Davis Fontes67

Davis Fontes67
PIETRO DELLA VALLE’S RESEARCH AND DOCUMENTATION IN THE LEVANT, PART II:
DELLA VALLE’S DESCRIPTIONS, EXPLICATIONS AND DOCUMENTATION OF “TROIA”, BABYLON
(“BABÈL”), SULTANIYYA (“SULTANIA”), IKKERI AND THE TOMBS OF THE POETS IN SHIRAZ
excerpts from:
PIETRO DELLA VALLE:
Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino.
Con minuto ragguaglio di tutte le cose notabili osservate in essi
(Roma 1650-1663),
including:
GIOVAN PIETRO BELLORI:
Vita di Pietro Della Valle il Pellegrino,
in: Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino,
seconda edizione, vol. I,
(Roma 1662)
edited by
MARGARET DALY DAVIS
FONTES 67
[16.03.2012]
Zitierfähige URL: http://archiv.ub.uni-heidelberg.de/artdok/volltexte/2012/1869/
urn:nbn:de:bsz:16-artdok-18695
1
TURRIS BABEL (Tower of Babel), Athanasius Kircher’s illustration of the Tower of Babel
After: Athanasius Kircher, Turris Babel, Sive Archontologia Qua Primo Priscorum post diluvium hominum vita,
mores rerumque gestarum magnitudo, Secundo Turris fabrica civitatumque exstructio, confusio linguarum, &
inde gentium transmigrationis, cum principalium inde enatorum idiomatum historia, multiplici eruditione
describuntur & explicantur, Amsterdam: Janssonio-Waesbergiana, 1679
2
CONTENTS
4
INTRODUCTION:
PIETRO DELLA VALLE’S RESEARCH AND DOCUMENTATION IN THE LEVANT:
DELLA VALLE’S DESCRIPTIONS, EXPLICATIONS AND DOCUMENTATION OF “TROIA”,
BABYLON (“BABÈL”), SULTANIYYA (“SULTANIA”), IKKERI AND THE TOMBS OF THE POETS IN
SHIRAZ
INTRODUCTION (4)
THE TRAVELLER AND HIS BOOK (8)
TWO READERS: JOHANN WOLFGANG VON GOETHE, GIOVAN PIETRO BELLORI (10)
18
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF
“TROIA”
24
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF BABYLON (“BABÈL”)
34
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF SULTANIYYA (“SULTANIA”)
38
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE HINDU TEMPLE OF AGHORESVARA IN IKKERI
44
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE TOMBS OF THE POETS CHOGIÀ HAFIZ AND SCEICH
SAADÌ IN SHIRAZ
48
PIETRO DELLA VALLE: BIOGRAPHY
50
PIETRO DELLA VALLE: SELECTED BIBLIOGRAPHY
52
GIOVAN PIETRO BELLORI’S VITA OF PIETRO DELLA VALLE
Note: FONTES 67 is a continuation of and a supplement to FONTES 66: PIETRO DELLA VALLE’S RESEARCH AND
DOCUMENTATION IN THE LEVANT, PART I: DELLA VALLE’S EXPLORATION OF THE RUINS OF PERSEPOLIS IN
1621, excerpts from: Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte le cose
notabili osservate in essi (Roma 1650-1663), including: Giovan Pietro Bellori, Vita di Pietro Della Valle il Pellegrino, in:
Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino,seconda edizione, vol. I, (Roma 1662), edited with an introductory study by
Margaret Daly Davis
3
4
PIETRO DELLA VALLE’S RESEARCH AND DOCUMENTATION IN THE LEVANT, PART II:
DELLA VALLE’S DESCRIPTIONS, EXPLICATIONS AND DOCUMENTATION OF “TROIA”,
BABYLON (“BABÈL”), SULTANIYYA (“SULTANIA”), IKKERI AND THE TOMBS OF THE POETS IN
SHIRAZ
INTRODUCTION
Pietro Della Valle (1586-1652) departed on a journey to the Orient from Venice on 8 June
1614. The writer, poet, musician, explorer and scion of the Roman Della Valle family, whose
palace and collection of antiquities were celebrated already in the fifteenth century, returned
to Rome nearly twelve years later, on 26 March 1626. During his years of travel, Della Valle
recorded his experiences in fifty-four letters addressed to the Neapolitan natural scientist
Mario Schipano. His letters were edited in the decades subsequent to his return to Rome and
published in four volumes consisting of three parts – La Turchia, La Persia and L’India –
between 1650 and 1663 under the title Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino.1 In recent
years the letters of Pietro Della Valle have been the subject of a number of important studies
by archaeologists and literary historians.2 They have, however, received little if any attention
by historians of art. Nonetheless, while Della Valle’s letters follow in a tradition of earlier
Italian travellers – pilgrims, traders, cartographers and explorers – who, from the time of
Marco Polo, left extraordinary descriptions of what they had seen, his methods of recording
ancient monuments, art and artefacts were guided by archaeological and antiquarian methods
established in Italy in the first half of the sixteenth century. Sebastiano Serlio’s Terzo libro
1
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte le cose
notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi luoghi della
intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di molti anni suo amico
Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le quali havran per aggiunta,
se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di molte cose memorabili, sparse per tutta
l’opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma 1650-1663 (consulted: Biblioteca Marciana:
185.D.54-57). Vol. I (La Turchia, Appresso Vitale Mascardi) appeared in 1650; vol. II, part 1 (La
Persia, a spese di Biagio Deversin) and vol. II, part 2 (La Persia, A spese di Biagio Deversin), in
1658; vol. III (L’India co’l ritorno alla patria, a spese di Biagio Deversin, e Felice Cesaretti, Nella
stamperia di Viale Mascardi), in 1663. Della Valle lived only long enough to see the first volume
printed.
2
See in particular: Raffaella Salvante, Il Pellegrino in Oriente: La Turchia di Pietro Della Valle
(1614-1617), Firenze: Edizioni Polistampa, 1997; Chiara Cardini, La porta d’Oriente. Lettere di
Pietro Della Valle, Istanbul 1614, prefazione di Sergio Bertelli, Roma: Città nuova, 2001; Pietro Della
Valle, In viaggio per l’Oriente: le mummie, Babilonia, Persepoli, ed. Antonio Invernizzi, Alessandria:
Edizione dell’Orso, 2001; Antonio Invernizzi, Il genio vagante: Babilonia, Ctesifonte, Persepoli in
racconti di viaggio e testimonianze die secoli XII-XVIII, ed. Antonio Invernizzi, Alessandria: Edizioni
dell’Orso, 2005, and the Bibliography infra.
5
(…) nel qual si figurano e descrivono le antiquità di Roma, e le altre cose che sono in Italia, e
fuori d’Italia, published in Venice in 1540,3 furnished a handbook for the accurate
documentation and interpretation of ancient architectural remains, including those beyond the
borders of Italy of non-Roman provenance. Serlio provides illustrations, descriptions and
analyses of the Pyramid of Cheops in Egypt and the tombs of the Israelite Kings in Jerusalem,
as well as the ground plan of a structure consisting of 100 columns which he presumed to be
Greek.4 The Terzo libro concludes with a brief treatise – one almost over-filled with
information – on the antiquities of Egypt which derived from the books of Diodorus Siculus
(Trattato di alcune cose meravigliose de l’Egitto) and one which supplements his treatment of
non-Roman antiquities and stimulated broader investigations. The Terzo libro saw numerous
editions in the following years and an edition of all of Serlio’s seven published books in one
volume was issued in Venice in 1584. This contained a careful and detailed index (Indice
copiosissimo delle cose piu degne, che si trovano per tutti i libri d’architettura del Serlio)
compiled by Gian Domenico Scamozzi (died 1582) with extensive additions and
commentaries by his son, Vincenzo Scamozzi. Both Gian Domenico and Vincenzo register
with great attention the single buildings in the Levant documented by Serlio as well as the
buildings, statues, inscriptions, labyrinths, libraries, porticos and pyramids – and the
engineering feats of the Egyptians – described in the Trattato di alcune cose meravigliose de
l’Egitto. The broad scope of the Scamozzi’s remarkable index opened up Serlio’s treatment of
the monuments in the Levant to generations of architects and scholars.5 In the following
decade, that is, in the 1590s, the architect and treatise writer Bernardino Amico (ca. 15761620), Prior of the Franciscan monastery in Jerusalem in the years between 1593 and 1597,
described, drew and reconstructed the original appearance of numerous early sacred buildings
in Jerusalem. The carefully executed engravings after his drawings published first in 1609 and
again in 1620 (Trattato delle piante et immagini de sacri edifizi di Terra Santa disegnate in
Ierusalemme) were exemplary, and the Prior was indebted to ideas and methods laid out by
Serlio.6 Amico mentions Serlio in his Trattato,7 and it is has been suggested that the exemplar
3
Sebastiano Serlio, Il terzo libro di Sebastiano Serlio Bolognese, nel qual si figurano e descrivono le
antiquità di Roma, e le altre cose che sono in Italia, e fuori d’Italia, Impresso in Venetia per
Francesco Marcolino da Forlì, appresso la chiesa de la Trinita, 1540; modern edition with reprint:
Sebastiano Serlio, L’architettura. I libri I-VII e Extraordinario nelle prime edizioni, ed. Francesco
Paolo Fiore, 2 vol., Milano: Il Polifilo, 2001.
4
This is more likely a ground plan from the palaces of the Achaemenidi in Persepolis; see infra.
Serlio’s information regarding the pyramid and the tombs included descriptions, measurements, and
drawings provided to him by the traveller Marco Grimani, not a trained architect, but a knowledgeable
investigator. See East of Italy: Early documentation of Mediterranean Antiquities. Excerpts from
Sebastiano Serlio: Il terzo libro di Sebastiano Serlio nel qual si figurano e descrivono le antiquità di
Roma, e le altre cose che sono in Italia, e fuori d’Italia (Venezia 1540), edited, introduced and with
commentary by Margaret Daly Davis (FONTES 57, at: arthistoricum.net).
5
Sebastiano Serlio, Tutte l’opere d’architettura di Sebastiano Serlio bolognese dove si trattano in
disegno, quelle cose, che sono più necessarie all’architetto; e hora di nuovo aggiunto (oltre il libro
delle porte) gran numero di case private nella Città, et in villa, et un indice copiosissimo raccolto per
via di considerationi da M. Gio. Domenico Scamozzi, Venezia: Presso Francesco de’ Franceschi,
1584. The index which appears at the beginning of the volume is entitled: Indice copiosissimo delle
cose piu degne, che si trovano per tutti i libri d’architettura del Serlio. Raccolte per via di
considerationi da M. Gio. Domenico Scamozzi. For the index, see: Margaret Daly Davis, “Vincenzo
Scamozzi als Leser der antiken Schriftquellen und Denkmäler: Der Indice copiosissimo zu Sebastiano
Serlio” (to be published, in: RIHA Journal, 2012 (www.riha-journal.org).
6
Bernardino Amico, Trattato delle piante et immagini de sacri edifizi di Terra Santa disegnate in
Gierusalemme, secondo le regole della Prospettiva, et vera misura della lor grandezza, dal R. P. F.
6
of Serlio’s five books published in Venice in 1551 and present today in the Franciscan library
in Jerusalem, was that consulted by the Prior.8
Pietro Della Valle knew Serlio’s books on architecture, and he also knew the publications
of Bernardino Amico.9 While his documentation is inevitably far less precise than that of a
Bernardino Amico da Gallipoli dell’Ord. di S. Francesco de’ Minori Osservanti. Ombreggiate, et
intagliate da Antonio Tempesti Fiorentino, Roma: Ex Typographia Linguarum Externarum, 1609;
Bernardino Amico, Trattato delle piante et immagini de sacri edifizi di Terra Santa disegnate in
Ierusalemme secondo le regole della Prospettiva et vera misura della lor grandezza, dal R.P.F.
Bernardino Amico da Gallipoli dell’Ord. di S. Francesco de’ Minori Osservanti. Stampate in Roma e
di nuovo ristampate dall’istesso autore in più piccola forma, aggiuntovi la strada dolorosa, et altre
figure, In Firenze: Appresso Pietro Cecconcelli alle stelle medicee, 1620. The first edition is very rare.
Both editions are found in the Bayerische Staatsbibliothek München.
7
See Amico 1620 (note 6, pp. 60-62): “Et ancorche Sebastiano Serlio pare che l’accenni, mentre
dice; Trovasi in Gierusalemme in un monte di sasso assai duro: ha più tosto confusa la mente de
gl’huomini, e diminuita la credenza di essi, mentre chiaramente si vede esservi di sopra la via piana, e
non montuosa.”
8
See the English translation of Amico’s treatise: Bernardino Amico, Plans of the sacred edifices of the
Holy Land, translated from the Italian by Theophilus Bellorini and Eugene Hoade, with a preface and
notes by Bellarmino Bagatti, Jerusalem: Printed by Franciscan Press, 1953. Bagatti (p. 138, note 2),
writes: “The copy [of Serlio] used by Amico is still in St. Saviour’s Library.” I am grateful to s.
Miriam pddm, Bibliotheca Custodialis, Jerusalem, for furnishing information and photographs. See
Margaret Daly Davis, FONTES 57 (note 4), pp. 12-14.
9
Although he does not mention Serlio explicitly, Serlio surely numbers among the „altri autori“ who
described the tombs of the Giudici and those of the Kings in Jerusalem. See Della Valle, Viaggi (note
1), I, 1650, p. 541, in Jerusalem: “Andammo poi a vedere le sepolture de’ Giudici d’Israel, tagliate al
solito nel vivo sasso della montagna in diverse cellette, alle quali per una porta si entra: ma, senza
che io ne parli, ne gli altri autori, che le hanno descritte, potrà V. S. vedere di che forma, e con che
artificio siano fatte: come anche quelle altre, che vidi poi più presso alla città, de i Rè di Gierusalem;
le quali sono pur fatte nel medesimo modo dentro al sasso, ma di fuori hanno una prospettiva galante,
con intagli di buonissima architettura; e dentro, di grandezza e di fattura, tanto di celle, quanto di
sepolcri, son molto più belle, e più magnifiche di quelle de i Giudici.” Della Valle refers to Amico’s
book, his “descrizzione accurata de’ luoghi santi di Gerusaleme”, in the index to the first volume. In
his text, Della Valle writes of the long period Amico had spent in Jerusalem, and, good draftsman and
architect that he was, of the drawings the Prior had made and engraved of the monuments, with great
excellence, both in plan and in perspectival view. Further, Della Valle adds, with the help of Amico’s
brief annotations, the book may be easily comprended by any thinking man (“da ogni huomo
intendente”). Bartolomeo Amici appears in the index of Della Valle, Viaggi (note 1), vol. 1, “Fra
Bartolomeo Amici, Minore Osservante, fece una descrizzione accurata de’ luoghi santi di
Gerusaleme”, and, in the same volume, on pages 514-515: “Ma perdo tempo allo sproposito in
descriver minutamente questi luoghi, che con la fretta che io hò, e la brevità che ricerca la lettera,
non è possible farlo bene: però senza ch’io più mi affatichi, se V. S. desidera saper come sono, veda il
libro stampato di questo viaggio da un tal Zuallardo Cavalier del Santo Sepolcro; il quale, benche in
alcune sue dicerie sia un poco superfluo, e tedioso; e nelle istruttioni che dà per fare il viaggio, e nelle
esaggerationi de’ fastidii, e pericoli incorsi, si faccia conoscere per novitio alquanto delle cose del
Mondo; tuttavia, nell’osservation de’ Santi luoghi, è stato diligentissimo, e l’hò trovato veridico, et
oltra che gli descrive minutissimamente, ne hà stampato anche il disegno assai giusto: ma se V. S.
fosse curiosa di veder disegni, e migliori, cioè più grandi, e più belli di quei del Zuallardo; veda
ancora un’altro libro breve, stampato in Roma, se ben mi ricordo, in foglio, e l’autore è un Frate
Zoccolante da Gallipoli, ma il nome non l’hò bene a mente: mi par tuttavia che si chiami Fra
Bernardino Amici. Costui è stato lungamente in Gierusalem, e come buon pittore, et architetto che
era, ne prese, e stampò il disegno di tutti eccellentemente, tanto in pianta, quanto in prospettiva; che
7
trained architect, his way of looking and his methods of making documentary records are
analogous to those of these earlier scholars. Della Valle notes the size and form of
monuments, their methods of construction, the state of preservation, inscriptions, water
conduits, architectural elements and building materials, even collecting examples of brick
with bitumen “per mostrarli in Italia a gli antiquarii curiosi.” What he sees, he measures in
„piedi“, according to the length of his own shoe, which equalled a Roman foot. He
investigated with equal curiosity painting and sculpture. From his observations, he attempted
to date a monument and to establish its function. Moreover, Della Valle maps the physical
arrangement of a site: the roads, rivers and bridges that lead to the location; the quality of the
land; the alternative names assigned to a site; the information provided to him by inhabitants
and guides. He compared what he saw with what he read in the writings of ancient and
modern times. Della Valle had taken with him a copy of Filippo Ferrari’s Epitome (see infra)
as a geographical reference work; he also makes frequent reference to Pierre Belon’s Les
observations de plusieurs singularitez & choses memorables, trouvées en Grece, Asie, Iudée,
Egypte, Arabie, & autres pays estranges (editio princeps: Paris 1555, 8°), which he may also
have brought with him. Della Valle had also carefully read Pierre Gille’s De topographia
Constantinopoleos, et de illius antiquitatibus, and he stated in his letter to Mario Schipano
that he would not describe the antiquities of Constantinople, as this had been done most
precisely by Pierre Gilles some fifty years earlier.10 Gilles’s methods were exemplary for
Della Valle: he was not only very learned and truthful, Della Valle states, but also extremely
diligent, examining carefully all the relevant ancient texts, observing, comparing and even
measuring “palmo a palmo” all the things and places he saw.11 Finally, it is important to note
that Della Valle left from Venice with a painter-draughtsman in his entourage; it was his
intention to have drawings (and later paintings) made of the monuments, peoples and things
that he saw (see infra). Della Valle cast his nets far wider than his predecessors had done, and
con le brevi annotationi, che vi aggiunge, sono facilissimi a comprendersi da ogni huomo intendente.
A i libri dunque di costoro rimettendomi, per l’avvenire lascierò le minute descrittioni, e solo
brevemente farò mentione de’ luoghi veduti.” For Zuallardo, see: Jean Zuallart, Il devotissimo viaggio
di Gierusalemme. Fatto e descritto in sei libri del signor Giovanni Zuallardo, Cavaliere del Santiss.
Sepolcro di N. S. l’anno M.D.LXXXVI. Aggiontivi i disegni in rame di varii luoghi di terra S. et altri
paesi. Di nuovo ristampato, e corretto, Roma: Appresso D. Basa, 1595.
10
Pietro Della Valle, Viaggi (note 1), vol. I, “Lettera 2. da Costantinopoli, De’ 25. di Ottobre 1614”,
pp. 51-52: “Non baderò nè meno a ricercar più che tanto le cose antiche hora estinte, nè a
riconoscere dove fossero; poiche questo già, più di cinquanta anni a dietro, lo fece esatissimamente
Pietro Gillio, nel suo libro De Topographia Constantinopoleos, al quale di ciò tutto e per tutto mi
rimetto; onde di quanto a ciò spetta, lasciato che nella lettura di lui si sodisfaccia ogni altrui
curiosità, io a V. S. spiegherò solo lo stato, e mostrerò la faccia delle cose come hora quì sono, e di
quanto al mio tempo vi hò veduto degno di notarsi.”
11
Della Valle, pp. 51-52: “(…) parendomi [Gilles] autore, non solo eruditissimo e verace, ma
diligentissimo, tanto in haver rivoltato et esaminato bene tutti i libri degli antichi, quanto in essere
andato vedendo, osservando, e fin misurando a palmo a palmo tutte le cose e tutti i luoghi,
confrontando le presenti con quelle de’ tempi passati con tal diligenza, che a me pare non potersi far
maggiore.”
See Pierre Gilles, Petri Gyllii De topographia Constantinopoleos, et de illius antiquitatibus libri
quatuor. Ad Reverendiss. et Illustriss. D. Georgium Cardinalem Armaignacum. Lugduni: Apud
Gulielmum Rovillium sub scuto veneto, 1561 (Biblioteca Marciana, 64.D.105). Gilles’ work was
published six years after his death. It does not contain illustrations. He was buried in the church of San
Marcello in Rome, and his tomb inscription is reproduced in De topographia. The second edition, P.
Gyllii de Constantinopoleos Topographia lib. IV, Lugduni Batavorum: Ex officina Elzeviriana, 1632,
is also without illustrations.
8
his broad cultural interests – as his biography by Giovan Pietro Bellori makes clear – were of
great interest in the ambience of the République des lettres of seventeenth-century Rome, in
particular, in the circle of such scholars as Francesco Angeloni, Giovanni Battista Casali,
Francesco Nazari and Giovanni Giustino Ciampini, who, like Bellori, collected and
interpreted the art and artefacts of the Levant.
THE TRAVELLER AND HIS BOOK
In a lecture that Pietro Della Valle prepared to deliver upon his return to Naples, entitled
Ragionamento che io penso far nell’Accademia presentando il Libro (formulated and sent to
Mario Schipano from Isphahan in Persia in March 1617), he explains the reasons for his
voyage. He writes of his strong motivation, the almost compulsive impetus that lay behind his
„impatient desire to scour the whole world: “(…) et innamorato altresì con grande ardore
delle bellezze di quella Sapienza, che per la varia cognitione di molte cose, da chi la cerca, su
suole arrivare a godere; mi accesi d’un impatiente desiderio di scorrere il Mondo.” Pietro
limited his ambitions, however, to seeing the Orient, that is, Asia, rich in Empires, Egypt, the
father of antiquity, and Greece, the mother of literature, whence ancient historians and poets
called out to him to visit their beauties:
“Si che, posposto ogni altro pensiero, proposi solo d’inviarmi all’Oriente; dove l’Asia pregna
d’imperii, l’Egitto padre delle antichità, e la Grecia madre delle buone lettere, che come
disse quel Savio, non hà sterpo nè sasso senza nome e fama, con alto grido d’Historici e di
Poeti antichi, a veder le bellezze loro m’invitavano.”12
12
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino, descritti da lui medesimo in lettere
familiari all’erudito suo amico Mario Schipano, La Persia, parte prima, Roma: A spese di Biagio
Deversin, 1658, pp. 61-66, pp. 62-63: “Sospinto in tal guisa da questo nobil desio a far viaggio; già
che all’hora di esercitarmi ò in militia, ò in altre cose più degne, in Europa ne mancavano le
occasioni; pensava frà me stesso in qual parte fosse stato meglio a dirizzare il mio corso: et esaminati
bene tutti gli angoli della Terra; non mi curai de’ viaggi Settentrionali, come di paesi horamai troppo
noti, e da molti praticati. Non mi piacque nè meno di andare all’Occidente; perche quel camino,
overo è troppo breve, se dentro i termini di Hercole si ristringe; ò pur è infruttuoso, per quanto io
conosco, se si passa oltre Abila e Calpe, poiche si và in luoghi, dove fuor delle miniere dell’oro e
dell’argento, che gli animi più bassi del mio possono invaghire, del resto, vi è poco da vedere, e
manco da imparare. Sprezzai similmente l’Austro, per la rozzezza de’ popoli Meridionali: i quali tutti,
da i Cartaginesi in poi, che furono già dalle armi nostre affatto estinti; nè hora, nè in altro tempo si
sà, che siano stati mai per cosa alcuna riguardevoli. Si che, posposto ogni altro pensiero, proposi solo
d’inviarmi all’Oriente; dove l’Asia pregna d’imperii, l’Egitto padre delle antichità, e la Grecia madre
delle buone lettere, che come disse quel Savio, non hà sterpo nè sasso senza nome e fama, con alto
grido d’Historici e di Poeti antichi, a veder le bellezze loro m’invitavano. E tanto più volentieri in
questa opinione mi fermai; quanto che, ne’ viaggi Orientali, si poteva mettere in esecutione quello,
che pare a me debito d’ogni huomo, e particolarmente Christiano: cioè, di dare a Dio una decima, ò
una particella d’ogni attion che si faccia: e potevasi far questo, havendo nell’animo mio disposto quei
camini dell’Oriente di tal sorte, che venivano in essi incluse le due peregrinationi sacre del Monte
Sinai, e di tutta la Terra Santa.” See also Cardini 2001 (note 2), pp. 18-19.
9
Many of Pietro Della Valle’s undertakings were unusual, even unique for travellers of his
day. His letters reveal his extraordinary intellectual curiosity (Wissbegierde), as well as
learning, astuteness and caution. The wide geographical range of his travels, the scope of his
material – encompassing history, geography, topography, customs, politics, peoples,
languages, literature, objects and monuments – , the straightforwardness of his presentation,
the precision and, particularly, the immediacy of his accounts, all these ensured the editorial
success of his Viaggi. Not only would Pietro’s in situ reports from exotic cities in the Orient
attract a vast readership among scholars in the République des lettres, his account of the Holy
Land, of the city of Jerusalem and its monuments spoke to the educated Christian pilgrim,
whose aim to save his soul was often equalled, if not superseded, by his desire for learning.
Della Valle provided a detailed account of all the notable things he observed during his
voyages (“con minuto ragguaglio di tutte le cose notabili osservate in essi”), and his letters
were valuable sources and guides for the travellers – diplomats, merchants, explorers,
archaeologists, and antiquarians – who succeeded him. He had, from the start, intended this to
be so. In his preface to the reader (“L’autore à chi legge”), Della Valle states, not without a
certain grandeur, that his letters were intended not just for a single reader, nor for a single
place, nor just for men now living, but rather for the whole world and for the centuries to
come:
“Et di quelle [lettere], che, comunque sia, pur ti narro, se alcune, per disgratia, non ti dessero
nell’humore; sovvengati similmente, che quando io scrissi all’amico, non hebbi mira di
parlar con te: e che hora che publico queste Lettere, non le publico à te solo, nè in un sol
luogo, nè solamente agli huomini che hora vivono; ma à tutto’l Mondo insieme, et à tutti i
secoli avvenire.”13
The first two parts of the Viaggi, nearly 1,800 pages about the Turkish and Persian
empires, were published in three volumes in 1650 and 1658. The third part, that is, the fourth
volume, devoted to India and to Della Valle’s return to Italy, was issued in 1663. A fourth and
last part – this would have been the fifth volume – never appeared. It was to contain the
graphic documentation of the many remarkable things Pietro had investigated on his voyage
(see infra).14 Already in 1662, before the third part on India was published, a second edition
of the first two volumes on Turkey and Persia was issued by the French publisher Biagio
Deversin in Rome. This edition, prefaced by a careful and considered biography (vita) of the
author composed by Giovan Pietro Bellori (1611-1696), perhaps the most erudite and
esteemed of Roman Altertumswissenschaftler, testifies to the almost instant reception of Della
Valle’s work in the world of archaeology and antiquarian learning.15 Moreover, translations of
the Viaggi di Pietro della Valle appeared almost overnight. A French edition was published
13
Pietro Della Valle, Viaggi, vol. 1, 1650 (note 1), pp. 8-9.
14
See the title page of the first volume of the Viaggi (note 1): “Le quali [tre parti] havran per
aggiunte, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di molte cose memorabili, sparse
per tutta l’opera, e la loro esplicatione.”
15
Giovan Pietro Bellori, Vita di Pietro Della Valle il Pellegrino, in: Pietro Della Valle, Viaggi di
Pietro Della Valle il Pellegrino descritti da lui medesimo in Lettere familiari all’erudito. Con minuto
raguaglio di tutte le cose notabile osservate in essi. Descritti da lui medesimo in 54. Lettere familiari,
da diversi luoghi della intrapresa pregrinatione. Mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di
molti anni suo amico Mario Schipano. Divisi in tre parti, cioè, La Turchia, La Persia, e L’India.
Seconda impressione. Con la vita dell’autore [di Giovan Pietro Bellori], promettendosi in breve
l’India non ancora data in luce. In Roma: A spese di Biagio Deversin, All’Insegna della Regina, 1662,
unnumbered pages (Biblioteca Marciana, 85.D.112). See infra, for the transcription of the Vita.
10
between 1661 and 1666, an English edition in 1665. In 1664-1665 Della Valle’s letters
appeared in Dutch, in 1664 in German. The Viaggi remained of extraordinary interest and
ever new editions, many in a portable format, were published time and again, both in Italian
and translated into other languages, far into the nineteenth century.16 Thus Della Valle’s
intention to speak to the whole world and for the centuries to come (“à tutto ’l Mondo
insieme, et à tutti i secoli avvenire”) was fulfilled in a remarkable way.
TWO READERS: GOETHE AND BELLORI
One of Della Valle’s most enthusiastic later readers was Johann Wolfgang von Goethe
(1749-1832). In his Noten und Abhandlungen zum besseren Verständnis des West-Östlichen
Divans, Goethe offers a long presentation of Della Valle drawn from his close reading of the
Viaggi. Della Valle is described as “unabhängig, wohlhabend, vornehm, gebildet,
empfohlen”; his access to the eastern courts was assured. He was not to be regarded simply as
“einen neugierigen Reisenden”, but rather “als einen vom Zufall hin und wider getriebenen
Abendteurer.” Not only the wealth of knowledge provided by Della Valle but his
industriousness and the vividness of his accounts were determinants of Goethe’s esteem.
Concerning Della Valle’s reports on Isphahan in Persia, Goethe exclaims: “Über ein Jahr
hatte sich della Valle in Ispahan aufgehalten und seine Zeit ununterbrochen tätig benutzt, um
von allen Zuständen und Verhältnissen genau Nachricht einzuziehen. Wie lebendig sind daher
seine Darstellungen! Wie genau seine Nachrichten!” In conclusion, Goethe credits Della
Valle with revealing the Orient to him and preparing the way for the elaboration of his WestÖstlicher Divan. For Goethe, “[Pietro Della Valle] derjenige Reisende war, durch den mir die
Eigentümlichkeiten des Orients am ersten und klarsten aufgegangen, und meinem Vorurteil
will scheinen, dass ich durch diese Darstellung erst meinem Divan einen eigentümlichen
Grund und Boden gewonnen habe.”17 For his portrait of Pietro Della Valle, Goethe not only
drew upon his reading of the Viaggi, but also upon Giovan Pietro Bellori’s biography.
Giovan Pietro Bellori (1613-1696) was well-acquainted with Pietro Della Valle – certainly
from the time of his early apprenticeship with Francesco Angeloni – and thus their friendship
extended over several decades.18 Bellori’s fifteen-page text, written for the second edition of
the Viaggi of 1662, is, beyond its value as a contemporary biography of Della Valle, an
important source for Bellori’s own antiquarian considerations, which extended far beyond the
classical ancient Roman world, to embrace the art, history and culture of the Levant.19 On the
16
See Salvante 1997 (note 2), pp. 294-296, for a list of translations into French, English, Dutch,
German and Persian.
17
An electronic edition of Johann Wolfgang von Goethe’s West-Östlicher Divan, a collection of
lyrical poems inspired by the Persian poet Hafez, which also includes Goethe’s life of Pietro Della
Valle and his notes, may be consulted at:
http://www.wissen-im-netz.info/literatur/goethe/diwan/14.htm.
18
Giovan Pietro Bellori, “Vita di Pietro Della Valle il Pellegrino”, in: Pietro Della Valle, Viaggi di
Pietro Della Valle il Pellegrino, vol. 1, 1662 (note 15). An electronic edition of Bellori’s vita of Della
Valle is found at: Corpus informatico belloriano (http://biblio.signum.sns.it/bellori/).
19
Giovan Pietro Bellori’s publications may be consulted online, Corpus Informatico Belloriano
(http://www. biblio.cribecu.sns.it/bellori/index.html), with the exception of the “Le gemme antiche di
Leonardo Agostini.” A number of Bellori’s archaeological publications were reviewed immediately
11
one hand, Bellori’s interpretations of Roman relief sculpture, in particular the columns of
Trajan and Antoninus, depended on a knowledge of the art, architecture and customs of the
barbarian peoples; on the other, Bellori preserved in his museum many works of art and
artefacts of exotic provenance, including some that Pietro Della Valle had brought back to
Italy. His cabinet of antiquities, as visitors to Bellori’s palace attest, was a favourite meeting
place for scholars from all of Europe for more than half a century.20
Bellori dedicated his vita of Della Valle, dated 15 October 1662, to “Signor Parisot”, a
counsellor of the King of France, who had requested Bellori to compose the life.21 The
publisher of the 1562 edition of Della Valle’s Viaggi, the Frenchman Biagio Deversin,
dedicated the volume to Giovanni Gualtiero de Sluse, the officer of the papal letters of Pope
Alexander VII (“Officiale de’ Brevi di N. S. Alessandro VII”). Thus both the biographer and
the publisher position themselves in the ambience of the courts of the King of France, Louis
XIV, and the Chigi pope, Alexander VII. Bellori’s vita of Della Valle is preceded by an
elegant engraved portrait of the author bearing the Chigi stars and an inscription:
after they were issued in the Giornale de’ letterati in Rome between 1669 and 1680. I have treated
both the reviews and Bellori’s publications in FONTES 11, 14, 15, 19, 21, 22, 25, 26, 27
(www.arthistoricum.net/publizieren.fontes). The most extensive bibliography for Bellori as an
archaeologist and for his publications is contained in: L’idea del bello: viaggio per Roma nel Seicento
con Giovan Pietro Bellori, exhibition catalogue, ed. Evelina Borea and Giancarlo Gasparri, Rome, 29
March – 26 June 2000, 2 vol., Rome 2000.
20
Many of the visitors were noted by Ludwig Schudt, Italienreisen im 17. und 18. Jahrhundert, WienMünchen 1959, ad indicem ‘Bellori’. For Bellori’s cabinet, see Elena Vaiani, “Le antichità di
Giovanni Pietro Bellori: storia e fortuna di una collezione”, in: Annali della Scuola normale superiore
di Pisa, serie IV, 8, 2002 (printed 2005), pp. 85-152; Gerald Heres, “Bellori collezionista: Il Museum
Bellorianum”, in: L’Idea del bello (note 19), pp. 499-501. The upper lid of one of Pietro Della Valle’s
mummy cases was found in Bellori’s collection. See L’idea del bello (note 19), vol. 2, pp. 521-522,
no. 51.
21
Bellori, Vita (note 15), unnumbered pages: “Signor Parisot, Signore di San Lorenzo, Consigliere del
Rè Christianissimo ne’ suoi Consigli, Introduttore de’ Principi Stranieri et Ambascidori appresso il
Sig. Duca d’Angiò Fratello unico di Sua Maesta, etc.” Parisot was identified by Jean-Claude Boyer as
“Nicolas Parisot, signore di Saint-Laurent (c. 1623-1687).” See “Bellori e i suoi amici francesi”, in
L’idea del bello (note 19), vol. 1, pp. 51-54, esp. pp. 52, 54, note 14. See also Giovan Pietro Bellori,
Le vite de’ pittori, scultori e architetti moderni, ed. Evelina Borea, introduction: Giovanni Previtali,
Torino: Einaudi, 1976, pp. xxiii and lxii.
12
PIETRO DELLA VALLE
IL PELLEGRINO
Hic peragro peregrinus ad huc tellus, tamen ulla
Hic peregrina mihi, sed domus, et patria est.
At the outset of his vita of Pietro Della Valle, Bellori draws attention to Homer’s writings
about Ulysses. As an example of prudence, Homer particularly esteemed Ulysses for his
knowledge of many customs and countries, whence he derived the wisdom acquired through
experience abroad and not at home (“onde in lui derivò quel consiglio, che nasce dalla
sperienza di fuori, et in casa non si acquista”). This was a virtù that rendered the Greeks civil
and honourable (“la qual virtù rese li Greci civili et honorati”). Similarly, Bellori praises the
noble youths of his own time, who, attracted by study, learning and praise, leave their country
to learn the languages and customs of others, thus rendering themselves knowledgeable and
respected in the public affairs in their own countries (“tirato da studio, di dottrina, e di laude,
allontanarsi dalla patria ad imparar lingue, e costumi, per rendersi poi negli affari pubblici,
et appresso de suoi esperta, e di stima”).
Bellori’s intention is not to furnish a full biography of Pietro Della Valle. His letters are his
diary, and they tell the story of the author: “Non però io mio propongo altrimente di scrivere
la vita intiera, e li fatti di esso Signor Pietro; perche gli stessi viaggi suoi diario sono, e storia
di se stesso.” He will‚ in these few lines (in fact, fifteen pages), only add some details, ones
omitted by Della Valle, owing either to Della Valle’s natural modesty or to their not
belonging to the narration (“ma con le poche righe di questa lettera, penso supplirla
solamente con alcuni particolari, quali tralasciati da lui, ò per la sua naturale modestia, ò
per esser fuori le narrationi, non verranno però ad essere inutili […]”).
In Bellori’s estimation, Pietro Della Valle was predestined to make his mark as a scholar of
antiquity. He was a descendent of Cardinal Andrea Della Valle, “amatore dell’arti belle del
disegno”, who, during his years at the court of Leo X, assembled one of the most important
Renaissance collections of ancient and modern art. Bellori writes of the Della Valle palace,
where Pietro was born, which had been built with the best architecture of Lorenzetto, a pupil
of Raphael. He writes further of the Della Valle collections of art, mentioning in particular the
13
splendour of the ancient marble statues and the paintings by Salviati, and the pupils of Giulio
Romano:
“Io non mi tratterò in rammentare a V. S. Illustrissima la magnificenza del Palazzo di questo
Cardinale [Andrea Della Valle], dopo quell’infortunio, e nel risorgere la Città più bella,
edificato di nuovo con la migliore architettura di Lorenzetto allievo di Rafaelle da Urbino, e
con lo splendore di peregrini marmi, e pitture del Salviati, e degli allievi di Giulio Romano.
Non starò a descrivere le statue antiche che adornano gli altri palazzi contigui di questa
famiglia: li due Satiri, e la testa di Giove, sopra la porta di quello dal Signor Pietro habitato:
opere dagli Architetti, e dalli Scultori celebratissime, ma solo quì le riduco alla memoria di
lei; perche, frà le molte maraviglie di Roma, ella non hà lasciato lodarle, come intelligente
molto, et amatore dell’arti belle del disegno. Di questa famiglia, et in questa casa nacque il
Signor Pietro l’anno MCCXXXVI. il giorno 11. di Aprile di Pompeo della Valle, e di
Giovanna Alberini nobile Romana.”
Bellori is attentive to Della Valle’s studies of all the sciences and of eloquence and poetry.
His orations and poems in various languages were received with much praise in the
Accademia degli Humoristi. Beyond his natural propensity to arts and letters, Pietro was also
inclined to equestrian and military exercises, “esercitii cavallereschi, e militari.” And,
finally, he was “ossequioso verso il merito delle Dame honorate.” It was, in fact, an ill-fated
amorous adventure which sent Della Valle to seek solace, not only as a pilgrim to the Holy
Land, but also to other far-off places. Bellori describes Della Valle’s sufferings rather
dramatically:
“Così mentre più fiammeggiava nel cuor suo la face di Amore, truovò spento quella
d’Himene come giovarono à lui punto le sofferenze, e le fatiche di tanti anni; che anzi in un
baleno, oscurandosi il bel sereno, da tempestosi nembi, nella propria maturità restarono
grandinate, e lacere à terra le brame, e le speranze. Agitato egli dunque dalle furie amorose
nella strage degli affetti, non truovava nè pace, nè respiro, tolto al cibo, et al sonno, et alla
vita ancora (…).”
All this formed a backdrop to Della Valle’s journey to the East, which would begin with
the obligatory first station in the Holy Land, which he has vowed to visit:
“Risolutosi però alla partenza, frà l’altre parti del mondo, si elesse la peregrinatione
dell’Oriente, destatosi internamente, in lui un pietoso zelo di visitar Terra Santa, e di sciorre
il voto, risanati gli affetti, considerando di dover pure un giorno, saldarsi nel petto suo quella
ferita, che mortalmente lo teneva oppresso: questa fu la meta della sua peregrinatione.”
As it was, however, Della Valle’s journey was not undertaken merely to seek solace;
rather, as we also learn from Bellori, he planned from the outset to study, investigate and
record what awaited him. Before setting out for the Holy Land, Della Valle travelled to
Naples to consult with Mario Schipano, “soggetto di gran letteratura, e celebre per
l’Accademie d’Italia.” Della Valle and Schipano decided to render Pietro’s voyage wellknown – to consecrate it, in other words, “alla fama” – dividing the rewards as well as the
labours. “Signor Pietro” was to write about the places, customs and things he saw in his
letters, and “Signor Mario”, “with the leisure of the Muses”, was to compose from the letters
an historical narrative:
14
“(…) pensando insieme di consecrare alla fama queste peregrinationi, determinarono
dividersi li premi, e le fatiche, toccando al Signor Pietro, con ragguagli di lettere,
peregrinando, annotare i luoghi, i costumi, e le cose; et al Signor Mario, con l’otio delle
Muse, formarne una storica narratione.”
Their intentions were, however, not realized as they were formulated. In brief, Schipano
was too engaged in his own work to transform the letters into an historical narrative, without
depriving them of the beauty („grazia“) that derived from the Della Valle’s ability to provide
many details at once, in his own literary and familiar style.
“Hora in quest’opera, eseguì Signor Pietro le sue parti, ma non già lo Schipano, soprafatto,
ò dalle occupationi, ò dalle materie, che invero il ridurle sotto leggi, e forme d’historia,
sarebbe riuscito malagevole, senza detrarre alle narrationi quella gratia, che deriva
puramente dalla facilità dell’Autore, particolarizzando egli in un tempo, varie cose diverse,
con modi propri delle lettere, e del parlar suo famigliare.”
Bellori praises Della Valle’s decision to present his letters to the public without changing
them – except for adding some annotations and clarifying some ‘infelicities’ which the
difficulties of travel prevented him from perfecting immediately – as a wise and fortunate
decision.22 Della Valle’s are precious recollections (“rare memorie”) that belong as much to
cosmography as to history, and to customs, politics and natural things. Della Valle shows, as
if in a painted picture, the places, countries, seas, rivers, customs, cities, courts, feasts, games,
habits, commerce, religion, and civil and military law. His diligence in seeking out and
investigating was as great as his erudition, which allowed him to compare the modern sites
with what one knew of them in ancient times. Bellori singles out Della Valle’s presentations
of Troy, Constantinople, Alexandria and Cairo. Here, among the pyramids, mummies and arid
landscapes, Della Valle spreads out before us, as Bellori writes, the tombs of the Egyptians;
he takes us to climb the nevi of the Sinai; he leads us to Jerusalem, to the Jordan river and to
the holy places. I myself, Bellori asserts, never left his side, following him to Damascus, to
Aleppo and into the deserts of Arabia. I saw the new Baghdad, admired the ancient Babel, the
sepulchre of Belo. Travelling in his imagination through Persia, Bellori dwells among the
Kurds and learns their customs, he arrives then in Isphahan, in Ferhabad, and at the Caspian
22
Della Valle, Viaggi (note 1), Preface: “L’autore à chi legge”: “Onde, per maggior facilità, così
consigliato da amici intendenti, hò risoluto di comunicare al publico le stesse mie lettere, tali a punto,
quali al Signor Mario le mandai: che, se bene appresso di me non ne haveva potuto ritener’
esemplare; in Italia nondimeno capitate già tutte, non solo in man di lui fedelmente conservate al mio
ritorno ritrovai, ma le Copie di esse ancora appresso di molti altri, che havendole vedute, e non
essendo riuscite loro ingrate, ed in Napoli, ed in Roma, se l’havevano trascritte. Le hò migliorate con
tutto ciò qualche poco, se io non m’inganno, da quei primi originali: perche dalla scrittura ne hò tolto
ogni scorrettioncella, ò fosse di ortografia, ò di lingua, che in quel primo schizzo inavvedutamente vi
fosse potuta trascorrere. Ne hò levato anche, in diversi luoghi, molte ciance, e cosette mie particolari:
le quali all’hora all’amico io scriveva, come a lui solo in confidenza; ma non con pensiero, nè voglia,
che con ogni uno si divulgassero. Et all’incontro, in molti altri luoghi, le hò accresciute di più e più
cose alle relationi appartenenti; che quando le inviai, per la fretta dello scrivere, ò haveva affatto
tralasciate, ò pur haveva solo toccate succintamente, con animo, che si havessero un dì, quando uopo
fosse state, meglio a distendere. È paruto agli amici miei, e parimente a me, che di tal sorte, queste
relationi, a te ancora, siano per esser più accette: sì per lo modo dello scrivere, che sarà più nuovo, e
meno usato; sì anco per la schiettezza naturale, che con sè porteranno, come dal primo caderon dalla
penna senz’alcuno artificio: in che, per certo, assai più rilucerà quella semplice e nuda verità, nella
quale io, più che in altro, hò havuto di continuo grandissima premura. In questa guisa, adunque, te le
porgo.”
15
sea. Bellori visualizes Pietro Della Valle in Persia, seated at the royal dinner (“convito”), he
perceives the greatness, the “grandezza”, of the Persians, the valeur and the wisdom of the
King Abbas, and he visualizes Della Valle’s participation in the king’s military expeditions,
“fra i padiglioni.” Leaving from Sciràz, Bellori follows Della Valle to ancient Persepolis and
to the ruins of the Kingdom of Cyrus. Bellori awaits now the publication of the third volume
on India with an account of Della Valle’s return to Italy.
“Fù però saggia, e fortunata la risolutione del Signor Pietro in donare al publico le stesse
lettere sue, senza cangiarle; se non quanto comportava qualche annotatione, e pulimento, che
nelle mancanze, et inquietudini de’ viaggi, non era possibile il ridurre allhora in perfettione.
Io non sò lodar per me stesso, se non quanto sono testimonio delle lodi attribuite da V. S.
Illustrissima a così rare memorie, appartenenti tanto alla cosmografia, quanto alla storia, et
utili insieme alli costumi, alla politica, et alle cose naturali: il che eseguisce col proporci, e
dipingerci, come in una tavola, i luoghi, le terre, i mari, i fiumi, le positure del cielo, le città,
le corti, le feste, i giuochi, l’usanze, li traffichi, la religione, le leggi civili, e militari. Grande
è la diligenza, e l’eruditione, in ricercare le cose, ponendo in luce le nuove, rincontrando i
luoghi moderni con gli antichi, come succede in tanti paesi di Troia, di Costantinopoli, di
Alessandria, del Cairo, ò sia l’antica Babilonia. Quivi frà le piramidi, le mummie, l’arenose
campagne, ci apre li sepolcri Egittiani, dopo ci fa salire per le nevi del Sinai, ci conduce in
Gierusalemme, al Giordano, et à peregrinare ne’ santi luoghi. Io per me, senza lasciarlo
punto, lo seguo in Damasco, in Aleppo, ne’ deserti di Arabia, veggo la nuova Baghdàd,
ammiro l’antica Babelle, il sepolcro di Belo. Quivi mi allegro de’ suoi novelli amori
Babilonici, nati per fama. Dopo trapassando in Persia, mi trattengo fra’ costumi de’ Curdi,
pervengo in Sphahan, in Ferhabad, al mar Caspio, veggolo sedere al convito regio, veggo la
grandezza Persiana, il valore, e la saviezza del Rè Abbas, accompagnandolo egli nella
militia, et infra Persepoli, e dalle ruine della Regia di Ciro, ahimè, trapassa al lutto della
generosa Sitti Maani Gioerida.”
Bellori had read Della Valle’s still unpublished manuscript on India and reports on it in
advance of the publication. He describes Della Valle’s itinerary through the sub-continent, the
fish reservoirs (“grandi peschiere”), the bazaars, the hospices for birds and animals (“gli
spedali degi uccelli, e degli animali”), the various peoples, their weddings and funerals, and
the sacred rites of the Christian Indians. Della Valle returned to Naples and to Rome by way
of Antioch, Malta and Sicily. In all his travels, Della Valle keeps nothing of himself hidden;
instead he manifests the excellence of his own spirit. Bellori also tells, as does Goethe
following him, of Della Valle’s confident access to the Eastern courts, his reception at the
French court of Constantinople, his travelling to Persia with the Spanish ambassador, his
private audience with the King of Persia, to whose table he was regularly invited. Returning to
Rome on 26 March 1626, Della Valle brought with him a family, which he had established in
the East, as well as objects and curiosities for his museum, mummies, and the remains of his
first wife, Sitti Maani, whom he had married along the way: “la famiglia, vari habiti
stranieri, e con le curiosità del suo museo, le mummie, che ancora si conservano in sua casa,
e principalmente la cassa, con le spoglie di Sitti Maani già suo Consorte.”23
23
Della Valle met and married the young Georgian Christian in Baghdad, where she and her family
were living. She accompanied him on his voyage until her death four years later, and then in a
sarcophagus. Bellori, Vita, (note 15), n.p., writes of Della Valle’s return to Rome, with her remains:
“la cassa, con le spoglie di Sitti Maani già sua Consorte, che per tante vie, e per tante difficoltà di
terra, e di mare, per lo spatio di quattro anni, con esempio di vero amore, haveva sempre seco, et in
compagnia condotte, fin dentro casa sua.” See Della Valle, Viaggi (note 1), “parte terza, cioè
L’India, co’l ritorno alla patria”, 1668, pp. 505-507, “Lettera 18. da Roma, Del primo di Agosto
16
Bellori describes Della Valle’s activities over the next decades in the academies of Rome
and speaks of his learned discourses there, which Bellori had heard in his youth: “Io sono
testimonio ne’ miei più verdi anni, quando in una lettione egli conferì alcuni luoghi.” One
lesson concerned passages in Virgil and other Latin poets as well as passages by a Persian
poet, translated by Della Valle. Bellori believes the poet to have been Chogià Hafiz, whose
tomb Della Valle had visited in Shiraz:
“Io sono testimonio ne’ miei più verdi anni, quando in una lettione egli conferì alcuni luoghi
di Virgilio, e di altri Poeti Latini, con quelli d’un Poeta Persiano, tradotto da lui; che poi, in
leggendo la Persia, hò creduto essere quel Chogià Hafiz, il cui sepolcro egli visitò in Sciraz.”
Della Valle also continued his study of languages. In addition to Greek, Latin and several
European languages, he spoke and wrote Turkish, Persian and Arabic, and he was not without
knowledge of Chaldean and Coptic. Bellori reports at length Della Valle’s studies of music,
together with Giovanni Battista Doni, and his invention of two new instruments, “un
Cembalo Hessarmonico, et un Violone Panarmonico.”
Bellori depicts movingly the end of Della Valle’s life, when, comforted by the Muses, he
was visited by men of erudition and merit, those who habitually came to Rome and those of
the Republic of Letters who lived in the city. Della Valle communicated with these men
through learned and elegant discourses and the unusual objects in his museum:
“Seguitò egli poi a viver sempre nella famigliarità e dimestichezza delle Muse, visitato da
tutti gli huomini dotti e di merito che sogliono venire à Roma, e da quelli che nella
Repubblica delle lettere, in essa dimorano; communicando con essi li dotti et eleganti suoi
discorsi e curiosità peregrine del suo museo, finche, pervenuto all’anno dell’età sua
sessagesimosesto, da questa humana peregrinatione trasmigrò all’altra vita, il giorno 21.
Aprile 1652. sepolto nella Chiesa di Araceli nella sepoltura de’ suoi maggiori:
accompagnando in morte, le sue, con le spoglie di Sitti Maani Gioerida, tanto con lui
congiunta in vita.”
At the end of the biography Bellori mentions his own journey with Signor Parisot to
southern Italy, where they visited some of the most famous places of antiquity. Bellori’s
description of his travels with Parisot provides a remarkable insight into what he found so
stimulating in Della Valle’s Viaggi and reveals, in a uniquely personal way, his own deep
wonderment of the ancient world.
“(…) quando, dico, ella [Parisot] passò per Roma la stagione di Primavera dell’anno
trascorso 1661. e mi pigliò per mano generosamente, et à Napoli mi condusse. O che felice
viaggio! quel leggere suo, e discorrer sempre a cavallo come nell’accademia, quell’ansietà di
vedere il tutto con gli occhi propri ed annotarlo di sua mano! Rammentimi, la prego Signor
mio, le Ville Tusculane, le dotte colonne del portico di Cicerone, il nome di Mario, la
superbia di Domitiano, gli ammirandi vestigi della fortuna Prenestina, il famoso lithostrato di
Silla, Aquino hormai di sito, non di nome ignoto, la Bibliotheca, e l’heremo di Monte Casino,
e Capua antica, e l’Anfiteatro, e Napoli, e’l Vesuvio, il sepolcro, e gli allori di Virgilio, e
Sorrento di nuovo gloriosa per la casa nativa di Torquato Tasso; la scala di Capri, e li
recessi di Tiberio, e Pozzuolo, e’l ponte, e Baia, e Miseno, e frà le antichità, le grotte, i bagni,
1626”, for Della Valle’s account of Sitti Maani Gioerida’s burial in the family chapel of the Chiesa di
Aracoeli on the Campidoglio.
17
i laghi, i solfi, e l’acque, e’l fuoco. Per questi sentieri hò veduto, Signor mio, peregrinare il
suo ingegno, una folcosa io ripeterò à lei, alla quale soglio volgermi frà le mie più dolci
memorie, quando io dico ne’ giardini dell’ameno Posilipo, ella mi empì le mani di rose, e poi
discese à Mergellina al Sepolcro del Sannazzaro; dove, letta ad alta voce, l’iscrittione, DA
SACRO CINERI FLORES: ella fu il primo, et io la seguitai à sparger li vermigli fiori sopra
il bianco marmo; altrettanto lieto, quanto improviso à me un sì bel fatto, da lei taciutomi per
prima.”
Bellori’s admiration for Della Valle appears grounded in their common passion for the
collection, recording and interpretation of the remains of antiquity. From his early years until
his death, Bellori had produced an extraordinary visual and textual documentation of Roman
architecture, sculpture, painting, coins and gems, and a profusion of smaller works of art and
artefacts, bronze statuettes, lamps and vases, including many of a non-Roman provenance.
The engravings after these works, for the largest part executed by Pietro Santi Bartoli, were
accompanied by explanatory texts, ones which often reveal a marked interest in the art and
culture of the Orient. Della Valle’s letters, providing Bellori with a description of monuments,
art and artefacts, instrumentaria and objects of everyday life from the Orient, complemented
Bellori’s knowledge of classical Roman antiquity, and allowed him to interpret with greater
accuracy Roman relief sculpture – sarcophagi, altars and columns – as well as many objects
of exotica found in his own collection and in others that he knew personally, or from
descriptions and illustrations included in his correspondence or known to him from books.
Della Valle’s letters brought to life the ancient world east of Rome, and they allowed Bellori
and his contemporaries to visualize the art, history and customs of the Levant.
18
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF „TROIA“
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte
le cose notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi
luoghi della intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di molti
anni suo amico Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le
quali havran per aggiunta, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di
molte cose memorabili, sparse per tutta l'opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma
1650-1663 (consulted: Biblioteca Marciana: 185.D.54-57)
Volume 1: De’ viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Descritti da lui medesimo in Lettere
familiari all’erudito suo Amico Mario Schipano, Parte Prima, cioè La Turchia. In Roma:
Appresso Vitale Mascardi, 1650, pp. 34-41
INTRODUCTION
Pietro Della Valle’s description of what he identified as the ruins of Troy has been
published by Chiara Cardini (La porta d’Oriente: Lettere di Pietro della Valle, Istanbul 1614,
Roma: Città nuova, 2001, pp. 58-64). Cardini demonstrates that rather than Troy, the ancient
city described in Homer’s Iliad, the ruins that Della Valle explored were those of the Roman
colony of Alexandria Troas, situated a few miles south of ‘Troia.’ Della Valle followed Pierre
Belon’s identification of these ruins as those of Troy, and thus he continued Belon’s error.
Nevertheless, in Della Valle’s very early letter to Mario Schipano of 23 August 1614, his
description and his analysis of Alexandria Troas display all the elements that guided him in
his research over the next twelve years. He found on the site of what he called the ancient city
of Troy many more remains than he had expected to find there. Following a description of the
physical characteristics of the site, Della Valle writes about certain ancient building ruins
which could only have been a “molo”, or pier. This he determined by the „colonelle“, the
small columns to which vessels were tied. These, originally of fine and hard marble, were
now as rough and worn “ruvide e scabrose” as pumice stone. He broke off a piece of this with
his own hands to show to others. This area was now filled in with earth, and only a small
quantity of salt water – a kind of swamp – was to be seen in the centre. Della Valle
enumerates reasons for believing this area to have been a harbour. He also describes many
very large column bases, which he deems not smaller than those of the Pantheon. He
measures one of the two large columns, which was lying on the ground, determining it to be
thirty-nine of his own feet. In this place Della Valle also records very beautiful marble
sepulchres, measuring a palm and one half. He speculates that these may be the sepulchres of
valorous men who died here in battle. He also takes note of a water conduit that was so large
that a man might stand in it, although he suggests that it may have been instead a sewer,
because it ran underground to the sea. Another conduit was so large that a carriage might
enter it. Here Della Valle suspects are the remains of a subterranean street system, and he lists
the arguments supporting this hypothesis. In addition, Della Valle copies the Latin
inscriptions that he observed – these, he writes, are not mentioned by Belon – and he reports
walls of marble of 25 to 30 “palmi”, as well as large porticoes, towers and all the elements
which were found in royal palaces. Della Valle ascends to the top of the highest of these walls
to gain a better view of the site, and from this vantage point he sketches a plan of the
monument in order to have it painted later by someone who might be able to understand his
own scrawls („scarabocchi“).
19
As noted above, Cardini demonstrates that, rather than Troy, the ancient city described in
Homer’s Iliad, the ruins that Della Valle explored were those of the Roman colony of
Alexandria Troas, situated a few miles south of ‘Troia.’ Alexandria Troas is an ancient Greek
city situated on the Aegean Sea near the northern end of Turkey’s western coast. The site
spreads over approximately 400 hectares. Among the few surviving structures are a ruined
bath, a gymnasium complex and a stadium. The ruins resemble those described by Della
Valle.
Aleaxandria Troas, Therme
20
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF “TROIA”: TEXT
Lettera 2. di Costantinopoli
De’ 25. di Ottobre 1614
[References in square brackets are found in the margins of Della Valle’s book.]
(34) Finalmente una Domenica a’ trè di Agosto [1614], la mattina a buon’hora, si diede fondo
sotto l’isola di Tenedo; ma lontano dalla città, nella bocca del canale, che la divide dalla terra
ferma di Troia. Quando io mi vidi in quel luogo, non potei haver più pazienza; e subito spedii
Tomasetto alla Terra, accioche pigliasse un Caicco, che mi portasse a veder le rovine di Troia,
et gentis cunabula nostrae. [Virg. Eneid. 3] Andò Tomaso, et in tanto la nave con un poco di
vento si accostò più vicino. Il giorno seguente, venne a trovarmi il Caicco; guidato da un
Padron Turco, e da otto marinari Greci; et io, ad hora di desinare, dato un’ultimo Vale alla
nave, e lasciatovi dentro a guardar le mie robbe, finche arrivava in Costantinopoli, il mio
Romito Frat’Andrea Fiammingo; il quale, come huomo, che era stato più volte in Gerusalem,
et haveva voglia di tornarvi, mi fù dato in Rieti dal Signor Cardinal Crescentio, nella cui
diocesi egli viveva, accioche in questo viaggio mi servisse di esperta e fedel compagnia; io,
con gli altri due miei servidori, condotti da Italia, Tomaso e Lorenzo, imbarcai nel Caicco; e
per mia conversatione, menai ancora con me trè Caloieri Greci amici miei, un Frate di San
Francesco di Costantinopoli, et un Mercante Francese,
(35) co’l suo servidore, che haveva curiosità di veder Troia: e con un vento gagliardissimo,
che soffiava in favore, fatto vela, in manco d’un’hora fui là; e subito sbarcato in quel terreno,
abbracciandolo quasi con affetto per memoria de gli antichi nostri padri, colsi alla riva del
mare una di quelle brecce, che la riserbo ancora per memoria. Cominciai poi a scorrere il
paese con molto gusto, trovando da vedere assai più che non pensava; e credo che avvenga,
perche con le rovine antiche vi sono mescolate ancora altre rovine più moderne. Io, per la
gran curiosità, che ne haveva, non curandomi punto degli spaventi, che molti cercavano di
mettermi de i ladri, in quei paesi deserti; volsi andar per tutto veder ciò che vi era, e caminar
dentro a terra più di due miglia. E per raccontarne a V. S. qualche cosa, dirò prima, che la
città di Troia era fabricata alla riva del mare, dirimpetto a Tenedo, come dice Virgilio; in
mezzo a due Capi, [Eneid. 3] uno de’ quali, che è più verso Mezo giorno, si chiama hora Capo
Santa Maria; e l’altro più verso Costantinopoli, Capo Giannizzeri, che vogliono che
anticamente fosse il Sigeo; e questi sono i confini, dalla parte del mare, di tutto ’l paese, che
hoggi ancora ritiene il nome antico di Troada, e cosi è chiamato volgarmente.
(36) Il monte d’Ida è dentro a terra non sò quante miglia, alle spalle della città: ma si vede dal
mare, et io lo riconobbi, osservandolo allo spuntar del Sole la mattina, per le parole del Poeta,
Iamque iugis summae surgebat Lucifer Idae.
[Eneid. 2.]
Il circuito della città, e di tutto ’l territorio fin’al monte, non sò se debba esser chiamato
pianura, ò pur colline, tanto soavi, che si assomigliano molto alla pianura: non l’hò per paese
sterile, perche vidi herba per tutto, et in particolar serpolli, et altre piante, e fiori: ma credo,
che la sterilità sua proceda dal non esser coltivato. Questo sì, che non vi è acqua viva in niun
luogo vicino alla città: et i fiumi nominati di Simoenta, e di Xantho, non gli seppi trovare
vicino all’habitato della città; ma credo ben che scorrano qualche miglio lontano, come dirò
appresso. Di là dal monte Ida un pezzo, lontano forse dal mare due giornate, si vede un’altro
monte, che io penso esser quello, che il Belonio chiama Olimpo di Frigia: [Lib. 2. c. 6] ma
21
non mi parve di quell’altezza, che egli lo fà, paragonandolo al Monsenìs; se pur la lontananza
non m’ingannava. In quanto poi alle antichità di fabriche, trovai prima, alla riva del mare, le
reliquie di una muraglia grossissima, che non può essere stata altro
(37) che un molo; e si conosce alle colonnelle da legar vascelli, le quali dal tempo, e dal
vento marino sono consumate in modo, che con tutto che siano di marmo fino e duro, son
divenute ruvide e scabrose come Pomice; et io ne porto per mostra un pezzo, staccato da una
colonna con le mie mani. Questo molo rinchiudeva dentro a terra un porto, ò per dir meglio
darsena, la quale hora è ripiena di terra: ma pur’ in mezo vi è restato un poco di acqua salsa,
che fà come una palude, et attorno nell’arena lascia molta spuma di sale. Credo certo, che
questa fosse darsena, perche dalla parte di dentro ancora, in molti luoghi attorno, dove adesso
è terra, si vedono drizzate altre colonnelle, secondo me, pur da legar vascelli. Se pur’ è stata
sempre palude, si può dir, che sia quella, dove già finse Virgilio [Eneid.2.] essersi nascosto il
frodolente Sinone. Trovai similmente alla marina molte basi di colonne grandissime, niente
inferiori a quelle della Rotonda di Roma: trovai due colonne stese in terra; una delle quali, che
è rotta, misurata da me, era lunga trentanove de i miei piedi. Vidi per terra in diversi luoghi
molte altre colonne, e pezzi di marmi grossissimi di varie sorti: sepolture belle di marmi
grossi un palmo e mezo, e di queste quantità: e chi sà, che non ve ne fosse
(38) alcuna di quegli huomini valorosi, che morirono combattendo sotto alle mura? Vidi un
condotto di acqua, grande, che vi può entrare un’huomo in piedi: ma io lo stimo più tosto
chiavica, che condotto; perche camina sotto terra, et alla riva del mare viene al piano
dell’acqua; e certo, dal modo della fabrica, stò in dubbio di quello che possa essere. Un’altro
simile ne trovai dentro a terra, che mi fece maravigliare; perche è grande che vi entrerebbe
una carrozza: e quando io vi passai sopra alla bocca, credeva certo che fosse ponte: ma ponte
non è; nè condotto di acqua può essere, perche è troppo grande, e troppo basso, e dicono che
và sotto terra un gran pezzo: di maniera che non sò pensare che possa essere stato; se non
fosse a sorte qualche strada sotterranea; e per ventura quella (se pur sotterranea possiamo dir,
che quella fosse)
qua se, dum regna manebant,
Saepiùs Andromache ferre incomitata solebat
Ad soceros; et avo puerum Astyanacta trahebat.
[Virg. Enei.2.]
Trovai ancora molte rovine, e spesse, di case grandi, di torri, di tempii; ne riconobbi alcune
notate dal Belonio, et altre non vedute forse da lui; come anche due iscrittioni Latine, che hò
copiate, e non sono di quelle, che osservò il
(39) Belonio: dalle quali iscrittioni si conosce chiaramente, che la città è stata rifabricata, e
rihabitata in tempi più moderni, e degl’Imperadori Romani. Vidi ultimamente, più in un
miglio dentro a terra, il palazzo, il quale, ò sia quel d’Ilione, come vogliono i paesani, ò
pur’altro più moderno, che per la qualità della fabrica, a mio giudicio, l’uno e l’altro potrebbe
essere, chiara cosa è, che era palazzo, ò castello reale. Vi si vedono muraglie, tutte di marmo,
grosse venticinque, e trenta palmi; portici ampissimi, torri, et ogni altra cosa che ricerca
un’edificio regio. Io volsi andare in cima della più alta muraglia che vi fosse, per vederlo
meglio tutto, e per potere scoprire tutto ’l paese intorno, come feci, fin’al monte d’Ida; e ne
presi un poco di schizzo di pianta, per farlo dipingere un giorno, se troverò chi possa
intendere i miei scarabocchi. Il Belonio fà mentione delle reliquie di una gran torre, che egli
stimò essere stata fanale: io ne vidi una simile, ma dentro a terra; e per fanale, questa mia mi
par troppo lontana dal mare: più tosto havrei potuto pensare, che fosse quella,
22
unde omnis Troia videri,
Et Danaum solitae naves, et Archaica castra,
se quella Virgilio [Eneid. 2.] non avesse scritto, che fù
(40) rovinata, e precipitata sopra i Greci la notte dell’eccidio. Oltre che questa, che io vidi,
era lontana, forse più di un miglio, dal palazzo reale, che si crede essere stato quello d’Ilione:
dove che quell’altra, che Virgilio descrive, era contigua, anzi membro della stessa Reggia di
Priamo, summisque sub astra, Eductam tectis, come dice il nostro Poeta. [Eneid. 2.] Però sia
qual si voglia, la veduta da me mostra di essere stata una bella fabrica; simile a quella de’
Conti, ò delle Militie di Roma. Delle cisterne ne trovai una sola, fabricata di quelle pietre
negricce, che nomina più volte il Belonio. [Lib. 2 c. 6] A questa volsi bere, per gustar
dell’acqua Troiana; facendone cavar con un vaso di terra, che trovai là vicino, mandato giù
co’l Turbante del Turco che ci guidava, che servì per all’hora in cambio di corda: l’acqua era
buona e fresca, ò pur’ a me parve così, perche haveva caldo e sete. Del resto, tutto ’l terreno
della città, che, per quel che si vede, era grandissima, e girava attorno molte miglia, è pieno di
sassi, di pezzi di marmo, di muri, e si vede chiaramente che era tutto habitato strettissimo. V.
S. non potrebbe credere con quanta tenerezza io andava caminando per quei luoghi,
ricordandomi a passo a passo di tutte le historie antiche:
(41)
Hic Dolopum manus, hic saevus tendebat Achilles;
Classibus hic locus, hic acies certare solebant.
[Virg. Enei.2.]
Ma quando considerava, che là dove una volta erano strade magnifiche, e palazzi superbi,
sono adesso campi deserti, e spiagge solitarie, ne haveva gran compassione; e se ben sò, che
per legge naturale,
Muoiono le città, muoiono i Regni,
[Tass. Gier. cant. 15]
tuttavia parendomi cosa indegna, che una Reggia così famosa fosse ricoperta d’herba, e di
piante, non potei far che non mi sdegnassi, e che non carpissi, e sterpassi con rabbia non sò
quanti di quei cespugli, che havevano havuto ardire di opprimer le rovine di quelle mura, per
le quali tanti huomini valorosi havevano perduto la vita, e bagnato tutti quei campi di sangue
così nobile.
Era hormai notte, e parendomi di haver veduto tutto quello, che si poteva vedere, tornai co’
miei compagni al Caicco; e con gran fatica, perche il vento era gagliardo e contrario,
andammo a due hore di notte alla città di Tenedo, dove quella notte dormii in casa di una
Greca molto amorevole. La mattina riconobbi il paese; e lo trovai quale lo descrive Virgilio,
[Eneid.2.] ma più presto un poco meglio: perche la città, ò Terra che sia, è habitata da molte
anime; et è luogo
(42) di traffico, che vi capitano molti vascelli. Quì trovai una cosa assai curiosa, che è
l’habito delle donne Christiane: le quali, benche nel parlare, ne i riti, et in ogni altra cosa
professino di esser Greche; tutta via nell’habito sono assai differenti dalle Greche di Europa, e
dell’Arcipelago, e vestono giusto come quelle di Asia nel paese di Troada; et è fama trà di
23
loro, che questo habito sia antichissimo. Io, perche mi parve bello, e che havesse disegno; e
perche mi ricordo di haver veduto una Helena, scolpita in ametisto, quasi con l’istesso habito;
sperando che forse possa esser l’antico Troiano, ne feci far subito uno di tutto punto, dalla
camicia fin’all’ultima copertura della testa, e lo porto con me per gusto de’ curiosi. Con
questa occasione feci in Tenedo molte amicitie, e vi passsai il tempo con un poco di gusto.
24
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF BABYLON (“BABÈL”)
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte
le cose notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi
luoghi della intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di molti
anni suo amico Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le
quali havran per aggiunta, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di
molte cose memorabili, sparse per tutta l'opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma
1650-1663
Volume 1: De’ viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino. Descritti da lui medesimo in Lettere
familiari all’erudito suo Amico Mario Schipano, Parte Prima, cioè La Turchia. In Roma:
Appresso Vitale Mascardi, 1650, pp. 704-712
INTRODUCTION
Pietro Della Valle’s report from Babylonia was published by Antonio Invernizzi (in: Pietro
Della Valle, In viaggio per l’Oriente: le mummie, Babilonia, Persepoli, Edizione dei testi e
introduzione di Antonio Invernizzi, con appendici di Enrichetta Leospo e Fabrizio A.
Pennacchietti, Roma: Edizioni dell’Orso, 2001, pp. 129-151), together with the relevant pages
from Della Valle’s diary (Biblioteca Apostolica Vaticana, Codice Ottoboniano Latino 3382,
fol. 32-35, pp. 49v-54r), and again in: Il genio vagante: Babilonia, Ctesifonte, Persepoli in
racconti di viaggio e testimonianze die secoli XII-XVIII, ed. Antonio Invernizzi, Alessandria:
Edizioni dell’Orso, 2005, pp. 194-196.
Pietro Della Valle arrived in Babylon (“Babèl”), where once stood the tower of Nembrot
(Nimrod) accompanied by his draftsman-painter. He describes a “gran mole di fabrica
rovinata, tutta d’un massiccio”, rectangular in shape and built as a tower or pyramid, with its
four sides facing the four corners of the earth. It seemed to Della Valle that the side extending
from South to North was much longer than that extending from East to West. The perimeter
measured approximately 1,134 of his own “passi”, or steps, which he thought to be about a
half a “miglia.” The form of the building, similar to a pyramid, was called by Strabo the
sepulchre of Belo. In the Old Testament it was, however, called the tower of Nembrot
(Nimrod) in the city of Babylon (Babèl). This building was minutely described by Herodotus,
Della Valle reports. Here are described eight towers, one on top of the other and of massive
proportions, with steps to ascend, encircling the building, and there was more, about which
one might read in Herodotus. Strabo, instead, did not mention the steps or many other
beautiful features of the structure, because, as he himself wrote, the site had been destroyed
by Xerxes. Alexander the Great had intended to restore the monument, but he was prevented
from doing so by his death. Della Valle writes extensively about the ruinous condition and
about the difficulties of understanding the original appearance of the building. One sees no
sign of the steps, he writes, nor of an entrance portal, and this confirmed, he believed, that the
outside stairs, as the weakest of all the elements, were the first to crumble. Inside one sees
grottoes, all in ruin, and thus it is not to be determined if they had been built together with the
monument, or later by people from the countryside as shelters, the latter possibility seeming
to him the more likely one. Della Valle describes the building material in great detail, and he
has broken off parts to examine closely the size and type of bricks, the components of the
mortar, which sometimes was not made of good lime, (“buona calce”) but with earth
(“terraccia”), and sometimes, for more strength, the earth is mixed with “certe cannuccie
25
palustri spezzate, overo paglie dure da fare stuoie.” At certain points, to provide greater
stability, bricks of the same size were used but they were baked and solid (“cotti e sodi”) and
“murati con buona calce, ò con bitume.” In any event, he wished to take with him examples
of this building material to show them to the antiquaries of Italy. He explained further that the
monument was associated in the Bible with Nembrot [Nimrod] and in pagan writing with
Belo, but Della Valle interprets it according to Roberto Bellarmino’s Chronologia, printed
some years earlier which he had recently studied in the company of a Jesuit priest in
Constantinople (in: 1614; see: Chronologia brevis ab orbe condito ad haec tempora, ed.
Cologne: H. Mylius, 1659; 1613 ff.). Della Valle was eager to have the painter who
accompanied him document visually Babel in perspective. The artist made his drawing from
two points of view, and these are the most beautiful prospects and show the monument from
all four sides. On the basis of these drawings, he will make paintings. Della Valle concludes,
stating that in his opinion, there is no doubt that the ancient Babel is the “Torre di
Nembrotto”, and he adduces the arguments that support his position.
Pietro Della Valle’s graphic documentation of Babylon is fully treated and illustrated by
Antonio Invernizzi in his introductory chapter, “Pietro della Valle, esploratore di antichità
orientali”, in Pietro Della Valle: In viaggio per l Oriente. Le mummie, Babilonia, Persepoli,
Alessandria: Edizioni dell Orso, 2001; see, in particular, “La documentazione grafica in
Babilonia” (pp. 41-49), and “La torre di Babele” (pp. 50-56).
Babylon, Iraq, 1932.
Photograph in the G. Eric and Edith Matson Photograph Collection,
Library of Congress, Washington
26
TURRIS BABEL (Tower of Babel)
Athanasius Kircher’s illustration of the Tower of Babel
After: Athanasius Kircher, Turris Babel, Sive Archontologia Qua Primo Priscorum post diluvium hominum vita,
mores rerumque gestarum magnitudo, Secundo Turris fabrica civitatumque exstructio, confusio linguarum, &
inde gentium transmigrationis, cum principalium inde enatorum idiomatum historia, multiplici eruditione
describuntur & explicantur, Amsterdam: Janssonio-Waesbergiana, 1679
27
Prospectus Ruderum Turris Babel,
ex parte Septentrionali observatus per Petrum à Valle
After: Athanasius Kircher, Turris Babel, Sive Archontologia Qua Primo Priscorum post diluvium hominum vita,
mores rerumque gestarum magnitudo, Secundo Turris fabrica civitatumque exstructio, confusio linguarum, &
inde gentium transmigrationis, cum principalium inde enatorum idiomatum historia, multiplici eruditione
describuntur & explicantur, Amsterdam: Janssonio-Waesbergiana, 1679
Prospectus Ruderum Turris Babel,
ex parte Australi observatore Petro à Valle
After: Athanasius Kircher, Turris Babel, Sive Archontologia Qua Primo Priscorum post diluvium hominum vita,
mores rerumque gestarum magnitudo, Secundo Turris fabrica civitatumque exstructio, confusio linguarum, &
inde gentium transmigrationis, cum principalium inde enatorum idiomatum historia, multiplici eruditione
describuntur & explicantur, Amsterdam: Janssonio-Waesbergiana, 1679
28
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF BABYLON (“BABÈL”): TEXT
Lettera 17. da Baghdad
De’10. e 23. di Decembre 1616.
[References in square brackets are found in the margins of Della Valle’s book.]
[Cap.] VII
(704) Era più giorni, che haveva voglia di andar due giornate lontano sopra ’l fiume Eufrate,
a veder Babèl, che è la vera Babilonia, dove fù già la Torre di Nembrotto; le rovine della
quale haveva inteso trovarsi ancora molto grandi: ma non vi era andato mai, perche in quelle
campagne vi era gran romor di rubamenti, e d’uccisioni, per le correrie che facevano certi
Arabi soggetti
(705) ad un tal Mubàrek, che comanda con dominio assoluto ne’ Deserti della Babilonia, et
Arabia più vicini al mare, sopra ’l Seno Persico. Non hà che far questo Mubàrek co’l Turco,
anzi aderisce al Persiano; come a quello, da cui nel suo paese può ricever danno, levandogli
l’acqua di un fiume, che viene dagli stati della Persia, e corre per quelli del suo dominio,
facendoli fertili: e però, benche Mubàrek si chiami, e sia in effetto, Sultàn, cioè Principe
libero, tuttavia, per questo rispetto, riconosce tanto il Rè di Persia, che nelle proprie monete,
stampa, secondo intendo, il segno di quello, insieme co’l suo; quantunque (per quanto io
credo) più per adulatione, che per obligo. Adesso poi, sì per le guerre di Persia, che sono in
piedi; sì anco per altri disgusti che hà co’i Bascià di Baghdàd; fà co’i Turchi alla peggio: e
tutto ’l giorno, per queste campagne intorno, non si sente altro che correrie, come hò detto, et
abbattimenti da un canto e dall’altro. Anzi il Bascià stesso, che adesso stà in procinto di uscire
in campagna con circa a sette mila soldati; non si sà ancora, se anderà a’ danni de’ confinanti
Persiani, overo di Mubàrak; il quale i mesi passati ruppe un suo figliuolo, che mandava per
governatore in Basra, con gran danno de’ Turchi. Per questi romori
(706) adunque, non era io andato mai a veder Babèl; perche si trattava di trovare Arabi a
centinaia, et io non voleva condur con me una compagnia di Giannizeri. Ma finalmente,
havuto nuova, che il paese era un poco più quieto, determinai di andarvi, e’l giorno de i
diciannove di Novembre mi avviai a quella volta; conducendo meco, per buon rispetto, cinque
buoni archibugieri; cioè, L’Alessandri Venetiano, e’l Pittore, che soli mi sono avanzati de i
miei Franchi, Ibrahim l’Aleppino, e due Turchi, soldati di quell’amico mio. Non volsi andar
per strada corta del Deserto a drittura, ma per più sicurezza andai verso ’l fiume Eufrate, dove
è più vicino a Baghdàd; con animo di costeggiarlo con una volta un poco lunga, per andar per
l’habitato, sempre di villa in villa. Haveva con me, oltra le cavalcature, trè cameli, che
servivano per le some del padiglione, letti, e robba da mangiare, e per le cune da viaggio;
dentro alle quali conduceva in mia compagnia una nobil Dama, di chi V.S. saperà poi, che con
tutti i pericoli della strada, così piacendo anche a lei, per darle un poco di spasso, volsi haverla
appresso, e non lasciarla, come timido, nella città. Co’i cameli, venivano ancora trè arcieri
buoni, camelieri, che havevano anche altre armi; co’ quali, mi
(707) parve di potere andar senza paura. La prima sera, alloggiammo in una villa del Turco
amico mio, dove fummo ricevuti dagli huomini suoi. La seconda notte (passata il giorno la
villa Ruzuania) dormimmo in un’altra villa assai grande, che se ben non è serrata di mura, et
ha le case sparse in quà et in là, come a punto Nocera vicino a Napoli; tuttavia, per la sua
grandezza, meriterebbe nome di buona Terra: ma in Turchia tutte quelle, che non sono città, si
29
chiamano ville; e lo dico a V. S. accioche, sentendomene nominar molte, non pensi, che tutte
siano di pochissima habitatione: perche alle volte, in luoghi di questo nome, si trova gente
assai, e robba; benche le case sian cattive, di terra, e come poveri tugurii, a rispetto di quelle
del paese nostro. Padrone della villa grande, dove alloggiammo la seconda sera, è Mahmùd
Bascià che è stato due volte Bascià di Baghdad; e con quella occasione si hà fatte in questi
paesi molte facoltà. Lo chiamano, per sopranome, Cigal’Ogli, cioè figliuolo de Cicala; perche
è figliuolo di quel Cicala rinegato famoso, che fù già Capitan del mare. Dal padrone Mahmùd,
la villa prende il nome di Mahmudiè; et alcuni la chiamano Gedìda, cioè Nuova, perche è
stata fatta nuovamente. Il terzo giorno, lasciata
(708) a dietro Zeobia villa distrutta, passato mezo dì arrivammo al fiume Eufrate, sopra la cui
sponda, a secondo delle acque, cominciammo a caminare, voltandoci a man sinistra verso
Mezo giorno, perche fin’allhora havevamo caminato rivolti sempre a Ponente. Pensammo, in
questo luogo, di haver da menar le mani bene, perche scoprimmo di lontano otto ò dieci
cavalli, con archibugi, archi, e freccie, et altre armi; e gli vedemmo venire a drittura molto
risoluti alla volta nostra. Noi, non perdemmo tempo; e perche in questi paesi non bisogna
stare a vedere, scese subito ogn’uno da cavallo, si accesero i micci, e chi l’haveva a ruota,
calò il cane, si diedero le Abe, i turbanti grandi, et altre vesti d’impaccio a tenere alla Dama;
la quale, d’animo guerriero, con molto mio gusto, non solo si smarrì punto, ne fece alcuna
sorte di motivi, che havrebbe fatti forse una Ponentina, ma con molto ardire stava mirando
dalle cune, e guardando attentamente i panni datigli a tenere: si raccolsero le bestie insieme
dietro a noi; e con le armi pronte andammo drittamente ad incontrare i Cavalieri, che
venivano. Giunti un poco più da presso, e dato ordine allo sparare un dopo l’altro per non
confondersi; erano già gli archibugi a mira, e gli arcieri Arabi
(709) inginocchiati con l’arco teso, che faceva bellissima vista, et in fatti non mancò altro che
sparare; e sparavamo senz’altro, se quelli a cavallo, vedutici in quest’atto, un poco prima di
venire a tiro, non si fermavano, come fecero, non sò, se per paura, ò per vederci meglio, ò
perche si fosse. Noi, vedutigli fermi, trattenemmo lo sparare; et accostatici più, cominciammo
a parlarci; e finalmente da i nostri Turchi furono conosciuti, che erano soldati di Baghdàd: si
chè, deposta la collera, ci appressammo, e parlammo insieme, dandoci gli uni e gli alri nuova
del camino. Dissero essi, che all’habito del mio Pittore, et a i cameli, ci avevano creduti Arabi
di Mubàrek, che con cameli molte volte sogliono andare; e che in somma tenevano per certo
di havere a scaramucciar con noi. Terminata la guerra, come V. S. intende, in saluti, et in
segni di amicitia; seguitammo innanzi; e la sera andammo a dormir sopra’l fiume in un Chàn,
overo Casa di alloggiamento publico, che si chiama Museijèb; fabricato, per commodità de’
passagieri, in luogo deserto, con buone mura attorno in foggia di Castello, per starvi sicuro. In
questi Chàn di Turchia, come credo di havere scritto altre volte a V. S., non si hà altro che le
nude camere; e bene spesso, nè anco camere,
(710) ma solo portici da stare al coperto. Per le strade, ne’ luoghi di passo in campagna, non
si paga cosa alcuna per alloggiarvi; perche son fabricati, ò dal Principe, per commodità de’
viandanti, ò da particolari, per limosina. Dentro alle città, che pur ve ne è, in molti, si paga
solo un poco di cortesia al custode per la chiave delle camere; et in alcuni, che son di persone
particulari, si paga anche fitto, ma poco. Però in tutti è necessario di portarsi quanto bisogna
per mangiare, e per dormire; perche in fatti, non vi è chi lo dia con denari, come nelle nostre
Hosterie. Hor perche si faccia così, non posso darne altra ragione, se non perche così è l’uso
del paese: ma credo che sia, perche i Turchi sono avvezzi a viver con poco, e poco bene; e
però in questo modo a tutti torna più conto: poiche i viandanti, se non poveri, un poco di
biscotto, che si portino, con un poco di dattili, ò cosa simile, basta loro per mangiare, e la terra
per letto, et i proprii panni per coperte, e per lenzuoli; se son ricchi, per mangiare, basta il
30
pilao di riso, con un poco di carnaccia, se vi è, e se nò, con solo butiro; un poco di Cahue, et
un’altro poco di Tabacco da bere per trattenimento; e per dormire, un par di coperte imbottite,
con un coscino; cose tutte, che con gli ordigni
(711) della cucina, e co’l padiglione, non fanno una piccola soma, che ogni galant’huomo se
la conduce appresso; et ad un’Hoste non metterebbe conto di tener l’hosteria tutto l’anno, per
haver da spacciar qualche volta così poca robba. Per noi altri Franchi poi, che vogliamo i letti
commodi, con mille bagaglie di biancherie, e di altre cose; e mangiar le nostre galline, l’uova,
i frutti, quando ve ne è, con simili gentilezze; fan mestiere un poco più some; e quando si
alloggia, mandare un’huomo innanzi, che vada anche, quando bisogna, due e trè miglia
lontano per le ville intorno a cercar la robba, la quale pur si trova; et in fatti, con pochi denari,
si stà honestamente bene. Anzi dico certo a V. S., che io mi son tanto avvezzo al padiglione,
et al servigio della mia propria gente; che da certi tempi in poi, ò troppo freddi, ò troppo caldi,
ne hò gusto assai più, per la pulitezza, che delle nostre hosterie d’Italia: dove l’huomo si vede
comparir dinanzi gente succida, et è servito da quei bricconi con quei senalacci unti, che
fanno stomacare a vederli: oltre che la cucina, et i letti, Dio sà, come stanno; e la notte, per gli
strepiti de’ mulattieri e passaggieri, poco vi si può dormire; e con tante altre incommodità di
dovere alloggiare e partire, non a suo commodo,
(712) ma a voglia altrui, la spesa ancora vi è maggiore assai. Ma mi vado allungando allo
sproposito in certi discorsi, che non servono a niente. Horsù, torniamo a casa. Dal Chàn
Museijèb, partimmo il giorno seguente all’alba; e verso ’l mezo giorno, vedemmo, e ci
lasciammo a man sinistra di lontano, una villa, con una Meschita, tenuta in pregio da’
Mahomettani, per esservi sepolto un tale Abùl Casum, parente del loro Alì, dal quale anche il
luogo prende il nome. Assai a buon’hora poi, andammo ad alloggiar la sera pur’ in un Chàn,
presso un Castello dishabitato, che si chiama Bir-ser-chàn: e di là, il giorno appresso, che
erano i ventitrè di Novembre partiti la mattina pur’all’alba, un’hora e più innanzi mezo giorno
arrivammo alle rovine di Babel; sotto alle quali piantammo il padiglione, per haver
commodità di desinare, e di trattenerci a veder bene ogni cosa, quanto fosse bisognato. Girai
poi le rovine da tutte le parti; salij in cima; caminai dentro per tutto; vidi, rividi; et in
conchiusione, quel che trovai, è questo.
[Cap.] VIII
In mezo di una grande e pianissima campagna, vicino, circa a mezo miglio, al fiume
Eufrate, che le passa in quel luogo quasi per Ponente, si rilieva infin’hoggi sopra terra una
gran
(713) mole di fabrica rovinata, tutta d’un massiccio; ò che fosse così da principio, come a me
pare; ò che le rovine l’habbiano cagionato, e ridottala, come si vede a guisa di un monte; di
che però non apparisce molto segno. La sua forma, è quadra, a punto da Torre, ò da Piramide;
rivolta giusto, con le quattro faccie, alli quattro angoli del Mondo: ma, se non m’inganno, ò
non procede dalle rovine (che può esser facilmente,) apparisce hora alquanto più lunga da
Tramontana a Mezo giorno, che da Levante a Ponente. Il circuito attorno, misurato alla
grossa, è mille e cento trenta quattro passi de i miei; che secondo me, fanno intorno a mezo
miglio. Misura, sito, e forma di fabrica, che confronta per a punto con la Piramide, che chiama
Strabone Sepoltura di Belo; [Lib. 16] e che deve esser quella, che nelle sacre lettere è detta la
Torre di Nembrotto, [Gen. 10 et 11] nella città di Babilonia, ò Babèl, come infin’hoggi questo
luogo si chiama. Come fosse a’ suoi tempi questa bella fabrica, Herodoto, [Lib. 1] autore
antichissimo, lo descrive minutamente: cioè, che erano otto torri, una sopra l’altra, di fabrica
31
massiccia; con le scale di fuori attorno per salire; e molte altre cose, che appresso a lui si
possono vedere. Strabone non fà mentione nè delle scale, nè delle altre bellezze; perche
(714) come egli dice, [Lib. 16] era stata già rovinata da Serse et Alessandro Magno, che la
voleva ristaurare, fù prevenuto dalla morte. E’ cosa da notare, che dal detto monte di rovine in
poi, non si vede in quel luogo nè pur segno di altra cosa, che mostri esservi stata una città così
grande; vedendosi solo in alcuni luoghi certi fondamenti in terra di mura rovinate, cinquanta ò
sessanta passi dal monte lontani. Del resto, il terreno attorno, è tutto pianissimo; e pare
impossibile, esservi stato corpo di fabrica notabile, non vedendosene in luogo alcuno reliquie
sopra terra, fuor che il massiccio grande; e pur sappiamo quanto le fabriche di Babilonia
fossero riguardevoli. Ma in somma, il tempo lungo, fà, e guasta gran cose: bisogna anche
considerare, che con circa a quattro mila anni, ò poco meno, che quella città fù fabricata; che
in quanto a me, mi maraviglio, come si veda quel che si vede; tanto più che Diodoro Siculo,
[Lib. 2] il quale è pur’antico, dice che al suo tempo era già ridotta a pochissimo. L’altezza
sopra terra del monte, che dissi delle rovine, è dove più, e dove manco; ma sotto sopra farà
più di ogni alto palazzo di Napoli. La figura, è difforme, come sogliono haver tutte le fabriche
rovinate: dove si alza, dove si abbassa, dove scoscesa, dove piana che si può salire,
(715) dove hà segni di torrenti per l’acqua delle pioggie che corre abbasso; e dentro ancora,
di sopra, dove concava, dove rilevata, in somma a guisa di un confuso monte. Non vi si vede
segno alcuno di scala per salire, nè porta per entrare; onde si conferma, che le scale erano
attorno di fuori, e come parti più deboli, furon le prime ad esser rovinate, in modo, che non
apparisce più, ne vestigio, nè segno. Dentro, andando per di sopra, si trovano alcune grotte;
ma tanto rovinate, che non si discerne che cosa fossero: e di alcune stò anche in dubbio, se
siano cose fatte con la fabrica, overo dapoi, da genti di campagna per ricovrarvisi, il che mi
par più verisimile: però in queste, sognano i Mahomettani, che stiano condennati a patire
Harùt e Marùt, Angeli, [Furs Sururi Vocabol. Pers. nella parola Babel] come essi fingono,
che mandati già da Dio in terra a spiare, se ben mi ricordo, overo a giudicare de i fatti degli
huomini (conforme riferisce il Belonio [Lib. 3, cap. 6] essere scritto frà le pazzie
dell’Alcorano [Cap. 1] e delle glose di quello; et me quì diversi de’ loro dottori hanno in voce
confermato) dicono, che innamoratisi quà giù di una donna, che ricorse a loro per giustitia
contro ’l suo marito, la tentarono di adulterio; et essa promise loro di farlo, se le insegnavano
la oratione, in virtù della quale gli Angeli, quando loro
(716) piaceva, discendevano, et ascendevano al cielo. Et havendogliela quelli insegnata, la
disse ella subito, e se ne volò immantenente al cielo; lasciando in terra gli Angeli delusi, e per
lo peccato commesso, non più habili a sormontarvi: i quali poi da Dio, in pena dell’intentato
adulterio, havendosi eletto essi medesimi di patir, piùttosto in questo, che nell’altro mondo,
furon condennati, come accennai, nella già detta grotta, a starvi appesi per gli peli, non sò se
delle palpebre, ò delle ciglia, infin’al giorno del giudicio. Veda V. S. di gratia, che farragine
di spropositi: ma torniamo alle rovine della Torre. La materia, di che è composta tutta la
fabrica, è la più curiosa cosa che vi sia, e da me fù con diligenza osservata, rompendola con
picconi in diversi luoghi. Son tutti mattoni molto grandi e grossi di terra cruda, seccati, come
io credo, al Sole, a guisa delle Tappie di Spagna; e son murati, non con buona calce, ma pur
con terraccia; e per più fortezza, trà mattone e mattone, mescolate con quella terra che serve
di calce, vi sono come a solaio certe cannuccie palustri spezzate, overo paglie dure da fare
stuoie. A luogo a luogo poi, vi sono mescolati in diverse parti, massimamente dove più
importa per sostegno, molti mattoni della medesima grandezza,
(717) ma cotti e sodi, e murati con buona calce, ò con bitume: però li crudi sono senza dubbio
assai più. Di tutti questi mattoni, cotti, e crudi, co’l bitume attaccato, e di quelle cannuccie,
32
che hanno in mezo, io hebbi gusto di pigliarne, e ne porto meco per mostrarli in Italia a gli
antiquarij curiosi, che certo mi par che sia una bella antichità; facendosi mentione dell’uso in
questo paese di fabricar con bitume in vece di calce, non solo da Giustino abbreviator di
Trogo [Lib. I] nelle fabriche di Semiramide, ma dalla Sacra Scrittura medesima nella fabrica a
punto di questa stessa Torre e città; [Gen. II. 3.] l’edificio della quale la Scrittura Sacra a
Nembrotto, [Gen. 10] et i profani a Belo attribuiscono; onde non male il Bellarmino nella sua
Chronologia [Ann. Mundi 1791] stampata gli anni a dietro, che io vidi la prima volta in mano
di un Padre Giesuita in Costantinopoli, crede che Belo e Nembrotto sian tutto uno; e Strabone,
[Lib. 16] con Herodoto, [Lib. I] e gli altri ethnici, chiamò, come dissi di sopra, sepoltura di
Belo questa stessa piramide, che dagli Scrittori sacri vien detta Torre di Babilonia, ò di
Nembrotto. Hebbi gusto ancora di far ritrar Babèl dal mio pittore in prospettiva, e là proprio
ne fece il disegno da due parti, che erano le più belle vedute, e contengono tutti quattro i suoi
lati; e ne farà poi quadri,
(718) con più diligenza. Che sia quella Babèl antica, e la Torre di Nembrotto, non c’è dubbio,
secondo me, perche oltre che il sito lo dimostra, da’ paesani ancora hoggidì è conosciuta per
tale, et in Arabico chiamata volgarmente Babèl; stringendo però alquanto la pronuntia di
quell’e dell’ultima sillaba, conforme al loro costume, onde è, che i Latini hanno usato di
scriverla con y. Alla qual voce Babèl in Arabico, ò Babyl, scrivendola alla Latina, se si
aggiunge in fine la doppia vocale come và, con la sua terminatione in caso retto, viene a punto
a farsi Babelon, ò Babylon, come da Latini è stata chiamata. Veduta Babèl, restava ancora
molto del giorno: e perche eravamo vicini ad una città chiamata Hella (non conosciuta
dall’autor della Epitome Geografica, nè forse da altri de’ nostri, che io sappia) che è delle
principali della provincia di Babilonia; volemmo, benche fosse più lontana, andar là, ad
alloggiar la notte; sì perche vi saremmo stati meglio, che altrove in campagna; sì anche per
vederla, poiche vi eravamo tanto appresso. Vi arrivammo ad hora di compieta: ma poco prima
di giungervi, trovammo sù la strada una Meschita, pur di divotione a’ Mahomettani, che la
chiamano Giumgiumà, cioè la Meschita del Teschio,
(719) per esser fabricata nel luogo, dove fù ritrovata la testa di un di quei loro malamente
riputati santi. Dimorammo in Hella tutto ’l giorno seguente, per vederla bene; et in poche
parole dirò a V. S., che è situata Hella sopra l’Eufrate, e la metà di quà, e la metà di là, e da
una parte all’altra si passa per un ponte di barche, come quel di Baghdàd: ma le barche,
quando io le hò vedute, non erano più di ventiquattro; se bene, in tempo di acqua grossa, ve ne
bisognano più. Le case, son pur come quelle di Baghdàd, fabricate di buoni mattoni vecchi,
ma bassissime, che non hanno se non il primo piano al terreno; e tutte hanno giardino con
quantità d’alberi di varii frutti, e sopra tutto palme in tanta copia, e così alte, che
sopravanzando di gran lunga, e ricoprendo, per dir così, co’i rami tutte le case, quando si vede
la città di lontano, non pare di vedere una città, ma una folta selva di dattili, che certo in
quelle pianure, e sopra quel fiume, è cosa assai vaga a vedere. È città honestamente grande: hà
dentro un castello piccolo, ma competentemente forte sopra’l fiume: bazarri assai buoni, et
alcuni di bella fabrica fatti con architettura, ma troppo scuri. Vi risiede un Sangiacco; et è
sottoposto al Bascià di Baghdàd. Frà i giardini, ve ne sono alcuni galanti,
(720) con agrumi, e simili galanterie; come uno che io ne vidi, che è di certe donne, figliuole
di un Bascià morto. Fabbriche notabili, non vi sono, nè reliquie di antichità: tuttavia si può
credere, che anche in tempi antichi tutto quel paese intorno all’Eufrate, e tanto vicino a
Babilonia, fosse strettamente habitato: e facilmente può essere che Hella dalle stesse rovine di
Babilonia in quel luogo nascesse.
33
The Tomb of Uljaytu (built 1307–13) in Sultaniyya is the architectural masterpiece of its period.
34
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF SULTANIYYA (“SULTANIA”)
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte
le cose notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi
luoghi della intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all'erudito, e fra’ più cari, di molti
anni suo amico Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le
quali havran per aggiunta, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di
molte cose memorabili, sparse per tutta l’opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma
1650-1663
Volume II: Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Descritti da lui medesimo in Lettere
familiari all’erudito suo Amico Mario Schipano, La Persia, Parte Prima. In Roma: A spese di
Biagio Deversin, 1658, appresso Vitale Mascardi, 1650, pp. 350-352
INTRODUCTION
Sultaniyya (“Sultania”) is a village in north-western Iran and was one of the capitals of the
Ilkhanid dynasty (1256-1353). In 1305 was begun a citadel with towers, mosques, schools,
markets, baths, hospitals, palaces, residences and gardens, but most of this had been destroyed
before Della Valle’s visit. Surviving remains include a tower (1310) and the massive
mausoleum that Uljaytu (d. 1316) erected for himself. Built of brick above a foundation of
local stone, the mausoleum has a large central domed chamber supported by heavy walls and
circled by eight towers. It is mentioned by Della Valle: “E per quanto mi raccontò il Custode,
che ne hà cura, e vi habita, era questo Rè Tartaro, di razza di Uzbeghi, che all’hora infino a
quelle parti dominavano; e si chiamava Sultàn Muhammèd Chodà-bende; e nella stessa
Meschita stà sepolto, et il suo sepolcro si vede.” He continues, describing the structure (“la
Meschita”), which is the most important monument of the period of Mongol rule in Iran.
Della Valle regards Sultania as a modern Islamic city: “Che questa città sia moderna, et
opera di Mahomettani; e non antica, nè di Christiani, come dicono gli Armeni, lo prova
primieramente il suo nome Sultania, che è nome Arabo, e suona quasi Regia, ò Reale.” Sheila
Blair describes the structure as follows: “The centrepiece of the citadel and the major building
to survive is the tomb of Sultan Öldjeytü. Oriented almost cardinally, it is an enormous
octagon (diameter 38 m) with an adjoining hall (15 x 20 m) on the south. The central domed
chamber (height 50 m.; diameter 25 m) is supported by heavy, seven metre thick walls and
ringed by eight towers. On the interior the walls are pierced by eight tall and deep bays, and
on the exterior a gallery, reached by staircases in the north-east and the north-west corners,
encircles the building below the base of the dome. In addition to its size and sophisticated
handling of spaces, the tomb is remarkable for its decoration. (…) The building was
apparently dedicated in its original state in 1313-14, but redecorated shortly before Öldjeytü’s
death three years later.”
35
Della Valle’s letter describes the “Meschita di Sultania.” ‘Meschita’ means Islamic temple
or mosque (moschea, moscheta, meschita).
Literature: Eleanor Sima, „Sultaniyya“, in: Dictionary of Art, vol. 29, 1996, pp. 919-920;
Vladimir Minorsky, Clifford Edmund Bosworth, Sheila H. Blair, “Sultaniyyah”, in: The
Encyclopedia of Islam, vol. 9, Leiden: Brill, 1995.
Mausoleum of Sultan Uljaytu in Sultaniyya, 1307–13
Detail of one of the vaults of the upper gallery
36
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF SULTANIYYA: TEXT
Lettera 5. da Sphahàn.
De’ 22. di Aprile et 8. di Maggio 1619
[References in square brackets are found in the margins of Della Valle’s book.]
(350) Sultania fu già città grandissima: hoggi nondimeno è distrutta; e non solo non hà mura
intorno, ma delle stesse case, pochissime ne son restate: di modo che, nell’ampio sito della
città, che ancora si scorge, tutto pieno di rovine, sono hora più campi aperti e dishabitati, che
quello che è ingombrato dalle habitationi, che ancor durano. Il sito, dove è fabricata, è una
pianura, larga honestamente, ma lunga assai più, e serrata da due lunghe, e continuate file di
monti dall’uno e dall’altro canto. Che questa città sia moderna, et opera di Mahomettani; e
non antica, nè di Christiani, come dicono gli Armeni, lo prova primieramente il suo nome
Sultania, che è nome Arabo, e suona quasi Regia, ò Reale; perche, se ben la parola Sultàn
significa Podestà, come han tradotto il Raimondo et altri, overo Potentato, più tosto che Rè; e
Rè propriamente si dice in Arabico Melèc; tuttavia i Sultani erano Rè, et in effetto Sultàn e Rè
è tutto uno, e così da i medesimi Arabi si piglia. Fù detta la città, Sultania, dal titolo, senza
dubbio, del Sultàn che la fabricò: il quale, come dicono i Persiani, e come anch’io credo, fu
quel medesimo, che fabricò la Meschita. E per quanto mi raccontò il Custode, che ne hà cura,
e vi habita, era questo Rè Tartaro, di razza di Uzbeghi, che all’hora infino a quelle parti
dominavano; e si chiamava Sultàn Muhammèd Chodà-bende; e nella stessa Meschita stà
sepolto, et il suo sepolcro si vede. Credo, che tutto mi dicesse la verità il Custode, e che possa
saperlo; perche le mura della Meschita, sopra le porte, et in
(351) altri luoghi, sono per tutto scritte di lettere Arabiche; non sò, se in lingua Araba, ò
Turca, ò Persiana, non hebbi tempo, nè curiosità, di leggerle: ma il Custode diceva, che vi era
memoria di quanto mi haveva detto; e che vi era anche il millesimo, e me lo disse; ma hora
non me ne ricordo: però, se non fallo, credo che fosse fabricata circa a trecento anni fa,
secondo lo scritto. Il terreno, dove è la città, dicono, che era già sterile, ma che questo Rè lo
rendè fruttifero, e buonissimo; e ne fece, come è hoggi, bellissima prateria, con molta acqua,
che vi condusse di lontano per sotterranei condotti, e che hoggi d’ogn’intorno l’irriga. E
dicono, che per fare una cosa strana, e famosa, prese a petto di fabricar quasi per forza quella
gran città in luogo tanto poco a proposito; nel modo a punto, che fa hoggi il Rè Abbàs di
Ferhabàd, conducendovi le genti da altre terre, et in mille modi necessitandole a fabricarvi.
Però, come cosa violenta, durò poco; e raccontano, che la medesima notte, che morì quel Rè,
cominciò a spopolarsi di maniera, che solo di donne, ne uscirono quella propria notti
quattordici mila; cioè, sette milla cameli cariche con Chiecevè, overo bare di donne, che ogni
camelo due ne porta. Tornando alla Meschita, la sua grandezza, è mediocre: la figura,
ottangola; con cupola in cima, di assai buona forma, e proportione. A piè della cupola, sopra
’l cornicione, dalla parte di fuori, hà in ogni angolo un’alta e grossa colonna, che in tutto sono
otto attorno attorno, fabricate di mattoni, come tutto ’l resto: e queste colonne, essendo dentro
vacue, e con le scale, come la colonna Traiana di Roma, servono alla Meschita di campanili,
ovvero di torri, dove i ministri Mahometani (per servirmi di questo vocabolo improprio)
vanno, secondo il lor costume, a far l’ufficio delle nostre campane; cioè a gridare, et a
chiamar con alte voci il popolo alle orationi, cinque volte il giorno. Dentro poi, la volta della
cupola, e tutte le mura intorno, erano ornate di oro, e dipinte, con quelle incrostature di
37
maioliche fine, lavorate d’oro e di colori, a fogliami, overo con lettere, che tanto si usano per
tutto l’Oriente: ornamenti, vaghi sì, ma di poca durata; come
(352) si vede nella Meschita di Sultania, che già cominciano a guastarsi. Nella parte più
nobile da capo, dove noi altri solemo far le tribune delle Chiese, hà questa Meschita, fuor
dell’ottangolo, fabricata una come cappella, overo luogo a parte grande; in mezo del quale,
quasi come un’altar maggiore, in faccia della porta, stà la sepoltura del Sultàn, fatta al modo
ordinario delle persone grandi frà Mahometani; che è una forma giusto, come quella degli
altari nostri, ma più grande, è piu larga; e coperta con ricchi panni, di seta, ò di oro. La porta
di questa cappella maggiore, è serrata con una serrata molto grande: la qual serrata, tutto da
capo a piedi, è lavorata all’Agiamina, con intarsiature d’oro, e d’argento: opera certo, non
men pulita, e gentile, che ricca, e riguardevole. Conchiudo della Meschita di Sultania, con
dire, che è la più bella fabrica, che io habbia veduto in fin’adesso in Persia, in quante Città, e
Terre, ho caminate: e dico in fin’adesso, perche sò ben, che ve ne è un’altra più bella, che io
non hò veduta ancora; ma spero di vederla, et a suo tempo ne darò a V. S. relatione; e questa,
è un’antichità, superbissima, per quanto hò inteso da persone di giudicio, che chiamano in
Persia le quarante colonne; e stà non molto lontano da Sciràz, nel proprio, e vero sito
dell’antica Persepoli: e questa antichità, secondo possiamo imaginarci, o è la sepoltura di quei
Rè più antichi, o altra cosa di quei tempi de’ Ciri, e de’ Darii.
38
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE HINDU TEMPLE OF AGHORESVARA IN IKKERI
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte
le cose notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi
luoghi della intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di molti
anni suo amico Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le
quali havran per aggiunta, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di
molte cose memorabili, sparse per tutta l’opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma
1650-1663
Volume IV
Pietro Della Valle, De’ Viaggi di Pietro Della Valle il Pellegrino. Descritti da lui medesimo
in Lettere familiari all’Erudito suo Amico Mario Schipano. Parte terza, cioè L’India, co’l
ritorno alla patria, In Roma: A spese di Biagio Deversin, e Felice Cesaretti, 1663, pp. 169176
INTRODUCTION
Ikkeri is situated in the Shimoga district of the Karnataka state of India to the south of
Sagara. It was, from about 1560 to 1640 AD, the capital of the Keladi chiefs, which
afterwards removed to Bednur. In the citadel was the palace, of mud and timber, adorned with
carving and false gilding.
The only surviving remains testifying to Ikkeri’s former greatness are found at the Hindu
temple of Aghoreshvara, a large and well-proportioned stone building. “The Aghoresvara
temple is a large structure, built of granite, in a uniquely mixed style that incorporates
elements from Vijayanagara, the Karnata Dravida style of the Later Chalukyas and Hoysalas,
as well as the architecture of the Deccan Sultanates. The temple faces north and has a lofty
roof and ornamental doorways on the west, north and east, the north doorway being the best
with two elephants at the sides. The Garbhagriha, which is built of huge stones, contains a
gigantic pedestal occupying nearly three-fourths of the whole space and sculptured all round
with thirty-two seated female figures called shakthi peeta. In the Sukhanasi is a small
translucent Nandi carved out of white spar. The temple has no navaranga doorway. There are
two niches, those to the right containing the figures of Ganesa and Subramanya and those to
the left, figures of Mahishasuramardini and Bhairava” (http://en.wikipedia.org/wiki/Ikkeri).
The stone walls of the temple are intricately carved.
The Hindu Temple of Aghoresvara in Ikkeri
39
Among the relatively few illustrations contained in Della Valle’s Viaggi is a schematic
plan of the temple at Ikkeri (“Tempio d’Idoli”). Its parts are numbered and keyed to the
identifing legends on the following page.
1. La strada corrente. 2. Scalini nell’entrare. 3. Poggiuolo alto da terra innanzi al portico di fuori. 4. Portico
di fuori con pavimento alto da terra più del poggiuolo. 5. Due Idoletti in due nicchie di fuori ne’ finimenti de i
muri del portico, e ne’ fini della facciata. 6. Porte al piano del poggiuolo segnato con 3. 7. Portico di dentro
con pavimento alto da terra, e più alto del piano della porta, e del poggiuolo, come anco il portico di fuori. 8.
Vano tra ’l portico, e’l Tempio tutto coperto fin à i punti segnati dalla gronda del portico. 9. Parte del primo
adito del Tempio bassa al piano della porta, e del vano. 10. Parte del primo adito del Tempio più alta un
scalino. 11. Lo scalino detto quasi in mezo del primo adito. 12. Corpo del Tempio in mezo del primo adito, et
al Penetrale, dove li sei punti segnati son lo steccato de i lumi. 13. Porticella che và fuori. 14. Penetrale, dove
l’ovato segnato è la statua del Bove, overo Basuana in terra. 15. Intimo del Penetrale, dove stà l’Idolo Virenà
in faccia. 16. Poggiuolo alto da terra, che corre attorno al Tempio. 17. Tre cellule, nella prima delle quali,
l’Ovato, e la statua del Bove, ò Basuanà. 18. Cortile intorno scoperto, ma dalla parte di dietro hà da esser
molto più spatioso, et è quel ch’io chiamo claustro di forma quadra, e giusta credo, e ’l Tempio in mezo
giustamente. 19. Muri del Claustro, e cortile attorno. 20. Casa d’huomini, e donne custodi del Tempio.
40
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE HINDU TEMPLE OF AGHORESVARA IN IKKERI: TEXT
Di 22. di Novembre 1623
Lettera 5. di Ikkeri
[References in square brackets are found in the margins of Della Valle’s book.]
(169) Dopò haver riposato più volte per strada, e caminato in tutto due leghe, finimmo la
giornata in una Villa, che sola grossa alquanto, e con gente, havevamo trovato infin’all’hora, e
si chiamava la Villa Ahinelì. Ci alloggiamo ne i portici d’un Tempio d’Idoli, che haveva due
portici, uno dentro, e l’altro fuori, ambidue bassi al loro modo, con gronde larghissime fuori
fatte con grande armatura di grossi legni, con pavimento alto da terra, e stercorato, ma non di
fresco, e mura bianche rigate negli angoli, e ne’ finimenti d’un rosaccio, e mal colore, che
così quasi sempre usano nelle loro fabriche del Tempio, e l’Idolo che si chiamava Virenà
Deurù; Deurù vuol dir Dio, ò più tosto Signore, perche si dice anco ad huomini di qualità;
stava nell’ultimo penetrale in un luogo scuro con candele innanzi; di che figura fosse non
potei veder bene per l’oscurità, ma dissero, che era huomo. Nel corpo del Tempio più fuori ci
erano molte altre figure d’Idoletti di legno di rilievo locati in diversi luoghi attorno, come per
ornamento, alcuni de quali eran figure de’ loro Dii, et altri non di Dii, ma fatti per
(170) ornamento, di diverse foggie. Molte di queste figure rappresentavano atti dishonesti.
Una ce n’era di Donna, che s’alzava panni dinanzi mostrando ciò che per honestà doveva
cuoprire; un’altra era un’huomo, et una donna, che si baciavano, tenendo l’huomo la mano
alle mammelle della donna. Un’altra haveva un’huomo, et una donna, nudi con le mani anco
alle vergogne dell’altra, essendo quella dell’huomo di smisuratta grandezza, e così altre
diverse rappresentationi divote in vero per un tal Tempio. Ma queste non eran figure di Dii.
Degli Iddii c’era un Brahmà con cinque teste, e tre braccia per banda, à cavallo ad un Pavone
ch’essi in lor lingua chiamano Naul Brahmà, cioè, il Pavone di Brahmà. Un’altro Dio c’era
chiamato Naraina, con quattro braccia per banda. Un’altro con testa d’Elefante, e due mani
per braccio, ch’essi chiamano Ganesu, et altri Bacratundo, cioè boccatonda, perche uno stesso
Dio ha più nomi diversi. Un’altro di Fuenà come il principale di dentro, et era figura d’un
huomo, che nella man destra teneva alta una spada nuda, e nella sinistra una rotella. Un’altro
che sotto à i piedi haveva un’altro huomo, al quale con un piede calvata la testa; e così diversi
altri di diverse sorti. E notai che questi Idoli havevano tutti un portamento di testa, con che si
cuoprivano il capo, alto con molti pizzi, che cominciava lungo, e finiva aguzzo, in un pizzo
solo, strano, e maestoso diadema, che hoggi non s’usa nell’India, ma poteva essere di panni
involti, ò d’oro, ò d’altra materia soda; onde m’imagino, che sia portamento molto antico,
hoggi disusato; se pur non è fra loro qualche insegna di divinità, e mi confermo haver veduto
in Roma in testa di alcune statue Egittie deti diademi, quasi simile, e per quanto mi souviene
si chiamano Tutuli, e gl’Idoli Tutulati, come fra di noi le diademe de’ Santi, ò come la fanno
alcuni tre corone una sopra l’altra, à guisa del Regno del nostro Papa. Nel mezo del tempio tra
’l primo ingresso del suo corpo, e l’ultimo penetrale, ci era un’altra stanza più scura, e serrata
del primo ingresso, ma non tanto quanto l’ultimo penetrale; et in questo nel mezo per lungo
quasi d’una porta, e l’altra,
(171) cioè, dalla porta del primo ingresso alla porta dell’ultimo penetrale, stavan piantati in
terra certi bastoni sottili con altri simili per traverso à due ordini, formando come un piccolo
steccato di figura lunga; e questi erano per appendervi lampade, e lumi in giorni, et hore più
solenni. Un Barbiere, che conducevamo con noi, chiamato Deugì, Indiano Gentile, ma delle
terre d’Adil-Sciah, e sapeva parlare alquanto Portoghese; domandandogli o il nome di quelle
41
figure, ò Idoli del Tempio, et anco dell’Idolo principale, non seppe dirmene bene, perche disse
non esser cose della sua terra, che colà havevano altre cose, et altri Dii, e che ogni terra
haveva i suoi particolari. Dentro al claustro di questo Tempio, ma da una banda del cortile à
man destra, entrando, separate dal corpo del Tempio maggiore ci erano tre altre cellule, due
delle quali eran vote, forse non ancora bene accommodate; ma nell’altra c’era un Idolo di
Bue, il quale il nostro Barbiere conobbe, e disse esserci anco al suo paese, e che lo chiamono
Basuanà, e stava come colcato, ò assiso in terra co’l capo alto, et un simil Bue, ò Basuanà,
stava anco nell’ultimo penetrale del tempio innanzi alla tribuna dell’Idolo Virenà, come se
stesse colà à sua guardia. La sera di notte i ministri del Tempio suonano com’una campana, ò
conca; che stava dentro al penetrale, battendola con un bastone, e faceva suono assai buono,
come una buona campana; al cui suono adunatisi alcuni di fuori cominciarono à suonar dentro
al tempio molto forte due tamburri, e due piffari di metallo, et accesi per tutto molti lumi,
particolarmente ne i legni dello steccato, che dissi à ciò destinati, e messo all’ordine un
matarazzetto, e tenda sopra di buona materia und piccolissimo palchino, che per condurre in
volta l’Idolo, dentro in quello, si tien sempre dentro al Tempio pronto, messero in quello
l’Idolo principale Virenà, non quello che stava di semplice legno nel corpo del Tempio fuori,
ma quello che più stava venerato nell’ultimo penetrale che era della medesima grandezza, di
due palmi in circa tra la figura, e gli ornamenti intorno, ma tutto dipinto di varii colori, e
dorato, e sparso tutto di fiori
(172) bianchi; e precedendo innanzi un ministro con un campanello, che andava sempre
suonando, e poi altri, et al fine dui con due faci accese, dietro alle quali seguiva il Palanchino,
un’altro ministro innanzi con un vaso di profumi, che ardeva, lo portarono in tal guisa in
processione, prima dentro al calustro intorno intorno al Tempio, cominciando à girar fuor del
Tempio dalla parte sinistra entrando, che à loro, all’hora uscivano, era destra, e ritornando per
l’altra opposta. Usciti poi fuor della porta del claustro in istrada, andarono nel medesimo
modo in processione, e sempre suonando buona pezza discosto, e non sò dove; ma può essere
che andassero fin’à qualch’altro Tempio à far qualche lor cerimonia, che nella Villa ce n’era
più d’uno. Tornati poi, e rientrata la processione nel claustro con seguito di molti huomini, e
donne della Villa, girarono trè volte per dentro al claustro ò cortile intorno al Tempio,
com’havevan fatto una volta prima d’uscirne; e nelle trè volte, che girarono, osservarono
quest’ordine, che la prima bolta caminarono, come fuori in strada: la second più adagio, e
quei, che suonavano i piffari, lasciavano i piffari, e suonavano un’altra sorte di sampogne più
sottili, e più dolci; la terza volta al fine caminarono molto più adagio che mai, e lasciate le
seconde sampogne ne suonarono certe altre di assai manco voce; Il che fattosi fermarono quei
che portavano, et accompagnavano il palanchino dell’idolo, nel primo ingresso del Tempio, in
faccia al penetrale da lunge, et un de’ Sacerdoti, ò Ministro, stando all’intimo penetrale
incontro all’idolo, che stava fermo sì dove dissi, ma pur dentro al palachino in spalla di quei
che lo portavano, e sostenuto in piedi nel palanchino con la mano da un’altro de’ ministri, che
à quest’effetto gli andava sempre da una parte appresso; cominciò quel ministro, dico, di
dentro del penetrale à salutar l’Idolo da lontano con una face oscura, che haveva in mano; e ’l
saluto era far con la face un gran circolo da basso in alto, e da alto in basso in faccia all’idolo,
il che fece molte volte; et in fin de i circoli, che si concludevano sempre nella parte più bassa
in faccia all’idolo, il che fece molte vollte; et in fin de i circoli, che si concludevano sempre
nella parte più bassa, descriveva con la face una linea retta da
(173) una banda, correndo verso la parte opposta, e quella donde il circolo cominciava; nè mi
pareva che sempre i circoli cominciassero da una parte, ma che talvolta dalla destra, e talvolta
dalla sinistra, con che ordine non sò. Fatto questo di là dentro, venne quel ministro fuori nel
primo adito, dove l’idolo stava, passando drittamente per mezo lo steccato de i lumi, donde
credo, che ad altri, ò in altro tempo non sia lecito passare, perche fuor delle cerimonie, quando
42
entrava là dentro alcuno à far’ altri servitii, gli vidi passar sempre fuori dello steccato dalle
bande, venuto dico, fuori sonando sempre con un campanello, e seguitato da un fanciullo, che
gli portava appresso un bacino d’acqua con sandalo, di quella al mio parere, con che essi
costumano tingersi la fronte; e anco da i tamburri, e piffari, che pur sempre suonavano, girò in
questo modo intorno al palanchino dell’idolo trè volte, cominciando i giri dalla parte sinistra à
lui che veniva all’idolo incontro, ma alla destra del palanchino, che andava entrando. Girato
che hebbe, stando pur dalla medesima banda del palanchino, donde haveva cominciato à
girare, lasciato il campanello che suonava, offerse all’idolo il bacino dell’acqua, et intingendo
in quella un dito ne tinse all’idolo no sò se la fronte, ò che; e se mal non vidi, presane anco un
poco nella mano, se ne tinse egli stesso, e quell’altro ministro, che l’idolo sosteneva, la fronte;
poi tutto ’l resto dell’acqua ch’era nel bacino, andò à versarla in terra fuor del Tempio, ma
dentro al claustro poco indi lontano dalla medesima banda. Dopo questo prese in mano non la
face grande di prima, mà una candela di cera, e con quella da vicino dentro al medesimo
palanchino descrisse di nuovo innanzi all’idolo molti circoli con le linee in fine, e smorzata la
candela prese l’idolo con le sue mani dal palanchino, e lo portò per la medesima via dentro
allo steccato per mezo à i lumi, e collocollo nella sua tribuna dell’intimo penetrale, dove stà di
ordinario. Frà tanto uno de’ ministri distribuì à tutti i circostanti, dandone pochi per uno, certi
ceci mescolati con pezzetti tagliati di noce d’India, che secondo me dovevano essere cose già
per prima all’idolo offerte, che di là
(174) dentro le portò; e gli astanti le pigliavano, e mangiavano con segni di divotione, e di
riverenza. Ne offerì anco alle nostre gente, nè mancò de’ nostri chi ne pigliasse: E suonati
buona pezza in quel mentre i tamburri, e piffari cessando al fine il suono, e smorzandosi le
candele, finì la cerimonia, e le genti se ne tornarono alle loro case. Nel che devo avvertire, che
gli huomini non ministri del Tempio, assistevano alle cerimonie nel primo adito, dove noi
ancora stavamo vedendo; ma le donne stavano più dentro nel corpo del Tempio, dovè era lo
steccato co’i lumi frà ’l primo adito e ’l penetrale, di quà, e di là dallo steccato. E perche
s’intenda meglio questa historia descriverò quì appresso la pianta del Tempio col suo claustro,
e portici, appresso à poco al meglio che potrò, di vista senza haverne giusta misura, et è la
seguente.
(175: contains the plan of the Temple illustrated above, p. 39)
43
(176)
1 La strada corrente.
2 Scalini nell’entrare.
3 Poggiuolo alto da terra innanzi al portico di fuori.
4 Portico di fuori con pavimento alto da terra più del
poggiuolo.
5 Due Idoletti in due nicchie di fuori ne’ finimenti de i
muri del portico, e ne’ fini della facciata.
6 Porte al piano del poggiuolo segnato con 3.
7 Portico di dentro con pavimento alto da terra, e più
alto del piano della porta, e del poggiuolo, come
anco il portico di fuori.
8 Vano tra’ il portico, e ’l Tempio tutto coperto fin à i punti segnati dalla gronda del portico.
9 Parte del primo adito del Tempio bassa al piano della
porta, e del vano.
10 Parte del primo adito del Tempio più alta un scalino.
11 Lo scalino detto quasi in mezo del primo adito.
12 Corpo del Tempio in mezo del primo adito, et al Penetrale, dove li sei punti segnati son lo steccato de i lumi.
13. Porticella che và fuori.
14. Penetrale, dove l’ovato segnato è la statua del Bove,
overo Basuana in terra.
15. Intimo del Penetrale, dove stà l’Idolo Virenà in faccia.
16. Poggiuolo alto da terra, che corre attorno al Tempio.
17. Tre cellule, nella prima delle quali, l’Ovato, e la statua del Bove, ò Basuanà.
18. Cortile intorno scoperto, ma dalla parte di dietro hà
da esser molto più spatioso, et è quel ch’io chiamo
claustro di forma quadra, e giusta credo, e ’l Tempio in mezo giustamente.
19. Muri del Claustro, e cortile attorno.
20. Casa d’huomini, e donne custodi del Tempio.
44
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE TOMBS OF THE POETS CHOGIÀ HAFIZ AND SCEICH
SAADÌ IN SHIRAZ
Pietro Della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Con minuto ragguaglio di tutte
le cose notabili osservate in essi, descritti da lui medesimo in 54. lettere familiari, da diversi
luoghi della intrapresa peregrinatione, mandate in Napoli all’erudito, e fra’ più cari, di molti
anni suo amico Mario Schipano, divisi in tre parti, cioè la Turchia, la Persia, e l’India, le
quali havran per aggiunta, se Dio gli darà vita, la quarta parte, che conterrà le figure di
molte cose memorabili, sparse per tutta l'opera, e la loro esplicatione, 3 vol. in 4, Roma
1650-1663
Volume III
Pietro della Valle, Viaggi di Pietro della Valle il Pellegrino. Descritti da lui medesimo in
Lettere familiari all’erudito suo Amico Mario Schipano, La Persia, Parte seconda, In Roma:
A spese di Biagio Deversin, 1668, pp. 425-427
INTRODUCTION
Shiraz is one of the most populous cities in Iran and is located in the south-west of Iran on
the Roodkhaneye Khoshk seasonal river. Shiraz has been a regional trade centre for more than
a thousand years. In the thirteenth century, Shiraz became a leading cultural centre owing to
the encouragement of its ruler and the presence of many Persian scholars and artists. Shiraz is
an important centre for Iranian culture and has produced a number of famous poets. One of
Shiraz principal claims to fame is that it is the birthplace of Hafiz Shirazi.
Khwāja Shamsu d-Dīn Muhammad Hāfez-e Shīrāzī (1325/1326–1389/1390) was a Persian
lyric poet and mystic, who wrote under the name Hāfez. His collected works, composed of a
series of Persian poetry (Divan), belong to the greatest classics of Persian literature. His
poems are learned by heart and are quoted as proverbs in daily life, even at the present time.
Twenty years after his death, a tomb (the Hafezieh) was erected to honour Hafez in the
Musalla Gardens in Shiraz. A more substantial memorial was constructed in these gardens in
1773. The present mausoleum was designed by André Godard, a French archaeologist and
architect, in the 1930s. Inside, Hafez’s alabaster tombstone bore one of his poems inscribed
upon it. In the West his reputation was based on the translation of his Divan by Joseph von
Hammer-Purgstall (Diwan des Hafis aus dem Persischen, Stuttgart und Tübingen, 1812-13).
His greatest admirer was Goethe, who was inspired by the Persian poet in his West-östlicher
Diwan (1819).
Also born in Shiraz was Saadi, a twelfth and thirteenth-century poet. Abū-Muhammad
Muslih al-Dīn bin Abdallāh Shīrāzī, Saadi Shirazi is known by his pen-name, Sa‘dī or,
simply, Saadi. He was one of the major Persian poets of the medieval period, famous not only
in Persian-speaking countries, but also quoted in western sources. He is recognized for the
quality of his writing and for the depth of his social and moral thoughts. His father died when
he was an infant, and, following a youth of poverty and hardship, he left his native town at a
young age for Baghdad to study Arabic literature and Islamic sciences at Al-Nizamiyya of
Baghdad. He reappeared in his native Shiraz as an elderly man, when Shiraz was enjoying an
era of relative tranquillity. Saadi was not only welcomed to the city, but he was also respected
45
by its ruler and enumerated among the greats of the province. He spent the remainder of his
life in Shiraz, where he was buried and where a modern burial monument is still found.
(The above text is based on Wikipedia articles about Shiraz, Hafez and Saadi.)
In his vita of Della Valle, Bellori writes, “Io sono testimonio ne’ miei più verdi anni,
quando in una lettione egli [Della Valle] conferì alcuni luogi di Virgilio, e di altri Poeti
Latini, con quelli d’un Poeta Persiano, tradotti da lui; che poi in leggendo la Persia, ho
creduto essere quel Chogià Hafiz, il cui sepolcro egli visitò in Sciraz.”
During his stay at Shiraz (“Sciraz”) in 1622, Della Valle visits first the “sepoltura di
Chogia Hafìz”, the celebrated Persian poet, whose “Canzoniero” of lyric poetry is
comparable to Tuscan sonnets (Petrarch, Il canzoniere) or to Latin epigrams – “si stima in
Persia grandemente.” Della Valle describes the monument: “come un piccolo tempietto,
coperto di cupola, dentro al quale stà il sepolcro del Poeta; et è un’arca grande di marmo,
tutta intagliata da capo a piedi con le lettere, e diversi Epitafii; e così anche attorno nella
base.”
A few days following, Della Valle visted the sepulchre of the second poet outside the city
of Shiraz. Famous among the Persians, “Sceich Saadì” was interred in a “fabbrica grande.”
This tomb was also covered with inscriptions, “tutta scritta da un capo all’altro.”
46
DELLA VALLE’S DESCRIPTION OF THE TOMBS OF THE POETS “CHOGIÀ HAFIZ” AND “SCEICH
SAADÌ” IN SHIRAZ: TEXT
Lettera 16. da i Giardini di Sciràz
De’ 27. di Luglio 1622
[References in square brackets are found in the margins of Della Valle’s book.]
(425) Entrando intanto il presente mese di Luglio, il primo giorno di esso, andai poco lontano
dalla casa dove quì habitiamo, a sinistra alquanto della bella e lunga strada che conduce alla
città, a veder la sepoltura di Chogia Hafìz, Poeta celebre Persiano: il Canzoniero del quale,
che è tutto di poesie Liriche, da potersi paragonare, ò a i sonetti Toscani, ò a gli Epigrammi
de’ Latini, si stima in Persia grandemente, e và per le mani, leggendosi da tutti, a guisa del
nostro Petrarca, con gran fama dell’Autore. In un giardino adunque, assai spatioso, et ornato
di molta fabrica, si vede, per la cosa principale, come un piccolo tempietto, coperto di cupola,
dentro al quale stà il sepolcro del Poeta; et è un’arca grande di marmo, tutta intagliata da capo
a piedi con lettere, e diversi Epitafii; e così anche attorno nella base. Però, in una delle facce,
stà l’Epitafio più segnalato, dove è scritto il suo nome, del quale io presi copia: ma non lo
scrivo quì, per essere, e di carattere, e di lingua, a noi troppo strano. Vicino alla sua tomba, ve
ne sono due altre da una banda, di due, che dicono, essere stati huomini, ò seguaci suoi. Da
un’altra banda, ve ne è una di un Seid, di cui non sò il nome: e così tutto il cortile di fuori è
pieno di diverse altre sepolture men notabili, in terra, senza avello rilevato. Ma la fabrica, è
fatta tutta per lo sepolcro del Poeta; et i Mahomettani chiamano il luogo Ziara, cioè Visita;
quasi che sia degno di visitarsi per divotione, come luogo santo, che per tale, scioccamente lo
venerano. Tal’è la stima, che si fa quì, di chi compone libri, e particolarmente de’ Poeti: i
quali, a punto come anticamente frà i Greci, sono hora in Persia, non solo in concetto di
Teologi, e le autorità loro, fin nelle cose di Teologia, sono stimate al pari di quelle di
qualsivoglia altro Autor grave, se non più; ma si tengono anche per huomini d’intelletto
sovrahumano, e quasi illuminati
(426) da qualche raggio di divinità, Afflatos Numine, gli direbbono i Latini. Perche,
argomentando essi superficialmente, solo da i concetti, che i Poeti dicono; purche le persone
parlino, ò scrivan bene, non guardano poi nell’intrinsico, quel che sia in loro della moralità
de’ costumi, in che solo consiste la vera virtù. Si conserva quivi il libro di Hafiz, che lo
intitola Divàn, quasi Congregatione, ò Raccolta, come diremmo noi, di varie Rime, in foglio
grande, bene scritto con oro, et intero: ma non è quello, che scrisse già l’Autore di sua mano:
il quale pur, vi era prima, per quanto intendo; ma il Rè se lo prese, et hora lo tiene nella sua
libreria. Io come affezionato a i Poeti, sù’l sepulchro di Hafìz, dettai quattro versi in lingua
nostra, a modo di Epitafio; alludendo a gli Epigrammi di lui, in ciascuno de’ quali, che son
più centianaia, hà messo sempre il suo nome, facendovelo cadere a proposito. Non volsi, con
tutto ciò, lasciargli ivi scritti; accioche non paresse a i Mahomettani, che io, Christiano,
havessi honorato soverchio la sepoltura di un’infedele. I Versi miei, così mal fatti, come mi
vennero all’improviso, sono i seguenti.
Hafiz, il gran Poeta, in questa tomba,
La ossa caduche; il nome, in mille carte,
Da lui vergate con mirabil’arte,
Lasciò, che ancor famoso a noi rimbomba.
47
Pochi giorni dopo, fui similmente a vedere la sepoltura di un’altro Poeta, pur famoso frà
Persiani, che si chiama il Sceich Saadì: e stà un miglio, ò due, fuor della città di Sciraz, verso
queste parti, dove io mi trattengo alloggiato, ma un poco più lontano. E una fabrica grande; et
in prima una Meschita, scoperta di sopra, conforme ne hanno molte i Persiani; in mezo alla
quale stà piantato un grande albero di Cipresso. A man destra di questa, entrando, vi è un’altra
fabrica coperta, come una gran Cappella, alla Meschita contigua; e quivi sotto stà la sepoltura
del Poeta. La tomba, è di marmo: tutta scritta da un capo all’altro,
(427) e d’ogni intorno, con molti Epitafii, che per esser già notte, e scuro, io non potei
leggere. L’arca era prima scoperta di sopra; piena forse di terra senza altra copertura, come
molte ne hò vedute: ma hora la tengon serrata con un coperchio di legno, come se fosse una
cassa. Fuor della Meschita grande scoperta, da piedi, stan sepolti un padre et un figliuolo, che
furon quelli, che, per la sepoltura del Sceich Saadì, la Meschita fabricarono. Dietro a dove è
sepellito il Poeta, vi è una Medressè, che vuol dire Studio, propriamente luogo di lettioni,
dove si legge a gli studenti; et anche un’altra fabrica, fattavi far dal Rè, secondo mi dissero.
Innanzi alla entrata della Meschita grande, ma in terreno più basso, dove si scende per certi
scalini, vi è una peschiera rotonda, di un’acqua corrente, la quale, dopo havere empiuta la
peschiera, uscendo di essa, scorre innanzi a dirittura in faccia con un grosso rivo; sopra le
sponde del quale, di quà, e di là, son fabricate, con pari architettura, una mano di botteghe,
che in altri tempi erano habitate, e vi si vendevano robbe; ma hora son dishabitate, e mezo
distrutta. Al sepolcro di Sceich Saadì, parimente, io feci quattro versi; allundendo al titolo di
due Opere sue, una delle quali si chiama Gulistàn, cioè Rosaio, e l’altra Bustàn, che significa
Giardino. Oltre delle quali hà fatto un Canzoniero, che, conforme a tutti gli altri simili,
s’intitola pur Divàn, ò Raccolta. I versi che io feci, senza pero lasciarvegli, son questi.
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
* * * * * *
* * * * *
* * * * * * *
* * * * * *
[The first characters of lines 1 and 2 are asterisks; the other characters resemble small stars.
The lines are centered.]
48
PIETRO DELLA VALLE – BIOGRAPHY
The Italian author, Pietro Della Valle (Rome: 2 April 1586 – Rome: 21 April 1652), is best
known as an early traveller in Asia. In the course of his extensive travels, he visited the Holy
Land, the Middle East and North Africa, travelling as far as India.
The most important document for his biography is contained in his vita by Giovanni Pietro
Bellori, which is included in FONTES 65 in a full text version (infra, pp. 52-59).
At Wikipedia, „Pietro Della Valle“ receives an entry in various language editions, among
them:
http://en.wikipedia.org/wiki/Pietro_Della_Valle;
http://de.wikipedia.org/wiki/Pietro_Della_Valle;
http://it.wikipedia.org/wiki/Pietro_Della_Valle;
http://fr.wikipedia.org/wiki/Pietro_Della_Valle.
PIETRO DELLA VALLE:
Born into a wealthy noble family in Rome in 1586, Della Valle received a classical
education, and at first pursued literature and arms. In the aftermath of a sentimental delusion,
Della Valle, at the suggestion of a Neapolitan professor, Mario Schipano, undertook to travel
in the East. Before departing Naples, Pietro Della Valle took a vow to make a pilgrimage to
the Holy Land.
He set sail for Constantinople from Venice in June of 1614. Remaining for over a year in
Constantinople, where he acquired Eastern languages, he travelled, in 1614, to Alexandria.
His party consisted of nine men. After Alexandria he visited Cairo, Mount Sinai, and the Holy
Land (1616), where he visited the holy sites. Della Valle then travelled to Damascus and to
Aleppo. In Baghdad, he married the Nestorian Christian, Sitti Maani Gioerida.
While in the Middle East, Della Valle made one of the first modern records of the location
of ancient Babylon and left a remarkable description of the site. He brought back to Italy
inscribed bricks from Nineveh and Ur. These were among the first examples of cuneiform
characters available in modern Europe. He left Baghdad in 1617 and visited Persia. In 1618,
he joined Shah Abbas in a military campaign in northern Persia. In 1621 he visited Persepolis
and Shiraz, and, in 1623, he found passage to Surat on an English ship. He stayed in India
until November 1624, making his headquarters in Surat and Goa. In India, Pietro Della Valle
met King Vekatappa Nayaka of Keladi in South India. His accounts are one of the most
important sources of history for this region.
Della Valle was at Muscat (Oman) in January 1625, and at Basra (Iraq) in March. In May
1625, he began his return journey, leaving by the desert route to Aleppo. He boarded a French
ship at Alexandretta (İskenderun, in Turkey). He reached Cyprus, and finally Rome in March
49
1626. There he was received with many honours. He died in Rome in 1652, where he was
buried with his family at Santa Maria in Aracoeli.
In addition to his ethnographic travels, Della Valle was also a composer and a writer of
treatises on music.
FURTHER BIOGRAPHICAL LITERATURE:
Della Valle receives an entry in the Italian Dizionario Biografico:
Claudia Micocci, “Pietro Della Valle”, in: Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 37, Roma
1989. This text is available online without cost:
http://www.treccani.it/enciclopedia/pietro-della-valle_(Dizionario-Biografico)/
Della Valle also receives a biography in: The New Grove Dictionary of Music and Musicians,
1980 ff. (online with Pay-per-Use-Zugang): Agostino Ziino, “Pietro Della Valle”, in: The
New Grove Dictionary of Music and Musicians, vol. 5, London 1980, pp. 347 f.
See also: Robert R. Holzer. “Della Valle, Pietro”, in: Grove Music Online:
oxfordmusiconline.com, October 2010.
Further literature is cited in the notes to FONTES 65 (supra).
See further:
Luigi Bianconi, Viaggio in Levante di Pietro della Valle, Florence 1942
Peter G. Bietenholz, Pietro della Valle 1586-1652: Studien zur Geschichte der Orientkenntnis
und des Orientbildes im Abendlande, Basel-Stuttgart 1962
Pietro Della Valle, In viaggio per l’Oriente: le mummie, Babilonia, Persepoli, edizione dei
testi e introduzione di Antonio Invernizzi, Alessandria: Edizioni dell’Orso, 2001
Raffaella Salvante, Il Pellegrino in Oriente: la Turchia di Pietro Della Valle (1614 - 1617),
Firenze: Edizioni Polistampa, 1997
Remo Giazotto, Il grande viaggio di Pietro della Valle il Pellegrino (1612 - 1626: la Turchia,
la Persia, l’India con il ritorno a Roma, Roma: Edizioni Torre d’Orfeo, 1988
Severina Parodi, Cose e parole nei Viaggi di Pietro della Valle, Firenze: Accademia della
Crusca, 1987
Pietro Della Valle, I viaggi di Pietro Della Valle: lettere dalla Persia, ed. Franco Gaeta e
Laurence Lockhart (Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente), Roma: Istituto
Poligrafico dello Stato, Libreria dello Stato, 1972 - .
Wilfrid Blunt, Pietro’s Pilgrimage: A Journey to India and back at the beginning of the
Seventeenth Century, London 1953
50
PIETRO DELLA VALLE: SELECTED BIBLIOGRAPHY
Mahvash Alemi, “I ‘teatri’ di Shah Abbas nella Persia del XVII secolo dai disegni inediti del
diario di Pietro Della Valle”, in: Il mondo islamico (Storia della città, 13, 1988, no. 46, pp.
19-26)
Luigi Bianconi, “Pietro Della Valle il Pellegrino”, in: Primato, I, 1940, II, 1941
Chiara Cardini, La porta d’Oriente: Lettere di Pietro Della Valle, Istanbul 1614, prefazione
di Sergio Bertelli, Roma: Città nuova, 2001
Ignazio Ciampi, “Pietro Della Valle il Pellegrino”, in: Nuova antologia, ser. II (1879), vol.
XVII, pp. 221-241, 442-462, 623-665; vol. XVIII, pp. 91-126, 463-491
Pietro Della Valle, In viaggio per l’Oriente; le mummie, Babilonia, Persepoli, edizione dei
testi e introduzione di Antonio Invernizzi, con appendici di Enrichetta Leospo e Fabrizio A.
Pennacchietti, Roma: Edizioni dell’Orso, 2001
Pietro Della Valle, I viaggi di Pietro Della Valle: Lettere dalla Persia, vol. I, ed. Franco
Gaeta and Laurence Lockhart, Roma: Istituto Poligrafico dello Stato, 1972
Pietro Della Valle, Viaggio in Levante, ed. Luigi Bianconi, Firenze 1942
Remo Giazotto, Il grande viaggio di Pietro Della Valle il Pellegrino: La Turchia, la Persia,
l’India, con il ritorno a Roma, Roma: Edizioni Torre d’Orfeo, 1988
Johann Wolfgang von Goethe, Westöstlicher Divan, ed. Wiesbaden 1948
Antonio Invernizzi, “Pietro Della Valle, collezionista in Oriente”, in: Il fascino dell’Oriente
nelle collezioni e nei musei d’Italia, ed. Beatrice Palma Venetucci, exhibition catalogue,
Frascati, Scudiere Aldobrandini, 12 December 2010 – 27 February 2011, pp. 53-58
Mario Longhena, “Pietro Della Valle”, in: Enciclopedia italiana, Roma: Istituto Giovanni
Treccani, 1931, p. 559
Vincenzo Lozito, Il più importante viaggiatore italiano nel secolo XVII, Pietro Della Valle,
Varese: Nicola [1928]
Carsten Niebuhr, Reisebeschreibung nach Arabien und anderen umliegenden Ländern, vol. II,
Copenhagen: Nicolaus Möller, 1778 (reprint: Graz: Akademische Druck- u. Verlagsanstalt,
1968, mit Vorwort von Dietmar Henze)
Raffaella Salvante, Il „Pellegrino“ in Oriente: La Turchia di Pietro Della Valle (1614-1617),
Firenze: Edizioni Polistampa, 1997 (in the bibliography [pp. 287-318]: „Opere di Pietro Della
Valle, Opere Manoscritte“, pp. 287-291; „Opere a stampe“, pp. 291-294; „Traduzioni“, pp.
294-296; „Antologie“, p. 296; „Opere e contributi su Pietro Della Valle“, pp. 296-307)
51
Coat of Arms of Maani Gioerida Della Valle, the wife of Pietro Della Valle
From: Funerale della signora Sitti Maani Gioerida della Valle (Roma 1627)
The text is in Syriac script and reads: The servant / of God / Ma’ani.
52
GIOVAN PIETRO BELLORI’S VITA OF PIETRO DELLA VALLE
Vita di Pietro Della Valle il Pellegrino. All’Illustriss. Sig. mio Sig. Padrone Colendiss. Il
Signor Parisot, Signore di San Lorenzo, Consigliere del Rè Christianissmo ne’ suoi Consigli,
Introduttore de’ Principi Stranieri et Ambasciadori appresso il Sig. Duca d’Angiò Fratello
unico di Sua Maestà, etc.
Gio. Pietro Bellori.
Egli pare certamente, che Homero introducendo Ulisse, per esempio della prudenza, frà
l’altre qualità sue, lodasse principalmente quest’una, d’haver conosciuto li vari costumi, e li
paesi vari degli huomini, onde in lui derivò quel consiglio, che nasce dalla sperienza di fuori,
et in casa non si acquista: la qual virtù rese li Greci civili, et honorati; ripresi con ragione i
Thebani, perché morto Epaminonda, spreggiando il commercio dell’altre genti, vennero a
perdere in un subito l’imperio, e la gloria loro. Ma, Signor mio, lasciamo pur gli antichi
cultori della sapienza, che si posero in camino in diverse regioni, à V. S. Illustrissima ben
noti,
(2) vediamo hoggi, all’esempio loro, frà le più culte genti, la gioventù nobile, tirata da studio
di dottrina, e di laude, allontanarsi dalla patria ad imparar lingue, e costumi, per rendersi poi
negli affari publici, et appresso de’ suoi esperta e di stima. Nel che soglio ammirar io meco
stesso, l’altezza del genio di V. S. Illustrissima, pensando quanto più a lei, che ad altri una sì
bella commendatione si convenga, mentr’ella non hà scorso l’Europa, come li più fanno, per
dare un’occhiata à varie terre, e à vari lidi, ma si è portata per ogni confine, e conversando
con huomini diversi di cielo, e di temperamento, hà saputo approfittarsi da se stessa nella
meditatione delle virtù, e delli vitii di ciascuno. Il perche, dovendo io eseguire il suo
comandamento nelle notitie, che ella mi chiede della vita del Signor Pietro della Valle, non
posso propormi alla consideratione li meriti di questo Cavaliere, senza che mi si faccino
incontro quelli di V. S. Illustriss. per una certa simiglianza trà amendue d’indole, e di studi,
non solo in rivolger libri, ma in riconoscer l’uso vario delle genti, per coltivar l’animo, e
divenire eccellente. Il che posso io affermare in pruova, perche, et hò conosciuto il Signor
Pietro, e V. S. Illustriss. si è degnata di ammerttermi alla conferenza della sua gratia, et
aprirmi le cortine dell’ingegno suo illustre, e sublime. Non però io mi propongo altrimente di
scrivere la vita intiera, e li fatti di esso Signor Pietro; perche gli stessi viaggi suoi diario sono,
e storia di se stesso; ma con le poche righe di questa lettera, penso supplirla solamente con
alcuni particolari, quali tralasciati da lui, o per la sua naturale modestia, o per esser fuori le
narrationi, non verranno però ad essere inutili, e confido saranno ricevuti in grado da lei, che
della lettura de’ viaggi stessi è così vaga. Et perche V. S. Illustriss. mi chiede la cagione, che
pur lontano, e per tanti anni, a peregrinare l’indusse, sopra di questa mi estendrò alquanto, che
fu cagione di amore, o più tosto di sdegno, se non di Achille, certamente di un novello Ulisse.
La Famiglia della Valle patritia Romana, per merito della sua gente, hebbe prima da
Sigismondo Imperadore l’Aquila Imperiale, che porta nell’arme, illustrata dalla sacra porpora
(3) di due Cardinali: Rustico sotto Honorio II. et Andrea sotto Leone X. Dalle case, ove
habitano li Signori di essa prende il nome una vita, che, per lo transito delle cavalcate, viene
ad essere cospicua, e papale, et insieme il magnifico Tempio di Santo Andrea della Valle
chiamato. Nell’infortunio del sacco di Roma, sotto Clemente VII. rifugirono in esse
cinquecento cinquanta persone di varie famiglie, dove il Cardinale Andrea Decano del Sacro
Collegio, in 27. mila scudi, con Fabritio Maramaus compose la propria, e la comune
53
liberatione: onde ragionevolmente nella soffitta d’una sua camera, si vede intagliata d’oro la
Corona civica col motto OS CIVES SERVATOS. Io non mi tratterò in rammentare a V. S.
Illustrissima la magnificenza del Palazzo di questo Cardinale, dopo quell’infortunio e nel
risorgere la Città più bella, edificato di nuovo con la migliore architettura di Lorenzetto
allievo di Rafaello da Urbino, e con lo splendore di peregrini marmi, e pitture del Salviati, e
degli allievi di Giulio Romano. Non starò a descrivere le statue antiche che adornano gli altri
palazzi contigui di questa famiglia: li due Satiri, e la testa di Giove, sopra la porta di quello
dal Signor Pietro habitato: opere dagli Architetti, e dagli Scultori celebratissime, ma solo quì
le riduco alla memoria di lei; perchè, frà le molte maraviglie di Roma, ella non hà lasciato
lodarle, come intelligente molto, et amatore dell’arti belle del disegno. Di questa famiglia, et
in questa casa nacque il Signor Pietro l’anno MDCXXXVI (sic = MDLXXXVI) il giorno 11.
(sic = 14.) di Aprile di Pompeo della Valle, e di Giovanni Alberini nobile Romana:
l’educatione corrispose alla nascita, e l’ingegno agli studi, a’ quali diedesi, portato dalle
facoltà naturali; perche non mancò à lui alcuno di que’ beni, che la natura è solita contribuire,
quando vuole formare un’huomo eccellente: spirito pronto, ingegno facile, memoria,
acutezza, perspicacia et ogni altra laude nelle discipline. Non tardò ancor giovinetto a far
conoscere l’indole sua nel dar opera alle scienze, all’eloquenza, et alla poesia, onde con la
pratica, e conversatione del Signor Scipione Gaetano, raro poeta, e Cugino suo,
nell’Accademia Romana degli Humoristi, con orationi, e con versi dell’una, e l’altra
(4) lingua, esercitossi con molta lode. Oltre questa sua propensione alle lettere, veniva egli
tirato da un’altra generosa inclinatione circa gli esercitii cavallereschi, e militari, e con l’una,
e l’altra viveva attento alle attioni grandi; et alla gloria di farsi illustre. Della qual cosa non sia
lieve argomento, l’haver lui professato sempre ragione di spada, più volte impugnatala, sù
l’armate, contro Barbereschi. Ma sopra tutto egli era ossequioso verso il merito delle Dame
honorate, procurando servirle, e trovarsi con esse negli honesti trattenimenti. Non conservossi
egli però lunga stagione, in quella libertà, che suole essere favorita dall’innocenza della
natura, e degli anni; percioche, à danni suoi, cospirarono gli occhi di giovanetta Dama; et egli
in un subito ne restò prigioniero, e servo. Nell’aspetto di questa Signora albergavano la
bellezza, e la gratia, e con esse concordemente la modestia, e’l pudore, col quale rinuovava
l’antica fama della Romana pudicitia. Il perché invocava egli spesso le Muse, e non lasciava
ad un tempo di porre in opera il valore, la fede, e la costanza, ch’erano qualità sue proprie, e
qualità di nobile amante. Ne’ tornei, nelle giostre, e nelle mascherate, le divise, li motti, e
l’imprese sue, di fede erano, e di costanza: titoli ben degni di lui, che per lo spatio di dodici
anni, con memorabile esempio di fermezza, e di amore, perseverò nelle speranze delle
bramate nozze. Mostrava la modesta Signora di riamare amata, e favorita favoriva sì degno
amatore, pensando così convenirsi alla gratitudine di chi la serviva, et al merito di un
Cavaliere; al cui nodo pareva già destinata. Nel qual consiglio però ella procedeva sì
cautamente, che non risolvendo nè a lui, nè ad altri l’amor suo, moderava tutti li pensieri, e gli
arcani del cuore coll’arbitrio della madre, da cui sola pendevano e l’essere, e ogni sua fortuna.
Non però dubiose, ma certe del Signor Pietro erano le speranze, il quale, come riputavasi
degli altri il più degno, per longo merito di servigio, e di fede, così promettavasi riuscir
nell’arringo avventuroso e felice. Ma quanto sono fallaci li desideri degli amanti! Con subito
tramutamento cangiossi ogni suo bene, et ogni sua gioia, in duolo, et in pianto: percioché la
(5) genitrice arbitra delle voglie della donzella, destinolla ad altro amatore; e togliendola à
lui, donò altrui la sorte, e’l nome di sposo. Così mentre più fiammeggiava nel cuor suo la face
di Amore, truovò spenta quella d’Himeneo; nè giovarono à lui punto le sofferenze, e le fatiche
di tanti anni; che anzi in un baleno, oscurandosi il bel sereno, da tempestosi nembi, nella
propria maturità restarono grandinate, e lacere à terra le brame, e le speranze. Agitato egli
dunque dalle furie amorose nella strage degli affetti, non truovava nè pace, nè respiro, tolto al
54
cibo, et al sonno, et alla vita ancora; dove sdegnando egli di perir vilmente di amore, e di
duolo, armatosi d’ira, e di ferro, già rivolgevalo contro se stesso, risoluto però di morire con
l’involatore della sua vita, e lasciare memorando esempio della sua fede, e dell’altrui crudeltà.
Così da giovanil furore conculcata la ragione, et oscurato ogni lume della mente, precipitava
egli ad esito infelice; se il Cielo, che altrove, et ad altre fortune lo chiamava, non si fosse
rivolto verso lui in chiaro aspetto, e benigno; e se Dio, à cui egli non lasciò di ricorrere in così
grave periglio, non gli havese porto la destra, et infuso la gratia, e’l lume. Il perche, quasi una
voce allhora gli favellasse al cuore, parevagli udire le parole di uno, che l’esortasse alla fuga,
e alla lontananza; ond’egli, con subita rivolta da quel desio di morte, si andò proponendo
remote solitudini, lontane regioni, stranieri costumi, barbara vita; non si curando di
abbandonare la cara patria, e ponendo in non cale la successione e’l sangue. Risolutosi però
alla partenza, frà l’altre parti del mondo, si elesse la peregrinatione dell’Oriente, destatosi
internamente, in lui un pietoso zelo di visitar Terra Santa, e di sciorre il voto, risanati gli
affetti, confidando di dover puro un giorno, saldarsi nel petto suo quella ferita, che
mortalmente lo teneva oppresso: questa fu la meta della sua peregrinatione. Trasferitosi però a
Napoli a consultare la partenza con l’amico suo Signor Mario Schipano soggetto di gran
letteratura e celebre per l’Accademia d’Italia, in quella Città, professore di medicina, riportò
da esso l’approvatione di questo unico consiglio della sua salute, e pensando insieme di
consecrare
(6) alla fama queste peregrinationi, determinarono dividersi li premi, e le fatiche, toccando al
Signor Pietro, con ragguagli di lettere, peregrinando, annotare i luoghi, i costumi e le cose; et
al Signor Mario, con l’otio delle Muse, formarne una storica narratione. Prima però di partire
di Napoli, per dar vero titolo a questa sua peregrinatione, nella Chiesa di San Marcellino, tra
le preghiere di quelle Signore Monache, cantata una Messa, alla prosperità del suo viaggio,
fece benedire una tonaca, e’l bordoncino di oro, che si cinse all collo, intitolandosi il
Pellegrino, senza più mai levarselo, se non dopo visitata Terra Santa. Tornò il Signor Pietro à
Roma, e d’indi portossi à Venetia; e sù’l cantato Delfino sciolse a que’ viaggi, c’hora sono in
tanto grido; et a’ quali egli conduce seco veramente, con piacere, chiunque prende à leggerli
attentamente; e V. S. Illustrissima nella scielta de’ libri, tanto saggia, che a poche lettioni si
ristringe, sò, che più di una volta gli hà letti, sempre con maggior piacere. Hora in
quest’opera, eseguì il Signor Pietro le sue parti, ma non già lo Schipano, soprafatto, ò dalle
occupationi, ò dalle materie, che in vero il ridurle sotto leggi, e forme d’historia, sarebbe
riuscito malagevole, senza detrarre alle narrationi quella gratia, che deriva puramente dalla
facilità dell’Autore, particolarizzando egli in un tempo, varie cose diverse con modi propri
delle lettere, e del parlar suo famigliare. Fu però saggia, e fortunata la risolutione del Signor
Pietro in donare al publico le stesse lettere sue, senza cangiarle, se non quanto comportava
qualche annotatione, e pulimento, che nelle mancanze, et inquietudini de’ viaggi, non era
possibile il ridurre allhora in perfettione. Io non sò lodar per me stesso, se non quanto sono
testimonio delle lodi attribuite da V. S. Illustrissima à così rare memorie, appartenenti tanto
alla cosmografia , quanto alla storia, et utili insieme alli costumi, alla politica, et alle cose
naturali: il che eseguisce col proporci, e dipingerci, come in una tavola, i luoghi, le terre, i
mari, i fiumi, le positure del cielo, le città, le corti, le feste, i giuochi, l’usanze, li traffichi, la
religione, le leggi civili, e militari. Grande è la diligenza, e l’eruditione, in ricercare le cose,
ponendo in luce
(7) le nuove, rincontrando i luoghi moderni con gli antichi, come succede in tanti paesi di
Troia, di Costantinopoli, di Alessandria, del Cairo, ò sia l’antica Babilonia. Quivi frà le
piramidi, le mummie, l’arenose campagne, ci apre li sepolcri Egittiani, dopo ci fa salire per le
nevi del Sinai, ci conduce in Gierusalemme, al Giordano, et à peregrinare ne’ santi luoghi. Io
per me, senza lasciarlo punto, lo seguo in Damasco, in Aleppo, ne’ deserti di Arabia, veggo la
55
nuova Baghdàd, ammiro l’antica Babelle, il sepolcro di Belo. Quivi mi allegro de’ suoi
novelli amori Babilonici, nati per fama. Dopo trapassando in Persia, mi trattengo fra’costumi
de’ Curdi, pervengo in Sphahan, in Ferhabad, al mar Caspio, veggolo sedere al convito regio,
veggo la grandezza Persiana, il valore, e la saviezza del Rè Abbas, accompagnandolo egli
nella militia, et infra li padiglioni. Partito da Sciraz, eccolo giunto all’antica Persopoli, e dalle
ruine della Regia di Ciro, ahimè, trapassa al lutto della generosa Sitti Maani Gioerida. Sin quì
V. S. Illustriss. hà letto le lettere, che sono in istampa, della Turchia, e della Persia: resta il
terzo volume dell’India, col ritorno alla patria. Sciolto dal porto di Combrù tragitta dal seno
Persico, e dall’aperto pelago, à Surat, prima terra dell’India, sotto la zona torrida, ne’ paesi del
gran Mogol, fino à Goa; e più à mezzo giorno, a Canarà, Manel, e Calicut: e ritornando alla
regione temperata, ripassa il seno Persico, e per lo deserto, ad Aleppo. Nelle quali
peregrinationi, veggonsi le grandi peschiere, li bazar, gli spedali degli uccelli, e degli animali,
li Brahmani, li Gimnosofisti, le nozze, i funerali, li riti sacri de’ Christiani Indiani, li profani
de’ Gentili, gl’Idoli, li Tempii, e di que’ Reguli la nudità, gli ornamenti, le corti, i costumi;
finche, lasciando Antiochia, Malta, Sicilia, si riconduce à Napoli, et à Roma. In tutti questi
viaggi egli non tenne ascosa, anche apri, e fece manifesta la prestanza dell’animo suo,
adoperando nell’attioni consiglio, fortezza ne’ pericoli, generosità nelle maniere,
splendidezza, e decoro ne’ portamenti. Di tal proceder suo sono argomenti gli habiti vari, i
padigioni, i cavalli, i cameli, il seguito numeroso di tante persone; e per cosi dire, la lautezza,
e la
(8) pompa della peregrinatione, havendo fin nella Corte del Re Abbas, dispiegato divise e
livree, insolite alla superbia persiana, e non più vedute per prima. Perciò gli si faceva incontro
la stima de’ Primati, gli honori de’ Consoli, de’ Baili, de’ Presidenti, e degli Ambasciadori. In
Costantinopoli divenne intrinseco del Signor di Sanfy Ambasciadore di Francia, Signore tanto
lodato; ne riportò honori e primi luoghi nelle funtioni publiche; intervenne alla cavalcata del
Bailo di Venetia; e fu introdotto à vedere, et à basciar le vesti al Gran Signore. In Persia,
accompagnò l’Ambasciadore di Spagna, fu chiamato a privata udienza del Re, fatto suo
hospite; et ammesso famigliarmente alla mensa regale. Interrogato, con somma prudenza,
rispose, e propose l’unione de’ Cosacchi contro Turchi; lo seguitò armato in guerra, e trattato
del pari con gli Ambasciadori de’ Principi, si fece conoscere di nascita, e di animo Romano.
Fù honorato in Goa dal Vice Rè dell’Indie, e vidde la Regina di Olala donna famosa; e fu
accarezzato dal figliuolo di lei, che volle vederlo mangiare, all’uso nostro d’Italia, e per le
maniere sue nobili, e per la novità, e per la meraviglia, fu da esso, e da’ suoi acclamato più
volte, per Devrù, Signore et Heroe. E se bene opporassi alcuno, chiamando questo sua
magnificenza soverchia, e profusa, per havere egli diminuito le facoltà, e ricchezze della sua
casa, non aggiungerò io però cosa alcuna alla sua propria scritta difensione.
Così ritornato alla patria, ed entrato in Roma, il giorno 28. Marzo l’anno 1626. seco
condusse con la famiglia, vari habiti stranieri, e con le curiosità del suo museo, le mummie,
che ancora si conservano in sua casa e principalmente la cassa, con le spoglie di Sitti Maani
già sua Consorte, che per tante vie, e per tante difficoltà di terra, e di mare, per lo spatio di
quattro anni, con esempio di vero amore, haveva sempre seco, et in compagnia condotte, fin
dentro casa sua, e prima di se stesso, nella propria camera. Donde trasportate nella Chiesa di
Araceli, in Campidoglio, egli stesso, nella cappella dedicata à San Pauolo, con esempio
d’inaudita pietà, entrato nella sepoltura, volle di sua mano riporle, fra le
(9) ceneri de’ suoi, inchiuse nella sua prima cassa di legno d’amba, entro un’altra esteriore di
piombo, con l’epitaffio, e con quel famoso funerale, che celebrò, e fu dato alle stampe. Ma la
prima attione, ch’egli intraprese, dopo il suo ritorno, fu il baciare li piedi, et il dar conto della
sua peregrinatione à Papa Urbano VIII. il quale accolselo, et honorollo con quella benignità
56
che era solito usare verso gli huomini di lettere, e di valore. Tornatovi di nuovo, gli
appresentò un suo discorso intitolato, INFORMATIONE DELLA GEORGIA, scritta in lingua
nostra di sua mano, che frà le disgratie di quel Regno Christiano, cagionate dal confinante
imperio di Persia, tratta anche de’ modi di ristabilirvi la Fede, con gradimento del Pontefice,
in tempo che dal suo nome, s’instituiva il Collegio Urbano de Propaganda Fide. Onde il Papa,
dal suo proprio fratello il Cardinale di Santo Honofrio, gli fece significare di haverlo fatto suo
Cameriere di honore di spada, e cappa, compiacendosi non solo di trattenersi e discorrere con
lui tal volta famigliarmente, delle cose forestiere, ma publicandone la stima, nella
Congregatione de Propaganda, fu stabilito con decreto, che nella Georgia, secondo il suo
parere, si spedisse una missione, e che da lui si prendessero l’istruttioni, ordinando di più, che
in tutte l’altre risolutioni, orientali, et oltramarine si sentissero li suoi consigli. Non lasciò la
Romana Accademia degli Humoristi di honorare il ritorno del suo glorioso Alunno; dove il
Signor Angelo Filatrello, fatta una lettione, dell’utilità de’ viaggi, in fine con ornato encomio,
lodò lui presente, seguitato dopo da elogi, e poesie, risuonando l’Accademia gli applausi della
sua peregrinatione. Al qual favore egli corrispose, con un discorso succinto de’ suoi viaggi,
come già in Oriente haveva determinato. Esercitavasi ancora in altre Accademie, e
particolarmente in quella del Signor Andrea Capranica nobile Romano, nella quale, fra più
dotti componimenti, fece una lettione su la pietra, che nel deserto, diedi l’acqua agli Hebrei.
Morto dopo il Signore Andrea, nel seguito, et amore degli huomini di lettere, trasportò
l’Accademia in sua casa propria, ove radunavansi ancora li più gravi ingegni della Teologia:
(10) dico il Mostro e’l Campanella, che così all’improviso ripigliavano li discorsi, tra dispute
bellissime. Io sono testimonio ne’ miei più verdi anni, quando in una lettione egli conferì
alcuni luogi di Virgilio e di altri Poeti Latini, con quelli d’un Poeta Persiano, tradotti da lui;
che poi in leggendo la Persia, ho creduto essere quel Chogià Hafiz, il cui sepolcro egli visitò
in Sciraz.
Ma oltre questi, attendeva agli altri studi delle lingue, alle quali, peregrinando, haveva egli
dato opera, siche oltre le nostre d’Europa, et oltre la Greca, e la Latina, parlava egli, e
componeva nella Turca, nella Persiana, e nell’Araba, non senza cognitione della Caldea e
della Copta. E perché fin da giovine fu inclinatissimo, e dilettossi dell’arte della musica,
congiuntosi in istudio col Signor Giovanni Battista Doni, huomo di fama nelle lettere,
adoperato nella corte Romana, et il quale primo insegnò, e scrisse libri della musica antica,
circa la Theorica de’ tuoni harmonici, con questa occasione, anch’egli si diede alle
speculationi e giunse à metterle in pratica, componendo varie maniere di melodie, e di
modulationi. Fabricossi due nuovi strumenti; un Cembalo Hessarmonico, et un Violone
Panarmonico, e fecesi udire una sera de’ Venerdì sacri di passione all’Oratorio di San
Marcello; dove da cinque de’ migliori Cantori furono cantati versi, sopra la storia di Ester, da
esso composti, e modulati, in vari tuoni, con l’accompagnamento di quelli strumenti. Ma
questa inventione non è stata poi seguitata e ridotta a perfettione; perché il nostro secolo,
avvezzo adularsi sfacciatamente sopra gli antichi, non ne hà fatto conto, e li Musici per la sola
pratica, c’hanno del comporre, abborrirono il cominciar di nuovo dall’astrattioni speculative
de’ tuoni, come superflue, et inutili, restando però senza laude della theorica musicale, per
non essersi udito fin’hora alcuna vera sonata enarmonica, o cromatica; non che le melodie di
più d’un tuono, come dichiara il Doni, dedicando due de’ libri suoi al Signor Pietro. Sentivasi
egli intanto occupato da interna inquietudine nella solitudine di se stesso e della sua casa,
premendolo il debito di propagare la prole, che in varie vicissitudini era stata in
(11) pericolo. In vano parevagli di havere sciolto il voto à Terra Santa, se, ricondottosi in
mezzo gli agi della patria, negli anni suoi già maturi, egli ne havesse differito l’adempimento.
Al che era stato egli contrariato doppiamente dall’infelicità sua: prima, con le deluse speranze
57
delle nozze Romane, e dopò, con la privatione di colei, che à cercarla, fino in Babilonia erasi
condotto, rendendosi di nuovo, con la morte di essa infelice. Havendo però egli fin di Persia, e
fanciulla condotta à Roma la Signora Maria Tinatin di Ziba, che con nome di Mariuccia, era
stata le delitie della Signora Maani, in vita, et in morte da essa raccomandatagli unicamente;
in lei però venne a fermare li pensieri e le cure della successione, cresciuta ne’ viaggi di
Persia, e d’India, e nella sua propria casa, in Roma, generosa di sangue, e di maniere. Nacque
ella nel paese Christiano de’ Giorgiani di nobili parenti: Ziba suo padre, huomo illustre nella
militia de Re, morto valorosamente, nell’invasione dell’armi Persiane, ella trasmigrò in
Persia, nella Città regale di Sphahan; dove il Signor Pietro conversando con alcuni principali
Signori Giorgiani congiunti di essa, conosciuta dalla Signora Maani, la ritennero in casa, e
come figliuola l’educarono affettuosamente. Considerando però, che il Cielo, non à caso, e di
sì lontano clima, per mari, e terre, compagna delle sue fortune, seco in Roma l’haveva salvata
e condotta, anteposela ad ogni altra, benché ricca molto, e di conosciuta nobiltà, e parentado
nella patria, confidandosi nella fecondità del suo buon temperamento, che non riuscì vano
nella prole numerose di quattordici figli. Vive ancora questa Signora, e V. S. Illustrissima in
Roma, la visitò, e favellò seco, havendole essa compitissimamente conceduto li ritratti dipinti
del Signor Pietro, della Signora Sitti Maani Gioerida nell’habito Babilonico, et il suo proprio
nel Giorgiano, con quelle due lunghissime treccie, che di quà e di là scendono, come sogliono
le Vergini, et al volto, et al corpo rendono vago ornamento. Succedette poi la ritirata del
Signor Pietro à Paliano Fortezza de’ Signori Colonnesi, e ’l suo ritorno à Napoli, in occasione,
che apparve più chiaro l’amore, e la
(12) stima verso di lui del Sommo Pontefice Urbano, e del Signor Cardinale Francesco
Barberini, che, rinuovando il secolo migliore delle lettere, e delle buone arti, imitava la
pontificia beneficenza del suo gran Zio, in favorire, e premiare gli huomini di virtù, e di fama.
Era avvenuto, che stando egli nella sua carrozza, in sù la Piazza di Monte Cavallo, à veder
passare certa processione, uno de’ suoi servidori Indiani, che solo haveva appresso di sé,
venuto à contesa con altro de’ famigli della stalle pontificie: questi toltagli la spada, non
apprezzando né la presenza, né le parole del Signor Pietro, già era pronto a romperla in pezzi,
avanti di lui, s’egli, con la propria, non l’havesse prevenuto, passandolo da lato à lato.
Ritirossi però à Paliano, stimato il delitto gravissimo, avanti il palazzo, e sù gli occhi del
Papa, che stava ad una fenestra, per dare la benedittione; il quale havendo ben veduto il fatto,
per la benevolenza verso di lui, con facilissima intercessione dello stesso Cardinal Francesco,
in breve lo restituì alla patria, et alle fortune. Seguitò egli poi a viver sempre nella famigliarità
e dimestichezza delle muse, visitato da tutti gli huomini dotti e di merito che sogliono venire à
Roma, e da quelli che nella Republica delle lettere, in essa dimorano; communicando con essi
li dotti et eleganti suoi discorsi e curiosità peregrine del suo museo, finche, pervenuto all’anno
dell’età sua sessagesimosesto, da questa humana peregrinatione trasmigrò all’altra vita, il
giorno 21. Aprile 1652. sepolto nella Chiesa di Araceli nella sepoltura de’ suoi maggiori;
accompagnando in morte, le sue, con le spoglie di Sitti Maani Gioerida, tanto con lui
congiunta in vita.
Hora se V. S. Illustrissima, dopo le forme interne dell’animo, desidera intendere ancora
l’esterne del corpo, sappia, che la statura del Signor Pietro era anzi picciola, che grande, ma
d’una habitudine intiera e quadrata: ond’egli si muoveva in aspetto grave, e sollevato, con
spirito negli occhi, nobiltà nella fronte spatiosa e rotonda: siche à verderlo così alla prima,
poteva parere severo à chi non havesse conosciuto le sue familiarissime maniere,
accompagnando il color bianco della carne, con la canitie appresso il calvitio, che nella
vecchiezza
58
(13) aggiungeva veneratione al decoro del volto, e della persona.
Soleva dire de’ costumi degli huomini; che li vitii, e le virtù, erano in ogni luogo; e che li
beni, e li mali per tutto si truovavano seminati: non havere conosciuta cosa migliore e
peggiore dell’huomo: potentissimi essere l’opinione, e l’uso: Ciascuno professar di sapere,
commune essere l’ignoranza: Moltissime essere le disgratie, poche le prosperità; quelle star
sempre apparecchiate, queste succedere a noi raramente: La natura in ogni terra, palesarsi
commune madre, distribuendo à tutti li suoi doni; e dove manca di alcuni beni, supplire con
altri; ma picciola parte de’ mortali sapersene servire, e quasi tutti abusarli al proprio danno.
Diceva infine, che, trà tante cose haveva vedute, una sola gli restava di vedere, che haveva
cercato in vano, in tanti viaggi di tanti anni, in tanti luoghi, nell’humile, nell’alta e nella Regia
fortuna; e questa era, di non haver mai rincontrato un huomo intieramente felice: benche al
contrario moltissimi, e senza numero, ne havesse trovati infelicissimi.
Circa le Opere di questo Autore, mi resta di annotare à V. S. Illustrissima l’Oratione nel
funerale di Sitti Maani Gioerida sua Consorte, stampata in Roma l’anno 1627, con funerale
celebrato e descritto da Girolamo Rocchi.
Delle conditioni di Abbas Re di Persia, dedicato al Signor Cardinale Francesco Barberini
Nipote di Urbano Ottavo, stampato in Venetia l’anno 1628. il qual Libro non fu publicato.
La prima Parte delle lettere de’ viaggi di Turchia, stampata in Roma l’anno 1650. et in vita
sua.
La Persia Parte prima, e Parte seconda, stampata in Roma l’anno 1659. [sic] da Biagio
Diversino Libraro Francesce, dedicata a Nostro Signore Alessandro VII. dalli Signori
Figliuoli del Signor Pietro.
Resta hora da stamparsi la terza Parte, cioè l’India col suo ritorno alla patria, truovandosi il
manoscritto appresso lo stesso Biagio Diversino Libraro.
Gli Avvenimenti della Signora Maria Tinatim di Ziba della
(14) Valle seconda Moglie sua, descritti in lingua volgare l’anno 1644, ne’quali si contiene
un compendio della Persia, e dell’India: l’originale appresso la medesima Signora.
L’Informatione della Giorgia, scritta à Papa Urbano VIII. appresso lo stesso Biagio
Libraro.
De Regibus subiectis Recentiori Persarum Imperio, in Latino, de’ quali egli fa più volte
mentione.
Annotationi all’historie di Ossorio.
Queste poche linee del ritratto del Signor Pietro della Valle invio a V. S. Illustrissima, le
quali non portano la rassimiglianza del volto, formato da lui stesso, al vivo, ma rappresentano
qualche lineamento dell’ultime, et inferiori parti del corpo, quali havendo pur io segnate, per
ordinatione di lei, e scorgendole senza proportione, e senza disegno, glie le invio, perché le
ritocchi, e le emendi; e perché di più vi adoperi il colore, e la forza de’ lumi e faccia spiccar
fuori la figura. Ma, Signor mio, vorrei pur io, con questo, vedere espresso di sua mano, il suo
proprio ritratto, non già in habito barbaro e col turbante in testa, ma vestito de’ nostri drappi e
59
col manto. Non ha veramente V. S. Illustrissima intrapreso peregrinationi, e viaggi stranieri,
ma calcato solamente l’Europa e messo appena il piede in Affrica, riconoscendo però col suo
bel paese di Francia, tutta la Spagna, la Germania, la Fiandra, l’Inghilterra e l’Italia più volte.
Laonde, penetrando ella il nostro clima, nel commercio delle cose volgari, hà saputo truovare
la novità e ’l giovamento, et in provincie communi usitate, si è palesata d’ingegno straniere, e
peregrino. Lo posso affermar io per esperimento, quando ultimamente, da Regii sponsali di
Francia, e dalla celebratione della Pace, tornando ella in Italia alle nozze di Toscana, per
trasferirsi poi à quelle d’Inghilterra, reduce ancora di Germania dalla Coronatione di
Leopoldo in Re de’ Romani, di cui, e del benigno animo di lei mi lasciò memoria, col bel
medaglione di oro, quando, dico, ella passò per Roma, la stagione di Primavera dell’anno
trascorso 1661. e mi pigliò per mano generosamente, et à Napoli mi condusse. O che felice
viaggio! quel leggere suo, e discorrer
(15) sempre à cavallo, come nell’accademia, quell’ansietà di vedere il tutto con gli occhi
propri, et annotarlo di sua mano. Rammentimi, la prego Signor mio, le Ville Tusculane, le
dotte colonne del portico di Cicerone, il nome di Mario, la superbia di Domitiano, gli
ammirandi vestigi della fortuna Prenestina, il famoso lithostrato di Silla, Aquino hormai di
sito, non di nome ignoto, la Biblioteca e l’heremo di Monte Casino, e Capua antica, e
l’Anfiteatro, e Napoli, e ’l Vesuvio, il sepolcro, e gli allori di Virgilio, e Sorrento di nuovo
gloriosa per la casa nativa di Torquato Tasso; la scala di Capri, e li recessi di Tiberio, e
Pozzuolo, e’l ponte, e Baia, e Miseno, e frà le antichità, le grotte, i bagni, i laghi, i solfi, e
l’acque, e’l fuoco. Per questi sentieri hò veduto, Signor mio, peregrinare il suo ingegno, una
sol cosa io ripeterò à lei, alla quale soglio volgermi fra le mie più dolci memorie, quando io
dico ne’ giardini dell’ameno Posilipo, ella mi empì le mani di rose e poi discese à Mergellina
al Sepolcro di Sannazzaro; dove, letta ad alta voce, l’iscrittione, DA SACRO CINERI
FLORES: ella fu il primo, et io la seguitai à sparger li vermigli fiori sopra il bianco marmo;
altrettanto lieto, quanto improviso à me un sì bel fatto, da lei taciutomi per prima. Direi, che
dal Cielo, sfavillasse allhora, in mezzo alle fredde ceneri, un raggio di giubilo l’anima di
Sincero, e cancellasse l’antico oltraggio dell’armi d’un Capitano Francese contro la sua
Mergellina, approdandovi un Cavaliere della stessa Natione, non apportatore di guerra, e di
offese, ma, ristauratore di pietosi uffici, e supplice di pace. Ma io quì mi fermo à pregare
salute, e felicità alla persona di V. S. Illustriss. sperando hormai di riverirla da suoi lunghi
viaggi, con bene avventurosa sorte, restituita alla Patria, et alla Corte, con farle hora
humilissima riverenza. Di Roma li 15. Ottobre 1662.
60
© MARGARET DALY DAVIS, München/Firenze/Venezia
15.03.2012
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement