GPC 323

GPC 323
®
GPC 323
General Purpose Controller 80c32,
80c320, 89c51Rx2
MANUALE TECNICO
Via dell' Artigiano, 8/6
® 40016 San Giorgio di Piano
grifo
(Bologna) ITALY
E-mail: [email protected]
http://www.grifo.it
http://www.grifo.com
Tel. +39 051 892.052 (r.a.) FAX: +39 051 893.661
GPC® 323
Edizione 3.30
Rel. 23 Gennaio 2002
®
®
, GPC , grifo , sono marchi registrati della ditta grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
®
GPC 323
General Purpose Controller 80c32,
80c320, 89c51Rx2
MANUALE TECNICO
Modulo intelligente della serie ABACO® BLOCK, nel formato
100x149; contenitore opzionale per guide ad Ω tipo DIN 46277-1
e DIN 46277- 3; CPU 80C32, 80C320 o 89c51Rx2 a 22 MHz con
indirizzamento massimo esterno di 96K Bytes con CPU 80c32 o
80c320 e fino a 128K Bytes con P89c52RD2; zoccoli per 32K
EPROM, 32K SRAM, 32 EEPROM, SRAM, FLASH o EPROM;
circuiteria di Back Up per 32K SRAM, tramite batteria al LITIO
esterna; EEPROM seriale opzionale da 512 a 2048 Bytes; RTC
opzionale con batteria al LITIO e 256 Bytes di SRAM; 11 linee di
A/D Converter da 12 Bits, +2,490V o +5,000 V di fondo scala
oppure 0÷20 mA, tempo di conversione 10 µs; 24 linee di I/O
TTL;1 Dip Switch con 5 vie leggibili da software; 3 Timer
Counter da 16 bits con registri di Capture e comparazione; circuiteria
di Watchdog con LED di segnalazione; 2 linee serial in RS232, di
cui una settabile in RS 422, RS 485 o Current Loop; connettore
di espansione ABACO® I/O BUS da 26 vie; 2 connettori standard
di I/O ABACO® da 20 vie; 1 connettore standard di A/D ABACO®
da 20 vie; funzionamento in IDLE MODE o POWER DOWN
MODE; alimentatore switching incorporato 8÷24 Vac (12÷34
Vdc) opzionale o alimentazione esterna da +5 Vdc; Protezione
della logica di bordo dai transienti tramite TransZorbTM; 2 LEDs
di stato; 1 buzzer attivo; vasta disponiblità di linguaggi di programmazione quali BASIC 323, BASCOM 8051, DDS C, HI
TECH C, ecc.
Via dell' Artigiano, 8/6
® 40016 San Giorgio di Piano
grifo
(Bologna) ITALY
E-mail: [email protected]
http://www.grifo.it
http://www.grifo.com
Tel. +39 051 892.052 (r.a.) FAX: +39 051 893.661
GPC® 323
Edizione 3.30
Rel. 23 Gennaio 2002
®
®
, GPC , grifo , sono marchi registrati della ditta grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Vincoli sulla documentazione
grifo® Tutti i Diritti Riservati
Nessuna parte del presente manuale può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata in un archivio o tradotta in altre lingue, con qualunque forma o mezzo, sia esso
elettronico, meccanico, magnetico ottico, chimico, manuale, senza il permesso scritto
della grifo®.
IMPORTANTE
Tutte le informazioni contenute sul presente manuale sono state accuratamente verificate, ciononostante grifo® non si assume nessuna responsabilità per danni, diretti o
indiretti, a cose e/o persone derivanti da errori, omissioni o dall'uso del presente manuale,
del software o dell' hardware ad esso associato.
grifo® altresi si riserva il diritto di modificare il contenuto e la veste di questo manuale
senza alcun preavviso, con l' intento di offrire un prodotto sempre migliore, senza che
questo rappresenti un obbligo per grifo®.
Per le informazioni specifiche dei componenti utilizzati sui nostri prodotti, l'utente deve
fare riferimento agli specifici Data Book delle case costruttrici o delle seconde sorgenti.
LEGENDA SIMBOLI
Nel presente manuale possono comparire i seguenti simboli:
Attenzione: Pericolo generico
Attenzione: Pericolo di alta tensione
Marchi Registrati
, GPC®, grifo® : sono marchi registrati della grifo®.
Altre marche o nomi di prodotti sono marchi registrati dei rispettivi proprietari.
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
INDICE GENERALE
INTRODUZIONE ........................................................................................................................ 1
VERSIONE SCHEDA .................................................................................................................. 1
CARATTERISTICHE GENERALI ........................................................................................... 2
CONTATTO DI RESET ......................................................................................................... 3
COMUNICAZIONE SERIALE ............................................................................................. 3
ALIMENTAZIONE ................................................................................................................. 4
DISPOSITIVI DI CLOCK ..................................................................................................... 4
ABACO® I/O BUS .................................................................................................................... 4
PROCESSORE ........................................................................................................................ 6
LOGICA DI CONTROLLO ................................................................................................... 6
DISPOSITIVI PERIFERICI DI BORDO ............................................................................. 8
SPECIFICHE TECNICHE ....................................................................................................... 10
CARATTERISTICHE GENERALI .................................................................................... 10
CARATTERISTICHE FISICHE ......................................................................................... 10
CARATTERISTICHE ELETTRICHE ............................................................................... 11
INSTALLAZIONE ..................................................................................................................... 12
CONNESSIONI CON IL MONDO ESTERNO ................................................................. 12
CN4 - CONNETTORE ALIMENTAZIONE CON SEZIONE ALIMENTATRICE .. 12
CN1 - CONNETTORE PER ABACO® I/O BUS ........................................................... 13
CN7 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT A E C ................................. 14
CN8 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT B E INTERRUPT RTC... 16
CN3A - CONNETTORE PER LINEA SERIALE A...................................................... 18
CN3B - CONNETTORE PER LINEA SERIALE B ..................................................... 24
CN2 - CONNETTORE PER BATTERIA ESTERNA DI BACK UP .......................... 25
CN6 - CONNETTORE PER INGRESSI A/D CONVERTER ..................................... 26
INTERFACCE PER I/O DIGITALI .................................................................................... 28
INTERFACCIAMENTO DEGLI I/O CON IL CAMPO................................................... 28
SELEZIONE TIPO INGRESSI ANALOGICI ................................................................... 29
TASTO DI RESET ................................................................................................................ 29
TRIMMERS E TARATURE ................................................................................................ 30
RESET E WATCH DOG ...................................................................................................... 30
JUMPERS .............................................................................................................................. 31
JUMPERS A 5 VIE ........................................................................................................... 32
JUMPERS A 2 VIE ........................................................................................................... 32
JUMPERS A 3 VIE ........................................................................................................... 34
SEGNALAZIONI VISIVE ................................................................................................... 36
INPUT DI BORDO ................................................................................................................ 36
BACK UP ............................................................................................................................... 36
INTERRUPTS ....................................................................................................................... 37
POWER FAILURE ............................................................................................................... 37
SELEZIONE MEMORIE ..................................................................................................... 38
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina I
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
JUMPER A STAGNO ........................................................................................................... 38
TENSIONI DI ALIMENTAZIONE ..................................................................................... 39
PROGRAMMAZIONE IN SYSTEM (ISP) ........................................................................ 39
COMUNICAZIONE SERIALE ........................................................................................... 40
DESCRIZIONE SOFTWARE ................................................................................................... 44
MAPPAGGI ED INDIRIZZAMENTI ...................................................................................... 46
INTRODUZIONE ................................................................................................................. 46
MAPPAGGIO DELLE RISORSE DI BORDO .................................................................. 46
MAPPAGGIO DELLE MEMORIE .................................................................................... 46
MAPPAGGIO 0 ................................................................................................................ 47
MAPPAGGIO 1 ................................................................................................................ 48
MAPPAGGIO 3 ................................................................................................................ 49
MAPPAGGIO ABACO® I/O BUS ........................................................................................ 50
MAPPAGGIO DELL’I/O ..................................................................................................... 50
DESCRIZIONE SOFTWARE DELLE PERIFERICHE DI BORDO .................................. 51
BUZZER ................................................................................................................................. 51
LED DI ATTIVITÀ ............................................................................................................... 51
WATCH DOG ........................................................................................................................ 51
PERIFERICHE DELLA CPU .............................................................................................. 51
LED DI SPOT ........................................................................................................................ 52
DIP SWITCH DSW1 E RUN DEBUG ................................................................................ 52
EEPROM SERIALE ............................................................................................................. 52
SRAM TAMPONATA + RTC SERIALE ............................................................................ 53
A/D CONVERTER ................................................................................................................ 53
STATO DELLA BATTERIA ................................................................................................ 53
PPI 82C55 ............................................................................................................................... 54
DIREZIONALITÀ DELLA COMUNICAZIONE IN RS 422-485 ................................... 55
SCHEDE ESTERNE .................................................................................................................. 56
BIBLIOGRAFIA ........................................................................................................................ 60
APPENDICE A: SCHEMI ELETTRICI ............................................................................... A-1
APPENDICE B: DESCRIZIONE COMPONENTI DI BORDO ......................................... B-1
µP 80C32 ............................................................................................................................... B-1
µP 80C320 ............................................................................................................................. B-7
FAMIGLIA 51 .................................................................................................................... B-14
APPENDICE C: INDICE ANALITICO ................................................................................ C-1
Pagina II
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
INDICE DELLE FIGURE
FIGURA 1: SCHEMA A BLOCCHI ......................................................................................................... 5
FIGURA 2: MAPPA DEI COMPONENTI ................................................................................................. 7
FIGURA 3: FOTO SCHEDA .................................................................................................................. 9
FIGURA 4: CN4 - CONNETTORE ALIMENTAZIONE CON SEZIONE ALIMENTATRICE ............................... 12
FIGURA 5: CN1 - CONNETTORE PER ABACO® I/O BUS .............................................................. 13
FIGURA 6: CN7 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT A E C ............................................ 14
FIGURA 7: SCHEMA COLLEGAMENTO LINEE DI I/O .......................................................................... 15
FIGURA 8: CN8 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT B E INTERRUPT RTC .................... 16
FIGURA 9: DISPOSIZIONE LEDS, CONNETTORI, DIP SWITCH, ECC. .................................................... 17
FIGURA 10: CN3A-CONNETTORE PER LINEA SERIALE A ................................................................. 18
FIGURA 11: SCHEMA DI COMUNICAZIONE SERIALE ........................................................................... 19
FIGURA 12: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 232 ..................................................... 20
FIGURA 13: ESEMIPO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 422 ..................................................... 20
FIGURA 14: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 485 ..................................................... 20
FIGURA 15: ESEMPIO COLLEGAMENTO IN RETE IN RS 485 .............................................................. 21
FIGURA 16: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN CURRENT LOOP A 4 FILI .............................. 22
FIGURA 17: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN CURRENT LOOP A 2 FILI .............................. 22
FIGURA 18: ESEMPIO COLLEGAMENTO RETE IN CURRENT LOOP A 4 FILI ........................................... 23
FIGURA 19: CN3B - CONNETTORE PER LINEA SERIALE B ............................................................... 24
FIGURA 20: CN4 - CONNETTORE PER BATTERIA ESTERNA DI BACK UP ............................................. 25
FIGURA 21: CN6 - CONNETTORE PER INGRESSI A/D CONVERTER .................................................... 26
FIGURA 22: SCHEMA D’INGRESSO A/D CONVERTER ......................................................................... 27
FIGURA 23: TABELLA RIASSUNTIVA JUMPERS ................................................................................... 31
FIGURA 24: TABELLA JUMPERS A 5 VIE ........................................................................................... 32
FIGURA 25: TABELLA JUMPERS A 2 VIE ........................................................................................... 32
FIGURA 26: DISPOSIZIONE JUMPERS, MEMORIE E BT1 (LATO COMPONENTI) .................................... 33
FIGURA 27: TABELLA JUMPERS A 3 VIE ........................................................................................... 34
FIGURA 28: DISPOSIZIONE JUMPERS (LATO STAGNATURE)................................................................. 35
FIGURA 29: TABELLA DELLE SEGNALAZIONI VISIVE ......................................................................... 36
FIGURA 30: TABELLA DI SELEZIONE MEMORIE ................................................................................. 38
FIGURA 31: DISPOSIZIONE DRIVER PER COMUNICAZIONE SERIALE .................................................... 41
FIGURA 32: VISTA DELLA SCHEDA ................................................................................................... 43
FIGURA 33: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 0 .................................................................. 47
FIGURA 34: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 1 .................................................................. 48
FIGURA 35: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 3 .................................................................. 49
FIGURA 36: TABELLA INDIRIZZAMENTO I/O .................................................................................... 50
FIGURA 37: SCHEMA DELLE POSSIBILI CONNESSIONI ........................................................................ 57
FIGURA A1: SCHEMA ELETTRICO DI ESPANSIONE PPI .................................................................... A-1
FIGURA A2: SCHEMA ELETTRICO SPA 03 ..................................................................................... A-2
FIGURA A3: SCHEMA ELETTRICO QTP 16P .................................................................................. A-3
FIGURA A4: SCHEMA ELETTRICO QTP 24P 1/2 ............................................................................ A-4
FIGURA A5: SCHEMA ELETTRICO QTP 24P 2/2 ............................................................................ A-5
FIGURA A6: SCHEMA ELETTRICO DI I/O SU ABACO® I/O BUS .................................................. A-6
FIGURA A7: SCHEMA ELETTRICO INTERFACCIA BUS ..................................................................... A-7
FIGURA A8: SCHEMA ELETTRICO IAC 01 ..................................................................................... A-8
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina III
grifo®
Pagina IV
ITALIAN TECHNOLOGY
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
INTRODUZIONE
L’uso di questi dispositivi é rivolto - IN VIA ESCLUSIVA - a personale specializzato.
Scopo di questo manuale é la trasmissione delle informazioni necessarie all’uso competente e sicuro
dei prodotti. Esse sono il frutto di un’elaborazione continua e sistematica di dati e prove tecniche
registrate e validate dal Costruttore, in attuazione alle procedure interne di sicurezza e qualità
dell'informazione.
I dati di seguito riportati sono destinati - IN VIA ESCLUSIVA - ad un utenza specializzata, in grado
di interagire con i prodotti in condizioni di sicurezza per le persone, per la macchina e per l’ambiente,
interpretando un’elementare diagnostica dei guasti e delle condizioni di funzionamento anomale e
compiendo semplici operazioni di verifica funzionale, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e
salute vigenti.
Le informazioni riguardanti installazione, montaggio, smontaggio, manutenzione, aggiustaggio,
riparazione ed installazione di eventuali accessori, dispositivi ed attrezzature, sono destinate - e
quindi eseguibili - sempre ed in via esclusiva da personale specializzato avvertito ed istruito, o
direttamente dall’ASSISTENZA TECNICA AUTORIZZATA, nel pieno rispetto delle
raccomandazioni trasmesse dal costruttore e delle norme di sicurezza e salute vigenti.
I dispositivi non possono essere utilizzati all'aperto. Si deve sempre provvedere ad inserire i moduli
all'interno di un contenitore a norme di sicurezza che rispetti le vigenti normative. La protezione di
questo contenitore non si deve limitare ai soli agenti atmosferici, bensì anche a quelli meccanici,
elettrici, magnetici, ecc.
Per un corretto rapporto coi prodotti, é necessario garantire leggibilità e conservazione del manuale,
anche per futuri riferimenti. In caso di deterioramento o più semplicemente per ragioni di
approfondimento tecnico ed operativo, consultare direttamente l’Assistenza Tecnica autorizzata.
Al fine di non incontrare problemi nell’uso di tali dispositivi, é conveniente che l’utente - PRIMA
DI COMINCIARE AD OPERARE - legga con attenzione tutte le informazioni contenute in questo
manuale. In una seconda fase, per rintracciare più facilmente le informazioni necessarie, si può fare
riferimento all’indice generale e all’indice analitico, posti rispettivamente all’inizio ed alla fine del
manuale.
VERSIONE SCHEDA
Il presente manuale è riferito alla scheda GPC® 323 versione 250601 e successive. La validità delle
informazioni riportate è quindi subordinata al numero di versione della scheda in uso e l’utente deve
quindi sempre verificare la giusta corrispondenza tra le due indicazioni. Sulla scheda il numero di
versione è riportato in più punti sia a livello di serigrafia che di stampato (ad esempio nell'angolo in
basso a destra sopra C69 nel lato componenti o sul lato destro sotto IC8 nel lato saldature).
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 1
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CARATTERISTICHE GENERALI
La scheda GPC® 323 é un potente modulo di controllo, della fascia Low-Cost, in grado di funzionare
autonomamente come periferica intelligente e/o remotata in una più vasta rete di telecontrollo e/o di
acquisizione.
La GPC® 323 é fornita di un supporto in plastica provvisto degli attacchi per le guide ad Omega tipo
DIN 46277-1 e DIN 46277-3. In questo modo non é necessario l’uso di un rack, perché la scheda può
essere montata, in modo più economico, direttamente nel quadro elettrico.
L’aspetto più interessante di questa scheda é data dal fatto che può essere equipaggiata da una vasta
schiera di µP. E’ infatti possibile averla con il normale 80C32 o con il velocissimo DALLAS
80C320. Montando un microcontrollore del tipo PHILIPS P89c51Rx2 è inoltre possibile
programmarne la FLASH interna con la tecnica ISP, evitando così di dovere ogni volta rimuovere
il chip dalla scheda. I microcontrollori tipo P89c51Rx2 esistono in quattro differenti taglie di FLASH
interna, da 16K a 64K Byte. Le caratteristiche della scheda rimangono fondamentalmente le stesse
pur variando notevolmente in prestazioni a seconda del tipo di µP montato.
Tramite linguaggi ad alto livello è possiblie un uso immediato di interfacce operatore; sono
disponibili delle schede della serie KDx x24 oppure, per chi ha bisogno di un oggetto finito, esistono
le QTP xxP. Questi pannelli operatore, offerti nella versione a giorno, hanno la stessa estetica della
QTP xx ma, non disponendo di intelligenza locale, sono comandati direttamente dalla GPC® 323,
consentendo così una notevole riduzione dei costi.
Dispone inoltre di varie soluzioni di alimentazione in modo da poter essere facilmente installata in
tutti i sistemi di controllo senza dover provvedere ad apposite e costose sezioni alimentatrici esterne.
La GPC® 323 é dotata di una serie di connettori normalizzati, standard Abaco®, che le consentono
di utilizzare immediatamente la numerosa serie di moduli BLOCK di I/O oppure permettono il
collegamento, in modo molto semplice ed economico, delle interfacce da campo costruite direttamente
dall’utente o da terze parti.
La disponibilità del connettore ABACO® I/O BUS consente inoltre di poter pilotare direttamente le
schede tipo ZBR 324, ZBT 324, ABB 03, ABB 05 e quindi le numerose schede periferiche del
carteggio grifo®, espandendo rapidamente le caratteristiche di base della scheda.
Attualmente sono disponibili diversi Tools di sviluppo software che consentono di poter usare la
scheda come sistema di sviluppo di se stessa, sia in Assembler che con linguaggi evoluti. Una
particolare menzione và ai tools di sviluppo quali i vari Compilatori C, il FORTH, i comodi
compilatori basic BASCOM 8051 e BASIC 323.
- Modulo intelligente della serie ABACO® BLOCK, nel formato 100x149
- Contenitore opzionale per guide ad Ω tipo DIN 46277-1 e DIN 46277- 3
- CPU 80C32, 80C320 o 89c51Rx2 a 22 MHz
- Indirizzamento massimo esterno di 96K Bytes con CPU 80c32 o 80c320 e fino a 128K Bytes
con P89c52RD4
- Zoccoli per 32K EPROM, 32K SRAM, 32 EEPROM, SRAM, FLASH o EPROM
- Circuiteria di Back Up per 32K SRAM, tramite batteria al LITIO esterna
- EEPROM seriale opzionale da 512 a 2048 Bytes
- RTC opzionale con batteria al LITIO e 256 Bytes di SRAM
- 11 linee di A/D Converter da 12 Bits, +2,490V o +5,000 V di fondo scala oppure 0÷20 mA,
tempo di conversione 10 µs
- 24 linee di I/O TTL
- 1 Dip Switch con 5 vie leggibili da software
- 3 Timer Counter da 16 bits con registri di Capture e comparazione
- Circuiteria di Watchdog con LED di segnalazione
Pagina 2
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
- 2 linee seriali in RS 232, di cui una settabile in RS 422, RS 485 o Current Loop
- Connettore di espansione ABACO® I/O BUS da 26 vie
- 2 connettori standard di I/O ABACO® da 20 vie
- 1 connettore standard di A/D ABACO® da 20 vie
- Funzionamento in IDLE MODE o POWER DOWN MODE
- Alimentatore switching incorporato 8÷24 Vac (12÷34 Vdc) opzionale o alimentazione esterna
da +5 Vdc
- Protezione della logica di bordo dai transienti tramite TransZorbTM
- 2 LEDs di stato
- 1 buzzer attivo
- Vasta disponiblità di linguaggi di programmazione quali BASIC 323, BASCOM 8051, DDS
C, HI TECH C, etc..
Viene di seguito riportata una descrizione dei blocchi funzionali della scheda, con indicate le
operazioni effettuate da ciascuno di essi. Per una più facile individuazione di tali blocchi e per una
verifica delle loro connessioni, fare riferimento alla figura 1.
CONTATTO DI RESET
Sulla GPC® 323 è presente un contatto di reset (P1) che ha la funzione di resettare e quindi far ripartire
la scheda da una condizione di azzeramento generale. La funzione principale di questo contatto è
quella di uscire da condizioni di loop infinito, soprattutto durante la fase di debug o di garantire uno
stato certo di partenza. Per una facile individuazione di tale contatto di reset a bordo scheda, si faccia
riferimento alla figura 9.
COMUNICAZIONE SERIALE
La GPC® 323 dispone sempre di una linea seriale hardware (definita seriale A) ed una seconda linea
seriale (definita seriale B) gestita come segue:
µP 80C32:
µP 80C320:
seriale software gestita tramite due linee di I/O del microprocessore;
seriale hardware gestita tramite registri interni del microprocessore;
Il protocollo fisico (baud rate, stop bit, bit x chr, ecc.) delle linee seriali hardware é completamente
settabile via software tramite la programmazione dei registri interni al microcontrollore di cui la
scheda è provvista, quindi per ulteriori informazioni si faccia riferimento alla documentazione
tecnica della casa costruttrice o alle appendici di questo manuale. Per la linea seriale software il
protocollo fisico é invece direttamente definito da apposite procedure che agiscono direttamente
sulla linea di ricezione e trasmissione. Alcuni pacchetti software (come il BASIC 323 ed il
BASCOM 8051) gestiscono la linea seriale software tramite istruzioni ad alto livello.
La linea seriale B è sempre bufferata in RS 232 mentre per la seriale A è possibile selezionare, tramite
una serie di comodi jumpers, il protocollo elettrico di comunicazione. In particolare può essere
bufferata in RS 232, Current Loop passivo, RS 422 o RS 485; in questi ultimi casi è definibile se la
comunicazione avviene in full duplex o half duplex.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 3
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
ALIMENTAZIONE
L'unica tensione di alimentazione necessaria (+5 Vdc) può essere essere fornita in due modi:
- direttamente tramite i pin 25 (GND) e 26 (+5 Vdc) del connettore CN1
- indirettamente tramite la sezione di alimentazione switching (opzionale, codice .SW)
Il tipo di alimentazione della scheda non può essere variato dall’utente e deve quindi essere
specificato in fase di ordine.
La tensione di alimentazione (+5 Vdc) è collegata a tutti i connettori della scheda ma per ottenere
il miglior percorso della corrente si consiglia di fornirla tramite il CN1 (nella configurazione senza
sezione alimentatrice) e di prelevarla da tutti gli altri connettori. Questo giustifica la direzionalità del
segnale +5 Vdc riportata nella legenda di tutti i connettori. Si può comunque alimentare la scheda
da un punto indicato come uscita dei +5 Vdc ma è estremamente sconsigliato e quindi eventuali
conseguenze sono a carico dell'utente.
La sezione alimentatrice switching necessita di una tensione 8÷24 Vac (12÷34 Vdc) che può essere
fornita tramite appositi connettori standardizzati di facile ed immediata installazione, per maggiori
informazioni vedere apposito paragrafo “TENSIONI DI ALIMENTAZIONE”.
Sulla scheda sono state adottate tutte le scelte circuitali e componentistiche che tendono a ridurre i
consumi, compresa la possibilità di far lavorare il microprocessore in idle e stop mode ed a ridurre
la sensibilità ai disturbi. Si ricorda inoltre che é presente una circuiteria di protezione tramite
TransZorb™ per evitare danni dovuti a tensioni non corrette.
DISPOSITIVI DI CLOCK
Sulla GPC® 323 sono presenti due circuiti separati che provvedono a generare rispettivamente la
frequenza di clock per la CPU e la frequenza per il real time clock. La scelta di utilizzare due circuiti
e quindi due quarzi indipendenti, é legata alla possibilità di poter variare in modo indipendente la
frequenza di lavoro della CPU senza dover effettuare altre variazioni. La frequenza per la sezione
real time clock é fissa a 32768 Hz, quella per la CPU è 22,1184 MHz; da essa vengono ricavate anche
le frequenze necessarie per le altre sezioni della scheda (Timer Counter, Seriali, ecc.). Si ricorda
inoltre che la frequenza di clock della CPU può essere divisa via software, in modo da ridurre il
consumo.
ABACO® I/O BUS
Una delle caratteristiche di fondamentale importanza della GPC® 323 è quella di disporre del
cosiddetto ABACO® I/O BUS: ovvero un connettore normalizzato ABACO® con cui è possibile
collegare la scheda ad una serie di moduli esterni intelligenti e non. Tra questi si trovano moduli per
acquisizione di segnali analogici (A/D), per la generazione di segnali analogici (D/A), per gestione
di linee di I/O logico, per counter, ecc. e ne possono essere realizzati anche su specifiche richieste
dell’utente. Utilizzando mother board come l’ABB 03 o l’ABB 05 é inoltre possibile gestire tutte le
schede periferiche in formato Europa con interfaccia per BUS ABACO®. Tale caratteristica rende
la scheda espandibile con un ottimo rapporto prezzo/prestazioni e quindi adatta a risolvere molti dei
problemi dell’automazione industriale.
Pagina 4
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN3A
CN3B
CN1
SERIAL
LINE A
SERIAL
LINE B
ABACO® I/O BUS
CONTROL
LOGIC
DRIVERS
RS 232
RS 422
RS 485
CURRENT LOOP
DSW1
RS 232
IC 4
SRAM
IC 5
EPROM
CPU
IC 3
EPROM, SRAM,
FLASH, EEPROM
51 family
WATCH
DOG
A/D
TLC 2543
IC 10
SERIAL EEPROM
POWER
FAILURE
IC12
PPI
82c55
CN6
8 A/D LINES
RTC +
SRAM
+
3V
LITHIUM
BATTERY
CN2
CN8
CN7
BACK UP
8 TTL I/O
16 TTL I/O
FIGURA 1: SCHEMA A BLOCCHI
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 5
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
PROCESSORE
La scheda GPC® 323 è predisposta per accettare tutti i processori con pin out compatibile con la
famiglia 51 INTEL, tra questi ricordiamo: 80C32, 80C52, 87C52, 89C52 (prodotti da INTEL e
numerose altre case), 89S8252 (prodotto da ATMEL), 89CRx+/2 (prodotti da PHILIPS),
80C320,87C320 (prodotti da DALLAS). Tali processori ad 8 bits sono codice compatibile con la
famiglia INTEL 8051, largamente diffusa a livello mondiale, e sono caratterizzati da: un esteso set
di istruzioni, un’alta velocità di esecuzone e di manipolazione dati, da un efficiente gestione degli
interrupts e da una ricca serie di periferiche harware integrate. In questo manuale in tutti i paragrafi
viene riportata una descrizione delle caratteristiche comuni a tutti i microprocessori effettuando,
quando necessario, le dovute distinzioni.
Di seguito viene riportato un elenco delle caratteristiche principali delle CPU disponibili:
Microprocessore
Dimensione BUS dati
Clock per ciclo macchina
RAM interna (bytes)
ROM interna (kbytes)
EEPROM interna (kbytes)
Area codice esterna (kbytes)
Area dati esterna (kbytes)
Ports di I/O
Timer/Counters a 16 bits
Sorgenti d'nterrupt
Livelli di priorità interrupt
Linee seriali a/sincrone
Modalità a basso consumo
Gestione consumo e controllo
Watch dog timer interno
Programmazione su scheda
Programmazione da applicativo
80C32
8
12
256
8
0
64
64
4
3
6
2
1
Si
No
No
No
No
89S8252 89CRx+/2 80C320
8
8
8
12
6
4
256
256
256
8
64
8
2
0
0
64
64
64
64
64
64
4
4
4
3
3
3
9
7
13
2
4
3
1
1
2
Si
Si
Si
Si
No
Si
Si
No
Si
Si
Si
No
No
Si
No
Per maggiori informazioni si faccia riferimento all’apposita documentazione della casa costruttrice
o all'appendice B di questo manuale. Si ricorda che la precedente tabella descrive le caratteristiche
generali dei microprocessori ed alcune di queste possono non essere supportate dalla scheda.
L'utente deve specificare il microprocessore richiesto durante la fase di ordine ed in caso di assenza
di indicazioni la scheda é fornita nella sua versione base con 80C32. La versione con il DALLAS
80C320 é invece indicata con il suffisso D, ovvero GPC® 323D.
LOGICA DI CONTROLLO
Il mappaggio di tutti i registri delle periferiche presenti sulla scheda e dei dispositivi di memoria, è
affidata ad un’opportuna logica di controllo, realizzata con una logica programmabile, che si occupa
di allocare tali dispositivi nello spazio d’indirizzamento della CPU. Per maggiori informazioni fare
riferimento al capitolo MAPPAGGI ED INDIRIZZAMENTI.
Pagina 6
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
FIGURA 2: MAPPA DEI COMPONENTI
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 7
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
DISPOSITIVI PERIFERICI DI BORDO
La scheda GPC® 323, nata per risolvere molteplici problemi di controllo e comando di automatismi,
è dotata di alcuni componenti periferici che si occupano dell’interfacciamento con il mondo esterno.
In particolare:
-Watch dog esterno: circuiteria di tipo astabile in grado di resettare la scheda ad intervallo di tempo
di circa 1,4 sec. Via software l'utente é in grado di retriggerare la circuiteria per evitare il reset
tramite l'acceso ad opportuni registri situati nello spazio d’indirizzamento della CPU. Nel caso in
cui la scheda utilizzi microprocessori provvisti di sezione di watch dog interna l'utente può disporre
di due circuiterie separate con caratteristiche diverse e quindi con un livello di sicurezza superiore.
e conferisce al sistema basato sulla scheda, una sicurezza estrema
- EEPROM seriale: il modulo di EEPROM seriale (IC10) è molto utile in caso si debbano mantenere
delle informazioni anche in assenza di alimentazione, senza ricorrere al back up della SRAM, con
una sicurezza estrema sulla validità dei dati. Tale modulo può avere un size che varia nel range
512÷2048 bytes e di default viene montato un modulo con un size di 512 bytes.
-Configurazione scheda:allo scopo di rendere configurabile la scheda ed in particolare il programma
applicativo sviluppato é stato previsto un dip switch a 8 vie, di cui 5 switches sono acquisibili
dall'utente. La possibilità di acquisire via software lo stato di questi switches fornisce all’utente la
possibilità di gestire diverse condizioni tramite un unico programma, senza dover rinunciare ad altre
linee d’ingresso (le applicazioni caratteristiche sono: selezione della lingua di rappresentazione,
definizione parametri del programma, selezione delle modalità operative, ecc.). Sempre in merito
alla configurazione della scheda, sulla GPC® 323 sono stati previsti due LED di attività, gestiti via
software con cui l’utente può segnalare visivamente lo stato di tutto il sistema.
- Real Time Clock: il modulo di SRAM tamponata installato in IC 12 è provvisto di un completo
Real Time Clock in grado di gestire ore, minuti, secondi, giorno del mese, mese, anno e giorno della
settimana in modo completamente autonomo, essendo tamponato il riferimento temporale a bordo
scheda diviene estremamente sicuro ed affidabile. Il componente é inoltre in grado di generare un
segnale di interrupt con cadenza programmabile tra varie opzioni.
- Linee di I/O: sulla scheda sono presenti tre port paralleli da 8 bit per un totale di 24 linee di I/O
digitale a livello TTL, con direzionalità settabile a livello di port, gestite dal PPI 82C55. Tali linee
sono collegate direttamente a due connettori standardizzati di I/O ABACO® ed hanno la possibilità
di essere direttamente collegate a numero schede d'interfaccia. Le 24 linee di I/O vengono
completamente gestite via software tramite la programmazione di 4 registri situati nello spazio di
I/O della CPU da un’apposita logica di controllo.
- A/D Converter:la sezione di A/D converter della GPC® 323 é basata su un convertitore in grado
di acquisire 11 canali con una risoluzione massima di 12 bits. Dal punto di vista software é possibile
definire quali canali attivare, dare lo start o lo stop all' acquisizione ecc., tramite la gestione di una
comunicazione sincrona con il dispositivo. Al fine di semplificare la gestione dello stesso A/D
alcuni pacchetti software forniscono delle procedure di utility che gestiscono la sezione in tutte le
sue parti. I segnali analogici collegabili sono segnali in tensione variabili nel range 0÷2,490 V,
0÷5,000 V (opzione .VREF-5) oppure in corrente variabili nel range 0÷20 mA (opzione .8420);
possono essere richieste anche delle configurazioni miste con alcuni ingressi analogici in tensioni
ed alcuni in corrente. La sezione di A/D converter é opzionale e deve essere quindi esplicitamente
ordinata (codice .AD), specificando anche il tipo degli ingressi analogici.
- Buzzer:sulla GPC® 323 è presente una circuiteria in grado di emettere un suono costante, basata
su un buzzer capacitivo. Questa circuiteria viene abilitata e/o disabilitata via software tramite la
logica di controllo e può essere utilizzata per generare allarmi acustici, feed back sonori, ecc.
Pagina 8
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
FIGURA 3: FOTO SCHEDA
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 9
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SPECIFICHE TECNICHE
CARATTERISTICHE GENERALI
Risorse di bordo:
24 input/output programmabili TTL
1 linea bidirezionale RS 232, RS 422, RS 485 o Current Loop
1 linea bidirezionale RS 232 (hardware/software)
3 timer counter
1 buzzer
1 dip switch a 8 vie
2 LEDs utilizzabili dall'utente
1 watch dog
1 contatto locale di reset
1 ingresso configurazione leggibile da software
1 interfaccia di espansione ABACO® I/O BUS
1 orologio tamponato
1 circuiteria di power failure
Memoria indirizzabile:
IC 5: EPROM da 32K x 8
IC 4: SRAM da 32K x 8
IC 3: SRAM,EPROM,EEPROM,FLASH EPROM da 32K x 8
IC 10:EEPROM seriale da 256 bytes a 2048 bytes
IC 12:SRAM+RTC da 256 bytes
Tempo di accesso memorie:
70 nsec
CPU di bordo:
INTEL 80C32 e compatibili
ATMEL 89S8252 e compatibili
PHILIPS 89CRx+/2 e compatibili
DALLAS 80C320 e compatibili
Frequenza quarzo (clock):
22,1184 MHz
Risoluzione A/D:
12 bit
Tempo conversione A/D:
10 µsec
Tempo intervento watch dog:
da 940 msec a 2060 msec (tipico 1420 msec)
CARATTERISTICHE FISICHE
Dimensioni (L x A x P):
100 x 149 x 25 mm
Peso:
178 g
Range di temperatura:
da 0 a 50 gradi Centigradi
Umidità relativa:
20% fino a 90%
Pagina 10
(senza condensa)
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Connettori:
CN1:
CN2:
CN3A:
CN3B:
CN4:
CN6:
CN7:
CN8:
26 vie scatolino verticale M
2 vie scatolino verticale M
PLUG a 6 vie
PLUG a 6 vie
2 vie morsettiera
20 vie scatolino verticale M
20 vie scatolino verticale M
20 vie scatolino verticale M
CARATTERISTICHE ELETTRICHE
Tensione di alimentazione:
5 Vdc
6÷12 Vac (9÷16 Vdc)
8÷24 Vac (12÷34 Vdc)
(senza sezione alimentatrice)
(sezione alimentatrice lineare)
(sezione alimentatrice switching)
Corrente assorbita sui +5 Vdc:
156 mA
199 mA
(configurazione base)
(conf. massima)
Corrente fornita sui +5 Vdc per Dipende dall'alimentatore * (senza sezione alimentatrice)
carichi esterni:
800 mA
* (con sezione alimentatrice)
Batteria di backup:
3.0 Vdc; 180 mAh
Batteria esterna di back up:
3,6÷5 Vdc
Corrente di back up:
4.2 µA (batteria di bordo)
5.2 µA (batteria esterna da 3.6 V)
Ingressi analogici in tensione:
0÷2,49 V oppure 0÷5,00 V (opzionale)
Ingressi analogici in corrente:
0÷20; 4÷20 mA
Impedenza ingressi analogici:
elevata
(con modulo di conversione)
Rete terminazione RS 422-485: Resistenza terminazione linea=
Resistenza di pull up sul positivo=
Resistenza di pull down sul negativo=
Soglia del power failure:
120 Ω
3,3 KΩ
3,3 KΩ
52 mV prima dell'attivazione del reset
* I dati riportati sono riferiti ad un lavoro a temperatura ambiente di 20 gradi centigradi (per ulteriori
informazioni fare riferimento al paragrafo “TENSIONE DI ALIMENTAZIONE”).
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 11
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
INSTALLAZIONE
In questo capitolo saranno illustrate tutte le operazioni da effettuare per il corretto utilizzo della
scheda. A questo scopo viene riportata l’ubicazione e la funzione degli strip, dei connettori e dei
LEDs, ecc. presenti sulla GPC® 323.
CONNESSIONI CON IL MONDO ESTERNO
Il modulo GPC® 323 è provvisto di 7 connettori con cui vengono effettuati tutti i collegamenti con
il campo e con le altre schede del sistema di controllo da realizzare. Di seguito viene riportato il loro
pin out ed il significato dei segnali collegati; per una facile individuazione di tali connettori, si faccia
riferimento alla figura 9, mentre per ulteriori informazioni a riguardo del tipo di connessioni, fare
riferimento alle figure successive che illustrano il tipo di collegamento effettuato a bordo scheda.
CN4 - CONNETTORE ALIMENTAZIONE CON SEZIONE ALIMENTATRICE
CN4 é un connettore a morsettiera per rapida estrazione, composto da 2 contatti. Tramite CN4 deve
essere fornita la tensione di alimentazione della scheda. Utilizzando la scheda senza la sezione
alimentatrice, la tensione +5 Vdc deve essere fornita tramite il pin 26 (+Vdc) e il pin 25 (GND) di
CN1.
2
8÷24 Vac (12÷34 Vdc)
6÷12 Vac (9÷16 Vdc)
1
8÷24 Vac (12÷34 Vdc)
6÷12 Vac (9÷16 Vdc)
FIGURA 4: CN4 - CONNETTORE ALIMENTAZIONE CON SEZIONE ALIMENTATRICE
Legenda:
8÷24 Vac (12÷34 Vdc)
6÷12 Vac (9÷16 Vdc)
Pagina 12
= I- In gresso alimentazione 8÷24 Vac (12÷34 Vdc) (sezione switching)
oppure 6÷12 Vac (9÷16 Vdc) (sezione lineare)
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN1 - CONNETTORE PER ABACO® I/O BUS
CN1 è un connettore a scatolino verticale con passo 2.54 mm a 26 piedini. Tramite CN1 si effettua
la connessione tra la scheda e la serie di moduli esterni di espansione, da utilizzare per l’interfacciamento
diretto con il campo. Tale collegamento è effettuato tramite l’ABACO® I/O BUS di cui questo
connettore riporta tutti i segnali a livello TTL.
D0
1
2
D1
D2
3
4
D3
D4
5
6
D5
D6
7
8
D7
A0
9
10
A1
A2
11
12
A3
A4
13
14
A5
A6
15
16
A7
/WR
17
18
/RD
/IORQ
19
20
/RESET
N.C.
21
22
N.C.
/INT
23
24
/NMI
GND
25
26
+5 Vdc
FIGURA 5: CN1 - CONNETTORE PER ABACO® I/O BUS
Legenda:
A0-A7
=
D0-D7
=
/INT BUS =
/NMI BUS =
/IORQ
=
/RD
=
/WR
=
/RESET =
/CS1, /CS2 =
+5 Vdc
=
GND
=
GPC® 323
O
I/O
I
I
O
O
O
O
O
I
- Address BUS: BUS degli indirizzi.
- Data BUS: BUS dei dati.
- Interrupt request: richiesta d’interrupt. Deve essere in open collector
- Non Mascable Interrupt: richiesta d’interrupt non mascherabile.
- Input Output Request: richiesta operazione Input Output su I/O BUS.
- Read cycle status: richiesta di lettura.
- Write cycle status: richiesta di scrittura.
- Reset: azzeramento.
- Chip select 1 e 2: abilitazione decodificata per periferiche esterne
- Linea di alimentazione a +5 Vdc.
- Linea di massa.
Rel. 3.30
Pagina 13
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN7 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT A E C
CN7 è un connettore a scatolino verticale con passo 2.54 mm a 20 piedini. Tramite CN7 si effettua
la connessione tra i port A e C della periferica programmabile PPI 82C55 e l’ambiente esterno
utilizzando due dei tre port paralleli ad 8 bit. I segnali presenti su questo connettore coincidono con
segnali logici a livello TTL e seguono il pin out standardizzato I/O ABACO®.
PA.1
1
2
PA.0
PA.3
3
4
PA.2
PA.5
5
6
PA.4
PA.7
7
8
PA.6
PC.6
9
10
PC.7
PC.4
11
12
PC.5
PC.2
13
14
PC.3
PC.0
15
16
PC.1
GND
17
18
+5 Vdc
N.C.
19
20
N.C.
FIGURA 6: CN7 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT A E C
Legenda:
PA.n
PC.n
GND
+5 Vdc
N.C.
=
=
=
=
=
I/O
I/O
O
-
Linea digitale n del port A del PPI 82C55.
Linea digitale n del port C del PPI 82C55.
Linea di massa.
Linea di alimentazione a +5 Vdc.
Non Collegato.
Di particolare interesse é la possibilità di collegare direttamente al connettore CN7 una serie di
interfacce con cui risolvere molti problemi caratteristici del settore industriale. Per i moduli di
interfaccia operatore locale (QTP 24P, KDL x24, KDF 224, ecc.), oltre alla facilità d’installazione
si ricorda anche la facilità di gestione software, supportata da linguaggi di programmazione ad alto
livello. Per maggiori informazioni si faccia riferimento al paragrafo “INTERFACCE OPERATORE
LOCALI”.
Pagina 14
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
8 I/O LINES
PORT A
PIN 1÷8
CN7
8 I/O LINES
PORT C
PIN 9÷16
PPI
82C55
IC14
CN8
8 I/O LINES
PORT B
PIN 1÷8
RTC +
SRAM
IC12
/IRTC
PIN 19
FIGURA 7: SCHEMA COLLEGAMENTO LINEE DI I/O
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 15
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN8 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT B E INTERRUPT RTC
CN8 è un connettore a scatolino verticale con passo 2.54 mm a 20 piedini. Tramite CN8 si effettua
la connessione tra il port B della periferica programmabile PPI 82C55 e l’ambiente esterno
utilizzando uno dei tre port paralleli ad 8 bit. I segnali presenti su questo connettore coincidono con
segnali logici a livello TTL e seguono il pin out standardizzato I/O ABACO®.
Inoltre è presente il segnale di interrupt periodico generato dall'RTC. Tale segnale può essere
disabilitato mentre, se abilitato, il periodo può essere scelto tra varie opzioni.
PB.1
1
2
PB.0
PB.3
3
4
PB.2
PB.5
5
6
PB.4
PB.7
7
8
PB.6
N.C.
9
10
N.C.
N.C.
11
12
N.C.
N.C.
13
14
N.C.
N.C.
15
16
N.C.
GND
17
18
+5 Vdc
/IRTC
19
20
N.C.
FIGURA 8: CN8 - CONNETTORE PER I/O DEL PPI 82C55, PORT B E INTERRUPT RTC
Legenda:
PB.n
GND
/IRTC
+5 Vdc
N.C.
Pagina 16
=
=
=
=
=
I/O
O
O
-
Linea digitale n del port B del PPI 82C55.
Linea di massa.
Interrupt periodico generato dal Real Time Clock
Linea di alimentazione a +5 Vdc.
Non Collegato.
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN3B
BZ1
R30÷R37
CN6
CN3A
TP1
LD2
RV1
LD3
CN8
DSW1
CN7
CN2
LD4
LD1
CN4
P1
CN1
FIGURA 9: DISPOSIZIONE LEDS, CONNETTORI, DIP SWITCH, ECC.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 17
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN3A - CONNETTORE PER LINEA SERIALE A
CN3A è un connettore femmina, del tipo PLUG a 6 vie.
Sul connettore sono disponibili i segnali per la comunicazione della linea seriale A in RS 232, RS
422,RS 485 o Current Loop che é fisicamente collegato alla seriale hardware 0 del microprocessore.
La disposizione di tali segnali, riportata di seguito, è stata studiata in modo da ridurre al minimo le
interferenze ed in modo da facilitare la connessione con il campo, mentre i segnali rispettano le
normative definite dal CCITT relative ad ognuno degli standard di comunicazione usati.
6 5 4 3 2 1
GND
RXA RS 232 / RXA+ RS 422-485 / RXA+ C.L.
RXA- RS 422-485 / RXA- C.L.
+5 Vdc / GND
TXA RS 232 / TXA+ RS 422 / TXA- C.L.
TXA- RS 422 / TXA+ C.L.
FIGURA 10: CN3A-CONNETTORE PER LINEA SERIALE A
Legenda:
RXA RS232
TXA RS232
RXA- RS422
RXA+ RS422
TXA- RS422
TXA+ RS422
RXTXA- RS485
RXTXA+ RS485
RXA- C.L.
RXA+ C.L.
TXA- C.L.
Pagina 18
= I - Receive Data: linea ricezione in RS 232 della seriale A.
= O - Transmit Data: linea trasmissione in RS 232 della seriale A.
= I - Receive Data Negative: linea bipolare negativa di ricezione
differenziale in RS 422 della seriale A.
= I - Receive Data Positive: linea bipolare positiva di ricezione differenziale
in RS 422 della seriale A.
= O - Transmit Data Negative: linea bipolare negativa di trasmissione
differenziale in RS 422 della seriale A.
= O - Transmit Data Positive: linea bipolare positiva di trasmissione
differenziale in RS 422 della seriale A.
=I/O- Receive Transmit Data Negative: linea bipolare negativa di ricezione
e trasmissione differenziale in RS 485 della seriale A.
=I/O- Receive Transmit Data Positive: linea bipolare positiva di ricezione e
trasmissione differenziale in RS 485 della seriale A.
= I - Receive Data Negative: linea bipolare negativa di ricezione in Current
Loop della seriale A.
= I - Receive Data Positive: linea bipolare positiva di ricezione in Current
Loop della seriale A.
= O - Transmit Data Negative: linea bipolare negativa di trasmissione in
Current Loop della seriale A.
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
TXA+ C.L.
+5 Vdc
GND
= O - Transmit Data Positive: linea bipolare positiva di trasmissione in
Current Loop della seriale A.
= O - Linea di alimentazione a +5 Vdc.
= - Linea di massa.
RS 422
RS 485
DRIVERS
CN3A
DIR
CURRENT
LOOP
HARDWARE
SERIAL LINE
RS 232
DRIVERS
SOFTWARE/
HARDWARE
SERIAL LINE
CN3B
C
P
U
RS 232
FIGURA 11: SCHEMA DI COMUNICAZIONE SERIALE
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 19
ITALIAN TECHNOLOGY
5
RXA/B
TX
2
TXA/B
RX
6
GND
GND
Master Remote System
CN3A/B GPC® 323
grifo®
FIGURA 12: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 232
RXA- RS422
TX -
RXA+ RS 422
TX +
TXA- RS 422
RX -
TXA+ RS 422
RX +
GND
GND
5
3
2
Master Remote System
CN3A GPC® 323
4
6
RXTXA- RS 485
TXRX -
RXTXA+ RS 485
TXRX +
GND
GND
4
5
6
Master Remote System
CN3A GPC® 323
FIGURA 13: ESEMIPO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 422
FIGURA 14: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN RS 485
Pagina 20
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Master
+
RXTX
-
5
120 Ω
Slave 1
+
RXTX
4 -
GND
GPC® 323
Unit
GND
Slave 2
5
+
RXTX
GND
GPC® 323
Unit
4
+5V
Slave n
5 +
RXTX
GND
GPC® 323
Unit
4 -
FIGURA 15: ESEMPIO COLLEGAMENTO IN RETE IN RS 485
Da notare che in una rete RS 485, devono essere presenti due resistenze di forzatura lungo la linea
e due resitenze di terminazione (120 Ω), alle estremità della stessa, rispettivamente vicino all'unità
Master ed all'ultima unità Slave.
A bordo della GPC® 323 è presente la circuiteria di terminazione e forzatura, che può essere inserita
o disinserita, tramite appositi jumpers, come illutrato in seguito.
In merito alla resistenza di terminazione dell'unità Master, provvedere a collegarla solo se questa non
é già presente al suo interno (ad esempio molti convertitori RS232-RS485 ne sono già provvisti).
Per maggiori informazioni consultare il Data-Book TEXAS INSTRUMENTS, "RS 422 and RS 485
Interface Cicuits", nella parte introduttiva riguardante le reti RS 422-485.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 21
grifo®
VCL
+
R
RX -
TX+
CN3A GPC® 323
4
RX+
TX-
5
R
TX-
RX+
3
TX+
RX-
Master Remote System
-
ITALIAN TECHNOLOGY
2
FIGURA 16: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN CURRENT LOOP A 4 FILI
RX-
VCL
+
R
TX+
CN3A GPC® 323
4
RX+
TX-
TX-
RX+
TX+
RX-
5
3
Master Remote System
-
2
FIGURA 17: ESEMPIO COLLEGAMENTO PUNTO PUNTO IN CURRENT LOOP A 2 FILI
Pagina 22
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
+
Master
R
+
TX
R
+
RX
-
VCL
Slave 1
5 +
RX
4 CN3A
+
TX
2
- GPC® 323
Unit
3
Slave 2
5 +
RX
4 CN3A
3 +
TX
2 GPC® 323
Unit
Slave n
5 +
RX
4 CN3A
3 +
TX
2
GPC® 323
Unit
FIGURA 18: ESEMPIO COLLEGAMENTO RETE IN CURRENT LOOP A 4 FILI
Per il collegamento in Current Loop passivo sono possibili due diversi tipi di collegamento: a 2 fili
ed a 4 fili. Tali connessioni sono riportate nelle figure 16÷18; in esse é indicata la tensione per
alimentare l’anello (VCL) e le resistenze di limitazione della corrente (R). I valori di tali componenti
variano in funzione del numero di dispositivi collegati e della caduta sul cavo di collegamento;
bisogna quindi effettuare la scelta considerando che:
- si deve garantire la circolazione di una corrente di 20 mA;
- su ogni trasmettitore cadono mediamente 2,35 V con una corrente di 20 mA;
- su ogni ricevitore cadono mediamente 2,52 V con una corrente di 20 mA;
- in caso di cortocircuito sulla rete ogni trasmettitore dissipi al massimo 125 mW;
- in caso di cortocircuito sulla rete ogni ricevitore dissipi al massimo 90 mW.
Per maggiori informazioni consultare il manuale HEWLETT-PACKARD, nella parte che riguarda
gli opto accoppiatori per Current Loop denominati HCPL 4100 e HCPL 4200.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 23
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN3B - CONNETTORE PER LINEA SERIALE B
CN3B è un connettore femmina, del tipo PLUG a 6 vie.
Sul connettore sono disponibili i segfnali per la comunicazione della linea seriale B bufferata in RS
232 che é fisicamente collegato alla linea seriale hardware 1 o software del microprocessore. La
disposizione di tali segnali, riportata di seguito, è stata studiata in modo da ridurre al minimo le
interferenze ed in modo da facilitare la connessione con il campo, mentre i segnali rispettano le
normative definite dal CCITT relative ad ognuno degli standard di comunicazione usati.
6 5 4 3 2 1
GND
RXB RS 232
+5 Vdc / GND
TXB RS 232
N.C.
N.C.
FIGURA 19: CN3B - CONNETTORE PER LINEA SERIALE B
Legenda:
RXB RS232
TXB RS232
+5 Vdc
GND
N.C.
Pagina 24
= I - Receive Data: linea di ricezione in RS 232 della seriale B.
= O - Transmit Data: linea di trasmissione in RS 232 della seriale B.
= O - Linea di alimentazione a +5 Vdc.
= - Linea di massa.
= - Non Collegato.
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN2 - CONNETTORE PER BATTERIA ESTERNA DI BACK UP
CN2 é un connettore a scatolino, verticale, maschio, con passo 2,54 mm a 2 vie. Tramite CN2 deve
essere collegata una batteria esterna che provvede a mantenere i dati della SRAM di bordo ed a
garantire il funzionamento del real time clock, in assenza di tensione di alimentazione (per maggiori
informazioni fare riferimento al paragrafo “BACK UP”).
1
+Vbat
2
GND
FIGURA 20: CN4 - CONNETTORE PER BATTERIA ESTERNA DI BACK UP
Legenda:
+Vbat
GND
GPC® 323
=
=
I
Rel. 3.30
-
Positivo della batteria esterna di back up
Negativo della batteria esterna di back up
Pagina 25
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN6 - CONNETTORE PER INGRESSI A/D CONVERTER
CN6 è un connettore a scatolino verticale con passo 2.54 mm a 20 piedini. Tramite CN6 si
interfacciano le 11 linee di input per la sezione di A/D converter (opzionale) della scheda con il
campo esterno. I segnali collegabili a questo connettore sono analogici in tensione (0÷2,49 V o
0÷5,00 V) od in corrente (0÷20, 4÷20 mA) e seguono il pin out standardizzato A/D ABACO®. La
disposizione dei segnali su questo connettore é studiata in modo da ridurre tutti i problemi di rumore
ed interferenza, garantendo quindi un’ottima trasmissione del segnale.
+5 Vdc
1
2
ADC9
GND
3
4
ADC10
AGND
5
6
ADC0
AGND
7
8
ADC1
AGND
9
10
ADC2
AGND
11
12
ADC3
AGND
13
14
ADC4
AGND
15
16
ADC5
AGND
17
18
ADC6
ADC8
19
20
ADC7
FIGURA 21: CN6 - CONNETTORE PER INGRESSI A/D CONVERTER
Legenda:
ADCn
GND
AGND
+5 Vdc
Pagina 26
=
=
=
=
I
O
- Linea analogica d’ingresso canale n di A/D converter.
- Linea di massa.
- Linea di massa analogica.
- Linea di alimentazione a +5 Vdc.
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
VRef.
2
IC24 TLC 2543
3
4
5
6
7
8
CH0
6
R37
CH1
8
R36
CH2
10
R35
CH3
12
R34
CH4
14
R33
CH5
16
R32
CH6
18
R31
CH7
9
CH8
11
CH9
12
CH10
CN6
1
RV1
20
R30
19
2
4
5, 7, 9, 11, 13,
15, 17
13
AN. GND
FIGURA 22: SCHEMA D’INGRESSO A/D CONVERTER
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 27
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
INTERFACCE PER I/O DIGITALI
Tramite CN7 (connettore standard di I/O ABACO®) si può collegare la GPC® 323 ai numerosi
moduli del carteggio grifo® che riportano lo stesso pin out. Dal punto di vista dell’installazione,
queste interfacce richiedono solo un flat a 20 vie (codice FLT.20+20) con cui é possibile portare
anche le alimentazioni, mentre dal punto di vista software la gestione é altrettanto semplice ed
immediata, infatti i pacchetti software disponibili per la GPC® 323 sono provvisti di tutte le
procedure necessarie. Quest’ultime per la maggioranza dei pacchetti software disponibili, coincidono
con dei “driver software” aggiunti al linguaggio di programmazione, che consentono di utilizzare
direttamente le istruzioni ad alto livello dello stesso linguaggio di programmazione e quindi tutta la
loro potenza.
Di particolare interesse é la possibilità di collegare direttamente una serie di moduli come:
- QTP 24P, KDL x24, KDF 224, DEB 01, ecc. con cui risolvere tutti i problemi di interfacciamento
operatore locale. Questi moduli sono già dotati delle risorse necessarie per gestire un buon livello di
colloquio uomo-macchina (includono infatti display alfanumerici, tastiera a matrice e LEDs di
visualizzazione) ad una breve distanza dalla GPC® 323. Dal punto di vista software i driver
disponibili rendono utilizzabili le risorse dell’interfaccia operatore direttamente con le istruzioni ad
alto livello per la gestione della console.
- MCI 64 con cui risolvere tutti i problemi di salvataggio di grosse quantità di dati. Questo modulo
é dotato di un connettore per memory card PCMCIA su cui possono essere inserite vari tipi di
memory card (RAM, FLASH, ROM, ecc) nei vari size disponibili. Dal punto di vista software i driver
disponibili coincidono con un completo file system e rendono utilizzabili le memory card direttamente
con le istruzioni ad alto livello per la gestione dei files.
- IAC 01, DEB 01 con cui gestire una stampante con interfaccia parallela CENTRONICS.
Quest’ultima può essere collegata direttamente all’interfaccia, con un cavo standard, e quindi gestita
con le istruzioni relative alla stampante del linguaggio di programmazione utilizzato.
Per maggiori informazioni relative alle interfaccie per I/O digitali si veda il capitolo “SCHEDE
ESTERNE” e la documentazione del software utilizzato.
INTERFACCIAMENTO DEGLI I/O CON IL CAMPO
Al fine di evitare eventuali problemi di collegamento della scheda con tutta l’elettronica del campo
a cui la GPC® 323 si deve interfacciare, si devono seguire le informazioni riportate nei precedenti
paragrafi e le relative figure che illustrano le modalità interne di connessione.
- Per i segnali che riguardano la comunicazione seriale con i protocolli RS 232, RS 422, RS 485 o
current loop, fare riferimento alle specifiche standard di ognuno di questi protocolli.
- Tutti i segnali a livello TTL possono essere collegati a linee dello stesso tipo riferite alla massa
digitale della scheda. Il livello 0V corrisponde allo stato logico 0, mentre il livello 5V corrisponde
allo stato logico 1.
- I segnali d’ingresso alla sezione A/D devono essere collegati a segnali analogici a bassa impedenza
che rispettino il range di variazione ammesso che può arrivare a +2,49Vdc oppure +5,00 Vdc
oppure 0÷20 mA a seconda della configurazione. Per maggiori informazioni si veda il paragrafo
sucessivo “SELEZIONE TIPO INGRESSI ANALOGICI”.
Pagina 28
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
TASTO DI RESET
Con il tasto P1 presente sulla GPC® 323 si ha la possibilità di attivare la linea di /RESET della scheda.
Una volta premuto il tasto P1, la scheda riprende l’esecuzione del programma in EPROM o FLASH
interna, partendo da una condizione di azzeramento generale. La funzione principale di questo tasto
é quella di uscire da condizioni di loop infinito, soprattutto durante la fase di debug. Per una facile
individuazione di tale pulsante a bordo scheda, si faccia riferimento alla figura 9, mentre per ulteriori
informazioni sulla circuiteria di reset si veda il paragrafo “RESET E WATCH DOG”.
SELEZIONE TIPO INGRESSI ANALOGICI
La scheda GPC® 323, può avere ingressi analogici in tensione e/o corrente, come descritto nei
precedenti paragafi e capitoli. La selezione del tipo d’ingresso può essere effettuata solo per otto degli
undici canali analogici d’ingresso in fase di ordine della scheda ed é effettuata montando un apposito
modulo di conversione corrente-tensione basato su resistenze di caduta di precisione (codice .8420).
In particolare vale la corrispondenza:
R37
R36
R35
R34
R33
R32
R31
R30
->
->
->
->
->
->
->
->
canale 0
canale 1
canale 2
canale 3
canale 4
canale 5
canale 6
canale 7
Nel caso il modulo corrente-tensione non sia montato (default) il corrispondente canale accetta un
ingresso in tensione nei range 0÷2,49 Vdc oppure 0÷5,00 Vdc (opzionale), viceversa un ingresso in
corrente.
Il valore della resistenza, su cui si basa il convertitore corrente-tensione, si ottiene dalla seguente
formula:
R = 2,49 V / Imax oppure R = 5,00 V / Imax
Normalmente i moduti di conversione tensione-corrente si basano su resistenze di precisione da
124Ω, relative ad ingressi 4÷20 mA o 0÷20 mA, per il fondo scala 2,49 Vdc (default).
Per una facile individuazione del modulo e delle resistenze, fare riferimento alle figure 9 e 22.
TEST POINT
La scheda é provvista di un test point chiamato TP1 che permette la lettura della tensione di
riferimento dell'A/D converter, regolata in laboratorio:
pin 1
pin 2
->
->
Vref
GND
Per una facile individuazione del test point, si veda la figura 9. Si veda inoltre il prossimo paragrafo.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 29
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
TRIMMERS E TARATURE
Sulla GPC® 323 é presente un trimmer da utilizzare per la taratura della scheda. In particolare con
il trimmer RV1 si può fissare il valore della tensione di riferimento su cui si basa l’eventuale sezione
di A/D converter (codice d'ordine .AD). Per una facile individuazione del trimmer a bordo scheda,
si faccia riferimento alla figura 9.
La scheda viene sottoposta ad un accurato test di collaudo che provvede a verificare la funzionalità
della stessa ed allo stesso tempo a tararla in tutte le sue parti. La taratura viene effettuata in laboratorio
a temperatura costante di +20 gradi centigradi, seguendo la procedura di seguito descritta:
- Si effettua la taratura di precisione della Vref della sezione A/D regolando il trimmer RV1, tramite
un multimetro galvanicamente isolato a 5 cifre ad un valore di 2,4900 V, misurato sul test point TP1.
- Si verifica la corrispondenza tra segnale analogico fornito in ingresso e combinazione letta dalla
sezione A/D converter. La verifica viene effettuata fornendo un segnale di verifica con un
calibratore campione e controllando che la differenza tra la combinazione determinata dalla scheda
e quella determinata in modo teorico, non superi la somma degli errori della sezione A/D.
- Si blocca il trimmer della scheda, opportunamente tarato, tramite vernice.
Le sezioni d’interfaccia analogica utilizzano componenti di alta precisione che vengono addirittura
scelti in fase di montaggio, proprio per evitare lunghe e complicate procedure di taratura. Per questo
una volta completato il test di collaudo e quindi la taratura, il trimmer RV1 viene bloccato, in modo
da garantire una immunità della taratura anche ad eventuali sollecitazioni meccaniche (vibrazioni,
spostamenti, ecc.).
L’utente di norma non deve intervenire sulla taratura della scheda, ma se lo dovesse fare (a causa di
derive termiche, derive del tempo, ecc.) deve rigorosamente seguire la procedura sopra illustrata.
RESET E WATCH DOG
La scheda GPC® 323 è dotata di una circuiteria di watch dog molto efficiente e di facile gestione
software. In particolare le caratteristiche di questa circuiteria sono le seguenti:
- funzionamento astabile;
- tempo d’intervento tipico di 1420 msec;
- attivazione via hardware tramite il jumper J8;
- retrigger via software;
Si ricorda che nel funzionamento astabile una volta scaduto il tempo d’intervento la circuiteria si
attiva, rimane attiva per il tempo di reset (circa 200 msec) e quindi si disattiva nuovamente. Il jumper
J8 collega la circuiteria di watch dog alla circuiteria di reset mentre per l’operazione di retrigger si
faccia riferimento al paragrafo WATCH DOG.
Dopo un'attivazione e sucessiva disattivazione del segnale di /RESET, la scheda riprende l'esecuzione
del programma salvato su IC5 all'indirizzo 0000H, partendo da una condizione di azzeramento
generale di tutti i dispositivi di bordo
Si ricorda inoltre che tra le sorgenti di /RESET della GPC® 323, oltre all'eventuale circuiteria di
watch dog, sono sempre presenti la circuiteria di power good ed il pulsante P1. Il pulsante P1 è un
contatto normalmente aperto e quando il contatto viene chiuso la circuiteria di reset é attivata.
Pagina 30
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
JUMPERS
Esistono a bordo della GPC® 323 16 jumpers, di cui 5 a stagno, con cui é possibile effettuare alcune
selezioni che riguardano il modo di funzionamento della stessa. Di seguito ne é riportato l’elenco,
l’ubicazione e la loro funzione nelle varie modalità di connessione.
JUMPERS
N. VIE
FUNZIONE
J1
2
Collega a + 5 Vdc il pin 26 di CN1.
J2
5
Seleziona il dispositivo di memoria su IC3.
J6
2
Connette la batteria di back up esterna.
J7
3
Seleziona direzionalità e modalità di attivazione della linea
seriale in RS 422 e RS 485.
J8
2
Collega la circuiteria di Watch Dog alla circuiteria di reset.
J18
3
Seleziona il tipo di collegamento per il pin 14 (/INT0) della CPU.
J19
3
Fornisce la tensione di programmazione ISP.
J20
3
Seleziona la modalità di partenza della CPU.
J22
2
Collega il segnale TXA RS 232 al pin 2 del connettore CN3A.
J23
2
Collega il segnale RXA RS 232 al pin 5 del connettore CN3A.
J24
3
Collega la linea di ricezione seriale della CPU al driver RS 232
o al driver RS 422-485
JS1, JS2
2
Collegano la circuiteria di terminazione e di forzatura alla linea
di comunicazione seriale in RS 422-485.
JS3
3
Seleziona il tipo di collegamento per il pin 1 di CN3A.
JS4
3
Seleziona il tipo di collegamento per il pin 1 di CN3B.
JS6
3
Seleziona quale tensione alimenta la circuiteria che genera la
Vref per l'A/D Converter.
FIGURA 23: TABELLA RIASSUNTIVA JUMPERS
Di seguito é riportata una descrizione tabellare delle possibili connessioni dei 16 jumpers con la loro
relativa funzione. Per riconoscere tali connessioni sulla scheda si faccia riferimento alla serigrafia
della stessa o alla figura 2 di questo manuale, dove viene riportata la numerazione dei pin dei jumpers,
che coincide con quella utilizzata nella seguente descrizione. Per l’individuazione dei jumpers a
bordo della scheda, si utilizzino invece le figure 26 e 28. In tutte le seguenti tabelle l'* indica la
connessione di default, ovvero quella impostata in fase di collaudo, con cui la scheda viene fornita.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 31
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
JUMPERS A 5 VIE
JUMPER
CONNESSIONE
UTILIZZO
DEF.
posizione 1-2 e 3-4 Seleziona FLASH EPROM da 32Kbytes.
J2
posizione 2-3 e 4-5 Seleziona SRAM o EEPROM da 32Kbytes.
posizione 1-6
*
Seleziona EPROM da 32Kbytes.
FIGURA 24: TABELLA JUMPERS A 5 VIE
JUMPERS A 2 VIE
JUMPERS
CONNESSIONE
non connesso
UTILIZZO
DEF.
Non collega il pin 26 di CN1 a +5 Vdc.
J1
connesso
non connesso
J6
Collega il pin 26 di CN1 a +5 Vdc.
*
SRAM di IC4 e SRAM+RTC di IC10
tamponati solo dall'eventuale batteria esterna.
*
connesso
SRAM di IC4 e SRAM+RTC di IC10
tamponati dalla batteria interna e dall'eventuale
batteria esterna.
non connesso
Non collega la circuiteria esterna di Watch Dog
alla circuiteria di reset.
connesso
Collega la circuiteria esterna di Watch Dog alla
circuiteria di reset.
non connesso
Non collega la linea di trasmissione della
seriale hardware del micro al pin 2 di CN3A.
connesso
Collega la linea di trasmissione della seriale
hardware del micro al pin 2 di CN3A.
non connesso
Non collega la linea di ricezione della seriale
hardware del micro al pin 5 di CN3A.
connesso
Collega la linea di ricezione della seriale
hardware del micro al pin 5 di CN3A.
*
non connessi
Non collegano la circuiteria di terminazione e
di forzatura alla linea di comunicazione seriale
A in RS 422-485.
*
connessi
Collegano la circuiteria di terminazione e di
forzatura alla linea di comunicazione seriale A
in RS 422-485.
*
J8
J22
*
J23
JS1, JS2
FIGURA 25: TABELLA JUMPERS A 2 VIE
Pagina 32
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
J22
J23
J24
J7
J8
J20
BT1
J6
J18
IC3
J19
J2
J1
IC4
IC5
FIGURA 26: DISPOSIZIONE JUMPERS, MEMORIE E BT1 (LATO COMPONENTI)
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 33
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
JUMPERS A 3 VIE
JUMPERS
CONNESSIONE
UTILIZZO
DEF.
posizione 1-2
Collega il segnale di direzione per la
comunicazione RS 485.
posizione 2-3
Collega il segnale di direzione per la
comunicazione RS 422.
*
posizione 1-2
Collega il pin numero 14 del microcontrollore
(P3.2, /INT0) al segnale di interrupt /INT
dell'ABACO® I/O BUS.
*
posizione 2-3
Collega il pin numero 14 del microcontrollore
(P3.2, /INT0) al segnale di ricezione della linea
seriale software.
posizione 1-2
Collega il pin 35 del microcontrollore (/EA) ai
+5 Vdc.
posizione 2-3
Collega il pin 35 del microcontrollore (/EA)
alla linea di massa.
*
posizione 1-2
Collega il pin 32 del microcontrollore (/PSEN)
alla linea di massa.
*
posizione 2-3
Collega il pin 32 del microcontrollore (/PSEN)
alla logica di indirizzamento.
posizione 1-2
Collega la linea di ricezione della seriale
hardware del microcontrollore alla linea di
ricezione RS 232.
posizione 2-3
Collega la linea di ricezione della seriale
hardware del microcontrollore alla linea di
ricezione RS 422-485.
posizione 1-2
Collega il pin 1 di CN3A a GND.
posizione 2-3
Collega il pin 1 di CN3A a +5 Vdc.
posizione 1-2
Collega il pin 1 di CN3B a GND.
posizione 2-3
Collega il pin 1 di CN3B a +5 Vdc.
posizione 1-2
Abilita la Vref di 2,490 Vdc.
posizione 2-3
Abilita la Vref di 5,000 Vdc.
J7
J18
J19
J20
*
J24
*
JS3
*
JS4
*
JS6
FIGURA 27: TABELLA JUMPERS A 3 VIE
Pagina 34
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
JS2
JS6
JS1
JS4
JS3
FIGURA 28: DISPOSIZIONE JUMPERS (LATO STAGNATURE)
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 35
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SEGNALAZIONI VISIVE
La scheda GPC® 323 é dotata di quattro LEDs con cui segnala alcune condizioni di stato, come
descritto nella seguente tabella:
LEDs
COLORE
FUNZIONE
LD1
Rosso
Segnala, quando attivo, la presenza della tensione di
alimentazione a +5 Vdc.
LD2
Rosso
Segnala, quando attivo, l'attivazione della circuiteria esterna
di Watch Dog.
LD3
Verde
LED di attività temporizzato (spot) gestito via software.
LD4
Verde
LED di attività gestito via software.
FIGURA 29: TABELLA DELLE SEGNALAZIONI VISIVE
La funzione principale di questi LEDs é quella di fornire un’indicazione visiva dello stato della
scheda, facilitando quindi le operazioni di verifica di funzionamento di tutto il sistema. Per una più
facile individuazione di tali segnalazioni visive, si faccia riferimento alla figura 9.
INPUT DI BORDO
La scheda GPC® 323 è provvista di 1 dip switch a 8 vie (DSW1), tipicamente utilizzato per la
configurazione del sistema, di cui 5 dips sono acquisibili via software dall’utente (DIP 1÷4,8), due
sono usati per la selezione della configurazione memorie (DIP 5,6) ed uno non é utilizzato (DIP 7).
Le applicazioni più immediate possono essere quelle destinate al settaggio delle condizioni di lavoro
od alla selezione di parametri relativi al firmware di bordo. La lettura della combinazione fissata sul
dip switch avviene in logica negata (0 -> dip in ON ed 1 -> dip in OFF) effettuando un’operazione
di lettura all’ indirizzo dedicatogli dalla logica di controllo della scheda. Per ulteriori informazioni
si faccia riferimento ai paragrafi “MAPPAGGIO DELL’I/O” e “MAPPAGGIO DELLE MEMORIE”,
mentre per una facile individuazione della sua posizione si veda la figura 9.
BACK UP
La GPC® 323 é provvista di una batteria al litio BT1 che provvede a tamponare la SRAM e l'RTC
di bordo anche in assenza della tensione di alimentazione. Il jumper J6 provvede a collegare o meno
questa batteria in modo da salvaguardarne la durata prima dell’installazione o in tutti i casi in cui il
back up non é necessario. Una seconda batteria esterna può essere collegata alla circuiteria di back
up tramite il connettore CN2: quest’ultima non é interessata dalla configurazione del jumper J6 e
sostituisce a tutti gli effetti la BT1. L'utente può ordinare una batteria esterna (2,1 Ah) pronta per
essere collegata a CN2 con il codice: .LITIO.
Per la scelta della batteria esterna di back up seguire le indicazioni del paragrafo “CARATTERISTICHE
ELETTRICHE”, mentre per la sua individuazione si veda la figura 9.
Pagina 36
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
INTERRUPTS
Una caratteristica peculiare della GPC® 323 è la notevole potenza nella gestione delle interruzioni.
Di seguito viene riportata una breve descrizione di come possono essere gestiti i segnali hardware
di interrupt della scheda; per quanto riguarda la gestione di tali interrupts si faccia riferimento ai data
sheets del microprocessore oppure all’appendice B di questo manuale.
-Periferiche della CPU:Le possibili sorgenti d'interrupt interno sono le sezioni: timer counter 0÷2;
linee seriali 0, 1; interrupt esterni 0÷5; watch dog interno, ecc.
- Real Time Clock:
E' collegato in open collector al pin /INT1 = P3.3 della CPU.
- Power failure:
E' collegato in open collector al pin /INT1 = P3.3 della CPU.
- Seriale software:
E' collegato in open collector al pin /INT0 = P3.2 della CPU, a seconda dello
stato di J24.
- ABACO® I/O BUS: /INT BUS di CN1 é collegata al pin /INT0 = P3.2 della CPU, a seconda dello
stato di J24.
/NMI BUS di CN1 é direttamente collegata al pin T2 = P1.0 della CPU.
L'ultimo collegamento é particolarmente importante per due diversi motivi: ogni attivazione del
segnale /NMI BUS può generare un interrupt oppure ogni variazione dello stesso segnale può essere
contata. La gestione del segnale /NMI BUS é definita con la programmazione del timer counter 2,
quindi l'utente può selezionare il modo preferito via software. Questa caratteristica é veramente
interessante se utilizzata in abbinamento alle schede ZBT xxx e ZBR xxx. Con quest'ultime infatti
dei segnali digitali optoisolati d'ingresso possono generare interrupts o essere semplicemente contati.
Il microprocessore gestisce una catena di priorità hardware che regolamenta l'attivazione
contemporanea di più interrupts. Gli indirizzi delle procedure di risposta agli interrupts possono
essere programmati arbitrariamente dall'utente nell'area codice, mentre i livelli di priorità e le
attivazioni sono definibili tramite i registri interni al microprocessore. In questo modo l’utente ha
sempre la possibilità di rispondere in maniera efficace e veloce a qualsiasi evento esterno, stabilendo
anche la priorità delle varie sorgenti.
POWER FAILURE
In abbinamento alla circuiteria di power management gestita dalla CPU della GPC® 323 é inoltre
disponibile un'interessante circuiteria di power failure. Quest'ultima è collegata all'interrupt /INT0
del microprocessore.
La circuiteria si preoccupa di controllare la tensione di alimentazione e quando questa scende al
valore di soglia (52 mV prima dell'intervento del reset), provvede ad attivare l'uscita richiedendo
l'attenzione della CPU. Da notare che il tempo che intercorre tra l'attivazione del power failure e
quello del reset, varia in funzione del tipo di alimentazione della scheda; questo normalmente é
nell'ordine dei 100 µsec, sufficienti solo per eseguire procedure di risposta veloci (ad esempio il
salvataggio di un flag nella memoria tamponata).
L'uso classico della circuiteria di power failure é quello di informare la scheda dell'imminente caduta
della tensione di alimentazione, in modo da salvare le necessarie condizioni di stato, grazie alla carica
residua della stessa sezione alimentatrice.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 37
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SELEZIONE MEMORIE
La GPC® 323 può montare fino ad un massimo di 98K bytes di memoria variamente suddivisa. In
particolare valgono le informazioni riportate nella seguente tabella:
IC
DISPOSITIVO
DIMENSIONE
STRIPPAGGIO
SRAM/EEPROM
32K Bytes
J2 in 2-3 e 4-5
EPROM
32K Bytes
J2 in 3-4
FLASH EPROM
32K Bytes
J2 in 1-2 e 3-4
4
SRAM/EEPROM
32K Bytes
-
5
EPROM
32K Bytes
-
10
EEPROM seriale
512÷2048 Bytes
-
12
SRAM+RTC
256 Bytes
-
3
FIGURA 30: TABELLA DI SELEZIONE MEMORIE
Gli zoccoli IC3, IC4 e IC5 seguono lo standard JEDEC, quindi i dispositivi di memoria che possono
essere installati dovranno essere conformi a questo standard. Il settaggio dei jumpers indicato nella
figura 21 influisce solo sulla configurazione degli zoccoli indicati nella tabella stessa, mentre gli
indirizzi di mappaggio delle memorie sono definiti da altri jumers, come descritto nel paragrafo
“MAPPAGGIO DELLE MEMORIE”. Per vedere la posizione delle memorie si faccia riferimento
alla figura 26.
Normalmente la GPC® 323 viene fornita nella configurazione di default che comprende 32K SRAM
installati su IC4 e 512 bytes di EEPROM installati su IC10; ogni configurazione diversa da questa
deve essere specificata in fase di ordine o montata autonomamente dall'utente. Di seguito vengono
riportati i codici delle opzioni di memoria disponibili:
.32K
.32KMOD
.32EE
.32KF
.EE02
.EE08
.EE16
->
->
->
->
->
->
->
32K x 8 SRAM
32K x 8 SRAM tamponata
32K x 8 EEPROM parallela
32K x 8 FLASH EPROM parallela
2K bit (256 byte) EEPROM seriale
8K bit (1K byte) EEPROM seriale
16K bit (2K byte) EEPROM seriale
Per ulteriori informazioni si prega di contattare direttamente la grifo®.
JUMPER A STAGNO
La connessione di default dei jumpers a stagno denominati JSxx, é effettuata con una sottile pista
sul lato stagnature. Quindi, se tale configurazione deve essere variata, si deve prima tagliare la pista
con un taglierino affilato e poi effettuare la connessione richiesta con uno stagnatore di bassa potenza
utilizzando dello stagno non corrosivo.
Pagina 38
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
TENSIONI DI ALIMENTAZIONE
La scheda GPC® 323 dispone di una efficiente circuiteria che si presta a risolvere in modo comodo
ed efficace il problema dell’alimentazione della scheda in qualsiasi condizione di utilizzo. Di seguito
vengono riportate le possibili configurazioni della sezione alimentatrice:
- Senza sezione alimentatrice (default):
In questa configurazione la scheda deve essere alimentata da una tensione di +5 Vdc che può essere
fornita sugli appositi pin di CN1 (+5 Vdc su pin 26, GND su pin 25).
- Con sezione alimentatrice lineare (opzione .ALIM12):
In questa configurazione la scheda deve essere alimentata da una tensione di 6÷12 Vac, o
corrispondente tensione continua, che deve essere fornita sui pin 1 e 2 di CN4.
- Con sezione alimentatrice switching (opzione .SW):
In questa configurazione la scheda deve essere alimentata da una tensione di 8÷24 Vac, o la
corrispondente tensione continua (12÷34 Vdc), che deve essere fornita sui pin 1 e 2 di CN4.
Indipendentemente dalla sezione alimentatrice scelta la GPC® 323 é sempre dotata di un’efficace
circuiteria di protezione che si preoccupa di proteggere la scheda da sovratensioni o dal rumore del
campo. Si ricorda che la selezione del tipo di sezione alimentatrice della scheda deve avvenire in fase
di ordine della stessa; infatti questa scelta implica una diversa configurazione hardware, che deve
essere effettuata dal personale addetto.
Il jumper J1 collega il positivo della tensione di alimentazione della scheda al connettore dell’ABACO®
I/O BUS e deve quindi essere non connesso solo quando si collega la scheda provvista di sezione
alimentatrice ad un sistema a sua volta provvisto di propria sezione alimentatrice.
Al fine di ridurre i consumi della scheda si possono utilizzare le modalità operative di IDLE e STOP
MODE della CPU. Per ulteriori informazioni su queste modalità si prega di consultare l'appendice
B di questo manuale o la documentazione dei produttori delle CPU.
Per ulteriori informazioni si faccia riferimento al paragrafo “CARATTERISTICHE ELETTRICHE”.
PROGRAMMAZIONE IN SYSTEM (ISP)
Una delle caratteristiche più importanti della GPC® 323 é la possibilità di usare i nuovi microprocessori
della PHILIPS 89CRx+/2 che supportano la programmazione in system, ovvero la programmazione
effettuata bordo scheda, senza dover togliere la CPU. Di seguito sono descritti i passi da effettuare:
1) sviluppare il programma applicativo tramite un pacchetto software che generi un codice eseguibile
2) connettere il jumper J19 in posizione 1-2 e J20 in posizione 1-2
3) collegare la linea seriale A in RS 232 ad una linea COM libera di un personal computer
4) alimentare la scheda
5) programmare la FLASH EPROM interna del microprocessore usando l'apposito programma
fornito dalla PHILIPS: WINISP.
6) togliere alimentazione alla scheda
7) ricollegare J19 e J20 in posizione 2-3
8) rialimentare la scheda: il programma applicativo é eseguito dalla FLASH ROM interna.
L'ISP riduce i costi complessivi dell'applicazione, infatti elimina l'uso di EPROM, programmatore
di EPROM, FLASH EPROM, ecc. Per ulteriori informazioni relative alla programmazione ISP fare
riferimento alla specifica documentazione tecnica della PHILIPS.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 39
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
COMUNICAZIONE SERIALE
La linea di comunicazione seriale A della scheda GPC® 323 può essere bufferata in RS 232, RS 422,
RS 485 o in current loop. La selezione del tipo d'interfacciamento avviene via hardware e viene
effettuata tramite un opportuno strippaggio dei jumpers di bordo, come può essere desunto dalla
lettura delle precedenti tabelle. Dal punto di vista software sono invece definibili tutti i parametri del
protocollo fisico di comunicazione (baud rate, stop bit, bit per carattere, ecc) tramite la programmazione
dei registri interni della CPU.
Alcuni componenti necessari per le configurazioni RS 422, RS 485 e current loop non sono montati
e collaudati sulla scheda in configurazione di default; per questo la prima configurazione della seriale
A non in RS 232 deve essere sempre effettuata dai tecnici grifo®. A questo punto l'utente può
cambiare autonomamente la configurazione seguendo le informazioni sotto riportate (da notare che
i jumpers non menzionati nella sucessiva descrizione non hanno alcuna influenza ai fini della
comunicazione, qualunque posizione essi occupino):
- LINEA SERIALE A SETTATA IN RS 232 (configurazione default)
IC25
= driver MAX 202
J7
=
indifferente
IC26
= nessun componente
J22, J23 =
connessi
IC27
= nessun componente
J24
=
posizione 2-3
IC28
= nessun componente
JS1, JS2 =
non connessi
IC29
= nessun componente
- LINEA SERIALE A SETTATA IN CURRENT LOOP (opzione .CLOOP)
IC25
= nessun componente
J7
=
indifferente
IC26
= driver HCPL 4100
J22, J23 =
non connessi
IC27
= nessun componente
J24
=
posizione 2-3
IC28
= driver HCPL 4200
JS1, JS2 =
non connessi
IC29
= nessun componente
Da ricordare che l’interfaccia seriale in current loop é di tipo passivo e si deve quindi collegare
una linea current loop attiva, ovvero provvista di un proprio alimentatore. L’interfaccia current
loop può essere utilizzata per realizzare sia connessioni punto punto che multipunto con un
collegamento a 4 o 2 fili.
- LINEA SERIALE A SETTATA IN RS 422 (opzione .RS 422)
IC25
= nessun componente
J7
=
posizione1-2
IC26
= nessun componente
J22, J23 =
non connessi
IC27
= driver SN75176 o MAX 483
J24
=
posizione 2-3
IC28
= nessun componente
JS1, JS2 =
(*)
IC29
= driver SN75176 o MAX 483
Lo stato del segnale DIR, gestito via software, consente di abilitare o disabilitare il trasmettitore
come segue:
DIR = livello basso
= stato logico 0 -> trasmettitore attivo
DIR = livello alto
= stato logico 1 -> trasmettitore disattivo
Per sistemi punto punto, la linea DIR può essere mantenuta sempre bassa (trasmettitore sempre
attivo), mentre per sistemi multipunto si deve attivare il trasmettitore solo in corrispondenza
della trasmissione.
Pagina 40
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
HP
4200
HP
4100
MAX 202
Seriale A in RS 232
MAX
SN
483
75176
MAX
SN
483
75176
Seriale A in RS 422
Seriale A in current loop
MAX
SN
483
75176
Seriale A in RS 485
FIGURA 31: DISPOSIZIONE DRIVER PER COMUNICAZIONE SERIALE
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 41
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
- LINEA SERIALE A SETTATA IN RS 485 (opzione .RS 485)
IC25
= nessun componente
J7
=
posizione 2-3
IC26
= nessun componente
J22, J23 =
non connessi
IC27
= driver SN75176 o MAX 483
J24
=
posizione 2-3
IC28
= nessun componente
JS1, JS2 =
(*)
IC29
= nessun componente
In questa modalità le linee da utilizzare sono i pin 4 e 5 di CN3A, che quindi diventano le linee
di trasmissione o ricezione a seconda dello stato del segnale DIR, gestito via software, come
segue:
DIR = livello basso
= stato logico 0 -> linea in trasmissione
DIR = livello alto
= stato logico 1 -> linea in ricezione
Questa comunicazione la si utilizza sia per connessioni punto punto che multipunto con un
collegamento a 2 fili. Sempre in questa modalità si riceve quanto trasmesso, in modo da fornire
al sistema la possibilità di verificare autonomamente la riuscita della trasmissione; infatti in
caso di conflitti sulla linea, quanto trasmesso non viene ricevuto correttamente e viceversa.
(*)
Nel caso si utilizzi la linea seriale in RS 422 o RS 485, con i jumpers JS1 e JS2 é possibile
connettere la circuiteria di terminazione e forzatura sulla linea . Tale circuiteria deve essere
sempre presente nel caso di sistemi punto punto, mentre nel caso di sistemi multipunto, deve
essere collegata solo sulle schede che risultano essere alla maggior distanza, ovvero ai capi
della linea di comunicazione.
In fase di reset o power on, il segnale DIR è mantenuto a livello logico alto di conseguenza in
seguito ad una di queste fasi il driver RS 485 è in ricezione o il driver di trasmissione RS 422
è disattivo, in modo da eliminare eventuali conflittualità sulla linea di comunicazione.
La GPC® 323 dispone di una seconda linea di comunicazione seriale (B) che può essere bufferata
solo in RS 232. Tale linea ha caratteristiche diverse a seconda del microcontrollore usato, come di
seguito descritto:
- µP 80C32 e compatibili
La linea seriale B è una linea seriale software gestita tramite due linee di I/O del microcontrollore
(pin 4 = P1.2 = RXB e pin 5 = P1.3 = TXB). I parametri della comunicazione sono quindi
definibili via software parametrizzando il firmware di gestione (per maggiori informazioni
fare riferimento al manuale d'uso del pacchetto software).
- µP 80C320 e compatibili
La linea seriale B è una linea seriale hardware gestita direttamente dalla seriale 1 del
microcontrollore (pin 4 = RXB = RX2 e pin 5 = TXB = TX2). I parametri della comunicazione
sono quindi definibili via software accedendo agli appositi registri interni (consultarela
documentazione della casa costruttrice o l'appendice B di questo manuale).
Per ulteriori informazioni relative alla comunicazione seriale fare riferimento agli esempi di
collegamento delle figure 12÷18 ed al paragrafo DIREZIONALITA' RS 422, RS 485.
Pagina 42
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
FIGURA 32: VISTA DELLA SCHEDA
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 43
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
DESCRIZIONE SOFTWARE
Questa scheda ha la possibilità di usufruire di una ricca serie di strutture software che consentono di
utilizzarne al meglio le caratteristiche. In generale la scheda può sfruttare tutte le risorse software per
il microprocessore montato e tutti i pacchetti ideati per la famiglia 51, sia ad alto che a basso livello.
Tra questi ricordiamo:
GET51: Completo programma di EDITOR , Comunicazione e gestione delle Memorie di Massa per
le schede della famiglia 51. Questo programma, sviluppato dalla grifo®, consente di operare in
condizioni ottimali, in abbinamento ai pacchetti software BASIC 324, MDP, BXC51, FMO52, ecc.
Una serie di comodi menù a tendina facilita l’uso del programma, il quale può funzionare anche in
abbinamento ad un mouse. Il programma, oltre che girare in ambiente MS-DOS, gira tranquillamente
anche sulle macchine MACINTOSH in abbinamento al programma VIRTUAL-PC. Viene fornito
su dischetti MS-DOS da 3”1/2.
MDP: monitor debugger in grado di caricare e debuggare un qualsiasi file HEX con codice‘I51.
Dispone di tutti i comandi normalmente disponibili con un'emulatore e fornisce quindi all'utente la
possibilità di operare comodamente con tutte le risorse di bordo. Per questo pacchetto software é
sufficiente disporre di un P.C. che effettua le sole operazioni di console nei confronti dell'utente.
FMO52: monitor debugger in grado di caricare e debuggare un qualsiasi file HEX con codice‘I51.
Dispone di tutti i comandi normalmente disponibili con un'emulatore e fornisce quindi all'utente la
possibilità di operare comodamente con tutte le risorse di bordo. Per questo pacchetto software é
sufficiente disporre di un P.C. che effettua le sole operazioni di console nei confronti dell'utente.
E’ inoltre in grado di programmare su FLASH EPROM l’applicativo sviluppato dall’utente e
sucessivamente eseguirlo in modalità di autorun.
FORTH: completa struttura di sviluppo che consente di programmare la scheda in FORTH.
Richiede un P.C. per l'interfaccia utente e rende disponibili strutture dati e di programmazione ad alto
livello, che velocizzano lo sviluppo dell'applicativo con ottime caratteristiche in termini di codice
sviluppato e velocità di esecuzione.
BASIC 323: completa struttura di sviluppo che consente di programmare la scheda con un BASIC
interpretato adatto alle applicazioni industriali. Per opearare é sufficiente un P.C. che svolge le
funzioni di consolle nei confronti della scheda su cui viene invece sviluppato, debuggato, provato
e salvato il programma da realizzare. La programmazione é ad alto livello ed interessa la maggioranza
dei dispositivi a bordo scheda, di cui vengono già forniti i driver software di facile utilizzo.
BXC51: Cross compilatore per files sorgenti scritti in BASIC 324. Disponibile in ambiente
MS-DOS, permette un notevole incremento in termini di velocità di esecuzione rispetto all’equivalente
programma in BASIC interpretato.
MCA 51: Macro Cross Assembler. Disponibile in ambiente MS-DOS e nella versione assoluta o
rilocabile, permette una facile ed efficiente programmazione in assembler, dei microcontrollori
basati sull’8051. In versione rilocabile, viene anche fornito un linker ed un gestore di librerie.
MCC 51: Integer Cross Compiler per files sorgenti scritti in linguaggio C. Disponibile in ambiente
MS-DOS, genera un source assembly compatibile con il MICRO/ASM 51 o con il macro assembler
rilocabile dell'Intel (MCS-51).
Pagina 44
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
MCS 51: Simulatore e Debugger a livello source. Simulatore/Debugger in grado di simulare i
microcontrolloridella famiglia I51 e di monitorare lo stato di esecuzione di un programma. Permette
tramite un PC e senza l'aggiunta di emulatori o hardware addizionale, il caricamento o il salvataggio
di file HEX o simbolici, il settaggio di breakpoints, l'esecuzione in modo trace di istruzioni C e/o
assembler, la visualizzazione di qualsiasi registro o variabile, ecc.
MCK 51: E' la somma dei pacchetti MCC 51 e MCA 51 e coincide con un completo compilatore C
in grado di generare codice eseguibile per la famiglia '51 Intel e di generare un file simbolico
utilizzabile dall'MCS 51.
HI TECH C 51: Cross compilatore per file sorgenti scritti in linguaggio C. E’ un potente pacchetto
software che tramite un comodo I.D.E. permette di utilizzare un editor, un compilatore C (floating
point), un assemblatore, un ottimizzatore, un linker e un remote debugger. Sono inoltre inclusi i
source delle librerie.
SYS51CW: Cross compilatore per programmi scritti in C, disponibile in ambiente WINDOWS con
un comodo IDE che mette a disposizione: editor, compilatore C, assemblatore, ottimizzatore, linker,
librerie ed un debugger simbolico remoto.
SYS51PW: Cross compilatore per programmi scritti in PASCAL, disponibile in ambiente WINDOWS
con un comodo IDE che mette a disposizione: editor, compilatore PASCAL, assemblatore,
ottimizzatore, linker, librerie ed un debugger simbolico remoto.
DDS MICRO C 51: E’ un comodo pacchetto software, a basso costo, che tramite un completo I.D.E.
permette di utilizzare un editor, un compilatore C (integer), un assemblatore, un linker e un remote
debugger abbinato ad un monitor. Sono inclusi i sorgenti delle librerie ed una serie di utility.
NOICE 51: Potente struttura di debugger composta da un monitor debugger residente sulla scheda
e da un apposito programma MS-DOS. I due programmi comunicano tramite una linea seriale in RS
232. Il NOICE include: debug a livello sorgente, disassemblatore, visualizzatore di file, editor e
visualizzazione della memoria, numero di breakpoint illimitato, esecuzione di singole istruzioni
indipendente dall'hardware, definizione di simboli, possibilità di eseguire file di comandi, gestione
del back trace, help in linea, ecc.
OPEN 51/UNI: Emulatore in circuit per la famiglia '51 Intel. E' un potente pacchetto hardware e
software che include: debug a livello sorgente e simbolico, gestione di progetti, editor multi finestra,
esecuzione di compilatori, assemblatori esterni, debug di più moduli contemporaneo, disassemblatore,
funzioni di step e trace a livello sorgente, funzioni di animazione, veloce gestione dei breakpoint
sempre a livello sorgente, visualizzazione e modifica di variabili, anche strutturate, ad alto livello.
BASCOM 8051: Cross compilatore a basso costo per files sorgenti scritti in BASIC, disponibile in
ambiente WINDOWS con un comodo IDE che mette a disposizione un editor, il compilatore ed un
simulatore molto potente per il debugger del sorgente. Comprende molti modelli di memoria, svariati
tipi di dati ed istruzioni dedicate alle risorse hardware.
SOFTICE: E' un debugger simbolico remoto con cross assemblatore. Dispone dei classici comandi
disponibili su un emulatore hardware ma richiede solo un P.C. collegato tramite una linea seriale.
Una interfaccia utente ad alto livello, provvista di numerose finestre separate, mostra lo stato del
processore e della scheda.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 45
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MAPPAGGI ED INDIRIZZAMENTI
INTRODUZIONE
In questo capitolo ci occuperemo di fornire tutte le informazioni relative all’utilizzo della scheda, dal
punto di vista della programmazione via software. Tra queste si trovano le informazioni riguardanti
il mappaggio della scheda e la gestione software delle sezioni componenti.
MAPPAGGIO DELLE RISORSE DI BORDO
La gestione delle risorse della scheda è affidata ad una logica di controllo completamente realizzata
con logiche programmabili. Essa si occupa del mappaggio delle memorie e di tutte le periferiche di
bordo, semplificando l'operatività dell' utente. La logica di controllo è realizzata in modo da gestire
separatamente il mappaggio delle memorie di bordo ed il mappaggio delle periferiche viste come
input/output. Complessivamente le CPU disponibili indirizzano direttamente 64K di area codice e
64K di area dati, quindi alla logica di controllo è assegnato il compito di allocare i dispositivi di
memoria installabili nello spazio fisico massimo di 128K Bytes. Questa gestione è effettuata via
hardware tramite lo strippaggio di alcuni jumpers (J2) con cui si può definire quali memorie utilizzare
e il range di indirizzamento per ciascuna di esse. Per quanto riguarda il mappaggio dell’I/O si deve
invece ricordare che la logica di controllo provvede naturalmente a non utilizzare le locazioni
riservate per le periferiche interne della CPU, in modo da evitare ogni problema di conflittualità.
Riassumendo i dispositivi mappati sulla scheda sono:
- 32K bytes di EPROM su IC 5
- 32K bytes di SRAM su IC 4
- 32K bytes di SRAM, EPROM, EEPROM, FLASH EPROM su IC 3
- ABACO® I/O BUS
- Dip Switch DSW1
- LEDs utente
- Buzzer
- RUN/DEBUG (stato dello switch 8 di DSW1)
- Retrigger watch dog esterno
- Real time clock + 256 bytes di SRAM
Questi occupano gli indirizzi riportati nei paragrafi seguenti e non possono essere riallocati in nessun
altro indirizzo. La EEPROM seriale di IC10, l'RTC e la SRAM su IC12 sono sempre gestiti dalla
logica di controllo, ma effettivamente non occupano spazio d'indirizzamento in quanto sfruttano una
comunicazione seriale sincrona gestita tramite linee di I/O della CPU.
MAPPAGGIO DELLE MEMORIE
Per quanto riguarda il mappaggio delle memorie, la scheda può essere configurata in 3 modi.
Di seguito viene riportata una schematizzazione di questi indirizzamenti, con le indicazioni di come
devono essere settati gli switches 5 e 6 di DSW1. La scelta del mappaggio deve essere effettuata
dall'utente in base al pacchetto software utilizzato e/o le richieste dell'applicazione.
Si ricorda che le posizioni degli switches non descritte é riservata per future espansioni.
Pagina 46
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MAPPAGGIO 0
CODE AREA DATA AREA
FFFFH
FFFFH
ON BOARD I/O
FF00H
FF7FH
SPOT, LD4BZ
WDOG, DSW1,
PDx, CNT
FFF8H
FFF7H
NOT
USED
7F7FH
ABACO ® I/O
BUS
IC3
SRAM,
FLASH,
EPROM,
EEPROM
FF80H
0000H
32 K
8000H
7FFFH
7FFFH
7FFFH
ON
0000H
32 K
0000H
IC5
EPROM
0000H
32 K
IC4
SRAM
5
6
FIGURA 33: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 0
Configurazione dip 5 e 6 di DSW1: dip 5 in posizione OFF; dip 6 in posizione OFF
Usato da pacchetti software come: BASIC 323; BXC51; HI TECH C; DDS C; ecc.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 47
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MAPPAGGIO 1
CODE AREA DATA AREA
FFFFH
FFFFH
ON BOARD I/O
FF00H
FF7FH
SPOT, LD4BZ
WDOG, DSW1,
FFF8H
PDx, CNT
FFF7H
ABACO ® I/O
BUS
NOT
USED
7F7FH
FF80H
IC4
SRAM
0000H
32 K
8000H
7FFFH
7FFFH
IC5
EPROM
ON
0000H
32 K
0000H
5
6
FIGURA 34: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 1
Configurazione dip 5 e 6 di DSW1: dip 5 in posizione ON; dip 6 in posizione OFF
Usato da pacchetti software come: HI TECH C; DDS C; ecc.
Pagina 48
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MAPPAGGIO 3
CODE AREA DATA AREA
FFFFH
FFFFH
ON BOARD I/O
FF80H
FF7FH
SPOT, LD4BZ
WDOG, DSW1,
PDx, CNT
FFF8H
FFF7H
NOT
USED
7F7FH
ABACO ® I/O
BUS
IC3
RAM,
FLASH,
EPROM,
EEPROM
FF80H
0000H
32 K
8000H
7FFFH
7FFFH
2000H
IC4
SRAM
NOT
USED
32 K
2000H
1FFFH
NOT
USED
1FFFH
0000H
0000H
32 K
ON
IC5
EPROM
5
6
FIGURA 35: MAPPAGGIO DELLE MEMORIE IN MODO 3
Configurazione dip 5 e 6 di DSW1: dip 5 in posizione ON; dip 6 in posizione ON
Usato da pacchetti software come: FMO52; Lucifero; MDP; ecc.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 49
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MAPPAGGIO ABACO® I/O BUS
La logica di controllo della GPC® 323 provvede anche alla gestione dell’ABACO® I/O BUS,
definendo gli indirizzi in cui tale BUS viene allocato. In particolare, come si può notare dalla tabella
indirizzamento I/O, tale BUS è indirizzato in corrispondenza degli indirizzi FF80H÷FFF7H. Un
accesso in I/O in un qualsiasi indirizzo compreso in questi range abilita il segnale /IORQ e tutti gli
altri segnali di controllo di CN1.
MAPPAGGIO DELL’I/O
Per l'I/O sono utilizzati gli ultimi 256 indirizzi (128 utilizzati per l'ABACO® I/O BUS, e 128 bytes
per la lettura di RUN/DEBUG, il retrigger del watch dog ela gestione del real time clock) dei 64K
bytes dell'area dati gestita dalla CPU. Per maggior chiarezza nella seguente tabella si riportano i nomi
dei registri, i loro indirizzi, i tipi di accesso ed una breve descrizione del loro significato:
DISP.
REG.
IND.
R/W
SIGNIFICATO
ABACO® I/O BUS
I/OBUS
FF80H÷FFF7H
R/W
LED di spot
SPOT
FFF8H
W
Registro attivazione LED LD3 di
spot
LED attività e
buzzer
LD4BZ
FFF9H
W
Registro gestione LED LD4 e
buzzer
Watchdog
WDOG
FFF8H
R
Registro retrigger watchdog
Dip switch
DSW1
FFF9H
R
Registro lettura DSW1 (dip 1, 2,
3, 4, 8) e stato della batteria.
PDA
FFFCH
R/W
Registro dati del port A
PDB
FFFDH
R/W
Registro dati del port B
PDC
FFFEH
R/W
Registro dati del port C
CNT
FFFFH
R/W
Registro di controllo e comando
Indirizzi ABACO ® I/O BUS
PPI 82C55
FIGURA 36: TABELLA INDIRIZZAMENTO I/O
Per quanto riguarda la descrizione del significato dei registri qui sopra riportati, si faccia riferimento
al capitolo sucessivo “DESCRIZIONE SOFTWARE DELLE PERIFERICHE DI BORDO”.
Pagina 50
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
DESCRIZIONE SOFTWARE DELLE PERIFERICHE DI BORDO
Nel paragrafo precedente sono stati riportati gli indirizzi di allocazione di tutte le periferiche e di
seguito viene riportata una descrizione dettagliata della funzione e del significato dei relativi registri
(al fine di comprendere le successive informazioni, fare sempre riferimento alle due tabelle di
indirizzamento I/O). Qualora la documentazione riportata fosse insufficiente fare riferimento
direttamente alla documentazione tecnica della casa costruttrice del componente. In questo paragrafo
inoltre non vengono descritte le sezioni che fanno parte del microprocessore; per quanto riguarda la
programmazione di quest’ultime si faccia riferimento all’appendice B di questo manuale. Nei
paragrafi successivi si usano le indicazioni D0÷D7 per fare riferimento ai bits della combinazione
utilizzata nelle operazioni di I/O.
BUZZER
Il buzzer BZ1, si attiva effettuando una operazione di output con D0=1, all’indirizzo di allocazione
del registro LD4BZ. Logicamente la disattivazione avviene tramite un’analoga operazione di output
ma con il bit D0 resettato a 0. I rimanenti sette bit del registro LD4BZ devono essere settati tenendo
conto della programmazione fornita alle circuiterie provviste di registri allocati allo stesso indirizzo,
in questo caso il LED LD4. Il registro LD4BZ è azzerato (tutti i bits a 0) in fase di Reset o power on,
di conseguenza in seguito ad una di queste fasi il buzzer è disattivo.
LED DI ATTIVITÀ
Il LED di attività LD4, si attiva effettuando una operazione di output con D7=1, all’indirizzo di
allocazione del registro LD4BZ. Logicamente la disattivazione avviene tramite un’analoga operazione
di output ma con il bit D7 resettato a 0. I rimanenti sette bit del registro LD4BZ devono essere settati
tenendo conto della programmazione fornita alle circuiterie provviste di registri allocati allo stesso
indirizzo, in questo caso il buzzer BZ1. Il registro LD4BZ è azzerato (tutti i bits a 0) in fase di Reset
o power on, di conseguenza in seguito ad una di queste fasi il LED LD4 è disattivo.
WATCH DOG
Il retrigger della circuiteria di watch dog presente sulla GPC® 323, avviene tramite una semplice
operazione di otput al registro WDOG. Affinché la circuiteria di watch dog non intervenga, é
indispensabile retriggerarla ad intervalli regolari di durata inferiore al tempo d’intervento. Se ciò non
avviene e tramite il jumper J8 la circuiteria é connessa alla sezione di reset, una volta scaduto il tempo
d’intervento la scheda viene resettata. Il tempo d’intervento nella condizione di default è di circa 1,5
sec. L’intervento della circuiteria di watch dog é visualizzato dal LED LD2.
PERIFERICHE DELLA CPU
La descrizione dei registri e del relativo significato di tutte le periferiche interne della CPU (linea
seriale, timer/counter, linee di I/O) é disponibile nell'appendice B.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 51
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
LED DI SPOT
Il LED di spot LD3, si attiva effettuando una operazione di lettura all’indirizzo di allocazione del
registro SPOT. A seguito di questa operazione il LED si attiva per un periodo di circa 300 msec e
quindi si disattiva autonomamente. Il dato acquisito dall'operazione di scrittura sul registro SPOT é
privo di significato e quindi può essere scartato. La funzione principale di questo LED é di segnalare
il funzionamento del programma applicativo della scheda, senza appesantire lo stesso programma,
oppure di segnalare visivamente il verificarsi di un evento caratterizzato da una gestione veloce.
DIP SWITCH DSW1 E RUN DEBUG
Il dip switch DSW1 montato a bordo della GPC® 323 può essere accquisito via software, effettuando
una semplice operazione di input all’indirizzo di allocazione del registro DSW1. La corrispondenza
tra i bit del registro e le linee del dip switch è la seguente:
D0
D1
D2
D3
D7
->
->
->
->
->
DSW1.1
DSW1.2
DSW1.3
DSW1.4
DSW1.8
Come si nota della combinazione letta solo 5 bits riguardano l’acquisizione del dip switch, gli altri
vengono usati per impostare il mappaggio di memoria (vedere paragrafo “MAPPAGGIO DELLE
MEMORIE”) o sono riservati.
Il quinto dip DSW1.8 svolge la funzione di selettore delle modalità RUN o DEBUG, caratteristica
di alcuni pacchetti software della grifo®. Si ricorda che il livello logico 0 di default corrisponde alla
modalità di RUN, mentre il livello logico 1 corrisponde alla modalità di DEBUG.
L'acquisizione è in logica negata, ovvero il dip in ON fornisce lo stato logico 0 al corrispondente bit,
mentre il dip in OFF fornisce lo stato logico 1.
EEPROM SERIALE
Per quanto riguarda la gestione del modulo di EEPROM seriale (IC 10), si faccia riferimento alla
documentazione specifica del componente. In questo manuale tecnico non viene riportata alcuna
informazione software in quanto la modalità di gestione è articolata e prevede una conoscenza
approfondita del componente e comunque l'utente può usare le apposite procedure ad alto livello
fornite nel pacchetto di programmazione. Si ricorda solo che i primi 32 bytes (0÷31) sono riservati
e perciò si deve evitare la modifica deimedesimi. La logica di controllo della scheda consente la
gestione software della EEPROM tramite due linee di I/O TTL del microcontrollore:
P3.4 (input/output)
P1.7 (output)
->
->
linea DATA (SDA)
linea CLOCK (SCL)
Data l'implementazione hardware della circuiteria di gestione del modulo di EEPROM seriale, si
ricorda che i segnali A0 e A1 dello slave address sono posti a 0 logico, A2 ad 1 logico.
Lo stato logico 0 dei bit corrisponde allo stato logico basso (=0 V) del relativo segnale, mentre lo stato
logico 1 dei bit corrisponde allo stato logico alto (=5 V) del relativo segnale.
Pagina 52
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SRAM TAMPONATA + RTC SERIALE
Per quanto riguarda la gestione dell’eventuale modulo di SRAM+RTC seriale (IC 12), si faccia
riferimento alla documentazione specifica del componente. In questo manuale tecnico non viene
riportata alcuna informazione software in quanto la modalità di gestione è articolata e prevede una
conoscenza approfondita del componente e comunque l’utente può usare le apposite procedure ad
alto livello fornite nel pacchetto di programmazione. Si ricorda che che in caso di montaggio di
questo componente in IC 12 deve esserci al massimo una eeprom di 1024 bytes (24C08) su IC 10.
Dal punto di vista elettrico la logica di controllo effettua le seguenti connessioni:
P3.4 (input/output)
P1.7 (output)
->
->
linea DATA (SDA)
linea CLOCK (SCL)
Data l’implementazione hardware della circuiteria di gestione del modulo di SRAM+RTC, si ricorda
che di tale dispositivo il segnale A0 dello slave address é posto a 0.
A/D CONVERTER
Per quanto riguarda la gestione software degli 11 canali di A/D converter, di cui può essere dotata
la GPC® 323, si faccia riferimento alla documentazione specifica del componente. In questo manuale
tecnico non viene riportata alcuna informazione software in quanto la modalità di gestione è
articolata e prevede una conoscenza approfondita del componente e comunque l'utente può usare le
apposite procedure ad alto livello fornite nel pacchetto di programmazione. La logica di controllo
della scheda consente la gestione software dell'A/D converter tramite quattro linee di I/O TTL del
microcontrollore, con le seguenti corrispondenze:
P3.5 (input)
P1.6 (output)
P3.4 (output)
P1.1 (output)
->
->
->
->
linea DATA OUT
linea /CS
linea DATA IN
linea I/O CLOCK
Lo stato logico 0 dei bit corrisponde allo stato logico basso (=0 V) del relativo segnale, mentre lo stato
logico 1 dei bit corrisponde allo stato logico alto (=5 V) del relativo segnale.
STATO DELLA BATTERIA
La circuiteria di back up per la SRAM su IC4 e l'RTC+SRAM su IC12 tiene continuamente sotto
controllo il valore di tensione della batteria collegata e riporta su un segnale TTL l'eventualità che
tale valore scenda sotto una soglia il cui valore tipico, riportato dalla documentazione del produttore
del comparatore, è 2,265 Vdc. Il segnale di stato dell batteria si ottiene effettuando un accesso in
lettura all'indirizzo di allocazione del registro DSW1:
D5
->
Stato della batteria
Se il bit D5 del registro DSW1 è 1 allora l'alimentazione di back-up per SRAM su IC4 e
l'RTC+SRAM su IC12 è sopra 2,265 V, se è 0 allora l'alimentazione di back-up è sotto tale soglia.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 53
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
PPI 82C55
Questa periferica è vista in 4 registri: uno di stato (CNT) e tre dei dati (PDA, PDB, PDC) con cui si
effettua la programmazione ed il comando della stessa. I registri dati sono utilizzati sia per operazioni
di lettura (acquisizione linee dei port) che per quelle di scrittura (settaggio linee dei port) ed ognuno
di tali registri riporta i dati di I/O del corrispondente port. La periferica può operare in tre modi
diversi:
MODO 0 = Prevede due port bidirezionali da 8 bit (A,B) e due port bidirezionali da 4 bit (C LOW,
C HIGH); gli ingressi non sono latchati, mentre le uscite lo sono; nessun segnale di handshaking.
MODO 1 = Prevede due port da 12 bit (A+C LOW, B+C HIGH) dove gli 8 bit dei port A e B
costituiscono le linee di I/O, mentre i 4 bit del port C costituiscono le linee di handshaking. Gli
ingressi e le uscite sono latchati.
MODO 2 = Prevede un port da 13 bit (A+C3-7) dove gli 8 bit del port A costituiscono le linee di I/
O, mentre i rimanenti 5 bit del port C costituiscono le linee di controllo. Un port da 11 bit (B+ C02) dove gli 8 bit del port B costituiscono le linee di I/O ed i rimanenti 3 bit del port C costituiscono
le linee di controllo. Sia gli ingressi che le uscite sono latchate.
La programmazione della periferica avviene scrivendo un byte nel registro di controllo CNT,
settando gli 8 bit del dato scritto con la seguente corrispondenza:
CNT =
dove:
SF
M1 M2
0
0
0
1
1 X
A
CH
M3
B
CL
D7
SF
D6 D5 D4
M1 M2 A
D3 D2 D1
CH M3 B
D0
CL
= Se attivo (1) abilita il comando della periferica
= Selezionano il modo di funzionamento
= Selezione del modo 0
= Selezione del modo 1
= Selezione del modo 2
= Se attivo (1) setta il port A in input e viceversa
= Se attivo setta il nibble più significativo del port C in input e viceversa
= Se attivo (1) seleziona modo 1, viceversa seleziona modo 0
= Se attivo setta il port B in input e viceversa
= Se attivo setta il nibble meno significativo del port C in input e viceversa.
Dopo una fase di Reset o di power on il PPI 82C55 viene settato in modo 0 con tutti i port settati in
input.
Pagina 54
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
DIREZIONALITÀ DELLA COMUNICAZIONE IN RS 422-485
Per gestire la direzione nella comunicazione in RS 485 o l’attivazione del driver di trasmissione nella
comunicazione RS 422, sulla GPC® 323 viene utilizzata un’apposita linea digitale di I/O del
microprocessore, denominata DIR. Tale linea é collegata direttamente al pin 7 della CPU (P1.5) e
come descritto nel paragrafo “SELEZIONE DEL TIPO DI COMUNICAZIONE SERIALE” ha la
seguente funzione:
- RS 485: DIR = 0
DIR = 1
- RS 422: DIR = 0
DIR = 1
->
->
->
->
Linea seriale RS 485 in trasmissione
Linea seriale RS 485 in ricezione
Trasmettitore RS 422 attivo
Trasmettitore RS 422 disattivo
In fase di reset o power on, il segnale DIR é mantenuto a livello logico basso di conseguenza in
seguito ad una di queste fasi il driver 485 é in ricezione o il driver di trasmissione 422 é disattivo,
in modo da eliminare eventuali conflittualità sulla linea di comunicazione.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 55
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SCHEDE ESTERNE
La scheda GPC® 323 si interfaccia a buona parte dei moduli della serie BLOCK e di interfaccia
utente. Le risorse di bordo possono essere facilmente aumentate collegando la GPC® 323 alle
numerose schede periferiche del carteggio grifo® tramite l’ABACO® I/O BUS. Anche schede in
formato Europa con BUS ABACO® possono essere collegate, sfruttando gli appositi mother boards.
A titolo di esempio ne riportiamo un elenco con una breve descrizione delle carratteristiche di
massima; per maggiori informazioni richiedere la documentazione specifica:
KDL X24 - KDF 224
Keyboard Display LCD 2,4 righe 24 tasti - Keyboard Display Fluorescent 2 righe 24 tasti
Interfaccia tra 16 I/O TTL su connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie e tastiera a matrice
esterna da 24 tasti; display alfanumerico fluorescente 20x 2 o LCD 20x2, 20x4 retroilluminato a
LEDs. Predisposizione per collegamento a tastiera telefonica.
QTP 24P
Quick Terminal Panel 24 tasti con interfaccia Parallela
Interfaccia operatore provvista di display alfanumerico fluorescente 20x 2 o LCD 20x2, 20x4
retroilluminato a LEDs; tastiera a membrana da 24 tasti di cui 12 configurabili dall’utente; 16 LEDs
di stato; alimentatore a bordo scheda in grado di pilotare anche carichi esterni; interdaccia parallela
basata su 16 I/O TTL di un connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie. Tasti ed etichette
personalizzabili tramite serigrafie da inserire in apposite tasche; opzione di contenitore metallico.
QTP G28
Quick Terminal Panel 28 tasti con LCD grafico
Interfaccia operatore provvista di display grafico da 240x128 pixel retroilluminato a catodo freddo;
tastiera a membrana da 28 tasti di cui 6 configurabili dall’utente; 16 LEDs di stato; alimentatore a
bordo scheda; interdaccia seriale in RS 232, RS 422-485 o current loop; linea seriale ausiliaria in RS
232 Tasti e LED personalizzabili tramite serigrafie da inserire in apposite tasche; ; EEPROM di set
up; 256K EPROM o FLASH; Real Time Clock; 128K RAM; buzzer; interfaccia CAN; relé utente.
Firmware di gestione che svolge funzione di terminale con primitive grafiche.
Pagina 56
GPC® 323
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
FIGURA 36: SCHEMA DELLE POSSIBILI CONNESSIONI DELLA GPC®323
DIRECT
CONNECTION
TO
QTP 24P
1 RS 232
OR
RS 422, 485,
Current Loop
RS 232 , RS 422 , RS 485 , Current Loop
PLC
ABACO ®
I/O BUS
ABB 03 or ABB 05, etc.
IPC 52, UAR 24, etc.
ANY I/O TYPE
CI/O R16-T16, etc.
ABACO ® BUS
ZBx series
OPTIONS FOR
POWER SUPPLY
+5 Vdc
12÷34 Vdc
8÷24 Vac (Switching)
Serial Line
PC like or
Macintosh
GPC® 552
QTP 24
etc..............
to XBI-01 , OBI-01 , RBO-08 etc.....
OPTO
RELAY
TRANS.
COUPLED
DIGITAL TTL INPUT/OUTPUT
PC like or
Macintosh
A
V
CURRENT to
VOLTAGE
CONVERTER
with
8 A-V modules
-
BATTERY 3,6 V
to RAM Back up
12 Bit ANALOG
INPUT
VOLTAGE
+2,490 V opt. +5Vdc
or CURRENT
0÷20 mA , 4÷20 mA
BUZZER
+
LITIUM
EXTERNAL
1 Software or
Hardware Serial Line
RS-232
PLC
GPC® 552
QTP 24
etc..............
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina 57
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
MCI 64
Memory Cards Interfaces 64 MBytes
Interfaccia per la gestione di Memory cards PCMCIA a 68 pins tramite un connettore normalizzato
I/O ABACO®; sono disponibili driver per linguaggi ad alto livello.
IBC 01
Interface Block Comunication
Scheda di conversioni per comunicazioni seriali. 2 linee RS 232; 1 linea RS 422-485; 1 linea in fibra
ottica; interfaccia DTE/DCE selezionabile; attacco rapido per guide tipo DIN 46277-1 e 3.
ZBR xxx
Zipped BLOCK Relays xx Input + xx Output
Periferica per xx Input optoisolati e visualizzati tipo NPN; xx relé da 3A con MOV; connettori a
morsettiera per ingressi optoisolati e uscite; connettore normalizzato ABACO® I/O BUS; LEDs di
visualizzazione; sezione alimentatrice a bordo; attacco rapide per guide Ω. Le possibili configurazioni
in termini di numero di I/O sono: xxx=324 con 32 In e 24 Out; xxx=246 con 24 In e 16 Out; xxx=168
con 16 In e 8 Out; xxx=84 con 8 In e 4 Out.
IAC 01
Interface Adapter Centronics
Interfaccia tra 16 I/O TTL su connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie e connettore a vaschetta
D 25 vie femmina con pin out standard Centronics per la gestione di una stampante parallela.
OBI N8 - OBI P8
Opto BLOCK Input NPN-PNP
Interfaccia per 8 input optoisolati e visualizzati tipo NPN, PNP, connettore a morsettiera, connettore
normalizzato I/O ABACO® a 20 vie; sezione alimentatrice; attacco rapido per guide DIN 462771 e 3.
TBO 01 - TBO 08
Transistor BLOCK Output
Interfaccia per 16 connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie; 16 o 8 output a transistor in Open
Collector da 45 Vcc 3 A su connettore a morsettiera. Uscite optoisolate e visualizzate; attacco rapido
per guide DIN 6277-1 e 3.
RBO 08 - RBO 16
Relé BLOCK Output
Interfaccia per connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie; 8 o 16 output visualizzati con relé
da 3 A con MOV; connettore a morsettiera; attacco rapido per guide DIN 46277-1 e 3.
FBC 20 - FBC 120
Flat Block Contact 20 vie
Interfaccia tra 2 o 1 connettori a perforazione di isolante (scatolino da 20 vie maschi) e la filatura da
campo (morsettiere a rapida estrazione). Attacco rapido per guide tipo DIN 46277-1 e 3.
DEB 01
Didactis Experimental Board
Scheda di supportro per l’utilizzo di 16 linee di I/O TTL. Comprende: 16 tasti; 16 LED; 4 digits;
tastiera a matrice da 16 tasti; interfaccia per stampante Centronics, dislay LCD, display Fluorescente,
connettore I/O GPC® 68; collegamento con il campo.
Pagina 58
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
IAL 42
Interface Adapter LCD
Interfaccia tra 16 I/O TTL su connettore normalizzato I/O ABACO® e connettore a scatolino a 14
vie con pin out standard per la gestione di display fluorescenti LCD.
XBI 01
miXed BLOCK Input-Output
Interfaccia tra 8 input + 8 output TTL (connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie), con 8 output
a transistor in Open Collector da 45 Vcc 3 A + 8 input con filtro a Pi-Greco (connettore a morsettiera).
I/O optoisolati e visualizzati; attacco rapido per guide DIN 46277-1 e 3.
XBI R4 - XBI T4
miXed BLOCK Input-Output
Interfaccia per connettore normalizzato I/O ABACO® a 20 vie; 4 relé da 3 A con MOV o 4 transistor
open collectors da 3 A optoisolati; 4 linee di input optoisolate; linee di I/O visualizzate; connettore
a morsettiera; attacco rapido per guide DIN tipo C e guide Ω.
ZBT xxx
Zipped BLOCK Transistors xx Input + xx Output
Periferica per xy Input optoisolati e visualizzati tipo NPN; yz darlinghton da 3A con diodo di
ricircolo; connettori a morsettiera per ingressi optoisolati e uscite; connettore normalizzato ABACO®
I/O BUS; 61 LEDs di visualizzazione; sezione alimentatrice a bordo; attacco rapido per guide Ω. Le
possibili configurazioni in termini di numero di I/O sono: xxx=324 con 32 In e 24 Out; xxx=246 con
24 In e 16 Out; xxx=168 con 16 In e 8 Out; xxx=84 con 8 In e 4 Out.
ABB 05
Abaco® Block BUS 5 slots
Mother board ABACO® da 5 slots; passo 4 TE; guidaschede; connettori normalizzati di alimentazione;
tasto di reset; LEDs per alimentazioni; interfaccia ABACO® I/O BUS; sezione alimentatrice per +5
Vdc; sezione alimentatrice per +V Opto; sezioni alimentatrici galvanicamente isolate; tre tipi di
alimentazione: da rete, bassa tensione o stabilizzata. Attacco rapido per guide Ω.
ABB 03
Abaco® Block BUS 3 slots
Mother board ABACO® da 3 slots; passo 4 TE; guidaschede; connettori normalizzati di alimentazione;
tasto di reset; LEDs per alimentazioni; interfaccia ABACO® I/O BUS. Attacco rapido per guide Ω.
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina 59
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
BIBLIOGRAFIA
E’ riportato di seguito, un elenco di manuali e note tecniche, a cui l’utente può fare riferimento per
avere maggiori chiarimenti, sui vari componenti montati a bordo della scheda GPC® 323.
Manuale TEXAS INSTRUMENTS:
Manuale TEXAS INSTRUMENTS:
Manuale TEXAS INSTRUMENTS:
Manuale TEXAS INSTRUMENTS:
The TTL Data Book - SN54/74 Families
RS-422 and RS-485 Interface Circuits
Linear Circuits Dtata Book - Volumi 1 e 3
Data Acquisition Circuits Data Book
Manuale NEC:
Manuale NEC:
Microprocessors and Peripherals - Volume 3
Memory Products
Manuale HEWLETT PACKARD:
Optoelectronics Designer’s Catalog
Manuale MAXIM:
Manuale MAXIM:
New Releases Data Book - Volume 4
New Releases Data Book - Volume 5
Manuale XICOR:
Data Book
Manuale PHILIPS:
Manuale PHILIPS:
Manuale PHILIPS:
80C51 - Based 8-Bit Microcontrollers
80C51 - 8 bit Flash microcontroller family
I2C bus
Manuale DALLAS SEMICONDUCTOR:
1992-1993 Product Data Book SUPPLEMENT
Manuale NATIONAL SEMICONDUCTOR: Linear Databook - Volume 1
Manuale INTEL:
8 Bit Embedded Microcontrollers
Manuale TOSHIBA:
Mos Memory Products
Per ulteriori informazioni e aggiornamenti si prega di fare riferimento alle pagine Internet specifiche
gestite dalle compagnie costruttrici.
Pagina 60
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
APPENDICE A: SCHEMI ELETTRICI
In questa appendice sono disponibili gli schemi elettrici delle interfacce per la GPC® 323 più
frequentemente utilizzate. Tutte queste interfaccie possono essere prodotte autonomamente dall'utente
mentre solo alcune di esse sono schede grifo® standard e possono quindi essere ordinate.
+5V
1
4
+5v
Gnd
6
/RES
3
RES
1
74HCT00
10K
1N4148
25
b
5
22mF
+
Gnd
D
Power supply
100nF
100nF
100nF
26
+5V
C
10K
1
+Vcc
B
100nF
A
1
10K
/IRQ
+5V
1
P7
P6
P5
P4
P3
P2
P1
P0
Q7
Q6
Q5
Q4
Q3
Q2
Q1
Q0
/G
/P=Q
74HCT00
6
5
4
3
2
1
18
16
14
12
9
7
5
3
a
2
2
/RST
1
Standard I/O
20 pin connector
19
18
/CS
22mF +
+5V
100nF
/INT
/NMI
/CS1
/CS2
23
24
21
22
N.C.
N.C.
N.C.
N.C.
+5V
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
10K
9
8
7
6
5
4
3
2
BD7
BD6
BD5
BD4
BD3
BD2
BD1
BD0
8
7
6
5
4
3
2
1
1
19
/CS
4
+5V
A1
A0
/WR
/RD
/RST
BA1
BA0
/BWR
/BRD
/BRST
10
9
17
18
20
17
19
20
26 Vcc
3
B8
B7
B6
B5
B4
B3
B2
B1
9
8
7
6
5
4
3
2
19
1
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
/G2
/G1
Y8
Y7
Y6
Y5
Y4
Y3
Y2
Y1
10K
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
11
12
13
14
15
16
17
18
35
/CS
6
/WR
36
/RD
5
RESET
/CS
11
12
13
14
15
16
17
18
10K
A1
A0
/WR
/RD
/RST
PA7
PA6
PA5
PA4
PA3
PA2
PA1
PA0
82c55
/WR
/RD
+5V
74LS541
10K
ABACO® I/O BUS
26 pin connector
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
DIR
/G
RES
+5V
74LS245
2
+5V
+5V
10K
17
15
13
11
8
6
4
2
/BIRQ
19
Dip Switch
10K
BA7
BA6
BA5
BA4
BA3
BA2
16
15
14
13
12
11
10K
2
A7
A6
A5
A4
A3
A2
22mF +
+5V
74LS688
100nF
+5V
A1
A0
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
5
PC7
PC6
PC5
PC4
PC3
PC2
PC1
PC0
37
38
39
40
1
2
3
4
7
8
5
6
3
4
1
2
10
11
12
13
17
16
15
14
10
9
12
11
14
13
16
15
+5V
GND
N.C.
N.C.
PA.7
PA.6
PA.5
PA.4
PA.3
PA.2
PA.1
PA.0
PC.7
PC.6
PC.5
PC.4
PC.3
PC.2
PC.1
PC.0
3
4
8
A1
9
A0
27
28
29
30
31
32
33
34
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
7 Gnd
Standard I/O
20 pin connector
PB7
PB6
PB5
PB4
PB3
PB2
PB1
PB0
7
8
5
6
3
4
1
2
25
24
23
22
21
20
19
18
PB.7
PB.6
PB.5
PB.4
PB.3
PB.2
PB.1
PB.0
5
+5V
18
40 pin Dip
9
10
c
8
12
13
d
GND
100nF
17
+5V
6
+5V
22mF +
74HCT00
11 74HCT00
6
grifo®
Title: PPI example
A
B
Date: 16/11/1998
Rel. 1.1
Page :
1
1
of
C
D
FIGURA A1: SCHEMA ELETTRICO DI ESPANSIONE PPI
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina A-1
grifo®
A
B
ITALIAN TECHNOLOGY
C
D
1
1
CN1
CN4
+5V
RR2
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
100K
1
2
3
4
5
6
7
8
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
2
2
+5V
3
A0
A1
A2
A3
A4
A5
A6
A7
RR4
9
10
11
12
13
14
15
16
100K
A0
A1
A2
A3
A4
A5
A6
A7
1
2
3
4
5
6
+5V
74HCT688
J2
Dip Switch
RR1
17
15
13
11
8
6
4
2
P7
P6
P5
P4
P3
P2
P1
P0
Q7
Q6
Q5
Q4
Q3
Q2
Q1
Q0
100K
18
16
14
12
9
7
5
3
DSW1
1
2
3
4
5
6
7
8
3
IC1
1
/G
19
/P=Q
/CS
RR4
100K
+5V
4
/IRQ
/INT
/NMI
/CS1
/CS2
/WR
/RD
/RST
RR3
19
23
24
21
22
17
18
20
100K
4
/IRQ
/INT
/NMI
/CS1
/CS2
/WR
/RD
/RST
5
5
CN2
26
1
R1
1K
100nF
C3
+Vdc
Gnd
Power supply
+5V
J1
R2
1K
C4
+5v
C1
C2
+
LD2
LD1
Rosso
Rosso
25
100nF
100nF
22mF
2
Gnd
6
6
ABACO® I/O BUS
26 pin connector
grifo®
Title: SPA-03
Date: 16/11/98
Page :
A
B
C
1
Rel. 1.1
of
1
D
FIGURA A2: SCHEMA ELETTRICO SPA 03
Pagina A-2
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
A
B
Standard I/O 20 pin connector
1
7
8
5
6
3
4
1
2
PA.7
PA.6
PA.5
PA.4
PA.3
PA.2
PA.1
PA.0
DISPLAY 4x20
DISPLAY 2x20
+5V
CN4
C
CN1
CN2
RR1
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
14
13
12
11
10
9
8
7
14
13
12
11
10
9
8
7
1
D3
D2
D1
D0
+5V
RR2
13
16
15
14
PC.2
PC.1
PC.0
PC.3
E
R/W
RS
E
R/W
RS
6
5
4
+5V
2
6
5
4
Contrast
3
3
RV1
J1
18
17
+5V
GND
C2
2
1
2
1
16
16
2
+5V
C1
R1
15
R3
15
R2
Keyboard connector
+5V
3
RR2
11
12
9
10
PC.4
PC.5
PC.6
PC.7
R7
4
R6
19
20
N.C.
N.C.
D
C
B
A
#
9
6
3
0
8
5
2
*
7
4
1
3
R5
3
R4
2
DC Power supply
1
Matrix
Keyboard
4x4
8
7
6
5
CN3
2
2
4
6
8
1
3
5
9
D0
D1
D2.
D3
2
5
8
0
3
6
9
#
A
B
C
D
1
2
3
4
5
3
6
7
8
1 2 3 4 5 6 7 8
A
+5V
1
4
7
*
10
12
11
13
14
B
C5
SN7407
7
CN5
4
4
3
PD1
+5V
~
A
-
+
~
C3
C4
+
4
SWITCHING
C9
C6
L1
C8
+
REGOLATOR
C7
+
TZ1
OPTIONAL
5
B
5
AC Power supply
Title:
QTP 16P
Date:
22-07-98
Page :
A
B
1
of
grifo®
Rel.
1.2
1
C
FIGURA A3: SCHEMA ELETTRICO QTP 16P
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina A-3
grifo®
A
B
I/O 20 pins
+5V
CN5
RR1
1
C
LCD 20x2
VFD FUTABA
CN2
7
8
5
6
3
4
1
2
PA.7
PA.6
PA.5
PA.4
PA.3
PA.2
PA.1
PA.0
ITALIAN TECHNOLOGY
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
LCD 20x4
CN4
CN6
1
3
5
7
9
11
13
15
14
13
12
11
10
9
8
7
14
13
12
11
10
9
8
7
SD
Col.1
Col.2
Col.3
Col.4
Col.5
Col.6
1
+5V
RR2
13
16
15
14
11
PC.2
PC.1
PC.0
PC.3
PC.4
2
/SEL
/WR
18
17
/BUSY
20
TEST
16
E
R/W
RS
6
5
4
6
5
4
CLK
Contrast
3
3
+5V
J1
18
17
+5V
GND
E
R/W
RS
+
8
2
1
14
10
12
16
16
15
2
4
6
R7
R5
3
CN3
+5V
R8
12
9
10
PC.5
PC.6
PC.7
+VLED
R6
11
PC.4
15
C10
19
20
N.C.
N.C.
3
+
2
C12
C13
C9
RV1
2
1
10
7
R9
Enter 6
L
H
D
9
R10
RR2
Esc
0
4
K
G
C
5
9
3
J
F
B
1
8
2
I
E
A
QTP 24 keyboard
4x6
8
R11
7
J2
6
5
4
3
2
1
8
6
10
4
12
2
Metal Panel
+5V
4
4
14
C3
IC3
7407
7
9
5
11
3
13
1
Col.6 Col.5 Col.4 Col3 Col.2 Col.1
LD1
LD2
LD3
5
LD5
LD6
LD7
LD8
A
B
C
D
LD9
LD10
LD11
LD12
E
F
G
H
LD13
LD14
LD15
LD16
I
5
LD4
QTP 24
J
K
A
L
1
2
3
4
5
6
7
8
ESC
9
0
ENTER
Title:
B
grifo®
QTP 24P
Date: 2 2 - 0 7 - 1 9 9 8
Rel. 1.2
Page :
2
of
1
C
FIGURA A4: SCHEMA ELETTRICO QTP 24P 1/2
Pagina A-4
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
A
B
C
CN1
+5V
IC1
1
+
IC2
C5
+
C11
+ C7 +
3
C8
SWITCHING
PD1
1
REGOLATOR
M5480
17
18
19
20
21
22
23
24
8¸24Vac
4
LD16
LD15
25
2
2
+5V
14
R1
LD14
26
LD13
27
13
C4
C2
LD12
28
LD11
2
+5V
1
LD10
3
3
D4
D3
3
+5V
LD9
4
R4
R3
LD8
5
CLK
15
LD7
6
LD6
7
SD
16
LD5
8
4
4
LD4
9
LD3
10
LD2
11
LD1
12
5
5
Title:
Date: 2 2 - 0 7 - 1 9 9 8
Page :
A
B
grifo®
QTP 24P
2
of
Rel.
1.1
2
C
FIGURA A5: SCHEMA ELETTRICO QTP 24P 2/2
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina A-5
grifo®
A
B
ITALIAN TECHNOLOGY
C
D
1
A0
A1
A2
+5v
22mF
+
25
Gnd
Gnd
+5V
/BIRQ
19
/IRQ
/INT
/NMI
/CS1
/CS2
+5V
23
24
21
22
1
1
2
3
4
5
74HCT32
19
9
8
7
6
5
4
3
2
3
a
+5V
+5V
/CS
/RES
1
11
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
3
4
7
8
13
14
17
18
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
10K
11
12
13
14
15
16
17
18
18
17
16
15
14
13
12
11
Y1
Y2
Y3
Y4
Y5
Y6
Y7
Y8
1
19
/G1
/G2
A1
A2
A3
A4
A5
A6
A7
A8
6
3
a
A2
A1
A0
RES
/CS2
2
/WR
/RES
1
11
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
3
4
7
8
13
14
17
18
D0
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
74HCT00
2
6
1
9
10
9
c
19
20
+5V
10
9
12
11
14
13
16
15
GND
2
PA.7
PA.6
PA.5
PA.4
PA.3
PA.2
PA.1
PA.0
N.C.
N.C.
3
PC.7
PC.6
PC.5
PC.4
PC.3
PC.2
PC.1
PC.0
8
74HCT00
10
Standard I/O
20 pin connector
18
22mF
+
74LS273
/RES
3
a
2
/CS1
/RD
2
3
4
5
6
7
8
9
/CLR
CLK
1Q
1D
2Q
2D
3Q
3D
4Q
4D
5Q
5D
6Q
6D
7Q
7D
8Q
8D
c
8
18
17
16
15
14
13
12
11
Y1
Y2
Y3
Y4
Y5
Y6
Y7
Y8
1
19
/G1
/G2
A1
A2
A3
A4
A5
A6
A7
A8
17
7
8
5
6
3
4
1
2
2
5
6
9
12
15
16
19
74LS541
22mF +
7
8
5
6
3
4
1
2
+5V
1
1
/RST
2
5
6
9
12
15
16
19
74HCT32
/WR
/RD
/RST
74HCT00
10K
10K
1N4148
/CLR
CLK
1Q
1D
2Q
2D
3Q
3D
4Q
4D
5Q
5D
6Q
6D
7Q
7D
8Q
8D
17
+5V
+5V
Y8
Y7
Y6
Y5
Y4
Y3
Y2
Y1
b
5
+
74LS541
4
5
18
22mF
10K
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
19
1 /G2
/G1
ABACO® I/O BUS
26 pin connector
/WR
74LS273
10K
74LS541
10K
9
8
7
6
5
4
3
2
/BWR
/BRD
/BRST
BA2
BA1
BA0
17
18
20
11
10
9
B8
B7
B6
B5
B4
B3
B2
B1
1
Standard I/O
20 pin connector
/CS1
2
+5V
11
12
13
14
15
16
17
18
/CS1
/CS2
/CS3
/CS4
/CS5
/CS6
/CS7
/CS8
+5V
1
+5V
/P=Q
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
1
19 DIR
/G
/CS
/WR
/RD
/RST
A2
A1
A0
18
16
14
12
9
7
5
3
74LS245
10K
BD7
BD6
BD5
BD4
BD3
BD2
BD1
BD0
8
7
6
5
4
3
2
1
4
/G
Q7
Q6
Q5
Q4
Q3
Q2
Q1
Q0
N.C.
N.C.
N.C.
N.C.
+5V
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
P7
P6
P5
P4
P3
P2
P1
P0
10K
10K
2
17
15
13
11
8
6
4
2
A
B
C
Dip Switch
10K
BA7
BA6
BA5
BA4
BA3
16
15
14
13
12
A7
A6
A5
A4
A3
/CS
10K
15
14
13
12
11
10
9
7
Y0
Y1
Y2
Y3
Y4
6
Y5
G1
4
Y6
/G2A
5
/G2B Y7
/RES
+5V
74LS688
10K
1
2
3
100nF
1
3
74LS138
100nF
100nF
100nF
26
+Vcc
100nF
100nF
+5V
+5V
Power supply
/CS2
/RD
+5V
2
3
4
5
6
7
8
9
4
+5V
GND
PA.7
PA.6
PA.5
PA.4
PA.3
PA.2
PA.1
PA.0
19
20
N.C.
N.C.
10
9
12
11
14
13
16
15
PC.7
PC.6
PC.5
PC.4
PC.3
PC.2
PC.1
PC.0
5
6
10K
74HCT32
+5V
+5V
12
13
A
d
11 74HCT00
B
13
grifo®
Title: I/O example
12
d
11
74HCT32
C
Date: 28/04/1999
Rel. 1.2
Page :
1
1
of
D
FIGURA A6: SCHEMA ELETTRICO DI I/O SU ABACO® I/O BUS
Pagina A-6
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
+Vcc
26
+5V
D
Power supply
100nF
1
100nF
C
100nF
B
100nF
A
1
1
+5v
22mF
+
Gnd
25
Gnd
+5V
/IRQ
/INT
/NMI
/CS1
/CS2
3
19
/BIRQ
10K
17
15
13
11
8
6
4
2
1
23
24
21
22
/G
/P=Q
9
8
7
6
5
4
3
2
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
1
19 DIR
/G
/CS
+5V
/CS
/BWR
/BRD
/BRST
17
18
20
+5V
9
8
7
6
5
4
3
2
A8
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
19
1 /G2
/G1
5
+5V
B8
B7
B6
B5
B4
B3
B2
B1
10K
11
12
13
14
15
16
17
18
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
4
+5V
74LS541
10K
ABACO® I/O BUS
26 pin connector
Y8
Y7
Y6
Y5
Y4
Y3
Y2
Y1
11
12
13
14
15
16
17
18
10K
/WR
/RD
/RST
5
4
5
6
/RES
22mF +
c
10
8
74HCT00
74HCT00
10K
10K
9
b
+5V
1
6
2
19
74LS245
10K
BD7
BD6
BD5
BD4
BD3
BD2
BD1
BD0
8
7
6
5
4
3
2
1
1N4148
Q7
Q6
Q5
Q4
Q3
Q2
Q1
Q0
3
4
/WR
/RD
/RST
P7
P6
P5
P4
P3
P2
P1
P0
1
2
3
4
5
6
7
8
N.C.
N.C.
N.C.
N.C.
+5V
D7
D6
D5
D4
D3
D2
D1
D0
Dip Switch
10K
18
16
14
12
9
7
5
3
10K
2
BA7
BA6
BA5
BA4
BA3
BA2
BA1
BA0
10K
A7
A6
A5
A4
A3
A2
A1
A0
16
15
14
13
12
11
10
9
+5V
74LS688
2
12
a
3
RES
d
13
11 74HCT00
6
74HCT00
/RST
2
1
grifo®
Title: BUS interface
Date: 16/11/98
Page :
A
B
1
C
Rel. 1.1
of
1
D
FIGURA A7: SCHEMA ELETTRICO INTERFACCIA BUS
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina A-7
grifo®
A
ITALIAN TECHNOLOGY
B
C
D
1
1
CN2
20 pin Low-Profile Male
2
P1.0
P0.0
P0.1
P0.2
P0.3
P0.4
P0.5
P0.6
P0.7
P1.5
P1.7
P1.4
P1.6
P1.1
P1.2
P1.3
+5V
GND
CN1
25 pin D-Type Female
15
2
1
4
3
6
5
8
7
12
10
11
9
16
20
13
14
19
18
17
3
RR1
4,7 KW 9+1
+5V
C4 2,2 nF C6 2,2 nF C8 2,2 nF C10 2,2 nF
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
/STROBE
D1
D2
D3
D4
D5
D6
D7
D8
/ACK
BUSY
PE
SELECT
/AUTOLF
/FAULT
/RESET
MODE
2
3
22 mF 6,3V
C2
100 nF
+
C5
C3
C7
2,2 nF
2,2 nF
C11
C9
C1
2,2 nF
2,2 nF
2,2 nF
4
4
5
5
Title:
grifo®
IAC 01
Date: 13-11-98
Page :
A
B
1
Rel. 1.1
of
1
C
D
FIGURA A8: SCHEMA ELETTRICO IAC 01
Pagina A-8
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
APPENDICE B: DESCRIZIONE COMPONENTI DI BORDO
µP 80C32
Philips Semiconductors
Product specification
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
DESCRIPTION
80C32/87C52
PIN CONFIGURATIONS
The Philips 80C32/87C52 is a high-performance microcontroller
fabricated with Philips high-density CMOS technology. The Philips
CMOS technology combines the high speed and density
characteristics of HMOS with the low power attributes of CMOS.
Philips epitaxial substrate minimizes latch-up sensitivity.
The 87C52 contains an 8k × 8 EPROM and the 80C32 is ROMless.
Both contain a 256 × 8 RAM, 32 I/O lines, three 16-bit
counter/timers, a six-source, two-priority level nested interrupt
structure, a serial I/O port for either multi-processor
communications, I/O expansion or full duplex UART, and on-chip
oscillator and clock circuits.
In addition, the 80C32/87C52 has two software selectable modes of
power reduction—idle mode and power-down mode. The idle mode
freezes the CPU while allowing the RAM, timers, serial port, and
interrupt system to continue functioning. The power-down mode
saves the RAM contents but freezes the oscillator, causing all other
chip functions to be inoperative.
P1.0/T2
1
40 VDD
P1.1/T2EX
2
39 P0.0/AD0
P1.2
3
38 P0.1/AD1
P1.3
4
37 P0.2/AD2
P1.4
5
36 P0.3/AD3
P1.5
6
35 P0.4/AD4
P1.6
7
34 P0.5/AD5
P1.7
8
33 P0.6/AD6
RST
RxD/P3.0
See 80C52/80C54/80C58 datasheet for ROM device specifications.
FEATURES
• 80C51 based architecture
• 8032 compatible
– 8k × 8 EPROM (87C52)
– ROMless (80C32)
– 256 × 8 RAM
9
10
CERAMIC
AND
PLASTIC
DUAL
IN-LINE
PACKAGE
32 P0.7/AD7
31 EA/V
PP
30 ALE/PROG
TxD/P3.1
11
INT0/P3.2
12
29 PSEN
INT1/P3.3
13
28 P2.7/A15
T0/P3.4
14
27 P2.6/A14
T1/P3.5
15
26 P2.5/A13
WR/P3.6
16
25 P2.4/A12
RD/P3.7
17
24 P2.3/A11
XTAL2
18
23 P2.2/A10
XTAL1
19
22 P2.1/A9
VSS
20
21 P2.0/A8
SU00060
– Three 16-bit counter/timers
– Full duplex serial channel
– Boolean processor
• Memory addressing capability
– 64k ROM and 64k RAM
• Power control modes:
– Idle mode
– Power-down mode
• CMOS and TTL compatible
• Three speed ranges:
– 3.5 to 16MHz
– 3.5 to 24MHz
– 3.5 to 33MHz
• Five package styles
• Extended temperature ranges
• OTP package available
2
1996 Aug 16
GPC® 323
Rel. 3.30
853–1562 17195
Pagina B-1
Pagina B-2
Transition
Detector
C/T2 = 1
C/T2 = 0
TR2
Control
EXF2
Control
GPC® 323
X
X
Reload
RCAP2H
TH2
(8-bits)
0
1
1
1
TR2
It should be noted that when Timer 2 is running (TR2 = 1) in “timer”
function in the baud rate generator mode, one should not try to read
or write TH2 or TL2. Under these conditions the timer is being
incremented every state time, and the results of a read or write may
not be accurate. The RCAP registers may be read, but should not
be written to, because a write might overlap a reload and cause
write and/or reload errors. Turn the timer off (clear TR2) before
accessing the Timer 2 or RCAP registers, in this case.
10
÷2
MODE
“0”
“0”
“0”
“1”
Timer 1
Overflow
÷ 16
÷ 16
SU00068
TX Clock
TCLK
RX Clock
RCLK
SMOD
80C32/87C52
Timer 2 Overflow Rate
16
32
Oscillator Frequency
[65536 (RCAP2H, RCAP2L)]
RCAP2H, RCAP2L
65536
Oscillator Frequency
32 Baud Rate
To obtain the reload value for RCAP2H and RCA02L, the above
equation can be rewritten as:
Baud Rate
And if it is being clocked internally, the baud rate is:
Baud Rate
For this purpose, Timer 2 must be used in the baud rate generating
mode. If Timer 2 is being clocked through pin T2 (P1.0) the baud
rate is:
Using Timer/Counter 2 to Generate Baud Rates
Except for the baud rate generator mode, the values given for
T2CON do not include the setting of the TR2 bit. Therefore, bit TR2
must be set, separately, to turn the timer on. See Table 3 for set-up
of timer 2 as a timer. See Table 4 for set-up of timer 2 as a counter.
Timer/Counter 2 Set-up
(off)
“1”
“1”
Baud rate generator
16-bit Capture
16-bit Auto-reload
Figure 4. Timer 2 in Baud Rate Generator Mode
Timer 2 as a baud rate generator is shown in Figure 4. This figure is
valid only if RCLK + TCLK = 1 in T2CON. Note that a rollover in TH2
does not set TF2, and will not generate an interrupt. Therefore, the
Timer 2 interrupt does not have to be disabled when Timer 2 is in
the baud rate generator mode. Note too, that if EXEN2 is set, a
1-to-0 transition in T2EX will set EXF2 but will not cause a reload
from (RCAP2H, RCAP2L) to (TH2, TL2). Thus when Timer 2 is in
use as a baud rate generator, T2EX can be used as an extra
external interrupt, if desired.
1
X
1
0
0
CP/RL2
0
1996 Aug 16
Timer 2
Interrupt
RCAP2L
TL2
(8-bits)
Note availability of additional external interrupt.
EXEN2
Timer 2 Operating Modes
÷2
RCLK + TCLK
Table 2.
T2EX Pin
T2 Pin
OSC
NOTE: OSC. Freq. is divided by 2, not 12.
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Product specification
1996 Aug 16
RST
EA
ALE
PSEN
VSS
VCC
XTAL1
OSCILLATOR
PD
TIMING
AND
CONTROL
B
REGISTER
RAM ADDR
REGISTER
BLOCK DIAGRAM
XTAL2
ACC
RAM
P1.0–P1.7
PORT 1
DRIVERS
PORT 1
LATCH
PSW
TMP2
5
TH0
TH2
TL1
IP
RCAP2H
TL2
IE
TH1
TCON
TL0
TMOD
STACK
POINTER
P3.0–P3.7
PORT 3
DRIVERS
PORT 3
LATCH
INTERRUPT, SERIAL
PORT AND TIMER BLOCKS
RCAP2L SBUF
SCON
PCON
PORT 2
LATCH
PORT 0
LATCH
T2CON
PORT 2
DRIVERS
PORT 0
DRIVERS
ALU
P2.0–P2.7
P0.0–P0.7
TMP1
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
INSTRUCTION
REGISTER
Philips Semiconductors
ROM/
EPROM
DPTR
PROGRAM
COUNTER
PC
INCREMENTER
BUFFER
PROGRAM
ADDRESS
REGISTER
SU00064
80C32/87C52
Product specification
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
B register
Data pointer (2 bytes)
Data pointer high
Data pointer low
Interrupt enable
Interrupt priority
Port 0
Port 1
Port 2
Port 3
Power control
Program status word
Capture high
Capture low
Serial data buffer
Serial controller
Stack pointer
Timer control
Timer 2 control
Timer high 0
Timer high 1
Timer high 2
Timer low 0
Timer low 1
Timer low 2
B*
DPTR:
DPH
DPL
IE*
IP*
P0*
P1*
P2*
P3*
PCON1
PSW*
RCAP2H#
RCAPL#
SBUF
SCON*
SP
TCON*
T2CON*#
TH0
TH1
TH2#
TL0
TL1
TL2#
8CH
8DH
CDH
8AH
8BH
CCH
C8H
88H
81H
98H
99H
CBH
CAH
D0H
87H
B0H
A0H
90H
80H
B8H
A8H
83H
82H
F0H
E0H
CE
EXF2
CF
TF2
TR1
8E
SM1
9E
TF1
8F
SM0
9F
AC
D6
D7
CY
–
SMOD
WR
B6
RD
B7
A6
A14
A7
A15
–
96
–
97
86
AD6
87
AD7
–
BE
BF
–
–
AE
F6
E6
EA
AF
F7
E7
RCLK
CD
TF0
8D
SM2
9D
F0
D5
–
T1
B5
A13
A5
–
95
AD5
85
PT2
BD
ET2
AD
F5
E5
TCLK
CC
TR0
8C
REN
9C
RS1
D4
–
T0
B4
A12
A4
–
94
AD4
84
PS
BC
ES
AC
F4
E4
EXEN2
CB
IE1
8B
TB8
9B
RS0
D3
GF1
INT1
B3
A11
A3
–
93
AD3
83
PT1
BB
ET1
AB
F3
E3
Pagina B-3
1996 Aug 16
6
C/T
TR2
CA
IT1
8A
RB8
9A
OV
D2
GF0
INT0
B2
A10
A2
–
92
AD2
82
PX1
BA
EX1
AA
F2
E2
M1
C/T2
C9
IE0
89
TI
99
–
D1
PD
TxD
B1
A9
A1
T2EX
91
AD1
81
PT0
B9
ET0
A9
F1
E1
M0
CP/RL2
C8
IT0
88
RI
98
P
D0
IDL
RxD
B0
A8
A0
T2
90
AD0
80
PX0
B8
EX0
A8
F0
E0
00H
00H
00H
00H
00H
00H
00H
00H
00H
07H
00H
xxxxxxxxB
00H
00H
00H
0xxxxxxxB
FFH
FFH
FFH
FFH
xx000000B
0x000000B
00H
00H
00H
00H
RESET
VALUE
80C32/87C52
Product specification
DIRECT
BIT ADDRESS, SYMBOL, OR ALTERNATIVE PORT FUNCTION
ADDRESS MSB
LSB
TMOD
Timer mode
89H
GATE
C/T
M1
M0
GATE
* Bit addressable
# SFRs are modified from or added to the 80C51 SFRs.
1. Bits GF1, GF0, PD, and IDL of the PCON register are not implemented in the NMOS 8XC52.
Accumulator
DESCRIPTION
8XC52 Special Function Registers
ACC*
SYMBOL
Table 1.
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
18
1996 Aug 16
19
XTAL2
31
29
30
9
10
11
12
13
14
15
16
17
10–17
21–28
1
2
1–8
39–32
40
20
DIP
XTAL1
EA/VPP
PSEN
ALE/PROG
RST
P3.0–P3.7
P2.0–P2.7
P1.0–P1.7
P0.0–0.7
VCC
VSS
MNEMONIC
20
21
35
32
33
10
11
13
14
15
16
17
18
19
11,
13–19
24–31
2
3
2–9
43–36
44
22
LCC
PIN NO.
PIN DESCRIPTION
14
15
29
26
27
4
5
7
8
9
10
11
12
13
5,
7–13
18–25
40
41
40–44
1–3
37–30
38
16
QFP
O
I
I
O
I/O
I
I
O
I
I
I
I
O
O
I/O
I/O
I
I
I/O
I/O
I
I
TYPE
80C32/87C52
Product specification
7
Crystal 2: Output from the inverting oscillator amplifier.
Crystal 1: Input to the inverting oscillator amplifier and input to the internal clock generator
circuits.
External Access Enable/Programming Supply Voltage: EA must be externally held low
to enable the device to fetch code from external program memory locations 0000H to
1FFFH. If EA is held high, the device executes from internal program memory unless the
program counter contains an address greater than 1FFFH. This pin also receives the
12.75V programming supply voltage (VPP) during EPROM programming.
Program Store Enable: The read strobe to external program memory. When the device is
executing code from the external program memory, PSEN is activated twice each machine
cycle, except that two PSEN activations are skipped during each access to external data
memory. PSEN is not activated during fetches from internal program memory.
Address Latch Enable/Program Pulse: Output pulse for latching the low byte of the
address during an access to external memory. In normal operation, ALE is emitted at a
constant rate of 1/6 the oscillator frequency, and can be used for external timing or clocking.
Note that one ALE pulse is skipped during each access to external data memory. This pin is
also the program pulse input (PROG) during EPROM programming.
Reset: A high on this pin for two machine cycles while the oscillator is running, resets the
device. An internal diffused resistor to VSS permits a power-on reset using only an external
capacitor to VCC.
Port 3: Port 3 is an 8-bit bidirectional I/O port with internal pull-ups. Port 3 pins that have 1s
written to them are pulled high by the internal pull-ups and can be used as inputs. As
inputs, port 3 pins that are externally being pulled low will source current because of the
pull-ups. (See DC Electrical Characteristics: IIL). Port 3 also serves the special features of
the 80C51 family, as listed below:
RxD (P3.0): Serial input port
TxD (P3.1): Serial output port
INT0 (P3.2): External interrupt
INT1 (P3.3): External interrupt
T0 (P3.4): Timer 0 external input
T1 (P3.5): Timer 1 external input
WR (P3.6): External data memory write strobe
RD (P3.7): External data memory read strobe
Port 2: Port 2 is an 8-bit bidirectional I/O port with internal pull-ups. Port 2 pins that have 1s
written to them are pulled high by the internal pull-ups and can be used as inputs. As
inputs, port 2 pins that are externally being pulled low will source current because of the
internal pull-ups. (See DC Electrical Characteristics: IIL). Port 2 emits the high-order
address byte during fetches from external program memory and during accesses to
external data memory that use 16-bit addresses (MOVX @DPTR). In this application, it
uses strong internal pull-ups when emitting 1s. During accesses to external data memory
that use 8-bit addresses (MOV @Ri), port 2 emits the contents of the P2 special function
register.
Port 1: Port 1 is an 8-bit bidirectional I/O port with internal pull-ups. Port 1 pins that have 1s
written to them are pulled high by the internal pull-ups and can be used as inputs. As
inputs, port 1 pins that are externally pulled low will source current because of the internal
pull-ups. (See DC Electrical Characteristics: IIL). Pins P1.0 and P1.1 also. Port 1 also
receives the low-order address byte during program memory verification. Port 1 also serves
alternate functions for timer 2:
T2 (P1.0): Timer/counter 2 external count input.
T2EX (P1.1): Timer/counter 2 trigger input.
Port 0: Port 0 is an open-drain, bidirectional I/O port. Port 0 pins that have 1s written to
them float and can be used as high-impedance inputs. Port 0 is also the multiplexed
low-order address and data bus during accesses to external program and data memory. In
this application, it uses strong internal pull-ups when emitting 1s. Port 0 also outputs the
code bytes during program verification in the 87C52. External pull-ups are required during
program verification.
Power Supply: This is the power supply voltage for normal, idle, and power-down
operation.
Ground: 0V reference.
NAME AND FUNCTION
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-4
1996 Aug 16
RCLK
TCLK
EXEN2
Timer 2 Overflow Rate
16
Modes 1, 3 Baud Rate
32
TR2
C/T2
CP/RL2
(LSB)
where (RCAP2H, RCAP2L) is the content of RCAP2H and RCAP2L
taken as a 16-bit unsigned integer.
Oscillator Frequency
[65536 (RCAP2H, RCAP2L)]
The timer can be configured for either “timer” or “counter” operation.
In the most typical applications, it is configured for “timer” operation
(C/T2 = 0). “Timer” operation is a little different for Timer 2 when it’s
being used as a baud rate generator. Normally, as a timer it would
increment every machine cycle (thus at 1/12 the oscillator
frequency). As a baud rate generator, however, it increments every
state time (thus at 1/2 the oscillator frequency). In that case the
baud rate is given by the formula:
Modes 1, 3 Baud Rate
Now, the baud rates in Modes 1 and 3 are determined by Timer 2’s
overflow rate as follows:
The baud rate generator mode is similar to the auto-reload mode, in
that a rollover in TH2 causes the Timer 2 registers to be reloaded
with the 16-bit value in registers RCAP2H and RCAP2L, which are
preset by software.
In the 8XC52, Timer 2 is selected as the baud rate generator by
setting TCLK and/or RCLK in T2CON (see Figure 1). Note that the
baud rate for transmit and receive can be simultaneously different.
Setting RCLK and/or TCLK puts Timer into its baud rate generator
mode, as shown in Figure 4.
The serial port of the 8XC52 is identical to that of the 80C51 except
that counter/timer 2 can be used to generate baud rates.
Serial Port
The baud rate generation mode is selected by RCLK = 1 and/or
TCLK = 1. It will be described in conjunction with the serial port.
GPC® 323
T2CON.0
CP/RL2
8
Figure 1. Timer/Counter 2 (T2CON) Control Register
Capture/Reload flag. When set, captures will occur on negative transitions at T2EX if EXEN2 = 1. When cleared, auto-reloads will
occur either with Timer 2 overflows or negative transitions at T2EX when EXEN2 = 1. When either RCLK = 1 or TCLK = 1, this bit is
ignored and the timer is forced to auto-reload on Timer 2 overflow.
Start/stop control for Timer 2. A logic 1 starts the timer.
Timer or counter select. (Timer 2)
0 = Internal timer (OSC/12)
1 = External event counter (falling edge triggered).
T2CON.1
C/T2
SU00065
Timer 2 external enable flag. When set, allows a capture or reload to occur as a result of a negative transition on T2EX if Timer 2 is not
being used to clock the serial port. EXEN2 = 0 causes Timer 2 to ignore events at T2EX.
T2CON.3
T2CON.2
TR2
Transmit clock flag. When set, causes the serial port to use Timer 2 overflow pulses for its transmit clock in modes 1 and 3. TCLK = 0
causes Timer 1 overflows to be used for the transmit clock.
Receive clock flag. When set, causes the serial port to use Timer 2 overflow pulses for its receive clock in modes 1 and 3. RCLK = 0
causes Timer 1 overflow to be used for the receive clock.
Timer 2 external flag set when either a capture or reload is caused by a negative transition on T2EX and EXEN2 = 1. When Timer 2
interrupt is enabled, EXF2 = 1 will cause the CPU to vector to the Timer 2 interrupt routine. EXF2 must be cleared by software.
Timer 2 overflow flag set by a Timer 2 overflow and must be cleared by software. TF2 will not be set when either RCLK or TCLK = 1.
Name and Significance
EXF2
80C32/87C52
Product specification
transition at external input T2EX will also trigger the 16-bit reload
and set EXF2. The auto-reload mode is illustrated in Figure 3.
EXEN2
T2CON.5
T2CON.4
TCLK
T2CON.6
RCLK
T2CON.7
TF2
Position
EXF2
Symbol
TF2
(MSB)
In the auto-reload mode, there are again two options, which are
selected by bit EXEN2 in T2CON. If EXEN2 = 0, then when Timer 2
rolls over it not only sets TF2 but also causes the Timer 2 registers
to be reloaded with the 16-bit value in registers RCAP2L and
RCAP2H, which are preset by software. If EXEN2 = 1, then Timer 2
still does the above, but with the added feature that a 1-to-0
In the Capture Mode there are two options which are selected by bit
EXEN2 in T2CON. If EXEN2 = 0, then Timer 2 is a 16-bit timer or
counter which upon overflowing sets bit TF2, the Timer 2 overflow
bit, which can be used to generate an interrupt. If EXEN2 = 1, then
Timer 2 still does the above, but with the added feature that a 1-to-0
transition at external input T2EX causes the current value in the
Timer 2 registers, TL2 and TH2, to be captured into registers
RCAP2L and RCAP2H, respectively. (RCAP2L and RCAP2H are
new special function registers in the 80C52.) In addition, the
transition at T2EX causes bit EXF2 in T2CON to be set, and EXF2
like TF2 can generate an interrupt. The Capture Mode is illustrated
in Figure 2.
In addition to timer/counters 0 and 1 of the 80C51, the 80C32/87C52
contains timer/counter 2. Like timers 0 and 1, timer 2 can operate as
either an event timer or as an event counter. This is selected by bit
C/T2 in the special function register T2CON (see Figure 1). It has
three operating modes: capture, auto-load, and baud rate generator,
which are selected by bits in the T2CON as shown in Table 2.
Timer/Counters
The special function register space is the same as the 80C51 except
that the 80C32/87C52 contains the additional special function
registers T2CON, RCAP2L, RCAP2H, TL2, and TH2. Since the
standard 80C51 on-chip functions are identical in the 8XC52, the
SFR locations, bit locations, and operation are likewise identical.
The only exceptions are in the interrupt mode and interrupt priority
SFRs (see Table 1).
Special Function Registers
DIFFERENCES FROM THE 80C51
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
1996 Aug 16
T2EX PIN
T2 PIN
OSC
T2EX Pin
T2 Pin
OSC
TRANSITION
DETECTOR
÷ 12
Transition
Detector
÷ 12
C/T2 = 1
C/T2 = 0
C/T2 = 1
C/T2 = 0
Control
EXEN2
Capture
RCAP2L
TL2
(8-bits)
RCAP2H
TH2
(8-bits)
TR2
RCAP2L
RCAP2H
TH2
(8-BITS)
9
Figure 3. Timer 2 in Auto-Reload Mode
RELOAD
CONTROL
TL2
(8-BITS)
Figure 2. Timer 2 in Capture Mode
CONTROL
EXEN2
TR2
Control
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
EXF2
TF2
EXF2
TF2
SU00067
TIMER 2
INTERRUPT
SU00066
Timer 2
Interrupt
80C32/87C52
Product specification
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
Transition
Detector
C/T2 = 1
C/T2 = 0
TR2
EXF2
Control
Pagina B-5
X
X
Reload
RCAP2H
TH2
(8-bits)
0
1
1
1
TR2
It should be noted that when Timer 2 is running (TR2 = 1) in “timer”
function in the baud rate generator mode, one should not try to read
or write TH2 or TL2. Under these conditions the timer is being
incremented every state time, and the results of a read or write may
not be accurate. The RCAP registers may be read, but should not
be written to, because a write might overlap a reload and cause
write and/or reload errors. Turn the timer off (clear TR2) before
accessing the Timer 2 or RCAP registers, in this case.
10
÷2
MODE
“0”
“0”
“0”
“1”
Timer 1
Overflow
÷ 16
÷ 16
SU00068
TX Clock
TCLK
RX Clock
RCLK
SMOD
80C32/87C52
Product specification
Timer 2 Overflow Rate
16
32
Oscillator Frequency
[65536 (RCAP2H, RCAP2L)]
RCAP2H, RCAP2L
65536
Oscillator Frequency
32 Baud Rate
To obtain the reload value for RCAP2H and RCA02L, the above
equation can be rewritten as:
Baud Rate
And if it is being clocked internally, the baud rate is:
Baud Rate
For this purpose, Timer 2 must be used in the baud rate generating
mode. If Timer 2 is being clocked through pin T2 (P1.0) the baud
rate is:
Using Timer/Counter 2 to Generate Baud Rates
Except for the baud rate generator mode, the values given for
T2CON do not include the setting of the TR2 bit. Therefore, bit TR2
must be set, separately, to turn the timer on. See Table 3 for set-up
of timer 2 as a timer. See Table 4 for set-up of timer 2 as a counter.
Timer/Counter 2 Set-up
(off)
“1”
“1”
Baud rate generator
16-bit Capture
16-bit Auto-reload
Figure 4. Timer 2 in Baud Rate Generator Mode
Timer 2 as a baud rate generator is shown in Figure 4. This figure is
valid only if RCLK + TCLK = 1 in T2CON. Note that a rollover in TH2
does not set TF2, and will not generate an interrupt. Therefore, the
Timer 2 interrupt does not have to be disabled when Timer 2 is in
the baud rate generator mode. Note too, that if EXEN2 is set, a
1-to-0 transition in T2EX will set EXF2 but will not cause a reload
from (RCAP2H, RCAP2L) to (TH2, TL2). Thus when Timer 2 is in
use as a baud rate generator, T2EX can be used as an extra
external interrupt, if desired.
1
X
1
0
0
0
CP/RL2
1996 Aug 16
Timer 2
Interrupt
RCAP2L
TL2
(8-bits)
Note availability of additional external interrupt.
EXEN2
Control
Timer 2 Operating Modes
÷2
RCLK + TCLK
Table 2.
T2EX Pin
T2 Pin
OSC
NOTE: OSC. Freq. is divided by 2, not 12.
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
IE0
TF0
IE1
TF1
RI + TI
TF2 + EXF2
Source
34H
24H
Baud rate generator receive and transmit same baud rate
Receive only
02H
03H
Auto-Reload
INTERNAL CONTROL
(Note 1)
16-bit
MODE
Timer 2 as a Counter
TMOD
T2CON
0AH
EXTERNAL CONTROL
(Note 2)
16H
26H
36H
09H
08H
EXTERNAL CONTROL
(Note 2)
1996 Aug 16
11
0BH
NOTES:
1. Capture/reload occurs only on timer/counter overflow.
2. Capture/reload occurs on timer/counter overflow and a 1-to-0 transition on T2EX (P1.1) pin except when timer 2 is used in the baud rate
generator mode.
Table 4.
14H
01H
INTERNAL CONTROL
(Note 1)
16-bit Capture
Transmit only
Vector Priority Within
Address
Level
0003H
(highest)
000BH
0013H
001BH
0023H
002BH
(lowest)
Note that they are identical to those in the 80C51 except for the
addition of the Timer 2 (TF1 and EXF2) interrupt at 002BH and at
the lowest priority within a level.
1.
2.
3.
4.
5.
6.
The interrupt vector addresses and the interrupt priority for requests
in the same priority level are given in the following:
00H
MODE
Timer 2 as a Timer
80C32/87C52
Product specification
by hardware. That is, interrupts can be generated or pending
interrupts can be canceled in software.
16-bit Auto-Reload
Table 3.
All of the bits that generate interrupts can be set or cleared by
software, with the same result as though it has been set or cleared
In the 80C32/87C52, the Timer 2 Interrupt is generated by the
logical OR of TF2 and EXF2. Neither of these flags is cleared by
hardware when the service routine is vectored to. In fact, the service
routine may have to determine whether it was TF2 or EXF2 that
generated the interrupt, and the bit will have to be cleared in
software.
The Interrupt Enable Register and the Interrupt Priority Register are
modified to include the additional 80C32/87C52 interrupt sources.
The operation of these registers is identical to the 80C51.
The 80C32/87C52 has 6 interrupt sources. All except TF2 and EXF2
are identical sources to those in the 80C51.
Interrupts
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-6
Internal
External
Power-down
Power-down
1996 Aug 16
External
Idle
PROGRAM MEMORY
Internal
MODE
Idle
0
0
1
1
ALE
12
80C32/87C52
Product specification
0
0
1
1
PSEN
Float
Data
Float
Data
PORT 0
Data
Data
Data
Data
PORT 1
Data
Data
Address
Data
PORT 2
Data
Data
Data
Data
PORT 3
As a precaution to coming out of an unexpected power down, INT0
and INT1 should be disabled prior to enterring power down.
Table 5 shows the state of I/O ports during low current operating
modes.
At power-on, the voltage on VCC and RST must come up at the
same time for a proper start-up.
DESIGN CONSIDERATIONS
In the power-down mode, the oscillator is stopped and the
instruction to invoke power-down is the last instruction executed.
Only the contents of the on-chip RAM are preserved. A hardware
reset is the only way to terminate the power-down mode. the control
bits for the reduced power modes are in the special function register
PCON.
POWER-DOWN MODE
of the special function registers remain intact during this mode. The
idle mode can be terminated either by any enabled interrupt (at
which time the process is picked up at the interrupt service routine
and continued), or by a hardware reset which starts the processor in
the same manner as a power-on reset.
Table 5. External Pin Status During Idle and Power-Down Modes
In idle mode, the CPU puts itself to sleep while all of the on-chip
peripherals stay active. The instruction to invoke the idle mode is the
last instruction executed in the normal operating mode before the
idle mode is activated. The CPU contents, the on-chip RAM, and all
IDLE MODE
A reset is accomplished by holding the RST pin high for at least two
machine cycles (24 oscillator periods), while the oscillator is running.
To insure a good power-up reset, the RST pin must be high long
enough to allow the oscillator time to start up (normally a few
milliseconds) plus two machine cycles.
RESET
To drive the device from an external clock source, XTAL1 should be
driven while XTAL2 is left unconnected. There are no requirements
on the duty cycle of the external clock signal, because the input to
the internal clock circuitry is through a divide-by-two flip-flop.
However, minimum and maximum high and low times specified in
the data sheet must be observed.
XTAL1 and XTAL2 are the input and output, respectively, of an
inverting amplifier. The pins can be configured for use as an on-chip
oscillator, as shown in the Logic Symbol, page 4.
OSCILLATOR CHARACTERISTICS
CMOS single-chip 8-bit microcontrollers
Philips Semiconductors
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
µP 80C320
DS80C320
DS80C320
High–Speed Micro
FEATURES
PIN ASSIGNMENT
• 80C32–Compatible
–
–
–
–
–
–
–
Pin–compatible
Standard 8051 instruction set
Four 8–bit I/O ports
Three 16–bit timer/counters
256 bytes scratchpad RAM
Multiplexed address/data bus
Addresses 64KB ROM and 64KB RAM
• High–speed architecture
–
–
–
–
–
–
–
4 clocks/machine cycle (8032=12)
Wasted cycles removed
Runs DC to 33 MHz clock rates
Single–cycle instruction in 121 ns
Uses less power for equivalent work
Dual data pointer
Optional variable length MOVX to access fast/
slow RAM /peripherals
9
32
10
DALLAS 31
11 DS80C320 30
12
29
13
28
14
27
15
26
16
25
17
24
18
23
19
22
20
21
6
1
• Available in 40–pin DIP, 44–pin PLCC and TQFP
39
DALLAS
DS80C320
17
29
18
DESCRIPTION
44–PIN PLCC
33
The DS80C320 is a fast 80C31/80C32–compatible
microcontroller. Wasted clock and memory cycles have
been removed using a redesigned processor core. As a
result, every 8051 instruction is executed between 1.5
and 3 times faster than the original for the same crystal
speed. Typical applications will see a speed improvement of 2.5 times using the same code and same crystal. The DS80C320 offers a maximum crystal rate of 33
MHz, resulting in apparent execution speeds of 82.5
MHz (approximately 2.5X).
VCC
AD0
AD1
AD2
AD3
AD4
AD5
AD6
AD7
EA
ALE
PSEN
A15 (P2.7)
A14 (P2.6)
A13 (P2.5)
A12 (P2.4)
A11 (P2.3)
A10 (P2.2)
A9 (P2.1)
A8 (P2.0)
40
7
• Two full–duplex hardware serial ports
• 13 total interrupt sources with six external
40
39
38
37
36
35
34
33
40– PIN DIP
• High integration controller includes:
– Power–fail reset
– Programmable Watchdog timer
– Early–warning power–fail interrupt
1
2
3
4
5
6
7
8
P1.0/T2
P1.1/T2EX
P1.2/RXD1
P1.3/TXD1
P1.4/INT2
P1.5/INT3
P1.6/INT4
P1.7/INT5
RST
P3.0/RXD0
P3.1/TXD0
P3.2/INT0
P3.3/INT1
P3.4/T0
P3.5/T1
P3.6/WR
P3.7/RD
XTAL2
XTAL1
GND
28
23
34
22
DALLAS
DS80C320
44
12
1
11
44–PIN TQFP
Copyright 1995 by Dallas Semiconductor Corporation.
All Rights Reserved. For important information regarding
patents and other intellectual property rights, please refer to
Dallas Semiconductor data books.
GPC® 323
Rel. 3.30
052296 1/33
Pagina B-7
PORT LATCH
25 MHz
25 MHz
25 MHz
25 MHz
33 MHz
33 MHz
33 MHz
33 MHz
33 MHz
33 MHz
44–pin TQFP
40–pin plastic DIP
44–pin PLCC
44–pin TQFP
40–pin plastic DIP
44–pin PLCC
44–pin TQFP
40–pin plastic DIP
44–pin PLCC
44–pin TQFP
INTERRUPT
LOGIC
052296 2/33
OSCILLATOR
PSW
ALU REG. 1
ACCUMULATOR
CLOCKS AND
MEMORY CONTROL
INSTRUCTION
DECODE
INTERRUPT REG.
DPTR0
RESET
CONTROL
–40°C to +85°C
–40°C to +85°C
–40°C to +85°C
0°C to +70°C
0°C to +70°C
0°C to +70°C
–40°C to +85°C
–40°C to +85°C
–40°C to +85°C
0°C to +70°C
0°C to +70°C
0°C to +70°C
TEMPERATURE RANGE
ADDRESS BUS
VCC POWER MONITOR
WATCHDOG REG.
PROG. COUNTER
PC INCREMENT
BUFFER
PC ADDR. REG.
POWER CONTROL REG.
WATCHDOG TIMER
256 BYTES
SFR 8 RAM
STACK POINTER
ALU REG. 2
DPTR1
25 MHz
44–pin PLCC
ALU
25 MHz
B REGISTER
MAX CLOCK SPEED
PACKAGE
serial port, seven additional interrupts, programmable
watchdog timer, power–fail interrupt and reset. The
DS80C320 also provides dual data pointers (DPTRs) to
speed block data memory moves. It can also adjust the
speed of off–chip data memory access to between two
and nine machine cycles for flexibility in selecting
memory and peripherals.
40–pin plastic DIP
DS80C320 BLOCK DIAGRAM Figure 1
DS80C320–ENL
DS80C320–QNL
DS80C320–MNL
DS80C320–ECL
DS80C320–QCL
DS80C320–MCL
DS80C320–ENG
DS80C320–QNG
DS80C320–MNG
DS80C320–ECG
DS80C320–QCG
DS80C320–MCG
PART NUMBER
ORDERING INFORMATION
P1.0–P1.7
P3.0–P3.7
PORT 1
PORT 3
TIMER 2
TIMER 1
SERIAL PORT 1
SERIAL PORT 0
PORT LATCH
TIMED
ACCESS
DATA BUS
The DS80C320 provides several extras in addition to
greater speed. These include a second full hardware
XTAL2
PORT LATCH
The DS80C320 is pin compatible with all three packages of the standard 80C32 and offers the same timer/
counters, serial port, and I/O ports. In short, the
DS80C320 is extremely familiar to 8051 users but provides the speed of a 16–bit processor.
ALE
TIMER 0
XTAL1
SFR RAM
ADDRESS
PSEN
PORT 0
PORT 2
DS80C320
RST
GPC® 323
VCC
AD0–AD7
P2.0–P2.7
Pagina B-8
GND
052296 6/33
For absolute timing of real–time events, the timing of
software loops will need to be calculated using the table
All instructions in the DS80C320 perform the same
functions as their 80C32 counterparts. Their affect on
bits, flags, and other status functions is identical. However, the timing of each instruction is different. This
applies both in absolute and relative number of clocks.
INSTRUCTION SET SUMMARY
The numerical average of all opcodes is approximately
a 2.5 to 1 speed improvement. Individual programs will
be affected differently, depending on the actual instructions used. Speed sensitive applications would make
the most use of instructions that are three times faster.
However, the sheer number of 3 to 1 improved opcodes
makes dramatic speed improvements likely for any
code. When these architecture improvements are combined with 0.8 µm CMOS, the result is a single cycle
instruction execution in 160 ns. The Dual Data Pointer
feature also allows the user to eliminate wasted instructions when moving blocks of memory.
In this updated core, dummy memory cycles have been
eliminated. In a conventional 80C32, machine cycles
are generated by dividing the clock frequency by 12. In
the DS80C320, the same machine cycle is performed in
4 clocks. Thus the fastest instruction, 1 machine cycle,
is executed three times faster for the same crystal frequency. Note that these are identical instructions. A
comparison of the timing differences is shown in Figure
2. The majority of instructions on the DS80C320 will see
the full 3 to 1 speed improvement. Some instructions
will get between 1.5 and 2.4 X improvement. Note that
all instructions are faster than the original 80C51. Table
2 below shows a summary of the instruction set including the speed.
The DS80C320 is built around a high speed 80C32
compatible core. Higher speed comes not just from
increasing the clock frequency, but from a newer, more
efficient design.
HIGH–SPEED OPERATION
DS80C320
rel
bit
#data
#data 16
addr 16
addr 11
Legends:
A
Rn
direct
@Ri
–
–
–
–
–
–
–
–
–
–
Accumulator
Register R7–R0
Internal Register address
Internal Register pointed–to by R0 or R1
(except MOVX)
2’s complement offset byte
direct bit–address
8–bit constant
16–bit constant
16–bit destination address
11–bit destination address
INSTRUCTION SET SUMMARY Table 2
The relative time of two instructions might be different in
the new architecture than it was previously. For example, in the original architecture, the “MOVX A, @DPTR”
instruction and the “MOV direct, direct” instruction used
two machine cycles or 24 oscillator cycles. Therefore,
they required the same amount of time. In the
DS80C320, the MOVX instruction can be done in two
machine cycles or eight oscillator cycles but the “MOV
direct, direct” uses three machine cycles or 12 oscillator
cycles. While both are faster than their original counterparts, they now have different execution times from
each other. This is because in most cases, the
DS80C320 uses one cycle for each byte. The user concerned with precise program timing should examine the
timing of each instruction for familiarity with the
changes. Note that a machine cycle now requires just
four clocks, and provides one ALE pulse per cycle.
Many instructions require only one cycle, but some
require five. In the original architecture, all were one or
two cycles except for MUL and DIV.
below. However, counter/timers default to run at the
older 12 clocks per increment. Therefore, while software runs at higher speed, timer–based events need no
modification to operate as before. Timers can be set to
run at 4 clocks per increment cycle to take advantage of
higher speed operation.
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
2
3
1
2
1
2
2
3
1
2
1
2
1
2
2
2
2
3
2
3
1
2
2
3
Arithmetic Instructions:
ADD A, Rn
ADD A, direct
ADD A, @Ri
ADD A, #data
ADDC A, Rn
ADDC A, direct
ADDC A, @Ri
ADDC A, #data
SUBB A, Rn
SUBB A, direct
SUBB A, @Ri
SUBB A, #data
Logical Instructions:
ANL A, Rn
ANL A, direct
ANL A, @Ri
ANL A, #data
ANL direct, A
ANL direct, #data
ORL A, Rn
ORL A, direct
ORL A, @Ri
ORL A, #data
ORL direct, A
ORL direct, #data
Data Transfer
Instructions:
MOV A, Rn
MOV A, direct
MOV A, @Ri
MOV A, #data
MOV Rn, A
MOV Rn, direct
MOV Rn, #data
MOV direct, A
MOV direct, Rn
MOV direct1, direct2
MOV direct, @Ri
MOV direct, #data
MOV @Ri, A
MOV @Ri, direct
MOV @Ri, #data
MOV DPTR, #data 16
*User Selectable
BYTE
INSTRUCTION
4
8
4
8
4
8
8
8
8
12
8
12
4
8
8
12
4
8
4
8
8
12
4
8
4
8
8
12
4
8
4
8
4
8
4
8
4
8
4
8
OSCILLATOR
CYCLES
MOVC A, @A+DPTR
MOVC A, @A+PC
MOVX A, @Ri
MOVX A, @DPTR
MOVX @Ri, A
MOVX @DPTR, A
PUSH direct
POP direct
XCH A, Rn
XCH A, direct
XCH A, @Ri
XCHD A, @Ri
XRL A, Rn
XRL A, direct
XRL A, @Ri
XRL A, #data
XRL direct, A
XRL direct, #data
CLR A
CPL A
RL A
RLC A
RR A
RRC A
SWAP A
INC A
INC Rn
INC direct
INC @Ri
INC DPTR
DEC A
DEC Rn
DEC direct
DEC @Ri
MUL AB
DIV AB
DA A
INSTRUCTION
1
1
1
1
1
1
2
2
1
2
1
1
1
2
1
2
2
3
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
1
2
1
1
1
1
BYTE
052296 7/33
12
12
8–36 *
8–36 *
8–36 *
8–36 *
8
8
4
8
4
4
4
8
4
8
8
12
4
4
4
4
4
4
4
4
4
8
4
12
4
4
8
4
20
20
4
OSCILLATOR
CYCLES
DS80C320
2
3
1
1
2
3
2
1
2
2
2
3
Program Branching
Instructions:
ACALL addr 11
LCALL addr 16
RET
RETI
AJMP addr 11
LJMP addr 16
SJMP rel
JMP @A+DPTR
JZ rel
JNZ rel
DJNZ Rn, rel
DJNZ direct, rel
12
16
16
16
12
16
12
12
12
12
12
16
4
8
4
8
4
8
052296 8/33
#Opcodes
159
51
43
2
255
Speed Improvement
3.0 x
1.5 x
2.0 x
2.4 x
Average: 2.5
SPEED ADVANTAGE SUMMARY
The table above shows the speed for each class of
instruction. Note that many of the instructions have multiple opcodes. There are 255 opcodes for 111 instructions. Of the 255 opcodes, 159 are three times faster
than the original 80C32. While a system that emphasizes those instructions will see the most improvement,
the large total number that receive a 3 to 1 improvement
assure a dramatic speed increase for any system. The
speed improvement summary is provided below.
1
2
1
2
1
2
Bit Manipulation
Instructions:
CLR C
CLR bit
SETB C
SETB bit
CPL C
CPL bit
DS80C320
3
3
3
3
1
2
2
3
3
3
2
2
2
2
2
2
16
16
16
16
4
12
12
16
16
16
8
8
8
8
8
8
The DS80C320 contains no on–chip ROM and 256
bytes of scratchpad RAM. Off–chip memory is
accessed using the multiplexed address/data bus on
P0 and the MSB address on P2. A typical memory connection is shown in Figure 3. Timing diagrams are provided in the Electrical Specifications. Program memory
(ROM) is accessed at a fixed rate determined by the
crystal frequency and the actual instructions. As mentioned above, an instruction cycle requires four clocks.
Data memory (RAM) is accessed according to a variable speed MOVX instruction as described below.
MEMORY ACCESS
CJNE A, direct, rel
CJNE A, #data, rel
CJNE Rn, #data, rel
CJNE Ri, #data, rel
NOP
JC rel
JNC rel
JB bit, rel
JNB bit, rel
JBC bit, rel
ANL C, bit
ANL C, bit
ORL C, bit
ORL C, bit
MOV C, bit
MOV bit, C
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-9
MD0
0
1
0
1
0
1
0
1
0
0
0
0
1
1
1
1
Pagina B-10
2
3 (default)
4
5
6
7
8
9
MEMORY
CYCLES
2
4
8
12
16
20
24
28
80 ns
160 ns
320 ns
480 ns
640 ns
800 ns
960 ns
1120 ns
STROBE WIDTH
TIME @ 25 MHz
82h
83h
84h
85h
86h
GPC® 323
;
;
;
;
;
;
NUMBER OF BYTES TO MOVE
LOAD SOURCE ADDRESS
SAVE LOW BYTE OF SOURCE
SAVE HIGH BYTE OF SOURCE
SAVE LOW BYTE OF DESTINATION
SAVE HIGH BYTE OF DESTINATION
2
3
2
2
2
2
# CYCLES
A, @DPTR
R1, DPL
R2, DPH
052296 10/33
MOVX
MOV
MOV
; READ SOURCE DATA BYTE
; SAVE NEW SOURCE POINTER
;
2
2
2
MOVE:
; THIS LOOP IS PERFORMED THE NUMBER OF TIMES LOADED INTO R5, IN THIS EXAMPLE 64
R5, #64d
DPTR, #SHSL
R1, #SL
R2, #SH
R3, #DL
R4, #DH
; SH and SL are high and low byte source address.
; DH and DL are high and low byte of destination address.
64 BYTE BLOCK MOVE WITHOUT DUAL DATA POINTER
MOV
MOV
MOV
MOV
MOV
MOV
Low byte original DPTR
High byte original DPTR
Low byte new DPTR
High byte new DPTR
DPTR Select (LSB)
Sample code listed below illustrates the saving from
using the dual DPTR. The example program was original code written for an 8051 and requires a total of 1869
machine cycles on the DS80C320. This takes 299 µs to
execute at 25 MHz. The new code using the Dual DPTR
requires only 1097 machine cycles taking 175.5 µs. The
Dual DPTR saves 772 machine cycles or 123.5 µs for a
64 byte block move. Since each pass through the loop
saves 12 machine cycles when compared to the single
DPTR approach, larger blocks gain more efficiency
using this feature.
DPL
DPH
DPL1
DPH1
DPS
loaded, the software simply switches between DPTR
and 1. The relevant register locations are as follows.
RD or WR STROBE
WIDTH IN CLOCKS
Data memory block moves can be accelerated using
the DS80C320 Dual Data Pointer (DPTR). The standard 8032 DPTR is a 16–bit value that is used to
address off–chip data RAM or peripherals. In the
DS80C320, the standard data pointer is called DPTR 0
and is located at SFR addresses 82h and 83h. These
are the standard locations. No modification of standard
code is needed to use DPTR. The new DPTR is located
at SFR 84h and 85h and is called DPTR1. The DPTR
Select bit (DPS) chooses the active pointer and is
located at the LSB of the SFR location 86h. No other bits
in register 86h have any effect and are set to 0. The user
switches between data pointers by toggling the LSB of
register 86h. The increment (INC) instruction is the fastest way to accomplish this. All DPTR–related instructions use the currently selected DPTR for any activity.
Therefore only one instruction is required to switch from
a source to a destination address. Using the Dual–Data
Pointer saves code from needing to save source and
destination addresses when doing a block move. Once
DUAL DATA POINTER
0
0
1
1
0
0
1
1
CKCON.2–0
MD2
MD1
DATA MEMORY CYCLE STRETCH VALUES Table 3
DS80C320
DPL, R3
DPH, R4
@DPTR, A
DPTR
R3, DPL
R4, DPH
DPL, R1
DPH, R2
DPTR
R5, MOVE
;
;
;
;
;
;
;
;
;
;
NEXT SOURCE ADDRESS
FINISHED WITH TABLE?
GET NEW SOURCE POINTER
WRITE DATA TO DESTINATION
NEXT DESTINATION ADDRESS
SAVE NEW DESTINATION POINTER
LOAD NEW DESTINATION
2
2
2
3
2
2
2
2
3
3
R5, #64
DPTR, #DHDL
DPS
DPTR, #SHSL
MOV
MOV
INC
MOV
NUMBER OF BYTES TO MOVE
LOAD DESTINATION ADDRESS
CHANGE ACTIVE DPTR
LOAD SOURCE ADDRESS
; TELL ASSEMBLER ABOUT DPS
;
;
;
;
2
3
2
2
A, @DPTR
DPS
@DPTR, A
DPTR
DPS
DPTR
R5, MOVE
;
;
;
;
;
;
;
2
2
2
3
2
3
3
TIMER RATE CONTROL
One important difference exists between the
DS80C320 and 80C32 regarding timers. The original
80C32 used a 12 clock per cycle scheme for timers and
consequently for some serial baud rates (depending on
the mode). The DS80C320 architecture normally runs
using 4 clocks per cycle. However, in the area of timers,
the DS80C320 will default to a 12 clock per cycle
SERIAL PORTS
The DS80C320 provides a serial port (UART) that is
identical to the 80C32. Many applications require serial
communication with multiple devices. Therefore the
DS80C320 provides a second hardware serial port that
is a full duplicate of the standard one. It optionally uses
pins P1.2 (RXD1) and P1.3 (TXD1). This port has duplicate control functions included in new SFR locations.
052296 11/33
The second serial port has similar control registers
(SCON1 at C0h, SBUF1 at C1h) to the original. One difference is that for timer based baud rates, the original
serial port can use Timer 1 or Timer 2 to generate baud
rates. This is selected via SFR bits. The new serial port
can only use Timer 1.
The second serial port operates in a comparable manner with the first. Both can operate simultaneously but
can be at different baud rates.
READ SOURCE DATA BYTE
CHANGE DPTR TO DESTINATION
WRITE DATA TO DESTINATION
NEXT DESTINATION ADDRESS
CHANGE DATA POINTER TO SOURCE
NEXT SOURCE ADDRESS
FINISHED WITH TABLE?
Peripherals in the DS80C320 are accessed using Special Function Registers (SFRs). The DS80C320 provides several of the most commonly needed peripheral
functions in microcomputer–based systems. These
functions are new to the 80C32 family and include a
second serial port, Power–fail Reset, Power–fail Interrupt, and a programmable Watchdog Timer. These are
described below, and more details are available in the
High–Speed Microcontroller User’s Guide.
PERIPHERAL OVERVIEW
MOVX
INC
MOVX
INC
INC
INC
DJNZ
MOVE:
; THIS LOOP IS PERFORMED THE NUMBER OF TIMES LOADED INTO R5, IN THIS EXAMPLE 64
DPS, #86h
EQU
; SH and SL are high and low byte source address.
; DH and DL are high and low byte of destination address.
; DPS is the data pointer select. Reset condition is DPS=0, DPTR0 is selected.
# CYCLES
64 BYTE BLOCK MOVE WITH DUAL DATA POINTER
MOV
MOV
MOVX
INC
MOV
MOV
MOV
MOV
INC
DJNZ
DS80C320
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
0
1
0
1
0
0
1
1
052296 12/33
WD0
WD1
TIME
(@25 MHz)
5.243 ms
41.94 ms
335.54 ms
2684.35 ms
217 clocks
220 clocks
223 clocks
226 clocks
217 + 512 clocks
220 + 512 clocks
223 + 512 clocks
226 + 512 clocks
RESET
TIME–OUT
5.263 ms
41.96 ms
335.56 ms
2684.38 ms
TIME
(@25 MHz)
The DS80C320 Watchdog also provides a useful option
for systems that may not require a reset. If enabled, then
512 clocks before giving a reset, the Watchdog will give
an interrupt. The interrupt can also serve as a convenient time–base generator, or be used to wake–up the
processor from Idle mode. The Watchdog function is
controlled in the Clock Control (CKCON – 8Eh), Watchdog Control (WDCON – D8h), and Extended Interrupt
Enable (EIE – E8h) SFRs. CKCON.7 and CKCON.6 are
called WD1 and WD0 respectively and are used to
select the Watchdog time–out period as shown in
Table 4.
For applications that can not afford to run out–of–control, the DS80C320 incorporates a programmable
Watchdog Timer circuit. It resets the uC if software fails
to reset the Watchdog before the selected time interval
has elapsed. The user selects one of four time–out values. After enabling the Watchdog, software must reset
the timer prior to expiration of the interval, or the CPU
will be reset. Both the Watchdog Enable and the Watchdog Reset bits are protected by a “Timed Access” circuit. This prevents accidentally clearing the Watchdog.
Time–out values are precise since they are related to
the crystal frequency as shown below in Table 4. For reference, the time periods at 25 MHz are also shown.
WATCHDOG TIMER
Power–fail Interrupt (PFI). When enabled by the
application software, this interrupt always has the highest priority. On detecting that the VCC has dropped
below VPFW and that the PFI is enabled, the processor
will vector to ROM address 0033h. The PFI enable is
located in the Watchdog Control SFR (WDCON – D8h).
Setting WDCON.5 to a logic one will enable the PFI. The
application software can also read a flag at WDCON.4.
This bit is set when a PFI condition has occurred. The
flag is independent of the interrupt enable and software
must manually clear it.
INTERRUPT
TIME–OUT
WATCHDOG TIME–OUT VALUES Table 4
The same reference that generates a precision reset
threshold can also generate an optional early warning
POWER FAIL INTERRUPT
The DS80C320 incorporates a precision band–gap
voltage reference to determine when VCC is out–of–tolerance. While powering up, internal circuits will hold the
DS80C320 in a reset state until VCC rises above the
VRST reset threshold. Once VCC is above this level, the
oscillator will begin running. An internal reset circuit will
then count 65536 clocks to allow time for power and the
oscillator to stabilize. The microcontroller will then exit
the reset condition. No external components are
needed to generate a power on reset. During power
down or during a severe power glitch, as VCC falls below
VRST, the microcontroller will also generate its own
reset. It will hold the reset condition as long as power
remains below the threshold. This reset will occur automatically, needing no action from the user or from the
software. Refer to the Electrical Specifications for the
exact value of VRST.
POWER FAIL RESET
The Clock Control register (CKCON – 8Eh) determines
these timer speeds. When the relevant CKCON bit is a
logic 1, the DS80C320 uses 4 clocks per cycle to generate timer speeds. When the control bit is set to a 0, the
DS80C320 uses 12 clocks for timer speeds. The reset
condition is a 0. CKCON.5 selects the speed of Timer 2.
CKCON.4 selects Timer 1 and CKCON.3 selects Timer
0. Note that unless a user desires very fast timing, it is
unnecessary to alter these bits. Note that the timer controls are independent.
scheme on a reset. This allows existing code with real–
time dependencies such as baud rates to operate properly. If an application needs higher speed timers or serial
baud rates, the timers can be set to run at the 4 clock
rate.
DS80C320
The Idle mode is invoked by setting the LSB of the
Power Control register (PCON – 87h). Idle will leave
internal clocks, serial port and timer running. No
memory access will be performed so power is dramati-
The DS80C320 provides the standard Idle and power
down (Stop) that are available on the standard 80C32.
However the DS80C320 has enhancements that make
these modes more useful, and allow more power saving.
POWER MANAGEMENT
DESCRIPTION
Power Fail Interrupt
External Interrupt 0
Timer 0
External Interrupt 1
Timer 1
TI0 or RI0 from serial port 0
Timer 2
TI1 or RI1 from serial port 1
External Interrupt 2
External Interrupt 3
External Interrupt 4
External Interrupt 5
Watchdog Time–out Interrupt
NAME
PFI
INT0
TF0
INT1
TF1
SCON0
TF2
SCON1
INT2
INT3
INT4
INT5
WDTI
INTERRUPT PRIORITY Table 5
EWT (WDCON.1) is the enable for the Watchdog Timer.
Software sets this bit to enable the timer. The bit is pro-
WDIF (WDCON.3) is the interrupt flag that is set when
there are 512 clocks remaining until a reset occurs.
WTRF (WDCON.2) is the flag that is set when a Watchdog reset has occurred. This allows the application software to determine the source of a reset.
As shown above, the Watchdog Timer uses the crystal
frequency as a time base. A user selects one of four
counter values to determine the time–out. These clock
counter lengths are 217= 131,072 clocks; 220 =
1,048,576; 223 = 8,388,608 clocks; or 226 = 67,108,864
clocks. The times shown in Table 4 above are with a 25
MHz crystal frequency. Note that once the counter chain
has reached a conclusion, the optional interrupt is generated. Regardless of whether the user enables this
interrupt, there are then 512 clocks left until a reset
occurs. There are five control bits in special function
registers that affect the Watchdog Timer and two status
flags that report to the user.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
NATURAL PRIORITY
NEW
OLD
OLD
OLD
OLD
OLD
OLD
NEW
NEW
NEW
NEW
NEW
NEW
OLD/NEW
052296 13/33
The power–down or Stop mode is invoked by setting the
PCON.1 bit. Stop mode is a lower power state than Idle
since it turns off all internal clocking. The ICC of a standard Stop mode is approximately 1 µA but is specified in
the Electrical Specifications. The CPU will exit Stop
mode from an external interrupt or a reset condition.
cally reduced. Since clocks are running, the Idle power
consumption is related to crystal frequency. It should be
approximately 1/2 of the operational power. The CPU
can exit the Idle state with any interrupt or a reset.
33h
03h
0Bh
13h
1Bh
23h
2Bh
3Bh
43h
4Bh
53h
5Bh
63h
VECTOR
The DS80C320 provides 13 sources of interrupt with
three priority levels. The Power–fail Interrupt (PFI), if
enabled, always has the highest priority. There are two
remaining user selectable priorities: high and low. If two
interrupts that have the same priority occur simultaneously, the natural precedence given below determines which is a acted upon. Except for the PFI, all interrupts that are new to the 8051 family have a lower
natural priority than the originals.
INTERRUPTS
tected by Timed Access discussed below. RWT
(WDCON.0) is the bit that software uses to restart the
Watchdog Timer. Setting this bit restarts the timer for
another full interval. Application software must set this
bit prior to the time–out. As mentioned previously, WD1
and 0 (CKCON .7 and 6) select the time–out. Finally, the
Watchdog Interrupt is enabled using EWDI (EIE.4). The
Special Function Register map is shown below.
DS80C320
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-11
GPC® 323
052296 14/33
The control of the band–gap reference is located in the
Extended Interrupt Flag register (EXIF – 91h). Setting
BGS (EXIF.0) to a one will leave the band–gap reference enabled during Stop mode. The default or reset
condition is with the bit at a logic 0. This results in the
band–gap being turned off during Stop mode. Note that
In Stop mode with the band–gap on, ICC will be approximately 50 µA compared with 1 µA with the band–gap off.
If a user does not require a Power–fail Reset or Interrupt
while in Stop mode, the band–gap can remain turned
off. Note that only the most power sensitive applications
should turn off the band–gap, as this results in an uncontrolled power down condition.
The DS80C320 provides two enhancements to the Stop
mode. As documented above, the DS80C320 provides
a band–gap reference to determine Power–fail Interrupt
and Reset thresholds. The default state is that the
band–gap reference is off when Stop mode is invoked.
This allows the extremely low power state mentioned
above. A user can optionally choose to have the band–
gap enabled during Stop mode. This means that PFI
and power–fail reset will be activated and are valid
means for leaving Stop mode.
STOP MODE ENHANCEMENTS
A simple enhancement to Idle mode makes it substantially more useful. The innovation involves not the Idle
mode itself, but the watchdog timer. As mentioned
above, the Watchdog Timer provides an optional interrupt capability. This interrupt can provide a periodic
interval timer to bring the DS80C320 out of Idle mode.
This can be useful even if the Watchdog is not normally
used. By enabling the Watchdog Timer and its interrupt
prior to invoking Idle, a user can periodically come out of
Idle perform an operation, then return to Idle until the
next operation. This will lower the overall power consumption. When using the Watchdog Interrupt to cancel
the Idle state, make sure to restart the Watchdog Timer
or it will cause a reset.
IDLE MODE ENHANCEMENTS
This function is controlled using the RGSL – Ring Select
bit at EXIF.1 (EXIF – 91h). When EXIF.1 is set, the ring
oscillator will be used to come out of Stop mode quickly.
As mentioned above, the processor will automatically
switch from the ring (if enabled) to the crystal after a
delay of 65536 crystal clocks. For a 3.57 MHz crystal,
this is approximately 18 ms. The processor sets a flag
called RGMD – Ring Mode to tell software that the ring is
being used. This bit at EXIF.2 will be a logic 1 when the
ring is in use. No serial communication or precision timing should be attempted while this bit is set, since the
operating frequency is not precise.
If the user returns to Stop mode prior to switching of
crystal, then all clocks will be turned off again. The ring
oscillator runs at approximately 4 MHz but will not be a
precision value. No real–time precision operations
(including serial communication) should be conducted
during this ring period. Figure 7 shows how the operation would compare when using the ring, and when
starting up normally. The default state is to come out of
Stop mode without using the ring oscillator.
Using Stop mode turns off the crystal oscillator and all
internal clocks to save power. This requires that the
oscillator be restarted when exiting Stop mode. Actual
start–up time is crystal dependent, but is normally at
least 4 ms. A common recommendation is 10 ms. In an
application that will wake–up, perform a short operation,
then return to sleep, the crystal start–up can be longer
than the real transaction. However, the ring oscillator
will start instantly. The user can perform a simple operation and return to sleep before the crystal has even stabilized. If the ring is used to start and the processor
remains running, hardware will automatically switch to
the crystal once a power–on reset interval (65536
clocks) has expired. This value is used to guarantee stability even though power is not being cycled.
The second feature allows an additional power saving
option. This is the ability to start instantly when exiting
Stop mode. It is accomplished using an internal ring
oscillator that can be used when exiting Stop mode in
response to an interrupt. The benefit of the ring oscillator is as follows.
this bit has no control of the reference during full power
or Idle modes.
uC OPERATING
INTERRUPT;
CLOCK STARTS
4–10 ms
uC ENTERS
STOP MODE
uC OPERATING
CLOCK
STABLE
INTERRUPT;
RING STARTS
0C7h, #0AAh
0C7h, #55h
By writing an AAh followed by a 55h to the Timed Access
register (location C7h), the hardware opens a two cycle
window that allows software to modify one of the protected bits. If the instruction that seeks to modify the protected bit is not immediately proceeded by these
instructions, the write will not take effect. The protected
bits are:
MOV
MOV
Selected SFR bits are critical to operation, making it
desirable to protect against an accidental write operation. The Timed Access procedure prevents an errant
cpu from accidentally altering a bit that would cause difficulty. The Timed Access procedure requires that the
write of a protected bit be preceded by the following
instructions :
TIMED ACCESS PROTECTION
DS80C320
BGS Band–gap Select
POR Power–on Reset flag
EWT Enable Watchdog
RWT Reset Watchdog
WDIF Watchdog Interrupt Flag
052296 15/33
Most special features of the DS80C320 or 80C32 are
controlled by bits in special function registers (SFRs).
This allows the DS80C320 to add many features but use
the same instruction set. When writing software to use a
new feature, the SFR must be defined to an assembler
or compiler using an equate statement. This is the only
change needed to access the new function. The
DS80C320 duplicates the SFRs that are contained in
the standard 80C32. Table 6 shows the register
addresses and bit locations. Many are standard 80C32
registers. The High–Speed Microcontroller User’s
Guide describes all SFRs.
SPECIAL FUNCTION REGISTERS
EXIF.0
WDCON.6
WDCON.1
WDCON.0
WDCON.3
uC ENTERS
STOP MODE
POWER SAVED
uC ENTERS
STOP MODE
uC OPERATING
STOP MODE WITH RING STARTUP
uC ENTERS
STOP MODE
uC OPERATING
Diagram assumes that the operation following Stop requires less than 18 ms complete.
POWER
RING
OSCILLATION
CRYSTAL
OSCILLATION
POWER
CRYSTAL
OSCILLATION
STOP MODE WITHOUT RING STARTUP
RING OSCILLATOR START–UP Figure 4
ÎÎÎÎÎÎ
ÎÎÎÎÎÎ
Note that internally generated interrupts (timer, serial
port, watchdog) are not useful since they require clocking activity.
ÏÏÏÏ
ÏÏÏÏ
ÎÎÎÎÎÎ
ÎÎÎÎÎÎ
Pagina B-12
ÎÎÎÎÎÎÎÎ
ÎÎÎÎÎÎÎÎ
DS80C320
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
0
0
0
0
0
0
GPC® 323
ADDRESS
Rel. 3.30
MD2
MD1
MD0
M0
89h
88h
RS1
RS0
OV
FL
P
C9h
052296 16/33
–
PWDI
PX5
PX4
PX3
EX3
PX2
EX2
F8h
–
EX4
F0h
–
EX5
EIP
EWDI
E8h
–
D8h
B
–
RWT
E0h
–
EWT
EIE
WTRF
ACC
WDIF
D0h
PFI
WDCON
EPFI
SMOD_1
PSW
POR
CDh
CY
TH2
CCh
F0
DCEN
TL2
AC
T2OE
CAh
–
CBh
–
CP/RL2
RCAP2H
–
C/T2
RCAP2L
–
TR2
C8h
–
EXEN2
–
TCLK
1
T2MOD
RCLK
1
C7h
EXF2
1
TF2
1
RI_0
T2CON
1
TI_0
C5h
LIP
RB8_0
TA
HIP
TB8_0
C1h
PIP
REN_0
STATUS
SM2_0
B8h
C0h
SM1_0
PX0
SBUF1
SM0/FE_0
PT0
SCON1
PX1
B9h
PT1
BAh
PS0
SADEN1
PT2
SADEN0
PS1
B0h
P3.0
–
P3.1
A8h
IP
P3.2
EX0
AAh
P3.3
ET0
P3.7
P3.4
EX1
P3
P3.5
ET1
SADDR1
P3.6
ES0
P2.0
A9h
ET2
P2.1
SADDR0
ES1
P2.2
98h
91h
EA
P2.3
RI_0
IE
P2.4
TI_0
99h
P2.5
RB8_0
BGS
A0h
P2.6
TB8_0
RGSL
P2.0
REN_0
RGMD
P2
SM2_0
–
SBUF0
SM1_0
IE2
90h
SM0/FE_0
IE3
P1.0
SCON0
IE4
P1.1
IE5
P1.2
EXIF
P1.3
8Eh
P1.4
P1
P1.5
P1.7
CKCON
P1.6
8Dh
WD1
TH1
8Bh
T0M
M1
8Ch
T1M
C/T
IT0
TH0
T2M
GATE
IE0
TL1
WD0
M0
IT1
8Ah
M1
IE1
TL0
C/T
TR0
87h
GATE
TF0
IDLE
TMOD
TR1
STOP
TF1
GF0
TCON
GF1
86h
–
PCON
–
SMOD_0
DPS
SMOD0
85h
0
DPH1
SEL
BIT 0
83h
BIT 1
84h
BIT 2
DPL1
BIT 3
82h
BIT 4
DPH
BIT 5
81h
BIT 6
DPL
BIT 7
SP
REGISTER
SPECIAL FUNCTION REGISTER LOCATIONS Table 6
DS80C320
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-13
Pagina B-14
0000
0FFF
1000
FFFF
4k BYTES
INTERNAL
AND
60k
BYTES
EXTERNAL
OR
0000
FFFF
64k
BYTES
EXTERNAL
Figure 2 shows the different segments of the on-chip RAM.
SU00567
3. Scratch Pad Area: 30H through 7FH are available to the user as
data RAM. However, if the stack pointer has been initialized to
this area, enough bytes should be left aside to prevent SP data
destruction.
2. Bit Addressable Area: 16 bytes have been assigned for this
segment, 20H-2FH. Each one of the 128 bits of this segment can
be directly addressed (0-7FH). The bits can be referred to in two
ways, both of which are acceptable by most assemblers. One
way is to refer to their address (i.e., 0-7FH). The other way is
with reference to bytes 20H to 2FH. Thus, bits 0-7 can also be
referred to as bits 20.0-20.7, and bits 8-FH are the same as
21.0-21.7, and so on. Each of the 16 bytes in this segment can
also be addressed as a byte.
register bank contains eight 1-byte registers 0 through 7. Reset
initializes the stack pointer to location 07H, and it is incremented
once to start from location 08H, which is the first register (R0) of
the second register bank. Thus, in order to use more than one
register bank, the SP should be initialized to a different location
of the RAM where it is not used for data storage (i.e., the higher
part of the RAM).
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Figure 1. 80C51 Program Memory
Direct and Indirect Address Area
The 128 bytes of RAM which can be accessed by both direct and
indirect addressing can be divided into three segments as listed
below and shown in Figure 3.
1. Register Banks 0-3: Locations 0 through 1FH (32 bytes). The
device after reset defaults to register bank 0. To use the other
register banks, the user must select them in software. Each
The 80C51 has 128 bytes of on-chip RAM, plus a number of Special
Function Registers (SFRs). The lower 128 bytes of RAM can be
accessed either by direct addressing (MOV data addr) or by indirect
addressing (MOV @Ri). Figure 2 shows the Data Memory
organization.
The 80C51 can address up to 64k bytes of data memory to the chip.
The MOVX instruction is used to access the external data memory.
Program Memory
The 80C51 has separate address spaces for program and data
memory. The Program memory can be up to 64k bytes long. The
lower 4k can reside on-chip. Figure 1 shows a map of the 80C51
program memory.
Memory Organization
PROGRAMMER’S GUIDE AND INSTRUCTION SET
80C51 Family
Philips Semiconductors
00
7F
80
FF
80C51 Family
Philips Semiconductors
0000
... 7F
3F
37
2F
30
28
GPC® 323
07
0
00
REGISTER
BANKS
BIT
ADDRESSABLE
SEGMENT
SCRATCH
PAD
AREA
Figure 3. 128 Bytes of RAM Direct and Indirect Addressable
0F
17
1F
1
2
10
08
3
18
27
47
38
20
4F
5F
40
67
58
48
6F
60
57
77
68
50
7F
70
8 BYTES
Figure 2. 80C51 Data Memory
AND
64k
BYTES
EXTERNAL
78
0 ...
DRIECT AND INDIRECT
ADDRESSING
SFRs
DIRECT ADDRESSING
ONLY
INTERNAL
0FFF
SU00569
SU00568
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
FAMIGLIA 51
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
Port 2
Port 3
Power control
Program status word
Serial data buffer
Serial controller
Stack pointer
Timer control
Timer high 0
Timer high 1
Timer low 0
P2*
P3*
PCON1
PSW*
SBUF
SCON*
SP
TCON*
TH0
TH1
TL0
8BH
8AH
8DH
8CH
88H
81H
98H
99H
D0H
87H
B0H
A0H
90H
80H
B8H
A8H
82H
83H
F0H
E0H
DIRECT
ADDRESS
D6
9F
TF1
8F
SM0
TR1
8E
SM1
9E
AC
D7
CY
–
SMOD
WR
B6
RD
B7
A6
A14
A7
A15
–
96
97
–
AD6
86
87
AD7
–
BE
BF
–
–
AE
F6
E6
EA
AF
F7
E7
TF0
8D
SM2
9D
F0
D5
–
T1
B5
A13
A5
–
95
AD5
85
–
BD
–
AD
F5
E5
TR0
8C
REN
9C
RS1
D4
–
T0
B4
A12
A4
–
94
AD4
84
PS
BC
ES
AC
F4
E4
IE1
8B
TB8
9B
RS0
D3
GF1
INT1
B3
A11
A3
–
93
AD3
83
PT1
BB
ET1
AB
F3
E3
IT1
8A
RB8
9A
OV
D2
GF0
INT0
B2
A10
A2
–
92
AD2
82
PX1
BA
EX1
AA
F2
E2
M1
IE0
89
TI
99
–
D1
PD
TxD
B1
A9
A1
T2EX
91
AD1
81
PT0
B9
ET0
A9
F1
E1
M0
IT0
88
RI
98
P
D0
IDL
Rxd
B0
A8
A0
T2
90
AD0
80
PX0
B8
EX0
A8
F0
E0
BIT ADDRESS, SYMBOL, OR ALTERNATIVE PORT FUNCTION
MSB
LSB
00H
00H
00H
00H
00H
07H
00H
xxxxxxxxB
00H
0xxxxxxxB
FFH
FFH
FFH
FFH
xx000000B
0x000000B
00H
00H
00H
00H
RESET VALUE
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
TMOD
Timer mode
89H
GATE
C/T
M1
M0
GATE
C/T
NOTES:
* Bit addressable
1. Bits GF1, GF0, PD, and IDL of the PCON register are not implemented on the NMOS 8051/8031.
Timer low 1
Port 1
P1*
TL1
Port 0
P0*
Data pointer low
DPL
Interrupt priority
Data pointer high
DPH
IP*
Data pointer (2 bytes)
DPTR
Interrupt enable
B register
B*
IE*
Accumulator
DESCRIPTION
80C51 Special Function Registers
ACC*
SYMBOL
Table 1.
80C51 Family
Philips Semiconductors
80C51 Family
Philips Semiconductors
SBUF
TL0
TL1
TH0
TH1
PCON
D7
80
88
90
98
A0
A8
SP
TMOD
BIT ADDRESSABLE
P0
TCON
P1
SCON
P2
IE
P3
DPH
Figure 4. SFR Memory Map
DPL
87
8F
97
9F
A7
AF
B7
BF
B8
B0
C7
C0
IP
CF
C8
PSW
DF
E7
EF
F7
FF
D0
ACC
B
8 BYTES
D8
E0
E8
F0
F8
SU00570
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-15
Pagina B-16
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
PSW.6
PSW.5
PSW.4
PSW.3
PSW.2
PSW.1
PSW.0
AC
F0
RS1
RS0
OV
–
P
RS1
RS0
OV
–
0
1
0
1
0
0
1
1
3
2
1
0
REGISTER BANK
GPC® 323
Not implemented reserved for future use.*
General purpose flag bit.
General purpose flag bit.
Power Down Bit. Setting this bit activates Power Down operation in the 80C51. (Available only in CMOS.)
Idle mode bit. Setting this bit activates Idle Mode operation in the 80C51. (Available only in CMOS.)
–
GF1
GF0
PD
IDL
*
User software should not write 1s to reserved bits. These bits may be used in future 8051 products to invoke new features.
If 1s are written to PD and IDL at the same time, PD takes precedence.
Not implemented reserved for future use.*
–
–
ET1
EX1
ET0
EX0
Enable or disable External Interrupt 0.
Enable or disable the Timer 0 overflow interrupt.
Enable or disable External Interrupt 1.
Enable or disable the Timer 1 overflow interrupt.
Enable or disable the serial port interrupt.
Not implemented, reserved for future use.*
Not implemented, reserved for future use.*
Disables all interrupts. If EA = 0, no interrupt will be acknowledged. If EA = 1, each interrupt source is
individually enabled or disabled by setting or clearing its enable bit.
ES
User software should not write 1s to reserved bits. These bits may be used in future 80C51 products to invoke new features.
IE.0
EX0
*
IE.1
ET0
IE.2
Not implemented, reserved for future use.*
EX1
IE.6
–
—
IE.3
PD
ET1
GF0
IE.4
GF1
IE.7
–
ES
–
EA
EA
If the bit is 0, the corresponding interrupt is disabled. If the bit is 1, the corresponding interrupt is enabled.
IE: INTERRUPT ENABLE REGISTER. BIT ADDRESSABLE.
ITx = 1 transition activated
ITx = 0 level activated
SMOD
Double baud rate bit. If Timer 1 is used to generate baud rate and SMOD = 1, the baud rate is doubled when the Serial
Port is used in modes 1, 2, or 3.
–
0023H
001BH
0013H
000BH
0003H
VECTOR ADDRESS
In addition, for external interrupts, pins INT0 and INT1 (P3.2 and P3.3) must be set to 1, and depending on whether the
interrupt is to be level or transition activated, bits IT0 or IT1 in the TCON register may need to be set to 1.
RI & TI
TF1
IE1
TF0
IE0
INTERRUPT SOURCE
3. Begin the interrupt service routine at the corresponding Vector Address of that interrupt. See Table below.
2. Set the corresponding individual interrupt enable bit in the IE register to 1.
1. Set the EA (enable all) bit in the IE register to 1.
IE.5
–
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
To use any of the interrupts in the 80C51 Family, the following three steps must be taken.
INTERRUPTS:
80C51 Family
Philips Semiconductors
—
SMOD
IDL
18H-1FH
10H-17H
08H-0FH
00H-07H
ADDRESS
PCON: POWER CONTROL REGISTER. NOT BIT ADDRESSABLE.
RS0
RS1
P
Parity flag. Set/cleared by hardware each instruction cycle to indicate an odd/even number of ‘1’ bus in
the accumulator.
Usable as a general purpose flag.
Overflow Flag.
Register Bank selector bit 0 (SEE NOTE 1).
Register Bank selector bit 1 (SEE NOTE 1).
Flag 0 available to the user for general purpose.
Auxiliary Carry Flag.
Carry Flag.
F0
NOTE:
1. The value presented by RS0 and RS1 selects the corresponding register bank.
PSW.7
AC
CY
CY
PSW: PROGRAM STATUS WORD. BIT ADDRESSABLE.
Those SFRs that have their bits assigned for various functions are listed in this section. A brief description of each bit is
provided for quick reference. For more detailed information refer to the Architecture Chapter of this book.
80C51 Family
Philips Semiconductors
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Rel. 3.30
TCON.2
TCON.1
IT1
IE0
IP: INTERRUPT PRIORITY REGISTER. BIT ADDRESSABLE.
IP.5
IP.4
IP.3
IP.2
IP.1
IP.0
–
PS
PT1
PX1
PT0
PX0
–
PT1
PX1
PT0
Defines the External Interrupt 0 priority level.
Defines the Timer 0 interrupt priority level.
Defines External Interrupt 1 priority level.
Defines the Timer 1 interrupt priority level.
Defines the Serial Port interrupt priority level.
Not implemented, reserved for future use.*
Not implemented, reserved for future use.*
Not implemented, reserved for future use.*
PS
PX0
User software should not write 1s to reserved bits. These bits may be used in future 80C51 products to invoke new features.
IP.6
*
IP.7
–
–
–
–
TR0
IE1
IT1
IE0
IT0
Interrupt 0 type control bit. Set/cleared by software to specify falling edge/low level triggered External
Interrupt.
External Interrupt 0 edge flag. Set by hardware when External Interrupt edge detected. Cleared by
hardware when interrupt is processed.
Interrupt 1 type control bit. Set/cleared by software to specify falling edge/low level triggered External
Interrupt.
External Interrupt 1 edge flag. Set by hardware when External Interrupt edge is detected. Cleared by
hardware when interrupt is processed.
Timer 0 run control bit. Set/cleared by software to turn Timer/Counter 0 ON/OFF.
Timer 0 overflow flag. Set by hardware when the Timer/Counter 0 overflows. Cleared by hardware as
processor vectors to the service routine.
Timer 1 run control bit. Set/cleared by software to turn Timer/Counter 1 ON/OFF.
Timer 1 overflow flag. Set by hardware when the Timer/Counter 1 overflows. Cleared by hardware as
processor vectors to the interrupt service routine.
TF0
M0
0
1
0
1
1
M1
0
0
1
1
1
NOTE 1:
3
3
2
1
0
(Timer 1) Timer/Counter 1 stopped.
(Timer 0) TL0 is an 8-bit Timer/Counter controlled by the standart Timer 0
control bits. TH0 is an8-bit Timer and is controlled by Timer 1 control bits.
8-bit Auto-Reload Timer/Counter
16-bit Timer/Counter
13-bit Timer (8048 compatible)
Operating Mode
Mode selector bit. (NOTE 1)
M0
Mode selector bit. (NOTE 1)
Timer 0
M1
M0
C/T
M1
GATE
Timer or Counter selector. Cleared for Timer operation (input from internal system clock). Set for Counter operation
(input from Tx input pin).
M0
C/T
Timer 1
M1
When TRx (in TCON) is set and GATE = 1, TIMER/COUNTERx will run only while INTx pin is high (hardware control).
When GATE = 0, TIMER/COUNTERx will run only while TRx = 1 (software control).
C/T
GATE
GATE
TMOD: TIMER/COUNTER MODE CONTROL REGISTER. NOT BIT ADDRESSABLE.
TCON.0
TCON.3
IT0
TCON.4
TCON.5
IE1
TCON.6
TF0
TCON.7
TR1
TR1
TF1
TF1
TR0
If the bit is 0, the corresponding interrupt has a lower priority and if the bit is 1 the corresponding interrupt has a higher priority.
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
TCON: TIMER/COUNTER CONTROL REGISTER. BIT ADDRESSABLE.
80C51 Family
Philips Semiconductors
IE0
TF0
IE1
TF1
RI or TI
From high to low, interrupt sources are listed below:
Priority within level is only to resolve simultaneous requests of the same priority level.
PRIORITY WITHIN LEVEL:
Remember that while an interrupt service is in progress, it cannot be interrupted by a lower or same level interrupt.
In order to assign higher priority to an interrupt the corresponding bit in the IP register must be set to 1.
ASSIGNING HIGHER PRIORITY TO ONE OR MORE INTERRUPTS:
80C51 Family
Philips Semiconductors
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-17
Pagina B-18
16-bit Timer
8-bit Auto-Reload
One 8-bit Counter
1
2
3
07H
06H
05H
04H
INTERNAL
CONTROL
(NOTE 1)
03H
02H
01H
00H
INTERNAL
CONTROL
(NOTE 1)
TMOD
TMOD
NOTES:
1. The timer is turned ON/OFF by setting/clearing bit TR0 in the software.
2. The Timer is turned ON/OFF by the 1-to-0 transition on INT0 (P3.2) when TR0 = 1 (hardware control).
13-bit Timer
0
COUNTER 0
FUNCTION
Two 8-bit Timers
3
MODE
8-bit Auto-Reload
2
As a Counter:
16-bit Timer
Table 3.
13-bit Timer
TIMER 0
FUNCTION
1
MODE
As a Timer:
0
Table 2.
TIMER/COUNTER 0
0FH
0EH
0DH
0CH
EXTERNAL
CONTROL
(NOTE 2)
0BH
0AH
09H
08H
EXTERNAL
CONTROL
(NOTE 2)
Moreover, it is assumed that the user, at this point, is not ready to turn the timers on and will do that at a different point in the
program by setting bit TRx (in TCON) to 1.
For example, if it is desired to run Timer 0 in mode 1 GATE (external control), and Timer 1 in mode 2 COUNTER, then the value
that must be loaded into TMOD is 69H (09H from Table 2 ORed with 60H from Table 5).
Does not run
3
Not available
8-bit Auto-Reload
16-bit Timer
13-bit Timer
–
60H
50H
40H
INTERNAL
CONTROL
(NOTE 1)
30H
20H
10H
00H
INTERNAL
CONTROL
(NOTE 1)
TMOD
TMOD
–
E0H
D0H
C0H
EXTERNAL
CONTROL
(NOTE 2)
B0H
A0H
90H
80H
EXTERNAL
CONTROL
(NOTE 2)
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
NOTES:
1. The timer is turned ON/OFF by setting/clearing bit TR1 in the software.
2. The Timer is turned ON/OFF by the 1-to-0 transition on INT1 (P3.2) when TR1 = 1 (hardware control).
3
2
1
0
COUNTER 1
FUNCTION
8-bit Auto-Reload
2
MODE
16-bit Timer
Table 5.
13-bit Timer
0
TIMER 1
FUNCTION
1
As a Counter:
MODE
As a Timer:
Table 4.
It is assumed that only one timer is being used at a time. If it is desired to run Timers 0 and 1 simultaneously, in any mode, the
value in TMOD for Timer 0 must be ORed with the value shown for Timer 1 (Tables 5 and 6).
TIMER/COUNTER 1
80C51 Family
Philips Semiconductors
Tables 2 through 5 give some values for TMOD which can be used to set up Timer 0 in different modes.
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
TIMER SET-UP
80C51 Family
Philips Semiconductors
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
GPC® 323
Rel. 3.30
GPC® 323
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Rel. 3.30
SCON.1
SCON.0
TI
RI
TB8
RB8
RI
SCON
10H
50H
90H
D0H
NA
70H
B0H
F0H
0
1
2
3
0
1
2
3
Baud Rate
FOSC./12
Variable
FOSC./64 or FOSC./32
Variable
MODE
Description
Shift Register
8-bit UART
9-bit UART
9-bit UART
Mode 1 has a variable baud rate. The baud rate is generated by Timer 1.
Serial Port in Mode 1:
Mode 0 has a fixed baud rate which is 1/12 of the oscillator frequency. To run the serial port in this mode none of the
Timer/Counters need to be set up. Only the SCON register needs to be defined.
Osc Freq
Baud Rate
12
Multiprocessor
Environment
(SM2 = 1)
Single Processor
Environment
(SM2 = 0)
SM2 VARIATION
Receive interrupt flag. Set by hardware at the end of the 8th bit time in mode 0, or halfway through the
stop bit time in the other modes (except see SM2). Must be cleared by software.
Transmit interrupt flag. Set by hardware at the end of the 8th bit time in mode 0, or at the beginning of the
stop bit in the other modes. Must be cleared by software.
In modes 2 & 3, is the 9th data bit that was received. In mode 1, if SM2 = 0, RB8 is the stop bit that was
received. In mode 0, RB8 is not used.
The 9th bit that will be transmitted in modes 2 & 3. Set/Cleared by software.
Set/Cleared by software to Enable/Disable reception.
Mode
0
1
2
3
Serial Port in Mode 0:
TI
Enables the multiprocessor communication feature in modes 2 & 3. In mode 2 or 3, if SM2 is set to 1 then
RI will not be activated if the received 9th data bit (RB8) is 0. In mode 1, if SM2 = 1 then RI will not be
activated if a valid stop bit was not received. In mode 0, SM2 should be 0. (See Table 6.)
Serial Port mode specifier. (NOTE 1)
GENERATING BAUD RATES
Table 6.
REN
Serial Port mode specifier. (NOTE 1)
SM2
SERIAL PORT SET-UP:
SM0
0
0
1
1
SM1
0
1
0
1
SCON.2
RB8
NOTE 1:
SCON.4
SCON.3
SCON.5
SM2
TB8
SCON.6
REN
SCON.7
SM1
SM1
SM0
SM0
SCON: SERIAL PORT CONTROL REGISTER. BIT ADDRESSABLE.
80C51 Family
Philips Semiconductors
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
PCON,#80H. The address of PCON is 87H.
The baud rate in mode 3 is variable and sets up exactly the same as in mode 1.
SERIAL PORT IN MODE 3:
To set the SMOD bit: ORL
SMOD = 0, Baud Rate = 1/64 Osc Freq.
SMOD = 1, Baud Rate = 1/32 Osc Freq.
In this mode none of the Timers are used and the clock comes from the internal phase 2 clock.
The baud rate is fixed in this mode and is 1/32 or 1/64 of the oscillator frequency, depending on the value of the SMOD bit in
the PCON register.
SERIAL PORT IN MODE 2:
Since the PCON register is not bit addressable, one way to set the bit is logical ORing the PCON register (i.e., ORL
PCON,#80H). The address of PCON is 87H.
TH1 must be an integer value. Rounding off TH1 to the nearest integer may not produce the desired baud rate. In this case, the
user may have to choose another crystal frequency.
Most of the time the user knows the baud rate and needs to know the reload value for TH1.
K Osc Freq
TH1
256
384 baud rate
If SMOD = 0, then K = 1.
If SMOD = 1, then K = 2 (SMOD is in the PCON register).
For this purpose, Timer 1 is used in mode 2 (Auto-Reload). Refer to Timer Setup section of this chapter.
K Osc Freq
Baud Rate
32 12 [256
(TH1)]
USING TIMER/COUNTER 1 TO GENERATE BAUD RATES:
80C51 Family
Philips Semiconductors
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-19
Pagina B-20
C
X
X
X
0
0
X
X
X
1
OV
X
X
X
X
X
Flag
AC
X
X
X
CLR C
CPL C
ANL C,bit
ANL C,/bit
ORL C,bit
ORL C,/bit
MOV C,bit
CJNE
Instruction
C OV AC
0
X
X
X
X
X
X
X
Flag
Signed (two’s complement) 8-bit offset byte. Used by SJMP and all conditional jumps. Range is –128 to +127
bytes relative to first byte of the following instruction.
Direct Addressed bit in Internal Data RAM or Special Function Register.
rel
bit
direct
@Ri
DPTR
AB
AB
A
DEC
DEC
INC
MUL
DIV
DA
A,@Ri
A,#data
ORL
ORL
GPC® 323
A,@Ri
A,#data
A
Rn
SUBB
INC
INC
A,direct
SUBB
SUBB
A,#data
Increment register
Increment Accumulator
Subtract immediate data from A CC with borrow
Subtract indirect RAM from ACC with borrow
Subtract direct byte from ACC with borrow
Subtract Register from ACC with borrow
Add immediate data to ACC with carry
Add indirect RAM to Accumulator with carry
Add direct byte to Accumulator with carry
Add register to Accumulator with carry
Add immediate data to Accumulator
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
All mnemonics copyrighted  Intel Corporation 1980
1
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
1
2
A
A
SWAP
A,Rn
A,direct
A,@Ri
MOV
MOV
MOV
DATA TRANSFER
A
RR
RRC
A,@Ri
ADDC
A,Rn
A,direct
ADDC
SUBB
A
CPL
A,Rn
ADDC
ADDC
A
CLR
A,#data
ADD
Add indirect RAM to Accumulator
Add direct byte to Accumulator
A
direct,#data
XRL
A,@Ri
ADD
A
direct,A
XRL
A,direct
ADD
RLC
A,#data
RL
A,@Ri
12
XRL
1
XRL
Add register to Accumulator
A,Rn
ADD
A,direct
XRL
A,Rn
A,direct
ORL
XRL
A,Rn
ORL
direct,#data
direct,#data
ANL
direct,A
direct,A
ANL
ORL
A,#data
ORL
A,@Ri
ANL
A,direct
A,Rn
ANL
ANL
ANL
LOGICAL OPERATIONS
Rn
A
@Ri
direct
DEC
DEC
INC
INC
Exclusive-OR indirect RAM to Accumulator
Move indirect RAM to Accumulator
Move direct byte to Accumulator
Move register to Accumulator
Swap nibbles within the Accumulator
Rotate Accumulator right through the carry
Rotate Accumulator right
Rotate Accumulator left through the carry
Rotate Accumulator left
Complement Accumulator
Clear Accumulator
Exclusive-OR immediate data to direct byte
Exclusive-OR Accumulator to direct byte
Exclusive-OR immediate data to Accumulator
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
24
12
12
12
12
12
24
12
12
12
12
12
24
12
12
12
12
12
12
48
48
24
12
12
12
12
12
12
OSCILLATOR
PERIOD
All mnemonics copyrighted  Intel Corporation 1980
1
2
1
1
1
1
1
1
1
1
3
2
2
1
2
1
3
2
2
1
2
1
3
2
2
1
2
1
1
1
1
1
1
2
1
1
1
2
BYTE
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Exclusive-OR direct byte to Accumulator
Exclusive-OR register to Accumulator
OR immediate data to direct byte
OR Accumulator to direct byte
OR immediate data to Accumulator
OR indirect RAM to Accumulator
OR direct byte to Accumulator
OR register to Accumulator
AND immediate data to direct byte
AND Accumulator to direct byte
AND immediate data to Accumulator
AND indirect RAM to Accumulator
AND direct byte to Accumulator
AND Register to Accumulator
Decimal Adjust Accumulator
Divide A by B
Multiply A and B
Increment Data Pointer
Decrement indirect RAM
Decrement direct byte
Decrement Register
Decrement Accumulator
Increment indirect RAM
Increment direct byte
DESCRIPTION
80C51 Instruction Set Summary (Continued)
MNEMONIC
ARITHMETIC OPERATIONS (Continued)
Table 7.
80C51 Family
Philips Semiconductors
ARITHMETIC OPERATIONS
OSCILLATOR
PERIOD
11-bit destination address. Used by ACALL and AJMP. The branch will be within the same 2k-byte page of
program memory as the first byte of the following instruction.
addr 11
BYTE
16-bit destination address. Used by LCALL and LJMP. A branch can be anywhere within the 64k-byte Program
Memory address space.
addr 16
DESCRIPTION
16-bit constant included in the instruction
#data 16
MNEMONIC
8-bit internal data RAM location (0-255) addressed indirectly through register R1 or R0.
8-bit constant included in the instruction.
#data
8-bit internal data location’s address. This could be an Internal Data RAM location (0-127) or a SFR [i.e., I/O port,
control register, status register, etc. (128-255)].
direct
@Ri
Register R7-R0 of the currently selected Register Bank.
Notes on instruction set and addressing modes:
that operations on SFR byte address 208 or bit addresses 209-215 (i.e., the PSW or bits in the PSW) will also affect flag settings.
ADD
ADDC
SUBB
MUL
DIV
DA
RRC
RLC
SETB C
Instruction
Instructions that Affect Flag Settings (1)
Interrupt Response Time: Refer to Hardware Description Chapter.
80C51 Instruction Set Summary
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Rn
(1)Note
Table 7.
80C51 FAMILY INSTRUCTION SET
80C51 Family
Philips Semiconductors
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
Rel. 3.30
GPC® 323
Rel. 3.30
A,@Ri,A
MOVX
MOVX
C
bit
C
bit
C
bit
C,bit
C,/bit
C,bit
C,/bit
C,bit
bit,C
rel
rel
CLR
CLR
SETB
SETB
CPL
CPL
ANL
ANL
ORL
ORL
MOV
MOV
JC
JNC
BOOLEAN VARIABLE MANIPULATION
A,@Ri
A,@DPTR
MOVX
A,@Ri
A,@Ri
MOVC
XCHD
A,@A+PC
MOVC
XCH
A,@A+DPTR
MOV
A,direct
DPTR,#data16
MOV
A,Rn
@Ri,#data
MOV
XCH
@Ri,direct
MOV
XCH
@Ri,A
MOV
direct
direct,#data
MOV
POP
direct,@Ri
MOV
@DPTR,A
direct,direct
MOV
direct
direct,Rn
MOV
PUSH
direct,A
MOV
MOVX
Rn,direct
RN,#data
MOV
Move direct byte to register
Jump if carry not set
Jump if carry is set
Move carry to direct bit
Move direct bit to carry
OR complement of direct bit to carry
OR direct bit to carry
AND complement of direct bit to carry
AND direct bit to carry
Complement direct bit
Complement carry
Set direct bit
Set carry
Clear direct bit
Clear carry
Exchange low-order digit indirect RAM with A CC
Exchange indirect RAM with Accumulator
Exchange direct byte with Accumulator
Exchange register with Accumulator
Pop direct byte from stack
Push direct byte onto stack
Move ACC to external RAM (16-bit addr)
Move ACC to external RAM (8-bit addr)
Move external RAM (16-bit addr) to A CC
Move external RAM (8-bit addr) to A CC
Move Code byte relative to PC to A CC
Move Code byte relative to DPTR to A CC
Load Data Pointer with a 16-bit constant
Move immediate data to indirect RAM
Move direct byte to indirect RAM
Move Accumulator to indirect RAM
Move immediate data to direct byte
Move indirect RAM to direct byte
Move direct byte to direct
Move register to direct byte
Move Accumulator to direct byte
Move immediate data to register
24
24
24
12
24
24
24
24
12
12
12
12
12
12
12
12
12
12
24
24
24
24
24
24
24
24
24
12
24
12
24
24
24
24
12
12
24
12
12
All mnemonics copyrighted  Intel Corporation 1980
2
2
2
2
2
2
2
2
2
1
2
1
2
1
1
1
2
1
2
2
1
1
1
1
1
1
3
2
2
1
3
2
3
2
2
2
2
1
2
bit,rel
rel
rel
NOP
DJNZ
DJNZ
CJNE
CJNE
CJNE
CJNE
JNZ
JZ
JMP
SJMP
LJMP
AJMP
RETI
RET
LCALL
ACALL
direct,rel
Rn,rel
@Ri,#data,rel
RN,#data,rel
A,#data,rel
A,direct,rel
rel
rel
@A+DPTR
rel
addr16
addr11
addr16
addr11
PROGRAM BRANCHING
JBC
JNB
No operation
Decrement direct byte and jump if not zero
Decrement register and jump if not zero
Compare immediate to indirect and jump if not
equal
Compare immediate to register and jump if not
equal
3
1
3
2
3
3
3
12
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
24
OSCILLATOR
PERIOD
All mnemonics copyrighted  Intel Corporation 1980
Compare immediate to ACC and jump if not equal
2
2
1
2
3
2
1
1
3
2
3
3
3
BYTE
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Compare direct byte to ACC and jump if not equal
Jump if Accumulator is not zero
Jump if Accumulator is zero
Jump indirect relative to the DPTR
Short jump (relative addr)
Long jump
Absolute jump
Return from interrupt
Return from subroutine
Long subroutine call
Absolute subroutine call
Jump if direct bit is set and clear bit
Jump if direct bit is not set
Jump if direct bit is set
JB
Move Accumulator to register
Move immediate data to Accumulator
Rn,A
DESCRIPTION
80C51 Instruction Set Summary (Continued)
MNEMONIC
A,#data
Table 7.
MOV
OSCILLATOR
PERIOD
MOV
BYTE
80C51 Family
BOOLEAN VARIABLE MANIPULATION (Continued)
DESCRIPTION
80C51 Instruction Set Summary (Continued)
MNEMONIC
80C51 family programmer’s guide
and instruction set
Philips Semiconductors
DATA TRANSFER (Continued)
Table 7.
80C51 Family
Philips Semiconductors
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
Pagina B-21
grifo®
Pagina B-22
ITALIAN TECHNOLOGY
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
APPENDICE C: INDICE ANALITICO
SIMBOLI
+5 VDC 4
80C32 2, 6, 42, B-1
80C320 2, 6, 42, B-7
82C55 14, 16, 50, 54
89S8252 6
A
A/D CONVERTER 2, 8, 26, 28, 30, 53
IMPEDENZA INGRESSI ANALOGICI 11
INGRESSI ANALOGICI IN CORRENTE 11, 29
INGRESSI ANALOGICI IN TENSIONE 11, 29
RISOLUZIONE A/D 10
TARATURA A/D CONVERTER 30
TEMPO CONVERSIONE A/D 10
ABACO® I/O BUS 3, 4, 10, 13, 37, 39, 50, A-6, A-7
ALIMENTAZIONE 12
+5 VDC 4, 39
LINEARE 39
SWITCHING 4, 12, 39
B
BACK UP 2, 11, 25, 36, 53
BASCOM 3
BASIC 3
BATTERIA 36, 53
BATTERIA ESTERNA 11, 36
BIBLIOGRAFIA 60
BT1 36
BUZZER 3, 8, 10, 46, 50, 51
BZ1 50
C
CAMPO 28
CCITT 28
CLOCK 4, 10
CNT 54
COMUNICAZIONE SERIALE 40
CONFIGURAZIONE SCHEDA 8
CONNETTORI 11
CN1 13
CN2 25
CN3A 18
CN3B 24
CN4 12
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina C-1
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
CN6 26
CN7 14
CN8 16
CORRENTE ASSORBITA 11
CORRENTE DI BACK UP 11
CORRENTE FORNITA 11
CS 53
CURRENT LOOP 3, 10, 18, 40
CURRENT LOOP A 2 FILI 22
CURRENT LOOP A 4 FILI 22
D
DATA IN 53
DATA OUT 53
DESCRIZIONE SOFTWARE 44
DIMENSIONI 10
DIN 46277-1 2
DIN 46277-3 2
DIP SWITCH 2, 36, 46, 50
DIR 40
DIREZIONE RS 422-485 40, 55
DSW1 36, 46, 52, 53
E
EEPROM 2, 10, 38, 46
EEPROM SERIALE 2, 8, 10, 38, 52
EPROM 2, 10, 38, 46
F
FLASH 2, 10, 38, 46
G
GET51 44
H
HCPL 4100 40
HCPL 4200 40
I
I/O 2, 8, 10, 14, 16
I/O CLOCK 53
IAC 01 28, A-8
IDLE 39
INDIRIZZAMENTI 46
INTERFACCE OPERATORE 28
Pagina C-2
GPC® 323
Rel. 3.30
ITALIAN TECHNOLOGY
grifo®
INTERFACCIAMENTO DEGLI I/O CON IL CAMPO
INTERRUPT RTC 16
INTERRUPTS 37
ISP 2, 39
28
J
JEDEC 38
JSXX 38
JUMPER A STAGNO 38
JUMPERS 31
JUMPERS A 2 VIE 32
J1 32, 39
J22 32, 40
J23 32, 40
J6 32, 36
J8 30
JS1 32, 40
JS2 32, 40
JUMPERS A 3 VIE
J18 34
J19 34, 39
J20 34, 39
J24 34, 40
J7 34, 40
JS3 34
JS4 34
JS6 34
JUMPERS A 5 VIE
J2 32, 38
K
KDF 224 14, 28
KDL X24 14, 28
L
LD3 52
LD4 51
LD4BZ 51
LEDS 3, 10, 36, 46, 50, 51
LINEA SERIALE A 18, 40
LINEA SERIALE B 24
LINEE SERIALI 3
LITIO 36
LOGICA DI CONTROLLO 6
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina C-3
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
M
MAPPAGGI 46
MAX 202 40
MAX 483 40
MCI 64 28
MEMORIA 10, 38
P
P1 3, 29
P89C51RX2 2, 6, 39
PDA 54
PDB 54
PDC 54
PERIFERICHE DELLA CPU 51
PESO 10
PORT
A 14
B 16
C 14
POWER FAILURE 37
PPI 14, 16, 50, 54
PROGRAMMAZIONE IN SYSTEM
39
Q
QTP 24P
14, 28, A-4, A-5
R
RANGE DI TEMPERATURA 10
REAL TIME CLOCK 8
RESET 3, 10, 29, 30
RETE TERMINAZIONE RS 422-485 11
RISORSE DI BORDO 10, 46
RS 232 3, 10, 18, 20, 24, 40
RS 422 3, 10, 18, 20, 40
RS 485 3, 10, 18, 20, 40
RTC 2, 8, 10, 16, 25, 46, 53
RUN/DEBUG 46, 52
RV1 30
S
SCHEDE ESTERNE 56
SCL 53
SDA 53
SEGNALAZIONI VISIVE
Pagina C-4
36
GPC® 323
Rel. 3.30
grifo®
ITALIAN TECHNOLOGY
SERIALE
HARDWARE 3, 42
SOFTWARE 3, 37, 42
SN75176 40
SOFTWARE 51
SPOT 52
SRAM 2, 10, 25, 38, 46, 53
STATO DELLA BATTERIA 53
STOP 39
T
TENSIONE DI ALIMENTAZIONE 11
TIMER COUNTER 2, 10
TRANSZORBTM 3
TTL 28
U
UMIDITÀ RELATIVA
10
V
VERSIONE SCHEDA
VREF 30
1
W
WATCH DOG 2, 8, 10, 30, 46, 50, 51
TEMPO INTERVENTO 10
WINISP 39
GPC® 323
Rel. 3.30
Pagina C-5
grifo®
Pagina C-6
ITALIAN TECHNOLOGY
GPC® 323
Rel. 3.30
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement