MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE
I
MANUALE DI USO ED
INSTALLAZIONE
8901167600
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Indice
pag. 2
INTRODUZIONE ....................................................................................................................................4
1. AVVERTENZE E CONDIZIONI DI GARANZIA .....................................................................................5
1.1. AVVERTENZE PER LA SICUREZZA.....................................................................................................5
1.2. AVVERTENZE OPERATIVE................................................................................................................6
1.3. AVVERTENZE PER IL CORRETTO SMALTIMENTO DEL PRODOTTO AI SENSI DELLA DIRETTIVA
EUROPEA 2002/96/EC. ..............................................................................................................................7
1.4. CONDIZIONI DI GARANZIA .............................................................................................................7
1.4.1. Limiti.......................................................................................................................................8
1.4.2. Esclusioni ................................................................................................................................8
2. NOZIONI TEORICHE PER L’INSTALLAZIONE ....................................................................................9
2.1.
2.2.
2.3.
2.4.
2.5.
2.6.
2.7.
2.8.
2.9.
IL PELLET ......................................................................................................................................9
PRECAUZIONI PER L’INSTALLAZIONE.............................................................................................10
L’AMBIENTE DI ESERCIZIO............................................................................................................10
COLLEGAMENTO ALLA PRESA D’ARIA ESTERNA ..............................................................................12
COLLEGAMENTO DEL TUBO SCARICO FUMI....................................................................................12
COLLEGAMENTO ALLA CANNA FUMARIA.........................................................................................14
COLLEGAMENTO AD UN CONDOTTO ESTERNO CON TUBO ISOLATO O DOPPIA PARETE....................14
RACCORDO A CANNA FUMARIA .....................................................................................................14
ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO LEGATE AI DIFETTI DI TIRAGGIO DELLA CANNA FUMARIA .............15
3. INSTALLAZIONE E MONTAGGIO .....................................................................................................16
3.1. DISEGNI e CARATTERISTICHE TECNICHE ......................................................................................16
3.1.1. Dimensioni PHILO COMFORT AIR ............................................................................................16
3.1.2. Caratteristiche tecniche...........................................................................................................17
3.2. PREPARAZIONE E DISIMBALLO......................................................................................................18
3.3. COLLEGAMENTO TUBO USCITA FUMI.............................................................................................20
3.4. COLLEGAMENTO CANALIZZAZIONI ARIA CALDA .............................................................................21
3.5. MONTAGGIO DEL RIVESTIMENTO..................................................................................................23
3.5.1. Montaggio dei pannelli frontali e griglie ....................................................................................23
3.5.2. Montaggio del top superiore....................................................................................................24
3.6. MONTAGGIO FILTRO DELL’ARIA ....................................................................................................25
3.7. APERTURA/CHIUSURA PORTA .......................................................................................................25
3.8. COLLEGAMENTO ELETTRICO .........................................................................................................25
4. FUNZIONAMENTO............................................................................................................................26
4.1.
4.2.
4.3.
4.4.
AVVERTENZE PRIMA DELL’ACCENSIONE.........................................................................................26
CONTROLLO PRIMA DELL’ACCENSIONE..........................................................................................27
SETTAGGI DA ESEGUIRE PRIMA DELLA PRIMA ACCENSIONE ...........................................................27
CARICA DEL PELLET .....................................................................................................................27
5. TELECOMANDO LCD.........................................................................................................................28
5.1. CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELECOMANDO LCD ..................................................................28
5.2. ASPETTO GRAFICO .......................................................................................................................28
5.3. FUNZIONAMENTO DEL TELECOMANDO ..........................................................................................29
5.3.1. Regole generali ......................................................................................................................29
5.4. IMPOSTAZIONI INIZIALI ...............................................................................................................29
5.4.1. Regolazione dell’orario ............................................................................................................29
5.4.2. Impostazione °C – °F .............................................................................................................29
5.5. IMPOSTAZIONE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO ...........................................................................29
5.5.1. Modalità MANUALE (scritta MAN) .............................................................................................29
5.5.2. Modalità AUTOMATICA (scritta AUTO)......................................................................................29
5.5.3. Modalità TIMER (scritta TIMER):..............................................................................................30
5.5.4. Modalità ECO (scritta ECO): ....................................................................................................30
5.6. IMPOSTAZIONI VARIE...................................................................................................................31
Indice
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Indice
pag. 3
5.6.1. Ventilazione ambiente.............................................................................................................31
5.6.2. Funzione sleep .......................................................................................................................31
5.7. Impostazioni TIMER ......................................................................................................................32
5.7.1. Visualizzazione fasce orarie del TIMER .....................................................................................32
5.7.2. Modifica fasce orarie del TIMER...............................................................................................32
5.7.3. Attivazione delle fasce orarie del TIMER-ECO:...........................................................................32
6. PANNELLO DI EMERGENZA .............................................................................................................33
6.1.1.
6.1.2.
Accensione/spegnimento da pannello di emergenza ..................................................................34
Carica coclea..........................................................................................................................34
7. SICUREZZE E ALLARMI....................................................................................................................35
7.1. LE SICUREZZE ..............................................................................................................................35
7.2. SEGNALAZIONE DEGLI ALLARMI ....................................................................................................36
7.3. Uscita dalla condizione di allarme ...................................................................................................38
7.3.1. Blocco meccanico della stufa ...................................................................................................38
8. MANUTENZIONE E PULIZIA ............................................................................................................39
8.1. PULIZIE QUOTIDIANE O SETTIMANALI A CURA DELL’UTENTE .........................................................39
8.1.1. Prima di ogni accensione.........................................................................................................39
8.1.2. Controllo ogni 2 / 3 giorni .......................................................................................................39
8.1.3. Pulizia del vetro......................................................................................................................40
8.2. PULIZIE PERIODICHE A CURA DEL TECNICO SPECIALIZZATO ..........................................................40
8.2.1. Pulizia dello scambiatore di calore............................................................................................40
8.2.2. Messa fuori servizio (fine stagione) ..........................................................................................42
8.3. Controllo dei componenti interni.....................................................................................................42
9. GUASTI / CAUSE / SOLUZIONI .......................................................................................................43
10. SCHEMI ELETTRICI........................................................................................................................45
Indice
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 1
pag.
4
INTRODUZIONE
Gentile Cliente,
vogliamo ringraziarla per la preferenza che ha voluto accordare ai
prodotti MCZ in particolare a una stufa della linea Pellet MCZ.
Per un funzionamento ottimale della stufa e per poter godere
appieno del calore e del senso di benessere che la fiamma può
diffondere nella sua abitazione, la consigliamo di leggere con
attenzione il presente libretto prima di effettuare la prima
accensione.
Nel complimentarci ancora, le ricordiamo che la stufa a pellet NON
DEVE essere usata dai bambini che vanno sempre tenuti a distanza di
sicurezza!
Revisioni della pubblicazione
Allo scopo di migliorare il prodotto, per l’aggiornamento di questa
pubblicazione il Costruttore si riserva il diritto di apportare modifiche
senza preavviso. E’ vietata qualsiasi riproduzione anche parziale del
presente manuale senza l’autorizzazione del Costruttore.
Cura del manuale e come consultarlo

Abbiate cura di questo manuale e conservatelo in un luogo di facile
e rapido accesso.

Nel caso in cui questo manuale venisse smarrito o distrutto o fosse
comunque in cattive condizioni richiedetene una copia al vostro
rivenditore oppure direttamente al Costruttore specificando i dati di
identificazione del prodotto.

Una voce fondamentale o che richiede un’attenzione particolare
viene riportata con il “testo in grassetto”.

“Il testo in corsivo” si utilizza per richiamare la Vostra attenzione su
altri paragrafi del presente manuale o per eventuali chiarimenti
supplementari.
SIMBOLOGIA PRESENTE SUL MANUALE
ATTENZIONE:
Questo simbolo di avvertenza indica di leggere attentamente
e comprendere il messaggio a cui è riferito poiché la non
osservanza di quanto scritto, può provocare seri danni alla
stufa e mettere a rischio l’incolumità di chi la utilizza.
INFORMAZIONI:
Con questo simbolo si intende evidenziare quelle
informazioni importanti per il buon funzionamento della
stufa. Una mancata osservanza di quanto prescritto
comprometterà l’utilizzo della stufa e il funzionamento
risulterà insoddisfacente
SEQUENZE OPERATIVE:
Indica una sequenza di pulsanti da premere per accedere a
menu o eseguire delle regolazioni.
MANUALE
Indica di consultare con attenzione il presente manuale o le
istruzioni relative.
Introduzione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 1
pag.
5
1. AVVERTENZE E CONDIZIONI DI GARANZIA
1.1.
AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

L’installazione, il collegamento elettrico, la
verifica del funzionamento e la manutenzione
vanno eseguite esclusivamente da personale
qualificato o autorizzato.

Installare la stufa secondo la normativa vigente
del luogo, regione o stato.

Questo apparecchio non è utilizzabile da persone
(inclusi bambini) con ridotte capacità fisiche,
sensoriali, mentali o con scarsa esperienza e
conoscenza a meno che non siano visionati od
istruiti sull’uso dell’apparecchio dalla persona che
è responsabile per la sua sicurezza.

Per il corretto uso della stufa e delle apparecchiature
elettroniche ad essa collegate e per prevenire incidenti si
devono sempre osservare le indicazioni riportate nel
presente libretto.

L’uso, la regolazione e la programmazione devono
essere effettuate da personale adulto. Errori o cattive
impostazioni possono provocare condizioni di pericolo
e/o funzionamento irregolare.

Prima di iniziare qualsiasi operazione, l’utente -o
chiunque si appresti ad operare sulla stufa- dovrà aver
letto e compreso l’intero contenuto del presente libretto
di istruzioni.

La stufa deve essere destinata solamente all’uso per il
quale è prevista. Ogni altro uso è da considerarsi
improprio e quindi pericoloso.

Non utilizzare la stufa come scala o struttura di
appoggio.

Non mettere ad asciugare biancheria sulla stufa.
Eventuali stendibiancheria o simili devono essere tenuti
ad apposita distanza dalla stufa.-Pericolo di incendio.

Ogni responsabilità per un uso improprio del prodotto è
totalmente a carico dell’utente e solleva la MCZ da ogni
responsabilità civile e penale.

Qualsiasi tipo di manomissione o di sostituzione non
autorizzata di particolari non originali della stufa può
essere pericoloso per l’incolumità dell’ operatore e
sollevano la MCZ da ogni responsabilità civile e penale.

Gran parte delle superfici della stufa sono molto calde
(porta, maniglia, vetro, tubi uscita fumi, ecc.). Occorre
quindi di evitare di entrare in contatto con queste parti
senza adeguati indumenti di protezione o appositi mezzi,
come ad esempio guanti a protezione termica o sistemi
di azionamento tipo “manofredda”.

E’ vietato far funzionare la stufa con la porta
aperta o con il vetro rotto.

Non toccare la stufa con le mani umide, trattandosi di
un apparecchio elettrico. Togliere sempre il cavo prima
di intervenire sull’unità.
Avvertenze e condizioni di garanzia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
1.2.

Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o
manutenzione assicurarsi preventivamente di disinserire
la stufa dalla rete di alimentazione intervenendo
sull’interruttore generale posto sul retro della stessa o
staccando il cavo elettrico che la alimenta.

In caso di incendio della canna fumaria, spegnere la
stufa, sconnetterla dalla rete e non aprire mai lo
sportello. Quindi chiamare le autorità competenti.

La stufa deve essere connessa elettricamente ad un
impianto munito di efficace conduttore di terra.

L’impianto deve essere dimensionato adeguatamente
alla potenza elettrica dichiarata della stufa.

Un’errata installazione o una cattiva manutenzione (non
conformi a quanto riportato nel presente libretto)
possono causare danni a persone, animali o cose. In
questo caso MCZ è sollevata da ogni responsabilità civile
o penale.
Capitolo 1
pag.
6
AVVERTENZE OPERATIVE

Spegnere la stufa in caso di guasto o cattivo
funzionamento.

Non deve essere immesso manualmente pellet nel
bruciatore.

L’accumulo di pellet incombusto nel bruciatore dopo
ripetute “mancate accensioni” deve essere rimosso
prima di procedere con una nuova accensione.

Non lavare le parti interne della stufa con acqua.

Non lavare la stufa con acqua. L’acqua potrebbe
penetrare all’interno dell’unità e guastare gli isolamenti
elettrici, provocando scosse elettriche.

Non esporre il proprio corpo all’aria calda per lungo
tempo. Non riscaldare troppo il locale dove soggiornate
e dove è installata la stufa. Questo può danneggiare le
condizioni fisiche e causare problemi di salute.

Non esporre direttamente al flusso d’aria calda piante o
animali. Si potrebbero avere effetti nocivi su esse.

Non mettere nel serbatoio combustibili diversi da pellet
di legno.

Installare la stufa in locali adeguatamente protetti
contro l’incendio e predisposti di tutti i servizi quali
alimentazioni (aria ed elettriche) e scarichi per i fumi.

L’immagazzinamento della stufa e del rivestimento in
ceramica deve essere effettuato in locali privi di umidità
e gli stessi non devono essere esposti alle intemperie.

E’ sconsigliato appoggiare il corpo stufa direttamente
sul pavimento, e se quest’ultimo è di materiale
infiammabile va isolato adeguatamente.

Non accendere la stufa con materiali infiammabili in
caso di guasto al sistema di accensione.
Avvertenze e condizioni di garanzia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 1
pag.
7
INFORMAZIONI:

Per qualsiasi problema rivolgersi al rivenditore o a
personale qualificato ed autorizzato da MCZ ed in caso
di riparazione esigere parti di ricambio originali.

Si deve utilizzare esclusivamente il combustibile
dichiarato da MCZ (per l’ITALIA solo pellet diametro
6mm mentre per gli altri paesi europei pellet con
diametro 6-8 mm) e fornito solamente dal sistema
automatico di alimentazione.

Controllare e pulire periodicamente i condotti di scarico
dei fumi (raccordo alla canna fumaria)

L’accumulo di pellet incombusto nel bruciatore dopo
ripetute “mancate accensioni” deve essere rimosso
prima di procedere con una nuova accensione.

La stufa a pellet non è un apparecchio di cottura.

Tenere sempre chiuso il coperchio del serbatoio
combustibile.

Conservare con cura il presente libretto di istruzioni
poiché deve accompagnare la stufa durante tutta la sua
vita. Se dovesse essere venduta o trasferita ad un altro
utente assicurarsi sempre che il libretto accompagni il
prodotto.

In caso di smarrimento richiedere una copia al
rivenditore autorizzato o alla MCZ.
1.3. AVVERTENZE
PER
IL
CORRETTO
SMALTIMENTO DEL PRODOTTO AI SENSI DELLA
DIRETTIVA EUROPEA 2002/96/EC.
Alla fine della sua vita utile il prodotto non deve esser smaltito insieme
ai rifiuti urbani.
Può essere consegnato presso gli appositi centri di raccolta differenziata
predisposti dalle amministrazioni comunali, oppure presso i rivenditori
che forniscono questo servizio.
Smaltire separatamente l’apparecchio consente di evitare possibili
conseguenze negative per l’ambiente e per la salute derivanti da un suo
smaltimento inadeguato e permette di recuperare i materiali di cui è
composto al fine di ottenere un importante risparmio di energia e di
risorse.
Per rimarcare l’obbligo di smaltire separatamente gli apparecchi, sul
prodotto è riportato il marchio del contenitore di spazzatura mobile
barrato.
1.4.
CONDIZIONI DI GARANZIA
La MCZ garantisce il prodotto, ad esclusione degli
elementi soggetti a normale usura sotto riportati per la
durata di due anni dalla data di acquisto che viene
comprovata da un documento probante che riporti il
nominativo del venditore e la data in cui è stata effettuata la
Avvertenze e condizioni di garanzia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 1
pag.
8
vendita, l’ inoltro del certificato di garanzia compilato entro 8
gg. e se il prodotto è stato installato e collaudato da
installatore specializzato e secondo le dettagliate istruzioni
indicate nel libretto di istruzioni in dotazione al prodotto.
Per garanzia si intende la sostituzione o riparazione gratuita
delle parti riconosciute difettose all’origine per vizi di
fabbricazione.
1.4.1. Limiti
Non rientrano nella suddetta garanzia i particolari relativi a parti
elettriche ed elettroniche, ventilatori per i quali il periodo garantito è di
1 anno dall’acquisto del prodotto comprovato secondo quanto precisato
sopra. Non rientrano in garanzia le parti soggette a normale usura
quali: guarnizioni, vetri, e tutte le parti asportabili dal focolare.
Le parti sostituite saranno garantite per il rimanente periodo di garanzia
decorrente dalla data di acquisto del prodotto.
1.4.2. Esclusioni
Le variazioni cromatiche delle parti verniciate e in ceramica, nonché i
cavilli della ceramica non costituiscono motivo di contestazione in
quanto sono caratteristiche naturali del materiale e dell’uso del
prodotto.
Non sono coperte dalla garanzia tutte le parti che dovessero risultare
difettose a causa di negligenza o trascuratezza nell’uso, di errata
manutenzione, di installazione non conforme con quanto specificato
dalla MCZ ( vedi capitoli relativi in questo manuale d’uso).
La MCZ declina ogni responsabilità per eventuali danni che possono,
direttamente o indirettamente, derivare a persone, animali o cose in
conseguenza della mancata osservanza di tutte le prescrizioni indicate
nel libretto istruzioni e concernenti, specialmente le avvertenze in tema
di installazione, uso e manutenzione dell’ apparecchio.
In caso di inefficienza del prodotto rivolgersi al rivenditore e/o
all’importatore di zona.
I danni causati da trasporto e/o movimentazione sono esclusi dalla
garanzia.
Per l’installazione e l’uso del prodotto, si deve far riferimento
esclusivamente al libretto in dotazione.
La garanzia decade in caso di danni recati per manomissioni
all’apparecchio, agenti atmosferici, calamità naturali, scariche elettriche,
incendi, difettosità dell’ impianto elettrico e causati da assente o non
corretta manutenzione secondo istruzioni del costruttore.
RICHIESTA DI INTERVENTO
La richiesta d’intervento deve essere inoltrata al
rivenditore il quale provvederà ad inoltrare la
chiamata al servizio assistenza tecnica MCZ.
MCZ declina ogni responsabilità nel caso il prodotto
ed ogni altro accessorio vengano utilizzati
impropriamente o modificati senza autorizzazione.
Per ogni sostituzione si devono usare solo parti di
ricambio originali MCZ.
Avvertenze e condizioni di garanzia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
9
2. NOZIONI TEORICHE PER L’INSTALLAZIONE
2.1.
IL PELLET
Il pellet è ricavato per trafilatura di segatura prodotta durante la
lavorazione del legno naturale essiccato (senza vernici). La compattezza
del materiale viene garantita dalla lignina che è contenuta nel legno
stesso e permette la produzione del pellet senza l’ uso di colle o leganti.
Il mercato offre diverse tipologie di pellet con caratteristiche che
variano in base alle miscele di legno usate. Il diametro varia tra i 6 e gli
8 mm, con una lunghezza standard compresa tra i 5 e i 30 mm. Il pellet
di buona qualità ha una densità che varia da 600 a più di 750 kg/mc
con un contenuto d’acqua che si mantiene fra il 5% e l’8% del suo
peso.
Combustibile pellet
Oltre ad essere un combustibile ecologico, in quanto si sfruttano al
massimo i residui del legno ottenendo una combustione più pulita di
quella prodotta con i combustibili fossili, il pellet presenta anche dei
vantaggi tecnici. Mentre una buona legna ha un potere calorifico di 4,4
kW/kg (15% di umidità, dopo circa 18 mesi di stagionatura), quello del
pellet è di 4,9 kW/kg.
Per garantire una buona combustione è necessario che il pellet sia
conservato in un luogo non umido e protetto dallo sporco. Il pellet
viene solitamente fornito in sacchi da 15 kg, perciò lo stoccaggio è
molto pratico.
Un pellet di buona qualità garantisce una buona combustione
abbassando le emissioni nocive in atmosfera.
Più il combustibile è scadente più spesso bisognerà
intervenire per le pulizie interne al braciere e alla
camera di combustione.
Sacco di combustibile da 15 Kg
Le principali certificazioni di qualità per il pellet, esistenti sul mercato
europeo, sono la DINplus e Ö-Norm M7135; garantiscono che siano
rispettate:

Potere calorifico: 4,9 kWh/kg

Contenuto acqua: max 10% del peso

Percentuale di ceneri: max 0,5% del peso

Diametro: 5 – 6mm

Lunghezza: max 30mm

Contenuto: 100% legno non trattato e senza alcuna aggiunta di
sostanze leganti (percentuale di corteccia max 5%)

Imballo: in sacchi realizzati in materiale eco-compatibile o
biologicamente decomponibile
Nozioni teoriche per l’installazione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 2
pag.
10
MCZ consiglia vivamente di impiegare per le sue
stufe combustibile certificato (DINplus e Ö-Norm
M7135).
L’utilizzo di pellet scadente o non conforme a quanto
indicato
precedentemente
compromette
il
funzionamento della vostra stufa e può di
conseguenza portare al decadimento della garanzia
e della responsabilità sul prodotto.
Le stufe a pellet MCZ funzionano esclusivamente con
pellet di diametro 6 mm (solo per l’ITALIA) e 6-8
mm (paesi europei) con lunghezza che va dai 5mm a
max 30mm.
2.2.
PRECAUZIONI PER L’INSTALLAZIONE
IMPORTANTE!
L’installazione ed il montaggio della stufa devono
essere eseguiti da personale qualificato.
L’installazione della stufa deve essere fatta in luogo idoneo da
permettere le normali operazioni di apertura e manutenzione ordinaria
della stufa.
L’ambiente deve essere:

predisposto alle condizioni ambientali di funzionamento

dotato di alimentazione elettrica 230V 50 Hz

predisposto di adeguato sistema di evacuazione dei fumi

dotato di aerazione esterna

dotato di impianto di messa a terra conforme CE
La stufa deve essere collegata a canna fumaria o condotto
verticale interno od esterno conformemente alle norme vigenti.
La stufa deve essere posta in modo che la spina elettrica sia
accessibile.
IMPORTANTE!
La stufa deve essere collegata ad una canna fumaria
o ad un condotto verticale che possa scaricare i fumi
nel punto più alto dell’ abitazione.
I fumi sono comunque derivati da combustione di
essenze del legno quindi se escono a contatto o
vicino a pareti possono sporcarle.
Inoltre fare attenzione perché essendo poco visibili
ma molto caldi provocano al loro contatto ustioni.
Prima di posizionare la stufa si deve realizzare il foro
per il passaggio del tubo fumi e il foro per la presa
d’aria esterna.
2.3.
L’AMBIENTE DI ESERCIZIO
Per un buon funzionamento ed una
buona distribuzione della
temperatura la stufa va posizionata in un luogo dove possa affluire l’
aria necessaria per la combustione del pellet (devono essere disponibili
circa 40 m3/h) secondo la norma per l’installazione e secondo le norme
vigenti nel paese.
Il volume dell’ ambiente non deve essere inferiore a 30 m3.
Nozioni teoriche per l’installazione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
11
L’aria deve entrare attraverso aperture permanenti praticate sulle pareti
(in prossimità della stufa) che danno all’esterno con una sezione
minima di 100 cm2.
Dette aperture devono essere realizzate in modo tale da non poter
essere in alcun modo ostruite.
L’aria può essere presa anche da locali attigui a quello da ventilare
purchè questi siano dotati di presa d’aria esterna e non siano adibiti a
camera da letto e bagno o dove non esiste pericolo di incendio come ad
esempio: garage, legnaie, magazzini di materiale infiammabile
rispettando tassativamente quanto prescritto dalle norme vigenti.
Non è ammessa l’installazione della stufa nelle
camere da letto, nei bagni, e dove è già installato un
altro apparecchio da riscaldamento senza un
afflusso di aria autonomo (caminetto, stufa ecc.).
È vietato il posizionamento della stufa in ambiente
con atmosfera esplosiva.
Il pavimento del locale dove verrà installata la stufa
deve essere dimensionato adeguatamente per
supportare il peso della stessa.
La ventilazione ambiente può essere
regolata verso la parete posteriore solo in
presenza di un’adeguata canalizzazione
coibentata del flusso d’aria calda.
PHILO
Pareti
infiammabili
A=2cm
B=15cm
non Pareti infiammabili
A
A=2cm
B=20cm
B
In caso di presenza di oggetti ritenuti particolarmente delicati quali
mobili, tendaggi, divani aumentare considerevolmente la distanza della
stufa.
In presenza di pavimento in legno si consiglia di
montare il piano salva-pavimento e comunque in
conformità alle norme vigenti nel paese.
Nozioni teoriche per l’installazione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
2.4.
pag.
12
COLLEGAMENTO ALLA PRESA D’ARIA ESTERNA
E’ indispensabile che nel locale dove viene installata la stufa possa
affluire almeno tanta aria quanta ne viene richiesta dalla regolare
combustione dell’apparecchio e dalla ventilazione del locale. Ciò può
avvenire a mezzo di aperture permanenti praticate sulle pareti del
locale da ventilare che danno verso l’esterno, o tramite condotti di
ventilazione singoli o collettivi.
A tale scopo, sulla parete esterna in prossimità della stufa deve essere
realizzato un foro di transito con sezione libera minima di 100 cm².
(foro diametro 12 cm o quadro 10x10cm), protetto da una griglia
all’interno e all’esterno.
La presa d’aria deve inoltre:

essere comunicante direttamente con l’ambiente di installazione

essere protetta con griglia, rete metallica o idonea protezione
purchè non riduca la sezione minima.

posizionata in modo da evitare che possa essere ostruita
Non è d’obbligo collegare la presa d’aria
direttamente alla stufa (comunicante diretta con
l’esterno) ma dalla sezione sopra citata devono
essere comunque garantiti circa 50 m³/h di aria .
1
Vedere norma UNI 10683.
2.5.
COLLEGAMENTO DEL TUBO SCARICO FUMI
Nell’eseguire il foro per il passaggio del tubo scarico fumi è necessario
tener conto della eventuale presenza di materiali infiammabili. Se il foro
deve attraversare una parete in legno o comunque di materiale
termolabile l’INSTALLATORE DEVE rispettare tassativamente la
distanza minima in aria da materiale combustibile (valore dichiarato
nell’etichetta di certificazione del tubo) con eventuale ulteriore
isolamento utilizzando materiali adeguati (spess. 1,3 — 5 cm con
conducibilità termica min di 0,07 W/m°K).
In alternativa si consiglia l’impiego di tubo industriale coibentato che
può essere usato anche all’esterno per evitare la condensa.
La camera di combustione lavora in depressione. Il condotto fumario
per lo scarico dei fumi sarà in depressione quando collegato ad
efficiente canna fumaria come prescritto.
Nozioni teoriche per l’installazione
2
1
Visione posteriore di una stufa a pellet
1)
Uscita fumi
2)
Ingresso aria comburente attraverso
i fori sulla schiena della stufa
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
13
E’ necessario utilizzare sempre tubi e raccordi con
adeguate guarnizioni che garantiscano l’ermeticità.
Tutti i tratti del condotto fumario devono essere ispezionabili
e removibili per rendere possibile la periodica pulizia interna
(raccordo a T con ispezione).
Posizionare la stufa considerando tutte le prescrizioni e le attenzioni
evidenziate finora.
IMPORTANTE!
Tutti i cambi direzione a 90° del canale scarico fumi
devono essere possibilmente approntati con gli
appositi raccordi a “T” con ispezione. (Vedere
accessori stufa a pellet)
E’ tassativamente vietato l’uso di una rete
all’estremità del tubo di scarico, poiché essa
potrebbe causare il cattivo funzionamento della
stufa.
PER IL COLLEGAMENTO IN CANNA FUMARIA NON
DEVONO ESSERE USATI PIU’ DI 2-3 mt. DI
TUBAZIONE ORIZZONTALE E NON DEVONO ESSERE
USATE PIU’ DI 3 CURVE A 90°
SI CONSIGLIA INOLTRE DI NON SUPERARE I 6
METRI DI LUNGHEZZA CON IL TUBO Ø 80 mm
Nozioni teoriche per l’installazione
Esempio di installazione stufa a pellet
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
2.6.
COLLEGAMENTO ALLA CANNA FUMARIA
pag.
14
1
0,5 mt.
La canna fumaria deve avere dimensioni interne non superiori a cm.
20X20 o diametro 20 cm.; nel caso di dimensioni superiori o cattive
condizioni della canna fumaria (es. crepe, scarso isolamento, ecc.) è
consigliato inserire nella canna fumaria un tubo in acciaio inox del
diametro adeguato per tutta la sua lunghezza, fino sulla cima.
2
Verificare con strumenti adeguati che ci sia un tiraggio min. di 10 Pa.
Prevedere alla base della canna fumaria una ispezione per i controllo
periodico e la pulizia che deve essere fatta annualmente.
Eseguire il raccordo alla canna fumaria a tenuta con raccordi e tubi da
noi consigliati.
3
Controllare tassativamente che sia installato un comignolo antivento
secondo le norme vigenti.
Questo tipo di collegamento, anche in caso di
mancanza momentanea di corrente, assicura
l’evacuazione dei fumi.
1) Comignolo antivento
2) Canna fumaria
3) Ispezione
2.7. COLLEGAMENTO AD UN CONDOTTO ESTERNO
CON TUBO ISOLATO O DOPPIA PARETE
1
0,5 mt.
Il condotto esterno deve avere dimensioni interne minime di cm. 10X10
o diametro 10 cm. e massime di cm. 20X20 o diametro 20 cm.
Verificare con strumenti adeguati che ci sia un tiraggio di 10 Pa.
2
Si devono utilizzare solo tubi isolati (doppia parete) in acciaio inox lisci
all’interno (non sono ammessi tubi inox flessibili) fissati al muro.
Prevedere alla base del condotto verticale esterno una ispezione per i
controlli periodici e la pulizia che deve essere fatta annualmente.
Eseguire il raccordo alla canna fumaria a tenuta con raccordi e tubi da
noi consigliati.
3
Controllare tassativamente che sia installato un comignolo antivento
secondo le norme vigenti.
Questo tipo di collegamento, anche in caso di
mancanza momentanea di corrente, assicura
l’evacuazione dei fumi.
2.8.
1) Comignolo antivento
2) Canna fumaria
3) Ispezione
RACCORDO A CANNA FUMARIA
0,5 mt.
Il raccordo fra stufa e canna fumaria o condotto fumario, per un buon
funzionamento non deve essere inferiore al 3% di inclinazione nei tratti
orizzontali la cui lunghezza complessiva non deve superare i 2/3 mt.
ed il tratto verticale da un raccordo a “T” ad un altro (cambio di
direzione) non deve essere inferiore a 1,5 mt.
2 - 3 mt. MAX
3-5 %
1
2
Prevedere alla base della canna fumaria un’ispezione per i controlli
periodici e per la pulizia che deve essere eseguita annualmente.
Eseguire il raccordo alla canna fumaria a tenuta con raccordi e tubi da
noi consigliati.
H > 1,5 mt.
Verificare con strumenti adeguati che ci sia un tiraggio min. di 10 Pa.
3
Controllare tassativamente che sia installato un comignolo antivento
secondo le norme vigenti.
1) Comignolo antivento
2) Canna fumaria
3) Ispezione
Nozioni teoriche per l’installazione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 2
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
15
Questo tipo di collegamento, anche in caso di
mancanza momentanea di corrente, assicura
l’evacuazione dei fumi.
2.9. ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO LEGATE AI
DIFETTI DI TIRAGGIO DELLA CANNA FUMARIA
Tra tutti i fattori metereologici e geografici che influenzano il
funzionamento di una canna fumaria (pioggia, nebbia, neve, altitudine
s.l.m., periodo di insolazione, esposizione ai punti cardinali, etc…) il
vento è certamente più determinante. Infatti oltre alla depressione
termica indotta dalla differenza di temperatura tra l’interno e l’esterno
del camino, esiste un altro tipo di depressione (o surpressione):la
pressione dinamica indotta dal vento. Un vento ascendente ha sempre
l’effetto di aumentare la depressione e quindi il tiraggio. Un vento
orizzontale aumenta la depressione in caso di corretta installazione del
comignolo. Un vento discendente ha sempre l’effetto di diminuire la
depressione, a volte invertendola.
Punti meno favorevoli
Es. Vento discendente di 45° di
8m/sec. Surpressione di 17 Pa
Es. Vento orizzontale 8m/sec.
Depressione di 30 Pa
Vento discendente
Posizione più favorevole
VENTO
Zona in pressione
Zona in depressione
Oltre che alla direzione ed alla forza del vento, anche la posizione della
canna fumaria e del comignolo rispetto al tetto della casa e al
paesaggio circostante è importante.
Il vento influenza il funzionamento del camino anche indirettamente
creando delle zone di surpressione e di depressione oltre che
all’esterno,anche all’interno delle abitazioni. Negli ambienti direttamente
esposti al vento (2) può crearsi una surpressione interna che può
favorire il tiraggio di stufe e caminetti, ma che può essere contrastata
dalla surpressione esterna se il comignolo è posto dal lato esposto al
vento (1). Al contrario,negli ambienti opposti alla direzione del vento
(3) può crearsi una depressione dinamica che entra in concorrenza con
la depressione termica naturale sviluppata dal camino,che però può
essere compensata (talvolta) ponendo il condotto fumario dal lato
opposto alla direzione del vento (4)
VENTO
1
4
2
3
1-2 = Zone in surpressione
3-4 = Zone in depressione
IMPORTANTE!
Il funzionamento della stufa a pellets risente in
maniera sensibile della conformità e posizione della
canna fumaria adottata.
Condizioni precarie possono essere risolte solamente
con un adeguato settaggio della stufa fatto da
personale qualificato MCZ.
Nozioni teoriche per l’installazione
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
16
3. INSTALLAZIONE E MONTAGGIO
3.1.
3.1.1.
DISEGNI e CARATTERISTICHE TECNICHE
Dimensioni PHILO COMFORT AIR
189
192
900
522
189
1062
1135
904
20
67
270
65
93
48
128
904
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 3
pag.
17
3.1.2. Caratteristiche tecniche
Caratteristiche tecniche
Potenza termica globale
Max
Potenza termica globale
Min:
Rendimento al Max
Rendimento al Min
Temperatura dei fumi in uscita al Max
Temperatura dei fumi in uscita al Min
Particolato
PHILO Comfort Air
9,0 kw / 7740 kcal
3,2 kw / 2580 kcal
87,8%
93,6%
170°C
90°C
28 mg/Nm3 (13% O2)
19 mg/MJ
CO al 13%O² al Min e al Max
0,042 – 0,012%
CO2 al Min e al Max
6,0% - 9,2%
Massa fumi al min e al max
4,0-7,9 g/sec
Tiraggio minimo alla potenza Max
0,10 mbar – 10 Pa
Tiraggio minimo alla potenza Min
0,05 mbar – 5 Pa
Capacità serbatoio
27 litri
Tipo di combustibile pellet
Pellet diametro 6-8 mm. Con pezzatura 5/30 mm.
Consumo orario pellet
Min~0,7 kg/h* Max~2,0 kg/h*
Autonomia
Al min~26 h* Al max~9 h*
Volume riscaldabile m3
194/40-221/35-258/30 **
Ingresso aria per la combustione
Diametro esterno 50 mm.
Uscita fumi
Diametro esterno 80 mm.
Potenza elettrica massima assorbita
Max. 420 W – Med. 80 W
Tensione e frequenza di alimentazione
230 Volt / 50 Hz
Peso netto
135 Kg.
Peso con imballo
145 Kg.
*Dati che possono variare a seconda del tipo di pellet usato.
**Volume riscaldabile a seconda del bisogno di cal/m3 40-35-30 (rispettivamente 40-35-30 Kcal/h per m3)
Prodotto conforme all’installazione in canna multipla.
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
3.2.
pag.
18
PREPARAZIONE E DISIMBALLO
La stufa Philo viene consegnata con più imballi:

Il primo contiene la stufa (fig.1)

Il secondo contiene il pannello frontale in acciaio verniciato n. 2
pezzi (Fig.2)

Il terzo contiene le griglie (fig.4)

Il quarto contiene il top superiore (fig.5)
Gli imballi con le griglie e il top vengono inseriti assieme alla stufa sotto
lo stesso cartone (fig.1); mentre l’imballo con i pannelli frontali vengono
accostati (fig.2) all’imballo della stufa.
Aprire l’imballo, rimuovere dal basamento della stufa le cinque viti (3
davanti e 2 dietro) che tengono bloccata la stufa al bancale (fig.6). Per
rimuovere le due viti dietro, sullo schienale della stufa, sono state fatte
due asole più grandi per permettere di inserire la chiave per svitare la
vite.
Figura 1 – Imballo stufa (vista
frontale)
Posizionare la stufa nel luogo prescelto facendo attenzione che sia
conforme con quanto previsto.
Figura 2 – Imballo stufa (vista
posteriore)
Figura 6 - Rimozione viti imballo
Figura 3 – Imballo pannelli frontale
Figura 5 – Imballo top superiore
Installazione e montaggio
Figura 4 – Imballo griglie
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
19
Il corpo stufa o monoblocco deve essere sempre movimentato in
posizione verticale esclusivamente tramite carrelli. Si deve porre
particolare attenzione affinché la porta e il suo vetro siano preservati da
urti meccanici che ne compromettono l’integrità.
Comunque la movimentazione dei prodotti deve essere fatta con
cautela. Se possibile disimballare la stufa nei pressi dell’area dove verrà
installata.
I materiali che compongo l’imballo non sono nè tossici nè nocivi,
pertanto non richiedono particolari processi di smaltimento .
Quindi lo stoccaggio, lo smaltimento o eventualmente il riciclaggio è a
cura dell’utilizzatore finale in conformità delle vigenti leggi in materia.
Non immagazzinare il monoblocco e i rivestimenti senza i relativi
imballi.
Posizionare la stufa senza il rivestimento e procedere con
l’allacciamento alla canna fumaria. Ultimate le operazioni di
collegamento montare il rivestimento (ceramiche o fianchi in acciaio).
Se si deve collegare la stufa ad un tubo di scarico che attraversa la
parete posteriore (per immettersi in canna fumaria) prestare la
massima cautela a non forzarne l’imbocco.
Trovare, mediante la regolazione dei 4 piedini (J), il giusto livello
affinché scarico fumi e il tubo siano coassiali. La regolazione dei piedini
deve essere fatta senza i fianchi in acciaio o ceramica, perché la
regolazione avviene all’interno del rivestimento.
Se lo scarico fumi della stufa viene forzato o usato
impropriamente per sollevarla o posizionarla si
compromette irreparabilmente il funzionamento
della stessa.
1. Ruotando i piedini in senso
orario si abbassa la stufa
2. Ruotando i piedini in senso
antiorario si alza la stufa
J
Installazione e montaggio
Piedino J
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
3.3.
pag.
20
COLLEGAMENTO TUBO USCITA FUMI
E’ possibile effettuare l’uscita fumi posteriormente alla stufa oppure
superiormente.
Nel caso in cui si voglia collegare l’uscita fumi superiormente
togliere da sotto il top il tappo con le tre viti.
Successivamente inserire il tubo fino all’innesto con il raccordo fumi.
Togliere da sotto il top della stufa il tappo
fissato con tre viti.
Inserimento
superiore.
tubo
per
uscita
fumi
Nel caso l’uscita fumi sia posteriore è necessario girare il
raccordo a T verso il retro della stufa e togliere il semitrancio
sulla schiena.
Procedere poi con il raccordo dei tubi.
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
3.4. COLLEGAMENTO
CALDA
CANALIZZAZIONI
pag.
21
ARIA
Completata la fase di posizionamento della stufa è possibile iniziare il
procedimento di installazione delle tubazioni aria calda.
E’ possibile canalizzare l’aria fissando due tubi flessibili sul retro della
stufa in corrispondenza dei fori sulla parte alta. Per collegare il tubo,
togliere il top, infilare il tubo e fermarlo con una fascetta.
Comunque poi, in qualsiasi momento, è possibile cambiare direzione
dell’uscita dell’aria anche se si è effettuata una canalizzazione.
Sopra il top ci sono due manopole che permettono di far uscire l’aria
calda nella direzione scelta:
POSIZIONE 1 ARIA LATERALE SINISTRA
POSIZIONE 2 ARIA LATERALE DESTRA
POSIZIONE 3 ARIA FRONTALE
POSIZIONE 4 ARIA CANALIZZATA
POSIZIONE 5 MANOPOLA A ARIA DIFFUSA
POSIZIONE 6 MANOPOLA B ARIA DIFFUSA
POS.5
POS.1
B
A
POS.4
Queste canalizzazioni
OPTIONALS)
Installazione e montaggio
possono
essere
anche
murate.
POS.3
POS.2
POS.6
(VEDI
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 3
pag.
22
La ventilazione ambiente può essere regolata verso la
parete posteriore solo in presenza di un’adeguata
canalizzazione coibentata del flusso d’aria calda.
Il tubo dell’aria in uscita può raggiungere
temperature molto elevate, dell’ordine dei 200°C: è
pertanto necessario isolarlo opportunamente e con
materiali adeguati, in quei punti in cui possa venire a
contatto con superfici infiammabili o che risentano
della temperatura (es. viraggio delle tinte, canaline
per passaggio cavi elettrici, cartongesso, ecc.); è
inoltre necessario proteggere le persone e gli animali
dal contatto volontario o accidentale. Rispettare in
ogni caso le normative e leggi vigenti nella regione in
cui si installa il prodotto.
E’ consigliabile prevedere un isolamento lungo tutto
il percorso del tubo per diminuire le dispersioni ed
aumentare la resa di calore all’ambiente.
TUBO USCITA
ARIA CALDA
PARETE DI
ATTRAVERSAMENTO
ISOLANTE
STUFA
Nel caso di attraversamento di pareti costruite con materiali
infiammabili l’INSTALLATORE DEVE coibentare adeguatamente il
tubo della stufa che lo attraversa utilizzando materiali isolanti adeguati
(spess. 1,3-5 con conducibilità termica min. di 0,07 W/m°K).
Il tubo inserito nella parete, deve essere però opportunamente isolato
per non disperdere temperatura e insonorizzare l’aria in uscita.
E’ consigliabile realizzare delle canalizzazioni di
lunghezza simile per distribuire in maniera uniforme
l’aria,
altrimenti
quest’ultima
prediligerà
la
canalizzazione più breve o con meno tortuosità.
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
23
MONTAGGIO DEL RIVESTIMENTO
3.5.
Montaggio dei pannelli frontali e griglie
3.5.1.
La stufa viene consegnata con il top, le griglie e i pannelli frontali
imballati a parte quindi prima di procedere con l’assemblaggio
disimballare tutto.
G
F
E
D
m
C
m
B
A
Per montare i pannelli frontali procedere nel seguente modo:

Prendere il pannello A farlo entrare nelle spine presenti nella
parte bassa della stufa; successivamente con le viti in
dotazione fissare il pannello alla struttura (due viti a destra e
due viti a sinistra, inoltre il pannello deve essere bloccato
centralmente; si apre la porta e nella parte in basso si
devono mettere altre due viti). Le viti da posizionare nella
parte centrale (sotto la porta) sono di colore nero.

A questo punto e sempre con le stesse modalità è possibile
fissare il pannello B. Nella parte sotto il pannello deve entrare
nelle spine, nella parte centrale sotto la porta va fissato alla
struttura con due viti (sempre nere) mentre nella parte
superiore ci sono due molle che si bloccano ad incastro alla
struttura.
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 3
pag.
24
Per montare le griglie procedere nel seguente modo:

3.5.2.
Prendere le griglie (C-D-F-G) uguali fra loro e fissarle alla
struttura della stufa tramite 4 viti ognuna (2 per lato) in
dotazione. Fare la stessa cosa con la griglia centrale E.
Montaggio del top superiore
Il top viene posizionato semplicemente appoggiandolo sopra la
struttura della stufa.
Per assicurare un regolare posizionamento e funzionamento delle
manopole è necessario che in fase di posizionamento del top, la
tacchetta sulla manopola coincida con il “triangolo” ∆ della struttura.
Questa operazione di centramento è indispensabile
direzionare l’aria nella posizione desiderata.
per
poter
1- POSIZIONE “TRIANGOLO” ∆ VERSO IL RETRO DELLA STUFA
2-POSIZIONE TACCHETTA MANOPOLA NELLA STESSA POSIZIONE DEL
“TRIANGOLO” ∆
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 3
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
3.6.
pag.
25
MONTAGGIO FILTRO DELL’ARIA
Il filtro cilindrico è già montato all’interno della stufa.
Nel caso in cui necessiti di essere pulito svitare leggermente la vite con
pomello posta sul tubo di ingresso dell’aria, sfilare il filtro fare la pulizia
e successivamente bloccarlo serrando il pomello.
ATTENZIONE!
Non far mai funzionare la stufa senza il filtro dell’aria.
MCZ non risponde di eventuali danni alla
componentistica interna se non viene rispettata tale
direttiva.
3.7.
APERTURA/CHIUSURA PORTA
Montaggio/smontaggio del filtro dell’aria
ATTENZIONE!
Per un corretto funzionamento della stufa la porta va
chiusa bene.
Nella stufa Philo infilare la mano fredda sul gancio di apertura della
porta sollevare e tirare.
3.8.
COLLEGAMENTO ELETTRICO
Collegare il cavo di alimentazione prima sul fianco della stufa e poi ad
una presa elettrica a parete.
Apertura porta stufe Philo
L’interruttore generale posto sul fianco va azionato solo per accendere
la stufa; in caso contrario è consigliabile tenerlo spento.
Nel periodo di inutilizzo della stufa è consigliabile
togliere il cavo di alimentazione della stufa.
Collegamento elettrico della stufa
Installazione e montaggio
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 4
pag.
26
4. FUNZIONAMENTO
4.1.
AVVERTENZE PRIMA DELL’ACCENSIONE
Evitare di toccare la stufa durante l’accensione
iniziale, in quanto la vernice in questa fase si
indurisce. Toccando la vernice, la superficie in acciaio
potrebbe emergere.
Se necessario rinfrescare la vernice con la bomboletta spray con il
colore dedicato. ( vedere “Accessori per stufa a pellets”)
E’ buona prassi garantire una efficace ventilazione
dell’ambiente durante l’accensione iniziale, in quanto
la stufa esalerà un po’ di fumo e odore di vernice.
Non rimanere in prossimità della stufa e, come detto, aerare l’ambiente.
Il fumo e l’odore di vernice svaniranno dopo circa un’ora di
funzionamento ricordando comunque che non sono nocivi alla salute.
La stufa sarà soggetta ad espansione e contrazione durante le fasi di
accensione e quella di raffreddamento, pertanto potrà emettere dei
leggeri scricchiolii.
Il fenomeno è assolutamente normale essendo la struttura costruita in
acciaio laminato e non dovrà essere considerato un difetto.
E’ estremamente importante assicurarsi di non surriscaldare subito la
stufa, ma portarla gradatamente in temperatura.
Usare (se in modalità “Manuale”) potenze di riscaldamento basse ( es.
1a-2a-3a ). Nelle successive accensioni si potrà fruire di tutta la potenza
calorica a disposizione (es. 4a-5a ).
In questo modo si eviteranno danni alle piastrelle in ceramica, alle
saldature e alla struttura in acciaio.
Nella prima accensione la stufa è gia in modalità
“manuale”: si consiglia di utilizzare per il primo
periodo solamente potenze di riscaldamento mediobasse come dalla prima alla terza potenza.
Non cercate da subito le prestazioni di
riscaldamento !
Cercate di prendere familiarità con i comandi impartiti da pannello o da
telecomando.
Cercate di memorizzare visivamente i messaggi che la stufa, attraverso
il display del telecomando, vi propone.
Funzionamento
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
4.2.
Capitolo 4
pag.
27
CONTROLLO PRIMA DELL’ACCENSIONE
Verificare tutte le condizioni di sicurezza viste precedentemente.
Assicurarsi di avere letto e compreso perfettamente il contenuto di
questo libretto istruzioni.
Togliere dal focolare della stufa e dal vetro tutti i componenti che
potrebbero bruciare (polistirolo, etichette adesive e istruzioni).
Controllare che il braciere sia posizionato correttamente ed appoggi
bene sulla base.
Dopo lunga inattività togliere dal serbatoio (servendosi di
un aspiratore con tubo lungo) eventuali resti di pellet
giacenti da diverso tempo dal momento che potrebbero aver
assorbito dell’ umidità cambiando le loro caratteristiche
originali e non diventando più adatti alla combustione.
4.3. SETTAGGI DA ESEGUIRE PRIMA DELLA PRIMA
ACCENSIONE
Una volta collegato il cavo di alimentazione nella parte posteriore della
stufa, portare l’interruttore, sempre situato posteriormente, nella
posizione (I).
Il pulsante luminoso si accenderà ed anche il led C del pannello di
emergenza, si illuminerà di rosso (LUCE FISSA).
4.4.
CARICA DEL PELLET
La carica del combustibile viene fatta attraverso uno sportello su un lato
della stufa. Versare il pellet nel serbatoio; da vuoto contiene circa 18
Kg.
Non inserire nel serbatoio nessun altro tipo di
combustibile che non sia pellet conforme alle
specifiche in precedenza riportate.
Funzionamento
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo 5
pag.
28
5. TELECOMANDO LCD
5.1. CARATTERISTICHE
TELECOMANDO LCD
GENERALI
DEL
Il telecomando lavora ad una frequenza di trasmissione di 434,5MHz.
Alimentare il prodotto con 3 batterie AAA come segue:
Rimuovere il coperchio del vano batterie premendo e sollevando in
corrispondenza alla freccia
Inserire le batterie rispettando la corretta polarità (+) e (-)
Richiudere il coperchio del vano batterie
All’alimentazione del telecomando si propone
l’impostazione dell’ora (vedi paragrafo 5.4.1).
in
automatico
Il telecomando, mediante l’apposita icona sul display, comunica all’utente
quando le batterie sono prossime all’esaurimento. Se compare l’icona che
indica la batteria vuota, significa che le batterie sono quasi esaurite e che
il telecomando sta per spegnersi.
Le pile usate contengono metalli nocivi per l’ambiente,
quindi devono essere smaltite separatamente in appositi
contenitori.
ASPETTO GRAFICO
5.2.
Nelle istruzioni faremo spesso riferimento alle indicazioni dei tasti
riportate in figura. Per semplicità tenerla sempre a portata di mano.
A
D
B
E
C
Telecomando
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 5
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
5.3.
pag.
29
FUNZIONAMENTO DEL TELECOMANDO
Regole generali
5.3.1.
Con il tasto A premuto per 1” si accende e si spegne il prodotto. Con il
tasto C si eseguono tutte le modifiche. Il tasto E serve a confermare
tali modifiche. Premendo il tasto B si seleziona la modalità di
funzionamento del prodotto (vedi paragrafo 5.5. ). Mediante il tasto D
si naviga nell’impostazione della VENTILAZIONE e dello SLEEP (vedi
paragrafo 5.6. ).
In qualsiasi stato ci si trovi, premendo brevemente il tasto A (o
lasciando la tastiera inattiva per 7”) si torna nuovamente alla
visualizzazione di base.
5.4.
IMPOSTAZIONI INIZIALI
5.4.1.
Regolazione dell’orario
Sia a telecomando acceso che spento, premendo contemporaneamente
i tasti B+E per 3” si entra nella regolazione dell’ora/giorno.
Cominceranno a lampeggiare le cifre dell’ora, che possono essere
modificate con il tasto C. Premendo il tasto E si conferma le modifiche.
Cominceranno a questo punto a lampeggiare le cifre dei minuti.
Seguendo la stessa procedura di modifica/conferma, si passerà poi
all’impostazione della modalità di visualizzazione dell’ora (12h o 24h) e
infine inizierà a lampeggiare il giorno. Confermando anche questo dato
si esce dalle impostazioni.
NOTA: ogni volta che si rialimenta il telecomando, l’ora si
azzera
e
la
visualizzazione
entra
in
automatico
nell’impostazione dell’orario.
TU
12:02
MAX
5.4.2. Impostazione °C – °F
Solo a stufa spenta, premendo il tasto B per 5” si cambia l’unità di
misura della temperatura, da celsius a fahrenheit e viceversa.
5.5. IMPOSTAZIONE
FUNZIONAMENTO
MODALITÀ
DI
A telecomando acceso, il tasto B permette di impostare una delle
seguenti 4 modalità di funzionamento del prodotto. In figura 1-2-3-4
vengono mostrate le 4 visualizzazioni di base, rispettivamente:
Modalità Manuale, Automatica, Timer e Eco.
5.5.1. Modalità MANUALE (scritta MAN)
MAN
FIG.1
TU
12:03
°C
35
°C
31
In questa modalità è possibile impostare manualmente la potenza di
fiamma (5 livelli – agire direttamente sul tasto C per modificare) e di
ventilazione in 5 livelli + auto (vedere il paragrafo 5.6.1. ). Figura 1
AUTO
5.5.2. Modalità AUTOMATICA (scritta AUTO)
In questa modalità è possibile impostare la temperatura desiderata in
ambiente, e la stufa modulerà automaticamente la potenza di fiamma
per raggiungere tale temperatura. La ventilazione può essere regolata
in 5 livelli + auto (vedere il paragrafo 5.6.1. ). Figura 2
Telecomando
31
°C
FIG.2
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 5
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
30
5.5.3. Modalità TIMER (scritta TIMER):
Selezionando questa modalità di funzionamento è possibile accendere e
spegnere in automatico il prodotto, secondo 6 fasce orarie
personalizzabili (P1 – P6). In ogni fascia oraria si può impostare:
 Ora di accensione
 Ora di spegnimento
 Temperatura ambiente desiderata in quella fascia
 Giorni della settimana in cui la fascia oraria è attiva
Quando la stufa viene accesa (manualmente tramite pulsante A o
automaticamente tramite una fascia oraria) il prodotto funziona con la
modalità automatica sopra descritta. Quando una fascia oraria è attiva,
compare in automatico (il P1 in figura 3) e la temperatura desiderata
si modifica al valore impostato nella fascia oraria. Tale valore può
essere comunque sempre modificato a piacimento e in tempo reale
dall’utente.
FR
8:20 P1
°C
20
°C
26
TIMER
FIG.3
Per imparare ad impostare le fasce orarie consultare il paragrafo 5.7.
5.5.4. Modalità ECO (scritta ECO):
Questa modalità si attiva/disattiva a telecomando acceso premendo il
tasto B per 5”.
La modalità ECO è una modalità automatica con la sola variante che se
la temperatura impostata viene raggiunta e rimane ancora soddisfatta
per i 20 minuti successivi (nonostante la modulazione di fiamma) allora
il prodotto si spegne e rimane in stand-by fino a che la temperatura
ambiente non scende di 2 gradi sotto alla temperatura voluta (e
comunque a non meno di 5 minuti dall’ultimo spegnimento). A quel
punto il prodotto si accende nuovamente. Figura 4
Se l’ambiente non è coibentato a sufficienza, la modulazione di fiamma
non permette alla temperatura impostata di rimanere soddisfatta per 20
minuti consecutivi, e il prodotto di conseguenza non si spegne.
TU
12:06
°C
23
°C
31
ECO
FIG.4
NOTA: Si consiglia comunque di utilizzare l’ECO solo in caso di
ambienti ben coibentati, per evitare cicli di accensionespegnimento troppo ravvicinati.
Il telecomando, anche durante la fase in cui il prodotto è spento per
ECO, rimane comunque acceso a indicare che tale spegnimento è solo
temporaneo. Ovviamente spegnendo il prodotto tramite il tasto A si
esce dalla modalità ECO, e il prodotto rimane spento.
Anche in modalità ECO è possibile attivare fino a 6 fasce orarie di
accensione/spegnimento automatico (E1 – E6) che sono indipendenti
da quelle della modalità TIMER (P1 – P6). Se sono state attivate
compare la scritta TIMER-ECO (figura 5), che rimane permanente
anche a telecomando spento.
TU
12:07
°C
23
°C
31
TIMER
ECO
Per imparare a impostare le fasce orarie consultare il paragrafo 5.7.
NOTA: Se il telecomando si spegne per TIMER, l’ECO non può
riaccendere fino a intervento volontario dell’utente (tasto A) o
all’accensione della prossima fascia oraria valida. L’utilizzo del
TIMER abbinato all’ECO richiede una buona conoscenza della
logica di funzionamento del prodotto.
Telecomando
FIG.5
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 5
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
5.6.
pag.
31
IMPOSTAZIONI VARIE
5.6.1. Ventilazione ambiente
In tutte le 4 modalità di funzionamento sopra descritte è possibile
regolare la ventilazione ambiente a piacimento. Basta seguire questa
semplice operazione: dalla visualizzazione di base, si preme il tasto D e
si entra nella regolazione della VENTILAZIONE (figura 6). A questo
punto, agendo sul tasto C si può impostare la ventilazione preferita
scegliendo tra uno dei 5 livelli disponibili, indipendenti dal livello di
fiamma. E’ possibile scegliere anche l’opzione “auto”, che lega
automaticamente la velocità della ventilazione ambiente al livello di
fiamma.
26
°C
FIG.6
In breve:
fiamma a 1 > ventilazione a 1; fiamma a 3 > ventilazione a 3; fiamma
a 5 > ventilazione sempre a 3 (per rendere il comportamento più
silenzioso in quanto automatico).
Nei prodotti con 2 ventilatori ambiente (modelli comfort air) tramite
tasto D si potrà scorrere e impostare la velocità dei singoli ventilatori
(identificati con 1 o 2 sopra le barre di livello).
NOTA: Nell’eventualità si acquisti un telecomando di ricambio,
se serve cambiare l’impostazione di default agire nel seguente
modo: a telecomando acceso premere contemporaneamente i
pulsanti D + E per 10 sec (fino alla comparsa del numero
lampeggiante). Premendo su tasto C selezionare 1 o 2 a
seconda dell’impostazione richiesta dal prodotto a cui si vuole
abbinare il telecomando, e uscire confermando con E.
FR
5.6.2. Funzione sleep
Lo sleep permette di impostare velocemente un orario in cui il prodotto
deve spegnersi. Tale funzionalità è disponibile solo in modalità MAN e
AUTO. Si imposta nel seguente modo: dalla regolazione della
VENTILAZIONE (pressione tasto D - vedi paragrafo precedente), si
preme nuovamente il tasto D e si entra nella regolazione dello SLEEP.
Mediante il tasto C si regola l’orario di spegnimento a step di 10 minuti.
Confermando con D o E si torna alla visualizzazione di base, in cui
rimane comunque visibile l’ora di spegnimento dal sleep (figura 7).
Per disabilitare lo SLEEP basta entrare in regolazione, abbassare
l’orario fino alla comparsa dei trattini e confermare.
Telecomando
21:11 23:00
MAX
27
OFF
°C
MAN
FIG.7
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 5
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
32
5.7. Impostazioni TIMER
5.7.1. Visualizzazione fasce orarie del TIMER
In modalità TIMER, per entrare in visualizzazione delle fasce orarie
basta premere il tasto D per 2”. Con il tasto C si può scorrere
liberamente sulle 6 fasce orarie, verificando velocemente tutte le
impostazioni salvate (figura 8). Premendo il tasto D o A si torna alla
visualizzazione di base.
5.7.2. Modifica fasce orarie del TIMER
Per entrare in modifica di una fascia oraria, visualizzarla come descritto
nel paragrafo precedente, quindi premere brevemente il tasto E.
Comincerà a lampeggiare il primo parametro impostabile, ovvero la
temperatura ambiente. Premere il tasto C per modificare il valore e il
tasto E per confermare e passare all’impostazione del parametro
successivo. I parametri impostabili per una fascia oraria sono in
successione:
 Temperatura ambiente. Modificabile tra 5° e 35°C. Sotto i 5°C
o sopra i 35°C compaiono 2 trattini “--“ che se confermati
disattivano il programma (che quindi non accenderà il
prodotto).
 Ora di accensione. La regolazione avviene a step di 10 min (da
00:00 a 23:50)
 Ora di spegnimento. La regolazione avviene a step di 10 min
(da 00:10 a 24:00).
 Giorni della settimana in cui il programma è attivo. Comincerà a
lampeggiare il lunedì (MO), e a seguire gli altri giorni della
settimana. Utilizzare il tasto C per attivare/disattivare il giorno.
I giorni attivati verranno visualizzati su sfondo scuro. Giunti
all’impostazione della domenica (SU), premendo il tasto E si
esce dalla modifica e si ritorna alla visualizzazione delle fasce
orarie.
MO TU WE TH FR SA SU
6:30 8:00
°C
20
P1
ON
OFF
TIMER
FIG.8
Premendo il tasto D in qualsiasi momento si esce dalla modifica della
fascia oraria salvando tutte le varianti confermate con tasto E fino a
quel momento, e si ritorna allo stato di visualizzazione delle fasce
orarie.
Premendo invece il tasto A (o lasciando la tastiera inattiva per 30”) si
torna direttamente alla visualizzazione di base salvando tutte le varianti
confermate con tasto E fino a quel momento.
5.7.3. Attivazione delle fasce orarie del TIMER-ECO:
In modalità ECO è possibile attivare 6 fasce orarie personalizzabili di
accensione spegnimento (E1 – E6): premendo il tasto D per 2”
comparirà la funzione di attivazione/disattivazione del TIMER (figura
9).
Se
viene
confermata
l’opzione
ON
si
entra
in
visualizzazione/modifica delle 6 fasce orarie del TIMER-ECO con le
stesse modalità descritte in precedenza per il TIMER. Confermando
l’opzione OFF, il TIMER si disabilita e il prodotto torna a funzionare in
modalità ECO senza fasce orarie attive.
Telecomando
OFF
ON
TIMER
ECO
FIG.9
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 6
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
33
6. PANNELLO DI EMERGENZA
Nella parte laterale in basso della stufa, è presente il pannello di
emergenza, concepito per effettuare la diagnosi di eventuali anomalie
di funzionamento e pure necessario per il controllo della stufa nel caso
in cui il telecomando non sia funzionante.
LEGENDA
A.
Display a tre cifre che indica una serie di informazioni sulla
stufa, oltre al codice identificativo di un’eventuale anomalia di
funzionamento.
B. Led VERDE che indica:

SPENTO = Stufa spenta

ACCESO LAMPEGGIANTE = Stufa in fase di accensione

ACCESO FISSO = Stufa Accesa
C. Led ROSSO che indica:

SPENTO = Stufa accesa

ACCESO CON LAMPEGGIO LENTO = Stufa in spegnimento

ACCESO CON LAMPEGGIO RAPIDO = Stufa in allarme
(associato per i primi 10 minuti ad un bip acustico)

ACCESO FISSO = Stufa spenta
D. Selettore a tre posizioni per la funzionalità

OFF = Stufa
telecomando

REMOTE = Stufa comandabile esclusivamente da
telecomando

ON = Stufa
telecomando
spenta
accesa
manualmente in assenza di
manualmente
in
assenza
di
E. Selettore a tre posizioni per la scelta della potenza

MIN = Selettore per far funzionare la stufa alla MINIMA
potenza in assenza di telecomando e con selettore 4 in
ON

MED = Selettore per far funzionare la stufa a MEDIA
potenza in assenza di telecomando e con selettore 4 in
ON

MAX = Selettore per far funzionare la stufa a MASSIMA
potenza in assenza di telecomando e con selettore 4 in
ON
F. Pulsante per funzioni di diagnostica sullo stato di funzionamento
della stufa
G. Pulsante per mettere in comunicazione la stufa con un nuovo
telecomando (attraverso una procedura spiegata in seguito)
PER FAR FUNZIONARE LA STUFA CON IL
TELECOMANDO IL SELETTORE “D” DEVE
ESSERE POSIZIONATO SU “REMOTE”
Pannello di emergenza
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 6
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
34
6.1.1. Accensione/spegnimento da pannello di emergenza
Nel caso in cui il telecomando sia guasto o le batterie siano scariche, è
possibile far funzionare la stufa in modalità provvisoria attraverso il
pannello posteriore di emergenza.
In questa configurazione, la stufa può funzionare solo in modalità
manuale e con la possibilità di scegliere fra 3 livelli di potenza.

ACCENSIONE STUFA SENZA TELECOMANDO
Per accendere la stufa spostare il selettore “D” nella posizione
ON. All’accensione il Led ROSSO si spegne, mentre il Led
VERDE inizia a lampeggiare, fino a che non è completa la fase
di avvio; a regime il Led VERDE rimane costantemente acceso.

ON
OFF
D
E
SCELTA DELLA POTENZA SENZA TELECOMANDO
E’ possibile scegliere fra tre potenze di riscaldamento:
MIN-MED-MAX (selettore “E”)
La potenza MINIMA corrisponde alla 1ª potenza;
La potenza MEDIA corrisponde alla 3ª potenza;
La potenza MASSIMA corrisponde alla 5ª potenza;

SPEGNIMENTO STUFA SENZA TELECOMANDO
Per spegnere la stufa spostare il selettore “D” nella posizione
OFF
Una volta ripristinato il funzionamento del
telecomando ricordarsi di riposizionare il selettore
“D” nella posizione “REMOTE” altrimenti la stufa
ignorerà gli input del telecomando.
6.1.2. Carica coclea
Questa funzione, attivabile solo a stufa spenta, consente di caricare il
pellet nel sistema di caricamento (coclea), ed è utilizzabile ogniqualvolta
essa si svuoti per esaurimento del pellet nel serbatoio (vedi allarme
A02). E’ utile per evitare mancate accensioni (allarme A01) dovute
proprio allo svuotamento del serbatoio.
ON
Per attivare la funzione CARICA COCLEA, a stufa spenta, sul pannello di
emergenza portare il selettore “D” in OFF e premere per tre volte
consecutive il tasto TEST sullo stesso pannello. Attendere qualche
secondo e sulla schermata lampeggerà la scritta COC-LEA.
CO
C
AR
OFF
D
E
Quando il pellet comincia a scendere nel braciere premere nuovamente
il tasto TEST per terminare la funzione CARICA COCLEA e procedere
con l’accensione della stufa.
TEST
Pannello di emergenza
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 7
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
35
7. SICUREZZE E ALLARMI
7.1.
LE SICUREZZE
La stufa è fornita dei seguenti dispositivi di sicurezza:

SONDA TEMPERATURA FUMI
Rileva la temperatura dei fumi dando il consenso all’avviamento
oppure arrestando la stufa quando la temperatura dei fumi scende
sotto il valore pre-impostato.

SONDA TEMPERATURA DEL SERBATOIO PELLET
Se la temperatura supera il valore di sicurezza impostato, arresta
immediatamente il funzionamento della stufa e per riavviarla è
necessario ripristinare la sonda manualmente solo dopo che la
stufa si è raffreddata.

SICUREZZA ELETTRICA
La stufa è protetta contro gli sbalzi violenti di corrente da un
fusibile generale che si trova nel pannellino di alimentazione posto
sul retro della stufa. Altri fusibili per la protezione delle schede
elettroniche sono situati su quest’ultime.

ROTTURA VENTOLA FUMI
Se la ventola si ferma, la scheda elettronica blocca in modo
tempestivo la fornitura di pellets e viene visualizzato l’allarme.

ROTTURA MOTORIDUTTORE
Se il motoriduttore si arresta, la stufa continua a funzionare fino a
quando non raggiunge il livello minimo di raffreddamento.

MANCANZA TEMPORANEA DI CORRENTE
Se durante il funzionamento si verifica un mancanza di tensione
elettrica, al ritorno dell’alimentazione la stufa si pone in
raffreddamento e poi si riaccende automaticamente.

MANCATA ACCENSIONE
Se durante la fase di accensione non si sviluppa alcuna fiamma, la
stufa va in allarme.
È VIETATO
SICUREZZA
MANOMETTERE
I
DISPOSITIVI
DI
Solo dopo aver eliminato la causa che ha provocato l’
intervento del sistema di sicurezza è possibile l’ accensione
della stufa ripristinando così il funzionamento automatico
della sonda. Per capire quale anomalia ricorre consultare il
presente manuale (paragrafo 4.17) che spiega a seconda del
messaggio di allarme che la stufa espone, come intervenire
su di essa.
ATTENZIONE !
Se la stufa NON viene usata come riportato nel presente
libretto di istruzioni il costruttore declina ogni responsabilità
per danni a persone e cose che dovessero verificarsi. Inoltre
declina ogni responsabilità per danni a persone e cose causati
dalla omessa osservanza di tutte le regole riportate nel
manuale ed inoltre:
Sicurezze e allarmi
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 7
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO

Nell’eseguire lavori di manutenzione, pulizia e
riparazione adottare tutte le necessarie misure e/o
cautele.

Non manomettere i dispositivi di sicurezza.

Non rimuovere i dispositivi di sicurezza.

Collegare la stufa ad un efficiente sistema di evacuazione
dei fumi.

Controllare prima che l’ambiente dove verrà installata sia
adeguatamente areato.
7.2.
pag.
36
SEGNALAZIONE DEGLI ALLARMI
Nel caso in cui si verifichi un’anomalia di funzionamento, la stufa entra
nella fase di spegnimento per allarme e informa l’utente del tipo di
guasto verificatosi tramite un codice a 3 cifre che rimane visualizzato
sul pannello posteriore d’emergenza.
L’allarme viene segnalato in modo permanente dal relativo codice a tre
cifre, da una spia rossa lampeggiante che compare sempre nel pannello
di emergenza e, per i primi 10 minuti di allarme, da una segnalazione
acustica periodica. Per far uscire la stufa dalla condizione di allarme e
ripristinare il normale stato di funzionamento della stufa, leggere le
indicazioni riportate nei 2 paragrafi seguenti.
La tabella che segue descrive i possibili allarmi segnalati dalla stufa,
associati alla rispettiva codifica che compare nel pannello di emergenza,
e suggerimenti utili per risolvere il problema.
SCRITTA SUL
DISPLAY
TIPOLOGIA DI PROBLEMA
SOLUZIONE
Controllare il livello del pellet nel serbatoio.
A01
Mancata accensione del fuoco
Controllare che il braciere sia appoggiato correttamente
nella sua sede e non abbia incrostazioni evidenti di
incombusto.
Controllare se la candeletta di accensione si scalda.
Deriva da uno spegnimento causato da assenza di
combustibile (serbatoio vuoto).
A02
Spegnimento anomalo del fuoco
A03
La struttura è troppo calda perché il prodotto ha
funzionato troppe ore alla massima potenza oppure
La temperatura del serbatoio pellet supera la perché scarsamente ventilata o perché i ventilatori
dell’aria
sono
guasti.
Quando
la
stufa
è
soglia di sicurezza prevista.
sufficientemente fredda, agire sul pulsante B del
Surriscaldamento della struttura
pannello comandi o su OFF nel telecomando per
annullare l’allarme A03. Una volta annullato l’allarme si
può riaccendere regolarmente la stufa.
A04
La stufa si spegne in automatico. Lasciar raffreddare la
La temperatura dei fumi di scarico ha superato stufa per qualche minuto e poi riaccendere.
determinati limiti di sicurezza pre-impostati
Controllare l’evacuazione dei fumi e verificare il tipo di
pellet utilizzato.
A05
Ostruzione canna fumaria – vento – porta
Verificare condotto fumi e chiusura porta.
aperta.
Difficoltà di tiraggio o intasamento del braciere.
A06
Sicurezze e allarmi
L’estrattore fumi non riesce a garantire l’aria Verificare se il braciere è intasato dalle incrostazioni ed
primaria
necessaria
ad
una
corretta eventualmente pulirlo.
combustione.
Controllare ed eventualmente pulire il condotto fumario
e l’ingresso aria..
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 7
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
SCRITTA SUL
DISPLAY
A08
TIPOLOGIA DI PROBLEMA
Ventilatore fumi guasto
pag.
37
SOLUZIONE
Controllare la pulizia del vano ventola fumi al fine di
verificare se della sporcizia la blocca. Se non
sufficiente, la ventola fumi è guasta. Chiamare un
centro di assistenza autorizzato per effettuare la
sostituzione.
A09
La sonda fumi si è guastata e non rileva
Contattare un centro assistenza autorizzato
correttamente la temperatura dei fumi di
eseguire la sostituzione del componente.
scarico
A10
La candeletta è guasta
Contattare un centro assistenza autorizzato
eseguire la sostituzione del componente.
per
A11
Guasto alimentazione Pellet
Contattare un centro assistenza autorizzato
eseguire la sostituzione del componente.
per
A12
Il telecomando è fuori dalla portata di
ricezione della stufa da più di 3 ore (oppure ha
le batterie scariche).
NOTA: solo in questo caso la stufa non entra
in spegnimento di allarme, ma continua a
funzionare nella modalità che il telecomando
gli aveva impostato con l’ultimo comando
inviato.
Riavvicinare il telecomando nel raggio di ricezione della
stufa (o cambiare le batterie al telecomando nel caso
siano scariche). Non appena la stufa riceverà un nuovo
segnale dal telecomando, scompariranno le indicazioni
di allarme. Un modo semplice per forzare una
trasmissione alla stufa è premendo il pulsante 4 (che
cambia la modalità di funzionamento da manuale a
automatico e viceversa)
A13
Guasto generico alla centralina elettronica
Contattare un centro assistenza autorizzato
eseguire la sostituzione del componente.
Guasto al sensore di portata dell’aria
Questo allarme non è bloccante, appare solo una
schermata di avviso. Contattare un centro assistenza
autorizzato per eseguire la sostituzione del
componente.
Avviso manutenzione periodica
Quando all’accensione compare questa scritta
lampeggiante, significa che sono scadute le ore di
funzionamento prestabilite prima della manutenzione, e
bisogna provvedere ad una nuova manutenzione
contattando un tecnico specializzato MCZ.
A14
SEr
Sicurezze e allarmi
per
per
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
7.3.
Capitolo 7
pag.
38
Uscita dalla condizione di allarme
Nel caso intervenga un allarme, per ripristinare il normale
funzionamento della stufa è necessario seguire la procedura sotto
descritta:

Posizionare il selettore D del pannello posteriore di emergenza
in OFF per alcuni secondi, fino alla scomparsa del codice a 3
cifre identificativo del tipo di allarme. Con la seguente
operazione scompare anche il lampeggio del led rosso e la
segnalazione acustica dell’allarme.

Riportare nuovamente il selettore D in posizione REMOTE, per
poter rigestire il funzionamento della stufa attraverso il
telecomando.

Spegnere il telecomando ed eventualmente riaccenderlo se si
vuole far ripartire la stufa.
Solo nel caso di intervento del guasto A12 (mancata
comunicazione tra telecomando e stufa), la stufa
rimane regolarmente accesa secondo l’ultima
modalità impostata, ed esce automaticamente dalla
modalità di allarme alla prima ricezione di un segnale
dal telecomando.
7.3.1. Blocco meccanico della stufa
Le cause di blocco meccanico della stufa possono essere le seguenti:

Surriscaldamento della struttura (“A03”)

Surriscaldamento dei fumi (“A04”)

Durante il funzionamento della stufa si verificato un ingresso
d’aria non controllata in camera di combustione o un’ostruzione
in canna fumaria (“A05”)
Il blocco viene segnalato sul display e accompagnato da bip acustico.
In questa situazione si attiva automaticamente la fase di spegnimento.
Quando questa procedura è avviata, qualsiasi operazione di prova per
ripristinare il sistema sarà inutile. Sul display viene segnalata la causa
del blocco.
COME AGIRE:
Se compare la scritta “A03”: la struttura è troppo calda perché il
prodotto ha funzionato troppe ore alla massima potenza oppure perché
scarsamente ventilata o perché i ventilatori dell’aria sono guasti.
Quando la stufa è sufficientemente fredda, agire sul pulsante B del
pannello comandi o su OFF nel telecomando per annullare l’allarme
A03. Una volta annullato l’allarme si può riaccendere regolarmente la
stufa.
Se compare la scritta “A04”: La stufa si spegne in automatico. Lasciar
raffreddare la stufa per qualche minuto e poi riaccendere.
Controllare l’evacuazione dei fumi e verificare il tipo di pellet utilizzato.
Se compare la scritta “A05”: causato dall’apertura prolungata della
porta fuoco o da una sensibile infiltrazione d’aria (es.tappo d’ispezione
ventola fumi mancante). Se non dovuto a questi fattori controllare ed
eventualmente pulire il condotto fumi e la canna fumaria. (si consiglia
che questa operazione venga eseguita da un tecnico specializzato MCZ)
Solamente dopo aver eliminato permanentemente la causa del
blocco si può procedere con una nuova accensione.
Sicurezze e allarmi
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 8
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
39
8. MANUTENZIONE E PULIZIA
ATTENZIONE!
Tutte le operazioni di pulizia di tutte le parti vanno
eseguite a stufa completamente fredda e con la spina
elettrica disinserita.
La stufa richiede poca manutenzione se utilizzata con pellet
certificato e di qualità.
E’ buona prassi garantire una efficace ventilazione
dell’ambiente durante le operazioni di pulizia della
stufa.
8.1. PULIZIE QUOTIDIANE
CURA DELL’UTENTE
O
SETTIMANALI
Esempio di braciere pulito
A
8.1.1. Prima di ogni accensione
Pulire il braciere dalla cenere e da eventuali incrostazioni che
potrebbero ostruire i fori di passaggio dell’aria.
Nel caso di esaurimento pellet nel serbatoio potrebbe accumularsi del
pellet incombusto nel braciere. Svuotare sempre il braciere dai residui
prima di ogni accensione.
RICORDARSI CHE SOLO UN BRACIERE POSIZIONATO
E PULITO CORRETTAMENTE PUÒ GARANTIRE
UN’ACCENSIONE E UN FUNZIONAMENTO OTTIMALE
DELLA VOSTRA STUFA A PELLET.
Esempio di braciere sporco
Per una pulizia efficace del braciere estrarlo completamente dalla
propria sede e pulire a fondo tutti i fori e la grata posta sul fondo.
Utilizzando un pellet di buona qualità normalmente è sufficiente l’utilizzo
di un pennello per riportare in condizioni ottimali di funzionamento il
componente.
8.1.2. Controllo ogni 2 / 3 giorni
Pulire e vuotare il cassetto cenere “M” facendo attenzione alla cenere
calda.
Solo se la cenere è completamente fredda è possibile utilizzare
anche un aspirapolvere per rimuoverla. In questo caso usare un
aspirapolvere adatto per aspirare particelle di una certa dimensione.
Pulizia vano raccolta cenere
A determinare la frequenza delle pulizie sarà la vostra esperienza e la
qualità del pellet.
È comunque consigliabile non superare i 2 o 3 giorni.
Terminata l’operazione reinserite il cassetto cenere sotto il braciere
verificando che sia ben inserito.
Manutenzione e pulizia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 8
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
40
8.1.3. Pulizia del vetro
Per la pulizia del vetro ceramico si consiglia di utilizzare un pennello
asciutto o, in caso di molto sporco, il detergente specifico spray
spruzzandone una modesta quantità, pulendo poi con un panno.
ATTENZIONE!
Non utilizzare prodotti abrasivi e non spruzzare il
prodotto per la pulizia del vetro sulle parti verniciate
e sulle guarnizioni della porta fuoco (cordino in fibra
di ceramica)
Pulizia del vetro
8.2. PULIZIE PERIODICHE A CURA DEL TECNICO
SPECIALIZZATO
8.2.1. Pulizia dello scambiatore di calore
Alla fine della stagione invernale è necessario pulire il vano
dove passano i fumi di scarico.
Questa pulizia va obbligatoriamente fatta in modo da facilitare
l’asportazione generale di tutti i residui della combustione, prima che il
tempo e l’umidità li compatti e li renda difficilmente asportabili.
E’ buona prassi garantire una efficace ventilazione
dell’ambiente durante le operazioni di pulizia della
stufa.
PULIZIA SCAMBIATORE:
A stufa fredda aprire la porta, estrarre il cassetto “M”, togliere il
braciere “N”; sfilare le piastre laterali “O” e “P” ruotandole
leggermente verso l’interno per farle uscire dagli incastri e poi tirarle
verso se per estrarle (fare attenzione perché si possono rompere
facilmente).
Una volta sfilate le piastre laterali alzare leggermente la piastra “H”,
inclinarla verso il basso ed estrarla.
Successivamente rimuovere la piastra superiore “Q” inserendo la mano
fredda od un’altro attrezzo sulla parte superiore in corrispondenza
dell’asola “Y” sollevare la piastra “Q”. Per estrarla dalla sede, dopo
averla sollevata, inclinarla leggermente verso il basso.
Mediante un’asta rigida o una spazzola per bottiglie, grattare le pareti
del focolare, all’interno della piastra “Q” appena tolta, in modo da far
cadere la cenere nel vano raccogli cenere inferiore.
Una volta terminata la pulizia dello scambiatore superiore, rimuovere la
piastra “L” togliendo le due viti e con il beccuccio dell’aspirapolvere
rimuovere la cenere e la fuliggine accumulata nello scambiatore
inferiore e nella zona attorno al braciere “N”. Pulire e rimontare il tutto.
PULIZIA CONDOTTO FUMARIO E CONTROLLI IN GENERE:
Pulire l’impianto di scarico fumi specialmente in prossimità dei raccordi
a “T”, delle curve e gli eventuali tratti orizzontali.
Per pulire il raccordo a “T” togliere il fianco in basso togliendo le due
viti.
Per informazioni sulla pulizia della canna fumaria rivolgersi a uno
spazzacamino.
Verificare la tenuta delle guarnizioni in fibra ceramica presenti sulla
porta della stufa. Se necessario ordinare le nuove guarnizioni al
Manutenzione e pulizia
Pulizia raccordo a “T” stufa PHILO
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 8
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
41
rivenditore per la sostituzione o contattare un centro assistenza
autorizzato per eseguire tutta l’operazione.
Q
y
Q
M
N
O
Pulizia scambiatore stufa PHILO
H
L
P
ATTENZIONE:
La frequenza con cui pulire l’impianto di scarico fumi
è da determinare in base all’ utilizzo che viene fatto
della stufa e al tipo di installazione.
MCZ consiglia di affidarsi ad un centro assistenza
autorizzato, per la manutenzione e la pulizia di fine
stagione perchè quest’ultimo, oltre ad eseguire le
operazioni sopra descritte, eseguirà anche un
controllo generale della componentistica.
Manutenzione e pulizia
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 8
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
42
8.2.2. Messa fuori servizio (fine stagione)
A fine di ogni stagione, prima di spegnere la stufa, si consiglia di
togliere completamente il pellet dal serbatoio, servendosi di un
aspiratore con tubo lungo.
Nel periodo di non utilizzo la stufa deva essere scollegata dalla
rete elettrica. Per una maggiore sicurezza, soprattutto in
presenza di bambini, consigliamo di togliere il cavo di
alimentazione.
Se alla riaccensione, premendo l’interruttore generale posto sul fianco
della stufa, il display del pannello comandi non si accende significa che
potrebbe essere necessaria la sostituzione del fusibile di servizio.
Sul fianco della stufa c’è uno scomparto porta fusibili che si trova sotto
la presa dell’alimentazione. Con un cacciavite aprire il coperchio dello
scomparto porta fusibili e se necessario sostituirli (3,15 A ritardato).
8.3.
Controllo dei componenti interni
ATTENZIONE!
Il controllo della componentistica elettro-meccanica
interna dovrà essere eseguita unicamente da
personale qualificato avente cognizioni tecniche
relative a combustione ed elettricità.
Si consiglia di eseguire questa manutenzione periodica annuale (con un
contratto di assistenza programmato) che verte sul controllo visivo e di
funzionamento della componentistica interna :
Di seguito vengono riassunti gli interventi di controllo e/o manutenzione
indispensabili per il corretto funzionamento della stufa.
PARTI / PERIODO
Braciere
Vano raccolta cenere
Cassetto cenere
Vetro
Scambiatore completo
Condotto fumi
Guarnizione porta
Filtro dell’aria
Pila telecomando (se
acquistato/optional)
Manutenzione e pulizia
1 GIORNO
●
2-3 GIORNI
30 GIORNI
●
●
●
●
●
90 GIORNI
1 ANNO
●
●
●
●
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 9
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
pag.
43
9. GUASTI / CAUSE / SOLUZIONI
ATTENZIONE:
Tutte le riparazioni devono essere effettuate
esclusivamente da un tecnico specializzato a
stufa spenta e con la presa elettrica
staccata.
ANOMALIA
I pellet non vengono
immessi nella camera
di combustione.
Il fuoco si spegne o la
stufa
si
arresta
automaticamente.
CAUSE POSSIBILI
Il serbatoio del pellet è vuoto.
La coclea è bloccata dalla segatura.





Motoriduttore guasto.
Scheda elettronica difettosa.
Il serbatoio del pellet è vuoto.
I pellet non vengono immessi.
È intervenuta la sonda di sicurezza della
temperatura del pellet.


La porta non è chiusa perfettamente o le
guarnizioni sono usurate.
Pellet non adeguato.

Scarso apporto di pellet.

Camera di combustione sporca.


Scarico ostruito.
Attuazione di allarme ostruzione canna
fumaria
Motore estrazione fumi in avaria.

La stufa funziona per
alcuni minuti e poi si
spegne.
Il pellet si accumula nel
braciere, il vetro della
porta si sporca e la
fiamma è debole,
Guasti/Cause/Soluzioni
RIMEDI








Fase di accensione non conclusa.
Mancanza
temporanea
di
energia
elettrica.
Condotto fumario ostruito.
Sonde di temperature difettose o guaste.
Candeletta in avaria.
Insufficiente aria di combustione.


Pellet umido o inadeguato.
Motore aspirazione fumi guasto.
 Riempire il serbatoio di pellet.
 Svuotare il serbatoio e a mano sbloccare
la coclea dalla segatura.
 Sostituire motoriduttore.
 Sostituire la scheda elettronica.
 Riempire il serbatoio di pellet.
 Vedere anomalia precedente.
 Lasciare che la stufa si raffreddi
completamente, ripristinare il termostato
sino allo spegnimento del blocco e
riaccendere la stufa; se il problema
persiste contattare l’ assistenza tecnica.
 Chiudere la porta o far sostituire le
guarnizioni con altre originali.
 Cambiare tipo di pellet con uno consigliato
dalla casa costruttrice.
 Far
verificare
l’afflusso
di
combustibile dall’assistenza tecnica.
 Pulire la camera di combustione seguendo
le istruzioni del libretto.
 Pulire il condotto fumario.
 Verificare potenziale intasamento del
condotto fumario.
 Verificare
ed
eventualmente
sostituire il motore.
 Rifare la fase di accensione.
 Vedi istruzione precedente.
 Pulire condotto fumario.
 Verifica e sostituzione sonde.
 Verifica ed eventuale sostituzione
candeletta.
 Accertarsi che la presa d’aria in ambiente
sia presente e libera.
 Controllare
che
il
filtro
dell’aria
comburente posto sul tubo Ø 5 cm di
entrata dell’aria non sia ostruito.
 Pulire il braciere e controllare che tutti i
fori siano aperti.
 Eseguire una pulizia generale della
camera di combustione e del condotto
fumario.
 Verificare lo stato delle guarnizioni della
porta.
 Cambiare tipo di pellet.
 Verificare
ed
eventualmente
sostituire il motore.
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
Capitolo 9
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
ANOMALIA
Il
motore
aspirazione dei
non funziona
CAUSE POSSIBILI
di
fumi
pag.
44
RIMEDI

La stufa non ha tensione elettrica.

Il motore è guasto.


La scheda è difettosa.
Il pannello dei comandi è guasto.
Il ventilatore dell’aria
di convezione non si
ferma mai.


Sonda termica di controllo
temperatura difettosa o guasta.
Ventilatore guasto
Il telecomando
funziona
non


Batteria telecomando scarica.
Telecomando guasto
 Sostituire batteria
 Sostituire telecomando.
In
posizione
automatica la stufa
funziona sempre alla
massima potenza.


Termostato ambiente in posizione
massima.
Sonda di rilievo temperatura in avaria.

Pannello comandi difettoso o guasto.
 Impostare nuovamente la temperatura
del termostato.
 Verifica
sonda
ed
eventuale
sostituzione.
 Verifica pannello ed eventuale
sostituzione.

Mancanza di energia elettrica.

Sonda pellet in blocco.


Fusibile guasto.
Scarico o condotto fumi intasato.

Qualche allarme attivo
La stufa non parte
 Verificare la tensione di rete e il fusibile
di protezione.
 Verificare
il
motore
e
il
condensatore ed eventualmente
sostituirlo.
 Sostituire la scheda elettronica.
 Sostituire il pannello dei comandi.
della
 Verificare funzionamento sonda ed
eventualmente sostituirla.
 Verificare funzionamento motore ed
eventualmente sostituirlo.
 Controllare che la presa elettrica sia
inserita e l’interruttore generale in
posizione “I”.
 Sbloccarla
agendo
sul
termostato
posteriore, se succede nuovamente
sostituire il termostato.
 Sostituire il fusibile.
 Pulire lo scarico fumi e/o il condotto
fumario.
ATTENZIONE !
Le operazioni contrassegnate in grassetto devono
essere eseguite esclusivamente da personale
specializzato MCZ.
Il costruttore declina ogni responsabilità e decadono
le condizioni di garanzia qualora questa condizione
non venga rispettata.
Guasti/Cause/Soluzioni
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ GROUP S.p.A. - Riproduzione vietata
STUFE A PELLET
MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO
Capitolo
10
pag.
45
10. SCHEMI ELETTRICI
LEGENDA CABLAGGI SCHEDA MADRE
1. Pannello emergenza
8. Motoriduttore
3. Sonda fumi
9. Termostato a contatto
4. Connessione modem
10. Ventilatore aria
5. Interruttore
11. Controllo giri ventola espulsione fumi
6. Candeletta
12. Sensore portata aria
7. Ventola espulsione fumi
N.B. I cablaggi elettrici dei singoli componenti sono muniti di connettori pre-cablati la cui misura è differente
l’una dall’altra.
Schemi elettrici
Servizio tecnico - Diritti riservati ad MCZ Group S.p.A. - Riproduzione vietata
MCZ GROUP S.p.A.
Via La Croce n°8
33074 Vigonovo di Fontanafredda (PN) – ITALY
Telefono: 0434/599599 r.a.
Fax: 0434/599598
Internet: www.mcz.it
e-mail: [email protected]
8901167600
Rev 0
12/2011
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement