TWIN 50/2-E TWIN 70/2-E

TWIN 50/2-E TWIN 70/2-E
BRUCIATORI MISTI A DUE FIAMME PER CALDAIE NORMALI/PRESSURIZZATE
TWIN 50/2-E TWIN 70/2-E
MANUALE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE
Leggere attentamente le istruzioni ed avvertenze contenute sul presente libretto
in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza d’installazione, d’uso e di manutenzione. Conservare con cura questo libretto per ogni
ulteriore consultazione. L’installazione deve essere effetuata da personale qualificato che sarà responsabile del rispetto delle norme di sicurezza vigenti.
-3-
INDICE
NORME GENERALI
Pag. 5
MANUTENZIONE
Pag. 24
DESCRIZIONE
“
6
FOTOCELLULA UV
“
24
DIMENSIONI mm.
“
7
FILTRO POMPA
“
24
COMPONENTI PRINCIPALI
“
7
POSIZIONE VENTOLA
“
24
“
25
“
26
CARATTERISTICHE TECNICHE
“
8
ELETTRODI - UGELLO
CURVE DI LAVORO
“
9
IRREGOLARITÀ DI FUNZIONAMENTO
MONTAGGIO ALLA CALDAIA
“
10
DIMENSIONE FIAMMA
“
10
COLLEGAMENTI ELETTRICI
“
11
CICLO DI FUNZIONAMENTO
“
12
APPARECCHIATURA LME
“
13
ALLACCIAMENTO GASOLIO
“
14
REGOLAZIONE PRESSIONE POMPA (GASOLIO)
“
16
ALLACCIAMENTO GAS
“
16
REGOLAZIONI
“
18
CONTROLLO COMBUSTIONE
“
22
MESSA IN FUNZIONE
“
23
SPEGNIMENTO PROLUNGATO
“
24
Complimenti...
... per l’ottima scelta.
La ringraziamo per la preferenza accordata ai nostri prodotti.
LAMBORGHINI CALORECLIMA è un'Azienda quotidianamente impegnata nella ricerca di soluzioni tecniche innovative, capaci di soddisfare ogni esigenza. La presenza costante dei nostri prodotti sul mercato italiano ed internazionale, è garantita da una rete capillare di Agenti e Concessionari. Questi sono affiancati dai Servizi di Assistenza,
"LAMBORGHINI SERVICE", che assicurano una qualificata assistenza e manutenzione dell’apparecchio.
CONFORMITÀ
I bruciatori TWIN sono conformi a:
• Direttiva Gas 90/396/CEE
• Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 2004/108/CE
• Direttiva Bassa Tensione 2006/95/CE.
Per il numero di serie di produzione riferirsi alla targhetta tecnica del bruciatore.
LAMBORGHINI CALOR S.p.A.
Dott. Felice Bo’
(Direttore Generale)
________________________________
-4-
NORME GENERALI
•
Il presente libretto costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto e dovrà essere consegnato all’installatore.
Leggere attentamente le avvertenze contenute nel presente libretto in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza d’installazione, d’uso e manutenzione. Conservare con cura questo libretto per ogni ulteriore consultazione. L’installazione del bruciatore deve essere effettuata in ottemperanza alle norme vigenti, secondo le istruzioni
del costruttore e da personale qualificato. Un’errata installazione può causare danni a persone, animali o cose, per i
quali il costruttore non e responsabile.
•
Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all’uso per il quale e stato espressamente previsto. Ogni altro uso e da
considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il costruttore non può essere considerato responsabile per eventuali danni
causati da usi impropri, erronei ed irragionevoli.
•
Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o di manutenzione, disinserire l’apparecchio dalla rete di alimentazione o agendo sull’interruttore dell’impianto o attraverso gli appositi organi di intercettazione.
•
In caso di guasto e/o di cattivo funzionamento dell’apparecchio, disattivarlo, astenendosi da qualsiasi tentativo di
riparazione o di intervento diretto. Rivolgersi esclusivamente a personale professionalmente qualificato. L’eventuale
riparazione dei prodotti dovrà essere effettuata solamente da un centro di assistenza autorizzato dalla casa costruttrice
utilizzando esclusivamente ricambi originali. Il mancato rispetto di quanto sopra può compromettere la sicurezza dell’apparecchio. Per garantire l’efficienza dell’apparecchio e per il suo corretto funzionamento e’ indispensabile attenersi alle
indicazioni del costruttore, facendo effettuare da personale professionalmente qualificato, la manutenzione periodica
dell’apparecchio.
•
Allorchè si decida di non utilizzare più l’apparecchio, si dovranno rendere innocue quelle parti che possono diventare
potenziali fonti di pericolo.
•
La trasformazione da un gas di una famiglia (Gas Naturale o gas liquido) ad un gas di un’altra famiglia, deve essere
fatta esclusivamente da personale qualificato.
•
Prima di avviare il bruciatore far verificare da personale qualificato:
a) che i dati di targa siano quelli richiesti dalla rete di alimentazione gas elettrica;
b) che la taratura del bruciatore sia compatibile con la potenza della caldaia;
c) che l’afflusso di aria comburente e l’evacuazione dei fumi avvengano correttamente secondo le norme vigenti;
d) che siano garantite l’aerazione e la normale manutenzione del bruciatore.
•
Dopo ogni riapertura del rubinetto del gas attendere alcuni minuti prima di riaccendere il bruciatore.
•
Prima di effettuare qualsiasi intervento che preveda lo smontaggio del bruciatore o l’apertura di accessi di ispezione,
disinserire la corrente elettrica e chiudere i rubinetti del gas.
•
Non depositare contenitori con sostanze infiammabili nel locale ove e situato il bruciatore.
•
Avvertendo odore di gas non azionare interruttori elettrici. Aprire porte e finestre. Chiudere i rubinetti del gas. Chiamare
persone qualificate.
•
Il locale del bruciatore deve possedere delle aperture verso l’esterno conformi alle norme locali in vigore. In caso di
dubbio relativamente alla circolazione dell’aria, ci raccomandiamo di misurare anzitutto il valore del CO2 con il bruciatore funzionante alla sua massima portata ed il locale ventilato, solamente tramite le aperture destinate ad alimentare
d’aria il bruciatore; poi, misurando il valore di CO2 una seconda volta, con la porta aperta. ll valore del CO2, misurato in
entrambi i casi non deve cambiare in maniera significativa. In caso si trovassero più di un bruciatore e di un ventilatore
nello stesso locale, questo test deve essere effettuato con tutti gli apparecchi funzionanti contemporaneamente.
•
Non ostruire mai le aperture dell’aria del locale del bruciatore, le aperture di aspirazione del ventilatore del bruciatore
ed un qualsiasi condotto dell’aria o griglie di ventilazione e di dissipazione esistenti, allo scopo di evitare:
- la formazione di miscele di gas tossiche/esplosive nell’aria del locale del bruciatore;
- la combustione con aria insufficiente, dalla quale ne deriva un funzionamento pericoloso, costoso ed inquinante.
•
Il bruciatore deve essere sempre protetto dalla pioggia, dalla neve e dal gelo.
-5-
•
Il locale del bruciatore deve essere sempre mantenuto pulito e libero da sostanze volatili, che potrebbero venire aspirate
all’interno del ventilatore ed otturare i condotti interni del bruciatore o della testa di combustione. La polvere e estremamente dannosa, particolarmente se vi e la possibilità che questa si posi sulle pale del ventilatore, dove andrà a ridurre la
ventilazione e produrrà inquinamento durante la combustione. La polvere può anche accumularsi sulla parte posteriore
del disco di stabilita fiamma nella testa di combustione e causare una miscela povera aria-combustibile.
•
Il bruciatore deve essere alimentato con il tipo di combustibile per il quale è stato predisposto come indicato sulla targhetta con i dati caratteristici e nelle caratteristiche tecniche fornite in questo manuale. La linea del combustibile che
alimenta il bruciatore deve essere perfettamente a tenuta, realizzato in modo rigido, con l’interposizione di un giunto di
dilatazione metallico con attacco a flangia o con raccordo filettato. Inoltre dovrà essere dotata di tutti i meccanismi di
controllo e sicurezza richiesti dai regolamenti locali vigenti. Prestare particolare attenzione al fatto che nessuna materia
esterna entri nella linea durante l’installazione.
•
Assicuratevi che l’alimentazione elettrica utilizzata per il collegamento sia conforme alle caratteristiche indicate nella
targhetta dei dati caratteristici ed in questo Manuale. ll bruciatore deve essere correttamente collegato ad un sistema
efficiente di terra, in conformità alle norme vigenti. In caso di dubbio riguardo all’efficienza, deve essere verificato e
controllato da personale qualificato.
•
Non scambiare mai i cavi del neutro con i cavi della fase.
•
Il bruciatore può essere allacciato alla rete elettrica con un collegamento spina-presa, solamente se questo risulti dotato
in modo tale per cui la configurazione dell’accoppiamento prevenga l’inversione della fase e del neutro. Installare un interruttore principale sul quadro di controllo, per l’impianto di riscaldamento, come richiesto dalla legislazione esistente.
•
L’intero sistema elettrico e in particolare tutte le sezioni dei cavi, devono essere adeguati al valore massimo di potenza
assorbita ed indicato sulla targhetta dei dati caratteristici dell’apparecchio e su questo manuale.
•
Se il cavo di alimentazione del bruciatore risulta difettoso, deve essere sostituito solamente da personale qualificato.
•
Non toccare mai il bruciatore con parti del corpo bagnate oppure senza indossare scarpe.
•
Non stirare (forzare) mai i cavi di alimentazione e mantenerli distanti da fonti di calore.
•
La lunghezza dei cavi utilizzati deve consentire l’apertura del bruciatore ed eventualmente della porta della caldaia.
•
I collegamenti elettrici devono essere effettuati esclusivamente da personale qualificato e devono essere scrupolosamente rispettate le regolamentazioni vigenti in materia di elettricità.
•
Dopo aver tolto tutti i materiali dall’imballo, controllare i contenuti ed assicuratevi che questi non siano stati in alcun modo
danneggiati durante il trasporto. In caso di dubbio, non utilizzate il bruciatore e contattate il fornitore.
•
I materiali di imballo (gabbie di legno, cartone, borse di plastica, espanso, ecc...) rappresentano una forma di inquinamento e di potenziale rischio, se lasciati giacenti ovunque; quindi occorre raggrupparli assieme e disporli in maniera
adeguata (in un luogo idoneo).
DESCRIZIONE
Sono bruciatori ad aria soffiata, con miscelazione gas-aria alla testa di combustione, a due fasi di accensione. Sono completamente automatici e forniti dei controlli per la massima sicurezza. Possono essere abbinati a qualsiasi forma di focolare
sia esso in depressione o in pressione, entro il campo di lavoro previsto.
I bruciatori vengono forniti con rampa di alimentazione gas.
Sono facilmente ispezionabili in tutti i loro componenti senza per questo dover togliere l’allacciamento alla rete gas. Il
cofano di cui sono dotati conferisce una particolare compattezza, protezione ed insonorizzazione.
-6-
DIMENSIONI mm
S
T
X
U
H
N
L
F
C
G
Q
M14
H
N
D
E
A
Modello
A
B
C
D
Y
B
E
H
ØG
F
ØL
N
Q*
S
min.
min. max.
U*
T
TWIN 50/2-E 1070 420
490
655
415
392
170
160
200
180
230
150
290
350
410
TWIN 70/2-E 1110 420
490
695
415
392
170
160
200
180
230 1100 150
300
380
510
960
* Le dimensioni sono relative al bruciatore con rampa da 20 mbar installata.
COMPONENTI PRINCIPALI
13
2
1
5
4
10
14
6
11
15
13
8
9
7
Legenda
1 Pressostato gas
2 Valvola di funzionamento
3 Trasformatore di accensione
4 Flangia attacco caldaia
5 Apparecchiatura
8
3
12
6
7
8
9
10
Piastra componenti
Motore
Pressostato aria
Testa di combustione
Corpo bruciatore
-7-
11
12
13
14
15
X*
Y
min. max.
Cofano
Ventola
Valvola di sicurezza
Filtro stabilizzatore
Servocomando
11/2 ” 3/8”
2”
3/8”
CARATTERISTICHE TECNICHE
D E S C R IZ IO N E
T W I N 5 0 /2 -E
T W I N 7 0 /2 -E
170, 0
213
min.
Potenza termica
Consumo combustibile al
ma x .
543, 1
705
kW
min.
146.370
183.190
kcal/h
max.
467.000
606.270
kcal/h
min.
(14,3) - 21,4
ma x .
min.
59, 4
k g/h
k g/h
57, 5
74, 6
m3/h
m3/h
12
12
ba r
(18,0) - 26,8
ma x .
gasolio
(18,0) - 27,4
45, 8
P ompa c ombus tibile
Combustibile
kW
(22,5) - 34,4
p.c. i. 10200 kcal/kg 1,50°E (6cst) a 20°C
G 20
8600
P re s s ione G 2 0
k c a l/m3
20
mba r
D ia me tro ra c c ordo ga s
1 ” 1 /2
2”
Motore
1. 100
1. 500
2 , 7 - 4 , 4 ( ta ra to a 2 , 8 )
2 , 7 - 4 , 4 ( ta ra to a 3 , 5 )
A
1 2 /3 5
1 2 /3 5
k V /mA
1. 900
W
P rote ttore te rmic o
T ra s forma tore d’a c c e ns ione
A lime nta z ione e le ttric a
W
2 3 0 /4 0 0 V - 5 0 H z trifa s e
P ote nz a tota le a s s orbita
1. 500
A ppa re c c hia tura c ontrollo fia mma
F otoc e llula U V
R e gola z ione a ria
Motoriz z a ta
N ume ro s ta di
2
D ime ns ione imba llo
500 x 700 x 1200
P es o
57
N.B.: I dati riportati fra parentesi ssi riferiscono alla minima portata ottenibile con la 1^ fiamma.
-8 -
mm
61
kg
PRESSIONE FOCOLARE mbar
CURVE DI LAVORO
9
TWIN 50/2-E
8,5 mbar
233,7 kW
8
8 mbar
325 kW
TWIN 70/2-E
7
6
5
5,0 mbar
516,5 kW
4
4 mbar
646 kW
3
2,5 mbar
170,2 kW
2,8 mbar
213,0 kW
2
1
0 mbar
543,1 kW
0 mbar
705 kW
0
100
200
300
400
500
600
700
800
POTENZA kW
CAMPI DI LAVORO: PRESSIONE AL FOCOLARE PORTATA COMBUSTIBILE
Le curve rappresentate in diagramma sono state ottenute effettuando le prove di combustione secondo le norme vigenti
nazionali ed internazionali.
La portata massima di lavoro del bruciatore è in funzione della contropressione al focolare del generatore di calore.
-9-
MONTAGGIO ALLA CALDAIA
Fissare la flangia 2 alla caldaia con n° 4 viti 3 interponendo la guarnizione isolante 4 e l’eventuale corda isolante 5. Infilare
il bruciatore nella flangia in modo che il boccaglio penetri nella camera di combustione
secondo le indicazioni del costruttore della caldaia. Stringere la vite 1 per bloccare il bruciatore.
DIMENSIONI FIAMMA
Le dimensioni sono orientative essendo influenzate da:
-
eccesso di aria;
forma camera di combustione;
sviluppo giri fumo della caldaia (diretto/rovesciamento);
pressione in camera di combustione
A
B
C
D
Diametro fiamma
Lunghezza fiamma
Diametro tubo di prova
Lunghezza tubo di prova
Mcal/h
Mcal/h
A
0
C
0
B D
200
200
400
400
D = 50
600
600
D = 60
800
800
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
40
cm
- 10 -
60
80
100 120 140 160 180 200 220 240
cm
I
I
C
D
L
E
F
B
C
COLLEGAMENTI ELETTRICI
- 11 -
Legenda
BRA Bobina relè ausiliario
BRM Bobina relè motore
CRA Contatti relè ausiliario
CRM Contatti relè motore
CRT Contatto relè termico
F
Fusibile
FA
Filtro antidisturbo
FR
Fotoresistenza
Icom Interr. cambio combustibile
IG
Ima
MB
MS
MA
MCT
Interruttore generale
Interruttore Marcia/Arresto
Motore bruciatore
Morsettiera servocomando
Morsettiera apparecchiatura
Morsettiera controllo di tenuta
(event.)
PA
Pressostato aria
PGm Pressostato gas minimo
RT
Relè termico
SB
TC
Tmf
TR
VG1
VG2
VP
VS
Spia blocco a distanza
Termostato caldaia
Termostato modulazione 2a
fiamma (event.)
Trasformatore di accensione
Elettrovalvola 1° stadio gasolio
Elettrovalvola 2° stadio gasolio
Valvola principale di sicurezza
2a Valvola di sicurezza (event.)
I collegamenti da effettuare a cura dell’installatore sono:
- linea di alimentazione
- linea termostatica
- eventuale termostato modulazione fiamma ai morsetti L1-N della spina I e togliere ponte nella medesima spina.
N.B. È necessario osservare scrupolosamente la buona norma che indica il collegamento di massimo due cavi
per morsetto.
Attenzione:
- non scambiare il neutro con la fase.
- eseguire il collegamento ad un efficace impianto di terra.
- la linea di alimentazione elettrica al bruciatore deve essere provvista di un interruttore omnipolare con apertura tra I
contatti di almeno 3 mm.
- il collegamento della terra alla morsettiera del bruciatore deve essere eseguito con un cavo più lungo di almeno 20 mm
rispetto ai cavi delle fasi e del neutro.
- rispettare le norme della buona tecnica ed osservare scrupolosamente le norme locali vigenti.
CICLO DI FUNZIONAMENTO
A
B
B-C
C
TMF
C-D
TC-PG
MB
PA
TR
V1°-V2°
EC
MT
T11
TW
T10
T1
T3
Tempo di apertura serranda aria, da 0 a max.
Inizia alla chiusura della linea termostatica e del PG.
Il PA deve essere in posizione di riposo. È il tempo
di attesa e di autoverifica.
Inizia con l’avviamento del motore e con la fase di
preventilazione: dura 3 sec., entro i quali il pressostato aria PA deve dare il consenso.
È il tempo di preventilazione, che dura 30 sec.
minimo, terminando con l’entrata in funzione del
trasformatore.
È il tempo che rappresenta la fase di preaccensione: termina con l’apertura della valvola del gas. Dura 3 sec.
T2
T4
T6
T12
- 12 -
Segnali necessari in ingresso
Segnali in uscita
Inizio avviamento
Presenza di fiamma
Funzionamento
Arresto di regolazione
Termostato alta/bassa fiamma
Chiusura serranda + postventilazione
Linea termostati/pressostato gas
Motore bruciatore
Pressostato aria
Trasformatore accensione
Valvola gas 1° - 2° stadio
Elettrodo di controllo
Servocomando aria
È il tempo di sicurezza, entro il quale si deve avere
segnale di fiamma all’elettrodo EC. Dura 3 sec.
Intervallo fra l’apertura della valvola V1 del gas e
l’apertura del secondo stadio V2. Dura 8 sec.
Tempo di chiusura serranda aria e di azzeramento
del programma.
Tempo in cui la serranda aria si porta in posizione di
avviamento.
APPARECCHIATURA LME
Il pulsante di sblocco dell’apparecchiatura è l’elemento principale per poter accedere a tutte le funzioni di diagnostica
(attivazione e disattivazione), oltre a sbloccare il dispositivo di comando e controllo.
Il pulsante di sblocco è corredato di un led multicolore che da l’indicazione dello stato del dispositivo di comando e controll
sia durante il funzionamento che durante la funzione di diagnostica.
INDICAZIONI DELLO STATO DELL’APPARECCHIATURA
Tabella di riepilogo
Condizione
Condizioni di attesa, altri stati int ermed i
Sequenza colori
Nessuna luce
Fase di ac censi one
Giallo intermitt ente
Funzionamento co rret to
Funzionamento non corretto, intesità di corrente
rilevatore fiamma inferiori al minimo ammesso
Diminuzione tensione di alim entazione
Ve rde
Ve rde intermi ttente
Giallo rosso alternati
Condizione di blocco bruciat ore
Ros so
Segnalazi one guasto vedere tabella
R osso intermit tente
Luce parassita prima dell’ accensione del bruciatore
Lampeggìo veloce pe r diagnos tica
Verde rosso alternati
Ros so lampeggiante
rapido
In caso di blocco bruciatore nel pulsante di blocco sarà fissa la luce rossa.
Premendo il pulsante trasparente si procede allo sblocco del dispositivo di comando e controllo.
Premendo per più di 3 sec. la fase di diagnosi verrà attivata (luce rossa con lampeggio rapido), nella tabella sottostante
viene riportato il significato della causa di blocco o malfunzionamento in funzione del numero di lampeggi (sempre di
colore rosso). Premendo il pulsante di sblocco per almeno 3 sec. si interromperà la funzione di diagnosi.
DIAGNOSI DELLE CAUSE DI MALFUNZIONAMENTO E BLOCCO APP. LME
Indicazione ottica
2 lampeggi
**
3 lampeggi
***
4 lampeggi
****
*****
6 lampeggi
******
5 lampeggi
7 lampeggi
*******
Riepilogo anomalie di funzionamento
Possibile cause
Assenza del segnale di fiamma
Malfunzionamento valvole combustibile
Malfunzionamento rilevatore fiamma
Difettosità nella taratura del bruciatore , assenza di
combustibile
Mancata accensione
Malfunzionamento pressostato aria
Perdita segnale pressostato aria dopo T10
Contatto pressostato aria aperto
Luce estranea all’ accensione
-
Il pressostato aria non commuta
- Il pressostato aria è bloccato in posizione di lavoro
Libero
Assenza del segnale di fiamma durante funzionamento
Malfunzionamento valvole combustibile
Malfunzionamento rilevatore fiamma
Difettosità nella taratura del bruciatore , assenza di
combustibile
-
8 lampeggi
Libero
9 lampeggi
Libero
********
*********
10 lampeggi
**********
14 lampeggi
**********
****
Errori di collegamento elettrico o danni all’apparecchiatura
Linea termostati aperta
- 13 -
o
ALIMENTAZIONE GASOLIO
Le dimensioni delle tubazioni (diametro/lunghezza) sono in relazione con il tipo di impianto (a uno/due tubi, in aspirazione/
caduta) e con le caratteristiche della pompa.
Il diagramma, indica la massima lunghezza L consentita di una linea di aspirazione in funzione del dislivello H e del diametro interno del tubo d, per una pressione atmosferica di 1013 mbar ed un vuoto di 0,45 bar e considerando il montaggio
di 4 gomiti, di una valvola di blocco ed una di non ritorno.
ALIMENTAZIONE MONOTUBO
Si raccomando di evitare, per quanto possibile, questa soluzione poiché è noto che essa può originare notevoli disfunzioni
al bruciatore se non è realizzata in modo perfetto. Se, tuttavia, non è possibile evitare questa installazione, si tenga presente: eseguire solo impianti a caduta; modificare la pompa togliendo il grano interno; prevedere idonei spurghi dell’aria
nei punti più alti della tubazione ed evitare il formarsi di sacche d’aria.
ALIMENTAZIONE BITUBO
- 14 -
SCELTA UGELLO
La scelta va fatta in relazione alla potenza del focolare della caldaia, tenendo presente che il gasolio ha un potere colorifico (P.C.I.) di 10200 kcal/kg. La tabella indica la portata teorica o consumo, in kg/h e in kW, di gasolio in funzione della
grandezza dell’ugello (GPH) e della pressione della pompa (in bar). Nei bruciatori a due ugelli, la portata viene suddivisa,
indicatamente, per il 40% sull’ugello di prima fiamma, e per il 60% sul secondo ugello.
UGELLO
GPH
2,00
2,50
3,00
3,50
4,00
4,50
5,00
6,00
7,00
8,30
9,50
10,5
PRESSIONE POMPA bar (kg/cm2)
10
7,43
88,12
9,28
110,06
11,17
132,47
13,05
154,77
14,88
176,47
16,67
197,7
18,60
220,6
22,30
264,48
26,00
308,36
30,80
365,29
35,30
418,66
39,00
462,54
11
7,75
91,91
9,67
114,68
11,60
137,58
13,60
161,3
15,50
183,83
17,35
205,77
19,35
229,49
23,35
275,74
27,15
322
32,10
380,7
36,70
435,26
40,65
482,11
12
8,10
96,06
10,17
120,62
12,16
144,22
14,20
168,41
16,24
192,6
18,20
215,85
20,30
240,76
24,35
288,8
28,40
336,82
33,60
398,5
38,50
456,61
13
8,42
99,86
10,54
125
12,65
150,03
14,78
175,29
16,90
200,43
18,90
224,15
21,10
250,24
25,30
300,06
29,50
349,87
34,90
413,91
40
474,4
14
8,80
104,37
10,98
130,22
13,20
156,55
15,40
182,64
17,60
208,73
19,70
233,64
22,00
260,92
26,40
313,1
30,70
364,1
36,40
431,7
15
9,05
107,33
11,27
133,66
13,60
161,3
15,85
187,98
18,12
214,9
20,30
240,76
22,60
268,03
27,20
322,59
31,70
375,96
37,50
444,75
16
9,35
110,9
11,70
138,76
14,10
167,22
16,40
194,5
18,70
221,78
21,00
249,06
23,35
276,93
28,10
333,26
32,70
387,82
38,75
459,57
17
9,67
114,68
12,10
143,5
14,50
171,98
16,95
201,03
19,37
229,73
21,70
257,36
24,15
286,42
29,00
343,94
33,90
402,05
40,20
476,77
18
9,91
117,53
12,38
146,82
14,88
176,47
17,38
206,12
19,88
235,77
22,25
263,88
24,80
294,13
29,75
352,83
34,80
412,73
19
10,22
121,21
12,76
151,33
15,16
179,8
17,90
212,29
20,40
241,94
22,90
271,6
25,50
307,36
30,75
364,49
35,80
424,59
20
10,48
124,3
13,10
155,36
15,70
186,2
18,30
217,04
21,00
249,06
23,50
278,71
26,20
310,73
31,40
372,4
36,65
434,67
21
10,70
126,9
13,40
158,92
16,10
190,94
18,80
222,97
21,50
255
24,00
284,64
27,70
316,66
32,20
381,9
37,50
444,75
ESEMPIO SCELTA UGELLO
La caldaia ha una potenza al focolare di 290 kW.
Per una pressione in pompa di 12 bar, il valore più vicino è kW 288,80 a cui corrisponde un ugello da 6 GPH. Se il bruciatore è a due ugelli, dividere la portata con un ugello da 2,50 GPH sulla prima fiamma e da 3,50 GPH sulla seconda.
Se non si dispone dell’ugello ottimale si può, entro i limiti di 11-14 bar, variare la pressione della pompa per ottenere la
portata desiderata.
- 15 -
REGOLAZIONE PRESSIONE POMPA (GASOLIO)
La pompa è pretarata a 12 bar.
Per il controllo della pressione servirsi di
un manometro a bagno d’olio.
La pressione può essere normalmente
regolata fra 11 e 15 bar.
Prex. bar
m H2O
1
2
3
4
- Aspirazione
- Ritorno
- Ugello
- Regolazione pressione
3
V
3
P
2
1
N.B. Se il vuoto supera 4 m. prevedere
una pompa di circolazione
4
1
2
ALLACCIAMENTO GAS
L’impianto deve essere completo degli accessori prescritti dalle normative. La buona tecnica consiglia di prevedere sempre un filtro, di non esercitare sforzi meccanici sui componenti e perciò prevedere un giunto elastico, uno stabilizzatore
di pressione ed un rubinetto di intercettazione all’ingresso della centrale termica. La posa in opera della tubazione deve
essere fatta con tubo rigido. Eventuali tubi flessibili devono essere di tipo omologato.
Si tenga inoltre presente la necessità degli spazi richiesti per la manutenzione del bruciatore e della caldaia. Dopo aver
montato il gruppo valvole sul bruciatore, verificare l’assenza di fughe di gas durante la fase di prima accensione.
SCHEMA PER L’ESECUZIONE DELLA TUBAZIONE DI ADDUZIONE GAS
1 - Rubinetto di intercettazione con garanzia di tenuta a
1 bar e perdita di carico < 0,5 bar
2 - Giunto antivibrante
3 - Presa di pressione
4 - Filtro gas
5 - Regolatore pressione gas
6 - Organo di controllo della minima pressione gas
(pressostato)
7 - Elettrovalvola di sicurezza classe A. Tempo di chiusura Tc ≤ 1”
8 - Elettrovalvola di regolazione ad apertura lenta o a più
stati classe A con organo di regolazione della portata
gas incorporato. Tempo chiusura Tc ≤ 1”
9 - Organo di regolazione della portata gas, normalmente
inserito nella elettrovalvola 7 o 8.
10 - Testa combustione
11 - Organo di controllo della minima pressione aria
12 - Organo di controllo della massima pressione gas (se
non previsto il regolatore 5)
13 - Dispositivo controllo di tenuta (A RICHIESTA)
- 16 -
Per un buon funzionamento del bruciatore si consiglia sempre di montare nell’ordine, partendo dal bruciatore, i seguenti
accessori:
-
regolatore di pressione;
giunto antivibrante;
filtro per gas;
rubinetto intercettazione rapida.
N.B. I fori di sfiato della membrana dello stabilizzatore e del pressostato gas devono essere collegati ad un tubo di pari
diametro e portati all’esterno del locale caldaia in una posizione tale da non costituire pericolo in caso di fuoriuscita
di gas; lontano cioè da finestre e balconi ad un’altezza di almeno tre metri dal piano praticabile.
La tubazione del gas deve essere conforme alle vigenti norme e tanto gli accessori quanto la tubazione del gas
dovranno avere un diametro proporzionale alla lunghezza della tubazione ed alla pressione di alimentazione del gas.
DIAGRAMMA PER LA DETERMINAZIONE DEL DIAMETRO DELLA TUBAZIONE DI ADDUZIONE GAS
3
Portata in m /h (metano con densità relativa 0,6)
CADUTA DI PRESSIONE mm H2O
Esempio:
Portata:
20 m3/h
Diametro: 2”
Lunghezza: 45 m
PRESSIONE SPECIFICO ALTRI GAS
usando un gas di densità
di 0,6 si avrà una caduta
di pressione di 10 mm
di colonna d’acqua
- 17 -
0,6 .
0,65
0,7 .
0,75
0,8 .
0,85
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Coefficiente
moltiplicatore
1,00
1,04
1,08
1,12
1,16
1,28
REGOLAZIONI
POSIZIONAMENTO ELETTRODI
Posizionamento di elettrodi secondo le quote riportate (mm). È opportuno eseguire una verifica delle quote dopo ogni
intervento sulla testa.
REGOLAZIONE TESTA DI COMBUSTIONE
- Allentare i pomelli A.
- Agendo su di essi si modifica la posizione del boccaglio rispetto alla testa di combustione. Posizionare i pomelli in corrispondenza dei valori 1,2,3, rispettivamente
con portata minima, media e massima del bruciatore.
- Serrare i pomelli A una volta effettuata la regolazione.
REGOLAZIONE TESTA DI COMBUSTIONE
Agendo sulla vite A si modifica la posizione
della linea ugello/deflettore rispetto al boccaglio,
variando, di conseguenza, la sezione di passaggio dell’aria. Posizionare l’esagono di regolazione
sulla linea 3,5.
A
TWIN 50/2-E
TWIN 70/2-E
A
- 18 -
REGOLAZIONE ARIA DI COMBUSTIONE
Nei bruciatori la serranda aria è azionata da un servocomando elettrico. Le posizioni della serranda si determinano per
mezzo delle camme, con riferimento alla graduazione riportata sulle camme. Le camme rossa e nera sono frizionate ed
autobloccanti, regolabili con la chiavetta in dotazione. Le camme blu ed arancione sono regolabili tramite la vite incorporata.
Spingendo sul bottone B si disinnesta il sistema di trascinamento della serranda, liberandola per spostamenti manuali.
Rossa
Blu
Arancio
Nera
Camma I
Camma II
Camma III
Camma IV
B
Posizione aria max. (rossa)
Chiusura aria, in arresto (blu)
Apertura aria avviamento o 1° stadio
Apertura gas 2° stadio, da regolare sempre 15°-20°
in più rispetto alla camma III (nera)
REGOLAZIONE VALVOLA GAS
Si debbono eseguire le regolazioni della portata massima e della portata
di avviamento.
REGOLAZIONE PORTATA MAX.
- Montare un manometro per la misura della pressione del gas alla testa
bruciatore.
- Portare in posizione di massima apertura la valvola del gas.
- Con bruciatore in funzione, agire sullo stabilizzatore fino ad ottenere la
portata richiesta (letta al contatore) e si rilevi il valore della pressione al
manometro.
- Agire sulla regolazione della valvola, nel senso della chiusura, fino a
quando la pressione al manometro accenna a diminuire. A questo punto
la portata massima desiderata è fissata e controllata sia dallo stabilizzatore che dalla valvola gas.
Manometro
REGOLAZIONE VALVOLA PRINCIPALE ZRDLE...
Regolazione tempo di apertura
Regolazione 1° stadio
REGOLAZIONE VALVOLA DI
SICUREZZA HONEYWELL
Vite di bloccaggio
Regolazione 2° stadio
- 19 -
REGOLAZIONE VALVOLA MULTIBLOC MB-ZRDLE.../B01
1
2
3
4
5
Vite bloccaggio regolazione portata 1a/2a fiamma
Regolazione stabilizzatore
Coperchio di protezione regolazione scatto rapido iniziale
Regolazione portata 2a fiamma
Regolazione portata 1a fiamma
Per regolare la portata della 1a/2a fiamma sbloccare la vite 1. Ruotando in
senso antiorario 4 e 5, si determina l’aumento della portata. Ruotando in senso
orario si determina la diminuzione della stessa. Effettuate le rispettive regolazioni, bloccate nuovamente la vite 1. La regolazione dello scatto iniziale si
effettua togliendo il coperchio 3 e usando la sua parte posteriore come attrezzo
per ruotare il perno.
VERIFICA DELLA QUANTITÀ DI GAS ALL’AVVIAMENTO
La verifica della quantitàdi gas all’avviamento avviene applicando la seguente formula:
Ts x Qs ≤ 100
dove
Ts = Tempo di sicurezza in secondi.
Qs = Energia liberata nel tempo di sicurezza espressa in kW.
Il valore Qs e ricavato da:
dove
Q1
Ts1
Qn
= Portata espressa in litri liberata in n°10 partenze nel tempo di sicurezza.
= Somma del tempo di sicurezza effettivo nelle 10 partenze.
= Potenza nominale
Per ricavare Q1 occorre operare come segue:
- Staccare il cavo dell’elettrodo di controllo (elettrodo ionizzatore).
- Eseguire la lettura al contatore gas prima della prova.
- Effettuare n°10 partenze del bruciatore, le quali corrispondono a n°10 blocchi di sicurezza. Eseguire nuovamente la
lettura al contatore del gas e sottraendo la lettura iniziale, otteniamo il valore Q1.
es.
lettura iniziale
lettura finale
totale Q1
00006,682 litri
00006,947 litri
00000,265 litri
- Eseguendo queste operazioni, possiamo ricavare Ts1 cronometrando n°1 partenze (blocchi di sicurezza) per il n° delle
partenze.
es.
tempo di sicurezza effettivo
Ts1
= 1”95
= 1”95 x 10 = 19”5
- Al termine di questo controllo dovesse risultare un valore superiore a 100 intervenire sulla regolazione della velocità
dell’apertura della valvola principale.
- 20 -
TARATURA PRESSOSTATO ARIA
Il pressostato dell’aria ha il compito di mettere in sicurezza o blocco il bruciatore se viene a mancare la pressione dell’aria
comburente; esso verrà tarato più basso del valore della pressione aria che si ha al bruciatore quando questo è alla portata
nominale con funzionamento alla 1° fiamma, verificando che il valore di CO non superi il valore di 10.000 p.p.m..
TARATURA PRESSOSTATO GAS MINIMA
Il pressostato gas di minima ha il compito di impedire l’avviamento del bruciatore o di fermarlo se è in funzione. Se la
pressione del gas non è la minima prevista, esso va tarato al 40% più basso del valore della pressione gas, che si ha in
funzionamento con la portata massima.
PRESSOSTATO
Tipo: LGW 10 A2
GW 150 A5
Togliere il coperchio
e agire sul disco A
Presa di
pressione
MODELLO
Pressostato aria
DUNGS tipo
Campo di taratura
mbar
Pressostato gas
DUNGS tipo
Campo di taratura
mbar
TWIN 50/2-E
LGW 10 A2
1 - 10
GW 150 A5
5 - 120
TWIN 70/2-E
LGW 10 A2
1 - 10
GW 150 A5
5 - 120
CONTROLLO CORRENTE DI IONIZZAZIONE APPARECCHIATURA
Deve essere rispettato il valore minimo di 3 μA
e non presentare forti oscillazioni.
Collegamento microamperometro
- 21 -
CONTROLLO COMBUSTIONE
FUNZIONAMENTO GAS
Al fine di ottenere i migliori rendimenti di combustione e nel rispetto dell’ambiente, si raccomanda di effettuare con gli
adeguati strumenti, controllo e regolazione della combustione.
Valori fondamentali da considerare sono:
CO2. Indica con quale eccesso d’aria si svolge la combustione. Se si aumenta l’aria il valore di CO2% diminuisce, se si
diminuisce l’aria di combustione il CO2 aumenta. Valori accettabili sono 8,5-10% GAS METANO, 11-12% B/P.
CO. Indica la presenza di gas incombusto. Il CO, oltre che abbassare il rendimento di combustione, rappresenta un pericolo essendo velenoso. È indice di non perfetta combustione e normalmente si forma quando manca aria.
Valore max. ammesso, CO = 0,1% volume.
Temperatura dei fumi. È un valore che rappresenta la dispersione di calore attraverso il camino. Più alta è la temperatura
maggiori sono le dispersioni e più basso è il rendimento di combustione. Se la temperatura è troppo elevata occorre diminuire la quantità di gas bruciato. Buoni valori di temperatura sono quelli compresi fra 160°C e 220°C.
N.B. Disposizioni vigenti in alcuni Paesi possono richiedere regolazioni diverse da quelle riportate e richiedere
anche il rispetto di altri parametri.
FUNZIONAMENTO GASOLIO
Al fine di ottenere i migliori rendimenti di combustione, e nel rispetto dell’ambiente, si raccomanda di effettuare con gli
adeguati strumenti, controllo e regolazione della combustione. Valori fondamentali da considerare sono:
- CO2 Indica con quale eccesso d’aria si svolge la combustione; se si aumenta l’aria, il valore di CO2 % diminuisce, e se
si diminuisce l’aria di combustione il CO2 % aumenta. Valori accettabili sono 11-12 %.
- Numero di fumo (Bacharach). Sta ad indicare che nei fumi sono presenti particelle di incombusto solido.
Se si supera il n°2 della scala BH occorre verificare che l’ugello non sia difettoso e che sia adatto al bruciatore ed alla caldaia
(marca, tipo, angolo di polverizzazione). In genere il n° BH tende a diminuire alzando la pressione in pompa; é necessario, in
questo caso fare attenzione alla portata del combustibile che aumenta, e quindi, eventualmente, ridurre la capacità dell’ ugello.
- Temperatura dei fumi. È un valore che rappresenta la dispersione di calore attraverso il camino; più alta é la temperatura,
maggiori sono le dispersioni e più basso é il rendimento di combustione.
Con i bruciatori funzionanti ad alta/bassa fiamma, é necessario accertarsi che non si creino le condizioni per la condensazione dei fumi, in caldaia ed al camino. La condensa, essendo di tipo acido, potrebbe provocare gravi corrosioni alla
caldaia, pertanto é necessario consultare il costruttore della medesima a riguardo. Per quanto concerne il camino, a
seconda del materiale con cui é costruito, si possono creare fenomeni di corrosione, macchie scure di umidità e difficoltà
nello smaltimento dei fumi (insufficiente tiraggio).
N.B.: Disposizioni vigenti in alcuni paesi possono richiedere regolazioni diverse da quelle riportate e richiedere anche il
rispetto di altri parametri. I bruciatori sono progettati per rispettare le più rigide normative internazionali per il risparmio dell’energia e la tutela dell’ambiente
- 22 -
MESSA IN FUNZIONE
FUNZIONAMENTO GAS
Verificare la posizione delle punte degli elettrodi di accensione e la posizione dell’elettrodo di controllo. Verificare il corretto
funzionamento dei presostati gas ed aria. Con la chiusura della linea termostatica e del pressostato gas, l’apparecchiatura
da il consenso per l’accensione del motore. Durante questo periodo l’apparecchiatura effettua l’autoverifica della propria
integrità. Se l’autoverifica è positiva, il ciclo continua ed al termine del periodo di preventilazione (lavaggio camera di combustione) viene dato il consenso al trasformatore per la scarica agli elettrodi e all’apertura dell’elettrovalvola. Nel tempo di
sicurezza deve avvenire la stabilizzazione della fiamma, altrimenti l’impianto entra in blocco.
FUNZIONAMENTO GASOLIO
1) OPERAZIONI PRELIMINARI
- montare il manometro ed il vuotometro sulla pompa (togliere dopo la messa a punto).
- aprire le saracinesche lungo la tubazione del gasolio.
- chiudere la linea dei termostati (caldaia/ambiente)
- dare corrente dall’interrutore generale
- porre in posizione di marcia l’interrutore
- sbloccare l’apparecchiatura (spingendo il pulsante rosso)
2) AVVIAMENTO
F
- filtro di linea
P
- pompa
VE1 - elettrovalvola 1° ugello
VE2 - elettrovalvola 2° ugello
G1 - 1° ugello
G2 - 2° ugello
A) Dopo le operazioni preliminari inizia il ciclo di avviamento. Il motore del bruciatore si mette in
rotazione insieme con la pompa; il gasolio aspirato viene totalmente inviato verso il ritorno. Sono in funzione anche il
ventilatore del bruciatore ed il trasformatore d’accensione per cui si effettuano le fasi di:
- preventilazione del focolare
- prelevaggio di una parte del circuito gasolio
- preaccensione, con scarica fra le punte degli elettrodi.
N.B.: Durante la preventilazione il servomotore posiziona la serranda aria in corrispondenza della taratura
della prima fiamma.
B) Alla fine del prelavaggio, l’apparecchiatura apre la valvola elettromagnetica VE1: il gasolio giunge
all’ugello G1, dal quale esce finemente polverizzato.
Il contatto con la scarica, presente fra le punte degli elettrodi, determina la formazione della fiamma.
Contemporaneamente inizia il tempo di sicurezza.
- 23 -
SPEGNIMENTO PROLUNGATO
Se il bruciatore deve rimanere inattivo a lungo, chiudere il rubinetto del combustibile e togliere corrente all’apparecchio.
MANUTENZIONE
Tutte le operazioni devono essere eseguite
dopo aver tolto corrente. Togliendo il cofano é
possibile effettuare la pulizia della fotoresistenza, ispezionare il motore, la valvola elettromagnetica, il trasformatore ed il servocomando
serranda aria.
Per effettuare la pulizia/ispezione ugello - elettrodi, normalmente si estrae il gruppo testata
attraverso la rimozione della piastra superiore.
FOTOCELLULA UV
Sfilarla dalla sua sede e pulire la sua parte sensibile con un panno asciutto.
FILTRO POMPA
Chiudere la saracinesca sull’aspirazione, smontare il coperchio della pompa, estrarre la cartuccia a rete, lavarla con benzina, e risciacquarla con gasolio. Rimontare il tutto con molta cura.
FILTRO DI LINEA
Chiudere la saracinesca sull’aspirazione, smontare il cestello filtro, normalmente avvitato sul corpo filtro, e procedere ad
una accurata pulizia della rete filtrante. Rimontare il tutto con molta cura.
POSIZIONE VENTOLA
0÷0,5
- 24 -
ELETTRODI - UGELLO
Dopo aver tolto il cofano, sfilare i cavi di alta tensione dal lato
trasformatore, sfilare la fotoresistenza, svitare i raccordi che collegano i tubi del gasolio alle linee degli ugelli, allentare le viti della
piastra superiore ed estrarla con il gruppo flangia-ugello-deflettoreelettrodi.
Svitare le viti 5, per togliere il deflettore e la vite 6 per togliere gli elettrodi. Una buona pulizia dell’ugello si ottiene smontando il filtro e pulendo i tagli ed il foro di polverizzazione, con benzina e risciacquarlo con gasolio. Nel rimontare il tutto si
faccia attenzione al corretto posizionamento degli elettrodi-deflettore.
- 25 -
IRREGOLARITÀ DI FUNZIONAMENTO
DIFETTO
CAUSA
RIMEDIO
1. IL BRUCIATORE NON
PARTE E NON C’È
SEGNALE DI BLOCCO.
A. Mancanza di energia
elettrica.
B. Non arriva il
combustibile al
bruciatore.
A. Controllare i fusibili.
B. Controllare i termostati
(ambiente, caldaia e
sicurezza).
C. Controllare la linea di
alimentazione.
2. IL MOTORE GIRA MA
NON SI HA FORMAZIONE
DELLA FIAMMA, CON
ARRESTO IN BLOCCO.
A. Non avviene la scarica
agli elettrodi.
B. Ugello otturato
C. Non arriva il
combustibile.
D. Manca il consenso
del pressostato aria.
A. Verificare la corretta
posizione delle punte e
pulirle.
B. Pulire o sostituire l’ugello.
C. Verificare: il livello di gasolio
cisterna, che le saracinesche
lungo la linea del filtro di
linea e della pompa, e/o
controllare il funzionamento
delle valvole del gas.
D. Controllare la taratura e il
funzionamento del
pressostato aria.
3. IL BRUCIATORE SI AVVIA,
SI HA FORMAZIONE
DELLA FIAMMA E POI
SI ARRESTA IN BLOCCO.
A. Fotocellula sporca.
B. Ugello che polverizza
male.
A. Pulire la fotocellula.
B. Pulire o sostituire l’ugello.
4. LA FIAMMA È
IRREGOLARE, È CORTA
CON SCINTILLE
A. Ugello polverizza male.
B. La pressione in pompa
è troppo bassa.
C. C’è acqua nel gasolio.
A. Pulire o sostituire l’ugello.
B. Controllare e alzare la
pressione.
C. Fare togliere l’acqua dalla
cisterna e pulire i filtri.
5. LA FIAMMA È FUMOSA.
A. Ugello polverizza male.
B. Poca aria di
combustione.
A. Pulire o sostituire l’ugello.
B. Verificare che la serranda
atmosferica apra
regolarmente; verificare che
la ventola non sia sporca.
- 26 -
BRUCIATORI
CALDAIE MURALI E TERRA A GAS
GRUPPI TERMICI IN GHISA E IN ACCIAIO
GENERATORI DI ARIA CALDA
TRATTAMENTO ACQUA
CONDIZIONAMENTO
Le illustrazioni e i dati riportati sono indicativi e non impegnano. La LAMBORGHINI si riserva il diritto di apportare senza
obbligo di preavviso tutte le modifiche che ritiene più opportuno per l'evoluzione del prodotto.
LAMBORGHINI CALOR S.p.A.
VIA STATALE, 342
44047 DOSSO (FERRARA)
ITALIA
TEL. ITALIA 0532/359811 - EXPORT 0532/359913
FAX ITALIA 0532/359952 - EXPORT 0532/359947
cod. 97.00378.0 (10/08)
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement