Manuale Tecnico per l`Industria Siderurgica

Manuale Tecnico per l`Industria Siderurgica
COUV-IT
20/03/00
15:44
Page 1
Manuale Tecnico
per l’Industria
Siderurgica
THE TIMKEN COMPANY
““Se tu hai
un’idea che pensi
sia giusta, portala
a compimento”.
HENRY TIMKEN, 1831 - 1910
Dimostrando proprietà affascinanti ed
offrendo una moltitudine di impieghi,
il metallo ha subito giocato un ruolo
chiave nella storia dell’uomo e la sua
produzione è rapidamente diventata
una questione strategica.
Non sorprende quindi se l’uomo si è
continuamente sforzato per secoli di
migliorare la qualità del metallo e di
trovare metodi innovativi, più veloci e
più economici per produrlo.
E non c’è rimedio (relief) oggi, in
un mercato sempre più segnato da
una competizione globale, the heat
is on come mai prima d’ora con
richieste sempre più pressanti
sull’approccio dell’industria siderurgica per servire i suoi mercati. Per
sopravvivere, oggi è richiesta un
nuova forma di collaborazione.
Ciò richiede uno spirito di gruppo ed
un reale sforzo comune da parte di
tutti i rappresentanti dell’industria
siderurgica, i costruttori di laminatoi,
gli utilizzatori di laminatoi ed i
fornitori leader di cuscinetti come la
Società Timken, tra l’altro, uno dei
principali produttori di acciaio.
Noi siamo impegnati a giocare la
nostra parte nello sviluppare tali
collaborazioni sinergetiche sia con i
nostri attuali clienti che con i futuri
partner.
L’acciaio, specialmente tubi e barre di acciaio legato, rappresenta una delle due
attività principali della Società Timken.
Come nel Settore dei Cuscinetti, la nostra unica missione nel settore dell’acciaio è
di migliorare continuamente i nostri prodotti e innalzare la qualità del servizio al
cliente. Per ultimo, dobbiamo aggiungere valore alle applicazioni dei nostri clienti.
Questo è l’obiettivo primario sul quale sono focalizzate tutte le risorse chiave della
nostra società, dalle tecnologie alla progettazione, ai sistemi di gestione, produzione
e marketing.
Continui miglioramenti del prodotto e degli standard di servizio rappresentano un
compito costoso e noi, alla Società Timken, siamo costantemente impegnati
nell’investire in nuovi stabilimenti e nuovi equipaggiamenti per la produzione di
acciaio e cuscinetti.
La domanda del mercato per acciai pregiati e per cuscinetti con maggiori
prestazioni ci ha incoraggiato a produrre acciai sempre più puri negli anni. A sua
volta, tutto ciò ci ha permesso di offrire cuscinetti con caratteristiche e prestazioni
sostanzialmente migliorate.
Riconoscere le vostre esigenze
Ambiente più pulito
Qualità del prodotto
Costi di manutenzione
più bassi
Maggiori riduzioni
Servire i clienti con profitto
Velocità più alte
Processi produttivi molto avanzati
Reparto di ricondizionamento dei cuscinetti
Nuovi prodotti
Il supporto Timken
Esperti tecnici di assistenza presso il vostro
impianto di laminazione
Ingegneri di vendita e Ufficio Tecnico per supporto
alle applicazioni
Nuovi prodotti
Presenza in tutto il mondo
I Vostri Vantaggi
Disegno dei cuscinetti
ottimizzato e prestazioni dell’applicazione
sono ottenute grazie ad
un rapporto di collaborazione sin dall’inizio
del progetto del laminatoio, attraverso la sua
realizzazione e avviamento della produzione
e per tutto il suo
periodo di funzionamento.
Minori costi di
manutenzione dovuti
alla maggiore durata
dei cuscinetti per
tonnellata di metallo
prodotto, e costante
collaborazione nel
risolvere i problemi.
Aumentata Produttività
Maggior
rendimento
Prodotto di alta qualità
Pagina
13
1. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DEL
CUSCINETTO A RULLI CONICI CHE
POTRESTE AVER DIMENTICATO
1.1. I componenti e le combinazioni possibili
1.2. Moto di puro rotolamento
1.3. Effettivo allineamento dei rulli
1.4. Elevata capacità radiale ed assiale
1.5 Gioco-precarico interno adattabile
1.6. Acciaio da cementazione
1.7. Assemblaggio con anelli interni ed esterni
separati
33
2. I TIPI DI CUSCINETTI PIÙ DIFFUSI
NELL’INDUSTRIA SIDERURGICA
2.1. Gabbie di laminatoi
2.2. Riduttori di laminatoi, gabbie pignone, aspi
avvolgitori e svolgitori
2.3. Equipaggiamenti ausiliari
51
3. SELEZIONE DEL CUSCINETTO
3.1. Configurazione ed aspetti dimensionali dei
cuscinetti per cilindri
3.2. Durata del cuscinetto
3.3. Analisi agli elementi finiti
Pagina
111
4. LUBRIFICAZIONE E TENUTE
4.1. Lubrificazione
4.2. Tenute
145
5. PROCEDURE DI MONTAGGIO E DI
MANUTENZIONE
5.1 Procedure di installazione e montaggi tipici
5.2. Manutenzione
5.3. Risparmiare con il ricondizionamento dei
vostri cuscinetti
207
6. DATI DEI CUSCINETTI
6.1. Tolleranze di esecuzione e di accoppiamento
dei cuscinetti
6.2. Tabelle di selezione dei cuscinetti
253
7. GLOSSARIO
INDICE
Pagina
15
1.1. I componenti e le combinazioni
possibili
1.1.1. Cono, coppa, rulli, gabbia
1.1.2. Cuscinetti a singola fila, doppia fila,
quattro file, sei file, reggispinta assiali
1.1.3. Vantaggi per il progettista
22
1.2. Moto di puro rotolamento
1.2.1. Cosa significa ?
1.2.2. Vantaggi per le prestazioni
dell’applicazione
23
1.3. Effettivo allineamento dei rulli
1.3.1. Cosa significa ?
1.3.2. Vantaggi per le prestazioni
dell’applicazione
24
1.4. Elevata capacità radiale ed assiale
1.4.1. Cosa significa ?
1.4.2. Vantaggi per il progettista
26
1.5. Gioco-precarico interno adattabile
1.5.1. Cosa significa ?
1.5.2. Vantaggi per le prestazioni
dell’applicazione
28
1.6. Acciaio da cementazione
1.6.1. Cosa significa ?
1.6.2. Vantaggi sia per il costruttore che per
l’utilizzatore dell’impianto
30
1.7. Assemblaggio con anelli interni ed
esterni separati
1.7.1. Cosa significa ?
1.7.2. Vantaggi sia per il costruttore che per
l’utilizzatore dell’impianto
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.1. I componenti e le combinazioni possibili
1.1.1. Cono, coppa, rulli, gabbia (Fig. 1-1)
Fig. 1-1
Componenti di un cuscinetto a
rulli cinici a singola fila (tipo TS) :
cono, coppa, rulli, gabbia.
I cuscinetti a rulli conici sono costituiti da quattro componenti
base che sono : l’anello interno o cono, l’anello esterno o coppa, i
rulli conici e la gabbia. La gabbia può essere del tipo stampato
come mostrato nella Fig. 1-1 o del tipo a perni come mostrato nei
cuscinetti di Fig. 1-2. I rulli conici ruotano tra l’anello interno e
l’anello esterno mentre la gabbia mantiene i rulli equamente distanziati
fra loro.
15
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.1.2. Cuscinetti a singola fila, doppia fila,
quattro file, sei file, reggispinta assiali
(Fig. 1-2)
Come si può vedere, si possono considerare molteplici
combinazioni dalla singola fila a più file di rulli, con
basse od elevate capacità di carico radiale e/o assiale.
16
17
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.1.3. Vantaggi per il progettista
Il cuscinetto a rulli conici, per le sue caratteristiche
intrinseche e per la grande varietà di combinazioni
possibili, è in grado di soddisfare la maggior parte delle
necessità dei progettisti nei ristretti limiti di spazio spesso
richiesti.
Fig. 1-3
Montaggio diretto
Centri di spinta effettivi
●
La prima scelta è di montare
un cuscinetto a singola fila
contro l’altro. I cuscinetti
possono essere disposti a
montaggio “diretto” con i
centri di spinta effettivi
(punto di applicazione del carico) verso l’interno (Fig. 1-3)
o “indiretto” con i centri di
spinta effettivi verso l’esterno
(Fig. 1-4). La distanza tra i
due cuscinetti dipende dalle
esigenze dell’applicazione.
Fig. 1-4
Montaggio indiretto
18
●
●
Assemblaggi di cuscinetti a due file di rulli sono
comunemente utilizzati in applicazioni come
riduttori ad ingranaggi ed aspi avvolgitori. Per
bloccare l’albero assialmente si utilizza la posizione
“fissa” da un lato, mentre dall’altro la posizione
“flottante” permette di assorbire sia eventuali dilatazioni termiche sia l’accumulo di tolleranze (Fig. 1-5).
Cuscinetti a quattro file sono usati principalmente
sui colli dei cilindri, dove agiscono elevati carichi
radiali ed è disponibile uno spazio radiale limitato
(anche assemblaggi a sei file sono stati utilizzati con
successo, Fig. 1-6). Questi cuscinetti sono in grado di
sopportare anche carichi assiali agenti in entrambe le
direzioni.
Fig. 1-5
Posizione fissa
Posizione flottante
Fig. 1-6
19
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
Fig. 1-7
Cuscinetto reggispinta assiale tipo TTHD
●
Nel caso di forti carichi assiali
agenti in un unica direzione,
come nelle vite di pressione,
sono disponibili cuscinetti
reggispinta assiali per servizio
pesante (heavy duty) (Fig. 1-7).
Se si dispone di un ridotto
ingombro radiale, per ottenere
la capacità di carico assiale
richiesta, si può considerare
l’utilizzo in tandem di cuscinetti
TS a forte conicità (Fig. 1-8).
Fig. 1-8
Assemblaggio in tandem di
cuscinetti TS per carichi assiali
20
●
Per sistemi di shifting assiale o di
incrocio dei cilindri di lavoro dove
agiscono elevati carichi assiali in
entrambe le direzioni, si può utilizzare un assemblaggio di cuscinetti a
due file a forte conicità (Fig. 1-9). Se
questi carichi assiali sono estremamente elevati, il cuscinetto a forte
conicità può essere sostituito da un
cuscinetto reggispinta assiale a
doppio effetto (Fig. 1-10).
Fig. 1-9
Posizione assiale separata con un
cuscinetto del tipo TDIK
Posizione assiale separata
Fig. 1-10
Posizione assiale separata con cuscinetto
tipo TTDWK per sopportare carichi
assiali molto alti
Per sopportare carichi assiali molto alti
Come si può vedere ci sono molte
possibili combinazioni e gli ingegneri
della Timken sono disponibili a lavorare
con Voi per trovare la soluzione più
appropriata e soddisfare le prestazioni
della vostra applicazione.
21
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.2. Moto di puro rotolamento
1.2.1. Cosa significa ?
L’estensione delle generatrici delle piste e dei rulli di un cuscinetto a
rulli conici sono disegnate per convergere in un unico punto sull’asse
di rotazione. Questo disegno “on-apex” significa che ogni punto lungo
le piste (cono, coppa e rulli) è soggetto alla stessa velocità
circonferenziale (Fig. 1-11).
Coppa (anello esterno)
Fig. 1-11
Il disegno “on-apex” produce un
moto di puro rotolamento in tutti
i punti lungo il corpo del rullo
Cono (anello interno)
1.2.2. Vantaggi per le prestazioni dell’applicazione
Questo disegno “on-apex” aiuta ad eliminare qualsiasi effetto di
strisciamento sulle zone delle piste del cuscinetto a rulli conici che
sopportano il carico. Perciò, l’attrito e l’intraversamento dei rulli
dovuti ad un possibile effetto di strisciamento sarà estremamente
limitato in confronto ad altri tipi di cuscinetti. La durata risulta
migliorata e la velocità, in condizioni di carico medio ed elevato, può
essere aumentata anche con sistemi convenzionali di lubrificazione.
22
1.3. Effettivo allineamento dei rulli
1.3.1. Cosa significa ?
Risultante
anello esterno
Forza
radiale
Forza di
assestamento
Forza assiale
Risultante
Risultante
anello
anello
esterno
interno
Forza assiale
Forza di
assestamento
Forza
radiale
Risultante
anello interno
Bordino di guida
Contatto ellittico
tra rullo e bordino
dell anello interno
Fig. 1-12
Una piccola forza di assestamento mantiene
costantemente allineati i rulli contro il
bordino dell’anello interno
L’allineamento effettivo del rullo
è una delle più importanti
caratteristiche dei cuscinetti a
rulli conici. La configurazione
conica del r ullo non solo
assicura un moto di puro
rotolamento con unvesteso
contatto lineare ma genera
anche una forza di “assestamento” che posiziona il rullo
contro il bordino dell’anello
inter no. Questa forza di
assestamento è funzione della
differenza fra gli angoli della
pista interna ed esterna. (ved.
diagramma vettoriale Fig. 1-12).
Essa previene l’intraversamento
dei rulli al di fuori dalla linea di
“apex” mantenendo perciò i
rulli sempre effettivamente
allineati e posizionati contro il
bordino dell’anello interno.
1.3.2. Vantaggi per le prestazioni dell’applicazione
Grazie al limitato effetto di
intraversamento si avrà una
maggiore durata del cuscinetto
(angolo β di Fig. 1-13). Di
sicuro, quando un rullo arriva
nella zona di carico, è essenziale
che questo rullo sia progressivamente allineato. L’effetto di
intraversamento nei cuscinetti a
rotolamento “senza bordino di
guida” causa un improvviso
riallineamento forzato dei rulli,
che provoca eccessive sollecitazioni di contatto lungo le
piste. In questo caso, anche la
gabbia sarà sottoposta a forti
carichi ad urto dai rulli
intraversati.
Zona
di carico
1
2
23
Superficie
di guida
del bordino
Fig. 1-13
Con la superficie di guida del bordino di
un cuscinetto a rulli conici, i rulli sono
progressivamente allineati quando entrano
nella zona di carico
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.4. Elevata capacità radiale ed assiale
1.4.1. Cosa significa ?
Per il disegno conico, il cuscinetto a rulli conici è capace di
sopportare una combinazione di notevoli carichi radiali ed
assiali. In funzione del tipo di carico previsto
nell’applicazione, si può
scegliere una serie ad alta
capacità di carico radiale
(bassa conicità, Fig. 1-14a)
o ad alta capacità di
carico assiale (forte conicità,
Fig. 1-14b).
a) Bassa conicit
Grande capacit radiale
b) Forte conicit
Grande capacit assiale
Fig. 1-14
Geometria interna adatta a qualsiasi
combinazione di carichi radiali ed assiali
24
1.4.2. Vantaggi per il progettista
Anche in presenza di elevati carichi radiali, assiali
o combinati, qualsiasi progettista sarà in grado di
trovare il corretto cuscinetto a rulli conici Timken
che soddisfi le sue specifiche esigenze in termini
di massima capacità di carico con il minimo
ingombro (Fig. 1-15). Nella maggior parte dei casi,
non ci sarà il bisogno di un cuscinetto assiale
aggiuntivo. Questo contribuirà alla riduzione dei
costi dell’applicazione.
2,5
2,0
1,5
1,0
0,5
Fig. 1-15
La stessa durata a fatica calcolata per un cuscinetto a sfere o a rulli
cilindrici può essere ottenuta, nelle stesse condizioni di carico
radiale/assiale combinate, da un cuscinetto a rulli conici con
diametro esterno molto più piccolo. In alternativa, un cuscinetto a
rulli conici avente lo stesso diametro esterno può raggiungere una
durata a fatica decisamente superiore.
25
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.5. Gioco-precarico interno adattabile
1.5.1. Cosa significa ?
Ogni cuscinetto a rulli conici, essendo
montato come 2 singole file di rulli o
come assemblaggio, può avere il suo
gioco radiale interno adattato alle
specifiche esigenze dell’applicazione.
Questo gioco radiale interno è in realtà
adattato muovendo assialmente la
posizione dell’anello esterno
relativamente all’anello interno (Fig. 116). Il gioco radiale, che controlla la
zona di carico, è da 1/2 a 1/5 lo
s p o s t a m e n t o a s s i a l e d ov u t o a l l a
configurazione conica del cuscinetto.
Perciò, l’adattamento del gioco assiale
Vi permetterà di ottenere un gioco
radiale risultante “R” molto accurato
(Fig. 1-17).
R1
R2
Fig. 1-16
Gioco radiale interno “R”, adattato assialmente
ASSEMBLAGGIO PREREGISTRATO
Coppa
R
Rullo
A
R = gioco radiale
A = gioco assiale
Esempio :
Con un cuscinetto di appoggio
(762 mm di alesaggio)
Angolo coppa = 25o (fattore K = 1,76)
Un gioco assiale montato di 0,3 mm (A)
Il gioco radiale corrispondente sar :
R = (0,3/1,76) x 0,39 = 0,066 mm
Fig. 1-17
Gioco interno del
cuscinetto
In funzione delle esigenze dell’applicazione, i cuscinetti a rulli conici
possono essere forniti preregistrati. Se l’applicazione è tale per cui è
richiesta una registrazione molto precisa, la registrazione
dell’assemblaggio può essere agevolmente ottenuta sul posto
ritoccando la dimensione dei distanziali. Se necessario, i nostri tecnici
di assistenza Vi potranno essere di aiuto con la loro esperienza.
26
1.5.2. Vantaggi per le prestazioni dell’applicazione
La durata dei vostri cuscinetti dipende dalla zona di carico ottenuta in
condizioni operative ; tanto più ampia è la zona di carico (fino ad un
leggero precarico) maggiore sarà la durata dei cuscinetti (Fig. 1-18). La
configurazione del cuscinetto a rulli conici Vi permette di definire la
zona di carico con precisione, ottenendo come risultato prestazioni
ottimali per la vostra applicazione.
Leggero precarico
Grande gioco
Durata L10
Forte precarico
Gioco zero
GIOCO
PRECARICO
0
Registrazione del cuscinetto
Fig. 1-18
Durata del cuscinetto in funzione della registrazione
27
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.6. Acciaio da cementazione
1.6.1. Cosa significa ?
I cuscinetti a rulli conici Timken (rulli, anelli interni ed
esterni) sono prodotti con acciaio legato a basso tenore di
carbonio. In funzione della dimensione del cuscinetto, alla
colata di acciaio si aggiungono quantità appropriate di
elementi leganti per assicurare le proprietà ottimali al
prodotto finito. Il carbonio è
introdotto nelle superfici dei
componenti del cuscinetto,
durante il processo di
trattamento termico, fino ad una
profondità suf ficiente per
realizzare uno spessore indurito
tale da sopportare i forti carichi
sul cuscinetto. Il carbonio e le
l e g h e a g g i u n t e d u ra n t e i l
processo di colata assicurano la
corretta combinazione di una
superficie dura resistente alla
fatica ed un cuore tenace e
duttile (Fig. 1-19).
Queste leghe di alta qualità
continuano ad essere migliorate
dalla divisione acciai della
Società Timken. Noi assicuriamo
la conformità dei nostri acciai in
tutto il mondo indipendentemente dallo stabilimento di
produzione del cuscinetto.
Fig. 1-19
Lo strato cementato dei
componenti del cuscinetto
assicura la resistenza a fatica
mentre il cuore duttile
fornisce la resilienza
28
1.6.2. Vantaggi sia per il costruttore che
per l’utilizzatore dell’impianto
Ci saranno minori probabilità di grippaggio
improvviso del cuscinetto.
Una fessurazione a fatica può attraversare
completamente un componente a tutta tempra
mentre una fessurazione a fatica in un
cuscinetto cementato si fermerà generalmente nella parte
centrale duttile.
Questo cuore tenace migliorerà le
prestazioni delle
vostre applicazioni
in condizioni di
forti carichi ad urto.
Infatti, le sollecitazioni di compressione residue sulla superficie
ritardano il propagarsi di fessurazioni a fatica.
Queste sollecitazioni residue di compressione
potranno anche migliorare la resistenza a fatica
sul raccordo alla base del bordino.
29
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
1.7. Assemblaggio con anelli interni ed
esterni separati
1.7.1. Cosa significa ?
Come mostrato nella sezione 1.1., il cuscinetto a rulli
conici è costruito con anello(i) interno ed anello(i)
esterno che possono essere separati uno dall’altro (Fig.
1-20). Spesso, con parti molto pesanti, è conveniente
montare i pezzi separatamente per motivi di peso o di
sicurezza. Il cuscinetto a rulli conici offre anche la
flessibilità di essere montato come una singola unità.
1.7.2. Vantaggi sia per il costruttore che per
l’utilizzatore dell’impianto
Grazie agli anelli interni ed esterni separati, il
cuscinetto a rulli conici è molto semplice da
maneggiare per immagazzinamento, montaggio,
smontaggio e manutenzione. In relazione alla
manutenzione, i componenti possono essere facilmente
ispezionati e riportati alle specifiche iniziali del
costruttore. In più, se si nota un danneggiamento che
va oltre una leggera scagliatura, il vostro cuscinetto
potrà essere rispedito alla Società Timken per una
ulteriore ispezione e revisione (ved. sezione 5-3).
Fig. 1-20
30
Il cuscinetto a rulli conici
offre molte soluzioni che
possono contribuire alla
riduzione totale di costo
dell’applicazione.
I costruttori di impianti di
laminazione beneficeranno
delle soluzioni più semplici
e meno costose, mentre gli
utilizzatori di laminatoi
potranno realizzare
riduzioni nei costi totali di
conduzione e manutenzione.
31
1. Caratteristiche e vantaggi del cuscinetto a rulli
conici che potreste aver dimenticato
Pagina
35
2.1. Gabbie di laminatoi
2.1.1.
2.1.2.
2.1.3.
2.1.4.
2.1.5.
46
Cuscinetti per cilindri di appoggio
Posizione radiale per cilindri di lavoro
Posizione assiale per cilindri di lavoro
Sistemi per viti di pressione
Laminatoi Sendzimir
2.2. Riduttori di laminatoi, gabbie pignone,
aspi avvolgitori e svolgitori
2.2.1. Montaggio indiretto a due file
2.2.2. Montaggio diretto a due file
47
2.3. Equipaggiamenti ausiliari
2.3.1. Cuscinetti TS
2.3.2. Assemblaggi TS a due file
2.3.3. Cuscinetti con anello esterno a forte
sezione
2.3.4. Assemblaggi TDIV a due file “selfcontained”
2.3.5. Cuscinetti AP
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.1. Gabbie di laminatoi
I cilindri sono sottoposti a carichi
radiali molto elevati ed a diversi
livelli di car ichi assiali. Per
sopportare qualsiasi combinazione
di questi carichi la soluzione più
conveniente dal punto i vista dei
costi sono i cuscinetti a due,
quattro o sei file di rulli conici.
Diverse classi di servizio sono state
sviluppate per stabilire il tipo di
carico per cui il cuscinetto è stato
disegnato. Queste classi di servizio
sono indicate con una lettera di
prefisso nel simbolo del cuscinetto : L - leggero ; LM - medio
leggero, M - medio, HM - medio pesante. Alcuni di questi
cuscinetti, definiti anche “a proporzione bilanciata”, sono
molto diffusi e generalmente soddisfano le esigenze del
progettista ; essi possono anche essere definiti come
cuscinetti tipo EE. Altre classi come H - pesante, HH - più
pesante del pesante, sono state sviluppate per applicazioni
particolarmente caricate.
2.1.1. Cuscinetti per cilindri di appoggio
Per facilitare l’installazione e la rimozione, i cuscinetti dei
cilindri sono generalmente montati liberi sui colli. Quando la
velocità del laminatoio, in funzione dei carichi e delle
condizioni ambientali, supera i 600 ÷ 1000 m/min, la Società
Timken suggerisce che i coni siano montati forzati per
evitare la lenta rotazione del cono sul collo. Questi
assemblaggi montati forzati sono previsti con alesaggio
conico per permettere in ogni caso un facile montaggio e
smontaggio.
35
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
Cuscinetti per cilindri di appoggio
TQOW
Composizione :
Due coni doppi, un distanziale cono, due coppe singole,
due distanziali coppe, una coppa doppia.
Applicazioni :
Laminatoi con velocità fino a 600 ÷ 1000 m/min, in
funzione dei carichi.
Note :
Assemblaggi preregistrati con distanziali - possibilità di
riaggiustare il gioco radiale rettificando i distanziali montati liberi sul collo del cilindro e nella guarnitura, cave
sulle facce dei coni per assicurare la lubrificazione delle
superfici in contatto fra cuscinetto e spallamenti. Può
essere anche fornito con gola a spirale e nella versione
2TDIW (ved. 2.1.2).
TQITS
Composizione :
Un cono doppio e due coni singoli tutti con alesaggio
conico in sequenza, quattro coppe singole, tre distanziali
coppe, senza distanziali coni.
Applicazioni :
Laminatoi ad alta velocità, dove la velocità del nastro
supera i 600 ÷ 1000 m/min, in funzione dei carichi.
Abbiamo utilizzato con successo questi assemblaggi a 2150
m/min con lubrificazione a nebbia d’olio (notare che la
lubrificazione aria-olio dà gli stessi risultati).
Note :
Montato con accoppiamento forzato sul collo del cilindro l’alesaggio conico fornisce un accurato controllo
dell’interferenza - massima stabilità del cilindro per la
configurazione a montaggio indiretto - assemblaggio
preregistrato.
36
Il TQITS esiste anche in versione TQITSE con un cono allungato dal
lato cilindro. Questa estensione fornisce una superficie ideale per le
tenute della guarnitura e riduce ulteriormente il potenziale rischio di
danneggiamento delle tenute durante il montaggio sul collo del
cilindro. L’integrazione delle tenute permette al cuscinetto di essere
posizionato più vicino alla faccia del cilindro, questo a sua volta
aumenta la rigidezza del collo.
TQITSE
Precisione
Per applicazioni che richiedono tolleranze molto strette del
prodotto inferiori a 5 µm, possiamo fornire cuscinetti per cilindri di
appoggio con errori di rotazione controllati estremamente ridotti.
Esempi di prodotti lavorati in questi laminatoi sono : alluminio o
acciaio per lattine...
TDIK
Composizione :
Un cono doppio con sede per chiavette, due coppe
singole (possono essere considerati anche con un
sistema di molle nelle coppe).
Applicazioni :
Usati come unità assiale in aggiunta a cuscinetti per
cilindri di appoggio senza capacità di carico assiale
(per esempio cuscinetti a film d’olio).
Note :
37
Ved. sezione 2.1.3.
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.1.2. Posizione radiale per cilindri di lavoro
2TDIW
Composizione :
Applicazioni :
Note :
Due coni doppi, quattro coppe singole, tre, due o
nessun distanziale coppe.
Le stesse del cuscinetto TQOW.
Il 2TDIW è completamente intercambiabile con il
TQOW (stesse dimensioni esterne, stessa capacità). In
caso di carichi radiali ed assiali combinati, il 2TDIW
offre una migliore distribuzione del carico nelle due
coppe centrali singole rispetto alla coppa doppia
presente nel TQOW - minor numero di componenti
diversi in caso di manutenzione/revisione del
cuscinetto - assemblaggi preregistrati.
3TDIW
Composizione :
Tre coni doppi, sei coppe singole, cinque, tre o
nessun distanziale coppe.
Applicazioni :
Le stesse dei cuscinetti TQOW/2TDIW in presenza di
carichi elevati e sezioni critiche della guarnitura.
Note :
La riduzione del diametro esterno del cuscinetto è
compensata da un aumento della larghezza assemblaggi preregistrati.
38
TDI
Composizione :
Un cono doppio, due coppe singole, un distanziale
coppe.
Applicazioni :
Edgers e cilindri di lavoro per laminatoi duo (2HI)
con carichi bassi o medi. Riconversione da cuscinetti
a strisciamento od orientabili a rulli.
Note :
Può essere fornito come assemblaggio preregistrato coni e coppe sono normalmente montati liberi.
TDIT
Composizione :
Un cono doppio con alesaggio conico, due coppe
singole, un distanziale coppe.
Applicazioni :
Laminatoi per barre e tondino (dove le velocità sono
superiori a 600 m/min).
Note :
Assemblaggio preregistrato.
TNAT (S)
Composizione :
Due coni singoli con alesaggio conico in sequenza,
(simile all’assemblaggio TQITS), una coppa doppia o
due coppe singole + un distanziale coppe, nessun
distanziale coni.
Applicazioni :
Usati nei laminatoi per barre e tondino con guarniture
del tipo “pre-stressed”.
Note :
La posizione flottante si ottiene tra il diametro
esterno delle coppe e l’alesaggio della guarnitura assemblaggio preregistrato.
TDO
39
Composizione :
Due coni singoli, una coppa doppia, un distanziale
coni.
Applicazioni :
Laminatoi a sbalzo per profili e rulli verticali per
profili.
Note :
Per i carichi elevati, si utilizzano cuscinetti per
impiego pesante - coppa doppia montata forzata nei
rulli verticali rotanti - può essere fornito come
assemblaggio preregistrato.
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
Posizione radiale per cilindri di lavoro
Nei laminatoi dove i cilindri di lavoro vengono sostituiti
frequentemente, il concetto di cuscinetti con tenute può risultare
particolarmente utile da un punto di vista economico. In effetti, il
consumo di grasso con i cuscinetti con tenute viene fortemente
diminuito come pure vengono sostanzialmente ridotti i costi di
esercizio e di manutenzione. Da notare che i cuscinetti con tenute per
cilindri di lavoro possono anche essere utilizzati in combinazione con
sistemi di lubrificazione a aria-olio o a nebbia d’olio.
Cuscinetti con tenute per cilindri di
lavoro : SWRB
Composizione :
Stessa composizione del 2TDIW più una tenuta sull’alesaggio (montata
nell’alesaggio tra i 2 coni), una tenuta principale a ciascuna estremità,
tenute statiche nell’alesaggio della guarnitura.
Applicazioni :
Cilindri di lavoro con costi di grasso eccessivi o dove perdite di
lubrificante potrebbero essere dannose per la qualità del prodotto
(laminatoi skin pass).
Note :
Il cuscinetto con tenute per cilindri di lavoro è fornito come unità,
assemblato preregistrato, con o senza grasso - intervalli di reingrassaggio
da 600 a 1000 ore sono più indicati invece che ad ogni cambio cilindro
(tuttavia questi intervalli dipenderanno dalle condizioni di funzionamento
e di manutenzione di ciascun impianto e dovranno essere adattate di
conseguenza). Inoltre il concetto di tenuta nell’alesaggio facilita una
corretta lubrificazione delle facce dei coni.
Concetto di tenuta a cassetto
Utilizzati in laminatoi con bassi carichi e velocità dove la causa principale di
danneggiamento dei cuscinetti è dovuta all’entrata di contaminanti. Con questo concetto,
per permettere uno spazio adeguato ad una tenuta dal disegno più sofisticato è stata
ridotta la capacità di carico del cuscinetto. Questa tenuta comprende due labbri radiali
con l’aggiunta di un ulteriore labbro di tipo elastoidrodinamico (Fig. 3-34 a pag. 76).
Questo concetto EHD contribuisce a ritenere il grasso all’interno del cuscinetto. Lo spazio
disponibile tra i due labbri viene inizialmente riempito di grasso che fornisce una
protezione aggiuntiva contro la contaminazione. Tenute statiche di tipo “O-ring” sul
diametro esterno delle coppe estese limita la perdita di lubrificante e l’ingresso di
contaminanti attraverso l’alesaggio della guarnitura.
40
Concetto di tenuta compatta
Utilizzati in qualsiasi tipo di laminatoio, anche funzionante con elevati
carichi di bending e velocità relativamente alte (fino a 2000 m/min).
Questi cuscinetti dovrebbero in genere avere le stesse capacità di
carico dei cuscinetti a quattro file senza tenute della stessa serie.
Il concetto di due tenute in una comprende la tenuta statica sul
diametro esterno del cuscinetto e la funzione di tenuta dinamica che
include il nostro concetto di labbro idrodinamico per minimizzare le
perdite di grasso.
TQOWE - 2TDIWE
Le versioni TQOWE-2TDIWE sono fornite con coni allungati verso
l’esterno del cuscinetto in modo da alloggiare le tenute della
guarnitura.
Questa configurazione di cuscinetto permette di ottenere un sistema
di tenute “guarnitura-cuscinetto” completamente integrato e fornisce
una superficie di strisciamento ottimale per le tenute della guarnitura.
Essa riduce inoltre il rischio di danneggiamento delle tenute. In
aggiunta, tale configurazione permette di utilizzare completamente lo
spazio disponibile per una capacità di carico massima del cuscinetto.
41
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.1.3. Posizione assiale per cilindri di lavoro
In molti casi, quando si utilizzano cuscinetti a rulli conici sui colli di
cilindro, non è richiesta nessuna posizione assiale aggiuntiva. Tuttavia,
per sistemi di shifting assiale o di incrocio dei cilindri (roll crossing),
i carichi assiali possono essere talmente elevati da richiedere un
cuscinetto assiale aggiuntivo. Per queste applicazioni la Società
Timken presenta diverse soluzioni.
TDIK
Composizione :
Un cono doppio con cave per chiavetta, due coppe
singole (con o senza sistema di molle).
Applicazioni :
Usato come cuscinetto assiale, in aggiunta ad un
cuscinetto a quattro o sei file di rulli, in laminatoi
dove i carichi assiali sono elevati (per esempio con
sistemi di shifting assiale o incrocio dei cilindri), ved.
Fig. 1-9 a pag. 21.
Note :
Questi cuscinetti sono disegnati a forte conicità per
soppor tare i car ichi assiali in
entrambe le direzioni (basso fattore
K) - montati liberi nell’alloggiamento
con 1 o 2 mm di gioco radiale per
evitare qualsiasi tipo di carico radiale.
Anche i coni sono montati liberi.
La Società Timken ha sviluppato una
versione con un sistema di molle
nelle coppe, per assicurarsi che la
coppa non caricata sia sempre in
contatto con i rulli, prevenendo così
qualsiasi intraversamento dei rulli. In
tale posizione questo è molto importante e lo è ancor
più con cuscinetti a forte conicità. Qualche volta si
utilizza una unità assemblata preregistrata con
distanziale, ma in questo caso non è necessariamente
assicurato il corretto appoggio della fila non caricata.
42
TTDWK
Composizione :
Un anello di spinta centrale con doppia pista conica,
due anelli di spinta esterni piani.
Applicazioni :
Cuscinetti reggispinta a doppia azione utilizzati in
applicazioni a velocità media e quando i carichi assiali
sono considerevoli come per i laminatoi a profili e
perforatori.
Note :
Montati liberi sul collo e nell’alloggiamento - piste
esterne piane - chiavetta nell’anello centrale - la pista
non caricata può essere mantenuta in contatto con
molle.
TTHD
Composizione :
43
Due anelli di spinta con piste coniche.
Applicazioni :
Cuscinetti reggispinta di laminatoi perforatori,
posizione assiale nei laminatoi Sendzimir.
Note :
Usati solo quando i carichi assiali sono unidirezionali medie capacità di velocità quando forniti con gabbia il disegno senza gabbia è disponibile per alti carichi e
basse velocità.
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.1.4. Sistemi per viti di pressione
Sistemi di viti di pressione sono utilizzati per regolare lo spessore del
prodotto laminato. I cuscinetti per tali sistemi sono fondamentalmente
statici e devono essere in grado di sopportare gli elevati carichi di
laminazione. Perciò, la Società Timken ha sviluppato un’ampia gamma
di questi cuscinetti reggispinta per servizio pesante.
TTHDSV
e
TTHDSX
TTHDSX
Composizione :
Applicazioni :
Una pista inferiore ed un pista superiore fornite con
un profilo speciale (concavo o convesso) per
interfacciare la fine della vite o l’adattatore tra la vite
la pista superiore del cuscinetto.
Cuscinetti reggispinta per viti di pressione.
Note :
Configurazione senza gabbia per la massima capacità disegno concavo per il TTHDSV e disegno convesso
per il TTHDSX. Da notare che l’anello inferiore può
essere fornito anche con la pista piana (TTHDFL).
Alternativa :
Si può anche usare un cuscinetto TTHD standard
montato su un adattatore concavo o convesso per
interfacciare la fine della vite.
44
2.1.5. Laminatoi Sendzimir
TNASWH
Composizione :
Due coni singoli, una coppa doppia a sezione pesante
e due schermi per ritenere il lubrificante.
Applicazioni :
Laminatoi Sendzimir con viscosità dell’olio di base di
460 cSt a 40 °C o superiore.
Note :
Assemblaggio preregistrato - coppa con sezione
pesante per essere usata direttamente sul cilindro di
appoggio - montati liberi sull’albero stazionario questi cuscinetti sono forniti in classe di precisione
con una variazione massima della sezione dell’anello
esterno di 5 µm per ottenere le tolleranze strette
richieste sul prodotto finale - possibilità di rettificare
diverse volte l’anello esterno - i valori delle sezioni
del cuscinetto sono classificati entro un campo di 2,5
µm in modo da ottenere una buona ripartizione del
carico tra i cuscinetti montati sullo stesso albero.
Z-SPEXX
(cuscinetto a rulli cilindrici
per laminatoi Sendzimir)
Un anello interno cilindrico singolo, un anello esterno
a forte sezione e due o tre set di rulli cilindrici e
dispositivi di ritegno dei rulli.
Applicazioni : Laminatoi Sendzimir con bassa viscosità dell’olio di
base fino a 10/15 cSt a 40 °C.
Note : Gioco radiale controllato - acciaio da cementazione di
alta qualità - geometria interna personalizzata - finitura
valorizzata sulle superfici di rotolamento - forniti in
classe di precisione con una variazione massima della
sezione dell’anello esterno di 5 µm - possibilità di
rettificare più volte l’anello esterno.
Composizione :
La più recente tecnologia dei cuscinetti offre ora agli utilizzatori di
laminatoi Sendzimir una grande riduzione nei loro costi per
tonnellata di prodotto laminato (precisione migliorata - alte
velocità - possibilità di rettificare l’anello esterno più volte).
45
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.2. Riduttori di laminatoi, gabbie pignone, aspi
avvolgitori e aspi svolgitori
In queste applicazioni la maggior parte dei carichi sono radiali ed
assiali combinati. Il cuscinetto assemblato a due file di rulli conici è
perciò la soluzione più indicata.
2.2.1. Montaggio indiretto a due file
TDO
Composizione :
Note :
Due coni singoli, una coppa
doppia ed un distanziale coni.
Assemblaggio preregistrato - i coni
sono montati forzati sull’albero rotante - il gioco
radiale interno è adattato di conseguenza - il grande
centro di spinta effettivo aumenta la stabilità
dell’albero - la coppa doppia è montata libera
nell’alloggiamento per entrambe le posizioni fissa e
flottante - fori e gola circolare sono normalmente
previsti sulla coppa doppia per motivi di
lubrificazione - abitualmente si prevede anche un foro
cieco ; questo permette l’utilizzo di un perno di
arresto per evitare la rotazione della coppa montata
libera nella posizione flottante (tale coppa è indicata
con il riferimento “CD”).
2.2.2. Montaggio diretto a due file
TDI
Composizione :
Note :
Un cono doppio, due
coppe singole, un distanziale coppe.
Assemblaggi TDI sono normalmente usati nelle
posizioni fisse - confrontato ad un TDO della stessa
serie, il TDI ha una larghezza inferiore e può quindi
essere utilizzato in spazi ridotti - generalmente fornito
preregistrato - quando si utilizza in applicazioni con
alloggiamento rotante, la posizione flottante si ottiene
tra il cono e l’albero stazionario.
46
2.3. Equipaggiamento ausiliario
Per offrire ai costruttori ed utilizzatori di laminatoi una soluzione
globale, la Società Timken fornisce non solo i cuscinetti per le gabbie
di laminazione o gli equipaggiamenti direttamente collegati a queste
ma anche i cuscinetti per tutti gli equipaggiamenti ausiliari necessari
in un impianto di laminazione.
In aggiunta ai tipi di cuscinetti riportati di seguito, si può far
riferimento anche al nostro “Manuale Tecnico” o per maggiori
informazioni all’Ingegnere di Vendita della Timken.
2.3.1. Cuscinetti TS
Per applicazioni di carattere generale, l’abbinamento di due cuscinetti
a singola fila di rulli è una buona soluzione per sopportare carichi di
tipo combinato. La gamma di prodotti offerti dalla Società Timken Vi
permetterà di trovare la soluzione più efficiente dal punto di vista
economico per la Vostra applicazione partendo da cuscinetti con
alesaggio da 10 mm fino a 1500 mm ed oltre.
TS
Composizione :
47
Un cono singolo e una coppa singola.
Applicazioni :
Equipaggiamenti diversi come cesoie, rulli di guida,
taglierine per materiale di scarto, piccoli riduttori,...
Note :
Il tipo TS è il cuscinetto a rulli conici più comune
che permette al progettista un’ampia scelta di
montaggi - il cuscinetto TS è sempre montato in
coppia, sia in montaggio diretto che indiretto (Fig. 1-3
e 1-4).
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
2.3.2. Assemblaggi TS a due file
Come già indicato, gli assemblaggi preregistrati TDI e TDO possono
essere utilizzati in molte applicazioni.
La Società Timken fornisce anche assemblaggi TS preregistrati a due
file. Questi assemblaggi esistono in configurazione a montaggio
indiretto (2TS-IM) ed a montaggio diretto (2TS-DM) e possono essere
forniti con la larghezza totale richiesta adattando opportunamente i
distanziali. Ciò accresce ulteriormente la flessibilità di progettazione.
2.3.3. Cuscinetti con anello esterno a forte sezione
TNASWH e
TNASWHF
In equipaggiamenti ausiliari di laminatoi, per
esempio sui cilindri di appoggio di spianatrici,
l’assemblaggio TNASWH può essere utilizzato
come rullo di supporto. Il TNASWHF è simile
al tipo TNASWH, con in più una flangia
prevista sulla coppa. Esso è utilizzato spesso
come ruota nei carri ponte, nei dispositivi di
smontaggio dei cilindri...
TNASWHF
2.3.4. Assemblaggi TDIV a due file “self-contained”
TDIV
Composizione :
Applicazioni :
Note :
Un cono doppio, due coppe
singole, un distanziale coppe
in due metà, un fermo per
il distanziale, due tenute
possono essere aggiunte per
ritenere il lubrificante.
Colate continue con alti carichi e basse velocità...
Configurazione a montaggio indiretto (simile al TDO)
- senza gabbia per la massima capacità - assemblaggio
preregistrato e “self-contained” - velocità medio basse.
48
2.3.5. Cuscinetti AP
Per semplificare il lavoro del
progettista, la Società Timken offre
anche un cuscinetto assemblato
“pronto all’uso” basato su un TDO.
AP BEARING
AP (All Purpose)
Composizione :
Applicazioni :
Note :
Due coni singoli, una coppa doppia allungata con
centraggi, un distanziale coni, un anello di
spallamento, due tenute radiali a labbro più anelli
d’usura e coperchio con sfiato o tappo, viti e piastra
di bloccaggio.
Tavole a rulli, ruote di carri ponte, pulegge...
Il cuscinetto AP è fornito come una cartuccia
preregistrata, prelubrificata e con tenute - questo
cuscinetto è disponibile in una vasta gamma di
combinazioni diverse. Per maggiori informazioni si
suggerisce di consultare il “Manuale Tecnico” Timken
e la pubblicazione “Cuscinetti AP per applicazioni
industriali”.
NOTA : la maggior parte dei nostri cuscinetti sono forniti con
fori per adattarsi al vostro sistema di lubrificazione.
49
2. I tipi di cuscinetti più diffusi
nell’industria siderurgica
Pagina
53
3.1. Configurazione ed aspetti dimensionali
dei cuscinetti per cilindri
3.1.1. Cilindri di appoggio
3.1.1.1. Come ottenere le massime prestazioni nello
spazio disponibile
3.1.1.2. Disegno del collo in applicazioni fortemente
caricate
Raggio di raccordo a profilo composto
3.1.1.3. Coni montati liberi
Configurazione a montaggio diretto
Limiti di velocità
Lubrificazione dei colli dei cilindri
3.1.1.4. Coni montati forzati
Configurazione a montaggio indiretto
Errore di rotazione del cuscinetto (Grado di precisione
dei cuscinetti per cilindri)
3.1.2. Cilindri di lavoro
3.1.2.1. Procedura di bending per cilindri di lavoro
3.1.2.2. Posizione radiale
Cuscinetti per cilindri di lavoro con tenute
Il Sistema “Guarnitura-cuscinetto” con tenute
3.1.2.3. Sistemi di shifting assiale del cilindro ed altro
3.1.2.4. Lubrificazione dei cuscinetti
3.1.2.5. Lubrificazione dei colli dei cilindri
3.1.3. Parti correlate al cuscinetto
3.1.3.1. Configurazioni del distanziale lato tavola
3.1.3.2. Dispositivi di bloccaggio anelli interni
88
3.2. Durata del cuscinetto
3.2.1. Basi di calcolo
3.2.1.1. Durata L10
3.2.1.2. Formule della durata del cuscinetto
3.2.2. Capacità di carico dei cuscinetti
3.2.2.1. Capacità di carico dinamica ISO Cr
3.2.2.2. Capacità di carico dinamica Timken C90
3.2.3. Calcolo della durata L10
3.2.3.1.
3.2.3.2.
3.2.3.3.
3.2.3.4.
3.2.3.5.
Cuscinetti a singola fila di rulli
Cuscinetti a due file
Cuscinetti a quattro ed a sei file
Calcolo della durata con ciclo di carico
Equipaggiamenti a bassa velocità
3.2.4. Influenza della registrazione
3.2.4.1. Influenza degli accoppiamenti
3.2.4.2. Influenza della temperatura
3.2.5. Influenza della lubrificazione
3.2.6. Influenza del fattore del materiale
108
3.3. Analisi agli elementi finiti
3. Selezione del cuscinetto
3.1. Configurazione ed aspetti dimensionali dei
cuscinetti per cilindri
Un cuscinetto per cilindri, all’inizio, non viene selezionato per la sua
capacità sulla base di date condizioni di carico e velocità come
avviene abitualmente per la maggior parte delle applicazioni di
cuscinetti.
Invece, i parametri principali di selezione da considerare, quando si
cerca un cuscinetto che soddisfi le esigenze del vostro cilindro, sono :
● tipo e servizio del laminatoio (nastro laminato a caldo, a freddo,
profili, ecc...),
● dimensione
del corpo cilindro (diametro massimo e minimo,
larghezza),
● materiale del corpo cilindro (sollecitazioni ammesse ➩ diametro
minimo e lunghezza del collo,
● distanza delle viti di pressione (eventualmente).
min
min
B
N
max
B
X
A
L
N
min = minimo diametro del collo
B
min = minimo diametro della tavola
B
max = massimo diametro della tavola
A = lunghezza del collo
L = lunghezza della tavola
X = distanza delle viti di pressione
Fig. 3-1
Parametri critici
di selezione del
cuscinetto
Le considerazioni precedenti definiranno lo spazio minimo rimasto per
la guarnitura ed il cuscinetto.
Alla fine, in questo spazio è importante bilanciare la dimensione
radiale del cuscinetto con la sezione minima richiesta della guarnitura.
Fig. 3-2
Cuscinetto a
sezione leggera
tipo LM
Fig. 3-3
Cuscinetto a sezione
pesante tipo M o HM
3. Selezione del cuscinetto
53
Dopo aver rivisto le restrizioni delle dimensioni, si
dovrà effettuare una valutazione della durata del
cuscinetto in funzione del ciclo di laminazione per
ciascuna delle gabbie per assicurare le prestazioni
appropriate dell’applicazione. Questo processo
interattivo, per ottenere il miglior bilanciamento tra
tutti i componenti del laminatoio (cilindro,
guarnitura, cuscinetti), può solo
essere sviluppato attraverso una
stretta collaborazione con il
costruttore del laminatoio.
- In molti casi, il massimo carico
di laminazione dichiarato non
sarà eccessivo per il diametro
definito del cilindro, permettendo così un aumento di carico
nel caso l’operatore successivamente intenda laminare un
acciaio di più alta qualità.
- Le dimensioni dei nostri
cuscinetti per cilindri, con
alesaggi che vanno da 50 mm a
circa 1500 mm (da 2 a circa 60
pollici), sono stati definiti in
modo da trovare il miglior compromesso possibile
tra i due parametri in conflitto “diametro del collo
e diametro della tavola” per poter offrire allo
stesso tempo :
●
●
le dimensioni esterne più piccole possibili della
guarnitura per permettere così un tasso di usura
soddisfacente del cilindro,
il diametro del collo più grande possibile per
sopportare i carichi di laminazione e di bending
odierni ed inoltre essere capace di fronteggiare la
possibilità di un ulteriore aumento di carico in
futuro.
54
3.1.1. Cilindri di appoggio (laminatoi 2HI, 4HI e 6HI)
3.1.1.1. Come ottenere le massime prestazioni nello spazio
disponibile
La nostra gamma di cuscinetti tipici serie pesante per cilindri di
appoggio è stata disegnata per soddisfare le richieste indicate
precedentemente. Questi cuscinetti normalmente permettono in
media un rapporto collo-tavola del 60 % (dal 58 % al 62 %) e un tasso
di usura di circa il 10 % (da 8 % a 12 %) a condizione che la
dimensione “C” della sezione della guarnitura sia soddisfatta come
mostrato nella seguente Fig. 3-4.
Per laminatoi caricati in modo particolarmente sostenuto, la Timken
può effettuare un’analisi agli elementi finiti -FEA- per meglio valutare
le sezioni minime della guarnitura (nel piano verticale come pure
in quello orizzontale, anche se la sezione “C” rimane la più critica,
Fig. 3-4).
C
B
Per maggiori dettagli sul FEA, si
può far riferimento al capitolo
3-3.
Nota : l’analisi FEA viene fatta più
comunemente su guarniture molto caricate
dei cilindri di lavoro.
B
A
D
A min. = 0,2 x D
B min. = 0,1 x D
C min. = 0,038 x D
Fig. 3-4
Sezioni critiche
della guarnitura
di cilindri di
appoggio
I valori medi del rapporto collo-tavola del 60 % e del 10 % per il tasso
di usura sono ottenibili per il fatto che la nostra gamma di cuscinetti
pesanti per cilindri di appoggio è disegnata con una conicità
relativamente bassa e sezioni sottili dei coni e delle coppe (Fig. 3-5).
Sezione minima
Sezione minima
Nota : Per K = 1,76
Queste sezioni sottili sono
possibili grazie all’elevata
qualità del nostro acciaio, ai
nostri processi di trattamento
termico e alla nostra lunga
esperienza con l’acciaio da
cementazione.
= 12,5o
Fig. 3-5
3. Selezione del cuscinetto
55
Questi cuscinetti della serie pesante possono facilmente essere
riconosciuti poiché la loro larghezza è sempre leggermente superiore
(dal 2 al 8 %) al loro alesaggio (Fig. 3-6).
T
d
T > d ??? 2 ??? 8 %
Fig. 3-6
Essi offrono una ottima capacità di carico radiale grazie alla loro bassa
conicità, danno ancora una sufficiente capacità di carico assiale tale da
evitare la necessità di un cuscinetto assiale separato. La riduzione nel
numero di cuscinetti richiesto sul cilindro di appoggio porta anche ad
un più compatto disegno della guarnitura.
Il cuscinetto a rulli conici ha una capacità di carico radiale che si
avvicina a quella di un cuscinetto a rulli cilindrici avente le stesse
dimensioni. Comunque, non si deve dimenticare che questa
“differenza fisica” può essere facilmente compensata dalle seguenti
caratteristiche :
●
●
Gioco radiale ridotto del cuscinetto : i cuscinetti a rulli
conici sono registrati assialmente con distanziali entro strette
tolleranze ed offrono perciò un gioco radiale equivalente del
cuscinetto che è circa 4,5 volte inferiore al gioco assiale (non
ottenibile con altri tipi di cuscinetti). Questo porta ad una
maggiore zona di carico ed a un miglior controllo della
distribuzione del carico nelle quattro file di rulli del cuscinetto,
per cui ne consegue una maggior durata del cuscinetto stesso,
L’acciaio di produzione Timken aumenta il fattore del
materiale (critico nelle formule della capacità di carico).
56
I cuscinetti a rulli conici sono perciò
anche la miglior scelta per laminatoi ad
alta velocità, poiché il gioco radiale
richiesto può essere ottenuto con
maggior precisione. La nostra esperienza
con velocità del nastro fino a 2100
m/min, ha dimostrato buoni risultati
particolarmente con sistemi di lubrificazione che richiedono l’invio di una piccola quantità di olio ai
cuscinetti come il sistema a nebbia d’olio o aria-olio (ved. anche
sezione 4.1.3.).
In laminatoi per filo e per barre, la tendenza per prodotti con
tolleranze ridotte richiede anche cuscinetti per cilindri con gioco
radiale ridotto, poiché il rullo superiore cambia zona di carico quando
la barra entra nella gola del cilindro (Fig. 3-7).
Gioco radiale
Zona di carico nella parte superiore
Zona di carico
nella
parte inferiore
Solo peso del cilindro
Gioco radiale
Carico di laminazione
a)
condizione non caricata
(cilindro superiore)
b)
condizione caricata
(cilindro superiore)
Fig. 3-7
Esempio : per un cuscinetto con un fattore K = 1,76 ed un gioco
assiale montato di 0,100 mm, il gioco radiale corrispondente sarà solo
~ 0,022 mm ± 0,007.
Quanto sopra descrive la maggior parte dei laminatoi ; comunque è
bene ricordare che alcuni laminatoi avranno la necessità di un
cuscinetto assiale separato. Per esempio : laminatoi duo (2HI) per
profili, laminatoi per tubi (laminatoi perforatori ed allungatori), ecc...
Questa capacità assiale aggiuntiva è richiesta per elevati carichi assiali
e quando è necessario un dispositivo per la regolazione del passo.
3. Selezione del cuscinetto
57
3.1.1.2. Disegno del collo in applicazioni fortemente caricate
Per cilindri di appoggio estremamente caricati, che spesso funzionano
a basse velocità, le dimensioni dei cuscinetti per servizio pesante
convenzionali (rappresentate dal cuscinetto A) non sono più adatte. In
questi casi, è richiesto un diametro del collo più grande per
fronteggiare le maggiori sollecitazioni di flessione (Fig. 3-8), in
funzione anche del materiale del cilindro.
Linea di mezzeria del cuscinetto A
Linea di mezzeria del cuscinetto B
Cuscinetto A
Cuscinetto B
D
d1
d alesaggio del cuscinetto pesante
d1 alesaggio del cuscinetto leggero
d
d
D
∼ 60 %
−
d1
D
∼ 68 %
−
Fig. 3-8
I cuscinetti a sezione leggera (rappresentati dal
cuscinetto B) sono perciò proposti generalmente
con lo stesso diametro esterno dei cuscinetti della
serie pesante, in modo da garantire un tasso di
usura del cilindro ben definito. Questi cuscinetti
più leggeri offrono un rapporto collo-tavola
∼ 68 %) ed una più piccola
aumentato (d/D −
distanza tra l’asse della vite di pressione e la
faccia della tavola (sbalzo ridotto).
58
La diminuzione della capacità del cuscinetto può essere compensata
dall’aggiunta di uno od entrambi i seguenti attributi del prodotto :
●
acciaio rifuso sotto vuoto od altri tipi di acciai pregiati (CEVM,
ESR,...), che possono aumentare la durata a fatica del cuscinetto da 3
a 4 volte rispetto agli acciai standard (Fig. 3-9),
Linea del tempo
Durata (milioni di cicli)
1000
100
Acciaio rifuso ad arco sottovuoto (VAR)
Acciaio standard (inizialmente MPP)
10
0.0001
0.001
0.01
0.1
Dimensioni delle inclusioni
Fig. 3-9
●
migliorata geometria interna del cuscinetto che potrà ridurre le
sollecitazioni di contatto nella zona terminale del contatto rulli-piste
e perciò evitare scagliature premature (Fig. 3-10).
Distribuzione della sollecitazione
con geometria standard
Livello di
sollecitazione
Distribuzione della sollecitazione
con geometria interna migliorata
Limite
accettabile
Larghezza della pista
Fig. 3-10
Distribuzione della
sollecitazione lungo la pista
Queste ed altre caratteristiche per migliorare la durata possono essere
incorporate nel vostro cuscinetto Timken contattando l’ingegnere
della Timken della vostra zona.
3. Selezione del cuscinetto
59
RAGGIO DI RACCORDO A PROFILO COMPOSTO
L’utilizzo di un raccordo del collo cilindro con un singolo raggio
convenzionale ha i suoi limiti poiché non è in grado di offrire il
miglior disegno del raccordo sia dal punto di vista della sollecitazione
che dell’ingombro.
Raccordi ellittici offrono le migliori caratteristiche, ma sono difficili da
realizzare. Raccordi composti a doppio raggio rappresentano una
soluzione pratica dal punto di vista della rettifica del cilindro ed
offrono un disegno che è abbastanza simile al profilo di un vero
raccordo ellittico.
La Fig. 3-11 mostra lo sviluppo di questo raggio di raccordo composto
partendo da due dimensioni predeterminate di altezza e lunghezza del
raccordo : “ra” ed “rb” rispettivamente.
Diametro esterno
del collo
Asse della vite di pressione
Asse del
collo
cilindro CL
ra
Diametro
della tavola
Ra
rb
O
rd
C
rc
Ol
Fig. 3-11
Raggio di raccordo a
profilo composto
Le formule usate per calcolare il raggio maggiore e minore negli
esempi pratici sono riportate di seguito.
rd =
(
4rb − ra
3
)
r c = ra +
(ra − rb) 2
2 (rb − rd)
dove :
ra = lunghezza del raccordo
(ra è meno di 2,5 volte rb per motivi pratici)
rb = altezza del raccordo
rc = raggio maggiore
rd = raggio minore
60
Diametro esterno
del collo
Asse della vite di pressione
Asse del collo
cilindro CL
Diametro
della
tavola
L
Ra
Curva a
sollecitazione
costante
DE
Ra/3
F
90o
rc
Fig. 3-12
Curva a
sollecitazione
costante
La Fig. 3-12 mostra il
diametro di riferimento,
DE, e la lunghezza di
riferimento, L, utilizzati
per il calcolo della
sollecitazione di flessione.
S u l l a s t e s s a f i g u ra è
tracciata una cur va a
sollecitazione costante
che è tangente al raggio
maggiore del raccordo. Il
diametro equivalente del
collo e la sua lunghezza di
lavoro effettiva possono
esserevdeter minati in
modo più conveniente
con una soluzione grafica.
Tra gli altri disegni di raccordo normalmente utilizzati, la Fig. 3-13
mostra una configurazione dove la dimensione del collo è
relativamente piccola (rapporto collo-tavola dal 40 al 50 %) in modo da
ottenere un alto tasso di usura del cilindro. In questo caso, il diametro
del collo nell’area del raccordo deve essere aumentato in modo da
mantenere il valore di sollecitazione a flessione entro un valore
accettabile.
Fig. 3-13
Abitualmente si considerano due tipi di montaggio dei cuscinetti sui
colli del cilindro in funzione della velocità e del carico del laminatoio.
Assemblaggi TQOW/2TDIW/TDIW, dove i coni sono montati liberi,
sono indicati per velocità fino da 600 a 1000 m/min in funzione del
carico. Diversamente, si richiedono assemblaggi TQITS/TDIT, TNAT
con i coni montati forzati. In più, con i coni montati forzati,
indipendentemente dalla velocità, si può ottenere una maggiore
precisione del prodotto.
3. Selezione del cuscinetto
61
3.1.1.3. Coni montati liberi
CONFIGURAZIONE A MONTAGGIO DIRETTO
Il tipo di cuscinetto più comune per i cilindri è disegnato attorno al
concetto di montaggio diretto (DM), sia nella configurazione a due file
(TDI) che a quattro file di rulli (TQOW/2TDIW) (Fig. 3-14).
2 file
4 file
Fig. 3-14
Montaggio diretto
I coni sono montati liberi con valori che vanno da un minimo di 0,050
mm ad un massimo di 0,600 mm in funzione della dimensione
dell’alesaggio. Per le tolleranze di accoppiamento suggerite vedere il
capitolo 6.
Il beneficio principale dell’accoppiamento libero
sta nel montaggio e smontaggio rapido della
guarnitura completa come insieme dal collo del
cilindro durante il cambio del cilindro.
Poiché fra il diametro interno del cono ed il
cilindro si può verificare un leggero strisciamento, questo gioco addizionale permetterà la
presenza di lubrificante utile a prevenire fenomeni di grippaggio.
Fig. 3-15
Cilindri di lavoro con
cuscinetti montati liberi
62
La configurazione del cuscinetto a “montaggio diretto”,
mostrata in Fig. 3-16, richiede che le coppe siano bloccate
assialmente per sopportare il carico assiale indotto
all’interno del cuscinetto dal carico radiale FR e per
mantenere la registrazione stabilita tramite il distanziale
delle coppe.
Carico assiale
indotto
Carico assiale
indotto
Fr
Fig. 3-16
Questa configurazione a “Montaggio diretto” non richiede
il bloccaggio dei coni, poiché è necessario permettere ai
coni di strisciare liberamente sul collo. Si suggerisce un
piccolo gioco assiale da circa 0,5 a 1,0 mm tra la faccia del
cono ed il dispositivo di bloccaggio del cono.
Questa libertà assiale dei coni permette che la dilatazione
termica del cilindro venga assorbita tra il cuscinetto e lo
spallamento del collo. Naturalmente, si suggerisce un
minimo di lubrificazione dei colli e dell’alesaggio dei coni.
LIMITI DI VELOCITÀ
Assemblaggi TDI e TQOW con accoppiamenti liberi sono
stati selezionati ed applicati, per molte decine di anni, sui
colli dei cilindri di tutti i laminatoi funzionanti a basse e
medie velocità con risultati molto soddisfacenti. La
maggior parte di questi laminatoi, in funzione dei carichi
applicati e delle condizioni ambientali, stanno funzionando
a velocità che raggiungono gli 800 m/min. Abbiamo anche
avuto esperienze con laminatoi funzionanti a velocità di
1000 m/min.
Grippaggi ed usura rimangono generalmente nei limiti
accettabili durante la vita dei cilindri, a loro volta
governati dai tassi di usura del cilindro. L’usura del collo
ed altri tipi di danneggiamento superficiale dipendono
anche dalla durezza superficiale del collo cilindro (valore
suggerito : 33 HRC) e dall’efficienza della lubrificazione
adottata tra il collo e l’alesaggio del cuscinetto.
3. Selezione del cuscinetto
63
LUBRIFICAZIONE DEI COLLI DEI CILINDRI
I cilindri di appoggio dei laminatoi a caldo spesso
rimangono nel laminatoio per lunghi periodi di tempo
(diversi mesi nelle gabbie sbozzatrici), perciò, spesso si
prevedono dei fori per permettere una più agevole
lubrificazione dei colli (Fig. 3-17).
Fig. 3-17
Rilubrificazione del collo attraverso i fori eseguiti sullo stesso
La frequenza e la quantità
del lubrificante dipenderà
dall’efficienza delle tenute
del sistema.
Una gamma di nuovi lubrificanti (grassi, paste, spray,
ecc...) ha ulteriormente migliorato la resistenza all’usura
dei colli.
Con sistemi a nebbia d’olio od aria-olio, il lubrificante può
essere introdotto sul collo durante il funzionamento
attraverso intagli sulle facce e fori nei bordini degli anelli
interni. Questo sarà di aiuto alla lubrificazione iniziale
eseguita al montaggio.
64
Gole a spirale ricavate nell’alesaggio dei
coni possono aiutare a mantenere il
lubrificante tra il collo e l’anello interno
(Fig. 3-18).
Le configurazioni delle tenute che
prevedono un bordino esteso del cono
permettono l’aggiunta di una entrata
separata del lubrificante tra il distanziale
lato tavola e la faccia del cono come
mostrato in Fig. 3-19. Questo disegno può
essere utilizzato al posto dei fori eseguiti
nel collo.
Fig. 3-18
Gole a spirale
nell’alesaggio
dei coni
Nei laminatoi per nastri a freddo, dove le
condizioni ambientali sono meno severe
che nei laminatoi a caldo, i colli dei cilindri
di appoggio sperimentano un attrito molto
limitato anche ad alte velocità (per esempio i laminatoi temper con
velocità del prodotto fino a 1000 m/min).
Laminatoi per alluminio, che hanno lavorato per anni, hanno
evidenziato una usura insignificante del collo. Ne risulta la possibilità
da parte dell’operatore di rettificare la tavola del cilindro senza
bisogno di rettificare il collo che spesso supporta il cilindro durante
l’operazione di rettifica.
Entrata separata del lubrificante
Accoppiamento
forzato
Bordino esteso del cono
Fig. 3-19
Lubrificazione del collo e dello spallamento attraverso intagli sulla faccia del cono
3. Selezione del cuscinetto
65
3.1.1.4. Coni montati forzati
Anelli interni montati liberi sui colli dei cilindri non sono più
proponibili per velocità di rotazione superiori a 1000 m/min
combinate con elevati carichi di laminazione. Per esempio, nei
laminatoi di riduzione a freddo.
Perciò, la soluzione è di utilizzare un cuscinetto ad alesaggio conico, a
due o quattro file di rulli, che può essere facilmente montato forzato e
smontato dai colli dei cilindri.
Il cuscinetto tipo TQITS (o il suo equivalente a due file TNATS) con
l’alesaggio conico è senza dubbio la soluzione più indicata. Cuscinetti
speciali di questo tipo (Fig. 3-20a) hanno funzionato a velocità di
laminazione di circa 2150 m/min.
Lato
comando
Lato
operatore
Fig. 3-20a
Questo assemblaggio, quando montato nella sua guarnitura, è
generalmente forzato sul collo conico con un martinetto idraulico o
una chiave idraulica (Fig. 3-20b). Esso può essere rimosso
semplicemente iniettando dell’olio sotto il cono attraverso dei fori e
delle gole circolari ricavate nel collo del cilindro.
66
Martinetto idraulico ad anello
E
Chiave idraulica
Fig. 3-20b
Un montaggio TQITS
con un martinetto
idraulico o una chiave
idraulica
La pressione richiesta per posizionare questi cuscinetti può
raggiungere i 400 bar ed è determinata dalla dimensione del pistone
del martinetto, normalmente specificata in funzione del cuscinetto
selezionato.
Questa stessa pressione è anche sufficiente a rimuovere,
individualmente, ciascuno dei 3 coni che costituiscono il cuscinetto
(la pressione più elevata è richiesta dal cono doppio centrale).
La conicità di 1/12 scelta per l’alesaggio dei coni e
per il collo del cilindro garantisce un adeguato
incastro e permette allo stesso tempo una facile
rimozione. Noi consigliamo di utilizzare una forte
interferenza che permetta l’ottenimento della
pressione di contatto richiesta tra collo e alesaggio
del cono interno (il cono di riferimento sarà il
cono interno con la sezione più piccola).
Si può anche utilizzare un livello decrescente di
interferenza per ciascuno dei 3 coni così che non
si superi il livello di pressione di contatto definita sul cono interno. Si
potrà quindi ridurre la forza di spinta e le dimensioni del martinetto
idraulico richiesto. Tale riduzione permette anche un disegno con
ridotta estensione del collo e dell’anello a collare mantenendo
contemporaneamente le sollecitazioni entro limiti accettabili quando si
applica la forza di spinta (“E” nella Fig. 3-20b).
3. Selezione del cuscinetto
67
CONFIGURAZIONE A MONTAGGIO INDIRETTO
Si seleziona la configurazione a montaggio indiretto “IM”
(Fig. 3-21), versione a due file (tipo TNAT) o a quattro file
(tipo TQIT) poiché
si preferiscono i
coni montati forzati.
2 file
4 file
Fig. 3-21
Montaggio indiretto
Con questa configurazione a montaggio indiretto il gioco
finale si ottiene dopo il montaggio. In questo caso i coni
sono bloccati assialmente in modo da supportare il carico
assiale indotto nel cuscinetto. Non
è quindi necessario bloccare le
Fai
coppe, eccetto per il posizionamento assiale del cilindro (Fig. 3-22).
Fai
Fai
Fai
Fr
Fig. 3-22
Carichi assiali indotti Fai
Alcuni dei vantaggi offerti dal cuscinetto tipo TQIT sono i
seguenti :
● maggiore
rigidezza del collo cilindro dovuta alla
maggiore distanza dei centri di spinta effettivi ; ne
consegue una stabilità aggiuntiva che mantiene un
migliore contatto tra i rulli e le piste con conseguente
migliore distribuzione del carico nelle file di rulli,
● le coppe possono essere montate non bloccate in una
delle due guarniture potendo quindi muoversi
nell’alloggiamento “lubrificato” della guarnitura. Ne
consegue un minor carico dovuto al momento di
ribaltamento generato dalla guarnitura quando questa si
muove assialmente nella spalla del laminatoio per la
dilatazione del cilindro,
● il concetto della configurazione con alesaggio conico del
cuscinetto, come i rulli conici nel cuscinetto stesso
(buona distribuzione del carico, controllo della zona di
68
carico, ecc...), permette di ottenere l’interferenza di
accoppiamento nominale richiesta in un ristretto campo
di tolleranza (per esempio solo il 3 % dell’accoppiamento richiesto per grandi cuscinetti) (Fig. 3-23).
Questo significa che il gioco interno del cuscinetto
montato è ottenuto con lo stesso ristretto campo di
tolleranza dell’interferenza di accoppiamento che
controlla l’espansione degli anelli interni,
Questo gioco interno molto preciso è anche essenziale
per laminatoi ad alta velocità, con sistemi di
lubrificazione che forniscono solo piccole quantità di
olio al cuscinetto come i sistemi a nebbia d’olio od ariaolio. Questo, in realtà, aiuterà a controllare meglio la
temperatura di funzionamento.
X
Y
X = tolleranza di posizionamento = tolleranza sulla lunghezza del distanziale lato tavola
+ tolleranza dell’alesaggio (espressa assialmente)
X
Y = ____ = tolleranza sull’espansione radiale
12
Esempio : per un TQITS di circa 850 mm di alesaggio l’interferenza di accoppiamento richiesta
+ 0.051 + 0.051
è di circa 0,65 mm e Y = ________________ = + 0.008 mm
12
Fig. 3-23
Stretto controllo
dell’interferenza
di
accoppiamento
●
●
in applicazioni particolarmente caricate, si può verificare
una crescita dell’alesaggio del cono interno dopo diversi
anni di ser vizio. La corrispondente perdita di
interferenza potrà facilmente essere recuperata
ricondizionando il vostro cuscinetto (rettifica delle facce
dell’anello interno). Da notare che la stessa perdita di
interferenza non potrà essere recuperata con cuscinetti
ad alesaggio cilindrico,
possibilità di riaggiustare o cambiare la registrazione
iniziale, se richiesto, in seguito ad un ulteriore aumento
della velocità iniziale massima del laminatoio,
semplicemente riaggiustando le dimensioni dei distanziali. È anche possibile ottimizzare la distribuzione del
carico dimensionando in modo diverso i distanziali delle
coppe.
3. Selezione del cuscinetto
69
Il TQITS può anche essere fornito nella
versione con anello interno esteso (TQITSE)
che fornisce la possibilità di incorporare un
sistema di tenute tra il cuscinetto e la
guarnitura (Fig. 3-24).
Alcuni dei vantaggi del tipo TQITSE sono :
●
●
●
nessun rischio di danneggiamento del labbro
delle tenute durante l’assemblaggio,
i labbri delle tenute possono essere disposti
verso l’esterno in modo da prevenire
l’entrata del liquido di raffreddamento,
Fig. 3-24
TQITSE
ad ogni cambio del cilindro, le tenute rimangono sulla stessa
superficie rettificata, concentrica ed indurita del cuscinetto.
ERRORE DI ROTAZIONE DEL CUSCINETTO
(Grado di precisione dei cuscinetti per cilindri)
Per laminatoi a nastro ad alta velocità (come
pure per altri tipi) che laminano generalmente
spessori sottili per lattine ecc..., la richiesta di
cuscinetti per cilindri di appoggio con elevata
precisione di rotazione è diventata ovviamente
una scelta obbligata. La tendenza odierna nel
settore è di ottenere spessori del nastro con
tolleranze inferiori a 0,005 mm (cioè ± 0,0025
mm).
Attualmente noi forniamo cuscinetti in
precisione per cilindri di appoggio con errori di
rotazione che permettono di soddisfare e anche
di superare le necessità del mercato indicate precedentemente.
I nostri metodi ci permettono di produrre e controllare la variazione
dello spessore delle pareti delle piste degli anelli interni ed esterni
entro pochi micron, come pure di controllare la variazione del
diametro dei rulli all’interno di ogni fila.
70
Punto di riferimento del cilindro
Tavola cilindro
Punto di massimo errore
di rotazione del cono
Cono
Collo del cilindro
Inoltre, identifichiamo il
punto di errore massimo
di ciascun anello interno
marcandolo con un punto
in rame. Questo Vi permetterà di raggiungere una
precisione ancora maggiore all’interno del sistema “cuscinetto/cilindro”
accoppiando i punti di
errore massimo del corpo
cilindro e dell’anello interno del cuscinetto quando
le guarniture vengono
montate sui colli del
cilindro (Fig. 3-25).
Fig. 3-25
Per ottenere il minor errore di rotazione totale
Per gabbie di laminazione per filo e barre ad alta velocità e spesso del
tipo “pre-stressed”, cuscinetti TQITS(E) o TNAT(E) con coppe flottanti
(Fig. 3-26) sono la scelta ideale per il loro ottimale controllo del gioco
radiale e anche in funzione della domanda attuale per raggiungere
sempre più ridotte tolleranze del prodotto su questi tipi di laminatoi.
Foro di ispezione (da chiudere con un tappo)
Posizione fissa
Posizione flottante
Fig. 3-26
Montaggio con TNAT
3. Selezione del cuscinetto
71
3.1.2. Cilindri di lavoro
La nostra gamma di cuscinetti tipici per
cilindri di lavoro è molto diversificata per
quanto riguarda gli angoli dei cuscinetti,
confrontata con la nostra gamma di
cuscinetti per cilindri di appoggio della
serie pesante.
I cuscinetti per cilindri di lavoro hanno
anche una ridotta sezione e sono molto più
stretti dei cuscinetti per cilindri di
appoggio (Fig. 3-27). Questo è dovuto al
fatto che i carichi sui cilindri di lavoro
sono notevolmente più contenuti e perché
le sezioni delle guarniture sul piano
verticale sono molto sottili sia dal lato
passaggio materiale sia dal lato opposto
dove il cilindro di lavoro è a contatto con
quello di appoggio.
Ingombro tipico di un cuscinetto
per cilindro di appoggio
Ingombro tipico di un
cuscinetto per cilindro di lavoro
Fig. 3-27
Ingombri relativi del cuscinetto
12.5 % del OD
___ per guarniture simmetriche
2
Per ottenere un tasso di usura medio dei cilindri
del 10 %, queste sezioni verticali delle guarniture
rappresentano circa il 12,5 % del raggio esterno
del cuscinetto e, in qualche caso, possono essere
anche più piccole (Fig. 3-28).
Inoltre, il diametro del collo può variare
notevolmente in funzione del materiale usato per i
cilindri. In media, il rapporto collo-tavola è vicino
al 55 % per laminatoi a freddo dove si utilizzano
cilindri in acciaio, e vicino al 62 % per laminatoi a
caldo dove si utilizzano diverse qualità di cilindri
in ghisa.
Per un frequente cambio dei
cilindri è necessario poter
montare e smontare facilmente
e velocemente il sistema guarnitura-cuscinetto. Il tipo di
cuscinetto a quattro file di rulli
montato libero, come descritto
nel precedente capitolo
3.1.1.3., è la soluzione maggiormente utilizzata sia per laminatoi a caldo che a freddo che
laminano acciaio e materiali
non ferrosi. (Fig. 3-29).
In alternativa 10 % dal lato passaggio materiale
15 % dal lato opposto
per guarniture asimmetriche
Fig. 3-28
Fig. 3-29
Montaggio libero di un cuscinetto 2TDIW
72
Il concetto di montaggio libero
è una pratica corrente
nell’industria indipendentemente dalla velocità di laminazione.
L’usura del collo rimane nella
maggior parte delle applicazioni
entro limiti accettabili e non è
un fattore importante che
influenza la durata del cilindro.
Nei laminatoi a freddo con
cilindri in acciaio, sebbene
velocità e durate dei cilindri
siano più elevate, l’usura del
collo generalmente non
rappresenta un problema. Una
minima quantità di lubrificante
tra il collo e l’alesaggio del
cuscinetto ha sempre minimizzato tale fenomeno.
Solo per alcuni laminatoi veloci per alluminio, è stato deciso, per
ragioni cautelative, di procedere con cuscinetti a rulli conici montati
forzati.
Molti laminatoi esistenti sono stati disegnati con cuscinetti per cilindri
di lavoro a maggiore conicità rispetto ai cuscinetti utilizzati sui cilindri
di appoggio. Il fattore K, che varia da 1 a 1,8, dà una capacità di
carico assiale all’assemblaggio a quattro file sufficiente a bilanciare i
carichi assiali indotti da un incrocio dei cilindri “non controllato”. Una
manutenzione regolare delle placche di usura laterali della guarnitura
limita gli effetti negativi di questo fenomeno sulla durata dei
cuscinetti. Queste selezioni di cuscinetti possono sopportare carichi
assiali equivalenti a circa l’1 % del carico di laminazione.
La necessità di tolleranze più strette e di una maggiore qualità del
prodotto finito richiede nuovi processi e metodi di produzione che
aumentano i carichi sui cuscinetti dei cilindri di lavoro.
Sistemi di bending e di shifting assiale dei cilindri rappresentano due
esempi che saranno trattati con maggior dettaglio in seguito.
3. Selezione del cuscinetto
73
3.1.2.1. Procedura di bending per cilindri di lavoro
Con l’adozione di bending positivo e negativo del cilindro si applicano
carichi più elevati alle guarniture dei cilindri di lavoro. Questa
procedura è stata introdotta 2-3 decenni orsono nei laminatoi per
nastro a freddo per migliorare la forma del nastro e le caratteristiche
di planarità. Durante il decennio scorso, i carichi di bending sono stati
applicati anche ai laminatoi per nastro a caldo per migliorare
ulteriormente la qualità del prodotto.
Negli anni scorsi sono stati introdotti anche dispositivi per il cambio
rapido dei cilindri modificando sostanzialmente il disegno della
guarnitura (Fig. 3-30). I carichi sono ora applicati in modo diverso alle
guarniture attraverso cilindri alloggiati nei cosiddetti “blocco pistoni”
fissati nella spalla del laminatoio.
?????????
: bending negativo
: bending positivo
Fig. 3-30
Disegni di guarniture per cilindri
Oggi si usano generalmente carichi di bending pari a circa 60-80
tonnellate (per guarnitura) nei laminatoi a freddo e fino a 150-200
tonnellate nei laminatoio a caldo.
Questo, in combinazione con sezioni ridotte delle
guarniture, spiega la ragione per cui la selezione dei
cuscinetti per cilindri di lavoro non è più una
procedura automatica come in passato dove si
applicavano solo carichi di bilanciamento.
Per questo motivo, in qualche caso si deve eseguire
una più approfondita analisi (Analisi agli Elementi
Finiti o equivalente) per poter valutare se la durata
teorica calcolata è ancora accettabile. Questa FEA ha
spesso mostrato una variazione dal 10 al 15 % della
durata rispetto al calcolo a catalogo per le
deformazioni dell’alesaggio della guarnitura,
deformazioni che si verificano con questi forti
carichi applicati (Fig. 3-31).
Fig. 3-31
Tipica distribuzione del carico
con bending negativo
74
Queste analisi hanno dimostrato che le sottili sezioni della guarnitura
“a” (Fig. 3-32) nel piano verticale non sono le sole importanti in
condizioni di carico elevato. Le sezioni laterali della guarnitura “b” e in
modo particolare la posizione “c” della flangia, in relazione al foro
dove si applica il carico, sono pure molto critiche.
b
b
a
NOTA : Analisi agli elementi finiti hanno mostrato
anche che la distribuzione del carico sui rulli può
essere migliorata significativamente, con sezioni
della guarnitura leggermente ridotte rispetto alle
usuali, considerando il 12,5 % come coefficiente
di usura del cilindro.
c
a
D
a = 0,0625 x D
b = 0,1 x D
Fig. 3-32
Sezioni della guarnitura del cilindro di lavoro
Questo sottolinea il fatto che la dimensione del collo dovrebbe essere
valutata in funzione del materiale del cilindro e della coppia applicata
per permettere la selezione dell’alesaggio del cuscinetto più piccolo
possibile (rapporti collo-tavola di circa 45-50 % per laminatoi a freddo,
55-60 % per laminatoi a caldo). Questo lascerà quindi sufficiente
materiale nelle guarniture per rinforzare le sezioni nel piano verticale
ogni qualvolta sia fattibile tecnicamente.
3.1.2.2. Posizione radiale
Il cuscinetto a quattro file di rulli conici del tipo TQOW (o del tipo
2TDIW) è ancora la soluzione preferita dall’industria, grazie alla sua
peculiare e superiore capacità di distribuire il carico e di controllare la
zona di carico.
Il cuscinetto a sei file di rulli conici può anche essere utilizzato per
ottenere la capacità di carico richiesta del cuscinetto quando sono
necessarie forti sezioni dei colli con il minimo diametro del cuscinetto
senza sacrificare le sezioni della guarnitura.
Tali cuscinetti a sei file sono già in utilizzo nei cilindri di lavoro di
diversi laminatoi a caldo e a freddo per alluminio e sono ancora oggi
selezionati per i cilindri di lavoro dei laminatoi “4HI Steckel”.
Con i dispositivi di bloccaggio usuali, distanziale + ghiera + anello a
collare, è necessario, nella fase di montaggio, serrare la ghiera in modo
da avere tutti i componenti in contatto assialmente (distanziale lato
tavola - anelli interni e distanziale del cuscinetto - distanziale esterno ghiera - anello a collare come mostrato in Fig. 3-17). Allora, è
essenziale allentare la ghiera in modo da lasciare un gioco assiale di
circa 0,5 a 1 mm per permettere la libera rotazione degli anelli interni
(ved. anche capitolo 5.1.).
3. Selezione del cuscinetto
75
Nel caso del concetto 2TDIW (senza
distanziale coni), la tolleranza sulla larghezza
totale dell’anello interno è controllata (ved.
tabella al capitolo 6) da rendere possibile
l’eliminazione del sistema a ghiera e quindi
l’operazione manuale di avvitamento e
svitamento. In questo caso, i soli pezzi
necessari per mantenere il cuscinetto in
posizione sul collo sono il distanziale esterno
(usato anche come sede per le tenute) e
l’anello a collare in due metà (ved. Fig. 3-33).
Fig. 3-33
Questo sistema di bloccaggio fornisce
anche maggiore sicurezza. Esso assicura
chi i coni siano mantenuti liberi
assialmente, con il gioco assiale
raccomandato.
IL CONCETTO 2 O 3 TDIW (senza
distanziale per gli anelli interni), UN
VANTAGGIO CHE SEMPLIFICA IL
SISTEMA DI BLOCCAGGIO SUL COLLO
E RIDUCE IL TEMPO DI MONTAGGIO
NECESSARIO.
CUSCINETTI CON TENUTE PER
CILINDRI DI LAVORO
La tendenza verso i cuscinetti con tenute
per cilindri di lavoro (nello stesso
ingombro dimensionale della versione
senza tenute) è iniziata alla fine degli
anni ‘70. Essa si è sviluppata e cresciuta
rapidamente tra gli utilizzatori, in
particolare nei laminatoi a caldo,
nell’ultima decade.
Fig. 3-34
Tenuta radiale dinamica
a 2 elementi
76
Questo cambiamento è stato principalmente guidato dalla necessità di
ridurre sostanzialmente il consumo di grasso ed i costi di
manutenzione. Le guarniture non necessitano più di essere reingrassate
ad ogni cambio del cilindro come praticato precedentemente,
ottenendo così laminatoi più puliti ed una minor contaminazione dei
refrigeranti del cilindro ecc...
Il reingrassaggio è stato attualmente esteso dagli operatori da una
frequenza di circa 500 a 1000 ore nei laminatoi a freddo. Inoltre,
gli intervalli di ispezione generale dei cuscinetti sono stati estesi ogni
1000 ÷ 1500 ore.
Inoltre, con la limitazione delle contaminazioni esterne e la migliore
ritenzione del lubrificante all’interno del cuscinetto, sono stati
sviluppati grassi speciali. Ciò dovrebbe portare ad un miglioramento
delle prestazioni dei cuscinetti se il rapporto “carico-capacità del
cuscinetto” rimane lo stesso e se viene mantenuto un adeguato livello
di manutenzione nel sistema guarnitura-cuscinetto-collo.
La possibilità ora di proporre tali grassi speciali è di particolare
importanza non solo per i laminatoi a caldo dove i cilindri sono abbondantemente raffreddati ad acqua, ma anche per i laminatoi a freddo ad
alta velocità dove le temperature di funzionamento previste dei
cuscinetti sono significative, vale a dire attorno ai 100 °C o superiori.
Il fatto che le tenute siano alloggiate nel cuscinetto alle due estremità,
permette alle tenute stesse di rimanere nelle loro sedi durante i frequenti cambi di cilindro senza rischi di danneggiamento. Tuttavia, l’uso
di tali cuscinetti richiede ancora un complesso e ben curato sistema di
tenute nella guarnitura, in modo particolare dal lato tavola cilindro.
(Per maggiori informazioni, vedere anche il capitolo 4-2).
IL SISTEMA “GUARNITURA-CUSCINETTO” CON TENUTE
Fig. 3-35
Lo spazio necessario per la tenuta, anche se molto piccolo, spesso
richiede una piccola diminuzione della capacità del cuscinetto.
Un’altra soluzione per evitare qualsiasi diminuzione potrebbe essere
l’utilizzo in fase di progetto del cuscinetto a quattro file con gli anelli
interni allungati (tipo TQOWE o 2TDIWE) capace di fornire un sistema
“guarnitura-cuscinetto” con tenute (Fig. 3-35).
3. Selezione del cuscinetto
77
3.1.2.3. Sistemi di shifting assiale del cilindro ed altro
L’introduzione dello shifting assiale (Fig. 3-36),
dell’incrocio dei cilindri o di qualsiasi altro concetto per
migliorare ulteriormente la forma e la planarità del nastro,
è un’altra ragione
per prestare maggiore attenzione
alla selezione del
sistema di cuscinetti.
Fig. 3-36
Sistema di
shifting assiale
Con questi carichi assiali aggiuntivi combinati con i carichi
di bending aumentati, può essere necessaria una posizione
separata per il cuscinetto assiale in modo da ottenere
ancora soddisfacenti prestazioni dei cuscinetti.
Tuttavia, alcuni laminatoi equipaggiati con tali sistemi di
shifting assiale sono semplicemente montati su cuscinetti
a quattro file tipo TQOW. Questi cuscinetti hanno, in
questo caso, una forte conicità per sopportare i carichi
assiali aggiuntivi.
Per cilindri di lavoro dove sono previsti carichi assiali più
alti, fino a 100 tonnellate, la soluzione è di fornire un
cuscinetto a rulli conici assiale separato nella guarnitura in
posizione fissa (Fig. 3-37).
Fig. 3-37
Posizione assiale
separata in caso
di carichi assiali
elevati
78
In quei casi dove si utilizza un cuscinetto assiale separato,
possono essere selezionati cuscinetti con capacità di
carico radiale aumentata con fattori K che variano da 1,7 a
2.
Fig. 3-38
Posizioni radiale ed assiale combinate con un cuscinetto assemblato a sei file
Un assemblaggio a sei file
potrebbe anche aumentare
la capacità di carico
assiale totale e perciò, dalle
condizioni di carico dettagliate, si potrebbe valutare
se un cuscinetto assiale
separato è ancora necessario (Fig. 3-38).
3. Selezione del cuscinetto
79
Poiché il carico assiale può agire in entrambe le direzioni,
normalmente si richiede un cuscinetto reggispinta assiale a
doppio effetto. Attualmente cuscinetti a due file di rulli
conici, nella configurazione a Montaggio Diretto
(cuscinetto tipo TDIK, Fig. 3-39), sono selezionati
principalmente per i cilindri di lavoro dei laminatoi a
caldo dove il grasso è il tipo di lubrificante usuale.
Questi cuscinetti a forte conicità, con fattori K
generalmente inferiori ad 1, hanno generalmente una sufficiente capacità di carico assiale da far fronte ai carichi aumentati. Gli anelli
esterni sono montati
nelle guarniture con
un notevole gioco
radiale in modo da
non essere caricati
radialmente (ved. Fig.
3-39). Inoltre, queste
coppe non sono
bloccate assialmente
tramite il distanziale
delle coppe come per
i cuscinetti preregistrati.
Fig. 3-39
Posizione assiale separata con un
cuscinetto TDIK
Il gioco assiale (inferiore a 0,50 mm) è ottenuto tramite
spessori posizionati tra la flangia del coperchio e la
superficie della guarnitura.
80
Per questa posizione assiale, dove il carico agisce in
entrambe le posizioni, risulta essenziale che la fila
non caricata sia correttamente posizionata in modo
da assicurare un adeguato contatto tra gli elementi
rotanti, ottenendo quindi un funzionamento sicuro
senza rischi di danneggiamenti della gabbia,
intraversamento dei rulli, ecc...
Questo si può facilmente ottenere caricando
assialmente entrambe le coppe per mezzo di molle
alloggiate negli spallamenti delle coppe o
preferibilmente direttamente nelle coppe come
mostrato nella Fig. 3-39.
Fig. 3-40
Posizione assiale separata con
un cuscinetto TTDWK
Per laminatoi a freddo, dove le velocità sono
d e c i s a m e n t e p i ù e l e v a t e , s i p r e ve d e u n a
lubrificazione ad olio per la posizione assiale. La
soluzione TDIK, in funzione delle condizioni di
carico e velocità, può utilizzare lo stesso sistema di
lubrificazione del cuscinetto radiale (grasso/ariaolio/nebbia d’olio).
Il cuscinetto assiale a doppio effetto tipo TTDWK
(Fig. 3-40), in grado di offrire una capacità di carico
assiale superiore al tipo TDIK, rappresenta una scelta
alternativa nel caso siano previsti carichi assiali
molto alti.
3. Selezione del cuscinetto
81
3.1.2.4. Lubrificazione dei cuscinetti
I cuscinetti dei cilindri di lavoro di laminatoi a caldo ed a freddo
sono stati tradizionalmente lubrificati a grasso per velocità medie
del nastro, mentre i cuscinetti dei laminatoi a nastro a freddo ad
alta velocità ed i laminatoi a caldo ed a freddo per alluminio
sono stati lubrificati a nebbia d’olio.
Negli ultimi anni, cuscinetti di cilindri di lavoro di laminatoi a
freddo per acciaio esistenti, originalmente lubrificati a nebbia
d’olio e funzionanti in molti casi a velocità fino a 1800 ÷ 1900
m/min, sono ora lubrificati a grasso a causa dell’introduzione del
cambio rapido dei cilindri non più collegati con i tubi di
lubrificazione.
I nuovi laminatoi a freddo per alluminio ad alta velocità sono
comunque ancora previsti con lubrificazione ad olio anche se la
tendenza è di passare al sistema aria-olio più affidabile (ved.
anche capitolo 4).
3.1.2.5. Lubrificazione del collo cilindro
Una efficace configurazione delle tenute dal lato tavola con
cuscinetti con tenute è sempre importante, in modo da evitare
infiltrazioni del liquido di raffreddamento il quale può
raggiungere i colli del cilindro, particolarmente in laminatoi
dove le guarniture sono mantenute sui colli del cilindro durante
l’operazione di rettifica della tavola e dove questi colli non sono
frequentemente spalmati di grasso durante il cambio dei cilindri.
82
Si devono perciò prevedere delle
forature nei colli per poter inviare del
grasso nuovo nell’alesaggio del
cuscinetto. Questo è particolarmente
importante nei laminatoi a freddo
veloci in modo da prevenire il
grippaggio dei coni sui colli. A tal
proposito, sistemi di lubrificazione a
nebbia d’olio o aria-olio permettono
una continua alimentazione di
piccole quantità di olio sul collo
durante il funzionamento.
Anche lubrificanti speciali in pasta o spray sono spesso usati per
ridurre l’usura del collo e si sono dimostrati efficaci anche sui cilindri
di appoggio di laminatoi per lamiera in funzionamento reversibile.
Come per i cuscinetti dei cilindri di appoggio, possono essere previste
gole a spirale nell’alesaggio dei coni per aiutare la ritenzione del
lubrificante tra il collo e il diametro interno dei coni.
Fig. 3-41
Un sistema di tenute lato tavola come mostrato in Fig. 3-41, con un
distanziale lato tavola montato libero rappresenta una configurazione
alternativa interessante che permetterebbe di incorporare un sistema
di tenute più sofisticato.
Questo distanziale lato tavola montato libero rimane parte dell’insieme
guarnitura permettendo alla tenuta principale della guarnitura di
rimanere nella sua sede durante il cambio dei cilindri. Questi
distanziale lato tavola dovranno, naturalmente, essere bloccati in
rotazione e provvisti di tenuta (per evitare qualsiasi infiltrazione di
contaminante).
3. Selezione del cuscinetto
83
3.1.3. Parti correlate al
cuscinetto
3.1.3.1. Configurazioni del
distanziale lato tavola
Il distanziale lato tavola posizionerà il cuscinetto e la guarnitura sul collo. Il suo disegno
dipende dallo spazio disponibile e
dal livello di tenuta desiderato.
Mostrare tutte le possibili variazioni risulterebbe impraticabile.
Comunque, diverse configurazioni
(Fig. 3-42) sono state usate con
successo per molti anni per
soddisfare diversi tipi di condizioni
operative. La maggior parte di
queste sono disegnate con una o
due tenute radiali a labbro in
combinazione con una tenuta
assiale del tipo “V-ring” od a
labirinto, particolarmente per laminazioni con liquidi refrigeranti.
Fig. 3-42
Configurazi
oni del
distanziale
lato tavola
84
Tenute radiali a labbro sono utilizzate in
applicazioni sia orizzontali che verticali. I
produttori di tenute hanno sviluppato queste
tenute per risolvere i problemi di lubrificazione
evidenziati dagli utilizzatori di laminatoi e dai
reparti manutenzione. Nel caso si utilizzino due
tenute radiali a labbro come unità, si dovrà
prevedere una entrata di lubrificante tra le
stesse.
I distanziali lato tavola sono generalmente
montati forzati sul collo del cilindro. Questo
elimina la necessità di bloccarli in rotazione ed
inoltre aiuta a prevenire l’entrata di refrigeranti
di laminazione attraverso il diametro interno del
distanziale stesso.
I distanziali lato tavola possono anche essere
montati liberi per permettere il loro utilizzo su
diversi cilindri e limitare quindi il loro numero
(Fig. 3-43 e Fig. 3-41).
In questo caso particolare, il distanziale lato
tavola formerà un insieme con il cuscinetto e la
guarnitura. Una tenuta statica “O ring” deve
però essere prevista tra il distanziale lato tavola
e il collo per impedire l’entrata dei liquidi
refrigeranti. Si dovrà anche incorporare un
sistema a chiavetta per impedire la rotazione del
distanziale stesso.
Fig. 3-43
Configurazione del distanziale lato tavola rimovibile
(bloccato contro la rotazione)
3. Selezione del cuscinetto
85
3.1.3.2. Dispositivi di bloccaggio degli anelli interni
Il cuscinetto completo assemblato è mantenuto in
posizione con una ghiera montata sopra un anello di
ritegno filettato e provvisto di chiavetta. Questo anello di
ritegno è appoggiato a sua volta ad un anello a collare in
due parti montato in una gola ricavata nell’estensione del
collo del cilindro (Fig. 3-44).
Fig. 3-44
Dispositivo di ritegno con ghiera standard, anello filettato ed anello a collare in due parti
Tale dispositivo è generalmente utilizzato sia nei montaggi
ad accoppiamento libero che forzato.
Si ottengono montaggi e smontaggi rapidi, poiché si
richiedono pochi giri della ghiera per il montaggio e solo
mezzo giro per lo smontaggio. Dopo aver rimosso l’anello
a collare in due parti, la ghiera e l’anello filettato possono
essere rimossi dal collo come insieme. L’assemblaggio
cuscinetto e guarnitura possono quindi essere rimossi dal
collo. Le procedure dettagliate relative ai montaggi con
accoppiamenti liberi e forzati sono descritte nel capitolo
5.1.
Fig. 3-45
86
La Fig. 3-45 mostra un dispositivo alternativo che potrebbe
essere considerato, dove è possibile, una limitata
estensione del collo del cilindro dovuto a limitazioni di
spazio. Una simile configurazione è spesso utilizzata nel
cambio da altri tipi di cuscinetti.
Nei cilindri di appoggio si può considerare una
configurazione con piastra di bloccaggio, come mostrato
in Fig. 3-46.
Fig. 3-46
Disegno della piastra di bloccaggio
La Fig. 3-47 mostra un altro dispositivo che potrebbe
essere considerato per cilindri di lavoro condotti dove è
necessario mantenere un’estensione con il massimo
diametro di accoppiamento.
Per ridurre ulteriormente i tempi di montaggio e
smontaggio, ed allo stesso tempo il costo del cilindro, con
il concetto di cuscinetti a due o tre TDIW si utilizzano ora
sistemi non registrabili, come mostrato in Fig. 3-42.
Fig. 3-47
Dispositivo di ritegno per evitare
una eccessiva diminuzione del
diametro del collo del cilindro
3. Selezione del cuscinetto
87
La selezione dei cuscinetti
non solo considera lo
spazio disponibile per il
cuscinetto ma anche la
durata prevista del
cuscinetto. Questo capitolo
tratta il calcolo di durata
e spiega i diversi modi per
realizzare ed affinare
questo calcolo.
3.2. Durata del cuscinetto
3.2.1. Basi di calcolo
La durata del cuscinetto è definita come il numero di ore
od il numero di cicli necessari per sviluppare una
scagliatura a fatica di dimensioni prestabilite. Questa
dimensione, indipendentemente dalla taglia del cuscinetto,
è definita da un’area pari a 6 mm2. Comunque, viste le
grandi dimensioni dei cuscinetti per laminatoi, essi
possono funzionare oltre questo limite e ci si può
aspettare una durata molto superiore a quella calcolata.
Tale durata dipende da molti fattori diversi come carico,
velocità, lubrificazione, tolleranze di accoppiamento,
registrazione, temperature di funzionamento, contaminazione, manutenzione, oltre a molti altri fattori ambientali.
In base a tutti questi fattori, è impossibile prevedere con
esattezza la durata di ciascun cuscinetto. Inoltre, cuscinetti
che possono sembrare identici, sottoposti esattamente alle
stesse condizioni di prova, possono mostrare una notevole
dispersione nei valori di durata. È importante anche
ricordare che statisticamente la durata di un cuscinetto a
più file sarà sempre inferiore della durata di ogni singola
fila nel sistema. Per cuscinetti da laminatoi dove è
impossibile effettuare test su un grande numero di
cuscinetti, la lunga esperienza della Società Timken potrà
aiutarVi nel calcolo della durata dei vostri cuscinetti.
88
3.2.1.1. Durata L10
La durata L10 è la durata che il 90 % di un gruppo di cuscinetti
apparentemente uguali raggiunge, o supera, prima che si verifichi un
cedimento a fatica di tipo od entità precedentemente stabilito, pari a
6 mm2.
Numero di cuscinetti che hanno ceduto a fatica
La durata di un cuscinetto a rulli conici, se correttamente manipolato,
montato, conservato, lubrificato ed utilizzato, generalmente
raggiungerà e potrà anche superare la durata L10 calcolata.
20
Durata
L10
15
10
5
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
Durata in multipli della durata L10
Fig. 3-48
Diagramma della dispersione teorica della durata a fatica di un gruppo di 100 cuscinetti
apparentemente uguali funzionanti nelle stesse condizioni
Se un gruppo di cuscinetti apparentemente
identici è sottoposto a determinate condizioni
di prova in laboratorio, ci si attende che il
90 % di questi cuscinetti raggiunga durate a
fatica maggiori della durata stabilita. Per cui
solo il 10 % dei cuscinetti testati avrà una
durata inferiore alla durata stabilita. La Fig.
3-48 mostra che la dispersione della durata
dei cuscinetti segue la funzione della distribuzione di Weibull con un parametro di
dispersione uguale a 1,5.
3. Selezione del cuscinetto
89
3.2.1.2. Formule della durata del cuscinetto
Come si può vedere nelle pagine seguenti, non c’è solo
un metodo di calcolo della durata di un cuscinetto, ma
in tutti i casi la formula della durata di un cuscinetto è :
L10 =
()
C
P
10/3
x
B
n
x
a
L10 in ore
C = capacità di carico radiale dinamica del cuscinetto in N ;
P = carico radiale o carico radiale dinamico equivalente applicato
al cuscinetto in N. Il calcolo di P dipende dal metodo
(ISO o Timken) con carichi assiali e radiali combinati ;
B = fattore dipendente dal metodo ; B = 1,5 x 106 per il metodo
Timken (3000 ore a 500 G/min) e 106/60 per il metodo ISO ;
a = fattore correttivo della durata ; a = 1 quando non si
considerano i fattori ambientali ;
n = velocità di rotazione in G/min.
Quanto segue aiuta a visualizzare gli effetti del carico e
della velocità sulla durata dei cuscinetti :
● Raddoppiando il carico la durata (cicli, ore) si riduce a
circa un decimo. Riducendo di metà il carico la durata
aumenta di dieci volte,
● Raddoppiando la velocità la durata si riduce di metà.
Riducendo di metà la velocità la durata si raddoppia.
In effetti, i diversi metodi di calcolo della durata
applicati (ISO 281, Timken,...) differiscono per la scelta
dei parametri utilizzati (per esempio : la formula Timken
è basata su 90 milioni di cicli, mentre le altre sono
basate su 1 milione di cicli).
3.2.2. Capacità di carico dei cuscinetti
In funzione del metodo di calcolo della durata utilizzato,
si dovrà di conseguenza selezionare la capacità di carico
del cuscinetto. La capacità “Cr”, basata su un milione di
cicli, è utilizzata con il metodo ISO, mentre la capacità
“C90”, basata su 90 milioni di cicli, è utilizzata con il
metodo Timken.
La capacità Timken è anche pubblicata basata su 1
milione di cicli :
C1 = C90 x 3,857
90
Questo Vi permetterà di fare un confronto diretto tra i cuscinetti
Timken e quelli la cui capacità è basata su 1 milione di cicli. Tuttavia,
un confronto diretto tra le capacità di diversi costruttori può
fuorviarVi per le differenze nella filosofia delle capacità, del materiale,
del processo produttivo e di progettazione.
Per poter effettuare un vero confronto tra le capacità di diversi
fornitori di cuscinetti, si dovrebbe utilizzare solo la capacità definita
seguendo le formule ISO 281. Tuttavia, nel fare questo, non vengono
prese in considerazione le diverse qualità di acciaio da un fornitore
all’altro.
3.2.2.1. Capacità di carico radiale dinamica Cr ISO 281
Questa formula di capacità del cuscinetto è pubblicata dalla ISO
(International Organization for Standardization) e dalla AFBMA (AntiFriction Bearing Manufacturers Association). Queste capacità non sono
pubblicate né dalla Società Timken né da qualsiasi altro produttore di
cuscinetti. In ogni caso, queste possono essere ottenute contattando la
nostra società.
La capacità di carico radiale dinamica è funzione di :
Cr = bm x fc x (i x Lwe x cos α)7/9 x Z3/4 x Dwe29/27
Cr
bm
fc
i
Lwe
α
Z
Dwe
Dpw
= capacità di carico radiale in N
= costante del materiale (la più recente versione ISO 281 specifica
un fattore di 1,1)
= fattore dipendente dalla geometria
= numero di file del cuscinetto nell’assemblaggio
= lunghezza effettiva di contatto del rullo in mm *
= angolo di contatto del cuscinetto *
= numero di rulli per ciascuna fila
= diametro medio del rullo in mm *
= diametro medio del set di rulli in mm *
(* ved. Fig. 3-49)
Diametro medio del rullo
Diametro
medio
Lunghezza
effettiva
del rullo
Angolo di contatto
del cuscinetto
Fig. 3-49
3. Selezione del cuscinetto
91
Dwe cos α
Dpw
Tabella 3-50
Valore massimo di fc
per cuscinetti radiali
a rulli
1)
ƒc
0,01
0,02
0,03
0,04
0,05
52,1
60,8
66,5
70,7
74,1
0,06
0,07
0,08
0,09
0,10
76,9
79,2
81,2
82,8
84,2
0,11
0,12
0,13
0,14
0,15
85,4
86,4
87,1
87,7
88,2
0,16
0,17
0,18
0,19
0,20
88,5
88,7
88,8
88,8
88,7
0,21
0,22
0,23
0,24
0,25
88,5
88,2
87,9
87,5
87,0
0,26
0,27
0,28
0,29
0,30
86,4
85,8
85,2
84,5
83,8
1) Valori di ƒc per valori intermedi di
Dwe cos α
si ottengono per interpolazione lineare.
Dpw
Per cuscinetti a doppia fila in cui entrambe
le file sono equamente caricate, la capacità
di due file considera la durata del sistema
dell’assemblaggio come segue :
Cr(2) = 27/9
x
Cr
o Cr(2) = 1,71
x
Cr
x
Cr
Per un cuscinetto a quattro file di rulli la
capacità del sistema è :
Cr(4) = 47/9
x
Cr
o Cr(4) = 2,94
92
3.2.2.2. Capacità di carico radiale
dinamica Timken C90
Anche se il metodo ISO permette
di confrontare diversi fornitori di
cuscinetti, la filosofia di base
della Società Timken è di fornire
la capacità del cuscinetto più
p ra t i c a p e r i l p r o c e s s o d i
selezione del vostro cuscinetto.
Fin dal 1915 la Società Timken ha
sviluppato e ratificato un metodo
specifico di capacità per i suoi
cuscinetti a rulli conici.
Le capacità di carico Timken C90
pubblicate sono basate su una
durata di riferimento di 90
milioni di cicli o 3000 ore a 500
G/min.
Per garantire una qualità
conforme a livello mondiale, nei
nostri laboratori vengono condotti lunghi test di durata a fatica sui
cuscinetti. Questi test di controllo hanno come risultato un alto livello
di affidabilità nelle nostre capacità di carico.
La capacità di carico radiale dinamica è usata per valutare la durata di
un cuscinetto in rotazione ed è funzione di :
C90 = M x H x (i x Leff x cos α)4/5 x Z7/10 x Dwe16/15
C90 =
M =
H =
i =
Leff =
α =
Z =
Dwe =
capacità di carico radiale in N
costante del materiale
fattore dipendente dalla geometria
numero di file del cuscinetto nell’assemblaggio
lunghezza effettiva di contatto del rullo in mm *
angolo di contatto del cuscinetto *
numero di rulli per ciascuna fila
diametro medio del rullo in mm *
(* ved. Fig. 3-49)
3. Selezione del cuscinetto
93
Una capacità basata su 90 milioni di cicli è più realistica
nelle condizioni operative odierne poiché la maggior parte
delle applicazioni raggiunge o supera tale durata.
Per cuscinetti a doppia fila di rulli in cui entrambe le file
sono equamente caricate, la capacità di due file considera la
durata del sistema dell’assemblaggio come segue :
C90(2) = 24/5
x
C90
o C90(2) = 1,74
x
C90
La capacità di carico radiale dinamica di un assemblaggio a
quattro file è pari al doppio della capacità di due file :
C90(4) = 2
x
C90(2)
x
C90(2)
e per un assemblaggio a sei file come tre volte la capacità di
due file :
C90(6) = 3
La Società Timken pubblica anche i fattori K per i suoi
cuscinetti. Questo fattore è il rapporto tra la capacità di
carico radiale dinamica e la capacità di carico assiale
dinamica di un cuscinetto a singola fila di rulli.
K=
C90
Ca90
Più piccolo è il fattore K, maggiore sarà l’inclinazione
dell’angolo di contatto del cuscinetto. La relazione può
anche essere espressa geometricamente come :
K = 0,389 x cot α
α = angolo di contatto del cuscinetto
a) Bassa conicità per
elevati carichi radiali
b) Forte conicità per
elevati carichi assiali
Fig. 3-51
94
3.2.3. Calcolo della durata L10
L’approccio tradizionale al calcolo di durata di un
cuscinetto inizia con la determinazione delle forze
applicate e con il calcolo del carico radiale dinamico
equivalente del cuscinetto (P).
Nelle applicazioni per laminatoi, la determinazione delle
forze applicate dipende da un’ampia gamma di condizioni
definite dai cicli di laminazione. Per cui, potrebbe non
essere adeguato sviluppare un calcolo standard basato solo
sul carico massimo generalmente fornito. Una stima
realistica della durata del cuscinetto può solo essere
ottenuta sulla base di un progetto attraverso una stretta
collaborazione con il vostro ufficio tecnico. Tuttavia, la
nostra precedente esperienza con applicazioni similari può
fornire un buon punto di partenza per una valutazione
iniziale.
I cuscinetti dei cilindri di appoggio, generalmente,
sopportano il carico di laminazione più tutti gli altri
carichi generati nel sistema. I cuscinetti dei cilindri di
lavoro sopportano i carichi di bilanciamento e le forze di
bending positivo/negativo (se esistono). In alcuni nuovi
laminatoi, i cuscinetti sopportano anche i carichi assiali
indotti dei sistemi di shifting e/o di incrocio cilindri.
Questi carichi assiali possono rappresentare da 1 a 5 % del
carico totale di laminazione in funzione dei sistemi
utilizzati.
Quando i carichi ai cuscinetti sono
noti ed il ciclo di carico ben
definito, il calcolo della durata sarà
più in linea con le prestazioni reali
dei cuscinetti.
3. Selezione del cuscinetto
95
3.2.3.1. Cuscinetti a singola fila di rulli
I cuscinetti a rulli conici sono idealmente
indicati per sopportare qualsiasi tipo di
c a r i c o ; ra d i a l e , a s s i a l e o q u a l s i a s i
combinazione. Per la configurazione conica
del cuscinetto, un carico radiale indurrà una
reazione assiale all’interno del cuscinetto
che dovrà essere bilanciata per evitare la
separazione degli anelli interno ed esterno.
Il rapporto tra il carico radiale ed il carico
assiale (carico assiale esterno e carico
indotto), la registrazione e l’angolo di
contatto del cuscinetto, determinano la zona
di carico in un dato cuscinetto. Questa zona
di carico è definita da un angolo che
delimita i rulli che sopportano il carico. Se
tutti i rulli sono in contatto e sopportano il
carico, la zona di carico è definita pari a 360
gradi.
Zona di carico
Fig. 3-52
Zona di carico di un cuscinetto
Nel caso di car ichi combinati, per
determinare la durata di un cuscinetto si
dovrà determinare il carico radiale dinamico
equivalente. Le formule presentate di
seguito danno un buona approssimazione
dei carichi radiali dinamici equivalenti. Un
calcolo più esatto può essere fatto con
l’utilizzo di programmi al calcolatore che
prendono in considerazione certi parametri
come le costanti elastiche del cuscinetto,
la registrazione e le rigidezze dell’alloggiamento.
96
Carico radiale ed assiale combinati
Schema (forza assiale esterna, Fae, sul cuscinetto A)
Cuscinetto A
Cuscinetto B
Cuscinetto A
Cuscinetto B
n
n
Fae
Fae
Fra
Frb
Fra
Metodo ISO
Frb
Metodo Timken
Condizione assiale
0,5 FrA
0,5 FrB
≤
+ Fae
YA
YB
Condizione assiale
0,5 FrA 0,5 FrB
>
+ Fae
YA
YB
Condizione assiale
0,47 FrA 0,47 FrB
≤
+ Fae
KA
KB
Condizione assiale
0,47 FrA 0,47 FrB
>
+ Fae
KA
KB
Carico assiale sul cuscinetto
0,5 FrB
FaA =
+ Fae
YB
Carico assiale sul cuscinetto
0,5 FrA
FaA =
YA
Carico assiale sul cuscinetto
0,47 FrB
FaA =
+ Fae
KB
Carico assiale sul cuscinetto
0,47 FrA
FaA =
KA
FaB =
0,5 FrB
YB
FaB =
0,5 FrA
− Fae
YA
FaB =
0,47 FrB
KB
FaB =
0,47 FrA
− Fae
KA
Carico radiale dinamico
equivalente
Carico radiale dinamico
equivalente
Carico radiale dinamico
equivalente
Carico radiale dinamico
equivalente
Cuscinetto A
● PA = FrA
F
se aA ≤ eA ,
FrA
● PA = 0,4 FrA + YA FaA
F
se aA > eA ,
FrA
Cuscinetto A
● PA = FrA
Cuscinetto A
● PA = 0,4 FrA + KA FaA
Cuscinetto A
● PA = FrA
Cuscinetto B
● PB = FrB
F
se aB ≤ eB
FrB
● PB = 0,4 FrB + YB FaB
F
se aB > eB ,
FrB
Cuscinetto B
● PB = FrB
se PA < FrA , PA = FrA
Durata L10
Durata L10
( )
( )
6 C1A
L10A = 10
60n PA
10/3
6 C1B
L10B = 10
60n PB
10/3
Cuscinetto B
● PB = 0,4 FrB + KB FaB
se PB < FrB, PB = FrB
Cuscinetto B
● PB = FrB
(ore)
L10A =
(ore)
L10B =
( )
( )
C90A
PA
10/3
C90B
PB
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)
x 3000 x
500
n
(ore)
Fattori ISO 281
e
Y
Y1
Y2
=
=
=
=
1,5
0,4
0,45
0,67
tan
cot
cot
cot
α
α
α
α
3. Selezione del cuscinetto
97
3.2.3.2. Cuscinetti a due file
Solo carico assiale
Schema (forza assiale esterna, Fae, sul cuscinetto A)
Cuscinetto A
Cuscinetto B
Cuscinetto A
Cuscinetto B
n
n
Fae
Fae
Metodo ISO
Condizione assiale
Metodo Timken
Carico assiale
FaA = Fae
FaB = 0
FaA = Fae
FaB = 0
Condizione assiale
FaA = Fae
FaB = 0
Carico assiale
FaA = Fae
FaB = 0
Carico dinamico
equivalente
PA = YA FaA
PB = 0
Durata L10
L10A =
106
Durata L10
( )
( )
C1A 10/3
60n PA
6 C1B
L10B = 10
60n PB
10/3
ore
L10A =
ore
L10B =
( )
( )
Ca90A
FaA
10/3
Ca90B
FaB
10/3
x 3000 x
500
n
(ore)
x 3000 x
500
n
(ore)
98
Schema (forza assiale esterna, Fae, sul cuscinetto A)
FrAB
Cuscinetto A
FrAB
FrC
Cuscinetto C
Cuscinetto B
Cuscinetto A
FrC
Cuscinetto B
Cuscinetto C
n
Cuscinetto fisso
n
Cuscinetto flottante
Fae
Cuscinetto fisso
Cuscinetto flottante
Fae
Metodo ISO
Metodo Timken
Condizione assiale
Condizione assiale
Condizione assiale
Fae e
≤
FrAB
Fae
>e
FrAB
Fae >
Carico radiale dinamico
equivalente
Carico radiale dinamico
equivalente
Carico radiale dinamico
equivalente
●
PAB = FrAB + Y1AB Fae
●
PAB = 0,67 FrAB + Y2AB Fae
●
●
●
PC = FrC
●
PC = FrC
●
Condizione assiale
0,6 FrAB
KA
Fae ≤
( )
( )
106 C1 (2)
60n PAB
10/3
106 C1 (2)
60n PC
10/3
L10C =
Carico radiale dinamico
equivalente
PA = 0,4 FrAB + KA Fae
PB = 0
PC = FrC
●
●
●
PA = 0,5 FrAB + 0,83 KA Fae
PB = 0,5 FrAB − 0,83 KA Fae
PC = FrC
Durata L10
Durata L10
L10AB =
0,6 FrAB
KA
(ore)
L10A =
(ore)
L10B =
L10C =
( )
( )
( )
C90A
PA
10/3
C90B
PB
10/3
C90(2)C
PC
x 3000 x
500
(ore)
n
x 3000 x
500
(ore)
n
10/3
x 3000 x
500
(ore)
n
C90 (2) = capacità di carico radiale dinamica di
un cuscinetto a 2 file di rulli
3. Selezione del cuscinetto
99
3.2.3.3. Cuscinetti a quattro ed a sei file
CARICO RADIALE PURO
In una situazione dove i carichi assiali sono troppo elevati è richiesto
un cuscinetto assiale aggiuntivo per sopportare questo carico assiale,
per cui il cuscinetto, a quattro file od a sei file, porterà solo carichi
radiali. In questo caso il calcolo della durata viene fatto prendendo P
uguale al carico radiale ed usando la capacità di carico radiale
dinamica delle 4 o 6 file, che in realtà, definisce la durata del sistema
di un cuscinetto assemblato. Si può anche avere una buona
approssimazione nel calcolo della durata considerando un quarto od
un sesto dei carichi radiali ed utilizzando la capacità radiale dinamica
di una fila.
CARICHI RADIALI ED ASSIALI COMBINATI
Quando non si utilizzano cuscinetti reggispinta assiali aggiuntivi,
consideriamo che la durata del cuscinetto, a quattro o sei file di rulli,
sia quasi uguale alla durata della coppia di file di rulli più caricata. Per
cui ci si riferisce al calcolo di durata di un cuscinetto a due file.
caso con 4 file :
Dovute alle tolleranze di produzione dei cuscinetti, consideriamo che
per un cuscinetto a quattro file di rulli il carico radiale sia equamente
distribuito tra ciascuna coppia di file e che il carico assiale sia diviso il
40 % su una coppia ed il 60 % sull’altra coppia. La coppia più caricata
prende in questo caso il 50 % del carico radiale ed il 60 % del carico
assiale.
caso con 6 file :
Consideriamo che il carico radiale sia equamente distribuito tra
ciascuna coppia di file di rulli e che una delle 3 coppie prenda il 40 %
del carico assiale e le altre 2 il 30 % ciascuna. La fila più caricata
prende quindi il 33 % del carico radiale ed il 40 % del carico assiale
(Fig. 3-53).
100
50
100
100
33
50
60
40
100
33
40
30
33
30
Fig. 3-53
L’esempio mostra coppie a
montaggio diretto (TQO, 3TDIW...),
lo stesso si applicherà a coppie a
montaggio indiretto (TQITS)
100
3.2.3.4. Calcolo della durata con ciclo di carico
L10wt =
dove :
n
T
=
=
Gli impianti di laminazione non lavorano mai in una
sola condizione definita. Per cui è necessario calcolare la
durata dei cuscinetti con diversi
carichi/velocità/tempi e riassu100
mere i risultati in una durata
T1
T2
Tn
media ponderata, “ L10wt”. Una
+
+ ... +
L10(1) L10(2)
L10(n)
volta definito il ciclo di carico
(carichi, velocità e percentuale
di tempo), la durata media
ponderata L10 si ottiene come
numero di condizioni di carico
mostrato a sinistra :
percentuale del tempo totale del ciclo
di carico
L10(i) = durata L10 per ciascuna condizione
L10wt = durata media ponderata del cuscinetto
3.2.3.5. Equipaggiamenti a bassa velocità
In alcune applicazioni come le colate continue, per
esempio, la velocità di rotazione è molto lenta (da 1 a 5
G/min). Inoltre in questi tipi di applicazioni i carichi sono
generalmente molto elevati. Perciò, la durata calcolata dei
cuscinetti non fornisce indicazioni corrette.
In questi casi calcoliamo il profilo di sollecitazione di
contatto tra il rullo e le piste con il nostro programma
Select-A-Nalysis. Se la sollecitazione massima è superiore a
2750 Mpa (o 400 ksi), si dovrà prevedere un cuscinetto
con una geometria interna modificata. Questa geometria
bilancerà meglio la sollecitazione lungo la linea di contatto
(Fig. 3-53).
Sollecitazione
di contatto
2750 MPa
(400 ksi)
Limite
accettabile
Una indicazione pratica che può essere usata per stabilire
se è necessario un profilo
modificato è il calcolo del
fattore P/C 90 . Se questo
Profilo standard
fattore è maggiore di 3, allora
Profilo modificato
può essere necessar io il
profilo modificato. In casi
simili, si sugger isce di
contattare la Società Timken
per una analisi più dettagliata.
Da notare che questi
cuscinetti sono generalmente
forniti con rulli pieni (gabbia
stampata, gabbia a perni con
Larghezza della pista
perni esterni ai rulli e senza
gabbia).
Fig. 3-54
Distribuzione della sollecitazione lungo le piste di rotolamento
3. Selezione del cuscinetto
101
3.2.4.
Influenza della registrazione
Con i continui miglioramenti nei nostri strumenti di analisi della
durata, possiamo ora predire più accuratamente una “vera” durata del
cuscinetto poiché consideriamo i fattori ambientali critici che
influenzano le prestazioni delle vostre applicazioni. Questi fattori
devono essere considerati attentamente nel processo di selezione del
cuscinetto.
Il calcolo di durata L10 mostrato precedentemente è basato su una
zona di carico di 150 gradi e un disassamento inferiore a 0,0005
radianti.
La zona di carico, che ha un’influenza
Registrazione a cuscinetti montati
diretta sulla durata del cuscinetto, è
+
direttamente collegata al gioco/precaEffetto della temperatura (< 0 o > 0)
+
rico nel cuscinetto (un gioco zero è
Deformazione elastica nelle piste dei cuscinetti
equivalente a 180 gradi di zona di
carico). La regolazione di questo gioco /
= Registrazione operativa
precarico e di conseguenza della zona
di carico è definito “registrazione del
cuscinetto”. La maggior parte dei nostri cuscinetti (2 file o più) sono
assemblaggi preregistrati, essendo la registrazione generalmente
ottenuta attraverso distanziali. Per cuscinetti a singola fila si deve
ottenere la registrazione corretta utilizzando per esempio degli
spessori.
Poiché non è possibile misurare la registrazione in condizioni
operative, una pratica comune è di calcolare la registrazione in
funzionamento prendendo in considerazione la registrazione iniziale al
banco, le interferenze di accoppiamento e la dilatazione termica nel
sistema.
Generalmente la massima durata si ottiene quando il cuscinetto
funziona in leggero precarico (Fig. 3-55).
I cuscinetti assemblati
sono abitualmente registrati con gioco, così che
Grande gioco
Leggero precarico
quando l’unità raggiunDurata L10
ge la temperatura operat i va s t a b i l i z z a t a , l a
registrazione finale del
Forte precarico
Gioco
cuscinetto sia il più
zero
vicino possibile al
valore desiderato.
Per mostrare l’influenza
del gioco o precarico
GIOCO
PRECARICO
sulla durata di un
cuscinetto si può effettuare una analisi al
0
Registrazione del cuscinetto
calcolatore.
Fig. 3-55
Durata del cuscinetto in funzione della registrazione
102
3.2.4.1. Influenza degli accoppiamenti sulla registrazione
La regola generale consiste nel montare forzati gli elementi
rotanti mentre quelli stazionari possono essere montati sia
forzati che liberi in funzione del disegno dell’applicazione.
Tuttavia, per cuscinetti ad alesaggio cilindrico per cilindri
di lavoro, poiché noi suggeriamo coni e coppe montati
liberi, il gioco al banco non è influenzato dopo il
montaggio. Per cuscinetti con accoppiamento forzato
sull’albero e/o nell’alloggiamento, la perdita di gioco si
determina usando la formula seguente :
Effetti dell’accoppiamento (una fila)
Anello interno montato su un albero pieno :
Perdita di Gioco = 0,5
( )( )
K
d
0,39
do
δS
Anello interno montato su un albero cavo o bussola :
dS 2
1−
K
d
d
δH
Perdita di Gioco = 0,5
0,39
do
dS 2
1−
dO
()
( )( )
( )
[ ]
Anello esterno montato in un alloggiamento a spessore sottile :
Perdita di Gioco = 0,5
2
( )
( )( )
( )
K
do
0,39
D
D
[ ]
1−
1−
DH
DO
2
δH
DH
Nota : queste formule si applicano solo ad alberi ed alloggiamenti in materiale ferroso.
Queste formule possono essere usate nel caso di
configurazioni semplici di albero ed alloggiamento. In quei
casi dove il cuscinetto è montato in una bussola con
sezione variabile, il calcolo è più complesso, per cui
suggeriamo di contattare la Società Timken.
3. Selezione del cuscinetto
103
Centro geometrico del cuscinetto
DH
dO
dS
DO D
d
Fig. 3-56
Fattori con effetti sugli accoppiamenti
Per applicazioni ad alta velocità dove
si richiede una registrazione molto
accurata (aspi avvolgitori veloci,
riduttori di laminatoi,...), l’adattamento dello spessore del distanziale
e di conseguenza la registrazione,
può essere fatta dopo aver misurato
le dimensioni delle superfici che
saranno a contatto. Ciò elimina
l’inf luenza della tolleranza degli
accoppiamenti forzati sulla registrazione.
δS = interferenza di montaggio dell’anello
interno sull’albero
δH = interferenza di montaggio dell’anello
esterno nell’alloggiamento
K = fattore K del cuscinetto
d = alesaggio del cuscinetto
dO = diametro medio della pista interna
D = diametro esterno del cuscinetto
DO = diametro medio della pista esterna
dS = diametro interno dell’albero
DH = diametro esterno dell’alloggiamento
Nel caso di cuscinetti ad alesaggio conico,
l’accoppiamento forzato è ben controllato (inferiore
al 3 % dell’interferenza totale per cuscinetti di grosse
dimensioni. Rif. capitolo 3.1.1.4.) e perciò la perdita
di gioco dovuta all’accoppiamento forzato può
essere calcolata con una tolleranza molto stretta. Se
il numero di cuscinetti da registrare è abbastanza
elevato, sono disponibili altre tecniche (come campi
di tolleranze ridotti) tali da evitare la messa a misura
del singolo distanziale.
104
3.2.4.2. Influenza della temperatura sulla registrazione
Anche se un cuscinetto è correttamente montato, si deve considerare la condizione a regime
quando il sistema ha raggiunto la
sua temperatura di funzionamento.
Per applicazioni ad alta velocità ed
in funzione della lubrificazione è
importante determinare con precisione il gradiente di temperatura
previsto in modo da calcolare la
perdita di gioco. Questo gradiente, basato sulla nostra esperienza,
varia notevolmente da una applicazione all’altra.
Quando il gradiente di temperatura tra cono e coppa è noto, la perdita
di gioco si determina nel modo seguente :
Perdita di Gioco = α
α
x
δT
[
K1
x
(0,39
D01
x
2)
K2
+
x
D02
(0,39
x
2)
±L
]
= coefficiente di dilatazione termica
(11 x 10−6 / °C per alberi ed alloggiamenti in materiale ferroso)
D01 = diametro medio della pista esterna della fila 1
D02 = diametro medio della pista esterna della fila 2
K1
= fattore K della fila 1
K2
= fattore K della fila 2
δT
= gradiente di temperatura tra albero ed alloggiamento in °C
L
= distanza tra i centri geometrici dei cuscinetti in mm
utilizzare valori positivi per il montaggio diretto
e valori negativi per il montaggio indiretto
3. Selezione del cuscinetto
105
3.2.5. Influenza della lubrificazione
La lubrificazione è un fattore molto
importante nella durata dei
cuscinetti. La durata è direttamente
collegata allo spessore del film di
lubrificante. Tale spessore dipende
dalla viscosità del lubrificante, dalla
temperatura di funzionamento, dal
carico, dalla velocità e dalla finitura
superficiale del cuscinetto. La
Società Timken ha sviluppato una
teoria che corregge la durata del
cuscinetto in funzione del tipo di lubrificazione
calcolando il “fattore lubrificante”.
Questo fattore è maggiormente utilizzato quando si
calcolano applicazioni diverse dai cuscinetti per cilindri
di laminatoi. Tuttavia, in applicazioni di cilindri di
laminatoi, calcoliamo lo spessore del film per
selezionare il lubrificante più adatto alle condizioni di
funzionamento. Dobbiamo anche considerare l’entrata di
contaminanti che possono essere dannosi alle funzioni
del lubrificante (un buon sistema di tenute risulta perciò
importante).
Per applicazioni di carattere più
generale come r iduttor i o
equipaggiamenti diversi nell’ambito del laminatoio, questo fattore
può essere molto utile e fornisce
un metodo eccellente per
calcolare la durata dei cuscinetti
considerando allo stesso tempo
lubrificazione, finitura superficiale
e, quindi, spessore del film
lubrificante. Ciò permette a volte
di selezionare un cuscinetto di
minori dimensioni. In questo caso,
si consiglia di far riferimento al
“Manuale Tecnico” Timken.
106
3.2.6. Influenza del fattore del materiale
La qualità dell’acciaio usato per i cuscinetti è molto
importante. In condizioni di sollecitazioni ripetute, le
inclusioni non metalliche avviano il processo di scagliatura
dal quale si sviluppa la scagliatura a fatica.
La Società Timken, che sviluppa e produce il proprio
acciaio, ha enormemente aumentato la sua qualità negli
anni. La Fig. 3-57 mostra la riduzione in dimensioni e
numero di queste inclusioni negli anni e la loro influenza
sulla durata.
Effetto della purezza dell’acciaio sulla durata a fatica dei cuscinetti
Durata a
fatica (cicli)
70
Milioni di cicli
55
40
25
10
Anni
Fig. 3-57
La nostra formula della durata considera questo
miglioramento del materiale attraverso la variazione del
nostro fattore di qualità dell’acciaio “a2”. Per cuscinetti
Timken, prodotti con acciaio legato di qualità, o al
carbonio, da fornaci elettriche, raffinato in siviera, si
utilizza un fattore conservativo pari ad 1.
I cuscinetti possono anche essere prodotti con acciaio
fuso sottovuoto ad elettrodo consumabile (CEVM), acciaio
rifuso ad arco sottovuoto (VAR) o rifuso elettricamente
sotto scoria protettiva (ESR). Questi acciai “premium”
contenenti un minor numero e più piccole inclusioni
contaminanti, forniscono il beneficio di una prolungata
durata a fatica dei cuscinetti dove questa è limitata da
inclusioni non metalliche. In questo caso, la durata a fatica
può essere a volte aumentata di un fattore pari a 3.
3. Selezione del cuscinetto
107
3.3. Analisi agli Elementi Finiti (FEA)
Basata sulla sua lunga esperienza nel calcolo dei
cuscinetti, la Società Timken ha sviluppato diversi
strumenti che portano a calcoli di durata più
accurati e che prendono in considerazione
l’ambiente in cui lavora del cuscinetto. Un nuovo
strumento di calcolo chiamato N-SYS fornisce
un’analisi agli elementi finiti dell’albero e definisce
le costanti elastiche per ciascun cuscinetto.
Questo programma calcola i cedimenti e la durata
del cuscinetto.
Per risultati più esatti, possiamo anche effettuare
un’analisi agli elementivfiniti
sull’alloggiamento del cuscinetto.
La guarnitura viene divisa in molti
elementi ed il suo comportamento
e le sollecitazioni risultanti vengono determinate in diverse
condizioni di carico.
Da qui si calcolano le
deformazioni e si stabiliscono gli
effetti sulla durata del cuscinetto.
In alcuni casi tale analisi mostra
che anche con notevoli deformazioni della guarnitura, la durata
del cuscinetto può essere
superiore alla durata inizialmente prevista per una
migliore distribuzione dei carichi e quindi della
zona di carico del cuscinetto. Tuttavia, tale analisi
non è condotta per ogni calcolo di cuscinetti ma è
limitata alle applicazioni critiche. Per maggiori
informazioni sull’Analisi agli Elementi Finiti, si
suggerisce di contattare la Società Timken.
108
Fig. 3-58
Sollecitazioni di
Von Mises agli
elementi finiti
???????????
: Step 1
: Incr 10
: Nodal
: IVstress
: Mises
: 1 . 99E-02
:
63 . 38
????
????????
????
????
???????
???
???
Y
MPa
x 10
6 . 0000
5 . 6000
5 . 2000
4 . 8000
4 . 4000
4 . 0000
3 . 6000
3 . 2000
2 . 8000
2 . 4000
2 . 0000
1 . 6000
1 . 2000
0 . 8000
0 . 4000
Z
X
Fig. 3-59
Deformazion
i agli
elementi
finiti
Guarnitura deformata
M
Guarnitura
non deformata
??????????
??????
????????
?????
????
????????
Y
: Step 1
: Incr 10
: Disp − T
:
258 . 99
: 2 . 37E − 01
Z
X
3. Selezione del cuscinetto
109
Pagina
113
4.1. Lubrificazione
4.1.1. Funzioni fondamentali del lubrificante
4.1.1.1.
4.1.1.2.
4.1.1.3.
4.1.1.4.
Lubrificazione elastoidrodinamica
Spessore del film sulle piste
Spessore del film sul contatto rullo/bordino
Limiti di velocità - Indicazioni
4.1.2. Lubrificazione a grasso
4.1.2.1. Gabbie di laminazione ed equipaggiamento
molto caricato
Tipo di grasso
Quantità di grasso richiesto
Cicli di reingrassaggio
Limiti di velocità
4.1.2.2. Altri equipaggiamenti
4.1.3. Lubrificazione ad olio
4.1.3.1. A bagno d’olio
4.1.3.2. A nebbia d’olio / Aria-olio
Sistemi a nebbia d’olio
Sistemi aria-olio
Commenti generali su entrambi i sistemi
4.1.3.3. Circolazione d’olio
Generazione di calore
Smaltimento di calore
4.1.4. Influenza di contaminanti ed additivi
possibili
Particelle abrasive
Acqua / emulsioni di laminazione
Additivi dei lubrificanti
137
4.2. Tenute
4.2.1. Funzioni fondamentali delle tenute
4.2.2. Tipi di tenute
Tenute a strisciamento
Tenute senza strisciamento
4.2.3. Sistemi di tenute
4.2.3.1. Colli dei cilindri
Cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro
Tenute statiche
4.2.3.2. Equipaggiamenti ausiliari
4.2.3.3. Applicazioni verticali
4. Lubrificazione e tenute
4.1. Lubrificazione
Una lubrificazione adeguata è essenziale per ottenere ottime
prestazioni dai vostri cuscinetti a rulli conici e per ottenere, quindi, la
durata prestabilita. Per avere una lubrificazione efficiente si devono
considerare : il lubrificante stesso con le corrette proprietà fisiche e
chimiche, una quantità appropriata di lubrificante ed il modo di
inviarla al cuscinetto. Di primaria
importanza è il contatto tra la
base del rullo ed la superficie del
bordino.
La durata del vostro cuscinetto
può variare sostanzialmente in
funzione di come questo contatto
è lubrificato. Nella applicazioni
dei colli dei cilindri, la presenza
di acqua e soluzioni di
laminazione rendono questa
lubrificazione ancor più critica.
4.1.1. Funzioni fondamentali del lubrificante
Un lubrificante per cuscinetti deve soddisfare tre requisiti
fondamentali :
●
Ridurre l’attrito e l’usura separando le superfici adiacenti e limitando
il contatto metallo con metallo,
●
Asportare il calore dal cuscinetto (con lubrificazione ad olio),
●
Proteggere il cuscinetto dalla corrosione e dallo sporco,
Queste funzioni comprendono le caratteristiche del lubrificante e lo
spessore del film generatovsulle piste (prodotto dagli effetti
elastoidrodinamici) e sul contatto rullo/bordino.
4. Lubrificazione e tenute
113
4.1.1.1. Lubrificazione elastoidrodinamica
Pr
na
La lubrificazione può essere definita come il controllo dell’attrito e
dell’usura tra superfici adiacenti del cuscinetto grazie allo sviluppo di
un film di lubrificante tra le stesse.
La formazione di un sottile film
elastoidrodinamico (EHD) di lubrine Hertz
sio
ia
s
e
ficante tra le superfici adiacenti
dipende dalla defor mazione
elastica di queste superfici e dalle
proprietà idrodinamiche del lubrificante stesso.
Regione Hertziana
Fig. 4-1
Distribuzione della pressione sull’area
di contatto
Quando si applica un carico ad un cuscinetto, le superfici del rullo e
della pista si deformano elasticamente e sono in contatto in un’area
definita. Il contatto tra due corpi elastici - contatto Hertziano - provoca
un innalzamento nella distribuzione della pressione nella zona di
contatto con il massimo della pressione hertziana al centro come
mostrato in Fig. 4-1. Un valore massimo tipico della pressione
Hertziana nei componenti rotanti dei cuscinetti, caricati alla loro
capacità, può superare i 1400 Mpa. Le pressioni idrodinamiche del
fluido sono generate nella zona di ingresso appena prima della zona di
deformazione Hertziana (Fig. 4-2).
Nella zona di contatto, la pressione idrodinamica del fluido cerca di
separare le due superfici, mentre il carico cerca di spingerle in
contatto. L’elevata pressione di
contatto nella zona di ingresso
produce una rapida crescita della
Pressione
viscosità che genera pressioni idrodinamiche del film sufficientemente
Velocità
elevate da separare le due superfici.
All’interno della zona di contatto, la
h
h min.
pressione del lubrificante può salire
al punto che il f luido può
Velocità
comportarsi come un pseudo solido.
L’effetto della pressione elevata sulla
Zona di entrata
Zona Hertziana
Zona di uscita
viscosità crescente non è uniforme
per tutti i lubrificanti e dipende dalle
Fig. 4-2
caratteristiche pressione-viscosità del
La pressione idrodinamica del fluido separa
le superfici in contatto
fluido considerato.
114
4.1.1.2. Spessore del film sulle piste
L’importanza del meccanismo della lubrificazione
elastoidrodinamica sta nel fatto che lo spessore
del film lubrificante tra i due contatti è legato
alle prestazioni del cuscinetto. Lo spessore del
film generato dipende dalle condizioni operative
quali :
●
Velocità superficiale,
●
Carichi,
●
Viscosità del lubrificante,
●
Relazione pressione/viscosità.
Le seguenti relazioni analitiche sono state
sviluppate per calcolare lo spessore minimo e medio
del film :
Spessore minimo del film (formula di Dowson) :
hmin = 2,65 x (µ x V)0,7 x α0,54 x W−0,13 x R0,43 x E’−0,03
Spessore medio del film (formula di Grubin) :
h = 1,95
x
( WE’ )
0,091
x
R0,364 x (α x µ x V) 0,727
dove :
h, hmin
µ
V
α
W
R
E’
=
=
=
=
spessore del film medio e minimo
m
viscosità del lubrificante
Ns/m2
velocità relativa delle superfici
m/s
coefficiente pressione / viscosità del lubrificante
(2,2 x 10−8 m2/N è un valore usuale)
= carico per unità di lunghezza
N/m
1
, R1, R2 raggio di curvatura della superficie m
=
1/R1 + 1/R2
= modulo di Young ridotto. E’ = 2,2 x 1011 per acciaio su acciaio
4. Lubrificazione e tenute
115
I principali fattori influenzanti lo spessore del film di lubrificante sono
la viscosità e la velocità in condizioni operative, mentre il carico ha
un’influenza minore. Lo spessore del
film EHD generato è generalmente
abbastanza piccolo - abitualmente
alcuni decimi di micron. Questi sottili
film EHD sono spesso solo
leggermente superiori all’altezza delle
singole asperità dovute alla rugosità
delle due superfici in contatto.
Quando le superfici non sono completamente separate, il film EHD
permette che in zone limitate ci siano asperità in contatto,
particolarmente vulnerabili per l’avvio di fatica superficiale.
La durata a fatica di un cuscinetto è legata in modo complesso a :
velocità, carico, lubrificante, temperatura, registrazione e
disassamento. Il ruolo del lubrificante in questa interazione è
principalmente determinato da : velocità, viscosità e temperatura ;
l’effetto di questi fattori sulla durata del cuscinetto può essere
determinante. Per esempio, in un programma di prova, Fig. 4-3a, due
gruppi di cuscinetti di prova sono stati sottoposti a condizioni di
carico e velocità costante. Variando la temperatura di funzionamento,
la gradazione del lubrificante, e quindi la sua viscosità in
funzionamento, si sono ottenuti spessori diversi del film. La durata si è
ridotta enormemente alle temperature più alte, con viscosità più bassa
e spessori del film risultanti più sottili.
Gruppo
di Prova
Temperatura
Visc. @
temp. di prova
mm2/sec (cSt)
Film EHD (hmin)
Durata %
°C
°F
A-1
135
275
2,0
0,038
13 - 19
A-2
66
150
19,4
0,264
100
µm
Fig. 4-3a
Durata relativa a fatica del cuscinetto in funzione dello spessore del film EHD
Gruppo
di Prova
Velocità
G/min
Film EHD (hmin)
Life %
B-1
3600
0,102
100
B-2
600
0,028
40
µm
Fig. 4-3b
Durata relativa a fatica del cuscinetto in funzione dello spessore del film EHD.
(Velocità variabile - temperatura costante)
116
In un’altra ricerca, Fig. 4-3b, la viscosità ed il carico sono
stati mantenuti costanti ma è stata variata la velocità. I
risultati ottenuti sono stati simili a quelli di Fig. 4-3a.
Velocità più alte producono spessori del film più
consistenti e maggiori durate.
La scelta del lubrificante corretto per ogni applicazione
richiede uno studio attento delle condizioni di
funzionamento e delle condizioni ambientali. Altri
suggerimenti si possono trovare nel “Manuale Tecnico”
Timken.
4.1.1.3. Spessore del film sul contatto rullo / bordino
Per assicurare buone prestazioni del cuscinetto, la zona di
contatto tra la base del rullo ed il bordino del cono deve
essere separata da uno spessore adeguato del film. Anche
se le sollecitazioni di contatto in questa zona del rullo e
del bordino sono decisamente inferiori di quelle sviluppate
sulle piste del cuscinetto, ci sono applicazioni in cui il film
di lubrificante nella zona di contatto rullo/bordino può
essere insufficiente per evitare il contatto delle asperità. Se
questo è notevole, si possono avere come risultato delle
abrasioni o saldature delle asperità. Quando si prevedono
delle condizioni di funzionamento difficili, l’utilizzo d un
lubrificante con additivi estrema pressione (EP) può
aiutare a prevenire i danneggiamenti da abrasioni nella
zona di contatto rullo/bordino. Gli additivi EP componenti
chimici complessi che, quando attivati da alte temperature
localizzate, formano un film a bassa resistenza al
taglio nella zona di contatto in grado di prevenire le
abrasioni.
4. Lubrificazione e tenute
117
4.1.1.4. Limiti di velocità - Indicazioni
Il modo abituale di
misurare la velocità di un
cuscinetto a rulli conici è
la velocità circonferenziale del diametro medio
del bordino (Fig. 4-4) e
questa può essere calcolata come :
Velocità al bordino :
Vr =
π Dmn
(m/s)
60 000
dove :
Dm = diametro della zona di contatto del
bordino dell’anello interno
n
= velocità di rotazione
Il diametro del bordino
dell’anello interno può
essere rilevato da un
disegno in scala del
cuscinetto o approssimato come valore medio
fra il diametro interno ed
il diametro esterno del
cuscinetto.
mm
G/min
Diametro del bordino
dell’anello interno
Dm
Fig. 4-4
La Fig. 4-5 riporta un sommario dei suggerimenti relativi a velocità e
temperature. Non ci sono limiti di velocità ben definiti per i cuscinetti
a rulli conici che non siano in relazione alla configurazione del
cuscinetto od al sistema di lubrificazione. La Società Timken consiglia
di effettuare delle prove per tutte le nuove applicazioni ad alta
velocità.
Cuscinetti speciali per alte velocità con circolazione d’olio
Getti d’olio
Indicazioni delle velocità limite
Nebbia d’olio/aria-olio
L’esperienza dell’industria indica l’assenza
di problemi in circostanze normali.
Circolazione d’olio
L’esperienza dell’industria suggerisce di
effettuare delle prove per ottimizzare il sistema.
Livello d’olio
Utilizzare solo per processi non continui.
Grasso
0
0
10
2000
20
4000
30
40
50
6000
8000
10 000
Velocità al bordino
100
20 000
200 m/s
40 000 ft/min
Fig. 4-5
Indicazioni delle velocità limite per i diversi sistemi di lubrificazione
118
4.1.2. Lubrificazione a grasso
Il grasso è un prodotto semi-solido ottenuto dalla
dispersione di un agente addensante in un liquido
lubrificante. Le proprietà del grasso sono perciò legate alla
natura dell’agente indurente ed a quelle del liquido
lubrificante. Molti tipi di grasso contengono anche additivi
in modo da ottenere caratteristiche specifiche (resistenti
all’acqua, antiossidanti, caratteristiche estrema pressione,
ecc.).
Il grasso è una buona soluzione per problemi di
lubrificazione, i vantaggi principali sono :
●
Sistemi di lubrificazione semplificati,
●
Effetto “tenuta”,
●
Perdite limitate in confronto ad altri tipi di lubrificanti,
●
Buona protezione contro la corrosione anche in
condizioni di non funzionamento.
Tuttavia, utilizzando grasso, i cuscinetti non dissipano
calore come avviene con
la lubrificazione ad olio.
Il cuscinetto è più
difficile da pulire ed il
grasso può, a volte,
catturare particelle
contaminanti che sono
dannose al cuscinetto.
Esistono diversi tipi di
grasso, legati al tipo di
addensante e all’olio di
base. Il parametro più
importante per selezionare il grasso correttamente è lo spessore del
film elastoidrodinamico
in condizioni operative.
Questo spessore del film
è direttamente collegato alla viscosità dell’olio di base.
4. Lubrificazione e tenute
119
4.1.2.1. Gabbie di laminazione ed equipaggiamento
molto caricato
Tipo di grasso
Gli equipaggiamenti per laminatoi lubrificati a grasso, i
colli dei cilindri e le macchine ausiliarie come tavole a
rulli, possono essere lubrificati con quello che viene
definito normalmente un grasso EP per laminatoi. Per la
natura degli impianti di laminazione, il grasso deve essere
un prodotto per impieghi pesanti capace di sopportare
carichi pesanti con sovraccarichi ed urti.
Caratteristiche suggerite dei grassi EP per laminatoi
Tipo di sapone :
Litio, calcio, zolfo,
o equivalente
Consistenza :
NLGI N° 1 o N° 2
Additivi :
Inibitori di corrosione e ossidazione
Additivi Estrema Pressione (EP)* 15,8 kg min. di carico Timken “OK”
Olio di base :
Olio minerale raffinato od olio sintetico
Viscosità dell’olio :
di base (a 40 °C)
da 320 a 460 cSt (contattare la Società
Timken per applicazioni critiche)
Indice di viscosità :
80 minimo
Punto di scorrimento : −10 °C massimo
*ASTM D2509
Il grasso EP per laminatoi non dovrebbe
contenere componenti corrosivi o abrasivi per
i cuscinetti a rulli conici o per il materiale
delle tenute. Il grasso dovrebbe avere una
eccellente stabilità meccanica e chimica,
non dovrebbe emulsionare o essere lavato
via facilmente in presenza di acqua o di
altri liquidi di laminazione.
Esso dovrebbe contenere inibitori per
fornire una lunga protezione contro
l’ossidazione del grasso in applicazioni ad
alte temperature, e proteggere i cuscinetti
dalla corrosione in presenza di umidità. Il
grasso dovrebbe anche contenere additivi
estrema pressione (EP) per prevenire le
abrasioni in difficili condizioni di utilizzo.
120
Quantità di grasso richiesto
Per evitare produzione di calore, il cuscinetto non deve essere troppo
riempito di grasso. La quantità di grasso richiesta è basata sul volume
libero nel cuscinetto calcolato come segue :
V=
π 2 2
(D − d ) (T) − M
4
A
dove :
V
D
d
T
M
A
= volume libero nel cuscinetto
= diametro esterno del cuscinetto
= alesaggio
= larghezza totale
= peso del cuscinetto
= densità media dell’acciaio
7.8 x 10−3
(cm3)
(cm)
(cm)
(cm)
(kg)
kg/cm3
In funzione dell’applicazione (velocità, ecc...), suggeriamo di riempire
il cuscinetto con una quantità pari a :
1/3 a 1/2 di V per grassi minerali convenzionali
Per determinare il peso di grasso corrispondente si può utilizzare una
densità approssimativa di 0,9 g/cm3.
Il grasso dovrebbe essere distribuito tra i rulli e la gabbia, forzandolo
sotto la gabbia generalmente dal lato diametro maggiore dei rulli.
Cicli di reingrassaggio
Si deve prestare un’attenzione particolare al reingrassaggio del
cuscinetto. Infatti, l’eccesso di grasso genera troppo calore che può
danneggiare il cuscinetto. Dopo il primo riempimento di grasso, i
parametri che determinano il reingrassaggio sono : temperatura (più
elevata è la temperatura più rapida sarà l’ossidazione del grasso),
efficienza delle tenute ed inquinamento. Non è possibile fornire una
regola generale per il reingrassaggio poichè questo dipende
dall’efficienza del sistema di tenute e dovrà, quindi, essere basato
sull’esperienza. Tuttavia, per cuscinetti con tenute dei cilindri di
lavoro è consuetudine normale reingrassare ad ogni ispezione del
cuscinetto (circa 500-1000 ore).
4. Lubrificazione e tenute
121
Limiti di velocità
La Società Timken generalmente non suggerisce una lubrificazione a
grasso per velocità al bordino superiori a 20 m/s in applicazioni su
colli cilindro. Questo valore relativamente elevato per lubrificazione a
grasso è possibile per un tipo di funzionamento non continuo.
4.1.2.2. Altri equipaggiamenti
Suggeriamo l’utilizzo di un grasso industriale per applicazioni
generiche :
Caratteristiche suggerite dei grassi per impiego industriale
generico
Tipo di sapone :
LLitio 12-idrossido stearato
o equivalente
NLGI N° 2
Inibitori di corrosione e ossidazione
Olio minerale raffinato
da 100 a 320 cSt
Consistenza :
Additivi :
Olio di base :
Viscosità dell’olio :
di base (at 40°C)
Indice di viscosità :
80 minimo
Punto di scorrimento : −10 °C massimo
La viscosità dell’olio di base suggerito copre un campo
sufficientemente ampio. Prodotti con viscosità inferiore possono
essere utilizzati in applicazioni ad alte velocità o
legger mente car icati per minimizzare la
produzione di calore e la coppia. Prodotti con
viscosità superiore possono essere utilizzati in
applicazioni con velocità medio-basse e in
condizioni di carico pesante per massimizzare lo
spessore del film d’olio.
Il grasso è principalmente usato per velocità
moderate e, in genere, non deve essere utilizzato
oltre i 13 m/s di velocità al bordino.
4.1.3. Lubrificazione ad olio
Ci sono tre tipi diversi di sistemi di lubrificazione ad olio utilizzati
nella maggior parte di applicazioni di cuscinetti Timken. La scelta di
un sistema particolare è generalmente basata su valutazioni termiche o
sulla capacità del sistema di evacuare il calore generato dal cuscinetto
e/o dal sistema di ingranaggi nell’applicazione.
122
4.1.3.1. A bagno d’olio
Di tutti i sistemi di lubrificazione ad olio, quello a bagno d’olio è
certamente il più semplice ma anche la soluzione più limitata in
termini di velocità, per la sua limitata capacità di smaltire il calore.
Esso è usato solamente per velocità basse o moderate non superiori a
18 m/s di velocità al bordino.
Questo sistema di lubrificazione si trova nei riduttori, gabbie pignone,
aspi avvolgitori...
I cuscinetti sono in questo caso
parzialmente sommersi in un
serbatoio statico di olio come
mostrato in Fig. 4-6.
Livello d’olio
Fig. 4-6
Sistema a bagno d’olio
Con il sistema a bagno d’olio, poichè il controllo del livello non
avviene di frequente, è molto importante assicurare tenute efficienti
per garantire il mantenimento di un livello d’olio adeguato. Se
l’applicazione è critica, è consigliabile adottare dei sistemi esterni di
controllo del livello d’olio.
Lo smaltimento del calore può essere migliorato in un sistema a livello
d’olio se questo è spruzzato su tutta la superficie interna
dell’alloggiamento. Il più delle volte sono gli ingranaggi ad eseguire
questo compito. A questo punto è importante guidare il flusso
dell’olio in caduta, attraverso appositi canali, verso i cuscinetti. Ciò
può essere ottenuto utilizzando delle vaschette di raccolta come
mostrato in Fig. 4-7. Come si può vedere, si cerca sempre di inviare
l’olio dal lato diametro piccolo del rullo in modo da utilizzare l’effetto
naturale di pompaggio tipico dei cuscinetti a rulli conici. Per
mantenere un livello d’olio nei cuscinetti, si possono utilizzare dei
sistemi di vaschette statiche come mostrato nella figura.
Foro di entrata olio
Foro di entrata olio
Vaschetta
di raccolta
Livello
d’olio
Vaschetta statica d’olio
Montaggio a singola fila di rulli
Montaggio a doppia fila di rulli
Fig. 4-7
Sistemi a sbattimento d’olio
4. Lubrificazione e tenute
123
Sistemi a livello d’olio con sbattimento possono
essere utilizzati a velocità relativamente elevate
(anche superiori a 20 m/s) se correttamente
progettati con un grande serbatoio d’olio e
ampie superfici di raf freddamento. La
configurazione dell’alloggiamento può avere
un’importanza primaria nell’efficacia dello
scambio termico fornito.
Il tipo di olio è principalmente scelto sulla base
della sua viscosità, stabilita dai parametri
dell’applicazione come :
● velocità, carico e fattori ambientali.
Poichè la viscosità varia con l’inverso della temperatura, il valore della
viscosità deve essere definito sempre con la temperatura alla quale è
stata determinata (legata anche alla viscosità iniziale dell’olio). Nella
maggior parte delle applicazioni citate, con lubrificazione a bagno
d’olio, si usa generalmente un olio minerale con una viscosità
compresa tra 220 e 460 cSt. Per migliorare le caratteristiche dell’olio,
si possono utilizzare additivi. I tipi più comuni sono :
● additivi estrema pressione “EP” per prevenire rigature in condizioni
di lubrificazione limite,
● inibitori di ossidazione per aumentare la durata del lubrificante,
● inibitori di ruggine e corrosione per proteggere le superfici dei
cuscinetti,
● agenti antiusura.
4.1.3.2. A nebbia d’olio / Aria-olio
Sistemi a nebbia d’olio
Nei colli del cilindro, si considerano abitualmente i sistemi di
lubrificazione a nebbia d’olio quando la lubrificazione convenzionale a
grasso viene considerata non sufficientemente sicura ed affidabile, in
funzione della velocità di laminazione, sia per i cuscinetti dei cilindri
di lavoro che dei cilindri di appoggio.
La lubrificazione a nebbia d’olio, caratterizzata dal suo basso consumo
di olio, ha dimostrato, negli ultimi decenni, di essere molto
soddisfacente per colli di cilindri equipaggiati di cuscinetti Timken
funzionanti a velocità di laminazione fino a 2100 m/min.
Prove condotte alcuni anni fa, per simulare operazioni di laminazione
continue, hanno dimostrato che la lubrificazione a nebbia d’olio è
ancora un sistema di lubrificazione affidabile ; in effetti, la temperatura
di funzionamento del cuscinetto si è stabilizzata dopo circa 5 ore di
funzionamento alla velocità massima, corrispondente a circa 2100
m/min (ved. Fig. 4-8).
124
oC
132
Temperatura misurata oC
121
Coppa 5
110
Coppa 4
99
2134 m/min
88
1829 m/min
77
65
5
1219 m/min
4
Cuscinetto ad alesaggio
conico pari a 875 mm
54
Temperatura del liquido di laminazione
43
1h
2h
3h
4h
5h
6h
7h
8h
9h
10 h 11 h
Periodo di funzionamento
Fig. 4-8
Temperature misurate sul cuscinetto, del tipo a rulli conici lubrificato a nebbia d’olio alla
velocità di 2100 m/min e con una forza di separazione di 1000 tonnellate.
L’olio con tale sistema di lubrificazione è nebulizzato in finissime
particelle in un generatore di nebbia d’olio (dimensione media delle
particelle d’olio di circa 2 µm) ; le particelle sono poi convogliate
da un flusso d’aria a bassa velocità (circa 5 m/s) e a bassa pressione
(nominale 0,5 bar) agli ugelli situati nei fori previsti nelle guarniture.
Questi ugelli (generalmente 3 o 4 per guarnitura) dovrebbero essere
localizzati nell’alesaggio della guarnitura ed allineati con le entrate per
il lubrificante previste nei cuscinetti e nelle tenute (Fig. 4-9).
Istruzioni generali per cuscinetti tipo TQOW/2TDIW
a
a) Entrate olio
Prevedere assialmente un foro comune di ingresso,
con derivazioni nella parte superiore della
guarnitura sul distanziale della coppa esterna,
distanziale della coppa interna e distanziale interno.
Ugelli di calibratura sono collocati nei fori radiali e
nei condotti di adduzione adiacenti ai distanziali
coppe e alle tenute.
b) Combinazione fori di ventilazione e livello d’olio
Posizionare i fori di ventilazione all’altezza del livello
d’olio nella mezzeria del cuscinetto ed alla fine della
guarnitura dal lato interno in modo da intersecare il
foro assiale comune. Il foro di ventilazione esterno
può essere disposto nel coperchio di fissaggio.
d
b
c
Fig. 4-9
Configurazione generale con cuscinetti
tipo TQOW/2TDIW
c) Scarico olio
Prevedere dei fori nella parte inferiore in
corrispondenza dei distanziali coppe, gli stessi fori
devono intersecare il foro assiale comune.
d) Combinare i fori di ventilazione e scarico per le
tenute interne sul punto morto inferiore. Prevedere
uno scarico per evacuare il liquido di laminazione
che può eventualmente entrare attraverso le tenute.
4. Lubrificazione e tenute
125
Le funzioni degli ugelli sono :
●
●
In primo luogo, assicurare la distribuzione ed
il controllo della quantità di nebbia d’olio.
Questo si ottiene dal numero/lunghezza/dimensione dei fori per ugello e dalla
distribuzione di questi ugelli tra i diversi
punti da lubrificare in una data guarnitura
(generalmente due per cuscinetto ed 1 o 2
per tenuta a labbro Fig. 4-10),
In secondo luogo, aumentare la dimensione delle sottili particelle di
olio sospese nel flusso d’aria a bassa velocità appena prima di
entrare nel cuscinetto. Questo si ottiene dalla turbolenza creata
dall’aumento della velocità, quando la nebbia d’olio (aria lubrificata)
passa attraverso i fori dell’ugello (questi ugelli sono anche definiti
ugelli di calibratura). A riguardo, è importante prevedere una
ventilazione adeguata nella guarnitura, tale da non disturbare il calo
di pressione attraverso i fori dell’ugello e quindi l’aumento di
velocità della nebbia (l’area dei fori di ventilazione dovrebbe essere
almeno il doppio dell’area di tutti i fori degli ugelli nel sistema) (ved.
Fig. 4-9 e 4-10).
Fig. 4-10
Ugello di
calibratura
Da notare anche che questi fori di ventilazione determineranno il
livello d’olio minimo nel cuscinetto. Questo livello d’olio è necessario
nella fase di avvio, per cui si raccomanda anche di verificare che esso
esista, in modo particolare quando si avvia il laminatoio dopo un
lungo periodo di inattività.
Fig. 4-11
Configurazione
della nebbia
d’olio con
cuscinetti tipo
TQIT
a
a
Istruzioni generali per
cuscinetti tipo TQIT
a) Entrate olio
Prevedere assialmente un foro
comune di ingresso,
con derivazioni nella
b
parte superiore della
c
guarnitura sul distanziale della coppa
b
esterna, sul distanziale della coppa
c
interna e sul distanziale interno. Ugelli
di calibratura sono
collocati nei fori radiali e nei condotti di adduzione adiacenti ad ogni coppa ed alle tenute.
b) Combinazione fori di ventilazione e livello d’olio
Posizionare i fori di ventilazione all’altezza del livello d’olio nella mezzeria del cuscinetto ed alla fine della guarnitura dal
lato interno in modo da intersecare il foro assiale comune. Il foro di ventilazione esterno può essere disposto nel
coperchio di fissaggio.
c) Scarico olio
Prevedere dei fori nella parte inferiore in corrispondenza del distanziale coppe ed a ciascuna estremità della guarnitura,
gli stessi fori devono intersecare il foro assiale comune.
d) Combinare i fori di ventilazione e scarico per le tenute interne sul punto morto inferiore. Prevedere uno scarico per
evacuare il liquido di laminazione che può eventualmente entrare attraverso le tenute.
d
126
La quantità di olio, contenuto nella nebbia passante attraverso i fori
dell’ugello, uscirà in parte condensato ed in parte sotto forma di
spruzzo umido che deve essere ulteriormente estratto dall’aria quando
sbatte ad alta velocità contro gli elementi stazionari e rotanti del
cuscinetto.
Per laminatoi ad alta velocità è consigliabile disporre gli ugelli
direttamente nel cuscinetto stesso, per esempio nelle coppe o
distanziali coppe. Questo assicurerà quindi una buona distribuzione
dell’olio lungo la circonferenza del cuscinetto e la condensazione dello
stesso “direttamente” “all’interno” del cuscinetto come pure per l’olio
rimasto sospeso nell’aria all’uscita degli ugelli.
I cuscinetti saranno perciò lubrificati più efficacemente poichè lo
spruzzo umido sbatte sugli elementi rotanti i quali saranno
continuamente ricoperti con un sottile film d’olio (Fig. 4-12).
Ugello integrato
Fig. 4-12
Cuscinetto con
ugelli integrati
La quantità di olio condensato all’uscita degli ugelli e la quantità di
olio rimasto in sospensione nell’aria dipende dal rapporto “lunghezza
L sul diametro D del foro dell’ugello”.
Per cuscinetti dei colli di cilindro, gli ugelli sono normalmente scelti
con un rapporto L/D pari a 20. Questo rapporto permetterà
la condensazione di almeno il 50 % dell’olio all’uscita dell’ugello
(le dimensioni standard del foro di tali ugelli sono : D = 1,7 mm ed
L = 35 mm).
Se l’installazione è ben progettata e disegnata, meno del 10 % dell’olio
rimarrà in sospensione nell’aria all’uscita della guarnitura. Risulta
perciò essenziale scegliere oli che abbiano buone caratteristiche ad
essere nebulizzati (viscosità massima possibile di circa 460 cSt a 40 °C,
suggeriti preriscaldatori d’aria aggiuntivi). Tuttavia, la contaminazione
dell’aria esterna da parte dell’olio rimasto in sospensione può essere
minimizzata o resa nulla, se la nebbia d’olio che fuoriesce dalle
guarniture viene convogliata attraverso manicotti e tubazioni in un
collettore di nebbia d’olio che provvederà all’estrazione dell’olio
rimanente.
4. Lubrificazione e tenute
127
Caratteristiche suggerite per l’olio nei sistemi a nebbia
d’olio per laminatoi
Olio di base :
Olio minerale raffinato, alto indice di
viscosità
Additivi :
Inibitori di corrosione e ossidazione
Additivi Estrema Pressione (EP)* - 15,8 kg
Nebulizzazione :
Buona uscita totale, buon rapporto
olio/aria, non deve ostruire gli ugelli
in funzionamento
Indice di viscosità :
80 minimo
Punto di scorrimento :
−12 °C massimo
Gradazione di viscosità : 220 - 320 cSt at 40 °C
recommended
Consumo d’olio
La quantità di olio richiesta con un sistema di
lubrificazione a nebbia d’olio non è specificatamente
calcolata sulla base del calore generato dal cuscinetto, ma
piuttosto in relazione alla dimensione ed al numero delle
file di rulli del cuscinetto.
Ciò è comprensibile poichè non avrebbe molto senso
calcolare una portata d’olio per un sistema di
lubrificazione che consuma solo una piccola quantità
d’olio.
In ogni caso la quantità minima di olio da considerare può
essere stabilita solo quando si è calcolata la quantità di
nebbia d’olio basata sulla sua densità dichiarata dai
costruttori di tali generatori (per qualsiasi informazione
relativa al vostro laminatoio, si suggerisce di contattare il
costruttore del sistema di nebbia d’olio).
Per esempio, la quantità minima di olio / aria suggerita è :
da 0,0066 a 0,0098 litri d’olio all’ora per ogni 28,3
litr i/min di ar ia passante attraver so l’unità di
nebulizzazione, con olio avente una viscosità di circa 100
cSt a 40 °C e senza preriscaldatori.
Questo permette all’operatore di controllare l’efficienza di
funzionamento dell’installazione verificando periodicamente il suo consumo d’olio. Per esempio, per un
cuscinetto di grandi dimensioni di un cilindro di appoggio,
con un alesaggio di circa 860 mm, il consumo medio
d’olio è generalmente di circa 80 cm3/ora.
128
Sistemi aria-olio
La lubrificazione aria-olio si è diffusa abbastanza
recentemente nei cuscinetti dei colli di cilindro.
In un laminatoio a freddo per alluminio di recente
costruzione, con i cilindri di appoggio equipaggiati di
cuscinetti TQIT Timken, con alesaggio di 895 mm, è stato
adottato un sistema di lubrificazione aria-olio. La velocità
massima di laminazione di questo laminatoio è di circa
1700 m/min.
Con questo tipo di lubrificazione l’olio non viene
nebulizzato prima di essere convogliato nel cuscinetto dal
flusso d’aria. Di conseguenza, la velocità e la pressione di
questo flusso d’aria possono essere molto più elevate
senza rischio di condensazione dell’olio prima che questo
entri nel cuscinetto.
La presenza dell’ugello, necessario con lubrificazione a
nebbia d’olio, non è più richiesta.
Il solo requisito è di distribuire efficacemente le goccioline
d’olio lungo i diversi punti di lubrificazione nella
guarnitura (cioè la quantità d’olio che entra attraverso il
foro principale di entrata della guarnitura deve essere
equamente distribuita tra le diverse file del cuscinetto e le
posizioni delle tenute).
Velocità tipica dell’aria nelle tubazioni e nei fori : ..... 60 to 80 m/s
della guarnitura
Velocità delle goccioline d’olio : ...................................................... 0,02 to 0,05 m/s
La possibilità di operare con velocità dell’aria più elevate e
maggiori quantità d’aria non riscaldata per facilitare la
nebulizzazione può offrire un potenziale di raffreddamento
aggiuntivo per i cuscinetti.
La pressione dell’aria all’interno del cuscinetto (circa 0,2 0,3 bar) può anche aiutare a prevenire l’ingresso di liquidi
di laminazione in funzione delle tenute utilizzate e/o del
sistema di ventilazione.
4. Lubrificazione e tenute
129
Nota : la ventilazione
può essere fatta
attraverso fori speciali
come per il sistema a
nebbia d’olio o
attraverso le tenute a
labbro. Questo viene
stabilito dal fornitore
del sistema aria-olio.
La sola limitazione
consiste nel livello
d’olio che, potendo
salire durante il
funzionamento, non
deve superare il livello
suggerito.
a
c
d
Fig. 4-13
Configurazione con
cuscinetti TQIT
a = entrate d’olio
b = ventilazione e livello d’olio
c = scarico d’olio
d = ventilazione e scarico per la tenuta interna
b
Caratteristiche dell’olio
Per laminatoi fortemente caricati ed a bassa velocità, il sistema di
lubrificazione aria-olio permette anche di utilizzare oli con viscosità
molto alte (680 cSt a 40 °C o superiori) ; l’olio in questo caso non
deve più essere nebulizzato.
Il consumo d’olio è generalmente inferiore, secondo i fornitori di tali
impianti, se confrontato con la quantità d’olio consumata dal sistema a
nebbia d’olio. Queste quantità sono basate su formule sviluppate dai
fornitori di sistemi aria-olio e possono essere discusse e definite con
loro. Come in tutti gli altri sistemi di lubrificazione, Le opportune
quantità di aria-olio sono alla fine definite durante le fasi di prova del
laminatoio. Il calcolo iniziale è principalmente utilizzato per definire le
dimensioni dell’installazione.
Commenti generali su entrambi i sistemi di lubrificazione
Le piccole quantità di olio utilizzate in entrambi i sistemi a nebbia
d’olio o aria-olio non sono naturalmente capaci di asportare il calore
generato nel sistema “guarnitura-cuscinetto” nei laminatoi ad alta
velocità. L’equilibrio termico dipenderà quasi totalmente dalla capacità
di smaltimento del calore dei componenti circostanti il cuscinetto
(guarniture e cilindri) in modo che i cuscinetti possano funzionare ad
una temperatura stabilizzata il cui valore è ancora considerato sicuro.
La nostra esperienza mostra che i nostri cuscinetti possono funzionare
in condizioni di sicurezza a temperature fino a 130 °C.
130
La quantità di olio richiesta deve
essere valutata solo per lubrificare
efficacemente le piste e i rulli del
cuscinetto. Questa minima quantità
di olio è direttamente legata alle
dimensioni del cuscinetto ed allo
spessore del film d’olio che bisogna
garantire affinché le superfici di
rotolamento e di str isciamento
rimangano separate.
Il rischio di non avere in ogni
momento una quantità d’olio non
sufficiente è ridotta per la presenza
del livello d’olio minimo nella parte
inferiore della guarnitura e della
pompa d’olio di sicurezza che viene
ge n e r a l m e n t e s p e c i f i c a t a c o n
entrambi i sistemi di lubrificazione. Tuttavia, la posizione del livello
d’olio nella parte inferiore della guarnitura deve essere attentamente
controllata per evitare ulteriore produzione di calore per lo
sbattimento dell’olio, in modo particolare nei laminatoi ad alta
velocità. Generalmente il livello d’olio dovrebbe essere appena sopra
le piste esterne (come mostrato in Fig. 4-14).
Livello d’olio
Fig. 4-14
Livello d’olio
suggerito
Il vantaggio fondamentale del
sistema di lubrificazione ariaolio quando valutato e
confrontato con il sistema di
lubrificazione a nebbia d’olio
sembra essere la sua maggiore
affidabilità nel fornire una
quantità costante di olio ai
cuscinetti in ogni momento.
Tale affidabilità è essenziale
per un sistema di lubrificazione progettato per consumare piccole quantità d’olio.
Per le sue caratteristiche, il sistema non è più dipendente dalla scelta
delle corrette caratteristiche di nebulizzazione dell’olio e dalla corretta
realizzazione e progettazione del sistema di fori e tubazioni.
Il fatto che l’olio non debba più essere nebulizzato elimina il rischio di
inquinamento dell’aria. Tale problema esiste con il sistema di
lubrificazione a nebbia d’olio quando si utilizza solo la ventilazione
libera (senza sistema di estrazione d’olio).
4. Lubrificazione e tenute
131
4.1.3.3. Circolazione d’olio
Questi sistemi sono utilizzati quando è necessario asportare molto
calore sviluppato dall’applicazione. Essi possono essere utilizzati, per
esempio, in trasmissioni ad ingranaggi a media od alta velocità come
pure in qualche applicazione specifica dei colli di cilindro. Essi
possono anche essere gradualmente adattati al livello di smaltimento di
calore richiesto e se necessario si può aggiungere uno scambiatore di
calore per l’olio.
In un sistema tipico a circolazione
d’olio, come in Fig. 4-15, l’olio è
pompato da un serbatoio centrale ad
ogni cuscinetto. L’olio è inviato nel
cuscinetto dal lato diametro minore
del rullo e raccolto dal lato diametro
maggiore del rullo per sfruttare
l’azione di pompaggio naturale del
cuscinetto a rulli conici.
Foro di entrata olio
Foro di scarico olio
Fig. 4-15
Sistema a circolazione forzata d’olio
Questo tipo di circolazione può
essere utilizzato per velocità al
bordino fino a 25 m/s.
Getto d’olio
Fig. 4-16
Sistema a
circolazione
forzata con
getto d’olio
Se la velocità al bordino supera il
valore indicato come nei riduttori ad
alta velocità o negli aspi avvolgitori,
si dovranno utilizzare sistemi a
circolazione forzata con getti d’olio.
(Fig. 4-16). I getti sono posizionati in
modo tale da dirigere l’olio nello
spazio tra la gabbia ed il bordino
piccolo.
Per una maggiore efficienza di raffreddamento, si possono aggiungere
degli ugelli d’olio (generalmente il diametro dei fori è di 2,5 mm),
distribuiti attorno la circonferenza del cuscinetto per inviare olio dal
lato diametro piccolo dei rulli.
Quando le velocità sono ancora superiori (circa 35 m/s), si possono
aggiungere getti d’olio nella parte superiore dell’alloggiamento per
inviare lubrificante dal lato diametro maggiore dei rulli, in modo da
garantire una adeguata lubrificazione del contatto rulli/bordino.
132
In entrambi i casi, nell’alloggiamento dovrà essere previsto un foro di
ritorno sufficientemente largo da evitare sbattimento d’olio con
ulteriore produzione di calore dal lato diametro maggiore del rullo.
Qgen = Qolio + Qallogg (in condizioni di temperatura stabilizzata)
dove :
Qgen = calore prodotto
W
Qolio = calore smaltito dall’olio
W
Qallogg = calore smaltito dall’alloggiamento
W
Per le prestazioni di
questo sistema di lubrificazione, anche la quantità
d ’ o l i o s a r à u n fa t t o re
critico. In ef fetti, tale
flusso aiuterà a dissipare il
resto del calore che non
potrà essere smaltito
dall’alloggiamento.
Se la quantità d’olio è eccessiva, essa produrrà calore aggiuntivo ; se è
troppo bassa, essa non asporterà sufficientemente il calore generato
ed in entrambi i casi non sarà possibile ottenere una temperatura
stabilizzata.
In modo da offrire una guida relativa alle quantità d’olio necessarie, il
calore generato dal cuscinetto può essere calcolato usando i carichi, la
velocità, la viscosità del lubrificante e le caratteristiche geometriche
interne del cuscinetto.
Generazione di calore
In condizioni normali di funzionamento, la maggior parte della coppia
e del calore prodotto dal cuscinetto è dovuto alle perdite
elastoidrodinamiche nei contatti rullo/pista.
Il calore generato dal cuscinetto è funzione della velocità di rotazione
e della coppia di rotolamento :
Qgen =k4 n M
Per una corretta stima del
calore prodotto, si consiglia di
consultare il Manuale Tecnico
Timken.
(1)
dove :
Qgen = calore prodotto
M = coppia di rotolamento
n
= rvelocità di rotazione
k4
W
Nm
G/min
= ved. pagina seguente
4. Lubrificazione e tenute
133
Smaltimento di calore con circolazione d’olio
Il calore smaltito da un sistema a circolazione d’olio è dato dalla
seguente formula :
Qolio = k5 f (θo − θi)
(2)
Se si utilizza un lubrificante diverso da un olio minerale, il calore
asportato dal lubrificante sarà :
Qolio = k6 Cpρf (θo − θi)
Se il flusso del lubrificante dal lato uscita
del cuscinetto non è limitato, la quantità
che può passare liberamente attraverso il
cuscinetto dipenderà dalla dimensione e
dalla geometria interna del cuscinetto, dalla
direzione del flusso dell’olio, dalla velocità
del cuscinetto e dalle propr ietà del
lubrificante.
Il cuscinetto a rulli conici ha una tendenza
naturale a pompare l’olio dal lato sezione
minore al lato sezione maggiore dei rulli.
Per ottimizzare il f lusso d’olio e lo
smaltimento del calore, l’entrata del
lubrificante deve avvenire dal lato sezione
minore dei rulli.
In un sistema a sbattimento o a livello
d’olio, il calore viene asportato dall’effetto
di conduzione delle pareti interne della
carcassa. La quantità di calore smaltito con
questo metodo di lubrificazione può essere
migliorata utilizzando serpentine di raffreddamento nel serbatoio del lubrificante.
k4
(3)
Fattore dimensionale per calcolare la
produzione di calore nella formula (1)
k4 = 0,105 for Qgen in W con M in Nm
k5
Fattore dimensionale per calcolare il calore
asportato da un olio minerale nella
formula (2)
k5 = 28 per Qolio in W con f in L/min e θ in °C
k6
Fattore dimensionale per calcolare il calore
asportato da un fluido in circolazione
nella formula (3)
k6 = 1,67 x 10-5 per Qolio in W
Qolio Quantità di calore smaltito dall’olio
in circolazione
W
θi
Temperatura olio in entrata
°C
θo
Temperatura olio in uscita
°C
Cp
Calore specifico del lubrificante J/(kg x °C)
f
Portata d’olio
L/min
ρ
Densità del lubrificante
kg/m3
134
Per poter definire la quantità corretta di lubrificante, sulla base della
formula precedente, rimane da risolvere la questione di quanto calore
viene dissipato attraverso l’alloggiamento. La risposta a questa
domanda dipende da ciascuna applicazione e può essere valutata solo
in funzionamento. Inizialmente, per una nuova applicazione, essa può
solo essere stimata. Questa stima permetterà di definire la quantità di
calore che può essere smaltita dall’olio, e perciò, la quantità d’olio
valutata può essere calcolata in modo da prevedere almeno un sistema
di pompaggio adeguato (pressione, portata massima).
Per quanto riguarda la portata finale, essa sarà finalizzata dopo le
prove durante la fase di avviamento dell’applicazione in condizioni di
funzionamento.
4.1.4. Influenza di contaminanti ed additivi possibili
Particelle abrasive
Quando i cuscinetti a rulli conici funzionano in un ambiente pulito, la
causa principale di danneggiamento è rappresentata da fatica sulle
superfici dove avviene il contatto di rotolamento. Tuttavia, quando
particelle contaminanti entrano nel sistema di cuscinetti, è facile che
si verifichino dei danneggiamenti come ammaccature che possono
ridurre la durata dei cuscinetti.
Fig. 4-17
Danneggiamento di un cuscinetto dovuto a
particelle inquinanti
In ogni caso, è stato
riconosciuto e dimostrato
che l’acciaio da cementazione tollera meglio le particelle inquinanti dell’acciaio
a tutta tempra. Perciò,
l’effetto negativo di queste
particelle sulla durata si
riduce utilizzando cuscinetti
in acciaio da cementazione.
Inoltre, quando si verifica
una contaminazione del
lubrificante sia dall’ambiente
che da particelle metalliche
abrasive, l’usura può divenire
la causa predominante del
danneggiamento dei cuscinetti (Fig. 4-17).
Cuscinetti funzionanti in un lubrificante contaminato evidenziano un
livello iniziale di usura più elevato rispetto a quelli funzionanti in un
lubrificante non contaminato. Se il livello di contaminazione invece
rimane stabile, il tasso di usura diminuisce rapidamente a causa della
riduzione delle dimensioni delle particelle che passano attraverso le
superfici di contatto dei cuscinetti durante il normale funzionamento.
4. Lubrificazione e tenute
135
In generale, i parametri importanti che influenzano l’usura del
cuscinetto sono la dimensione, la concentrazione e la durezza
delle particelle contaminanti come pure lo spessore del film
lubrificante.
L’aumento di tutti questi parametri, eccetto lo spessore del film d’olio,
aumenterà l’usura del cuscinetto. Aumentando la viscosità del
lubrificante, per un dato livello di contaminazione, si ridurrà l’usura
del cuscinetto.
Acqua/emulsioni di laminazione
La presenza di acqua/emulsioni di laminazione negli oli lubrificanti, sia sciolta o
sospesa, può esercitare un effetto negativo
sulla durata a fatica dei cuscinetti. L’acqua
può causare attacco chimico sul cuscinetto
che può anche ridurre la sua durata a fatica.
Il meccanismo esatto per cui l’acqua/
emulsioni di laminazione riducono la durata
a fatica non è ancora completamente chiaro ;
un’ipotesi credibile è che l’acqua/emulsioni
di laminazione penetrando nelle microcricche, causate dai ripetuti cicli di carico,
sviluppino un effetto di corrosione e fragilità
da idrogeno nelle stesse, riducendo il tempo
necessario perché queste si propaghino e si
trasformino in una superficie scagliata di
dimensioni inaccettabili.
Additivi dei lubrificanti
Gli additivi sono componenti, generalmente chimici, che vengono
aggiunti ai lubrificanti per migliorare specifiche proprietà. Gli additivi,
quando formulati correttamente in un lubrificante, possono migliorare
la durata del lubrificante, fornire una maggiore resistenza alla
corrosione, aumentare la capacità di carico e rinforzare altre proprietà.
Comunque, poichè gli additivi sono molto complessi, essi non
dovrebbero essere aggiunti indiscriminatamente nei lubrificanti come
rimedio per tutti i problemi di lubrificazione. Gli additivi più comuni
per lubrificanti nell’industria siderurgica comprendono : additivi
estrema pressione per prevenire rigature, agenti antiusura, inibitori di
ossidazione, inibitori di ruggine e corrosione, ecc...
136
Tenute
4.2. Sealing
4.2.1. Basic
sealdifunctions
Funzioni
base delle tenute
Per ottenere la durata completa di un cuscinetto
assemblato, è obbligatorio un efficiente sistema di tenute.
Le tenute dinamiche, che costituiscono un componente
chiave in un sistema di cuscinetti, hanno due funzioni :
●
escludere i contaminanti dal sistema cuscinetto,
●
mantenere il lubrificante all’interno del cuscinetto.
Un adeguato disegno delle tenute dipende da quale delle
due funzioni è più cr itica e dalle condizioni di
funzionamento del cuscinetto.
Nella fase di scelta del tipo di tenuta per qualsiasi
applicazione con cuscinetti Timken è necessario
considerare il tipo di lubrificante, il tipo di contaminante
che si deve mantenere all’esterno della camera dei
cuscinetti, la velocità dell’applicazione, la temperatura di
funzionamento prevista, il tipo di applicazione ed altre
condizioni generali ambientali e di
funzionamento. Materiale estraneo
come polvere, scaglie o qualsiasi
sostanza dura, sabbiosa, agirà come
agente abrasivo causando una
rapida usura del cuscinetto. Acqua,
soluzioni di laminazione (acidi)
possono deteriorare il lubrificante e
provocare danneggiamenti ai cuscinetti come
pure perdite di lubrificante.
4.2.2. Tipi di tenute
Ci sono due tipi fondamentali di
tenute : quelle a strisciamento e
quelle senza strisciamento.
Tenuta a labbro radiale a
strisciamento
4. Lubrificazione e tenute
137
Tenute a strisciamento
Con tenute a contatto od a strisciamento, si ha generalmente un
contatto positivo tra gli elementi della tenuta in assenza di moto
relativo. Queste sono utilizzate frequentemente nelle gamme di
velocità basse o medie dove il calore
generato dalle forze di contatto non
è eccessivo. Ci sono due tipi
fondamentali di tenute a
strisciamento : tenute radiali a
labbro e tenute frontali (Fig. 4-18).
Esse rappresentano attualmente il
mezzo principale di protezione dei
cuscinetti a rulli conici. Le tenute
radiali a labbro utilizzate
Tenuta radiale a labbro
nell’industria siderurgica sono
principalmente prodotte con due
diversi materiali che sono nitrile e floroelastomeri (Viton). Questi due
materiali possono essere utilizzati sia con oli minerali che sintetici. Le
tenute al nitrile sono usate per velocità della sede di contatto fino a 14
m/s e temperature di funzionamento fino a 100 °C. Oltre entrambi
questi parametri, dove si richiede una elevata stabilità termica e
resistenza chimica, si consiglia di utilizzare tenute al Viton
(floroelastomeri) che possono essere utilizzate fino a 160 °C. Una
corretta efficienza del labbro si ottiene con una durezza della sede di
strisciamento di 45-60 HRC ed una rugosità Ra di 0,2-0,8 µm. Questi
due suggerimenti aiutano a stabilire e mantenere un film durevole di
lubrificante, conservare la struttura superficiale e prevenire una
eccessiva usura della sede.
Tenuta frontale (V-ring)
Cono allungato
Fig. 4-18
Tenute a
strisciamento
Tenute senza strisciamento
Le tenute senza strisciamento comprendono diversi
tipi di tenute a labirinto e idrodinamiche che
mantengono del gioco tra gli elementi della tenuta.
Perdite attraverso queste tenute dipendono dalla
quantità di gioco e dalla capacità delle tenute di
ridurre l’energia potenziale del fluido che può
entrare nel labirinto. Le tenute a labirinto sono
prodotte in diverse configurazioni. Teoricamente, i
labirinti sono dispositivi che riducono le perdite
senza eliminarle del tutto. Il tasso di perdita delle
tenute a labirinto è direttamente proporzionale al gioco radiale, perciò
tali giochi dovrebbero essere mantenuti al minimo. Tenute non
striscianti sono spesso proposte per alte velocità (sopra i 25 m/s) dove
non si possono utilizzare tenute a labbro di elastomeri.
Fig. 4-19
Labirinto
138
4.2.3. Sistemi di tenute
4.2.3.1. Colli dei cilindri
Nelle applicazioni dei colli
di cilindro, di laminatoi
per materiali ferrosi e non,
si richiede un corretto
sistema di tenute, principalmente dal lato tavola.
Ciò è particolarmente
importante in laminazioni
con liquidi di raffreddamento quando l’emulsione
di laminazione scorre direttamente sul distanziale lato tavola e
per cuscinetti installati in ambienti di laminazione fortemente
contaminati. Si possono utilizzare diverse configurazioni di
tenute, ma non è possibile mostrarle tutte.
Il disegno della tenuta dipende dallo spazio disponibile tra il
cuscinetto e la faccia della tavola corrispondente anche alla
lunghezza del distanziale lato tavola. Alcune configurazioni sono
state usate con successo per molti anni ed hanno soddisfatto
diverse condizioni di funzionamento. La maggior parte di queste
sono costituite da uno o due tenute radiali a labbro, in
combinazione con una tenuta frontale del tipo V-ring e/o con un
labirinto, per offrire una protezione aggiuntiva particolarmente
in laminazioni con liquidi.
Fig. 4-20
Configurazione
tipica
I produttori hanno sviluppato queste tenute per
risolvere i problemi di lubrificazione evidenziati
dai settori di produzione e manutenzione degli
impianti di laminazione. Le Fig. 4-18 e 4-20
mostrano diverse configurazioni di tenute. Nel
caso dove due tenute radiali a labbro siano
utilizzate come unità, si dovrà prevedere
un’entrata di lubrificante tra le due tenute per
evitare lo strisciamento dei labbri su un contatto
non lubrificato. Le configurazioni illustrate
possono variare leggermente in funzione dello
spazio disponibile. I distanziali lato tavola sono
generalmente montati forzati sui colli del
cilindro per evitare che il liquido di laminazione
si possa infiltrare attraverso l’alesaggio di tali
distanziali.
4. Lubrificazione e tenute
139
Per fare in modo che le
tenute rimangano con la
guarnitura ed il cuscinetto
assemblato, si può considerare l’utilizzo di coni
allungati, come mostrato
nelle Fig. 4-18 e 4-21.
Questa
configurazione,
disponibile per montaggio
con accoppiamento libero
(TQOWE) come pure per
montaggio con accoppiamento forzato (TQITSE),
permette alla guarnitura e al cuscinetto di diventare un
sistema di tenute integrato. Ciò elimina il problema
comune di danneggiamento da manipolazione e da
schiacciamento dei labbri delle tenute poiché le tenute
stesse sono mantenute nelle loro sedi durante il cambio
del cilindro. In aggiunta ai coni estesi, si suggerisce di
utilizzare anche un piccolo distanziale lato tavola per
ottenere un adeguato sistema di tenuta.
Fig. 4-21
Sistema di
tenute con coni
allungati
Dal lato distanziale di bloccaggio, qualsiasi sia il sistema
utilizzato, si suggerisce generalmente l’utilizzo di una o
due tenute radiali a labbro.
Cuscinetti con tenute per cilindri
di lavoro
Il concetto di cuscinetti con tenute
integrate, completamente intercambiabili con i cuscinetti standard, è stato
sviluppato principalmente per ridurre
il consumo di grasso. È chiaro che una
tenuta aggiuntiva inserita nel cuscinetto offrirà una protezione aggiuntiva
al cuscinetto stesso. Tuttavia, è ancora
molto importante mantenere le tenute
esterne della guarnitura in buone
condizioni.
Concetto di tenute compatte
Concetto di tenute a cassetto
Fig. 4-22
Cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro
140
Tenute statiche
In modo da garantire una completa tenuta dei cuscinetti, devono
essere considerate anche le tenute statiche tra le parti non
rotanti. Questo tipo di tenute, utilizzate generalmente tra il
coperchio coppe e l’alloggiamento (guarnitura), si può ottenere
con anelli “O ring” o guarnizioni comprimibili. Lo stesso
concetto si può applicare all’albero e ai suoi componenti.
4.2.3.2. Equipaggiamenti ausiliari
Componenti ausiliari quali aspi avvolgitori e
svolgitori, gabbie pignone, riduttori e
cesoie sono meno soggette ad ambienti
fortemente contaminati. In questi casi, si
r ichiedono sistemi di tenuta meno
sofisticati. Per soddisfare le diverse esigenze
sono commercialmente disponibili molti
tipi e disegni di tenute radiali a labbro.
Fig. 4-23
In ambienti più puliti, dove l’esigenza primaria è il
mantenimento del lubrificante all’interno dell’alloggiamento dei
cuscinetti, si usa spesso una singola tenuta radiale con il labbro
orientato verso l’interno.
In ambienti contaminati, il labbro è
abitualmente orientato verso l’interno come
mostrato in Fig. 4-24.
Fig. 4-24
In ambienti ancora più critici, si utilizzano
spesso tenute a doppio labbro o due tenute
accoppiate. In presenza di condizioni
estremamente contaminate, si possono
utilizzare come prima tenuta degli schermi
aggiuntivi (labirinti) in modo da offrire una
prima protezione al labbro della tenuta,
evitando usure e precoci danneggiamenti al
labbro stesso.
4. Lubrificazione e tenute
141
In caso di lubrificazione a grasso
ed ambiente pulito, si possono
utilizzare schermi in lamierino stampato. Dove le condizioni ambientali
sono contaminate, questi schermi
sono spesso usati in combinazione
con altri elementi di protezione per
fornire un efficace labirinto contro
l’entrata di contaminanti.
Per un sistema di ritenzione del
lubrificante ed esclusione del
materiale estraneo più efficiente, si utilizza anche un deflettore
lavorato abbinato ad un coperchio con gole anulari nella parte
stazionaria, come mostrato in Fig. 4-25.
Fig. 4-25
Tenuta
meccanica con
deflettore e
labirinto
4.2.3.3. Applicazioni verticali
Applicazioni ad asse verticale richiedono sistemi di tenute speciali,
particolarmente quando i cuscinetti sono lubrificati ad olio. Un buon
approccio è di evitare che l’olio entri in contatto diretto con la tenuta.
Nel caso di sistemi a circolazione d’olio, una delle migliori soluzioni è
l’utilizzo di un sistema di schermi, come mostrato in Fig. 4-26, che
crea un serbatoio. Un foro di scarico nella parte inferiore di tale
serbatoio evacuerà l’olio.
Fig. 4-26
142
Nel caso di sistemi di lubrificazione a grasso, per esempio
nei rulli verticali, si incorporano spesso labirinti con
tenute radiali a labbro.
Sistemi di tenuta più sofisticati si possono ottenere sulla
parte superiore del rullo se i labirinti sono disegnati sul
piano superiore alla faccia del rullo stesso (come mostrato
in Fig. 4-27). Questo potrà impedire all’acqua di entrare
direttamente nel cuscinetto.
Fig. 4-27
Tenute per
rullo verticale
Un adeguato sistema di tenute
dovrebbe essere la considerazione
principale nella ricerca delle
massime prestazioni del
cuscinetto.
4. Lubrificazione e tenute
143
Pagina
147
5.1 Procedure di installazione e montaggi tipici
5.1.1. Procedura di marcatura dei cuscinetti
5.1.1.1. Identificazione dei cuscinetti
5.1.1.2. Marcatura per un corretto assemblaggio
5.1.1.3. Marcatura della zona di carico della coppa
5.1.2. Gabbie dei laminatoi
5.1.2.1. Cilindri di appoggio
Assemblaggi TQOW - 2TDIW
Assemblaggi TQITS
Assemblaggi TQITSE
5.1.2.2. Cilindri di lavoro
Cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro
Assemblaggi TDIK
Assemblaggi TTDWK
5.1.2.3. Caratteristiche delle guarniture e dei coperchi per
un corretto funzionamento dei cuscinetti
5.1.3. Montaggi tipici
Colate di nastro di alluminio
Rulli verticali per laminatoi per profili
Laminatoi per tondino e barre
Sistemi per viti di pressione
Laminatoi per tubi, calibratori ed estrattori
Riduttori e gabbie pignone per laminatoi
Aspi avvolgitori
Mandrini di laminatoio per tubi senza saldatura
Taglierine Cesoie
186
5.2. Manutenzione
5.2.1. Osservazioni di carattere generale
5.2.1.1.
5.2.1.2.
5.2.1.3.
Pulizia
Imballaggio ed immagazzinamento
Attrezzi per la manipolazione
5.2.2. Suggerimenti per il riaggiustamento del
gioco al banco
5.2.2.1. Misura del gioco al banco (BEP)
5.2.2.2. Riaggiustamento del gioco al banco per
assemblaggi con distanziale
5.2.3. Rilubrificazione e manutenzione delle tenute
5.2.4. Ispezioni delle guarniture e del collo
5.2.4.1. Ispezione delle guarniture
5.2.4.2. Ispezione del collo
200
5.3. Risparmiare con il ricondizionamento dei
vostri cuscinetti
5.3.1. Analisi dei danneggiamenti dei cuscinetti
5.3.2. Ricondizionamenti possibili direttamente
presso il vostro impianto
5.3.3. Risorse della Timken per il
ricondizionamento dei cuscinetti
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
ATTENZIONE
Non far mai ruotare un cuscinetto con aria compressa. La forza dell’aria compressa può far
espellere i rulli ad alta velocità, creando il rischio di danni alle persone.
Una corretta manutenzione e manipolazione risultano fondamentali. Errori nel seguire le
istruzioni di installazione ed una impropria manutenzione possono creare danni agli
impianti, con il rischio di danni alle persone.
Evitare di lavare o pulire i cuscinetti in ambienti chiusi. I vapori dei solventi sono tossici ed
esplosivi. Assicuratevi che ci sia una adeguata ventilazione e l’assenza di fiamme libere, di
saldature in corso o di sigarette accese in zona. Errori nel seguire queste istruzioni
possono creare il rischio di danni alle persone.
Se per rimuovere un cuscinetto si utilizza un attrezzo in acciaio dolce, frammenti di questo
o del cuscinetto possono staccarsi ad una velocità sufficiente da creare seri rischi di danni
alla persona compresi gli occhi della stessa.
5.1 Procedure di installazione e montaggi tipici
5.1.1. Procedura di marcatura dei cuscinetti
5.1.1.1. Identificazione dei cuscinetti
Il Riferimento o Simbolo è marcato su ogni componente Timken
(coni, coppe e distanziali). Il simbolo della coppa è stampato sulla
superficie della sua faccia più larga per le coppe singole e sulla
superficie di una delle due facce laterali per le coppe doppie. Per i
coni singoli il riferimento è stampato sulla superficie maggiore del
cono, mentre per i coni doppi sulla superficie minore.
Il Numero Progressivo è
anche marcato su tutti i
componenti per indicare la
sequenza di produzione.
Tutte le coppe, coni e
distanziali in un assemblaggio
di cuscinetti saranno marcati
con lo stesso numero
progressivo e dovranno
essere tenuti assieme.
Il marchio Timken e il
paese di origine sono pure
indicati su ogni coppa e
cono.
Il valore del Gioco al Banco (BEP) o Precarico al Banco (BPL) per
assemblaggi preregistrati e la corrispondente larghezza del distanziale
sono riportati sul diametro esterno dei distanziali del cono e della
coppa.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
147
5.1.1.2. Marcatura per un corretto
assemblaggio
Quando un cuscinetto a più file di rulli viene
assemblato, per poter avere la corretta
registrazione si dovrà seguire una adeguata
sequenza di assemblatura.
CB
La Società Timken usa un
sistema a lettere per assicurare
il corretto ordine di
assemblaggio.
C CD
BA B BC
DC D DE
A
E
A
E
CA
CE
Fig. 5-1
Sequenza di assemblaggio per
2TDIWE
A
A
BA BC CB CD DC DE
D D
B B
E
E
Questo sistema a lettere si
applica a tutti gli assemblaggi
con 3 o più file di rulli
(ved. Figure 5-1, 5-2 e 5-3). I
componenti dell’assemblaggio
sono identificati con lettere in
ordine alfabetico. Queste lettere
sono marcate su ciascun lato
delle coppe e dei coni dopo il
numero progressivo, mentre i
distanziali sono marcati sui
diametri esterni.
I componenti di un cuscinetto
possono essere assemblati
iniziando con la prima o l’ultima
lettera, ma è importante che
questi siano tenuti nella sequenza corretta. Ciascun distanziale
(del cono o della coppa) deve
essere piazzato nel suo spazio
corrispondente.
Ogni assemblaggio preregistrato
ha un numero progressivo e
tutti i componenti di questo
cuscinetto devono essere tenuti
assieme.
B
C
D
Fig. 5-2
Sequenza di assemblaggio per
TQITS
148
5.1.1.3. Marcatura della zona di carico della coppa
Cuscinetto assemblato tipo TQO
Poiché le coppe del cuscinetto sono stazionarie nelle
guarniture, solo una parte della coppa porta il carico di
laminazione in un dato momento. Questa parte è definita
zona di carico.
La maggior parte delle coppe dei cuscinetti per cilindri
sono marcate sulle loro facce per indicare quattro
quadranti. Queste marcature su entrambe le superfici,
maggiore e minore, delle coppe Vi permette di annotare
su apposite schede quale quadrante è stato usato nella
zona di carico. Un buon metodo è di montare il
cuscinetto con il quadrante numero 1 di ciascuna coppa
nella zona di carico, quindi di passare al 2, 3 e 4 nelle
ispezioni successive ; la procedura sarà quindi ripetuta
iniziando dal numero 1. La scheda di Registrazione della Manutenzione
dei Cuscinetti dei Cilindri (ved. capitolo 5.2.4.2.) offre un valido
mezzo per mantenere una registrazione delle zone di carico utilizzate
della coppa.
La rotazione delle coppe ad ogni ispezione estenderà la durata utile del
cuscinetto distribuendo uniformemente il carico su tutta la lunghezza
della pista della coppa.
In tutti i casi, qualsiasi scheggiatura sulla pista della coppa che è stata
asportata dovrebbe rimanere al di fuori della zona di carico quando il
cuscinetto viene rimontato nella guarnitura.
Faccia "D"

1
.
50 1 . E
S.
2
U
3
TIM
KE
1
S. A. K
U
LAT O I O 1
IN
N
10
2
DE
44
MA
Faccia "E"
2
3
10
50 . 1 . D
M244210EA 50 . 1 . D
1
1 50 . . D
A.K
Faccia "D"
2
M2
M244210EA 50 . 1 . B
S. A. K
2
U
50 . 1 . A
4
LAT O I O 1

2
IN
44
3
DE
N
M2
MA
KE
4
4
2
10
????
Coppa "DE"
.698
Faccia "B"
1
1 50 . . B
2
Faccia "B"
2
TI
M
50 . 1 . A
.698

4
TI
M
N
Distanziale
coppa "D"
3
KE
3
44
4
Gioco al banco
(stampigliato)
Faccia "A"
M2
Numeri 1, 2, 3 e 4
in senso orario per
zona di carico
di 90 (stampigliati)
Coppa "BD"
4
Numero
progressivo
Distanziale
coppa "B"
MAD
3
Coppa "AB"
E IN
Larghezza
A
B
B
A
CA
B
D
C CE
E
D
D
E
Faccia "A"
Faccia "CA"
Cono "AC"
TIM
KE
N
K
.
U S. A
.323
50 . 1 . CA
M244249XB 50 . 1 . C
IN
E
D
D
.
U S. A
IN
E
D
A
49
49
M
50 . 1 . A
42
42
D
Numero progressivo

M24
M24
Larghezza
K
TIM
KE
N
????

M
50 . 1 . C E
Faccia "CE"
Distanziale
cono "C"
A
50 . 1 . E
Faccia "E"
Cono "CE"
Fig. 5-3
Marcatura dei cuscinetti TQO Timken
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
149
5.1.2. Gabbie dei laminatoi
5.1.2.1. Cilindri di appoggio
Montaggi tipici di cuscinetti a quattro file di rulli per
cilindri di laminatoi sono :
●
Assemblaggi TQOW o 2TDIW
Questi cuscinetti ad alesaggio cilindrico sono utilizzati in
applicazioni dove i coni sono montati liberi sui colli dei
cilindri.
●
Assemblaggi TQITS o Assemblaggi TQITSE
Questi cuscinetti ad alesaggio conico sono utilizzati sui colli di cilindri
di laminatoi ad alta velocità e di precisione. Si utilizzano coni ad
alesaggio conico per ottenere un montaggio con interferenza sul collo
del cilindro.
Assemblaggi TQOW - 2TDIW
Le Figure 5-4 e 5-5 mostrano un cuscinetto TQOW ed un 2TDIW,
entrambi a quattro file di rulli, montati sul collo di un cilindro. Una
guarnitura è resa fissa nella spalla della gabbia attraverso placche di
ritegno mentre la guarnitura opposta è flottante.
Anello a collare in due parti
Chiavetta di bloccaggio
Anello di ritegno filettato
Ghiera di ritegno
Fig. 5-4
Configurazione di montaggio di un TQOW con ghiera di ritegno
150
Fig. 5-5
Configurazione di montaggio di un 2TDIW con tolleranze ridotte senza
ghiera di bloccaggio
Anello di ritegno
Le coppe sono bloccate assialmente in tutti i montaggi. Le basse
velocità permettono ai coni di essere montati con accoppiamento
libero sul collo del cilindro. Per prevenire usura sulle facce dei coni
nel caso di strisciamento sul collo, si prevede un gioco assiale da 0,5
ad 1 mm o anche superiore nel caso di cuscinetti molto grandi. Il
sistema più comune è di utilizzare una ghiera di bloccaggio (Fig. 5-4).
Questa ghiera dovrebbe avere un numero di intagli sulla sua
circonferenza per un bloccaggio di sicurezza nella posizione idonea. Il
numero di intagli corrisponde generalmente al doppio del passo in
millimetri, ciò che permette di ottenere il gioco assiale richiesto con
un solo intaglio sull’anello di ritegno filettato. Per evitare lo svitamento
della ghiera si usa poi una chiavetta di bloccaggio. Questo gioco assiale
può anche essere ottenuto specificando tolleranze molto ristrette sulla
larghezza del cuscinetto (tolleranza totale inferiore a 0,500 mm) e del
distanziale di appoggio. La ghiera di bloccaggio non è quindi più
necessaria (Fig. 5-5).
Intagli o scanalature sono generalmente previste sulle facce dei coni
(tipi TQOW e 2TDIW) per permettere al lubrificante di passare tra la
superficie del collo ed il diametro interno del cuscinetto. In casi dove
le scanalature non esistono sulle facce dei coni (tipo TQO), queste
scanalature dovrebbero essere previste sulle facce dell’anello
intermedio e del distanziale lato tavola. La durezza di queste facce
dovrebbe essere generalmente compresa tra 55 e 60 HRC in modo da
prevenire eccessive usure.
L’assemblaggio guarnitura e cuscinetto possono quindi essere rimosse
come una unità completa dal collo del cilindro sbloccando e
rimuovendo il dispositivo di ritegno. Questa unità può essere
facilmente trasferita da un cilindro all’altro proteggendo contemporaneamente gli elementi rotanti e prevenendo qualsiasi contaminazione del cuscinetto.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
151
Procedure di montaggio per cuscinetti TQOW e 2TDIW
????????
????????
????????
La procedura di assemblaggio consiste dei seguenti passaggi :
1 Pulire
■
■
bene il collo del cilindro e spalmarlo di lubrificante per
prevenire rigature ed usura,
2 Montare l’assemblaggio cuscinetto e guarnitura sul collo del cilindro,
■
■
3 Installare il dispositivo di ritegno :
■
■
● Assemblare l’anello a collare in due parti nella gola di ritegno sul
collo. La procedura di montaggio, per quei casi dove non è prevista la
ghiera di bloccaggio, è quindi completata,
Nei casi dove si utilizza la ghiera di bloccaggio, svitare la ghiera di
alcuni decimi di mm in funzione del tipo di laminatoio e di bloccaggio.
Prima di questo si deve ottenere un gioco assiale zero nei coni.
●
Procedure di smontaggio per cuscinetti TQOW e 2 TDIW
La procedura di smontaggio consiste nei seguenti passaggi :
1 Supportare il cilindro del laminatoio sul diametro esterno della tavola.
■
■
Assicurarsi che la guarnitura non supporti il peso del cilindro,
2 Rimuovere
■
■
l’anello a collare (dopo aver allentato la ghiera di circa
mezzo giro se si usa tale dispositivo e se necessario),
3 Smontare l’assemblaggio cuscinetto-guarnitura dal collo del cilindro.
■
■
152
Assemblaggi TQITS
Fig. 5-6
Assemblaggio
di cuscinetto
TQITS
La Figura 5-6 mostra un cuscinetto TQITS a quattro file montato su un
collo di cilindro. Le coppe di questo tipo di cuscinetto sono solamente
bloccate dal lato fisso od operatore. Dal lato flottante o lato comando,
le coppe possono muoversi assialmente nell’alesaggio della guarnitura
a causa del gioco assiale tra le coppe e le facce del coperchio. Il lato
comando può muoversi non solo attraverso le coppe del cuscinetto,
ma anche attraverso la guarnitura nella spalla del laminatoio. Questa
configurazione permette la libera dilatazione e contrazione del cilindro
provocata dalle variazioni di temperatura nel cilindro.
Anello distanziale lato tavola calibrato
Lato
comando
(flottante)
Lato
operatore
(fisso)
I coni sono montati su un collo con conicità 1/12 e
forzati contro un distanziale lato tavola propriamente
dimensionato e mantenuto in posizione con un
adeguato sistema di bloccaggio. Per mantenere il
massimo effetto di presa dovuto all’accoppiamento
forzato dei coni sul collo si richiede un collo del cilindro del pulito ed asciutto. Il distanziale lato tavola
calibrato determinerà l’interferenza corretta tra i coni
ed il collo cilindro. Poiché l’alesaggio dei coni è
rettificato con una tolleranza inferiore a 0,008 mm,
tutti i cuscinetti sono intercambiabili sul collo cilindro.
L’alesaggio conico del cuscinetto TQITS, utilizzando coni montati
forzati, soddisfa tutte le esigenze dei laminatoi ad alta velocità. Il
montaggio forzato e la configurazione a montaggio indiretto forniscono
una grande stabilità tra i coni ed il collo. Il risultato è una migliore
distribuzione del carico tra le quattro file del cuscinetto. Questa
configurazione permette anche un migliore profilo del raggio di
raccordo e colli con maggior diametro, ottenendo minori sollecitazioni
e flessioni del collo.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
153
Normalmente si utilizza un accoppiamento forzato di 0,00075 mm
per mm di alesaggio, che corrisponde ad una pressione di contatto
di 14-15 Mpa per il cono interno con la sezione minore. Per ridurre
l a fo r z a d i s p i n t a n e c e s s a r i a a p o s i z i o n a r e i t r e c o n i
contemporaneamente, proponiamo un accoppiamento forzato
differenziato per il cono centrale doppio e per quello esterno a più
forte sezione. Per mantenere la stessa pressione di contatto del cono
interno si suggerisce un accoppiamento forzato ridotto. Se si considera
lo stesso accoppiamento forzato per i tre coni, la pressione di contatto
sarà maggiore per il cono doppio centrale e per il cono esterno per la
loro maggiore sezione (con l’accoppiamento forzato differenziato, la
forza di spinta diminuirà di circa il 20 %).
Assemblaggi TQITSE
Le Figure 5-7 mostrano un cuscinetto TQITSE a quattro file con
un’estensione sull’anello interno lato tavola per fornire una superficie
indurita, concentrica e liscia per le tenute a labbro radiale.
Anello schermato
Lato
comando
(flottante)
Lato
operatore
(fisso)
Fig. 5-7a
Assemblaggio
di cuscinetto
TQITSE
Fessura di controllo
Questa configurazione di cuscinetto con cono esteso ha i seguenti
vantaggi rispetto al cuscinetto tipo TQITS originale :
● La sede delle tenute è indurita, rettificata e concentrica rispetto alle
piste del cuscinetto,
●
●
●
La guarnitura ed il cuscinetto formano un assemblaggio unità con
tenute,
I labbri delle tenute sono orientati verso l’esterno per la massima
efficienza,
L’estensione del cono protegge le tenute durante la manipolazione,
154
●
●
●
L’anello distanziale lato tavola viene eliminato e accorciato,
La rigidezza del collo cilindro viene aumentata portando il centro del
cuscinetto più vicino al corpo del cilindro,
Si utilizzano cilindri più corti e meno costosi.
L’aggiunta di un anello schermato montato forzato sullo spallamento
del cilindro aumenta ulteriormente l’efficienza globale del sistema di
tenute. Questo protezione aggiunta protegge le tenute da
danneggiamenti, particolarmente se si prevedono seri problemi i
dovuti all’acqua, scaglie e liquidi di laminazione. Una fessura o un foro
deve essere previsto nel diametro esterno di questo anello schermato
per permettere un controllo visivo del sicuro appoggio del cuscinetto
contro lo spallamento del cilindro durante l’assemblaggio (Fig. 5-7a).
In qualche caso, si aggiunge un
piccolo distanziale lato tavola (Fig.
5-7b) per evitare la rettifica dello
spallamento del cilindro ed ottenere il
corretto accoppiamento forzato del
cono. Questo piccolo distanziale lato
tavola potrà quindi sostituire la
funzione dell’anello schermato. Tale
disegno potrà permettere anche un
migliore raggio composito del collo.
Fig. 5-7b
Dispositivi di misura per colli conici di cilindri
La Società Timken assisterà i progettisti dei costruttori di laminatoi e
gli utilizzatori nell’utilizzo e nel procurarsi i dispositivi necessari per
un assemblaggio e manipolazione efficiente di cuscinetti per colli
cilindro ad alesaggio conico. I seguenti disegni tipici sono stati provati
su molti tipi di laminatoi.
1. Barra seno per controllo della conicità e dimensioni dei colli
conici dei cilindri.
La Fig. 5-8 mostra una barra seno montata su un collo conico.
A'
A
Barra seno
Supporti
Collo del cilindro
Micrometro
Fig. 5-8
Disposizione
della barra seno
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
155
La barra seno permette il controllo della conicità e delle dimensioni
del collo cilindro conico usando un micrometro per esterni
convenzionale. Il controllo della conicità del collo cilindro si ottiene
prendendo le letture al micrometro alle due estremità della bara seno.
La procedura utilizzata è la seguente :
1 Pulire le superfici del collo del cilindro, lo spallamento e le superfici di
■
■
lettura della barra seno.
2 Posizionare
■
■
la barra seno sul collo del cilindro e muoverla sulla
generatrice conica fino a portarla in contatto con lo spallamento della
tavola. Regolare i supporti della barra seno in modo che resti sul
cilindro in un piano radiale verticale che contenga l’asse del cilindro.
3 Controllare con una luce per verificare che la barra seno sia in contatto
■
■
con il collo e con lo spallamento.
4 Utilizzare
■
■
un micrometro da esterni per misurare lungo le superfici di
lettura della bara e del collo cilindro.
Perché l’angolo sia corretto, la differenza tra le misure fatte in A e
in A’ (Fig. 5-8) non deve superare i 0,025 mm per i cuscinetti di
grosse dimensioni.
● In più, per il controllo dimensionale senza distanziale lato tavola
(TQITSE) entrambe le misure A e A’ devono corrispondere al
valore B stampigliato sulla barra seno.
Se ci sono indicazioni relative ad errori di circolarità del collo, si dovrà
effettuare un’altra misura a 90 rispetto alla prima.
●
Le barre seno sono fornite dalla Società Timken.
2. Calibro ad anello per definire la
lunghezza del distanziale lato
tavola
La Fig. 5-9 mostra come i colli del
cilindro siano resi intercambiabili
con qualsiasi assemblaggio guarnitura-cuscinetto. Questa figura mostra
il distanziale lato tavola monatto
forzato in posizione (contro lo
spallamento del cilindro). Per determinare la sua lunghezza “L” per il
per il particolare collo sul quale sarà
poi montato, si usa generalmente un
calibro ad anello (se richiesto, la
Società Timken può fornire questo
dispositivo).
A
L
X
Y
Fig. 5-9
156
Il calibro ad anello è montato sul collo con accoppiamento
forzato. Il distanziale lato tavola sarà rettificato alla lunghezza “L”
ottenuta come differenza tra il valore “A” (la distanza misurata tra
la faccia della flangia del calibro ad anello e lo spallamento del
cilindro) ed il valore
“X” che è stampigliato sulla flangia
del calibro ad
anello. Nella maggior parte dei casi la
lunghezza del distanziale lato tavola è
finita di rettifica dopo montaggio sul collo del cilindro per
ottenere la migliore geometria (perpendicolarità e parallelismo).
Per permettere questa operazione, ci dovrà essere sufficiente
sovrametallo.
Una seconda dimensione “Y” è anche stampigliata sulla flangia del
calibro ad anello, che da la distanza richiesta tra la faccia del
calibro ad anello e la faccia del distanziale lato tavola. Questo
valore è utilizzato per verificare la lunghezza “L” del distanziale in
misura dopo il suo montaggio sul collo del cilindro.
Il distanziale lato tavola rimarrà quindi sul collo del cilindro come
un elemento permanente per tutta la durata del cilindro. Quando
il cilindro ha esaurito la sua durata utile e viene scartato, il
distanziale lato tavola può essere rimosso ed utilizzato su un altro
cilindro. Tuttavia, per ristabilire la corretta lunghezza per il nuovo
collo si dovrà ripetere la stessa procedura di misurazione descritta
precedentemente.
La procedura descritta precedentemente è richiesta anche per
quei casi dove si utilizza un piccolo distanziale lato tavola con
l’assemblaggio TQITSE (cono esteso).
Nel caso dove il cono esteso di un assemblaggio TQITSE è
direttamente in contatto con lo spallamento della tavola, non è più
necessario il dispositivo indicato. Esso potrebbe tuttavia essere
usato per controllare se il collo del cilindro è stato correttamente
lavorato.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
157
Procedure di montaggio per cuscinetti TQITS e TQITSE
Per montare un cuscinetto ad alesaggio conico a quattro file di rulli sul
collo del cilindro si possono considerare diverse procedure di
montaggio, dopo averlo precedentemente inserito nella sua guarnitura.
1. Martinetto idraulico ad anello
Foro di ispezione (da chiudere con un tappo)
Fig. 5-10
Montaggio con un martinetto
idraulico ad anello
Martinetto idraulico ad anello
La Fig. 5-10 mostra un assemblaggio completo cuscinetto e guarnitura
montato sul collo del cilindro utilizzando un martinetto idraulico ad
anello. La procedura di assemblaggio consiste dei seguenti punti :
1 Rimuovere tutto l’olio e/o il grasso dalle superfici del collo del cilindro
■
■
e dell’alesaggio del cono. Assicurarsi che non ci siano perdite di
lubrificante dal cuscinetto durante questa operazione,
2 Assemblare il cuscinetto e la guarnitura sul collo del cilindro,
■
■
3 Assemblare il martinetto idraulico in posizione. Il pistone del martinetto
■
■
deve essere completamente retratto,
4 Assemblare l’anello a collare nella gola del collo.
■
■
158
5 Applicare una pressione idraulica al martinetto con una pompa idraulica
■
■
6
■
■
7
■
■
8
■
■
9
■
■
10
■
■
11
■
■
12
■
■
adatta. Assicurarsi, facendo attenzione, che la pressione usata per
montare il cuscinetto non superi il limite di sollecitazione a trazione
della sezione dello spallamento dell’anello a collare (la pressione di
spinta è normalmente compresa tra 30 e 40 MPa),
Usando uno spessimetro, controllare attraverso il foro di ispezione che i
coni siano in appoggio contro il distanziale lato tavola o contro lo
spallamento del cilindro per la versione estesa del cono,
Scaricare la pressione e spingere indietro il pistone,
Rimuovere l’anello a collare,
Rimuovere il martinetto idraulico
Istallare il sistema di bloccaggio stabilito,
Reistallare l’anello a collare,
Fissare energicamente il cuscinetto assemblato in posizione e bloccare
nella posizione forzata più vicina. Il dispositivo di fissaggio deve essere
adeguatamente bloccato in modo da mantenere l’accoppiamento forzato
ottenuto con il martinetto idraulico.
La ghiera di fissaggio possiede un numero di cave equamente spaziate
sulla sua periferia per aiutare a ruotarla in posizione. L’anello di ritegno
filettato ha un foro od una cava in più in modo da permettere il
raggiungimento di un adeguato fissaggio con aumenti graduali di circa
0,050 mm. A questo punto si usa una chiavetta di bloccaggio per
evitare lo svitamento della ghiera di fissaggio.
2. Chiave idraulica
La Fig. 5-11 mostra un assemblaggio completo cuscinetto e guarnitura
montato sul collo del cilindro utilizzando una chiave idraulica.
Foro di ispezione (da chiudere con un tappo)
Chiave idraulica
Fig. 5-11
Montaggio con una chiave idraulica
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
159
Questo dispositivo permette un rapido montaggio del
cuscinetto sul collo del cilindro e con la stessa procedura
per i primi 6 punti come per il martinetto idraulico.
Assicurarsi che l’anello della chiave idraulica sia
completamente retratto durante l’assemblaggio sul collo
del cilindro.
1 -■
6 stessa procedura del martinetto idraulico,
■
■
■
7 Scaricare la pressione e tappare l’entrata dell’olio,
■
■
8 Con l’anello della chiave idraulica mantenuto
■
■
stazionario, ruotare
l’anello esterno della chiave idraulica nella direzione della freccia e
bloccare con la piastra di bloccaggio nella posizione forzata più vicina.
Gli anelli interno ed esterno avranno un numero di cave
che permetterà all’operatore di ottenere un adeguato
fissaggio con aumenti graduali di circa 0,050 mm. La
chiave idraulica è una pare integrale del sistema
“collo/cuscinetto/guarnitura”.
3. Pompa idraulica
La pompa idraulica utilizzata per far funzionare il sistema
martinetto idraulico o chiave idraulica dovrebbe avere una
adeguata capacità volumetrica e di pressione per il
montaggio e lo smontaggio di cuscinetti ad alesaggio
conico a quattro file di rulli. Valvole di regolazione,
convettori e tubazioni adeguate fanno parte del sistema
pompa.
Per i cuscinetti di maggiori dimensioni si richiedono
pompe a motore elettrico con una portata massima fino a
40 l/min ed una pressione massima di almeno 55 Mpa. Per
maggiori informazioni sui sistemi disponibili si suggerisce
di consultare la Società Timken. Da notare che questa
pompa può anche essere usata per smontare i coni montati
forzati dal collo dei cilindri.
160
4. Assemblaggio del cuscinetto usando un banco idraulico.
La Fig. 5-12 mostra un metodo che permette il montaggio dei
cuscinetti su entrambi i lati dei colli del cilindro allo stesso tempo.
Questa soluzione è definita montaggio al banco idraulico. Tale metodo
è particolarmente utile quando limitazioni sulla dimensione del collo
del cilindro non permettono l’utilizzo di un martinetto idraulico. Si
utilizza anche per dimensioni piccole del collo del cilindro (laminatoi
per filo e barre), quando sono interessate diverse gabbie e la forza di
montaggio è supportata dal telaio.
Cilindro idraulico
Staffa
Bussola di montaggio
Fig. 5-12
Montaggio con un
banco idraulico
Bussola di montaggio
Procedure di smontaggio per cuscinetti TQITS e TQITSE
I cuscinetti TQITS e TQITSE ad alesaggio conico montati sul collo di
cilindri sono generalmente smontati utilizzando un sistema a pressione
d’olio. Tale sistema richiede uno o tre fori assiali e fori radiali di
collegamento con le gole sotto i coni esterno, centrale ed esterno del
cuscinetto. Questi fori radiali e gole sul diametro esterno del collo per
ciascun cono sono situati approssimativamente nella zona di pressione
neutra per ciascuna sezione di cono. Le posizioni di questi fori e gole
sono :
●
cono singolo esterno : 1/3 della lunghezza del rullo dal lato maggiore
●
cono doppio centrale : mezzeria del cono
●
cono singolo interno : 1/3 della lunghezza del rullo dal lato maggiore
Ved. Fig. 5-13a
Non è necessario allentare le viti del coperchio frontale della
guarnitura quando si rimuove il cuscinetto e la guarnitura dal collo del
cilindro.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
161
1. Dispositivo idraulico che utilizza il sistema di rimozione a “tre
fori”
La Fig. 5-13a mostra il cuscinetto montato su un collo conico con
illustrati i tre fori assiali. Ciascun foro si collega con uno dei tra fori
radiali che terminano nelle gole sotto i coni esterno, centrale ed
interno del cuscinetto. Questi tre fori assiali sono marcati da 1 a 3
e devono essere utilizzati in questa
Flangia radiale
sequenza. Il foro numero 1 corrisponde al
cono esterno, il
numero 2 al cono
1
doppio centrale ed il
numero 3 al cono
3
interno. La sequenza
2
per la rimozione del
cuscinetto e della
guarnitura è la seguente :
Anello di bloccaggio del cono
Fig. 5-13a
1 Supportare il cilindro sul diametro esterno della tavola. Assicurarsi che
■
■
la guarnitura non supporti il peso del cilindro,
2 Allentare la ghiera di circa mezzo giro e rimuovere l’anello a collare. Far
■
■
scorrere quindi la ghiera e l’anello filettato dal collo (mantenere la
guarnitura agganciata alla gru durante tutta l’operazione per motivi di
sicurezza),
3 Collegare
■
■
la pompa idraulica al foro assiale per l’olio (1), il quale
interseca il foro radiale che porta alla gola sotto il cono esterno,
4 Applicare
■
■
all’olio una pressione sufficiente per espandere il cono e
liberarlo dal collo. L’anello reggispinta del cono sarà fornito di una
flangia radiale per limitare lo spostamento assale del cono esterno. La
Fig. 5-13b mostra la posizione del cono dopo che questo è stato
rimosso,
5 Collegare
■
■
la pompa idraulica la foro assiale per l’olio (2), il quale
interseca il foro radiale che porta alla gola sotto il cono doppio centrale.
Applicare la pressione. L’insieme guarnitura assemblata segue il cono
doppio come mostrato in Fig. 5-13c,
6 Collegare
■
■
la pompa idraulica al foro assiale per l’olio (3), il quale
interseca il foro radiale che porta alla gola sotto il cono interno.
Applicare la pressione, così che il cono interno si stacchi come
mostrato in Fig. 5-13d,
7 Rimuovere l’insieme “guarnitura-cuscinetto” dal collo.
■
■
162
1
Fig. 5-13b
2
Fig. 5-13c
3
Fig. 5-13d
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
163
2. Dispositivo idraulico che utilizza il sistema di rimozione a “foro
singolo”
La Fig. 5-14 mostra un foro assiale singolo che collega ciascuno dei tre
fori radiali che portano ai tre coni del cuscinetto. Il sistema a foro
singolo è non solo più economico, ma presenta anche il vantaggio di
poter utilizzare un braccio idraulico che limita la pressione dell’olio ad
una piccola zona nel
foro. Questo sistema
Flangia radiale
riduce il rischio di perdite di pressione d’olio
dovute a porosità nel
collo del cilindro. Tale
dispositivo potrebbe
anche essere usato per
cilindri piccoli dove
esiste una limitazione
di sezione.
Il braccio idraulico di
Anello di bloccaggio del cono
pressione è regolabile
assialmente in corrisFig. 5-14a
pondenza di alcune
tacche sull’esterno del condotto legate al particolare tipo di cono che
deve essere rimosso. I coni interno, centrale ed esterno del cuscinetto
vengono rimossi nel loro ordine relativo in perfetto accordo con il
metodo generale indicato nel sistema a “tre fori”. Per fare in modo che
l’olio raggiunga ciascun foro radiale, come previsto, sono utilizzati
degli O-ring, delle bussole di fissaggio adeguate e delle viti. La
sequenza per la rimozione del cuscinetto e della guarnitura è la
seguente :
1 Posizionare la testa del braccio idraulico alla tacca 1 in corrispondenza
■
■
del foro radiale che porta alla gola sotto il cono esterno. Comprimere gli
O-ring nella testa del braccio idraulico per ottenere la tenuta alla
pressione. Applicare la pressione dell’olio per rimuovere il con esterno
in accordo con la Fig. 5-14b,
2
■ Decomprimere gli O-ring e posizionare il braccio alla tacca 2 in
■
corrispondenza del foro radiale che porta al cono doppio centrale.
Comprimere gli O-ring, applicare la pressione e rimuovere il cono
centrale come indicati in Fig. 5-14c. L’intero insieme guarnitura seguirà
il cono doppio,
3
■ Decomprimere gli O-ring e posizionare il braccio alla tacca 3 in
■
corrispondenza del foro radiale che porta al cono interno. Comprimere
gli O-ring, applicare la pressione e rimuovere il cono interno come
indicati in Fig. 5-14d,
4 Rimuovere l’insieme “guarnitura-cuscinetto” dal collo.
■
■
164
1
3
2
1
Fig. 5-14b
2
3
2
1
Fig. 5-14c
3
3
2
1
Fig. 5-14d
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
165
3. Smontaggio meccanico
Un metodo alternativo per la rimozione di cuscinetti di piccole
dimensioni (fino a 250 mm di alesaggio) consiste nel disporre di
una flangia di tiro che appoggiandosi alla guarnitura, consente di
estrarre la guarnitura ed il cuscinetto dal collo del cilindro tirando
sulla guarnitura. Per eliminare ogni possibilità di danneggiamento
della gabbia del cono lato interno, è stato disegnato un cuscinetto
TQITSE con uno spallamento per il tiro integrato nel cono come
mostrato in Fig. 5-15.
Spallamento di tiro del cono
Fig. 5-15
Con un adeguato disegno della guarnitura (distanziale lato tavola) è
possibile ottenere una simile configurazione anche con cuscinetti
TQITS.
Eliminando la foratura assiale ed i fori radiali nel collo del cilindro
normalmente provvisti con sistemi di rimozione idraulica, si può
ridurre notevolmente il costo del cilindro. Questo tipo di
smontaggio è principalmente utilizzato per laminatoi a più gabbie
come laminatoi per barre e per filo (lo stesso si applica agli
assemblaggi TNAT).
166
5.1.2.2. Cilindri di lavoro
I cuscinetti per cilindri di lavoro sono nella maggior parte
montati con accoppiamento libero sui colli del cilindro. Oltre
agli assemblaggi TQOW e 2TDIW si possono utilizzare anche i
cuscinetti 3TDIW (Fig. 5-16).
Fig. 5-16
Le procedure dettagliate per l’assemblaggio e il disassemblaggio
sono le stesse descritte nel capitolo cilindri di appoggio.
La tendenza attuale da parte degli operatori è di favorire
l’eliminazione dell’insieme anello di bloccaggio filettato e ghiera
che richiedono un intervento manuale e di sostituirlo solamente
con un anello intermedio. Considerando la frequenza del cambio
cilindri, questa soluzione permette un percettibile risparmio di
tempo ma richiede tolleranze dei cuscinetti più ristrette per
quanto riguarda la larghezza totale dei coni. Ciò è possibile
utilizzando assemblaggi 2TDIW o 3TDIW (le tolleranze sono
riportate nelle tabelle delle tolleranze dei cuscinetti, capitolo 6).
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
167
Cuscinetti con tenute per cilindri di lavoro
I montaggi mostrati in Fig. 5-17 illustrano le alte
prestazioni dei cuscinetti con tenute per cilindri
di lavoro. Queste configurazioni sono completamente intercambiabili con gli assemblaggi
TQOW o 2TDIW in dimensioni standard.
Concetto di
tenute compatte
Concetto di
tenute a cassetto
Fig. 5-17
Cuscinetti con tenute per
cilindri di lavoro
La tenuta principale su ciascun lato permette di
avere un assemblaggio preingrassato oltre che
fornire una protezione aggiuntiva contro l’ingresso
di contaminanti. Questo cuscinetto potrà essere
montato preingrassato, nel qual caso,
l’assemblaggio completo è montato come unità
nella guarnitura. L’attrezzo usato per montare il
cuscinetto nella guarnitura è mostrato nella
sezione 5.2.1.3. Una corretta manutenzione delle
tenute della guarnitura utilizzate sul distanziale
lato tavola e sul lato opposto dovrà essere
eseguita per mantenere la loro efficienza contro
l’acqua o liquidi di raffreddamento miscelati a
contaminanti solidi.
168
Assemblaggi TDIK - posizione assiale
La Fig. 5.18 mostra un cuscinetto TDIK a due file montato nella
posizione assiale. Questo tipo di cuscinetto è sempre montato in
combinazione con a un cuscinetto radiale a quattro o sei file sui
cilindri di lavoro nella posizione fissa. Un simile assemblaggio è usato
nei cilindri di lavoro dove sono incorporati sistemi di shifting o di
incrocio dei cilindri, per evitare che il cuscinetto radiale sopporti
carichi assiali. La posizione assiale può essere posizionata sia dal lato
operatore che dal lato comando.
Fig. 5-18
Il cuscinetto può essere montato in un alloggiamento separato
(coperchio frontale) o direttamente nella guarnitura. Generalmente si
utilizza un dispositivo di bloccaggio del cono identico a quello
utilizzato per i cuscinetti radiali. Il sistema di molle, incorporato nelle
due coppe, permette alla coppa non caricata di rimanere in contatto
con la sua fila di rulli evitando quindi l’intraversamento dei rulli stessi.
La corsa delle molle è ottenuta usando uno spessore di metallo tra la
flangia del coperchio e l’alloggiamento od un insieme di tolleranze
ridotte per il cuscinetto ed i componenti adiacenti. Il sistema di molle
sviluppa la forza assiale necessaria per mantenere in contatto la fila
non caricata. Un gioco radiale di circa 2-3 mm sul diametro è richiesto
tra le coppe e l’alloggiamento per evitare qualsiasi carico radiale sul
questo cuscinetto. Per evitare la rotazione del cono sul collo del
cilindro è prevista una chiavetta sul cono.
Qualche volta, in alternativa al sistema di molle incorporato nelle
coppe, si propone un assemblaggio TDIK preregistrato montato in un
apposito alloggiamento. Cuscinetti TDIK utilizzati in laminatoi esistenti
dove le molle sono incorporate nell’alloggiamento poterebbero essere
montati nello stesso modo degli assemblaggi TDIK con il sistema di
molle integrato. Tutti questi assemblaggi sono dimensionalmente
intercambiabili.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
169
Assemblaggi TTDWK
L a Fi g . 5 - 1 9 m o s t r a u n
cuscinetto TTDWK a due file
montato nella posizione
reggispinta. Questo cuscinetto
reggispinta a doppio effetto è
sempre montato in combinazione con un cuscinetto
radiale a quattro o sei file sui
cilindri di lavoro nella
posizione fissa. Tale assemblaggio è principalmente
utilizzato nei laminatoi per
profili dove i carichi assiali
sono insolitamente alti e da
Fig. 5-19
entrambe le direzioni da
laminazione di profili asimmetrici. Questo cuscinetto è generalmente montato in un
alloggiamento separato per formare un insieme unico da fissare sulla
guarnitura. Per il suo disegno a “piste piane”, questo cuscinetto
permette un movimento radiale ed non è
perciò in grado di sopportare carichi
radiali. Le piste piane non sono bloccate
assialmente, ma posizionate in modo da
ottenere il gioco assiale richiesto di circa
0,500 mm, per permette re al sistema di
molle di sviluppare il carico assiale
stabilito per mantenere in contatto la fila
non caricata. Una chiavetta è generalmente
prevista nell’anello doppio centrale per
bloccarlo contro eventuali rotazioni. La
Fig. 5-19 mostra un laminatoio per profili
dove il posizionamento del cilindro è
ottenuto attraverso l’unità reggispinta
ausiliaria con il cilindro e lo scorrimento
assiale nell’alesaggio del cuscinetto radiale.
170
5.1.2.3. Caratteristiche delle guarniture e dei coperchi per un
corretto funzionamento dei cuscinetti
Guarnizioni o scelta degli spessori per il coperchio della
guarnitura
Dopo che l’intero cuscinetto assemblato è montato nella guarnitura, il
coperchio frontale dovrà essere montato senza la guarnizione
comprimibile e con quattro viti equamente distanziate ed avvitate fino
ad appoggiare uniformemente il coperchio contro la coppa del
cuscinetto.
Si misura quindi il gioco tra la faccia del coperchio flangiato e la faccia
della guarnitura in tre punti equidistanti e si determina il valore medio.
Lo spessore della guarnizione (o guarnizioni in funzione del valore
del gioco) dovrebbe essere uguale al valore della luce misurata più 1525 % per considerare la
compressione della guarnizione. Il valore indicato
di 15-25 % è riferito a
sughero o ad altri
materiali equivalenti per
guarnizioni comprimibili
(se si utilizzano materiali
più duri o più teneri, si
adatteranno i valori
percentuali indicati di
conseguenza).
Dopo aver piazzato la guarnizione comprimibile, rimontare il
coperchio e stringere le viti fino ad ottenere il gioco voluto. Le viti
devono essere serrate a croce attraverso la guarnitura per permettere
una compressione uniforme del pacco di guarnizioni ed evitare
possibili distorsioni del distanziale coppe. Per assicurarsi che la
guarnizione sia compressa uniformemente e le coppe bloccate in
modo adeguato, intaccare la guarnizione in quattro punti prima
dell’installazione. Ciò permette di avere quattro punti da poter
rimisurare dopo l’installazione. La coppia di serraggio finale
applicata alle viti deve essere confrontata con la coppia di
serraggio raccomandata dalla Società Timken in funzione delle
condizioni di carico della specifica applicazione.
Le guarnizioni comprimibili sono ora frequentemente rimpiazzate da
spessori pelabili. Questa soluzione permette di applicare la coppia di
serraggio richiesta in funzione delle condizioni di carico, senza il
rischio di collassare i distanziali delle coppe.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
171
In questo caso, la procedura per misurare la luce sarà la stessa ;
il pacchetto di spessori scelto dovrà essere leggermente inferiore
alla luce misurata (generalmente 0,050 mm in funzione dello
spessore pelabile) in modo da ottenere unavleggera
compressione. La soluzione con spessori richiede l’utilizzo di un
“O-ring” per ottenere una tenuta adeguata tra il coperchio e la
guarnitura. La coppia di serraggio applicata alle viti dipende dalle
loro dimensioni.
Attenzione : lo spessore della guarnizione comprimibile o il
valore degli spessori pelabili definito per un cuscinetto non
dovrebbe essere usato per un atro cuscinetto assemblato a causa
della variazione sulla larghezza totale del cuscinetto.
Procedura di montaggio della guarnitura -vpiastra di
fissaggio - piastra oscillante
La Fig. 5-20 mostra una sezione trasversale di un laminatoio
quarto (4HI) dove sono montati cuscinetti a quattro file sui colli
di cilindri di appoggio e di lavoro.
Sistemi
di fermo
assiale
Lato
operatore
Lato
comando
Fig. 5-20
La vista finale mostra configurazioni diverse sul lato sinistro e
destro rispetto alla linea verticale di mezzeria. La vista sul lato
sinistro corrisponde al lato operatore e mostra le guarniture dei
cuscinetti fissate nell’alloggiamento del laminatoio. La vista sul
lato destro corrisponde al lato comando con le guarniture libero
di muoversi nella finestra.
172
A
A
B
B
Inclinazione del 2 %
Inclinazione del 2 %
Piano (25 %
dell’alesaggio
della guarnitura)
Piano (25 %
dell’alesaggio
della guarnitura)
Fig. 5-21
Le piastre di fissaggio sul lato operatore sono flange di posizionamento
della faccia della guarnitura e sono smussate come mostrato in Fig. 521. Questo permette alla guarnitura di oscillare e di seguire la normale
flessione del cilindro e del collo. Le piastre di fissaggio per le
guarniture dei cilindri di lavoro sono disegnate in modo
similare per permettere una completa flessibilità tra le
guarniture dei cilindri di lavoro e la fiancata di base delle
guarniture dei cilindri di appoggio o il blocco pistoni nel quale
esse sono montate. Questa flessibilità assicura che i carichi
assiali sviluppati nel laminatoio siano sopportati dal cuscinetto
senza sviluppare momenti ribaltanti importanti, nel caso ci sia
del disassamento presente tra gli assi normali dei cilindri di
lavoro e gli assi dei cilindri di appoggio
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
173
La Fig. 5-22 mostra un metodo usuale di montaggio del cilindro di lavoro
nelle fiancate delle guarniture dei cilindri di appoggio. Le guarniture di
appoggio sono fissate contro il movimento assiale nelle guarniture dei
cilindri di appoggio dal lato operatore del laminatoio ed hanno la
possibilità di muoversi assialmente dal lato comando del laminatoio. Per
permettere alle guarniture
dei cilindri di lavoro di
muoversi liberamente, si
dovrà prevedere un gioco
sufficiente tra le guarniture
dei cilindri di lavoro e
le gambe delle guarniture
dei cilindri di appoggio.
Piaste di usura sono
generalmente usate tra le
guarniture dei cilindri di
lavoro e le fiancate delle
guarniture dei cilindri di
appoggio come pure tra
queste ultime e la finestra.
Fig. 5-22
La guarnitura superiore dei cilindri di appoggio è separata dalla sede della
vite di pressione da un’unità reggispinta equipaggiata di un cuscinetto
reggispinta. Il dispositivo di allineamento tra la parte inferiore della
guarnitura dei cilindri di lavoro e la base della finestra permette a queste
guarniture di oscillare in modo da seguire le flessioni dei cilindri e dei
colli. Diversi disegni del dispositivo di oscillazione sono mostrati nella
Fig. 5-23.
Le piastre di usura dovrebbero essere controllate con regolarità per
prevenire l’effetto di incrocio dei cilindri e/o disassamenti che possono
influenzare negativamente la durata dei cuscinetti.
Inclinazione
del 2 %
Inclinazione
del 2 %
Piano (20 %
della larghezza
del cuscinetto)
Fig. 5-23
174
5.1.3. Montaggi tipici
Colate di nastro di alluminio
La Fig. 5-24 mostra un cuscinetto a quattro file montato su un collo
cilindro di una colata di brame di alluminio. Il principio di montaggio
ed i suggerimenti di montaggio sono gli stessi descritti per gli
assemblaggi TQOW-2TDIW nel capitolo 5.1.2.1. In tutti i casi i
cuscinetti sono montati con accoppiamenti liberi per i coni e le
coppe. Poiché colate per brame di alluminio lavorano con carichi
radiali estremamente elevati e basse velocità (meno di 5 g/min), si
usano cuscinetti con rulli pieni. Si possono usare anche cuscinetti con
gabbia stampata, ma per aumentare il numero di rulli (capacità) si
utilizzano spesso cuscinetti con gabbia a perni. Rulli con profilo
ottimizzati sono spesso richiesti per le particolari condizioni di carico.
Fori per il raffreddamento tavola
Fig. 5-24
Questo tipo di applicazione, dove la tavola è in contatto con
l’alluminio fuso (alta temperatura), richiede un completo
raffreddamento della tavola per ridurre la notevole differenza di
temperatura tra il collo e la tavola ed anche tra il collo e la guarnitura.
Assicurarsi di ricollegare correttamente il sistema di raffreddamento
quando si usa un nuovo cilindro.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
175
Rulli verticali per laminatoi per profili
Il disegno mostrato in Fig. 5-25 utilizza un cuscinetto assemblato TDO
a due file per servizio pesante con un distanziale cono, montato con
accoppiamento forzato sul rullo. Tuttavia, i cuscinetti tipo TQO e TQI
sono anche utilizzati in funzione della larghezza del rullo. Poiché in
questo tipo di applicazioni le limitazioni di spazio sono spesso un
problema, le coppe sono bloccate in posizione da coperchi che
contengono anche il sistema di tenute a labirinto.
Fig. 5-25
Disegno di un rullo verticale con cuscinetto TDO
Sul lato superiore, il labirinto è posizionato sopra la faccia del rullo in
modo da prevenire l’entrata di acqua e scaglie direttamente nel
cuscinetto. In funzione del concetto della struttura, può essere prevista
anche una tenuta a labbro aggiuntiva.
Il bloccaggio dei coni è garantito sull’albero stazionario da un una
piastra. I coni sono montati con accoppiamento libero sull’albero.
La lubrificazione a grasso si applica al centro del
cuscinetto attraverso i fori nel distanziale dei
coni. Poiché si tratta di una applicazione
verticale, per lubrificare la fila superiore e per
rimuovere il grasso contaminato si suggerisce
un’entrata di grasso sulla parte superiore del
cuscinetto attraverso le scanalature di accesso.
Per le severe condizioni ambientali, il cuscinetto
è generalmente agganciato ad un sistema di
lubrificazione continuo per assicurare una
migliore protezione.
176
Laminatoi per tondino e putrelle
Assemblaggi TDIW - posizione radiale
La Fig. 5-26 mostra un cuscinetto TDIW a due file montato su un collo
di cilindro. In molte installazioni di laminatoi a caldo dove le velocità
sono relativamente contenute, da basse a medie, per sopportare le
forze di laminazione si usa un TDIW, invece di un più comune
cuscinetti a quattro file. Nel passaggio da altri tipi di cuscinetti, spesso
il TDIW è l’unica soluzione per ragioni di ingombro.
Il principio di montaggio e i suggerimenti corrispondenti descritti per
gli assemblaggi TQOW - 2TDIW possono anche essere applicati per il
cuscinetto TDIW a due file.
Fig. 5-26
Assemblaggi TDIT - TNAT
La Fig. 5-27 mostra un cuscinetto TDIT a due file con alesaggio conico
montato su un collo di cilindro conico con l’accoppiamento forzato
del cono stabilito. Questo tipo di cuscinetto è adatto per laminatoi ad
alta velocità soggetti a forze di separazione medio basse.
Fig. 5-27
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
177
Questi cuscinetti sono assemblati su un collo di cilindro conico contro
un distanziale lato tavola adeguatamente dimensionato per assicurare
l’appropriato accoppiamento forzato del cono. Il cuscinetto e la
guarnitura rappresentano un assemblaggio unità. Per compensare la
dilatazione termica del cilindro è importante che sia
previsto un adeguato sistema
per permettere alla guarnitura di spostarsi liberamente.
Un cuscinetto TNAT a due
file ad alesaggio conico
come mostrato in Fig. 5-28 è
utilizzato nel caso di
laminatoi “pre-stressed” dove
entrambe le guarniture sono
fisse. Dal lato flottante, per
permettere lo spostamento
assiale della coppa è previsto un gioco tra il coper- Fig. 5-28
chio e la coppa doppia.
Le procedure di montaggio e smontaggio sul e dal collo del cilindro
sono le stesse descritte nel capitolo “assemblaggi TQITS”.
Sistemi per viti di pressione
I cuscinetti reggispinta per servizio pesante effettuano il collegamento
tra la vite di pressione e la guarnitura del cilindro superiore. La
selezione del cuscinetto è basata sul carico massimo di laminazione
come pure sul diametro della vite.
La Fig. 5-29 mostra il montaggio di un cuscinetto reggispinta TTHDSX.
La faccia superiore dell’anello superiore è generalmente convessa
come illustrato, ma può essere anche concava in funzione del profilo
della parte finale della vite. Un sede sferica permette un migliore
adattamento della guarnitura.
Questo tipo di cuscinetto può essere fornito sia con due piste coniche
o con una pista piana
sull’anello inferiore. Il disegno
con la pista piana permette
un movimento laterale e può
essere richiesto in funzione
del tipo di configurazione del
montaggio. Nei casi dove si
utilizza la pista conica per
l’anello inferiore, esso deve
essere montato con gioco
radiale per permettere un
corretto allineamento delle
due piste.
Fig. 5-29
178
Le tenute, particolarmente importanti nei laminatoi a caldo, si
ottengono con tenute a labbro radiale. Una lubrificazione adeguata si
ottiene riempiendo la camera del cuscinetto con un olio EP di buona
qualità con una viscosità di circa 460 cSt a 40 °C.
Laminatoi per tubi, calibratori ed estrattori
Il laminatoio ad alta velocità mostrato in Fig. 5-30 usa cuscinetti
standard del tipo TDO sugli alberi dei rulli e degli ingranaggi. I coni
sull’albero di entrata sono montati con accoppiamento forzato e le
coppe sono montate con accoppiamento libero.
Fig. 5-30
La posizione assiale del rullo è fornita utilizzando spessori tra
l’alloggiamento principale e il porta coppe fisso. Il porta coppe dal
lato comando dell’albero di entrata è flottante in modo da trovare la
sua posizione assiale.
Nei rulli non motori trainati, si usano cuscinetti TDI per permettere il
libero movimento attraverso i coni nella posizione flottante.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
179
Riduttori e gabbie pignone per laminatoi
La Fig. 5-31 mostra una gabbia pignone con ingranaggi cilindrici elicoidali. In tali
applicazioni, si usano generalmente cuscinetti TDOCD a due file assemblati con
distanziale coni su tutte le posizioni. Un cuscinetto per ogni albero è fissato
contro lo spallamento dell’alloggiamento da un coperchio coppe. L’altro
cuscinetto montato sul lato opposto è libero di muoversi assialmente
nell’alloggiamento.
Fig. 5-31
Per alte velocità, onde evitare
eventuali rotazioni delle coppe
montate nelle posizioni flottanti
(accoppiamenti liberi e libere
assialmente), suggeriamo di
utilizzare un perno di arresto
posizionato nel foro radiale della coppa. Il diametro del perno è dimensionato
per ottenere il corretto gioco assiale tra il perno ed il foro nella coppa doppia ;
questo permette il necessario movimento assiale dell’albero. In aggiunta, il perno
è dotato di un foro radiale per assicurare l’entrata di olio nella mezzeria del
cuscinetto.
Per trasmissioni di laminatoi ad alta velocità, la registrazione dei cuscinetti è
ottimizzata rettificando i distanziali al montaggio, una delle caratteristiche
vantaggiose dei cuscinetti a rulli conici, poiché le durate richieste possono
essere di diversi anni.
180
Fig. 5-32
La Fig. 5-32 mostra una doppia trasmissione e una gabbia pignone con
ingranaggi cilindrici bielicoidali. Cuscinetti a due file TDOCD
assemblati con distanziali coni sono utilizzati su tutte le posizioni. In
questo caso dove tutti gli ingranaggi sono bielicoidali, si definisce solo
una posizione fissa. Il cuscinetto montato sul lato opposto è libero di
muoversi nell’alloggiamento come pure tutte le altre posizioni in
questa trasmissione. La tendenza attuale è di montare il cuscinetto in
una bussola in modo da poter sostituire facilmente, se necessario,
l’alloggiamento delle coppe.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
181
Aspi avvolgitori
La Fig. 5-33 mostra la configurazione di montaggio di un aspo ad alta
velocità (fino a 1500 g/min del mandrino). Il supporto principale
dell’albero mandrino è costituita da due cuscinetti TDOCD assemblati
con distanziali coni sia nella posizione fissa che flottante. I coni di
questi due cuscinetti sono bloccati assialmente. Per ottenere maggiore
stabilità, la posizione fissa è generalmente stabilita nella posizione
adiacente al mandrino tramite uno spallamento nell’alloggiamento e un
coperchio coppe.
Getti d’olio
Ritorni d’olio
Fig. 5-33
Il supporto a sbalzo è
costituito da un cuscinetto
a due file TDI assemblato
con un distanziale coppe
ed è montato un una
bussola avente un diametro
esterno inferiore al diametro interno della bobina
per per mettere il suo
smontaggio. Questo supporto esterno, chiamato
anche terzo supporto, è
utilizzato per bobine molto
pesanti in modo da
minimizzare la deformazione dell’albero.
Un cuscinetto a due file TDO a forte conicità assemblato con
distanziale cono è utilizzato come unità assiale per attuare il sistema di
espansione del mandrino ed è frequentemente sostituita da un cilindro
idraulico rotante.
182
A causa delle alte velocità in gioco, la lubrificazione ha
un ruolo determinante per assicurare il buon
funzionamento di questo tipo di equipaggiamento. I
cuscinetti di grandi dimensioni del supporto
principale sono lubrificati con flussi d’olio in
pressione dal centro delle coppe doppie
(viscosità di circa 320 cSt a 40 °C). Getti d’olio
diretti su ciascun bordino dei coni forniscono
una lubrificazione e un raffreddamento
aggiuntivo. Grossi fori di scarico verso l’esterno
dell’alloggiamento impediscono la formazione
di un livello d’olio che potrebbe causare uno
sbattimento eccessivo del lubrificante in queste
posizioni. Il cuscinetto assiale TDO più piccolo può
essere lubrificato con un sistema di olio in pressione
diretto al centro della coppa doppia. Anche in questo
caso è importante prevedere degli scarichi adeguati per
evitare la formazione di un livello d’olio nel cuscinetto.
Aggiungendo uno scambiatore di calore per l’olio è
possibile rimuovere una parte del calore generato. Una
lubrificazione a grasso si è dimostrata soddisfacente per
il cuscinetto TDI nel piccolo supporto a sbalzo.
Mandrini di laminatoio per tubi senza saldatura
Il mandrino mostrato in Fig. 5-34 utilizza cuscinetti a
quattro file. I coni sono monatti con accoppiamento
libero.
Fig. 5-34
Un accurato allineamento della posizione è mantenuta
collegando la posizione della gola del rullo alla
guarnitura fissa. Questo si ottiene con uno stretto
controllo delle tolleranze tra la grande faccia dell’anello
esterno e la piccola faccia dell’anello interno del
cuscinetto a rulli conici (stretta tolleranza di
posizionamento).
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
183
Taglierine - Cesoie
Come mostrato nel disegno della Fig. 5-35, i cuscinetti TDO a due file
sono usati nelle sei posizioni dell’albero inferiore e superiore della
cesoia. In funzione dello spessore del nastro che si deve tagliare e della
precisione richiesta, si usano spesso cuscinetti di precisione (classe 3 o
0 per dimensioni in pollici e classe C o B per dimensioni metriche).
Distanziale coltelli
Fig. 5-35
La posizione del coltello come pure la registrazione assiale tra l’albero
superiore ed inferiore si ottiene rettificando i distanziali dei coltelli alla
lunghezza stabilita. Per ottenere un gioco assiale ottimale tra i coltelli
sovrapposti (a volte inferiore a 0,02 mm) si assicura una registrazione
controllata del cuscinetto.
Le posizioni esterne movibili nell’alloggiamento sono equipaggiate di
cuscinetti TDO. Per eliminare l’usura dell’albero, la bussola, sulla quale
è montato il cuscinetto è fissata con chiavetta sull’albero. Questo tipo
di assemblaggio fornisce il vantaggio di avere un cuscinetto
completamente protetto da materiale estraneo durante i cambi dei
coltelli. Questi cuscinetti sono bloccati assialmente nell’alloggiamento
di supporto, mentre la bussola può muoversi assialmente sull’albero.
I cuscinetti TDO utilizzati nelle posizioni centrali di ciascun albero
sono bloccati. Quelli montati nella posizione adiacente all’entrata sono
flottanti nell’alloggiamento.
184
Il disegno alternativo di Fig. 5-36 mostra il lato
fisso di un albero di cesoia. Un cuscinetto TS a
singola fila è posizionato nella posizione anteriore
mentre nella posizione di registrazione o
posteriore si utilizza un cuscinetto Hydra-Rib™.
Fig. 5-36
Il cuscinetto Hydra-Rib dispone di un bordino
flottante sulla pista esterna in contatto con la base
del rullo invece del solito bordino fisso sull’anello
interno. Questo bordino f lottante funziona
all’interno di una cavità stagna con pressione
controllata da un appropriato sistema di pressione
idraulico o pneumatico (da 3 a 7
bar). Variando la pressione cambia
di conseguenza il precarico nel
sistema.
La pressione controllata permette al
bordino flottante di mantenere
costante il precarico anche in
situazioni di dilatazioni termiche
nel sistema cuscinetti durante il
ciclo di funzionamento. Variando la
pressione si ottienevimmediatamente una variazione nel precarico.
Questo concetto unico di
cuscinetto permette di controllare la registrazione
dei cuscinetti e di conseguenza permette un
maggiore controllo della posizione dei coltelli ; ne
risulta un taglio migliore e una maggiore durata
dei coltelli rispetto al disegno tradizionale.
TM = Marchio di fabbrica della The Timken Company
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
185
5.2. Manutenzione
5.2.1. Osservazioni di carattere
generale
5.2.1.1. Pulizia
La pulitura del cuscinetto dovrebbe rimuovere ogni
accumulo di scaglie, acqua, vecchio lubrificante od
ogni altro contaminante che può causare usura
eccessiva nei cuscinetti. Ci
sono diver si metodi di
pulitura e soluzioni disponibili, in funzione della
dimensione o del numero di
cuscinetti da pulire. Cuscinetti di piccole dimensioni si
possono pulire con oli
leggeri od altri solventi
commerciali.
Per cuscinetti di grandi
dimensioni, o grandi quantità di cuscinetti, la pulizia
può essere fatta in
contenitori con solventi
adeguati (per esempio olio
neutro) che può essere riscaldato. Questo solvente
dipenderà dal tipo di lubrificante usato e dalle leggi
ambientali locali. Soluzioni di acqua calda sono spesso
usate come pulizia finale o risciacqui dopo la pulizia
iniziale in un contenitore di olio caldo. Il contenitore
per la pulitura dovrebbe disporre di un sistema di
riscaldamento dell’olio o della soluzione acquosa
come pure di sistemi di agitazione di ricircolo della
soluzione. Dopo la pulitura, i cuscinetti dovrebbero
essere ricoperti con olio leggero per proteggerli
contro la ruggine, se essi non devono essere
ispezionati immediatamente.
186
5.2.1.2. Imballaggio ed immagazzinamento
Norme di imballaggio per cuscinetti di grandi
dimensioni
Un libero contatto tra i rulli e la pista della coppa
dovrebbe essere evitato durante la spedizione ed il
trasporto per le possibili vibrazioni che possono
verificarsi. Il cuscinetto assemblato deve essere fissato
nella sua scatola per evitare movimenti di coni e
coppe. L’imballaggio è anche funzione del tipo di
trasporto, che in ogni caso deve escludere sporco,
polvere e umidità.
I cuscinetti assemblati sono imballati in scatole di
cartone ondulato o in casse di legno in funzione della
loro dimensione, i coni, le coppe o gli assemblaggi
però devono essere avvolti in fogli di plastica. Spesso
essi sono messi su pallet e assicurati con fascette
metalliche. Per spedizioni in paesi tropicali o dove
esiste il rischio di umidità, nell’imballaggio si mette un
sacchetto di sostanza essicante per assorbire l’umidità.
Imballaggi speciali possono anche essere previsti in
funzione della situazione e del tempo di
immagazzinamento previsto prima dell’uso.
Norme di immagazzinamento per cuscinetti di
grandi
dimensioni
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
187
I cuscinetti dovrebbero sempre essere collocati in posizione
orizzontale (asse verticale del cuscinetto) in modo da evitare
ovalizzazioni del cono e della coppa. I cuscinetti dovrebbero essere
immagazzinati nella loro scatola o imballaggio originale ed in un
posto asciutto. Se le condizioni di imballaggio ed immagazzinamento sono ideali, un cuscinetto assemblato potrà mantenere le sue
prestazioni potenziali iniziali anche per un periodo superiore ai 10
anni.
5.2.1.3. Attrezzi per la manipolazione
Per assicurare le prestazioni ottimali i cuscinetti per colli cilindro
dovrebbero essere maneggiati con attenzione quando montati o
smontati da una guarnitura.
In funzione delle dimensioni, del peso, del tipo di gabbia, e se i
componenti del cuscinetto sono assemblati separatamente o in un
unico insieme (per esempio i cuscinetti con tenute) si possono
utilizzare attrezzi differenti.
Cuscinetti di piccole dimensioni
Per cuscinetti di piccole dimensioni (peso contenuto) la manipolazione
e generalmente manuale, assicurandosi tuttavia della sicurezza
dell’operatore.
Cuscinetti di grandi dimensioni
Per questo tipo di cuscinetti si possono utilizzare, in funzione del tipo
di gabbia, attrezzi diversi. Con cuscinetti dotati di gabbia a perni, i
coni singoli e doppi sono sollevati avvitando dei golfari nei fori di
sollevamento filettati previsti negli anelli della gabbia. Per gli altri tipi
di coni con gabbia stampata si utilizzano attrezzi speciali. Spesso gli
operatori usano i loro attrezzi, ma si deve prestare molta attenzione
per evitare che il cuscinetto non venga danneggiato. Per le coppe, gli
attrezzi dipenderanno dal modo in cui queste vengono manipolate
(dall’interno o dall’esterno). Questi
attrezzi come pure diversi
metodi di sollevamento sono mostrati nella pagina a fianco.
Generalmente, le coppe sono calzate sul rispettivo cono prima ancora
di essere montate nella guarnitura.
188
Per ragioni di sicurezza tutti questi attrezzi devono essere controllati
con regolarità.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
189
Cuscinetti con tenute
Poiché questi cuscinetti sono preingrassati, la manipolazione ed il
montaggio nella guarnitura dovrebbe essere fatta come una unità
assemblata. La manipolazione di questo tipo di cuscinetto è
mostrata in Fig. 5-37. Tale soluzione può essere utilizzata anche nel
caso si preferisca montare un cuscinetto assemblato standard non
ingrassato due o quattro file come una unità.
Fig. 5-37
190
5.2.2. Suggerimenti per il riaggiustamento del gioco al banco
(BEP)
I cuscinetti possono essere controllati periodicamente, per verificare il
livello di usura, in modo da determinare se in gioco iniziale (BEP)
necessita di essere riaggiustato.
5.2.2.1. Misura del gioco al banco
(BEP)
Per misurare il gioco al banco, il
cuscinetto dovrebbe essere messo su
una superficie solida e piana, con la
coppa inferiore supportata da un
dispositivo di fissaggio ad anello cavo in
modo da evitare interferenze con la
gabbia e permettere la libera rotazione
del cuscinetto.
Ogni volta che un cuscinetto viene
impilato (posto su un piano con l’asse
verticale ??), sia per misurazioni, nel
qual caso i distanziali coni e coppe
sono esclusi, o per l’assemblaggio nella
guarnitura, per ottenere il gioco di
montaggio corretto si dovrà seguire la
corretta sequenza di assiemaggio (ved.
la procedura di marcatura del
cuscinetto capitolo 5.1.1.).
Per avere tutti i componenti
adeguatamente in contatto, è necessario caricare il cuscinetto da
misurare, come mostrato in Fig. 5-38.
Il peso utilizzato dovrebbe essere
centrato sul diametro esterno della
coppa del cuscinetto e scaricato per
dare spazio alla gabbia e permettere
una rotazione libera. Soprattutto i
cuscinetti che hanno funzionato per
lunghi periodi possono risultare
ovalizzati, pertanto hanno bisogno di
questo peso poiché i loro componenti
devono essere assestati correttamente.
Il carico applicato dovrebbe essere
almeno uguale al peso del cuscinetto
da misurare. Per cuscinetti di grandi
dimensioni che richiedono un sistema
di sollevamento per il peso, per
motivi di sicurezza le catene di
sollevamento sono mantenute sempre
agganciate ma allentate. I Tecnici di Assistenza Timken sono disponibili
per dare dei suggerimenti nell’utilizzo di questi dispositivi come pure
per istruire il personale di manutenzione sulle procedure di misura dei
cuscinetti.
Peso
Fig. 5-38
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
191
Dopo aver caricato il cuscinetto,
tutti i componenti sono fatti
ruotare separatamente per assestare i rulli. Per aiutare l’assestamento e proteggere il cuscinetto
si dovrebbe applicare un olio
leggero al cuscinetto.
Per assentare completamente tutti i
componenti può essere necessario
una certa rotazione del cuscinetto,
particolarmente per cuscinetti con
molte ore di funzionamento. Un
adeguato assestamento dei rulli
può esserevfacilmentevverificato
cercando di inserire una lamella da
0,05 mm di uno spessimetro tra la
base dei rulli ed il bordino. Tutti i
quattro set di rulli dovrebbero
essere controllati per l’assestamento in quattro posizioni diverse.
Con tutti i componenti assestati, vengono misurate le distanze A1 e A2 sulle
coppe e la distanza B1 sui coni Ogni distanza sarà misurata in quattro punti
equidistanti (Fig. 5-39a).
Calcolata la media aritmetica di ogni
distanza misurata, si ottiene il valore
dell’altezza del distanziale per avere
gioco zero al banco. Di seguito
vengono misurate le larghezza dei
distanziali delle coppe e dei coni per
verificare la loro larghezza reale.
Anche le suddette misure vengono
effettuate su 4 punti a 90 per
verificare il loro parallelismo.
192
Dopo aver fatto queste misure, il gioco al banco viene ricavato dalla
differenza tra il valore reale della larghezza di ogni singolo distanziale e
la corrispettiva distanza (A1 - A2 - B1).
A2
A1
B1
BEP = larghezza distanziale - distanza (A1, A2 o B1)
Fig. 5-39a
Misura del gioco al banco (BEP) di un TQO
Per misure del BEP tra le due file interne di un assemblaggio 2TDIW,
suggeriamo di aggiungere un distanziale coppe campione, che
permette di ottenere la distanza B2 tra le facce interne dei coni di un
assemblaggio 2TDIW e permette una più facile misura del BEP (ved.
Fig. 5-39b). Il distanziale coppe centrale di un altro assemblaggio può
essere utilizzato come distanziale coppe campione.
Distanziale coppe campione
Minima larghezza suggerita 10 + 0.025 mm
A2
A1
B2
BEP = A3 - B2
A3
Fig. 5-39b
Misura del BEP
delle file centrali di
un 2TDIW
Conoscendo al larghezza del distanziale coppe campione, si può
facilmente collegare la distanza misurata al valore reale del BEP. La
larghezza campione deve essere definita in funzione degli strumenti di
misura (almeno 10 mm) per fornire una distanza misurabile tra le facce
interne dei coni.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
193
5.2.2.2. Riaggiustamento del gioco al banco (BEP) per assemblaggi
con distanziale
Nei cuscinetti TQOW la registrazione del cuscinetto può essere
riaggiustata al valore desiderato rettificando ciascun distanziale. Per i
cuscinetti 2TDIW il distanziale centrale delle coppe (stretto) deve
essere sostituito poiché la sua larghezza deve essere aumentata, in
funzione del gioco misurato (nota : è anche possibile rettificare le
faccia interna dei coni).
Generalmente non è necessario rifare la registrazione del cuscinetto
fino a che il gioco non ha raggiunto un valore doppio rispetto al valore
originale. Per esempio, su un cuscinetto con un gioco originale di
0,304 mm (0.012”), non sarà necessario rettificare o sostituire i
distanziali fino a che il gioco misurato nel cuscinetto non raggiunge
0,608 mm.
Riaggiustamento del gioco del cuscinetto
Gioco originale del cuscinetto (nuovo) ................................................................................. 0,304 mm
Rettificare i distanziali quando il gioco raddoppia .............................................. 0,608 mm
Rettificare i distanziali per ottenere 1,5 volte il gioco originale ....... 0,456 mm
La regola generale, quando si rifà la registrazione di un cuscinetto
assemblato, è di stabilire una volta e mezza il gioco originale del
cuscinetto. Se il cuscinetto nuovo aveva un gioco di 0,304 mm,
rettificare il distanziale per ottenere 0,456 mm di gioco. Questo è un
fattore di sicurezza per assicurasi che la registrazione non sia troppo
stretta. La tabella precedente mostra un esempio di calcolo per un
cuscinetto con gioco originale di 0,304 mm. La misura del gioco e
della larghezza dei distanziali dovrebbe essere registrata.
Dopo la pulitura e
l’ispezione, il cuscinetto
assemblato dovrebbe ess e re l u b r i f i c a t o p e r
evitare il r ischio di
corrosione.
194
5.2.3. Rilubrificazione e manutenzione delle tenute
Quando si usa grasso per lubrificare i cuscinetti, ciascun
cono è generalmente imballato con grasso poiché i
componenti saranno assemblati nella guarnitura. Far
attenzione a non mettere troppo grasso nel cuscinetto, a
volte causa di eccessiva produzione di calore (far
riferimento al capitolo 4). Il grasso può essere applicato al
cono a mano. Aggiunte di grasso dovrebbero essere inviate
attraverso appositi ingrassatori dopo che il cuscinetto è
completamente assemblato nella guarnitura.
Se si usa lubrificazione a circolazione d’olio, a nebbia d’olio
e aria-olio, si dovrebbe applicare ai componenti un leggero
rivestimento d’olio appena questi sono assemblati. Olio
aggiuntivo deve essere inviato per stabilire il livello d’olio
richiesto dopo che la guarnitura viene messa in posizione.
Prima di montare le tenute, assicurarsi che esse non siano
danneggiate. Tale ispezione può essere fatta facilmente
passando con le dita attorno alla circonferenza del labbro
della tenuta. Se si trova una qualsiasi traccia di
danneggiamento, la tenuta deve essere sostituita. Si dovrà
fare molta attenzione a non danneggiare le tenute durante il
montaggio della guarnitura sul collo cilindro (i labbri delle
tenute strisciano sopra).
Per una corretta scelta del tipo e della quantità di
lubrificante, far riferimento al capitolo 4 o contattare un
tecnico di assistenza o un ingegnere della Timken.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
195
5.2.4. Ispezioni delle guarniture e del collo
5.2.4.1. Ispezione delle guarniture
Per effettuare una completa ispezione della guarnitura, il cuscinetto
assemblato deve essere tolto. La guarnitura dovrà essere pulita
internamente e tutti i fori di lubrificazione e ventilazione soffiati con
aria compressa. Se si usa lubrificazione a nebbia d’olio, si dovrà porre
molta attenzione per assicurarsi che siano puliti gli ugelli di calibratura.
Tracce di corrosione o di usura nell’alesaggio della guarnitura
dovranno essere ben lucidate. Si dovrebbero anche effettuare dei
controlli periodici (almeno una volta all’anno) della dimensione
dell’alesaggio e della sua circolarità e registrarne i valori. Le guarniture
possono deformarsi dopo lunghi periodi di funzionamento. Nella Fig.
5-40 sono riportati i valori suggeriti relativi ai limiti ammessi di
ovalizzazione e dimensionale per l’alesaggio di guarniture che hanno
lavorato.
Fig. 5-40
Variazioni ammesse nell’alesaggio delle guarniture
Diametro esterno
della coppa
Massimo errore di
circolarità
dell’alesaggio
guarnitura
Massimo alesaggio
guarnitura oltre
il diametro nominale
della coppa
(mm)
(mm)
(mm)
+0 to 304,8
0,15
+ 0,23
+ 304,8 to 609,6
0,30
+ 0,46
+ 609,6 to 914,4
0,46
+ 0,70
+ 914,4 to 1219,2
0,61
+ 0,92
+ 1219,2 to 1524,0
0,76
+ 1,22
+ 1524,0
0,91
+ 1,52
Gli spallamenti nella guarnitura dovrebbe essere privi di sbavature in
modo da permettere un corretto appoggio delle coppe.
Le sbavature possono staccarsi durante il funzionamento ed entrare nel
cuscinetto. Anche gli spallamenti dei coperchi dovrebbero essere privi
di sbavature. Inoltre le tenute devono essere controllate attentamente e
sostituite se notevolmente usurate o lacerate. Le tenute giocano un
ruolo fondamentale per ottenere un buona durata dei cuscinetti e si
dovrebbe dedicare una grande cura per mantenere sempre efficienti il
loro stato nella guarnitura.
Le piastre di bloccaggio e le piastre di bilanciamento dovrebbero
essere ispezionate per assicurarsi delle buone condizioni, con gli
smussi adeguanti per permettere alle guarniture di oscillare e di
allinearsi in presenza di flessioni del collo cilindro.
196
Nel reparto manutenzione si dovrebbe tenere una registrazione di
ciascuna ispezione e misurazione delle guarniture in modo da
programmare le riparazioni quando necessario. Una scheda tipica per
le registrazioni è illustrata in Fig. 5-41.
SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELL’ALESAGGIO GUARNITURA
Costruttore della guarnitura...........................................................................................................................................Data......................................................................
Utilizzatore del laminatoio ..........................................................................................................................Responsabile man. .................................................
Tipo di guarnitura : Cilindro di appoggio ( ) Cilindro di lavoro ( ) Tipo di laminatoio ..................................................
0
O
O
CO
CI
I
90
O
Dimensione dell’alesaggio guarnitura ...............................................................................................
Guarnitura Posizione
0°
90°
Media
O
CO
CI
I
O
CO
CI
I
O
CO
CI
I
Fig. 5-41
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
197
Prima di assemblare il cuscinetto nella guarnitura,
verificare la scheda di registrazione per essere sicuri
di utilizzare la zona di carico o il quadrante stabilito.
Sulla faccia della guarnitura si può mettere un
riferimento in modo da allineare facilmente tutte le
coppe. Una leggera passata di olio o grasso
nell’alesaggio della guarnitura aiuterà a ridurre la
corrosione o l’usura in funzionamento tra le coppe e
la guarnitura.
5.2.4.2. Ispezione del collo
Fig. 5-42
Alesaggio del cono
Diametro minimo permesso
al di sotto dell’alesaggio
nominale del cono
oltre
(mm)
incluso
(mm)
−
76,2
− 0,30
76,2
101,6
− 0,38
101,6
127,0
− 0,46
127,0
152,4
− 0,53
152,4
203,2
− 0,61
203,2
304,8
− 0,69
304,8
609,6
− 0,91
609,6
914,4
− 1,22
914,4
−
− 1,52
Dopo la pulitura, il collo del cilindro dovrebbe essere ispezionato e
controllato per le dimensioni e condizioni generali. Nella Fig. 5-42
sono riportati i valori suggeriti relativi ai limiti di usura ammessi per i
colli del cilindro.
198
Nel reparto manutenzione si dovrebbe tenere una registrazione di
ciascuna ispezione e misurazione del collo in modo da programmare le
riparazioni quando necessario. Una scheda tipica per le registrazioni è
illustrata in Fig. 5-43.
SCHEDA DI REGISTRAZIONE DEL DIAMETRO DEL COLLO
Cilindro N ....................................
Ai
Ac
Lato comando
Data
0°
90°
Ao
Lato operatore
0°
90°
Ao
Ac
Ai
Ao
Ac
Ai
Ao
Ac
Ai
Fig. 5-43
Assicurarsi di levigare o eliminare ogni ammaccatura o rigatura sul collo
del cilindro prima di riassemblare. Grosse sbavature possono creare
difficoltà nell’assemblaggio dei coni sul collo, in modo particolare nei
cilindri nuovi con dimensioni nominali del collo cilindro. Le superfici di
strisciamento delle tenute dovrebbero essere lucidate o riparate se
necessario. Bordi a spigoli vivi che possono tagliare i labbri delle tenute
durante il montaggio dovrebbero essere eliminati.
Ricoprire il collo con lubrificante per aiutare la resistenza al grippaggio.
Anche le superfici di strisciamento delle tenute dovrebbero essere
lubrificate per facilitare lo scorrimento delle tenute sopra la parte
smussata del collo. Manipolare con cura la guarnitura e il cuscinetto
mentre si fanno scorrere sul collo cilindro, sia in montaggio che in
smontaggio, per ridurre una buona parte del danneggiamento più
comune riscontrato sulle tenute.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
199
5.3. Risparmiare con il
ricondizionamento dei vostri
cuscinetti
I cuscinetti a rulli conici per colli di cilindro
possono sopportare carichi, urti e velocità
molto elevate. Tuttavia, in funzione delle
condizioni di funzionamento (possibili
sovraccarichi, ecc...) e dei fattori ambientali
(condizione della colonna e delle guarniture,
sistema di lubrificazione, ecc...), la durata
può variare enormemente da un laminatoio
ad un altro, anche se il tipo di laminatoio è
lo stesso. Il reparto manutenzione può
giocare un ruolo fondamentale
nell’aumentare la durata dei cuscinetti e nel
prevenire periodi di fermo del laminatoio.
I Tecnici di Assistenza sella Società Timken
Vi possono aiutare nella vostra officina
controllando i cuscinetti ed effettuando una
diagnosi corretta della situazione. Essi
possono anche informare il personale del
reparto sulle diverse cause di
danneggiamento dei cuscinetti e darVi
suggerimenti sulle azioni future da prendere.
5.3.1. Analisi dei danneggiamenti dei cuscinetti
Danneggiamenti ai cuscinetti durante la manipolazione prima e
durante l’installazione e danneggiamenti causati da inquinamento,
impropria registrazione, lubrificazione e condizioni operative sono, di
gran lunga, la causa principale di problemi prematuri.
200
In molti casi il danneggiamento può
essere identificato dalle apparenze del
cuscinetto, ma non è facile e qualche
volta impossibile determinare le cause
esatte di tale danneggiamento. Per
esempio, un cuscinetto con la base dei
rulli e il bordino rigati e colorati da
eccesso di calore è facilmente identificato come cuscinetto surriscaldato e
danneggiato dall’uso successivo. La
causa di questa surriscaldamento o
danneggiamento può, tuttavia, essere
ricondotta ad un grande numero di cause
come lubrificazione insufficiente od
impropria. Si può trattare del lubrificante
sbagliato come del sistema di arrivo del
lubrificante sbagliato. Forse la viscosità
troppo bassa o troppo alta, o la necessità
di utilizzare un additivo estrema
pressione piuttosto che un semplice olio
minerale, ecc...
Da ciò si può vedere che il semplice
esame di un cuscinetto può non rivelare
le cause del problema. Se il cuscinetto è
ancora riutilizzabile, esso può rivelare la
cause, ma spesso è necessario effettuare
u n a c o m p l e t a i n ve s t i g a z i o n e d e l
montaggio, dell’installazione e delle parti
interagenti con il funzionamento del
cuscinetto per determinare le cause del
danneggiamento. Senza che le vere cause
siano scoperte e corrette, il cuscinetto
sostituito verrà danneggiato nello stesso
modo e ci saranno ancora problemi prematuri.
Le pagine seguenti offrono informazioni su alcuni diversi modi di
danneggiamento con lo scopo di cautelare gli utilizzatori e di
prevenirli nel prendere azioni preventive.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
201
Modalità tipiche di danneggiamento nei cuscinetti
per impianti siderurgici
Ammaccature dovute a manipolazione/montaggio improprio
Scagliature causate da :
a) Concentrazioni di
sollecitazione per
fattori geometrici
dovute ad urti sulla
faccia della coppa
b) Concentrazioni di sollecitazione per
fattori geometrici sulla coppa dovute a
disassamento
c) Concentrazioni di sollecitazione per
fattori geometrici sul cono dovute a
disassamento
Danneggiamento della
gabbia
Rigature del bordino del cono e riscaldamento
per lubrificazione insufficiente
Rigature della base dei rulli e riscaldamento
per scarsa lubrificazione
202
Usura abrasiva
Tracce di passaggio di corrente elettrica
Usura delle tasche della gabbia per gioco eccessivo
Ossidazione
Scagliature dovute ad
ossidazione
Deformazione della gabbia dovuta ad impropria
manipolazione
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
203
inviate attraverso appositi ingrassatori dopo che il cuscinetto è
completamente assemblato nella guarnitura.
Se si usa lubrificazione a circolazione d’olio, a nebbia d’olio e aria-olio,
si dovrebbe applicare ai componenti un leggero rivestimento d’olio
appena questi sono assemblati. Olio aggiuntivo deve essere inviato per
stabilire il livello d’olio richiesto dopo
che la guarnitura viene messa in
posizione. Prima di montare le tenute,
assicurarsi che esse non siano
danneggiate. Tale ispezione può essere
fatta facilmente passando con le dita
attorno alla circonferenza del labbro
della tenuta. Se si trova una qualsiasi traccia di danneggiamento, la
tenuta deve essere sostituita. Si dovrà fare molta attenzione a non
danneggiare le tenute durante il montaggio della guarnitura sul collo
cilindro (i labbri delle tenute strisciano sopra).
Per una corretta scelta del tipo e della quantità di lubrificante, far
riferimento al capitolo 4 o contattare un tecnico di assistenza o un
ingegnere della Timken.
204
5.2.4. Ispezioni delle guarniture e del collo
5.2.4.1. Ispezione delle guarniture
Per effettuare una completa ispezione della guarnitura, il cuscinetto
assemblato deve essere tolto. La guarnitura dovrà essere pulita
internamente e tutti i fori di lubrificazione e ventilazione soffiati con
aria compressa. Se si usa lubrificazione a nebbia d’olio, si dovrà porre
molta attenzione per assicurarsi che siano puliti gli ugelli di calibratura.
Tracce di corrosione o di usura nell’alesaggio della guarnitura
dovranno essere ben lucidate. Si dovrebbero anche effettuare dei
controlli periodici (almeno una volta all’anno) della dimensione
dell’alesaggio e della sua circolarità e registrarne i valori. Le guarniture
possono deformarsi dopo lunghi periodi di funzionamento. Nella Fig.
5-40 sono riportati i valori suggeriti relativi ai limiti ammessi di
ovalizzazione e dimensionale per l’alesaggio di guarniture che hanno
lavorato.
5. Procedure di montaggio e di manutenzione
205
Pagina
208
223
6.1. Tolleranze di esecuzione e di
accoppiamento dei cuscinetti
6.2. Tabelle di selezione dei cuscinetti
6. Dati dei cuscinetti
Diametro interno
Dimensioni
Tutte le dimensioni
Maxi
Inclusive
Mini
Coppa
singola
e doppia
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
Diametro esterno
Dimensioni
Tutte le dimensioni
Maxi
Inclusive
Mini
ANELLO ESTERNO - LARGHEZZA, µm
Cono
singolo e
doppio
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
ANELLO INTERNO - LARGHEZZA, µm
−254
Min
−254
Min
+51
Max
Maxi
Mini
Classe 4
+76
Max
Maxi
Mini
Classe 4
Maxi
Maxi
−254
Min
−254
Min
Classe 2
Classe 2
Mini
+51
Max
Mini
+76
Max
Per le tolleranze dell’anello esterno far riferimento alle tabelle di pagina 216
ANELLO ESTERNO - DIAMETRO ESTERNO
Per le tolleranze dell’anello interno fare riferimento alle tabelle di pagina 216
ANELLO INTERNO - ALESAGGIO
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti in pollici
209
304,800
609,600
−
101,600
304,800
609,600
TS
Tipi di
cuscinetto
−381
+381
−
+356
−254
−
+203
0
2TDIW
Tipi di
cuscinetto
Min
Max
+762
Min
−762
−762
Mini
Mini
Maxi
Classe 4
Maxi
Maxi
+762
Max
Classe 2
−
+381
+203
+203
Max
Classe 2
TQO
Tipo di
cuscinetto
FILE
2
Tipo di
cuscinetto
+762
−1524
Min
+1524
Max
Mini
Maxi
Classe 4
−762
−
+711
−508
−
+406
Max
0
Min
Mini
Maxi
Classe 4
0
−
+762
+406
+406
Max
−1524
Min
+1524
Max
Mini
Maxi
Classe 2
−
−762
−203
Min
Mini
Maxi
Classe 2
Tolleranze più strette possono essere fornite sia sulla larghezza totale dei coni che delle coppe in
funzione delle Vostre esigenze.
Le tolleranze sulla larghezza totale del cuscinetto non considerano la tolleranza sul BPL/BEP.
CUSCINETTO 2TDIW - LARGHEZZA CONO (B) PER ASSEMBLAGGI CON CONI IN CONTATTO, µm
Tutte le dimensioni
Over
Inclusive
Diametro interno, mm
−
−381
0
0
Min
Min
Max
Mini
Mini
Maxi
Classe 4
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
101.600
0
Over
Inclusive
Diametro interno, mm
più di
a (incl.)
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti in pollici
210
914,400
609,600
914,400
609,600
304,800
304,800
0
Inclusive
Maxi
Mini
Diametro esterno, mm
più di
a (incl.)
76
76
51
51
Mini
Maxi
Classe 4
51
76
−
18
51
38
8
Classe 3
Classe 2
38
Mini
Maxi
Classe 3 e 0 : usate principalmente nei cuscinetti per laminatoi Sendzimir
Tutti i
tipi di
cuscinetto
Over
Minidi
Tipi
cuscinetto
CUSCINETTO ASSEMBLATO - ERRORE RADIALE DI ROTAZIONE
MASSIMO, µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti in pollici
−
−
−
4
Classe 0
Maxi
211
e doppia
singola
Coppa
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
−350
−400
−
1200,000
+0
+0
+0
−300
−300
800,000
+0
−250
1200,000
+0
+0
−200
+0
−150
Max
800,000
Mini
500,000
500,000
400,000
180,000
400,000
80,000
180,000
80,000
18,000
Inclusive
Diametro esterno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
Min
−350
−
Maxi
Mini
Classe K
+0
−300
1200,000
630,000
1200,000
+0
+0
−250
500,000
630,000
315,000
+0
315,000
500,000
120,000
+0
+0
+0
−100
Max
−150
Min
Maxi
Mini
Classe K
−250
Mini
−200
50,000
120,000
10,000
50,000
Inclusive
Diametro interno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
ANELLO ESTERNO - LARGHEZZA, µm
e doppio
singolo
Cono
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
ANELLO INTERNO - LARGHEZZA, µm
Maxi
Maxi
−
−
−
−100
−100
−100
−100
Min
−
−
−
−50
−50
−50
−50
Min
Classe N
Classe N
Mini
−
−
−
+0
+0
+0
+0
Max
Mini
−
−
−
+0
+0
+0
+0
Max
Per le tolleranze dell’anello esterno far riferimento alle tabelle di pagina 217
ANELLO ESTERNO - DIAMETRO ESTERNO
Per le tolleranze dell’anello interno far riferimento alle tabelle di pagina 217
ANELLO INTERNO - ALESAGGIO
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti metrici
212
TDI
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
+400
+400
+400
+500
+500
+500
+600
+600
−600
−600
−650
−850
−850
−900
−900
250,000
315,000
400,000
500,000
630,000
800,000
1000,000
120,000
250,000
315,000
400,000
500,000
630,000
800,000
−1000
−1150
1200,000
−
1000,000
1200,000
+700
+400
−550
80,000
120,000
80,000
+400
50,000
10,000
50,000
+400
Max
Min
Maxi
Mini
Classe K
−100
Mini
−150
Inclusive
Diametro interno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
+450
+400
−450
800,000
−400
500,000
−
315,000
800,000
315,000
500,000
250,000
+350
+350
−250
+400
+200
+200
0
Max
−200
Min
Maxi
Mini
Classe K
−250
250,000
120,000
Mini
−400
80,000
120,000
10,000
80,000
Inclusive
Diametro interno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
TS
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti metrici
Maxi
Maxi
−
−
−
−
−
−50
−50
−50
−50
−50
−50
−50
Min
−
−
0
0
0
0
0
Min
Classe N
Classe N
−
−
−
−
−
+400
+400
+400
+300
+200
+200
+200
Max
Mini
−
−
+200
+200
+150
+100
+100
Max
Mini
213
TDO
Over
Tipi di
cuscinetto
800,000
1000,000
1200,000
−
800,000
1000,000
1200,000
400,000
250,000
500,000
250,000
120,000
500,000
120,000
80,000
400,000
80,000
10,000
Inclusive
Diametro interno, mm
più di
a (incl.)
+600
−1050
−1100
−
1200,000
−
1000,000
1200,000
+700
+600
+600
−950
−1000
1200,000
800,000
1200,000
−1200
+600
−1000
−
1200,000
−
+500
−950
1200,000
+500
+500
−900
800,000
+500
+500
+500
−900
−950
+400
−900
+400
+400
−650
−700
+400
−700
+400
−650
−600
+400
+400
−600
+400
+400
−650
+400
−150
−200
−700
Max
Min
Classe K
1200,000
500,000
Maxi
800,000
800,000
1200,000
500,000
500,000
800,000
400,000
500,000
800,000
400,000
500,000
500,000
400,000
250,000
180,000
120,000
400,000
400,000
180,000
400,000
180,000
80,000
180,000
80,000
180,000
18,000
80,000
Maxi
Mini
Diametro esterno, mm
più di
a (incl.)
Mini
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti metrici
Mini
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−100
−
−100
−100
−100
−100
−100
−100
−100
−100
−100
Min
Maxi
Mini
Classe N
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
+400
−
+400
+400
+300
+300
+300
+200
+200
+200
+200
Max
Maxi
214
800,000
−
800,000
2TDIW
Tipi di
cuscinetto
+800
−800
+900
+800
−800
−900
Min
Max
Min
−
−
−800
Mini
Mini
Maxi
Classe K
Maxi
−
−
+800
Max
Classe N
TQO
Tipo di
cuscinetto
−1600
−1600
−1600
Min
+1600
+1600
+1600
Max
Mini
Maxi
Classe K
−
−
−1600
Min
315,000
+0
−400
−700
−
1200,000
+0
+0
+0
−500
−600
630,000
1200,000
+0
+0
−500
+0
−300
Max
−200
Min
Maxi
Mini
Classe K
630,000
Mini
500,000
500,000
120,000
315,000
50,000
120,000
10,000
50,000
Inclusive
Diametro interno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
Maxi
−
−
−
−100
−100
−100
−100
Min
Classe N
−
−
−
+0
+0
+0
+0
Max
Mini
Tolleranze più strette possono essere fornite sia sulla larghezza totale dei coni che delle coppe in
funzione delle Vostre esigenze.
Le tolleranze sulla larghezza totale del cuscinetto non considerano la tolleranza sul BPL/BEP.
2TDIW
Over
Tipi di
Maxi
Mini
cuscinetto
−
−
+1600
Max
Mini
Maxi
Classe N
CUSCINETTO 2TDIW - LARGHEZZA CONO (B) PER ASSEMBLAGGI CON CONI IN CONTATTO, µm
500,000
550,000
500,000
Over
Inclusive
Diametro interno
CUSCINETTO ASSEMBLATO - LARGHEZZA (T), µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti metrici
215
tipi di
Tutti i
Over
Tipi di
Mini
cuscinetto
1200
1600
2000
1000
1600
1000
800
1200
630
800
630
500
500
400
315
265
400
250
180
250
315
180
150
265
120
150
80
80
50
120
50
30
30
Inclusive
Diametro esterno, mm
Maxi
più di
a (incl.)
Mini
Maxi
200
180
160
140
120
100
80
70
60
60
50
45
40
35
25
20
18
Classe K
13
11
11
10
8
7
6
6
6
5
Classe C
25
35
50
60
80
−
−
−
−
−
−
−
18
Maxi
80
70
60
60
50
45
40
35
25
20
18
Classe N
Mini
Classe C e B : usate principalmente nei cuscinetti per laminatoi Sendzimir
cuscinetto
Maxi
−
−
−
−
−
−
−
−
5
5
5
4
4
4
4
3
3
Classe B
Mini
CUSCINETTO ASSEMBLATO - ERRORE RADIALE DI ROTAZIONE MASSIMO, µm
Tolleranze di fabbricazione - Cuscinetti metrici
216
609,600
914,400
1219,200
1524,000
304,800
609,600
914,400
1219,200
L = Libero
1524,000
304,800
0
+229
+203
+305
+254
+381
+305
+432
+76
−
−
−
−
−
−
+76
0
+102
0
+127
0
+127
+152
+152
0
+51
+51
+102
+76
+51
Scostamento
dal diametro
nominale
0
0
+25
+25
0
0
0
Tolleranza di produzione
µm
Class 4
Class 2
432L
178L
381L
127L
305L
102L
229L
76L
152L
51L
76L
26L
Accoppiamento
risultante
914,400
1219,200
609,600
914,400
1219,200
609,600
304,800
203,200
152,400
127,000
101,600
76,200
304,800
203,200
152,400
127,000
101,600
76,200
0
Diametro interno
Dimensioni mm
più di
a (incl.)
−330
−305
−406
−
−
0
+102
−305
−432
−
−
0
+127
−203
−
228L
−203
+76
178L
−178
−254
203L
−178
−
152L
−152
0
177L
−152
−254
127L
−127
+51
152L
−127
−
102L
−102
559L
305L
508L
305L
406L
254L
305L
203L
127L
−102
0
76L
−76
−
89L
−76
+25
0
+25
0
+25
51L
Accoppiamento
risultante
−51
Scostamento
dal diametro
nominale
+25
0
+25
0
+25
0
+25
+25
0
0
+25
0
+13
0
0
+25
0
+13
0
Tolleranza di produzion
µm
Classe 4
Classe 2
Scostamento dal diametro nominale (minimo) dell’anello
esterno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
Scostamento dal diametro nominale (minimo) dell’anello interno
del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
Diametro esterno
Dimensioni mm
più di
a (incl.)
SEDE DEGLI ANELLI ESTERNI
SEDE DEGLI ANELLI INTERNI
Cuscinetti in Classe 4 e 2
Tolleranze di accoppiamento per cuscinetti in pollici - applicazioni colli di cilindro
50,000
80,000
120,000
150,000
180,000
250,000
315,000
400,000
500,000
630,000
800,000
1000,000
1200,000
1250,000
1600,000
2000,000
30,000
50,000
80,000
120,000
150,000
180,000
250,000
315,000
400,000
500,000
630,000
800,000
1000,000
1200,000
1250,000
1600,000
Classe N
−14
0
−16
0
−18
0
−20
0
−25
0
−30
0
−35
0
−40
0
−45
0
−50
0
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
Classe K
−14
0
−16
0
−18
0
−20
0
−25
0
−30
0
−35
0
−40
0
−45
0
−50
0
−80
0
−100
0
−130
0
−165
0
−165
0
−200
0
Tolleranza di
produzione
F7
F7
F7
F7
F7
F7
F7
F7
F7
F6
F6
F6
F6
F6
F6
F6
+41
+25
+49
+30
+58
+36
+68
+43
+68
+43
+79
+50
+88
+56
+119
+62
+131
+68
+146
+76
+160
+80
+176
+86
+203
+98
+203
+98
+235
+110
+270
+120
Scostamento da
diametro nominale
55L
25L
65L
30L
76L
36L
88L
43L
93L
43L
109L
50L
123L
56L
159L
62L
176L
68L
196L
76L
240L
80L
276L
86L
333L
98L
368L
98L
400L
110L
470L
120L
Accoppiamento
risultante
L = Libero
1250,000
1200,000
1000,000
800,000
630,000
500,000
400,000
315,000
250,000
180,000
120,000
80,000
50,000
30,000
1600,000
1250,000
1200,000
1000,000
800,000
630,000
500,000
400,000
315,000
250,000
180,000
120,000
80,000
50,000
Diametro interno
Dimensioni mm
più di
a (incl.)
−12
0
−15
0
−20
0
−25
0
−30
0
−35
0
−40
0
−45
0
−50
0
−80
0
−100
0
−130
0
−150
0
-150
0
Classe K
−12
0
−15
0
−20
0
−25
0
−30
0
−35
0
−40
0
−45
0
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
−
Classe N
Tolleranza di
produzione
quality 7
quality 7
quality 7
quality 7
quality 7
d7
d7
d7
d7
d7
d7
d7
e7
e7
−50
−75
−60
−90
−120
−155
−145
−185
−170
−216
−190
−242
−210
−267
−230
−293
−260
−330
−320
−400
−360
−450
−425
−530
−425
−530
−475
−600
Scostamento dal
diametro nominale
Scostamento dal diametro nominale (massimo) dell’anello
esterno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
Scostamento dal diametro nominale (massimo)
dell’anello interno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
Diametro esterno
Dimensioni mm
più di
a (incl.)
SEDE DEGLI ANELLI ESTERNI
SEDE DEGLI ANELLI INTERNI
Tolleranze di accoppiamentoCuscinetti
per cuscinetti
metrici
applicazioni
colli
di
cilindro
in Classe K e N
38L
75L
45L
90L
100L
155L
120L
185L
140L
216L
155L
242L
170L
267L
185L
293L
210L
330L
240L
400L
260L
450L
295L
530L
275L
530L
325L
600L
Accoppiamento
risultante
218
304,800
609,600
914,400
1219,200
127,000
304,800
609,600
914,400
L = Libero
F = Forzato
−
127,000
76,200
1219,200
76,200
incl,
over
0
a (incl.)
più di
Diametro esterno
Dimensioni mm
+254
+381
−
+127
+305
−
+102
−
+204
−
0
0
+229
+76
+76
+152
+152
0
+51
+51
+102
+76
+51
+76
+51
+76
+51
Scostamento
dal diametro
nominale
Cup seat
381L
127L
305L
102L
229L
76L
152L
51L
76L
26L
76L
26L
76L
26L
Accoppiamento
risultante
Resultant
Anello esterno flottante
o bloccato assialmente
Anello esterno stazionario
0
0
+25
+25
0
0
+25
+25
0
0
+25
+25
0
0
Cup O,D,
Classe 2
0
Cup O,D,
Classe 4
Tolleranza di produzione, µm
Anello esterno stazionario o rotante
+229
+102
+178
+76
+127
+51
+76
+26
+51
0
+25
0
+25
0
Scostamento
dal diametro
nominale
Cup seat
229L
25F
178L
25F
127L
25F
76L
25F
51L
25F
25L
25F
25L
25F
Accoppiamento
risultante
Resultant
76F
25F
76F
25F
127F
25F
178F
25F
−51
−25
−51
−25
−76
−25
−102
−25
−25
−152
−25
25F
279F
25F
229F
13F
−13
−127
63F
Accoppiamento
risultante
Resultant
−38
Scostamento
dal diametro
nominale
Cup seat
Anello esterno non registrabile o montato
Anello esterno registrabile in un coperchio porta anello esterno, pulegge,
pulegge, anello esterno bloccato assialmente
Anello esterno stazionario
Scostamento dal diametro nominale (minimo) dell’anello interno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
SEDE DEGLI ANELLI INTERNI
Tolleranze di accoppiamentoCuscinetti
per cuscinetti
in
pollici
applicazioni
industriali
in Classe 4 e 2
Anello esterno rotante
−51
−178
−51
−153
−51
−127
−51
−102
−51
−76
−51
−76
−51
−76
Scostamento
dal diametro
nominale
Cup seat
51F
305F
51F
255F
51F
203F
51F
153F
51F
101F
51F
101F
51F
101F
Accoppiamento
risultante
Resultant
Pulegge, anello esterno
non bloccato assialmente
76,2
88,9
114,3
139,7
165,1
190,5
215,9
241,3
266,7
292,1
304,8
317,5
342,9
368,3
393,7
419,1
444,5
469,9
495,3
520,7
546,1
571,5
596,9
609,6
914,4
1219,2
−
0
76,2
88,9
114,3
139,7
165,1
190,5
215,9
241,3
266,7
292,1
304,8
317,5
342,9
368,3
393,7
419,1
444,5
469,9
495,3
520,7
546,1
571,5
596,9
609,6
914,4
1219,2
F = Forzato
a (incl.)
più di
Dimensioni
mm
+13
+25
−
+76
+102
+127
0
−
0
0
0
Max
0
Min
Classe
4
+51
−
−
−
−
−
−
+25
+13
Max
0
0
0
Min
Classe
2
Tolleranza di produzione
µm
Diametro interno, mm
+114
+150
+178
+76
+38
+25
Min
+190
+252
+305
+127
+64
+38
Max
Scostamento dal
diametro nominale
38F
48F
51F
127F
13F
12F
190F
252F
305F
25F
64F
38F
Accoppiamento
risultante
Sede rettificata, carichi
costanti con urti moderati
Albero rotante
+38
+38
+51
+64
+76
+89
+102
+114
+127
+140
+152
+152
+165
+178
+190
+203
+216
+229
+241
+254
+267
+279
+292
+305
+305
+305
+305
Min
+64
+64
+76
+89
+102
+114
+127
+140
+152
+165
+178
+203
+216
+229
+241
+254
+267
+279
+292
+305
+318
+330
+343
+356
+381
+406
+431
Max
Scostamento dal
diametro nominale
25F
13F
25F
38F
51F
64F
76F
89F
102F
114F
127F
101F
114F
127F
139F
152F
165F
178F
190F
203F
216F
228F
241F
254F
229F
203F
178F
64F
64F
76F
89F
102F
114F
127F
140F
152F
165F
178F
203F
216F
229F
241F
254F
267F
279F
292F
305F
318F
330F
343F
356F
381F
406F
431F
Accoppiamento
risultante
Sede rettificata o tornita,
forti carichi, alte velocità o urti
Albero rotante o stazionario
Scostamento dal diametro nominale (minimo) dell’anello interno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
SEDE DEGLI ANELLI ESTERNI
Cuscinetti in Classe 4 e 2
Tolleranze di accoppiamento per cuscinetti in pollici - applicazioni industriali
220
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
−16
−18
−20
−25
−30
−35
−40
−45
−50
−80
−100
Max
-12
−14
Min
F = Forzato
30
50
65
80
100
120
140
150
160
180
200
225
250
280
315
355
400
450
500
560
630
710
800
900
1000
18
30
50
65
80
100
120
140
150
160
180
200
225
250
280
315
355
400
450
500
560
630
710
800
900
L = Libero
a (incl.)
più di
−
−
−50
−45
−40
−35
−30
−25
−20
−18
−
−
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
−16
Max
Min
−12
−14
Classe N
µm
mm
Classe K
Tolleranza di produzione
Dimensioni
Diametro esterno
F7
F7
F7
F7
F7
G7
G7
G7
G7
G7
G7
G7
G7
Max
+28
+34
7L
9L
91L 15L
79L 14L
74L 14L
65L 12L
56L 10L
40L
48L
Accoppiamento
risultante
+86 +176
276L 86L
+80 +160 240L 80L
+76 +146 196L 76L
+68 +131 176L 68L
+62 +119 159L 62L
+17 +69 104L 17L
+15 +61
+14 +54
+14 +54
+12 +47
+10 +40
+7
+9
Min
Scostamento dal
diametro nominale
Anello esterno flottante
o bloccato assialmente
Anello esterno stazionario
JS7
JS7
JS7
J7
J7
J7
J7
J7
J7
J7
J7
J7
J7
Max
85L 35F
88L 20F
79L 18F
71L 16F
60L 16F
51L 14F
46L 14F
40L 13F
34L 12F
24L 9F
28L 11F
Accoppiamento
risultante
−45 +45 145L 45F
−40 +40 120L 40F
−35 +35
−20 +43
−18 +39
−16 +36
−16 +30
−14 +26
−14 +26
−13 +22
−12 +18
−9 +12
−11 +14
Min
Scostamento dal
diametro nominale
Anello esterno
registrabile
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
P7
Max
−190 −100
−168 −88
−148 −78
−108 −45
−98 −41
−88 −36
−79 −33
−68 −28
−68 −28
−59 −24
−51 −21
−35 −14
−42 −17
Min
Scostamento dal
diametro nominale
0F 190F
8F 168F
28F 148F
0F 108F
1F 98F
1F 88F
3F 79F
3F 68F
8F 68F
6F 59F
5F 51F
2F 35F
3F 42F
Accoppiamento
risultante
Anello esterno non registrabile o montato in un
coperchio porta anello esterno, pulegge, anello
esterno non bloccato assialmente
Anello esterno stazionario o rotante
Scostamento dal diametro nominale (massimo) dell’anello esterno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
SEDE DEGLI ANELLI INTERNI
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
R7
−41
−50
−60
−62
−73
−76
−88
−90
−90
−93
−106
−109
−113
−126
−130
−144
−150
−166
−172
−220
−225
−255
−265
−300
−310
Min
41F
50F
60F
62F
73F
76F
88F
90F
90F
93F
106F
109F
113F
126F
130F
144F
150F
166F
172F
220F
225F
255F
265F
300F
310F
Accoppiamento
risultante
−20 8F
−25 11F
−30 14F
−32 16F
−38 20F
−41 23F
−48 28F
−50 30F
−50 25F
−53 28F
−60 30F
−63 33F
−67 37F
−74 39F
−78 43F
−87 47F
−93 53F
−103 58F
−109 64F
−150 100F
−155 105F
−175 95F
−185 105F
−210 110F
−220 120F
Max
Scostamento dal
diametro nominale
Pulegge, anello esterno
non bloccato assialmente
Anello esterno rotante
Tolleranze di accoppiamento
per cuscinetti metrici - applicazioni industriali
Cuscinetti in Classe K e N
18
30
50
80
120
180
200
225
250
280
315
355
400
450
500
560
630
710
800
900
1000
10
18
30
50
80
120
180
200
225
250
280
315
355
400
450
500
560
630
710
800
900
F = Forzato
a (incl.)
più di
0
0
0
0
0
−12
−12
−15
−20
−25
−100
−80
−50
−45
−40
−35
0
0
0
0
0
0
0
0
−12
−30
Max
Min
−
−
−
−45
−40
−35
−30
−25
−20
−15
−12
−12
−12
Min
Classe
N
µm
mm
Classe
K
Tolleranza di produzione
Dimensioni
Diametro interno
−
−
−
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
Max
n7
n7
n6
n6
n6
m6
m6
m6
m6
m6
m6
m6
m6
+56
+50
+44
+40
+37
+20
+17
+15
+13
+11
+9
+8
+7
Min
Scostamento dal
diametro nominale
+146
+130
+88
+80
+73
+52
+46
+40
+35
+30
+25
+21
+18
Max
56F
50F
44F
40F
37F
20F
17F
15F
13F
11F
9F
8F
7F
Min
246F
210F
138F
125F
113F
87F
76F
65F
55F
45F
37F
33F
30F
Max
Accoppiamento
risultante
Sede rettificata,
carichi costanti con urti moderati
Albero rotante
r7
r7
r6
r6
r6
r6
r6
p6
n6
n6
n6
n6
n6
+220
+210
+185
+175
+155
+150
+132
+126
+114
+108
+98
+94
+84
+80
+77
+43
+23
+20
+17
+15
+12
Min
Scostamento dal
diametro nominale
+310
+300
+265
+255
+199
+194
+172
+166
+150
+144
+130
+126
+113
+109
+106
+68
+45
+39
+33
+28
+23
Max
220F
210F
185F
175F
155F
150F
132F
126F
114F
108F
98F
94F
84F
80F
77F
43F
23F
20F
17F
15F
12F
Min
410F
400F
345F
335F
249F
244F
217F
211F
190F
184F
165F
161F
143F
139F
136F
93F
65F
54F
45F
40F
35F
Max
Accoppiamento
risultante
Sede rettificata o tornita,
forti carichi, alte velocità o urti
Albero rotante o stazionario
Scostamento dal diametro nominale (massimo) dell’anello interno del cuscinetto ed accoppiamento risultante, µm
SEDE DEGLI ANELLI ESTERNI
Tolleranze di accoppiamento
per
cuscinetti
metrici
applicazioni
industriali
Cuscinetti in Classe K e N
TTHDSV-TTHDSX
TTHDSX / TTHDSV
“Utilizzati principalmente nei sistemi di viti di
pressione dei laminatoi”
Informazioni generali
●
●
●
si possono avere configurazioni diverse,
con la pista dell’anello inferiore piana,
per il TTHD con la superficie superiore
piana, si suggerisce di consultare il
“Manuale Tecnico” Timken,
i cuscinetti TTHD possono essere forniti
con o senza gabbia.
6. Dati dei cuscinetti
223
161,925
215,900
266,700
266,700
266,700
317,500
317,500
317,500
317,500
368,300
368,300
368,300
419,100
419,100
419,100
482,600
482,600
482,600
76,200
76,200
101,600
127,000
101,600
#
152,400
152,400
152,400
#
177,800
177,800
#
203,200
203,200
#
168,275
168,275
SX
d
d
D
D1
D2
D3
Dtop
Anello
inferiore
D
T T1
Fig. 1 : TTHDSX
224
482,600
482,600
482,600
419,100
412,750
412,750
368,300
368,300
368,300
317,500
317,500
317,500
317,500
266,700
266,700
266,700
215,900
161,925
131,762
131,762
150,622
123,825
115,888
123,825
101,600
104,775
104,775
87,312
87,312
87,312
87,312
79,375
79,375
79,375
65,088
49,212
Dimensioni, mm
Anello
superiore
Dtop
T
T T2
Fig. 2 : TTHDSV
SV
T1
158,750
152,400
171,250
136,570
120,650
98,420
98,420
100,030
98,420
92,080
92,080
74,630
55,580
d
D
D2
D1
Dtop
90,470
90,470
85,720
84,120
65,890
T2
11050000
11050000
11050000
8100000
8100000
8100000
6350000
6350000
6350000
4750000
4750000
4750000
4750000
3260000
3260000
3260000
2160000
1250000
C assiale
Capacità, N
457,200
457,200
457,200
388,920
388,920
292,100
292,100
292,100
292,100
247,650
247,650
247,650
203,200
161,920
D1
419,100
419,100
419,100
342,900
342,900
342,900
298,450
292,100
292,100
228,600
228,600
228,600
228,600
228,600
215,900
215,900
171,450
127,000
D2
# senza foro nell’anello inferiore.
152,400
152,400
152,400
177,800
114,300
177,800
101,600
152,400
152,400
76,200
76,200
76,200
76,200
76,200
63,500
63,500
50,800
31,750
D3
838,700
762,000
755,650
762,000
711,200
762,000
609,600
609,600
508,000
457,200
SX
Figura 1
1066,800
1295,400
508,000
508,000
622,300
622,300
609,600
SV
Figura 2
168
168
203
92
106
104
75
67
73
46
44
44
48
26
30
31
17
7
Massa
kg
T9030
T9030
T9030
T811
T811
T811
T711
T711
T711
T611
T611
T611
T611
T511
T511
T511
T411
T311
Serie del cuscinetto
TTHDSX - TTHDSV
1295,400
Dimensioni, mm
Note :
Altri tipi di cuscinetti reggispinta TTHD sono
riportati nel “Manuale Tecnico” Timken,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in
considerazione per soddisfare le vostre nuove
esigenze,
225
482,600
482,600
482,600
482,600
482,600
539,750
539,750
539,750
539,750
546,100
546,100
546,100
546,100
546,100
603,250
635,000
939,800
1143,000
#
168,275
228,600
228,600
228,600
254,000
254,000
254,000
254,000
234,950
139,700
139,700
234,950
234,950
279,400
168,275
431,800
304,800
d
Anello
inferiore
D
1146,175
942,975
638,175
603,250
546,100
549,275
549,275
549,275
546,100
539,750
539,750
539,750
539,750
482,600
482,600
482,600
482,600
482,600
317,500
260,350
177,800
161,925
168,275
155,575
155,575
155,575
171,450
149,225
158,750
158,750
158,750
114,300
146,050
131,762
146,050
166,000
Dimensioni, mm
Anello
superiore
Dtop
T
393,700
304,800
206,380
187,320
179,370
179,370
179,370
174,620
152,400
152,400
T1
124,610
111,120
117,480
117,480
122,240
106,380
106,380
126,210
T2
73000000
44400000
22600000
17950000
16050000
16050000
16050000
16050000
16050000
13750000
13750000
13750000
13750000
10850000
10850000
10850000
13900000
11050000
C assiale
Capacità, N
999,600
714,400
596,500
571,500
520,700
508,000
508,000
508,000
508,000
508,000
495,300
495,300
457,200
D1
999,600
762,000
508,000
482,600
457,200
457,200
457,200
457,200
431,800
447,680
434,980
434,980
406,400
444,500
428,620
419,100
428,620
428,620
D2
304,800
254,000
177,800
152,400
203,200
152,400
152,400
152,400
203,200
127,000
203,200
203,200
203,200
152,400
203,200
177,800
177,800
203,200
D3
SX
Figura 1
2000,250
2000,250
1422,400
1308,100
1295,400
1295,400
1295,400
1066,800
895,350
1295,400
Dimensioni, mm
641,350
558,800
635,000
635,000
635,000
635,000
635,000
635,000
SV
Figura 2
2532
1260
*
308
222
253
265
266
257
226
199
199
218
169
148
164
162
194
Massa
kg
TTHDSV-TTHDSX
T12040
T17020
T8920
T1120
T9250
T9250
T9250
T9250
T9250
T1011
T1011
T1011
T1011
T911
T911
T911
EX9440
T9030
Serie del cuscinetto
TDIK
TDIK
“Utilizzati nelle posizioni assiali di cilindri
di lavoro in presenza di elevati carichi assiali,
o nelle posizioni assiali di cilindri
di appoggio se necessario”.
Informazioni generali
R
Raggio di raccordo massimo per
l’albero,
Diametro dello spallamento
da
dell’albero,
r
Raggio di raccordo massimo per
l’alloggiamento,
Diametro dello spallamento
Db
dell’alloggiamento da usare anche
per il gioco della gabbia,
Ab
Gioco assiale della gabbia,
Gabbia S = stampata, P = a perni,
Chiavetta Nota che per la Fig. 3, “b” può
essere uguale a zero,
BUR
Cilindri di appoggio,
WR
Cilindri di lavoro,
Utilizzo BUR = consigliati come cuscinetto
assiale nei cilindri di
appoggio su Morgoil,
WR = consigliati come cuscinetto
assiale nei cilindri di lavoro.
6. Dati dei cuscinetti
227
Ab
1570000
1520000
1470000
1330000
1140000
987400
305,000 559,948 200,000 169,977
305,000 559,867 170,434 169,977
305,034 559,816 199,263 200,000
305,034 499,948 200,025 200,025
317,754 499,948 200,025 200,025
365,608 514,350 140,000 144,000
*
279,400 482,600 177,800 177,800
1340000
1580000
260,350 444,500 196,850 196,850
†300,000†480,000 180,000 180,000
1100000
260,350 419,100 158,750 155,575
1340000
1090000
228,600 431,800 158,750 158,750
†300,000†460,000 180,000 180,000
703000
215,900 355,600 127,000 130,175
454000
685000
215,900 330,200 193,675 193,675
95,250 88,900
960400
†160,000 343,000 160,000 160,000
276,225 381,000
b
0,74
1,17
0,87
1,09
0,87
1,09
0,82
0,82
0,58
*
0,55
0,6
0,88
0,59
0,55
0,55
0,74
60900
Ca90
41100
C90(1)
*
*
0,81 324000 256000
0,51 594000 296000
0,69 512000 345000
0,55 713000 382000
0,69 583000 393000
0,55 760000 407000
0,73 484000 346000
0,73 484000 346000
1,03 117000 118000
*
1,10 383000 410000
0,99 296000 286000
0,68 427000 282000
1,02 184000 182000
1,09 168000 178000
0,74 345000 249000
0,81 114000 90200
0,69
Y
f
b
b1
*
4250000
3540000
4130000
2440000
2140000
3310000
1040000
487000
Assiale
statica
Ca0
6440000
6410000
7470000
6130000
8180000
5970000
5970000
0,79 4800000
0,50
0,67
0,54
0,67
0,54
0,71
0,71
1,00 1600000
*
1,07
0,97
0,66
0,99
1,06
0,72
0,79
0,67
K
90 x 106 cicli
Figura 3
Capacità, N
0,87
e
1 x 106 cicli
C1(1)
f
348000
B
da
127,000 228,600 160,338 151,244
66,090
T
d
Figura 2
158000
D
r
65,989
d
R
Dimensioni, mm
B
T
63,500 140,030
D Db
Figura 1
228
2,5
6,4
3,3
3,3
3,3
3,3
2,5
2,5
3,3
*
6,4
3,3
6,4
6,4
3,3
3,3
1,5
2,3
R
Radius
rk
Figura 4
389,9
348,0
346,0
348,0
346,0
348,5
330,0
330,0
297,0
*
295,5
289,0
271,5
249,0
238,0
190,0
144,0
78,9
da
4,1
6,4
6,4
3,3
1,5
2,0
4,1
*
3,3
*
3,3
3,3
6,4
3,3
3,3
3,3
3,3
2,3
r
Dimensioni, mm
468,1
438,0
442,0
478,0
485,0
479,0
427,0
*
354,0
*
399,0
376,0
375,0
318,0
300,0
280,0
197,0
117,0
Db
S
P
S
S
P
P
S
S
S
*
P
S
P
S
S
S
S
S
Gabbia
40,00
51,31
50,80
51,30
51,30
30,00
f
17,45
25,40
7,50
7,50
b
20,00
34,92
39,67
25,40
25,40
25,00
b1
Dimensioni, mm
Chiavetta
120
−
0
146
−8,15
91
*
209
171
205
*
29
*
120
80
102
50
53
*
−
0
22
5
−
rk
Massa
kg
Note :
Tutte le serie possono essere previste con un
sistema di molle integrate nelle coppe,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in
considerazione per soddisfare le vostre nuove
esigenze,
† la dimensione indicata è il valore massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken,
Ab contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
*
M959400
HM959700
HM959300
HM959600
HM959300
HM957500
HM957500
89000
*
823000
435000
113000
96000
9900
H936300
97000
78000
Serie del
cuscinetto
WR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
Utilizzo
suggerito
3
1
3&4
3
1
1
3
3
1
*
1
1
1
1
1
3
1
1
Figura
per posizioni assiali
TDIK
229
1840000
1970000
*
*
1210000
*
1597500
2140000
2230000
2250000
2120000
764000
4480000
2738600
4740000
400,000 649,950 199,263 200,000
399,964 649,950 200,000 200,000
†420,000†595,000 200,000 200,000
†430,000†600,000 200,000 200,000
431,800 571,500 136,525 133,350
†445,000†600,000 160,000 160,000
†482,000†655,000 160,000 160,000
482,600 733,425 199,263 200,000
482,600 733,425 200,000 200,000
508,000 733,425 200,000 200,000
509,948 733,425 200,025 200,025
92,075
558,800 660,400
635,000 939,800 304,800 304,800
685,800 939,800 227,838 234,950
†800,000†1100,00 300,000 300,000
95,250
2150000
399,948 649,834 240,335 240,000
C1(1)
1730000
B
†390,000 570,000 200,000 200,000
T
1730000
D
0,78
0,87
0,58
0,55
0,87
0,87
0,78
0,78
0,47
*
0,55
*
*
0,87
0,87
0,92
0,73
Ca90
C90(1)
*
*
*
*
*
*
0,77 1640000 1230000
0,69 1060000 710000
1,04 1140000 1160000
1,10 185000 198000
0,69 815000 550000
0,69 863000 582000
0,77 773000 578000
0,77 740000 554000
1,27 334000 414160
*
1,10 292000 312000
*
*
0,69 757000 511000
0,69 707000 477000
0,65 879000 559000
0,82 561000 448000
8180000
8180000
Assiale
statica
Ca0
9090000
9630000
5340000
*
4470000
*
*
3240000
0,75 30500000
0,67 19900000
1,01 15900000
1,07
0,67 11700000
0,67 12700000
0,75 10200000
0,75
1,24
*
1,07
*
*
0,67 10000000
0,67
0,64 12900000
0,80
0,80
K
90 x 106 cicli
0,82 561000 448000
Y
Capacità, N
0,73
e
1 x 106 cicli
†390,000 570,000 180,000 180,000
d
Dimensioni, mm
1,5
6,4
3,3
1,5
3,3
3,3
6,4
3,3
3,3
*
1,5
*
*
3,3
3,3
3,0
2,0
2,0
R
852,0
*
684,0
576,0
552,0
*
531,0
534,0
*
*
453,0
*
*
446,0
446,0
456,0
421,0
421,0
da
6,0
3,3
6,4
3,3
4,8
4,8
3,3
3,3
3,3
*
3,3
*
*
6,4
6,4
6,0
6,4
6,4
r
Dimensioni, mm
1010,0
*
873,0
636,0
675,0
675,0
663,0
663,0
*
*
537,0
*
*
585,0
585,0
573,0
513,0
513,0
Db
P
S
P
S
S
P
P
S
S
*
S
*
*
P
S
S
S
S
Gabbia
75,90
50,80
50,80
50,80
40,00
50,80
64,29
32,00
32,00
f
22,00
17,45
19,05
20,62
19,05
19,05
11,70
11,70
b
38,10
47,63
20,00
44,45
b1
Dimensioni, mm
Chiavetta
0
−
0
0
TDIK
866
356
707
52
265
*
287
275
−
0
*
*
92
*
*
257
257
314
165
154
0
11,28
11,25
rk
Massa
kg
LM985000
LM982400
LM881200
LL876400
LM975300
LM975300
LM974500
LM974500
*
*
LM869400
*
*
M969800
M969800
M969200
M966700
M966700
Serie del
cuscinetto
BUR
BUR
BUR
WR
BUR
BUR
BUR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
BUR
BUR
BUR
WR
WR
Utilizzo
suggerito
2
3
1
1
3
*
2
3
3
*
1
*
*
2&4
1
3&4
2
2
Figura
“Utilizzati principalmente nella posizione
assiale di cilindri di lavoro in presenza di
carichi assiali molto elevati che non possono
essere sopportati da un cuscinetto a rulli
conici di tipo convenzionale”.
Informazioni generali
Fig. 1: anello centrale fornito con
scanalature per l’olio nelle facce,
●
assemblaggi TTDWK possono essere
previsti con un distanziale esterno per
definire il gioco interno del cuscinetto,
R Raggio di raccordo massimo per
l’albero,
da Diametro dello spallamento dell’albero,
r Raggio di raccordo massimo per
l’alloggiamento,
Db Diametro dello spallamento
dell’alloggiamento.
●
6. Dati dei cuscinetti
231
TTDWK
TTDWK
Do
Figura 1
232
580,000
654,100
407,415
542,035
600,000
657,600
203,200
260,350
360,000
†482,000
533,400
406,400
304,800
293,000
Dm
Dimensioni, mm
da
142,000
B
Dm
Do
d
R
r
d
Db
T
170,000
230,000
222,250
152,400
130,000
T
f
Figura 2
B
†160,000
110,000
222,250
152,400
55,000
b
3580000
3630000
5570000
2850000
1900000
1 x 106
cicli
Ca1
928500
941000
1445000
740000
494000
Capacità, N
90 x 106
cicli
Ca90
6510000
Assiale
statica
Ca0
B
*
15600000
21600000
11900000
Figura 3
2,0
13,0
7,1
4,8
162,0
da
509,0
400,0
304,8
r
6,0
4,1
2,0
2,0
3,3
525,0
440,0
355,6
260,4
168,0
Db
Dimensioni, mm
Alloggiamento
*
−
40,0
20,0
92
16,0
−
40,0
−
−
*
*
−
−
−
*
−
9,0
r1
−
b
Massa
kg
30,0
f
Chiavetta
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
235,0
Albero
1,5
R
r1
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
Note :
*
T13200
T10250
T8010
T660
Serie de
cuscinetto
2
3
1
1
3
Figura
TTDWK
“Utilizzati nei laminatoi Sendzimir
come rullo di appoggio”
(versione a rulli conici solo con viscosità dell’olio adeguata
Consultare l’Ingegnere di Vendita Timken)
Informazioni generali
Tolleranza sullo spessore dell’anello
esterno/anello interno
4 µm massimo
Tolleranze sull’alesaggio e diametro
esterno
0/+ 0,013 mm
fino a 304,800 mm
0/+ 0,025 mm
oltre 304,800 mm
0/0,025 mm
Tolleranza sulla larghezza
0/+ 0,025 mm
Precisione
Errore di rotazione inferiore 7 µm
6. Dati dei cuscinetti
233
ZSPEXX-TNASWH
ZSPEXX - TNASWH
234
44,450
†55,000
†70,000
99,995
99,995
99,995
†130,000
†130,000
†130,000
179,984
179,984
ZR-24
ZR-33
ZR-23
ZR-23
ZR-23
ZR-22
ZR-22
ZR-22
ZR-21
ZR-21
d
B
T
ZR-24
laminatoio
Tipo di
D
Fig. 1 : ZSPEXX
406,400
406,400
†300,000
†300,000
†300,000
224,996
224,996
224,996
†160,000
†120,000
120,000
D
171,016
170,993
223,830
172,618
172,616
220,665
172,496
160,000
157,998
169,321
119,939
119,939
119,974
119,974
119,855
89,840
87,889
117,000
52,070
66,675
B
49,896
63,094
T
Dimensioni, mm
d
D
Fig. 2 : TNASWH
1x
−
−
0,33
0,32
−
0,33
−
851000
795000
−
−
1592000
−
−
−
1527450
−
2765620
1396310
2094000
2,03
0,33
−
759870
−
0,33
−
2,10
2,10
−
−
2,02
2,02
1,91
−
375690
167790
204430
2,37
Y1
0,35
e
cicli
−
C1(3)
106
0,28
C1(2)
d
−
3,02
−
3,13
3,13
−
−
3,00
3,00
2,85
3,53
Y2
−
412000
−
227000
208000
−
−
113000
55900
25000
30500
C90(1)
Capacità, N
−
717000
−
396000
362000
−
−
197000
97400
43500
53000
C90(2)
542880
−
412730
−
−
206110
220630
−
−
−
−
cicli
C90(3)
90 x
106
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken,
# cuscinetto senza gabbia.
Note :
−
B
T
−
234000
−
125000
119000
−
−
64900
34700
15100
14800
Ca90
−
1,76
−
1,82
1,76
−
−
1,74
1,61
1,65
2,06
K
RZ-21AA
EH239500
RZ-22AA
HH228300
HH229000
RZ-23AA
RZ-23AB#
H221600
635
385
435
Serie del cuscinetto
1
2
1
2
2
1
1
2
2
2
2
Figura
ZSPEXX
TNASWH
Informazioni generali
R
Raggio di raccordo massimo per
l’albero,
da o db Diametro dello spallamento
dell’albero,
r
Raggio di raccordo massimo per
l’alloggiamento,
Da o Db Diametro dello spallamento
dell’alloggiamento da usare anche
per il gioco della gabbia,
Aa o Ab Gioco assiale della gabbia,
Gabbia S = stampata ; P = a perni
Alesaggio Diametro d = alesaggio massimo.
6. Dati dei cuscinetti
235
TDIT-TNAT
TDIT - TNAT
Fig. 1 : TDIT
236
Conicità
1:19,2
1:12
1:19,2
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
100,210
101,600
115,888
127,000
131,201
133,350
136,525
142,875
144,480
147,638
152,400
152,400
165,100
180,975
190,236
190,500
198,438
209,550
r
R
d
D Db
B
T
r
317,500
282,575
365,049
288,925
288,925
269,875
254,000
222,250
241,300
222,250
200,025
215,900
203,200
196,850
182,562
190,500
190,500
168,275
D
184,150
87,312
158,750
111,125
158,750
146,050
120,650
84,138
133,350
100,010
77,788
123,825
92,075
101,600
76,200
107,950
117,475
95,250
T
184,150
87,312
152,400
111,125
158,750
146,050
120,650
84,138
132,334
100,010
74,612
123,825
92,075
101,600
76,200
111,125
127,000
76,200
85,725
C
r
Aa
Da db
95,250
B
Fig. 2 : TNAT
Dimensioni, mm
R
d da
Ab
R
1180000
684000
1880000
984000
1060000
1470000
1060000
607000
830000
607000
462000
616000
593000
593000
432000
586000
860000
0,52
0,51
0,40
0,36
0,47
0,33
0,41
0,33
0,44
0,33
0,34
0,49
0,34
0,34
0,31
0,42
0,33
0,47
106
1,29
1,33
1,68
1,89
1,44
2,03
1,66
2,03
1,53
2,03
2,01
1,38
1,96
1,96
2,21
1,62
2,02
1,43
Y1
cicli
d db D
r
e
1x
R
427000
C1(2)
C
B
T
1,92
1,97
2,50
2,81
2,15
3,02
2,47
3,02
2,27
3,02
2,99
2,06
2,92
2,92
3,29
2,42
3,00
2,14
Y2
175000
102000
280000
147000
159000
218000
158000
90400
124000
90400
68800
91700
88200
88200
64300
87300
128000
63500
C90(1)
106
306000
177000
488000
255000
276000
380000
276000
157000
215000
157000
120000
160000
154000
154000
112000
152000
223000
111000
C90(2)
90 x
Capacità, N
157000
88700
193000
89700
127000
124000
110000
51500
93600
51500
39600
76500
52000
52000
33600
62200
73400
51200
Ca90
cicli
1,12
1,15
1,45
1,63
1,25
1,76
1,43
1,76
1,32
1,76
1,74
1,20
1,70
1,70
1,91
1,40
1,74
1,24
K
2580000
1752000
3640000
2120000
2140000
3040000
2060000
1336000
1620000
1336000
1120000
1228000
1250000
1250000
986000
1086000
1384000
772000
C0(2)
Statica
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
Notes :
1,5
0,8
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
3,5
0,8
1,5
1,5
3,5
1,5
1,5
0,8
0,8
R
227,1
215,9
217,9
212,1
198,1
184,4
169,9
164,6
162,6
168,9
150,9
148,1
143,0
146,0
134,9
126,0
116,1
112,0
da-db
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
0,8
3,3
3,3
3,3
0,8
3,3
3,3
3,3
3,3
*
8,0
4,5
5,5
9,5
3,5
5,5
4,0
6,5
4,5
6,5
8,0
5,0
286,0
260,0
329,0
265,0
8,5
5,0
4,5
*
259,0 10,5
244,0
227,0
207,0
215,0
213,0
185,0
196,0
183,0
190,0
168,0
171,0
171,0
149,0
r Da-Db Aa-Ab
Dimensioni, mm
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
45
19
73
26
33
35
25
12
22
14
8
14
11
11
7
11
15
8
Gabbia Massa
kg
93000
67900
420000
82700
94000
H234600
99000
M231600
82000
M231600
48600
74000
67300
67300
48200
71000
HH221400
675
Serie del cuscinetto
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
2
1
1
1
1
Figura
TDIT - TNAT
237
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
215,448
252,412
258,763
266,700
280,000
288,925
297,523
303,212
304,800
333,375
333,375
336,550
346,075
349,250
352,425
368,300
384,175
390,525
415,925
423,863
Conicità
219,936
d
590,550
590,550
546,100
546,100
523,875
488,950
457,200
488,950
469,900
523,875
469,900
422,275
495,300
422,275
406,400
409,981
355,600
358,775
358,775
314,325
314,325
D
244,348
209,550
222,250
193,675
185,738
199,898
120,650
174,625
190,500
185,738
166,688
174,625
263,525
150,813
144,462
206,375
107,950
152,400
130,175
131,763
115,888
T
Dimensioni, mm
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,32
0,33
0,33
0,33
0,33
0,34
0,33
0,34
0,34
0,39
0,36
0,33
0,33
0,33
0,33
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,02
2,12
2,02
2,02
2,03
2,02
2,00
2,03
2,00
2,00
1,75
1,87
2,03
2,03
2,03
2,03
Y1
cicli
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,00
3,15
3,00
3,00
3,02
3,00
2,99
3,02
2,99
2,97
2,60
2,79
3,02
3,02
3,02
3,02
Y2
TDIT-TNAT
4242700
−
193,675
4250000
209,550
3664200
−
3380000
2950000
1610000
2950000
2510000
3380000
2730000
2210000
4900000
2210000
2030000
1480000
1200000
1560000
1560000
1190000
e
1x
1190000
C1(2)
3660000
177,800
158,750
152,400
136,525
117,475
106,362
C
193,675
185,738
200,025
120,650
174,625
190,500
185,738
166,688
174,625
263,525
160,338
144,462
206,375
109,538
152,400
139,700
131,765
123,822
B
106
633000
633000
545000
545000
504000
439000
239000
439000
374000
504000
407000
330000
729000
330000
302000
221000
178000
232000
232000
177000
177000
C90(1)
106
1100000
1100000
950000
950000
877000
765000
417000
765000
652000
877000
708000
574000
1270000
574000
526000
384000
310000
405000
405000
308000
308000
C90(2)
90 x
Capacità, N
360000
360000
311000
311000
287000
252000
131000
252000
215000
287000
233000
190000
415000
190000
175000
146000
110000
132000
132000
101000
101000
Ca90
cicli
5540000
5040000
3320000
3020000
3700000
3700000
2740000
2740000
C0(2)
Statica
9480000
9460000
8680000
7520000
4540000
7520000
6140000
8680000
6920000
5540000
1,76 11100000
1,76 11100000
1,76
1,76
1,76
1,74
1,83
1,74
1,74
1,76
1,74
1,73
1,76 11300000
1,73
1,73
1,51
1,62
1,76
1,76
1,76
1,76
K
6,4
3,3
6,4
3,3
3,3
6,4
1,5
3,3
6,4
3,3
3,3
6,4
3,3
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
1,5
6,4
1,5
R
459,0
441,0
423,0
406,9
394,0
383,0
377,0
367,0
366,0
373,9
357,1
334,0
335,3
322,1
309,9
307,1
280,9
278,1
270,0
249,9
235,0
da-db
1,5
6,4
1,5
6,4
6,4
1,5
3,3
3,3
1,5
6,4
3,3
1,5
6,4
3,3
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
1,5
3,3
6,5
7,5
561,0
548,9
519,0
507,0
487,0
467,0
434,0
456,0
449,0
487,0
439,0
403,0
448,0
394,0
379,0
379,0
335,0
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
4,0
7,0
343,3 13,5
335,0
300,0 12,0
293,0
r Da-Db Aa-Ab
Dimensioni, mm
P
P
P
P
P
P
S
P
P
P
P
P
P
P
P
S
S
S
S
S
S
*
197
*
158
137
*
55
113
97
164
97
73
218
75
63
77
30
46
46
*
32
Gabbia Massa
kg
M268700
M268700
HM266400
HM266400
HM265000
HM262700
LM263100
HM262700
HM261000
HM265000
HM261000
HM256800
HH258200
HM256800
M255400
128000
LM451300
M249700
M249700
M244200
M244200
Serie del cuscinetto
2
1
2
1
1
2
1
1
2
1
1
2
1
1
1
1
1
2
1
2
1
Figura
Fig. 1 : TDIT
238
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
1:12
453,390
479,425
488,950
501,650
519,112
530,225
571,500
582,613
Conicità
1:12
r
R
447,675
d
D Db
B
T
r
812,800
812,800
736,600
736,600
711,200
679,450
679,450
635,000
635,000
D
333,375
285,750
301,498
258,762
250,825
276,225
238,125
257,048
223,838
T
r
7752600
−
263,525
7740000
296,862
6441200
−
241,300
6440000
6030000
258,762
250,825
5554100
−
222,250
5550000
238,125
106
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
Y1
cicli
d db D
r
e
1x
4859800
206,375
C1(2)
C
R
−
R
B
T
4880000
C
Da db
Aa
223,838
B
Fig. 2 : TNAT
Dimensioni, mm
R
d da
Ab
959000
959000
898000
827000
827000
726000
726000
C90(1)
3,02 1150000
3,02 1150000
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
Y2
106
2010000
2010000
1670000
1670000
1560000
1440000
1440000
1260000
1260000
C90(2)
90 x
Capacità, N
656000
656000
546000
546000
511000
471000
471000
413000
413000
Ca90
cicli
C0(2)
Statica
3,3
6,4
3,3
3,3
6,4
3,3
6,4
3,3
R
1,76 21000000 SPCL
1,76 21200000
1,76 16800000
1,76 17340000
1,76 16140000
1,76 14760000
1,76 14800000
1,76 12780000
1,76 12860000
K
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
Notes :
615,0
609,0
0,0
562,0
533,9
525,0
507,0
490,0
474,0
da-db
1,5
6,4
1,5
6,4
6,4
1,5
6,4
1,5
6,4
774,0
756,0
0,0
684,0
663,0
648,0
633,0
606,0
591,0
*
*
*
*
*
*
*
*
*
r Da-Db Aa-Ab
Dimensioni, mm
P
P
P
P
P
P
P
P
P
*
515
*
391
344
*
300
*
243
Gabbia Massa
kg
M278700*
M278700
M275300
M275300
M274100
M272700
M272700
M270700
M270700
Serie del cuscinetto
2
1
2
1
1
2
1
2
1
Figura
TDIT - TNAT
TQITS - TQITSE
Informazioni generali
Diametro dello spallamento
dell’albero
r
Raggio di raccordo massimo per
l’alloggiamento
Diametro dello spallamento
Da
dell’alloggiamento da usare anche
per il gioco della gabbia
Gabbia S = stampata ; P = a perni
d1
Diametro del bordino per il labbro
di tenuta
Alesaggio Diametro d = alesaggio massimo
6. Dati dei cuscinetti
239
TQITS-TQITSE
db
127,000
174,625
229,946
225,425
260,502
260,502
260,350
269,875
269,875
259,969
284,162
292,100
279,400
288,925
314,325
311,150
327,025
358,775
78,580
123,033
165,456
170,655
175,781
175,781
190,500
191,226
193,807
195,301
200,820
207,167
207,962
219,075
225,425
228,600
247,650
258,762
r
D
D Da db
d
Fig. 1 : TQITS
240
r
d
257,175
187,325
190,500
230,188
168,275
168,275
222,250
219,075
144,465
214,310
203,200
169,073
142,900
142,900
152,400
142,875
134,938
212,725
−
292,100
209,550
212,725
255,588
190,500
190,500
246,065
239,715
336,550
257,175
260,350
296,862
236,538
227,805
286,545
282,578
206,375
279,397
−
161,925
−
−
228,600
61,912
58,738
58,738
53,975
57,150
48,417
52,388
53,183
53,180
52,388
53,180
234,158
192,883
−
−
171,450
55,550
44,450
49,212
−
−
203,200
−
−
B2
204,788
168,275
165,100
150,812
130,175
B
B1
Fig. 2 : TQITSE
Dimensioni, mm
114,300
T
B
T
−
−
r
1x
e
106
Y1
cicli
r
Y2
d d1
1818000 0,33 2,03 3,02
1092000 0,33 2,03 3,02
1768000 0,33 2,03 3,02
1768000 0,33 2,03 3,02
1264000 0,40 1,70 2,53
1318000 0,40 1,68 2,50
1318000 0,40 1,68 2,50
978000 0,38 1,76 2,62
1012000 0,40 1,68 2,50
788000 0,33 2,03 3,02
520000 0,42 1,61 2,40
C1(4)
B1
B2
1386000 0,48 1,40 2,09
1314000 0,46 1,46 2,17
1936000 0,32 2,10 3,13
1838000 0,33 2,03 3,02
314,325 3120000 0,33 2,03 3,02
292,100
273,050
273,050 2380000 0,33 2,03 3,02
257,175
254,000
254,000 2040000 0,33 2,03 3,02
241,300
234,950
234,950
−
228,600
215,900
−
203,200
203,200
d1
D Da db
T
232000
144000
137000
177000
103000
97900
152000
135000
81400
132000
132000
94100
98200
98200
72800
75400
58700
38700
C90(1)
106
810000
502000
476000
616000
360000
340000
530000
472000
284000
458000
458000
328000
342000
342000
254000
262000
204000
134600
C90(4)
90 x
Capacità, N
132000
79200
77900
101000
85000
77700
86800
77000
46300
74900
74900
63900
67500
67500
47800
51900
33400
27700
Ca90
cicli
1,76
1,82
1,76
1,76
1,21
1,26
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,47
1,45
1,45
1,52
1,45
1,76
1,39
K
7400000
4560000
4160000
5480000
3568000
3264000
4680000
4000000
2416000
3996000
3996000
3000000
2256000
2256000
2540000
2172000
1688000
888000
C0(4)
Statica
282,0
272,0
256,0
253,0
241,0
235,0
231,0
229,0
216,0
213,0
213,0
216,0
196,0
196,0
187,0
188,0
140,0
101,0
1,5
1,5
1,5
1,5
0,8
0,8
1,5
1,5
0,8
1,5
1,5
0,8
0,8
0,8
0,8
0,8
0,8
0,8
r
343,0
316,0
300,0
300,0
280,0
271,0
279,0
272,0
252,0
256,0
256,0
251,0
247,0
247,0
218,0
223,0
168,0
121,0
Da
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
Gabbia
*
98
50
49
66
35
35
55
52
24
−
44
33
−
29
20
21
13
TQITS
105
57
55
72
38
39
63
58
26
48
−
35
31
−
22
23
−
*
TQITSE
Massa
kg
M249700
LM247700
LM245100
M244200
LM742700
LM741300
M241500
M240600
LM239500
M238800
M238800
LM538600
LM535600
LM535600
46700
LM533700
M224700
42600
Serie del
cuscinetto
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
2
1
1&2
2
1
1&2
1&2
1
1
Figura
TQITS - TQITSE
Dimensioni, mm
db
Note :
Tutte le serie seguenti possono essere
proposte nelle versioni TQITSE,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
241
649,288
727,075
422,275
422,275
447,675
469,900
488,950
488,950
523,875
519,862
546,100
590,550
635,000
679,450
695,325
736,600
761,873
812,800
787,400
857,250
933,450
304,800
320,000
323,850
339,936
352,425
358,775
371,475
376,809
390,525
419,100
453,390
488,950
508,000
530,225
547,688
581,025
604,838
644,525
669,671
744,538 1035,050
523,875
369,888
571,500
536,575
519,112
393,700
479,425
446,088
419,100
384,175
342,900
366,713
300,038
342,900
299,200
323,850
261,424
296,862
288,000
407,000
290,000
269,875
T
381,000
D
271,462
d
881,062
790,575
665,162
487,362
709,613
692,150
654,050
520,700
628,650
585,788
534,988
495,300
438,150
465,138
396,875
111,125
103,188
107,950
92,075
103,188
123,825
104,775
98,425
122,238
114,300
90,488
88,900
76,200
76,200
76,200
74,612
−
−
438,150
73,025
60,287
74,612
71,000
71,438
B2
414,338
336,000
390,525
375,000
357,188
B1
TQITS-TQITSE
812,800
725,488
590,550
420,688
641,350
600,075
579,438
450,850
533,400
496,888
469,900
428,625
381,000
411,163
341,312
384,175
350,000
358,775
290,000
334,962
320,000
301,625
B
Dimensioni, mm
C1(4)
e
Y1
Y2
0,32 2,11 3,15
6765600 0,33 2,03 3,02
901,700 24400000 0,33 2,03 3,02
812,800 20000000 0,33 2,03 3,02
762,000 13980000 0,33 2,03 3,02
711,200 9320000 0,33 2,03 3,02
711,200 15737400 0,33 2,03 3,02
673,100 13700000 0,33 2,03 3,02
647,700 12880000 0,33 2,03 3,02
620,712 9140000 0,33 2,03 3,02
598,488 11100000 0,33 2,03 3,02
558,800 9760000 0,33 2,03 3,02
514,350 8500000 0,33 2,03 3,02
482,600 7320000 0,33 2,03 3,02
457,200 5900000 0,33 2,03 3,02
457,200
431,800 5160000 0,33 2,03 3,02
431,800 5900000 0,33 2,02 3,00
− 4260000 0,33 2,03 3,02
388,938 5000000 0,33 2,02 3,00
374,650 3360000
368,300 4420000 0,34 2,00 2,99
355,600 4060000 0,34 2,00 2,97
342,900 3560000 0,33 2,03 3,02
d1
1 x 106 cicli
1810000
1490000
1040000
694000
920000
1020000
959000
680000
827000
726000
633000
545000
439000
504000
384000
439000
318000
372000
251000
330000
302000
266000
C90(1)
6320000
5180000
3620000
2420000
4080000
3540000
3340000
2360000
2880000
2520000
2200000
1900000
1530000
1754000
1336000
1530000
1106000
1294000
872000
1148000
1052000
924000
C90(4)
1030000
848000
593000
395000
669000
580000
546000
387000
471000
413000
360000
311000
250000
287000
218000
252000
181000
213000
137000
190000
175000
151000
Ca90
90 x 106 cicli
Capacità, N
8600000
C0(4)
8920000
11080000
1,76 68400000
1,76 55600000
1,76 41600000
1,76 26000000
1,76 43200000
1,76 37000000
1,76 34680000
1,76 22960000
1,76 29600000
1,76 25720000
1,76 22200000
1,76 18920000
1,76 14680000
1,76 17440000
1,76 12760000
1,74 15040000
1,76 10720000
1,74 12560000
1,83
1,73
1,73 10080000
1,76
K
Statica
837,0
754,0
719,0
664,0
625,1
586,0
595,0
562,0
526,0
494,0
459,0
427,0
424,0
410,2
398,0
387,0
388,0
351,0
354,0
338,0
326,0
306,0
db
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
3,3
6,4
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
r
987,0
890,0
824,0
759,0
773,7
726,0
702,0
663,0
648,0
605,0
562,0
520,0
499,0
499,1
467,0
467,0
451,0
428,0
406,0
403,0
388,0
364,0
Da
Dimensioni, mm
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
S
P
S
P
P
P
Gabbia
2363
1702
1006
578
1126
930
864
545
660
547
433
348
255
314
198
242
193
186
109
158
123
107
TQITS
2517
1819
1066
613
1204
986
916
568
685
583
460
371
272
335
209
258
−
200
121
168
134
118
TQITSE
Massa
kg
M283400
M281600
LM281000
LM280000
M278700
M276400
M275300
LM274000
M272700
M270700
M268700
HM266400
M265300
HM265000
M263300
HM262700
M262400
HM259000
LM258600
HM256800
M255400
M252300
Serie del
cuscinetto
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
Figura
577,000
755,650
733,425
619,125
644,525
628,650
784,225
730,250
990,600
777,875 1079,500
828,675 1143,000
838,200 1143,000
863,600 1130,300
872,769 1181,100
895,350 1212,850
1004,634 1308,100
T
r
d
812,800
873,125
714,375
717,550
711,200
825,500
844,550
650,000
B
920,750
−
793,750
798,512
787,400
898,525
919,162
725,000
B1
r
C1(4)
1x
B1
e
106
Y1
cicli
r
Y2
d d1
B2
844,550 22400000 0,33 2,03 3,02
990,600 27400000 0,33 2,03 3,02
933,450 26200000 0,33 2,03 3,02
889,000 17800000 0,33 2,03 3,02
d1
D Da db
T
− 30400000 0,33 2,03 3,02
149,225 1193,800 28400000 0,33 2,03 3,02
−
122,238 1028,700 24400000 0,33 2,03 3,02
117,475 1009,650 22200000 0,33 2,03 3,02
122,238
119,062
119,062
111,500
B2
Fig. 2 : TQITSE
Dimensioni, mm
749,300
r
B
D
D Da db
T
d
Fig. 1 : TQITS
242
2120000
2260000
1820000
1660000
1670000
2040000
1950000
1330000
C90(1)
106
7380000
7880000
6340000
5780000
5820000
7100000
6800000
4620000
C90(4)
90 x
Capacità, N
1200000
1290000
1040000
944000
953000
1160000
1110000
754000
Ca90
cicli
C0(4)
Statica
1,76 91600000
1,76 89200000
1,76 66800000
1,76 69600000
1,76 60000000
1,76 76800000
1,76 74400000
1,76 54000000
K
1109,0
997,0
962,0
957,0
924,0
924,0
873,0
792,0
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
r
1260,0
1164,0
1131,0
1090,0
1089,0
1089,0
1028,0
953,0
Da
P
P
P
P
P
P
P
P
Gabbia
3193
3215
2444
2107
2246
2773
2634
1522
TQITS
3385
−
2575
2184
2431
2963
2813
1619
TQITSE
Massa
kg
LM288100
LM286700
LM286400
LM286200
LM285700
LM285500
M284200
LM283600
Serie del
cuscinetto
1&2
1
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
1&2
Figura
TQITS - TQITSE
Dimensioni, mm
db
Note :
Tutte le serie seguenti possono essere
proposte nelle versioni TQITSE,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa
in considerazione per soddisfare le vostre
nuove esigenze,
† la dimensione indicata è il valore
massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
TQOW - TQOWE
2TDIW - SWRB
R
da
r
Db
Ab
Gabbia
BUR
WR
Utilizzo
d1
Raggio di raccordo massimo per l’albero
Diametro dello spallamento dell’albero
Raggio di raccordo massimo per
l’alloggiamento
Diametro dello spallamento
dell’alloggiamento da usare anche per il
gioco della gabbia
Gioco assiale della gabbia
S = stampata, P = a perni
Cilindri di appoggio
Cilindri di lavoro
BUR = consigliati nei cilindri di
appoggio
WR = consigliati nei cilindri di lavoro
Diametro del bordino per il labbro di
tenuta
6. Dati dei cuscinetti
243
TQOW-TQOWE-2TDIW-SWRB
Informazioni generali
D Db
R
B
B
83,337
103,188
115,888
117,475
123,825
123,825
149,225
136,525
146,050
152,400
161,925
166,688
174,625
182,562
196,850
190,500
200,025
222,250
69,850
76,200
82,550
85,725
88,900
92,075
95,250
107,950
107,950
120,650
120,650
120,650
127,000
130,175
136,525
139,700
152,400
174,625
160,340
161,925
200,025
158,750
139,703
152,413
106,365
138,112
106,365
122,235
130,172
103,190
92,078
103,185
115,888
95,250
92,075
T
174,625
157,165
161,925
200,025
158,750
141,288
152,400
106,365
138,112
106,365
122,235
124,615
103,190
95,250
104,775
115,888
95,250
92,075
B
Fig. 2 : TQOWE
Dimensioni, mm
50,800
r
D
R
d da
Ab
d
T
Fig. 1 : TQOW
244
d1
TQOWE
d1
1214000
924000
912000
1186000
864000
788000
674000
340000
574000
310000
450000
526000
298000
298000
290000
402000
216000
196000
C1(4)
B
e
0,33
0,34
0,32
0,34
0,31
0,33
0,29
0,43
0,28
0,39
0,28
0,49
0,33
0,33
0,31
0,27
0,46
0,36
2,03
2,01
2,10
1,96
2,21
2,03
2,30
1,55
2,39
1,72
2,38
1,37
2,05
2,05
2,19
2,48
1,46
1,90
Y1
1 x 106 cicli
Fig. 3 : 2TDIW
3,02
2,99
3,13
2,92
3,29
3,02
3,42
2,31
3,56
2,56
3,54
2,04
3,05
3,05
3,26
3,69
2,18
2,83
Y2
90400
68800
67900
88200
64300
58700
50200
25300
42800
23100
33500
39100
22200
22200
21700
29900
16000
14600
C90
Capacità, N
314000
240000
236000
308000
224000
204000
174600
88000
149000
80200
116600
136200
77400
77400
75400
104200
55800
50800
C90(4)
51500
39600
37300
52000
33600
33400
25200
18800
20700
15500
16300
33000
12600
12600
11400
13900
12700
8880
Ca90
1,76
1,74
1,82
1,70
1,91
1,76
1,99
1,34
2,07
1,49
2,06
1,19
1,77
1,77
1,90
2,15
1,27
1,64
K
2672000
2240000
2168000
2500000
1972000
1688000
1516000
824000
1248000
700000
908000
964000
624000
624000
588000
744000
444000
355200
C0(4)
Statica
Fig. 5 : SWRB
(tenute compatte)
90 x 106 cicli
Fig. 4 : SWRB
(tenute a cassetto)
1,5
0,8
1,5
1,5
1,5
0,8
0,8
1,5
0,8
1,5
0,8
1,5
1,5
0,8
1,5
0,8
1,5
1,5
R
164,0
150,0
144,0
142,0
137,0
129,0
128,0
129,0
115,0
116,0
102,0
103,0
97,0
93,0
90,0
83,0
78,0
58,0
da
1,5
3,3
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
1,5
3,3
1,5
2,3
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
r
207,0
185,0
177,0
180,0
168,0
162,0
154,0
151,0
140,0
136,0
126,0
134,0
116,0
116,0
109,0
107,0
94,0
74,0
Db
Dimensioni, mm
4,5
3,5
4,0
4,0
4,5
3,5
*
3,5
*
3,5
*
4,0
4,0
4,0
4,0
*
3,0
3,5
Ab
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
6
8
5
6
9
4
4
4
4
3
2
23
17
14
21
14
12
10
kg
M231600
48600
48300
67300
48200
M224700
LM124400
L624500
LM121900
L521900
LM119300
42000
L217800
L217800
L116100
LM114800
L713000
L305600
Serie del
cuscinetto
BUR
WR
WR, BUR
WR
WR, BUR
WR, BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1&3
1
1
1
1
1
1
Utilizzo Figura
TQOW-TQOWE
2TDIW-SWRB
Gabbia Massa
Tutte le serie seguenti possono essere proposte nella
configurazione 2TDIW o con estensione e possono essere
studiate nella versione con tenute,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in considerazione
per soddisfare le vostre nuove esigenze,
Tutte le serie possono essere fornite con scanalature per la
lubrificazione nella facce dei coni e con gole a spirale
nell’alesaggio dei coni se richiesto,
† la dimensione indicata è il valore massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
Note :
245
247,650
273,050
288,925
269,875
266,700
284,162
317,500
282,575
288,925
314,325
311,150
327,025
349,148
327,025
327,025
358,775
355,600
355,600
381,000
393,700
393,700
177,800
177,800
177,800
187,325
190,500
198,438
203,200
206,375
215,900
220,662
228,600
234,950
241,478
244,475
244,475
254,000
266,700
266,700
269,875
276,225
279,400
269,875
269,878
282,575
228,600
228,600
269,875
193,675
193,675
228,600
196,850
200,025
239,712
177,800
190,500
266,700
225,425
188,912
211,138
266,700
234,947
192,088
168,275
T
TQOW-TQOWE-2TDIW-SWRB
225,425
D
165,100
d
Dimensioni, mm
d1
TQOWE
269,875
269,878
282,575
230,188
230,188
269,875
231,775 264,160
193,675
228,600
196,850
200,025
239,712
177,800
190,500
266,700
225,425
187,325
211,138
266,700
234,950
192,088
165,100
B
3540000
3020000
3420000
*
2391500
3120000
1936000
1936000
2260000
180000
1838000
2380000
1386000
1368000
2360000
1946000
1342000
1768000
2660000
1822000
1306000
978000
C1(4)
e
0,43
0,40
0,33
*
0,36
0,33
0,32
0,32
0,35
0,41
0,33
0,33
0,48
0,51
0,52
0,33
0,48
0,33
0,32
0,53
0,44
0,38
1,57
1,68
2,03
*
1,87
2,03
2,10
2,10
1,91
1,66
2,03
2,03
1,40
1,33
1,29
2,03
1,41
2,03
2,12
1,28
1,54
1,76
Y1
1 x 106 cicli
2,34
2,50
3,02
*
2,79
3,02
3,13
3,13
2,85
2,47
3,02
3,02
2,09
1,97
1,92
3,02
2,11
3,02
3,15
1,91
2,29
2,62
Y2
263000
224000
255000
*
178000
232000
144000
144000
168000
134000
137000
177000
103000
102000
175000
145000
99900
132000
198000
136000
97200
72800
C90
Capacità, N
916000
782000
886000
*
620000
810000
502000
502000
584000
466000
476000
616000
360000
354000
612000
504000
348000
458000
688000
472000
338000
254000
C90(4)
193000
154000
145000
*
110000
132000
79200
79200
101000
93300
77900
101000
85000
88700
157000
82500
81700
74900
108000
122000
73200
47800
Ca90
90 x 106 cicli
1,36
1,45
1,76
*
1,62
1,76
1,82
1,82
1,65
1,44
1,76
1,76
1,21
1,15
1,12
1,76
1,22
1,76
1,83
1,11
1,33
1,52
K
7320000
6400000
8120000
*
6040000
7400000
4560000
4560000
5000000
4280000
4160000
5480000
3568000
3504000
5160000
4440000
3340000
3996000
4960000
3916000
3116000
2540000
C0(4)
Statica
1,5
1,5
3,3
1,5
1,5
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
0,8
0,8
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
0,8
R
294,0
294,0
290,0
281,0
281,0
273,0
261,0
257,0
258,0
250,0
242,0
235,0
229,0
219,0
222,0
212,0
204,0
200,0
194,0
195,0
190,0
175,0
da
6,4
6,4
368,0
366,0
356,0
335,0
−
3,3
335,0
335,0
310,0
310,0
325,0
305,0
293,0
293,0
267,0
260,0
286,0
264,0
246,0
250,0
266,0
249,0
229,0
209,0
Db
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
r
Dimensioni, mm
*
4,5
8,5
*
7,0
7,5
*
*
6,0
6,0
*
6,5
5,0
5,0
8,5
*
4,0
6,0
9,0
4,0
5,0
2,5
Ab
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
96
103
104
−
61
87
48
45
77
53
42
61
33
35
90
46
32
39
67
54
28
21
kg
Gabbia Massa
M652900
275000
M252300
*
LM451300
M249700
LM247700
LM247700
127000
8500
LM245100
M244200
LM742700
67900
93000
M240600
67800
M238800
HM237500
82600
67700
46700
Serie del
cuscinetto
WR
WR
BUR
WR
WR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR, BUR
WR
WR
WR
BUR
WR
BUR
BUR
WR
WR
WR
3
1
1
5
1&3
1
2
1
1
1
1
1
1
1
1&3
1
1
1
1
1
1
1
Utilizzo Figura
D Db
R
B
B
393,700
469,900
380,898
406,400
422,275
438,048
419,100
495,300
501,650
412,648
422,275
447,675
447,675
444,500
438,023
469,900
469,900
457,098
279,400
285,750
288,925
300,038
304,648
304,800
304,800
304,800
304,902
317,500
317,500
317,500
330,200
330,302
333,375
333,375
343,052
254,000
342,900
342,900
254,000
301,625
327,025
327,025
269,875
266,700
336,547
285,750
269,875
279,400
311,150
298,450
244,475
390,525
269,875
T
254,000
342,900
342,900
247,650
301,625
327,025
327,025
269,875
266,700
336,550
282,335
269,875
280,990
311,150
298,450
244,475
384,175
269,875
B
Fig. 2 : TQOWE
Dimensioni, mm
279,400
r
D
R
d da
Ab
d
T
Fig. 1 : TQOW
246
d1
TQOWE
d1
3120000
5460000
5020000
2500000
4180000
5000000
4600000
3360000
3320000
6120000
4620000
3560000
3760000
4420000
4060000
2460000
4800000
2980000
C1(4)
B
e
0,47
0,33
0,33
0,46
0,33
0,33
0,33
0,32
0,32
0,33
0,40
0,33
0,47
0,34
0,34
0,43
0,38
0,38
1,43
2,02
2,02
1,47
2,03
2,02
2,02
2,11
2,12
2,03
1,68
2,03
1,43
2,00
2,00
1,56
1,79
1,77
Y1
1 x 106 cicli
Fig. 3 : 2TDIW
2,12
3,00
3,00
2,19
3,02
3,00
3,00
3,15
3,15
3,02
2,50
3,02
2,12
2,99
2,97
2,33
2,66
2,64
Y2
233000
407000
374000
187000
311000
372000
342000
251000
247000
456000
343000
265000
279000
330000
302000
184000
357000
222000
C90
Capacità, N
810000
1416000
1304000
650000
1084000
1294000
1192000
872000
860000
1586000
1196000
922000
972000
1148000
1052000
640000
1244000
774000
C90(4)
188000
233000
215000
146000
177000
213000
196000
137000
135000
259000
236000
151000
226000
190000
175000
136000
231000
145000
Ca90
1,24
1,74
1,74
1,27
1,76
1,74
1,74
1,83
1,83
1,76
1,45
1,76
1,24
1,73
1,73
1,35
1,55
1,54
K
7680000
13840000
12280000
6360000
11000000
12560000
11160000
8920000
8560000
11080000
8360000
8480000
8200000
11080000
10080000
6880000
9400000
6680000
C0(4)
Statica
Fig. 5 : SWRB
(tenute compatte)
90 x 106 cicli
Fig. 4 : SWRB
(tenute a cassetto)
1,5
3,3
3,3
1,5
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
3,3
1,5
1,5
3,3
3,3
3,3
1,5
9,7
1,5
R
361,0
357,0
357,0
347,0
351,0
340,0
340,0
334,0
325,0
332,0
329,0
322,0
328,0
322,0
310,0
302,0
321,0
297,0
da
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
6,4
3,3
6,4
4,8
3,3
3,3
3,3
3,3
6,4
r
432,0
439,0
439,0
412,0
418,0
418,0
418,0
398,0
388,0
464,0
459,0
392,0
407,0
394,0
379,0
356,0
430,0
368,0
Db
Dimensioni, mm
*
*
*
*
*
*
9,5
*
*
*
*
*
*
*
*
4,5
5,5
*
Ab
S
P
S
S
P
P
S
S
S
P
P
S
S
P
P
S
S
S
109
189
183
99
132
166
162
102
107
272
211
105
130
141
127
80
254
99
kg
LM761600
HM261000
HM261000
138000
M260100
HM259000
HM259000
LM258600
M257200
HM258900
940000
M257100
M757400
HM256800
M255400
LM654600
722000
135000
Serie del
cuscinetto
WR
BUR
BUR
WR
WR, BUR
BUR
BUR
WR
WR
1&3
1
1
1
1
1
1
1&3
1
1
1&3
−
BUR
1
1
1
1
WR
WR
BUR
BUR
1
1
−
WR
1
WR
Utilizzo Figura
TQOW-TQOWE
2TDIW-SWRB
Gabbia Massa
Tutte le serie seguenti possono essere proposte nella
configurazione 2TDIW o con estensione e possono essere
studiate nella versione con tenute,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in considerazione
per soddisfare le vostre nuove esigenze,
Tutte le serie possono essere fornite con scanalature per la
lubrificazione nella facce dei coni e con gole a spirale
nell’alesaggio dei coni se richiesto,
† la dimensione indicata è il valore massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
Note :
247
457,098
457,098
457,098
457,098
488,950
469,900
469,900
444,500
457,200
457,200
482,600
488,600
482,600
488,950
482,600
523,875
501,650
546,100
546,100
514,350
546,100
343,052
343,052
343,052
346,075
346,075
347,662
347,662
355,600
355,600
355,600
355,600
355,600
355,600
355,600
356,387
368,300
374,650
384,175
384,175
385,762
406,400
288,925
317,500
400,050
400,050
260,350
382,588
222,250
317,500
269,875
269,875
269,875
252,412
252,412
241,300
292,100
260,350
358,775
254,000
254,000
254,000
254,000
254,000
T
TQOW-TQOWE-2TDIW-SWRB
457,098
D
343,052
d
Dimensioni, mm
d1
TQOWE
288,925
317,500
400,050
400,050
250,825
382,588
219,075
317,500
387,477 387,350
265,112
265,112
323,850 365,125
252,412
241,300
292,100
260,350
358,775
254,000
254,000
254,000
323,850 365,125
254,000
B
4800000
4620000
7320000
6740000
3640000
6760000
1870000
5160000
3660000
*
3660000
3220000
3220000
2500000
4260000
4040000
5900000
2420000
2580000
2300000
3120000
3120000
C1(4)
e
0,47
0,42
0,33
0,33
0,47
0,33
0,50
0,33
0,47
*
0,47
0,32
0,32
0,31
0,33
0,33
0,33
0,48
0,58
0,71
0,47
0,47
1,42
1,61
2,03
2,03
1,43
2,03
1,35
2,03
1,43
*
1,43
2,12
2,12
2,20
2,03
2,03
2,02
1,41
1,17
0,95
1,43
1,43
Y1
1 x 106 cicli
2,12
2,40
3,02
3,02
2,12
3,02
2,01
3,02
2,12
*
2,12
3,15
3,15
3,27
3,02
3,02
3,00
2,10
1,75
1,41
2,12
2,12
Y2
358000
344000
545000
502000
271000
504000
139000
384000
273000
*
273000
239000
239000
186000
318000
301000
439000
181000
192000
209000
233000
233000
C90
Capacità, N
1246000
1198000
1900000
1750000
944000
1754000
484000
1336000
950000
*
950000
834000
834000
648000
1106000
1046000
1530000
630000
668000
728000
810000
810000
C90(4)
290000
246000
311000
286000
219000
287000
119000
218000
221000
*
221000
131000
131000
98000
181000
171000
252000
149000
189000
255000
188000
188000
Ca90
90 x 106 cicli
1,23
1,40
1,76
1,76
1,24
1,76
1,17
1,76
1,24
*
1,24
1,83
1,83
1,90
1,76
1,76
1,74
1,22
1,01
0,82
1,24
1,24
K
12440000
12640000
18920000
16840000
8760000
17360000
4440000
12760000
8960000
*
8960000
9080000
9080000
7880000
10720000
9760000
15040000
6200000
6080000
7760000
7680000
7680000
C0(4)
Statica
1,5
3,3
3,3
3,3
1,5
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
3,3
1,5
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
R
427,0
409,0
411,0
411,0
393,0
394,0
375,0
374,0
375,0
375,0
375,0
372,0
372,0
370,0
369,0
365,0
371,0
363,0
361,0
362,0
361,0
361,0
da
−
6,4
3,3
6,4
6,4
3,3
6,4
6,4
3,3
*
*
3,5
*
*
−
*
*
*
6,0
*
*
*
510,0
482,0
507,0
*
8,0
*
P
S
P
S
S
P
S
P
S
S
S
S
S
S
S
P
P
S
S
−
*
S
S
S
196
185
317
304
136
275
113
179
147
*
136
111
107
88
142
129
225
102
100
113
115
110
kg
Gabbia Massa
*
*
−
Ab
507,0 12,0
472,0
487,0
451,0
459,0
453,0
456,0
−
3,3
456,0
434,0
434,0
422,0
443,0
444,0
456,0
430,0
432,0
423,0
432,0
430,0
Db
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
r
Dimensioni, mm
LM767700
LM665900
HM266400
HM266400
LM765100
HM265000
160000
M263300
LM763400
*
LM763400
LM263100
LM263100
L163100
M262400
LM262400
HM262700
133000
L862600
LM961500
LM761600
LM761600
Serie del
cuscinetto
WR
WR
BUR
BUR
WR
BUR
WR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
BUR
WR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
1
1&3
1
1
1
1
1
1
2
5
1&3
2
1
1
1
1
1
1
4
1
2
5
Utilizzo Figura
D Db
R
B
368,000
546,100
565,150
546,100
546,100
590,550
590,550
571,500
571,500
571,500
571,500
571,500
635,000
406,400
406,400
409,575
409,575
415,925
415,925
431,800
431,800
431,800
431,800
431,800
447,675
†450,000 †595,000
†450,000 †595,000
596,900
368,000
546,100
406,400
457,200
463,550
546,100
406,400
279,400
336,550
336,550
336,550
279,400
279,400
434,975
434,975
334,962
334,962
381,000
330,000
330,000
288,925
288,925
546,100
T
Dimensioni, mm
406,400
r
B
D
R
d da
Ab
276,225
368,000
368,000
463,550
336,550
336,550
336,550
279,400
279,400
434,975
434,975
334,962
334,962
381,000
330,000
330,000
288,925
288,925
B
Fig. 2 : TQOWE
d
T
Fig. 1 : TQOW
248
d1
TQOWE
d1
4460000
6480000
6800000
9760000
5420000
*
56800000
*
4200000
*
8500000
5560000
5020000
7100000
4480000
5560000
3900000
4480000
C1(4)
B
e
0,47
0,33
0,33
0,33
0,44
*
0,44
*
0,55
*
0,33
0,42
0,42
0,33
0,47
0,42
0,56
0,47
1,43
2,03
2,03
2,03
1,54
*
1,54
*
1,24
*
2,03
1,62
1,62
2,03
1,42
1,62
1,20
1,42
Y1
1 x 106 cicli
Fig. 3 : 2TDIW
2,12
3,02
3,02
3,02
2,29
*
2,29
*
1,84
*
3,02
2,41
2,41
3,02
2,12
2,41
1,79
2,12
Y2
333000
482000
507000
726000
404000
*
423000
*
312000
*
633000
414000
374000
528000
333000
414000
290000
333000
C90
Capacità, N
1158000
1678000
1764000
2520000
1408000
*
1474000
*
1088000
*
2200000
1442000
1304000
1838000
1160000
1442000
1012000
1160000
C90(4)
269000
274000
289000
413000
303000
*
317000
*
292000
*
360000
296000
268000
301000
270000
296000
279000
270000
Ca90
1,24
1,76
1,76
1,76
1,33
*
1,33
*
1,07
*
1,76
1,40
1,40
1,76
1,23
1,40
1,04
1,23
K
11240000
17800000
19120000
25720000
15480000
*
16520000
*
11240000
*
22200000
15760000
13680000
17840000
11240000
15760000
8960000
11240000
C0(4)
Statica
Fig. 5 : SWRB
(tenute compatte)
90 x 106 cicli
Fig. 4 : SWRB
(tenute a cassetto)
1,5
3,0
3,0
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
1,5
3,3
3,3
1,5
1,5
3,3
1,5
1,5
1,5
1,5
R
478,0
474,0
474,0
478,0
453,0
453,0
453,0
453,0
453,0
444,0
444,0
428,0
431,0
432,0
433,0
425,0
427,0
427,0
da
3,3
6,0
6,0
6,4
567,0
561,0
561,0
591,0
534,0
534,0
−
6,4
534,0
537,0
−
6,4
537,0
549,0
−
3,3
549,0
510,0
510,0
6,4
6,4
6,4
528,0
501,0
−
6,4
510,0
510,0
510,0
Db
6,4
6,4
6,4
r
Dimensioni, mm
*
*
*
*
*
−
*
−
5,0
−
*
*
9,0
*
−
*
*
*
Ab
S
S
P
P
S
P
P
S
S
S
P
P
S
P
S
P
S
S
190
274
283
490
237
*
239
*
188
*
396
226
217
288
232
226
173
186
kg
L770800
M270400
M270400
M270700
LM769300
*
LM769300
*
LM869400
*
M268700
M667900
M667900
M267900
LM767700
M667900
LM867900
LM767700
Serie del
cuscinetto
5
1
5
1
5
1
1&3
1
1
5
3
4
1
WR
WR, BUR
WR, BUR
BUR
1&3
3
1
1&3
WR, BUR 1 & 3
WR
WR, BUR
WR
WR
WR
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
Utilizzo Figura
TQOW-TQOWE
2TDIW-SWRB
Gabbia Massa
Tutte le serie seguenti possono essere proposte nella
configurazione 2TDIW o con estensione e possono essere
studiate nella versione con tenute,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in considerazione
per soddisfare le vostre nuove esigenze,
Tutte le serie possono essere fornite con scanalature per la
lubrificazione nella facce dei coni e con gole a spirale
nell’alesaggio dei coni se richiesto,
† la dimensione indicata è il valore massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
Note :
249
415,925
379,000
615,950
615,950
615,950
635,000
647,700
634,873
711,200
695,325
482,600
482,600
482,600
482,600
482,600
489,026
501,650
508,000
†510,000 †655,000
409,575
322,268
536,575
TQOW-TQOWE-2TDIW-SWRB
736,600
558,800
†550,000 †675,000
736,600
300,000
711,200
520,700
558,800
400,050
736,600
519,112
422,275
673,100
514,350
422,275
673,100
514,350
520,700
320,675
417,512
421,000
379,999
330,200
330,200
330,200
615,950
482,600
330,200
380,000
†475,000 †620,000
615,950
368,000
†475,000 †600,000
482,600
421,000
†460,000 †625,000
T
279,400
D
596,900
457,200
d
Dimensioni, mm
d1
TQOWE
409,575
322,265
300,000
400,050
536,575
422,275
422,275
377,000
415,925
520,700
320,675
417,512
421,000
379,999
330,200
419,100 514,350
330,200
330,200
380,000
368,000
421,000
276,225
B
8780000
7060000
5400100
8780000
1288000
8100000
8460000
7791500
9140000
12000000
5540000
8440000
7780000
4460000
5260000
5780000
*
5780000
*
*
8420000
3680000
C1(4)
e
0,35
0,34
0,29
0,33
0,33
0,32
0,32
0,33
0,33
0,33
0,47
0,33
0,33
0,33
0,43
0,33
*
0,33
*
*
0,33
0,54
1,95
1,97
2,05
2,03
2,03
2,12
2,12
2,03
2,03
2,03
1,43
2,03
2,03
2,03
1,57
2,03
*
2,03
*
*
2,03
1,24
Y1
1 x 106 cicli
2,90
2,93
3,05
3,02
3,02
3,15
3,15
3,02
3,02
3,02
2,12
3,02
3,02
3,02
2,34
3,02
*
3,02
*
*
3,02
1,85
Y2
653000
526000
402000
654000
959000
603000
631000
579000
680000
898000
412000
629000
580000
332000
391000
430000
*
430000
*
*
628000
274000
C90
Capacità, N
2280000
1830000
1400000
2280000
3340000
2100000
2200000
2020000
2360000
3120000
1436000
2180000
2020000
1154000
1362000
1498000
*
1498000
*
*
2180000
956000
C90(4)
387000
308000
201000
373000
546000
329000
344000
390330
387000
511000
334000
358000
330000
189000
288000
245000
*
245000
*
*
357000
255000
Ca90
90 x 106 cicli
1,69
1,70
2,00
1,76
1,76
1,83
1,83
1,76
1,76
1,76
1,24
1,76
1,76
1,76
1,36
1,76
*
1,76
*
*
1,76
1,07
K
25480000
18320000
16000000
22920000
34680000
23600000
25160000
*
22960000
32280000
15480000
23840000
22360000
11960000
13560000
16400000
*
16400000
*
*
23000000
9080000
C0(4)
Statica
3,3
3,3
3,0
3,3
3,3
3,3
3,3
1,6
3,3
3,3
3,3
3,3
3,0
3,3
6,4
3,5
6,4
3,3
*
*
3,0
1,5
R
588,0
585,0
573,0
549,0
552,0
540,0
540,0
531,0
537,0
534,0
516,0
510,0
507,0
507,0
509,0
507,0
509,0
504,0
*
*
486,0
478,0
da
6,4
6,4
3,0
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
6,0
6,4
3,3
6,4
6,4
6,0
6,4
6,4
−
*
*
8,5
*
*
*
*
696,0
699,0
633,0
672,0
684,0
636,0
636,0
*
*
5,0
*
*
*
*
624,0 12,0
654,0
663,0
600,0
609,0
603,0
578,0
585,0
585,0 10,0
585,0
−
*
*
*
*
Ab
585,0 10,0
*
*
585,0
567,0
Db
6,4
*
*
8,9
3,3
r
Dimensioni, mm
P
P
S
P
P
P
P
S
P
P
S
P
P
S
S
S
S
S
S
S
P
S
482
378
*
476
791
400
408
313
475
691
254
400
359
241
219
253
*
235
*
*
378
182
kg
Gabbia Massa
LM377400
843000
*
LM275300
M275300
LM274400
LM274400
*
LM274000
M274100
LM772700
M272600
M272400
L272500
LM672100
LM272200
*
LM272200
*
*
M271100
L871300
Serie del
cuscinetto
1
3
1
1
1
1
1
3
4
2
5
1&3
3&5
3
1
4
BUR
WR
WR
WR
BUR
1
1
1&3
3
1
WR, BUR 1 & 3
WR, BUR
WR
WR
BUR
WR
WR, BUR
WR, BUR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR
WR, BUR
WR
Utilizzo Figura
D Db
R
B
B
736,600
762,000
771,525
844,550
857,250
787,400
787,400
813,562
863,600
901,700
857,250
914,898
854,923
812,800
812,800
876,300
876,300
930,275
584,200
585,788
595,312
603,250
609,600
609,600
609,600
609,600
635,000
646,112
649,925
659,925
660,400
660,400
685,800
685,800
708,025
565,150
355,600
355,600
365,126
365,125
318,480
674,000
542,925
654,050
660,400
479,425
361,950
361,950
622,300
615,950
479,425
401,638
457,200
T
d1
TQOWE
d1
565,150
434,975 730,250
352,425
365,126
365,125
400,842 708,025
672,000
542,925
654,050
660,400
479,425
361,950
361,950
622,300
615,950
479,425
396,875
455,612
B
Fig. 2 : TQOWE
Dimensioni, mm
558,800
r
D
R
d da
Ab
d
T
Fig. 1 : TQOW
250
15820000
8200000
8200000
7540000
8140000
6380000
19780000
13980000
18740000
18020000
11460000
6980000
7780000
17120000
16600000
11240000
8280000
10080000
C1(4)
B
e
0,33
0,42
0,42
0,33
0,33
0,35
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,37
0,37
0,33
0,33
0,33
0,47
0,33
2,03
1,62
1,62
2,03
2,03
1,92
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
1,82
1,82
2,03
2,03
2,03
1,43
2,03
Y1
1 x 106 cicli
Fig. 3 : 2TDIW
3,02
2,42
2,42
3,02
3,02
2,86
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
2,71
2,71
3,02
3,02
3,02
2,12
3,02
Y2
1180000
610000
610000
561000
606000
475000
1470000
1040000
1400000
1340000
854000
519000
579000
1280000
1240000
836000
616000
751000
C90
Capacità, N
4100000
2120000
2120000
1954000
2120000
1654000
5120000
3620000
4860000
4680000
2980000
1808000
2020000
4440000
4300000
2920000
2140000
2620000
C90(4)
670000
434000
434000
320000
345000
286000
839000
593000
794000
764000
486000
330000
367000
726000
704000
476000
499000
428000
Ca90
1,76
1,40
1,40
1,76
1,76
1,66
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,58
1,58
1,76
1,76
1,76
1,24
1,76
K
48000000
25200000
25200000
23760000
26480000
17360000
54800000
41600000
51600000
48800000
31840000
19640000
22480000
47200000
45600000
33120000
23520000
29320000
C0(4)
Statica
Fig. 5 : SWRB
(tenute compatte)
90 x 106 cicli
Fig. 4 : SWRB
(tenute a cassetto)
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
5,0
3,5
3,3
3,3
3,3
3,0
6,4
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
3,3
R
741,0
717,0
717,0
687,0
683,0
693,0
690,0
678,0
675,0
648,0
639,0
642,0
636,0
642,0
633,0
615,0
615,0
588,0
da
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
9,7
6,0
6,4
6,4
6,4
879,0
831,0
831,0
777,0
777,0
807,0
855,0
810,0
843,0
807,0
771,0
747,0
−
6,4
747,0
798,0
786,0
726,0
717,0
696,0
Db
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
r
Dimensioni, mm
*
*
*
11,0
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
Ab
P
P
P
S
P
S
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
S
P
1061
578
549
398
415
457
1437
873
1437
1263
698
455
467
1208
1155
606
468
535
kg
LM282500
655000
655000
L281100
L281100
749000
M281300
LM281000
M281000
M280300
LM280200
L480200
649000
M280200
M280000
LM278800
LM778500
LM277100
Serie del
cuscinetto
BUR
WR
WR
WR
WR
WR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
WR
WR
BUR
BUR
BUR
WR
BUR
1
2
1
3
1
2
1
1
1
1
1
5
1
1&3
1&3
1
1
1
Utilizzo Figura
TQOW-TQOWE
2TDIW-SWRB
Gabbia Massa
Tutte le serie seguenti possono essere proposte nella
configurazione 2TDIW o con estensione e possono essere
studiate nella versione con tenute,
Qualsiasi altra dimensione può essere presa in considerazione
per soddisfare le vostre nuove esigenze,
Tutte le serie possono essere fornite con scanalature per la
lubrificazione nella facce dei coni e con gole a spirale
nell’alesaggio dei coni se richiesto,
† la dimensione indicata è il valore massimo,
* contattare l’Ingegnere di Vendita Timken.
Note :
251
D
565,150
755,650
736,600
787,400
844,550
669,925
666,750
889,000
844,550
914,400
825,500
952,500
952,500 1069,975 1031,113
764,000
890,600
923,925
990,600
946,150
717,550
730,250 1035,050
762,000 1066,800
762,000 1079,500
825,500 1168,400
863,600 1130,300
863,600 1181,100
863,600 1219,200
877,888 1219,873
901,700 1295,400
938,212 1270,000
939,800 1333,500
939,800 1333,500
1006,475 1295,400
1070,000 1400,000
1139,825 1509,712
1200,150 1593,850
990,600
923,925
890,000
764,000
952,500
825,500
901,700
844,550
876,300
666,750
669,925
844,550
787,400
723,900
755,650
565,150
704,850
1105,000 1220,000
TQOW-TQOWE-2TDIW-SWRB
†1500,000 †1915,000
704,850
714,375 1016,000
425,450 774,700
317,500
914,400
317,500
d1
TQOWE
711,200
317,500
410,000
B
914,400
410,000
T
711,200
†710,000 †900,000
d
Dimensioni, mm
58000000
46200000
42043000
35200000
27800000
39000000
39000000
31200000
38200000
30400000
33000000
24400000
22200000
30600000
26200000
24000000
24400000
15920000
22000000
6540000
7100000
9780000
C1(4)
e
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,34
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,33
0,35
0,38
0,38
0,52
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,01
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
2,03
1,92
1,77
1,77
1,29
Y1
1 x 106 cicli
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
2,99
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
3,02
2,86
2,64
2,64
1,92
Y2
675000
984000
318000
344000
654000
Ca90
1110000
944000
8080000 1320000
9920000 1640000
7880000 1290000
8580000 1400000
6340000 1040000
5780000
7920000 1290000
6800000
6240000 1020000
6320000 1030000
4120000
5700000
1698000
1840000
2540000
C90(4)
90 x 106 cicli
9140000 1500000
7180000 1170000
4310000 15020000 2460000
3440000 11980000 1960000
3130000 10900000 1780000
2630000
2060000
2910000 10120000 1650000
2910000 10120000 1650000
2320000
2850000
2260000
2460000
1820000
1660000
2270000
1950000
1790000
1810000
1190000
1640000
488000
529000
728000
C90
Capacità, N
89200000
95200000
66800000
69600000
87600000
74400000
67600000
68400000
48800000
63200000
18520000
20760000
30520000
C0(4)
118400000
94000000
110400000
113600000
94400000
1,76
211200000
1,76 148000000
1,76 122000000
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,74 106000000
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,76
1,66
1,54
1,54
1,11
K
Statica
999,0
990,0
960,0
930,0
918,0
909,0
906,0
879,0
810,0
819,0
774,0
753,0
759,0
753,0
744,0
741,0
da
Spec 1577,0
4,8 1260,0
4,8 1200,0
5,0 1120,0
4,8 1055,0
4,8 1010,0
4,8
4,8
4,8
4,8
4,8
4,8
4,8
4,8
4,8
Spec
3,3
3,3
3,3
8,0
3,3
3,3
R
996,0
966,0
894,0
948,0
873,0
873,0
852,0
Db
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
Ab
13,0 1815,0 10,0
12,7 1500,0
12,7 1410,0
13,0 1320,0
12,7 1225,0
12,7 1240,0
12,7 1240,0
12,7 1190,0
12,7 1205,0
12,7 1136,0
12,7 1135,0
12,7 1110,0
12,7 1065,0
12,7 1085,0
12,7 1005,0
12,7
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
6,4
r
Dimensioni, mm
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
P
S
P
P
8182
5619
4306
3753
2630
4522
4436
3124
2749
3001
3340
2234
1837
3025
2401
2140
1536
1127
1909
572
537
633
kg
Gabbia Massa
L289400
LM288900
*
LM288400
LM288200
LM287800
LM287800
LM287600
634000
LM286700
547000
LM286400
LM286200
M285800
M284200
M284100
M283400
LM282800
M383200
755000
755000
L882400
Serie del
cuscinetto
BUR
BUR
WR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
BUR
WR
WR
WR
3
1
1&3
3
1
2
1&3
1&3
1
3
1&3
1
1&3
1&3
1
1
1
1
1
2
1
1
Utilizzo Figura
7 Glossario
2TS-DM
Ca90
assemblaggio di due cuscinetti
TS - montaggio diretto
2TS-IM
capacità assiale basata su 90 milioni di
cicli per 1 fila
CARICO ASSIALE “indotto”
assemblaggio di due cuscinetti
TS - montaggio indiretto
componente assiale del carico radiale
esterno scomposta secondo l’angolo
di contatto α
α
angolo di contatto del cuscinetto
ACCIAIO “CEVM”
CENTRO DI SPINTA EFFETTIVO DEL
CUSCINETTO
punto sull’asse del cuscinetto dove è
applicato il carico
acciaio fuso sottovuoto ad elettrodo
consumabile
ACCIAIO “ESR”
CENTRO GEOMETRICO DEL
CUSCINETTO
acciaio rifuso elettricamente sotto
scoria protettiva
proiezione perpendicolare della
mezzeria del rullo sull’asse del
cuscinetto
ACCIAIO “VAR”
acciaio rifuso ad arco sottovuoto
Cono
anello interno del cuscinetto
ANGOLO DI CONTATTO “α“
metà dell’angolo della coppa
(delimitato dalle sue piste)
Contatto bordino-rullo
contatto ellittico tra la base sferica del
rullo e la superficie interna del bordino
grande dell’anello interno
APEX (disegno “on-apex”)
le generatrici dei rulli e delle piste
degli anelli interno ed esterno si
incontrano tutte nello stesso punto
sull’asse del cuscinetto
BEP (Bench EndPlay)
Gioco assiale del cuscinetto
assemblato al banco, prima del
montaggio
BPL (Bench PreLoad)
Precarico assiale del cuscinetto
assemblato al banco, prima del
montaggio
Contatto di rotolamento
contatto tra le piste dei rulli e le piste
dell’anello interno ed esterno
Contatto di strisciamento
contatto tra la base del rullo e il
bordino grande del cono
Coppa
anello sterno del cuscinetto
Cuscinetti impilati (tandem)
assemblaggio di diversi cuscinetti
TS con i centri effettivi tutti nella
stessa direzione
BORDINO (bordino grande del cono)
bordino usato per mantenere, guidare
ed allineare i rulli nel cuscinetto
assemblato
BORDINO (bordino piccolo del cono)
bordino sulla faccia piccola dell’anello
interno, aiuta a mantenere i rulli e la
gabbia in posizione sull’anello interno
BORDINO ESTESO
faccia grande o piccola dell’anello
interno che è stata allungata per agire
come sede di una tenuta
C0(1), C0(2), C0(4), C0(6)
capacità statiche per 1, 2, 4 e 6 file
rispettivamente
C1(1), C1(2), C1(4), C1(6)
capacità radiale basata su 1 milione di
cicli per 1, 2, 4 e 6 file rispettivamente
C90(1), C90(2), C90(4), C90(6),
capacità radiale basata su 90 milioni di
cicli per 1, 2, 4 e 6 file rispettivamente
Ca1
capacità assiale basata su 1 milione di
cicli per 1 fila
cSt
centistokes : unità di misura della
viscosità
Diametro medio del rullo
diametro del rullo misurato al centro
della pista
Disassamento
angolo tra gli assi dell’anello interno e
dell’anello esterno
Distanza dei centri di spinta effettivi
dei cuscinetti
distanza tra i due centri effettivi dei
cuscinetti
Durata : L10
durata calcolata raggiunta dal 90 % dei
cuscinetti
Durata : sistema
considera le durate combinate nelle
diverse file dei cuscinetti. La durata del
sistema è sempre inferiore della durata
più bassa del singolo componente
254
Durezza HRC
Rockwell C : unità di misura della
durezza superficiale -i cuscinetti a rulli
conici Timken hanno una durezza
superficiale da 58 a 62 HRC
MEP (Gioco montato)
gioco radiale od assiale rimasto nel
cuscinetto dopo il montaggio
nell’applicazione
Montaggio diretto
Errore di rotazione “radiale”
(Runout)
precisione di rotazione misurata
radialmente su un cuscinetto
assemblato
in un sistema a due file, i centri
effettivi delle due file sono orientati
verso l’interno
Montaggio indiretto
in un sistema a due file, i centri
effettivi delle due file sono orientati
verso l’esterno
Faccia anteriore del cono (CFF)
faccia piccola del cono
Faccia anteriore della coppa (CFF)
Moto di puro rotolamento
lungo le piste di un rullo, per il
concetto conico tutti i punti ruotano
alla stessa velocità
faccia piccola della coppa
Faccia posteriore del cono (CBF)
faccia grande del cono
Rulli
elemento rotolante a cono tronco del
cuscinetto (generalmente da 15 a 50
rulli per fila in funzione delle
dimensioni)
Faccia posteriore della coppa (CBF)
faccia grande della coppa
Fattore K
SWRB
usato nel calcolo Timken :
cuscinetti con tenute per cilindri di
lavoro
K = 0,389 x cot α
K = rapporto tra capacità di carico
radiale ed assiale
Zona di carico
porzione angolare del cuscinetto che
sopporta il carico
Gabbia “a perni”
gabbia fatta con perni passanti
attraverso/o tra (perni esterni)
i rulli e saldati ad entrambe le
estremità a due anelli esterni della
gabbia
Tabella di conversione
Gabbia “lavorata”
gabbia ottenuta per fresatura dal pieno
Gabbia “stampata”
gabbia formata da lamiera di acciaio
con tasche ricavate successivamente
Gioco “assiale”
spostamento assiale possibile tra un
anello interno ed il suo corrispondente
anello esterno tra un sistema di
cuscinetti a due file di rulli conici
in
1 in = 25.4 mm
(pollice)
lb
1 lb = 0.45 kg
(libbra)
l
(litro)
1 l = 0.0353 ft3
1 l = 61.02in3
1 l = 1000 cm3
m
1 m = 3.28 ft
Gioco della gabbia
spazio necessario attorno alla gabbia
del cuscinetto per evitare ogni contatto
con altri componenti
Gioco “radiale”
spostamento radiale possibile tra gli
anelli interni e gli anelli esterni in un
sistema di cuscinetti a due file di rulli
conici
Intraversamento
disassamento positivo o negativo del
rullo sulla pista del cono
Lunghezza effettiva del rullo
lunghezza della pista del rullo che
sopporta il carico
(metro)
mm
1 mm = 0.03937 in
(millimetro)
N
1 N = 0.225 lbf
(newton)
Bar
1 bar = 105 Pa
psi
1 psi = 6894 Pa
1 psi = 0.0689 bar
(libbra per
pollice quadrato)
7. Glossario
255
Per Nord e Sud America e Asia :
THE TIMKEN COMPANY
1835 Dueber Ave., S.W.
Canton, Ohio 44706 U.S.A.
Per Europa, Africa ed Asia Occidentale :
THE TIMKEN COMPANY
2, rue Timken - B.P. 89
68002 COLMAR CEDEX-FRANCE
IL VOSTRO CONTATTO :
To get the best performance out of the application, especially when operating conditions are critical, we encourage
the customer to discuss the application with The Timken Company.
Nevertheless, actual bearing performance is affected by many factors beyond the control of The Timken Company.
Therefore, the feasibility of all bearing applications should be validated by the customer.
The contents of this publication are the copyright of the publishers and may not be reproduced, in any form, in whole
or in part, without written permission from the publishers. Every effort has been made to ensure the accuracy of the
information contained but no liability can be accepted for errors, omissions or any other reason.
Proper bearing maintenance and handling practices are critical. Failure to follow installation instructions and to maintain proper lubrication can result in equipment failure, creating a risk of serious bodily harm.
©1996 The Timken Company - Stampato in Francia da Publiaxes
su carta non trattata con cloro
Foto : The Timken Company, Diaphor, Hebinger, Studio Pons, Cervo, Zekri, N’Guyen Tien, Charliat, Bernhart, Ratajczyk, Bonnardel, Melonio, Rouker.
Fototeca : Ugine S.A., Sollac, Usinor-Sacilor, Fina Europe
Autori : M. Baker, R. Duval, R. Gassmann, R. Heyberger, J. Jaloux
Marketing sponsor : M. Adkins, R. Duval, A. Van Der Merwe
Versione italiana a cura di R. De Cecchi
20/03/00
15:44
Page 2
Manuale Tecnico per l’Industria Siderurgica
COUV-IT
Timken è un marchio di fabbrica della
The Timken Company
©1996 The Timken Company
WORLDWIDE LEADER IN BEARINGS AND STEEL
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement