econcept / fersystem solar - Assistenza Caldaie Ferroli Milano

econcept / fersystem solar - Assistenza Caldaie Ferroli Milano
MANUALE TECNICO
codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000
ECONCEPT
FERSYSTEM
SOLAR
IN ST - SOLAR BOX PW
E’ un generatore termico a camera stagna per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria premiscelato a
condensazione ad altissimo rendimento e bassissime emissioni, funzionante a gas naturale o GPL e dotato di sistema
di controllo a microprocessore. Il corpo caldaia è composto da uno scambiatore lamellare in alluminio e da un bruciatore premiscelato, ceramico, dotato di accensione elettronica con controllo di fiamma a ionizzazione, di ventilatore a
velocità modulante e valvola gas modulante.
La caldaia è predisposta per il collegamento ad uno o più collettori solari, che vengono utilizzati per la produzione di
acqua calda sanitaria. Nell’apparecchio è infatti integrato uno speciale bollitore solare a stratificazione ed un avanzato
circuito con pompa solare a velocità variabile, che permette di massimizzare il risparmio ottenibile da un impianto a
pannelli solari.
Per quanto riguarda la produzione di acqua calda per riscaldamento, SOLAR IN ST/SOLAR BOX PW può essere dotata
di una doppia circuitazione interna che permette la gestione contemporanea ed indipendente di due zone riscaldamento. L’apparecchio è a camera stagna ed è adatto all’installazione in interno o all’esterno in luogo parzialmente
protetto (secondo EN 297/A6) con temperature fino a -5°C (-10°C con kit antigelo sifone opzionale).
IL PRESENTE MANUALE COMPRENDE TUTTA LA GAMMA DEI MODELLI PRODOTTI.
ALCUNI MODELLI POTREBBERO “NON ESSERE” PRESENTI SUL VOSTRO MERCATO.
powered by
T08
training.center
PER CONOSCERE QUALE PRODOTTO È VENDUTO SUL VOSTRO MERCATO CONSULTARE LA RELATIVA DOCUMENTAZIONE COMMECIALE
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
SOMMARIO
SEZIONE 1 ¬ CARATTERISTICHE E DATI TECNICI ................................................... 3
1.1 INTERFACCIA UTENTE............................................................................................................................................................3
1.2 ASSIEME GENERALE................................................................................................................................................................4
1.3 TABELLA DATI TECNICI ..........................................................................................................................................................5
SEZIONE 2 - CIRCUITO IDRAULICO .......................................................................... 6
2.1 CIRCUITO IDRAULICO MODELLO “SOLAR IN ST/SOLAR BOX PW”................................................................6
SEZIONE 3 – CIRCUITO GAS / ARIA / FUMI.............................................................. 8
3.1 REGOLAZIONE PRESSIONE AL BRUCIATORE ............................................................................................................8
SEZIONE 4 ¬ MODALITA’ DI FUNZIONAMENTO E SCHEMI ELETTIRCI .............10
4.1 DBM05C .................................................................................................................................................................................... 10
4.2 SONSORI NTC E PT1000..................................................................................................................................................... 11
4.3 DBM29......................................................................................................................................................................................... 22
4.4 KIT PRIMA ZONA MISCELATA ......................................................................................................................................... 26
4.5 KIT SECONDA ZONA MISCELATA ................................................................................................................................. 30
4.6 TRASFORMAZIONE ZONA BASSA TEMPERATURA IN ZONA ALTA TEMPERATURA........................... 33
2 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
SEZIONE 1 ¬ CARATTERISTICHE E DATI TECNICI
1.1 Interfaccia utente
Legenda
display DSP05 FERROLI
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
display DSP06 FER
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
Tasto decremento temperatura acqua calda sanitaria
Tasto incremento temperatura acqua calda sanitaria
Tasto decremento temperatura impianto riscaldamento
Tasto incremento temperatura impianto riscaldamento
Display
Tasto selezione modalità Estate / Inverno
Tasto selezione modalità Economy / Comfort
Tasto Ripristino / caricamento impianto
Tasto accensione / spegnimento apparecchio
Tasto menù “Temperatura Scorrevole”
Indicazione raggiungimento temperatura acqua calda sanitaria
impostata
Simbolo acqua calda sanitaria
Indicazione funzionamento sanitario
Impostazione / visualizzazione temperatura uscita acqua calda
sanitaria (lampeggiante in funzione “protezione scambiatore”)
Indicazione modalità Eco (Economy) o Comfort
Temperatura sensore esterno (sonda esterna opzionale)
Compare collegando la Sonda esterna o il Cronocomando Remoto (opzionali)
Temperatura ambiente (cronocomando remoto opzionale)
Indicazione bruciatore acceso e potenza attuale (lampeggiante
durante la funzione “Protezione fiamma”)
Indicazione funzionamento antigelo
Indicazione pressione impianto riscaldamento
Indicazione Anomalia
Impostazione / visualizzazione temperatura mandata riscaldamento (lampeggiante in funzione “Protezione scambiatore”)
Simbolo riscaldamento
Indicazione funzionamento riscaldamento
Indicazione raggiungimento temperatura mandata riscaldamento impostata
Indicazione modalità Estate
Legenda
display DBM29
1 4 13
S3
2
3
14
5
12
11
10
S4
ABCDE
15
6
7
16
8
9
1 Attivato: temperatura collettore solare sufficiente per lo scambio, normale funzionamento
Lampeggiante: funzione riconoscimento collettore solare
freddo
2 Attivato: indicazione funzione antigelo collettore solare
3 Attivato: tapparella chiusa per raggiungimento massima temperatura bollitore caldaia
Disattivato: tapparella aperta, normale funzionamento
4 Attivato: temperatura collettore solare ok, normale funzionamento
Lampeggiante: funzione raffreddamento collettore solare
5 Funzionamento circolatore solare
6 Funzionamento caldaia in sanitario
7 Funzionamento caldaia in riscaldamento
8 Anomalia scheda solare
9 Bruciatore caldaia acceso
10 Anomalia comunicazione scheda solare - caldaia
11 Temperatura ritorno collettore solare
12 Temperatura collettore solare
13 Attivato: sensore temperatura collettore solare ok, normale
funzionamento
Disattivato: anomalia sensore temperatura collettore solare
14 Attivato: sensore temperatura ritorno collettore solare ok,
normale funzionamento
Disattivato: anomalia sensore temperatura ritorno collettore
solare
15 Attivato: temperatura bollitore caldaia corretta, normale funzionamento
Lampeggiante: raggiungimento massima temperatura bollitore
caldaia
16 Attuale velocità circolatore solare (A=Minima, E=Massima)
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
3
1.2 Assieme generale
180
16
191 29
5
ASSIEME RAPPRESENTATO IN CONFIGURAZIONE DI IMPIANTO COMPLETA
56
Legenda
327
328
22
82
188
278
161
196
14a
36
246
240
32
44
250
194
193
95
155
316
232
145
40
130
308
315b
14b
315a
145
318b
318a
332b
333b
314
11
309
312
313
10
179
310
323
9
7
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
333a
332a
5
7
9
10
11
14a
14b
16
22
29
32
36
40
44
56
82
95
130
145
155
161
179
180
188
191
193
194
196
232
233
240
246
278
308
309
310
312
313
314
315a
315b
316
318a
318b
323
327
328
332a
332b
333a
333b
Camera stagna
Entrata gas
Entrata acqua sanitaria
Mandata impianto
Ritorno impianto
Valvola di sicurezza (riscaldamento)
Valvola di sicurezza (solare)
Ventilatore
Bruciatore
Collettore uscita fumi
Circolatore riscaldamento
Sfiato aria automatico
Vaso espansione sanitario
Valvola gas
Vaso di espansione
Elettrodo di rilevazione
Valvola deviatrice
Circolatore bollitore
Manometro impianto
Sensore temperatura bollitore
Scambiatore di calore a condensa
Valvola di non ritorno
Bollitore
Elettrodo d’accensione
Sensore temperatura fumi
Sifone
Scambiatore a piastre sanitario
Bacinella condensa
Valvola sicurezza sanitario
Rubinetto scarico bollitore
Elettrovalvola di caricamento impianto
Trasduttore di pressione
Sensore doppio (sicurezza + riscaldamento)
Vaso espansione solare
Rubinetto di riempimento impianto solare
Circolatore impianto solare
Gruppo flussimetro
Rubinetto scarico impianto solare
Sensore ritorno solare
Valvola miscelatrice 1a zona bassa temperatura
Valvola miscelatrice 2a zona bassa temperatura
Valvola miscelatrice acqua sanitaria
Circolatore 1a zona bassa temperatura
Circolatore 2a zona bassa temperatura
Uscita acqua sanitaria miscelata
Mandata solare
Ritorno solare
Valvola intercettazione ritorno 1a zona bassa temperatura
Valvola intercettazione ritorno 2a zona bassa temperatura
Valvola intercettazione mandata 1a zona bassa temperatura
Valvola intercettazione mandata 2a zona bassa temperatura
233
4 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
Portata termica max riscaldamento
Portata termica min riscaldamento
Potenza Termica max risc. (80/60°C)
Potenza Termica min risc. (80/60°C)
Potenza Termica max risc. (50/30°C)
Potenza Termica min risc. (50/30°C)
Rendimento Pmax (80/60°C)
Rendimento Pmin (80/60°C)
Rendimento Pmax (50/30°C)
Rendimento Pmin (50/30°C)
Rendimento 30%
Portata terrmica max sanitario
Portata termica min sanitario
Potenza Termica max sanitario
Potenza Termica min sanitario
Pressione gas alimentazione G20
Ugello gas G20
Portata gas max G20
Portata gas min G20
Pressione gas alimentazione G31
Ugello gas G31
Portata gas max G31
Portata gas min G31
Classe efficienza direttiva 92/42 EEC
Classe di emissione NOx
Pressione max esercizio riscaldamento
Pressione min esercizio riscaldamento
Temperatura max riscaldamento
Contenuto acqua riscaldamento
Capacità vaso di espansione riscaldamento
Pressione precarica vaso di espansione riscaldamento
Pressione max di esercizio sanitario
Pressione min di esercizio sanitario
Contenuto acqua sanitario
Capacità vaso di espansione sanitario
Pressione precarica vaso di espansione sanitario
Portata sanitaria Δt 30°C (portata ottenuta senza l’apporto del circuito solare)
Portata sanitaria Δt 30°C (portata ottenuta senza l’apporto del circuito solare)
Capacità vaso di espansione solare
Grado protezione
Tensione di alimentazione
Potenza elettrica assorbita
Potenza elettrica assorbita sanitario
Peso a vuoto
kW
kW
kW
kW
kW
kW
%
%
%
%
%
kW
kW
kW
kW
mbar
Ø mm
m3/h
m3/h
mbar
Ø mm
kg/h
kg/h
bar
bar
°C
litri
litri
bar
bar
bar
litri
litri
bar
l/10min
l/h
litri
IP
V/Hz
W
W
kg
manuale.tecnico
1.3 Tabella dati tecnici
SOLAR IN ST
18
25
18
25,2
3
5,3
17,7
24,6
2,9
5,2
19
26,6
3,2
5,7
98,3
98,3
97,3
97,3
105,4
105,4
107,2
107,2
109,1
109,1
18
27
3
5,3
17,7
26,5
2,9
5,2
20
20
6,20
6,20
1,9
2,86
0,32
0,56
37
37
4,70
4,70
1,41
2,11
0,23
0,41
Ë Ë Ë Ë
5
3
0,8
95
1
8
1
9
0,25
180
12
3
230
650
18
X5D
230/50
280
190
120
3
0,8
95
1,5
8
1
9
0,25
180
12
3
260
845
18
X5D
230/50
280
190
125
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
5
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
SEZIONE 2 - CIRCUITO IDRAULICO
2.1 Circuito idraulico modello “SOLAR IN ST/SOLAR BOX PW”
97
232
40
145
Attacco mandata 2° zona mix
130
Attacco ritorno 2° zona mix
Attacco mandata 1° zona mix
Attacco ritorno 1° zona mix
179
308
14b
145
Valvola intercettazione circolatore solare
310
309
Valvola regolazione portata
Indicatore di portata
313
179
314
233
6 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
Legenda
7 Entrata gas
9 Entrata acqua sanitaria
10 Mandata impianto
11 Ritorno impianto
14a Valvola di sicurezza
14b Valvola di sicurezza
16 Ventilatore
32 Circolatore riscaldamento
36 Sfiato aria automatico
40 Vaso espansione sanitario
44 Valvola gas
56 Vaso di espansione
95 Valvola deviatrice
97 Anodo di magnesio
130 Circolatore bollitore
145 Manometro
154 Uscita condensa
155 Sonda temperatura bollitore
161 Scambiatore di calore a condensa
179 Valvola di non ritorno
180 Bollitore
186
191
193
194
196
232
233
240
241
246
278
308
309
310
311
313
314
316
322
323
326
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
Sensore di ritorno
Sensore temperatura fumi
Sifone
Scambiatore
Bacinella condensa
Valvola di sicurezza sanitario
Rubinetto scarico bollitore
Elettrovalvola di caricamento
By-pass
Trasduttore di pressione
Sensore doppio (sicurezza + riscaldamento)
Vaso espansione solare
Rubinetto di riempimento impianto solare
Circolatore impianto solare
Sensore temperatura collettore
Rubinetto scarico impianto solare
Sensore ritorno solare
Valvola miscelatrice acqua sanitaria
Ritorno ricircolo acqua sanitaria
Uscita acqua sanitaria miscelata
Rubinetto di sfiato impianto solare
Legenda
1 Ricircolo - R 1/2”
2 Uscita sanitario - N 1/2”
3 Entrata sanitario - R 1/2”
4 Gas - R (man. gialla) 1/2”
5 Mandata impianto - R 3/4”
6 Ritorno impianto - R 3/4”
7 Mandata 1a zona - R 3/4” *
8 Ritorno 1a zona - R 3/4” *
9 Mandata 2a zona - R 3/4” *
10 Ritorno 2a zona - R 3/4” *
11 Mandata solare - N 3/4”
12 Ritorno solare - N 3/4”
13 Scarichi D=40
* forniti con i kit zona optional
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
7
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
SEZIONE 3 – CIRCUITO GAS / ARIA / FUMI
3.1 Regolazione pressione al bruciatore
L’apparecchio funziona con gas Metano o G.P.L., viene predisposto in fabbrica per l’uso di uno dei due gas, come
riportato sull’imballo e sulla targhetta dati tecnici dell’apparecchio. Se è necessario utilizzare l’apparecchio con
gas diverso da quello preimpostato, è necessario dotarsi dell’apposito kit trasformazione sostituendo l’ugello gas.
Legenda
A Presa di pressione a monte
B Presa di pressione a valle
C Vite di regolazione portata minima (OFFSET)
D Vite di regolazione portata massima
D
C
LA VALVOLA GAS HA DUE REGOLAZIONI DISPONIBILI TRAMITE LE VITI C E D (VEDI FIG. A LATO):
B
VITE C - REGOLAZIONE RAPPORTO ARIA/GAS (DEFINITO
COME OFFSET):
agendo in senso orario si aumenta la quantità di gas rispetto al
segnale aria, agendo in senso antiorario si diminuisce la quantità di gas rispetto al segnale aria. Di fatto la “vite C” è il fulcro di
una bilancia, i cui piatti sono il segnale aria e il gas erogato.
A
V1
V2
V1 ~ 1,3 kΩ
V2 ~ 2,8 kΩ
VITE D - REGOLAZIONE MASSIMA DELLA CO2:
la “vite D” in pratica è un rubinetto posto all’interno della valvola e ha il compito di parzializzare la quantità di gas in uscita. La
parzializzazione avviene per mezzo di due mezzi coni (1 bianco
e 1 nero) posti all’interno e a valle della valvola. Agendo sulla
“vite D” in senso antiorario i coni si aprono fino alla massima
sezione (massimo passaggio di gas), agendo in senso orario i
coni si chiudono fino alla completa chiusura (nessun passaggio di gas). Le posizioni di massima e di minima possono essere
avvertite “sentendo” che in prossimità di fine corsa la vite “diventa dura”. Nei casi dubbi è oppurtuno smontare la valvola gas e
verificare guardando l’uscita a valle della stessa osservando le
posizioni dei due coni.
PARZIALIZZAZIONE
MASSIMO PASSAGGIO
NESSUN PASSAGGIO
POSIZIONE DI LAVORO
TUTTO APERTO
TUTTO CHIUSO
VERIFICA DEL RAPPORTO GAS/ARIA (OFFSET) E DELLA CO2 ALLA MIN PORTATA TERMICA
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
aprire il punto di prelievo a valle della valvola gas e collegare la presa di pressione alla presa positiva del manometro differenziale (fig. A);
collegare un “T” (rif. 1 - fig. A) al tubo depressione camera stagna e portarlo alla presa negativa del manometro differenziale;
Inserire uno strumento di analisi combustione nel tubo fumi;
ripristinare alimentazione elettrica alla caldaia;
portare la caldaia in modalità test;
portare la caldaia alla minima potenza riscaldamento (0%);
verificare che i valori della pressione differenziale rilevati dal manometro siano tra - 3 e 0 Pa ;
verificare che il valore della CO2 rilevato sia compreso tra:
1. 8,2 ÷ 8,7 % per il Gas Naturale (G20);
2. 9,5 ÷ 10 % per il Gas Propano (G31);
nel caso in cui i valori siano diversi da quelli indicati:
1. rimuovere la vite posta a copertura della vite di regolazione dell’ OFFSET (rif. 1 - fig B);
2. agendo con cautela sulla vite di OFFSET (rif. 2 - fig. C) regolare ai valori differenziali indicati, verificando che la CO2 sia corretta;
una volta terminata la regolazione, portare la caldaia alla massima potenza (100%);
si raccomanda di verificare i valori della CO2 alla potenza massima e minima almeno 2/3 volte;
uscire dalla modalità test;
riposizionare il tappo a copertura della vite di regolazione dell’ OFFSET e sigillare con vernice o apposito sigillo;
8 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
+
2
1
C
1
+
1
A
D
B
VERIFICA DELLA CO2 ALLA MASSIMA PORTATA TERMICA
• Inserire uno strumento di analisi combustione nel tubo fumi,
• accendere la caldaia e portarla in modalità test alla massima potenza;
• verificare che il valore della CO2 sia compreso tra:
1. 8,7 ÷ 9,2 % per il Gas Naturale (G20);
2. 10 ÷ 10,5 % per il Gas Propano (G31);
• nel caso in cui i valori siano diversi da quelli indicati regolare la CO2 con la “vite D” (rif.1 fig.D):
1. rimuovere il pannello anteriore facendo attenzione alle due viti di fissaggio poste nella parte inferiore del mantello;
2. agendo sulla vite di regolazione (rif.1 - fig. D) portare i valori della CO2 a quelli indicati;
• una volta terminato uscire dalla modalità test;
• togliere lo strumento di analisi di combustione inserito sul tubo dei fumi;
SUGGERIMENTI:
NATURALMENTE LE TARATURE PRIMA SPIEGATE SONO VALIDE SE I CONI HANNO UNA POSIZIONE TALE PER CUI CI SIA UN PASSAGGIO SUFFICIENTE DI GAS (SE I CONI FOSSERO CHIUSI NON PASSEREBBE NIENTE O MENO DEL NECESSARIO, SFALSANDO
COSI’ LA TARATURA). IN CASO DI DUBBIO, GIRARE IN SENSO ANTIORARIO LA VITE “D” FINO A SENTIRE CHE LA STESSA DIVENTA
“DURA” (L’APERTURA E’ MASSIMA), O MEGLIO, SMONTARE LA VALVOLA GUARDANDO E MODIFICANDO I CONI IN POSIZIONE DI
MASSIMA APERTURA (VEDI FIGURE SOPRA). FATTO QUESTO, RIPARTIRE CON LE TARATURE E RIPERCORRERE I PASSAGGI, VERIFICARE POI I PUNTI MASSIMO E MINIMO IN MODO DA TROVARE LE CO2 E L’ OFFSET DA TABELLA.
PORRE ATTENZIONE INOLTRE CHE NON VI SIANO EVENTUALI RICIRCOLI DI FUMI IN CAMERA DI COMBUSTIONE CHE POSSANO
INFLUENZARE LA CORRETTA MISURA DELLA CO2 (TUBI CONCENTRICI NON IN TENUTA, INNESTI MAL ESEGUITI, ECC...).
QUESTE PERDITE POSSONO SFALSARE LA LETTURA DELLO STRUMENTO DI ANALISI FUMI COMPROMETTENDO COSI’ LA TARATURA.
Trasformazione gas di alimentazione
•
•
•
•
togliere alimentazione elettrica a monte della caldaia;
chiudere il rubinetto del gas;
rimuovere il pannello anteriore facendo attenzione alle due viti di fissaggio poste nella parte inferiore del mantello;
aprire la camera stagna, facendo attenzione alle 4 viti di fissaggio;
1
F
2
F
E
E
D
D
C
A
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Legenda
A Tubo Gas
B Guarnizione
C Ugello Gas
D Clip
E Venturi
F Ventilatore
B
A
togliere la clip di fissaggio che collega la tubazione gas al venturi (rif. D - fig. 1/2);
spostare il tubo gas (rif. A - fig. 1/2) dalla sezione di appoggio del venturi (rif. E - fig. 1/2) facendo attenzione alla guarnizione (rif. B - fig. 2);
sostituire l’ugello gas (vedi tabella dati tecnici / rif. C - fig. 2);
applicare la targhetta adesiva contenuta nel kit di trasformazione vicino alla tabella dati tecnici;
ricollegare la tubazione gas nell’apposita sede del venturi posizionando attentamente la guarnizione “OR” (rif. B - fig. 2);
facendo attenzione a non spingere troppo inserire la clip (rif. D - fig. 1/2) nell’apposita sede, in modo da serrare la tubazione gas al venturi
(rif. A/E - fig. 1/2);
rimontare il pannello di chiusura della camera stagna facendo attenzione ad inserire le 4 viti di fissaggio nelle apposite guide;
ripristinare alimentazione elettrica alla caldaia;
accendere la caldaia ed entrare nel menù di configurazione per selezionare il tipo di gas (vedi procedura menù configurazione);
uscire dal menù di configurazione;
verificare il rapporto aria/gas (OFFSET) e la CO2 alla minima portata termica (vedi paragrafo relativo);
verificare la CO2 alla massima portata termica (vedi paragrafo relativo);
ripristinare il mantello;
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
9
SEZIONE 4 ¬ MODALITA’ DI FUNZIONAMENTO E SCHEMI ELETTIRCI
4.1 DBM05C
SCHEMA ELETTRICO “CONFIGURAZIONE BASE”
331
DBM29
310
311
314
330
256
138
72
X8
95
240
246
155
X5
X6
X9
16
191
278
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
X14
X7
186
LC31
DSP05 / DSP06
X17
PROG
DBM05C
X16
188
ATTENZIONE
X5
82
AI CONTATTO 1 - 2 “DIRECT” VA COLLEGATO UN “TERMOSTATO AMBIENTE CON CONTATTO PULITO”.
TOGLIERE IL POTICELLO SULLA MORSETTIERA ED
INSTALLARE IL TERMOSTATO AMBIENTE CHE GESTIRA’ LA
ZONA DI ALTA (DIRETTA).
X4
X3
32
16
44
130
10 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
16
32
44
72
82
95
130
138
155
186
188
191
246
240
256
278
310
311
314
330
331
Ventilatore
Circolatore riscaldamento
Valvola gas
Termostato ambiente (non fornito)
Elettrodo di rilevazione
Valvola deviatrice
Circolatore bollitore
Sonda esterna (non fornita)
Sonda temperatura bollitore
Sensore di ritorno
Elettrodo d’accensione
manuale.tecnico
Legenda
Sensore temperatura fumi
Trasduttore di pressione
Valvola di caricamento impianto
Segnale circolatore riscaldamento modulante
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)
Circolatore impianto solare
Sensore temperatura collettore (PT1000)
Sensore ritorno solare
Connettore alimentazione FZ4A (opzionale)
Connettore comunicazione FZ4A (opzionale)
4.2 Sonsori NTC e PT1000
I sensori NTC collegati alla scheda seguono l’andamento della tabella sotto indicata:
RESISTENZA (kΩ)
TEMPERATURA (°C)
0,68
100
0,92
90
1,25
80
1,7
70
2,5
60
3,6
50
5,3
40
8
30
10
25
15,6
15
25,3
5
1,46
120
1,54
140
1,69
180
1,85
220
1,96
250
Il sensore PT1000 collegato seguoe ’andamento della tabella sotto indicata:
RESISTENZA (kΩ)
TEMPERATURA (°C)
0,92
-20
1
0
1,15
40
1,23
60
1,31
80
1,38
100
INTRODUZIONE DBM05C
La scheda é stata sviluppata per funzionare su caldaie premix combinate istantanee (con scambiatore primario in
alluminio monotermico e secondario a piastre), combinate ad accumulo (con scambiatore primario in alluminio monotermico e bollitore esterno) e combinate ad accumulo stratificato (con scambiatore primario in alluminio monotermico e bollitore interno). E’ una scheda d’accensione e regolazione integrata in grado di governare: Ventilatore (con
motore a 230Vac e segnali di controllo a 24Vdc), Valvola Gas (con operatori a 230Vrac), Pompa Impianto Modulante,
Valvola 3 vie motorizzata (Stepper Motor), Elettrodo d’Accensione, Elettrodo di Rilevazione, Sensore Fumi, Pressostato
Acqua o Trasduttore di Pressione, Doppio Sensore Riscaldamento (Regolazione+Sicurezza), Sensore Ritorno, Sensore
Sanitario, Sonda Esterna, Flussometro Sanitario, Contatto d’ingresso variabile (impostazione software), Relè d’uscita
variabile (impostazione software), Termostato Ambiente o Cronocomando Remoto (OpenTherm) ed un secondo Termostato Ambiente. E’ previsto un connettore con uscita a 230Vac per l’Orologio Programmatore sotto fusibile ed un
connettore per la scheda relè opzionale LC31. La scheda é in grado di funzionare con Frequenza di Tensione di Rete
di 50Hz o 60Hz.
MODALITÀ OFF
In assenza di anomalie, premendo per 1 sec il tasto ON/OFF é sempre possibile portare la caldaia nella modalità OFF.
Tutte le richieste vengono terminate ed il display visualizza la scritta OFF. La Pompa e la Valvola 3 vie resteranno commutate in funzione di eventuali azioni di Post circolazione; una volta terminate la pompa verrà fermata e la Valvola
3 vie si posizionerà a metà. Resteranno attive solo la protezione Antigelo e l’antibloccaggio Pompa. Per riportare il
sistema ad una modalità operativa bisognerà premere nuovamente per 1 sec il tasto ON/OFF.
MODALITÀ FH
La modalità FH viene attivata automaticamente la prima volta che si fornisce alimentazione elettrica alla scheda, dopo aver ripristinato la
pressione impianto nominale (F37, F40, A23 e A24) o dopo aver ripristinato l’anomalia per sovratemperatura (A03). La modalità FH dura 180
sec: durante questo tempo, il ventilatore funzionerà ad una frequenza pari a metà del valore del parametro Frequenza massima ventilatore
in sanitario (Default= 170Hz), il circolatore è attivato/disattivato ogni 5 sec, mentre la valvola a 3 vie verrà contemporaneamente commutata
secondo il seguente ciclo: 30 sec riscaldamento, 30 sec sanitario, 30 sec riscaldamento, 30 sec sanitario, 30 sec riscaldamento e 30 sec sanitario.
Nei primi 5 sec della modalità FH, il display indicherà la versione software della scheda. In modalità FH si può accedere ai Menù Service.
MODALITÀ STAND-BY
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, in assenza di richieste riscaldamento e sanitario, la caldaia
é in Stand-By. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario e l’attuale temperatura del sensore riscaldamento; la valvola 3 vie è posizionata in sanitario. In entrambi i casi restano attive la protezione antigelo e l’antibloccaggio circolatore. In modalità Stand-By é possibile modificare i setpoints, impostare la modalità OFF, la modalità
Estate/Inverno, la funzione Economy/Comfort, accedere alla modalità Test o ai Menù Service.
MODALITÀ SANITARIO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, la modalità Sanitario ha inizio quando c’é richiesta da parte del Sensore Bollitore
(setpoint utente – 0°C; Default= 0°C). in modalità Comfort. Il campo di regolazione della temperatura dell’acqua calda sanitaria é compreso tra
i 10°C ed il massimo (Default= 65°C). La Pompa bollitore viene attivata subito se la temperatura del sensore ritorno è maggiore del Setpoint
utente + 20°C, altrimenti resterà inizialmente spenta. La Pompa impianto viene attivata immediatamente e la Valvola 3 vie si posiziona in sanitario; non appena la temperatura del sensore ritorno scende sotto il punto di spegnimento iniziale (setpoint utente +22°C), il bruciatore viene
acceso. Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore bollitore e l’attuale temperatura del sensore riscaldamento, il simbolo Acqua
Calda lampeggia ad indicare la modalità Sanitario ed il Simbolo Fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Fintantoché
la temperatura del Sensore Bollitore sarà compresa tra il Setpoint utente ed il Setpoint utente –1°C, la caldaia lavorerà, al massimo, alla potenza
d’accensione (Default= 60%); una volta che la temperatura del Sensore Bollitore scenderà sotto il Setpoint utente –1°C, la caldaia lavorerà, al
massimo, alla Potenza massima sanitario (Default= 100%). L’obiettivo del microprocessore è quello di mantenere inizialmente una temperatura
di ritorno pari al Setpoint utente +15°C; se la temperatura del sensore ritorno supera il punto di spegnimento iniziale (setpoint utente +22°C),
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
11
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
il bruciatore viene spento; non appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente +6°C), il bruciatore riparte. Dopo
aver visto fiamma, la scheda attiverà la pompa bollitore non appena la temperatura del sensore di mandata raggiungerà il Setpoint utente
+15°C. 5 sec dopo, la scheda ridurrà il Setpoint di modulazione: in 30 sec, passerà dal Setpoint utente + 15°C al Setpoint utente. Da quel momento in poi, la Pompa bollitore rimarrà attiva fino alla fine della richiesta e l’obiettivo del microprocessore resterà quello di mantenere una
temperatura di ritorno pari al Setpoint utente: se la temperatura del sensore ritorno supera il punto di spegnimento a regime (setpoint utente
+7°C), il bruciatore viene spento; non appena la temperatura scende sotto il punto di accensione (setpoint utente +6°C), il bruciatore riparte.
La modalità Sanitario, termina quando è soddisfatto il Sensore Bollitore (setpoint utente +3°C; Default= 3°C) oppure selezionando la modalità
Economy; inizierà quindi il tempo attesa sanitario (Default= 120sec) indicato con “d1”; contemporaneamente, la Pompa Impianto continuerà a
funzionare per un tempo pari al valore della Post Circolazione dopo Sanitario (Default= 30sec) mentre la Pompa Bollitore continuerà a funzionare per un tempo pari ad 1/3 del valore della Post Circolazione dopo Sanitario (Default= 30sec) . In modalità Sanitario é possibile modificare i
setpoint, impostare la modalità OFF, la modalità Estate/Inverno, la funzione Economy/Comfort, accedere alla modalità Test o ai Menù Service.
MODALITÀ RISCALDAMENTO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, la modalità Riscaldamento ha inizio quando non c’è richiesta
di acqua calda sanitaria, nel caso sia selezionata la modalità Inverno e c’é richiesta da parte del Termostato Ambiente
o del Comando Remoto (o entrambi) e nel caso sia concluso il tempo attesa sanitario (Default= 120sec). Il campo di
regolazione della temperatura Riscaldamento é compreso tra i 20°C ed il massimo (Default= 90°C). L’attivazione della
richiesta dipende dal tipo di caldaia selezionata ed avviene come riportato di seguito:
FZ4A in richiesta e TERMOSTATO AMBIENTE ZONA DIRETTA aperto
La caldaia lavora con il setpoint calcolato dalla centralina FZ4A; la quale può essere limitata dalla regolazione della temperatura riscaldamento impostata. Il circolatore impianto è disattivato; se era in funzione, viene disattivato dopo 30 sec.
FZ4A in richiesta e TERMOSTATO AMBIENTE ZONA DIRETTA chiuso
La caldaia lavora alla temperatura riscaldamento impostata (fisso). Il circolatore impianto di caldaia è attivato.
FZ4A in OFF e TERMOSTATO AMBIENTE ZONA DIRETTA chiuso
La caldaia lavora alla temperatura riscaldamento impostata (fisso). Il circolatore impianto di caldaia è attivato.
FZ4A in OFF e TERMOSTATO AMBIENTE ZONA DIRETTA aperto.
Nessuna richiesta riscaldamento. Il circolatore impianto è disattivato; se era in funzione, viene disattivato dopo 30 sec.
Immediatamente la Valvola 3 vie si posiziona in riscaldamento e viene attivato il circolatore; per 30 sec é inibita l’accensione del bruciatore. Al
termine di questo tempo, se la temperatura del sensore di mandata é inferiore al setpoint utente impostato, il microprocessore prende il valore
della temperatura del Sensore Ritorno letto in quell’istante per determinare il punto di partenza della Rampa Riscaldamento e contemporaneamente accende il bruciatore. Il calcolo del punto di partenza della Rampa Riscaldamento avviene in funzione del parametro Temperatura
minima setpoint virtuale (default= 35°C) e dell’attivazione o disattivazione della regolazione a Temperatura Scorrevole; come riportato di
seguito:
Sensore Ritorno > Temperatura minima setpoint virtuale e Temperatura Scorrevole = Disattivata
Il punto di partenza della Rampa Riscaldamento è la temperatura del Sensore Ritorno
Sensore Ritorno > Temperatura minima setpoint virtuale e Temperatura Scorrevole = Attivata
Il punto di partenza della Rampa Riscaldamento è la temperatura del Sensore Ritorno + 5°C
Sensore Ritorno < Temperatura minima setpoint virtuale e Temperatura Scorrevole = Disattivata
Il punto di partenza della Rampa Riscaldamento è la Temperatura minima setpoint virtuale (default= 35°C)
Sensore Ritorno < Temperatura minima setpoint virtuale e Temperatura Scorrevole = Attivata
Il punto di partenza della Rampa Riscaldamento è la temperatura del Sensore Ritorno
Il sistema inizierà a calcolare un setpoint riscaldamento virtuale sommando al punto di partenza della Rampa Riscaldamento il valore del relativo parametro (default= 2°C/min). Verrà quindi generata una retta, dove il coefficiente angolare è deciso dal parametro stesso: la potenza viene
regolata per mantenere la temperatura di mandata pari al setpoint riscaldamento virtuale; di conseguenza, a parità d’impianto, man mano che
aumenta il valore del parametro la caldaia inizierà prima ad incrementare la potenza del bruciatore. Durante la Rampa Riscaldamento se la temperatura del sensore di mandata diventa maggiore del setpoint riscaldamento virtuale, la potenza del bruciatore verrà diminuita; mentre, se la
temperatura del sensore di mandata diventa minore del setpoint riscaldamento virtuale, la potenza del bruciatore verrà incrementata: questo
permette al sistema di auto-adattarsi all’impianto riscaldamento. Quando il valore del setpoint riscaldamento virtuale uguaglierà il valore del
setpoint utente impostato, il calcolo della Rampa Riscaldamento verrà interrotto ed il sistema passerà a modulare per mantenere quest’ultimo.
Il display visualizza l’attuale temperatura del sensore sanitario e l’attuale temperatura del sensore riscaldamento, il simbolo Aria Calda lampeggia ad indicare la modalità riscaldamento ed il Simbolo Fiamma indica la presenza di fiamma e la potenza del bruciatore. Lo spegnimento del
bruciatore avviene quando la temperatura del sensore supera di 5°C il setpoint utente: la successiva riaccensione avviene quando é trascorso
il tempo di attesa riscaldamento (Default= 4min) indicato con “d2” e se la temperatura del sensore é inferiore al setpoint utente. La modalità
Riscaldamento termina quando viene aperto il contatto Termostato Ambiente oppure impostando il funzionamento Estate. In entrambi i casi
il Ventilatore resta alimentato per un tempo pari alla Post ventilazione (Default= 90sec). mentre la Pompa continua a funzionare per un tempo
pari al valore della Post Circolazione pompa riscaldamento (Default= 15min). In modalità Riscaldamento é possibile modificare i setpoint, impostare la modalità OFF, la modalità Estate/Inverno, la funzione Economy/Comfort, accedere alla modalità Test o ai Menù Service.
MODALITÀ SONDA ESTERNA (OPZIONALE)
Quando viene installata la sonda esterna sul display del pannello comandi è visualizzata l’attuale temperatura esterna rilevata dalla sonda esterna stessa. Il sistema di regolazione caldaia puo lavorare con “Temperatura Scorrevole”. In
questa modalità, la temperatura dell’impianto di riscaldamento viene regolata a seconda delle condizioni climatiche
esterne, in modo da garantire un elevato comfort e risparmio energetico durante tutto il periodo dell’anno. In particolare, all’aumentare della temperatura esterna viene diminuita la temperatura di mandata impianto, a seconda
di una determinata “curva di compensazione”. Con regolazione a Temperatura Scorrevole, la temperatura impostata
attraverso i tasti + e - riscaldamento diviene la massima temperatura di mandata impianto. Si consiglia di impostare al
valore massimo per permettere al sistema di regolare in tutto il campo utile di funzionamento. La caldaia deve essere
regolata in fase di installazione dal personale qualificato. Eventuali adattamenti possono essere comunque apportati
dall’utente per il miglioramento del comfort.
Curva di compensazione e spostamento delle curve.
Premendo una volta il tasto mode viene visualizzata l’attuale curva di compensazione ed è possibile modificarla con i tasti + e - sanitario. Regolare la curva desiderata da 1 a 10 secondo la caratteristica. Regolando la curva a 0, la regolazione a temperatura scorrevole risulta disabilitata.
12 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
Premendo i tasti + e - riscaldamento si accede allo spostamento paral- Premendo nuovamente il tasto mode si esce dalla modalità regolazione
lelo delle curve, modificabile con i tasti + e - sanitario.
curve parallele. Se la temperatura ambiente risulta inferiore al valore
desiderato si consiglia di impostare una curva di ordine superiore e viceversa. Procedere con incrementi o diminuzioni di una unità e verificare il risultato in ambiente.
Esempio di spostamento parallelo delle curve di compensazione
Quando il sistema lavora a temperatura scorrevole, il setpoint utente riscaldamento è limitato dal seguente calcolo:
Setpoint temperatura scorrevole = OF + (C1* ((20 – Valore attuale sensore esterno)/4))
Dove OF è il valore del parametro Offset e C1 è un valore che dipende dal valore del parametro CU cioè la Curva di
compensazione impostata.
La seguente tabella riporta il calcolo del Setpoint temperatura scorrevole in °C (con Offset = 30°C):
CU
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
C1
1
2
3
4
5
6
7
9
12
18
20
30
30
30
30
30
30
30
30
30
30
< < TEMPERATURA SENSORE ESTERNO > >
10
0
-10
32.5
35
37.5
35
40
45
37.5
45
52.5
40
50
60
42.5
55
67.5
45
60
75
47.5
65
82.5
52.5
75
90
60
90
90
75
90
90
-20
40
50
60
70
80
90
90
90
90
90
Tuttavia, se il setpoint utente riscaldamento impostato risulta essere minore del Setpoint temperatura scorrevole calcolato, il sistema lavora al setpoint utente riscaldamento impostato. Con l’inserimento della sonda esterna ai contatti
della morsettiera inserita in caldaia la temperatura scorrevole potrà essere implementata anche nella prima e nella
seconda zona miscelata, se presenti.
MODALITÀ COMFORT
In modalità Economy si disabilita la richiesta sanitario generata dal sensore bollitore.
In modalità Comfort si abilita la richiesta sanitario generata dal sensore bollitore.
Attenzione: Se la scheda DBM29 è attiva e le condizioni ambientali sono favorevoli la scheda funzionerà comunque preparando l’ acqua
sanitaria anche se la modalità eco è attiva.
MODALITÀ TEST
In assenza di anomalie, la modalità Test ha inizio premendo i tasti riscaldamento insieme per 5 sec. Per segnalare il
Test i simboli Radiatore e Rubinetto inizieranno a lampeggiare insieme. Immediatamente la Valvola 3 vie si posiziona
in riscaldamento e vengono attivati Pompa e bruciatore; dopo lo step d’accensione, la potenza viene forzata al valore del parametro Potenza Massima Riscaldamento (default= 100%). Il display visualizza: l’attuale valore di Potenza
Massima Riscaldamento (da 0 a 100%) e l’attuale corrente di ionizzazione (nella porzione del display normalmente
usata per visualizzare la temperatura acqua calda sanitaria). In queste condizioni premendo i tasti riscaldamento, si
ha una immediata variazione della potenza della caldaia da 0 a 100% (con incrementi e decrementi di 1 unità): premendo il tasto Reset entro 5 sec dalla modifica, il microprocessore imposta questo valore come Potenza Massima
Riscaldamento aggiornando automaticamente il parametro Installatore (default= 100%). Se il tasto Reset non viene
premuto oppure premuto 5 sec dopo aver premuto i tasti riscaldamento, il microprocessore non andrà a modificare
l’impostazione del parametro Potenza Massima Riscaldamento. Premendo il tasto sanitario +, la potenza della caldaia
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
13
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
passa immediatamente al 100%; premendo il tasto Sanitario-, la potenza della caldaia passa immediatamente allo 0%.
Terminato il Test il settaggio del parametro, se modificato, verrà mantenuto fino alla successiva modifica. Lo spegnimento del bruciatore avviene quando la temperatura del sensore Riscaldamento supera i 95°C: la successiva riaccensione, quando la temperatura del sensore scende al di sotto dei 90°C. Nel caso in cui sia attiva la modalità Test e vi sia
un prelievo d’acqua calda sanitaria, sufficiente ad attivare la modalità Sanitario, la caldaia resta in modalità Test ma la
Valvola 3 vie si posiziona in sanitario. La modalità Test termina automaticamente dopo 15 min oppure premendo i tasti
riscaldamento insieme per 5 sec oppure chiudendo il prelievo d’acqua calda sanitaria (nel caso vi sia stato un prelievo
d’acqua calda sanitaria sufficiente ad attivare la modalità sanitario).
MODALITÀ ANTIGELO
In assenza di anomalie e/o modalità a priorità maggiore, in modalità Off oppure Stand-By, la modalità Antigelo ha
inizio se la temperatura del sensore riscaldamento é inferiore a 5°C. La Valvola 3 vie si posizionerà a metà. Se la caldaia
non è in blocco, vengono attivati la Pompa ed il bruciatore; una volta che questo é acceso, la potenza viene forzata al
minimo. In modalità Off il display visualizza la scritta OFF; in Stand-By il display si comporta come per la modalità riscaldamento attivando anche il simbolo Antigelo. Lo spegnimento del bruciatore avviene quando la temperatura del
sensore riscaldamento supera i 15°C che corrisponde al termine della funzione Antigelo; il Ventilatore resta alimentato
per un tempo pari alla Post ventilazione (Default= 90sec). mentre la Pompa continua a funzionare per un tempo pari al
valore della Post Circolazione pompa riscaldamento (Default= 15min). Se la caldaia si trova in blocco, verrà attivata la
sola Pompa Impianto: questa verrà disattivata quando il sensore riscaldamento supererà i 7°C e dopo il tempo di postcircolazione riscaldamento (Default= 6min). In modalità Antigelo é possibile modificare i setpoints, impostare la modalità OFF, la modalità Estate/Inverno, la funzione Economy/Comfort, accedere alla modalità Test o al Menù Service.
CARICAMENTO IMPIANTO
L’ elettrovalvola di caricamento viene gestita dalla scheda relè opzionale LC31 (solo con Parametro P27=4)
Il comando può essere dato in modalità manuale da pannello comandi caldaia o in modalità manuale/automatica da
comando remoto se presente su di una o entrambe le zone miscelate.
Attivazione manuale dal pannello comandi (con o senza Cronocomando Remoto collegato)
Quando la pressione rivelata dal trasduttore acqua è minore o uguale al parametro “valore minimo pressione impianto” (default= 4), la scheda
genera la relativa anomalia. Con l’anomalia F37 attiva, una singola pressione del tasto Reset azionerà l’elettrovalvola di caricamento acqua
impianto per un tempo massimo di 4 min. Se prima dello scadere di questo timer il trasduttore di pressione rileva una pressione pari al parametro “valore nominale pressione impianto” (default= 8), la scheda disattiverà l’anomalia e dopo due sec anche l’elettrovalvola: la caldaia
potrà funzionare normalmente al termine della modalità FH. Nel caso in cui al termine del quarto minuto il trasduttore di pressione non rilevi
la pressione nominale, la scheda disattiverà l’elettrovalvola generando l’anomalia di tipo blocco A23 (23 da remoto). L’utente dovrà quindi
sbloccare la caldaia prima di procedere con un nuovo ciclo di caricamento acqua impianto: dopo il Reset, al termine della modalità FH la
scheda andrà a riverificare il trasduttore acqua. In caso sia nei valori nominali, la caldaia potrà funzionare normalmente. In caso non sia nei
valori nominali, diagnosticherà la relativa anomalia ed un nuovo ciclo di caricamento sarà disponibile. Attivando il caricamento dal pannello
comandi non ci sono limitazioni sul numero massimo di azionamenti giornalieri dell’elettrovalvola.
Attivazione manuale/automatica dal Cronocomando Remoto (con Cronocomando Remoto collegato)
La logica di caricamento avviene come per la modalità sopra descritta. La scheda caldaia riesce a distinguere se la richiesta di attivazione del
caricamento arriva da remoto (Cronocomando) o dal frontale caldaia (Pannello Comandi). Quindi, attivando il caricamento dal Cronocomando Remoto saranno possibili solo 3 azionamenti consecutivi dell’elettrovalvola in 24 ore. Questo sia in modalità di riempimento manuale,
sia in modalità di riempimento automatica. Praticamente, alla 4° richiesta in 24 ore, la caldaia attiverà l’anomalia di tipo blocco A24 (24 da
remoto). L’utente dovrà quindi sbloccare la caldaia: dopo il Reset, al termine della modalità FH la scheda andrà a riverificare il trasduttore di
pressione acqua. In caso sia nei valori nominali la caldaia potrà funzionare normalmente. In caso non sia nei valori nominali, diagnosticherà
la relativa anomalia ed un nuovo ciclo di caricamento sarà disponibile.
Attenzione
Con anomalia F37, A23 o A24 attive: il funzionamento della pompa e del bruciatore sono disattivati. L’anomalia F37 attiva la stringa di testo
“RIEMPIMENTO” sul display del Cronocomando Remoto nel caso in cui il relativo parametro del Cronocomando Remoto sia in manuale o
automatico. Le anomalie A23 e A24 attivano la stringa di testo “RESET CALDAIA” sul display del Cronocomando Remoto.
TEMPERATURA REGOLAZIONE CIRCOLATORE MODULANTE (Solo con circolatore modulante installato)
La scheda, in modalità riscaldamento, regolerà la velocità della pompa impianto in modo tale che la differenza tra
l’attuale temperatura del sensore riscaldamento e l’attuale temperatura del sensore ritorno corrisponda al valore del
relativo parametro (Default= 18°C).
TEMPERATURA PROTEZIONE SCAMBIATORE PRIMARIO
Quando la differenza tra l’attuale temperatura del sensore riscaldamento e l’attuale temperatura del sensore ritorno
supera il valore del relativo parametro (Default= 25°C), l’indicazione di temperatura sul display lampeggia e verrà attivata una riduzione della potenza caldaia. Questo sia in riscaldamento che in sanitario, anche se durante quest’ultima
modalità il decremento sarà più veloce. La protezione non è attiva per i primi 30 sec dal momento in cui viene ionizzata la fiamma. Se il bruciatore viene spento finchè era attiva la protezione, il display continuerà a lampeggiare anche
in stand-by; fino ad una successiva richiesta di calore.
FREQUENZE VENTILATORE
La caldaia lavora con diversi parametri (a seconda della modalità): alcuni modificabili ed alcuni non modificabili.
Modalita’ Sanitario
La massima velocità del ventilatore è definita dal parametro Frequenza massima ventilatore in sanitario (Default= 170Hz). La minima velocità
del ventilatore è definita dal parametro Frequenza minima ventilatore (Default= 45Hz). La velocità del ventilatore (quindi la potenza della
caldaia) può essere modificata col parametro Potenza massima sanitario (Default= 100%) secondo la seguente regola:
14 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
Esempio con Potenza massima sanitario = 65%
Velocità attuale = ( 170 –45 )*65/100 + 50 = 131.25 Hz (±2Hz)
Modalita’ Riscaldamento
La massima velocità del ventilatore è definita dal parametro Frequenza massima ventilatore in riscaldamento (Default= 160Hz). La minima
velocità del ventilatore è definita dal parametro Frequenza minima ventilatore (Default= 45Hz). La velocità del ventilatore (quindi la potenza
della caldaia) può essere modificata col parametro Potenza massima riscaldamento (Default= 100%) secondo la seguente regola:
Esempio con Potenza massima riscaldamento = 80%
Velocità attuale = ( 160 –45 )*80/100 + 50 = 142 Hz (r2Hz)
Offset minima velocità del ventilatore
Ogni volta che il microprocessore dovrà decrementare la velocità del ventilatore nella banda che va dal valore definito dal parametro Frequenza minima ventilatore (Default= 45Hz) + 30Hz al valore definito dal parametro Frequenza minima ventilatore (Default= 45Hz), lo farà in maniera
lenta per evitare di far perdere la fiamma all’elettrodo di ionizzazione.
CRONOCOMANDO REMOTO (OpenTherm) - solo per la 1° e2° zona a bassa temperatura
Il cronocomando remoto potrà essere interfacciato solo se saranno presenti la prima o la seconda zona a bassa temperatura. Solo in questi due circuiti si potrà scegliere se gestire le zone con termostato ambiente o con cronocomando remoto. Le regolazioni vengono gestite come riportato nella tabella presente nel libretto caldaia.
ANOMALIE
Le condizioni di errore di funzionamento, sono visualizzate sul display LCD della scheda o dell’eventuale comando
remoto.
REMOTO SCHEDA DESCRIZIONE ANOMALIA
MANCANZA FIAMMA
01
A01
FIAMMA PARASSITA
02
A02
PROTEZIONE PER SOVRA-TEMPERATURA MANDATA
03
A03
ANOMALIA F07 RIPETUTA 3 VOLTE IN 24 ore
04
A04
ANOMALIA F15 PER 1 ORA DI SEGUITO
05
A05
FIAMMA PERSA 5 VOLTE IN 4 min
06
A06
TEMPERATURA FUMI ELEVATA
07
F07
INDICAZIONE SOVRA-TEMPERATURA SCAMBIATORE
08
F08
INDICAZIONE SOVRA-TEMPERATURA SCAMBIATORE
09
F09
SENSORE NTC RISCALDAMENTO GUASTO
10
F10
SENSORE NTC RITORNO GUASTO
11
F11
SENSORE NTC SANITARIO GUASTO
12
F12
SENSORE NTC FUMI GUASTO
13
F13
SENSORE NTC SICUREZZA GUASTO
14
F14
ANOMALIA FEEDBACK VENTILATORE
15
F15
PRESSIONE IMPIANTO INFERIORE ALLA PRESSIONE NOMINALE
20
F20
PRESSIONE IMPIANTO A 2,5bar
21
F21
MANCATO RAGGIUNGIMENTO PRESSIONE NOMINALE ENTRO 4 min
23
A23
3 RIEMPIMENTI IN 24 ore
24
A24
ANOMALIA F40 RIPETUTA 3 VOLTE IN 1 ora
26
A26
ANOMALIA TENSIONE DI RETE
34
F34
ANOMALIA FREQUENZA TENSIONE DI RETE
35
F35
PRESSIONE IMPIANTO INSUFFICIENTE
37
F37
SENSORE NTC ESTERNO GUASTO
39
F39
PRESSIONE IMPIANTO ELEVATA (> 2,8 bar)
40
F40
PROTEZIONE PER SENSORE SCOLLEGATO
41
A41
PROTEZIONE PER DIFFERENZA SENSORI MANDATA
42
F42
PROTEZIONE PER SENSORE PRESSIONE SCOLLEGATO
47
F47
PARAMETRO P28 DA VERIFICARE
50
F50
TIPO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
BLOCCO
Anomalia 1 - Mancanza fiamma (blocco)
Ad ogni richiesta d’accensione bruciatore, viene attivato il ventilatore. Una volta raggiunto il valore d’accensione, inizia il 1° tentativo d’accensione: valvola gas e trasformatore d’accensione sono attivati per 2 sec. Se la scheda rileva fiamma, la potenza viene poi gestita dal sistema
di regolazione; in caso contrario il controllo fiamma, dopo 10 sec di attesa, inizia il 2° tentativo d’accensione. Se la scheda rileva fiamma, la
potenza viene poi gestita dal sistema di regolazione; in caso contrario il controllo fiamma, dopo 10 sec di attesa, inizia il 3° ed ultimo tentativo
d’accensione. Se la scheda rileva fiamma, la potenza viene poi gestita dal sistema di regolazione; in caso contrario, il controllo fiamma genera
l’anomalia 1 e si porta in blocco (Reset). ATTENZIONE: selezionando come tipo di gas il GPL, il controllo fiamma esegue 3 tentativi da 5 sec.
Anomalia 2 - Fiamma parassita (blocco)
L’anomalia è generata se con bruciatore spento viene rileva una corrente di ionizzazione. Il controllo fiamma si porta in blocco.
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
15
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
Anomalia 3 - Protezione per sovra-temperatura mandata (blocco)
Caso 1: L’ intervento della sovra-temperatura mandata (sensore di sicurezza oltre i 105°C) in assenza di richiesta di accensione non genera
alcuna anomalia.
Caso 2: Ogni volta che il bruciatore viene spento per superamento della temperatura limite di mandata (90°C in Riscaldamento; 95°C in Sanitario e Test), il sistema attiva un timer della durata di 10 sec. La protezione per sovra-temperatura mandata, viene attivata se il sensore
di sicurezza supera i 105°C entro questi 10 sec. L’intervento della sovra-temperatura mandata (in sanitario, riscaldamento o antigelo),
comporta il blocco del controllo fiamma. Il comando di accensione della circolatore resta attivo in funzione del tipo di richiesta in
corso o per l’esecuzione di eventuali post-circolazioni previste.
Caso 3: Se al momento della richiesta d’accensione del bruciatore (in sanitario, riscaldamento o antigelo) il sensore di sicurezza si trova ad
un valore superiore ai 105°C, il sistema attiva un timer della durata massima di 60 sec; se entro questo tempo entrambi i sensori non
scendono sotto i 100°C, viene generato il blocco del controllo fiamma.
Caso 4: L’ intervento della sovra-temperatura mandata (sensore di sicurezza oltre i 105°C) durante la richiesta di accensione con fiamma presente genera il blocco del controllo fiamma.
Anomalia 4 - Anomalia F07 ripetuta 3 volte in 24 ore (blocco)
Se l’anomalia 7 si verifica 3 volte in 24 ore, la caldaia attiverà l’anomalia 4 di tipo blocco (Reset).
Anomalia 5 - Anomalia F15 per 1 ora di seguito (blocco)
Se la caldaia resta in anomalia 15 per 1 ora di seguito, verrà attivata l’anomalia 5 di tipo blocco (Reset).
Anomalia 6 - Fiamma persa 5 volte in 4 min (blocco)
La fiamma viene persa se il bruciatore è acceso da almeno 10 sec e tutto d’un tratto sparisce il segnale di fiamma. Se questa condizione si
verifica 5 volte in un tempo di 4 min, il controllo fiamma genera l’anomalia 6 e si porta in blocco (Reset).
Anomalia 7 - Temperatura Fumi elevata
Ogni volta che il sensore fumi supera i 95°C per 2 min consecutivi, viene attivata l’anomalia 7. L’anomalia causa la disattivazione dei comandi di
accensione bruciatore per 15 min. L’anomalia viene risolta se, dopo questo tempo, il sensore fumi si trova ad un valore inferiore ai 95°C.
Anomalia 8 - Indicazio Anomalia 8 - Indicazione sovra-temperatura scambiatore
Ogni volta che il doppio sensore di mandata supera i 99°C, viene attivata l’anomalia 8. Questa anomalia non verrà visualizzata sul display: verrà
solo salvata nello storico delle anomalie. L’anomalia viene risolta quando il doppio sensore di mandata torna sotto i 90°C. ne sovra-temperatura
scambiatore Ogni volta che il doppio sensore di mandata supera i 99°C, viene attivata l’anomalia 8. Questa anomalia non verrà visualizzata sul
display: verrà solo salvata nello storico delle anomalie. L’anomalia viene risolta quando il doppio sensore di mandata torna sotto i 90°C.
Anomalia 9 - Indicazione sovra-temperatura scambiatore
Ogni volta che il sensore di ritorno supera i 99°C, viene attivata l’anomalia 9. Questa anomalia non verrà visualizzata sul display: verrà solo
salvata nello storico delle anomalie. L’anomalia viene risolta quando il sensore di ritorno torna sotto i 90°C.
Anomalia 10 - Sensore NTC Riscaldamento guasto
Il doppio sensore di mandata racchiude due identici sensori al proprio interno: entrambi vengono utilizzati per la sicurezza (protezione sovratemperatura) ed uno dei due per la regolazione. Il cablaggio avviene con 4 cavi, 2 per ciascun sensore, come per i comuni sensori NTC. Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore. In questa
condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 11 - Sensore NTC ritorno guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore.
In questa condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente
disattivata.
Anomalia 12 - Sensore NTC sanitario guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, del sensore causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore durante il solo
funzionamento sanitario. In questa condizione solo un’eventuale richiesta di funzionamento riscaldamento può essere soddisfatta. Risolvendo
il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 13 - Sensore NTC fumi guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore.
In questa condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente
disattivata.
Anomalia 14 - Sensore NTC Sicurezza guasto
Il doppio sensore di mandata racchiude due identici sensori al proprio interno: entrambi vengono utilizzati per la sicurezza (protezione sovratemperatura) ed uno dei due per la regolazione. Il cablaggio avviene con 4 cavi, 2 per ciascun sensore, come per i comuni sensori NTC. Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, di uno dei due sensori causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore. In questa
condizione nessuna richiesta di funzionamento può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 15 – Anomalia feedback ventilatore
Se la scheda misura una frequenza di 20Hz minore del minimo o di 20Hz maggiore del massimo, viene attivata l’anomalia 15: la quale causa
la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore. Quando la frequenza torna all’interno del range corretto di lavoro, la protezione viene
immediatamente disattivata.
Anomalia 20 – Pressione impianto inferiore alla pressione nominale
Se la pressione impianto è compresa tra il Valore nominale pressione impianto (Default= 0,7 bar) ed il Valore minimo pressione impianto
(Default= 0,4 bar), viene attivata l’anomalia 20. L’anomalia viene risolta quando la pressione impianto diviene maggiore del Valore nominale
pressione impianto (Default= 0,7 bar).
Anomalia 21 - Pressione impianto a 2,5 bar
Se la pressione impianto diventa maggiore di 2,5 bar (2,8 – 0,3 bar), la potenza della caldaia viene diminuita in maniera proporzionale: in modo
tale che a 2,7 bar, sia raggiunto il minimo della caldaia. L’anomalia viene risolta quando la pressione impianto diviene minore di 2,5 bar.
Anomalia 23 - Mancato raggiungimento pressione nominale entro 4 min (blocco)
Dopo aver iniziato un ciclo di riempimento impianto in modalità manuale o automatica, nel caso in cui al termine del quarto minuto la pressione impianto sia ancora insufficiente, la scheda disattiverà l’elettrovalvola generando lo stato di tipo blocco.
Anomalia 24 - 3 riempimenti in 24 ore (blocco)
Attivando il caricamento dal Cronocomando Remoto saranno possibili solo 3 azionamenti consecutivi dell’elettrovalvola in 24 ore. Questo sia
in modalità di riempimento manuale, sia in modalità di riempimento automatica. Praticamente, alla 4° richiesta in 24 ore, la caldaia attiverà
l’anomalia di tipo blocco.
16 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
Anomalia 26 - Anomalia F40 ripetuta 3 volte in 1 ora (blocco)
Se l’anomalia 40 si verifica 3 volte nell’ultima ora, la caldaia attiverà l’anomalia 26 di tipo blocco (Reset).
Anomalia 34 - Anomalia tensione di rete
Ogni volta che la tensione di rete diventa inferiore a 180Vac, viene attivata l’anomalia 34. Questa anomalia non disattiva la richiesta: la scheda
continuerà a funzionare fino al limite minimo di tensione (circa 170Vac), oltre il quale si spegnerà. L’anomalia viene risolta quando la tensione
di rete diventa maggiore a 185Vac.
Anomalia 35 – Anomalia frequenza tensione di rete
La scheda è in grado di lavorare con frequenza di rete pari a 50Hz o 60Hz: tuttavia è necessario impostare il relativo parametro installatore (Default= 0=50Hz). Quando la scheda riconosce un’incongruenza tra il valore programmato e l’effettiva frequenza di rete, viene attivata l’anomalia
35. L’anomalia viene risolta modificando il parametro (Default= 0=50Hz) una volta verificata la corretta frequenza della rete elettrica.
Anomalia 37 - Pressione impianto insufficiente
Se la pressione impianto diventa minore del Valore minimo pressione impianto (Default= 0.4 bar) durante il funzionamento della caldaia (per
5 sec consecutivi), viene immediatamente spento il bruciatore ed arrestata la pompa (se attiva). L’anomalia viene risolta ripristinando la pressione impianto al Valore nominale pressione impianto (Default= 0,7 bar) + 0.2 bar. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente
disattivata ed automaticamente verrà attivata la Modalità FH.
Anomalia 39 – Sensore NTC esterno guasto (solo con Sensore esterno collegato e Temperatura Scorrevole abilitata)
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto (con Temperatura Scorrevole abilitata), del sensore non causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore. Se il sistema stava lavorando a Temperatura Scorrevole, la modulazione verrà adeguata al setpoint utente
riscaldamento impostato. Risolvendo il guasto, l’anomalia viene immediatamente disattivata.
Anomalia 40 - Pressione impianto elevata (> 2.8 bar)
Se la pressione impianto diventa maggiore di 2.8 bar durante il funzionamento della caldaia, viene immediatamente spento il bruciatore ed
arrestata la pompa (se attiva). L’anomalia viene risolta quando la pressione impianto diviene minore di 2.5 bar. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata ed automaticamente verrà attivata la Modalità FH.
Anomalia 41 - Protezione per sensore scollegato (blocco)
MODALITÀ RISCALDAMENTO
Ad ogni nuova richiesta Riscaldamento, c’è un controllo della temperatura letta dal Sensore di mandata. Se la temperatura letta dal Sensore
di mandata subisce una variazione di ±1°C durante i primi 30 sec della richiesta, quando il bruciatore è spento, il sistema stabilisce che la
verifica ha dato esito positivo: quindi non andrà più ad eseguire questo controllo per tutta la durata della richiesta Riscaldamento. Se invece
la temperatura letta dal Sensore di mandata non subisce una variazione di ±1°C durante i primi 30 sec della richiesta, quando il bruciatore
è spento, il sistema stabilisce che la verifica ha dato esito negativo: quindi inizierà una seconda fase di verifica prima della quale non verrà
generata alcuna anomalia. Alla richiesta di accensione del bruciatore, il sistema attiva un timer della durata massima di 15 sec dal momento
in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal Sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che la verifica ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento può proseguire: quindi non andrà più ad
eseguire questo controllo per tutta la durata della richiesta Riscaldamento. In caso contrario il sistema spegne il bruciatore e, dopo 45 sec di
attesa, inizia un secondo tentativo d’accensione della durata massima di 20 sec dal momento in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello
scadere della temporizzazione la temperatura letta dal Sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che la verifica
ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento può proseguire: quindi non andrà più ad eseguire questo controllo per tutta la durata della
richiesta Riscaldamento. In caso contrario il sistema spegne il bruciatore e, dopo 50 sec di attesa, inizia un terzo tentativo d’accensione della
durata massima di 25 sec dal momento in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta
dal Sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che la verifica ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento
può proseguire: quindi non andrà più ad eseguire questo controllo per tutta la durata della richiesta Riscaldamento. In caso contrario il sistema
spegne il bruciatore e verrà generato il blocco del controllo fiamma. Il comando di accensione della pompa resta attivo per l’esecuzione del
tempo di post-circolazione previsto.
MODALITÀ SANITARIO, COMFORT, ANTIGELO E MODALITÀ TEST
Alla prima richiesta di accensione del bruciatore in modalità Sanitario, Comfort, Antigelo o Test, il sistema attiva un timer della durata massima
di 15 sec dal momento in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal Sensore di
mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che la verifica ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento può proseguire:
quindi non andrà più ad eseguire questo controllo per tutta la durata della richiesta Sanitario, Comfort, Antigelo o Test. In caso contrario il
sistema spegne il bruciatore e, dopo 15 sec di attesa, inizia un secondo tentativo d’accensione della durata massima di 20 sec dal momento
in cui viene aperta la valvola gas. Se prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal Sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che la verifica ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento può proseguire: quindi non andrà più ad
eseguire questo controllo per tutta la durata della richiesta Sanitario, Comfort, Antigelo o Test. In caso contrario il sistema spegne il bruciatore
e, dopo 20 sec di attesa, inizia un terzo tentativo d’accensione della durata massima di 25 sec dal momento in cui viene aperta la valvola gas. Se
prima dello scadere della temporizzazione la temperatura letta dal Sensore di mandata subisce una variazione di ±1°C, il sistema stabilisce che
la verifica ha dato esito positivo e la sequenza di avviamento può proseguire: quindi non andrà più ad eseguire questo controllo per tutta la
durata della richiesta Sanitario, Comfort, Antigelo o Test. In caso contrario il sistema spegne il bruciatore e verrà generato il blocco del controllo
fiamma. Il comando di accensione della pompa resta attivo per l’esecuzione del tempo di post-circolazione previsto.
Anomalia 42 - Protezione per differenza sensori mandata
La protezione viene attivata quando la temperatura rilevata dai due sensori di mandata differisce, in valore assoluto, di un valore maggiore
di 12°C. L’intervento della protezione, durante una richiesta (sanitario, riscaldamento o antigelo), comporta la disattivazione dei comandi di
accensione del bruciatore. Il comando di accensione della pompa resta attivo in funzione del tipo di richiesta in corso o per l’esecuzione della
post-circolazione prevista. La protezione viene disattivata quando la temperatura rilevata dai due sensori di mandata differisce, in valore assoluto, di un valore minore di 10°C.
Anomalia 47 - Protezione per sensore pressione scollegato
Se il connettore del sensore di pressione acqua impianto viene scollegato, è immediatamente attivata l’anomalia 47. Risolvendo il guasto, la
protezione viene immediatamente disattivata.
Anomalia 50 – Indicazione sovra-temperatura impianto
Il guasto, causa la disattivazione dei comandi di accensione bruciatore durante il solo funzionamento riscaldamento. In questa condizione solo
un’eventuale richiesta di funzionamento sanitario può essere soddisfatta. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata. ( Verificare che il Parametro 28 del menù parametri “tS” sia impostato con il valore di default tabella ).
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
17
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
MENÙ SCHEDA
La scheda è dotata di due Menù: uno di configurazione e l’altro definito service.
A.) Menù di configurazione
L’accesso al Menù di configurazione avviene premendo i tasti + e - sanitario insieme per 10 sec. Sono disponibili 5 parametri modificabili solo
da scheda per questioni di sicurezza eccetto uno (P02).
10”
IN
OUT
10”
REMOTO
NO
30*
NO
NO
NO
NO
NO
SCHEDA DESCRIZIONE PARAMETRI
P01
SELEZIONE TIPO GAS
P02
P03
P04
P05
P06
P07
FREQUENZA MASSIMA VENTILATORE IN SANITARIO
FREQUENZA MASSIMA VENTILATORE IN RISCALDAMENTO
POST-VENTILAZIONE
LIMITAZIONE POTENZA MASSIMA SANITARIO
ORE SENZA PRELIEVO D’ACQUA CALDA SANITARIA
SELEZIONE STATO ANOMALIA 20
RANGE
0= Metano
1= GPL
0 ÷ 220Hz
0 ÷ 220Hz
0 ÷ 120sec
0 ÷ 100%
0 ÷ 24ore
0=DISATTIVATA,
1=ABILITATA
*). vedi menù parametri “tS”
L’ uscita dal menù di configurazione avviene premendo i tasti + e - sanitario insieme per 10 sec.
18 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
DEFAULT
18
25
0|1
0|1
135
135
90
100
24
0
170
160
90
100
24
0
B.) Menù service
L’accesso al menù service della scheda avviene premendo il tasto Reset per 10 sec. Premendo i tasti + e - riscaldamento sarà possibile scegliere:
“tS” Menù Parametri Trasparenti, “In” Menù Informazioni, “Hi” Menù History, “rE” Reset del Menù History. Una volta selezionato il Menù, per accedervi, sarà necessaria una pressione del tasto Reset.
10 sec
IN
3 sec
10 sec
OUT
Premendo i tasti + e - riscaldamento sarà possibile scorrere la lista dei parametri, rispettivamente in ordine crescente o decrescente. Per modificare il valore di un parametro basterà premere i tasti + e - sanitario: la modifica verrà salvata automaticamente. Il parametro di Potenza Massima
Riscaldamento può essere modificato in Modalità Test (vedi relativo paragrafo). Per tornare al Menù Service è sufficiente una pressione del
tasto Reset. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Reset per 10 sec.
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
19
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
“tS” - MENÙ PARAMETRI TRASPARENTI
La scheda é dotata di 29 parametri trasparenti modificabili anche da Comando Remoto (Menù Service):
REMOTO
01
02
03
04
05
06
SCHEDA
P01
P02
P03
P04
P05
P06
DESCRIZIONE PARAMETRI
SELEZIONE PROTEZIONE PRESSIONE IMPIANTO ACQUA
SELEZIONE TIPO CALDAIA
FREQUENZA MINIMA VENTILATORE
POTENZA ACCENSIONE
FREQUENZA VENTILATORE IN STAND-BY
SELEZIONE FUNZIONAMENTO TASTO ESTATE/INVERNO
07
08
09
10
11
12
P07
P08
P09
P10
P11
P12
RAMPA RISCALDAMENTO
TEMPERATURA MINIMA SETPOINT VIRTUALE
POST CIRCOLAZIONE CIRCOLATORE RISCALDAMENTO
TEMPO ATTESA RISCALDAMENTO
POTENZA MASSIMA RISCALDAMENTO
FUNZIONAMENTO CIRCOLATORE
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
P13
P14
P15
P16
P17
P18
P19
P20
P21
P22
P23
P24
VELOCITÀ MASSIMA CIRCOLATORE MODULANTE
TEMPERATURA SPEGNIMENTO CIRCOLATORE IN POST CIRC.
MASSIMO SETPOINT UTENTE RISCALDAMENTO
POST CIRCOLAZIONE CIRCOLATORE SANITARIO
TEMPO ATTESA SANITARIO
POTENZA MASSIMA SANITARIO
MASSIMO SETPOINT UTENTE SANITARIO
ISTERESI BOLLITORE
ISTERESI DISATTIVAZIONE COMFORT
TEMPERATURA REGOLAZIONE CIRCOLATORE MODULANTE
TEMPERATURA PROTEZIONE SCAMBIATORE PRIMARIO
VALORE MINIMO PRESSIONE IMPIANTO
RANGE
0÷1
1÷6
0 ÷ 160Hz
0 ÷ 100%
0 ÷ 60Hz
0= ABILITATO,
1= DISABILITATO
1 ÷ 10°C/min
20 ÷ 80
0 ÷ 20min
0 ÷ 10min
0 ÷ 100%
0= POST CIRCOLAZIONE
1= CONTINUO
30 ÷ 100%
0 ÷ 100°C
20 ÷ 90°C
0 ÷ 255sec.
0 ÷ 255
0 ÷ 100
55 ÷ 65°C
0 ÷ 80°C
70 ÷ 85°C
0 ÷ 30°C
0 ÷ 30°C
0 ÷ 8 bar/10
25
P25
VALORE NOMINALE PRESSIONE IMPIANTO
26
27
28
P26
P27
P28
PROTEZIONE LEGIONELLA
SELEZIONE FUNZIONAMENTO RELÈ D’USCITA VARIABILE
SELEZIONE FUNZIONAMENTO CONTATTO INGRESSO VARIABILE
29
P29
FREQUENZA TENSIONE DI RETE
30
FREQUENZA MASSIMA VENTILATORE IN SANITARIO (P02*)
DEFAULT
18
25
1
1
6
6
45
45
60
60
0
0
0
0
2
35
15
4
100
0
2
35
15
4
100
0
100
20
90
30
120
100
65
0
3
18
25
4
100
20
90
30
120
100
65
0
3
18
25
4
5 ÷ 20 bar/10
7
7
0-7= GIORNI D’ATTIVAZIONE
4= CARICAMENTO IMPIANTO ESTERNO
0= ECONOMY/COMFORT,
1= COMFORT CONTINUO
0= 50Hz,
1= 60Hz
5 ÷ 220Hz
0
4
0
0
4
0
0
0
135
170
*). vedi menù di configurazione
“In” - MENÙ INFORMAZIONI
La scheda è in grado di visualizzare le seguenti informazioni:
t01
t02
t03
t04
t05
t06
F07
F08
L06
SENSORE NTC RISCALDAMENTO (°C)
SENSORE NTC SANITARIO (°C)
SENSORE NTC RITORNO (°C)
SENSORE NTC FUMI (°C)
SENSORE NTC ESTERNO (°C)
SENSORE NTC SICUREZZA (°C)
FREQUENZA VENTILATORE ATTUALE (Hz)
PRELIEVO D’ACQUA SANITARIA ATTUALE (Lt_min/10)
POTENZA BRUCIATORE ATTUALE (%)
P09
P10
F11
PRESSIONE ACQUA IMPIANTO ATTUALE (bar/10)
VELOCITÀ POMPA MODULANTE (%)
CORRENTE DI IONIZZAZIONE ATTUALE (μA)
05 ÷ 125 °C
05 ÷ 125 °C
05 ÷ 125 °C
05 ÷ 125 °C
-30 ÷ 70°C (Valori negativi lampeggiano)
05 ÷ 125 °C
00 ÷ 200 Hz
00 ÷ 99 Lt_min/10
00%= Min,
100%= Max
00 ÷ 99 bar/10
-00 ÷ 99μA/10 (00= bruciatore spento)
Premendo i tasti + e - riscaldamento sarà possibile scorrere la lista delle informazioni. Per visualizzarne il valore basterà premere i tasti + e - sanitario. In caso di Sensore danneggiato, la scheda visualizzerà i trattini. Per tornare al Menù Service è sufficiente una pressione del tasto Reset.
L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Reset per 10 sec.
“Hi” - Menù History
Il microprocessore è in grado di memorizzare le ore totali con scheda alimentata (Ht) e le ultime 10 anomalie (con il dettaglio dell’ora in cui si
sono verificate riferite al parametro Ht). Il dato Storico H1: rappresenta l’anomalia più recente che si è verificata; il dato Storico H10: rappresenta
l’anomalia meno recente che si è verificata. I codici delle anomalie salvate vengono visualizzati anche sul relativo menù del comando remoto
Opentherm.
20 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
NOTA PER IL CALCOLO DELLE ORE:
Ogni 24 ore, viene incrementato di una unità il numero visualizzato nella porzione del display normalmente riservata alla pressione impianto.
Ogni ora, viene incrementato di una unità il numero visualizzato nella porzione del display normalmente riservata alla temperatura ambiente
ESEMPIO .::
DISPLAY DSP05
DISPLAY DSP06
CODICE ANOMALIA
ORE
ORE
GIORNI
NUMERO ANOMALIA
NUMERO ANOMALIA
GIORNI
CODICE ANOMALIA
Premendo i tasti + e - riscaldamento sarà possibile scorrere la lista delle anomalie. Per visualizzarne il valore basterà premere i tasti + e - sanitario.
Ht
H1
H2
H3
H4
H5
H6
H7
H8
H9
H10
Ore totali con scheda alimentata.
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Codice anomalia --> Ora in cui si è verificata l’anomalia (riferito a Ht)
Per tornare al Menù Service è sufficiente una pressione del tasto Reset. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Reset
per 10 sec.
“rE” - Reset History
Premendo per 3 sec il tasto Eco/comfort sarà possibile cancellare tutte le anomalie e le ore memorizzate nel Menù History: automaticamente la
scheda uscirà dal Menù Service, in modo da confermare l’operazione. Per tornare al Menù Service, invece, è sufficiente una pressione del tasto Reset.
MENÙ CURVE SCHEDA ZONE FZ4 (se presente)
L’accesso al Menù Scheda Zone FZ4 avviene premendo il tasto Eco/Comfort per 10 sec.
REMOTO
FZ4
SCHEDA
5
5
Ƒ 01
6
Ƒ 02
11
Ƒ 03
6
11
DESCRIZIONE PARAMETRI
VALORE
CURVA SONDA ESTERNA 1a ZONA A BASSA TEMPERATURA
a
OFFSET SONDA ESTERNA 1 ZONA A BASSA TEMPERATURA
a
CURVA SONDA ESTERNA 2 ZONA A BASSA TEMPERATURA
0 ÷ 10
20 ÷ 40°C
0 ÷ 10
12
12
Ƒ 04
OFFSET SONDA ESTERNA 2 ZONA A BASSA TEMPERATURA
20 ÷ 40°C
17
17
Ƒ 05
NON UTILIZZATO
NON UTILIZZATO
18
18
Ƒ 06
NON UTILIZZATO
NON UTILIZZATO
a
Dalla scheda caldaia sarà possibile modificare i 4 parametri della Scheda Zone FZ4; i quali resteranno comunque modificabili anche da Comando
Remoto se presente e dal menù della scheda a zone FZ4 stessa. Questi parametri permettono di impostare una curva climatica a piacere sulla 1a
e/o 2a zona di bassa temperatura. Le CURVE e gli OFFSET sono gli stessi illustrati neila sezione specifica alla modalità sonda esterna. Ovviamente
la sonda esterna deve essere presente e collegata. Premendo i tasti Riscaldamento sarà possibile scorrere la lista dei parametri, rispettivamente
in ordine crescente o decrescente. Per modificare il valore di un parametro basterà premere i tasti Sanitario: la modifica verrà salvata automaticamente. L’uscita dal Menù Scheda Zone (FZ4) avviene premendo il tasto Eco/Comfort per 10 sec.
FUNZIONALITÀ AGGIUNTIVE
1. Antibloccaggio Pompe
Dopo 24 ore di inattività, la Pompa Impianto o Bollitore viene attivata per 5 sec.
2. Antibloccaggio Valvola 3 vie
Ogni 24 ore, la Valvola 3 vie viene completamente commutata dalla posizione sanitario alla posizione riscaldamento e viceversa.
3. Post-cirolazione riscaldamento
Durante la post-cirolazione riscaldamento, se la temperatura letta dal sensore di mandata scende sotto il valore Temperatura spegnimento
pompa durante Post Circolazione (Default= 20°C), la pompa viene disattivata dopo 15 sec. Se la temperatura letta dal sensore di mandata risale
sopra 25°C, la pompa viene attivata. Questo algoritmo è attivo durante tutto il tempo di post-cirolazione riscaldamento.
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
21
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
4. Modalità FH
La prima volta che si alimenta la scheda e quindi la caldaia, viene attivata la modalità FH della durata di 120 sec. Per evitare questa modalità,
basta togliere la tensione d’alimentazione a 230Vac; e successivamente alimentare la caldaia con il tasto Eco/comfort premuto. Non appena
il display attiverà tutti i simboli, si potrà rilasciare il tasto. Questa funzione può tornare utile all’installatore o durante le operazioni del tecnico
Service. Al contrario, per ripetere nuovamente la modalità FH, ad esempio per ripetere la procedura automatica di sfiato aria, bisogna togliere
la tensione d’alimentazione a 230Vac per 2 sec.
5. Antigelo bollitore
Impostando il sanitario in Economy, il setpoint bollitore viene impostato a 10°C. Questo significa che quando il sensore scenderà al di sotto di
8°C, la caldaia si accenderà in modalità sanitario fino a raggiungere i 10°C.
6. Protezione Legionella
Questa funzione può essere abilitata o disabilitata con il relativo parametro (Default= 0). Settato a 0, la protezione risulterà disabilitata. Settato tra 1 e 7, il parametro esprime l’intervallo in giorni tra un’attivazione e la successiva: 1 significa 24 ore, 7 significa 168 ore. Quando questo
tempo è trascorso, si attiva un timer di 15 min: durante questo periodo, il setpoint utente viene impostato al valore massimo (Default= 65°C)
e la modalità Economy verrà by-passata.
7. Limitazione potenza massima sanitario
Con questo parametro si limita la potenza della caldaia in modalità Sanitario dopo due min di prelievo continuo.
8. Frequenza ventilatore in stand-by
Attraverso questo parametro si può impostare la velocità del ventilatore, in assenza di richiesta, secondo il seguente criterio:
Valore 0: Ventilatore off al termine della Post-Ventilazione
Valori tra 1 e 20Hz: Velocità ventilatore=20Hz
Valori tra 20 e 60Hz: Reale Velocità ventilatore
9. Selezione funzionamento tasto Estate/Inverno
Settato a 1, l’utente non potrà impostare la modalità estate attraverso il tasto Estate/Inverno. La caldaia rimarrà quindi sempre in Inverno.
10. Supervisore di fiamma
La funzione viene attivata solo se: la velocità del ventilatore si trova nella banda definita Offset minima velocità del ventilatore e la corrente di
fiamma è inferiore a 1.2uA. La scheda inizierà ad incrementare lentamente la velocità del ventilatore in modo tale da innalzare la corrente fino
a 1.5uA: comunque fino ad arrivare al 50% della potenza massima della caldaia. Durante questa funzione il simbolo fiamma sul display della
caldaia lampeggia.
11. Hardware
Tensione: 230Vac +10%, -15%
Frequenza: 50Hz ±5%
Protezione: 2 fusibili da 3.15A F 250Vac (protezione Linea e Neutro)
La scheda è in grado di lavorare con tensione di alimentazione pari a 180Vac. Questo però non garantisce la massima potenza al ventilatoree
di conseguenza il corretto funzionamento della regolazione.
12. Indicazione software
Ogni volta che si fornisce alimentazione elettrica alla scheda, il display indicherà per 5 sec la versione software della stessa.
4.3 DBM29
INTRODUZIONE
La scheda DBM29 é stata sviluppata per gestire un sistema solare. E’ una scheda di regolazione in grado di governare:
Pompa Solare, Motore Tapparella, Sensore Collettore Solare (PT1000), Sensore Ritorno Collettore Solare (NTC), Sensore
Bollitore (NTC), Flussometro solare ed un Relè d’uscita. Per semplicità, le varie modalità operative descrivono il comportamento della scheda con i parametri impostati al valore di default.
ACCENSIONE
Ogni volta che si fornisce alimentazione elettrica alla scheda il display attiverà tutti i simboli per 2 sec; mentre, nei
successivi 5 sec, il display indicherà la versione software della scheda.
MODALITÀ STAND-BY
Dopo la fase di accensione, in assenza di anomalie, la scheda si porta in stand-by. Verranno quindi visualizzate le seguenti informazioni: temperatura sensore PT1000 Collettore Solare (in alto a destra) con range 1÷ 165°C, temperatura
sensore NTC Ritorno Collettore Solare con range 1÷ 125°C, il simbolo Rubinetto verrà acceso nel caso in cui la caldaia
si attiverà in modalità Sanitario, il simbolo Radiatore verrà acceso nel caso in cui la caldaia si attiverà in modalità Riscaldamento ed il simbolo Fiamma verrà acceso nel caso in cui si accenderà il bruciatore della caldaia.
Solo con Parametro P14=0, Comunicante
Premendo il tasto Info per 1 sec sarà possibile visualizzare l’attuale portata misurata nel circuito solare in litri/minuto. Premendo il tasto Info
per 1 sec, la scheda torna in stand-by.
Solo con Parametro P14=1, Stand alone
Premendo il tasto Info per 1 sec sarà possibile visualizzare l’attuale portata misurata nel circuito solare in litri/minuto. Premendo il tasto Info
per 1 secondo sarà possibile visualizzare l’attuale temperatura del sensore NTC Bollitore. Premendo di nuovo il tasto Info per 1 sec, la scheda
torna in stand-by.
MODALITÀ OFF
In assenza di anomalie o meno, premendo per 3 sec il tasto ON/OFF é sempre possibile portare la scheda nella modalità OFF. Tutte le richieste vengono terminate, la tapparella verrà chiusa ed il display visualizza la scritta OFF. Resteranno attive solo la protezione Antigelo e l’antibloccaggio Pompa. Per riportare il sistema ad una modalità operativa
bisognerà premere nuovamente per 3 sec il tasto ON/OFF.
MODALITÀ FH
In assenza di anomalie, premendo per 10 sec il tasto “FRECCIA GIÙ” é sempre possibile portare la scheda nella modalità
22 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
FH. La modalità FH dura 120 sec: durante questo tempo, la pompa solare verrà attivata a velocità 5 (Massima potenza,
100%) e disattivata ogni 5 sec, per segnalare questa modalità il display indicherà FH ed il simbolo Pompa Solare ed il
simbolo E verranno accesi e spenti ogni 5 sec. La modalità FH può essere terminata portando la scheda nella modalità
OFF e successivamente nella modalità ON.
FUNZIONAMENTO
L’obiettivo della scheda è preparare il bollitore alla temperatura impostata dall’utente, senza accendere il bruciatore
della caldaia.
Attivazione Pompa Solare
Se la temperatura del Sensore Bollitore è minore del valore del parametro Spegnimento Pompa Solare (Default= 70°C) meno il valore del
parametro Differenziale Accensione Pompa Solare (Default= 3°C) e se la temperatura del Sensore Collettore Solare è maggiore della temperatura del Sensore Ritorno Collettore Solare più il valore del parametro Delta mandata/ritorno Collettore Solare (Default= 10°C) allora la scheda
DBM29 attiva la Pompa Solare. Per segnalare questa modalità, il simbolo Pompa Solare verrà acceso.
Modulazione Pompa Solare
Quando la Pompa Solare sta funzionando ed il parametro Funzionamento Pompa Solare (Default= 1=Modulante) è impostato a 1, l’algoritmo
di modulazione è:
1. Se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare ed il Sensore Ritorno Collettore Solare è minore o uguale del valore del
parametro Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare – Minimo (Default= 10°C), la Pompa Solare lavora a velocità 1 (Minima
potenza, 40%). Per segnalare questa modalità, verrà acceso il simbolo A.
2. Se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare ed il Sensore Ritorno Collettore Solare è maggiore del valore del parametro
Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare – Minimo (Default= 10°C), la Pompa Solare lavora a velocità 2 (55%). Per segnalare
questa modalità, verrà acceso il simbolo B.
3. Se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare ed il Sensore Ritorno Collettore Solare è maggiore del valore del parametro
Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare – Minimo (Default= 10°C) più il valore del parametro Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare (Default= 5°C), la Pompa Solare lavora a velocità 3 (70%). Per segnalare questa modalità, verrà acceso il simbolo C.
4. Se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare ed il Sensore Ritorno Collettore Solare è maggiore del valore del parametro Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare – Minimo (Default= 10°C) più il doppio del valore del parametro Differenziale temperatura
modulazione Pompa Solare (Default= 5°C), la Pompa Solare lavora a velocità 4 (85%). Per segnalare questa modalità, verrà acceso il simbolo D.
5. Se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare ed il Sensore Ritorno Collettore Solare è maggiore del valore del parametro
Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare – Minimo (Default= 10°C) più il triplo del valore del parametro Differenziale temperatura modulazione Pompa Solare (Default= 5°C), la Pompa Solare lavora a velocità 5 (Massima potenza, 100%). Per segnalare questa
modalità, verrà acceso il simbolo E.
Se al momento dell’attivazione della Pompa Solare, la scheda DBM29 non deve impostare la velocità 5 (Massima potenza, 100%), nel primo secondo di funzionamento comunque la Pompa Solare lavorerà alla velocità 5 (Massima potenza, 100%). Se il parametro Funzionamento Pompa
Solare (Default= 1=Modulante) viene impostato a 0 non ci sarà modulazione: la Pompa Solare lavorerà in on/off secondo i normali algoritmi di
attivazione/disattivazione Pompa Solare.
Disattivazione Pompa Solare
Se la temperatura del Sensore Bollitore è maggiore del valore del parametro Spegnimento Pompa Solare (Default= 70°C) allora la scheda
DBM29 disattiva la Pompa Solare. Per segnalare questa modalità, il simbolo Pompa Solare verrà spento.
Funzione Raffreddamento Collettore Solare
Durante il normale funzionamento, se la temperatura del Sensore Bollitore è maggiore del parametro Spegnimento Pompa Solare (Default=
70°C) e minore del valore del parametro Massima Temperatura Bollitore caldaia (Default= 80°C) e se la temperatura del Sensore Collettore Solare è maggiore del valore del parametro Massima Temperatura Collettore Solare (Default= 140°C) meno il valore del parametro Differenziale
attivazione Raffreddamento collettore Solare (Default= 10°C) allora la scheda DBM29 attiva la Pompa Solare. Per segnalare questa modalità, il
simbolo Pannello Solare inizierà a lampeggiare. Mentre se la temperatura del Sensore Collettore Solare diventa maggiore del valore del parametro Massima Temperatura Collettore Solare (Default= 140°C) la Pompa Solare verrà attivata per un tempo massimo di 3 sec (e poi disattivata)
ad intervalli fissi impostabili attraverso il parametro Tempo attesa verifica Massima Temperatura Collettore Solare (Default= 60Sec). La Pompa
Solare verrà disattivata se la temperatura del Sensore Collettore Solare diverrà minore del valore del parametro Massima Temperatura Collettore Solare (Default= 140°C) meno il valore del parametro Differenziale attivazione Raffreddamento collettore Solare (Default= 10°C) oppure se
la temperatura del Sensore Bollitore diverrà maggiore o uguale al valore del parametro Massima Temperatura Bollitore caldaia (Default= 80°C);
in quest’ultimo caso oltre allo spegnimento della Pompa Solare, la scheda DBM29 dovrà anche chiudere la tapparella. Per segnalare questa
modalità, il simbolo Bollitore inizierà a lampeggiare ed il simbolo Tapparella verrà acceso. La tapparella verrà riaperta quando la temperatura
del Sensore Bollitore diverrà minore del valore del parametro Massima Temperatura Bollitore caldaia (Default= 80°C) meno 10°C. Per segnalare
questa modalità, il simbolo Bollitore smetterà di lampeggiare ed il simbolo Tapparella verrà spento.
Funzione riconoscimento Collettore Solare Freddo
Durante il normale funzionamento, se la differenza tra la temperatura del Sensore Collettore Solare e quella del Sensore Ritorno Collettore
Solare risulta minore del valore del parametro Differenziale Raffreddamento collettore Solare (Default= 5°C) allora la scheda DBM29 disattiverà
la Pompa Solare. Per segnalare questa modalità, il simbolo Sole inizierà a lampeggiare.
Funzione Antigelo Collettore Solare
Durante il normale funzionamento, se la temperatura del Sensore Collettore Solare risulta minore della Temperatura per Funzione antigelo
Collettore Solare (Default= 0°C), si avrà l’attivazione della Pompa Solare. Fintantoché la temperatura del Sensore Collettore Solare risulterà
maggiore della Temperatura per Funzione antigelo Pannello Solare (Default= 0=Funzione disattivata) + 1°C.
ATTENZIONE: impostando a 0 il parametro Temperatura per Funzione antigelo Collettore Solare (Default= 0=Funzione disattivata), non ci sarà
protezione contro il gelo.
Funzione Antiblocco Pompa Solare
Dopo 24 ore di inattività, la Pompa Solare viene attivata per 3 sec.
MODALITÀ REGOLAZIONE DEL LIMITATORE DI PORTATA
In assenza di anomalie, premendo per 10 sec il tasto “FRECCIA SU” é sempre possibile portare la scheda nella modalità Regolazione del Limitatore di Portata. Per segnalare la modalità Regolazione del Limitatore di Portata, i simboli
Radiatore e Rubinetto inizieranno a lampeggiare insieme. Immediatamente la Pompa Solare viene attivata in maniera
continua ed a velocità 5 (Massima potenza, 100%) e sul display LCD della scheda verrà visualizzata la portata misurata
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
23
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
nel circuito solare in litri/minuto. La modalità Regolazione del Limitatore di Portata termina automaticamente dopo 2
min oppure premendo per 10 sec il tasto “FRECCIA SU”,
ANOMALIE
Le possibili condizioni di errore di funzionamento, vengono visualizzate sul display LCD della scheda.
REMOTO SCHEDA DESCRIZIONE ANOMALIA
SENSORE NTC BOLLITORE
82
F82
SENSORE PT1000 COLLETTORE SOLARE
83
F83
SENSORE NTC RITORNO COLLETTORE SOLARE
84
F84
ANOMALIA COMUNICAZIONE SCHEDA CALDAIA
85
F85
PROTEZIONE PER MANCANZA DI CIRCOLAZIONE
87
F87
Anomalia 82 - Sensore NTC Bollitore guasto (solo con P14=1, Stand alone)
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, del sensore causa la disattivazione della Pompa Solare e la chiusura della tapparella.
Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata. Per segnalare questa anomalia, il simbolo S2 verrà disattivato mentre il
simbolo Anomalia e la backlight inizieranno a lampeggiare.
Anomalia 83 - Sensore PT1000 Collettore Solare guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, del sensore causa la disattivazione della Pompa Solare e la chiusura della tapparella.
Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata. Per segnalare questa anomalia, il simbolo S3 verrà disattivato mentre il
simbolo Anomalia e la backlight inizieranno a lampeggiare.
Anomalia 84 - Sensore NTC Ritorno Collettore Solare guasto
Il guasto, inteso come corto circuito o circuito aperto, del sensore causa la disattivazione della Pompa Solare. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata. Per segnalare questa anomalia, il simbolo S4 verrà disattivato mentre il simbolo Anomalia e la backlight
inizieranno a lampeggiare.
Anomalia 85 - Anomalia comunicazione scheda caldaia (solo con P14=0, Comunicante)
Il guasto, inteso come mancanza di comunicazione con la scheda caldaia per 60 sec consecutivi, causa la disattivazione della Pompa Solare e
la chiusura della tapparella. Risolvendo il guasto, la protezione viene immediatamente disattivata. Per segnalare questa anomalia, il simbolo
Anomalia comunicazione e la backlight inizieranno a lampeggiare.
Anomalia 87 - Protezione per mancanza di circolazione (solo con P13<>0, Funzionamento senza flussometro)
Questa anomalia viene attivata quando, con Pompa Solare attivata, la scheda non rileva portata sul circuito solare per 10 minuti consecutivi.
Il guasto causa la disattivazione della Pompa Solare. Una volta verificata e risolta l’anomalia, è possibile rimuovere la protezione attivando e
disattivando la modalità OFF.
MENÙ SERVICE
L’acceso al Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Info per 10 sec. Premendo i tasti Su/Giù sarà possibile
scegliere “tS” (menù parametri trasparenti), “In” (menù informazioni), “Hi” (menù history), “rE” (reset menù history). Una
volta selezionato il Menù, per accedervi, sarà necessaria una pressione del tasto Info.
“tS” - Menù Parametri Trasparenti
La scheda é dotata di 12 parametri trasparenti modificabili:
SCHEDA
P01
P02
P03
P04
P05
P06
P07
P08
P09
P10
P11
DESCRIZIONE PARAMETRI
Δ MANDATA/RITORNO COLLETTORE SOLARE
DIFFERENZALE TEMPERATURA MODULAZIONE CIRCOLATORE SOLARE (MINIMO)
DIFFERENZALE TEMPERATURA MODULAZIONE CIRCOLATORE SOLARE
SPEGNIMENTO CIRCOLATORE SOLARE
DIFFERENZIALE ACCENSIONE CIRCOLATORE SOLARE
MASSIMA TEMPERATURA COLLETTORE SOLARE
MASSIMA TEMPERATURA BOLLITORE CALDAIA
DIFFERENZIALE ATTIVAZIONE RAFFREDDAMENTO COLLETTORE SOLARE
TEMPO ATTESA VERIFICA MASSIMA TEMPERATURA COLLETTORE SOLARE
DIFFERENZIALE RAFFREDDAMENTO COLLETTORE SOLARE
TEMPERATURA PER FUNZIONE ANTIGELO COLLETTORE SOLARE
P12
FUNZIONAMENTO POMPA SOLARE
P13
SELEZIONE TIPO FLUSSOMETRO
P14
P15
SELEZIONE TIPO FUNZIONAMENTO
TEMPERATURA RICHIESTA DI CALORE ESTERNA
RANGE
5 ÷ 30°C
5 ÷ 20°C
2 ÷ 10°C
60 ÷ 80°C
1 ÷ 5°C
90 ÷ 160°C
70 ÷ 95°C
0 ÷ 20°C
30 ÷ 240sec
0 ÷ 10°C
0°C= DISATTIVATA
1 ÷ 10°C= TEMPERATURA DI PROTEZIONE
0= ON/OFF
1= MODULANTE
0= SENZA FLUSSOMETRO
1= DN8
2= DN10
3= DN15
4= DN20
5= DN25
0= COMUNICANTE
10 ÷ 65°C
DEFAULT
10
10
5
70
3
140
80
10
60
5
0
1
0
0
65
Premendo i tasti Su/Giù sarà possibile scorrere la lista dei parametri, rispettivamente in ordine crescente o decrescente. Per modificare il valore
di un parametro basterà premere il tasto Invio in corrispondenza del parametro stesso e successivamente modificarlo tramite i tasti Su/Giù:
la modifica verrà salvata automaticamente. Per tornare alla lista dei parametri è sufficiente una pressione del tasto Invio. Per tornare al Menù
Service è sufficiente una pressione del tasto Info. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Info per 10 sec.
24 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
“In” - Menù Informazioni
La scheda è in grado di visualizzare le seguenti informazioni:
t01
t02
t03
t04
t05
t06
t07
t08
F09
P10
S1: SENSORE NTC
S2: SENSORE NTC BOLLITORE - (SOLO CON P14=1)
S3: SENSORE PT1000 COLLETTORE SOLARE
S4: SENSORE NTC COLLETTORE RITORNO SOLARE
MASSIMA TEMPERATURA S1
MASSIMA TEMPERATURA S2 - (SOLO CON P14=1)
MASSIMA TEMPERATURA S3 - (SENSORE PT1000 COLLETTORE SOLARE)
MASSIMA TEMPERATURA S4 - (SENSORE NTC COLLETTORE RITORNO SOLARE)
PORTATA CIRCUITO SOLARE
VELOCITÀ CIRCOLATORE MODULANTE ATTUALE (40%= Vel.1 - 100%= Vel.5)
NON UTILIZZATO
01 ÷ 125°C
01 ÷ 165°C
01 ÷ 125°C
NON UTILIZZATO
01 ÷ 125°C
01 ÷ 165°C
01 ÷ 125°C
00 ÷ 99Lt_min/10
0 ÷ 100%
Premendo i tasti Su/Giù sarà possibile scorrere la lista delle informazioni. Per visualizzarne il valore basterà premere tasto Invio in corrispondenza del parametro stesso. In caso di Sensore danneggiato, la scheda visualizzerà i trattini. Per tornare alla lista delle informazioni è sufficiente una
pressione del tasto Invio. Per tornare al Menù Service è sufficiente una pressione del tasto Info. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene
premendo il tasto Info per 10 sec.
“Hi” - Menù History
La scheda è in grado di memorizzare le ultime 10 anomalie: il dato Storico H1: rappresenta l’anomalia più recente che si è verificata; il dato
Storico H10: rappresenta l’anomalia meno recente che si è verificata. Premendo i tasti Su/Giù sarà possibile scorrere la lista delle anomalie. Per
visualizzarne il valore basterà premere tasto Invio in corrispondenza del parametro stesso. Per tornare alla lista delle anomalie è sufficiente una
pressione del tasto Invio. Per tornare al Menù Service è sufficiente una pressione del tasto Info. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene
premendo il tasto Info per 10 sec.
“rE” - Reset History
Premendo 3 sec il tasto ON/OFF sarà possibile cancellare tutte le anomalie memorizzate nel Menù History: automaticamente la scheda uscirà
dal Menù Service, in modo da confermare l’operazione. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Info per 10 sec.
FUNZIONALITÀ AGGIUNTIVE
Temperatura richiesta di calore esterna
SOLO CON PARAMETRO P14=1, STAND ALONE
Questo parametro consente di gestire il funzionamento del Relè d’uscita collegato ai morsetti 6-7 del connettore 11 poli. Il contatto non è di
tipo pulito in quanto intercetta la fase a 230Vac. Il relé viene attivato se la temperatura del Sensore Bollitore è inferiore al valore Temperatura
richiesta di calore esterna (default= 65°C) – 4°C; il relé viene disattivato se la temperatura del Sensore Bollitore è superiore al valore Temperatura richiesta di calore esterna (default= 65°C).
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
25
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
4.4 KIT PRIMA ZONA MISCELATA
All’interno del KIT ci sono le istruzioni per il montaggio ed il collegamento elettrico/idraulico dello stesso.
ATTENZIONE
Il KIT prima zona miscelata è completo oltre al gruppo idraulico di una centralina FZ4 per la gestione delle zone miscelate. Il KIT seconda zona
miscelata dovrà essere installato solo dopo aver installato il KIT di prima zona.
KIT PRIMA ZONA MISCELATA:
Raccordi idraulici + centralina gestione zone + cablaggio.
319a
Í
315a
Í
Í
318a
317a
Í
72a
139b
Í
331
330
315a
318a
317a
319a
331
Í
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
COLLEGAMENTO TERMOSTATO AMBIENTE O CRONOCOMANDO
La caldaia è predisposta per il funzionamento con termostato ambiente o cronocomando sulla zona bassa temperatura, per fare ciò collegare il dispositivo (TA o CR) ai morsetti 19 e 20 della centralina FZ4.
Per il funzionamento con termostato ambiente la centralina è già configurata; mentre per il funzionamento con
cronocomando è necessario configurare la centralina FZ4A.
Per fare questo, premere il tasto AUTOCFG fino al lampeggio contemporaneo di tutti i led della scheda FZ4A.
La caldaia sarà quindi pronta per funzionare con cronocomando remoto sulla bassa temperatura.
Nel caso si voglia collegare nuovamente il termostato ambiente al posto del cronocomando remoto, effettuare nuovamente la procedura sopra indicata, portando in richiesta (contatto pulito) il termostato ambiente stesso.
26 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
16
32
44
72
72a
82
95
130
138
139a
155
186
188
191
240
246
256
Ventilatore
Circolatore riscaldamento
Valvola gas
Termostato ambiente (non fornito)
Termostato ambiente 1a zona bassa temperatura (non fornito)
Elettrodo di rilevazione
Valvola deviatrice
Circolatore bollitore
Sonda esterna (non fornita)
Cronocomando remoto 1a zona bassa temperatura (non fornito)
Sonda temperatura bollitore
Sensore di ritorno
Elettrodo d’accensione
Sensore temperatura fumi
Elettrovalvola di caricamento impianto
Trasduttore di pressione
Segnale circolatore riscaldamento modulante
278
310
311
314
315a
317a
318a
319a
330
331
manuale.tecnico
Legenda
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)
Circolatore impianto solare
Sensore temperatura collettore
Sensore ritorno solare
Valvola miscelatrice 1a zona bassa temperatura
Termostato di sicurezza 1a zona bassa temperatura
Circolatore 1a zona bassa temperatura
Sensore modulazione 1a zona bassa temperatura
Connettore alimentazione FZ4A (opzionale)
Connettore comunicazione FZ4A (opzionale)
Menù Service FZ4A
L’acceso al Menù Service della centralina controllo zone avviene premendo il tasto Ok per 5 secondi. Premendo i tasti + e - sarà possibile scegliere “tS”, “In”, “Hi” oppure “rE”. “tS” significa Menù Parametri Trasparenti, “In” significa Menù Informazioni, “Hi” significa Menù History (della centralina
controllo zone), “rE” significa Reset del Menù History (della centralina controllo zone). Una volta selezionato il Menù, per accedervi, sarà necessaria una pressione del tasto OK.
“tS” - Menù Parametri Trasparenti
La centralina controllo zone é dotata di 29 parametri trasparenti modificabili anche da Comando Remoto (Menù Service) se presente:
REMOTO
FZ4
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
P01
P02
P03
P04
P05
P06
P07
P08
P09
P10
P11
P12
P13
P14
P15
P16
P17
P18
P19
P20
P21
P22
P23
P24
P25
P26
P27
P28
P29
SCHEDA
Ƒ01
Ƒ02
Ƒ03
Ƒ04
Ƒ05
Ƒ06
DESCRIZIONE PARAMETRI
TEMPERATURA MINIMA ZONA1
TEMPERATURA MASSIMA ZONA1
OFFSET SETPOINT CALCOLO ZONA1
NON MODIFICARE
CURVA SONDA ESTERNA ZONA1
OFFSET SONDA ESTERNA ZONA1
TEMPERATURA MINIMA ZONA2
TEMPERATURA MASSIMA ZONA2
OFFSET SETPOINT CALCOLO ZONA2
NON MODIFICARE
CURVA SONDA ESTERNA ZONA2
OFFSET SONDA ESTERNA ZONA2
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
TEMPO ON+OFF VALVOLA MISCELATRICE
BOOST VALVOLA MISCELATRICE
TEMPO ON VALVOLA MISCELATRICE PER °C
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
NON MODIFICARE
TEMPO POST-CIRCOLAZIONE
NON MODIFICARE
RITARDO PER VALVOLE DI ZONA
RANGE
10÷90°C
10÷90°C
0÷40°C
10÷90°C
0÷10°C
20÷40°C
10÷90°C
10÷90°C
0÷40°C
10÷90°C
0÷10°C
20÷40°C
10÷90°C
10÷90°C
0÷40°C
10÷90°C
0÷10°C
20÷40°C
0÷15sec
0÷120sec
0sec
0÷20°C
70÷85°C
0÷60°C
0÷1
10÷65°C
0÷20min
0÷1
0÷255sec
PER ZONA MISCELATA
10
40
10
90
0
30
10
40
10
90
0
30
10
80
0
90
0
30
15
90
1sec/°C
2
80
0
0
55
10
0
30
CONSIGLIATI PER DIRETTA
10
70 ÷ 80
0
90
10
70 ÷ 80
0
90
120
10
30
Premendo i tasti “+” e “-“ sarà possibile scorrere la lista dei parametri, rispettivamente in ordine crescente o decrescente. Per modificare il valore
di un parametro basterà premere il tasto Ok dopo averlo selezionato: premendo i tasti + e - sarà possibile modificarlo, l’impostazione verrà
salvata automaticamente. Per tornare alla lista dei parametri è sufficiente premere nuovamente il tasto Ok. Per tornare al Menù Service è sufficiente premere il tasto Ok per 3 secondi. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto Ok per 5 secondi
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
27
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
Descrizione parametri
I parametri “Temperatura Minima Zona” e “Temperatura Massima Zona” definiscono il range di regolazione della temperatura di mandata per
ciascuna zona; in caso di Comando Remoto, la regolazione della temperatura di mandata utente sarà racchiusa all’interno di questo range e
verrà poi modulata dal Comando Remoto stesso durante il funzionamento; in caso di Cronotermostato: alla chiusura del contatto la regolazione della temperatura di mandata verrà impostata al valore del parametro “Temperatura Massima Zona”, all’apertura del contatto, verrà tolta la
richiesta. Il parametro “OFFSET setpoint calcolato Zona” definisce un offset per il setpoint di temperatura di mandata richiesto.
ESEMPIO:
Se il Comando Remoto richiede 52°C e questo parametro è impostato a 10°C, la centralina controllo zone richiederà 62°C alla caldaia; in caso di
Cronotermostato, questo valore verrà sommato al parametro “Temperatura Massima Zona”. I parametri “Curva Sonda Esterna Zona” e “OFFSET
Sonda Esterna Zona” servono per la temperatura scorrevole in caso di Cronotermostato.
ESEMPIO DELLO SPOSTAMENTO PARALLELO DELLE CURVE DI COMPENSAZIONE
I parametri “Tempo ON + OFF valvola miscelatrice” e “Tempo on valvola miscelatrice per °C” servono per la regolazione della valvola miscelatrice.
ESEMPIO:
Con i parametri settati al valore di default (quindi 15sec e 1sec/°C), se la temperatura di mandata richiesta per la zona miscelata è 32°C e l’attuale temperatura di mandata rilevata dal sensore zona miscelata è 28°C, la valvola miscelatrice resterà in apertura 4sec =[(32°C-28°C)*1sec/°C]
ogni 15sec. Per la chiusura viene applicata la stessa regola (in valore assoluto).
Il parametro “BOOST VALVOLA MISCELATRICE” definisce il tempo d’apertura forzata della valvola miscelatrice. Ad ogni nuova richiesta, la
valvola miscelatrice viene aperta per questo tempo, prima di iniziare a regolare.
Il parametro “TEMPO POST-CIRCOLAZIONE“ definisce il tempo di post-circolazione e viene attivato sull’ultima zona che termina la richiesta
di temperatura.
Il parametro “RITARDO PER VALVOLE DI ZONA” definisce un tempo d’attesa tra la richiesta della centralina controllo zone e l’attivazione del
circolatore di caldaia.
“In” - Menù Informazioni
La scheda è in grado di visualizzare le seguenti informazioni:
t01
t02
t03
t04
t05
t06
t07
SENSORE NTC MANDATA ZONA MISCELATA1 (T1)
SENSORE NTC MANDATA ZONA MISCELATA1 (T2)
NON UTILIZZATO (T3)
NON UTILIZZATO (T4)
TEMPERATURA AMBIENTE COMANDO REMOTO (RT1)
TEMPERATURA AMBIENTE COMANDO REMOTO (RT2)
NON UTILIZZATO (RT3)
05 ÷ 125°C
05 ÷ 125°C
--(Solo con comando remoto collegato)
(Solo con comando remoto collegato)
--
Premendo i tasti + e - sarà possibile scorrere la lista delle informazioni, rispettivamente in ordine crescente o decrescente. Per visualizzare il
valore di un parametro basterà premere il tasto OK dopo averlo selezionato: in caso di Sensore danneggiato, la scheda visualizzerà i trattini.
Per tornare alla lista dei parametri è sufficiente premere nuovamente il tasto OK. Per tornare al Menù Service è sufficiente premere il tasto OK
per 3 sec. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto OK per 5 sec.
“Hi” - Menù History
La scheda è in grado di memorizzare le ultime 10 anomalie:
il dato Storico H1: rappresenta l’anomalia più recente che si è verificata;
il dato Storico H10: rappresenta l’anomalia meno recente che si è verificata.
I codici delle anomalie salvate vengono visualizzati anche sul relativo menù del Comando Remoto. Premendo i tasti + e - sarà possibile scorrere
la lista delle anomalie. Per visualizzare il valore di un parametro basterà premere il tasto OK dopo averlo selezionato.
Per tornare al Menù Service è sufficiente premere il tasto OK per 3 sec. L’uscita dal Menù Service della scheda avviene premendo il tasto OK
per 5 sec.
“rE” - Reset History
Premendo per 3 sec il tasto OK sarà possibile cancellare tutte le anomalie memorizzate nel Menù History: automaticamente la scheda uscirà
dal Menù Service, in modo da confermare l’operazione.
Indicazioni durante il funzionamento
La centralina indica il modo di funzionamento della caldaia e le proprie anomalie attraverso il display integrato: “St” significa Stand-by (nessuna
richiesta in corso), “CH” significa che la centralina controllo zone richiede l’attivazione della modalità riscaldamento alla caldaia, “DH” significa
produzione Acqua Calda Sanitaria. Di seguito i codici della anomalie:
F70
F71
F74
F75
F76
ANOMALIA SENSORE NTC MANDATA ZONA MISCELATA1 (T1)
ANOMALIA SENSORE NTC MANDATA ZONA MISCELATA1 (T2)
COMUNICAZIONE CON SCHEDA CALDAIA NON PRESENTE
COMUNICAZIONE CON COMANDO REMOTO (RT1) NON PRESENTE
COMUNICAZIONE CON COMANDO REMOTO (RT2) NON PRESENTE
Con circuito / Contatto aperto
Con circuito / Contatto aperto
(Solo con comando remoto collegato)
(Solo con comando remoto collegato)
I codici delle anomalie vengono visualizzati anche sul relativo menù del Comando Remoto durante il normale funzionamento.
28 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
331
manuale.tecnico
SCHEMA ELETTRICO
319a
FZ4A
DBM29
C
B
A
310
311
317a
315a
318a
314
330
256
72a
138
139a
72
246
155
X6
X5
X9
X8
95
240
16
191
278
X14
X7
186
LC31
DSP05 / DSP06
X17
PROG
DBM05C
X16
188
ATTENZIONE
X5
82
AI CONTATTO 1 - 2 “DIRECT” VA COLLEGATO UN “TERMOSTATO AMBIENTE CON CONTATTO PULITO”.
TOGLIERE IL POTICELLO SULLA MORSETTIERA ED
INSTALLARE IL TERMOSTATO AMBIENTE CHE GESTIRA’ LA
ZONA DI ALTA (DIRETTA).
X4
X3
LA PRIMA ZONA MISCELATA POTRA’ ESSERE GESTITA DA UN
TERMOSTATO AMBIENTE O DA UN CRONOCOMANDO
REMOTO PREVIA AUTOCONFIGURAZIONE DELLA FZ4 (VEDI
PAGINE SUCCESSIVE.
32
16
44
130
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
29
4.5 KIT SECONDA ZONA MISCELATA
All’interno del KIT ci sono le istruzioni per il montaggio ed il collegamento elettrico/idraulico dello stesso.
ATTENZIONE
Il KIT prima zona miscelata è completo oltre al gruppo idraulico di una centralina FZ4 per la gestione delle zone miscelate. Il KIT seconda zona
miscelata dovrà essere installato solo dopo aver installato il KIT di prima zona.
KIT SECONDA ZONA MISCELATA
Raccordi idraulici + cablaggio.
319b
Í
317b
Í
318b
Í
315b
Í
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
72b
139b
330
331
315b
318b
317b
319b
COLLEGAMENTO TERMOSTATO AMBIENTE O CRONOCOMANDO
La caldaia è predisposta per il funzionamento con termostato ambiente o cronocomando sulla seconda zona bassa
temperatura, per fare ciò collegare il dispositivo (TA o CR) ai morsetti 21 e 22 della centralina FZ4.
Per il funzionamento con termostato ambiente la centralina è già configurata; mentre per il funzionamento con
cronocomando è necessario configurare la centralina FZ4A.
Per fare questo, premere il tasto AUTOCFG fino al lampeggio contemporaneo di tutti i led della scheda FZ4A.
La caldaia sarà quindi pronta per funzionare con cronocomando remoto sulla bassa temperatura.
Nel caso si voglia collegare nuovamente il termostato ambiente al posto del cronocomando remoto, effettuare nuovamente la procedura sopra indicata, portando in richiesta (contatto pulito) il termostato ambiente stesso.
30 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
16
32
44
72
72a
72b
82
95
130
138
139a
139b
155
186
188
191
240
246
256
278
310
311
314
315a
315b
317a
317b
318a
318b
319a
319b
330
331
manuale.tecnico
Legenda
Ventilatore
Circolatore riscaldamento
Valvola gas
Termostato ambiente (non fornito)
Termostato ambiente 1a zona bassa temperatura (non fornito)
Termostato ambiente 2a zona bassa temperatura (non fornito)
Elettrodo di rilevazione
Valvola deviatrice
Circolatore bollitore
Sonda esterna (non fornita)
Cronocomando remoto 1a zona bassa temperatura (non fornito)
Cronocomando remoto 2a zona bassa temperatura (non fornito)
Sonda temperatura bollitore
Sensore di ritorno
Elettrodo d’accensione
Sensore temperatura fumi
Elettrovalvola di caricamento impianto
Trasduttore di pressione
Segnale circolatore riscaldamento modulante
Sensore doppio (Sicurezza + Riscaldamento)
Circolatore impianto solare
Sensore temperatura collettore
Sensore ritorno solare
Valvola miscelatrice 1a zona bassa temperatura
Valvola miscelatrice 2a zona bassa temperatura
Termostato di sicurezza 1a zona bassa temperatura
Termostato di sicurezza 2a zona bassa temperatura
Circolatore 1a zona bassa temperatura
Circolatore 2a zona bassa temperatura
Sensore modulazione 1a zona bassa temperatura
Sensore modulazione 2a zona bassa temperatura
Connettore alimentazione FZ4A (opzionale)
Connettore comunicazione FZ4A (opzionale)
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
31
SCHEMA ELETTRICO
319b
319a
331
318b
317b
FZ4A
DBM29
310
C
B
A
315b
C
B
A
315a
311
317a
318a
314
330
256
72a
138
139a
72
X8
246
155
139b
X5
X6
72b
95
240
X9
16
191
278
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
X14
X7
186
LC31
DSP05 / DSP06
X17
PROG
DBM05C
X16
188
ATTENZIONE
X5
82
AI CONTATTO 1 - 2 “DIRECT” VA COLLEGATO UN “TERMOSTATO AMBIENTE CON CONTATTO PULITO”.
TOGLIERE IL POTICELLO SULLA MORSETTIERA ED
INSTALLARE IL TERMOSTATO AMBIENTE CHE GESTIRA’ LA
ZONA DI ALTA (DIRETTA).
X4
X3
LA PRIMA ZONA MISCELATA POTRA’ ESSERE GESTITA DA UN
TERMOSTATO AMBIENTE O DA UN CRONOCOMANDO
REMOTO PREVIA AUTOCONFIGURAZIONE DELLA FZ4 (VEDI
PAGINE SUCCESSIVE.
32
16
44
130
LA SECONDA ZONA MISCELATA POTRA’ ESSERE GESTITA DA
UN TERMOSTATO AMBIENTE O DA UN CRONOCOMANDO
REMOTO PREVIA AUTOCONFIGURAZIONE DELLA FZ4 (VEDI
PAGINE SUCCESSIVE.
32 pagina - nome file 354M073000 - rev. 00 del 09/2009 - codice 354M0730 - manuale tecnico
4.6 Trasformazione zona bassa temperatura in zona alta temperatura
Sia la prima che la seconda zona bassa temperatura possono diventare zone alta temperatura in maniera indipendente.
Seguire le istruzioni riportate di seguito (vedi anche tabella parametri FZ4A):
Prima zona:
1. Parametro 2 scheda FZ4A 40°C a 70°C ÷ 80°C
2. Parametro 3 scheda FZ4A 10°C a 0°C
3. Parametro 20 scheda FZ4A 90 sec. a 120 sec.
4. Scollegare il termostato di sicurezza (317A) dal tubo di mandata.
Seconda zona:
1. Parametro 8 scheda FZ4A 40°C a 70°C ÷ 80°C
2. Parametro 9 scheda FZ4A 10°C a 0°C
3. Parametro 20 scheda FZ4A 90 sec. a 120 sec.
4. Scollegare il termostato di sicurezza (317B) dal tubo di mandata.
NOTA:
LE VALVOLE MISCELATRICI NON VANNO TOLTE O BY PASSATE
manuale tecnico - codice 354M0730 - rev. 00 del 09/2009 - nome file 354M073000 - pagina
33
manuale.tecnico
ECONCEPT SOLAR IN ST / FERSYSTEM SOLAR BOX PW
servizio.tecnico.assistenza.clienti
CUSTOMER SERVICE
.it
http://www.stacgruppoferroli.com
Ferroli Spa
powered by
training.center
Via Ritonda 78/A ¬ 37047 San Bonifacio (Verona) ¬ Italia
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement