Capitolato - ASL Viterbo

Capitolato - ASL Viterbo
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
SOMMARIO
1 OGGETTO DELL'APPALTO ............................................................................................. 4 2 PARTE PRIMA PRESCRIZIONI GENERALI E PARTICOLARI .................................. 4 2.1 Prescrizioni generali e particolari impianti meccanici ............................................ 4 2.1.1 Interpretazione dei capitolati, dei disegni ed elenco prezzi ................................... 4 2.1.2 Disegni di progetto ................................................................................................ 4 2.1.3 Progetto costruttivo ............................................................................................... 4 2.1.4 Condotta e svolgimento dei lavori......................................................................... 5 2.1.5 Accessibilità agli impianti ..................................................................................... 6 2.1.6 Buone regole dell’arte ........................................................................................... 7 2.1.7 Norme di sicurezza ................................................................................................ 7 2.1.8 Obblighi ed oneri dell’istallatore........................................................................... 8 2.1.9 Materiali e loro accettazione ............................................................................... 11 2.1.10 Rispondenza delle apparecchiature alle normative vigenti ................................. 11 2.1.11 Sottomissione elenco materiali ............................................................................ 12 2.1.12 Identificazione apparecchiature, valvole ecc. ...................................................... 12 2.1.13 Manuali di manutenzione .................................................................................... 13 2.1.14 Messa a terra........................................................................................................ 13 2.1.15 Accorgimenti per limitare la rumorosità ............................................................. 13 2.1.16 Caratteristiche di comportamento al fuoco dei componenti ................................ 14 2.1.17 Ultimazione e consegna dei lavori ...................................................................... 14 2.1.18 Documentazione finale. ....................................................................................... 15 2.1.19 Collaudo definitivo.............................................................................................. 15 2.1.20 Norme tecniche di collaudo ................................................................................. 16 2.1.21 Garanzie .............................................................................................................. 20 3 PARTE SECONDA SPECIFICHE TECNICHE DEI MATERIALI .............................. 22 3.1 Qualità e provenienza dei materiali ......................................................................... 22 3.2 Smontaggi e demolizioni ........................................................................................... 22 3.2.1 Centrale termica esistente .................................................................................... 22 3.2.2 Impianti meccanici area di intervento ................................................................. 22 3.3 Specifiche tecniche impianti di climatizzazione ...................................................... 23 3.3.1 Condizionatori ad espansione diretta a volume di refrigerante variabile ............ 23 3.3.2 Condizionatore autonomo a pompa di calore (tipo split) .................................... 27 3.3.3 Generatori di calore ............................................................................................. 29 3.3.4 Accessori per impiantistica ................................................................................. 30 3.3.5 Camini e raccordi fumari ..................................................................................... 32 3.3.6 Elettropompe ....................................................................................................... 32 3.3.7 Tubazioni............................................................................................................. 34 3.3.8 Valvolame in ottone ............................................................................................ 39 3.3.9 Valvolame in ghisa .............................................................................................. 40 3.3.10 Valvole di bilanciamento..................................................................................... 40 3.3.11 Giunti antivibranti ............................................................................................... 41 3.3.12 Valvolame in bronzo ........................................................................................... 41 3.3.13 Collettori in ottone .............................................................................................. 41 3.3.14 Radiatori in ghisa ................................................................................................ 42 3.3.15 Pannelli radianti a pavimento .............................................................................. 43 3.3.16 Ventilconvettori ................................................................................................... 43 3.3.17 Unità di trattamento aria ...................................................................................... 45 Pag. 1
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.18 3.3.19 3.3.20 3.3.21 3.3.22 3.3.23 3.3.24 3.3.25 3.3.26 Unità di ventilazione a recupero di calore ........................................................... 48 Canali in lamiera zincata ..................................................................................... 48 Condotti flessibili ................................................................................................ 51 Serrande per canalizzazioni ................................................................................. 51 Silenziatori per canalizzazioni............................................................................. 52 Bocchette, griglie e diffusori ............................................................................... 52 Rivestimenti isolanti ............................................................................................ 54 Finitura degli isolamenti...................................................................................... 56 Regolazione automatica ...................................................................................... 57 3.4 Specifiche tecniche impianti idrico sanitari ............................................................ 61 3.4.1 Apparecchi sanitari e rubinetterie, generalità ...................................................... 61 3.4.2 Lavabi .................................................................................................................. 61 3.4.3 Lavello medicale a canale in acciaio inox ........................................................... 62 3.4.4 Vasi a sedere di tipo sospeso ............................................................................... 62 3.4.5 Bidet di tipo sospeso ........................................................................................... 62 3.4.6 Piatti doccia ......................................................................................................... 62 3.4.7 Vasi per inabili .................................................................................................... 62 3.4.8 Lavabi per inabili ................................................................................................ 63 3.4.9 Accessori per bagni per disabili .......................................................................... 63 3.4.10 Vuotatoi ............................................................................................................... 63 3.4.11 Lavapadelle ......................................................................................................... 63 3.4.12 Pilozzo ................................................................................................................. 63 3.4.13 Scaldaacqua elettrici ............................................................................................ 63 3.4.14 Moduli per istallazione vasi con scarico a parete ................................................ 64 3.4.15 Moduli per istallazione bidet con scarico a parete .............................................. 64 3.4.16 Ammortizzatori colpi di ariete ............................................................................ 64 3.4.17 Rubinetti d'arresto con cappellotto ...................................................................... 64 3.4.18 Tubazioni in pead per fluidi in pressione ............................................................ 64 3.4.19 Tubazioni in pead per scarichi............................................................................. 64 3.4.20 Tubazioni in polietilene A.D. per reti di scarico interne. .................................... 65 3.4.21 Tubazioni in polietilene a pressione .................................................................... 66 3.4.22 Tubazioni in polipropilene a pressione ............................................................... 66 3.4.23 Tubazioni in pead per gas in pressione .............................................................. 66 3.4.24 Posa in opera dei condotti in materiale plastico interrate .................................... 66 3.4.25 Chiusino in in ghisa sferoidale ............................................................................ 67 3.4.26 Gruppi di pressurizzazione .................................................................................. 67 3.5 Specifiche tecniche impianti antincendio ................................................................ 68 3.5.1 Gruppo di pressurizzazione antincendio ............................................................. 68 3.5.2 Idrante antincendio UNI 45 ................................................................................. 69 3.5.3 Gruppo di attacco della motopompa VVF........................................................... 70 3.5.4 Idrante a colonna soprasuolo ............................................................................... 70 3.5.5 Cuscini antincendio ............................................................................................. 70 3.6 Specifiche tecniche per impianti gas medicali......................................................... 70 3.6.1 Quadro di riduzione II° stadio a cinque gas ........................................................ 70 3.6.2 Quadro di riduzione II° stadio a tre gas............................................................... 71 3.6.3 Allarme di reparto ............................................................................................... 71 3.6.4 Gruppo blocco di area per aria, ossigeno,vuoto .................................................. 72 Gruppo di blocco area per protossido,aria, ossigeno,vuoto ................................ 72 3.6.5 3.6.6 Cassetta per alloggiamento valvola ..................................................................... 73 3.6.7 Cassetta per alloggiamento valvole ..................................................................... 73 3.6.8 Presa in fondello da incasso Dranger .................................................................. 73 Pag. 2
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.6.9 3.6.10 3.6.11 3.6.12 3.6.13 3.6.14 3.6.15 3.6.16 3.6.17 Prese in fondello per ossigeno ............................................................................. 73 Prese in fondello per aria compressa ................................................................... 73 Prese in fondello per protossido di azoto ............................................................ 73 Prese in fondello per vuoto.................................................................................. 74 Prese in fondello per evacuazione ....................................................................... 74 Prese per testaletto ossigeno ................................................................................ 74 Prese per testaletto aria compressa ...................................................................... 74 Prese per testaletto vuoto..................................................................................... 75 Reti di distribuzione ............................................................................................ 75 Pag. 3
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
1
OGGETTODELL'APPALTO
L'appalto ha per oggetto la fornitura e la posa in opera degli impianti tecnologici a servizio
dell’ospedale di Civita Castellana realizzato con l’utilizzo dei fondi di cui al piano straordinario
ex Art. 20 L. 67/88 con residui di un precedente appalto.
2
PARTEPRIMAPRESCRIZIONIGENERALIEPARTICOLARI
2.1 Prescrizionigeneralieparticolariimpiantimeccanici
2.1.1
Interpretazionedeicapitolati,deidisegniedelencoprezzi
Gli impianti dovranno essere costruiti a regola d'arte, finiti completi e funzionanti in ogni loro
parte: qualora risultassero discordanze tra le prescrizioni di capitolato, o elenco prezzi o
relazione tecnica e quelle riportate negli elaborati grafici, si farà sempre riferimento
all’interpretazione più rispondente al progetto e alle opere da realizzare a giudizio della
Direzione Lavori.
2.1.2
Disegnidiprogetto
I disegni di progetto allegati indicano l'estensione e la sistemazione generale degli impianti
oggetto di questa specifica. La posizione delle apparecchiature e delle tubazioni potrà essere
soggetta a modifiche derivanti dalle condizioni reali della costruzione, da eventuali interferenze
con elementi di altri impianti o per migliorare l'accesso ai vari componenti dell'impianto per la
manutenzione e per eventuali riparazioni.
La Ditta dovrà controllare con cura i disegni architettonici, strutturali ed elettrici annotando le
eventuali interferenze dei componenti gli impianti meccanici con gli altri impianti dandone
immediata comunicazione alla D.L.
La mancata menzione nelle specifiche tecniche o nei disegni di un determinato componente od
accessorio non esimerà la Ditta dal fornire tale componente od accessorio in modo da rendere
completo l'impianto relativo, senza per questo pretendere compenso alcuno.
2.1.3
Progettocostruttivo
L'Appaltatore, per il fatto stesso di presentare offerta, si assume la piena e completa
responsabilità del progetto consegnato dalla Stazione Appaltante:
A tal fine l'Appaltatore, entro 7 (sette) giorni dalla data di consegna dei lavori e comunque
prima della messa in opera dei materiali e apparecchiature costituenti gli impianti, appronterà il
progetto costruttivo degli stessi che verrà approvato dalla stazione Appaltante previa verifica. Il
progetto costruttivo sarà completo di tutti i disegni di montaggio, ed i particolari costruttivi:
piante e sezioni di centrali tecnologiche in scala 1:20, particolari di montaggio singole
apparecchiature (scala 1:10 o 1:20), particolari di realizzazione opere di carpenteria come staffe
basamenti metallici, ecc. (scala adeguata 1:5 o 1:10), opere murarie come cunicoli, basamenti,
reti di scarico a pavimento. L’Impresa dovrà presentare anche i disegni dei vari cunicoli, cavedi
con riportati gli ingombri delle tubazioni, canali ecc. e delle apparecchiature elettriche.
Detti disegni riporteranno anche tutte le indicazioni idonee a consentire alla D.L.: di verificare
la rispondenza progettuale, nonché le caratteristiche di prestazioni, case costruttrici ecc. delle
principali apparecchiature e materiali. In particolare dovranno essere calcolati tutti gli elementi
terminali in funzione delle caratteristiche dei materiali prescelti ad esempio:
- Calcoli giustificativi dei terminali di ventilazione prescelti (bocchette, diffusori ecc) in
funzione del lancio, della velocità finale dell’aria, delle perdite di carico ammissibili e della
rumorosità;
- Calcoli delle perdite di carico in funzione del reale andamento dei canali e delle tubazioni in
funzione delle pompe e dei ventilatori prescelti
Pag. 4
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- Schemi della regolazione automatica …
Quant’altro la D.L. richiede per una completa descrizione degli impianti.
Solo ad approvazione da parte della D.L. si potrà procedere alla esecuzione delle opere di cui ai
disegni suddetti.
Eventuali varianti e/o modifiche che si rendessero necessarie saranno preventivamente
approvate dalla D.L. e dalla Stazione Appaltante.
L'Appaltatore integrerà il progetto allegato alla lettera d'invito con quello costruttivo, necessario
a definire completamente le opere ed a consentire il parallelo e coordinato sviluppo di tutti i
lavori in corso di cantiere.
Sarà cura dell'Impresa Appaltatrice contattare preventivamente la D.L. per definire sulla base
delle tavole di progetto, la posizione esatta di ogni utenza ai fini di evitare successivi rifacimenti
di parti di impianto già eseguite.
I disegni costruttivi saranno contrassegnati con la dicitura "approvato" quando saranno
considerati accettati dalla Committente.
L'Approvazione autorizza la esecuzione delle opere o la costruzione delle macchine.
La Committente provvederà a controllare attentamente che i disegni costruttivi siano in accordo
ai criteri di progettazione generale ed alle specifiche e disegni di progetto propri degli impianti e
delle apparecchiature.
Tuttavia l'approvazione dei disegni costruttivi non solleva la Ditta dalle proprie responsabilità di
provvedere apparecchiature e materiali in accordo alle specifiche, ai disegni ed ai documenti
contrattuali in genere, dal coordinare il propriolavorocon le attività di altri Appaltatori, dal
verificare in sito le misure, gli ingombri e le eventuali interferenze.
In questo ultimo caso è preciso dovere della Ditta informare la Committente affinché si
provveda alle dovute rettifiche per eliminare le interferenze prima della esecuzione del lavoro.
L'approvazione dei disegni costruttivi non costituisce accettazione di eventuali errori, omissioni,
varianti od altro, e si precisa che tale approvazione non corresponsabilizza il funzionamento
degli impianti e sulla rispondenza degli stessi in termini di collaudo in corso d'opera e finale, la
cui responsabilità resta completamente a carico dell'Impresa.
L'esecuzione di qualsiasi tipo di lavoro prima della approvazione dei disegni sarà a completo
rischio della Ditta.
Ogni rifacimento che si rendesse necessario in ordine a quanto sopra sarà a completo carico
della Ditta senza alcun onere per la Committente.
In particolare non sarà riconosciuta alcuna pretesa. per lavori che debbano essere rimossi o
rilocati, ancorché eseguiti in accordo a disegni costruttivi approvati.
2.1.4
Condottaesvolgimentodeilavori
In aggiunta a quanto previsto nel Capitolato Generale, l'Appaltatore per gli Impianti meccanici,
conferirà l'incarico della Direzione Tecnica del cantiere a un Ingegnere, iscritto all'Albo
Professionale, di provata capacità nel campo specifico, il quale deve avere il gradimento della
D.L. e manifesterà per iscritto la propria accettazione ed assicurare la propria disponibilità per
tutto il tempo necessario all'esecuzione dei lavori; sarà inoltre essere sempre disponibile tutte le
volte che la D.L. è presente in cantiere o tutte le volte che la stessa D.L. lo richieda.
Tale nomina sarà comunicata all'Ente Appaltante che dovrà esprimere il suo consenso.
L'Impresa Appaltatrice non sostituirà tale incaricato senza preventiva autorizzazione dell'Ente
Appaltante.
Qualora il tecnico sopracitato, per qualsiasi motivo, intendesse interrompere il suo rapporto con
l'Impresa Appaltatrice, l'Impresa stessa darà immediatamente comunicazione alla D.L. e lo
sostituirà con altro altrettanto competente.
I lavori dovranno essere eseguiti a regola d'arte, in conformità alle norme e regolamenti vigenti
ed in modo che gli impianti risultino perfettamente corrispondenti a quanto specificato nel
progetto, nella presente specifica tecnica. nel Contratto ed alle direttive impartite dalla D.L.
Pag. 5
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Le eventuali modifiche al progetto che fossero necessarie per un maggior coordinamento con i
lavori svolti da altri potranno essere apportate solo previa autorizzazione scritta della D.L.,
senza che questo costituisca un maggior onere per la Committente.
Le apparecchiature saranno installate in accordo alle modalità di installazione raccomandate dal
costruttore e secondo le seguenti direttive:
Le apparecchiature verranno assemblate in cantiere e posizionate correttamente, connesse ai
servizi generali e rese pronte per la messa in marcia con:
- tutti gli allacciamenti e dispositivi di sicurezza installati e funzionanti
- la lubrificazione iniziale
- i sistemi di controllo tarati per un funzionamento efficiente e continuativo.
Le apparecchiature saranno posizionate su basamenti in cls. salvo che non siano previsti speciali
basamenti sui disegni di progetto.
Dovranno prevedersi i bulloni di fondazione necessari.
I basamenti in acciaio delle macchine saranno inghisate con cemento e boiacca.
Gli ammortizzatori dovranno essere montati come specificato dal costruttore per ogni parte della
apparecchiatura, avendo cura di controllare attentamente la corretta distribuzione dei carichi.
Le tubazioni ed i canali saranno supportati in modo tale da evitare che siano trasmessi carichi ai
bocchelli ed alle bocche di uscita dalle macchine.
L'allineamento delle macchine rotanti sarà eseguito prima e dopo l'ancoraggio e l'inghisaggio
dei basamenti.
L'allineamentodelleapparecchiature, preassemblate in fabbrica, dovrà essere controllato in
cantiere ad installazione avvenuta.
Le valvole e gli organi di intercettazione necessari per l'esercizio dell'impianto saranno montati
in posizione accessibile.
I termometri, i manometri e gli altri strumenti indicatori saranno montati in modo da essere letti
agevolmente.
Le apparecchiature ed i relativi accessori a completamento saranno protetti dai danni durante e
dopo l'installazione.
In particolare si dovrà aver cura che non avvengano danni a causa dell'esposizione all'umidità ed
alla polvere.
A lavoro ultimato le apparecchiature e gli accessori dovranno risultare esenti da danni alla
verniciatura, non dovranno presentare segni di utensili, graffiature, colpi, scheggiature e altri
difetti.
Tutte le connessioni alle tubazioni saranno protette con tappi o flange cieche prima della
installazione definitiva.
2.1.5
Accessibilitàagliimpianti
Gli impianti saranno installati in maniera tale che siano facilmente accessibili per le manovre, la
le manutenzione e le riparazioni.
Le valvole, i controlli. le portine di ispezione e tutti gli altri accessori necessari al normale
esercizio degli impianti saranno installati in maniera tale che siano facilmente accessibili per le
manovre, la manutenzione e le riparazioni.
I percorsi delle tubazioni e dei canali dovranno essere in zone di completa e continua
accessibilità (soprattutto a soffitto di corridoi e cavedi);
I sistemi di occultamento (controsoffitti) dovranno essere di tipo amovibile con facilità;
l’impresa dovrà prevedere tutte le strutture per la accessibilità alle parti importanti di macchine
complesse e di grandi dimensioni (passerelle, scale e sistemi di illuminamento per gruppi
frigoriferi, unità di trattamento dell'aria);
Tutti i componenti interni agli ambienti dovranno essere facilmente accessibili (apparecchi
sanitari, mobiletti ventilconvettori, batterie di post-riscaldamento, complessi di regolazione);
L’impresa dovrà considerare gli spazi di rispetto per tutte le apparecchiature che lo richiedono
(estrazione di fasci tubieri, asportazione di batterie, estrazione di filtri).
Pag. 6
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Le parti di impianto installate in posizioni non adeguate saranno rimosse e rilocate come
indicato dalla Committente senza alcun onere economico per la Committente.
2.1.6
Buoneregoledell’arte
Gli impianti dovranno essere realizzati, oltre che secondo le prescrizioni da presente capitolato,
anche secondo le buone regole dell'arte, intendendosi con tale denominazione tutte le norme più
o meno codificate di corretta esecuzione dei lavori.
Ad esempio tutte le rampe di tubazioni dovranno avere gli assi allineati; i collettori dovranno
avere gli attacchi raccordati e gli assi dei volantini delle valvole d'esclusione delle linee in
partenza e/o in arrivo dovranno essere allineati; tutti i rubinetti di sfiato di tubazioni o serbatoi
dovranno essere in posizione facilmente accessibile, senza necessità d'uso di scale o altro; tutti i
serbatoi, le pompe, le apparecchiature di regolazione i collettori e le varie tubazioni in
arrivo/partenza dovranno essere provvisti di targa d'identificazione in plexiglas, con tutte le
indicazioni necessarie (circuito, portata, prevalenza, capacità ecc.), e così via.
Tutto quanto sopra sarà ovviamente compreso nel prezzo di appalto dei lavori.
2.1.7
Normedisicurezza
La Ditta dovrà operare in modo tale da eliminare qualsiasi rischio di incendio e prevenire danni
di qualsiasi genere.
Durante i montaggi la Ditta dovrà attenersi rigorosamente alle norme vigenti in materia di
sicurezza sul lavoro e prevenzione degli incendi.
Le operazioni che comportano l'uso di fiamme potranno essere,. eseguite solo con adeguate
protezioni.
I materiali infiammabili dovranno essere allontanati dalle aree di lavoro nelle quali.si possono
produrre fiamme o scintille o comunque essere protetti adeguatamente con coperte
incombustibili.
Non potrà essere detenuta sul luogo di lavoro una quantità di materiale infiammabile superiore a
quanto necessario per una giornata lavorativa.
Tali sostanze dovranno inoltre essere stoccati in appositi contenitori con l'etichettatura
"infiammabili".
la Ditta dovrà provvedere alla pulizia del luogo di lavoro allontanando detriti e materiali di
risulta alla fine di ogni giornata.
I materiali e/o macchinari saranno immagazzinati in luoghi e in modi da non costituire
potenziale pericolo.
Nelle immediate vicinanze di qualsiasi materiale immagazzinato saranno posizionati, a cura
della Ditta, estintori portatili di tipo omologato.
Nessun tipo di solvente, olii combustibili o altri liquidi infiammabili potranno essere scaricati
nelle fognature.
Le bombole di gas per saldature e taglio dovranno essere di tipo regolamentare, contraddistinte
in accordo al tipo di gas contenuto in accordo alle norme.
Le bombole di ossigeno ed acetilene dovranno essere stoccate in zone ben ventilate e asciutte.
La zona designata come magazzino per le bombole dovrà essere ben protetta dall'eventualità di
danni causati da altri lavori.
Le bombole di ossigeno immagazzinate all'interno dovranno essere separate dalle bombole
contenenti gas infiammabili.
Le bombole dovranno essere protette dal calore e dall'irraggiamento solare mediante tettoie.
Le bombole vuote dovranno essere tenute separate da quelle piene.
La manodopera della Ditta dovrà indossare le protezioni personali in accordo alle norme di
sicurezza sul lavoro.
Qualora fossero necessari interventi con l'uso di fiamme o saldatrici su edifici abitati si dovrà
richiedere giornalmente il permesso di lavoro alla D.L.
Pag. 7
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Le opere di protezione e sicurezza quali cavalletti, corrimani, luci di sicurezza ecc. saranno a
carico della Ditta che sarà tenuto ad eseguire la manutenzione necessaria per mantenere in
completa efficienza tali opere.
Stracci e carte impregnate di solventi, vernici e combustibili, devono essere rimosse dal cantiere
alla fine di ogni giornata di lavoro.
Le sostanze infiammabili quali olii c/o liquidi volatili non potranno essere immagazzinate nella
stessa area.
Le valvole e le valvole di sicurezza dovranno essere protette contro il gelo e la neve.
I gas infiammabili comel'acetilene non dovranno essere preriscaldati con aria o ossigeno prima
del consumo se non al bruciatore o nel cannello per il taglio o la saldatura.
L'alimentazione di ossigeno ed acetilene sarà da bombole aventi gli appositi riduttori-regolatori
di pressione.
Le bombole dovranno essere mantenute negli appositi carrelli in posizione verticale e fissate per
evitare la caduta.
Potranno essere usati fogli di polietilene per temporanee protezioni solo se approvato dalla
Committente.
Tutti i sistemi a fiamma libera che possono costituire pericolo al personale non dovranno essere
usati se non adeguatamente protetti e nel rispetto delle normative vigenti.
2.1.8
Obblighiedoneridell’istallatore
Le assistenze murarie, come in avanti specificato, sono comprese e compensate nei prezzi
unitari a base di appalto.
Gli impianti dovranno essere realizzati anche con lievi modifiche che la Direzione Lavori
ritenga necessario apportare in fase di esecuzione degli impianti, compresi comunque nella
valutazione dei prezzi unitari o a corpo.
Per eliminare comunque qualsiasi errata interpretazione che non corrisponda all'intento della
Committente di ottenere per i prezzi unitari o a corpo pattuiti, tutti i materiali e le
apparecchiature occorrenti, nello stato e nelle condizioni sopra esposte si elencano alcune
prestazioni che si intendono comprese nel prezzo:
Per maggior chiarezza, per assistenze murarie s'intendono tutte quelle lavorazioni edilizie (da
muratore, da fabbro, da lattoniere o altro) ed in qualche caso le lavorazioni provvisionali (da
idraulico o da elettricista) necessarie per la fornitura e messa in opera a regola d'arte degli
impianti meccanici e speciali, oggetto del presente progetto.
Più precisamente s'intenderanno comprese nelle assistenze murarie:
- tutte le opere necessarie a movimentare dai magazzini di fornitura al cantiere e nell'ambito nel
cantiere, tutte le apparecchiature, i macchinari ed i materiali di grosse dimensioni che
necessitano di mezzi meccanici per essere posti in opera;
- tutte le opere necessarie per l'esecuzione di fori, tracce, scassi, tagliole, sia in tramezzi di
laterizio che in pareti del tipo più diverso, compreso quelle in c.a., impalcatura, murature di
rifoglio a lesena, ferramenta di sostegno e di supporto a tubazioni, canalizzazioni ed
apparecchiature, rasature, rivestimenti, cassonature, portelli d'ispezione e quanto altro
necessario per sostenere, fornire e porre in opera a regola d'arte, gl'impianti stessi, si intende
compresa l'esecuzione di eventuali punti fissi e slitte di scorrimento;
- tutte le opere di ripristino dei fori, tracce, scassi e tagliole, necessarie per riportare allo stato
preesistente l'area interessata dai lavori compreso il rifacimento degli intonaci e la tinteggiatura
dei muri;
- tutte le opere necessarie a fare in modo che sia mantenuta in corrispondenza dei muri REI, la
resistenza al fuoco prevista mediante la tamponatura degli scassi con materassini intumescenti,
polimero in stato spugnoso di tipo intumescente, stucchi siliconici resistenti al fuoco, sacchetti
resistenti al fuoco, manicotti per tubazioni resistenti al fuoco, il tutto messo in opera da
personale specializzato compresa la certificazione di prova dei prodotti e dichiarazione di
conformità dei materiali installati e dichiarazione di responsabilità dei lavori eseguiti.
Pag. 8
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- tutte le opere necessarie a fare in modo che durante l'attraversamento di pareti, in
corrispondenza di zanche di sostegno o punti fissi sia mantenuta la continuità elettrica mediante
l'adozione di particolari accorgimenti da concordare con la D.L;
- a spostare temporaneamente e successivamente ripristinare tutti i materiali (tecnici ed
economali quali tubi, scaffali, archivi, condutture elettriche telefoniche e speciali ecc.)
interferenti con l'esecuzione dei lavori;
- ad eseguire i fori, le asole, gli scassi e gli ancoraggi per la posa in opera delle tubazioni, canali,
scarichi ecc, nonché di tutte le altre parti di impianti per le quali è prevista la posa incassata;
- a ripristinare le demolizioni eseguite (tamponamenti e tinteggiature) mantenendo il grado di
resistenza al fuoco dei vari tramezzi;
- a ripulire l'area, oggetto dei lavori, di tutti i materiali di risulta o di sfrido derivante dalle
lavorazioni;
- ogni altro onere di facchinaggio ancoraggio, o passaggio per dare l'opera eseguita a regola
d'arte, ultimata collaudata e funzionante.
Sollevamenti a mezzo gru o autogrù dei macchinari da posizionare ai piani e in copertura.
Tutte le spese relative alla presentazione dell'offerta.
La fornitura di tutti i materiali e le apparecchiature costituenti gli impianti.
Il montaggio delle apparecchiature e degli impianti eseguito a perfetta regola d'arte.
La direzione, la sorveglianza e l'assistenza tecnica del personale, le prestazioni del personale
specializzato, di aiuto e di manovalanza di qualsiasi genere.
Le eventuali spese di trasporto, vitto e alloggio di tutto il personale addetto ai lavori.
Responsabile di cantiere con presenza continua in luogo.
Energia elettrica e acqua per il montaggio e le prove di funzionamento.
I mezzi d'opera occorrenti per il montaggio ivi compresi eventuali sollevamenti a mezzo di gru.
La fornitura di tutti i materiali di consumo ed accessori per il montaggio.
La verniciatura con antiruggine e con vernice a finire per tutte le parti non zincate quali
mensole, supporti, radiatori ecc.
Rimozione delle attrezzature e allontanamento dei materiali di risulta e pulizia completa ad
ultimazione lavori.
Tutte le operazioni e tutti gli oneri, ivi compresa la messa a disposizione di strumenti,
apparecchiature, mano d'opera e tecnici per le verifiche e prove di collaudo, nonché le spese
inerenti il collaudo definitivo, escluso il compenso professionale del collaudatore.
Messa a terra di tutte le apparecchiature metalliche previste negli impianti collegate alla rete
generale dello stabilimento.
Oneri per lo svolgimento di pratiche, denuncie, richieste di collaudi ecc. nonché le spese nei
confronti di enti, associazioni e istituti aventi il compito di esercitare controlli, prevenzioni ed
ispezioni di qualsiasi genere.
Spese relative alla messa in servizio degli impianti e istruzione del personale della Committente
per la conduzione degli impianti.
L'illuminazione del cantiere e l'illuminazione per eventuali lavori notturni se necessario.
Si richiede che tutte le operazioni di cantiere avvengano senza interferire, né ostacolare né
disturbare l'attività esistente che continuerà a mantenere tutti i suoi propri flussi di servizi senza
nessuna interruzione. In particolare l'orario di lavoro dovrà essere concordato con la Direzione
Lavori, come pure dovrà essere concordata con la stessa Direzione, la sequenza dei lavori in
merito alla loro rumorosità. Saranno comunque prese tutte le precauzioni atte ad evitare
qualsiasi interferenza col resto dell’attività lungo tutto il perimetro del cantiere. In ogni caso il
perimetro del cantiere verrà definitivamente indicato all'atto della consegna dei lavori,
escludendo qualsiasi obiezione dell'Appaltatore a questo riguardo.
La guardiania e la sorveglianza, sia di giorno che di notte, con il personale preposto dalle
vigenti leggi in materia, del cantiere e di tutti i materiali in esso esistenti.
L'esecuzione a sue spese delle prove che verranno in ogni tempo ordinate dalla Direzione
Lavori, sui materiali impiegati per gli impianti, in correlazione a quanto prescritto, circa
Pag. 9
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
l'accettazione dei materiali stessi. Dei campioni potrà essere ordinata la conservazione presso
l'Ufficio di Direzione, munendoli di suggelli a firma del Direttore dei Lavori e dell'Appaltatore,
nei modi più adatti a garantirne l'autenticità.
La consegna a piè d'opera di tutti i materiali occorrenti per l'esecuzione dei lavori, franca di ogni
spesa di imballaggio, di trasporti di qualsiasi genere, comprendendosi nella consegna non solo
lo scarico ma anche i trasporto fino ai luoghi di deposito provvisorio in attesa della posa in
opera.
Tutte le ulteriori manovre di trasporto e di manovalanza occorrenti per la completa posa in
opera, per quante volte necessario e per qualsiasi distanza nonché i rischi dei trasporti derivanti
dagli oneri di cui sopra.
L'Appaltatore non potrà ostacolare od impedire il funzionamento delle attività contigue e/o
interessate dall'esecuzione delle opere.
L'appaltatore dovrà comunque sottostare per particolari ed eventuali esigenze agli specifici
Ordini di Servizi emanati dalla Direzione Lavori.
Il rispetto di tutte le norme antinfortunistiche vigenti in modo da garantire l'incolumità del
personale e dei terzi.
Le assicurazioni sociali, le assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro e tutti indistintamente gli
obblighi inerenti ai contratti di lavoro.
Le spese per la fornitura di fotografie delle opere in corso, nei vari periodi dell'appalto, nel
numero e dimensioni che saranno di volta in volta richieste dalla Direzione dei Lavori.
L'assicurazione contro gli incendi di tutte le opere eseguite e dei materiali a piè d'opera fino al
collaudo finale, comprendendo nel valore assicurato anche le opere eseguite da altre Ditte,
l'assicurazione contro tali rischi dovrà farsi con polizza intestata all'Amministrazione
Appaltante.
L'Appaltatore si rende garante e responsabile in solido di ogni e qualsiasi danno che si
verificasse in conseguenza dei lavori, alle opere in costruzione, a quelle preesistenti o a terze
persone.
Il pagamento delle tasse per concessione di permessi comunali, per la eventuale occupazione
temporanea di suolo pubblico, nonché per licenze temporanee di passi carrabili ed il pagamento
di ogni tassa presente e futura inerente la costruzione di tutte le opere.
L'accesso al cantiere, il libero passaggio nello stesso e nelle opere costruite o in costruzione alle
persone addette a qualunque altra impresa alla quale siano stati affidati lavori non compresi nel
presente appalto, ed alle persone che eseguono dei lavori per conto dell'Ente appaltante, nonché
a richiesta della Direzione Lavori, l'uso parziale o totale, da parte di dette imprese o persone dei
ponti di servizio, impalcature, costruzioni provvisorie, e degli apparecchi di sollevamento per
tutto il tempo occorrente all'esecuzione dei lavori che l'Amministrazione appaltante, intenderà
eseguire direttamente ovvero a mezzo di altre Ditte, dalle quali, come dall'Amministrazione
Appaltante, l'Appaltatore, non potrà pretendere compensi di sorta.
L'obbligo di non danneggiare, durante l'esecuzione delle opere, strutture ed impianti esistenti nei
luoghi in cui verranno eseguiti i lavori e di provvedere a sua cura e spese alle riparazioni di
eventuali danneggiamenti. L'Appaltatore si obbliga pure a non apportare alcun intralcio ai lavori
che le altre Ditte, ancorché da Lui non dipendenti, eseguissero nel cantiere, al funzionamento
dei servizi ed a provvedere alla pulizia e manutenzione dei luoghi, in cui si rende necessario il
passaggio di operai e cose, da materiali di risulta o non utilizzabili.
L'eventuale predisposizione ed attuazione di turni di lavoro straordinario, anche notturno, o in
giorni festivi per l'acceleramento dei lavori compreso l'onere delle illuminazioni ed ogni altro
conseguente, come linee elettriche volanti, lampade, ecc. La sottomissione a tale necessità dovrà
essere assicurata previo avviso, entro un tempo minimo di anticipo, da parte del Direttore dei
lavori.
In generale ed in conclusione, ogni onere necessario per dare i lavori finiti a opera d'arte, senza
che la Committente debba sostenere alcuna spesa oltre ai prezzi unitari o al prezzo a corpo
pattuito.
Pag. 10
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Le varianti approvate e richieste in corso d'opera dalla Direzione Lavori verranno conteggiate in
base ai prezzi unitari.
2.1.9
Materialieloroaccettazione
I materiali saranno nuovi, in ottimo stato, uniformi per qualità, forma, struttura e colore.
I materiali non presenteranno rotture, deformazioni o difetti che possano intaccarne la solidità,
l'aspetto, le prestazioni, la durata e la continuità di servizio.
Quando richiesto, i campioni saranno identificati con una targa indicante il nome del
Costruttore, il modello, l'impiego, il numero d'ordine, la data e tutte le altre informazioni
necessarie.
I campioni approvati dalla Committente, costituiranno standard al quale dovranno conformarsi i
materiali forniti.
Se non sono richiesti campioni, la Ditta dovrà indicare il nome del Costruttore,il tipo ed ogni
altra informazione utile ad identificare il materiale che verrà fornito.
Il riferimento a nomi dei Costruttori o tipi di materiali eventualmente indicati nelle specifiche o
disegni hanno l'unico scopo di identificare e stabilire lo standard qualitativo minimo accettabile
dalla Committente.
Ogni qualvolta possibile si useranno prodotti e materiali standard dei vari Costruttori.
Tuttavia, i prodotti potranno essere richiesti con le opportune modifiche per conformarsi alle
specifiche tecniche.
I materiali saranno prodotti da Costruttori riconosciuti per la qualità del prodotto, robustezza,
durata e minima manutenzione.
I materiali non saranno installati o usati per scopi o secondo modalità al di fuori delle
raccomandazioni del Costruttore o tali da invalidare le garanzie.
L'approvvigionamento e l'installazione dei materiali, apparecchiature e macchine sarà
coordinato con le altre attività in accordo alle indicazioni che saranno forniti dalla D.L.
Le apparecchiature usate in quantità. per esempio valvolame, griglie, rubinetterie, raccordi ecc.,
saranno prodotti da un unico costruttore per ogni categoria di prodotto.
I materiali, le apparecchiature e le macchine saranno di prima qualità, in stretto accordo con le
specifiche di progetto e rispondenti alle normative vigenti.
Le apparecchiature acquistate dalla Committente che dovranno essere installate dall'Appaltatore
saranno prese in carico da questi che se ne assumerà la completa responsabilità per la cura e la
conservazione.
Sarà inoltre a carico dell'Appaltatore intervenire direttamente con il Fornitore delle
apparecchiature in caso di cattivo funzionamento o danneggiamento di qualsiasi parte delle
apparecchiature.
2.1.10 Rispondenzadelleapparecchiatureallenormativevigenti
Le apparecchiature saranno costruite in accordo alle leggi e/o normative in vigore al momento
della stipulazione del contratto.
Il Fornitore si assume l'onere di eseguire la progettazione e costruzione delle apparecchiature in
accordo a quanto sopra, assumendosi conseguentemente la incondizionata responsabilità nei
riguardi della Committente, sollevando la stessa da qualsiasi onere derivante dal mancato
rispetto delle leggi e/o normative vigenti.
Il Fornitore, nei limiti che gli competono, è tenuto ad espletare tutte le pratiche per l'ottenimento
dei certificati, autorizzazione, permessi e quanto altro occorrente per l'esercizio delle
apparecchiature fornite.
Il Fornitore deve dare tutta la documentazione e la necessaria assistenza, per il disbrigo delle
pratiche pertinenti quanto fornito, che le vigenti norme richiedono siano eseguite dalla
Committente.
Pag. 11
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
2.1.11 Sottomissioneelencomateriali
Nei tempi contrattuali previsti, e comunque tali da non causare ritardi ai lavori in generale, la
Ditta dovrà sottomettere in duplice copia alla D.L. l'elenco completo dei materiali e delle
apparecchiature proposte per l'installazione.
L'elenco dei materiali e delle apparecchiature proposti dalla Ditta dovrà essere corredato di tutto
quanto necessario per identificare univocamente quanto la ditta intende fornire.
Non saranno accettati materiali ed apparecchiature indicate sommariamente.
Una copia dell'elenco materiali, sarà restituita alla Ditta con l'approvazione e/o note della D.L.
L'approvazione non costituirà autorizzazione ad installare materiale ed apparecchiature non
conformi ai requisiti richiesti da questa specifica tecnica e dagli altri documenti di contratto,
salvo nel caso in cui la Ditta abbia chiaramente fatto notare nell'elenco e nei disegni sottoposti
all'approvazione le modifiche apportate.
I particolari di tali modifiche e le ragioni per cui saranno state apportate dovranno essere
sottoposti all'approvazione della D.L.
Ad insindacabile giudizio della D.L. potranno essere rifiutati materiali ed apparecchiature
ritenute non conformi alle specifiche o non idonee per l'impiego proposto.
Per le apparecchiature la Ditta dovrà fornire la documentazione del loro collaudo attestante la
rispondenza delle caratteristiche delle macchine a quanto richiesto nelle specifiche.
Della data del collaudo la ditta dovrà darne comunicazione alla Committente e alla Direzione
lavori al fine di consentire l'eventuale presenza di loro rappresentanti alla prova.
Il collaudo avrà inoltre lo scopo di verificare la perfetta consistenza ed efficienza in ogni loro
parte delle apparecchiature agli effetti della consegna definitiva.
Per talune apparecchiature e come richiesto dalle specifiche dedicate può essere richiesto un
collaudo in esercizio.
Se qualche prova non dovesse dare un risultato soddisfacente, la Ditta dovrà, entro dieci giorni,
provvedere a tutte le modifiche e sostituzioni necessarie per superare il collaudo e ciò senza
alcuna remunerazione.
Rimane inteso che in tale evenienza la garanzia verrà prolungata.
Se i risultati ottenuti non fossero ancora accettabili la Committente potrà rifiutare la fornitura.
La Ditta dovrà allora provvedere, a sue spese e nei termini prescritti, alle rimozioni e
sostituzioni dei materiali non accettati per ottenere i risultati richiesti.
Qualora questo periodo trascorra infruttuosamente, la Committente avrà la facoltà di provvedere
direttamente ad effettuare i lavori addebitandone i costi alla Ditta previa comunicazione scritta
della stessa.
2.1.12 Identificazioneapparecchiature,valvoleecc.
I componenti dovranno essere facilmente individuati con sistemi di identificazione (colori,
targhette, segnalatori di presenza);
Tutte le apparecchiature, i collettori, gli scambiatori, le valvole. le serrande, e tutti gli
apparecchi di regolazione, di controllo (termometri, manometri, termostati..) dovranno essere
contrassegnati per mezzo di denominazioni e sigle accompagnate da numeri, tali riferimenti
dovranno essere gli stessi che figureranno sugli schemi e sulle tabelle.
La descrizione dovrà indicare la sigla di riferimento, la descrizione dell'apparecchio e le
funzioni.
L’Impresa dovrà fornire le apposite targhette che dovranno essere pantografate e fissate con viti.
Non sono ammessi contrassegni riportati con vernice o con targhette adesive.
Per i quadri elettrici saranno consentite targhette pantografate adesive.
I simboli dovranno essere di altezza non inferiore a 1 cm.
Il criterio da usare nell'impostazione dei contrassegni dovrà essere di massima razionalità e
logicità e non dare adito a confusioni.
Pag. 12
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
L'installatore dovrà fornire elenchi indicanti la posizione, la funzione, l'eventuale taratura di
ogni valvola, serranda e controllo.
Le tabelle e gli elenchi dovranno essere di dimensione e tipo approvato, multipli dei fogli UNI e
saranno allegate alla monografia degli impianti.
L'installazione di tutta la segnaletica atta ad identificare le tubazioni e le apparecchiature
costituenti gli impianti secondo la simbologia UNI.
2.1.13 Manualidimanutenzione
Per ciascun impianto ed apparecchiatura dovranno essere forniti i relativi manuali di
manutenzione e conduzione.
I manuali dovranno comprendere una lista completa delle parti componenti l'apparecchiatura e
descrivere in dettaglio le procedure raccomandate dal Costruttore per la manutenzione e
l'esercizio delle stesse.
Saranno forniti n. 3 copie dei manuali di manutenzione e conduzione completi dei disegni di
officina approvati. prima della spedizione in cantiere.
Con i manuali di manutenzione sarà inviato un elenco completo delle parti di ricambio ed un
elenco delle parti di ricambio suggerite per il primo anno di funzionamento.
Per ogni apparecchiatura saranno inoltre forniti i relativi manuali di installazione per uso
dell'Appaltatore.
2.1.14 Messaaterra
La Ditta dovrà predisporre su tutte le masse metalliche, anche non attive quali telai, caldaie,
condizionatori, pompe ecc. appropriati morsetti per permetterne il collegamento alla rete di
messa a terra.
2.1.15 Accorgimentiperlimitarelarumorosità
Gli impianti saranno realizzati in modo da non generare livelli sonori superiori a quelli indicati
nei dati tecnici né trasmettere vibrazioni alle strutture dell'edificio.
La Ditta dovrà adottare tutti gli accorgimenti necessari, anche se non espressamente descritti,
atti ad eliminare le cause di rumore e vibrazioni senza alcun onere aggiuntivo, rimanendo la
Ditta stessa l'unico responsabile e garante della silenziosità di funzionamento degli impianti.
A titolo indicativo, ma non limitativo, vengono di seguito date alcune prescrizioni.
* Condotti silenziatori
Non sarà consentito l'uso generalizzato di materiali acustico-assorbenti all'interno dei canali;
questi materiali fono-assorbenti, se necessari, dovranno essere concentrati in appositi tronchi
silenziatori (trappole sonore) ubicate nei pressi dei ventilatori e in posizione di facile
accessibilità per la loro manutenzione e/o nei tronchetti di alimentazione delle bocchette di
mandata e di estrazione, ove indicato.
* Giunti antivibranti
I tubi ed i canali d'aria collegati a macchine dovranno essere corredati di giunti antivibranti
cilindrici in gomma e acciaio per i tubi d'acqua e in tela incombustibile per i canali d'aria.
* Elementi terminali dotati di ventilatore
Il livello di pressione sonora rilevato negli ambienti in cui sono istallati ventilconvettori,
aerotermi ed in generale elementi terminali dotati di ventilatore, con gli impianti in funzione,
non dovrà superare i livelli ammessi dalla norma UNI 8199.
* Supporti antivibranti
Le apparecchiature con parti rotanti dovranno essere montate su basamenti o telai dotati di
adeguati ammortizzatori o supporti antivibranti.
I basamenti delle pompe saranno isolati dalle strutture a mezzo di materiali resilienti.
* Sospensione di canali e tubazioni
Pag. 13
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I canali e le tubazioni saranno sospesi alle pareti per mezzo di dispositivi atti ad evitare la
trasmissione di vibrazioni alle strutture ed alle pareti dell'edificio.
I collari ed i supporti dovranno essere dimensionati in modo da permettere l'inserimento di tutti
gli accorgimenti necessari per un perfetto isolamento dei sistemi dalle vibrazioni.
Le tubazioni incassate nei muri dovranno essere libere di seguire le dilatazioni termiche e non
dovranno essere bloccate.
Le dilatazioni termiche dovranno essere assorbite attraverso l'inserimento di opportuni
dilatatori.
Per quanto riguarda la rumorosità, in sede di collaudo si farà riferimento alla norma UNI 8199
nonché ai regolamenti d'igiene regionale e comunale.
I livelli sonori massimi ammessi nei locali climatizzati dovranno essere i seguenti:
Sale conferenza degenze, locali diagnostica ed ambulatori NR 30
Uffici ed assimilabili40 dB(A)
Rimanenti locali 45 dB(A)
Tali livelli si intendano derivati sia dalle apparecchiature installate all'interno sia da quelle,
sempre inerenti gli impianti, installate all'esterno dell'ambiente ove vengono fatte le misure.
I limiti dovranno valere inoltre in presenza di livello di fondo (ottenuto con misurazioni nei
medesimi locali controllati, con tutti gli impianti fermi), inferiore di almeno 3 dB(A) dei
sopracitati livelli.
In caso di livelli di rumore di fondo superiori, gli incrementi dei livelli sonori ammessi saranno
determinati secondo quanto indicato dalla norma UNI 8199.
Per quanto riguarda la rumorosità generata dagli impianti al di fuori degli ambienti oggetto del
presente progetto, le sorgenti di rumore verranno distinte tra quelle poste all'aperto o simili a tali
e quelle poste all'interno dei locali. I limiti massimi ammessi sono stabiliti rispettivamente dal
DPCM 14/11/98 e dal DPCM 05/12/98.
I livelli sonori ammessi all'esterno del fabbricato sono quelli stabiliti dal D.P.C.M. del 1 marzo
1991: "Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno",
in accordo con i criteri di zonizzazione eventualmente emanati dal Comune di pertinenza.
2.1.16 Caratteristichedicomportamentoalfuocodeicomponenti
Tutti i materiali impiegati dovranno avere idonee caratteristiche di comportamento al fuoco,
come richiesto dalla normativa vigente per l’attività .
Dovranno essere esibiti i certificati rilasciati dal Ministero degli Interni o almeno i certificati di
laboratorio comprovanti la classe di appartenenza secondo D.M.26.6.84.
Le serrande tagliafuoco saranno di tipo omologato REI-xxx con certificazione del Ministero
degli interni; è richiesta la certificazione di tutto il complesso della serranda (cassa, flange,
pala).
I filtri d'aria saranno incombustibili o ininfiammabili (riferim. classe B1-norme DIN 53438).
I giunti antivibranti sui canali saranno in tessuto di vetro incombustibile.
2.1.17 Ultimazioneeconsegnadeilavori
L'ultimazione dei lavori avverrà il giorno fissato sul verbale di consegna Lavori, aumentato
delle eventuali proroghe e sospensioni e sarà comunicato per iscritto al Direttore Lavori, il quale
procederà alle necessarie constatazioni in contraddittorio e redigerà l'apposito verbale.
La Consegna degli impianti verrà effettuata entro 3 mesi dal verbale di Ultimazione Lavori.
Si precisa che l’Appaltatore resterà unico responsabile delle opere e garantirà la manutenzione
ordinaria e straordinaria delle stesse, anche con edificio eventualmente occupato, sino al
collaudo definitivo dell’intera opera impiantistica meccanica, che dovrà concludersi entro 12
mesi successivi al verbale di ultimazione lavori.
Entro la data stabilita per la Consegna degli Impianti, l'Appaltatore, per un periodo pari a cinque
giorni lavorativi (quaranta ore) istruirà il personale della Stazione Appaltante sulle modalità di
Pag. 14
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
funzionamento e di conduzione degli impianti; al termine di tale periodo la stazione Appaltante
dovrà rilasciare apposito attestato.
2.1.18 Documentazionefinale.
Subito dopo l'ultimazione dei lavori, l’Impresa dovrà provvedere a quanto segue:
1) Consegnare alla Committente tutti i nulla osta degli enti preposti (ISPESL, VV.FF. ecc), il
cui ottenimento è a carico dell’Impresa.
2) Redarre i disegni definitivi degli impianti, così come sono stati realmente eseguiti, completi
di piante, sezioni, schemi ecc. il tutto quotato, in modo da poter verificare in ogni momento le
reti e gli impianti stessi. Di tali disegni l’Impresa dovrà fornire alla Committente, una copia
cartacea firmata, un controlucido e una copia su supporto informatico in formato*.dwg o *.dxf
3) Fornire alla Committente in duplice copia una monografia sugli impianti eseguiti, con tutti i
dati tecnici, dati di tarature, istruzioni per la messa in funzione dei vari impianti o
apparecchiature e norme di manutenzione.
Alla fine della monografia, in apposita cartella, saranno contenuti i depliants illustrativi e tecnici
delle singole apparecchiature con le relative norme di installazione, messa in funzione,
manutenzione e, per ogni macchina, un elenco dei pezzi di ricambio consigliati dal costruttore
per un periodo di funzionamento di cinque anni.
4) Dichiarazione di conformità dell’impianto alla regola dell’arte secondo l’Art. 9 della Legge
n° 46 del 5 Marzo 1990.
La Committente prenderà in consegna gli impianti solo dopo l'ultimazione e non appena
l’Impresa avrà ottemperato ai punti 1-2-3-4 di cui sopra.
La Committente si riserva la facoltà, una volta ultimati i lavori, di imporre all’Impresa la messa
in funzione degli impianti, rimanendo per essa Impresa unica responsabile e con totale
conduzione e manutenzione, ordinaria e straordinaria in completo carico dell’Impresa stessa,
fino all'espletamento di quanto esposto ai punti di cui sopra, cioè fino a quando la Committente
potrà prendere in consegna gli impianti.
Restano esclusi dagli oneri dell’Impresa, in tale periodo, i soli consumi di energia e
combustibile.
Si rammenta che la garanzia sui lavori decorrerà a partire dalla data del collaudo ufficiale.
2.1.19 Collaudodefinitivo
Il collaudo dovrà avere inizio entro il terzo mese dall’ultimazione dei lavori tutti e dovrà essere
ultimato entro i dodici mesi, in conformità alla prescrizione dell’art. 5 della legge 10/12/1981 n°
741 e successive modifiche.
Il collaudatore dovrà accertare:
- la corrispondenza delle forniture agli impegni contrattuali
- la corretta esecuzione nel rispetto delle prescrizioni e, in mancanza di queste, secondo la
"buona regola d'arte".
- lo stato di funzionamento delle varie apparecchiature a livello delle singole prestazioni.
- la rispondenza al corretto funzionamento degli impianti come risultato conseguente
l'inserimento delle apparecchiature in contemporaneo funzionamento secondo quanto previsto
per i singoli sistemi o impianti
- la rispondenza delle prestazioni degli impianti alle condizioni prescritte nell'ambito delle
tolleranze ammesse
- la verifica della correttezza delle dichiarazioni ex legge 46/90
- la verifica di tutti i certificati di prova e di collaudo delle apparecchiature presentati
dall'Impresa Appaltatrice in sede di esecuzione
- quant'altro a giudizio del Collaudatore sia ritenuto necessario
Superati i collaudi delle singole fasi ed i collaudi definitivi con esito favorevole e
l’espletamento delle pratiche degli Enti, ASL, VV.FF, ISPESL, ecc. ivi compreso quelli a
Pag. 15
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
livello Comunale e dopo l'approvazione dei certificati di collaudo si procederà da parte dell'Ente
Appaltante, secondo quanto stabilito, al pagamento dei crediti indicati nel Certificato di
Collaudo
2.1.20 Normetecnichedicollaudo
L'impianto in oggetto dovrà essere sottoposto ad una serie di collaudi nel tempo tendenti ad
accertare il pieno rispetto delle presenti prescrizioni tecniche nonché la sua effettiva
funzionalità.
Il collaudo sarà suddiviso in VERIFICHE PRELIMINARI - COLLAUDO DEFINITIVO
Le prove che verranno specificate dovranno essere eseguite durante l'esecuzione dei lavori e
comunque entro un mese dal montaggio e dalla regolazione di ogni singola parte d'impianto e
dovranno essere condotte in conformità alle prescrizioni delle norme UNI-CTI.
In ogni caso le prove e verifiche da eseguirsi sono:
Verifica qualitativa e quantitativa di conformità con i documenti di capitolato ed eventuali
varianti
Impianti di climatizzazione: prove secondo UNI 10339-8199
Impianto di riscaldamento: secondo UNI 5104/63
Impianti idrici: prove secondo UNI 9182
Impianti di scarico: prove secondo UNI 9183
Impianti automatici antincendio: secondo UNI 9489-9490-9491
2.1.20.1 IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E RISCALDAMENTO
VERIFICA PRELIMINARE
Dovrà accettare che la fornitura del materiale costituente l'impianto, qualitativamente e
quantitativamente, corrisponda alle presenti prescrizioni.
PROVA IDRAULICA A FREDDO
Possibilmente man mano che si esegue l'impianto o ad ultimazione di esso, si dovranno eseguire
prove di tenuta ad una pressione almeno doppia a quella di esercizio per un periodo non
inferiore alle 12 ore.
Si riterrà positivo l'esito della prova quando non si verifichino fughe o deformazioni
permanenti.
PROVA PRELIMINARE DI CIRCOLAZIONE
Di tenuta e di dilatazione dei fluidi scaldanti o raffreddanti.
Per i circuiti caldi si dovranno portare a regime di circolazione ad una temperatura di 90º si
dovrà verificare che il fluido scaldante circoli in tutto l'impianto.
Si terrà positivo l'esito della prova qualora l'impianto abbia circolato per un periodo di almeno
12 ore senza aver dato luogo a fughe o deformazioni permanenti e quando il vaso di espansione
contenga sufficientemente tutta la variazione di volume dell'acqua dell'impianto.
Analoga prova dovrà essere eseguita per l'impianto con circolazione di acqua refrigerata e acqua
di recupero calore sui gruppi frigo.
PROVA PRELIMINARE DI VENTILAZIONE
Per i circuiti di aria calda e di aria raffreddata si dovrà procedere ad una prova di circolazione
portando la temperatura dell'acqua calda e dell'acqua fredda circolante nelle batterie ai valori
corrispondenti ai massimi previsti nel progetto.
La verifica e la prova preliminare di cui sopra, dovranno essere eseguite in contraddittorio con
l’Impresa e di esse e dei risultati ottenuti si deve compilare regolare verbale.
MISURE DI LIVELLO SONORO
Pag. 16
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Strumenti e criteri di misura
I fonometri devono avere caratteristiche conformi a quelle indicate per i “fonometri di
precisione” del International Electrotecnical Commission ( I.E.C.) standard 651tipo 1, oppure
dell’American National Standard Istitute ( ANSI)., S1.4-1971 tipo 1.
Il fonometro deve essere dotato di batteria di filtri a bande di ottava di frequenze centrali :
31,5/63/125/250/500/1000/2000/4000/8000 Hz
Il fonometro deve essere tarato all’inizio e al termine di ogni serie di rilievi.
Le misure devono essere effettuate in base a quanto indicato nella norma UNI 8199 “Misura in
opera e valutazione del rumore prodotto negli ambienti dagli impianti di riscaldamento,
condizionamento e ventilazione”.
Per ridurre o evitare i disturbi dovuti alle onde stazionarie è opportuno eseguire almeno tre
rilievi ruotando il microfono su quarti di circonferenza di raggio 0,5 m nei due sensi.
RUMORE DI FONDO
Per rumore di fondo di un ambiente si intende il livello sonoro (prodotto anche dall’eventuale
traffico) che, misurato nei tempi e nei luoghi oggetto di disturbo, essendo inattive le sorgenti
individuate come causa specifica del disturbo stesso è superato nel 90% di un significativo
periodo di osservazione.
In prima approssimazione il livello del rumore di fondo può essere assunto come il valore più
basso indicato più frequentemente dal fonometro.
Le Eventuali misurazioni del rumore di fondo devono essere effettuate in accordo con le
definizioni e prescrizioni riportate nella norma citata, con le seguenti modalità operative:
Utilizzo di un fonometro con curva di ponderazione A e costante di tempo “ Fast”
Rilevazione e registrazione, con utilizzo di un cronometro o contasecondi del livello sonoro
ponderato ogni 10 sec. per un totale di 60 rilevazioni.
Il livello del rumore di fondo è quello superato o uguagliato nel 95% delle rilevazioni.
Modalità generali di misura del rumore verso l’esterno:
Le misure devono essere effettuate in accordo con il D.P.C.M. 01.03.1991.
MODALITA’ GENERALI DI MISURA DEL RUMORE:
Il fonometro deve essere tarato mediante calibratore acustico all’inizio e al termine di ogni serie
di rilievi .
I rilievi vanno eseguiti in condizioni climatiche di modalità in rapporto alla specifica situazione
esaminata. E precisamente :
Rumore proveniente da sorgenti esterne all’intasamento disturbato:
nel caso di spazi aperti, il rumore va misurato collocando il microfono ad una altezza dal suolo
non inferiore a 1,5 m.
nel caso di ambienti chiusi, il rumore va misurato posizionando il microfono nel vano di una
finestra aperta e ad una altezza dal suolo non inferiore ad 1,5 m.
rumore proveniente da sorgenti interne all’edificio sede del locale disturbato; il rumore va
misurato collocando il microfono nelle posizioni in cui il locale viene maggiormente utilizzato,
con specifico riferimento alla funzione del locale stesso.
Criteri specifici di misura per i diversi tipi di rumore
Rumori continui
Viene assunto come continuo un rumore caratterizzato da una cadenza di ripetizione elevata (
indicativamente superiore a 10 eventi acustici al secondo).
Si adotta la costante di tempo SLOW e si effettuano le seguenti misure:
livello sonoro globale dB (A)
Pag. 17
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
livelli sonori dB nelle bande di ottava di frequenza centrali comprese tra 31,5 e 8000 Hz.
Si assume che il rumore preso in esame sia caratterizzato dalla presenza di un tono puro quando
il livello sonoro misurato in una banda di ottava superi di almeno 3 dB il livello sonoro misurato
in entrambe le bande ad essa adiacenti, oppure quando il livello sonoro misurato in una banda di
un terzo di ottava superi di almeno 5 dB quello misurato in entrambe le bande di un terzo di
ottava ad essa adiacenti.
Rumori impulsivi
Viene assunto come impulsivo un rumore caratterizzato da una successione di singoli eventi
sonori di breve durata percepibili distintamente ( carenza di ripetizione indicativamente
inferiore a 10 eventi acustici al secondo).
Si effettua la misura globale in dB (A) con costante di tempo IMPULSE.
Rumori sporadici
Sono rumori di durata limitata che si verificano saltuariamente.
Si effettua la misura globale in dB (A) SLOW e si assume come lettura il valore massimo
indicato dallo strumento.
Sono esclusi i rumori di allarme.
COLLAUDI DEFINITIVI
Si distinguono varie classi di collaudi definitivi tendenti a verificare l'efficienza dell'intero
impianto o parti di esso che possono pregiudicare l'efficienza dell'insieme, così suddivisi:
COLLAUDO DEFINITIVO INVERNALE
Dovrà essere eseguito entro il 28 febbraio della prima stagione invernale completa di esercizio.
Dovrà essere effettuato secondo le norme UNI 10339/95, in particolare sui prescritti valori
termoigrometrici da ottenere sarà ammessa la tolleranza ai ñ 1ºC e 5% per l'Umidità Relativa.
La temperatura ambiente dovrà intendersi quella misurata nella parte centrale degli ambienti, ad
un'altezza di 1,50 mt. dal pavimento con uno strumento dotato di elemento sensibile schermato
dall'influenza di ogni superficie radiante, a superficie esterna speculare ma con opportuni
passaggi in modo che sia attivata la circolazione d'aria.
S'intende che le condizioni termoigrometriche interne si dovranno ottenere senza tenere conto
dell'apporto delle radiazioni solari, della presenza di persone e con una velocità del vento non
superiore a 10 mt/sec.
COLLAUDO DEFINITIVO ESTIVO
Dovrà essere effettuato entro il 31 agosto della seconda stagione estiva di esercizio.
Dovrà essere eseguito secondo le norme di cui sopra, con le seguenti precisazioni:
- Dovrà essere eseguito in giornate assolate in assenza di vento e con schermatura per la
radiazione solare qualora esistano, in posizione di protezione;
- dovrà essere eseguito in giornate in cui la temperatura esterna massima al bulbo asciutto non
sia inferiore a 30º C e la temperatura esterna massima al bulbo umido non inferiore a 24º C, ed
in cui la temperatura esterna massima al bulbo asciutto non sia stata nei giorni precedenti,
maggiore di 34º C e la temperatura massima al bulbo umido non maggiore di 25º C.
- Nei limiti delle condizioni esterne sopra riportate, si dovranno accertare negli ambienti le
temperature prescritte con una tolleranza di ± 1º C e ñ 5% di Umidità Relativa, misurate con le
modalità prescritte precedentemente.
- Le misure di portata d'aria esterna e di aria introdotta in ambienti particolarmente significativi
dovranno essere eseguite con anemometri a filo o a mulinello con una tolleranza sui valori
prescritti di ± 5%.
Pag. 18
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
2.1.20.2 IMPIANTI IDRICO SANITATI ANTINCENDIO E GAS TECNICI
Verifiche e prove preliminari dell'impianto
La verifica e le prove preliminari si devono effettuare durante l'esecuzione delle opere ed in
modo che esse risultino completate prima della dichiarazione di ultimazione dei lavori:
a) Verifica preliminare intesa ad accertare che la fornitura del materiale costituente l'impianto,
qualitativamente e quantitativamente, corrisponda alle prescrizioni contrattuali;
b) Prova idraulica a freddo delle tubazioni di acqua fredda e calda, se possibile a mano a mano
che si esegue l'impianto ed in ogni caso prima del montaggio degli apparecchi sanitari. La prova
idraulica a freddo deve essere effettuata mantenendo le reti per la durata di due ore consecutive
ad una pressione superiore almeno del 25 % alla pressione di esercizio con un minimo in ogni
caso di 6 Atm. La prova si ritiene superata se, dopo tale termine, il manometro indicatore della
pressione segna il valore iniziale.
La verifica e le prove preliminari di cui sopra si devono eseguire dalla Direzione dei Lavori in
contraddittorio con la Ditta e di esse e dei risultati ottenuti si deve compilare regolare verbale.
c) Prova di tenuta delle tubazioni di scarico deve essere effettuata sottoponendole per la durata
di due ore consecutive alla pressione idrostatica di 1 metro.
d) La prova di tenuta delle tubazioni del gas devono essere effettuate secondo le norme UNICIG.
Collaudo dell'impianto idrico-sanitario
a) Prova di erogazione della portata di acqua fredda.
La prova va effettuata per la durata di 30 minuti primi consecutivi. La prova si ritiene superata
se, in tale periodo, con tutte le bocche di erogazione che devono funzionare
contemporaneamente, il flusso dell'acqua rimane ai valori normali di pressione e di portata.
b) Scarichi.
Prova di mantenimento del livello dei sifoni. La prova viene effettuata mettendo in azione
progressivamente gli scarichi dei diversi piani a partire dall'alto.
La prova si ritiene superata quando, ogni sifone di vaso controllato, il livello dell'acqua non
subisce spostamenti e ribollimenti.
c) Verifica della rumorosità.
La verifica deve accertare l'assenza di vibrazioni e rumori conseguenti l'erogazione dell'acqua
nei vari apparecchi sanitari e durante il funzionamento degli scarichi al di fuori degli ambienti
dove sono istallati gli apparecchi sotto esame.
Si prevede di effettuare in corso d'opera:
a) Verifica quantitativa e qualitativa dei materiali installati.
b) Verifica della esecuzione delle opere in relazione a quanto prescritto.
c) Prova a pressione delle reti di distribuzione dell'acqua prima dell'esecuzione delle murature.
Al completamento degli impianti:
a) Verifica generale qualitativa e quantitativa dei materiali installati nonché l'esecuzione delle
opere in relazione a quanto prescritto.
b) Verifica dell'accurato montaggio delle rubinetterie e degli apparecchi sanitari e il loro
perfetto funzionamento.
c) Prova della portata degli sbocchi di erogazione secondo i dati prescritti.
d) Prova di regolare deflusso e la perfetta tenuta di tutti gli scarichi e delle fognature.
e) Prova di regolare funzionamento di tutte le apparecchiature elettriche; verifica dell'isolamento
dei conduttori e della resistenza verso terra.
f) Verifica generale di regolare funzionamento degli impianti.
Pag. 19
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Collaudo definitivo.
Verifica generale di regolare funzionamento degli impianti da effettuarsi nei termini di legge
previsti.
Verifica generale di regolare funzionamento dell’impianto gas medicali da effettuarsi nei
termini di legge previsti in base alle Normative EN-737-3 1998 (Norme Europee per i requisiti
di base dei sistemi di tubazioni a gas compressi ad uso medico e a vuoto)
2.1.20.3 PROVA A FREDDO DELLE TUBAZIONI
Prima della chiusura delle tracce e del mascheramento delle condutture, si dovrà eseguire una
prova idraulica a freddo.
Tale prova deve essere eseguita ad una pressione di 2,5 Kg/cmq superiore a quella di esercizio,
e mantenendola almeno per 12 ore.
La prova si riterrà positiva quando non si verifichino fughe o deformazioni permanenti.
2.1.20.4 PROVA A CALDO DELLE TUBAZIONI
Non appena sarà possibile si dovrà procedere ad una prova di circolazione dell'acqua calda e/o
refrigerata, ad una temperatura dei generatori pari a quella di regime, onde verificare le
condizioni di temperatura ed eventualmente di portata nei vari circuiti e agli apparecchi
utilizzatori, verificare che non ci siano deformazioni permanenti, che i giunti e le guide di
scorrimento lavorino in modo ottimale, e che sussista la sufficienza e la efficienza dei vasi di
espansione.
2.1.20.5 VERIFICA E MONTAGGIO DELLE APPARECCHIATURE
Sarà eseguita una verifica intesa ad accertare che il montaggio di tutti i componenti, apparecchi,
ecc., sia stato accuratamente eseguito, che la tenuta delle congiunzioni degli apparecchi, prese,
ecc. con le condutture sia perfetta, e che il funzionamento di ciascuna parte in ogni singolo
apparecchio o componente sia regolare e corrispondente, per quanto riguarda la portata degli
sbocchi di erogazione, ai dati di progetto.
2.1.21 Garanzie
La Ditta garantirà da ogni difetto palese od occulto tutti i materiali forniti ed i lavori eseguiti,
per il periodo di cui ai documenti contrattuali.
Durante tale periodo dovrà effettuare a proprie spese ogni riparazione e/o modifica e/o
sostituzione che, ad insindacabile giudizio della D.L. dovessero risultare necessarie.
Per tutte le parti sostituite, modificate o riparate, la garanzia di cui sopra, si rinnoverà
automaticamente per un periodo uguale a quello indicato in precedenza, a partire dalla data
dell'intervento.
Nel caso in cui entro il periodo di garanzia si riscontrassero difetti e/o rotture di qualsiasi natura
riconducibili a cattiva costruzione, materiali difettosi o carente progettazione, il Fornitore dovrà
provvedere alla eliminazione dei difetti o alla sostituzione delle apparecchiature fino a completa
soddisfazione della Committente e senza alcun onere a carico della stessa.
Il Fornitore dovrà fornire le apparecchiature complete di tutti gli accessori direttamente connessi
e necessari per un appropriato e sicuro funzionamento.
Il Fornitore dovrà garantire che tutti i materiali impiegati siano idonei allo scopo per cui si
intendono utilizzare ed esenti da ogni difetto visibile od occulto.
La presente specifica tecnica non copre interamente tutti i dettagli delle apparecchiature e/o
materiali da installare.
Rimane tuttavia inteso che gli impianti dovranno essere forniti completi di tutti gli accessori
che, direttamente o indirettamente, garantiranno un corretto funzionamento degli impianti stessi.
Pag. 20
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I materiali forniti e le apparecchiature installate saranno conformi a standards, codici e
specifiche emesse da Enti qualificati e riconosciuti.
L'osservanza di tali codici nonché l'approvazione formale di disegni e l’accettazione di
materiali durante l'installazione da parte della D.L., non solleva la Ditta della propria
responsabilità di fornire materiali, apparecchiature ed accessori in grado di soddisfare tutte le
richieste tecniche, le condizioni di funzionamento e le relative garanzie contrattuali.
La Ditta dovrà richiedere le specifiche garanzie delle apparecchiature ai singoli costruttori.
Nel caso dovessero verificarsi danni alle apparecchiature a seguito di installazione difettosa,
materiali impropriamente usati o errori di progettazione la Ditta dovrà provvedere alle
riparazioni o sostituzioni necessarie per ovviare ai difetti riscontrati senza alcun costo per la
Committente
Nel caso in cui entro il periodo di garanzia si evidenziassero difetti c/o rotture dei materiali
forniti, la Ditta dovrà provvedere immediatamente ad eliminare i difetti riscontrati e/o sostituire
i materiali fino a completa soddisfazione della Committente.
Gli impegni e le responsabilità del Fornitore derivanti da questa clausola di garanzia, saranno
estesi anche a tutti i macchinari o apparecchiature di non diretta fabbricazione del fornitore, ma
di suoi sub-fornitori.
Pag. 21
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3
PARTESECONDASPECIFICHETECNICHEDEIMATERIALI
3.1 Qualitàeprovenienzadeimateriali
Tutti i materiali le macchine e le apparecchiature forniti e posti in opera devono essere della
migliore qualità, lavorati a perfetta regola d'arte, corrispondenti al servizio a cui sono destinati.
Le specifiche riportate agli articoli che seguono intendono definire le caratteristiche qualitative
delle principali apparecchiature nonché alcune norme esecutive cui l'Impresa dovrà attenersi
nella realizzazione degli impianti.
L'impresa è tenuta a precisare, già in sede di offerta: la casa costruttrice, il tipo, le prestazioni e
le caratteristiche principali dei materiali che intende adottare.
Essi dovranno avere caratteristiche conformi alle norme C.E.I. ed alle tabelle di unificazione
UNEL, e dove possibile essere ammessi al regime del marchio italiano di qualità (I.M.Q., CE,
EN).
Qualora la Stazione appaltante, denominata in seguito S.A., rifiuti dei materiali, ancorché posti
in opera, perché essa a suo insindacabile giudizio li ritiene per qualità, lavorazione o
funzionamento non adatti alla perfetta riuscita degli impianti, e quindi non accettabili, l’Impresa
assuntrice a sua cura e spese deve allontanarli dal cantiere e sostituirli con altri che soddisfino
alle condizioni prescritte.
3.2 Smontaggiedemolizioni
3.2.1
Centraletermicaesistente
Smontaggio di tutti gli impianti e le apparecchiature della centrale termica esistente ( caldaie,
bruciatori, canne fumarie, valvolame, tutte le tubazioni e le relative apparecchiature di
collegamento, lavandini e lavelli, impianti e quadri elettrici ecc); da qualsiasi altezza, compreso
l'onere per il ponteggio, i tiri di gru o altro mezzo equivalente, compresa la rimozione degli
staffaggi e della coibentazione di qualsiasi tipo anche con l'eventuale rivestimento in lamierino
di alluminio, compreso il trasporto di tutto il materiale smontato a discarica o su indicazione del
DL su un'area all'interno del cantiere per il materiale recuperabile e riutilizzabile dal
committente. Inoltre l'impresa dovrà ricollegare le tubazioini in uscita dalla centrale termica
attuale con le tubazioni che giungono dalla nuova centrale termica in modo da consentire alle
attività che non sono oggetto di ristrutturazione di utilizzare l'impianto di riscaldamento ed
idrico sanitario esistente.
3.2.2
Impiantimeccaniciareadiintervento
Smontaggio di tutti gli impianti di riscaldamento condizionamento e di ventilazione relativi
all'area da ristrutturare (canalizzazioni in lamiera zincata, bocchette griglie e diffusori, tutte le
tubazioni e le relative apparecchiature di collegamento, radiatori, ventilconvettori,
condizionatori autonomi ecc.); da qualsiasi altezza, compreso l'onere per il ponteggio, i tiri di
gru o altro mezzo equivalente, compresa la rimozione degli staffaggi e della coibentazione di
qualsiasi tipo anche con l'eventuale rivestimento in lamierino di alluminio, compresa la
movimentazione all'interno del cantiere ed il trasporto di tutto il materiale smontato a discarica
o su indicazione del DL su un'area all'interno del cantiere per ilmateriale recuperabile e
riutilizzabile dal committente (in particolare i condizionatori tipo split esistenti). Inoltre
l'impresa dovrà tappare e sigillare all'interno dei muri le tubazioni dell'impianto di riscaldamento
in modo da consentire alle attività che non sono oggetto di ristrutturazione di utilizzare
l'impianto di riscaldamento esistente.
Pag. 22
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3 Specifichetecnicheimpiantidiclimatizzazione
3.3.1
3.3.1.1
Condizionatoriadespansionedirettaavolumedirefrigerantevariabile
UNITÀ ESTERNE PER SISTEMI VRV/VRF condensate ad aria a pompa di calore
Unità motocondensante per sistema a Volume di Refrigerante Variabile, controllate da inverter,
refrigerante R410A, a pompa di calore, struttura modulare per installazione affiancata di più
unità.
L’unità dovrà avere le seguenti caratteristiche:
Potenzialità nominale in regime di raffreddamento pari a 22,4 kW e 25 kW in riscaldamento,
alle seguenti condizioni: in raffreddamento temperatura interna 27°CBS/19°CBU, temperatura
esterna 35°CBS, in riscaldamento temperatura interna 20°CBS, temperatura esterna
7°CBS/6°CBU, lunghezza equivalente del circuito 7,5 m, dislivello 0 m. Assorbimento
nominale (Raffreddamento/Riscaldamento) di 5,56 / 5,86 kW.
Numero massimo di unità interne collegabili 20. La potenza delle unità interne collegate deve
essere compresa tra un minimo del 50 e può arrivare in alcuni casi fino ad un massimo del 200
% di quella erogata dalla pompa di calore.
Struttura autoportante in acciaio, dotata di pannelli amovibili, con trattamento di
galvanizzazione ad alta resistenza alla corrosione, griglie di protezione sulla aspirazione ed
espulsione dell’aria di condensazione a profilo aerodinamico ottimizzato avente le dimensioni
non superiori a 1680x930x765 mm ( HxLxP ) con peso massimo kg 187. Non necessita di
basamenti particolari per l’installazione.
Batteria di scambio costituita da tubi di rame rigati internamente W-HiX e pacco di alette in
alluminio sagomate ad alta efficienza con trattamento anticorrosivo, dotata di griglie di
protezione laterali a maglia quadra. La geometria in controcorrente e il sistema e-Pass
permettono di ottenere un’alta efficienza di sottoraffreddamento anche con circuiti lunghi e di
ridurre la quantità di refrigerante.
1 Ventilatore elicoidale, controllato da inverter, funzionamento silenzioso, griglia di
protezione antiturbolenza posta sulla mandata verticale dell’aria azionato da motore elettrico a
cc Brushless direttamente accoppiato, funzionante a controllo digitale; portata d’aria 171
m3/min, potenza del motore elettrico 0,75 kW. Pressione statica esterna standard pari a 78 Pa;
curva caratteristica ottimizzata per il funzionamento a carico parziale. Controllo della velocità
tramite microprocessore per ottenere un flusso a pressione costante nello scambiatore.
1 Compressore ermetico a spirale orbitante di tipo scroll ottimizzato per l’utilizzo con
R410A a superficie di compressione ridotta con motore brushless a controllo digitale, azionato
da inverter, con velocità fino a 7980 rpm, potenza di targa del motore elettrico di 3,8 kW;
controllo della capacità dal 19 al 100%; raffreddamento con gas compressi che rende superfluo
l’uso di un separatore di liquido. Resistenza elettrica di riscaldamento del carter olio della
potenza 33 W (una resistenza per compressore). Funzionalità i-Demand per la limitazione del
carico elettrico di punta e avviamento in sequenza dei compressori. Controllore di sistema a
microprocessore per l’avvio del ciclo automatico di ritorno dell’olio, che rende superflua
l’installazione di dispositivi per il sollevamento dello stesso.
Campo di funzionamento:
in raffreddamento da –5°CBS a 43 ° CBS,
in riscaldamento da –20°CBU a 15.5° CBU.
Livello di pressione sonora non superiore a 57 dB(A), nominali. Possibilità di ridurre il
livello di pressione sonora fino a 45 dB(A) tramite impostazione sulla PCB dell’unità esterna
e/o con schede aggiuntive.
Pag. 23
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Circuito frigorifero ad R410A con distribuzione del fluido a due tubi, controllo del refrigerante
tramite valvola d’espansione elettronica, olio sintetico, con sistema di equalizzazione avanzato;
comprende il ricevitore di liquido, il filtro e il separatore d’olio. Carica di refrigerante non
superiore a 7,7 kg.
Funziona automatica per la carica del refrigerante provvede autonomamente al calcolo del
quantitativo di refrigerante necessario e alla sua carica all’interno del circuito. Grazie a questa
funzione è in grado di provvedere automaticamente anche alla verifica periodica del contenuto
di gas nel circuito
Attacchi tubazioni del refrigerante situate o sotto la macchina o sul pannello frontale; diametro
della tubazione del liquido 9,5 mm e del gas 19,1 mm a saldare.
Funzione e-Bridge per il sottoraffreddamento ottimale del refrigerante e il controllo del livello
di riempimento del ricevitore.
Dispositivi di sicurezza e controllo: il sistema dispone di sensori di controllo per bassa e alta
pressione, temperatura aspirazione refrigerante, temperatura olio, temperatura scambiatore di
calore e temperatura esterna. Sono inoltre presenti pressostati di sicurezza per l'alta e la bassa
pressione (dotati di ripristino manuale tramite telecomando). L'unità è provvista di valvole di
intercettazione (valvole Schrader ) per l'aspirazione, per i tubi del liquido e per gli attacchi di
servizio. Il circuito del refrigerante viene sottoposto a pulizia con aspirazione sotto vuoto di
umidità, polveri e altri residui. Successivamente viene precaricato con il relativo refrigerante.
Microprocessore di sistema per il controllo e la regolazione dei cicli di funzionamento sia in
riscaldamento che in raffreddamento. In grado di gestire tutti i sensori, gli attuatori, i dispositivi
di controllo e di sicurezza e gli azionamenti elettrici, nonché di attivare automaticamente la
funzione sbrinamento degli scambiatori.
Alimentazione: 400 V, trifase, 50 Hz.
Collegamento al sistema di controllo tramite bus di comunicazione di tipo non polarizzato.
Funzione di autodiagnostica per le unità interne ed esterne tramite il bus dati, accessibile
tramite comando manuale locale e/o dispositivo di diagnostica: Service-Checker –
visualizzazione e memorizzazione di tutti i parametri di processo, per garantire una
manutenzione del sistema efficace. Possibilità di stampa dei rapporti di manutenzione e
memoria degli ultimi 10min di funzionamento.
Possibilità di controllo dei consumi tramite collegamento a comando centralizzato.
Gestione del funzionamento via web tramite collegamento a comando centralizzato.
Possibilità di interfacciamento con bus di comunicazione per sistemi BMS (Bulding
Management Systems) a protocollo LONworks® e BACnet®.
Lunghezza massima effettiva totale delle tubazioni 1000 m. Dislivello massimo tra unità
esterna ed interne fino 90 m distanza massima tra unità esterna e l’unità interna più lontana pari
a 165m.
Accessori standard: manuale di installazione, morsetto, tubo di collegamento, tampone
sigillante, morsetti, fusibili, viti.
Dichiarazione di conformità alle direttive europee 89/336/EEC (compatibilità
elettromagnetica), 73/23/EEC (bassa tensione) e 98/37/EC (direttiva macchine) fornita con
l’unità e alla normativa RoHS.
3.3.1.2
UNITA’ INTERNE PER SISTEMA VRV/VRF AD R410A CASSETTE DA
CONTROSOFFITTO A 4 VIE (600 x 600)
Unità interne a cassetta a 4 vie per montaggio a controsoffitto per sistema VRV ad R410a,
compatta, idonea per essere inserita nei moduli standard, con le seguenti caratteristiche tecniche:
- Potenzialità nominale in regime di raffreddamento pari a 3.2 kW e 4.0 kW in riscaldamento,
alle seguenti condizioni: in raffreddamento temperatura interna 27°CBS/19°CBU, temperatura
esterna 35°CBS, in riscaldamento temperatura interna 20°CBS, temperatura esterna
7°CBS/6°CBU, lunghezza equivalente del circuito 7,5 m, dislivello 0 m.
- Carrozzeria in lamiera d’acciaio zincato rivestita di materiale termoacustico di polistirene
Pag. 24
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
espanso, pannello decorativo di colore bianco avorio, lavabile, antiurto, di fornitura standard.
Griglia con ripresa centrale, dotata di filtro a lunga durata in rete di resina sintetica resistente
alla muffa, lavabile; mandata tramite le aperture sui quattro lati con meccanismo di oscillazione
automatica dei deflettori, orientabili verticalmente tra 0° e 60°, con i quali è possibile ottenere
un flusso d’aria in direzione parallela al soffitto, con un ampio raggio di distribuzione,
prevenendo – al contempo – la formazione di macchie sul soffitto stesso e di correnti d’aria. E’
possibile chiudere una o due vie per l’aria per facilitare l’installazione negli angoli. Dimensioni
dell’unità (AxLxP) non superiori a 286x575x575, peso non superiore a 18 kg. Possibilità di
diluizione con aria esterna in percentuale pari al 10-15% del volume d’aria circolante.
- Valvola di laminazione e regolazione dell’afflusso di refrigerante con motore passo-passo,
2000 passi, pilotata da un sistema di controllo a microprocessore con caratteristica PID
(proporzionale-integrale-derivativa) che consente il controllo della temperatura ambiente con la
massima precisione (scostamento di +/- 0,5° C dal valore di set point), raccogliendo i dati
provenienti dai termistori sulla temperatura dell’aria di ripresa, sulla temperatura della linea del
liquido e sulla temperatura della linea del gas.
- Sonda di temperatura ambiente posta sulla ripresa dell’unità. In funzione delle effettive
necessità deve essere possibile scegliere se utilizzare la sonda a bordo macchina o a bordo
comando remoto a filo, ad essa connessa.
- Termistori temperatura dell’aria di ripresa, temperatura linea del liquido, temperatura linea del
gas
- Ventilatore turbo con funzionamento silenzioso e assenza di vibrazioni, a due velocità, mosso
da un motore elettrico monofase ad induzione direttamente accoppiato, dotato di protezione
termica; portata d’aria (A/B) di 570/420 m³/h , potenza erogata dal motore di 55 W, livello di
pressione sonora (A/B) dell’unità non superiore a 32/26 dB(A) .
Scambiatore di calore in controcorrente costituito da tubi di rame internamente rigati HI-X Cu
ed alette in alluminio ad alta efficienza.
- Pompa di sollevamento della condensa con protezione a fusibile e prevalenza fino a 750 mm di
fornitura standard.
- Sistema di controllo a microprocessore con funzioni di diagnostica, acquisizione e analisi dei
messaggi di errore, segnalazione della necessità di manutenzione; storico dei messaggi di errore
per l’identificazione dei guasti; possibilità di interrogare i termistori tramite il regolatore PID.
Fusibile di protezione della scheda elettronica.
- Alimentazione: 220240 V monofase a 50 Hz; assorbimento elettrico nominale in
raffreddamento 76 W e in riscaldamento 68 W.
- Collegamento al sistema di controllo tramite bus di comunicazione di tipo non polarizzato.
- Possibilità di controllo dei consumi tramite collegamento a comando centralizzato.
Gestione del funzionamento via web tramite collegamento a comando centralizzato.
- Possibilità di interfacciamento con bus di comunicazione per sistemi BMS (Bulding
Management Systems) a protocollo LONworks® e BACnet.
- Contatti puliti per arresto di emergenza.
- Attacchi della linea del gas 12.7 mm e della linea del liquido 6.4 mm . Drenaggio (Est/Int)
26/20 mm.
- Dichiarazione di conformità alle direttive europee 89/336/EEC (compatibilità
elettromagnetica), 73/23/EEC (bassa tensione) e 98/37/EC (direttiva macchine) fornita con
l’unità.
3.3.1.3
UNITA’ INTERNE PER SISTEMA VRV/VRF AD R410A PER INSTALLAZIONE A
PARETE
Unità interne per installazione a parete per sistema VRV ad R410A, costituite da:
Potenzialità nominale in regime di raffreddamento pari a 2.2 kW e 2.5 kW in riscaldamento, alle
seguenti condizioni: in raffreddamento temperatura interna 27°CBS/19°CBU, temperatura
Pag. 25
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
esterna 35°CBS, in riscaldamento temperatura interna 20°CBS, temperatura esterna
7°CBS/6°CBU, lunghezza equivalente del circuito 7,5 m, dislivello 0 m.
Copertura in materiale plastico, lavabile e antiurto, totalmente amovibile dal corpo macchina per
facilitarne l’installazione, dotata di isolamento termoacustico in polietilene espanso; nella parte
posteriore sono presenti le aperture per l’accesso agli attacchi del refrigerante e dello scarico
condensa; mandata in posizione frontale dotata di meccanismo di movimentazione automatica
del deflettore con orientazione verticale tra 10° e 70° e chiusura automatica al momento della
disattivazione dell’unità, deflettore smontabile per la pulizia. Filtro dell’aria a lunga durata, in
rete di resina sintetica lavabile. Dimensioni (AxLxP) dell’unità pari a 290x795x238 mm, peso
non superiore a 11 kg.
Ventilatore tangenziale con funzionamento silenzioso e assenza di vibrazioni, a due velocità,
mosso da un motore elettrico monofase ad induzione direttamente accoppiato, dotato di
protezione termica; portata d’aria (A/B) di 450/270 m³/h, potenza erogata dal motore di 40 W,
livello di pressione sonora (A/B) dell’unità non superiore a 36/31 dB(A) misurata a 1m x 1m di
distanza.
Valvola di laminazione e regolazione dell’afflusso di refrigerante con motore passo-passo, 2000
passi, pilotata da un sistema di controllo a microprocessore con caratteristica PID
(proporzionale-integrale-derivativa) che consente il controllo della temperatura ambiente con la
massima precisione (scostamento di +/- 0,5° C dal valore di set point), raccogliendo i dati
provenienti dai termistori sulla temperatura dell’aria di ripresa, sulla temperatura della linea del
liquido e sulla temperatura della linea del gas.
Scambiatore di calore in controcorrente costituito da tubi di rame internamente rigati HI-X Cu
ed alette in alluminio ad alta efficienza.
Valvola di laminazione e regolazione dell’afflusso di refrigerante con motore passo-passo, 2000
passi, pilotata da un sistema di controllo a microprocessore con caratteristica PID
(proporzionale-integrale-derivativa) che consente il controllo della temperatura ambiente con la
massima precisione (scostamento di +/- 0,5° C dal valore di set point)
Sonda di temperatura ambiente posta sulla ripresa dell’unità. In funzione delle effettive
necessità deve essere possibile scegliere se utilizzare la sonda a bordo macchina o a bordo
comando remoto a filo, ad essa connessa.
Termistori temperatura dell’aria di ripresa, temperatura linea del liquido, temperatura linea del
gas
Sistema di controllo a microprocessore con funzioni di diagnostica, acquisizione e analisi dei
messaggi di errore, segnalazione della necessità di manutenzione; storico dei messaggi di errore
per l’identificazione dei guasti; possibilità di interrogare i termistori tramite il regolatore PID.
Fusibile di protezione della scheda elettronica.
Alimentazione: 220240 V monofase a 50 Hz.
Collegamento al sistema di controllo tramite bus di comunicazione di tipo non polarizzato.
Possibilità di controllo dei consumi tramite collegamento a comando centralizzato.
Gestione del funzionamento via web tramite collegamento a comando centralizzato.
Possibilità di interfacciamento con bus di comunicazione per sistemi BMS (Bulding
Management Systems) a protocollo LONworks® e BACnet.
Contatti puliti per arresto di emergenza.
Attacchi della linea del gas 12.7 mm e della linea del liquido 6.4 mm. Drenaggio VP13.
Dichiarazione di conformità alle direttive europee 89/336/EEC (compatibilità elettromagnetica),
73/23/EEC (bassa tensione) e 98/37/EC (direttiva macchine) fornita con l’unità.
3.3.1.4 COMANDI LOCALI PER SISTEMI VRV/VRF
Comando a filo con schermo a cristalli liquidi con accesso diretto ai pulsanti principali,
collegamento all’unità interna controllata con cavo bifilare fino ad una distanza di 500m,
permette il controllo fino a 16 unità interne, funzione di autodiagnosi e monitoraggio del
sistema VRV,dotato di termostato interno, colore bianco.
Pag. 26
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Possibilità di impostazione di limiti di funzionamento massimo e minimo, funzione attivabile
manualmente o con timer programmatore, orologio con indicazione del giorno e dell’ora in
tempo reale,timer programmatore settimanale, modalità di Leave Home (protezione antigelo),
permette, in caso di assenza, il mantenimento della temperatura interna ad un livello
reimpostato, possibilità di selezionare diversi livelli di abilitazione dei pulsanti.
Solo le funzioni piu’ spesso utilizzate sono presenti sul pannello sottoforma di pulsanti, a
vantaggio della facilità ed intuitività d’uso.
Posizione strategica della sonda per rilevare la temperatura ambiente con la minor influenza
derivante da fattori esterni.
Presenza di istruzioni su schermo durante la navigazione.
Possibilità di inserimento dei dati dell’installatore durante la segnalazione errori e guasti.
Possibilità di personalizzare il menù e le funzioni da visualizzare.
Timer settimanale comprendente 5 possibili funzioni da controllare e possibilità di inibire tale
programmazione in alcuni giorni della settimana.
Regolazione automatica tra ora legale e solare.
Per interruzione di alimentazione di durata minore di 48 ore vengono mantenute le operazioni
impostate.
Disponibile in 10 lingue differenti: Inglese, Francese, Portoghese, Italiano,Tedesco,
Turco,Greco, Russo,Spagnolo,Olandese.
Dimensioni (mm) : 120 x 120 x 90.
Funzione “assenza da casa” consente di mantenere la temperatura interna sopra i 10°C in
assenza degli utenti.
Retro illuminazione dello schermo.
Impostazione automatica dell’ora legale.
Pulsanti diretti di comando: on/off, menù, attivazione/disattivazione del timer,impostazione
temperatura,modalità di funzionamento, velocità del ventilatore.
3.3.2
Condizionatoreautonomoapompadicalore(tiposplit)
I condizionatori autonomi di tipo split sono costituiti da un'unità interna per installazione a
parete e da una unità esterna con compressore rotativo, da collegare tra loro mediante linee
frigorifere ed elettriche.
Saranno disponibili, sia in versione per solo raffrescamento, che in versione a pompa di calore,
in grado di effettuare sia il raffrescamento estivo che il riscaldamento invernale.
Le unità dovranno essere caratterizzate da un funzionamento estremamente silenzioso e da una
elevata efficienza ed affidabilità (fino a temperature esterne di 46 °C), grazie all’ adozione di
scambiatori con elevata superficie di scambio.
I condizionatori saranno dotati di un telecomando a raggi infrarossi con display a cristalli liquidi
per consentire il controllo completo dell’apparecchio a distanza. Quando il telecomando non è
disponibile il condizionatore può essere comandato dalla pulsantiera sull'unità interna.
I condizionatori saranno composti dei seguenti componenti:
3.3.2.1
UNITA’ ESTERNE PER SISTEMI MONO-INVERTER AD R410a SOLO FREDDO O
POMPA DI CALORE
Unità esterne per sistemi mono-split ad R410a, solo freddo o pompa di calore, dotate di
compressore ermetico rotativo Swing con controllo digitale DC inverter, costituite da:
Carrozzeria in lamiera d’acciaio zincata e verniciata, colore bianco avorio.
Compressore tipo ermetico rotativo swing, olio tipo FVC50K.
Batteria di scambio con trattamento anti-corrosione costituita da tubi di rame tipo HiXa rigati internamente ed alette in alluminio tipo WF sagomate per aumentare
l’efficienza di scambio.
Pag. 27
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Ventilatore elicoidale ad espulsione orizzontale, motore elettrico ad induzione
direttamente accoppiato.
Valvola d’espansione motorizzata.
Termistori per aria esterna, batteria di scambio.
Lunghezza tubazioni massima tra unità esterna ed interna 20 m per le taglie 20-25-3542 e 30 m per le taglie 50.
Dislivello massimo tra unità esterna ed unità interna 15 m per le taglie 20-25-35-42 e 20
m per la taglia 50.
Morsettiera a 3 cavi + terra per l’alimentazione e il collegamento con l’unità interna.
Alimentazione 230 V, monofase, 50 Hz.
Campo di lavoro:in raffreddamento da -10 a 46 °CBS, in riscaldamento da -15 a 18
CBU
3.3.2.2
UNITA’ INTERNE TIPO A PARETE PER SPLIT A R410A A POMPA DI CALORE
DC INVERTER
Unità interne a parete per sistemi mono e multi-split, ad R410A, a pompa di calore,
caratterizzate da:
Pannello frontale liscio lavabile, che permette una riduzione dell’effetto sonoro, una migliore
distribuzione dell’aria in quanto previene il ricircolo dell’aria calda.
Copertura in materiale plastico, frontale removibile dal corpo macchina, griglia di mandata
dotata di deflettore automatico, attacchi refrigerante e scarico condensa sul lato posteriore,
colore bianco. Pannello di controllo sul fronte macchina con interruttore on/off.
Scambiatore di calore con tubi di rame rigati internamente, alette in alluminio ad alta
efficienza.
Filtro aria estraibile, lavabile, antimuffa deodorizzante fotocatalitico.
Bacinella condensa completa di tubo di scarico isolato.
Modalità stand by con risparmio nei momenti in cui l’unità non è in funzione.
Modalità “econo” riduce la potenza assorbita.
Morsettiera a 3 cavi + terra per l’alimentazione dell’unità e il collegamento alla sezione
esterna.
Telecomando ad infrarossi con display, funzioni: accensione/spegnimento, regolazione
temperatura (funzioni accessibili anche a sportello chiuso), timer on/off e impostazione timer,
orologio, regolazione velocità ventilatore, movimento deflettore, impostazione funzionamento
in modalità in automatico/ riscaldamento (solo pompa di calore)/ raffreddamento/
deumidificazione/ ventilazione, modalità powerful.
Filtro deodorante fotocatalitico al titanio e apatite che elimina l’odore di sigarette e animali
domestici e inibisce la riproduzione di batteri e microrganismi intrappolati nel filtro
Funzionamento silenzioso che consente di ridurre il rumore dell’unità di 3 dB (A)
3.3.2.3 MODALITA’ DI INSTALLAZIONE DELL'UNITÀ ESTERNA
L'unità esterna va installata all'aperto, in posizione perfettamente orizzontale, rispettando gli
spazi tecnici minimi per consentire il passaggio dell'aria e l’esecuzione di eventuali
manutenzioni.
Assicurarsi che la batteria di scambio termico non sia esposta al pericolo di grandine.
Se si desidera fissare l'unità ad un muro, utilizzare l'accessorio specifico.
Per i modelli a pompa di calore, la condensa prodottasi nel funzionamento in riscaldamento può
essere convogliata ad uno scarico sfruttando l’apposito raccordo, fornito a corredo, da installare
sul fondo dell’unità.
3.3.2.4 COLLEGAMENTI ELETTRICI
Alimentazione:
Pag. 28
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Il cavo elettrico di alimentazione ed i cavi di collegamento tra unità interna ed unità esterna
devono essere del tipo H05 RN-F con isolamento in gomma sintetica e guaina in policloroprene,
in accordo con le norme EEN 60335-2-40 e HD277.S1.
L’ alimentazione deve essere intercettata con un interruttore magneto-termico o con un
sezionatore con fusibili, da dimensionare secondo le norme.
3.3.2.5 COLLEGAMENTI FRIGORIFERI
Deve essere prestata la massima attenzione affinché i tubi siano perfettamente puliti
internamente e le svasature siano lisce, di spessore uniforme ed in asse con il tubo.
Si consiglia di collegare le linee prima all’unità interna, quindi di sagomarle opportunamente e
infine di connetterle all’unità esterna.
Nel serraggio delle cartelle utilizzare sempre chiave e contro-chiave, rispettando le coppie di
serraggio riportate nelle tabelle del fabbricante.
Quando l'unità esterna è posta più in alto, si consiglia di prevedere un sifone o un " ricciolo "
sulla linea del gas ogni 3 metri di dislivello;
3.3.3
Generatoridicalore
3.3.3.1 Caldaia per la produzione di acqua calda
Caldaia a condensazione da esterno.
Sistema espandibile tramite accoppiamento di più moduli a gas premiscelati a condensazione
per solo riscaldamento
Classe NOx 5
Scheda elettronica a microprocessore con regolazione automatica della potenza accensione e
massima riscaldamento
Campo di modulazione della potenza da 20% a 100%
Accensione automatica con controllo a ionizzazione di fiamma
Controllo di tre impianti circuito riscaldamento indipendenti
Funzione di regolazione climatica
Grado di protezione elettrica all'acqua IP X4D
Scambiatore primario acqua/fumi a serpentino in acciao inox AISI 316L
Schedino RS-485 per la gestione in cascata e la comunicazione in Modbus (slave RTU-RS485,
Reference Guide PI-MBUS 300 Rev. J) con l'applicazione di un secondo schedino
supplementare alla caldaia master
Valvola gas a doppio otturatore
Ventilatore modulante a variazione elettronica di velocità
Campo di regolazione temperatura riscaldamento 20-80°C
Sonde di mandata/ritorno impianto per la gestione del riscaldamento a Dt costante
Termostato di sicurezza contro le sovratemperature dello scambiatore primario
Sonda contro le sovratemperature dei fumi
Trasduttore di pressione idraulica che blocca la caldaia in caso di mancanza d'acqua
Valvola di sicurezza impianto
Sistema antibloccaggio pompa che interviene ogni 24 ore
Protezone antigelo totale fino alla temperatura ambiente di -5°C
Post circolazione della pompa nella funzione riscaldamento
Pannello di controllo dotato di display con autodiagnosi a codici numerici
Collettori pre-dimensionati per il collegamento idraulico, gas, fumi e scarico condensa
Compensatore idraulico e gruppo sicurezze omologato ISPESL
Regolatore climatico CR53, controllo remoto CR73 e centralina RVS
CARATTERISTICHE DEL BOX CONTENITORE
Telaio profilato in alluminio anodizzato colore naturale. Pannelli interni in lamiera acciaio
zincato spessore 8/10. Pannelli esterni in lamiera acciaio zincato spessore 8/10 verniciata a
Pag. 29
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
polveri poliestere tipo PULVERAC 3221988400 PP GRIGIO CA RAL 704 LF SO RG (VRB
TIPO G62). Coibentazione in poliestere ad alta densità estruso monostrato, in lastra da 20 mm,
conduttività termica 33mW/m°K secondo norma EN 13164, classe di resistenza al fuoco 1 sec.
D.M. 26/6/1984. Angolari in alluminio pressofuso, sabbiati e verniciati nero.
Potenza termica nominale 80/60°C: 527,0 kW
Potenza termica nominale 50/30°C: 563,0 kW
Potenza termica minima 80/60°C: 20,8 kW
Potenza termica minima 50/30°C: 23,6 kW
Rendimento energetico (CEE 92/42): 4 stelle
Rendimento al 30%: 102,0%
Rendimento nominale 80/60°C: 97,6%
Rendimento nominale 50/30°C: 104,2%
Pompa impianto fissa con sfiato automatico
3.3.3.2 Scambiatori di calore a piastre
Scambiatore a piastre costituito da telaio di supporto in acciaio al carbonio, manicotti di
collegamento idraulico in acciaio al carbonio DN 20, piastre di scambio in acciaio inox
AISI/316, pressione di esercizio PN 25, guarnizioni di tenuta resistenti fino a 160 °C, il tutto
assemblato e collaudato. Piastra AISI/316 con guarnizione.
Accessori incorporati:
- Basamento continuo in profilati di ferro
- Ogni scambiatore di calore deve essere munito di targa inamovibile con le indicazioni
prescritte dalla raccolta R.O.A. art.17 (ex ANCC).
3.3.3.3 Scambiatori di calore ad accumulo
I serbatoi saranno di tipo cilindrico verticale, con piedi per l'installazione a pavimento.
Saranno costituiti con lamiera di acciaio Fe 410 1 KV UNI 5869 di spessore 5 mm. per il
fasciame e 7 mm per i fondi e saranno collaudati secondo le norme I.S.P.E.S.L. e saranno
predisposti per l'alloggiamento delle sonde per la regolazione automatica.
I fasci tubieri riscaldanti dovranno essere in rame DHP 99,9 UNI 3310.
Il bollitore dovrà essere provvisto di boccaporto a flangia per l'agevole estrazione del fascio
tubiero.
La guarnizione realizzata in amiantite grafitata tipo "ammiragliato" dovrà garantire la perfetta
tenuta anche con il frequente variare della temperatura dell'acqua accumulata.
Il bollitore dovrà essere dotato di termometri a quadrante per la misura della temperatura
dell'acqua accumulata, nella parte alta e nella parte bassa, di un manometro, di una valvola di
sicurezza a scarico convogliato e di un rubinetto di scarico.
3.3.4
Accessoriperimpiantistica
3.3.4.1 Strumentazione di controllo e sicurezza delle caldaie
- Termostato di regolazione, completo di guaina in ottone.
- Termostato di blocco a riarmo manuale con guaina in ottone.
- Pressostati di sicurezza a riarmo manuale.
- Pozzetto portatermometro campione.
- Termometro a quadrante diam.80, 0 / 120 °C con guaina in ottone.
- Manometro a quadrante diam. 50, fondo scala fra 1,25 e 2 volte la pressione di taratura della
valvola di sicurezza e con lancetta di riferimento della pressione massima completo di sifone e
di rubinetto portamanometro a 3 vie.
- Valvole di sicurezza di tipo a sicurezza positiva, qualificate, tarate e bollate, complete di
certificato di taratura, in numero e di portata adeguate alle potenzialità del generatore.
Sovrapressione di scarico inferiore al 10% del valore di taratura. Diametro di uscita maggiorato.
- Imbuti di scarico per valvole di sicurezza.
Pag. 30
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- Separatore d'aria in ghisa con canali interni a percorso obbligato, attacchi filettati o flangiati
del medesimo diametro della tubazione di collegamento, completo di valvola di sicurezza e vaso
di espansione.
- Tronchetto misuratore di portata con estremità a flange, completo di due rubinetti a maschio
diam. 1/2" per il collegamento allo strumento di misura.
- Dispositivi di intercettazione del combustibile di tipo omologato I.S.P.E.S.L.
3.3.4.2 Vasi di espansione
Vasi di espansione chiusi a membrana costruiti in lamiera d'acciaio di forte spessore
opportunamente rinforzata, verniciata a forno. La membrana di divisione sarà in gomma
anticalore conforme alle norme DIN 4807 e sarà graffata o saldata in atmosfera di gas inerte.
I vasi saranno provvisti nel fondo inferiore di una valvolina per il carico e lo scarico dell'azoto.
La pressione di bollo sarà pari a 5 bar. I vasi di capacità superiore a 24 litri dovranno essere
provvisti di certificato di collaudo ISPESL.
3.3.4.3 Valvole di sicurezza
Le valvole di sicurezza dovranno essere previste ovunque le vigenti normative ISPESL e le
regole di buona esecuzione degli impianti ne prescrivono o consigliano l'uso.
Tipo, dimensionamento e materiali in tutto e per tutto conformi alle vigenti normative ISPESL.
La Ditta è tenuta a presentare i calcoli relativi al dimensionamento e i certificati di
omologazione ISPESL.
Saranno in bronzo, con pressione massima di taratura di 5 bar.
3.3.4.4 Gruppi automatici di riempimento impianti
Il gruppo monoblocco automatico di riempimento per impianti termici, con attacchi a manicotti
filettati, sarà costituito dalle seguenti parti:
-riduttore automatico di pressione, corpo in bronzo, con otturatore a membrana in materiale
sintetico e molla di contrasto in acciaio inox. Regolatore di pressione tarabile;
-dispositivo di ritegno con molla in acciaio inox;
-filtro in bronzo sinterizzato;
manometro a molla Bourdon, scala 0 ÷ 6 bar.
- tre valvole a sfera per intercettazione e by-pass;
3.3.4.5 Termometri a quadrante a dilatazione di liquido
I termometri a quadrante a dilatazione di liquido avranno le seguenti caratteristiche: cassa in
lega leggera, accuratamente rifinita con verniciatura antiacida in nero, costruzione stagna con
anello metallico avvitato e guarnizioni in neoprene col vetro; quadrante bianco con numeri
litografati in nero, diametro 100 mm; indice in acciaio brunito; dispositivo micrometrico di
azzeramento.
Il bulbo sarà diritto o ad angolo a seconda del luogo di installazione; nei casi in cui la lettura dei
termometri a gambo rigido possa essere difficoltosa, dovranno essere previsti termometri con
bulbo a capillare.
Tutti i termometri saranno montati su pozzetti termometrici all'uopo predisposti sulle tubazioni.
La pressione dovrà essere del + 1% del valore di fondo scala.
3.3.4.6 Manometri per acqua
Saranno del tipo Bourdon con molla tubolare, racchiusi in cassa in lega leggera, accuratamente
rifinita con verniciatura antiacida in nero, costruzione stagna con anello metallico avvitato e
guarnizioni in neoprene al vetro; quadrante bianco con numeri litografati in nero indelebile,
diametro 80 mm, indice in acciaio brunito con dispositivo micrometrico di azzeramento,
lancetta rossa regolabile, scala graduata in Kg/cm².
Pag. 31
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Preone +/- 1% riferito al valore del fondo scala, per un buon funzionamento del manometro è
consigliabile che il valore di fondo scala non sia superiore del 50 % alla pressione nominale
d'esercizio.
Ogni manometro dovrà essere completo di rubinetto a tre vie con flangia di controllo.
3.3.5
Caminieraccordifumari
3.3.5.1 Generalità
Raccordi camino caldaia a sezione circolare con area non inferiore a quella del camino verticale
(calcolato secondo il Regolamento della legge 615) e con pendenza non inferiore al 5% fino ad
1.000.000 kcal/h e non inferiore al 2% per potenzialità superiori. Il cambiamenti di sezione di
forma e di allineamento devono essere raccordati fra loro con tronchi intermedi a parte formanti
fra loro angoli non superiori a 30 C.
- Costruzione in lamiera di ferro di spessore non inferiore ad 1/100 del diametro.
- I raccordi devono poter essere smontabili mediante flange, con guarnizioni di amianto a tenuta,
sia sul lato caldaia che all'imbocco del camino verticale, sia sui punti intermedi ad intervalli non
superiori a m 2,0.
- Ad ogni testata di tratto rettilineo e ad intervalli non superiori a ml. 10,0, devono essere
istallate portine di ispezione con sportelli a tenuta d'aria, a doppia parete, ed apribili mediante
manopole in materia incombustibile.
- Dispositivo di prelievo fumi in vicinanza del focolare ed alla sommità del camino per
potenzialità 500.000 Kcal/h, costituito da una piastra metallica con foro e tappo diam. 50 mm e
foro da 80
mm completo di termometro con scala fino a 500 °C, tipo prefabbricato ed omologato.
3.3.5.2 Canna fumaria in acciaio inox
Il camino ed i canali da fumo saranno realizzati in elementi rigidi autoportanti a doppia parete di
acciaio inox separati da un isolamento termico ad alta densità in maniera da garantire le
prescrizioni della normativa vigente.
La parete interna ed esterna di ogni elemento o pezzo speciale del camino saranno
esclusivamente in acciaio inossidabile AISI 316.
Gli elementi a doppia parete saranno assemblati con un raccordo maschio-femmina, con il
maschio rivolto verso l'alto.
Il camino sarà completo di tutti i pezzi speciali, curve, profilati a T, terminale antiintemperie,
collari per passaggio a tetto, staffe e supporti di sostegno che assicurino la stabilità del camino,
etc.
Si dovrà prevedere inoltre la camera di raccolta ceneri anch'essa in doppia parete inox alla base
del camino, di sezione non inferiore a 1,5 volte quella del camino e con altezza minima di 0,5
m, sportelli di ispezione a doppia parete metallica, piastre per ispezione e prelievo fumi con fori
rispettivamente di diametro 80 mm e 50 mm, nel rispetto della normativa vigente.
La sezione utile del camino sarà progettata con il metodo di calcolo indicato dalle norme UNI
che tengono conto delle perdite di carico effettive e delle più sfavorevoli condizioni
meteorologiche che possono verificarsi localmente; la Ditta installatrice dovrà fornire
documentazione relativa al suddetto dimensionamento secondo le norme UNI.
3.3.6
Elettropompe
Elettropompe centrifughe del tipo monoblocco per montaggio in linea su tubazione, adatte per
acqua fra 0 e 100 °C, pressione nominale di esercizio 6 bar.
- Modello singolo oppure gemellare come previsto nel progetto.
- I modelli gemellari dovranno essere costituiti da due pompe del tutto indipendenti con proprio
motore, girante e coclea, ma con corpo centrale in comune munito di dispositivo di
Pag. 32
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
commutazione in modo che una delle due pompe possa essere smontata con l'altra unità in
funzione.
- Velocità massima 1440 giri/min. oppure modelli a doppia velocità se previsti nel progetto.
- Le pompe dovranno essere dimensionate in corrispondenza del loro massimo rendimento con
tolleranze del 20%.
3.3.6.1 Elettropompe centrifughe
Le elettropompe centrifughe saranno del tipo monoblocco con accoppiamento diretto pompamotore, in esecuzione singola o gemellare.
Dovranno essere adatte per funzionamento in ambiente chiuso e saranno progettate per esercizio
continuo a pieno carico (8.000 ore/anno).
La portata di progetto dovrà essere preferibilmente situata in prossimità del punto di massimo
rendimento.
Qualora siano previste due o più pompe in parallelo, le curve caratteristiche dovranno essere
perfettamente uguali.
Gli spessori dei corpi e delle volute saranno previsti per le pressioni di progetto e con un
sovraspessore di corrosione di almeno 3 mm.
Dovranno essere realizzate con corpo in ghisa, giranti in bronzo, ghisa o acciaio inox,
staticamente e dinamicamente equilibrate, con albero in acciaio ed essere scelte per sopportare
pressioni corrispondenti alla pressione statica gravante su di esse più la pressione che esse sono
in grado di generare a bocca premente chiusa.
La tenuta sull'albero sarà di tipo meccanico.
Le flange di aspirazione dovranno essere realizzate secondo le norme UNI per pressione
nominale di 10 bar (PN10).
I cuscinetti a sfere o a rulli, di tipo autolubrificante, dovranno avere una durata nominale, nelle
condizioni di carico previste dal progetto non inferiore a 40.000 ore.
I motori elettrici dovranno avere una potenza resa, incluso l'eventuale fattore di servizio,
superiore di almeno il 15% rispetto a quella assorbita.
La potenza assorbita dalla pompa dovrà essere calcolata nel punto di funzionamento richiesto
nelle peggiori condizioni di esercizio previste.
I motori dovranno essere del tipo protetto autoventilato ad avviamento in corto circuito, dalle
seguenti caratteristiche:
Tensione di alimentazione:380 V / 3 / 50 Hz
Numero di poli:
4
Velocità di rotazione: 1.450 giri/min
Grado di protezione: IP44
I motori di tutte le pompe, complete di giranti, dovranno essere equilibrati staticamente e
dinamicamente.
In alternativa alle elettropompe sopra descritte, in presenza di portate inferiori a 6 l/s, potranno
essere adottati circolatori a rotore immerso con caratteristiche meccaniche equivalenti.
Ogni pompa sarà munita di manometri per il controllo della prevalenza, valvole di
intercettazione e valvola di ritegno sulla mandata.
Le pompe dovranno essere collocate in opera mediante idonei giunti antivibranti di connessione
alle tubazioni.
Le tubazioni ed il valvolame non devono gravare sulle bocche delle pompe e lo staffaggio deve
essere concepito e realizzato in maniera da rendere semplice l'accesso ai vari organi sia per le
manovre durante l'esercizio, che durante le operazioni di manutenzione.
Installazione :
Le fondazioni per le pompe ad asse orizzontale saranno, salvo diversa prescrizione, di
calcestruzzo, l’altezza da terra dei piani di posa dei gruppi elettropompa ed il distanziamento tra
i gruppi affiancati dovranno essere tali da consentire gli interventi di manutenzione.
Pag. 33
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Per evitare la trasmissione di vibrazioni ove necessario il basamento di appoggio in calcestruzzo
dovrà essere di tipo galleggiante, cioè staccato dalle strutture adiacenti mediante interposizione
di strato di materiale antivibrante o sospensioni elastiche.
Le tubazioni di collegamento alle pompe dovranno essere supportate indipendentemente in
modo da non creare con il peso o con le dilatazioni , sforzi o momenti dannosi.
Inoltre dovrà essere possibile la rimozione delle elettropompe senza che sia necessario installare
supporti provvisori ad avvenuto montaggio.
Per le pompe in linea si dovrà porre cura nell’installazione in modo da non far gravare le
tubazioni con il peso della pompa stessa.
Esercizio :
Per ogni gruppo di pompaggio, le due pompe ( di esercizio e di riserva) dovranno alternarsi nel
funzionamento in modo automatico.
La pompa di riserva dovrà entrare automaticamente in funzione in caso di blocco della pompa in
esercizio in quel momento.
3.3.6.2 Elettropompa con convertitore di frequenza
Elettropompa centrifuga monostadio singola in linea, con bocche di aspirazione e mandata in
linea idonee per l'installazione della pompa sulle tubazioni o su base d'appoggio. La tenuta
meccanica è in materiale resistente alla corrosione. La pompa è accoppiata ad un motore trifase
con convertitore di frequenza e regolatore PI incorporato . Completa dei sensori esterni per
funzionamento attraverso i seguenti parametri: portata, pressione differenziale o temperatura e
di pannello di controllo per impostare le modalità di enti funzionamento.
Temperatura minima del liquido: 0 gradi C
Temperatura massima del liquido: 140 gradi C
Velocità max pompa : 2900 rpm
Materiale, corpo pompa: Ghisa
Materiale, girante: Acciaio inossidabile
Pressione per stadio, attacchi: PN 16
Tensione: 3 x 380-415 V
Frequenza: 50 Hz
3.3.7
Tubazioni
3.3.7.1 Generalità
Tubazioni, giunzioni, curve, raccordi ed organi vari facenti parte dell'impianto devono essere
adatti alla pressione di esercizio dell'impianto stesso.
Tutte le tubazioni (in acciaio, ghisa, rame, PVC, ecc.) prima dell'installazione devono essere
corredate di una specifica dichiarazione di conformità alle prescrizioni richieste.
Le tubazioni devono essere installate in modo da uniformarsi alle condizioni del fabbricato così
da non interessare né le strutture, né i condotti ed in modo da non interferire con le
apparecchiature installate per altri impianti.
Nell'attraversamento di pavimenti, muri, soffitti, tramezze, devono essere forniti ed installati
spezzoni di tubo zincato aventi un diametro sufficiente alla messa in opera della tubazione; per
le tubazioni che debbono attraversare il pavimento la parte superiore dello spezzone deve
sporgere 5 cm sopra la quota del pavimento finito.
Il diametro del manicotto deve essere maggiore di almeno 4 centimetri al diametro esterno della
tubazione (isolamento compreso). La corona circolare di circa 2 cm, così formata, va riempita
con adatto materiale, pressata e resa impermeabile.
Nel montaggio dei circuiti di acqua calda, fredda, refrigerata e di torre si deve avere cura di
realizzare le opportune pendenze minime ammesse in relazione al fluido trasportato (comunque
mai al disotto dello 0,2%) nel senso del moto, in modo da favorire l'uscita dell'aria dagli sfiati
Pag. 34
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
che devono essere previsti in tutti i punti alti dei circuiti, mentre nei punti bassi devono essere
previsti dispositivi di spurgo e scarico.
Sfiati e scarichi devono essere convogliati ad imbuti di raccolta collegati alla fognatura completi
di rete antitopo.
Per la formazione degli scarichi soggetti al bagnasciuga si adottano tubazioni zincate con
raccorderie zincate, o se richiesto, in acciaio inossidabile.
Alla fine del montaggio tubazioni, mensolame, tiranti, ecc. devono essere spazzolati
esternamente con cura, prima di essere verniciati previo trattamento con due mani di antiruggine
bicolore ed una mano di vernice a finire (se specificatamente richiesta), da eseguirsi dopo il
collaudo preliminare o su autorizzazione della D.L..
Anche tutti i macchinari e le saracinesche in ghisa devono essere forniti completamente
verniciati.
Eventuali ritocchi a fine lavori, per consegnare gli impianti in perfetto stato, devono essere
effettuati dall'Appaltatore.
Alla fine del montaggio, le reti devono essere pulite con soffiaggio mediante aria compressa e
con lavaggio prolungato, previo accordo con la D.L..
Le tubazioni devono essere date complete di tutti gli accessori, collettori, valvole di
intercettazione, di ritegno, ecc. atte a garantire il razionale funzionamento degli impianti.
Tutti i collettori devono avere coperchi bombati ed essere di diametro minimo pari a 1,25 volte
il diametro della massima diramazione.
Per i collettori zincati la zincatura deve essere fatta a caldo dopo la lavorazione.
Tutte le diramazioni devono essere dotate di targhetta indicatrice.
Su tutte le tubazioni in PVC, PVC pesante, polietilene alta densità, polipropilene, devono essere
previsti dei manicotti di dilatazione.
3.3.7.2 Tubazioni in acciaio nero
Possono essere dei seguenti tipi:
in acciaio nero Mannesmann s.s. UNI 8863 SL (serie leggera), SM (serie media) o SP (serie
pesante)
in acciaio nero Mannesmann s.s. UNI 7287
Se le tubazioni nere sono del tipo saldato devono rispondere alle norme A.P.I. ed in ogni caso la
Ditta installatrice deve chiedere l'autorizzazione alla D.L..
a)
Giunzioni
Per giunti, raccordi, flange e guarnizioni devono essere rispettate le seguenti norme:
giunti tra i tubi e tra i tubi ed i raccordi, eseguiti mediante saldature a regola d'arte
superfici da saldarsi accuratamente pulite ed egualmente distanziate lungo la circonferenza dei
tubi prima della saldatura saldature larghe almeno 2 volte e mezzo lo spessore dei tubi da
saldarsi se non diversamente indicato, i giunti tra tubi ed apparecchiature (valvole, saracinesche,
filtri, ecc.) sono filettati per diametri fino a DN 50 compreso, flangiati per diametri superiori.
per i collegamenti delle apparecchiature dove necessario devono essere usate flange del tipo a
collarino o del tipo a sovrappressione secondo le norme UNI
3.3.7.3 Tubazioni in acciaio zincato
Le tubazioni in acciaio zincato devono essere di tipo Mannesmann s.s. UNI 8863 SL (serie
leggera) o SM (serie media), fortemente zincate internamente ed esternamente, filettate a vite e
manicotto oppure flangiate.
a)
Giunzioni
I giunti tra i tubi in ferro zincato possono essere eseguiti mediante filettatura o flangiatura o
mediante l'utilizzo di giunti di tipo victaulic
b)
Raccordi
I raccordi devono essere in ghisa malleabile zincata del tipo con bordo.
Pag. 35
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.7.4 Tubazioni preisolate per teleriscaldamento
Tubazioni preisolate per teleriscaldamento idonee per essere direttamente interrate, costituite da
tubo in acciaio nero FM tipo UNI 6363/84, guaina esterna in polietilene con spessore minimo di
3 mm, schiuma rigida di poliuretano interposta fra tubo acciaio e guaina polietilene con densità
di 70/80 kg/m3 e conducibilità a 50 °C di 0,022 W/m, spessori progressivi dell'isolante che
garantiscono la rispondenza alle norme dell'art. 5 del DPR 26 agosto 1993, n. 412. Le eventuali
valvole di intercettazione installate lungo la linea possono essere del tipo preisolate oppure
normale. In quest'ultimo caso i due tronconi di tubazione collegati alla valvola devono essere
dotati di terminali di chiusura dell'isolamento. I bracci di compensazione delle dilatazioni (in
prossimità delle curve a 90 gradi) devono essere interrati con l'interposizione di un apposito
cuscino che ne permette i movimenti.
I punti fissi dovranno essere prefabbricati e preisolati, con piastra in acciaio rivestita in
polietilene.
3.3.7.5 Tubazioni in rame
Note generali
Le tubazioni in rame, se non diversamente indicato, devono essere conformi alla tabella UNIEN 1057, avere titolo 99,9% ed essere disossidate con fosforo (P residuo compreso tra 0,015% e
0,04%) secondo le norme ASTM.
In particolare i tubi devono essere sgrassati internamente e presentare la superficie interna ed
esterna lisce, esenti da difetti come bolle, soffiature, scaglie, ecc., che possono provocare
inconvenienti nell'utilizzazione dei tubi stessi.
Giunzioni
I giunti tra tubi in rame e raccordi a brasare vanno effettuati mediante brasatura dolce a bassa
temperatura di fusione (300°C) o equivalente.
Devono essere impiegati solo raccordi normalizzati.
I giunti tra i tubi in rame, devono essere effettuati mediante brasatura forte con lega saldante ad
alta temperatura di fusione (800°C) o equivalenti.
Le estremità dei tubi vanno tagliate perpendicolarmente e sbavate.
Le parti terminali dei tubi vanno calibrate mediante apposito attrezzo e mazzuolo di legno.
Le superfici da saldare dei tubi e dei raccordi vanno pulite metallicamente, devono cioè risultare
prive di sporcizia e di ossido. Per la pulizia va usata lana di acciaio fine o tela smeriglio con
grana 240 (o più fine) oppure spazzole metalliche circolari e rotonde. Non è ammesso l'impiego
di lime, spazzole di ferro o carta vetrata.
Le estremità dei tubi vanno successivamente spalmate con disossidante (solo le parti di tubo che
entrano nei raccordi).
Il disossidante per le brasature dolci deve essere di tipo normalizzato autoneutralizzante.
Il disossidante per le brasature forti deve essere di tipo normalizzato sotto forma di pasta o di
polvere secca.
Nella brasatura forte deve essere in ogni caso evitato il surriscaldamento sino all'incandescenza
delle parti da saldare.
I giunti tra i tubi di rame e i tubi di ferro vanno eseguiti mediante ghiera di bronzo od ottone.
I giunti tra tubi in rame ed apparecchiature (valvole, saracinesche, filtri ecc.) ad eccezione delle
centrali dove sono previsti del tipo a flangia, vanno effettuati mediante bocchettone in bronzo
od ottone.
I giunti tra i tubi in rame e flange in acciaio vanno effettuati mediante bocchettone filettato in
ottone o bronzo collegato ad uno spezzone di tubo gas saldato alla flangia e filettato all'altra
estremità.
Le guarnizioni devono essere di spessore idoneo per il diametro delle flange e comunque non
inferiore a 2 mm.
3.3.7.6 Tubazioni in PVC
Note generali
Pag. 36
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Devono rispettare le tabelle qui di seguito indicate:
UNI 7443/75, tipo 300 e 301
per scarichi all'interno dei fabbricati fino a 50°C, pluviali, reti
di ventilazione
UNI 7443/75, tipo 302 per scarichi all'interno dei fabbricati fino a 90°C
UNI 7441/75, tipo 313 per fluidi in pressione, acquedotti, irrigazione
UNI 7447/75, tipo 303 per fognature interrate
Le tubazioni devono essere complete di pezzi speciali, come braghe, giunti a T, giunti di
dilatazione, tappi di ispezione, ecc..
Giunzioni
I giunti tra tubi in PVC devono generalmente essere del tipo a bicchiere sigillato con collante.
Ove sia necessario acconsentire una dilatazione assiale, i giunti devono essere del tipo a doppio
bicchiere con anello di gomma.
L'assuntore dovrà indicare questi giunti alla D.L. per approvazione.
La tenuta delle giunzioni deve essere assicurata da speciali mastici idrorepellenti ai siliconi,
raccomandati dalle singole case produttrici.
3.3.7.7 Tubazioni PEAD
Note generali
Le tubazioni in polietilene alta densità (PEAD), ricavate per estrusione devono corrispondere sia
alle prescrizioni igienico sanitarie riportate nella circolare n.102 del 02/12/78 del Ministero
della sanità sia alle seguenti norme:
UNI 7611/7615, tipo 312
per condotte in pressione;
UNI 7613/7615, tipo 303
per condotte di scarico interrate e per fognature;
UNI 8451/7615, tipo 302
per condotte di scarico all'interno dei fabbricati, fino a 100°C;
UNI 7614/84 per condotte di gas combustibili interrate.
La fornitura comprende i prezzi speciali, gli ancoraggi, i supporti e tutti gli accessori.
Giunzioni
Per le tubazioni conformi a UNI 7611 ed UNI 7613 le giunzioni sono ottenute mediante
raccordi di metallo o resina fino al diametro esterno di 90 mm e per saldatura di testa per
diametri superiori.
Per le tubazioni conformi a UNI 8451 vedasi quanto di seguito detto per le tubazioni PE h.
Per le tubazioni conformi a UNI 7614 le giunzioni sono ottenute con saldature di testa o con
manicotto elettrico.
3.3.7.8 Tubazioni in polietilene duro (PE h)
Note generali
Devono avere caratteristiche di durata illimitata e rispondenti alle norme UNI 8451, nonché di
notevole resistenza alle aggressioni meccaniche e chimiche; le congiunzioni devono avvenire
con saldatura a specchio senza presentare rugosità onde permettere il miglior deflusso
dell'acqua.
Devono essere complete di pezzi speciali come giunti a saldare, dilatatori, braghe, ispezioni,
tappi.
Giunzioni
Devono corrispondere alle norme UNI 8452 e devono essere collegabili tra loro mediante
manicotti di innesto, raccordi a vite, manicotti elettrici, manicotti scorrevoli, congiunzioni a
flange e saldatura di testa.
I manicotti e gli eventuali raccordi devono essere in resine poliolefiniche, costituiti da un
manicotto con anello di gomma che garantisca la tenuta idraulica, completato da un anello
espandibile con scanalature interne che impedisca lo sfilamento del tubo dal giunto, mediante il
bloccaggio realizzato con apposita ghiera filettata.
L'Appaltatore deve disporre delle apparecchiature necessarie per effettuare le giunzioni con
saldatura testa/testa dei tubi nonché della relativa manodopera specializzata.
Pag. 37
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I giunti tra tubazioni in polietilene o PVC e tubazioni metalliche devono essere di tipo speciale a
bicchiere o a manicotti con anelli di tenuta ed eventualmente adattatori.
3.3.7.9 Tubazioni in polipropilene (PP)
Devono avere caratteristiche simili al PE h, con maggior resistenza termica alle alte temperature
ed agli agenti chimici.
Devono essere complete di pezzi speciali come per le tubazioni PE h.
Mensole, supporti ed ancoraggi per tubazioni
Le tubazioni non correnti sottotraccia devono essere sostenute da apposito staffaggio atto a
sopportarne il peso, consentirne il bloccaggio e permetterne la libera dilatazione; lo staffaggio
può essere eseguito sia mediante staffe continue per fasci tubieri o mediante collari e pendini per
le tubazioni singole.
Le staffe o i pendini devono essere installati in modo tale che il sistema delle tubazioni sia
autoportante e quindi non dipendente dalla congiunzione alle apparecchiature in alcun modo.
Il mensolame deve essere in acciaio verniciato previo trattamento con due mani di antiruggine
di diverso colore, o in acciaio zincato.
Il mensolame esposto agli agenti atmosferici deve essere zincato e, se richiesto, ulteriormente
protetto con vernice a base bituminosa.
Nelle tratte diritte la distanza fra due supporti successivi non deve superare m 2,5 circa, in
presenza di curve il supporto deve essere posizionato a non più di 60 cm dal cambiamento di
direzione, possibilmente nella tratta più lunga.
Tranne qualche caso assolutamente particolare, quanto fissato a detti supporti deve essere
smontabile; pertanto non sono ammesse saldature fra supporti e tubi o altri sistemi di fissaggio
definitivo.
Qualora sia necessario effettuare saldature, queste devono essere ricoperte con due mani di
vernice antiruggine.
Quando necessario i supporti devono essere di tipo scorrevole, a slitta od a rulli.
Devono essere previsti adeguati isolamenti, quali guarnizioni in gomma o simili, per eliminare
vibrazioni e trasmissione di rumore, nonché per eliminare i ponti termici negli staffaggi delle
tubazioni percorse da acqua refrigerata.
È ammesso l'uso di collari pensili purché di tipo snodato regolabili (Flamco o similare).
L'assuntore dovrà sottoporre all'approvazione della D.L. i disegni dettagliati indicanti i tipi, il
numero e la posizione di sospensioni, supporti ed ancoraggi che intende installare.
3.3.7.10 Istallazione delle tubazioni
I diametri, i raccordi, le pendenze delle tubazioni in genere devono essere tali da garantire il
libero deflusso dei fluidi in esse contenuti, senza dare luogo ad ostruzioni o comunque a
depositi che possano, col tempo, comprometterne la funzione.
Nei punti alti delle distribuzioni saranno previsti sistemi di sfogo aria, costruiti da barilotti e da
valvoline di sfiato e nei punti bassi un sistema di scarico dell'acqua.
Quando le tubazioni passano attraverso i muri o i pavimenti, saranno protetti da manicotti in
ferro nero dello spessore di 2 mm. fino alle superfici esterne, per permettere la dilatazione e
l'assestamento.
I tubi saranno posti in opera senza svirgolarli o sformarli e saranno a dovuta distanza dalle
finestre, porte ed altre aperture.
Non sono permessi tagli eccessivi ed indebolimenti delle strutture onde facilitarne la posa in
opera dei tubi.
Tutte le sbavature saranno eliminate dai tubi prima della posa in opera.
Sarà permessa la piegatura dei tubi a freddo fino a 40 mm. di diametro purché si usi un
piegatubi idraulico o meccanico.
I tubi piegati che presentano pieghe, rughe ed altre deformazioni non saranno accettati.
Le estremità delle tubazioni saranno ben chiuse o tappate subito dopo la messa in opera onde
evitare che la sporcizia od altre sostanze penetrino nell'impianto.
Pag. 38
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Lo stesso dicasi per le aperture delle apparecchiature.
3.3.7.11 Protezione delle tubazioni
Tutte le tubazioni nere, i supporti ed i manufatti in ferro saranno protetti da due mani di vernice
antiruggine di tinta diversa.
Tutte le apparecchiature verniciate, i manufatti, le tubazioni, etc., la cui verniciatura sia stata
intaccata prima della consegna dell'impianto, dovranno essere ritoccate o rifatte, con vernice
c.s.d.
Il costo della verniciatura antiruggine delle tubazioni e dei supporti sarà compreso nel costo
unitario della tubazione in opera.
3.3.7.12 Collettori in acciaio per centrali
Il collettore sarà eseguito con tubazione di ferro nero trafilato Mannesman tipo bollitore (UNI
4992), con fondi bombati e bocchelli di diversa altezza a seconda delle valvole installate in
modo che i centri dei volantini risultino allineati.
Tutti i tronchetti saranno provvisti di flangia.
Ogni collettore sarà completo di:
- mensole di sostegno;
- attacco con rubinetto a maschio con scarico visibile convogliato in fogna;
- targhette indicatrici; le astine dei porta targa devono essere saldate ai bocchelli del collettore
prima dell'isolamento;
- termometro a quadrante per ogni stacco del tipo a dilatazione di mercurio, con bulbo fisso;
- isolamento termico come descritto nell'apposito capitolo, completo di finitura del tipo
richiesto.
3.3.8
Valvolameinottone
- Valvole a sfera in ottone sbiancato a due o tre vie, con tenuta in PTFE a sfera in acciaio,
complete di leva di manovra, attacchi filettati o flangiati (secondo necessità). PN 10
-Valvole di ritegno a caplet. Tipo PN10 a 95 °C. Componenti in OT58.
- Valvole di ritegno con otturatore a molla. Tipo PN16 a 95 °C: Corpo in OT58, otturatori in
ottone oppure in teflon con guarnizioni a corona, molle in acciaio inox 18/8.
- Rubinetti di scarico a maschio con premistoppa tipo PN10 a 95 °C in OT58 premistoppa in
PTFE completi di portagomma per tutti gli scarichi di apparecchi e tubazioni.
- Filtri a Y corpo in OT58 cestello in acciaio inox 18/8.
- Valvola a sfera. Tipo PN10 a 95 °C, corpo in OT58, sfera in OT58 rettificata e cromata,
guarnizioni e premistoppa in PTFE, maniglia in lega robusta a passaggio integrale.
- Valvole di sfiato automatico per tubazioni, tipo a galleggiante, corpo in ottone cromato,
completi di tappo igroscopico e valvolina d'arresto automatica di ingresso.
- Valvole inclinate per arresto e regolazione alla base delle colonne montanti corpo in OT58
complete di dispositivo regolabile dell'alzata dell'otturatore con scala graduata e di rubinetto di
scarico con portagomma.
- Detentori dritti o a squadra, tipo adatto sia all'arresto che alla regolazione secondo il numero di
giri (tabelle fornite dal costruttore) e completi di dispositivo di scarico e cappellotto in plastica.
Corpo in OT58, tipo per attacchi filettati a tubi di ferro.
- Detentori come p.p. ma per attacco bicono a tubi di rame.
- Valvole termostatiche per radiatori, tipo con elemento termostatico omologato di classe A con
isteresi termica inferiore a 0,8 C, campo di regolazione minimo fra 10 e 25 °C, corpo PN10
dritto o a squadra, volantino graduato, attacchi filettati per tubo di ferro.
- Valvole termostatiche come al p.p. ma con attacco bicono per tubo di rame.
- Valvoline di scarico d'aria, tipo manuale, con volantino in ottone.
- Tappi per radiatori completi di valvola a galleggiante per sfogo d'aria a valvolina di sicurezza
manuale. Raccordo filettato al radiatore diam. 1/2" (su tappo forato).
Pag. 39
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.9
Valvolameinghisa
-Saracinesche tipo a corpo piatto rinforzato PN16 corpo in ghisa GG-25, premistoppa in
amianto, flange forate PN16 con gradino. Controflange piane a saldare, guarnizioni in amiantite
e bulloni.
- Filtri tipo PN16, corpo in ghisa G-22, cestello in acciaio inox 18/8 flange forate PN16 con
gradino controflange piana a saldare, guarnizioni in amiantite, bulloni.
- Valvole di ritegno a caplet corpo in ghisa PN16 ad estremità flangiate, clapet in ghisa e sede in
ottone.
3.3.9.1 Saracinesche a corpo piatto in ghisa
Le saracinesche in ghisa a corpo piatto saranno del tipo esenti da manutenzione, ed avranno le
seguenti caratteristiche:
-corpo e coperchio in ghisa grigia GG 25 Meehanite, completamente coibentabile;
-asta in acciaio inox;
-tenuta sull'asta elastica di EPDM inserita tra anelli di fibra di vetro per garantire una perfetta
tenuta;
-asta costruita in modo tale che la controtenuta risulti perfetta sia a saracinesca aperta che a
saracinesca chiusa. La controtenuta dovrà essere ottenuta a mezzo di due anelli di PTFE;
-cuneo di tipo flessibile atto a garantire una perfetta adattabilità alle sedi del corpo eliminando
problemi di incollamento e grippaggio;
-tenuta sul cuneo e sul corpo con anelli di acciaio inox;
-flange di collegamento secondo UNI PN 10;
Per impianti antincendio la saracinesca dovrà essere corredata di indicatore di apertura.
Dovranno essere fornite complete di controflange normalizzate, guarnizioni in grafite e bulloni.
3.3.9.2 Filtri ad "Y" in ghisa
I filtri saranno del tipo ad "Y" con filtro estraibile e corpo in ghisa.
Cestello in acciaio inox e guarnizioni del coperchio in Klingerite.
Tutti i filtri saranno smontabili ed installati fra 2 valvole di intercettazione.
3.3.9.3 Valvole di ritegno in ghisa
Le valvole di ritegno potranno essere del tipo a clapet (per installazione verticale od orizzontale)
o del tipo intermedio (per installazione verticale), dalle seguenti caratteristiche:
- corpo in ghisa GG 25 dotato di tappo di spurgo;
- clapet o otturatore in ghisa con tenuta in gomma;
- coperchio in ghisa GG 25;
- flange di collegamento secondo norme UNI PN 10.
3.3.10 Valvoledibilanciamento
Ove necessario e/o ove richiesto si monteranno valvole di taratura per l'equilibratura dei circuiti
idraulici. Esse dovranno avere le seguenti caratteristiche:
- portare un indice di riferimento o un quadrante graduato, dal quale sia facilmente rilevabile la
posizione di taratura;
- poter essere facilmente locate nella posizione prescelta, senza possibilità di facile spostamento
o manomissione;
- essere accompagnate da diagrammi o tabelle (editi dalla casa costruttrice) che per ogni
posizione di taratura, forniscano la caratteristica portata;
- perdita di carico della valvola;
- presentare in posizione di massima apertura una perdita di carico molto bassa e comunque non
superiore al 5% della prevalenza della pompa del circuito in cui e' inserita la valvola stessa.
Le valvole, dovranno essere provviste di attacchi per manometro differenziale di controllo,
completi di rubinetti di fermo. Negli altri casi gli attacchi per manometro di controllo (completi
Pag. 40
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
di rubinetti di fermo) saranno montati sulle tubazioni nelle posizioni indicate dai disegni di
progetto.
Il manometro di controllo (od i manometri, qualora sia necessario disporre di scale diverse) con
i flessibili di collegamento dovrà essere fornito dalla Ditta e rimarrà, se richiesto espressamente,
in proprietà della Committente.
3.3.11 Giuntiantivibranti
I giunti antivibranti, del tipo adatto ad interrompere le onde sonore generate dalla colonna
liquida e le vibrazioni create da organi in movimento, dovranno essere del tipo a spinta
eliminata ed avranno le seguenti caratteristiche:
- corpo in gomma caucciù in un unico pezzo con flange in acciaio vulcanizzate sul corpo;
- flange di collegamento secondo norme UNI PN 10.
3.3.12 Valvolameinbronzo
3.3.12.1 Valvole a sfera in bronzo
Le valvole a sfera saranno del tipo a passaggio totale, costruite interamente in bronzo.
Avranno le guarnizioni di tenuta in PTFE e maniglia di manovra in lega di alluminio verniciata.
Avranno attacchi a manicotti filettati gas femmina.
3.3.12.2 Filtri ad "Y" in bronzo
I filtri raccoglitori di impurità con corpo in bronzo saranno del tipo ad "Y", dalle seguenti
caratteristiche costruttive:
- elemento filtrante a cestello in acciaio inox, completamente estraibile;
attacchi a manicotti filettati maschio e femmina PN 10.
3.3.12.3 Valvole di ritegno in bronzo
Le valvole di ritegno in bronzo potranno essere del tipo a molla, per installazione verticale, o a
clapet, per installazione sia orizzontale che verticale, dalle seguenti caratteristiche costruttive:
- corpo in bronzo;
- otturatore in bronzo;
- tenuta sull'otturatore in gomma;
- tappo per ispezione otturatore in bronzo con tenuta in gomma;
- eventuale molla in acciaio inox;
- attacchi a manicotto filettati gas PN 10.
3.3.12.4 Sconnettore
Sconnettore a zona di pressione ridotta controllabile idoneo per proteggere la rete pubblica e la
rete interna dell'acqua potabile contro tutti i rischi di ritorno di acque inquinanti. Lo sconnettore
è costituito da un corpo di bronzo PN10 con coperchio ispezionabile, attacchi filettati fino al
DN50, attacchi flangiati per diametri maggiori, attacco per tubo di scarico, temperatura massima
del fluido 65 C, ed è realizzato secondo le prescrizioni della norma UNI 9157; E' compreso
quanto altro necessario per il completo normativo funzionamento e il rispetto delle norme UNI,
UNI-CIG, VV-F e di tutte le disposizioni in materia compresi i marchi di qualità.
3.3.13 Collettoriinottone
3.3.13.1 Collettori per impianti termici
Saranno eseguiti in tubo di rame o in ottone, in corpo unico o componibile, con diramazioni
passanti, a seconda di quanto richiesto negli altri elaborati di progetto; gli attacchi di testa
saranno da 3/4" (oppure, se necessario, in funzione del diametro delle tubazioni relative, da 1" e
Pag. 41
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
1”1/4 filettati femmina; quelli laterali saranno da 3/8" (oppure, se necessario, in funzione del
diametro delle tubazioni relative, da 1/2", filettati maschio.
Saranno completi di tutta la raccorderia necessaria (sia per gli attacchi di testa che per quelli
laterali) per il collegamento alle tubazioni in arrivo e in partenza.
Qualora i collettori debbano essere installati incassati nel muro, saranno completi di cassetta
d'ispezione in lamiera zincata, con coperchio anteriore apribile provvisto di feritoie di aerazione.
Gli attacchi laterali o di testa non utilizzati dovranno essere dotati di tappi di chiusura.
I collettori dovranno essere inoltre corredati di valvole a sfera del tipo a passaggio totale, con
leva a farfalla, di diametro corrispondente a quello del collettore.
Qualora richiesto o indicato sugli altri elaborati di progetto, sugli attacchi liberi di testa dei
collettori dovranno essere montati rubinetti di sfiato - scarico con portagomma Ø 3/8".
Saranno isolati con nastro di neoprene espanso autoadesivo di spessore 3 mm circa in più strati
fino ad ottenere uno spessore globale di circa 1 cm.
Saranno ammessi, previa approvazione della D.L., altri tipi di isolamento che, qualora i
collettori siano attraversati da acqua fredda o refrigerata, garantiscano assenza di condensazione
e/o gocciolamenti.
La cassetta di ispezione, isolamento termico, le valvole a sfera e gli altri accessori s.d. saranno
compresi nel prezzo unitario in opera del collettore.
3.3.13.2 Collettori in ottone per impianti a pannelli a pavimento
I collettori di distribuzione per impianti di riscaldamento a pavimento radiante saranno composti
da collettore di andata con valvola a sfera, collettore di ritorno con valvola a sfera, valvole di
taratura su andata e ritorno di ciascuna derivazione, zanche di fissaggio a muro, 2 valvole
automatiche di sfogo aria, 2 rubinetti di scarico, raccordi per tubi di rame o polietilene. Attacchi
principali: 1" 1/4". Derivazioni laterali:3/4".
I collettori saranno completi di cassette di contenimento con sportello in acciaio zincato.
3.3.14 Radiatoriinghisa
Radiatori in ghisa del tipo ad elementi componibili con profilo ad alette frontali in modo che il
radiatore assemblato presenti una superficie pressoché piana.
Emissione termica secondo le norme UNI 6514/69.
Assemblaggio degli elementi mediante nipples biconici con guarnizioni.
Sostegno mediante una mensola per gruppi di lunghezza fino a 25 cm. due mensole per
lunghezza superiori.
Altezza di montaggio non inferiore a 10 cm. dal pavimento.
I radiatori saranno montati perfettamente a piombo, con distanza di 3-5 cm. dalla parete, e
saranno verniciati con due mani di smalto sintetico.
Accessori:
- valvola a doppio regolaggio diritta o ad angolo, con volantino in plastica.
Il doppio regolaggio dovrà essere tarato in fase di prova dell'impianto, e quindi bloccato, e la
manovra del volantino non dovrà interferire sulla suddetta taratura.
- valvola termostatica (delle migliori marche) con elemento termostatico incorporato al
volantino, oppure separato, se richiesto o necessario, con gradazione corrispondente a diverse
temperature ambiente, più posizione di antigelo.
Nel caso di elemento termostatico separato, questo sarà collegato al corpo valvola con un
capillare di adeguata lunghezza e robustezza.
- Detentore in bronzo con cappuccio filettato in plastica, oppure in bronzo.
- Valvolina di sfiato dell'aria manuale (senza elemento igroscopico), da 1/4".
- Rubinetto di scarico a spillo in bronzo, da 1/4" con codolo quadro di manovra e portagomma.
- Valvola monotubo (per impianti monotubo) in ottone sbiancato con sonda interna in tubo di
rame fino a 2/3 circa della lunghezza del corpo scaldante (oppure, per convettori, con attacchi
sdoppiati e raccordi in ottone cromato).
Pag. 42
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
La valvola sarà provvista di volantino di manovra, tale da deviare il flusso d'acqua del radiatore,
in posizione di chiusura, senza variazioni di perdita di carico.
3.3.15 Pannelliradiantiapavimento
Il pannello radiante a pavimento sarà del tipo adatto per edilizia industriale idoneo al
funzionamento con acqua calda a bassa temperatura e sarà realizzato con i seguenti componenti:
- pannello isolante in polistirene di adeguata densità in relazione ai carichi che dovrà sopportare
e comunque non inferiore a 30 kg/mc di spessore minimo 30 mm.Il pannello sarà posato sulla
soletta strutturale.
- striscia perimetrale di polistirene spessore minimo 10 mm e altezza minima 100 mm;
- foglio di polietilene con funzione anticondensa o altro sistema equivalente;
- sistema per fissaggio del tubo costituito da rete metallica con relativi clips di ancoraggio o
altro sistema equivalente;
- tubo in polietilene reticolato con barriera antiossigeno (PEX) diametro 20 mm suddiviso in
circuiti di adeguata lunghezza;
- giunti di dilatazione da prevedere in funzione della dimensione massima dei pannelli radianti;
- additivo liquido per formazione del massetto (il massetto deve ricoprire la generatrice
superiore dei tubi di uno spessore idoneo a garantire la resistenza meccanica necessaria e
comunque non inferiore a 3,0 cm).
3.3.16 Ventilconvettori
3.3.16.1 Ventilconvettori (Fan-coils due tubi)
A seconda di quanto richiesto, potrà essere di tipo da montare in vista con mobile di copertura
ed eventuali piedini di appoggio (a parete o a soffitto) oppure da incasso (a parete o a soffitto).
I ventilconvettori potranno anche essere (se indicato nei disegni) del tipo ad altezza ridotta senza
l’utilizzo di piedini, con ripresa dell’aria frontale.
I ventilconvettori del tipo orizzontale saranno completi di staffaggi di sostegno a soffitto.
La struttura di contenimento sarà in lamiera di acciaio zincata di forte spessore con isolamento
interno anticondensa e fonoassorbente in corrispondenza della batteria di scambio termico e
della sezione ventilante..
Il gruppo ventilatori sarà di tipo centrifugo a semplice o doppia aspirazione, avranno giranti in
alluminio a pale curvate in avanti e saranno direttamente accoppiati al motore elettrico a tre
velocità del tipo monofase, 220 V - 50 Hz, totalmente chiuso e a condensatore permanentemente
inserito. Il gruppo motoventilante deve garantire un funzionamento privo di vibrazioni e tale da
non generare rumorosità superiore alla massima ammessa.
La batteria sarà realizzata in tubi di rame espansi meccanicamente in alette di alluminio a 3
ranghi. Le batterie (destre o sinistre) devono poter essere invertite in cantiere sistemando gli
attacchi sul lato opposto agendo semplicemente sulle viti autofilettanti.
Il ventilconvettori sarà dotato di bacinella di raccolta e drenaggio della condensa realizzata in
materiale termoplastico.
Ciascun ventilconvettore dovrà essere fornito di pannello con commutatore a 4 posizioni
corrispondenti a tre velocità di rotazione del gruppo motoventilante più la posizione di fermo. Il
commutatore dovrà essere dotato di morsettiera per il collegamento della linea, del motore e
degli organi di regolazione e potrà essere alloggiato in apposito vano all'interno del mobiletto
oppure in posizione remota a parete.
Il filtro dovrà essere costituito da un telaio in lamiera di acciaio zincata, completo di guarnizione
per la tenuta d'aria, doppia rete zincata con interposto materassino filtrante in materiale
sintetico, classe di filtrazione EU 2 secondo Eurovent 4/5.
Il ventilconvettore sarà completo di valvolina manuale di sfogo aria e rubinetto di scarico di
fondo e collaudato in fabbrica alla pressione idraulica di 20 bar.
Pag. 43
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I ventilconvettori per sistemazione in vista dovranno essere completi di mobile-involucro
realizzato in lamiera di acciaio zincata e verniciata a forno con smalto sintetico autoestinguente,
di colore a scelta della Direzione Lavori. Il mobiletto sarà fissato a incastro sull'unità base onde
consentire una rapida rimozione dello stesso, in caso di manutenzione. Gli involucri dovranno
avere caratteristica di grande robustezza e solidità tale da prevenire la generazione di vibrazioni,
la propagazione di rumore e l'eventuale condensa esterna dovrà essere prevenuta mediante la
rivestitura interna del mobile con materiale termofonoassorbente.
Saranno inoltre previsti i seguenti accessori:
- valvole e detentori di sezionamento
- collegamenti tra valvole e batteria in tubo di rame isolato.
- Termostato ambiente e commutatore estate inverno incorporato nel pannello commutatore
delle velocità completo di sonda di temperatura preistallata nel mobiletto.
Lo scarico della condensa sarà raccordato alla rete principale per mezzo di tubazioni in
polietilene.
Versione da incasso
Sarà senza carenatura esterna, ed il commutatore di velocità sarà separato, del tipo da montare a
parete, con termostato incorporato.
Esso potrà servire anche più mobiletti (e in tal caso sarà di tipo adeguato).
Se richiesto e precisato, il mobiletto sarà completo di raccordi di mandata ed aspirazione in
lamiera di acciaio zincata da 6/10 mm, di bocchette di mandata ed aspirazione di tipo da
sottoporre preventivamente all'approvazione della D.L.
Il quest'ultimo caso, il filtro dell'aria dovrà essere posto non entro il mobiletto, ma subito sopra
la bocchetta di aspirazione, che sarà smontabile per accedere al filtro stesso.
Inoltre la connessione del mobiletto alla rete elettrica avverrà a mezzo di spina e presa,
quest'ultima con fusibili.
3.3.16.2 Ventilconvettori canalizzabili
I ventilconvettori saranno del tipo orizzontale per istallazione in controsoffitto e quindi senza
carenatura.
L'unità base sarà costruita in lamiera di acciaio zincata con struttura interna a pannelli sandwich
con poliuretano iniettato e comprenderà:
- un ventilatore con girante di tipo centrifugo a doppia aspirazione, azionate da un motore
elettrico a cinque velocità (di cui tre selezionabili dal pannello comandi) di tipo chiuso
direttamente accoppiato.
- batteria in tubi di rame ed alette di alluminio minimo a 3 ranghi.
- bacinella di raccolta e drenaggio della condensa realizzata in materiale termoplastico.
- Quadro comandi elettrici a distanza comprendente l'interruttore ed il commutatore per la scelta
delle velocità del ventilatore.
- filtro rigenerabile ad ampia sezione EU3
Saranno previsti i seguenti accessori:
- valvole e detentori di sezionamento;
- Controtelaio in lamiera zincata;
- Sonda che consente il funzionamento dell’unità solo con acqua superiore alla taratura;
- Pannello comandi a 3 velocità con termostato ambiente;
- Batterie di post-riscaldamento o elettrica;
- Pannello comandi a 3 velocità
- Serranda antigelo che impedisce l’ingresso dell’aria sotto i 0 °C in caso di guasto alla
caldaia.;
- Filtro aria rigenerabile di classe EU 3 inserito in un cassonetto da installare in
aspirazione;
Pag. 44
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.16.3 Ventilconvettori tipo a “cassette”
Ventilconvettore a cassetta per installazione in controsoffitto, costituito da batteria di scambio a
2 tubi per acqua calda o refrigerata, ventilatore con pale rovesce a profilo alare accoppiato
direttamente a motore a tre velocità, filtro aria rigenerabile, griglia di aspirazione aria a soffitto
dalla quale si accede per la pulizia del filtro, diffusori di mandata aria del tipo lineare regolabile
in grado di poter inviare l'aria su 2, 3 o 4 lati, bacinella di raccolta condensa con pompa per
sollevamento condensa, valvola idraulica ad azione ON-OFF con servomotore elettrotermico,
comprese le opere murarie per il fissaggio ed il collegamento elettrico escluso le linee elettriche.
Potenzialità termica valutata alla velocità media con acqua entrante a 45° C, DT = 5° C, aria
entrante a 20° C. Potenzialità frigorifera totale valutata alla velocità media con acqua entrante a
7° C, DT 5° C, aria entrante a 26° C b.s./19° C b.u.
3.3.17 Unitàditrattamentoaria
La centrale di trattamento dell'aria sarà del tipo a struttura completamente metallica, costituita
da sezioni componibili montate, ove possibile, completamente in fabbrica.
Saranno interamente realizzate con struttura in profilati di alluminio estruso UNI 3569 e doppio
pannello in lamiera di alluminio con interposto poliuretano espanso con densità non inferiore a
45 kg/m³, in spessore non inferiore a 50 mm.
La parete esterna sarà interamente verniciata o plasticata nel colore a scelta della D.L.,
comunque idonea per l'installazione all'esterno.
Inoltre le unità istallate all’esterno dovranno essere dotate di tettuccio per la protezione alle
intemperie.
Tutti i pannelli devono essere fissati alla struttura mediante viti con cappuccio di protezione in
gomma all'interno dell'unità, e sigillati con interposte guarnizioni in materiale sintetico
antiinvecchiamento di spessore minimo 3 mm.
Le portine di ispezione saranno collegate al telaio mediante cerniere in alluminio, e saranno
corredate di robuste maniglie.
Le serrande di presa d'aria esterna e di ricircolo saranno del tipo ad alette contrapposte
aerodinamiche in alluminio con guarnizioni di tenuta in neoprene, predisposte per il
funzionamento mediante servomotore, e dovranno essere registrabili dall'esterno del
condizionatore.
Il telaio delle serrande sarà in laminato di acciaio zincato.
Le bussole saranno di tipo autolubrificante in nylon.
Sezioni filtranti
Le sezioni filtranti saranno tali da poter procedere agevolmente alla sostituzione periodica dei
filtri. All'interno delle sezioni filtranti potranno essere alloggiate le seguenti tipologie di filtri:
- prefiltri piani del tipo non rigenerabile, classe di filtrazione EU 2 o EU 3 secondo Eurovent
4/5, realizzati con telaio in cartone e materiale filtrante composto da fibra di vetro a densità
progressiva, umettata sul lato entrata aria con liquido viscoso;
- filtri a tasche rigide, classe di filtrazione EU 6 secondo Eurovent 4/5, realizzati con telaio in
materiale plastico e materiale filtrante composto da finissime fibre di vetro tessute.
Sezioni batterie
Tutte le batterie di scambio termico dovranno essere eseguite con tubi in rame ed alette in
alluminio, inserite in una sezione comprendente una bacinella di raccolta della condensa,
largamente dimensionata, a perfetta tenuta, costruita in lamiera di acciaio zincato, e complete di
tubazione di drenaggio e scarico di grande diametro.
Non dovranno subire alcuna deformazione né durante il trasporto né durante il montaggio.
Le velocità frontali massime di attraversamento aria sulle batterie devono essere di 2,5 m/s per
la batteria fredda e 3,5 m/s per quella calda.
La velocità dell'acqua nei tubi non dovrà essere superiore a 1,8 m/s e non scendere sotto i 0,25
m/s
Il passo delle alette sarà compreso tra 2,5 e 3 mm.
Pag. 45
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
La pressione di prova sarà di 3 MPa per pressioni di esercizio inferiori a 2 MPa.
Per pressioni superiori, la prova è prevista alla pressione corrispondente a 1,5 volte la somma
delle pressioni statiche e dinamiche.
Tutte le batterie saranno sfilabili dai due lati, previa rimozione del rispettivo pannello di
protezione.
Sezione di umidificazione:
a) sezione di umidificazione spinta con pompa completa di:
- bacinella di raccolta acqua (estesa a tutta la sezione ed anche alla sezione di batteria di
raffreddamento) in lamiera di acciaio zincato ( o altro materiale resistente all'umidità e
comunque da approvare da parte della D.L.) con attacchi e spezzoni di tubo per scarico, troppo
pieno, alimentazione e scarico per concentrazione salina. La bacinella sarà trattata con materiale
anticorrosivo.
- umidificatore costituito da una rete di tubi in acciaio zincato a caldo, con ugelli spruzzatori
non intasabili, preceduti da un filtro.
Il collettore sarà collegato con il troppo pieno da una tubazione di by-pas, completa di rubinetto
a maschio per prevenire l'accumulassi delle impurità nell'acqua.
- elettropompa centrifuga per il ricircolo dell'acqua di tipo monoblocco (con corpo in ghisa e
girante in bronzo) con flangia con bulloni per il sostegno alla sezione, manometro alla mandata,
rubinetto di arresto all'aspirazione e filtro.
- pacco evaporatore di scambio termico di tipo alveolare in PVC o materiale analogo.
- Separatore di gocce a due o più pieghe in lamiera zincata.
La sezione di umidificazione spinta potrà essere, anziché del tipo ad ugelli spruzzatori con
pompa, del tipo a pacco in materiale fibroso a più ranghi, irrorato da apposito distributore a
canaletta o forato, alimentato da un circolatore (o pompa) prelevante l'acqua dalla bacinella e
provvisto di filtro, rubinetto di arresto e scarico continuo per controllo concentrazione salina
con rubinetto a maschio di taratura.
In questo caso potrà essere omesso il separatore di gocce, qualora il fabbricante garantisca per
iscritto l'assenza di trascinamento di gocce da parte dell'aria.
In ogni caso la sezione di umidificazione spinta sarà completa di:
- lampada di illuminazione;
- portina di accesso con oblò trasparente, coibentata all'interno a tenuta stagna;
- rubinetto a sfera sulla tubazione di scarico e sull'alimentazione;
- succheruola di presa acqua;
- dispositivo a galleggiante per il reintegro dell'acqua.
L'efficienza dell'umidificazione non dovrà essere inferiore al 75%.
Eventuali efficienze superiori potranno essere espressamente richieste dai documenti di Appalto.
b) Sezione di umidificazione con acqua a perdere.
Sarà una sezione analoga a quella descritta precedentemente con al posto della pompa una
valvola solenoide.
c) Sezione di umidificazione a vapore;
Sarà costituita essenzialmente da un distributore di vapore, di tipo ad intercapedine, corredato di
un separatore di condensa, con valvola di regolazione del flusso di vapore completa di
servomotore, con scaricatore di condensa di tipo adatto (secondo le indicazioni del costruttore
dell'umidificatore), con filtro (eventualmente incorporato) e indicatore di passaggio (separatore
di gocce se necessario o richiesto).
Sezione ventilante
La sezione ventilante sarà costituita da un telaio con pannelli facilmente smontabili, sempre di
tipo in acciaio zincato installata su basamento.
Le giranti del ventilatore saranno a pale multiple, in avanti oppure rovesce, a profilo alare a
seconda delle portate e prevalenze in gioco, equilibrate staticamente e dinamicamente.
I rendimenti dei ventilatori dovranno essere non inferiori al 70%.
I cuscinetti saranno del tipo a sfere, serie pesante.
Pag. 46
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I motori elettrici dovranno essere del tipo chiuso, con grado di protezione IP 44; e previsti di
potenza adeguata per assorbire i sovraccarichi in qualunque punto della curva caratteristica e
comunque con una potenza superiore di almeno il 20% rispetto a quella assorbita dal
ventilatore.
Nella sezione ventilante per l'alloggiamento del motore e del ventilatore, si provvederà un'unica
sottobase in profilati d'acciaio, con interposti antivibranti onde eliminare le vibrazioni al
sottostante basamento. I motori dovranno avere correnti allo spunto compatibili con il sistema di
alimentazione di energia.
I motori saranno dotati di invertter per il controllo della portata.
Il raccordo della sezione ventilante alle altre sezioni dovrà essere eseguito con antivibranti.
Le trasmissioni saranno a cinghie trapezoidali con pulegge a gole multiple; ogni trasmissione,
sovradimensionata del 25% rispetto alla potenza trasmessa, sarà protetta da un carter smontabile
e con aperture che possano consentire le misure della velocità di rotazione.
Giunti antivibranti di connessione tra i gruppi ed i canali in lamiera, in entrata ed in uscita, del
tipo di tela al neoprene, dovranno essere previsti ogni qualvolta richiesto o necessario al fine di
assicurare la massima silenziosità all'installazione e di evitare ogni trasmissione di vibrazioni.
Sezione di recupero calore
Sara' del tipo aria-aria con pacco scambiatore a piastre in alluminio autodistanzianti incollate fra
loro e inserito in contenitore di acciaio zincato con protezione anticorrosione, oppure acqua
acqua con batterie di recupero.
Accessori
I supporti antivibranti devono essere del tipo a molla forniti insieme al gruppo e dimensionati in
funzione del suo peso e delle caratteristiche di funzionamento.
Le porte di accesso alle singole sezioni dovranno essere a doppia parete con isolamento interno.
Le porte dovranno essere previste in particolare per la sezione ventilante, per la rampa ugelli e
per la sezione di filtrazione.
In corrispondenza di ogni porta dovrà essere previsto all'interno della sezione un sistema di
illuminazione, come più appresso specificato.
Le misure di temperatura, pressione e velocità dell'aria devono potersi effettuare agevolmente in
tutti i punti della centrale; ovunque non sarà possibile dovranno essere previsti manicotti con
tappo, smontabile ma ermetico, per consentire l'introduzione degli apparecchi di misura.
La disposizione delle tubazioni all'esterno ed all'interno della centrale dovrà essere effettuato in
modo da non ostacolare l'accesso né il passaggio degli elementi che possono eventualmente
essere smontati.
I raccordi delle tubazioni alle batterie devono sempre essere effettuati a mezzo di giunti a tre
pezzi o flange in modo da consentire lo smontaggio delle batterie senza effettuare gravi
operazioni di smontaggio sulle tubazioni.
Tutte le sezioni componenti la centrale di trattamento aria dovranno essere equipaggiate di
impianto di illuminazione, predisposto ad essere allacciato dall'impiantista elettrico, così
composto:
- tubazioni in acciaio zincato e conduttori in rame isolati in plastica;
- armatura stagna in lega leggere pressofusa con vetro frontale pressato e lavorato, completa
di gabbia di protezione in filo di ferro zincato e lampada ad incandescenza 40 W / 24 V;
- interruttore stagno unipolare montato all'esterno nelle immediate adiacenze della portella di
ispezione.
Le centrali di trattamento dovranno essere dotate di appositi golfari per il sollevamento e il
posizionamento.
Sono previsti e compensati con il prezzo della centrale due silenziatori istallati separatamente
sul canale di mandata e di ripresa.
All'interno della centrale entro appositi vani dovranno essere forniti ed alloggiati tutti i
componenti della regolazione automatica composta da:
- n° 1 inverter per controllo motore ventilatore di mandata completo di sonda di pressione
Pag. 47
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- n° 1 inverter per controllo motore ventilatore di ripresa completo di sonda di pressione
- n° 1 Servomotore per serranda con movimento radiale.Coppia 15 Nm. Alim.24V. Rot. 90° in
60/120 sec. Senso A/B Comando 0..10V, 3 punti, 2 punti.
- n° 1 Pressostato differenziale per aria Portata contatti max.250Vcc 5(2)A Temp.ambiente
amm.-30..85°C-IP 54 Campo 50…500 Pa.
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria preriscaldamento
- n° 1 Termostato antigelo con sonda a capill.in rame l=3m.Campo -5..12°C Protezione IP
65.Compreso presa ad innesto
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti .batteria raffreddamemnto
- n° 1 Valvola due vie filettata; PN 16 completa di Servomotore per valvole; 230V
umidificatore
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria postriscaldamento
- n° 2 Sonde di temperatura per canali d'aria completa di flangia l=225 mm. Elemento sensibile
Ni 1000 Ohm.
- n° 1 Trasmettitore da canale per umidita' relativa e temperatura Segnale 0..10Vcc. Campo
0..100%u.r. Segnale Ni1000 (Din 43760) temp.
- n° 1 Multiregolatore digitale
- quadro elettrico di potenza delle apparecchiature elettriche della UTA ed impianto elettrico
3.3.18 Unitàdiventilazionearecuperodicalore
Unità di ventilazione a recupero di calore composto da una struttura a pannelli autoportanti
sandwich 25 mm in lamiera zincata preverniciata per la superficie esterna e in lamiera zincata
per la superficie interna con isolamento in poliuretano iniettato. completa di:
Vasca di raccolta condensa zincata
Ispezioni dal basso per i ventilatori.
Celle filtranti sfilabili dal basso per la pulizia o la sostituzione.
Ventilatore di ripresa centrifugo del tipo a semplice aspirazione e pale in avanti. Motore
elettrico direttamente accoppiato. La taratura della portata è facilmente ottenibile commutando
l'alimentazione del motore su una delle tre velocità disponibili.
Filtro sintetico ondulato sp. 50 mm sull'espulsione efficienza G3.
Recuperatore di calore a piastre d'alluminio alloggiato in vasca di raccolta condensa.
Filtro sintetico ondulato sp. 50 mm sulla presa di aria esterna efficienza G3.
Ventilatore di mandata del tipo a semplice aspirazione e pale in avanti. Motore elettrico
direttamente accoppiato. La taratura della portata è facilmente ottenibile commutando
l'alimentazione del motore su una delle tre velocità disponibili.
Sezione batteria di riscaldamento/raffreddamento installata a valle del ventilatore di mandata. E'
composta da una sezione di contenimento (caratteristiche costruttive come unità base), dalla
batteria a 4 ranghi e dalla vasca raccolta condensa. E' completa degli accessori per
l'accoppiamento al pannello di mandata dell'unità base.
3.3.19 Canaliinlamierazincata
Per le canalizzazioni d'aria dovranno essere presentati disegni relativi ai sistemi di staffaggio
riportando sulle tavole le posizioni degli staffaggi stessi e i conseguenti carichi interessanti le
strutture.
Pag. 48
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Come rilevabile dalle tavole di progetto, i tracciati e il dimensionamento delle canalizzazioni di
mandata, di ripresa ed espulsione dell'aria sono inequivocabilmente definiti.
Resta compito dell'Impresa Appaltatrice la definizione delle caratteristiche geometriche delle
curve, derivazioni stacchi ecc. nonché il numero e posizioni delle serrande di taratura e
tagliafuoco, necessarie alla perfetta distribuzione dell'aria ed al rispetto alle prescrizioni dei
V.V.F.
In funzione dei livelli sonori delle unità ventilanti prescelte dovranno essere inseriti, ove
occorrenti, elementi silenziatori in modo da rispettare i livelli sonori prescritti negli ambienti
trattati.
3.3.19.1 Canali circolari
Saranno del tipo spiroidale, oppure (a scelta della D.L. e a parità di prezzo) del tipo liscio con
congiunzione longitudinale.
Saranno costruiti secondo le Norme A.S.H.R.A.E e realizzati, a seconda di quanto prescritto, in
lamiera di acciaio zincato, oppure in alluminio, oppure in acciaio inossidabile AISI 304.
Tutti i pezzi speciali ed i raccordi avranno le giunzioni saldate:
- a stagno per i canali in lamiera zincata;
- con materiale di apporto adeguato per i canali in acciaio inox.
Per i pezzi speciali ed i raccordi in alluminio saranno ammessi altri tipi di giunzioni, che
dovranno però preventivamente essere sottoposti all'approvazione della D.L.
I canali dovranno essere costruiti a perfetta tenuta all'aria, e nelle normali condizioni d'impiego
non dovranno verificarsi perdite; tutte le giunzioni tra i vari tronchi dovranno essere realizzate
con l'interposizione di materiali di tenuta ( giunzioni e/o sigillanti) e con manicotti interni di
rinforzo; le guarnizioni saranno quindi bloccate con collari esterni a vite stringi tubo, oppure
con altro sistema analogo approvato dalla D.L.
E' ammesso l'uso di giunzioni a bicchiere maschio - femmina, con guarnizione interna di tenuta
e collare esterno di bloccaggio.
Tutte le diramazioni e le biforcazioni saranno raccordate con tratti tronco - conici ai canali
principali
Il bilanciamento aeraulico delle condotte sarà comunque realizzato, per quanto possibile,
agendo sui pezzi speciali di raccordo.
In tutti i canali principali saranno installate delle flange tarate con attacchi per manometro
(chiusi con tappo) per la misurazione della portata dell'aria.
Per tutti i misuratori di portata dovranno essere fornite le curve caratteristiche portata - Delta P.
Spessori delle lamiere
Diametro del condotto (cm) spessore lamiera (mm) e peso lamiera
Acciaio zincato
Fino a 25 cm
da 26 a 50 cm
Oltre 50 cm
6/10 (5,5 kg/mq)
8/10 (7,0 kg/mq)
10/10 (8,5 kg/mq)
Alluminio
Fino a 25 cm
da 26 a 50 cm
da 51 a 100 cm
Oltre 100 cm
6/10 (1,65 kg/mq)
8/10 (2,20 kg/mq)
10/10 (2,75 kg/mq)
12/10 (3,3 kg/mq)
Acciaio AISI 304
Fino a 50 cm
Oltre 50 cm
6/10 (4,80 kg/mq)
8/10 (6,3 kg/mq)
Pag. 49
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
N.B. per la lamiera zincata, lo spessore e' quello al netto della zincatura, ed il peso tiene già
conto della zincatura.
3.3.19.2 Canali rettangolari
Dovranno essere eseguiti con lamiera di acciaio zincato a caldo con spessore minimo di zinco
corrispondente al tipo Z 200 secondo norme UNI 5753- 75.
Gli spessori minimi richiesti per i canali rettangolari sono i seguenti:
Lato maggiore del canale (mm)
Spessore minimo ammesso (mm)
< 300
0,6
Da 310 a 600
0,8
Da 610 a 1200
1,0
> 1200
1,2
Le aggraffature longitudinali debbono essere realizzate con il sistema Pittsburgh; le
congiunzioni trasversali con unioni a flangia con interposta guarnizione, o a baionetta per i
canali di dimensioni minori.
Per i canali aventi la dimensione maggiore superiore a 700 mm., dovranno essere previsti, tra le
congiunzioni trasversali, rinforzi in angolari da: 25 x 25 x 3 mm su tutti i 4 lati del canale con
interasse non superiore a 1200 mm.
Altrettanto dovrà essere previsto per canali con lato maggiore superiore a 1000 mm per i quali
però i rinforzi dovranno essere realizzati con angolari da 40 x 40 x 3 mm e l'interasse non dovrà
superare i 900 mm.
Gli angolari di rinforzo dovranno essere realizzati in acciaio nero perfettamente privo di ruggine
e verniciati con due mani di antiruggine, ciascuna di diverso colore, prima dell'installazione.
Salvo esigenze diverse dovute alle necessità di equilibratura, tutte le curve dovranno avere un
raggio medio uguale al lato del canale, complanare al raggio di curvatura. Per raggi inferiori,
dovuti a difficoltà realizzative, si dovranno prevedere deflettori in lamiera zincata fissati al
canale con rivetti in alluminio di lunghezza minima pari a 10 mm e con testa arrotondata da un
lato.
Non sono ammesse curve o diramazioni a gomito salvo casi particolari e dietro approvazione da
parte della Direzione Lavori.
3.3.19.3 Staffaggi per canali
Le condotte dovranno essere installate su staffaggi realizzati con angolari in acciaio con
distanza tra supporto e supporto non superiore a 1,80 m.
Secondo i casi e la convenienza operativa dette staffe potranno essere supportate da tiranti
ancorati a soffitto.
I tiranti di sostegno delle staffe dovranno essere in tondino di ferro di diametro minimo 8 mm
ancorati a solai mediante appositi attacchi ad occhiello murati solidamente nei solai stessi.
Il fissaggio delle staffe dovrà essere effettuato sull'estremità inferiore di queste adeguatamente
filettate mediante dado e controdado con l'interposizione di rondelle piane in acciaio.
Tutte le staffe e gli ancoraggi dovranno essere verniciati con due mani di antiruggine prima
dell'installazione e con una mano a finire di colore diverso per le parti in vista.
Le condotte verticali poste nei cavedi dovranno essere staffate mediante ancoraggi in profilati di
acciaio ai solai e alle murature sui quali dovranno essere fissati a vite con dado e controdado,
appositi telai sempre in angolari preventivamente fissati mediante viti ai canali.
Pag. 50
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.20 Condottiflessibili
I condotti flessibili saranno utilizzati per il raccordo di condotti principali con plenum o
cassonetti, a seconda della richiesta della Committente potranno essere del tipo isolato o non
isolato.
3.3.20.1 Condotto flessibile in PVC non isolato
Sarà realizzato mediante due strati di PVC rinforzato da tessuto reticolato per offrire maggiore
resistenza, tra i due strati sarà contenuta una spirale di acciaio armonico per garantire una
resistenza meccanica. Saranno completi di fascette stringitubo a vite senza fine in acciaio inox.
Il condotto dovrà essere resistente alle lacerazioni.
Temperature di esercizio:-20/+90 °C
Velocità dell'aria:< 10 m/s
Classificazione agli incendi:non infiammabile
Qualora il diametro del flessibile sia diverso da quello dell'attacco dell'apparecchio da collegare
( unita' terminale o simile ) verrà realizzato un raccordo tronco - conico rigido in lamiera
zincata, saldata a stagno lungo una generatrice, e collegato al condotto flessibile nel modo su
esposto.
3.3.20.2 Condotto flessibile in PVC isolato
Sarà realizzato mediante due strati di PVC rinforzato da tessuto reticolato per offrire maggiore
resistenza, tra i due strati sarà contenuta una spirale di acciaio armonico per garantire una
resistenza meccanica. Saranno completi di fascette stringitubo a vite senza fine in acciaio inox.
Il condotto dovrà essere resistente alle lacerazioni.
Temperature di esercizio:-20/+90 °C
Velocità dell'aria:< 10 m/s
Classificazione agli incendi:non infiammabile
Sul tubo é avvolto un materassino di fibra isolante dello spessore di 40 mm protetto
esternamente da film di PVC costituente anche una efficace barriera di vapore.
Qualora il diametro del flessibile sia diverso da quello dell'attacco dell'apparecchio da collegare
(unita' terminale o simile ) verrà realizzato un raccordo tronco - conico rigido in lamiera zincata,
saldata a stagno lungo una generatrice, e collegato al condotto flessibile nel modo su esposto.
3.3.21 Serrandepercanalizzazioni
3.3.21.1 Serrande di taratura
Le serrande di taratura dovranno essere installate su ogni tratto derivantesi dalla condotta
principale in modo da permettere un'agevole taratura di tutti i circuiti.
Qualora la dimensione del canale dovesse essere superiore ai 100 mm, esse avranno tante alette
quante necessario, ognuna di 100 mm di larghezza.
Ogni serranda avrà un settore con dado a farfalla e tacche di riferimento per consentire
l'individuazione della posizione di regolazione.
Le alette saranno in lamiera di acciaio zincato a rotazione contrapposte, collegate con leve od
aste con blocco, spessore minimo 15/10 mm irrigidite per piegatura ed avvitate su albero
girevole in cuscinetti stagni.
L'albero avrà un diametro minimo di 12 mm e girerà su cuscinetti in teflon.
A monte e a valle di ogni serranda dovranno essere installate delle prese di pressione per
consentire una agevole lettura delle perdite di carico.
Nel caso di canali circolari la serranda sarà del tipo a farfalla con aletta rinforzata, di tipo
profilato.
Pag. 51
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.21.2 Serrande tagliafuoco
Le serrande tagliafuoco saranno della stessa forma (circolare o rettangolare) e dimensioni del
canale in cui vanno inserite.
Dovranno essere di tipo omologato ed approvato dal M.I., REI 60/90/120 o più secondo quanto
richiesto.
Saranno realizzate in robusta lamiera di acciaio zincato, collegate al canale con sistema a
flangia, con interposizione di adeguata guarnizione tale da garantire la perfetta tenuta del giunto.
L'aletta sarà in lamiera zincata a doppia parete, con interposizione di amianto (minimo 12 mm) e
l'intervento avverrà a mezzo di servomotore a molla di ritorno con due finecorsa integrati (24V).
La serranda sarà inoltre dotata di portello d'ispezione, vite di regolazione e microinterruttore di
segnalazione dello scatto.
La serranda tagliafuoco dovrà essere del tipo con dispositivo di sgancio elettrico adatto ad
essere azionato dall'impianto di rilevazione fumi: naturalmente rimarrà il fusibile e lo sgancio
dovrà poter avvenire sia per intervento del fusibile che, indipendentemente, per intervento del
dispositivo elettrico. In altre parole, l'intervento di uno qualsiasi dei due meccanismi dovrà
provocare la chiusura della serranda.
Qualora le canalizzazioni dell'aria nelle quali e' inserita la serranda non siano in lamiera zincata,
la serranda dovrà essere costruita nello stesso materiale (ad esempio alluminio o acciaio inox)
con cui sono costruiti i canali.
Inoltre, sempre se richiesto, la serranda dovrà essere dotata di servocomando elettrico o
pneumatico per l'apertura.
In ogni caso sia la serranda che tutti gli automatismi dovranno essere omologati ed approvati dal
M.I. nel loro insieme.
3.3.22 Silenziatoripercanalizzazioni
3.3.22.1 Silenziatori a sezione rettangolare
Ove necessario, al fine di rispettare i limiti di rumorosità prescritti, verranno installati
silenziatori a sezione rettangolare del tipo rettilineo a settori.
La cassa di contenimento dovrà essere realizzata in lamiera d'acciaio zincata, di spessore
adeguato, con opportuni rinforzi che ne garantiranno una perfetta solidalità; alle estremità
dovranno essere predisposte flange per il collegamento alle canalizzazioni.
Il materiale fonoassorbente utilizzato dovrà essere costituito da speciali pannelli in fibra di vetro
ad altissima densità (100 kg/m³) ininfiammabili, rivestiti sulla superficie a contato col flusso
dell'aria con un film di politene per garantire la massima igienicità.
Il materiale fonoassorbente non dovrà essere igroscopico, non dovrà favorire lo sviluppo e la
formazione di batteri, né dovrà essere soggetto a corrosione da parte degli agenti atmosferici.
I settori, costruiti col materiale fonoassorbente sopra descritto, dovranno avere uno spessore
minimo di 200 mm e dovranno essere racchiusi entro apposite cornici di acciaio zincato,
solidamente inseriti e fissati alla cassa di contenimento.
Le parti laterali dei silenziatori saranno rivestite internamente con settori di spessore di 100 mm
onde impedire le fughe laterali di rumore.
I silenziatori dovranno essere adatti a sopportare temperature sino a 100 °C.
3.3.23 Bocchette,griglieediffusori
3.3.23.1 Bocchette di immissione dell'aria
Sarà a sezione rettangolare, realizzata in alluminio estruso, anodizzato e satinato oppure in
acciaio verniciato (secondo quanto richiesto) con due ranghi di alette singolarmente orientabili e
completa di serranda di taratura ad alette multiple, controrotanti, manovrabili con chiavetta.
- qualora la bocchetta debba essere montata a muro dovrà essere fornita completa di contro
telaio in lamiera zincata con zanche di bloccaggio; il fissaggio della bocchetta al contro telaio
Pag. 52
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
avverrà con clip o nottolini o viti (a scelta della D.L.); nella battuta della cornice esterna sarà
inserita una guarnizione per la perfetta tenuta.
Il canale di alimentazione della bocchetta dovrà arrivare murato fino al contro telaio.
- Qualora la bocchetta debba essere montata direttamente sul lato del canale (anche se si tratti di
un terminale) essa sarà collegata ad un tronchetto di lamiera zincata, (di lunghezza sufficiente a
contenere la bocchetta e la serranda) con cornice esterna piegata, cui andrà fissata con viti la
bocchetta, previa inserzione di guarnizione di tenuta.
La rumorosità della bocchetta non dovrà aumentare in conseguenza dell'azionamento della
serranda di taratura né per la sua totale chiusura, nella cui posizione dovrà assicurare la totale
tenuta.
3.3.23.2 Griglie di ripresa dell'aria
Sarà in alluminio estruso o acciaio verniciato a forno (secondo quanto richiesto) ad un solo
rango di alette fisse.
Qualora non sia diversamente specificato nei disegni o in altri elaborati di progetto, sarà
completa di serranda di taratura, ad alette controrotanti, manovrabile con apposita chiavetta.
- qualora la griglia debba essere montata a muro, sarà provvista di contro telaio in lamiera
zincata con zanche di bloccaggio; il fissaggio della griglia al contro telaio avverrà con clip o
nottolini o viti ( a scelta della D.L.).
Dietro la battuta della cornice sarà posta una guarnizione di tenuta.
Il canale di ripresa dovrà arrivare, murato, fino al contro telaio.
Qualora la griglia debba essere montata direttamente a fianco del canale (anche trattandosi di un
terminale) sarà collegata ad esso da un tronchetto in lamiera zincata (di lunghezza sufficiente a
contenere griglia e serranda) con cornice piegata, cui andrà fissata con viti o nottolini la griglia,
previa inserzione di guarnizione di tenuta.
3.3.23.3 Diffusori di immissione o ripresa dell'aria
I diffusori di immissione o ripresa dell'aria saranno in alluminio anodizzato, di forma
quadrangolare o circolare.
Saranno dotati di serranda di taratura a farfalla in acciaio fosfatizzato e verniciato in colore nero,
con fissaggio al diffusore mediante viti laterali.
Il fissaggio del diffusore a soffitto, o controsoffitto, verrà eseguito mediante viti.
I diffusori rettangolari potranno essere del tipo con diffusione dell'aria omnidirezionale o
diversa a seconda della posizione di installazione e la scelta dovrà essere tale da garantire una
buona circolazione dell'aria.
3.3.23.4 Plenum per diffusori
Plenum per istallazionre diffusore multidirezionale quadrato in lamiera zincata completa di
isolamento termico completo di foro per collegamento al condotto flessibile.
3.3.23.5 Diffusori circolari o quadrati ad effetto elicoidale
Diffusore regolabile ad effetto elicoidale composto da una piastra in cui sono inserite le feritoie
con deflettori e da un cassonetto di contenimento con imbocco circolare superiore. Le due parti
sono assemblate agendo su quattro molle perimetrali che facilitano sia l'installazione che la
manutenzione. Il diffusore è completo di serranda di taratura applicata direttamente sul collare
del cassonetto. L'effetto elicoidale può essere variato mediante l'orientamento dei deflettori
I diffusori saranno in esecuzione circolare o quadrata.
3.3.23.6 Diffusori terminale portafiltro per sale operatorie
Diffusori terminali portafiltro in lamiera d alluminio piegata e saldata a perfetta tenuta. Raccordi
premontati per lamisura della perdita di pressione. Ingresso aria superiore circolare. Completi di
schermi di diffusione dell'aria, Diffusore in alluminio, Filri assoluti con efficienza 99,999 classe
EU 14 (Eurovent4/4) classe 14 (UNI 10339)
Pag. 53
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.3.23.7 Griglie di presa aria esterna
Le griglie di presa d'aria esterna e di espulsione saranno in alluminio ad alette fisse con profilo
antipioggia e rete acciaio inox antinsetti, controtelaio e zanche in acciaio zincato a bagno.
3.3.23.8 Valvole di aspirazione aria in acciaio
Le valvole di aspirazione saranno del tipo circolare ad alta perdita di carico costruite in acciaio
verniciato, complete di controtelaio di fissaggio.
La taratura della portata avverrà mediante regolazione della posizione del cono centrale.
3.3.23.9 Valvole di ventilazione aria in polipropilene
Le valvole di estrazione per i servizi igenici saranno di tipo circolare con parti frontali in
polipropilene bianco e con possibilità di regolazione della portata dell'aria tramite rotazione del
disco centrale.
3.3.23.10 Griglie di transito dell'aria
Le griglie di transito saranno del tipo antiluce, in alluminio anodizzato, con alette fisse a "V"
rovesciata e telaio in robusto profilato a profondità regolabile.
Saranno date in opera complete di controtelaio per applicazione su porte e pareti.
3.3.24 Rivestimentiisolanti
3.3.24.1 Generalità
Tutti gli isolamenti dovranno essere realizzati in conformità della Legge n. 10 sul contenimento
dei consumi energetici.
Qualora la conduttività termica dei materiali impiegati sia diversa da quella necessaria per gli
spessori di Legge, sarà onere e cura della Ditta adeguare gli spessori a proprie spese, senza
aumento del prezzo alcuno.
Gli spessori indicati negli altri elaborati di progetto si intenderanno sempre misurati in opera.
Le conduttività termiche dovranno essere documentate da certificati di Istituiti adeguati, e
valutate a 50°C.
Nei paragrafi seguenti sono riportate le prescrizioni per la coibentazione di tubazioni
convoglianti fluidi di diversa natura.
La messa in opera degli isolamenti potrà iniziare a tubazioni provate idraulicamente con organi
di intercettazione e misure montanti e con verniciature antiruggine applicate; le tubazioni e
apparecchiature da coibentare dovranno essere pulite da scorie, polvere e materiali estranei
prima dell'applicazione dei rivestimenti.
La posa verrà eseguita secondo i seguenti criteri generali:
Il rivestimento isolante dovrà essere continuo, cioè senza interruzioni in corrispondenza degli
appoggi, passaggi attraverso muri e solette, ecc.
I rivestimenti isolanti saranno inoltre dotati di opportuni giunti per evitare rotture.
Tali giunti saranno protetti ed eseguiti in modo che attraverso essi non possano esserci
infiltrazioni di umidità.
Si adotteranno a questo scopo adatti mastici plastici di riempimento, coperti con fasciatura di
alluminio o altro materiale.
In particolare per le tubazioni la cui superficie é soggetta alla formazione di condensa,
l'isolamento dovrà creare una perfetta barriera al vapore; per ottenere ciò si dovrà sempre evitare
il contatto tra staffaggi e tubazioni, inserendo tra tubazione isolata e sostegno un guscio in
lamiera zincata o altro materiale, avente lo scopo di permettere l'appoggio della tubazione senza
rovinare o schiacciare l'isolamento.
Saranno anche isolate con scatole smontabili in alluminio a scopo infortunistico, tutte le valvole,
flange, filtri, ecc. delle Centrali tecniche.
Sulle reti di convogliamento acqua refrigerata dovrà essere effettuato l'isolamento di tutte le
valvole.
Pag. 54
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
L'isolamento di componenti smontabili dovrà essere realizzato in modo che, in fase di
manutenzione , sia consentito lo smontaggio dei componenti stessi senza deteriorare
l'isolamento (es.. gruppi valvole ecc.)
Le caratteristiche del materiale isolante e dei rivestimenti esterni dovranno essere in accordo con
le prescrizioni della tabella "B" del DPR 26 agosto 1993, n. 412 e delle disposizioni dei VV.F.
In modo particolare occorrerà installare materiale non combustibile.
3.3.24.2 Isolamento delle tubazioni
A seconda di quanto previsto negli altri elaborati di progetto, si useranno i seguenti tipi di
isolamento:
a) coppelle di lana di vetro autoestinguente a fibra lunga, apprettata con resine termoindurenti,
con conduttività termica non superiore a 0,035 Kcal/mh°C e filo di ferro a rete zincata.
b) guaina (lastra per i diametri più elevati) di elastomero a base di neoprene espanso a cellule
chiuse , con reazione al fuoco classe 1 e con conduttività termica non superiore a 0,035
Kcal/mh°C.
Il materiale sarà posto in opera incollato al tubo alle testate (per una lunghezza di almeno 5 cm.)
incollato lungo le giunzioni e sigillato lungo queste ultime con nastro adesivo (spessore circa 3
mm) costituito da un impasto di prodotti catramosi e sughero, il tutto previa accurata pulitura
delle superfici.
Non è ammesso l'uso di nastro adesivo normale (in carta, tela o PVC) ne' di nastro adesivo in
neoprene.
Sia il collante che il nastro dovranno essere della stessa casa produttrice dell'isolante.
Se necessario, per raggiungere gli spessori richiesti, l'isolamento sarà in doppio strato, a giunti
sfalsati.
c) coppelle di polistirolo espanso autoestinguente, con conduttività termica non superiore a
0,032 Kcal/mh°C, e densità non inferiore a 20 kg/mc.
Le coppelle saranno poste in opera incollate lungo le giunzioni con apposito mastice bituminoso
o simile e sigillate lungo le giunzioni stesse, all'esterno mediante spalmatura dello stesso
mastice.
Il polistirolo dovrà essere di tipo estruso ed a bassa emissione di gas tossici.
La barriera al vapore per le tubazioni d'acqua refrigerata (se necessaria e/o richiesta) sarà
realizzata esclusivamente con spalmatura esterna di due mani di prodotto bituminoso tipo foster,
alternate a stesura di due strati di telo di lana di vetro.
La barriera al vapore dovrà essere assolutamente continua e, sulle eventuali testate delle
coppelle, dovrà coprire anche le testate stesse, fino al tubo.
3.3.24.3 Isolamento dei canali
Saranno termicamente isolati (salvo prescrizioni diverse riportate in altre sezioni del presente
capitolato o negli altri elaborati di progetto) i canali di presa dell'aria (compresi i plenum), non
saranno isolati i canali di ripresa interni agli ambienti.
L’isolamento sarà sempre posto all’esterno dei canali.
A seconda di quanto prescritto per gli altri elaborati di progetto e/o in altre sezioni del presente
capitolato, verranno usati i seguenti tipi di isolamento:
a) materassino di lana di vetro a fibra lunga, apprettato c.p.d. e finito sulla superficie esterna con
film di alluminio rinforzato con trama di fili di vetro a maglia quadra di lato non superiore a 15
mm.
L'isolamento sarà avvolto attorno al canale incollato con apposito mastice bituminoso ed
aggraffato con arpioncini metallici con testata a fondere, a passo quadro con lato non superiore a
20 cm; esso sarà inoltre sigillato con nastro autoadesivo alle giunzioni e fissato con rete di filo
di ferro zincato.
Spessore del materassino: secondo quanto richiesto.
Pag. 55
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
b) guaina (lastra per i diametri più elevati) di elastomero a base di neoprene espanso a cellule
chiuse , con reazione al fuoco classe 1 e con conduttività termica non superiore a 0,035
Kcal/mh°C.
3.3.24.4 Isolamento di valvole dilatatori e filtri
Ove necessario e/o richiesto (ad esempio per tubazioni di acqua refrigerata, oppure per tubazioni
poste all'esterno o in latri casi) dovranno essere isolati valvole, compensatori di dilatazione, filtri
a Y e simili.
Il materiale usato sarà lo stesso di quello delle tubazioni rispettive.
Nel caso di tubazioni isolate con neoprene o polietilene espanso, potrà venire usato nastro
apposito, dello spessore di alcuni millimetri, costituito da un impasto di prodotti bituminosi e
granuli di sughero, disposto a più strati, fino a raggiungere uno spessore pari a quello
dell'isolamento della tubazione.
La finitura esterna dell'isolamento sarà dello stesso tipo di quella delle relative tubazioni,
realizzata in modo da poter essere facilmente smontata senza distruggerla (gusci chiusi con
clip). se richiesto, l'isolamento dei componenti per acqua refrigerata sarà realizzato con gusci di
alluminio, entro i quali verrà schiumato in loco del poliuretano espanso.
Rimarranno fuori del guscio i dati dell'eventuale premistoppa (o i tappi dei filtri a Y).
In ogni caso l'isolamento ( e la relativa finitura) di valvolame, filtri, etc., dovrà essere realizzato,
ove sussistano pericoli di condensa (acqua fredda e/o refrigerata) e nel caso di apparecchiature
soggette a pioggia o a gocciolamenti, in modo da essere assolutamente stagno, impermeabile
all'acqua e al vapore, ricorrendo esclusivamente all'uso dei sigillanti siliconici o poliuretanici di
tutti i punti ove ciò sia necessario.
3.3.24.5 Isolamento di serbatoi ecc.
Si useranno a seconda di quanto previsto negli elaborati di progetto:
a) materassino di lana di vetro come al punto precedente posto in opera con le stesse modalità;
b) lastra di neoprene espanso, come al punto precedente (eventualmente in più strati, fino allo
spessore richiesto) posto in opera con le stesse modalità;
c) lastra di polietilene espanso, come al punto precedente (eventualmente in più strati fino allo
spessore richiesto), posto in opera con le stesse modalità
La finitura dell'isolamento sarà dello stesso tipo di quello delle rispettive tubazioni.
3.3.25 Finituradegliisolamenti
3.3.25.1 Tubazioni
a) Tubazioni in controsoffitto e non a vista:
Rivestimento con guaina di materiale plastico autoestinguente (tipo sitafol o isogenopak o
simile). Sigillato lungo le giunzioni con apposito collante fornito dalla stessa casa costruttrice
(oppure con il bordo da sovrapporre, già adesivo all'origine).
Tutte le curve, T, etc. dovranno essere rivestite con i pezzi speciali già disponibili in
commercio, posti in opera con le stesse modalità.
Nelle testate saranno usati collarini di alluminio.
b) Tubazioni esterne e interne a vista:
Rivestimento esterno in lamierino di alluminio 6/10 mm eseguito per le tubazioni, a tratti
cilindrici tagliati lungo una generatrice.
Il fissaggio lungo la generatrice avverrà, previa ribordatura e sovrapposizione del giunto,
mediante viti autofilettanti in materiale inattaccabile agli agenti atmosferici.
La giunzione fra i tratti cilindrici avverrà per la sola sovrapposizione, e ribordatura dei giunti.
I pezzi speciali, quali curve, T, etc., saranno pure in lamierino eventualmente realizzati a settori.
Pag. 56
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Anche per i serbatoi, scambiatori, etc., il lamierino potrà essere a settori, fissati con viti
autofilettanti rivetti (almeno per quanto riguarda i fondi).
In ogni caso, per le tubazioni convoglianti acqua fredda o refrigerata, i collarini di tenuta
dovranno essere installati dopo aver accuratamente sigillato tutta la testata dell'isolamento con la
barriera al vapore e con apposito sigillante.
3.3.25.2 Canalizzazioni
Canali a vista ed esterni:
Rivestimento esterno in lamierino di alluminio d 6/10 mm, eseguito con tratti cilindrici tagliati
lungo una generatrice, lungo la quale avverrà poi il fissaggio con viti autofilettanti (previa
ribordatura e sovrapposizione del giunto) in materiale inattaccabile dagli agenti atmosferici.
Le giunzioni fra i vari tratti cilindrici avverrà per sola sovrapposizione e ribordatura dei giunti.
I pezzi speciali ( curve, T, etc.) saranno pure in alluminio, eseguiti a settori.
Qualora i canali rivestiti debbano essere esposti all'esterno, o in zone ove ci sono possibilità di
infiltrazioni d'acqua, le giunzioni delle finiture dovranno essere accuratamente sigillate con
materiale plastico.
3.3.26 Regolazioneautomatica
3.3.26.1 Generalità
La regolazione automatica degli impianti dell’Ospedale di Civita Castellana prevede l’utilizzo
di un sistema di supervisione, che attraverso un determinato numero di unità periferiche a
microprocessore liberamente programmabili e opportunamente collegate attraverso un bus ad un
personal computer o (touchscreen), sarà in grado di regolare, gestire e supervisionare tutti i
componenti degli impianti tecnologici da una sola postazione operatore.
L’interfaccia uomo macchina avverrà per mezzo di schemi grafici dinamizzati che consentono
all’operatore una ottimizzazioni dei tempi di intervento , una migliore gestione degli interventi
manutentivi ed una più accurata impostazione dei parametri di confort ambientale .
Il sistema di supervisione dovrà essere è in grado di integrare tutte le molteplici funzioni
necessarie alla gestione degli impianti da esso controllati e di interagire, quando necessario, con
gli altri servizi che compongono l'intera entità denominata come "Building Automation System"
ovvero in breve BAS.
L'integrazione nel sistema di tutte le funzioni per la gestione dei singoli impianti, consente
un'ottimizzazione delle risorse energetiche e umane, eliminando tutte quelle operazioni manuali
che impegnano una buona parte del tempo di lavoro del personale (letture, verifiche, accensioni,
misure, ecc.).
Il sistema proposto permetterà quindi il controllo, in tempo reale, del buon funzionamento di
tutto l'edificio da parte di uno o più operatori, per mezzo di stazioni operatore grafiche e
terminali operatore portatili.
Tutte le funzioni di regolazione e gestione dovranno essere distribuite in modo da rendere ogni
singola stazione di automazione completamente autonoma evitando alle stesse di essere
subordinate ad una unità centrale di supervisione.
Il sistema dovrà avere un elevato grado di modularità in modo da poter essere ampliato senza
modificare o sostituire i componenti esistenti.
I componenti dovranno essere in grado di resistere ai seguenti limiti ambientali:
- temperatura 40 °C - UR 80 %
I regolatori saranno di tipo multiregolatore digitale configurabile a microprocessore di tipo
espandibile.
Le valvole sui circuiti di acqua calda o refrigerata saranno tutte del tipo miscelatrice a tre vie
con sede e otturatore. L'esecuzione potrà essere in bronzo con attacchi a bocchettoni, pressione
di esercizio PN16, fino a DN 50 compreso, oppure in ghisa con attacchi flangiati PN 10 per
diametri superiori.
Pag. 57
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
I servocomandi per le valvole saranno del tipo progressivo, ad azionamento elettromeccanico,
completi di staffe e levismi di accoppiamenti e di comando manuale.
I servocomandi per le sarrande di aria esterna saranno del tipo a tre posizioni, completi di
levismi e staffe di accoppiamento e dispositivo di emergenza per ritorno in chiusura al mancare
della tensione.
Tutti i regolatori digitali saranno raggruppati su unico quadretto di strumentazione, completo di
tutti i cablaggi interni e di chiare targhette esplicative.
3.3.26.2 Stazione di automazione
Stazione di automazione con struttura hardware modulare costituita da scheda di alimentazione
e CPU, e da una serie di schede di ingresso e uscita, interfacciate verso l’impianto. Possibilità di
collegamento del pannellino di servizio per la visualizzazione dei parametri e degli I/O.
Alimentazione: 220 Vca
Schede I/O secondo necessità del sistema da controllare aventi le seguenti specifiche tecniche::
- Scheda Batteria: per alimentazione ausiliaria e scheda CPU con presa RJ45 per il collegamento
ad innesto di un terminale operatore e presa RJ11 per il collegamento al bus o ad un pc portatile.
- Schede Ingressi Digitali: accettano n° 16 ingressi provenienti da contatto libero da potenziale,
contatto opto-isolato o transistor open-collector, con possibilità di visualizzare mediante led la
condizione di stato o di allarme.
- Schede Uscite Digitali: le schede possono effettuare n°8 comandi di vario tipo in funzione del
genere di utenza da controllare, oppure per comandare a 3 punti (flottante) organi finali di
regolazione. Possibilità di visualizzazione mediante led dello stato del comando, oppure, se
richiesto, si potranno dotare di ingresso per opportuna retrosegnalazione di stato degli organi
finali.
- Schede Ingressi Digitali (Totalizzazione): le schede accettano nr. 8 contatti impulsivi liberi da
potenziale, contatto opto-isolato o transistor open-collector; ad ogni impulso corrisponde
un'unità di misura della grandezza da conteggiare.
Schede Ingressi Analogici: le schede accettano n°8 segnali provenienti da trasduttori attivi
(0...10 Vcc; 0...20 mA; 4...20 mA; 0...1Vcc) oppure passivi (Ni1000; Pt100; Pt1000).
- Schede Uscite Analogiche: le schede relative effettuano n°8 posizionamenti di organi di
regolazione mediante un comando di tipo analogico (0...10 Vcc; 0...20 mA) .
Le stesse possono essere dotate di selettore per il posizionamento manuale dell'organo
controllato.
- Schede Interfaccia gestione per Ingressi Digitali: a queste schede si possono collegare fino a n°
4 field modules. Ciascuno di essi gestisce fino a 16 ingressi digitali. Con una scheda si possono
quindi gestire 64 ingressi digitali.
- Schede Interfaccia gestione per Uscite Analogiche: a queste schede si possono collegare fino
a n° 2 field modules. Ciascuno di essi gestisce fino a 4 uscite analogiche. Con una scheda si
possono quindi gestire 8 uscite analogiche.
- Schede Interfaccia gestione per Uscite Digitali: a queste schede si possono collegare fino a n°
2 field modules per uscite 0-I (ciascuno 4 uscite) e fino a 4 field modules per uscite 0-I-II
(ciascuno 2 uscite). Con una scheda si possono quindi gestire 8 uscite digitali 0-I o 0-I-II.
- Schede Interfaccia gestione per Uscite Digitali con Feedback: a queste schede si può collegare
n° 1 field module per uscite 0-I-II-III-IV-V-VI-VII. Il feedback (che può essere vero o falso) è
cablato direttamente sulla scheda. Con una scheda si possono quindi gestire 7 uscite digitali
configurabili da n°7 0-I a n° 1 0-VII.
3.3.26.3 Complesso regolazione centrale termica, frigorifera e idrica: elementi in campo
Complesso regolazione automatica in centrale termica composta da :
Sequenza caldaie e recupero frigo
- n°3 Valvole a farfallaPN 16 DN 125 complete di sevomotore elettrico reversibile
- n° 2 Valvola a farfalla PN 16 DN 80 completa di servomotore elettrico reversibile
-- n° 6 Sonde di temperatura per tubazioni l=120 mm. Elemento sensibile Ni 1000 Oh
Pag. 58
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Spillamento fancoil
- n° 1 valvola a tre vie PN 16 DN 125 completa di servomotore reversibile
-- n° 1 Sonde di temperatura per tubazioni l=120 mm. Elemento sensibile Ni 1000 Oh
Circuito acqua calda sanitaria
- n° 1 valvola a tre vie PN 16 DN 40 completa di servomotore reversibile
- n° 2 valvole a farfalla PN 16 DN 32
- n° 4 Sonde di temperatura per tubazioni l=120 mm. Elemento sensibile Ni 1000 Oh
Gruppi frigo
- n° 4 Sonde di temperatura per tubazioni l=120 mm. Elemento sensibile Ni 1000 Oh
Collettori acqua calda e fredda
- n° 4 Sonde di temperatura per tubazioni l=120 mm. Elemento sensibile Ni 1000 Oh
- n° 2 Multiregolatori digitali (stazioni di automazione)
3.3.26.4 Complesso regolazione automatica UTA impianto a tutt’aria: elementi in campo
Complesso regolazione automatica UTA a tutt’aria con sezione di miscela a tre serrande
composta da:
- n° 3 Servomotore per serranda con movimento radiale.Coppia 15 Nm. Alim.24V. Rot. 90° in
60/120 sec. Senso A/B Comando 0..10V, 3 punti, 2 punti.
- n° 1 Pressostato differenziale per aria Portata contatti max.250Vcc 5(2)A Temp.ambiente
amm.-30..85°C-IP 54 Campo 50…500 Pa.
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria preriscaldamento
- n° 1 Termostato antigelo con sonda a capill.in rame l=3m.Campo -5..12°C Protezione IP
65.Compreso presa ad innesto
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti .batteria raffreddamemnto
- n° 1 Valvola due vie filettata; PN 16 completa di Servomotore per valvole; 230V
umidificatore
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria postriscaldamento
- n° 2 Sonde di temperatura per canali d'aria completa di flangia l=225 mm. Elemento sensibile
Ni 1000 Ohm.
- n° 1 Trasmettitore da canale per umidita' relativa e temperatura Segnale 0..10Vcc. Campo
0..100%u.r. Segnale Ni1000 (Din 43760) temp.
- n° 1 Trasmettitore di misura qualita' dell'aria da canale. Segnale di uscita 0...10 V
- n° 1 Multiregolatore digitale (stazione di automazione)
3.3.26.5 Complesso regolazione automatica UTA aria primaria: elementi in campo
Complesso regolazione automatica UTA aria primaria composta da:
- n°1 inverter motore ventilatore di mandata con sonda di pressione
- n°1 inverter motore ventilatore di ripresa con sonda di pressione
- n° 1 Servomotore per serranda con movimento radiale.Coppia 15 Nm. Alim.24V. Rot. 90° in
60/120 sec. Senso A/B Comando 0..10V, 3 punti, 2 punti.
- n° 1 Pressostato differenziale per aria Portata contatti max.250Vcc 5(2)A Temp.ambiente
amm.-30..85°C-IP 54 Campo 50…500 Pa.
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria preriscaldamento
Pag. 59
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- n° 1 Termostato antigelo con sonda a capill.in rame l=3m.Campo -5..12°C Protezione IP
65.Compreso presa ad innesto
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti .batteria raffreddamemnto
- n° 1 Valvola due vie filettata; PN 16 completa di Servomotore per valvole; 230V
umidificatore
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria postriscaldamento
- n° 2 Sonde di temperatura per canali d'aria completa di flangia l=225 mm. Elemento sensibile
Ni 1000 Ohm.
- n° 1 Trasmettitore da canale per umidita' relativa e temperatura Segnale 0..10Vcc. Campo
0..100%u.r. Segnale Ni1000 (Din 43760) temp.
- n° 1 Multiregolatore digitale (stazione di automazione).
3.3.26.6 Complesso regolazione automatica unità di ventilazione con recupero di calore
Complesso regolazione automatica unità di ventilazione con recupero di calore composta da:
- n° 1 Pressostato differenziale per aria Portata contatti max.250Vcc 5(2)A Temp.ambiente
amm.-30..85°C-IP 54 Campo 50…500 Pa.
- n° 1 Valvola tre vie filettata; PN 16 completa di servomotore elettrico reversibile da 800 N per
valvole.Corsa 8 mm.in 30/ 60/120 sec. Alim.24V. Senso A/B Comando 0..10V, 4/20 mA, 3
punti, 2 punti batteria riscaldamento/raffrescamento
- n° 1 Termostato antigelo con sonda a capill.in rame l=3m.Campo -5..12°C Protezione IP
65.Compreso presa ad innesto
- n°1 Sonde di temperatura per canali d'aria completa di flangia l=225 mm. Elemento sensibile
Ni 1000 Ohm.
- n° 1 Multiregolatore digitale (stazione di automazione).
3.3.26.7 Complesso di regolazione degli impianti a pannelli a pavimento
Complesso di regolazione degli impianti a pannelli a pavimento composto da:
Centralina di regolazione elettronica per la regolazione automatica della temperatura di
mandata dell'acqua all'impianto in funzione della variazione di temperatura ambiente,
miscelandola secondo curve compensate di pendenza impostabile a seconda dei carichi termici e
della tipologia di impianto regolato.
Nel funzionamento raffrescante le centraline oltre ad effettuare la regolazione della temperatura
di mandata mantengono sotto controllo i parametri igrometrici impedendo, mediante apposite
sonde, la formazione di condensa su superfici troppo fredde in rapporto all'umidità dell'aria
negli ambienti
Sonda di temperatura di mandata dell'acqua ad immersione
Sonda anticondensa da istallare sul pavimento
Elettropompa di circolazione
Valvola miscelatrice a quattro vie
Modulo di controllo a parete
Completa di collegamento elettrici e cassetta di alloggiamento da incasso
3.3.26.8 Regolazione dell’impianto a ventilconvettori
Complesso di regolazione degli impianti a ventilconvettori del tipo a “Cassette” composto da:
- valvola miscelatrice a tre vie del tipo magnetica a quattro attacchi. Corpo in bronzo PN16.
Otturatore in acciaio. Disponibile in vari KVS per la corretta scelta del diametro necessario.
- Termostato ambiente del tipo elettronico istallato a parete nella posizione prevista dai disegni
di progetto e/o secondo le indicazioni fornite dal Direttore dei lavori;
Pag. 60
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- Collegamenti elettrici valvola/termostato, compreso l'onere per l'allaccio elettrico
all'apparecchiatura e le opere murarie di apertura e chiusura tracce su laterizi forati e murature
leggere.
3.3.26.9 Collegamenti elettrici di regolazione
Collegamento elettrico di regolazione di impianti tecnologici, eseguito in vista con tubazioni in
PVC per alimentare dal quadro elettrico di centrale o di zona, una apparecchiatura di
regolazione (termostato, umidostato, flussostato, sonda di temperatura, pressostato, valvola di
zona, servomotore, ecc.) all'interno del locale della centrale o, comunque, entro una distanza
max di m 20 dal quadro elettrico, comprendente gli oneri per la fornitura e posa in opera delle
canalizzazioni, delle scatole di derivazione in PVC autoestinguenti, atte a garantire il grado di
protezione prescritto per l'ambiente (min. IP 44) sia con l'uso di filettature che di raccordi, dei
conduttori ad isolamento in PVC o in gomma, comunque non propaganti l'incendio di sezione
minima pari a mmq 1,5 e dei morsetti del tipo a mantello o similare. Il tutto posto in opera a
perfetta regola d'arte, perfettamente funzionante compreso l'onere per l'allaccio elettrico
all'apparecchiatura e le opere murarie di apertura e chiusura tracce su laterizi forati e murature
leggere con esclusione di tracce su solette, muri in c.a. o in pietra, di rifacimento dell'intonaco e
della tinteggiatura. Per ogni collegamento.
3.4 Specifichetecnicheimpiantiidricosanitari
3.4.1
Apparecchisanitarierubinetterie,generalità
I prodotti ceramici in vetrochina devono avere spiccate caratteristiche di durezza, compattezza
non assorbenza (coefficiente di assorbimento inferiore allo 0,55%) e copertura a smalto
durissimo e brillante di natura feldspatico-calcareo con cottura contemporanea a 1.300 °C. che
assicura una profonda compenetrazione fra smalto e massa e quindi la non cavillabilità.
La superficie deve risultare brillante ed omogenea e resistente agli acidi. Ogni pezzo deve essere
privo di qualsiasi imperfezione.
Salvo indicazione contraria tutti gli apparecchi si intendono non colorati.
Per il fissaggio degli apparecchi è vietato l'uso di cementi è ammesso unicamente l'impiego di
viti di ottone o acciaio inox.
La sede del fissaggio di tali viti (sia a muro che a pavimento) dovrà essere costituita da tassello
in ottone con foro filettato a spirale in ottone, murata nella costruzione.
Nel caso siano fissati su pareti in cartongesso o simili, ogni apparecchio sanitario deve essere
fissato ad apposite staffe in acciaio ancorate alle strutture di sostegno delle pareti.
Tutte le rubinetterie saranno in bronzo, monoforo monocomando, con forte cromatura della
parte in vista.
Il deposito di cromo deve essere fatto su un deposito elettrolitico di nichel, di spessore non
inferiore a 10 micron.
Le superfici nichelate e cromate non devono risultare ruvide né per difetto di pulitura, né per
intrusione di corpi estranei nei bagni galvanici di nichelatura e di cromatura, e devono risultare
perfettamente speculari su tutta la parte visibile.
3.4.2
Lavabi
I lavabi saranno in vetrochina, di larghezza indicativa 580 mm, ognuno corredato di:
- gruppo di erogazione e miscela monoforo monocomando;
- piletta con griglia cromata diametro 1"1/4;
- sifone cromato a bottiglia con prolunga e rosone a muro diametro 1"1/4;
- due rubinetti di taratura diametro 1/2" con raccordi in rame cromato;
- staffe di sostegno con mensole di fissaggio.
Ove richiesto, potranno essere previsti lavabi da incasso.
Pag. 61
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.4.3
Lavellomedicaleacanaleinacciaioinox
Lavello medicale a canale in acciaio inox 18/10 con scarico a sinistra o a destra secondo
istallazione, con paratia di protezione dagli spruzzi d'acqua e piano rubinetterie. Straffe integrate
alla struttura, delle dimensioni di 1200 x 470. x 560.
3.4.4
Vasiasedereditiposospeso
Vaso a cacciata con scarico a parete, in vitreous china bianca, dimensioni cm. 55 x 37, completi
cadauno di :
Sedile in plastica di tipo pesante di colore bianco.
Cassetta di lavaggio in plastica da incasso da lt. 14, completa di placca e pulsante.
3.4.5
Bidetditiposospeso
Bidet a tre fori con erogazione dell'acqua dall'apparecchio, in vitreous china, di colore bianco,
dimensioni cm. 55 x 37, completi cadauno di:
Gruppo miscelatore a parete in ottone cromato diam. 1/2" con raccordo bidet a muro.
Sifone a S cromato con piletta e griglia a scarico libero canotto e rosone in ottone cromato diam.
1".
3.4.6
Piattidoccia
I piatti doccia saranno in gres porcellanato tipo fire-clay, dimensioni approssimative 800 x 800
mm, ognuno corredato di:
- gruppo di erogazione e miscela monocomando da incasso;
- soffione cromato anticalcare a getto regolabile con braccio snodato;
- piletta sifonata in polietilene con griglia cromata e guarnizione;
PIATTI DOCCIA
in metacrilato antisdrucciolo a filo pavimento da cm. 80 x 80 con flange di
impermeabilizzazione sui quatro lati, guaina sintetica, completi cadauno di:
Fornitura e posa in opera di, piatti doccia in metacrilato antisdrucciolo a filo pavimento da cm.
80 x 80 con flange di impermeabilizzazione sui quatro lati, guaina sintetica, completi cadauno
di:
Gruppo miscelatore monocomando da incasso in ottone cromato diam. 1/2" con leva sollevabile
e girevole.
Braccio doccia in ottone cromato diam. 1/2" con soffione snodato e saliscendi.
Piletta sifoide diam. 1.1/4" tipo pesante con dado, codulo, griglia inox.
3.4.7
Vasiperinabili
I vasi per inabili in ceramica di colore bianco, con scarico a pavimento, catino allungato,
apertura anteriore, dimensioni 400 x 800 mm, completo di:
Sedile speciale rimovibile in plastica bianca, tipo aperto antiscivolo.
Cassetta di scarico a comando pneumatico agevolato a distanza.
Rubinetto a squadra per intercettazione con flessibile alla cassetta.
Miscelatore termoscopico con comando a leva, completo di flessibile, doccetta con pulsante di
controllo della temperatura dell'erogazione dell'acqua, supporto a muro con funzione di bidet e
regolatore automatico di portata.
Maniglione orizzontale per installazione a muro lunghezza 840 mm.
Maniglione di sostegno a muro ribaltabile per WC, completo di portarotoli.
Viti e tasselli per il fissaggio dell'apparecchio a pavimento.
Pag. 62
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.4.8
Lavabiperinabili
I lavabi per inabili saranno realizzati in vetrochina, delle dimensioni approssimative di 660 x
580 mm.
Saranno completi di manopola e staffe per la regolazione dell'inclinazione del lavabo da 0 a 110
mm ed avranno il frontale concavo, bordi arrotondati, appoggio per i gomiti, spartiacqua
antispruzzo, ripieno in porcellana per alloggiamento rubinetto.
Saranno dati in opera corredati dei seguenti accessori:
- gruppo di erogazione e miscela del tipo monocomando a leva lunga;
- sifone in materiale plastico con tubo di scarico flessibile, per facilitare l'accessibilità;
- due rubinetti di taratura sottolavabo, diametro 1/2", con raccordi in rame cromato;
- staffe di sostegno.
- Maniglione orizzontale per installazione a muro, lunghezza 840 mm.
- Maniglione di sostegno a muro ribaltabile per lavabo.
3.4.9
Accessoriperbagniperdisabili
Accessori per bagni per disabili (secondo le vigenti norme di abbattimento delle barriere
architettoniche) costituiti da sostegni in tubo di nylon stampato, diametro esterno 35 mm, con
anima in lega di alluminio, completi di flange di fissaggio, rosette a incastro, viti di fissaggio
per ogni tipo di muratura, assistenza muraria e quanto altro necessario per dare l'opera completa
e funzionante.
Maniglione ribaltabile da parete, lunghezza cm 80.
Maniglione fisso verticale, altezza max cm 170.
n° 2 Maniglione fisso orizzontale con o senza angolo, lunghezza max cm 400.
Specchio reclinabile, dimensioni max cm 70x70.
Sedile ribaltabile.
3.4.10 Vuotatoi
Vuotatoio in vitreous-china bianchi cm. 54 x 55, completi cadauno di:
Griglia in acciaio inox.
Cassetta di lavaggio in plastica da incasso da lt. 14 completa di placca e pulsante.
Gruppo lavello a bocca snodata.
Bulloni di fissaggio.
Raccordo in ferro per vuotatoio.
3.4.11 Lavapadelle
Lavapadelle in acciaio inox. del tipo con pompa e complesso automatico di lavaggio e
disinfettante, completi cadauno di:
Sifone a parete Jumbo diam. 1.1/2".
3.4.12 Pilozzo
Pilozzo in vitreous china bianca 45 x 40 cm. completi cadauno di:
Mensole di sostegno.
Sifone a bottiglia in ottone cromato diam 1.1/4" con piletta tappo e catenella, canotto e rosone.
Gruppo miscelatore a parete con bocca di erogazione a snodo.
3.4.13 Scaldaacquaelettrici
Gli scaldacqua elettrici potranno essere di tipo istantaneo o ad accumulo, per installazione a
parete, e saranno essenzialmente costituiti da:
- caldaia in acciaio vetroporcellanata a 850°C;
Pag. 63
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
-
resistenza elettrica montata sulla flangia;
coibentazione in poliuretano espanso;
valvola di sicurezza, taratura 8 bar;
attacchi flessibili e rosette in rame cromati;
termostato esterno regolabile.
3.4.14 Moduliperistallazionevasiconscaricoaparete
Moduli per istallazione vasi con scarico a parete tipo geberit combifix o similari che contengono
premontate le condotte di alimentazione, i raccordi per l'acqua e per lo scarico, le rubinetterie di
incasso, gli elementi di fissaggio, la cassetta per risciacquo ad incasso.
3.4.15 Moduliperistallazionebidetconscaricoaparete
Moduli per istallazione bidet con scarico a parete tipo geberit combifix o similari che
contengono premontate le condotte di alimentazione, i raccordi per l'acqua e per lo scarico, le
rubinetterie di incasso, gli elementi di fissaggio.
3.4.16 Ammortizzatoricolpidiariete
Ammortizzatore di colpi di ariete costituito da vaso di espansione in acciaio INOX membrana,
idoneo per essere installato in impianti idrosanitari per evitare brusche sovrapressioni dipendenti
da colpi di ariete, temperatura max di esercizio 99 °C, attacco filettato DN 15 (1/2"). E'
compreso quanto altro necessario per il completo normativo funzionamento e il rispetto delle
norme UNI, UNI-CIG, VV-F e di tutte le disposizioni in materia compresi i marchi di qualità.
3.4.17 Rubinettid'arrestoconcappellotto
I rubinetti d'arresto ad attacchi filettati avranno il corpo in bronzo, asta ed otturatore in ottone,
guarnizione in rame, tenuta a bussola precompressa di amianto grafitato, cappuccio di copertura
cromato, ad innesto a vite.
3.4.18 Tubazioniinpeadperfluidiinpressione
Le tubazioni in polietilene ad alta densità per fluidi in pressione saranno del tipo 312 secondo le
norme UNI 7611, adatte per il trasporto di acqua potabile e fluidi alimentari.
La raccorderia per le tubazioni sarà conforme alle norme UNI 7612, del tipo a compressione con
coni e ghiere filettate in ottone.
Per diametri superiori a DN 110 le giunzioni sia dei pezzi speciali che dei tratti rettilinei
saranno realizzate mediante saldatura a specchio, seguendo scrupolosamente le indicazioni
fornite dal fornitore.
Per le diramazioni a T potranno essere usate prese a staffa.
Per il collegamento di tubazioni in polietilene con tubazioni metalliche si useranno giunti
metallici a vite e manicotto per dimensioni fino a 4" e giunzioni a flange per i diametri superiori.
3.4.19 Tubazioniinpeadperscarichi
Le tubazioni in polietilene ad alta densità per gli scarichi saranno conformi alle norme UNI
8451 (tipo 302).
La raccorderia e le giunzioni saranno del tipo a saldare; la saldatura potrà essere o del tipo a
specchio (eseguita con apposita attrezzatura, seguendo scrupolosamente le prescrizioni del
costruttore) o del tipo con manicotto a resistenza (anche per questo tipo di raccordo saranno
seguite scrupolosamente le prescrizioni del costruttore).
Sulle condotte principali od orizzontali potranno essere usate giunzioni a bicchiere, con
guarnizioni di tenuta ad O-ring o a lamelle multiple; tali giunzioni serviranno per consentire le
dilatazioni.
Pag. 64
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Il collegamento ai singoli apparecchi sanitari avverrà con tronchi terminali speciali di tubo in
polietilene, con guarnizione a lamelle multiple in gomma.
Il collegamento a tubazioni di ghisa potrà avvenire con giunto a bicchiere sulla tubazione di
ghisa, con guarnizione in gomma a lamelle multiple o ad O-ring.
Per questo tipo di collegamento sarà ammessa anche l'adozione di una delle seguenti soluzioni:
- giunti a collare in gomma, con manicotto esterno metallico di serraggio a viti;
- tappo di gomma (sul terminale della tubazione in ghisa) con fori a labbri profilati in modo
tale da infilarvi le tubazioni di polietilene, con garanzie di tenuta.
Per i collegamenti che dovranno essere facilmente smontati (sifoni, tratti di ispezione etc.) si
useranno giunti con tenuta ad anello in gomma O-ring e manicotto esterno avviato.
I pezzi speciali dovranno essere fabbricati con inietto-fusione dello stesso materiale delle
tubazioni e lavorati con apposite attrezzature sia per saldatura a testa con termoelemento sia con
manicotto elettrico.
Le colonne di scarico verranno posate con manicotto di dilatazione ad ogni piano.
Per i collettori di scarico orizzontale sarà previsto per tratti inferiori a 6 m, il montaggio a punto
fisso; per tratti superiori montaggio con manicotto di dilatazione.
Il tipo di giunto prescelto dovrà garantire una tenuta perfetta in tutte le posizioni ed essere
collaudato per una pressione statica pari a 500 kPa.
3.4.20 TubazioniinpolietileneA.D.perretidiscaricointerne.
Le tubazioni in polietilene A.D. per scarichi saranno impiegate per le seguenti reti:
- reti di scarico acque nere all'interno del fabbricato e sino alle reti principali escluse
- reti di scarico nelle centrali tecnologiche e di condizionamento.
Il polietilene da utilizzare per la costruzione delle reti citate ed i relativi raccordi e pezzi
speciali, sarà del tipo ad alta densità (AD) secondo Norme UNI 7611/7613/7615 per le tubazioni
e UNI 7612 e 7616 per i raccordi rigidi.
La classe di pressione 6 PN 4 e lo spessore minimo sarà di 3 mm per le reti di scarico.
Le proprietà termiche sono tali da garantire, nel campo di applicazione pratica, un carico
continuo fino a + 90 °C ed un carico di punta di +100 °C.
I raccordi e pezzi speciali saranno tutti del tipo prefabbricato, secondo listino Costruttore e
pertanto è escluso l'impiego di pezzi speciali fabbricati in cantiere.
Le giunzioni potranno essere effettuate secondo i vari casi tramite:
- manicotto a saldatura elettrica
- saldatura a specchio, tramite specchio saldatore e macchine saldatrici
- congiunzioni a vite o flange, per l'unione con tubazioni di altro materiale
- congiunzioni a innesto con manicotto per il collegamento dei terminali agli scarichi degli
apparecchi sanitari
- ogni congiunzione non saldata dovrà essere sempre in posizione ispezionabile.
Per le reti interrate dovranno essere previste solo con congiunzioni saldate in modo permanente
La posa delle tubazioni dovrà essere eseguita secondo le raccomandazioni trattandosi della casa
costruttrice. In particolare, trattandosi di materiale con alto coefficiente di dilatazione dovranno
essere adottate tutte le necessarie precauzioni nell'istallazione prevedendo dove necessario:
braccioli scorrevoli, punti fissi e manicotti a innesto lungo (dilatatori).
Devono essere assicurate in ogni punto delle tubazioni, pendenze tali da garantire un perfetto
scarico dei liquami: la pendenza minima sarà: 1,5%
Le tubazioni orizzontali istallate libere, a soffitto dei piani fondazione avranno le canaline in
lamiera di sostegno, rese solidali con nastri metallici applicati ad una distanza pari a circa 10
volte il diametro del tubo.
Le tubazioni saranno fissate con braccialetti a 2 collari con manicotto 1/2", in acciaio zincato.
Tra il bracciale e la tubazione verrà interposta una guarnizione in gomma o plastica morbida per
consentire i movimenti.
La distanza massima tra i vari sostegni sarà la seguente:
Pag. 65
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
diametro 50 63 75 90 110 125 160
distanza mt 1,5 2 2,3 2,5 3 3 3
Adatte ispezioni con chiusura a vite e tenuta stagna, verranno previste dove indicato sui disegni
o comunque dove si rendono indispensabili per una esecuzione a perfetta regola d'arte.
I diametri esterni degli scarichi non dovranno essere inferiori a:
W.C.
mm. 110 X 4,3
Lavabo
mm. 40 X 4,3
Docce, vasche e pilette sifoni
mm. 50 X 4,3
3.4.21 Tubazioniinpolietileneapressione
Le tubazioni in polietilene dovranno avere caratteristiche di alta resistenza chimica, duttilità,
resistenza agli urti.
Le tubazioni in polietilene avranno una pressione di esercizio nominale di PN10 o PN 16
secondo gli utilizzi, ed il tubo dovrà essere in grado di resistere per 50 anni di esercizio continuo
senza tensioni supplementari rilevanti.
Le tubazioni dovranno corrispondere a quanto contenuto nelle norme UNI 7614-84 e
UNIPLAST 406 - 423 - 436
Le tubazioni in polietilene in pressione dovranno corrispondere alle seguenti caratteristiche:
- materiale di base
polietilene
- stabilizzazione UV
2 - 2,5% fuliggine
- densità
min. 0,950 g/cmc
- indice di fusione i5
max 1,0 g/10 min.
- pressione interna di durata 3 X PN 20°C:min.1h
0,6 X PN 80°C: min. 170h
- tensione nominale
5,0 N/mmq
- coefficiente di dilatazione 0,2 mm/m/°C
- colore
nero
3.4.22 Tubazioniinpolipropileneapressione
Le tubazioni in polipropilene dovranno avere caratteristiche di alta resistenza chimica, duttilità,
resistenza agli urti.
Le tubazioni in polipropilene in pressione saranno impiegate per i circuiti della rete idrica.
Le tubazioni dovranno essere dotate di certificato di atossicità e conformi alla circolare del
Ministero della Sanità n°102 del 02.12.78.
Le tubazioni in polipropilene avranno una pressione di esercizio nominale di PN10, ed il tubo
dovrà essere in grado di resistere per 50 anni di esercizio continuo senza tensioni supplementari
rilevanti.
Le tubazioni dovranno corrispondere a quanto contenuto nelle norme UNI 8318, UNI 8321,
UNI 8351
3.4.23 Tubazioniinpeadpergasinpressione
Tubazioni in polietilene ad alta densita', colore nero, per condotte interrate di distribuzione gas
combustibili, prodotte secondo UNI ISO 4437 tipo 316 serie S 5, dotate di Marchio di Qualita'
rilasciato dall'Istituto Italiano Plastici, giunzioni a manicotto oppure con saldatura di testa,
comprensive di pezzi speciali, materiale per giunzione.
3.4.24 Posainoperadeicondottiinmaterialeplasticointerrate
La superficie di appoggio deve assicurare una ripartizione regolare delle pressioni. I tubi devono
quindi essere messi in opera in modo tale che l' appoggio non si concentri lungo linee o punti.
Pag. 66
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Sul fondo dello scavo liberato da pietrami e da ciottoli, si stende un letto di sabbia o terreno
setacciato ben livellato per uno spessore di 10 - 15 cm sul quale viene appoggiata la tubazione.
Si provvederà al rinfianco ed alla copertura del tubo con 15 cm dello stesso materiale avendo
cura che sia ben costipato. Il tubo verrà poi ricoperto con il terreno di risulta, evitando il
pietrame grossolano. Il ricoprimento totale del tubo, a partire dalla generatrice superiore, non
deve essere inferiore a 150 cm per le strade a traffico pesante e a 100 cm per le strade a traffico
leggero. Per profondità inferiori si dovrà interporre un diaframma rigido di protezione e
ripartizione dei carichi. Da evitare il rinfianco dei tubi in calcestruzzo che darebbero troppa
rigidità alla condotta.
3.4.25 Chiusinoininghisasferoidale
Chiusino in in ghisa sferoidale EN-GJS-500-7 a a norme UNI EN 1563 classe C 250 norme
UNI EN 124, la zona di appoggio del coperchio sul telaio conformata in modo da realizzare un
dispositivo a tenuta idraulica compostto da telaio e coperchio con superficie
antisdrucciolòoprovvisto fi fori ciechi per l'inserimento di dispositivi di sollavamento. Fornitura
e posa in opera comprese le opere murarie ed ogni altro onere e magistero delle dimensioni di
40 x 40 cm
3.4.26 Gruppidipressurizzazione
3.4.26.1 Gruppo di pressurizzazione rete idrica con inverter
Gruppo automatico di alimentazione idrica a velocità variabile preassemblato composto da:
n° 2 Elettropompe principali centrifughe multistadio ad asse verticale con giranti, diffusori e
camicia esterna in acciaio inox AISI 304. Motore del tipo asincrono a gabbia di scoiattolo, serie
a velocità variabile, con inverter e dotato di pannello di controllo per la regolazione locale del
tipo di funzionamento.
Tensione di alimentazione 3x400V / 50 Hz. Protezione motore IP 55.
Elettropompe con attacchi in linea aspirazione/mandata
Base per elettropompe e quadro elettrico
Trasduttore di pressione con segnale 4-20mA, posto sul collettore di mandata
Manometro
Collettore di mandata in acciaio zincato
Collettore di aspirazione in acciaio zincato
Valvole di ritegno (1 ogni pompa sulla aspirazione)
Valvole di esclusione (2 ogni pompa sulla mandata/aspirazione)
Valvole a sfera per il collegamento dei serbatoi autoclave (poste sul collettore di mandata)RP 1"
Quadro elettrico di comando e protezione
N° 2 Serbatoi a membrana verniciati da LT 20 PN10.
N° 1Quadro elettrico di comando e protezione in cassetta metallica IP 54 ad avviamento:
Diretto ( per potenze unitarie inferiori a 7.5 kW )
Indiretto ( per potenze unitarie superiori a 7.5 kW )
composto da :
- Unità elettronica per controllo inverter
- Contattori circuito di potenza per avviamento diretto e relè termici
- Interruttore generale
- Pannello frontale composto da: un led verde (in marcia/diagnosi dell'impianto); un led rosso
(allarme/diagnosi dell'impianto); un pulsante digitale (reset)
- Potenziometro per la regolazione del setpoint nella parte interna al quadro elettrico
- Interruttore emergenza guasto Unità
- Numero di elettropompe in funzione e loro stato di funzionamento
- Percentuale del carico della elettropompa sotto convertitore di frequenza
- Pressione dell'erogazione
Pag. 67
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
- Pressione prestabilita
- Ore di funzionamento delle singole elettropompe
- Inserimento e disinserimento delle elettropompe
- Possibilità di remotare un contatto ON / OFF ed eventuali sicurezze o apportare variazione di
set point
PRINCIPI GENERALI DI FUNZIONAMENTO:
Il gruppo di pressurizzazione mantiene una pressione costante sul lato mandata, regolando in
continuo la velocità di rotazione delle pompe collegate.
In tal modo, le prestazioni vengono regolate in base al consumo effettivo d'acqua da parte
dell'utenza.
L' unità elettronica dovrà assicurare l'alternarsi delle pompe nella sequenza di avviamento, dopo
ogni arresto.
Setpoint:
Impostare il setpoint significa determinare il punto di funzionamento desiderato per l'impianto.
L'impostazione può essere effettuata scegliendo un punto di funzionamento e ottenendo, così,
una pressione costante, indipendentemente dalla portata richiesta.
3.5 Specifichetecnicheimpiantiantincendio
3.5.1
Gruppodipressurizzazioneantincendio
Gruppo antincendio a norme UNI 9490 completamente preassemblato composto da:
N° 2 elettropompe principali centrifughe monoblocco ad asse orizzontale con corpo pompa e
girante in ghisa GG25 complete di motore elettrico asincrono trifase 2 Poli. Tensione di
alimentazione 3x400V / 50 Hz. Protezione motore IP 55. Esecuzione con bocche assiali/radiali.
N° 1 Elettropompa pilota centrifuga multistadio ad asse verticale con giranti, diffusori e camicia
esterna in acciaio inox AISI 304. Motore del tipo asincrono a gabbia di scoiattolo. Tensione di
alimentazione 3x400V / 50 Hz. Protezione motore IP 55. Elettropompa con attacchi in linea
aspirazione/mandata.
Basamento comune per pompe e quadri.
Pressostati di avviamento (1 per ogni pompa, con comando on-off per la pompa pilota)
Manometri/Manovuotometri (2 per ogni pompa principale, sulla mandata ed aspirazione)
Collettore di mandata in acciaio zincato con attacchi flangiati DN
Valvole di ritegno (1 ogni pompa sulla mandata)
Valvole di esclusione (1 ogni pompa sulla mandata/aspirazione)
Valvole a sfera per il collegamento dei serbatoi autoclave (poste sul collettore di mandata)RP 1"
Misuratore di portata T a lettura diretta posto sull'estremità collettore con saracinesca DN
Quadro elettrico di comando per ogni pompa installata (vedi descrizione allegata)
N°3 Serbatoi a membrana verniciati da LT 20 PN10.
Temporizzatore di arresto automatico come previsto dalla normativa UNI 10779 del Settembre
1998.
Presa a spina 220V per uso industriale con interruttore di blocco e fusibili
Quadro allarme ottico ed acustico autoalimentato
Collaudo presso ns officina con rilascio di "Bollettino di Collaudo" compreso nel prezzo.
Collaudo sul luogo da quotare a parte e da richiedere con almeno 10gg lavorativi di preavviso.
N° 1Quadro (per ogni elettropompa principale) di controllo in cassetta metallica IP 54 ad
avviamento:
Indiretto ( per potenze unitarie superiori a 7.5 kW )
composti da:
-Sezionatore bloccoporta lucchettabile
-Terna di fusibili
-Trasformatore ausiliario 380/24 V con fusibili
-Contattore
Pag. 68
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
-Amperometro analogico inserito con T.A.
-Voltmetro analogico con fusibili e commutatore per la lettura delle tre fasi RS-ST-TR
-Selettore AUT-O-MAN con chiavetta estraibile solo in pos AUT
-Pulsanti Marcia e Arresto per il funzionamento manuale/prova settimanale
-Batteria tampone
-Scheda madre di comando collegata al sinottico per mezzo di un -flat cable-Leds su sinottico indicanti: -Morsettiera composta da:
· ausiliari in tensione (verde) · linea di alimentazione R-S-T-N-PE
· pompa in marcia (verde) · motore pompa U-V-W-PE
· pompa ferma (giallo) · contatti per presa ausiliaria R-N
· tensione al motore per ogni fase (leds gialli)· pressostato
· mancanza di tensione al quadro (leds gialli)· segnalaz. a distanza pompa in marcia
(int.pressostato)
· pompa ferma · segnalazione a distanza mancanza tensione di alimentazione
· segnalazione a distanza pompa adescata (pompa in moto)
N° 1Quadro (elettropompa pilota) di controllo in cassetta metallica IP 54 ad avviamento:
Diretto ( per potenze unitarie inferiori a 7.5 kW )
composto da:
-Sezionatore bloccoporta lucchettabile
-Terna di fusibili
-Trasformatore ausiliario 380/24 V con fusibili
-Contattore
-Termica
-Selettore AUT-O-MAN
-Leds su sinottico indicanti: -Morsettiera composta da:
· intervento termico (rosso) · linea di alimentazione R-S-T-PE
· pompa in marcia (verde) · motore pompa U-V-W-PE
· linea (giallo) · pressostato
· galleggiante di blocco
PRINCIPI GENERALI DI FUNZIONAMENTO:
Funzionamento ordinario.
Per l'abbassamento della pressione in rete (apertura delle utenze) i pressostati avviano
automaticamente le rispettive elettropompe garantendo la portata d'acqua necessaria. Le pompe
avviate si possono fermare solo tramite il selettore a chiave sul portello del quadro elettrico. La
sola pompa pilota, se prevista, si ferma automaticamente tramite pressostato.
Funzionamento di prova.
Consente il controllo del buono stato dell'impianto tramite misure di:
PORTATA: tramite misuratore di portata su apposito circuito;
PRESSIONE tramite pressostato e manometro;
CORRENTE tramite amperometro posto sul portello del quadro elettrico;
TENSIONE tramite voltmetro posto sul portello del quadro elettrico.
3.5.2
IdranteantincendioUNI45
Cassetta antincendio per incasso conforme alla normativa UNI EN 671/2 1996, composta da:
- cassetta in lamiera di acciaio zincato, opportunamente verniciata (ISO 9227) con resine
epossidiche/poliesteri;
- portello con asola dotata di lastra frangibile a rottura di sicurezza, in acciaio verniciato
(colore a richiesta della D.L.), incernierato e completo di serratura con n° 2 chiavi in
dotazione;
- sella salvamanichetta da posizionare all'interno della cassetta, atta a garantire
l'inalterabilità del rivestimento protettivo esterno della stessa;
- aperture di alimentazione laterali e sul fondo opportunamente preincise;
Pag. 69
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
-
3.5.3
adesivo riportante il simbolo di identificazione secondo Dir. 92/58/CEE - D.L.
493/1996;
adesivo "Istruzioni installazione/manutenzione/uso";
rubinetto idrante UNI in ottone, PN 16, del tipo con uscita a 45°;
raccordi UNI in ottone;
manichetta flessibile realizzata con gommatura interna, calza tessile in tessuto sintetico,
e rivestimento protettivo esterno, adatta
per pressione di esercizio di 1600 kPa;
lancia erogatrice conforme alla norma UNI-EN 671/2 - ISO 9227 realizzata in resina
ad alta resistenza (poliammidica, ecc...) e lega di alluminio con guarnizioni in gomma
sintetica. Sarà costituita da un'impugnatura ergonomica fissa per facilitare la presa e da
una mobile a rotazione in grado di permettere la regolazione (con almeno tre
frazionamenti) del getto, ottimizzando così l'effetto di spegnimento sul fuoco. Adatta
per pressione di esercizio fino a 1600 kPa.
GruppodiattaccodellamotopompaVVF
Gruppo attacco autopompa Vigili del Fuoco, in esecuzione orizzontale o verticale completo di:
- saracinesca di intercettazione in ghisa;
- valvola di ritegno in ghisa;
- rubinetto Vigili del Fuoco UNI 70 con girello;
- valvola di sicurezza e scarico.
Dovrà essere del tipo adatto per pressioni di esercizio di 1600 kPa.
Sarà fornito corredato di apposita cassetta di contenimento in lamiera di acciaio verniciata in
colore a richiesta della D.L., dotata di portello a vetro completo di vetro, e serratura con chiave
quadra.
3.5.4
Idranteacolonnasoprasuolo
Idrante a colonna soprasuolo, realizzato in ghisa con catramatura della parte interrata e
verniciatura antiruggine delle parti esterne.
Completo di:
- dispositivo automatico di chiusura;
- scarico automatico antigelo;
- flangia di attacco UNI, PN16;
- attacchi in uscita UNI, con calotta di chiusura in ghisa e catenella di sicurezza;
- attacchi V.V.F. UNI, con calotta in ghisa e catenella di sicurezza;
Dovrà essere del tipo adatto per pressioni di esercizio di 1600 kPa.
3.5.5
Cusciniantincendio
Cuscini antincendio a base di miscela intumescente, granulato di graffite ed additivi, con
involucro interno in polietilene ed esterno in tessuto di vetro rivestito in polietilene, con
doppiotempo di reazione a 150 °C e 600 °C, insensibile alla luce, insensibile all'acqua,
all'umiditàe al gelo, massima tenuta alle polveri con possibilità di riutilizzo.
3.6 Specifichetecnicheperimpiantigasmedicali
3.6.1
QuadrodiriduzioneII°stadioacinquegas
Quadro riduzione II° stadio a 4 gas doppi + V (O2-Aria medicale-Aria strumentale-N2O-Vuoto)
in cassetta da incasso con pressostati composto da:
Cassetta in lamiera zincata completa di pannello frontale in acciaio inox con finestratura in
plexiglas per visualizzazione manometri / vuotometro e chiavi di chiusura.
Gruppo di controllo Vuoto con valvola a sfera da 1” completa di raccordi a tre pezzi d.22,
vuotometro scala -1/0 e vuotostato N.A.
Pag. 70
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Riduttori di 2° st. Ossigeno, Aria medicale, Aria strumentale, Protossido d'azoto doppi
(realizzati in conformità alla norma europea EN738-2) con valvole a sfera di intercettazione a
monte e a valle di ogni riduttore,
Codolo a saldare in ingresso e uscita,
Manometri di alta e bassa pressione conformi alla norma europea EN837-1,
Valvole automatiche on/off che permettono la manutenzione dei manometri e pressostati senza
che sia necessario interrompere il flusso del gas,
Pressostato di alta tarato 5,4 bar, pressostato di bassa tarato 3,6 bar, forniti sgrassati per
ossigeno e marcati CE in conformità alla direttiva bassa tensione e compatibilità
elettromagnetica. I dispositivi con valore di intervento pretarato hanno un errore sulla soglia di
intervento pari a +- 4% del valore regolato come richiesto dalla norma EN737-3
Componenti sgrassati per ossigeno in impianto di lavaggio ad ultrasuoni
Presa di emergenza per by-pass a valle dei riduttori (con esclusione versione A.C. strumentale)
Corpo monoblocco in ottone nichelato chimicamente.
Pressione ingresso max. 1000KPa.
Pressione ingresso minima 800 KPa.
Pressione uscita nominale 480 KPa.
Portata 30 Nm3/h, caduta di pressione 10 %.
3.6.2
QuadrodiriduzioneII°stadioatregas
Quadro riduzione II° stadio a 2 gas + V (O2-Aria medicale-Vuoto) in cassetta da incasso con
pressostati composto da:
Cassetta in lamiera zincata completa di pannello frontale in acciaio inox con finestratura in
plexiglas per visualizzazione manometri / vuotometro e chiavi di chiusura.
Gruppo di controllo Vuoto con valvola a sfera da 1” completa di raccordi a tre pezzi d.22,
vuotometro scala -1/0 e vuotostato N.A.
Riduttori di 2° st. Ossigeno, Aria medicale singoli (realizzati in conformità alla norma europea
EN738-2) con valvole a sfera di intercettazione a monte e a valle di ogni riduttore,
Codolo a saldare in ingresso e uscita,
Manometri di alta e bassa pressione conformi alla norma europea EN837-1,
Valvole automatiche on/off che permettono la manutenzione dei manometri e pressostati senza
che sia necessario interrompere il flusso del gas,
Pressostato di alta tarato 5,4 bar, pressostato di bassa tarato 3,6 bar, forniti sgrassati per
ossigeno e marcati CE in conformità alla direttiva bassa tensione e compatibilità
elettromagnetica. I dispositivi con valore di intervento pretarato hanno un errore sulla soglia di
intervento pari a +- 4% del valore regolato come richiesto dalla norma EN737-3
Componenti sgrassati per ossigeno in impianto di lavaggio ad ultrasuoni
Presa di emergenza a monte e a valle dei riduttori,
Corpo monoblocco in ottone nichelato chimicamente.
Pressione ingresso max. 1000KPa.
Pressione ingresso minima 800 KPa.
Pressione uscita nominale 480 KPa.
Portata 30 Nm3/h, caduta di pressione 10 %.
3.6.3
Allarmedireparto
Allarme di reparto in cassetta da incasso:
Gli ingressi sono tutti optoisolati per garantire un'altissima immunità ai disturbi, possono essere
configurati con allarme in apertura o in chiusura.
La tacitazione suoneria avviene tramite un tasto di reset ( la suoneria riprende a suonare dopo 15
minuti se la condizione di allarme sussiste).I
Pag. 71
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
l dispositivo è marcato CE in conformità alla direttiva bassa tensione e compatibilità
elettromagnetica.
Tensione di alimentazione 230V-50Hz 50Ma
Portata max uscita di riporto 24V DC 40 mA max per singola uscita
N° 6moduli DIN
N° 9 ingressi allarme con segnalazione tramite led ad alta luminosità e visibilità per
segnalazione d'allarme e di led verde per la presenza della tensione di alimentazione.
Nel dettaglio risponde ai requisiti delle seguenti direttive.
Direttiva EMC 89/336
BT 93/68
EN 50081-1 (norme generiche per emissioni/immunità elettromagnetiche)
EN 50082-1 (norme generiche per emissioni/immunità elettromagnetiche)
EN 60601-1 (specifiche per elettromedicali)
EN 60601-2 (specifiche per elettromedicali)
EN.5502 (specifica per apparecchiature contenenti microprocessori)
UNI EN 737-3
UNI EN 475 in particolare rispetta la norma con le seguenti caratteristiche:
segnali visivi con indicatori LED rossi visibili fino ad una distanza di almeno 4 mt entro un
angolo di osservazione di +- 30°, frequenza del lampeggio degli indicatori di 2 Hz, ciclo di
attività prossimo al 50%.
segnale sonoro con frequenza di 720 Hz con mobilità di ripetizione come da norma e con le
seguenti caratteristiche d’impulso: T salita = T discesa = 40 mS, durata effettiva dell’impulso
Ton = 200 mS, distanza tra gli impulsi Toff = 190 mS
3.6.4
Gruppobloccodiareaperaria,ossigeno,vuoto
Gruppo di blocco di area per Aria medicale - Ossigeno e Vuoto in cassetta da semincasso dotate
di plexiglas frangibile, frontale in acciaio inox.
Per Ossigeno e Aria compressa:
Permette di inserire un blocco fisico quando si effettuano le manutenzioni a valle della valvola.
Fornisce un ulteriore punto di alimentazione di emergenza (presa di emergenza a forma
geometrica a norma NF S 90-116)
Garantisce un rapido accesso alla valvola di intercettazione in caso di incendio o di notevoli
perdite sulla linea.
Connessione ingresso/uscita con codolo a saldare per tubo D. 22
Pressione ingresso massima 10 bar.
Tutti i particolari sono sgrassati per uso ossigeno
Per Vuoto:
Costituito da una valvola a sfera da 1”completa di raccordo a tre pezzi con codolo a saldare per
tubo D. 28
3.6.5
Gruppodibloccoareaperprotossido,aria,ossigeno,vuoto
Gruppo di blocco di area per Protossido d’azoto - Aria medicale- Ossigeno e Vuoto in cassetta
da semincasso dotate di plexiglas frangibile, frontale in acciaio inox.
Per Ossigeno, Aria compressa e Protossido d’azoto:
Permette di inserire un blocco fisico quando si effettuano le manutenzioni a valle della valvola.
Fornisce un ulteriore punto di alimentazione di emergenza (presa di emergenza a forma
geometrica a norma NF S 90-116)
Garantisce un rapido accesso alla valvola di intercettazione in caso di incendio o di notevoli
perdite sulla linea.
Connessione ingresso/uscita con codolo a saldare per tubo D. 22
Pressione ingresso massima 10 bar.
Pag. 72
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
Tutti i particolari sono sgrassati per uso ossigeno
Per Vuoto:
Costituito da una valvola a sfera da 1”completa di raccordo a tre pezzi con codolo a saldare per
tubo D. 28
3.6.6
Cassettaperalloggiamentovalvola
Cassetta di alloggiamento per 1 valvola in lamiera zincata con pannello frontale in inox e
finestra in plexiglas.
3.6.7
Cassettaperalloggiamentovalvole
Cassetta di alloggiamento per valvole fino a ¾” in lamiera zincata con pannello frontale in inox
e finestra in plexiglas per intercettazione pensile completa di
n° 5 valvole G 3/8” di intercettazione a sfera sgrassate in impianto ad ultrasuoni, complete di
codoli a saldare e guarnizioni idonee all’utilizzo con gas medicinali.
Le valvole sono realizzate in ottone cromato con farfalla in alluminio,
Pressione in ingresso massima 16 bar
3.6.8
PresainfondellodaincassoDranger
Presa in fondello da incasso per Evacuazione DRAGER costituita da:
Scatola da incasso a muro diam. 120 mm in materiale plastico completa di tubo di alimentazione
in rame e raccordo in gomma per inserimento tubo evacuazione.
Possibilità di regolazione in profondità del gruppo presa.
Gruppo presa completo con eiettore, indicatore di aspirazione e sistema di regolazione flusso.
Innesto angolato 45° con portatubo.
3.6.9
Preseinfondelloperossigeno
Presa in fondello da incasso per Ossigeno UNI
La presa viene fornita con cassetta da incasso in muro, ghiera colore bianco, stampa
identificativa del gas di utilizzo e con dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale 400-500 KPa
Pressione ingresso massima 1000 Kpa
Perdita di carico 60 l/min 0.04 bar (<0.15 bar)
Perdita di carico 200 l/min 0.45 bar (<0.7 bar)
Forza inserimento innesto 80N (<100 N)
3.6.10 Preseinfondelloperariacompressa
Presa in fondello da incasso per Aria compressa UNI
La presa viene fornita con cassetta da incasso in muro, ghiera colore bianco-nero, stampa
identificativa del gas di utilizzo e con dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale 400-500 KPa
Pressione ingresso massima 1000 Kpa
Perdita di carico 60 l/min 0.04 bar (<0.15 bar)
Perdita di carico 200 l/min 0.45 bar (<0.7 bar)
Forza inserimento innesto 80N (<100 N)
3.6.11 Preseinfondelloperprotossidodiazoto
Presa in fondello da incasso per Protossido d’azoto UNI
Pag. 73
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
La presa viene fornita con cassetta da incasso in muro, ghiera colore azzurro, stampa
identificativa del gas di utilizzo e con dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale 400-500 KPa
Pressione ingresso massima 1000 Kpa
Perdita di carico 60 l/min 0.04 bar (<0.15 bar)
Perdita di carico 200 l/min 0.45 bar (<0.7 bar)
Forza inserimento innesto 80N (<100 N)
3.6.12 Preseinfondellopervuoto
Presa in fondello da incasso per Vuoto - Aspirazione UNI
La presa viene fornita con cassetta da incasso in muro, ghiera colore giallo, stampa
identificativa del gas di utilizzo e con dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale <-40 Kpa
Perdita di carico 40 l/min 0.13 bar (<0.15 bar)
Forza inserimento innesto 75N (<100N)
3.6.13 Preseinfondelloperevacuazione
Presa in fondello da incasso per Evacuazione DRAGER
Scatola da incasso a muro diam. 120 mm in materiale plastico completa di tubo di alimentazione
in rame e raccordo in gomma per inserimento tubo evacuazione.
Possibilità di regolazione in profondità del gruppo presa.
Gruppo presa completo con eiettore, indicatore di aspirazione e sistema di regolazione flusso.
Innesto angolato 45° con portatubo.
3.6.14 Presepertestalettoossigeno
Presa Ossigeno UNI per trave testaletto
La presa viene fornita con ghiera colore bianco, stampa identificativa del gas di utilizzo e con
dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
La presa è dotata di sistema a doppia valvola che permette la manutenzione della valvola esterna
senza dover interrompere l’erogazione del gas nella tubazione principale
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale 400-500 KPa
Pressione ingresso massima 1000 Kpa
Perdita di carico 60 l/min 0.04 bar (<0.15 bar)
Perdita di carico 200 l/min 0.45 bar (<0.7 bar)
Forza inserimento innesto 80N (<100 N)
3.6.15 Presepertestalettoariacompressa
Presa Aria compressa UNI per trave testaletto
La presa viene fornita con ghiera colore bianco-nero, stampa identificativa del gas di utilizzo e
con dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
La presa è dotata di sistema a doppia valvola che permette la manutenzione della valvola esterna
senza dover interrompere l’erogazione del gas nella tubazione principale
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale 400-500 KPa
Pressione ingresso massima 1000 Kpa
Perdita di carico 60 l/min 0.04 bar (<0.15 bar)
Perdita di carico 200 l/min 0.45 bar (<0.7 bar)
Forza inserimento innesto 80N (<100 N)
Pag. 74
Regione Lazio – Azienda Unità Sanitaria Locale Viterbo - Ristrutturazione adeguamento e messa a norma
dell’ospedale di Civita Castellana - Capitolato speciale di appalto impianti meccanici
3.6.16 Presepertestalettovuoto
Presa Vuoto - Aspirazione UNI per trave testaletto
La presa viene fornita con ghiera colore giallo, stampa identificativa del gas di utilizzo e con
dado e codolo a saldare per la connessione alla linea.
La presa è dotata di sistema a doppia valvola che permette la manutenzione della valvola esterna
senza dover interrompere l’erogazione del gas nella tubazione principale
Norme di riferimento: UNI 9507 - EN 737-1
Pressione nominale <-40 Kpa
Perdita di carico 40 l/min 0.13 bar (<0.15 bar)
Forza inserimento innesto 75N (<100N)
3.6.17 Retididistribuzione
Tutte le tubazioni sono previste esclusivamente in tubo rame e saranno garantite contro ogni
difetto di trafila o porosità.
Le giunzioni delle tubazioni saranno effettuate mediante manicotti, raccordi a T e curve in rame
stampato.
La raccorderia in rame impedirà l'incontro dei due tubi nell'interno della stessa.
La saldobrasatura dei raccordi verrà eseguita per capillarità con metallo d'apporto in lega
d'argento ed effettuata a perfetta regola d'arte dopo opportuno infilaggio del tubo nel raccordo
corrispondente del medesimo calibro. La lega usata per le brasature delle giunzioni è una lega
binaria d'argento a bassa temperatura di fusione ed a breve intervallo di fusione.
Le canalizzazioni in tubo rame secondo le prescrizioni UNI con pareti lisce e disossidate,
verranno controllate preventivamente alla tenuta con prova pneumatica, alla pressione di 50 bar.
La rete generale di distribuzione nei diametri e spessori indicati sulle planimetrie si dividerà in :
- Tubazione primaria
- Tubazione secondaria
- Derivazione d'arrivo della tubazione secondaria secondo lo schema indicato sulle planimetrie.
Pag. 75
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement