Documento PDF - AMS Tesi di Laurea

Documento PDF - AMS Tesi di Laurea
ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITÀ DI BOLOGNA
SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA
- Sede di Forlì -
CORSO DI LAUREA
IN INGEGNERIA AEROSPAZIALE
Classe: L-9
ELABORATO FINALE DI LAUREA
in
Impianti Aerospaziali
PROGETTO E REALIZZAZIONE DI UN DISPOSITIVO DI CONTROLLO E
GESTIONE REMOTO PER UN SISTEMA DI TRACKING SATELLITARE
(ALMATRACKER)
CANDIDATO
RELATORE
Igor Gai
Prof. Paolo Tortora
CORRELATORE
Ing. Claudio Bianchi
Anno Accademico 2012/2013
Sessione IIa
Sommario
INDICE DELLE FIGURE........................................................................................................................ 1
INDICE DELLE TABELLE ...................................................................................................................... 4
CAPITOLO PRIMO ............................................................................................................................. 5
INTRODUZIONE ................................................................................................................................ 5
1.1. PROGETTO ALMATRACKER................................................................................................................ 5
CAPITOLO SECONDO ........................................................................................................................ 7
COMPONENTI DEL SISTEMA ............................................................................................................. 7
2.1.
PC CLIENT ............................................................................................................................... 7
2.2.
COMPACT RIO ......................................................................................................................... 7
2.3.
ENCODER ................................................................................................................................ 9
2.3.1.
2.4.
2.4.1.
2.5.
Interfaccia SSI ................................................................................................................ 10
AZIONAMENTI ........................................................................................................................ 11
Protocollo USS® ............................................................................................................. 12
MECCANICA........................................................................................................................... 14
CAPITOLO TERZO ............................................................................................................................ 17
ARCHITETTURA SOFTWARE ............................................................................................................ 17
3.1.
INTERFACCIA FPGA................................................................................................................. 18
3.1.1. Acquisizione dato angolare ............................................................................................... 18
3.1.2. Generazione dei segnali di velocità ................................................................................... 21
3.1.3. Generazione dei segnali di fine corsa ................................................................................ 23
3.2.
INTERFACCIA CRIO .................................................................................................................. 24
3.2.1. Elaborazione dati encoder ................................................................................................. 25
3.2.2. Calcolo delle velocità ......................................................................................................... 26
3.2.3. Comandi motore (SiemensUSS.vi) ..................................................................................... 33
3.2.4. Sequenza di accensione ..................................................................................................... 44
3.2.5. Preparazione pacchetti dati cRIO ...................................................................................... 48
3.3.
INTERFACCIA CLIENT ................................................................................................................ 50
3.3.1. Inizializzazione dei comandi .............................................................................................. 51
3.3.2. Acquisizione delle polinomiali ........................................................................................... 52
3.3.3. Preparazione pacchetti dati client ..................................................................................... 54
3.3.4. Interfaccia grafica ............................................................................................................. 56
CAPITOLO QUARTO........................................................................................................................ 58
COMUNICAZIONE DATI VIA TCP/IP ................................................................................................ 58
4.1.
PROTOCOLLO ATTP (ALMATRACKER TCP/IP PROTOCOL) ............................................................... 59
4.2.
CICLO DI RICEZIONE ............................................................................................................. 59
4.3.
CICLO DI TRASMISSIONE ...................................................................................................... 61
4.4. STABILITA’ DELLA CONNESSIONE ........................................................................................................ 63
CAPITOLO QUINTO ........................................................................................................................ 66
CONTROLLO DEL SISTEMA ............................................................................................................. 66
5.0.1. Correzione del setpoint di velocità .................................................................................... 68
5.0.2.
Controllore di rampa ..................................................................................................... 68
5.0.3. Contatti di fine corsa ......................................................................................................... 69
5.1.
SETPOINT DI VELOCITÀ ............................................................................................................. 71
5.2.
SETPOINT DI POSIZIONE ........................................................................................................... 72
5.3.
CONTROLLO SECONDO POLINOMIALE .......................................................................................... 74
CAPITOLO SESTO ............................................................................................................................ 79
CONCLUSIONI ................................................................................................................................ 79
6.1 SVILUPPI FUTURI ............................................................................................................................. 81
APPENDICE .................................................................................................................................... 83
ALMATRACKER TRANSMISSION PROTOCOL (ATTP)........................................................................ 83
CENNI SU LABVIEW ........................................................................................................................ 89
SUBVI SVILUPPATE ......................................................................................................................... 91
ALMATRACKER REPORT STS.M ...................................................................................................... 97
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI ........................................................................................................ 103
RINGRAZIAMENTI ........................................................................................................................ 105
Indice delle figure
Figura 1 ....................................................................................................................... 8
Figura 2 ....................................................................................................................... 8
Figura 3 ..................................................................................................................... 10
Figura 4 ..................................................................................................................... 11
Figura 5 ..................................................................................................................... 12
Figura 6 ..................................................................................................................... 13
Figura 7 ..................................................................................................................... 15
Figura 8 ..................................................................................................................... 16
Figura 9 ..................................................................................................................... 17
Figura 10 ................................................................................................................... 18
Figura 11 ................................................................................................................... 19
Figura 12 ................................................................................................................... 20
Figura 13 .................................................................................................................. 20
Figura 14 .................................................................................................................. 21
Figura 15 ................................................................................................................... 22
Figura 16 ................................................................................................................... 25
Figura 17 ................................................................................................................... 28
Figura 18 ................................................................................................................... 29
Figura 19 ................................................................................................................... 30
Figura 20 ................................................................................................................... 30
Figura 21 ................................................................................................................... 31
Figura 22 ................................................................................................................... 31
Figura 23 ................................................................................................................... 31
Figura 24 ................................................................................................................... 31
Figura 25 ................................................................................................................... 35
Figura 26 ................................................................................................................... 35
Figura 27 ................................................................................................................... 36
Figura 28 ................................................................................................................... 37
Figura 29 ................................................................................................................... 38
1
Figura 30 .................................................................................................................... 39
Figura 31 .................................................................................................................... 40
Figura 32 .................................................................................................................... 41
Figura 33 .................................................................................................................... 42
Figura 34 .................................................................................................................... 43
Figura 35 .................................................................................................................... 44
Figura 36 .................................................................................................................... 45
Figura 37 .................................................................................................................... 46
Figura 38 .................................................................................................................... 48
Figura 39 .................................................................................................................... 49
Figura 40 .................................................................................................................... 50
Figura 41 .................................................................................................................... 50
Figura 42 .................................................................................................................... 52
Figura 43 .................................................................................................................... 52
Figura 44 .................................................................................................................... 54
Figura 45 .................................................................................................................... 54
Figura 46. ................................................................................................................... 55
Figura 47 .................................................................................................................... 55
Figura 48 .................................................................................................................... 56
Figura 49 .................................................................................................................... 57
Figura 50 .................................................................................................................... 60
Figura 51 .................................................................................................................... 61
Figura 52 .................................................................................................................... 62
Figura 53 .................................................................................................................... 63
Figura 54 .................................................................................................................... 64
Figura 55 .................................................................................................................... 65
Figura 56 .................................................................................................................... 66
Figura 57 .................................................................................................................... 67
Figura 58. ................................................................................................................... 68
Figura 59 .................................................................................................................... 71
Figura 60 .................................................................................................................... 71
Figura 61 .................................................................................................................... 72
2
Figura 62 ................................................................................................................... 74
Figura 63 ................................................................................................................... 75
Figura 64 ................................................................................................................... 76
Figura 65 ................................................................................................................... 77
Figura 66 ................................................................................................................... 77
Figura 67 ................................................................................................................... 81
Figura 68. .................................................................................................................. 81
Figura 69 ................................................................................................................... 92
Figura 70 ................................................................................................................... 93
Figura 71 ................................................................................................................... 94
Figura 72 ................................................................................................................... 94
Figura 73 ................................................................................................................... 95
Figura 74 ................................................................................................................... 95
Figura 75 ................................................................................................................... 96
Figura 76 ................................................................................................................... 96
Figura 77 ................................................................................................................... 96
Figura 78 ................................................................................................................... 96
3
Indice delle tabelle
Tabella 1 .................................................................................................................... 13
Tabella 2 ................................................................................................................... 23
Tabella 3 .................................................................................................................... 29
Tabella 4 .................................................................................................................... 32
Tabella 5 .................................................................................................................... 79
Tabella 6 .................................................................................................................... 79
Tabella 7 .................................................................................................................... 80
Tabella 8 .................................................................................................................... 80
4
Capitolo Primo
INTRODUZIONE
La seguente tesi presenta lo sviluppo di un sistema di controllo e gestione remota per
il tracking di un satellite. Il progetto, denominato ALMATracker, è sviluppato dal
corso di Ingegneria Aerospaziale della scuola di Ingegneria e Architettura
Aerospaziale dell’Università di Bologna con sede a Forlì. Consiste nella creazione di
una motorizzazione per antenne su due assi, movimentata da un hardware
commerciale
programmabile.
Il
posizionamento
può
essere
eseguito
sia
manualmente, su richiesta di un utente da PC remoto, sia automaticamente secondo
un’orbita preimpostata. I setpoint di velocità o posizione sono elaborati dal sistema
fino ad ottenere un segnale che procede alla movimentazione in velocità
dell’antenna. Il comando automatico, invece, orienta l’antenna in modo tale da
mantenerla fissa su una traiettoria orbitale di uno specifico spacecraft. La
movimentazione automatica segue funzioni polinomiali fornite dall’utente, ricavate
da software di propagazione e predizione esterno al sistema ALMATracker. In
questo caso il sistema deve procedere alla rotazione mantenendo la velocità richiesta
dalla funzione polinomiale. Il controllo effettuato in catena chiusa è attuato tramite
una serie di trasduttori di posizione presenti nel sistema.
1.1. PROGETTO ALMATRACKER
Il progetto ALMATracker consiste nella creazione di una motorizzazione di antenna
su due assi per il tracking satellitare la cui realizzazione si divide in tre macroblocchi principali:

un sistema meccanico costituito da antenna e motorizzazione;

un sistema hardware costituito da CompactRIO e PC;

un sistema software costituito dagli algoritmi di movimentazione e controllo
del sistema.
5
Tutto il sistema di movimentazione deve essere chiuso in cicli di retroazione (in the
loop), cioè in un sistema hardware-software che permetta non solo di comandare la
movimentazione ma anche di controllare lo spostamento effettivamente avvenuto, ed
adotti eventualmente una correzione automatica della traiettoria di inseguimento. Il
sistema di controllo deve interagire con quello di movimentazione in maniera attiva,
utilizzando il segnale di ritorno dai sensori per verificare l’efficacia delle azioni
intraprese. Nei prossimi paragrafi verranno approfonditi i punti principali di cui è
composto il software, e di come questo è stato sviluppato per giungere all’efficienza
più alta con i componenti a disposizione.
6
Capitolo Secondo
COMPONENTI DEL SISTEMA
Il sistema ALMATracker è composto di una serie di dispositivi per l’acquisizione
degli angoli caratteristici, il controllo degli azionamenti e la gestione logica del
sistema intero.
Il nodo centrale del sistema è costituito da un’elettronica programmabile della NI, la
cRIO. Ad essa sono collegati tutti gli attuatori e tutti i trasduttori del sistema. Il
controllo da parte dell’utente è eseguito non direttamente sulla cRio ma da PC
remoto. Questa soluzione è stata adottata per rendere il più possibile remotata e
autonoma la stazione di tracking.
2.1.
PC CLIENT
L’HID del sistema ALMATracker è costituito da un PC Windows. Il PC rappresenta
un terminale sul quale è eseguita quella parte del software che permette all’utente di
potersi collegare al sistema remoto e di poterne controllare modalità di esecuzione
del tracking – manuale o automatica – e modificarne i parametri (ad esempio i
setpoint o le polinomiali). Il carico di calcolo richiesto al PC è minimo poiché le sue
funzioni si limitano a visualizzazione, modifica dei parametri e comunicazione in
TCP con la stazione di tracking.
2.2.
COMPACT RIO
La CompactRIO (d’ora in poi cRIO) è un sistema hardware integrato per
l’acquisizione e l’elaborazione dati commercializzato dalla National Instuments.
Questo hardware è costituito da un controller, uno chassis e uno o più moduli di
acquisizione inseribili nello chassis. Il controller, che ospita l’unità di elaborazione
RT (Real-Time), è direttamente collegato allo chassis. All’interno dello chassis è
alloggiato il chip FPGA collegato tramite un bus, sia ai vari moduli estraibili, sia al
controller RT. Il funzionamento del sistema può avvenire o direttamente con una
7
comunicazione tra RT e i vari moduli alloggiati nello chassis chiamati C-module,
oppure attraverso la programmazione diretta dell’FPGA nel caso siano richieste
performance in termini di sincronia e velocità superiori. Sia il controller RT sia
l’FPGA sono programmati in linguaggio LabVIEW con strumenti simili e medesima
strategia software ma con diverse limitazioni. Nel caso dell’RT non si ha accesso
diretto ai moduli e le frequenze di lavoro sono inferiori. Nel caso dell’FPGA si ha
un’elevata frequenza di esecuzione ma con limitazioni all’uso di numeri interi
avendo a disposizione operazioni binarie e non in virgola mobile. Nello specifico del
progetto si è utilizzato una cRIO 9014 con chassis NI 9103 ed un unico C-module
per l’acquisizione di segnali digitali NI 9401 a 8 canali. I canali da DIO0 a DIO3
sono stati impostati in lettura, mentre quelli da DIO4 a DIO7 in scrittura.
Figura 1 – Elementi costituenti di una cRIO. Da sinistra si possono osservare: il modulo RT NI 9014, lo chassis a
4 slot ed infine il modulo di acquisizione dei segnali NI 9104.
Figura 2 – Sistema cRIO durante l’esecuzione del software completo.
8
2.3.
ENCODER
Gli encoder rotativi sono dei traduttori di posizione angolare che permettono la
misura di un angolo tramite la conversione in un segnale elettrico digitale. Gli
encoder sono tutti costituiti da un corpo fisso e da un rotore libero di ruotare, e si
dividono in vari gruppi diversi per funzionamento e/o informazioni restituite:
A. principio di trasduzione
a. capacitivo;
b. magnetico;
c. potenziometrico.
B. informazioni sull’angolo
a. encoder tachimetrico;
b. encoder relativo;
c. encoder assoluto.
Il principio di trasduzione riguarda l’elettronica interna del dispositivo e non è
importante ai fini della rilevazione. Più interessante è invece la classificazione
secondo le informazioni sull’angolo, poiché una stessa posizione è identificata da
codici diversi a seconda del gruppo di appartenenza. Un encoder tachimetrico è
costituito da un anello con due o più tacche separate, che invia un impulso ogni volta
che il riferimento (un punto prefissato del rotore) passa da una tacca ad un’altra
differente. Il segnale così generato sarà proporzionale al numero di tacche
attraversate in un determinato intervallo di tempo, fornendo un’indicazione di
velocità. Un encoder relativo invece restituisce direttamente un’informazione su
velocità ed accelerazione del rotore, ma non sulla posizione. Un encoder assoluto, al
contrario, fornisce l’angolo istantaneo di posizione del rotore. In quest’ultimo si
utilizzano degli anelli concentrici presenti all’interno della carcassa, che allineandosi
secondo varie combinazioni generano un segnale elettrico in uscita contenente le
informazioni sull’angolo.
ALMATracker prevede l’utilizzo di due encoder rotativi assoluti ROTACOD
HS58M posizionati solidali con i due assi di rotazione. Questi dispositivi sono in
grado di misurare angoli con una precisione di 16 bit, che corrispondono a 216=65536
9
posizioni equidistanti. Volendo valutare la precisione in termini più comuni, si
ottiene:
Figura 3 – Uno dei due encoder ROTACOD HS58M utilizzati per la lettura dei dati angolari sul sistema
ALMATracker.
2.3.1. Interfaccia SSI
L’Interfaccia SSI (Synchronous Serial Interface) è un sistema di comunicazione
dati “compatto” nato appositamente per ridurre il numero di connessioni necessarie
tra encoder e sistema di elaborazione. Ad esempio encoder come quelli utilizzati per
ALMATracker utilizzano un protocollo formato da 32 bit dove i primi 6 bit meno
significativi rappresentano il controllo a ridondanza ciclica (CRC, Cyclic
Redundancy Check), seguono due bit – uno di avviso e uno di errore – e concludono
i rimanenti 16 bit che rappresentano l’angolo misurato espresso in codifica Gray. Il
codice Gray assicura un minore rischio di errori nella misura dell’angolo poiché tra
due angoli adiacenti la stringa varia soltanto di un bit. L’interfaccia SSI consiste
nell’invio seriale di sequenze di bit al cui interno sono presenti informazioni di
10
posizione e stato dell’encoder. La sequenza di bit contenente la posizione angolare è
contenuta all’interno di uno shift register dell’encoder. La lettura di tale registro
avviene in maniera sincrona con una linea di clock di frequenza compresa fra 100
kHz e 10 MHz. E’ necessario inviare un treno di impulsi (tanti quanti sono il numero
dei bit dello shift register), al quale l’encoder risponde restituendo per ogni fronte di
discesa del segnale di clock un bit in uscita fino allo svuotamento dell’intero registro.
L’encoder è stato collegato con la cRio tramite un bus seriale standard RS422
differenziale. L’alimentazione dell’encoder è stata fornita con un alimentatore
stabilizzato a 12 V DC. Tuttavia il modulo (NI9401) utilizzato gestisce segnali in
ingresso ed uscita di tensione compresa nell’intervallo 0 – 5 V. Per questo si è reso
necessario l’utilizzo di un circuito che realizzasse la traslazione di livello da 0 – 12 V
a 0 – 5 V.
Figura 4 – Circuito per la traslazione dei livelli logici tra encoder e modulo NI9401.
2.4.
AZIONAMENTI
Gli azionamenti sono costituiti da due motori brushless AC e due moduli di
controllo. Motori e moduli di controllo sono connessi tramite bus dati proprietari, per
il controllo, e da linee di potenza. Il collegamento tra gli azionamenti avviene tramite
BUS RS485. Tramite una specifica interfaccia RS232/RS485 che si affaccia sul
BUS, la cRIO si collega con la propria seriale RS232 al BUS RS485. Gli
11
azionamenti utilizzati nel progetto sono costituiti da un modulo di potenza Siemens
Synamics Power Module 340, che alimenta il sistema, e dalla CPU Siemens CU305
DP. I motori scelti per questo progetto sono dei Siemens 1FK7032 dotati di encoder
interno.
Figura 5 – Azionamento SINAMICS (a sinistra) e motore brushless (a destra). L’azionamento è necessario per la
gestione del motore, e permette la comunicazione tramite protocollo Siemens USS®. Inoltre è dotato di un
limitatore di velocità che permette di lavorare in sicurezza senza danneggiare il motore. Accedendo
all’azionamento tramite porta di programmazione è possibile impostare molti dei parametri di controllo.
All’interno del motore è presente un encoder che fornisce una misura sull’albero della velocità di rotazione.
2.4.1. Protocollo USS®
Il protocollo di trasmissione degli azionamenti Siemens, denominato USS®1
(Universal Serial Interface protocol) è un protocollo di comunicazione seriale tra
azionamento e macchina, che nel caso in questione è la cRIO. La connessione
identifica prima di tutto un master e uno slave: come master si intende il dispositivo
che comanda, cioè la cRIO; per slave il dispositivo comandato, cioè l’azionamento.
Il protocollo USS funziona nel seguente modo:
1
USS® Protocol è un marchio registrato da Siemens.
12
1. Il dispositivo MASTER (cRIO) invia una stringa di controllo (Task telegram)
allo SLAVE;
2. Il dispositivo SLAVE (azionamento) invia una stringa di risposta (Response
telegram) al MASTER.
Da evidenziare che nella risposta, cioè nel Response Telegram, sono presenti due
serie di dati dove i primi 8 byte rappresentano il dato vero e proprio di informazioni
del motore, i secondi 8 byte sono un eco dell’ultima stringa di controllo ricevuta.
Come si vedrà in seguito in entrambe le comunicazioni è presente un byte di
controllo che indentifica il dispositivo cui si riferisce (ADR). Il protocollo USS può
controllare fino ad un massimo di 31 azionamenti (ADR da 0 a 30) ai quali invia i
rispettivi Task Telegram, ricevendone la risposta.
La struttura del telegramma, inviato e ricevuto, presenta una parte comune. Il
telegramma è diviso in pacchetti che, nel caso di ALMATracker, sono quelli mostrati
in Figura 6.
STX
LGE
ADR
PZD1
PZD2
BCC
net characters
Figura 6 – Struttura dati del protocollo USS®.
COD Denominazione
STX
Start of Text
LGE
Telegram Length
Lunghezza Contenuto
Carattere ASCII (02 HEX)
1 byte
Lunghezza del carattere (ADR+PZD+BCC)
espressa in numero binario
ADR
Address Byte
1 byte
Indirizzo dello SLAVE, in codifica binaria
PZD
Net Characters
2 byte/char
Le informazioni dipendono dalla direzione
di trasmissione
BCC
1 byte
Carattere di controllo
Tabella 1 – Tabella dei pacchetti di cui sono composti i telegrammi secondo il protocollo USS®.
13
Nel Task telegram PZD1 prende il nome di Control word e contiene 16 flags2
necessari per l’accensione e il controllo del dispositivo comandato. Il byte successivo
PZD2 prende il nome di Main setpoint e contiene il set di velocità che si vuole
impostare all’azionamento specificato nel campo ADR.
Nel Response telegram PZD1 è denominato Status word e contiene 16 flags che
riportano lo stato del motore. PZD2 prende il nome di Main actual value e contiene il
set di velocità letta dall’encoder interno al motore dell’azionamento specificato nel
campo ADR.
2.5.
MECCANICA
La movimentazione dell’antenna parabolica dell’ALMATracker è affidata ad un
sistema motorizzato a due assi. Il sistema è composto da due assi motorizzati identici
montati a novanta gradi uno su l’altro costituiti da una base rettangolare in alluminio
(660 mm x 320 mm x 20 mm) su cui sono ancorati tutti gli elementi. Su ognuna delle
basi sono stati posizionati i motori Siemens. Il primo riduttore è calettato
direttamente sul motore. Tramite una trasmissione a cinghia l’uscita del primo
riduttore va a movimentare la seconda coppia di riduttori del sistema. E’ stato scelto
un sistema a doppio riduttore per poter riuscire a recuperare i giochi dovuti agli
ingranaggi. I due riduttori hanno rispettivamente rapporti di demoltiplica pari a 28:1
e 70:1. Ciò permette di rallentare la rotazione ad elevata velocità e bassa coppia del
motore ed ottenere bassa velocità ma elevata coppia3. Questa scelta è giustificata se
si tiene conto che la parabola utilizzata dal sistema ha un diametro di circa 3 m,
realizzata in lega leggera di alluminio, per una massa di circa 80 kg. Questo fatto
introduce un elevato momento di inerzia che richiede un’elevata coppia.
2
Per la codifica esatta dei vari caratteri si rimanda alle specifiche del protocollo Siemens USS®
disponibile
su
http://cache.automation.siemens.com/dnl/DU0MjczAAAA_24178253_HB/uss_24178253_spec_76.pd
f
3
⁄
La velocità dell’asse finale può dunque essere calcolata come
.
14
Figura 7 – Rendering Solidworks del singolo asse del sistema ALMATracker. Sebbene in figura non siano
mostrate le cinghie, si possono notare le varie pulegge su cui le cinghie stesse andranno alloggiate. Il rettangolo
grigio chiaro rappresenta il motore brushless, al quale è collegato il primo riduttore (28). Tramite cinghia il moto
è poi trasmesso ai due riduttori maggiori (70) dai quali escono gli assi finali. Nell’asse uscente dal riduttore a
sinistra è presente un secondo cinematismo a cinghia, sulla cui ruota condotta è montato l’encoder.
La struttura finale dell’ALMATracker sarà composta da due assi identici, dove il
primo sarà ancorato al suolo e movimenterà il secondo asse più parabola. Il secondo
posizionato sopra il primo andrà a movimentare direttamente la parabola in direzione
ortogonale al primo (Figura 8).
15
Figura 8 – Rendering Solidworks del sistema di assi di ALMATracker.
La parabola ha dunque due gradi di libertà indentificati nei due angoli X e Y che
individuano univocamente la direzione di tracking. Questi due angoli sono tuttavia
limitati dalla meccanica del sistema, ed in particolare occorre tenere conto dei punti
in cui le basi degli assi giungono a contatto con i supporti. Considerando quindi le
possibili collisioni, otteniamo una limitazione dell’operatività dei due assi tra un
angolo minimo ed uno massimo, verosimilmente diversi per i due assi. Per tenere
conto
della limitazione dell’escursione
massima sono
stati
previsti
due
microinterruttori per ogni lato di ogni asse (cioè ridondanti due per l’angolo massimo
e due per il minimo). Gli interruttori vengono fissati alla base dell’asse tramite una
staffa in alluminio. Questi interruttori hanno lo scopo di fornire al software un
segnale di avviso di collisione imminente, e sono attivati dal passaggio della lastra ad
un certo angolo.
16
Capitolo Terzo
ARCHITETTURA SOFTWARE
Il software di controllo e gestione di ALMATracker si sviluppa su tre livelli
differenti: FPGA, cRIO e PC. In particolare l’algoritmo deve essere racchiuso in
catena di comando, cioè ogni dispositivo deve utilizzare valori impostati o feedback
provenienti dagli altri.
Lo snodo centrale del sistema è l’algoritmo di controllo e movimentazione che deve
essere implementato sul sistema centrale (cRIO) e deve svolgersi in ciclo chiuso con
gli altri algoritmi. Uno schema approssimativo del sistema può essere osservato in
Figura 9.
ATTP
ROTACOD SSI
PC client
ENCODER
SIEMENS USS
Azionamenti
SIEMENS
RT module
NI 9401
C-module
Interruttori
fine corsa
FPGA
cRIO NI9014
Figura 9 – Architettura del sistema ALMATracker in cui si evidenziano le comunicazioni tra i vari componenti
hardware.
Il modulo FPGA ha come scopo l’acquisizione di dati dall’encoder e dei segnali di
fine corsa. Inoltre si dovranno generare i valori di conteggio per il successivo calcolo
delle velocità. Sempre all’interno della cRIO vi è il modulo RT che ospita la VI più
complessa poiché deve svolgere molteplici compiti elencati di seguito:

comunicazione TCP/IP da/verso PC client;

comunicazione da/verso azionamenti Siemens;

elaborazione dei dati acquisiti da FPGA;
17

elaborazione dei dati complessivi per il controllo e la movimentazione degli
assi.
Il segmento PC deve acquisire tutti i comandi impostati dall’utente, gestendo
opportunamente l’interfaccia grafica. Si deve inoltre provvedere alla comunicazione
bidirezionale via TCP con la cRIO, dalla quale si acquisiscono i dati di sistema che
devono essere visualizzati sul dispositivo.
3.1.
INTERFACCIA FPGA
Il modulo FPGA si occupa della lettura dei dati dagli encoder, degli indicatori di fine
corsa (si veda capitolo 5.0.3. Contatti di fine corsa) e di una prima elaborazione del
dato angolare. Questo aspetto richiede l’accesso diretto ai segnali in ingresso dal Cmodule. La lettura delle posizioni degli encoder viene espressa come intero decimale
per l’impossibilità di utilizzo della virgola mobile. Inoltre viene eseguito un
conteggio degli impulsi e del periodo per il calcolo della velocità dell’encoder.
3.1.1. Acquisizione dato angolare
Come introdotto nel capitolo 2.3.1. Interfaccia SSI per ottenere i dati dall’encoder è
necessario interrogare il dispositivo con un treno di 32 impulsi con logica negativa.
Gli impulsi devono presentare un periodo di 2.4 μs e il periodo tra l’inizio di due
treni consecutivi deve essere di 100 μs.
Figura 10 – Misurazione all’oscilloscopio di un singolo impulso, del quale si può notare il periodo pari a 2.4 μs.
18
Figura 11 – Misurazione all'oscilloscopio del segnale in uscita dalla porta DIO0. In basso è possibile notare la
durata del singolo treno di impulsi di 75.60 μs, identificata dai riferimenti tratteggiati verticali.
Per ottenere il dato si lavora nel modulo FPGA generando il treno di impulsi e
leggendo il dato in uscita dall’encoder. All’interno di una struttura sequenziale si
utilizza il primo frame per porre il segnale di output alto4 sui canali utilizzati (DIO4
per l’asse X e DIO5 per l’asse Y). In un successivo frame si hanno tre cicli separati,
uno per la raccolta del dato da encoder e due per il calcolo della velocità. Il ciclo che
realizza la raccolta del dato è al suo interno diviso in un ulteriore struttura
sequenziale. Il primo frame impone la cadenza dei treni di impulsi utilizzando un
Wait Until Next Multiple settato ad un valore di 100 μs. Nel secondo frame un ciclo
For esegue 32 iterazioni nelle quali, ancora una volta con una struttura sequenziale,
manda il segnale basso nel primo frame (impostando il valore falso sul rispettivo
DIO) e nel secondo attende 1 μs, lo riporta alto e attende un altro μs. La forma
d’onda è così generata e per tutta la durata del secondo frame l’encoder mette a
disposizione il dato sui canali DIO0 per l’asse X e DIO1 per l’asse Y, che vengono
inseriti in due differenti array e memorizzati in uno shift register. In uscita dal ciclo
For i due dati angolari sono disponibili all’interno di due array. Nei frame successivi
si utilizza la funzione Array Subset per estrapolare dall’array i bit utili, cioè 16 bit a
partire dal sesto e il dato viene convertito da codifica Gray ad intero decimale con un
4
Il modulo NI 9401 ha un output di 5 V DC per un segnale alto e 0 V per uno basso.
19
semplice algoritmo. A questo punto il dato è stato ottenuto e sia encoder che sistema
di controllo sono pronti ad un nuovo treno di impulsi e quindi allo scambio di un
nuovo dato.
Figura 12 – Ciclo di generazione del treno di impulsi e lettura del dato da encoder. All’interno del modulo FPGA
i blocchetti di colore viola indicano la comunicazione con i moduli inseriti nello chassis. In questo caso il modulo
NI 9401 era stato inserito nel secondo posto, per cui è indicato dall’FPGA come “Mod2”. L’informazione data da
DIO (Digital Input/Output) si riferisce all’ingresso/uscita del modulo.
1:10
flags
11:26
angolo
28:32
controlli
Figura 13 – Struttura del dato letto da encoder sotto forma di array di boolean. Per ottenere l’angolo è sufficiente
utilizzare la funzione Delete from Array per eliminare i bit in eccesso, conoscendone la posizione all’interno del
registro.
La funzione che si occupa della trasformazione del dato angolare da binario Gray ad
intero decimale è racchiusa nella subVI sF_GrayToDecimal.vi. Questa funzione
utilizza un ciclo While in cui due shift register vengono inizializzati l’uno al valore
dell’angolo in Gray, uno a 0. Il primo registro esegue ad ogni iterazione lo
spostamento dei bit verso sinistra (Logical shift) eliminando così il primo bit a
sinistra per ogni iterazione. Il valore decimale dell’angolo è ottenuto per somma
logica esclusiva (XOR) tra il valore uscente dal primo registro e quello del secondo.
Il ciclo termina quando il valore residuo del registro è nullo, cioè la condizione
“registro>0” risulta falsa. Il secondo shift register nel frattempo esegue ad ogni ciclo
la somma modulo 2 tra i valori uscenti dai due registri. In uscita al ciclo il dato
decimale è disponibile nel secondo registro.
20
Figura 14 – sF_GrayToDecimal.vi
3.1.2. Generazione dei segnali di velocità
Se si esegue una valutazione sulla frequenza di cambiamento del dato dell’encoder
occorre considerare una velocità massima operativa del motore di 3000 RPM per cui
si ottiene una velocità massima all’asse finale di circa 1.5306 RPM. Poiché una
rotazione completa dell’encoder fornisce 65536 variazioni, e la frequenza è pari al
reciproco del periodo, la frequenza di variazioni a 3000 RPM sarà pari a
((
)
)
Dal momento che la frequenza massima dell’FPGA è di 40 MHz, cioè di un Tick di
sistema ogni 0.025 μs, è possibile utilizzare una frequenza di lettura dei dati di
almeno tre ordini di grandezza superiore alla frequenza massima di aggiornamento
del dato. Dal sistema di acquisizioni dei dati dall’encoder è noto che il tempo minimo
di acquisizione è di 75.60 μs5: al di sotto di questo timing i treni di impulsi emessi
sono troppo ravvicinati e l’encoder non risponde correttamente. Da qui deriva la
scelta del tempo di temporizzazione del ciclo di acquisizione da encoder di 100 μs
cioè di una frequenza di 10 KHz che è almeno tre ordini di grandezza superiore alla
fvel
max
appena calcolata. In questo modo si è certi di avere che tra due letture
consecutive il dato angolare cambia al più di un bit. Più precisamente vi saranno
5
Verificato in laboratorio anche con l’utilizzo di un oscilloscopio sul treno di impulsi in uscita verso
encoder (Figura 10).
21
alcuni cicli per cui il dato rimane costante e uno in cui si modifica e così via. E’
allora possibile creare una funzione che elabori un segnale per il conteggio dei tick
che intercorrono tra due successive variazioni del dato. Questo si ottiene ponendo su
FPGA due cicli in parallelo al ciclo di acquisizione da encoder. In particolare si
dovrà generare un segnale per ogni asse, chiamato Pulse, che generi un gradino
unitario ogni volta che il dato angolare si modifica, corredato da un altro segnale,
chiamato Direction, che detiene informazioni circa il verso della rotazione (Direction
∈ [-1,0,1] ) definito come la funzione segno della variazione angolare.
Contemporaneamente nel secondo ciclo si esegue il confronto tra il valore attuale ed
il precedente di Pulse creando un segnale che risulta vero sui soli fronti di salita
dell’impulso. La distanza tra i fronti di salita è cronometrata in termini di tick che
intercorrono in un certo periodo di campionamento fornito dal segnale Sample
secondo un ciclo temporizzato ogni numero Count tick. Ciò equivale a dire che la
funzione realizzata conta quanti istanti sono passati tra successive variazioni del dato
angolare, avendo effettuato la misura ogni volta che il segnale Sample è cambiato di
stato e secondo una temporizzazione di misura pari a Count tick.
Figura 15 – Stralcio di codice della VI operante su FPGA. Il ciclo a destra serve alla generazione dell’onda
quadra XPulse e della direzione di rotazione. Queste variabili sono poi utilizzate nel ciclo a sinistra per il
conteggio dei Tick e del periodo.
La realizzazione di questo algoritmo richiede di completare una tabella di verità per
il calcolo della funzione Pulse. In particolare, utilizzando la funzione si avvale di tre
porte logiche – un OR, un AND ed un NAND. La tabella di verità del circuito
realizzato, si riporta in Tabella 2.
22
A
B
1
2
3
0
0
0
0
1
1
0
1
1
1
0
1
1
1
1
1
1
1
0
0
0
0
0
1
0
Tabella 2 – Tabella di verità del circuito logico in cui si identificano: A segnale in uscita dall’operatore ≠; B
segnale di uscita dallo shift register; 1 segnale di uscita dall’OR; 2 segnale di uscita dall’AND nonché segnale
Pulse e nuovo valore dello shift register; 3 segnale di uscita dal NAND.
L’onda quadra Pulse contiene quindi l’indicazione di cambiamento dato all’interno
dei fronti di salita e per questo viene filtrata da una comparazione tra un Feedback
Node e la variabile stessa. Questa comparazione risulta vera solo nel fronte di salita,
cioè quando 1 (segnale alto) > 0 (segnale basso) del ciclo precedente. Il valore del
comparatore attiva un case che non modifica nulla se è falso (se l’angolo non è
cambiato) mentre reinizializza lo shift register di periodo ed incrementa quello di
conteggio tick nel caso di fronte di salita su Pulse. Un ulteriore case, attivato dal
cambiamento di stato del segnale sample ottenuta con uno XOR tra dato corrente e
dato precedente, fornisce il conteggio dei tick (con segno). L’attivazione di questo
case fa si che si calcoli il Count tick ottenendone il valore da shift register
(moltiplicato per il valore Direction), mentre il Period è ottenuto per differenza tra il
tempo dell’ultima modifica dell’angolo e quello dell’ultima attivazione del case
descritto.
3.1.3. Generazione dei segnali di fine corsa
Le due porte in ingresso rimaste libere – DIO2 e DIO3 – sono state utilizzate per i
sensori di fine corsa dell’asse X. Questi sensori vengono realizzati con degli
microinterruttori che vengono attivati fisicamente per contatto quando l’asse
oltrepassa un certo angolo limite nelle due direzioni di rotazione. L’attivazione
dell’interruttore cambia lo stato delle variabili X max/min collision, ed avrà su cRIO
un effetto di limitazione sull’escursione angolare effettuabile. Dal momento che nella
versione finale del sistema saranno presenti questi microinterruttori su entrambi gli
assi, questi due segnali vanno ad attivare anche le corrispondenti variabili dell’asse
23
Y. Questo non ha alcun senso teorico, ma è utilizzato al fine pratico per testare la
limitazione del range di entrambi gli assi, non disponendo di sufficienti porte in
ingresso (necessarie due per asse). Quindi per poter implementare un vero controllo
sulla versione finale di ALMATracker sono necessarie almeno quattro porte in
ingresso oltra a quelle utilizzate per la comunicazione con l’encoder. Per ragioni di
sicurezza sarà obbligatorio l’utilizzo di due moduli digitali I/O per avere almeno 16
canali così da poter avere per ogni angolo limite almeno due microinterruttori
ridondanti che possono poi essere collegati via software tramite porta OR,
presentando un’affidabilità superiore in caso di rottura del singolo componente.
3.2.
INTERFACCIA CRIO
Come già detto la VI operante sul modulo RT della cRIO è lo snodo centrale del
software. In particolare si devono svolgere contemporaneamente azioni di
trasmissione dati da e per Client, azionamenti ed FPGA. Tutto ciò richiede una
quantità di cicli separati che operino in parallelo, tutti temporizzati secondo un
timing adeguato al loro scopo ma comunque mai inferiore ai 10 ms per evitare il
sovraccarico della capacità di calcolo disponibile. Ogni ciclo esegue una funzione
diversa, riportata di seguito:

Comunicazione con FPGA;

Impacchettamento dati;

Ricezione/Trasmissione via TCP/IP;

Controllo e movimentazione;

Comunicazione con azionamenti Siemens.
Il primo punto racchiude tutte quelle operazioni che riguardano la ricezione dei dati
dell’encoder dal modulo FPGA e la loro elaborazione fino ad ottenere i dati di
posizione e velocità. Nei cicli di impacchettamento dei dati e trasmissione TCP si ha
la preparazione dei dati in funzione della frequenza di aggiornamento richiesta e
l’inserimento in coda della richiesta di spedizione. Parallelamente, si provvede alla
loro spedizione, oltre che al ricevimento dei dati di comando dal client come verrà
approfondito nel capitolo quarto. I comandi derivanti dalla lettura TCP insieme ai
dati derivanti da FPGA vengono poi portati nel ciclo di movimentazione per essere
24
elaborati fino ad ottenere un setpoint di velocità. Tale setpoint viene poi importato
nel ciclo di trasmissione con gli azionamenti che provvede ad inviarlo secondo il
protocollo USS tramite l’algoritmo studiato nel capitolo 3.2.3.
Controls (sID=0)
Start/Stop?
Start
Auto/
Manual?
Manual
Position/
Speed?
ATControls
(ID=2)
Auto
Position SP to
Speed SP
Setpoint (sID=1)
Receive TCP
data
Sync
requested?
Time (sID=2)
yes
Update
cRIO Time
Polynomial
(ID=1)
Event
Position
Speed SP
Polynomial to
v(t)
Speed SP
Speed rate
limitator
Operation Data
Send via
TCP
On clock time
Siemens
USS
System Data
Figura 16 – Schema logico del software contenuto su cRIO. La complessità progettuale è ben visibile nella
moltitudine di connessioni, ma viene districata in fase di stesura del programma grazie all’utilizzo di variabili
locali che mettono a disposizione un dato continuamente aggiornato a più utenze. Nello schema qui sopra è stata
volontariamente tralasciata la parte di elaborazione del dato dell’encoder (per evitare di complicare il grafico),
che è a disposizione di tutti i blocchetti bianchi in cui è necessario il feedback.
3.2.1. Elaborazione dati encoder
Per l’interpretazione dei dati dell’encoder è necessario lavorare prima da lato FPGA,
per quanto precedentemente descritto, fino ad ottenere l’angolo espresso come intero
decimale. Il valore così ottenuto riporta il valore della posizione espresso in un
sistema a 16 bit dove l’intero angolo di 360° è rappresentato da un valore pari a
216=65536. Per ottenere il valore in gradi è necessario un calcolo in virgola mobile,
da eseguire dunque su modulo RT. L’intero decimale (DecimalAngle) viene
convertito in angolo espresso in gradi (Angle) tramite la semplice relazione:
Questo calcolo viene effettuato nella subVI sR_DecimalToDegree.vi.
25
3.2.2. Calcolo delle velocità
I dati provenienti dagli encoder individuano soltanto la posizione angolare
dell’antenna. Tuttavia, avendo un sistema comandato in velocità, è necessario
ottenere in qualche modo anche una stima della velocità angolare istantanea (ω).
Ricordando che:
il modo più intuitivo di realizzarlo sarebbe quello di calcolare in un determinato
intervallo di tempo (dt) la variazione di angolo (dα), ed ottenere la velocità
semplicemente dividendo l’angolo per il tempo. Tuttavia con tale metodo si incorre
in problemi di sottostima della velocità angolare nel caso ωeffettiva< ωlimite. Per la
valutazione di ωlim si può considerare αlim 0.005493 deg (capitolo 2.3. Encoder ) e
un intervallo di campionamento dt=1 ms6, si ottiene così:
In base a questo risultato, dunque, non è possibile rilevare in tal modo velocità
inferiori a ωlim se l’intervallo di campionamento è di 1 ms, giungendo, nel peggiore
dei casi, ad avere una velocità nulla per tutto il tracking se la velocità angolare è
sempre minore di ωlim. Si potrebbe dunque pensare di alzare l’intervallo di
campionamento dt abbassando di conseguenza ωlim. Così facendo, però, si
perderebbe sensibilità in termini temporali, portando tutto il sistema ad aggiornarsi a
frequenze più basse nonché si incorrerebbe in velocità medie per intervalli di tempo
alti che si potrebbero discostare molto dalla velocità istantanea reale.
Una seconda possibile soluzione consiste nel considerare un campionamento non
temporale, ma angolare: cioè non si calcola la velocità allo scadere di un intervallo di
tempo fisso ma al verificarsi della condizione per cui l’angolo varia di uno step di
encoder (1 di 65536 corrispondente a 0.005493 deg). Tramite shift register si tiene
6
Un intervallo di acquisizione di 1 ms può essere considerato un buon tempo di scansione al fine di
ottenere la velocità, ma è stato modificato per altri motivi spiegati di seguito.
26
traccia del tempo e alla prima variazione di angolo si calcola la velocità istantanea7.
In tal modo si evita il fatto di poter ottenere velocità nulle sempre, ma si accetta la
possibilità di ottenere velocità medie nel caso in cui il sistema si muova a velocità
inferiori all’angolo limite.
La soluzione adottata è tuttavia un’altra. Anziché lavorare nel dominio spaziale si
lavora nel dominio temporale, sfruttando l’elevata frequenza di Tick del modulo
FPGA. I dati così ottenuti da FPGA – cioè Count e Period – vengono letti dal
modulo RT che ne esegue il calcolo finale di velocità, tenendo conto che un periodo
pari a 40˙000˙000 tick corrisponde a 1 sec. In parallelo al ciclo principale viene
aperto il canale di comunicazione con il modulo FPGA tramite l’istruzione
OpenFPGAReference. In seguito si accede ad un ciclo While temporizzato a 100 ms,
che rappresenta un timing adeguato alla frequenza di aggiornamento dei dati. In
questo ciclo è presente una struttura sequenziale a due frame in cui si ha un primo
frame di attesa di 1 ms per permettere ad un altro ciclo parallelo di aggiornare i
valori di Sample e Tick Count. Nel secondo frame il blocco di comunicazione FPGA
Read/Write Control permette di esportare nel modulo FPGA i valori di Sample e Tick
Count e di leggere i dati presenti sugli indicatori dell’interfaccia del modulo FPGA,
in particolare vengono importati i valori di DecimalAngle, Count, Period e gli
indicatori di fine corsa hardware riferiti ai due assi.
7
A causa dell’architettura logica del modulo FPGA (operazioni a virgola fissa) è necessario che il
calcolo della velocità sia effettuato nel modulo RT con i dati di Δα e Δt provenienti da FPGA.
27
Figura 17 – Ciclo di acquisizione dei dati dal modulo FPGA. I blocchi a sfondo rosa sono riferiti alla
comunicazione con FPGA.
Il valore dell’angolo in gradi trecentosessagesimali è ottenuto tramite una subVI che
esegue il calcolo
Il calcolo della velocità avviene nella subVI sR_SpeedFromFPGA.vi. In questo
blocco si calcola la durata di acquisizione dei dati come il rapporto tra Period e la
frequenza di acquisizione del modulo FPGA (40 MHz). Dividendo poi la durata di
acquisizione per il numero di tick letti, contenuto nella variabile Count, si ottiene il
valore del tempo trascorso tra due successive variazioni dell’angolo. Poiché la
velocità è definita come il rapporto tra la variazione d’angolo ed il tempo (
)
ed essendo noto che la variazione di angolo è pari a
è possibile calcolare la velocità di rotazione dell’asse finale espressa in deg/sec. In
questo calcolo occorre tenere presente che l’impulso Pulse viene analizzato sui soli
fronti di salita, dunque una volta ogni due variazioni di angolo. Per questo l’angolo
misurato attraverso il conteggio sarà pari a metà di quello reale. Questo coincide con
il considerare, nel rapporto, che 65536 impulsi corrispondono al doppio di un angolo
giro, ovvero 720 deg. Considerando inoltre il caso di velocità nulla in cui si avrebbe
28
una divisione con 0 a denominatore, per evitare errori di calcolo di velocità (cioè
NaN, Not a Number), è stato inserito un Select? che imposta la velocità a 0 se Count
è nullo o utilizza il valore calcolato altrimenti.
Figura 18 – sR_SpeedFromFPGA.vi
Il segnale Sample, così come Count tick, è spedito all’FPGA dal modulo RT secondo
dei parametri che questa possiede. Il segnale di attivazione Sample, viene generato su
RT come onda quadra unitaria di periodo fissato dal software in base alla velocità
impostata ai motori. In particolare occorre variare il tempo di campionamento e il
numero di tick da leggere, che dovranno essere maggiori tanto minore è la velocità
del setpoint. Secondo le prove svolte in laboratorio si è giunti ad una tabella che
riporta valori di velocità piuttosto soddisfacenti.
ωmin
ωmax
Sample time [ms]
Tick count
0
0.1
1500
100000
0.1
1
500
10000
1
5
200
10000
5
10
100
1000
Tabella 3 – Valori preimpostati sul modulo RT per il conteggio dei tick e del periodo. Per il confronto con la
tabella occorre considerare la velocità in valore assoluto, espressa in deg/sec. Il confronto da effettuare
comprende l’estremo superiore, ma non quello inferiore, cioè
. Per il solo valore di velocità
nulla è compreso anche l’estremo inferiore dell’intervallo.
L’implementazione dell’algoritmo di generazione dei segnali di cui sopra avviene
tramite due cicli For temporizzati paralleli. Nel primo ciclo vengono estrapolati i
valori di Tick Count e del Sample Timing. Prima di tutto la velocità comandata al
motore viene convertita in velocità all’asse e se ne calcola il modulo per poterla
29
confrontare con i dati tabulati. Il confronto avviene tramite una serie di Select?
attivati da comparatori tra la velocità e i range di velocità tabulati. I vari Select?
selezionano a seconda del range di velocità i corrispondenti valori di Tick Count e
del Sample Timing.
Figura 19 – Ciclo di selezione dei parametri Tick Count e Sample Timing.
Nel secondo ciclo While temporizzato secondo Sample Timing, si provvede alla
generazione del segnale Sample tramite uno shift register. Il segnale infatti deriva dal
valore stesso del registro, che viene cambiato ad ogni ciclo tramite una negazione
logica.
Figura 20 – Ciclo di generazione del segnale Sample.
Una serie di test effettuati in laboratorio è stata volta a mirare la validità dei valori
tabulati per le basse velocità. Tramite una funzione si è creato un file composto da tre
colonne contenenti le informazioni su un asse del setpoint di velocità impostata, del
valore di velocità letta da encoder e di quella letta dall’encoder interno al motore. Il
tutto è stato inserito in una serie di cicli annidati in modo tale che le misurazioni
avvenissero:

per diversi tick count (100000,10000,1000)
o per diverse velocità (da 0 a 5,5 deg/sec con step di 0,5)
30

per diversi sample time (da 100 ms con 14 step di 100ms)

per 50 campioni.
Il file è poi stato sottoposto a post processing utilizzando Matlab. L’algoritmo
allegato in appendice “Almatracker report STS.m” ha fornito i seguenti risultati.
Figura 21 – Errore medio percentuale in relazione al
Figura 22 – Errore medio percentuale per le varie
setpoint di velocità del motore, utilizzando Tick e
velocità alla variazione del Sample utilizzando un
Sample prestabiliti per ogni velocità.
numero di Tick pari a 1000.
Figura 23 – Errore medio percentuale per le varie
Figura 24 – Errore medio percentuale per le varie
velocità alla variazione del Sample utilizzando un
velocità alla variazione del Sample utilizzando un
numero di Tick pari a 10000.
numero di Tick pari a 100000.
Il codice realizzato in Matlab ha analizzato i dati ottenuti da ALMATracker
eseguendo una media dei 50 campioni di ogni misurazione e calcolando l’errore
medio percentuale definito come:
31
Nello screenshot di Figura 21
si può osservare l’errore medio percentuale
commesso utilizzando i dati tabulati in Tabella 3. Nello specifico si riportano di
seguito anche i valori numerici ottenuti:
Velocità
motore Tick
Sample (ms)
(deg/sec)
RMSE % riferito al
setpoint
0
100000
1500
0.000000
980
10000
500
0.108959
2940
10000
200
0.124241
3920
10000
200
0.024637
4900
10000
200
0.106621
5880
10000
200
0.137907
6860
10000
200
0.012454
7840
10000
200
0.063998
8820
10000
200
0.023074
9800
10000
200
0.017976
10780
1000
100
0.479570
Tabella 4 – Calcolo dell’errore medio percentuale rispetto al setpoint impostato.
E’ quindi intuitivo osservare che i valori di Sample time e Tick count scelti sono
idonei, ottenendo un errore percentuale globale8 sempre inferiore allo 0.5 %. Dai
rimanenti plot di Figura 22, Figura 23, Figura 24, eseguiti per differenti Tick count,
è inoltre evidente come sia avvenuta la scelta di questi valori. I valori sono stati scelti
dopo alcune prove in cui si è notato che maggiore è la velocità più si richiede un Tick
count basso. Tuttavia esiste un limite inferiore (1000 Tick) per ottenere una certa
attenuazione del rumore. D’altro canto anche per Sample troppo bassi si ottiene una
repentina variazione dei valori dell’errore che sono minimi per un Sample maggiore
di 200 ms. Da notare inoltre che nel caso di basse velocità sono richiesti alti numeri
8
comprensivo di rampe ed eventuali oscillazioni sul setpoint.
32
di Tick ma anche alti periodi di Sample per poter raccogliere un numero adeguato di
campioni. Si evidenzia anche che per alte velocità, cioè oltre ai 5 deg/sec, il fatto di
avere bassi Sample permette di avere un sistema più reattivo, cosa non possibile per
basse velocità perché sarebbero soggette ad alti errori, come si evince dalla Figura
24.
3.2.3. Comandi motore (SiemensUSS.vi)
Per ottenere un software in grado di comunicare correttamente con gli azionamenti
occorre rispettare rigidamente il protocollo sia in termini di incapsulamento dei dati
sia in termini di timing. Occorre prima di tutto impostare alcuni parametri tramite il
software di programmazione della Siemens connettendo il PC all’azionamento
tramite la porta di programmazione. In questo caso è stato impostato un timeout di
lettura di 5000 ms che impedisse che l’azionamento si bloccasse in assenza del dato
in ricezione per il tempo prestabilito e l’indirizzo (ADR) dei motori a 0 per l’asse X e
1 per l’asse Y.
La subVI sR_SiemensUSS.vi si occupa della comunicazione bidirezionale con gli
azionamenti, e viene richiamata nella VI principale all’interno di un ciclo While a
parte non temporizzato. Questo non crea nessun problema in quanto tutto il codice
contenuto nella subVI è già all’interno di un ciclo While temporizzato a 30 ms. Tale
durata è stata accuratamente scelta come compromesso tra il tempo massimo di
timout dei motori, che porterebbe alla loro disconnessione con generazione di errore,
e la frequenza di aggiornamento dei dati in entrambe le direzioni tra modulo RT e
azionamenti (circa 27 ms). Le uniche istruzioni della subVI che rimangono
all’esterno del ciclo sono quelle inerenti alla configurazione della porta seriale.
Tramite l’istruzione VISA Configure Serial Port, sono stati impostati i seguenti
parametri:

VISA resource name: ASRL1 (porta disponibile sulla cRIO);

Baud Rate: 38400;

Data bit: 8;

Parity: Even;

Stop bitss:1.0;

Flow control: None;
33

Enable terminator char: False;

Timeout: 5000ms.
Una volta configurata la porta è stato impostato con il comando VISA Set I/O Buffer
Size un buffer di dimensioni standard sui dati in spedizione e ricezione. Una volte
effettuate queste operazioni si accede al ciclo While principale. Il ciclo è diviso in
due parti, una di ricezione ed una di trasmissione. I valori in ingresso ed uscita alla
subVI sono importati ed esportati con variabili globali, racchiuse nell’interfaccia
SiemensVariables.vi.
Si comincia innanzitutto con la trasmissione dei pacchetti da MASTER a SLAVE,
che richiede semplicemente di costruire il Task telegram impacchettando i dati di
controllo in due byte (U8) contenuti nelle variabili PZD di Control word. I due PZD,
chiamati PZD1 e PZD2, contengono il primo tutti i controlli per l’attivazione del
motore, il secondo il setpoint di velocità richiesto. La parte di controllo, contenuta
nel PZD1 è composta da 8 bit (cioè 8 comandi vero/falso) che devono essere usati in
una determinata sequenza per l’accensione9, la movimentazione e lo spegnimento dei
motori. Gli 8 comandi distinti che devono essere opportunamente combinati secondo
il protocollo USS sono:
1. Accensione;
2. Abilitazione operazioni;
3. Abilitazione rampa;
4. Abilitazione controllo rotazione;
5. Tacitazione anomalie.
Per motivi pratici le variabili di abilitazione rampa e abilitazione del controllo di
posizione sono state poste a vero tramite una costante, istruzione lecita
coerentemente al protocollo Siemens che non richiede un reale controllo su queste
due variabili se non per usi particolari. Le variabili Accensione e Abilitazione
operazioni sono attivate insieme per i due assi rispettivamente dalle variabili globali
On/Off ed Enable Operation.
9
Alla sequenza di accensione è dedicato l’intero paragrafo 3.2.4. Sequenza di accensione.
34
Figura 25 – Stralcio di codice rappresentante la parte di trasmissione di SiemensUSS.vi in cui si nota come il
Task telegram sia ottenuto impacchettando i comandi motore ed il setpoint richiesto e venga subito inviato. Prima
dell’invio un comando Select? decide quale pacchetto inviare a seconda del valore assunto dalla variabile
booleana posta nello shift register. Questa variabile cambia ad ogni ciclo – grazie alla porta di negazione logica
posta a fianco del registro – permettendo di inviare alternatamente i dati ai due diversi azionamenti.
La generazione dei due byte appartenenti a Control Word è demandata alla subVI
sR_PZDControlWord.vi. I parametri booleani di ogni byte sono inseriti in un vettore
tramite la funzione Build Array. I due byte del PZD sono infine convertiti in interi
U8 con il comando Boolean Array To Number.
Figura 26 – sR_PZDControlWord.vi Lo scopo della VI è quello di creare i due byte che compongono il Control
Word creando un vettore di parametri di azionamento, come specificato nel protocollo USS.
Il Main setpoint è ottenuto convertendo la velocità da double a due byte separati di
interi (U8) nella subVI sR_PZDMainSetpoint.vi. La velocità da impostare
35
all’azionamento arriva qui sotto forma di double, espressa in RPM, dalla variabile
Axis Speed (RPM)10. Per prima cosa si esegue una correzione di scala. Volendo
riportare il valore di velocità (da protocollo comprese tra -6000 e +6000 RPM)
attraverso un intero a 16 bit (valori compresi tra -32768 e +32767), mantenendo il
massimo della precisione disponibile, occorre adattare la scala. Dunque occorre fare
coincidere gli estremi, ed in particolare essendo una scala di valori simmetrica
attorno allo 0, è necessario fare coincidere gli estremi minori. Riportando il valore di
-6000 a -32768, si ottiene la proporzione:
da cui
. Successivamente si esegue la
conversione in stringa tramite Format Into String, specificando il tipo di dato che si
vuole ottenere tramite la stringa “%16b” che rappresenta i binari a 16 bit. Dal
momento che l’azionamento richiede una stringa composta da un vettore di byte
formattati come U8, si procede alla divisione della stringa tramite String Subset
impostando 8 come numero di bit da leggere. Queste stringhe vengono infine
convertite dal comando Scan Value secondo la codifica ad 8 bit (“%8b”) e riportati a
due byte distinti in U8 tramite la funzione To Unsigned Byte.
Figura 27 – sR_PZDMainSetpoint.vi Questa VI realizza la conversione completa da velocità ai due byte richiesti
dal protocollo degli azionamenti.
I 4 byte così ottenuti vengono combinati in un array di byte U8 nell’ordine richiesto
dall’azionamento, cioè:
10

STX;

LGE;
La velocità espressa da questa variabile è riferita all’asse del motore.
36

ADR;

PZD1 byte2;

PZD1 byte1;

PZD2 byte1;

PZD2 byte2;

BCC.
Come si può notare i byte 1 e 2 del PZD1 devono essere invertiti per rispetto del
protocollo USS.
Figura 28 – sR_TaskTelegram.vi Assemblamento del Task telegram per il motore dell’asse X.
Ovviamente avendo due assi verranno assemblati due differenti Task telegram, che
non possono tuttavia essere spediti contemporaneamente: si ricorre dunque ad uno
shift register, che viene cambiato ogni ciclo di trasmissione, per inviare
alternatamente i due telegrammi riferiti ai due diversi motori. La durata di un ciclo è
di 30 ms, secondo la temporizzazione data con il comando Wait Until Next Time
Multiple.
Passando alla ricezione si considera l’arrivo di un telegramma dall’azionamento.
37
Figura 29 – Stralcio di codice rappresentante la parte di ricezione di SiemensUSS.vi.
Un Property Node impostato sull’opzione “Number of Bytes at Serial Port” permette
di conoscere il numero di byte sono disponibili alla porta seriale impostata. Tale
valore viene importato in una struttura sequenziale assieme al nome della porta. Nel
primo frame il comando VISA Read legge i dati disponibili sulla seriale, composti dei
byte specificati dal valore di cui sopra, inserendoli in una stringa. La stringa viene
immediatamente convertita in un vettore di interi U8 tramite la funzione String To
Byte Array. Nel frame successivo il vettore monodimensionale viene convertito in
bidimensionale tramite un ciclo For di iterazioni pari ai byte ricevuti, creando un
array tramite Initialize Array. Nel frame seguente si divide il dato ricevuto
considerando l’azionamento al quale si riferisce. Un case esegue un primo controllo
sul numero di byte letti. Se non tutti i byte sono ancora stati letti si accede al caso
falso, in cui si usa una stringa memorizzata in uno shift register del ciclo esterno che
viene impostata all’uscita del case senza altre operazioni. Nel caso vero, invece, il
tunnel11 richiede più passaggi. La stringa in uscita in questo caso risulta la
concatenazione di due stringhe. La prima è quella derivante dalla subVI
sR_ByteToString.vi collegando in ingresso il vettore 2D precedentemente calcolato.
La seconda stringa deriva invece dal comando Replace Substring il cui ingresso è
collegato al valore uscente dal registro e si occupa di sostituire con una stringa vuota
i caratteri precedenti. Questo equivale a svuotare il registro se ci sono nuovi dati in
arrivo, per evitare di incorrere in problemi di overflow delle stringhe. La subVI
sR_ByteToString.vi calcola inoltre l’azionamento di provenienza del dato leggendo il
11
In un case, per tunnel si intende il collegamento che c’è tra un ingresso ed una uscita.
38
valore corrispondente al terzo elemento della trasmissione (ADR). La lettura separata
dei byte avviene dividendo il vettore con la funzione Index Array, in cui l’indice va
da 0 a 7. Il vettore viene poi ricomposto tramite la funzione Build Array, e
successivamente elaborato da Byte Array To String da cui si ottiene il dato sotto
forma di stringa.
Figura 30 – sR_ByteToString.vi per il passaggio del dato da array di interi a stringa. Il check del motore avviene
per comparazione tra ADR e l’indirizzo di uno dei motori (qui 0). Se il segnale Device Address risulta vero, allora
il telegramma è stato inviato dall’azionamento 0, se falso dall’1.
All’uscita del case la stringa viene inserita nel registro per essere disponibile al ciclo
successivo, e viene reso disponibile il segnale Device Address. Questi valori sono
utilizzati dai due case successivi, posti in serie l’uno con l’altro. Essi sono del tutto
identici, a meno dell’inversione dei casi vero/falso. Infatti i due case sono attivati dal
segnale Device Address posto in prodotto logico con la verifica di ricezione. Questo
permette di attivare due casi differenti per attuare due operazioni diverse cioè:

mantenere il valore proveniente dal caso precedente se il dato non è riferito
all’azionamento in questione;

aggiornare il valore se il dato ricevuto deriva dall’azionamento considerato.
A livello software il case riesce a gestire la parte di selezione dei due casi qui
presentati. L’aggiornamento dei dati è svolto tramite la procedura concatenazione del
39
Replaced Substring già descritta precedentemente. In questo caso però la prima
stringa deriva dal caso di controllo sui byte letti. La seconda stringa, invece, deriva
dal valore di un registro (diverso per ognuno dei due assi) che viene aggiornato ad
ogni ciclo dal valore in uscita dal case. In questo modo si ottiene una stringa per ogni
azionamento che contiene l’informazione secondo la codifica USS. Il fatto di
sfruttare i registri permette di avere il valore aggiornato per un azionamento o di
disporre dell’ultimo dato ricevuto, nel caso in cui il dato ricevuto ad un dato istante
sia riferito ad un altro azionamento.
Figura 31 – Stralcio di codice rappresentante la prima parte di ricezione di SiemensUSS.vi. Il Response telegram
viene letto dalla porta seriale e necessita di essere decodificato. Prima di affrontare la divisione dei pacchetti dati
occorre capire da quale azionamento provenga tramite i case inseriti nel terzo frame della struttura sequenziale. I
case identificati dalle etichette “motor 0” e “motor 1” si riferiscono agli azionamenti dei due assi, e si presentano
identici a meno dell’inversione dei casi (vero e falso invertiti).
Dal frame successivo inizia la separazione dei vari pacchetti che compongono il
Response Telegram duplicati identicamente per i due assi, a partire dalle rispettive
stringhe derivanti dalla procedura fino a qui descritta. La stringa viene convertita in
un vettore di interi grazie al comando String To Byte Array e da qui importata nella
subVI sR_ResponseTelegram.vi che si occupa di dividere i vari PZD. I singoli byte
40
sono estrapolati dal vettore di interi U8 impostando al comando Index Array il valore
d’indice del byte da estrapolare. I due byte di ogni PZD, assieme al carattere BCC,
sono messi a disposizione all’uscita della funzione.
Figura 32 – sR_ResponseTelegram.vi per la divisione dei byte che compongono i caratteri di rete.
Il frame successivo è adibito al controllo sul carattere BCC, svolto dalla subVI
sR_BCCcheck.vi. In ingresso alla funzione vengono collegati l’array contenente
l’intero dato Response Telegram sotto forma di array, e il BCC ricevuto,
opportunamente isolato dagli altri caratteri dalla funzione precedente. La VI fornisce
in uscita una variabile, BCC check, che risulta vera se il BCC ricevuto e quello
calcolato coincidono. Il controllo avviene comparando i due caratteri con il comando
Equal posto in prodotto logico con il segnale derivante dal confronto (NotEqual) tra
il conteggio di bit pari ad 1 e lo 0. Questo permette di sapere se l’array è composto da
elementi tutti nulli, nel qual caso è sicuramente presente un errore di trasmissione.
All’interno della subVI un ciclo For eseguito per l’intera lunghezza degli array, si
occupa del calcolo di bit pari ad 1 andando a sommare ad un registro inizialmente
nullo il valore di ogni bit. Per il calcolo del BCC si è fatto riferimento al protocollo
USS che richiede il calcolo di uno XOR tra i singoli bit ed il valore del BCC
calcolato dal bit precedente e qui implementato tramite un registro. Il valore uscente
dal registro è il BCC calcolato e viene utilizzato per la comparazione.
41
Figura 33 – sR_BCCcheck.vi per il calcolo e la verifica del carattere BCC.
Inoltre in questo frame si provvede ad esportare Status Flag nell’interfaccia cRIO
tramite variabile globale (una per azionamento). Questa variabile, derivante dalla
subVI di divisione dei byte, contiene informazioni sullo stato dei motori, ed in
particolare:
0. Pronto all’accensione;
1. Pronto alla movimentazione;
2. Operazioni abilitate;
3. Anomalia attiva;
4. Bloccaggio inerziale attivo;
5. Bloccaggio rapido attivo;
6. Blocco inserzione attivo;
7. Avviso attivo.
Nei due flag successivi si utilizzano i due byte di PZD2 per il calcolo delle velocità
degli assi derivante dall’azionamento. Specularmente a quanto è stato fatto nella fase
di preparazione del Main Setpoint del Task Telegram, occorre unire i due byte del
dato concatenandoli in un’unica stringa, solo dopo averli formattati ad interi ad 8 bit
tramite il comando Format Value. La stringa così ottenuta viene portata all’ingresso
di una struttura case attivata dal segnale di ricezione dei due byte. Nel caso falso,
cioè quanto il dato non è stato interamente ricevuto, si porta all’uscita del case una
seconda stringa derivante da un registro in cui è stata inserita l’ultima stringa utile.
L’uscita del case, infatti, è collegata al registro di cui ne aggiorna il valore. Nel caso
vero, invece, si utilizza la stringa derivante dal frame precedente e si esegue la
procedura di concatenazione con il valore del registro, opportunamente elaborato,
42
come descritto per i casi dei frame precedenti. Il successivo ed ultimo frame utilizza
le due stringhe derivanti dai rispettivi assi per ricavare il dato di velocità. Nella
subVI sR_PZDActualValue.vi all’interno di un ciclo For avviene la conversione del
dato effettuando un numero d’iterazioni pari al numero di caratteri di PZD2. Il case
inserito realizza la sostituzione degli spazi vuoti (carattere 32 ASCII) con degli 0
(carattere 48 ASCII), lasciando il resto dei caratteri inalterati. Fuori dal case il
numero decimale si ricava effettuando la conversione da ASCII, cioè sottraendo 48
ad ogni carattere. Infine si somma ad un registro, inizialmente nullo, il valore
ricavato dal carattere moltiplicato per 2x dove x è dato dalla posizione all’interno
della stringa del carattere letto. La x più alta è per il bit più significativo. Il valore di
x viene calcolato tramite la sottrazione tra il numero caratteri-1 ed il numero
d’iterazione-1, cioè i. Il valore in uscita dal ciclo rappresenta la velocità riportata in
I16, che va convertita all’intervallo -6000RPM/+6000RPM dividendo il valore per
5.46133333333.
Figura 34 – sR_PZDActualValue.vi SubVI per il calcolo della velocità dell’asse partendo dalla stringa PZD2.
I valori di velocità sono quindi esportati nella VI principale operante su cRIO tramite
variabili globali, Motor Speed (RPM).
43
Figura 35 – Stralcio di codice rappresentante la seconda parte di ricezione di SiemensUSS.vi. Il Response
telegram già diviso per i due azionamenti viene separato nei vari byte. Mentre i due byte di flag vengono esportati
nell’interfaccia principale cRIO, i dati di velocità subiscono un ulteriore trattamento fino ad ottenere il valore di
velocità, a sua volta esportato nella VI principale.
3.2.4. Sequenza di accensione
Per ottenere la corretta accensione dei motori occorre considerare i byte PZD1 del
Task Telegram. Il protocollo prevede che l’accensione dei motori avvenga in
passaggi separati. Poiché tutti i comandi sono attivabili soltanto se è già stato attivato
il segnale di abilitazione operazioni, il primo segnale da abilitare sarà Enable
Operation. Questo abilita tutte le operazioni consentite all’azionamento per l’utilizzo
dei vari comandi. In seguito è necessario un controllo di anomalie ed eventualmente
la loro tacitazione. In caso di anomalia attiva nessun comando di accensione può
essere impostato poiché questo comporterebbe un malfunzionamento degli
azionamenti. Il segnale di anomalia indica un qualsiasi errore – elettronico o fisico –
dell’azionamento. Generalmente l’anomalia è generata dal timeout dell’azionamento
che comporta la disconnessione dello stesso, nel peggiore dei casi può essere causato
da un bloccaggio fisico del rotore. Per questo la tacitazione delle anomalie è un
44
passaggio critico in quanto è possibile che il software non sia in grado di resettarle,
ed in tal caso è richiesto l’intervento di manutenzione dell’operatore. Qualora non vi
siano anomalie attive, l’accensione è completata con il comando Accensione dei
motori.
La sequenza di accensione deve dunque tenere conto di:

sequenza di attivazione dei segnali;

tempo di lettura da parte dell’azionamento;

verifica di acquisizione dei segnali da parte degli azionamenti.
La sequenza di attivazione già descritta richiede il controllo da parte di ogni
variabile critica di una struttura case, come specificato in Figura 36.
Reinit variables
False
True
Auto motion
Start/Stop
Manual/Auto
True
True
True
Engine All
Clear
False
False
Position motion
Speed/
Position
False
Speed motion
Engine Ignition
Sequence
Figura 36 – Diagramma logico della sequenza di attivazione ed utilizzo dei comandi motore.
Per quanto riguarda il tempo di lettura da parte dell’azionamento si ritiene che un
intervallo di tempo tra l’attivazione di un segnale ed il successivo debba essere
almeno due volte il tempo di trasmissione USS, per essere certi che il dato giunga
almeno una volta. Per questo il tempo di attesa è impostato a 70 ms.
Per la verifica dell’acquisizione del segnale da parte degli azionamenti si ricorre alla
creazione di un’apposita variabile ReadyToSwitchOn. Questo segnale indica che
l’azionamento non presenta anomalie, blocchi attivi ed è dunque pronto
45
all’accensione. Il segnale è generato utilizzando gli Status Flag di entrambi gli assi.
Su ogni asse una somma logica tra le variabili Blocco inserzione e Pronto
all’accensione (rispettivamente bit 0 e 6) generale il segnale FatalError che può
essere considerato come un indicatore di errore. Un ulteriore passaggio di unione dei
segnali dei due assi tramite un prodotto logico permette di ottenere la variabile
ReadyToSwitchOn. In tal modo la variabile è vera soltanto se su entrambi gli assi non
sono presenti errori. Un secondo segnale chiamato EngineAllClear è ottenuto per
prodotto logico tra i segnali di motori accesi On/Off ed OperazioniAbilitate (bit 1 e
2) di ogni asse ed il segnale ReadyToSwitchOn (Figura 37). Questo segnale è vero
soltanto nel caso in cui i motori sono accesi e non vi sono anomalie.
Figura 37 – Generazione del segnale ReadyToSwitchOn.
La sequenza di accensione si trova all’interno del case False di EngineAllClear,
mentre nel case True è presente tutto l’algoritmo di controllo del sistema. Un case
più esterno è attivato dalla variabile Start/Stop che rappresenta la richiesta dell’utente
di accensione dei motori. Nessuna operazione è consentita all’utente in caso di
motori spenti. Nel caso di condizione Start/Stop falsa, cioè nella fase di spegnimento,
si inizializzano tutte le variabili di velocità, impostando a 0 il setpoint di velocità e le
variabili di posizione ponendole alla posizione attuale letta da encoder per evitare
problemi in fase di riaccensione. Un ulteriore variabile, stopped, è impostata a vero
per potere in seguito reinizializzare il blocco PID Rate Limiter e le variabili di
velocità rilevata del motore nella prima iterazione di riaccensione, cioè quando il
dato non è ancora aggiornato dalla trasmissione USS. Questi accorgimenti sono
46
necessari per evitare di incorrere in accelerazioni troppo repentine e/o di movimenti
inaspettati in fase di riaccensione del motore. Nel caso in cui la variabile Start/Stop
sia vera si passa al controllo sulla variabile Engine All Clear che identifica lo stato di
operatività del sistema motori.
La sequenza di accensione in sé è costituita da una struttura sequenziale. Il primo
frame si occupa dell’abilitazione delle operazioni impostando a vero la variabile
globale EnableOperation. Segue un frame di attesa di un tempo di 70 ms (più di due
volte il tempo del ciclo di comunicazione USS) per attendere la ricezione del
comando. Nell’ultimo frame si effettua un controllo di anomalie in un ciclo While e
la loro tacitazione, se necessaria, avviene automaticamente collegando la variabile
globale Ack Anomalies all’uscita della variabile Axis Anomalies, derivante da un
ciclo parallelo. Così facendo ad ogni iterazione si effettua un controllo sulle
anomalie, ed in caso vi siano si provvede alla tacitazione. L’uscita da tale ciclo
avviene per assenza di anomalie, ricavata con un NAND tra le anomalie dei due assi,
o per un basso numero di iterazioni che generano un segnale di uscita tramite un
comparatore posto sull’indice i. I due segnali di uscita, posti in somma logica,
permettono di uscire dal ciclo evitando di incorrere in un loop infinito in caso di
impossibilità di tacitazione. All’uscita del ciclo il segnale derivante dal NAND sopra
descritto, che è vero se non ci sono anomalie, permette l’accesso ad una struttura
case dove si procede all’accensione dei motori. Nel caso vero (assenza di anomalie)
si fornisce l’abilitazione del segnale On/Off nel primo frame di una struttura a due
passaggi. Dopo l’accensione si attende un periodo di sicurezza per essere certi che il
motore riceva il comando.
47
Figura 38 – Sequenza accensione motori. Nella struttura sequenziale del ciclo interno sono ben visibili tutte le
fasi descritte per la tacitazione delle anomalie e l’invio del comando di accensione.
3.2.5. Preparazione pacchetti dati cRIO
L’interfaccia cRIO deve inviare all’interfaccia utente tutti quei dati di funzionamento
del sistema. Questi sono divisi in due pacchetti chiamati Operation Data (ID=0) e
System Data (ID=3)12. Il primo, Operation Data, è costituito da due pacchetti
distinti, uno di flag ed uno di misure e setpoint. In un ciclo While è presente una
struttura sequenziale a tre frame. Nel primo i dati vengono raccolti e subito passano
al secondo, in modo che tutti i dati raccolti siano riferiti ad un istante comune. Nel
secondo frame avviene l’assemblamento inserendo all’interno di array i vari dati che
compongono il pacchetto. Si passa così al terzo frame nel quale la richiesta di
trasmissione è inserita in coda. Per l’inserimento della richiesta in coda è necessario
prima verificare che non sia già presente un’altra richiesta per lo stesso ID eseguendo
un ciclo While che analizza ogni richiesta confrontando ogni elemento della RT
queue con il cluster di ID e subID di riferimento. In uscita dal ciclo si accede ad una
struttura case che inserisce in coda la richiesta con la funzione Enqueue Element at
Opposite End nel caso in cui una richiesta per lo stesso pacchetto non sia già presente
in coda. In caso opposto il case risulta vuoto e non esegue istruzioni. L’intero ciclo di
impacchettamento è stato temporizzato secondo la frequenza di aggiornamento di 20
12
Riferimento ATTP: si veda capitolo quarto.
48
Hz, a 100 ms. Una frequenza maggiore risulterebbe uno spreco di risorse poiché
aggiornerebbe dati uguali, dal momento che anche il ciclo di acquisizione da FPGA è
temporizzato a 100 ms.
Figura 39 – Impacchettamento dei dati Operation Data. Da notare che i dati presenti in OperationData #2 (Data)
sono costituiti da due array, uno di dati misurati da encoder e l’altro di setpoint imposto, che vengono poi uniti.
Perché il comando Build Array svolga questa funzione è necessario spuntare l’opzione concatenate inputs dal
menù a tendina onde evitare che il blocco crei un array bidimensionale anziché unire i due vettori.
Il secondo pacchetto è quello dei dati di sistema che è composto da tre pacchetti: il
tempo del sistema cRIO, i dati meteo e i dati GPS. Tutti questi dati hanno una
frequenza di aggiornamento molto bassa poiché sono variabili di interesse secondario
e comunque dalle variazioni molto lente nell’unità di tempo. Il timing scelto per il
ciclo di trasmissione dei System Data è dunque di 1 minuto, ovvero 60000 ms.
All’interno del ciclo una struttura sequenziale raccoglie il dato dell’ora di sistema e
nel secondo frame inserisce la richiesta di trasmissione in coda. In questa versione di
ALMATracker non sono disponibili i dati meteo, dunque non vengono mai
aggiornati. Inoltre dato il tempo di aggiornamento piuttosto dilazionato, in questo
caso non si esegue il controllo della presenza di altre richieste per la stessa coppia
ID-subID, supponendo che in tale tempo il dato sia stato certamente inviato.
49
Figura 40 – Ciclo di preparazione dei System Data.
3.3.
INTERFACCIA CLIENT
L’interfaccia client è quella parte del software eseguita su PC Windows per la
comunicazione tra cRIO e utente. L’utente deve potere:

Visualizzare parametri di funzionamento del sistema;

Visualizzare dati provenienti dal sistema da dispositivi ausiliari (es: GPS,
meteo, ecc…);

Controllare il sistema.
Tutti i comandi destinati alla cRIO sono impostati direttamente dall’utente. In
background una parte dell’applicazione procede all’aggiornamento continuo dei dati
provenienti dalla cRIO e mostra a schermo i valori. Lo schema logico riportato in
Figura 41 riassume i comportamenti dell’interfaccia client.
Operation Data
(ID=0)
Show all
information
Receive TCP
data
System Data
(ID=3)
Show all
information
Event
Polynomial
(ID=1)
Send via
TCP
User action
ATControls
(ID=2)
Figura 41 – Schema logico della VI del Client in cui si evidenziano le funzioni da svolgere a seconda degli
eventi.
50
L’interfaccia necessita quindi di due cicli paralleli con due differenti compiti da
svolgere, uno di ricezione del dato e uno di trasmissione. Per quanto riguarda il ciclo
di visualizzazione nel dettaglio si rimanda al capitolo quarto. I dati ricevuti sono
visualizzati da indicatori che permettano una corretta e istintiva lettura
sull’interfaccia da parte dell’ utente. I dati in trasmissione sono invece inseriti in
coda dal ciclo di controllo tramite variabili locali. Il ciclo di controllo ha come scopo
quello di aggiungere in coda una richiesta di aggiornamento ogni qualvolta un valore
di controllo venga modificato dall’utente. Tale comportamento si ottiene facilmente
con l’utilizzo di una coda e di variabili locali che vengono aggiornate con una
frequenza di 20 Hz per essere pronte, in caso di modifica, ad andare ad aggiornare il
valore su cRIO.
3.3.1. Inizializzazione dei comandi
L’inizializzazione dei dati si ottiene inserendo tutto il codice all’interno di una
struttura sequenziale ed aggiungendo un primo frame riservato al setting dei dati di
default tramite degli Invoke nodes.
Numerosi sono inoltre gli eventi che sono stati considerati in fase di test e che hanno
portato allo sviluppo di una serie di accorgimenti particolari per migliorare il
funzionamento del sistema finale. Il primo riguarda il caso di spegnimento dei
motori o di disconnessione della rete. In questo caso occorre reinizializzare le
manopole che forniscono i setpoint di posizione e velocità per evitare che
riaccendendo i motori o riconnettendo la rete si abbia un’accelerazione inaspettata
del sistema. Si utilizza un case attivato da almeno uno tra i segnali Start o TCP
connection falsi. All’interno della struttura si provvede a reinizializzare le variabili
di velocità – poste a 0 – e le variabili di posizione – poste al valore attuale letto da
encoder. Inoltre si pone Parking a default, poiché il comando dovrebbe essere
trattenuto con l’azionamento acceso se fosse necessario mantenere la posizione di
minima resistenza. Anche Start/Stop viene reimpostato a default, coerentemente con
quanto viene fatto da lato RT per poter spegnere l’azionamento. Il precedente
ragionamento non viene effettuato in caso di tracking automatico. Se il sistema sta
eseguendo un tracking di un oggetto orbitale anche in caso di disconnessione
51
continua il proprio moto, questo per evitare interruzione nella ricezione del segnale
da parte della stazione di terra.
Figura 42 – Reinizializzazioni di angoli e velocità in seguito a caduta della connessione o spegnimento motori.
Il secondo accorgimento riguarda la modalità di Parking, per cui viene utilizzato una
semplice movimentazione in posizione. Se il comando viene inserito si attiva un
case in cui si imposta il comando di movimentazione manuale in posizione,
imponendo il setpoint prefissato nel Tab Parking.
Figura 43 – Modalità di parking. Anziché richiedere un vero e proprio parking è l'interfaccia utente che provvede
ad impostare la posizione di sicurezza tramite la movimentazione in posizione.
3.3.2. Acquisizione delle polinomiali
Poiché la generazione della polinomiale attualmente è a carico di un programma
esterno, Matlab, è necessario importare i valori dei coefficienti delle polinomiali da
file esterni. La soluzione adottata è composta da una generazione di due file di testo
da parte di Matlab con i due vettori “alphafit” e “betafit” contenenti rispettivamente i
52
coefficienti della prima polinomiale (asse X) e quella della seconda (asse Y) in
ordine di grado decrescente. Il codice utilizzato permette la scrittura su file delle due
matrici in colonna secondo ordine di grado crescente, così come richiesto dal
software ALMATracker. La funzione Matlab fliplr permette appunto di rovesciare
l’intero vettore e crearne uno che risponda a tali requisiti. Di seguito si riporta il
codice che genera i due file FILEalpha.txt e FILEbeta.txt.
format long;
f1 = fopen('FILEalpha.txt','w');
fprintf(f1,'%f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f
%f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f',
fliplr(alfafit));
fclose(f1);
f1 = fopen('FILEbeta.txt','w');
fprintf(f1,'%f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f
%f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f %f',
fliplr(betafit));
fclose(f1);
Una volta che i file sono stati creati, è possibile importarli13 sul software
ALMATracker tramite il tasto Change polynomial. Questo apre una finestra di popup
dove è possibile eseguire il puntamento dei file tramite file dialog. Con il pulsante di
conferma si attiva la funzione Read From Spreadsheed File per modificare i valori
dei coefficienti di due array di double e inserire in coda la richiesta di aggiornamento
via TCP.
13
Prima di importare i file in ALMATracker è importante tenere conto delle differenti notazioni dei
due software. Infatti per la separazione dei decimali Matlab utilizza il punto mentre LabView la
virgola. E’ quindi necessario sostituire tutti i punti con delle virgole (ad esempio con blocco note
Modifica>Sostituisci> e si seleziona “.” con “,”).
53
Figura 44 – Interfaccia di aggiornamento dei coefficienti della polinomiale
Figura 45 – Block diagram dell’interfaccia di aggiornamento dei coefficienti della polinomiale
3.3.3. Preparazione pacchetti dati client
I dati che l’interfaccia client si occupa di inviare alla cRIO riguardano le polinomiali
(ID=1) ed i controlli ALMATracker (ID=2)14. Questi dati vengono impacchettati,
associati ai propri identificativi di trasmissione e inseriti all’interno della coda RT
queue in maniera del tutto analoga a quanto avviene nell’interfaccia cRIO. Entrambi
i pacchetti non sono aggiornati a tempo ma ogni volta il dato subisce una modifica.
Per questo tutto l’aggiornamento dati avviene in un unico ciclo While temporizzato a
50 ms. Un timing inferiore risulta di scarsa efficacia poiché il tempo di
aggiornamento dei comandi effettuato manualmente difficilmente scende sotto tale
soglia. Inoltre occorre evidenziare che, per lo stesso motivo, non è stato ritenuto
14
Riferimento ATTP: si veda capitolo quarto.
54
necessario adottare provvedimenti per la verifica della presenza simultanea di due
richieste identiche in coda.
Il pacchetto dati delle polinomiali è aggiornato soltanto quando il segnale
ChangePolinomial è vero. Infatti questo segnale deriva dalla finestra popup in cui
l’utente ne richiede la modifica ed attiva un case dove la polinomiale viene
aggiornata. In questo modo il dato è aggiornato automaticamente ed è necessario
soltanto inserire in coda la richiesta di trasmissione. Nel ciclo di aggiornamento si
compila tale richiesta, tramite un case collegato alla variabile ChangePolinomial (se
risulta vera, la richiesta viene compilata). E’ inoltre necessario reinizializzare la
variabile di controllo al valore falso dopo aver compilato la richiesta.
Figura 46 – Aggiornamento della richiesta di trasmissione delle polinomiali.
Diversamente avviene per i pacchetti dati facenti parte di ALMATracker Controls.
Per ogni pacchetto dell’ID 2 è necessario, dopo la raccolta dei dati, confrontare il
pacchetto attuale con quello precedente tramite la funzione comparativa NotEqual
(≠). La successiva struttura case deve provvedere a compilare la richiesta con ID e
subID riferiti a quel specifico DP nel caso vero, cioè quando il dato è cambiato.
Figura 47 – Esempio di richiesta di aggiornamento del DP Setpoint di ALMATracker Control. I due cavi
provenienti da sinistra derivano l’uno dal dato attuale, l’altro dal dato precedente presente nel registro. Poiché si
55
tratta di array è necessario portare il comparison mode dell’operatore NotEqual in modalità compare aggregates
dal menù a tendina.
I dati da assemblare vengono raccolti in maniera speculare per i DP 0 ed 1, entrambi
creati con la funzione Build Array a partire dai dati necessari. Per il pacchetto
dell’ora di sistema invece la richiesta è attivata, come avviene per la polinomiale, dal
tasto ConfirmSync, e dunque ne condivide la medesima procedura.
Figura 48 – Aggiornamento della richiesta di trasmissione di sincronizzazione ora.
Per l’aggiornamento dell’ora è invece necessario prima di tutto leggere il dato di
tempo in secondi dall’orologio del PC. Questo viene poi convertito in cluster tramite
la funzione integrata Second to DateTime impostando l’ora come UTC. Il dato viene
poi filtrato tramite un passaggio svolto dalle funzioni Unboundle by Name e Boundle
by Name, utile per eliminare i dati al di sotto del secondo. Il dato completo è infine
spedito inserendo la richiesta in coda.
3.3.4. Interfaccia grafica
Per la compattazione a livello grafico del Front Panel sono stati utilizzati alcuni Tab
Container in modo tale da aver a disposizione tutte le informazioni contenute in una
schermata selezionabile.
Nel campo di movimentazione automatica sono stati inoltre inseriti degli indicatori
che mostrano le in tempo reale i setpoint di velocità e posizione comandati dal
modulo RT in riferimento alle polinomiali inserite.
Per quanto riguarda i controlli del sistema, qui sono inseriti gli indicatori di posizione
GPS, condizioni atmosferiche che non sono stati previsti in questa sede, ma già
predisposti sia in visualizzazione che in trasmissione dati TCP. In questa sezione
56
sono presenti anche i comandi di aggiornamento del time della cRIO e il setting dei
range di collisione.
Figura 49 – Screenshot dell'interfaccia grafica.
57
Capitolo Quarto
COMUNICAZIONE DATI VIA TCP/IP
La comunicazione dei dati tra cRIO e PC client richiede una buona rapidità di
aggiornamento di diversi elementi e la possibilita di link a distanza ed è per questo
che si è resa necessaria una connessione via ethernet. Tra i vari metodi di
comunicazione è stato scelto il protocollo TCP/IP (Trasmission Control Protocol) sia
per la semplicità d’utilizzo che per la possibilità di accedere al sistema rapidamente e
ovunque, disponendo di una connessione internet15. La connessione TCP richiede
l’utilizzo di una macchina server ed una o più client. Data l’architettura del progetto
e l’esigenza di poter comunicare con il dispositivo cRIO con PC differenti è stato
adottato un sistema in cui la cRIO è il server della connessione TCP (con IP fisso) e
il client è un qualsiasi PC operante con sistema Windows. La differenza tra server e
client sta nel fatto che il client può disconnettersi dal sistema senza generare
anomalie e/o interruzioni di task (supponendo di essere in modalità automatica)
mentre il server deve sempre essere operativo e mantenere aperto il canale di
comunicazioni per eventuali client. Considerata inoltre la possibilità di avere client
anche differenti16, lo scambio dati deve avvenire secondo uno schema fisso deciso in
precedenza. Per questo si è sviluppato un protocollo proprio (ATTP) e lo sviluppo
dell’algoritmo stesso è stato eseguito in modo tale da essere bidirezionale e poter
usare lo stesso codice sia da lato client che server. La differenza tra nei blocchi di
trasmissione non sta nel codice di comunicazione ma nei dati scambiati con le VI di
lettura e trasmissione, poiché il dato da trasmettere o ricevere è selezionato in modo
differente nel server e nel client.
15
E’ necessario che la cRIO sia collegata ad una rete internet, che il router abbia aperto la
corrispondente porta di comunicazione, e che l’utilizzatore conosca l’indirizzo IP pubblico del
dispositivo.
16
L’accesso al sistema deve poter avvenire da più di un PC, ma non in maniera simultanea.
58
4.1.
PROTOCOLLO ATTP (ALMATRACKER TCP/IP PROTOCOL)
AlmaTracker Tcp/ip Protocol denota il protocollo di comunicazione TCP/IP
sviluppato per questo sistema. ATTP è stato pensato modulare ed espandibile con la
possibilità di aggiungere in ogni momento pacchetti dati di scambio. I pacchetti di
dati sono classificati da un ID che identifica il gruppo primario (es: dato di
funzionamento, controllo, dato di sistema…) e il verso del flusso del dato (da cRIO a
client o viceversa) e da un subID che identifica, all’interno di uno stesso gruppo, la
categoria del dato. Ogni pacchetto (DataPackage o “DP”) con stesso ID e subID è
caratterizzato da dati che viaggiano nella stessa direzione e che hanno stessa struttura
(array di boolean, cluster, double, ecc…). I dati da trasferire sono setpoint
dell’utente, variabili impostate dalla cRIO, letture di posizione, letture divelocità e
indicatori di stato dei motori. La descrizione completa di tutto il protocollo è stata
inserita in appendice, in ottica di fungere da manuale tecnico in un futuro utilizzo del
sistema ALMATracker da parte di terzi. Alcuni pacchetti sono volutamente lasciati
liberi per lasciare la possibilità di essere espansi sia in fase di sviluppo e affinamento,
svolta in questa sede, sia per eventuali sviluppi futuri.
4.2.
CICLO DI RICEZIONE
I dati ricevuti via TCP sono divisi in più trasmissioni. Le prime due trasmissioni sono
di lunghezza definita ed identificano due numeri interi (in formato intero I32) che
rappresentano rispettivamente ID e subID del dato che si sta per ricevere. Tramite gli
identificativi ricevuti si accede ad una ricezione dei dati successivi che avviene in
maniera distinta grazie all’utilizzo di due strutture case annidate in grado di
distinguere a priori il dato ricevuto implementando differentemente la ricezione
secondo il protocollo derivante dai vari identificativi. In tal modo si possono
aggiornare i dati non appena ricevuti, andando a modificare la variabile
corrispondente al dato identificato dall’ATTP. La ricezione dei dati avviene tramite il
comando TCP Read, al quale occorre fornire l’ID di connessione, e il numero di byte
da leggere e restituisce il dato letto sotto forma di stringa ASCII. Una caratteristica
comune per la ricezione è che per ogni identificativo sono presenti uno o più
DataPackage (DP), letti separatamente secondo una procedura fissa: viene letta
dapprima la lunghezza del DataPack (LOP, di lunghezza prestabilita in ATTP) e
59
successivamente il DP di lunghezza nota da LOP. Il dato ottenuto viene poi riportato
al tipo originale eseguendo il casting al tipo di dati specificato dal protocollo, grazie
alla funzione Typecast.
Figura 50 – VI di ricezione dati da TCP (s_TCPread.vi). Da notare che le letture di ogni blocco di dati
avvengono separatamente per sapere in anticipo, prima del termine del pacchetto dati completo, cosa si va a
leggere. Questo permette di aggiornate le variabili durante la fase stessa di ricezione, evitando una post
elaborazione che sarebbe alquanto più lunga e complessa. E’ di estrema importanza prestare la massima
attenzione alla rappresentazione delle costanti su cui si esegue il Typecast; e.g.: se in fase di trasmissione la
conversione è avvenuta usando un U8, non è possibile in ricezione utilizzare, ad esempio, una U16. Infatti in
quanto si richiederebbero più bit di quanti effettivamente inviati e si genererebbe un errore silente causato da uno
slittamento dei dati tra i vari pacchetti.
In fase di ricezione occorre inoltre tenere conto che il ciclo aggiorna un solo DP per
volta restituendo tutti gli altri DP nulli. Per questo si è pensato di aggiornare un dato
soltanto se ID e subID indicano che quel dato è stato letto. Questa routine si ottiene
inserendo un Select che riceve come riferimento la comparazione tra ID e subID in
ingresso e quelli dello specifico DP, restituendo il nuovo valore letto se la
comparazione ha esito positivo oppure il valore letto da shift register in caso di esito
negativo. Nella versione finale, tuttavia, si è giunti ad un algoritmo di aggiornamento
più compatto e con un minor consumo di risorse. Specularmente a quanto si osserva
nella subVI TCPread, i valori vengono aggiornati solo all’interno del corrispondente
caso di ID e subID di due strutture case annidate, comandate appunto dagli
identificativi di trasmissione. In tal modo vengono aggiornati i valori ricevuti,
mantenendo inalterati tutti gli altri, con il minimo costo in termini di calcolo e tempo.
La ricezione dei dati restituisce quindi dei valori derivanti da un’altra macchina
filtrati in maniera differente a seconda che si consideri la cRIO o il PC. In particolare
si andranno ad aggiornare soltanto i valori che, da protocollo, si presume arrivino
dall’altra macchina, trascurando completamente di aggiornare dati il cui ID è
60
incompatibile con la ricezione. Ad esempio un PC non deve aggiornare dati il cui ID
indica in arrivo da un PC perché questi sarebbero sicuramente derivanti da un errore
di comunicazione dati. Sia nella subVI che nel case di aggiornamento è previsto un
void case identificato dall’ID 50, che viene utilizzato qualora l’aggiornamento dei
dati non sia stato richiesto, e quindi nessuno dei precedenti valori debba essere
sovrascritto.
Figura 51 – Ciclo di aggiornamento dei dati provenienti dalla connessione TCP. In questo caso è esaminata la
parte cRIO che va quindi ad aggiornare i DP di ID 1 (polinomiali) e 2 (comandi). In basso invece è presente la
gestione degli errori e del segnale di arresto manuale che devono essere in grado di fermare l’intero ciclo in caso
di disconnessione, rendendo possibile la ricerca di una nuova connessione disponibile.
4.3.
CICLO DI TRASMISSIONE
I dati sono spediti in maniera del tutto speculare alla procedura di ricezione. ID e
subID vengono inviati nelle prime due trasmissioni, successivamente vengono
spediti tutti i dati richiesti (a seconda degli identificativi) ognuno preceduto dalla
propria lunghezza. Ogni tipologia di dato (boolean, double, ecc…) è diviso in DP
differenti per comodità di trasmissione dati. Infatti per la trasmissione in un
61
pacchetto TCP i dati non possono essere trasmessi come valori numerici ma come
stringhe di caratteri, e se i dati sono omogenei (cioè dello stesso tipo) è possibile la
conversione da stringa a double utilizzato la funzione integrata Typecast che esegue
la conversione in stringa. Il dato ottenuto viene trasmesso e in fase di ricezione può
essere riottenuto eseguendo un cast al tipo di variabile del DP (da protocollo) senza
ulteriori modifiche.
Figura 52 – VI di trasmissione dati da TCP (s_TCPwrite.vi). La trasmissione di ogni blocco di dati è anticipata
dalla lunghezza di tale. Dal lato trasmissione Typecast è semplice poiché occorre soltanto portare il dato in
stringa.
Vi sono tuttavia altri punti problematici tra cui la sincronizzazione dei vari cicli di
trasmissione, poiché i dati da comunicare sono diversi e vanno trasmessi a frequenze
differenti. Inizialmente si è inserito un controllo che inviasse la richiesta di
trasmissione ogni qualvolta un tipo di dato richiedesse l’aggiornamento (on change,
on request o temporizzato) ma si è riscontrato un problema di simultaneità di
trasmissione. Infatti è possibile che un dato richiedesse la trasmissione mentre era
ancora in processo un'altra. Così facendo la trasmissione in atto continuava il proprio
iter mentre la nuova decadeva. Il problema è stato superato introducendo per ogni DP
una coda, ovvero un RT FIFO cluster (First In First Out) in cui la richiesta di
trasmissione è inserita in una sequenza di coppie (contenenti ID e subID del dato da
inviare) che vengono processate dal ciclo di trasmissione in ordine di inserimento. In
tal modo si ottiene di non perdere alcuna comunicazione ma si ammette un possibile
ritardo nella comunicazione in caso in cui due o più richieste convergano nello stesso
istante. In tal modo è necessario creare alcuni cicli paralleli a diversa
temporizzazione per ogni frequenza di aggiornamento che vadano ad inserire il dato
in coda. E’ necessario prestare attenzione a non sovraccaricare la coda, ad esempio
62
adottando qualche accorgimento, come l’inserimento di una richiesta in coda solo se
la coppia (ID+subID) non è già presente17. Prima di inviare il dato, una parte del
codice controlla che la coda non sia vuota, ed in tal caso usa l’ID riservato 50. In
caso vi sia qualche elemento in coda, questo va ad aggiornare i corrispondenti dati.
Figura 53 – Stralcio di codice che riporta la routine con cui si richiama la subVI di trasmissione. Nel primo
frame della struttura sequenziale si controlla se vi siano dati da scrivere, cioè se sia presente una richiesta
all’interno della coda TCPq. Nel secondo frame si procede alla trasmissione comunicando tutte le variabili
necessarie alla subVI di trasmissione. Nel caso di coda vuota si entra nel caso True che setta ID e subID pari a 50.
La presenza di un controllo complesso sugli errori e l’inserimento di un timeout sul ciclo di attesa permettono di
evitare, in fase di chiusura della VI, che il ciclo entri in un loop infinito impedendo lo spegnimento.
4.4. STABILITA’ DELLA CONNESSIONE
Tutto il ciclo di comunicazione TCP è racchiuso all’interno di un ciclo While
temporizzato a 100 ms. All’interno è presente una struttura sequenziale. Il primo
frame è utilizzato per l’inizializzazione degli indicatori di errore in ricezione e
trasmissione error Rx ed error Tx. Nel secondo frame si procede all’apertura della
connessione che avviene in maniera differente per cRIO e PC client.
Infatti il PC si connette ad un indirizzo IP stabilito dal server tramite la porta 5902
utilizzando il comando TCP Open connection. Per la cRIO l’apertura della
connessione da lato server tramite il comando TCP Listen richiede soltanto il numero
della porta. Questo comando apre una connessione verso qualunque dispositivo sia
connesso sulla stessa porta.
17
Questo controllo sarebbe da effettuare soltanto nel caso in cui il dato sia ad alta frequenza di
aggiornamento. Per basse frequenze di aggiornamento, maggiori ai 300 ms, è lecito ritenere che la
richiesta precedente sia già stata processata all’arrivo di una nuova.
63
In entrambi i casi si accede ad un case attivato dall’errore in uscita al comando di
apertura della connessione. Nel caso Error avviene la reinizializzazione degli errori
di trasmissione. Nel caso No Error, invece, si trova tutta la parte di comunicazione
bidirezionale descritta dei capitoli 4.2 e 4.3.
Un aspetto importante per la stabilità della connessione è prevedere che i cicli interni
al blocco TCP vengano fermati qualora si verifichi un errore che indichi perdita di
connessione in trasmissione o più tipicamente in ricezione (comunemente timout,
codice 56; connection refused, codice 63; connection closed, codice 66) o nel caso
sia stato premuto il tasto di uscita. In questo modo si di può giungere alla chiusura
della connessione nel caso la VI venga interrotta, o comunque all’uscita dalla
struttura. L’uscita dai vari cicli richiede di unire i segnali d’errore provenienti da
ognuno di essi. Tramite variabili locali error Tx ed error Rx si analizza lo stato della
connessione e al più si giunge all’uscita dei vari cicli nel caso in cui sia presente un
errore o sia stato premuto il pulsante di interruzione. Questo è realizzato grazie alla
funzione Merge error che unisce gli errori del quale si ricava infine lo stato da
Unbundle by name. Lo stato d’errore posto in somma logica con il segnale che
richiede l’interruzione della VI, porta all’uscita del ciclo.
Figura 54 – Generazione del segnale di uscita dai cicli di ricezione e trasmissione TCP.
All’uscita da entrambi i cicli si accede ad un case in cui viene chiusa la connessione
nel caso sia ancora aperta. Il case è attivato dal segnale in uscita dal comando
NotAPath posto sull’ID di connessione. Questo permette di non generare errori e
giungere alla chiusura di connessione, realizzata con l’istruzione TCP Close
Connection.
64
Figura 55 – Chiusura della connessione TCP.
Se la VI rimane attiva, avviene una nuova iterazione nel quale il client tenta la
connessione fino al timeout al temine del quale si ferma ed incomincia con
l’iterazione successiva. Grazie a questi accorgimenti la connessione è resa stabile a
successive riconnessioni senza richiedere il riavvio del sistema, né della VI stessa. In
particolare la connessione è stata testata ed risulta stabile anche in caso di
disconnessione fisica del cavo di rete18.
18
La connessione TCP non risulta stabile se la VI operante su cRIO viene interrotta durante
l’esecuzione dell’applicazione client. In questo caso sul client rimane aperta la porta di
comunicazione, ed il client non riesce a riconnettersi a meno di un riavvio dell’intero software di
LabVIEW. Questo caso è opportuno non includerlo negli eventi da gestire, poiché la VI su cRIO non
deve mai essere interrotta.
65
Capitolo Quinto
CONTROLLO DEL SISTEMA
Gli azionamenti Siemens sono stati impostati per il controllo in velocità. Ciò vuol
dire che il setpoint richiesto dall’utente - qualsiasi esso sia - deve essere elaborato
fino ad ottenere un setpoint di velocità. Il controllo è svolto dal modulo RT e si
divide in tre casi possibili di modalità:

Manuale in velocità;

Manuale in posizione;

Automatico da polinomiale.
Il caso più semplice è ovviamente quello del controllo in velocità poiché in tal caso è
l’utente stesso ad impostare il setpoint di velocità. Nel caso del controllo in posizione
e del controllo automatico invece è necessario un sistema retroazionato che faccia
raggiungere la posizione finale dell’asse tramite l’impostazione di una velocità. In
tutti i casi è comunque necessario ottenere un setpoint di velocità, che viene poi
filtrato fino ad ottenere un valore di velocità accettabile e pronto per essere trasmesso
al motore.
Correzione
Setpoint
Velocità
Setpoint
Posizione
+
Filtro
Siemens
USS
Calcolo
Velocità
Polinomiale
feedback
Figura 56 – Schema di impostazione del setpoint di velocità partendo da condizioni iniziali differenti. Da notare
la presenza di una correzione che può rendersi necessaria per svariati motivi (nel caso più generale si ha un offset
costante nullo). La presenza di un filtro permette di poter attenuare il setpoint introducendo una rampa, così da
avere variazioni di velocità contenute in un intervallo accettabile sia da motori che dalla meccanica del sistema
senza danneggiarsi.
66
Dal momento in cui si ottiene un setpoint di velocità richiesto dal sistema,
l’algoritmo prosegue comune per tutti i casi – sia velocità, posizione o automatico.
Figura 57 – Parte comune del codice di controllo del sistema. Questo algoritmo si sviluppa dall’ottenimento del
setpoint di velocità fino al setting del setpoint corretto e filtrato agli azionamenti. Nella prima parte il blocco
sR_CollisionAvoider.vi serve per limitare l’escursione massima dell’antenna. Il successivo PID Output Rate
Limiter è utilizzato per la generazione di una rampa ed evitare accelerazioni troppo repentine. Le velocità così
ottenute per ogni asse vengono impostate agli azionamenti tramite variabili globali Axis Speed (RPM). A questo
componente occorre fornire i dati in ingresso sotto forma di array, e vengono dunque assemblati per i due assi con
la funzione Build Array.
Tutta la parte di algoritmo precedente all’ottenimento del setpoint di velocità è
differente per i vari casi ed è effettuata quindi in diversi case attivati da controlli sulle
variabili del sistema. In particolare, si esegue un primo controllo sull’opzione
Manuale/Automatico che introduce ad un case. Mentre nel caso vero - cioè di
movimentazione automatica - vi è l’unica opzione del controllo in polinomiale che
viene quindi attuata. In caso manuale si effettua un secondo controllo su
Velocità/Posizione. Utilizzando nuovamente una struttura case si può accedere alle
due modalità manuali. Per tutti e tre i casi si fornisce all’uscita del case più esterno
un unico output di setpoint in velocità per ognuno dei due assi. In tal modo si
svincola il filtraggio dei dati dal metodo con cui avviene il tracking o il
posizionamento.
67
Figura 58 – Case annidati per il calcolo dei setpoint di velocità nelle varie modalità.
5.0.1. Correzione del setpoint di velocità
Nel corso di progettazione si è tenuto conto di un possibile errore del segnale dovuto
a offset, disturbi o inconvenienti di trasmissione verso gli azionamenti. Per questo si
è inserito un blocco di correzione del setpoint di velocità prima che questo sia inviato
all’azionamento. L’algoritmo di controllo è un semplice sommatore che aggiunge al
segnale richiesto una costante nulla, ma il fatto di averlo già previsto lascia posto a
possibili correzioni in caso in fase di sperimentazione ci si accorgesse di avere un
errore. La costante del sommatore può anche essere sostituita da un algoritmo di
controllo più complesso ed elaborato, magari chiuso in ciclo di retroazione tra
setpoint di velocità e comando motore.
5.0.2. Controllore di rampa
Per la movimentazione del sistema occorre tenere in considerazione che il corpo da
ruotare non è costituito dal solo motore. Infatti il rotore è collegato ad una serie di
riduttori di giri, che a loro volta movimentano l’asse dell’antenna. Considerando
dunque che l’antenna è una parabola di circa 3 metri di diametro, questa opporrà una
discreta inerzia ad accelerazioni e decelerazioni. Questa inerzia del sistema fisico
porta a dover creare un filtro di limitazione di accelerazione, cioè di limitare la
pendenza della retta tempo-velocità, evitando variazioni di velocità troppo brusche
che porterebbero il motore a bloccarsi. Con una serie di prove sperimentali senza
carico sull’asse si ottiene che l’aumento massimo di accelerazione in fase di test non
deve superare i 500000 deg/min2 all’asse del motore (tale valore andrà modificato in
presenza dell’inerzia dell’antenna).
Per l’implementazione di un filtro che esegua tale limitazione è necessario ricorrere
alla funzione integrata PID Output Rate Limiter che fornisce in uscita un setpoint di
68
velocità con una variazione massima impostabile. Questo componente richiede come
ingressi un array del setpoint, il massimo rate di accelerazione e i valori di velocità
attuali. Il vettore dei setpoint dei due assi è ottenuto costruendo un array (tramite
funzione Build Array) con i valori calcolati, già convertiti in deg/sec sull’asse del
motore e limitati alla velocità massima operativa del motore stesso (3000 RPM
sull’asse motore, cioè 18000 deg/sec). Il vettore dei rate massimi di accelerazione è
ottenuto tramite la funzione Build Array usando per entrambi gli assi la stessa
costante. Infine, il vettore delle velocità attuali deriva dalla lettura dell’encoder
motore. Al blocco viene fornito anche un ingresso che permette di resettare il valori
iniziali di rampa. A questo è collegata la variabile booleana stopped che è vera solo
nel primo ciclo successivo al riavvio della movimentazione. In questo caso, infatti, i
motori sono fermi e si suppone che la rampa riporti a 0 il valore iniziale di velocità
rilevata. In uscita dal PID Output Rate Limiter si ottiene un array i cui due elementi
sono i setpoint di velocità limitati che vengono estratti con la funzione Index Array
specificandone l’indice (che in questo caso coincide con l’ADR del motore
corrispondente). I valori di velocità ottenuti sono calcolati in deg/sec e vengono
convertiti in RPM prima di essere importati nella subVI SiemensUSS.vi tramite
variabile globale Axis Speed (RPM).
5.0.3. Contatti di fine corsa
Il sistema meccanico di ALMATracker presenta dei limiti su entrambi gli angoli (si
veda il capitolo 2.5). Per questo è necessario prevedere dei comandi di fine corsa che
inibiscano la movimentazione del sistema qualora venga richiesto di spostarsi in una
posizione esterna al range di valori accettabili. I comandi di fine corsa hanno lo
scopo di limitare il puntamento del sistema alle sole posizioni globalmente
accettabili, tenendo conto della possibilità di interferenza tra i componenti meccanici.
La subVI denominata sR_CollisionAvoider.vi si occupa di limitare movimenti
agendo sui setpoint. Questa subVI, duplicata identicamente per i due assi, riceve
cinque ingressi: setpoint richiesto, indicatori di collisione max e min da software e
indicatori di collisione hardware. L’unica uscita della funzione è il setpoint corretto.
Il blocco in questione viene interposto tra il setpoint richiesto e il controllore rampa.
In questo modo è possibile ottenere una correzione in velocità (e quindi in posizione)
senza alterare l’efficacia del limitatore di rampa. Gli indicatori di collisione si
69
dividono in due tipi: hardware e software. Gli indicatori hardware sono i
microinterruttori già decritti nella parte hardware della meccanica (cap 2.5), mentre
quelli software sono delle variabili booleane calcolate effettuando il confronto di
superamento dei limiti massimi imposti dall’utente (cioè se l’angolo è compreso nel
range di valori accettabili la variabile è falsa, altrimenti è vera). All’interno della
subVI di fine corsa si effettua il controllo sugli indicatori di collisione. In particolare
se la velocità è positiva (per velocità negative avviene tutto in maniera speculare)
occorre verificare di non oltrepassare il limite di angolo massimo, effettuando il
controllo sulla variabile Collider max sw posta in somma logica con Collider max
sw, che a sua volta deriva da FPGA tramite un controllo in OR dei segnali dei due
microinterruttori posti all’angolo massimo. Il blocco di fine corsa, se verifica che
almeno uno degli indicatori di collisione è attivo, imposta a 0 la velocità fintanto che
questa è positiva, lasciandola inalterata altrimenti (la decelerazione verrà poi limitata
dal controllore di rampa a valle). Se invece nessuno di questi indicatori è attivo la
velocità richiesta in uscita sarà lo stesso setpoint in ingresso. Tutte le verifiche
vengono fatte per mezzo di comparatori logici il cui risultato permette l’accesso ad
una serie di due case annidati.
70
Figura 59 – sR_CollisionAvoider.vi presentato nei due casi – senza collisione nel primo screeshot, con collisione
nel secondo – a velocità positive. In questa subVI i controller sono connessi secondo il seguente codice: la lettera
maiuscola rappresenta la posizione dell’indicatore (A per max, B per min) mentre il numero rappresenta il tipo di
indicatore (1 software o 2 hardware).
5.1.
SETPOINT DI VELOCITÀ
Il setpoint di velocità è impostato dall’utente tramite client. Il dato spedito via TCP
giunge alla cRIO ed è pronto per essere elaborato. E’ quindi sufficiente fornire come
valore di output dalla struttura il valore letto da TCP tramite variabile locale, come
mostrato in figura.
Figura 60 – Setting del setpoint di velocità fornendo il valore contenuto nella variabile locale, che un ciclo
parallelo pone pari al valore impostato dall’utente via TCP.
71
5.2.
SETPOINT DI POSIZIONE
Il controllo di posizione richiede un algoritmo più complicato del caso precedente.
Innanzi tutto questo necessita obbligatoriamente di una retroazione per conoscere
l’effettiva posizione del sistema, istante per istante. Si utilizza quindi una funzione
che richiede come ingressi i setpoint di posizione e i valori degli angoli letti da
encoder (entrambi derivanti da variabili locali) oltre ai valori minimi e massimi
ammissibili19 e riceve come output i setpoint di velocità, che saranno valori in uscita
dalla struttura del caso in esame. La funzione che si occupa di eseguire
l’elaborazione dei dati da un setpoint di posizione ad uno di velocità
(sR_PositionToSpeed.vi) ricorre all’utilizzo di un controllore PID (Proporzionale Integrativo - Derivativo).
Figura 61 – Setting del setpoint di velocità a partire da uno di posizione.
Questo componente rappresenta un sistema in retroazione negativa, basato
sull’inseguimento del setpoint da parte del sistema di controllo automatico. I sistemi
PID sono largamente utilizzati in molti processi industriali poiché, modificando il
comportamento di alcuni parametri, si riescono ad ottenere comportamenti differenti
fino al raggiungimento di una risposta soddisfacente da parte
del sistema
complessivo di cui il PID controlla la dinamica. Il regolatore utilizzato ha una
funzione di trasferimento standard
19
I valori massimo di velocità è stato impostato a
72
3000 RPM al motore, cioè
deg/sec all’asse.
(
)
La costante Kp si dice sensibilità proporzionale, Td costante di tempo dell’azione
derivativa e Ti costante di tempo dell’azione integrale. L’inverso della sensibilità
proporzionale si dice banda proporzionale e corrisponde all’escursione della variabile
controllata necessaria per provocare una variazione unitaria della variabile
manipolabile, in assenza di azione derivativa ed integrativa20. Dunque, mentre il Kp
fornisce una soglia per l’attivazione del controllore, il termine integrativo fa si che
l’errore a regime sia nullo ovvero che il valore finale corrisponda alla richiesta.
L’azione derivativa permette di variare la velocità di cambiamento dell’errore
compensando la funzione per evitare che l’errore rimanga fisso per un certe periodo
o aumenti oltremodo.
Per la regolazione dei valori delle guadagni del PID, fornite tramite un array
composto da due cluster identici, si è ricorso ad un tuning21 sperimentale del sistema.
In particolare si è giunti ad impostare:
1. Kc (guadagno proporzionale) = 0.645;
2. Ti (tempo integrale) = 0;
3. Td (tempo derivativo) = 0.014.
Questi valori sono risultati essere quelli che forniscono la risposta migliore in termini
di tempo di ritardo e di assestamento, cioè del tempo con sui si arriva a regime.
La subVI sR_PositionToSpeed.vi è composta dal regolatore PID. Questo richiede in
ingresso un range di valori accettabili di velocità (valori massimi e minimi), i
setpoint di posizione, i valori attuali dei dati angolari e le costanti di guadagno. In
uscita fornisce il setpoint di velocità. Tutti i dati scambiati con il blocco PID sono
sotto forma di array, in cui ogni asse ha un indice (0 o 1). Tutti gli array vengono
assemblati con la funzione Build Array, mentre l’estrazione avviene con un Index
Array, indicando l’indice del valore da estrarre. I vettori di range e delle costanti di
20
G. Marro, Op. cit. pag. 228.
Il tuning è un metodo di regolazione dei parametri di un controllore PID attraverso la variazione dei
valori fino ad ottenere il comportamento desiderato.
21
73
guadagno del PID sono formati unendo due cluster identici. Il vettore di setpoint è
ottenuto unendo i valori derivanti da variabile locale dal blocco TCP, così come per
il dato angolare letto che deriva direttamente dal blocco di lettura dell’angolo da
encoder.
Figura 62 – sR_PositionToSpeed.vi per il calcolo della velocità partendo da un setpoint di posizione. Questa vi si
avvale di un regolatore PID.
5.3.
CONTROLLO SECONDO POLINOMIALE
Il controllo automatico consente di effettuare il tracking di un satellite inserendo da
lato client le polinomiali delle posizioni istantanee sui due assi. Tali polinomiali, di
grado non superiore al 40esimo sono della forma:
x(tJD)=a0t0+a1t1+…+aiti+…+ak-2tk-2+ak-1tk-1+aktk
con k≤40, tJD=Julian Date (tempo giuliano)
Per il calcolo di tJD si ricorre alla conversione dal tempo “DateTime” del dispositivo
cRIO a tempo giuliano utilizzando necessariamente lo stesso algoritmo del codice
utilizzato per il calcolo della polinomiale. L’algoritmo utilizzato è dunque quello
fornito da “The United States Naval Observatory22” e qui riportato:
int signJD=-1;
if (((100*time_temp.year)+time_temp.month-190002.5)>0){
22
http://www.usno.navy.mil/USNO/
74
signJD=1;
}else{
if (((100*time_temp.year)+time_temp.month-190002.5)==0){
signJD=0;
}}
time_temp.JD=(367*time_temp.year) floor((7*(time_temp.year+floor((time_temp.month+9)/12)))/4)+floor((275*ti
me_temp.month)/9)+time_temp.day+1721013.5+((time_temp.min/1440.0)+(t
ime_temp.hours/24.0)+(time_temp.sec/86400.0)+(time_temp.fraction_sec_do
uble_precision/86400.0))-(0.5*signJD)+(0.5);
Figura 63 – sR_JulianTime.vi Algoritmo per il calcolo del Julian Date a partire dal tempo di sistema.
Poiché l’azionamento del sistema richiede un controllo in velocità risulta necessario
passare da una polinomiale di posizione ad una di velocità. La subVI DerivatePoly.vi
è stata programmata in modo da restituire in uscita una polinomiale derivata della
polinomiale in ingresso, cioè per passare da x(t) a v(t). Per la derivazione si utilizza
la formula:
75
con i=0:k
Dunque si elimina il primo termine a sinistra (a0), tramite il comando Delete From
Array, e si spostano tutti i termini a sinistra di un posto, moltiplicandoli per il loro
vecchio indice che sarà pari al numero dell’iterazione, cioè i+1. La polinomiale
ottenuta rappresenta v(t).
Figura 64 – Algoritmo di derivazione sR_DerivatePoly.vi .
La subVI sR_SpeedFromPoly.vi si occupa del calcolo della velocità e della posizione
istantanee utilizzando le polinomiali e sostituendo il tempo calcolato in Tempo
Giuliano. Questo si ottiene utilizzando un ciclo For di numero di iterazioni pari alla
lunghezza della polinomiale. Due shift register contengono l’uno il valore del valore
parziale della polinomiale calcolata, l’altro del tempo esponenziale. Il valore parziale
della polinomiale si ottiene sommando al valore precedente del registro, inizializzato
a 0, il prodotto tra il coefficiente della polinomiale ed il corrispondente tempo
esponenziale. Quest’ultimo è ottenuto moltiplicando per ogni ciclo il valore del
registro, inizializzato ad 1, al valore del tempo giuliano. In uscita dal ciclo il valore
derivante dal registro del valore di polinomiale rappresenta la velocità istantanea o la
posizione istantanea, a seconda della polinomiale in ingresso.
76
Figura 65 – sR_SpeedFromPoly.vi calcola i valori di velocità e posizione istantanee partendo dalle rispettive
polinomiali e dal valore del tempo giuliano precedentemente calcolato.
Il valore della posizione è poi importato nella subVI sR_PositionToSpeed.vi
precedentemente descritta nel controllo in posizione. Qui vengono dati gli ingressi
delle posizioni attuali derivanti da encoder e quelli dei setpoint di posizione derivanti
da polinomiale. A questo andrebbe aggiunto un secondo controllo di velocità che
utilizza il feedback derivante dal calcolo svolto sul dato di encoder.
Figura 66 – Blocco di controllo automatico. E' possibile seguire il corso dei dati che dalle polinomiali passa ai
blocchi di derivazione per il calcolo delle velocità, da qui ai blocchi di calcolo dei valori istantanei. Infine con il
blocco di movimentazione in posizione si ottengono i setpoint di velocità.
77
Il tracking automatico rappresenta quindi una movimentazione in velocità ma ad
inseguimento di posizione, con una velocità non stazionaria nel tempo. Questo
richiede un algoritmo di controllo in catena chiusa, che utilizza anche i feedback di
velocità rilevati dagli encoder. Il controllo automatico non è stato totalmente
completato in questa sede. La tipologia di controllo per questa modalità è
temporaneamente di tipo in posizione. La polinomiale di posizione fornisce il
setpoint in funzione del tempo giuliano in ingresso ed il sistema provvede al
raggiungimento dell’angolo.
78
Capitolo Sesto
CONCLUSIONI
Il software così come presentato è stato compilato per ottenere un eseguibile (*.exe)
per il lato client, mentre su cRIO i bitfile generati sono stati caricati per permettere
l’avvio automatico su accensione. Per poter operare sul sistema occorre impostare i
dati di rete come di seguito riportati:
ALMATracker – Impostazioni del sistema
Indirizzo IP cRIO
169.254.125.2
Subnet Mask
255.255.0.0
Porta comunicazione TCP
5902
Tabella 5 – Impostazioni di rete.
Il sistema così completato è stato sottoposto a fase di test per stabilirne la completa
operatività e la stabilità in caso di eventi imprevisti. Al termine dei test di stabilità
sono stati effettuate delle prove per le modalità di movimentazione manuale in
velocità e in posizione. I risultati ottenuti sono riportati di seguito.
ALMATracker – Prestazioni velocità
Velocità massima
±3˙000 RPM al motore (±18˙000 deg/sec)
±1.5306 deg/sec all’asse finale
Accelerazione massima
±500˙000
RPM/min
al
motore
(±50˙000
deg/sec)
±25.5102 deg/sec all’asse finale
Tempo di accelerazione (0-Vmax)
< 2˙700 ms
Tabella 6 – Prestazioni di velocità.
Sebbene un qualunque sistema rotativo si comporti generalmente come un sistema
del second’ordine, a causa dei parametri stabiliti al PID e della saturazione indotta
79
dal limitatore di accelerazione il sistema completo tende più ad un sistema del primo
ordine, essendo nulla la sovraelongazione. In Tabella 7 si riportano i valori generali
di posizionamento comuni ad ogni valore del setpoint di posizione.
ALMATracker – Prestazioni posizione I
Precisione di posizione
0.00549 deg
Accuratezza in posizionamento
< 0.01 deg
Massima sovraelongazione
0%
Istante di massima sovraelongazione
-
Tabella 7 – Prestazioni in posizione I.
La caratterizzazione del controllo in posizione di ALMATracker è descritta dai
parametri caratteristici di un sistema in retroazione di ordine superiore al primo.
Questi parametri forniscono informazioni sulla reattività del sistema e sulle risposte
ai vari ingressi, riportate in Tabella 8 e Figura 68.
ALMATracker – Prestazioni posizione II
Setpoint
90 deg
180 deg
270 deg
360 deg
Tempo di ritardo [ms]
6˙113
11˙047
15˙946
20˙845
Tempo di salita [ms]
8˙401
15˙600
23˙500
31˙400
Tempo di assestamento95% [ms]
12˙212
20˙447
29˙346
38˙545
Tempo di posizionamento [ms]
29˙013
38˙447
48˙746
57˙745
Tabella 8 – Prestazioni in posizione23 II.
23
Misurazioni riferite al sistema in partenza da fermo con setpoint di posizione. Tutte le misure
riportate possono essere affette da un errore < 100 ms. Parametri come definiti in G. Marro, op. cit.,
pagg. 63 e segg.
80
Figura 67 – Grafico di risposta di un sistema al gradino unitario, in cui sono evidenziati i parametri
principali:
TR è il tempo di ritardo, necessario al raggiungimento del 50% del valore finale.
TS è il tempo di salita, necessario per passare dal 10% al 90% del valore finale.
TA è il tempo di assestamento, necessario perché la risposta sia compresa in un intervallo che non si
discosta dal valore finale più del ±5%.
TP è il tempo di posizionamento, necessario al raggiungimento del valore finale.
Figura 68 – Profili di posizione per vari setpoint (90, 180, 270 e 360 deg). In ascisse si riportano i tempi, in ms
dall'avvio del sistema; in ordinate la posizione.
6.1 SVILUPPI FUTURI
Il software di ALMATracker sviluppato nel corso di questa tesi rappresenta la
struttura principale della versione finale del programma. Il sistema, infatti, permette
il completo controllo della movimentazione in posizione e velocità. La modalità
automatica, invece, è stata sviluppata in maniera marginale, utilizzando una parte
dell’algoritmo della movimentazione in catena chiusa con feedback in posizione. Si
81
ritiene che questo debba essere sostituito da un doppio feedback in posizione e
velocità, al fine di un miglioramento dell’accuratezza e la reattività di
posizionamento. Sempre nell’ambito della modalità automatica sarebbe opportuno
includere il software di propagazione e predizione dell’orbita dello spacecraft
all’interno del sistema ALMATracker, svincolando il programma da altri e riducendo
il lavoro richiesto all’utente.
Altri aspetti da migliorare riguardano l’ampliamento del sistema hardware per la
ricezione di più segnali di fine corsa degli assi, come descritto nel capitolo 3.1.3
(pag. 23). L’ampliamento hardware è richiesto anche per i dati meteo e GPS. In
particolare i dati di posizionamento globale sono richiesti dal software di calcolo
della polinomiale e sarebbe conveniente averli a disposizione.
82
Appendice
ALMATRACKER TRANSMISSION PROTOCOL (ATTP)
0. CONVENZIONI DATI
Per convenzione si definiscono le unità di misura utilizzate nello scambio dati
interno al software ALMATracker.
Misura
Unità di misura
Angoli
Deg
Velocità angolari
Deg/sec
Velocità lineari
Km/h
Temperature
°C
Pressioni
Pa
Tassi di umidità
Nessuno, espresso in percentuale (%)
1. CODIFICA DATI
La stringa di trasmissione TCP/IP è codificata secondo il seguente formato:
ID+subID
LOP
2 byte, riferimento nella sezione 1.1
(Length
Of 4 byte, include la lunghezza dei pacchetti successive
Package)
espreressa come intero a 32 bit (I32)
DP (Data Package)
Di lunghezza definita (LOP), contiene i dati riferimento
alla sezione 1.3
Per esempio: una trasmissione di un tipo di dato (ID) che coinvolge due pacchetti24
(DP 1, DP 2), dovrebbe essere spedita come segue.
ID+subID
24
LOP 1
DP 1
LOP 2
DP 2
Differenti pacchetti di dati dovrebbero essere utilizzati per ogni tipo di dato.
83
1.1. ID e subID
L’ID di trasmissione designa la categoria di data che verranno inviati. Deve essere
scelto dalla lista riportata di seguito, a seconda del dato che si intende trasmettere.
ID
subID
Data Category
Data Flow
0
0
Operation Data
cRIO to Client
1
0
Polynomial
Client to cRIO
AlmaTracker Controls
2
3
Client to cRIO
0
Controls
1
Setpoint
2
Time
0
System Data
cRIO to Client
Void case
any
50
1.2 Length Of Package
Questi quattro byte contengono la lunghezza (in byte) del DP successive. Ogni LOP
si riferisce esclusivamente al solo DP che lo segue, non all’intera trasmissione.
1.3 Data Package
Coerentemente con l’ID scelto, il DP deve essere compilato con i dati come richiesto
nel seguito.
ID 0 (Operation Data)
subID 0
Questo pacchetto è format da due DP differenti. DataPack#1 è un DP di 6 byte
contenente flag con informazioni sia sul sistema, che su eventuali allarmi.
DataPack#2 è un array di double di 48 byte contenente le informazioni di setpoint
ricevuti ed impostati dal software agli azionamenti. Qui vi sono anche le
informazioni angolari e di velocità derivanti dai vari feedback.
DataPack #1 (Flags)
Dati da Siemens USS
o X-Axis Control Flag;
o Y-Axis Control Flag;
84
o X-Axis Status Flag;
o Y-Axis Status Flag;
Dati impostazioni cRIO
o
o
o
o
o
Start/Stop status;
Manual/Auto status;
X Ignition Fatal Error;
Y Ignition Fatal Error;
Posizion/Speed status;
Dati sengali fine corsa
o
o
o
o
o
o
o
o
o
X max collision sw;
X min collision sw;
Y max collision sw;
Y min collision sw;
X max collision hw;
X min collision hw;
Y max collision hw;
Y min collision hw;
Vuoto [spazi vuoti disponibili: 3 bit].
DataPack #2 (Data)
Misurati da encoder
o
o
o
o
X Angle;
Y Angle;
X Speed;
Y Speed;
Dati da Siemens USS
o X Speed;
o Y Speed;
cRIO Setpoints
o
o
o
o
o
o
X Axis Setpoint;
Y Axis Setpoint;
X Speed AUTO;
Y Speed AUTO;
X Position AUTO;
Y Position AUTO.
85
ID 1 Polynomial
subID 0
Costituito da due array di double (41 termini ciascuno). Contiene i coefficienti delle
polinomiali di posizione di 40esimo grado (k=40, x(t)=a0t0+a1t1+…+aiti+…+ak-2tk2
+ak-1tk-1+aktk). I coefficienti sono ordinati per grado crescente (da a0 a ak-1). Il tempo
è per convenzione il Tempo Giuliano (Julian Date) calcolato con l’algoritmo fornito
da The United States Naval Observatory25.
ID 2 AlmaTracker Controls
In questo campo vi sono tutti I controlli che è possibile abilitare dall’interfaccia
utente del client. i subID sono utilizzati per dividere DP a differenti tempi di
aggiornamento.
subID 0 (Controls)
DataPack#1 è un DP, della dimensione di 1 byte, contenente i controlli principali
impostati dall’utente.
DataPack #1
o
o
o
o
o
Stop/Start (Stop=0);
Manual/Auto (Manual=0);
Speed/Position (Speed=0);
Parking (0 inactive);
Synchronize data/time (00 or 11 nessuna sincronizzazione, 01 da PC, 10 da NTP
server);
o Vuoto [spazi vuoti disponibili: 2 bit].
subID 1 (Setpoint)
DataPack#1 è una stringa di double di 32 byte contente i setpoint per la posizione e
la velocità dei due assi e i valori di fondo scala impostati dall’utente.
DataPack #1
Setpoint sistema
o X position;
o Y position;
o X speed;
25
http://www.usno.navy.mil/USNO/
86
o Y speed;
Fine corsa hardware
o
o
o
o
X Max Range;
X Min Range;
Y Max Range;
Y Min Range.
subID 2 (Time)
DataPack#1 è un cluster di interi U16 contenente l’orario con cui la cRIO deve
essere sincronizzata (se richiesto).
DataPack #1(Orario)
o
o
o
o
o
o
Hh;
Min;
Sec;
M;
D;
Y.
ID 3 System Data
subID 0
Questo caso presenta tre differenti DP. DataPack#1 è un cluster di interi U16
contenente l’orario, DataPack#2 un array di 5 double (40 byte) , DataPack#3 an array
of 3 double (24 byte).
DataPack#1 (Orario)
o
o
o
o
o
o
Hh;
Min;
Sec;
M;
D;
Y.
DataPack#2 (Dati meteo)
o
o
o
o
Temperature;
Wind direction;
Wind intensity;
Pressure;
87
o Humidity.
DataPack#3 (Dati GPS)
o Latitude;
o Longitude;
o Altitude.
88
CENNI SU LABVIEW
Si riportano di seguito alcune nozioni comuni nell’utilizzo di LabVIEW, per aiutare
il lettore nella comprensione dell’elaborato.
Variabili:
Nome
Dimensione Tipo dato
Boolean
1 bit
True/False
U32
32 bit
Numeri
interi
senza
segno
[0;
4294967295]
I32
32 bit
Numeri
interi
con
segno
[-32768;
+32767]
DBL (double)
8 bytes
Numeri reali con segno
Definizioni:
Nome
Definizione
Front panel
Interfaccia grafica di una VI di LabVIEW.
Block diagram
Interfaccia di programmazione di una VI di LabVIEW.
Ciclo While
Ciclo che esegue una data istruzione fino al verificarsi di una
condizione che ne comporta il termine.
Ciclo For
Ciclo che esegue una data istruzione per un numero prefissato
di iterazioni.
Shift register
Variabile che all’interno di un ciclo permette di memorizzare il
valore tra due iterazioni successive.
Select?
Comando che permette di selezionare un valore tra due
possibilità, a seconda del valore di una variabile di controllo di
tipo Boolean.
Typecast
Comando per il casting di un valore da un tipo ad un altro, cioè
del cambiamento di rappresentazione di una variabile o una
costante.
Build Array
Permette di costruire un array inserendo gli elementi uno ad
89
uno.
Index Array
Permette di estrapolare un elemento da un array specificandone
l’indice di posizione.
Algoritmo/Routine
Insieme di istruzioni che realizzano un certo comportamento.
VI
Virtual Instrument, interfaccia del software LabVIEW.
Canale DIO
Canale Digital Input Output rappresenta un canale digitale per
la comunicazione dei dati in uno dei due sensi.
90
SUBVI SVILUPPATE
In questa parte di appendice sono inserite le varie subVI minori sviluppate
nell’ambito del progetto ALMATracker ma non descritte all’interno dell’elaborato.
Ogni subVI si trova all’interno del proprio dispositivo (PC o cRIO) nell’apposita
cartella virtuale SubVI. Anche i file salvati su disco riportano tutte le subVI nella
cartella subVIs, che le differenzia dalle VI principali salvate in mainVIs. Le subVI
sono inoltre dotate di un nome codificato del tipo:
sX_Yyyyyy.vi
dove le sigle rappresentano:

“s” la dicitura “subVI”;

“X” una lettera per indicare il modulo che ne fa il principale utilizzo:
“P”(PC), “R”(cRIO) o “F”(FPGA);

“Yyyyyyy” è una descrizione del task della VI.
sR_BCCcalculator.vi
Questa VI serve per il calcolo del carattere di controllo di errore della comunicazione
con gli azionamenti. In particolare si utilizza l’array proveniente dall’azionamento
calcolandone il carattere BCC come somma logica esclusiva (XOR)
tra ogni
carattere della stringa ed il BCC calcolato nell’iterazione precedente. Questo si
ottiene eseguendo un ciclo For di tante iterazione quanti sono i bit dell’array iniziale,
letti tramite il comando Array Size. All’interno del ciclo si esegue lo XOR tra il
carattere i+1 dell’array ed il precedente carattere calcolato, contenuto in un registro.
All’uscita del ciclo il carattere contenuto nel registro rappresenta il BCC completo e
viene concatenato con l’array di partenza tramite il comando Build Array.
91
Figura 69 – sR_BCCcalculator.vi
s_OperationDataFlags.vi
L’utilità della presente VI è quella di poter ricavare dal pacchetto dati OperationData
#1 (Flags) tutto il set di indicatori. In particolare la VI si avvale della funzione
Number To Boolean Array per ricavare dal numero intero il vettore che poi è diviso
tramite Array Subset, specificando il byte di partenza ed il numero di byte da
considerare. Per alcuni sottoarray inoltre si considerano alcuni bit separati
utilizzando il comando Index Array e specificando quali bit isolare.
92
Figura 70 – s_OperationDataFlags.vi
sR_AlmaTrackerControls.vi
La VI in questione è stata creata per ottenere i flags contenuti nell’intero U64 del DP
Controls di AlmatTrackerControls. Tramite la funzione Number To Boolean Array
l’intero viene convertito in un vettore di booleani. A sua volta il vettore viene diviso
utilizzando la funzione Index Array per ricavare, con indici differenti, i
corrispondenti flag.
93
Figura 71 – sR_AlmaTrackerControls.vi
s_ArrayToBoolean.vi
Tramite una serie di Index Array permette di separare tutti gli elementi di array
booleani fino ad 8 termini.
Figura 72 – s_ArrayToBoolean.vi
s_TimeBuilder.vi
Questa VI serve per l’assemblamento del dato di tempo nel formato richiesto da
ATTP. In particolare si esegue un Unboudle By Name seguito da un Boundle By
Name. In tal modo si crea un cluster con tutti e soli i valori del tempo utili al fine
dell’applicazione. In particolare si escludono tutto ciò che è al di sotto del secondo. Il
dato finale viene convertito in secondi tramite Date/Time To Second.
94
Figura 73 – s_TimeBuilder.vi
sR_TheresholdMotorSpeed.vi
Questa VI è un filtro che riporta la velocità richiesta all’interno di un range di valori.
Infatti il valore assoluto di Motor Speed viene comparato con la velocità massima
ammissibile tramite l’istruzione Max & Min, che fornisce in uscita il valore minimo
tra i due. Questo valore moltiplicato per il segno di Motor Speed rappresenta la
velocità impostabile all’azionamento più vicina alla richiesta. Questo comando
equivale ad impostare il valore di velocità pari al massimo se la richiesta è maggiore
di tale valore, o il setpoint richiesto altrimenti.
Figura 74 – sR_TheresholdMotorSpeed.vi
s_DegpersecToRpm.vi
Questa semplice VI utilizza una divisione per convertire una velocità in deg/sec in
una espressa in RPM. Considerando che
Allora la velocità in RPM è pari a
95
Figura 75 – s_DegpersecToRpm.vi
s_RpmToDegpersec.vi
Questa VI esegue la funzione inversa della precedente. La velocità in RMP viene
convertita in deg/sec secondo la relazione
Figura 76 – s_RpmToDegpersec.vi
s_MotorToAxisSPEED.vi
La VI considerata è utilizzata per il calcolo della velocità sull’asse partendo dalla
velocità del motore. I due riduttori 1:28 ed 1:70 posti in serie impongono di dividere
la velocità per i coefficienti di riduzione.
Figura 77 – s_MotorToAxisSPEED.vi
s_AxisToMotorSPEED.vi
Questa VI esegue la funzione inversa della precedente. Partendo dalla velocità
all’asse viene calcolata la velocità al motore moltiplicando per i rapporti di riduzione.
Figura 78 – s_AxisToMotorSPEED.vi
96
ALMATRACKER REPORT STS.M
%Almatracker report STS
clear all;
clc;
close all;
echo off;
data=fopen('ALMATracker_report_STS1.txt','r');
A = fscanf(data, '%g %g %g', [3 inf]);
A=A';
%matrici a 3 colonne per i 3 diversi tick 100.000 | 10.000 | 1.000
SP=zeros(8400,3);
ENC=zeros(8400,3);
intENC=zeros(8400,3);
for i=1:3
for j=1:8400
k=(i-1)*8400+j;
SP(j,i)=A(k,1);
ENC(j,i)=A(k,2);
intENC(j,i)=A(k,3);
if SP(j,i)==inf
SP(j,i)=A(k+1,1);
end
if ENC(j,i)==inf
ENC(j,i)=A(k+1,2);
end
97
if intENC(j,i)==inf
intENC(j,i)=A(k+1,3);
end
end
end
%studio dei casi
%diviso per tick e sample
sp=zeros(700,1);
enc=zeros(700,3);
intenc=zeros(700,1);
%diviso per velocità
zsp=zeros(50,1);
zenc=zeros(50,3);
zintenc=zeros(50,1);
%init media
menc=zeros(1,3);
%matrice con valore di errore %: righe=sample colonne=vel
RMSE=zeros(14,12);
color=['-b','-k','-g','-r','-y','-c','-m',':b',':g',':c',':r',':m'];
%vettore di errore relativo
ERROR=zeros(12,2);
for c=1:3 %per i vari tick
for k=0:11 %per ogni velocità
%inizializzo errore relativo a 100%
for i=1:700 %estrapolo dato utile per questa velocità
sp(i,1)=SP(k*700+i,1);
98
enc(i,:)=ENC(k*700+i,:);
intenc(i,1)=intENC(k*700+i,1);
end
for i=0:13 %per ogni sample
for j=1:50 %per ogni ciclo di lettura
zsp(j,1)=sp(i*50+j,1);
zenc(j,:)=enc(i*50+j,:);
zintenc(j,1)=intenc(i*50+j,1);
end
%elaborazione e calcolo RMSE
msp=mean(zsp(:,1));
mintenc=mean(zintenc(:,1));
menc(1,c)=mean(zenc(:,c));
rmse=abs((msp-menc(1,c))/msp*100); %rispetto al SP
if ((msp==0)&&(menc(1,c)==0))
rmse=0;
end
RMSE(i+1,k+1)=rmse;
%errore sui dati fascia 1
if (msp<=196)
if (i==13)&&(c==1)
fprintf('Speed= %4d\tTick= %6d\tSample= %4d\tERR= %6f\n', msp,
10^(3-c)*1000, 100+(i*100), rmse);
ERROR(k+1,1)=menc(1,c);
ERROR(k+1,2)=rmse;
end
99
end
%errore sui dati fascia 2
if (msp<=1960)&&(msp>196)
if (i==4)&&(c==2)
fprintf('Speed= %4d\tTick= %6d\tSample= %4d\tERR= %6f\n', msp,
10^(3-c)*1000, 100+(i*100), rmse);
ERROR(k+1,1)=menc(1,c);
ERROR(k+1,2)=rmse;
end
end
%errore sui dati fascia 3
if (msp<=9800)&&(msp>1960)
if (i==1)&&(c==2)
fprintf('Speed= %4d\tTick= %6d\tSample= %4d\tERR= %6f\n', msp,
10^(3-c)*1000, 100+(i*100), rmse);
ERROR(k+1,1)=menc(1,c);
ERROR(k+1,2)=rmse;
end
end
%errore sui dati fascia 4
if (msp>9800)
if (i==0)&&(c==3)
fprintf('Speed= %4d\tTick= %6d\tSample= %4d\tERR= %6f\n', msp,
10^(3-c)*1000, 100+(i*100), rmse);
ERROR(k+1,1)=msp;
ERROR(k+1,2)=rmse;
end
100
end
end
figure(c);
hold on;
for n=1:12
plot(RMSE(:,n),color(1,(n-1)*2+1:(n-1)*2+1+1));
end
str = sprintf('Tick = %d',10^(3-c)*1000);
title(str);
grid;
xlabel('Sample(x100)');
ylabel('%RMSE');
legend('v=0','v=0.5','v=1','v=1.5','v=2','v=2.5','v=3','v=3.5','v=4','v=4.5','v=5','v=5.5');
hold off;
end
end
figure(4);
hold on;
plot(ERROR(:,1),ERROR(:,2),'+r');
title('Error in speed estimation');
xlabel('Motor speed');
ylabel('% RMSE');
legend('Step by step function');
grid;
hold off;
101
102
Riferimenti Bibliografici
A.A.V.V., CompactRIO™ and LabVIEW™ Development Fundamentals – Course
Manual, National Instruments Corp., Hungary, 2008
G. Marro, Controlli Automatici - Quinta Edizione, Zanichelli, Bologna, 2006
Documenti online
Protocollo USS®:
http://cache.automation.siemens.com/dnl/DU0MjczAAAA_24178253_HB/uss_2417
8253_spec_76.pdf
Protocollo SSI:
http://www.tecnopower.es/media/html/CE/EA/09_ssi.pdf
http://www.todescato.com/Doc/Encoder/Tekel/Interfaccia%20SSI.pdf
Alcuni estratti di programma possono essere stati tratti da esempi e/o suggerimenti
delle community di NI o LabVIEW Italia forum:
http://zone.ni.com/dzhp/app/main
http://www.ilvg.it/forum/viewforum.php?f=1
103
104
RINGRAZIAMENTI
Desidero innanzitutto ringraziare il Professore Paolo Tortora per avermi permesso di
sviluppare questa tesi e per la disponibilità dimostrata.
Un doveroso ringraziamento va anche al mio correlatore, l’Ingegnere Claudio
Bianchi, per avermi seguito ed assistito durante questi mesi di sviluppo, e per la
simpatia dimostrata. Un sentito ringraziamento anche a tutto il personale dei
Laboratori di Facoltà e a coloro che durante lo sviluppo di questa tesi mi hanno
aiutato.
Un ringraziamento particolare va alla mia famiglia che mi ha sostenuto e motivato in
tutti gli anni di studio e soprattutto a mio fratello Davide che mi ha sempre spronato
a dare il meglio. Ringrazio la mia ragazza Alessia che ha sopportato la mia passione
esagerata per l’aerospazio e le lunghe spiegazioni sul mio lavoro di tesi.
Desidero inoltre ringraziare i compagni di università con i quali ho condiviso il
percorso di Laurea Triennale, in particolare Danilo, Giuseppe e Lucia.
105
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement