R410A. Il refrigerante R410A è
sicuro, di per sé non è tossico né infiammabile. Ciononostante
occorre avere cura di installare gli apparecchi di condizionamento in
un locale sufficientemente grande. Ciò garantisce che non venga
superato il livello di massima concentrazione del refrigerante,
nell'improbabile eventualità di forti perdite; il tutto nel rispetto delle
normative e degli standard locali vigenti.
Informazioni sul livello massimo di concentrazione
La carica massima di refrigerante e il calcolo della concentrazione
massima sono direttamente collegati allo spazio occupato da
persone in cui potrebbe verificarsi la perdita.
L'unità di misura della concentrazione è il kg/m3 (il peso di gas
refrigerante in kg contenuto in 1 m3 di spazio occupato).
Per il livello massimo di concentrazione è richiesta la conformità alle
normative e agli standard vigenti a livello locale.
In base agli standard europei, il livello di concentrazione massimo di
refrigerante consentito in ambienti frequentati da uomini per R410A
è limitato a 0,44 kg/m3.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
11
5 Preparazione
B
a
Nel caso in cui vi sia una divisione nel locale, ma in cui esista
un'apertura tra i locali sufficiente a permettere la libera
circolazione dell'aria.
b
a
b
Direzione del flusso di refrigerante
Stanza in cui si è verificata una perdita di refrigerante
(efflusso di tutto il refrigerante dal sistema)
a
Prestare particolare attenzione ai luoghi, come ad esempio le basi di
appoggio, in cui viene conservato il refrigerante, in quanto il
refrigerante è più pesante dell'aria.
a Aperture tra i locali
b Partizione (Dove c'è un'apertura senza porta oppure dove ci
sono aperture sopra e sotto la porta, ciascuna equivalente, in
termini di dimensioni, allo 0,15% o più dell'area del
pavimento.)
Per controllare il livello massimo di
concentrazione
Controllare il livello di massima concentrazione secondo quanto
riportato ai punti 1-4 e adottare tutte le misure necessarie.
1
3
Calcolare separatamente la quantità di refrigerante (kg)
rabboccata in ciascun sistema.
Formula
A+B=C
A
Quantità di refrigerante in un sistema con unità
singola (carica di refrigerante introdotta in
fabbrica)
B
Entità dei rabbocchi (introdotti in loco nel
sistema in funzione della lunghezza effettiva
delle tubazioni del refrigerante)
F
Quantità totale (kg) del refrigerante nel sistema
A/B≤C
A
Quantità totale di refrigerante nel sistema
B
Volume (m3) del locale più piccolo in cui sia
stata installata un'unità interna
F
Livello massimo di concentrazione (kg/m3)
4
Calcolare la densità del refrigerante in base al volume della
stanza in cui è installata l'unità interna e al locale adiacente.
Predisporre aperture di ventilazione nella porta dei locali
adiacenti fin quando la densità del refrigerante non è inferiore al
livello di concentrazione massimo.
5.3
Preparazione delle tubazioni del
refrigerante
5.3.1
Requisiti delle tubazioni del refrigerante
Se un singolo sistema del refrigerante viene diviso in 2
sistemi completamente indipendenti, utilizzare la quantità
di refrigerante con cui viene caricato ogni singolo sistema.
A
Calcolare il volume della stanza (m3) in cui è installata l'unità
interna. Nei casi come il seguente si deve calcolare il volume di
(A) e di (B) come quello di un solo locale o come se fosse il
locale più piccolo.
Nel caso in cui non vi siano divisioni in locali più piccoli:
Calcolare la densità del refrigerante tramite i risultati dei calcoli
di cui ai punti 1 e 2 di cui sopra. Se il risultato del calcolo
precedente supera il livello di concentrazione massimo, dovrà
essere praticata un'apertura di ventilazione nel locale
adiacente.
Formula
NOTA
2
b
INFORMAZIONI
Leggere anche le precauzioni e i requisiti al capitolo
“Precauzioni generali di sicurezza”.
NOTA
Per il refrigerante R410A occorre porre in atto alcune
rigorose precauzioni in modo da mantenere il circuito
frigorifero assolutamente pulito, asciutto e a tenuta.
▪ Pulito e asciutto: evitare infiltrazioni di corpi estranei
(compresi oli minerali o umidità) nel sistema.
▪ A tenuta ermetica: il refrigerante R410A non contiene
atomi di cloro, non danneggia lo strato di ozono e non
riduce la protezione della Terra contro i danni provocati
dai raggi ultravioletti. R410A può lievemente contribuire
alla creazione dell'effetto serra, se viene disperso
nell'ambiente. È pertanto necessario prestare
particolare attenzione nel controllare la tenuta
dell'installazione.
NOTA
Le tubazioni e le altre parti soggette a pressione devono
essere adatte al contatto con il refrigerante. Utilizzare rame
per refrigerazione senza saldatura, disossidato con acido
fosforico.
▪ I materiali estranei all'interno dei tubi (compreso l'olio per
fabbricazione) devono essere ≤30 mg/10 m.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
12
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
5 Preparazione
5.3.2
Materiale delle tubazioni del refrigerante
▪ Materiale delle tubazioni: Rame senza saldature disossidato con
acido fosforico.
A: Tubazioni tra l'unità esterna e il (primo) kit di
diramazione del refrigerante
▪ Qualità della tempra e spessore delle tubazioni:
Diametro
esterno (Ø)
Grado di tempra
6,4 mm (1/4")
Spessore (t)(a)
Temprato (O)
≥0,80 mm
Temprato (O)
≥0,99 mm
Ø
t
9,5 mm (3/8")
12,7 mm (1/2")
15,9 mm (5/8")
(a)
Determinare le dimensioni corrette facendo riferimento alle tabelle
seguenti e alla figura di riferimento (solo come indicazione).
INFORMAZIONI
▪ La combinazione delle unità interne VRV DX e RA DX
non è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e AHU non
è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e a cortina
d'aria non è consentita.
INFORMAZIONI
Se si installano unità interne RA DX, è necessario
configurare l'impostazione in loco [2‑38] (= tipo di unità
interne installate). Vedere "7.2.8 Modalità 2: Impostazioni
in loco" a pagina 31.
VRV DX
RA DX
1
A
2
3-1
C-2
3-2
3-3
1
2
3-1~3-4
4
5
A
B-1 B-2
C-1~C-4
D
E
D
4
C-3
A
2
D
2
C-1
1
B-2
2
b
A seconda delle leggi applicabili e della pressione di lavoro
massima dell'unità (vedere “PS High” sulla targa dati
dell'unità), potrebbe essere necessario un maggiore
spessore delle tubazioni.
Per selezionare le misure delle tubazioni
B-1
Se la lunghezza del tubo equivalente tra unità esterna e interna è di
almeno 90 m, è necessario aumentare le dimensioni del tubo del
gas principale (misura superiore). Se non si dispone della misura del
tubo del gas consigliata, utilizzare la misura standard (che potrebbe
causare una leggera diminuzione della capacità).
a
▪ Collegamenti svasati: Utilizzare solo materiale temprato.
5.3.3
▪ Il calcolo del refrigerante aggiuntivo deve essere regolato come
descritto nella sezione "6.7.3 Per determinare la quantità di
refrigerante aggiuntivo" a pagina 23.
C-4
3-4
E
5
5
e
d
a
b
c
d
e
Unità esterna
Tubo del gas principale
Aumento
Primo kit diramazione refrigerante
Unità interna
Tipo di capacità
dell'unità esterna
(HP)
4+5
Dimensioni del diametro esterno delle
tubazioni (mm)
Tubo del gas
Standard
Misura
superiore
15,9
19,1
Tubo del liquido
9,5
B: Tubazioni tra i kit di diramazione del
refrigerante
Effettuare una scelta nella seguente tabella in base al tipo di
capacità totale dell’unità interna, collegata a valle. Evitare che le
tubazioni di collegamento superino le dimensioni delle tubazioni del
refrigerante scelte in base al nome del modello del sistema
generale.
Indice di capacità
dell'unità interna
Dimensioni del diametro esterno delle
tubazioni (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
<150
15,9
9,5
150 ≤ x ≤ 162,5
19,1
Esempio: Capacità a valle per B-1 = Indice di capacità dell’unità 3-1
+ Indice di capacità dell’unità 3-2
4
E
c
E
5
E
5
Unità esterna
Kit di diramazione del refrigerante
VRV DX unità interne
unità BP
RA DX unità interne
Tubazioni tra l’unità esterna e il (primo) kit di diramazione
del refrigerante
Tubazioni tra i kit di diramazione del refrigerante
Tubazioni tra il kit di diramazione del refrigerante e l’unità
interna
Tubazioni tra il kit di diramazione del refrigerante e l’unità
BP
Tubazioni tra l’unità BP e l’unità interna RA DX
Se le dimensioni richieste per i tubi (in pollici) non sono indicate, è
consentito utilizzare altri diametri (in mm), tenendo presente quanto
segue:
C: Tubazioni tra il kit di diramazione del
refrigerante e l'unità interna
Utilizzare lo stesso diametro dei collegamenti (liquido, gas) sulle
unità interne. I diametri delle unità interne sono i seguenti:
Indice di capacità
dell'unità interna
Dimensioni del diametro esterno delle
tubazioni (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
15~50
12,7
6,4
63~140
15,9
9,5
D: Tubazioni tra il kit di diramazione del
refrigerante e l'unità BP
Indice di capacità
totale delle unità
interne collegate
Dimensioni del diametro esterno delle
tubazioni (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
▪ Scegliere le dimensioni del tubo più prossime a quelle richieste.
15~62
12,7
6,4
▪ Utilizzare adattatori idonei per la trasformazione da tubi in pollici a
tubi in mm (non in dotazione).
63~149
15,9
9,5
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
13
5 Preparazione
E: Tubazioni tra l'unità BP e l'unità interna RA DX
Indice di capacità
dell'unità interna
Kit di diramazione del
refrigerante
4+5
KHRQ22M20T
Dimensioni del diametro esterno delle
tubazioni (mm)
Tubo del gas
Tubo del liquido
15~42
9,5
6,4
50
12,7
60
71
5.3.4
Tipo di capacità dell'unità
esterna (HP)
9,5
15,9
Per selezionare i kit di diramazione del
refrigerante
Per gli esempi di tubazioni, fare riferimento a "5.3.3 Per selezionare
le misure delle tubazioni" a pagina 13.
Giunto Refnet nella prima diramazione (contando dall'unità
esterna)
Quando si utilizzano giunti Refnet nella prima diramazione a partire
dal lato dell'unità esterna, effettuare una scelta nella tabella
seguente secondo la capacità dell'unità esterna. Esempio: giunto
Refnet A→B‑1.
Giunti Refnet in altre diramazioni
Per i giunti Refnet diversi dalla prima diramazione, selezionare il
modello di kit di diramazione appropriato in base all'indice di
capacità totale di tutte le unità interne collegate dopo ogni
diramazione del refrigerante. Esempio: giunto Refnet B‑1→C‑1.
Indice di capacità dell'unità
interna
Kit di diramazione del
refrigerante
<162,5
KHRQ22M20T
Collettori Refnet
Per quanto riguarda i collettori Refnet, effettuare una scelta nella
seguente tabella in base alla capacità totale di tutte le unità interne
collegate sotto il collettore Refnet.
Indice di capacità dell'unità
interna
Kit di diramazione del
refrigerante
<162,5
KHRQ22M29H
INFORMAZIONI
A un collettore è possibile collegare al massimo 8
diramazioni.
5.3.5
Lunghezza e dislivello delle tubazioni del refrigerante
La lunghezza e il dislivello delle tubazioni devono essere conformi ai seguenti requisiti. Saranno presentati due schemi:
• Esterno con il 100% di unità interne VRV DX
• Esterno con il 100% di unità interne RA DX
Requisito
Lunghezza massima effettiva delle tubazioni
Limite
VRV DX
RA DX
70 m
35 m
▪ Esempio 1.1, unità 8: a+b+c+d+e+f+g+p≤Limite
▪ Esempio 1.2, unità 6: a+b+h≤Limite
▪ Esempio 1.2, unità 8: a+i+k≤Limite
▪ Esempio 1.3, unità 8: a+i≤Limite
▪ Esempio 2, unità 18: a+b+m≤Limite
Lunghezza massima equivalente delle tubazioni(a)
90 m
45 m
Lunghezza massima totale delle tubazioni
300 m
140 m
N/D
5 m
40 m
40 m
N/D
30 m
▪ Esempio 1.1: a+b+c+d+e+f+g+h+i+j+k+l+m+n+p≤Limite
▪ Esempio 2: a+b+c+d+e+f+g+h+i+j+k+l+m≤Limite
Lunghezza minima unità esterna-primo kit di diramazione del refrigerante
▪ Esempio 2: Limite≤a
Lunghezza massima primo kit di diramazione-unità interna
▪ Esempio 1.1, unità 8: b+c+d+e+f+g+p≤Limite
▪ Esempio 1.2, unità 6: b+h≤Limite
▪ Esempio 1.2, unità 8: i+k≤Limite
▪ Esempio 1.3, unità 8: i≤Limite
▪ Esempio 2, unità 18: b+m≤Limite
Lunghezza massima unità esterna-BP
▪ Esempio 2, BP3: a+b≤Limite
Lunghezza minima e massima BP-unità
interna
Indice di capacità dell'unità interna<60
N/D
2~15 m
Indice di capacità dell'unità interna=60
N/D
2~12 m
▪ Esempio 2, unità 18: Min.≤m≤Max.
Indice di capacità dell'unità interna=71
N/D
2~8 m
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
14
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
5 Preparazione
Requisito
Dislivello massimo unità esterna-unità
interna
Limite
VRV DX
RA DX
30 m
30 m
15 m
15 m
N/D
30 m
N/D
15 m
N/D
5 m
Unità esterna più alta dell'unità interna
▪ Esempi: H1≤Limite
Unità esterna più bassa dell'unità interna
Dislivello massimo unità interna-unità interna
▪ Esempi: H2≤Limite
Dislivello massimo unità esterna-BP
▪ Esempio 2: H3≤Limite
Dislivello massimo unità BP-BP
▪ Esempio 2: H4≤Limite
Dislivello massimo BP-unità interna
▪ Esempio 2: H5≤Limite
(a)
Presumere una lunghezza equivalente delle tubazioni del giunto Refnet di 0,5 m e del collettore Refnet di 1 m (per il calcolo della lunghezza
equivalente delle tubazioni, non per il calcolo della carica di refrigerante).
Esempio 1 (unità interne VRV DX)
Esempio 2 (unità interne RA DX)
Esempio 1.1
b
a
A
c
B
h
i
1
d
C
e
D
j
2
k
3
g
f
E
F
l
4
G
m
5
n
6
p
7
H2
a
H1
c
H3
8
Esempio 1.2
b
A
d
H1
BP1
i
a
A
H1
c
d
1
e
2
B
b
3
4
f
5
H4
g
6
j
7
8
h
g
f
k
11
H2
e
BP2
j k
i
14
16
H2
h
12
15
BP3
l
17
13
H5
m
18
Esempio 1.3
a
H1
b
1~8
11~18
5.4
5.4.1
1
c
2
d
3
e
4
5
f
6
g
h
7
H2
i
8
Giunto Refnet
Collettore Refnet
Box BP
VRV DX unità interne
RA DX unità interne
Preparazione del cablaggio
elettrico
Informazioni sulla conformità alle norme
elettriche
Apparecchiatura conforme alla norma EN/IEC 61000‑3‑12 (Standard
tecnico europeo/internazionale che definisce i limiti di corrente
armonica prodotta da apparecchiature collegate a sistemi pubblici a
bassa tensione con corrente di entrata >16 A e ≤75 A per fase).
5.4.2
Requisiti dei dispositivi di sicurezza
L'alimentazione deve essere protetta con i dispositivi di sicurezza
necessari, ossia un interruttore generale, un fusibile a intervento
ritardato su ogni fase e un differenziale di terra in conformità alla
legge in vigore.
Il tipo e le dimensioni del cablaggio devono essere conformi alla
legge in vigore sulla base delle informazioni indicate nella tabella in
basso.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Modello
Corrente minima del Fusibili consigliati
circuito
RXYSCQ4+5
29,1 A
32 A
Per tutti i modelli:
▪ Fase e frequenza: 1~ 50 Hz
▪ Tensione: 220-240 V
▪ Sezione della linea di trasmissione:
Cablaggio di trasmissione
Cavi in vinile con guaina da
0,75 a 1,25 mm² (cavi a 2 fili)
Lunghezza massima dei cavi
300 m
(= distanza tra l'unità esterna e
l'unità interna più distante)
Lunghezza totale dei cavi
600 m
(= distanza tra l'unità esterna e
tutte le unità interne)
Se il cablaggio di trasmissione totale supera questi limiti
possono verificarsi errori di comunicazione.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
15
6 Installazione
6
Installazione
6.1
Panoramica: installazione
In questo capitolo è descritto ciò che è necessario fare e sapere sul
luogo per installare il sistema.
Flusso di lavoro tipico
L'installazione si compone tipicamente delle fasi seguenti:
▪ Montaggio dell'unità esterna.
▪ Montaggio delle unità interne.
▪ Collegamento delle tubazioni del refrigerante.
▪ Controllo delle tubazioni del refrigerante.
▪ Caricamento del refrigerante.
▪ Collegamento dei fili elettrici.
6.3
Montaggio dell'unità esterna
6.3.1
Informazioni sul montaggio dell'unità
esterna
Flusso di lavoro tipico
Il montaggio dell'unità esterna, tipicamente, si compone delle fasi
seguenti:
1
2
3
4
5
Fornitura della struttura di installazione.
Installazione dell'unità esterna.
Fornitura dello scolo.
Prevenzione della caduta dell'unità esterna.
Protezione dell'unità da neve e vento per mezzo di un riparo per
la neve e pannelli deflettori. Vedere "Preparazione del luogo di
installazione" in "5 Preparazione" a pagina 9.
6.3.2
▪ Completamento dell'installazione dell'unità esterna.
▪ Completamento dell'installazione delle unità interne.
INFORMAZIONI
INFORMAZIONI
Leggere inoltre le precauzioni e i requisiti nei seguenti
capitoli:
Per
l'installazione
dell'unità
interna
(montaggio,
collegamento delle tubazioni del refrigerante, collegamento
dell'impianto elettrico…), consultare il manuale di
installazione dell'unità interna.
6.2
Apertura delle unità
6.2.1
Note relative all’apertura delle unità
In certi casi, è necessario aprire l’unità. Esempio:
▪ Durante il collegamento delle tubazioni del refrigerante
▪ Quando si collega il cablaggio elettrico
Precauzioni per il montaggio dell'unità
esterna
▪ Precauzioni generali per la sicurezza
▪ Preparazione
6.3.3
Per fornire la struttura di installazione
Controllare che il terreno su cui si deve installare l'unità sia solido e
piano, in modo tale che l'unità non generi vibrazioni o rumore
durante il funzionamento.
Fissare saldamente l'unità per mezzo dei bulloni di fondazione in
base al disegno della fondazione stessa.
Preparare 4 serie di bulloni d’ancoraggio con relativi dadi e rondelle
(da reperire in loco), come indicato di seguito:
▪ Quando si devono eseguire interventi di manutenzione o
assistenza sull’unità
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
NON lasciare l'unità incustodita se è stato rimosso il
coperchio di servizio.
6.2.2
4× M12
Per aprire l'unità esterna
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
62
0
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
>150
)
0 95
49 -4
85
(4
(mm)
a
Assicurarsi di non coprire i fori di scolo.
INFORMAZIONI
L'altezza consigliata per la parte sporgente superiore dei
bulloni è 20 mm.
20
5×
a
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
16
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
Fori di scolo (dimensioni in mm)
a
6.3.4
52
a
62 59 118
Fissare l'unità esterna ai bulloni della fondazione
utilizzando dei dadi con rondelle di resina (a). Se il
rivestimento dell'area di fissaggio dovesse venir via, i dadi
arrugginirebbero facilmente.
102
NOTA
20
Per installare l'unità esterna
216
a
6.3.6
130
21
32
98
89
Fori di scolo
Prevenzione della caduta dell'unità
esterna
Nel caso si dovesse installare l'unità in luoghi in cui un forte vento
potrebbe inclinare l'unità, prendere le seguenti misure:
4× M12
Collegare i cavi (da reperire in loco) come mostrato.
4×
6.3.5
Per fornire lo scolo
▪ Assicurarsi che l'acqua della condensa possa essere evacuata
adeguatamente.
▪ Installare l'unità su una base che possa assicurare uno scarico
adeguato al fine di evitare gli accumuli di ghiaccio.
▪ Tutt'attorno alla fondazione occorre predisporre una canalina per
lo scarico dell'acqua, per scaricare le acque reflue che potrebbero
accumularsi attorno all'unità.
6.4
Collegamento delle tubazioni del
refrigerante
6.4.1
Informazioni sul collegamento delle
tubazioni del refrigerante
▪ Evitare che l'acqua dello scarico fuoriesca e inondi il percorso
pedonale, per cui in caso di temperature sotto allo zero questo
potrebbe diventare scivoloso.
Prima di collegare le tubazioni del refrigerante
▪ Se si installa l'unità su un telaio, installare una piastra
impermeabile entro 150 mm dal lato inferiore dell'unità, per
impedire che l'acqua inondi l'unità e per evitare il gocciolamento
dell'acqua di scarico (vedere l'illustrazione seguente).
Flusso di lavoro tipico
Assicurarsi che le unità esterna e interna siano montate.
Il collegamento delle tubazioni del refrigerante richiede di:
▪ Collegamento delle tubazioni del refrigerante all'unità esterna
▪ Collegamento del kit di diramazione del refrigerante
▪ Collegamento delle tubazioni del refrigerante alle unità interne
(consultare il manuale di installazione delle unità interne)
▪ Isolamento delle tubazioni del refrigerante
▪ Tenere presenti le linee guida relative a:
▪ Curvatura dei tubi
▪ Svasatura delle estremità del tubo
Se i fori di scolo dell'unità esterna sono coperti da una
base di montaggio o dalla superficie del pavimento,
sollevare l'unità in modo da lasciare al di sotto uno spazio
libero di almeno 150 mm.
▪ Brasatura
≥150 mm
NOTA
▪ Uso delle valvole di arresto
6.4.2
Precauzioni per il collegamento delle
tubazioni del refrigerante
INFORMAZIONI
Leggere inoltre le precauzioni e i requisiti nei seguenti
capitoli:
▪ Precauzioni generali per la sicurezza
▪ Preparazione
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
17
6 Installazione
NOTA
a
b
Tenere in considerazione le precauzioni seguenti per
quanto riguarda le tubazioni del refrigerante:
▪ Evitare che nel ciclo del refrigerante si possa
mescolare qualsiasi altra sostanza (per esempio aria),
a parte il refrigerante designato.
c
d
▪ Per aggiungere refrigerante, usare solo il tipo R410A.
▪ Utilizzare esclusivamente gli attrezzi per l'installazione
(set di manometri con collettore, ecc.) usati
esclusivamente per gli impianti con R410A e quindi atti
a sopportare la pressione presente e a prevenire che
materiali estranei (per esempio olio minerale e umidità)
si mescolino nel sistema.
a
b
c
d
Dimensioni
delle tubazioni
(mm)
Coppia di
serraggio
(N•m)
Ø6,4
15~17
8,7~9,1
▪ Montare le tubazioni in modo tale che il dado svasato
NON sia sottoposto a sollecitazioni meccaniche
▪ Proteggere le tubazioni come descritto nella tabella che
segue, per evitare che nelle tubazioni possano
penetrare sporcizia, liquidi o polvere.
▪ Osservare la massima attenzione nel far passare i tubi
di rame attraverso le pareti (vedere la figura seguente).
Chiave dinamometrica
Chiave fissa
Raccordo delle tubazioni
Dado svasato
Dimensioni
Sagoma della
della svasatura
svasatura
(A) (mm)
(mm)
Ø9,5
33~39
12,8~13,2
Ø12,7
50~60
16,2~16,6
Ø15,9
63~75
19,3~19,7
6.4.4
90°±2
45 ±
° 2
A
R=0.4~0.8
Linee guida per curvare i tubi
Per la curvatura, usare una curvatrice per tubi. Tutte le curve dei tubi
devono avere un raggio il meno accentuato possibile (il raggio di
curvatura deve essere di 30~40 mm o maggiore).
6.4.5
Per svasare l'estremità dei tubi
ATTENZIONE
Unità
Unità esterna
Unità interna
Periodo
d'installazione
>1 mese
Pizzicare il tubo
<1 mese
Pizzicare o nastrare il
tubo
Indipendentemente
dal periodo
▪ Una svasatura incompleta può causare perdite di gas
refrigerante.
Metodo di
protezione
▪ NON riutilizzare i tubi con vecchie svasature. Usare
delle nuove svasature per prevenire le perdite di gas
refrigerante.
▪ Usare i dadi svasati che sono inclusi nell'unità. L'uso di
dadi svasati diversi può causare la perdita di gas
refrigerante.
INFORMAZIONI
NON aprire la valvola di arresto del refrigerante prima di
aver controllato la tubazione del refrigerante. In caso di
necessità di caricare del refrigerante aggiuntivo, si
consiglia di aprire la valvola di arresto del refrigerante dopo
la carica.
6.4.3
Linea guida per il collegamento delle
tubazioni del refrigerante
1
Tagliare l'estremità del tubo con un tagliatubi.
2
Rimuovere la bava con la superficie tagliata rivolta verso il
basso, in modo che i trucioli non possano entrare nel tubo.
a
b
a
b
Tagliare esattamente ad angolo retto.
Rimuovere la bava.
Per collegare i tubi, tenere conto delle linee guida seguenti:
3
▪ Spalmare la superficie interna della svasatura con olio di etere
oppure olio di estere se si deve collegare un dado svasato.
Serrare manualmente per 3 o 4 giri, quindi serrare a fondo.
Rimuovere il dado svasato dalla valvola di arresto e mettere il
dado svasato sul tubo.
4
Svasare il tubo. Posizionarlo esattamente nel punto illustrato
nella figura che segue.
A
Attrezzo di svasatura convenzionale
▪ Utilizzare sempre due chiavi contemporaneamente per allentare
un dado svasato.
▪ Usare sempre una chiave fissa e una chiave dinamometrica
insieme per serrare il dado svasato durante il collegamento della
tubazione. Questo serve ad evitare che il dado si crepi e si
formino delle perdite.
Attrezzo di
svasatura per
R410A (tipo con
frizione)
A
5
a
0~0,5 mm
Tipo con frizione
(Tipo rigido)
Tipo con dado
con alette
(Tipo per sistema
imperiale)
1,0~1,5 mm
1,5~2,0 mm
Controllare che la svasatura sia stata eseguita correttamente.
b
c
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
18
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
a
b
c
La superficie interna della svasatura deve essere priva di
difetti.
L'estremità del tubo deve essere svasata in modo uniforme
in un cerchio perfetto.
Assicurarsi che il dado svasato sia sollevato.
a
b
c
d
a
6.4.6
Coperchio apertura di servizio e coperchio dell’apertura di
servizio
Valvola di arresto
Collegamento alle tubazioni esistenti
Coperchio della valvola di arresto
b
Per saldare le estremità dei tubi
NOTA
Precauzioni durante il collegamento delle tubazioni
esistenti. Aggiungere il materiale per la brasatura come
mostrato nella figura.
e
≤Ø25.4
d
c
a
b
c
d
e
1
Apertura di servizio
Coperchio della valvola di arresto
Foro esagonale
Albero
Guarnizione
Per aprire la valvola di arresto
1
▪ Durante la brasatura, eseguire la soffiatura con azoto per impedire
la formazione di una pellicola ossidata spessa sulla parte interna
della tubazione. Questa pellicola ha un effetto negativo sulle
valvole e sui compressori nel sistema di refrigerazione e ne
impedisce il corretto funzionamento.
1
Togliere il coperchio della valvola di arresto.
2
Inserire una chiave esagonale nella valvola di arresto e ruotare
la valvola di arresto in senso antiorario.
3
Interrompere la rotazione quando la valvola di arresto giunge a
un punto di arresto.
Risultato: Ora la valvola è aperta.
▪ Impostare la pressione dell'azoto a 20 kPa (quanto basta da
sentirlo sulla pelle) con una valvola di riduzione della pressione.
a
b
c
d
f
a
b
c
d
e
f
e
f
Tubazioni del refrigerante
Punto da sottoporre a brasatura
Nastro adesivo
Valvola manuale
Valvola di riduzione della pressione
Azoto
▪ NON usare anti-ossidanti durante la brasatura dei giunti dei tubi.
Le sostanze residue potrebbero ostruire i tubi e danneggiare
l'apparecchiatura.
▪ NON utilizzare fondente per saldare durante la brasatura delle
tubazioni del refrigerante rame-rame. Utilizzare una lega di
riempimento rame-fosforo per brasatura (BCuP) che non richiede
fondente per saldare.
Il flussante è particolarmente nocivo per i sistemi delle tubazioni
del refrigerante. Ad esempio, se viene usato un flussante a base
di cloro, questo può corrodere i tubi o, se in particolare il flussante
contiene fluoro, può deteriorare l'olio refrigerante.
6.4.7
Utilizzo della valvola di arresto e
dell'apertura di servizio
2
1
3
4
Per chiudere la valvola di arresto
1
Togliere il coperchio della valvola di arresto.
2
Inserire una chiave esagonale nella valvola di arresto e ruotare
la valvola di arresto in senso orario.
3
Interrompere la rotazione quando la valvola di arresto giunge a
un punto di arresto.
Risultato: Ora la valvola è chiusa.
Direzione di chiusura:
Per controllare la valvola di arresto
▪ Accertarsi che durante il funzionamento entrambe le valvole di
arresto siano aperte.
▪ Nella figura in basso sono indicati i nomi dei componenti richiesti
per la gestione della valvola di arresto.
Per controllare il coperchio della valvola di arresto
▪ La valvola di arresto viene chiusa in fabbrica.
▪ Il coperchio della valvola di arresto è sigillato nel punto indicato
dalla freccia. Fare attenzione a non danneggiarlo.
a
▪ Dopo l’uso della valvola di arresto, assicurarsi di stringere
accuratamente il coperchio della valvola. Per la torsione,
consultare la tabella sottostante.
b
c
d
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
▪ Dopo avere serrato il coperchio della valvola di arresto, verificare
che non vi siano perdite di refrigerante.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
19
6 Installazione
4
Procedere come segue:
▪ Collegare il tubo del liquido (a) alla valvola di arresto del
liquido.
▪ Collegare il tubo del gas (b) alla valvola di arresto del gas.
Per controllare l'apertura di servizio
b
a
▪ Utilizzare sempre un tubo flessibile di caricamento dotato di
piedino depressore della valvola, in quanto l’apertura di servizio è
una valvola di tipo Schrader.
▪ Dopo l’uso dell’apertura di servizio, assicurarsi di stringere
accuratamente il coperchio dell’apertura di servizio. Per la
torsione, consultare la tabella sottostante.
▪ Dopo avere serrato il coperchio dell’apertura di servizio, verificare
che non vi siano perdite di refrigerante.
5
Riapplicare il coperchio di servizio e la piastra di aspirazione
delle tubazioni.
6
Sigillare tutti gli spazi vuoti (esempio: a) per impedire che la
neve o piccoli animali penetrino nel sistema.
Coppie di serraggio
Dimensioni Coppia di serraggio N•m (per chiudere ruotare in
della
senso orario)
valvola di
Alberino
arresto
Corpo
della
Chiave
Tappo
Apertura di
(mm)
valvola
esagonale (coperchio
servizio
della
valvola)
Ø9,5
5,4~6,6
4 mm
13,5~16,5
Ø15,9
13,5~16,5
6 mm
22,5~27,5
a
AVVERTENZA
Prevedere misure adeguate per impedire che l'unità possa
essere usata come riparo da piccoli animali. I piccoli
animali che dovessero entrare in contatto con le parti
elettriche possono causare malfunzionamenti, fumo o
incendi.
11,5~13,9
NOTA
6.4.8
Per collegare le tubazioni del refrigerante
all'unità esterna
Assicurarsi di aprire le valvole di arresto dopo aver
installato le tubazioni del refrigerante e dopo aver eseguito
l'essiccazione sotto vuoto. Il funzionamento del sistema
con le valvole di arresto chiuse può provocare la rottura del
compressore.
NOTA
Assicurarsi che le tubazioni esistenti non tocchino gli altri
tubi, il pannello inferiore o il pannello laterale. In particolare
per il collegamento laterale e inferiore, assicurarsi di
proteggere le tubazioni con isolante idoneo per evitare che
vengano a contatto con il telaio.
1
Per collegare il kit di diramazione del
refrigerante
Per l'installazione del kit di diramazione refrigerante, fare riferimento
al manuale di installazione in dotazione con il kit.
Procedere come segue:
▪ Rimuovere il coperchio di servizio. Vedere "6.2.2 Per aprire
l'unità esterna" a pagina 16.
▪ Rimuovere la piastra di aspirazione delle tubazioni (a) con la
vite (b).
▪ Montare il giunto Refnet in modo tale che le diramazioni siano
orizzontali o verticali.
▪ Montare il collettore Refnet in modo che le diramazioni siano
orizzontali.
a
b
2
6.4.9
Scegliere un percorso per le tubazioni (a, b oppure c).
b
3
c
b
±30°
a
c
A
Se è stato scelto il percorso per le tubazioni verso il basso:
▪ Praticare un foro (a, 4×) e aprire il foro cieco (b).
▪ Tagliare le fenditure (c) con una sega in metallo.
4× Ø6 mm
a
b
a
B
a
b
c
c
Superficie orizzontale
Giunti Refnet montati verticalmente
Giunti Refnet montati orizzontalmente
c
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
20
a
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
6.5
6.5.1
NOTA
Controllo delle tubazioni del
refrigerante
Assicurarsi che tutte le valvole delle tubazioni esistenti
siano APERTE (non le valvole di arresto dell'unità
esterna!) prima di iniziare la prova di perdita e la messa a
vuoto.
Controllo della tubazione del refrigerante
I lavori alle tubazioni del
refrigerante sono terminati?
No
Finire i lavori alle tubazioni.
Sì
Le unità interne e/o l'unità
esterna sono già state
accese?
Per ulteriori informazioni sullo stato delle valvole, fare riferimento a
"6.5.3 Controllo della tubazione del refrigerante: Impostazione" a
pagina 21.
6.5.2
No
Adottare la procedura:
"Metodo 1: Prima
dell'accensione (metodo
regolare)".
Sì
Per aumentare l'efficienza, collegare la pompa a vuoto tramite un
collettore all'apertura di servizio di tutte le valvole di arresto (fare
riferimento a "6.5.3 Controllo della tubazione del refrigerante:
Impostazione" a pagina 21).
Adottare la procedura:
"Metodo 2: Dopo
l'accensione".
NOTA
Utilizzare una pompa a vuoto a 2 stadi con valvola di
ritegno o valvola solenoide in grado di espellere una
pressione di –⁠100,7 kPa (5 Torr assoluti).
È molto importante che tutti i lavori sulle tubazioni del refrigerante
vengano eseguiti prima dell’accensione delle unità (esterna o
interna).
NOTA
Assicurarsi che l'olio della pompa non ritorni nel sistema
quando la pompa non è in funzione.
Una volta accese le unità, verranno inizializzate le valvole di
espansione, il che significa che si chiuderanno. La prova di perdita e
l’essiccazione sotto vuoto delle tubazioni esistenti e delle unità
interne non sono possibili in questa situazione.
Verranno pertanto spiegati 2 metodi per l’installazione iniziale, la
prova di perdita e l’essiccazione sotto vuoto.
Controllo della tubazione del refrigerante:
Linee guida generali
NOTA
Non spurgare l'aria con i refrigeranti. Utilizzare una pompa
a vuoto per svuotare l'impianto.
6.5.3
Controllo della tubazione del refrigerante:
Impostazione
Metodo 1: Prima dell’accensione
Se il sistema non è ancora stato acceso, non sono necessari
interventi speciali per eseguire la prova di perdita e l’essiccazione
sotto vuoto.
Metodo 2: Dopo l’accensione
Se il sistema è già stato acceso, attivare l’impostazione [2‑21]
(consultare "7.2.4 Per accedere alla modalità 1 o 2" a pagina 29).
Questa impostazione aprirà le valvole di espansione esistenti per
garantire un percorso per le tubazioni R410A e rendere possibile
l’esecuzione della prova di perdita e dell’essiccazione sotto vuoto.
p<
A
a
R410A
b
c
NOTA
Attendere che l'unità esterna abbia completato
l'inizializzazione prima di applicare l'impostazione [2‑21].
▪ Controllare che non ci siano perdite nelle tubazioni del
refrigerante.
▪ Eseguire un’essiccazione sotto vuoto per rimuovere tutta l’umidità,
l’aria o l’azoto nelle tubazioni del refrigerante.
g
f
C
e
a
b
c
d
e
f
g
A
B
C
Assicurarsi che tutte le unità interne collegate all'unità
esterna siano accese.
Il controllo delle tubazioni del refrigerante richiede di:
B
d
N2
NOTA
Prova di perdita ed essiccazione sotto vuoto
p>
Valvola di riduzione della pressione
Azoto
Bilance
Serbatoio R410A del refrigerante (sistema a sifone)
Pompa a vuoto
Valvola di arresto della linea del liquido
Valvola di arresto della linea del gas
Valvola A
Valvola B
Valvola C
Valvola
Stato della valvola
Valvola A
Aperta
Valvola B
Aperta
Valvola C
Aperta
Valvola di arresto della linea del
liquido
Chiusa
Valvola di arresto della linea del
gas
Chiusa
Se è possibile la presenza di umidità nelle tubazioni del refrigerante
(ad esempio se è entrata acqua nelle tubazioni), per prima cosa
effettuare la procedura di messa a vuoto fino a rimuovere tutta
l’umidità.
Tutte le tubazioni all’interno dell’unità sono state collaudate in
fabbrica per accertare l’assenza di perdite.
Il controllo deve essere effettuato solo sulle tubazioni del refrigerante
esistenti. Prima di eseguire la prova di perdita o l’essiccazione sotto
vuoto è pertanto indispensabile accertarsi che tutte le valvole di
arresto delle unità esterne siano ben chiuse.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
21
6 Installazione
NOTA
3
Se non dovesse essere possibile raggiungere il vuoto entro
2 ore o mantenerlo per un’ora, è possibile che il sistema
contenga troppa umidità. In questo caso, effettuare la
pressurizzazione con azoto fino a una pressione di 0,05 MPa
(0,5 bar) e ripetere i passaggi da 1 a 3 fino a rimuovere tutta
l’umidità.
4
Aprire le valvole di arresto dell'unità esterna se si desidera
caricare immediatamente il refrigerante tramite l'apertura di
caricamento del refrigerante, oppure tenerle chiuse se si
preferisce precaricare una parte del refrigerante tramite la linea
del liquido. Vedere "6.7.4 Per caricare il refrigerante" a
pagina 23 per maggiori informazioni.
Eseguire la prova di perdita e l'essiccazione sotto vuoto
anche sui collegamenti alle unità interne e su tutte le unità
interne. Mantenere aperte tutte le valvole delle tubazioni
esistenti, se possibile.
Per maggiori dettagli, consultare il manuale di installazione
dell'unità interna. La prova di perdita e l'essiccazione sotto
vuoto devono essere eseguite prima di attivare
l'alimentazione dell'unità. In caso contrario, fare riferimento
anche al diagramma di flusso descritto in precedenza in
questo capitolo (vedere "6.5.1 Controllo della tubazione del
refrigerante" a pagina 21).
INFORMAZIONI
6.5.4
Per effettuare una prova di tenuta
Dopo aver aperto la valvola di arresto, è possibile che la
pressione nelle tubazioni del refrigerante NON salga. La
causa è riconducibile allo stato di chiusura, ad esempio,
della valvola di espansione nel circuito dell'unità esterna,
ma NON costituisce un problema per il corretto
funzionamento dell'unità.
La prova di perdita deve essere conforme alle specifiche della
norma EN378‑2.
Per verificare se vi sono perdite: Prova di perdita a
vuoto
1
Svuotare il sistema dalla tubazione del liquido e del gas fino a –
100,7 kPa (–⁠1,007 bar/5 Torr) per più di 2 ore.
2
Spegnere quindi la pompa a vuoto e controllare che la
pressione non risalga per almeno 1 minuto.
3
Nel caso la pressione dovesse aumentare, è possibile che il
sistema contenga umidità (vedere la disidratazione a vuoto di
seguito) o presenti perdite.
Per verificare se vi sono perdite: Prova di perdita
di pressione
1
Effettuare una pressurizzazione con gas azoto a una pressione
minima di 0,2 MPa (2bar). Non applicare mai una pressione
superiore alla pressione di funzionamento massima dell’unità,
ossia 4,0 MPa (40 bar).
2
Verificare le perdite applicando una soluzione di prova a bolle in
tutte le tubature.
3
Scaricare tutto l’azoto.
6.5.5
6.6
Per isolare la tubazione del
refrigerante
Una volta concluse la prova di perdita e l’essiccazione sotto vuoto,
occorre procedere all’isolamento delle tubazioni. Tenere in
considerazione quanto segue:
▪ Assicurarsi di isolare completamente le tubazioni di collegamento
e i kit di diramazione del refrigerante.
▪ Assicurarsi di isolare le tubazioni del gas e del liquido (di tutte le
unità).
▪ Utilizzare schiuma di polietilene termoresistente che sia in grado
di sopportare una temperatura di almeno 70 °C per le tubazioni
del liquido e di almeno 120 °C per le tubazioni del gas.
▪ Rinforzare l’isolamento delle tubazioni del refrigerante in base
all’ambiente di installazione.
Temperatura
ambiente
Umidità
Spessore minimo
NOTA
≤30°C
Da 75% a 80% RH
15 mm
Utilizzare una soluzione per prova di gorgogliamento
consigliata dal proprio rivenditore. Non utilizzare acqua
saponata onde evitare la rottura dei dadi svasati (l'acqua
saponata può contenere sale, che assorbe l'umidità che si
congela al raffreddamento delle tubature) e/o la corrosione
dei giunti svasati (l'acqua saponata può contenere
ammoniaca, che ha un effetto corrosivo tra il dado svasato
in ottone e la svasatura in rame).
>30°C
≥80% RH
20 mm
Sulla superficie dell’isolante si potrebbe formare della condensa.
▪ In caso di formazione di condensa sulla valvola di arresto, l’acqua
potrebbe successivamente gocciolare nell’unità interna attraverso
le fessure presenti sull’isolante e sulle tubazioni, poiché l’unità
esterna è collocata più in alto rispetto all’unità interna. Questo tipo
di situazione deve essere evitato sigillando i collegamenti. Vedere
la figura in basso.
Per effettuare la disidratazione a vuoto
NOTA
b
Eseguire la prova di tenuta e la messa a vuoto anche sui
collegamenti verso le unità interne e tutte le unità interne.
Mantenere aperte tutte le valvole esistenti delle unità
interne.
a
La prova di tenuta e la disidratazione a vuoto devono
essere eseguite prima di accendere l'unità. In caso
contrario, vedere "6.5.1 Controllo della tubazione del
refrigerante" a pagina 21 per maggiori informazioni.
a
b
Materiale di isolamento
Calafataggio, ecc.
Per rimuovere tutta l’umidità dal sistema, attenersi alla procedura
riportata di seguito:
1
Svuotare il sistema per almeno 2 ore fino a un vuoto di –
100,7 kPa (–1,007 bar/5 Torr).
2
Verificare che, con la pompa a vuoto spenta, il vuoto sia
mantenuto per almeno un’ora.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
22
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
6.7
NOTA
Carica del refrigerante
6.7.1
Assicurarsi che tutte le unità interne collegate siano state
riconosciute (impostazione [1‑5]).
Informazioni sul caricamento del
refrigerante
NOTA
L'unità esterna è stata caricata in fabbrica con il refrigerante, ma a
seconda delle tubazioni esistenti potrebbe essere necessario
caricarne una quantità aggiuntiva.
Chiudere il pannello anteriore prima di eseguire qualunque
operazione di caricamento del refrigerante. Se il pannello
anteriore non è montato, l'unità non potrà stabilire
correttamente se il funzionamento è adeguato.
Prima del caricamento del refrigerante
Assicurarsi che le tubazioni del refrigerante esterne dell'unità
esterna siano state sottoposte a verifica (prova di perdita ed
essiccazione sotto vuoto).
NOTA
Durante la manutenzione, se il sistema (unità esterna
+tubazioni esistenti+unità interne) non contiene più
refrigerante (ad esempio dopo un'operazione di recupero
del refrigerante), l'unità deve essere caricata con la
quantità originale di refrigerante (vedere la targhetta
sull'unità) e con la quantità di refrigerante aggiuntivo
determinata.
Flusso di lavoro tipico
Il caricamento di refrigerante aggiuntivo si compone tipicamente
delle seguenti fasi:
1
Valutazione della quantità di refrigerante aggiuntivo da caricare.
2
Caricamento del refrigerante aggiuntivo (precaricamento e/o
caricamento).
3
Compilazione dell'etichetta sui gas serra fluorinati
applicazione della stessa all'interno dell'unità esterna.
e
6.7.3
Per determinare la quantità di refrigerante
aggiuntivo
INFORMAZIONI
6.7.2
Precauzioni durante il caricamento del
refrigerante
INFORMAZIONI
Leggere inoltre le precauzioni e i requisiti nei seguenti
capitoli:
▪ Precauzioni generali per la sicurezza
Per la regolazione della carica finale in un laboratorio di
prova, contattare il rivenditore.
Refrigerante aggiuntivo da caricare = R (kg). R deve essere
arrotondato in unità di 0,1 kg.
R=[(X1×Ø9,5)×0,059+(X2×Ø6,4)×0,022]
X1...2 = Lunghezza totale (m) del tubo del liquido a Øa
▪ Preparazione
INFORMAZIONI
La lunghezza delle tubazioni è la distanza dall'unità
esterna all'unità interna più lontana.
AVVERTENZA
▪ Usare esclusivamente R410A come refrigerante. Altre
sostanze possono causare esplosioni e incidenti.
▪ R410A contiene gas serra fluorinati. Il suo valore
potenziale di riscaldamento globale è 2087,5. NON
liberare questi gas nell'atmosfera.
▪ Per caricare il refrigerante, usare sempre guanti
protettivi e occhiali di sicurezza.
Se si utilizzano tubazioni metriche, tenere in considerazione la
tabella seguente relativa al fattore di peso da allocare. Dovrebbe
essere sostituito a R nella formula.
Tubazioni in pollici
Dimensioni (Ø, Fattore di peso Dimensioni (Ø) Fattore di peso
mm)
(mm)
NOTA
Se alcune unità vengono spente, la procedura di
caricamento non può essere completata correttamente.
NOTA
Assicurarsi di attivare l'alimentazione 6 ore prima della
messa in funzione in modo da fornire corrente alla
resistenza del carter e da proteggere il compressore.
NOTA
Se l'avvio avviene entro 12 minuti dall'accensione delle
unità interne ed esterne, il compressore non verrà messo
in funzione se non è stata in precedenza stabilita
correttamente la comunicazione tra unità esterne e interne.
NOTA
Prima di avviare le procedure di caricamento, verificare
che il display a 7 LED abbia un aspetto normale (vedere
"7.2.4 Per accedere alla modalità 1 o 2" a pagina 29) e
che l'interfaccia utente dell'unità interna non segnali alcun
codice di malfunzionamento. Se è presente un codice di
malfunzionamento, vedere "11.3 Risoluzione dei problemi
in base ai codici di malfunzionamento" a pagina 39.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Tubazioni metriche
6,4
0,022
6
0,018
9,5
0,059
10
0,065
Durante la selezione dell’unità interna, fare riferimento alla seguente
tabella con i limiti sul rapporto di collegamento. Le informazioni
dettagliate sono disponibili nei dati tecnici.
Unità interne
in uso
VRV DX
RA DX
(a)
6.7.4
Capacità totale Rapporto di collegamento per
capacità ammessa
CR(a)
VRV DX
RA DX
50~130%
50~130%
—
80~130%
—
80~130%
CR = Rapporto di collegamento.
Per caricare il refrigerante
Per accelerare il processo di caricamento del refrigerante, nel caso
di sistemi di dimensioni maggiori si raccomanda di precaricare una
parte del refrigerante tramite la linea del liquido prima di procedere
con il caricamento manuale. Il passaggio può essere saltato, ma in
tal caso il caricamento richiederà più tempo.
Precaricamento del refrigerante
Il precaricamento può essere effettuato anche se il compressore non
è in funzione, collegando il flacone del refrigerante all'apertura di
servizio della valvola di arresto del liquido.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
23
6 Installazione
1
a
b
c
d
A
Effettuare il collegamento come mostrato. Accertarsi che tutte le
valvole di arresto delle unità esterne e la valvola A siano
chiuse.
p<
p>
A
a
B
N2
R410A
b
c
NOTA
g
f
C
d
L'apertura di caricamento del refrigerante è collegata alle
tubazioni all'interno dell'unità. Le tubazioni interne dell'unità
sono state riempite di refrigerante in fabbrica, quindi
occorre prestare attenzione durante il collegamento del
tubo flessibile di caricamento.
e
a
b
c
d
e
f
g
A
B
C
Valvola di riduzione della pressione
Azoto
Bilance
Serbatoio R410A del refrigerante (sistema a sifone)
Pompa a vuoto
Valvola di arresto della linea del liquido
Valvola di arresto della linea del gas
Valvola A
Valvola B
Valvola C
2
Aprire le valvole C e B.
3
Precaricare il refrigerante fino a raggiungere la quantità di
refrigerante aggiuntivo determinata o fino a quando non è più
possibile effettuare il precaricamento, quindi chiudere le valvole
C e B.
4
Eseguire una delle seguenti azioni:
Se
Allora
È stata raggiunta la quantità
di refrigerante aggiuntivo
determinata
È stato caricato troppo
refrigerante
Scollegare il collettore dalla
linea del liquido.
Non è necessario eseguire le
istruzioni della sezione
"Caricamento del refrigerante
(nella modalità di caricamento
manuale del refrigerante
aggiuntivo)".
Recuperare il refrigerante.
Scollegare il collettore dalla
linea del liquido.
Non è necessario eseguire le
istruzioni della sezione
"Caricamento del refrigerante
(nella modalità di caricamento
manuale del refrigerante
aggiuntivo)".
Non è ancora stata raggiunta Scollegare il collettore dalla
la quantità di refrigerante
linea del liquido.
aggiuntivo determinata
Proseguire con le istruzioni
della sezione "Caricamento del
refrigerante (nella modalità di
caricamento manuale del
refrigerante aggiuntivo)".
Caricamento del refrigerante (nella modalità di caricamento
manuale del refrigerante aggiuntivo)
Il refrigerante aggiuntivo rimanente può essere caricato azionando
l'unità esterna nella modalità di caricamento manuale del
refrigerante aggiuntivo.
5
Effettuare il collegamento come mostrato. Assicurarsi che la
valvola A sia chiusa.
p<
p>
A
Bilance
Serbatoio refrigerante R410A (sistema a sifone)
Pompa a vuoto
Apertura di caricamento del refrigerante
Valvola A
d
b
6
Aprire tutte le valvole di arresto delle unità esterne. A questo
punto, la valvola A deve rimanere chiusa!
7
Prendere tutte le precauzioni indicate nelle sezioni
"7 Configurazione" a pagina 28 e "8 Messa in funzione" a
pagina 36.
8
Accendere l'unità esterna e le unità interne.
9
Attivare l'impostazione [2‑20] per avviare la modalità di
caricamento manuale del refrigerante aggiuntivo. Per i dettagli,
vedere "7.2.8 Modalità 2: Impostazioni in loco" a pagina 31.
Risultato: L'unità inizia a funzionare.
INFORMAZIONI
L'operazione di caricamento manuale del refrigerante si
conclude automaticamente entro 30 minuti. Se il
caricamento non viene completato entro 30 minuti, ripetere
l'operazione di caricamento del refrigerante aggiuntivo.
INFORMAZIONI
▪ Se viene rilevato un problema di funzionamento
durante la procedura (ad esempio se una valvola di
arresto è chiusa), viene visualizzato un codice di
malfunzionamento. In tal caso, fare riferimento a
"6.7.5 Codici di malfunzionamento durante il
caricamento del refrigerante" a pagina 25 e risolvere il
problema di funzionamento di conseguenza. Premendo
BS3 è possibile reimpostare il problema di
funzionamento. È possibile ricominciare con le
istruzioni della sezione "Caricamento".
▪ È possibile interrompere il caricamento manuale del
refrigerante premendo BS3. L'unità si arresta e ritorna
alla condizione di inattività.
10 Aprire la valvola A.
11 Caricare il refrigerante fino a raggiungere la quantità di
refrigerante aggiuntivo determinata rimanente, quindi chiudere
la valvola A.
12 Premere BS3 per terminare la modalità di caricamento manuale
del refrigerante aggiuntivo.
NOTA
Assicurarsi di aprire tutte le valvole di arresto dopo il
(pre)caricamento del refrigerante.
Il funzionamento del sistema con le valvole di arresto
chiuse provoca il danneggiamento del compressore.
NOTA
Dopo l'aggiunta del refrigerante, chiudere il coperchio
dell'apertura di caricamento del refrigerante. La coppia di
serraggio del coperchio è compresa tra 11,5 e 13,9 N•m.
d
R410A
a
c
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
24
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
6.7.5
c
d
e
f
g
h
Codici di malfunzionamento durante il
caricamento del refrigerante
INFORMAZIONI
Se si verifica un problema di funzionamento, il codice di
errore viene visualizzato sull'interfaccia utente dell'unità
interna.
Se si verifica un problema di funzionamento, chiudere
immediatamente la valvola A. Controllare il codice di
malfunzionamento e intervenire di conseguenza; vedere
"11.3 Risoluzione dei problemi in base ai codici di
malfunzionamento" a pagina 39.
6.7.6
1
Collegamenti dei circuiti d'alimentazione e di trasmissione
È importante che i cavi di alimentazione e i cavi di trasmissione
siano separati. Per evitare interferenze elettriche, la distanza tra i
due tipi di cavi deve essere sempre pari ad almeno 50 mm.
NOTA
▪ Assicurarsi di tenere la linea di alimentazione separata
dalla linea di trasmissione. I cavi di trasmissione e i
cavi di alimentazione possono incrociarsi, ma non
correre paralleli.
Per fissare l'etichetta dei gas serra
fluorinati
Compilare l'etichetta come segue:
▪ Il cablaggio di trasmissione e di alimentazione non
deve toccare le tubazioni interne (eccetto il tubo di
raffreddamento PCB dell'inverter) per evitare danni
dovuti all'alta temperatura delle tubazioni.
a
▪ Chiudere a fondo il coperchio e disporre i cavi elettrici
in modo da evitare che il coperchio o altri componenti si
allentino.
b
c
a
Carica di refrigerante effettuata in fabbrica: vedere la
targhetta dell'unità
Quantità aggiuntiva di refrigerante caricata
Carica totale di refrigerante
b
c
2
Applicare l'etichetta all'interno dell'unità esterna. È disponibile
una posizione dedicata all'etichetta dello schema dell'impianto
elettrico.
6.8
Collegamento dei fili elettrici
6.8.1
Note relative al collegamento del
cablaggio elettrico
I cavi di trasmissione all'esterno dell'unità devono essere avvolti e
posati insieme alle tubazioni disponibili in loco.
Diramazioni
Numero massimo di diramazioni
per il cablaggio da unità a unità
Cablaggio di trasmissione
9
Cavi in vinile con guaina da 0,75
a 1,25 mm² (cavi a 2 fili)
Lunghezza massima dei cavi
300 m
(= distanza tra l'unità esterna e
l'unità interna più distante)
Lunghezza totale dei cavi
600 m
(= distanza tra l'unità esterna e
tutte le unità interne)
Flusso di lavoro tipico
Il collegamento del cablaggio elettrico si compone tipicamente delle
fasi seguenti:
1
Verifica della conformità dell'alimentazione alle specifiche
elettriche delle unità.
2
3
4
Collegamento a terra
Unità esterna
Unità interna
Interfaccia utente
Cablaggio di alimentazione (cavo con guaina) (230 V)
Cablaggio di trasmissione (cavo con guaina) (16 V)
Alimentazione 1~ 50 Hz
Collegamento a terra
Collegamento dell'impianto elettrico all'unità esterna.
Collegamento dell'impianto elettrico alle unità interne.
Collegamento dell'alimentazione principale.
Se il cablaggio di trasmissione totale supera questi limiti
possono verificarsi errori di comunicazione.
Dopo una derivazione non è più possibile aggiungere un'altra
derivazione.
A
C
Cablaggio in loco: Panoramica
b1
Il cablaggio in loco è costituito dall’alimentazione (sempre
comprensiva della messa a terra) e dalla comunicazione internaesterna (trasmissione).
b2
Esempio:
c1
a
c
d
b3
b
c2
a
b
g
c
e
h
h
f
a
b
g
h
e
h
f
B
h
e
h
f
A
B
C
a
b1, b2, b3
c1, c2
a
Unità esterna
Unità interna
Interfaccia utente centrale (ecc...)
Linea principale
Linee di diramazione
Nessuna diramazione consentita dopo la diramazione
Alimentazione in loco (con differenziale di terra)
Interruttore generale
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
25
6 Installazione
6.8.2
Precauzioni durante il collegamento dei
fili elettrici
NOTA
Se l'alimentazione presenta una fase N mancante o errata,
l'apparecchiatura subirà danneggiamenti seri.
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
NOTA
AVVERTENZA
NON installare un condensatore di rifasatura, poiché l'unità
è dotata di un inverter. Un condensatore di rifasatura
ridurrebbe le prestazioni e potrebbe provocare incidenti.
Tutti i collegamenti e i componenti esistenti devono essere
installati da un elettricista qualificato e devono essere
conformi alle normative vigenti.
NOTA
AVVERTENZA
Se NON è già stato installato alla fabbrica, sarà necessario
installare nel cablaggio fisso un interruttore generale o altri
mezzi per la sconnessione, aventi una separazione dei
contatti per tutti i poli, che provveda alla completa
sconnessione nella condizione di sovratensione categoria
III.
Non rimuovere mai un termistore, sensore, ecc. durante il
collegamento dei collegamenti elettrici e dei cavi di
trasmissione. (In caso di utilizzo senza termistore, sensore,
ecc., il compressore potrebbe subire seri danneggiamenti).
6.8.3
Linee guida quando si aprono i fori ciechi
NOTA
AVVERTENZA
Precauzioni per l'apertura dei fori ciechi:
▪ Utilizzare SOLO fili di rame.
▪ Evitare di danneggiare il telaio.
▪ Assicurarsi che i collegamenti elettrici in loco siano
conformi alla legislazione applicabile.
▪ Dopo aver aperto i fori ciechi, è consigliabile di
rimuovere le bave e verniciare i bordi e le aree
circostanti con vernice per ritocchi, onde evitare la
formazione di ruggine.
▪ I collegamenti elettrici in loco devono essere eseguiti
conformemente allo schema elettrico fornito insieme al
prodotto.
▪ Quando si fanno passare i cavi elettrici attraverso i fori
ciechi, avvolgere i cavi con del nastro protettivo per non
danneggiarli.
▪ NON stringere MAI assieme i fasci di cavi ed
assicurarsi che questi non entrino in contatto con
tubazioni e bordi taglienti. Assicurarsi che sui
collegamenti dei terminali non gravi alcuna pressione
esterna.
▪ Non dimenticare di installare il cablaggio di terra. NON
effettuare la messa a terra dell'unità tramite tubi
accessori, assorbitori di sovratensione o la messa a
terra del telefono. Una messa a terra incompleta può
provocare scosse elettriche.
a
b
a
b
c
c
Foro cieco
Bava
Sigillante, ecc.
▪ Accertarsi che venga usata un circuito d'alimentazione
dedicato. NON alimentare MAI l'apparecchio attraverso
una sorgente di alimentazione alla quale sono
collegate anche altre utenze.
6.8.4
▪ Accertarsi di installare i fusibili o gli interruttori
magnetotermici richiesti.
Tenere a mente quanto segue:
▪ Non dimenticare di installare un interruttore di
dispersione a terra. Il mancato rispetto di questa
precauzione può causare scosse elettriche o incendi.
▪ Durante l'installazione dell'interruttore di dispersione a
terra, accertarsi della sua compatibilità con l'inverter
(resistente ai disturbi elettrici ad alta frequenza), per
evitare inutili aperture dell'interruttore di dispersione a
terra.
Installare i cavi di alimentazione ad una distanza di almeno 1 metro
da televisori o radio, per prevenire le interferenze. A seconda del
tipo di onde radio, la distanza di 1 metro potrebbe non essere
sufficiente.
AVVERTENZA
▪ Dopo aver completato i collegamenti elettrici, accertarsi
che ogni componente elettrico e terminale all'interno
del quadro elettrico siano saldamente connessi.
Linee guida per il collegamento dei fili
elettrici
▪ Se si utilizzando fili con conduttori a trefolo, installare sulla punta
un terminale del tipo a crimpaggio rotondo. Disporre il terminale
del tipo a crimpaggio rotondo sul filo, fino alla parte coperta, e
fissarlo con l'attrezzo appropriato.
b
a
a
b
Filo con conduttori a trefolo
Terminale ad anello a crimpare
▪ Per installare i fili, utilizzare i metodi seguenti:
Tipo di filo
Metodo d'installazione
cb
Filo ad anima singola
A
▪ Assicurarsi che tutti i coperchi siano stati chiusi prima
di avviare l'unità.
NOTA
non avviare l'unità fino a che non sia stato riempito il tubo
del refrigerante. L'avviamento dell'unità con la tubazione
non pronta può rompere il compressore.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
26
A´
AA´
c
a
a
a Filo ad anima singola a spira
b Vite
c Rondella piana
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
6 Installazione
Tipo di filo
X2M
Metodo d'installazione
Filo con conduttori a
trefolo con terminale
del tipo a crimpaggio
rotondo
cb
a
B
bc
B
TO IN/D
TO OUT/D
a
a Terminale
b Vite
c Rondella piana
a
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
F1 F2
NOTA
b
Precauzioni per la posa dei cavi di alimentazione:
▪ non collegare cavi di diverso spessore alla morsettiera
di alimentazione (la presenza di gioco nei cavi di
alimentazione può causare un calore anomalo).
a
▪ Se si collegano cavi dello stesso spessore, procedere
come indicato nella figura seguente.
Utilizzare il conduttore del filo con guaina (2 fili) (nessuna
polarità)
Morsettiera (da reperire in loco)
b
AVVERTENZA
È necessario utilizzare il filo schermato e collegare la terra
al morsetto di trasmissione (X2M).
F1 F2
▪ Durante la posa dei fili elettrici, utilizzare fili per
l'alimentazione specifici e collegarli saldamente, quindi
assicurarsi di evitare che sulla morsettiera venga
esercitata una pressione esterna.
F1
TO IN/D UNIT TO OUT/D UNIT
▪ Utilizzare un apposito cacciavite per serrare le viti dei
morsetti. Un cacciavite a testa piccola danneggerebbe
la testa e renderebbe impossibile il serraggio.
a
▪ Un serraggio troppo stretto può danneggiare le viti dei
morsetti.
Coppie di serraggio
Cablaggio
a Terra
4
Dimensioni della vite
Coppia di
serraggio (N•m)
M5
2,0~3,0
Cavi di
alimentazione
Collegare l'alimentazione come indicato di seguito:
1~ 50 Hz
220-240 V
a
b
(alimentazione +
messa a terra
schermata)
Cablaggio di
trasmissione
6.8.5
F2
c
M3,5
X1M
0,8~0,97
Per collegare i cavi elettrici all'unità
esterna
a
b
c
5
Interruttore di dispersione a terra
Fusibile
Cavo di alimentazione
Fissare i cavi (alimentazione e cablaggio di trasmissione) con
fascette per cavi.
NOTA
▪ Attenersi allo schema dell'impianto elettrico (fornito con
l'unità e posto all'interno del coperchio di servizio).
▪ Assicurarsi che i collegamenti elettrici NON ostacolino
la corretta riapplicazione del coperchio di servizio.
1
Rimuovere il coperchio di servizio. Vedere "6.2.2 Per aprire
l'unità esterna" a pagina 16.
2
Spellare l'isolante (20 mm) dai fili.
a
L
N
X1M
X2M
a
b
b
a
a
b
3
Spellare l'estremità del filo fino a questo punto
Una lunghezza eccessiva della parte spellata può causare
scosse elettriche o dispersione.
Collegare il cablaggio di trasmissione come indicato di seguito:
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
a
b
X1M
X2M
Fascetta per cavi
Piastra di fissaggio
Alimentazione
Cablaggio di trasmissione
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
27
7 Configurazione
6
Far passare i fili nel telaio e collegarli al telaio stesso.
6.9.2
Passaggio nel
telaio
Per chiudere l'unità esterna
NOTA
Nel chiudere il coperchio dell'unità esterna, assicurarsi che
la coppia di serraggio NON superi il valore di 4,1 N•m.
b
a
a Cavo di alimentazione
b Cablaggio di trasmissione
Collegamento al
telaio
Una volta instradati i cavi dall'unità, è
possibile inserire in corrispondenza del
foro cieco un manicotto di protezione per i
condotti (inserti PG).
Se non si utilizza un condotto per fili,
proteggere i fili stessi con tubi in vinile per
evitare che il bordo del foro cieco li possa
tagliare.
A B
a
bc
d
e
5×
7
Configurazione
7.1
Panoramica: Configurazione
A Interno dell'unità esterna
In questo capitolo sono descritte le operazioni da eseguire e le
informazioni da conoscere per configurare il sistema dopo
l'installazione.
B Esterno dell'unità esterna
Le informazioni disponibili riguardano:
a Filo
▪ Esecuzione delle impostazioni sul campo
b Boccola
▪ Risparmio energetico e funzionamento ottimale
c Dado
INFORMAZIONI
d Telaio
È importante che tutte le informazioni di questo capitolo
vengano lette in sequenza dall'installatore e che il sistema
sia configurato di conseguenza.
e Tubo flessibile
7
8
Riapplicare il coperchio di servizio. Vedere "6.9.2 Per chiudere
l'unità esterna" a pagina 28.
Collegare un interruttore di dispersione a terra e il fusibile alla
linea di alimentazione.
6.9
Completamento dell'installazione
dell'unità esterna
6.9.1
Per completare il cablaggio di
trasmissione
Una volta installati i cavi di trasmissione all'interno dell'unità,
avvolgerli con del nastro di finitura insieme alle tubazioni del
refrigerante in loco, come mostrato nella figura seguente.
a
c
b
e
d
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
7.2
Esecuzione delle impostazioni sul
campo
7.2.1
Informazioni sull'esecuzione delle
impostazioni sul campo
Per configurare il sistema a pompa di calore è necessario fornire un
ingresso al PCB principale dell’unità esterna (A1P). Per questa
operazione sono necessari i seguenti componenti da reperire in
loco:
▪ Pulsanti di comando per fornire l’ingresso al PCB
▪ Display per la lettura del feedback dal PCB
Le impostazioni in loco sono definite in base a modalità,
impostazione e valore. Esempio: [2‑8]=4.
Configuratore PC
a
b
c
d
e
Tubo del liquido
Tubo del gas
Isolante
Cablaggio di trasmissione (F1/F2)
Nastro di finitura
Per il sistema a pompa di calore VRV IV-S è inoltre possibile
configurare diverse impostazioni in loco di messa in esercizio
utilizzando un’interfaccia PC (è richiesta l’opzione EKPCCAB per
questa operazione). L’installatore può preparare la configurazione
(fuori sede) sul PC e successivamente caricare la configurazione nel
sistema.
Vedere anche: "7.2.9 Per collegare il configuratore PC all'unità
esterna" a pagina 33.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
28
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
7 Configurazione
[H1P - 32 + 16 + 8 + 4 + 2 + 1]
Modalità 1 e 2
Modalità
Modalità 1
Situazione predefinita
La modalità 1 consente di monitorare la
situazione attuale dell'unità esterna. È
possibile monitorare anche il contenuto di
alcune impostazioni in loco.
(impostazioni di
monitoraggio)
Modalità 2
(H1P spento)
Modalità 1
(H1P lampeggiante)
La modalità 2 è usata per cambiare le
impostazioni in loco del sistema. È possibile
consultare e modificare il valore corrente
dell'impostazione in loco.
(impostazioni in
loco)
Modalità 2
(H1P acceso)
Alcune impostazioni in loco sono usate per
operazioni speciali (ad esempio operazione
singola, impostazione di recupero/messa a
vuoto, impostazione di aggiunta manuale del
refrigerante, ecc.). In tal caso, è necessario
interrompere l'operazione speciale prima di
poter riprendere il funzionamento normale. Le
indicazioni sono fornite nelle spiegazioni di
seguito.
(nella modalità 2)
(H2P~H7P = 8 binario)
Valore 4
0 + 0 + 0 + 4 + 0 + 0
(nella modalità 2)
(H2P~H7P = 4 binario)
7.2.4
Per accedere alla modalità 1 o 2
Dopo avere acceso le unità, il display passa alla relativa situazione
predefinita. Da qui è possibile accedere alle modalità 1 e 2.
Inizializzazione: situazione predefinita
NOTA
Assicurarsi di attivare l'alimentazione 6 ore prima della
messa in funzione in modo da fornire corrente alla
resistenza del carter e da proteggere il compressore.
Per accedere ai componenti delle
impostazioni in loco
Vedere "6.2.2 Per aprire l'unità esterna" a pagina 16.
7.2.3
Impostazione 8
0 + 0 + 8 + 0 + 0 + 0
In generale, dopo aver cambiato le
impostazioni in loco è possibile riprendere il
normale funzionamento senza interventi
speciali.
7.2.2
Descrizione
H1P H2P H3P H4P H5P H6P H7P
Descrizione
Attivare l’alimentazione dell’unità esterna e di tutte le unità interne.
Una volta stabilita la comunicazione tra unità interne e unità esterna,
lo stato di indicazione del display apparirà come nella figura
(situazione predefinita alla spedizione dalla fabbrica).
Componenti delle impostazioni in loco
NOTA
a
Il microinterruttore (DS1 su A1P) non è utilizzato. NON
cambiare l'impostazione di fabbrica.
I componenti per configurare le impostazioni in loco sono i seguenti:
MODE
X1M
BS1~BS5
H1P~H7P
H8P
X2M
H1P
TEST:
HWL:
H2P
C/H SELECT
IND
MASTER SLAVE
L.N.O.P. DEMAND MULTI
H3P
H4P
H5P
H6P
BS1
BS2
BS3
BS4
BS5
MODE
SET
RETURN
TEST
RESET
H7P
10~12 min
H8P
Pulsanti di comando
Display a 7 LED
LED per le indicazioni durante l'inizializzazione
Acceso ( ) Spento ( ) Lampeggiante ( )
b
c
a
b
c
Pulsanti di comando
BS1
BS2
BS3
BS4
BS5
MODALITÀ: Per modificare la modalità di impostazione
IMPOSTAZIONE: Per l'impostazione in loco
RITORNO: Per l'impostazione in loco
PROVA: Per la prova di funzionamento
REIMPOSTAZIONE: Per reimpostare l'indirizzo dopo aver
sostituito il cablaggio o dopo aver installato un'unità interna
aggiuntiva
Se la situazione predefinita non viene mostrata entro 10~12 minuti,
controllare il codice di malfunzionamento nell'interfaccia utente
dell'unità interna. Risolvere il problema di funzionamento di
conseguenza. Controllare per prima cosa il cablaggio di
comunicazione.
Passaggio tra le modalità
Utilizzare BS1 per passare tra la situazione predefinita, la modalità 1
e la modalità 2.
a
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
B
B
s]
Esempio:
[5
Mostra la modalità
Mostra le impostazioni e i valori, rappresentati in codice
binario
S1
H1P
H2P~H7P
S1
Il display fornisce un feedback sulle impostazioni in loco, definite
come [Modalità-Impostazione]=Valore.
B
Display a 7 LED
B
S1
Utilizzare i pulsanti di comando per configurare le impostazioni in
loco. Azionare i pulsanti di comando con un bastoncino isolato (ad
esempio una penna a sfera chiusa) per evitare di toccare le parti in
tensione.
Accensione
Situazione predefinita
Indicazione a LED in presenza di problemi di
funzionamento
S1
A1P
b
c
a
b
c
BS1
Situazione predefinita (H1P spento)
Modalità 1 (H1P lampeggiante)
Modalità 2 (H1P acceso)
Premere BS1.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
29
7 Configurazione
BS1 [5 s]
Premere BS1 per almeno 5 secondi.
INFORMAZIONI
N.
Azione
3
Selezionare l'impostazione 8.
("X×" dipende
dall'impostazione che si
desidera selezionare).
In caso di dubbi o incertezze durante il processo, premere
BS1 per ritornare alla situazione predefinita.
7.2.5
4
Per utilizzare la modalità 1
Nella modalità 1 (e nella situazione predefinita) è possibile leggere
alcune informazioni.
Esempio: Display a 7 LED – Situazione predefinita
#
2
Azione
Pulsante/display
H6P spento: Al momento
l'unità non opera con le
restrizioni di bassa
rumorosità.
5
7.2.7
Esempio: Display a 7 LED – Modalità 1
Azione
Iniziare dalla situazione
predefinita.
BS1 [1×]
3
Selezionare l'impostazione 5.
BS2 [X×]
("X×" dipende
dall'impostazione che si
desidera selezionare).
(= 5 binario)
BS3 [1×]
Visualizzare il valore
dell'impostazione 5.
(vi sono 8 unità interne
collegate)
7.2.6
b BS2 [X×]
c BS3 [1×]
d BS3 [1×]
BS1 [1×]
Uscire dalla modalità 2.
Modalità 1 (e situazione predefinita):
Impostazioni di monitoraggio
Nella modalità 1 (e nella situazione predefinita) è possibile leggere
alcune informazioni.
È possibile leggere le seguenti informazioni:
Valore / Descrizione
H6P
Selezionare la modalità 1.
5
a: Visualizzare il valore
corrente.
Pulsante/display
2
4
a BS3 [1×]
Display a 7 LED – Situazione predefinita (H1P spento)
È possibile leggere l'impostazione [1‑5] (= numero totale di unità
interne collegate) come indicato di seguito:
1
Selezionare il valore 4 (=
8°C).
d: Confermare. Il sistema
inizia a funzionare in base
all'impostazione.
(H1P spento)
H6P acceso: Al momento
l'unità opera con le restrizioni
di bassa rumorosità.
#
(= 8 binario)
c: Inserire il valore nel
sistema.
Assicurarsi che i LED
mostrino la situazione
predefinita.
Controllare lo stato del LED
H6P.
BS2 [X×]
b: Cambiarlo in 4. ("X×"
dipende dal valore corrente e
dal valore che si desidera
selezionare).
È possibile leggere lo stato del funzionamento a bassa rumorosità
come indicato di seguito:
1
Pulsante/display
(= 8 binario)
BS1 [1×]
Uscire dalla modalità 1.
Per utilizzare la modalità 2
Nella modalità 2 è possibile configurare le impostazioni in loco per
configurare il sistema.
Esempio: Display a 7 LED – Modalità 2
Mostra lo stato del funzionamento a bassa rumorosità.
SPEN
TO
ACCE
SO
Al momento l’unità non opera con le restrizioni di
bassa rumorosità.
Al momento l’unità opera con le restrizioni di bassa
rumorosità.
Il funzionamento a bassa rumorosità riduce il rumore
generato dall’unità rispetto alle condizioni operative
nominali.
Il funzionamento a bassa rumorosità può essere impostato
nella modalità 2. Esistono due metodi per attivare il
funzionamento a bassa rumorosità del sistema dell’unità
esterna.
▪ Il primo metodo consiste nell’abilitare il funzionamento
automatico a bassa rumorosità durante la notte attraverso
l’impostazione in loco. L’unità funzionerà sempre al livello
di bassa rumorosità scelto negli intervalli temporali
indicati.
▪ Il secondo metodo consiste nell’abilitare il funzionamento
a bassa rumorosità in base a un ingresso esterno. Per
questa operazione è richiesto un accessorio opzionale.
È possibile cambiare il valore dell'impostazione [2‑8] (= Te
temperatura di destinazione durante il funzionamento in
raffreddamento) in 4 (= 8°C) come indicato di seguito:
N.
Azione
1
Iniziare dalla situazione
predefinita.
2
Selezionare la modalità 2.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
30
Pulsante/display
BS1 [5 s]
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
7 Configurazione
Valore / Descrizione
H7P
Mostra lo stato del funzionamento a risparmio energetico.
SPEN
TO
ACCE
SO
Impostazione
Valore / Descrizione
(
)
[1‑5]
Al momento l’unità non opera con le restrizioni di
risparmio energetico.
Mostra il numero totale di unità
interne collegate.
Al momento l’unità opera con le restrizioni di
risparmio energetico.
Le restrizioni di risparmio energetico riducono il consumo
energetico dell’unità rispetto alle condizioni operative
nominali.
Le restrizioni di risparmio energetico possono essere
impostate nella modalità 2. Esistono due metodi per attivare
il funzionamento a risparmio energetico del sistema
dell’unità esterna.
▪ Il primo metodo consiste nell’abilitare il funzionamento a
risparmio energetico attraverso un’impostazione in loco.
L’unità opererà sempre con le restrizioni di risparmio
energetico selezionate.
▪ Il secondo metodo consiste nell’abilitare il funzionamento
a risparmio energetico in base a un ingresso esterno. Per
questa operazione è richiesto un accessorio opzionale.
[1‑14]
Mostra l’ultimo codice di
malfunzionamento.
[1‑15]
Mostra il penultimo codice di
malfunzionamento.
[1‑16]
Mostra il terzultimo codice di
malfunzionamento.
Display a 7 LED – Modalità 1 (H1P lampeggiante)
È possibile leggere le seguenti informazioni:
Può essere utile verificare che il
numero totale di unità interne
installate corrisponda al numero
totale di unità interne
riconosciute dal sistema. In caso
di incongruenza, si consiglia di
controllare il percorso del
cablaggio di comunicazione tra le
unità esterne e interne (linea di
comunicazione F1/F2).
Se i codici di malfunzionamento
più recenti sono stati reimpostati
accidentalmente sull’interfaccia
utente di un’unità interna,
possono essere controllati
nuovamente mediante queste
impostazioni di monitoraggio.
Per il contenuto o il motivo alla
base del codice di
malfunzionamento, vedere
"11.3 Risoluzione dei problemi in
base ai codici di
malfunzionamento" a
pagina 39, dove sono spiegati i
principali codici di
malfunzionamento. Per
informazioni dettagliate sui codici
di malfunzionamento, fare
riferimento al manuale di servizio
dell’unità.
Per ottenere informazioni
dettagliate sul codice di
malfunzionamento, premere fino
a 3 volte BS2.
7.2.8
Modalità 2: Impostazioni in loco
Nella modalità 2 è possibile configurare le impostazioni in loco per configurare il sistema. I LED offrono una rappresentazione binaria del
numero di impostazione/valore.
Per ulteriori informazioni e suggerimenti sull'effetto delle impostazioni [2‑8], [2‑9], [2‑41] e [2‑42], vedere "7.3 Risparmio energetico e
funzionamento ottimale" a pagina 33.
Impostazione
Valore
Descrizione
(= binario)
[2‑8]
Temperatura di destinazione Te durante l'operazione di
raffreddamento.
6°C
Auto
(impostazione predefinita)
8°C
9°C
10°C
11°C
[2‑9]
Temperatura di destinazione Tc durante l'operazione di
riscaldamento.
Auto
(impostazione predefinita)
46°C
43°C
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
31
7 Configurazione
Impostazione
Valore
Descrizione
(= binario)
[2‑12]
Disattivato.
Abilitare la funzione a bassa rumorosità e/o di risparmio energetico (impostazione predefinita)
tramite l'adattatore di controllo esterno (DTA104A61/62).
Attivato.
Se il sistema deve funzionare a bassa rumorosità o in risparmio
energetico quando l'unità riceve un segnale esterno, è necessario
modificare questa impostazione. Questa impostazione diventerà
effettiva solo se nell'unità interna è installato l'adattatore di
controllo esterno opzionale (DTA104A61/62).
[2‑18]
Impostazione di pressione statica alta del ventilatore.
Disattivato.
(impostazione predefinita)
Attivato.
Per aumentare la pressione statica fornita dal ventilatore dell'unità
esterna è necessario attivare questa impostazione. Per i dettagli
sull'impostazione vedere le specifiche tecniche.
[2‑20]
Caricamento manuale di refrigerante aggiuntivo.
Disattivato.
(impostazione predefinita)
Attivato.
Per aggiungere la quantità di refrigerante aggiuntivo con la
procedura manuale (senza funzionalità di caricamento automatico
del refrigerante) è necessario applicare la seguente impostazione.
Per interrompere l'operazione di caricamento
manuale di refrigerante aggiuntivo (dopo aver
caricato la quantità richiesta), premere BS3.
Se la funzione non viene interrotta premendo
BS3, l'unità si ferma dopo 30 minuti. Se
30 minuti non sono stati sufficienti per
aggiungere la quantità di refrigerante
necessaria, è possibile riattivare la funzione
cambiando di nuovo l'impostazione in loco.
[2‑21]
Modalità di recupero del refrigerante/messa a vuoto.
Disattivato.
(impostazione predefinita)
Attivato.
Per creare un percorso privo di ostacoli per il recupero del
refrigerante dal sistema, per rimuovere le sostanze residue o per la
messa a vuoto del sistema, è necessario applicare
un'impostazione che apra le valvole richieste nel circuito del
refrigerante in modo da recuperare il refrigerante o eseguire
correttamente il processo di messa a vuoto.
Per interrompere il recupero del refrigerante o
la messa a vuoto, premere BS1. Se non viene
premuto BS1, il sistema rimane nella modalità
di recupero del refrigerante/messa a vuoto.
[2‑22]
Livello e impostazione automatica di bassa rumorosità nelle ore
notturne.
Disattivato
(impostazione predefinita)
Livello 1
Cambiando questa impostazione si attiva il funzionamento
automatico a bassa rumorosità dell'unità e si definisce il livello
dell'operazione. Il livello di rumorosità sarà ridotto in base al livello
scelto. L'avvio e l'arresto di questa funzione sono definiti nelle
impostazioni [2‑26] e [2‑27].
Livello 2
[2‑25]
Livello 1
Livello di funzionamento a bassa rumorosità tramite adattatore di
controllo esterno.
Livello 2
Livello 3 < Livello
2 < Livello 1
Livello 3
Livello 3 < Livello
2 < Livello 1
(impostazione predefinita)
Se il sistema deve funzionare a bassa rumorosità quando l'unità
riceve un segnale esterno, questa impostazione definisce il livello
di bassa rumorosità applicato.
Livello 3
Questa impostazione è utilizzabile solo quando è installato
l'adattatore di controllo esterno (DTA104A61/62) opzionale ed è
attivata l'impostazione [2‑12].
[2‑26]
20h00
22h00
Ora di inizio del funzionamento a bassa rumorosità.
Questa impostazione è utilizzata insieme all'impostazione [2‑22].
(impostazione predefinita)
24h00
[2‑27]
6h00
Ora di fine del funzionamento a bassa rumorosità.
7h00
Questa impostazione è utilizzata insieme all'impostazione [2‑22].
8h00
(impostazione predefinita)
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
32
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
7 Configurazione
Valore
Impostazione
Descrizione
(= binario)
60%
[2‑30]
Livello di limitazione del consumo energetico (fase 1) tramite
l'adattatore di controllo esterno (DTA104A61/62).
70%
(impostazione predefinita)
Se il sistema deve funzionare a risparmio energetico quando l'unità
riceve un segnale esterno, questa impostazione definisce il livello
di limitazione del consumo energetico applicato per la fase 1. Il
livello va impostato secondo la tabella.
80%
[2‑31]
30%
Livello di limitazione del consumo energetico (fase 2) tramite
l'adattatore di controllo esterno (DTA104A61/62).
40%
(impostazione predefinita)
Se il sistema deve funzionare a risparmio energetico quando l'unità
riceve un segnale esterno, questa impostazione definisce il livello
di limitazione del consumo energetico applicato per la fase 2. Il
livello va impostato secondo la tabella.
50%
Funzione non attiva.
[2‑32]
Funzionamento a risparmio energetico continuo e forzato (non è
(impostazione predefinita)
richiesto l'adattatore di controllo esterno per eseguire la limitazione
del consumo energetico).
Segue l'impostazione [2‑30].
Segue l'impostazione [2‑31].
Se il sistema deve rimanere sempre in funzione in condizioni di
limitazione del consumo energetico, questa impostazione consente
di attivare e definire il livello di limitazione da applicare
continuamente. Il livello va impostato secondo la tabella.
Unità interne VRV DX installate
[2‑38]
Tipo di unità interne
(impostazione predefinita)
Unità interne RA DX installate
Dopo aver modificato questa impostazione, è necessario spegnere
il sistema, attendere 20 secondi e poi riaccenderlo. In caso
contrario, l'impostazione non sarà elaborata e potrebbero essere
visualizzati codici di malfunzionamento.
Eco
[2‑41]
Medio
Impostazione del comfort di raffreddamento.
Questa impostazione è utilizzata insieme all'impostazione [2‑8].
(impostazione predefinita)
Rapido
Potente
Eco
[2‑42]
Medio
Impostazione del comfort di riscaldamento.
Questa impostazione è utilizzata insieme all'impostazione [2‑9].
(impostazione predefinita)
Rapido
Potente
7.2.9
Per collegare il configuratore PC all'unità
esterna
H JST
a
2
3
4
b
A1P
a
b
c (X41A)
A1P
PC
Cavo (EKPCCAB)
Prolunga collegata a X41A
PCB principale dell'unità esterna
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Risparmio energetico e
funzionamento ottimale
Questo sistema a pompa di calore è dotato di una funzionalità
avanzata di risparmio energetico. A seconda delle priorità, si può
dare maggiore rilevanza al risparmio energetico o al livello di
comfort. Possono essere selezionati diversi parametri fino a trovare
l'equilibrio ottimale tra consumi energetici e comfort per il tipo di
applicazione.
c (X41A)
5
7.3
Diverse sono le combinazioni possibili, che vengono descritte di
seguito. Modificare i parametri in base alle esigenze dell'edificio fino
a trovare l'equilibrio migliore tra consumi e comfort.
Indipendentemente dal comando selezionato, a causa dei controlli di
protezione per un funzionamento affidabile dell'unità sono ancora
possibili variazioni del comportamento del sistema. L'obiettivo
intenzionale, tuttavia, è fisso e verrà utilizzato per ottenere il migliore
equilibrio tra consumo energetico e comfort, in base al tipo di
applicazione.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
33
7 Configurazione
7.3.1
Metodi operativi principali disponibili
Base
La temperatura del refrigerante è fissa indipendentemente dalla
situazione. Corrisponde all’operazione standard nota e attesa con i
sistemi VRV precedenti.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
Cambiare…
[2‑8]=2
Automatica
La temperatura del refrigerante viene impostata in base alle
condizioni ambientali esterne. Occorre quindi regolare la
temperatura del refrigerante in base al carico richiesto (correlato alla
temperatura ambiente esterna).
Ad es. se il sistema funziona nella modalità di raffreddamento, con
una temperatura ambiente esterna bassa (ad es. 25°C) il
raffreddamento richiesto è inferiore rispetto a quando la temperatura
ambiente esterna è elevata (ad es. 35°C). Partendo da questo
concetto, il sistema inizia automaticamente ad aumentare la
temperatura del refrigerante, riducendo automaticamente la capacità
erogata e aumentando l'efficienza del sistema.
Vale a dire che quando il sistema funziona nella modalità di
riscaldamento, il riscaldamento necessario con una temperatura
ambiente esterna elevata (ad es. 15°C) sarà inferiore a quello
necessario con una temperatura ambiente esterna bassa (ad es. –
5°C). Partendo da questo presupposto, il sistema inizia
automaticamente a ridurre la temperatura del refrigerante, riducendo
automaticamente la capacità erogata e aumentando l'efficienza del
sistema.
Funzionamento in
raffreddamento
Cambiare…
[2‑8]=3 (predefinito)
Funzionamento in riscaldamento [2‑9]=1 (predefinito)
Alta sensibilità/economico (raffreddamento/riscaldamento)
La temperatura del refrigerante viene aumentata o diminuita
(raffreddamento/riscaldamento) rispetto al funzionamento di base.
L'obiettivo di questa modalità estremamente sensibile è una
sensazione di comfort da parte del cliente.
Il metodo di selezione delle unità interne è importante e deve essere
preso in considerazione in quanto la capacità disponibile non è la
stessa disponibile nella modalità standard.
Per i dettagli sulle applicazioni ad alta sensibilità, contattare il
rivenditore.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
Cambiare…
[2‑8] sul valore appropriato,
soddisfacendo i requisiti del
sistema predefinito contenente
una soluzione ad alta sensibilità.
Funzionamento in riscaldamento [2‑9] sul valore appropriato,
soddisfacendo i requisiti del
sistema predefinito contenente
una soluzione ad alta sensibilità.
[2‑8]
Te di destinazione (°C)
4
8
5
9
6
10
7
11
[2‑9]
Tc di destinazione (°C)
4
43
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
34
Impostazioni di comfort disponibili
Per ciascuna delle suddette modalità, è possibile selezionare un
livello di comfort. Il livello di comfort è legato ai tempi e allo sforzo
(consumi energetici) necessario per raggiungere una determinata
temperatura
ambiente
modificando
temporaneamente
la
temperatura del refrigerante su valori diversi per ottenere più
rapidamente le condizioni richieste.
Potente
Funzionamento in riscaldamento [2‑9]=2
Per attivare questo in…
7.3.2
È possibile procedere a un incremento (durante il riscaldamento) o a
una riduzione (durante il raffreddamento) della temperatura del
refrigerante richiesta al fine di raggiungere molto velocemente la
temperatura ambiente richiesta. L'incremento è consentito dal
momento dell'avvio.
▪ Nella modalità di raffreddamento, la temperatura di evaporazione
può scendere temporaneamente fino a 3°C a seconda della
situazione.
▪ Nel modalità di riscaldamento, la temperatura della condensa può
salire temporaneamente fino a 49°C a seconda della situazione.
▪ Se la richiesta proveniente dalle unità interne è più moderata, il
sistema potrebbe passare alla modalità di standby definita nel
metodo di funzionamento di cui sopra.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
Cambiare…
[2‑41]=3.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑8].
Funzionamento in riscaldamento [2‑42]=3.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑9]
Rapido
È possibile procedere a un incremento (durante il riscaldamento) o a
una riduzione (durante il raffreddamento) della temperatura del
refrigerante richiesta al fine di raggiungere molto velocemente la
temperatura ambiente richiesta. L'incremento è consentito dal
momento dell'avvio.
▪ Nella modalità di raffreddamento, la temperatura di evaporazione
può scendere temporaneamente fino a 6°C a seconda della
situazione.
▪ Nel modalità di riscaldamento, la temperatura della condensa può
salire temporaneamente fino a 46°C a seconda della situazione.
▪ Se la richiesta proveniente dalle unità interne è più moderata, il
sistema potrebbe passare alla modalità di standby definita nel
metodo di funzionamento di cui sopra.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
Cambiare…
[2‑41]=2.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑8].
Funzionamento in riscaldamento [2‑42]=2.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑9].
Medio
È possibile procedere a un incremento (durante il riscaldamento) o a
una riduzione (durante il raffreddamento) della temperatura del
refrigerante richiesta al fine di raggiungere molto velocemente la
temperatura ambiente richiesta. L'incremento non è consentito dal
momento dell'avvio. L'avvio avviene alle condizioni definite dalla
modalità di funzionamento di cui sopra.
▪ Nella modalità di raffreddamento, la temperatura di evaporazione
può scendere temporaneamente fino a 6°C a seconda della
situazione.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
7 Configurazione
F
▪ Nel modalità di riscaldamento, la temperatura della condensa può
salire temporaneamente fino a 46°C a seconda della situazione.
D
E
F
Te
▪ Se la richiesta proveniente dalle unità interne è più moderata, il
sistema potrebbe passare alla modalità di standby definita nel
metodo di funzionamento di cui sopra.
▪ La condizione di avvio è diversa dall'impostazione comfort potente
e rapida.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
Valore di destinazione virtuale (modalità automatica per il
valore della temperatura di evaporazione iniziale)
Valore della temperatura di evaporazione richiesto
Fattore di carico
Temperatura aria esterna
Temperatura d'evaporazione
Veloce
Potente
Medio
Evoluzione della temperatura ambiente:
Cambiare…
[2‑41]=1.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑8].
Funzionamento in riscaldamento [2‑42]=1.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑9].
D
F
Eco
La temperatura obiettivo del refrigerante definita dalla modalità di
funzionamento (vedere sopra) viene mantenuta senza correzioni,
eccetto il comando di protezione.
Per attivare questo in…
Funzionamento in
raffreddamento
A
Cambiare…
B
[2‑41]=0.
C
A
B
F
D
E
F
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑8].
Funzionamento in riscaldamento [2‑42]=0.
Questa impostazione è utilizzata
insieme all'impostazione [2‑9].
7.3.4
7.3.3
E
Temperatura impostata dall’unità interna
Inizio funzionamento
Tempo di funzionamento
Medio
Veloce
Potente
Esempio: Modalità automatica durante il
riscaldamento
Esempio: Modalità automatica durante il
raffreddamento
E
E
100%
100%
A
B
70%
A
50%
B
Te
Tc
49°C
C
46°C
D
C
6°C
3°C
35°C
A
B
Curva di carico effettiva
Curva di carico virtuale (modalità automatica per la
capacità iniziale)
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
D
F
2°C
A
B
F
Curva di carico virtuale (capacità di picco nella modalità
automatica predefinita)
Curva di carico
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
35
8 Messa in funzione
F
D
E
F
Tc
Valore di destinazione virtuale (modalità automatica per il
valore della temperatura di condensazione iniziale)
Temperatura di progetto
Fattore di carico
Temperatura aria esterna
Temperatura di condensazione
Veloce
Potente
Medio
ATTENZIONE
Non inserire mani, corde o altri oggetti all'altezza
dell'ingresso o dell'uscita dell'aria. Non rimuovere la
protezione del ventilatore. Pericolo di lesioni se il
ventilatore gira ad alta velocità.
INFORMAZIONI
Evoluzione della temperatura ambiente:
Durante il primo ciclo di funzionamento dell'unità, la
potenza richiesta in ingresso potrebbe essere maggiore.
Questo fenomeno è causato dal compressore che richiede
un periodo di 50 ore di rodaggio prima di raggiungere un
funzionamento regolare e un consumo elettrico stabile. La
ragione è che la coclea è realizzata in ferro e che ci vuole
del tempo per levigare le superfici di contatto.
A
F
E
NOTA
D
B
Assicurarsi di attivare l'alimentazione 6 ore prima della
messa in funzione in modo da fornire corrente alla
resistenza del carter e da proteggere il compressore.
C
A
B
F
D
E
F
Temperatura impostata dall'unità interna
Inizio funzionamento
Tempo di funzionamento
Medio
Veloce
Potente
8
Messa in funzione
8.1
Panoramica: Messa in funzione
Dopo l'installazione e una volta definite le impostazioni sul campo,
l'installatore è tenuto a verificare il corretto funzionamento. È
pertanto necessario eseguire una prova di funzionamento in base
alle procedure descritte di seguito.
Il presente capitolo descrive le operazioni da effettuare e ciò che c'è
da sapere per mettere in esercizio il sistema dopo averlo
configurato.
La messa in funzione, tipicamente, si compone delle fasi seguenti:
Durante la prova di funzionamento, l'unità esterna e le unità interne
si mettono in funzione. Accertarsi che siano stati completati i
preparativi per tutte le unità interne (tubazioni, cablaggio elettrico,
spurgo dell’aria, ...). Per i dettagli consultare il manuale di
installazione delle unità interne.
8.3
Elenco di controllo prima della
messa in esercizio
Dopo avere installato l'unità, controllare per primi i seguenti
elementi. Una volta eseguiti tutti i controlli indicati, chiudere l’unità;
solo a questo punto è possibile accendere l’unità.
Leggere tutte le istruzioni per l'installazione e per l'uso
come descritto nella Guida di riferimento per
l'installatore e l'utente.
Installazione
Verificare che l’unità sia stata adeguatamente installata, in
modo da evitare rumori anomali e vibrazioni al momento
dell’accensione.
Cablaggio in loco
Assicurarsi che i collegamenti esistenti siano stati eseguiti
in conformità alle istruzioni riportate nel capitolo
"6.8 Collegamento dei fili elettrici" a pagina 25, agli
schemi elettrici e alle norme vigenti.
1
Controllo della sezione "Elenco di controllo prima della messa
in esercizio".
Tensione di alimentazione
2
3
Esecuzione di una prova di funzionamento.
Se necessario, correzione dopo il completamento anomalo
della prova di funzionamento.
4
Utilizzo del sistema.
Verificare la tensione disponibile in corrispondenza del
pannello locale di alimentazione. Tale tensione deve
corrispondere alla tensione indicata sulla targhetta
presente sull’unità.
8.2
Precauzioni durante la messa in
funzione
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
ATTENZIONE
Non eseguire la prova di funzionamento mentre si
opera sulle unità interne.
Quando si effettua la prova di funzionamento, entreranno
in funzione sia l'unità esterna che l'unità interna collegata.
Lavorare su un'unità interna mentre si effettua una prova di
funzionamento può essere molto pericoloso.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
36
Cavi di messa a terra
Accertarsi che i cavi di collegamento a terra siano stati
collegati in modo adeguato e che i relativi morsetti siano
stati ben serrati.
Prova di isolamento del circuito elettrico principale
Utilizzare un megatester a 500 V, assicurarsi di garantire
una resistenza all'isolamento di 2 MΩ o superiore
applicando una tensione di 500 V DC tra i morsetti di
alimentazione e la massa. Non utilizzare il megatester per
i cavi di trasmissione.
Fusibili, salvavita o dispositivi di sicurezza
Assicurarsi che i fusibili, i salvavita o i dispositivi di
protezione installati in loco siano delle dimensioni e del
tipo specificato nel capitolo "5.4.2 Requisiti dei dispositivi
di sicurezza" a pagina 15. Verificare inoltre che non sia
stato bypassato né alcun fusibile né alcun dispositivo di
protezione.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
8 Messa in funzione
Cablaggio interno
Effettuare un controllo visivo del quadro elettrico e
dell’interno dell’unità per verificare che non vi siano
collegamenti allentati o componenti elettrici danneggiati.
Dimensioni e isolamento delle tubazioni
Non è possibile controllare le anomalie sulle unità interne
individualmente per ogni singola unità. Dopo aver completato la
prova di funzionamento, controllare le unità interne una ad una
eseguendo una normale operazione con l'interfaccia utente.
Consultare il manuale di installazione dell'unità interna per maggiori
dettagli sulla prova di funzionamento individuale.
Accertarsi che siano state installate tubazioni della misura
adeguata e che le stesse siano state correttamente e
accuratamente isolate.
INFORMAZIONI
▪ Possono essere richiesti 10 minuti per raggiungere uno
stato uniforme del refrigerante prima dell'avvio del
compressore.
Valvole di arresto
Assicurarsi che le valvole di arresto siano aperte sia sulla
linea del liquido che in quella del gas.
▪ Durante la prova di funzionamento, potrebbe essere
udibile il suono della circolazione del refrigerante, il
suono magnetico di una valvola solenoide potrebbe
aumentare di volume e l'indicazione sul display
potrebbe cambiare. Non si tratta di problemi di
funzionamento.
Apparecchiature danneggiate
Accertarsi che all’interno dell’apparecchio non vi siano
componenti danneggiati o tubi schiacciati.
Perdita di refrigerante
Controllare che all’interno dell’apparecchio non vi siano
perdite di refrigerante. Se si trovassero perdite di
refrigerante, provare a riparare la perdita. Se la
riparazione non ha successo, rivolgersi al rivenditore di
zona. Non toccare il refrigerante se nelle tubazioni di
collegamento si sono verificate delle perdite. Potrebbe
provocare ustioni da gelo.
Perdite d’olio
8.4.2
1
Assicurarsi di avere configurato tutte le impostazioni in loco
desiderate; vedere "7.2 Esecuzione delle impostazioni sul
campo" a pagina 28.
2
Accendere l'unità esterna e le unità interne collegate.
NOTA
Controllare che non vi siano perdite d’olio dal
compressore. Se si trovassero perdite d’olio, provare a
riparare la perdita. Se la riparazione non ha successo,
rivolgersi al rivenditore di zona.
Ingresso/uscita dell’aria
Assicurarsi di attivare l'alimentazione 6 ore prima della
messa in funzione in modo da fornire corrente alla
resistenza del carter e da proteggere il compressore.
3
Rabbocco di altro refrigerante
Accertarsi che la situazione sia quella predefinita (inattività)
(H1P è SPENTO); vedere "7.2.4 Per accedere alla modalità 1 o
2" a pagina 29. Premere BS4 per almeno 5 secondi. Viene
avviata la prova di funzionamento dell’unità.
La quantità di refrigerante da rabboccare nell’unità deve
essere riportata nella piastra "rabbocco refrigerante"
fornita e applicata nella parte posteriore del coperchio
frontale.
Risultato: La prova di funzionamento viene eseguita
automaticamente; l’indicazione H2P lampeggia e nell’interfaccia
utente delle unità interne vengono visualizzate le indicazioni
“Test operation” (Prova di funzionamento) e “Under centralised
control” (Sotto controllo centralizzato).
Controllare che l'ingresso e l'uscita aria non siano ostruiti
da fogli di carta, cartone o altri materiali.
Data di installazione e impostazione in loco
In conformità alle prescrizioni della norma EN60335‑2‑40
è necessario annotare la data d'installazione sull'etichetta
apposta sulla parte posteriore del pannello anteriore e
conservare le registrazioni del contenuto delle
impostazioni in loco.
8.4
Per eseguire una prova di funzionamento
(display a 7 LED)
Fasi della procedura relativi alla prova di funzionamento automatica
del sistema:
Fase
Descrizione
Controllo prima dell’avviamento
(equalizzazione della pressione)
Controllo dell’avviamento in
raffreddamento
Lista di controllo durante la messa
in funzione
Condizione di raffreddamento stabile
Controllo della comunicazione
Per eseguire una prova di funzionamento.
Controllo delle valvole di arresto
Controllo della lunghezza dei tubi
8.4.1
Operazione di svuotamento
Informazioni sulla prova di funzionamento
Arresto dell’unità
La procedura seguente descrive la prova di funzionamento del
sistema completo. Questa operazione verifica e valuta:
INFORMAZIONI
Durante la prova di funzionamento, non è possibile
arrestare l'unità da un'interfaccia utente. Per terminare
l'operazione, premere BS3. L'unità si ferma dopo
±30 secondi.
▪ Cablaggi errati (verifica della comunicazione con le unità interne).
▪ Apertura delle valvole di arresto.
▪ Lunghezza delle tubazioni.
Assicurarsi di eseguire la prova di funzionamento del sistema dopo
la prima installazione. Altrimenti, sull'interfaccia utente verrà
visualizzato il codice di malfunzionamento
e non sarà possibile
attivare la modalità standard o eseguire la prova di funzionamento
delle singole unità interne.
4
Controllare i risultati della prova di funzionamento sul display a
7 LED dell’unità esterna.
Completamen
to
Descrizione
Completament
o normale
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
37
9 Consegna all'utente
Completamen
to
Completament
o anomalo
8.4.3
Descrizione
Fare riferimento a "8.4.3 Correzione dopo il
completamento anomalo della prova di
funzionamento" a pagina 38 per le azioni
necessarie per correggere l'anomalia. Al
termine della prova di funzionamento, il
funzionamento normale può essere ripreso
dopo 5 minuti.
10.1
Panoramica: Manutenzione e
assistenza
Le informazioni contenute in questo capitolo riguardano:
▪ Prevenzione di pericoli elettrici durante la manutenzione e la
riparazione del sistema
▪ Operazione di rabbocco del refrigerante
10.2
Precauzioni generali di sicurezza
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
Correzione dopo il completamento
anomalo della prova di funzionamento
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
La prova di funzionamento è completata soltanto se non è
visualizzato alcun codice di malfunzionamento. Se viene visualizzato
un codice di malfunzionamento, eseguire le azioni correttive indicate
nella tabella dei codici di malfunzionamento. Ripetere la prova di
funzionamento e verificare l'avvenuta correzione dell'anomalia.
NOTA: Rischio di scariche elettrostatiche
Prima di eseguire qualsiasi intervento di manutenzione o
assistenza, toccare una parte metallica dell'unità per
eliminare l'elettricità statica e proteggere il PCB.
INFORMAZIONI
Se si verifica un problema di funzionamento, il codice di
errore viene visualizzato sull'interfaccia utente dell'unità
interna.
INFORMAZIONI
Fare riferimento al manuale di installazione dell'unità
interna per maggiori informazioni sui codici di
malfunzionamento relativi alle unità interne.
8.4.4
10.2.1
Per prevenire pericoli elettrici
Durante la riparazione dell’inverter:
1
Non aprire il coperchio del quadro elettrico per i 10 minuti
successivi allo spegnimento dell’alimentazione.
2
Con un apposito strumento, misurare la tensione tra i morsetti
della morsettiera di alimentazione, quindi confermare l’effettiva
assenza di corrente. Misurare inoltre i punti indicati nella figura
sottostante con un tester e verificare che il voltaggio del
condensatore nel circuito principale sia inferiore a 50 V CC.
Utilizzo dell'unità
Dopo aver installato l’unità e dopo aver completato la prova di
funzionamento dell’unità esterna e delle unità interne, è possibile
avviare il sistema.
Per utilizzare l’unità interna è necessario accendere l’interfaccia
utente sull’unità interna. Per i dettagli, consultare il manuale di
funzionamento dell’unità interna.
C–
A1P
9
Consegna all'utente
Una volta terminata la prova di funzionamento e appurato che l'unità
funziona correttamente, assicurarsi che per l'utente siano ben chiari i
punti seguenti:
3
Per evitare di danneggiare il PCB, toccare una parte metallica
non rivestita per eliminare l'elettricità statica prima di collegare o
scollegare i connettori.
4
Estrarre i connettori di giunzione per i motorini del ventilatore
nell’unità esterna prima di effettuare operazioni di riparazione
sull’inverter. Non toccare i componenti in tensione. (Se un
ventilatore viene messo in funzione dal vento, può accumulare
elettricità nel condensatore o nel circuito principale e provocare
scosse elettriche).
▪ Assicurarsi che l'utente sia in possesso della documentazione
stampata e chiedergli/le di conservarla per consultazioni future.
Informare l'utente che può trovare la documentazione completa
andando sull'url riportato più in alto in questo manuale.
▪ Spiegare all'utente come far funzionare correttamente il sistema e
che cosa fare in caso di problemi.
▪ Mostrare all'utente quali interventi deve fare per la manutenzione
dell'unità.
10
Manutenzione e assistenza
NOTA
La manutenzione deve essere eseguita preferibilmente
una volta all'anno da un installatore o da un responsabile
dell'assistenza.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
38
C+
Connettore di giunzione
5
X106A per M1F
Terminato l’intervento di riparazione, ricollegare il connettore di
giunzione. Altrimenti verrà visualizzato il codice di
e non sarà possibile riprendere il
malfunzionamento
normale funzionamento.
Per i dettagli, fare riferimento allo schema dell’impianto elettrico sul
retro del coperchio di servizio.
Prestare attenzione al ventilatore. È pericoloso ispezionare l’unità
mentre il ventilatore è in funzione. Assicurarsi di spegnere
l’interruttore generale e rimuovere i fusibili dal circuito di controllo
posizionato nell’unità esterna.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
11 Individuazione e risoluzione dei problemi
10.3
Lista di controllo per la
manutenzione annuale dell'unità
esterna
11
Individuazione e risoluzione
dei problemi
11.1
Panoramica: Individuazione e
risoluzione dei problemi
Controllare quanto segue almeno una volta all'anno:
▪ Scambiatore di calore dell'unità esterna.
Lo scambiatore di calore dell'unità esterna si può bloccare a causa
della presenza di polvere, sporcizia, foglie, ecc. Si raccomanda di
pulire lo scambiatore di calore una volta all'anno. Se lo scambiatore
di calore si blocca, questo può portare ad una pressione troppo
bassa o ad una pressione troppo alta, con conseguente
peggioramento delle prestazioni.
10.4
Informazioni sul funzionamento
della modalità di manutenzione
Prima della risoluzione dei problemi
Eseguire un'approfondita ispezione visiva dell'unità per controllare
che non esistano difetti evidenti, ad esempio collegamenti allentati o
fili difettosi.
11.2
L'operazione di recupero del refrigerante o di messa a vuoto è
possibile applicando l'impostazione [2‑21]. Fare riferimento a
"7.2 Esecuzione delle impostazioni sul campo" a pagina 28 per
maggiori informazioni su come impostare la modalità 2.
AVVERTENZA
▪ Prima di eseguire un'ispezione del quadro elettrico
dell'unità, accertarsi sempre che l'unità sia scollegata
dall'alimentazione. Spegnere il rispettivo interruttore di
protezione.
Se si utilizza la modalità di messa a vuoto/recupero, controllare
attentamente ciò che deve essere aspirato/recuperato prima
dell'avvio. Per ulteriori informazioni sulla messa a vuoto e sul
recupero, consultare il manuale di installazione delle unità interne.
10.4.1
1
▪ In caso d'intervento di un dispositivo di protezione,
arrestare l'unità e individuare il motivo dell'attivazione di
tale dispositivo prima di resettarlo. NON collegare i
dispositivi di protezione con un ponte né modificarne i
valori
impostandoli
su
un
valore
diverso
dall'impostazione predefinita di fabbrica. Qualora non si
riuscisse a individuare la causa del problema, rivolgersi
al rivenditore.
Per utilizzare la modalità di messa a vuoto
Quando l'unità è inattiva, attivare l'impostazione [2-21] per
avviare la modalità di messa a vuoto.
Risultato: Dopo la conferma, le valvole di espansione delle
unità interne ed esterne si apriranno completamente. In quel
momento H1P si accende, l'interfaccia utente di tutte le unità
interne indica TEST (prova di funzionamento) e
(controllo
esterno), e il funzionamento sarà impedito.
2
Svuotare il sistema con una pompa a vuoto.
3
Premere BS1 per interrompere la modalità di messa a vuoto.
10.4.2
Precauzioni durante la risoluzione
dei problemi
PERICOLO: RISCHIO DI SCOSSA ELETTRICA
AVVERTENZA
Prevenire i rischi dovuti all'involontario resettaggio del
disgiuntore termico: questo apparecchio NON deve essere
alimentato attraverso un dispositivo di commutazione
esterno, ad esempio un timer, né collegato a un circuito
regolarmente attivato e disattivato dal servizio pubblico.
Per recuperare il refrigerante
Questa operazione dovrebbe essere eseguita da un tecnico
specializzato. Seguire la stessa procedura descritta per la messa a
vuoto.
PERICOLO: RISCHIO DI USTIONI
11.3
Risoluzione dei problemi in base ai
codici di malfunzionamento
Se viene visualizzato un codice di malfunzionamento, eseguire le
azioni
correttive
indicate
nella
tabella
dei
codici
di
malfunzionamento.
Dopo la correzione dell'anomalia, premere BS3 per reimpostare il
codice di malfunzionamento e ritentare l'operazione.
INFORMAZIONI
Se si verifica un problema di funzionamento, il codice di
errore viene visualizzato sull'interfaccia utente dell'unità
interna.
11.3.1
Codici di malfunzionamento Panoramica
Codice principale
Causa
▪ La valvola di arresto di un'unità esterna è rimasta chiusa.
▪ Sovraccarico di refrigerante
Soluzione
▪ Aprire la valvola di arresto sia sul lato del gas che su
quello del liquido.
▪ Ricalcolare la quantità di refrigerante necessaria in base
alla lunghezza delle tubazioni e correggere il livello di
carica del refrigerante recuperando l'eventuale eccesso
con un'apposita macchina di recupero.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
39
11 Individuazione e risoluzione dei problemi
Codice principale
Causa
▪ La valvola di arresto di un'unità esterna è rimasta chiusa.
▪ Refrigerante insufficiente
Soluzione
▪ Aprire la valvola di arresto sia sul lato del gas che su
quello del liquido.
▪ Controllare se il caricamento di refrigerante aggiuntivo è
stato completato correttamente. Ricalcolare la quantità di
refrigerante necessaria in base alla lunghezza delle
tubazioni e aggiungere la quantità di refrigerante richiesta.
Problema di funzionamento della valvola di espansione
elettronica
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
(Y1E) - A1P (X21A)
(Y3E) - A1P (X22A)
▪ La valvola di arresto di un'unità esterna è rimasta chiusa.
▪ Refrigerante insufficiente
▪ Aprire la valvola di arresto sia sul lato del gas che su
quello del liquido.
▪ Controllare se il caricamento di refrigerante aggiuntivo è
stato completato correttamente. Ricalcolare la quantità di
refrigerante necessaria in base alla lunghezza delle
tubazioni e aggiungere la quantità di refrigerante richiesta.
Sovraccarico di refrigerante
Ricalcolare la quantità di refrigerante necessaria in base alla
lunghezza delle tubazioni e correggere il livello di carica del
refrigerante recuperando l'eventuale eccesso con
un'apposita macchina di recupero.
Problema di funzionamento del sensore di temperatura
ambiente (R1T) - A1P (X11A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Problema di funzionamento del sensore di temperatura di
scarico (R2T): circuito aperto / cortocircuito - A1P (X12A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Problema di funzionamento del sensore di temperatura di
aspirazione
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
(R3T) - A1P (X12A)
(R5T) - A1P (X12A)
Problema di funzionamento del sensore di temperatura del
liquido (serpentina) (R4T) - A1P (X12A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Problema di funzionamento del sensore di temperatura del Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
liquido (dopo il raffreddamento secondario HE) (R7T) - A1P
(X13A)
Problema di funzionamento del sensore di temperatura del
gas (dopo il raffreddamento secondario HE) (R6T) - A1P
(X13A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Problema di funzionamento del sensore di alta pressione
(S1NPH): circuito aperto / cortocircuito - A1P (X17A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Problema di funzionamento del sensore di bassa pressione
(S1NPL): circuito aperto / cortocircuito - A1P (X18A)
Controllare il collegamento sul PCB o sull'attuatore.
Trasmissione tra unità esterna e inverter: Problema di
trasmissione INV1 / FAN1
Controllare il collegamento.
Tensione di alimentazione sbilanciata INV1
Verificare che l'alimentazione rientri nel range.
Tensione di alimentazione insufficiente
Accertarsi che la tensione di alimentazione sia erogata
correttamente.
Codice di malfunzionamento: Prova di funzionamento del
sistema non ancora eseguita (funzionamento del sistema
non consentito)
Eseguire la prova di funzionamento del sistema.
Unità esterna non alimentata.
Controllare che il cablaggio di alimentazione dell'unità
esterna sia collegato correttamente.
Cablaggio difettoso a Q1/Q2
Controllare il cablaggio Q1/Q2.
Incongruenza di sistema. Tipo errato di combinazione delle
unità interne (R410A, R407C, RA, ecc.)
Verificare se le altre unità interne funzionano correttamente
e controllare che sia consentito combinare le unità interne.
Problema di funzionamento dell'unità interna
Sono state collegate unità interne non idonee.
Controllare il tipo di unità interne attualmente collegate. Se
le unità non sono idonee, sostituirle con modelli adatti.
Interconnessioni errate tra le unità.
Eseguire correttamente le interconnessioni tra F1 e F2
dell'unità BP collegata e il PCB dell'unità esterna (TO BP
UNIT). Assicurarsi che la comunicazione con l'unità BP sia
abilitata.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
40
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
12 Smaltimento
Codice principale
Causa
▪ La valvola di arresto di un'unità esterna è rimasta chiusa.
Soluzione
▪ Aprire la valvola di arresto sia sul lato del gas che su
quello del liquido.
▪ Le tubazioni e il cablaggio dell'unità interna specificata
non sono collegati correttamente all'unità esterna.
▪ Verificare che le tubazioni e il cablaggio dell'unità interna
specificata siano collegati correttamente all'unità esterna.
12
Smaltimento
Lo smaltimento dell’unità e il trattamento del refrigerante, dell’olio e
di qualsiasi altra parte devono essere eseguiti in conformità alla
legislazione in vigore.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
41
13 Dati tecnici
13
Dati tecnici
13.1
Panoramica: dati tecnici
Le informazioni contenute in questo capitolo riguardano:
• Dimensioni
• Spazio per assistenza
• Componenti
• Schema delle tubazioni
• Schema dell'impianto elettrico
• Specifiche tecniche
• Tabella delle capacità
13.2
Dimensioni: Unità esterna
RXYSCQ4+5 (dimensioni in mm)
30
60
37
52
460
490
(485~495)
30
j
101
170
620
150
940
40
823
hb a
f
e
d
88
g
19
104
102
62 59 118
f
20
216
a
b
c
d
e
f
g
h
i
j
130
21
32
98
89
3D089312
Collegamento del tubo del gas (Ø15,9 svasato)
Collegamento del tubo del liquido (Ø9,5 svasato)
Apertura di servizio (alta pressione) (nell'unità)
Apertura di servizio (caricamento del refrigerante) (nell'unità)
Morsetto di terra M5 (nel quadro elettrico)
Ingresso delle tubazioni del refrigerante
Ingresso del cablaggio di alimentazione (foro cieco Ø53)
Ingresso del cablaggio di trasmissione (foro cieco Ø27)
Collegamento del tubo di scarico (DE Ø26)
Punto di ancoraggio (bullone 4× M12)
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
42
80
17
17
52
69
53 95
19
100
151
i
289
313
60
f
53 95
c
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
13 Dati tecnici
13.3
Spazio di servizio: Unità esterna
Durante il montaggio di unità affiancate, il percorso delle tubazioni deve essere anteriore o rivolto in basso. In questo caso il percorso laterale
delle tubazioni non è possibile.
) | Fila singola di unità (
Unità singola (
)
A~E
eB
E
eD
e
C
c HU
D
b
B
HB
a
c
d
e
eB
eD
—
≥100
A, B, C
—
≥250 ≥100 ≥100
B, E
—
≥100
≥1000
≤500
A, B, C, E
—
≥250 ≥150 ≥150
≥1000
≤500
D
—
D, E
—
B, D
—
B, D, E
HB<HD
A
HD
≥500
≥500 ≥1000 ≤500
≥100
≥500
HB≤½HU
≥250
≥750 ≥1000 ≤500
½HU<HB≤HU
≥250
≥1000 ≥1000 ≤500
HD≤½HU
≥100
≥1000 ≥1000
≤500
½HU<HD≤HU
≥200
≥1000 ≥1000
≤500
≥1000
≤500
1
HD>HU
E
c HU
≥250
b
B
HB
≥250
D
b
B
HB>HD
e
C
(mm)
a
HB>HU
d
eB
eD
HB HD HU
A, B, C
—
≥250 ≥300 ≥1000
A, B, C, E
—
≥250 ≥300 ≥1000
D
—
D, E
—
B, D
HD>HU
≥300
≥1000
HD≤½HU
≥250
≥1500
½HU<HD≤HU
≥300
≥1500
HB<HD
HB≤½HU
≥300
≥1000 ≥1000 ≤500
½HU<HB≤HU
≥300
≥1250 ≥1000 ≤500
HD≤½HU
≥250
≥1000 ≥1000
≤500
½HU<HD≤HU
≥300
≥1000 ≥1000
≤500
B, D, E
≥1000
≥1000 ≥1000 ≤500
HB>HU
d
HD
a
HB>HD
A
1+2
HD>HU
A, B, C, D
E
a, b, c, d, e
eB
eD
HU
HB, HD
1
2
Ostacoli (pareti/pannelli deflettori)
Ostacolo (tettoia)
Spazio di servizio minimo tra l'unità e gli ostacoli A, B, C, D ed E
Distanza massima tra l'unità e il bordo dell'ostacolo E, nella direzione dell'ostacolo B
Distanza massima tra l'unità e il bordo dell'ostacolo E, nella direzione dell'ostacolo D
Altezza dell'unità
Altezza degli ostacoli B e D
Sigillare la parte inferiore del telaio di installazione per impedire che l'aria scaricata ritorni nel lato di aspirazione attraverso il fondo dell'unità.
Possono essere installate fino a due unità.
Non consentito
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
43
13 Dati tecnici
Più file di unità (
)
≥250
≥100
≥250
≥2000
A1
b (mm)
b≥250
½HU<HB≤HU
b≥300
≥250
HB>HU
HB
b
≥250
≥3000
≥200
≥1000
Unità impilate (max. 2 livelli) (
HB HU
HB≤½HU
≥250
≥250
HU
≥1500
)
A2
≥250
≥250
A2
A2
≥500
≥500
≥300
≥1000
B1
B2
≥250
≥250
B2
B2
≥100
≥100
≥300
≥1000
A1 => A2
B1 => B2
(A1) Se sussiste il pericolo di gocciolamento dello scolo e di congelamento tra le unità superiore e inferiore…
(A2) Installare una tettoia tra le unità superiore e inferiore. Installare l'unità superiore a un'altezza, rispetto all'unità inferiore, tale da impedire
l'accumulo di ghiaccio sulla piastra inferiore dell'unità superiore.
(B1) Se non sussiste il pericolo di gocciolamento dello scolo e di congelamento tra le unità superiore e inferiore…
(B2) Non è necessario installare una tettoia, ma occorre sigillare lo spazio tra le unità superiore e inferiore per impedire che l'aria scaricata
ritorni nel lato di aspirazione attraverso il fondo dell'unità.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
44
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
13 Dati tecnici
13.4
Componenti: Unità esterna
a
b
Y1S
S1PH
M1F
k
c
h
X1M
A1P
X2M
i
Y1E
Y3E
d
e
f
i
g
j
M1C
a
b
c
d
e
f
g
h
i
j
k
A1P
M1C
M1F
S1PH
X1M
X2M
Y1E
Y3E
Y1S
Scambiatore di calore
Scambiatore di calore di raffreddamento secondario
Raffreddamento del quadro elettrico
Valvola di arresto (liquido)
Valvola di arresto (gas)
Apertura di servizio (caricamento del refrigerante)
Apertura di servizio (alta pressione)
Quadro elettrico
Supporti delle fascette per cavi (per fissare il cablaggio in
loco con le fascette e garantire la resistenza alle
sollecitazioni)
Accumulatore
Ventilatore
Scheda a circuiti stampati (principale)
Motore (compressore)
Motore (ventola)
Pressostato di alta pressione
Morsettiera (cablaggio di alimentazione)
Morsettiera (cablaggio di trasmissione)
Valvola di espansione elettronica (principale)
Valvola di espansione elettronica (scambiatore di calore di
raffreddamento secondario)
Valvola solenoide (valvola a 4 vie)
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
45
13 Dati tecnici
13.5
Schema delle tubazioni: Unità esterna
d
f
c
Y1E
e
R6T
g
Y3E
h
R3T
R1T
Y1S
c
M1F
R2T
R4T
j
k
S1NPH
R7T
R5T
m
b
o
S1NPL
c
n
S1PH
i
l
a
INV
M1C
a
b
c
d
e
f
g
h
i
j
k
l
m
n
o
M1C
M1F
R1T
R2T
R3T
R4T
R5T
R6T
R7T
S1NPH
S1NPL
S1PH
Y1E
Y3E
Y1S
Valvola di arresto (gas)
Valvola di arresto (liquido)
Filtro (3×)
Scambiatore di calore di raffreddamento secondario
PCB del dissipatore di calore
Tappo del fusibile
Valvola di regolazione della pressione
Scambiatore di calore
Apertura di servizio (alta pressione)
Silenziatore
Valvola di ritegno
Accumulatore del compressore
Tubo capillare
Apertura di servizio (caricamento del refrigerante)
Accumulatore
Compressore
Motorino del ventilatore
Termistore (aria)
Termistore (scarico)
Termistore (aspirazione 1)
Termistore (sbrinatore dello scambiatore di calore)
Termistore (aspirazione 2)
Termistore (scambiatore di calore per raffreddamento
secondario)
Termistore (tubo del liquido)
Sensore di alta pressione
Sensore di bassa pressione
Pressostato di alta pressione
Valvola di espansione elettronica (principale)
Valvola di espansione elettronica (scambiatore di calore di
raffreddamento secondario)
Valvola solenoide (valvola a 4 vie)
Riscaldamento
Raffreddamento
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
46
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
13 Dati tecnici
13.6
Schema dell'impianto elettrico: Unità esterna
Lo schema dell'impianto elettrico è fornito con l'unità ed è posto
all'interno del coperchio di servizio.
1~
220-240 V 50 Hz
GRN/YLW
Z2C
N=2
X1M L N
Z1C,N=2
N
L
Z2C,N=1
LA
RED
F1U
F4U Z
LB
RED
Z3C
N=1
LC
E
NB
X98A
X99A
X37A
K10R
R1
HAP
HBP
-
PS
V2R
V3T
DS1
ON
BS1
BS3 BS5 OFF
12
BS2
BS4
V3D
+
C1
R2
V1R
+
U
A1P
V
W
RED WHT BLU
X502A
X11A
°t
X503A
S1NPL
X18A
E1HC
°t
°t
°t
°t
X12A
°t
X21A
6
Y1E
M
X22A
6
Y3E
M
X13A
FINTH
°t
X106A
BRN RED ORG YLW X81A
X111A
Z4C
N=6
M1F MS
Z7C
N=1
Z7C,N=2
Z5C,N=1
GRN
Z5C
N=3
NOTA 6
Z6C,N=2
MS
M1C 3~
V
X504A
S1NPH
X17A
K4R
R2T R3T R4T R5T R6T R7T
°t
X32A
F6U
X28A
Y1S
R1T
S1PH
P>
V1T
V2D
K1R
H1P H3P H5P H7P
V2T
V1D
X25A
H2P H4P H6P H8P
Z5F
+
L1R L2R L3R
X2M
DETTAGLIO DEL QUADRO DEI COMPONENTI
ELETTRICI
NC
K11M
X1M
HBP
(ANTERIORE)
GRN
Z2F
F3U
BLU
A1P
X37A
Z1F
Z4F
A2P
(POSTERIORE)
3
F
A2P
HAP
BLU
NA
TO IN/D
U
TO OUT/D
W
X2M
NOTA 7
Posizione del morsetto del
compressore
INTERNA
(F1)(F2)
ESTERNA
(F1)(F2)
2D094433-1
Note per RXYSCQ4+5:
1
Questo schema dell'impianto elettrico si applica soltanto
all'unità esterna.
2
Simboli (vedere in basso).
3
Fare riferimento al manuale di installazione per l'utilizzo degli
interruttori BS1~BS5 e DS1+DS2.
4
Durante il funzionamento, non cortocircuitare il dispositivo di
protezione S1PH.
5
Colori (vedere in basso).
6
Fare riferimento al manuale di installazione per i collegamenti
alla linea di trasmissione INTERNO-ESTERNO F1-F2.
7
Se si utilizza il sistema di controllo centrale, collegare la linea
di trasmissione ESTERNO-ESTERNO F1-F2.
Simboli:
L
In tensione
N
Neutro
Connettore mobile
Messa a terra di protezione (vite)
Collegamento a terra antidisturbo
Morsetto
Colori:
BLK
Nero
BLU
Blu
BRN
Marrone
GRN
Verde
ORG
Arancione
RED
Rosso
WHT
Bianco
YLW
Giallo
Legenda per lo schema dell'impianto elettrico RXYSCQ4+5:
Cablaggio in loco
A1P
Scheda a circuiti stampati (principale)
Morsettiera
A2P
Scheda a circuiti stampati
Connettore
BS1~BS5
Interruttore a pulsante
Connettore fisso
C1
Condensatore
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
47
13 Dati tecnici
DS1
Microinterruttore
E1HC
Resistenza del carter
F1U
Fusibile
F3U, F4U
Fusibile (T 6,3 A / 250 V)
F6U
Fusibile (T 5,0 A / 250 V)
H1P~H8P
Diodo a emissione luminosa (arancione per monitor di
servizio)
H2P:
▪ Preparazione, test: Lampeggiante
▪ Rilevamento di un malfunzionamento: Acceso
HAP
Diodo ad emissione luminosa (monitor di servizio
verde)
HBP
Diodo ad emissione luminosa (monitor di servizio
verde)
K11M
Contattore magnetico
K1R
Relè magnetico (Y1S)
K4R
Relè magnetico (E1HC)
K10R
Relè magnetico
L1R~L3R
Reattore
M1C
Motore (compressore)
M1F
Motore (ventilatore)
PS
Commutazione dell'alimentazione
R1, R2
Resistore
R1T
Termistore (aria)
R2T
Termistore (scarico)
R3T
Termistore (aspirazione 1)
R4T
Termistore (sbrinatore dello scambiatore di calore)
R5T
Termistore (aspirazione 2)
R6T
Termistore (scambiatore di calore per raffreddamento
secondario)
R7T
Termistore (tubo del liquido)
FINTH
Termistore (aletta)
S1NPH
Sensore di alta pressione
S1NPL
Sensore di bassa pressione
S1PH
Pressostato di alta pressione
V1R
Modulo di alimentazione IGBT
V2R
Modulo a diodi
V1T~V3T
Transistor bipolare a ingresso isolato (IGBT)
V1D~V3D
Diodo
X1M, X2M
Morsettiera
X37A
Connettore
Y1E
Valvola di espansione elettronica (principale)
Y3E
Valvola di espansione elettronica (scambiatore di
calore di raffreddamento secondario)
Y1S
Valvola solenoide (valvola a 4 vie)
Z1C~Z7C
Filtro antirumore (nucleo di ferrite)
Z1F~Z5F
Filtro antirumore
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
48
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
13 Dati tecnici
13.7
Specifiche tecniche: Unità esterna
Specifiche tecniche
Specifica
Materiale del telaio
RXYSCQ4
RXYSCQ5
Acciaio galvanizzato verniciato
Dimensioni a×l×p
823×940×460 mm
Peso
94 kg
Range di funzionamento
▪ Raffreddamento (min/max)
–5/46°C
▪ Riscaldamento (min/max)
–20/15,5°C
Raffreddamento(a)
▪ Capacità
▪ EER
12,1 kW
14,0 kW
3,53
3,29
14,2 kW
16,0 kW
3,43
3,2
12,1 kW
14,0 kW
3,81
3,58
Riscaldamento (massimo)(b)
▪ Capacità
▪ COP
Riscaldamento (nominale)(b)
▪ Capacità
▪ COP
PED
▪ Categoria
1
▪ Parte più importante
Compressore
▪ PS×V
167 bar×l
Numero massimo di unità interne collegate(c)
64
Scambiatore di calore
▪ Tipo
Aletta incrociata
▪ Trattamento
Anticorrosione
Ventola
▪ Tipo
Elica
▪ Quantità
▪ Velocità del flusso d'aria
1
(d)
91 m³/min
▪ Motore
1
▪ Modello
Trasmissione diretta
▪ Uscita/pezzi
200 W
Compressore
▪ Quantità
1
▪ Modello
Inverter
▪ Tipo
Compressore a oscillazione sigillato ermeticamente
▪ Resistenza del carter
33 W
Livello di rumorosità (nominale)(e)
▪ Potenza sonora(f)
68 dBA
69 dBA
▪ Pressione sonora(g)
51 dBA
52 dBA
Refrigerante
▪ Tipo
▪ Carica
Olio refrigerante
Dispositivi di sicurezza
R410A
3,7 kg
FVC50K
Pressostato di alta pressione
Protezione dal sovraccarico del comando del ventilatore
Protezione dal sovraccarico dell'inverter
Fusibile del PCB
Tappo fusibile
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
49
13 Dati tecnici
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)
(g)
Le capacità nominali di raffreddamento si basano sulla temperatura interna di 27°C DB e 19°C WB, sulla temperatura esterna di 35°C DB, sulle
tubazioni del refrigerante equivalenti: 5 m, dislivello: 0 m.
Le capacità di riscaldamento nominale e massimo si basano sulla temperatura interna di 20°C DB, sulla temperatura esterna di 7°C DB e
6°C WB, tubazioni del refrigerante equivalenti: 5 m, dislivello: 0 m.
Il numero effettivo di unità dipende dal tipo di unità interna (VRV DX, RA DX, ...) e dalla limitazione del rapporto di collegamento
(50% ≤ CR ≤ 130%).
Nominale a 230 V.
I valori di rumorosità sono misurati in una camera semi-anecoica.
Il livello di potenza sonora è un valore assoluto generato da un suono.
Il livello di pressione sonora è un valore relativo che dipende dalla distanza e dall'ambiente acustico. Per maggiori dettagli, fare riferimento ai
disegni relativi al livello di rumorosità nei dati tecnici.
Specifiche elettriche
Specifica
RXYSCQ4
RXYSCQ5
Alimentazione
▪ Nome
V1
▪ Fase
1~
▪ Frequenza
50 Hz
▪ Tensione
220-240 V
Corrente
▪ Corrente di esercizio nominale (RLA)(a)
19,0 A
▪ Corrente di avvio (MSC)(b)
▪ Amperaggio minimo del circuito (MCA)
≤MCA
(c)
▪ Amperaggio massimo dei fusibili (MFA)(d)
29,1 A
32 A
▪ Amperaggio di sovracorrente totale (TOCA)(e)
29,1 A
▪ Amperaggio a pieno carico (FLA)(f)
0,6 A
Range di tensione
220-240 V +/– 10%
Cablaggi
▪ Per l'alimentazione
▪ Per il collegamento all'unità interna
Ingresso dell'alimentazione
(a)
(b)
(c)
(d)
(e)
(f)
Unità interne ed esterne
Il valore RLA si basa sulla temperatura dell'unità interna di 27°C DB e 19°C WB e sulla temperatura esterna di 35°C DB.
MSC = la corrente massima durante l'avvio del compressore. VRV IV-S usa solo compressori con inverter. Il valore MCA deve essere usato per
selezionare le dimensioni corrette del cablaggio in loco. Il valore MCA può essere considerato come la corrente di esercizio massima.
Il valore MCA deve essere usato per selezionare le dimensioni corrette del cablaggio in loco. Il valore MCA può essere considerato come la
corrente di esercizio massima.
Il valore MFA viene usato per selezionare l'interruttore di circuito e l'interruttore differenziale di terra.
Il valore TOCA indica il valore totale di ogni serie di OC.
FLA = corrente di esercizio nominale del ventilatore. Range di tensione: le unità sono adatte all'uso in impianti elettrici in cui la tensione fornita al
terminale dell'unità non è inferiore o superiore ai limiti indicati. La variazione massima consentita per il range di tensione tra le fasi è pari al 2%.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
50
3G
2 (F1/F2)
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
13 Dati tecnici
13.8
Tabella capacità: Unità interna
La capacità totale delle unità interne deve rientrare nell’intervallo
specificato. Rapporto di collegamento (CR): 50%≤CR≤130%.
Classe HP
dell'unità
esterna
50%
80%
CR minimo CR minimo
(VRV DX)
(RA DX)
100%
130%
CR
nominale
CR
massimo
4
50
80
100
130
5
62,5
100
125
162,5
NOTA
Se viene selezionata una capacità totale superiore a quella
indicata nella tabella, la capacità di raffreddamento e
riscaldamento subirà un calo. Per ulteriori informazioni,
consultare i dati tecnici.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
51
14 Per l'utente
Per l'utente
14
f
Informazioni sul sistema
La sezione dell'unità interna del sistema a pompa di calore VRV IVS può essere utilizzata per le applicazioni di riscaldamento/
raffreddamento. Il tipo di unità interna che è possibile utilizzare
dipende dalla serie di unità esterne.
g
15
Unità interne a espansione diretta (DX) Residential Air
(RA)
Interfaccia utente (wireless, dedicata in base al tipo di unità
interna)
Interfaccia utente
NOTA
ATTENZIONE
Non utilizzare il climatizzatore per scopi non previsti. Non
utilizzare l'apparecchio per raffreddare strumenti di
precisione, cibo, piante, animali e opere d'arte. Ne
potrebbe conseguire un deterioramento della qualità.
Non toccare mai le parti interne del controller.
Non rimuovere il pannello anteriore. Toccare le parti
interne può essere pericoloso e può impedire il corretto
funzionamento dell'apparecchio. Contattare il rivenditore
per il controllo e le riparazioni delle parti interne.
NOTA
Per modifiche o espansioni future del sistema:
Nei dati tecnici è disponibile una panoramica completa
delle combinazioni consentite (per le future estensioni del
sistema), a cui è opportuno fare riferimento. Rivolgersi
all'installatore per ottenere ulteriori informazioni e una
consulenza professionale.
Questo manuale d'uso offre informazioni generali non esaustive
sulle funzioni principali del sistema.
Informazioni dettagliate sulle azioni richieste per eseguire
determinate funzioni sono disponibili nel manuale di installazione e
d'uso dell'unità interna.
Consultare il manuale d'uso dell'interfaccia utente installata.
INFORMAZIONI
▪ La combinazione delle unità interne VRV DX e RA DX
non è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e AHU non
è consentita.
▪ La combinazione delle unità interne RA DX e a cortina
d'aria non è consentita.
In generale, al sistema a pompa di calore VRV IV-S è possibile
collegare i seguenti tipi di unità interne (elenco non esaustivo,
dipendente dal modello di unità esterna e dalle combinazioni di
modelli delle unità interne):
16
Prima dell'uso
AVVERTENZA
L'unità contiene componenti elettrici e caldi.
AVVERTENZA
Prima di metterla in funzione, assicurarsi che l'installazione
sia stata effettuata a regola d'arte da parte di un
installatore.
▪ Unità interne a espansione diretta VRV (applicazioni aria-aria).
▪ Unità interne a espansione diretta RA (applicazioni aria-aria).
▪ AHU (applicazioni aria-aria): È richiesto il kit EKEXV.
ATTENZIONE
Un'esposizione prolungata al flusso d'aria proveniente
dall'apparecchio non è salutare.
▪ Cortina d'aria -Biddle- (applicazioni aria-aria).
Il collegamento dell'unità di trattamento dell'aria in combinazione con
l'unità esterna a pompa di calore VRV IV-S è supportato.
Il collegamento multiplo dell'unità di trattamento dell'aria all'unità
esterna a pompa di calore VRV IV-S è supportato, anche in
combinazione con unità interne a espansione diretta VRV.
Per ulteriori specifiche, consultare i dati tecnici.
14.1
Layout sistema
a
b
c
c
e
d
a
b
c
d
e
d
f
g
52
g
VRV IV-S Unità esterna a pompa di calore
Tubazioni del refrigerante
VRV Unità interna a espansione diretta (DX)
Interfaccia utente (dedicata in base al tipo di unità interna)
Scatola BP (necessaria per il collegamento delle unità
interne a espansione diretta (DX) Residential Air (RA) o
Sky Air (SA))
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
Per evitare carenze di ossigeno, aerare bene la stanza se
il climatizzatore viene utilizzato insieme a bruciatori che
consumano ossigeno.
ATTENZIONE
Non utilizzare il climatizzatore mentre si spruzzano
insetticidi nella stanza. I prodotti chimici contenuti
nell'insetticida possono depositarsi nell'apparecchio e
mettere in pericolo la salute di persone con particolare
sensibilità ai prodotti chimici.
Questo manuale è riferito agli apparecchi sotto indicati e dotati di
sistema di controllo standard. Prima dell'uso, contattare il rivenditore
per informazioni sulla modalità di funzionamento corrispondente al
tipo e alla versione del sistema. Se il vostro impianto è dotato di un
sistema di controllo particolare, l'installatore dovrà fornirvi le relative
indicazioni per la gestione dello stesso.
e
f
ATTENZIONE
Modalità operative (in funzione del tipo di unità interna):
▪ Riscaldamento e raffreddamento (aria-aria).
▪ Sola ventilazione (aria-aria).
Esistono funzioni dedicate in base al tipo di unità interna. Fare
riferimento al manuale d'installazione e d'uso specifico per ulteriori
informazioni.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
17 Funzionamento
Funzionamento in sbrinamento
17
Funzionamento
17.1
Portata di funzionamento
Per un funzionamento sicuro ed efficiente, utilizzare il sistema
all’interno dei seguenti range di temperatura e umidità.
Raffreddamento
Temperatura
esterna
–5~46°C DB
Temperatura
interna
21~32°C DB
–20~21°C DB
–20~15,5°C WB
15~27°C DB
14~25°C WB
≤80%(a)
Umidità interna
(a)
Riscaldamento
Per evitare la formazione di condensa e il gocciolamento
dell’unità. Se la temperatura o l’umidità non soddisfano
queste condizioni, potrebbero entrare in funzione i
dispositivi di protezione e il climatizzatore potrebbe non
funzionare.
Durante il riscaldamento, il congelamento della serpentina
raffreddata ad aria dell’unità esterna aumenta nel tempo, limitando il
trasferimento di energia alla serpentina dell’unità esterna. La
capacità di riscaldamento diminuisce e il sistema deve passare allo
sbrinamento per fornire calore sufficiente alle unità interne:
L'unità interna arresta il ventilatore, inverte il ciclo del refrigerante e
impiega l'energia interna all'edificio per sbrinare la serpentina
dell'unità esterna.
L’unità interna indicherà l’operazione di sbrinamento sui display
.
Avvio a caldo
Per evitare la fuoriuscita di aria fredda da un’unità interna all’avvio
della modalità di riscaldamento, è necessario arrestare
automaticamente il ventilatore interno. Sul display dell’interfaccia
utente appare l’indicazione
. L’avvio del ventilatore potrebbe
non essere immediato. Non è indice di un problema di
funzionamento.
INFORMAZIONI
È possibile superare il range di funzionamento solo se al sistema
VRV IV-S sono collegate unità interne a espansione diretta.
▪ La capacità di riscaldamento si riduce quando
diminuisce la temperatura esterna. In questo caso,
utilizzare un altro dispositivo di riscaldamento insieme
all'unità. (In caso di utilizzo unitamente ad apparecchi
che producono fiamme libere, aerare continuamente la
stanza). Non posizionare dispositivi che producono
fiamme libere in punti esposti al flusso dell'aria
proveniente dall'unità o sotto l'unità.
I range di funzionamento speciali sono validi per l'uso di AHU. Sono
disponibili nel manuale di installazione e d'uso dell'unità relativa. Le
informazioni più aggiornate sono disponibili nei dati tecnici.
17.2
Utilizzo del sistema
17.2.1
Informazioni sull'utilizzo del sistema
▪ La procedura di funzionamento varia a seconda
combinazione tra unità esterna e interfaccia utente.
▪ È necessario un po' di tempo per riscaldare la stanza
dal momento in cui viene avviata l'unità; quest'ultima
utilizza infatti un sistema di circolazione dell'aria calda
per riscaldare l'intera stanza.
della
▪ Per proteggere l’unità, accendere l’interruttore di alimentazione 6
ore prima dell’attivazione.
▪ Se l'aria calda sale al soffitto, lasciando fredda la zona
sopra il pavimento, si consiglia di utilizzare un
circolatore (ventilatore interno per la circolazione
dell'aria). Rivolgersi al rivenditore per i dettagli.
▪ In caso di mancanza di tensione durante il funzionamento, al
ripristino della tensione la riattivazione avviene automaticamente.
17.2.2
Informazioni su raffreddamento,
riscaldamento, solo ventola e
funzionamento automatico
17.2.4
1
▪ La commutazione non è possibile con un'interfaccia utente che
visualizza il messaggio
"change-over under centralized
control (commutazione sotto controllo centralizzato" (fare
riferimento al manuale di installazione e d'uso dell'interfaccia
utente).
▪ Se il messaggio
"change-over under centralized control
(commutazione sotto controllo centralizzato)" lampeggia, fare
riferimento al capitolo "17.5.1 Informazioni sulla configurazione
dell'interfaccia utente master" a pagina 54.
▪ Dopo l’arresto del funzionamento in riscaldamento il ventilatore
potrebbe restare in funzione per 1 minuto.
▪ A seconda della temperatura ambiente la portata può essere
regolata automaticamente o il ventilatore può arrestarsi
immediatamente. Non è indice di un problema di funzionamento.
17.2.3
Informazioni sul funzionamento di
riscaldamento
Potrebbe essere necessario attendere più a lungo per raggiungere
la temperatura impostata per il riscaldamento generale piuttosto che
per il raffreddamento.
La seguente operazione viene eseguita per evitare un calo della
capacità di riscaldamento o per evitare il soffiaggio di aria fredda.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Per utilizzare il sistema
Premere più volte il selettore della modalità di funzionamento
nell'interfaccia utente per scegliere la modalità di
funzionamento desiderata.
Funzionamento in raffreddamento
Funzionamento in riscaldamento
Funzionamento in sola ventilazione
2
Premere il pulsante ON/OFF sull'interfaccia utente.
Risultato: La spia di funzionamento si accende e il sistema
inizia a funzionare.
17.3
Utilizzo del programma di
deumidificazione
17.3.1
Informazioni sul programma di
deumidificazione
▪ La funzione di questo programma è quella di ridurre l'umidità della
stanza con il minimo incremento di temperatura (raffreddamento
minimo della stanza).
▪ Il microprocessore determina automaticamente la temperatura e
la velocità della ventola (non può essere impostato mediante
l’interfaccia utente).
▪ Questo sistema non entra in funzione se la temperatura
dell’ambiente è bassa (<20°C).
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
53
17 Funzionamento
17.3.2
Per utilizzare il programma di
deumidificazione
AVVERTENZA
Non toccare l'uscita dell'aria o le pale orizzontali mentre il
deflettore oscillante è in funzione. In caso contrario le dita
potrebbero rimanervi intrappolate e l'unità potrebbe
danneggiarsi.
Per l'avvio
1
Premere più volte il selettore della modalità di funzionamento
(deumidificazione).
sull'interfaccia utente e selezionare
2
Premere il pulsante ON/OFF sull'interfaccia utente.
NOTA
▪ Il limite mobile del deflettore può essere modificato.
Rivolgersi al rivenditore per i dettagli. (solo per i sistemi
a doppio flusso, multiflusso, angolare, a soffitto e a
parete).
Risultato: La spia di funzionamento si accende e il sistema
inizia a funzionare.
3
Premere il pulsante di regolazione della direzione del flusso
d'aria (solo per i sistemi a doppio flusso, multiflusso, angolare, a
soffitto e a parete). Fare riferimento a "17.4 Impostazione della
direzione di mandata dell'aria" a pagina 54 per i dettagli.
▪ Evitare di azionare l'unità in direzione orizzontale
. Si potrebbe favorire il deposito di condensa o polvere
sul soffitto o sul deflettore.
Per arrestare
4
Premere nuovamente il tasto ON/OFF sull'interfaccia utente.
17.5
Configurazione dell'interfaccia
utente master
17.5.1
Informazioni sulla configurazione
dell'interfaccia utente master
Risultato: La spia di funzionamento si spegne e il sistema
smette di funzionare.
NOTA
Attendere almeno 5 minuti dopo l’arresto dell’unità prima di
spegnere il sistema.
17.4
Impostazione della direzione di
mandata dell'aria
Consultare il manuale d’uso dell’interfaccia utente.
17.4.1
a
c
b
d
a
b
c
d
e
Unità a doppio flusso+multiflusso
Unità angolari
Unità sospese al soffitto
f
Unità montate a parete
g
Nelle condizioni di seguito precisate la direzione del flusso dell'aria
viene controllata dal microprocessore dell'apparecchio e può essere
differente da quella indicata.
Riscaldamento
▪ Quando
la
temperatura ▪ All'avvio dell'operazione.
ambiente è inferiore alla
▪ Quando
la
temperatura
temperatura impostata.
ambiente è superiore alla
temperatura impostata.
▪ Durante lo sbrinamento.
▪ In caso di
orizzontale.
funzionamento
continuo
con
flusso
▪ Il deflettore registra da solo la propria posizione.
▪ La direzione del flusso dell'aria può essere scelta dall'utente.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
54
d
f
g
g
VRV IV-S Unità esterna a pompa di calore
Tubazioni del refrigerante
VRV Unità interna a espansione diretta (DX)
Interfaccia utente (dedicata in base al tipo di unità interna)
Scatola BP (necessaria per il collegamento delle unità
interne a espansione diretta (DX) Residential Air (RA) o
Sky Air (SA))
Unità interne a espansione diretta (DX) Residential Air
(RA)
Interfaccia utente (wireless, dedicata in base al tipo di unità
interna)
Le visualizzazioni delle interfacce utente slave mostrano
(commutazione sotto controllo centralizzato) e le interfacce utente
slave seguono automaticamente la modalità di funzionamento
indicata dall'interfaccia utente master.
Solo l’interfaccia utente master può selezionare la modalità di
riscaldamento o raffreddamento.
17.5.2
Per designare l'interfaccia utente master
(VRV DX)
Nel caso in cui al sistema VRV IV-S sono collegate solo unità interne
VRV DX:
1
Tenere premuto per 4 secondi il pulsante di selezione della
modalità di funzionamento dell'interfaccia utente master
corrente. Se questa procedura non è ancora stata eseguita, è
possibile svolgerla sulla prima interfaccia utente utilizzata.
Risultato: Il display che mostra
(commutazione sotto
controllo centralizzato) su tutte le interfacce utente slave
collegate alla stessa unità esterna lampeggia.
La direzione del flusso dell'aria può essere impostata secondo una
delle seguenti modalità.
e desiderato
e
Quando il sistema è stato installato con le modalità indicate nella
figura in alto, è necessario designare una delle interfacce utente
come master.
dell'aria
▪ Se l'unità funziona con il flusso dell'aria continuamente rivolto
verso il basso e la fase di raffreddamento avviene con un'unità
sospesa al soffitto o montata a parete, il microprocessore può
controllare la direzione del flusso, quindi le indicazioni riportate
sull'interfaccia utente varieranno in maniera corrispondente.
▪ Posizionamento automatico
e
f
Informazioni sul deflettore del flusso
d'aria
Raffreddamento
c
2
Premere il pulsante di selezione della modalità di
funzionamento sul controller che si intende designare come
interfaccia utente master.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
18 Risparmio energetico e funzionamento ottimale
Risultato: La designazione è così completata. Questa
interfaccia utente è designata come interfaccia utente master e
il display che mostra
(commutazione sotto controllo
centralizzato) scompare. I display delle altre interfacce utente
mostrano
(commutazione sotto controllo centralizzato).
17.5.3
Per designare l'interfaccia utente master
(RA DX)
Nel caso in cui al sistema VRV IV-S sono collegate solo unità interne
RA DX:
1
Arrestare tutte le unità interne.
2
Mentre il sistema non è in funzione (con le termiche di tutte le
unità interne spente), è possibile definire l'unità interna RA DX
master utilizzando l'interfaccia utente a infrarossi (attivare le
termiche nella modalità desiderata).
L'unico modo per cambiare l'unità master è ripetere la procedura
precedente. Il passaggio tra raffreddamento e riscaldamento (o
viceversa) può essere effettuato solo cambiando la modalità di
funzionamento dell'unità interna master definita.
17.5.4
Informazioni sui sistemi di controllo
I sistemi in questione offrono due ulteriori possibilità di controllo oltre
al controllo individuale (un’interfaccia utente controlla un’unità
interna). Confermare quanto segue se l'unità in uso corrisponde a
uno tipi definiti di seguito:
Tipo
Controllo di gruppo
Descrizione
Un'interfaccia utente controlla fino a un
massimo di 16 unità interne. Tutte le
unità interne sono impostate allo stesso
modo.
Sistema di controllo a due Due interfacce utente controllano
interfacce
un'unità interna (nel caso del controllo di
gruppo, un gruppo di unità interne).
L'unità viene azionata individualmente.
▪ Non appoggiare oggetti accanto all'ingresso o all'uscita dell'aria.
L'effetto potrebbe ridursi oppure l'unità potrebbe arrestarsi.
▪ Spegnere l'interruttore principale se l'unità rimane a lungo
inutilizzata. Se l'interruttore rimane acceso, si consuma energia.
Per consentire un avviamento dell’apparecchio senza problemi
esso deve comunque essere posto sotto tensione almeno 6 ore
prima del momento della sua riattivazione. (Fare riferimento al
capitolo "Manutenzione" nel manuale dell'unità interna).
▪ Se la visualizzazione mostra
(pulizia periodica del filtro
dell'aria), rivolgersi ad un tecnico qualificato per la pulizia dei filtri.
(Fare riferimento al capitolo "Manutenzione" nel manuale dell'unità
interna).
▪ Tenere l'unità interna e l'interfaccia utente ad una distanza di
almeno un metro da televisori, radio, stereo e altre
apparecchiature simili. In caso contrario, le immagini potrebbero
apparire statiche o distorte.
▪ Non appoggiare oggetti sotto l'unità interna; potrebbero essere
danneggiati dall'acqua.
▪ Potrebbe formarsi della condensa se l'umidità supera l'80% o se
l'uscita di drenaggio è ostruita.
Questo sistema a pompa di calore è dotato di una funzionalità
avanzata di risparmio energetico. A seconda delle priorità, si può
dare maggiore rilevanza al risparmio energetico o al livello di
comfort. Possono essere selezionati diversi parametri fino a trovare
l'equilibrio ottimale tra consumi energetici e comfort per il tipo di
applicazione.
Di seguito vengono descritti brevemente i vari modelli disponibili.
Rivolgersi all'installatore o al rivenditore Daikin per consigli o per
modificare i parametri adattandoli alle esigenze dell'edificio.
L'installatore può trovare maggiori informazioni in merito nel
manuale di installazione. L'installatore può aiutare a raggiungere
l'equilibrio migliore tra consumi e comfort.
18.1
NOTA
Rivolgersi al rivenditore per modificare la combinazione o
impostare i sistemi del controllo di gruppo e del controllo a
due interfacce utente.
Metodi operativi principali
disponibili
Base
La temperatura del refrigerante è fissa indipendentemente dalla
situazione. Corrisponde all’operazione standard nota e attesa con i
sistemi VRV precedenti.
Automatica
18
Risparmio energetico e
funzionamento ottimale
La temperatura del refrigerante viene impostata in base alle
condizioni ambientali esterne. Occorre quindi regolare la
temperatura del refrigerante in base al carico richiesto (correlato alla
temperatura ambiente esterna).
Per un corretto funzionamento del sistema, attenersi alle seguenti
precauzioni.
Ad es. se il sistema funziona nella modalità di raffreddamento, con
una temperatura ambiente esterna bassa (ad es. 25°C) il
raffreddamento richiesto è inferiore rispetto a quando la temperatura
ambiente esterna è elevata (ad es. 35°C). Partendo da questo
concetto, il sistema inizia automaticamente ad aumentare la
temperatura del refrigerante, riducendo automaticamente la capacità
erogata e aumentando l'efficienza del sistema.
▪ Regolare correttamente l'uscita d'aria ed evitare di rivolgere il
flusso dell'aria verso gli occupanti della stanza.
▪ Regolare la temperatura della stanza in modo da creare un
ambiente confortevole. Evitare un riscaldamento o un
raffreddamento eccessivi.
▪ Proteggere la stanza dalla luce diretta del sole durante il
raffreddamento mediante tende o dispositivi oscuranti.
▪ Aerare spesso. Un utilizzo prolungato implica un'attenzione
particolare per l'aerazione.
▪ Tenere chiuse le porte e le finestre. Se porte e finestre rimangono
aperte, l'aria uscirà dalla stanza riducendo l'effetto di
raffreddamento o riscaldamento.
▪ Evitare un raffreddamento o un riscaldamento eccessivo. Per
risparmiare energia, mantenere l'impostazione della temperatura
ad un livello medio.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Alta sensibilità/economico (raffreddamento/riscaldamento)
La temperatura del refrigerante viene aumentata o diminuita
(raffreddamento/riscaldamento) rispetto al funzionamento di base.
L'obiettivo di questa modalità estremamente sensibile è una
sensazione di comfort da parte del cliente.
Il metodo di selezione delle unità interne è importante e deve essere
preso in considerazione in quanto la capacità disponibile non è la
stessa disponibile nella modalità standard.
Per ragguagli sulle applicazioni ad alta sensibilità, rivolgersi al
proprio installatore.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
55
19 Manutenzione e assistenza
18.2
Impostazioni di comfort disponibili
Per ciascuna delle suddette modalità, è possibile selezionare un
livello di comfort. Il livello di comfort è legato ai tempi e allo sforzo
(consumi energetici) necessario per raggiungere una determinata
temperatura
ambiente
modificando
temporaneamente
la
temperatura del refrigerante su valori diversi per ottenere più
rapidamente le condizioni richieste.
▪ Potente
pulizia si trovano all'interno dei manuali di installazione e d'uso
delle unità interne dedicate. Assicurarsi di reinstallare i filtri
dell'aria puliti nella stessa posizione.
▪ Per garantire un buon funzionamento, accendere l’interruttore
principale almeno 6 ore prima di avviare l’unità. Dopo
l'accensione, verrò visualizzata la schermata dell'interfaccia
utente.
19.2
▪ Rapido
▪ Medio
Ad esempio alla fine della stagione.
▪ Eco
19
Manutenzione e assistenza
NOTA
Non ispezionare né effettuare la manutenzione dell'unità
da soli. Interpellare un operatore qualificato per ogni
operazione di manutenzione.
AVVERTENZA
Non sostituire mai un fusibile intervenuto con un altro
fusibile di differente portata o con uno spezzone di cavo.
La sostituzione di un fusibile con uno spezzone di cavo o
un cavo di rame può provocare guasti o incendi.
▪ Azionare le unità interne nella modalità di sola ventilazione per
circa mezza giornata in modo da asciugare l'interno delle unità.
Fare riferimento al capitolo "17.2.2 Informazioni su
raffreddamento, riscaldamento, solo ventola e funzionamento
automatico" a pagina 53 per maggiori informazioni sulla modalità
di sola ventilazione.
▪ Togliere l’alimentazione. La schermata dell'interfaccia utente
scompare.
▪ Pulire i filtri dell'aria e le custodie delle unità interne. Rivolgersi
all'installatore o all'addetto alla manutenzione per la pulizia dei filtri
e delle custodie dell'unità interna. Suggerimenti e procedure per la
pulizia si trovano all'interno dei manuali di installazione e d'uso
delle unità interne dedicate. Assicurarsi di reinstallare i filtri
dell'aria puliti nella stessa posizione.
19.3
ATTENZIONE
Questo prodotto contiene gas a effetto serra fluorurati. NON liberare
tali gas nell'atmosfera.
ATTENZIONE
È possibile che siano necessarie ispezioni periodiche per controllare
eventuali perdite di refrigerante secondo la legislazione applicabile.
Per ulteriori informazioni, contattare il proprio installatore.
È pericoloso ispezionare l'unità mentre il ventilatore è in
funzione.
Spegnere l'interruttore principale
qualunque attività di manutenzione.
prima
di
Refrigerante tipo R410A
Valore potenziale di riscaldamento globale: 2087,5
AVVERTENZA
Il refrigerante presente nel climatizzatore è sicuro e
normalmente non fuoriesce. Se il refrigerante fuoriesce
nell'ambiente o entra in contatto con la fiamma di un
bruciatore, di un riscaldatore o di un fornello, potrebbe
generare un gas nocivo.
eseguire
ATTENZIONE
Dopo un uso prolungato, verificare le condizioni dei
raccordi e del supporto dell'unità. Se sono danneggiati,
l'unità potrebbe cadere e provocare danni alle persone.
Spegnere i dispositivi di riscaldamento infiammabili,
arieggiare l'ambiente e contattare il rivenditore presso cui è
stata acquistata l'unità.
NOTA
Per pulire il pannello di controllo, non utilizzare benzina,
solventi o panni imbevuti di prodotti chimici. Il pannello
potrebbe scolorirsi oppure si potrebbe staccare il
rivestimento. Se il pannello è molto sporco, utilizzare un
panno imbevuto di detergente neutro diluito in acqua e
strizzato bene. Asciugare il pannello con un panno
asciutto.
Manutenzione dopo un lungo
periodo di arresto
Ad esempio all'inizio della stagione.
▪ Controllare e rimuovere tutto quello che potrebbe bloccare le
aperture di ingresso e di uscita delle unità interne ed esterne.
▪ Pulire i filtri dell'aria e le custodie delle unità interne. Rivolgersi
all'installatore o all'addetto alla manutenzione per la pulizia dei filtri
e delle custodie dell'unità interna. Suggerimenti e procedure per la
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
56
Informazioni sul refrigerante
Non inserire mani, corde o altri oggetti all'altezza
dell'ingresso o dell'uscita dell'aria. Non rimuovere la
protezione del ventilatore. Pericolo di lesioni se il
ventilatore gira ad alta velocità.
Prestare attenzione al ventilatore.
19.1
Manutenzione prima di un lungo
periodo di arresto
Utilizzare il climatizzatore solo dopo aver fatto riparare la
parte danneggiata da un tecnico qualificato.
19.4
Servizio di assistenza e garanzia
post-vendita
19.4.1
Periodo di garanzia
▪ Il presente prodotto possiede un certificato di garanzia che deve
essere compilato dal rivenditore al momento dell’installazione. Il
certificato compilato deve essere controllato e conservato con
cura dal cliente.
▪ Se è necessario effettuare riparazioni durante il periodo di
garanzia, contattare il rivenditore e tenere il certificato di garanzia
a portata di mano.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
19 Manutenzione e assistenza
19.4.2
Manutenzione e ispezione consigliate
NOTA
▪ La tabella indica i componenti principali. Per maggiori
dettagli, fare riferimento al contratto di manutenzione e
ispezione.
L'accumulo di polvere dovuto ad anni di utilizzo comporta un
deterioramento delle prestazioni. Poiché lo smontaggio e la pulizia
delle unità necessitano di competenza tecnica, per garantire la
migliore manutenzione delle unità si consiglia di sottoscrivere un
contratto di manutenzione e di controllo oltre le normali attività di
manutenzione. La nostra rete di rivenditori ha libero accesso ai
magazzini permanenti delle parti di ricambio essenziali al fine di
garantire il funzionamento del climatizzatore il più a lungo possibile.
Per ulteriori informazioni, contattare il rivenditore.
▪ La tabella indica gli intervalli consigliati dei cicli di
manutenzione. Tuttavia, per mantenere l'unità
operativa a lungo, potrebbe essere necessario ridurre
la distanza tra gli intervalli di manutenzione. Fare
riferimento agli intervalli consigliati per programmare
una manutenzione appropriata in termini di gestione
delle spese di manutenzione e ispezione. In base al
tipo di contratto stipulato, i cicli di ispezione e
manutenzione potrebbero in realtà essere più
ravvicinati di quanto indicato.
Quando si richiede assistenza al rivenditore, specificare:
▪ Il nome completo del modello del climatizzatore.
▪ Il numero di serie (indicato sulla targhetta informativa dell’unità).
▪ La data di installazione.
19.4.4
▪ I sintomi del problema e i dettagli del difetto.
AVVERTENZA
▪ Non modificare, disassemblare, rimuovere, reinstallare
o riparare l'unità da soli. Uno smontaggio o
un'installazione errati, infatti, potrebbero favorire il
rischio di folgorazione o incendio. Rivolgersi al
rivenditore.
▪ In caso di perdite accidentali di refrigerante, accertarsi
che non ci siano fiamme libere. Il refrigerante è
completamente sicuro, non è tossico e non è
infiammabile, ma può generare gas nocivi nel caso di
fughe accidentali in un ambiente in cui sono presenti
vapori combustibili prodotti, ad esempio, da riscaldatori
a ventilatore, fornelli a gas, ecc. Consultare sempre
persone qualificate per accertarsi che il punto di perdita
venga riparato o comunque corretto prima di mettere di
nuovo in funzione l'unità.
19.4.3
Cicli di manutenzione e ispezione
consigliati
I cicli di manutenzione e sostituzione menzionati non si riferiscono al
periodo di garanzia dei componenti.
Componente
Ciclo di
ispezione
Motore elettrico
Scheda PCB
1 anno
Ciclo di manutenzione
(sostituzioni e/o
riparazioni)
20,000 ore
25,000 ore
Scambiatore di calore
Considerare la riduzione del "ciclo di manutenzione" e del "ciclo di
sostituzione" nelle seguenti situazioni:
L'unità viene utilizzata in luoghi in cui:
▪ si registrano fluttuazioni di calore e umidità fuori dall'ordinario;
▪ esiste un'alta fluttuazione di potenza (tensione, frequenza,
distorsione della forma d'onda, ecc.) (l'unità non può essere usata
se le fluttuazioni di potenza non rientrano nei limiti consentiti);
▪ si registrano frequenti urti e vibrazioni;
▪ nell'aria potrebbero essere presenti polvere, sale, gas tossico o
olio nebulizzato, come acido solforoso e acido solfidrico.
▪ L’apparecchio viene avviato e arrestato frequentemente o il tempo
di funzionamento è lungo (luoghi con una climatizzazione di 24
ore).
Ciclo di sostituzione raccomandato delle parti soggette ad
usura
Componente
Filtro dell’aria
5 anni
25,000 ore
Vaschetta di drenaggio
8 anni
Valvola di espansione
20,000 ore
Elettrovalvola
20,000 ore
La tabella presuppone le seguenti condizioni d'uso:
▪ Utilizzo normale senza avvio e arresto frequenti dell'unità. A
seconda del modello, si consiglia di non avviare e arrestare la
macchina più di 6 volte in un'ora.
▪ L'unità è concepita per un utilizzo di 10 ore/giorno e 2.500 ore/
anno.
Ciclo di
ispezione
1 anno
Ciclo di manutenzione
(sostituzioni e/o
riparazioni)
5 anni
Filtro ad alta efficienza
1 anno
Fusibile
10 anni
Resistenza del carter
8 anni
Parti sottoposte a pressione
5 anni
Sensore (termistore, ecc.)
Interfaccia utente e
interruttori
Cicli di manutenzione e sostituzione
ridotti
In caso di corrosione,
contattare il rivenditore di
zona.
NOTA
▪ La tabella indica i componenti principali. Per maggiori
dettagli, fare riferimento al contratto di manutenzione e
ispezione.
▪ La tabella indica gli intervalli consigliati dei cicli di
sostituzione. Tuttavia, per mantenere l'unità operativa a
lungo, potrebbe essere necessario ridurre la distanza
tra gli intervalli di manutenzione. Fare riferimento agli
intervalli
consigliati
per
programmare
una
manutenzione appropriata in termini di gestione delle
spese di manutenzione e ispezione. Rivolgersi al
rivenditore per i dettagli.
INFORMAZIONI
I danni imputabili a un disassemblaggio o a una pulizia
della parte interna delle unità ad opera di persone diverse
dai rivenditori autorizzati potrebbero non essere
contemplati nei termini di garanzia.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
57
20 Individuazione e risoluzione dei problemi
20
Individuazione e risoluzione
dei problemi
Se si verificasse una delle seguenti anomalie occorre eseguire le
azioni rispettivamente indicate e contattare il rivenditore.
Malfunzionamento
▪ Accertarsi che il filtro dell’aria non sia
intasato (vedere “Manutenzione” nel
manuale dell’unità interna).
AVVERTENZA
Interrompere
il
funzionamento
e
disattivare
l'alimentazione se si verificano anomalie (puzza di
bruciato, ecc.).
▪ Controllare
temperatura.
Se l'unità continua a funzionare in tali circostanze, possono
verificarsi guasti, scosse elettriche o incendi. Rivolgersi al
rivenditore.
Tutte le riparazioni del sistema devono
esclusivamente da personale qualificato.
Malfunzionamento
essere
Misura
Arrestare l'unità.
Togliere l’alimentazione.
Se sul display dell’interfaccia utente è
indicato il numero dell’unità, la spia di
funzionamento lampeggia e viene
visualizzato il codice di errore.
Darne comunicazione
all'installatore
specificando il codice di
malfunzionamento.
Se il sistema non funziona a dovere per motivi che non siano quelli
sopra menzionati e se non è evidente alcun sintomo di anomalia,
eseguire le verifiche di seguito precisate.
Malfunzionamento
Se il sistema non
funziona affatto:
Misura
▪ Controllare che non si sia verificata
un’interruzione
dell’alimentazione
elettrica. In caso di interruzione
dell’alimentazione, attendere che venga
ripristinata.
Se
l’interruzione
dell’alimentazione si è verificata durante
il funzionamento del sistema, il
funzionamento
stesso
riprende
automaticamente
al
ripristino
dell’alimentazione.
▪ Controllare che non sia intervenuto un
fusibile o un interruttore magnetotermico.
Sostituire
il
fusibile
o
riarmare
l’interruttore magnetotermico a seconda
dei casi.
Se il sistema passa
alla modalità di sola
ventilazione, ma si
arresta non appena
passa alla modalità di
riscaldamento o
raffreddamento.
▪ Controllare che l’ingresso e l’uscita
dell’aria dell’unità interna e dell’unità
esterna non siano ostruite da qualche
ostacolo. Rimuovere eventuali ostacoli e
ripristinare la normale ventilazione.
▪ Controllare che sul display dell’interfaccia
utente non appaia l’indicazione
(pulire il filtro dell’aria). (Consultare
"19 Manutenzione e assistenza" a
pagina 56 e "Manutenzione" nel manuale
dell'unità interna.)
della
▪ Verificare se ci sono porte o finestre
aperte. Chiudere bene porte e finestre
per impedire l’entrata d’aria esterna
nell’ambiente.
▪ Verificare che nell’ambiente non si
trovino
troppe
persone
mentre
l’apparecchio sta funzionando in modalità
di raffreddamento. Controllare che gli
sviluppi di calore nell’ambiente non siano
eccessivi.
Se interviene frequentemente un
Spegnere l'interruttore
dispositivo di sicurezza, come un
principale.
fusibile, un magnetotermico o un
interruttore automatico contro le
dispersioni a terra o nel caso in cui
l’interruttore di attivazione/disattivazione
non funzioni correttamente.
L’interruttore generale non funziona
correttamente.
l’impostazione
▪ Controllare l’impostazione della velocità
del ventilatore nell’interfaccia utente.
eseguite
L’unità perde acqua.
Misura
Il sistema funziona, ma ▪ Controllare che l’ingresso e l’uscita
il raffreddamento o il
dell’aria dell’unità interna e dell’unità
riscaldamento sono
esterna non siano ostruite da qualche
insufficienti.
ostacolo. Rimuovere eventuali ostacoli e
ripristinare la normale ventilazione.
▪ Controllare che nell’ambiente non entri la
luce diretta del sole. Se necessario
utilizzare tende o veneziane.
▪ Verificare che la direzione del flusso
dell’aria sia corretta.
Se dopo aver effettuato le operazioni indicate sopra non è possibile
risolvere il problema, contattare l’installatore, specificare i sintomi del
problema, il nome completo del modello di climatizzatore (se
possibile anche il numero di serie), la data di installazione (indicata
sul certificato di garanzia).
20.1
Codici di malfunzionamento:
Panoramica
Se sul display dell’interfaccia utente dell’unità interna compare un
codice di malfunzionamento, rivolgersi all’installatore comunicando il
codice di malfunzionamento, il tipo di unità e il numero di serie
(queste informazioni sono riportate sulla targhetta dell’unità).
Di seguito è fornito, esclusivamente a fini di riferimento, un elenco
dei codici di malfunzionamento. A seconda del livello di errore, è
possibile cancellare il codice premendo il tasto ON/OFF. Negli altri
casi, rivolgersi all’installatore.
Codice
principale
Contenuto
Dispositivo di protezione esterno attivato
Errore della EEPROM (unità interna)
Problema di funzionamento del sistema di scolo (unità
interna)
Problema di funzionamento del motorino del
ventilatore (unità interna)
Problema di funzionamento del motorino del deflettore
oscillante (unità interna)
Problema di funzionamento della valvola di
espansione (unità interna)
Problema di funzionamento dello scolo (unità interna)
Problema di funzionamento della camera del filtro
(unità interna)
Problema di funzionamento dell'impostazione della
capacità (unità interna)
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
58
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
20 Individuazione e risoluzione dei problemi
Codice
principale
Contenuto
Codice
principale
Contenuto
Problema di trasmissione tra PCB principale e PCB
secondario (unità interna)
Rilevata sovracorrente del compressore
Problema di funzionamento del termistore dello
scambiatore di calore (unità interna, liquido)
Trasmissione tra unità esterna e inverter: Problema di
trasmissione INV
Problema di funzionamento del termistore dello
scambiatore di calore (unità interna, gas)
Tensione di alimentazione sbilanciata INV
Blocco del compressore (avvio)
Problema di funzionamento del termistore delle alette
Problema di funzionamento del termistore dell'aria di
aspirazione (unità interna)
Problema di funzionamento dell'impostazione della
capacità (unità esterna)
Problema di funzionamento del termistore dell'aria di
scarico (unità interna)
Caduta di bassa pressione anomala, valvola di
espansione guasta
Problema di funzionamento del rilevatore di
movimento o del sensore di temperatura a pavimento
(unità interna)
Caduta di tensione INV
Prova di funzionamento del sistema non ancora
eseguita
Problema di funzionamento del termistore
dell'interfaccia utente (unità interna)
Cablaggio unità interna/esterna difettoso
Interruttore di alta pressione attivato
Comunicazione anomala tra interfaccia utente e unità
interna
Problema di bassa pressione (unità esterna)
Cablaggio unità esterna/esterna difettoso
Rilevamento del blocco del compressore (unità
esterna)
Comunicazione anomala tra interfacce utente
principale-secondaria
Problema di funzionamento del motorino del
ventilatore (unità esterna)
Incongruenza di sistema. Combinazione errata di
unità interne. Problema di funzionamento dell'unità
interna.
Problema di funzionamento del PCB (unità esterna)
Problema di funzionamento della valvola di
espansione elettronica (unità esterna)
Problema di funzionamento del collegamento tra unità
interne o tipo non corrispondente
Problema di funzionamento della temperatura di
scarico (unità esterna)
Duplicazione dell'indirizzo centralizzato
Problema di funzionamento del dispositivo di controllo
centralizzato della comunicazione - Unità interna
Temperatura di aspirazione anomala (unità esterna)
Rilevamento di sovraccarico del refrigerante
Problema di funzionamento dell'indirizzamento
automatico (incongruenza)
Problema di funzionamento dell'interruttore di alta
pressione
Problema di funzionamento dell'indirizzamento
automatico (incongruenza)
Problema di funzionamento dell'interruttore di bassa
pressione
Problema del motorino del ventilatore (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura ambiente (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore di pressione
20.2
Sintomi che non sono indice di
problemi al climatizzatore
Problema di funzionamento del sensore di corrente
I seguenti sintomi non indicano anomalie di funzionamento del
condizionatore:
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura di scarico (unità esterna)
20.2.1
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura del gas dello scambiatore di calore (unità
esterna)
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura di aspirazione (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore della
temperatura di sbrinamento (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura del liquido (dopo il raffreddamento
secondario HE) (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore di
temperatura del gas (dopo il raffreddamento
secondario HE) (unità esterna)
Problema di funzionamento del sensore di alta
pressione (S1NPH)
Problema di funzionamento del sensore di bassa
pressione (S1NPL)
Sintomo: mancato funzionamento del
sistema
▪ Dopo avere premuto il pulsante di attivazione/disattivazione
nell’interfaccia utente l’apparecchio non sempre si avvia
immediatamente. Se la spia si accende, il sistema si trova nella
modalità standard. Infatti, per prevenire sovraccarichi del motore
del compressore, l’apparecchio si avvia dopo 5 minuti dalla sua
attivazione nel caso in cui sia stato disattivato immediatamente
prima. Lo stesso ritardo all'avvio si registra dopo avere utilizzato il
tasto di selezione della modalità operativa.
▪ Se sull’interfaccia utente viene visualizzato "Under Centralized
Control" (Sotto controllo centralizzato), la pressione del pulsante
di funzionamento provocherà il lampeggiamento del display per
qualche istante. Il display lampeggiante indica che l’interfaccia
utente non è utilizzabile.
▪ L’apparecchio non si avvia automaticamente all’accensione
dell’alimentazione. Attendere un minuto, fino a quando il micro
computer non è pronto per l'uso.
Anomalia del PCB INV
Anomalia della temperatura delle alette
Guasto del PCB dell'inverter
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
59
20 Individuazione e risoluzione dei problemi
20.2.2
Sintomo: la ventola funziona, ma le
modalità di raffreddamento e
riscaldamento non funzionano
Subito dopo aver acceso l’interruttore. Il microcomputer si sta
preparando alle operazioni e sta eseguendo un controllo della
comunicazione con tutte le unità interne. Attendere fino a 12 minuti
per consentire il completamento del processo.
20.2.3
Sintomo: la potenza di ventilazione non
corrisponde all'impostazione
La velocità della ventola non cambia, nemmeno premendo l'apposito
tasto di regolazione. Durante l’operazione di riscaldamento, quando
la temperatura ambiente raggiunge il livello impostato, l’unità esterna
si spegne e quella interna passa a una velocità della ventola minima.
Ciò è studiato per evitare che il flusso dell’aria fredda arrivi
direttamente alle persone presenti nell’ambiente. La velocità della
ventola non cambia nemmeno quando un’altra unità interna è attiva
in riscaldamento, se viene premuto il tasto.
20.2.4
Sintomo: la direzione di ventilazione non
corrisponde all'impostazione
La direzione della ventola non corrisponde a quanto riportato sul
display dell'interfaccia utente. La direzione della ventola non oscilla.
Ciò avviene quando l’unità viene controllata dal microprocessore.
20.2.5
Sintomo: della nebbia bianca fuoriesce da
un'unità (unità interna)
▪ Quando l'umidità è troppo alta durante il raffreddamento. Se la
parte interna di un'unità interna è molto contaminata, la
distribuzione della temperatura all'interno della stanza non è
uniforme. In tali frangenti è necessario pulire le parti interne
dell’unità interna. Per i dettagli sulla pulizia dell’unità, chiedere al
proprio rivenditore. Questa operazione richiede l’intervento di una
tecnico qualificato.
▪ Immediatamente
dopo
l’arresto
del
funzionamento
in
raffreddamento e se l’umidità e la temperatura ambiente sono
basse. Ciò accade perché il gas refrigerante caldo rifluisce
nell'unità interna generando vapore.
20.2.6
Sintomo: della nebbia bianca fuoriesce da
un'unità (unità interna, unità esterna)
Quando avviene la commutazione di funzionamento in
riscaldamento implicata dal termine del ciclo di sbrinamento. L’acqua
generata dallo sbrinamento diventa vapore e viene scaricata.
20.2.7
Sintomo: Il display dell’interfaccia utente
indica "U4" o "U5", si arresta e dopo
pochi minuti si riavvia
Ciò accade perché l'interfaccia utente intercetta il rumore
proveniente da apparecchiature elettriche diverse dal climatizzatore.
In questo modo le unità non riescono più a comunicare e si
arrestano. Le unità si riavviano automaticamente quando il rumore
cessa.
20.2.8
Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità
interna)
▪ Subito dopo l'accensione si sente una sorta di ronzio. La valvola
di espansione elettronica posta all’interno dell’unità interna si
aziona e genera quel rumore. Il volume del rumore si abbasserà
dopo circa un minuto.
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
60
▪ Quando il sistema sta funzionando in raffreddamento o
immediatamente dopo il suo arresto si avverte un sibilo. Il sibilo in
questione è provocato dalla pompa di drenaggio della condensa
(optional).
▪ Dopo l’arresto del funzionamento in riscaldamento si avvertono
degli scricchiolii. Anche l'espansione e la contrazione degli
elementi in plastica causate dalla variazione di temperatura fanno
rumore.
▪ Quando si arresta l’unità esterna si sente un debole suono di
risucchio. Quando è in funzione un’altra unità interna, è possibile
udire questo rumore. Per evitare che olio e refrigerante rimangano
all'interno del sistema, viene mantenuta in circolo una piccola
quantità di refrigerante.
20.2.9
Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità
interna, unità esterna)
▪ Quando il sistema si trova nella modalità di raffreddamento o
sbrinamento, si sente un leggero sibilo ininterrotto. Questo sibilo è
provocato dal gas refrigerante che scorre attraverso l’unità interna
ed esterna.
▪ Immediatamente dopo l’avvio o l’arresto dello sbrinamento si
avverte un sibilo. Il sibilo è dovuto all’arresto e all’inversione del
flusso di refrigerante all’interno del circuito.
20.2.10 Sintomo: rumore dei climatizzatori (unità
esterna)
Quando il volume del rumore cambia. Il fenomeno è dovuto alle
variazioni della frequenza.
20.2.11 Sintomo: fuoriuscita di polvere dall'unità
Quando l’unità viene rimessa in funzione dopo un lungo periodo di
inattività. Il motivo è dovuto alla polvere penetrata all’interno
dell’unità.
20.2.12 Sintomo: le unità possono emettere degli
odori
L’apparecchio può assorbire gli odori dell’ambiente, del mobilio, del
fumo di sigarette, ecc. per rilasciarli in seguito.
20.2.13 Sintomo: La ventola dell’unità esterna
non gira
Durante il funzionamento. La velocità della ventola è controllata per
ottimizzare l’operatività del prodotto.
20.2.14 Sintomo: il display mostra "88"
Si verifica subito dopo l'accensione dell'interruttore principale e
indica che l'interfaccia utente si trova in una condizione normale.
L’indicazione resterà visualizzata per un minuto.
20.2.15 Sintomo: il compressore nell'unità
esterna non si arresta dopo una breve
operazione di riscaldamento
Consente di impedire che rimanga del refrigerante nel compressore.
L’unità viene arrestata dopo 5-10 minuti.
20.2.16 Sintomo: la parte interna di un'unità
esterna è calda anche se l'unità è ferma
Ciò si verifica perché l’elettroriscaldatore del basamento mantiene
caldo il compressore in modo da permettergli di potersi riavviare
senza problemi.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
21 Riposizionamento
20.2.17 Sintomo: si può percepire dell'aria calda
una volta arrestata l'unità interna
Sullo stesso sistema funzionano varie unità interne. Quando un’altra
unità è in funzione, il refrigerante continua a fuoriuscire dall’unità.
21
Riposizionamento
Rivolgersi al rivenditore Daikin per rimuovere e reinstallare l'intera
unità. Per lo spostamento delle unità è necessaria un’alta
competenza tecnica.
22
Smaltimento
Questa unità utilizza idrofluorocarburi. Per smantellare l’unità,
contattare il rivenditore. Per legge, è necessario raccogliere,
trasportare ed eliminare il refrigerante in conformità alle normative di
"raccolta ed eliminazione dell’idrofluorocarburo".
23
Glossario
Rivenditore
Distributore addetto alla vendita del prodotto.
Installatore autorizzato
Tecnico addestrato in possesso delle dovute qualifiche per
l'installazione del prodotto.
Utente
Persona che possiede il prodotto e/o lo fa funzionare.
Legislazione applicabile
Tutte le direttive, leggi, normative e/o prescrizioni locali,
nazionali, europee e internazionali attinenti e applicabili a
un determinato prodotto o ambito d'installazione.
Società di assistenza
Società qualificata che può eseguire o
l'intervento di assistenza richiesto sul prodotto.
coordinare
Manuale d'installazione
Manuale di istruzioni specifico per un determinato prodotto
o applicazione che illustra le modalità d'installazione,
configurazione e manutenzione.
Manuale d'uso
Manuale di istruzioni specifico per un determinato prodotto
o applicazione che illustra le modalità di funzionamento.
Accessori
Etichette, manuali, schede informative ed apparecchiature
che sono forniti insieme al prodotto e devono essere
installati
secondo
le
istruzioni
riportate
sulla
documentazione di accompagnamento.
Apparecchiatura opzionale
Apparecchiature fabbricate o approvate da Daikin che
possono essere combinate con il prodotto in base alle
istruzioni della documentazione di accompagnamento.
Da reperire in loco
Apparecchiature non fabbricate da Daikin che possono
essere combinate con il prodotto in base alle istruzioni della
documentazione di accompagnamento.
RXYSCQ4+5TMV1B
Climatizzatore del sistema VRV IV-S
4P404224-1 – 2015.03
Guida di riferimento per l'installatore e l'utente
61
4P404224-1 2015.03
Copyright 2015 Daikin
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement