Serie Agilent 5975 MSD Manuale operativo

Serie Agilent 5975 MSD Manuale operativo

Serie Agilent 5975

MSD

Manuale operativo

Agilent Technologies

2

Informazioni sul documento

© Agilent Technologies, Inc. 2008

Nessuna sezione del presente manuale può essere riprodotta in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo (inclusa la memorizzazione in un sistema elettronico di reperimento delle informazioni o la traduzione in un’altra lingua) senza previo consenso scritto di

Agilent Technologies, Inc. secondo quanto stabilito dalle leggi sul diritto d’autore in vigore negli Stati Uniti d’America e in altri

Paesi.

Codice del manuale

G3170-94030

Edizione

Seconda edizione, ottobre 2008

Sostituisce G3170-94023

Stampato negli USA

Agilent Technologies, Inc.

5301 Stevens Creek Boulevard

Santa Clara, CA 95052

Garanzia

Le informazioni contenute in questo documento sono fornite “come sono” e sono soggette a modifica senza preavviso nelle future edizioni. Nei limiti consentiti dalla legge, Agilent non concede alcuna garanzia, esplicita o implicita, relativamente a questo manuale e a qualsiasi informazione in esso contenuta, incluse tra l’altro le garanzie implicite di commerciabilità e di idoneità per uno scopo specifico. Agilent non sarà responsabile di eventuali errori presenti in questo manuale o di danni incidentali o conseguenti connessi alla fornitura, alle prestazioni o all’uso di questo documento o di qualsiasi informazione in esso contenuta. In presenza di un accordo scritto stipulato a parte tra Agilent e l’utente, in cui siano previste condizioni di garanzia riguardanti le informazioni contenute in questo manuale in contrasto con le condizioni qui specificate, sono da ritenersi valide le condizioni di garanzia specificate nell’accordo.

Informazioni sulla sicurezza

AT T E NZ I O N E

La dicitura ATTENZIONE indica la presenza di condizioni di rischio.

L’avviso richiama l’attenzione su una procedura operativa o una prassi che, se non eseguita correttamente o attenendosi scrupolosamente alle istruzioni, potrebbe comportare danni al prodotto o la perdita di dati importanti. In presenza della dicitura ATTENZIONE interrompere l’attività finché le condizioni indicate non siano perfettamente comprese e soddisfatte.

AV V E R T E N Z A

La dicitura AVVERTENZA indica la presenza di condizioni di rischio.

L’avviso richiama l’attenzione su una procedura operativa o una prassi che, se non eseguita correttamente o attenendosi scrupolosamente alle istruzioni, potrebbe causare gravi lesioni personali o la perdita della vita. In presenza della dicitura

AVVERTENZA interrompere l’attività finché le condizioni indicate non siano state perfettamente comprese e soddisfatte.

MSD 5975 – Manuale operativo

Informazioni sul manuale

Questo manuale fornisce informazioni relative al funzionamento e alla manutenzione dei sistemi MSD (Rivelatore a selezione di massa) serie 5975 di

Agilent.

1 Introduzione

Il capitolo 1 contiene informazioni generali sugli MSD della serie 5975, inclusa una descrizione dell’hardware, le avvertenze di sicurezza e le informazioni sulla sicurezza dell’idrogeno.

2 Installazione delle colonne del GC

Il capitolo 2 descrive come preparare una colonna capillare da utilizzare con l’MSD, come installarla nel forno GC e collegarla all’MSD utilizzando l’interfaccia GC/MSD.

3 Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Il capitolo 3 illustra le operazioni fondamentali, quali l’impostazione delle temperature, il monitoraggio delle pressioni, la calibrazione, la ventilazione e la messa a vuoto. Molte delle informazioni contenute in questo capitolo si applicano anche al funzionamento CI.

4 Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Il capitolo 4 descrive le operazioni supplementari necessarie per il funzionamento in modalità CI.

5 Manutenzione generale

Il capitolo 5 descrive le procedure di manutenzione comuni agli strumenti sia

EI che CI.

6 Manutenzione CI

Il capitolo 6 illustra le procedure di manutenzione valide solo per gli MSD CI.

A Teoria della ionizzazione chimica

L’appendice A è una panoramica della teoria della ionizzazione chimica.

MSD 5975 – Manuale operativo 3

4

Documentazione utente online

Oggi la documentazione Agilent è tutta a porta di mano.

Il DVD del software fornito con questo strumento offre una raccolta completa di guide online, video e libri relativi ai gascromatografi Agilent 7890A GC,

6890N GC, all'MSD serie 5975 e all'ALS 7683B. Sono incluse le traduzioni delle informazioni di cui si ha maggiore necessità, quali:

• Documenti introduttivi agli strumenti

• Informazioni sulla sicurezza e le norme vigenti

• Liste di controllo per la preparazione del laboratorio

• Informazioni relative all’installazione

• Manuali operativi

• Informazioni relative alla manutenzione

• Informazioni dettagliate per la risoluzione dei problemi

MSD 5975 – Manuale operativo

Sommario

1 Introduzione

MSD serie 5975

10

Abbreviazioni utilizzate

11

MSD serie 5975

13

Descrizione hardware MSD CI

15

Importanti avvertenze di sicurezza

17

Sicurezza dell’idrogeno

19

Precauzioni per il GC 20

Pericoli specifici relativi al funzionamento dei sistemi GC/MSD 20

Certificazioni di conformità e sicurezza

25

Pulizia/Riciclaggio del prodotto

28

Versamento di liquidi

28

Spostamento o stoccaggio dell’MSD

28

2 Installazione delle colonne del GC

Colonne

30

Riconfigurare una colonna GC 6850 nel suo supporto

32

Preparare una colonna capillare per l’installazione

37

Installare una colonna capillare in un iniettore split/splitless

39

Condizionare una colonna capillare

41

Installare una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD

42

GC Agilent 7890A e 6890 42

GC 6850 44

3 Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Gestione dell’MSD dal Data System

49

MSD 5975 – Manuale operativo 5

6

Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)

49

Modalità operative

49

Messaggi di stato dell’LCP

51

ChemStation Loading <timestamp> 51

Executing <type>tune 51

Instrument Available <timestamp>

51

Loading Method <method name> 51

Loading MSD Firmware 51

Loading OS 52

<method> Complete <timestamp>

52

Method Loaded <method name> 52

MS locked by <computer name> 52

Press Sideplate

52

Run: <method> Acquiring <datafile> 52

Per visualizzare lo stato del sistema durante l’avvio

52

Menu dell’LCP

53

L’interfaccia GC/MSD EI

56

Prima di attivare l’MSD

58

Procedura di messa a vuoto

59

Controllo delle temperature

59

Controllo del flusso della colonna

60

Ventilazione dell’MSD

61

Vsualizzare la temperatura e lo stato di vuoto dell’analizzatore dell’MSD

62

Impostare il monitoraggio della temperatura e dello stato di vuoto dell’MSD

64

Impostare le temperature dell’analizzatore dell’MSD

66

Impostare la temperatura dell’interfaccia GC/MSD dalla

ChemStation

68

MSD 5975 – Manuale operativo

Monitorare la pressione del vuoto spinto

70

Misurare la velocità lineare del flusso della colonna

72

Calcolare il flusso della colonna

73

Calibrare l’MSD

74

Verificare le prestazioni del sistema

75

Test ad elevata massa (MSD serie 5975)

76

Rimuovere i pannelli dell’MSD

79

Ventilare l’MSD

81

Aprire la camera dell’analizzatore

83

Chiudere la camera dell’analizzatore

86

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD

90

Spostare o immagazzinare l’MSD

92

Impostare la temperatura dell’interfaccia dal GC

94

4 Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Indicazioni generali

96

L’interfaccia GC/MSD CI

97

Funzionamento dell’MSD CI

99

Passare dalla sorgente EI alla sorgente CI

100

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD CI

101

Impostare il software per il funzionamento CI

102

Utilizzare il modulo di controllo del flusso di gas reagente

104

Impostare il flusso del gas reagente metano

107

Utilizzare altri gas reagenti

109

Passare dalla sorgente CI alla sorgente EI

113

Autocalibrazione CI

114

MSD 5975 – Manuale operativo 7

8

Eseguire un’autocalibrazione PCI (solo metano)

116

Eseguire un’autocalibrazione NCI (gas reagente metano)

118

Verificare le prestazioni PCI

120

Verificare le prestazioni NCI

121

Monitorare la pressione del vuoto spinto

122

5 Manutenzione generale

Prima di iniziare

126

Manutenzione del sistema a vuoto

131

6 Manutenzione CI

Informazioni generali

138

Impostare l’MSD per il funzionamento CI

139

A Teoria della ionizzazione chimica

Panoramica sulla ionizzazione chimica

144

Teoria della CI positiva

146

Teoria della CI negativa

153

Indice

MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

1

Introduzione

MSD serie 5975 10

Abbreviazioni utilizzate 11

MSD serie 5975 13

Descrizione hardware MSD CI 15

Importanti avvertenze di sicurezza 17

Molte parti interne dell’MSD presentano tensioni pericolose 17

Le scariche elettrostatiche costituiscono un pericolo per le componenti elettroniche dell’MSD 17

Molte parti sono pericolosamente calde 18

Il raccoglitore per l’olio sotto la pompa principale standard comporta un rischio di incendio 18

Sicurezza dell’idrogeno 19

Pericoli specifici relativi al funzionamento dei sistemi GC/MSD 20

Accumulo di idrogeno in un sistema MSD 20

Precauzioni 22

Certificazioni di conformità e sicurezza 25

Informazioni 25

Simboli 26

Compatibilità elettromagnetica 27

Certificazione delle emissioni sonore 27

Pulizia/Riciclaggio del prodotto 28

Versamento di liquidi 28

Spostamento o stoccaggio dell’MSD 28

Il presente manuale descrive il funzionamento e la manutenzione ordinaria del Rivelatore a selezione di massa (MSD) serie 5975 di Agilent Technologies.

Agilent Technologies 9

1

Introduzione

MSD serie 5975

I dispositivi MSD serie 5975 sono dotati di una pompa di diffusione oppure di una due pompe turbomolecolari (turbo). L’etichetta del numero di serie riporta un codice prodotto ( Tabella 1 ) che indica il tipo di MSD di cui si dispone.

Tabella 1 Pompe a vuoto spinto disponibili

Nome modello

MSD 5975B VL

MSD 5975B inert

Codice prodotto

G3170A

G3171A

MSD 5975B inert XL G3172A

Descrizione

Pompa a diffusione MSD

MSD turbo standard

MSD 5975B inert XL

EI/CI

G3174A

MSD Turbo ad alta efficienza

Pompa turbo CI ad alta efficienza di massa

Modalità di ionizzazione

Impatto elettronico (EI)

Impatto elettronico (EI)

Impatto elettronico (EI)

Impatto elettronico (EI)

Ionizzazione chimica negativa (NCI)

Ionizzazione chimica positiva (PCI)

10 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Abbreviazioni utilizzate

Le abbreviazioni contenute nella Tabella 2 vengono utilizzate per descrivere questo prodotto. Per comodità vengono riunite qui.

Tabella 2 Abbreviazioni id

LAN

LCP

m/z

MFC

EPC eV

GC

HED

DP

EI

EM

EMV

Abbreviazione Definizione

AC Corrente alternata

ALS

BFB

Campionatore automatico per liquidi

Bromofluorobenzene (calibrante)

CI

DC

DFTPP

DIP

Ionizzazione chimica

Corrente diretta

Decafluorotrifenilfosfina (calibrante)

Iniezione diretta

Pompa a diffusione

Ionizzazione ad impatto elettronico

Moltiplicatore elettronico (rivelatore)

Tensione moltiplicatore elettronico

Controllo pneumatico elettronico

Elettronvolt

Gascromatografo

Dinodo ad alta energia (con riferimento al rivelatore e alla sua alimentazione)

Diametro interno

Local Area Network

Pannello di controllo locale (sull’MSD)

Rapporto massa/carica

Controller del flusso di massa

MSD 5975 – Manuale operativo 11

1

Introduzione

Tabella 2 Abbreviazioni (segue)

PFTBA

Quad

RF

RFPA

Torr

Turbo

Abbreviazione Definizione

MSD

NCI

Rivelatore a selezione di massa (MSD)

CI negativa

OFN

PCI

PFDTD

PFHT

Octafluoronaftalene (calibrante)

CI positiva

Perfluoro-5,8-dimethyl-3,6,9-trioxydodecano (calibrante)

2,4,6-tris(perfluoroheptyl)-1,3,5-triazina (calibrante)

Perfluorotributilamina (calibrante)

Filtro di massa a quadrupolo

Frequenza radio

Amplificatore di potenza della frequenza radio

Unità di pressione, 1 mm Hg

Turbomolecolare (pompa)

12 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

MSD serie 5975

L’MSD serie 5975 è un rivelatore di GC capillare autonomo per l’utilizzo con i gascromatografi Agilent ( Tabella 3 ). L’MSD presenta:

Un pannello di controllo (LCP) per il monitoraggio locale e il funzionamento dell’MSD

Una di tre diverse pompe a vuoto spinto

Pompa principale rotativa

Sorgente ionica a ionizzazione elettronica riscaldata indipendentemente dall’MSD

Filtro di massa a quadrupolo iperbolico riscaldato indipendentemente dall’MSD

Rivelatore di moltiplicatore elettronico con dinodo ad alta energia (HED)

Interfaccia GC/MSD riscaldata indipendentemente da GC

Modalità di ionizzazione chimica (EI/PCI/NCI) disponibili

Descrizione fisica

L’MSD serie 5975 ha forma rettangolare, con un ingombro di circa 42 cm di altezza, 26 cm di larghezza e 65 cm di profondità. Il peso è di 25 kg per la struttura con pompa a diffusione, 26 kg per la struttura con pompa turbo standard e 29 kg per la struttura con pompa turbo ad elevate prestazioni. La pompa principale collegata (rotativa) ha un peso aggiuntivo di 11 kg (pompa standard).

I componenti di base dello strumento sono: le unità struttura/coperchio, il pannello di controllo locale, il sistema per il vuoto, l’interfaccia GC, i componenti elettronici e l’analizzatore.

Pannello di controllo locale

Il pannello di controllo locale consente il monitoraggio e il funzionamento dell’MSD. È possibile calibrare l’MSD, eseguire un metodo o una sequenza e monitorare lo stato dello strumento.

MSD 5975 – Manuale operativo 13

1

Introduzione

Misuratore di vuoto

L’MSD serie 5975 può essere dotato di un Misuratore di vuoto Micro-Ion. La

ChemStation MSD può essere utilizzata per misurare la pressione (vuoto spinto) nel collettore di vuoto. Il funzionamento del controller del misuratore

è descritto nel presente manuale.

Il misuratore è

necessario per le operazioni di ionizzazione chimica (CI).

Tabella 3 Modelli e caratteristiche dell’MSD serie 5975

Caratteristica

Pompa a vuoto spinto

Flusso ottimale della colonna He mL/min

Flusso di gas massimo consigliato mL/min

*

Flusso di gas massimo, mL/min

† id max colonna

Funzionalità CI

Funzionalità

DIP (terze parti)

G3170A

Diffusione Turbo standard

1

G3171A

1

Modello

G3172A

Turbo ad alta efficienza

Da 1 a 2

G3174A

Turbo ad alta efficienza

Da 1 a 2

1,5

2

0,25 mm

(30 m)

No

2,0

2,4

0,32 mm

(30 m)

No

4,0

6,5

0,53 mm

(30 m)

No

4

6,5

0,53 mm

(30 m)

* Flusso totale di gas nell’MSD: flusso di colonna più flusso del gas del reagente (se applicabile).

† Degrado previsto delle prestazioni e della sensibilità dello spettro.

‡ Iniezione diretta.

14 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Descrizione hardware MSD CI

La Figura 1 è una panoramica di un tipico sistema GC/MSD 5975.

Campionatore per liquidi

GC 7890A

Modulo per flusso del gas CI

Pannello di controllo locale

MSD serie 5975

Interruttore MSD

Interruttore GC

Figura 1

Sistema GC/MSD serie 5975, illustrato con Agilent 7890A GC

L’hardware CI consente all’MSD serie 5975 di produrre spettri CI classici di elevata qualità, che includono ioni di addotti molecolari. Possono essere utilizzati numerosi gas reagenti.

MSD 5975 – Manuale operativo 15

1

Introduzione

In questo manuale, il termine “MSD CI” si riferisce all’MSD G3174A e agli MSD

G3172A aggiornati. Inoltre è applicabile, salvo dove indicato diversamente, ai moduli di flusso per questi strumenti.

Il sistema CI serie 5975 aggiunge all’MSD serie 5975:

Interfaccia GC/MSD EI/CI

Sorgente ionica CI e guarnizione dell'estremità dell'interfaccia

Modulo di controllo del flusso di gas reagente

Alimentatore HED bipolare per il funzionamento PCI e NCI

Viene fornito ed è necessario un depuratore di gas metano/isobutano.

Rimuove ossigeno, acqua, idrocarburi e composti solforati.

Un controller del misuratore del vuoto spinto (G3397A) è

necessario per CI

MSD ed è consigliato anche per EI.

Il sistema MSD CI è stato ottimizzato per ottenere la pressione di sorgente relativamente elevata necessaria per CI e allo stesso tempo mantenere il vuoto spinto nel quadrupolo e nel rivelatore. Sigilli speciali lungo il percorso del flusso del gas reagente e aperture di dimensioni molto ridotte nella sorgente ionica mantengono i gas sorgente nel volume di ionizzazione abbastanza a lungo da ottenere le reazioni necessarie.

L’interfaccia CI è dotata di tubazioni speciali per il gas reagente. Un guarnizione isolante a molla è posizionata sull’estremità dell’interfaccia.

Il passaggio tra le sorgenti CI e EI richiede meno di un’ora, anche se è necessaria un’attesa di 1- 2 ore per lo spurgo dei tubi del gas reagente e per eliminare acqua ed altri contaminanti. Il passaggio da PCI a NCI richiede circa

2 ore per il raffreddamento della sorgente ionica.

16 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Importanti avvertenze di sicurezza

È necessario tenere sempre conto di alcune importanti informazioni sulla sicurezza durante l’utilizzo dell’MSD.

Molte parti interne dell’MSD presentano tensioni pericolose

Se l’MSD è collegato a una presa di corrente, anche se il pulsante di alimentazione è spento, esistono comunque tensioni potenzialmente pericolose su:

Il cablaggio tra il cavo di alimentazione dell’MSD e l’alimentatore CA, l’alimentatore stesso e il cablaggio tra questo e l’interruttore dell’alimentazione.

Quando il pulsante di alimentazione è acceso, sono presenti tensioni potenzialmente pericolose anche su:

Tutte le schede elettroniche nello strumento.

I fili e i cavi interni collegati a queste schede.

I cavi dei riscaldatori (forno, rivelatore, iniettore o comparto delle valvole).

AV V E R T E N Z A

Tutte queste parti sono protette da schermature. Quando la schermatura è posizionata correttamente, dovrebbe essere difficile venire accidentalmente in contatto con parti ad alta tensione. Salvo dove diversamente specificato, non rimuovere mai una schermatura a meno che il rivelatore, l’iniettore o il forno siano spenti.

AV V E R T E N Z A

Se l’isolamento del cavo di alimentazione è danneggiato o usurato, sostituire il cavo.

Consultare i rappresentanti dell’assistenza Agilent.

Le scariche elettrostatiche costituiscono un pericolo per le componenti elettroniche dell’MSD

Le schede del circuito stampato nell’MSD possono essere danneggiate dalle cariche elettrostatiche. Non toccare le schede se non è strettamente necessario.

Se è necessario maneggiarle, indossare un bracciale per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche. Indossare sempre un bracciale con messa a terra quando è necessario rimuovere il pannello laterale destro dell’MSD.

MSD 5975 – Manuale operativo 17

1

Introduzione

18

Molte parti sono pericolosamente calde

Molte parti del GC/MSD funzionano a temperature che possono causare gravi ustioni. Queste parti comprendono, tra gli altri:

Gli iniettori

Il forno e il suo contenuto

Il rivelatore

I dadi della colonna per il collegamento ad un iniettore o rivelatore

Il comparto delle valvole

La pompa principale

Lasciare raffreddare sempre le parti del sistema a temperatura ambiente prima di lavorare su di esse. Si raffreddano più rapidamente se la temperatura della zona riscaldata viene impostata sulla temperatura ambiente. Spegnere la parte dopo che ha raggiunto il valore di regolazione. Se è necessario eseguire la manutenzione di parti calde, utilizzare una chiave inglese ed indossare guanti protettivi. Se possibile, raffreddare la parte dello strumento sulla quale si eseguirà la manutenzione prima di iniziare l'operazione.

AV V E R T E N Z A

Prestare la massima attenzione quando si lavora dietro lo strumento. Durante i cicli di raffreddamento, il GC emette scarichi caldi in grado di provocare ustioni.

AV V E R T E N Z A

La parte isolante attorno agli iniettori, ai rivelatori, al comparto delle valvole e alle coppe di isolamento è costituita da fibre di ceramica refrattaria. Per evitare di inalare particelle di fibre si consiglia di seguire osservare queste misure di sicurezza: ventilare l’area di lavoro, indossare indumenti con maniche lunghe, guanti, occhiali protettivi e una maschera usa e getta. Smaltire il materiale di isolamento in un sacchetto di plastica sigillato. Dopo aver maneggiato il materiale isolante, lavarsi le mani con sapone neutro e acqua calda.

Il raccoglitore per l’olio sotto la pompa principale standard comporta un rischio di incendio

AV V E R T E N Z A

Tessuti sporchi di olio, tovaglioli di carta e materiali assorbenti simili nel raccoglitore per l’olio possono infiammarsi e danneggiare la pompa e altre parti dell’MSD.

I materiali combustibili (o materiale di dranaggio infiammabile/non infiammabile) posto sotto, sopra o intorno alla pompa principale (rotativa) comportano un rischio di incendio.

Mantenere pulito il raccoglitore ma non lasciare materiale assorbente al suo interno.

MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Sicurezza dell’idrogeno

AV V E R T E N Z A

L’utilizzo dell’idrogeno come gas di trasporto del GC è potenzialmente pericoloso.

AV V E R T E N Z A

Quando si utilizza l’idrogeno (H

2

) come gas di trasporto o fuel gas occorre tenere presente che il flusso di idrogeno può raggiungere il forno GC con conseguente rischio di esplosione. Pertanto, assicurarsi che l’erogazione sia chiusa finché non sono state effettuate tutte le connessioni e che l’iniettore e i raccordi della colonna del rivelatore siano connessi a una colonna o tappati tutte le volte che l’idrogeno viene erogato allo strumento.

L’idrogeno è infiammabile. Eventuali fuoriuscite, se costrette in uno spazio chiuso, possono comportare rischi di incendio o di esplosione. In qualsiasi applicazione che utilizzi l’idrogeno, verificare l’assenza di fuoriuscite in ogni connessione, linea e valvola prima di mettere in funzione lo strumento. Disattivare sempre alla fonte l’erogazione di idrogeno prima di lavorare sullo strumento.

L’idrogeno è comunemente utilizzato come gas di trasporto del GC. L’idrogeno

è un gas potenzialmente esplosivo e che presenta altre caratteristiche di pericolosità.

È combustibile in una vasta gamma di concentrazioni. Alla pressione atmosferica, l’idrogeno è combustibile a concentrazioni che variano dal 4 al

74,2% per volume.

L’idrogeno ha una velocità di combustione superiore a qualsiasi altro gas.

L’idrogeno è caratterizzato da un’energia di ignizione estremamente bassa.

Se ha la possibilità di espandersi rapidamente dall’alta pressione l’idrogeno può dar luogo all’autocombustione.

L’idrogeno brucia con una fiamma non luminosa pressoché invisibile in luce diurna.

MSD 5975 – Manuale operativo 19

1

Introduzione

Precauzioni per il GC

Quando si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, rimuovere la grande copertura rotonda di plastica della linea di trasferimento MSD situata sul pannello laterale sinistro del GC. Nell'improbabile eventualità di un’esplosione, questa copertura potrebbe uscire dalla propria sede.

Pericoli specifici relativi al funzionamento dei sistemi GC/MSD

L’idrogeno presenta numerosi pericoli, alcuni dei quali sono di carattere generale, altri esclusivi del funzionamento dei sistemi GC o GC/MSD. I pericoli comprendono, tra gli altri:

Combustione di fuoriuscite di idrogeno.

Combustione dovuta alla rapida espansione dell’idrogeno da una bombola ad alta pressione.

Accumulo di idrogeno nel forno GC e successiva combustione (vedere la documentazione del GC e l’etichetta sul bordo superiore dello sportello del forno GC).

Accumulo di idrogeno nell’MSD e successiva combustione.

Accumulo di idrogeno in un sistema MSD

AV V E R T E N Z A

L’MSD non è in grado di rilevare fuoriuscite nei flussi gassosi dell’iniettore e/o del rivelatore. Per questo motivo, è di vitale importanza che i raccordi delle colonne siano sempre collegati a una colonna o dotati di un cappuccio o di un tappo.

Tutti gli utenti devono essere al corrente dei meccanismi che possono produrre un’accumulo di idrogeno ( Tabella 4 ) e conoscere le precauzioni da prendere in caso di accertato o sospetto accumulo di idrogeno. Si noti che questi meccanismi valgono per tutti gli spettrometri di massa, incluso l’MSD.

20 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Tabella 4 Meccanismi di accumulo dell’idrogeno

Meccanismo Risultati

Disattivazione dello spettrometro di massa Uno spettrometro di massa può essere spento deliberatamente, oppure anche accidentalmente a causa di un guasto interno o esterno. Lo spegnimento dello spettrometro di massa non comporta l’interruzione del flusso del gas di trasporto. Di conseguenza, l’idrogeno potrebbe lentamente accumularsi nello strumento.

Chiusura automatica delle valvole di blocco dello spettrometro di massa

Alcuni spettrometri di massa sono dotati di valvole di blocco automatiche delle pompe di diffusione. In questi strumenti, l’intervento diretto dell’operatore o una serie di guasti possono causare la chiusura delle valvole di blocco. La chiusura delle valvole di blocco non comporta l’interruzione del flusso del gas di trasporto. Di conseguenza, l’idrogeno potrebbe lentamente accumularsi nello strumento.

Chiusura manuale delle valvole di isolamento dello spettrometro di massa

Alcuni spettrometri di massa sono dotati di valvole di isolamento manuali delle pompe di diffusione. In questi strumenti, l’operatore può chiudere le valvole di isolamento. La chiusura delle valvole di isolamento non comporta l’interruzione del flusso del gas di trasporto. Di conseguenza, l’idrogeno potrebbe lentamente accumularsi nello strumento.

MSD 5975 – Manuale operativo 21

1

Introduzione

Tabella 4 Meccanismi di accumulo dell’idrogeno (segue)

Meccanismo

GC spento

Risultati

Un GC può essere spento deliberatamente oppure anche accidentalmente a causa di un guasto interno o esterno. I GC reagiscono in modi diversi a seconda del tipo. Se viene spento un GC 6890 dotato di EPC

(Electronic Pressure Control), l’EPC interrompe il flusso del gas di trasporto. Se il flusso del gas di trasporto non è controllato mediante EPC, il flusso cresce fino a raggiungere il livello massimo che può essere superiore a quanto alcuni spettometri di massa sono in grado di smaltire, con conseguente accumulo di idrogeno nello spettrometro di massa. Se lo spettrometro di massa si spegne in quel momento, l’accumulo può avvenire piuttosto rapidamente.

Interruzione di corrente Se manca la corrente, sia il GC che lo spettrometro di massa si spengono, ma non si interrompe necessariamente anche il flusso del gas di trasporto. Come precedentemente descritto, in alcuni GC l’interruzione di corrente può comportare il raggiungimento del livello massimo di gas di trasporto. Di conseguenza, l’idrogeno potrebbe accumularsi nello spettrometro di massa.

AV V E R T E N Z A

In presenza di un accumulo di idrogeno nello spettrometro di massa, è necessario rimuoverlo con estrema cautela. L’avvio non corretto di uno spettrometro di massa pieno di idrogeno può provocare un’esplosione.

AV V E R T E N Z A

Dopo un’interruzione di corrente, lo spettrometro di massa può avviarsi ed iniziare la procedura di messa a vuoto da solo. Tale procedura non garantisce la rimozione completa dell’idrogeno dal sistema o l’eliminazione di qualsiasi rischio di esplosione.

22

Precauzioni

Per il funzionamento di un sistema GC/MSD che utilizza l’idrogeno come gas di trasporto è necessario adottare le seguenti precauzioni.

MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Precauzioni relative all’attrezzatura

È NECESSARIO verificare che la vite del pannello anteriore sia serrata a mano.

Non stringere eccessivamente la vite, potrebbe causare fuoriuscite d’aria.

AV V E R T E N Z A

La mancata osservanza delle indicazioni qui fornite relative al fissaggio dell’MSD aumentano notevolmente le possibilità di lesioni alle persone in caso di esplosione.

È necessario rimuovere la copertura di plastica della finestra di vetro sulla parte anteriore di un MSD 5975. Nell’improbabile eventualità di un’esplosione, questa copertura potrebbe uscire dalla propria sede.

Precauzioni generali di laboratorio

Evitare fuoriuscite nei tubi del gas di trasporto. Utilizzare attrezzature di controllo per verificare periodicamente che non vi siano fuoriuscite di idrogeno.

Eliminare dal laboratorio il maggior numero possibile di fonti di accensione

(fiamme dirette, dispositivi che possono provocare scintille, fonti di elettricità statica, ecc.).

Impedire che l’idrogeno contenuto in una bombola ad alta pressione si liberi direttamente nell’atmosfera (pericolo di autocombustione).

Utilizzare un generatore di idrogeno invece delle bombole di idrogeno.

Precauzioni relative al funzionamento

Disattivare l’idrogeno alla fonte ogni volta che si spegne lo GC o l’MSD.

Disattivare l’idrogeno alla fonte ogni volta che si esegue una procedura di ventilazione dell’MSD (non surriscaldare la colonna capillare in assenza di flusso del gas di trasporto).

Disattivare l’idrogeno alla fonte ogni volta che si chiudono le valvole di blocco dell’MSD (non surriscaldare la colonna capillare in assenza di flusso del gas di trasporto).

Disattivare l’idrogeno alla fonte in caso di interruzione di corrente.

MSD 5975 – Manuale operativo 23

1

Introduzione

Se si verifica un’interruzione di corrente mentre il sistema GC/MSD non è sorvegliato, anche se il sistema si è riavviato da solo:

1 Disattivare immediatamente l’idrogeno alla fonte.

2 Disattivare il GC.

3 Disattivare l’MSD e lasciarlo raffreddare per 1 ora.

4 Eliminare tutte le potenziali fonti di accensione presenti nella stanza.

5 Aprire il collettore di vuoto dell’MSD all’atmosfera.

6 Attendere 10 minuti per consentire la dissipazione dell’idrogeno.

7 Avviare il GC e l’MSD normalmente.

Quando si utilizza l’idrogeno

, verificare che non vi siano fuoriuscite nel sistema per evitare rischi di incendio e di esplosione, secondo le normative locali in materia di ambiente, salute e sicurezza. Verificare sempre l’assenza di fuoriuscite dopo aver sostituito un serbatoio o effettuato un intervento ai tubi del gas.

Verificare sempre che il tubo di ventilazione sfoghi in una cappa per laboratorio.

24 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Certificazioni di conformità e sicurezza

L’MSD serie 5975 è conforme alle norme di sicurezza indicate di seguito:

Canadian Standards Association (CSA): CAN/CSA-C222 N. 61010-1-04

CSA/Nationally Recognized Test Laboratory (NRTL): UL 61010–1

International Electrotechnical Commission (IEC): 61010–1

EuroNorm (EN): 61010–1

L’MSD serie 5975 è conforme alle seguenti normative in relazione alla compatibilità elettromagnetica (EMC) e alle interferenze radio (RFI):

CISPR 11/EN 55011: Gruppo 1, Classe A

IEC/EN 61326

AUS/NZ

This ISM device complies with Canadian ICES-001. Cet appareil ISM est conforme a la norme NMB—001 du Canada.

L’MSD serie 5975 è progettato e realizzato secondo un sistema di qualità registrato sotto ISO 9001.

Informazioni

L’MSD serie 5975 di Agilent Technologies è conforme alle seguenti classificazioni IEC (International Electro-technical Commission): Classe attrezzatura I, Attrezzatura di laboratorio, Categoria installazione II, Grado di inquinamento 2.

L'unità è stata progettata e collaudata in base a standard di sicurezza riconosciuti e creata per l'utilizzo in ambiente chiuso. Se lo strumento viene utilizzato in modalità non previste dalle specifiche del produttore, la protezione fornita dallo strumento potrebbe risultare insufficiente. In caso le protezioni di sicurezza dell’MSD risultino danneggiate, scollegare l'unità da tutte le sorgenti di alimentazione ed assicurarsi che lo strumento non possa più essere utilizzato, nemmeno per errore.

MSD 5975 – Manuale operativo 25

1

Introduzione

Affidare gli interventi tecnici a personale qualificato. La sostituzione di parti o l'effettuazione di modifiche non autorizzate possono essere pericolose per la sicurezza.

Simboli

Le avvertenze riportate nel manuale o sullo strumento devono essere seguite durante tutte le fasi di funzionamento, manutenzione e riparazione dello strumento. Il mancato rispetto di tali istruzioni costituisce una violazione degli standard di sicurezza di progettazione e uso previsto dello strumento.

Agilent Technologies non si assume nessuna responsabilità per la mancata osservanza di queste regole da parte del cliente.

Per ulteriori informazioni consultare la documentazione che accompagna lo strumento.

Indica una superficie calda.

Indica tensioni pericolose.

Indica la presenza di un terminale a terra.

o Indica il pericolo di esplosione.

Indica il pericolo di radioattività.

Indica il pericolo di cariche elettrostatiche.

Indica che il prodotto elettrico/elettronico non deve essere smaltito tra i rifiuti domestici.

26 MSD 5975 – Manuale operativo

Introduzione

1

Compatibilità elettromagnetica

L’apparecchiatura è conforme alle normative CISPR 11. Il funzionamento è soggetto alle seguenti due condizioni:

L’apparecchiatura non deve causare interferenze dannose.

L’apparecchiatura deve accettare qualunque interferenza ricevuta, comprese le interferenze che possono causare un funzionamento non corretto.

Se l’apparecchiatura causa interferenze dannose alla ricezione radio/televisiva, verificabili mediante spegnimento e accensione dell’apparecchiatura, si consiglia all’utente di adottare una o più delle seguenti misure:

1 Riposizionare la radio o l’antenna.

2 Allontanare l’apparecchiatura dalla radio o dal televisore.

3 Collegare l’apparecchiatura ad una presa di corrente diversa, in modo che la radio o il televisore siano su circuiti elettrici separati.

4 Accertarsi che tutti i dispositivi periferici siano certificati.

5 Accertarsi che vengano utilizzati i cavi appropriati per collegare l'apparecchiatura ai dispositivi periferici.

6 Richiedere l’assistenza del vostro fornitore, di Agilent Technologies o di un tecnico esperto.

7 Cambiamenti o modifiche non approvate espressamente da Agilent

Technologies possono invalidare l’autorità dell’utente all’uso dell’attrezzatura.

Certificazione delle emissioni sonore

Pressione del suono

Pressione del suono Lp <70 dB secondo EN 27779:1991.

Schalldruckpegel

Schalldruckpegel LP <70 dB am nach EN 27779:1991.

MSD 5975 – Manuale operativo 27

1

Introduzione

Pulizia/Riciclaggio del prodotto

Per pulire l’unità, scollegare il cavo di alimentazione e utilizzare un panno pulito e inumidito. Per il riciclaggio, contattare il rivenditore Agilent locale.

Versamento di liquidi

Non versare liquidi sull’MSD.

Spostamento o stoccaggio dell’MSD

Il modo migliore per garantire il funzionamento ottimale dell’MSD è quello di metterlo a vuoto e mantenerlo caldo, con flusso di gas di trasporto. Se si prevede di spostare o stoccare l’MSD, sono necessarie alcune precauzioni aggiuntive. L’MSD deve rimanere sempre in posizione verticale; per questo motivo è necessaria una particolare attenzione durante lo spostamento.

L’MSD non deve essere lasciato a lungo ventilato all’atmosfera.

28 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

2

Installazione delle colonne del GC

Colonne 30

Condizionamento delle colonne 30

Condizionamento delle boccole 31

Consigli e suggerimenti 31

Riconfigurare una colonna GC 6850 nel suo supporto 32

Preparare una colonna capillare per l’installazione 37

Installare una colonna capillare in un iniettore split/splitless 39

Condizionare una colonna capillare 41

Installare una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD 42

Per poter utilizzare il sistema GC/MSD è necessario prima scegliere, installare e condizionare una colonna GC. In questo capitolo sono descritte le modalità di installazione e condizionamento di una colonna. Per una corretta selezione della colonna e del flusso è indispensabile conoscere il tipo di sistema di vuoto di cui è dotato l’MSD. Sull’etichetta del numero di serie, posta in basso sul pannello laterale sinistro, è riportato il numero del modello.

Agilent Technologies 29

30

2

Installazione delle colonne del GC

Colonne

Con l’MSD è possibile utilizzare molti tipi di colonne GC, ma vi sono alcune limitazioni.

Durante la calibrazione o l’acquisizione dei dati la velocità di flusso della colonna nell’MSD non deve superare il flusso massimo consigliato. Pertanto, vi sono limiti alla lunghezza e al flusso della colonna. Il superamento del flusso consigliato avrà come conseguenza il degrado delle prestazioni e della sensibilità dello spettro di massa.

Ricordarsi che i flussi della colonna variano notevolmente in funzione della

temperatura del forno. Vedere “Misurare la velocità lineare del flusso della colonna” a pagina 72.

per istruzioni sulla misurazione del flusso effettivo nella

colonna. Utilizzare il software Flow Calculation e la Tabella 5 per stabilire se una data colonna avrà un flusso accettabile con una pressione di mandata realistica.

Tabella 5 Flussi di gas

Caratteristica

Pompa a vuoto spinto

Flusso di gas ottimale, mL/min

*

Flusso di gas massimo consigliato, mL/min

Flusso di gas massimo, mL/min

Massimo id della colonna

G3170A

Diffusione

1

1,5

2

0,25 mm

(30 m)

G3171A

Turbo standard

1

2

2,4

0,32 mm

(30 m)

G3172A

Turbo ad alta efficienza

Da 1 a 2

4

6,5

0,53 mm

(30 m)

G3174A

Turbo ad alta efficienza

Da 1 a 2

4

6,5

0,53 mm

(30 m)

* Flusso di gas totale nell’MSD = flusso di colonna + flusso del gas reagente (se applicabile)

† Degrado previsto delle prestazioni e della sensibilità dello spettro.

Condizionamento delle colonne

›

Il condizionamento della colonna prima che sia collegata all’interfaccia

GC/MSD è essenziale.

MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Una piccola parte della fase stazionaria della colonna capillare viene spesso asportata dal gas di trasporto. Questo fenomeno si definisce spurgo della colonna. Lo spurgo della colonna deposita tracce della fase stazionaria nella sorgente ionica dell’MSD, riducendo la sensibilità dell’MSD e rendendo necessaria la pulizia della sorgente ionica.

Lo spurgo della colonna è un fenomeno molto comune nelle colonne nuove o con scarso isolamento in PE reticolato. È molto più grave se vi sono tracce di ossigeno nel gas di trasporto quando la colonna è riscaldata. Per ridurre al minimo lo spurgo, tutte le colonne capillari dovrebbero essere condizionate

prima di essere installate nell’interfaccia GC/MSD.

Condizionamento delle boccole

Riscaldando alcune volte le boccole fino a raggiungere la massima temperatura di funzionamento prima di installarle può ridurne lo spurgo chimico.

Consigli e suggerimenti

Le procedure di installazione della colonna per gli MSD serie 5975 sono diverse da quelle dei precedenti MSD. La procedura prevista per un altro strumento potrebbe

non essere corretta e danneggiare la colonna o l’MSD.

È possibile rimuovere le vecchie boccole dai dadi della colonna con un comune spillo.

Utilizzare sempre un gas di trasporto che sia puro almeno al 99,9995%.

A causa della dilatazione termica, le boccole nuove possono allentarsi dopo essere state riscaldate e raffreddate alcuni minuti. Verificare che siano ben strette dopo due o tre cicli di riscaldamento.

Indossare sempre guanti puliti quando si toccano le colonne, soprattutto la parte terminale che verrà inserita nell’interfaccia GC/MSD.

AV V E R T E N Z A

Se si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, non attivare il flusso del gas prima che la colonna sia installata nell’MSD e che sia stata eseguita la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Se le pompe a vuoto spinto sono spente, l’idrogeno si

accumulerà nell’MSD e potrà provocare un’esplosione. Vedere “Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19.

AV V E R T E N Z A

Indossare sempre gli occhiali protettivi quando si ha a che fare con le colonne capillari. Fare attenzione a non pungersi con la parte terminale della colonna.

MSD 5975 – Manuale operativo 31

2

Installazione delle colonne del GC

Riconfigurare una colonna GC 6850 nel suo supporto

Prima di installare un modello 6850, per prima cosa occorre riconfigurarlo per posizionare meglio le estremità della colonna da installare nell’interfaccia

GC MSD.

1 Adagiare la colonna (19091S-433E nel kit GC fornito) su una superficie pulita con l’etichetta rivolta verso di sè nella posizione “a ore 12”. Si osservi che le estremità di ingresso/uscita della colonna hanno lo stesso orientamento di quando si utilizza un rivelatore GC e l’uscita della colonna

è posizionata sul retro (più vicino alla ventola) del supporto della colonna.

Vedere la Figura 2 .

Ingresso della colonna

Dado della colonna 6850

Uscita della colonna

Figura 2

Colonna

32 MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

2 Rimuovere il tappo del setto dal lato USCITA della colonna e svolgere 2 giri della colonna. Vedere la Figura 3 .

Traversa del supporto “a ore 1”

Traversa del supporto “a ore 3”

Figura 3

Colonna con 2 giri non avvolti

3 Collegare tre clip (codice G2630-20890) al supporto della colonna nel seguente modo:

Collegare una clip sul retro della traversa “a ore 1” della struttura della colonna.

Collegare due clip sulla parte anteriore della traversa “a ore 3” della struttura della colonna.

Queste clip serviranno ad assicurare il corretto orientamento delle estremità della colonna per poterle inserire nell’iniettore GC e nell’interfaccia MSD.

MSD 5975 – Manuale operativo 33

2

Installazione delle colonne del GC

Vedere la Figura 4 .

Clip della colonna

(posizione “a ore 1”)

Clip della colonna

(posizione “a ore 3”)

Uscita della colonna

Figura 4

Colonna con clip

4 Far passare il lato di uscita della colonna nella clip posizionata “a ore 1” in modo che l’uscita della colonna sia rivolta verso la parte anteriore della struttura della colonna. Vedere la Figura 5 .

AT T E NZ I O N E

Fare attenzione a non grattare il rivestimento della colonna.

34 MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Verso l’uscita della colonna

Clip della colonna

(posizione “a ore 1”)

Clip della colonna

(posizione “a ore 3”)

Figura 5

Passaggio della colonna attraverso la posizione “a ore 1”

5 Successivamente, far passare il lato di uscita della colonna nelle clip posizionate “a ore 3” in modo che l’uscita della colonna sia rivolta verso la parte posteriore della struttura della colonna. Controllare che la parte della colonna che si trova tra le due clip NON vada sopra l’etichetta della colonna. Vedere la Figura 6 .

AT T E NZ I O N E

Fare attenzione a non grattare il rivestimento della colonna.

MSD 5975 – Manuale operativo 35

2

Installazione delle colonne del GC

Clip della colonna

(posizione “a ore 1”)

Clip della colonna

(posizione “a ore 3”)

Verso l’uscita della colonna

(almeno 50 cm)

Figura 6

Passaggio della colonna attraverso la posizione “a ore 3”

Devono esserci circa 50 cm della colonna oltre la clip in posizione “a ore 3”.

6 Riavvolgere con cure il resto dell’estremità di uscita della colonna intorno alla struttura.

36 MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Preparare una colonna capillare per l’installazione

Materiali richiesti

Colonna capillare

Tagliacolonne, ceramica (5181-8836) o diamante (5183-4620)

Boccole

0,27 mm di id, per colonne con 0,10 mm di id (5062-3518)

0,37 mm di id, per colonne con 0,20 mm di id (5062-3516)

0,40 mm di id, per colonne con 0,25 mm di id (5181-3323)

0,5 mm di id, per colonne con 0,32 mm di id (5062-3514)

0,8 mm di id, per colonne con 0,53 mm di id (5062-3512)

Guanti, puliti

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Dado della colonna di ingresso (5181-8830 per il modello Agilent 7890A e

6890 oppure 5183-4732 per il modello 6850)

Lente di ingrandimento

Setto (può essere un setto di ingresso vecchio, già utilizzato)

Procedura

1 Fare scorrere un setto, un dado della colonna e una boccola condizionata sull’estremità libera della colonna ( Figura 7 ). L’estremità conica della boccola deve essere rivolta dall’altra parte rispetto al dado della colonna.

MSD 5975 – Manuale operativo 37

2

Installazione delle colonne del GC

Colonna capillare

Tagliacolonne

Boccola, parte conica verso l’alto

Dado della colonna d’ingresso

Setto

Figura 7

Preparazione di una colonna capillare per l’installazione

2 Utilizzare il tagliacolonne per tagliare la colonna a 2 cm dall’estremità.

3 Incidere l’estremità della colonna. Tenere ferma la colonna contro il tagliacolonne con il pollice. Rompere la colonna contro il bordo del tagliacolonne.

4 Verificare che l’estremità non sia obliqua o irregolare. Se il taglio non è regolare e perpendicolare alla colonna, ripetere i passaggi 2 e 3.

5 Pulire l’esterno dell’estremità libera della colonna con un panno che non si sfilacci impregnato di metanolo.

38 MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Installare una colonna capillare in un iniettore split/splitless

›

Materiali richiesti

Guanti, puliti

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Righello in centimetri

Chiave fissa da 1/4”e 5/16” (8710-0510)

Per installare le colonne in altri tipi di iniettori, consultare le informazioni per l’utente del gascromatografo.

Procedura

1 Preparare la colonna per l’installazione ( pagina 37 ).

2 Posizionare la colonna in modo che superi di 4-6 mm l’estremità della boccola ( Figura 8 ).

Coppa di isolamento

Dado riduttore

Colonna capillare

Boccola (dado interno)

Dado della colonna d’ingresso

Setto

4 - 6 mm

Figura 8

Installazione di una colonna capillare per un iniettore split/splitless

MSD 5975 – Manuale operativo 39

2

Installazione delle colonne del GC

3 Far scorrere il setto per mettere il dado e la boccola nella posizione corretta.

4 Inserire la colonna nell’iniettore.

5 Far scorrere il dado lungo la colonna fino alla base dell’iniettore e stringere il dado manualmente.

6 Regolare la posizione della colonna in modo che il setto sia allo stesso livello della fine del dado.

7 Stringere il dado ancora di 1/4 - 1/2 giro. Dando un leggero colpo alla colonna, non deve spostarsi.

8 Avviare il flusso del gas di trasporto.

9 Verificare il flusso immergendo l’estremità libera della colonna in isopropanolo. Vedere se ci sono bolle.

40 MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Condizionare una colonna capillare

Materiali richiesti

Gas di trasporto (puro almeno al 99,9995%)

Chiave fissa da 1/4”e 5/16” (8710-0510)

AV V E R T E N Z A

Non condizionare la colonna capillare con l’idrogeno. L’accumulo di idrogeno nel forno GC può provocare un’esplosione. Se si intende utilizzare l’idrogeno come gas di trasporto, è necessario condizionare prima la colonna con un gas inerte purissimo

(almeno al 99,999%) come l’elio, l’azoto o l’argon.

›

Procedura

1 Installare la colonna nell’iniettore GC ( pagina 39 ).

2 Lasciare che il gas di trasporto fluisca nella colonna per 5 minuti senza riscaldare il forno GC.

3 Innalzare la temperatura del forno di 5 °C/minuto fino a 10 °C sopra la temperatura massima di analisi.

4 Quando la temperatura del forno supera gli 80 °C, iniettare 5 µL di metanolo nel GC. Ripetere altre due volte a intervalli di 5 minuti. Questa operazione serve a rimuovere l’eventuale contaminazione dalla colonna prima che sia installata nell’interfaccia GC/MSD.

AT T E NZ I O N E

Non superare la temperatura massima della colonna nell’interfaccia GC/MSD, nel forno GC o nell’iniettore.

5 Mantenere questa temperatura. Lasciare che il gas di trasporto fluisca per diverse ore.

6 Rimettere il forno GC a una temperatura di standby bassa.

Vedere anche

Per maggiori informazioni sull’installazione di una colonna capillare, consultare la nota applicativa Optimizing Splitless Injections on Your GC for

High Performance MS Analysis, codice di pubblicazione 5988-9944EN.

MSD 5975 – Manuale operativo 41

2

Installazione delle colonne del GC

42

Installare una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD

GC Agilent 7890A e 6890

Materiali richiesti

Tagliacolonne, ceramica (5181-8836) o diamante (5183-4620)

Boccole

0,3 mm di id, per colonne con 0,10 mm di id (5062-3507)

0,4 mm di id, per colonne con 0,20 e 0,25 mm di id (5062-3508)

0,5 mm di id, per colonne con 0,32 mm di id (5062-3506)

0,8 mm di id, per colonne con 0,53 mm di id (5062-3512)

Lampada flash

Lente d’ingrandimento

Guanti, puliti

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Dado della colonna d’interfaccia (05988-20066)

Occhiali protettivi

Chiave fissa da 1/4”e 5/16” (8710-0510)

AT T E NZ I O N E

Si osservi che la procedura di installazione della colonna per gli MSD serie 5975 è diversa dalla maggior parte dei precedenti MSD. La procedura prevista per un altro strumento potrebbe ridurre la sensibilità e danneggiare l’MSD.

›

Procedura

1 Condizionare la colonna (

pagina 41

).

2 Ventilare l’MSD ( pagina 81 ) ed aprire la camera dell’analizzatore

( pagina 83 ). Accertarsi che l’estremità dell’interfaccia GC/MSD sia visibile.

3 Se è installata l’interfaccia CI, rimuovere la guarnizione a molla dall’estremità dell’interfaccia MSD.

4 Fare scorrere un dado dell’interfaccia e una boccola condizionata sull’estremità libera della colonna GC. L’estremità conica della boccola deve essere rivolta verso il dado.

MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

Colonna

Dado della colonna d’interfaccia

Interfaccia GC/MSD

(estremità GC)

Camera dell’analizzatore

Interfaccia GC/MSD

(estremità MSD)

1 - 2 mm

MSD

Forno GC

Figura 9

Installazione di una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD

5 Far scorrere la colonna nell’interfaccia GC/MSD ( Figura 9 ) finché non si riesca a tirarla fuori dalla camera dell’analizzatore.

6 Staccare 1 cm dell’estremità della colonna (

pagina 32

). Non far cadere i frammenti della colonna nella camera dell’analizzatore, perché potrebbero danneggiare la pompa a vuoto spinto.

7 Pulire l’esterno dell’estremità libera della colonna con un panno che non si sfilacci impregnato di metanolo.

8 Regolare la colonna in modo che si proietti di 1-2 mm oltre l’estremità dell’interfaccia.

Utilizzare la lampada flash e la lente d’ingrandimento, se necessario, per vedere l’estremità della colonna all’interno della camera dell’analizzatore.

Non raggiungere l’estremità della colonna con le dita.

MSD 5975 – Manuale operativo 43

44

2

Installazione delle colonne del GC

›

GC 6850

9 Stringere il dado manualmente. Controllare che la posizione della colonna non cambi mentre si stringe il dado. Reinstallare la guarnizione a molla se era stata rimossa precedentemente.

10 Controllare il forno GC per accertarsi che la colonna non tocchi le pareti del forno.

11 Stringere il dado ancora di 1/4 - 1/2 giro. Verificare che sia ben stretto dopo uno o due cicli di riscaldamento.

1 Svolgere con attenzione l’estremità di uscita della colonna GC fino a raggiungere la clip “a ore 3”.

2 Far scorrere il dado della colonna d’interfaccia (codice 05988-20066) e la boccola (codice 5062-3508) sull’estremità di uscita della colonna GC.

L’estremità conica della boccola deve essere rivolta verso il dado.

3 Far scorrere la colonna nell’interfaccia GC/MSD finchè la colonna non sporge di almeno 5 cm nella camera dell’analizzatore.

4 Regolare la lunghezza della colonna dalla clip “a ore 3” al retro del dado della colonna d’interfaccia in modo che raggiunga i 22–28 cm.

Vedere la Figura 10 .

5 Stringere il dado dell’interfaccia manualmente.

6 Chiudere con cura lo sportello del forno controllando che la colonna non formi curve decise e non tocchi le pareti né il fondo del forno. Ripetere questa procedura diverse volte.

MSD 5975 – Manuale operativo

Installazione delle colonne del GC

2

22–28 cm dalla clip “a ore 3” al dado dell’interfaccia GC/MSD

Figura 10

Sportello del forno aperto e chiuso.

7 Allentare il dado dell’interfaccia e spingere la colonna di altri 3–5 cm nella camera dell’analizzatore.

8 Eseguire un taglio regolare della colonna in modo che sporga solo di 3–5 cm nella camera dell’analizzatore.

9 Pulire l’esterno dell’estremità libera della colonna con un panno che non si sfilacci impregnato di metanolo.

10 Regolare la colonna in modo che sporga di 1 - 2 mm nella camera dell’analizzatore oltre l’estremità dell’interfaccia GC/MS e stringere il dado manualmente. Vedere la Figura 11 .

Controllare che la posizione della colonna non cambi mentre si stringe nuovamente il dado.

MSD 5975 – Manuale operativo 45

2

Installazione delle colonne del GC

46

Colonna

Dado della colonna d’interfaccia

Interfaccia GC/MSD

(estremità GC)

Camera dell’analizzatore

Interfaccia GC/MSD

(estremità MSD)

1 - 2 mm

MSD

Forno GC

Figura 11

Connessione della colonna MSD - GC

11 Ripetere la fase 6 per verificare l’integrità della colonna.

12 Stringere il dado dell’interfaccia ancora di 1/4 - 1/2 giro con una chiave fissa da 1/4”.

Verificare che sia ben stretto dopo uno o due cicli di riscaldamento.

13 Attivare il GC.

14 Verificare che la temperatura dell’iniettore sia impostata su 25 °C.

15 Chiudere la piastra laterale dell’analizzatore, quindi riconnettere i cavi dell’alimentatore e del controllo scheda laterale.

16 Accendere l’interruttore di alimentazione dell’MSD per avviare la procedura di messa a vuoto dell’MSD.

Esercitare una certa pressione sulla piastra laterale dell’MSD per sigillarla bene. Verificare che la pompa principale e la ventola anteriore si accendano e che la pompa principale smetta di gorgogliare entro 60 secondi.

17 Rimettere il coperchio dell’analizzatore MSD.

MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Gestione dell’MSD dal Data System 49

Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP) 49

Messaggi di stato dell’LCP 51

Menu dell’LCP 53

L’interfaccia GC/MSD EI 56

Prima di attivare l’MSD 58

Procedura di messa a vuoto 59

Controllo delle temperature 59

Controllo del flusso della colonna 60

Ventilazione dell’MSD 61

Vsualizzare la temperatura e lo stato di vuoto dell’analizzatore dell’MSD 62

Impostare il monitoraggio della temperatura e dello stato di vuoto dell’MSD 64

Impostare le temperature dell’analizzatore dell’MSD 66

Impostare la temperatura dell’interfaccia GC/MSD dalla ChemStation 68

Monitorare la pressione del vuoto spinto 70

Misurare la velocità lineare del flusso della colonna 72

Calcolare il flusso della colonna 73

Calibrare l’MSD 74

Verificare le prestazioni del sistema 75

Test ad elevata massa (MSD serie 5975) 76

Rimuovere i pannelli dell’MSD 79

Ventilare l’MSD 81

Aprire la camera dell’analizzatore 83

Chiudere la camera dell’analizzatore 86

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD 90

Spostare o immagazzinare l’MSD 92

Impostare la temperatura dell’interfaccia dal GC 94

Agilent Technologies 47

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Come eseguire alcune procedure operative di base per l’MSD.

AT T E NZ I O N E

Il software e il firmware sono soggetti a revisione periodica. Se i passi indicati in queste procedure non corrispondono al software della propria ChemStation MSD, consultare i manuali e la guida in linea forniti con il software per avere maggiori informazioni.

48 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Gestione dell’MSD dal Data System

Il software esegue attività quali la procedura di messa a vuoto, il monitoraggio delle pressioni, l’impostazione delle temperature, la calibrazione e la preparazione della ventilazione. Tali attività sono descritte in questo capitolo.

L’acquisizione e l’analisi dei dati sono descritte nei manuali e nella guida in linea forniti con il software ChemStation MSD.

Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)

N O TA

Il pannello di controllo locale (LCP) mostra lo stato dell’MSD oppure avvia un’attività sull’MSD senza utilizzare la ChemStation per GC/MSD di Agilent.

La ChemStation per GC/MSD può essere collocata in qualsiasi punto della rete locale (LAN, Local Area Network) del laboratorio, perciò potrebbe anche non essere vicina allo strumento. Inoltre, poiché l’LCP comunica con la ChemStation per GC/MSD tramite la LAN, è possibile accedere alle funzionalità software della

ChemStation, quali la calibrazione e l’avvio di un ciclo operativo, direttamente dall’MSD.

Soltanto certe funzioni sono disponibili dall’LCP; la ChemStation per GC/MSD è il controller a funzionalità completa per la maggior parte delle operazioni di controllo.

Modalità operative

L’LCP dispone di due modalità operative: Stato e Menu.

La modalità Stato non richiede alcuna interazione e visualizza semplicemente lo stato corrente dello strumento MSD o le sue varie connessioni di comunicazione.

Selezionando [Menu], quindi [No/Cancel], si torna alla modalità Stato.

La modalità Menu consente di verificare vari aspetti dell’GC/MSD e di avviare alcune attività, come eseguire un metodo o una sequenza o preparare la ventilazione del sistema.

Per accedere ad una particolare opzione del menu:

Premere [Menu] fino a visualizzare il menu desiderato.

MSD 5975 – Manuale operativo 49

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Premere [Item] fino a visualizzare la voce di menu desiderata.

Utilizzare una o più delle seguenti chiavi a seconda dei casi, per rispondere alle richieste visualizzate o selezionare le opzioni:

Utilizzare [Up] per aumentare il valore visualizzato o per scorrere in alto (come all’interno di un elenco di messaggi).

Utilizzare [Down] per diminuire il valore visualizzato o per scorrere in basso (come all’interno di un elenco di messaggi).

Utilizzare [Yes/Select] per accettare il valore corrente.

Utilizzare [No/Cancel] per ritornare alla modalità Stato.

Dopo aver effettuato la selezione o essere passati per tutti i menu disponibili, lo schermo ritorna automaticamente in modalità Stato.

Premendo [Menu], quindi [No/Cancel], verrà sempre visualizzata la modalità

Stato.

Premendo [No/Cancel] due volte si ritornerà sempre alla modalità Stato.

50 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Messaggi di stato dell’LCP

N O TA

Sull’LCP possono essere visualizzati i seguenti messaggi relativi allo stato del sistema MSD. Se l’LCP si trova in modalità Menu, passare per tutti i menu per ritornare in modalità Stato.

Se sulla ChemStation per GC/MSD non è in esecuzione alcuna sessione dello strumento in linea non verrà visualizzato alcun messaggio.

ChemStation Loading <timestamp>

Il software Agilent MSD Productivity ChemStation è nella fase di avvio.

Executing <type>tune

È in corso una procedura di calibrazione (type = QuickTune o Autotune).

Instrument Available <timestamp>

Il software Agilent MSD Productivity ChemStation non è in esecuzione.

Loading Method <method name>

I parametri del metodo sono inviati all’MSD.

Loading MSD Firmware

È in corso l’inizializzazione del firmware dell’MSD.

Se l’MSD NON completa correttamente la sequenza di avvio, sono invece visualizzati i seguenti messaggi:

Server not Found

Check LAN connection

Seeking Server

Bootp Query xxx

Questi messaggi indicato che l’MSD non ha ricevuto il suo indizzo IP esclusivo dal servizio Agilent Boot. Se i messaggi permangono dopo aver effettuato il login sul proprio account alla ChemStation per GC/MSD, consultare la sezione relativa alla risoluzione dei problemi nel manuale di installazione software.

MSD 5975 – Manuale operativo 51

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Loading OS

Il sistema operativo del controller dello strumento è in fase di inizializzazione.

<method> Complete <timestamp>

L’analisi e successiva elaborazione dei dati sono state effettuate. Viene visualizzato lo stesso messaggio anche se l’analisi è stata interrotta prima del dovuto.

Method Loaded <method name>

I parametri del metodo sono stati inviati all’MSD.

MS locked by <computer name>

I parametri MS possono essere modificati solo dalla ChemStation per GC/MSD.

Press Sideplate

Un avviso all’avvio per ricordarsi di premere la piastra laterale dell’MSD per assicurare che sia adeguatamente sigillata.

Run: <method> Acquiring <datafile>

È in corso un’analisi; è in corso l’acquisizione dei dati per il file designato.

Per visualizzare lo stato del sistema durante l’avvio

1 I seguenti messaggi sono visualizzati sullo schermo LCP durante la fase di avvio:

• Press Sideplate

• Loading OS

• Press Sideplate

• Loading MSD Firmware

2 Continuare a premere la piastra laterale dell’MSD finché non viene visualizzato il messaggio

MSD Ready. In questo modo, si accelera la procedura di messa a vuoto dello strumento.

52 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Menu dell’LCP

Per accedere ad una particolare opzione del menu, premere [Menu] finché non viene visualizzato il menu desiderato, quindi premere [Item] finché non viene visualizzata la voce di menu desiderata. I menu e le opzioni sono riportate dalla Tabella 6 alla Tabella 11 .

N O TA

Molte voci di menu, soprattutto nei menu ChemStation, MS Parameters e Maintenance, non sono attive quando lo strumento è nella fase di acquisizione dei dati.

Tabella 6 Menu ChemStation

Azione

Run Method

Run Sequence

Run Current Tune

# of Messages

Release ChemStation

Connection Status

Name of Instrument

Descrizione

Visualizza il nome del metodo corrente e avvia un’analisi.

Visualizza la sequenza corrente e avvia una sequenza.

Visualizza il file di calibrazione corrente e avvia un’autocalibrazione

(solo in modalità EI; la calibrazione CI deve essere avviata da

ChemStation per GC/MSD).

Visualizza il numero di messaggi e il testo del messaggio più recente. Utilizzare i tasti freccia per scorrere i messaggi precedenti (fino a 20).

Disassocia la ChemStation per GC/MSD dall’MSD.

Visualizza lo stato della connessione LAN per l’MSD.

Remote = connesso alla sessione online della ChemStation per

GC/MSD.

Local = non connesso alla sessione online della ChemStation per

GC/MSD.

Visualizza il nome dello strumento se è connesso alla sessione online della ChemStation per GC/MSD. Il nome dello strumento è il nome assegnato all’MSD tramite la finestra di dialogo

Configuration della ChemStation per GC/MSD.

MSD 5975 – Manuale operativo 53

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

54

N O TA

Tabella 7 Menu Maintenance

Azione

Prepare to vent

Messa a vuoto

Descrizione

Ricorda di arrestare il GC quindi prepara lo strumento alla procedura di ventilazione quando si preme [Yes/Select].

Avvia la procedura di messa a vuoto.

Tabella 8 Menu MS Parameters

Azione

High Vacuum Pressure

Turbo Pump Speed

Foreline Pressure

MSD Fault Status

Ion Source Temp, o

C

Mass Filter Temp, o

C

CI Reagent

Descrizione

Solo se è installato il misuratore di vuoto Micro-Ion.

Visualizza la velocità della pompa turbo.

Visualizza la pressione della pompa principale.

Riporta un codice riepilogativo degli stati di errore (numero ) in formato “dec” (decimale) ed “hex” (esadecimale) che comprende tutte le possibile combinazioni di errore.

Visualizza e imposta la temperatura della sorgente ionica.

Visualizza e imposta la temperatura del filtro di massa.

Visualizza il gas reagente CI e la velocità di flusso (se installato).

I parametri MS non possono essere impostati dall’LCP mentre è connessa all’MSD una sessione online della ChemStation per GC/MSD.

Tabella 9 Menu Network

Azione

MSD IP via BootP

Gateway IP Address

Subnet Mask

ChemStation IP

GC IP Address

Ping gateway

Descrizione

Visualizza l’indirizzo IP per l’MSD.

Visualizza l’indirizzo IP del gateway per l’MSD.

Visualizza la maschera di sottorete per l’MSD.

Visualizza l’indirizzo IP della ChemStation per GC/MSD.

Visualizza l’indirizzo IP per il GC.

Verifica la comunicazione con il gateway.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Tabella 9 Menu Network (segue)

Azione

Ping ChemStation

Ping GC

MS Controller MAC

Descrizione

Verifica la comunicazione con la ChemStation per GC/MSD.

Verifica la comunicazione con il GC.

Visualizza l’indirizzo MAC della SmartCard nell’MSD.

Tabella 10 Menu Version

Azione

Control firmware

Operating system

Front panel

Log amplifier

Sideboard

Mainboard

Serial number

Descrizione

Visualizza la versione del firmware dell’MSD.

Visualizza la versione del sistema operativo della ChemStation per

GC/MSD.

Visualizza la versione dell’LCP.

Visualizza informazioni sulla versione.

Visualizza il tipo di scheda secondaria.

Visualizza il tipo di scheda principale.

È assegnato all’MSD tramite la finestra di dialogo Configuration della

ChemStation per GC/MSD.

Tabella 11 Menu Controller

Azione

Reboot controller

Test LCP?

Test HTTP link to GC/MSD

ChemStation?

Descrizione

Avvia la scheda di controllo LAN/MS.

Avvia un test di diagnostica del display a due righe.

Verifica lo stato del server HTTP.

MSD 5975 – Manuale operativo 55

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

L’interfaccia GC/MSD EI

L’interfaccia GC/MSD ( Figura 12 ) è un condotto riscaldato nell’MSD per la colonna capillare. È fissato al lato destro della camera dell’analizzatore, con una guarnizione O-ring ed è dotato di un coperchio di protezione che deve essere lasciato al suo posto.

Un’estremità dell’interfaccia GC/MSD passa attraverso il lato del gascromatografo fino all’interno del forno GC. Questa estremità è filettata per poter essere collegata alla colonna con un dado e una boccola. L’altra estremità dell’interfaccia si inserisce nella sorgente ionica. Gli ultimi 1 o 2 millimetri della colonna capillare si estendono oltre l’estremità del tubo guida fino all’interno della camera di ionizzazione.

L’interfaccia GC/MSD è riscaldata da un riscaldatore a cartuccia elettrico.

Normalmente, il riscaldatore è alimentato e controllato dalla zona riscaldata

Thermal Aux #2 del GC. Per i GC della serie 6850, il riscaldatore è collegato alla zona termica ausiliaria. La temperatura dell’interfaccia può essere impostata dalla ChemStation dell’MSD o dal gascromatografo. Un sensore

(termocoppia) nell’interfaccia controlla la temperatura.

L’interfaccia GC/MSD deve operare a una temperatura compresa tra 250

° e

350

°C. Entro questi limiti, la temperatura dell’interfaccia deve essere leggermente superiore alla temperatura massima del forno GC, ma

mai superiore alla temperatura massima della colonna.

L’interfaccia GC/MSD EI può essere utilizzata solo con la sorgente ionica EI mentre l’interfaccia GC/MSD CI può essere utilizzata indifferentemente con qualsiasi sorgente.

Vedere anche

“Installare una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD” a pagina 42.

AV V E R T E N Z A

L’interfaccia GC/MSD opera a temperature elevate. Non toccarla per evitare ustioni.

56 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Camera di ionizzazione

Camera dell’analizzatore

MSD Forno GC

Gruppo riscaldatore/ sensore

L’estremità della colonna sporge di 1 - 2 mm nella camera di ionizzazione.

Figura 12

L’interfaccia GC/MSD EI

Manicotto del riscaldatore

Isolamento

Colonna

MSD 5975 – Manuale operativo 57

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Prima di attivare l’MSD

›

Prima di attivare o cercare di attivare l’MSD verificare quanto segue:

La valvola di ventilazione è chiusa (la manopola è ruotata fino in fondo in senso orario).

Tutte le altre guarnizioni e tubazioni del sistema di vuoto si trovano in posizione e sono adeguatamente strette (la vite frontale della piastra laterale non deve essere stretta, a meno che non si utilizzino gas di trasporto o reagenti pericolosi).

L’MSD è collegato a una sorgente di alimentazione dotata di messa a terra.

L’interfaccia GC/MSD si estende fino all’interno del forno del GC.

Nell’iniettore del GC e nell’interfaccia GC/MSD è installata una colonna capillare condizionata.

Il GC è acceso, ma le zone riscaldate dell’interfaccia GC/MSD, dell’iniettore

GC e del forno sono spente.

Utilizzando speciali trappole, nel GC viene introdotto un gas di trasporto con una purezza non inferiore al 99,9995%.

Se il gas di trasporto è l’idrogeno, il suo flusso è chiuso e la vite frontale della piastra laterale è allentata.

L’uscita della pompa principale adeguatamente ventilata.

AV V E R T E N Z A

Lo scarico della pompa principale contiene i solventi e le sostanze chimiche che si stanno analizzando. Se si utilizza la pompa principale standard, contiene anche tracce dell’olio della pompa. Se si analizzano solventi tossici o si analizzano sostanze chimiche tossiche, rimuovere il separatore dell’olio (pompa standard) e installare un tubo (11-mm id) per dirigere gli scarichi della pompa principale all’esterno del laboratorio o in una cappa aspirante. Accertarsi di operare in modo conforme alle normative locali. Il separatore dell’olio fornito con la pompa standard ferma soltanto l’olio della pompa, non trattiene né filtra le sostanze chimiche tossiche.

58

AV V E R T E N Z A

Se il gas di trasporto è l’idrogeno, non avviare il flusso del gas di trasporto finché non sia stata completata la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Se le pompe a vuoto spinto sono spente, l’idrogeno si accumulerà nell’MSD e potrà provocare

un’esplosione. Leggere la sezione “Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di far

funzionare l’MSD utilizzando l’idrogeno come gas di trasporto.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Procedura di messa a vuoto

Il data system o il pannello di controllo locale agevolano la procedura di messa a vuoto dell’MSD, rendendola quasi del tutto automatica. Dopo aver chiuso la valvola di ventilazione ed attivato l’interruttore di alimentazione (premendo contemporaneamente la piastra laterale), l’MSD avvia automaticamente la procedura di messa a vuoto. Il software del data system controlla e visualizza lo stato del sistema durante la messa a vuoto. Quando la pressione è sufficientemente bassa, il programma attiva i riscaldatori della sorgente ionica e del filtro di massa e richiede all’utente di attivare il riscaldatore dell’interfaccia GC/MSD. L’MSD si arresterà se la procedura di messa a vuoto non è eseguita correttamente.

Tramite i menu o i monitor MS, il data system può visualizzare:

Velocità per gli MSD con pompa turbo (percentuale velocità di rotazione)

Pressione della pompa principale per gli MSD con pompa a diffusione

Pressione della camera dell’analizzatore (vuoto) per gli MSD dotati del misuratore di vuoto Micro-Ion G3397A opzionale

Anche l’LCP può visualizzare questi dati.

Controllo delle temperature

Le temperature dell’MSD sono controllate tramite il data system. L’MSD è dotato di riscaldatori indipendenti e sensori della temperatura per la sorgente ionica e il filtro di massa a quadrupolo. È possibile regolare i valori e visualizzare le temperature dal data system o dal pannello di controllo locale.

Normalmente, il riscaldatore dell’interfaccia GC/MSD è alimentato e controllato dalla zona riscaldata Thermal Aux #2 del GC. Per i GC della serie

6850, il riscaldatore è collegato alla zona termica ausiliaria. La temperatura dell’interfaccia GC/MSD può essere impostata dal data system oppure dal GC.

MSD 5975 – Manuale operativo 59

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Controllo del flusso della colonna

Il flusso del gas di trasporto è controllato dalla pressione di mandata nel GC.

Per una determinata pressione di mandata, il flusso della colonna diminuirà con l’aumentare della temperatura del forno GC. Con il controllo pneumatico elettronico (EPC) e la modalità della colonna impostata su Constant Flow il flusso della colonna è mantenuto costante indipendentemente dalla temperatura.

L’MSD può essere utilizzato per misurare il flusso effettivo della colonna.

Iniettare una

piccola quantità d’aria o di un’altra sostanza chimica non trattenuta e controllare quanto tempo impiega a raggiungere l’MSD. Con questo

dato temporale è possibile calcolare il flusso della colonna. Vedere a pagina 72.

60 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Ventilazione dell’MSD

Un programma nel data system guida l’utente lungo tutta la procedura di ventilazione. Disattiva i riscaldatori del GC e dell’MSD e il riscaldatore della pompa a diffusione o la pompa turbo a tempo debito. Consente inoltre di monitorare le temperature nell’MSD ed indica quando ventilare l’MSD.

Una ventilazione non corretta

danneggerà l’MSD. Una pompa a diffusione diffonderà nuovamente il fluido vaporizzato della pompa sull’analizzatore se l’MDS viene ventilato prima che la pompa a diffusione sia completamente raffreddata. Una pompa turbo verrà danneggiata se è ventilata mentre ruota ad una velocità superiore del 50% a quella del normale funzionamento.

AV V E R T E N Z A

Accertarsi che l’interfaccia GC/MSD e le zone dell’analizzatore siano raffreddate

(sotto ai 100 °C) prima di ventilare l’MSD. Una temperatura di 100 °C è ancora sufficientemente elevata per provocare ustioni; indossare sempre guanti di stoffa quando si toccano le parti dell’analizzatore.

AV V E R T E N Z A

Se si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, prima di spegnere l’MSD occorre chiudere il flusso del gas di trasporto. Se la pompa principale è spenta, l’idrogeno si accumulerà nell’MSD e potrà provocare un’esplosione. Leggere la sezione

“Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di far funzionare l’MSD utilizzando

l’idrogeno come gas di trasporto.

AT T E NZ I O N E

Non ventilare mai l’MSD facendovi entrare l’aria da una delle estremità del tubo di raccordo della pompa principale. Utilizzare la valvola di ventilazione oppure rimuovere il dado della colonna e la colonna.

Non ventilare mentre la pompa turbo ruota ancora ad una velocità superiore del 50% a quella del normale funzionamento.

Non superare il massimo flusso di gas totale consigliato. Vedere “Modelli e caratteristiche dell’MSD serie 5975” a pagina 14.

MSD 5975 – Manuale operativo 61

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Vsualizzare la temperatura e lo stato di vuoto dell’analizzatore dell’MSD

È possibile eseguire questa operazione anche dal pannello di controllo locale.

Per maggiori informazioni vedere il manuale Guida introduttiva alla

ChemStation GC/MSD G1701EA.

Procedura

1 Nella vista Instrument Control, selezionare Edit Tune Parameters dal menu

Instrument ( Figura 13 ).

62

Figura 13

Parametri di regolazione

2 Selezionare il file di regolazione da utilizzare con il metodo utilizzato dalla finestra di dialogo Load MS Tune File.

3 Le temperature dell’analizzatore e lo stato di vuoto sono visualizzati nel campo Zones.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

A meno che non sia appena stata avviata la procedura di messa a vuoto, la pressione della pompa principale deve essere inferiore a 300 mTorr, ovvero la pompa turbo deve ruotare almeno all’80% della velocità massima. I riscaldatori dell’MSD rimangono spenti finché la pompa a diffusione o la pompa turbo non ha raggiunto una velocità inferiore all’80%. Normalmente, la pressione della pompa principale sarà inferiore a 100 mTorr, ovvero la pompa turbo avrà una velocità del 100%.

I riscaldatori dell’MSD si attivano alla fine della procedura di messa a vuoto e si disattivano all’inizio del ciclo di ventilazione. I valori di regolazione riportati non subiranno variazioni durante la ventilazione o la messa a vuoto anche se entrambe le zone dell’MSD sono disattivate.

MSD 5975 – Manuale operativo 63

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Impostare il monitoraggio della temperatura e dello stato di vuoto dell’MSD

A monitor visualizza il valore corrente di un singolo parametro dello strumento. È possibile aggiungerli alla finestra di controllo standard dello strumento e impostarli in modo che il colore del parametro cambi qualora il suo valore superi un limite definito dall’utente.

Procedura

1 Selezionare MS Monitors dal menu Instrument.

2 Nella casella Edit MS Monitors, sotto Type, selezionare Zone.

3 Sotto Parameter, selezionare MS Source e fare clic su Add.

4 Sotto Parameter, selezionare MS Quad e fare clic su Add.

5 Under Parameter, selezionare Foreline (oppure TurboSpd) e fare clic su Add.

6 Selezionare eventuali monitor da aggiungere e fare clic su Add.

7 Fare clic su OK. I nuovi monitor saranno aggiunti uno sopra l’altro nell’angolo inferiore destro della finestra Instrument Control. È necessario spostarli per visualizzarli tutti.

64 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

8 Fare clic su ogni monitor e trascinarlo nella posizione desiderata. La

Figura 14 illustra un modo di disporre i monitor.

Figura 14

Disposizione dei monitor

9 Per includere in modo permanente le nuove impostazioni nel metodo, selezionare

Save dal menu Method.

MSD 5975 – Manuale operativo 65

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Impostare le temperature dell’analizzatore dell’MSD

I valori di regolazione per le temperature della sorgente ionica e del filtro di massa (quad) dell’MSD sono memorizzati nel file di regolazione (*.u) corrente.

Quando si carica un metodo, i valori di regolazione del file di regolazione associato ad esso sono scaricati automaticamente.

Procedura

1 Nella vista Instrument Control, selezionare Edit Tune Parameters dal menu

Instrument.

2 Selezionare Temperatures dal menu MoreParams (

Figura 15 ).

66

Figura 15

Impostazione delle temperature

3 Digitare le temperature desiderate per sorgente e filtro di massa (Source e

Quad) nei campi dei valori di regolazione. Vedere la Tabella 12 a pagina 67 per i valori di regolazione consigliati.

L’interfaccia GC/MSD, la sorgente ionica e le zone riscaldate a quadrupolo interagiscono. I riscaldatori dell’analizzatore potrebbero non essere in grado di controllare con precisione le temperature se il valore di regolazione di una zona è molto diverso da quello di una zona adiacente.

AV V E R T E N Z A

Non superare 200 °C per il quadrupolo o 350 °C per la sorgente.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

4 Per chiudere la schermata fare clic su:

Apply per inviare i nuovi valori di regolazione della temperatura all’MSD.

OK per modificare i file di regolazione attualmente caricato senza scaricare alcun dato nell’MSD (usare Apply).

Cancel per uscire dal pannello senza modificare il file di regolazione attualmente caricato o scaricare qualsiasi cosa nell’MSD.

5 Quando verrà visualizzata la finestra di dialogo Save MS Tune File, fare clic su

OK per salvare le modifiche nello stesso file oppure digitare un nuovo nome per il file e fare clic su

OK.

Tabella 12 Impostazioni consigliate per la temperatura

MS Source

MS Quad

Funzionamento EI

230

150

Funzionamento PCI

250

150

Funzionamento NCI

150

150

MSD 5975 – Manuale operativo 67

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Impostare la temperatura dell’interfaccia GC/MSD dalla ChemStation

È possibile eseguire questa operazione anche dal pannello di controllo locale.

Vedere “Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)” a pagina 49.

Procedura

Questa procedura si riferisce al GC Agilent 7890. La procedura per la serie di

GC Agilent è simile, ad eccezione del fatto che la temperatura dell’interfaccia del GC/MSD 6850 è controllata dal riscaldatore del rivelatore (impostazione predefinita) oppure dalla zona

Aux/Thermal Aux.

1 Selezionare View>Instrument Control.

2 Selezionare Instrument>GC Edit Parameters.

3 Fare clic su Aux per modificare la temperatura dell’interfaccia ( Figura 16 ).

68

Figura 16

Impostazione della temperatura dell’interfaccia

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

4 Verificare che l’MSD sia selezionato sotto Type e Thermal Aux #2 sia selezionato sotto

Aux Channel.

5 Accendere il riscaldatore e digitare il valore di regolazione nella colonna

Next °C. Non impostare le temperature nei campi Ramp.

6 Il valore di regolazione tipico è 280 °C.

I limiti sono 0 °C e 350 °C. Un valore di regolazione inferiore alla temperatura ambiente disattiva il riscaldatore dell’interfaccia.

AT T E NZ I O N E

Non superare mai la temperatura massima della colonna.

7 Fare clic su Apply per scaricare i valori di regolazione o su OK per scaricare i valori di regolazione e chiudere la finestra.

8 Per includere in modo permanente le nuove impostazioni nel metodo, selezionare

Save dal menu Method.

AT T E NZ I O N E

Accertarsi che il gas di trasporto sia attivato e che la colonna sia stata spurgata dell’aria prima di riscaldare l’interfaccia GC/MSD o il forno GC.

MSD 5975 – Manuale operativo 69

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Monitorare la pressione del vuoto spinto

Il monitoraggio della pressione richiede un misuratore di vuoto Micro-Ion

G3397A opzionale.

Materiali richiesti

Misuratore di vuoto Micro-Ion (G3397A)

AV V E R T E N Z A

Se si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, non attivare il misuratore di vuoto

Micro-Ion se vi è la possibilità che l’idrogeno si sia accumulato nella camera

dell’analizzatore. Leggere la sezione “Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di

far funzionare l’MSD utilizzando l’idrogeno come gas di trasporto.

Procedura

1 Avviare e mettere a vuoto l’MSD ( pagina 90

).

2 Nella vista Tune and Vacuum Control, selezionare Turn Vacuum Gauge on/off dal menu Vacuum.

3 Nella vista Instrument Control è possibile impostare un monitor MS per la lettura. È possibile leggere il vuoto spinto anche sull’LCP o dalla schermata

Manual Tune.

La massima influenza sulla pressione operativa in modalità EI è data dal flusso del gas di trasporto (colonna). Nella Tabella 13 sono elencate le pressioni tipiche di vari flussi del gas di trasporto elio. Queste pressioni sono approssimative e possono variare da strumento a strumento anche del 30%.

70 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

4

6

2

3

0,5

0,7

1

1,2

Tabella 13 Lettura del misuratore di vuoto Micro-Ion

Velocità di flusso colonna, mL/min

Lettura misuratore, Torr pompa turbo

ad alta efficienza

Lettura misuratore, Torr pompa turbo

standard

Lettura misuratore, Torr pompa

a diffusione

Lettura principale, Torr pompa

a diffusione

3,18E–06

4,42E–06

1,3E–05

1,83E–05

2,18E–05

2,59E–05

34,7

39,4

6,26E–06

7,33E–06

1,24E–05

1,86E–05

2,48E–05

3,75E–05

2,61E–05

3,11E–05

5,25E–05

8,01E–05

3,66E–05

4,46E–05

7,33E–05

1,13E–04

52,86

60,866

91,784

125,76

Se la pressione è costantemente più alta dei valori riportati, consultare la guida in linea del software ChemStation MSD per informazioni sulla risoluzione dei problemi riguardanti fughe d’aria e vuoto spinto.

MSD 5975 – Manuale operativo 71

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Misurare la velocità lineare del flusso della colonna

Con le colonne capillari, come quelle utilizzate con l’MSD, spesso si misura la velocità lineare invece della velocità del flusso volumetrico.

Procedura

1 Impostare Data Acquisition per gli iniettori manuali splitless e il monitoraggio ionico selezionato (SIM) di m/z 28.

2 Premere Prep Run sul tastierino del GC.

3 Iniettare 1 µL di aria nell’iniettore GC e premere Start Run.

4 Attendere finché non viene eluito un picco a m/z 28. Notare il tempo di ritenzione.

5 Calcolare la velocità lineare media.

Velocità lineare media (cm/s)

=

100 L

t

dove:

L = Lunghezza della colonna in metri

t = Tempo di ritenzione in secondi

Accertarsi di considerare qualsiasi pezzo della colonna eliminato. Una sezione di 1 metro eliminata da una colonna di 25 metri può generare un errore del 4%.

6 Utilizzare questa velocità per verificare i calcoli del flusso della

ChemStation MSD (

pagina 73

).

Se i numeri non corrispondono, fare clic su

Change per calibrare le dimensioni della colonna.

7 Per calcolare la velocità del flusso volumetrico.

Velocità di flusso colonna (mL/min) =

0.785 D

2

t

dove:

D = Diametro interno della colonna in millimetri

L = Lunghezza della colonna in metri

t = Tempo di ritenzione in minuti

72 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Calcolare il flusso della colonna

Il flusso volumetrico può essere calcolato dalla pressione di mandata della colonna se si conoscono le dimensioni della colonna.

Procedura

1 Nella finestra Instrument Control view, selezionare Instrument>GC Edit Parameters.

2 Fare clic sull’icona Columns (la

Figura 17 ne riporta un esempio).

3 Verificare che le dimensioni della colonna immesse siano corrette.

4 Digitare il valore desiderato nel campo pressione.

Figura 17

Calcolo del flusso della colonna

5 Se il valore medio della velocità, visualizzato nel campo Average Velocity, è diverso da quello ottenuto a

pagina 72

, fare clic su

Change per calibrare le dimensioni della colonna.

MSD 5975 – Manuale operativo 73

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Calibrare l’MSD

È possibile utilizzare il pannello di controllo locale per eseguire l’autocalibrazione correntemente caricata nella memoria del PC. Vedere

“Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)” a pagina 49.

Procedura

1 Nella vista Instrument Control, verificare che sia caricato il file di calibrazione corretto. Per la maggior parte delle applicazioni, ATUNE.U

(

Autotune) consente di ottenere buoni risultati. Si sconsiglia STUNE.U

(

Standard Tune) poiché potrebbe ridurre la sensibilità.

Si consideri l'autocalibrazione sul guadagno (GAIN.U + HiSense.U).

L'operazione esegue la calibrazione su un guadagno invece che un'abbondanza target. Offre un'eccellente riproducibilità, sia dell'abbondanza run-to-run che tra stumenti diversi.

2 Impostare il sistema mantenendo invariate le condizioni (la temperatura del forno e il flusso della colonna del GC, nonché le temperature dell’analizzatore MSD) che si utilizzeranno per l’acquisizione dei dati.

3 Selezionare Tune MSD per eseguire una calibrazione completa oppure selezionare Quick Tune per regolare l'ampiezza del picco, l'asse di massa e l'abbondanza senza modificare i parametri della sorgente ionica. Se il sistema è configurato per CI, da questa finetra sarà possibile accedere al pannello CI. La calibrazione verrà avviata immediatamente.

4 Attendere che sia completata l’ottimizzazione e sia stato generato il report.

Salvare i report sulla calibrazione. Per visualizzare la cronologia dei risultati di calibrazione, selezionare

Checkout>View Previous Tunes....

Per calibrare manualmente l'MSD o per eseguire particolari calibrazioni automatiche, selezionare, andare alla finestra Tune and Vacuum Control.

Da questo menu Tune, oltre alle calibrazioni disponibili tramite Instrument

Control, è possibile selezionare calibrazioni automatiche per risultati spettrali specifici, quali

DFTPP Tune o BFB Tune.

Vedere i manuali o la guida in linea forniti con il software ChemStation MSD per ulteriori informazioni sulla calibrazione.

74 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Verificare le prestazioni del sistema

Materiali richiesti

1 pg/µL (0,001 ppm) di campione di OFN (5188-5348)

Verificare le prestazioni della calibrazione

1 Verificare che il sistema sia stato messo a vuoto per almeno 60 minuti.

2 Impostare la temperatura del forno GC a 150 °C e il flusso della colonna a

1,0 mL/min.

3 Nella vista Instrument Control, selezionare Checkout Tune dal menu

Checkout. Il software eseguirà un’autocalibrazione e stamperà il report.

4 Al termine dell’autocalibrazione, salvare il metodo e selezionare

Evaluate Tune dal menu Checkout.

Il software valuterà l’ultima autocalibrazione e stamperà un report sulla

Verifica del sistema – Calibrazione.

Verificare le prestazioni della sensibilità

1 Impostare l’iniezione di 1 µL di OFN con l’ALS oppure manualmente.

2 Nella vista Instrument Control, selezionare Sensitivity Check dal menu

Checkout.

3 Fare clic sulle opportune icone nella finestra Instrument

| Edit per modificare il metodo relativo al tipo di iniezione.

4 Fare clic su OK per eseguire il metodo.

Al termine del metodo verrà stampato un report di valutazione.

Verificare che il rapporto segnale /rumore rms soddisfi le specifiche. Le specifiche sono pubblicate nel sito Web di Agilent Web all’indirizzo www.agilent.com/chem.

MSD 5975 – Manuale operativo 75

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Test ad elevata massa (MSD serie 5975)

Condizioni di impostazione

1 Ottenere un campione di PFHT (5188-5357).

2 Caricare il file di calibrazione ATUNE.U quindi effettuare l’autocalibrazione dell’MSD.

3 Risolvere il metodo PFHT.M sotto x\5975\PFHT.M dove x è il numero dello strumento utilizzato.

4 Aggiornare e salvare il metodo.

Controllo ad elevata massa

1 Caricare il campione in una fiala e collocarlo in posizione 2.

2 Selezionare High Mass Check dal menu Checkout.

3 Seguire le istruzioni visualizzate.

4 L’analisi viene completata e i risultati stampati entro 5 minuti.

76 MSD 5975 – Manuale operativo

Risultati

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Figura 18

Report su PFHT a massa elevata

MSD 5975 – Manuale operativo 77

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

N O TA

I risultati indicheranno la quantità consigliata per regolare la correzione dell’UMA per la massa elevata. Se i risultati sono compresi entro 5 unità della quantità target, non occorrono regolazioni.

Regolazioni

1 Verificare che il file ATUNE.U sia stato caricato.

2 Selezionare Edit Tune Parameters dal menu Instrument tramite Instrument

Control.

3 Fare clic su MoreParams e selezionare DynamicRamping Params...

a Selezionare la correzione dell’UMA dalla casella di riepilogo a discesa.

b Se i valori del lato destro sono grigi, selezionare la casella Enable Dynamic

Ramping For This Lens.

c Immettere la correzione consigliata e fare clic su OK.

4 Fare clic su OK nella finestra Edit Parameters. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Save MS Tune File.

È possibile sovrascrivere il file ATUNE.U esistente per includervi la regolazione della massa elevata oppure salvare il file con un nuovo nome, ad esempio, ATUNEHIGH.U.

Ogni volta che si esegue un file ATUNE.U verrà sovrascritta la correzione dell’UMA che era stata immessa. Per questo motivo, può essere opportuno rinominare il file.

5 Caricare il PFHT.M e il file di calibrazione salvato, quindi salvare il metodo.

6 Analizzare nuovamente la miscela del test (ripetere il test ad elevata massa).

Se la correzione è compresa entro 5 unità, non occorrono ulteriori regolazioni.

78 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Rimuovere i pannelli dell’MSD

›

›

Materiali richiesti

Cacciavite, Torx T-15 (8710-1622)

Se occorre rimuovere uno dei pannelli dell’MSD seguire queste procedure

( Figura 19 ):

Per rimuovere il pannello superiore dell’analizzatore

Rimuovere le cinque viti e sollevare il pannello.

Per rimuovere il pannello della finestra dell’analizzatore

1 Premere l’area arrotondata sulla parte superiore della finestra.

2 Sollevare la finestra in avanti e rimuoverla dall’MSD.

AV V E R T E N Z A

Non rimuovere nessun altro dei pannelli, perché coprono parti attraversate da tensioni pericolose.

MSD 5975 – Manuale operativo 79

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Pannello della finestra dell’analizzatore

Gancio

Pannello dell’analizzatore

Pannello laterale sinistro

Figura 19

Rimozione dei pannelli

AT T E NZ I O N E

Non applicare troppa forza per evitare di rompere le linguette di plastica che fissano il pannello alla struttura portante.

80 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Ventilare l’MSD

Procedura

1 Selezionare Vent dal menu Vacuum nel software. Seguire le istruzioni visualizzate.

2 Impostare il riscaldatore dell’interfaccia GC/MSD e le temperature del forno GC a temperatura ambiente.

AV V E R T E N Z A

Se si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, prima di spegnere l’MSD occorre chiudere il flusso del gas di trasporto. Se la pompa principale è spenta, l’idrogeno si accumulerà nell’MSD e potrà provocare un’esplosione. Leggere la sezione

“Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di far funzionare l’MSD utilizzando

l’idrogeno come gas di trasporto.

AT T E NZ I O N E

Prima di chiudere il flusso del gas di trasporto, assicurarsi che il forno del GC e l’interfaccia GC/MSD siano freddi.

3 Alla richiesta del sistema, spegnere l’interruttore di alimentazione dell’MSD.

4 Scollegare il cavo di alimentazione dell’MSD.

AV V E R T E N Z A

Quando l’MSD è ventilato non mettere la ChemStation nella vista Instrument

Control, altrimenti si attiverà il riscaldatore dell’interfaccia.

MSD 5975 – Manuale operativo 81

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

5 Rimuovere il pannello della finestra dell’analizzatore (

pagina 79

)

82

AV V E R T E N Z A

SÌ NO

Manopola della valvola di ventilazione

Figura 20

Ventilazione dell’MSD

›

6 Ruotare la manopola della valvola di ventilazione (

Figura 20 ) in senso antiorario solo per ¾ di giro o finché non si sente il sibilo dell’aria che fluisce nella camera dell’analizzatore.

Non ruotare troppo la manopola, perché la guarnizione O-ring potrebbe uscire dalla propria sede. Prima di eseguire la procedura di messa a vuoto stringere nuovamente la manopola.

Lasciare che l’analizzatore si raffreddi fino a raggiungere quasi la temperatura ambiente prima di toccarlo.

AT T E NZ I O N E

Indossare sempre guanti puliti quando si maneggiano le parti all’interno della camera dell’analizzatore.

AV V E R T E N Z A

Quando l’MSD è ventilato non mettere la ChemStation nella vista Instrument

Control, altrimenti si attiverà il riscaldatore dell’interfaccia.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Aprire la camera dell’analizzatore

Materiali richiesti

Guanti, puliti e che non si sfilacciano

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Bracciale, antistatico

Piccolo (9300-0969)

Medio (9300-1257)

Grande (9300-0970)

AT T E NZ I O N E

Le scariche elettrostatiche ai componenti dell’analizzatore sono condotte alla scheda secondaria dove possono danneggiare componenti sensibili. Indossare un bracciale antistatico per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche (vedere a

pagina 129 ) prima di aprire la camera dell’analizzatore.

›

Procedura

1 Ventilare l’MSD ( pagina 81 ).

2 Scollegare il cavo di controllo della scheda secondaria e il cavo di alimentazione dalla scheda secondaria.

3 Allentare le viti della piastra laterale ( Figura 21 ) se sono strette.

La vite della piastra posteriore deve essere allentata durante il normale utilizzo e stretta soltanto durante la spedizione. La vite della piastra laterale anteriore deve essere stretta soltanto per il funzionamento CI o se si utilizza l’idrogeno o altre sostanze infiammabili o tossiche come gas di trasporto.

AT T E NZ I O N E

Nel passaggio successivo, se si incontra resistenza, fermarsi. Non cercare di forzare l’apertura della piastra laterale. Verificare che l’MSD sia ventilato. Verificare che le viti della piastra sia anteriore che laterale siano completamente allentate.

4 Rimuovere con delicatezza la piastra laterale.

MSD 5975 – Manuale operativo 83

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

AV V E R T E N Z A

L’analizzatore, l’interfaccia GC/MSD ed altri componenti della camera dell’analizzatore funzionano a temperature molto elevate. Non toccare nessun componente finché non si è certi che sia freddo.

AT T E NZ I O N E

Indossare sempre guanti puliti per evitare contaminazioni quando si eseguono operazioni nella camera dell’analizzatore.

84 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Viti

Piastra laterale

Pannello dell’analizzatore

Rivelatore

Piastra laterale

Scheda passacavi

Sorgente ionica

Analizzatore

Figura 21

La camera dell’analizzatore

MSD 5975 – Manuale operativo

CAMERA CHIUSA

CAMERA APERTA

85

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Chiudere la camera dell’analizzatore

Materiali richiesti

Guanti, puliti e che non si sfilacciano

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Procedura

1 Accertarsi che tutti i fili elettrici siano collegati correttamente. Il cablaggio

è lo stesso sia per le sorgenti EI che CI.

Il cablaggio è descritto nella Tabella 14 e illustrato nella Figura 22 e nella

Figura 23 . Il termina “scheda” nella tabella si riferisce alla scheda di passacavi che si trova vicino alla sorgente ionica.

Tabella 14 Cablaggi dell’analizzatore

Descrizione del cavo

Verde con perline (2)

Bianco con rivestimento intrecciato (2)

Bianco (2)

Collegato a

Riscaldatore quad

Sensore quad

Rosso (1)

Nero (2)

Arancione (1)

Blu (1)

Verde con perline (2)

Bianco (2)

Si connette a

Scheda, in alto a sinistra (RIS)

Scheda, in alto (RTD)

Scheda, al centro

(FILAMENTO-1)

Scheda, al centro a sinistra

(REP)

Scheda, al centro

(FILAMENTO-2)

Scheda, in alto a destra

(FOC ION)

Filamento 1 (in alto)

Repeller

Filamento 2 (in basso)

Lente focale ionica

Scheda, in alto a destra

(LENTE INGR)

Lente di ingresso

Riscaldatore sorgente ionica Scheda, in basso a sinistra (RIS)

Sensore sorgente ionica Scheda, in basso (RTD)

86 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

RIS

QUADRUPOLO

RTS

Fili bianchi al filamento 1

Filo rosso al repeller

FILAMENTO -1

REP

FILAMENTO - 2

Fili neri al filamento 2

Fili del riscaldatore della sorgente ionica (verdi)

RIS

SORGENTE

RTS

Figura 22

Cablaggio della scheda passacavi

INGR

LENTE

ION

FOC

Filo blu alla lente di ingresso

Filo arancione alla lente focale ionica

Fili del sensore della sorgente ionica (bianchi)

MSD 5975 – Manuale operativo 87

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

SP = Scheda passacavi

Fili del riscaldatore sorgente ionica

Fili del sensore sorgente ionica

Repeller

(filo rosso dalla SP)

Filamento 1

(fili bianchi dalla SP)

Filamento 2

(fili neri dalla SP)

Lente di ingresso (filo blu dalla SP)

Lente focale ionica

(filo arancione dalla SP)

Figura 23

Cablaggio della sorgente ionica

2 Controllare la guarnizione O-ring della piastra laterale.

Accertarsi che la guarnizione O-ring abbia un rivestimento

molto leggero di grasso Apiezon L a vuoto spinto. Se la guarnizione O-ring è molto secca potrebbe non sigillare perfettamente, se ha un aspetto lucido significa che il grasso è in eccesso (per istruzioni sulla lubrificazione, consultare il manuale 5975 Series MSD Troubleshooting and Maintenance Manual).

3 Chiudere la piastra laterale.

4 Ricollegare il cavo di controllo della scheda secondaria e il cavo di alimentazione alla scheda secondaria.

5 Accertarsi che la valvola di ventilazione sia chiusa.

6 Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD (

pagina 90

).

7 Se è attiva la modalità CI oppure se si utilizza l’idrogeno o altre sostanze infiammabili o tossiche come gas di trasporto, stringere a mano

delicatamente la vite anteriore della piastra laterale.

88 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

AV V E R T E N Z A

La vite anteriore deve essere stretta se si utilizza la modalità CI oppure l’idrogeno (o altri gas pericolosi) come gas di trasporto del GC. Nell’improbabile eventualità di un’esplosione potrebbe impedire l’apertura della piastra laterale.

AT T E NZ I O N E

Non stringere eccessivamente la vite, potrebbe causare fuoriuscite d’aria o impedire una corretta esecuzione della procedura di messa a vuoto. Non stringere la vite con un cacciavite.

8 Completata la procedura di messa a vuoto dell’MSD, chiudere il pannello dell’analizzatore.

MSD 5975 – Manuale operativo 89

90

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD

È possibile eseguire questa operazione anche dal pannello di controllo locale.

Vedere “Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)” a pagina 49.

AV V E R T E N Z A

Accertarsi che l’MSD soddisfi tutte le condizioni elencate nell’introduzione a questo

capitolo ( pagina 56 ) prima di avviare la procedura di messa a vuoto dell’MSD. In

caso contrario, si corre il pericolo di lesioni personali.

AV V E R T E N Z A

Se il gas di trasporto è l’idrogeno, non avviare il flusso del gas di trasporto finché non sia stata completata la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Se le pompe a vuoto spinto sono spente, l’idrogeno si accumulerà nell’MSD e potrà provocare

un’esplosione. Leggere la sezione “Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di far

funzionare l’MSD utilizzando l’idrogeno come gas di trasporto.

›

Procedura

1 Chiudere la valvola di ventilazione.

2 Inserire il cavo di alimentazione dell’MSD.

3 Selezionare Tune and Vacuum Control dal menu View.

Selezionare Pump Down dal menu Vacuum.

4 Alla richiesta del sistema, accendere l’MSD.

5 Esercitare una leggera pressione sulla scheda laterale per verificare che sia correttamente sigillata. Premere la scatola metallica sulla scheda laterale.

La pompa principale gorgoglierà per circa un minuto. Se il rumore persiste, significa che nel sistema vi è una

grossa

fuoriuscita d’aria, probabilmente dalla guarnizione della piastra laterale, dal dado della colonna sull’interfaccia o dalla valvola di ventilazione.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

6 Dopo aver stabilito la comunicazione con il PC, fare clic su OK.

Figura 24

Procedura di messa a vuoto

AT T E NZ I O N E

Entro 10 - 15 minuti la pompa di diffusione dovrebbe essere calda o la pompa turbo raggiungere l’80% della velocità 80% ( Figura 24 ). Alla fine, la pompa deve raggiungere il

95% della velocità massima. Se queste condizioni non sono soddisfatte, il sistema elettronico dell’MSD disattiverà la pompa principale e per ripartire da questa condizione sarà necessario spegnere e riaccendere l’MSD. Se la procedura di messa a vuoto dell’MSD non avviene correttamente, consultare il manuale o la Guida in linea per informazioni sulla risoluzione dei problemi connessi alle fuoriuscite d’aria e altri problemi riguardanti il vuoto.

7 Alla richiesta del sistema, accendere il riscaldatore dell’interfaccia

GC/MSD e il forno del GC. Al termine, fare clic su

OK.

Il software attiverà i riscaldatori della sorgente ionica e del filtro di massa

(quad). I valori di regolazione della temperatura sono memorizzati nel file di calibrazione (*.u) attualmente impostato.

AT T E NZ I O N E

Non attivare nessuna delle zone riscaldate del GC finchè il flusso del gas di trasporto non sia attivato. Riscaldando una colonna senza il flusso del gas di trasporto la si danneggia.

8 Dopo aver visualizzato il messaggio Okay to run, lasciar trascorrere 2 ore affinché l’MSD raggiunga l’equilibrio termico. I dati acquisiti prima che l’MSD abbia raggiunto l’equilibrio termico potrebbero non essere riproducibili.

MSD 5975 – Manuale operativo 91

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Spostare o immagazzinare l’MSD

Materiali richiesti

Boccola, vuota (5181-3308)

Dado della colonna d’interfaccia (05988-20066)

Chiave fissa da 1/4”

× 5/16” (8710-0510)

Procedura

1 Ventilare l’MSD ( pagina 81 ).

2 Rimuovere la colonna e installare una boccola vuota e il dado dell’interfaccia.

3 Stringere la valvola di ventilazione.

4 Togliere l’MSD dal GC (consultare il manuale 5975 Series MSD

Troubleshooting and Maintenance Manual).

5 Scollegare il cavo del riscaldatore dell’interfaccia GC/MSD dal GC.

6 Installare il dado dell’interfaccia con la boccola vuota.

7 Aprire il pannello dell’analizzatore ( pagina 79 ).

8 Stringere manualmente le viti della piastra laterale ( Figura 25 ).

AT T E NZ I O N E

Non stringere eccessivamente le viti della piastra laterale, altrimenti si rischia di rovinare la filettatura nella camera dell’analizzatore. e di deformare la piastra laterale provocando fuoriuscite di sostanze.

9 Inserire il cavo di alimentazione dell’MSD.

10 Accendere l’MSD per ottenere una certa condizione di vuoto. Verificare che la velocità della pompa turbo sia superiore al 50% o che la pressione della pompa principale sia

~

1 Torr.

11 Spegnere l’MSD.

12 Chiudere il pannello dell’analizzatore.

13 Disconnettere i cavi di LAN, connessione remota e alimentazione.

92 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

3

Vite anteriore

Vite posteriore

Figura 25

Viti della piastra laterale

Ora l’MSD può essere immagazzinato o spostato. La pompa principale non può essere scollegata, ma deve essere spostata con l’MSD. Accertarsi che l’MSD resti in posizione verticale e non sia mai inclinato su un fianco o rovesciato.

AT T E NZ I O N E

L’MSD deve essere sempre in posizione verticale. Se si deve spedire l’MSD altrove, contattare il servizio Agilent Technologies per avere informazioni sull’imballaggio e la spedizione.

MSD 5975 – Manuale operativo 93

3

Funzionamento in modalità EI (a impatto elettronico)

Impostare la temperatura dell’interfaccia dal GC

La temperatura dell’interfaccia può essere impostata direttamente dal GC. Per il modello Agilent 7890A and 6890, impostare la temperatura Aux #2. Per il modello 6850, utilizzare il controller palmare opzionale per impostare la temperatura termica ausiliaria. Consultare la documentazione utente del GC per informazioni più dettagliate.

AT T E NZ I O N E

Non superare mai la temperatura massima della colonna.

AT T E NZ I O N E

Accertarsi che il gas di trasporto sia attivato e che la colonna sia stata spurgata dell’aria prima di riscaldare l’interfaccia GC/MSD o il forno GC.

Per includere in modo permanente i nuovi valori di regolazione nel metodo corrente, fare clic su Save nel menu Method. In caso contrario, al successivo caricamento di un metodo tutti i suoi valori di regolazione sovrascriveranno quelli impostati dalla tastiera del GC.

94 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Indicazioni generali 96

L’interfaccia GC/MSD CI 97

Funzionamento dell’MSD CI 99

Passare dalla sorgente EI alla sorgente CI 100

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD CI 101

Impostare il software per il funzionamento CI 102

Utilizzare il modulo di controllo del flusso di gas reagente 104

Impostare il flusso del gas reagente metano 107

Utilizzare altri gas reagenti 109

Passare dalla sorgente CI alla sorgente EI 113

Autocalibrazione CI 114

Eseguire un’autocalibrazione PCI (solo metano) 116

Eseguire un’autocalibrazione NCI (gas reagente metano) 118

Verificare le prestazioni PCI 120

Verificare le prestazioni NCI 121

Monitorare la pressione del vuoto spinto 122

Questo capitolo fornisce informazioni e istruzioni per il funzionamento degli

MSD CI serie 5975 in modalità CI, ovvero a ionizzazione chimica. La maggior parte delle informazioni fornite nel capitolo precedente sono ancora pertinenti.

I temi trattati riguardano quasi esclusivamente la ionizzazione chimica del metano, tranne una sessione in cui è descritto l’utilizzo di altri gas reagenti.

Il software contiene istruzioni per impostare il flusso del gas reagente e per eseguire le calibrazioni automatiche CI. Le calibrazioni automatiche sono fornite per la CI positiva (PCI) con gas reagente metano e per la CI negativa

(NCI) con qualsiasi gas reagente.

Agilent Technologies 95

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Indicazioni generali

Utilizzare sempre metano purissimo (e gli altri gas reagenti, se possibile). Il metano deve essere puro almeno al 99,9995%.

Verificare sempre che l’MSD funzioni perfettamente in modalità EI prima di

passare alla modalità CI. Vedere “Verificare le prestazioni del sistema” a pagina 75.

Accertarsi che la sorgente ionica CI e la guarnizione dell’interfaccia

GC/MSD siano installate.

Controllare che non vi siano perdite dai tubi del gas reagente. Tale verifica

è effettuata in modalità PCI, controllando che vi sia m/z 32 dopo la pre-calibrazione del metano.

96 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

L’interfaccia GC/MSD CI

L’interfaccia GC/MSD CI ( Figura 26 ) è un condotto riscaldato nell’MSD per la colonna capillare. È fissato al lato destro della camera dell’analizzatore con una guarnizione O-ring ed è dotato di un coperchio di protezione che deve essere lasciato al suo posto.

Un’estremità dell’interfaccia passa attraverso il lato GC fino all’interno del forno ed è filettata per poter essere collegata alla colonna con un dado e una boccola. L’altra estremità dell’interfaccia si inserisce nella sorgente ionica. Gli ultimi 1 o 2 millimetri della colonna capillare si estendono oltre l’estremità del tubo guida fino all’interno della camera di ionizzazione.

Il gas reagente viene introdotto nell’interfaccia. La guarnizione isolante del gruppo interfaccia si estende all’interno della camera di ionizzazione. Una guarnizione a molla impedisce al gas reagente di fuoriuscire dalla guarnizione isolante. Il gas reagente entra nel corpo dell’interfaccia e si mescola con il gas di trasporto e il campione nella sorgente ionica.

L’interfaccia GC/MSD è riscaldata da un riscaldatore a cartuccia elettrico.

Normalmente, il riscaldatore è alimentato e controllato dalla zona riscaldata

Thermal Aux #2 del GC. Per i GC della serie 6850, il riscaldatore è collegato alla zona termica ausiliaria. La temperatura dell’interfaccia può essere impostata dalla ChemStation dell’MSD o dal gascromatografo. Un sensore

(termocoppia) nell’interfaccia controlla la temperatura.

Questa interfaccia è utilizzata anche per il funzionamento EI negli MDS CI.

L’interfaccia deve operare a una temperatura compresa tra 250

° e 350 °C.

Entro questi limiti, la temperatura dell’interfaccia deve essere leggermente superiore della temperatura massima del forno GC, ma

mai superiore alla temperatura massima della colonna.

Vedere anche

“Installare una colonna capillare nell’interfaccia GC/MSD” a pagina 42.

AT T E NZ I O N E

Non superare la temperatura massima della colonna nell’interfaccia GC/MSD, nel forno GC o nell’iniettore.

MSD 5975 – Manuale operativo 97

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

AV V E R T E N Z A

L’interfaccia GC/MSD opera a temperature elevate. Non toccarla per evitare ustioni.

Guarnizione a molla

Ingresso del gas reagente

MSD Forno GC

L’estremità della colonna sporge di 1 - 2 mm nella camera di ionizzazione.

Figura 26

L’interfaccia GC/MSD CI

98 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Funzionamento dell’MSD CI

Il funzionamento dell’MSD in modalità CI è leggermente più complesso rispetto alla modalità EI. Dopo la calibrazione, il flusso del gas, la temperatura della sorgente ( Tabella 15 ) e l’energia degli elettroni potrebbero richiedere un’ulteriore ottimizzazione in funzione dell’analita specifico.

Tabella 15 Temperature per il funzionamento CI

Sorgente ionica Quadrupolo

PCI

NCI

250 °C

150 °C

150 °C

150 °C

Interfaccia

GC/MSD

280 °C

280 °C

Avvio del sistema in modalità PCI

Attivando prima il sistema in modalità PCI è possibile eseguire le seguenti operazioni:

Impostare l’MSD prima con il metano, anche se si utilizzerà un altro gas reagente.

Controllare la guarnizione dell’interfaccia esaminando il rapporto

m/z 28-27 (nel pannello di regolazione del flusso di metano).

Capire se c’è una grossa fuoriuscita d’aria monitorando gli ioni a m/z 19

(acqua protonata) e 32.

Confermare che l’MS stia generando ioni “reali” e non soltanto rumore di fondo.

È quasi impossibile eseguire operazioni di diagnostica del sistema in NCI. In

NCI non vi sono ioni di gas reagente da monitorare. È difficile diagnosticare fuoriuscite d’aria e capire se si è creato un buon isolamento tra l’interfaccia e il volume di ioni.

MSD 5975 – Manuale operativo 99

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Passare dalla sorgente EI alla sorgente CI

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al funzionamento CI.

Impostare sempre l’MSD CI in PCI prima, anche se si intende eseguire l’NCI.

Procedura

1 Ventilare l’MSD. Vedere a pagina 81 .

2 Aprire l’analizzatore.

3 Rimuovere la sorgente ionica EI. Vedere a pagina 132

.

AT T E NZ I O N E

Le scariche elettrostatiche ai componenti dell’analizzatore sono condotte alla scheda secondaria dove possono danneggiare componenti sensibili. Indossare un bracciale

antistatico per la messa a terra. Vedere “Scarica elettrostatica” a pagina 129.

Adottare altre misure antistatiche prima di aprire la camera dell’analizzatore.

4 Installare la sorgente ionica CI. Vedere a pagina 140 .

5 Installare la guarnizione di isolamento dell’interfaccia. Vedere a pagina 141 .

6 Chiudere l’analizzatore.

7 Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Vedere a pagina 101

.

100 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD CI

È possibile eseguire questa operazione anche dal pannello di controllo locale.

Vedere “Gestione dell’MSD dal pannello di controllo locale (LCP)” a pagina 49.

Procedura

1 Seguire le istruzioni per l’MSD EI. Vedere

“Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD” a pagina 90.

Quando il sistema richiede di attivare il riscaldatore dell’interfaccia e il forno GC, eseguire le seguenti operazioni:

2 Controllare il misuratore di vuoto, se presente, per verificare che la pressione diminuisca.

3 Premere Shutoff Valve per chiudere l’erogazione di gas e le valvole di blocco.

4 Verificare che il file PCICH4.U sia caricato e accettare i valori di regolazione della temperatura.

Avviare sempre il sistema e verificarne le prestazioni in modalità PCI prima di passare alla modalità NCI.

5 Impostare l’interfaccia GC/MSD a 280 °C.

6 Impostare Gas A al 20%.

7 Lasciar degassare e spurgare il sistema per almeno 2 ore. Se si intende passare al funzionamento NCI, migliore sensibilità, lasciar degassare l’MSD per una notte.

MSD 5975 – Manuale operativo 101

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Impostare il software per il funzionamento CI

Procedura

1 Passare alla vista Tune and Vacuum Control.

2 Selezionare Load Tune Values dal menu File.

3 Selezionare il file di calibrazione PCICH4.U.

4 Se non è mai stata eseguita l’autocalibrazione CI per questo file di calibrazione, il sistema visualizzerà una serie di finestre di dialogo.

Accettare i valori predefiniti a meno che non si abbiano motivi ben fondati per modificarli.

I valori di calibrazione hanno un notevole impatto sulle prestazioni dell’MSD. Iniziare sempre con i valori predefiniti quando si imposta per la prima volta la modalità CI, quindi effettuare le regolazioni richieste dalle applicazioni specifiche. Vedere la Tabella 16 per i valori predefiniti della finestra Tune Control Limits.

N O TA

Questi limiti sono utilizzati soltanto nell’autocalibrazione. Non devono essere confusi con i parametri impostati Edit MS Parameters o con quelli presenti nel report sulla calibrazione.

102 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Tabella 16

Limiti di controllo predefiniti della calibrazione, utilizzati solo nell’autocalibrazione CI

Gas reagente

Polarità degli ioni

Abbondanza target

Picco target

Repeller massimo

Corrente di emissione massima, µA

Positiva

1x10

0,6

4

240

Energia degli elettroni max.

240

6

Metano

Negativa

1x10

0,6

4

50

240

6

Positiva

N/D

Isobutano

Negativa

1x10

6

N/D

N/D

N/D

0,6

4

50

N/D 240 N/D

Positiva

N/D

Ammoniaca

Negativa

1x10

6

N/D

N/D

N/D

0,6

4

50

240

Note per la Tabella 16 :

• N/D Non disponibile. Non sono generati ioni PFDTD nella PCI con nessun gas reagente che non sia il metano, pertanto l’autocalibrazione CI non è disponibile con queste configurazioni.

• Polarità degli ioni Impostare sempre nella PCI utilizzando prima il metano, quindi passare alla polarità e al gas reagente desiderati.

• Abbondanza target Regolare aumentando o diminuendo per ottenere l’abbondanza del segnale desiderata. Se l’abbondanza del segnale è più elevata sarà più elevata anche l’abbondanza del rumore. Si può regolare per l’acquisizione dei dati impostando l’EMV nel metodo.

• Picco target Valori di picco più elevati consentono una maggiore sensibilità, valori più bassi offrono una migliore risoluzione.

• Corrente di emissione massima Il valore ottimale della corrente di emissione massima per l’NCI è molto legata alla specificità del composto e deve essere selezionata in modo empirico. La corrente di emissione ottimale per i pesticidi, ad esempio, può essere di circa 200 µA.

MSD 5975 – Manuale operativo 103

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Utilizzare il modulo di controllo del flusso di gas reagente

I flussi di gas reagente sono controllati dal software ( Figura 27 ).

104

Figura 27

Controllo del flusso CI

Il riquadro Valve Settings regola quanto segue:

Gas A (o B) Valve

Il flusso di gas corrente, se esistente, viene disattivato. Il sistema svuota i tubi del gas per 6 minuti, quindi attiva il gas selezionato (A o

B). L’operazione serve a ridurre il mix di gas nei tubi.

Shutoff Valve

Quando si seleziona l’opzione Shutoff Valve, il sistema disattiva il flusso di gas corrente lasciando aperta la valvola di blocco ( Figura 28 ).

L’operazione serve a rimuovere qualsiasi residuo di gas nei tubi. Il tempo normale di evacuazione sono 6 minuti, trascorsi i quali la valvola di blocco si chiude.

L’hardware di controllo del flusso memorizza l’impostazione del flusso per ciascun gas. Quando si seleziona un gas la scheda di controllo imposta automaticamente lo stesso flusso utilizzato per quel gas l’ultima volta.

MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Il modulo di controllo del flusso

Il modulo di controllo del flusso di gas reagente CI ( Figura 28 e Tabella 17 ) regola il flusso del gas reagente nell’interfaccia GC/MSD CI. Il modulo di flusso è composto da un controller del flusso di massa (MFC), le valvole di selezione del gas, la valvola di calibrazione CI, la valvola di blocco, i circuiti elettronici di controllo e le tubazioni.

Il pannello posteriore è dotato di raccordi per gli iniettori Swagelok per il metano (

CH4) e per un ALTRO gas reagente. Il software fa riferimento ad essi definendoli Gas A e Gas B, rispettivamente. Se non si utilizza un secondo gas reagente, tappare l’ ALTRO raccordo per impedire l’immissione accidentale di aria nell’analizzatore. Erogare i gas reagenti a 25 - 30 psi (170 - 205 kPa).

La valvola di blocco impedisce la contaminazione del modulo di controllo del flusso da parte dell’atmosfera mentre l’MSD viene ventilato o da parte dell’PFTBA durante il funzionamento EI. Sui monitor dell’MSD apparirà

On

come

1 e Off come 0 (vedere la

Tabella 17 ).

Sorgente ionica CI

Erogazione

Gas A

(metano)

Erogazione

Gas B (altro)

Gas A valvola di selezione

Gas B valvola di selezione

Controller del flusso di massa

Valvola di calibrazione

Limitatore

Fiala di calibrazione

Figura 28

Schema del modulo di controllo del flusso di gas reagente

MSD 5975 – Manuale operativo

Valvola di blocco

Interfaccia

GC/MSD

Colonna GC

105

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Tabella 17 Diagramma dello stato del modulo di controllo del flusso

Risultato

Gas A

Gas B

MFC

Valvola di blocco

Flusso Gas A Flusso Gas B Spurgo con Gas A

Spurgo con Gas B

Aperto Chiuso Aperto

Chiuso Aperto Chiuso

On

val.reg.

On

val.reg.

On

100%

Aperta Aperta Aperta

Chiuso

Aperto

On

100%

Aperta

Modulo di flusso del pompaggio

Chiuso

Chiuso

On

100%

Aperta

Standby, ventilazione o modalità EI

Chiuso

Chiuso

Off

0%

Chiusa

Gli stati Aperto e Chiuso sono riportati nei monitor come 1 e 0, rispettivamente.

106 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Impostare il flusso del gas reagente metano

Il flusso del gas reagente deve essere regolato per ottenere la massima stabilità prima di calibrare il sistema CI. Eseguire l’impostazione

iniziale con il metano in modalità ionizzazione chimica positiva (PCI). La modalità di ionizzazione chimica negativa (NCI) non consente alcuna procedura di regolazione, poiché non genera ioni reagenti negativi.

La regolazione del flusso di gas reagente metano avviene in tre fasi: impostazione del controllo del flusso, pre-calibrazione sugli ioni del gas reagente e regolazione del flusso per i parametri stabili degli ioni del gas reagente, per il metano, m/z 28/27.

Il sistema guiderà l’utente lungo la procedura di regolazione del flusso.

AT T E NZ I O N E

Dopo aver commutato il sistema dalla modalità EI a CI o dopo averlo ventilato per qualsiasi motivo, è necessario lasciar degassare l’MSD per almeno 2 ore prima di eseguire la calibrazione.

Procedura

1 Selezionare Gas A. Seguire le istruzioni e le richieste della procedura guidata di calibrazione.

2 Impostare il flusso al 20% per gli MSD PCI/NCI.

3 Esaminare il controller del misuratore di vuoto per verificare che la

pressione sia corretta. Vedere a pagina 122

.

4 Selezionare Methane Pretune dal menu Setup.

La precalibrazione del metano regola lo strumento per consentire un monitoraggio ottimale del rapporto di ioni del reagente metano m/z 28/27.

5 Esaminare la scansione visualizzata del profilo degli ioni del reagente (

Figura 29 ).

Accertarsi che non vi sia alcun picco visibile a m/z 32. Un picco in corrispondenza di tale valore indica una fuoriuscita d’aria. Se è visibile un simile picco, individuare e riparare la fuoriuscita prima di proseguire.

Il funzionamento in modalità CI in presenza di una fuoriuscita d’aria comporta la rapida contaminazione della sorgente ionica.

Accertarsi che il picco a 19 m/z (acqua protonata) sia inferiore del 50% al picco a 17 m/z.

6 Eseguire la regolazione del flusso di metano.

MSD 5975 – Manuale operativo 107

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

AT T E NZ I O N E

Proseguendo con l’autocalibrazione CI se l’MSD ha una fuoriuscita d’aria o grandi quantità d’acqua si genererà una grave contaminazione della sorgente ionica. In tale evenienza, sarà necessario ventilare l’MSD e pulire la sorgente ionica.

Figura 29

Scansione degli ioni del reagente

Pre-calibrazione del metano dopo più di un giorno di degassamento

Si noti il basso valore di abbondanza di m/z 19 e l’assenza di qualsiasi picco visibile a m/z 32. L’MSD probabilmente mostrerà più acqua all’inizio, ma il valore di abbondanza di m/z 19 dovrà comunque essere inferiore al 50% di

m/z 17.

108 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Utilizzare altri gas reagenti

Questa sezione descrive l’utilizzo di isobutano o ammoniaca come gas reagente. Prima di cercare di utilizzare altri gas reagenti è necessario avere acquisito familiarità con l’MSD serie 5975 equipaggiato CI con il metano come gas reagente.

AT T E NZ I O N E

Non utilizzare l’ossido di diazoto come gas reagente perché riduce drasticamente la durata del filamento.

Se si cambia il gas reagente dal metano all’isobutano o all’ammoniaca si cambia anche la chimica del processo di ionizzazione e le rese dei vari ioni.

Nell’

Appendice A

, “Teoria della ionizzazione chimica” è fornita una

descrizione generale delle principali reazioni di ionizzazione chimica incontrate. Se non si ha esperienza di ionizzazione chimica si suggerisce di consultare quella parte prima di procedere.

AT T E NZ I O N E

Non tutte le operazioni di impostazione possono essere eseguite in tutte le modalità con tutti i gas reagenti. Per maggiori dettagli consultare la Tabella 18 .

MSD 5975 – Manuale operativo 109

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Tabella 18 Gas reagenti

Gas reagente/modalità

Metano/PCI

Metano/NCI

Isobutano/PCI

Isobutano/NCI

Ammoniaca/PCI

Ammoniaca/NCI

Masse degli ioni reagenti

17, 29, 41

39, 43, 57

18, 35, 52

*

17, 35, 235

17, 35, 235

17, 35, 235

PFDTD

Ioni calibranti

41, 267, 599

185, 351, 449

N/D

185, 351, 449

N/D

185, 351, 517

Flusso ioni reg.:

Rapporto

MSD EI/PCI/NCI

Pompa turbo ad alta efficienza

Flusso consigliato:

20% PCI

40% NCI

28/27: 1,5 – 5,0

N/D

57/43: 5,0 – 30,0

N/D

35/18: 0,1 – 1,0

N/D

* Non sono generati ioni PFDTD con nessun gas reagente che non sia il metano. Calibrare con il metano e utilizzare gli stessi parametri per l’altro gas.

† Non sono generati ioni negativi del gas reagente. Per eseguire la pre-calibrazione in modalità negativa, utilizzare gli ioni del rumore di fondo: 17 (OH-), 35 (Cl-) e 235 (ReO3-). Questi ioni non possono essere utilizzati pr la regolazione del flusso del gas reagente. Impostare il flusso al 40% per l’NCI ed effettuare le necessarie regolazioni per ottenere risultati accettabili per l’applicazione.

CI con isobutano

L’isobutano (C4H10) è comunemente utilizzato per la ionizzazione chimica quando si desidera una minore frammentazione nello spettro della ionizzazione chimica. Ciò è dovuto al fatto che l’affinità del protone dell’isobutano è superiore a quella del metano, di conseguenza viene trasferita meno energia nella reazione di ionizzazione.

L’aggiunta e il trasferimento del protone sono i meccanismi di ionizzazione associati più di frequente all’isobutano. Il campione stesso influisce sul meccanismo predominante.

110 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

CI con ammoniaca

L’ammoniaca (NH3) è comunemente utilizzata per la ionizzazione chimica quando si desidera una minore frammentazione nello spettro della ionizzazione chimica. Ciò è dovuto al fatto che l’affinità del protone dell’ammoniaca è superiore a quella del metano, di conseguenza viene trasferita meno energia nella reazione di ionizzazione.

Poiché molti composti di interesse presentano un’affinità di protone insufficiente, lo spettro della ionizzazione chimica con l’ammoniaca spesso si ottiene dall’aggiunta di NH4

+ e poi, in alcuni casi, dalla successiva perdita d’acqua. Lo spettro di ioni con il reagente ammoniaca hanno ioni principali a

m/z 18, 35 e 52, corrispondenti a NH4

+, NH

4(NH3)

+ e NH

4(NH3)2

+.

Per regolare l’MSD per la ionizzazione chimica con isobutano o ammoniaca, seguire questa procedura:

Procedura

1 Dalla vista Tune and Vacuum Control, eseguire un’autocalibrazione standard PCI con metano e PFDTD.

2 Dal menu Setup, scegliereCI Tune Wizard e quando il sistema lo richiede, selezionare Isobutane oppure Ammonia. Il menu verrà modificato in funzione del gas selezionato, quindi scegliere gli opportuni parametri di calibrazione predefiniti.

3 Selezionare Gas AB. Seguire le istruzioni e le richieste della procedura guidata, quindi impostare il flusso di gas al 20%.

Se si utilizza un file di calibrazione già esistente, assicurarsi di salvarlo con un nuovo nome se non si vogliono sovrascrivere i valori esistenti. Accettare la temperatura e le altre impostazioni predefinite.

4 Fare clic su Isobutane (o Ammonia) Flow Adjust nel menu Setup.

L’autocalibrazione CI per l’isobutano o l’ammoniaca non è disponibile nella PCI.

Se si desidera eseguire una NCI con isobutano o ammoniaca, caricare il file

NCICH4.U o un file di calibrazione NCI esistente per il gas specifico.

N O TA

Ricordarsi di leggere la seguente nota applicativa: Implementation of Ammonia

Reagent Gas for Chemical Ionization on the Agilent 5975 Series MSDs (5989-5170EN).

MSD 5975 – Manuale operativo 111

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

AT T E NZ I O N E

L’utilizzo dell’ammoniaca influisce sui requisiti di manutenzione dell’MSD. Per

maggiori informazioni Vedere “Manutenzione CI” a pagina 137.

AT T E NZ I O N E

La pressione dell’erogazione di ammoniaca deve essere inferiore a 5 psig. Pressioni più elevate possono provocare la condensazione dell’ammoniaca dallo stato gassoso allo stato liquido.

Mantenere sempre il serbatoio di ammoniaca in posizione verticale, sotto il livello del modulo di flusso. Avvolgere il tubo di erogazione dell’ammoniaca di alcuni giri verticali intorno ad una lattina o bottiglia. Così facendo, se vi è dell’ammoniaca liquida non potrà arrivare al modulo di flusso.

L’ammoniaca tende a consumare i fluidi e le guarnizioni della pompa a vuoto.

La CI con ammoniaca rende necessari interventi più frequenti di manutenzione del sistema (vedere il manuale 5975 Series MSD

Troubleshooting and Maintenance Manual).

AT T E NZ I O N E

Quando si utilizza l’ammoniaca per 5 o più ore al giorno è necessario introdurre aria nella pompa principale per almeno 1 ora al giorno per ridurre al minimo i danni alle guarnizioni della pompa. Spurgare sempre l’MSD con metano dopo aver utilizzato l’ammoniaca.

Nella CI si utilizza spesso come gas reagente una miscela composta dal 5% di ammoniaca e dal 95% di elio oppure dal 5% di ammoniaca e dal 95% di metano.

Questa miscela contiene abbastanza ammoniaca per ottenere una buona ionizzazione chimica riducendo al minimo gli effetti negativi.

CI con anidride carbonica

L’anidride carbonica è utilizzata spesso come gas reagente per la CI, in quanto presenta evidenti vantaggi in termini di disponibilità e sicurezza.

112 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Passare dalla sorgente CI alla sorgente EI

Procedura

1 Dalla vista Tune and Vacuum Control, ventilare l’MSD. Vedere a pagina 81

.

Il sistema richiederà di eseguire le opportune operazioni.

2 Aprire l’analizzatore.

3 Rimuovere la guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI. Vedere a pagina 141 .

4 Rimuovere la sorgente ionica CI. Vedere a pagina 140

.

5 Installare la sorgente ionica EI. Vedere a pagina 134

.

6 Collocare la sorgente ionica CI e la guarnizione di isolamento dell’interfaccia nella scatola di immagazzinaggio della sorgente ionica.

7 Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Vedere a pagina 90

.

8 Caricare il file di calibrazione EI.

AT T E NZ I O N E

Indossare sempre quanti puliti quando si tocca l’analizzatore o qualsiasi parte da inserire nella camera dell’analizzatore.

AT T E NZ I O N E

Le scariche elettrostatiche ai componenti dell’analizzatore sono condotte alla scheda secondaria dove possono danneggiare componenti sensibili. Indossare un bracciale antistatico per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche prima di aprire la

camera dell’analizzatore. Vedere a pagina 129

.

MSD 5975 – Manuale operativo 113

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Autocalibrazione CI

Dopo aver eseguito la regolazione del flusso del gas reagente, è necessario calibrare le lenti e l’elettronica dell’MSD ( Tabella 19 ). Il calibrante utilizzato è il perfluoro-5,8-dimethyl-3,6,9-trioxidodecane (PFDTD). Invece di riempire interamente la camera a vuoto, il PFDTD viene introdotto direttamente nella camera di ionizzazione attraverso l’interfaccia GC/MSD per mezzo del modulo di controllo del flusso di gas.

AT T E NZ I O N E

Dopo aver commutato la sorgente dalla modalità EI a CI o dopo aver effettuato la ventilazione per qualsiasi altro motivo, è necessario lasciar spurgare e degassare l’MSD per almeno 2 ore prima di eseguire la calibrazione. Si raccomanda di degassare più a lungo prima di analizzare campioni che richiedono la massima sensibilità.

Esiste un’autocalibrazione PCI solo per il metano, poiché nella modalità positiva non sono prodotti ioni PFDTD da altri gas. Gli ioni di PFDTD sono visibili nella modalità NCI per qualsiasi gas reagente. Eseguire sempre prima la calibrazione per PCI con metano, indipendentemente dalla modalità o dal gas reagente che si intende utilizzare per l’analisi.

Non vi sono criteri riguardanti le prestazioni della calibrazione, se l’autocalibrazione CI viene completata, significa che ha avuto esito positivo.

Tuttavia, un valore EMVolt (tensione dell’elettromoltiplicatore) pari o superiore a 2600 V, indica l’esistenza di un problema. Se il metodo richiede che l’EMVolt sia impostato a +400, è possibile che la sensibilità durante l’acquisizione dei dati non sia adeguata.

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al funzionamento CI. Vedere a

pagina 75 . Impostare sempre l’MSD CI in PCI prima, anche

se si intende eseguire l’NCI.

114 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Tabella 19 Impostazioni dei gas reagenti

Gas reagente

Polarità degli ioni

Emissione

Positiva

150

μA

150 eV Energia degli elettroni

Filamento

Repeller

EMVolt

Valvola di blocco

1

3 V

Focus ionico 130 V

Correzione lente di ingresso

20 V

1200

Aperta

Metano

Negativa

50

150 eV

1

3 V

μA

130 V

20 V

1400

Aperta

A

40%

Selezione gas A

Flusso consigliato

20%

Temp. sorgente 250 °C

Temp. quad 150 °C

Temp. interfaccia

280 °C

Autocalibrazione Sì

N/D Non disponibile

150 °C

150 °C

280 °C

Positiva

Isobutano

Negativa

150

μA

150 eV

1

3 V

130 V

20 V

1200

Aperta

B

20%

250 °C

150 °C

280 °C

No

50

μA

150 eV

1

3 V

130 V

20 V

1400

Aperta

B

40%

150 °C

150 °C

280 °C

B

20%

250 °C

150 °C

280 °C

No

Positiva

Ammoniaca

Negativa

150

μA

150 eV

50

μA

150 eV

1

3 V

130 V

20 V

1200

Aperta

1

3 V

130 V

20 V

1400

Aperta

B

40%

150 °C

150 °C

280 °C

Nessuna

N/D

230 °C

150 °C

280 °C

EI

N/D

35

μA

70 eV

1 o 2

30 V

90 V

25 V

1300

Chiusa

MSD 5975 – Manuale operativo 115

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Eseguire un’autocalibrazione PCI (solo metano)

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al funzionamento CI. Vedere a

pagina 75 . Impostare sempre l’MSD CI in PCI prima, anche

se si intende eseguire l’NCI.

Procedura

1 Verificare prima che l’MSD funzioni correttamente in modalità EI.

Vedere a pagina 75 .

2 Caricare il file di calibrazione PCICH4.U (o un file di calibrazione esistente per il gas reagente utilizzato).

Se si utilizza un file di calibrazione già esistente, assicurarsi di salvarlo con un nuovo nome se non si vogliono sovrascrivere i valori esistenti.

3 Accettare le impostazioni predefinite.

4 Eseguire l’impostazione con il metano. Vedere a pagina 107 .

5 Sotto il menu Tune, fare clic su CI Autotune.

AT T E NZ I O N E

Evitare di calibrare più spesso di quanto non sia strettamente necessario; in tal modo, è possibile ridurre al minimo il rumore di fondo del PFDTD ed evitare la contaminazione della sorgente ionica.

Non vi sono criteri riguardanti le prestazioni della calibrazione, se l’autocalibrazione viene completata, significa che ha avuto esito positivo

( Figura 30 ). Tuttavia, se la calibrazione imposta la tensione dell’elettromoltiplicatore (EMVolt) a o sopra 2600 V, potrebbe non essere possibile acquisire i dati correttamente se il metodo richiede di impostare il valore di EMVolt a “+400” o superiore.

Il report sull’autocalibrazione contiene informazioni relative all’aria e all’acqua presente nel sistema.

Il rapporto 19/29 indica l’abbondanza dell’acqua.

Il rapporto 32/29 indica l’abbondanza dell’ossigeno.

116 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Figura 30

Autocalibrazione PCI

MSD 5975 – Manuale operativo 117

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Eseguire un’autocalibrazione NCI (gas reagente metano)

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al

funzionamento CI. Vedere a pagina 75 . Impostare sempre l’MSD CI nella PCI utilizzando

prima il metano come gas reagente, anche se si intende utilizzare un altro gas reagente o passare alla modalità NCI.

Procedura

1 Dalla vista Tune and Vacuum Control, caricare il file NCICH4.U (o un file di calibrazione esistente per il gas reagente utilizzato).

2 Dal menu Setup, selezionare CI Tune Wizard e seguire le indicazioni.

Accettare la temperatura e le altre impostazioni predefinite.

Se si utilizza un file di calibrazione già esistente, assicurarsi di salvarlo con un nuovo nome se non si vogliono sovrascrivere i valori esistenti.

3 Sotto il menu Tune, fare clic su CI Autotune.

AT T E NZ I O N E

Evitare di calibrare se non è strettamente necessario; in tal modo, è possibile ridurre al minimo il rumore di fondo del PFDTD ed evitare la contaminazione della sorgente ionica.

Non vi sono criteri riguardanti le prestazioni della calibrazione, se l’autocalibrazione viene completata, significa che ha avuto esito positivo

( Figura 31 ). Tuttavia, se la calibrazione imposta la tensione dell’elettromoltiplicatore (EMVolt) a o sopra 2600 V, potrebbe non essere possibile acquisire i dati correttamente se il metodo richiede di impostare il valore di EMVolt a “+400” o superiore.

118 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Figura 31

Autocalibrazione NCI

MSD 5975 – Manuale operativo 119

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Verificare le prestazioni PCI

Materiali richiesti

Benzofenone, 100 pg/

μL (8500-5440)

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al

funzionamento CI. Vedere a pagina 75 . Impostare sempre l’MSD CI in PCI prima,

anche se si intende eseguire l’NCI.

Procedura

1 Verificare prima che l’MSD funzioni correttamente in modalità EI.

2 Verificare che sia caricato il file di calibrazione PCICH4.U.

3 Selezionare Gas A e impostare il flusso al 20%.

4 Nella vista Tune and Vacuum Control, eseguire la configurazione CI. Vedere a pagina 114 .

5 Eseguire l’autocalibrazione CI. Vedere a pagina 114 .

6 Eseguire il metodo di sensibilità PCI BENZ_PCI.M utilizzando 1 µL di 100 pg/µL benzofenone.

7 Verificare che il sistema sia conforme alle specifiche di sensibilità pubblicate. Le specifiche sono pubblicate nel sito Web di Agilent Web all’indirizzo www.agilent.com/chem.

120 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Verificare le prestazioni NCI

Questa procedura riguarda

solo gli MSD EI/PCI/NCI.

Materiali richiesti

Octafluoronaftalene (OFN), 100 fg/µL (5188-5347)

AT T E NZ I O N E

Verificare sempre le prestazioni dell’MSD in modalità EI prima di passare al

funzionamento CI. Vedere a pagina 75 . Impostare sempre l’MSD CI in PCI prima,

anche se si intende eseguire l’NCI.

Procedura

1 Verificare che l’MSD funzioni correttamente in modalità EI.

2 Caricare il file di calibrazione NCICH4.U, quindi accettare i valori di regolazione della temperatura.

3 Selezionare Gas A e impostare il flusso al 40%.

4 Nella vista Tune and Vacuum Control, eseguire l’autocalibrazione CI. Vedere a pagina 118 .

Si osservi che non esistono criteri per eseguire con successo l’autocalibrazione nella CI, se l’autocalibrazione viene completata, significa che ha avuto esito positivo.

5 Eseguire il metodo di sensibilità NCI: OFN_NCI.M utilizzando 2 µL di 100 fg/µL OFN.

6 Verificare che il sistema sia conforme alle specifiche di sensibilità pubblicate. Le specifiche sono pubblicate nel sito Web di Agilent Web all’indirizzo www.agilent.com/chem.

MSD 5975 – Manuale operativo 121

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

Monitorare la pressione del vuoto spinto

AV V E R T E N Z A

Se si utilizza l’idrogeno come gas di trasporto, non attivare il misuratore di vuoto

Micro-Ion se vi è la possibilità che l’idrogeno si sia accumulato nel collettore.

Leggere la sezione

“Sicurezza dell’idrogeno” a pagina 19 prima di far funzionare

l’MSD utilizzando l’idrogeno come gas di trasporto.

Procedura

1 Avviare e mettere a vuoto l’MSD. Vedere a pagina 101 .

2 Nella vista Tune and Vacuum Control, selezionare Turn Vacuum Gauge on/off dal menu Vacuum.

3 Nella vista Instrument Control è possibile impostare un monitor MS per la lettura. È possibile leggere il vuoto spinto anche sull’LCP o dalla schermata

Manual Tune.

Il controller del misuratore non si attiverà se la pressione nell’MSD è all’incirca superiore a 8

× 10

-3

Torr. Il controller del misuratore è calibrato per l’azoto, ma tutte le pressioni elencate in questo manuale si riferiscono all’elio.

La massima influenza sulla pressione operativa è data dal flusso del gas di trasporto (colonna). Nella Tabella 20 sono elencate le pressioni tipiche di vari flussi del gas di trasporto elio. Le pressioni sono approssimative e variano da strumento e strumento.

122 MSD 5975 – Manuale operativo

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

4

Valori tipici della pressione

Utilizzare il misuratore di vuoto Micro-Ion G3397A. Si noti che il controller del flusso di massa è calibrato per il metano e che il misuratore di vuoto è calibrato per l’azoto, perciò i valori riportati non sono esatti, ma solo indicativi dei valori tipici ( Tabella 20 ). Sono stati rilevati in presenza delle seguenti condizioni. Si noti che quelle riportate sono le tipiche temperature PCI:

Temperatura sorgente

Temperatura del quad

Temperatura dell’interfaccia

Flusso del gas di trasporto elio

250 °C

150 °C

280 °C

1 mL/min

20

25

30

35

40

MFC

(%)

10

15

Tabella 20 Valori di flusso e pressione

Pressione (Torr)

Metano

MSD EI/PCI/NCI (Pompa turbo ad alta efficienza)

5,5

× 10 –5

8,0

× 10 –5

1,0

× 10 –4

1,2

× 10 –4

1,5

× 10 –4

2,0

× 10 –4

2,5

× 10 –4

Ammoniaca

MSD EI/PCI/NCI (Pompa turbo ad alta efficienza)

5,0

×

10

–5

7,0

×

10

–5

8,5

×

10

–5

1,0

×

10

–4

1,2

×

10

–4

1,5

×

10

–4

2,0

×

10

–4

Acquisire dimestichezza con i valori riportati sul

proprio sistema in condizioni operative e fare attenzione alle

variazioni che potrebbero indicare un problema relativo al vuoto o al flusso di gas. I valori possono variare anche del 30% a seconda del MSD e controller del misuratore utilizzati.

MSD 5975 – Manuale operativo 123

4

Funzionamento in modalità CI (a ionizzazione chimica)

124 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

5

Manutenzione generale

Prima di iniziare 126

Manutenzione del sistema a vuoto 131

Agilent Technologies 125

5

Manutenzione generale

Prima di iniziare

È possibile eseguire autonomamente la maggior parte delle operazioni di manutenzione richieste dall’MSD. Per tutelare la propria sicurezza è opportuno leggere tutte le informazioni riportate in questa introduzione prima di eseguire qualsiasi intervento di manutenzione.

Piano di manutenzione

Gli interventi di manutenzione più comuni sono elencati nella Tabella 21 . L’esecuzione di questi interventi rispettando la pianificazione contribuisce a ridurre i problemi operativi, prolungare la vita del sistema e diminuire i costi operativi complessivi.

Prendere nota delle operazioni effettuate relative alle prestazioni del sistema (report di calibrazione) e alla manutenzione. In tal modo, sarà più facile individuare eventuali variazioni rispetto al normale funzionamento e adottare le opportune contromisure.

Tabella 21 Piano di manutenzione

Operazione

Calibrare l'MSD

Controllare il livello dell’olio della pompa principale

Controllare le fiale di calibrazione

Sostituire l’olio della pompa principale

*

Sostituire il fluido della pompa a diffusione

Controllare la pompa principale a secco

Pulire la sorgente ionica

Controllare le trappole del gas di trasporto nel

GC e nell’MSD

Sostituire le parti usurate

Lubrificare le guarnizioni O-ring della piastra laterale o della valvola di ventilazione

Sostituire la fornitura del gas reagente CI

Sostituire le forniture del gas del GC

Ogni settimana

X

Ogni 6 mesi

X

X

Ogni anno

X

Se necessario

X

X

X

X

X

X

X

X

* Ogni 3 mesi per gli MSD CI che utilizzano l’ammoniaca come gas reagente.

† Le guarnizioni del sistema a vuoto che non siano gli O-ring della piastra laterale e della valvola di ventilazione non richiedono lubrificazione. Se lubrificate, potrebbero non funzionare più correttamente.

126 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione generale

5

Strumenti, parti di ricambio e forniture

Alcuni degli strumenti, delle parti di ricambio e delle forniture richieste si trovano nel kit fornito con il GC, con l’MSD o nel kit di strumenti dell’MSD. Il resto, deve essere procurato a parte. Ogni procedura di manutenzione comprende un elenco dei materiali richiesti per eseguirla.

Precauzioni per l’alta tensione

Ogni volta che si collega l’MSD alla corrente, anche se l’interruttore di alimentazione è spento, è presente tensione potenzialmente pericolosa (120 V

CA o 200/240 V CA) su:

Il cablaggio e i fusibili tra l’ingresso del cavo di alimentazione nello strumento e l’interruttore di alimentazione

Quando il pulsante di alimentazione è acceso, sono presenti tensioni potenzialmente pericolose anche su:

Le schede dei circuiti elettronici

Il trasformatore toroidale

Fili e cavi che collegano queste schede

Fili e cavi che collegano queste schede e i connettori sul pannello posteriore dell’MSD

Alcuni connettori sul pannello posteriore (ad esempio, la presa d’ingresso dell’alimentazione principale)

Normalmente, tutte queste parti sono schermate da pannelli di sicurezza.

Quando i pannelli di sicurezza sono posizionati correttamente, dovrebbe essere difficile venire accidentalmente in contatto con tensioni pericolose.

AV V E R T E N Z A

Non eseguire interventi di manutenzione con l’MSD acceso o collegato alla presa di corrente se non espressamente richiesto da una procedura descritta in questo capitolo.

Alcune procedure descritte in questo capitolo richiedono di accedere all’interno dell’MSD mentre l’alimentatore è acceso. Non rimuovere nessuno dei pannelli di sicurezza dei componenti elettronici durante quese procedure.

Per ridurre il rischio di scossa elettrica, seguire attentamente le procedure.

MSD 5975 – Manuale operativo 127

5

Manutenzione generale

Temperature pericolose

Molte parti dell’MSD funzionano a, o raggiungono, temperature elevate che possono causare gravi ustioni. Tra queste parti vi sono:

interfaccia GC/MSD

le parti dell’analizzatore

le pompe a vuoto

AV V E R T E N Z A

Non toccare mai queste parti mentre l’MSD è acceso. Una volta spento l’MSD, attendere che le parti si siano raffreddate prima di toccarle.

AV V E R T E N Z A

Il riscaldatore dell’interfaccia GC/MSD è alimentato da una zona termica del GC. Il riscaldatore dell'interfaccia può rimanere acceso e raggiungere una temperatura pericolosamente elevata anche se l'MSD è spento. L’interfaccia GC/MSD è ben isolata e anche dopo essere stata spenta si raffredda molto lentamente.

AV V E R T E N Z A

La pompa principale può causare ustioni se viene toccata mentre è in funzione, per questo motivo è dotata di una protezione che impedisce all’utente di toccarla.

Anche gli iniettori e il forno GC funzionano a temperature molto elevate. Avere le stesse precauzioni nell’avvicinarsi a queste parti. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione fornita con il GC.

Residui chimici

Soltanto una piccola parte del campione è ionizzato dalla sorgente ionica. La maggior parte di qualsiasi campione passa attraverso la sorgente ionica senza essere ionizzato e viene pompato via dal sistema a vuoto. Di conseguenza, lo scarico della pompa principale contiene tracce del gas di trasporto e dei campioni. Lo scarico dalla pompa principale standard contiene anche piccole gocce di olio della pompa.

128 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione generale

5

Con la pompa principale standard viene fornito anche un separatore dell’olio. Il separatore ferma

soltanto le gocce d’olio della pompa, ma non trattiene nessun’altra sostanza chimica. Non utilizzare il separatore dell’olio se si utilizzano solventi tossici o si analizzano sostanze chimiche tossiche. Per tutte le pompe principali installare un tubo di raccordo che porti gli scarichi della pompa all’esterno o in una cappa aspirante con scarico esterno. Per la pompa principale standard ciò richiede la rimozione del separatore dell’olio. Accertarsi di operare in modo conforme alle normative locali sulla qualità dell’aria.

AV V E R T E N Z A

Il separatore dell’olio fornito con la pompa standard ferma soltanto l’olio della pompa, non trattiene né filtra le sostanze chimiche tossiche. Rimuovere il separatore dell’olio se si utilizzano solventi tossici o si analizzano sostanze chimiche tossiche. Non utilizzare il separatore se si ha un MSD CI. Installare un tubo di raccordo per dirigere gli scarichi della pompa principale all’esterno o in una cappa aspirante.

I fluidi presenti nella pompa a diffusione e nella pompa principale standard raccolgono anche tracce dei campioni analizzati. Tutti i fluidi della pompa utilizzati devono essere considerati pericolosi e, come tali, opportunamente maneggiati. Smaltire correttamente i fluidi utilizzati, come previsto dalle normative locali.

AV V E R T E N Z A

Utilizzare guanti resistenti ai prodotti chimici e occhiali protettivi quando si sostituisce il fluido della pompa. Evitare qualsiasi contatto con il fluido.

Scarica elettrostatica

Tutte le schede dei circuiti stampati nell’MSD contengono componenti che possono essere danneggiati dalle scariche elettrostatiche (ESD). Non maneggiare né toccare le schede dei circuiti se non è strettamente necessario.

Inoltre, fili, contatti e cavi possono condurre scariche elettrostatiche alle schede elettroniche alle quali sono connessi. Ciò vale soprattutto per i contatti del filtro di massa (quadrupolo) che possono condurre scariche elettrostatiche a componenti sensibili della scheda secondaria. I danni derivanti dall’elettricità statica possono non causare un guasto immediato, ma ripercuotersi negativamente sulle prestazioni e sulla stabilità dell’MSD in modo graduale.

MSD 5975 – Manuale operativo 129

5

Manutenzione generale

Quando si lavora sulle o vicino alle schede dei circuiti stampati o quando si lavora su componenti con fili, contatti o cavi connessi ad esse, indossare sempre un bracciale antistatico per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche. Il bracciale antistatico deve essere collegato a una presa per scariche elettrostatiche. Se ciò non fosse possibile, collegarlo a un componente conduttore (metallico) del pezzo su cui si sta lavorando, ma

non

a componenti elettronici, fili esposti o tracce, né pin dei connettori.

Adottare precauzioni supplementari, come un tappetino antistatico con messa a terra, se si deve lavorare su componenti o unità che sono state rimosse dall’MSD, ad esempio, sull’analizzatore.

AT T E NZ I O N E

Il bracciale antistatico, per essere efficace, deve essere aderente (non troppo stretto).

Un bracciale allentato protegge poco o non protegge affatto.

Le misure antistatiche non sono efficaci al 100%. Evitare quanto più possibile di maneggiare le schede dei circuiti elettronici e prenderle soltanto per le estremità. Non toccare mai componenti, tracce esposte o pin dei connettori e dei cavi.

130 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione generale

5

Manutenzione del sistema a vuoto

Manutenzione periodica

Come già riportato nella Tabella 21 , alcuni interventi di manutenzione del sistema a vuoto devono essere effettuati periodicamente. Essi includono:

Controllo del fluido della pompa principale (ogni settimana)

Controllo della/e fiala/e di calibrazione (ogni 6 mesi)

Introduzione di aria nella pompa principale (tutti i giorni negli MSD che utilizzano l’ammoniaca come gas reagente)

Sostituzione dell’olio della pompa principale (ogni 6 mesi; ogni 3 mesi per gli MSD CI che utilizzano l’ammoniaca come gas reagente)

Serraggio delle viti della scatola dell’olio della pompa principale (primo cambio d’olio dopo l’installazione)

Sostituzione del fluido della pompa a diffusione (una volta all’anno)

Sostituzione della pompa principale a secco (normalmente ogni 3 anni)

La mancata esecuzione di questi interventi secondo la pianificazione può peggiorare le prestazioni dello strumento ed anche danneggiarlo.

Altre procedure

Interventi quali la sostituzione del misuratore di vuoto della pompa principale o di un misuratore di vuoto Micro-Ion devono essere eseguiti soltanto all’occorrenza. Vedere il manuale 5975 Series MSD Troubleshooting and

Maintenance e la Guida in linea del software ChemStation MSD per i sintomi che indicano la necessità di questo tipo di intervento.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni sulle posizioni o funzioni dei componenti del sistema a vuoto, consultare il manuale 5975 Series MSD Troubleshooting and

Maintenance.

MSD 5975 – Manuale operativo 131

5

Manutenzione generale

Per rimuovere la sorgente ionica EI

Materiali richiesti

Guanti, puliti e che non si sfilacciano

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Pinzette a becco lungo (8710-1094)

›

Procedura

1 Ventilare l’MSD. Vedere a pagina 81 .

2 Aprire la camera dell’analizzatore Vedere a pagina 83 .

Accertarsi di aver indossato un bracciale antistatico e di aver presto altre misure antistatiche prima di toccare i componenti dell’analizzatore.

3 Scollegare i sette fili dalla sorgente ionica. Non piegare i fili più del necessario ( Figura 32 e Tabella 22 ).

Tabella 22 Fili della sorgente ionica

Si connette a Numero di fili Colore del filo

Blu

Arancione

Bianco

Rosso

Nero

Lente di ingresso 1

Focus ionico 1

Filamento 1

(filamento in alto)

Repeller

2

1

Filamento 2

(filamento in basso)

2

AT T E NZ I O N E

Tirare i connettori, non i fili.

132 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione generale

5

4 Individuare i fili del riscaldatore e del sensore della temperatura della sorgente ionica che vanno alla scheda passante e scollegarli là.

5 Rimuovere le viti che tengono in posizione la sorgente ionica.

6 Estrarre la sorgente ionica dal radiatore della sorgente.

AV V E R T E N Z A

Le temperature operative dell’analizzatore sono elevate. Non toccare nessun componente finché non si è certi che sia freddo.

Scheda passante della sorgente

Sorgente ionica

Viti

Fili del riscaldatore e del sensore della temperatura della sorgente

Radiatore della sorgente

Figura 32

Rimozione della sorgente ionica

MSD 5975 – Manuale operativo 133

5

Manutenzione generale

Per riassemblare la sorgente ionica EI

›

Materiali richiesti

Guanti, puliti e che non si sfilacciano

Grandi (8650-0030)

Piccoli (8650-0029)

Pinzette a becco lungo (8710-1094)

Procedura

1 Far scorrere la sorgente ionica nel radiatore ( Figura 33 ).

2 Installare e stringere manualmente le viti della sorgente, senza esercitare eccessiva forza.

3 Collegare i fili della sorgente ionica come descritto nella sezione “Chiudere la camera dell’analizzatore” a pagina 86. Chiudere la camera dell’analizzatore.

134 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione generale

5

4 Eseguire la procedura di messa a vuoto dell’MSD. Vedere a pagina 90

.

Sorgente ionica

Viti

Radiatore della sorgente

Figura 33

Installazione della sorgente ionica EI

MSD 5975 – Manuale operativo 135

5

Manutenzione generale

136 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

6

Manutenzione CI

Informazioni generali 138

Pulizia della sorgente ionica 138

Ammoniaca 138

Impostare l’MSD per il funzionamento CI 139

Indicazioni 139

Per installare la sorgente ionica CI 140

Per installare la guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI 141

Questo capitolo descrive le procedure e i requisiti di manutenzione che riguardano esclusivamente gli MSD serie 5975 dotati di hardware per la ionizzazione chimica (CI).

Agilent Technologies 137

6

Manutenzione CI

Informazioni generali

Pulizia della sorgente ionica

L’effetto principale che il funzionamento in modalità CI ha sull’MSD è la necessità di una più frequente pulizia della sorgente ionica. Nel funzionamento CI la camera della sorgente ionica si contamina più rapidamente rispetto al funzionamento EI, poiché la ionizzazione chimica richiede pressioni più elevate della sorgente.

AV V E R T E N Z A

Eseguire sempre le procedure di manutenzione che utilizzano solventi pericolosi sotto una cappa aspirante. Accertarsi di far funzionare l’MSD in una stanza ben aerata.

Ammoniaca

L’ammoniaca, utilizzata come gas reagente, aumenta la necessità di manutenzione della pompa principale. Con l’ammoniaca l’olio della pompa principale si esaurisce più rapidamente. Pertanto, l’olio della pompa a vuoto principale standard deve essere controllato e sostituito con maggior frequenza.

Spurgare sempre l’MSD con metano dopo aver utilizzato l’ammoniaca.

Accertarsi di installare l’ammoniaca in modo che il serbatoio sia in posizione verticale. Questo accorgimento evita che l’ammoniaca liquida scorra nel modulo di flusso.

138 MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione CI

6

Impostare l’MSD per il funzionamento CI

L’impostazione dell’MSD per il funzionamento in modalità CI richiede particolare attenzione per evitare contaminazioni e fuoriuscite d’aria.

Indicazioni

Prima di ventilare in modalità EI, verificare che il sistema GC/MSD funzioni

correttamente. Vedere “Verificare le prestazioni del sistema” a pagina 75.

Verificare che i tubi dell’iniettore del gas reagente siano dotati di purificatori del gas (non applicabili per l’ammoniaca).

Utilizzare gas reagenti purissimi, almeno al 99,99% per il metano e quanto più puri possibile per gli altri gas.

MSD 5975 – Manuale operativo 139

6

Manutenzione CI

Per installare la sorgente ionica CI

AT T E NZ I O N E

Le scariche elettrostatiche ai componenti dell’analizzatore sono condotte alla scheda secondaria dove possono danneggiare componenti sensibili. Indossare un bracciale antistatico per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche prima di aprire la camera dell’analizzatore.

›

Procedura

1 Ventilare l’MSD ed aprire la camera dell’analizzatore. Vedere a pagina 81 .

2 Rimuovere la sorgente ionica EI. Vedere a pagina 132

.

3 Rimuovere la sorgente ionica CI dalla scatola di immagazzinaggio ed inserirla nel radiatore della sorgente ionica.

4 Reinstallare le viti ( Figura 34 ).

5 Collegare i fili come descritto nella sezione “Chiudere la camera dell’analizzatore” a pagina 86.

140

Sorgente ionica

Viti

Radiatore della sorgente

Figura 34

Installazione della sorgente ionica CI

MSD 5975 – Manuale operativo

Manutenzione CI

6

Per installare la guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI

Materiali richiesti

Guarnizione di isolamento dell’interfaccia (G1099-60412)

Per il funziomento CI è necessario che sia installata la guarnizione di isolamento dell’interfaccia, in quanto si deve raggiungere un’adeguata pressione della sorgente ionica.

AT T E NZ I O N E

Le scariche elettrostatiche ai componenti dell’analizzatore sono condotte alla scheda secondaria dove possono danneggiare componenti sensibili. Indossare un bracciale antistatico per la messa a terra e adottare altre misure antistatiche prima di aprire la camera dell’analizzatore.

›

Procedura

1 Rimuovere la guarnizione dalla scatola di immagazzinaggio della sorgente ionica.

2 Verificare che la sorgente ionica CI sia installata.

3 Posizionare la guarnizione sopra l’estremità dell’interfaccia. Per rimuovere la guarnizione, ripetere la procedura in senso inverso.

4 Controllare

con delicatezza l’allineamento dell’analizzatore e dell’interfaccia.

Quando è correttamente allineato, l’analizzatore può essere chiuso completamente senza incontrare nessun’altra resistenza che la tensione della molla della guarnizione di isolamento dell’interfaccia.

AT T E NZ I O N E

Forzando la chiusura dell’analizzatore se l’allineamento non è corretto si danneggerà la guarnizione o l’interfaccia o la sorgente ionica oppure si impedirà l’isolamento della piastra laterale.

5 È possibile allineare l’analizzatore e l’interfaccia muovendo la piastra laterale sul cardine. Se l’analizzatore non si chiude ancora, contattare il servizio di assistenza Agilent Technologies.

MSD 5975 – Manuale operativo 141

6

Manutenzione CI

142 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent 5975 MSD

Manuale operativo

A

Teoria della ionizzazione chimica

Panoramica sulla ionizzazione chimica 144

Teoria della CI positiva 146

Teoria della CI negativa 153

Agilent Technologies 143

A

Teoria della ionizzazione chimica

Panoramica sulla ionizzazione chimica

La ionizzazione chimica (CI) è una tecnica per creare gli ioni utilizzata nelle analisi effettuate con la spettrometria di massa. Vi sono differenze significative tra la ionizzazione chimica e la ionizzazione a impatto (EI).

Questa sezione descrive i meccanismi più comuni della ionizzazione chimica.

Nella EI, elettroni con energia relativamente elevata (70 eV) entrano in collisione con le molecole del campione da analizzare. Tali collisioni producono (principalmente) ioni positivi. Con la ionizzazione, le molecole di una determinata sostanza si frammentano secondo schemi abbastanza prevedibili. La EI è un processo diretto; l’energia viene trasferita per impatto dagli elettroni alle molecole del campione.

Per la CI, oltre al campione e al gas di trasporto, nella camera di ionizzazione sono introdotte grandi quantità di gas reagente. Data la presenza di una quantità di gas reagente così superiore al campione, la maggior parte degli elettroni emessi entra in collisione con le molecole del gas reagente, formando ioni del reagente. Questi ioni reagiscono tra loro in processi di reazione primari e secondari che stabiliscono un equilibrio e reagiscono anche in vari modi con le molecole del campione formando gli ioni del campione. La formazione degli ioni CI comporta molta meno energia ed è molto più

“delicata” rispetto alla ionizzazione a impatto. Poiché la CI genera una frammentazione molto inferiore, gli spettri CI solitamente mostrano un’elevata abbondanza dello ione molecolare. Per questa ragione, la CI viene spesso utilizzata per determinare i pesi molecolari dei composti campione.

Il metano è il più comune gas reagente per la CI. Presenta schemi di ionizzazione con determinate caratteristiche. Altri gas reagenti presentano altri schemi e possono offrire maggiore sensibilità per determinati campioni. I gas reagenti alternativi più comuni sono l’isobutano e l’ammoniaca. L’anidride carbonica viene utilizzata spesso nella ionizzazione chimica negativa. Altri gas reagenti meno comuni sono l’anidride carbonica, l’idrogeno, il freon, il trimetilsilano, l’ossido di azoto e la metilammina. Con ciascun gas reagente si ha una reazione di ionizzazione differente.

AV V E R T E N Z A

L’ammoniaca è tossica e corrosiva. L’utilizzo dell’ammoniaca richiede manutenzione e misure di sicurezza speciali.

144 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

La contaminazione con acqua nei gas reagenti riduce drasticamente la sensibilità della CI. Un grande picco a

m/z 19 (H30

+) nella CI positiva indica contaminazione con acqua. In concentrazioni sufficientemente elevate, soprattutto se associata al calibrante, la contaminazione con acqua ha come conseguenza una grave contaminazione della sorgente ionica. La contaminazione con acqua è la più comune subito dopo aver connesso nuovi tubi o cilindri di un gas reagente. Questo tipo di contaminazione spesso diminuisce se si lascia fluire il gas reagente per alcune ore, spurgando il sistema.

Riferimenti sulla ionizzazione chimica

A. G. Harrison, Chemical Ionization Mass Spectrometry, 2nd Edition, CRC

Press, INC. Boca Raton, FL (1992) ISBN 0-8493-4254-6.

W. B. Knighton, L. J. Sears, E. P. Grimsrud, “High Pressure Electron Capture

Mass Spectrometry”, Mass Spectrometry Reviews (1996), 14, 327-343.

E. A. Stemmler, R. A. Hites, Electron Capture Negative Ion Mass Spectra of

Environmental Contaminants and Related Compounds, VCH Publishers,

New York, NY (1988) ISBN 0-89573-708-6.

MSD 5975 – Manuale operativo 145

A

Teoria della ionizzazione chimica

Teoria della CI positiva

La CI positiva (PCI) si esegue con le stesse polarità di tensione dell’analizzatore della ionizzazione a impatto (EI). Per la PCI, il gas reagente è ionizzato mediante collisione con gli elettroni emessi. Gli ioni del gas reagente reagiscono chimicamente con le molecole del campione (come donatori di protoni) per formare gli ioni del campione. La formazione di ioni mediante

PCI è più “delicata” rispetto alla ionizzazione a impatto, in quanto produce minor frammentazione. Questa reazione solitamente genera elevata abbondanza dello ione molecolare e per questo motivo viene utilizzata spesso per determinare il peso molecolare dei campioni.

Il gas reagente più comune è il metano. La PCI con metano produce ioni quasi con qualsiasi molecola di campione. Altri gas reagenti, quali l’isobutano o l’ammoniaca, sono più selettive e causano una frammentazione ancora minore. A causa dell’elevato rumore di fondo derivante dagli ioni del gas reagente, la PCI non è particolarmente sensibile e i limiti di rivelazione sono piuttosto alti.

Durante la ionizzazione chimica positiva hanno luogo quattro processi di ionizzazione fondamentali con pressioni della sorgente ionica comprese tra 0,8 e 2,0 Torr. Essi sono:

Trasferimento di protoni

Estrazione dell’idruro

Addizione

Scambio di carica

In funzione del gas reagente utilizzato, è possibile utilizzare uno o più di questi quattro processi per spiegare i prodotti della ionizzazione osservati negli spettri di massa ottenuti.

Nella Figura 35 sono illustrati gli spettri di metile stearato ottenuti con EI, PCI con metano e PCI con ammoniaca. Il semplice schema di frammentazione, la grande abbondanza dello ione [MH]+ e la presenza dei due ioni addotti sono tipici della ionizzazione chimica con il metano come gas reagente.

La presenza di aria o di acqua nel sistema, soprattutto con il PFDTD come calibrante, contamina rapidamente la sorgente ionica.

146 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Figura 35

Metile stearato (MW = 298): EI, PCI con metano e PCI con ammoniaca

MSD 5975 – Manuale operativo 147

A

Teoria della ionizzazione chimica

Trasferimento di protoni

Il trasferimento di protoni si può esprimere come

BH+ + M

→ MH+ + B dove il gas reagente B ha subito la ionizzazione dando luogo alla protonazione.

Se l’affinità protonica dell’analita (campione) M è maggiore di quella del gas reagente, il gas reagente protonato trasferirà i suoi protoni all’analita formando uno ione analita a carica positiva.

L’esempio utilizzato più spesso è il trasferimento di protoni dal CH

5

+ all’analita molecolare, che produce lo ione molecolare protonato MH+.

Le affinità protoniche relative del gas reagente e dell’analita governano la reazione di trasferimento dei protoni. Se l’analita ha un’affinità protonica superiore a quella del gas reagente, può aver luogo il trasferimento di protoni.

Il metano (CH

4

) è il gas reagente più comune perché la sua affinità protonica è molto bassa.

Le affinità protoniche si possono definire in base alla reazione:

B + H+

→ BH+ dove le affinità protoniche sono espresse in kcal/mole. L’affinità protonica del metano è 127 kcal/mole. Nelle tabelle 23 e 24 sono elencate le affinità protoniche di diversi gas reagenti possibili e di diversi piccoli composti organici con vari gruppi funzionali.

Lo spettro di massa generato dalla reazione di trasferimento di protoni dipende da diversi criteri. Se la differenza nelle affinità protoniche è grande

(come nel caso del metano), potrebbe esserci un eccesso rilevante di energia nello ione molecolare protonato, con una conseguente possibile frammentazione. Per questa ragione, per alcune analisi, si può preferire al metano l’isobutano che ha affinità protonica pari a 195 kcal/mole.

L’ammoniaca ha un’affinità protonica di 207 kcal/mole, perciò è meno probabile che possa protonare la maggior parte degli analiti. Solitamente, la ionizzazione chimica con trasferimento di protoni è considerata di tipo “soft”, ma il grado di delicatezza dipende dall’affinità protonica sia dell’analita che del gas reagente, oltre che da altri fattori tra i quali la temperatura della sorgente ionica.

148 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Tabella 23 Affinità protonica del gas reagente

Specie Affinità protonica kcal/mole

H

2

100

CH

4

127

160 C

2

H

4

H

2

O 165

170 H

2

S

CH

3

OH t-C

4

H

10

NH

3

182

195

207

Ione reagente formato

H

3

+ (m/z 3)

CH5

+ (m/z 17)

C2H5

+ (m/z 29)

H

3

O+ (m/z 19)

H

3

S+ (m/z 35)

CH

3

OH

2

+ (m/z 33) t-C

4

H

9

+ (m/z 57)

NH

4

+ (m/z 18)

Tabella 24 Affinità protoniche dei composti organici selezionati per la PCI

Molecola

Acetaldeide

Acido acetico

Acetone

Benzene

2-Butanolo

Ciclopropano

Dimetiletere

Etano

Etilformiato

Acido formico

Acido bromidrico

Acido cloridrico

190

121

198

175

140

141

202

178

197

179

Affinità protonica

(kcal/mole)

185

188

Molecola

Metilammina

Cloruro di metile

Acetonitrile

Solfuro di metile

Metilciclopropano

Nitroetano

Nitrometano

n-propil acetato

Propilene

Toluene

trans-2-butene 180

Acido trifluoroacetico 167

180

207

179

187

186

185

180

185

Affinità protonica

(kcal/mole)

211

165

MSD 5975 – Manuale operativo 149

A

Teoria della ionizzazione chimica

Tabella 24 Affinità protoniche dei composti organici selezionati per la PCI (segue)

Molecola Molecola Affinità protonica

(kcal/mole)

Alcool isopropilico 190

Metanolo 182

Xilene

Affinità protonica

(kcal/mole)

187

150 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Estrazione dell’idruro

Nella formazione degli ioni reagenti si possono formare vari ioni reagenti che presentano elevati affinità con lo ione idruro (H–). Se l’affinità con lo ione idruro di uno ione reagente è superiore all’affinità con lo ione idruro dello ione formato dalla perdita di H– dell’analita, allora le leggi della termodinamica sono favorevole a questo processo di ionizzazione chimica. Gli esempi includono l’estrazione dell’idruro degli alcani nella ionizzazione chimica con metano. Nella CI con metano, sia CH

5

+ e C

2

H

5

+ sono in grado di realizzare l’estrazione dell’idruro. Queste specie presentano grandi affinità con lo ione idruro, il che genera la perdita di H– per gli alcani a catena lunga, secondo la reazione generale

R+ + M

→ [M–H]+ + RH

Per il metano, R+ è CH

CH

5

5

+ e C

2

H

5

+, ed M è un alcano a catena lunga. Nel caso di

+, la reazione procede formando [M–H]+ + CH

4

+ H

2

. Gli spettri che si ottengono dall’estrazione dell’idruro mostreranno un picco M–1 m/z risultante dalla perdita di H

. La reazione è esotermica perciò si osserva spesso la frammentazione dello ione [M–H]

+

.

Spesso nello spettro del campione può essere evidente la ionizzazione sia con estrazione dell’idruro che con trasferimento di protoni. Esemplificativo è lo spettro della CI con metano di esteri di metile a catena lunga, dove ha luogo sia l’estrazione dell’idruro dalla catena di idrocarburi che il trasferimento di protoni alla funzione estere. Nello spettro del metile stearato della PCI con metano, ad esempio, il picco MH

+

a m/z 299 è creato dal trasferimento di protoni e il picco [M–1]

+

a m/z 297 è creato dall’estrazione dell’idruro.

Addizione

Per molti analiti le reazioni della ionizzazione chimica di trasferimento di protoni ed estrazione dell’idruro non sono termodinamicamente favoriti. In questi casi, gli ioni del gas reagente sono spesso sufficientemente reattivi per combinarsi con le molecole dell’analita per condensazione o associazione

(reazioni di addizione). Gli ioni risultanti vengono definiti ioni addotti. Gli ioni addotti si osservano nella ionizzazione chimica con metano in presenza di ioni di [M+C

2

H

5

]+ e di [M+C

3

H

5

]+, che generano picchi di massa M+29 e M+41 m/z.

Le reazioni di addizione sono particolarmente importanti nella CI con ammoniaca. Infatti, poiché l’NH

3

ha un’elevata affinità protonica, sono pochi i composti organici soggetti a trasferimento di protoni con il gas reagente ammoniaca. Nella CI con ammoniaca, in seguito ad una serie di reazioni della

MSD 5975 – Manuale operativo 151

A

Teoria della ionizzazione chimica

molecola ionica, si ha la formazione di NH particulare, lo ione di ammonio NH

4

4

+, [NH

4

NH

3

]+ e [NH

4

(NH

3

)

2

]+. In

+ darà origine ad uno ione intenso

[M+NH

4

]+ che si osserva a M+18 m/z, per condensazione o associazione. Se questo ione risultante è instabile, si potrà osservare una successiva frammentazione. È un fenomeno comune anche la perdita neutra di H

2

O o di

NH

3

, che si osserva come conseguente perdita di 18 o 17 m/z, rispettivamente.

Scambio di carica

La ionizzazione con scambio di carica si può descrivere con la reazione:

X+

·

+ M

→ M+

·

+ X dove X+ è il gas reagente ionizzato ed M è l’analita d’interesse. Tra gli esempi di gas reagenti utilizzati per la ionizzazione con scambio di carica vi sono i gas nobili (elio, neon, argon, cripton, xenon e radon), l’azoto, l’anidride carbonica, il monossido di carbonio, l’idrogeno ed altri gas che non reagiscono

“chimicamente” con l’analita. Ciascuno di questi gas reagenti, una volta ionizzato, ha un’energia di ricombinazione che si esprime come:

X+

·

+ e–

→ X o semplicemente la ricombinazione del reagente ionizzato con un elettrone per formare una specie neutra. Se questa energia è maggiore dell’energia richiesta per rimuovere un elettrone dall’analita, la prima reazione sopra indicata è esotermica e termodinamicamente possibile.

La ionizzazione chimica con scambio di carica non è ampiamente utilizzata per le applicazioni analitiche generiche. Tuttavia, può essere utilizzata in alcuni casi quando altri processi di ionizzazione chimica non sono termodinamicamente favoriti.

152 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Teoria della CI negativa

La ionizzazione chimica negativa (NCI) è eseguita con le polarità della tensione dell’analizzatore invertite per selezionare gli ioni negativi. Esistono molteplici meccanismi chimici per l’NCI, ma non tutti offrono gli incrementi sostanziali della sensibilità spesso associati all’NCI. I quattro meccanismi

(reazioni) più comuni sono i seguenti:

Cattura degli elettroni

Cattura dissociativa degli elettroni

Formazione della coppia ionica

Reazioni della molecola ionica

In tutti questi casi, tranne nelle reazioni della molecola ionica, il gas reagente svolge una funzione diversa da quella che svolge nella PCI. Nella NCI il gas reagente viene spesso definito gas tampone. Quando il gas reagente è bombardato da elettroni ad alta energia provenienti dal filamento, avviene la seguente reazione:

Gas reagente + e–

(230eV)

→ ioni reagenti + e–

(termico)

Se il gas reagente è il metano ( Figura 36 ), la reazione è:

CH

4

+ e–

(230eV)

→ CH

4

+ + 2e

(termico)

Gli elettroni termici presentano livelli di energia inferiori rispetto agli elettroni provenienti dal filamento. Sono questi elettroni termici che reagiscono con le molecole del campione.

Non sono generati ioni negativi del gas reagente. Ciò previene quel genere di rumore di fondo che si osserva nella modalità PCI ed è il motivo per cui la NCI ha limiti di rivelazione molto inferiori. I prodotti della NCI si possono rivelare quando l’MSD funziona nella modalità negativa. Tale modalità operativa inverte la polarità di tutte le tensioni dell’analizzatore.

L’anidride carbonica è utilizzata spesso come gas tampone nella NCI, in quanto presenta evidenti vantaggi in termini di costo, disponibilità e sicurezza rispetto ad altri gas.

MSD 5975 – Manuale operativo 153

A

Teoria della ionizzazione chimica

Figura 36

Endosulfan I (MW = 404): EI e NCI con metano

154 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Cattura degli elettroni

La cattura degli elettroni è il meccanismo di maggior interesse nell’NCI. La cattura degli elettroni (spesso si fa riferimento ad essa con l’acronimo

HPECMS, spettrometria di massa con cattura degli elettroni ad alta pressione) offre la sensibilità elevata per cui è nota la NCI. Per alcuni campioni, in presenza di condizioni ideali, la cattura degli elettroni può fornire una sensibilità da 10 a 1000 volte superiore rispetto alla ionizzazione positiva.

Si noti che tutte le reazioni associate alla CI positiva si verificano anche nella modalità NCI, solitamente con contaminanti. Gli ioni positivi che si formano non lasciano la sorgente ionica a causa delle tensioni invertite delle lenti e la loro presenza può soffocare la reazione di cattura degli elettroni.

La reazione di cattura degli elettroni si descrive così:

MX + e–

(termico)

→ MX

· dove MX è la molecola del campione e l’elettrone è un elettrone termico (lento) generato dall’interazione tra gli elettroni ad energia elevata ed il gas reagente.

In alcuni casi, l’anione radicale MX

·

non è stabile. In questi casi, può verificarsi la reazione inversa:

MX–

·

→ MX + e–

La reazione inversa viene talvolta definita autodistacco. In genere, la reazione inversa avviene molto rapidamente, perciò, c’è poco tempo per stabilizzare l’anione instabile attraverso collisioni o altre reazioni.

La cattura degli elettroni è favorita soprattutto dalle molecole contenenti etero-atomi. Ad esempio: azoto, ossigeno, fosforo, zolfo, silicio e soprattutto gli alogeni: fluoro, cloro, bromo e iodio.

La presenza di ossigeno, acqua o di quasi tutti gli altri contaminanti interferisce con la reazione di cattura degli elettroni. I contaminanti fanno sì che lo ione negativo sia formato dalla reazione della molecola ionica più lenta, che in genere produce meno sensibilità. È necessario ridurre al minimo tutte le potenziali fonti di contaminazione, soprattutto l’ossigeno (aria) e l’acqua.

MSD 5975 – Manuale operativo 155

A

Teoria della ionizzazione chimica

Cattura dissociativa degli elettroni

La cattura dissociativa degli elettroni è nota anche come cattura dissociativa con risonanza. Si tratta di un processo simile alla cattura degli elettroni, con la sola differenza che durante la reazione, la molecola del campione si frammenta ovvero si dissocia. Il risultato è tipicamente un anione e un radicale neutro. La cattura dissociativa degli elettroni è illustrata dall’equazione della reazione:

MX + e–

(termico)

→ M

·

+ X

Questa reazione non offre la stessa sensibilità della cattura degli elettroni e gli spettri di massa generati presentano minore abbondanza dello ione molecolare.

Come con la cattura degli elettroni, i prodotti della cattura dissociativa degli elettrono non sempre sono stabili e talvolta ha luogo la reazione inversa. Tale reazione inversa è chiamata anche reazione di distacco associativo.

L’equazione della reazione inversa è la seguente:

M

·

+ X

→ MX + e–

Formazione della coppia ionica

Ad un’osservazione superficiale, la formazione della coppia ionica è del tutto simile alla cattura dissociativa degli elettroni. La reazione di formazione della coppia ionica è rappresentata dall’equazione:

MX + e–

(termico)

→ M

+

+ X¯ + e–

Come con la cattura dissociativa degli elettroni, si ha la frammentazione della molecola del campione; tuttavia, diversamente da essa, l’elettrone non viene catturato dai frammenti, ma la molecola del campione si frammenta in modo tale che gli elettroni si distribuiscano non uniformemente e si generino ioni positivi e negativi.

156 MSD 5975 – Manuale operativo

Teoria della ionizzazione chimica

A

Reazioni della molecola ionica

Le reazioni della molecola ionica si hanno quando nella sorgente ionica CI sono presenti ossigeno, acqua ed altri contaminanti. Le reazioni della molecola ionica sono da due a quattro volte più lente delle reazioni di cattura degli elettroni e non offrono la sensibilità elevata propria delle reazioni con cattura degli elettroni Le reazioni della molecola ionica si possono descrivere con l’equazione generale:

M + X

→ MX

– dove X

è per lo più un alogeno o un gruppo idrossile creato dalla ionizzazione di contaminanti da parte degli elettroni del filamento. Le reazioni della molecola ionica competono con le reazioni di cattura degli elettroni: maggiore il numero delle reazioni della molecola ionica, minore il numero delle reazioni di cattura degli elettroni.

MSD 5975 – Manuale operativo 157

A

Teoria della ionizzazione chimica

158 MSD 5975 – Manuale operativo

Indice

Dati numerici

32, picco visibile a, nell’MSD CI, 99 , 107

A

Acqua contaminazione dei sistemi CI con, 145 rivelazione in CI, 108

Affinità protonica importanza nella PCI, 148

Allineamento, analizzatore e interfaccia CI, controllo, 141

Ammoniaca attenzione nella manutenzione, 144 spettro PCI del metile stearato, 146

Analizzatore accesso, 82

Apertura della camera dell’analizzatore, 82

Arresto. Vedere Ventilazione

Attivazione. Vedere Messa a vuoto

Autocalibrazione (Autotune), 73

CI, 114

CI, modalità negativa, 119

CI, modalità positiva, 116

CI, solo PCI con metano, 116 flusso della colonna e temperature 73 report generato da, 73 visualizzazione della cronologia 73

Avvio impostazione del flusso di metano, 107 impostazione del software per il funzionamento CI, 102 pre-calibrazione del metano con livelli accettabili di aria e acqua, 108 troppa aria e acqua, 108

Vedere anche Messa a vuoto

B

BFB, calibrazione, 73

Boccole condizionamento, 31

Boccole, codici iniettore, 32

Bracciale antistatico, 130

C

Cablaggio, tensioni pericolose sul, 127

Calibrazione, 73

Vedere anche Autocalibrazione

Vedere anche la guida in linea del software

Calibrazione manuale, 73

Calibrazione target, 73

Camera dell’analizzatore apertura, 82

ChemStation controllo delle temperature con, 59 impostazione dei monitor, 64 impostazione della temperatura dell'interfaccia GC/MSD, 67 monitoraggio delle temperature e del vuoto, 62 utilizzo per calibrare l’MSD, 73 utilizzo per impostare il flusso del gas reagente metano, 107 utilizzo per la procedura di messa a vuoto dell’MSD, 89 utilizzo per la procedura di messa a vuoto dell’MSD CI, 101 utilizzo per ventilare l’MSD, 80 , 82

CI autocalibrazione. Vedere Autocalibrazione

CI negativa autocalibrazione, 119 cattura degli elettroni, 155 cattura dissociativa degli elettroni, 156 effetto della contaminazione, 155 elettroni termici, 153 formazione della coppia ionica, 156 gas tampone, 153 polarità della tensione dell’analizzatore invertite, 153 reazioni della molecola ionica, 157 sensibilità, 155 teoria, 153

CI positiva addizione, 151 estrazione dell’idruro, 151 rumore di fondo dello ione reagente, 146 scambio di carica, 152 teoria, 146

Ciclo di ventilazione. Vedere Ventilazione

Collettore di vuoto,

monitoraggio della pressione, 69

Colonna, capillare preparazione all’installazione, 32

Colonne condizionamento, 30 , 41 consigli e suggerimenti, 31 installazione nell’interfaccia

GC/MSD, 39 , 41 , 42 , 80 , 89 , 91 ,

132 , 134 , 140 , 141 tipi che si possono utilizzare con l’MSD, 30

Componenti elettronici pericolo derivante da scarica elettrostatica, 129

Condizionamento della colonna assistito mediante iniezione di solvente, 41

Condizionamento delle boccole, 31

Condizionamento delle colonne capillari importanza del, 30 procedura per, 41

Controller del misuratore arresto per pressione elevata, 70 display anormale o vuoto, 123 intervallo della pressione, 123 monitoraggio della pressione con, 69 ,

123 pressione indicata contro effettiva, 123 sensibilità relativa per i diversi gas, 123

Controller del misuratore 59864B, 91

Controller del misuratore di vuoto

MSD 5975 – Manuale operativo 159

Indice

monitoraggio della pressione con, 123

Controller del misuratore, connessione, 91

Controller, misuratore del vuoto spinto, 91

Cronologia, autocalibrazione, 73

D

Dado della colonna codici, 32

Data system controllo della procedura di messa a vuoto, 59 controllo delle temperature con, 59 utilizzo per assicurare una corretta ventilazione, 61

Descrizione fisica dell’MSD, 13

DFTPP, calibrazione, 73

E

Elettroni termici, nella NCI, 153

EMVolt a o sopra i 2600V nell’autocalibrazione NCI, 119

Endosulfan, spettri EI e NCI, 153

ESD. Vedere Scarica elettrostatica

Estrazione dell’idruro, 151

F

Flusso della colonna, 60 calcolo della velocità lineare media, 71 massimo per gli MSD con pompa a diffusione, 30 massimo per gli MSD con pompa turbo, 30 misurazione con l’MSD, 60 , 71 per sensibilità ottimale, 61

Funzionamento passaggio da EI a CI, 100

Funzionamento CI, 95 autocalibrazione CI, 114 autocalibrazione NCI, 119 autocalibrazione PCI, 116 avvio in PCI a metano prima, 99 impostazione del flusso di gas metano, 107 impostazione del software per, 102 indicazioni generali, 96 , 100 , 139

I

installazione della sorgente ionica

CI, 140 utilizzo del modulo di controllo del flusso di gas reagente, 104 utilizzo di altri gas reagenti, 109 valori tipici della pressione, 124

Fuoriuscite d'aria rilevazione in CI, 108 ione molecolare, 144 panoramica, 144 panoramica hardware, 16 riferimenti, 145

L

Limiti di rivelazione alti nella PCI, 146 inferiori nell’NCI, 153

Lista di controllo, prima del funzionamento, 56

G

Gas di trasporto flusso, 60 requisiti di purezza, 31 , 56

Vedere anche Flusso della colonna

Gas reagente ammoniaca, utilizzo, 111 anidride carbonica, utilizzo come gas tampone nell’NCI, 112 isobutano, utilizzo, 110 nessuno ione negativo, 153 panoramica della teoria CI, 144 utilizzo di altri gas reagenti, 109

GC/MSD, interfaccia controllo della zona riscaldata, 56 , 97 riscaldatore, 56 , 59 , 97 sensore (termocoppia), 56 , 97

Vedere anche Temperatura dell’interfaccia GC/MSD

Guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI installazione, 141

H

HPECMS. Vedere CI negativa

Idrogeno come gas di trasporto flusso disattivato durante la ventilazione dell’MSD, 56 rischi durante la messa a vuoto, 58 , 89

Immagazzinaggio dell’MSD, 91

Interfaccia. Vedere GC/MSD, interfaccia

Interfaccia GC/MSD, CI, 57

Ione aggiunto, 151

Ionizzazione chimica contaminazione con acqua, 145 gas reagente metano, 144

M

Manutenzione, 125 camera dell’analizzatore, apertura, 82 evitare tensioni pericolose durante, 127 installazione della guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI, 141 installazione della sorgente ionica

CI, 140

MSD CI, 137 parti pericolosamente calde, 128 piano, 126 sicurezza, 127 sorgente ionica, riassemblaggio, 134 sorgente ionica, rimozione, 132 tensioni pericolose, 127

Manutenzione CI, 137

Manutenzione dell’MSD CI, 137 installazione della guarnizione di isolamento dell’interfaccia CI, 141

Messa a vuoto attendere l’equilibrio termico dopo, 90 procedura, 89 , 101 procedura per l’MSD CI, 101

Metano impostazione del flusso di gas, 107 spettro PCI del metile stearato, 146

Metile stearato, spettri per la PCI con metano e ammoniaca, 146

Misuratore di vuoto Micro-ion attivazione, 69 , 123 connessione di un controller del misuratore a, 91 monitoraggio della pressione del vuoto spinto, 69 , 123

Modalità operativa CI, passaggio alla, 100

160 MSD 5975 – Manuale operativo

Indice

Modulo di controllo del flusso schema, 105

Modulo di controllo del flusso di gas reagente funzionamento, 104 schema, 105 valvola di isolamento, 105

Monitor, 64

Monitoraggio pressione del collettore di vuoto, 69 pressione della camera dell’analizzatore, 123 pressione della pompa principale, 62 velocità della pompa turbo, 63

MSD manutenzione, 125 misurazione del flusso della colonna con, 71 parti pericolosamente calde, 128 rischi derivanti da residui chimici, 128 spostamento o immagazzinaggio, 91 tensioni pericolose, 127

N

NCI Vedere CI negativa

O

Olio della pompa principale sostituire ogni 6 mesi, 126

Ossigeno, effetto dello spurgo della colonna, 31

P

Pannello di controllo locale, 13 , 49

Panoramica dell’EI, 144

Passaggio dalla modalità operativa CI alla EI, 113 dalla modalità operativa EI alla CI, 100 da EI a CI, 16

PCI. Vedere CI positiva

Pompa scarico, ventilazione, 128

Pompa principale monitoraggio della pressione, 62 tipica, 62 ventilazione dello scarico, 56 , 129

Pompa turbomolecolare (turbo) monitoraggio della velocità, 62

Pressione indicata contro assoluta, 123 monitoraggio del collettore di vuoto, 69 monitoraggio della camera dell’analizzatore, 69 , 123 monitoraggio pompa principale, 62 sorgente ionica CI, 146 sorgente ionica, per CI, 16

Programma di ventilazione.

Vedere Ventilazione

Q

Quick Tune, 73

R

Report sulla calibrazione, 73

Residui chimici, pericolosi, 128

Rimuovere, 140

Riscaldatori impostazione dei monitor della temperatura, 64 visualizzazione della temperatura e dello stato di vuoto, 62 zone riscaldate utilizzate per alimentare il riscaldatore dell’interfaccia

GC/MSD, 59

Rumore di fondo chimico effetto sulla NCI, 153

Rumore di fondo, aria e acqua effetto sulla PCI, 146 effetto sulla sensibilità NCI, 155 in CI, 108 verifica all’avvio, 107 verifica all’avvio CI, 108

S

Scambio di carica, PCI, 152

Scarica elettrostatica pericolo per i componenti elettronici, 129

Scarica statica.

Vedere Scarica elettrostatica

Scarico ventilazione della pompa principale, 56

Sensibilità verifica delle prestazioni NCI, 122 verifica delle prestazioni PCI, 121

Sensori della temperatura nell’analizzatore dell’MSD, 59

Sicurezza durante la manutenzione, 127 a 129 pannelli, 127

Sistema di vuoto determinazione del tipo, 29 stato, monitoraggio, 62 , 64

Software uso per la procedura di messa a vuoto dell’MSD, 89

Sorgente ionica riassemblaggio, 134 rimozione, 132

Sorgente ionica CI installazione, 140

Spettri CI classici, 16

NCI con metano di endosulfan, 153

PCI con metano e ammoniaca del metile stearato, 146

Spettrometria di massa con cattura degli elettroni ad alta pressione. Vedere CI negativa

Spostamento dell’MSD, 91

Spurgo della colonna, 31

Standard Tune, 73

T

Tastierino del GC, impostazione della temperatura dell’interfaccia GC/MSD dal, 93

Temperatura del filtro di massa impostazione, 65 monitor, 64 visualizzazione, 62

Temperatura del quad, 59

Vedere anche Temperatura del filtro di massa

Temperatura dell’interfaccia GC/MSD, 59 impostazione dal GC, 93 impostazione dalla ChemStation, 67 intervallo, 56 , 97

Temperatura della sorgente ionica, 59 impostazione, 65

MSD 5975 – Manuale operativo 161

Indice

impostazione di un monitor per, 64 visualizzazione, 62

Temperature dell’analizzatore, 59 impostazione, 65

Temperature, controllate tramite la

ChemStation per MSD, 59

Tensioni, pericolose, 127

Thermal Aux 2, 56 , 97

Trasferimento di protoni, 148

V

Valvola isolamento, 105 ventilazione, utilizzo corretto, 81

Valvola di isolamento, 105

Velocità di flusso.

Vedere Flusso della colonna

Ventilazione controllo ChemStation della, 49 danni all’MSD dovuti a incorretta, 61 la vista superiore attiva il riscaldatore dell’interfaccia, 81 normale, 80 , 82 preparazione dell’MSD alla, 81 utilizzo corretto della valvola di ventilazione, 81

Z

Zone riscaldate ausiliarie, 59

162 MSD 5975 – Manuale operativo

Agilent Technologies

© Agilent Technologies, Inc.

Stampato negli Stati Uniti, ottobre 2008

G3170-94030

Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement

Table of contents