Manuale Hep2O 2,33MB

Manuale Hep2O  2,33MB
WH - Giugno - 2015
Hep2O
MANUALE TECNICO
Scopri la nostra gamma prodotti
www.wavin.it
Wavin Hep2O
Gestione acque meteoriche | Riscaldamento & Raffrescamento | Distribuzione sanitaria
Sistemi di scarico e fognature | Condotte acqua e gas
Via Boccalara, 24 | 45030 S.M. Maddalena | Rovigo
Tel. +39 0425 758811
www.wavin.it | [email protected]
© 2015 Wavin Italia Spa
Wavin Italia SpA, per meglio soddisfare le necessità del
Cliente, opera un programma di continuo sviluppo dei
propri prodotti e si riserva il diritto di apportare agli stessi
tutte le modifiche che riterrà opportune per logiche tecniche
e commerciali. Tutte le informazioni contenute in questa
pubblicazione sono fornite in buona fede e ritenute corrette
al momento della stampa. Ci scusiamo sin d’ora per ogni
possibile errore sfuggito alla nostra azione di verifica, ed
invitiamo tutti gli utilizzatori a segnalarci le Loro osservazioni.
WH - Giugno - 2015
Wavin Italia s.p.a.
Indice
Introduzione
La nuova generazione di Hep2O
Applicazioni
2
Caratteristiche del Polibutilene
Il Polibutilene
Caratteristiche dimensionali
Identificazione
Caratteristiche meccaniche della tubazione
Resistenza a lungo termine
Curve di regressione
Cicli termici
Resistenza a pressioni impulsive
Resistenza all’abrasione
Flessibilità
Curvatura
Resistenza al cloro libero
Memoria termica
Stress da sollecitazioni
Resistenza agli urti
Isolamento acustico
Resistenza al gelo
Dilatazione termica
Resistenza ai raggi UV
Atossicità
Saldabilità
Installazioni sottotraccia
Corrosione
Calcare
3
3
4
4
4
5
6
6
7
7
7
7
8
8
8
8
8
8
9
9
9
9
9
9
Caratteristiche del sistema
Le pedite di carico
Corrispondenze
Perdite di carico continue
Perdite di carico localizzate
Gli impianti di riscaldamento
I tubi preisolati
Il tubo Hep2O Barrier
I vantaggi unici di Hep2O
Ottime performances e semplice installazione
Test di sfilamento
Certificazioni
Tubo in polibutilene Hep2O
Come tagliare il tubo Hep2O
Raccordi Hep2O
Giunzione tra tubo e raccordo Hep2O
Giunzione tra tubo in rame e raccordi Hep2O
Verifica della giunzione con la tecnologia
di riconoscimento In4SureTM
Smontaggio dei raccordi Hep2O
con il sistema Hepkey
Suggerimenti e consigli per un’installazione
perfetta del sistema push-fit Hep2O
10
10
10
10
14
16
16
17
18
19
19
20
21
22
23
23
24
25
26
Giunzioni
Connessione del tubo Hep2O
con i raccordi a compressione
Collegamenti Hep2O in prossimità di altre giunzioni
Connessione del sistema Hep2O
mediante raccordi filettati a tubi di acciaio
Collegamenti ad apparecchi con Hep2O
Tappi di chiusura
www.wavin.it
Quando Hep2O non è applicabile
Installazione del sistema Hep2O
con strutture prefabbricate e in legno
Staffaggio del tubo
Raggio di curvatura minima per tubo Hep2O
Collettori lineari e doppi
Come collegare pompe, valvole ecc.
Attraversamenti di pareti e solai
31
32
33
34
35
35
35
Esempi di distribuzione sanitaria
Impianto ad attraversamento
Impianto con derivazione a T
Impianto ad anello chiuso
Impianto a collettore
Staffaggio dei terminali di testa
36
37
38
39
40
Sistema Slider
Il Sistema sfilabile Slider
I vantaggi di Slider
Il tubo Slider
Guaina corrugata
Collettore
Settori di applicazione
Intervento di sostituzione
Cosa evitare
41
41
41
42
42
44
45
45
Sistema Heptherm
Sistema ad innesto rapido per impianti
di riscaldamento Heptherm
Installazione del sistema ad innesto rapido
per impianti di riscaldamento
Collegamenti a caldaie e scaldacqua
46
47
48
Informazioni importanti
Congelamento per manutenzione/modifica sistema
Verniciatura di Hep2O
Uso di inibitori della corrosione
Antigelo
Sicurezza elettrica
Trattamento anti-tarlo del legno
Installazione all’aperto
Cloro
49
49
49
49
49
49
49
49
Collaudi
Prove di pressione
50
Applicazioni speciali
Imbarcazioni
Camper
Fiere e Manifestazioni
Edifici mobili, cabine di cantiere, toilet, ecc.
Agricoltura e orticoltura
51
51
51
51
51
Rilevamento guasti
28
29
Problemi Tipici
52
Resistenza alle soluzioni chimiche
53
29
30
30
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
1
Introduzione
La presente Guida di Installazione è stata
Hep2O è il nostro sistema push-fit in poli-
ideata per aiutare gli installatori profes-
butilene, più innovativo presente sul mer-
sionisti ad ottenere i migliori risultati dal
cato, con una gamma completa di raccordi
• 10mm: verde
sistema Hep2O. Essa contiene informa-
di colore bianco, dalle caratteristiche uni-
• 15mm: azzurro
zioni sulle buone prassi di installazione e
che ideate per ridurre i tempi di installa-
consigli generali per consentire agli utenti
zione e migliorare le prestazioni operative.
di ottenere le migliori prestazioni dal
sistema Hep2O.
Di seguito i colori del packaging:
• 22mm: viola
• 28mm: arancione
Il tubo Hep2O è ora disponibile nel colore
bianco per abbinarsi alla nuova gamma di
Hep2O è un sistema testato e collaudato
raccordi, la flessibilità del tubo e la facilità
al 100% ed è il sistema preferito dagli
d’installazione restano invariate.
installatori professionisti da più di 30 anni.
2
Abbiamo ascoltato i nostri clienti e appor-
Il sistema Hep2O è disponibile nelle misure
tato alcuni significativi miglioramenti ai
10, 15, 22 e 28 mm, dal diverso colore del
raccordi. Il risultato del nostro lavoro è il
packaging è facile identificare il diametro
sistema Hep2O.
del prodotto.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Caratteristiche del polibutilene
Le tubazioni
Il Polibutilene (PB)
Con il termine POLIBUTILENE, usualmente indicato con l’acronimo PB, si
intende una vasta gamma di polimeri
termoplastici della famiglia delle poliolefine ad alto peso molecolare, isotattici e
10
semicristallini. Le sue particolari caratteristiche, anche in combinazione con
altri polimeri, ne consentono svariate
applicazioni che spaziano dal trasporto e
distribuzione di acqua e sostanze alimen-
Fig.
102 Diagramma di Alexander del monome-
Fig. 3 Diagramma di Alexander del polibutilene.
11
ro 1-Butene.
tari (tubazioni) al settore dell’imballaggio
(film protettivi per prodotti alimentari), dal
Tabella 1 - Il Polibutilene: caratteristiche fisiche
cablaggio di fibre ottiche (guaine di rivesti-
CARATTERISTICHE GENERALI
mento) al settore degli adesivi (hot-melt).
Indice di fusione
Le tubazioni del sistema Hep2O sono
TEST
11
UNITÀ DI MISURA
VALORE
ASTM D 1238
g/10 min
0.4
Colore
-
-
bianco
Densità
ASTM D 1505
g/cm3
0.937
Carico di snervamento
ASTM D 638
N/mm2
17.0
Carico di rottura
ASTM D 638
N/mm2
34.0
Allungamento a rottura
ASTM D 638
%
280
zazione del monomero 1- Butene (fig.
Modulo di elasticità
ASTM D 638
N/mm2
270
2) la cui struttura è di seguito riportata.
Durezza Shore
ASTM D 638
Scala DD D60
D60
126-126
realizzate per estrusione, a partire dal
polibutilene,
resina
che
si
presenta
sotto forma di piccole pellets (Ø1/4”) di
colore bianco, ottenuta dalla polimeriz-
CARATTERISTICHE MECCANICHE
CARATTERISTICHE TERMICHE
CH2 = CH - CH2 - CH3
Immediatamente dopo l’estrusione, il PB
Campo di fusione
ASTM DTA
°C
Temp. di rammoll. Vicat
ASTM D 1525
°C
113
Coef. dilataz. term. lineare
ASTM D 696
mm -1°C
1.3x10-4
Temp. di infragilimento
ASTM D 746
°C
-15
si presenta in uno stato metastabile (a
ALTRE CARATTERISTICHE
struttura tetragonale) che cristallizza irre-
Costante dielettrica
ASTM D 150-65T
-
2.53
versibilmente nella definitiva forma esa-
Fattore di dissipazione
ASTM D 150-65T
-
0.0005
gonale (fig. 3) dopo un periodo di 5 - 7
Permeabilità all’ossigeno
DIN 4726-4727
g02 anno-1 m-1
<0.0028
giorni a pressione e temperatura ambiente
secondo la struttura di seguito riportata.
CH2 - CH
|
CH2
|
CH3
Caratteristiche dimensionali
Le dimensioni tipiche e le tolleranze delle tubazioni in PB del sistema Hep2O, sono riportate
nella Tabella 2.
Tabella 2 - Specifiche dimensionali
Si ottiene così un materiale le cui caratte-
Ø nominle
ristiche fisiche sono riportate in Tabella 1.
mm
mm
mm
10
10.0±0.10
1.65±0.15
15
15.0±0.10
1.85±0.15
22
22.0±0.10
2.15±0.15
28
28.0±0.10
2.75±0.15
www.wavin.it
Ø nominle
spessore
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
3
Identificazione
Su tutte le tubazioni Hep2O è riportato, in fase di estrusione, un codice di
identificazione per consentirne un agevole riconoscimento.Tale punzonatura
riporta le norme di riferimento, il diametro della tubazione, la linea e la data di
produzione.
La marcatura tipo è strutturata come in Tabella 3.
Resistenza a lungo termine
Tabella 3 - Punzonatura
HBP UK
BS
7291/2:2006
CLASS S
15X1,7 mm
PB
H&C SERVICES
AND CENTRAL
HEATING
Hepworth
Gran Bretagna
Norma
di riferimento
Tipologia
di impianto
Specifiche
dimensionali
Polibutilene
Impianti sanitari
e termici
12 bar/20°C
7 bar/82°C
KOMO CLASS
S/6 BAR
KIWA CLASS
2/10 BAR
4HC10BA02
Temperature
e pressioni
di esercizio
Omologazione
olandese
Omologazione
olandese
Dati di produzione
La durabilità delle tubazioni in materiale
plastico viene stabilita dalla Norma DIN
16968 che consente di ricavare empiricamente delle curve di regressione.
Le curve esprimono la durata in ore di
una tubazione, in funzione delle sollecitazioni indotte sulla stessa in diverse
condizioni di pressione e temperatura
del fluido circolante.
Il calcolo della sollecitazione sulla parete
del tubo (fig. 4) viene eseguito secondo
la seguente relazione (formula di Lamé):
σ = P x (D - s)
Class s: classificazione ai sensi della Norma BS 7291, EN 15876 e EN 21003 per tubo Barrier
che attesta l’idoneità della tubazione per qualunque tipo di applicazione relativa ad impianti
sanitari e termici secondo la classificazione riportata dalle stesse norme.
Tabella 4
Sollecitazioni sul materiale (kg/mm2)
bar
10x6,8
15x11
22x18
28x22
1
0.0268
0.0363
0.0471
0.0468
2
0.0563
0.0725
0.0942
0.0937
3
0.0803
0.1088
0.1413
0.1405
4
0.1071
0.1450
0.1883
0.1873
5
0.1339
0.1813
0.2354
0.2341
6
0.1607
0.2175
0.2825
0.2810
7
0.1874
0.2538
0.3296
0.3278
8
0.2142
0.2900
0.3767
0.3746
9
0.2410
0.3263
0.4238
0.4214
10
0.2678
0.3625
0.4709
0.4683
11
0.2945
0.3988
0.5179
0.5151
12
0.3213
0.4350
0.5650
0.5619
13
0.3481
0.4713
0.6121
0.6088
14
0.3749
0.5075
0.6592
0.6556
15
0.4016
0.5438
0.7063
0.7024
16
0.4284
0.5800
0.7534
0.7492
17
0.4552
0.6163
0.8005
0.7961
18
0.4820
0.6525
0.8475
0.8429
19
0.5087
0.6888
.08946
0.8897
20
0.5355
0.7250
0.9417
0.9365
Caratteristiche
della tubazione
2xs
meccaniche dove:
Numerose sono le prove cui il sistema
Hep2O è stato sottoposto onde
attestarne l’idoneità all’uso nell’impiantistica civile. I risultati ottenuti
dimostrano come il PB sia, tra tutti i
materiali plastici, quello che assicura
le migliori prestazioni sia a breve che
a lungo termine.Di seguito sono riportati i risultati relativi alle sperimentazioni eseguite sulle tubazioni del
sistema Hep2O in diverse condizioni
di sollecitazione.
σ = sollecitazione sulla parete del
tubo
(kg/mm2);
P = pressione di esercizio (kg/mm2);
D = diametro della tubazione (mm);
s = della parete del tubo (mm).
La Tabella 4 riporta i valori della sollecitazione σ in kg/mm2 indotta sul
materiale al variare della pressione di
esercizio.
In genere il valore della tensione σ
risultante, viene corretto mediante un
coefficiente di sicurezza f il cui valore
oscilla tra 1,3 e 2,5 a seconda del tipo di
impianto in oggetto.
Pertanto, la tensione risultante σc di
calcolo risulta pari a:
σc = σ x f
P
1 bar = 0,0102 kg/m2 = 0,9872 atm
Una volta calcolata la tensione risultante, è possibile calcolare la durata
teorica (T) della tubazione mediante
le curve di regressione del PB (fig. 5)
determinate secondo le procedure dettate dalla Norma DIN 16968 in funzione della temperatura di esercizio.
Fig. 4 Schema delle sollecitazioni.
4
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Sistema ad innesto rapido per impianti sanitari e termici
5.00
4.00
50.0
40.0
3.00
30.0
2.50
25.0
2.00
20.0
1.75
17.5
1.50
15.0
20 ˚C
1.25
12.5
40 ˚C
1.00
10.0
0.90
9.0
0.80
60 ˚C
80 ˚C
8.0
0.70
7.0
0.60
6.0
95 ˚C
5.0
0.50
0.4590
4.0
0.40
0.30
3.0
0.25
0.2487
2.5
0.20
2.0
0.15
1.5
0.10
1.0
Esempio n˚1
0.8
0.7
0.06
0.6
0.05
0.5
N/mm 2
0.07
kg/mm 2
110 ˚C
0.9
0.09
0.08
Esempio n˚2
0.1
TEMPO (h)
1
10
10
2
10
3
10
ANNI 1
1,55 x 105
4
10
5
10
5
25
10
50
6
100
Fig. 13: Curve di regressione
Fig. 5 Curve di regressione.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
5
Per maggior chiarezza di seguito sono
riportati due esempi di calcolo secondo
la procedura descritta in precedenza.
Esempio di calcolo N° 1
* Tubazione in PB 15 x 11
* Diametro D = 15 mm
* Spessore parete tubo s = 2 mm
* Press. d’eser. p = 5 bar = 0.051 kg/mm2
* Temperatura d’esercizio T = 80 °C
Riportando il valore così determinato sul diagramma di fig. 5, si intercetta la curva
corrispondente alla temperatura di 95 °C.
La verticale condotta dal punto di intersezione consente di stabilire una durata utile pari
a: T = 155.000 ore, pari a circa 18 anni di esercizio continuo nelle condizioni descritte.
I valori teorici calcolati secondo questa procedura, sono stati ulteriormente avvalorati da prove cicliche eseguite in Gran Bretagna ai sensi delle normative ivi vigenti.
In particolare, i risultati ottenuti hanno consentito di stimare una durata utile per
la tubazione Hep2O di almeno 50 anni nelle condizioni di esercizio riportate nella
Tabella 5, avendo adottato un coefficiente di sicurezza pari a 2.
Tabella 5 - Sollecitazioni sul materiale (kg/mm2)
A. Calcolo della sollecitazione sulla
Temperatura
°C
20
30
40
50
60
70
80
90
Pressione
bar
12,0
11,5
11,0
10,5
9,0
8,0
7,0
6,0
parete:
σ = P x (D - s) = 0.1658 kg/mm2
2xs
B. Tensione di calcolo (σc):
σc= σxf = 0.1658x1,5 = 0,2487 kg/
mm2
Cicli termici
La frequente variabilità della temperatura dell’acqua circolante in un impianto,
induce ulteriori sollecitazioni sulle tubazioni e sulle giunzioni, i cui effetti sono stati
oggetto di prove specifiche secondo le modalità di prova descritte nella Norma BS
7291: Part 1 riportate nella Tabella 6. Il sistema Hep2O è stato sottoposto a tali
sollecitazioni senza che si siano verificate anomalie di funzionamento.
Tabella 6 - Cicli termici
Acqua calda
C. Durata utile (T):
In base al diagramma di fig. 5, risulta
evidente che l’orizzontale per il valore
calcolato in precedenza non intercetta
la curva di regressione relativa alla
temperatura di 80 °C. Ciò indica che il
tubo nelle condizioni di progetto, ha una
durata nel tempo superiore ai 50 anni.
Esempio di calcolo N° 2
* Tubazione in PB 22 x 18
* Diametro D = 22 mm
* Spessore parete tubo s = 2 mm
* Press. d’eser. p = 6 bar = 0.0612 kg/mm2
* Temperatura d’esercizio T = 95 °C
A. Calcolo della sollecitazione sulla
parete:
σ = P x (D - s) = 0.3060 kg/mm2
2xs
B. Tensione di calcolo (σc):
Pressione
min.
cicli
Temp. in
ingresso
durata
Temp. in
ingresso
durata
bar
n°
83±2°C
20 min.
15±5°C
10 min.
6
5.000
100±2°C
20 min.
15±5°C
10 min.
6
1.000
95±2°C
20 min.
15±2°C
10 min.
6
5.000
Resistenza a pressioni impulsive (colpi d’ariete)
Durante il suo normale utilizzo, un impianto è soggetto anche alle sovrappressioni
dovute agli squilibri di pressione che si realizzano lungo la linea, in occasione della
chiusura repentina di rubinetti o valvole di intercettazione.
Allo scopo di verificare la resistenza a fenomeni di questo tipo, noti come colpi
d’ariete, tubi e raccordi Hep2O sono stati collegati in laboratorio ad una apparecchiatura elettronica dotata di trasduttori in grado di rilevare le tensioni istantanee
generate artificialmente nel circuito.
I cicli di apertura e chiusura sono stati ripetuti nel tempo fino al raggiungimento del
numero di cicli prefissati o alla rottura del tubo, ottenendo i risultati schematizzati
dalla Tabella 7.
La pressione dinamica del tubo, nelle varie fasi di prova, ha raggiunto i 29 bar
a fronte di un valore di 36 bar di una tubazione in rame nelle stesse condizioni.
Questo risultato trova spiegazione nel notevole effetto smorzamento del PB che
ne garantisce una notevole resistenza nei confronti degli effetti del colpo d’ariete.
Tabella 7 - Resistenza a pressioni impulsive
σc = σxf = 0.3060 x1,5 = 0,4590 kg/
mm2
C. Durata utile (T):
6
Acqua fredda
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Pressione nel circuito
Temperatura acqua
cicli
rotture
bar
°C
n°
n°
da 5,0
a
8,5
20
300.000
nessuna
da 12,0
a
24,0
20
60.000
nessuna
da 1,0
a
5,0
20
240.000
nessuna
Tel. +39 0425 75 88 11
Resistenza all’abrasione
Per “abrasione” si intende quel fenomeno di asportazione superficiale prodotto da
un’azione di attrito meccanico ripetuta nel tempo che, per quanto concerne l’impiantistica civile, in genere è determinata da particelle solide in sospensione contenute
nell’acqua. La resistenza del materiale costituente la tubazione, può essere stabilita
in funzione della perdita di peso percentuale della sua superficie aggredita per 100
ore con sabbia di varia granulometria ad una temperatura di 23 °C.
Perdita di peso (%)
80
Tabella 8 - Resistenza all’abrasione
60
PB
40
PE HDE
acciaio
20
0
0
20
40
60
80
Materiale
Perdita di peso (%)
PB
1,00
PE-HD
1,34
PE-UHMW
1,27
100
Tempo (ore)
Fig. 6 Resistenza all‘abrasione.
Flessibilità
Il modulo di elasticità (E) del PB, come di tutti i materiali plastici, è fortemente condizionato dalla temperatura. In ogni caso il PB (Tabella 9), presenta un modulo di
elasticità relativamente basso rispetto ad altri materiali plastici (400 - 450 N/mm2 a
temperatura ambiente), pur assicurando un’elevata resistenza anche in condizioni
limite di pressione e temperatura. Questa peculiarità rende le tubazioni del sistema
Hep2O estremamente flessibili, assicurando una notevole serie di vantaggi.
Tabella 9 - Modulo di elasticità
Temperatura
Modulo di elasticità
°C
N/mm2
0
560
23
380
60
220
82
170
93
150
99
140
Curvatura
La curvatura delle tubazioni Hep2O può essere eseguita manualmente e a freddo,
senza cioè dover ricorrere al preriscaldamento del tubo.
Il raggio minimo di curvatura non deve comunque essere inferiore a 8 volte il
diametro della tubazione (vedi pag. 34).
Qualora siano necessari, sono inoltre disponibili dei reggicurva metallici sagomati
secondo un raggio di curvatura di poco superiore a quello minimo.
Resistenza al cloro libero
Particolare attenzione va posta qualora l’acqua circolante abbia un tenore in cloro
libero superiore a 0.2 ppm (si ricorda che il D.M. 236/88 indica un valore guida
VG= 0.2 ppm), in questo caso raccomandiamo l’utilizzo di tubazioni in barre e, per
i cambi di direzione, di raccordi a gomito (Fig. 7).
Lo stress indotto dalla curvatura del tubo infatti, in combinazione con un elevato
tenore in cloro dell’acqua circolante, può provocare danneggiamenti sulle tubazioni noti come lesioni da “Enviromental Stress Cracking” (ESC) tipici di tutte le
tubazioni plastiche.
www.wavin.it
Fig. 7 Cambio direzione con utilizzo di raccordi a gomito.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
7
Memoria termica
Una nuova tecnologia di produzione
consente di evitare il fastidioso effetto
di memoria termica tipico dei tubi in
plastica confezionati in rotoli.
Stress da sollecitazioni
Le ripetute sollecitazioni cui è soggetto
un impianto in condizioni d’esercizio,
possono a volte determinare fenomeni
di “rottura da stress” delle giunzioni,
soprattutto per impianti realizzati su
caravan, camper, roulottes o imbarcazioni. Il sistema Hep2O grazie alle sue
particolari modalità di raccordo ed al
notevole effetto di smorzamento del PB,
non risente in alcun modo di tali fenomeni.
(α) più elevato rispetto a quelli metallici.
Questa caratteristica deve essere
tenuta in debita considerazione sia
in fase di progettazione che di posa
in opera, qualora sia prevista una
installazione “a vista” della tubazione,
soprattutto per impianti di riscaldamento; per quelli sanitari infatti, non
sono necessarie particolari precauzioni, stanti le modalità di posa in opera
(in genere sottotraccia) e la brevità dei
tratti in oggetto.
Esempio di calcolo N° 3
Il PB, tra tutti i materiali plastici abitualmente utilizzati nel settore, è quello che
offre il coefficiente di dilatazione termica
lineare più basso, il cui valore è:
B. Metodo Grafico (fig. 8):
α = 0.13 mm/m °C -1
Resistenza agli urti
La robustezza e flessibilità del tubo
Hep2O, offrono una elevata resistenza
all’impatto accidentale con corpi estranei in fase di stoccaggio o posa in opera.
Isolamento acustico
Un impianto realizzato con il sistema
Hep2O gode di una particolare flessibilità
che lo rende immune dai fenomeni di
propagazione del rumore originato da
vibrazioni indotte da pulsazioni della
pressione dell’acqua o da colpi d’ariete.
Resistenza al gelo
La temperatura di infragilimento del PB
è pari a circa -15 °C, temperatura al di
sopra della quale il tubo Hep2O conserva
ancora un buon grado di elasticità.
Questa peculiarità riduce in modo
tangibile la possibilità dell’insorgere di
lesioni nel tubo originate dal caratteristico aumento di volume dell’acqua in
occasione del suo congelamento.
È comunque essenziale evitare il verificarsi di tali condizioni mediante un
adeguato isolamento, onde evitare che
altri componenti dell’impianto possano
danneggiarsi.
Il calcolo della dilatazione termica, può
essere eseguito:
* per via analitica in base alla seguente
relazione:
ΔL= α x L x ΔT
dove:
ΔL = dilatazione termica (mm)
α = coefficiente di dilatazione termica
Impianto di riscaldamento:
Lunghezza tubazione: L = 10 metri
Temperatura ambiente: Ta = 15 °C
Temperatura di progetto: Tp = 80 °C
Differenza di temp.: ΔT = 65 °C
A. Calcolo Analitico:
ΔL=α x L x ΔT= 0.13 x 10 x 65 = 84.5 mm
In corrispondenza di un ΔT = 65 °C, si
interseca la retta inclinata relativa alla
lunghezza in esame. Sulla verticale per il
punto così individuato si interseca l’asse
delle ascisse sul valore 84,5 mm.
Viceversa, per impianti realizzati sottotraccia, il problema non riveste particolare importanza in quanto le variazioni
di lunghezza della tubazione vengono
assorbite dal materiale stesso. In ogni
caso, onde evitare che le sollecitazioni
che ne derivano possano provocare
screpolature dell’intonaco, è opportuno
osservare le prescrizioni di posa riportate
in Tabella 10.
lineare (mm/m °C-1)
L = lunghezza della tubazione (m)
ΔT = differenza di temperatura (°C)
* per via grafica utilizzando il diagramma riportato in fig. 8
100
1m
2m
3m
4m
5m
6m
7m
8m
9m
10 m
12 m
90
80
15 m
70
65
60
Esempio n˚ 3
20 m
50
40
30
Dilatazione termica
20
Tutti i materiali plastici presentano un
coefficiente di dilatazione termica lineare
10
0
0
10
20
30
40
50
60
70
80
84,5
90
100
110
120
130
140
150
160
Fig. 8 Digramma delle dilatazioni termiche.
8
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Resistenza ai raggi UV
Il PB, sebbene offra una buona resistenza ai raggi ultravioletti rispetto ad
altri materiali plastici, è comunqe soggetto ad un invecchiamento precoce
qualora sia esposto senza alcuna protezione ai raggi solari. Si raccomanda
pertanto di proteggere adeguatamente
il tubo Hep 2O qualora sia installato
all’esterno. In via precauzionale il
tubo è fornito in confezioni che ne
proteggono l’integrità fino all’apertura
dell’imballo. Non è comunque consigliabile stoccare all’aperto per lunghi
periodi di tempo la tubazione senza
alcuna protezione.
Atossicità
Il Polibutilene impiegato per la realizzazione delle tubazioni Hep2O è un materiale assolutamente atossico come comprovato dalle numerose certificazioni ed
omologazioni che lo accompagnano,
conseguite in Italia ed all’estero (pag. 19).
Saldabilità
Il tubo in PB del sistema Hep2O può
essere termosaldato mediante un polifusore secondo i seguenti parametri:
* Temperatura di saldatura: 260 °C
* Intervallo di saldatura: 10 sec.
Occorre sottolineare però che in que-
sto caso viene meno qualunque forma
di garanzia sul prodotto. Per cui è di
gran lunga preferibile utilizzare la vasta
gamma di raccorderia disponibile per
far fronte alle diverse esigenze di montaggio, in quanto l’assemblaggio con il
sistema di raccordi Hep2O garantisce
la perfetta esecuzione delle giunzioni e
non richiede particolari cautele da parte
dell’operatore.
Installazioni sottotraccia
Tutti i componenti del sistema Hep2O
possono essere installati interrati o sottotraccia (Tabella 10). I costituenti tipici
della malta cementizia e degli additivi
eventualmente utilizzati non producono
alcun effetto deleterio né sulla tubazione
né sui raccordi.
tamente inerte, anche nei confronti di
acque particolarmente aggressive.
Calcare
La superficie interna della tubazione
Hep2O presenta un elevato grado di
finitura che, di concerto con una spiccata
inerzia chimica del PB, non consente
la formazione di depositi calcarei. Di
conseguenza l’impianto non risente di
alcuna riduzione di portata utile per la
diminuzione di sezione che tali depositi
produce. Le particolari modalità di raccordo infine, realizzano una connessione
priva di asperità che garantisce una
sezione scevra da qualsiasi deposito
di calcare.
Corrosione
Come la maggioranza dei prodotti termoplastici, il PB è un pessimo conduttore
di energia elettrica, pertanto un impianto
realizzato con il sistema Hep2O è assolutamente immune da fenomeni corrosivi
indotti da correnti vaganti o galvaniche.
Inoltre il tubo Hep2O Barrier riduce a valori
trascurabili l’ingresso per osmosi dell’ossigeno attraverso le pareti dello stesso, in
modo da attenuare l’innesco di fenomeni
corrosivi sugli altri componenti metallici
dell’impianto.
Il sistema si è rivelato inoltre assolu-
Tabella 10 - Profondità di posa
Diametro (mm)
15x11
22x18
28x22
Posa (mm)
30
50
70
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
9
Caratteristiche del sistema
Le perdite di carico
Il sistema Hep2O offre la possibilità di adottare tubazioni di diametro ridotto, a
parità di prestazioni, rispetto a sistemi tradizionali per una serie di ragioni diverse:
* Il raccordo Hep2O non riduce la sezione utile di passaggio.
* La superficie interna della tubazione gode di una elevata specularità con un coefficiente di scabrezza estrememente ridotto (0,015 - 0,010 mm).
* L’assenza di incrostazioni calcaree consente di omettere coefficienti cautelativi
nel computo delle perdite di carico.
* L’elevata resistenza del tubo all’abrasione consente di adottare velocità di progetto più elevate.
* La flessibilità del tubo permette di ridurre al minimo il numero di raccordi necessari
alla realizzazione dell impianto.
* In fase di posa in opera possono realizzarsi curvature più dolci che riducono le
perdite di carico complessive dell’impianto.
Corrispondenze
Le portate dei tubi Hep2O da 10 mm corrispondono approssimativamente a quelle
di tubi da 3/8”, quelle dei tubi da 15 mm a quelle di tubi da 1/2”; quelle dei tubi da
22 mm a quelle di tubi da 3/4”, infine, quelle di tubi da 28 mm a portate di tubi da 1”.
Perdite di carico continue
Nelle figure 9a, 9b, 9c sono riportati i risultati delle prove di flusso relative all’intera
gamma di tubazioni Hep2O, alle temperature di 15°C, 50°C e 80 °C.
Perdite di carico localizzate
Le perdite di carico relative ai raccordi del sistema Hep2O, sono riportate in Tabella
11, sottoforma di lunghezza equivalente di tubazione rettilinea. Il computo totale delle
perdite di carico sarà pari quindi alla somma delle perdite continue delle tubazioni,
delle perdite localizzate dei raccordi (sottoforma di lunghezza equivalente) ed infine
delle perdite relative alle apparecchiature alimentate dal circuito.
Tabella 11 - Perdite di carico nei raccordi
Diametro esterno nominale
10
Lunghezza equivalente
(mm)
gomito 90°
raccordo a T
15
0,6 m
0,7 m
22
0,9 m
1,1 m
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
3.5
s
m/
s
m/
3.0
2.5
s
m/
s
m/
s
m/
2.5
s
m/
2.0
s
s
m/
1.5
11
m/
s
1.0
s
m/
/s
s
m/
5m
m/
0.2
0.1
m/
250
0,5
Esempio n˚4
1.5
1.0
x
15
s
300
2.0
s
m/
s
m/
m/
/s
0,5
5m
400
s
m/
1.5
1.0
s
m/
18
0.2
500
s
m/
2
x2
x
22
s
m/
2.5
2.0
s
m/
28
0,5
1000
900
800
700
600
s
m/
s
m/
4.5
4.0 m/s
3.5
3.0
s
m/
1.0
2000
/s
s
m/
s
m/
s
m/
1.5
3000
s
m/
s
m/
4000
2.0
PORTATA (l/h)
4.0
3.5
3.0
2.5
5000
200
m
5.0
s
m/
4.5
10000
9000
8000
7000
6000
s
/s
0.5
5m
0.2
100
90
80
70
60
6,8
s
m/
m/
0.1
x
10
s
s
5m
m/
0.2
0.1
50
40
/s
30
20
0.1
m/
s
1500
15000
600
700
800
900
1000
6000
7000
8000
9000
10000
400
500
5000
4000
300
3000
50
60
70
80
90 97
100
500
2000
40
400
600
700
800
900
1000
30
300
20
200
5
6
7
8
9
10
60
70
80
90
100
50
4
3
30
40
2
20
Pa/m
10
mmH2O/m
1
5
200
10
PERDITE DI CARICO
Fig. 28a - Perdite di carico - Temperatura acqua 15 °C
Fig. 9a Perdite di carico - Temperatura acqua 15 °C.
24
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
11
s
4.5
s
m/
s
s
4.0
m/
s
3.0
s
m/
3.5
s
s
m/
s
2.5
m/
s
2.0
s
m/
s
m/
1.5
s
m/
11
s
s
s
m/
/s
1.0
s
5m
m/
s
m/
0,5
x
15
m/
s
2.0
m/
2.5
1.0
m/
0.2
200
1.5
s
m/
/s
300
s
s
m/
m/
s
m/
8
x1
0,5
5m
400
1.0
s
m/
22
0.2
500
1.5
22
s
m/
2.5
s
2.0
m/
x
28
0,5
1000
900
800
700
600
m/
s
3.0
m/
1.0
2000
m/
3.5
s
4.0
m/
1.5
3000
m/
s
s
m/
m/
PORTATA (l/h)
5.0
m/
s
m/
3.0
2.5
2.0
4000
m/
3.5
4.0
4.5
10000
9000
8000
7000
6000
5000
0.2
x
10
6,8
s
m/
m/
0,5
0.1
/s
5m
100
90
80
70
60
50
s
/s
30
5m
s
m/
0.2
0.1
40
20
0.1
s
m/
10
1500
15000
600
700
800
900
1000
6000
7000
8000
9000
10000
5000
400
500
4000
300
3000
200
2000
50
60
70
80
90
100
40
400
500
600
700
800
900
1000
30
300
20
200
5
6
7
8
9
10
50
60
70
80
90
100
4
40
3
30
2
20
Pa/m
10
mmH2O/m
1
5
PERDITE DI CARICO
Fig. 28b - Perdite di carico - Temperatura acqua 50 °C
Fig. 9b Perdite di carico - Temperatura acqua 50 °C.
12
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 25
11
s
m/
1.5
3000
1.0
2000
s
m/
2.0
4000
2.0
s
m/
22
1.5
s
m/
x
28
0,5
18
s
m/
2.5
s
m/
m/
s
1.0
s
,8
s
.2
/s 0
m/
5m
6
0x
1
0,5
/s
5m
s
m/
m/
0.1
s
60
50
2.0
m/
s
m/
0,5
0.2
200
11
1.5
x
15
s
300
s
m/
m/
/s
0,5
5m
400
1.0
0.2
500
1.5
s
m/
s
m/
x
22
1.0
1000
900
800
700
600
100
90
80
70
s
s
s
m/ m/
m/
5.0 4.5
s
4.0
s
s
m/
m/
m/
4.0
3.5
s
5.0
s
m/
m/
.0
s
3.5
3
s
m/
m/
/s
4.5
s
3.0
5m
m/
.
2
s
4.0
s
m/
m/
s
2.5
m/
3.5
s
2.0
s
m/
m/
3.0
10000
9000
8000
7000
6000
5000
s
m/
2.5
PORTATA (l/h)
caratteristiche del sistema
s
5m
m/
0.2
0.1
40
/s
30
20
0.1
m/
s
10
1500
15000
600
700
800
900
1000
6000
7000
8000
9000
10000
400
500
5000
4000
300
3000
200
50
60
70
80
90
100
2000
40
400
500
600
700
800
900
1000
30
300
20
200
6
7
8
9
10
60
70
80
90
100
5
50
4
40
3
30
2
20
Pa/m
10
mmH2O/m
1
5
PERDITE DI CARICO
www.wavin.it
26
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Rev-1 06/2010_Aco
Fig. 28c - Perdite di carico - Temperatura acqua 80 °C
Fig. 9c Perdite di carico - Temperatura acqua 80 °C.
13
Esempio di calcolo N° 4
Calcolo delle perdita di carico di un circuito
per l’alimentazione di 1 fan-coil:
* Tubazione: φ 15 x 11
* Lunghezza: Lp = 10 metri
* Raccordi: n° 6 raccordi curvi
* Portata: Q = 250 l/h
* Perdita di carico fan-coil: ∆Pf = 600 mm c.a.
* Temperatura: T = 15 °C
A. Calcolo perdita unitaria
in base al diagramma di fig. 9a si ricava
la perdita di carico per i dati di progetto:
T = 15 °C Q = 250 l/h
da cui
∆p = 97 mm c.a.
B. Calcolo perdite localizzate
La lunghezza equivalente di un raccordo
curvo φ 15 può essere ricavata in base
alla Tabella 11 la quale, per il diametro
in esame, fornisce:
IR = 0.60 metri
pertanto i 6 raccordi di progetto sono
equivalenti ad una maggior lunghezza
di tubazione pari a:
LR = IR x n° = 0.60 x 6 = 3.60 metri
C. Calcolo perdite circuito idraulico
La lunghezza virtuale della tubazione LV è
pari a quella della tubazione maggiorata
della equivalente ai raccordi, ovvero:
LV = LP + LR= 10 + 3.60 = 13.60 m
cui corrisponde una perdita di carico
pari a:
D. Calcolo perdita complessiva dell’impianto
Alla perdita del circuito idraulico occorre
ora sommare quella relativa al fan-coil
per ottenere così la perdita di carico
complessiva dell’impianto:
∆PTOT = ∆P + ∆Pf= 1319,2 + 600 =
= 1919,2 mm c.a.
Gli impianti di riscaldamento
Le tubazioni in PB del sistema Hep2O,
godono di un valore di conducibilità termica molto ridotto rispetto a quello delle
tubazioni metalliche; basti considerare
che a fronte di una conducibilità termica
del rame pari a circa 385 W/m°K, il tubo
in PB Hep2O offre un valore di soli 0.22
W/m°K, cioè 1.750 volte inferiore!
Ciò naturalmente ha una notevole
influenza nel calcolo dell’isolamento
termico delle tubazioni ai fini del contenimento delle dispersioni negli impianti
di riscaldamento.
A tal proposito la Normativa italiana
(D.P.R. 412/93 All.B) fornisce indicazioni
in merito ai requisiti ed agli spessori
minimi dell’isolamento in funzione del
diametro della tubazione prescelto, ma
non dà alcuna informazione qualora si
utilizzino tubazioni in materiale plastico.
Nel caso in cui si utilizzino tubazioni in
PB, si deve assicurare un grado di isolamento termico che produca dispersioni
non superiori a quelle che si sarebbero
ottenute utilizzando tubazioni metalliche
isolate.
Nel calcolo delle dispersioni termiche
globali, si deve tener presente che il
calore si trasmette per conduzione e per
convezione. Nella conduzione, il trasferimento di calore avviene per propagazione
attraverso un materiale (nel caso in esame,
attraverso il PB del tubo e attraverso
l’isolante). Nella convezione, il calore si
trasmette attraverso un mezzo fluido in
movimento, sia esso liquido o gassoso.
Il calcolo dello scambio termico tra tubazioni cilindriche orizzontali e l’ambiente
circostante, è un conteggio complesso
in cui occorre tenere in considerazione
tutti i modi di trasmissione del calore.
In riferimento alla figura 10, il calcolo
della dispersione termica può essere
eseguito mediante la seguente relazione:
Q
L
∆T
RTot
dove:
*Q = Quantità di calore dispersa
per unità di lunghezza (W/m)
*∆T = Differenza di temperatura
tra il fluidovettore e l’aria (°K)
*RTot = Resistenza termica totale
(conduzione - convezione)
(m°K/W)
Sia la conducibilità termica che la resistenza sono due grandezze intrinseche
del materiale, ma si tiene a precisare che,
l’utilizzo della resistenza al posto della
conducibilità - nei calcoli che seguono permette di valutare meglio la differenza
tra il comportamento di una tubazione
in PB rispetto a quello di una tubazione
metallica.
Quando si riscontra un valore basso
della resistenza termica, significa che il
materiale in questione può condurre una
maggiore quantità di calore per un dato
gradiente termico.
∆P = Lv x ∆p = 13.60 x 97 = 1319,2 mm c.a.
14
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Esempio di calcolo N° 5
Calcolo delle dispersioni termiche per
un tubo non isolato (si omette il calcolo
iterattivo delle resistenze termiche)
T1
T2
= 70 °C Temperatura del fluido
= 20 °C Temperatura dell’aria
circostante
Calcolo delle resistenze termiche
Tubazione in PB φ 22:
* Di = 18,0 mm
* De = 22,0 mm
* s = 2 mm
* λt = 0,22 W/m°K
Dispersione termica tubo PB:
Q = 13,78 W/m
Nel calcolo di un impianto di riscaldamento di un normale appartamento,
supponendo che vengano adoperati
circa 100 m di tubo, è facilmente intuibile
che il risparmio energetico aumenta linearmente con la quantità di tubo utilizzato.
RA = 0,0027 m°K/W
Ra = 2,52 m°K/W
Rt = 0,145 m°K/W
RA =
1
π Di hA
dove:
* Di = Diametro interno del tubo (m)
* hA = Coefficiente convettivo
del fluido (W/m2°K)
=
Resistenza
termica
R
* A
del fluido (m°K/W)
Ra =
1
π De ha
dove:
* De = Diametro esterno del tubo (m)
* ha = Coefficiente convettivo
dell’aria (W/m2°K)
* Ra = Resistenza termica
dell’aria (m°K/W)
Ln De
Rt =
Tubazione in acciaio φ 1/2”:
=
=
=
=
16,3 mm
21,0 mm
2,35 mm
45 W/m°K
RA = 0,003 m°K/W
Ra = 2,4 m°K/W
Rt = 0,0009 m°K/W
www.wavin.it
Q = 20,8 W/m
Dispersione termica tubo PB:
T2
Q = 18,74 W/m
T2
T1
Esempio di calcolo N°6
s
Calcolo delle dispersioni termiche:
tubo isolato.
Supponendo di rivestire entrambe le
tubazioni con una guaina isolante di
spessore pari a 6 mm e conducibilità
λ = 0,04 W/m°K, si calcola la resistenza
termica dell’isolante:
Di
De
si
Fig. 10 Dispersione termica: tubo isolato.
Di
2πλt
dove:
* De/Di = Rapporto tra i diametri
del tubo
= Conducibilità termica
* λt
del materiale (W/m°K)
R
=
Resistenza
termica
* t
del materiale (m°K/W)
* Di
* De
*s
* λt
Ds
Dispersione termica tubo acciaio:
Ln Dei
Ri =
De
2πλi
dove:
* Dei/De = Rapporto tra i diametri
della guaina
= Conducibilità termica
* λi
della guaina (W/m°K)
R
=
Resistenza termica
* i
della guaina (m°K/W)
Utilizzando gli stessi dati dell’esempio
precedente si ottiene così:
Ri = 0,98 m°K/W
Dispersione termica tubo acciaio:
Q = 14,86 W/m
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
15
I tubi preisolati
I tubi del sistema Hep2O sono disponibili
nella versione preisolata sia per sanitario
(con guaina blu) che per riscaldamento
(con guaina rossa).
La guaina isolante è in polietilene (PELD) espanso a cellule chiuse, spessore
6 e 9 mm. La guaina presenta alcune
peculiarità:
* Densità: da 35 a 45 kg/m3.
* Temperatura d’impiego: da -30°C
a +95° C.
* Pellicola antigraffio: in PE-LD
colorato con spessore min/max in mm
da 0,20 a 0,30.
* Basso assorbimento d’acqua:
l’elevato numero di cellule chiuse,
garantisce un bassissimo assorbimento
d’acqua. Il fattore di resistenza alla diffusione di vapor d’acqua risulta di 5482µ.
al Decreto Ministeriale del 26 giugno
1984 è attribuita la Classe 1 di reazione
al fuoco. Tale attribuzione soddisfa la
Normativa UNI 9177 “Classificazione
di reazione al fuoco di materiali combustibili”.
* Atossico: il polietilene espanso ha un
indice di tossicità fra i più bassi riscontrabili nel settore.
* Esente da CFC: in ottemperanza
al Regolamento (CE) n° 2037/2000 del
Parlamento Europeo e del Consiglio
del 29 giugno 2000 sulle sostanze che
riducono lo strato di ozono, la guaina
isolante non prevede l’uso di gas CFC e
HCFC, dannosi per l’ambiente.
diametro 15 mm λ = 0.0444 W/m°K
diametro 22 mm λ = 0.0596 W/m°K
diametro 28 mm λ = 0.0758 W/m°K
* Resistenza meccanica: l’elevata
percentuale di materia prima utilizzata
produce una struttura che ostacola
le dilatazioni termiche ed impedisce
deformazioni permanenti alla guaina; la
pellicola di protezione esterna ne assicura una elevata resistenza all’abrasione
ed alle graffiature.
Il tubo Hep2O Barrier
Il settore degli impianti sanitari è oggetto
a revisioni delle normative a causa della
continua introduzione sul mercato di
nuove tubazioni in materiali diversi da
quelli tradizionali, che pongono l’esigenza di stabilire delle nuove prescrizioni
per la loro più corretta installazione.
A tal proposito, giova ricordare che l’impiego di tubazioni plastiche nel settore,
è tuttora oggetto di approfondite analisi
in merito alla permeabilità all’ossigeno
offerta da tali materiali.
Le tubazioni Hep2O Barrier, risolvono
questo problema, riducendo la permeabilità all’ossigeno a valori non apprezzabili,
come è stato testato secondo le procedure DIN, alle quali è stato sottoposto il
tubo Hep2O Barrier.
I risultati dei test hanno prodotto i
seguenti valori:
* Permeabilità all’O2 massima consentita: 0,4300 g/anno/m (DIN).
* Permeabilità all’O2 tubo Hep2O Barrier:
< 0,0028 g/anno/m.
PB
PB
EVOH
Collante
Collante
* Isolamento termico: grazie alla
elevata quantità d’aria contenuta nelle
cellule chiuse ed alla loro struttura
regolare, il coefficiente di conducibilità
termica è ridotto a soli 0,0397 W/m°k.
* Autoestinguente: in esito alle
prove CSE RF/2/75/A e RF 3/77 di cui
16
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Fig. 11 Il tubo Barrier.
Tel. +39 0425 75 88 11
I vantaggi unici di Hep2O:
Nell’evoluzione del sistema push-fit, abbiamo tenuto in considerazione le esigenze dei professionisti del settore, sviluppando un
sistema con caratteristiche uniche e innovative:
2
5
1
7
6
4
3
Fig. 12 Sezione trasversale dei raccordi Hep2O.
1. In4Sure™ la rivoluzionaria
tecnologia che permette di
riconoscere il corretto inserimento del tubo
Basta inserire il tubo nel raccordo e
girarlo. Se il tubo è inserito correttamente si avvertirà una vibrazione causata dall’estremità profilata del manicotto di sostegno che viene in contatto
con la battuta dentellata all’interno del
raccordo.
2. Nuovo sistema di smontaggio HepKey™
Il
nuovo
e
intelligente
sistema
HepKey™ assicura uno smontaggio,
rapido, facile e a prova di manomissione, e i raccordi si smontano solo
all’occorrenza.
www.wavin.it
3. Nuovo manicotto di sostegno
6. Stesso tubo - ora di colore
bianco
Elemento principale della tecnologia
In4Sure™, l’innovativo profilo facilita
l’inserimento del tubo e le ali laterali ne
evitano lo sfilamento.
Abbiamo cambiato il colore, ma tutti
gli altri vantaggi del tubo Hep2O sono
rimasti. Flessibile come sempre, grazie
alla nostra tecnologia di imbobinatura
rimane diritto una volta srotolato.
4. Nuova Griffa
Completamente in acciaio inox aisi 316.
Creata per il fissaggio di tubi in polibutilene e rame, presenta denti angolati
ed allineati per facilitare il montaggio e
garantire la massima tenuta.
5. Raccordo Hep2O
Nuovo design, il più snello presente
sul mercato, estremamente resistente,
di colore bianco, ideale per ogni soluzione.
7. Raccordi in ottone
La gamma del sistema Hep2O prevede
anche raccordi e componenti diversi
con corpo in ottone, che condividono la
medesima tecnologia del sistema plastico.
Per una corretta installazione del
sistema push-fit Hep2O, Wavin raccomanda di rispettare le indicazioni riportate sulla presente guida.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
17
Ottime performances e semplice installazione
Il sistema Hep2O si è evoluto nel corso
di 30 anni ed oggi è riconosciuto come
il sistema preferito dai professionisti.
Con significativi vantaggi prestazionali,
installazioni più rapide e più semplici
senza compromessi per la qualità o
l’integrità della giunzione. La flessibilità del tubo e la sicurezza di giunzione
restano i vantaggi chiave di Hep2O.
• La flessibilità del tubo rende più semplice la posa del sistema e permette
la sua applicazione in diverse situazioni.
• La flessibilità del tubo consente di
avere meno giunzioni e quindi maggiore affidabilità.
• Meno giunzioni significa minor costi, in
termini di materiali e tempo di installazione.
• Il sistema push-fit Hep2o non richiede
l’impiego di attrezzature, soprattutto
utensili di saldatura a fiamma libera,
riducendo così eventuali rischi.
Oltre a quanto sopra riportato, esistono
vantaggi prestazionali a lungo termine
rispetto ai tradizionali sistemi rigidi in
metallo.
• Basse dilatazioni termiche. Il PB,
tra tutti i materiali plastici, è quello
dotato del minor coefficiente di dilatazione termica.
• Ridotte perdite di carico nel tubo e
nel raccordo. La superficie interna
delle tubazioni è particolarmente
liscia e priva di asperità. L’originale
meccanismo di innesto dei raccordi
favorisce il passaggio totale dell’acqua, poiché non è presente alcuna
riduzione di sezione nei raccordi.
• Il tubo in plastica evita l’accumulo di
depositi di calcare.
• Assenza di corrosione e relativi danni
da essa causati.
• Maggiore silenziosità, e minore
dispersione termica.
• Basse perdite di energia. Il PB ha una
bassa conducibilità termica.
Facile da smontare con HepKey™.
Facile da posare. Meno giunzioni.
Alta resistenza agli urti.
Semplici modifiche in opera.
Nessun accumulo di calcare.
Esente da corrosione.
Fig. 13 Hep2O offre vantaggi significativi rispetto ai sistemi metallici.
18
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Test di sfilamento
Le tubazioni Hep2O una volta inserite nel raccordo sono in grado di resistere a
sollecitazioni molto elevate, senz’altro superiori a quelle che si verificano abitualmente in condizioni d’esercizio sull’impianto. La resistenza allo sfilamento del
tubo dal raccordo, è stata oggetto di test secondo la procedura di controllo prevista dalla Norma BS 7291: Part 2, la quale stabilisce dei valori di resistenza minimi
in funzione del diametro del tubo (Tab. 12). I valori di resistenza verificati durante i
test hanno superato ampiamente i minimi di sicurezza.
Tabella 12 - Pull-out TTest (BS 7291)
Diametro esterno nominale
Sforzo di trazione minimo
(mm)
(N)
10
380
15
705
22
1190
28
1960
Certificazioni
Hep2O è marcato British Standard Kitemark in conformità con BS7291 parti 1 & 2
Classe S. Il tubo e i raccordi Standard sono inoltre omologati con il British Standard Kitemark in conformità con BS EN ISO 15876.
Il tubo e i raccordi Barrier hanno il British Standard Kitemark in conformità con BS
EN ISO 21003.
Per applicazioni nel settore navale, il sistema è certificato Rina.
Tutti i prodotti sono fabbricati secondo un Sistema di Gestione della Qualità
accreditato da terzi in conformità con BS EN ISO 9001:2008.
BS 7291
Hep2O è adatto all’uso in sistemi di distribuzione dell’acqua sanitaria e sistemi di
riscaldamento anche ad alta temperatura in conformità alla Tabella N. 13.
Il tubo Hep2O è disponbile in due tipi, Standard e Barrier (vedi pagina 20).
Tabella N. 13 Pressioni massime in relazione alle temperature di esercizio.
20°
30°
40°
50°
60°
70°
80° 95°C
Breve
Malfunzionamento
a 114°C
Pressioni di sicurezza:
Bar
12
11.5
11
10.5
9
8
7
6
3
psi
174
167
160
152
131
116
102
87
43.5
Carico idrostatico (m) 120
115
110
105
90
80
70
60
29
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
19
Tubo in polibutilene
Hep2O
Disponibile in barre e rotoli in versione
Standard (Heptherm) o Barrier.
Barre
Il tubo Hep2O Barrier è disponibile in
barre da 3 e 6 mt, diametro 15 mm,
22 mm e 28 mm. Il tubo in barre ha la
stessa flessibilità del tubo in rotoli ed è
la soluzione ideale per tubazioni a vista.
Rotoli
La peculiarità del tubo in rotoli Hep2O è
la sua eccezionale capacità di restare
lineare una volta srotolato, a differenza
di altri materiali plastici che si comportano come una molla.
Il tubo Hep2O è molto più facile da
movimentare e collegare grazie alle sue
caratteristiche tende a conformarsi alle
varie situazioni installative. Abbiamo
cambiato il colore da grigio a bianco,
ma la facilità di movimentazione di
Hep2O è sempre la stessa.
Il tubo in rotoli Hep2O è disponibile
nelle lunghezze da 25 m a 100 m, nei
diametri 10 mm, 15 mm, 22 mm e 28
mm.
Le confezioni differite per colore identificano il diametro. La confezione è più
piccola grazie a un diametro interno
ridotto rispetto alla versione grigia.
Tubo Standard
• Adatto per applicazioni in sistemi di
riscaldamento, si consiglia l’uso di
inibitore appropriato, come Sentinel
o Fernox MB1.
Tubo Barrier
• Adatto per applicazioni in sistemi
di distribuzione di acqua sanitaria
calda/fredda.
• Include una barriera di ossigeno
per prevenire la formazione di alghe
all’interno del tubo.
Nota: Il tubo Hep2O NON è adatto per
trasportare gas, olio o altri derivati
del petrolio.
• Barra
• Tubo Barrier in rotolo
• Sistema Slider con guaina Blu o Rossa
Fig. 14 Il tubo Hep2O (a sinistra) resta lineare una volta srotolato dalla bobina.
20
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Fig. 15 Hep2O offre una vasta gamma di
soluzioni
Tel. +39 0425 75 88 11
Come tagliare il tubo Hep2O
Si raccomanda di utilizzare il tagliatubo consigliato (AF579) come riportato nell’attuale Listino Prezzi Hep2O.
Posizionare il tubo nella sella del tagliatubo e tenerlo in posizione ortogonale
rispetto alla lama, quindi ruotare il tubo durante il taglio (vedi Fig. 16).
Prima di fare una giunzione, controllare che l’estremità del tubo sia pulita, tagliata
a squadro e priva di sbavature o danni superficiali.
Utilizzare sempre il tagliatubo consigliato.
Controllare che in fase di giunzione il tubo sia perfettamente inserito mediante
la nostra tecnologia In4Sure™. Tagliare il tubo in prossimità del contrassegno ‘^’
presente sul tubo (vedi Fig. 18). La distanza tra i segni ‘^’ corrisponde al corretto
inserimento del raccordo.
Fig. 18 Hep2O dettaglio marcatura tubo e
profondità d’innesto.
Non utilizzare tubi danneggiati o non perfettamente tagliati. Assicurarsi che le estremità del tubo siano prive di sbavature e danni superficiali. In caso contrario, tagliare
nuovamente il tubo.
Nota: Le distanze e le indicazioni
riportate in questo capitolo sono
relative al sistema Hep2O nuova
generazione.
Fig. 16 Utilizzare sempre il tagliatubo consigliato.
Fig. 17 Non utilizzare seghetti per tagliare il
tubo Hep2O.
Tabella N. 14 Profondità di inserimento per raccordi Hep2O nuova generazione.
Misura del tubo
Profondità di inserimento, incluso il manicotto
10 mm
28 mm
15 mm
32 mm
22 mm
33 mm
28 mm
36 mm
In caso di giunzione mista:
• tubo grigio e raccordo bianco con
nuovo manicotto di sostegno applicare la tecnologia di riconoscimento
In4Sure™ (vedi pag. 24).
• tubo bianco e raccordo grigio verificare il corretto inserimento con marcatura del tubo secondo i valori riportati in Tabella 15.
Nota: Il manicotto di sostegno è una parte integrante del sistema e non deve
essere MAI dimenticato quando si usa il tubo Hep2O.
Tabella N. 15 Profondità di inserimento per raccordi di colore grigio.
Misura del tubo
Profondità di inserimento, incluso il manicotto
10 mm
24 mm
15 mm
26 mm
22 mm
28 mm
28 mm
39 mm
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
21
Raccordi Hep2O
I raccordi Hep2O di nuova generazione sono disponibili solamente nel colore bianco, le confezione differenziate per colore
(vedi confezionamento pag. 27) nelle dimensioni 10, 15, 22 e 28 mm, costituiscono una gamma completa per soddisfare tutte
le esigenze installative in applicazioni di distribuzione sanitaria e di riscaldamento.
Tutti gli O-ring contenuti nei raccordi Hep2O sono stati prelubrificati durante il montaggio in fabbrica e non richiedono quindi
ulteriore lubrificazione durante la normale installazione.
Se il raccordo è stato già utilizzato, è possibile che il lubrificante sia stato rimosso e potrebbe essere necessario reintegrarlo.
In situazioni simili utilizzare Jointing Lubricant Spray di Hep2O cod. AF674 (vedi Fig. 19).
Non utilizzare lubrificanti di fabbricanti diversi o prodotti alternativi.
Fig. 19 Applicazione del lubrificante spray.
22
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Giunzione tra tubo e
raccordo Hep2O
Manicotto di sostegno
Prima di fare una giunzione con il tubo
Hep2O, si raccomanda di inserire un
manicotto di sostegno nell’estremità
del tubo da raccordare (vedi Fig. 20).
L’unica eccezione è in caso di collegamento con un raccordo Hep2O maschio
(riduttori in PB).
Il manicotto di sostegno assolve alle
seguenti funzioni:
• Rende la sezione del tubo perfettamente circolare.
• Facilita l’inserimento del tubo nel raccordo.
• L’estremità profilata del manicotto di
sostegno consente di verificare che
il tubo sia correttamente inserito.
Vedi paragrafo relativo alla giunzione
In4Sure™ (vedi pag. 24).
• Consente la rigidità del tubo all’interno del raccordo.
• Mantiene la sezione circolare del
tubo a temperature estreme.
• Le ali presenti alla base del manicotto
di sostegno si fissano al tubo, in caso
di smontaggio rimane agganciato al
tubo e non all’interno del raccordo.
I manicotti di sostegno sono in acciaio
inox aisi 316, per acqua potabile, resistenti all’attacco di agenti contaminanti. Essi sono stati progettati per
rimanere fissati al tubo. Se danneggiati,
i manicotti di sostegno, non devono
essere riutilizzati.
Fasi di montaggio
Qualunque sia il tipo di raccordo Hep2O
utilizzato, la procedura di giunzione è la
stessa.
1.Tagliare il tubo a squadro nel vertice del segno ‘^’ utilizzando il tagliatubo consigliato e
verificare che l’estremità del tubo sia integra e
priva di sbavature (vedi pag. 21).
Giunzione tra tubo in rame
e raccordi Hep2O
I raccordi Hep2O sono stati progettati
per realizzare giunzioni affidabili con
tubi in rame metrici conformi a BS EN
1057 - R520.
1. Verificare in Tabella 14 la profondità
di inserimento, in base al diametro, e
marcare il tubo da innestare.
2. Tagliare il tubo di rame con un tagliatubo a rotella.
3. Ispezionare attentamente le estremità del tubo eliminando sbavature o
sfridi.
4. Spingere con forza il tubo nel raccordo.
5. Tirare indietro il tubo per attivare la
griffa di fissaggio.
Facendo un po’ più di attenzione, è possibile collegare un tubo di rame da 10 mm
BS EN 1057 - R220 ai raccordi Hep2O.
Il tubo R220 è particolarmente ‘morbido’ e per questo motivo è facile provocare deformazioni se non manipolato
con attenzione. Occorre fare particolare
attenzione all’estremità tagliata, alla
ricerca di eventuali segni di danneggiamento. Il tubo di rame R220 deve
essere tagliato con un minitagliatubo a
rotella, poi smussato e pulito, per eliminare eventuali residui.
2. Inserire un manicotto di sostegno
nell’estremità del tubo da raccordare.
3. Spingere il tubo fino alla battuta del raccordo, quindi ruotare e grazie alla tecnologia In4Sure™ avvertire che il tubo sia perfettamente
inserito (vedi pag. 24).
Fig. 22 I raccordi Hep2O sono compatibili
anche con tubo in rame.
4.Tirare indietro il tubo per attivare la griffa di
fissaggio.
Fig. 20 Inserimento del manicotto di sostegno.
www.wavin.it
Fig. 21 Sequenza di giunzione Hep2O.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
23
Verifica della giunzione con la tecnologia di riconoscimento In4Sure™
Seguire la procedura per stabilire la profondità di inserimento del tubo nel raccordo come illustrato in precedenza (vedi pag.
21).
La tecnologia di riconoscimento di giunzione In4Sure™ fornisce un ulteriore metodo di controllo consentendo di ‘sentire’
se il tubo è completamente inserito.
Per usare la tecnologia di riconoscimento di giunzione In4Sure™:
1. Tenere il raccordo in una mano.
2. Una volta inserito il manicotto di sostegno, innestare il tubo nel raccordo.
3. Quando il tubo è in battuta, ruotarlo e se perfettamente inserito si avvertirà una vibrazione causata dall’estremità profilata
del manicotto di sostegno a contatto con la sede dentellata all’interno del raccordo.
4. Tirare indietro per attivare la griffa di bloccaggio.
Questa semplice procedura è stata progettata per garantire la corretta giunzione. È possibile effettuare anche un controllo visivo
verificando che il segno ‘^’ successivo è coincidente all’estremità del raccordo.
Fig. 23 Vista in sezione che mostra In4Sure™, la tecnologia di riconoscimento di giunzione.
24
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Smontaggio dei raccordi
Hep2O con il sistema
HepKey™
Sono disponibili due tipi di
estrattori HepKey™:
• HepKey Plus™ si aggancia semplicemente al raccordo e mantiene la griffa
nella posizione di sgancio, consigliata
nelle situazioni più scomode dove è
richiesto l’uso di una sola mano.
• HepKey™ la versione standard tascabile, si inserisce intorno al tubo e
compressa sul raccordo ne permette
lo smontaggio.
Gli estrattori sono codificati con i colori: 10
verde, 15 azzurro, 22 viola e 28 mm arancione.
Usare HepKey Plus™:
Usare HepKey™:
1. Inserire HepKey Plus™ intorno al
tubo.
2. Agganciare HepKey Plus™ al raccordo.
3. In questa posizione la griffa di bloccaggio viene disattivata.
4. Estrarre il tubo dal raccordo.
1. Agganciare HepKey™ intorno al tubo
vicino alla giunzione da smontare,
con il lato piatto di HepKey™ rivolto
all’esterno.
2. Far scorrere HepKey™ fino al raccordo e comprimerlo per disattivare
la griffa di bloccaggio.
3. Estrarre il tubo dal raccordo.
Nota: Prima di riutilizzare il raccordo
si consiglia di applicare una piccola
quantità di Jointing Lubricant Spray
(cod. AF674) sull’O-ring all’interno
del raccordo (vedi pag. 22).
Fase 1.
Qualunque sia il tipo di raccordo utilizzato Hep2O, nuova generazione, si
applica la stessa procedura di smontaggio.
Fase 2.
Fig. 28 Vista in sezione di HepKey™.
Fig. 24 HepKey Plus™.
Fase 3.
Fig. 25 HepKey™.
Fase 4.
Fig. 26 Vista in sezione di HepKey Plus™.
www.wavin.it
Fig. 27 Sequenza di smontaggio con HepKey
Plus™.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
25
Suggerimenti e consigli
per un’installazione perfetta del sistema push-fit
Hep2O
Di seguito le indicazioni da rispettare per una perfetta installazione del
sistema push-fit Hep2O.
Tubo Hep2O
Il rischio principale è quello di danneggiare l’estremità del tubo, con graffi
profondi che possono compromettere
la tenuta del sistema, assicurata dall’Oring a contatto con la superficie esterna
del tubo. Problemi di questo tipo possono essere evitati con alcune semplici
precauzioni.
• Stoccare il tubo al riparo dei raggi
ultravioletti.
• Conservare il tubo nell’imballo di protezione fino al momento dell’installazione.
• Non usare coltelli o utensili a lama
libera per rimuovere l’imballaggio del
tubo, onde evitare danneggiamenti
alla superficie del tubo.
• In caso di tubo in rotoli, utilizzare
sempre l’utensile in dotazione (vedi
Fig. 29). Si consiglia di aprire l’imballo
nella parte interna al fine di evitare
sbobinamenti e conservare il rotolo
correttamente protetto fino all’ultimo
metro.
• Per attraversamenti di pareti in muratura, utilizzare sempre una guaina
di protezione per evitare accidentali
danni alla superficie esterna del tubo.
• Tappare l’estremità del tubo per evitare che detriti o sostanze esterne
possano pregiudicare il regolare funzionamento dell’impianto (vedi Fig.
30).
• Evitare torsioni o strozzature del tubo
durante la posa.
26
Fig. 29 Apertura dell’imballo con specifico
utensile.
Fig. 30 Proteggere sempre le estremità del
tubo.
Fig. 31 Conservare il tubo nell’imballo fino all’ultimo metro.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Raccordi Hep2O
Dal momento che il raccordo non può
essere smontato è difficile che si verifichino dei problemi, ma è comunque
consigliabile prendere alcune precauzioni fondamentali.
• Evitare l’entrata di polvere e detriti
nel raccordo.
• Conservare i raccordi nella confezione fino al momento dell’uso.
• Prima di riutilizzare un raccordo,
spruzzare una piccola quantità di
Hep2O Jointing Lubricant sull’Oring, cod.AF674 (vedi Fig. 19 a pag.
22).
Confezionamento
tivo per diametro
identifica-
Per semplificare al massimo l’acquisto, la movimentazione, lo stoccaggio
e l’installazione del sistema Hep2O
abbiamo introdotto un packaging
identificativo per colore.
Lo stesso sistema di imballo a colori è
stata applicato anche al tubo Hep2O.
• 10 mm: verde
• 15 mm: azzurro
• 22 mm: viola
• 28 mm: arancione
I raccordi Hep2O vengono forniti in
buste di polietilene, sigillate, codificate
tramite colori a seconda della misura,
facili da identificare.
Movimentazione e stoccaggio
Hep2O è un sistema estremamente
robusto e resistente. Tuttavia, il rispetto
delle semplici linee guida riportate
sotto garantirà che le prestazioni non
vengano penalizzate da un errato stoccaggio.
• I tubi in barre Hep2O devono essere
conservati in posizione piana.
• I rotoli devono essere impilati, altezza
massima consentita 2,20 mt.
• I tubi e i raccordi, ove possibile,
devono essere conservati nell’imballo originale. Questo garantisce la
protezione dalle radiazioni ultraviolette e riduce il rischio di contaminazione.
• Tutti i tubi e i raccordi Hep2O devono
essere protetti dal contatto con
petrolio e suoi derivati.
• Evitare di trascinare il tubo sul terreno o su altre superfici.
• In caso di attraversamenti di pareti
o opere in muratura, le estremità del
tubo devono essere protette, in alternativa usare un tappo di chiusura.
Queste semplici precauzioni proteggeranno l’estremità del tubo da possibili danni evitando inoltre l’ingresso
di detriti.
• Fare attenzione a non piegare eccessivamente o torcere il tubo durante
l’installazione.
www.wavin.it
Fig. 32 L’imballo con codifica a colori è stato progettato per semplificare il riconoscimento del
diametro.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
27
Giunzioni
Connessione del tubo
Hep2O con i raccordi a
compressione
Il tubo Hep2O può essere collegato a
raccordi a compressione conformi a BS
EN 1254.
Tagliare il tubo Hep2O e procedere
come indicato:
1. Tagliare e inserire un il manicotto di
sostegno nel tubo Hep2O.
Inserire il manicotto di sostegno nel tubo.
Applicare il nastro in PTFE se necessario.
Assicurarsi che il tubo sia in battuta.
Serrare il dado.
2. Applicare nastro in PTFE se necessario.
3. Inserire il tubo nel raccordo fino alla
battuta.
4. Stringere il dado, senza eccedere.
Nota:
• Non utilizzare sigillanti a base di
olio.
• Usare sempre un manicotto di
sostegno nel tubo Hep2O.
• Utilizzare ogive in rame anzichè in
ottone.
• Non ruotare il tubo Hep2O dopo
una connessione con un raccordo
a compressione.
28
Fig. 33 Procedura per collegare il tubo Hep2O a un raccordo a compressione.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Collegamenti Hep2O in
prossimità di altre giunzioni
In caso di impiego del sistema pushfit in prossimità di giunzioni a saldare,
queste ultime devono essere eseguite
prima di posare il sistema Hep2O. Se
questo non è possibile, mantenere
la fonte di calore lontano dal sistema
Hep2O e rispettare le seguenti precauzioni:
1. Evitare il contatto tra la lega saldante
e il sistema Hep2O.
2. Evitare che la saldatura calda venga
in contatto con Hep2O.
3. Evitare che il sistema Hep2O si surriscaldi. Avvolgere un panno umido
intorno al tubo di rame per minimizzare il trasferimento di calore oppure
utilizzare un gel per l’assorbimento del
calore.
Nota: I sistemi devono essere lavati
con acqua per rimuovere eventuali
residui interni di lega saldante.
Collegamento a tubo in acciaio
inossidabile o cromato
I raccordi Hep2O non possono essere
collegati direttamente al rame cromato
o all’acciaio inossidabile a causa della
durezza di questi materiali. Il metodo
consigliato è usare raccordi a compressione (vedi pag. 28).
Fig. 34 Compatibilità sistema Hep2O.
Connessione del sistema Hep2O mediante raccordi
filettati a tubi di acciaio
Per consentire la connessione a filettature metalliche maschio e femmina, nella
gamma Hep2O sono disponibili adattatori e raccordi dritti in ottone (vedi Fig. 35).
Collegamento con adattatori
in ottone
Utilizzare esclusivamente gli adattatori
presenti nella gamma Hep2O. Gli adattatori presenti sul mercato non hanno le
scanalature di giunzione e le dimensioni
non sono conformi al nostro sistema.
Collegamento ai precedenti
sistemi Hep2O
Hep2O è pienamente compatibile con
l’attuale gamma presente sul mercato.
(vedi Fig. 34) Il sistema Hep2O non può
essere utilizzato con tubi e raccordi in
plastica di altri produttori, tolleranze
dimensionali e il controllo qualità non
possono essere garantiti da Wavin.
Fig. 35 Raccordi filettati e Adattatori.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
29
Collegamenti ad apparecchi con Hep2O
Tappi di chiusura
Tappo di chiusura raccordo
Tappo finale
In caso di collegamento ad apparecchi
di utenza installare sempre rubinetti
di intercettazione della linea Hep2O
(AF557). Le tubazioni di collegamento
devono essere adeguatamente staffate, rispettando le distanze tra le clips
(vedi pagg. 33-34).
Quando è necessario chiudere in
maniera temporanea o permanente
una delle entrate di un raccordo Hep2O,
inserire un tappo di chiusura (AF615). È
possibile utilizzare la tecnologia di riconoscimento di giunzione In4Sure™ per
controllare che il tappo sia completamente inserito. Per continuare l’installazione, rimuovere il tappo utilizzando
HepKey™ o HepKey Plus™.
Quando è necessario chiudere l’estremità di un tubo, installare un manicotto
di sostegno e inserire il tappo finale
(AF619). Il tappo finale non necessita di
HepKey™ per la sua rimozione, ma è
sufficiente comprimere la ghiera circostante il tubo.
Fig. 36 Rubinetto di intercettazione AF557.
Fig. 38 Tappo finale.
Fig. 37 Raccordo.
30
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Applicazioni
Hep2O può essere usato nella maggior parte delle applicazioni in sistemi di riscaldamento e distribuzione di acqua sanitaria
calda e fredda. Un sistema completo di tubi e raccordi che oltre a soddisfare i requisiti normativi, assolve alle esigenze dei
professionisti del settore, offrendo un sistema sicuro e affidabile.
Fig. 39 Alcuni esempi di applicazioni.
Quando Hep2O non è applicabile
Il sistema Hep2O è stato progettato e testato per soddisfare i requisiti dei moderni sistemi di riscaldamento e distribuzione
dell’acqua.
Non sono state eseguite prove per stabilire l’idoneità all’uso per scopi diversi e pertanto Hep2O non deve essere utilizzato
nelle seguenti applicazioni:
• Trasporto di gas.
• Trasporto di olio combustibile.
• In aree contaminate da petrolio e prodotti petroliferi.
• Trasporto di aria compressa.
• Hep2O non è idoneo all’uso in sistemi in cui l’acqua trasportata contiene un’alta concentrazione di cloro, come ad esempio
piscine o impianti d’acqua decorativi.
• Hep2O resiste ai livelli di cloro inferiori a 0.5 ppm (vedi pag. 49). Una clorazione a breve termine per disinfezione non danneggia
il sistema.
• Hep2O non deve essere usato per il circuito primario di un Sistema di Riscaldamento Solare dato che la temperatura non
può essere controllata con un termostato. Hep2O può essere usato per la circolazione secondaria di questi sistemi.
• Hep2O deve essere protetto in qualsiasi momento dall’esposizione alla luce solare diretta e alle radiazioni ultraviolette.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
31
Installazione del sistema
Hep2O su strutture prefabbricate e in legno
Forature delle travi in legno
L’eccezionale flessibilità del tubo
Hep2O consente una semplice installazione anche attraverso strutture
prefabbricate in legno. Le contenute
dimensioni dei raccordi e la semplice tecnica di giunzione favoriscono
l’installazione anche in spazi ridotti.
• La distanza tra i fori non deve essere inferiore a 3 diametri (interassi) e devono
essere situati tra 0,25 e 0,4 volte la distanza dal pilastro.
• Il diametro dei fori non deve essere superiore al 25% dell’altezza della trave, e
deve essere realizzato nell’asse neutro.
Queste indicazioni sono illustrate nella Fig. 41.
INTERASSE TRAVE
I FORI DEVONO ESSERE POSIZIONATI
IN QUESTA AREA E REALIZZATI
NELL'ASSE NEUTRO.
0.4 x ‘S’
0.25 x ‘S’
ASSE CENTRALE
DELLA TRAVE
PROFONDITÀ.
NON MENO DI 3 DIAMETRI
(INTERASSE)
MAX DIAMETRO DEL FORO =
0,25 X PROFONDITÀ TRAVE
Fig. 41 llustrazione delle forometrie su una trave in legno.
2.0
Fig. 40 Esempi di posa in strutture in legno.
Meno rischi per la salute e più
sicurezza in cantiere
1.5
Il sistema Hep2O garantisce:
• Giunzioni affidabili, senza l’utilizzo di
fiamme libere.
• Eliminazione della saldatura e dei
relativi rischi di incendio.
• Migliori condizioni nell’ambiente di
lavoro.
• Eliminazione di leghe saldanti e relativi problemi di contaminazione.
1.0
Il sistema push-fit Hep2O offre
i seguenti vantaggi:
• I giunti Hep2O sono immediatamente
pronti all’uso.
• Il giunto può essere ruotato dopo l’installazione.
• La flessibilità dei tubi in rotoli consente meno giunzioni.
• La flessibilità naturale del tubo aiuta a
superare i piccoli disallineamenti.
32
Distanza dal supporto (m)
ad
sim
an
Dist
al su
ima d
in
nza M
2.0
to
ppor
Dista
0.5
1.5
as
za M
to
por
p
al su
2.5
3.0
3.5
4.0
Interasse della trave (m)
4.5
5.0
Fig. 42 Grafico che mostra l’area di foratura della trave dal supporto.
Nota: Esempio d’uso: L’interasse della trave è 4,5 m.
Trova il valore nella scala orizzontale e leggi il valore fino alla linea inclinata.
Trasferire il punto di intersezione alla scala verticale e leggere 1.8 m.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Staffaggio del tubo
Distanza tra gli appoggi (m)
Nelle installazioni “a vista” per evitare antiestetici serpeggiamenti del tubo a seguito della variazione delle temperature di
regime, si raccomanda di provvedere allo staffaggio della tubazione con passo adeguato alla temperatura di esercizio ed al
diametro della stessa. Il diagramma riportato in fig. 43, consente di ricavare per via grafica, il più corretto passo di posa delle
staffe in funzione del diametro del tubo, della temperatura d’esercizio e della sua disposizione geometrica.
1,5
1,4
1,3
1,2
1,1
1,0
0,9
0,8
0,7
0,6
0,5
0,4
0,3
0,2
0,1
0
10 mm
15 mm
22 mm
28 mm
Diametro esterno (mm)
80 ˚C tubo orizzontale
60 ˚C tubo orizzontale
20 ˚C tubo orizzontale
80 ˚C tubo verticale
60 ˚C tubo verticale
20 ˚C tubo verticale
Fig. 43 Diagramma di staffaggio.
La clip a vite utilizzata con il distanziatore favorisce l’installazione del tubo
preisolato ed evita disagevoli incroci di
tubazioni.
Il sistema Hep2O comprende morsetto
a clips in plastica con fissaggio a vite
(AF581) e distanziatori.
Codice
Diametro Nominale
AF581
15
AF582
22
AF781
28
Clip e Distanziatore Tubo
Vite
Codice
Diametro Nominale
AF600
15
AF601
22
Clip del Tubo
Distanziatore
Fig. 44 Clip del tubo.
Nota: Il distanziatore AF601 può
essere utilizzato con entrambe le
clips AF582 e AF781.
NOTA: LA DIMENSIONE DEL FORO DI
FISSAGGIO HA UN DIAMETRO DI 5
MM.
Diametro
Dimensione A
Dimensione B
Nominale
mm
mm
15
17
22
21
28
24
mm
40
43
46
Fig. 45 Distanza per interassi.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
33
Distanze tra le clips
Le distanze raccomandate tra le clips
sono riportate nella Tabella 16.
Quando le tubazioni Hep2O sono
posate sotto traccia o sotto pavimento,
le clips di fissaggio possono essere del
tutto eliminate.
Per rispettare il corretto raggio di curvatura nell’installazione a vista si raccomanda di utilizzare il nostro Reggicurva in acciaio HF577.
Diametro
Nominale
Diametro Nominale mm
Tabella 16 Distanze raccomandate delle clip.
Diametro
Nominale
Tratti
Orizzontali
Raggio di curvatura minima per tubo Hep2O
Raggio A
A
mm
10
mm
80
15
22
28
120 176 224
mm
15
120
22
176
Tratti
Verticali
mm
m
m
10
0.3
0.5
15
0.3
0.5
22
0.5
0.8
28
0.8
1.0
Fig. 47 Raggio minimino di curvatura (8 volte
il diametro del tubo).
La dimensione del foro
di fissaggio è 5 mm.
Il tubo Hep2O può essere manipolato
facilmente a mano per formare curvature. Per impedire un effetto dannoso
a lungo termine sul materiale, la curvatura del tubo Hep2O non deve essere
inferiore a quella illustrata (Fig. 47). Un
raggio di curvatura di 8 volte il diametro
del tubo è il raggio minimo consentito.
Si raccomanda di rispettare i raggi
minimi di curvatura riportati nella
Tabella.
Tubazioni sotto traccia
Per i sistemi sotto traccia, la dilatazione
non richiede alcuna attenzione, poichè
la dilatazione del materiale viene completamente assorbita dalla struttura del
tubo che è integralmente vincolato.
Fig. 46 Raggi di curvatura del Reggicurva.
Installazioni in contro soffitti,
cavedi e strutture in cartongesso
Il sistema Hep2O è particolarmente
indicato nella posa in condizioni gravose.Grazie alla flessibilità e alla tecnica di giunzione push-fit è sufficiente
applicare un corretto staffaggio per allineare le tubazioni.
34
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Collettori lineari e doppi
Il sistema Hep2O comprende una gamma completa di collettori lineari e doppi
(vedi Fig. 48), ideali per realizzare impianti in strutture prefabbricate.
Attraversamenti di pareti
e solai
Negli attraversamenti di pareti e solai
si raccomanda l’utilizzo di un tubo di
protezione. Lo spazio tra il tubo e il
manicotto deve essere riempito con
un materiale resiliente per fornire un
efficace barriera anticendio e prevenire la trasmissione di rumore.
Tubi adiacenti a parti metalliche
In caso di installazione di Hep2O in
prossimità di parti metalliche o ‘attraverso’ di esse, è importante verificare
che il tubo non venga a contatto con
bordi taglienti dato che eventuali movimenti termici potrebbero danneggiarlo.
Il tubo Hep2O significa maggiore
silenziosità perchè ci sono meno
rumori …
Fig. 48 L’installazione è più rapida e più facile grazie alla flessibilità del sistema Hep2O.
Come collegare pompe, valvole, ecc.
Quando il sistema Hep2O è collegato a pompe, valvole e dispositivi simili, occorre
fissarli in maniera adeguata (tenendo conto della possibilità di rotazione del raccordo Hep2O). Il peso di tali dispositivi non deve gravare sulle tubazioni.
Uso del nastro metallico per favorire il rilevamento ‘elettronico’
del tubo
Essendo il sistema Hep2O in polibutilene (plastica), quando posato sotto traccia,
per consentire il rilevamento da strumenti elettronici, occorre posare in prossimità
del tubo un nastro metallico.
Sul mercato sono disponibili diverse tecnologie. Si sconsiglia l’applicazione diretta
sul tubo e raccordi Hep2O di nastri metallici adesivi.
I sistemi che prevedono tubi metallici
sono spesso penalizzati da problemi di
rumorosità, a causa della loro rigidezza.
Il tubo Hep2O, grazie alla sua flessibilità,
non trasmette i rumori e con un’attenta
installazione può offrire una maggiore
silenziosità.
…causati dall’attrito
I rumori possono essere causati dall’attrito tra il tubo e le superfici adiacenti
- in fase di dilatazione o contrazione.
Hep2O riduce drasticamente questo
effetto.
… e dalle vibrazioni
Le vibrazioni dei tubi rigidi sono
spesso causa di rumore. L’elasticità
intrinseca del tubo Hep2O attutisce
tale impatto, riducendo la rumorosità e assorbendo le vibrazioni,
impedendo così la trasmissione del
suono lungo il tubo.
… e dal ‘colpo d’ariete’
Lo stesso accade con i rumori causati
dal ‘colpo d’ariete’ dovuto dall’interruzione improvvisa del flusso di acqua.
Questi rumori vengono normalmente
assorbiti da Hep2O e non vengono trasmessi lungo i tubi.
Fig. 49 Il nastro metallico può essere utilizzato per facilitare il rilevamento elettronico del tubo.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
35
Esempi di distribuzione sanitaria
Impianto ad attraversamento
Vantaggi
•
•
•
•
•
•
Semplicità di installazione
Rapidità nei collegamenti
Estrema flessibilità
Basse perdite di energia
Minore utilizzo di raccordi
Costi limitati
Fig. 50 Schema di impianto ad attraversamento.
Sequenza d’installazione
Per ogni utenza, posizionare la staffa di
fissaggio alla parete (cod. AF629) assicurandola con della malta.
Inserire nella staffa i raccordi terminali
di passaggio (cod. AF627) in ottone e le
valvole a sfera da incasso (cod. AF640
e AF650).
Stabilire gli interassi dei raccordi e fissarne
le posizioni con alcuni colpi di punzone.
Collegare le tubazioni ai raccordi, avendo
cura di introdurre, all’estremità del tubo, il
manicotto di sostegno prima di effettuare
le connessioni.
Per evitare dispersioni termiche sulla
linea dell’acqua calda e la formazione di
condensa su quella dell’acqua fredda è
possibile utilizzare le tubazioni preisolate
(cod. AF105B).
Computo approssimato del
materiale occorrente
Gli articoli occorrenti (ed i relativi codici)
per la realizzazione di un bagno con
impianto ad attraversamento sono elencati nella Tabella 17.
Tabella 17 - Materiale occorrente
Utenza
Lavabo
Bidet
Doccia*/vasca
Scarico wc
Derivazione da colonna
Articolo
Intercettazione
Quantità
AF627
2
Staffa
AF629
1
Raccordo di passaggio
AF627
2
Staffa
AF629
1
Raccordo di testa
AF627
2
Staffa
AF629
1
Raccordo di passaggio
AF627
1
Staffa
AF629
1
Raccordo a T ridotto
AF524
2
Tubo isolato ∅ 15 mm
Tubazione
Codice
Raccordo di passaggio
AF105B
20 m
Manicotti ∅ 15 mm
AF947
18
Manicotti ∅ 22 mm
AF934
4
Valvole a sfera da incasso
AF650
2
* In alternativa è possibile utilizzare il miscelatore con raccorderia Hep2O (Cod. AF480).
36
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Impianto con derivazioni a T
Vantaggi
• Semplicità di installazione
• Rapidità nei collegamenti
• Estrema flessibilità
Fig. 51 Schema di impianto con derivazioni a T.
Sequenza d’installazione
Per ogni utenza, posizionare la staffa di
fissaggio alla parete (cod. AF629) assicurandola con della malta.
Inserire nella staffa i raccordi terminali di
testa in ottone (cod. AF626) e le valvole a
sfera da incasso (cod. AF640 e AF650).
Stabilire gli interassi dei raccordi e fissarne le posizioni con alcuni colpi di punzone. A partire dalle linee di distribuzione,
realizzare le derivazioni per ogni utenza,
utilizzando tubazioni del diametro 15 mm
(AF505B) e raccordi a T (cod. AF521).
Collegare le tubazioni ai raccordi, avendo
cura di introdurre sempre il manicotto
di sostegno prima di effettuare le connessioni.
Computo approssimato del
materiale occorrente
Gli articoli occorrenti (ed i relativi codici)
per la realizzazione di un bagno con impianto con derivazioni a T, sono elencati
nella Tabella 18.
Tabella 18 - Materiale occorrente
Utenza
Lavabo
Bidet
Doccia*/vasca
Scarico wc
Derivazione da colonna
Tubazione
Intercettazione
Articolo
Codice
Quantità
Raccordo di testa
Staffa
Derivazione a T
Raccordo di testa
Staffa
Derivazione a T
Raccordo di testa
Staffa
Derivazione a T
Raccordo di testa
Staffa
Derivazione a T
Raccordo a T ridotto
Tubo ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 22 mm
Valvole a sfera da incasso
AF626
AF629
AF521
AF626
AF629
AF521
AF626
AF629
AF521
AF626
AF629
AF521
AF524
AF505B
AF547
AF934
AF640
(AF650)
2
1
2
2
1
2
2
1
2
1
1
1
2
20 m
28
4
2
* In alternativa è possibile utilizzare il miscelatore con raccorderia Hep2O (Cod. AF480).
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
37
Impianto ad anello chiuso
Vantaggi
•
•
•
•
•
Semplicità di installazione
Rapidità nei collegamenti
Estrema flessibilità
Ridotte perdite di carico
Minore utilizzo di raccordi
Fig. 52 Schema di impianto ad anello.
Sequenza d’installazione
Per ogni utenza, posizionare la staffa di
fissaggio alla parete (cod. AF629) assicurandola con della malta.
Inserire nella staffa i raccordi terminali
di passaggio (cod. AF627) in ottone e le
valvole a sfera da incasso (cod. AF640
e AF650).
Stabilire gli interassi dei raccordi e
fissarne le posizioni con alcuni colpi di
punzone.
Collegare le tubazioni (cod. AF505B)
ai raccordi, avendo cura di introdurre,
all’estremità del tubo, il manicotto di
sostegno prima di effettuare le connessioni.
Chiudere il circuito ad anello, utilizzando
due raccordi a T (cod. AF521).
Per evitare dispersioni termiche è possibile utilizzare le tubazioni preisolate
(cod. AF105B).
Tabella 19 - Materiale occorrente
Computo approssimato del
materiale occorrente
Gli articoli occorrenti (ed i relativi codici)
per la realizzazione di un bagno con
impianto chiuso ad anello, sono elencati
nella Tabella 19.
Utenza
Articolo
Codice
Quantità
Lavabo
Raccordo di passaggio
Staffa
AF627
AF629
2
1
Bidet
Raccordo di passaggio
Staffa
AF627
AF629
2
1
Doccia*/vasca
Raccordo di passaggio
Staffa
AF627
AF629
2
1
Scarico wc
Raccordo di passaggio
Staffa
AF627
AF629
1
1
Chiusura ad anello
Derivazione da colonna
Raccordi a T
Raccordo a T ridotto
AF521
AF524
2
2
Tubazione
Tubo ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 22 mm
AF505B
AF547
AF934
20 m
26
4
Valvole a sfera da incasso
AF640
(AF650)
2
Intercettazione
* In alternativa è possibile utilizzare il miscelatore con raccorderia Hep2O (Cod. AF480).
38
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Impianto a collettore
Vantaggi
•
•
•
•
Semplicità di installazione
Rapidità nei collegamenti
Estrema flessibilità
Intercettazioni per ogni
singola utenza
• Basse perdite di carico
• Minore utilizzo di raccordi
• Costi limitati
Fig. 53 Schema di impianto a collettore
Sequenza d’installazione
Sistemare la cassetta (cod. AF498) con i
collettori (cod. AF993 e AF994).
Per ogni utenza, posizionare la staffa di
fissaggio alla parete (cod. AF629) assicurandola con della malta.
Inserire nella staffa i raccordi terminali di
testa in ottone (cod. AF626).
Stabilire gli interassi dei raccordi e
fissarne le posizioni con alcuni colpi di
punzone.
Collegare le tubazioni (cod. AF505B) ai
raccordi e ai collettori, avendo cura di
introdurre, all’estremità del tubo, il manicotto di sostegno prima di effettuare le
connessioni.
Per valorizzare le prestazioni della tipologia di impianto a collettore, si suggerisce
l’installazione di tubi sfilabili in guaina
corrugata e la relativa raccorderia. Tali
componenti, consentono di rendere
ispezionabile l’intero impianto, dando
una maggiore sicurezza all’utente in
caso di sostituzione del tubo, di guasto
o di ispezione.
Il sistema sfilabile è descritto dettagliatamente nel capitolo dedicato allo Slider.
Computo approssimato del
materiale occorrente
Gli articoli occorrenti (ed i relativi codici)
per la realizzazione di un bagno con
impianto a collettore sono elencati nella
Tabella 20.
Tabella 20 - Materiale occorrente
Utenza
Lavabo
Bidet
Doccia*/vasca
Scarico wc
Derivazione da colonna
Tubazione
Centralina
Articolo
Codice
Quantità
Raccordo di testa
Staffa
Raccordo di testa
Staffa
Raccordo di testa
Staffa
Raccordo di testa
Staffa
Raccordo a T ridotto
Tubo ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 15 mm
Manicotti ∅ 22 mm
Collettore a 4 vie
Collettore a 3 vie
Tappi collettore
Raccordo dritto maschio
Cassetta
AF626
AF629
AF626
AF629
AF626
AF629
AF626
AF629
AF524
AF505B
AF547
AF934
AF994
AF993
AF665
AF655
AF698
2
1
2
1
2
1
1
1
2
20 m
26
4
1
1
2
2
1
* In alternativa è possibile utilizzare il miscelatore con raccorderia Hep2O (Cod. AF480).
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
39
Staffaggio dei terminali di
testa
Lo staffaggio dei terminali di testa
permette un’installazione rapida e professionale. La staffa può essere fissata
alla parete con viti e tasselli, utilizzando
gli appositi fori, oppure, piegandone le
appendici, assicurata con della malta.
A fissaggio avvenuto, infileremo i raccordi (cod. AF626, AF627 oppure
i terminali per sfilabile cod. AF680)
attraverso l’apposita fessura centrale,
facendoli poi scorrere nella posizione
finale, assegnando facilmente l’interasse
desiderato.
Con alcuni colpi di punzone sulla staffa,
come indicato sul disegno, bloccheremo
definitivamente i raccordi nelle posizioni
volute.
La nuova generazione di raccordi terminali (cod. AF626 e AF627), presentano
ora la flangia ottagonale, in modo da
poter assumere altre posizioni e facilitare
il lavoro.
Fig. 54
Staffa di fissaggio cod. AF629
Fissaggio zancato a muro
(deformare l’aletta con un attrezzo)
Fissaggio con vite e tassello
Fig. 55
Stabilire gli interassi e livellare
Fissare la posizione del raccordo
con due colpi di punzone
Raccordo terminale di passaggio
cod. AF627
Sequenza di montaggio
Per fissare la staffa ed i raccordi al
muro sono necessarie poche semplici
operazioni:
Fig. 56
1) Posizionare la staffa (cod. AF629)
alla parete con uno dei due metodi
descritti (fig. 54).
2) Stabilire gli interassi dei raccordi e
fissarne le posizioni con alcuni colpi
di punzone (fig. 55).
3) Collegare le tubazioni ai raccordi (fig.
56 e 57).
Fig. 57
Staffa di fissaggio cod. AF629
40
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Raccordo terminale di testa cod. AF626
Tel. +39 0425 75 88 11
Sistema Slider
Il Sistema sfilabile Slider
Slider è un sistema di tubi e raccordi
espressamente progettato per garantire la massima sicurezza per l’utenza.
Tutte le tubazioni del sistema Slider
realizzate in polibutilene (PB) Barrier,
possono essere infatti sfilate in caso
di ispezione o sostituzione, facendole
semplicemente scorrere nella guaina
corrugata che le contiene. I raccordi
del sistema sono tutti ad innesto rapido
quindi estremamente sicuri e, laddove
richiesto, anch’essi facilmente rimovibili, grazie alla loro particolare struttura
ed all’originale terminale in plastica.
Pronto per la posa in opera
Le tubazioni del sistema Slider sono
preinguainate in un condotto corrugato in PVC rosso o blu e fornite
in rotoli da 25 e 50 metri, quindi già
pronte per la posa in opera.
Il raccordo terminale in ottone è contenuto in una scatola murale in materiale
plastico dotata di flangia.
Il raccordo terminale in ottone, racchiuso all’interno della scatola, presenta le stesse specifiche della tubazione e sfrutta il caratteristico sistema
di innesto rapido push-fit.
Anche il collettore, disponibile a due,
tre e quattro vie, presenta la stessa
tipologia di innesto e ciascuna utenza
asservita è dotata di un rubinetto di
intercettazione con targhetta metallica
di identificazione del circuito (caldofreddo).
la particolare costruzione del raccordo
terminale e del box che lo contiene,
rendono l’eventuale operazione di sostituzione della tubazione, facile e veloce
senza obbligare a onerosi interventi di
rottura e riparazione di pavimenti e rivestimenti ceramici;
• tutte le operazioni di manutenzione
possono essere realizzate in poco
tempo ed a costi molto contenuti;
• quando necessario, tutti i lavori di
manutenzione potranno essere realizzati senza particolari difficoltà per
gli utenti. L’impiego di un impianto a
collettore infatti, consente di chiudere
la sola utenza interessata dalla riparazione e di utilizzare, senza problemi,
tutti gli altri sanitari;
• Il disegno del collettore, racchiuso
all’interno di una compatta cassetta,
rende particolarmente agevole gli inter-
venti di riparazione grazie alle targhette
di identificazione dei servizi poste su
ciascun rubinetto di intercettazione.
Il tubo Slider
Il Sistema Slider è fornito già pronto per
la sua posa in opera. L’operatore dovrà
solo tagliare il tubo Slider nella misura
occorrente e connetterlo ai terminali
ed al collettore che avrà predisposto in
precedenza.
La flessibilità e l’elasticità del sistema
Slider permettono un’installazione
semplice e garantiscono una sfilabilità
nel tempo.
Il tubo Slider, da 15 e 22 mm di diametro è venduto in rotoli da 25 e 50 m con
guaina di colore rosso e blu.
I vantaggi di Slider
La qualità dei materiali costituenti i
componenti del sistema, la tecnologia
d’avanguardia e le elevate prestazioni
derivanti da una tipologia di impianto “a
collettore” rendono Slider un sistema
in grado di offrire una notevole serie
di vantaggi sia in fase di posa in opera
che di utilizzo finale:
• la caratteristica flessibilità del tubo e
www.wavin.it
Fig. 58 Tubo Slider in rotolo con guaina rossa e blue.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
41
Guaina corrugata
Collettore
La guaina corrugata in PVC rossa o blu,
è molto flessibile e facilmente modellabile, ma resistente. Durante le operazioni di ispezione e riparazione, la guaina
permette lo scorrimento della tubazione
in PB senza lesionarsi.
Si raccomanda di utilizzare l’apposita
testina guida tubo progettata allo scopo
di consentire un agevole inserimento.
I collettori sono disponibili in varie versioni per tubi da 15 mm e da 22 mm
(vasche idromassaggio, etc). Ogni uscita è dotata di un rubinetto di intercettazione. Le uscite dei collettori sono ad
innesto rapido.
Il corpo del collettore è dotato di un
dispositivo di collegamento che evita
problemi di allineamento che si presentano inevitabilmente al momento della
giunzione di due o più collettori.
Il dado, munito di O-Ring, situato lateralmente, può essere serrato senza
dover ruotare tutto il pezzo, garantendo, inoltre, una perfetta tenuta idraulica.
Come ultimo accorgimento, si consiglia, in fase di installazione, di eseguire non più di due curve, evitando di
applicare raggi minimi di curvatura. Ciò
garantisce una perfetta sfilabilità del
sistema, anche a distanza di anni, ed
un minore stress sulle tubazioni.
42
Cassetta
Le cassette di ispezione sono realizzate
in plastica (fig. 61).
Possono contenere collettori fino a un
massimo di 7 uscite. Le cassette hanno
le seguenti dimensioni:
- 320x260x95 (Cod. AF698)
- 400x260x95 (Cod. AF498)
- 500x260x95 (Cod. AF598)
Non è necessario forzare i collettori
per allinearli!
Fig. 61 Cassetta.
Le manopole dei rubinetti, di colore verde, sono dotate di targhette reversibili
(acqua calda - acqua fredda) in alluminio con l’indicazione delle utenze.
Terminali
Fig. 59 Manopola con targhetta.
Fig. 62 Terminale.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
I terminali sono costituiti dai seguenti
componenti: scatola murale in plastica,
morsetto in gomma per l’innesto del tubo
corrugato, raccordo in ottone e viti di fissaggio.
Tel. +39 0425 75 88 11
Scatola murale
Raccordo terminale
La scatola murale di colore verde ha
una profondità di 50 mm, un’altezza
di 81,5 mm e un diametro di 48 mm,
mentre quella bianca ha una profondità di 59 mm, un’altezza di 91,5 mm
e un diametro di 57 mm.
Il raccordo terminale, in ottone, è progettato per poter essere perfettamente
inserito nella scatola murale nonché
facilmente sfilato in caso di ispezione o
riparazione. Esso è collegato alla scatola mediante due viti di fissaggio.
Fig. 63 Installazione Sistema Slider.
Fig. 64 Staffa di fissaggio.
Fig. 65 Terminali Slider staffati.
Fig. 66 Esempio: Installazione Sistema Slider.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
43
Settori di applicazione
Il sistema Slider trova la sua specifica applicazione negli impianti sanitari per la distribuzione di acqua calda e fredda.
La tipologia distributiva più idonea è senza dubbio quella a collettore che gode del vantaggio di avere le singole utenze
indipendenti le une dalle altre. Ciò garantisce, non solo una gestione più razionale dell’erogazione, ma facilita un possibile
intervento sui servizi, permettendo di gestire ogni singola utenza in modo indipendente anche in fase di manutenzione.
Vantaggi
• Semplicità di installazione.
• Intercettazione delle singole utenze.
• Possibilità di riparazione
o manutenzione senza rottura
di pavimenti e rivestimenti.
• Elevata flessibilità.
• Perdite di carico ridotte.
• Alta tecnologia a costi contenuti.
Fig. 67 Schema di impianto a collettore.
Sequenza d’installazione
1 - Individuare la posizione più idonea
per la cassetta che conterrà i collettori, in modo da ottenere il percorso
più lineare. Collocare quindi i collettori.
2- Una volta aperte le tracce si può
procedere a collocare le staffe di
fissaggio posizionandone una per
ogni utenza. La staffa va fissata nel
muro con della malta.
3 - Inserire i raccordi terminali senza
fissarli.
4 - Srotolare il tubo Slider e tagliare,
utenza per utenza, i tratti di tubo
necessari.
5 - Inserire il manicotto di sostegno
nell’estremità di ciascun tubo da
raccordare.
6 - Per poter eseguire la giunzione agevolmente, sfilare il terminale dalla
staffa, effettuare la giunzione, quindi
sistemarlo nuovamente nella sua
sede. Per verificare la corretta esecuzione del raccordo, tirare il tubo
con forza.
7 - Connettere l’altra estremità del
tubo al collettore.
8 - Una volta eseguiti correttamente i
collegamenti, fissare i raccordi alla
44
scatola tramite le viti di fissaggio
e i terminali alla staffa bloccandoli
con alcuni colpi di punzone.
9 - Fissare le tubazioni a terra con
della malta per evitare che si spostino durante i lavori o nel successivo getto del massetto.
10 - Una volta eseguiti tutti i collegamenti è possibile procedere al col-
laudo dell’impianto chiudendo tutte
le utenze con gli appositi tappi per
collaudo.
Computo approssimato del
materiale occorrente
Gli articoli occorrenti (ed i relativi codici) per la realizzazione di un bagno tipo,
sono elencati nella Tabella 21.
Tabella 21 - Materiale occorrente per un bagno tipo
Utenza
Lavabo
Bidet
Doccia* o Vasca
WC
Distribuzione
Tubazione
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Articolo
Codice
Quantità
Terminale
AF780
2
Rosone
AF746
2
Staffa
AF629
1
Terminale
AF780
2
Rosone
AF746
2
Staffa
AF629
1
Terminale
AF780
2
Rosone
AF746
2
Staffa
AF629
1
Terminale
AF780
1
Staffa
AF629
1
Collettore 4 vie
AF994
1
Collettore 3 vie
AF993
1
Tappo collettore
AF665 - AF666
2
Cassetta
AF698
1
Tubo rosso o blu
AF913B o AF914B
25 m
Manicotti
AF947
14
Tel. +39 0425 75 88 11
Intervento di sostituzione
Cosa evitare
Nel caso in cui si debba procedere ad
un’ispezione dell’impianto ed eventualmente ad una sostituzione, le operazioni da eseguire sono le seguenti:
Curve strette
Sostituzione del tubo
1. Aprire la cassetta di distribuzione,
individuare l’utenza interessata dalla
riparazione, chiudere il rubinetto.
Rimuovere il tubo con l’apposita
Hepkey oppure tagliarlo direttamente sotto il collettore.
In fase di installazione è sempre opportuno evitare curve troppo strette e tragitti tortuosi nei tratti di tubazione tra il
collettore e le singole utenze al fine di
garantire sempre la perfetta sfilabilità
del sistema.
Il raggio minimo di curvatura non deve
essere inferiore a 8 volte il diametro
esterno della tubazione corrugata.
2. Rimuovere il rubinetto di utenza e
relativo rosone.
3. Avvitare il tappo per il collaudo al
terminale Slider e svitare le viti di fissaggio del raccordo alla scatola.
4. Avvitare la testina doppia per sostituzione tubo (Cod. AF807 - vedi Fig.
60) ad una estremità del tubo da sfilare e l’altra all’estremità del tubo da
infilare.
5. Sfilare tutto: contemporaneamente
viene inserito il nuovo tratto di tubo
nel corrugato.
Lubrificazione dell’O-Ring
Ogni volta che si esegue il riassemblaggio di un raccordo è necessario
lubrificare solo l’O-Ring prima di riposizionare tutte le parti interne.
Usare sempre il lubrificante in spray
Cod. AF674.
Fig. 68 Raggio min. di curvatura: R = 8 D.
Verifica dell’integrità del tubo
Prima di ogni connessione, accertarsi
che sulla superficie esterna della tubazione (in modo particolare nella sua
parte terminale oggetto di raccordo)
non vi siano rigature o abrasioni di
qualsiasi tipo anche un piccolo solco,
in corrispondenza dell’O-Ring, può
compromettere la tenuta.
Fig. 60 Testina doppia.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
45
Sistema Heptherm
Sistema ad innesto rapido
per impianti di riscaldamento Heptherm
Il sistema Heptherm per la realizzazione
di impianti di riscaldamento anche di
tipo tradizionale è costituito da tubazioni preisolate in polibutilene, raccorderia ad innesto rapido, cassette e collettori.
Le tubazioni standard utilizzate per
la linea Heptherm usufruiscono delle
stesse giunzioni Hep2O.
Le tubazioni Heptherm standard conservano gli stessi requisiti di leggerezza, elasticità, praticità, maneggevolezza e resistenza del tubo Barrier, ma
le tubazioni Heptherm non sono idonee
al passaggio di acqua potabile.
I tubi Heptherm sono realizzati in polibutilene PB di colore bianco e sono
venduti solo preisolati in rotoli da 50 e
100 m e nei diametri da 15 mm, 22 mm,
e 28 mm.
L’isolamento è garantito da una guaina
in polietilene (PE) espanso a struttura
cellulare chiusa, con pellicola antigraffio di colore rosso (spessore 6 e 9 mm).
Fig. 70 Collettori in PB lineari da 3/4”.
Il terminale cod. AF727 che unisce in un
unico componente due articoli diversi:
un raccordo push-fit da innestare al
tubo in PB e un tronchetto curvo di
rame ricotto e nichelato da innestare
alla valvola.
Fig. 71 Collettori in ottone per riscaldamento.
Raccordi speciali
Fig. 69 Tubazioni Heptherm preisolate.
Componenti per impianti di
riscaldamento
Per l’allaccio alle tubazioni Heptherm
ed il collegamento ai radiatori è disponibile una serie di raccordi in ottone,
valvole e detentori, anche termostabilizzabili. Tutti questi componenti sfruttano la modalità di giunzione ad innesto
rapido.
Il sistema, è in grado di offrire componenti che permettono l’utilizzo di valvole
e detentori di tipo tradizionale, come il
tronchetto di riduzione in rame (diametri
15-14 mm).
Fig. 73 Terminale con tronchetto in rame
(cod. AF624 e AF727).
L’estremità del tronchetto in rame (cod.
AF624) da 15 mm è idonea per l’innesto
push-fit dei raccordi Hep2O.
La particolare svasatura non danneggia
l’O-Ring durante l’inserimento.
Sono disponibili valvole e detentori ad
innesto rapido.
Cassetta e Collettori
Sono disponibili cassette e collettori
per riscaldamento:
- da 3/4” da 3 a 8 vie;
- da 1” da 7 a 10 vie ;
Collettori in PB:
- da 3/4” lineari doppi e ciechi.
46
Fig. 72 Tronchetto di riduzione in rame (cod.
AF624).
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Fig. 74 Coppia valvola termostatizzabile e
detentore, testina termostica (cod. AF576 e
cod. AF569).
Tel. +39 0425 75 88 11
Installazione del sistema
ad innesto rapido per
impianti di riscaldamento
Esempi di installazione
Installare la cassetta e i collettori Heptherm, quindi procedere al collegamento
dei tubi con i radiatori in una delle modalità di seguito suggerite.
Fig. 75 Esempi di installazione.
Attacco diretto:
come mostra l’esempio sotto, si
può effettuare direttamente il collegamento al radiatore, rispettando
la curvatura massima consigliata
(r min = 8 D) e solo nel caso in cui lo
spessore di muratura lo consente.
Collegarsi alla valvola e al detentore
con attacco predisposto Push-Fit
(cod. AF571 o AF572, oppure utilizzando la valvola termostabilizzabile
cod. AF576).
Fig. 76 Attacco diretto.
www.wavin.it
Attacco tramite raccordo a gomito:
nell’esempio sotto è mostrato come
collegarsi al radiatore tramite i raccordi
a gomito (cod. AF511). Per collegarsi a
valvole con attacco rame è disponibile
il tronchetto di riduzione in rame (cod.
AF624) con diametri 15 mm PB e 14
mm Rame.
Fig. 77 Attacco tramite raccordo a gomito.
Attacco tramite terminale curvo:
per le sue caratteristiche questo
componente (cod. AF727) permette
l’installazione di valvole con attacco
rame.
Fig. 78 Attacco tramite terminale curvo.
Sistemi di adduzione idrica
Wavin Hep O Manuale
e riscaldamento
in Tecnico
Polibutilene
2
47
Collegamenti a caldaie e scaldacqua
Il sistema Hep2O può essere collegato direttamente alle caldaie solo se i raccordi
di attacco sono posizionati sul pannello esterno della caldaia a 350 mm dalla fonte
di calore e le caldaie sono corredate di dispositivi di controllo e di sicurezza previsti dalle norme. Quando non è possibile soddisfare i criteri per il collegamento
diretto a una caldaia, deve essere installato un moncone di tubo di rame di almeno
un metro tra il generatore di calore e l’inizio del sistema Hep2O.
In tutti i casi che comprendono scaldacqua istantanei, riscaldatori per caravan,
ecc. assicurarsi che gli apparecchi siano provvisti dei necessari termostati e interruttori a relé termico per garantire che le condizioni di funzionamento non superano i limiti di pressione e temperatura riportati in Tabella 13 - pag. 19.
Si raccomanda di non utilizzare il sistema Hep2o per la realizzazione di tubazioni di
sicurezza o collegamenti a valvole di sicurezza o scarico termico.
Nota: Durante l’avviamento è importante verificare che tutta l’aria intrappolata
sia stata eliminata dal sistema di riscaldamento prima di far funzionare la caldaia.
‘Sacche’ d’aria possono influire sulla circolazione e danneggiare il corretto funzionamento dei controlli della temperatura causando un pericolo di surriscaldamento.
La gamma Hep2O prevede un raccordo di collegamento a serbatoi o vasi di accumulo.
Fig. 79 Raccordo di collegamento per serbatoi Hep2O.
48
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Informazioni importanti
Congelamento per manutenzione/modifica sistema
Il tubo Hep2O può essere congelato
per manutenzione/riparazioni senza
danneggiare il sistema. In caso di congelamento, seguire le istruzioni del
fabbricante. Congelare sempre ad una
distanza ragionevole dal punto in cui
deve essere tagliato il tubo.
Verniciatura di Hep2O
Hep2O può essere verniciato. In
effetti, la verniciatura è fortemente
consigliata per applicazioni all’aperto
per proteggere il tubo dagli effetti
della luce solare e delle radiazioni
ultraviolette. La verniciatura con vernice ad emulsione è preferibile, ma
è possibile utilizzare anche vernice
lucida a base d’olio insieme alla mano
di fondo. Prima della verniciatura,
assicurarsi che tutte le superfici siano
pulite, prive di grasso e asciutte. Non
devono essere utilizzate vernici a
base di cellulosa, diluenti o solventi
per sverniciare.
Uso di inibitori della corrosione
La corrosione dei metalli è un pericolo
in tutti gli impianti, pertanto è essenziale che le possibili cause di corrosione vengano ridotte al minimo.
Per fornire una protezione massima del
sistema, indipendentemente dal materiale del tubo, tutti i circuiti di riscaldamento devono essere protetti utilizzando un inibitore. Fernox e Sentinel
sono stati testati e sono idonei all'uso
con il tubo e i raccordi Hep2O.
L’ossigeno sarà sempre presente in
tutti i sistemi dato che può entrare
attraverso vari punti. Il tubo Barrier
Hep2O incorpora una barriera aggiuntiva per ridurre l’entrata di ossigeno
attraverso la parete del tubo.
www.wavin.it
Antigelo
Cloro
Gli antigelo a base di miscele di glicole
di etilene non hanno effetti negativi su
Hep2O.
Particolare attenzione va posta qualora l’acqua circolante abbia un tenore
in cloro libero superiore a 0.2 ppm (si
ricorda che il D.M. 236/88 indica un
valore guida VG= 0.2 ppm), in questo
caso raccomandiamo l’utilizzo di tubazioni in barre e, per i cambi di direzione,
di raccordi a gomito.
Lo stress indotto dalla curvatura del
tubo infatti, in combinazione con un
elevato tenore in cloro dell’acqua circolante, può provocare danneggiamenti sulle tubazioni noti come lesioni
da “Enviromental Stress Cracking”
(ESC) tipici di tutte le tubazioni plastiche.
Tuttavia, concentrazioni elevate di cloro
hanno un effetto dannoso sui tubi in
plastica. Pertanto Hep2O non è idoneo
all’uso in sistemi in cui l’acqua trasportata contiene un’alta concentrazione
di cloro, come ad esempio piscine o
impianti d’acqua decorativi.
Sicurezza elettrica
Hep2O non conduce l’elettricità e pertanto non esistono rischi di folgorazione.
Trattamento
legno
anti-tarlo
del
Al momento di fare un trattamento
contro i tarli o il marciume, le soluzioni
a base d’acqua sono generalmente
accettate ed è preferible effettuare tali
trattamenti spray prima di installare
Hep2O. Se questo non è possibile,
occorre fare attenzione e proteggere il
tubo e i raccordi Hep2O prima del trattamento. Non utilizzare trattamenti a
base di solventi.
Installazioni all’aperto
In caso di installazione di Hep2O
all’aperto o in un ambiente non riscaldato, esso deve essere protetto dal
gelo.
Hep2O deve essere protetto dagli effetti
delle radiazioni ultraviolette mediante
verniciatura o isolamento termico.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
49
Collaudi
Prove di pressione
Procedura di prova
Come previsto dalla normativa vigente,
l’impianto deve essere sempre sottoposto a collaudo prima della copertura
delle tracce. Un rigoroso test di pressione permette di accertare se l’installazione è avvenuta correttamente, se le
giunzioni sono state ben eseguite e se
ci sono difetti nel materiale.
Si può seguire il metodo consigliato
dalla Norma UNI 9182:
1. Scollegare tutti i componenti nonHep2O che non sono in grado di resistere alla pressione di prova.
1. Collegare l’impianto ad una pompa
ad acqua provvista di manometro;
2. Eliminare l’aria eventualmente presente nelle tubazioni e portare la
pressione di prova ad un valore
pari a 1,5 volte quello massimo di
esercizio, con un minimo di 6 bar (si
consiglia di effettuare la prova a 10
bar);
3. Lasciare l’impianto sotto pressione
per circa quattro ore così come da
norma UNI 9182 par. 27.1;
4. Ridurre la pressione a circa 1 bar ed
attendere circa 2 ore.
2. Chiudere tutte le estremità aperte
con i tappi di chiusura Hep2O (vedi
pag. 30).
3. Collegare la pompa prova impianti
al sistema Hep2O con un raccordo
filettato.
4. Chiudere la valvola V2 e aprire la valvola V1 (vedi Fig. 81).
5. Riempire il sistema da testare completamente con l’acqua e scaricare
tutta l’aria.
6. Aumentare la pressione al valore di
prova e chiudere la valvola V1 (vedi
Fig. 81).
7. Alla fine del tempo di prova, controllare la pressione sul manometro. In
assenza di una riduzione della pressione, il sistema è stagno.
8. Aprire la valvola V1 e V2 per liberare
la pressione e scaricare il sistema se
necessario.
Fig. 80 Test di pressione.
Nota: Il test di prova impianti NON
elimina la necessità di dover controllare che il tubo sia inserito correttamente nei raccordi Hep2O. Questo è
ottenuto rispettando la procedura di
collegamento In4Sure™, come indicato a pag. 24.
Indicatore
Valvola 1
Valvola 2
Fig. 81 Kit della prova di pressione.
50
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Applicazioni speciali
Imbarcazioni
Camper
Hep2O è leggero e resistente alla corrosione. Ideale per le applicazioni marine.
Hep2O è la soluzione ideale per i camper, grazie alla leggerezza e alla flessibilità che consentono il montaggio in
spazi ristretti. La resistenza alla corrosione e al gelo rende Hep2O la soluzione migliore per questa applicazione.
La flessibilità del tubo Hep2O rende
possibile l’installazione attraverso le
cavità interne delle imbarcazioni,
nascondendolo facilmente dietro le
paratie. Inoltre, la flessibilità meccanica del sistema Hep2O consente di
assorbire le vibrazioni del motore e la
forza del mare che può causare rotture o allentamenti nelle giunzioni saldate o a compressione. Hep2O è resistente alla corrosione elettrolitica.
www.wavin.it
Edifici mobili, cabine di cantiere, toilet, ecc.
Fiere e Manifestazioni
Facile da installare e smontare, Hep2O
è la soluzione ideale, la temporaneità
dell’evento associata alla flessibilità
del sistema permettono montaggi e
smontaggi regolari. Il sistema Hep2O
risponde a tutti i requisiti per versatilità
e convenienza.
La gamma Hep2O comprende tutti gli
articoli necessari per la realizzazione di
impianti in strutture prefabbricate.
Agricoltura e orticoltura
La durata intrinseca e la resistenza alla
corrosione e al freddo fanno di Hep2O
la soluzione ideale per molte applicazioni nel settore dell’agricoltura e orticoltura. Le applicazioni tipiche comprendono i sistemi di distribuzione
idrica nelle stalle, negli abbeveratoi e
nei sistemi di distribuzione per serre.
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
51
Rilevamento guasti
1. La giunzione perde
Nota: L’acqua gela a 0°C e
aumenta il volume del 9%. Il
tubo Hep2O può assorbire questo
aumento di volume senza rotture, ma se il sistema contiene
componenti metallici la pressione
extra generata dall’incremento di
volume può spaccare i raccordi.
Probabili cause:
3. Fusione del tubo o del raccordo
Nella improbabile eventualità che si
verifichi un problema, le note che
seguono saranno utili per identificare la
causa:
Problemi Tipici
Probabili cause:
a. Tubo molto rigato o graffiato.
Prova: Ispezione visiva del tubo.
b. Il tubo non correttamente inserito,
non è a contatto con l’O-ring.
Prova: La giunzione perde, ma il
tubo resta nel raccordo.
c. Sbavature sotto l’O-ring (normalmente accade se il tubo è stato
tagliato con un seghetto a mano).
Prova: Contaminazione evidente
all’esame visivo dei componenti.
d. O-ring è stato danneggiato a causa
dell'inserimento di un tubo di rame
non
correttamente
smussato,
oppure il manicotto di sostegno non
è stato installato.
Prova: Causa evidente all’esame
visivo del componente.
2. Raccordi spaccati
Probabile causa:
Formazione di ghiaccio all’interno di
un sistema che presenta tubazioni in
metallo, o in prossimità di rubinetti in
metallo.
Prova: Spaccatura del raccordo.
a. Il punto di fusione del polibutilene
è di 125°C.
Il contatto diretto con fiamme
libere o sorgenti calde può causare la fusione del tubo.
Nota: Se i componenti del sistema
devono essere analizzati dal produttore, si consiglia di rimuovere
la parte o componenti danneggiati,
tenendo in considerazione che
per i test di pressione occorrono
almeno 100 mm. Se è possibile
fornire almeno un metro di tubo,
marcando le eventuali zone danneggiate.
Quanto sopra si riferisce a possibili
malfunzionamenti che derivano generalmente da una installazione o dalle
condizioni di funzionamento non corrette.
Seguendo le procedure e le avvertenze
contenute in questa guida questi problemi possono essere evitati.
b. L’acqua e il vapore all'interno del
tubo raggiungono temperature
superiore ai normali livelli di sicurezza e malfunzionamento della
caldaia. Ciò è molto raro e nel
caso in cui si verifichi, è necessario effettuare un esame completo
dei sistemi di riscaldamento e dei
dispositivi di sicurezza.
Prova: L’esame visivo mostra
che il materiale è deformato. La
superficie del materiale può apparire ‘lucida’.
In caso di dubbi, sottoporre il tubo
e il raccordo all’esame del Laboratorio di Controllo Qualità Wavin per
un’ulteriore analisi.
SERVIzIO DI CONSULENzA
I nostri tecnici sono a Vostra disposizione per soddisfare le vostre
richieste. Potete inoltre scrivere all’indirizzo e-mail: [email protected]
Per informazioni consultare il nostro sito: www.wavin.it.
52
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
Resistenza alle soluzioni chimiche
Resistenza a soluzioni chimiche diverse
Le particolari caratteristiche del PB, consentono l’utilizzo delle tubazioni del
sistema Hep2O anche per il trasporto di fluidi diversi dall’acqua.
La Tabella 22 riporta gli effetti e, di conseguenza, le possibilità di utilizzo delle
tubazioni, per ciascuna sostanza in elenco.
Si precisa in ogni caso che i dati ivi riportati sono relativi a prove eseguite
esclusivamente sulle tubazioni in Polibutilene e non sull’intero Sistema (raccorderia Hep2O).
Pertanto qualora le tubazioni siano utilizzate in combinazione con componenti di
materiale diverso, occorre necessariamente verificare anche la resistenza di questi ultimi alla sostanza in oggetto.
Così ad esempio, prima di procedere all’installazione con i raccordi Hep2O, è
necessario verificare che sia ottimale anche la resistenza dell’O-Ring di tenuta
idraulica realizzato in EPDM, dell’acciaio della griffa, etc.
Si precisa, infine, che il sistema Hep2O è prodotto e garantito solo per il trasporto
di acqua in impianti sanitari e termici e non per altri usi.
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
53
Tabella 22 - Resistenza del polibutilene a sostanze chimiche diverse
S = soddisfacente M = apprezzabili effetti dovuti all’attacco chimico U = non soddisfacente, sconsigliato
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Acetaldeide
Acetato (solvente) - grezzo
Acetato (solvente) - puro
Acetato di amile
Acetato di butile
Acetato di etile
Acetato di nichel
Acetato di piombo
Acetato di sodio
Acetilene
Aceto
Acetone
Acido acetico 0 - 10%
Acido acetico 10 - 20%
Acido acetico 20 - 30%
Acido acetico 30 - 60%
Acido acetico 80%
Acido acetico - glaciale
Acido acetico - vapori
Acido adipico
Acido arsenico 80%
Acido antrachinoesolfonico
Acido benzoico
Acido borico
Acido butirrico 20%
Acido carbonico
Acido cloracetico
Acido clorosolfonico
Acido cromico 10%
Acido cromico 25%
Acido cromico 30%
Acido cromico 40%
Acido cromico 50%
Acido citrico
Acido cresilico
Acido fluosilico
Acido formico
Acido gallico
Acido glicolico
Acido bromidrico 20%
Acido cloridrico 0 - 25%
Acido cloridrico 25 - 40%
Acido cianidrico
Acido fenico
Acido fluoridrico 4%
Acido fluoridrico 10%
Acido fluoridrico 48%
Acido fluoridrico 60%
Acido idrofluosilico
Acido lattico 28%
Acido maleico
Acido malico
54
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
M
U
S
M
S
M
S
M
U
M
U
S
S
S
S
S
S
M
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
M
U
S
M
S
M
S
S
M
U
S
S
S
S
S
M
S
S
U
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
U
U
S
S
S
M
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Acido solforico di metilico
Acido nicotinico
Acido nitrico 10%
Acido nitrico 20%
Acido nitrico 35%
Acido nitrico 40%
Acido nitrico 60%
Acido nitrico 68%
Acido nitrico - anidro
Acido ossalico
Acido perclorico 10%
Acido perclorico 70%
Acido fosforico 1- 25%
Acido fosforico 50 - 75%
Acido picrido
Acido di potassio solfato
Acido selenico
Acido silicido
Acido stearico
Acido solforico 0 - 10%
Acido solforico 10 - 30%
Acido solforico 30 - 50%
Acido solforico 50 - 75%
Acido solforico 75 - 90%
Acido solforico 95%
Acido solforoso
Acido tannico
Acido tartarico
Acidi grassi
Acqua demineralizzata
Acqua distillata
Acqua di miniera salata
Acque nere (mft. carta)
Acqua ossigenata 30%
Acqua ossigenata 50%
Acqua ossigenata 90%
Acqua potabile
Acqua regia
Acqua salata
Acqua salmastra
Acque verdi (mft. carta)
Acqua di cloro
Alcool allilico 96%
Alcool amilico
Alcool butilico
Alcool etilico 0 - 50%
Alcool etilico 50 - 98%
Alcool isopropilico
Alcool metilico
Alcool propilico
Allume
Allume di cromo
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
S
S
S
S
M
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
S
S
U
U
U
U
S
S
S
S
S
M
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
M
U
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
U
U
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
S
S
Tel. +39 0425 75 88 11
Tabella 22 - Resistenza del polibutilene a sostanze chimiche diverse (segue)
S = soddisfacente M = apprezzabili effetti dovuti all’attacco chimico U = non soddisfacente, sconsigliato
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Ammoniaca (gas)
Ammoniaca (liquefatta)
Anidride acetica
Anidride carbonica (sol. acquosa)
Anidride carbonica (gas liquido)
Anilina
Antrachinone
Asfalto
Bagno coagulante di raion
Barbabietola (liquido)
Benzaldeide
Benzina
Benzoato di sodio
Birra
Bifluoruro di ammonio
Bisolfato di calcio
Bisolfato di sodio
Bisolfuro di carbonio
Bicarbonato di potassio
Bicarbonato di sodio
Bicromato di potassio
Borato di potassio 1%
Borace
Bromato di potassio 10%
Bromo - liquido
Bromo - acqua
Bromuro di potassio
Bromuro di sodio
Butano
Butanolo - primaria
Butanolo secondaria
Canna da zucchero - liquido
Candeggio - 12,5% Cl attivo
Carbonato di potassio
Carbonato di sodio
Chimici fotografici
Caseina
Cellosolve
Cianuro di mercurio
Cianuro d’argento
Cianuro di potassio
Cianuro di rame
Cianuro di sodio
Cianuro di zinco
Cicloesanolo
Cicloesanone
Latte, melassa, olio
Clorobenzene
Cloroidrato di anilina
Clorato di calcio
Clorato di potassio
Clorato di sodio
www.wavin.it
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
S
S
S
M
U
U
S
S
S
S
M
M
M
U
S
S
S
S
S
S
M
U
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
M
U
S
S
S
S
S
S
U
U
M
U
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
S
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Cloridrico - acido 0 - 25%
Cloridrico - acido 25 - 40%
Cloro (gas secco)
Cloro (gas umido)
Cloro (acqua di)
Cloroformio
Cloruro di allilico
Cloruro di ammonio
Cloruro di alluminio
Cloruro di amile
Cloruro di bario
Cloruro di calcio
Cloruro ferrico
Cloruro ferroso
Cloruro di metilene
Cloruro di magnesio
Cloruro di mercurio
Cloruro di nichel
Cloruro di potassio
Cloruro metilico
Cloruro di rame
Cloruro di sodio
Cloruro di stannico
Cloruro di stannoso
Cloruro di tionile
Cresolo
Cromato di potassio
Carbonato di ammonio
Carbonato di bario
Carbonato di Bismouth
Carbonato di calcio
Carbonato di magnesio
Diottiftalato
Etere
Etere etilico
Etilene bromidro
Etilene cloridrina
Etile di chetone metilico
Etilene di cloruro
Eptano
Esano
Esano terziario
Ferricianuro di potassio
Ferricianuro di sodio
Fluoruro di alluminio
Fluoruro di ammonio 25%
Fluoruro di potassio
Fluoruro di rame
Fluoruro di sodio
Formaldeide
Freon 12
Fruttosio
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
U
U
U
U
U
U
U
U
U
U
M
U
S
S
S
S
S
S
M
M
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
U
U
M
U
U
U
U
U
S
M
S
S
U
U
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
55
Tabella 22 - Resistenza del polibutilene a sostanze chimiche diverse (segue)
S = soddisfacente M = apprezzabili effetti dovuti all’attacco chimico U = non soddisfacente, sconsigliato
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Fosforo di idrogeno
Fosfato di ammonio - ammoniacal
Fosfato di ammonio - neutro
Fosfato di sodio - acido
Fosfato di trisodio
Frutta - polpa e succo
Gas di fluoruro secco
Gas di fluoruro liquido
Gas di cockeria
Gas - prodotto artificialmente
Gasolio raffinato
Gasolio acido
Gasolio bianco
Gelatina
Glucosio
Glicerina
Glicole
Glicole etilenico
Idrato di alluminio
Idrato di ammonio
Idrato di bario
Cromato di zinco
Destrina
Destrosio
Dicromato di potassio 40%
Dimetilammina
Idrogeno solforato (sol. acquosa)
Idrogeno solforato secco
Idrochinone
Iodio (in alcool)
Ipoclorito di calcio
Ipoclorito di sodio
Kerosene
Liquidi di carta (mft. carta)
Liquori
Liquori di concia
Metafostato di ammonio
Metano secco
Metano liquido
Mercurio
Monossido di carbonio
Nafta (contenente H2SO4)
Naftalene
Nicotina
Nitrato di alluminio
Nitrato di ammonio
Nitrato di calcio
Nitrato d’argento
Nitrato di magnesio
Nitrato di mercurio
Nitrato di nichel
Nitrato di potassio
56
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
M
U
S
M
S
M
U
U
U
U
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
M
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
M
S
S
S
S
U
U
M
U
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
S
S
S
S
S
S
S
S
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Nitrato di rame
Nitrato di sodio
Nitrato ferrico
Nitrato di zinco
Olio di ricino
Olio di noce di cocco
Olio per anime
Olio di semi di cotone
Olio grezzo amaro
Olio grezzo dolce
Olio di lardo
Olio di lino
Olio lubrificante
Oli minerali
Oli e grassi
Idrato di calcio
Idrato di cloralia
Idrato di magnesio
Idrato di potassio 10%
Idrato di potassio 20%
Idrato di sodio 10%
Idrato di sodio 35%
Idrato di sodio saturo
Idroclorato di anilina
Idrogeno
Saponi
Silicato di sodio
Sodio nitrico
Soda caustica
Solfato di acido sodico
Solfato di alluminio
Solfato di ammonio
Solfato di bario
Solfato di calcio
Solfato ferrico
Solfato di ferroso
Solfato di magnesio
Solfato di nichel
Solfato di potassio
Solfato di rame
Solfato di sodio
Solfato di zinco
Solfito di sodio
Solfuro di ammonio
Solfuro di bario
Solfuro di potassio
Oleum
Ossicloruro di alluminio
Mangime di allevamento (pesce)
Persolfato di ammonio
Persolfato di potassio
Permanganato di potassio 10%
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
U
M
U
S
M
S
S
S
S
M
U
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
M
S
S
M
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
Tel. +39 0425 75 88 11
Tabella 22 - Resistenza del polibutilene a sostanze chimiche diverse (segue)
S = soddisfacente M = apprezzabili effetti dovuti all’attacco chimico U = non soddisfacente, sconsigliato
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Propano
Potassa caustica
Salamoia
Sali diazoici
Solfuro di sodio
Solubili di pesce
Soluzioni per argentatura
Soluzioni di Stoddards
Tiocianato di ammonio
Tiosolfato di sodio
Tetracloruro di carbonio
Triossido di solforosa
www.wavin.it
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
S
S
M
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
M
U
SOSTANZE ESAMINATE
(solidi in soluzione satura se non indicato diversamente)
Tetraidrofurano
Toluene
Tricloroetilene
Tricloruro di antimonio
Tritanolamina
Trifluoruro di boro
Trementina
Urea
Urina
Vini distillati
Whisk y
Xilene
TEMPERATURA
23 °C
60 °C
M
U
U
U
U
U
S
S
S
S
S
S
U
U
S
S
S
S
S
S
S
S
U
U
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
57
Appunti
58
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
59
Appunti
60
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
61
Appunti
62
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
www.wavin.it
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
63
Appunti
64
Wavin Hep2O Manuale Tecnico
Tel. +39 0425 75 88 11
WH - Giugno - 2015
Hep2O
MANUALE TECNICO
Scopri la nostra gamma prodotti
www.wavin.it
Wavin Hep2O
Gestione acque meteoriche | Riscaldamento & Raffrescamento | Distribuzione sanitaria
Sistemi di scarico e fognature | Condotte acqua e gas
Via Boccalara, 24 | 45030 S.M. Maddalena | Rovigo
Tel. +39 0425 758811
www.wavin.it | [email protected]
© 2015 Wavin Italia Spa
Wavin Italia SpA, per meglio soddisfare le necessità del
Cliente, opera un programma di continuo sviluppo dei
propri prodotti e si riserva il diritto di apportare agli stessi
tutte le modifiche che riterrà opportune per logiche tecniche
e commerciali. Tutte le informazioni contenute in questa
pubblicazione sono fornite in buona fede e ritenute corrette
al momento della stampa. Ci scusiamo sin d’ora per ogni
possibile errore sfuggito alla nostra azione di verifica, ed
invitiamo tutti gli utilizzatori a segnalarci le Loro osservazioni.
WH - Giugno - 2015
Wavin Italia s.p.a.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement