Documento PDF - AMS Tesi di Laurea

Documento PDF - AMS Tesi di Laurea
ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA' DI BOLOGNA
SECONDA FACOLTA' DI INGEGNERIA
CON SEDE A CESENA
______________________________________________________________
CORSO DI LAUREA
IN INGEGNERIA AEROSPAZIALE
Classe 10
Sede di Forlì
ELABORATO FINALE DI LAUREA
In Fondamenti di Astronautica L
PROGETTO PRELIMINARE E TEST DELL’ELETTRONICA DI CONTROLLO
PER RUOTE DI MOMENTO/REAZIONE PER LA MISSIONE ALMASAT-EO
CANDIDATO
RELATORE
Michele Taronna
Prof. Paolo Tortora
CORRELATORI
Ing. Alberto Corbelli
Ing. Fabio Antonini
Anno Accademico 2010/2011
Sessione III
INDICE
INDICE DELLE FIGURE .................................................................................. 4
INDICE DELLE TABELLE ............................................................................... 7
1. MISSIONE E RUOTA DI MOMENTO ......................................................... 9
1.1
LA MISSIONE ALMASat-EO .................................................................. 9
1.1.1
Scelta dell’orbita ................................................................................... 10
1.2
ADCS E RUOTA DI MOMENTO ......................................................... 11
1.2.1
1.2.2
1.2.3
Ruota di momento ................................................................................. 14
Ruota di reazione .................................................................................. 17
Differenti tipologie di ruote di momento/reazione................................ 18
1.3
DISTURBI ............................................................................................. 19
1.3.1
1.3.2
1.3.3
1.3.4
1.3.5
1.3.6
Attuatori ................................................................................................ 20
Sensori................................................................................................... 22
Azionamenti........................................................................................... 23
Materiali ............................................................................................... 23
Requisiti ................................................................................................ 24
Manovre ................................................................................................ 26
1.4
CONFIGURAZIONE FINALE ............................................................. 27
1.5
OBIETTIVI ............................................................................................ 28
2. ENCODER PER LETTURE DI VELOCITA’……………...………….……31
2.1
IMPIEGO DI UN ENCODER ............................................................... 31
2.1.1
L’encoder nelle ruote di momento per il controllo d’assetto del micro
satellite ALMASat-EO ........................................................................... 33
1
2.2
L’ENCODER MAGNETICO E IL SUO FUNZIONAMENTO .............. 34
2.2.1
2.2.2
Risultati ................................................................................................. 35
Realizzazione e componenti .................................................................. 38
2.3
L’ENCODER OTTICO E IL SUO FUNZIONAMENTO ...................... 38
2.3.1
2.3.2
Realizzazione e componenti .................................................................. 39
Risultati ................................................................................................. 42
2.4
CONFRONTO PRESTAZIONALE........................................................ 44
2.4.1
2.4.2
Cenni sul set up per il test ..................................................................... 44
Confronto prestazionale........................................................................ 48
3. AZIONAMENTO ELETTRICO ................................................................... 51
3.1
IL MOTORE BRUSHLESS ................................................................... 51
3.2
AZIONAMENTO ................................................................................... 53
3.3
CENNI SULLA COMPONENTISTICA DELL’AZIONAMENTO ......... 57
3.3.1
3.3.2
3.3.3
3.3.4
3.3.5
Il microcontrollore ................................................................................ 57
Il ponte half-bridge .............................................................................. .60
La parzializzazione PWM ..................................................................... 60
Lo stabilizzatore di tensione ................................................................. 62
Altri componenti .................................................................................... 62
3.4
LE TECNICHE DI CONTROLLO DEL MOTORE BRUSHLESS ........ 64
3.4.1
La tecnica di controllo trapezoidale ..................................................... 64
4. AZIONAMENTO ELETTRICO ................................................................... 69
4.1
CENNI SUL FUNZIONAMENTO DEL SOFTWARE DI BORDO……...69
4.2
I TEST EFFETTUATI ........................................................................... 70
4.2.1
4.2.2
Determinazione della sequenza di chiusura dei mosfet ........................ 71
Analisi prestazionale del motore ........................................................... 75
2
4.3
IL CONTROLLORE PID ...................................................................... 77
4.4
TEST PRESTAZIONALE ...................................................................... 80
5. SVILUPPI FUTURI ...................................................................................... 85
5.1
SVILUPPI FUTURI .............................................................................. 85
APPENDICE A
DATASHEET ..................................................................................................... 93
APPENDICE B
SCHEMATICI OrCAD ...................................................................................... 97
BIBLIOGRAFIA .............................................................................................. 102
3
INDICE DELLE FIGURE
1.1 – ALMASat-1 .................................................................................................... 10
1.2 – Estratto del manuale tecnico del lanciatore VEGA ........................................ 11
1.3 – Utilizzo delle ruote di momento ..................................................................... 15
1.4 – Una reaction wheel utilizzata dalla NASA ..................................................... 18
1.5 – Sezione di un motore elettrico brushless flat .................................................. 21
1.6 – Effetto della presenza della ruota di pitch sul momento angolare risultante .. 27
2.1 – Encoder ottico ................................................................................................. 32
2.2 – Schema illustrativo del lavoro svolto.............................................................. 33
2.3 – Encoder magnetico realizzato ......................................................................... 34
2.4– Schematico del circuito della scheda di lettura per encoder magnetico .......... 35
2.5– Schema di montaggio del sensore magnetico .................................................. 36
2.6– Scheda encoder magnetico ............................................................................... 37
2.7– Scheda compatta encoder magnetico ............................................................... 37
2.8– Caratteristica volt-rpm con encoder magnetico ............................................... 38
2.9– Funzionamento di un encoder ottico ................................................................ 39
2.10– Encoder ottico realizzato ............................................................................... 39
2.11– Schematico del circuito della scheda di lettura per encoder ottico ................ 40
2.12– Scheda encoder ottico .................................................................................... 40
2.13– Scheda con diodo LED per encoder ottico .................................................... 41
2.14– Andamento della risposta (volt) al variare della distanza .............................. 42
2.15– Particolare dei “pattini” realizzati per poter traslare la scheda ...................... 42
2.16– Caratteristica volt-rpm con encoder ottico ..................................................... 43
2.17– Ingombro interno e supporto motore (vista dall’alto) .................................... 44
2.18– Ingombro interno e supporto motore (vista laterale) ..................................... 45
4
2.19– Volume (vista in prospettiva) ........................................................................ 46
2.20– Volume (lato ingresso della scheda) .............................................................. 46
2.21– Esploso del volume ........................................................................................ 47
2.22– Montaggio parziale ........................................................................................ 47
2.23– Montaggio completo (mancano motore e cavi di alimentazione).................. 48
2.24– Velocità acquisite ........................................................................................... 49
3.1– Soluzione con magneti disposti sul rotore ....................................................... 52
3.2– Soluzione con magneti “annegati” nel rotore .................................................. 52
3.3– Schema a blocchi azionamento ........................................................................ 55
3.4– Azionamento realizzato ................................................................................... 56
3.5– Azionamento realizzato (sono indicati i componenti principali) ..................... 56
3.6– Microcontrollore ATMEGA 644 ..................................................................... 59
3.7– Il ponte “half-bridge” ...................................................................................... 60
3.8– La parzializzazione PWM ................................................................................ 61
3.9– Stabilizzatore di tensione LM 7805 ................................................................. 62
3.10– Andamento delle tensioni di fase ................................................................... 65
3.11– Sfasamento tra il campo magnetico statorico e quello rotorico ..................... 65
3.12– Stati logici dei sensori Hall nelle diverse posizioni del rotore ...................... 66
3.13– Stato logico “alto” dei tre sensori hall ........................................................... 67
4.1– Segnale costituente un’onda rettangolare, in evidenza il suo duty cycle ......... 70
4.2– Tensioni di fase: convenzione adottata ............................................................ 71
4.3– Azionamento elementare realizzato (vista dall’alto) ....................................... 72
4.4– Sequenza esatta di chiusura dei mosfet ............................................................ 74
4.5– Andamento dell’errore relativo percentuale ai diversi regimi di velocità ....... 76
4.6– Analisi delle risposte a regime ......................................................................... 77
4.7– Schema a blocchi del controllore PID ............................................................. 78
4.8– Comportamento della risposta al variare della costante proporzionale ........... 80
4.9– Effetto dell’integrazione .................................................................................. 81
5
4.10– Il contributo derivativo ..................................................................................... 81
4.11– Andamento della coppia in funzione del Kp .................................................... 82
4.12– Andamento della coppia in funzione del Ki ..................................................... 83
4.13– Andamento della coppia in funzione del Kd .................................................... 84
4.14– LabView: interfaccia di lavoro ......................................................................... 87
4.15– Esempio di schematico OrCAD ....................................................................... 87
4.16– Area di lavoro del software SolidWorks .......................................................... 88
6
INDICE DELLE TABELLE
2.1 – Caratteristiche magnetiche del sensore................................................................ 36
2.2 – Caratteristiche elettriche del sensore ................................................................... 36
2.3 – Caratteristiche tecniche del sensore ..................................................................... 36
3.1 – Andamento delle correnti in corrispondenza delle combinazioni di chiusura dei
mosfet ............................................................................................................................ 64
3.2 – Stato logico dei sensori Hall in corrispondenza dei diversi settori...................... 67
4.1 – Risposta dei sensori in corrispondenza delle diverse combinazioni di chiusura dei
mosfet ............................................................................................................................ 73
4.2 – Risposte fornite dal motore in corrispondenza delle diverse velocità ................. 75
7
8
Missione e ruota di momento 1
1
MISSIONE E RUOTA DI MOMENTO
1.1 LA MISSIONE ALMASAT-EO
1.2 ADCS E RUOTA DI MOMENTO
1.3 DISTURBI
1.4 CONFIGURAZIONE FINALE
1.5 OBIETTIVI
1.1 La missione ALMASat-EO
La missione ALMASat-EO è un progetto che nasce e prende forma
all’interno del Laboratorio di Microsatelliti e Microsistemi spaziali della
Seconda Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna. Lo scopo del
progetto è la realizzazione di una piattaforma satellitare low-cost per
l’osservazione della Terra destinata ad applicazioni di controllo del clima,
sorveglianza del territorio e più in generale ad eventi di particolare interesse.
ALMASat-EO è l’evoluzione commerciale del progetto precedente
denominato ALMASat-1. Il satellite conterrà al suo interno un payload
ottico in grado di produrre immagini di una porzione del territorio sorvolato
per una estensione di 150Km2. Le immagini ottenute verranno
immagazzinate all’interno della memoria allo stato solido con cui il satellite
è equipaggiato per essere successivamente inviate a terra ad ogni passaggio
sulla zona in cui è collocata la stazione di ascolto, che per la missione
inaugurale sarà AMGS, progettata e collocata all’interno del Laboratorio
stesso. La necessità di cogliere istantanee del pianeta Terra tramite satellite
richiede l’osservazione del territorio sottostante il satellite stesso sotto
condizioni favorevoli di illuminazione, grazie alle quali è possibile ottenere
immagini indicative e nitide della zona interessata. Sia l’hardware che il
software che costituiscono il microsatellite in questione sono stati realizzati
9
Missione e ruota di momento 1
sfruttando il know-how ampiamente disponibile sul mercato e sfruttando le
conoscenze e l’esperienza acquisita nella realizzazione del satellite che ha
dato via al progetto, ovvero ALMASat-1, tutto ciò per mantenere i costi
totali alla portata delle piccole e medie imprese che vogliano investire nel
campo spaziale, settore in crescente espansione. Il satellite infatti, per
quanto detto rientra nella categoria di satelliti low cost.
Fig. 1.1 - ALMASat-1 Fonte: [http://www.ing2.unibo.it/]
1.1.1 Scelta dell’orbita
Per questo tipo di missione risulta fondamentale che l'osservazione del
territorio sottostante il satellite venga effettuata sotto condizioni favorevoli
di illuminazione al fine di ottenere delle immagini di qualità ottimale. Per
questo motivo si sono escluse le orbite equatoriali o comunque a bassa
inclinazione, caratterizzate da prolungati periodi di eclissi durante i quali il
satellite si trova nel cono d'ombra terrestre e conseguentemente
nell'impossibilità di produrre immagini nel campo del visibile. Si è quindi
optato per un’orbita elio-sincrona (sun-synchronous). Queste orbite
presentano la proprietà di mantenere immutato l'angolo relativo tra la
direzione di provenienza dei raggi solari e la traccia terra dell'orbita. Questo
permette al satellite di incontrare sempre le stesse condizioni di
illuminazione del territorio sorvolato. Ciò eliminerà la necessità di
ricalibrare la strumentazione ottica in funzione del tempo di missione.
Esistono due diversi tipi di orbita eliosincrona che differiscono per il valore
10
Missione e ruota di momento 1
di un parametro, noto come “ascensione retta del nodo ascendente”
(solitamente indicato con la lettera greca “Ω”) al variare della quale si
ottengono diverse condizioni di illuminazione. Per Ω=90° si ottiene l'orbita
mezzogiorno-mezzanotte mentre per Ω=0° si ha l'orbita alba-tramonto. In
questo tipo di orbita il satellite viaggia lungo la linea del terminatore ossia la
traccia a Terra e i raggi del Sole sono perpendicolari tra loro. In prossimità
di tale orbita (10am-10pm) opererà ALMASat-EO ad una quota
costantemente inferiore ai 1000Km che il che qualifica l’orbita stessa come
bassa (LEO). E’ possibile ricavare una descrizione più precisa dell’orbita
tramite il manuale tecnico del vettore Vega scelto per il lancio, in cui si
mostra che il lanciatore è in grado di immettere il satellite su un’orbita
circolare con inclinazione pari a 98° ad una quota di 700 Km.
Fig. 1.2 - Estratto del manuale tecnico del lanciatore VEGA
1.2 ADCS e ruota di momento
Il sistema di determinazione e controllo d’assetto (ADCS) ha il compito sia
di acquisire dati dall’ambiente esterno sulla posizione del satellite lungo
l’orbita percorsa e il suo orientamento rispetto ad un sistema di riferimento
prefissato, sia di agire per raggiungere e mantenere la condizione adeguata
agli scopi della missione. Esso è strettamente collegato con gli altri sistemi
di bordo, in particolare il sistema di propulsione, se presente, ed il sistema di
navigazione. Si distinguono due principali filosofie di controllo d’assetto:
11
Missione e ruota di momento 1
• Passivo: il satellite viene stabilizzato per mezzo delle coppie agenti
dall’esterno, tipicamente il gradiente gravitazionale o il campo magnetico
terrestre. Non consente un elevato grado di precisione.
• Attivo: il sistema agisce in maniera controllata manovrando gli attuatori a
disposizione per ottenere e mantenere sempre l’assetto desiderato secondo
opportuni algoritmi di controllo. Consente di raggiungere gli elevati livelli
di precisione necessari per l’osservazione satellitare e per questo motivo è
stato adottato nella missione di ALMASat-EO.
Generalmente, si distinguono all’interno del sottosistema tre componenti
principali:
• Sensori
• Elettronica di elaborazione
• Attuatori
La parte di sensing dell’ADCS ha il compito di acquisire dall’esterno i dati
necessari a ricostruire la posizione del satellite all’interno del sistema di
riferimento fissato a partire dalla misura di grandezze interessanti o
dall’osservazione di corpi celesti particolarmente rilevanti. In letteratura è
possibile distinguere i sensori attualmente reperibili sul mercato secondo
quanto segue:
• Sensori di Sole (Sun sensors): costituiti principalmente da obiettivi ottici
dotati di filtro per l’esposizione alle radiazioni solari, sono in grado di
determinare l’angolo di incidenza dei raggi (e quindi la direzione del Sole)
rispetto ad un proprio asse di riferimento (generalmente, la verticale alla
superficie di fissaggio). Rappresentano la tipologia più diffusa di sensori per
la loro versatilità e facilità relativa di impiego.
• Sensori di Terra (Earth sensors o Horizon sensors): analogamente ai
sensori di Sole, sfruttano l’albedo terrestre o il contrasto tra Terra e spazio
12
Missione e ruota di momento 1
profondo all’orizzonte per ricostruire parte dell’assetto del satellite. Sono
meno flessibili dal punto di vista dell’impiego in missione ma comunque
affidabili.
• Sensori di Stelle (Star sensors): sempre basati sull’osservazione di corpi
celesti, sfruttano la possibilità di comparare la visione del cielo antistante
con un database di immagini referenziate per ricostruire l’inclinazione del
satellite rispetto al loro asse di riferimento, nonché la rotazione attorno lo
stesso.
• Giroscopi (Gyros): dotati al loro interno di una massa posta in rotazione,
possono determinare gli scostamenti del loro asse di riferimento rispetto alla
posizione nominale grazie all’accoppiamento giroscopico tra il momento
angolare immagazzinato dalla massa e quello generato dalle coppie esterne
di disturbo.
• Magnetometri (Magnetometers): semplici e relativamente compatti, sono
in grado di determinare posizione e assetto del satellite tramite misure del
campo magnetico terrestre all’interno del quale sono immersi, per quote
dove quest’ultimo non risulta trascurabile.
Per quanto riguarda gli attuatori per sistemi a controllo d’assetto attivo, è
possibile definire famiglie di appartenenza a seconda sia del tipo di energia
impiegata per il controllo sia dell’efficacia di puntamento. Principalmente,
le tipologie descritte in letteratura sono le seguenti:
• Ruote di momento/reazione (Momentum/Reaction Wheels): costituite da
masse poste in rotazione per mezzo generalmente di motori elettrici,
rispondono alle coppie di disturbo esterne accelerando o decelerando
opportunamente, sfruttando il principio di conservazione del momento
angolare.
• Bobine magnetiche (Magnetic Coils): attuatori caratterizzati dalla minore
complessità tecnologica, sono costituiti da avvolgimenti metallici conduttivi
13
Missione e ruota di momento 1
percorsi da corrente, in grado di interagire quindi con il campo magnetico
terrestre in cui il satellite è immerso. Soffrono di ovvie limitazioni a causa
proprio della necessità della presenza di un campo magnetico per il
controllo.
• Propulsione a getto (thrusters): distinti dal tipo e dalle caratteristiche
fisiche dell’elemento espulso e dalle dimensioni degli ugelli, permettono
diversi tipi di spinta e di manovra sfruttando il principio di azione e reazione
in assenza di gravità. Sono affetti da limitazioni dovute alla massima
capacità e al peso dei serbatoi di propellente imbarcati.
Dopo questa breve presentazione sulle varie tecniche di determinazione e
controllo d’assetto di un satellite, propedeutiche per la comprensione delle
considerazioni fatte nei capitoli successivi, si esamina la prima tipologia di
attuatori di cui si è parlato nel presente capitolo: le ruote di momento e di
reazione, alle quali si riferisce il lavoro di progettazione dell’azionamento
presentato in questo elaborato.
1.2.1 Ruota di momento
Una ruota di momento è un dispositivo meccanico munito al suo interno di
un volano posto in rotazione generalmente da un motore elettrico a velocità
angolare nominale ߱
ሬԦ. Per effetto di tale rotazione, detto ‫ ܫ‬il momento di
inerzia del volano, l’intero dispositivo è in grado di accumulare una quantità
ሬԦ nella direzione dell’asse di rotazione definita dalla
di momento angolare ‫ܭ‬
relazione:
ሬԦ = ‫߱ܫ‬
‫ܭ‬
ሬԦ
Grazie quindi a tale grandezza immagazzinata il sistema a bordo del quale è
imbarcata la ruota di momento viene ad essere maggiormente resistente alle
coppie di disturbo esterne, effetto che viene ad essere definito come
rigidezza giroscopica. Le coppie di disturbo intervengono infatti a conferire
14
Missione e ruota di momento 1
al satellite una velocità di rotazione indesiderata fuori dall’asse di rotazione
della ruota di momento, generando quindi una seconda componente di
momento angolare che andrà a combinarsi vettorialmente con quella
principale. La conoscenza delle coppie esterne di disturbo è quindi
necessaria per il dimensionamento di una ruota di momento: qualora infatti
il momento angolare immagazzinato dalla ruota sia di ordini di grandezza
superiore rispetto a quello introdotto dai disturbi, questa seconda
componente diventa trascurabile, mantenendo così praticamente invariato
l’assetto del satellite. E’ importante sottolineare inoltre che per effetto della
combinazione vettoriale dei momenti angolari il satellite dotato di rigidezza
giroscopica e soggetto ad una coppia di disturbo risulterà perturbato nel
piano perpendicolare a quello individuato dai vettori, come se fosse stato
soggetto ad una coppia di disturbo ortogonale alla precedente in assenza
della ruota di momento. Tale effetto prende il nome di effetto giroscopico.
L’utilizzo della ruota di momento permette, oltre a fissare un asse inerziale
del satellite, di controllarne l’assetto attorno ad esso. Tale controllo è
possibile alterando opportunamente la velocità di rotazione della ruota, in
maniera da contrastare le variazioni del momento angolare dovute all’azione
delle coppie di disturbo qualora queste si trovassero ad agire esattamente in
direzione concorde ad esso, sempre sfruttando il principio di conservazione
del momento angolare.
Fig. 1.3 - Utilizzo delle ruote di momento: a) momento angolare nominale, b) disturbo
lungo pitch, c) momento angolare generato, d) accelerazione ruota, e) momento
angolare equilibrante,
f)disturbo lungo roll, g) momento angolare generato, h)
momento angolare risultante
15
Missione e ruota di momento 1
E’ noto infatti come una coppia agente dall’esterno sul sistema causi una
variazione del momento angolare:
ሬԦ
ௗ௄
ௗ௧
= ‫ܯ‬est
Qualora, inoltre, tali coppie esterne si trovassero ad agire costantemente
nella stessa direzione e verso, la ruota di momento potrebbe raggiungere
velocità di rotazione eccessivamente alta, oltre le prestazioni del motore
elettrico che movimenta il volano, o eccessivamente bassa, condizione per
la quale il satellite verrebbe a perdere la rigidezza giroscopica richiesta.
Allo scopo di ovviare a tale problema si ricorre ad una procedura
denominata “desaturazione” al termine della quale la ruota torna ad operare
alla velocità di regime, riacquisendo la capacità di assorbire i disturbi
esterni. Tale procedura prevede che venga fornita al satellite, tramite
attuatori come bobine magnetiche o micro thrusters, una coppia avente lo
stesso verso di quello del momento angolare immagazzinato dalla ruota:
così facendo la ruota di momento comincerà a ruotare in senso inverso
contrastando in tal modo il “disturbo” e riportando il momento angolare ad
un valore nominale. Proprio per le capacità di utilizzo fornite dalla ruota di
momento, essa rientra nella categoria degli attuatori impiegati nelle missioni
per le quali è richiesta una notevole precisione di puntamento di un
determinato asse rispetto al sistema di riferimento inerziale, quali quelle di
osservazione della Terra o di telecomunicazione, dove sono presenti
dispositivi ottici o antenne che richiedano il puntamento costante a terra, o
le cosiddette Sun-pointing, dove è richiesta una faccia del satellite sempre
rivolta verso il Sole. Il controllo di assetto che si ottiene tramite l’impiego di
una ruota di momento è spesso definito, salvo qualche eccezione,
stabilizzato a tre assi, e viene realizzato anche grazie all’utilizzo di attuatori
secondari per il puntamento fine e la desaturazione della ruota, quali bobine
magnetiche e thruster.
16
Missione e ruota di momento 1
1.2.2 Ruota di reazione
Una ruota di reazione può essere vista come una ruota di momento con
velocità nominale nulla. Le ruote di reazione non sono infatti realizzate per
conferire rigidezza giroscopica al satellite ma per rispondere solamente alle
coppie di disturbo agenti in direzione del proprio asse di rotazione, ferma
restando l’architettura precedentemente descritta in maniera schematica.
Data la possibilità di poter rispondere solo ai disturbi agenti secondo
un’unica direzione, spesso vengono utilizzate più ruote di reazione
contemporaneamente, orientate secondo gli assi corpo del satellite: tale
disposizione permette di poter rispondere ad ogni genere di perturbazione
proveniente dall’esterno semplicemente accendendo in direzione opportuna
la ruota corrispondente. A differenza quindi delle ruote di momento, le cui
velocità vengono controllate attorno ad una velocità nominale non nulla, è
previsto che ogni ruota di reazione possa ruotare in entrambi i sensi, a
seconda del verso del disturbo agente. Ad accomunare invece le due
tipologie di ruote è invece la presenza, anche per le ruote di momento, di
una velocità di desaturazione fissata: in tal caso infatti, l’accumulo di un
eccessivo ammontare di momento angolare da parte della ruota si traduce
immediatamente in un’eccessiva rigidezza giroscopica del satellite attorno
all’asse della ruota stessa e quindi alla perdita della controllabilità
dell’assetto attorno ai rimanenti due assi. Anche per missioni quindi con tre
o più ruote di momento risulta necessaria l’installazione a bordo di attuatori
secondari per le manovre di desaturazione. Come già intravisto, si tende
inoltre a considerare configurazioni con più di tre ruote di reazione, al fine
di garantire la ridondanza degli attuatori, necessaria al preservamento della
missione in caso di failure di una di esse: tali configurazioni prevedono in
genere una disposizione a piramide delle ruote, garantendo alla quarta ruota
la possibilità di poter intervenire con un contributo utile lungo ogni asse del
sistema di riferimento corpo. In genere inoltre è possibile distinguere tra due
tipi di ridondanza, a seconda dello stato di attivazione delle ruote di riserva:
si parla di ridondanza fredda se la quarta ruota viene attivata solamente in
occasione della failure all’interno del sistema. Si parla invece di ridondanza
calda se la quarta ruota è messa in rotazione a velocità minima o superiore
durante la fase di funzionamento ottimale e solamente manovrata alla
17
Missione e ruota di momento 1
velocità richiesta in caso di failure insorta. La seconda soluzione, in
particolare, sebbene porti ad una riduzione della vita operativa anche della
ruota di riserva, è favorevole all’accensione a causa della diminuzione di
correzioni necessarie per riportare il sistema vicino alla condizione
nominale a seguito della failure.
1.2.3 Differenti tipologie di ruote di momento/reazione
I dispositivi ad immagazzinamento di momento angolare, altro modo per
definire le ruote di momento o di reazione, si differenziano principalmente
per il meccanismo di movimentazione del volano al loro interno.
L’attuazione del moto di rotazione può avvenire principalmente in due
metodi, con motori elettrici o con avvolgimenti magnetici:
• Attuazione tramite motore elettrico: in tale tipologia di ruota viene
generalmente sfruttato lo spazio all’interno del volano come alloggiamento
del motore elettrico, alimentato e comandato dall’elettronica dell’ADCS. E’
necessario inoltre garantire il corretto allineamento assiale ed il fissaggio
degli alberi rispettivamente di volano e motore, per cui si rende
indispensabile l’introduzione di giunti con gioco sufficiente a garantire la
corretta rotazione delle parti. Di semplice realizzazione e di immediato
utilizzo, le ruote di momento a motore elettrico permettono bassi consumi e
ridotti costi progettuali, a fronte però di coppie d’attrito più alte per l’elevato
numero di elementi in rotazione.
Fig. 1.4 - Una reaction wheel utilizzata dalla NASA. Fonte: [http:www.nasa.gov]
18
Missione e ruota di momento 1
• Attuazione tramite avvolgimenti magnetici: le ruote di momento/reazione
movimentate per mezzo di avvolgimenti magnetici sono realizzate secondo
la filosofia realizzativa utilizzata per i rotori dei motori elettrici. All’interno
del volano è infatti collocata una serie continua di magneti permanenti i
quali subiscono l’effetto della forza elettromotrice generata dagli
avvolgimenti presenti attorno ad essi sul case esterno della ruota. Questo
secondo tipo di ruota garantisce un drastico abbattimento degli attriti interni,
a scapito di un notevole aumento sia della complessità tecnologica che dei
consumi. Sono ritrovabili sul mercato, per il tipo di attuazione,
principalmente ruote di momento ad avvolgimenti magnetici, date le scarse
prestazioni di questo tipo di attuazione a velocità prossime allo zero. La
scelta tra le diverse soluzioni tecnologiche è dettata principalmente dalla
disponibilità di risorse in termini sia di power budget della missione sia dal
grado di precisione richiesta. Generalmente, a bordo di piccoli e medi
satelliti vengono preferite ruote a motore elettrico, in quanto è imperativo
minimizzare peso, costo e consumi degli attuatori per l’ADCS; allo stesso
modo si è scelta questa tipologia per la progettazione delle ruote di
momento presentate all’interno di questo lavoro. Tutte le considerazioni di
seguito riportate, nonché le soluzioni applicate hanno avuto come punto di
partenza progettuale l’utilizzo di motori elettrici.
1.3 Disturbi
I principali disturbi agenti sul satellite lungo l’orbita sono prevalentemente
di natura ambientale e si manifestano con l’azione delle seguenti coppie:
• Coppia da radiazione solare: è dovuta alla pressione esercitata dalla
radiazione solare sulla faccia esposta al Sole. Agisce sempre in direzione
ortogonale alla direzione di incidenza dei raggi solari e a qualsiasi quota.
L’orbita alba-tramonto, è affetta massimamente dall’influenza della coppia
di disturbo dovuta alla pressione solare, che per tutta il periodo orbitale
incide sulla faccia esposta al Sole, causando un moto di rotazione, se non
controllata, attorno all’asse di roll.
19
Missione e ruota di momento 1
• Coppia da gradiente di gravità: è generata dall'azione differenziale della
gravità terrestre sulle diverse parti del satellite, è particolarmente presente
nelle orbite LEO. Agisce attorno ad uno qualsiasi degli assi del corpo in
base alla matrice d'inerzia e con verso variabile.
• Coppia dovuta al campo magnetico: particolarmente intensa per le orbite
LEO. E’ dovuta all'interazione tra il dipolo residuo di bordo, generato dai
componenti elettrici di bordo, ed il campo magnetico terrestre. La scelta
dell’inclinazione dell’orbita non influenza la missione, a parità di quota
media, dal punto di vista dei disturbi dovuti al campo magnetico terrestre,
essendo quest’ultimo più o meno uniformemente presente attorno alla Terra.
• Coppia aerodinamica: si genera per l'attrito tra la superficie bagnata del
satellite e l'atmosfera terrestre durante il moto. Per le orbite LEO è la più
rilevante, in quanto nonostante la rarefazione, la presenza dell'atmosfera non
è trascurabile. Il drag atmosferico agisce sempre in direzione opposta al
vettore velocità e toglie energia all’orbita anticipando il rientro in atmosfera
per via della conseguente riduzione continua del semiasse maggiore
dell’orbita.
1.3.1 Attuatori
I motori elettrici utilizzabili per la movimentazione del volano si
distinguono a seconda della tecnologia con cui viene ottenuta la generazione
della coppia elettromotrice all’interno dell’attuatore. Spaziando brevemente
tra le varie tipologie, possono essere individuate due grandi famiglie:
• Motori con spazzole (brushed): all’interno dei quali il rotore è dotato di
avvolgimenti al pari dello statore e la commutazione è ottenuta mediante
l’utilizzo di contatti striscianti (spazzole). I motori con spazzole presentano
un buono spunto all’avvio, adatto alla realizzazione ad esempio di ruote di
reazione, ma soffrono dell’usura delle spazzole, che ne compromette in
maniera rilevante la vita operativa, rendendone impossibile l’impiego in
missioni di lunga durata.
20
Missione e ruota di momento 1
• Motori senza spazzole (brushless): a differenza dei precedenti il rotore è
munito di magneti permanenti e la commutazione degli avvolgimenti è
realizzata elettronicamente sullo statore, eliminando quindi ogni contatto tra
le due parti. Sebbene presentino costanti di coppia più basse ed un minor
spunto all’avvio, i motori brushless sono soggetti solamente all’usura dei
cuscinetti al loro interno, permettendo così di raggiungere una vita operativa
decisamente maggiore rispetto agli equivalenti con spazzole.
I motori brushless hanno inoltre la possibilità di essere alimentati, a seconda
della tecnica realizzativa, in corrente continua o alternata, influenzando
quindi in parte l’elettronica di controllo del sistema ADCS.
Fig. 1.5 - Sezione di un motore elettrico brushless flat. Fonte: [Maxon Motors]
Nel presente lavoro sono stati preferiti motori brushless proprio per la loro
maggiore longevità, prevedendo una vita operativa per la missione in
oggetto minima di tre anni con un funzionamento continuo degli attuatori,
fattore che rende impossibile l’utilizzo in sicurezza di motori con spazzole.
1.3.2 Sensori
21
Missione e ruota di momento 1
Come precedentemente illustrato, sia le ruote di momento che di reazione
agiscono in risposta alle coppie di disturbo esterne annullando le
conseguenti variazioni del momento angolare totale del satellite. Data
l’elevata precisione di puntamento richiesta per certe particolari missioni,
quali quelle ed esempio di osservazione della Terra, è necessario conoscere
con buona precisione la velocità di rotazione del volano per mezzo di uno
strumento di sensing adeguato.
I sensori sono spesso connessi direttamente senza l’interposizione di giunti
all’albero motore, per evitare l’insorgere di movimenti vibrazionali che
potrebbero influenzare la misura. I sensori più comunemente utilizzati sono
ancora una volta i seguenti:
• Sensori ad effetto Hall: maggiormente diffusi nel campo dell’industria
dei motori elettrici per la possibilità di utilizzo sia come strumento di
sensing della velocità sia come strumento di controllo per la commutazione
degli avvolgimenti (per motori brushless). Sono costituiti da tre magneti
posti sullo statore del motore ed uno unico solidale all’albero motore,
fornendo così in uscita un’onda quadra di tre impulsi al giro dalla cui
frequenza è possibile ricostruire la velocità di rotazione. Possono fornire
solamente misure di velocità.
• Encoder/Resolver: sono sensori dall’ingombro leggermente superiore in
quanto contengono al loro interno diverse tipologie di trasduttori per
convertire il dato di velocità in ingresso in un segnale (digitale) elaborabile
dalla strumentazione di bordo. Si dividono a loro volta in:
• Ottici, se viene utilizzato un disco forato interposto tra una sorgente
luminosa e un light detector per le determinazione della velocità di
rotazione;
• Magneto-resistivi, se, analogamente a quanto avviene nei sensori ad
effetto Hall, vengono sfruttata l’eccitazione di avvolgimenti in sequenza per
la produzione del segnale in uscita.
Entrambe le soluzioni possono essere utilizzate sia per sensing di posizione
che di velocità. Per brevità di trattazione sono state considerate in questo
22
Missione e ruota di momento 1
caso solamente le tipologie di sensori comunemente utilizzate in ambito
spaziale e di cui fosse già stata dimostrata l’affidabilità in missione.
1.3.3 Azionamenti
Data la necessità di alimentare in maniera autonoma ogni ruota di
momento/reazione e di provvedere, nel caso dei motori brushless, alla
corretta commutazione della tensione sugli avvolgimenti, si rende
necessario l’impiego di particolari dispositivi elettronici che governino tali
funzioni e che prendono comunemente il nome di azionamenti. Tali
strumenti saranno oggetto di studio di questo elaborato nei capitoli che
seguono.
1.3.4 Materiali
La necessità di ridurre il peso dell’intera struttura del satellite e di
conseguenza il costo di lancio, comporta la scelta adeguata dei materiali da
utilizzare per la realizzazione delle singole componenti dei diversi
sottosistemi. La selezione del materiale più corretto viene fatta tramite
compromessi tra le caratteristiche meccaniche dello stesso ed il suo peso
allo scopo di non sovradimensionare eccessivamente l’attuatore, con il
rischio di mettere in orbita massa inutile. Nel caso delle ruote di
momento/reazione si distinguono in genere tre elementi principali su cui è
possibile operare al fine di minimizzare il peso complessivo: motore, volano
e case esterno. Il motore elettrico è realizzato quasi sempre in acciaio e
alluminio al fine di conferire la massima robustezza alle condizioni di
utilizzo estreme, con un peso complessivo che può variare da qualche
decina di grammi al chilogrammo. Su richiesta del committente è però
possibile negli ultimi anni l’impiego di materiali ceramici per le componenti
di trasmissione del moto (alberi ed ingranaggi, se presenti riduttori), che
vanno a diminuire, a parità di resistenza, il peso complessivo. Per quanto
riguarda il volano ed il case è necessario considerare i requisiti dimensionali
previsti per la ruota di momento/reazione: dovendo essere dotato di notevole
inerzia rispetto al resto delle componenti, sarebbe preferibile sviluppare il
23
Missione e ruota di momento 1
volano in senso radiale, minimizzando quindi il materiale di costruzione. Si
utilizzano quindi metalli pesanti e duttili come l’acciaio e altre leghe di pari
peso specifico riducendo quindi le dimensioni dell’attuatore. Il contenitore
del volano è invece realizzato in alluminio o leghe leggere, rimandando a
rinforzi e nervature il compito di resistere alle sollecitazioni del lancio senza
deformazioni, conservando quindi la condizione di coassialità degli elementi
in movimento riducendo però il peso. Sono state di recente realizzate ruote
di momento/reazione in materiale plastico o composito, solamente però per
missioni dove non è richiesto l’immagazzinamento di un elevato momento
angolare, mantenendo quindi contenute le dimensioni dei volani.
1.3.5 Requisiti
I requisiti di per il sistema ADCS per una missione per l’osservazione della
Terra vengono dettati principalmente dalle caratteristiche del payload ottico
imbarcato e dal tipo di immagini che si desidera ottenere. Nel caso di
ALMASat-EO la camera per l’acquisizione delle immagini, progettata
sempre all’interno del Laboratorio di Microsatelliti della Seconda Facoltà di
Ingegneria, ha la possibilità di poter fare osservazioni multi-spettrali
(esplorando quindi diverse lunghezze d’onda oltre la radiazione visibile) e
multi-angolo (utili ad esempio per la realizzazione di modelli 3D delle zone
osservate). Per entrambe le applicazioni è richiesta, nonostante una modesta
possibilità di correzione a terra via software, un’elevata precisione di
puntamento del satellite, non essendo previsto alcun sistema di
aggiustamento dell’assetto della camera all’interno del satellite. Per
questioni di contenimento dei costi la camera verrà rigidamente fissata
all’interno della struttura del satellite, con l’obiettivo diretto secondo
ovviamente la verticale terrestre (direzione di yaw in assi corpo). La
necessità di realizzare osservazioni di tipo multi-angle impone come
requisito aggiuntivo la capacità di manovrare in maniera stabile l’asse di
yaw del satellite in posizione off-nadir, fuori cioè dalla verticale locale,
senza l’insorgenza di moti aggiuntivi oscillatori di nutazione. L’angolo
desiderato di puntamento rispetto allo nadir deve essere raggiunto in un
lasso di tempo ridotto, introducendo quindi anche la possibilità di operare
l’inseguimento di un determinato target che si presenti durante l’orbita del
24
Missione e ruota di momento 1
satellite. Tale capacità di manovra prende il nome di agility del sistema ed è
un parametro importante nelle missioni di osservazione della Terra. Per la
missione di ALMASat-EO sono imposti un angolo off-nadir fuori cioè dalla
verticale locale, senza l’insorgenza di moti aggiuntivi oscillatori di
nutazione. L’angolo desiderato di puntamento rispetto allo nadir deve essere
raggiunto in un lasso di tempo ridotto, introducendo quindi anche la
possibilità di operare l’inseguimento di un determinato target che si presenti
durante l’orbita del satellite. Tale capacità di manovra prende il nome di
agility sistema ed è un parametro importante nelle missioni di osservazione
della Terra. Per la missione di ALMASat-EO sono imposti un angolo offnadir di 10° possibilità di osservare target fuori dalla verticale di un angolo
pari a 15,55°, pari ai 10° di manovra più la metà dell’angolo di visuale
dell’obiettivo della camera. Il tempo invece per l’acquisizione di tale angolo
a regime è invece richiesto non superiore ai 100s, comprensivi del tempo di
assestamento del controllo.
Allo scopo di aumentare la flessibilità del sistema alle diverse missioni, si è
deciso inoltre di progettare l’intero allestimento in maniera da poter essere
utilizzato in differenti configurazioni:
• Una ruota di momento e due di reazione, configurazione molto robusta in
assetto nominale, dove la maggior correzione è dovuta alla risposta alla
coppia aerodinamica.
• Tre ruote di reazione, configurazione che permette una maggiore
manovrabilità per l’assenza di un momento angolare di bias, utile quindi per
compiere rotazioni off-nadir dell’asse di yaw.
La quarta ruota di riserva dovrà di conseguenza essere progettata con la
possibilità di poter essere utilizzata sia come ruota di momento sia di
reazione a seconda dell’attuatore da rimpiazzare. Per evitare la saturazione
del controllo si dovrà inoltre trattare di ridondanza fredda, prevedendo
quindi l’accensione della quarta ruota solo in caso di failure. La posizione
relativa delle quattro ruote non è dipesa solamente dal volume a
25
Missione e ruota di momento 1
disposizione all’interno del satellite, ma anche dalla distribuzione del
momento angolare globalmente accumulato dalle ruote in condizione
nominale e in condizione di failure, nel tentativo di massimizzare l’efficacia
delle ruota ridondante al momento dell’accensione.
1.3.6 Manovre
Per il dimensionamento degli attuatori è stato necessario prevedere quali
manovre dovranno essere compiute per orientare il satellite al di fuori del
proprio piano longitudinale. La manovra è vista, ai fini del controllo, come
un disturbo rispetto alla condizione nominale imposto dall’interno del
sistema a differenza delle coppie ambientali, per definizione provenienti
dall’esterno. A sua volta, il controllo d’assetto agirà per conseguire tali
manovre tramite un’opportuna azione delle ruote di reazione. In precedenza
sono state valutate due possibilità distinte di utilizzo per il sistema a tre
ruote di momento/reazione, a seconda del comportamento della ruota
collocata lungo l’asse di pitch. Qualora infatti il sistema fosse portato a
funzionare con un momento angolare di bias accumulato dalla ruota stessa
(prima soluzione), l’azione delle ruote di reazione rimanenti dovrà essere
più intensa per effetto dell’accoppiamento giroscopico. A differenza infatti
della condizione a tre ruote di reazione, dove la manovra attorno ad un
singolo asse può essere effettuata semplicemente controllando la velocità
del rispettivo attuatore, in presenza di un momento angolare sulla ruota di
pitch sarà necessario secondo una filosofia differente. Come mostrato infatti
nelle figure successive, per manovrare attorno ad un asse dovrà essere
attivata la ruota posta ortogonalmente sia al piano individuato dall’asse di
pitch e dall’asse di manovra.
26
Missione e ruota di momento 1
Fig. 1.6 - Effetto della presenza della ruota di pitch sul momento angolare risultante
Per semplicità di trattazione, vengono per ora trascurati gli effetti di
nutazione dovuti alle coppie giroscopiche, per i quali sarà compito del
sistema di controllo provvedere allo smorzamento agendo opportunamente
sulla terza ruota non coinvolta in manovra o sulle bobine magnetiche. Tanto
più intenso sarà il momento angolare accumulato dalla ruota di pitch, tanto
più dovrà essere intensa l’azione della ruota di reazione controllata per
effettuare la manovra. Altro parametro fondamentale è la massima
accelerazione angolare ottenibile dal motore elettrico contenuto in tale ruota,
la quale definisce la velocità con cui essa potrà raggiungere la quota di
momento angolare sufficiente a reputare conclusa la manovra, definendo
così l’agility del sistema. E’ importante anche sottolineare come
accelerazioni troppo elevate generino anche coppie giroscopiche elevate,
che andranno ad impegnare maggiormente lo smorzatore di nutazione, in
questo caso la terza ruota o le bobine, a seconda dell’architettura del
controllo.
1.4 Configurazione finale
I criteri che hanno concorso alla selezione del tipo di disposizione delle
ruote di momento/reazione sono stati principalmente tre, determinati dalle
caratteristiche della missione e della famiglia di appartenenza di ALMASatEO:
27
Missione e ruota di momento 1
• Ingombro dimensionale, pari al volume interno massimo di due cassetti
della struttura del satellite.
• Potenza totale assorbita, da contenere in funzione del power budget,
limitato dalla produzione di energia operata dai pannelli solari.
• Usura delle parti, in quanto si utilizzeranno componenti commerciali
dalla vita operativa limitata per l’attuazione del moto.
1.5 Obiettivi
Alla luce di questi parametri è stato scelto di disporre le tre ruote di
momento/reazione principali lungo i tre assi del sistema di riferimento
corpo, in configurazione di ridondanza fredda. Questa soluzione conserva
intatte le capacità di funzionamento della quarta ruota fino all’insorgere
della failure aggirando inoltre il consumo di potenza necessario
all’alimentazione della stessa. Lo scopo dell’elaborato consiste nella
realizzazione di un azionamento progettato interamente in laboratorio,
utilizzabile in sostituzione degli azionamenti commerciali reperibili sul
mercato per l’attuazione dei motori brushless. Nel far ciò si è proceduto
realizzando preliminarmente una prima demo-board per testare la risposta a
terra dei motori elettrici selezionati in unione al volano per la ruota di
momento/reazione per il microsatellite ALMASat-EO, operando come
metodo di collegamento tra i comandi imposti tramite computer e gli
attuatori veri e propri, una volta realizzati. L’evoluzione della demo-board
costituisce, una volta ottimizzata, l’azionamento stesso che andrà ad
integrarsi all’interno di ogni ruota, permettendone l’interfaccia con il
sistema ADCS. In un secondo luogo verrà dunque ampliato il progetto della
demo-board facendo interagire la scheda elettronica che comanda il motore
con il sistema di lettura di velocità costituito da uno strumento noto come
“encoder”. Essenzialmente, la demo-board realizzata per il collaudo delle
ruote di momento/reazione di ALMASat-EO si occupa di trasferire i
comandi impartiti tramite computer dall’utente, opportunamente trasformati
28
Missione e ruota di momento 1
in segnale analogico tramite una scheda di acquisizione dedicata, in una
forma di segnale compatibile con l’attuazione del motore elettrico. La scelta
di motori brushless in corrente continua permette il controllo della velocità
tramite l’apposizione di una tensione di controllo ai capi dell’attuatore,
operando senza la necessità di realizzare la commutazione degli
avvolgimenti. A seguito dell’eccitazione del motore è parimenti necessario
determinare, in risposta, la velocità di rotazione dell’albero stesso, in modo
da poter provvedere al feedback necessario per la chiusura del ciclo di
controllo. Nel caso specifico, è necessario acquisire il segnale in uscita
dall’encoder connesso al motore e ritrasmetterlo alla scheda di acquisizione,
affinché lo converta in dato numerico elaborabile al calcolatore. In un
secondo tempo, con lo sviluppo della demo-board e la realizzazione
dell’azionamento del motore, l’uscita dell’encoder comunica direttamente
con il microcontrollore dell’azionamento. Trattandosi inoltre di controllo di
ruote di reazione oltre che di momento, è necessario poter stabilire durante
l’utilizzo il senso di rotazione dell’albero, verificandone l’aderenza al
comando tramite la misura della relazione temporale tra i due canali in
uscita dall’encoder, costruttivamente sfasati di 90° l’uno rispetto all’altro e
quindi sufficienti ad indicare il comportamento effettivo del motore. Rimane
scontata, infine, la necessità di alimentazione elettrica richiesta non
solamente del motore e dell’encoder, ma anche dei componenti elettronici
montati sulla demo-board che dovranno supplire a tutte le funzioni
precedentemente elencate. La scelta effettuata di voler avvicinare le
specifiche di utilizzo della demo-board a quelle reali a bordo del satellite
richiede l’utilizzo di una sola rete di alimentazione a 12 volt, pari a quella
generata dai pannelli solari durante la missione, con la trasformazione della
tensione, qualora necessaria, solamente all’interno della scheda elettronica.
Lo sviluppo dell’architettura della demo-board è quindi iniziato dalla
determinazione dei componenti elettronici richiesti per le varie funzioni;
data la volontà di voler realizzare uno strumento facilmente accessibile nelle
sue parti e parimenti modificabile, sono stati utilizzati componenti in
formato standard, non miniaturizzati né ancora qualificati ad uso spaziale.
Successivamente si sono realizzate versioni evolute della suddetta demoboard riducendo le dimensioni della scheda elettronica grazie all’utilizzo di
29
Missione e ruota di momento 1
componenti miniaturizzati e dotando la scheda di un circuito più complesso
dovuto alla presenza di un microcontrollore che gestisce i segnali in
ingresso e in uscita, funzioni peculiari di un azionamento per motori
elettrici. Analogamente, per l’encoder si è seguita la stessa procedura,
ovvero la realizzazione di una prima versione della scheda elettronica
costituita da circuiti semplici con componenti montati su una scheda
“millefori” e in seguito sviluppando versioni sempre più miniaturizzate e
integrate con il sistema “azionamento”.
30
Encoder per letture di velocità 2
2
ENCODER PER LETTURE DI
VELOCITA’
2.1 IMPIEGO DI UN ENCODER
2.2 ENCODER MAGNETICO
2.3 ENCODER OTTICO
2.4 CONFRONTO PRESTAZIONALE
2.1 Impiego di un encoder
In molte applicazioni è utile che le informazioni in uscita dal trasduttore
siano in forma digitale. Anche se, ovviamente, è sempre possibile applicare
un convertitore analogico-digitale all’uscita di un trasduttore analogico,
esistono, tuttavia, dei trasduttori che non si limitano ad operare una
trasduzione della variabile d’ingresso, ma ne eseguono anche una
quantizzazione, dando quindi in uscita una grandezza digitale. Un
dispositivo che possiede questa caratteristica è l’encoder, altrimenti noto
come “trasduttore di posizione angolare”, esso è un dispositivo
elettromeccanico che converte la posizione angolare del suo asse rotante in
segnali elettrici numerici digitali. Esistono due tipologie di encoder: quello
assoluto e quello incrementale. Un encoder assoluto è costituito da un disco
che ruota solidalmente con l’albero di cui si vuole misurare la posizione
angolare; il disco è diviso in settori, ciascuno dei quali, con un opportuno
alternarsi di zone conduttrici e zone isolanti, riproduce un diverso numero
binario nell’ambito di un codice opportunamente scelto.
31
Encoder per letture di velocità 2
Questa informazione viene letta da un sistema di spazzole ( o da un sensore
nel caso di tecnologia brushless) e trasferita sotto forma di segnali di
tensione a due livelli significativi (0 e 1), su una serie di conduttori. Le zone
conduttrici e isolanti possono essere sostituite da zone magnetiche e non
magnetiche, a seconda del sistema con cui viene effettuata la lettura. Il
codice più semplice che può essere utilizzato in un encoder è il binario
proporzionale, tuttavia l’utilizzo di questo codice non è sempre conveniente
in quanto è fonte di errori dovuti al fatto che nel passaggio da alcuni numeri
ai successivi i numeri binari corrispondenti cambiano per più di una cifra.
Un codice che spesso si impiega negli encoder è il codice Gray nel quale le
codifiche di due numeri adiacenti differiscono per un solo simbolo e quindi
si riduce la possibilità di errori. Per quanto riguarda gli encoder di tipo
incrementale, essi segnalano unicamente gli incrementi (variazioni)
rilevabili rispetto a un'altra posizione assunta come riferimento. Questi
incrementi sono indipendenti dal verso di rotazione, il quale non può essere
rilevato da questo tipo di trasduttori. E' costituito, nel caso di encoder ottico
da un disco opaco, sul quale sono stati ricavati dei fori o, in alternativa,
alcune zone particolarmente trasparenti attraverso le quali e' possibile il
passaggio di un fascio luminoso. Oppure, nel caso di encoder magnetico,
esso prevede la presenza di uno o più magneti solidali con l’albero, il cui
passaggio è segnalato da un sensore magnetico.
Fig. 2.1 – Encoder ottico
32
Encoder per letture di velocità 2
2.1.1 L’encoder nelle ruote di momento per il controllo
d’assetto del micro satellite ALMASat-EO
Nell’ambito della missione ALMASat-EO, essendo il controllo d’assetto del
micro satellite affidato all’utilizzo ruote di momento/reazione come
attuatori, si richiede che siano effettuate misurazioni quanto più accurate
possibili della velocità di rotazione della massa inerziale, ossia del volano.
A tal fine sono state realizzate due diverse tipologie di encoder: uno
magnetico il cui principio di funzionamento è basato sull’effetto Hall, ed un
encoder ottico che fa uso di un diodo led (fotoemettitore) e di un fotodiodo
(fotorilevatore) opportunamente selezionati.
Fig. 2.2 – Schema illustrativo del lavoro svolto
Lo scopo è quello di cercare di ottenere valori di velocità che approssimino
al meglio la curva della velocità effettiva dell’albero misurata tramite
sensori Hall integrati nel motore. A tal proposito, a seguito della
determinazione delle caratteristiche volt-rpm delle due tipologie di encoder
si è effettuato uno studio con l’obiettivo di determinare le condizioni di
funzionamento nelle quali si rende più conveniente l’utilizzo di un encoder
ottico e quelle in cui invece è preferibile l’utilizzo di un encoder di tipo
magnetico. Per la determinazione delle suddette caratteristiche volt-rpm si è
analizzata la risposta fornita dai due encoder comandando il motore
mediante azionamento commerciale SVT-MIMO ed in particolare fornendo
a tale scheda tramite potenziometro un ingresso variabile tra 0 e 5 volt con
una caratteristica incrementale di circa 2000 rpm per ogni volt.
33
Encoder per letture di velocità 2
2.2 L’encoder magnetico e il suo funzionamento
Il principio di funzionamento di un encoder magnetico di basa sul cosiddetto
“effetto Hall”, che consiste nella realizzazione di una differenza di
potenziale sulle facce opposte di un conduttore elettrico dovuta a un campo
magnetico perpendicolare alla corrente elettrica che scorre in esso.
Solitamente l’encoder magnetico prevede l’utilizzo di un disco che ruota
solidalmente con l’albero di cui si vuole misurare la posizione angolare ed è
costituito da settori magnetizzati alternati a settori non magnetizzati. E’
presente, inoltre, un nucleo di forma toroidale sul quale sono disposti due
avvolgimenti: uno di questi, che funge da primario, viene alimentato con
una tensione sinusoidale cosicché ai capi dell’altro, che funge da secondario,
si ha una tensione la cui ampiezza dipende dalla posizione che in
quell’istante ha il disco rispetto al nucleo; infatti quando un settore
magnetizzato è in prossimità del nucleo, il settore stesso esercita un campo
magnetico tale da portare in saturazione il nucleo stesso. Nell’encoder
magnetico relativo agli attuatori del micro satellite ALMASat-EO si è
utilizzato come sorgente del campo una coppia di magneti fissati
direttamente sull’albero rotante (eventualmente i magneti possono essere più
di uno se si richiede un’ accuratezza particolarmente elevata), mentre come
rilevatore del campo magnetico si utilizza un sensore di posizione che è
parte integrante di un circuito realizzato su PCB. Il sensore legge il
passaggio del magnete e invia il segnale al circuito che ha il compito di
stimare con l’accuratezza richiesta la velocità di rotazione dell’albero.
Fig. 2.3 – Encoder magnetico realizzato
34
Encoder per letture di velocità 2
2.2.1 Realizzazione e componenti
La scheda di acquisizione del segnale è stata realizzata secondo il progetto
del seguente schematico realizzato mediante il software OrCAD Capture
(vedi appendice B).
Fig. 2.4 – Schematico del circuito della scheda di lettura per encoder magnetico
I componenti che compaiono in tale circuito sono: un trigger di Schmitt
74HC14, un amplificatore operazionale LM301, due condensatori di
capacità 20pF e 30pF, due resistenze con valore ohmico pari a 3.3 kΩ e 1.6
kΩ. Il segnale proviene da una sensore di posizione SS400 Series di cui si è
adottata la versione SS466A tra le possibili varianti (vedi appendice A).
Le caratteristiche principali di tale sensore sono riportate nelle seguenti
tabelle:
35
Encoder per letture di velocità 2
Tab. - 2.1 Caratteristiche magnetiche del sensore
Tab. - 2.2 Caratteristiche elettriche del sensore
Tab. - 2.3 Caratteristiche tecniche del sensore
e prevede il seguente tipico schema costruttivo:
Fig. 2.5 – Schema di montaggio del sensore magnetico
36
Encoder per letture di velocità 2
Il circuito è stato riportato inizialmente su una “mille-fori” in modo tale da
poter effettuare primi test indicativi per verificare l’attendibilità dei valori
ottenuti, confrontandoli con quelli dell’encoder integrato nella scheda di
controllo SVT-MIMO del motore (a disposizione), per essere poi realizzato,
in una versione finale e definitiva, mediante fresatura su una scheda
elettronica in modo tale da ridurre l’ingombro ed avere una scheda più
compatta da poter inserire nell’apposito vano disegnato utilizzando il
software SolidWorks e realizzato ad hoc in laboratorio.
La prima versione di tale scheda si presentava nel modo seguente:
Fig. 2.6 – Scheda encoder magnetico
In seguito è stata realizzata una seconda scheda ottimizzata e resa più
compatta come si può vedere in figura 2.7
Fig. 2.7 – Scheda compatta encoder magnetico
37
Encoder per letture di velocità 2
2.2.2 Risultati
I dati acquisiti dalla scheda, ed elaborati tramite un programma realizzato
mediante software LabView mostrano come la caratteristica volt-rpm
volt
sia
pressoché lineare.
caratteristica encoder magnetico
12000
10000
8000
6000
4000
2000
0
0
1
2
3
4
5
Fig. 2.8 – Caratteristica volt-rpm con encoder magnetico
2.3 L’encoder ottico e il suo funzionamento
Il principio di funzionamento di un encoder di tipo ottico prevede
l’emissione di un raggio di luce (visibile oppure infrarossa) emessa da un
diodo LED e rilevata da un sensore ottico (fotodiodo). Tale raggio luminoso
viene schermato dal movimento di una superficie rotante, nella fattispecie
un disco solidale con l’albero sul quale è calettato il volano della ruota di
momento. Su tale disco sono praticati uno o più fori,, in base alle finalità del
sensore (sensing di posizione, velocità, ecc…). Il sensore ottico rilevando il
raggio luminoso commuta la propria uscita, e tale variazione di tensione
viene acquisita ed elaborata opportunamente in modo tale da fornire in
uscita un valore corrispondente alla velocità di
di rotazione del disco rotante, e
quindi la velocità di rotazione dell’albero. Per conoscere il senso di
rotazione, l’encoder fornisce in uscita due segnali tra loro in quadratura dei
38
Encoder per letture di velocità 2
quali il primo è in anticipo rispetto al secondo se il moto è in una direzione,
mentre è in ritardo se il movimento avviene nella direzione opposta.
Fig. 2.9 – Funzionamento di un encoder ottico
Fig. 2.10 – Encoder ottico realizzato
2.3.1 Realizzazione e componenti
La realizzazione della scheda di acquisizione del segnale si basa sullo
schematico realizzato facendo uso del software OrCAD, adottando il
metodo seguito per la realizzazione della scheda di acquisizione
dell’encoder magnetico (vedi appendice B). Lo schematico in questione è
rappresentato in figura 2.11
39
Encoder per letture di velocità 2
Fig. 2.11 – Schematico del circuito della scheda di lettura per encoder ottico
La scheda si presenta come in figura 2.12.
Fig. 2.12 – Scheda encoder ottico
I componenti che compaiono in tale circuito sono: un trigger di Schmitt
74HC14, un sensore ottico, due condensatori di capacità 20pF e 30pF, due
ponti 0Ω ed una resistenza con valore ohmico pari a 10.
40
Encoder per letture di velocità 2
Per quanto riguarda il sensore (fotodiodo) che compare nel circuito della
scheda relativa all’encoder ottico si è effettuata una selezione più
approfondita al fine di selezionare il sensore che meglio si prestasse
all’impiego in un encoder.
Dopo un’attenta analisi i componenti presi al vaglio nella ricerca del
fotodiodo sono stati i seguenti:
•
SFH 203
•
SFH 205
•
APDS 9002
•
BPW-21R
•
SD 1420
Al termine della disamina dei datasheet relativi ai diversi sensori presi in
considerazione alla luce della loro compatibilità per il suddetto impiego, la
scelta è ricaduta sull’ SFH 205 che rappresenta il miglior compromesso tra
le caratteristiche dei vari fotodiodi esaminati, e risulta perfettamente
compatibile in termini di voltaggio, corrente e tempi di risposta con gli altri
componenti che figurano nel circuito. L’encoder ottico prevede, inoltre, una
seconda scheda che utilizza un diodo LED che emette luce nell’infrarosso.
Tale scheda prevede un circuito elementare in cui compare, oltre al diodo
LED, una resistenza posta in serie allo stesso.
Fig. 2.13 – Scheda con diodo LED per encoder ottico
41
Encoder per letture di velocità 2
2.3.2 Risultati
La caratteristica tensione-distanza mostra come il fotodiodo abbia un ottimo
comportamento quando la distanza tra il fotodiodo e il diodo LED non
supera gli 11mm, al di sotto di tale distanza limite infatti si registra un
valore di tensione (tra il pin d’uscita del segnale e la massa) che si attesta
mediamente sui 5 volt dunque perfettamente compatibile con il
dimensionamento degli altri componenti ed in linea con i valori indicati nel
datasheet del fotodiodo.
6
tensione (volt)
5
4
3
2
1
0
0
5
10
15
20
distanza (mm)
Fig. 2.14 – Andamento della risposta (volt) al variare della distanza
Fig. 2.15 – Particolare dei “pattini” realizzati per poter traslare la scheda
42
Encoder per letture di velocità 2
Superando tale valore limite il fotodiodo registra una netta caduta di
tensione e pertanto il funzionamento dell’encoder stesso può risultare
instabile e quindi le misure di velocità non più attendibili. Come nell’analisi
dei valori di velocità acquisiti mediante l’utilizzo dell’encoder di tipo
magnetico, allo stesso modo si è proceduto nel caso dell’encoder ottico,
elaborando i segnali acquisiti mediante il programma realizzato con il
software LabView. Dallo studio dei valori di velocità ottenuti utilizzando un
encoder di tipo ottico ne risulta una caratteristica il cui andamento è
riportato in figura 2.16.
Fig. 2.16 – Caratteristica volt-rpm con encoder ottico
Tale caratteristica volt-rpm risulta pressoché lineare e approssima bene i
valori di velocità effettivi dell’albero motore, soprattutto per
valori in
ingresso compresi tra 0 e 2 volt (come si vedrà nel seguito dal confronto di
questi risultati con quelli relativi all’encoder magnetico), individuando le
condizioni operative nel quale è preferibile l’impiego di un encoder di tipo
ottico ed altre invece dove è preferibile l’utilizzo di un encoder di tipo
magnetico.
Il volume pensato per ospitare la scheda dell’encoder (sia ottico che
magnetico) e il rotore è composto da un involucro in plexiglass e alluminio
43
Encoder per letture di velocità 2
all’interno del quale è presente un vano, che rappresenta la sede nella quale
verranno alloggiate le schede, e un supporto, anch’esso in alluminio,
pensato per ospitare il motore dell’encoder.
2.4 Confronto prestazionale
2.4.1 Cenni sul setup per il test
La configurazione nel caso di utilizzo dell’encoder magnetico prevede che
la sede dell’ingombro ospiti la scheda che fa uso del sensore magnetico di
posizione “SS400 Series” (vedi appendice A) e che venga calettato sul
rotore un inserto sul quale sono presenti due magneti dei quali il sensore
registra il passaggio. E’ dunque possibile determinare la velocità di
rotazione del suddetto albero, una volta acquisito l’output della scheda, che
viene poi elaborato con il programma realizzato con il software LabView.
L’interfaccia tra la scheda dell’encoder e il programma di acquisizione è
rappresentato da una piattaforma della National Instrument in grado di
inviare i segnali acquisiti dalla scheda ad un pc mediante collegamento
USB, e di trasmettere a sua volta un segnale di comando dal pc al motore.
Fig. 2.17 – Ingombro interno e supporto motore (vista dall’alto)
44
Encoder per letture di velocità 2
La scheda realizzata presenta il sensore di posizione con la faccia rivolta
verso l’alto in modo tale che i magneti siano allineati con esso; in seguito si
è pensato di studiare il comportamento di tale sensore al variare della
distanza dai suddetti magneti, variando la posizione della scheda verso
l’alto, facendo uso di alcuni distanziali posizionati al di sotto di essa e fissati
alla base dell’ingombro con alcuni dadi.
La configurazione nel caso di utilizzo dell’encoder ottico prevede invece
che la sede dell’ingombro ospiti sia la scheda dell’encoder su cui è montato
il sensore ottico SFH 205, sia la scheda che ospita il diodo LED a luce
infrarossa. Inoltre l’utilizzo dell’encoder ottico prevede che venga montato
sull’albero del rotore un disco in alluminio munito di due fori.
Fig. 2.18 – Ingombro interno e supporto motore (vista laterale)
Il sensore ottico rileva il raggio di luce infrarossa quando il foro è situato tra
il sensore e il diodo LED e con lo stesso programma utilizzato nel caso
dell’encoder magnetico (acquisendo il segnale mediante la piattaforma NI)
si è in grado di determinare analogamente la velocità di rotazione
dell’albero. Si è pensato di far variare la distanza relativa delle due schede,
permettendo la traslazione orizzontale, al fine di studiare il comportamento
del sensore ottico nei vari punti di funzionamento. La scheda principale
45
Encoder per letture di velocità 2
pertanto ha la possibilità di scorrere avanti e indietro grazie ad una sorta di
pattino. Tale soluzione è stata resa possibile realizzando dei fori
leggermente allungati in modo tale da permettere alle viti dei distanziali di
scorrere all’interno di essi, e quindi permettono alla scheda di traslare
orizzontalmente avvicinando o allontanando il sensore dal diodo led.
Fig. 2.19 – Volume (vista in prospettiva)
Fig. 2.20 – Volume (lato ingresso della scheda)
46
Encoder per letture di velocità 2
Per quanto riguarda le soluzioni pratiche si è deciso di fissare il supporto del
motore con quattro viti: due di esse collegano direttamente il supporto alla
superficie superiore dell’ingombro mentre le restanti due collegano il
supporto alla piastra inferiore attraverso alcuni distanziali in plastica per
evitare eventuali cortocircuiti nel caso in cui avvenisse un contatto tra una
pista situata in prossimità di un foro della scheda e la piastra metallica
dell’ingombro. Per praticità la sede che, come mostra la figura 2.22, ospita
la scheda relativa al fotodiodo è anche la sede che nella versione “encoder
magnetico” ospita la scheda elettronica che utilizza il sensore magnetico.
Fig. 2.21 – Esploso del volume
Fig. 2.22 – Montaggio parziale
47
Encoder per letture di velocità 2
Fig. 2.23 – Montaggio completo (mancano motore e cavi di alimentazione)
2.4.2 Confronto prestazionale
Dall’analisi dei risultati forniti dalle schede dei suddetti encoder si evince
che per valori di tensione compresi tra 0 e 2 volt il sistema di lettura che fa
uso dell’encoder ottico e del relativo hardware approssima meglio la
velocità di rotazione reale dell’albero, tuttavia superando tale soglia, ovvero
per valori di tensione superiori a 2 volt si può osservare come la
caratteristica relativa alla lettura dei valori di velocità diverga gradualmente
fornendo valori di velocità non più attendibili, in particolare essa sovrastima
la velocità (anche fino al 10% in corrispondenza del valore massimo di
tensione). Al contrario la caratteristica volt-rpm relativa al sistema di
acquisizione che fa uso dell’encoder magnetico (e del relativo circuito
elettrico realizzato) approssima quasi perfettamente i reali valori di velocità
dell’albero motore per valori di tensione maggiori di 2 V fino al valore
massimo di 5 V, mentre sottostima la velocità effettiva del motore per
tensioni inferiori a 2 V, pur con un errore relativo inferiore rispetto a quello
registrato effettuando la lettura di velocità con l’encoder ottico.
48
Encoder per letture di velocità 2
Fig. 2.24 – Velocità acquisite
Alla luce di quanto visto, si può affermare che l’utilizzo di un sistema di
lettura di velocità basato su encoder ottico è da preferire a quello magnetico
nei casi in cui si vuole conoscere la velocità di rotazione del volano di una
ruota di reazione che ha velocità operative sensibilmente inferiori a quelle di
una ruota di momento. Viceversa, per quest’ultima è da preferirsi l’impiego
di un sistema di lettura che faccia uso di un encoder magnetico, che come
visto ben si presta per letture di velocità elevate. Questo aspetto risulta ancor
più comprensibile se si considera che una ruota di momento opera
perennemente, durante l’arco della sua vita operativa, ad una velocità
nominale non nulla, al contrario di una ruota di reazione.
49
Encoder per letture di velocità 2
50
Azionamento elettrico 3
3
AZIONAMENTO ELETTRICO
3.1 IL MOTORE BRUSHLESS
3.2 AZIONAMENTO
3.3 CENNI SULLA COMPONENTISTICA
3.4 LE TECNICHE DI CONTROLLO
3.1 Il motore brushless
Un motore brushless è un motore elettrico sincrono, trifase in cui i magneti
permanenti (costruiti sottoponendo un materiale che presenta alta isteresi
magnetica, dopo la lavorazione, ad un campo magnetico di elevata intensità)
contraddistinti da bassa inerzia rotorica sono disposti sul rotore. Gli
avvolgimenti, al contrario, sono posizionati nello statore. Tale motore è il
più diffuso nell’ambito dei
dispositivi di controllo più accurati. A
differenza di un motore a spazzole il motore brushless non ha bisogno di
contatti elettrici striscianti sull'albero motore per funzionare (da qui il
nome). La commutazione della corrente circolante negli avvolgimenti,
infatti, non avviene per via meccanica (tramite il contatto meccanico delle
spazzole con il collettore, che chiude il circuito elettrico tra l’alimentazione
e l’avvolgimento di rotore), ma elettronicamente tramite un banco di
transistor di potenza comandati da un microcontrollore che controlla la
commutazione della corrente. Dato che il controllore deve conoscere la
posizione del rotore rispetto allo statore, esso viene solitamente collegato ad
uno o più sensori a effetto Hall, o ad un coppia LED-fototransistor. Nel
rotore sono disposti in genere da 2 a 8 paia di poli, costituiti da magneti
permanenti. Nei motori brushless, in cui il campo prodotto dai magneti
permanenti rotorici è rotante, il campo prodotto dalle correnti circolanti nei
tre avvolgimenti statorici è reso rotante dall'azione dell'inverter. La struttura
51
Azionamento elettrico 3
magnetica del rotore, isotropa con magneti disposti sulla superficie
cilindrica del rotore (figura 3.1) è più comune di quella anisotropa con
magneti annegati all'interno del rotore (figura 3.2).
Fig. - 3.1 Soluzione con magneti disposti sul rotore
Fig. - 3.2 Soluzione con magneti “annegati” nel rotore
Il primo grosso vantaggio relativo all’impiego di questo tipo di motore, oltre
all’ovvia riduzione della resistenza meccanica che incontra il rotore,
riguarda la vita attesa dello stesso, dato che le spazzole sono il "punto
debole" di un motore in corrente continua, di conseguenza si riduce
notevolmente la necessità di manutenzione periodica. L'assenza di spazzole,
oltre ad eliminare il problema della formazione di scintille ad elevati regimi
di rotazione (aspetto fondamentale quando il motore opera in ambienti saturi
di composti chimici volatili come i carburanti) elimina anche la principale
fonte di rumore elettromagnetico presente negli altri motori in continua.
L'ingombro è limitato rispetto alla potenza che possono erogare, e in termini
di efficienza, i motori brushless sviluppano molto meno calore di un
equivalente motore a spazzole, pertanto, si dice in gergo che "marciano
freddi". Gli avvolgimenti sullo statore inoltre dissipano facilmente il calore
52
Azionamento elettrico 3
generato e permettono di costruire motori "lisci", senza alettature esterne
proprio grazie al miglior raffreddamento degli avvolgimenti. In questo tipo
di motori i magneti permanenti sono posizionati sul rotore e sono realizzati
con speciali materiali che permettono di avere un'inerzia rotorica molto
bassa, cosa che permette di avere un controllo estremamente preciso sia in
velocità che in accelerazione. Ultimamente sono molto utilizzati in campo
industriale e impiegati nelle macchine automatiche che necessitano di
movimenti precisi e veloci con ingombri decisamente contenuti e grande
versatilità offerta anche da apparecchiature di controllo programmabili
molto sofisticate che danno un completo controllo e diagnostica del motore.
Il maggior difetto dei motori senza spazzole è l’irregolarità di coppia
(“ripple”) dovuta alla brusca commutazione, infatti nei motori in corrente
continua
convenzionali
una
delle
ragioni
della
suddivisione
dell’avvolgimento in numerosi segmenti e dell’utilizzazione di un numero
elevato di lame sul collettore è la riduzione della fluttuazione di coppia.
Un’altra ragione che giustifica la suddivisione dell’avvolgimento nei motori
convenzionali, ma che non sussiste nei motori brushless, è la limitazione
dello scintillio alla commutazione per effetto dell’induttanza del segmento
di avvolgimento che esce di conduzione. Nei motori senza spazzole, per
ragioni economiche, una suddivisione molto fine dell’avvolgimento di
statore (con conseguente multiplazione anche dei circuiti elettronici di
comando) non è praticabile. Il principale inconveniente di questo tipo di
motori risiede nel maggiore costo. Al contrario dei motori a spazzole,
infatti, il controllo viene effettuato elettronicamente da un dispositivo
elettronico detto “controller”, per questo non è solitamente possibile
utilizzare un potenziometro o un reostato (inefficiente ma estremamente
economico).
3.2 Azionamento
L'azionamento elettrico può essere considerato come un particolare sistema
che converte l'energia elettrica che riceve in ingresso, in energia meccanica
in uscita. Tale conversione avviene in genere mediante l'uso di elettronica di
potenza e seguendo una particolare funzione, detta funzione di comando. In
53
Azionamento elettrico 3
tal modo è possibile far seguire ad un motore elettrico un comportamento
desiderato per un determinato scopo. Gli azionamenti brushless sono
particolarmente adatti ad essere utilizzati nei settori in cui è molto
importante l'elevata dinamica, quali quelli dell'automazione industriale,
della robotica, delle macchine utensili, dei veicoli a propulsione elettrica e
ibrida e degli attuatori aerospaziali. Per tale motivo la struttura del rotore dei
motori brushless è realizzata in modo tale da avere una inerzia molto bassa
(talvolta alleggerita praticando dei fori) in modo da soddisfare richieste di
accelerazioni dinamiche elevate. Nel caso in questione il suo compito è
essenzialmente quello di portare in rotazione un albero ad una determinata
velocità, imposta dalle condizioni di perturbazione rispetto all’assetto
ottimale, indipendentemente, entro determinati limiti, dalla coppia resistente
e quindi dalla coppia motrice erogata dal motore; questo compito deve poter
essere svolto rispettando alcuni importanti requisiti: totale bidirezionalità
dell'azionamento con zona morta praticamente nulla intorno allo zero di
velocità, sia in condizioni statiche che dinamiche; il rapporto tra velocità
massima e minima regolabile deve essere indicativamente maggiore di 10
con coppia nominale e, passando da vuoto a carico nominale, la velocità non
deve diminuire più di 1/10 della velocità massima.
Possiamo individuare tre tipi principali di controllo dei motori brushless:
1. Controllo a carico costante, impiegato ove la variazione di velocità è più
importante della precisione, tale soluzione richiede controllori a basso costo,
funzionanti in genere ad anello aperto, con il carico direttamente accoppiato
all'albero motore.
2. Controllo
a
carico
variabile,
largamente
diffuso
in
campo
automobilistico e aerospaziale. Richiede buone risposte dinamiche e
dispositivi di retroazione di velocità, pertanto necessitano di algoritmi di
controllo avanzati e controllori più complessi, con conseguente incremento
del costo del sistema.
3. Controllo di posizionamento, soluzione che si adotta per la maggior parte
delle
applicazioni
di
automazione
industriale
e
che
richiedono
frequentemente l'inversione della direzione di rotazione, sono importanti la
risposta dinamica in velocità e coppia. Un ciclo tipico ha una fase di
accelerazione, una a velocità costante, una di decelerazione e una di
54
Azionamento elettrico 3
posizionamento. Il carico sul motore può variare durante tutte queste fasi,
con conseguente necessità di un controllore più complesso. Nella fattispecie
fa
siamo in presenza di un controllo a carico costante. Tutti questi sistemi
funzionano principalmente in anello chiuso con uno o più anelli di controllo
(di coppia, di velocità e di posizione) funzionanti simultaneamente. Il
convertitore che alimenta
alimen i motori brushless è normalmente del tipo a due
stadi con circuito intermedio. Lo schema a blocchi illustra in maniera più
chiara i vari componenti e le funzioni dell’ azionamento elettrico.
Fig. - 3.3 Schema a blocchi azionamento
La posizione e/o la velocità angolare che si desidera raggiungere viene
inviata al microcontrollore che a sua volta confronta il movimento
desiderato con una informazione che torna indietro dal motore, in
particolare dall’encoder (ottico o magnetico) o dal sistema di sensori ad
effetto hall della ruota di momento, la scelta tra i due possibili feedback è
possibile grazie ad un “feedback
“
selector”” che invia poi il segnale
retroazionato desiderato al microcontrollore.
microcontrollore Se i due segnali, set point e
segnale retroazionato,
azionato, differiscono, il microcontrollore elabora una adeguata
azione di controllo, tale da far seguire al motore elettrico
elettrico il movimento
desiderato. All segnale di controllo generato e modulato opportunamente dal
55
Azionamento elettrico 3
microcontrollore mediante la tecnica PWM, corrisponde
corrisponde l’apertura o la
chiusura di determinati mosfet,, e in questo modo si ha la commutazione
delle fasi necessaria al raggiungimento delle condizioni di posizione e
velocità desiderate. Tra il microcontrollore ed il ponte half-bridge
bridge vi sono
due gate driver che permettono la rapida commutazione delle fasi; in
particolare si è utilizzato un gate driver relativo ai segnali destinati ai mosfet
contrassegnati con la lettera “H” (high)
(
ed un secondo gate relativo ai
segnali destinati ai mosfet contrassegnati con la lettera “L” (low).
Fig. – 3.4 Azionamento realizzato
Condizionamento Hall
RS 232
Gate
Ponte half bridge
Microcontrollore
driver
Feedback selector
Sensore di
corrente
Vcc
Stabilizzatore
Fig. – 3.5 Azionamento realizzato (sono indicati i componenti principali)
56
Azionamento elettrico 3
Per quanto riguarda le misure che si effettuano sull’intero dispositivo, le
misure sono di tipo elettrico, a monte del motore, o meccaniche, a valle del
motore. Generalmente viene misurata la tensione di alimentazione del
motore e la corrente assorbita dallo stesso come grandezze elettriche. Come
grandezze meccaniche invece, la velocità di rotazione e la posizione
dell'albero del motore. Le misure sono effettuate tramite un trasduttore che
trasforma le misure meccaniche rilevate in grandezze elettriche compatibili
con il micro controllore. La trasduzione può essere realizzata dai sensori ad
effetto Hall integrati nella ruota di momento, oppure, nel caso in cui si
voglia effettuare una misura più precisa, e con una miglior risoluzione, si
ricorre all’utilizzo di un encoder ottico o magnetico che determina la
velocità di rotazione del motore, analizzando, a seconda della tipologia,
rispettivamente,
l’alternanza
degli
impulsi
luminosi
“generati”
in
corrispondenza dei fori di un disco opaco rotante, solidale con l’albero
motore, oppure, i rilevamenti dei passaggi di un magnete fissato su di un
alberino solidale con l’albero motore, effettuati da un sensore magnetico
(vedi capitolo 2). Data la necessità di alimentare in maniera autonoma ogni
ruota di momento/reazione e di provvedere, nel caso dei motori brushless,
alla corretta commutazione della tensione sugli avvolgimenti, si rende
necessario l’impiego di diversi azionamenti, ciascuno per ogni ruota di
momento utilizzata. A seconda delle modalità di impiego, si distinguono in
azionamenti a singolo quadrante (1-Q device), se il motore possiede un solo
verso di rotazione, o a quattro quadranti (4-Q device) qualora fossero
possibili entrambi i versi di rotazione nonché il frenaggio del motore in
condizioni di emergenza.
3.3 Cenni sulla componentistica dell’azionamento
3.3.1 Il microcontrollore
Il microntrollore o microcontroller o MCU (Micro Controller Unit) è un
dispositivo elettronico che integra in un solo chip tutti i circuiti necessari
alla realizzazione di un sistema digitale programmabile completo di tipo
embedded (o “special purpose”) realizzato cioè per un compiti specifici.
57
Azionamento elettrico 3
L'architettura del microcontrollore prevede un insieme di periferiche (fisse,
ovvero comuni a tutti i modelli più una serie di possibili estensioni) tra le
varie periferiche generiche ci sono:
• Unità di elaborazione (CPU);
• Porte: costituiscono le periferiche di base per la comunicazione da e
verso l’esterno. Possono essere configurate come ingressi o uscite digitalie,
sono di tipo di I/O e/o GPIO.
• Memoria: permette di conservare dati anche in assenza di alimentazione
e contiene anche il codice programma, può essere di tipo ROM, EEPROM
(Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory: memoria non
volatile, usata per memorizzare piccole quantità di dati che devono essere
mantenuti quando viene tolta l'alimentazione), SRAM (Static Random
Access Memory: tipo di RAM volatile che non necessita di refresh e che
consentono di mantenere le informazioni per un tempo teoricamente
infinito);
• ADC: analog to digital converter, in grado di convertire un segnale
analogico con andamento continuo in una serie di valori discreti;
• Timer: sono sempre presenti e vengono utilizzati sia per generare ritardi
finiti che per la misurazione di intervalli di tempo;
• PWM (Power Width Modulation): permette, utilizzando un timer di
generare un segnale di comando PWM;
• JTAG: consente il debug del firmware, ovvero l’analisi e la rilevazione di
eventuali errori nella sequenza di istruzioni;
• Moduli di comunicazione, interfacce analogiche o a tecnologia mista,
interfacce di visualizzazione e controllo, comparatori analogici;
• UART (Universal Asynchronous Receiver-Transmitter): ricevitoretrasmettitore asincrono universale usato per convertire flussi di bit di dati da
un formato parallelo a un formato seriale asincrono o viceversa.).
Al termine di un’approfondita analisi condotta sui diversi microcontrollori
presi in analisi, si è optato per l’ATMEGA 644, economico e facilmente
reperibile sul mercato. L’ATMEGA 644 fa parte della famiglia dei
microcontrollori AVR, è un microcontrollore a 8 bit su singolo chip basato
su architettura, RISC (Reduced Instruction Set Computer).Tale soluzione
58
Azionamento elettrico 3
prevede un architettura semplice e lineare che permette al microcontrollore
di eseguire il set di istruzioni in tempi minori rispetto ad una classica
architetture CISC, che presenta un set esteso di istruzioni con metodi di
indirizzamento complessi.
Fig. - 3.6 Microcontrollore ATMEGA 644
Il microcontrollore selezionato presenta le seguenti caratteristiche tecniche:
•
32 KBytes di memoria non volatile EEPROM
•
4Kbytes di memoria SRAM
•
32 linee di ingresso/uscita versatili del tipo “general purpose”
•
Real-time counter
•
2 UART
•
6 Canali PWM
•
Timer con oscillatore interno
•
Periferica SPI
•
4 Porte
59
Azionamento elettrico 3
3.3.2 Il ponte half-bridge
half
Il “ponte H”, anche noto come “half-bridge”
“
” è un circuito elettrico costituito
sostanzialmente da transistor che gestiscono il passaggio delle correnti
relative alle fasi del motore e che ne comandano quindi lo stato. Oltre ai
transistor, come mostrato in figura 3.7,, sono utilizzati, in parallelo
para
con
ciascuno di essi, diodi di sicurezza che impediscono eventuali inversioni
indesiderate di corrente sui rami, dunque il loro compito principale è quello
di richiudere sull’alimentazione le correnti degli avvolgimenti quando i
transistor vengono bruscamente
bruscamente interdetti, producendo così un effetto
equivalente a una forza controelettromotrice e un comportamento analogo a
quello di un motore a magneti permanenti con caratteristica meccanica
lineare (coppia decrescente linearmente in funzione della velocità
velocità angolare):
il motore senza spazzole, come il motore a collettore, presenta pertanto una
velocità di rotazione a vuoto proporzionale alla tensione applicata.
Fig. - 3.7 Il ponte “half-bridge”
3.3.3 La parzializzazione PWM
La parzializzazione o PWM (Pulse Width Modulation)) è il tipo di
amplificazione di potenza universalmente adottato per il controllo dei
motori elettrici in corrente continua di tutti i tipi (con collettore, senza
spazzole o passo passo). Il PWM consiste nella commutazione ad alta
alt
frequenza dei dispositivi elettronici di potenza (transistor
(
bipolari o mosfet)
che alimentano gli avvolgimenti del motore fra la piena conduzione e
l’interdizione, in modo da ottenere un valor medio corrispondente alla
60
Azionamento elettrico 3
regolazione di tensione voluta, ma con bassa dissipazione di potenza. Le
caratteristiche filtranti del circuito a valle, rendono trascurabili le
corrispondenti fluttuazioni di corrente. La tecnica PWM si fonda sul
concetto di modulazione: in generale la modulazione consiste
nel
modificare le caratteristiche di un segnale, detto “portante”, in funzione
di un altro segnale, detto “modulante”; la forma d’onda che si ottiene
in questo modo è detta segnale modulato. Scopo della modulazione è
quello di trasformare un segnale in un altro di forma più appropriata
per essere utilizzato per determinate finalità. Nella modulazione di
larghezza ad impulsi (PWM) è la larghezza (durata) degli impulsi che varia
in funzione dell’informazione, mantenendo costanti l’ampiezza e il periodo,
tutto ciò offre il vantaggio di un più alto rendimento, potendo il
trasmettitore lavorare a livelli di saturazione. Un metodo per ottenere la
modulazione PWM è dimostrato in figura 3.8.
Fig. – 3.8 La parzializzazione PWM
Una forma d’onda a dente di sega è applicata al comparatore, il cui livello di
soglia è funzione del segnale modulante e quindi lo sarà anche la durata
degli impulsi all’uscita del comparatore; la demodulazione può essere
ottenuta applicando
il
segnale PWM
ad
un filtro passa basso. Il
passaggio da questo sistema analogico ad un sistema digitale è molto simile:
in un microcontrollore la forma d’onda a dente di sega corrisponde al
valore di un timer ed il comparatore corrisponde ad un registro che
contiene il valore di “match”/ “compare”.
61
Azionamento elettrico 3
3.3.4 Lo stabilizzatore di tensione
Lo stabilizzatore di tensione permette di ottenere delle tensioni positive
stabilizzate a valori fissi. Questo consente di fornire ai vari componenti del
circuito la giusta tensione alimentando così carichi che richiedono una
tensione di alimentazione diversa da quella nominale (in particolare più
bassa). L’elemento scelto in questione è l’LM 7805. Questo integrato che ha
dimensioni identiche a quelle di un normale transistor di media potenza
presenta tre soli pin: il pin di entrata, indicato con “Input” o “Vin”, riceve la
tensione positiva da stabilizzare, che in questo caso è di 12 volt, prelevata
dall’alimentazione (generalmente da un ponte raddrizzatore provvisto del
suo condensatore elettrolitico di livellamento), il pin di regolazione indicato
con “GND” perché connesso a massa, viene utilizzato per variare la tensione
d'uscita al valore desiderato, nel caso in questione la tensione viene ridotta
fino ad avere un valore pari a 5 volt, il pin di uscita, indicato con “Output” o
“Vout”, è quello da cui si preleva la tensione stabilizzata, ovvero 5 volt
(tensione di cui è necessario disporre per poter alimentare una parte del
carico del circuito come ad esempio il micro controllore).
Fig. - 3.9 Stabilizzatore di tensione LM 7805
3.3.5 Altri componenti
Nel circuito dell’azionamento compaiono inoltre altri componenti quali: un
sensore di corrente INA194 che misura la caduta di tensione su una
resistenza di misura Dale LVR-3
percorsa dalla corrente inizialmente
incognita, in modo tale da ricavare la corrente che attraversa la resistenza e
che attraversa i mosfet. L’informazione sulla corrente misurata viene inviata
62
Azionamento elettrico 3
come feedback al microcontrollore che la gestisce attraverso la tecnica
PWM. Vi è poi un filtro per sensori ad effetto Hall 74HC14 ed un selettore
di feedback 74HC157 che ha il compito di selezionare l’ingresso desiderato
a seconda che si voglia effettuare la misura di velocità utilizzando il sistema
di sensori ad effetto hall integrati nel motore oppure l’encoder (ottico o
magnetico) realizzato appositamente in laboratorio.
3.4 Le tecniche di controllo del motore brushless
Il controllo del motore brushless può essere effettuato attraverso la tecnica
trapezoidale o la tecnica sinusoidale. Tali tecniche differiscono tra loro per
la forma d’onda della corrente imposta dal convertitore e per la forma
d’onda della forza controelettromotrice di fase. Quest’ultima dipende dalla
disposizione degli avvolgimenti statorici e dalla disposizione/forma dei
magneti rotorici. Un’ulteriore differenza legata alla tecnica di controllo si ha
nell’elettronica di controllo e nel trasduttore di posizione rotorica: la tecnica
trapezoidale impiega sensori ad effetto Hall, mentre la tecnica sinusoidale si
avvale di resolver ad albero cavo. La tecnica di controllo sinusoidale è più
complessa e costosa di quella trapezoidale ma comporta minore ondulazione
di coppia e quindi una rotazione molto dolce alle basse velocità, migliore
rendimento e maggiore risoluzione nei controlli di posizione.
Nella tecnica sinusoidale l'inverter, generalmente di tipo PWM sinusoidale a
tensione impressa, alimenta contemporaneamente tutte e tre le fasi del
motore imponendo a regime, con l'ausilio di tre anelli di corrente, una terna
equilibrata di correnti, ad andamento sinusoidale, le cui fasi sono
rigidamente vincolate alla posizione del rotore e pertanto il vettore
rappresentativo del relativo campo magnetico rotante statorico risulta di
ampiezza costante e sempre in quadratura rispetto a quello rotorico.
L'inverter quindi, oltre a regolare l'ampiezza e la frequenza delle correnti
come nella tecnica di controllo trapezoidale ha il compito aggiuntivo di
realizzare forme d'onda sinusoidali. L'azionamento richiede quindi due
sensori di corrente (la corrente nella terza fase è uguale all'inverso della loro
somma) e un sensore di posizione ad alta risoluzione (resolver o encoder
assoluto), in quanto per effettuare con continuità la funzione di
63
Azionamento elettrico 3
autosincronizzazione è necessaria una accurata misura della posizione.
Tuttavia, a causa del maggior costo e della mancata necessità di avere
dolcezza di coppia alle basse velocità, si è scelto di adottare la tecnica di
controllo trapezoidale, che si presta meglio a questa tipologia d’impiego.
Tale tecnica sarà analizzata in maniera approfondita nel paragrafo seguente.
3.4.1 La tecnica di controllo trapezoidale
La tecnica adottata per il controllo del motore è la cosiddetta “tecnica
trapezoidale”, prima ad esser stata sviluppata, ma ancora largamente usata
per la sua semplicità di applicazione dove sono tollerabili ondulazioni di una
certa entità della coppia sviluppata, essa viene utilizzata in pratica solo per i
brushless trapezoidali, la cui struttura elettromagnetica è tale da generare a
regime una f.c.e.m. (forza controelettromotrice) di forma idealmente
trapezoidale. Tale tecnica di controllo è caratterizzata dal fatto che l'inverter
alimenta solo due fasi per volta del motore con correnti aventi a regime
andamenti idealmente rettangolari (di ampiezza regolabile ed estensione
pari a 120° elettrici) con valore nullo negli intervalli in cui la corrispondente
f.c.e.m. di fase é variabile. La corrente di ciascuna fase assume nel tempo i
seguenti stati successivi: positiva, nulla e negativa. La corrente viene
controllata attraverso due dei tre terminali con il terzo elettricamente
disconnesso dall'alimentazione. Nella tabella sottostante sono stati riportati i
versi delle correnti degli avvolgimenti interessati relativamente alla
corrispondente sequenza di mosfet chiusi.
Coils
A(-)
A(-)
C(-)
C(-)
B(-)
B(-)
C(+)
B(+)
B(+)
A(+)
A(+)
C(+)
H1
1
1
0
0
0
0
HIGH SIDE
H2
0
0
1
1
0
0
H3
0
0
0
0
1
1
L1
0
0
1
0
1
0
LOW SIDE
L2
0
1
0
0
0
1
L3
1
0
0
1
0
0
Tab. - 3.1 Andamento delle correnti in corrispondenza delle combinazioni di chiusura
dei mosfet “High” e “Low”, i simboli (+) e (-) indicano rispettivamente una corrente
uscente o entrante nell’avvolgimento interessato.
64
Azionamento elettrico 3
Pertanto nel motore brushless con controllo trapezoidale, dato che si ha
sempre una fase con corrente positiva, una con corrente negativa ed una con
corrente nulla, il vettore rappresentativo del campo magnetico statorico non
si muove con continuità ma può assumere solo 6 posizioni spaziali.
spaziali. Lo stato
delle fasi è rappresentato nella figura sottostante ove ad ognuno dei sei
settori corrisponde un ampiezza di 60° relativa alla posizione del rotore.
Fig. - 3.10 Andamento delle tensioni di fase
Ne consegue che il vettore rappresentativo
rappresentativo del campo rotante statorico non
può mantenersi ortogonale a quello rotorico, ma il relativo sfasamento
assume valori variabili con continuità tra 120° e 60° elettrici seguiti da una
variazione a gradino da 60° a 120°.
Fig. - 3.11 Sfasamento tra il campo
campo magnetico statorico e quello rotorico
65
Azionamento elettrico 3
Pertanto per il controllo della commutazione delle fasi è sufficiente
individuare il ''sesto'' di angolo giro elettrico in cui si trova il vettore
rappresentativo del campo magnetico rotorico utilizzando sensori di
posizione ad effetto Hall oppure un encoder incrementale (ottico o
magnetico). Per i primi test si è scelto di adottare la soluzione con tre sonde
ad effetto Hall disposte sulla parte stazionaria del motore, normalmente
sulla calotta di chiusura situata in corrispondenza dall'estremità dell'albero
non connessa alla macchina azionata. In tal modo ogni sonda Hall genera
uno determinato stato logico (alto o basso) per ognuno dei sei settori
analizzati. Gli stati logici di ciascun sensore per ogni settore è riportato
riportato nella
seguente figura:
Fig. - 3.12 Stati logici dei sensori Hall nelle diverse posizioni del rotore
L'inserzione dei sensori di Hall nello statore è un processo complicato
perché un loro non corretto allineamento rispetto ai magneti rotorici
genererebbe
ererebbe un errore nella determinazione della posizione del rotore. Per
semplificare il processo di montaggio sullo statore dei sensori di Hall, alcuni
motori hanno sul rotore dei magneti aggiuntivi, replica in scala ridotta di
quelli principali, che facilitano
facilitano il corretto allineamento dei sensori di Hall, al
fine di ottenere le migliori prestazioni. Ogni volta che un polo magnetico
rotorico passa in prossimità di un sensore di Hall, questo dà in uscita un
segnale digitale alto o basso, a seconda che si tratti
tratti di un polo Nord o di un
polo Sud. Pertanto ciascuno dei tre fornisce in uscita un segnale digitale che
cambia stato ad ogni rotazione (del rotore) di ampiezza pari a 180°.
66
Azionamento elettrico 3
Fig. - 3.13 Stato logico “alto” dei tre sensori hall
In base alla combinazione dei segnali logici forniti dai tre sensori di Hall,
può essere determinata l’esatta sequenza delle commutazioni, che si
verificano in corrispondenza degli assi interpolari. Ad ogni rotazione di
180° del rotore, un sensore di Hall effettua una transizione della risposta: da
basso a alto o da alto a basso. Tali sensori sono sfasati di 120° e quindi per
ogni rotazione completa del rotore possiamo individuare, in funzione delle
risposte dei sensori, sei settori (di ampiezza pari a 60°), a cui corrispondono
sei combinazioni di accensione e spegnimento dei 6 tasti del ponte H.
La tabella 4.2 mostra i sei codici a tre bit, generati dalla sovrapposizione
delle uscite dei tre sensori, corrispondenti a ciascuna fase di comando.
Settore
Binario
HS1
HS2
HS3
1
101
1
0
1
2
100
0
0
1
3
110
1
1
0
4
10
0
1
0
5
11
0
1
1
6
1
0
0
1
Tab. 3.2 – Stato logico dei sensori Hall in corrispondenza dei diversi settori
67
Azionamento elettrico 3
Gli ingressi dei sensori, come si è detto, sono tra loro sfasati di 120° e ogni
sequenza ha due avvolgimenti connessi all'alimentazione e il terzo
avvolgimento lasciato aperto. A titolo esplicativo, nel settore 1
corrispondente al codice binario 101 fornito dai sensori Hall, la fase B è
connessa al polo positivo dell’alimentazione, la fase A è connessa al polo
negativo, mentre la fase C è lasciata aperta. Per ottenere ciò i mosfet “L1” e
“H2” dovrebbero essere chiusi e tutti gli altri dovrebbero restare aperti.
Il rotore ruoterà di 60° nella data direzione. Il ciclo elettrico si ripete ogni
paia di poli rotorici; pertanto per una completa rotazione dell'albero, i 6
passi dovrebbero essere ripetuti tante volte quante sono le paia di poli
rotorici. Essendo la f.c.e.m. proporzionale alla velocità angolare e la coppia
alla corrente, il funzionamento del brushless trapezoidale è quindi
assimilabile a quello di un motore a corrente continua con eccitazione
separata.
68
Test 4
4
TEST
4.1 CENNI SUL FUNZIONAMENTO DEL SOFTWARE DI BORDO
4.2 LA ROUTINE DEI TEST
4.3 IL CONTROLLORE PID
4.4 ANALISI DELLE PRESTAZIONI DEL MOTORE
4.5 I SOFTWARE DI CONTROLLO
4.1 Cenni sul funzionamento del software di bordo
L’algoritmo realizzato permette di controllare la velocità del motore tramite
un algoritmo PID implementato su un microcontrollore, nello specifico il
modello ATMEGA 644 della ATMEL. Il software si prefigge di
determinare la velocità di rotazione del motore e di controllarla tramite
l’attuazione PWM sulla quale è possibile agire per raggiungere la velocità di
set-point. Nella versione realizzata è dunque possibile variare il valore del
set-point e il valore delle costanti presenti nell’algoritmo di controllo PID
(ovvero la costante proporzionale, integrativa e derivativa). Tramite tale
algoritmo in forma discreta è possibile calcolare un valore che rappresenta
la corrente che si dovrebbe fornire al motore per permettergli di raggiungere
la velocità di set-point stabilita. Il microcontrollore gestisce quindi la
potenza fornita tramite una modulazione d’impulso, ovvero la suddetta
attuazione PWM. Un parametro che caratterizza il segnale ad onda quadra
generato è il “dutycycle” definito come rapporto tra la durata del segnale
"alto" e il periodo totale del segnale, e serve a esprimere per quanta porzione
di periodo il segnale è a livello alto. Dunque si ha:
D=
69
τ
T
Test 4
ove
τ
è la porzione di periodo a livello alto, mentre T è il periodo totale del
segnale. Il risultato del rapporto è sempre un numero compreso tra 0 e 1.
Fig. 4.1 - Segnale costituente un'onda rettangolare, in evidenza il suo duty cycle
Nel caso in cui si abbia un dutycycle pari a "0" o "1" si è in presenza di
segnali continui. Nel caso in esame il segnale ad onda quadra ha un
dutycycle variabile e il motore viene alimentato solo quando il valore logico
di questo segnale è alto. Quindi quando il dutycycle è al 100% (valore
logico sempre alto) il motore è alimentato al massimo mentre quando è allo
0% (valore logico sempre basso) il motore non è alimentato e continua a
girare per inerzia finché non si arresta a causa dell’attrito. Tuttavia
l’implementazione del codice C che costituisce il programma su cui si basa
il funzionamento del microcontrollore non è oggetto di studio di questa
trattazione. Gli obiettivi che invece ci si propone di raggiungere con il
presente elaborato sono stati nell’ordine: la realizzazione dei diversi
elementi costitutivi dell’hardware alla base controllo del motore della ruota
di momento (ovvero l’azionamento elettrico e i due encoder per la lettura
delle velocità) e in seguito mostrare una stima degli andamenti delle
grandezze d’interesse in relazione ai dati acquisiti empiricamente al variare
dei parametri del controllore, e dunque analizzare il comportamento
dell’azionamento realizzato facendo variare le grandezze d’interesse relative
al software, da un punto di vista esclusivamente qualitativo.
4.2 I test effettuati
La
procedura
seguita
per
verificare
il
corretto
funzionamento
dell’azionamento elettrico, ed il modo in cui il software pilota quest’ultimo,
70
Test 4
ha previsto in primo luogo la determinazione
determinazione dell’esatta sequenza di
chiusura dei mosfet del ponte half bridge, utile per porre in rotazione
l’albero nel verso desiderato, in secondo luogo si sono analizzate
propriamente le prestazioni del motore, ovvero le risposte che lo stesso
fornisce a seconda del comando posto in ingresso. Tale ingresso è
rappresentato dai valori di velocità di set point che si auspicava di
raggiungere in tempi relativamente ridotti e con una certa stabilità. In
particolare le suddette prove sono state effettuate “a vuoto”, ovvero in
assenza di carico, e successivamente applicando al motore il suo carico
ca
nominale (volano). Tutte le prove sono state effettuate analizzando le
prestazioni fornite dal motore non solo al variare delle velocità di comando
in ingresso, ma anche variando le grandezze relative al controllore ovvero i
tre parametri costitutivi del PID (Proporzionale-Integrativo-Derivativo).
Derivativo).
4.2.1 Determinazione della sequenza di chiusura dei mosfet
Per portare in rotazione un motore BLDC (Brushless DC motor),
motor gli
avvolgimenti statorici devono essere energizzati in una data sequenza; a tal
fine è fondamentale conoscere gli istanti in corrispondenza dei quali si deve
effettuare la commutazione delle correnti, istanti che dipendono
dipend
dalla
posizione del rotore individuata dai sensori hall e in particolare dalla
combinazione delle uscite di tali sensori.
sensori. La posizione desiderata viene
raggiunta a partire dal comando imposto mediante la variazione delle
tensioni di fase (dovute all’inversione delle correnti negli avvolgimenti). Per
quanto riguarda i segni delle tensioni si è adottata la convenzione indicata
indi
nello schema seguente:
Fig. 4.2 - Tensioni di fase: convenzione adottata
71
Test 4
Per determinare la sequenza di chiusura degli interruttori rappresentati dai
sei mosfet del ponte half-bridge, necessaria a porre in rotazione l’albero nel
verso desiderato, si sono analizzate le uscite dei tre sensori ad effetto hall in
corrispondenza delle diverse posizioni dell’albero, ottenute imponendo
diverse combinazioni di chiusura dei mosfet. Si è poi codificato un codice
binario corrispondente a ciascuna delle sei posizioni angolari possibili per
l’albero. Il microcontrollore dovrà quindi pilotare il motore seguendo la
corretta sequenza di chiusura dei sei mosfet, ottenuta con questa prova
sperimentale, basandosi sulla lettura del codice binario codificato in base ai
segnali “alto-basso” dei tre sensori ad effetto hall integrati all’interno del
motore. Dunque si è realizzato preliminarmente una demo-board costituita
principalmente dal ponte half-bridge in cui la chiusura (o l’apertura) dei
transistor viene effettuata manualmente attraverso pulsanti di tipo “NO”
(Normally Opened) e dei relativi componenti. La demo-board è stata
montata su un semplice supporto munito di mascherina in plexiglass e
distanziali in gomma per garantire l’isolamento elettrico come mostrato in
figura 4.2.
Fig. 4.3 – Azionamento elementare realizzato (vista dall’alto)
La finalità di tale esperimento è stata, dunque, l’acquisizione dei segnali
relativi ai tre sensori, ciascuno collegato ad un diodo led, in modo tale da
determinare la corretta sequenza di chiusura degli interruttori comandando
manualmente l’azionamento elementare.
72
Test 4
Di seguito si riportano i risultati ottenuti:
Mosfet chiusi
Hall sensor 1
Hall sensor 2
Hall sensor 3
Posizione rotore
A-D
A-E
A-F
B-D
B-E
B-F
C-D
C-E
C-F
-
-
-
ND
4
5
1
ND
6
2
3
ND
✔
-
✔
✔
-
✔
✔
✔
✔
✔
✔
-
-
-
Tabella 4.1: Risposta dei sensori in corrispondenza delle diverse combinazioni di
chiusura dei mosfet. In corrispondenza delle sequenze A-D, B-E, C-F la scrittura
“ND” indica che il settore non è definito in quanto si è in presenza di cortocircuito e
quindi non si invia nessun comando al motore.
Dall’osservazione dei risultati riportati nella tabella 4.1 segue che volendo
porre in rotazione l’albero (nel verso di rotazione indicato), l’esatta
sequenza della combinazione di chiusura degli interruttori del circuito
siffatto sarà: BD, CD, CE, AE, AF, BF e infine nuovamente BD per
completare la rotazione: per comandare un motore brushless è
indispensabile conoscere la posizione tramite la codifica dei sensori Hall.
Nota la posizione è possibile energizzare di conseguenza gli avvolgimenti. Il
controllo della posizione del motore e l’attuazione della corrispondente fase
devono essere eseguire nel più breve tempo possibile. Di seguito si riporta
l’esatta sequenza di chiusura dei mosfet per ciascuna posizione del rotore e i
valori dei relativi parametri.
73
Test 4
Fig. 4.4 – Sequenza esatta di chiusura dei mosfet
74
Test 4
4.2.2 Analisi prestazionale del motore
Prima di procedere con l’analisi qualitativa del comportamento del motore
al variare dei parametri costitutivi del controllore PID implementato nel
software, si è eseguita la verifica del funzionamento dell’hardware, ovvero
il funzionamento dell’azionamento elettrico pilotato dal relativo software di
comando. Si sono dunque analizzate le risposte fornite dal motore a seguito
di un comando imposto in ingresso al software. Tale prova è stata effettuata
verificando la capacità del motore di raggiungere e mantenere a regime la
velocità imposta in ingresso con un errore relativo accettabile. Questo tipo
di test è stato effettuato “a vuoto” ovvero non applicando al motore il suo
carico nominale (volano), questo perché l’esperimento si proponeva di
mostrare
la “compatibilità” del
software con l’hardware, o meglio la
capacità dell’azionamento realizzato, di interpretare correttamente i comandi
imposti. Si è quindi pilotato l’azionamento imponendo in ingresso valori di
velocità variabili da 1000 rpm fino ad un massimo di 12000 rpm
analizzando non i transitori, bensì il comportamento a regime individuando
qualitativamente l’entità di un eventuale offset rispetto al valore desiderato e
dunque l’errore relativo riscontrato. Si è proceduto quindi con l’acquisizione
dei dati, campionando i dati con una frequenza di circa 100Hz, per circa 60
secondi. I risultati ottenuti sono riportati nella seguente tabella:
Risposta
Comando
Velocità media Velocità massima
Velocità minima
Errore (%)
12000
11932
12180
11507
0.56
11000
10954
11154
10582
0.41
10000
9934
10005
9995
0.66
9000
8935
9165
8550
0.72
8000
7942
8149
7578
0.73
7000
6933
7160
6598
0.96
6000
5938
6275
5603
1.03
5000
4937
5385
4510
1.26
4000
3938
4169
3614
1.55
3000
2936
3200
2642
2.13
Tabella 4.2 Risposte fornite dal motore in corrispondenza delle diverse velocità (rpm)
75
Test 4
Dai risultati ottenuti si può osservare come l’errore relativo sia inversamente
proporzionale alla velocità di rotazione del motore, il controllo riesce
dunque a ridurre l’offset tra il valore della velocità (media) ottenuta e la
velocità di riferimento imposta in ingresso man mano che si incrementa la
quest’ultima. In particolare si riscontra un errore percentuale minimo in
corrispondenza del valore di velocità pari ad 11000 rpm. Per valori di
velocità inferiori ai 3000 rpm si ottiene una risposta con un offset elevato e
con un errore relativo macroscopico, questo aspetto mostra i limiti del
controllo del motore per bassi regimi di rotazione ove si riscontra inoltre il
fenomeno del ripple. Tuttavia tale aspetto non risulta essere pregiudicante
per l’azionamento realizzato nel caso di impiego dello stesso per ruote di
momento che hanno velocità nominali di funzionamento solitamente
superiori ai 3000 rpm. Al contrario ciò potrebbe costituire un limite
notevole per un azionamento che controlla la velocità di una ruota di
reazione che ha invece una velocità nominale nulla e che richiede un buon
comportamento del sistema per basse velocità di rotazione in termini di
coppia e precisione di controllo.
Di seguito si riporta l’andamento dell’errore relativo percentuale in funzione
delle diverse velocità:
Fig 4.5 – Andamento dell’errore relativo percentuale ai diversi regimi di velocità
Per quanto riguarda invece il fenomeno del “ripple” (rumore di fondo)
inteso come quantità di disturbo di tipo random, si osserva che il fenomeno
presenta un’intensità maggiore nel range di velocità compreso tra gli
76
Test 4
3000rpm e gli 6000rpm mentre per alti regimi di rotazione del motore il
fenomeno è più contenuto.
Fig 4.6 – Analisi delle risposte a regime
Significativo è invece il comportamento in corrispondenza della velocità
5000rpm ove la frequenza di ripple risulta vistosamente più bassa. Questo
aspetto risulta particolarmente interessante perché potrebbe suggerire il
valore di velocità nominale ottimale in base al quale si può fissare il regime
di funzionamento per una ruota di momento che, a differenza di una ruota di
reazione, ha una velocità nominale di funzionamento non nulla, restando
perennemente in funzione.
4.3 Il controllore PID
Il metodo di controllo “Proporzionale-Integrale-Derivativo”, comunemente
abbreviato come PID, è un sistema in retroazione negativa ampiamente
impiegato nei sistemi di controllo. Grazie a un input che determina il valore
attuale è in grado di reagire a un eventuale errore positivo o negativo
tendendo verso il valore 0. La reazione all'errore può essere regolata, e ciò
rende questo sistema molto versatile: il controllore acquisisce in ingresso un
valore da un processo e lo confronta con un valore di riferimento, la
differenza (il cosiddetto segnale di errore) viene quindi usata per
77
Test 4
determinare il valore della variabile
variabile di uscita del controllore, che è la
variabile manipolabile del processo.
Il PID regola l'uscita in base a:
•
valore del segnale di errore (azione proporzionale);
•
valori passati del segnale di errore (azione integrale);
•
quanto velocemente il segnale di errore varia (azione derivativa).
Fig 4.7 – Schema a blocchi del controllore PID
La taratura dei parametri avviene di solito attraverso semplici regole
empiriche, come i metodi di Ziegler-Nichols,
Ziegler
che risultano in controllori
stabilizzanti di buone prestazioni per la maggior parte dei processi. Talvolta
l'azione derivativa
ivativa viene rimossa, ottenendo ill comunissimo controllore PI.
Le tre azioni di un PID vengono calcolate separatamente e semplicemente
sommate algebricamente in modo tale da avete un uscita “u”
“ definita come:
u = uP + uI + uD
•
Azione proporzionale: è ottenuta moltiplicando il segnale d'errore "e"
con un'opportuna costante:
. È possibile regolare un
processo con un simile controllore, che risulta anche in grado di
stabilizzare processi instabili. Tuttavia, non è possibile garantire che il
segnale d'errore "e" converga a zero: questo perché un'azione di controllo
"u" è possibile solo se "e" è diverso da zero.
78
Test 4
• Azione integrale: è proporzionale all'integrale nel tempo del segnale di
errore "e",, moltiplicato per la costante KI:
Questa definizione dell'azione integrale fa sì che il controllore abbia
memoria dei valori passati del segnale d'errore; in particolare, il valore
dell'azione integrale non è necessariamente nullo se è nullo il segnale
d'errore. Questa proprietà dà al PID la capacità di portare il processo
esattamente al punto di riferimento richiesto, dove la sola azione
proporzionale risulterebbe nulla. L'azione integrale è anche l'elemento
metastabile di un PID, perché un ingresso costante non convergerà a un
determinato valore. Il fenomeno del windup è dovuto alla presenza
dell'integratore.
• Azione derivativa: ha lo scopo di migliorare
miglio
le prestazioni del
controllore:
L'idea è compensare rapidamente le variazioni del segnale di errore: se si
osserva che "e" sta aumentando, l'azione derivativa cerca di compensare
questa deviazione in ragione della sua velocità di cambiamento, senza
aspettare che l'errore diventi significativo (azione proporzionale) o che
persista per un certo tempo (azione integrale). L'azione
L'azione derivativa è spesso
tralasciata nelle implementazioni dei PID perché li rende troppo sensibili:
un PID con azione derivativa, per esempio, subirebbe una brusca variazione
nel momento in cui il riferimento venisse cambiato quasi istantaneamente da
un valore
re a un altro, risultando in una derivata di "e" tendente a infinito, o
comunque molto elevata. Ciò sconsiglia l'applicazione dell'azione derivativa
in tutti i casi in cui l'attuatore fisico non deve essere sottoposto a sforzi
eccessivi. Se ben tarata e se il processo è abbastanza "tollerante" l'azione
derivativa può dare un contributo determinante alle prestazioni del
controllore.
79
Test 4
4.4 Test prestazionale al variare dei parametri del PID
L’azione di controllo si esplica dimensionando opportunamente le costanti
del controllore PID, quindi “Kp”, “Kd” e “Ki” in modo tale da ottenere un
controllo ottimale del motore. Quello che ci si aspetta è che al crescere di
Kp il valore asintotico dell’uscita sia sempre più vicino a quello richiesto e
si osserva una contemporanea riduzione del “tempo di salita” (tempo
occorrente perché l’uscita passi dal 10% al 90% del valore finale). Tuttavia
l’uscita non arriverà mai esattamente al valore richiesto, a meno di non far
tendere Kp all’infinito, sarà quindi presente un errore asintotico detto
“offset”. L’aumento del coefficiente proporzionale è inoltre accompagnato
da un corrispondente aumento delle oscillazioni generate a seguito di rapidi
transitori.
Fig 4.8 – Comportamento della risposta al variare della costante proporzionale
Per porre rimedio a questo problema è necessario aggiungere al termine
proporzionale un termine aggiuntivo che elimini a priori la presenza
dell’offset. In un controllore PID tale funzione è svolta dal contributo
integrale. È evidente che in presenza di un offset costante il contributo
integrale è destinato a crescere indefinitamente nel tempo e questo ci
permette di attivare una efficace azione correttiva. Chiamando
Ti la
costante nota come “tempo di reset”, l’effetto dell’integrazione è tanto più
importante, quanto maggiore è Ti.
80
Test 4
Fig 4.9 - Effetto dell’integrazione
Dunque l’offset, presente quando si opera solo con il controllore
proporzionale, si attenua fino anche a ridursi introducendo il termine
integrale. Riducendo Ti il sistema risponde più velocemente al transitorio,
ma si osservano anche delle forti oscillazioni. Il contributo derivativo al
controllo tiene conto delle rapide variazioni dell’errore e cerca, in qualche
modo, di anticipare la futura azione correttiva tenendo conto delle variazioni
dell’errore negli istanti precedenti. In pratica questo si concretizza in una
riduzione delle oscillazioni. L’offset è lo stesso che si ha con il solo
controllo proporzionale, ma come abbiamo visto precedentemente, questo
effetto può essere eliminato utilizzando un opportuno contributo integrale.
Fig 4.10 – Il contributo derivativo
81
Test 4
Riassumendo, il contributo derivativo permette di ridurre le oscillazioni
spurie del sistema, evitando che questo oscilli intorno al valore asintotico.
D’altro canto, in presenza di un forte rumore esterno, il contributo
derivativo tende ad amplificare l’effetto del rumore producendo una
instabilità addizionale del sistema.
A seguito dell’acquisizione dei dati, si sono elaborate le diverse curve che
rappresentano l’andamento della coppia di spunto erogata dal motore
sottoposto a carico per i diversi range di velocità. La procedura seguita per
questo test ha previsto in primo luogo l’acquisizione della velocità di
rotazione del motore facendo variare nell’ordine la costante proporzionale,
integrativa e infine quella derivativa (in particolare assegnando a ciascun
parametro sette differenti valori) e successivamente la determinazione delle
curve velocità-tempo, accelerazione-tempo, coppia-velocità per ciascun
valore delle costanti del controllore. In particolare nel far variare un
parametro per volta si sono fissati gli altri due ad un valore costante pari a
0.001 che assumiamo come valore di default dei parametri dell’algoritmo.
Al termine dello studio eseguito si sono analizzate le prestazioni ottenute
relativamente al variare del singolo parametro. Per quanto riguarda la
costante Kp i risultati ottenuti facendo variare tale parametro sono riportati
nel grafico sottostante.
Fig 4.11 – Andamento della coppia in funzione del Kp
82
Test 4
Si osserva come incrementando il valore della costante proporzionale Kp si
ottengano valori di coppia via via sempre più elevati, tale aspetto è più
evidente a velocità medio-basse mentre per valori di velocità maggiori (da
circa 600 rad/s in poi) tale “vantaggio” si annulla dando risultati pressoché
identici per i sette diversi valori assegnati alla costante proporzionale. Tale
aspetto risulta particolarmente vantaggioso nell’ambito dei sistemi di
controllo per le ruote di reazione che hanno velocità angolare nominale
nulla (agendo soltanto in presenza di disturbi) e quindi uno “spunto”
migliore alla basse velocità permette di avere correzioni rapide ed efficaci
laddove intervenisse un disturbo esterno. Il vantaggio risulta dunque
evidente, osservando il grafico, poiché per un dato regime di rotazione del
motore, lo stesso è in grado di erogare una coppia maggiore. Al contrario,
nelle ruote di momento il regime di rotazione viene controllato attorno ad
una velocità nominale non nulla, pertanto la possibilità di erogare una
coppia elevata a basse velocità non rappresenta un vantaggio significativo
essendo lontani dal suo range di velocità operative.
Dallo studio dei risultati ottenuti facendo variare il contributo integrativo del
controllore, come ci si attendeva, le variazioni introdotte sulla coppia nel
range di velocità considerato (0-1200 rad/s) sono praticamente inesistenti.
Fig 4.12 – Andamento della coppia in funzione del Ki
83
Test 4
Questo aspetto è perfettamente in sintonia con quanto ci si aspettasse dal
momento che il contributo integrativo del controllore PID ha esclusivamente
la funzione di annullare l’offset a regime. Tuttavia poiché l’obiettivo di
questo studio è stato quello di analizzare l’andamento qualitativo della
risposta in termini di coppia erogata e velocità, si è preso in considerazione
un intervallo temporale utile al raggiungimento di un valore della risposta
accettabile, con un offset qualitativamente molto basso. Questo intervallo
(circa 60 secondi) risulta ovviamente estremamente limitato per lo studio
del comportamento a regime del sistema che richiederebbe l’analisi dei dati
acquisiti in un intervallo di tempo maggiore.
Per quanto riguarda invece i risultati ottenuti facendo variare il contributo
derivativo del controllore PID si sono ottenuti risultati più interessanti con
andamenti sensibilmente differenti come riportato nel grafico sottostante:
Fig 4.13 – Andamento della coppia in funzione del Kd
Si osserva come al variare della costante Kd, in particolare incrementando il
suo valore, le curve di coppia traslano verso il basso, tale aspetto è più
evidente a velocità medio-basse così come accadeva al variare del
contributo proporzionale ove però ad un incremento della costante Kp
corrispondeva un incremento di coppia. Osservando l’andamento della
coppia nel grafico ottenuto si desume che incrementando il valore della
costante Kd la coppia erogata a parità di velocità risulta più bassa, tuttavia le
oscillazioni attorno al set-point (se consideriamo l’offset annullato dal
84
Test 4
contributo integrativo) risultano maggiormente smorzate o al meglio
annullate nel caso ottimale. Si tratta quindi si effettuare un trade off nella
scelta dei tre parametri, e tale compromesso sarà dettato dalla tipologia
d’impiego che si andrà ad assolvere. Considerando la situazione in cui, per
ipotesi, si ha il valore ottimale della costante integrativa in modo tale da non
avere alcun offset, si può affermare intuitivamente che nell’ambito del
controllo di una ruota di reazione risulta migliore avere un elevato
contributo proporzionale mentre si richiede una scelta prudente della
costante derivativa dal momento che, come risulta dallo studio effettuato, un
eccessivo contributo derivativo “rallenta” il sistema incrementando il tempo
di salita della risposta, pur smorzando le oscillazioni attorno al set-point. Per
quanto riguarda invece il controllo di una ruota di momento un elevato
valore del contributo proporzionale non apporta necessariamente un
vantaggio dal momento che le velocità in corrispondenza delle quali
l’incremento di coppia è apprezzabile non sono vicine alla velocità
nominale della ruota di momento, ed occorre dunque effettuare una scelta di
compromesso tra la costante proporzionale e quella derivativa.
In conclusione, il problema del progetto di un controllore PID si riduce alla
scelta dei valori dei parametri Kp, Ki e Kd che portano al controllo ottimo.
Tale scelta non è banale perché richiede la conoscenza dettagliata delle
proprietà del processo che si vuole controllare. Esistono vari metodi per
effettuare la scelta (tuning) dei valori dei coefficienti, tra questi il metodo di
Cohen/Coon e il metodo di Ziegler. Tuttavia la scelta dei coefficienti del
controllore PID non costituisce oggetto di studio del presente lavoro che si
propone invece di mostrare qualitativamente il comportamento del sistema
al variare dei suddetti parametri.
4.5 I software di controllo impiegati
Durante la realizzazione del presente lavoro sono stati utilizzati diversi
software: LabView (per la realizzazione del codice di acquisizione e
comando di entrambi gli encoder, con il supporto di una scheda NI),
OrCAD (per il disegno degli schematici circuitali delle schede elettroniche
realizzate), SolidWorks (per la progettazione ed il disegno dell’ingombro
85
Test 4
del supporto motore) e Matlab per l’analisi dei dati acquisiti dalla scheda NI
relativi alle letture di velocità dell’encoder ottico e magnetico, e
successivamente per la realizzazione degli andamenti di velocità,
accelerazione e coppia dell’encoder comandato con l’azionamento.
Di seguito si è riportata una breve descrizione dei suddetti programmi:
• LabVIEW
(abbreviazione di LABoratory Virtual Instrumentation
Engineering Workbench) è l’ambiente di sviluppo integrato per il
linguaggio di programmazione visuale di National Instruments. Tale
linguaggio grafico viene chiamato “Linguaggio G” o “Graphic Language”.
Un programma o sottoprogramma G, denominato VI (Virtual Instrument),
non esiste sotto forma di testo, ma può essere salvato solo come un file
binario, visualizzabile e compilabile solo da LabVIEW. La definizione di
strutture dati ed algoritmi avviene con icone e altri oggetti grafici, ognuno
dei quali incapsula funzioni diverse, uniti da linee di collegamento (wire), in
modo da formare una sorta di diagramma di flusso. Tale linguaggio viene
definito dataflow (flusso di dati) in quanto la sequenza di esecuzione è
definita e rappresentata dal flusso dei dati stessi attraverso i fili
monodirezionali che collegano i blocchi funzionali. Poiché i dati possono
anche scorrere in parallelo attraverso blocchi e fili non consecutivi, il
linguaggio realizza spontaneamente il multithreading senza bisogno di
esplicita gestione da parte del programmatore. Nell’ambiente di sviluppo, i
VI constano di tre componenti principali: il pannello frontale e il diagramma
a blocchi. Il pannello frontale è l’interfaccia utente del VI. Si realizza con
controlli e indicatori, che costituiscono i terminali interattivi d’ingresso e
d’uscita, rispettivamente. Sono ben più numerosi e complessi dei widget
normalmente forniti dal sistema operativo. I controlli sono matrici,
manopole, potenziometri, pulsanti, quadranti e molti altri; simulano i
dispositivi d’ingresso degli strumenti e forniscono dati allo schema a
blocchi del VI. Gli indicatori sono grafici, tabelle, LED, termometri e molti
altri; simulano i dispositivi d’uscita degli strumenti e visualizzano i dati che
lo schema a blocchi acquisisce o genera. Lo schema a blocchi è il
diagramma di flusso che rappresenta il codice sorgente in formato grafico.
Gli oggetti del pannello frontale appaiono come terminali di ingresso o
86
Test 4
uscita nello schema a blocchi. Gli oggetti dello schema a blocchi
comprendono: terminali, funzioni,costanti, strutture, sub VI, fili di
collegamento e commenti testuali.
Fig 4.14 – LabView: interfaccia di lavoro
• OrCAD è un software che permette di disegnare lo schema elettrico di
una scheda utilizzando simboli (relativi ai vari componenti elettronici) che
sono disponibili nelle librerie presenti nel programma, oppure altri simboli
che l’utente può inserire. Solitamente la realizzazione di uno schematico
OrCAD prevede una prima fase in cui vengono piazzati i componenti sul
foglio ed una seconda fase in cui si realizzano i vari collegamenti.
Fig 4.15 – Esempio di schematico OrCAD
87
Test 4
• SolidWorks è un software di disegno e progettazione tridimensionale
parametrica, prodotto e commercializzato dalla Dassault Systèmes
SolidWorks Corporation. Solidworks nasce come software appositamente
dedicato per l’ingegneria meccanica ed è quindi particolarmente utile per la
progettazione di apparati meccanici, anche complessi. Il software prevede la
creazione di disegni 2D e 3D di solidi e superfici, attraverso un sistema
geometrico di tipo parametrico e completamente personalizzabile.
Solidworks si rivela estremamente intuitivo, per cui il suo uso risulta non
difficile anche agli utenti meno esperti o provenienti da altri sistemi CAD.
Solidworks consente di portare disegni da 2 a 3 dimensioni e viceversa, con
semplici operazioni, importando ed esportando file di AutoCAD (DWG,
DXF).Il software è inoltre in grado di importare ed esportare geometrie in
una grande varietà di formati tridimensionali, in particolare è in grado di
importare (anche solo se come corpo grafico) file creati con altri programmi
di progettazione meccanica. Il disegno parametrico consente di impostare
numerosi tipi di relazioni (parallelismo, concentricità, perpendicolarità,
linearità, uguaglianza, coassialità, simmetria e moltissimi altri). Lo
strumento Equazioni consente inoltre di impostare relazioni tra le quote
geometriche (ad esempio, allo scopo di mantenere il raggio di raccordo pari
ad un quarto di un lato, oppure definendo un angolo come triplo di un altro
ecc).
Fig 4.16 – Area di lavoro del software SolidWorks
88
Test 4
• Matlab:
(abbreviazione di Matrix Laboratory) è un ambiente per il
calcolo numerico e l'analisi statistica che comprende anche l'omonimo
linguaggio di programmazione creato dalla MathWorks. MATLAB
consente di manipolare matrici, visualizzare funzioni e dati, implementare
algoritmi, creare interfacce utente, e interfacciarsi con altri programmi.
Nonostante sia specializzato nel calcolo numerico, un toolbox opzionale
interfaccia MATLAB con il motore di calcolo simbolico di Maple.
MATLAB è usato da milioni di persone nell'industria e nelle università per
via dei suoi numerosi tool a supporto dei più disparati campi di studio
applicati e funziona su diversi sistemi operativi, tra cui Windows, Mac OS,
GNU/Linux e Unix. L'interfaccia principale di MATLAB è composta da
diverse finestre che è possibile affiancare, spostare, ridurre a icona,
ridimensionare e così via. Le finestre principali, più usate, sono quattro:
Command Window, Workspace, Current directory e Command history. Si
riportano in appendice A, i codici elaborati con tale software per lo studio
effettuato nel presente lavoro.
89
Test 4
90
Sviluppi futuri 5
5
SVILUPPI FUTURI
5.1 Sviluppi futuri
I possibili sviluppi futuri di questo lavoro prevedono il perfezionamento del
meccanismo di acquisizione dei dati di velocità, in particolare per quanto
concerne l’encoder ottico si è pensato di rendere più precisa la misurazione
di velocità aumentando il numero di fori praticati sul disco compatibilmente
con le caratteristiche di funzionamento del fotodiodo impiegato (in
particolare quello che viene definito come “rise and fall time of the
photocurrent” che nel sensore ottico in uso vale 20 ns), analogamente per
l’encoder magnetico si può trovare una migliore condizione operativa che
renda più precisa la misurazione modificando ad esempio disposizione e
numero di magneti sull’albero o il posizionamento del sensore stesso che
nella versione fin qui realizzata presenta la faccia principale rivolta verso
l’alto in modo tale da leggere il passaggio dei due magneti fissati su un
perno a sua volta calettato sull’albero motore.
Per quanto riguarda invece l’azionamento elettrico del motore brushless per
una ruota di momento/reazione, alla luce dei risultati ottenuti si potrà
(eseguendo uno studio approfondito nell’ambito dei controlli automatici, e
quindi studiando anche i transitori dei segnali di risposta ottenuti dal sistema
a partire dai diversi ingressi imposti) determinare l’esatto valore numerico
dei tre parametri costitutivi del controllore PID in relazione alla tipologia
d’impiego che si dovrà affrontare (ruota di momento/reazione). E’ possibile
inoltre, a partire dai risultati ottenuti con il presente lavoro e osservando il
comportamento dinamico del motore comandato tramite l’azionamento
realizzato in laboratorio, determinare il punto di lavoro fisso ottimale per la
91
Sviluppi futuri 5
ruota di momento/reazione utilizzata. Si può pensare inoltre, al fine di
migliorare le prestazioni del motore brushless utilizzato e quindi del suo
azionamento, di effettuare una ricerca approfondita sui vari microcontrollori
disponibili sul mercato, al fine di sostituire l’MCU (Micro Controller Unit)
ATMEGA 644 previsto dall’azionamento realizzato con il presente lavoro,
con un altro microcontrollore (che sia compatibile con le caratteristiche
elettriche del circuito realizzato) che permetta di ovviare ai problemi legati
al degrado delle prestazioni che si è riscontrato analizzando il
comportamento del motore a bassi regimi di rotazione quando pilotato
tramite l’azionamento che utilizza il suddetto microcontrollore sopracitato.
92
APPENDICE A
DATASHEET
Sono di seguito riportati i datasheet relativi ai componenti commerciali
selezionati per la realizzazione degli encoder, e dell’azionamento relativi
alla ruota di momento per il controllo d’assetto del satellite ALMASat-EO.
Nell’ordine sono mostrati:
•
Fotodiodo SFH 205
•
Sensore di posizione ad effetto Hall SS466A
93
SFH 205
94
SS466A
95
96
APPENDICE B
SCHEMATICI OrCAD
Si riportano di seguito gli schematici dei due encoder (ottico e magnetico) e
quello relativo all’azionamento della ruota di momento per il controllo
d’assetto del microsatellite.
Nell’ordine sono mostrati:
•
Schematico encoder magnetico
•
Schematico encoder ottico
•
Azionamento:
Alimentazione
Microcontrollore
Gate-driver
Half-bridge
Connettori
Sensori ad effetto Hall
97
Schematico encoder magnetico
Schematico encoder ottico
98
AZIONAMENTO:
Alimentazione
5V-DIG
R1
0 OHM
U1 LM7805
IN
OUT
3
R2
470
2
1
GN D
12V
5V-AN
R3
+
C3
22uF
C1
100nF
C2
100nF
+
C4
10uF
0 OHM
D1
LED
GND
GND
GND
GND
GND
GND
R4
0 OHM
GND-AN
R5
0 OHM
GND-DIG
R6
0 OHM
GND-PWR
GND
Microcontrollore
C0, C1, C2, C3, C4, C5
vanno al GATE DRIVER
OUTPUT
PWM
C0
C1
C2
C3
C4
C5
U2
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
5V
C12
100nF
(XCK/T0) PB0
(ADC0) PA0
(T1) PB1
(ADC1) PA1
(INT2/AIN0) PB2 (ADC2) PA2
(OC0/AIN1) PB3 (ADC3) PA3
(SS) PB4
(ADC4) PA4
(MOSI) PB5
(ADC5) PA5
(MISO) PB6
(ADC6) PA6
(SCK) PB7
(ADC7) PA7
RESET
AREF
VCC
GND
GND
AVCC
XTAL2
(TOSC2) PC7
XTAL1
(TOSC1) PC6
(RXD) PD0
(TDI) PC5
(TXD) PD1
(TDO) PC4
(INT0) PD2
(TMS) PC3
(INT1) PD3
(TCK) PC2
(OC1B) PD4
(SDA) PC1
(OC1A) PD5
(SCL) PC0
(ICP) PD6
(OC2) PD7
40
39
38
37
36
35
34
33
32
31
30
29
28
27
26
25
24
23
22
21
INPUT
CURRENT SENSOR
ENCODER INCREMENTALE
(ottico/mangetico)
POS-3
POS-2
POS-1
POS1, POS2, POS3 = SEGNALI CONDIZIONATI
PROVENIENTI DAI SENSORI AD EFFETTO HALL
DEL MOTORE
ATMEGA644P_DIP
GND-DIG
GND-DIG
99
Gate-driver
12V
R7
0 ohm
+
C5
100nF
C6
68uF
R8
PWM
0 ohm
R10
1
2
3
4
5
6
8
9
330
C1
R12
330
C3
R14
330
14
1
2
2A
2B
3A
3B
4A
4B
GND-PWR
R9
1Y
2Y
3Y
4Y
13
10
H1-HIGH
10
H2-HIGH
10
H3-HIGH
R11
12
R13
11
10
TC4469 (GATE DRIVER)
7
C5
GND-PWR
VDD
U3
GND
PWM
GND-PWR
12V
+
U4
14
C7
100nF
330
C2
R20
330
GND-PWR
1Y
2Y
3Y
4Y
13
12
11
GND-PWR
R16
10
R17
10
R19
10
H1-LOW
H2-LOW
H3-LOW
10
TC4469 (GATE DRIVER)
7
C4
1
2
2A
2B
3A
3B
4A
4B
GND
1
2
3
4
5
6
8
9
330
R18
VDD
R15
C0
C8
68uF
GND-PWR
GND-PWR
10K
10K
R26
10K
R25
R24
10K
R23
10K
R22
R21
10K
GND-DIG
Half-bridge
CURRENT SENSOR
U5
3
5
5V
2
C14
VIN+VINV+
OUT
4
al microcontrollore
1
CURRENT SENSOR
GND
100nF
INA194
GND-PWR
12V
R27
R
(DIODO DI SICUREZZA)
+ C13
220uF
Q1
IRF5305
Q2
IRF5305
Q3
IRF5305
BSY21-90
Farnell:
8648257
GND-PWR
H1-HIGH
H2-HIGH
H3-HIGH
PHASE_C
PHASE_B
PHASE_A
H3-LOW
H2-LOW
H1-LOW
Q4
IRL3705N/TO
Q5
IRL3705N/TO
GND-PWR
100
Q6
IRL3705N/TO
Connettori
J1
12V
J2
1
2
CONNETTORE DI ALIMENTAZIONE
4
3
2
1
CONNETTORE ENCODER INCREMENTALE
OTTICO O MAGNETICO
HEADER 2
HEADER 4
J3
1
2
3
4
5
6
7
8
PHASE_A
PHASE_B
PHASE_C
12 V
CONNETTORE PER MOTORE
POS-1
POS-2
POS-3
CONNETTORE - PORTA SERIALE RS232
0
HEADER 8
Sensori ad effetto Hall
5V
C15
14
GND-DIG
U6A
R29
C9
1nF
74HC14
U7A
POS-1
1
7
1k
2
7
1
SENS-1
100nF
14
R28
10K
2
74HC14
R34
10K
GND-DIG
GND-DIG
5V
R30
10K
U7C
14
14
U7B
POS-2
R31
C10
1nF
74HC14
5
7
1k
4
7
3
SENS-2
6
74HC14
R35
10K
GND-DIG
5V
GND-DIG
R32
10K
U7E
14
14
U7D
POS-3
R33
C11
1nF
74HC14
GND-DIG
101
11
7
1k
8
7
9
SENS-3
10
74HC14
R36
10K
GND-DIG
BIBLIOGRAFIA
INTERNET:
[I1] http://en.wikipedia.org/wiki/Momentum_wheel
[I2] http://it.wikipedia.org/wiki/Motore_brushless
[I3] http://www.microst.it/
[I4] http://www.distrelec.com/
[I5] http://it.wikipedia.org/wiki/Duty_cycle
TESTI:
[T1] G.Marro “Controlli Automatici”, Zanichelli, 2004
[T2] J.R. Wertz, “Space mission analysis and design”, Microcosm Press and
Kluwer Academic Publishers, 1978
[T3] W.H.Yeadon, A.W.Yeadon, “Handbook of small electric motors”,
McGraw-Hill, 2001
ARTICOLI SCIENTIFICI:
[A1] L.Taponecco “Appunti di meccatronica”, Università di Pisa
[A2] L.Frosini “Il motore brushless”, Dipartimento di Ingegneria Elettrica,
Università di Pavia
[A3] V.Toss “Realizzazione di un controllo PID su micro PIC18F2520”,
Laboratorio di strumentazione elettronica di misura, 2006
TESI:
[T1] A. Corbelli, “Collaudo della momentum wheel per il controllo d'assetto
del microsatellite ALMASat-1 ”, A.A 2004\2005
[T2] A. Corbelli, “Progetto preliminare di una ruota di momento \ reazione
per una missione per l'osservazione della terra”, A.A. 2007\2008
MANUALI E DOCUMENTAZIONE TECNICA :
[M1] VEGA User's manual, ESA
[M2] Servo tecnica, SVT-MIMO “scheda di controllo per motori Brushed,
Brushless e Sensorless”
102
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement