MANUALE D`USO

MANUALE D`USO
EGO
MANUALE D’USO
ITALIANO
REV.1 – 27.02.14/ITA
EGO
1
EGO
2
Indice:
1.0
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5
Informazioni generali
Introduzione
Simbologia
Caratteristiche generali della carrozzina
Utilizzo
Consigli generali
4
4
4
4
4
5
2.0
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.6
2.7
2.8
2.9
2.10
2.11
2.12
2.13
2.14
2.15
Sicurezza
Spostamenti:salire e scendere dalla carrozzina
Iniziare a guidare la propria carrozzina
Superare gli ostacoli: gradini e dislivelli
Superare rampe e salite
Ricerca della stabilità
Pressione dei pneumatici
Perni ad estrazione rapida
Controllo apertura degli assi
Controllo apertura dello schienale
Pedana appoggia piedi
Fascia ferma polpacci
Braccioli tubolari
Fissaggio delle parti
Durata della carrozzina
Prevenire gli incidenti
5
5
6
6
7
8
9
10
10
10
11
12
12
12
12
13
3.0
Trasporto della carrozzina
13
4.0
Descrizione delle parti
15
5.0
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
Utilizzo della carrozzina
Utilizzo
Chiusura della carrozzina
Apertura della carrozzina
Sollevare la carrozzina
Estrazione rapida ruote posteriori
16
16
16
18
18
19
5.6
5.7
Blocco e sblocco dei freni
Cintura pelvica e di bretellaggio
19
20
6.0
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5
6.6
6.7
6.8
6.9
6.10
6.11
Regolazioni
Generale
Elenco dei pezzi
Regolazione altezza schienale
Regolazione inclinazione schienale
Regolazione ruota posteriore
Regolazione altezza anteriore
Regolazione inclinazione della forcella
Regolazione altezza pedana
Regolazione della pedana
Regolazione dei freni
Regolazione dello schienale adattabile
21
21
22
23
23
23
25
26
27
27
29
30
7.0
7.1
7.2
7.3
7.4
7.5
7.6
Accessori
Braccioli tubolari girevoli estraibili regolabili in altezza
Ruotine da transito per passaggi stretti
Routine antiribaltamento
Aiuto ribaltamento
Porta stampelle
Altri accessori
31
31
32
32
33
33
33
8.0
8.1
8.2
8.3
Manutenzione
Sostituzione parti soggette ad usura
Controllo delle parti
Soluzione a possibili problemi
34
35
35
36
9.0
Dati tecnici
37
10.0
Garanzia
38
11.0
Certificazione
39
EGO
3
1.0
Informazioni generali
1.1
INTRODUZIONE
Una ricerca continua della qualità, della creatività, dell’innovazione nello
stile e nel design.
®
RehaTEAM , un’azienda seria ed affidabile realmente interessata ed
attenta al raggiungimento della soddisfazione del cliente. Abbiamo intrapreso
una strada diversa da tante altri: qualità e servizio al primo posto. Tutti i
nostri modelli possono vantare infinite varianti per personalizzare la
funzionalità di ogni modello, materiali accuratamente selezionati, collaudi e
controlli meticolosi per offrire sempre il meglio e per ultimo, ma non
d’importanza, servizio affidabile, serio e veloce.
Quello che siano lo dobbiamo a Voi clienti ed a tutte quelle persone che in tutti
questi anni ci hanno supportato dandoci la fiducia e lo stimolo per intraprendere
nuove strade.
Lo dobbiamo a tutte quelle persone che come noi credono fermamente che la
qualità fa la differenza e lo ritengono un vanto
1.2
SIMBOLOGIA
Spesso, durante la lettura di questo manuale d’uso, potreste
imbattervi in alcuni simboli che hanno lo scopo di evidenziare argomenti di
particolare importanza o interesse.
Questo simbolo sta ad indicare azioni o procedure assolutamente da
evitare.
Indica di porre particolare attenzione alla procedura o nota indicata
per evitare danni a cose o persone, rotture, situazioni di pericolo in
generale.
Informazioni generiche per migliorare l’utilizzo, da parte dell’utente,
della carrozzina
Utensile indispensabile: è necessario munirsi di cacciavite piano
per eseguire la procedura indicata.
Utensile indispensabile: è necessario munirsi di cacciavite a
croce per eseguire la procedura indicata.
Utensile indispensabile: è necessario munirsi di chiave per dadi o
bulloni da 6 m.
Utensile indispensabile: è necessario munirsi di chiave a brugola per
viti con esagono cavo da 6 mm.
1.3
CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CARROZZINA
La carrozzina superleggera Progeo® EGO presenta un design particolarmente
studiato. Facilità d’uso e massima personalizzazione sono solo alcune delle
importanti caratteristiche di questo modello.
Infatti l’innovativo sistema di chiusura ad assi pieghevoli offre un’ eccelsa
stabilità e permette di chiudere ed aprire la carrozzina agendo nella sua parte
anteriore .
Il telaio è in tubi in lega di alluminio a sezione ellittica ad altissima resistenza,
che consentono di migliorare la resistenza e la rigidità della carrozzina.
In EGO potrai trovare praticità, funzionalità e nello stesso tempo rigidità,
stabilità, linearità uniti ad una accurata ricerca estetica.
L’ampia dotazione di accessori disponibili per questo modello, rendono la
carrozzina estremamente versatile ed adatta sia ad uso interno che esterno.
1.4
UTILIZZO
La carrozzina EGO è un modello ad autospinta ossia il moto viene
impresso al mezzo manualmente agendo sui corrimani delle ruote
posteriori. Ha una funzione sia riabilitativa che attiva, adatta quindi a
una ampia gamma d’utenza con patologie di tipo diverso. Serve per
garantire il movimento in modo autonomo o assistito (per mezzo di
accompagnatore) di un utente con movimenti ridotti o inesistenti di
una o più parti del corpo.
La carrozzina può essere utilizzata, vista l’ampia gamma di
accessori e configurazioni possibili, con estrema sicurezza sia
all’interno che all’esterno. Nel caso di patologie particolarmente gravi
o di utenti non in grado di muoversi fisicamente con le proprie
forze, si consiglia sempre la presenza di un accompagnatore.
E’ inoltre sconsigliato l’utilizzo su percorsi montuosi o
particolarmente impervi, terreni sabbiosi o molto sconnessi, terreni
con pendenza superiore alla massima pendenza ammessa e ambienti
acidi.
EGO
4
La carrozzina EGO, in relazione alle proprie caratteristiche
dimensionali e strutturali, è indicata per utilizzatori adolescenti ed
adulti.
1.5
CONSIGLI GENERALI
Prima di iniziare ad utilizzare la carrozzina, si consiglia di leggere con
particolare attenzione il capitolo 2.0 “Sicurezza” e il capitolo 5.0
“Utilizzo della carrozzina” essenziali al fine di un corretto uso in
sicurezza del mezzo
richiedere l’intervento di un accompagnatore. Tutte queste azioni devono
comunque sempre essere rapportate alla vostra patologia e quindi al vostro
grado di autonomia.
Le norme generali da rispettare per eseguire lo spostamento
in sicurezza sono:


2.0
Sicurezza
®
La carrozzina Progeo EGO è un dispositivo medico, per tale
motivo è severamente sconsigliato e proibito cedere ad altri
utenti il proprio mezzo anche solo temporaneamente.
E’ vietato apportare modifiche alla carrozzina senza nostra
approvazione.
Modificare la carrozzina potrebbe creare problemi di stabilità e
resistenza con possibili conseguenze anche per l’utilizzatore.
LA NON OSSERVANZA DI TUTTE LE NORME RIPORTATE IN
QUESTO LIBRETTO D’USO E MANUTENZIONE, SOLLEVA
AUTOMATICAMENTE LA DITTA DA OGNI RESPONSABILITA’ E
FA DECADERE IMMEDIATAMENTE LA GARANZIA SULLA CARROZZINA
E DA LA POSSIBILITA’ A RehaTEAM srl DI RIVALERSI DIRETTAMENTE
SULL’UTILIZZATORE FINALE PER UN EVENTUALE RISARCIMENTO
DANNI.
2.1
SPOSTAMENTI:SALIRE E SCENDERE DALLA CARROZZINA
Durante la fase di salita o d i discesa dalla carrozzina, non mettere
i piedi sulla pedana anteriore. Questo potrebbe provocare il
ribaltamento in avanti della carrozzina con possibili danni sia al
mezzo che all’utilizzatore stesso.
Salire o scendere dalla carrozzina sono sempre azioni da seguire con estrema
cautela, anche da parte di utenti esperti, e devono essere eseguite solo dopo
aver ricevuto istruzioni da parte di personale esperto e specializzato.
Qualora le operazioni di trasferimento risultassero rischiose è opportuno



Effettuare lo spostamento con la carrozzina posta su superfici regolari
(piane) e solide. Evitare di eseguire lo spostamento su terreno in
pendenza o terreno particolarmente accidentato che potrebbe,
rendendo la carrozzina instabile, favorire la caduta dell’utilizzatore e il
ribaltamento del mezzo.
Bloccare la carrozzina con i freni di stazionamento (vedi capitolo 5.6
”Blocco e sblocco dei freni”)
Spostare i piedi giù dalla pedana per scendere. Spostare i piedi vicino
alla pedana per salire.
Appoggiarsi alla carrozzina ed eventualmente anche ad un oggetto
stabile presente nelle vicinanze. Fare forza sulle braccia per sollevare e
spostare il corpo (vedi fig. 1)
In caso l’utente non sia in grado fisicamente di eseguire lo
spostamento da solo, o nel caso tale spostamento venisse effettuato
su un terreno poco stabile e regolare, avvalersi dell’aiuto di un
accompagnatore (vedi fig. 2)
Fig. 1
Fig. 2
Nel salire o scendere dalla carrozzina non appoggiarsi o sedersi
mai sulla spondina proteggi abiti. Potrebbero infatti flettersi
eccessivamente o rompersi con il pericolo di ferirsi.
Nel caso la vostra carrozzina fosse equipaggiata di braccioli, rimuovere
o far ruotare verso l’esterno (braccioli girevoli) il bracciolo posto verso
il lato dello spostamento al fine di facilitare le fasi di salita e discesa (vedi
capitolo 7.1 “Braccioli tubolari girevoli estraibili regolabili in altezza”)
EGO
5
2.2
PER PREVENIRE IL RIBALTAMENTO DURANTE IL NORMALE
UTILIZZO DELLA CARROZZINA SI CONSIGLIA DI MONTARE
IL SISTEMA DI ANTIRIBALTAMENTO FORNITO COME
ACCESSORIO SU QUESTO MODELLO. (Vedi capitolo 7.3
“ruotine antiribaltamento”).
INIZIARE A GUIDARE LA PROPRIA CARROZZINA
Determinare il punto di ribaltamento
La facilità di inclinare la carrozzina dipende sostanzialmente dalla posizione
della seduta e di conseguenza dalla posizione del baricentro rispetto alle ruote
posteriori. Il modello EGO permette una regolazione dell’assetto della
carrozzina (vedi capitolo 6.5 “Regolazione ruote posteriori”)
2.3
Si ricorda che ogni regolazione delle ruote posteriori influisce
sull’assetto della carrozzina e quindi sulla possibilità di ribaltamento
della stessa.
La posizione corretta della ruota posteriore dipende da molti e diversi
fattori tra i quali: il peso dell’utilizzatore, il tipo di handicap e la
capacità di maneggiare la carrozzina. La ditta fornisce la carrozzina e
la posizione delle ruote posteriori (assetto) secondo le indicazioni
riportate sulla scheda d’ordine.
Per trovare il punto di ribaltamento deve sempre essere
presente un accompagnatore che si deve collocare appena
dietro la carrozzina per impedire che questa si ribalti
completamente.
SUPERARE GLI OSTACOLI: GRADINI E DISLIVELLI
Durante il superamento di dislivelli , gradini, marciapiedi, scale,
sporgenze, ecc., affrontare la situazione sempre con una velocità
moderata.
Non superare gradini od ostacoli in generale più alti di 20 cm. Di
fronte a ostacoli particolarmente impegnativi o nel caso di scale
con più di un gradino, è sempre necessaria la presenza di un
accompagnatore posto nella parte posteriore della carrozzina per
rendere facili e in sicurezza tali manovre.
Superare un ostacolo da soli
Prima di affrontare la discesa di uno scalino, o più in generale il
superamento di un ostacolo, da soli (senza quindi la presenza di un
accompagnatore), dovrete avere un buon controllo del vostro mezzo e
saper impennare la carrozzina, mantenendovi in equilibrio sulle ruote
posteriori, la carrozzina (vedi capitolo 2.2 “Determinare il punto di
ribaltamento”
Per determinare il punto di ribaltamento della vostra carrozzina e di conseguenza
capire i limiti entro i quali le vostre manovre risulteranno assolutamente sicure,
procedere nel modo seguente (vedi figura 3):
Scendere un gradino da soli (vedi figura 4)
Fig. 3


Siete seduti sulla vostra carrozzina. Muovetevi in avanti impugnando in
modo deciso i corrimani delle ruote posteriori. Successivamente, con un
leggero strappo indietro dei corrimani e spostando il peso del corpo
indietro, la parte anteriore della carrozzina si solleverà.
Facendo ora oscillare il peso del corpo in modo leggero e ruotando i
corrimani di spinta in avanti e indietro, al fine di mantenere una
corretta posizione del baricentro e la posizione impennata della
carrozzina, potrete trovare il punto di ribaltamento.
Fig.4



Portare la carrozzina dritta fino allo spigolo del gradino, in modo tale che
le ruote anteriori siano il più vicino possibile allo spigolo stesso.
Alzare le ruote anteriori facendo impennare la carrozzina e mantenendo
l’equilibrio.
Far scorrere le ruote posteriori con molta cautela sullo spigolo. Durante
EGO
6

questa fase tenere sempre le mani ben salde sui corrimani.
Una volta che le ruote posteriori sono scese dal gradino e hanno
toccato terra, piegare la carrozzina in avanti fino a che le ruotine anteriori
non toccheranno terra.



Salire un gradino da soli (vedi figura 5)

Per facilitare il sollevamento della carrozzina da parte
dell’accompagnatore si consiglia di montare un sistema di aiuto
ribaltamento fornito come accessorio su questo modello (vedi
capitolo 7.4 “Aiuto- ribaltamento”)
Fig.5






Portare la carrozzina dritta in prossimità dello spigolo del gradino.
Alzare le ruote anteriori facendo impennare la carrozzina e
mantenendo l’equilibrio
Far scorrere le ruote posteriori in avanti, con molta cautela, agendo sui
corrimani, fino a toccare lo spigolo del gradino con la ruota stessa.
Piegare la carrozzina in avanti fino a che le ruote anteriori non toccheranno
terra superando così l’ostacolo.
Portare il peso in avanti, in modo da alleggerire la parte posteriore della
carrozzina.
Impugnare energicamente i corrimani facendo imprimere agli stessi una
rotazione in avanti che farà scorrere la ruota posteriore sullo spigolo del
gradino sollevando la parte posteriore della carrozzina da terra con il
conseguente superamento dell’ostacolo.
Scendere un gradino con l’accompagnatore (vedi figura 6)
Portare la carrozzina dritta fino allo spigolo del gradino, in modo tale
che le ruote anteriori siano il più vicino possibile allo spigolo stesso.
Impugnare in modo sicuro le manopole delle maniglie schienale.
Eseguire una pressione verso il basso per sollevare la parte anteriore
della carrozzina.
Mantenere la carrozzina in questa posizione ed accompagnarla con
cautela giù per le scale un gradino per volta. L’utente, seduto sulla
carrozzina potrà agevolare l’accompagnatore durante questa manovra,
agendo sui cerchi di spinta.
Terminata la discesa, piegare la sedia in avanti fino a che le ruote
anteriori non toccheranno terra.
Salire un gradino con l’accompagnatore



2.4
Procedendo all’indietro portare la carrozzina vicina al gradino, in modo
che la ruota posteriore tocchi lo spigolo dello stesso.
Impugnare in modo sicuro le manopole delle maniglie schienale. Tirare
con forza le maniglie, mantenendo nello stesso tempo la carrozzina
inclinata (con le ruote anteriori sollevate) per evitare che l’utente
scivoli dalla seduta, e far scorrere le ruote posteriori sullo spigolo del
gradino verso l’alto.
Allontanare, mantenendo la posizione impennata, la sedia dallo spigolo
fino a che anche le ruote anteriori potranno essere posate a terra
SUPERARE RAMPE E SALITE
Salire una rampa (vedi fig. 7)
Fig.7
Fig.6
EGO
7
Percorrere un tratto in salita non è certo un’azione molto semplice.
L’utilizzatore dovrà imprimere una certa velocità al mezzo agendo in modo
energico sui corrimani delle ruote posteriori e nello stesso tempo essere abile
a mantenere il controllo della direzione.
Si consiglia, a coloro che non avessero ancora acquisito molta
sicurezza nella guida della propria carrozzina, di montare un sistema
di antiribaltamento, fornito come accessorio su questo modello, utile
in questi casi ad evitare che la carrozzina possa rovesciarsi
all’indietro, durante la salita (vedi capitolo 7.3 “Ruotine
antiribaltamento”)



Tenere sempre il peso del corpo in avanti, inclinando il busto, per evitare
che la carrozzina possa ribaltarsi all’indietro.
Impugnare in modo sicuro i corrimani delle ruote posteriori.
Salire la rampa facendo muovere la carrozzina con spinte veloci ed
energiche su entrambi i corrimani delle ruote posteriori. Non strappare,
eseguire il movimento in modo costante e più fluido possibile. Non
oscillare con il busto.


2.5
Impugnare i corrimani delle ruote posteriori e lasciarli scorrere dolcemente
tra le dita.
La velocità dovrebbe essere tale da poter arrestare la carrozzina in
qualunque momento semplicemente bloccando, con le mani, la
rotazione dei corrimani.
RICERCA DELLA STABILITÀ
Spesso durante la giornata ci si trova a dover affrontare situazioni che ci portano a
sporgerci dalla carrozzina. Movimenti apparentemente semplici che potrebbero,
se non eseguiti con la dovuta attenzione, portare a una perdita di stabilità con il
possibile ribaltamento del mezzo.
Al fine di raggiungere il massimo controllo della carrozzina, da parte
dell’utilizzatore, illustriamo alcune situazioni, possibili durante l’uso quotidiano
del mezzo, alle quali chiediamo di porre particolare attenzione al fine di mantenere
sempre l’equilibrio e la stabilità.
Distendersi in avanti (vedi figura 9)
La pendenza massima percorribile in completa sicurezza dalla
carrozzina è del 6% (3°).
Percorrere una discesa (vedi fig. 8)
Fig.9

Fig. 8
Per superare una discesa in modo corretto, l’utilizzatore deve sempre,
durante tutto il percorso, mantenere velocità e direzione costanti e controllate.


Affrontare la discesa con velocità moderata.
Tenere sempre il peso del corpo all’indietro per non cadere o scivolare in
avanti.


Allineare in avanti le ruote anteriori della carrozzina. Per fare questo
spostare il mezzo in avanti e poi nuovamente indietro. Frenare la carrozzina,
utilizzando entrambi i freni di stazionamento, al fine di evitare improvvisi
spostamenti del mezzo durante il movimento.
Sporgersi in avanti in modo tale che il busto non superi mai le ruote
anteriori (portando il peso eccessivamente in avanti la carrozzina potrebbe
impennarsi sulle ruote anteriori con un possibile ribaltamento sia del
mezzo che dell’utilizzatore).
Per garantire una maggiore stabilità, con la mano libera, tenersi aggrappati
alla carrozzina.
EGO
8
Non piegarsi troppo in avanti, potreste cadere dalla carrozzina.
Non spostarsi in avanti scivolando con il bacino, sulla tela
sedile, per afferrare oggetti troppo lontani. Il mezzo potrebbe
rovesciarsi.
Non oltrepassare con il busto la ruota posteriore (la carrozzina potrebbe
rovesciarsi).
Con la mano libera, per maggior sicurezza e stabilità, rimanere aggrappati alla
carrozzina
2.6
Distendersi indietro (vedi figura 10)
Allineare in avanti le ruote anteriori della carrozzina Per fare questo spostare il
mezzo in avanti e poi nuovamente indietro.
Non azionare i freni di stazionamento.
Sporgersi indietro senza modificare la posizione della seduta
Fig. 10



PRESSIONE DEI PNEUMATICI
Per garantire sempre corrette caratteristiche di frenaggio e scorrimento
della carrozzina, è necessario che i copertoni siano sempre ben gonfiati.
Rimuovere, con le dita, il tappo in plastica, che copre la valvola di
gonfiaggio, posto sul cerchione delle ruote posteriori (vedi figura 12).
Utilizzare un compressore per portare la pressione a un valore corretto
(vedi tabella 1).
Riavvitare il tappo in plastica.
Fig. 12
Non sporgersi troppo all’indietro oltre lo schienale. La
carrozzina potrebbe rovesciarsi.
Sporgersi lateralmente (vedi figura 11)
Fig. 11
Controllare settimanalmente la corretta pressione dei
pneumatici come indicato in “tabella 1”.
Una pressione non adeguata (soprattutto se inferiore) provoca
una scorretta azione dei freni di stazionamento sul copertone
(potrebbe non essere garantito l’arresto del mezzo) (vedi
capitolo 6.11 “Regolazione dei freni”)
Una pressione dei pneumatici adeguata rende la carrozzina
notevolmente più scorrevole e controllabile durante le
manovre.
Utilizzare, al fine di portare in pressione le gomme, un
compressore munito di manometro per il controllo del
gonfiaggio. Non utilizzare pompe a mano o altri sistemi. Non
eccedere la pressione indicata nella tabella di gonfiaggio,
potreste danneggiare la camera d’aria o il tubolare. Fare sempre
attenzione al tipo di pneumatico montato rispetto ai valori
riportati in tabella 1.
EGO
9
Tabella 1: pressione coperture posteriori
TIPO DI PNEUMATICO
PRESSIONE
Alta Pressione
7 BAR
700 kPA
Alta pressione tassellato
7 BAR
700 kPA
Anti foratura Marathon Plus
10 BAR
1000 kPA
Anti foratura Mako
Non necessita gonfiaggio
Le coperture antiforatura non necessitano di alcun gonfiaggio.
Questo tipo di pneumatico assicura una minore manutenzione e
riduce i costi dovuti a riparazione o sostituzione per foratura.
Rispetto ai pneumatici con camera d’aria o ai tubolari, risultano,
durante il normale utilizzo, leggermente meno scorrevoli
2.7
Il controllo dei perni delle ruote posteriori rientra tra le procedure che
l’utilizzatore dovrebbe compiere periodicamente.
Un errato inserimento dei perni potrebbe provocare, durante
l’utilizzo, lo sfilamento del perno stesso dalla ruota posteriore
con il conseguente ribaltamento della carrozzina e possibili
danni all’utilizzatore.
PERNI AD ESTRAZIONE RAPIDA
2.8
Dopo aver aperto la carrozzina (vedi capitolo 5.3 “Apertura della
carrozzina”) controllare con molta attenzione che i due denti di aggancio “A”
del blocco centrale posteriore di chiusura devono essere completamente
agganciati. In caso contrario, afferrare con una mano il telaio anteriore della
carrozzina e con l’altra spingere in avanti il blocco centrale anteriore fino alla
completa apertura della carrozzina (un “click” indicherà l’innesto degli agganci
“A”). (vedi figura 14).
Fig. 14
Dopo ogni operazione eseguita sulle ruote posteriori, controllare che i perni ad
estrazione rapida siano ben innestati (vedi figura 13) (vedi capitolo 5.5
“Estrazione rapida ruote posteriori”)
Verificare il corretto inserimento dei
perni delle ruote posteriori senza alcuna
persona seduta sul mezzo.
Sbloccare i freni di stazionamento.
Sollevare la ruota posteriore alzando
leggermente la carrozzina da terra
afferrandola per le maniglie poste sullo
schienale.
Afferrare con la mano il mozzo della
ruota posteriore facendo attenzione ad
inserire le dita tra i raggi.
Tirare e spingere la ruota (come indicato
dalla freccia) per verificarne il corretto
inserimento.
Fig.13
CONTROLLO APERTURA DEGLI ASSI
A
2.9
CONTROLLO APERTURA DELLO SCHIENALE
Prima di utilizzare la carrozzina, controllare con molta attenzione che lo
schienale sia bloccato (l’aggancio “A” deve essere ben inserito). Afferrare la
carrozzina con una mano sul telaio anteriore e l’altra in corrispondenza di una
maniglia schienale ed esercitare una pressione sullo schienale in avanti ed
indietro per verificare la corretta apertura.
EGO
10
Eseguire la verifica per entrambe le maniglie schienale (vedi figura 15).
Fig. 17
A
Nel caso che la vostra carrozzina fosse munita di pedana sdoppiata (vedi figura
17) controllare che entrambi i piatti pedana in plastica siano completamente
abbassati prima di utilizzare il mezzo.
A
B
Fig. 15
2.10
Fig. 18
Con pedana unica rialzabile in plastica (figura 18) controllare che il perno di
bloccaggio “A” sia inserito correttamente nell’asola del supporto “B”.
PEDANA APPOGGIA PIEDI
Dopo ogni operazione controllare che la pedana appoggia piedi sia sempre
nella posizione corretta (completamente aperta).
Con pedana unica rialzabile in alluminio (figura 19) o in carbonio (figura 20)
controllare che il perno di bloccaggio “A” sia inserito correttamente nello
spacco presente sul supporto “B” (figura 21).
Fig. 19
Fig. 20
A
Fig. 21
Fig. 16
Con pedana unica a libro (figura 16) il controllo non si rivela necessario in
quanto, con una corretta apertura della carrozzina, si avrà l’automatica apertura
anche della pedana.
B
EGO
11
2.11
In alcuni casi, in base al diametro
della ruota anteriore e alla
larghezza della carrozzina, è
possibile che la ruota anteriore,
piroettando, venga a contatto con il
tallone del piede dell’utilizzatore.
Per impedire ogni possibile contatto
ed evitare che da questo ne derivi il
ribaltamento
del
mezzo,
la
carrozzina è provvista di una fascia
ferma polpacci che va regolata in
maniera tale
che
i
piedi
dell’utilizzatore non vengano mai a
contatto con le ruote anteriori
(vedi figura 22).
2.12
I braccioli tubolari risultano bloccati solo nella posizione d’utilizzo (in
avanti e paralleli alle fiancate della carrozzina) (vedi figura 23); in
tutte le posizioni intermedie sono liberi di ruotare, per tale
motivo accertarsi che i braccioli siano sempre nella posizione
corretta prima di utilizzarli (vedi capitolo 7.1 “Braccioli girevoli
estraibili regolabili in altezza”).
La mancata osservanza di tale punto potrebbe provocare il
ribaltamento della carrozzina o dell’utilizzatore stesso.
FASCIA FERMA POLPACCI
Fig. 22
Non utilizzare il bracciolo come punto di presa per sollevare la
sedia in quanto potrebbe provocare lo sfilamento dei braccioli
dal loro supporto con possibili conseguenze all’utilizzatore e
alla carrozzina.
Non utilizzare il bracciolo come punto di appoggio durante i
trasferimenti. Si consiglia anzi, per favorire lo spostamento di
togliere il bracciolo posto sul lato dello spostamento.
Per poter abbassare lo schienale in presenza dei braccioli tubolari, è
preferibile farli ruotare all’indietro oppure rimuoverli in quanto
potrebbero creare interferenza.
BRACCIOLI TUBOLARI
Il modello EGO ha la possibilità di
Fig. 23
essere equipaggiato con i braccioli
tubolari (figura 23).
2.13
FISSAGGIO DELLE PARTI
Dopo ogni operazione stringere bene tutte le viti ed i rispettivi dadi.
L’uso quotidiano della carrozzina può causare un allentamento di viti
e dadi.
Si consiglia di controllare almeno una volta al mese
l’avvitamento di tutte le parti e se necessario richiedere
l’assistenza da parte di personale autorizzato per la
manutenzione delle carrozzine PROGEO®.
2.14
I braccioli sono degli accessori su questo modello, devono pertanto
essere richiesti come aggiuntivo. Risultano particolarmente utili per
persone con ridotte funzioni delle mani e delle braccia, e con un
controllo del busto limitato che necessitano di una maggiore stabilità
nel momento in cui si trovano seduti sulla sedia.
I braccioli non devono essere utilizzati in maniera continua e di
supporto.
DURATA DELLA CARROZZINA
Partiamo dal concetto che le carrozzine PROGEO® vengono utilizzate ogni
giorno e che di conseguenza sono sottoposte a sollecitazioni che provocano un
inevitabile logorio delle parti. Considerando questi fattori e un’accurata
manutenzione periodica, la durata delle carrozzine PROGEO® è di 5 anni. La
durata si prolunga notevolmente quando la carrozzina viene utilizzata in casa o
in modo sporadico.
EGO
12
2.15
PREVENIRE GLI INCIDENTI
indicazioni valide a soddisfare tutti i casi. Per tale motivo, ci limiteremo a fornire
dei consigli a livello generale.
Spostamenti
Evitare forti sollecitazioni, durante l’utilizzo della carrozzina, poiché si potrebbe
ribaltare.
In caso di ostacoli o dislivelli evitare possibilmente manovre brusche (ad esempio
frenate improvvise). Il pericolo di scivolare aumenta su superfici umide o terreno
irregolare.
Superare con cautela gli ostacoli come scalini o soglie (farsi aiutare da un
accompagnatore). Si raccomanda, per una maggiore sicurezza, di spostarsi su
piani inclinati o comunque ritenuti pericolosi, soltanto con accompagnatore dietro la
carrozzina.
Eseguire tutte le operazioni, relative al trasporto della
carrozzina in auto, sempre con estrema cautela e dopo aver
ricevuto accurate istruzioni da parte di personale esperto e
specializzato presso i nostri rivenditori autorizzati.
Qualora tali operazioni risultassero rischiose o complicate è
opportuno richiedere l’aiuto di un accompagnatore.
Sull’auto non trasportare mai persone in carrozzina (
sedute sulla carrozzina).
Le carrozzine non sono progettate e costruite per trasporti di
questo genere.
Velocità d’utilizzo
Adattare sempre la velocità di utilizzo, della carrozzina, alle circostanze e alle
condizioni del momento. Generalmente si consiglia una guida costante, senza
accelerazioni o cambi di direzione improvvisi.
Nel caso in cui questo non si potesse evitare si ricorda che le
carrozzine non sono provviste di cinture di sicurezza e che
eventuali cinture per il trasporto in auto sono installabili solo
da quelle aziende abilitate alle trasformazioni di autoveicoli.
Utilizzo dei freni
I freni di stazionamento a pressione sono ideati per stabilizzare la carrozzina in
posizione ferma.
Per motivi di sicurezza si sconsiglia di frenare utilizzando i freni di
stazionamento, durante la marcia (vedi capitolo 6.8 ”Regolazione dei
freni”).
Fare comunque molta attenzione durante l’utilizzo dei dispositivi
di frenaggio per evitare danni alle mani e alle dita.
3.0
Trasporto della carrozzina
Trasporto con la presenza di accompagnatore
(vedi figure 24, 25, 26, 27)
Nel momento in cui la propria disabilità e forza fisica non permettesse lo
spostamento e il caricamento in auto della carrozzina in completa autonomia, è
consigliabile richiedere l’aiuto di un accompagnatore.
Le caratteristiche di leggerezza e riducibilità del mezzo sono importanti ed
essenziali perché garantiscono lo spostamento in modo semplice anche da
parte di persone con una forza fisica limitata.

Possiamo dire che non esiste un metodo unificato per il trasporto della carrozzina in
auto (o simili).
Questo perché tali indicazioni dipendono sostanzialmente dalla disabilità del
paziente (dalla sua mobilità del busto, delle braccia e delle mani), dalla forza fisica
(per una persona anziana o un bambino sarà molto complicato il trasferimento in
completa autonomia) e dal tipo di mezzo su cui desideriamo trasportare la
carrozzina.




Sbloccare i freni di stazionamento ed estrarre le ruote posteriori (vedi
capitolo 5.5 “Estrazione rapida ruote posteriori”)
Chiudere la carrozzina (vedi capitolo 5.2 “Chiusura della carrozzina”) ed
abbassare lo schienale. (vedi figura 24)
Impugnare la carrozzina con una mano sul telaio anteriore e con l’altra
sulla parte posteriore (in modo da bilanciare il peso e rendere meno
faticoso il sollevamento) (figura 25)
Caricare la carrozzina in auto e, successivamente anche le ruote
separate (figura 26)
La carrozzina potrà, visto il ridotto ingombro, una volta piegata, essere
caricata anche tra i sedili anteriori e posteriori (fig. 27).
Come possiamo notare le variabili sono troppo ampie per dare delle
EGO
13
Fig. 24
Fig. 26




Fig. 25
Una volta eseguito lo spostamento, sbloccare i freni di stazionamento ed
estrarre le ruote posteriori (vedi capitolo 5.5 “Estrazione rapida delle ruote
posteriori“)
Chiudere la carrozzina (vedi capitolo 5.2 Chiusura della carrozzina”)
(figura 30)
Impugnare la carrozzina con una mano sul telaio anteriore e l’altra in
corrispondenza della parte posteriore (in modo da bilanciare il peso e
rendere meno faticoso il sollevamento) (vedi figura 31)
Infine caricare anche le ruote separate
Fig. 28
Fig. 29
Fig. 30
Fig. 31
Fig. 27
Caricare la carrozzina in totale in completa autonomia
(vedi figure 28, 29, 30, 31)
Le operazioni che verranno illustrate sono espressamente indicate per persone
autonome , con un buon controllo del busto, delle braccia, delle mani e con una
sufficiente forza che permetta di eseguire tutto il processo in completa sicurezza.


Avvicinarsi al punto di salita (ad esempio al posto di guida) e, dopo aver
aperto lo sportello dell’auto, posizionare la carrozzina il più vicino possibile
al sedile dell’auto (vedi figura 28).
Frenare la carrozzina con i freni di stazionamento ed eseguire il passaggio
(figura 29) (vedi capitolo 2.1 “Spostamenti: salire e scendere dalla
carrozzina”)
EGO
14
4.
Descrizione pezzi separati
Descrizione pezzi (vedi figura 32)
Fig.32
1 Fodera schienale imbottita e traspirante, adattabile tramite apposite fasce
tensionabili in velcro.
2 Tubo schienale regolabile in altezza ogni 1.5 cm da 24,5 a 47cm
3 Protezione vestiario - a parafango in carbonio
- a parafango estraibile in carbonio
4 Tela sedile con fasce in velcro per eventuale ancoraggio del cuscino, provvista di
tasca porta oggetti
5 Telaio anteriore
6 Ruota posteriore
7 Fiancata laterale con supporto schienale
8 Freni di stazionamento:
- leva curva
- leva dritta
- leva prolungata staccabile
9 Perno per estrazione rapida.
10 Piastra ruota posteriore
11 Piantone di regolazione altezza posteriore ed assetto
12 Asse pieghevole anteriore
13 Fetuccia di sblocco chiusura
14 Blocco centrale di chiusura
15 Asse pieghevole posteriore
16 Supporto forcella
17 Corrimano:
- in alluminio anodizzato
- in acciaio cromato
- in titanio
- in fusione di gomma “Ultra grepp”
- in espanso “Max grepp”
- in alluminio e gomma “Ergo-Para”
- in alluminio con inserto in gomma “The Surge LT”
- a timone
- anello antiscivolo in silicone applicabile su cerchio
18 Coperture ruote posteriori:
- alta pressione liscio
- alta pressione tassellato
- con protezione antiforatura
- copertone pieno
19 Forcella anteriore
20 Ruota anteriore
- 4” active sport con cerchio in lega di alluminio
- 4” active soft con cerchio in lega di alluminio
- 5" poliuretanica in gomma piena morbida
- 6” poliuretanica in gomma piena morbida
- 6” pneumatica
21 Tubi pedana provvisti di fori ogni 1.5 cm per la regolazione in altezza
22 Pedana appoggia piedi:
- unica in alluminio con chiusura automatica a libro
- unica in plastica alzabile
- unica in alluminio alzabile
- sdoppiata in plastica
- unica in carbonio, alzabile e girevole
23 Fascia ferma polpacci tensionabile
Nota: tutte le pedane sono regolabili in altezza ed inclinazione
EGO
15
5.0
Utilizzo della carrozzina
5.1
UTILIZZO
NON IMPUGNARE IL BLOCCO CENTRALE “C” DI
COLLEGAMENTO ASTE ANTERIORI “A” COME ILLUSTRATO IN
FIGURA 34. DURANTE IL MOVIMENTO DI CHIUSURA, LE DITA
DELLA MANO RIMARREBBERO SCHIACCIATE TRA LE DUE
ASTE “A”.
La carrozzina superleggera EGO , rientra nel concetto di carrozzina
superleggera attiva a telaio pieghevole con sistem a di crociera
sotto la seduta. E’ una carrozzina che per le sue doti di leggerezza,
adattabilità, configurazione e scorrevolezza, è indicata per un uso quotidiano
da parte sia di utenti con patologie gravi (con movimenti limitati delle gambe,
delle braccia o del busto) sia di utenti “attivi” (capaci di svolgere attività in
autonomia). La carrozzina è stata concepita per un uso sia interno
(appartamento, palestra, scuola, biblioteca, ecc...) che esterno (strada,
marciapiede, cortile, ecc...).
A
A
C
Durante l’utilizzo quotidiano della carrozzina, l’utente potrebbe
trovarsi in situazioni di terreno sconnesso, non regolare (ghiaino,
porfido, percorsi con buche, ecc..) o scivoloso (terreno bagnato,
presenza di sabbia, polvere,olio, ecc...). In tutte queste
condizioni e più in generale in tutti quei casi in cui l’utilizzo del
mezzo può risultare difficoltoso e talvolta rischioso (per il
mezzo stesso e il suo conducente), si consiglia sempre la
massima prudenza e una conduzione del mezzo costante,
senza brusche accelerazioni o frenate (vedi capitolo 2.0
“Sicurezza”).
Fig. 34
NON
IMPUGNARE
IL
TELAIO
ANTERIORE
IN
CORRISPONDENZA DELLA CURVATURA COME IN FIGURA 35
IN QUANTO IN QUESTA POSIZIONE LA MANO SI TROVA ALLA
STESSA ALTEZZA DEL BLOCCO CENTRALE “C” CHE, NELLA
FASE CONCLUSIVA DELLA CHIUSURA, ANDREBBE A
SBATTERE CONTRO LE DITA . Il telaio va impugnato al di sotto
della curvatura come indicato in figura 36.
Nei casi di maggior difficoltà e rischio è sempre consigliata la
presenza di un accompagnatore.
C
La pendenza massima percorribile, al fine di evitare il
ribaltamento all’indietro della carrozzina è di 3° (6%) (vedi
capitolo 2.4 “Superare rampe o salite”).
Il carico massimo supportato dal modello EGO è di 125 kg.
5.2
CHIUSURA DELLA CARROZZINA
La carrozzina superleggera EGO permette non soltanto la chiusura degli assi
pieghevoli, ma anche dello schienale in modo indipendente.
Chiusura degli assi pieghevoli
Fig. 35
Fig. 36
Per chiudere gli assi:
 Rimuovere il cuscino o eventuali altri supporti morbidi o rigidi dal sedile o
dallo schienale.
 Alzare la pedana (operazione non necessaria in presenza di pedana
EGO
16



chiudibile automaticamente a libro) (vedi capitolo 6.9 “Regolazione della
pedana”)
Impugnare con una mano il telaio anteriore (destro o sinistro) della
carrozzina e con l’altra la fettuccia “F”. (vedi figura 37)
Mantenendo la mano sul telaio anteriore, tirare la fettuccia “F”. per un
breve tratto ed se necessario, alzare la tela seduta (vedi figura 38).
A questo punto i due denti di aggancio “A” del blocco centrale di
chiusura (vedi figura 39) sono sbloccati ed è possibile piegare gli assi
(anteriore e posteriore) tirando la fettuccia “F” fino alla completa chiusura
(figura 40) oppure agendo su entrambi i lati della carrozzina
avvicinandoli (vedi figure 41 e 42).
F
Fig. 41
Fig. 42
Chiusura dello schienale
F
Eseguire l’operazione facendo molta attenzione che le dita della
mano, durante la fase di chiusura dello schienale, non finiscano
tra il tubo dello schienale e la spondina laterale.
Con un dito sollevare il piolino “P” del sistema di aggancio (vedi figura 43) per
poter abbattere lo schienale impugnandolo sulla manopola e ruotandolo in
avanti. La stessa operazione va ripetuta per l’altro lato.
Fig. 37
P
Fig. 38
A
F
Fig. 43
EGO
Fig. 39
Fig. 40
17
In presenza dei braccioli tubolari, è preferibile, per poter abbattere lo
schienale, farli ruotare all’indietro oppure rimuoverli. (Vedi capitolo
7.1 “Braccioli girevoli ed estraibili”).
Fig. 46
Chiusura completa della carrozzina
La chiusura completa della carrozzina (vedi
figura 44) si ottiene chiudendo sia la crociera
che lo schienale.
I due movimenti sono indipendenti e non
creano interferenze tra di loro.
È per tanto possibile chiudere prima la
crociera e poi lo schienale o viceversa.
A
Apertura dello schienale
Fig. 44
In presenza di pedana sdoppiata o unica alzabile, sollevarla
completamente prima di procedere alla chiusura della
carrozzina. Il non rispetto di tale procedura può provocare
danni al telaio per i quali la ditta declina la responsabilità
(questa operazione non è necessaria se è montata una pedana unica a
libro).
5.3
Afferrare con una mano la maniglia dello schienale ed alzarlo (vedi figura 47)
fino alla posizione di utilizzo (vedi figura 48) che verrà segnalata da un click di
aggancio. Eseguire la stessa operazione per ambo i lati.
APERTURA DELLA CARROZZINA
Apertura della crociera


Impugnare con una mano il telaio anteriore (destro o sinistro) della
carrozzina e con l’altra spingere il blocco centrale “C” di collegamento
aste anteriori (vedi figure 45 e 45 a) fino alla completa apertura.
Un “click” indicherà l’avvenuto bloccaggio dell’aggancio “A” (figura 46).
Fig. 47
5.4
C

Fig. 45 a
SOLLEVARE LA CARROZZINA
La carrozzina può essere sollevata e trasportata in modi diversi. Si consiglia
però, al fine di diminuire lo sforzo per compiere questa azione, di ridurre la
carrozzina.

Fig. 45
Fig. 48
Prima di utilizzare la carrozzina, verificare sempre che lo
schienale sia aperto e bloccato (vedi capitolo 2.9 “Controllo
apertura schienale”)
Rimuovere le ruote posteriori, per diminuire il peso (vedi capitolo 5.5
“Estrazione rapida ruote posteriori”).
Chiudere la carrozzina, per avere un miglior bilanciamento durante il
sollevamento (vedi capitolo 5.2 “ Chiusura della carrozzina”) .
EGO
18


Afferrare con una mano la carrozzina sul telaio anteriore e con l’altra sulle
maniglie dello schienale se questo non viene abbattuto (vedi figura 49)
oppure sul telaio nella parte posteriore se lo schienale è abbassato.
Sollevare la carrozzina.

una mano la manopola posta sullo schienale, in modo da facilitare
l’operazione.
Afferrare la ruota per i raggi attorno al mozzo, premere con il pollice il
pulsante del perno e, senza rilasciare, tirare verso l’esterno la ruota
completa (figure 50).
Per inserire la ruota




Fig. 49
5.5
ESTRAZIONE RAPIDA RUOTE POSTERIORI
Disinserire i freni di stazionamento.
Sollevare la carrozzina da terra, afferrando con una mano la manopola
posta sullo schienale, in modo da facilitare l’operazione(figura 50).
Afferrare la ruota per i raggi attorno al mozzo, premere con il pollice il
pulsante del perno e senza rilasciare inserire il perno fino in fondo
nell’apposita boccola (figura 51).
Rilasciare il pulsante del perno per bloccare la ruota (uno scatto
sarà indice che il bloccaggio della ruota in sede è avvenuto in modo
corretto).
Eseguire le operazioni di inserimento e rimozione della ruota
posteriore sempre con i freni di stazionamento disinseriti.
Questo dispositivo consente di estrarre le ruote posteriori in modo pratico e veloce,
riducendo l’ingombro della carrozzina. E’ generalmente utilizzato per facilitare le
operazioni di alloggiamento in auto o in presenza di passaggi stretti, per usufruire
delle apposite ruotine da transito (vedi capitolo 7.2 “Ruote da transito”).
Assicurarsi che i perni ad estrazione rapida siano completamente
inseriti. Effettuare una prova afferrando le ruote per il mozzo e
tirandole in direzione laterale (vedi capitolo 2.7 “Perni ad estrazione
rapida”).
5.6
BLOCCO E SBLOCCO DEI FRENI
Fig. 52/a
Fig. 50
Fig. 51
Per estrarre la ruota


Disinserire i freni di stazionamento.
Sollevare leggermente la ruota della carrozzina da terra, afferrando con
Fig.52
Fig. 52/b
EGO
19
Per bloccare i freni
Spingere la leva in avanti (con” freni a spinta” figura 52/b. Tirare la leva
all’indietro se sono stati montati dei “freni a tiro”figura 52/a).
Fig. 53
Per sbloccare i freni
Tirare la leva all’indietro (con” freni a spinta” figura 52/b. Spingere la leva in avanti
se sono stati montati dei “freni a tiro” figura 52/a).
Eseguire le operazioni facendo attenzione alle dita delle mani.
La corretta posizione per ottenere un buon ancoraggio del freno sul
copertone ruota, è di circa 0.5 cm tra il copertone (0.6 cm con
copertone antiforatura) e il perno di fissaggio in acciaio (vedi capitolo
6.10 “Regolazione dei freni”).
Fig. 53a
Il freno a pressione agisce tramite leva direttamente sul
copertone, per questo motivo l’efficacia del freno dipende dalla
corretta pressione dell’aria nel copertone. Si raccomanda di
controllare periodicamente che la pressione delle coperture sia
sempre corretta (vedi capitolo 2.6 “pressione delle coperture”
Fig. 54
Il freno è un dispositivo di sicurezza e non deve essere
utilizzato per frenare la carrozzina in moto, in quanto potrebbe far
ribaltare il mezzo con conseguenti danni per l’utilizzatore.
5.7
CINTURA PELVICA E DI BRETELLAGGIO
Sia la cintura pelvica (figura 53) che quella di bretellaggio (figura 54) sono degli
accessori per questo modello e devono pertanto essere richiesti separatamente.
Entrambe le cinture hanno il compito di garantire una maggiore stabilità di seduta
all’utilizzatore.
La cintura pelvica e quella di bretellaggio sono dispositivi di sicurezza
particolarmente indicati per utenti con poco controllo del busto che
necessitano di un ancoraggio più sicuro alla carrozzina.
La cintura pelvica (figura 54) vincola alla carrozzina, il corpo dell’utilizzatore a
livello della vita lasciando la parte superiore del busto, libera di muoversi.
La cintura pelvica è ancorata alla carrozzina su due punti posti posteriormente
sul telaio (figura 53a).
Fig. 54a
La cintura di bretellaggio (figura 54) vincola alla carrozzina il busto
dell’utilizzatore attraverso due punti di fissaggio posti a livello della vita ed altri
due a livello delle spalle. L’intero busto dell’utente risulta bloccato.
E’ particolarmente indicata per persone con controllo molto limitato della parte
superiore del corpo.
La cintura di bretellaggio è ancorata alla carrozzina su quattro punti posti sia a
livello del telaio posteriore ( f i g u r a 5 3 a ) che a livello delle maniglie schienale
(figura 54a).
EGO
20
Utilizzare la cintura pelvica e di bretellaggio
La carrozzina che RehaTEAM
configurata nel modo ottimale.
®
consegna viene provata e
Si proibisce di apportare modifiche al mezzo (anche se possibili)
diverse da quelle di origine. Tutte le regolazioni possibili, sulle
quali l’utente può intervenire, sono riportate in questo capitolo
ma devono essere eseguite solo allo scopo di “manutenzione”
cioè di ripristino delle originarie caratteristiche (quelle con cui la
sedie è stata fornita).
Fig. 55
Fig. 56
Fig. 57
L’utilizzo della cintura pelvica (figure 53 e 56) e quella di bretellaggio (figure 54 e
57) è piuttosto semplice.
L’utilizzatore, prima di sedersi sulla sedia, deve aprire il gancio di bloccaggio
premendo lateralmente le due estremità e sfilando contemporaneamente le due
parti (figura 55).
Una volta seduti sulla sedia si potrà chiudere, dopo aver indossato la cintura
(figure 56 e 57), il gancio di bloccaggio inserendo una parte nell’altra (figura 55).
6.0
Regolazioni
6.1
GENERALE
Per particolari esigenze o modifiche è necessario sempre
contattare direttamente RehaTEAM® e i suoi tecnici, per
valutare le modifiche e verificare che non compromettano il
normale utilizzo in sicurezza del mezzo.
La modifica dei parametri e delle configurazioni originarie
possono compromettere in modo grave la sicurezza d’utilizzo
della carrozzina provocando danni sia al mezzo che al suo
utilizzatore.
Al termine di ogni regolazione, apportata al mezzo, controllare in
modo scrupoloso che tutte le parti siano ben fissate (controllare la
chiusura di viti e bulloni e il buon funzionamento delle parti in
movimento).
Eseguire sempre un test di collaudo, dopo ogni regolazione, prima
di riprendere il consueto utilizzo del mezzo possibilmente in presenza
di un accompagnatore o persona competente.
®
La carrozzina PROGEO EGO è un dispositivo medico realizzato
in base a una scheda tecnica costruita sul paziente da personale
qualificato, si sconsiglia o meglio si proibisce di cedere a altri
utenti il proprio mezzo anche solo per brevi periodi. La carrozzina
ha un assetto e delle misure studiate appositamente per l’utente
che la acquista e solo per tale utilizzatore si garantiscono
caratteristiche di stabilità, maneggevolezza e resistenza.
Far controllare periodicamente (almeno una volta ogni 3 mesi) la
regolazione della propria carrozzina da personale qualificato e
®.
autorizzato alla manutenzione dei prodotti PROGEO .
Cedere a terzi la propria carrozzina potrebbe provocare un cattivo
funzionamento del mezzo con conseguenze non definibili che
potrebbero portare al ribaltamento del mezzo con conseguenze
gravi sia per la carrozzina che per l’utilizzatore.
EGO
21
6.2
ELENCO PEZZI (fig. 58)
Descrizione pezzi in assetto standard (fig.58)
Fig. 58
Pos.
1
2
3
4
Descrizione
Assieme gruppo posteriore
Assieme gruppo anteriore
Telaio
Forcella con supporto
Quantità
1
1
2
1dx + 1sx
5
6–7
8
9
10
11
12
13-14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
Pedana e tubi dx e sx pedana
Piastra ruota posteriore
Ruota posteriore
Boccola ruota posteriore
Tubi schienale
Tela seduta
Staffa seduta
Supporto optional dx + sx
Supporto optional bracciolo
Dado autobloccante DIN 985 M6 basso
Spondina in carbonio
Rondella in carbonio
Fascia alta schienale
Tubolare schienale a due fascie
Imbottitura schienale
Vite TCEI 8.8 6X20 inox
Dado autobloccante DIN 985 M6 basso
Vite TCEI 8.8 6x16 z.n.
Vite TCEI DIN 912 5X40 inox
Rondella piana DIN 125 inox 6x12x1,5
Vite TCEI 8.8 6x25 z.b.
Vite TBEI inox 5x12
Vite TBEI inox 6x40
Grano punta 5x5 z.b.
Grano punta cilindrica 5x8 z.b.
Vite TSPEI DIN 7991 5x18 z.b.
Rondella sottovite conica alu. 5x16x3
Rivetto filettato M5 5x7x12
Freno
Manopola in PVC granito
Dado autobloccante alto DIN 982 inox M5
Rondella piana DIN 125 inox 5x10x1
Supporto fascia ferma polpacci
Fascia ferma polpacci
Vite TBEI con flangia 5x16 z.n.
1
1dx + 1sx
2
2
2
1
2
1+ 1
2
8
1dx + 1sx
2
1
2
1
8
2
4
2
2
2
2
2
2
2
8
8
8
1dx + 1sx
2
4
4
2
1
2
EGO
22
6.3


REGOLAZIONE ALTEZZA SCHIENALE
L’inclinazione dello schienale influisce anche sul bilanciamento
della carrozzina. Un angolo aperto (inclinato all’indietro)
aumenta la possibilità di ribaltamento all’indietro della
carrozzina con possibile danni alla persona ed al mezzo. si
consiglia in tal caso l’inserimento di ruotine antiribaltamento (vedi
capitolo 7.3 “Ruotine antiribaltamento”).
8
Fig. 59
E’ possibile regolare l’altezza dello schienale ogni 1,5 cm /figura 59).



Rimuovere la ruota posteriore (vedi capitolo 5.5 “Estrazione ruote
posteriori”) per facilitare l’operazione.
Utilizzando una chiave a brugola per esagono da 3 mm e una chiave
per dadi da 8 mm, rimuovere le viti “B” con il rispettivo dado e rondella
“B1”.
Ripetere l’operazione su entrambi i lati della carrozzina. Alzare o
abbassare lo schienale fino a raggiungere la posizione desiderata.
Reinserire le viti nei fori più vicini, già predisposti sul tubo schienale e
stringere.
Regolare lo schienale facendo attenzione che l’altezza del lato destro
sia uguale a quella del lato sinistro.
Terminata la regolazione stringere con cura tutte le viti e i dadi.
6.4
REGOLAZIONE INCLINAZIONE SCHIENALE
Per ottenere una più corretta
posizione del tronco è possibile
regolare
l’inclinazione
dello
schienale.
Procedere come segue (figura 60):
 Allentare il dado “A” (chiave
da 13mm) e la vite “B”
(chiave a brugola da 5mm).
 Ora, con una chiave a
brugola da 2,5mm svitare od
avvitare la vite di regolazione
“C” per chiudere o aprire
l’angolo dello schienale.
Terminata la regolazione stringere tutte le viti.
Ripetere la stessa operazione nell’altro lato verificando che l’inclinazione
dei due tubi sia uguale.
13
B
A
2.5
5
C
Fig. 60
In ogni caso, verificare la stabilità della carrozzina in presenza di
un accompagnatore.
Se il tubo schienale risultasse difficoltoso da abbattere, allentare
leggermente la vite ”B” (chiave a brugola da 5 mm).
6.5
REGOLAZIONE RUOTA POSTERIORE
È una regolazione molto importante per la scelta del giusto assetto della
carrozzina. È possibile intervenire sia sull’altezza che sulla profondità.
Regolazione in altezza
La ruota posteriore
può essere regolata
spostando
la
posizione
della
piastra ruota “P”
lungo il piantone di
regolazione “R” che
presenta una serie
di fori per ottenere
altezze
differenti
(figura 61).
D
V
B
P
R
10
5
Fig. 61
EGO
23




Rimuovere la ruota posteriore (vedi capitolo 5.5 “Estrazione rapida ruote
posteriori”)
Rimuovere le 4 viti “V” e, dove presenti, i rispettivi dadi “D” (chiave a
brugola da 5 mm e chiave da 10 mm). (in alcune posizioni il fissaggio
delle viti “V” non prevede il dado)
Spostare la piastra ruota “P” in un’altra posizione e fissare tutte le viti.
Ripetere la stessa operazione nell’altro lato


Rimuovere le due viti “B”” (chiave a brugola da 4mm) di fissaggio del
tubo di collegamento “T” degli assi (figura 63).
Togliere le due viti “V” di fissaggio piantone di regolazione “R” (chiave
a brugola da 5mm).
A
Il foro per la boccola “B” della ruota posteriore non è centrato
rispetto al fissaggio a piastra ruota “P” (vedi riquadro figura 61),
perciò è possibile montare la piastra del lato destro sul lato sinistro
(ruotato conseguentemente di 180°) per ottenere altre altezze.
Quando si varia l’altezza posteriore porre attenzione alla posizione
delle spondine a parafango che dovranno essere riadattate alla
nuova posizione della ruota. In particolare, se l’altezza posteriore
viene abbassata, è necessario rimuovere la spondina prima della
regolazione stessa in quanto si crea un’interferenza tra le due
componenti.
B
A1
Fig. 62
Fig. 63
F T
Fig. 64
Le spondine non sono regolabili. Per adattarle alla nuova
posizione sarà necessario fare dei nuovi fori.
La regolazione dell’altezza posteriore può comportare una
variazione dell’angolo di seduta. In tale caso è assolutamente
necessario regolare il supporto della ruota anteriore secondo le
indicazioni fornite nel capitolo 6.7 “Regolazione inclinazione
della forcella”.
H
La piastra ruota “P” NON DEVE MAI essere assemblata rivolta
verso l’anteriore della carrozzina, in fatti ciò determina un
cambiamento molto marcato dell'assetto della carrozzina che
risulterebbe troppo attiva e la stabilità sarebbe compromessa.
V
R
5
Effettuare la stessa regolazione sia per la ruota destra che per
quella sinistra.
3
Terminate le regolazioni fissare con cura tutte le viti
Regolazione in profondità
Sono previste tre diverse posizioni che determinano i tre assetti della
carrozzina: prudente, standard e attivo.
 Rimuovere le ruote posteriore (vedi capitolo 5.5 “Estrazione rapida ruote
posteriori”)
 Rimuovere la spondina togliendo la vite “A” e “A1”(chiave a brugola da 3
e da 4) (figura 62).


4
5
Spostare in avanti o indietro i due piantoni di regolazione “R” in una
delle tre posizioni previste. In questa fase il blocco centrale di chiusura
(figura 63) scorre lungo il tubo di collegamento “T”.
Il tubo di collegamento “T” presenta 4 fori “F” (a distanza tra loro
equivalente allo spostamento del piantone “R”) che permettono il
fissaggio del tubo stesso per ognuna delle tre regolazioni; avvitare
quindi, le due viti “B”.
EGO
24







Riavvitare e stringere le due viti “V” per entrambi i piantoni “R”.
Montare la spondina fissandola per ora solo con la vite “A”
Posizionare la spondina per individuare dove il nuovo foro per la vite
“A1“devrà essere fatto.
Utilizzando come riferimento il foro “H” presente nella fiancata laterale
(figura 64), segnare con un pennarello il punto dove eseguire il foro.
Rimuovere la spondina togliendo la vite “A”.
Forare la spondina nel punto segnato con una punta da trapano da
5mm.
Rimontare la spondina e fissarla con le vite “A” e “A1“
10
Fig. 65

In termini generali lo spostamento del piantone di regolazione
“R” determina una variazione dell’assetto della carrozzina. Se la
piastra viene spostata in posizione avanzata come in figura 64
avremmo un assetto “Attivo” (la carrozzina si impenna con
maggiore facilità), arretrando la piastra otterremo un assetto
“Prudente” (la carrozzina è più stabile).



Con un assetto “Attivo” la carrozzina si ribalta con maggior
facilità, si consiglia, pertanto, un sistema antiribaltamento (vedi
capitolo 7.4 “Ruotine antiribaltamento”).
TUTTE le eventuali regolazioni dovranno essere eseguite
esclusivamente da parte di RehaTEAM o da parte di personale
qualificato e autorizzato

La regolazione dell’altezza anteriore può essere effettuata in due modi:
1) spostando il supporto lungo il telaio
2) cambiando la posizione della ruota sulla forcella
Regolazione spostando il supporto
La regolazione avviene spostando, una volta allentate le viti e dadi, il supporto
verso l’alto (diminuire l’altezza) o verso il basso (per aumentare l’altezza) lungo
il telaio.
Con il sistema 1 e 2, vedi figure 65, 66 e 67:
allentare il grano G (chiave a brugola da 2,5 mm) ed i due dadi D
(chiave da 10 mm), figura 67.
far scorrere il supporto in alto o in basso fino all’altezza desiderata (fig.
66).
Fissare i due dadi D tenendo ferma la vite V (figure 65 e 67, chiave a
brugola da 4 mm) ed avvitare il grano G.
Ripetere le stesse operazioni nell’altro lato assicurandosi che l’altezza
sia la medesima.
Con il sistema 3, figura 68:
Terminate le regolazioni fissare con cura tutte le viti.
REGOLAZIONE ALTEZZA ANTERIORE
Fig. 67
Con il telaio in carbonio si sconsiglia di stringere il grano “G” in
maniera eccessiva in quanto potrebbe danneggiare seriamente la
fibra del carbonio.

6.6
Fig. 66


4
allentare le due viti V (chiave a brugola da
4 mm)
far scorrere il supporto in alto od in basso
fino all’altezza desiderata.
Fissare le due viti V
Ripetere le stesse operazioni nell’altro
lato assicurandosi che l’altezza sia la
medesima.
Fig. 68
Regolazione cambiando la posizione della
ruota sulla forcella




Svitare la vite V (chiave a brugola da 4
mm), figura 69.
Togliere il perno ruota
Posizionare la ruota in corrispondenza dei
fori presenti sulla forcella
Inserire il perno ed avvitare la vite V
4
Fig. 69
EGO
25
La regolazione dell’altezza anteriore può comportare una variazione
dell’angolo della seduta. In tal caso è assolutamente necessario
regolare l’inclinazione della forcella secondo le indicazioni fornite nel
capitolo 6.7 “Regolazione dell’inclinazione della forcella”).
6.7 REGOLAZIONE INCLINAZIONE DELLA FORCELLA
Tutte le volte che si modifica l’altezza anteriore e/o posteriore
deve essere regolata e verificata anche l’inclinazione della
forcella.
La regolazione dell’inclinazione della ruota anteriore deve
periodicamente essere controllata al fine di verificare che l’asse
del perno forcella sia sempre a 90° rispetto al terreno.
Questa regolazione si rende necessaria per mantenere il perno della forcella
sempre perpendicolare al terreno. Il modello EGO prevede tre sistemi di
regolazione dell’inclinazione della forcella.
SISTEMA 1 (figura 70)
 Svitare la vite V1 (chiave a brugola da 4 mm) e togliere il dado C
 Ruotare il supporto forcella fino a trovare la perpendicolarità
 Inserire il dado nella sede nel supporto in modo che uno dei due fori si
allinei con la vite.
 Avvitare e stringere la vite V1.
 Verificare ed eventualmente stringere la vite V2
Le doppie coppie di fori A-A1 e B-B1 permettono differenti posizionamenti.
4
Fig. 70
SISTEMA 1
SISTEMA 2 (figure 71) con livella integrata
 far passare una chiave a
brugola da 2,5mm
attraverso i fori
dell'anello "C" e quelli
dell'asse forcella
 allentare il dado "A" con
una chiave da 18mm
 quindi agire ruotando i
due anelli a base obliqua
"B", posizionando una
chiave a brugola da 2mm
nel foro previsto e "C"
2
(che ruota assieme alla
Fig. 71 SISTEMA 2
2,5
18
forcella).
 La combinazione di questi due anelli, anche rispetto al supporto della
forcella, rendono possibile la regolazione corretta che verrà rilevata della
livella integrata “L” la cui bolla dovrà essere all'interno del cerchio.
 infine stringere il bullone "A" mantenendo la chiave a brugola da 2,5mm
attraverso il foro "C" facendo attenzione a mantenere l'angolo corretto
appena raggiunto.
 Eseguire la stessa operazione su entrambe le forcelle.
Svitando il dado “A” (figura 71) si potrà estrarre completamente
la forcella con il cuscinetto completo di livella.
SISTEMA 3 (figure 72) con anello di rotazione
 allentare il dado
A1 (chiave da 10
mm)
 allentare la vite A
(chiave a brugola
da 4 mm)
 allentare i grani
G1 e G2 (chiave a
brugola da 3 mm)
 allentare le due
viti V(chiave a
brugola da 4 mm)
10
 ruotare in avanti o
indietro
l’asse
3
della forcella fino
4
a portarlo a 90°
Fig.
72
SISTEMA 3
rispetto al terreno.
EGO
26





Stringere la vite A
Stringere le due viti V alternandole un quarto di giro alla volta in
modo da rendere uniforme la chiusura del morsetto
Stringere il dado A1 tenendo ferma la vite A
Infine, stringere i due grani G1 e G2
Ripetere le stesse operazioni nell’altro lato
TUTTE le eventuali regolazioni dovranno essere eseguite
esclusivamente da parte di RehaTEAM o da parte di personale
qualificato e autorizzato
6.8
Le pedane uniche risultano essere più resistenti e rigide rispetto a quelle
sdoppiate, per questo motivo si rivelano particolarmente indicate per utenti che
hanno forti contrazioni agli arti inferiori e che tendono a spingere molto con i
piedi sulla pedana stessa.
Pedana unica in alluminio chiudibile automaticamente a libro
Questo tipo di pedana non richiede alcun intervento per essere chiusa. Infatti
la chiusura e l’apertura della pedana avverrà in modo automatico con la
chiusura e l’apertura della carrozzina
REGOLAZIONE ALTEZZA PEDANA
Questa regolazione (figura 73) serve a variare la distanza della pedana dalla tela sedile
per consentire, in funzione dell’altezza e lunghezza gambe del paziente, una corretta
seduta.
 Rimuovere le viti “A” con i
rispettivi dadi e rondelle
(utilizzare una chiave a brugola
da 4 mm e una chiave per dadi
da 8 mm).
 Far scorrere il tubo pedana in
alto o in basso fino a
raggiungere
la
distanza
voluta.
 Reinserire le viti nei fori più
vicini
e
chiudere
Fig. 73
energicamente.
4
8
A
Si consiglia, al fine di evitare urti contro oggetti che potrebbero
causare il ribaltamento della carrozzina, di mantenere un’altezza
minima, dal terreno al piatto pedana, non inferiore ai 2 cm.
Terminata la regolazione stringere saldamente tutte le viti allentate.
6.9
differenza di quella unica chiudibile automaticamente a libro, un appoggio più
agevole dei piedi a terra.
Fig. 74
3
5
Fig. 75
Per regolare in inclinazione la pedana unica:
 Allentare il grano “A” e la vite “B” di fissaggio (chiave a brugola da 3 e da
5 mm), figura 75.
 Ruotare la pedana, come indicato dalla freccia (figura 75) fino a trovare
la giusta inclinazione.
 Stringere energicamente la vite “B” e poi stringere il grano “A”.
Posizione della pedana
Questa pedana può, su richiesta in scheda tecnica, essere montata in
posizione interna (figure 75 e 76) od esterna (figura 77).
REGOLAZIONE DELLA PEDANA
Il modello EGO può essere equipaggiato con cinque diversi tipi di pedana:
pedana unica alzabile automaticamente a libro (figure 74 e 75), , pedana
unica in plastica alzabile (figura 79), pedana unica in carbonio alzabile e
girevole (figura 84). pedana unica in alluminio alzabile (figura 89) pedane
sdoppiate (figura 94). A seconda delle esigenze del paziente potrà essere
montata una delle pedana tra quelle indicate.
Le pedane uniche alzabili e quella sdoppiata permettono, se sollevate, a
Fig. 76
Fig. 77
Pedana uniche alzabili e sdoppiate
Il modello EGO permette l’utilizzo delle pedane uniche alzabili o sdoppiate
grazie al sistema antidivaricamento del telaio costituito dalla fascia ferma
polpacci tesa e fissata sui supporti forcella (figura 78).
EGO
27
La fascia ferma polpacci tesa funge
anche da antidivaricamento del
telaio quando la pedana unica
alzabile
viene
sollevata
per
consentire il trasferimento. Per la
pedana sdoppiata, questo sistema è
indispensabile durante la guida della
carrozzina in quanto i piatti pedana
sono separati.
Posizione della pedana unica in plastica
Le pedane uniche possono, su richiesta in scheda tecnica, essere montate in
tre posizioni diverse: 2/3 interna (figura 81), completamente interna (figura 82)
o completamente esterna (figura 83).
Fig. 78
Fig. 81
La fascia ferma polpacci tesa non deve essere mai utilizzata
come appoggio per i piedi e non deve essere tolta. La sua
assenza, infatti, comporta un divaricamento del telaio tale da
rendere difficile l’aggancio della pedana unica. Nel caso di
pedana sdoppiata, il divaricamento altera la geometria della
carrozzina anche durante la guida normale. La Rehateam s.r.l.
non può essere ritenuta responsabile per malfunzionamenti o
danni alla carrozzina o all’utilizzatore se, in presenza di pedane
uniche alzabili o sdoppiate, la carrozzina venisse utilizzata
senza la fascia ferma polpacci tesa.
Fig. 82
Fig. 83
Queste configurazioni dipendono esclusivamente da come le parti vengono
assemblate tra loro (sono necessarie due chiavi a brugola da 3 mm e da 5 mm).
Pedana unica in carbonio alzabile, regolabile in inclinazione e girevole
Può essere sollevata tirando verso l’alto, con una mano, il piatto pedana in
carbonio (figura 84). Quando la pedana viene abbassata fare molta attenzione
che il perno di fissaggio sia ben inserito nello spacco del supporto laterale
(figura 85).
Pedana unica alzabile
Può essere sollevata tirando verso l’alto, con una mano, il piatto pedana (figura
79). Quando la pedana viene abbassata fare molta attenzione che il perno di
fissaggio sia ben inserito nell’asola del supporto (figura 80).
Per regolare in inclinazione la pedana unica, procedere nello stesso modo
descritto per la pedana chiudibile a libro (figura 75 – pag. 27).
Fig. 84
Fig. 85
Per regolare in inclinazione la pedana unica, procedere nello stesso modo
descritto per la pedana chiudibile a libro (figura 75 – pag. 27).
Posizione della pedana unica
Fig. 79
Fig. 80
Fig. 86
Fig. 87
Fig. 88
EGO
28
La pedana unica può, su richiesta in scheda tecnica, essere montata in due
diverse posizioni: completamente interna (figura 86) o completamente esterna
(figura 87).
Queste configurazioni dipendono esclusivamente da come le parti vengono
assemblate tra loro. Il piatto pedana può inoltre essere fatto ruotare di 180°,
questo favorisce la riduzione degli ingombri in presenza di pedana
completamente esterna (figura 88).
Per regolare l’inclinazione
 allentare la vite “A” (utilizzare una chiave a brugola da 5 mm)
 ruotare il piatto pedana come indicato dalla freccia in avanti o indietro e,
trovata la corretta posizione, chiudere energicamente la vite (figura 95).
Posizione della pedana sdoppiata
questo tipo di pedana può, su richiesta in scheda tecnica, essere montata 2/3
interna (figura 95) o 2/3 esterna (figura 96). Queste configurazioni dipendono
esclusivamente da come le parti vengono montate sul telaio.
Pedana unica in alluminio alzabile, regolabile in inclinazione
Questo tipo di pedana (figura 89) si
comporta allo stesso modo della pedana in
carbonio (capitolo precedente) per quanto
concerne il sollevamento, l’aggancio e la
regolazione dell’inclinazione.
LARGHEZZA SEDUTA
Di seguito, relativamente alle varie larghezze seduta,
riportiamo la corrispettiva pedana sdoppiata:
Modello Ego
Larghezza seduta
Tipo pedana
33
140 x 160
36
150 x 160
39
170 x 160
42
170 x 160
45
200 x 160
48
200 x 160
Fig. 89
Posizione della pedana unica
La pedana unica può, su richiesta in scheda tecnica, essere montata in quattro
diverse posizioni: completamente interna (figura 89 e 90), 2/3 interna (figura
91), 2/3 esterna (figura 92), completamente esterna (figura 93). Queste
configurazioni dipendono esclusivamente da come le parti vengono assemblate
tra loro.
Secondo la Norma UNI EN 12183 paragrafo 6.1, in
presenza di pedane sdoppiate è necessario rispettare
una corretta distanza tra i due piatti pedana:
la distanza pedana (DIST) non deve essere maggiore di 35
mm per le carrozzine destinate ad adulti.
Tipo pedana
DST
Fig. 90
Fig. 91
Fig. 92
Schema montaggio pedana sdoppiata
Fig. 93
Quando si va a regolare la posizione della pedana verificare
che, terminata l’operazione, la ruota anteriore, ruotando, non
vada a toccare la pedana stessa (vedi capitoli 6.6 “Regolazione
altezza anteriore” e 6.7 “Regolazione inclinazione della forcella””).
Pedane sdoppiate
6.10
Fig. 94
Fig. 95
Fig. 96
Possono essere sollevate con estrema facilità tirando verso l’alto, con una mano, il
piatto pedana (figura 94).
Nelle pedane sdoppiate può essere regolata l’inclinazione per ottenere un
miglior appoggio del piede sulla pedana.
REGOLAZIONE DEI FRENI
Il freno di stazionamento è un elemento molto importante che richiede un’
adeguata regolazione al fine di garantire sempre delle buone caratteristiche di
frenata.
La posizione del freno dipende sostanzialmente dalla posizione della ruota
posteriore.
EGO
29
Verificare il corretto fissaggio del freno effettuando delle
prove di frenata.
Verificare il corretto bloccaggio delle parti agendo in modo
energico sulla leva del freno (durante la frenata).
Per effettuare tale posizionamento del freno (figura 97):
3
5
Se il supporto o il tondino del freno dovessero muoversi o
scivolare durante tali prove, controllare la chiusura delle viti di
bloccaggio.
V
Se si cambia la posizione delle ruote posteriori si rende
necessaria la regolazione dei freni. Il buon funzionamento del
freno di arresto dipende anche dalla giusta pressione delle
coperture delle ruote posteriori (vedi capitolo 2.6 “Pressione dei
pneumatici”).
Fig. 97




Allentare il grano “G” presente nella parte bassa del supporto “S2”
(utilizzare una chiave a brugola da 3 mm).
Spostare il freno in avanti o indietro fino a che il perno di arresto “X”
rispetto al copertone della ruota posteriore si trovi ad una distanza “D” di
circa 0.5 cm (0.6 cm con coperture antiforatura).
Trovata la giusta regolazione, avvitare il grano “G” assicurandosi che il
perno di arresto “X” si in posizione orizzontale.
Eseguire la stessa regolazione per l’altro lato.
I freni di stazionamento sono ideati per stabilizzare la carrozzina
in posizione ferma. Per motivi di sicurezza si sconsiglia di
frenare la carrozzina durante la marcia agendo sui freni di
stazionamento.
6.11
REGOLAZIONE SCHIENALE ADATTABILE
Fig. 98
Fig. 99
Se l’escursione del freno non fosse sufficiente, è possibile spostare il supporto
“S2” rispetto al supporto “S1” per mezzo dei rispettivi fori “F1” e “F2”, ma anche
orientando il supporto “S2” verso l’anteriore o verso il posteriore.



rimuovere le due viti “V”
posizionare il supporto “S2” più avanti o più indietro e/o orientato
anteriormente o posteriormente in modo che l’escursione del freno
permetta, seguendo le indicazione sopra riportate, la corretta
regolazione del perno di arresto “X”.
Una volta trovata la corretta posizione del supporto “S2”, stringere le due
viti “V”.
Il supporto “S2” deve sempre essere fissato con due viti.
Nel caso fosse necessario cambiare l’orientamento del
supporto “S2”, è consigliabile invertire il supporto destro con il
sinistro.
Lo schienale ha la possibilità, tramite apposite fasce in velcro poste
all’interno dell’imbottitura, di essere tensionato e adattato alle singole necessità
di postura.
Per regolare, alzare o rimuovere l’imbottitura (figura 99), tendere o allentare le
fasce in velcro come desiderato (figura 99) e richiudere l’imbottitura.
EGO
30
7.0

Accessori

Supporti per accessori
Alcuni accessori necessitano, per
essere montati sulla carrozzina, della
presenza dei supporti “S1” e “S2”
(figura 100) che devono essere
richiesti all’atto dell’acquisto in scheda
tecnica ma che possono essere
inseriti anche successivamente da
personale qualificato. Tale supporto,
montato posteriormente sia sul lato
destro che sinistro della carrozzina,
permette l’utilizzo dei braccioli girevoli
estraibili, delle ruote da transito, delle
ruotine antiribaltamento, dell’aiuto
ribaltamento e del supporto stampelle.
Per le possibili combinazioni vedere la
tabella qui sotto riportata.
1
2
3
4
7.1
Supporti superiori “S1”
A sinistro
A destro
Bracciolo
Bracciolo
girevole
girevole
Bracciolo
Bracciolo
girevole
girevole
Bracciolo
Bracciolo
girevole
girevole
Bracciolo
Bracciolo
girevole
girevole

A
S1
rimuovere (utilizzando una chiave a brugola da 3mm e una chiave per
dadi da 8 mm) la vite di fissaggio “A”
Alzare o abbassare il bracciolo facendolo scorrere all’interno del supporto
“B” fino a raggiungere l’altezza desiderata.
Terminata la regolazione fissare nuovamente la vite “A” in corrispondenza
del foro più vicino presente sul tubo bracciolo.
Per agevolare gli spostamenti è possibile girare il bracciolo di 180°
all’indietro o semplicemente rimuoverlo completamente.
Per ruotare il bracciolo, sollevarlo quel tanto che basta a sbloccare il sistema
di sicurezza e ruotarlo verso l’esterno della carrozzina di 180°.
Per rimuovere il bracciolo completamente, spingere in avanti il piolino “P”
presente nella parte inferiore del supporto e sollevare il bracciolo .
S2
3
8
180°
B C
Fig.100
Supporti inferiori “S2”
B sinistro
B destro
C sinistro
C destro
Ruotina
Ruotina
Ruota da transitoRuota da transito
antiribaltamentoantiribaltamento
Ruotina
Aiuto
Ruota da transitoRuota da transito
antiribaltamentoribaltamento
Ruotina
Porta stampelle Ruota da transitoRuota da transito
antiribaltamento
Aiuto
Porta stampelle Ruota da transitoRuota da transito
ribaltamento
BRACCIOLI TUBOLARI GIREVOLI ESTRAIBILI REGOLABILI IN ALTEZZA
I braccioli tubolari (figura 101) vengono inseriti in un supporto per accessori “S”
mediante un sistema di blocco/sblocco rapido in acciaio.
Questo sistema d’innesto permette oltre alla rimozione del bracciolo anche la
rotazione per favorire gli spostamenti.
Il bracciolo può essere regolato in altezza:
A
B
P
Fig. 101
Per agganciare il bracciolo inserirlo nel foro presente nel supporto e
spingendo verso il basso ruotare il bracciolo fino a riportarlo nella corretta
posizione d’utilizzo. Uno scatto indicherà l’avvenuto blocco del bracciolo.
Non utilizzare i braccioli come punto di appoggio o sosta
(seduta sul bracciolo) durante gli spostamenti. Questo potrebbe
provocare la rottura del bracciolo con la possibile caduta
dell’utilizzatore.
EGO
31
Non utilizzare il bracciolo come punto di presa per sollevare la
carrozzina.
Verificare che i braccioli siano sempre ben bloccati nella
posizione d’utilizzo. Questo per evitare accidentali rotazioni del
bracciolo che potrebbero portare l’utente a cadere dalla
carrozzina.
7.2
RUOTINE DA TRANSITO PER PASSAGGI STRETTI
Questo accessorio (figura 102) si rende
necessario quando le dimensioni massime
della carrozzina, impediscono il superamento
di passaggi stretti (es. una porta, un
ascensore).
Per utilizzare questo accessorio è necessario
rimuovere le ruote posteriori (vedi capitolo
5.5 “Estrazione
rapida
delle
ruote
posteriori”). In questo modo si ottiene un
minor ingombro sia in larghezza che in
profondità.
Le ruotine da transito possono anche essere
sfilate dal loro supporto premendo il piolino
“A” che le tiene bloccate e sfilando il tubo dal
supporto.
7.3
RUOTINE ANTIRIBALTAMENTO
Questo accessorio (figura 103) è stato studiato per evitare il ribaltamento
all’indietro della carrozzine. Per un buon funzionamento vanno regolate a una
distanza di 2-3 cm dal terreno.
La regolazione dell’altezza si esegue come segue:
 rimuovere la vite di fissaggio “A” (utilizzare una chiave a brugola da
3mm e una chiave per dadi da 8mm)
 Alzare o abbassare l’antiribaltamento facendo scorrere il tubo all’interno
del supporto “B” fino a raggiungere l’altezza desiderata.
 Terminata la regolazione fissare nuovamente la vite “A” in corrispondenza
del foro più vicino presente sul tubo.
3
B
A
8
180°
A
P
S
Fig. 102
Per un corretto montaggio delle ruote da transito si deve tener
presente che all’atto dell’inserimento delle ruote da transito nel
supporto, il piolino “A” dovrà sempre trovarsi rivolto verso l’interno della
carrozzina.
Si fa presente che durante l’uso delle ruotine da transito (con ruote
posteriori disinserite), i freni di stazionamento non avranno più
alcun effetto.
Fig. 103
La ruotina antiribaltamento può essere rimossa completamente o
semplicemente ruotata verso l’interno qualora vi sia la necessità ad esempio di
salire dei gradini.
Per ruotare l’antiribaltamento abbassarlo quel tanto che basta a sbloccare il
sistema di sicurezza e ruotarlo verso l’interno della carrozzina di 180°.
Per rimuovere l’antiribaltamento completamente, spingere in avanti il piolino
“P” presente nella parte superiore del supporto “S” e abbassare il gruppo
antiribaltamento.
Per agganciare l’antiribaltamento inserirlo nel foro presente nel supporto e
spingendo in alto ruotare l’antiribaltamento fino a riportarlo nella corretta
posizione d’utilizzo. Uno scatto indicherà l’avvenuto blocco.
EGO
32
7.4
AIUTO RIBALTAMENTO
7.6
Questo accessorio (figura 103) è stato studiato per dare la possibilità
all’accompagnatore di impennare la carrozzina con maggiore facilità,
permettendo così, il superamento di piccoli gradini. Premere con il piede sul
supporto in plastica e contemporaneamente spingere verso in basso con le
braccia facendo presa sulle maniglie dello schienale.
B
Per il modello EGO sono disponibili altri accessori:
Fig.106
7.5
Copriraggi
Hanno una funzione principalmente
estetica e di protezione impedendo
l’inserimento delle dita tra i raggi della
ruota posteriore (figura 106).
Fig.107
Maniglioni accompagnatore
Possono essere montati solamente su
una schienale tipo “Sport” cioè senza
maniglie.
Sono utili in caso di accompagnatore
perché garantiscono una migliore
regolazione degli stessi con un
conseguente miglioramento della presa e
della posizione dell’accompagnatore
(figura 107).
Fig.108
Tetraclip
Si tratta di un particolare perno per le
ruote posteriori munito di un sistema di
sblocco che semplifica l’operazione di
estrazione a utenti con particolari
problemi di mobilità alle mani (figura
108).
A
Fig. 104
ALTRI ACCESSORI
Fig.105
PORTA STAMPELLE
Questo accessorio (figura 104) permette il trasporto delle stampelle in modo
tale che non creino impedimento durante il normale utilizzo della carrozzina.
Posizionare le parti terminali delle stampelle all’interno del supporto “A”,
fissare le parti superiori con la cinghia “B” al tubo dello schienale.
Fig.109
Schienale con maniglie pieghevoli
Le maniglie, una volta piegate, riducono
ulteriormente
l’ingombro
della
carrozzina (figura 109).
EGO
33
Fig.110
Cinghia pelvica / bretellaggio
Sono due accessori che hanno il
compito di garantire una maggiore
stabilità di seduta dell’utilizzatore (vedi
capitolo 5.7 “Cintura pelvica e di
bretellaggio”) (figura 110)
Corrimani speciali
Sono disponibili, ed applicabili a tutti i
®
modelli di carrozzina PROGEO , dei
“Corrimani speciali” con caratteristiche
particolari che garantiscono una
migliore presa, e quindi una spinta più
efficace, anche da parte di utenti con
limitata forza e mobilità delle mani e
delle dita.
Riportiamo un elenco delle varie
possibilità, tralasciando la descrizione
delle
caratteristiche
di
ciascun
corrimano, che potranno essere
richieste direttamente a RehaTEAM s.r.l.
1) Corrimano The Surge LT
2) Corrimano Ultra grepp
3) Corrimano Max grepp
4) Corrimano Ergo-para
5) Corrimano a timone
6) Corrimano con copertura in silicone
8.0
Manutenzione
Un periodico controllo della Vostra carrozzina è fondamentale per garantirne
sempre la massima efficienza e una durata nel tempo. Scrupolosi controlli,
ripetuti con costanza, e un utilizzo appropriato del mezzo (vedi capitoli 2.0
“Sicurezza” e 5.0 “Utilizzo della carrozzina”) porteranno ad allungare di molti
anni la durata della carrozzina.
Per la pulizia delle parti in alluminio (telaio, corrimano, freni,
ecc...),dell’imbottitura schienale e della tela sedile, si consiglia
esclusivamente l’utilizzo di un panno morbido e umido.
Entro 6 mesi dall’acquisto della carrozzina recarsi per un
controllo generale presso il rivenditore autorizzato. La mancata
verifica della carrozzina fa immediatamente decadere la garanzia
e solleva la ditta da ogni responsabilità derivante da possibili
guasti o rotture.
Si consiglia una particolare attenzione nella pulizia dei
corrimani (cerchi di spinta) delle ruote posteriori, soggetti
facilmente, dato il costante contatto con le mani e la
vicinanza al terreno, a sporcarsi ed impolverarsi. Una buona
pulizia dei corrimani garantisce una migliore presa e quindi
una guida più sicura.
Non utilizzare, per la pulizia, materiali abrasivi, o sostanze
sgrassanti che potrebbero danneggiare le parti.
Sabbia e acqua di mare danneggiano i cuscinetti, si
consiglia un accurato controllo. Lubrificare leggermente
con olio per biciclette privo di resine.
Stringere bene tutte le parti avvitate e sostituire i dadi autobloccanti dopo un utilizzo frequente. Infatti stringendoli
regolarmente tendono a perdere progressivamente il loro
effetto.
Fare eseguire un controllo complessivo del mezzo (almeno una
volta ogni 3 mesi) da personale qualificato e autorizzato alla
®
manutenzione dei prodotti PROGEO .
EGO
34
Per ogni questione e problematica relativa la regolazione e la manutenzione
®
®
delle carrozzine PROGEO , lo staff tecnico di RehaTEAM , mette a
disposizione di tutti i clienti la propria esperienza e consulenza, attraverso
personale qualificato e preparato a risolvere ogni richiesta. Sarà possibile
contattaci direttamente in orario di ufficio ai seguenti recapiti:
®
RehaTEAM s.r.l
vicolo Negrelli, 4 - 31040 Castagnole di Paese (TV) Italy
Tel. +39.0422.484657 - Fax +39.0422.484661
http://www.rehateamprogeo.com
email: [email protected]
Per rimontare una gomma è necessario introdurre aria nella camera d’aria.
Inserire la valvola di gonfiaggio nell’apposito foro predisposto sul cerchione.
Aiutandosi con entrambe le mani e utilizzando chiavi specifiche (come quelle
che vengono utilizzate nelle biciclette) inserire la camera d’aria e il copertine
all’interno del cerchione assicurandosi che tutte le parti siano entrate
correttamente. Gonfiare la gomma alla pressione corretta (vedi capitolo
2.6”Pressione dei pneumatici”).
Pezzi di ricambio
Per la sostituzione dovuta ad usura o rottura (o per il semplice acquisto di
nuovi accessori) saranno a disposizione tutti i pezzi di ricambio necessari a
mantenere sempre in buono stato di funzionamento la vostra carrozzina.
Tutti i ricambi potranno essere richiesti presso i nostri centri autorizzati.
8.1
SOSTITUZIONE PARTI SOGGETTE AD USURA
Una qualsiasi carrozzina, se usata costantemente, necessita oltre che alla
manutenzione indicata nel capitolo 8.0 “Manutenzione”, anche di interventi
“straordinari” dovuti alla normale usura delle parti. Tali operazioni sono
strettamente legate alla quantità di tempo d’utilizzo e alle modalità di utilizzo
(es. l’utilizzo su terreni sconnessi e irregolari, in ambienti salini, ecc..).
Riparazione di una gomma
Estrarre la ruota (anteriore o posteriore) e agendo sulla valvola di gonfiaggio, far
uscire tutta l’aria presente (tale procedura non è necessaria per ruote piene
antiforatura).
Togliere la copertura dal cerchione utilizzando apposite chiavi (come quelle
che vengono utilizzate nelle biciclette).
Rimuovere la camera d’aria e procedere alla riparazione della stessa
utilizzando apposite “pezze” disponibili in commercio.
Nel caso la riparazione non fosse possibile, procedere alla sostituzione della
camera d’aria.
8.2
CONTROLLO DELLE PARTI
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
Per un controllo quotidiano consigliamo sempre di verificare:
Controllo pressione dei pneumatici (capitolo 2.6)
Controllo perni estrazione rapida (capitolo 2.7)
Controllo apertura degli assi (capitolo 2.8)
Controllo apertura dello schienale (capitolo 2.9)
Controllo pedana appoggia piedi (capitolo 2.10)
Controllo freni di stazionamento (capitolo 6.10)
Controllo generale di tutte le parti avvitate (capitolo 2.13)
Le coperture posteriori antiforatura possono essere sostituite qualora
si notasse un’eccessiva o irregolare usura che potrebbe ridurre le
caratteristiche di scorrevolezza e direzionalità della carrozzina.
Per la sostituzione delle coperture anteriori piene si deve
procedere all’acquisto dell’intera ruota anteriore.
EGO
35
8.3
SOLUZIONE A POSSIBILI PROBLEMI
Problema riscontrato
Con l’uso costante e prolungato della carrozzina, o dopo la regolazione di
alcune parti, è possibile riscontrare dei “difetti” che possono essere eliminati
piuttosto facilmente (vedi tabella a lato).
Consigliamo di far regolare sempre la vostra carrozzina da personale
qualificato.
La carrozzina non
procede in modo diritto.
La carrozzina si
impenna con troppa
facilità
I freni di stazionamento
non funzionano
correttamente.
Eccessiva resistenza al
rotolamento.
La sedia a rotelle si apre
con eccessiva difficoltà
Motivo del problema
soluzione
La forcella anteriore non è
perpendicolare al terreno.
Le due ruote anteriori sono
regolate diversamente in
altezza.
La pressione delle gomme
non è corretta.
Alcuni raggi della ruota
posteriore sono rotti o
allentati.
I cuscinetti della ruota
anteriore sono sporchi o
danneggiati.
Le ruote posteriori sono state
regolate per ottenere un
assetto troppo attivo
Controllare l’inclinazione delle
ruote anteriori (cap.6.7)
La carrozzina è troppo
inclinata
La pressione delle gomme
non è corretta.
I freni sono stati regolati male.
La pressione delle gomme
non è corretta.
Le coperture sono molto
consumate
La tela dello schienale è
troppo tesa.
Attrito sulla rotazione degli
assi anteriori e posteriori.
Controllare l’altezza delle
ruote anteriori (cap.6.6)
Controllare la pressione delle
gomme (cap.2.6)
Sostituire i raggi danneggiati o
stringere i raggi troppo
allentati.
Pulire o sostituire i cuscinetti
della ruota anteriore.
Spostare il piantone di
regolazione in posizione più
arretrata (cap. 6.5)
Abbassare l’altezza anteriore
o alzare l’altezza posteriore
(cap. 6.5 e 6.6)
Controllare la pressione delle
gomme (cap.2.6) e la
regolazione del freno
(cap.6.9)
Controllare la pressione dei
pneumatici (cap.2.6)
Sostituire le coperture
(cap.8.1)
Allentare le fasce dello
schienale (cap.6.11)
Pulire e lubrificare con grasso i
punti di rotazione.
EGO
36
9.0 Dati tecnici
Larghezza seduta
330-360-390-420
450-480 mm
Altezza schienale
da 245 a 470 mm
regolabile
Ingombro
280 mm circa
(con campanatura 0°)
Angolo schienale
da 78° a 94° alla seduta
regolabile
Profondità seduta
350-375-400
425-450-475 mm
Angolo telaio ant.
alluminio 85° 90° 100°
carbonio 85° 90° 95°
Peso carrozzina
9,8 kg circa (conf. più leggera)
11,0 kg circa (conf.std)
Campanatura
0° 2°
Altezza seduta
ant. 490 mm (std)
post. 430 mm (std)
regolabile
Lunghezza totale
880 mm circa
(conf. std)
Peso solo telaio
7,2 kg circa (conf. più leggera)
8,0 kg circa (conf.std)
Distanza pedana
regolabile
Larghezza totale
largh. seduta + 17 mm
(con campanatura 0°)
Carico massimo
125 kg
Tipologia: carrozzina superleggera con sistema di chiusura ad asse
pieghevole per uso interno ed esterno.
EGO
37
10.0 Garanzia
Solamente il distributore autorizzato potrà far valere i diritti di
garanzia nei confronti di RehaTEAM® s.r.l., pertanto al cliente non è
data facoltà di valersene (tali condizioni di garanzia sono quindi
solo a titolo informativo).
Norme generali di garanzia
RehaTEAM®s.r.l. fornisce e presta assistenza sui propri prodotti
purché vi sia come presupposto un corretto uso e un’adeguata
manutenzione di tutte le parti della carrozzina (vedi manuale d’uso).
La garanzia copre ogni difetto di materiale e di fabbrica purché sia
dimostrato che tale difetto sia stato provocato prima della
consegna al distributore autorizzato.
Come avvalersi dei diritti di garanzia
Al fine di poter godere di tutti i diritti di garanzia (su tutti i nostri
prodotti) si rivela necessario che il distributore autorizzato effettui un
controllo, entro 7 giorni dalla data di consegna, sui prodotti
pervenuti, per poter accertare eventuali difetti di fabbrica, e che
secondariamente, nel caso venisse riscontrato un vizio di
costruzione, lo si denunci immediatamente per iscritto a
RehaTEAM® s.r.l.
Dovranno essere indicati per iscritto a RehaTEAM® s.r.l. anche tutti
quei difetti che, nonostante lo scrupoloso controllo, siano stati
identificati solo allo scadere del periodo sopra indicato.
Periodo di copertura per la garanzia
RehaTEAM® s.r.l. fornisce su tutte le sue carrozzine una garanzia di
5 anni sulla struttura del telaio, 2 anni su tutti gli altri pezzi ed
accessori, a decorrere dalla data di consegna, fatta eccezione per
quelle componenti che subiscono una naturale usura durante il
normale utilizzo.
difetto o tramite la completa sostituzione del pezzo.
Il distributore autorizzato in caso di semplici interventi può agire
autonomamente eliminando il difetto oppure sottoporre
all’attenzione di RehaTEAM® s.r.l. il caso specifico.
Limite di garanzia
La garanzia non copre costi aggiuntivi (es. per la riparazione,
l’imballaggio, le spese per le ore di lavoro del personale, spese varie,
ecc...)
Sono esclusi dalla garanzia:
- danni dovuti al trasporto, non comunicati direttamente allo spedizioniere al
momento della consegna.
- le riparazioni effettuate da centri e personale non autorizzato.
- le parti soggette ad usura.
- i danni prodotti a cose o persone durante l’utilizzo dei nostri prodotti.
- i danni causati per dolo o colpa dell’acquirente, o da uno scorretto ed
improprio uso del mezzo.
Vengono escluse della garanzia qualunque pretese d’indennizzo
salvo quelle puntualmente menzionate nei paragrafi precedenti di
questo capitolo (10.0 “Garanzia”).
RehaTEAM® s.r.l. non si assume responsabilità per non aver
rispettato e non aver eseguito le indicazioni fissate nei singoli
contratti, se i seguenti casi hanno impedito e/o hanno reso
impossibile rispettare i termini del contratto stesso: embarghi,
divieti d’importazione ed esportazione dei prodotti a contratto,
norme giuridiche, scioperi e serrate, carenza di materie prime,
incidenti o altre forze maggiori.
RehaTEAM® s.r.l. non è tenuta a comunicare variazioni di carattere
tecnico apportate sui propri prodotti che potranno subire modifiche
ed aggiornamenti qualora lo ritenesse necessario.
Riparazione dei difetti o sostituzione
La garanzia sui difetti delle parti a contatto, viene coperta a libera
discrezione da RehaTEAM® s.r.l., o attraverso la riparazione del
EGO
38
11.0 Certificazioni
Dichiarazione di Conformità CE
Il fabbricante REHATEAM s.r.l.
sito in Vicolo Negrelli, 4 – 31040 Castagnole di Paese (TV) Italia
dichiara sotto la sua esclusiva responsabilità che il prodotto definito come
CARROZZINA PER DISABILI serie PROGEO modello:
EGO
a cui questa dichiarazione si riferisce,
è conforme ai requisiti della Direttiva Comunitaria 2007/47/CE
recepita in Italia attraverso il D.Lgs. n.37/2010
Il fabbricante classifica il prodotto summenzionato come
Dispositivo Medico di CLASSE I non sterile e senza funzione di misura
secondo quanto previsto nell’allegato IX della Direttiva
Realizzato in conformità alle norme:
UNI EN 12183-2009
Castagnole di Paese (TV)
01 giugno 2011
EGO
39
Modulo informativo
Note
EGO
40
Note
Note
EGO
41
EGO
42
2007/47/CE e dal D.Lgs . 37/2010
EGO
43
Dispositivo medico Classe 1 direttiva 93/42/CEE s.m.i.
E G O
EG
By RehaTEAM® Srl
Vicolo Negrelli, 4 – 31040 Castagnole di Paese (TV) Italy
Tel. +39 0422 484657 ra Fax +39 0422 484661
http//www.rehateamprogeo.com
[email protected]
.
Azienda certificata TÜV Rheinland secondo le norme della famiglia UNI/EN/ISO/9001
RehaTEAM® Srl si riserva di apportare modifiche e migliorie senza preavviso.
Si vieta la produzione totale e parziale del presente manuale senza autorizzazione
scritta da parte di RehaTEAM®.
EGO
44
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement