Sulzer Flow booster XSB 900-2750 Manuale utente

Add to my manuals
28 Pages

advertisement

Sulzer Flow booster XSB 900-2750 Manuale utente | Manualzz

Generatore di flusso tipo ABS XSB 900 - 2750

it

Istruzioni per l’installazione e per l’uso

www.sulzer.com

Istruzioni per l’installazione e per l’uso (Traduzione delle istruzioni originali) per acceleratore di flusso ABS

XSB 900 M

XSB 931 M

XSB 932 M

XSB 933 M

XSB 934 M

XSB 2500 M

XSB 1621 M XSB 1821 M

XSB 1622 M

XSB 1623 M

XSB 1822 M

XSB 1823 M

XSB 1624 M

XSB 1625 M

XSB 1824 M

XSB 1825 M

XSB 2021 M XSB 2221 M

XSB 2022 M XSB 2222 M

XSB 2023 M XSB 2223 M

XSB 2024 M

XSB 2025 M

XSB 2224 M

XSB 2521 M

XSB 2522 M

XSB 2523 M

XSB 2524 M

XSB 2525 M

XSB 2750 LX

XSB 1431 LX XSB 2231 LX XSB 2531 LX XSB 2731 LX

XSB 2232 LX

XSB 2233 LX

XSB 2532 LX

XSB 2533 LX

XSB 2732 LX

XSB 2733 LX

2

Ci si riservano modifiche ai sensi dello sviluppo tecnico!

6006469-01

Indice

4

4.1

4.2

4.3

1

1.1

1.2

1.3

1.4

1.5

Informazioni generali ............................................................................................................................4

Introduzione

Uso previsto

............................................................................................................................................4

............................................................................................................................................4

Limiti d’impiego degli acceleratori di flusso ABS ..................................................................................... 4

Settori d’impiego degli acceleratori di flusso ABS ...................................................................................

5

Codici identificativi XSB ..........................................................................................................................

5

1.6 Dati tecnici ...............................................................................................................................................6

1.6.1 Dati tecnici 50 Hz ....................................................................................................................................6

1.6.2 Dati tecnici 60 Hz ....................................................................................................................................

7

1.7 Dimensioni ..............................................................................................................................................

8

1.8 Targhetta identificativa ............................................................................................................................9

2 Sicurezza ..............................................................................................................................................10

3 Sollevamento, Trasporto e immagazzinaggio ..................................................................................10

3.1 Sollevamento .......................................................................................................................................10

3.2

3.3

Trasporto ............................................................................................................................................... 11

Dispositivi di sicurezza per il trasporto .................................................................................................. 11

3.3.1 Protezione dall’umidità dei cavi di collegamento del motore ................................................................. 11

3.4 Magazzinaggio dei gruppi ..................................................................................................................... 11

Descrizione del prodotto ....................................................................................................................12

Descrizione di motore/monitoraggio del motore .................................................................................... 12

Struttura costruttiva ...............................................................................................................................12

Esercizio con convertitori di frequenza .................................................................................................13

5 Installazione .........................................................................................................................................14

5.1 Varianti di installazione ..........................................................................................................................14

5.1.1 Montaggio del basamento .....................................................................................................................14

5.2 Coppie di serraggio ...............................................................................................................................14

5.2.1 Posizione di montaggio delle rondelle di arresto Nord-Lock ® . .............................................................. 14

5.3 Montaggio della staffa di sollevamento .................................................................................................

15

5.4

5.5

Controllo del sistema di accoppiamento

Montaggio delle pale dell’elica

...............................................................................................

..............................................................................................................

15

18

5.5.1 Montaggio delle pale dell’elica XSB 900 M; XSB 2500 M .....................................................................

18

5.5.2 Montaggio delle pale dell’elica XSB 2750 LX ........................................................................................ 19

5.6

5.7

Montaggio dell’ancoraggio del cavo

Collegamento elettrico

......................................................................................................19

..........................................................................................................................21

5.7.1 Schemi di collegamento del motore standard, intervallo di tensione di rete 380-420V,

50Hz/480V, 60Hz ..................................................................................................................................21

5.7.2 Assegnazione dei conduttori .................................................................................................................22

5.7.3 Motorino di avviamento soft (opzionale) ...............................................................................................22

5.8 Controllo del senso di rotazione ............................................................................................................23

5.8.1 Cambiamento del senso di rotazione ....................................................................................................24

5.9 Collegamento della sorveglianza di tenuta nell’impianto di comando ...................................................

25

6 Messa in servizio .................................................................................................................................26

7 Manutenzione ......................................................................................................................................27

6006469-01

3

1 Informazioni generali

1.1 Introduzione

Le presenti Istruzioni per il montaggio e per l’uso e il libretto separato Istruzioni di sicurezza per i prodotti Sulzer modello ABS contengono indicazioni e istruzioni di sicurezza fondamentali da rispettare per il trasporto, l’installazione, il montaggio e la messa in servizio. Perciò è indispensabile che prima di cominciare il montatore e il personale specializzato incaricato/il gestore le leggano e che siano sempre disponibili sul luogo d’impiego del gruppo/dell’impianto.

Le avvertenze di sicurezza la cui mancata osservanza comporta pericoli per le persone sono contras segnate da un simbolo di pericolo generale.

c Un’avvertenza per tensione elettrica pericolosa viene contrassegnata con il presente simbolo.

g Un’avvertenza per pericolo di esplosione viene contrassegnata con il presente simbolo.

ATTENZIONE Compare in caso di avvertenze di sicurezza la cui mancata osservanza comporta pericoli per il gruppo e per il suo funzionamento.

AVVERTENZA Viene utilizzata per informazioni importanti.

I riferimenti alle figure, per es. (3/2), indicano con la prima cifra il numero della figura e con la seconda cifra il numero di posizione nella figura stessa.

1.2 Uso previsto

I gruppi Sulzer sono costruiti secondo lo stato dell’arte e le regole tecniche di sicurezza riconosciute. Un uso diverso da quello previsto può tuttavia comportare pericoli per l’incolumita dell’utente o di terzi oppure danni alla macchina o ad altri beni materiali.

I gruppi Sulzer possono essere utilizzati esclusivamente in uno stato tecnicamente ineccepibile e in confomità con la destinazione d’uso, con la consapevolezza della sicurezza e dei potenziali pericoli e come indicato nelle istruzioni per il montaggio e per l’uso ! Un impiego diverso o più esteso vale come non conforme all’uso previsto.

Il costruttore/fornitore non risponde di danni che ne derivano. Delle conseguenze che derivano da tale uso risponde solo l’utente. In caso di dubbio il tipo di uso previsto deve essere autorizzato da parte di Sulzer .

In caso di anomalia i gruppi Sulzer devono essere messi immediatamente fuori funzione e assicurati. Occorre porre subito rimedio all’anomalia. In tal caso informare il servizio clienti di Sulzer.

1.3 Limiti d’impiego degli acceleratori di flusso ABS

Gli acceleratori di flusso sono disponibili sia nella versione standard che in quella a protezione antideflagrante

(ATEX II 2G Ex h db IIB T4 Gb) a 50 Hz secondo gli standard (DIN EN 809:1998 + A1:2009 + AC:2010, EN ISO

80079-36, EN ISO 80079-37, EN 60079-0:2012 + A11:2018, EN 60079-1:2014, EN ISO 12100 : 2010).

Limiti d’impiego: La temperatura ambiente è 0 °C a + 40 °C / 32 °F a 104 °F

Profondità d’immersione fino a massimo 20 m

4

ATTENZIONE In caso di lunghezze dei cavi < 20 m si riduce corrispondentemente la massima profondità d’immersione! In casi speciali è possibile una profondità d’immersione > 20 m.

Non è però consentito superare il numero massimo di avviamenti secondo la scheda tecnica dei motori. Tale impiego richiede l’autorizzazione scritta da parte della ditta costruttrice Sulzer.

g g

Questi gruppi non possono funzionare con fluidi combustibili o esplosivi!

In zone a rischio di esplosione è consentito impiegare esclusivamente gruppi nella versione con pro tezione antideflagrante!

6006469-01

Funzionamento delle versioni a protezione antideflagrante

In zone a rischio di esplusione è necessario assicurarsi che all’accensione e per ogni modalità di funzionamen to dei gruppi con protezione antideflagrante il gruppo sia coperto dall’acqua o sia sommerso. Non sono consen tite altre modalità di funzionamento, quali ad esempio il funzionamento ad aspirazione o a secco.

Il controllo di temperatura degli acceleratori di flusso deve avvenire con un termistore bimetallico o un condutto re a freddo ai sensi di DIN 44082 e un interruttore conforme alla direttiva 2014/34/EU del quale sia stata testata l’idoneità di funzionamento.

ATTENZIONE Gli XSB con omologazione ATEX II 2Gk Ex h db IIB T4 Gb non hanno l’opzione sensore di perdite (DI) nella camera olio del riduttore.

AVVERTENZA Si applicano i metodi di protezione Ex del tipo “c” (sicurezza costruttiva) e del tipo “k” (immersione in liquido), in conformità con EN ISO 80079-36,

EN ISO 80079-37.Funzionamento delle versioni a protezione antideflagrante

È necessario assicurarsi che il motore degli acceleratori di flusso durante l’avviamento e il funzionamento sia sempre completamente sommerso!

Funzionamento delle versioni a protezione antideflagrante con convertitore di frequenza

I motori devono essere protetti da un dispositivo per il controllo diretto della temperatura che consiste di un termistore montato nell’avvolgimento (conduttore a freddo DIN 44082) e di un interruttore conforme alla direttiva

2014/34/EU del quale sia stata testata l’idoneità di funzionamento.

Le versioni antideflagranti devono essere utilizzate senza eccezioni solo per frequenze inferiori o uguali alla frequenza di rete di 50 Hz indicata sulla targhetta.

ATTENZIONE Gli interventi sui gruppi con protezione antideflagrante possono essere effettuati esclusivamente in officine e da personale in possesso di apposita autorizzazione, utilizzando le parti originali del costruttore. La mancata osservanza di tali condizioni comporterà il decadimento del certificato di idoneità antideflagrante. Tutti i compo nenti a protezione antideflagrante rilevanti sono riportati nel manuale del costruttore e nell’elenco dei pezzi di ricambio.

ATTENZIONE L‘omologazione EX perde la propria validità in seguito ad interventi o riparazioni eseguiti da officine o persone non autorizzate. Ne consegue che il gruppo non potrà più essere impiegato in zone con pericolo di esplosione! La targhetta EX dovrà essere rimossa (vedere Fig. 4b, 4c).

1.4 Settori d’impiego degli acceleratori di flusso ABS

Gli accelleratori di flusso ABS della serie XSB 900 - XSB 2750 sono adatti per la miscelazione, l’agitazione e la circolazione di fluidi di impianti di depurazione comunali e dell’industria.

1.5 Codici identificativi XSB

Sistema idraulico Motore

XSB 2 7 3 3 L PA75/ 4

Numero poli motore

Potenza nominale motore (P2 [kW] x 10)

PA = IE3 Asynchron Motor

L = Prop.Welle 65mm

M = Prop.Welle 50mm

Numero identificativo

Tipo di elica

(2 = elica di spinta a 2 pale;

3 = elica di spinta a 3 pale)

Diametro elica [dm]

Serie

Fig. 1 Codici identificativi XSB

6006469-01

5

1.6 Dati tecnici

Il livello di pressione acustica massima di tutti i gruppi della serie XSB è pari a 70 dB(A). A seconda del tipo di installazione è possibile superare il valore massimo del livello di pressione acustica di 70 dB(A) o il livello di pressione acustica misurato.

ATTENZIONE Temperatura massima del fluido durante il funzionamento continuo = 40 °C/104 °F

a gruppo sommerso.

1.6.1 Dati tecnici 50 Hz

Elica Motore 50 Hz Peso

6

XSB 931 M

XSB 932 M

XSB 933 M

[mm] [1/min]

900

900

900

XSB 934 M 900

XSB 1431 LX 1400

XSB 1621 M 1600

86

108

121

134

86

47

XSB 1622 M

XSB 1623 M

XSB 1624 M

XSB 1625 M

XSB 1821 M

XSB 1822 M

XSB 1823 M

XSB 1824 M

1600

1600

1600

1600

1800

1800

1800

1800

87

42

47

53

61

54

61

68

XSB 1825 M

XSB 2021 M

XSB 2022 M

XSB 2023 M

XSB 2024 M

XSB 2025 M

XSB 2221 M

XSB 2222 M

2000

2200

2200

XSB 2223 M

XSB 2224 M

2200

2200

XSB 2231 LX 2200

XSB 2232 LX 2200

XSB 2233 LX 2200

XSB 2521 M 2500

XSB 2522 M 2500

XSB 2523 M

XSB 2524 M

2500

2500

1800

2000

2000

2000

2000

53

61

53

57

64

39

47

64

39

47

53

60

60

39

43

47

53

1,5

2,3

3,3

5,3

1,0

1,4

1,7

3,1

[kW]

0,7

1,4

2,2

2,8

5,8

0,9

4,2

1,3

1,9

2,8

4,5

5,3

6,3

3,8

1,3

1,9

2,4

3,6

7,4

1,6

2,0

2,5

3,5

1,3

2,0

2,8

4,6

0,8

1,2

1,5

2,7

[kW]

0,6

1,2

1,9

2,4

5,0

0,7

3,6

1,1

1,6

2,4

3,9

4,6

5,5

3,3

1,1

1,6

2,1

3,1

6,5

1,4

1,7

2,2

3,0 l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l l

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

[A]

-

-

-

-

-

-

-

3,8

4,6

7,6

12,5

2,4

3,8

3,8

7,6

[A]

2,4

3,8

4,6

7,6

12,5

2,4

8,4

3,8

4,6

4,6

11,4

12,5

14,9

8,4

3,8

4,6

4,6

7,6

14,9

3,8

4,6

4,6

7,6

305

310

305

300

305

300

300

305

[kg]

226

238

243

226

278

300

305

305

310

310

300

329

344

305

305

310

310

305

344

305

310

310

305

3

1

1

1

2

1

1

2

1

1

1

2

3

1

3

3

1

2

2

1

1

2

1

1

1

2

3

1

1

1

2

6006469-01

Elica Motore 50 Hz Peso

XSB 2525 M

[mm] [1/min]

2500 57

XSB 2531 LX 2500

XSB 2532 LX 2500

XSB 2533 LX 2500

49

53

57

[kW]

4,3

5,3

6,4

7,7

[kW]

3,7

4,6

5,6

6,7 l l l l

[A]

11,4

12,5

14,9

14,9

[A]

-

-

-

2

3

3

3

[kg]

300

329

344

344

XSB 2731 LX 2750

XSB 2732 LX 2750

49

53

5,5

6,7

4,8

5,8 l l

12,6

14,9 -

3

3

315

345

XSB 2733 LX 2750 57 8,0 7,0 l 14,9 3 345

Tipo di cavo: 1 = 8G x 1,5. 2 = 10G x 1,5. 3 = 10G x 2,5. Nella fornitura standard è incluso un cavo da 10 m con estremità libera.

1.6.2 Dati tecnici 60 Hz

Elica Motore 60 Hz Peso

XSB 931 M

XSB 932 M

XSB 933 M

XSB 934 M

XSB 1431 LX

[mm] [1/min]

900 82

900

900

104

130

900

1400

146

82

[kW] [kW]

0,5

1,1

2,2

2,8

4,3 l l l l

[A]

2,0

3,2

3,9

6,7

11,1

[A]

-

-

-

-

XSB 2231 LX

XSB 2232 LX

XSB 2233 LX

XSB 2531 LX

XSB 2532 LX

2200

2200

2200

2500

2500

51

56

59

46

51

5,0

5,9

7,4

4,7

6,0

4,3

5,1

6,5

4,0

5,2 l l l l

11,1

11,1

12,8

12,5

12,5

-

-

-

-

l

XSB 2533 LX

XSB 2731 LX

XSB 2732 LX

2500

2750

2750

56

46

51

7,2

4,9

6,3

6,3

4,2

5,5 l l

14,9

12,5

14,9

-

-

-

2

2

2 l

XSB 2733 LX 2750 56 7,4 6,5 l 14,9 2

Tipo di cavo: 1 = 8G x 1,5. 2 = 10G x 1,5.

Nella fornitura standard è incluso un cavo da 10 m con estremità libera.

2

2

2

2

2

1

1

1

2

2

329

329

349

329

329

[kg]

226

238

243

226

278

349

315

320

320

6006469-01

7

1.7 Dimensioni

Version "A"

E

H

F

67

Version "B"

Dimensioni per basamento in calcestruzzo

400/780/1200 mm

Ø A

900

B C D E F G H

400 234 500 1486 765 508 667

900 780 611 500 1624 996 700 667

1600 780 264 900 1480 996 700 667

1800 780 164 1000 1480 996 700 667

2000 780 64 1100 1480 996 700 667

1400 1200 757 750 1719 1164 769 686

2200 1200 357 1200 1719 1164 769 686

2500 1200 207 1350 1719 1164 769 686

2750 1200 82 1500 1719 1164 769 686

Dimensioni per basamento in calcestruzzo

1030/2050 mm

Ø A B C D E F G H

900 1030 864 500 1624 996 700 667

900 2050 1884 500 1773 1080 855 667

1600 1030 514 900 1480 996 700 667

1800 1030 414 1000 1480 996 700 667

2000 1030 314 1100 1480 996 700 667

2200 1030 214 1200 1480 996 700 667

2500 1030 64 1350 1480 996 700 667

1600 2050 1534 900 1640 1080 855 667

1800 2050 1434 1000 1640 1080 855 667

2000 2050 1334 1100 1640 1080 855 667

2200 2050 1234 1200 1640 1080 855 667

2500 2050 1084 1350 1640 1080 855 667

Figura 2 Basamento in calcestruzzo

8

6006469-01

Version "A"

667

67

Version "B"

Quote della soletta in acciaio da 380/780 mm

Ø A

900

B

380

C

210

D E F

500 1471 750

G

400

900

1600

1800

2000

780

780

780

780

610 500 1551 952

260 900 1407 952

160 1000 1407 952

60 1100 1407 952

975

975

975

975

E

F

Fig. 3 Soletta in acciaio

1.8 Targhetta identificativa

Si consiglia di riportare in fig. 4a i dati della targhetta originale del gruppo fornito in modo da poterli verificare in qualsiasi momento.

6006469-01

Type

PN

U

N

P

1N

2

3

V

11

T

A

DN

max. °C

18 Q 19

26

Motor Eff. Cl

Weight

23

3~

P

2N

27

12 max.

Nema Code

H

22 n

16

20

SN

IP68

24

8

13

Sulzer Pump Solutions Ireland Ltd.

Clonard Road, Wexford.

Ireland.

1

28

5

4

I

N

A

Ø

Hmin.

Hmax.

17

21

6

10

14

25

Fig. 4a Targhetta identificativa

Hz

9

Legenda (Fig. 4a)

1 Indirizzo

2 Denominazione del tipo

3 N. art.

4 Numero di serie

5 Numero di ordine

6 Anno di costruzione [mese/anno]

7 Tensione nominale

8 Max. profondità d’immersione [unità variabile]

9 Corrente nominale

10 Frequenza

11 Potenza (assorbita) [unità variabile]

12 Potenza (erogata) [unità variabile]

13 N. giri [unità variabile]

14 ø elica/girante [unità variabile]

15 Temperatura ambiente max. [unità variabile]

16 Nema Code Letter (solo per 60 Hz, p.e. H)

17 Altezza convogliamento min. [unità variabile]

18 Diametro nominale [unità variabile]

19 Portata [unità variabile]

20 Altezza di convogliamento [unità variabile]

21 Altezza di convogliamento max. [unità variabile]

22 Peso (senza pezzi montati) [unità variabile]

23 Rendimento motore

24 Senso di rotazione albero motore

25 Modalità operativa

26 Livello di rumore

27 Connessione di fase

28 Di protezione

SN:

II 2G Ex h db IIB T4 Gb

Fig. 4b Targhetta identificativa ATEX Fig. 4c Targhetta identificativa CSA / FM

AVVERTENZA In caso di domande indicare assolutamente il tipo di gruppo, il numero articolo e il numero del gruppo!

AVVERTENZA A seconda del Paese sono possibili ulteriori targhette identificative.

2 Sicurezza

Le avvertenze di sicurezza e per la tutela della salute generali e specifiche sono descritte in modo dettagliato nelle Istruzioni di sicurezza per i prodotti Sulzer modello ABS separate.

In caso di dubbi o di domande relative alla sicurezza contattare in ogni caso preventivamente la ditta costruttri ce Sulzer.

3 Sollevamento, Trasporto e immagazzinaggio

3.1 Sollevamento

il peso totale delle unità Sulzer e i relativi componenti incorporati! (vedere la targhetta identificativa per il peso dell’unità di base).

La targhetta identificativa fornita di ricambio deve sempre essere visibile e collocata vicino al luogo di instal lazione della pompa (ad es. le scatola di derivazione / il pannello di comando in cui sono collegati i cavi della pompa).

NOTA BENE Occorre usare l’attrezzatura di sollevamento se il peso totale dell’unità e degli accessori incorporati supera le norme di sicurezza locali relative al sollevamento manuale.

Il peso totale dell’unità e degli accessori deve essere rispettato quando si specifica il carico di lavoro sicuro di qualsiasi attrezzatura di sollevamento! L’attrezzatura di sollevamento, ad es. gru o catene, deve presentare un’adeguata capacità di sollevamento. Il paranco deve essere opportunamente dimensionato per il peso totale delle unità Sulzer (comprese le catene di sollevamento o le funi d’acciaio, e tutti gli accessori incorporabili).

Ricade nella sola responsibilità dell’utente finale garantire che l’attrezzatura di sollevamento sia certificata, in buone condizioni e controllata periodicamente da una persona competente a intervalli conformi alle normative locali. Attrezzature di sollevamento usurate o danneggiate non devono essere usate e devono essere smaltite correttamente. L’attrezzatura di sollevamento deve inoltre essere conforme alle norme e ai regolamenti di sicu rezza.

NOTA BENE Le linee guida fornite da Sulzer per l’uso sicuro di catene, funi e grilli in acciaio inossidabile sono delineate nel manuale dell’attrezzatura di sollevamento in dotazione con gli articoli e devono essere pienamente soddisfatte.

10

6006469-01

3.2 Trasporto

Non è consentito sollevare i gruppi dal cavo di collegamento del motore.

I gruppi sono provvisti di una staffa di sollevamento a cui è possibile fissare tramite anelli una catena per il trasporto, il montaggio e lo smontaggio

Tenere conto del peso complessivo dei gruppi! (Vedi fig. 4) . I mezzi di sollevamento, come gru e ca tene, utilizzati devono essere dimensionati in maniera sufficiente. Rispettare le norme di prevenzione degli infortuni e le regole tecniche di validità generale!

Assicurare il gruppo contro gli spostamenti accidentali!

Per il trasporto appoggiare il gruppo su una superficie sufficientemente solida, orizzontale in tutte le direzioni.

Non sostare né lavorare sotto ai carichi sospesi!

L’altezza del gancio di sollevamento deve tenere conto dell’altezza complessiva del gruppo e della lunghezza della catena di sollevamento!

3.3 Dispositivi di sicurezza per il trasporto

3.3.1 Protezione dall’umidità dei cavi di collegamento del motore

I cavi di collegamento del motore sono protetti dalla fabbrica con tubi flessibili/cappucci di protezione termore traibili contro la penetrazione di umidità in direzione longitudinale.

ATTENZIONE I cappucci di protezione devono essere tolti solo subito prima del collegamento elettrico del gruppo.

In particolare in caso di installazione o di magazzinaggio dei gruppi in depositi che possono allagarsi prima del la posa e della connessione del cavo di collegamento del motore, fare attenzione che le estremità e i cappucci di protezione del cavo di collegamento non possano finire sott’acqua.

ATTENZIONE Questi cappucci proteggono solo dagli spruzzi d’acqua e non sono pertanto impermeabili! Di conseguenza le estremità dei cavi di collegamento non possono essere sommerse poiché altrimenti può penetrare dell’umidità all’interno del vano morsettiera del motore. In tali casi fissare le estremità dei cavi di collegamento del motore in posizioni protette dall’acqua. Fare qui attenzione a non danneggiare gli isolamenti dei cavi e dei fili!

3.4 Magazzinaggio dei gruppi

ATTENZIONE I prodotti Sulzer devono essere protetti dagli effetti atmosferici come radiazione UV da parte di luce diretta del sole, ozono, alta umidità dell’aria, varie emissioni di polvere (aggressive), da azioni meccaniche esterne, dal gelo ecc. L’imballaggio originale

Sulzer con la relativa protezione per il trasporto (se presente dalla fabbrica) garantisce generalmente la protezione ottimale dei gruppi.

Qualora i gruppi siano esposti a temperature inferiori a 0 °C fare attenzione che all’interno del sistema idraulico, del sistema di raffreddamento e di altre cavità non sia presente umidità né acqua. In caso di gelo intenso se possibile i gruppi e il cavo di collegamento non si dovrebbero muovere.

In caso di magazzinaggio a condizioni estreme, per es. in un clima subtropicale o desertico occorre adottare adeguate misure di protezione addizionali. Su richiesta mettiamo volentieri a disposizione del cliente tali misure di protezione addizionali.

AVVERTENZA In genere i gruppi Sulzer non richiedono nessun tipo di manutenzione durante il magazzinaggio. Con diverse rotazioni manuali dell’albero sulle superfici di tenuta viene apportato del nuovo olio lubrificante e in tal modo viene garantito un funzionamento a regola d’arte della tenuta meccanica doppia. Il supporto dell’albero del motore non richiede manutenzione.

6006469-01

11

4 Descrizione del prodotto

4.1

Motore

Descrizione di motore/monitoraggio del motore

Motore trifase asincrono

Tensione di esercizio: 400 V 3~, 50 Hz/480 V 3~, 60 Hz.

Classe di isolamento F = 155 °C, grado di protezione IP68.

Tipo di avviamento: diretto o stella/triangolo a seconda della potenza del motore

Supporto dell’albero del motore

Il supporto dell’albero del motore avviene per mezzo di cuscinetti volventi lubrificati a vita che non richiedono manutenzione,

• provvisti dalla parte del fluido di tenuta meccanica doppia in carburo di silicio dipendente dal senso di rotazione.

Monitoraggio del motore

Tutti i motori sono dotati di un monitoraggio della temperatura che in caso di surriscaldamento disattiva il mo tore a immersione. A tal scopo effettuare la relativa connessione del monitoraggio della temperatura nell’im pianto di comando.

Monitoraggio tenuta stagna

Gli sensore di perdite (DI) (nel vano morsettiera) negli ingranaggi e nel bagno d’olio permettono il monitorag gio della tenuta stagna e tramite uno speciale modulo elettronico (modulo DI Sulzer opzionale) segnalano la penetrazione di umidità nel motore.

Esercizio con convertitori di frequenza

Tutti gli acceleratori di flusso sono adatti, in caso di dimensionamento adeguato , per l’esercizio con con vertitori di frequenza.

Rispettare la direttiva CEM e le istruzioni per il montaggio e per l’uso del costruttore del convertitore di frequenza!

4.2 Struttura costruttiva

13 15 8 9 6 2 1

3

10 11 14 12 7

Fig. 5 Sezione di XSB

5 4 14

12

6006469-01

Legenda (Fig. 5)

1 Supporto

2 Introduzione del cavo

3 Vano morsettiera

4 Guarnizione verso il vano motore

5 Avvolgimento del motore

6 Staffa di sollevamento con anello

7 Carcassa del motore

8 Tenuta doppia

9 Bagno d’olio

10 Albero elica

11 Anello di deflezione solidi

12 Ingranaggi

13 Elica

14 Sensore di perdite (DI)

15 Collare

4.3 Esercizio con convertitori di frequenza

I motori per quanto riguarda struttura e isolamento dell’avvolgimento sono adatti all’impiego con convertitori di frequenza.

Bisogna fare però attenzione che nell’esercizio con il convertitore di frequenza vengano soddisfatte le seguenti condizioni:

Venga rispettata la direttiva CEM.

Curve del numero di giri e del momento di rotazione per i motori azionati dal convertitore di frequenza si tro vano nei nostri programmi di selezione dei prodotti.

I motori nella versione antideflagrante devono essere dotati di un termistore (PTC) quando vengono azionati in aree a rischio di esplosione (zone 1 e 2 ATEX).

Le versioni antideflagranti devono essere utilizzate senza eccezioni solo per frequenze inferiori o uguali alla frequenza di rete di 50 Hz indicata sulla targhetta. Occorre assicurare che dopo l’avviamento dei motori non venga superata la corrente di dimensionamento indicata sulla targhetta. Non è neanche consentito superare il numero massimo di avviamenti secondo la scheda tecnica dei motori.vv

Le macchine senza protezione antideflagrante possono essere utilizzate esclusivamente per frequenze di rete inferiori o uguali a quella indicata sulla targhetta e possono essere utilizzate per frequenze superiori solo dopo aver consultato la ditta costruttrice Sulzer e con la sua autorizzazione.

Per l’esercizio con convertitori di frequenza di macchine con protezione antideflagrante valgono disposizioni particolari relative ai tempi di attivazione degli elementi di monitoraggio della temperatura.

Impostare la frequenza limite inferiore in modo tale che la frequenza non scenda sotto ai 25 Hz.

La frequenza limite superiore deve essere impostata in modo tale da non superare la frequenza limite nomi nale del motore.

I moderni inverter utilizzano frequenze d’onda più alte e un aumento più ripido sul bordo dell’onda di tensio ne. Purtroppo tali segnali di uscita dei convertitori generano anche alti picchi di tensione sull’avvolgimento del motore. Per esperienza si sa che tali picchi, a seconda della tensione di esercizio e della lunghezza del cavo di collegamento del motore fra convertitore di frequenza e motore, possono compromettere la durata del motore.

Per impedirlo tali convertitori di frequenza devono essere dotati nell’esercizio nella zona critica ( vedi fig. 6) con un filtro sinusoidale. Tale filtro deve essere adattato al convertitore di frequenza tenendo conto di tensione di rete, frequenza ciclica del convertitore, corrente nominale del convertitore e massima frequenza di uscita del convertitore. Occorre assicurare che sulla piastra di raccordo del motore sia applicata la tensione di dimensio namento.

U

N

[V]

660

600 campo critico

460

400

380

230 campo non critico

10 50 100 150 L[m]

L = Lunghezza cavo complessiva (dal convertitore di frequenza al motore)

Fig. 6 Zona critica e zona non critica

6006469-01

13

5 Installazione

Osservare le avvertenze di sicurezza dei precedenti capitoli!

In caso di lavori di manutenzione e di riparazione rispettare le regole di sicurezza per lavori in spazi chiusi di impianti tecnici per le acque reflue e le regole riconosciute della tecnica.

5.1 Varianti di installazione

L’acceleratore di flusso Sulzer è disponibile in varianti di installazione con basamento in calcestruzzo.

Variante “A” (installazione fissa)

In questa variante d’installazione il tubo di guida con il supporto del tubo di guida viene collegato saldamente con la struttura. Il pezzo di accoppiamento è già avvitato sul basamento. Il tubo di guida deve essere realizzato dal cliente.

Variante “B” (installazione libera)

In questa variante d’installazione, la meccanica di bloccaggio è integrata nella guida tubolare, che è già realiz zata nella misura appropriata dal costruttore, ed è solidale all’elemento di accoppiamento. L’elemento di accop piamento con guida tubolare andrà invece avvitato alla soletta a cura del committente.

In caso di necessità, è naturalmente possibile (su richiesta) stabilizzare e fissare anche la variante “B” , ad es. con saettoni o supporti supplementari.

5.1.1 Montaggio del basamento

AVVERTENZA L’installazione del basamento in calcestruzzo o in acciaio è descritta in modo dettagliato nelle “Istruzioni per l’installazione del basamento in calcestruzzo e in acciaio”.

5.2 Coppie di serraggio

Coppie di serraggio per viti Sulzer in acciaio inox A4-70:

Filettatura M6 M8

Coppie di serraggio 6,9 Nm 17 Nm

M10

33 Nm

M12

56 Nm

M16

136 Nm

M20

267 Nm

M24

460 Nm

5.2.1 Posizione di montaggio delle rondelle di arresto Nord-Lock ® .

Lato esterno delle 2 rondelle di arresto

Lato interno delle 2 rondelle di arresto

Posizione di montaggio delle rondelle di arresto Nord-Lock ®

14

6006469-01

5.3 Montaggio della staffa di sollevamento

Avvitare la staffa di sollevamento (7/1) alla cassa con le viti (7/2) e le rondelle di sicurezza Nord-Lock ® (7/3).

M omento di serraggio: 56 Nm .

1

2

3

Fig. 7 Montaggio della staffa di sollevamento

ATTENZIONE Rispettare la posizione di montaggio delle rondelle di sicurezza Nord-Lock ® .

5.4 Controllo del sistema di accoppiamento

Osservare le avvertenze di sicurezza dei precedenti capitoli!

Per controllare il sistema di accoppiamento l’acceleratore di flusso senza elica deve essere abbassato con un apposito dispositivo di sollevamento nella vasca vuota come mostrato in figura 8 . Solo in tal modo è possibile controllarne l’accoppiamento corretto di entrata e di uscita.

AVVERTENZA Con l’elica montata nella vasca vuota la procedura di accoppiamento di entrata e di uscita non può più avvenire correttamente, poiché non è possibile raggiungere la necessaria posizione obliqua dell’acceleratore di flusso a causa della mancata spinta di galleggiamento dell’elica.

6006469-01

15

Fig. 8 Controllo del sistema di accoppiamento nella vasca vuota

ATTENZIONE Se viene impiegato un dispositivo di sollevamento ad azionamento meccanico (per es. autogru) o un dispositivo di sollevamento di carico nominale superiore, lavorare con la massima attenzione. Assicurarsi che in caso di blocco dell’acceleratore di flusso nel tubo di guida non vengano esercitate forze di sollevamento superiori ai 3000 N!

16

6006469-01

Variante “A”:

Abbassare l’acceleratore di flusso e farlo accoppiare. Girare in senso orario la vite sul supporto del tubo (il tubo di guida si abbassa) fino a quando il cuneo sull’estremità inferiore del tubo di guida è bloccato con il sup porto dell’apparecchio. Serrare la vite fino a quando il perno dell’indicatore della tensione della molla si trova nell’area verde (vedi fig. 10) .

X

X

X X

Fig. 9 Rilascio del sistema di accoppiamento Fig. 10 Blocco del sistema di accoppiamento

Variante “B”:

Abbassare l’apparecchio e ruotare verso sinistra la vite del supporto della guida tubolare, sino a quando il supporto dell’apparecchio sia saldamente bloccato. Serrare la vite a 80 Nm .

1

2 1

2

Fig. 11 Smontaggio del sistema di accoppiamento

6006469-01

Fig. 12 Bloccaggio del sistema di accoppiamento

17

Collegare la macchina all’elettricità conformemente al paragrafo 5.7 Collegamento elettrico, ancorare il cavo di collegamento del motore conformemente al paragrafo 5.6

e appendere il cavo di collegamento del motore nel gancio. Controllare la direzione di rotazione conformemente al paragrafo 5.8

.

Per motivi di sicurezza il controllo del senso di rotazione deve avvenire conformemente al paragrafo

5.8 - senza pale dell’elica quindi prima del montaggio delle pale dell’elica.

5.5 Montaggio delle pale dell’elica

5.5.1 Montaggio delle pale dell’elica XSB 900 M; XSB 2500 M

9

1

2

3

4

5

6

7

8

1

Fig. 13 Montaggio dell’elica XSB 900 M

9

3

6

7

8

2

Fig. 14 Montaggio dell’elica XSB 2500 M

Legenda

1 Anello torico 3 Anello torico

2 Rondelle di arresto Nord-Lock® 4 Rondelle

5 Anello torico

6 Elica

7 Anello torico 9 Chiavetta

8 Collare

AVVERTENZA: La chiavetta (13+14/9) è di regola già inserita.

ATTENZIONE: Prestare attenzione alla posizione di montaggio delle rondelle di arresto.

Ingrassare leggermente il mozzo dell’elica e l’estremità dell’albero.

Ingrassare leggermente l’anello torico (13+14/7) e infilarlo nella scanalatura del collare (13+14/8).

Applicare l’elica a raso con l’intaglio della chiavetta rispetto alla chiavetta e inserirla.

Innestare dapprima le rondelle di arresto Nord-Lock® (13+14/2), quindi l’anello torico (13+14/3), sulla vite a testa cilindrica (13+14/1).

Avvitare la vite a testa cilindrica (13+14/4) e serrarla ad una coppia di 56 Nm.

18

6006469-01

5.5.2 Montaggio delle pale dell’elica XSB 2750 LX

1

2

Figura 15 Montaggio dell’elica XSB 2750 LX

1 Vite a testa cilindrica incl. protezione del filo

2 Pala dell’elica

AVVERTENZA Il mozzo dell’elica è già montato dalla fabbrica. Togliere la protezione degli spigoli dalla punta dell’elica solo poco prima del montaggio.

ATTENZIONE Rispettare la posizione di montaggio delle pale dell’elica.

Posizionare la pala dell’elica (15/2).

Serrare a mano le viti a testa cilindrica (15/1).

Serrare le viti a testa cilindrica (15/1) con un momento di serraggio di 150 Nm .

5.6 Montaggio dell’ancoraggio del cavo

Fissare la fune in acciaio, con vite, rondelle e dado (16/3) all’occhiello della staffa di sollevamento. Le boccole in plastica (16/8) nell’occhiello sono installate dalla fabbrica.

Girare il più possibile in fuori il tenditore della fune (16/11) e appenderlo nel gancio opzionale (16/10) o in un altro dispositivo adeguato.

Creare un’asola per mezzo di una radancia e di un arresto per funi (16/1), facendo attenzione alla lunghezza definita del cavo in acciaio legato (non pendente).

Ancorare con cautela la fune in acciaio legato con acceleratore di flusso accoppiato e bloccato.

Alla fine fissare il cavo di collegamento del motore con il nastro adesivo speciale (16/6) incluso sul cavo in acciaio legato a una distanza di circa 50 cm conformemente alla figura 16 .

6006469-01

19

9

10 11

6

1

2

8

5

4

7

3

Legenda

1 Blocco per fune

2 Fune in acciaio legato

3 Vite, rondelle, dado

4 Vite a testa esagonale

5 Cavo di collegamento del motore

6 Nastro adesivo speciale

Fig. 16 Montaggio dell’ancoraggio del cavo

7 Rondelle di sicurezza Nord-Lock ®

8 Boccola in plastica

9 Gancio di sollevamento (opzionale)

10 Gancio fune (opzionale)

11 Tenditore fune

12 Apparecchio di sollevamento Sulzer 5 kN (opzionale)

20

6006469-01

5.7 Collegamento elettrico

Osservare le avvertenze di sicurezza dei precedenti capitoli!

Prima della messa in funzione è necessario il controllo di un esperto per assicurarsi che siano presenti tutte le misure di sicurezza elettrica. Messa a terra, compensazione del potenziale, interruttore differenziale ad alta sensibilità ecc. devono soddisfare le prescrizioni dell’azienda di fornitura elettrica locale e la prova dell’elettrici sta specializzato deve verificarne il funzionamento ineccepibile.

sistemi di conduzione elettrica presenti presso il cliente devono coincidere riguardo alla sezione e alla massima caduta di tensione con le prescrizioni locali. La tensione indicata sulla targhetta del gruppo deve corrispondere alla tensione di rete disponibile.

La connessione della linea di alimentazione e del cavo di collegamento del motore al morsetto dell’im pianto di comando devono essere eseguiti da un elettricista specializzato in conformità allo schema delle connessioni dell’impianto di comando e agli schemi di collegamento del motore.

La linea di alimentazione elettrica deve essere protetta con un fusibile inerziale sufficientemente grande in con formità alla potenza nominale del gruppo.

Nelle stazioni di pompaggio/nei serbatoi occorrerà effettuare un collegamento equipotenziale a norma EN

60079-14:2014 [Ex] o IEC 60364-5-54 [non Ex] (Norme per l’inserimento di tubazioni, misure di sicurezza per impianti a corrente forte).

In caso di gruppi con impianto di comando di serie l’impianto di comando deve essere protetto dall’umidità ed essere installato in una zona al riparo dagli allagamenti con una presa Schuko CEE installata secondo le pre scrizioni.

ATTENZIONE Gli acceleratori di flusso Sulzer possono essere solo collegati nella modalità di avvio indicata nelle tabelle del paragrafo 1.6 Dati tecnici o sulla targhetta. Negli altri casi è necessario richiedere l’autorizzazione del costruttore.

Gli acceleratori di flusso senza impianto di comando di serie devono essere fatti fun zionare esclusivamente con salvamotore e con termostato collegati.

5.7.1 Schemi di collegamento del motore standard, intervallo di tensione di rete 380-420V, 50Hz/480V, 60Hz

U2

V2

W2

M3 ~

U1

V1

W1

PE

U1

V1

W1

50 Hz

PA 10/6

PA 12/4

PA 19/4

PA 25/4

60 Hz

PA 10/6

PA 12/4

PA 19/4

PA 25/4

10

11

22

Fig. 17 Un cavo di collegamento del motore con conduttore di controllo integrato

U2

V2

W2

M3 ~

U1

V1

W1

PE

U1

V1

W1

W2

U2

V2

50 Hz

PA 35/4

PA 40/4

PA 45/4

PA 55/4

PA 75/4

60 Hz

PA 35/4

PA 40/4

PA 45/4

PA 55/4

PA 75/4

10

11

22

Fig. 18 Un cavo di collegamento del motore con conduttore di controllo integrato

6006469-01

21

5.7.2 Assegnazione dei conduttori

L1

Avviamento diretto, configurazione a stella (Figura 16)

L2 L3 Connessione

U1

U1; W2

V1

V1; U2

W1

W1; V2

U2 & V2 & W2

Avviamento diretto, configurazione a triangolo (Figura 17)

L1 L2 L3 -

--

1 U1

3

W1

6

4 U2

5

W2 V2

V1

2

W2

6 1

U1

W1

5 V2 V1

U2

2

4

Il “circuito di controllo” (F1) deve essere bloccato elettricamente con i relè del motore, la conferma deve avvenire manualmente.

ATTENZIONE I termostati possono essere fatti funzionare esclusivamente con le potenze di commutazione specificate in base alle indicazioni del costruttore (vedi tabella successiva).

Tensione di esercizio ...AC

Tensione nominale AC

Corrente nominale AC cos φ = 1,0

Corrente nominale AC cos φ = 0,6

Max. corrente di commutazione consentita I

N

100 V a 500 V ~

250 V

2,5 A

1,6 A

5,0 A

5.7.3 Motorino di avviamento soft (opzionale)

Consigliamo il montaggio di un motorino di avviamento soft se...

• i gruppi ( ≥ 3 kW) devono funzionare con il tipo di avvio DOL.

• i gruppi devono funzionare nella modalità di esercizio intermittente.

Il motorino di avviamento soft opzionale deve essere collegato conformemente alla figura 19 Schema di colle gamento del motore con motorino di avviamento soft (opzionale).

ATTENZIONE I gruppi possono essere collegati con un motorino di avviamento soft solo nella modalità di avvio prescritta DOL.

1

Legenda

1 Motorino di avviamento soft

2 Morsettiera

3 All’impianto di comando

U2

V2

W2

M3 ~

U1

V1

W1

PE

U1

V1

W1

2 3

F0

F1

DI

Acceleratore di flusso

Figura 19 Schema di collegamento del motore con motorino di avviamento soft (opzionale)

22

6006469-01

Fig. 20 Test e impostazione del motorino di avviamento soft

Test e impostazione del motorino di avviamento soft

ATTENZIONE Per il primo test impostare il potenziometro sulla posizione C.

Per ulteriori informazioni consultare le istruzioni per l’installazione e per l’uso del costruttore del motorino di avviamento soft accluse alla confezione.

Test

Primo test con posizione del potenziometro “C”

Impostazione

Impostare sul momento di avviamento minimo possibile (all’interno dell’intervallo d’impostazione).

Impostare sul tempo di avviamento massimo possibile (all’interno del possibile intervallo d’impostazione).

5.8 Controllo del senso di rotazione

ATTENZIONE L’acceleratore di flusso può essere solo fatto funzionare nel senso di rotazione pre scritto!

Nella prima messa in servizio e anche in ogni nuovo luogo d’impiego far eseguire da un tecnico specializzato un controllo del senso di rotazione.

Per determinare il senso di rotazione avviare brevemente l’acceleratore di flusso senza pale dell’elica! (XSB

900M; XSB 2500 M)

Per i tipi di elica con Ø da 1400 a 2750 il senso di rotazione (rotazione dell’elica) è corretto se: l’albero dell’e lica, visto da dietro sul motore gira in senso antiorario vale a dire se l’albero dell’elica gira nel senso della freccia di rotazione (adesivo sulla copertura degli ingranaggi).

Il senso di rotazione, nei tipi di elica Ø 900 (rotazione dell’elica), è corretto quando l’albero dell’elica, visto da dietro oltre il motore, ruota in senso antiorario, oppure quando l’albero dell’elica ruota nel senso indicato dalla freccia indicatrice del senso di rotazione (adesivo sul coperchio del riduttore).

6006469-01

23

Fig. 21 Controllo del senso di rotazione XSB 2750 Fig. 22 Controllo del senso di rotazione XSB 2500

Fig. 23 Controllo del senso di rotazione XSB 900

Dopo il controllo positivo del senso di rotazione montare le pale dell’elica conformemente al paragrafo 5.5

Montaggio delle pale dell’elica .

AVVERTENZA Se più gruppi sono collegati a un impianto di comando, ogni gruppo deve essere controllato singolarmente.

5.8.1 Cambiamento del senso di rotazione

Il cambiamento del senso di rotazione può essere eseguito esclusivamente da un elettricista specia lizzato.

In caso di senso di rotazione errato effettuare un cambiamento del senso di rotazione scambiando due fasi del cavo di alimentazione nell’impianto di comando.

Ripetere il controllo del senso di rotazione.

AVVERTENZA Con l’apparecchio di misurazione del senso di rotazione si controlla il campo rotante della linea di rete oppure di un gruppo elettrogeno d’emergenza.

24

6006469-01

5.9 Collegamento della sorveglianza di tenuta nell’impianto di comando

Per integrare la sorveglianza di tenuta nell’impianto di comando dell’acceleratore di flusso è necessario un mo dulo DI Sulzer da collegare confomemente agli schemi delle connessioni sottostanti.

ATTENZIONE In caso di indicazione della sensore di perdite di tenuta (DI) il gruppo deve essere messo immediatamente fuori funzione. In tal caso contattare il servizio di assistenza clienti Sulzer!

NOTA: Nel caso in cui la pompa venga utilizzata con il sensore termico e/o di perdite scollegato(i), viene a decadere la prestazione di garanzia.

Fig. 24 Amplificatore con segnalatore luminoso

Amplificatori elettronici per 50/60 Hz

110 - 230 V AC (CSA). N. artic./Part No.: 16907010.

18 - 36 V DC (CSA). N. artic./Part No.: 16907011.

ATTENZIONE Carico di contatto max. relè: 2 ampere.

ATTENZIONE È molto importante notare che con l‘esempio di collegamento di cui sopra, è impossibile identificare quale sensore/allarme è stato attivato. In alternativa Sulzer consiglia vivamente di usare un modulo CA 461 separato per ogni sensore/ingresso, al fine di permette non solo l‘identificazione, ma anche suscitare la risposta adeguata alla categoria/gravità di allarme.

Sono disponibili anche moduli di controllo delle perdite a ingresso multiplo. Si consiglia di consultare il proprio rappresentante Sulzer locale.

6006469-01

25

6 Messa in servizio

Osservare le avvertenze di sicurezza dei precedenti capitoli!

Prima della messa in servizio controllare il gruppo ed eseguire una prova di funzionamento. In particolare effet tuare una prova di quanto segue.

Il collegamento elettrico è avvenuto conformemente alle disposizioni vigenti?

Il salvamotore è impostato correttamente?

Il cavo di collegamento del motore è collegato correttamente con la fune in acciaio legato e ancorato in modo tale da non pendere o poter finire dentro all’elica? (Vedi figura 16, paragrafo 5.6)

Il senso di rotazione dell’elica è corretto?

La copertura minima è presente? (vedi misura “D” disegni costruzione nel paragrafo 1.7)

Il supporto tubo (variante “A”) è montato correttamente e la misura da 140 mm (L+M) o 160 mm (LX) viene mantenuta nella posizione “rilasciato”? (vedi figura 8+9 nelle istruzioni di installazione separate per il basamento in calcestruzzo XSB 900 - 2750 o figura 9 di queste istruzioni per il montaggio e per l’uso).

AVVERTENZE In caso di dubbi in particolare in caso di cambiamento dell’indicatore della tensione della molla durante l’esercizio rivolgersi al proprio rappresentante Sulzer!

Abbassare l’acceleratore di flusso con l’elica montata nella vasca piena, premendo nel frattempo il supporto verso il basso (vedi freccia) in modo tale che la guida tubolare scivoli nel tubo di guida.

26

Fig. 25 Abbassamento dell’acceleratore di flusso

6006469-01

Variante “A”

Abbassare l’acceleratore di flusso e farlo accoppiare. Girare le viti sul supporto del tubo in senso orario (il tubo di guida si abbassa) fino a quando il cuneo del tubo di guida sulla parte inferiore del tubo di guida è bloc cato con il supporto dell’apparecchio. Serrare la vite fino a quando il perno dell’indicatore di tensione della molla si trova nell’area verde (vedi figura 10) .

Accendere l’acceleratore di flusso e controllarne il funzionamento regolare. Il perno dell’indicatore di tensione della molla deve rimanere nell’area verde e non si deve muovere. Dopo 1 h di esercizio controllare di nuovo se il perno si è mosso.

ATTENZIONE In caso di cambiamento dell’indicatore della tensione della molla durante l’esercizio l’acceleratore di flusso non deve essere fatto funzionare! Contattare il proprio rap presentante di servizio Sulzer!

Variante “B”:

Far accoppiare l’acceleratore di flusso, ruotare verso sinistra la vite del supporto della guida tubolare (vedi

Fig. 12) e serrarla ad 80 Nm .

Attivare l’acceleratore di flusso e verificarne la regolarità di funzionamento. Ruotare verso sinistra la vite del supporto della guida tubolare, riprenderne il serraggio ad 80 Nm e bloccarla.

Dopo 1 h di esercizio, verificarne nuovamente la regolarità di funzionamento, riprendere nuovamente il ser raggio della vite del supporto della guida tubolare ad 80 Nm e bloccarla.

Varianti “A e B”:

ATTENZIONE Controllare la corrente assorbita. In caso di corrente del motore oscillante, vibrazione dell’installazione, andamento irregolare del flusso o formazione di vortici l’accele ratore di flusso non deve essere fatto funzionare!

ATTENZIONE In caso di esercizio dell’acceleratore di flusso nella zona dell’elica non può essere aspirata nessuna aria (nessuna formazione di vortici e non possono essere in funzione contemporaneamente sistemi di ventilazione). In ogni caso si deve assicurare che gli apparecchi siano montati al di fuori dell’influenza diretta del flusso del sistema di ventilazione.

In infestazioni pesanti fibra è a meno della allegata alla corda cauzione braccio di sollevamento.

Poiché i sistemi di ventilazione si differenziano molto nelle loro caratteristiche, le distanze corrette devono es sere prescritte dal costruttore del sistema di ventilazione.

ATTENZIONE Gli acceleratori di flusso possono solo funzionare completamente sommersi! Nell’e sercizio non deve essere aspirata aria dall’elica. Fare attenzione all’andamento regolare del flusso del fluido. L’acceleratore di flusso deve funzionare con poche vibrazio ni. Osservare le avvertenze addizionali nel manuale “Acceleratore di flusso”! In caso di condizioni di esercizio critiche (alte velocità di flusso) contattare immediatamente il proprio rappresentante Sulzer.

Un andamento irregolare del flusso e vibrazioni si possono presentare:

• in caso di forte mescolamento in piccoli contenitori

• in caso di acceleratore di flusso non accoppiato e bloccato correttamente.

Controllare l’accoppiamento corretto (avvertenze dettagliate al proposito nel libretto separato delle istruzioni per la manutenzione per acceleratore di flusso Sulzer).

7 Manutenzione

Consultare le istruzioni per la manutenzione nel libretto separato “Istruzioni per la manutenzione”.

In particolare rispettare le avvertenze relative alla manutenzione citate nel paragrafo 3.2

del libretto separato sulle avvertenze di sicurezza.

AVVERTENZE Nei lavori di riparazione non è consentito applicare la “Tabella 1” della IEC 60079-1. In tal caso contattare il servizio di assistenza clienti Sulzer!

6006469-01

27

Sulzer Pump Solutions Ireland Ltd., Clonard Road, Wexford, Ireland

Tel. +353 53 91 63 200, www.sulzer.com

advertisement

Was this manual useful for you? Yes No
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the workof artificial intelligence, which forms the content of this project

Related manuals

Download PDF

advertisement