MANUALE TECNICO

MANUALE TECNICO
Pannelli rigidi e flessibili con
nucleo minerale non combustibile
ALPOLIC®/fr per rivestimenti esterni
MANUALE TECNICO
3
2
Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc.
DIC. 2005
1/115
Indice
Descrizione dei pannelli ALPOLIC®/fr
1. Composizione e materiali
2. Produzione
3. Caratteristiche
4. Rigidità
5. Composizione
6. Verniciatura
7. Serie Stones [pietre] e Wood
8. Comportamento al fuoco
Guida ai progettisti
1. Resistenza strutturale
1-1. Resistenza dei pannelli ALPOLIC® /fr
1-2. Deformazione al taglio
1-3. Resistenza del supporto
1-4. Resistenza dei giunti
2. Espansione termica
3. Isolamento termico
4. Impermeabilizzazione
5. Progettazione del pannello e particolari di pannelli speciali
6. Parafulmini
Appendice 1: Resistenza strutturale dell’ALPOLIC®/fr
Appendice 2: Metodo di calcolo della resistenza
Appendice 3: Deformazione al taglio
Appendice 4: Resistenza del supporto
Appendice 5: Resistenza dei fori di fissaggio
Appendice 6: Passaggio di calore attraverso il rivestimento esterno
Appendice 7: Caratteristiche generali del sigillante
Appendice 8: Parafulmini
Lavorazione e Montaggio
1. Metodologia di lavoro
1.1 Disegni di Lavorazione
1.2 Disegni Esecutivi di Fabbricazione dei pannelli
1.3 Ottimizzazione dei Pannelli
1.4 Esempio di Disegni di Lavorazione, Montaggio, etc…
2. Lavorazioni
3. Procedura di montaggio
4. Avvertenze per la lavorazione e montaggio
Appendice 1: Esempio di disegni e ottimizzazione dimensioni dei
pannelli (estratto)
Appendice 2: Elenco attrezzature
Appendice 3: Procedure tipiche di lavorazione
Appendice 4: Esempi di pannelli complicati
Appendice 5: Metodi di saldatura
Appendice 6: impermeabilizzazioni, giunzioni
5-11
5
5
6
6
7
7
8
9-11
12-49
12
13
14
14
14
15
15
16
17
18
19-26
27-34
35-36
37-39
40
41-45
46
47-49
50-89
51
52
52
52
52
53-54
55-56
57
58-75
77-77
78-79
80-87
88
89
2/115
Kit di Manutenzione
(A) Riparazione rivestimento e ritocchi
(B) Riverniciatura dei pannelli ALPOLIC®
(C) Verniciatura a base di Lumiflon per elementi in alluminio
(D) Pulizia
(E) Esempi pratici di pulizia
(F) Stoccaggio pannelli
Dati tecnici e controllo qualità
(A) Dati tecnici principali (ALPOLIC®/fr)
(B) Confronto tra ALPOLIC® e ALPOLIC®/fr
(C) Scheda di sicurezza (MSDS)
(D) Riciclaggio materiale di scarto
(E) Produzione e controllo qualità
(F) Garanzia della verniciatura Lumiflon
90-99
91
92-93
94
95-97
98
99
100-115
101-104
105-106
107-109
110
111-113
114-115
3/115
Descrizione dei pannelli ALPOLIC®/fr
1. Materiale
2. Procedimento produttivo
3. Caratteristiche generali
4. Rigidità strutturale
5. Composizione
6. Verniciatura
7. Serie “Stone” e Wood
8. Comportamento al fuoco
5
5
6
6
7
7
8
9-11
4/115
I pannelli ALPOLIC®/fr sono realizzati con materiale composito in alluminio (ACM) e destinati
all’industria delle costruzioni. Questa brochure é stata redatta allo scopo di illustrare le
caratteristiche, veramente uniche, dei pannelli ALPOLIC®/fr ed al contempo fornire alcuni principi
pratici fondamentali per progettisti ed installatori con istruzioni per il taglio, il montaggio e l’uso per
facciate/muri esterni su progetti nuovi e di ristrutturazione.
1. Materiale
I pannelli ALPOLIC®/fr sono costituiti da un nucleo racchiuso tra due lamiere piane di alluminio. Il
nucleo è costituito da un minerale non infiammabile e da una piccola quantità di materiale
termoplastico che lo rende assolutamente sicuro da un punto di vista dell’infiammabilità. Le lamiere
esterne sono di alluminio 3105 H14 e con uno spessore di 0.5mm. Il lato esposto è finito con vernici
fluororate (al fluoro-carbonio) a base di fluoropolimeri (Lumiflon) ad altissima qualità delle
prestazioni. La superficie posteriore (retro) può essere colorata o neutra.
Sezione di un Pannello multistrato tipo ALPOLIC®/fr
Vernice al fluoro carbonio
Lamina d’alluminio 0.5mm
Nucleo minerale non combustibile da
2.0-5.0mm
Lamina d’alluminio 0.5mm
Strato di materiale colorato o neutro
Spessore totale: 3mm, 4mm o 6mm
2. Procedimento produttivo
Procedimento produttivo
I pannelli ALPOLIC®/fr sono prodotti
su due linee: la linea di verniciatura coils (bobine)
e la linea di laminazione. Sulla linea di verniciatura, Materia prima
la vernice è applicata in modo continuo su tutta
la bobina di alluminio ottenendo un grado di finitura
di qualità omogenea e costante. Questa linea è dotata Verniciatura coils
di un sistema speciale di “Spalmatura” messo a punto
dalla Mitsubishi Chemical per garantire la realizzazione
di un manto liscio e finissimo. Il sistema utilizza
Materia prima
vernici al fluoro carbonio a base di Lumiflon idonee a
produrre finiture di lunghissima durata e qualità
omogenea.
Laminazione
Spalmatura
imballaggio
Spedizione
Sulla linea di laminatura, l’alluminio in coils (bobine) viene laminato assieme al materiale del nucleo
fino a creare una foglia liscia e piatta di materiale composito. Fino a poco tempo fa, l’estrusione del
nucleo a base minerale presentava non poche difficoltà, ma l’utilizzo di una tecnologia d’avanguardia
ci ha permesso di arrivare alla produzione dell’ALPOLIC®/fr con la stessa facilità di qualsiasi altro
normale materiale per nuclei e riempimenti.
5/115
3. Caratteristiche generali
L’ALPOLIC®/fr offre caratteristiche e vantaggi unici:
Caratteristiche
Planarità eccellente: il processo di laminatura in continuo é garanzia
dell’ALPOOLIC®/fr
®
di una planarità eccellente di tutti i pannelli ALPOLIC /fr.
Planarità eccellente
Uniformità di colore: il sistema di distribuzione della vernice sulla
bobina in svolgimento assicura la massima uniformità del colore.
Leggerezza e rigidità: materiale in foglia assolutamente
leggero e al contempo resistente con gravità di 1.2 - 1.5
Uniformità di colore
Leggerezza e rigidità
e 40% di peso in meno rispetto a fogli di alluminio massiccio
di pari rigidità.
Lavorabilità: L’ALPOLIC® é facile da tagliare, piegare,
Sicurezza
intagliare e sagomare utilizzando normali macchine e attrezzi Lavorabilità
antincendio
per la lavorazione del legno.
Sicurezza antincendio: con il suo nucleo non combustibile a base
Laminato
minerale, l’ALPOLIC®/fr risponde pianamente ai requisiti della
Verniciato in coils
normativa antincendio di vari paesi e regioni inclusi
gli USA e il Giappone.
4. Rigidità dell’ALPOLIC®/fr
L’ALPOLIC®/fr é un materiale ad elevata rigidità,
in particolare se paragonato all’alluminio massiccio.
Applicando carichi uniformi sul pannello composito,
le due foglie esterne di alluminio si comportano come
una trave ad H. Grazie alla loro resistenza a trazione
e rigidità, i nostri pannelli compositi in alluminio sono
particolarmente indicati per tutta l’industria della
cartellonistica.
Effetto multiplo dell’alluminio composito
Paragonati a pannelli di alluminio massiccio, i pannelli
ALPOLIC®/fr, pur avendo un’elevata resistenza a flessione,
sono circa il 15% più leggeri.
Alluminio 0.5mm
Nucleo non combustibile di
materiale minerale con
spessore 2.0-5.0mm
Alluminio 0.5mm
Confronto di rigidità flessionale
ALPOLIC®
Alluminio massiccio
Spessore
Peso
Spessore
Peso
(mm)
(kg/m2) equivalente (kg/m2)
(mm)
3
4
6
6.0
7.6
10.9
2.7
3.3
4.5
7.3
8.9
12.2
Rapporto
peso con
alluminio
massiccio
=100
82%
85%
89%
6/115
5. Composizione
I pannelli ALPOLIC®/fr sono composti di
più strati di materiali diversi. Il fenomeno
della corrosione attacca normalmente sui
bordi tagliati penetrando poi all’interno. In
questi casi si verifica uno staccamento delle
foglie di alluminio dal nucleo centrale. Per
impedire questo fenomeno, il lato interno
delle due foglie di alluminio dei nostri
pannelli è trattato con vernice antiruggine.
Il retro del pannello (lato non esposto) può
essere colorato o trattato con altro manto
di protezione dell’alluminio dall’attacco di
alcali del cemento o corrosione galvanica
da contatto con acciaio.
Sezione di un pannello ALPOLIC®/fr
1) Pellicola trasparente (colori metallizzati)
2) Strato di finitura
3) Primer
4) Pre-trattamento
5) Foglio d’alluminio
4) Pre-trattamento
6) Vernice antiruggine
7) Nucleo minerale non
combustibile
6) Vernice antiruggine
4) Pre-trattamento
5) Foglia d’alluminio
4) Pre-trattamento
8) Strato di protezione
6. Verniciatura
(1) Variazione di colore
Bobina verniciata
La vernice fluorurata a base di Lumiflon utilizzata per la finitura dei
Pannelli ALPOLIC®/fr ha un’altissima qualità delle prestazioni ed è
estremamente resiliente. Attualmente abbiamo disponibili 4 tipi di finiture
diverse (tinte unite, tinte metallizzate, smalti e pietre) in tutti i colori standard.
Su richiesta disponiamo di cartelle colori per migliore riferimento. Su richiesta e
per determinati quantitativi minimi, possiamo realizzare colori personalizzati in
tutti i 4 tipi di finiture. Nota: alcuni colori personalizzati potrebbero essere di difficile abbinamento a
causa della disponibilità delle vernici.
(2) Tecnica di rivestimento
Le tinte unite sono tutte realizzate in ricottura (2
3-mani , 3-cotture
mani) con uno spessore totale della pellicola
essiccata di minimo 25 micron.
Mano trasparente
(fluorocarbonio)
I colori metallizzati e gli smalti sono realizzati con
Mano metallizzata
3 cotture e quindi 3 mani con uno spessore totale
(fluorocarbonio)
della pellicola essiccata di minimo 35 micron.
La serie “Stone” (pietre) é realizzata con un sistema
di serigrafia con uno spessore totale della pellicola
essiccata di minimo 45 micron.
Per maggiori informazioni vedi il capitolo “Specifiche tecniche”.
(3) Qualità del rivestimento
Le vernici fluororate a base di Lumiflon (fluoropolimero) sono note per le loro eccellenti
caratteristiche di durata. Per tutti e 4 i tipi di finitura disponibili, la vernice viene applicata alla bobina
in svolgimento su linee di spalmatura continua ottenendo caratteristiche perfettamente conformi alle
“specifiche per la verniciatura di materiali in coil (bobine) per uso edile esterno” pubblicate dall’
ECCA (Associazione Europea Trattamenti Superficiali in bobina) e dall’AAMA (American
Architectural Manufacturers Association).
7/115
(4) Qualità delle vernici
A parità di condizioni atmosferiche, le vernici fluororate a base di Lumiflon (fluoropolimero) hanno
caratteristiche di durata straordinarie e sicuramente superiori a quelle delle vernici tradizionali a base
di poliestere, acrilici e poliuretani. Inoltre questo tipo di rivestimento riduce la necessità di interventi
di pulizia/ritocco mentre le vernici tradizionali devono comunque essere rifatte ogni certo numero di
anni.
Garanzia:
I rivestimenti realizzati con vernici fluororate a base di Lumiflon (fluoropolimero) sono garantiti per
10 anni.
7. Serie “Stone” (= pietra) e “Wood” (=legno)
La serie ALPOLIC®/fr Stone [pietre] e Wood é stata
studiata e realizzata come alternativa al granite/marmo
naturale. L’aspetto della pietra viene ottenuto per mezzo di
un sofisticato processo di serigrafia mentre la colorazione
viene ottenuta per spalmatura dell’alluminio in coils
(bobine) con vernici fluorurate a base di Lumiflon. Si tratta
di una finitura decisamente più decorativa ma con le stesse
caratteristiche tecniche dei pannelli in tinta unita,
metallizzata e smaltata.
La serie ALPOLIC®/fr Stone [pietre] e Wood ha inoltre alcuni particolari vantaggi specifici. Innanzi
tutto pesa solo il 15% di quello che peserebbe un pannello analogo di granito naturale, si può piegare,
lavorare e sagomare per produrre forme diverse con estrema facilità. Inoltre i pannelli ALPOLIC®/fr
serie Stone [pietre] sono disponibili in misure standard superiori a quelle del granito naturale.
Confronto tra granito e ALPOLIC®/fr
Granito 30mm
Peso
Materiale
81 kg/m2
supporto
Alpha
Totale
81 kg/m2+ Alpha
Dimensioni pannello
Non grandissime
Piegatura
Non possibile
Pulizia
Difficile
ALPOLIC®/fr 4mm
7.6 kg/m2
4.8 kg/m2
12.4 kg/m2
grandi (da 1.5×3.0m in su)
Possibile
Facile
8/115
8. Comportamento al fuoco dei pannelli ALPOLIC®/fr
Per poter certificare la non infiammabilità dei materiali edili occorre eseguire una quantità elevata di
svariati test. Allo stato attuale l’ALPOLIC®/fr é stato sottoposto ed ha superato i seguenti test in tutto
il mondo:
ALPOLIC®/fr – Tabella riassuntiva test antincendio
Categoria
Rivestimenti
esterni
Paese
Gran
Bretagna
Germania
USA
Canada
Cina
Giappone
Coperture
USA
Pareti taglia
fuoco
USA
Interni
USA
USA
Giappone
Normativa di riferimento - test
ALPOLIC/fr
provino
4 mm & 6 mm
DIN4102 Parte 1
British Thermal Unit (NFPA 259-93)
Drum Peel Test in accordo con ASTM D1781-76
Tunnel Test in accordo con ASTM E-84
ASTM E-108 revisionate
Test con Apparato multipiano scala intermedia
in accordo con UBC 26-9 & NFPA 285, ISMA
Test di infiammabilità muri esterni su scala reale
in accordo con le CAN/ULC-S 134-92,
GB8625, GB8626 & GB8627
Test di emissione di calore dei materiali non
combustibili come da ISO 5660-1
4 mm & 6mm
4 mm
4 mm & 6mm
4 mm & 6mm
4 mm
4 mm & 6mm
Risultato e
Classificazione
Classe 0
Classe 1
Classe B1
Superato
Superato
Classe A / Classe 1
Superato
Superato
4 mm
Superato
4 mm
4 mm & 6 mm
Test di infiammabilità coperture come da ASTM
E108
Prova di resistenza a 1 e 2 ore in accordo con le
ASTM E119
4 mm
Classe B1
Superato con
Certificato no.
NE-0001
Superato. Classe A
BS476 - Parte 6 e 7
Test di resistenza d’angolo in spazi interni
(UBC 26-3)
Prova di tossicità in caso di incendio in accordo
con il Codice di Edilizia Civile e la Normativa
antincendio dello stato di t, New York
Test di emissione di calore dei materiali non
combustibili come da ISO 5660-1 e Test gas
tossici
4 mm
4 mm
Non diminuisce la
resistenza di pareti
taglia fuoco
Superato
4 mm
Superato
3 - 6mm
Superato con
Certificato No.
NE-209
(1) Prove di resistenza al fuoco negli U.S.A.
Tetto
La normative e i test antincendio negli USA sono da
anni oggetto di grande attenzione. Nei rivestimenti esterni
l’aspetto più importante – soprattutto per grattacieli e edifici alti é la risalita delle fiamme lungo una parete esterna verticale.
I codici edili americani impongono test come l’ISMA (simulazione in edifici multipiano in scala media) per la valutazione del
grado di attacco e risalita delle fiamme lungo il rivestimento
esterno di edifici a più piani in condizioni controllate.
L’ALPOLIC®/fr non solo ha superato tutte queste prove ma é
stato anche certificato come materiale a norma negli USA.
Salvataggio sul tetto con
elicotteri
Fuga dall’alto
Le fiamme salgono
Incendio
Massima altezza
scala dei pompieri
Facilità
di fuga
Autopompe
Grattacielo
Palazzina
9/115
Simulazione di incendio in un edificio multipiano scala intermedia (test ISMA)
Edificio in miniatura
25 minuti dopo il divampare delle fiamme
3m
4.
w=
0m
2.
h=5.5m
h=0.76m
0.5m
panelli ALPOLIC®/fr
4mm & 6mm
0.76m
1.2m
Bruciatore sulla
finestra
Bruciatore interno
(2) Prove antincendio per coperture
L’ALPOLIC®/fr é stato classificato materiale di copertura Classe A in base alle norme ASTM E108.
La prova di infiammabilità del materiale é stata eseguita per conduzione di tre test: marcatura a fuoco,
fiamma intermittente e fiamma diffusa.
Test a fiamma intermittente e diffusa
Marcatura a fuoco
ALPOLIC®/fr
®
Marcatura
ALPOLIC /fr
Termocoppia
(3)
Alimentazione gas
Entrata aria
Supporto
provino
Prove antincendio per materiali da interni
L’ALPOLIC®/fr ha superato il test di resistenza al fuoco negli angoli previsto dalla norma UBC26-3
per la verifica del grado di infiammabilità di materiali per finiture di interni.
10/115
Test di resistenza al fuoco negli angoli come da
UBC26-3
③
3.6m
(12’)
0.8m
2.4m
②
(8’)
2.4m
(8’)
2.0m
Bruciatore: a gas o a legna da 30 libre
Tempo di esposizione: 15 minuti
L’interno della sala è rifinito con il materiale di prova.
(1) Pareti laterali: la zona vicina all'apertura non é
rilevante
(2) Parete frontale
(3) Soffitto: optional
(4) Certificazioni in Giappone
In Giappone l’ALPOLIC®/fr ha superato il nuovo test con calorimetro a cono in conformità alle norme
ISO5660-1: un test standard per verificare la resistenza alla fiamma dei materiali edili. Inoltre il
materiale è stato certificato come non combustibile per applicazioni in rivestimenti esterni, coperture e
rivestimenti interni. (Certificato No. NE-001 e NE-209)
11/115
Linee guida per i progettisti
1. Resistenza strutturale
1-1. Resistenza dei pannelli ALPOLIC®
1-2. Deformazione da taglio
1-3. Resistenza del telaio di fissaggio
1-4. Resistenza del foro di fissaggio
2. Espansione termica
3. Proprietà d’isolamento termico
4. Impermeabilizzazione
5. Aspetto del pannello e pannelli speciali
6. Protezione da fulmini e scosse elettriche
Appendice 1:
Appendice 2:
Appendice 3:
Appendice 4:
Appendice 5:
Appendice 6:
Appendice 7:
Appendice 8:
Resistenza strutturale dei pannelli ALPOLIC®/fr
Metodo di calcolo strutturale del ALPOLIC®/fr
Deformazione da taglio
Resistenza del supporto (telaio di fissaggio)
Resistenza del foro di fissaggio
Trasmissione di calore dei rivestimenti esterni
Caratteristiche generali del sigillante
Protezione da fulmini e scosse elettriche
12-14
13
14
14
14
15
15
16
17
18
19-26
27-34
35-36
37-39
40
41-45
46
47-49
12/115
Una delle condizioni fondamentali per una buona realizzazione di opere con i pannelli ALPOLIC®/fr è
che l’impresa esecutrice esegua tutte le lavorazioni nel totale rispetto dei disegni e delle specifiche di
progetto. Per poter eseguire correttamente tutte le lavorazioni, è necessario tenere ben presente le
caratteristiche estetiche del pannello e i particolari costruttivi fissandoli di comune accordo con
l’architetto e il cliente. Contemporaneamente si dovrà verificare che tutte le fasi del metodo costruttivo
siano conformi alle specifiche del progetto. Un tipico progetto ALPOLIC®/fr deve tenere conto dei
seguenti criteri fondamentali:
1. Resistenza strutturale
2. Espansione termica
3. Proprietà d’isolamento termico
4. Impermeabilizzazione
5. Aspetto del pannello e particolari di montaggio
Resistenza strutturale
Per applicazioni in esterno, i pannelli ALPOLIC®/fr e il
supporto (telaio di fissaggio) devono essere idonei a
resistere alla forza del vento in località d’applicazione.
Quando il vento soffia sul pannello, il telaio di fissaggio
viene sottoposto ad una pressione positiva e conseguente
deflessione. Se il carico del vento e il grado di deflessione
non superano i limiti di elasticità, pannelli e telaio
riprenderanno forma e posizione originale al cessare
dell’evento.
Al contrario, i pannelli ALPOLIC®/fr sul lato opposto
dell’edificio saranno sottoposti a pressione negativa con
verificarsi di un fenomeno di tensione su tutti i punti di
giunzione. Carichi di trazione estremamente elevati potrebbero pertanto arrivare a causare la
separazione della giunzione.
Perciò occorre studiare la resistenza strutturale globale del sistema di installazione basandosi sul
carico del vento indicato a livello di progetto della struttura.
1-1. Resistenza dei pannelli ALPOLIC®/fr
Calcolo della deformazione permanente: la resistenza dei pannelli ALPOLIC®/fr é determinata
dall’involucro di alluminio. Pertanto se la lamina d’alluminio é sottoposta ad un grado di
sollecitazione inferiore al limite massimo ammissibile, non si verificherà deformazione permanente
del pannello. In questo caso, la massima sollecitazione ammissibile sul pannello viene calcolata in
ragione dello 0.2% dello snervamento della lamina di alluminio diviso per un fattore di sicurezza. Lo
0.2% della sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) dipende a sua volta dalla lega
dell’alluminio e dal tipo di tempra. Per l’ALPOLIC®/fr si applicano i seguenti valori:
ALPOLIC®/fr
Lega e tempra
3mm, 4mm e 6mm
3105 H14
0.2% della sollecitazione oltre il
limite elastico
152 N/mm2
13/115
In linea generale, la resistenza del pannello dipende dai seguenti fattori:
(1) Carico del vento
(2) Condizioni di sostegno
(3) Spessore del pannello ALPOLIC®/fr
(4) Spessore della foglia di alluminio e 0.2% della sollecitazione oltre il limite elastico
(5) Dimensioni del pannello ALPOLIC®/fr
La resistenza del pannello può essere calcolata in base ai suddetti fattori e per mezzo di svariate
equazioni riportate nel fascicolo bianco (Manuale tecnico ALPOLIC®).
Calcolo della deflessione del pannello: mentre la deformazione permanente è una condizione estrema
e pertanto sempre da verificare, la deflessione è una condizione di servizio del progetto e dovrà essere
verificata solo se nel progetto viene specificato un valore teorico di massima deflessione, al fine di
dimostrare se tale valore teorico è rispettato o no. Il calcolo di verifica della deflessione si effettua con
il metodo riportato al fascicolo bianco (White Binder, manuale tecnico ALPOLIC®).
I risultati del calcolo per i 3mm, 4mm e 6mm sono quelli contenuti all’appendice 1. Il metodo di
calcolo strutturale è quello descritto all’appendice 2.
1-2. Deformazione da taglio
In aree a rischio sismico, i pannelli per facciate devono essere idonei a resistere a sollecitazioni di
taglio che attraversano la superficie del pannello. All’appendice 3 riportiamo il risultato di un test
condotto in base alla norma JIS A1414 “Test di deformazione di un pannello per facciata (non
portante) sottoposto ad una forza di taglio parallela alla superficie del pannello”. Come dimostra il
test, il pannello ALPOLIC®/fr resiste al taglio entro un campo di spostamento da 1/400 a 1/50.
1-3. Resistenza del telaio di fissaggio
Normalmente i pannelli ALPOLIC®/fr vengono installati su delle
strutture di acciaio o di alluminio. Il telaio di fissaggio deve
sostenere il carico del vento e la sua resistenza dipenderà dai
seguenti fattori:
(1) Rigidità
(2) Distanza tra i punti di ancoraggio
(3) Pressione esercitata dal carico del vento
Carico uniforme
Supporto
Dato che il telaio di fissaggio viene di solito considerato come parte integrante della struttura, la
massima flessione ammissibile deve rispettare la regola di L/200 cioè la deflessione massima deve
essere inferiore alla distanza tra gli ancoraggi divisa per 200 (0.5% della distanza tra gli ancoraggi)
come descritto all’appendice 3 nell’esempio di calcolo della resistenza del supporto.
1-4. Resistenza del foro di fissaggio
Se il pannello ALPOLIC®/fr viene sottoposto a carichi di
pressione negativa, il foro di fissaggio dei rivetti o delle viti
deve essere in grado di sostenere la tensione. In caso contrario,
Profilo di alluminio
ALPOLIC®/fr
14/115
la giunzione si separa e il pannello si distacca. In questo modo, é possibile calcolare la distanza tra i
punti di giunzione.
Nella realtà dei casi e delle applicazioni, la posizione dei fori di fissaggio é molto importante. Fori
troppo vicini al bordo del pannello, perdono di resistenza e potrebbero risultare insufficienti allo
scopo. Normalmente la distanza dell’asse del foro dal bordo del pannello dovrebbe essere almeno il
doppio del diametro del foro. (v. appendice 4 per maggiori dati)
Nota: per poter prevenire la corrosione galvanica del pannello ALPOLIC®/fr si consiglia unicamente
l’uso di rivetti,viti e bulloni di alluminio o inox. Mettendo il pannello a contatto con materiali diversi,
occorre predisporre sul metallo un rivestimento di almeno 25 micron di spessore.
2. Espansione termica
Il tasso di espansione termica dei pannelli ALPOLIC®/fr è uguale a quello dell’alluminio. Perciò
eventuali escursioni termiche non causeranno movimenti o assestamenti tra pannelli ALPOLIC®/fr ed
estrusi d’alluminio. Al contrario, dato che acciaio e calcestruzzo hanno un coefficiente di espansione
termica inferiore, è possibile che si verifichi un certo spostamento tra i pannelli e si può prevedere un
certo movimento longitudinale tra i pannelli ALPOLIC®/fr e questi materiali strutturali. Questo
movimento è normalmente contenuto a 1-3mm , ma va controllato misurandolo con metodi adeguati.
Espansione e contrazione termica
Materiale
Tasso di
espansione
(/°C)
®
ALPOLIC /fr
24×10-6
Alluminio
24×10-6
Acciaio
12×10-6
Calcestruzzo
12×10-6
Foglie di acrilico
50-90×10-6
Allungamento/m
ogni 50°C
Foro
1.2mm
1.2mm
0.6mm
0.6mm
2.5-4.5mm
Al contrario di alluminio e calcestruzzo, l’acrilico ha un tasso di espansione superiore a quello dei
pannelli e quindi se viene abbinato all’ALPOLIC® occorre prevedere spazio sufficiente al movimento
del materiale di acrilico.
Lo schema in figura rappresenta un caso tipico di foro allargato per bilanciare possibili movimenti tra
il pannello ALPOLIC®/fr e il supporto di acciaio.
3. Proprietà di isolamento termico
Ai fini dell’applicazione dei pannelli ALPOLIC®/fr come
rivestimento di un muro esterno, occorre valutare le proprietà
d’isolamento termico della struttura globale.
Il calore si propaga in tre modi diversi: per radiazione,
convezione e conduzione. La trasmissione del calore sui muri
esterni avviene per combinazione di questi tre meccanismi.
Trasmissione del calore
Esterno
Interno
I
II
III
t1
Ao
Ai
t2
d/C
15/115
In caso di escursioni termiche tra ambienti interni ed esterni, il calore si propaga dalle zone calde verso
quelle più fredde per mezzo di (I) passaggio da atmosfera a muro, (II) conduzione del calore attraverso
il muro e (III) trasferimento di calore da
muro ad aria. Questo processo globale viene Esterno
Interno
definito trasmissione termica e si esprime
1'
4
con un valore K (kcal/m2h°C) o U (W/(m2K).
1
1: ALPOLIC/fr
La trasmissione del calore attraverso la
2: Intercapedine 100mm
5
3: Muro di mattoni 115mm
struttura muraria é la somma dei vari
2
4: Intercapedine 50mm
passaggi del calore attraverso ogni singolo
5: Pannello di gesso 12mm
5'
3
elemento della struttura a partire dalla
®
superficie esterna del pannello ALPOLIC /fr
fino alla superficie interna del muro. In linea generale, il pannello ALPOLIC®/fr di per sé non ha
sufficienti poteri di isolamento per poter fungere da muro esterno, ma l’intercapedine che si crea nel
montaggio tra pannello ALPOLIC®/fr e muro ha un notevole effetto isolante. La seguente tabella
contiene un esempio di calcolo della trasmissione totale di calore.
Esempio di calcolo della trasmissione di calore attraverso un muro esterno
No
1'
1
2
3
4
5
5'
Flussi di propagamento del calore
Trasmissione da atmosfera a ALPOLIC®
Conduzione di calore interna nell’ALPOLIC®
Trasmissione di calore interna nell’intercapedine
Conduzione di calore interna nel muro di mattoni
Trasmissione di calore interna nell’intercapedine
Conduzione di calore interna nel pannello di gesso
Trasmissione di calore da pannello di gesso ad ambiente interno
Totale
Equazione
1/Ao
d1/C1
d2/C2
d3/C3
d4/C4
d5/C5
1/AI
1/K=1/Ao+Σdi/Ci +1/Ai
Valore in kcal/m2h°C
0.05
0.004/0.39=0.01
0.10
0.115/0.24=0.48
0.10
0.012/0.11=0.11
0.13
1/K=0.98
K=1.02 kcal/m2h°C
(U=1.19 W/(m2K)
Valore K: Trasmissione di calore (kcal/m2h)
A o, i :
Coefficiente di trasferimento del calore (kcal/m2h°C)
C:
Conduttività termica (kcal/mh°C)
d:
Spessore del muro (m)
Note: Il valore K é detto anche valore U espresso in SI come da
norme ISO e convertito per K (kcal/m2h)= 0.86×U (W/(m2K)).
Per maggiori dettagli si rimanda all’appendice 5.
4. Impermeabilizzazione
Per garantire la tenuta delle giunzioni tra i pannelli, basta nella
maggioranza dei casi un normale sigillante per giunti. Il sigillante
deve essere conforme alle applicazioni di progetto e quindi compatibile con i pannelli ALPOLIC®/fr.
Silicone, silicone modificato, polisolfuri e poliuretani sono sigillanti per esterni e tra tutti il silicone è
il migliore in termini resistenza agli agenti atmosferici anche se, come tutti sanno, macchia la
superficie del pannello. Di recente, sono apparsi sul mercato alcuni tipi di silicone di nuova
generazione che macchiano molto meno. All’appendice 6 viene fornita un’analisi comparativa tra vari
sigillanti. Per quanto riguarda la giunzione e quindi i dati tecnici del giunto (ad esempio larghezza e
spessore), si rimanda alle istruzioni e specifiche del produttore del
16/115
sigillante.
È fondamentale che il giunto venga realizzato a regola d’arte. Giunti mal fatti andranno sicuramente a
scapito dell’aspetto estetico della facciata, ma anche della tenuta e impermeabilizzazione del giunto.
Perciò, gli artigiani e le imprese posatrici dovranno eseguire il lavoro con estrema attenzione seguendo
le istruzioni del produttore del sigillante. Per quanto riguarda il metodo di realizzazione del giunto, si
rimanda alla sezione “Lavorazioni e montaggio”.
Nei casi di giunti con guarnizione di plastica, l’impermeabilizzazione non risulta essere perfetta a
causa della sua durata a lungo termine. In questi casi, si consiglia una seconda impermeabilizzazione
dietro il giunto per garantire la massima tenuta.
5. Aspetto e pannelli speciali
Panello A
Pannello A
(1) Senso di verniciatura per colori metallizzati e smalti
Per colori metallizzati e smalti, va considerato che ci sarà
sempre una leggera differenza di tonalità dovuta alla direzione
della verniciatura, a seconda che il pannello sia in piedi
(formato ritratto) o sdraiato (formato paesaggio). Una volta
che il pannello é montato, questa leggera differenza risulta
percepibile solo da certe angolazioni. Perciò, in caso di
verniciatura longitudinale e trasversale su una stessa
superficie, occorre considerare e valutare sempre l’effetto
tonalità.
L’esempio riportato in figura dimostra che la differenza di tono
tra i pannelli A e B é percettibile a certe angolazioni solo in
caso di colori metallizzati e smalti.
Finestra
Pannello B
Senso di verniciatura
La serie “Pietre” richiede altrettanta attenzione in quanto lo strato di finitura di questi pannelli,
ottenuto con spargimento di graniglie in direzioni precise, è soggetto allo stesso effetto totalizzante.
In caso di pannelli tinta unita non metallizzata, tali differenze di tonalità sono irrilevanti. I pannelli
tinta unita possono essere realizzati in sensi diversi di verniciatura in quanto la finitura per spalmatura
è più liscia e fine.
(2) Limite di curvatura
Esistono due tipi di metodi di curvatura: con presso-piega o con piegatrice a rulli. Nel primo caso, il
raggio minimo di curvatura del pannello ALPOLIC®/fr é di circa 80-100mm mentre nel secondo è di
250-300mm a seconda del diametro del rullo di curvatura. (v. sezione “Lavorazioni e montaggio” per
maggiori dettagli)
(3) Pannelli speciali
La richiesta di pannelli speciali come per esempio quelli tridimensionali è in continuo aumento. Nel
caso di pannelli così elaborati, occorre studiare come realizzare la forma senza scapito per le proprietà
del ALPOLIC®/fr. A volte è necessario chiedere al progettista o all’architetto di cambiare forme ed
accettare compromessi rispetto al progetto originale. La sezione “lavorazioni e montaggi” contiene
diversi esempi di pannelli speciali.
17/115
6. Protezione da fulmini e scosse elettriche
Il pannello ALPOLIC®/fr va necessariamente protetto da scariche elettriche e da fulmini che
potrebbero colpirlo al posto del normale parafulmine dell’edificio. Collegando la lamina di alluminio a
terra, l’elettricità viene scaricata a terra senza alcun pericolo per le aree limitrofe al pannello anche
gravemente colpito dall’impatto con il fulmine. (v. Appendice 7 per maggiori informazioni)
18/115
Appendice 1
®
Resistenza strutturale dei pannelli ALPOLIC /fr
La massima sollecitazione ammissibile sulla lamina di alluminio del pannello ALPOLIC/fr si può
calcolare con la seguente equazione:
Sollecitazione = B·w·b2 / t2
Dove:
b=
B=
larghezza o altezza del pannello o quale delle due sia minore
coefficiente dipendente dal rapporto a/b (Larghezza pannello /altezza pannello)
e condizioni di sostegno come da fascicolo bianco (White Binder) Pag. 10.
W= Pressione del vento (N/mm2 o 10-6×N/m2 o 10-3×kPa)
t2= quadrato dello spessore apparente del ALPOLIC® come da seguente tabella:
I valori relativi al pannello ALPOLIC®/fr spessore 3mm, 4mm e 6mm sono i seguenti:
ALPOLIC®/fr
t2 (mm2)
3mm
4mm
6mm
6.33
9.25
15.17
0.2%
della
sollecitazione oltre il
limite elastico
152 N/ mm2
152 N/ mm2
152 N/ mm2
Se la sollecitazione massima calcolata con la suddetta equazione non eccede lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento), le due lamine di alluminio sono ancora entro i
limiti di elasticità e non si verifica deformazione permanente.
Nota: per maggiori particolari sul metodo di calcolo, vedi fascicolo bianco (White Binder) dove si
indicano i vari metodi di calcolo per scopi generici.
La massima flessione del pannello ALPOLIC/fr w si calcola invece con la seguente equazione:
Flessione = A·w·b4 / EAPtAP3
Dove:
b=
A=
larghezza o altezza del pannello o quale delle due sia minore
coefficiente dipendente dal rapporto a/b (Larghezza pannello /altezza pannello)
e condizioni di sostegno come da fascicolo bianco (White Binder) Pag. 12
w= pressione del vento (N/mm2 o 10-6×N/m2 o 10-3×kPa)
EAP= Modulo flessurale di elasticità del pannello
tAP:= Spessore ALPOLIC/fr
I valori EAPtAP3 sono i seguenti:
ALPOLIC®/fr
3mm
4mm
6mm
EAP (N/mm2)
49000
39800
29100
EAPtAP3 (N·mm)
1323×103
2546×103
6287×103
19/115
Le tabelle da 1 a 6 contengono i risultati dei calcoli per pannelli ALPOLIC/fr da 3mm, 4mm e 6mm.
La condizione contrassegnata da “>” indica che la sollecitazione massima é superiore allo 0.2% della
sollecitazione oltre limite di elasticità (snervamento) dell’alluminio 3105-H14 (152 N/mm2). In questo
caso si dovranno prevedere dei rinforzi. Per altri casi di sollecitazione inferiore a 152 N/mm2, il
pannello é in grado di resistere senza ulteriori rinforzi.
Tabella 1
Tabella 2
Tabella 3
Tabella 4
Tabella 5
Tabella 6
Spessore ALPOLIC®/fr
4mm
4mm
6mm
6mm
3mm
3mm
Supporto
4 lati fissi
4 lati solo supportati
4 lati fissi
4 lati solo supportati
4 lati fissi
4 lati solo supportati
In tutti gli altri casi non citati in queste tabelle, si prega di consultare i nostri uffici e richiedere calcoli
di verifica specifici.
20/115
Caso 1.: pannello ALPOLIC®/fr da 4mm fissato su 4 lati
Condizioni generali
Spessore pannello
Tipo di montaggio
Rinforzi
ALPOLIC/fr 4mm
fissato su 4 lati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
18
27
37
42
26
40
55
62
35
54
73
83
44
67
91
104
53
81
110
125
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
19
19
19
19
19
19
19
19
37
42
44
44
44
44
44
44
48
62
70
75
77
78
78
78
62
75
93
106
114
119
121
122
29
29
29
29
29
29
29
29
55
62
65
66
66
66
66
66
72
93
106
113
116
117
117
117
93
112
140
159 > 171 > 178 > 181 > 182 >
39
39
39
39
39
39
39
39
73
83
87
88
88
88
88
88
96
123
141
150
155 > 156 > 156 > 156 >
123
150
187 > 212 > 228 > 237 > 242 > 243 >
48
49
49
49
49
49
49
49
91
104
109
109
109
109
109
109
120
154 > 176 > 188 > 194 > 195 > 195 > 195 >
154 > 187 > 233 > 265 > 285 > 296 > 302 > 304 >
58
58
58
58
58
58
58
58
110
125
131
131
131
131
131
131
144
185 >
211 > 225 > 232 > 234 > 234 > 234 >
185 > 225 > 280 > 318 > 342 > 356 > 363 > 365 >
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
1
4
6
7
2
5
8
10
2
7
11
13
3
9
14
16
4
11
17
20
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
1
1
1
1
1
1
1
1
5
7
7
7
7
7
7
7
11
16
19
21
23
23
23
23
16
27
37
45
50
53
55
56
2
2
2
2
2
2
2
2
8
10
11
11
11
11
11
11
17
24
29
32
34
35
35
35
24
41
56
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
3
3
3
3
3
3
3
3
11
13
14
15
15
15
15
15
22
32
39
43
NA >
NA >
NA >
NA >
32
55
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
4
4
4
4
4
4
4
4
14
16
18
18
18
18
18
18
28
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
4
4
4
4
4
4
4
4
16
20
21
22
22
22
22
22
34
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
21/115
Caso 2. : pannello ALPOLIC®/fr da 4mm con 4 lati solo supportati
Condizioni generali
Spessore pannello
Tipo di montaggio
Rinforzi
ALPOLIC/fr 4mm
4 lati solo supportati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
19
25
37
47
28
38
56
70
38
50
75
94
47
63
93
117
57
76
112
141
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
24
26
28
29
29
29
29
29
37
47
53
56
59
62
66
66
45
62
76
87
95
99
103
117
62
70
92
110
126
138
148
182 >
36
39
42
44
44
44
44
44
56
70
80
85
89
94
99
99
67
92
113
130
142
149
155 > 175 >
92
105
137
165 > 189 > 208 > 223 > 274 >
47
52
56
58
58
58
58
58
75
94
107
113
119
125
131
131
89
123
151
173 > 190 > 198 > 206 > 234 >
123
140
183 > 220 > 252 > 277 > 297 > 365 >
59
64
69
73
73
73
73
73
93
117
134
141
149
156 > 164 > 164 >
112
154 > 189 > 216 > 237 > 248 > 258 > 292 >
154 > 175 > 229 > 275 > 315 > 346 > 371 > 456 >
71
77
83
88
88
88
88
88
112
141
160 > 169 > 178 > 187 > 197 > 197 >
134
185 > 227 > 260 > 285 > 297 > 309 > 350 >
185 > 210 > 275 > 331 > 377 > 415 > 445 > 547 >
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
4
11
18
24
6
17
28
37
9
23
37
49
11
28
46
61
13
34
55
73
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
6
6
7
7
7
7
7
7
19
24
29
31
32
34
37
37
36
54
68
81
90
95
100
109
54
87
123
153
180
202
221
NA >
8
9
10
11
11
11
11
11
28
37
43
46
49
52
55
55
54
80
102
121
136
142
NA >
NA >
80
131
185
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
11
12
14
14
14
14
14
14
37
49
57
61
65
69
73
73
72
107
137
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
107
175
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
14
16
17
18
18
18
18
18
46
61
72
76
81
NA >
NA >
NA >
90
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
17
19
20
22
22
22
22
22
56
73
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
108
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
22/115
Caso 3: pannello ALPOLIC®/fr da 6mm fissato su 4 lati
Condizioni generali
Spessore pannello
Tipo di montaggio
Rinforzi
ALPOLIC/fr 6mm
Fissato su 4 lati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
11
16
22
25
16
25
33
38
21
33
45
51
27
41
56
63
32
49
67
76
1200
12
22
29
38
18
33
44
56
24
45
58
75
30
56
73
94
35
67
88
113
1500
12
25
38
46
18
38
56
68
24
51
75
91
30
63
94
114
36
76
113
137
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
12
12
12
12
12
12
27
27
27
27
27
27
43
46
47
47
47
47
57
65
69
72
74
74
18
18
18
18
18
18
40
40
40
40
40
40
64
69
71
71
71
71
85
97
104
108
111
111
24
24
24
24
24
24
53
53
53
53
53
53
86
92
94
95
95
95
114
129
139
145
148
148
30
30
30
30
30
30
66
67
67
67
67
67
107
114
118
119
119
119
142
162 > 174 > 181 > 184 > 185 >
36
36
36
36
36
36
80
80
80
80
80
80
129
137
142
142
142
142
171 > 194 > 208 > 217 > 221 > 222 >
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
0
1
2
3
1
2
3
4
1
3
4
5
1
4
6
7
1
4
7
8
1200
1
2
5
7
1
3
7
10
1
4
9
13
1
6
11
16
2
7
14
20
1500
1
3
7
11
1
4
10
17
1
5
13
22
1
7
16
28
2
8
20
33
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
1
1
1
1
1
1
3
3
3
3
3
3
8
9
9
9
9
9
15
18
20
21
22
23
1
1
1
1
1
1
4
4
4
4
4
4
12
13
14
14
14
14
23
27
30
32
33
34
1
1
1
1
1
1
6
6
6
6
6
6
16
17
18
19
19
19
30
36
40
43
45
46
1
1
1
1
1
1
7
7
7
7
7
7
20
22
23
23
23
23
38
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
2
2
2
2
2
2
9
9
9
9
9
9
24
26
27
28
28
28
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
23/115
Caso 4: pannello ALPOLIC®/fr da 6mm con 4 lati solo supportati
Condizioni generali
Spessore pannello
Tipo di montaggio
Rinforzi
ALPOLIC/fr 6mm
4 lati solo supportati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
12
15
23
29
17
23
34
43
23
31
46
57
29
38
57
71
35
46
68
86
1200
14
23
27
38
22
34
41
56
29
46
55
75
36
57
68
94
43
68
82
113
1500
16
29
38
43
24
43
56
64
31
57
75
85
39
71
94
107
47
86
113
128
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
17
18
18
18
18
18
33
34
36
38
40
40
46
53
58
60
63
71
56
67
77
84
91
111
25
27
27
27
27
27
49
52
54
57
60
60
69
79
87
91
94
107
84
101
115
127
136
167 >
34
36
36
36
36
36
65
69
73
76
80
80
92
106
116
121
126
142
112
134
153 > 169 > 181 > 222 >
42
44
44
44
44
44
81
86
91
95
100
100
115
132
145
151
157 > 178 >
139
168 > 192 >
211 > 226 > 278 >
51
53
53
53
53
53
98
103
109
114
120
120
138
158 > 174 > 181 > 188 > 214 >
167 > 202 > 230 > 253 > 272 > 334 >
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
2.5
(255)
3.0
(306)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
2
5
7
10
3
7
11
15
3
9
15
20
4
11
19
25
5
14
22
30
1200
2
7
15
22
3
11
22
33
5
15
29
43
6
19
36
54
7
22
44
65
1500
3
10
22
35
4
15
33
53
5
20
43
71
6
25
54
89
8
30
65
106
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
3
3
3
3
3
3
12
12
13
14
15
15
28
33
37
38
40
44
50
62
73
82
89
107
4
4
4
4
4
4
17
19
20
21
22
22
41
49
55
58
61
66
75
93
109
123
134
NA >
6
6
6
6
6
6
23
25
26
28
30
30
55
65
73
77
81
88
100
124
NA >
NA >
NA >
NA >
7
7
7
7
7
7
29
31
33
35
37
37
69
82
92
96
NA >
NA >
125
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
8
9
9
9
9
9
35
37
39
42
45
45
83
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
24/115
®
Caso 5: pannello ALPOLIC /fr da 3mm con 4 lati fissati
Condizioni generali
Spessore pannello
Tipo di montaggio
Rinforzi
ALPOLIC/fr 3mm
Fissato su 4 lati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
26
39
53
61
39
59
80
91
51
79
107
121
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
28
28
28
28
28
28
28
28
53
61
64
64
64
64
64
64
70
90
103
110
113
114
114
114
90
109
136
155 > 166 > 173 > 177 > 178 >
42
43
43
43
43
43
43
43
80
91
95
96
96
96
96
96
105
135
154 > 165 > 170 > 171 > 171 > 171 >
135
164 > 204 > 232 > 250 > 260 > 265 > 267 >
57
57
57
57
57
57
57
57
107
121
127
128
128
128
128
128
140
180 > 206 > 219 > 226 > 227 > 227 > 227 >
180 > 219 > 273 > 310 > 333 > 346 > 354 > 355 >
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
2
7
11
13
4
10
16
19
5
14
21
25
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
3
3
3
3
3
3
3
3
11
13
14
14
14
14
14
14
22
31
37
41
43
45
45
45
31
53
72
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
4
4
4
4
4
4
4
4
16
19
21
21
21
21
21
21
32
47
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
47
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
5
6
6
6
6
6
6
6
21
25
27
28
28
28
28
28
43
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
NA >
25/115
Caso 6: pannello ALPOLIC®/fr da 3mm con 4 lati solo supportati
Condizioni generali
Spessore pannello
ALPOLIC/fr 3mm
Tipo di montaggio
Rinforzi
4 lati solo supportati
Nessuno
Massima sollecitazione (N/mm2)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. panello (a, mm)
900
28
37
55
68
41
55
82
103
55
74
109
137
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
35
38
41
43
43
43
43
43
55
68
78
82
87
91
96
96
65
90
110
126
139
145
151
171 <
90
102
134
161 < 184 < 202 < 217 < 267 <
52
56
61
64
64
64
64
64
82
103
117
124
130
137
144
144
98
135
166 < 190 < 208 < 217 < 226 < 256 <
135
153 < 201 < 242 < 276 < 303 < 325 < 400 <
69
75
81
85
85
85
85
85
109
137
156 < 165 < 174 < 183 < 192 < 192 <
131
180 < 221 < 253 < 278 < 289 < 301 < 341 <
180 < 204 < 267 < 322 < 368 < 404 < 434 < 533 <
Nota: il segno “>” sta ad indicare i casi dove la massima sollecitazione supera lo 0.2% della
sollecitazione oltre il limite elastico (snervamento) della lamina di alluminio 3105 H14 (152 N/mm2).
In questi casi è obbligatorio un rinforzo.
Massima deflessione (mm)
w, kPa
(kg/m2)
1.0
(102)
1.5
(153)
2.0
(204)
Largh.
pannello
(b, mm)
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
600
900
1200
1500
Lungh. pannello (a, mm)
900
8
22
36
47
12
33
53
70
16
44
71
94
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000
>3000
11
12
13
14
14
14
14
14
36
47
55
59
63
66
71
71
69
103
131
155
174
183
192
209
103
168
237
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
16
18
20
21
21
21
21
21
53
70
83
88
94
99
106
106
103
155
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
155
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
22
24
26
28
28
28
28
28
71
94
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
138
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
NA <
26/115
Appendice 2
Calcolo strutturale del pannello ALPOLIC®/fr
1. Pannello strutturale non rafforzato
(1) Calcolo della sollecitazione massima
Quando si trova sottoposto alla forza del vento, il
pannello ALPOLIC/fr evidenzia un certo grado di
flessione. Contemporaneamente, nel pannello si forma
un determinato livello di sollecitazione dovuto alla
resistenza alla forza di curvatura.
a
b
La resistenza teorica del pannello ALPOLIC/fr viene
calcolata come se la resistenza del pannello alle forze di
curvatura dipendesse esclusivamente e totalmente dalle
lamine di alluminio. Purché la forza esercitata sulla
lamina di alluminio sia inferiore alla massima
sollecitazione ammissibile( 0.2% dello snervamento o
Lamina d’alluminio
sollecitazione oltre il limite di curvatura), il pannello si
Nucleo
considera elastico. Pertanto occorre verificare se la
Lamina di alluminio
sollecitazione sia inferiore o superiore al limite massimo
Forza
ammissibile.
Questo principio si esprime con la seguente formula:
ForzaM < ForzaY
Dove:
ForzaM = Massima sollecitazione della lamina di alluminio (N/mm2 o kg/mm2)
ForzaY = 0.2% dello snervamento della lamina d’alluminio (N/mm2 o kg/mm2)
Lo 0.2% dello snervamento (sollecitazione oltre il limite d’elasticità) dipende dal tipo d’alluminio e
dalle condizioni di tempra. Per l’ALPOLIC (3105 H14) si applica il seguente valore:
ForzaY =152 Ng/mm2 (=15.5 kg/mm2)
La massima forza esercitata sulla lamina di alluminio in base al montaggio e alle dimensioni del
pannello, viene calcolata con la seguente equazione:
ForzaM = B·w·b2 / t2
DOVE:
b:
larghezza o peso del pannello, o quale delle due sia inferiore
B:
coefficiente dipendente dal rapporto a/b (larghezza panello /altezza pannello)
w:
carico del vento (kPa, kN/ m2 o kg/m2)
t2 :
quadrato dello spessore apparente del pannello ALPOLIC/fr (v. tabella seguente)
ALPOLIC/fr
3 mm
4 mm
6 mm
t2 (mm2)
6.33
9.25
15.17
27/115
(2) Esempio di calcolo della massima forza di sollecitazione
A.
B.
ASSUNTO:
Carico del vento:
Spessore ALPOLIC/fr:
Dimensione pannello:
Tipo di montaggio:
1.5 kPa (1.5 kN/m2 = 153 kg/m2)
4 mm
1220×2440 mm
fissato su 4 lati
RISULTATO:
ForzaM = B·w·b2 / t2
Dove: a/b=2.0 e B=0.4974 (v. tabella 1 o fascicolo White Binder Pagina 10)
ForzaM = 0.4974×1500×10-6×12202 / 9.25
= 120 < 152 N/mm2
Perciò la condizione di resistenza del pannello alle suddette condizioni del caso incluso un
fattore di sicurezza dell’1,26 é verificata.
(2) Calcolo della deflessione
La deflessione del pannello ALPOLIC/fr si può calcolare con la seguente equazione:
Deflessione = A·w·b4 / (EAP·tAP3)
Dove:
Deflessione =: massima deflessione del pannello ALPOLIC
b = largh. o altezza pannello o quale delle sue sia minore
A = coefficiente basato sul rapporto a/b (lung./largh.)
w = carico del vento (kPa, kN/ m2 o kg/m2)
EAP = modulo elastico di flessione dell’ALPOLIC/fr
(N/mm2 o
kg/mm2)
tAP = Spessore del pannello ALPOLIC/fr (mm)
EAP·tAP3 si ricava dalla seguente tabella:
ALPOLIC/fr
EAP·tAP3 (N·mm) EAP·tAP3 (kg·mm)
3 mm
1323×103
135.0×103
4 mm
2546×103
259.8×103
3
6 mm
6287×10
641.5×103
Deflessione
(4) Esempio di calcolo della flessione
A.
ASSUNTO:
Carico del vento:
1.5 kPa (1.5 kN/m2 = 153 kg/m2)
Spessore pannello ALPOLIC/fr:4 mm
Dimensioni pannello:
1220×2440 mm
Tipo di montaggio:
pannello fissato su 4 lati
B.
RISULTATO:
Deflessione = A·w·b4 / (EAP·tAP3)
Dove:
a/b=2.0, e A = 0.0277 (come da tabella 2 o fascicolo White Binder Pagina 12)
Deflessione = 0.0277×1500×10-6×12204 / (2546×103) = 36 mm
28/115
2. Progettazione di un rinforzo per adeguata resistenza
Se le verifiche di cui sopra evidenziassero che la massima sollecitazione di progetto supera il limite
ammissibile per la lamina di alluminio del pannello o se, al contrario, la massima flessione eccede il
valore di specifica del progetto, è possibile studiare un rinforzo adeguato del pannello. In questo caso,
si individua un possibile rinforzo e se ne valuta l’idoneità a fornire la resistenza richiesta. La rigidità
dei rinforzi più comunemente utilizzati è riportata in tabella 3.
(1) Colcolo della sollecitazione
Il momento flettente di una superficie B si determina in
base alla seguente equazione:
M = W· a2 / 8 (N·mm)
Dove:
W = carico del vento sulla superficie B
W = w·B
(w = carico uniforme N/mm2)
a
B
b
Rinforzo
Questo momento flettente viene ripartito tra rinforzo e
pannello nel seguente modo:
Rinforzo:
M1 = M·I1 / (I1 + I2)
ALPOLIC/fr: M2 = M·I2 / (I1 + I2)
Dove:
Momento di inerzia del rinforzo (v. tabella 3)
I1 :
I2 : Momento di inerzia del pannello ALPOLIC/fr, calcolato con la seguente formula:
I2 = B·(H3 – h3) / 12 (mm4)
B = lunghezza dell’area B in mm
H = spessore pannello ALPOLIC/fr in mm
H = spessore del nucleo o dello spazio interno tra le due lamine di alluminio in mm
Perciò, la sollecitazione di flessione si calcola in base alla seguente formula:
Sollecitazion1 = M1 / Z1
(nel rinforzo)
(nel pannello ALPOLIC/fr)
Sollecitazione2 = M2 / Z2
Dove:
Z1: modulo di resistenza del rinforzo (v. tabella 3)
Z2: modulo di resistenza del pannello ALPOLIC/fr,calcolato con la seguente formula:
Z2 = B· (H3 – h3) / 6H (mm3)
Pertanto se ne ricava che non si avrà deformazione permanente all’interno di questo campo:
Forza1 < Forza 1Y
(rinforzo)
(pannello ALPOLIC/fr)
Forza 2 < Forza 2Y
Dove:
Forza1Y: 0.2% dello snervamento del rinforzo (v. tabella 3)
ForzaeY: 0.2% dello snervamento della lamina di alluminio dell’ALPOLIC/fr (152 N/mm2)
29/115
(2) Esempio di calcolo di sollecitazione
A. ASSUNTO
Carico del vento:
Spessore ALPOLIC/fr:
Dimensione pannello:
Tipo di montaggio:
Rinforzo:
2.5 kPa (=2.5 kN/m2 = 255 kg/m2)
4 mm
1220×2440 mm
fissato su 4 lati
50×25×2.5mm t, estruso di alluminio (A6063, T5) 2 per panello
2440
50
2.5
813
25
1220
B. Momento d’inerzia e modulo di resistenza
Rinforzo:
I1 = 3.51×104 mm4
Z1 = 2.81×103 mm3
Pannello ALPOLIC/fr:
I2 = B·(H3 – h3) / 12 = 813×(43 -33) / 12
= 0.25×104 mm4
Z2 = B·(H3 – h3) / 6H = 813×(43 -33) / 24
= 1.25×103 mm3
Rinforzo+ALPOLIC/fr:
ΣI = I1 + I2 = 3.76×104 mm4
C. Calcolo di sollecitazione
Momento flettente:
M = W· a2 / 8
= 2500×10-6×813×12202/ 8 = 37.81×104 N·mm
Apporto rinforzo:
M1 = M·I1 / (I1 + I2)
= 37.81×104× 3.51 / 3.76 = 35.30×104
Apporto ALPOLIC/fr:
M2= M·I2 / (I1 + I2)
= 37.81×104× 0.25/ 3.76 = 2.51×104
Sollecitazione di flessione:
Sollecitazione1= M1 / Z1
= 35.30×104/ 2.81×103 = 126 < 147 N/mm2
(OK)
Sollecitazione = M2 / Z2
= 2.51×104/ 1.25×103 = 20 < 152 N/mm2 (OK)
Perciò la condizione di resistenza del pannello con rinforzo alle suddette condizioni incluso un
fattore di sicurezza dell’1,17 é verificata.
30/115
(3) Calcolo della deflessione
Come nel caso della resistenza al carico del vento, anche per la deflessione occorre calcolare la
deflessione del rinforzo e del pannello prima separatamente e poi assieme.
Deflessione rinforzo
Deflessione1 = 5 W· a4 / 384 E1· I1 (mm)
Dove:
E1 = modulo elastico del rinforzo (=70000 N/mm2)
Deflessione del pannello ALPOLIC/fr:
Deflessione2 = A·w·b4 / (EAP·tAP3)
(mm)
La somma dei due valori di deflessione si calcola con la seguente formula:
Deflessione = Deflessione1× Deflessione2 / (Deflessione1 + Deflessione2) (mm)
(4) Esempio di calcolo della deflessione
A.
ASSUNTO (come nei casi precedenti)
Carico del vento:
2.5 kPa (=2.5 kN/m2 = 255 kg/m2)
Spessore ALPOLIC/fr :
4 mm
Dimensioni pannello:
1220×2440 mm
Tipo di montaggio:
fissato su quattro lati
Rinforzo:
50×25×2.5mm t, estrusi di alluminio (A6063, T5), 2 per pannello
B.
DEFLESSIONE
Deflessione rinforzo
Deflessione1 = 5 W· a4 / 384 E1· I1
= 5×3000×10-6×813×12204/ (384×70000×3.51×104)
= 28.6 mm
Deflessione ALPOLIC:
Deflessione = A· w ·b4 / (EAP· tAP3)
Dove:
a/b=1220/813=1.50, quindi A=0.0838 (v. tabella 2 o fascicolo White Binder Pag.12)
Deflessione2 = 0.0838×3000×10-6×8134/ (2546×103)
= 43.1 mm
Deflessione totale
Deflessione
= Deflessione1× Deflessione2 / (Deflessione1 + Deflessione2)
= 28.6×43.1 / (28.6+43.1)
= 17.2 mm
31/115
Tabella 1 coefficiente di calcolo della sollecitazione
Tipo di montaggio
2 lati solo supportati e 2
liberi
Formula e valore B
SollecitazioneM = 0.75·w·b2 / t2
b
2 lati fissi e 2 lati liberi
SollecitazioneM = 0.5·w·b2 / t2
b
4 lati solo supportati
SollecitazioneM = B·w·b2 / t2
a
b
a/b
B
4 lati fissi
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2.0
3.0
0.2874 0.3762 0.4530 0.5172 0.5688 0.6102 0.7134
SollecitazioneM = B·w·b2 / t2
a
b
a/b
B
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2.0
>2.0
0.3078 0.3834 0.4356 0.4680 0.4872 0.4974 0.5000
Nota: quanto sopra è un estratto dal fascicolo White Binder Pagina10. Per altri casi specifici
consultare il fascicolo completo.
Tabella 2 Coefficiente A di calcolo della deflessione
Tipo di montaggio
2 lati solo appoggiati e 2
lati liberi
Formula e valore A
Deflessione = 0.156·w·b4 / (EAP·tAP3)
b
2 lati fissi e 2 liberi
Deflessione = 0.0313·w·b4 / (EAP·tAP3)
b
4 lati solo appoggiati
Deflessione = A·w·b4 / (EAP·tAP3)
a
b
a/b
A
4 lati fissi
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2.0
3.0
>3.0
0.044 0.062 0.077 0.0906 0.1017 0.1110 0.1335 0.1422
Deflessione = A·w·b4 / (EAP·tAP3)
a
b
a/b
A
1
1.2
1.4
1.6
1.8
2.0
>2.0
0.0138 0.0188 0.0226 0.0251 0.0267 0.0277 0.0284
Nota: quanto sopra è un estratto dal fascicolo White Binder Pagina10. Per altri casi specifici
consultare il fascicolo completo.
32/115
Tabella 3. Rigidità dei vari tipi di rinforzi
Rinforzo/Materiale
(peso unitario)
Estrusi di alluminio
40×20×2.0mmt
6063S-T5
40
Modulo di
resistenza:
(ZX, mm3)
ZX = 1.44×103
0.2%
snervamento
(N/mm2)
147 N/mm2
IX = 2.34×104
ZX = 1.87×103
147 N/mm2
IX = 2.96×104
ZX = 2.36×103
147 N/mm2
IX = 3.51×104
ZX = 2.81×103
147 N/mm2
IX = 4.45×104
ZX = 2.22×103
147 N/mm2
IX = 7.01×104
ZX = 2.80×103
147 N/mm2
IX = 9.01×104
ZX = 3.60×103
147 N/mm2
IX = 10.85×104
ZX = 4.34×103
147 N/mm2
IX = 2.80×104
ZX = 1.35×103
118 N/mm2
2.0t
20
(640g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×1.5mmt
6063S-T5
(600g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×2.0mmt
6063S-T5
(800g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×2.5mmt
6063S-T5
(1000g/m)
Estrusi di alluminio
40×20×2.0t
6063S-T5
(640g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×1.5t
6063S-T5
(600g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×2.0t
6063S-T5
(800g/m)
Estrusi di alluminio
50×25×2.5t
6063S-T5
(1000g/m)
Lamina di alluminio
60×30×3.0t
1100-H24
Momento
d’inerzia
(IX, mm4)
IX = 1.44×104
60
30
3.0
(970g/m)
33/115
Fig. 1 Sistema di fissaggio rinforzo
Pannello ALPOLIC/fr con rinforzo sul retro
Rinforzo
Esempio A
Squadretta d’alluminio
Rivetto
Rinforzo
Flangia d’alluminio
Nastro VHB
Esempio B
34/115
Appendice 3
Test di deformazione da taglio esercitato parallelamente alla superficie del
pannello
1. Norma di riferimento
Il test è stato eseguito in conformità alle JIS A1414 “Test di deformazione di un pannello non
portante dovuta a forze di taglio esercitate parallelamente alla superficie del pannello.
(1) Provino
Pannello a vassoio da
1150×2300 (profondità 30mm)
Materiale: ALPOLIC 4mm
Fig. 1 Apparato di prova
Provino
1150x2300x30
Vite autofilettante M4 @=300
Bullone M16
(2) Apparato di prova
L’apparato usato per il test è
rappresentato in figura. 1. Il
provino é stato fissato al
supporto su un angolo da
L30×30×3mm con una vite
autofilettante. Su un angolo è
stato predisposto un bullone
M16 per l’applicazione di una
forza di taglio parallela alla
superficie del pannello.
(3) Descrizione del test
Il bullone M16 è stato stretto
fino ai seguenti valori di D1:
P1=1/400, P2=1/300, P3=1/200,
P4=1/150, P5=1/100, P6=1/75 e
P7=1/50. P rappresenta il
rapporto tra spostamento
orizzontale e altezza del
pannello. A questo punto sono
stati controllati i seguenti
parametri:
A: Deformazione da
deflessione residua del provino
e punti di fissaggio
B: Segni (rumori) di rottura
C: Delaminazione (o distacco
di pellicola superficiale) dello
strato di finitura.
D: Crepa o fessura penetrante
sul pannello e sui punti di
fissaggio.
Bullone M16
Cerniera impernierata
(sui 4 lati)
Punto di fissaggio
Punto di fissaggio
35/115
2. Risultati
(1) Spostamento e deflessione del pannello
Rapporto di
Iniziale 1/400 1/300
Spostamento (P)
Spostamento (mm)
D1
0
6
8
D2
0
0
D3
-1
-2
D4
-3
-4
D5
0
0
Deflessione (mm)
A
0
0
B
0
0
C
0
0
Nota: La posizione dei punti
misurazione è indicata in figura 2.
Punto 0
1/200
1/150
1/100
1/75
1/50
11
0
-1
-5
1
16
0
-1
-6
1
23
0
-1
-9
3
31
0
-2
-11
4
46
0
-1
-16
6
0
0
0
0
0
0.5
0
0
0.5
0.8
0.5
2.0
1.0
0.5
3.0
Lato libero
(2) Osservazioni durante e dopo il test
La flangia del pannello e il punto di
fissaggio con vite autofilettante sono
rimasti normali per tutta la durata e
dopo il test. Lo spostamento è stato
assorbito dalla deflessione del
pannello che è ritornato perfettamente
normale una volta completato il test.
Rimossa la causa di spostamento,
nessuna anomalia é stata riscontrata
nelle altre zone del provino.
taglio
applicato
con bullone
Fig. 2 : punti di misurazione
Lato fisso
Punto 0
Punto 0
Deflessione
36/115
Appendice 4
Resistenza del telaio di fissaggio
1. Metodo di calcolo
Ai fini dei calcoli strutturali, il telaio di fissaggio può essere considerato
Carico uniforme
come una trave su cui il carico del vento viene distribuito
uniformemente. Normalmente il telaio va considerato come parte
integrante della struttura con applicazione della regola della L/200 (L
=:distanza tra i punti d’attacco sul telaio) per la deflessione del telaio
di fissaggio. Perciò il telaio di fissaggio del pannello deve rispondere a 2
condizioni:
(1) Massima sollecitazione non oltre i limiti ammissibili
(2) Massima deflessione non superiore a L/200.
Le suddette condizioni si esprimono con le seguenti formule:
(1) Sollecitazione
Z > W•L2 / (8•Sollecitazione0.2)
dove,
Z = Modulo di resistenza del telaio di fissaggio (mm3)
W = Carico del vento sul telaio di fissaggio (N/mm)
L = Distanza tra i punti di fissaggio sul telaio (mm)
Sollecitazione0.2: 0.2% dello snervamento telaio (N/mm2)
(2) Deflessione
5•W•L4 / 384•E•I < (L/200)
dove,
E= Modulo di elasticità telaio (N/mm2)
I=
Momento di inerzia del telaio (mm4)
2. Esempio di calcolo
2.1 - ASSUNTO
(1) Carico del vento:
1.0kPa (1.0kN/m2 = 98kg/m2)
(2) Largh. pannello:
1200mm
(3) Distanza L tra i punti di fissaggio (mm): da calcolare
(4) Telaio:
di acciaio o alluminio
Dimensioni: L40×40×3.0mm
Forma: v. figura
L = Distanza tra i punti
di attacco al telaio di
fissaggio
L
1.0 kPa
1200
Dimensioni
Momento d’inerzia
Modulo di resistenza
0.2% snervamento
Modulo d’elasticità
Materiale telaio
Acciaio
Alluminio
L40×40×3.0mm
I = 3.53×104 mm4
Z = 0.121×104 mm3
Forza0.2 = 117N/mm2
Forza0.2 = 235N/mm2
E = 210kN/mm2
E = 70kN/mm2
37/115
2-2. Carico del vento sul telaio
W = w•B
= 1000N/m2×10-6mm2/m2×1200mm
B
= Larghezza della superficie di applicazione del carico come da figura qui sotto
Pannello ALPOLIC
Telaio di appoggio
PW=1200
B=1200
PW=1200
2-3. Per telai di acciaio
[Sollecitazione]
Z > W•L2 / (8•Sollecitazione0.2)
0.121×104 > 1.20×L2/(8×235)
L < 1377 mm
[Deflessione]
5•W•L4 / 384•E•I < (L/200)
5×1.20×L4/ 384×210000×3.53×104< (L/200)
L < 1333 mm
Pertanto affinché siano verificate le condizioni di sollecitazione e deflessione, L deve essere < 1333
ossia la distanza tra i punti di appoggio sul telaio deve essere inferiore 1333 mm.
2-4. Per telai di alluminio
[Sollecitazione]
Z > W•L2 / (8• Sollecitazione 0.2)
0.121×104 > 1.20×L2/(8×117)
L < 971 mm
[Deflessione]
5•W•L4 / 384•E•I < (L/200)
5×1.20×L4/ 384×70000×3.53×104< (L/200)
L < 925 mm
Pertanto affinché siano verificate le condizioni di sollecitazione e deflessione, L deve essere < 925
ossia la distanza tra i punti di appoggio sul telaio deve essere inferiore 925 mm.
2-5. Conclusioni
I risultati dei calcoli precedenti sono riassumibili come segue:
Materiale telaio
Distanza tra i punti di appoggio
Acciaio
< 1333 mm
Alluminio
< 925 mm
38/115
3. Distanza tra punti d’appoggio generici
La seguente tabella contiene i risultati dei calcoli della distanza tra i punti di appoggio su un telaio
L-40×40×3mm di acciaio o alluminio in diverse condizioni di progetto:
Composizione telaio
Acciaio L-40×40×3mm
Alluminio L-40×40×3mm
galvanizzato o trattato con Lega: 6063 T5
vernice antiruggine
Momento d’inerzia
I = 3.53×104 mm4
I = 3.53×104 mm4
Modulo di resistenza
Z = 0.121×104 mm3
Z = 0.121×104 mm3
2
Sollecitazione ammissibile
SollecitazioneP = 210N/mm
Sollecitazione P = 118N/mm2
(incluso fattore di sicurezza 1.25)
Modulo d’elasticità
E = 210kN/mm2
E = 70kN/mm2
Acciaio L-40×40×3mm
Alluminio L-40×40×3mm
4 .0
4.0
3 .5
3.5
PW=900
3 .0
PW=1200
2.5
Wind Load (kPa
2 .5
Wind Load (kP
PW=900
3.0
2 .0
PW=1500
1 .5
PW=1200
2.0
1.5
PW=1500
1 .0
1.0
0 .5
0.5
0 .0
0.0
3 00
600
90 0
1200
150 0
S up portin g Inte rv al (m m )
1 800
2100
600
600
900
1200
1500
1800
S upporting Interv al (m m )
39/115
2100
Appendice 5
Resistenza del foro di fissaggio
Rivetti, bulloni/dadi e viti autofilettanti sono i metodi più
comuni per la realizzazione di giunti tra pannelli
ALPOLIC® e profili d’alluminio. Quando una forza di
trazione viene applicata al punto di giunzione, si genera
una sollecitazione sul foro di fissaggio del pannello
ALPOLIC®. Per questo motivo il foro di fissaggio è stato
sottoposto a test per determinare il massimo limite di
deformazione elastica del foro. I risultati delle prove
condotte sono i seguenti:
Profilo di alluminio
ALPOLIC®
Metodo di verifica delle giunzioni
Rivetto/bullone
Per poter utilizzare la tabella, abbiamo trasformato la
sollecitazione in forza di trazione con la seguente
formula:
F = Sollecitazione × t × D
Dove:
Sollecitazione = Max deformazione elastica (N/mm2)
F = Massima forza di trazione (N)
t = spessore del pannello ALPOLIC®
D = diametro foro di fissaggio
Esempio di calcolo:
ASSUNTO: ALPOLIC® 305, D = 4 mm, e = 8 mm,
Risultato: F = Sollecitazione × t × D = 48×3×4 = 576 N per punto di giunzione
Ø foro
(mm)
5
10
Distanza tra asse
fore e bordo
pannello (mm)
5
10
15
9
19
30
Max Limite di elasticità
(N/mm2)
3mm
4mm
6mm
21
23
18
48
44
38
55
46
40
20
21
17
38
33
25
39
38
25
Max forza di trazione F (N)
3mm
320
720
820
590
1150
1170
4mm
430
880
920
820
1330
1530
6mm
530
1150
1210
1000
1530
1470
Dalla tabella si ricava che se il foro si trova vicino al bordo del pannello, la resistenza del foro di
riduce a meno della metà di quella originale. Per poter garantire un grado di resistenza sufficiente, é
necessario che la distanza (e) tra l’asse mediano del foro e il bordo del pannello sia almeno il doppio
del diametro (D) del foro, cioè: e > 2×D.
40/115
Appendice 6
Propagazione del calore sui rivestimenti esterni
1. Meccanismo di propagazione del calore
Il calore si propaga in tre modi diversi: radiazione, convezione e conduzione:
Radiazione: fenomeno di trasmissione di energia termica sviluppata da un corpo e diretta verso un
altro fino a raggiungerlo e causare aumento della sua temperatura.
Convezione:fenomeno di trasmissione di calore per spostamento di un fluido (aria o acqua) che
scaldandosi comincia a salire a causa della minore densità dei fluidi caldi rispetto a
quelli freddi.
Conduzione:fenomeno di trasmissione del calore all’interno di un corpo solido.
2. Conduzione del calore
Tra tutti e tre i meccanismi quello che influisce maggiormente
Fig. 1: conduzione di calore
sulla trasmissione del calore nei rivestimenti esterni è la
conduzione di calore del materiale del muro.
Quando si crea una differenza di temperatura tra i due lati del
muro, il calore passa dalla parte calda alla parte fredda per
effetto di un fenomeno di conduzione termica e la velocità con
t1
cui avviene questo passaggio viene definite conduttività
t2
termica espressa numericamente con la seguente equazione:
Q = (L/ d) • (t1-t2)
Dove:
Q= flusso totale di calore per trasmissione (kcal/m2h)
L= conduttività termica (kcal/mh°C)
t1, 2= temperatura della superficie del muro (°C)
d=
spessore del muro (m)
Muro
esterno
d
La conduttività termica dei pannelli ALPOLIC/fr é una combinazione della conduttività
dell’alluminio e del nucleo centrale ed è un valore relativamente basso se paragonata a quella
dell’alluminio massiccio e dell’acciaio. La conduttività termica di vari materiali utilizzati per muri
e pareti è riportata in tabella 1.
Tabella 1: conduttività termica di svariati materiali
Materiali
ALPOLIC/fr 3mm
ALPOLIC/fr 4mm
ALPOLIC/fr 6mm
Lamina d’alluminio
Lamina di acciaio
Conduttività
termica
kcal/mh°C
0.43
0.39
0.35
180.0
39.0
Materiali
Vetro float
Granito
Calcestruzzo
Malta
Mattoni
Conduttività
termica
kcal/mh°C
0.86
2.50
1.40
1.30
0.24
Materiali
Cartongesso
Lana di roccia
Lana di vetro
Schiuma poliuretanica
Polistirolo
Conduttività
termica
kcal/mh°C
0.11
0.035
0.035
0.035
0.030
41/115
3. Trasmissione termica
Oltre alla conduzione del calore attraverso il materiale che costituisce il muro, esiste un altro flusso
di calore nell’interfaccia tra il muro e l’aria adiacente. Questo flusso interstiziale, causato dalla
contemporaneità di fenomeni di radiazione, convezione e conduzione, viene definito trasmissione
termica.
Quando c’è una differenza di temperatura tra i due lati di un
Fig. 2: trasmissione di calore
muro, il caldo passa dal lato caldo al lato freddo per mezzo di
trasmissione (da aria a muro), conduzione (all’interno del
esterno
Interno
muro) e di nuovo trasmissione (da muro ad aria). Questo
t1
processo nella sua globalità viene definito “trasmissione
termica” e si esprime numericamente con la seguente formula:
Ao
Ai
Q = K• (t1-t2)
K = 1 / (1/Ao + d/L+ 1/Ai )
t2
Muro
Dove:
esterno
Q= Flusso totale di calore trasmesso (kcal/m2h)
K= Coefficiente di trasmissione termica (Val.U: kcal/m2h°C)
t1, 2= Temperatura atmosferica attorno al muro (°C)
d/L
Ao, i = Coefficienti di trasmissione termica (kcal/m2h°C)
L= Conduttività termica (kcal/mh°C)
d= spessore del muro (m)
Fig.3: Trasmissione del calore del sistema murario
Il suddetto valore K, detto anche coefficiente di trasmissione
termica, rappresenta il grado di facilità con cui avviene il
passaggio di calore attraverso il muro. Tanto più basso è il
valore di K, tanto migliori si considerano le proprietà di
isolamento termico del sistema murario.
Questo valore viene anche definito valore U e si esprime in
W/(m2• K) in unità SI come da norma ISO. Tutti i valori si
possono tradurre l’uno nell’altro in base alla seguente
equazione:
W/(m2• K)×0.86 = kcal/m2h°C
Esterno
Interno
1'
4
1
5
2
5'
3
1: ALPOLIC/fr 4mm
2: Intercapedine 100mm
3: Muro di mattoni 115mm
4: Intercapedine 50mm
5: Pannello di gesso 2mm
4. Trasmissione del calore del sistema murario completo
Il coefficiente di trasmissione termica di un sistema murario
completo (v. fig.3) può essere calcolato sommando tutti i
passaggi del flusso di calore a partire dalla superficie esterna del pannello ALPOLIC/fr fino alla
superficie interna del muro (v. tabella 2)
42/115
Tabella 2: esempio di calcolo del coefficiente di trasmissione termica
No.
1'
1
2
3
4
5
5'
Passaggi di flusso di calore
Passaggio di calore da atmosfera esterna all’ ALPOLIC/fr
Conduzione interna di calore nel pannello ALPOLIC/fr
Trasmissione di calore interna nell’intercapedine
Conduzione di calore interna nel muro di mattoni
Trasmissione di calore interna nell’intercapedine
Conduzione di calore interna nel pannello di cartongesso
Trasmissione di calore dal pannello di cartongesso
all’atmosfera interna della stanza
Totale
Valore kcal/m2h°C
0.05
0.004/0.39=0.01
0.10
0.115/0.24=0.48
0.10
0.012/0.11=0.11
0.13
Equazione
1/Ao
d1/L1
d2/L2
d3/L3
d4/L4
d5/L5
1/AI
1/K=1/Ao+
di/Li +1/Ai
Σ
1/K=0.98
K=1.02 kcal/m2h°C
In linea generale, il coefficiente di trasmissione termica nel sistema murario completo si può
esprimere con la seguente formula:
1/K = 1/Ao+Σd i/Li +1/AI
dove:
d i /Li = conduzione termica di ognuno degli strati che compongono il muro oppure trasmissione
termica dell’intercapedine
3. Coefficiente di trasmissione termica di vari tipi di sistemi murari
Con la formula sopra riportata é possibile calcolare il coefficiente di trasmissione termica di diversi
tipi di sistemi murari. Per definire meglio l’effetto isolante dei pannelli ALPOLIC/fr, abbiamo
calcolato il coefficiente di trasmissione termica, il valore K o U per alcuni sistemi murari tipici
composti con combinazione dei seguenti materiali:
Composizione del muro
1. Rivestimento esterno
Esterno
Interno
1
3
2
4
(1) ALPOLIC/fr
(2) Pannello di alluminio massiccio
(3) Vetro float
2. Isolamento termico
(1) Nessuno
(2) Lana di vetro 25mm
(3) Lana di vetro 50mm
3. Muro strutturale o materiale
(1) Muro CA (cemento armato)
antincendio
(2) Muro di mattoni
(3) Cartongesso 16+16mm
4. Rivestimento/finitura interna
(1) Nessuno
(2) Cartongesso 12mm
43/115
Tabella 3: coefficiente di trasmissione termica del muro esterno (1)
Sistema murario completo
(spessore in mm)
Solo pannelli
ALPOLIC/fr
da 3mm
Coefficiente di trasmissione
termica (U Valore)
kcal/m2h°C
(W/m2•K)
5.4
(6.2)
Sistema murario completo
(spessore in mm)
Vetro
float
termo-assorbente
bronzeo da 6mm
Coefficiente di trasmissione
termica (U Valore)
kcal/m2h°C
(W/m2•K)
5.0
(5.8)
Solo pannelli
ALPOLIC/fr
da 4mm
5.3
(6.1)
Vetro float
(riflettente) di
alta qualità da
6mm
3.9-4.6
(4.6-5.4)
Solo pannelli
ALPOLIC/fr
da 6mm
5.1
(5.9)
Doppio vetro,
6mm di Vetro
riflettente +
Intercapedine
12mm +FL6
1.5-2.3
(1.9-2.6)
5.6
(6.5)
Lamina di
policarbonato di
3mm chiara
5.2
(6.0)
Lamina di
alluminio di
4mm
5.6
(6.5)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 50
Cartongesso
12
2.5
(2.9)
Vetro
float
chiaro da 3mm
5.1
(6.0)
Cemento armato
100mm
4.0
(4.6)
Vetro
float
chiaro da 6mm
5.0
(5.8)
Cemento armato
150mm
3.5
(4.1)
ALPOLIC/fr 4
intercapedine
100
Muro CA 100
2.8
(3.2
Muro di mattoni
115
Intercapedine 50
Cartongesso 12
1.2
(1.3)
Lamina
alluminio
3mm
di
di
44/115
CA = cemento armato
Tabella 3: coefficiente di trasmissione termica del muro esterno (2)
Sistema murario completo
(spessore in mm)
Muro CA 100
Intercapedine 50
Cartongesso 12
Coefficiente di trasmissione
termica (U Valore)
kcal/m2h°C
(W/m2•K)
2.2
(2.5)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 100
Muro CA 100
Intercapedine 50
Cartongesso 12
1.8
(2.1)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 75
Lana di vetro 25
Muro CA 100
Cartongesso 12
0.79
(0.92)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 50
Lana di vetro 50
Muro CA 100
Intercapedine 50
Cartongesso 12
Muro di mattoni
115mm
0.50
(0.58)
1.5
(1.8)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 100
Mattoni 115
1.3
(1.5)
ALPOLIC/fr 3mm
Intercapedine 100
Cartongesso
16,
Intercapedine 50,
Cartongesso 16
1.48
(1.72)
ALPOLIC/fr 6mm
Intercapedine100
Cartongesso
16,
Intercapedine 50,
Cartongesso 16
1.46
(1.69)
Sistema murario completo
(spessore in mm)
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 100
Mattoni 115
Intercapedine 50
Cartongesso 12
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 75
Lana di vetro 25
Mattoni 115
Intercapedine 50
Cartongesso 12
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 50
Lana di vetro 50
Mattoni 115
Intercapedine 50
Cartongesso 12
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 100
Cartongesso 16,
Intercapedine 50,
Cartongesso 16
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 75
Lana di vetro 25,
Cartongesso 16,
Intercapedine 50,
Cartongesso 16
ALPOLIC/fr 4
Intercapedine 50
Lana di vetro 50
Cartongesso 16
Intercapedine 50,
Cartongesso 16
Pannello
di
alluminio 3mm
Intercapedine 100
Cartongesso 16
Intercapedine 50
Cartongesso 16
Pannello
d’alluminio 4mm
Intercapedine 100
Cartongesso 16
Intercapedine 50
Cartongesso 16
Coefficiente di trasmissione
termica (U Valore)
kcal/m2h°C
(W/m2•K)
1.0
(1.2)
0.59
(0.69)
0.42
(0.48)
1.5
(1.7)
0.72
(0.83)
0.47
(0.55)
1.49
(1.74)
1.49
(1.74)
45/115
Appendice 7
Caratteristiche generali del sigillante
Il silicone é il sigillante più noto per le sue caratteristiche di durata, resistenza termica e adesione. A
seguito riportiamo un confronto comparativo di diversi sigillanti per esterni:
Caratteristiche generali
Silicone
Potere riequilibrante
Degrado
Dovuto all’invecchiamento
Dovuto alla temperatura
Ritiro dopo la posa
Temperatura di servizio (a lungo termine)
Resistenza agli agenti atmosferici
Resistenza a fatica
Nota 1: A: Eccellente B: buona
VS: molto poco S: poco
C: normale
M: Medio
A
VS
VS
S
-40/120°C
A
A
Sigillanti
Silicone
Polisolfuri
modificato
A-B
B
S-M
M
S-M
M-L
S
S
-30/90°C
-20/80°C
A-B
A-B
A-B
B
Poliuretani
B
M
M
S
-20/70°C
B
A-B
L: grande
Nota 2: La tabella sopra riportata è un estratto dal prontuario sui sigillanti pubblicato
dall’Associazione dei Produttori Giapponesi di Sigillanti
Il silicone come sigillante ha però dei ben noti problemi di macchie, in particolare quando viene
utilizzato su muri in pietra naturale dove ci sono molte piccole cavità sulla superficie che rendono il
problema delle macchie è ancora più grave.
La seguente tabella è un estratto dalla rivista di architettura “Architectural Technology” Edizione
no.No.4, pagina 90-93, pubblicata in Giappone nel 1993 e contente un’analisi approfondita della
tendenza dei diversi sigillanti a macchiarsi. Recentemente alcuni produttori di silicone hanno
sviluppato e immesso sul mercato un nuovo tipo di silicone meno soggetto a macchie. La seguente
tabella é il risultato di uno studio fatto prima della comparsa sul mercato di questo prodotto.
Macchie
Silicone
Sull’area circostante
Sulla superficie del
giunto
Sbiancamento colore
(Note)
Sigillante
Silicone
Polisolfuri
modificato
A
A
Poliuretani
A causa di dispersioni del
prodotto
A causa di adesione di polvere
C
A
C
B
A
C
A causa di crescita di muffe
A causa UV e solfuro
B
A
B
A
B
B
B
C
A: nessun effetto, B: effetti leggeri, C: effetti pesanti
46/115
Appendice 8
Protezione dei pannelli ALPOLIC/fr da correnti e fulmini
1. Generalità
Quali sarebbero gli effetti sul pannello e sul telaio se un
fulmine si abbattesse su un pannello ALPOLIC/fr? In linea
generale, i pannelli usati per le facciate costituiscono un
unico circuito con il telaio di fissaggio che viene
opportunamente collegato a terra. Perciò é evidente che
l’elettricità del fulmine verrà in tal caso convogliata a terra e
quindi non accadrà nulla né al pannello né al telaio
sottostante.
In questa sede, riportiamo le prove eseguite per verificare il
comportamento elettrico del pannello ALPOLIC/fr per
facciate, in particolare sotto l’effetto dei fulmini.
Parafulmine
Rivestim
ento est.
Messa a
terra
Fig. 1: fulmini sul pannello ALPOLIC/fr
2. Necessità di conduttori elettrici per scaricare l’elettricità dei fulmini
Se un fulmine si abbatte sul pannello ALPOLIC della facciata, l’elettricità percorre il circuito
costituito dall’insieme dei pannelli e del telaio sottostante. Se la resistenza elettrica del circuito é
sufficientemente bassa, l’elettricità lo attraverserà come un filo conduttore fino a terra. Perciò affinché
le scariche elettriche dei fulmini non costituiscano problema e possano essere scaricate a terra, la
resistenza della facciata e del telaio di fissaggio deve essere abbastanza bassa. In base alle JIS A 4201 "Protezione delle strutture dai fulmini”, l’edificio dovrebbe essere munito di impianto parafulmine
come segue:
(1) Fili e cavi collocati entro 50m dal perimetro dell’edificio
(2) La resistenza elettrica di ogni cavo dovrà essere inferiore a 50 ohm mentre la resistenza globale
dovrà essere inferiore a 10 ohm.
3. Resistenza elettrica dei pannelli ALPOLIC e del telaio di
fissaggio.
In base alla normativa già citata, si é valutato se la resistenza
elettrica dei pannelli ALPOLIC e del telaio può essere
sufficientemente bassa. Per la valutazione della resistenza
elettrica, abbiamo realizzato una facciata su un modello
ottenuto con un parallelepipedo solido di base 25x25m e alto
100m (v. figura 2).
I pannelli ALPOLIC sono stati disposti tutti attorno al telaio,
sul modellino e con il metodo illustrato in figura 3. Il telaio
di acciaio rivestito è stato fissato alla soletta di cemento con
staffe e ancoraggi. I pannelli ALPOLIC sono stati fissati al
telaio con viti di acciaio inox.
Dato che sia i due lati del pannello ALPOLIC, sia il telaio
di fissaggio sono verniciati, ambedue le superfici possono
essere considerate elettricamente isolate.
25m
25m
ALPOLIC
e struttura
sottostante
100m
Fig. 2, Modello di calcolo
47/115
Fissaggio
a vite
Junction by
screw
@=1.5m
Bracket
& anchor
Staffa
e ancoraggio
Junction
by rivet
Fissaggio
con rivetto
ALPOLIC
panel
Pannello
ALPOLIC
Vertical
Telaio
verticale
sub-structure
sotto
i pannelli
Telaio
orizzontale sotto
i pannelli
Fig. 3: Particolari
d’installazione
In questo caso il collegamento elettrico tra il pannello ALPOLIC e il telaio di montaggio deve
avvenire sui punti di giunzione per mezzo di rivetti (alluminio) e viti di acciaio inox. Data questa
condizione, trascurando la resistenza da contatto dei punti di giunzione, é possibile calcolare la
resistenza elettrica del pannello ALPOLIC e del telaio sottostante dalla cima alla base dell’edificio
con la seguente formula:
Tabella 1.: Resistenza elettrica del rivestimento esterno
Telaio di fissaggio
ALPOLIC
(lamina alluminio lato (acciaio 100×50×2mm)
a vista, 0.5mmt)
Resistenza specifica di
4×10-8ohm·m
10×10-8 ohm·m
alluminio e acciaio
0.027m2
Area della sezione di
0.05m2
-3
(0.2×2×10-3×66pcs.)
metallo del modello
(0.5×10 ×25m×4)
-4
Resistenza elettrica da
0.8×10 ohm
3.7×10-4 ohm
cima a fondo
Resistenza
combinata di
alluminio e acciaio
0.66×10-4 ohm
Da questa tabella si ricava che la resistenza calcolata della facciata esterna é molto bassa se
confrontata al valore standard di 10 ohm.
48/115
4. Verifiche di controllo su cantiere ALPOLIC
A conferma dei suddetti calcoli, é stata condotta una verifica su un cantiere ALPOLIC (superficie
totale ALPOLIC = 300m2, v. fig.4), in occasione della quale è stata misurata la resistenza elettrica
effettiva tra due pannelli ALPOLIC in due punti diversi. Inoltre è stata misurata la resistenza tra il
pannello ALPOLIC e il collegamento principale di terra nell’edificio. I risultati sono quelli indicati in
tabella 2.
Tabella 2: Risultati delle verifiche in sito
Punti di misurazione
Distanza
Resistenza
tra due punti tra due punti
Pannello ALPOLIC 1 e
10m
0.2 ohm
pannello ALPOLIC 2
20m
0.3 ohm
30m
0.2 ohm
Pannello ALPOLIC 1 e
10m
0.0 ohm
collegamento
di
terra
20m
0.2 ohm
dell’edificio.
Fig. 4: progetto ALPOLIC su cui é
stata condotta la verifica
5. Differenza tra panelli ALPOLIC e pannelli di alluminio massiccio
Sempre basandoci sul modello utilizzato precedentemente, è possibile calcolare la resistenza di
pannelli di alluminio massiccio con i seguenti risultati:
Tabella 3: Resistenza elettrica di pannelli di alluminio massiccio
Pannello di allumino
Telaio di fissaggio
massiccio
(acciaio,
(alluminio 3.0mm)
100×50×2mm)
Resistenza specifica di
4×10-8 ohm·m
10×10-8 ohm·m
alluminio e acciaio
Area della sezione di
0.3m2
0.027m2
-3
metallo del modello
(3.0×10 ×25m×4)
(0.2×2×10-3×66pcs.)
-4
Resistenza elettrica da
0.13×10 ohm
3.7×10-4ohm
cima a fondo
Resistenza combinata
di alluminio e acciaio
0.13×10-4ohm
Dalla tabella 1 e 3 si ricava che la resistenza dei pannelli ALPOLIC per facciate é paragonabile a
quella dell’alluminio massiccio:
ALPOLIC
Resistenza combinata di
alluminio e acciaio
0.66×10-4ohm
Pannello di alluminio
massiccio 3.0mm
0.13×10-4ohm
Se paragonati allo standard di 10 ohm e alla resistenza di contatto dei punti di giunzione, ambo i dati
sono molto bassi con una differenza che parrebbe trascurabile.
49/115
Lavorazioni e Montaggio
1. Metodologia di lavoro ALPOLIC/fr
1.1 Disegni di Lavorazione
1.2 Disegni Esecutivi di Fabbricazione dei pannelli
1.3 Ottimizzazione dei Pannelli
1.4 Esempio di Disegni di Lavorazione, Montaggio, etc…
2. Lavorazioni
3. Montaggio
4. Avvertenze per la lavorazione e il montaggio (importante)
Esempio di studi di progetto, disegni esecutivi e
Ottimizzazione delle dimensioni di un pannello
(estratto)
Appendice 2: Elenco attrezzature
Appendice 3: Lavorazioni tipiche
Appendice 4: Esempi di pannelli elaborati
Appendice 5: Saldatura
Appendice 6: Tipici metodi di impermeabilizzazione
51
52
52
52
52
53-54
55-56
557
Appendice 1:
58-75
76-77
78-79
80-87
88
89
50/115
1. Metodologia di lavoro ALPOLIC/fr
Un tipico progetto ALPOLIC/fr si sviluppa su varie fasi a partire dal bando di gara e quindi dalla
relativa offerta fino alla realizzazione completa del lavoro che comprende fasi di progetto in ufficio,
fasi di investigazione e realizzazione in officina e in cantiere. Ognuna di queste fasi è molto articolata
e strettamente collegata alle successive. A seguito si è cercato di schematizzare una procedura tipica di
un progetto ALPOLIC/fr.
Nell’arco di tutte queste fasi, i disegni tecnici e i disegni esecutivi sono il fulcro di tutto il progetto
ALPOLIC/fr. La fase di ottimizzazione delle dimensioni del pannello serve invece ai fini della corretta
redazione dell’ordine di acquisto. In questa sede, entreremo quindi nei particolari di queste tre fasi
cruciali: disegno tecnico, disegno esecutivi e ottimizzazione pannello.
Schema globale di un progetto ALPOLIC
(1) Shop drawing
In cantiere
in fabbrica (ALPOLIC)
In U.T. e in Officina
We have to prepare shop drawings prior to installation work. Shop drawings consist of elevations,
arrangement method
of esub-structure,
seziones specifying the fixation Particolares and anchoring
Progetto
specifiche
method, etc. degli architetti
Before finalizing shop drawings, we have to consult
well with the architect and the client about the
Ottimizzazione
dimensioni
pannellowe
ai have to prepare miniature
panel color, panel layout and its fixing Particolares.
And besides,
fini
dell’ordine
di
samples or mock-up
based
on the shop drawing for architect’s confirmation. After these
pre-studies,
Disegno
tecnico
Ricezione
ordini
acquisto
we submit the final shop drawings, samples and other documents for architect’s approval.
(2) Fabrication drawing
The fabrication Schema
drawings
purpose.
There are many styles of fabrication
Disegni
esecutivi
di are prepared for internal
drawing form, but
every form should permit an efficient drawing work and also it should be easily
montaggio
understandable for everyone involved in the fabrication without misunderstanding.
Produzione
dei and
From fabrication drawing, we have an information about
cutting and grooving method
of panels,
Approvvigionamento
Marcatura
pannelli ALPOLIC
required subsidiary materials. In addition, as it is the mutual
of the fabrication, the fabrication
materialibasis
accessori
drawing can be utilized for a wide range of office works including inventory control of ALPOLIC and
Ispezione
e CQfor
subsidiary materials,
and cost control of fabrication work. Also fabrication drawing can
be used
Telaio di fissaggio
inspection of the fabricated panels.
Lavorazione pannelli
(3) Optimization of panel size
Montaggio pannelli
Controllo
finale panel list to place an order of
Soon after receiving an approval of the shop drawing,
we prepare
ALPOLIC. The panel list must reduce the waste and also meet manufacturer’s requirements on
production and packing of ALPOLIC/fr, since panels are produced exactly in accordance with this
Chiusura e Impermeabilizzazione
panel list.
giunti
(4) Esempio of shop drawing, fabrication drawing and optimized panel list
Appendix 1 is an Esempio (excerpts) of shop drawing, fabrication drawing and optimized panel list of
Ispezione e controllo
an actual ALPOLIC
project, a factory project in Singapore. Through a combination of these
finale
documents, we can look over ALPOLIC works of this project.
51/115
1.1 Disegni di Lavorazione e Montaggio.
Dobbiamo preparare tutti i disegni di lavorazione e montaggio prima dell’installazione. I disegni di
lavorazione consistono in prospetti, arrangiamenti e metodi di sottostruttura, dettagli e sezioni.
Prima di iniziare i disegni di lavorazione e montaggio dobbiamo avere l’approvazione
dell’architetto e del cliente per il colore del pannello i moduli ed i dettagli del fissaggio. Da
parte nostra si consiglia di preparare un campione in miniatura per approvazione . Dopo tutto
ciò si procede all’approvazione dell’architetto di tutti i disegni e dettagli.
1.2. Disegni esecutivi di fabbricazione dei pannelli.
Ci sono vari metodi per farlo e dipende dal nostro metodo interno. Ma tutti , in ogni modo , debbono
essere efficienti e facili da capire da chiunque sia coinvolto nel progetto e non devono lasciare sorgere
ogni benchè minimo dubbio.
I pannelli possono essere fresati e montati a cassetta, per cui richiedono ulteriori materiali sussidiari.
Inoltre tale procedimento è utile per il controllo dell’inventario e della quantità di materiale
occorrente.
1.3. Ottimizzazione dei pannelli
Dopo l’approvazione dei disegni, passiamo alla preparazione della lista del materiale per invio
dell’ordine di ALPOLIC®/fr . Se la lista è fatta utilizzando programmi di ottimizzazione, possiamo
ridurre al minimo lo sfrido ed in base alle quantità ed ai tempi ordinare ALPOLIC®/fr nelle quantità
più vicine al nostro fabbisogno.
1.4. Esempio di Disegni di Lavorazione, Montaggio ed Ottimizzazione e Lista Ordine Materiale.
Appendice 1 è un esempio ( estrattto ) di tutto ciò, di un progetto in Singapore. Attraverso una
combinazione di questi documenti possiamo vedere il risultato finale.
52/115
2. Lavorazioni
I pannelli ALPOLIC®/fr possono essere lavorati fino ad assumere qualsiasi forma con le stesse
macchine utilizzate per la lavorazione del legno e della lamiera:
(1) Taglio mediante sega circolare
Qualsiasi sega circolare e/o sezionatrice per pannelli di legno é in
grado di operare tagli sui pannelli ALPOLIC®/fr senza difficoltà. Si
raccomanda unicamente l’uso di lame con denti al carbonio tipo quelle
usate per il taglio di alluminio e plastica.
(2) Taglio mediante cesoia
Una cesoia angolare é solitamente l’utensile più idoneo per tagliare
pannelli in grandi quantità per produzioni importanti. In questo caso è
da notare che il bordo tagliato del pannello risulterà leggermente
compresso su un lato. Si raccomanda di rispettare le seguenti
indicazioni:
Spessore pannello
3mm
4mm
6mm
Interspazio lame
0.04mm
0.04mm
0.2mm
Angolo di taglio
1°
1°30'
2°30'
(3) Lamatura a V
Nella realizzazione di intagli a U occorre fare in modo che restino
sempre da 0.2 a 0.4mm di materiale del nucleo. Idealmente si consiglia
di utilizzare una dentatura di 110° per intagli a 90°. Per produzioni di
massa si consiglia l’uso di sezionatrici o pantografi a controllo
numerico.
Toupie (fresa verticale) o pantografo
Usare una punta modificata come in figura:
[Esempio di punta per fresa/toupie]
Numero di denti:
2-4
Numero di giri:
20.000-30.000
Velocità di avanzamento:
8-12 m/min.
Materiale:
Carburo massiccio o solo
denti al carburo
Bisellatura/Rifilatura:
Nel caso di progetti importanti con produzioni elevate si consiglia
l’uso di una sega circolare o sezionatrice con rifilatore.
[Esempio di rifilatore]
Materiale:
denti di carburo
Diametro est. punta
220mm
Numero di denti
18
Numero di giri
da 3.000 a 5,000
giri/min.
Velocità di avanzamento
10-15m/min.
53/115
(4) Piegatura
Una volta intagliato (lamatura a V o U), il pannello può essere
sagomato in dima oppure piegato con presso-piega o
piegatrice a rulli. Affinché i lati piegati risultino
perfettamente diritti, assicuratevi che il piano di appoggio
del pannello sia perfettamente piano. Per evitare la rottura
dello strato di finitura, si consiglia di non piegare mai il
pannello a temperature ambienti inferiori a 10/12°C.
(5) Piegatura in dima
Posizionare l’utensile (dima) a 25-50mm dal bordo della lamina e sollevatelo fino a formare dei bordi
come di un vassoio. Una volta uniti i 4 bordi squadrati a 90° sugli spigoli, sigillate le giunzioni per
evitare trafilamento di acqua e liquidi.
(6) Piegatura con presso-piega
Per piegare un pannello ALPOLIC®/fr con macchina presso-piega, utilizzare punzoni con il raggio di
curvatura desiderato ricordando che il minimo raggio interno di piegatura
é:
Spessore
Raggio minimo di curvatura (mm)
Trasversale Parallelo
ALPOLIC®/fr 4mm
80
100
®
ALPOLIC /fr 6mm
100
140
Nota: La suddetta tabella non si applica ai pannelli ALPOLIC® con nucleo di polietilene per i quali vale un
raggio min. di curvatura inferiore (v. depliant ALPOLIC®).
(7) Piegatura con piegatrice a rulli (calandre)
Per ottenere raggi di piegatura superiori, utilizzare una calandra a 3 rulli. Incidere e intagliare il lato di
curvatura, come mostrato in figura:
OMESSA
(8) Rivettatura e bullonatura
Per fissare le giunzioni si consiglia l’uso di rivetti ciechi di alluminio. Effettuate il lavoro sempre nella
stessa direzione e usando dadi/bulloni di acciaio inox. Nel caso di pannelli attaccati con foro di
giunzione, accertatevi che la distanza minima (e) tra l’asse del foro e il bordo del pannello deve essere
superiore al doppio del diametro del foro (D) affinché si verifichi la condizione (e › 2D) di sufficiente
carico di rottura. (v. Guida per il progettista 1-3 Resistenza del punto di giunzione.)
(9) Saldatura
Il nucleo dei pannelli ALPOLIC®/fr si può saldare con pinza pneumatica e filo di polietilene a bassa
densità oppure filo ottenuto da un pezzo di scarto di un pannello ALPOLIC®/fr. Il cordone va
adeguatamente rinforzato dopo la saldatura. (v. particolari all’Appendice 5)
Le attrezzature necessarie alla lavorazione dei pannelli ALPOLIC®/fr sono elencate all’ Appendice 2.
Le procedure tipiche per la produzione di forme a vassoio sono elencate all’Appendice 3. A volte
capita di dover realizzare forme molto complesse con spigoli tridimensionali. In questo caso occorre
fare riferimento alle istruzioni contenute in Appendice 4.
54/115
3.
Montaggio
(1) Generalità
Il montaggio dei pannelli va fatto in conformità ai disegni e alle specifiche del progettista. Qualora i
disegni non contengano sufficienti spiegazioni e specifiche o nell’eventualità di modifiche successive,
occorrerà richiedere sempre l’approvazione esplicita di un perito/responsabile.
(2) Procedure
Un tipo caso di montaggio dei pannelli ALPOLIC/fr consiste nella seguente procedura:
Procedura di montaggio
Scarico
Marcatura
Attrezzatura necessaria (a cura dell’impresa)
Camion e gru/caricatore
Impalcatura
Realizzazione telaio
c.s.
Trattamento antiruggine
c.s.
Posa ALPOLIC/fr
c.s.
Montaggio accessori
c.s.
Impermeabilizzazione giunti
c.s.
Pulizia e uscita dal cantiere
Impalcatura e rimozione della stessa
(3) Descrizione delle singole fasi
a. Scarico pannelli
All’arrivo in cantiere, i pannelli ALPOLIC®/fr vanno scaricati sul tetto o su ognuno dei singoli piani
dell’edificio o altro luogo adeguato sul cantiere. Lavorando piano per piano, si collocherà su ogni
piano solo l’esatto numero di pannelli previsti a quel piano dell’edificio. Legate assieme tutti i pannelli
con una corda e poi copriteli con un telo di protezione.
b. Marcatura
Verificate assieme al capo-cantiere che su ogni pannello sia marcata una tacca di riferimento in base
alla quale individuare le quote di montaggio in base ai disegni tecnici definitivi.
55/115
c. Realizzazione del telaio
Per poter realizzare il montaggio dei pannelli, occorre saldare una staffa di montaggio (per esempio un
pezzo a L 50×50×4t e angolare L=70mm sul tassello nel foro. Saldare sulla staffa un angolare da
40×40×3t. Tutti gli angolari dovranno essere trattati con strato di vernice antiruggine in base alle
norme di riferimento del progetto. Durante la saldatura fate attenzione a non far cadere scintille sulla
pellicola protettiva o sul compensato in modo da evitare pericolo di incendio/bruciatura. Per la
fabbricazione del telaio di montaggio, usate un filo a piombo, un livello o una bilancia ad acqua per
controllarne sempre la linearità. t = spessore .
d. Trattamento antiruggine
Applicate su tutti i cordoni di saldatura (incluso fianco e retro) uno strato di vernice antiruggine come
da specifiche di progetto.
e. Montaggio pannelli ALPOLIC®/fr
Segnate la quota di montaggio in base ai disegni tecnici, individuate il lato destre, sinistro, alto e basso
del pannello e collocatelo sul telaio utilizzando inserti (viti) filettati diam. 4mm. Di solito si consiglia
di rispettare un intervallo tra i punti di fissaggio variabile tra 300 e 400mm a seconda dei calcoli di
resistenza. Una volta completato il fissaggio, togliete la pellicola protettiva del pannello e gettatela via.
f. Montaggio accessori
Predisponete gli accessori indicati sui disegni tecnici e collocateli su ogni piano dell’impalcatura nella
giusta quantità per quel piano affinché non cadano e avendo cura di disporre i pezzi più grossi in
diagonale.
Segnate le quota di montaggio sul telaio in corrispondenza della posizione degli infissi delle finestre.
Per gli estrusi d’alluminio non é necessario rispettare le linee di giunzione. Fissate gli accessori con
inserti (viti) filettati diam. 4mm a intervalli di 300mm una dall’altra. Completato il fissaggio,
controllate livello (a piombo) e accuratezza del lavoro. Infine rimuovete la pellicola protettiva che
potrete – a questo punto – gettare via.
g. Pulizia e uscita dal cantiere
Ripulite e riordinate l’area di lavoro alla fine di ogni giornata ed in particolare alla fine di ogni sezione
del progetto. Una volta completato il lavoro in una zona, trasferite tutte le attrezzature e materiali alla
successiva per non intralciare i lavori successivi. Raccogliete e smaltite tutti i resti e i residui di
lavorazione ogni giorno, liberando il cantiere immediatamente da eventuali ostacoli.
Per le impermeabilizzazioni vedi Appendice 5.
56/115
4. Avvertenze per la lavorazione e il montaggio
(1) Resistenza della pellicola protettiva alle intemperie
La pellicola protettiva dei pannelli ALPOLIC®/fr si compone di un doppio strato di polietilene (uno
strato bianco e uno nero). NON TOGLIETE LA PELLICOLA PROTETTIVA fino a quando non
avrete completato tutte le lavorazioni e il montaggio in modo da evitare di graffiare e sporcare la
superficie del pannello prima ancora di aver finito la facciata. A condizioni climatiche temperate, la
pellicola protettiva é in grado di resistere per 6 mesi senza perdere nessuna delle sue proprietà
iniziali di distacco e senza causare macchie o altri danni. Appena completata la posa, RICORDATE
PERÒ DI RIMUOVERE IMMEDIATAMENTE LA PELLICOLA DI POLIETILENE.
(2) Tonalità e posizionamento pannelli
I pannelli metallizzati, quelli smaltati e la serie “Pietre” devono essere montati rispettando il senso
indicato dalla freccia sulla pellicola protettiva. In caso diverso, si potrebbero verificare leggere
differenze di tonalità sulla superficie globale. Per i pannelli tinta unita, questo effetto è invece di entità
quasi trascurabile.
(3) Effetto plastificanti
Evitate nel modo più assoluto di attaccare o incollare sulla pellicola protettiva nastri di PVC, sigillanti
di poliuretano o di silicone modificato. I plastificanti contenuti in questi materiali potrebbero
attraversare il doppio strato di polietilene a causare variazioni del grado di lucentezza della finitura del
pannello.
57/115
Appendice 1
Esempi di disegni tecnici, disegni esecutivi ed ottimizzazione dimensioni
(estratto)
1. Presentazione di un progetto tipico
Committente
Ubicazione
Carico del vento
Spessore pannelli
Dimensione
pannelli
Tipo di fissaggio
Colore
Quantità
Giunzione
Mitsubishi Chemical Infornics
Singapore
1.2 kPa
4mm
1200x2350mm
Su due lati
Beige metallizzato 30%G
2,100 m2
Giunti a tenuta
Pannelli ALPOLIC piegati a vassoio e montati con flangia di alluminio. Pannellatura finale
consistente di elementi piani, elementi angolari e una piccolo parte di elementi sagomati (conici o
ad arco). Uso di rinforzo solo su una parte dei pannelli.
Telaio di fissaggio trattato con mano antiruggine e fissato alla struttura con tasselli di ancoraggio.
Fissaggio dei pannelli ALPOLIC al telaio con viti autofilettanti di acciaio inox. Giunti trattati a
tenuta con sigillante. Larghezza giunti 18mm.
2. Disegni di massima
(1) Elevazione
(2) Particolari della fascia (serie di pannelli superiore di una facciata a vetro continua )
(3) Particolari tipici
(4) Terminale superiore (Modanatura che serve a coronare un elemento architettonico)
(5) Finestra
(6) Finestra
(7) Fascia (serie di pannelli superiore di una facciata a specchio)
(8) Facciata continua di vetro
(9) Facciata continua di vetro
3. Esecutivi di produzione
(1) Particolare di un pannello comune
(2) Pannello ND3 (Pannello liscio)
(3) Pannello ND7 (Pannello angolato ossia piegato ad angolo retto)
(4) Pannello NC5 (Pannello angolato con intaglio)
(5) Pannello NB5B (Pannello angolato con intaglio)
(6) Pannello NB5A (pannello piegato)
(7) Elenco quote ottimizzate del pannello
4. Ottimizzazione quote del pannello
58/115
1922.8
550
10
9000
2354.54 〃
〃
〃
9
9000
〃
2000 2000
2354.54
500
6000
8
9000
7
500
〃
6
〃
〃
9000
e il tipo
2000 〃
9000
Deve indicare la configurazione, le misure
di pannello
Disegno di massima No. 1: Elevazione
〃
〃
5
〃
〃 2000
9000
〃
6000
〃
2354.54
4
〃
3
〃
6000
〃
〃
2
〃
〃
11000
〃
2354.54
550
1
504.6
350 1150
7000
18050
4650
1200 1150 1150 1150 1150 1150 1200
1150 1150 1200 1150 1200 1150 1150
4650
250
59/115
1500
742
4500
1500
816
866
1500
893
866
12875R
1500
893
4500
1500
816
9.
68
°
648
116.2°
742
1500
648
535
385
535
0R
530
3
5.
89
Disegno di massima No. 2: Particolare – Fascia (serie di pannelli
superiore di una facciata di vetro)
385
2500
812
350
688
18°
2500
1150
1500
60/115
30
20
18
Disegno di massima No. 3: Particolari tipici di tutti i pannelli
30
70
115
30
40
100
30
115
100
18
61/115
Disegno di massima No. 4: Terminale superiore
150
20
385
50
30
20
18
15
30
70
100
200
20
62/115
Disegno di massima No. 5: Finestra
100
18
30
20
18
50
10
82
30
70
100
63/115
18
82
100
18
82
75
115
Disegno di massima No. 6: Finestra
64/115
Disegno di massima No. 7: Fascia (serie di pannelli superiore di una facciata a vetri )
18
18°
50
20
18
50
68
19
60
72
35
186
65/115
Disegno di massima No. 8: Facciata continua di vetro
100
20
50
18
828
18
914
19
60
72
35
186
66/115
100
50
18
20
914
846
19
60
186
107
Disegno di massima No. 9: Facciata continua di vetro
67/115
68/115
Common panel Particolare unless specified
h
i
Questa é la forma più tipica del pannello tra quelle utilizzate
in Giappone per il rivestimento di muri esterni e facciate. Si
tratta della forma più facilmente traducibile su carta in forma
di disegno tecnico e comunque sempre facilmente
interpretabile da chiunque sul cantiere in quanto è
praticamente quella del pannello completo. Perciò si può
utilizzare questo tipo di disegno come base standard con tutte
le informazioni utili per svariati lavori, incluso le lavorazioni
pratiche del pannello in cantiere, il controllo di inventario e la
gestione costi in azienda.
Questa pagina contiene il primo foglio degli esecutivi per la
produzione e illustra un pannello tipico tra tutti quelli applicati
in questo progetto per l’esecuzione del rivestimento ed
utilizzato sempre per intero, salvo disposizioni diverse per
pannelli particolari.
Esecutivo No. 1: Particolari tipici di tutti i pannelli, salvo indicazioni diverse del progettista.
Esecutivo No. 2: Pannello ND3 (Pannello liscio)
Metodo di taglio e incisione
Pannello finito
Taglio
incisione
Lavorazioni e Montaggio
69/115
70/115
Esecutivo No.3: Pannello ND7 (Pannello angolato)
Metodo di taglio e incisione
Pannello finito
Taglio
Incisione
71/115
Esecutivo No. 4: Pannello NC5 (Pannello angolato con intaglio)
Metodo di taglio e incisione
Pannello finito
Taglio
72/115
Esecutivo No. 5: Pannello NB5B Pannello angolato con intaglio)
Metodo di taglio e incisione
Pannello finito
Incisione
Taglio
73/115
Esecutivo No. 6: Pannello NB5A (pannello piegato)
Metodo di taglio e incisione
Pannello finito
Taglio
Ottimizzazione misure del pannello
Progetto: Mitsubishi Chemical Infonics
Materiale: Pannelli da 4mm, colore Champagne Metallizzato 30%G
Pannello finito
No .P.
Tipo
L
x
H
pezzi
m2
Misure
originale
L
x
pannello
H
Pezzi
m2
ND3
NM3
NN8
NO2
NO8
ND7
NB3
NB5A
NC28A
NB26A
NE2A
NB5B
NB26B
NB7B
NB21B
NB27B
NC3
NC5
NC23
NC7
NC21
NC26
NC27
NG2
NF2
NE2B
NM2
NC28B
NC30B
NC29B
NM8
F
F
F
F
F
B
B
B
B
B
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B
2,336
2,336
1,982
2,336
1,982
2,386
2,336
1,159
1,304
982
1,182
1,323
1,500
1,291
1,291
1,418
2,336
2,336
2,336
2,386
2,386
2,336
2,336
1,219
1,301
1,219
2,336
2,336
2,336
2,336
1,982
1,132
1,182
1,132
662
662
1,132
133
133
133
133
133
1,182
1,182
1,182
1,182
1,182
1,214
1,214
1,214
1,214
1,214
1,214
1,214
1,132
1,182
1,132
1,264
1,132
1,132
614
1,232
82
24
11
16
11
10
21
12
6
6
1
6
3
3
3
3
18
3
3
3
3
3
3
5
2
1
1
3
3
3
11
216.48
66.24
24.64
24.80
14.41
27.00
6.51
1.80
1.02
0.78
0.16
9.36
5.31
4.59
4.59
5.04
51.12
8.52
8.52
8.70
8.70
8.52
8.52
6.90
3.08
1.38
2.95
7.92
7.92
4.29
26.84
2,460
2,460
2,060
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,660
1,660
1,660
1,660
1,660
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,660
1,660
1,660
2,460
2,460
2,460
2,460
2,060
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
82
24
11
16
11
10
0
0
0
0
0
6
3
3
3
3
18
3
3
3
3
3
3
5
2
1
1
3
3
3
11
255.84
74.88
28.82
49.92
34.32
31.20
0.00
0.00
0.00
0.00
0.00
12.66
6.33
6.33
6.33
6.33
56.16
9.36
9.36
9.36
9.36
9.36
9.36
10.55
4.22
2.11
3.12
9.36
9.36
9.36
28.82
EC2
EB2
EO2
EC1
EB2
EO1
EB4A
EB4B
EB4C
EG4B
EG4C
EC4
EC5A
EC5B
ED5
EG6B
EK5B
EK6
EJ7A
EJ8
EJ7B
EJ10B
EK7
EK10
EK8
EJ6
EI6
F
F
F
F
F
F
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B/N
2,336
2,336
2,336
1,286
1,286
1,286
982
741
741
741
741
2,336
1,157
2,336
2,336
741
2,336
2,418
1,127
2,336
1,273
1,273
2,336
2,336
2,336
741
2,336
1,132
1,182
662
1,132
1,182
662
133
1,182
1,182
1,132
1,132
1,214
133
1,132
1,214
1,132
1,132
1,214
133
133
1,182
1,182
1,214
1,214
1,214
1,182
1,132
45
20
9
7
3
1
7
3
3
1
2
6
3
2
2
1
1
1
2
2
1
1
1
1
2
4
2
118.80
55.20
13.95
10.22
4.56
0.85
0.91
2.64
2.64
0.84
1.68
17.04
0.45
5.28
5.68
0.84
2.64
2.94
0.30
0.62
1.50
1.50
2.84
2.84
5.68
3.52
5.28
2,460
2,460
2,460
1,660
1,660
1,660
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,660
1,660
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
45
20
9
7
3
1
0
1
1
1
0
6
0
2
2
1
1
1
0
0
1
1
1
1
2
1
2
140.40
62.40
28.08
14.77
6.33
2.11
0.00
3.12
3.12
3.12
0.00
18.72
0.00
6.24
6.24
3.12
3.12
3.12
0.00
0.00
2.11
2.11
3.12
3.12
6.24
3.12
6.24
WD1
WB1
WO1
WC1A
WC3A
WC1B
F
F
F
B
B
B/N
2,336
2,336
2,336
982
1,482
2,336
1,132
1,182
662
133
133
1,132
47
24
9
9
8
3
124.08
66.24
13.95
1.17
1.60
7.92
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
47
24
9
0
0
3
146.64
74.88
28.08
0.00
0.00
9.36
74/115
WC2B
WC3B
WC4B
WE5
WF5
WG5
WJ6A
WJ7
WJ6B
WJ9B
WK8
WK9
WK6
WK7
WG7
WG6
B/N
B/N
B/N
B/N
B
B/N
B
B
B/N
B/N
B
B/N
B/N
B/N
B/N
B/N
2,418
2,418
2,336
2,336
741
2,336
1,127
2,336
1,273
1,273
2,336
2,336
2,336
2,418
2,418
2,336
1,132
1,132
1,132
1,132
1,182
1,132
133
133
1,182
1,182
1,214
1,214
1,214
1,214
1,132
1,132
3
3
3
3
6
3
2
2
1
1
1
1
1
1
1
1
8.22
8.22
7.92
7.92
5.28
7.92
0.30
0.62
1.50
1.50
2.84
2.84
2.84
2.94
2.74
2.64
549
1,129.05
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,660
1,660
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
2,460
1,660
2,060
2,460
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
1,270
3
3
3
3
2
3
0
0
1
1
1
1
1
1
1
1
9.36
9.36
9.36
9.36
6.24
9.36
0.00
0.00
2.11
2.11
3.12
3.12
3.12
3.12
3.12
3.12
455
1,367.19
41
22
392
86.51
57.64
1,223.04
1,367.19
(Nota 1)Questo elenco contiene circa la metà del numero totale di pannelli impiegati
(Legenda) P=pannello. Il tipo di pannello é indicato con le seguenti sigle:
F: liscio, B: piegato, B/N: angolato con intaglio
75/115
Appendice 2
Attrezzatura standard per la lavorazione dei pannelli ALPOLIC/fr
Taglio e scanalatura
Sezionatrice
Taglio
Sega circolare
Scanalatura a V
Sega circolare con dentatura lama a V
Scanalatura
Sezionatrice manuale
Incisione per taglio di precisione
Pialletto manuale per scanalature & punta
Scanalatura, taglio e intaglio
Pantografo o centro di lavoro CNC
Smussatura spigoli
Foratura & Fissaggio
Bisellatrice
Trapano pneumatico e rivettatrice
76/115
Foratura passante
Piegatura montaggio e ispezione
Punzonatrice
Tavolo d’appoggio perfettamente piano
Taglio degli estrusi d’alluminio
Alimentazione attrezzi pneumatici
Sega circolare con estrattore di polveri
Compressore
Piegatura sulla linea di intaglio
Dime di piegatura
77/115
Appendice 3
Tipica procedura di produzione pannelli
1. Controllo degli esecutivi
Controllate nei minimi dettagli
la correttezza di ogni disegno
esecutivo.
4. Taglio
Tagliate il panello in base ai
disegni utilizzando una sega
circolare.
2. Controllo pannelli ALPOLIC
Controllate dimensioni, colore e
quantità dei pannelli ALPOLIC
rispetto alle specifiche di disegno.
5. Scanalatura
Fate una prova per verificare lo
spessore residuo da non asportare
e il raggio di curvatura.
3. Marcatura
Marcate le linee di taglio e
scanalatura sui pannelli
attenendovi alle specifiche.
6. Bisellatura
Rimuovete gli spigoli dei pannelli
con una scantonatrice, una
bisellatrice o una punzonatrice.
7. Fori passanti
8. Taglio estrusi di alluminio
9. Piegatura
Eseguite i fori passanti per il
montaggio del panello con un
punzone o una pressa.
Se presenti, tagliate gli estrusi
di alluminio come da
particolari sul disegno..
Piegate sulla linea di scanalatura
con una maschera di piegatura con
un angolo da riverificare dopo il
primo pezzo.
78/115
10. Rimozione pellicola
protettiva
11. Fissaggio squadrette negli
angoli del pannello
12. Fissaggio flangia
d’alluminio.
Distaccate la pellicola
protettiva e tagliate con un
normale cutter.
Fissate le squadrette negli angoli
con dei rivetti.
Fissate la flangia d’alluminio con
dei rivetti e completate così un
pannello a vassoio.
13. Se necessario,
impermeabilizzare gli spigoli
con del sigillante
14. Controllo finale
Se necessario, applicare
sigillante di tipo idoneo su tutti gli
spigoli e sul retro del panello per
impermeabilizzarlo.
Controllate il pannello così finito.
79/115
Appendice 4
Esempi di alcuni pannelli più complessi
Esempio 1: Pannello piegato tridimensionale
Esempio 2: Pannello d’angolo per cornici
Esempio 3:
Pannello d’angolo per cimase
Esempio 4: Pannello d’angolo per scolo d’acqua
Esempio 5: Pannello d’angolo di finestra incassata
Esempio 6: Pannello d’angolo di sporgenze curve
Nota: Le dimensioni dei pannelli finiti che andiamo a descrivere nelle pagine seguenti, sono relative a
campioni in miniatura in scala ridotta a 1/2 o 1/5. ATTENZIONE: amplificare le quote fino a
rispondere alle vostre esigenze.
80/115
Esempio 1: Pannello curvo 3D
Vista frontale
Esempio di applicazione
Pannello
curvo 3D
25mm o meno
R>1300mm
Pannello
Pannello
curvo 3D
Elevazione
Sezione
Scanalatura
Metodo di taglio e scanalatura
Pannello curvo tridimensionale
di pannello piatto
Metodo di piegatura
Pannello di
tamponamento
Piegare pannello ALPOLIC e
pannello di tamponamento
assieme
ALPOLIC
81/115
Esempio 2: Pannello d’angolo di cornice
Pannello finito
Elevazioni
Flangia larga
d’alluminio
Sezione A-A’
Sezione B-B’
Flangia piccola d’alluminio
Sezione C-C’
Angolare d’alluminio 20x20
Angolare d’alluminio20x20
Sezione D-D’
Lamina continua d’alluminio
Grondaia, lamina continua
d’alluminio dietro linea di giunzione
superiore incollata con nastro VHB
Metodo di scanalatura e taglio
Scanalatura
Particolare A
Asse della gola scanalata
posizionato
1mm
più
internamente
della
linea
d’asse teorica per bilanciare
l’effetto allungamento dovuto
a piegatura
82/115
Esempio 3: Pannello d’angolo di cimasa
Pannelli finiti
Elevazioni
Flangia larga
d’alluminio
Flangia stretta
d’alluminio
sezione A-A’
sezione B-B’
Flangia larga
d’alluminio
sezione C-C’
Foro di
drenaggio
83/115
Sezione D-D’
Grondaia con
nastro 3M’s VHB
Scanalatura e taglio
Taglio
Scanalatura
A
Particolare A
Asse della gola scanalata
posizionato
1mm
più
internamente
della
linea
d’asse teorica per bilanciare
l’effetto allungamento dovuto
a piegatura
84/115
Esempio 4: Pannello d’angolo per gocciolatoio
Pannello finito
Particolare
Sezione A-A’
Supporto ALPOLIC attaccato con nastro
adesivo 3M’s VHB
Bordo da rifilare
Metodo di taglio e scanalatura
Taglio
Scanalatura
85/115
Esempio 5: Pannello d’angolo per finestra incassata
Pannello finito
Esempio applicativo
Pannello d’angolo di
finestra incassata
Sezione A-A’
Supporto ALPOLIC attaccato con nastro
adesivo 3M’s VHB
Bordo da rifilare
Metodo di taglio e scanalatura
Pannello principale
Scanalatura
Pannelli supplementari
d’alluminio
Piastra di supporto
86/115
Esempio 6: Pannello d’angolo per sporgenze bombate
Pannello finito
Elevazione
sezione A
sezione B
Metodo di taglio e scanalatura
87/115
Appendice 5
Saldatura
È possibile congiungere due pannelli ALPOLIC con una pinza di saldatura per pressione a caldo. Il
materiale d’apporto può essere ricavato ritagliando una bacchetta dal nucleo di un pezzo di pannello
di scarto. I giunti saldati rappresentano un punto della struttura meno resistente del resto e quindi
devono essere rinforzati dopo la saldatura.
1. Esempio di saldatrice a caldo
2. Bacchetta/materiale d’apporto
1. Attrezzatura per la saldatura
Saldatrice: pinza a pressione
termoplastiche
a
caldo
per
resine
2. Preparazione del materiale d’apporto
Ritagliare da un pezzo di pannello di scarto una barretta da 3
a 5mm di spessore. Scoprire il nucleo centrale togliendo
l’alluminio dai due lati e appuntire (circa 45°) il lato della
barretta che userete per l’attacco della saldatura.
3. Fresatura lati da saldare
Fresare o smussare il bordo del pannello ALPOLIC con una
scantonatrice o sezionatrice fino a ridurlo al profilo
desiderato per la saldatura.
3. Fresatura bordo di saldatura
4. Spinta di avanzamento
5. Piastre di rinforzo
4. Saldatura
Prima di cominciare a saldare, riscaldate la punta della
bacchetta di materiale d’apporto e la zona del nucleo dei
pannelli utilizzando la pinza. Quando tutte e due le superfici
sono umide, premere la bacchetta contro il nucleo dei
pannelli ALPOLIC e spingere la bacchetta in avanti alla
velocità di 5-6 cm al minuto.
Nota 1: La temperatura dell’aria in uscita dalla pinza è di
circa 130°C tutto intorno alla zona di saldatura.
Nota 2: Spingere la bacchetta di materiale d’apporto contro
la linea del nucleo esercitando una pressione tale da farla
piegare a circa 45° come illustrato in figura.
Nota 3: Un eccessivo riscaldamento causa la decomposizione
del nucleo e – a questo punto – la bacchetta di materiale
d’apporto non potrà più aderire al nucleo.
Nota 4: La velocità di avanzamento deve essere giusta. Non
procedere né troppo lentamente, né troppo in fretta. Il
movimento deve risultare uniforme e continuo.
5. Rinforzo con piastre
Infine attaccate una piastra di rinforzo fatta con materiale
ALPOLIC o di allumino utilizzando un nastro biadesivo o
altro collante idoneo.
Nota 5: Prima di procedure ad incollare tutto, fate una prova dell’adesivo su un angolino in modo da
essere certi che il prodotto scelto non causi deformazione o distorsione della superficie per effetto di
eccessivo ritiro dell’adesivo dopo l’indurimento.
88/115
Appendice 6
Tipiche procedure di impermeabilizzazione
1. Pulizia della superficie
Ripulire da ghiaia e polvere. Pulire
le giunzioni, asciugando tracce di
umidità, olio e polvere.
4. Applicazione primer
Se necessario, applicate una
mano di primer a spruzzo o a
pennello.
7. Riempimento fuga (per
mono-componenti): per prodotti
mono-componenti, spuntare
l’ugello (punta) a 45° e montate la
cartuccia su una siringa turapori.
10. Presa finale
Una volta completato il lavoro,
lasciate che il giunto faccia presa
fino ad indurimento completo.
2. Inserire materiale di sostegno
Serve come anti-adesivo nei punti
dove si vuole evitare attaccare tre
lati.
3. Applicazione maschera
Usate un’opportuna maschera per
coprire la zona adiacente al giunto
ed evitare sporcarla di adesivo.
5. Miscelazione (solo per
prodotti bi-componenti)
Aggiungete il catalizzatore alla
base e mescolate accuratamente.
6. Riempimento fuga (per
bi-componenti): prima di colmare la
fuga con il prodotto, pulite siringa e
ugello per rimuovere ogni traccia di
sporco e olio. Iniettate il prodotto senza
fare bolle d’aria
8. Finitura
Uniformare ed omogeneizzare
lo strato di adesione, pulire ed
eliminare eventuali bollicine.
9. Rimuovere maschera Una volta
finito, togliete il nastro coprente
srotolandolo attorno a un tubo.
Nota 1. Questo opuscolo é un estratto del manuale del fornitore di
sigillante. Si rimanda l’utilizzatore alle istruzioni del produttore di
nastro e adesivo per maggiori particolari e note specifiche sul
prodotto.
Nota 2. Aumento di lucentezza dovuto a plastificanti e adesivi.
Non attaccate mai sulla pellicola del pannello adesivi poliuretanici o
a base di silicone modificato. I plastificante contenuto in questi
prodotti penetra attraverso la pellicola e può causare variazioni di
opacità/brillantezza del pannello. Durante i lavori di finitura, fate
attenzione a non sporcare la pellicola protettiva dei pannelli
ALPOLIC con il sigillante in eccedenza.
89/115
Kit di manutenzione
(A)
(B)
(C)
(D)
(E)
(F)
Vernice per ritocchi
Riverniciatura pannelli ALPOLIC/fr®
Verniciatura a base di Lumiflon delle parti d’alluminio
Pulizia
Esempio pratico di pulizia pannelli
Stoccaggio
91
92-93
94
95-97
98
99
90/115
(A) Realizzazione di ritocchi
Uno dei maggiori vantaggi delle vernici al Lumiflon é che – in caso di piccoli danni o graffi -, é
possibile fare dei ritocchi a temperature ambiente della superficie danneggiata. Questo manuale
contiene le istruzioni per l’esecuzione di ritocchi e piccoli interventi su pannelli ALPOLIC finiti con
una mano di vernice al fluoro carbonio a base di Lumiflon perfettamente idonea al ritocco con una
vernice anch’essa al fluoro carbonio a base di Lumiflon, ma specificatamente studiata per essiccazione
all’aria e denominata “Bonflon #2000”.
1 kg di vernice da ritocco consiste di:
1. Vernice (Composto di base, indurente e
Composto base: 0.93 kg
solvente)
Indurente:
0.07 kg
A parte, viene fornito il solvente (xylene) per diluire il
prodotto e regolarne la viscosità. Xylene: circa 1 litro
2. Spolverate e pulite la superficie del pannello con un panno
morbido. Carteggiate leggermente la zona del ritocco con
carta 320-400 ed eliminate eventuali tracce di olio e grasso
2. Preparazione del
con isopropanolo o affini.
fondo
(Nota) Non usare MAI solventi per la pulizia del pannello.
3. Se necessario, proteggete la zona limitrofa con un foglio di
polietilene o nastro adesivo per evitare che si sporchi.
(Nota) Non usare MAI nastri adesivi di PVC.
4. Agitate bene la confezione per mescolare il composto base
ed omogeneizzare i pigmenti colorati. Infine versate il
3. Protezione aree circostanti
prodotto dentro un bicchiere in quantità sufficiente.
5. Aggiungere indurente e solvente in quantità giusta,
miscelare bene e lasciare riposare per circa 30 minuti prima
dell’uso. Per la miscelazione rispettare il seguente rapporto
composto base/indurente: 93 : 7 (=13 : 1).
Solvente (xylene): aggiungere solvente in quantità variabile
dal 20 al 40% in base al grado di viscosità desiderato.
4. Preparazione del prodotto
6. Applicare il prodotto alla zona da ritoccare usando un
pennello o una pistola a spruzzo. A 20°C, il ritocco sarà
perfettamente secco dopo un’ora.
(Nota 1) Il tempo di lavorabilità della miscela pronta per
l’uso é di 6 ore a 20°C, quindi usare entro 6 ore dall’avvenuta
miscelazione del composto.
5. Miscelazione
(Nota 2) Non applicare MAI a meno di 10°C.
ATTENZIONE:
1. Le zone ritoccate (specialmente per colori metallizzati)
potrebbero presentare leggere variazioni di lucentezza/colore
a causa del diverso metodo di applicazione dei prodotti.
2. Conservazione e stoccaggio
(1) Conservate le vernici lontano da fiamme dirette e fonti di
6. Applicazione
calore eccessive
(2) Non esponete mai le vernici ai raggi solari diretti per
periodi prolungati
Assicuratevi che i contenitori siano ben chiusi e stagni ed
evitate vicinanza a zone o fonti di umidità.
91/115
(B) Riverniciatura dei pannelli ALPOLIC®/fr
Data la natura del loro nucleo di polietilene, i pannelli ALPOLIC® si deformano già a 100°C e quindi
non possono essere essiccati in forno ad alte temperature. Perciò, nello scegliere una vernice adatta,
fate attenzione che sia di tipo polimerizzante all’aria ed essiccante anche a basse temperature
(massimo 90°C per 30 minuti).
A seguito descriviamo la procedura tipica di verniciatura dei pannelli ALPOLIC®.
Esempio di verniciatura a spruzzo
Pannelli lasciati asciugare all’aria
Pistola ad aria
Compressore
1. Vernici a forno (a basse temperature)
(1) Pulizia
Spolverare e pulire la superficie del pannello ALPOLIC® con
un panno morbido. Per una perfetta adesione, carteggiare con
disco Scotch Bright #8447 o #7447 (equivalente a carta
vetrata grana #280 o #320). Dischi ruvidi e carta vetrata
possono graffiare il pannello in profondità o rimuovere lo strato
di finitura. Per facilitare la lucidatura del pannello si consiglia
l’uso di una sabbiatrice con disco Scotch Bright.
Una volta lucidato, pulite con isopropanolo (o altre soluzioni
non aggressive). ATTENZIONE: macchie residue di olio causeranno fessurazione,
distacco e altri difetti della finitura.
(2) Applicazione
Le vernici poliuretaniche o a base di Lumiflon (o fluoro carbonio) sono
disponibili anche in versioni per essiccazione a basse temperature. Applicare la
vernice a spruzzo su tutto il pannello ALPOLIC. NON USATE VERNICI
ACRILICHE perché essiccano solo ad alta temperatura.
(3) Polimerizzazione I pannelli verniciati vengono fatti polimerizzare ai picchi di temperatura per
metalli per un tempo specificato dal produttore (non oltre 90° per 30 minuti per
evitare fenomeni di deformazione termica).
(4) Raffreddamento Il pannello in uscita dall’impianto di polimerizzazione viene fatto raffreddare a
temperature ambiente.
(5) Protezione
Coprite la superficie verniciata con una pellicola protettiva ad adesione minima.
ATTENZIONE alla progressione della forza di aggrappo della pellicola nel
tempo: potrebbe essere difficile distaccarla dal supporto. Evitate pellicole di
PVC sulle superfici al Lumiflon perché potrebbero causare localizzazioni di
maggiore lucentezza sul pannello. Fate attenzione alla formazione di bolle
d’aria tra il pannello e la pellicola, sotto le quali potrebbe verificarsi una
variazione di lucentezza della finitura.
92/115
2. Vernici ad aria
(1) Pulizia:
Come per le vernici a forno
(2) Applicazione:
Vernici poliuretaniche o a base di Lumiflon (fluoro carbonio) tipo ad aria (per
essiccazione a temperature ambiente). NON APPLICARE MAI A MENO DI
10°C.
(3) Essiccazione:
La superficie é completamente secca dopo 1 ora a 20°C.
(4) Polimerizzazione: A seconda del tipo di vernice, la miglior performance (caratteristiche) della
finitura si ottiene dopo un paio di settimane. Evitate di accatastare i pannelli uno
sopra l’altro prima che siano trascorse almeno queste prime due settimane per
evitare che si attacchino.
3. ALPOLIC® poliestere bianco
Il poliestere bianco ALPOLIC® é un prodotto studiato
per la riverniciatura dei pannelli. Si tratta di una vernice di
di poliestere invece che di Lumiflon.
Il metodo di applicazione consiste di una mano di
primer al poliestere e una finitura di poliestere su cui
è possibile stendere vernici poliuretaniche o al
Lumiflon nello stesso modo già descritto.
ALPOLIC® poliestere bianco
Finitura di poliestere (circa 15
micron)
Primer di poliestere (circa 5 micron)
Trattamento chimico
Alluminio
4. Ritocchi sul retro dei pannelli ALPOLIC®
Prima di qualsiasi lavoro sul retro del pannello ALPOLIC® ricordate di rimuovere dalla superficie tutte
le frecce direzionali e l’identificativo del lotto di produzione stampati con inchiostro nero a lunga
durata lavabile solo con solventi tipo MEK (Metil etil chetone).
Nel pulire con il MEK fate attenzione a non asportare lo strato del trattamento chimico che si trova tra
la mano di vernice e lamina di alluminio e che serve a garantire l’adesione della vernice fresca che
andrete a ritoccare. Qualsiasi intervento di pulizia (con MEK o altri solventi) sul retro del pannello
deve essere eseguito con movimenti dolci e gentili senza eccessivo sfregamento che potrebbe risultare
in una completa asportazione dello strato di trattamento lasciando a nudo la superficie di alluminio
sottostante.
Non utilizzate MAI solventi o MEK sul davanti dei pannelli ALPOLIC® perché il MEK è molto
aggressivo e – come tutti i solventi – potrebbe seriamente danneggiare la vernice al lumiflon a base di
fluoro carbonio.
5. Consigli generali per un corretto ritocco
(1) Una superficie non perfettamente pulita può essere causa di scarsa coesione della vernice al
supporto.
Fate attenzione alle condizioni di essiccazione, temperatura e tempo di polimerizzazione.
(2) Fessurazione del lato piegato
In generale la vernice a spruzzo tende ad assumere spessori maggiori e
naturalmente tanto più spesso é lo strato di vernice, quanto maggiore é il
rischio di piccole crepe e fessure durante piegatura in presenza di basse
temperature. Per evitare questo fenomeno sugli spigoli del pannello, evitate
di eseguire lavorazioni a temperature inferiori ai 15°C.
A temperatura ambiente piuttosto
fredde, si potrebbero verificare
fessurazioni del pannello in questo
punto
93/115
(C) Applicazione di vernici al Lumiflon sugli elementi di alluminio
Nel caso in cui il progetto richieda che tutte le parti di alluminio siano verniciate come i
pannelli ALPOLIC® , è possibile utilizzare una vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio
idonea per alluminio. Questa vernice esiste in commercio in due versioni: vernice a forno ad
alta temperatura e ad aria. Se la verniciatura viene fatta in un’officina con cabina di verniciatura
è preferibile utilizzare il tipo a forno che polimerizza normalmente a 120°C in soli 20 minuti.
Se invece la verniciatura avviene in cantiere, è consigliabile il tipo ad aria che polimerizza a
temperatura ambiente.
1. Sottofondi
Queste vernici sono idonee alla verniciatura di qualsiasi alluminio inclusi pannelli di alluminio ed
estrusi vari.
2. Pretrattamento e mano di fondo
Sgrassate e pulite la superficie di alluminio da verniciare e poi applicate il primer con pistola a spruzzo.
Prima di applicare il primer su tutta la superficie dei pannelli fate una piccola prova di compatibilità.
Di solito, si consigliano primer epossidici in spessore adeguato al caso e alle istruzioni del produttore.
3. Finitura (vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio)
Appena essiccato il primer, applicate la vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio in due mani per
evitare gocciolamento e perle di verniciatura. Abbiate cura di ottenere uno spessore totale di almeno
25 micron.
4. Essiccazione in forno
La vernice applicata in cantiere richiede lunghi tempi di attesa per la completa essiccazione. Se invece
disponete di una cabina di verniciatura, l’essiccazione a 120°C é completa dopo soli 20 minuti e
quindi con un notevole risparmio di tempo.
Nota: NON USARE MAI QUESTO METODO PER I PANNELLI ALPOLIC perché i pannelli
cominciano a deformarsi già a temperature inferiori ai 120°C !!!
A seguito riassumiamo brevemente le fasi di verniciatura dei componenti di alluminio:
Fase
1. Preparazione sottofondo
2. Applicazione primer
Descrizione
Pulizia e sgrassaggio
Spessore: 15 - 20 micron
Resa primer: 200-250 g/m2
3. Essiccazione
Da 80 a 100°C × 20 minuti
4. Raffreddamento
Fino al raggiungimento di max 35°C sulla
superficie finita
5. Finitura
Spessore ultima mano: min 25 micron
Resa vernice: 300 g/m2
6. Essiccazione
120°C × 20 minuti
7. Raffreddamento
Fino al raggiungimento di max 35°C sulla
superficie finita
Nota: La suddetta tabella è riferita alle tinte unite non-metallizzate. Per i colori metallizzati si richiede
una mano di finitura (circa 15 micron) superficiale trasparente.
94 /115
(D) Pulizia
1. Premessa
Questo prontuario si riferisce alle procedure di pulizia e manutenzione dei pannelli per facciate esterne
serie ALPOLIC® con verniciatura al Lumiflon a base di fluoro carbonio.
2. Campo di applicazione
Il presente manuale é stato redatto allo scopo di assistere architetti, imprese, proprietari e chiunque
altro interessato o responsabile della manutenzione dei pannelli esterni ALPOLIC® in base a regole e
condizioni di massima sicurezza.
3. Generalità
3-1. In genere, le vernici al Lumiflon a base di fluoro carbonio, così come molti altri rivestimenti
organici per l’alluminio, sono relativamente insensibili alle polveri e non attraggono sporcizia. Ciò
nonostante l’accumulo di sporco e terriccio dipende molto anche dalla zona in cui sorge lo stabile.
Zone diverse richiedono interventi di pulizia a intervalli diversi sia per motivi estetici, sia per poter
assicurare la rimozione di sostanze nocive che potrebbero rovinare il rivestimento superficiale dei
pannelli.
Nella maggioranza dei casi, la semplice pioggia basta a mantenere pulita la facciata. In zone molto
secche a scarse precipitazioni, dove viene a mancare questo benefico effetto, occorrerà pulire i
pannelli con maggiore frequenza. Persino parti diverse dello stesso edificio potrebbero richiedere
regole diverse di pulizia. Le parti più in basso o quelle più in vista, ad esempio, potrebbero dover
essere pulite più frequentemente di parti più nascoste o riparate dove la pulizia, a volte, è ridotta quasi
a zero. Una corretta norma comportamentale richiede la considerazione di tutti questi fattori prima di
definire una regola di pulizia.
Un’eventuale procedura di pulizia potrà inoltre essere abbinata o rivista in base agli interventi
comunque necessari per altre vetrate e/o elementi della facciata di alluminio.
3-2.
In linea di massima, interventi di pulizia più frequenti sono richiesti in questi casi:
Zone scarsamente piovose
Zone fortemente industrializzate
Zone limitrofe a cantieri edili
Zone costiere e litorali con frequenti cicli umido/secco e presenza di sali e nebbie con tendenza
a depositarsi.
Alcune aree/zone protette (per esempio sotto tettoie o parti architettoniche a sbalzo) dove
manca l’effetto benefico delle piogge.
3-3. Nel caso di pulizia con sistemi automatici, fate una piccola prova per verificare l’idoneità
dell’apparecchiatura alla natura del pannello e per valutarne la capacità di produrre un sufficiente
grado di pulizia agli intervalli di tempo desiderati.
95 /115
4. Precauzioni
Una volta completato il lavoro rimuovere accuratamente tutte le tracce e residui di materiale da
costruzione (cementi, malte ecc…). Una corretta pulizia della facciata così finita dovrà essere
effettuata a intervalli regolari per mantenere un buono stato dei pannelli:
Località
Interventi/anno
Zone rurali
0.5
Zone urbane
0.5 - 1
Aree desertiche e/o costiere
1
Zone industrializzate
1-2
4-1. Rimozione terriccio leggero
Per togliere eventuali resti di terriccio, fate prima una prova su una piccola parte della superficie per
valutare il grado di pulizia e i prodotti necessari e poi lavate la superficie dei pannelli con un
abbondante getto d’acqua fatto scorrere sull’intera facciata dall’alto verso il basso. Per far questo usate
mezzi idraulici privilegiando pressione anziché volume d’acqua. Applicate il prodotto strofinando
delicatamente la superficie con una spugna o uno straccio morbido completamente imbevuti di liquido
detergente.
4-1-1 Per rimuovere sporco di fango o terriccio, é preferibile utilizzare un getto sottile a pressione
moderata piuttosto che un getto grosso a bassa pressione. Se in questo modo non riuscite ad ottenere
un corretto grado di pulizia, provate con una motopompa e una spugna. Se sulla superficie asciutta
compare ancora un alone di terra, utilizzare un detersivo delicato o una soluzione al 5-10% di alcol
isopropilenico.
4-1-2. Nel caso di pulizia con soluzioni delicate al 5-10% di alcol isopropilenico, utilizzate una
spugna e/o un panno morbido per strofinare le macchie sui pannelli avendo cura di risciacquare a
pressione uniforme con movimento prima in senso trasversale e poi verticale al pannello. Infine
risciacquate tutta la superficie con abbondante acqua pulita ed asciugate ad aria oppure con stracci di
camoscio o altro tessuto spugnoso e privo di pilucchi.
4-1-3. Fate attenzione a minimizzare fenomeni di gocciolio verso il basso dell’edificio. Qualora non
sia assolutamente possibile evitare gocciolamento del prodotto usato per la pulizia, risciacquate subito
l’area lavata per evitare strisciature. In linea generale, pulite e risciacquate cominciando dall’alto per
finire alla base dell’edificio. Nel caso di edifici ad un solo piano o comunque relativamente bassi,
effettuate la pulizia dal basso verso l’alto e il risciacquo dall’alto verso il basso.
4-2.
Rimozione di terra e prodotti edili medio-forti
4-2-1. In caso di terra e fanghi persistenti, usare solventi “mild” tipo IPA, etanolo o n-exano per
rimuovere completamente anche le macchie più ostinate lasciate da sigillanti e turapori. Laddove
dobbiate ricorrere all’alcol, ricordatevi di diluirlo al 50% con acqua. Prima di usare eventuali soluzioni
pure, fate sempre una prova in un angolo nascosto per evitare di danneggiare il rivestimento. Solventi
ed emulsioni detergenti che potrebbero causare danni o ammorbidimento dei pannelli, dovranno essere
provati prima separatamente. Di norma, solventi ed emulsioni devono essere diluiti con acqua o alcol e
poi lavati subito via e risciacquati con acqua pulita.
4-2-2. Sigillanti e oli idraulici sono molto difficili da rimuovere completamente. Fate in modo che
la pellicola protettiva sui pannelli non venga tolta fino a completamento dei lavori. Una volta
attecchite, queste macchie possono solo essere tolte con detergenti specifici prima del loro complete
indurimento. In linea di massima, è vietato l’uso di sostanze abrasive. Non mescolate mai detergenti di
tipo diverso ed evitate eccessivo sfregamento per non alterare il grado di lucentezza della superficie.
96 /115
5. Avvertenze
5-1. Non usate mai solventi organici come ad esempio MEC (metil etil chetone), MIBC (Metil
Isobutil chetone), triclene e acqua ragia. Non usate alcali o acidi aggressivi ed evitate assolutamente
tutti i prodotti abrasivi. ATTENZIONE: pericolo di asportazione/distacco (rigonfiamento) della
vernice di finitura.
5-2. Non mescolate mai assieme prodotti diversi, salvo i casi in cui sia previsto dalle istruzioni per
l’uso del produttore. In tal caso, seguite alla lettera le istruzioni del produttore.
5-3. Evitate di lavorare a temperature estreme. Il calore potrebbe accelerare le reazioni chimiche e
causare l’evaporazione dell’acqua dalla soluzione. Temperature troppo basse potrebbero
compromettere la qualità della pulizia, mentre temperature eccessive potrebbero causare strisciatura o
rigatura dei pannelli. In condizioni ottimali, effettuate sempre la pulizia dei pannelli a temperature
medie, sul lato in ombra dell’edificio.
5-4. Abbiate cura di evitare gocciolamenti e spruzzi durante la pulizia e rimuovete immediatamente
eventuale prodotto in eccesso colante sul pannello.
5-5. Accertatevi che spugne e stracci siano morbidi ed assolutamente privi di parti abrasive. Evitate
eccessivo sfregamento e pulizia.
97 /115
(E) Esempi pratici di pulizia dei pannelli
Saponi, shampoo e detersivi sono di solito acquistabili in loco in base alla disponibilità e marche in
commercio nel paese d’uso. Un metodo semplice, ma efficace é quello descritto a seguito e basato
sull’uso di un detersivo chiamato Magiclean, molto comune a Taiwan ed in uso presso tutti i benzinai
del sud-est asiatico.
1. Sporco leggero
1. Aggiungi detersivo all’acqua
5 l di acqua
50-250 ml
Magiclean
Diluite il Magiclean all’1-5%
(50-250ml di Magiclean in 5 l di
acqua). Il Magiclean é prodotto
dalla Kao Corp.
2. Applicare e spargere il
prodotto sulla superficie del
pannello ALPOLIC. Attendere
per 1 minuto.
3. Strofinate con uno straccio
umido
Strofinare e spargere la soluzione
sulla superficie del pannello
ALPOLIC con uno straccio
morbido o una spugna. Lasciare
riposare per 1 minuto fino a
quando la schiuma non diventa
nera.
Per ultimo, strofinare e pulire con
uno straccio imbevuto di acqua
pulita.
2. Applicare e spargere il
prodotto sulla superficie del
pannello ALPOLIC con uno
straccio morbido.
3. Asciugare con uno straccio
2. Macchie persistenti
1. Aggiungi detersivo all’acqua
Magiclean
100 ml
Acqua
100ml
98 /115
(F) Stoccaggio
I pannelli ALPOLIC® richiedono le stesse precauzioni e norme di stoccaggio dei pannelli di alluminio
massiccio in quanto è comunque necessario proteggere la lamina esterna di alluminio da graffi dovuti
a sfregamento delle superfici per accatastamento l’uno contro l’altro e da corrosione dovuta a
fenomeni di umidità.
1. É buona norma non togliere i pannelli ALPOLIC® dalla
Stoccaggio orizzontale su scaffale
loro cassa di legno fino al momento dell’uso. Una volta
ALPOLIC
Scaffale
tolti dalla cassa, fate in modo di conservarli in posizione
orizzontale avendo cura di evitare flessione e torsione.
Evitate anche di accatastarli uno sopra l’altro, per impedire
che gli spigoli di uno graffino la superficie dell’altro.
2. Se stoccate i pannelli in posizione verticale fate in modo
di appoggiarli a una incastellatura come in figura sotto.
Collocate un tappetino di plastica sul fondo
dell’incastellatura e poi appoggiate i pannelli contro una
parete ben solida. Evitate di sovrapporre pannelli di
Incastellatura verticale
misura diversa per ovvio rischio di graffiatura.
3. Evitate luoghi polverosi.
incastellatura
4. Evitate ugualmente luoghi umidi e bagnati e mettete i
pannelli lontani da fonti di spruzzo.
5. Non spruzzate/bagnate mai i pannelli ALPOLIC® con
acqua e in particolare non impilateli uno sopra l’altro.
Se un pannello viene accidentalmente bagnato, provvedete
ad asciugarlo immediatamente con un panno morbido e asciutto.
Meno di 10°
6. Non collocate mai i pannelli direttamente a terra.
7. Non incollate o legate assieme i pannelli con nastri di PVC (nemmeno se i pannelli sono ancora
protetti dalla pellicola). ATTENZIONE: l’adesivo può penetrare attraverso la pellicola e causare
variazioni di lucentezza della finitura sottostante.
8. I pannelli nella loro cassa di legno possono essere accatastati uno sopra l’altro fino a un
massimo di 4 casse.
99 /115
Dati tecnici e controllo qualità
(A)
(B)
(C)
(D)
(E)
(F)
Dati tecnici (ALPOLIC/fr)
Confronto tra i panelli ALPOLIC e ALPOLIC/fr
Scheda sicurezza materiali
Smaltimento e recupero scarti
Produzione e controllo qualità
Garanzia della verniciatura Lumiflon
101-104
105-106
107-109
110
111-113
114-115
100 /115
(A) Dati tecnici principali (ALPOLIC®/fr)
1. Generalità
ALPOLIC®/fr é un materiale composito di alluminio (ACM) con un nucleo non combustibile a base
minerale prodotto dalla Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc. e distribuito in tutto il modo da
una vasta rete di distributori. Si tratta di un materiale per applicazioni sia all’esterno, sia all’interno
ugualmente utilizzabile per coperture, opera di nuova edilizia e restauri.
2. Composizione
I pannelli ALPOLIC®/fr sono composti da un nucleo non combustibile a base minerale racchiuso a
sandwich tra due lamine di esterne di lega d’alluminio (3105-H14) dallo spessore di 0.5mm.
Composizione
Lamine esterne:
Nucleo:
lega d’alluminio 3105-H14 spessore 0.5mm
non combustibile a base minerale
La superficie a vista (fronte del pannello) é finita con una vernice al lumiflon (a base di fluoro
carbonio) ad altissima resistenza mentre il retro è finito con una comune pittura colorata o altro
materiale di servizio. I pannelli ALPOLIC®/fr sono disponibili in quattro tipologie: colori solidi (tinte
unite), tinte metallizzate, smalti lucidi e pietre. In tutti e quattro i casi, la verniciatura al lumiflon viene
applicata dal produttore su linee di spalmatura continua in coils (bobine). Le vernici al lumiflon
utilizzate sono tutte certificate per impiego su facciate e muri esterni di edifici in conformità alle
norme ECCA (Associazione Europea Verniciatori in Coils) e AAMA (American Architectural
Manufacturers Association). (v. seguente capitolo “6 - verniciatura” per maggiori dettagli).
Il retro dei pannelli ALPOLIC®/fr (cioé il lato del pannello che – una volta completata l’installazione –
viene a trovarsi rivolto verso la struttura di muratura o acciaio) é finito con una mano di vernice di
poliestere o altro materiale equivalente al solo scopo di proteggere il pannello da eventuali problemi di
corrosione.
Il davanti dei pannelli é protetto da una pellicola autoadesiva consistente in un doppio strato di
polietilene bianco e nero facilmente distaccabile. La pellicola ha superato diversi test di resistenza agli
agenti atmosferici che dimostrano che a condizioni ambientali normali può resistere per 6 mesi senza
perdere le sue originali proprietà di distacco e senza causare alcuna macchia o danno al sottofondo.
3. Dimensioni e tolleranze
(1) Spessore del pannello:
(2) Dimensioni:
3mm, 4 mm and 6 mm
larghezza = 965, 1270 o 1575 mm
Lunghezza = max 7200 mm (a scelta)
Nota: Larghezze diverse e/o personalizzate comprese però tra sempre 914 e 1575 mm sono
possibili, ma solo per quantitativi minimi. Chiedere al vostro rivenditore o al nostro ufficio
commerciale per maggiori dettagli.
(3) Tolleranze
Larghezza:
±2.0 mm
Lunghezza:
±4.0 mm
Spessore:
±0.2 mm
Inarcamento long./trasversale:
Max 0.5% della lunghezza/larghezza totale
Ortogonalità:
Max 5.0 mm
Difetti superficiali:
La superficie deve essere completamente priva di difetti e
irregolarità sia a livello di rugosità, sia di planarità. Al controllo
visivo non dovrà risultare alcuna imperfezione della superficie.
®
I pannelli ALPOLIC /fr vengono forniti di fabbrica con bordo tagliato, senza alcuno sfasamento
della lamina di alluminio e senza intrusioni nel nucleo.
101 /115
4. Proprietà
(1) Peso:
Spessore pannello
3mm
4mm
6mm
®
Peso pannello ALPOLIC /fr
6.0 kg/m²
7.6 kg/m²
10.9 kg/m2
(2) Espansione termica:
1.2 mm / m a 50°C
®
(3) Caratteristiche meccaniche dei pannelli ALPOLIC /fr:
4mm
6mm
2
Carico di rottura (ASTM E8)
5.0 kg/mm
3.0 kg/mm2
2
Carico di snervamento (ASTM E8)
4.5 kg/mm
2.7 kg/mm2
Allungamento (ASTM E8)
5%
2%
2
Elasticità flessurale (ASTM C393)
4060 kg/mm
2970 kg/mm2
(4) Proprietà meccaniche della lamina di alluminio 3105-H14:
Carico di rottura (ASTM E8):
15.5 kg/mm²
Modulo di elasticità (ASTM C393):
7000 kg/mm²
(5) Cedimento:
a 116 °C (109 °C in 6 mm)
(6) Perdita di sonoro (ASTM E413):
4mm
6mm
®
ALPOLIC /fr
26 STC
26 STC
5. Certificazioni
I pannelli ALPOLIC®/fr sono stati omologati per impiego in esterni, per coperture e per
rivestimenti interni in base alle seguenti normative:
Applicazione Paese
Norma di riferimento
Spessore
Risultati &
provino
Classificazione
Rivestimenti Gran
BS476 – Parte 6 e 7
4 mm &
Classe 0
esterni
Bretagna
6 mm
Classe 1
Germania DIN4102 Parte 1
4 mm &
Classe B1
6mm
USA
British Thermal Unit
4 mm
Test superato
(NFPA 259-93)
Drum Peel Test
4 mm
Test superato
(ASTM D1781-76)
Tunnel Test
4 mm &
Classe A &
(ASTM E-84)
6mm
Classe 1
ASTM E-108 revisionate
4 mm
Test superato
UBC 26-9 & NFPA 285, ISMA Test
4 mm &
Test superato
(Simulazione con apparato multipiano scala 6mm
intermedia)
Applicazione Paese
Norma di riferimento
Spessore
Risultati &
provino
Classificazione
Rivestimenti Canada
Test d’infiammabilità muri esterni su scala
4 mm
Test superato
esterni
reale in accordo con le CAN/ULC-S 134-92
Cina
GB8625, GB8626 & GB8627
4 mm
Class B1
Giappone Test di emissione calore dei materiali non
4 mm &
Test superato
combustibili come da ISO5660-1.
6 mm
Certificato No.
NE-0001
102 /115
Tetti e
coperture
Pareti taglia
fuoco
USA
Interni
USA
USA
USA
Prova d’infiammabilità coperture come da
ASTM E108.
Prova di resistenza al fuoco a 1 e 2 ore di
esposizione alle fiamme come da ASTM
E119
4 mm
Test superato
4 mm
Prova di resistenza d’angolo in spazi interni
come da UBC 26-3.
Prova di tossicità in caso d’incendio in
accordo con il Codice di Edilizia Civile e la
Normativa Antincendio dello Stato di New
York.
4 mm
Non riduce la
resistenza delle
pareti/muri taglia
fuoco
Test superato
4 mm
Test superato
6. Verniciatura
(1) Sistema di verniciatura
Il lato a vista (superficie) del pannello é rifinito con una vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio
mentre sul retro viene messa una vernice normale o altro manto di servizio. I pannelli ALPOLIC®/fr
sono disponibili in quattro tipologie: colori solidi (tinte unite), colori metallizzati, smalti lucidi e pietre.
In tutti e quattro i casi la vernici al Lumiflon viene applicata in fabbrica dal produttore su linee di
spalmatura continua in coils (bobine). Il tipo di verniciatura a seconda della tipologia di pannello può
essere:
A. “Tinte unite”: realizzate con doppia mano di vernice e quindi doppia cottura per uno spessore totale
a polimerizzazione avvenuta di almeno 25 µ. L’applicazione consiste in una prima mano di fondo
seguita da primer e infine vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio.
B. “Tinte metallizzate” e “smalti lucidi”: realizzate con tre mani e quindi tre cotture per uno spessore
totale a polimerizzazione avvenuta di almeno 35 µ. L’applicazione consiste in una prima mano di
fondo seguita da primer e vernice al Lumiflon a base di fluoro carbonio ed infine applicazione di
finitura trasparente.
C. “Serie Pietre” : realizzate con un processo speciale di serigrafia con spessore totale di almeno 45 µ.
L’applicazione consiste in una prima mano di fondo seguita da primer e infine vernice al Lumiflon
a base di fluoro carbonio con strato di serigrafia.
(2) Colore e lucentezza
é possibile scegliere da una cartella colori standard preformulati dal produttore e a disposizione del
cliente. A richiesta è possibile realizzare colori personalizzati per ogni tipologia di pannello purché
sussistano determinati quantitativi minimi. La lucentezza standard é del 30% e 80% rispettivamente
per le tinte unite/metallizzate e per gli smalti/pietre. Per determinati quantitativi minimi, é comunque
possibile realizzare tutti e quattro i tipi con lucentezza a richiesta di 30, 50 o 80%. Contattare il nostro
ufficio commerciale per eventuali richieste personalizzate.
(3) Caratteristiche della vernice
Caratteristica
Lucentezza (60° brillante):
(ASTM D523-89)
Resistenza agli agenti atmosferici
Misurazione del colore:
(ASTM D2244-89)
Misurazione della brillantezza:
(ASTM D523-89)
Resistenza a sfarinamento:
(ASTM D4214-89)
Valore
30%, 50% o 80%
5 provini a massimo colore dopo 4000 ore.
70% a 4000 ore.
8 provini in perfette condizioni dopo 4000 ore.
103 /115
Durezza matita:
(ASTM D522-88)
Adesione (ASTM D3359, metodo 8)
all’asciutto:
in condizioni umide:
in acqua bollente:
Resistenza all’urto:
(NCCA 11-5)
Resistenza ai graffi:
(ASTM D968-81)
Resistenza in nebbia salina:
Resistenza all’umidità:
(ASTM D2247-87)
1-2H
Nessuna variazione
Nessuna variazione dopo 24 ore a 37.8°C
Nessuna variazione dopo 20 minuti a 100°C
Nessuna screpolatura a test d’urto inverso con taglio
incrociato
Resistente a getto di sabbia da 20 litri/mil come da
AAMA e da 70 litri/mil di valore effettivo.
Blister-10, scribe-8 dopo 3000 ore, nebbia salina e 35°C
Nessuna variazione dopo 3000 ore, 100% RH, 35°C.
104 /115
(B) Analisi comparative delle caratteristiche ALPOLIC® e ALPOLIC®/fr
Nota: I seguenti dati sono riferiti ai pannelli con lamine di alluminio da 0.5mm di spessore.
1. Caratteristiche fisiche
AST
M
Gravità specifica (densità)
Peso pannello
Espansione termica
Conduttività termica
apparente
Cedimento
U.M.
D969
D976
kg/m2
×10-6/°C
kcal/m·hr·°C
D648
°C
ALPOLIC®/fr
3mm
4mm
6mm
1.99
1.90
1.81
6.0
7.6
10.9
24
24
24
0.43
0.39
0.35
116
109
ALPOLIC®
3mm
4mm
6mm
1.52
1.38
1.23
4.6
5.5
7.4
24
24
24
0.43
0.39
0.5
115
115
115
2. Proprietà meccaniche
E8
E8
E8
C393
kg/mm2
kg/mm2
%
×105Kg·mm2
ALPOLIC®/fr
4mm
6mm
5.0
3.0
4.5
2.7
5
2
14
35
C393
D732
kg/mm2
4060
kg
2040
1380
1650
2100
kg/mm2
3.3
2.9
2.6
2.2
ASTM
Carico di rottura
Carico di snervamento
Allungamento
Rigidità flessurale (a
20cm di luce libera)
Elasticità
Resistenza al foratura
Carico max (Diam.
punzone 50mm)
Resistenza al taglio
U.M.
2970
ALPOLIC®
3mm
4mm
6mm
6.2
4.9
3.5
5.9
4.5
3.1
12
14
17
7.3
14.0
35.4
5000
4060
2970
3. Resistenza all’urto a prove con metodo Du-pont
Profondità tacca (mm)
Peso della sfera
Altezza (mm)
d’acciaio (kg)
ALPOLIC®/fr
ALPOLIC®
4mm
6mm
3mm
4mm
6mm
0.30
300
0.5
0.4
1.7
0.6
0.4
0.50
500
1.3
1.0
1.6
1.4
0.8
1.00
300
1.4
1.2
2.0
1.7
1.0
1.00
500
1.9
1.6
2.6
2.3
1.5
4. Proprietà meccaniche della lega d’alluminio 3105-H14 utilizzata per le lamine
ASTM
U.M.
Limite di snervamento
E8
kg/mm2
15.5
2
Elasticità flessurale
C393
kg/mm
7,000
105 /115
5. Perdita di sonoro
A parità di peso, i pannelli ALPOLIC®/fr e ALPOLIC® hanno una maggiore perdita di sonoro rispetto
ad altri materiali (acciaio, alluminio, compensato ecc…) e sono pertanto classificati come segue:
STC
ASTM
U.M.
E413
dB
ALPOLIC®/fr
3mm
4mm
6mm
25
26
26
6. Resistenza al fuoco
Paese
Norma di riferimento
Gran Bretagna
Germania
USA
BS476, Parte 6 e 7
ALPOLIC®
3mm
4mm
6mm
25
26
26
Risultati & Classificazione
ALPOLIC®/fr
ALPOLIC®
Classe 0
Classe 0
Classe 1
Classe 1
Classe B1
Classe B2
Classe A/Classe 1 Superato
Superato
Superato
Superato
DIN4102 Parte 1
Tunnel Test (ASTM E-84)
ASTM E108 revisionate
British Thermal Unit (NFPA
259-93)
Drum Peel Test
Superato
(ASTM D1781-76)
UBC 26-9 & NFPA 285, ISMA Test Superato
(Simulazione con apparato
multipiano scala intermedia)
Canada
Test d’infiammabilità muri esterni
Superato
su scala reale in accordo con le
CAN/ULC-S 134-92
Cina
GB8625, GB8626 & GB8627
Classe B1
Giappone
Test di emissione calore dei
Superato
materiali non combustibili come da Certificato No.
ISO5660-1.
NE-0001
®
Inoltre: i pannelli ALPOLIC /fr 4mm hanno superato anche i seguenti test:
Prova di resistenza al fuoco a 1 e 2 ore di esposizione come da:
ASTM E119
Prova di resistenza al fuoco per tetti e coperture come da:
ASTM E108
Prova di resistenza al fuoco negli angoli di spazi interni come da: UBC26-3
Prova di emissioni tossiche:
Prova di tossicità in caso d’incendio in accordo con il Codice di
Edilizia Civile e la Normativa Antincendio dello Stato di New
York
7. Limite minimo di piegatura con presso-piega
Il raggio minimo di piegatura dei pannelli ALPOLIC®/fr è leggermente superiore a quello dei pannelli
ALPOLIC®. In tabella riportiamo i raggi minimi di piegatura interna a 90° con presso-piega:
raggio minimo di piegatura (mm)
ALPOLIC®/fr
ALPOLIC®
4mm
6mm
3mm
4mm
6mm
Trasversale
80
100
40
40
55
Parallelo
100
140
55
55
80
106 /115
(C) SCHEDA SICUREZZA MATERIALI
MSDS No: LL75-0002
Produttore
Ragione sociale:
Divisione:
Sede:
Tel.:
Fax:
Data revisione
Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc.
Composite Materials Division
Tekko Building, 8-2, Marunouchi 1-chome, Chiyoda-ku,
Tokyo 100-0005 Japan
81-3-3287-8124
81-3-3287-8133
20 Aprile 2000
1. Denominazione commerciale del prodotto:
ALPOLIC®/fr, pannello composito di alluminio con nucleo ignifugo a base minerale non
combustibile.
2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti:
Componenti:
Alluminio
Polietilene
Triossido di alluminio come nucleo minerale non-combustibile
Rivestimento
Codice CAS di ognuno:
Alluminio:
7429-90-5
Polietilene: 9002-88-4
nucleo minerale non-combustibile (triossido di alluminio): 21645-51-2
Vernice al fluoro carbonio del rivestimento: 98728-78-0 & 88795-12-4
Identificazione UN:
nessuna
Non contiene amianto.
3. Identificazione dei pericoli:
Il prodotto non rientra in quelli soggetti a classificazione di pericolo
4. Misure di pronto soccorso
Contatto con gli occhi: Nel caso di polveri o schegge di prodotto negli occhi durante le fasi di
lavorazione, lavare immediatamente con acqua corrente pulita. In caso di
persistente infiammazione consultare un medico.
Contatto con la pelle:
Nel caso di piccole scottature dovute a contatto con il pannello scaldato,
lavate subito in abbondante acqua corrente per raffreddare subito la cute.
Per bruciature più gravi, richiedere l’intervento medico.
Inalazione:
Nel caso di inalazione di quantità ingenti di polveri e particelle prodotte
durante la lavorazione, uscite all’aria aperta, respirate a fondo coprendovi
per rimanere caldi e richiedete l’intervento di un medico
immediatamente.
Ingestione:
Nel caso di deglutimento di quantità ingenti di polveri e particelle prodotte
durante la lavorazione, richiedete l’intervento di un medico immediatamente.
107 /115
5. Misure antincendio
Prevenzione dello spargimento delle fiamme:
Nel caso di incendi in vicinanze del prodotto, copritelo subito con teli ignifughi o sabbia secca in
modo da prevenire spargimento delle fiamme sul prodotto.
Estinzione delle fiamme:
Se il prodotto dovesse prendere fuoco, gettate subito acqua sulle fiamme. Ricordate sempre di
cominciare ad estinguere le fiamme dal basso risalendo poi verso la cima del pannello e
considerando comunque sempre la direzione del vento. Indossare sempre tuta con maschera e
ossigeno.
Mezzi di estinzione: acqua, anidride, polveri chimiche e schiuma
6. Misure in caso di fuoriuscita accidentale
Non applicabile. Il prodotto non può fuoriuscire in quanto di natura solida.
7. Manipolazione e stoccaggio
Manipolazione:
Indossare sempre guanti protettivi per evitare di tagliarsi con i bordi tagliati
dei pannelli.
Stoccaggio:
Conservare sempre in posizione sdraiata. É consentito accatastare il prodotto
evitando però deflessione e inarcamento. Non esponete i pannelli alla
pioggia durante lo stoccaggio e teneteli lontani da sorgenti di sostanze
chimiche come ad esempio: acidi, alcali, ossidanti e cloruri, solventi organici,
scintille e fuoco.
8. Controllo dell’esposizione
Parametri di controllo:
Non indicati nella Direttiva No. 26 del 27/03/95 del Ministero del
Lavoro Giapponese.
Livelli accettabili:
Di base il prodotto non é soggetto a controllo dell’esposizione, ma nel caso
di progetti che richiedano la lavorazione di ingenti quantitativi con sviluppo
di una grossa massa di polveri e particelle, occorre considerare le seguenti
norme come riferimento:
Natura delle
ACGIH TLV, Ed. 1999
Igiene Industriale Edizione
polveri
‘99 Università Giapponese
3
Particelle di
10.0mg/m
Particelle inalanti 0.5mg/m3
alluminio
Totale particelle
2mg/m3
Nota: Salvo indicazioni diverse, i dati di riferimento vanno considerati sul
tempo medio di 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana.
Misure di controllo:
Laddove non sia possibile limitare il quantitativo di particelle al di
sotto del massimo consentito, provvedere ad una adeguata
ventilazione dei luoghi di lavoro.
Protezione personale:
Protezione delle vie respiratorie: Indossare maschera protettiva in presenza di grandi quantità di
polveri e particelle.
Protezione degli occhi: Indossare occhiali protettivi nel caso di esposizione a polveri e
particelle.
Protezione delle mani: Indossare sempre guanti protettivi per evitare graffi e tagli alle mani
durante le lavorazioni dei pannelli.
Protezione della cute: Indossare sempre abiti e scarpe da lavoro.
108 /115
9. Proprietà fisiche e chimiche
Stato fisico:
Pannello di spessore da 3 a 6mm rivestito da una mano di vernice da
25-50 micron
Punto di ebollizione:
circa 2500ºC per l’alluminio
Punto di fusione:
circa 645ºC per l’alluminio
Densità:
2.7g/cm3 per l’alluminio
0.89 - 1.54g/cm3 per il polietilene
Idrosolubilità:
insolubile
10. Stabilità e reattività
Punto d’infiammabilità:
Punto di accensione:
Possibilità di auto-accensione:
Tendenza ad ossidare:
Reattività all’acqua:
Reattività:
Proprietà esplosive delle particelle:
Altre reattività:
Stabilità:
circa 340ºC per il polietilene
> 400ºC per il polietilene
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Nessuna
Stabile
11. Informazioni tossicologiche
Il prodotto (4mm di spessore) ha superato la prova di tossicità durante la combustione prevista dal
codice edile e dalle norme antincendio dello Stato di New York.
Al momento non esistono alter informazioni a riguardo.
12. Informazioni ecologiche
Nessuna informazione disponibile al momento.
13. Considerazioni sullo smaltimento
I pannelli possono essere inceneriti o smaltiti come rifiuti industriali in conformità alle normative
ufficiali del paese d’utilizzo.
14. Informazioni sul trasporto
Il prodotto viene trasportato in casse di legno. Occorre comunque proteggere le casse da umidità e
ambienti bagnati.
15. Informazioni sulla regolamentazione
Nessuna regolamentazione applicabile.
16. Altre informazioni
Tutte le informazioni contenute in questa scheda sono basate su dati reali e pertanto considerate
affidabili. Ciò nonostante il produttore non è responsabile in alcun modo per eventuali
incompletezze o inesattezze. La Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc. e relative associate
e filiali declinano inoltre qualsiasi responsabilità per eventuali danni a cose o persone causati a
clienti/rivenditori/terzi dall’utilizzo delle presenti schede/prodotto nonché in conseguenza all’uso
del prodotto. Il cliente/utilizzatore sarà sempre unicamente responsabile e si assumerà tutti i rischi
associati all’uso del materiale.
109 /115
(D) Riciclaggio materiale di scarto
1. ALPOLIC e consumo energetico
Se paragonati a pannelli di alluminio massiccio, la cui produzione (per pannelli di 3mm equivalenti
all’ALPOLIC da 4mm) richiede un consumo energetico di circa 160 KWH/m2 , la produzione dei
pannelli ALPOLIC richiede a parità di rigidezza solo un terzo dello stesso consumo ed inoltre - una
volta installati – producono un migliore effetto isolante del muro esterno. In tal senso, i pannelli
ALPOLIC possono essere considerato un materiale di bioarchitettura.
2. Attuale stato del riciclaggio dei pannelli ALPOLIC
Allo stato attuale i pannelli ALPOLIC vengono riciclati. In Giappone, tutti gli scarti generati dalla
lavorazione in fabbrica e in cantiere, vengono soggetti a raccolta differenziata ed inviati ad uno
stabilimento di riciclaggio centrale. Per quanto riguarda gli altri mercati, il sistema di riciclaggio non é
ancora attivato e principalmente perché non ne é ancora stato considerato il valore economico. Su
richiesta é possibile attuare un sistema di riciclaggio anche all’estero.
3. Tecniche di riciclaggio
Tra i vari sistemi disponibili, la tecnica di riciclaggio più idonea per i panelli ALPOLIC consiste in
una sistema di separazione meccanica che sfrutta un procedimento termico che permette il distacco
della lamina esterna di alluminio dal nucleo senza contaminazione. Per maggiori informazioni
contattare il nostro ufficio.
110 /115
(E) Produzione e controllo qualità
1. Produzione
Il processo produttivo consiste di due lavorazioni principali: linea di spalmatura in continuo (in
bobina) e linea di laminatura.
Con il primo procedimento l’alluminio in bobine viene sottoposto a verniciatura con prodotti al
Lumiflon a base di fluoro carbonio e poi riavvolto in bobina (Fig. 1). Successivamente, le bobine
verniciate vengono immesse sulla linea di laminazione per la produzione dei pannelli ALPOLIC/fr
(Fig.2).
Fig. 1 Linea di spalmatura continua (in bobine)
4
10
5
6
3
4
9
1
2
11
8
13
12
15
14
7
1: Rullo svolgitore
2: Cesoia
3: Cucitrice a punti
4: Accumulatore
5: Camera di degrassaggio
6: Camera di essiccazione
7: Unità di trattamento chimico
8: Camera di essiccazione
9: Applicatore primer
10: Forno di essiccazione primer
11: Camera di raffreddamento
12: Applicatore mano di finitura
13: Forno di essiccazione finitura
14: Camera di raffreddamento
15: Rullo avvolgitore
controllo
Fig. 2 linea di laminazione
4
2
3
8
5
9
10 11
12
6
7
1
1: Rullo svolgitore
2: Cesoia
3: Cucitrice a punti
4: Accumulatore
5: Estrusore
6: Rullo di laminazione.
12: Impilaggio
7: Camera di raffreddamento
8: Corda tenditrice
9: Rullo di laminazione film protettivo
10: Rifilatrici
11: Cesoia
Controllo
111 /115
Controllo qualità
(1) Linea di verniciatura
bobine
Bobine d’alluminio
Controllo
Degrassaggio
Proprietà
meccaniche
Analisi chimica
Aspetto strada
Trattamento chimico
Controllo
Contenuto
Primer
Essiccazione
Raffreddamento
Controllo
Spessore mando
di verniciatura
Controllo colore
e lucentezza
Adesione strato
di vernice
Finitura superficiale
Aspetto
Numero dei
controlli
1 per ogni
lotto
1 per ogni
lotto
1 per ogni
lotto
Metodo di controllo
Numero dei
controlli
1 per ogni
lotto all’inizio
Metodo di controllo
Numero dei
controlli
1 per ogni
lotto
all’inizio
1 per ogni
lotto
all’inizio
Metodo di controllo
1 per ogni
lotto
all’inizio
Su tutta la
lunghezza
Come da procedure
interne del produttore
Come da procedure
interne del produttore
Come da procedure
interne del produttore
Controllo visivo (per
confronto con provino
standard) all’analizzatore
di fluorescenza a raggi X
Spessorimetro
(Permascope)
Colorimetro e misuratore
di brillantezza
Controllo visivo per
confronto con provino
standard.
Prova d’urto con metodo
Du-pont
Controllo visivo per
confronto con provino
standard.
Essiccazione
Raffreddamento
Bobina verniciata
112 /115
Linea di laminatura
Bobina verniciata
Minerale non
combustibile e
polietilene
Tipo di controllo
Proprietà fisiche
Numero di
controlli
1/lotto
Controllo colore
1/lotto
Granulometria
1/lotto
Tipo di controllo
Numero di
controlli
1 a inizio
lotto per 1ora
1 a inizio
lotto per 1ora
1 a inizio
lotto per 1ora
1 a inizio
lotto per 1ora
Estrusione
Metodo di controllo
Come da procedure interne
del produttore
Come da procedure interne
del produttore
Come da procedure interne
del produttore
Laminazione
Taglio
Controllo finale
Dimensioni
pannello
Spessore pannello
Imballaggio
Incurvamento
Resistenza a
spellatura su tutta
la larghezza
Aspetto
Tutti i
pannelli
Metodo di controllo
Misurazione (Classe 1JIS)
Micrometro
Misurazione (Classe 1JIS)
Misuratore carico di
tensione
Spellatura a mano
Controllo visivo
113 /115
(F)
GARANZIA DELLA VERNICIATURA
LUMIFLON
Spett.:
(“Cliente”)
Da:
Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc. (“MCFP”)
Nome Progetto
e ubicazione cantiere:
Codice/Ref:
Data di spedizione:
1. La presente è garanzia che la vernice al fluoro carbonio applicata o da applicare sui pannelli compositi in alluminio di
produzione MCFP (a seguito semplicemente denominati per brevità “prodotto“) ed acquistata dal cliente presso la MCFP
non subirà nessuno dei seguenti fenomeni sui pannelli installati verticalmente e a normali condizioni atmosferiche per un
periodo di 10 anni successivi alla data di consegna del prodotto:
A. Spellatura, incrinatura o screpolatura. Fa eccezione il fenomeni di leggera fessurazione che a volte può verificarsi su
angolo di curvature particolarmente stretti realizzati su pannelli preverniciati con metodi di profilatura a rullo o
piegatura su pressa. (questo fenomeno laddove si verifichi è ritenuto accettabile come normale)
B. Sfarinatura oltre il valore numerico di 8 misurato in base alla norma ASTM D4214-89 “Metodi standard di valutazione
del grado di sfarinatura delle vernici esterne”.
C. Perdita o cambiamento di colore oltre 5 unità rispetto al colore del campione di riferimento misurati rispettivamente
sulla superficie verniciata esposta precedentemente pulita da eventuali depositi e sfarinature e sulla superficie non
esposta come da ASTM D2244-89. è sottinteso che eventuali perdite/variazioni di colore entro i limiti concessi
potrebbero verificarsi in modo anche non omogeneo a causa della diversa esposizione delle superfici alla luce solare e
agli agenti esterni.
D. Perdita di brillantezza in misura tale per cui, confrontando la brillantezza speculare misurata sulle superfici verniciate
esposte preceentemente ripulite da depositi e sfarinature con quella delle corrispondenti superfici protette, la
percentuale di lucentezza (60°) sia inferiore al 40% in conformità alle ASTM D523-89 relativamente alle “Procedure
standard di determinazione della brillantezza speculare”.
2. La validità della presente garanzia è soggetta alle seguenti condizioni:
A. Esposizione del prodotto a condizioni atmosferiche normali, escludendo quindi tutte le condizioni d’uso in ambienti
particolarmente corrosivi od aggressivi come ad esempio in atmosfere contaminate da gas e fumi chimici, nebbia
salina, immersione periodica o continuativa in acqua o altri liquidi/solidi, venti fortemente sabbiosi.
B. ESCLUSIONI
(1) Crepatura o fessurazione dovuta a rottura del supporto metallico
(2) Danni causati da umidità o altri agenti di contaminazione dovuti ad uno stoccaggio non conforme del prodotto
durante il periodo precedente l’installazione/uso
(3) Danni causati da acqua originata da fenomeno di condensa causato da un imballaggio non conforme del prodotto
prima dell’uso
(4) Danni dovuti a problemi di movimentazione, spedizione/trasporto o lavorazione del prodotto
(5) Danni causati da atti di vandalismo, graffio o abrasione del prodotto montato e finito
(6) Scolorimento non omogeneo e variazioni di colore sparse e dovute alla diversa incidenza sulla superficie del
prodotto degli agenti atmosferici
114 /115
C. La presente garanzia non ha validità in caso di eventi di forza maggiore, urto con oggetti in caduta, forze esterne,
esplosione, incendio, guerre, sommosse, atti di vandalismo in caso di rivolta, radiazioni e qualsiasi altro evento
naturale o sociale che esuli dalla capacità di controllo della MCFP.
D. Eventuali richieste in garanzia dovranno pervenire alla MCFP in forma scritta entro 30 giorni dalla scoperta del
problema tenendo presente che si dovrà dare alla MCFP tempo sufficiente e possibilità di verificare l’evento/difetto
oggetto della contestazione.
E. La responsabilità della MCFP ai sensi della presente garanzia é unicamente limitata alla sostituzione gratuita del
prodotto difettoso. Eventuale prodotto fornito per sostituzione in garanzia è coperto dalla medesima garanzia, ma solo
per il periodo residuo del primo prodotto contestato e sostituito.
F. Il cliente è tenuto – per mezzo di regolari registri e libri - a dimostrare data d’installazione e identificazione del
prodotto contestato fornendo altresì prova che il difetto contestato rientra nei casi previsti da questa garanzia.
G. Salvo casi specifici autorizzati dalla MCFP, la presente garanzia è unicamente riferita a prodotto (pannelli) verniciati
dalla MCFP.
H. Il cliente é obbligato a conservare registri e campioni relativi al prodotto oggetto di questa garanzia per tutta la durata
della garanzia e – in caso di contestazioni – a presentare alla MCFP tale documentazione su richiesta della medesima.
3. Qualsiasi comunicazione in merito alla presente garanzia dovrà essere redatta in lingua inglese ed inviata a mezzo di
raccomandata semplice o con ricevuta di ritorno prepagata dal mittente al seguente indirizzo:
Per MCFP:
Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc.
Tekko Building, 8-2, Marunouch 1-chome, Chiyoda-ku, Tokyo 100-0005, Japan
Attn.: General Manager, Composite Materials Division
Per il Rivenditore:
4. La MFCP non accetterà né sarà tentua ad alcuna altra condizione o patto scritto o verbale diverso da quanto qui stabilito,
salvo il caso di condizioni specifiche stabilite per iscritto e controfirmate da MCFP (o suo legale rappresentante) per
accettazione esplicita.
5. LA PRESENTE GARANZIA SOSTITUISCE QUALSIASI ALTRO ACCORDO O CONDIZIONE
PRECEDENTEMENTE STABILITA, CHE PERTANTO PERDE A PARTIRE DA ORA QUALSIASI VALIDITÀ. LA
MCFP NON SARÀ PERTANTO TENUTA AD ALCUNA ALTRA GARANZIA, RESPONSABILITÀ O AZIONE
RELATIVE A EVENTI SPECIFICI DI ALCUN TIPO. IN NESSUN CASO INOLTRE LA MCFP SARÀ CONSIDERABILE
RESPONSABILE DI PERDITE O DANNI INCIDENTALI (INCLUSO, MA NON SOLO, PERDITE ECONOMICHE O DI
PROFITTO) SOSTENUTE DAL CLIENTE IN SEGUITO O IN CONCOMITANZA AD EVENTUALI EVENTI IN
GARANZIA DELLA MCFP SALVO IL CASO DI PALESE NEGLIGENZA E/O MANCANZA DI VOLONTÀ DELLA
MCFP.
Mitsubishi Chemical Functional Products, Inc.
Firmato
Titolo:
Masami Segawa
Managing Director, General Manager
Composite Materials Division
Per ulteriori informazioni, contattare:
AluFiero s.r.l.
MITSUBISHI CHEMICAL FUNCTIONAL PRODUCTS, INC.
Via Prampolini, 4 42025 Cavriago (RE)
Composite Materials Division
tel.: +39 0522 947917
Tekko Building, 8-2, Marunouchi 1-chome, Chiyoda-ku
fax: +39 0522 494184
Tokyo 100-0005 Japan
[email protected] - www.alufiero.it
Telephone: 81-3-3287-8124
Facsimile: 81-3-3287-8133
E-mail: [email protected]
Alufiero srl può modificare in qualsiasi momento tale manuale senza dare preavviso. Alufiero srl non si assume
alcuna responsabilità per l’uso di tale manuale senza essere stata preventivamente avvisata. MALIT281205.doc
115/115
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement