binomio rcn/kcn - Certificazione Energetica

binomio rcn/kcn - Certificazione Energetica
UNIT IN GHISA AD ARIA SOFFIATA
circuito di combustione stagno
BINOMIO 24 RCN - 32 RCN
solo riscaldamento
BINOMIO 24 KCN - 32 KCN
riscaldamento e produzione d’acqua calda sanitaria
Unit in ghisa a tre giri di fumo con rendimenti utili
superiori al 90%.
Le RCN sono progettate per il solo riscaldamento.
Le KCN sono progettate per il riscaldamento e
la produzione di acqua calda sanitaria ottenuta
mediante un bollitore ad accumulo vetrificato della
capacità di 120 litri.
Si distinguono per le ridotte dimensioni e le basse
emissioni sonore ed inquinanti. Il bruciatore
monostadio di gasolio è integrato nella struttura
del portellone in alluminio ed è predisposto per la
combustione in circuito stagno.
La struttura è isolata con materiali ad alta densità
e spessore. Il portellone anteriore e lo zaino fumi
posteriore sono apribili. Sono fornite con pannello
di comando integrato a gestione ‘termostatica’.
La gamma è composta da 2 modelli RCN e 2 modelli
KCN con potenze utili di 23 e 31 kW.
PLUS DI PRODOTTO
Economicità di esercizio garantita dai rendimenti elevati.
Corpo caldaia con bruciatore integrato ad alte prestazioni.
Flessibilità di installazione grazie al circuito di combustione stagno.
Bollitore vetrificato ad elevata capacità e durata (completo di circolatore e valvola di sfiato) (mod. KCN).
VANTAGGI PER L’INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE
Facilità di installazione: gli apparecchi sono forniti completamente assemblati, pretarati e collaudati in fabbrica.
Flessibilità di installazione: predisposizione per pluricircuito di riscaldamento (accessorio).
Elevata manutenibilità: accesso frontale e superiore a tutti i componenti interni.
Collettore impianti di serie.
Possibilità di inserimento in ambienti promiscui grazie al circuito di combustione stagno.
LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA
SOLO RISCALDAMENTO
BINOMIO
Combustibile
CON A.C.S.
24 RCN
32 RCN
24 KCN
32 KCN
gasolio
gasolio
gasolio
gasolio
Tipo di apparecchio
B23
B23
B23
B23
26,1
34,8
26,1
34,8
Portata termica nominale
kW
Potenza termica utile nominale a Pn
kW
23,9
31,5
23,9
31,5
Rendimento utile a Pn
%
90,19
90,5
90,19
90,5
Rendimento utile al 30% di Pn
%
90,9
91,3
90,9
91,3
bruc. spento
%
0,08
0,08
0,08
0,08
bruc. funzionante
%
7,41
7,7
7,41
7,7
Perdite camino
Perdite al mantello
%
2,4
1,8
2,4
1,8
Temperatura uscita fumi (ΔT)
°C
140÷250
140÷250
140÷250
140÷250
Portata massica fumi
Kg/s
0,011
0,013
0,011
0,013
Perdite di carico lato fumi
mbar
0,30
0,35
0,30
0,35
CO2
%
12,5
12,5
12,5
12,5
CO*
mg/kWh
~10
~10
~10
~10
NOx*
mg/kWh
<250
<250
<250
<250
Indice di fumosità Bacharach
n°
0,5
0,5
0,5
0,5
Pressione massima di esercizio
bar
3
3
3
3
Temperatura massima ammessa
°C
100
100
100
100
Temperatura massima di esercizio
°C
82
82
82
82
Temperatura di ritorno min. ammessa
°C
35
35
35
35
Superficie di scambio totale
m2
0,93
1,3
0,93
1,3
Perdite di carico lato acqua
ΔT 10°C
mbar
4
6
4
6
ΔT 20°C
mbar
1,2
1,6
1,2
1,6
Contenuto acqua
Turbolatori
Alimentazione elettrica
l
13,7
17
13,7
17
n°
5
5
5
5
V~Hz
230~50
230~50
230~50
230~50
Potenza elettrica massima assorbita
W
270
270
360
360
Grado di protezione elettrica
IP
X0D
X0D
X0D
X0D
l
12
12
12
12
Precarica vaso di espansione (riscaldamento)
bar
1,5
1,5
1,5
1,5
Peso
kg
109
152
187
230
Volume vaso di espansione (riscaldamento)
* Con parametri riferiti a 0% di O2 residuo nei prodotti della combustione e con pressione atmosferica al livello del mare.
NOTA: la canna fumaria deve assicurare la depressione minima prevista dalle Norme Tecniche vigenti, considerando pressione “zero” al raccordo con il
canale da fumo.
BOLLITORE
Tipo di bollitore
-
-
vetrificato
vetrificato
Disposizione bollitore
-
-
orizzontale
orizzontale
Disposizione scambiatore
-
-
orizzontale
orizzontale
Potenza assorbita
kW
-
-
23,6
30,5
Capacità bollitore
l
-
-
120
120
Contenuto acqua serpentino
l
-
-
5,5
5,5
Superficie di scambio
m2
-
-
0,85
0,85
Produzione acqua sanitaria con ΔT 35°C
l/h
-
-
580
750
Prelievo in 10’ con accumulo a 48°C (*)
l
-
-
170
190
Prelievo in 10’ con accumulo a 60°C (*)
l
-
-
235
255
Tempo di ripristino ΔT 35°C
min
-
-
18
14
Pressione massima esercizio bollitore
bar
-
-
6
6
Volume vaso di espansione (sanitario)
l
-
-
5
5
bar
-
-
2,5
2,5
Precarica vaso di espansione (sanitario)
* Temperatura acqua entrata 13°C e temperatura media acqua di scarico 43°C.
- Prestazioni ottenute con pompa di carico alla massima velocità.
2
DIMENSIONI D’INGOMBRO
SOLO RISCALDAMENTO
24 RCN
32 RCN
Modelli
CON PRODUZIONE A.C.S.
24 KCN
32 KCN
L-Larghezza
mm
600
600
P-Lunghezza
mm
600
600
696
896
696
896
H-Altezza caldaia
mm
880
880
1505
1505
STRUTTUR A
Modelli RCN
Legenda
1
2
3
4
5
6
7
Attacchi per zone aggiuntive (accessorio)
Circolatore zona diretta
Ritorno zona diretta
Pannello posteriore
Raccordo canale da fumo
Valvola di sfiato automatica
Pozzetti portabulbi/sonde
8
9
10
11
12
13
14
3
Fori per movimentazione
Corpo caldaia
Visore fiamma
Bruciatore
Rubinetto scarico caldaia
Vaso espansione riscaldamento
Valvola di sicurezza 3 bar
Modello KCN
Legenda
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Attacchi per zone aggiuntive (accessorio)
Circolatore zona diretta
Uscita acqua calda sanitaria
Ricircolo sanitario
Entrata acqua fredda sanitaria
Pannello posteriore inferiore
Ritorno impianto
Pannello posteriore superiore
Raccordo canale da fumo
Valvola di sfiato automatica
Pozzetti portabulbi/sonde caldaia
Fori per movimentazione
Corpo caldaia
Visore fiamma
Bruciatore
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
Rubinetto scarico caldaia
Vaso espansione sanitario
Valvola di sicurezza 6 bar
Rubinetto carico impianto
Rubinetto di scarico serpentino
Rubinetto scarico bollitore
Pozzetti portabulbi/sonde bollitore
Anodo di magnesio
Flangia bollitore
Bollitore
Vaso espansione impianto
Valvola di non ritorno
Circolatore sanitario
Valvola sicurezza 3 bar
CIRCUITI IDR AULICO
Modello RCN
Legenda
1 Corpo caldaia
2 Valvola di sfiato automatica
3 Bruciatore
4 Circolatore
5 Valvola di non ritorno
6 Vaso d’espasione impianto
7 Valvola di sicurezza impianto
MI1 Mandata impianto zona mix
RI1 Ritorno impianto zona mix
4
Legenda
A
B
C
Bulbo termostato caldaia
Bulbo termostato di sicurezza
Bulbo termostato limite
Modello KCN
Legenda
1 Corpo caldaia
2 Valvola di sfiato automatica
3 Bruciatore
4 Circolatore
5 Valvola di non ritorno
6 Vaso d’espasione impianto
7 Valvola di sicurezza impianto
8 Bollitore
9 Valvola di sicurezza sanitario
10 Vaso d’espansione sanitario
11 Rubinetto di carico impianto
MI1 Mandata impianto zona mix
RI1 Ritorno impianto zona mix
US Uscita acqua calda sanitaria
RC Ricircolo sanitario
ES Entrata acqua fredda sanitaria
Legenda
A
B
C
D
E
F
5
Bulbo termostato caldaia
Bulbo termostato di sicurezza
Bulbo termostato limite
Bulbo termometro caldaia
Bulbo termostato bollitore
Bulbo termometro bollitore
ATTACCHI IDR AULICI
Modello RCN
Legenda
MI1 Mandata impianto diretto Ø 1” F
RI1 Ritorno impianto diretto Ø 1”1/4 F
1 Valvole di sezionamento
2 Utenza impianto diretto
Lo scarico della valvola di sicurezza sanitaria della caldaia deve essere collegato ad un adeguato sistema di raccolta ed
evacuazione. ll costruttore della caldaia non è responsabile di eventuali allagamenti causati dall’intervento della valvola di
sicurezza.
Gli impianti caricati con antigelo obbligano l’impiego di disconnettori idrici.
Modello KCN
Legenda
MI1 Mandata impianto diretto Ø 1” F
RI1 Ritorno impianto diretto Ø 1”1/4 F
US Uscita acqua calda sanitaria Ø 3/4” M
RC Ricircolo sanitario Ø 3/4” F
ES Entrata acqua fredda sanitaria Ø 3/4” M
1 Valvole di sezionamento
2 Utenza impianto diretto
3 Circolatore ricircolo sanitario
4 Valvola di non ritorno
5 Riduttore di pressione
6 Filtro addolcitore
7 Utenza sanitaria
Per evitare danni all’apparecchio, quando il bruciatore è in funzione, si deve assicurare nella caldaia una portata d’acqua
minima pari a circa il 25 % di quella massima con ΔT= 10°C. Utilizzare, se necessario, una pompa di ricircolo adeguata.
La temperatura dell’acqua di ritorno, in servizio continuo, deve essere ≥ 35°C.
6
SCHEMI ELETTRICI
Modello RCN
Legenda
COM.G. Commutatore 4 posizioni
TS
Termostato sicurezza (100°C 0/-6) (*)
TR
Termostato regolazione caldaia (33÷82°C ±3) (*)
LV
Segnalazione di linea
LB
Segnalazione blocco bruciatore
LS
Segnalazione sicurezza termica
FU Fusibile di linea 6.3 A-T
CO1÷CO1A Connettori multipolari
MO1÷MO3
Morsettiera
PI
Circolatore impianto
CO2 Connettore bruciatore 7 poli
CO3 Connettore sblocco bruciatore 2 poli
K1
Relè
* omologati
Modello KCN
Legenda
COM.G. Commutatore 4 posizioni
COM.E/I. Selettore estate-inverno
TS
Termostato sicurezza (100°C 0/-6) (*)
TR
Termostato regolazione caldaia (33÷82°C ±3) (*)
TL
Termostato limite
TB
Termostato bollitore
LV
Segnalazione di linea
LB
Segnalazione blocco bruciatore
LS
Segnalazione sicurezza termica
FU Fusibile di linea 6.3 A-T
CO1÷CO2
Connettori multipolari
MO1÷MO3
Morsettiera
PB Circolatore bollitore
PI
Circolatore impianto (opzionale)
CO3 Connettore bruciatore 7 poli
CO4 Connettore sblocco bruciatore 2 poli
K1
Relè
* omologati
7
COLLEGAMENTI ELETTRICI
È obbligatorio:
1 l’impiego di un interruttore magnetotermico onnipolare,
sezionatore di linea, conforme alle Norme CEI-EN (apertura
dei contatti di almeno 3 mm);
2 rispettare il collegamento L1 (Fase) - N (Neutro);
3 utilizzare cavi con sezione maggiore o uguale a 1,5 mm2,
completi di puntalini capocorda;
4 riferirsi agli schemi elettrici pagina precedente per qualsiasi
intervento di natura elettrica.
5 realizzare un efficace collegamento di terra.
È vietato l’uso dei tubi gas e/o acqua per la messa a terra
dell’apparecchio.
Legenda
L1
N
PE
TA
PI
PB
Fase
Neutro
Terra
Termostato ambiente
Circolatore impianto
Circolatore bollitore (solo per modelli KCN)
Quando si collega il termostato ambiente é
necessario eliminare il ponte premontato (TATA).
PANNELLO DI COMANDO
Modello RCN
Legenda
1
2
3
4
Selettore di funzione
I
Spento
II Acceso
III Blocco bruciatore
IIII Modo automatico
(attivo solo con kit termoregolazione)
Termostato di caldaia
Permette di impostare il valore della temperatura
dell’acqua di riscaldamento.
Termometro di caldaia
Visualizza la temperatura dell’acqua di
riscaldamento.
Idrometro di caldaia
Visualizza la pressione dell’acqua nell’impianto di
riscaldamento.
8
5
6
7
8
Segnalazione blocco bruciatore
Si illumina se si verifica un blocco del bruciatore.
Riarmo manuale del termostato di sicurezza
Permette di riattivare la caldaia dopo l’intervento
del termostato di sicurezza.
È accessibile svitando il cappuccio di protezione.
Segnalazione sicurezza termica
Si illumina quando il termostato di sicurezza é
intervenuto per eccessiva temperatura.
Segnalazione di alimentazione elettrica
Si illumina per indicare la presenza di
alimentazione elettrica.
Modello KCN
Legenda
1
2
3
4
5
6
7
Selettore di funzione
I
Spento
II Acceso
III Blocco bruciatore
IIII Modo automatico
(attivo solo con kit termoregolazione)
Termostato di caldaia
Permette di impostare il valore della
temperatura dell’acqua di riscaldamento.
Termometro di caldaia
Visualizza la temperatura dell’acqua di
riscaldamento.
Idrometro di caldaia
Visualizza la pressione dell’acqua
nell’impianto di riscaldamento.
Segnalazione blocco bruciatore
Si illumina se si verifica un blocco del
bruciatore.
8
9
10
11
Selettore (I) Estate / (II) Inverno
Riarmo manuale del termostato di sicurezza
Permette di riattivare la caldaia dopo
l’intervento del termostato di sicurezza.
È accessibile svitando il cappuccio di
protezione.
Termostato bollitore
Permette di impostare il valore della
temperatura dell’acqua sanitaria.
Termometro bollitore
Visualizza la temperatura dell’acqua sanitaria.
Segnalazione sicurezza termica
Si illumina quando il termostato di sicurezza é
intervenuto per eccessiva temperatura.
Segnalazione di alimentazione elettrica
Si illumina per indicare la presenza di
alimentazione elettrica.
COLLEGAMENTI COMBUSTIBILE
Le caldaie Binomio possono ricevere l’adduzione del
combustibile sia dal lato posteriore, sia da quelli laterali.
I condotti flessibili di alimentazione devono essere fatti
passare attraverso l’apertura tra basamento e piano di
appoggio, per poter essere collegati alla pompa.
Se l’impianto é in depressione la tubazione di ritorno deve
arrivare alla stessa altezza della tubazione di aspirazione.
Non si rende così necessaria la valvola di fondo che é
indispensabile se la tubazione di ritorno arriva sopra il livello
del combustibile.
É consigliato far effettuare periodicamente la pulizia del
serbatoio del combustibile.
L’impianto di alimentazione del combustibile deve essere
adeguato alla portata del bruciatore e deve essere dotato
di tutti i dispositivi di sicurezza e di controllo prescritti dalle
Norme vigenti.
Per il suo dimensionamento riferirsi alla tabella a lato.
È necessario installare un filtro sulla linea di alimentazione
del combustibile.
Ad installazione effettuata verificare che le giunzioni eseguite
siano a tenuta. Prima di mettere in funzione la caldaia,
accertarsi che il tubo di ritorno non abbia occlusioni.
Un’eccessiva contropressione provocherebbe la rottura
dell’organo di tenuta della pompa.
(*) Dispositivo automatico di intercettazione.
9
INNESCO POMPA
Per innescare la pompa basta avviare il bruciatore e verificare
l’accensione della fiamma.
Se avviene il blocco prima dell’arrivo del combustibile,
attendere almeno 20 secondi, poi posizionare il selettore
di funzione da (II) “acceso” a (III) “blocco bruciatore” e
viceversa ed attendere che venga eseguita nuovamente tutta
la fase di avviamento fino all’accensione della fiamma.
Legenda
1
2
3
4
5
6
7
Aspirazione
Ritorno
Vite di by-pass
Regolatore di pressione
Attacco vacuometro
Valvola
Presa di pressione ausiliaria
SCARICO FUMI E ASPIR AZIONE ARIA COMBURENTE
Il condotto di scarico ed il raccordo alla canna fumaria devono essere realizzati in conformità alle Norme ed ai regolamenti
locali e nazionali.
É obbligatorio l’uso di condotti rigidi, resistenti alla temperatura, alla condensa, alle sollecitazioni meccaniche e a tenuta.
Le caldaie Binomio sono predisposte per aspirare l’aria comburente dal locale di installazione attraverso le aperture di
aerazione che devono essere realizzate in conformità alle Norme Tecniche.
Canne fumarie e canali da fumo inadeguati o mal dimensionati possono amplificare la rumorosità di combustione, generare
problemi di condensazione ed influire negativamente sui parametri di combustione.
I condotti di scarico non isolati sono potenziali fonti di pericolo.
É vietato tappare o ridurre dimensionalmente le aperture di aerazione.
Le tenute delle giunzioni vanno realizzate con materiali resistenti a temperature di almeno 250°C (esempio: stucchi,
mastici, preparati siliconici)
Modello RCN
Modello KCN
10
BRUCIATORE DI GASOLIO RTH
Struttura
Legenda
1
2
3
4
5
6
Pompa olio
Apparecchiatura di comando e di controllo
Pulsante di sblocco con segnalazione di blocco
Flangia con schermo isolante
Vite di regolazione serranda aria
Presa d’aria (CF)
7
8
9
10
11
Vite regolazione pressione pompa
Attacco manometro
Fotoresistenza
Boccaglio
Condensatore
Collegamenti elettrici bruciatore
Legenda
CN..
C
F1
FR
MV
RM0..
TB
T
XP..
Y1
11
Connettore
Condensatore
Filtro
Fotoresistenza
Motore
Apparecchiatura
Terra Bruciatore
Trasformatore d’accensione
Spina/presa
Valvola olio
Ciclo avviamento
Il bruciatore utilizza un preriscaldatore che si attiva quando viene data tensione al gruppo termico. Durante l’inverno, se la
temperatura del combustibile scende al di sotto di 8°C, si possono verificare difficoltà di accensione.
Questo problema scompare dopo 2 o 3 accensioni, quando il combustibile raggiunge la temperatura ottimale.
KIT TR ASFORMAZIONE STAGNO (accessorio)
L’impiego del KIT TRASFORMAZIONE STAGNO permette, alle
caldaie Binomio RCN-KCN, di aspirare l’aria comburente dall’esterno
del locale di installazione e quindi di funzionare come apparecchio a
camera di combustione “stagna” (tipo C).
Descrizione
1 Raccordo presa aria
2 Guarnizione presa aria
3 Collarino
4 Tubo flessibile
5 Fascette stringitubo
6 Istruzioni
Quantità
1
1
1
1
2
1
Installazione
12
Sostituire la targa tecnica (G) con la targa tecnica (H) presente nel materiale a corredo del gruppo termico.
Locale d’installazione
Le caldaie Binomio RCN-KCN, provviste di questo kit, sono ora predisposte per aspirare l’aria comburente dall’esterno. In
tal caso sono di tipo C “stagno” e il locale di installazione non necessita di aperture di aerazione.
C13
Ventilatore a monte. Aspirazione aria comburente e scarico gas
combusti nella stessa parete a mezzo di condotti separati.
C33
Ventilatore a monte. Aspirazione aria comburente e scarico gas
combusti a tetto a mezzo di condotti separati.
C53
Ventilatore a monte. Aspirazione aria comburente in parete. Scarico
gas combusti a mezzo di condotti verticali.
Nella configurazione stagna la lunghezza massima dei condotti di
aspirazione/scarico è di 6 metri lineari per ciascun condotto.
Lo sviluppo possibile viene ridotto di 1 m.l. per ogni curva di 90° e
di 0,5 m.l. per ogni curva di 45°.
13
KIT PRIMA ZONA MIX (accessorio)
L’impiego del kit i zona mix permette, alle caldaie Binomio RCN e KCN, di alimentare e controllare, in modo indipendente,
un’ulteriore zona dello stesso impianto oppure un secondo impianto termico.
L’installazione di questo kit è subordinata all’utilizzo dei “kit elettrico
multizona” e “kit interfaccia termoregolazione”.
Descrizione
Quantità
1 Guarnizione 1”
5
2 Raccordo
1
3 Valvola di non ritorno
1
4 Valvola miscelatrice 3 vie
1
5 Guarnizione 3/4”
1
6 Tubo ritorno prima valvola miscelatrice
1
7 Circolatore
1
8 Cavo circolatore
1
9 Tappo 3/4”
1
10 Foglio istruzioni
1
Dati tecnici
Nel diagramma viene riportata la curva Portata/Prevalenza utile del circolatore, fornito con il kit, riferita alla velocità
massima (III).
Potenza massima assorbita = 93W
Installazione
14
Configurazione idraulica con kit installato
Modello RCN
Modello KCN
Legenda
MI1
RI1
MI2
RI2
Mandata impianto diretto
Ritorno impianto diretto
Mandata impianto miscelato
Ritorno impianto miscelato
Ø 1” M
Ø 1”1/4 F
Ø 1” M
Ø 1” M
COLLEGAMENTI ELETTRICI
Per quanto riguarda i collegamenti elettrici si rimanda alle istruzioni dei “KIT ELETTRICO MULTIZONA” e “KIT INTERFACCIA
TERMOREGOLAZIONE”.
15
KIT SECONDA ZONA MIX (accessorio)
L’impiego del kit seconda zona mix permette alle caldaie Binomio di alimentare e controllare, in modo indipendente,
un’ulteriore zona dello stesso impianto oppure un secondo impianto termico.
L’installazione di questo kit è subordinata all’utilizzo dei “kit elettrico
multizona” e “kit interfaccia termoregolazione”.
L’installazione di questo kit prevede la presenza a bordo dell’apparecchio
già di una prima zona miscelata.
Descrizione
Quantità
1 Guarnizione 1”
4
2 Raccordo
1
3 Valvola di non ritorno
1
4 Valvola miscelatrice 3 vie
1
5 Guarnizione 3/4”
1
6 Tubo ritorno seconda valvola miscelatrice 1
7 Circolatore
1
8 Cavo circolatore
1
9 Foglio istruzioni
1
Dati tecnici
Nel diagramma viene riportata la curva Portata/Prevalenza utile del circolatore, fornito con il kit, riferita alla velocità
massima (III).
Potenza massima assorbita = 93W
Installazione
16
Configurazione idraulica con kit installato
Modello RCN
Modello KCN
Legenda
MI1
RI1
MI2
RI2
MI3
RI3
Mandata impianto diretto
Ritorno impianto diretto
Mandata impianto miscelato 1
Ritorno impianto miscelato 1
Mandata impianto miscelato 2
Ritorno impianto miscelato 2
Ø 1” M
Ø 1”1/4 F
Ø 1” M
Ø 1” M
Ø 1” M
Ø 1” M
COLLEGAMENTI ELETTRICI
Per quanto riguarda i collegamenti elettrici si rimanda alle istruzioni dei “KIT ELETTRICO MULTIZONA” e “KIT INTERFACCIA
TERMOREGOLAZIONE”.
17
KIT SECONDA ZONA DIRETTA
L’impiego del kit seconda zona diretta permette alle caldaie Binomio di alimentare e controllare, in modo indipendente,
un’ulteriore zona dello stesso impianto oppure un secondo impianto termico.
L’installazione di questo kit è subordinata all’utilizzo dei “kit elettrico
multizona” e “kit interfaccia termoregolazione”.
Per le caldaie Binomio RCN e KCN è possibile scegliere due posizioni
per il collegamento della zona diretta.
Descrizione
1 Guarnizione 1”
2 Tubo rettilineo
3 Valvola di non ritorno
4 Circolatore
5 Cavo circolatore
6 Foglio istruzioni
Quantità
2
1
1
1
1
1
Dati tecnici
Nel diagramma vengono riportate le curve Portata/Prevalenza utile del circolatore, fornito con il kit, riferite alle tre
velocità.
Potenza massima assorbita = 88W
Installazione
18
Configurazione idraulica con kit installato
Modello RCN
Modello KCN
Legenda
MI1 Mandata impianto diretto 1
Mi2 Mandata impianto diretto 2
RI
Ritorno impianti
Ø 1” M
Ø 1” M
Ø 1”1/4 F
COLLEGAMENTI ELETTRICI
Per quanto riguarda i collegamenti elettrici si rimanda alle istruzioni dei “KIT ELETTRICO MULTIZONA” e “KIT INTERFACCIA
TERMOREGOLAZIONE”.
KIT ELETTRICO MULTIZONA
È previsto per collegare elettricamente i circolatori impianto
ed i termostati di zona (fino a 3) direttamente ai gruppi
termici BINOMIO RCN e KCN.
Scheda
Posizione scheda
19
Collegamenti elettrici
Scollegare dalla morsettiera del pannello di comando del gruppo termico il ponticello TA-TA o il termostato ambiente (se
presente) ed il circolatore impianto.
Effettuare il collegamento elettrico tra la scheda multizona e la morsettiera del pannello di comando facendo riferimento
agli schemi sottoriportati.
Binomio RCN
Binomio KCN
Binomio RCN
Binomio KCN
20
È obbligatorio:
1 l’impiego di un interruttore magnetotermico onnipolare, sezionatore di linea, conforme alle Norme CEI-EN (apertura dei
contatti di almeno 3 mm);
2 rispettare il collegamento L1 (Fase) - N (Neutro);
3 utilizzare cavi con sezione maggiore o uguale a 1,5 mm2, completi di puntalini capocorda;
4 riferirsi agli schemi elettrici del presente libretto per qualsiasi intervento di natura elettrica.
5 realizzare un efficace collegamento di terra.
È vietato l’uso dei tubi gas e/o acqua per la messa a terra dell’apparecchio.
KIT INTERFACCIA TERMOREGOLAZIONE
permette di collegare elettricamente, il gruppo termico ad una termoregolazione Riello Esatto, grazie all’impiego di connettori
di differente formato che escludono la possibilità di errori di montaggio.
Il Kit è composto da:
Viti autofilettanti 2,9 x 9,5
Viti autofilettanti brunite 3,9 x 13
Viti autofilettanti 3,9 x 6,5
Foglio istruzioni
2
2
2
1
Cablaggio composto da:
Piastrina (H)
Presa 3 poli (M)
Presa 4 poli (L)
Presa 5 poli (I)
Spina 3 poli (M1)
Spina 4 poli (L1)
Spina 5 poli (I1)
Morsettiera (N)
Connettore a dodici poli maschio (F)
Connettore a nove poli femmina (S)
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
Connettori
A1
A2
A3
A4
A5
A6
Colore
nero
rosso
marrone
verde
arancio
verde
B1
B2
B3
B4
B5
B6
viola
blu
bianco
grigio
giallo
blu
RVA 53.140/209 e RVA 53.280/209
Inserire i connettori nella Termoregolazione come indicato nelle
figure al lato, seguendo la geometria stabilita per il cablaggio.
Connettori
Colore
A1
A2
A3
A4
A5
A6
B1
B2
B3
B4
B5
B6
nero
rosso
marrone
verde
arancio
verde
viola
blu
bianco
grigio
giallo
blu
Fare attenzione ai connettori da non utilizzare per ogni tipo di
termoregolazione.
21
Posizionamento della termoregolazione
Per tutti i modelli muniti di termoregolazione RVA 53.280/209:
- Collegare l’eventuale circolatore impianto 2 (PI2) e/o la
valvola (VM2) alla spina a 5 poli (I1), come indicato in figura.
- Collegare la spina (I1) alla presa a 5 poli (I).
Per tutti i modelli muniti di termoregolazione RVA 53.140/209
o RVA 53.280/209:
- Collegare l’eventuale valvola motorizzata (VM1) alla spina
a 4 poli (L1).
- Collegare la spina (L1) alla presa a 4 poli (L).
I terminali delle spine non utilizzate devono obbligatoriamente essere protetti contro i contatti accidentali, inserendo sempre
la presa corrispondente (anche se non è utilizzata) fornita con il kit.
22
Schema elettrico del kit
Collegamenti a cura dell’installatore
Collegamenti elettrici del kit utilizzando la Termoregolazione RVA 53.280/209
Legenda
CO4 Connettori quadro di comando
CO22 Spina a 3 poli
CO23 Spina a 5 poli
CO24 Spina a 4 poli
MO3 Morsettiera collegamento sonde
23
Collegamenti a cura dell’installatore
Collegamenti elettrici del kit utilizzando la Termoregolazione RVA 53.140/209
Legenda
CO4
CO22
CO23
CO24
MO3
Per i collegamenti delle sonde, riferirsi seguendo le indicazioni della
figura sotto.
24
Connettori quadro di comando
Spina a 3 poli
Spina a 5 poli (NON UTILIZZATA)
Spina a 4 poli
Morsettiera collegamento sonde
Sonda e Termometro
RIELLO BINOMIO RCN
DESCRIZIONE COSTRUTTIVA PER CAPITOLATO SINTETICO
Gruppo termico, funzionante a gasolio, ad alto rendimento, costituito da elementi in ghisa, del tipo a basamento con corpo caldaia
a tre giri di fumo per solo riscaldamento.
Completo di quadro elettrico di comando ad intervento termostatico.
È munito di bruciatore di gasolio ad aria soffiata integrato nel corpo caldaia.
La massima pressione di esercizio è di 3 bar.
DESCRIZIONE COSTRUTTIVA PER CAPITOLATO
Il gruppo termico è composto da :
- struttura portante della mantellatura in acciaio verniciato, mentre coperchio, portellone e quadro comando in materiale plastico
ad iniezione asportabile per manutenzione totale del gruppo termico
- corpo caldaia con elementi in ghisa assemblati
- camera di combustione bagnata a tre giri di fumo
- turbolatori in fibra ceramica sagomata
- bruciatore di gasolio completamente inserito nella portina di chiusura del corpo caldaia con girante a pale rovesce per una
minore rumorosità, pretarato in fabbrica per raggiungere un migliore rendimento e completo di filtro combustibile
- testa di combustione del bruciatore di tipo conico
- quadro comandi e controlli di tipo termostatico che raccoglie tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche sia per l’unità
di combustione che per quella di scambio completo di ribaltina per la protezione contro le manomissioni accidentali
- termostato di regolazione e termostato di sicurezza a riarmo manuale per l’acqua della caldaia, collegati a linee indipendenti
omologati ISPESL
- termometro per la temperatura dell’acqua con fondo scala a 120°C
- rubinetto carico impianto
- pressione massima di esercizio 3 bar
- aspirazione dell’aria comburente canalizzata fino al pannello posteriore e con possibilità di essere prolungata fino all’esterno
del locale per rendere l’apparecchio stagno rispetto l’ambiente
- conforme alle norme CEI
- grado di protezione elettrica (IPX0D)
- conforme alla direttiva 2004/108/CE (ex 89/336/CEE) (compatibilità elettromagnetica)
- conforme alla direttiva 2006/95/CE (ex 73/23/CEE) (bassa tensione)
- conforme alla direttiva 92/42/CEE (rendimenti)
MATERIALE A CORREDO
- certificato di garanzia dell’apparecchio
- libretto di installazione, uso e manutenzione
- targhetta di identificazione prodotto
ACCESSORI
Sono disponibili i seguenti accessori, da richiedere separatamente.
Kit di trasformazione stagno
Kit prima zona mix
Kit seconda zona mix
Kit seconda zona diretta
Kit elettrico multizona
Kit interfaccia termoregolazione
NORME DI INSTALLAZIONE
L’olio combustibile deve rispettare le caratteristiche richieste dal Decreto Legislativo 152/2006.
Devono essere effettuate verifiche ed interventi periodici ed il controllo della combustione secondo DPR 412/193, DPR
551/99, Decreti Legislativi 192/05 e 311/06, DPR 59/09 e successive modifiche.
Unit Binomio deve essere installata in locale idoneo all’uso secondo quanto prescritto dal DM 28 aprile 2005.
25
RIELLO BINOMIO KCN
DESCRIZIONE COSTRUTTIVA PER CAPITOLATO SINTETICO
Gruppo termico, funzionante a gasolio, ad alto rendimento, costituito da elementi in ghisa, del tipo a basamento con corpo caldaia
a tre giri di fumo, completo di valvola di sicurezza, vaso di espansione, rubinetti carico, circolatore impianto riscaldamento e
circolatore bollitore. Completo di quadro elettrico di comando ad intervento termostatico. Il gruppo termico è a servizio dell’impianto
di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria. È munito di bruciatore di gasolio ad aria soffiata integrato nel corpo caldaia.
La massima pressione di esercizio è di 4 bar.
DESCRIZIONE COSTRUTTIVA PER CAPITOLATO
Il gruppo termico è composto da:
- struttura portante della mantellatura in acciaio verniciato, mentre coperchio, portellone e quadro comando in materiale plastico
ad iniezione asportabile per manutenzione totale del gruppo termico
- corpo caldaia con elementi in ghisa assemblati
- camera di combustione bagnata a tre giri di fumo
- turbolatori in fibra ceramica sagomata
- bruciatore di gasolio completamente inserito nella portina di chiusura del corpo caldaia con girante a pale rovesce per una
minore rumorosità, pretarato in fabbrica per raggiungere un migliore rendimento e completo di filtro combustibile
- testa di combustione del bruciatore di tipo conico
- bollitore in acciaio vetrificato da 120 litri, protetto con anodo di magnesio, di potenzialità proporzionata alla potenza generata,
coibentato con due gusci di poliuretano espanso privo di CFC, con serpentino di scambio di flusso verticale, per permettere
l’evacuazione dell’aria e per ottimizzare lo scambio termico
- circuito idraulico di connessione tra generatore e bollitore, completo di pompa di carico e valvola di ritegno
- rubinetto di carico manuale
- manometro
- valvola di sfiato aria
- quadro comandi e controlli di tipo termostatico per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, che raccoglie tutte
le apparecchiature elettriche ed elettroniche sia per l’unità di combustione che per quella di scambio completo di ribaltina per
la protezione contro le manomissioni accidentali
- termostato di regolazione e termostato di sicurezza a riarmo manuale per l’acqua della caldaia, collegati a linee indipendenti
omologati ISPESL
- termometro per la temperatura dell’acqua con fondo scala a 120°C
- valvola di sicurezza in sanitario
- vaso di espansione sanitario
- rubinetti di carico
- pressione massima di esercizio 3 bar
- aspirazione dell’aria comburente canalizzata fino al pannello posteriore e con possibilità di essere prolungata fino all’esterno
del locale per rendere l’apparecchio stagno rispetto l’ambiente
- conforme alle norme CEI
- grado di protezione elettrica (IPX0D)
- conforme alla direttiva 2004/108/CE (ex 89/336/CEE) (compatibilità elettromagnetica)
- conforme alla direttiva 2006/95/CE (ex 73/23/CEE) (bassa tensione)
- conforme alla direttiva 92/42/CEE (rendimenti)
MATERIALE A CORREDO
- certificato di garanzia dell’apparecchio
- libretto di installazione, uso e manutenzione
- targhetta di identificazione prodotto
ACCESSORI
Sono disponibili i seguenti accessori, da richiedere separatamente.
Kit di trasformazione stagno
Kit prima zona mix
Kit seconda zona mix
Kit seconda zona diretta
kit elettrico multizona
kit interfaccia termoregolazione
26
NORME DI INSTALLAZIONE
L’olio combustibile deve rispettare le caratteristiche richieste dal Decreto Legislativo 152/2006.
Devono essere effettuate verifiche ed interventi periodici ed il controllo della combustione secondo DPR 412/193, DPR
551/99, Decreti Legislativi 192/05 e 311/06, DPR 59/09 e successive modifiche.
Unit Binomio deve essere installata in locale idoneo all’uso secondo quanto prescritto dal DM 28 aprile 2005.
27
Cod. 9373846 rev. 1 3/2010
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement