xi4sp5 bip user it

xi4sp5 bip user it
Manuale dell'utente della piattaforma Business Intelligence
■ SAP BusinessObjects Business Intelligence Platform 4.0 Support Package 5
2012-12-05
Copyright
© 2012 SAP AG. Tutti i diritti riservati.SAP, R/3, SAP NetWeaver, Duet, PartnerEdge, ByDesign,
SAP BusinessObjects Explorer, StreamWork, SAP HANA e gli altri prodotti e servizi SAP qui
menzionati, nonché i relativi loghi, sono marchi registrati di SAP AG in Germania e in altri Paesi.
Business Objects e il logo Business Objects, BusinessObjects, Crystal Reports, Crystal Decisions,
Web Intelligence, Xcelsius e gli altri prodotti e servizi Business Objects qui menzionati, nonché i
rispettivi loghi, sono marchi o marchi registrati di Business Objects Software Ltd. Business Objects
è una società SAP. Sybase e Adaptive Server, iAnywhere, Sybase 365, SQL Anywhere e gli altri
prodotti e servizi Sybase qui menzionati, nonché i rispettivi loghi, sono marchi o marchi registrati di
Sybase, Inc. Sybase è una società SAP.Crossgate, [email protected] EDDY, B2B 360°, B2B 360° Services
sono marchi registrati di Crossgate AG in Germania e in altri Paesi. Crossgate è una società SAP.
Tutti gli altri nomi di prodotti e servizi qui menzionati sono marchi che appartengono alle rispettive
società. Quanto riportato nel presente documento ha finalità esclusivamente informative. Le specifiche
nazionali dei prodotti possono variare. SAP si riserva il diritto di modificare tutti i materiali senza
preavviso. I materiali sono forniti da SAP AG e dalle sue affiliate (“Gruppo SAP”) solo a scopo
informativo, senza alcun fine illustrativo o di garanzia di qualsiasi natura; il Gruppo SAP non si assume
alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni presenti nei materiali. Le uniche garanzie
applicabili ai prodotti e ai servizi del Gruppo SAP sono quelle espressamente menzionate nelle apposite
clausole contrattuali eventualmente previste per i singoli prodotti o servizi. Nessuna parte del presente
documento è da interpretarsi come garanzia accessoria.
2012-12-05
Sommario
3
Capitolo 1
Storico documenti...................................................................................................................9
Capitolo 2
Introduzione..........................................................................................................................11
2.1
2.2
2.3
2.4
2.5
2.6
Informazioni sulla documentazione.........................................................................................11
Capitolo 3
Utilizzo della Central Management Console.........................................................................15
3.1
3.2
3.3
3.4
3.4.1
3.4.2
Informazioni sulla Central Management Console....................................................................15
Capitolo 4
Aggiunta di oggetti al repository...........................................................................................21
4.1
4.1.1
4.1.2
Aggiunta di oggetti alla piattaforma BI....................................................................................21
Capitolo 5
Organizzazione degli oggetti.................................................................................................25
5.1
5.1.1
5.1.2
5.1.3
5.1.4
5.2
5.2.1
Cartelle .................................................................................................................................25
Destinatari della documentazione...........................................................................................11
Informazioni sulla piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence ...........................11
Gestione delle licenze............................................................................................................12
Concetti fondamentali............................................................................................................12
Attività principali.....................................................................................................................13
Per accedere a CMC dal browser..........................................................................................15
Spostamento nella console CMC...........................................................................................16
Impostazione delle preferenze della console CMC.................................................................17
Preferenze della console CMC...............................................................................................17
Impostazioni locali di visualizzazione preferite.........................................................................18
Per aggiungere un oggetto nella CMC...................................................................................21
Salvataggio di oggetti direttamente nel CMS.........................................................................23
Utilizzo delle cartelle...............................................................................................................25
Definizione dei diritti di una cartella.........................................................................................27
Limitazione del numero di istanze a livello della cartella..........................................................27
Per visualizzare le cartelle personali.......................................................................................28
Categorie...............................................................................................................................28
Utilizzo delle categorie...........................................................................................................29
2012-12-05
Sommario
4
Capitolo 6
Utilizzo degli oggetti contenuto............................................................................................33
6.1
6.1.1
6.1.2
6.1.3
6.1.4
6.1.5
6.1.6
6.1.7
6.1.8
6.1.9
6.2
6.2.1
6.2.2
6.2.3
6.2.4
6.2.5
6.2.6
6.2.7
6.2.8
6.2.9
6.2.10
6.2.11
6.2.12
6.2.13
6.2.14
6.3
6.3.1
6.3.2
6.3.3
6.3.4
6.4
6.4.1
6.4.2
6.4.3
6.4.4
6.4.5
6.5
6.5.1
6.5.2
Gestione di oggetti di carattere generale................................................................................33
Copia di un oggetto................................................................................................................33
Spostamento di un oggetto....................................................................................................34
Creazione di un collegamento oggetto...................................................................................34
Eliminazione di un oggetto......................................................................................................34
Ricerca di uno o più oggetti....................................................................................................35
Creazione di un nuovo collegamento ipertestuale...................................................................36
Invio di un oggetto o un’istanza a una destinazione.................................................................36
Modifica delle proprietà di un oggetto....................................................................................39
Relazioni................................................................................................................................40
Gestione di oggetti report......................................................................................................41
Definizione di oggetti report e istanze di report......................................................................41
Impostazione delle opzioni di aggiornamento dei report..........................................................42
Impostazione delle opzioni di visualizzazione dei report..........................................................43
Definizione dei server predefiniti.............................................................................................45
Modifica delle impostazioni del database................................................................................46
Aggiornamento dei valori dei prompt predefiniti per un report Crystal.....................................47
Aggiornamento dei prompt per un documento Web Intelligence.............................................48
Utilizzo dei filtri.......................................................................................................................49
Impostazione delle opzioni stampante e layout di pagina........................................................50
Estensioni di elaborazione......................................................................................................52
Utilizzo di report con collegamenti ipertestuali .......................................................................55
Visualizzazione di un'immagine di anteprima di un report Crystal............................................57
Visualizzazione degli avvisi nei report Crystal.........................................................................57
Visualizzazione degli universi per un documento Web Intelligence..........................................58
Utilizzo dei report in un ambiente integrato.............................................................................58
Aggiunta di report da NetWeaver BW a BusinessObjects Enterprise ....................................58
Migrazione del contenuto di sviluppo a un sistema SAP NetWeaver BW di produzione .........59
Visualizzazione dei report ......................................................................................................60
Personalizzazione dei report generati da query SAP NetWeaver BW.....................................61
Gestione di oggetti programma..............................................................................................65
Oggetti programma e istanze.................................................................................................65
Impostazione delle opzioni di elaborazione dei programmi......................................................67
Configurazione di programmi eseguibili..................................................................................68
Configurazione di programmi Java..........................................................................................70
Specifica di un account utente per un oggetto programma.....................................................72
Gestione dei pacchetti di oggetti............................................................................................72
Pacchetti di oggetti, componenti e istanze.............................................................................72
Creazione di un nuovo pacchetto di oggetti............................................................................73
2012-12-05
Sommario
5
6.5.3
6.5.4
6.5.5
Aggiunta di oggetti a un pacchetto di oggetti..........................................................................73
Capitolo 7
Pianificazione di oggetti........................................................................................................77
7.1
7.1.1
7.1.2
7.1.3
7.2
7.2.1
7.2.2
7.2.3
7.2.4
7.3
7.3.1
7.3.2
7.3.3
7.3.4
7.4
7.4.1
7.4.2
7.4.3
7.4.4
Pianificazione.........................................................................................................................77
Capitolo 8
Avvisi...................................................................................................................................129
8.1
8.1.1
8.1.2
8.1.3
8.1.4
8.1.5
8.2
8.2.1
8.2.2
8.2.3
8.2.4
8.2.5
8.2.6
8.2.7
Avvisi...................................................................................................................................129
Configurazione di pacchetti di oggetti e dei relativi oggetti.....................................................74
Autenticazione e pacchetti di oggetti......................................................................................75
Impostazione delle opzioni per la pianificazione......................................................................77
Per eseguire istantaneamente gli oggetti..............................................................................107
Pianificazione degli oggetti mediante l’utilizzo di pacchetti di oggetti.....................................107
Gestione delle istanze..........................................................................................................108
Visualizzazione di informazioni sull'istanza............................................................................108
Sospensione o ripresa di un'istanza.....................................................................................112
Per eliminare un’istanza........................................................................................................113
Per impostare limiti per le istanze.........................................................................................113
Calendari..............................................................................................................................114
Creazione di un calendario...................................................................................................115
Aggiunta di date a un calendario...........................................................................................116
Eliminazione di un calendario................................................................................................120
Specifica dei diritti relativi ai calendari...................................................................................121
Eventi...................................................................................................................................121
Eventi basati su file..............................................................................................................122
Eventi basati su pianificazione..............................................................................................124
Eventi personalizzati.............................................................................................................125
Definizione dei diritti per gli eventi........................................................................................126
Origini degli oggetti per gli avvisi..........................................................................................130
Workflow di Avvisi................................................................................................................130
Differenze tra le notifiche di avviso dei report Crystal e la funzionalità di avviso....................131
Diritti richiesti per la funzionalità Avvisi.................................................................................132
Risoluzione dei conflitti di sottoscrizione..............................................................................135
Utilizzo della funzionalità Avvisi.............................................................................................135
Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console.........................135
Abilitazione della funzionalità Avvisi per un evento................................................................136
Sottoscrizione a un avviso....................................................................................................136
Annullamento della sottoscrizione a un avviso......................................................................137
Per sottoscrivere altri utenti a un avviso...............................................................................138
Annullamento della sottoscrizione di altri utenti a un avviso..................................................139
Esclusione di utenti da un avviso..........................................................................................139
2012-12-05
Sommario
6
8.2.8
8.2.9
Gestione delle impostazioni della funzionalità Avvisi per un'origine di avviso.........................140
Capitolo 9
Gestione dei profili..............................................................................................................143
9.1
9.1.1
9.1.2
9.2
9.2.1
9.2.2
9.3
9.3.1
9.4
Funzionamento dei profili......................................................................................................143
Capitolo 10
Pubblicazione......................................................................................................................153
10.1
10.2
10.3
10.3.1
10.3.2
10.3.3
10.3.4
10.3.5
10.3.6
10.3.7
10.3.8
10.3.9
10.3.10
10.3.11
10.4
10.4.1
Informazioni sulla pubblicazione............................................................................................153
Capitolo 11
Utilizzo delle pubblicazioni..................................................................................................173
11.1
11.1.1
11.1.2
11.1.3
11.1.4
11.1.5
11.1.6
Progettazione delle pubblicazioni..........................................................................................173
Consigli sulla gestione degli avvisi........................................................................................140
Profili e workflow di pubblicazione........................................................................................143
Creazione di un profilo.........................................................................................................144
Destinazioni di profilo e valori di profilo.................................................................................144
Per specificare una destinazione di profilo globale................................................................145
Specifica di valori profilo.......................................................................................................146
Risoluzione dei conflitti tra i profili.........................................................................................149
Conflitti tra valori di profilo....................................................................................................150
Definizione dei diritti dei profili..............................................................................................151
Definizione di pubblicazione..................................................................................................153
Concetti relativi alla pubblicazione........................................................................................153
Bursting di report.................................................................................................................154
Regole di consegna..............................................................................................................155
Destinatari dinamici..............................................................................................................157
Destinazioni.........................................................................................................................158
Segnaposto personalizzati per nomi di documenti di origine di pubblicazione........................162
Segnaposto personalizzati per i campi relativi alla posta elettronica......................................164
Formati.................................................................................................................................164
Personalizzazione.................................................................................................................166
Estensioni delle pubblicazioni...............................................................................................167
Sottoscrizione......................................................................................................................168
Unione PDF per i report Crystal...........................................................................................168
Diritti richiesti per la pubblicazione........................................................................................169
Publisher e destinatari: diritti di visualizzazione.....................................................................171
Progettazione di pubblicazioni per l'utilizzo con SAP BusinessObjects Live Office................173
Progettazione di pubblicazioni per destinatari SAP...............................................................173
Per creare una nuova pubblicazione nella console CMC.......................................................174
Creazione di una nuova pubblicazione in BI Launch Pad.......................................................174
Per aprire una pubblicazione esistente.................................................................................175
Per immettere le proprietà generali per una nuova pubblicazione..........................................175
2012-12-05
Sommario
11.1.7
11.1.8
11.1.9
11.1.10
11.1.11
11.1.12
11.1.13
Per selezionare i documenti di origine..................................................................................175
11.1.14
11.1.15
11.1.16
11.1.17
11.2
11.2.1
11.2.2
11.2.3
11.2.4
11.2.5
11.2.6
11.2.7
11.3
11.3.1
11.3.2
11.3.3
Per specificare le informazioni di pianificazione.....................................................................183
Appendice A
Ulteriori informazioni...........................................................................................................213
Indice
7
Per selezionare i destinatari Enterprise.................................................................................177
Per specificare i destinatari dinamici.....................................................................................177
Per specificare una destinazione per la pubblicazione...........................................................178
Segnaposto personalizzati per nomi di documenti di origine di pubblicazione........................179
Segnaposto personalizzati per i campi relativi alla posta elettronica......................................181
Per incorporare il contenuto dinamico di un documento di origine in un messaggio di posta
elettronica............................................................................................................................181
Attività di progettazione per le pubblicazioni dei report Crystal.............................................183
Attività di progettazione per le pubblicazioni dei documenti Web Intelligence........................190
Utilizzo delle caratteristiche di pubblicazione aggiuntive........................................................192
Attività di pubblicazione post-progettazione..........................................................................201
Finalizzazione della pubblicazione.........................................................................................201
Per testare una pubblicazione...............................................................................................201
Per sottoscrivere o annullare la sottoscrizione a una pubblicazione......................................202
Per pianificare l'esecuzione di una pubblicazione..................................................................203
Visualizzazione dei risultati della pubblicazione.....................................................................203
Per ridistribuire un'istanza di pubblicazione...........................................................................206
Per riprovare l'esecuzione di una pubblicazione non riuscita.................................................207
Miglioramento delle prestazioni delle pubblicazioni...............................................................208
Suggerimenti per l'aggiunta di documenti di origine..............................................................209
Suggerimenti per l'utilizzo delle origini dei destinatari dinamici..............................................210
Suggerimenti per l'invio e la ricezione di istanze di pubblicazione via posta elettronica..........211
215
2012-12-05
Sommario
8
2012-12-05
Storico documenti
Storico documenti
La seguente tabella contiene una panoramica delle modifiche principali apportate al documento.
Versione
Data
Descrizione
SAP BusinessObjects 4.0
Novembre Prima versione di questo documento
2011
Piattaforma SAP BusinessObjects Bu- Novembre Il menu di scelta rapida di Windows in cui si trova
siness Intelligence 4.0 Support Package 2012
il software SAP BusinessObjects Business Intel5
ligence è cambiato. I nuovi collegamenti sono
disponibili in Start > Tutti i programmi > SAP
Business Intelligence.
9
2012-12-05
Storico documenti
10
2012-12-05
Introduzione
Introduzione
2.1 Informazioni sulla documentazione
In questa documentazione vengono fornite informazioni sull'utilizzo e la gestione di oggetti nella
piattaforma BI e in particolare sull'esecuzione di tali attività mediante la console CMC. Le procedure
sono fornite per le attività comuni. Le informazioni concettuali e i dettagli tecnici sono forniti per tutti gli
argomenti avanzati.
Per ulteriori informazioni sulle attività di amministrazione del sistema come la pianificazione della
distribuzione, la gestione dei server, l'impostazione dei diritti e dell'autenticazione o la gestione di utenti
e gruppi, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business
Intelligence. Per ulteriori informazioni sull'installazione della piattaforma BI, consultare il Manuale di
installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence. Entrambi i manuali sono
disponibili all'indirizzo http://help.sap.com.
2.2 Destinatari della documentazione
Questa documentazione è destinata agli amministratori di contenuto e ai power user che gestiscono il
contenuto nel repository e distribuiscono contenuto aggiornato ai destinatari.
2.3 Informazioni sulla piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence
La piattaforma BI è una soluzione flessibile, scalabile e affidabile per la generazione di report interattivi
e potenti tramite qualsiasi applicazione Web, Intranet, Extranet, Internet o portale aziendale. Utilizzata
per la distribuzione di report settimanali sulle vendite, per la fornitura ai clienti di offerte di servizi
personalizzati o l'integrazione di informazioni cruciali nei portali aziendali, la piattaforma BI garantisce
sempre vantaggi tangibili che si diffondono a tutta l’azienda e oltre. La piattaforma è una suite integrata
per la creazione di report, l'analisi e la distribuzione di informazioni, che offre una soluzione ideale per
aumentare la produttività degli utenti finali e ridurre l’onere delle attività amministrative.
11
2012-12-05
Introduzione
2.4 Gestione delle licenze
La piattaforma BI supporta i seguenti tipi di licenze:
•
•
•
•
Visualizzatore BI
Analista BI
Utente simultaneo
Utente designato
Ciascun tipo di licenza concede e limita l'accesso a determinate attività e applicazioni. A seconda della
licenza di cui si dispone, potrebbe non essere possibile accedere a determinate applicazioni, creare
nuovo contenuto o aggiungere documenti al repository. Per determinare la licenza di cui si dispone,
contattare l'amministratore di sistema. Per ulteriori informazioni sulla gestione delle licenze, consultare
il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business
Intelligencehttp://help.sap.com in SAP Help Portal all'indirizzo .
2.5 Concetti fondamentali
Prima di iniziare, è necessario conoscere i concetti principali di BI Launch Pad. Alcuni concetti potrebbero
non essere rilevanti, poiché dipendono dal tipo di attività che si esegue.
Oggetti
Un oggetto è un documento o file creato sulla piattaforma BI o altro software, che viene memorizzato
e gestito nel repository della piattaforma BI.
Categorie
Una categoria è un'alternativa organizzativa a una cartella. Utilizzare le categorie per contrassegnare
gli oggetti.
Pianificazione
La pianificazione è il processo di esecuzione automatica di un oggetto a un'ora specificata. La
pianificazione consente di aggiornare i contenuti dinamici o i dati dell'oggetto, creare istanze e distribuirle
agli utenti o memorizzarle in locale.
Eventi
Un evento è un oggetto che rappresenta un'occorrenza nel sistema della piattaforma BI. Gli eventi
possono essere utilizzati per diversi scopi, tra cui:
•
•
•
12
Come dipendenze di pianificazione che attivano le azioni dopo l'esecuzione di processi pianificati.
Per attivare notifiche di avviso.
Per monitorare le prestazioni della piattaforma BI.
2012-12-05
Introduzione
Calendari
Un calendario è un elenco personalizzato di date di esecuzione per processi pianificati.
Istanze
Un'istanza è un'istantanea di un oggetto che contiene dati relativi al momento dell'esecuzione.
Pubblicazione
La pubblicazione è il processo di creazione di contenuti dinamici, disponibili pubblicamente per l'utilizzo
di massa.
Profili
Un profilo è un oggetto che associa utenti e gruppi con i valori di personalizzazione. I profili vengono
utilizzati con la pubblicazione per creare contenuti personalizzati da distribuire ai destinatari.
Avvisi
Gli avvisi indicano il processo di notifica ad utenti e amministratori quando si verifica un evento nella
piattaforma BI.
2.6 Attività principali
Questa sezione identifica le attività principali eseguibili nella piattaforma BI e gli argomenti contenenti
ulteriori informazioni su tali attività.
Come aggiungere oggetti al repository
Consultare l'argomento “Aggiunta di oggetti alla piattaforma BI”.
Come modificare e gestire gli oggetti che sono stati aggiunti al repository
Consultare il capitolo “Utilizzo degli oggetti contenuto”.
Come organizzare gli oggetti
Consultare il capitolo “Organizzazione degli oggetti”.
Come distribuire il contenuto agli utenti
È possibile distribuire il contenuto agli utenti utilizzando le funzioni di pianificazione, pubblicazione e
avvisi.
•
•
•
13
La pianificazione consente di aggiornare i dati nei documenti con contenuto dinamico e di distribuire
agli utenti i dati aggiornati a intervalli regolari. Consultare “Pianificazione”.
La pubblicazione consente di personalizzare e aggiornare il contenuto nei documenti con contenuto
dinamico per utenti e gruppi specifici. Consultare l'argomento “Informazioni sulla pubblicazione”.
La funzionalità Avvisi invia notifiche di avviso ai sottoscrittori quando nella piattaforma BI si è verificato
un evento. Consultare il capitolo “Avvisi”.
2012-12-05
Introduzione
Argomenti correlati
• Aggiunta di oggetti alla piattaforma BI
• Gestione di oggetti di carattere generale
• Pianificazione
• Avvisi
14
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
Utilizzo della Central Management Console
3.1 Informazioni sulla Central Management Console
Central Management Console (CMC) è uno strumento Web che consente di eseguire attività
amministrative giornaliere, tra cui la gestione degli utenti, del contenuto e dei server.
Qualsiasi utente in possesso di credenziali valide per la piattaforma BI può accedere alla CMC e
impostare le proprie preferenze. Gli utenti che non sono membri del gruppo Amministratori non possono
eseguire le attività di gestione disponibili, a meno che non dispongano di diritti appositi.
3.2 Per accedere a CMC dal browser
È possibile accedere alla CMC digitandone l'URL in un browser o dal menu Start di Windows.
Al termine dell'utilizzo della CMC, effettuare la disconnessione per terminare la sessione. Il collegamento
Disconnessione si trova nell'angolo in alto a destra della CMC.
1. Digitare l'URL appropriato o avviare la CMC dal menu Start di Windows.
L'URL predefinito è http://server web:8080/BOE/CMC/. Sostituire webserver con il nome del
server Web. Se per la distribuzione è stato configurato un URL personalizzato, è necessario digitarlo.
15
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
Se necessario, modificare il numero di porta predefinito utilizzando il numero fornito al momento
dell'installazione.
In Windows selezionare Start > Programmi > SAP Business Intelligence > Piattaforma SAP
BusinessObjects BI 4 > Central Management Console. Se la CMC è ospitata in un server del
contenitore applicazioni (WACS), selezionare Start > Programmi > SAP Business Intelligence >
Piattaforma SAP BusinessObjects BI 4 > Central Management Console della piattaforma SAP
BusinessObjects BI WACS.
2. Nella casella Sistema digitare il nome del CMS (Central Management Server).
3. Digitare nome utente e password.
Se si utilizza l'autenticazione LDAP, è possibile eseguire l'accesso utilizzando un account mappato
al gruppo Amministratori.
Nota:
Se è la prima volta che un amministratore della propria azienda accede alla console CMC, digitare
Administrator come nome utente e fornire la password predefinita creata durante l'installazione.
4. Nell'elenco Autenticazione selezionare Aziendale.
Anche Windows AD, LDAP e altri metodi di autenticazione appariranno nell'elenco. Tuttavia, è
necessario mappare gli account utente ei gruppi di terze parti alla piattaforma BI prima di poter
utilizzare questi tipi di autenticazione.
5. Fare clic su Accedi.
Viene visualizzata la home page della CMC.
3.3 Spostamento nella console CMC
Esistono diversi modi per esplorare la CMC partendo dalla pagina iniziale:
16
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
•
•
•
Fare clic sulle icone sul lato sinistro
Fare clic sui collegamento al di sotto delle intestazioni Organizza, Definisci e Gestisci
Selezionare le opzioni nell'elenco in “Central Management Console”.
Nota:
Utilizzando la visualizzazione struttura, quando si passa alle selezioni cui sono associati molti oggetti
figlio, potrebbero non essere visualizzati tutti gli oggetti figlio. Per spostarsi sugli oggetti figlio, utilizzare
l'elenco degli oggetti impaginati.
3.4 Impostazione delle preferenze della console CMC
Utilizzare l'area "Preferenze" della CMC per personalizzare la vista amministrativa della piattaforma
BI.
1. Nella CMC fare clic su Preferenze nell'angolo in alto a destra.
2. Impostare le preferenze secondo le esigenze.
Le preferenze CMC funzionano esattamente come BI Launch Pad, ma le prime influiscono sia sulla
CMC che su BI Launch Pad. Per ulteriori informazioni sulle preferenze, consultare il Manuale
dell'utente di BI Launch Pad di SAP BusinessObjects.
3. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Preferenze della console CMC
3.4.1 Preferenze della console CMC
17
Opzione delle preferenze CMC
Spiegazione
Elenco Impostazioni locali del prodotto
Imposta le opzioni della lingua predefinita per la piattaforma BI. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale
di installazione della piattaforma Business Intelligence
SAP BusinessObjects.
Elenco Impostazioni locali di visualizzazione preferite
Imposta le opzioni di formattazione predefinite di data,
ora e numeri nella console CMC.
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
Opzione delle preferenze CMC
Spiegazione
Limita il numero di oggetti elencati su ciascuna pagina
o scheda della CMC.
Casella Numero massimo di oggetti per
pagina
Nota:
Questo valore non limita il numero di oggetti visualizzati,
bensì solo quello degli oggetti visualizzati per pagina.
Se la piattaforma BI viene gestita in modalità remota,
utilizzare questo elenco per specificare il fuso orario
della propria zona. La piattaforma BI sincronizzerà gli
eventi e i criteri di pianificazione in modo appropriato.
Elenco Fuso orario
Elenco Prompt per dati non salvati
Se, ad esempio, viene selezionato Ora fuso orientale
(USA e Canada) e si pianifica l'esecuzione di un report
ogni giorno alle 5:00 su un server situato a San Francisco, il server eseguirà il report alle 2:00 ora costa pacifica.
Controlla se viene richiesta la conferma quando si fa
clic su Annulla o su Chiudi per chiudere una finestra
di dialogo senza salvare il lavoro. Selezionare una delle
seguenti opzioni:
• Acceso: il prompt è abilitato.
• Spento: il prompt è disabilitato.
• Predefinito: il prompt viene determinato dai valori
configurati nel file CmcApp.properties, ubicato
nella cartella C:\Programmi (x86)\SAP Busi
nessObjects\Tomcat6\webapps\BOE\WEBINF\config\custom.
3.4.2 Impostazioni locali di visualizzazione preferite
L'impostazione internazionale di visualizzazione preferita determina la formattazione di date, orari e
numeri. Per oggetti multilingue, le impostazioni locali di visualizzazione preferite determinano le lingue
utilizzate per visualizzare il nome e la descrizione di un oggetto. Se un oggetto ha più nomi e descrizioni
tradotti, la lingua di visualizzazione viene determinata nel seguente modo:
1. Il sistema visualizza il nome e la descrizione che corrispondono all'impostazione internazionale di
visualizzazione preferita dall'utente.
18
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
Nella piattaforma BI potrebbe essere utilizzata un'impostazione locale di fallback, ma normalmente
rappresenta una variazione delle impostazioni locali di visualizzazione preferite dell'utente. Ad
esempio, se le impostazioni locali di visualizzazione preferite corrispondono a Francese (Canada)
e l'oggetto non dispone di un nome e una descrizione tradotti in francese canadese, la piattaforma
BI utilizzerà l'opzione Francese (Francia).
2. Se non sono presenti impostazioni locali di visualizzazione preferite, la piattaforma BI visualizza il
nome e la descrizione nella stessa lingua delle impostazioni locali del prodotto.
3. Se nessuna delle opzioni descritte è applicabile, la piattaforma BI visualizza il nome e la descrizione
nella lingua di origine dell'oggetto.
19
2012-12-05
Utilizzo della Central Management Console
20
2012-12-05
Aggiunta di oggetti al repository
Aggiunta di oggetti al repository
4.1 Aggiunta di oggetti alla piattaforma BI
La presente sezione illustra come aggiungere oggetti all'ambiente BI e come renderli disponibili agli
utenti autorizzati. È possibile aggiungere molti tipi di oggetti alla piattaforma BI, tra cui:
•
•
•
•
•
•
•
•
Report (da SAP Crystal Reports)
Documenti (da SAP BusinessObjects Web Intelligence)
Oggetti Flash
Programmi
File Microsoft Excel, Word e PowerPoint
File PDF
File di testo
File in formato RTF
È possibile aggiungere oggetti alla piattaforma BI nella CMC o attraverso il salvataggio di oggetti
direttamente nel CMS.
Nota:
In base alla propria licenza utente, si potrebbe non disporre dei diritti di accesso necessari per aggiungere
oggetti. Per determinare il tipo di licenza di cui si dispone, contattare l'amministratore di sistema. Per
ulteriori informazioni sulla gestione delle licenze, consultare il Manuale dell'amministratore della
piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligencehttp://help.sap.com in SAP Help Portal all'indirizzo
.
Suggerimento:
In BI Launch Pad, è possibile creare nuovi oggetti e aggiungerli direttamente alla piattaforma BI.
Consultare il Manuale dell'utente di BI Launch Pad di SAP BusinessObjects disponibile nel SAP Help
Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
4.1.1 Per aggiungere un oggetto nella CMC
Se si dispone di diritti amministrativi per la piattaforma BI, è possibile aggiungere oggetti su Internet
dalla console CMC. Utilizzare la CMC per aggiungere singoli oggetti o per eseguire operazioni
amministrative in remoto.
1. Passare all'area di gestione "Cartelle" della CMC.
21
2012-12-05
Aggiunta di oggetti al repository
2. Trovare e selezionare la cartella in cui si desidera aggiungere un oggetto.
3. Selezionare Gestisci > Aggiungi, quindi selezionare File di programma per aggiungere un oggetto
programma o Documento locale per aggiungere altri tipi di oggetti.
4. Nella finestra di dialogo che viene visualizzata specificare le proprietà dell'oggetto.
I campi delle proprietà che appaiono variano in base al tipo di oggetto scelto (file di programma o
documento locale) e sono riepilogati nella tabella delle “proprietà degli oggetti nella CMC”.
5. Per assegnare l'oggetto a una categoria, selezionare la categoria nell'elenco.
6. Scegliere OK.
La CMC si aggiorna e viene visualizzato il contenuto della cartella, incluso l'oggetto aggiunto.
Se necessario, è possibile modificare proprietà quali titolo, descrizione, informazioni di accesso al
database, informazioni sulla pianificazione, diritti degli utenti e così via per un oggetto dopo la sua
aggiunta nella CMC.
4.1.1.1 Opzioni delle proprietà degli oggetti della CMC
Tipo di oggetto
Report Crystal e altri tipi di oggetto
Proprietà
Note
Nome file
Digitare il nome dell'oggetto che
si desidera aggiungere oppure
fare clic su Sfoglia per individuarlo.
Titolo
Digitare il nome dell’oggetto.
Descrizione
Digitare una descrizione
dell’oggetto.
Parole chiave
Digitare le parole chiave per
l'oggetto.
Conserva i dati salvati
Selezionare questa opzione per
conservare i dati salvati del report.
Utilizza descrizione dal report
Selezionare questa opzione se
si desidera conservare le informazioni di riepilogo del report.
Solo report Crystal
22
2012-12-05
Aggiunta di oggetti al repository
Tipo di oggetto
Proprietà
Note
Cerca oggetto programma
esistente
Digitare il nome dell'oggetto
programma che si desidera aggiungere oppure fare clic su
Sfoglia per individuarlo.
Selezionare un'opzione per definire il tipo di programma da aggiungere:
Solo file di programma
Tipo di programma
•
•
•
Altri tipi di oggetto
MIME
Eseguibile (binario, batch,
script shell)
Java
Script (VBScript, JavaScript)
Specificare l'estensione MIME
per l'oggetto se necessario.
4.1.2 Salvataggio di oggetti direttamente nel CMS
Se è stato installato uno dei componenti del designer della piattaforma BI, quale SAP Crystal Reports
for Enterprise o SAP BusinessObjects Web Intelligence, è possibile utilizzare il comando Salva con
nome per aggiungere oggetti alla piattaforma BI direttamente dal designer.
Ad esempio, dopo aver progettato un report in SAP Crystal Reports, è possibile selezionare File >
Salva con nome, selezionare Enterprise, accedere a CMS quando viene richiesto, specificare una
cartella in cui salvare il report e fare clic su Salva. Il report viene salvato da Crystal Reports alla cartella
in CMS.
Nota:
è possibile aggiungere spazi di lavoro SAP BusinessObjects Analysis, versione per OLAP alla piattaforma
BI, ma non è possibile impostarne l'esecuzione sulla base di una pianificazione ricorrente.
23
2012-12-05
Aggiunta di oggetti al repository
24
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
Organizzazione degli oggetti
5.1 Cartelle
Le cartelle sono oggetti utilizzati per raggruppare e organizzare altri oggetti Ad esempio, vengono
utilizzate per separare il contenuto in gruppi logici. Dal momento che è possibile impostare la protezione
a livello di cartella, è possibile utilizzare le cartelle anche come strumento per controllare l'accesso alle
informazioni.
È consigliabile impostare le cartelle che rappresentano una struttura già esistente nell'organizzazione,
ad esempio reparti, aree o la struttura della tabella del database in uso. Le categorie possono quindi
essere utilizzate per impostare un sistema di organizzazione alternativo.
Ogni oggetto nella piattaforma BI deve risiedere in una cartella. Per impostazione predefinita, i nuovi
oggetti che vengono aggiunti a una cartella ereditano i diritti degli oggetti specificati per quella cartella.
5.1.1 Utilizzo delle cartelle
5.1.1.1 Creazione di una nuova cartella
Prima di creare una cartella di livello superiore, assicurarsi di visualizzare tutte le cartelle.
Per creare una sottocartella, trovare prima la cartella di destinazione in cui si desidera creare una nuova
cartella.
1. Passare all’area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
2. Individuare la posizione in cui si desidera creare la cartella.
3. Selezionare Gestisci > Nuova > Cartella.
4. Nella finestra di dialogo "Crea cartella" digitare un nome per la nuova cartella.
5. Scegliere OK.
La nuova cartella viene visualizzata nell'elenco di cartelle e di oggetti.
Quindi è possibile aggiungere oggetti alla cartella o modificare le proprietà della cartella.
25
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
Suggerimento:
Per rivedere il nome, la descrizione o le parole chiave per una cartella dopo averla creata, selezionare
la cartella e scegliere Gestisci > Proprietà.
Argomenti correlati
• Per aggiungere un oggetto nella CMC
• Modifica delle proprietà di un oggetto
5.1.1.2 Eliminazione di una cartella
Quando si elimina una cartella, tutte le sottocartelle, i report e gli altri eventuali oggetti in essa contenuti
vengono rimossi dalla piattaforma BI.
1. Passare all'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
2. Selezionare la cartella da eliminare.
Suggerimento:
per selezionare più cartelle, tenere premuto CTRL o MAIUSC e fare clic su ciascuna cartella. In
questo modo sarà possibile eliminarne diverse contemporaneamente.
3. Selezionare Gestisci > Elimina.
4. Fare clic su OK per confermare l'eliminazione.
5.1.1.3 Copia e spostamento di cartelle
Quando si copia o si sposta una cartella, vengono copiati o spostati anche gli oggetti al suo interno.
La piattaforma BI tratta i diritti degli oggetti della cartella in modo diverso, a seconda che la cartella
venga copiata o spostata:
•
Quando si copia una cartella, la nuova cartella (copiata) non conserva i diritti dell'oggetto di quella
originale. Al contrario, la copia eredita i diritti dell'oggetto dalla nuova cartella principale. Se, ad
esempio, si copia una cartella privata Vendite in una cartella pubblica, il contenuto della nuova
cartella Vendite risulterà accessibile a tutti gli utenti che dispongono di diritti relativi alla cartella
pubblica.
•
Quando si sposta una cartella, essa conserva tutti i diritti dell'oggetto. Se, ad esempio, si sposta
una cartella privata Vendite in una cartella con accesso pubblico, la cartella Vendite continuerà a
essere inaccessibile per la maggior parte degli utenti.
5.1.1.3.1 Copia o spostamento di una cartella
1. Passare all’area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
26
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
2. Selezionare una cartella da copiare o spostare.
Se la cartella non si trova al livello superiore, individuare la relativa cartella principale e selezionarla.
Suggerimento:
per selezionare più cartelle, tenere premuto il tasto CTRL o MAIUSC e fare clic sulle cartelle
desiderate per spostare più cartelle contemporaneamente.
3. Selezionare Organizza > Copia in o Organizza > Sposta in.
4. Selezionare la cartella di destinazione.
5. Fare clic su Copia oppure su Sposta.
La cartella selezionata viene copiata o spostata nella nuova destinazione.
5.1.2 Definizione dei diritti di una cartella
È possibile modificare i diritti degli oggetti per le nuove cartelle create. Per impostazione predefinita, i
nuovi oggetti che vengono aggiunti a una cartella ereditano i diritti degli oggetti della cartella. Per ulteriori
informazioni sui diritti, consultare il capitolo relativo all'impostazione dei diritti nel Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence disponibile in SAP
Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
5.1.3 Limitazione del numero di istanze a livello della cartella
L'impostazione di limiti consente di eliminare automaticamente istanze di report nella piattaforma BI. I
limiti impostati su una cartella influenzano tutti gli oggetti della cartella. A livello di cartella è possibile
impostare i limiti seguenti:
• Il numero di istanze per ciascun oggetto, utente o gruppo di utenti
• Il numero di giorni in cui conservare le istanze per un utente o un gruppo
1. Selezionare una cartella e fare clic su Azioni > Limiti.
2. Per limitare il numero di istanze per oggetto, selezionare la casella di controllo Eliminare le istanze
in eccesso quando sono presenti più di N istanze per uno stesso oggetto e digitare il numero
massimo di istanze da conservare sul sistema nella casella
Il valore predefinito è 100.
3. In Eliminare le istanze in eccesso per i seguenti utenti/gruppi:
a. Per limitare il numero di istanze consentito per utente o gruppo, fare clic su Aggiungi.
b. Selezionare gli utenti o i gruppi disponibili, fare clic su > per aggiungere gli utenti o i gruppi
all'elenco Utenti/gruppi selezionati.
c. Scegliere OK.
27
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
d. Per ogni utente o gruppo selezionato, nella casella Conteggio massimo istanze per oggetto
per utente, digitare il numero massimo di istanze da conservare nel sistema.
Il valore predefinito è 100.
4. In Eliminare le istanze dopo N giorni per i seguenti utenti/gruppi:
a. Per limitare l'età delle istanze per utente o gruppo, fare clic su Aggiungi.
b. Selezionare gli utenti e i gruppi disponibili, fare clic su > per aggiungere gli utenti o i gruppi
all'elenco di Utenti/gruppi selezionati.
c. Scegliere OK.
d. Per ogni utente o gruppo selezionato, nella casella Età massima dell'istanza espressa in giorni
digitare l'età massima delle istanze.
Il valore predefinito è 100.
Argomenti correlati
• Per impostare limiti per le istanze
5.1.4 Per visualizzare le cartelle personali
La piattaforma BI crea una cartella per ogni utente sul sistema, organizzata nella CMC come cartelle
personali. Per impostazione predefinita, esistono cartelle personali per gli account Administrator e
Guest. Quando si accedere alla CMC e si visualizza l'elenco di cartelle personali, appaiono solo quelle
per le quali si dispone almeno di diritti di visualizzazione.
Nota:
In BI Launch Pad le cartelle sono chiamate Preferiti.
•
Selezionare Cartelle personali nell'elenco nella home page.
Viene visualizzato un elenco di sottocartelle. Ogni sottocartella corrisponde a un account utente sul
sistema. Solo le cartelle e le sottocartelle per le quali si dispone almeno dei diritti di accesso di
visualizzazione appaiono nell'elenco.
5.2 Categorie
Le categorie offrono un metodo alternativo per organizzare gli oggetti e quindi la possibilità di spostarsi
in modo diverso tra gli stessi. Ad esempio, è possibile organizzare il contenuto in cartelle di reparto e
quindi utilizzare le categorie per creare un sistema di archiviazione alternativo che suddivida il contenuto
in base ai diversi ruoli all'interno dell'organizzazione, ad esempio i responsabili o i VP. Questo modello
organizzativo consente di impostare la protezione sui gruppi di documenti in base al reparto o al ruolo.
28
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
Sono disponibili due tipi di categorie: aziendali e personali. Le categorie aziendali sono create e
amministrate da amministratori con i diritti appropriati e sono visibili solo per i gruppi e gli utenti che
dispongono dei diritti per visualizzarle, le categorie personali vengono create da singoli utenti e sono
visibili solo per tali utenti.
Mentre tutti gli oggetti devono risiedere nelle cartelle, l'assegnazione delle categorie è facoltativa ed è
quindi importante osservare quanto segue.
•
•
•
È possibile assegnare a una categoria i diritti relativi a un oggetto (ossia, concedere i diritti a gruppi
e utenti), ma gli oggetti che rientrano nella categoria non possono ereditare i diritti impostati per la
categoria stessa.
Un oggetto appartenente a una categoria mantiene l'appartenenza alla cartella in cui risiede.
Un oggetto può risiedere in più categorie.
5.2.1 Utilizzo delle categorie
Le categorie offrono un sistema alternativo per organizzare gli oggetti. È possibile associare i documenti
a più categorie nonché creare delle sottocategorie all’interno delle categorie.
La piattaforma BI prevede due tipi di categorie:
•
•
Le Categorie aziendali, create dall'amministratore o da altri utenti che dispongono dell'accesso a
queste categorie. Se si dispone dei diritti appropriati, si possono creare delle categorie aziendali.
Le categorie personali possono essere create da ogni utente per organizzare i propri documenti.
5.2.1.1 Creazione di una nuova categoria
1. Passare all'area di gestione "Categorie" della CMC.
2. Scegliere Gestisci > Nuova > categoria.
3. Digitare un nome per la categoria.
4. Fare clic su OK.
La nuova categoria viene aggiunta al sistema.
Fare clic su Gestisci > Proprietà per modificare le impostazioni di questa categoria.
5.2.1.2 Eliminazione di una categoria
29
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
Quando si elimina una categoria, vengono eliminate tutte le sottocategorie all'interno di essa. A differenza
dell'eliminazione delle cartelle, i report e gli altri oggetti contenuti nella categoria non vengono eliminati
dal sistema.
1. Passare all'area di gestione "Categorie" della CMC (Central Management Console).
2. Selezionare la categoria da eliminare.
Se la categoria non è ubicata nel livello superiore, individuare la relativa categoria principale e
selezionare.
Suggerimento:
per selezionare più categorie, tenere premuto CTRL o MAIUSC e fare clic su ciascuna categoria,
in modo da eliminarne diverse contemporaneamente.
3. Scegliere Gestisci > Elimina.
4. Fare clic su OK per confermare l'eliminazione della categoria.
5.2.1.3 Spostamento di una categoria
Quando si sposta una categoria, gli oggetti ad essa assegnati conservano l'associazione. Tutti gli oggetti
relativi ai diritti della categoria vengono mantenuti.
È possibile, ad esempio, che la categoria Vendite nel Sud America sia accessibile solo al personale di
vendita di quest'area e che esista anche una categoria Vendite globali che contiene i report di vendita
di tutti i paesi accessibili a tutto il personale di vendita. Per rendere più intuitiva la gestione, è possibile
decidere di spostare le categorie delle regioni nella categoria Vendite globali. Quando si sposta la
categoria Vendite nel Sud America nella categoria Vendite globali, questa mantiene le impostazioni
dei diritti e gli oggetti associati, pur essendo diventata una sottocategoria della categoria Vendite globali.
1. Passare all'area di gestione "Categorie" della CMC.
2. Selezionare la categoria che si desidera spostare.
Se tale categoria non è ubicata nel livello superiore, individuare la relativa categoria principale,
Effettuare la selezione.
Suggerimento:
Per selezionare più categorie, tenere premuto CTRL o MAIUSC e fare clic su ogni categoria, in
modo da poter spostare più categorie simultaneamente.
3. Scegliere Organizza > Sposta in.
4. Selezionare la categoria di destinazione.
Suggerimento:
Se nel sistema sono presenti più categorie, utilizzare il campo "Cerca nel titolo" per eseguire la
ricerca o su Indietro, Avanti e + per sfogliare la gerarchia delle categorie.
5. Fare clic su Sposta.
La categoria selezionata viene spostata nella nuova destinazione.
30
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
5.2.1.4 Aggiunta di un oggetto a una categoria
Per aggiungere un oggetto a una categoria attenersi a questa procedura.
1. Passare all’area di gestione degli "Cartelle" della CMC.
2. Spostarsi sull'oggetto per cui si desidera aggiungere una categoria e selezionarlo.
3. Fare clic su Gestisci > Categorie.
4. Selezionare le categorie a cui aggiungere l'oggetto.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
5.2.1.5 Rimozione o eliminazione di oggetti da una categoria
È possibile rimuovere o eliminare oggetti da una categoria. Quando si rimuove un oggetto, questa
operazione viene eseguita solo sulla categoria specifica. Quando si elimina un oggetto, esso viene
rimosso dalla categoria e, al tempo stesso, dal sistema.
1. Accedere all'area di gestione "Categorie" o "Categorie personali" della CMC (Central Management
Console).
2. Fare doppio clic sulla categoria da cui rimuovere o eliminare un oggetto.
3. Selezionare l'oggetto o gli oggetti da rimuovere o eliminare.
4. Rimuovere l'oggetto dalla categoria oppure eliminare l'oggetto.
• Fare clic su Azioni > Rimuovi dalla categoria per rimuovere l'oggetto solo dalla categoria.
Questa operazione non elimina l'oggetto dalla piattaforma BI.
• Fare clic su Gestisci > Elimina per rimuovere l'oggetto dalla categoria ed eliminarlo dalla
piattaforma BI.
5.2.1.6 Definizione dei diritti di una categoria
È possibile modificare i diritti di un oggetto per una categoria. È possibile assegnare a una categoria i
diritti relativi a un oggetto (ossia, concedere i diritti a gruppi e utenti), ma gli oggetti che rientrano nella
categoria non possono ereditare i diritti impostati per la categoria stessa. Gli oggetti di una categoria
ereditano i diritti dalle cartelle in cui si trovano.
Per ulteriori informazioni sui diritti, consultare il capitolo “Impostazione dei diritti” nel Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence disponibile in SAP
Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
31
2012-12-05
Organizzazione degli oggetti
5.2.1.7 Visualizzazione delle categorie personali
Se si dispone dei diritti appropriati, è possibile visualizzare, modificare ed eliminare le categorie personali
degli utenti.
1. Passare all'area di gestione "Categorie personali" della CMC.
2. Fare clic sull'account utente di cui si desidera visualizzare le categorie personali.
Viene visualizzato un elenco delle categorie personali dell’utente.
5.2.1.8 Aggiunta di più oggetti a una categoria
Questa attività consente di aggiungere più oggetti a un'unica categoria.
1. Nell'area "Categorie" o "Categorie personali", passare a una categoria.
2. Fare clic su Azioni > Aggiungi a una categoria.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Aggiungi a una categoria".
3. Nell'area Oggetti disponibili, cercare gli oggetti che si desidera aggiungere e fare clic su > per
spostarli nell'elenco Oggetti selezionati.
4. Al termine, fare clic su OK.
Gli oggetti selezionati verranno visualizzati nella categoria.
32
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.1 Gestione di oggetti di carattere generale
Nella piattaforma BI possono esistere numerosi tipi di oggetti, ad esempio:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
SAP Crystal Reports
Documenti Web Intelligence
Programmi
file Microsoft Excel, Word e PowerPoint
PDF
File rtf
File di testo
Collegamenti ipertestuali
Pacchetti di oggetti
Azioni
Dopo aver aggiunto oggetti, è possibile gestirli attraverso la CMC (Central Management Console)
dall'area di gestione "Cartelle".
6.1.1 Copia di un oggetto
1. Nell'area "cartelle", spostarsi sull'oggetto che si desidera copiare e selezionarlo.
2. Scegliere Organizza > Copia in.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Copia".
3. Nell'area Selezionare destinazione/i, spostarsi sulla cartella di destinazione in cui si desidera
copiare l'oggetto e fare clic su > per spostarla nell'elenco Destinazioni.
Nota:
per spostare la cartella di destinazione, è necessario selezionarla nel riquadro dei dettagli a destra.
Suggerimento:
Utilizzare MAIUSC + clic o CTRL + clic per selezionare più cartelle.
4. Al termine, fare clic su Copia.
L'oggetto selezionato viene copiato nella destinazione.
33
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.1.2 Spostamento di un oggetto
1. Nell'area "cartelle", spostarsi sull'oggetto che si desidera spostare e selezionarlo.
2. Scegliere Organizza > Sposta in.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Sposta".
3. Selezionare la cartella di destinazione.
Nota:
per spostare la cartella di destinazione, è necessario selezionarla nel riquadro dei dettagli a destra.
Suggerimento:
Utilizzare MAIUSC + clic o CTRL + clic per selezionare più cartelle.
4. Fare clic su Sposta.
L'oggetto viene spostato dalla cartella di origine alla cartella di destinazione.
6.1.3 Creazione di un collegamento oggetto
I collegamenti sono utili per concedere a un utente l'accesso a un oggetto senza concedere a quell'utente
l'accesso all'intera cartella che contiene l'oggetto. Dopo aver creato il collegamento, gli utenti che hanno
accesso alla cartella il cui si trova il collegamento possono accedere a questo oggetto e alle relative
istanze.
1. Nell'area "Cartelle", spostarsi sull'oggetto per cui si desidera creare un collegamento e selezionarlo.
2. Scegliere Organizza > Crea collegamento in.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Crea collegamento in".
3. Nell'area "Selezionare destinazione/i", spostarsi sulla cartella in cui si desidera creare il collegamento
e fare clic su > per spostare la cartella nell'elenco Destinazioni.
Nota:
Per spostare la cartella di destinazione, è necessario selezionare tale cartella nel riquadro dei dettagli
a destra.
4. Fare clic su Crea collegamento.
Nella cartella specificata viene visualizzato un collegamento all'oggetto.
6.1.4 Eliminazione di un oggetto
34
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Questa procedura illustra come eliminare un singolo oggetto o più oggetti. È anche possibile eliminare
una cartella, con la conseguente eliminazione di tutti gli oggetti e le istanze memorizzati in tale cartella.
È possibile, infine, eliminare le istanze degli oggetti invece degli oggetti stessi.
Nota:
quando si elimina un oggetto, vengono eliminate anche tutte le relative istanze esistenti e quelle
pianificate.
1. Passare all’area di gestione degli "Cartelle" della CMC.
2. Selezionare l'oggetto da eliminare.
3. Scegliere Gestisci > Elimina.
4. Quando viene visualizzato un messaggio di conferma, fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Gestione delle istanze
6.1.5 Ricerca di uno o più oggetti
Questa funzione di ricerca consente di cercare testo specifico all'interno di titoli o descrizioni di oggetti.
1. Passare all'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
Il campo Cerca è posto nell'angolo superiore destro dell'area di gestione "Cartelle". Il tipo di ricerca
è impostato per impostazione predefinita su Cerca nel titolo.
2. Specificare i criteri di ricerca.
a. Se si desidera cercare elementi diversi dal nome file, fare clic su Cerca nel titolo per modificare
il tipo di ricerca.
Le opzioni disponibili sono:
•
Cerca in tutti i campi
Questa opzione consente di eseguire una ricerca di nomi file, parole chiave e descrizioni
associate agli oggetti.
•
Cerca nel titolo
Questa è l'opzione predefinita e consente di cercare nei nomi file.
•
Cerca parola chiave
Questa opzione consente di cercare le parole chiave associate agli oggetti.
•
Cerca nella descrizione
Questa opzione consente di cercare le descrizioni associate agli oggetti.
b. Immettere il testo che si desidera cercare nel campo Cerca.
35
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
3. Fare clic su Cerca.
Al termine della ricerca, viene visualizzato un elenco dei risultati corrispondenti ai criteri di ricerca
immessi.
6.1.6 Creazione di un nuovo collegamento ipertestuale
1. Nell'area "Cartelle" o "Cartelle personali" selezionare la cartella in cui si desidera creare un nuovo
collegamento ipertestuale.
2. Scegliere Gestisci > Nuovo > collegamento ipertestuale.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Collegamento ipertestuale".
3. Immettere un titolo, una descrizione e parole chiave per il collegamento ipertestuale.
4. Nel pannello di spostamento fare clic su URL.
5. Nel campo URL immettere l'URL.
6. Scegliere OK.
6.1.7 Invio di un oggetto o un’istanza a una destinazione
È possibile utilizzare Organizza > Invia per inviare oggetti o istanze di oggetti esistenti a diverse
destinazioni. Con il comando Invia vengono gestiti solo oggetti o istanze esistenti. senza che il sistema
esegua l'oggetto e crei nuove istanze, né aggiorni i dati di un'istanza di report.
È possibile inviare una copia di un oggetto o di un’istanza oppure un collegamento all’oggetto o
all’istanza. È inoltre possibile selezionare la destinazione, ad esempio FTP o la casella Posta in arrivo
BI. Non tutti i tipi di oggetti possono essere inviati a tutte le destinazioni.
1. Passare all'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
2. Selezionare l'oggetto o l'istanza che si desidera inviare.
• Se si desidera inviare un oggetto, selezionarlo, fare clic su Organizza > Invia e scegliere una
destinazione.
• Se si desidera inviare un'istanza, selezionare l'oggetto e fare clic su Azioni > Cronologia. Nella
finestra di dialogo "Cronologia" selezionare un'istanza, fare clic su Invia, quindi fare clic
sull'opzione di destinazione desiderata.
Per le istanze, selezionare solo quelle con lo stato Operazione terminata o Operazione non
riuscita. Le istanze con stato Ricorrente o In sospeso sono pianificate e non contengono ancora
dati.
36
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Opzione di destinazione
Descrizione
Posta in arrivo BI Invia l'oggetto alla casella Posta in arrivo di BI Launch Pad.
Posta elettronica Invia l'oggetto all'indirizzo di posta elettronica di un utente.
Posizione FTP
Invia l'oggetto a una posizione di server FTP.
Posizione file
Invia l'oggetto a un percorso di disco locale.
StreamWork
Invia l'oggetto a un'attività in SAP StreamWork.
Nota:
le funzionalità e le caratteristiche di StreamWork sono disponibili nella CMC
se l'amministratore ha configurato e abilitato l'applicazione di configurazione
integrazione StreamWork.
Nota:
inviare documenti Web Intelligence solo alle caselle di posta in arrivo BI o a una destinazione di
posta elettronica configurata nella piattaforma BI.
Suggerimento:
utilizzare MAIUSC + clic o CTRL + clic per selezionare più oggetti.
3. Configurare l'opzione di destinazione.
È possibile scegliere le impostazioni predefinite dell'Adaptive Job Server oppure utilizzare impostazioni
personalizzate. Se si utilizzano impostazioni personalizzate, è possibile specificare:
•
•
•
•
•
Utenti e gruppi che ricevono l'oggetto (se inviato a una destinazione Posta in arrivo o Posta
elettronica). È possibile inviare una copia invisibile ai destinatari che non desiderano essere
visibili agli altri destinatari.
Se inviare una copia dell'oggetto o un collegamento all'oggetto.
Nome dell'oggetto inviato.
Se cancellare le istanze dopo l'invio degli oggetti.
Le impostazioni specifiche del tipo di destinazione (ad esempio una directory per il percorso del
file o il nome host e la porta di connessione per il server FTP).
Nota:
quando si inviano oggetti a StreamWork, è possibile utilizzare unicamente le impostazioni predefinite
di Adaptive Job Server.
4. Al termine, fare clic su Invia.
Argomenti correlati
• Destinazioni disponibili per tipo di oggetto
37
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.1.7.1 Destinazioni disponibili per tipo di oggetto
È possibile utilizzare la maggior parte delle impostazioni per gran parte degli oggetti, sebbene esistano
alcune eccezioni. In alcuni casi è necessario che i destinatari dispongano dell'accesso al sistema per
essere in grado di aprire l'oggetto.
Nota:
per utilizzare una destinazione, è necessario disporre di una destinazione abilitata e configurata nei
Adaptive Job Server.
E-mail (SMTP)
Tipo di
oggetto
38
Disco Disco
Posta in arrivo BI
FTP
File
Collega
mento
File
Collega
mento
SAP StreamWork
Report
Crystal
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Pacchetto
di oggetti
-
-
-
-
Sì
Sì
Sì
Program
ma
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Documento Web Intelligence
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Spazio di
lavoro
SAP BusinessObjects Analysis, versione per
OLAP
-
-
-
Sì
Sì
Sì
-
File Excel
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
E-mail (SMTP)
Tipo di
oggetto
Disco Disco
Posta in arrivo BI
FTP
File
Collega
mento
File
Collega
mento
SAP StreamWork
File Word
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
File PDF
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
File di testo
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
File RTF
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
File PowerPoint
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Collegamento
ipertestuale
-
-
-
Sì
Sì
Sì
-
Argomenti correlati
• Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server
6.1.8 Modifica delle proprietà di un oggetto
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Gestisci > Proprietà.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Proprietà".
3. Apportare le modifiche desiderate.
È possibile modificare il nome dell'oggetto, le parole chiave e la descrizione.
4. Al termine, fare clic su Salva e chiudi.
39
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.1.9 Relazioni
Nella piattaforma BI, gli oggetti sono correlati l'un l'altro in diversi modi. Le cartelle sono correlate alle
relative cartelle secondarie, le connessioni sono correlate agli universi che le utilizzano e i report e i
documenti sono correlati agli universi.
L'interrelazione tra oggetti nella piattaforma BI può rendere difficile la modifica di un oggetto, perché
ciò potrebbe comportare l'interruzione dei collegamenti all'oggetto. È possibile individuare quali oggetti
sono direttamente correlati eseguendo una query di relazione.
Si consideri una società in cui il database esistente viene sostituito con uno nuovo in un percorso
diverso. L'amministratore deve rilevare quali oggetti dipendono dalla connessione corrente in modo da
poter modificare gli oggetti di conseguenza. È quindi possibile eliminare la connessione del database
senza causare interruzioni nel contenuto degli oggetti. L'amministratore esegue una query di relazione
nella connessione, tramite cui viene restituito un elenco degli universi che utilizzano la connessione È
quindi possibile aggiornare tutti gli universi.
La società tuttavia ha deciso di eliminare tutti gli oggetti che dipendono da tale connessione.
L'amministratore può eseguire più query di relazione su tutti gli oggetti degli universi restituiti dalla prima
query. Vengono restituiti tutti gli oggetti che utilizzano tali universi.
È possibile eseguire le query di relazione nelle aree seguenti della console CMC:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
"Cartelle"
"Cartelle personali"
"Categorie"
"Categorie personali"
"Utenti e gruppi"
"Profili"
"Universi"
"Livelli di accesso"
"Server"
"Elenchi di replica"
Dopo avere eseguito la query di relazione, viene visualizzata l'area "Risultati query", che contiene i
risultati della query. Nell'area "Risultati query", è possibile eseguire attività di base di gestione degli
oggetti sugli oggetti risultati.
6.1.9.1 Verifica delle relazioni di un oggetto
1. Spostarsi sull'oggetto per il quale si desidera eseguire la query di relazione.
2. Scegliere Gestisci > Strumenti > Verifica relazioni.
40
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Viene visualizzata l'area "Risultati query" con i risultati della query di relazione.
Suggerimento:
Secondo le esigenze, eseguire ulteriori verifiche delle relazioni degli oggetti risultati selezionando
un oggetto e scegliendo Gestisci > Strumenti > Verifica relazioni.
3. Per tornare alla query originale, selezionare il nome dell'oggetto dal pannello Albero.
6.2 Gestione di oggetti report
La gestione degli oggetti report implica l'applicazione di estensioni di elaborazione, la specifica di
notifiche di avviso, la modifica di informazioni del database, l'aggiornamento di parametri, l'uso di filtri
e l'utilizzo di report con collegamenti ipertestuali. Questa sezione illustra gli oggetti e le istanze di report,
e come gestirli attraverso la CMC (Central Management Console).
Nota:
La maggior parte delle informazioni di questa sezione si applica anche agli oggetti dei documenti Web
Intelligence. Tutte le eccezioni sono state identificate.
6.2.1 Definizione di oggetti report e istanze di report
Un oggetto report è un oggetto creato medianteSAP Crystal Reports. Un oggetto documento Web
Intelligence viene creato mediante la piattaforma BI. Entrambi i tipi di oggetti contengono informazioni
sui report (come i campi di database). Entrambi i tipi di oggetti possono contenere anche dati salvati.
Un oggetto report o un documento Web Intelligence può essere reso disponibile a tutti gli utenti o a
utenti selezionati all'interno di un gruppo di utenti.
Istanze pianificate
Quando si pianifica un oggetto, il sistema crea un’istanza pianificata per l’oggetto che contiene l’oggetto
e le informazioni di pianificazione senza tuttavia contenere ancora alcun dato. Le istanze pianificate
vengono visualizzate nello Storico del rispettivo oggetto e presentano uno stato di Ricorrente o In
sospeso.
È possibile pianificare oggetti dalla CMC, da BI Launch Pad o mediante un'applicazione Web
personalizzata.
In genere, gli oggetti report sono progettati per la creazione di diverse istanze con caratteristiche variabili.
Ad esempio, se si esegue un oggetto report con parametri, è possibile pianificare un'istanza che
contenga dati di report specifici di un reparto e un'altra istanza che contenga informazioni specifiche
di un altro reparto, anche se entrambe le istanze hanno origine dallo stesso oggetto report.
41
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Istanze dell'oggetto
Nel momento specificato, il sistema esegue l'oggetto e crea un'istanza corrispondente che contiene
dati reali rilevati dal database. Tale istanza viene visualizzata nello Storico dell'oggetto e si trova nello
stato “riuscita” o “non riuscita”.
Modifica delle impostazioni predefinite per un oggetto
Tutte le modifiche apportate a un oggetto influenzano solo le impostazioni predefinite per tale oggetto.
Esse non riguardano quindi le istanze pianificate o le istanze dell'oggetto esistente. Le nuove impostazioni
predefinite vengono visualizzate alla successiva pianificazione dell'oggetto, tramite l'utilizzo della CMC
o di applicazioni come BI Launch Pad. Queste impostazioni possono essere ulteriormente modificate
in base alle esigenze dell'utente sull'istanza pianificata che si desidera creare.
Nota:
la piattaforma BI supporta i report creati nelle versioni dalla 6 alla 2011 di SAP Crystal Reports. Una
volta aggiunti alla piattaforma BI, i report vengono salvati, elaborati e visualizzati nel formato della
versione 2011. Tuttavia, i report creati nella piattaforma BI rimangono nel formato “SAP Crystal Reports
for Enterprise”.
Argomenti correlati
• Pianificazione
6.2.2 Impostazione delle opzioni di aggiornamento dei report
Nota:
questa funzionalità è valida unicamente per SAP Crystal Reports.
È possibile impostare opzioni di aggiornamento dei report che determinano quali impostazioni di un
oggetto report vengono aggiornate quando si aggiorna l'oggetto report nella piattaforma BI.
Quando si aggiorna un oggetto report, la piattaforma BI confronta l'oggetto report memorizzato nella
CMC e il file .rpt originale memorizzato nell'Input File Repository Server. La piattaforma BI elimina o
aggiunge elementi del report per creare una corrispondenza con il file .rpt, sovrascrivendo le eventuali
modifiche apportate nella CMC. Se nel report di origine e nell'oggetto report sono presenti gli stessi
elementi report, le impostazioni di aggiornamento report consentono di controllare quali impostazioni
dell'oggetto report vengono aggiornate con i valori del file .rpt di origine.
Ad esempio, se viene visualizzato un prompt solo nel file .rpt di origine, l'aggiornamento del report
aggiunge il prompt all'oggetto report. Questo accade qualsiasi sia l'opzione di aggiornamento report
selezionata.
Se viene visualizzato un prompt sia nel file .rpt di origine sia nell'oggetto report ed è stata selezionata
l'opzione Valori dei parametri attuali e predefiniti, la piattaforma BI aggiorna il valore predefinito del
prompt nell'oggetto report. Tutte le modifiche apportate al valore predefinito del parametro nella
piattaforma BI vengono sovrascritte.
42
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Per preservare le modifiche apportate ai valori degli elementi report quando si aggiorna un report,
deselezionare l'opzione di aggiornamento report appropriata. Se si deseleziona l'opzione Valori dei
parametri correnti e predefiniti, la piattaforma BI conserva i valori correnti o predefiniti nell'oggetto
report quando il report viene aggiornato. Se si deseleziona Utilizza il repository degli oggetti
all'aggiornamento del report, gli oggetti repository dell'oggetto report verranno aggiornati in base al
repository.
6.2.2.1 Impostazione delle opzioni di aggiornamento per un report
1. Nella CMC (Central Management Console), accedere all'area di gestione "Cartelle" e selezionare
un report.
2. Scegliere Azioni > Opzioni di aggiornamento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Opzioni aggiornamento".
3. Scegliere dal file del report di origine gli elementi report da aggiornare.
4. Fare clic su Aggiorna.
Suggerimento:
in alternativa, fare clic su Aggiorna report per aggiornare immediatamente il report in base alle
proprie specifiche.
6.2.3 Impostazione delle opzioni di visualizzazione dei report
Nota:
questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
Le opzioni di visualizzazione report disponibili nella piattaforma BI consentono di bilanciare l'esigenza
di informazioni aggiornate con la necessità di ottimizzare i tempi di recupero dei dati e le prestazioni
generali del sistema.
La piattaforma BI consente di attivare la condivisione dei dati, che permette ad utenti diversi di accedere
allo stesso oggetto report per utilizzare gli stessi dati quando visualizzano o aggiornano un report.
Abilitando la condivisione dei dati si riduce il numero di chiamate al database e si riduce, di conseguenza,
il tempo necessario ai successivi utenti dello stesso report per generare un'istanza di report, migliorando
significativamente le prestazioni globali del sistema in condizioni di carico.
È possibile controllare le impostazioni di condivisione dei dati in base ai report o ai server:
•
43
Se si specificano i server utilizzati da un report per la visualizzazione, è possibile utilizzare le
impostazioni specifiche per server per standardizzare le impostazioni di condivisione di dati per
gruppi di report e amministrare queste impostazioni da un'unica posizione centralizzata.
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
•
Le impostazioni su base report consentono di specificare che per particolari report non verranno
condivisi dati. È inoltre possibile definire l'intervallo di condivisione dei dati per ogni report in base
alle esigenze degli utenti di tale report. Inoltre, le impostazioni specifiche per report consentono di
decidere per singoli report se è appropriato consentire agli utenti l'accesso al database ogni volta
che aggiornano i report.
La condivisione dei dati potrebbe non essere una scelta ottimale per tutte le organizzazioni o tutti i
report. Per sfruttare al meglio tale funzione, è necessario consentire il riutilizzo dei dati per un determinato
periodo di tempo. Questo significa che alcuni utenti potrebbero vedere dati “obsoleti” quando visualizzano
un report su richiesta o aggiornano un’istanza di report che stanno visualizzando.
Le opzioni di visualizzazione report predefinite della piattaforma BI evidenziano l'attualità e l'integrità
dei dati. Per impostazione predefinita, quando si aggiunge un report alla piattaforma BI, l'applicazione
è configurata per utilizzare impostazioni su base server per la condivisione dei report. Le impostazioni
server predefinite assicurano che gli utenti ricevano sempre informazioni aggiornate quando aggiornano
un report. Se si sceglie di abilitare impostazioni su base report, le impostazioni predefinite consentono
la condivisione dei dati e il recupero di dati aggiornati dal database mediante aggiornamento del
visualizzatore e garantiscono che i dati più obsoleti non superino i 5 minuti.
Suggerimento:
la disabilitazione della condivisione dei dati del report tra i client non equivale all'impostazione di Dati
su richiesta più vecchi forniti a un client (in minuti) su 0 minuti. In condizioni di intenso carico, il
sistema potrebbe ricevere più richieste contemporaneamente della stessa istanza di report. In questo
caso, se l'intervallo di condivisione dei dati è impostato su 0 ma l'opzione Condividi dati dei report
tra i client è abilitata, la piattaforma BI condivide i dati tra le richieste client. Se è importante che i dati
non vengono condivisi tra client diversi (ad esempio, perché il report utilizza una libreria di funzioni
utente (UFL) personalizzata per ciascun utente), disabilitare la condivisione dei dati per il report in
questione.
6.2.3.1 Impostazione delle opzioni di visualizzazione report per un report
1. Nell'area di gestione "Cartelle"della CMC (Central Management Console), selezionare un report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Visualizzazione gruppo di server nell'elenco di spostamento.
4. Nell'area "Aggiornamento dati per la visualizzazione" scegliere Utilizza impostazioni di
visualizzazione specifiche, quindi selezionare le opzioni che si desidera impostare per questo
report.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
44
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.4 Definizione dei server predefiniti
È possibile specificare i server predefiniti che la piattaforma BI utilizza per eseguire un oggetto e per
pianificare ed elaborare le istanze. Per gli oggetti di report e i documenti Web Intelligence, è possibile
specificare i server predefiniti che verranno utilizzati dalla piattaforma BI quando un utente visualizza
o modifica un report o un documento Web Intelligence.
Quando si specificano i server, le opzioni sono tre:
•
Usa il primo server disponibile
La piattaforma BI utilizzerà il server che in quel momento possiede le risorse maggiormente disponibili.
•
Dai la preferenza ai server del gruppo selezionato(e se i server del gruppo non sono disponibili,
utilizza uno dei server disponibili).
Selezionare un gruppo di server dall'elenco. Se si sceglie questa opzione, il sistema tenterà di
elaborare l'oggetto sui server presenti nel gruppo specificato. Se i server specificati non sono
disponibili, l’oggetto verrà elaborato sul successivo server disponibile.
•
Usa solo i server del gruppo selezionato
Questa opzione garantisce che la piattaforma BI utilizzerà solo i server specificati trovati all'interno
del gruppo di server selezionato. Se all’interno del gruppo non è disponibile alcun server, l'oggetto
non viene elaborato.
A seconda del tipo di oggetto, la piattaforma BI utilizza i server seguenti per elaborare gli oggetti quando
li si visualizza:
•
SAP Crystal Reports viene eseguito su Adaptive Job Server, su Crystal Reports 2011 o Crystal
Reports Processing Server (a seconda del designer nel quale è stato creato il report) e su Crystal
Reports Cache Server.
•
I documenti Web Intelligence vengono eseguiti in Web Intelligence Processing Server.
La selezione di un server o di un gruppo di server specifico permette di bilanciare il carico del sistema
facendo elaborare oggetti specifici su Job Server definiti. Prima di selezionare un gruppo di server,
l'amministratore del sistema deve tuttavia creare diversi gruppi di server mediante l'area di gestione
"Server" nella CMC.
Nota:
•
•
45
se si sceglie l'opzione Usa il primo server disponibile, il Central Management Server (CMS) verifica
quali Job Server hanno il carico più basso. Il CMS esegue questa operazione controllando la
percentuale di carico massimo su ciascun Job Server. Se tutti i Job Server hanno la stessa
percentuale di carico, il CMS seleziona un Job Server a caso.
è inoltre possibile impostare il numero massimo di processi che un server può accettare. Per ulteriori
informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence.
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.4.1 Specifica dei server predefiniti da utilizzare per l'elaborazione di un
oggetto:
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), selezionare un oggetto.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
3. Nella finestra di dialogo "Impostazioni predefinite", eseguire una delle azioni seguenti:
• per specificare i server predefiniti da utilizzare per la pianificazione di un oggetto report, selezionare
Gestisci > Impostazioni predefinite > Pianificazione gruppo di server.
• Per specificare i server predefiniti da utilizzare per l'elaborazione di un oggetto quando viene
visualizzato, selezionare Visualizzazione gruppo di server se l'oggetto è un report Crystal o
Impostazioni processo Web Intelligence se l'oggetto è un documento Web Intelligence.
4. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Definizione dei server predefiniti
6.2.5 Modifica delle impostazioni del database
Nota:
•
•
questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
se sono stati selezionati più oggetti report per i quali si desidera cambiare le impostazioni del
database, verranno aggiornati solo gli oggetti report con la stessa connessione all'origine dati.
È possibile selezionare il tipo di database e impostare le informazioni di accesso al database tramite
Gestisci > Impostazioni predefinite. Nella finestra di dialogo "Impostazioni predefinite", è possibile
visualizzare l'origine dati o le origini dati per l'oggetto report e le relative istanze. È inoltre possibile
scegliere di richiedere all'utente un nome di accesso e una password quando viene visualizzata un'istanza
di report.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console) selezionare un oggetto
report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Configurazione database nell'elenco di navigazione.
4. Selezionare Utilizza le informazioni originali per accedere al database dal report oppure Utilizza
le informazioni personalizzate specificate per accedere al database.
46
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Se si seleziona la prima opzione, è possibile specificare un nome utente e una password da utilizzare
con il database del report originale.
Se si seleziona la seconda opzione, è possibile specificare un nome server (o un DSN, nel caso di
un'origine dati ODBC), un nome di database, un nome utente e una password per un determinato
numero di driver di database predefiniti o per un particolare driver di database personalizzato. Se
è stato modificato il prefisso di tabella predefinito nel database, specificare un prefisso personalizzato.
Per informazioni sui database e i driver supportati, fare riferimento ai documenti relativi alle piattaforme
supportate in SAP Service Marketplace.
5. Selezionare l'opzione di accesso al database desiderata.
• Richiedi l'autenticazione dell'utente per accedere al database
Il sistema richiede all'utente una password nel momento in cui viene eseguito l'aggiornamento
di un report.
Nota:
questa opzione non ha effetto su un'istanza pianificata. Nella piattaforma BI viene inoltre
visualizzata una richiesta per l'utente solo quando questi esegue il primo aggiornamento di un
report; quando viene eseguito un secondo aggiornamento, non viene visualizzata alcuna richiesta.
•
Utilizza il contenuto SSO per accedere al database
Per connettersi al database il sistema utilizza il contesto di protezione dell'utente, ossia il nome
di accesso e la password dell'utente.
Nota:
affinché questa opzione funzioni correttamente, è necessario che l'utente abbia configurato il
sistema per Single Sign-On end-to-end o per Single Sign-On al database. Per ulteriori informazioni
consultare il Manuale della distribuzione in rete di applicazioni Web della piattaforma SAP
BusinessObjects Business Intelligence.
•
Utilizza lo stesso accesso al database dell'esecuzione del report
Il sistema utilizza le stesse informazioni di accesso al database utilizzate per l'esecuzione del
report sul Job Server.
•
Usa credenziali utente per l'accesso al database
Il sistema utilizza le credenziali del database specificate per l'account utente.
6. Fare clic su Salva e chiudi.
6.2.6 Aggiornamento dei valori dei prompt predefiniti per un report Crystal
Nota:
Questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
47
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
I campi relativi ai parametri (che presentano valori preimpostati) consentono agli utenti di visualizzare
e specificare i dati da visualizzare. Se un report contiene parametri, è possibile impostare il valore
predefinito per ciascun campo. Tale valore verrà utilizzato ogni volta che viene generata un'istanza di
report. Tramite un'applicazione della piattaforma BI come BI Launch Pad gli utenti possono utilizzare
il report con i valori preimpostati o scegliere altri valori. Se non si specifica un valore predefinito, agli
utenti verrà richiesto di scegliere un valore durante la pianificazione del report.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Prompt nell'elenco di spostamento.
Nota:
Prompt è disponibile solo se l'oggetto report contiene parametri.
4. Nella colonna "Valore predefinito" fare clic sul valore associato al parametro da modificare.
Vengono visualizzate le opzioni che consentono di modificare il valore predefinito. A seconda del
tipo di valore del parametro, digitare un valore nel campo o sceglierne uno dall'elenco.
5. Fare clic sul pulsante Cancella valore per cancellare il valore corrente impostato per il parametro
specificato.
6. Selezionare la casella di controllo Richiedi durante la visualizzazione se si desidera venga mostrato
un messaggio di richiesta quando gli utenti visualizzano un'istanza di report tramite un'applicazione
della piattaforma BI come BI Launch Pad.
7. Fare clic su Salva e chiudi.
6.2.7 Aggiornamento dei prompt per un documento Web Intelligence
Nota:
questa funzionalità non si applica a Crystal Reports. Vedere Aggiornamento dei valori dei prompt
predefiniti per un report Crystal
I campi relativi ai prompt (che presentano valori preimpostati) consentono agli utenti di visualizzare e
specificare i dati da visualizzare. Se un report contiene parametri, è possibile impostare un valore di
prompt predefinito per ciascun campo; questo valore viene utilizzato ogni volta che viene generata
un'istanza di report. Tramite un'applicazione della piattaforma BI come BI Launch Pad, gli utenti possono
utilizzare il report con i valori preimpostati o scegliere altri valori. Se non si specifica un valore predefinito,
gli utenti dovranno scegliere un valore per la pianificazione del report.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un documento Web Intelligence.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Prompt nell'elenco di spostamento.
Nota:
Prompt è disponibile solo se l'oggetto del documento Web Intelligence contiene dei prompt.
48
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
4. Fare clic su Modifica.
Vengono visualizzate delle opzioni che consentono di selezionare un prompt e i valori.
5. Selezionare il prompt e immettere un valore.
Suggerimento:
Se i valori disponibili non vengono visualizzati, fare clic sul pulsante Aggiorna i valori.
6. Ripetere i passaggi 5 e 6 per ogni valore del prompt da modificare.
7. Fare clic su Applica.
8. Fare clic su Salva e chiudi.
6.2.8 Utilizzo dei filtri
Nota:
Questa funzionalità non è valida per i documenti Web Intelligence, i report SAP Crystal in formato RPTR
o i report creati in SAP Crystal Reports for Enterprise.
È possibile impostare le formule di selezione predefinite per il report tramite Gestisci > Impostazioni
predefinite. Le formule di selezione sono simili ai campi dei parametri in quando sono utilizzate per
filtrare i risultati in modo da visualizzare solo le informazioni necessarie. A differenza di quanto accade
per i parametri, agli utenti finali non viene richiesto di inserire formule di selezione quando visualizzano
o aggiornano il report. Quando gli utenti pianificano i report tramite un client basato sul Web come BI
Launch Pad, possono scegliere di modificare le formule di selezione per i report. Per impostazione
predefinita, se nella console CMC sono presenti formule, queste saranno utilizzate dal client basato
sul Web. Per ulteriori informazioni sulle formule di selezione, vedere il Manuale dell'utente di SAP
Crystal Reports.
Oltre alla modifica delle formule di selezione, se sono state sviluppate estensioni di elaborazione
personalizzate, è possibile selezionare le estensioni di elaborazione da applicare al report.
Quando si utilizzano filtri in combinazione con estensioni di elaborazione, viene restituito un sottoinsieme
dei dati elaborati. Le formule di selezione e le estensioni di elaborazione agiscono da filtri sul report.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Filtri.
4. Aggiornare o aggiungere nuove formule di selezione.
• Selezione di record
Utilizzare il campo Selezione di record per creare o modificare una formula o più formule di
selezione di record allo scopo di limitare i record utilizzati nella pianificazione di un report.
•
49
Selezione gruppi
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Utilizzare il campo Selezione gruppi per creare o modificare una formula o più formule di
selezione dei gruppi allo scopo di limitare i gruppi utilizzati nella pianificazione di un report.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Funzionamento dei profili
• Applicazione delle estensioni di elaborazione ai report
6.2.9 Impostazione delle opzioni stampante e layout di pagina
Nota:
questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
È possibile scegliere di stampare un'istanza di report durante la sua pianificazione. Le istanze di report
vengono sempre stampate in formato Crystal Reports. Durante la stampa di un report, è possibile
impostare il numero di copie e l'intervallo di pagine.
È possibile specificare se stampare o meno un'istanza di report e, se si decide di stamparla, quale
stampante utilizzare, il numero di copie e l'intervallo di pagine. È inoltre possibile specificare le
impostazioni di layout personalizzate per modificare la dimensione di pagina e l'orientamento
(indipendentemente dal fatto che l'istanza del report venga stampata oppure no).
Specifica di una stampante
È possibile scegliere di stampare un report (ogni volta che viene eseguito) con la stampante predefinita
di Crystal Reports Job Server o un'altra stampante. La piattaforma BI stampa il report una volta elaborato.
Nota:
è necessario eseguire Crystal Reports Job Server con un account che disponga di privilegi sufficienti
ad accedere alla stampante specificata. Per ulteriori informazioni, consultare il capitolo “Gestione e
configurazione dei server”.
Specifica del layout di pagina
Quando si visualizza o si pianifica un'istanza di report in qualsiasi formato, è possibile specificare criteri
di layout di pagina, quali l'orientamento della pagina, la dimensione e così via. Le impostazioni scelte
hanno effetto sul modo in cui verrà visualizzata l'istanza di report.
Nota:
le impostazioni di layout di pagina non sono specificamente correlate solo alla pianificazione di un report
per una stampante ma anche all'aspetto globale del report. L'aspetto globale è condizionato dalle
proprietà della periferica in cui viene visualizzato il report (ovvero, le specifiche dei caratteri e altre
impostazioni di layout dello schermo e/o della stampante).
50
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.9.1 Assegnazione di una stampante
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console) selezionare un oggetto
report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Impostazioni di stampa nell'elenco di spostamento.
4. Selezionare Stampa report Crystal durante la pianificazione.
Il report viene automaticamente inviato alla stampante in formato SAP Crystal Reports. Ciò non
interferisce con il formato selezionato durante la pianificazione del report.
5. Lasciare selezionata l'opzione Stampante predefinita per stampare dalla stampante predefinita
del Job Server, altrimenti selezionare Specifica una stampante.
6. Se è stata selezionata l'opzione Specificare la stampante, immettere il percorso e il nome della
stampante.
Se il Job Server utilizza Windows, nel campo Specificare la stampante digitare:
\\serverdistampa\nomestampante
dove serverdistampa è il nome del server di stampa e nomestampante è il nome della stampante.
Se il Job Server è in esecuzione in ambiente UNIX, nel campo Specificare la stampante digitare
il comando di stampa utilizzato abitualmente. Ad esempio:
lp
-d nomestampante
Nota:
accertarsi che la stampante in uso in UNIX sia “visualizzata”e non “nascosta”.
7. Impostare le altre opzioni di stampa:
• Numero di copie
• Intervallo di pagine
• Fascicola
• Proporzioni pagina
• Centra pagina
• Adatta pagine orizzontali in una pagina
8. Fare clic su Salva e chiudi.
6.2.9.2 Impostazione delle opzioni di layout di stampa per un report
51
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console) selezionare un oggetto
report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Impostazioni di stampa nell'elenco di spostamento.
4. Selezionare una modalità di stampa predefinita.
• Stampa sempre su PDF
Questa opzione utilizza le impostazioni della modalità di stampa su PDF quando si stampa il
report da un visualizzatore Web.
•
Segui impostazione preferenze Crystal Reports
Questa opzione utilizza le impostazioni definite per Crystal Reports nelle preferenze utente della
CMC.
5. Nell'elenco "Imposta layout su" modificare le impostazioni in base al tipo di layout desiderato.
Le opzioni sono le seguenti:
• File report predefinito
Scegliere questa opzione se si desidera che il layout di pagina sia conforme alle impostazioni
selezionate per il report in SAP Crystal Reports.
•
Specifica impostazioni stampante
Scegliere questa opzione se si desidera che il layout di pagina sia conforme alle impostazioni di
una stampante specificata. È possibile scegliere la stampante predefinita del Job Server o un'altra
stampante.
Quando si sceglie questa opzione, è possibile stampare istanze di report pianificate solo dalla
stampante specificata nell'area Stampa durante la pianificazione. In altre parole, non è possibile
impostare il report perché sia visualizzato con l'impostazione di una stampante e poi eseguire
la stampa con una stampante diversa.
•
Impostazioni personalizzate
Scegliere questa opzione se si desidera personalizzare tutte le impostazioni di layout di pagina.
È possibile quindi scegliere l'orientamento e la dimensione della pagina.
6. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Impostazione delle opzioni stampante e layout di pagina
6.2.10 Estensioni di elaborazione
52
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
La piattaforma BI offre la possibilità di proteggere ulteriormente l'ambiente di report tramite l'utilizzo di
estensioni di elaborazione personalizzate. Un'estensione di elaborazione è una libreria di dati collegata
in modo dinamico che applica la logica aziendale a richieste particolari di visualizzazione o pianificazione
nella piattaforma BI prima che queste siano elaborate dal sistema.
Nota:
nei sistemi Windows le librerie caricate in modo dinamico vengono indicate come librerie a collegamento
dinamico (con estensione di file .dll). Nei sistemi Unix le librerie caricate in modo dinamico vengono
spesso indicate come librerie condivise (con estensione di file .so). Quando si assegnano nomi alle
estensioni di elaborazione è necessario includere l'estensione file.
Tramite il supporto per le estensioni di elaborazione, l'SDK per l'amministrazione della piattaforma BI
espone un “handle” che consente agli sviluppatori di intercettare la richiesta. Gli sviluppatori possono
quindi aggiungere formule di selezione alla richiesta prima che il report sia elaborato.
Un esempio tipico è costituito da un'estensione di elaborazione di un report in cui sia rafforzata la
protezione a livello di riga. Questo tipo di protezione consente di limitare l'accesso ai dati per le righe
di una o più tabelle di database. Lo sviluppatore crea una libreria caricata in modo dinamico che intercetta
le richieste di visualizzazione o pianificazione relative a un report prima che tali richieste vengano
elaborate dall'Adaptive Job Server, dal Server di elaborazione Crystal Reports o dal Report Application
Server. Il codice inserito dallo sviluppatore individua per prima cosa l'utente proprietario del lavoro di
elaborazione, quindi ricerca i privilegi di accesso ai dati dell'utente in un sistema di terze parti. Il codice
genera quindi una formula di selezione record e la aggiunge al report per limitare i dati restituiti dal
database. In questo caso, l'estensione di elaborazione funge da metodo per incorporare la protezione
personalizzata a livello di riga nell'ambiente della piattaforma BI.
Suggerimento:
nella piattaforma BI anche possibile impostare e imporre la protezione a livello di riga mediante l'uso
di visualizzazioni aziendali. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale dell'amministratore di
Business Views.
La console CMC fornisce metodi per registrare le estensioni di elaborazione con la piattaforma BI e
applicare le estensioni di elaborazione a oggetti particolari.
Abilitando le estensioni di elaborazione è possibile configurare i componenti server di della piattaforma
BI appropriati per caricare dinamicamente le estensioni di elaborazione in fase di esecuzione. All'interno
dell'SDK è presente un'API documentata in modo completo che gli sviluppatori possono utilizzare per
creare estensioni di elaborazione. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione per gli
sviluppatori disponibile nel CD del prodotto.
nella versione corrente le estensioni di elaborazione possono essere applicate solo a oggetti Crystal
Report (.rpt).
Argomenti correlati
• Applicazione delle estensioni di elaborazione ai report
53
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.10.1 Applicazione delle estensioni di elaborazione ai report
Nota:
questa funzionalità non è valida per i documenti o i report Web Intelligence creati in SAP Crystal Reports.
La piattaforma BI supporta l'utilizzo di estensioni di elaborazione personalizzate. Un'estensione di
elaborazione è una libreria di dati collegata in modo dinamico che applica la logica aziendale a richieste
particolari di visualizzazione o pianificazione nella piattaforma BI prima che queste siano elaborate dal
sistema. In questa sezione viene illustrato come registrare l'estensione di elaborazione con la piattaforma
BI e come applicare un'estensione di elaborazione disponibile a un oggetto di report.
Nota:
nei sistemi Windows le librerie caricate in modo dinamico vengono indicate come librerie a collegamento
dinamico (con estensione di file .dll). Nei sistemi Unix le librerie caricate in modo dinamico vengono
spesso indicate come librerie condivise (con estensione di file .so). Quando si assegnano nomi alle
estensioni di elaborazione è necessario includere l'estensione file. I nomi di file non possono includere
il carattere di barra (/) o barra rovesciata (\).
6.2.10.1.1 Selezione di un'estensione di elaborazione per un report
Per poter selezionare un'estensione di elaborazione è prima necessario registrarla nella console CMC.
Nota:
Questa funzionalità non è valida per i documenti o i report Web Intelligence creati in SAP Crystal
Reports.
1. Passare all'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console).
2. Selezionare l'oggetto report a cui si desidera applicare l'estensione di elaborazione.
3. Dal menu Gestisci, scegliere Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
4. Fare clic su Estensioni nell'elenco di spostamento.
5. Selezionare l'estensione di elaborazione dall'elenco Estensioni di elaborazione disponibili e fare
clic su > per spostarla nell'elenco Utilizzare queste estensioni di elaborazione (nell'ordine in
cui sono elencate).
Nota:
le estensioni di elaborazione sono visualizzate nell'elenco dopo la loro registrazione nel sistema.
Suggerimento:
a un oggetto report è possibile applicare più di un'estensione di elaborazione. Ripetere questo
passaggio per ogni estensione di elaborazione, quindi utilizzare i pulsanti Sposta su e Sposta giù
per specificare l'ordine in cui le estensioni di elaborazione devono essere utilizzate.
6. Fare clic su Salva e chiudi.
L'estensione di elaborazione è abilitata per l'oggetto report.
54
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.11 Utilizzo di report con collegamenti ipertestuali
Nota:
questa funzionalità non si applica ai documenti o ai report Web Intelligence creati in SAP Crystal Reports
for Enterprise.
SAP Crystal Reports consente di utilizzare collegamenti ipertestuali per passare da un oggetto report
all'altro. È possibile passare a una parte di report del report stesso, ad altri oggetti report o alle relative
parti oppure a specifiche istanze di report o parti di report. Questa navigazione è disponibile unicamente
nei visualizzatori DHTML basati su client (visualizzatori senza client, lato server) inclusi nella piattaforma
BI e nelle versioni successive. Collegando direttamente un oggetto all'altro, il contesto dati richiesto
viene passato automaticamente, in modo che sia possibile visualizzare l'oggetto e i dati pertinenti.
Inizialmente, quando si aggiungono collegamenti ipertestuali tra i report in SAP Crystal Reports, si crea
un collegamento diretto da un file all'altro. Tuttavia, quando si aggiungono file di report collegati
simultaneamente nello stesso pacchetto di oggetti, i collegamenti vengono modificati per puntare a
oggetti report gestiti. Viene modificato ogni collegamento, in modo che faccia riferimento al report di
destinazione appropriato in base all'ID Enterprise piuttosto che al percorso del file. Inoltre, i collegamenti
modificati diventano relativi all'intero del pacchetto di oggetti. Quando si pianifica il pacchetto di oggetti,
la piattaforma BI ne elabora i report e modifica nuovamente i collegamenti ipertestuali all'interno di
ciascuna istanza di report: i collegamenti ipertestuali tra gli oggetti report in un pacchetto di oggetti
vengono convertiti in collegamenti ipertestuali tra le istanze di report di una specifica istanza del pacchetto
di oggetti.
Per visualizzare i report collegati mediante collegamento ipertestuale, è necessario aggiungere sia i
report di origine che quelli destinazione nel sistema della piattaforma BI. Un report di origine è quello
che contiene un collegamento ipertestuale a un altro report: il report di destinazione.
Nota:
per informazioni su come creare collegamenti ipertestuali tra gli oggetti report, consultare la Guida in
linea di Crystal Reports.
Argomenti correlati
• Pianificazione degli oggetti mediante l’utilizzo di pacchetti di oggetti
6.2.11.1 Aggiunta di report con collegamenti ipertestuali esistenti
Il metodo consigliato per creare report con collegamenti ipertestuali consiste nel pubblicare i singoli
report per poi creare i collegamenti ipertestuali tra di essi. Tuttavia, questo non è sempre possibile.
Per aggiungere report con collegamenti ipertestuali al repository, utilizzare la Procedura Guidata
Caricamento report fornita con il designer di SAP Crystal Reports 2011 e aggiungere i report collegati
55
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
allo stesso pacchetto di oggetti. Quando si pubblicano i report in questo modo, i collegamenti ipertestuali
vengono convertiti in collegamenti relativi.
Nota:
•
•
Questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
se si aggiungono report con collegamenti ipertestuali in maniera indipendente invece che
simultaneamente nello stesso pacchetto di oggetti, tutti i collegamenti ipertestuali tra i report vengono
interrotti. È necessario ristabilire i collegamenti utilizzando SAP Crystal Reports e salvare nuovamente
il report nella piattaforma BI. Per ulteriori informazioni, consultare la Guida in linea di SAP Crystal
Reports.
Argomenti correlati
• Aggiunta di report al repository e applicazione di collegamenti ipertestuali
6.2.11.2 Visualizzazione di report con collegamenti ipertestuali
Nota:
questa funzionalità non si applica ai documenti o ai report Web Intelligence creati in SAP Crystal Reports
for Enterprise.
La piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence supporta unicamente la navigazione tra
report con collegamenti ipertestuali se si utilizzano visualizzatori basati su script, in particolare i
visualizzatori DHTML e DHTML avanzato in BI Launch Pad. Per modificare il formato di visualizzazione
preferito nella CMC, fare clic sul collegamento Preferenze nell'angolo in alto a destra della CMC e
selezionare il formato di visualizzazione appropriato. Per informazioni su come modificare il formato di
visualizzazione preferito, consultare il Manuale dell'utente di BI Launch Pad.
Le informazioni sui parametri non vengono trasferite tra i report di origine e di destinazione. In altre
parole, quando si visualizza un report di destinazione facendo clic su un collegamento ipertestuale in
un report di origine, viene richiesto di immettere tutti i parametri richiesti dal report di destinazione.
Considerazioni sulla protezione
Per visualizzare i report con collegamenti ipertestuali mediante la piattaforma BI, è necessario disporre
dei diritti appropriati sia a livello di piattaforma sia a livello di database.
Nella piattaforma BI, per visualizzare un report di destinazione mediante un collegamento ipertestuale
in un report di origine, è necessario disporre dei diritti di visualizzazione per il report di destinazione.
Quando il collegamento ipertestuale punta un oggetto report, è necessario disporre di diritti di
visualizzazione su richiesta per poter aggiornare i dati in base all'origine dati.
Le informazioni di accesso al database vengono trasferite tra i report collegati tramite collegamenti
ipertestuali. Se le credenziali specificate per visualizzare il report di origine non sono valide per il report
di destinazione, viene richiesto di specificare un insieme valido di credenziali di accesso al database
per il report di destinazione.
56
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.2.11.3 Aggiunta di report al repository e applicazione di collegamenti
ipertestuali
Nota:
questa funzionalità non è valida per i documenti o i report Web Intelligence creati in SAP Crystal Reports
for Enterprise.
Per evitare l'interruzione dei collegamenti ipertestuali tra i report è consigliabile aggiungere prima i
report e quindi creare i collegamenti ipertestuali.
1. Creare i report senza collegamenti ipertestuali in SAP Crystal Reports.
2. Aggiungerli alla piattaforma BI.
3. Utilizzare SAP Crystal Reports per accedere alla piattaforma BI.
4. Creare i collegamenti ipertestuali tra i report di origine e quelli di destinazione.
Per ulteriori informazioni, vedere la Guida in linea di Crystal Reports.
SAP Crystal Reports determina automaticamente il tipo di collegamento, relativo o assoluto, da stabilire
tra i report. Nella piattaforma BI i collegamenti relativi sono quelli tra report dello stesso pacchetto di
oggetti, mentre i collegamenti assoluti sono quelli per specifici oggetti report o istanze.
6.2.12 Visualizzazione di un'immagine di anteprima di un report Crystal
Eseguire questa attività se si desidera mostrare un'immagine di anteprima della prima pagina del report.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), selezionare il report.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
3. Fare clic su Anteprima nell'elenco di navigazione.
4. Selezionare la casella di controllo Mostra anteprima report.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.2.13 Visualizzazione degli avvisi nei report Crystal
La piattaforma BI tiene traccia delle istanze del report che attivano gli avvisi.
Questa attività può essere eseguita solo sui report creati in SAP Crystal Reports.
1. Trovare la cartella o la categoria che contiene il report Crystal che si desidera visualizzare.
2. Selezionare un oggetto e fare clic su Altre azioni > Avvisi.
57
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Avvisi" che riporta solo le istanze che hanno attivato l'avviso.
3. Fare doppio clic sul titolo per aprire l'istanza del report.
6.2.14 Visualizzazione degli universi per un documento Web Intelligence
Le query per i documenti Web Intelligence vengono create utilizzando gli oggetti di un universo. Un
universo è una rappresentazione delle informazioni disponibili nel database. Nella CMC (Central
Management Console) è possibile visualizzare gli universi utilizzati da un documento Web Intelligence.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto del documento Web Intelligence.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Universi report nell'elenco di spostamento.
Viene visualizzato un elenco di universi utilizzati dal documento.
6.3 Utilizzo dei report in un ambiente integrato
In questa sezione sono contenute informazioni sull'utilizzo dei report in SAP NetWeaver Business
Warehouse (SAP NetWeaver BW) e nella piattaforma BI.
Nota:
le informazioni non sono applicabili ai report creati in SAP Crystal Reports for Enterprise.
6.3.1 Aggiunta di report da NetWeaver BW a BusinessObjects Enterprise
È possibile aggiungere report alla piattaforma BI secondo due modalità standard:
•
Aggiungendoli alla piattaforma BI subito dopo averli creati dalle query SAP NetWeaver BW.
•
Aggiungendoli in batch alla piattaforma BI da SAP NetWeaver BW.
Se nel computer è installato SAP Crystal Reports, è possibile progettare un report personalizzato in
base a una query SAP NetWeaver BW. È quindi possibile salvare il report in SAP NetWeaver BW e
contemporaneamente aggiungerlo alla piattaforma BI da SAP Crystal Reports. Per abilitare questa
funzionalità, in SAP Crystal Reports selezionare su SAP > Impostazioni, quindi l'opzione Pubblica
automaticamente in Enterprise.
58
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Nota:
È possibile aggiungere numerosi report Crystal tramite Workbench per amministrazione contenuti. Per
ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence.
6.3.1.1 Aggiunta di report alla piattaforma BI
È possibile aggiungere report Crystal alla piattaforma BI secondo due diverse modalità:
•
Aggiungendoli alla piattaforma BI in batch. Utilizzare questo metodo se sono già stati aggiunti alcuni
report a SAP NetWeaver BW.
•
Utilizzando la Procedura guidata caricamento report inclusa in SAP Crystal Reports 2011 o la Central
Management Console nella piattaforma BI.
Argomenti correlati
• Aggiunta di report in batch da NetWeaver BW
6.3.1.2 Aggiunta di report in batch da NetWeaver BW
È possibile aggiungere numerosi report Crystal tramite Workbench per amministrazione contenuti. Per
ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence.
6.3.2 Migrazione del contenuto di sviluppo a un sistema SAP NetWeaver BW di
produzione
Se è stata distribuita la piattaforma BI in un ambiente SAP NetWeaver BW di sviluppo, è possibile
importare nella piattaforma BI il contenuto dei report configurato per l'utilizzo con l'ambiente SAP
NetWeaver BW di produzione.
Prima di importare il contenuto, considerare quanto segue:
•
59
In SAP NetWeaver BW i report Crystal (file .rpt) vengono trattati come oggetti nativi. Se i report
Crystal sono archiviati nel repository del sistema SAP NetWeaver BW di sviluppo, è possibile
trasportare il contenuto SAP NetWeaver BW, quindi aggiungere i report in batch alla piattaforma BI
(per ulteriori informazioni sul trasporto del contenuto tra sistemi SAP NetWeaver BW, vedere la
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
libreria SAP). In base a questa procedura le informazioni del database per ciascun report vengono
aggiornate da Publisher report SAP NetWeaver BW.
•
Se sono stati eliminati alcuni o tutti i report Crystal dal repository del sistema SAP NetWeaver BW
di sviluppo, è possibile utilizzare Lifecycle Manager per importare gli oggetti report da un'installazione
della piattaforma BI in un'altra. Quando si utilizza LifeCycle Manager, verificare di impostare le
informazioni del database corrette per ogni file di report importato.
•
Se si desidera eseguire la migrazione di un numero ridotto di file di report, si consiglia di modificare
le informazioni del database per ogni report nella CMC (nell'area di gestione "Cartelle" individuare
il report e fare clic su Azioni > Configurazione database).
Dopo avere eseguito la migrazione del contenuto, utilizzare il workbench per l'amministrazione dei
contenuti per effettuare la manutenzione dei report. Le attività di manutenzione dei report includono la
sincronizzazione delle informazioni sui report tra la piattaforma BI e SAP NetWeaver BW (Aggiorna
stato), l'eliminazione dei report indesiderati (Elimina report) e l'aggiornamento dei report di cui si è
eseguita la migrazione da versioni precedenti della piattaforma BI (Post-migrazione).
6.3.3 Visualizzazione dei report
A seconda dell'integrazione della piattaforma BI con SAP NetWeaver BW è possibile visualizzare i
report Crystal tramite diverse applicazioni.
• Accedere a BI Launch Pad utilizzando le credenziali SAP
• Avviare i report in un browser Web all'interno dell'interfaccia "SAP Easy Access"
6.3.3.1 Visualizzazione di un report in BI Launch Pad
1. In un browser Web digitare l'URL di BI Launch Pad: http://serverweb:numeroporta/BOE/BI/
Sostituire serverweb con il nome del server Web e numeroporta con il numero di porta impostato
per la piattaforma BI. Può essere necessario richiedere all'amministratore il nome del server Web,
il numero di porta o l'URL esatto per accedere.
Suggerimento:
se è installata la piattaforma BI, è possibile selezionare Start > Programmi > SAP Business
Intelligence > Piattaforma SAP BusinessObjects BI 4 > SAP BusinessObjects Enterprise Java
BI Launch Pad.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Accedi a BI Launch Pad".
2. Nell'elenco Autenticazione selezionare SAP.
3. Nella casella ID sistema SAP digitare l'ID del sistema SAP di tre caratteri (SID).
Contattare l'amministratore se non si è sicuri quale sia l'ID di sistema corretto.
60
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
4. Nella casella Client SAP digitare il numero client SAP di tre cifre.
5. Nelle caselle Nome utente e Password digitare le credenziali di accesso SAP.
6. Fare clic su Accedi.
Si è ora connessi a BI Launch Pad.
7. Fare clic sulla cartella I miei gruppi per accedere velocemente a tutti gli oggetti che sono stati salvati
nei vari ruoli SAP e pubblicati nella piattaforma BI.
Suggerimento:
per informazioni sull'utilizzo di BI Launch Pad, fare clic su ? per accedere alla Guida in linea di BI
Launch Pad.
6.3.3.2 Visualizzazione di un report pubblicato tramite SAP Easy Access
1. Accedere a SAP Easy Access.
2. Esplorare i ruoli per individuare i report salvati in SAP NetWeaver BW.
Suggerimento:
Individuare l'icona del report Crystal utilizzata in SAP NetWeaver BW.
3. Fare doppio clic sul report.
Il report viene visualizzato nel browser Web. È possibile che venga richiesto di accedere al server di
applicazioni Web SAP e/o alla piattaforma BI. In tal caso, fornire le normali credenziali.
6.3.4 Personalizzazione dei report generati da query SAP NetWeaver BW
La piattaforma BI supporta le variabili personalizzate nei report generati dalle query SAP NetWeaver
BW.
I report basati sulle query SAP NetWeaver BW utilizzano variabili che contengono valori specificati
nelle query BW per limitare o specificare i dati restituiti. In genere, è possibile immettere il valore con
cui eseguire il report oppure scegliere da un elenco di valori predefiniti.
In SAP Business Explorer (BEx) la personalizzazione consente di immettere un valore per la variabile
e salvarlo come valore predefinito personale. Quando il report viene eseguito, i dati generati si basano
sul valore della variabile impostato. Ogni volta che si esegue lo stesso report, i valori personalizzati
salvati risulteranno disponibili per l'utilizzo.
61
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Nota:
i valori personalizzati sono specifici dell'utente, pertanto è possibile impostare solo valori personalizzati
per se stessi e non per altri utenti. Ogni utente può impostare i propri valori personalizzati anziché
utilizzare i valori preimpostati assegnati alla variabile.
Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione, consultare la documentazione relativa al sistema
SAP NetWeaver BW o contattare l'amministratore di sistema.
6.3.4.1 Parametri
Le variabili dei report sono rappresentate come parametri in BI Launch Pad. Prima di visualizzare o
pianificare un report, scegliere un valore per ogni parametro da un elenco di scelta dinamico. I valori
presenti nell'elenco sono stati assegnati alla variabile nell'ambiente SAP e filtrati in base ai diritti a
disposizione dell'utente in tale ambiente.
Nella finestra di dialogo "Immetti valori di prompt", sono disponibili le seguenti opzioni:
•
Eseguire il report con i valori dei parametri predefiniti.
•
Selezionare i valori negli elenchi di scelta dinamici ed eseguire il report con tali valori.
•
Immettere un valore per ciascun parametro ed eseguire il report con tali valori.
•
Eseguire il report con valori nulli per i parametri.
•
Personalizzare un valore per ciascun parametro ed eseguire il report con tali valori personalizzati.
Nota:
alcune opzioni sono disponibili solo se sono abilitate nella query SAP NetWeaver BW di riferimento del
report o nella piattaforma BI.
6.3.4.1.1 Visualizzazione di un report con valori di parametro predefiniti
Il valore predefinito per un parametro di un report viene impostato nell'ambiente SAP (durante la
progettazione della query). Poiché il report nella piattaforma BI è basato su una query SAP NetWeaver
BW, il valore predefinito per la variabile della query diventa automaticamente il valore predefinito per
il parametro del report.
1. Accedere a BI Launch Pad.
2. Fare doppio clic sull'oggetto da visualizzare.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Immetti valori di prompt".
3. Fare clic su OK.
Il report viene visualizzato nel programma di visualizzazione di Crystal Report in uso. Contiene solo
i dati basati sui valori predefiniti assegnati al parametro.
Argomenti correlati
• Valori dei parametri personalizzati nei report pianificati
62
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.3.4.1.2 Visualizzazione di un report utilizzando i valori di parametro di un elenco di scelta
dinamico
Gli elementi di un elenco di scelta dinamico per un parametro sono basati sui valori assegnati alla
variabile nell'ambiente SAP. I valori visualizzati in BI Launch Pad corrispondono ai diritti dell'utente. È
possibile vedere solo i valori per cui si dispone dei diritti di creazione di report.
Nota:
questa opzione è disponibile solo per i parametri basati su query SAP NetWeaver BW.
1. Accedere a BI Launch Pad.
2. Passare all'oggetto che contiene le variabili e fare doppio clic su di esso.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Immetti valori di prompt".
3. Fare clic sul pulsante “…” accanto a un parametro.
Viene visualizzata la schermata Elenco di scelta.
4. Cercare nell'elenco il valore desiderato per il parametro. Una volta individuato, fare clic sul relativo
collegamento ipertestuale.
Viene di nuovo visualizzata la finestra di dialogo "Immetti valori di prompt". Il valore selezionato
viene visualizzato nel campo di modifica relativo al parametro.
5. Ripetere le operazioni riportate ai passaggi 3 e 4 per gli altri parametri, quindi fare clic su Esegui.
Il report viene visualizzato nel visualizzatore di Crystal Report con dati basati sui valori di parametro
selezionati.
6.3.4.1.3 Valori dei parametri nulli nei report pianificati
Quando si pianifica un report per l'esecuzione con un valore di parametro nullo, al momento
dell'esecuzione del report non viene passato alcun valore alla query. Il report utilizza il valore predefinito
o personalizzato preimpostato della variabile definita dall'utente.
Nota:
i valori personalizzati sostituiscono quelli predefiniti.
Se si modifica il valore del parametro utilizzato per l'esecuzione del report, è sufficiente fare clic sul
report nella piattaforma BI e ripianificarlo con il nuovo parametro. Poiché il report è stato inizialmente
pianificato per essere eseguito con un valore di parametro nullo, non viene salvato alcun valore con il
report.
Alla successiva esecuzione del report, verrà utilizzato il nuovo valore di parametro per generare i dati.
Visualizzazione di un report con valori di parametro nulli
Quando si esegue un report con valori dei parametri nulli, al momento dell'esecuzione non viene inviato
alcun valore alla query; i valori utilizzati per eseguire il report sono i valori predefiniti o i valori
personalizzati delle variabili. I valori personalizzati hanno la precedenza sui valori predefiniti. Se per
una variabile non è disponibile un valore predefinito o un valore personalizzato, il report viene eseguito
63
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
senza un valore per la variabile. A seconda della query è possibile che si riceva un errore se un valore
per la variabile è necessario per l'esecuzione del report.
Nota:
•
•
1.
2.
questa funzionalità viene principalmente utilizzata quando si pianificano i report.
questa opzione è disponibile solo per i parametri basati su query SAP NetWeaver BW.
Accedere a BI Launch Pad.
Passare all'oggetto che contiene le variabili e fare doppio clic su di esso.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Immetti valori di prompt".
3. Verificare che sia selezionato Imposta su valore nullo per ogni parametro.
4. Fare clic su OK.
Il report viene visualizzato nel programma di visualizzazione di Crystal Report in uso. Contiene solo
i dati basati sui valori predefiniti o personalizzati originariamente assegnati alle variabili in SAP.
6.3.4.1.4 Valori dei parametri personalizzati nei report pianificati
Quando si imposta una pianificazione ricorrente per un report che contiene un valore di parametro
personalizzato, la piattaforma BI utilizza il valore personalizzato per generare il report tutte le volte che
ne è pianificata l'esecuzione.
Nota:
in seguito alla personalizzazione, il valore viene salvato nella piattaforma BI e impostato come valore
permanente del parametro specifico dell'utente per il report. Anche se si modifica il valore personalizzato
di un parametro, il report pianificato continuerà a visualizzare i dati in base al valore personalizzato
originale.
Se si modifica il valore personalizzato del parametro, attenersi alla procedura seguente per assicurarsi
che nella pianificazione del report non venga utilizzato il valore originale:
•
Ripianificare il report con il nuovo valore di parametro.
•
Pianificare il report in modo che venga eseguito con valori nulli per il parametro. Questo garantisce
che i valori di personalizzazione immessi vengano valutati quando il report viene eseguito.
Visualizzazione di un report con valori di parametro personalizzati
La personalizzazione è una funzione che consente di impostare un valore predefinito personale per un
parametro e salvarlo per l'uso futuro. Quando si imposta un valore personalizzato per un parametro, il
valore personalizzato diventa effettivamente il nuovo valore predefinito per il parametro.
Nota:
•
•
64
questa opzione è disponibile solo per i parametri basati su query SAP NetWeaver BW ed è valida
solo per i report che si basano sul driver SAP NetWeaver MDX.
i valori personalizzati sono specifici dell'utente, pertanto non vengono implementati per altri utenti.
Gli altri utenti che utilizzano lo stesso report possono impostare valori personalizzati o utilizzare i
valori predefiniti del parametro.
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
1. Accedere a BI Launch Pad.
2. Passare all'oggetto che contiene le variabili e fare doppio clic su di esso.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Immetti valori di prompt". I valori predefiniti per i parametri
del report sono elencati separatamente accanto a “Valore corrente”.
3. Personalizzare un valore di un parametro eseguendo una delle seguenti operazioni:
•
Selezionare un valore dall'elenco, quindi fare clic sull'icona Personalizza per impostarlo
come valore personalizzato.
• Fare clic sul campo di modifica relativo al parametro, digitare un valore, quindi fare clic sull'icona
Personalizza per impostarlo come valore personalizzato.
È quindi possibile visualizzare il report con i dati basati sul valore personalizzato impostato. Se
successivamente si desidera visualizzare lo stesso report, viene utilizzato il valore personalizzato per
eseguire il report, a meno che non sia specificato altrimenti.
Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione, consultare la documentazione relativa al sistema
SAP NetWeaver BW o contattare l'amministratore di sistema.
6.4 Gestione di oggetti programma
Questa sezione illustra gli oggetti e le istanze del programma e come gestirli mediante la Central
Management Console (CMC) e tratta la configurazione di oggetti programma in base al tipo e le
considerazioni di sicurezza per gli oggetti programma.
6.4.1 Oggetti programma e istanze
Un oggetto programma è un oggetto della piattaforma BI che rappresenta un'applicazione. Aggiungere
un oggetto programma consente di pianificare ed eseguire l'oggetto programma e di gestire i diritti
utente in relazione a esso.
Quando si aggiunge un oggetto programma o i file associati alla piattaforma BI, l'oggetto o i file vengono
archiviati nell'Input File Repository Server (FRS). Ogniqualvolta si esegue un programma, il programma
e i file vengono trasmessi al Program Job Server e la piattaforma BI crea un'istanza del programma.
A differenza delle istanze di report, che possono essere visualizzate nel loro formato completo, le
istanze di programma esistono come record nella cronologia degli oggetti. La piattaforma BI archivia
l'output standard e l'errore standard del programma in un file di output di testo. Tale file viene visualizzato
quando si fa clic su un’istanza di programma nella pagina Cronologia dell’oggetto.
Per pianificare ed eseguire correttamente un oggetto programma, è necessario fornire informazioni
sull'accesso per l'account che verrà utilizzato dall'oggetto programma durante l'esecuzione.
65
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Argomenti correlati
• Aggiunta di oggetti alla piattaforma BI
6.4.1.1 Tipi di programma
È possibile aggiungere tre tipi di applicazioni al repository come oggetti programma:
•
Eseguibile
I programmi eseguibili sono file binari, file batch o script di shell. In genere hanno estensioni di file
quali .com, .exe, .bat o .sh. È possibile aggiungere qualsiasi programma eseguibile che possa
essere eseguito dalla riga di comando nel computer in cui è in esecuzione il Program Job Server.
•
Java
È possibile aggiungere qualsiasi programma Java al repository come oggetto programma Java.
•
Script
Gli oggetti programma script sono script JScript e VBScript. Vengono eseguiti su Windows mediante
un oggetto COM incorporato e possono, una volta pubblicati, fare riferimento agli oggetti SDK della
piattaforma BI.
Nota:
gli oggetti programma script non sono supportati in UNIX.
Nota:
in qualità di amministratore, è possibile abilitare o disabilitare qualsiasi tipo di oggetto programma.
Dopo avere aggiunto un oggetto programma al repository, è possibile configurarlo nell'area di gestione
"Cartelle" della console CMC. Per ciascun tipo di oggetto programma (Eseguibile, Java o Script) è
possibile scegliere di specificare argomenti della riga di commando e una directory di lavoro. Per i
programmi eseguibili e Java, esistono ulteriori modi, necessari e opzionali, per configurare gli oggetti
programma e garantire loro l'accesso ad altri file.
Suggerimento:
gli oggetti programma consentono di scrivere, pubblicare e pianificare script o programmi Java che
vengono eseguiti in base alla piattaforma BI ed eseguono attività di manutenzione, come l'eliminazione
di istanze dalla cronologia. È inoltre possibile progettare questi script e i programmi Java in modo che
accedano alle informazioni della sessione della piattaforma BI. Questo garantisce che gli oggetti
programma pianificati conservino i diritti o le limitazioni di protezione dell'utente che ha pianificato il
processo. I programmi script o Java richiedono l'accesso all'SDK della piattaforma BI. Per dettagli, fare
riferimento alla documentazione SDK della piattaforma BI, come SAP Business Intelligence Platform
Java SDK Developer Guide.
66
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.4.2 Impostazione delle opzioni di elaborazione dei programmi
6.4.2.1 Specifica di argomenti della riga di comando
Per ogni oggetto programma, è possibile specificare argomenti della riga di comando con il comando
Impostazioni predefinite nel menu Gestisci. È possibile specificare qualsiasi argomento sia supportato
dall'interfaccia della riga di comando per il programma in questione. Gli argomenti vengono passati
direttamente all'interfaccia della riga di comando, senza essere analizzati.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare l'oggetto programma.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma nell'elenco di spostamento.
4. Nel campo Argomenti digitare gli argomenti della riga di comando per il programma, utilizzando lo
stesso formato che si utilizzerebbe nella riga di comando.
Ad esempio, se il programma ha un'opzione loop, per impostare il valore dei loop su 100, è possibile
digitare -loops 100
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.4.2.2 Impostazione di una directory di lavoro per un oggetto programma
Per impostazione predefinita, quando viene eseguito un oggetto programma, la piattaforma BI crea
una sottodirectory temporanea nella directory di lavoro di Adaptive Job Server e utilizza tale sottodirectory
come directory di lavoro del programma. La sottodirectory viene automaticamente eliminata al termine
dell'esecuzione del programma.
È possibile specificare una directory di lavoro alternativa per l'oggetto programma con il comando
Impostazioni predefinite nel menu Gestisci. In alternativa, è possibile modificare l'impostazione
predefinita della directory di lavoro dell'Adaptive Job Server.
Nota:
l'account con cui viene eseguito il programma deve disporre dei diritti appropriati per la cartella impostata
come directory di lavoro. Il livello di autorizzazioni file richiesto dipende dalla funzione del programma;
tuttavia, l'account del programma deve possedere in genere autorizzazioni di lettura, scrittura ed
esecuzione per la directory di lavoro.
67
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Argomenti correlati
• Autenticazione e pacchetti di oggetti
6.4.2.2.1 Impostazione di una directory di lavoro per un oggetto programma
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console) selezionare l'oggetto
programma.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma nell'elenco di spostamento.
4. Nel campo Directory di lavoro digitare il percorso completo della directory che si desidera impostare
come directory di lavoro dell'oggetto programma.
Ad esempio, in Windows, se è stata creata una directory di lavoro denominata directory_di_la
voro, digitare C:\directory_di_lavoro.
In UNIX digitare /directory_di_lavoro
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.4.2.2.2 Modifica della directory di lavoro predefinita per gli oggetti programma
1. Passare all’area di gestione "Server" della CMC.
2. Selezionare l'Adaptive Job Server che ospita il Servizio di pianificazione programma.
Per verificare se un Adaptive Job Server ospita il Servizio di pianificazione programma, selezionare
il server e fare clic su Gestisci > Proprietà.
3. Fare clic su Gestisci > Proprietà.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Proprietà".
4. Nel campo Directory di temporanea digitare il percorso completo della directory che si desidera
impostare come directory di lavoro.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.4.3 Configurazione di programmi eseguibili
Quando si aggiunge l'oggetto di un programma eseguibile alla CMC, è possibile eseguire le operazioni
seguenti:
•
Configurare l'oggetto per l'accesso ai file esterni o ausiliari.
•
Personalizzare le variabili di ambiente per la shell in cui la piattaforma BI esegue il programma.
Argomenti correlati
• Configurazione di programmi Java
68
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.4.3.1 Specifica dei percorsi dei file richiesti
Alcuni file binari, file batch e script di shell richiedono l'accesso a file esterni o ausiliari per essere
eseguiti. Oltre a impostare una directory di lavoro per l'oggetto programma, esistono due metodi per
garantire l'accesso a tali file:
•
Se il file richiesto si trova sullo stesso computer dell'Adaptive Job Server che ospita il Program
Scheduling Service, è possibile specificarne il percorso completo.
•
In alternativa, se il file si trova in un'altra posizione, è possibile caricarlo nel File Repository Server,
che passerà i file al Program Job Scheduling Service quando sarà necessario.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), selezionare l'oggetto
programma eseguibile.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma nell'elenco di spostamento.
4. Nel campo Dipendenze esterne digitare il percorso completo del file richiesto e fare clic su Aggiungi.
5. Ripetere il passaggio 4 per ciascun file richiesto.
6. Fare clic su Salva e chiudi.
Suggerimento:
per modificare o rimuovere dipendenze esterne specificate, selezionare il percorso del file in "Dipendenze
esterne" e fare clic sul pulsante appropriato, Modifica o Rimuovi.
6.4.3.2 Caricamento dei file necessari
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della console CMC, selezionare l'oggetto programma eseguibile.
2. Fare clic su Azioni > File associati.
3. Fare clic su Sfoglia per spostarsi sul file desiderato, quindi fare clic su Aggiungi file.
4. Ripetere il passaggio 3 per ciascun file richiesto.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Suggerimento:
Per rimuovere file ausiliari specificati, selezionare il file o i file dall'elenco File ausiliari correnti e fare
clic su Rimuovi file.
69
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.4.3.3 Aggiunta di una variabile di ambiente
Nella CMC (Central Management Console) è possibile configurare il programma aggiungendo o
modificando le variabili di ambiente. Le modifiche ad una variabile di ambiente esistente sovrascrivono
la variabile anziché aggiungersi ad essa. Tutte le modifiche apportate alle variabili di ambiente esistono
solo nella shell temporanea in cui la piattaforma BI esegue il programma. In questo modo, quando si
chiude il programma, le variabili di ambiente vengono eliminate.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, fare clic sull'oggetto programma.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma.
4. Nel campo Variabili di ambiente digitare le variabili di ambiente che si desidera impostare, quindi
fare clic su Aggiungi.
Utilizzare la forma nome=valore, dove nome è la variabile di ambiente e valore è il valore della
variabile di ambiente. Ad esempio, è possibile impostare la variabile percorso per aggiungere la
directory bin di un utente al percorso esistente:
•
In Windows digitare: path=%path%;c:\usr\bin
•
In UNIX è possibile digitare: PATH=$PATH:/usr/bin
Nota:
la piattaforma BI imposta le variabili di ambiente utilizzando la sintassi appropriata al sistema
operativo. Tuttavia, in UNIX è necessario rispettare la convenzione e utilizzare le maiuscole o le
minuscole. Ad esempio, tutti i valori nome in UNIX devono essere digitati in lettere maiuscole.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Suggerimento:
per modificare o rimuovere le variabili di ambiente specificate, selezionare la variabile dall'elenco
Variabili di ambiente e fare clic sul pulsante appropriato, Modifica o Rimuovi.
6.4.4 Configurazione di programmi Java
Per pianificare ed eseguire correttamente i programmi Java nella piattaforma BI, è necessario specificare
i parametri necessari per l'oggetto del programma.
Inoltre, è possibile garantire al programma Java l'accesso ad altri file presenti nell'Adaptive Job Server
e specificare opzioni Java Virtual Machine.
70
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.4.4.1 Specifica dei parametri richiesti per i programmi Java
Per pianificare ed eseguire correttamente un programma Java, è necessario fornire alla piattaforma BI
il nome di base del file .class che implementa l'interfaccia IProgramBase dall'SDK Java della piattaforma
BI.
Nota:
il Java Runtime Environment deve essere installato su ogni computer sul quale sia in esecuzione un
Adaptive Job Server.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), selezionare l'oggetto
programma Java.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma nell'elenco di spostamento.
4. Nel campo Classe da eseguire digitare il nome di base del file .class che implementa IProgra
mBase dall'SDK Java della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence (com.busine
ssobjects.sdk.plugin.desktop.program.IProgramBase).
Ad esempio, se il nome file è Arius.class, digitare Arius.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Nota:
se il processo pianificato non viene eseguito correttamente a causa di un errore OutOfMemoryError,
aumentare le dimensioni massime dell'heap allocate alla JVM. È possibile impostare gli argomenti della
JVM nel campo Argomenti JVM della sezione "Parametri programma". Specificare dimensioni massime
dell'heap adatte per il programma Java da eseguire, ad esempio: -Xmx1024m. Utilizzare il campo
Argomenti JVM solo per risolvere errori; in caso contrario, lasciarlo vuoto.
6.4.4.2 Procedura per garantire ai programmi Java l'accesso ad altri file
È possibile garantire ai programmi Java l'accesso a file, quali le librerie Java, presenti nel Program
Scheduling Server.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della console CMC, selezionare l'oggetto programma Java.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Parametri programma nell'elenco di spostamento.
4. Nel campo Percorso classe digitare i percorsi completi di tutti i file di libreria Java richiesti dal
programma Java e archiviati nell'Adaptive Job Server che ospita il Program Scheduling Service.
71
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Per separare i diversi percorsi, utilizzare il separatore di percorso classe appropriato al sistema
operativo: punto e virgola per Windows e due punti per UNIX.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.4.5 Specifica di un account utente per un oggetto programma
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare l'oggetto programma.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Impostazioni predefinite".
3. Fare clic su Accesso al programma nell'elenco di spostamento.
4. Nei campi Nome utente e Password digitare le credenziali per l'account utente con cui eseguire il
programma.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.5 Gestione dei pacchetti di oggetti
In questa sezione vengono illustrati i pacchetti e le istanze di oggetti. Viene inoltre spiegato come gestirli
nella console CMC (Central Management Console), come creare un pacchetto di oggetti e come
aggiungere oggetti a un pacchetto.
6.5.1 Pacchetti di oggetti, componenti e istanze
I pacchetti di oggetti funzionano come oggetti distinti nella piattaforma BI. Sono una sorta di cartelle
che è possibile pianificare insieme al relativo contenuto. I pacchetti di oggetti possono essere composti
da qualsiasi combinazione di oggetti report e programma aggiunti al sistema. Gli oggetti non appartenenti
alla piattaforma BI, come gli oggetti Excel, Word, Acrobat, testo, RTF, PowerPoint e i collegamenti
ipertestuali, non possono essere aggiunti ai pacchetti di oggetti.
Se si inseriscono più oggetti in un solo pacchetto è possibile pianificarli contemporaneamente. Per i
report, i pacchetti di oggetti consentono agli utenti di visualizzare dati sincronizzati tra diversi report.
Gli oggetti componenti non sono autonomi: hanno opzioni di configurazione più limitate rispetto agli
altri oggetti, e non vengono visualizzati nell'elenco di tutti gli oggetti nell'area di gestione "Cartelle" della
CMC. Gli oggetti componenti possono essere visualizzati unicamente aprendo i rispettivi pacchetti di
oggetti.
72
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
La piattaforma BI crea un'istanza del pacchetto di oggetti ogni volta che ne esegue uno. L'istanza del
pacchetto di oggetti contiene singole istanze di ciascuno dei suoi oggetti componenti. Le istanze dei
componenti sono associate alle istanze del pacchetto di oggetti invece che agli oggetti componenti. Ad
esempio, se si esegue un pacchetto di oggetti e si crea, di conseguenza, un'istanza, quindi si rimuove
un oggetto report dal pacchetto di oggetti, l'istanza del pacchetto di oggetti non viene modificata; contiene
ancora l'istanza di report dell'oggetto report rimosso. Le future istanze del pacchetto di oggetti, tuttavia,
rifletteranno la modifica.
Per le istanze report collegate mediante collegamenti ipertestuali nelle istanze del pacchetto di oggetti,
i collegamenti ipertestuali puntano ad altre istanze report della stessa istanza del pacchetto di oggetti.
Argomenti correlati
• Utilizzo di report con collegamenti ipertestuali
6.5.2 Creazione di un nuovo pacchetto di oggetti
1. Passare all'area di gestione "Cartelle"della console CMC e andare alla cartella in cui si desidera
creare il pacchetto di oggetti.
2. Scegliere Gestisci > Nuovo > Pacchetto oggetti.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Pacchetto oggetti".
3. Immettere un titolo, una descrizione e parole chiave per il pacchetto di oggetti.
4. Scegliere OK.
Dopo l'aggiunta del pacchetto oggetti al sistema, è possibile modificare le proprietà, il contenuto, le
informazioni di pianificazione, la destinazione, i diritti utente, le impostazioni oggetto e la notifica del
pacchetto di oggetti. Per eseguire questa operazione, scegliere Gestisci > Proprietà o Gestisci >
Impostazioni predefinite.
6.5.3 Aggiunta di oggetti a un pacchetto di oggetti
Nella CMC, dopo aver creato un pacchetto di oggetti, è possibile aggiungervi oggetti componenti report
e/o programma. È possibile aggiungere nuovi oggetti oppure copiare oggetti esistenti direttamente nel
pacchetto di oggetti. È possibile spostare solo copie di oggetti esistenti nel pacchetto di oggetti o tra
pacchetti di oggetti, ma non gli oggetti esistenti stessi.
Quando si copia un oggetto in un pacchetto di oggetti, l'oggetto componente conserva le stesse
impostazioni dell'oggetto originale. Tuttavia, una volta creata la copia dell'oggetto originale all'interno
del pacchetto di oggetti, il componente e l'originale sono due entità separate. Le modifiche apportate
a un oggetto non vengono riprodotte nell'altro.
73
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
Argomenti correlati
• Copia di un oggetto
6.5.3.1 Aggiunta di un nuovo oggetto a un pacchetto di oggetti
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC (Central Management Console), fare doppio clic su un
pacchetto di oggetti.
Il contenuto del pacchetto di oggetti viene visualizzato nel pannello Dettagli.
2. Fare clic su Gestisci > Aggiungi > Documento locale o File di programma in base all'oggetto
da aggiungere.
Vengono visualizzate finestre di dialogo diverse a seconda dell'opzione selezionata.
3. Fare clic su Sfoglia e selezionare l'oggetto da aggiungere.
4. Impostare le proprietà appropriate.
• Se si aggiunge un report, procedere come segue:
•
•
•
Selezionare Utilizza descrizione dal report se si desidera conservare le informazioni di
riepilogo del report.
Selezionare Mantieni i dati salvati se si desidera conservare i dati salvati del report.
Se si aggiunge un oggetto programma, impostare il tipo di programma facendo clic su Eseguibile,
Java o Script.
5. Scegliere OK.
6.5.4 Configurazione di pacchetti di oggetti e dei relativi oggetti
I pacchetti di oggetti sono concepiti per risparmiare tempo nella pianificazione di quegli oggetti che
hanno requisiti di pianificazione simili. Di conseguenza, è possibile configurare alcuni parametri a livello
di pacchetto di oggetti e altri a livello di oggetto, vale a dire per i singoli oggetti del pacchetto di oggetti.
Ad esempio, è necessario specificare la destinazione per un pacchetto di oggetti, ma non è possibile
specificare le destinazioni per gli oggetti singoli nel pacchetto. Quando il sistema esegue il pacchetto
di oggetti, salva le istanze di output nella destinazione specificata per il pacchetto di oggetti.
Nota:
poiché gli oggetti di un pacchetto sono copie degli oggetti che esistono al di fuori del pacchetto, le
modifiche apportate non influiscono sugli oggetti all'esterno del pacchetto di oggetti.
74
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
6.5.4.1 Impostazione delle opzioni di errore componente per un pacchetto di
oggetti
Eseguire quest'attività per specificare in che modo l'errore componente influisce su un pacchetto di
oggetti in fase di esecuzione.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare il pacchetto di oggetti.
2. Scegliere Gestisci > Impostazioni predefinite.
3. Fare clic su Errore componente nell'elenco di navigazione.
4. Selezionare o deselezionare la casella di controllo Errore del pacchetto pianificato a causa
dell'errore di un singolo componente.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
6.5.5 Autenticazione e pacchetti di oggetti
I pacchetti di oggetti semplificano sia l'autenticazione Enterprise che quella di database. L'autenticazione
Enterprise viene immessa una sola volta per pianificare il pacchetto di oggetti, inclusi tutti gli oggetti
componenti. Di conseguenza, è necessario disporre dei diritti Pianifica per ciascuno degli oggetti del
pacchetto. Se si tenta di pianificare un pacchetto che contiene uno o più oggetti componenti per cui
non si dispone di diritti di pianificazione, l'istanza del componente avrà esito negativo.
Per l'autenticazione database, si specificano le informazioni di accesso al database per ogni oggetto
componente report del pacchetto di oggetti. Se si è copiato il report nel pacchetto di oggetti, esso eredita
inizialmente le informazioni di accesso al database del report originale.
75
2012-12-05
Utilizzo degli oggetti contenuto
76
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Pianificazione di oggetti
7.1 Pianificazione
La pianificazione è un processo che consente di eseguire automaticamente un oggetto in determinati
orari. Quando si pianifica un oggetto, si sceglie lo schema ricorrente desiderato e si specificano ulteriori
parametri per definire con esattezza quando e con che frequenza l'oggetto verrà eseguito.
Nel momento in cui l'oggetto viene pianificato, il sistema crea un'istanza pianificata. Sebbene un'istanza
pianificata venga visualizzata nella finestra di dialogo "Storico" del relativo oggetto (con stato Ricorrente
o In sospeso), contiene unicamente informazioni sull'oggetto e sulla pianificazione e non contiene dati
di alcun tipo.
Quando il sistema esegue l'oggetto, crea un'istanza di output per l'oggetto, ad esempio, un'istanza di
report o di programma. Un’istanza di report contiene dati reali del database. Un'istanza di programma
consiste in un file di testo che contiene i messaggi di errore standard e output prodotti durante
l'esecuzione dell'oggetto programma. Le istanze di output vengono visualizzate nella finestra di dialogo
"Storico" di un oggetto con stato Riuscito o Non riuscito.
Per poter pianificare ed eseguire oggetti, gli utenti finali devono utilizzare un client basato sul Web
come BI Launch Pad o un'applicazione Web personalizzata. BI Launch Pad consente di pianificare
oggetti e visualizzare report, mentre la console CMC consente di gestire e amministrare oggetti, oltre
a pianificarli e a visualizzare report.
Argomenti correlati
• Per specificare le informazioni di pianificazione
7.1.1 Impostazione delle opzioni per la pianificazione
7.1.1.1 Per pianificare un oggetto
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
77
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Nota:
per modificare le impostazioni di pianificazione predefinite per l'oggetto, fare clic su Impostazioni
predefinite quando si apre la finestra di dialogo "Pianificazione". Definire le impostazioni di
pianificazione e fare clic su Salva.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Pianificazione" contenente le impostazioni predefinite per
l'oggetto.
3. Immettere un titolo appropriato per l'istanza.
4. Fare clic su Ricorrenza e selezionare il criterio di ricorrenza desiderato.
Ad esempio, selezionare Settimanale.
5. Specificare i parametri desiderati.
Specificare, ad esempio, lunedì, giovedì e venerdì.
6. Impostare le altre opzioni di pianificazione e i parametri in base alle esigenze.
7. Fare clic su Pianifica.
Il sistema crea un'istanza pianificata e la esegue in base alle informazioni di pianificazione specificate.
È possibile visualizzare l'istanza pianificata nella pagina "Storico" per l'oggetto.
Argomenti correlati
• Opzioni dei criteri di ricorrenza
• Opzioni e parametri di esecuzione
• Visualizzazione di informazioni sull'istanza
7.1.1.2 Per modificare le impostazioni Pianifica per un oggetto
La funzione Pianifica per consente di creare report che contengono i dati solo per un utente specifico.
È destinata all'uso per uno dei seguenti tipi di oggetti:
•
•
I report Crystal basati su Business Views, Universi o query SAP BEx.
Documenti Web Intelligence che utilizzano universi.
Utilizzando la funzione Pianifica per, è possibile pianificare un oggetto e specificare per quali utenti si
desidera che il sistema esegua l’oggetto. Il sistema eseguirà l'oggetto e creerà più istanze del report o
del documento. Ogni istanza conterrà dati importanti relativi solo al singolo utente.
È ad esempio possibile pianificare un report vendite e nella pagina Pianificazione è possibile specificare
i nomi utente di tutti i rappresentanti di vendita. Nel momento specificato, il sistema esegue l’oggetto
report e crea le singole istanze di report. Ogni istanza conterrà soltanto le informazioni di vendita per
i singoli rappresentanti di vendita.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto report.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
78
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
3. Nell'elenco di spostamento fare clic su Pianifica per.
4. Selezionare gli utenti per i quali si desidera pianificare l’oggetto.
• Pianifica solo per utente corrente
•
Pianifica per utenti e gruppi utenti specificati
5. Se si è selezionato Pianifica per utenti e gruppi utenti specificati, spostarsi e selezionare gli
utenti e i gruppi da pianificare e fare clic su > per aggiungerli all'elenco Selezionati.
Suggerimento:
Se è necessario rimuovere utenti e gruppi dall'elenco Selezionati selezionarli e fare clic su <.
6. Impostare le rimanenti opzioni di pianificazione e fare clic su Pianificazione.
7.1.1.3 Opzioni dei criteri di ricorrenza
79
Criterio di ricorrenza
Descrizione
Adesso
L'oggetto viene eseguito appena l'utente fa clic su Pianifica.
Una volta
L'oggetto viene eseguito solo una volta e può essere eseguito al
momento, in futuro oppure quando si verifica un evento specifico.
Ogni ora
L'oggetto viene eseguito ogni ora. È possibile specificare l'ora di
inizio nonché una data di inizio e di fine.
Giornaliero
L'oggetto viene eseguito ogni giorno e può essere eseguito una
o più volte al giorno. È possibile specificare l'ora in cui verrà
eseguito nonché una data di inizio e di fine.
Settimanale
L'oggetto viene eseguito ogni settimana e può essere eseguito
una o più volte a settimana È possibile specificare in quali giorni
e a che ora verrà eseguito nonché una data di inizio e di fine.
Ogni mese
L'oggetto viene eseguito ogni mese oppure con una frequenza
definita. È possibile specificare in quali giorni del mese e a che
ora verrà eseguito nonché una data di inizio e di fine.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Criterio di ricorrenza
Descrizione
Giorno del mese
L'oggetto viene eseguito in un determinato giorno di ogni mese.
È possibile specificare il giorno oppure una data di inizio e una
di fine.
Primo lunedì del mese
L'oggetto viene eseguito il primo lunedì di ogni mese. È possibile
specificare una data di inizio e una di fine.
Ultimo giorno del mese
L'oggetto viene eseguito l'ultimo giorno di ogni mese. È possibile
specificare una data di inizio e una di fine.
Giorno della settimana del mese
L'oggetto viene eseguito in un determinato giorno di una determinata settimana ogni mese. È possibile specificare il giorno e la
settimana, nonché una data di inizio e una di fine.
Calendario
L'oggetto viene eseguito nelle date specificate all'interno di un
calendario creato in precedenza.
Argomenti correlati
• Calendari
7.1.1.3.1 Opzioni e parametri di esecuzione
Dopo aver scelto un criterio di ricorrenza, è necessario configurare le opzioni e i parametri di esecuzione
relativi all'opzione di ricorrenza. In questa sezione vengono descritti i parametri di Esegui per la
pianificazione di un oggetto. Non tutti i parametri si applicano a tutti i casi, tuttavia quando si verifica
questa situazione, la funzione svolta è la stessa.
80
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 2: Opzioni di esecuzione
Opzione di esecuzione
Descrizione
Variabili X e N
Queste variabili si applicano unicamente ad alcuni
schemi ricorrenti relativi a Ogni giorno e Ogni
mese. Nel momento in cui si seleziona l’opzione
Esegui che contiene queste variabili, il sistema
visualizza i valori predefiniti delle variabili È quindi
possibile modificare questi valori in base alle esigenze.
Se ad esempio si seleziona lo schema di ricorrenza Ogni giorno e l'opzione di esecuzione Ogni
N ore e X minuti, è possibile specificare di eseguire il report ogni 4 (X) ore e 30 (N) minuti. Nel
caso in cui i valori di X o di N non vengono modificati, il sistema eseguirà il report ogni ora.
Giorni di esecuzione
Queste opzioni vengono visualizzate se si seleziona lo schema di ricorrenza Ogni settimana.
È possibile scegliere i giorni della settimana in
cui si desidera eseguire il processo deselezionando le caselle di controllo dei giorni appropriati.
Si applica alla maggior parte, ma non a tutti i criteri di ricorrenza e alle opzioni di esecuzione. Il
valore predefinito è rappresentato dalla data e
ora correnti. Il sistema eseguirà l’oggetto secondo
la pianificazione specificata, non appena possibile
e dopo la data di inizio.
Ora di inizio
Se ad esempio si specifica una data di inizio a
distanza di tre mesi, il sistema non eseguirà un
oggetto fino al momento successivo alla data di
inizio, anche se tutti gli altri criteri sono soddisfatti.
Successivamente, il sistema eseguirà il report nel
momento specificato.
81
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione di esecuzione
Descrizione
Ora fine
Si applica alla maggior parte, ma non a tutti gli
schemi ricorrenti e alle opzioni di esecuzione. Il
valore predefinito è costituito dall’ora corrente e
da una data futura lontana, in modo da assicurare
che un oggetto verrà eseguito per una durata indefinita. Se necessario, specificare un'ora di fine.
Una volta superata l'ora di fine, il sistema non
eseguirà più l’oggetto.
Numero di tentativi disponibili
Applica sempre. Il numero di volte che il sistema
tenta di elaborare un oggetto se il primo tentativo
non riesce. Per impostazione predefinita, questo
numero è uguale a zero.
Intervallo tentativi in secondi
Applica sempre. I secondi impiegati dal sistema
prima di tentare di elaborare nuovamente l’oggetto
nel caso in cui il primo tentativo non è riuscito.
7.1.1.4 Impostazione della notifica per la riuscita o la mancata riuscita di un
processo di pianificazione
È possibile impostare opzioni di pianificazione che inviano automaticamente una notifica quando l’istanza
di un oggetto ha esito positivo o negativo. È possibile inviare una notifica utilizzando la notifica di
controllo o di posta elettronica. È anche possibile combinare più metodi di notifica e fornire diverse
impostazioni di notifica per le istanze con esito positivo e negativo.
Ad esempio, potrebbe esservi un gran numero di report che esegue una nuova istanza ogni giorno. È
necessario controllare ogni istanza per assicurarsi che sia stata eseguita correttamente e, quindi, inviare
messaggi di posta elettronica agli utenti che hanno necessità di sapere che è disponibile il nuovo report.
In presenza di migliaia di report, controllare manualmente i report e contattare gli utenti che necessitano
delle informazioni richiederebbe troppo tempo. Con le impostazioni di notifica della piattaforma BI è
possibile impostare ciascun oggetto perché invii automaticamente una notifica nel caso in cui l'esecuzione
del report non venga eseguita correttamente. È inoltre possibile informare automaticamente gli utenti
quando l'esecuzione di nuove istanze del report ha esito positivo.
82
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.1.1.4.1 Definizione dell'esito positivo o negativo di un processo di pianificazione
Quando si pianifica un oggetto, l’istanza pianificata può avere esito positivo o negativo. Le condizioni
necessarie perché un’istanza abbia esito positivo o negativo dipendono dal tipo di oggetto pianificato:
•
Oggetti report e documenti Web Intelligence
Un'istanza di report o un'istanza oggetto di documento viene eseguita correttamente se non si
verificano errori durante l'elaborazione dell'oggetto o l'accesso al database. È possibile che l'istanza
non venga eseguita se l'utente non fornisce i parametri o le informazioni di accesso corretti.
•
Oggetti programma
Nel caso degli oggetti programma, perché un’istanza abbia esito positivo è necessario che il
programma venga eseguito. Se il programma non viene eseguito, l’istanza avrà esito negativo. Se
viene eseguito il programma, ma non le attività previste, l’istanza viene comunque ritenuta riuscita
perché l’oggetto programma è stato eseguito. La piattaforma BI non monitora i problemi relativi al
codice dell'oggetto programma.
•
Pacchetti di oggetti
Un pacchetto di oggetti può avere esito negativo se uno dei suoi componenti ha esito negativo. Per
modificare questa impostazione, selezionare l'oggetto e fare clic su Gestisci > Impostazioni
predefinite. Fare clic su Errore componente e deselezionare l'opzione Errore del pacchetto
pianificato a causa dell'errore di un singolo componente
È inoltre possibile impostare opzioni di pianificazione per singoli oggetti di un pacchetto di oggetti.
A tale scopo, scegliere il componente per il quale si desidera impostare le opzioni nella sezione
Componenti della finestra di dialogo "Pianificazione". È quindi possibile configurare le impostazioni
di notifica del componente, accesso al database, filtri, formato, stampa, parametri, gruppi di server
e avvisi in base al componente.
Nota:
non è possibile impostare la notifica di controllo o di posta elettronica per i pacchetti di oggetti, ma
è possibile impostare qualsiasi tipo di notifica per singoli oggetti del pacchetto. È anche possibile
pianificare pacchetti di oggetti con eventi.
Argomenti correlati
• Eventi basati su pianificazione
7.1.1.4.2 Tipi di notifica
Le impostazioni di protezione vengono configurate a livello degli oggetti. È possibile selezionare opzioni
di notifica univoche per ciascun oggetto, inviando diversi tipi di notifica per condizioni diverse. Per i
pacchetti di oggetti è possibile impostare solo la notifica evento, che attiverà un evento in base all’esito
positivo o negativo del pacchetto di oggetti. Per monitorare gli esiti positivi o negativi degli oggetti da
una prospettiva più generale, utilizzare le funzionalità di controllo della piattaforma BI.
83
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Se la notifica ha esito negativo, l’istanza dell’oggetto ha esito negativo. Ad esempio, se una notifica di
posta elettronica invia un messaggio a un indirizzo di posta elettronica non valido, la notifica avrà esito
negativo e l’istanza dell’oggetto verrà registrata come non riuscita nella cronologia dell’oggetto.
È possibile scegliere di eseguire la notifica mediante:
•
Notifica di controllo
Per utilizzare la notifica di controllo, è necessario configurare il database di controllo e abilitare il
controllo per i server. Se si utilizza il controllo per monitorare il sistema della piattaforma BI, è
possibile servirsi della notifica di controllo. Per ulteriori informazioni sulla configurazione del database
di controllo e sull'abilitazione del controllo, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma
SAP BusinessObjects Business Intelligence disponibile nel SAP Help Portal all'indirizzo
http://help.sap.com.
Quando si seleziona la notifica di controllo, le informazioni sull’oggetto pianificato vengono scritte
nel database di controllo. È possibile scegliere che sia inviata una notifica al database di controllo
quando il processo viene eseguito correttamente, quando l’esecuzione ha esito negativo o in entrambi
i casi.
•
Notifica via posta elettronica
È possibile inviare un messaggio di posta elettronica come notifica dell’esito positivo o negativo
dell’istanza di un oggetto. È possibile scegliere il mittente e i destinatari del messaggio di posta
elettronica. È possibile inviare un messaggio di posta elettronica quando l’istanza ha esito negativo
e quando ha esito positivo. Ad esempio, è possibile inviare all’amministratore un messaggio di posta
elettronica se il report ha esito negativo, ma se il report ha esito positivo, è possibile inviare
automaticamente una notifica a tutti coloro che ne hanno bisogno per informarli che il report è
disponibile.
Nota:
Per consentire la notifica mediante posta elettronica, è necessario che la destinazione SMTP di
posta elettronica sia abilitata e configurata nei Job Server. Per ulteriori informazioni consultare il
Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
Nota:
la notifica dell’esito positivo o negativo di un oggetto pianificato non equivale a una notifica di avviso.
La notifica di avviso deve essere incorporata nel progetto del report. Le notifiche di avviso, ad esempio,
possono inviare un messaggio di posta elettronica se il valore specifico di un report supera $1.000.000.
In questo caso, la notifica non riguarda il contenuto del report, ma solo l’esito positivo o negativo
dell’istanza dell’oggetto report.
7.1.1.4.3 Per impostare la notifica relativa all’esito positivo o negativo di un’istanza
1. Selezionare un oggetto nell'area di gestione "Cartelle" della CMC.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
3. Nell'elenco di spostamento, fare clic su Notifica.
4. Fare clic sul tipo o sui tipi di notifica che si desidera utilizzare.
Se il tipo di notifica è già in uso, sarà contrassegnato dall'etichetta “Attivato”. In caso contrario,
presenterà l'etichetta “Non utilizzato”.
84
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 3: Tipi di notifica
Tipo di notifica
Controllo
Posta elettronica
Istruzione
•
Per inviare un record al database di controllo
quando il processo ha esito positivo, selezionare Esecuzione processo riuscita.
•
Per inviare un record quando il processo ha
esito negativo, selezionare Esecuzione
processo non riuscita.
•
Scegliere se si desidera inviare una notifica
quando il processo ha esito negativo o quando ha esito positivo.
•
Per specificare il contenuto e i destinatari
della notifica di posta elettronica, espandere
l'opzione di notifica abilitata, selezionare
Imposta i valori da utilizzare e fornire gli
indirizzi di posta elettronica Da e A, la riga
dell'oggetto della posta elettronica e il messaggio.
Nota:
separare i diversi indirizzi o gli elementi
dell'elenco di distribuzione con punti e virgola.
Nota:
per impostazione predefinita, la notifica viene inviata alla destinazione di posta elettronica predefinita
del server.
7.1.1.5 Scelta di una destinazione
Utilizzando la piattaforma BI è possibile configurare un oggetto o un'istanza per l'output su una
destinazione diversa dall'Output File Repository Server (FRS) predefinito. Quando il sistema esegue
un oggetto, archivia sempre l’istanza di output nell’Output FRS. La possibilità di scegliere un'ulteriore
destinazione garantisce all'utente la flessibilità di recapitare istanze all'interno del sistema aziendale o
a destinazioni esterne al sistema aziendale.
Ad esempio, è possibile impostare un oggetto in modo che il relativo output venga automaticamente
consegnato mediante posta elettronica ad altri utenti.
85
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Nota:
È anche possibile configurare istanze di oggetti in modo che siano stampate dopo l’esecuzione.
Quando si specifica una destinazione diversa da quella predefinita, la piattaforma BI genera un nome
univoco per il file o i file di output. Per generare un nome file, è possibile utilizzare una combinazione
di ID, nome o titolo dell’oggetto, informazioni sul proprietario o informazioni sulla data e l’ora.
Sono disponibili le seguenti destinazioni:
•
•
•
•
•
•
Percorso di destinazione predefinito
Percorso dei file
Posizione FTP
Posta elettronica
Posta in arrivo BI
SAP StreamWork
Nota:
È possibile modificare l'impostazione della destinazione per un oggetto o un'istanza nella console CMC
o in BI Launch Pad. Quando si specificano le impostazioni della destinazione tramite la CMC, tali
impostazioni vengono riprodotte anche nelle impostazioni di pianificazione predefinite per BI Launch
Pad.
Argomenti correlati
• Impostazione delle opzioni stampante e layout di pagina
• Impostazione della destinazione come predefinita
• Impostazione della destinazione su una posizione file
• Impostazione della destinazione su un server FTP
• Per pianificare un oggetto in una destinazione di posta elettronica
• Pianificazione di un oggetto in una destinazione Posta in arrivo BI
• Pianificazione di un oggetto in uno spazio di lavoro StreamWork
• Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server
7.1.1.5.1 Impostazione della destinazione come predefinita
Per impostazione predefinita, le istanze degli oggetti vengono salvate nell'Output File Repository Server
(FRS). Se si desidera salvare le istanze solo nell’FRS e non in altre destinazioni, selezionare tale
opzione.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le proprie impostazioni di destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto oggetti fare clic su Destinazioni.
3. Selezionare Percorso Enterprise predefinito come destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto di oggetti selezionare Percorso Enterprise
predefinito nell'elenco Destinazione.
4. Impostare le opzioni di pianificazione rimanenti e fare clic su Pianifica.
86
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.1.1.5.2 Pianificazione di un oggetto in una destinazione Posta in arrivo BI
Quando si pianificano gli oggetti, è possibile configurarli per l’output nelle caselle di Posta in arrivo BI
degli utenti. In tal caso, il sistema salverà l’istanza output sia nell'Output File Repository Server che
nelle caselle di Posta in arrivo BI specificate. Invece di inviare il file vero e proprio alle caselle di Posta
in arrivo BI, è possibile inviare un collegamento.
Nota:
per utilizzare una destinazione, è necessario che questa sia abilitata e configurata sugli Adaptive Job
Server. Per ulteriori informazioni vedere Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server .
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le proprie impostazioni di destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto oggetti fare clic su Destinazioni.
3. Selezionare Posta in arrivo BI come destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto di oggetti selezionare Posta elettronica BI
dall'elenco Destinazione.
4. Scegliere se utilizzare o meno le impostazioni predefinite del Job Server.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Utilizza
impostazioni predefinite.
5. Se si è scelto di non utilizzare le impostazioni predefinite del Job Server, completare la procedura
seguente:
a. Spostare gli utenti dall'elenco "Destinatari disponibili" all'elenco "Destinatari selezionati".
b. Scegliere se utilizzare un nome generato automaticamente o un nome specifico per l'istanza.
c. Scegliere se inviare l'istanza come collegamento o come copia.
6. Scegliere se abilitare o meno l'eliminazione delle istanze.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Mantieni
un'istanza nella cronologia.
Se si seleziona questa opzione, il sistema elimina automaticamente l’istanza di report o di programma
dall'Output File Repository Server per mantenere un numero minimo di istanze sul server.
7. Impostare le altre opzioni di pianificazione e fare clic su Pianificazione.
7.1.1.5.3 Per pianificare un oggetto in una destinazione di posta elettronica
È possibile inviare istanze dei report Crystal e istanze di altri oggetti a una o più destinazioni di posta
elettronica utilizzando il supporto SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) per la posta elettronica. Nella
piattaforma BI una copia dell'istanza di output viene inviata come allegato agli indirizzi di posta elettronica
specificati.
Quando si seleziona la destinazione di posta elettronica (SMTP), la piattaforma BI salva l'istanza
nell'Output File Repository Server e la invia tramite posta elettronica alle destinazioni specificate. La
piattaforma BI supporta la codifica MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions).
87
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Nota:
•
per utilizzare una destinazione, è necessario che questa sia abilitata e configurata sugli Adaptive
Job Server. Per ulteriori informazioni vedere Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job
Server .
• è possibile modificare le impostazioni predefinite del Job Server nell'area di gestione "Server". Per
ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le proprie impostazioni di destinazione.
3. Per visualizzare le impostazioni relative alle destinazioni, nella pagina "Pianifica" fare clic su
Destinazioni.
4. Nell'elenco Destinazione selezionare Posta elettronica.
5. Selezionare o deselezionare la casella di controllo Utilizza impostazioni predefinite per indicare
se utilizzare le impostazioni predefinite del job server.
Se si deseleziona la casella di controllo, è necessario configurare le opzioni di pianificazione
aggiuntive seguenti:
Opzione
Descrizione
Mantieni un'istanza nella cronologia
Selezionare questa casella di controllo per mantenere una copia dell'istanza
nella pagina "Cronologia". L'istanza di report o di programma verrà eliminata
automaticamente dall'Output File Repository Server per mantenere al minimo
il numero delle istanze sul server. Questa casella di controllo è selezionata
per impostazione predefinita.
Da
Digitare un indirizzo di posta elettronica mittente. In alternativa, dall'elenco
Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per l'indirizzo di
posta elettronica. Le variabili disponibili sono Titolo, ID, Proprietario,
Dataora, nonché Indirizzo di posta elettronica e Nome
completo dell'utente personali. Fare clic su una variabile per aggiungerla. Separare più indirizzi di posta elettronica con un punto e virgola (;).
Nota:
a seconda della configurazione del sistema questa opzione potrebbe non
essere disponibile.
A
88
Digitare uno ad uno gli indirizzi di posta elettronica a cui si desidera inviare
l'istanza. In alternativa, dall'elenco Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per gli indirizzi. Le variabili disponibili sono Titolo, ID,
Proprietario, Dataora, nonché Indirizzo di posta elettronica
e Nome completo dell'utente personali. Fare clic su una variabile per
aggiungerla. Separare più indirizzi di posta elettronica con un punto e virgola
(;).
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
89
Opzione
Descrizione
Cc
Digitare uno ad uno gli indirizzi di posta elettronica a cui si desidera inviare
una copia dell'istanza. In alternativa, dall'elenco Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per gli indirizzi. Le variabili disponibili sono
Titolo, ID, Proprietario, Dataora, nonché Indirizzo di posta
elettronica e Nome completo dell'utente personali. Fare clic su
una variabile per aggiungerla. Separare più indirizzi di posta elettronica con
un punto e virgola (;).
Ccn
Digitare l'indirizzo di posta elettronica di ciascun destinatario riservato. In alternativa, dall'elenco Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate
per tali indirizzi. Le variabili disponibili sono Titolo, ID, Proprietario,
Dataora, nonché Indirizzo di posta elettronica e Nome
completo dell'utente personali. Fare clic su una variabile per aggiungerla. Separare più indirizzi di posta elettronica con un punto e virgola (;).
Oggetto
Digitare l'oggetto del messaggio di posta elettronica. In alternativa, dall'elenco
Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per l'oggetto. Le
variabili disponibili sono Titolo, ID, Proprietario, Dataora, nonché
Indirizzo di posta elettronica e Nome completo dell'utente
personali. Fare clic su una variabile per aggiungerla.
Messaggio
Digitare il corpo del messaggio di posta elettronica. In alternativa, dall'elenco
Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per il corpo del
messaggio. Le variabili disponibili sono Titolo, ID, Proprietario, Datao
ra, Indirizzo di posta elettronica e Nome completo
dell'utente personali, Visualizzatore e Nome documento. Fare clic
su una variabile per aggiungerla.
Casella di controllo Aggiungi allegato
Selezionare questa casella di controllo se si desidera aggiungere un allegato
al messaggio di posta elettronica contenente l'istanza.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione
Nome file
Descrizione
•
Per assegnare all'istanza un nome file generato dal sistema, selezionare
Usa nome generato automaticamente.
•
Per scegliere il nome file dell'istanza, selezionare Usa nome specifico e
digitare il nome desiderato. In alternativa, dall'elenco Aggiungi segnaposto selezionare le variabili desiderate per il nome file. Le variabili disponibili sono Titolo, ID, Proprietario, Dataora, Indirizzo di posta
elettronica e Nome completo dell'utente personali, nonché
Estensione file.
Per aggiungere automaticamente l'estensione file al nome file dell'istanza,
selezionare Aggiungi estensione file. Se non si aggiunge alcuna estensione, non sarà possibile aprire il documento.
6. Impostare le opzioni di pianificazione rimanenti in base alle esigenze e fare clic su Pianifica.
7.1.1.5.4 Impostazione della destinazione su una posizione file
Al momento della pianificazione degli oggetti, è possibile configurare l’output degli oggetti in un disco
non gestito. In questo caso, il sistema salverà l’istanza di output sia nell'Output File Repository Server
che nella destinazione specificata.
Se l’oggetto è un documento Web Intelligence o un pacchetto di oggetti, non è possibile specificare
Disco non gestito come destinazione. Tuttavia, per un pacchetto di oggetti è possibile configurare
l’output dei singoli oggetti nel Disco non gestito.
Nota:
•
per utilizzare una destinazione, è necessario che questa sia abilitata e configurata sugli Adaptive
Job Server. Per ulteriori informazioni vedere Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job
Server .
• La posizione deve corrispondere a una directory locale nel server di elaborazione. Per i server con
sistema operativo Windows, la posizione deve essere un percorso UNC (Universal Naming
Convention) o una directory locale.
• Il server di elaborazione deve disporre di diritti sufficienti per la posizione specificata.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le proprie impostazioni di destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto oggetti fare clic su Destinazioni.
3. Selezionare una posizione file come destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto di oggetti selezionare File System dall'elenco
Destinazione.
4. Scegliere se utilizzare o meno le impostazioni predefinite del Job Server.
90
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Utilizza
impostazioni predefinite.
Se si sceglie di non utilizzare le impostazioni predefinite, è necessario configurare alcune impostazioni
aggiuntive da utilizzare in fase di pianificazione. Nella seguente tabella sono riepilogate queste
impostazioni.
Impostazione
Descrizione
Directory
Digitare un percorso locale, un percorso mappato o un percorso UNC.
•
•
Nome file
Per consentire al sistema di generare un
nome file, selezionare Usa nome generato
automaticamente.
Per scegliere un nome file, selezionare Usa
nome specifico e immettere il nome che si
desidera utilizzare. Per un documento Web
Intelligence è possibile includere segnaposto
nel nome file oppure selezionare Aggiungi
estensione file per includere l'estensione
file nel nome.
Nome utente
Specificare un utente che disponga dell’autorizzazione alla scrittura di file nella directory di
destinazione.
Password
Digitare la password dell’utente.
Nota:
•
•
è possibile specificare nome utente e password solo per i server con sistema operativo Windows.
È possibile modificare le impostazioni predefinite di Job Server nell'area di gestione "Server"
della console CMC. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale dell'amministratore della
piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
5. Scegliere se abilitare o meno l'eliminazione delle istanze.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Mantieni
un'istanza nella cronologia.
Se si attiva l'eliminazione delle istanze, il sistema elimina automaticamente l'istanza di report o di
programma dall'Output File Repository Server per mantenere un numero minimo di istanze sul
server.
Nota:
Queste istanze sono necessarie per il controllo dell'evento, pertanto questa impostazione viene
annullata se il controllo è attivato per l'oggetto pianificato.
91
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
6. Impostare le altre opzioni di pianificazione secondo le necessità e fare clic su Pianifica.
7.1.1.5.5 Impostazione della destinazione su un server FTP
Quando si pianificano gli oggetti, è possibile configurarli per l’output in un server FTP (File Transfer
Protocol). Per eseguire la connessione al server FTP è necessario specificare un utente che disponga
dei diritti necessari per il caricamento di file sul server. Se si specifica una destinazione FTP, il sistema
salverà l'istanza output sia nell'Output File Repository Server che nella destinazione specificata.
Nota:
per utilizzare una destinazione, è necessario che questa sia abilitata e configurata sugli Adaptive Job
Server. Per ulteriori informazioni vedere Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server .
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le impostazioni della destinazione eseguendo una
delle azioni seguenti:
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto oggetti fare clic su Destinazioni.
3. Selezionare Server FTP come destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto di oggetti selezionare Server FTP nell'elenco
Destinazione.
4. Scegliere se utilizzare o meno le impostazioni predefinite del Job Server.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Utilizza
impostazioni predefinite.
Se si sceglie di utilizzare l'impostazione predefinita, la piattaforma BI pianificherà un oggetto
utilizzando le impostazioni predefinite di Job Server. Queste impostazioni possono essere modificate
nell’area di gestione "Server". Per ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore
della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
Se si sceglie di non utilizzare le impostazioni predefinite, è necessario configurare alcune impostazioni
aggiuntive da utilizzare in fase di pianificazione. Nella seguente tabella sono riepilogate queste
impostazioni.
Impostazione
Host
Porta
Nome utente
Password
92
Descrizione
Immettere le informazioni relative all’host FTP.
Immettere il numero della porta FTP (il numero predefinito è 21).
Specificare un utente che disponga dei diritti necessari per il caricamento di
un oggetto nel server FTP.
Immettere la password dell’utente.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Impostazione
Account
Descrizione
Immettere le informazioni relative all’account FTP, se richieste.
L’account fa parte del protocollo FTP standard, ma è raramente implementato.
Fornire l’account appropriato solo se richiesto dal server FTP.
Directory
Nome file
Immettere la directory FTP in cui si desidera salvare l’oggetto. Per aggiungere
una variabile, scegliere un segnaposto per una proprietà di variabile dall'elenco.
•
•
Per consentire al sistema di generare un nome file, selezionare Usa nome
generato automaticamente.
Per scegliere un nome file, selezionare Usa nome specifico e immettere
il nome che si desidera utilizzare. Per un documento Web Intelligence è
possibile includere segnaposto nel nome file oppure selezionare Aggiungi
estensione file per includere l'estensione file nel nome.
5. Scegliere se abilitare o meno l'eliminazione delle istanze.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Mantieni
un'istanza nella cronologia.
Se si attiva l'eliminazione delle istanze, il sistema elimina automaticamente l'istanza di report o di
programma dall'Output File Repository Server per mantenere un numero minimo di istanze sul
server.
6. Impostare le altre opzioni di pianificazione e fare clic su Pianificazione.
7.1.1.5.6 Pianificazione di un oggetto in uno spazio di lavoro StreamWork
Per pianificare un oggetto in StreamWork è necessario un account StreamWork attivo.
Nota:
per utilizzare una destinazione, è necessario che questa sia abilitata e configurata sugli Adaptive Job
Server. Per ulteriori informazioni vedere Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server .
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le proprie impostazioni di destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto oggetti fare clic su Destinazioni.
3. Selezionare SAP StreamWork come destinazione.
Ad esempio, per un report Crystal o un pacchetto di oggetti selezionare SAP StreamWork dall'elenco
Destinazione.
Nota:
se non si dispone di un account StreamWork associato al nome utente, verrà richiesto di effettuare
l'autenticazione in StreamWork.
4. Aggiornare le impostazioni di StreamWork che si desidera utilizzare.
93
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Impostazione
Descrizione
Seleziona destina- Impostare la destinazione del report in StreamWork. È possibile selezionare
un'attività nuova o esistente. Il primo dei due campi a discesa consente di filzione
trare le attività per lista di lavoro.
Nome attività
Se l'oggetto verrà pubblicato in una nuova attività, immettere qui il nome che
si desidera utilizzare.
Obiettivi attività
Immettere una descrizione dell'attività per consentire ai partecipanti di comprenderne gli obiettivi.
Descrizione elemento
Immettere una descrizione dell'oggetto per consentire ai partecipanti StreamWork di comprendere la natura dell'oggetto stesso e per chiarire come si desidera che venga utilizzato.
Seleziona tipo di
attività
Scegliere il tipo di attività StreamWork appropriato.
Aggiungi parteci- Se si sta creando una nuova attività StreamWork, immettere gli ID dei partecipanti che si desidera aggiungere.
panti
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Utilizza
impostazioni predefinite.
5. Scegliere se abilitare o meno l'eliminazione delle istanze.
Ad esempio, per un report Crystal o un oggetto di programma selezionare o deselezionare Mantieni
un'istanza nella cronologia.
Se si seleziona questa opzione, il sistema elimina automaticamente l’istanza di report o di programma
dall'Output File Repository Server per mantenere un numero minimo di istanze sul server.
6. Impostare le altre opzioni di pianificazione e fare clic su Pianificazione.
7.1.1.5.7 Per abilitare o disabilitare le destinazioni per un Job Server
Per impostazione predefinita, quando il sistema esegue un report o un oggetto programma pianificati
memorizza le istanze di output create nell’Output File Repository Server (FRS). Tuttavia, è possibile
specificare una destinazione diversa. In tal caso, il sistema memorizza un’istanza di output nell’Output
FRS e una nella destinazione specificata. Inoltre, è possibile specificare una destinazione quando viene
utilizzato il comando Invia, che consente di inviare un oggetto esistente a una destinazione specificata.
Affinché il sistema utilizzi destinazioni diverse da quelle predefinite, è necessario abilitare e configurare
la destinazione in uso in tutti gli Adaptive Job Server.
Ad esempio, per riuscire a pianificare o a inviare un'istanza di un report a un indirizzo di posta elettronica,
è necessario abilitare e configurare la destinazione di posta elettronica (SMTP) nei Adaptive Job Server.
Nota:
nei Adaptive Job Server, la destinazione Posta in arrivo BI è abilitata e configurata da impostazione
predefinita. Questo consente all'utente di utilizzare il comando Invia per distribuire report e documenti.
Inoltre, è possibile abilitare e configurare destinazioni aggiuntive in Adaptive Job Server.
94
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
1. Passare all’area di gestione Server della CMC.
2. Selezionare l'Adaptive Job Server per il quale abilitare o disabilitare una destinazione.
3. Scegliere Proprietà dal menu Gestisci.
4. Nella finestra di dialogo Proprietà fare clic su Destinazioni nell'elenco di spostamento.
5. Per abilitare una destinazione, selezionarla nell'elenco Destinazione e fare clic su Aggiungi.
Nota:
Se la destinazione è stata abilitata, è anche necessario configurarla.
6. Per disabilitare una destinazione, selezionarla nell'elenco Destinazione e fare clic su Rimuovi.
7. Fare clic su Salva o su Salva e chiudi.
7.1.1.6 Specifica della notifica di avviso
Nota:
Questa funzionalità non si applica ai documenti Web Intelligence.
Gli avvisi sono messaggi personalizzati, creati in SAP Crystal Reports, che vengono visualizzati quando
si verificano determinate condizioni nei dati di un report. Gli avvisi possono indicare azioni che l'utente
deve compiere o informazioni sui dati del report. Se la condizione di avviso (come definito in SAP
Crystal Reports) viene soddisfatta, l'avviso viene attivato e viene visualizzato il relativo messaggio.
Nella piattaforma BI è possibile scegliere di inviare una notifica di avviso quando si pianifica un report.
Se si abilita la notifica di avviso, i messaggi vengono inviati mediante un server SMTP. È possibile
configurare le opzioni di recapito della posta elettronica, specificare i campi A, Cc e Da per il messaggio,
aggiungere l'oggetto e le informazioni del messaggio, impostare un URL per il visualizzatore e impostare
il numero massimo di record di avvisi da inviare.
Nota:
•
•
•
•
Il collegamento Notifica di avviso è disponibile solo se l'oggetto report contiene avvisi.
Gli avvisi vengono attivati nell'oggetto report anche se si disabilita la notifica di avviso.
Per consentire la notifica mediante avviso, si deve poter disporre della destinazione SMTP di posta
elettronica abilitata e configurata sul Job Server. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
Le notifiche di avviso sono diverse dalla gestione degli avvisi.
Argomenti correlati
• Differenze tra le notifiche di avviso dei report Crystal e la funzionalità di avviso
7.1.1.6.1 Per impostare la notifica di avviso
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto report.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
95
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
3. Nell'elenco di spostamento fare clic su Notifica di avviso.
4. Selezionare la casella di controllo Attiva messaggio di notifica avvisoper inviare una notifica di
avviso.
5. Selezionare Utilizza impostazioni predefinite o Impostazioni personalizzate.
Se si seleziona la prima opzione, la piattaforma BI consegnerà la notifica di avviso utilizzando le
impostazioni predefinite di Job Server. Queste impostazioni possono essere modificate nell’area di
gestione "Server". Per ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma
SAP BusinessObjects Business Intelligence.
Se si seleziona la seconda opzione, è possibile specificare le impostazioni di posta elettronica nel
software.
6. Digitare l'URL del visualizzatore in cui si desidera che i destinatari della posta elettronica consultino
il report oppure selezionare quello predefinito scegliendo Usa predefinito.
L’URL del visualizzatore viene visualizzato come collegamento ipertestuale inviato nel messaggio
di posta elettronica della notifica di avviso. È possibile impostare l'URL predefinito selezionando
l'applicazione CMC nell'area di gestione "Applicazioni" della console CMC e selezionando Azioni
> Impostazioni di elaborazione.
Nota:
quando si digita l’URL del visualizzatore è necessario utilizzare la codifica URL del World Wide Web
Consortium (W3C). Ad esempio, sostituire gli spazi del percorso con %20. Per ulteriori informazioni
consultare http://www.w3.org/
7. Digitare il numero massimo di record di avviso da includere nella notifica di avviso.
Il collegamento ipertestuale presente nella notifica di avviso visualizza una pagina di report contenente
i record che hanno attivato l’avviso. Utilizzare questo campo per limitare il numero di record
visualizzati.
Suggerimento:
Le informazioni Nome avviso e Stato vengono definite in SAP Crystal Reports.
8. Dopo avere impostato tutte le opzioni di pianificazione, fare clic su Pianificazione.
7.1.1.7 Scelta di un formato
È possibile selezionare il formato in cui l'istanza del documento o del report può essere salvata al
momento della generazione. Questo formato sarà salvato nella destinazione selezionata. È possibile
scegliere tra i formati riepilogati nella seguente tabella.
96
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 6: Formati delle istanze
Prodotto
SAP BusinessObjects
Web Intelligence
Formato
•
•
•
•
Note
Documento Web Intelligence
Microsoft Excel
Adobe Acrobat
Valori separati da virgola
(CSV)
•
•
•
•
•
•
SAP Crystal Reports
•
•
•
•
•
•
•
•
•
SAP Crystal Reports
SAP Crystal Reports di sola
lettura (RPTR)
Microsoft Excel (97-2003)
Microsoft Excel (97-2003)
(solo dati)
Cartella di lavoro Microsoft
Excel – Solo dati
Microsoft Word (97-2003)
PDF
Rich Text Format (RTF)
Microsoft Word - Modificabile
(RTF)
Testo normale
Testo impaginato
Testo separato da tabulazioni
(TTX)
Valori separati (CSV)
XML
•
•
•
•
SAP Crystal Reports produce un normale report modificabile. L'opzione
RPTR produce un report Crystal di
sola lettura.
La differenza tra Excel ed Excel (solo
dati) consiste nel fatto che Excel tenta
di conservare l'aspetto del report originale, mentre Excel (solo dati) salva
solo i dati e ogni cella rappresenta un
campo.
Il formato Valori separati da tabulazioni
colloca un carattere di tabulazione tra
i valori, mentre il formato Valori separati da caratteri colloca un carattere
specificato tra i valori.
Se si sceglie di stampare il report in
base alla pianificazione, l'istanza del
report viene inviata automaticamente
alla stampante in formatoSAP Crystal
Reports. Ciò non è in conflitto con il
formato selezionato durante la pianificazione del report.
Per i formati Excel, Testo impaginato,
Testo separato da tabulazioni e Valori
separati, verranno specificate alcune
proprietà di formattazione del report.
Se ad esempio si seleziona l'opzione
CSV, è possibile immettere caratteri
per il separatore e il delimitatore.
Argomenti correlati
• Scelta di una destinazione
97
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.1.1.7.1 Selezione di un formato
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto report.
2. Fare clic su Azioni > Pianifica e visualizzare le impostazioni di formato.
Ad esempio, per un report Crystal fare clic su Formati.
3. Selezionare il formato appropriato.
Ad esempio, per un report Crystal selezionare il formato nell'elenco Formato.
4. Impostare le rimanenti opzioni di pianificazione e fare clic su Pianificazione.
Argomenti correlati
• Opzioni di formattazione aggiuntive per Crystal reports
7.1.1.7.2 Opzioni di formattazione aggiuntive per Crystal reports
Quando viene pianificato un report Crystal in alcuni formati, potrebbe essere necessario impostare
opzioni aggiuntive. Le tabelle seguenti descrivono le opzioni aggiuntive per ogni formato.
Tabella 7 - 7: Microsoft Excel (97-2003)
Opzione
Descrizione
•
Per includere tutte le pagine in un report, fare clic su Tutto.
Intervallo di pagine
•
Per includere un intervallo di pagine, fare clic su Pagine da, digitare la
prima pagina che si desidera includere e l'ultima nella casella A.
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
•
Per impostare la larghezza delle colonne in Excel in base agli oggetti contenuti in un report, fare clic su Larghezza colonne basata su oggetti
in e selezionare un'area del report da cui prendere la larghezza delle colonne.
•
Per impostare una larghezza delle colonne costante, fare clic su Larghezza
colonna costante (in punti) e digitare la larghezza.
•
Per indicare come stampare le intestazioni e i piè di pagina di un'istanza,
fare clic su Una volta per report o su In ogni pagina.
•
Per escludere le intestazioni e i piè di pagina da un'istanza fare clic su
Nessuno.
Imposta larghezza
colonna
Esporta intestazione e piè di pagina
98
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione
Descrizione
Crea interruzioni di
pagina per ogni pagina
Fare clic per creare un'interruzione di pagina dopo ogni pagina del report
Converti valori data
in stringhe
Fare clic per esportare i valori data in un report come stringhe di testo
Mostra linee griglia
Fare clic per visualizzare la griglia nel documento esportato
Tabella 7 - 8: Microsoft Excel (97-2003, 2007) (solo dati) e foglio di lavoro Microsoft Excel (solo dati)
Opzione
Descrizione
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
•
Per impostare la larghezza delle colonne in Excel in base agli oggetti contenuti in un report, fare clic su Larghezza colonne basata su oggetti
in e selezionare un'area del report da cui prendere la larghezza delle colonne.
•
Per impostare una larghezza delle colonne costante, fare clic su Larghezza
colonna costante (in punti) e digitare la larghezza.
Imposta larghezza
colonna
99
Esporta formattazione oggetto
Fare clic per mantenere la formattazione dell'oggetto
Esporta immagini
Fare clic per esportare le immagini in un report
Usa funzioni del foglio di lavoro per i
riepiloghi
Fare clic per utilizzare i riepiloghi in un report per creare le funzioni del foglio
di lavoro in Excel
Mantieni posizione
relativa dell’oggetto
Fare clic per mantenere la posizione degli oggetti relativa uno all'altro
Mantieni allineamento colonne
Fare clic per mantenere l'allineamento del testo nelle colonne di un report
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione
Descrizione
Esporta intestazione e piè di pagina
Fare clic per includere l'intestazione e il piè di pagina in un'istanza
Semplifica intestazioni di pagina
Fare clic per semplificare le intestazioni di pagina
Mostra profili di
gruppo
Fare clic per mostrare i profili di gruppo
Tabella 7 - 9: Microsoft Word (97-2003)
Opzione
Intervallo di pagine
Descrizione
•
Per includere tutte le pagine in un report fare clic su Tutto.
•
Per includere un intervallo di pagine, fare clic su Pagine da, digitare la
prima pagina che si desidera includere e l'ultima nella casella A.
Tabella 7 - 10: PDF
Opzione
100
Descrizione
•
Per includere tutte le pagine in un report fare clic su Tutto.
Intervallo di pagine
•
Per includere un intervallo di pagine, fare clic su da, digitare la prima pagina
che si desidera includere e l'ultima nella casella a.
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Crea segnalibri da
struttura gruppi
Fare clic per creare i segnalibri nel file PDF basato sulla struttura ad albero
del report. In questo modo sarà più facile spostarsi all'interno del report.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 11: Rich Text Format (RTF)
Opzione
Intervallo di pagine
Descrizione
•
Per includere tutte le pagine in un report fare clic su Tutto.
•
Per includere un intervallo di pagine, fare clic su Pagine da, digitare la
prima pagina si desidera includere e l'ultima nella casella A.
Tabella 7 - 12: Microsoft Word - Modificabile (RTF)
Opzione
Descrizione
•
Per includere tutte le pagine in un report fare clic su Tutto.
Intervallo di pagine
•
Per includere un intervallo di pagine, fare clic su da, digitare la prima pagina
che si desidera includere e l'ultima nella casella a.
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Inserisci interruzione di pagina dopo ogni pagina del
report
Fare clic per inserire le interruzioni di pagina dopo ogni pagina del report.
Tabella 7 - 13: Testo normale
101
Opzione
Descrizione
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Numero di caratteri
per pollice
Digitare un valore compreso tra 8 e 16 per indicare il numero di caratteri da
includere per pollice. Mediante questa impostazione è possibile definite la visualizzazione e la formattazione dei file di testo.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 14: Testo impaginato
Opzione
Descrizione
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Numero di righe
per pagina
Digitare il numero di righe di testo da includere tra le interruzioni di pagina.
Numero di caratteri
per pollice
Digitare un valore compreso tra 8 e 16 per indicare il numero di caratteri da
includere per pollice. Mediante questa impostazione è possibile definite la visualizzazione e la formattazione dei file di testo.
Tabella 7 - 15: Valori separati (CSV)
102
Opzione
Descrizione
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Delimitatore
Digitare il carattere da utilizzare come delimitatore.
Separatore
Digitare il carattere da utilizzare per separare i valori o fare clic su Tabulazione.
Modalità
Fare clic su modalità standard o versione precedente. In modalità standard,
è possibile selezionare il report, la pagina e le sezioni del gruppo da includere
nell'istanza. In modalità versione precedente, è possibile impostare le opzioni
per il report, la pagina e le sezioni del gruppo.
Sezioni di report e
di pagina
Se è stata selezionata la modalità standard, è necessario indicare se si desidera esportare le sezioni del report e di pagina. Se sì, indicare se si desidera
isolare le sezioni.
Sezioni di gruppo
Se è stata selezionata la modalità standard, è necessario indicare se si desidera esportare le sezioni del gruppo. Se sì, indicare se si desidera isolare le
sezioni.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Tabella 7 - 16: XML
Opzione
Descrizione
Usa le opzioni di
esportazione definite nel report
Fare clic per utilizzare le opzioni di esportazione definite in un report. Non è
possibile impostare nessun'altra opzione di formattazione.
Formati di esportazione XML
Selezionare il formato di esportazione XML.
7.1.1.8 Selezione di un formato cache per i documenti Web Intelligence
Quando il sistema esegue un documento Web Intelligence pianificato, memorizza l'istanza generata
sull'Output File Repository Server. Il sistema potrebbe inoltre memorizzare nella cache il report nel
Report Server appropriato selezionando un formato cache per il documento. Se non si seleziona un
formato per la cache, il sistema non memorizzerà il documento quando lo esegue.
Nota:
per selezionare un'opzione cache, il formato di output specificato per l'oggetto deve essere quello di
un documento Web Intelligence. Se si seleziona un formato diverso, le opzioni della cache specificate
non avranno alcun impatto.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto del documento Web Intelligence.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione e quindi su Cache.
3. Selezionare il formato con cui precaricare la cache.
Le opzioni disponibili sono:
•
•
•
Microsoft Excel
HTML standard
Adobe Acrobat
4. Selezionare le impostazioni locali da pre-caricare nella cache.
Quando si pianifica il documento Web Intelligence, la piattaforma BI genera versioni cache del
documento nelle impostazioni internazionali specificate dall'utente.
5. Impostare le opzioni di pianificazione rimanenti e fare clic su Pianificazione.
103
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.1.1.9 Pianificazione di un oggetto con eventi
Quando si pianifica un oggetto con eventi, l'oggetto viene eseguito solo quando la condizione aggiuntiva,
ovvero l'evento, viene soddisfatta. È possibile pianificare oggetti per attendere uno dei tipi di evento
seguenti:
•
•
•
Basati su file: attivati dall'esistenza di un file specificato.
Personalizzati: attivati manualmente.
Basati sulla pianificazione: attivati da un altro oggetto in esecuzione.
Per fare in modo che un oggetto pianificato attivi un evento, scegliere un evento basato sulla
pianificazione.
Pianificazione degli oggetti basati su un evento.
Quando si pianifica un oggetto che attende un evento specificato, l’oggetto viene eseguito solo quando
l’evento viene attivato e vengono soddisfatte le altre condizioni di pianificazione. Se l’evento viene
attivato prima della data di inizio dell’oggetto, quest’ultimo non viene eseguito. Se è stata specificata
una data finale per l’oggetto e l’evento non viene attivato prima della data finale, l’oggetto non viene
eseguito, poiché non vengono soddisfatte tutte le condizioni. Inoltre, se si sceglie una pianificazione
settimanale, mensile o di calendario, l’oggetto avrà un intervallo di esecuzione specifico. L’evento deve
essere attivato entro questo periodo per garantire l’esecuzione dell’oggetto. Se ad esempio si pianifica
un oggetto report settimanale che viene eseguito ogni martedì, l'evento deve essere attivato prima della
data di fine dell'istanza (alla fine di lunedì in questo esempio).
Pianificazione degli oggetti per attivare un evento.
È inoltre possibile pianificare un oggetto che attivi un evento basato sulla pianificazione al completamento
dell’oggetto in esecuzione. Quando l'oggetto viene eseguito, la piattaforma BI attiva l'evento specificato.
Nel caso di un evento basato sulla pianificazione, se l’evento si basa sulla riuscita dell’esecuzione
dell’istanza, non verrà attivato se l’istanza ha esito negativo.
Nota:
Per pianificare un oggetto con eventi, è innanzitutto necessario assicurarsi di avere creato l’evento.
Argomenti correlati
• Gestione di oggetti di carattere generale
• Pianificazione di un oggetto con eventi
7.1.1.9.1 Pianificazione di un oggetto da eseguire in base a un evento
Eseguire questa attività se si desidera che un processo pianificato venga eseguito dopo che un evento
si è verificato
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
104
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
3. Fare clic su Ricorrenza sull'elenco di navigazione e scegliere un'opzione nell'elenco Esegui oggetto.
4. Completare i parametri di pianificazione dell'oggetto (data di inizio, data finale e così via).
5. Fare clic su Eventi, selezionare un evento dall'elenco Eventi disponibili, quindi fare clic su > per
aggiungere l'evento all'elenco Eventi da attendere.
Suggerimento:
Fare clic su >> per aggiungere tutti gli eventi disponibili.
6. Fare clic sul pulsante Pianifica per pianificare l’oggetto.
Argomenti correlati
• Opzioni dei criteri di ricorrenza
• Opzioni e parametri di esecuzione
• Pianificazione di un oggetto da eseguire in base a un evento
7.1.1.9.2 Per pianificare un oggetto all’attivazione di un evento
Eseguire quest'attività se si desidera che il processo pianificato generi un evento durante l'esecuzione
del processo.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC, selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
3. Fare clic su Ricorrenza sull'elenco di navigazione e scegliere un'opzione di esecuzione nell'elenco
Esegui oggetto.
4. Completare i parametri di pianificazione dell'oggetto (data di inizio, data finale e così via).
5. Effettuare una selezione dall'elenco di Eventi di pianificazione disponibili e fare clic su > per
aggiungere gli eventi all'elenco di Eventi da attivare al completamento.
Nota:
in questo elenco è possibile selezionare solo gli eventi basati sulla pianificazione.
Suggerimento:
Fare clic su >> per aggiungere tutti gli eventi disponibili.
6. Fare clic sul pulsante Pianifica per pianificare l’oggetto.
Argomenti correlati
• Opzioni dei criteri di ricorrenza
• Eventi basati su pianificazione
7.1.1.10 Per selezionare un server per il processo di pianificazione
105
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
È possibile indicare un server specifico in cui verrà eseguita una pianificazione. In questo modo si
ottiene un maggiore controllo sul bilanciamento del carico. Ad esempio, può essere utile eseguire
processi di programma su un gruppo di server specifico in modo da non monopolizzare le risorse del
sistema.
È anche possibile scegliere un gruppo di server per la piattaforma BI da utilizzare quando un utente
aggiorna un report Crystal o un'istanza del documento Web Intelligence durante la visualizzazione.
Queste impostazioni sono disponibili quando si fa clic su Gestisci > Impostazioni predefinite. Per i
report Crystal, fare clic su Visualizzazione gruppo di server. Per i documenti Web Intelligence fare
clic su Impostazioni processo Webi.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della console CMC selezionare l'oggetto da pianificare.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
3. Nell'elenco di spostamento, fare clic su Pianificazione gruppo di server.
4. Selezionare l'opzione adeguata:
• Scegliere Usa il primo server disponibile per eseguire l'oggetto il più rapidamente possibile,
indipendentemente dai gruppi di server.
• Scegliere Dai la preferenza ai server del gruppo selezionato per utilizzare un gruppo di server
specifico rispetto a un altro nell'evento, se sono entrambi disponibili.
• Scegliere Usa solo server del gruppo selezionato per garantire che il processo venga eseguito
sul gruppo di server specificato.
Nota:
Se si sta pianificando un oggetto programma che richiede l'accesso a file archiviati in locale in un
Adaptive Job Server che ospita il Program Scheduling Service, ma sono disponibili più Adaptive
Job Server, è necessario specificare quale server utilizzare per eseguire il programma.
5. Selezionare o deselezionare Esegui su sito di origine per eseguire l'oggetto nella posizione in cui
si trova.
6. Impostare le opzioni di pianificazione rimanenti e fare clic su Pianifica.
7.1.1.11 Selezione delle lingue per le istanze del report
Nota:
questa attività è applicabile solo a SAP Crystal Reports.
Eseguire questa attività per generare istanze del report in diverse lingue.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della console CMC selezionare l'oggetto da pianificare.
2. Fare clic su Azioni > Pianificazione.
3. Nell'elenco di navigazione fare clic su Lingue.
4. Selezionare una delle seguenti opzioni della lingua:
• Pianifica il report in Impostazioni locali di visualizzazione preferite
Questa opzione pianifica il report in base alle impostazioni locali di visualizzazione preferite
definite nelle preferenze e crea istanze solo attraverso tali impostazioni.
106
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
•
Pianifica il report in più impostazioni locali
Questa opzione pianifica il report in più lingue. Se si sceglie questa opzione, è necessario anche
selezionare delle impostazioni locali spostandole dall'elenco Tutte le impostazioni locali all'elenco
Impostazioni locali dell'istanza selezionate.
5. Impostare gli altri parametri di pianificazione come necessario e fare clic su Pianifica.
7.1.2 Per eseguire istantaneamente gli oggetti
Come alternativa alla pianificazione, è possibile eseguire gli oggetti in massa dall'area di gestione
"Cartelle" della console CMC scegliendo Esegui ora. Quando si sceglie l'opzione Esegui ora, gli oggetti
vengono eseguiti immediatamente utilizzando le impostazioni di pianificazione predefinite.
1. Passare all’area di gestione degli "Cartelle" della CMC.
2. Spostarsi sugli oggetti da eseguire e selezionarli.
3. Fare clic su Azioni > Esegui ora.
7.1.3 Pianificazione degli oggetti mediante l’utilizzo di pacchetti di oggetti
È possibile pianificare oggetti in batch utilizzando la funzione pacchetti di oggetti. Nella piattaforma BI,
i pacchetti oggetti sono oggetti distinti. Possono contenere qualsiasi combinazione di oggetti pianificabili,
ad esempio report, oggetti programma e documenti Web Intelligence. L'utilizzo di pacchetti oggetti
semplifica l'autenticazione e consente agli utenti di visualizzare i dati sincronizzati tra istanze per oggetti
diversi.
Per pianificare oggetti tramite pacchetti oggetti, creare prima un pacchetto oggetti. Copiare gli oggetti
esistenti nel pacchetto oggetti. Infine, pianificare il pacchetto oggetti come se si trattasse di qualsiasi
altro oggetto.
Nota:
È necessario configurare le informazioni di elaborazione di ciascuno dei componenti di un pacchetto
di oggetti singolarmente. Ad esempio, se si desidera che un oggetto report in un pacchetto di oggetti
venga stampato secondo la pianificazione, è necessario configurarlo facendo clic su Componenti nella
finestra di dialogo "Pianificazione" e facendo clic sul titolo del componente che si desidera stampare.
È quindi possibile espandere le Impostazioni di stampa per il componente e impostarne la stampa
come quando si pianifica il singolo componente.
Argomenti correlati
• Gestione dei pacchetti di oggetti
• Configurazione di pacchetti di oggetti e dei relativi oggetti
• Utilizzo di report con collegamenti ipertestuali
107
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.2 Gestione delle istanze
La piattaforma BI crea istanze da oggetti. In altre parole, viene creata un’istanza di report quando un
oggetto report viene pianificato ed eseguito dal Job Server. Un’istanza di report non è altro che un
oggetto report contenente dati di report recuperati da uno o più database. Ciascuna istanza contiene
i dati correnti al momento dell’elaborazione del report.
Analogamente, la piattaforma BI crea un'istanza di programma ogni volta che un oggetto programma
viene pianificato ed eseguito dal Job Server. A differenza delle istanze di report, che possono essere
visualizzate nel loro formato completo, le istanze di programma esistono come record nella cronologia
degli oggetti. La piattaforma BI archivia l'errore e l'output standard del programma in un file di output
di testo.
È possibile visualizzare e gestire le istanze nei luoghi seguenti:
•
•
nella finestra di dialogo "Cronologia" per un oggetto
Gestione delle istanze
Argomenti correlati
• Visualizzazione di informazioni sull'istanza
• Per impostare limiti per le istanze
• Gestione delle istanze
7.2.1 Visualizzazione di informazioni sull'istanza
La piattaforma BI consente di gestire istanze mediante "Gestione delle istanze" o la finestra di dialogo
"Cronologia" per singoli oggetti. Nella tabella che segue vengono identificate le colonne in ogni interfaccia
e descritte le informazioni sull'istanza visualizzate.
Tabella 7 - 17: Informazioni sull'istanza visualizzate nella finestra di dialogo "Cronologia"
108
Colonna
Informazioni visualizzate
Tempo istanza
L'ora e la data dell'ultimo aggiornamento per ogni istanza.
Titolo
Il titolo delle istanze.
Stato
Lo stato di ogni istanza.
Eseguito da
L'utente che ha pianificato l'istanza.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Colonna
Informazioni visualizzate
Formato
Il formato in cui vengono memorizzate le istanze del report.
Si applica solo agli oggetti report.
Parametri
I parametri già utilizzati o da utilizzare per ogni istanza Si
applica solo agli oggetti report.
Argomenti
Le opzioni della riga di comando già passati o da passare
all'interfaccia della riga di comando per ogni istanza. Si applica solo agli oggetti programma.
Nota:
In base al tipo di oggetto, è possibile che appaiano altre colonne non elencate nella tabella sopra
riportata.
Tabella 7 - 18: Informazioni sull'istanza visualizzate in "Gestione delle istanze"
109
Colonna
Informazioni visualizzate
Titolo
Il titolo dell'istanza.
Tipo
Il tipo di oggetto.
Stato
Lo stato di ogni istanza.
Posizione
La posizione dell'oggetto nel repository.
Proprietario
L'utente che ha pianificato l'istanza.
Ora di completamento
La data e l'ora in cui l'istanza ha completato l'esecuzione.
Ora di esecuzione successiva
L'ora di esecuzione successiva dell'oggetto se prevede una pianificazione
ricorrente e presenta lo stato in sospeso.
Ora di invio
La data e l'ora in cui l'utente ha pianificato l'oggetto.
Ora di inizio
La data e l'ora di inizio dell'esecuzione dell'oggetto.
Durata (secondi)
La durata del processo pianificato.
Ricorrenza
La frequenza del processo pianificato.
Scadenza
La data e l'ora in cui l'istanza ha terminato l'esecuzione o non è riuscita.
Server
Il server su cui è stata eseguita l'istanza.
Errore
Gli eventuali errori che si sono verificati e hanno causato l'errore dell'oggetto.
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Argomenti correlati
• Per visualizzare un’istanza
• Sospensione o ripresa di un'istanza
• Per eliminare un’istanza
7.2.1.1 Gestione delle istanze
"Gestione delle istanze" consente di visualizzare e gestire tutte le istanze della distribuzione della
piattaforma BI da un'unica posizione. È possibile utilizzare Gestione delle istanze per eseguire diverse
attività, tra cui:
•
•
•
•
Trovare istanze specifiche.
Selezionare più istanze ed eseguire operazioni batch su di esse, ad esempio metterle in pausa,
riprenderle o eliminarle.
Visualizzare informazioni dettagliate per una singola istanza.
Diagnosticare e risolvere problemi di sistema che causano errori delle istanze.
La visualizzazione predefinita di "Gestione delle istanze" contiene tutte le istanze in sospeso ordinate
in base al titolo. Per visualizzare informazioni dettagliate su un'istanza, selezionare l'istanza e fare clic
sull'icona Dettagli istanza sulla barra degli strumenti.
Esempio: Utilizzo di "Gestione delle istanze" per la risoluzione dei problemi
Un amministratore accede alla console CMC, controlla "Gestione delle istanze" e rileva la presenza
di diversi processi non riusciti. L'amministratore filtra l'elenco per visualizzare solo i processi non
completati negli ultimi due giorni e nota che sono stati tutti eseguiti nello stesso server. L'amministratore
ordina l'elenco in base al server e verifica che tutti i processi non completati sono stati eseguiti nello
stesso server. Il codice di errore è infatti lo stesso. L'amministratore visualizza informazioni dettagliate
per un'istanza e scopre che una connessione di database è stata riconfigurata in modo non corretto.
L'amministratore riconfigura correttamente la connessione di database e torna a "Gestione delle
istanze" per eseguire nuovamente tutti i processi non completati.
7.2.1.1.1 Ricerca di istanze specifiche in Gestione delle istanze
È possibile trovare istanze specifiche in "Gestione delle istanze" mediante le opzioni disponibili in "Trova
istanze che soddisfano i seguenti criteri". Nella tabella seguente sono descritte le opzioni disponibili.
110
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione
Modalità di abilitazione
Cartella principale
Selezionare la casella di controllo Cartella principale e selezionare una cartella
del repository. La piattaforma BI elencherà tutte le istanze incluse nella cartella.
Proprietario
Selezionare la casella di controllo Proprietario e digitare un nome utente per
trovare le istanze pianificate da quell'utente.
Stato
Selezionare la casella di controllo Stato, quindi scegliere una delle opzioni di
stato seguenti dall'elenco
•
•
•
•
•
•
Tipo di oggetto
Operazione riuscita
Terminato in errore
In esecuzione
In pausa
In sospeso
Periodica
Selezionare la casella di controllo Tipo di oggetto, quindi scegliere un tipo di
oggetto dall'elenco
Ora di completame- Selezionare la casella di controllo Tempo di completamento, quindi impostare
nto
l'ora di avvio e di arresto.
Nota:
Per istanze di pubblicazione completate, è consigliabile abilitare Tipo di oggetto
e importarlo su Pubblicazione nonché impostare il tempo di completamento.
Ora di esecuzione
successiva
Selezionare la casella di controllo Ora di esecuzione successiva, quindi impostare l'ora di avvio e di arresto.
Per trovare le istanze, è possibile utilizzare più di un'opzione alla volta Verranno visualizzate solo le
istanze che soddisfano tutti i criteri abilitati. Al termine, fare clic su Trova.
Nota:
Quando si pianifica un oggetto nelle caselle Posta in arrivo BI, i documenti che gli utenti ricevono nelle
caselle Posta in arrivo BI non sono considerate istanze. Pertanto, questi documenti Posta in arrivo BI
non compaiono in "Gestione delle istanze".
7.2.1.2 Gestione delle istanze per un oggetto
111
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Eseguire questa attività se si desidera visualizzare e gestire istanze di un oggetto specifico. Se si
desidera visualizzare e gestire istanze per tutti gli oggetti, utilizzare invece "Gestione delle istanze".
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Storico.
3. Selezionare una o più istanze.
Nota:
Per aggiornare l'elenco, fare clic su Aggiorna. In questo caso non è necessario selezionare prima
l'istanza.
4. Fare clic su Esegui ora, Sospendi, Riprendi, Invia a, Ripianifica o Elimina.
Se si fa clic su Esegui ora, il sistema pianifica l'esecuzione immediata dell'oggetto. Lo stato del
processo pianificato sarà In sospeso.
Argomenti correlati
• Gestione delle istanze
7.2.1.3 Per visualizzare un’istanza
1. Selezionare un oggetto nell'area di gestione "Cartelle" della CMC.
2. Fare clic su Azioni > Storico.
3. Nella colonna Ora dell'istanza fare clic sull'istanza che si desidera visualizzare.
È inoltre possibile utilizzare lo strumento "Gestore istanze" per visualizzare un elenco di istanze per
stato o utente.
È necessario scorrere verso destra per visualizzare tutte le colonne con la larghezza predefinita.
Nota:
Non è possibile ordinare le istanze utilizzando le colonne Ora di invio, Ora di inizio, Durata, Ricorrenza
o Scadenza.
Argomenti correlati
• Gestione delle istanze
7.2.2 Sospensione o ripresa di un'istanza
112
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
È possibile sospendere e ripristinare un'istanza in base alle necessità. La sospensione e la ripresa
possono essere eseguite solo per le istanze pianificate, ossia le istanze che hanno lo stato Ricorrente
o In sospeso.
Ad esempio, se un Job Server non è attivo per ragioni di manutenzione, potrebbe essere opportuno
sospendere un'istanza pianificata. Questo impedisce al sistema di eseguire l'oggetto e ne causa l'errore
perché il Job Server non è attivo. Quando il job server è di nuovo in esecuzione, è possibile riprendere
l'oggetto pianificato.
7.2.2.1 Sospensione di un'istanza
1. Accedere alla finestra di dialogo "Storico" per un oggetto.
2. Selezionare l'istanza pianificata che si desidera sospendere.
3. Fare clic su Sospendi.
7.2.2.2 Per riavviare un'istanza dopo una pausa:
1. Accedere alla finestra di dialogo "Storico" per un oggetto.
2. Selezionare l'istanza pianificata che si desidera riprendere.
3. Fare clic su Riprendi.
7.2.3 Per eliminare un’istanza
Se necessario, è possibile eliminare le istanze da un oggetto. È possibile eliminare le istanze pianificate
il cui stato è ricorrente o in sospeso ed eseguire il report o programmare istanze il cui stato è riuscito
o non riuscito.
1. Andare alla finestra di dialogo "Cronologia" di un oggetto.
2. Selezionare l'istanza o le istanze da eliminare.
3. Fare clic su Elimina.
7.2.4 Per impostare limiti per le istanze
113
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
I limiti vanno impostati per eliminare regolarmente istanze obsolete. A livello dell’oggetto, è possibile
limitare il numero di istanze che restano nel sistema per l’oggetto o per ciascun utente o gruppo; è
inoltre possibile limitare il numero di giorni di conservazione di un’istanza nel sistema per un utente o
un gruppo.
Oltre a impostare i limiti a livello di oggetto, è possibile impostare limiti a livello di cartella. Quando si
impostano limiti a livello di cartella, essi hanno effetto su tutti gli oggetti presenti all'interno della cartella,
inclusi quelli presenti nelle sottocartelle.
Nota:
quando si impostano limiti a livello di oggetto, questi sostituiscono i limiti impostati per la cartella; in
altre parole, l’oggetto non eredita i limiti della cartella.
1. Nell'area di gestione "Cartelle" della CMC selezionare un oggetto.
2. Fare clic su Azioni > Limiti.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Limiti".
3. Configurare le impostazioni dei limiti.
Opzione
Descrizione
Eliminare le istanze in Selezionare questa casella di controllo per limitare il numero di istanze
eccesso quando sono per ciascun oggetto, quindi digitare il numero massimo di istanze che si
presenti più di N ista- desidera rimangano sul sistema. Il valore predefinito è 100.
nze di un oggetto
Eliminare le istanze in Per limitare il numero di istanze per utenti o gruppi, fare clic su Aggiungi
eccesso per i seguen- in questa area. Scegliere tra gli utenti e i gruppi disponibili e premere >
ti utenti/gruppi
per aggiungerli all'elenco. Quindi fare clic su OK. Digitare il numero massimo di istanze nella colonna Limiti istanza. Il valore predefinito è 100.
Eliminare le istanze
Per limitare il numero di giorni durante i quali le istanze vengono salvate
dopo N giorni per i
per utenti o gruppi, fare clic su Aggiungi in questa area. Scegliere tra gli
seguenti utenti/gruppi utenti e i gruppi disponibili e premere > per aggiungerli all'elenco. Quindi
fare clic su OK. Digitare il numero massimo di giorni delle istanze nella
colonna N. massimo giorni. Il valore predefinito è 100.
4. Fare clic su Aggiorna.
Argomenti correlati
• Limitazione del numero di istanze a livello della cartella
7.3 Calendari
114
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Un calendario è un elenco personalizzato di date di esecuzione per processi pianificati. Quando si
applica il calendario a un processo, la piattaforma BI esegue il processo nelle date di esecuzione
pianificate specificate dall'utente.
I calendari consentono agli utenti di creare pianificazioni di elaborazione più complesse rispetto alle
opzioni di pianificazione standard.
Nota:
è possibile utilizzare i calendari per qualsiasi oggetto pianificabile, inclusi gli oggetti report, gli oggetti
programma e i pacchetti di oggetti.
Nella piattaforma BI è possibile impostare qualsiasi numero di calendari.
Calendari ed elaborazione delle pianificazioni
I calendari semplificano la pianificazione efficace di processi ricorrenti complessi. I calendari sono
particolarmente utili se si desidera eseguire un processo ricorrente con una pianificazione regolare o
se si desidera fornire agli utenti delle serie di date di pianificazione regolari da cui effettuare una scelta.
I calendari consentono inoltre di creare pianificazioni di elaborazione più complesse, combinando date
di pianificazione univoche con date ricorrenti.
Esempio: Calendari di non esecuzione per le festività
Se si desidera che un oggetto report venga eseguito tutti i giorni lavorativi tranne che nelle festività
ufficiali, è possibile creare un calendario con le festività contrassegnate come giorni di “non esecuzione”,
durante i quali l'oggetto report non può essere eseguito. La piattaforma BI eseguirà il processo ogni
giorno specificato come giorno di “esecuzione” nel calendario.
7.3.1 Creazione di un calendario
Questa attività consente di creare un nuovo calendario.
Suggerimento:
è buona norma creare un calendario che gli utenti possano utilizzare come modello per creare nuovi
calendari. Gli utenti possono copiare questo modello e modificarlo in base alle necessità. Ad esempio,
possono creare un calendario Giorni della settimana predefinito che includa tutti i giorni come date di
esecuzione ad esclusione dei fine settimana e dei giorni festivi dell’azienda.
1. Passare all’area di gestione "Calendari" della CMC.
2. Fare clic su Gestisci > Nuovo > Nuovo calendario.
3. Digitare un nome e una descrizione per il nuovo calendario.
4. Fare clic su OK.
Il nuovo calendario viene aggiunto al sistema. È ora possibile aggiungere al calendario le date di
esecuzione.
115
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Quando viene creato il calendario, è possibile aggiungere date di esecuzione utilizzando la scheda
Date.
Argomenti correlati
• Aggiunta di date a un calendario
7.3.2 Aggiunta di date a un calendario
È possibile aggiungere date a un calendario utilizzando diversi formati. È possibile scegliere specifiche
date utilizzando una visualizzazione annuale, trimestrale o mensile del calendario o scegliere date
ricorrenti utilizzando i formati generali basati sul giorno del mese o della settimana.
1. Passare all'area di gestione "Calendari" della CMC (Central Management Console).
2. Selezionare il calendario che si desidera modificare.
3. Fare clic su Azioni > Seleziona date.
4. Scegliere un'opzione di formato per il calendario (Annuale, Trimestrale o Mensile). In alternativa,
se si desidera creare un calendario con date ricorrenti, fare clic su Per giorno del mese oppure
Per giorno della settimana.
5. Fare clic sui giorni del mese che si desidera includere come giorni di esecuzione per il calendario.
Per rimuovere un giorno di esecuzione, fare di nuovo clic sul giorno.
Suggerimento:
per selezionare una settimana o tutti i giorni di un mese, è possibile fare clic sull'intestazione di una
riga o di una colonna.
6. Al termine, fare clic su Salva.
Nota:
quando si modifica un calendario esistente, la piattaforma BI verifica tutte le istanze correntemente
pianificate del sistema. Gli oggetti che utilizzano il calendario modificato vengono automaticamente
aggiornati per essere eseguiti nella data modificata.
7.3.2.1 Opzioni relative al formato dei calendari
116
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Opzione formato calendario
Descrizione
Annuale
Annuale visualizza le date di esecuzione del calendario per l'anno. Per modificare l'anno visualizzato, fare clic sui pulsanti Anno precedente e
Anno successivo. Per aggiungere una data dal
formato Annuale, fare clic sul giorno, sull'intestazione del giorno della settimana o sull'intestazione
di riga della settimana che si desidera aggiungere.
Trimestrale
Semestrale visualizza le date di esecuzione del
calendario per il trimestre corrente. È possibile
modificare il trimestre visualizzato utilizzando i
pulsanti Trimestre precedente e Trimestre successivo. Per aggiungere una data dal formato
Trimestrale, fare clic sul giorno, sull'intestazione
del giorno della settimana o sull'intestazione di
riga della settimana che si desidera aggiungere.
Ogni mese
Mensile visualizza le date di esecuzione del calendario per il mese corrente. È possibile modificare
il mese visualizzato utilizzando i pulsanti Mese
precedente e Mese successivo. Per aggiungere
una data dal formato Mensile, fare clic sul giorno,
sull'intestazione del giorno della settimana o
sull'intestazione di riga della settimana che si
desidera aggiungere.
7.3.2.2 Date specifiche
Per aggiungere una data specifica a un calendario, utilizzare i formati Annuale, Trimestrale e Mensile
per aggiungere date ai calendari.
Il formato Annuale riporta la pianificazione di esecuzione per l’intero anno. Il formato Trimestrale
riporta le date di esecuzione per il trimestre corrente. È inoltre possibile visualizzare il formato Mensile
del calendario, che riporta le date di esecuzione per il mese corrente. In tutti e tre i formati è possibile
modificare l’intervallo di tempo visualizzato facendo clic sui pulsanti Precedente e Successivo.
È possibile aggiungere date specifiche in qualsiasi formato di calendario facendo clic sul giorno che si
desidera aggiungere. Se si desidera aggiungere un'intera settimana, fare clic su > nell'intestazione
117
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
della riga per quella settimana. Per aggiungere giorni di esecuzione su un determinato giorno della
settimana in un mese, fare clic sul giorno della settimana.
Ad esempio, se l’azienda spedisce prodotti in base a una pianificazione irregolare che non può essere
definita utilizzando le impostazioni Ogni giorno o Ogni settimana, è possibile creare un elenco di queste
date in un calendario “Date di spedizione”. Il reparto Spedizione può ora verificare l’inventario dopo
ogni spedizione pianificando un report che utilizza il calendario da eseguire al termine di ogni giorno
di spedizione.
Argomenti correlati
• Date ricorrenti
7.3.2.3 Date ricorrenti
È possibile aggiungere date ricorrenti in base al giorno della settimana o al giorno del mese. Per
visualizzare le date di esecuzione esistenti, è necessario utilizzare il formato Annuale, Trimestrale o
Mensile; i formati generici devono essere utilizzati per aggiungere date ricorrenti al calendario. Per
aggiungere i giorni ricorrenti, fare clic su Per giorno del mese o Per giorno della settimana e
selezionare i giorni che si desidera aggiungere.
Sebbene sia possibile impostare una pianificazione ricorrente utilizzando le opzioni di pianificazione
standard, i calendari consentono di specificare diversi schemi ricorrenti contemporaneamente. È anche
possibile eseguire istanze in date che non seguono lo schema aggiungendo singoli giorni a un calendario.
118
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Ad esempio, per pianificare un oggetto report da eseguire i primi quattro giorni e il secondo e il quarto
venerdì di ogni mese, occorre prima creare un nuovo oggetto calendario e assegnargli un nome.
Scegliere quindi di aggiungere i giorni ricorrenti per giorno del mese per aggiungere i primi quattro
giorni del mese a questo calendario. Quando si aggiorna il calendario, il formato Annuale viene
visualizzato con le nuove date di esecuzione.
Per aggiungere ogni secondo e quarto venerdì al calendario, scegliere di aggiungere i giorni ricorrenti
per giorno della settimana se selezionare il secondo e quarto venerdì.
119
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.3.3 Eliminazione di un calendario
Quando si elimina un calendario, gli oggetti pianificati sulla base del calendario eliminato vengono
eseguiti più volte dal sistema. Al termine di questa operazione, non sarà possibile pianificare nuovamente
gli oggetti in quanto non esiste più il calendario. Per consentire il proseguimento dell'esecuzione degli
oggetti, modificare le informazioni di pianificazione per tutti gli oggetti selezionando un calendario o un
modello di schema ricorrente diverso.
1. Passare all’area di gestione "Calendari" della CMC.
2. Selezionare il calendario che si desidera eliminare.
Suggerimento:
è possibile selezionare più calendari facendovi clic tenendo premuto il tasto CTRL o MAIUSC.
3. Scegliere Gestisci > Elimina.
4. Fare clic su OK per confermare.
Argomenti correlati
• Per pianificare un oggetto
120
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.3.4 Specifica dei diritti relativi ai calendari
È possibile concedere o negare a utenti e gruppi l'accesso ai calendari. A seconda del modo in cui
sono organizzati i calendari, potrebbe verificarsi l'esigenza di rendere disponibili serie di date specifiche
per determinati dipendenti o reparti. Ad esempio, il personale del reparto finanziario potrebbe utilizzare
una serie di date di registrazione finanziaria di nessuna utilità per altri reparti.
Nota:
Gli utenti potranno visualizzare solo i calendari per cui dispongono di diritti di visualizzazione. I diritti
possono essere utilizzati per nascondere i calendari che non sono applicabili a un particolare gruppo.
per impostazione predefinita, i calendari si basano sulle impostazioni di protezione correnti. I calendari
ereditano i diritti dalle cartelle principali degli utenti.
Per ulteriori informazioni sull'impostazione dei diritti, vedere il capitolo “Impostazione dei diritti” nel
Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence disponibile
in SAP Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
7.4 Eventi
Gli eventi sono oggetti che rappresentano le ricorrenze nel sistema. A seconda del tipo di evento,
possono essere utilizzati per la pianificazione, per gli avvisi o per il monitoraggio dello stato del sistema.
L'area di gestione "Eventi" della CMC (Central Management Console) organizza tutti gli eventi in cartelle
in base al tipo di evento. All'interno di ogni cartella dei tipi di evento è possibile creare sottocartelle che
consentono di ottimizzare l'archiviazione e la gestione degli eventi.
Eventi e pianificazione
La pianificazione basata su eventi consente un ulteriore controllo sulla pianificazione degli oggetti: è
possibile configurare gli eventi in modo che gli oggetti vengano elaborati solo dopo un evento specificato.
L’utilizzo di eventi comprende due passaggi: la creazione di un evento e la pianificazione di un oggetto.
In altre parole, una volta creato un evento, è possibile selezionarlo come dipendenza durante la
pianificazione di un oggetto. Il lavoro pianificato viene elaborato solo quando si verifica l’evento.
È possibile creare i tipi seguenti di eventi da utilizzare insieme alla pianificazione:
•
Eventi file
Quando si definisce un evento basato su file, viene specificato un nome file che verrà controllato
dall'Event Server per un file specifico. L'Event Server attiva l'evento quando viene visualizzato il
file. Ad esempio, è possibile fare in modo che alcuni report dipendano dal normale output del file di
altri programmi o script. Gli eventi file vengono archiviati nella cartella Eventi di sistema.
•
121
Eventi basati su pianificazione
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Quando si definisce un evento basato su una pianificazione, viene selezionato un oggetto la cui
pianificazione preesistente di ricorrenza verrà utilizzata come trigger dell’evento. In tal modo, gli
eventi basati su pianificazione consentono di impostare situazioni o condizioni specifiche tra gli
oggetti pianificati. Ad esempio, è possibile che si desideri che alcuni report di grandi dimensioni
vengano eseguiti in ordine sequenziale oppure che un particolare report di riepilogo delle vendite
venga eseguito solo quando viene eseguito correttamente un report dettagliato sulle vendite. Gli
eventi basati su pianificazione vengono archiviati nella cartella Eventi di sistema.
•
Eventi personalizzati
Quando si crea un evento personalizzato, viene generato un collegamento per l’attivazione manuale
dell’evento. Gli eventi personalizzati vengono archiviati nella cartella Eventi personalizzati.
Quando si pianificano gli eventi, tenere presente che la pianificazione delle ricorrenze di un oggetto
determina anche la frequenza con cui l'oggetto viene eseguito. Ad esempio, un report giornaliero che
dipende da un evento basato su file verrà eseguito una volta al giorno (a condizione che il file specificato
venga visualizzato ogni giorno). Inoltre, è necessario che l'evento si verifichi all'interno del periodo di
tempo stabilito durante la pianificazione effettiva del report basato su eventi.
Suggerimento:
per gli avvisi, utilizzare gli eventi basati su file.
Eventi creati automaticamente
Il sistema crea automaticamente eventi corrispondenti quando determinati tipi di oggetti vengono aggiunti
al repository, ad esempio report Crystal.
Nota:
è possibile visualizzare questi tipi di evento nell'area "Eventi". Tuttavia, per gestire o modificare questi
tipi di evento, è necessario disporre dell'accesso all'applicazione rilevante o all'origine evento
corrispondente.
Eventi di monitoraggio
Nella piattaforma BI sono inoltre disponibili eventi di monitoraggio che consentono di monitorare lo
stato generale del sistema. Tali eventi corrispondono alle metriche di monitoraggio create e gestite
nell'area "Monitoraggio".
Argomenti correlati
• Avvisi
• Avvisi
• Eventi basati su file
• Eventi basati su pianificazione
• Eventi personalizzati
• Pianificazione di un oggetto con eventi
7.4.1 Eventi basati su file
122
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Gli eventi basati su file si verificano solo dopo la visualizzazione di un file particolare (il trigger). Prima
della pianificazione di un report associato al verificarsi di un evento basato su file, è necessario creare
tale evento nell’area di gestione "Eventi" della CMC. Successivamente è possibile pianificare l'oggetto
e selezionare l'evento in questione.
Gli eventi basati su file vengono monitorati da Event Server. Event Server attiva l'evento quando viene
visualizzato il file specificato. Il server CMS rilascia quindi tutte le richieste di pianificazione che dipendono
dall'evento.
Ad esempio, si supponga di avere l'esigenza che i report giornalieri vengano eseguiti dopo il
completamento del programma di analisi del database e la scrittura del relativo file di registro automatico.
è necessario specificare il file log nell’evento basato su file e pianificare i report giornalieri inserendo
tale evento come dipendenza. Quando viene visualizzato il file log, viene attivato l’evento e vengono
elaborati i report.
Nota:
l’evento non viene attivato nel caso in cui il file sia preesistente alla sua creazione. In questo caso,
l’evento verrà attivato solo quando il file sarà rimosso e ricreato. Se si desidera attivare più volte un
evento, è necessario rimuovere e ricreare il file ogni volta.
Argomenti correlati
• Pianificazione di un oggetto con eventi
7.4.1.1 Creazione di un evento basato su file
1. Passare all'area di gestione "Eventi" della CMC (Central Management Console) e aprire la cartella
Eventi di sistema.
Gli eventi basati su file vengono archiviati e gestiti nella cartella Eventi di sistema.
2. Fare clic su Gestisci > Nuovo > Nuovo evento.
3. Nell'elenco Tipo, selezionare File.
4. Digitare un nome per l'evento in Nome evento.
5. Digitare una descrizione in Descrizione.
6. Nell'elenco Server, selezionare l'Event Server che controllerà il file specificato.
7. Digitare un nome nel campo Nome file.
Nota:
digitare il percorso assoluto del file che deve essere cercato dall'Event Server (ad esempio
C:\cartella\nome file o /Inizio/cartella/nome file). L’unità e la directory specificate
devono essere visibili all'Event Server. In teoria, la directory dovrebbe trovarsi in un’unità locale.
8. Per abilitare la funzionalità Avvisi per l'evento, selezionare Avvisi abilitati e immettere un messaggio
nel campo Messaggio di avviso.
123
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Quando l'evento viene attivato, il messaggio immesso viene incluso nella notifica di avviso inviata
agli utenti.
9. Fare clic su OK.
7.4.2 Eventi basati su pianificazione
Gli eventi basati su pianificazione dipendono da oggetti pianificati. Quando viene elaborato un oggetto
specifico, l'attivazione di un evento dipende dal completamento di un processo oppure dall'esito
dell'esecuzione di un oggetto pianificato.
È necessario associare l'evento basato su pianificazione ad almeno due oggetti pianificati. Il primo
oggetto ha la funzione di trigger dell'evento: quando l'oggetto viene elaborato, si verifica l'evento. Il
secondo oggetto dipende dall’evento: quando si verifica l'evento, viene eseguito il secondo oggetto.
Se ad esempio si desidera che gli oggetti report R1 e R2 vengano eseguiti dopo l'esecuzione del
programma P1, creare un evento basato su pianificazione nell'area di gestione "Eventi": specificare
l'opzione Operazione riuscita per l'evento (ciò significa che l'evento viene attivato solo se il programma
P1 viene eseguito correttamente). Pianificare quindi i report R1 e R2 con eventi e selezionare il nuovo
evento basato su pianificazione come dipendenza. Pianificare l'oggetto programma P1 con eventi e
impostarlo in modo che attivi l'evento basato su pianificazione a esecuzione completata. A questo
punto, se l'esecuzione del programma P1 ha esito positivo, viene attivato l'evento basato su pianificazione
e vengono elaborati i report R1 e R2.
Argomenti correlati
• Pianificazione di un oggetto con eventi
7.4.2.1 Creazione di un evento basato su pianificazione
1. Accedere all'area di gestione "Eventi" della CMC (Central Management Console) e aprire la cartella
Eventi di sistema.
Gli eventi basati su pianificazione vengono archiviati e gestiti nella cartella Eventi di sistema.
2. Fare clic su Gestisci > Nuovo > Nuovo evento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Nuovo evento".
3. Nell’elenco Tipo, selezionare Pianificazione.
4. Digitare un nome nel campo Nome evento.
5. Completare il campo Descrizione.
6. Selezionare un'opzione di stato evento.
124
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
Stato dell'evento
Operazione riuscita
Descrizione
L’evento viene attivato solo a esecuzione completata di un oggetto specificato.
Operazione non riusciL’evento viene attivato solo nel caso di esecuzione non completata di un
ta
oggetto specificato.
Operazione riuscita o
L'evento viene attivato solo a esecuzione completata di un oggetto specinon riuscita
ficato.
7. Per abilitare la funzionalità Avvisi per l'evento, selezionare Avvisi abilitati.
Quando l'evento viene attivato,viene inviata notifica di avviso agli utenti.
8. Scegliere OK.
7.4.3 Eventi personalizzati
Un evento personalizzato si verifica solo quando l'utente lo attiva in modo esplicito. Come per tutti gli
altri eventi, un oggetto basato su un evento personalizzato viene eseguito solo quando l’evento viene
attivato entro il periodo di tempo stabilito in base ai parametri di pianificazione dell’oggetto. Gli eventi
personalizzati risultano utili in quanto consentono di impostare un collegamento che, una volta
selezionato, attiva tutte le richieste di pianificazione dipendenti.
Ad esempio, si supponga di voler pianificare l'esecuzione di un certo numero di report, ma che si intenda
eseguirli dopo l'aggiornamento delle informazioni nel database. In questo caso, creare un nuovo evento
personalizzato e pianificare i report con tale evento. Quando si aggiornano i dati nel database e devono
essere eseguiti i report, ritornare all'evento presente nella console CMC e attivarlo manualmente. I
report vengono quindi eseguiti nella piattaforma BI.
Nota:
un evento personalizzato può essere attivato più volte. È ad esempio possibile pianificare l’esecuzione
giornaliera di due gruppi di oggetti programma basati su eventi: un gruppo deve essere eseguito nel
corso della mattina e un gruppo nel pomeriggio. Quando si attiva per la prima volta l’evento
personalizzato correlato nel corso della mattina, viene eseguito un gruppo di programmi; quando lo si
attiva di nuovo nel pomeriggio, viene eseguito l’altro gruppo di programmi. Se ci si dimentica di attivare
l’evento nel corso della mattina e lo si attiva solo nel pomeriggio, i gruppi di programmi verranno eseguiti
entrambi in quel momento.
Argomenti correlati
• Pianificazione di un oggetto con eventi
125
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
7.4.3.1 Creazione di un evento personalizzato
1. Passare all'area di gestione "Eventi" della console CMC e aprire la cartella Eventi di sistema.
2. Fare clic su Gestisci > Nuovo > Nuovo evento.
3. Digitare un nome per l’evento nel campo Nome evento.
4. Completare il campo Descrizione.
5. Se si desidera abilitare la funzionalità Avvisi per l'evento, selezionare Avvisi abilitati e immettere
un messaggio nel campo Messaggio di avviso.
Quando l'evento viene attivato, il messaggio immesso viene incluso nella notifica di avviso inviata
agli utenti.
6. Scegliere OK.
Nota:
prima di attivare l’evento personalizzato, pianificare un oggetto che dipenda da tale evento.
Argomenti correlati
• Per pianificare un oggetto
• Abilitazione della funzionalità Avvisi per un evento
7.4.3.2 Attivazione di un evento personalizzato
1. Accedere all'area di gestione "Eventi" della CMC (Central Management Console) e aprire la cartella
Eventi di sistema.
2. Selezionare un evento personalizzato.
3. Fare clic su Azioni > Attiva evento.
7.4.4 Definizione dei diritti per gli eventi
È possibile concedere o negare a utenti e gruppi l'accesso a eventi e a cartelle di eventi. Ad esempio
gli eventi possono essere resi disponibili solo per determinati dipendenti o reparti, come il reparto di
gestione o IT.
Gli utenti possono vedere solo gli eventi per i quali dispongono dei diritti appropriati. È possibile utilizzare
i diritti per nascondere gli eventi non applicabili a un gruppo specifico. Ad esempio, se si concede al
126
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
solo gruppo di amministrazione IT il diritto di accedere agli eventi relativi al settore IT, un utente
appartenente al gruppo di amministrazione Risorse umane non sarà in grado di visualizzare gli eventi
in questione. Questo semplifica l'esplorazione dell'elenco degli eventi da parte del gruppo di
amministrazione Risorse umane.
Nota:
per impostazione predefinita, gli eventi si basano sulle impostazioni di protezione correnti.
I diritti vengono ereditati dalle cartelle principali degli utenti.
Suggerimento:
gli eventi vengono ordinati in cartelle in base al tipo di evento. All'interno di ogni cartella dei tipi di evento
è possibile creare sottocartelle che consentono di perfezionarne l'ordinamento.
Per ulteriori informazioni sui diritti, consultare il capitolo “Impostazione dei diritti” nel Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence, disponibile in SAP
Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
127
2012-12-05
Pianificazione di oggetti
128
2012-12-05
Avvisi
Avvisi
8.1 Avvisi
Avvisi è una funzionalità comune a diverse applicazioni nella piattaforma BI. Questa funzionalità notifica
agli utenti e agli amministratori quando vengono attivati eventi e consente di gestire oggetti ed eventi
sulla base dell'eccezione. La funzionalità Avvisi notifica all'utente le modifiche.
Ad esempio: Julie lavora in una compagnia di assicurazioni automobilistiche e tiene traccia del numero
di richieste compilate mediante un report Crystal. Effettua la sottoscrizione all'avviso Numero di richieste
e sceglie di ricevere la propria notifica mediante posta elettronica. Il report viene eseguito
quotidianamente. Dopo una settimana, il numero di richieste di assicurazioni automobilistiche raggiunge
10.000. Il numero di richieste soddisfa le condizioni dell'avviso, che viene attivato. Julie riceve notifica
mediante posta elettronica e si rende conto che le richieste di assicurazioni auto sono aumentate
notevolmente. Informa il proprio responsabile e consiglia di lanciare una campagna per promuovere
abitudini di guida più sicure.
Sottoscrizione agli avvisi
Nella piattaforma BI utenti e amministratori possono effettuare la sottoscrizione agli avvisi utilizzando
la Central Management Console o BI Launch Pad.
Abilitazione degli avvisi
Quando vengono creati nuovi report, gli sviluppatori di report abilitano gli avvisi. Quando vengono
attivati gli eventi, vengono inviate notifiche agli indirizzi di posta elettronica dei sottoscrittori o a una
destinazione del sistema BI (ad esempio un account BI Launch Pad).
Visualizzazione delle notifiche degli avvisi
Nella piattaforma BI utenti e amministratori visualizzano le notifiche in BI Launch Pad o nella propria
posta elettronica.
Fare clic con il pulsante destro del mouse su un avviso e scegliere Mostra altro. Viene visualizzata la
finestra Informazioni sull'avviso, in cui sono mostrati il titolo, il messaggio e l'ora in cui è stato attivato.
Gestione degli avvisi
Gli amministratori dei contenuti e i power user gestiscono gli avvisi nella CMC o in BI Launch Pad. Gli
amministratori di sistema gestiscono gli avvisi nella CMC e controllano l'accesso degli utenti mediante
l'assegnazione di diritti.
129
2012-12-05
Avvisi
8.1.1 Origini degli oggetti per gli avvisi
Oggetto
Descrizione
Report Crystal
I report Crystal possono includere più avvisi. Quando si
aggiunge al repository un report contenente avvisi, la
piattaforma BI crea automaticamente oggetti evento che
corrispondono a ciascun avviso del report. Nella Central
Management Console questi eventi sono elencati nella
cartella Eventi Crystal Reports, dell'area Eventi.
È inoltre possibile eseguire la ricerca di tali eventi mediante l'opzione Ricerca di contenuti.
Nota:
solo i report creati nella piattaforma BI supportano la funzionalità Avvisi e consentono agli utenti di effettuare la
sottoscrizione alle notifiche degli avvisi quando vengono
aggiunti i report. Per effettuare la sottoscrizione, è necessario accedere al report ed eseguire l'attività corrispondente sull'oggetto report.
Eventi (basati su file, basati su pianificazione e personalizzati)
È possibile abilitare la funzionalità di avviso per qualsiasi
evento.
Nota:
•
•
il monitoraggio utilizza gli avvisi per inviare agli amministratori di sistema notifiche relative alle
modifiche rilevate nello stato generale del sistema. È possibile trovare gli avvisi basati sulle metriche
di monitoraggio nella cartella Eventi di monitoraggio dell'area Eventi. Per ulteriori informazioni
sul monitoraggio, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence presso http://help.sap.com.
la funzionalità degli avvisi viene utilizzata anche per gli oggetti creati in applicazioni come Information
Steward ed Event Insight. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione dell'applicazione.
8.1.2 Workflow di Avvisi
Il workflow della funzionalità Avvisi prevede varie fasi, diverse applicazioni e più tipi di utenti.
Flusso di lavoro di Avvisi per i report Crystal
1. Il creatore di report progetta un report contenente avvisi in Crystal Reports for Enterprise.
130
2012-12-05
Avvisi
2. Il creatore di report o un amministratore di contenuto aggiunge il report Crystal a una cartella nell'area
"Cartelle" o "Cartelle personali" della console CMC. Quando il report viene aggiunto, il sistema crea
automaticamente oggetti evento report in base agli avvisi del report.
3. L'utente accede alla console CMC oppure a BI Launch Pad, si sposta sul report Crystal ed effettua
la sottoscrizione all'avviso.
4. Il creatore di report o un amministratore di contenuto pianifica l'esecuzione del report Crystal. Se
viene soddisfatta la condizione, l'avviso viene attivato e l'utente riceve una notifica in base alle
impostazioni di sottoscrizione.
Flusso di lavoro di Avvisi per gli eventi
1. L'amministratore di contenuto crea un evento nella console CMC e abilita gli avvisi sul nuovo evento.
2. L'utente utilizza l'avviso nell'area "Eventi" della console CMC oppure esegue la ricerca dell'avviso
in base al nome in BI Launch Pad ed effettua la sottoscrizione ad esso.
3. L'evento si verifica, attivando l'avviso.
4. L'utente viene informato che l'evento si è verificato in base alle impostazioni di sottoscrizione.
8.1.3 Differenze tra le notifiche di avviso dei report Crystal e la funzionalità di avviso
Nelle versioni precedenti della piattaforma BI era possibile configurare le notifiche degli avvisi per i
report Crystal in fase di pianificazione. La piattaforma BI continua a supportare questa funzionalità per
i report creati in Crystal Reports. Nella tabella che segue vengono riepilogate le differenze principali
tra la funzionalità di notifica degli avvisi precedente e la funzionalità di avviso.
Differenze principali
Notifiche di avviso dei report
Crystal
Avvisi
•
131
Oggetti supportati
Report creati in SAP Crystal Reports
Destinazioni supportate
Solo posta elettronica
•
•
•
•
Solo i report creati in SAP Crystal
Reports
Eventi
Metriche di monitoraggio
Avvisi Information Steward
Avvisi Event Insight
•
•
Avvisi personali in BI Launch Pad
Posta elettronica
2012-12-05
Avvisi
Differenze principali
Notifiche di avviso dei report
Crystal
Avvisi
Utilizzo
È possibile configurare questa
funzionalità quando si configura
la pianificazione di un report Crystal. È necessario immettere manualmente gli indirizzi di posta
elettronica di tutti i destinatari. I
destinatari possono essere utenti
Enterprise e utenti che non dispongono di account per la piattaforma BI.
È possibile effettuare la sottoscrizione
all'invio di notifiche di avviso dall'origine
avviso, nonché modificare le sottoscrizioni in base alle esigenze. I destinatari
possono essere utenti Enterprise e utenti che non dispongono di account per
la piattaforma BI. Per gli utenti privi di
account è necessario immettere manualmente gli indirizzi di posta elettronica.
8.1.4 Diritti richiesti per la funzionalità Avvisi
I diritti necessari per l'utilizzo della funzionalità Avvisi dipendono dal ruolo che l'utente ha nel flusso di
lavoro e dalle rispettive responsabilità. Nelle tabelle seguenti vengono riepilogati i diritti richiesti per
l'esecuzione di attività comuni degli avvisi.
Tabella 8 - 2: Utilizzo degli avvisi relativi ai documenti
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
•
•
Utente
Effettuare la sottoscrizione
a un avviso di documento
Utente
Annullare la sottoscrizione
a un avviso di documento
Utente
132
Ricevere notifica di un avviso di documento
•
Diritto di visualizzazione sul documento
Diritto di visualizzazione sull'evento corrispondente
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
Nota:
Se l'utente intende visualizzare un'istanza mediante un collegamento al documento nella notifica
di avviso, richiede anche il diritto Visualizza istanza sul documento.
•
•
•
•
Diritto di visualizzazione sull'evento corrispondente
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
Diritto di visualizzazione sull'evento corrispondente
Diritto di visualizzazione sul documento
2012-12-05
Avvisi
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
Amministratore di
contenuto
Gestire le impostazioni di
parametri e destinazione per
un avviso di documento
•
•
Diritti di modifica per il documento
Diritto di modifica per l'evento
•
Diritti di visualizzazione e di modifica sul documento
Diritti di visualizzazione e modifica sull'evento
corrispondente
Diritti di visualizzazione e sottoscrizione su
qualsiasi utente o gruppo da aggiungere
come sottoscrittore
•
•
Amministratore di
contenuto
Gestire le impostazioni degli
avvisi per un documento
Amministratore di
contenuto
Annullare la sottoscrizione
di un utente a un avviso di
documento
Amministratore di
contenuto
Attivare un avviso di documento
Nota:
se si desidera aggiungere un gruppo di utenti
all'elenco dei sottoscrittori, è necessario disporre
dei diritti di visualizzazione e sottoscrizione per
l'oggetto gruppo di utenti. Non è sufficiente disporre dei diritti di visualizzazione e sottoscrizione per i singoli utenti all'interno del gruppo.
•
•
•
•
•
Diritto di visualizzazione sul documento
Diritto di visualizzazione sull'evento corrispondente
Diritti di visualizzazione e sottoscrizione
sull'utente
Diritti di visualizzazione e di pianificazione sul
documento
Diritti visualizzazione e attivazione sull'evento
corrispondente
Tabella 8 - 3: Utilizzo degli avvisi relativi agli eventi
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
•
•
Utente
133
Effettuare la sottoscrizione
a un avviso
Diritto di visualizzazione sull'evento
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
Nota:
per impostazione predefinita, i diritti di sottoscrizione vengono concessi agli utenti sui rispettivi
account personali.
2012-12-05
Avvisi
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
•
•
Utente
Annullare la sottoscrizione
a un avviso di evento
Nota:
per impostazione predefinita, i diritti di sottoscrizione vengono concessi agli utenti sui rispettivi
account personali.
•
•
Amministratore di
contenuto
Gestire le impostazioni degli
avvisi per un evento
Amministratore di
contenuto
Attivare un evento
Diritto di visualizzazione sull'evento
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
Diritti di visualizzazione e modifica sull'evento
Diritti di visualizzazione e sottoscrizione su
qualsiasi utente o gruppo da aggiungere
come sottoscrittore
Nota:
se si desidera aggiungere un gruppo di utenti
all'elenco dei sottoscrittori, è necessario disporre
dei diritti di visualizzazione e sottoscrizione per
l'oggetto gruppo di utenti. Non è sufficiente disporre dei diritti di visualizzazione e sottoscrizione per i singoli utenti all'interno del gruppo.
•
Diritti di visualizzazione e attivazione
sull'evento
Tabella 8 - 4: Utilizzo delle notifiche di avvisi
134
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
Utente
Ricevere una notifica di avviso
•
Diritto di visualizzazione sull'evento corrispondente
Utente
Contrassegnare una notifica
di avviso come letta o non
letta
•
•
Diritto di visualizzazione sulla notifica di avviso
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
Utente
Rileggere una notifica di avviso
•
Diritto di visualizzazione sulla notifica di avviso
Utente
Eliminare una notifica di avviso in BI Launch Pad
•
•
Diritto di visualizzazione sulla notifica di avviso
Diritto di sottoscrizione sull'account utente
2012-12-05
Avvisi
8.1.5 Risoluzione dei conflitti di sottoscrizione
Come conseguenza dell'appartenenza ai gruppi, per alcuni utenti le impostazioni di sottoscrizione
possono generare dei conflitti. Quando si verificano conflitti nelle impostazioni di sottoscrizione, la
funzionalità Avvisi li risolve nei modi illustrati di seguito.
•
•
Un'impostazione eseguita su un utente ignora eventuali impostazioni ereditate dall'appartenenza al
gruppo.
Un'impostazione eseguita su un gruppo secondario ignora eventuali impostazioni ereditate da un
gruppo.
Un utente può ereditare impostazioni di sottoscrizione diverse da due gruppi gerarchicamente uguali.
In questa situazione l'utente riceve notifiche di avviso in base a ciascuna impostazione.
Nota:
la presenza nell'elenco Esclusi ignora tutte le altre impostazioni di sottoscrizione. Se un utente ha
effettuato la sottoscrizione agli avvisi ma è presente nell'elenco Esclusi, non riceve le notifiche di avviso.
Esempio: Impostazioni di sottoscrizione di due gruppi gerarchicamente uguali
Julie appartiene al gruppo Vendite America del Nord e al gruppo Vendite America del Sud, nessuno
dei quali è un gruppo secondario dell'altro. Il gruppo Vendite America del Nord riceve notifiche relative
all'avviso Entrate via posta elettronica e in Posta in arrivo BI, mentre il gruppo Vendite America del
Sud riceve notifiche relative all'avviso Entrate solo mediante posta elettronica. In quanto appartenente
a entrambi i gruppi, Julie riceve le notifiche relative all'avviso Entrate sia mediante posta elettronica
che nella Posta in arrivo BI. Se per il report sono stati definiti parametri (ad esempio valori di parametri
regionali di “America del Nord” e “America del Sud”), Julie riceve notifiche di avviso mediante messaggi
di posta elettronica separati. In caso contrario, gli avvisi vengono combinati in un unico messaggio di
posta elettronica.
8.2 Utilizzo della funzionalità Avvisi
8.2.1 Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
Le origini di avviso vengono archiviate in posizioni diverse, a seconda del tipo di oggetto. Nella tabella
seguente vengono riepilogate le posizioni delle diverse origini di avviso.
135
2012-12-05
Avvisi
Oggetto (origine di avviso)
Posizione nella console CMC
Report Crystal
Area "Cartelle" o "Cartelle personali"
Un elenco di tutti gli avvisi dei report Crystal nel sistema
che supportano gli avvisi è disponibile nella cartella
Eventi Crystal Reports dell'area"Eventi" della
console CMC. Per effettuare la sottoscrizione a un avviso,
è necessario che il report Crystal si trovi nell'area "Cartelle" o "Cartelle personali".
Eventi (basati su file, basati su pianificazione e personalizzati)
Area "Eventi"
Gli eventi sono organizzati in base al tipo di evento. Gli
eventi abilitati agli avvisi sono indicati da un'icona
.
8.2.2 Abilitazione della funzionalità Avvisi per un evento
La funzionalità Avvisi viene abilitata automaticamente per un report Crystal contenente avvisi: gli utenti
possono sottoscriversi agli avvisi di un report non appena questo viene aggiunto al repository. Per
abilitare gli avvisi degli eventi, è necessario eseguire passaggi aggiuntivi come l'abilitazione di un avviso
alla creazione di un nuovo evento.
1. Nell'area "Eventi" della console CMC selezionare l'evento per cui si desidera abilitare la funzionalità
Avvisi.
2. Fare clic su Gestisci > Proprietà.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Proprietà".
3. Fare clic su Impostazioni evento nel pannello di spostamento.
4. Selezionare Avvisi abilitati e immettere un messaggio nel campo Messaggio di avviso.
Questo messaggio verrà inviato ai sottoscrittori quando viene attivato l'avviso.
Nota:
non è possibile immettere messaggi per eventi basati su pianificazione.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
8.2.3 Sottoscrizione a un avviso
1. Spostarsi sull'origine di avviso e selezionarla.
136
2012-12-05
Avvisi
Per ulteriori informazioni, consultare Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management
Console.
2. Fare clic su Azioni > Sottoscrivi.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Sottoscrivi".
3. Selezionare la destinazione.
Opzione
Descrizione
Avvisi personali
Invia la notifica di avviso a una destinazione del sistema Business Intelligence
(ad esempio, BI Launch Pad).
Posta elettronica Invia la notifica di avviso all'indirizzo di posta elettronica specificato per l'account
utente nella piattaforma BI.
Nota:
•
•
questa destinazione è disponibile solo se è stato specificato un indirizzo di
posta elettronica per l'account utente utilizzato.
verificare che l'indirizzo di posta elettronica sia valido e sia stato immesso
correttamente. In caso contrario, non si riceverà alcuna notifica di avviso.
4. Configurare le altre impostazioni in base alle necessità.
a seconda dell'origine dell'avviso, potrebbe essere necessario configurare altre impostazioni. Per i
report Crystal contenenti più avvisi, è ad esempio necessario selezionare l'avviso al quale si desidera
effettuare la sottoscrizione.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Alla successiva attivazione dell'avviso, verrà inviata notifica alla destinazione selezionata. Per cambiare
le destinazioni a cui verranno inviate le notifiche di avviso, selezionare l'origine di avviso e fare clic su
Azioni > Modifica sottoscrizione. È possibile utilizzare Azioni > Modifica sottoscrizione anche per
cambiare gli avvisi dei report Crystal cui effettuare la sottoscrizione.
Le notifiche vengono inviate utilizzando le impostazioni di destinazione predefinite per l'Applicazione
di gestione degli avvisi, se non si specificano impostazioni personalizzate per l'origine dell'avviso.
Argomenti correlati
• Gestione delle impostazioni della funzionalità Avvisi per un'origine di avviso
8.2.4 Annullamento della sottoscrizione a un avviso
Questa attività consente di annullare la sottoscrizione a un avviso.
1. Spostarsi sull'origine di avviso e selezionarla.
2. Fare clic su Azioni > Annulla sottoscrizione.
137
2012-12-05
Avvisi
3. Quando viene richiesto di confermare l'operazione, fare clic su Annulla sottoscrizione.
Argomenti correlati
• Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
8.2.5 Per sottoscrivere altri utenti a un avviso
1. Spostarsi sull'origine di avviso e selezionarla.
2. Fare clic su Azioni > Gestisci sottoscrittori.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci sottoscrittori".
3. Verificare che nel pannello di spostamento sia selezionata l'opzione Elenco sottoscrittori.
4. Se si desidera aggiungere nuovi sottoscrittori, procedere come segue:
a. Fare clic su Aggiungi.
b. Nella finestra di dialogo "Aggiungi" spostare utenti e gruppi dall'elenco Disponibile all'elenco
Sottoscritto e fare clic su Aggiungi sottoscrizioni predefinite.
c. Configurare le altre impostazioni relative agli avvisi in base alle necessità.
È ad esempio possibile modificare gli avvisi cui effettuare la sottoscrizione (se l'origine di avviso
contiene più avvisi), nonché le destinazioni. Possono essere disponibili altre opzioni che dipendono
dall'origine di avviso.
d. Fare clic su Salva e chiudi.
5. Se si desidera modificare le impostazioni per un sottoscrittore, procedere come segue:
a. Selezionare un sottoscrittore nell'"Elenco sottoscrittori" e fare clic su Modifica.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Modifica sottoscrizioni".
b. Se si desidera modificare gli avvisi che il sottoscrittore dovrà ricevere, fare clic su Avvisi nell'elenco
di spostamento e selezionare gli avvisi rilevanti.
Se l'origine di avviso contiene più avvisi, questi vengono tutti elencati qui. In caso contrario, viene
visualizzato un solo avviso.
c. Se si desidera specificare destinazioni diverse per l'invio di un avviso, fare clic su Destinazioni
nell'elenco di spostamento e selezionare le destinazioni rilevanti.
Se è stata abilitata e configurata la destinazione di posta elettronica in Adaptive Job Server,
questa sarà disponibile. In caso contrario, sarà disponibile solo Avvisi personali.
d. Configurare le altre impostazioni relative agli avvisi in base alle necessità.
a seconda dell'origine dell'avviso, potrebbe essere necessario configurare altre impostazioni.
e. Fare clic su Salva e chiudi per tornare all'Elenco sottoscrittori.
6. Una volta apportate tutte le modifiche, nella finestra di dialogo "Gestisci sottoscrittori" fare clic su
Salva e chiudi.
138
2012-12-05
Avvisi
Argomenti correlati
• Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
8.2.6 Annullamento della sottoscrizione di altri utenti a un avviso
1. Spostarsi sull'origine di avviso e selezionarla.
2. Fare clic su Azioni > Gestisci sottoscrittori.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci sottoscrittori".
3. Verificare che nel pannello di spostamento sia selezionata l'opzione Elenco sottoscrittori.
4. Selezionare un utente o un gruppo e fare clic su Annulla sottoscrizione.
Argomenti correlati
• Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
8.2.7 Esclusione di utenti da un avviso
Seguire la procedura che consente di escludere utenti da un avviso.
Nota:
l'esclusione di utenti si rivela utile quando si desidera sottoscrivere solo alcuni utenti di un gruppo.
Utilizzando questa procedura si sottoscrive l'intero gruppo e si escludono solo gli utenti che non
desiderano ricevere notifiche di avviso. la presenza nell'elenco Esclusi ignora tutte le altre impostazioni
di sottoscrizione relative a un utente.
1. Spostarsi sull'origine dell'avviso.
2. Fare clic su Azioni > Gestisci sottoscrittori.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci sottoscrittori".
3. Verificare che nel pannello di spostamento sia selezionata l'opzione Elenco esclusi.
4. Spostare utenti e gruppi dall'elenco Disponibili all'elenco Esclusi.
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
139
2012-12-05
Avvisi
8.2.8 Gestione delle impostazioni della funzionalità Avvisi per un'origine di avviso
Le notifiche vengono inviate mediante le impostazioni di destinazione predefinite per l'applicazione
Avvisi, a meno che non si definiscano altre impostazioni. Seguire la procedura seguente per gestire le
impostazioni di un'origine di avviso.
1. Spostarsi sull'origine dell'avviso.
2. Fare clic su Azioni > Gestisci impostazioni di avviso.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci impostazioni di avviso".
3. Per abilitare BI Launch Pad come destinazione, selezionare Abilita avvisi.
Questa opzione consente di inviare le notifiche di avviso agli account BI Launch Pad dei sottoscrittori
e consente ai sottoscrittori di visualizzarli in Avvisi personali.
4. Per abilitare la posta elettronica come destinazione, selezionare Abilita posta elettronica, quindi
scegliere se utilizzare le impostazioni di posta elettronica predefinite o personalizzate.
Le impostazioni predefinite sono quelle specificate per gli avvisi nell'area "Applicazioni". Per le
impostazioni di posta elettronica personalizzate, impostare le opzioni seguenti, se possibile:
• Da
• A
• Cc
• Ccn
• Oggetto
• Messaggio
• Aggiungi allegato
• "Nome file" (Generato automaticamente oppure Nome specifico)
5. Fare clic su Salva e chiudi.
Argomenti correlati
• Individuazione di oggetti origine avviso nella Central Management Console
8.2.9 Consigli sulla gestione degli avvisi
Di seguito vengono indicate le procedure consigliate per garantire il corretto funzionamento degli avvisi:
•
•
140
Evitare di rinominare gli avvisi dei report Crystal. Nella piattaforma BI un avviso di report Crystal
rinominato viene interpretato come nuovo oggetto, pertanto si perdono le impostazioni di sottoscrizione
definite per l'avviso.
Sottoscrivere gruppi specifici anziché il gruppo Tutti.
2012-12-05
Avvisi
•
141
Per gli avvisi di volume elevato utilizzare la posta elettronica come destinazione anziché BI Launch
Pad. I messaggi di avviso inviati a BI Launch Pad vengono archiviati nel sistema. I messaggi di
avviso accumulati possono interferire con le prestazioni del sistema.
2012-12-05
Avvisi
142
2012-12-05
Gestione dei profili
Gestione dei profili
9.1 Funzionamento dei profili
I profili, in congiunzione con le pubblicazioni, consentono di personalizzare il contenuto.
Profili come oggetti
I profili sono anche oggetti della piattaforma BI che consentono di classificare utenti e gruppi. Collegano
utenti e gruppi a valori di profilo, che vengono utilizzati per personalizzare i dati all'interno di un report.
I profili utilizzano inoltre destinazioni di profilo che descrivono come un profilo viene applicato a un
report. L'assegnazione di più valori di profilo permette di personalizzare i dati del report in funzione
delle esigenze di utenti o gruppi specifici. Vengono quindi consegnate agli utenti molte versioni
personalizzate diverse.
Profili e ruoli
Gli altri profili riflettono i ruoli di utenti e gruppi in una struttura organizzativa. Ad esempio, è possibile
disporre di un profilo Reparto che include tutti i dipendenti di un'azienda. Ogni utente e gruppo dispone
di valori di profilo che ne riflettono il ruolo nell'azienda, ad esempio “Finanze”, “Vendite” e “Marketing”.
Quando un autore di pubblicazioni applica il profilo Reparto a una pubblicazione, i dipendenti ricevono
i dati rilevanti per il loro reparto.
Contenuto di profili e documenti
I profili vengono utilizzati per ridefinire o filtrare il contenuto di un documento, ma non controllano
l'accesso ai dati. L'uso di un profilo per la visualizzazione di un sottoinsieme dei dati non equivale a
limitare l'accesso dell'utente a tali dati. Se gli utenti dispongono dei diritti appropriati e accedono al
documento nel formato originale, è possibile visualizzare tutti i dati per il documento in BI Launch Pad
o nella console CMC. I profili filtrano le visualizzazioni dei dati senza modificare né proteggere i dati
da eventuali query dell'origine dati.
9.1.1 Profili e workflow di pubblicazione
L'uso di un profilo per la personalizzazione di una pubblicazione è un processo che consta di due parti.
È innanzitutto necessario creare il profilo nell'area "Profili" della CMC. La creazione di un profilo prevede
l'esecuzione delle seguenti attività:
1. Creare un profilo.
143
2012-12-05
Gestione dei profili
2. Aggiungere utenti e gruppi al profilo.
3. Assegnare valori di profilo a ogni utente e gruppo del profilo specifico.
4. Specificare una destinazione di profilo globale, se necessario.
La creazione di una pubblicazione prevede l'esecuzione delle seguenti attività:
1. Aggiungere utenti e gruppi come destinatari.
2. Specificare una destinazione locale per il profilo da filtrare, ad esempio un campo in un report Crystal.
3. Specificare i profili da utilizzare per la personalizzazione.
Argomenti correlati
• Personalizzazione
9.1.2 Creazione di un profilo
1. Passare all'area di gestione "Profili" della CMC.
2. Scegliere Gestisci > Nuovo > Nuovo profilo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Crea nuovo profilo".
3. Digitare un nome per il profilo nel campo Titolo.
4. Completare il campo Descrizione.
5. Fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Destinazioni di profilo e valori di profilo
• Per specificare il valore di un profilo
• Definizione dei diritti dei profili
9.2 Destinazioni di profilo e valori di profilo
Per utilizzare un profilo per personalizzare una pubblicazione, è necessario impostare valori di profilo
e destinazioni di profilo per il profilo.
Destinazioni di profilo
Le destinazioni di profilo sono origini dati che i valori di profilo filtrano e con le quali interagiscono per
fornire pubblicazioni personalizzate. Esistono due tipi di destinazione di profilo:
•
144
Destinazione profilo locale
2012-12-05
Gestione dei profili
Una destinazione di profilo locale può essere una variabile in un documento Web Intelligence o un
campo o un parametro in un report Crystal. Quando si utilizza una destinazione di profilo locale, il
documento di origine che contiene la destinazione di profilo locale viene filtrata per i destinatari della
pubblicazione.
•
Destinazione di profilo globale
Una destinazione di profilo globale può essere un universo. È inoltre necessario specificare un
oggetto all'interno di tale universo. Questo tipo di destinazione di profilo filtra tutti i documenti di
origine che utilizzano l'universo.
Nota:
è possibile utilizzare destinazioni di profilo globali per le pubblicazioni che contengono documenti
Web Intelligence. Non è possibile utilizzare le destinazioni di profilo globali con i report Crystal.
Valori di profilo
I valori di profilo sono attributi dettagliati per utenti o gruppi specifici quando si assegnano tali utenti e
gruppi a un profilo. Quando si applica un profilo a una pubblicazione, gli utenti e i gruppi assegnati a
tale profilo ricevono versioni della pubblicazione filtrate in base ai relativi valori di profilo impostati.
Nota:
se si assegnano valori di profilo sia agli utenti che ai gruppi, viene applicata ai profili l'ereditarietà
applicata alle impostazioni di protezione. Per ulteriori informazioni, consultare il capitolo “Impostazione
dei diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence
disponibile in SAP Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
Uso dei valori e delle destinazioni di profilo
Le destinazioni di profilo e i valori di profilo consentono di utilizzare un profilo per personalizzare una
pubblicazione per i destinatari. Gli utenti e i gruppi specificati per un profilo ricevono versioni filtrate
della stessa pubblicazione in cui sono visualizzati solo i dati per loro più rilevanti.
Si consideri una situazione in cui un report delle vendite globali venga distribuito tra i team delle vendite
regionali di una società in Nord America, Sud America, Europa e Asia. Ogni team delle vendite regionali
desidera visualizzare solo i dati specifici per la propria regione. L'amministratore crea un profilo Vendite
regionali e aggiunge ogni team delle vendite regionali al profilo come gruppo. L'amministratore assegna
a ogni team delle vendite regionali un valore di profilo corrispondente (ad esempio al gruppo delle
vendite del Nord America viene assegnato “Nord America”). Durante la pubblicazione, l'autore utilizza
il campo Regione nel report vendite globale come destinazione di profilo locale e applica il profilo al
report. Il report vendite globale viene filtrato in base ai valori di profilo impostati per ogni team di vendita
regionale. Quando viene distribuito il report delle vendite globali, ogni team delle vendite regionali riceve
una versione personalizzata in cui sono visualizzati solo i dati delle vendite per la regione di interesse.
9.2.1 Per specificare una destinazione di profilo globale
Questo task consente di specificare una destinazione di profilo globale per un profilo. Le destinazioni
di profilo locale sono specificate durante il processo di pubblicazione.
145
2012-12-05
Gestione dei profili
1. Nell'area "Profili" della CMC, selezionare il profilo per cui si desidera specificare una destinazione
di profilo.
2. Fare clic su Azioni > Destinazioni di profilo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Destinazioni di profilo".
3. Fare clic su Aggiungi.
4. Selezionare un universo dall'elenco Nome universo.
5. Immettere un nome di classe nel campo Nome classe oppure fare clic su Seleziona oggetto
dall'universo.
6. Immettere un nome di variabile nel campo Nome variabile oppure fare clic su Seleziona oggetto
dall'universo.
7. Fare clic su OK.
9.2.2 Specifica di valori profilo
È possibile utilizzare valori statici, espressioni o variabili come valori profilo.
I valori statici sono i valori profilo più comuni e possono essere utilizzati per filtrare qualsiasi tipo di
documento di origine. È anche possibile immettere valori statici per un utente o un gruppo per un profilo.
Ad esempio, un manager interessato a ricevere dati da più reparti può impostare “Produzione”, “Design”
e “Marketing” come valori profilo statici per un profilo Reparto.
Le espressioni utilizzano sintassi specifica di alcuni tipi di documento di origine. È possibile utilizzare
espressioni SAP Crystal Reports e Web Intelligence per eseguire operazioni di filtro e personalizzazione
più complesse. Le espressioni sono utili se si desidera filtrare un intervallo di valori o un intervallo di
valori maggiore o minore di un determinato valore, per un utente.
Se si desidera utilizzare informazioni utente come valori di profilo, è possibile utilizzare variabili per i
nomi utente, i nomi completi e gli indirizzi di posta elettronica. Queste variabili vengono mappate sulle
informazioni utente e agiscono come segnaposti. Quando viene applicato il profilo a una pubblicazione,
il sistema recupera le informazioni più recenti per gli utenti.
Le variabili dei valori profilo sono utili perché riducono i costi amministrativi ed errori possibili associati
all'immissione manuale delle informazioni. Si consideri una situazione in cui un amministratore esegue
il mapping di un utente AD al sistema e aggiunge l'utente a due profili. Anziché immettere manualmente
le informazioni per ciascun valore di profilo con la possibilità di commettere errori di battitura,
l'amministratore può specificare le variabili da utilizzare per i dati dell'utente.
Per gli utenti di terze parti, se le informazioni dell'utente vengono modificate in un sistema esterno, i
dati nella piattaforma BI possono essere sincronizzati per riflettere tali modifiche quando si esegue una
pubblicazione.
Suggerimento:
Se si dispone di un account utente di terze parti con dati che non devono essere sovrascritti da attributi
utente in una directory esterna, aprire la finestra di dialogo "Proprietà" per l'oggetto utente e deselezionare
la casella di controllo Importa nome completo e indirizzo di posta elettronica.
146
2012-12-05
Gestione dei profili
Nota:
I valori di profilo statici possono filtrare i campi in formato stringa solo nei documenti di origine. Se si
associa il tipo di campo sbagliato al profilo, la personalizzazione non può riuscire.
9.2.2.1 Per specificare il valore di un profilo
Questo task consente di specificare un valore di profilo per un utente o un gruppo.
1. Nell'area "Profili" della console CMC, selezionare un profilo.
Suggerimento:
In alternativa, è possibile selezionare un utente o un gruppo nell'area "Utenti e gruppi".
2. Scegliere Azioni > Valori di profilo.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Valori di profilo".
3. Fare clic su Aggiungi.
4. Fare clic su Seleziona.
5. Selezionare uno o più utenti o uno o più gruppi e fare clic su > per spostarli nell'elenco sul lato
destro.
6. Fare clic su OK.
7. Immettere un valore di profilo per l'utente o gli utenti o il gruppo o i gruppi selezionati.
È possibile utilizzare tipi diversi di valori di profilo. È possibile immettere un valore di profilo statico
o un'espressione. È anche possibile specificare valori di profilo variabili per gruppi e utenti di terze
parti mappati al sistema.
•
Se si desidera utilizzare un valore:
a. Fare clic su Valore.
b. Immettere un valore nel campo Nuovo valore.
c. Fare clic su Aggiungi.
Suggerimento:
•
•
•
È possibile aggiungere più valori statici per un utente o un gruppo. Ripetere i passaggi 1-3
per ogni valore statico che si desidera aggiungere.
È possibile utilizzare %NULL% come valore di profilo statico se l'utente o il gruppo non include
valori filtrabili dal profilo per la personalizzazione.
Se si desidera utilizzare un'espressione di filtro:
a. Fare clic su Espressione filtro.
b. A seconda del tipo di espressione da utilizzare, immettere un'espressione nel campo
Espressione formula Web Intelligence o nel campo Espressione di Crystal Reports .
Nota:
Per utilizzare un'espressione Web Intelligence, è necessario specificare una destinazione
globale per il profilo.
147
2012-12-05
Gestione dei profili
Suggerimento:
Per applicare il profilo a più tipi di documento, è possibile immettere espressioni di filtro in tutti
e tre i campi.
8. Fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Per utilizzare variabili come valori profilo
9.2.2.2 Per utilizzare variabili come valori profilo
Questo task consente di specificare valori di profilo variabili per gli utenti quando li si aggiungono a un
profilo. È possibile specificare valori di profilo variabili per il nome completo, il nome account o l'indirizzo
di posta elettronica dell'utente.
1. Nell'area "Profili" della CMC selezionare il profilo al quale si desidera aggiungere l'utente o il gruppo.
2. Scegliere Azioni > Valori di profilo.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo "Valori di profilo".
3. Fare clic su Aggiungi.
4. Fare clic su Seleziona.
5. Selezionare l'utente o il gruppo dall'elenco a sinistra e fare clic su > per spostare l'utente o il gruppo
nell'elenco a destra.
6. Fare clic su OK.
7. Fare clic su Valore.
8. Selezionare una variabile segnaposto dall'elenco Aggiungi segnaposto e fare clic su Aggiungi.
Nella tabella riportata di seguito vengono riepilogate le variabili che possono essere utilizzate per
l'esternalizzazione dei profili.
Variabile
Descrizione
Titolo
Questa variabile è associata al nome account dell'utente.
Nome completo
dell'utente
Questa variabile è associata al nome completo dell'utente.
Indirizzo di posta
elettronica
Questa variabile è associata all'indirizzo di posta elettronica dell'utente.
Suggerimento:
Queste variabili possono anche essere utilizzate per i gruppi. È possibile mappare la variabile
Indirizzo di posta elettronica a un indirizzo di posta elettronica comune per l'intero
gruppo. Quando si esegue questa operazione, il sistema risolve la variabile e recupera singoli indirizzi
di posta elettronica per ogni membro del gruppo.
148
2012-12-05
Gestione dei profili
Il segnaposto viene visualizzato accanto al campo Valori esistenti.
9. Fare clic su OK.
Quando si utilizza il profilo per personalizzare una pubblicazione, il valore di profilo per l'utente di terza
parte viene aggiornato con le informazioni utente più recenti. Ad esempio, se l'indirizzo di posta elettronica
dell'utente è stato modificato dall'ultima esecuzione della pubblicazione, l'indirizzo di posta elettronica
utilizzato per il valore di profilo verrà modificato alla successiva esecuzione della pubblicazione.
9.3 Risoluzione dei conflitti tra i profili
Quando utenti e gruppi vengono assegnati a più profili, possono verificarsi conflitti tra i profili. Se a un
utente con due profili in conflitto viene consegnato un documento, è necessario risolvere il conflitto.
Tony, ad esempio, è un product manager nella sede messicana. Gli è stato assegnato un profilo definito
Regione per la personalizzazione dei suoi documenti in modo che vengano visualizzati solo i dati
provenienti dal Messico. Gli viene inoltre assegnato un profilo denominato Gestione per la
personalizzazione dei suoi documenti in modo che vengano visualizzati solo i dati relativi ai product
manager.
Se il documento utilizza entrambi questi profili, quale dei due sarà visibile a Tony? Secondo un profilo,
avrà accesso ai dati relativi al Messico. Secondo l'altro profilo, avrà accesso solo ai dati destinati ai
product manager.
Nella piattaforma BI è possibile risolvere il conflitto in due modi:
•
Non unire
La piattaforma BI determina tutte le visualizzazioni possibili di una pubblicazione e produce una
visualizzazione univoca per ognuna di esse. Nell'esempio, Tony riceve una pubblicazione
personalizzata per la visualizzazione dei dati relativi al Messico e un'altra pubblicazione per la
visualizzazione dei dati destinati ai product manager.
•
Unisci
Se si sceglie Unisci, la piattaforma BI determina le diverse visualizzazioni dati possibili e unisce i
profili non in conflitto. Questo tipo di risoluzione dei profili è progettato per garantire una protezione
basata sui profili. Nell'esempio, Tony riceve una singola pubblicazione personalizzata per la
visualizzazione dei dati relativi al Messico e per quelli destinati ai product manager.
Nota:
questo scenario di “non unione/unione” si applica solo ai valori di profilo ereditati. Se a un utente vengono
assegnati due valori di profilo in modo esplicito, le istanze della pubblicazione vengono sempre uniti.
Argomenti correlati
• Per specificare un metodo di risoluzione del profilo
149
2012-12-05
Gestione dei profili
9.3.1 Conflitti tra valori di profilo
È possibile che sorgano conflitti tra i valori di profilo quando un utente eredita due valori di profilo
contradditori come risultato dell'appartenenza ai gruppi. In genere, i valori di profilo assegnati in modo
esplicito hanno la priorità sui valori di profilo ereditati dall'appartenenza ai gruppi. Un valore di profilo
assegnato a un utente o a un sottogruppo ha la priorità sul valore di profilo ereditato dall'appartenenza
ai gruppi.
Ad esempio, Davide appartiene ai gruppi Vendite Europa e Vendite Italia. Il gruppo Vendite Italia è un
sottogruppo del gruppo Vendite Europa. Questi gruppi vengono entrambi aggiunti al profilo Regione.
Dal gruppo Vendite Europa Davide eredita un valore di profilo Regione di “Europa” e dal gruppo Vendite
Italia eredita un valore di profilo Regione di “Italia”. In questo caso, il valore di profilo che viene assegnato
al sottogruppo ha la priorità sul valore di profilo assegnato al gruppo e Davide riceve una pubblicazione
con i dati per l'Italia.
I conflitti tra i valori di profilo possono inoltre sorgere quando a un utente viene assegnato in modo
esplicito un valore di profilo che contraddice un valore di profilo ereditato dall'appartenenza ai gruppi.
Ad esempio, Paola appartiene al gruppo Vendite Europa che ha un valore di profilo Regione di “Europa”.
L'amministratore assegna inoltre a Paola il valore di profilo Regione di “Argentina”. In questo caso, il
valore di profilo assegnato al membro ha la priorità sul valore di profilo ereditato dal gruppo e Paola
riceve una pubblicazione con i dati per l'Argentina.
Talvolta, tuttavia, un utente può ereditare valori di profilo diversi da due diversi gruppi per un profilo.
Entrambi i gruppi sono uguali dal punto di vista gerarchico. Poiché un gruppo non è sottogruppo dell'altro,
un valore di profilo non ha la priorità sull'altro. In questo caso, entrambi i valori di profilo sono validi e
l'utente riceve un'istanza della pubblicazione per ogni valore di profilo.
Come conseguenza del conflitto tra i valori di profilo, talvolta le istanze di report duplicate vengono
incluse in istanze di pubblicazioni diverse e inviate allo stesso utente. Ad esempio, Sandra è manager
in due uffici del Nord America e riceve una pubblicazione tramite posta elettronica che contiene due
report. Il report 1 è personalizzato utilizzando il profilo Regione, per il quale Sandra eredita i valori di
profilo in conflitto “Stati Uniti” e “Canada” dall'appartenenza di gruppo. Il report 2 è personalizzato
utilizzando il profilo Ruolo, per il quale Sandra eredita il valore di profilo “Manager”. Se non è presente
un conflitto tra valori di profilo, dopo la personalizzazione, Sandra riceve un messaggio di posta
elettronica con un'istanza del report 1 (dati Stati Uniti e Canada) e un'istanza del report 2 (dati Manager)
unite. Al contrario, Sandra riceve due messaggi di posta elettronica: uno contiene un'istanza del report
1 Stati Uniti, l'altro contiene un'istanza del report 1 Canada ed entrambi i messaggi contengono la
stessa istanza del report 2 Manager.
Suggerimento:
Per evitare conflitti di valori di profilo con il conseguente invio di istanze di pubblicazioni duplicate, se
possibile, assegnare in modo esplicito agli utenti i valori di profilo invece di lasciare che gli utenti ereditino
i valori di profilo dall'appartenenza di gruppo.
150
2012-12-05
Gestione dei profili
9.4 Definizione dei diritti dei profili
È possibile autorizzare o meno utenti e gruppi ad accedere ai profili. A seconda della modalità di
organizzazione dei profili, potrebbe essere utile rendere alcuni profili disponibili solo a dipendenti e
reparti specifici.
Gli utenti con accesso alla CMC potranno visualizzare solo i profili per cui dispongono di diritti di
visualizzazione, quindi è possibile utilizzare i diritti per nascondere i profili che non sono applicabili a
un determinato gruppo. Se, ad esempio, si autorizza solo il gruppo di amministrazione IT ad accedere
ai profili relativi al settore IT, questi profili non saranno accessibili agli utenti del gruppo di amministrazione
Risorse umane. Ciò rende l'elenco dei profili più semplice da consultare per il gruppo di amministrazione
Risorse umane.
Per ulteriori informazioni sul modello di diritti nella piattaforma BI, consultare il capitolo “Impostazione
dei diritti” nel Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence
disponibile nel SAP Help Portal all'indirizzo http://help.sap.com.
151
2012-12-05
Gestione dei profili
152
2012-12-05
Pubblicazione
Pubblicazione
10.1 Informazioni sulla pubblicazione
Con la pubblicazione è possibile rendere automaticamente disponibili documenti quali report Crystal e
documenti Web Intelligence tramite posta elettronica o server FTP, salvarli su disco e gestirli tramite
la piattaforma BI (per la visualizzazione, l'archiviazione, il recupero e la pianificazione sul Web).
Utilizzando BI Launch Pad o la CMC è possibile adattare i documenti a diversi utenti e destinatari,
pianificarli per l'esecuzione a determinati intervalli e inviarli a più destinazioni, inclusi la Posta in arrivo
BI e gli indirizzi di posta elettronica.
10.2 Definizione di pubblicazione
Una pubblicazione è un insieme di documenti destinati alla distribuzione di massa. Prima che i documenti
vengano distribuiti, l'autore definisce la pubblicazione utilizzando un insieme di metadati. I metadati
comprendono l'origine della pubblicazione, i destinatari e la personalizzazione applicata.
Le pubblicazioni consentono di inviare informazioni all'interno dell'azienda in modo più efficiente:
•
Consentono di distribuire informazioni in modo semplice ad individui o gruppi di utenti e di
personalizzare le informazioni ricevute da ogni utente o gruppo.
•
Consentono la consegna di informazioni di business mirate a gruppi o individui mediante un portale
protetto da password, in un'intranet, un'extranet o su Internet.
•
Riducono l'accesso al database eliminando la necessità per gli utenti di inviare richieste di processi.
È possibile creare tipi differenti di pubblicazioni in base ai report di Crystal Reports o ai documenti Web
Intelligence.
10.3 Concetti relativi alla pubblicazione
153
2012-12-05
Pubblicazione
10.3.1 Bursting di report
Durante la pubblicazione, i dati dei documenti vengono aggiornati in rapporto all'origine dati e
personalizzati prima che la pubblicazione venga consegnata ai destinatari. Questo processo combinato
è noto come “report bursting”. In base alle dimensioni della pubblicazione e ai numero di destinatari ai
quali è dedicata, esistono diversi metodi di report bursting tra cui scegliere:
•
Un database fetch per tutti i destinatari
Quando si utilizza questo metodo di bursting report, tutti i documenti presenti nella pubblicazione
vengono aggiornati una volta e i documenti vengono personalizzati e consegnati a ciascun
destinatario. Questo metodo di report bursting utilizza le credenziali di accesso all'origine dati
dell'autore della pubblicazione per aggiornare i dati.
Si tratta dell'opzione predefinita per le pubblicazioni di documenti Web Intelligence. È anche l'opzione
consigliata per ridurre al minimo l'impatto della pubblicazione sul database. Questa opzione è sicura
solo quando i documenti di origine vengono consegnati come documenti statici. Ad esempio, un
destinatario che riceve un documento Web Intelligence nel formato originale può modificare il
documento e visualizzare i dati associati ad altri destinatari. Tuttavia, se il documento viene
consegnato come PDF, i dati verranno protetti.
Nota:
•
•
•
Questa opzione è protetta per la maggior parte di Crystal reports indipendentemente dal fatto
che i report Crystal siano stati consegnati nel proprio formato originale o meno.
Le prestazioni di questa opzione variano in base al numero di destinatari.
Un database fetch per ogni batch di destinatari
Quando si utilizza questo metodo di bursting report, la pubblicazione viene aggiornata, personalizzata
e consegnata ai destinatari in batch. Questo metodo di report bursting utilizza le credenziali di
accesso all'origine dati dell'autore della pubblicazione per aggiornare i dati. Questi batch sono basati
sui valori di personalizzazione specificati per i destinatari. La dimensione del batch varia in base al
valore di personalizzazione specificato e non è configurabile.
Questa è l'opzione predefinita per le pubblicazioni Crystal Reports. È anche l'opzione consigliata
per grandi volumi. Con questa opzione, è possibile elaborare batch su più server
contemporaneamente, possibilità che riduce sensibilmente il carico di elaborazione e il tempo
necessario per le pubblicazioni di grandi dimensioni.
Nota:
Questa opzione non è disponibile per i documenti Web Intelligence.
•
Un database fetch per destinatario
I dati di un documento vengono aggiornati per ogni destinatario. Ad esempio, se vi sono cinque
destinatari per una pubblicazione, quest'ultima viene aggiornata cinque volte. Questo metodo di
report bursting utilizza le credenziali di accesso all'origine dati del destinatario per aggiornare i dati.
Questa opzione è consigliata se si desidera la massima protezione per le pubblicazioni consegnate.
154
2012-12-05
Pubblicazione
Nota:
I report Crystal basati su universi o Business Views supportano Un database fetch per destinatario
solo per ottimizzare la protezione.
Argomenti correlati
• Per specificare un metodo di bursting del report
10.3.2 Regole di consegna
Nota:
Questa funzione non è disponibile per i documenti Web Intelligence.
Le “regole di consegna” incidono sulle modalità di elaborazione e distribuzione delle pubblicazioni.
Quando si impostano regole di consegna sui documenti, si indica che la pubblicazione verrà consegnata
ai destinatari solo se il contenuto dei documenti soddisfa determinate condizioni. Esistono due tipi di
regole di consegna:
•
Regola di consegna del destinatario
Se i dati contenuti nell'istanza del destinatario soddisfano la regola di consegna, la pubblicazione
viene consegnata al destinatario.
•
Regola di consegna globale
Se i dati contenuti in un documento designato soddisfano la regola di consegna, la pubblicazione
viene consegnata a tutti i destinatari.
Nota:
Il documento designato per una regola di consegna globale può essere diverso dal documento o
dai documenti utilizzati in una pubblicazione. È ad esempio possibile impostare una regola di
consegna globale su un documento utilizzato come origine per destinatario dinamico anziché un
documento nella pubblicazione.
Se una pubblicazione dispone di regole di consegna del destinatario e globali, prima vengono valutate
le regole di consegna globali per determinare se la pubblicazione verrà elaborata. Se la pubblicazione
soddisfa la regola di consegna globale, il sistema valuta le regole di consegna del destinatario per
determinare quali istanze elaborare e distribuire a ogni destinatario.
La modalità di impostazione delle regole dipende dal tipo di documento che si desidera pubblicare. Per
i report Crystal, si specifica una regola di consegna basata su un avviso denominato creato dalla
progettazione report designer nel report Crystal. È inoltre possibile impostare una regola di consegna
basata sul fatto che la pubblicazione personalizzata contenga o meno dati.
Il diagramma “Regola di consegna globale soddisfatta” illustra il funzionamento di una regola di consegna
globale basata su avviso. In questo esempio viene impostata un regola di consegna globale su un
documento nella pubblicazione. Il report Crystal presenta un avviso Fatturato per valori superiori a
100.000. L'autore crea una regola di consegna globale basata sull'avviso Fatturato, in base alla quale
155
2012-12-05
Pubblicazione
il report Crystal viene consegnato a tutti i destinatari solo se il fatturato supera 100.000. In questo caso
la regola di consegna viene soddisfatta, pertanto il report Crystal viene consegnato.
Figura 10 - 1: Regola di consegna globale soddisfatta
Il diagramma “Regola di consegna destinatario non soddisfatta” illustra il funzionamento di una regola
di consegna destinatario. L'autore imposta una regola di consegna destinatario per il report Crystal
affinché il report venga consegnato ai destinatari solo se contiene dati per il destinatario relativo. Quando
viene personalizzato il report per ogni destinatario, il report Crystal non contiene dati del destinatario
verde, pertanto solo il destinatario blu e il destinatario arancio riceveranno la pubblicazione
Figura 10 - 2: Regola di consegna destinatario non soddisfatta
Per pubblicazioni che contengono più documenti e oggetti, ogni documento può disporre di una propria
regola di consegna destinatario. A tal fine, sono disponibili le seguenti opzioni per l'elaborazione e la
consegna.
•
•
Se un documento della pubblicazione non soddisfa la regola di consegna destinatario per un
destinatario, l'intera pubblicazione non verrà consegnata a tale destinatario.
Se un documento nella pubblicazione non soddisfa la regola di consegna destinatario per un
destinatario, tale documento non verrà consegnato, ma tutti gli altri documenti nella pubblicazione
verranno consegnati al destinatario.
Le regole di consegna sono utili poiché consentono l'elaborazione e la distribuzione più efficiente delle
pubblicazioni previste per un ampio numero di destinatari. Si consideri una situazione in cui un autore
presso una compagnia di assicurazioni crea una pubblicazione per i clienti contenente i seguenti oggetti:
•
156
un premio di assicurazione (report Crystal personalizzato)
2012-12-05
Pubblicazione
•
•
una comunicazione mensile (report Crystal personalizzato)
una brochure dei metodi di pagamento (PDF)
Nel premio di assicurazione, è presente un avviso sull'importo dovuto per valori maggiori di zero. L'autore
della pubblicazione crea una regola di consegna del destinatario Importo dovuto per il premio di
assicurazione in modo che il premio di assicurazione venga pubblicato e distribuito solo se un cliente
ha un pagamento in sospeso con la compagnia di assicurazione. L'autore specifica inoltre che l'intera
pubblicazione non verrà pubblicata se il premio di assicurazione non soddisfa la regola di consegna
poiché non desidera che i clienti ricevano una comunicazione mensile e una brochure quando non
devono pagare un premio. Quando viene eseguita, la pubblicazione viene elaborata e distribuita solo
ai clienti che hanno pagamenti in sospeso.
Nota:
Se è pianificata la stampa di una pubblicazione Crystal Reports al momento dell'esecuzione della
pubblicazione, il processo di stampa viene effettuato indipendentemente dal fatto che un documento
nella pubblicazione non soddisfi una regola di consegna e non venga consegnato a un destinatario. I
processi di stampa, infatti, vengono elaborati durante la personalizzazione e le regole di consegna
vengono applicate alle pubblicazioni dopo la personalizzazione.
Argomenti correlati
• Per impostare una regola di consegna globale per un report Crystal
• Per impostare una regola di consegna destinatario in un report Crystal
10.3.3 Destinatari dinamici
I destinatari dinamici sono destinatari della pubblicazione presenti all'esterno della piattaforma BI. I
destinatari dinamici dispongono già di informazioni utente in un'origine dati esterna, ad esempio un
database o una directory LDAP o AD, ma non dispongono di account utente nella piattaforma BI.
Per distribuire una pubblicazione a destinatari dinamici, utilizzare un'origine del destinatario dinamico,
ovvero un documento o un fornitore di dati personalizzato che fornisce informazioni sui destinatari della
pubblicazione esterni alla piattaforma BI. Le origini del destinatario dinamico consentono di conservare
facilmente le informazioni per i destinatari dinamici collegandosi direttamente all'origine dati esterna e
recuperando i dati più recenti. Contribuiscono inoltre a ridurre i costi di amministrazione poiché non è
necessario creare account utente della piattaforma BI per i destinatari dinamici prima di distribuire le
pubblicazioni.
Si consideri una situazione in cui una società di fatturazione distribuisce fatture a clienti che non sono
utenti della piattaforma BI. Le informazioni dei clienti sono già presenti in un database esterno. L'autore
della pubblicazione crea un documento in base al database esterno e utilizza il documento come origine
del destinatario dinamico per una pubblicazione. I clienti ricevono la pubblicazione di fatturazione e
l'origine del destinatario dinamico consente all'autore della pubblicazione e all'amministratore del sistema
di mantenere informazioni di contatto aggiornate.
È possibile effettuare le seguenti operazioni con un'origine del destinatario dinamico:
157
2012-12-05
Pubblicazione
•
Distribuire contemporaneamente un'unica pubblicazione a destinatari dinamici e a utenti della
piattaforma BI.
Nota:
•
•
•
•
•
per ogni pubblicazione è possibile utilizzare unicamente un'origine del destinatario dinamico.
i destinatari dinamici non possono annullare la sottoscrizione a una pubblicazione.
Visualizzare in anteprima l'elenco dei destinatari dinamici quando si crea una pubblicazione.
Specificare se si desidera distribuire una pubblicazione a tutti i destinatari dinamici oppure includerne
o escluderne alcuni.
Distribuire le pubblicazioni a destinazioni esterne, ad esempio un indirizzo di posta elettronica o un
server FTP.
Nota:
le caselle Posta in arrivo BI non sono destinazioni valide per i destinatari dinamici in quanto non
dispongono di account utente della piattaforma BI.
Per utilizzare un'origine del destinatario dinamico, specificare una colonna per ognuno dei seguenti
valori:
•
•
•
ID destinatario (obbligatorio)
Nome completo del destinatario
Indirizzo di posta elettronica
La colonna ID destinatario determina il numero di destinatari dinamici che riceveranno la pubblicazione.
È consigliabile ordinare l'origine di destinatari dinamici in base all'ID destinatario.
Per informazioni generali sulla creazione di report, consultare il Manuale dell'utente di SAP Crystal
Reports. Per informazioni sulla creazione di un'origine per destinatario dinamico con codifica
personalizzata, consultare il manuale SAP BusinessObjects Business Intelligence Platform Java SDK
Developer Guide.
Argomenti correlati
• Per specificare i destinatari dinamici
10.3.4 Destinazioni
Le destinazioni sono posizioni in cui vengono consegnate le pubblicazioni. Una destinazione può essere
la posizione della piattaforma BI in cui viene archiviata una pubblicazione, una casella di posta in arrivo
BI, un indirizzo di posta elettronica, un server FTP o una directory del file system. È possibile specificare
diverse destinazioni per una pubblicazione.
Se si pubblicano più report Crystal è possibile unirli in un unico PDF in base alla destinazione.
158
2012-12-05
Pubblicazione
Se una pubblicazione viene pubblicata come unico file ZIP, è possibile comprimere o decomprimere
le istanze in base alla destinazione, ad esempio comprimere le istanze per i destinatari di posta
elettronica e lasciarle decompresse per le caselle di posta in arrivo BI.
10.3.4.1 Destinazioni possibili
159
2012-12-05
Pubblicazione
Destinazione
Descrizione
Percorso Enterprise
La pubblicazione è accessibile dalla cartella in cui è stata creata. Per la destipredefinito
nazione predefinita, sono disponibili le seguenti opzioni:
•
•
Unire tutti i documenti PDF (solo report Crystal).
Comprimere la pubblicazione come file ZIP.
Nota:
se si distribuisce una pubblicazione nella posizione predefinita o in un collegamento alla Posta in arrivo BI di un destinatario, scegliere una cartella che sia
accessibile a tutti i destinatari.
Posta in arrivo BI
Per inviare la pubblicazione alla Posta in arrivo BI di un destinatario, sono disponibili le seguenti opzioni:
•
•
•
•
•
Consegnare gli oggetti a ogni utente.
Immettere un nome, utilizzare segnaposto o il nome predefinito.
Inviare la pubblicazione come collegamento o come copia.
Unire tutti i documenti PDF (solo report Crystal).
Comprimere la pubblicazione come file compresso (.zip).
Posta elettronica
160
2012-12-05
Pubblicazione
Destinazione
Descrizione
La pubblicazione viene inviata a destinatari tramite un messaggio di posta
elettronica. Verificare che le impostazioni di posta elettronica siano state configurate correttamente in Adaptive Job Server. La pubblicazione viene inviata
a destinatari tramite posta elettronica. Per i destinatari della posta elettronica,
è consigliabile compilare il campo Da. Se non si compila il campo Da, nella
piattaforma BI viene utilizzato l'indirizzo di posta elettronica associato all'account del publisher. Se l'account dell'autore della pubblicazione non è associato a un indirizzo di posta elettronica, nella piattaforma BI vengono utilizzate
le impostazioni di Adaptive Job Server.
Nota:
Se non è stato fornito un valore Da nel campo Da, nell'account dell'autore
della pubblicazione o in Adaptive Job Server, la pubblicazione avrà esito negativo.
Sono disponibili le seguenti opzioni:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Fornisci gli oggetti a ogni utente.
Completare il campo A oppure immettere un segnaposto per l'indirizzo di
posta elettronica.
Completare il campo Cc.
Completare il campo Ccn.
Immettere l'oggetto o selezionare un segnaposto da utilizzare per il campo
Oggetto.
Nel campo Messaggio immettere un testo che sarà inviato con la pubblicazione. È inoltre possibile effettuare una selezione dall'elenco dei segnaposto da utilizzare nel campo Messaggio e incorporare il contenuto dinamico del documento nel corpo del messaggio di posta elettronica.
Allegare le istanze del documento di origine al messaggio di posta elettronica.
Utilizzare il nome dell'allegato generato automaticamente, immettere un
nome specifico per esso o selezionarlo da un elenco di segnaposto.
Unire tutti i documenti PDF (solo report Crystal).
Comprimere la pubblicazione come file compresso (.zip).
Nota:
prima di utilizzare la destinazione, verificare che le impostazioni di posta elettronica siano state configurate correttamente in Adaptive Job Server. Se si
inviano le pubblicazioni ai destinatari via posta elettronica, verificare che il
segnaposto %SI_EMAIL_ADDRESS% sia nel campo A e che l'opzione Fornisci
gli oggetti a ogni utente sia selezionata.
Server FTP
161
2012-12-05
Pubblicazione
Destinazione
Descrizione
Per il server FTP, completare il campo Host. Se non si completa il campo
Host, verrà utilizzata l'opzione configurata per Adaptive Job Server. Scegliere
tra le seguenti opzioni:
•
•
•
•
•
Disco locale
Specificare numero di porta, nome utente, password e account.
Immettere il nome di una directory.
Utilizzare il nome file generato automaticamente, immettere un nome personalizzato o selezionarlo da un elenco di segnaposto. Se si seleziona
Nome specificato, è anche possibile scegliere di aggiungere un'estensione
file.
Unire tutti i documenti PDF (solo report Crystal).
Comprimere la pubblicazione come file compresso (.zip).
Se si sceglie il disco locale come destinazione, è necessario immettere la directory per la pubblicazione. Sono disponibili le seguenti opzioni:
•
•
•
•
•
Fornisci gli oggetti a ogni utente.
Utilizzare il nome file generato automaticamente. Immettere un nome
specifico per il file o sceglierlo da un elenco di segnaposto. Se si seleziona
un nome specifico, è possibile anche aggiungere un'estensione di file.
Immettere un nome utente e una password per accedere alla posizione
del file.
Unire tutti i documenti PDF (solo report Crystal).
Comprimere la pubblicazione come file compresso (.zip).
Nota:
•
•
Per impostazione predefinita, l'opzione Fornisci gli oggetti a ogni utente è selezionata per tutte
le destinazioni. Tuttavia, in alcuni casi, può non essere opportuno consegnare gli oggetti a ogni
utente. Ad esempio, tre destinatari hanno valori di personalizzazione identici e pertanto ricevono gli
stessi dati nelle relative istanze di pubblicazione. Se si deseleziona l'opzione Fornisci gli oggetti
a ogni utente, viene generata e consegnata un'istanza di pubblicazione a tutti e tre i destinatari.
Se si seleziona l'opzione Fornisci gli oggetti a ogni utente, la stessa istanza di pubblicazione
viene consegnata tre volte (una a ciascun destinatario). Inoltre, se si invia la pubblicazione a un
server FTP oppure a una destinazione del disco locale e alcuni destinatari condividono gli stessi
valori di personalizzazione, è possibile deselezionare l'opzione Fornisci gli oggetti a ogni utente
per ridurre il tempo di elaborazione.
Se si deseleziona l'opzione Fornisci gli oggetti a ogni utente, gli eventuali segnaposto utilizzati
al momento della configurazione delle destinazioni conterranno le informazioni dell'autore e non del
destinatario.
10.3.5 Segnaposto personalizzati per nomi di documenti di origine di pubblicazione
162
2012-12-05
Pubblicazione
Se è stata utilizzata la "Personalizzazione" per filtrare i dati nei documenti di origine, è possibile utilizzare
segnaposto personalizzati per assegnare un nome alle istanze di pubblicazione.
La possibilità di incorporare segnaposto personalizzati nei nomi di file consente ai destinatari di
identificare facilmente i dati filtrati. I destinatari appartenenti a più gruppi di utenti con valori di
personalizzazione differenti possono distinguere tra più versioni dello stesso documento di origine
senza visualizzarne il contenuto.
Dopo aver impostato la personalizzazione per una pubblicazione, nell'elenco Aggiungi segnaposto
della pagina Destinazioni vengono visualizzati segnaposto personalizzati.
Nota:
se la pubblicazione contiene più documenti di origine, nell'elenco Aggiungi segnaposto per Usa nome
specifico vengono visualizzati segnaposto personalizzati solo se tutti i documenti di origine sono stati
filtrati nello stesso campo.
Per ogni filtro di un report, vengono visualizzati i segnaposto personalizzati seguenti:
• Un segnaposto per il nome del campo. Rappresentato come %<nome campo>-NAME%, verrà
sostituito dal nome del campo in fase di esecuzione. Questo segnaposto viene visualizzato per tutti
i destinatari.
• Un segnaposto per il valore personalizzato del campo. Rappresentato come %<nome
campo>-VALUE%, verrà sostituito dal valore del campo utilizzato per filtrare il report. Tenere presente
che questo segnaposto è specifico di ogni destinatario.
Per utilizzare segnaposto personalizzati, effettuare le selezioni seguenti nell'area Mostra le opzioni
per le destinazioni selezionate:
1. Come nome della pubblicazione, selezionare l'opzione Usa nome specifico e scegliere il segnaposto
desiderato nell'elenco Aggiungi segnaposto. Per aggiungere diversi segnaposto, ripetere questo
passaggio. Per combinare il testo con un segnaposto, immettere innanzitutto il testo, quindi scegliere
il segnaposto.
2. Per singoli documenti, scegliere l'opzione Nome specifico per documento. Accanto al titolo di
ogni documento, scegliere i segnaposto desiderati nell'elenco Aggiungi segnaposto. Per aggiungere
diversi segnaposto, ripetere questo passaggio. Per combinare il testo con un segnaposto, immettere
innanzitutto il testo, quindi aggiungere il segnaposto.
3. Per salvare e uscire, selezionare Salva e chiudi. Per salvare le selezioni scegliendo un'altra
destinazione o scegliendo opzioni aggiuntive, selezionare Salva.
Esempio:
Si supponga di dover pubblicare un report di vendite trimestrali per due gruppi di utenti: Manager
vendite canadesi e Manager vendite americani. Il report Crystal viene denominato Vendite trimestrali
per paese. La personalizzazione è stata applicata al campo del paese e ogni gruppo riceve dati per
il rispettivo paese. Per i manager vendite americani, il valore del profilo per il campo del paese è "Stati
Uniti" mentre per i manager vendite canadesi, il valore del profilo per il campo del paese è "Canada".
Nell'elenco Aggiungi segnaposto vengono visualizzati i tre segnaposto personalizzati seguenti:
•
•
•
163
Nome documento. Nel campo viene inserito il codice %SI_DOCUMENT_NAME%.
%Country - Query 1-NAME. Nel campo viene inserito il codice %SI_field name-NAME%.
%Country - Query 1-VALUE%. Nel campo viene inserito il codice %SI_field name-VALUE%.
2012-12-05
Pubblicazione
Il report inviato ai manager vendite americani (filtrato per visualizzare solo i dati sugli Stati Uniti) è
denominato Vendite trimestrali per paese_US.pdf. Il report inviato ai manager vendite canadesi (filtrato
per visualizzare solo i dati canadesi) è denominato Vendite trimestrali per paese_Canada.pdf.
10.3.6 Segnaposto personalizzati per i campi relativi alla posta elettronica
Se tutti i documenti di origine di una pubblicazione sono stati personalizzati utilizzando lo stesso campo,
è possibile utilizzare segnaposto personalizzati nei campi Oggetto e Messaggio quando si invia la
pubblicazione tramite posta elettronica.
Per ogni filtro utilizzato nel report durante la personalizzazione, nel campo Aggiungi segnaposto
vengono visualizzati i due segnaposto seguenti:
• %Field - Query 1-VALUE%. Rappresenta il valore personalizzato del campo. In fase di esecuzione,
viene sostituito con il valore del campo utilizzato per filtrare il report. Tenere presente che questo
segnaposto è specifico di ogni destinatario.
• %Field - Query 1-NAME%. Rappresenta il nome del campo. In fase di esecuzione, viene sostituito
con il nome effettivo del campo. Tenere presente che questo segnaposto è identico per tutti i
destinatari.
Nota:
se la pubblicazione contiene diversi documenti di origine, nell'elenco Aggiungi segnaposto per i campi
Oggetto e Messaggio vengono visualizzati parametri di personalizzazione solo se tutti i documenti di
origine sono stati filtrati negli stessi campi.
10.3.7 Formati
I formati definiscono i tipi di file in cui i documenti di una pubblicazione verranno pubblicati. Un unico
documento può essere pubblicato in più formati e queste istanze possono essere consegnate a più
destinazioni. Per le pubblicazioni con più documenti, è possibile specificare un formato diverso per
ognuno. Per le pubblicazioni che contengono documenti Web Intelligence, è possibile pubblicare l'intero
documento o una scheda del report all'interno del documento in diversi formati.
Qualsiasi formato scelto per un documento viene applicato a tutti i destinatari della pubblicazione. Ad
esempio, non è possibile pubblicare un documento come file Microsoft Excel per un destinatario e come
PDF per un altro. Se si desidera che i destinatari ricevano istanze in quei formati, ogni destinatario
riceverà un file Microsoft Excel e un PDF.
164
2012-12-05
Pubblicazione
10.3.7.1 Formati possibili
Tipo di documento
Formato
mHTML
Descrizione
Questa opzione consente di pubblicare il documento in
formato mHTML. È anche possibile incorporare il contenuto di un documento come mHTML in un messaggio di
posta elettronica:
• Per i report Crystal, è possibile incorporare il contenuto
di un report in un messaggio di posta elettronica.
• Per i documenti Web Intelligence, è possibile incorporare il contenuto di una scheda di report in un messaggio di posta elettronica.
Se si seleziona mHTML, l'output sarà basato sull'ordine
in cui sono disposti i documenti di origine nella schermata
di selezione dei documenti. Ad esempio, i documenti visualizzati nella parte superiore della schermata saranno
posizionati nella parte superiore del messaggio di posta
elettronica.
Tutti i tipi di documento
Questa opzione consente di pubblicare un documento
come PDF statico.
PDF (.pdf)
File Microsoft Excel (.xls)
165
Nota:
se si seleziona questa opzione insieme a quella di unione
del PDF, l'output sarà basato sull'ordine in cui sono disposti i documenti di origine nella schermata di selezione dei
documenti. Ad esempio, i documenti visualizzati nella
parte superiore della schermata saranno posizionati nella
parte superiore del PDF unito.
Questa opzione consente di pubblicare un documento
come file Microsoft Excel e conserva il formato originale
del documento nella misura massima possibile.
2012-12-05
Pubblicazione
Tipo di documento
report Crystal Reports
Documenti Web Intelligence
Formato
Descrizione
File Microsoft Excel (.xls)
di soli dati
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
come file Microsoft Excel contenente solo dati.
XML
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato XML.
Report Crystal (.rpt)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato originale.
Crystal Report Solo lettura (*rptr)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato di sola lettura.
File Microsoft Word (doc)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
come file Microsoft Word e conserva la formattazione
originale del report Crystal Questa opzione è consigliata
se si prevede che i destinatari visualizzino la pubblicazione
senza apportarvi modifiche.
Microsoft Word - Modificabile (RTF)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
come file Microsoft Word facilmente modificabile. Questa
opzione è consigliata se si prevede che i destinatari visualizzino la pubblicazione e ne modifichino il contenuto.
Testo formattato (*.rtf)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato RTF.
Testo normale (.txt)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato di testo normale
Testo impaginato (.txt)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato di testo normale e di impaginare il contenuto
della pubblicazione
Testo separato da tabulazioni (.txt)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
in formato testo normale e di separare il contenuto di ogni
colonna tramite tabulazioni.
Valori separati da caratteri (.csv)
Questa opzione consente di pubblicare un report Crystal
come un file di valori separati da caratteri.
In formato WID (Web Intelligence Document)
Questa opzione consente di pubblicare un documento
Web Intelligence nel formato originale.
10.3.8 Personalizzazione
166
2012-12-05
Pubblicazione
La personalizzazione è il processo di filtraggio dei dati nei documenti di origine in modo che solo i dati
rilevanti vengano visualizzati per i destinatari della pubblicazione. La personalizzazione altera la
visualizzazione dei dati, ma non modifica né protegge necessariamente i dati oggetto di query dall'origine
dati.
Il diagramma seguente illustra il funzionamento della personalizzazione. Un report non personalizzato
contiene i tipi di dati 1, 2 e 3. Quando la personalizzazione viene applicata al report, gli utenti ricevono
solo i dati a essi correlati: l'utente 2 riceve solo il tipo di dati 2, l'utente 1 riceve solo il tipo di dati 1 e
l'utente 3 riceve solo il tipo di dati 3.
Figura 10 - 3: Personalizzazione
Per personalizzare i documenti di origine per i destinatari, è possibile effettuare le seguenti operazioni:
•
In caso di destinatari Enterprise, è possibile applicare un profilo quando si progetta la pubblicazione.
È necessario configurare i profili dei destinatari Enterprise nella piattaforma BI, prima di poter
personalizzare una pubblicazione.
•
In caso di destinatari dinamici, è possibile mappare un campo di dati o una colonna del documento
di origine ai dati nell'origine dei destinatari dinamici. Ad esempio, è possibile mappare un campo ID
cliente in un documento di origine al campo ID destinatario nell'origine dei destinatari dinamici.
Nota:
Per visualizzare l'elenco di destinatari che riceveranno le istanze della pubblicazione non personalizzata
dopo la personalizzazione, fare clic su Avanzate nell'elenco di spostamento e selezionare Visualizzare
gli utenti destinatari della pubblicazione completa senza applicazione della personalizzazione.
10.3.9 Estensioni delle pubblicazioni
Un'estensione della pubblicazione è una libreria di codici che applica la logica di business alle
pubblicazioni. Utilizzare le estensioni quando è necessaria una personalizzazione automatica delle
pubblicazioni dopo l'elaborazione o la consegna.
167
2012-12-05
Pubblicazione
Utilizzare le estensioni delle pubblicazioni per eseguire le attività riportate di seguito dopo l'elaborazione:
•
•
•
•
Unire i documenti dello stesso tipo (ad esempio, per unire più fogli elettronici Excel in un'unica
cartella di lavoro Excel).
Proteggere un documento tramite password o tramite crittografia.
Convertire un documento in un formato differente.
Creare file di registro personalizzati per il processo di pubblicazione.
Nota:
è possibile specificare le estensioni delle pubblicazioni solo nella CMC. Non è possibile effettuare tale
operazione se la progettazione della pubblicazione avviene in BI Launch Pad.
Per ulteriori informazioni sulle estensioni delle pubblicazioni, consultare il manuale SAP BusinessObjects
Business Intelligence Platform Java SDK Developer Guide.
Argomenti correlati
• Per specificare le estensioni della pubblicazione
10.3.10 Sottoscrizione
Una sottoscrizione consente agli utenti che non sono destinatari di una pubblicazione di iscriversi per
visualizzare l'ultima istanza. I sottoscrittori possono anche annullare la sottoscrizione a una pubblicazione
in qualsiasi momento. Se gli utenti dispongono dei diritti appropriati, possono sottoscrivere altri utenti
nonché annullarne la sottoscrizione.
Per sottoscrivere una pubblicazione o annullarne la sottoscrizione, è necessario disporre di un account
della piattaforma BI e dei diritti seguenti:
•
•
•
Accesso a BI Launch Pad o alla console CMC
Diritti di “visualizzazione” per visualizzare la pubblicazione
Diritti di “sottoscrittore” per l'account utente (per i destinatari aziendali)
Nota:
i destinatari dinamici non possono eseguire automaticamente la sottoscrizione o l'annullamento della
sottoscrizione.
Argomenti correlati
• Per sottoscrivere o annullare la sottoscrizione a una pubblicazione
10.3.11 Unione PDF per i report Crystal
168
2012-12-05
Pubblicazione
È possibile unire le istanze PDF dei report Crystal e i documenti PDF statici in un singolo PDF per
praticità. Tutti i documenti di origine PDF statici vengono inclusi nel PDF unito. I documenti di origine
non in formato PDF vengono esclusi dai PDF uniti.
Un PDF unito consente inoltre di:
•
•
•
•
Aggiungere e formattare un sommario.
Inserire numeri di pagina in esecuzione.
Aggiungere password utente e del proprietario per visualizzare e modificare il PDF.
Impostare le restrizioni relativamente alle operazioni che i destinatari possono eseguire nel PDF.
10.4 Diritti richiesti per la pubblicazione
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
Designer di documenti Creare il documento su cui si
basa la pubblicazione
Nessuno
Designer di documenti Aggiungere il documento alla
piattaforma BI
•
Diritti di “visualizzazione” e di “aggiunta”
sulla cartella o categoria a cui verrà aggiunto il documento
Designer di documenti Creare un documento da utiliz- •
zare come origine del destinatario dinamico
Diritti di “visualizzazione” e di “aggiunta”
sulla cartella o categoria a cui verrà aggiunto il documento
Autore
Diritti di “aggiunta” sulla cartella in cui
viene salvata la pubblicazione
Diritti di “visualizzazione” sugli utenti e
gruppi indicati come destinatari
Diritti di “visualizzazione” sul profilo utilizzato per la personalizzazione
Diritti di “visualizzazione” sui documenti
per la pubblicazione
Diritti di “pianificazione” sui documenti
Diritti di “sottoscrizione” sui destinatari
di Enterprise
Creare una pubblicazione.
•
•
•
•
•
•
169
2012-12-05
Pubblicazione
Ruolo
Attività
Autore
Pianificare una pubblicazione
Diritti richiesti
Nota:
È consigliabile concedere questi diritti solo
al publisher.
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Autore
Riprovare un'istanza di pubblica- •
zione non riuscita
•
170
Diritti di “visualizzazione”, “pianificazione”, “aggiunta” e “modifica della protezione” sulla pubblicazione
Diritti di “eliminazione istanza” sulla
pubblicazione
Diritti di “visualizzazione” sugli utenti e
gruppi indicati come destinatari
Diritti di “visualizzazione” sul profilo utilizzato per la personalizzazione
Diritti di “visualizzazione” e “pianificazione” sui documenti
Diritti “Visualizza” e “Aggiorna” sull'origine del destinatario dinamico
Diritti di “visualizzazione” e di “aggiornamento” sul documento in cui è impostata
una regola di consegna
Diritti di “accesso ai dati” su qualsiasi
universo utilizzato dagli oggetti della
pubblicazione
Diritti di “accesso ai dati” su qualsiasi
connessione all'universo utilizzata
Diritti di “visualizzazione” e “aggiunta”
sulle caselle di posta in arrivo di BI dei
destinatari (quando si pianifica nelle caselle di posta in arrivo)
“Modificare i diritti che gli utenti hanno
sugli oggetti” nella cartella contenente
la pubblicazione
Diritti di “sottoscrizione” sui destinatari
Diritti di “stampa” sui documenti di origine Crystal Reports se l'autore della
pubblicazione desidera stampare istanze
della pubblicazione
Diritti “Pianifica per conto degli utenti”
per i destinatari Enterprise (se si utilizza
Un database fetch per destinatario)
Stessi diritti richiesti per pianificare una
pubblicazione
Diritti di “modifica” sull'istanza di pubblicazione
2012-12-05
Pubblicazione
Ruolo
Attività
Diritti richiesti
Autore
Ridistribuire un'istanza di pubbli- •
cazione
•
•
Destinatario
Visualizzare una pubblicazione
•
•
Diritti di “visualizzazione”, “aggiunta”,
“pianificazione” e “modifica della protezione” sulla pubblicazione
Diritti di “visualizzazione” e “aggiunta”
sulle caselle di posta in arrivo di BI dei
destinatari
Diritti di “visualizzazione istanza” e di
“modifica” sull'istanza di pubblicazione
Diritti di “visualizzazione” sulla pubblicazione
Diritti di “visualizzazione istanza” sulla
pubblicazione
Nota:
Questi diritti sono necessari per visualizzare
un oggetto di pubblicazione nella piattaforma BI. questi diritti non sono necessari per
visualizzare il contenuto inviato a una casella di posta in arrivo BI.
Destinatario
Sottoscrivere o annullare la sotto- •
scrizione a una pubblicazione
•
Diritti di “visualizzazione” sulla pubblicazione
Diritti di “sottoscrizione” sui destinatari
di Enterprise
10.4.1 Publisher e destinatari: diritti di visualizzazione
Un publisher (l'utente che possiede e pianifica la pubblicazione) può visualizzare tutte le istanze per
tutti i destinatari, mentre i destinatari possono visualizzare unicamente le istanze di pubblicazione
personalizzate. Questa impostazione dei diritti assicura la massima protezione dei dati di pubblicazione
perché riserva i diritti di pianificazione delle pubblicazioni e di visualizzazione di tutte le istanze di
pubblicazione al solo publisher.
Suggerimento:
Se un publisher desidera aggiungere se stesso a una pubblicazione come destinatario, deve utilizzare
due account utente, un account Publisher e un account Destinatario. L'account Publisher concede i
diritti necessari quando si progettano e pianificano pubblicazioni, mentre l'account Destinatario concede
i diritti di un tipico destinatario.
171
2012-12-05
Pubblicazione
172
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1 Progettazione delle pubblicazioni
Per progettare una nuova pubblicazione, accedere innanzitutto alla funzione Pubblicazione nella
piattaforma BI. Questa operazione può essere eseguita nella Central Management Console (CMC) o
in BI Launch Pad, in base ai diritti a disposizione e al tipo di accesso alle applicazioni basate sul Web
nella piattaforma BI.
In qualunque fase del processo di progettazione della pubblicazione è possibile salvare le modifiche
apportate alla pubblicazione, chiuderla, riaprirla ed apportare ulteriori modifiche.
11.1.1 Progettazione di pubblicazioni per l'utilizzo con SAP BusinessObjects Live Office
Quando vengono progettate pubblicazioni da utilizzare con SAP BusinessObjects Live Office, tenere
presenti le seguenti informazioni:
•
•
•
•
i documenti a contenuto dinamico possono essere costituiti soltanto da report Crystal o da documenti
Web Intelligence nei loro formati originali.
I destinatari dinamici non sono supportati.
L'unica opzione di destinazione che è possibile utilizzare è il percorso Enterprise predefinito.
Se i destinatari ricevono più istanze di pubblicazione dopo la personalizzazione, è possibile
visualizzare soltanto la prima istanza di pubblicazione nel clientSAP BusinessObjects Live Office.
Questo problema può verificarsi se il destinatario ha ereditato più valori di profilo dall'appartenenza
ai gruppi. Per evitare questo problema, assegnare ai destinatari soltanto i valori di profilo necessari.
Argomenti correlati
• Personalizzazione
11.1.2 Progettazione di pubblicazioni per destinatari SAP
173
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Una pubblicazione da inviare ai destinatari SAP funziona come una pubblicazione realizzata per
destinatari Enterprise e dinamici, tranne che per due importanti differenze nel workflow di pubblicazione:
•
•
Non è possibile utilizzare le impostazioni nell'area "Personalizzazione" per personalizzare i documenti
di origine per i destinatari SAP. I destinatari SAP già dispongono dei valori di profilo associati ai
relativi account utente esterni al sistema della piattaforma BI. Questo agisce come un metodo di
personalizzazione incorporato per i destinatari SAP. Non è necessario creare profili e valori di profilo
per i destinatari SAP nella piattaforma BI o associare i profili ai campi dei documenti di origine.
L'unico metodo di bursting dei report valido per una pubblicazione rivolta a destinatari SAP è Un
database fetch per destinatario. Questo metodo ottimizza la protezione e garantisce che le
credenziali di accesso di ogni destinatario vengano elaborate individualmente.
Per ulteriori informazioni sulla configurazione e autenticazione Single Sign On, consultare il Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
11.1.3 Per creare una nuova pubblicazione nella console CMC.
1.
2.
3.
4.
Passare all'area Cartelle della console CMC.
Nel pannello "Struttura gruppi" cercare la cartella in cui creare la pubblicazione.
Selezionare la cartella in modo da visualizzarne il contenuto nel pannello "Dettagli".
Scegliere Gestisci > Nuova > pubblicazione.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Nuova pubblicazione".
Nella finestra di dialogo "Nuova pubblicazione" è possibile specificare tutte le informazioni richieste per
la pubblicazione, inclusi documenti di origine, destinatari, formati di consegna e destinazioni, oltre alle
modalità di personalizzazione dei documenti.
11.1.4 Creazione di una nuova pubblicazione in BI Launch Pad
1. In BI Launch Pad, nella scheda "Documenti", espandere il cassetto Cartelle, quindi individuare e
selezionare la cartella in cui creare la pubblicazione.
Il contenuto della cartella viene visualizzato nel pannello Elenco.
2. Selezionare Nuova > Pubblicazione.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Nuova pubblicazione".
Nella finestra di dialogo "Nuova pubblicazione" è possibile specificare le informazioni richieste per una
pubblicazione, inclusi documenti di origine, destinatari, formati di consegna e destinazioni, oltre alle
modalità di personalizzazione dei documenti.
174
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1.5 Per aprire una pubblicazione esistente
Utilizzare la procedura seguente per aprire una pubblicazione esistente e modificarne i metadati.
1. Selezionare la pubblicazione.
• In BI Launch Pad, nella scheda Documenti, espandere il cassetto Cartelle e cercare la
pubblicazione.
• Nella CMC, accedere all'area Cartelle e individuare la pubblicazione.
2. Aprire le proprietà della pubblicazione.
• In BI Launch Pad selezionare la pubblicazione e fare clic su Visualizza > Proprietà.
•
Nella console CMC selezionare la pubblicazione e fare clic su Gestisci > Proprietà.
È ora possibile modificare i metadati della pubblicazione.
11.1.6 Per immettere le proprietà generali per una nuova pubblicazione
1. Fare clic su Proprietà generali.
2. Nel campo Titolo, immettere un titolo per la pubblicazione.
Nota:
la specifica di un titolo è obbligatoria durante il processo di progettazione delle pubblicazioni.
3. Nel campo Descrizione, immettere una descrizione per la pubblicazione.
4. Nel campo Parole chiave, immettere le parole chiave associate al contenuto della pubblicazione.
11.1.7 Per selezionare i documenti di origine
Dopo aver specificato le proprietà generali per la pubblicazione, scegliere i documenti di origine da
includere. Le opzioni successive variano in base al tipo di documento con contenuto dinamico.
1. Fare clic su Documenti di origine.
2. Fare clic su Aggiungi.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Seleziona documenti di origine".
3. Accedere ai documenti di origine da includere e selezionarli.
Nota:
I documenti con contenuto dinamico devono essere dello stesso tipo.
175
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Suggerimento:
Utilizzare CTRL + clic o MAIUSC + clic per selezionare più documenti di origine o fare doppio clic
su un singolo documento di origine per selezionarlo.
4. Fare clic su OK.
La finestra di dialogo "Seleziona documenti di origine" viene chiusa. I documenti di origine selezionati
vengono visualizzati nell'elenco Selezionati.
5. Selezionare o deselezionare le caselle di controllo Aggiorna in fase di esecuzione accanto ai
documenti di origine.
Le selezioni effettuate determinano se uno specifico documento di origine deve essere aggiornato
rispetto all'origine dati quando la pubblicazione viene eseguita. Per non aggiornare un documento
di origine, si consiglia di deselezionare la casella di controllo Aggiorna in fase di esecuzione
associata al documento, operazione che consente inoltre di migliorare le prestazioni della
pubblicazione.
Se si decide di inviare i documenti di origine come allegati o come PDF uniti, è possibile cambiare
l'ordine di visualizzazione dei documenti. A tale scopo, selezionare un documento dall'elenco Selezionati
e fare clic su Sposta su o Sposta giù.
11.1.7.1 Per sostituire documenti di origine statici
Prima di poter sostituire un documento di origine statico, è necessario disporre dei relativi diritti di
accesso "Modifica".
Un documento di origine statico (agnostico) è un documento di terze parti che non ha origine in BI
Launch Pad, ad esempio un file Microsoft Word, Adobe PDF o Microsoft Excel.
Sebbene non sia possibile aggiornare il contenuto dei documenti statici, è possibile sostituire un
documento di origine statico con una versione più recente dello stesso. Questo consente di visualizzare
le informazioni più recenti sull'origine nei documenti provenienti dall'esterno di BI Launch Pad.
Nota:
Se l'opzione di menu Sostituisci file non è disponibile per un documento di origine statico, i diritti
"Modifica" per il documento non sono disponibili.
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un documento di origine statico e scegliere Organizza
> Sostituisci file.
2. Nella finestra di dialogo "Sostituisci file" fare clic su Sfoglia e selezionare una versione più recente
del file del documento di origine presente nel computer.
Nota:
Se viene visualizzato un messaggio che non corrisponde al formato del file del documento di origine,
è stato scelto un file in un formato diverso rispetto a quello del documento di origine originale. Fare
clic su OK per chiudere il messaggio, quindi su Sfoglia e selezionare il documento di origine corretto.
3. Fare clic su Sostituisci.
176
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
4. Nel messaggio di conferma fare clic su OK per aggiornare il documento di origine.
11.1.8 Per selezionare i destinatari Enterprise
Eseguire questa attività se si desidera che i destinatari Enterprise ricevano la pubblicazione.
1. Fare clic su Destinatari Enterprise.
2. Nell'area "Disponibili", accedere agli utenti o ai gruppi da includere o escludere come destinatari.
a. Fare clic su Elenco utenti per visualizzare un elenco di tutti gli utenti nella piattaforma BI oppure
fare clic su Elenco gruppi per visualizzare un elenco di tutti i gruppi.
b. Selezionare gli utenti e i gruppi.
Suggerimento:
Utilizzare MAIUSC + clic o CTRL + clic per selezionare più utenti o gruppi.
3. Per includere i destinatari selezionati, spostarli nell'elenco Selezionati.
4. Per escludere i destinatari selezionati, spostarli nell'elenco Esclusi.
11.1.9 Per specificare i destinatari dinamici
Per specificare i destinatari dinamici, è necessario disporre di un'origine del destinatario dinamico già
progettata e pronta per l'uso. Tale origine contiene dati del destinatario e può essere un report Crystal,
un documento Web Intelligence o un fornitore di dati con codice personalizzato.
Per informazioni sulla creazione di un'origine per destinatario dinamico con codifica personalizzata,
consultare il manuale SAP BusinessObjects Business Intelligence Platform Java SDK Developer Guide.
Suggerimento:
Si consiglia di ordinare i dati del destinatario in base al campo dell'ID del destinatario per consentire
un'elaborazione più efficace della pubblicazione.
Eseguire questa attività per consentire ai destinatari che non sono utenti della piattaforma BI di ricevere
la pubblicazione.
1. Fare clic su Destinatari dinamici.
2. Nell'elenco Scegliere l'origine per i destinatari dinamici e selezionare il formato dell'origine del
destinatario dinamico.
Nota:
le origini dei destinatari dinamici dei report Crystal non possono essere in formato RPTR.
3. Nel riquadro di destra, accedere all'oggetto da utilizzare come origine del destinatario dinamico,
selezionarlo e fare clic su OK.
177
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
4. Se si sceglie di utilizzare un documento Web Intelligence come origine del destinatario dinamico,
nell'elenco Selezionare il nome dell'origine dati per il documento selezionare una query
visualizzata nel documento.
Nota:
I dati del destinatario dinamico vengono forniti dalla query e potrebbero non corrispondere ai dati
visualizzati nel documento. A seconda di come viene compilata la query, le origini per destinatari
dinamici create nel componente Web Intelligence possono contenere valori che non corrispondono
ai dati nei documenti di origine della pubblicazione. Ad esempio, è possibile che un filtro nel report
comporti l'esclusione di valori rilevanti o la visualizzazione di record duplicati poiché la query è stata
impostata per recuperare le righe duplicate. È consigliabile riesaminare l'intero elenco dei destinatari
dinamici durante il processo di progettazione della pubblicazione.
5. Nell'elenco Identificatore destinatario, selezionare un campo contenente i valori di identità del
destinatario.
6. Se necessario, nell'elenco Nome completo, selezionare un campo contenente i nomi completi dei
destinatari.
7. Per consegnare la pubblicazione a indirizzi di posta elettronica, nell'elenco Posta elettronica,
selezionare un campo contenente gli indirizzi di posta elettronica del destinatario.
8. Decidere se distribuire la pubblicazione a tutti i destinatari dinamici riportati dall'origine del destinatario
dinamico.
• Per distribuire la pubblicazione a tutti i destinatari dinamici, verificare che l'opzione Usa elenco
intero sia selezionata.
• Per includere o escludere specifici destinatari dinamici:
a. Deselezionare l'opzione Usa elenco intero.
b. Nell'elenco Disponibili, selezionare le caselle di controllo accanto ai destinatari da includere
o da escludere.
c. Per includere i destinatari selezionati, spostarli nell'elenco Selezionati.
d. Per escludere i destinatari selezionati, spostarli nell'elenco Esclusi.
Dopo aver specificato i destinatari dinamici per la pubblicazione, è possibile personalizzarla per i
destinatari dinamici associando un campo del documento di origine a una colonna nell'origine del
destinatario dinamico.
Argomenti correlati
• Per specificare i destinatari dinamici
• Per personalizzare un report Crystal filtrando i campi
• Per personalizzare un documento Web Intelligence filtrando i campi
11.1.10 Per specificare una destinazione per la pubblicazione
1. Fare clic su Destinazioni.
2. In Seleziona destinazioni scegliere una casella di controllo di destinazione.
178
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Nota:
ogni destinazione offre diverse opzioni relative alla modalità di consegna della pubblicazione.
3. Per evitare di mantenere le istanze delle pubblicazioni nel sistema, non selezionare l'opzione
Percorso Enterprise predefinito.
Suggerimento:
impostare un limite di istanze basso per l'oggetto pubblicazione.
4. Scegliere una destinazione nell'elenco Mostra le opzioni per le destinazioni selezionate.
Vengono visualizzate opzioni di configurazione aggiuntive per la destinazione.
5. Facoltativamente, specificare un nome per la pubblicazione scegliendo Usa nome specifico. Per
impostazione predefinita, se non si sceglie questa opzione, alla pubblicazione verrà assegnato un
nome generato dal sistema. Immettere un nome o selezionare un segnaposto nell'elenco Aggiungi
segnaposto.
Un segnaposto è un contenitore di dati variabili. In fase di esecuzione il valore viene inserito nel
segnaposto.
6. Se la pubblicazione contiene più documenti, è possibile specificare un nome per ognuna di esse
scegliendo Nome specifico per documento.
Per impostazione predefinita, se non si seleziona questa opzione, a ogni documento verrà assegnato
lo stesso nome generato dal sistema. Immettere un nome o selezionare un segnaposto nell'elenco
Aggiungi segnaposto.
7. Se si invia una pubblicazione al percorso Enterprise predefinito e agli indirizzi di posta elettronica
del destinatario, è possibile aggiungere nel corpo del messaggio un collegamento al percorso
Enterprise.
I destinatari Enterprise devono disporre dei diritti di visualizzazione per la pubblicazione per poter
vedere le istanze della pubblicazione. A tale scopo, posizionare il cursore nella casella Messaggio
e fare clic su Collegamento ipertestuale del visualizzatore nell'elenco Aggiungi segnaposto
sotto la casella Messaggio. Il segnaposto %SI_VIEWER_URL% viene inserito nel messaggio di posta
elettronica. Al momento dell'esecuzione, questo segnaposto viene sostituito da un collegamento.
I destinatari dinamici non possono accedere all'istanza della pubblicazione in quanto non dispongono
di account BI.
11.1.11 Segnaposto personalizzati per nomi di documenti di origine di pubblicazione
Se è stata utilizzata la "Personalizzazione" per filtrare i dati nei documenti di origine, è possibile utilizzare
segnaposto personalizzati per assegnare un nome alle istanze di pubblicazione.
La possibilità di incorporare segnaposto personalizzati nei nomi di file consente ai destinatari di
identificare facilmente i dati filtrati. I destinatari appartenenti a più gruppi di utenti con valori di
personalizzazione differenti possono distinguere tra più versioni dello stesso documento di origine
senza visualizzarne il contenuto.
179
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Dopo aver impostato la personalizzazione per una pubblicazione, nell'elenco Aggiungi segnaposto
della pagina Destinazioni vengono visualizzati segnaposto personalizzati.
Nota:
se la pubblicazione contiene più documenti di origine, nell'elenco Aggiungi segnaposto per Usa nome
specifico vengono visualizzati segnaposto personalizzati solo se tutti i documenti di origine sono stati
filtrati nello stesso campo.
Per ogni filtro di un report, vengono visualizzati i segnaposto personalizzati seguenti:
• Un segnaposto per il nome del campo. Rappresentato come %<nome campo>-NAME%, verrà
sostituito dal nome del campo in fase di esecuzione. Questo segnaposto viene visualizzato per tutti
i destinatari.
• Un segnaposto per il valore personalizzato del campo. Rappresentato come %<nome
campo>-VALUE%, verrà sostituito dal valore del campo utilizzato per filtrare il report. Tenere presente
che questo segnaposto è specifico di ogni destinatario.
Per utilizzare segnaposto personalizzati, effettuare le selezioni seguenti nell'area Mostra le opzioni
per le destinazioni selezionate:
1. Come nome della pubblicazione, selezionare l'opzione Usa nome specifico e scegliere il segnaposto
desiderato nell'elenco Aggiungi segnaposto. Per aggiungere diversi segnaposto, ripetere questo
passaggio. Per combinare il testo con un segnaposto, immettere innanzitutto il testo, quindi scegliere
il segnaposto.
2. Per singoli documenti, scegliere l'opzione Nome specifico per documento. Accanto al titolo di
ogni documento, scegliere i segnaposto desiderati nell'elenco Aggiungi segnaposto. Per aggiungere
diversi segnaposto, ripetere questo passaggio. Per combinare il testo con un segnaposto, immettere
innanzitutto il testo, quindi aggiungere il segnaposto.
3. Per salvare e uscire, selezionare Salva e chiudi. Per salvare le selezioni scegliendo un'altra
destinazione o scegliendo opzioni aggiuntive, selezionare Salva.
Esempio:
Si supponga di dover pubblicare un report di vendite trimestrali per due gruppi di utenti: Manager
vendite canadesi e Manager vendite americani. Il report Crystal viene denominato Vendite trimestrali
per paese. La personalizzazione è stata applicata al campo del paese e ogni gruppo riceve dati per
il rispettivo paese. Per i manager vendite americani, il valore del profilo per il campo del paese è "Stati
Uniti" mentre per i manager vendite canadesi, il valore del profilo per il campo del paese è "Canada".
Nell'elenco Aggiungi segnaposto vengono visualizzati i tre segnaposto personalizzati seguenti:
•
•
•
Nome documento. Nel campo viene inserito il codice %SI_DOCUMENT_NAME%.
%Country - Query 1-NAME. Nel campo viene inserito il codice %SI_field name-NAME%.
%Country - Query 1-VALUE%. Nel campo viene inserito il codice %SI_field name-VALUE%.
Il report inviato ai manager vendite americani (filtrato per visualizzare solo i dati sugli Stati Uniti) è
denominato Vendite trimestrali per paese_US.pdf. Il report inviato ai manager vendite canadesi (filtrato
per visualizzare solo i dati canadesi) è denominato Vendite trimestrali per paese_Canada.pdf.
180
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1.12 Segnaposto personalizzati per i campi relativi alla posta elettronica
Se tutti i documenti di origine di una pubblicazione sono stati personalizzati utilizzando lo stesso campo,
è possibile utilizzare segnaposto personalizzati nei campi Oggetto e Messaggio quando si invia la
pubblicazione tramite posta elettronica.
Per ogni filtro utilizzato nel report durante la personalizzazione, nel campo Aggiungi segnaposto
vengono visualizzati i due segnaposto seguenti:
• %Field - Query 1-VALUE%. Rappresenta il valore personalizzato del campo. In fase di esecuzione,
viene sostituito con il valore del campo utilizzato per filtrare il report. Tenere presente che questo
segnaposto è specifico di ogni destinatario.
• %Field - Query 1-NAME%. Rappresenta il nome del campo. In fase di esecuzione, viene sostituito
con il nome effettivo del campo. Tenere presente che questo segnaposto è identico per tutti i
destinatari.
Nota:
se la pubblicazione contiene diversi documenti di origine, nell'elenco Aggiungi segnaposto per i campi
Oggetto e Messaggio vengono visualizzati parametri di personalizzazione solo se tutti i documenti di
origine sono stati filtrati negli stessi campi.
11.1.13 Per incorporare il contenuto dinamico di un documento di origine in un
messaggio di posta elettronica
È possibile incorporare il contenuto dinamico di documenti nel corpo di un messaggio di posta elettronica.
Per i report Crystal, è possibile incorporare il contenuto di un report. Per i documenti Web Intelligence
è possibile incorporare un intero documento o una singola scheda di report.
1. Fare clic su Formati.
Viene visualizzata la sezione "Formati".
2. Selezionare il documento con contenuto dinamico da incorporare nel messaggio di posta elettronica.
Tipo di documento
Metodo di selezione
Report Crystal
Nell'elenco Titolo selezionare il report.
Documento Web Intelligence
Nell'elenco Documento selezionare un documento.
3. Selezionare mHTML come formato di pubblicazione per il documento con contenuto dinamico
selezionato.
181
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Tipo di documento
Metodo di selezione
Report Crystal
Nell'elenco Opzioni di formattazione selezionare la casella di
controllo mHTML.
Documento Web Intelligence
Nell'elenco Formato di output selezionare la casella di controllo
mHTML.
4. Per i documenti Web Intelligence scegliere se pubblicare l'intero documento o una scheda di report
del documento.
a. Verificare che mHTML sia selezionato nell'elenco Formato di output.
b. Per pubblicare l'intero documento, lasciare selezionata l'opzione Tutti i report; per pubblicare
una singola scheda di report, fare clic su Selezionare un report e scegliere una scheda di report
nell'elenco.
5. Nell'elenco di spostamento, fare clic su Destinazioni.
Viene visualizzata la sezione "Destinazioni".
6. Nell'area "Seleziona destinazioni", selezionare Posta elettronica.
7. Nell'elenco Mostra opzioni per, fare clic su Posta elettronica.
Vengono visualizzate opzioni di configurazione aggiuntive per l'opzione di destinazione della posta
elettronica.
8. Nel campo Da digitare un nome o un indirizzo di posta elettronica o scegliere Posta elettronica
nell'elenco Aggiungi segnaposto.
È ad esempio possibile digitare Roberta, Publisher o [email protected] Se si digita un nome,
verrà aggiunto al server di posta elettronica, ad esempio [email protected]
9. Digitare un oggetto nella casella Oggetto. Per inserire un segnaposto, scegliere un'opzione ad
esempio Titolo nell'elenco Aggiungi segnaposto. Se il report è stato personalizzato, saranno
disponibili segnaposti personalizzati nell'elenco Aggiungi segnaposto.
10. Digitare il testo del messaggio da inserire nella casella Messaggio del corpo del messaggio di posta
elettronica.
11. Per incorporare contenuto dinamico nella casella Messaggio, posizionare il cursore nella casella
Messaggio in cui si desidera incorporare il contenuto del documento, passare all'elenco Aggiungi
segnaposto nella casella Messaggio e scegliere Contenuto HTML report.
%SI_DOCUMENT_HTML_CONTENT% viene visualizzato nella casella Messaggio. Quando la
pubblicazione viene eseguita, questo segnaposto viene sostituito dal contenuto personalizzato del
documento con contenuto dinamico specificato.
12. Se la pubblicazione contiene altri documenti di origine, verificare che l'opzione Aggiungi allegato
sia selezionata e che le opzioni relative agli allegati siano configurate correttamente.
Gli altri documenti di origine nella pubblicazione verranno aggiunti al messaggio di posta elettronica
come allegati durante l'esecuzione della pubblicazione.
182
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1.14 Per specificare le informazioni di pianificazione
Eseguire questa attività per specificare le informazioni di pianificazione per la pubblicazione.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Ricorrenza.
2. Nell'elenco Esegui oggetto scegliere un criterio di ricorrenza.
3. Per il criterio di ricorrenza, specificare opzioni e parametri di esecuzione in base alle esigenze.
11.1.15 Attività di progettazione per le pubblicazioni dei report Crystal
11.1.15.1 Per personalizzare un report Crystal utilizzando valori di parametro
Nota:
Per eseguire questa attività, il report Crystal deve contenere parametri. Prima di poter utilizzare i profili
per personalizzare i dati per i destinatari Enterprise, è necessario configurarli nella piattaforma BI.
La sezione "Personalizzazione" consente di personalizzare un report Crystal per i destinatari in base
ai valori dei parametri predefiniti di ogni destinatario.
Le personalizzazioni basate sui valori di parametro possono essere sostituite da altri metodi di
personalizzazione. Ad esempio, se un profilo viene mappato a un parametro e il valore di profilo di un
destinatario Enterprise è in conflitto con il valore di parametro, il valore di profilo verrà sostituito dal
valore di parametro nel momento dell'esecuzione della pubblicazione. Analogamente, se un valore
della personalizzazione nell'origine del destinatario dinamico è in conflitto con un valore di parametro
di un destinatario dinamico, il valore di parametro viene ignorato nel momento dell'esecuzione della
pubblicazione.
Nota:
Quando possibile, si consiglia di personalizzare i report Crystal con destinazioni di profili locali. La
personalizzazione basata sui parametri richiede un database fetch per destinatario quando il parametro
viene utilizzato in una formula di selezione dei record, in un comando, in una tabella o in una stored
procedure. Questo potrebbe aumentare il tempo di elaborazione della pubblicazione.
1. Fare clic su Personalizzazione.
2. Nell'area "Parametri" verificare che i valori predefiniti per i parametri elencati siano corretti.
Se si desidera modificare un valore predefinito, fare clic sul pulsante Modifica valori accanto al
valore di parametro. Selezionare o immettere il valore del parametro e fare clic su OK.
183
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
3. Per sostituire la personalizzazione dei parametri predefiniti con i valori di profilo dei destinatari
Enterprise, scegliere un profilo dall'elenco nella colonna Mapping destinatari azienda.
Nota:
Questa opzione è disponibile solo se la pubblicazione è rivolta ai destinatari Enterprise.
Se il profilo non è configurato nella piattaforma BI, la personalizzazione non riesce. Se è necessario
che alla piattaforma BI vengano aggiunti profili, contattare l'amministratore di sistema.
Nota:
se si utilizzano solo valori di parametro predefiniti per personalizzare un report, è consigliabile
impostare Mapping destinatari azienda su Valore predefinito per tutti i destinatari.
4. Per sostituire la personalizzazione dei parametri predefiniti con i valori di personalizzazione dei
destinatari dinamici, scegliere una colonna di origine di destinatario dinamico dall'elenco nella colonna
Mapping destinatari dinamici.
Nota:
•
•
Questa opzione è disponibile solo se la pubblicazione è rivolta ai destinatari dinamici.
Se si utilizzano solo valori di parametro predefiniti per personalizzare un report, è consigliabile
impostare Mapping destinatari dinamici su Non specificato.
11.1.15.2 Per personalizzare un report Crystal filtrando i campi
Prima di poter utilizzare i profili per personalizzare i dati per i destinatari Enterprise, è necessario
configurarli nella piattaforma BI.
Per personalizzare un report Crystal mediante il filtraggio di un campo nel report Crystal, effettuare
questa operazione. Quando si utilizzano i filtri, una formula di selezione ViewTime viene aggiunta al
report per filtrare i dati. Questa formula viene applicata quando si esegue la pubblicazione e non viene
salvata nel report. È possibile filtrare più campi in un report Crystal.
Nota:
•
I valori di profilo statici possono filtrare i campi in formato stringa solo nei report Crystal. Per filtrare
altri tipi di campi, utilizzare i valori di profilo di espressione. Se si associa il tipo di campo sbagliato
al profilo, la personalizzazione non può riuscire.
• questa funzionalità non è disponibile per i report Crystal in formato RPTR.
1. Fare clic su Personalizzazione.
2. Nell'area "Filtri", scegliere un campo del report Crystal nell'elenco della colonna Campo report.
L'elenco dei campi disponibili include tutti i campi di database e le formule ricorrenti del report
principale o dei sottoreport non su richiesta.
3. Scegliere un profilo dall'elenco nella colonna Mapping destinatari azienda.
Questa impostazione associa il campo del report ai valori di profilo definiti per i destinatari Enterprise.
184
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Nota:
Questa opzione è disponibile solo se la pubblicazione è rivolta ai destinatari Enterprise.
Se il profilo non è configurato nella piattaforma BI, la personalizzazione non riesce. Se è necessario
che alla piattaforma BI vengano aggiunti profili, contattare l'amministratore di sistema.
4. Scegliere una colonna di origine del destinatario dinamico nell'elenco della colonna Mapping
destinatari dinamici.
Questa impostazione associa il campo del report a una colonna nell'origine del destinatario dinamico
contenente i valori corrispondenti.
Nota:
Questa opzione è disponibile solo se la pubblicazione è rivolta ai destinatari dinamici.
5. Ripetere i punti da 2 a 4 per ogni campo del report da filtrare.
11.1.15.3 Per specificare i formati per un report Crystal
1. Fare clic su Formati.
2. Nell'elenco Documenti selezionare un report Crystal.
Viene visualizzata l'area "Opzioni di formattazione" che consente di selezionare i formati di
pubblicazione per il report Crystal selezionato.
3. Nell'elenco Opzioni di formattazione selezionare le caselle di controllo corrispondenti ai formati
desiderati.
I formati vengono selezionati.
4. Nell'elenco Opzioni di formattazione fare clic sul nome di un formato selezionato.
Nota:
In base all'opzione di formattazione, i passaggi seguenti potrebbero non essere validi.
Vengono visualizzate opzioni aggiuntive che consentono di personalizzare il formato.
5. Per utilizzare le opzioni di esportazione predefinite specificate nel documento di origine, lasciare
selezionata l'opzione Usa le opzioni di esportazione definite nel report; in caso contrario,
deselezionare Usa le opzioni di esportazione definite nel report
6. Immettere le informazioni aggiuntive per personalizzare l'aspetto del formato scelto.
7. Ripetere i punti da 4 a 6 per ogni formato con cui pubblicare il report Crystal.
Al termine, è necessario ripetere i passaggi da 2 a 7 per ogni report Crystal nella pubblicazione.
11.1.15.3.1 Opzioni di personalizzazione aggiuntive per i formati dei report Crystal
In questa sezione vengono riepilogati i formati per i quali sono disponibili opzioni di personalizzazione
aggiuntive.
185
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Microsoft Excel (97-2003)
Le seguenti opzioni sono disponibili per i report Crystal pubblicati come file Excel:
•
Intervallo di pagine
Fare clic su Tutto per pubblicare l'intero report come file Excel. In alternativa, fare clic su Pagine e
immettere i valori per gli intervalli di pagine nei campi Da e A per pubblicare specifiche pagine del
report.
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, diventano disponibili anche le
seguenti opzioni:
•
Imposta larghezza colonna
Fare clic su Larghezza della colonna basata sugli oggetti in e scegliere un'opzione dall'elenco
per definire la larghezza delle colonne rispetto agli oggetti nel report. In alternativa, fare clic su
Larghezza della colonna costante (in punti) e immettere un valore numerico nel campo per definire
una larghezza costante per tutte le colonne.
•
Esporta intestazione e piè di pagina
Scegliere un'opzione dall'elenco per impostare la frequenza di visualizzazione delle intestazioni e
dei piè di pagina nel file Excel.
•
Crea interruzioni di pagina per ogni pagina
Selezionare questa opzione per creare interruzioni di pagina che rispecchino le interruzioni di pagina
del report.
•
Converti valori data in stringhe
Selezionare questa opzione per convertire i valori delle date in stringhe di testo.
•
Mostra linee griglia
Selezionare questa opzione per includere le griglie nel file Excel.
Microsoft Excel (97-2003) (solo dati)
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, diventano disponibili le seguenti
opzioni:
•
Imposta larghezza colonna
Fare clic su Larghezza della colonna basata sugli oggetti in per definire la larghezza delle colonne
rispetto agli oggetti nel report, quindi scegliere un'opzione dall'elenco adiacente. In alternativa, fare
clic su Larghezza della colonna costante (in punti) per definire una larghezza costante per tutte
le colonne, quindi immettere un valore numerico nel campo adiacente.
•
Esporta formattazione oggetto
Selezionare questa opzione per mantenere la formattazione dell'oggetto.
•
Esporta immagini
Selezionare questa opzione per pubblicare le immagini del report nel file Excel.
186
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
•
Usa funzioni del foglio di lavoro per i riepiloghi
Selezionare questa opzione per utilizzare i riepiloghi dei report per creare funzioni dei fogli di lavoro
per il file Excel.
•
Mantieni posizione relativa dell’oggetto
Selezionare questa opzione per mantenere la posizione relativa degli oggetti del report.
•
Mantieni allineamento colonne
Selezionare questa opzione per mantenere l'allineamento delle colonne del report.
•
Esporta intestazione e piè di pagina
Selezionare questa opzione per includere le intestazioni e i piè di pagina nel file Excel.
•
Semplifica intestazioni di pagina
Selezionare questa opzione per semplificare le intestazioni di pagina.
•
Mostra profili di gruppo
Selezionare questa opzione per visualizzare i profili di gruppo del report.
Foglio di lavoro Microsoft Excel Solo dati
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, sono disponibili le opzioni
seguenti per i report Crystal pubblicati come file Excel 2007:
•
Imposta larghezza colonna
Fare clic su Larghezza della colonna basata sugli oggetti in per definire la larghezza delle colonne
rispetto agli oggetti nel report, quindi scegliere un'opzione dall'elenco adiacente. In alternativa, fare
clic su Larghezza della colonna costante (in punti) per definire una larghezza costante per tutte
le colonne, quindi immettere un valore numerico nel campo adiacente.
•
Esporta formattazione oggetto
Selezionare questa opzione per mantenere la formattazione dell'oggetto.
•
Esporta immagini
Selezionare questa opzione per pubblicare le immagini del report nel file Excel.
•
Usa funzioni del foglio di lavoro per i riepiloghi
Selezionare questa opzione per utilizzare i riepiloghi dei report per creare funzioni dei fogli di lavoro
per il file Excel.
•
Mantieni posizione relativa dell’oggetto
Selezionare questa opzione per mantenere la posizione relativa degli oggetti del report.
•
Mantieni allineamento colonne
Selezionare questa opzione per mantenere l'allineamento delle colonne del report.
•
187
Esporta intestazione e piè di pagina
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Selezionare questa opzione per includere le intestazioni e i piè di pagina nel file Excel.
•
Semplifica intestazioni di pagina
Selezionare questa opzione per semplificare le intestazioni di pagina.
•
Mostra profili di gruppo
Selezionare questa opzione per visualizzare i profili di gruppo del report.
Microsoft Word (97-2003)
Le seguenti opzioni sono disponibili per i report Crystal pubblicati come file Word:
•
Intervallo di pagine
Fare clic su Tutto per pubblicare l'intero report come file Word. In alternativa, fare clic su Pagine e
immettere i valori per gli intervalli di pagine nei campi Da e A per pubblicare specifiche pagine del
report.
PDF
Le seguenti opzioni sono disponibili per i documenti di origine pubblicati come file PDF:
•
Intervallo di pagine
Fare clic su Tutto per pubblicare l'intero documento di origine come file PDF. In alternativa, fare
clic su Pagine e immettere i valori per gli intervalli di pagine nei campi Da e A per pubblicare pagine
specifiche.
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, diventano disponibili anche le
seguenti opzioni:
•
Crea segnalibri da struttura gruppi
Nota:
Se si intende pubblicare una pubblicazione dei report Crystal come file PDF unito contenente un
sommario, è necessario selezionare questa opzione.
Rich Text Format (RTF)
Le opzioni seguenti sono disponibili per i report Crystal pubblicati come file RTF:
•
Intervallo di pagine
Fare clic su Tutto per pubblicare l'intero documento di origine come file PDF oppure fare clic su
Pagine e immettere i valori per gli intervalli di pagine nei campi Da e A per pubblicare pagine
specifiche.
Microsoft Word - Modificabile (RTF)
Le seguenti opzioni sono disponibili per i report Crystal pubblicati come file Word modificabili:
•
188
Intervallo di pagine
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Fare clic su Tutto per pubblicare l'intero report come file Word. In alternativa, fare clic su Pagine e
immettere i valori per gli intervalli di pagine nei campi Da e A per pubblicare specifiche pagine del
report.
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, diventano disponibili anche le
seguenti opzioni:
•
Inserisci interruzione di pagina dopo ogni pagina del report
Selezionare questa opzione per creare interruzioni di pagina che rispecchino le interruzioni di pagina
del report.
Testo normale
Se si deseleziona la casella di controllo Usa le opzioni di esportazione definite nel report, per i
report Crystal pubblicati come file di testo normale sono disponibili le opzioni seguenti:
•
Numero di caratteri per pollice
Immettere un valore per definire il numero di caratteri visualizzati per pollice nel file di testo normale.
Testo impaginato
Se si deseleziona la casella di controllo Usa le opzioni di esportazione definite nel report, le seguenti
opzioni sono disponibili per i report Crystal e per i documenti Desktop Intelligence pubblicati come file
di testo impaginato:
•
Numero di righe per pagina
Immettere un valore per definire il numero di righe che dovranno essere visualizzate in ogni pagina
del file di testo impaginato.
•
Numero di caratteri per pollice
Immettere un valore per definire il numero di caratteri visualizzati per pollice nel file di testo
impaginato.
Valori separati da virgola (CSV)
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, le seguenti opzioni sono
disponibili per i report Crystal pubblicati come file CSV:
•
Delimitatore
Immettere il carattere che si desidera utilizzare come delimitatore.
•
Separatore
Immettere il carattere da utilizzare per separare i valori o selezionare Tabulazione.
•
Modalità
Selezionare la modalità standard o la modalità versione precedente. La modalità standard consente
di controllare in che modo i piè di pagina, le intestazioni e le pagine del report vengono visualizzati
nell'output CSV. Questa è l'opzione predefinita.
•
189
Sezioni di report e di pagina
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Utilizzare le opzioni presenti in quest'area per specificare se esportare le sezioni di report e di pagina
e se isolarle.
•
Sezioni di gruppo
Utilizzare le opzioni presenti in quest'area per specificare se esportare le sezioni di gruppo e se
isolarle.
XML
Se si deseleziona Usa le opzioni di esportazione definite nel report, le seguenti opzioni sono
disponibili per i report Crystal pubblicati in formato XML:
•
Formati di esportazione XML
Selezionare un'opzione dall'elenco per specificare il formato XML.
11.1.16 Attività di progettazione per le pubblicazioni dei documenti Web Intelligence
11.1.16.1 Specifica dei formati per un documento di Web Intelligence
1. Fare clic su Formati.
2. Nell'elenco Documento, selezionare un documento.
3. Nell'elenco Formato di output, selezionare le caselle di controllo relative ai formati con cui pubblicare
il documento.
4. Con l'opzione di formattazione evidenziata nell'elenco Formato di output, nell'area "Dettagli formato
di output" scegliere se pubblicare l'intero documento o una scheda del report.
• Per pubblicare l'intero documento, lasciare l'opzione Tutti i report selezionata.
• Per pubblicare una singola scheda del report, fare clic su Selezionare un report e scegliere una
scheda del report dall'elenco.
5. Ripetere il punto 4 per ogni formato con cui pubblicare il documento.
Dopo aver eseguito questa operazione per un documento, è necessario ripetere i punti da 2 a 5 per gli
altri documenti di origine con contenuto dinamico nella pubblicazione.
11.1.16.2 Personalizzazione di un documento Web Intelligence mediante una
destinazione di profilo globale
190
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Prima di poter utilizzare i profili per personalizzare i dati per i destinatari Enterprise, è necessario
configurarli nella piattaforma BI. Il profilo selezionato in questa attività deve includere anche una
destinazione del profilo globale.
È possibile utilizzare l'area Profili globali della finestra di dialogo "Personalizzazione" per personalizzare
un documento Web Intelligence per i destinatari Enterprise filtrando una destinazione di profilo globale.
Suggerimento:
Se si utilizzano le opzioni di personalizzazione nell'area "Profili globali", non è necessario utilizzare le
opzioni di personalizzazione nell'area "Filtri".
1. Fare clic su Personalizzazione.
2. Nell'area Profili globali della finestra di dialogo "Personalizzazione" selezionare un profilo nell'elenco
della colonna Mapping destinatari azienda.
Questo profilo consente di mappare il documento al campo dell'universo (destinazione del profilo
globale) filtrato per destinatari Enterprise.
Nota:
Se il profilo selezionato non è configurato nella piattaforma BI, la personalizzazione non riesce. Se
è necessario che alla piattaforma BI vengano aggiunti profili, contattare l'amministratore di sistema.
11.1.16.3 Per personalizzare un documento Web Intelligence filtrando i campi
Prima di poter utilizzare i profili per personalizzare i dati per i destinatari Enterprise, è necessario
configurarli nella piattaforma BI.
Per personalizzare un documento Web Intelligence mediante il filtraggio di un campo nel documento,
è necessario effettuare questa attività.
Nota:
I valori di profilo statici possono filtrare i campi in formato stringa solo nei documenti di origine. Per
filtrare altri tipi di campi, utilizzare i valori di profilo di espressione. Se si associa il tipo di campo sbagliato
al profilo, la personalizzazione non può riuscire.
1. Nell'elenco di spostamento, fare clic su Personalizzazione.
2. Nell'area "Profili locali", scegliere un campo dall'elenco nella colonna Campo del report.
3. Scegliere un profilo dall'elenco nella colonna Mapping destinatari azienda.
Questa impostazione associa il campo del report ai valori di profilo definiti per i destinatari Enterprise.
Se il profilo non è configurato nella piattaforma BI, la personalizzazione non riesce. Se è necessario
che alla piattaforma BI vengano aggiunti profili, contattare l'amministratore di sistema.
4. Scegliere una colonna di origine del destinatario dinamico nell'elenco della colonna Mapping
destinatari dinamici.
Questa impostazione associa il campo nel documento di origine a una colonna nell'origine del
destinatario dinamico contenente i valori corrispondenti.
5. Ripetere i punti da 2 a 4 per ogni campo da filtrare.
191
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1.17 Utilizzo delle caratteristiche di pubblicazione aggiuntive
Le attività illustrate in questa sezione sono facoltative, ovvero non sono necessarie per progettare e
pianificare una pubblicazione, ma possono migliorare le prestazioni della pubblicazione.
11.1.17.1 Funzionalità di pubblicazione aggiuntive per le pubblicazioni dei report
Crystal
11.1.17.1.1 Per impostare le opzioni di stampa per un report Crystal in una pubblicazione
Se si intende utilizzare la stampante predefinita, verificare che questa sia installata e configurata
correttamente.
Nota:
è necessario eseguire Crystal Reports Job Server con un account che dispone di privilegi sufficienti
per accedere alla stampante specificata. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale
dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence.
È possibile stampare le istanze nel formato dei report Crystal ogni volta che viene eseguita la
pubblicazione, utilizzando la stampante predefinita di Crystal Reports Job Server o una stampante
diversa. Nella piattaforma BI le istanze vengono stampate dopo la personalizzazione della pubblicazione
ma prima della consegna.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Impostazioni di stampa.
2. Nell'elenco Documenti selezionare un report Crystal da stampare quando si esegue la pubblicazione.
3. Selezionare Stampa report Crystal durante la pianificazione.
4. Lasciare selezionata l'opzione Stampante predefinita per stampare dalla stampante predefinita di
Job Server; altrimenti, selezionare Specifica una stampante.
5. Immettere un percorso e un nome per la stampante.
• Se il Job Server si trova su Windows, nella casella Specifica una stampante, digitare \\server
stampa\nomestampante
Sostituire serverstampa con il nome del server di stampa e nomestampante con il nome
della stampante.
•
Se Job Server viene eseguito in Unix, confermare che Unix è visualizzato (non nascosto) e
digitare il comando di stampa che viene normalmente utilizzato nella casella Specifica una
stampante.
Ad esempio, digitare lp -d printername
6. Selezionare il numero di copie e scegliere l'intervallo di pagine di stampa.
192
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
7. Impostare le opzioni di fascicolazione e proporzioni delle pagine.
8. Per centrare il contenuto del report nella pagina, selezionare Centra pagina.
9. Se il report Crystal è ampio e si desidera inserirlo in una sola pagina di stampa, selezionare Adatta
pagine orizzontali in una pagina.
11.1.17.1.2 Per impostare una regola di consegna destinatario in un report Crystal
Le regole di consegna destinatario determinano se una pubblicazione viene consegnata a uno specifico
destinatario dopo l'elaborazione e la personalizzazione.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Regole di consegna.
2. Nell'area "Regola di consegna destinatario", fare clic su Consegna singolo documento quando
viene soddisfatta la condizione oppure su Consegna tutti i documenti solo quando vengono
soddisfatte tutte le condizioni.
3. Nell'elenco accanto a ogni report, specificare una condizione che deve essere soddisfatta affinché
la pubblicazione venga consegnata.
Nella tabella seguente sono riportate le impostazioni della regola di consegna predefinita: Se un
report contiene avvisi, sono disponibili anche le opzioni basate sui valori degli avvisi.
Opzione della regola di consegna
Descrizione
Consegna sempre
Il report viene sempre consegnato al destinatario.
Non consegnare mai
Il report non viene mai consegnato al destinatario. Questa opzione è
utile per escludere un report Crystal dall'esecuzione di una determinata
pubblicazione senza dover riprogettare l'intera pubblicazione.
Consegna solo se il report contiene dati
Il report viene consegnato al destinatario solo se contiene dati per tale
destinatario dopo la personalizzazione. Questa opzione è utile per limitare il carico di elaborazione per pubblicazioni di grandi dimensioni.
11.1.17.1.3 Per impostare una regola di consegna globale per un report Crystal
Nota:
Il report Crystal per cui impostare una regola di consegna globale deve contenere un avviso.
Le regole di consegna globali determinano se l'elaborazione e la consegna della pubblicazione deve
essere eseguita per tutti i destinatari. È possibile impostare una regola di consegna globale per qualsiasi
report Crystal nella piattaforma BI.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Regole di consegna.
2. Nell'area "Regola di consegna globale", fare clic su Sfoglia.
Viene visualizzata una finestra di dialogo che consente di selezionare il report Crystal per cui verrà
impostata la regola di consegna globale.
3. Accedere al report Crystal, selezionarlo e fare clic su OK.
La finestra di dialogo viene chiusa.
193
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
4. Dall'elenco Condizione, selezionare il valore dell'avviso che il report deve avere affinché la regola
venga soddisfatta.
11.1.17.1.4 Per formattare il PDF unito
•
•
•
•
I report Crystal da includere nel PDF unito devono disporre di titoli. Per impostare il titolo per un
report, aprire il report in SAP Crystal Reports e passare a File > Info di riepilogo. Nella scheda
Riepilogo, nella casella Titolo, digitare un titolo per il report. Salvare il report ed esportarlo
nuovamente nel repository.
Nell'area "Documenti di origine" i report Crystal e i file PDF da unire devono essere visualizzati
nell'ordine corretto.
Nell'area "Formati" deve essere selezionata l'opzione PDF come formato per ogni report Crystal da
includere nel file PDF unito.
Nell'area "Destinazioni" l'opzione Unisci PDF esportato deve essere selezionata per ogni
destinazione alla quale si desidera inviare il file PDF unito.
Nell'area Opzioni di unione PDF impostare le opzioni per personalizzare l'istanza PDF unita generata
dalla pubblicazione di un report Crystal.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Opzioni di unione PDF.
2. Creare e formattare un sommario per il file PDF unito:
Nota:
Per abilitare questa opzione di formattazione nell'area "Formati" selezionare un report Crystal
nell'elenco Documenti. Deselezionare l'opzione Usa le opzioni di esportazione definite nel report
e selezionare Crea segnalibri da struttura gruppi. Effettuare questa operazione per ciascun report
Crystal dell'elenco. In caso contrario, il report Crystal non comparirà nel sommario relativo al file
PDF unito.
a. Selezionare Crea sommario.
Le opzioni di formattazione per il sommario sono disponibili.
b. Nella casella Titolo immettere un titolo per il sommario.
c. Formattare il carattere, le dimensioni del carattere (in punti) e il colore del carattere che dovranno
essere applicati al titolo e agli elementi del sommario.
3. Impostare le opzioni per la formattazione dei numeri di pagina del file PDF unito:
a. Selezionare Applica numeri di pagina in esecuzione.
Le opzioni di formattazione per i numeri di pagina sono disponibili.
b. Nella casella Formato numero immettere il formato in cui devono essere visualizzati i numeri
di pagina.
Per impostazione predefinita, il formato è impostato su Pagina &p di &P. È possibile cambiare
questo formato ma è necessario utilizzare &p come segnaposto per il numero di pagina corrente
e &P come segnaposto per il numero totale di pagine.
c. Nell'elenco Posizione numero scegliere l'orientamento del numero di pagina per il file PDF
unito.
d. Formattare il carattere, le dimensioni del carattere (in punti) e il colore del carattere che dovranno
essere applicati ai numeri di pagina.
194
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
e. Se si desidera inserire i numeri di pagina nel sommario, selezionare Applica numeri di pagina
alle pagine del sommario.
4. Impostare le credenziali di accesso del destinatario e le autorizzazioni per le azioni del destinatario:
a. Nella casella Password utente immettere la password che i destinatari devono specificare per
visualizzare il PDF unito.
b. Nella casella Password proprietario immettere la password che i destinatari devono specificare
per modificare il PDF unito.
c. Selezionare o deselezionare le caselle di controllo seguenti per impostare le autorizzazioni per
le azioni dell'utente:
Opzione
Descrizione
Consenti la stampa
Selezionare questa opzione per consentire ai destinatari di stampare il
file PDF
Consenti modifica
contenuto
Selezionare questa opzione per consentire ai destinatari di modificare
il file PDF
Consenti Copia e in- Selezionare questa opzione per consentire ai destinatari di copiare e
incollare il contenuto del file PDF
colla
Consenti modifica di Selezionare questa opzione per consentire ai destinatari di modificare
le annotazioni del file PDF
annotazioni
11.1.17.1.5 Per configurare le informazioni di accesso al database per un report Crystal
Prima di iniziare, si consiglia di verificare che le impostazioni del database del report Crystal siano
corrette. Nell'area "Cartelle" della CMC, selezionare il report Crystal, accedere a Gestisci > Impostazioni
predefinite > Configurazione database per controllare le informazioni del database oppure immettere
nuove informazioni.
In alcuni casi, potrebbe essere necessario modificare le informazioni dell'origine dati a cui un report
Crystal fa riferimento nel report Crystal stesso. A tale scopo, aprire il report di Crystal Reports in SAP
Crystal Reports e passare a Database > Imposta percorso origine dati. Nella finestra di dialogo
"Imposta percorso origine dati", selezionare una connessione oppure creare una nuova connessione.
Questa attività consente di modificare le informazioni di accesso al database necessarie ai destinatari
per accedere al database e aggiornare i dati nel report Crystal.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Accesso al database.
2. Nell'elenco Titolo, selezionare un report Crystal.
Le informazioni del database relative al report Crystal vengono riportate sotto all'elenco Titolo.
3. Verificare che le informazioni presenti nelle caselle Server di database e Database siano corrette.
4. Nella casella Utente digitare un nome utente che i destinatari devono utilizzare per l'accesso.
5. Nella casella Password digitare una password.
195
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.1.17.2 Funzionalità di pubblicazione aggiuntive per le pubblicazioni dei
documenti Web Intelligence
11.1.17.2.1 Per cambiare il valore di prompt di un documento Web Intelligence
Nota:
il documento deve già contenere un prompt
Questa attività è facoltativa. È possibile utilizzare il valore di prompt predefinito presente nel documento
oppure modificare l'elenco dei valori dei prompt.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Prompt.
Nota:
Vengono visualizzati solo i documenti Web Intelligence che contengono prompt.
2. Fare clic su Modifica.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Prompt".
3. Fare clic su Aggiorna i valori.
Nell'elenco a sinistra vengono visualizzati i possibili valori dei prompt.
4. Spostare il valore o i valori dall'elenco di sinistra a quello di destra.
5. Fare clic su Applica.
La finestra di dialogo "Prompt" viene chiusa e l'elenco dei valori dei prompt viene aggiornato.
11.1.17.3 Per specificare le estensioni della pubblicazione
Prima di utilizzare un'estensione della pubblicazione, è necessario che l'estensione venga distribuita
su più computer che eseguono Adaptive Processing Server. Il percorso varia a seconda del sistema
operativo.
Sistema operativo
Posizione
Windows
INSTALL DIR\SAP BusinessObjects\SAP BusinessObjects
Enterprise XI 4.0\java\lib\
Unix
DIRINSTALL/sap_bobj/enterprise_xi40/java/lib/
Dopo la distribuzione dell'estensione, è necessario riavviare Adaptive Processing Server e gli eventuali
server sui quali è presente il servizio di pubblicazione.
196
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Per ulteriori informazioni sulle estensioni delle pubblicazioni, consultare il manuale SAP BusinessObjects
Business Intelligence Platform Java SDK Developer Guide.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Estensione pubblicazione.
2. Nel campo Nome estensione pubblicazione, immettere il nome dell'estensione.
3. Nel campo Nome classe, immettere il nome completo della classe per l'estensione.
4. Se necessario, immettere un parametro nel campo Parametro.
5. Se si desidera che l'estensione venga utilizzata dopo l'elaborazione ma prima della consegna, fare
clic sul pulsante Aggiungi che si trova sopra a Prima del recapito pubblicazione.
L'estensione viene aggiunta all'elenco Prima del recapito pubblicazione.
6. Se si desidera che l'estensione venga utilizzata dopo la consegna, fare clic sul pulsante Aggiungi
che si trova sopra Dopo il recapito pubblicazione.
L'estensione viene aggiunta all'elenco Dopo il recapito pubblicazione.
7. Ripetere i punti da 2 a 6 per ogni estensione da aggiungere.
Suggerimento:
Fare clic su Sposta su o Sposta giù sotto a ciascun elenco per configurare l'ordine di esecuzione
delle estensioni.
11.1.17.4 Per configurare la notifica via posta elettronica per processi di
pubblicazione eseguiti regolarmente o in errore
Per utilizzare le impostazioni predefinite di Adaptive Job Server per la notifica via posta elettronica, è
necessario che Adaptive Job Server sia configurato correttamente.
Eseguire questa attività per ricevere una notifica via posta elettronica dopo l'esecuzione di un processo
di pubblicazione
Nota:
questa funzione è disponibile solo nella CMC.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Notifica.
2. Espandere Notifica via posta elettronica: Non in uso.
3. Per ricevere notifiche via posta elettronica per i processi di pubblicazione eseguiti correttamente,
selezionare Processo eseguito correttamente e configurare le opzioni riportate sotto.
•
•
Fare clic su Usa i valori predefiniti di Job Server per utilizzare le impostazioni predefinite di
Adaptive Job Server.
Fare clic su Imposta i valori da utilizzare per utilizzare le impostazioni personali da specificare
nei relativi campi.
•
•
•
•
197
Nel campo Da, immettere un indirizzo di posta elettronica o un nome.
Nel campo A, immettere l'indirizzo di posta elettronica a cui inviare la notifica.
Nel campo Cc, immettere gli indirizzi aggiuntivi a cui inviare la notifica via posta elettronica.
Nel campo Oggetto, immettere un oggetto per il messaggio di posta elettronica.
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
•
Nel campo Messaggio, immettere un messaggio che accompagnerà la notifica via posta
elettronica.
4. Per ricevere notifiche via posta elettronica per i processi di pubblicazione in errore, selezionare
Errore nell'esecuzione del processo e configurare le opzioni riportate sotto.
•
•
Fare clic su Usa i valori predefiniti di Job Server per utilizzare le impostazioni predefinite di
Adaptive Job Server.
Fare clic su Imposta i valori da utilizzare per utilizzare le impostazioni personali da specificare
nei relativi campi.
•
•
•
•
•
Nel campo Da, immettere un indirizzo di posta elettronica o un nome.
Nel campo A, immettere l'indirizzo di posta elettronica a cui inviare la notifica.
Nel campo Cc, immettere gli indirizzi aggiuntivi a cui inviare la notifica via posta elettronica.
Nel campo Oggetto, immettere un oggetto per il messaggio di posta elettronica.
Nel campo Messaggio, immettere un messaggio che accompagnerà la notifica via posta
elettronica.
11.1.17.5 Per abilitare la notifica di controllo per i processi di pubblicazione
Eseguire questa attività per abilitare la notifica di controllo per i processi di pubblicazione. Per ulteriori
informazioni sul controllo, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP
BusinessObjects Business Intelligence.
Nota:
questa funzione è disponibile solo nella CMC.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Notifica.
2. Espandere Notifica controllo: Non utilizzato.
3. Per controllare i processi di pubblicazione eseguiti regolarmente, selezionare Processo eseguito
correttamente.
4. Per controllare i processi di pubblicazione per i quali si sono verificati errori, selezionare Errore
nell'esecuzione del processo.
11.1.17.6 Per specificare gli eventi
La pianificazione basata su eventi consente un ulteriore controllo sulla pianificazione delle pubblicazioni:
è possibile configurare gli eventi in modo che le pubblicazioni vengano elaborate solo dopo che un
evento specifico si è verificato.
Eseguire questa attività se il processo di pubblicazione viene eseguito dopo uno specifico evento oppure
se al completamento del processo di pubblicazione vengono attivati altri eventi.
198
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Eventi.
2. Per specificare eventi basati su file e personalizzati per la pubblicazione, spostarli dall'elenco Eventi
disponibili all'elenco Eventi da attendere.
Questi eventi attivano l'esecuzione del processo di pubblicazione.
3. Per specificare eventi pianificati per la pubblicazione, spostarli dall'elenco Eventi di pianificazione
disponibili all'elenco Eventi da attivare al completamento.
Questi eventi si verificano dopo l'esecuzione del processo di pubblicazione.
11.1.17.7 Per impostare un'opzione per il gruppo di server
Eseguire questa attività se si desidera utilizzare uno specifico server per elaborare la pubblicazione.
Per ulteriori informazioni sui gruppi di server, consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma
SAP BusinessObjects Business Intelligence .
Nota:
Non è possibile pianificare le pubblicazioni tra siti in federazioni.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Pianificazione gruppo di server.
2. Scegliere un'opzione del gruppo di server.
199
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Opzione
Descrizione
Usa il primo server disponibile
Il processo di pubblicazione viene elaborato dal primo server disponibile con una capacità sufficiente. L'opzione è selezionata per
impostazione predefinita.
Nota:
Questa è l'unica opzione disponibile se non sono presenti gruppi
di server nella CMC.
Dai la preferenza ai server del Il processo di pubblicazione tenta innanzitutto di avviare l'esecugruppo selezionato
zione utilizzando i server presenti nel gruppo specificato. Se
questi server non hanno capacità sufficiente, la pubblicazione
tenta di avviare l'esecuzione utilizzando i server presenti in altri
gruppi. Quando si sceglie questa opzione, è inoltre necessario
scegliere un gruppo di server nell'elenco dei gruppi di server disponibili.
Usa solo i server del gruppo
selezionato
Il processo di pubblicazione utilizza solo i server presenti nel
gruppo specificato. Quando si sceglie questa opzione, è inoltre
necessario scegliere un gruppo di server nell'elenco dei gruppi
di server disponibili.
11.1.17.8 Per specificare un metodo di risoluzione del profilo
Il metodo di risoluzione profilo specificato determina se le istanze verranno unite o fornite come documenti
separati in caso di conflitto di profilo.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Avanzate.
2. In Metodo di risoluzione del profilo, fare clic su Unisci o su Non unire.
11.1.17.9 Per specificare un metodo di bursting del report
Il metodo di bursting del report specificato determina la modalità di personalizzazione, di elaborazione
e di consegna dei documenti.
1. Espandere Altre opzioni e fare clic su Avanzate.
2. Fare clic su una delle opzioni sotto Metodo Bursting Report.
Nota:
Se la pubblicazione è destinata unicamente a destinatari dinamici, Un database fetch per
destinatario non è disponibile.
200
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Avvertenza:
Scegliere attentamente il metodo di bursting del report se la pubblicazione soddisfa i seguenti criteri:
•
•
La pubblicazione contiene documenti Web Intelligence per destinatari Enterprise.
I profili utilizzati per la personalizzazione dispongono di espressioni filtro.
Metodi di bursting del report diversi utilizzano tipi di filtri diversi per personalizzare ed elaborare i
documenti. Un database fetch per tutti i destinatari utilizza un filtro report; Un database fetch
per destinatario utilizza un filtro query. Ogni tipo di filtro supporta a propria volta diversi operatori.
Se l'espressione filtro utilizza un operatore non supportato dal metodo di bursting del report, la
pubblicazione potrebbe non riuscire.
11.2 Attività di pubblicazione post-progettazione
Le attività riportate in questa sezione sono facoltative e possono essere eseguite dopo il processo di
progettazione della pubblicazione.
11.2.1 Finalizzazione della pubblicazione
In qualsiasi momento durante o dopo il processo di progettazione, utilizzare la pagina "Riepilogo" per
visualizzare un riepilogo delle proprietà della pubblicazione, ovvero il titolo, la posizione, la descrizione
e i documenti di origine della pubblicazione, nonché il numero di destinatari che riceveranno la
pubblicazione in base al tipo di destinatario (aziendale o dinamico), il tipo di personalizzazione della
pubblicazione e infine il formato e la destinazione della distribuzione.
Per accedere alla pagina "Riepilogo", fare clic su Riepilogo. È possibile utilizzare le altre opzioni
dell'elenco di spostamento per cambiare le proprietà o per salvare la pianificazione e pianificarla.
11.2.2 Per testare una pubblicazione
La modalità di test consente di testare una pubblicazione inviandola a se stessi prima che ai destinatari
effettivi. In questo modo si ricevono le stesse informazioni ricevute dai destinatari. Le destinazioni
vengono aggiornate automaticamente in modo che venga utilizzato il proprio indirizzo di posta elettronica
o la propria posta in arrivo BI e non quelli appartenenti ai destinatari della pubblicazione. Inoltre, nella
modalità di test è possibile escludere alcuni destinatari dal gruppo originale di destinatari.
1. Fare clic su Modalità di test.
2. Se necessario, modificare l'elenco dei destinatari Enterprise.
201
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
a. Fare clic su Destinatari Enterprise.
b. In "Destinatari di posta elettronica" nel campo A immettere l'indirizzo di posta elettronica.
Questo campo viene visualizzato solo se la destinazione della pubblicazione è la posta elettronica.
Nella piattaforma BI tutte le istanze di pubblicazione di posta elettronica vengono generate durante
la modalità test all'indirizzo di posta elettronica qui specificato.
c. Spostare gli utenti o i gruppi dall'elenco Disponibili all'elenco Selezionati o all'elenco Esclusi.
3. Se necessario, modificare l'elenco dei destinatari dinamici.
a. Fare clic su Destinatari dinamici.
b. In "Destinatari di posta elettronica" nel campo A immettere l'indirizzo di posta elettronica.
Questo campo viene visualizzato solo se la destinazione della pubblicazione è la posta elettronica.
Nella piattaforma BI tutte le istanze di pubblicazione di posta elettronica vengono generate durante
la modalità test all'indirizzo di posta elettronica qui specificato.
c. Verificare che le colonne associate agli ID dei destinatari, i nomi completi e gli indirizzi di posta
elettronica siano corretti.
d. Selezionare o deselezionare l'opzione Usa elenco intero.
e. Se l'opzione Usa elenco intero è deselezionata, spostare gli utenti o i gruppi da includere o
escludere dall'elenco Disponibili all'elenco Selezionati o all'elenco Esclusi.
4. Fare clic su Test.
La pubblicazione viene eseguita in modalità di test.
11.2.3 Per sottoscrivere o annullare la sottoscrizione a una pubblicazione
I destinatari Enterprise con i diritti appropriati possono eseguire la sottoscrizione o annullare la
sottoscrizione a una pubblicazione. Possono effettuare tali operazioni anche per le istanze della
pubblicazione. Ad esempio, se una pubblicazione è pianificata per l'esecuzione due volte a settimana,
i destinatari possono eseguire la sottoscrizione alla prima istanza della pubblicazione ma non alla
seconda.
Nota:
I destinatari dinamici non possono sottoscrivere o annullare la sottoscrizione alle pubblicazioni
automaticamente.
1. Accedere alla pubblicazione e selezionarla.
2. È possibile effettuare o annullare la sottoscrizione alla pubblicazione attenendosi a una delle
procedure seguenti:
• Nella console CMC, fare clic su Azioni > Sottoscrivi oppure su Azioni > Annulla sottoscrizione.
• In BI Launch Pad, fare clic su Altre azioni > Sottoscrivi o Altre azioni > Annulla sottoscrizione.
Suggerimento:
Per effettuare o annullare la sottoscrizione alle istanze di una pubblicazione, selezionare la pubblicazione
e fare clic su Azioni > Cronologia nella CMC oppureAltre azioni > Cronologia in BI Launch Pad.
Nella finestra "Cronologia" selezionare un'istanza ed effettuare o annullare la sottoscrizione ad essa.
202
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.2.4 Per pianificare l'esecuzione di una pubblicazione
Dopo aver progettato e salvato una pubblicazione, è possibile pianificarne l'esecuzione.
Quando si pianifica la pubblicazione, è possibile utilizzare le impostazioni configurate nella sezione
"Ricorrenza" oppure è possibile immettere nuove impostazioni. Inoltre, ogni volta che si pianifica una
pubblicazione è possibile cambiare i destinatari.
1. Chiudere la pagina di progettazione della pubblicazione.
2. Selezionare la pubblicazione.
3. Selezionare Azioni > Pianifica nella CMC o Altre azioni > Pianifica in BI Launch Pad.
4. Verificare che le informazioni sulle ricorrenze siano corrette.
5. Fare clic su Pianifica.
La pubblicazione viene eseguita.
Suggerimento:
Per visualizzare lo stato di un processo di pubblicazione mentre è in esecuzione, selezionare Azioni
> Cronologia nella CMC o Altre azioni > Cronologia in BI Launch Pad. Nella colonna Stato fare clic
sullo stato (Operazione riuscita, Operazione non riuscita o In esecuzione), quindi fare clic sul
collegamento Visualizza file di registro nella parte inferiore della finestra di dialogo "Cronologia della
pubblicazione".
11.2.5 Visualizzazione dei risultati della pubblicazione
Visualizzazione dei risultati della pubblicazione come autore
È possibile visualizzare i risultati di una pubblicazione in diversi modi. Quando la pubblicazione viene
eseguita, viene mostrato il relativo storico, che elenca le istanze di pubblicazione, gli orari in cui la
pubblicazione è stata eseguita e se si sono verificati o meno degli errori. Nella colonna Ora dell'istanza,
è possibile fare clic sul collegamento relativo a un'istanza della pubblicazione per vedere tutte le istanze
generate per tutti i destinatari quando la pubblicazione è stata eseguita in tale orario.
Suggerimento:
per accedere in qualsiasi momento alla cronologia della pubblicazione, selezionare la pubblicazione e
accedere a Azioni > Cronologia nella console CMC oppure a Altre azioni > Cronologia in BI Launch
Pad.
Visualizzazione dei file di registro per i processi di pubblicazione
I file di registro sono utili per la risoluzione degli eventuali errori della pubblicazione o per identificare i
destinatari che non hanno ricevuto le istanze della pubblicazione. Nella piattaforma BI i dettagli del
processo di pubblicazione vengono registrati man mano che i singoli batch di istanze di pubblicazione
personalizzate vengono elaborati, quindi vengono consolidati in uno o più file di registro. La dimensione
203
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
massima del file di registro è 10 MB e non è configurabile. Se si esegue una pubblicazione di grande
volume con molti dettagli, per l'istanza di pubblicazione è possibile che vengano creati diversi file di
registro.
È possibile visualizzare i file di registro per un'istanza di pubblicazione in due modi:
•
Per visualizzare l'ultimo file di registro di una serie, fare clic su Azioni > Storico. Nella colonna
Stato, fare clic sullo stato (Operazione riuscita, Operazione non riuscita o In esecuzione), quindi
fare clic sul collegamento Visualizza file di registro nella parte inferiore della finestra di dialogo
"Storico della pubblicazione".
Suggerimento:
è anche possibile eseguire questa operazione mentre la pubblicazione è in esecuzione.
•
Per visualizzare tutti i file di registro, fare clic su Azioni > Storico. Nella colonna Ora dell'istanza
fare clic sul collegamento per un'istanza di pubblicazione. I file di registro sono elencati dopo le
istanze personalizzate.
I file di registro vengono aggiornati con nuovi dettagli ogni due minuti. Se il processo di pubblicazione
è stato eseguito per meno di due minuti, il file di registro può avere lo stato In sospeso.
Visualizzazione dei risultati della pubblicazione come destinatario
Le modalità con cui è possibile visualizzare una pubblicazione sono riepilogate nella seguente tabella.
204
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Destinazione
Come visualizzare il risultato della pubblicazione
Percorso Enterprise predeCome destinatario, è possibile visualizzare solo l'istanza della pubblicafinito
zione personalizzata nella piattaforma BI. Non è possibile visualizzare le
istanze personalizzate per altri destinatari.
Nota:
i destinatari dinamici non possono accedere alla piattaforma BI per visualizzare i risultati della pubblicazione.
1. Avviare la CMC.
• In Windows passare a Programmi > SAP Business Intelligence
> Piattaforma SAP BusinessObjects BI 4 > Central Management
Console della piattaforma SAP BusinessObjects BI.
• In alternativa, aprire il browser Web e digitare quanto segue:
http://nomeserver:portaconnessione/CMC
Dove nomeserver rappresenta il nome CMS e portaconnes
sione rappresenta il numero della porta di connessione specificata
durante l'installazione. Il numero predefinito della porta di connessione è 8080.
2. Immettere le credenziali di accesso.
• Nel campo Sistema, verificare che il nome CMS e la porta CMS
siano corretti.
• Immettere nome utente e password.
• Nell'elenco Autenticazione, selezionare il tipo di autenticazione.
3.
4.
5.
6.
7.
Fare clic su Accedi.
Accedere all'area "Cartelle" e alla pubblicazione, quindi selezionarla.
Fare clic su Azioni > Storico.
Fare clic sul collegamento nella colonna Ora dell'istanza.
Fare doppio clic sull'istanza che si desidera visualizzare.
Posta in arrivo BI
205
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Destinazione
Come visualizzare il risultato della pubblicazione
Nota:
i destinatari dinamici non possono accedere a BI Launch Pad per visualizzare i risultati della pubblicazione.
1. Avviare BI Launch Pad.
• In Windows passare a Programmi > SAP Business Intelligence
> Piattaforma SAP BusinessObjects BI 4 > Java BI Launch Pad
della piattaforma SAP BusinessObjects BI.
• In alternativa, aprire il browser Web e digitare quanto segue:
http://nomeserver:portaconnessione/BOE/BI
Dove nomeserver rappresenta il nome CMS e portaconnes
sione rappresenta il numero della porta di connessione specificata
durante l'installazione. Il numero predefinito della porta di connessione è 8080.
2. Immettere le credenziali di accesso.
• Nel campo Sistema assicurarsi che il nome CMS sia corretto.
• Immettere nome utente e password.
• Nell'elenco Autenticazione, selezionare il tipo di autenticazione.
3. Fare clic su Accedi.
4. Fare clic su Posta in arrivo.
5. Fare doppio clic sull'istanza che si desidera visualizzare.
Posta elettronica
Accedere alla posta elettronica per vedere il contenuto della pubblicazione
o per scaricare gli eventuali allegati.
Server FTP
Accedere all'host FTP.
Disco locale
Accedere alla posizione specificata al momento della progettazione della
pubblicazione.
11.2.6 Per ridistribuire un'istanza di pubblicazione
È possibile ridistribuire le istanze della pubblicazione riuscite ai destinatari Enterprise e ai destinatari
dinamici specificati per l'esecuzione originale della pubblicazione. Questa funzione è utile per inviare
nuovamente un'istanza a un destinatario senza dover eseguire nuovamente l'intera pubblicazione.
1. Accedere alla pubblicazione e selezionarla.
2. Fare clic su Azioni > Cronologia nella console CMC oppure su Altre azioni > Cronologia in BI
Launch Pad.
Viene visualizzato lo storico della pubblicazione.
206
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
3. Selezionare l'istanza di una pubblicazione riuscita.
4. Fare clic su Azioni > Ridistribuisci nella console CMC oppure su Altre azioni > Ridistribuisci in
BI Launch Pad.
5. Scegliere i destinatari che dovranno ricevere le istanze ridistribuite.
Nota:
Solo i destinatari specificati durante l'esecuzione originale della pubblicazione possono ricevere le
istanze ridistribuite.
•
Per ridistribuire un'istanza a un destinatario Enterprise:
a. Espandere Destinatari Enterprise.
b. Spostare il destinatario Enterprise dall'elenco Disponibili all'elenco Selezionati.
•
Per ridistribuire un'istanza a un destinatario dinamico:
a. Espandere Destinatari dinamici.
b. Verificare che le colonne associate agli ID dei destinatari, i nomi completi e gli indirizzi di
posta elettronica siano corretti.
c. Per ridistribuire la pubblicazione a tutti i destinatari dinamici, selezionare l'opzione Usa elenco
intero, in caso contrario deselezionarla.
d. Spostare il destinatario dinamico dall'elenco Disponibili all'elenco Selezionati.
6. Fare clic su Ridistribuisci.
Viene visualizzato lo storico della pubblicazione e l'istanza scelta da ridistribuire riporta lo stato In
esecuzione. La data visualizzata nella colonna Ora dell'istanza viene aggiornata in base all'ora di
ridistribuzione.
11.2.7 Per riprovare l'esecuzione di una pubblicazione non riuscita
Prima di iniziare, si consiglia di vedere nel file di registro l'istanza della pubblicazione non riuscita,
controllare eventuali errori e ripianificare la pubblicazione.
1. Selezionare la pubblicazione che presenta l'istanza non riuscita.
2. Fare clic su Azioni > Cronologia nella console CMC oppure su Altre azioni > Cronologia in BI
Launch Pad.
Viene visualizzato lo storico della pubblicazione.
3. Selezionare l'istanza non riuscita.
4. Fare clic su Azioni > Riprova nella console CMC oppure su Altre azioni > Riprova in BI Launch
Pad.
Lo stato dell'istanza cambia in In esecuzione.
Se la pubblicazione non riesce ancora, controllare il nuovo file di registro e correggere gli eventuali
errori.
207
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
11.3 Miglioramento delle prestazioni delle pubblicazioni
Adaptive Processing Server
Se la CPU e la memoria per l'Adaptive Processing Server sono sottoposti a utilizzo intenso durante
l'esecuzione della pubblicazione:
• Spostare l'Adaptive Processing Server su un computer più veloce dotato di più CPU disponibili e
della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence 4.0 Feature Pack 3 o successiva. Il
server scalerà automaticamente per utilizzare più CPU.
• Isolare il Servizio di pubblicazione e il Servizio di post-elaborazione pubblicazione su istanze dedicate
dell'Adaptive Processing Server ed eliminare i servizi in hosting inutilizzati sul server. Ogni servizio
utilizzerà maggiormente le risorse condivise (pool di thread richiesto, memoria e CPU) sull'Adaptive
Processing Server e le prestazioni relative alla pubblicazione potrebbero migliorare.
Servizio di pubblicazione
•
Nelle distribuzioni in cui vengono eseguite contemporaneamente molte istanze di pubblicazione, se
CMS, FRS, Adaptive Job Server e i server di elaborazione di report sono stati scalati in modo
appropriato, lo "scaling out" orizzontale del Servizio di pubblicazione su più istanze di Adaptive
Processing Server (su uno o più computer) consentirà l'elaborazione simultanea di più istanze di
pubblicazione.
Per converso, un solo processo di pubblicazione (in cui siano presenti ad esempio 1.000.000
destinatari) non viene condiviso tra Servizi di pubblicazione su diversi Adaptive Processing Server.
Lo scaling out orizzontale del Servizio di pubblicazione non migliora il tempo di elaborazione per
una singola pubblicazione, indipendentemente dal numero di destinatari.
•
Per le pubblicazioni con molti destinatari, scalare verticalmente l'Adaptive Processing Server su
computer con più CPU e RAM. Ciò consentirà al Servizio di pubblicazione di elaborare
contemporaneamente più destinatari e all'Adaptive Processing Server di generare più processi.
Potrebbe essere necessario scalare di conseguenza l'Adaptive Job Server e i server di elaborazione
di report per aumentare il throughput.
Nota:
può rendersi necessario aumentare la dimensione heap dell'Adaptive Processing Server (ossia
impostare -Xmx su almeno 2 GB) quando il server è in esecuzione su un computer dotato di più di
8 core di CPU. Il maggior numero di core di CPU consentirà all'Adaptive Processing Server di
generare più thread e di aumentare il throughput. Si noti che un maggior numero di thread richiede
più RAM.
•
•
•
208
Dal momento che la pubblicazione è un processo con utilizzo intenso dello spazio su disco, per il
FRS è consigliabile utilizzare un computer con I/O veloce o dischi SAN.
Utilizzare l'opzione di pulitura pubblicazione. Nel caso di una pubblicazione di grandi dimensioni per
la quale non sono necessarie la ridistribuzione o la visualizzazione degli elementi nel report, non
selezionare la destinazione predefinita.
(Pubblicazioni di report Crystal) Selezionare Un database fetch per ogni batch di destinatari se
non è necessario applicare una protezione di aggiornamento esclusiva per ogni destinatario.
L'accesso al database verrà eseguito in batch di query simultanee di dimensioni inferiori.
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
•
•
(Pubblicazioni Web Intelligence) Selezionare Un database fetch per tutti i destinatari o Un
database fetch per destinatario. Quando si seleziona Un database fetch per tutti i destinatari
per una pubblicazione di grandi dimensioni, per suddividere la query del database in più query
atomiche di dimensioni inferiori immettere -Dcom.businessobjects.publisher.scope
batch.max.recipients=<integer> sulla riga di comando di tutti gli Adaptive Processing Server
che ospitano il Servizio di pubblicazione.
Per le pubblicazioni di grandi dimensioni la consegna su disco in una singola cartella di Windows
può prolungare ulteriormente i tempi. Per risolvere il problema disabilitare la generazione di nomi
file abbreviati. Per istruzioni consultare http://support.microsoft.com/kb/210638 e http://technet.mi
crosoft.com/en-us/library/cc778996%28WS.10%29.aspx. Per informazioni su come disabilitare la
generazione di nomi file abbreviati quando una cartella contiene oltre 300 KB di file consultare
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc781134(WS.10).aspx.
Servizio di post-elaborazione pubblicazione
Il Servizio di post-elaborazione pubblicazione viene chiamato quando è selezionata la casella di controllo
Comprimi come file ZIP (pagina "Pianifica") e/o la casella di controllo Unisci PDF esportato (pagina
"Destinazioni") o su una pubblicazione quando sono abilitati i plug-in di post-elaborazione. Per le
pubblicazioni con entrambe le caselle di controllo selezionate è necessario creare Servizi di
post-elaborazione pubblicazione aggiuntivi per migliorare il tempo di elaborazione della pubblicazione.
La quantità di lavoro ricevuta dal Servizio di post-elaborazione pubblicazione è tuttavia limitata dal
modo in cui è scalato il Servizio di pubblicazione.
Lo scaling orizzontale del Servizio di post-elaborazione pubblicazione distribuisce il carico di lavoro
dell'unione di ZIP e PDF tra più Servizi di post-elaborazione pubblicazione in hosting su diversi Adaptive
Processing Server.
11.3.1 Suggerimenti per l'aggiunta di documenti di origine
Questa sezione contiene suggerimenti per l'aggiunta di documenti con contenuto dinamico nelle
pubblicazioni.
Utilizzare i file di registro per la risoluzione dei problemi relativi alle pubblicazioni in errore.
Quando si pianifica l'esecuzione delle pubblicazioni, vengono generati file di registro che contengono
gli eventuali errori che possono verificarsi durante l'elaborazione delle pubblicazioni. Per visualizzare
tutti i file di registro per un'istanza di pubblicazione, fare clic su Azioni > Storico. Nella pagina "Storico",
fare clic sul collegamento dell'istanza nella colonna Ora istanza.
Se si utilizza la personalizzazione basata su parametri per i report Crystal, impostare i
parametri sui valori predefiniti.
La personalizzazione basata sui parametri potrebbe ridurre le prestazioni della pubblicazione. Si consiglia
di personalizzare le pubblicazioni dei report Crystal associando i campi ai profili dei destinatari Enterprise
o ai valori di personalizzazione dei destinatari dinamici. Tuttavia, se è necessario personalizzare i report
Crystal utilizzando i parametri, nella sezione "Personalizzazione", impostare i parametri su Predefinito.
209
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Nota:
prima di potere utilizzare i profili dei destinatari Enterprise, l'amministratore di sistema deve configurare
i profili nella piattaforma BI.
Visualizzare e pianificare singolarmente i documenti con contenuto dinamico prima di
aggiungerli a una pubblicazione.
Se i documenti con contenuto dinamico vengono visualizzati e pianificati correttamente, significa che
la connessione all'origine dati funziona regolarmente e i dati del documento di origine possono essere
aggiornati quando la pubblicazione viene pianificata. Se non è possibile visualizzare e pianificare i
documenti con contenuto dinamico, verificare che le impostazioni di connessione dell'origine dati siano
corrette. La seguente tabella riepiloga in che modo verificare le impostazioni
Tipo di documento
Come verificare le impostazioni di connessione dell'origine dati
Report Crystal
Nella CMC, selezionare il report Crystal e accedere a Gestisci > Impostazioni
predefinite. Nella finestra di dialogo "Impostazioni predefinite" fare clic su
Configurazione database nel pannello di spostamento.
Documento Web Intelli- Nella CMC selezionare il documento Web Intelligence e accedere a Gestisci
gence
> Impostazioni predefinite. Nella finestra di dialogo "Impostazioni predefinite",
fare clic su Universi report nel pannello di spostamento.
In alcuni casi, potrebbe essere necessario aprire il documento con contenuto dinamico con lo strumento
di progettazione appropriato per configurare la connessione all'origine dati e per esportare nuovamente
il file nel repository CMS e sovrascrivere la copia precedente. Per ulteriori informazioni sulla
configurazione delle connessioni dell'origine dati per i documenti dal contenuto dinamico, fare riferimento
alla documentazione del designer.
Evitare aggiornamenti non necessari dei dati.
Se l'aggiornamento dei dati non è necessario per un documento con contenuto dinamico, nella sezione
"Documenti di origine", deselezionare la casella di controllo Aggiorna in fase di esecuzione associata
a tale documento. Questa operazione migliora le prestazioni globali della pubblicazione.
11.3.2 Suggerimenti per l'utilizzo delle origini dei destinatari dinamici
Questa sezione contiene suggerimenti per l'utilizzo delle origini dei destinatari dinamici.
Ordinare le origini dei destinatari dinamici in base alla colonna dell'ID del destinatario.
In linea generale, si consiglia di ordinare le origini dei destinatari dinamici in base alla colonna dell'ID
del destinatario. È particolarmente importante quando si esegue una pubblicazione di grandi dimensioni
o quando si abilita l'opzione Un database fetch per ogni batch di destinatari poiché può ridurre il
numero di consegne per i destinatari con più valori di personalizzazione.
210
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
Per le origini del destinatario dinamico del report Crystal, verificare che le informazioni di
configurazione del database siano corrette.
Nella CMC, selezionare l'origine del destinatario dinamico e accedere a Gestisci > Impostazioni
predefinite per verificare quanto segue:
•
•
Che nella sezione "Configurazione database", le informazioni di accesso al database siano corrette
e che l'opzione Utilizza lo stesso accesso al database dell'esecuzione del report sia selezionata.
Che nella sezione "Parametri", per tutti i parametri siano presenti i relativi valori e che tutte le caselle
di controllo Richiedi durante la visualizzazione associate ai parametri siano deselezionate.
Se si utilizzano origini di destinatari dinamici di report Crystal, contattare l'amministratore
per verificare che Report Application Server (RAS) sia configurato correttamente.
Il RAS deve essere configurato in modo che possa leggere un numero di record di database che sia
almeno uguale al numero di destinatari dell'origine del destinatario dinamico. Ad esempio, per elaborare
un'origine del destinatario dinamico con dati relativi a 100.000 destinatari, il RAS deve essere impostato
per leggere più di 100.000 record di database.
11.3.3 Suggerimenti per l'invio e la ricezione di istanze di pubblicazione via posta
elettronica
Questa sezione contiene suggerimenti per le istanze di pubblicazione via posta elettronica.
Se possibile, visualizzare le istanze di pubblicazione via posta elettronica con contenuto
incorporato in Outlook 2003.
Il contenuto incorporato nelle istanze delle pubblicazioni via posta elettronica potrebbe presentare
problemi di formattazione quando viene visualizzato in Outlook 2007 oppure in account di posta
elettronica quale Hotmail o Gmail.
Contattare l'amministratore per assicurarsi che le impostazioni di posta elettronica siano
configurate correttamente per Destination Job Server.
Le pubblicazioni rivolte a destinazioni di posta elettronica potrebbero generare errori se la posta
elettronica non viene configurata correttamente come destinazione per l'Adaptive Job Server. Per
ulteriori informazioni consultare il Manuale dell'amministratore della piattaforma SAP BusinessObjects
Business Intelligence.
211
2012-12-05
Utilizzo delle pubblicazioni
212
2012-12-05
Ulteriori informazioni
Ulteriori informazioni
Informazioni
Posizione
Informazioni sul prodotto SAP BusinessObjects
http://www.sap.com
Passare a http://help.sap.com/businessobjects/ e nel pannello laterale
"SAP BusinessObjects Overview" fare clic su All Products.
SAP Help Portal
Nel portale della Guida in linea SAP è possibile accedere alla documentazione più aggiornata riguardante tutti i prodotti SAP BusinessObjects
e la relativa distribuzione. È possibile scaricare le versioni PDF o le librerie
HTML installabili.
Alcuni manuali sono memorizzati nel SAP Service Marketplace e non
sono disponibili nel SAP Help Portal. Questi manuali sono elencati
nell'Help Portal accompagnati da un collegamento al SAP Service Marketplace. I clienti con contratto di manutenzione dispongono di un ID
utente autorizzato per l'accesso a questo sito. Per ottenere un ID, contattare il rappresentante del supporto tecnico.
http://service.sap.com/bosap-support > Documentazione
•
•
SAP Service Marketplace
Guide all'installazione: https://service.sap.com/bosap-instguides
Note sulla versione: http://service.sap.com/releasenotes
Nel SAP Service Marketplace sono memorizzati alcuni documenti dei
seguenti tipi: guide all'installazione, manuali di aggiornamento e migrazione, manuali della distribuzione in rete, note sulla versione e documenti relativi alle piattaforme supportate. I clienti con contratto di manutenzione dispongono di un ID utente autorizzato per l'accesso a questo sito.
Per ottenere un ID, contattare il rappresentante del supporto tecnico. Se
si viene reindirizzati al SAP Service Marketplace dal SAP Help Portal,
utilizzare il menu nel riquadro di spostamento sulla sinistra per individuare
la categoria contenente la documentazione a cui si desidera accedere.
https://cw.sdn.sap.com/cw/community/docupedia
Docupedia
213
Docupedia fornisce ulteriori risorse di documentazione, un ambiente di
creazione collaborativo e un canale di feedback interattivo.
2012-12-05
Ulteriori informazioni
Informazioni
Posizione
https://boc.sdn.sap.com/
Risorse per lo sviluppatore
https://www.sdn.sap.com/irj/sdn/businessobjects-sdklibrary
Articoli su SAP BusinessObjects
relativi a SAP Community Network
https://www.sdn.sap.com/irj/boc/businessobjects-articles
Questi articoli erano conosciuti in precedenza come schede tecniche.
https://service.sap.com/notes
Note
Queste note erano conosciute in precedenza come articoli di knowledge
base.
Forum su SAP Community Network
https://www.sdn.sap.com/irj/scn/forums
http://www.sap.com/services/education
Formazione
I pacchetti di formazione disponibili variano dal tradizionale apprendimento in classe ai seminari di e-learning mirati e sono in grado di soddisfare
qualsiasi esigenza e stile di apprendimento.
http://service.sap.com/bosap-support
Supporto tecnico in linea
SAP Support Portal contiene informazioni sui programmi e i servizi del
supporto tecnico. Inoltre, contiene collegamenti a una vasta gamma di
informazioni tecniche e download. I clienti con contratto di manutenzione
dispongono di un ID utente autorizzato per l'accesso a questo sito. Per
ottenere un ID, contattare il rappresentante del supporto tecnico.
http://www.sap.com/services/bysubject/businessobjectsconsulting
Consulenza
214
I consulenti sono a disposizione dei clienti dalla fase di analisi iniziale fino
alla consegna del progetto di distribuzione. Possono essere fornite co
nsulenze su argomenti quali i database relazionali e multidimensionali,
la connettività, gli strumenti di progettazione del database e la tecnologia
di incorporamento personalizzata.
2012-12-05
Indice
A
B
accesso
\cartelle 26
calendari 121
cartelle 27
categorie 30, 31
eventi 126
profili 151
accesso al database
, report Crystal 195
accesso, CMC 15
Adaptive Job Server 211
abilitazione destinazioni 94
aggiornamento
dati del documento di origine 154,
209
dati del documento di origine statici
176
report 42
aggiornamento dati 154, 209
documenti di origine statici 176
Aggiungi segnaposto
valori personalizzati 164, 181
amministrazione 15
cartelle 27
categorie 31
eventi 126
profili 151
strumenti 15
anteprime, report Crystal 57
aree di gestione 16
aree, gestione 16
argomenti della riga di comando,
specifica 67
autenticazione, pacchetti di oggetti 75
avvisi 136, 137, 138, 139, 140
origini avviso 130, 131
panoramica di 129
sottoscrizioni 138
visualizzazione 57
workflow 130
Avvisi 135
abilitazione 136
conflitti di diritti 135
diritti richiesti 132
esclusione di altri 139
impostazioni 140
sottoscrizioni 136, 137, 139
BI Launch Pad 60
cartelle 28
categorie 32
creazione di pubblicazioni 174
risultati della pubblicazione,
visualizzazione 203
bursting di report 154, 200
documenti di origine agnostici 176
documenti di origine statici 176
215
C
Cache Server
per visualizzazione report 45
calendari 114
creazione 115
date ricorrenti 118
definizione di diritti 121
di data 116, 117
eliminazione 120
opzioni formato 116
cartelle 25
cartella Preferiti 28
cartelle utente predefinite 28, 32
copia/spostamento 26
creazione 25
diritti 27
eliminazione 26
impostazione di limiti relativi alle
istanze 27
cartelle Preferiti 28
cartelle utente 28
categorie 28
aggiunta di oggetti 31
creazione 29
diritti 31
eliminazione 29
rimozione/eliminazione di oggetti
31
spostamento 30
categorie personali 32
CMC
accesso 15
aree di gestione 16
creazione di pubblicazioni 174
esplorazione 16
impostazione delle preferenze 17
risultati della pubblicazione,
visualizzazione 203
CMS, salvataggio di oggetti 23
collegamenti agli oggetti 34
collegamenti ipertestuali, tra report 55
copia
cartelle 26
oggetti 33
creazione
cartelle 25
criteri di ricorrenza, pianificazione di
oggetti 79
Crystal Reports
formati
opzioni aggiuntive 185
specifica 185
origini del destinatario dinamico,
risoluzione dei problemi 210
personalizzazione
destinazioni di profilo locale
184
parametri 183
risoluzione dei problemi 209
unione PDF 168
crystal, report
accesso al database,
configurazione 195
aggiunta da SAP NetWeaver BW
59
anteprime 57
avvisi 136, 137, 138, 139
da SAP NetWeaver BW 60
filtri 49
impostazioni di avviso 140
regole di consegna 155, 193
specifica di valori dei prompt 47
unione di file PDF
formattazione 194
Crystal, report
aggiunta con collegamenti
ipertestuali esistenti 55
avvisi 57
estensioni di elaborazione 54
formati pianificazione 98
impostazioni database 46
opzioni di aggiornamento 42
opzioni di visualizzazione 43
pubblicazione di formati 165
CSV, formati pianificazione 98
2012-12-05
Indice
D
database
impostazioni 46
database, fetch 154, 200
destinatari
dinamici 157
personalizzazione delle
pubblicazioni 167
regole di consegna 193
ridistribuzione delle istanze 206
destinatari dinamici 157
aggiunta 177
origini 157
risoluzione dei problemi 210
destinatari Enterprise, aggiunta 177
destinatari esterni 157
destinazioni
abilitazione o disabilitazione 94
disco non gestito 90
disponibili, per tipo di oggetto 38
FTP 92
impostazioni predefinite 86
invio a 36
nomi di pubblicazioni 163, 179
pianificazione 85
posta elettronica 87, 181
Posta in arrivo BI 87
pubblicazioni 158, 159
specifica 178
destinazioni di profilo globale 144,
145, 191
destinazioni di profilo locale 144
Crystal Reports 184
documenti Web Intelligence 191
diritti
Avvisi 132, 135
calendari 121
cartelle 27
categorie 31
eventi 126
profili 151
pubblicazione 169, 171
quando si copiano/spostano
cartelle 26
diritti oggetti, durante lo spostamento
di categorie 30
disco locale 159
disco non gestito, destinazione 90
documenti di origine agnostici
sostituzione 176
documenti di origine di terze parti
sostituzione 176
documenti di origine statici
sostituzione 176
documenti di origine, risoluzione dei
problemi 209
E
elenchi di scelta 63
Enterprise, posizione delle
pubblicazioni 159
esportazione, oggetti nel server CMS
23
estensioni delle pubblicazioni 167, 196
estensioni di elaborazione 53
applicazione ai report 54
selezione 54
estensioni, elaborazione 53
eventi
abilitazione di Avvisi 136
accesso 126
avvisi 136, 137, 138, 139
basati su file 123
basati su pianificazione 124
gestione 121
impostazioni di avviso 140
notifica 83
personalizzati 125
pianificazione 104
pubblicazioni 198
eventi file 121, 123
eventi personalizzati 121, 125
Excel, formati pianificazione 98
F
file di pubblicazioni
personalizzazione delle
pubblicazioni 163, 179
file DLL 53
file PDF uniti, formattazione 194
filtraggio
dati pubblicazione 167
filtri, per report Crystal 49
formati 190
documenti Web Intelligence 190
mHTML 181
pubblicazioni 164, 165
report Crystal 185
formato della cache, documenti Web
Intelligence 103
FTP, destinazione
pianificazione 92
pubblicazioni 159
G
Gestione delle istanze 110
216
gruppi di server, pianificazione 199
I
importazione 59
contenuto SAP NetWeaver BW 59
impostazioni di elaborazione 105
impostazioni internazionali preferite
per la visualizzazione 18
invio delle pubblicazioni tramite posta
elettronica
utilizzando segnaposto
personalizzati 164, 181
istanze 113
colonne 112
eliminazione 113
gestione 108, 110, 112
impostazione di limiti a livello di
cartella 27
invio 36
notifica 83
oggetti programma 65
oggetti report 41
oggetto 41
pacchetti di oggetti 72
pianificate 41
redistribuzione 206
ricerca 110
ripresa 112
sospensione 112
visualizzazione 112
istanze di pubblicazione, ridistribuzione
206
istanze oggetto 41
istanze pianificate 41
istanze report
colonne 112
cronologia 108
gestione 41, 112
impostazione di limiti 113
visualizzazione 112
J
Java, programmi 66
accesso ad altri file 71
configurazione 70
impostazione di parametri 70
L
librerie condivise, come estensioni di
elaborazione 53
librerie di collegamento dinamico,
estensioni di elaborazione 53
2012-12-05
Indice
Lifecycle Manager 59
limiti, istanze a livello di cartella 27
lingue
visualizzazione dei report in 60
livello più elevato
creazione di nuove cartelle 25
M
mHTML 181
migrazione del contenuto dei report in
SAP NetWeaver BW 59
modalità di test 201
N
nomi di pubblicazioni
personalizzazione 163, 179
segnaposto 163, 179
notifica
controllo 83
evento 83
posta elettronica 83
notifica di controllo 83, 198
notifiche
avvisi 95
oggetto pianificato 82
notifiche di avviso 95
O
oggetti
aggiunta
con CMC 21
pacchetto oggetti 73
copia 33
creazione di collegamenti a 34
eliminazione 35
Esegui ora 107
esportazione nel server CMS 23
formato 96
gestione 33
invio 36
modifica
impostazioni predefinite 41
proprietà 39
notifica esito negativo 82
notifica esito positivo 82
pianificazione 77
ricerca 35
salvataggio in CMS 23
spostamento 34
oggetti programma 65
autenticazione 72
directory di lavoro 67
217
oggetti programma (segue)
gestione 65
programmi eseguibili 68, 69
programmi Java 70
variabili di ambiente 70
oggetti report
aggiunta con collegamenti
ipertestuali esistenti 55
aggiunta e collegamento 57
collegamenti ipertestuali,
visualizzazione 56
collegamento ipertestuale 55
destinazione 85
estensioni di elaborazione 54
filtri, specifica 49
gestione 41
impostazione del database,
specifica 46
impostazione di limiti relativi alle
istanze 113
opzioni di aggiornamento 42
opzioni di visualizzazione 43
pianificazione con eventi 104
specifica di Job Server per 45
specifica di server 45
valori dei prompt 47
opzioni di esecuzione, pianificazione
di oggetti 80
P
pacchetti di oggetti 73
aggiunta di oggetti a 21, 73
autenticazione 75
configurazione 74
creazione 73
errore componente 75
gestione 72
istanze 72
pianificazione 107
Pagina Riepilogo, pubblicazioni 201
parametri
Crystal Reports 183
e personalizzazione 64
e variabili nelle query SAP
NetWeaver BW 62
elenchi di scelta dinamici 63
programmi Java 70
valori nulli 63
valori predefiniti 62
password 17
PDF
formati pianificazione 98
unione 168
personalizzazione 61
Crystal Reports 183, 184
personalizzazione (segue)
documenti Web Intelligence 191
pubblicazioni 167
pianificazione 77
eventi 104, 198
formati 98
gruppi server 199
impostazioni gruppo di server 105
notifica 82
oggetti 77
criteri di ricorrenza 79
in batch 107
opzioni di esecuzione 80
per il gruppo 78
per l'utente 78
pacchetti di oggetti 107
pubblicazioni 183, 203
specifica di server per 45
pianificazione, eventi 121, 124
posta elettronica
inserimento del contenuto della
pubblicazione 181
invio di pubblicazioni 159
istanze di pubblicazione,
risoluzione dei problemi 211
notifica 83, 197
pianificazione di oggetti 87
Posta in arrivo BI
invio di pubblicazioni 159
pianificazione di oggetti 87
preferenze
opzioni per 17
preferenze della console CMC 17
preferenze, impostazione nella console
CMC 17
prestazioni, miglioramento 208
profili 143
accesso 151
conflitti 149
creazione 144
destinazioni di profilo 144
destinazioni di profilo globale 145
risoluzione del profilo 200
ruolo nella pubblicazione 143
valori di profilo 144
conflitti 150
tipi 146
variabili 148
programmi eseguibili 66
configurazione 68
prompt 47, 48, 196
proprietà degli oggetti nella console
CMC 22
protezione a livello di riga, estensioni
di elaborazione 53
2012-12-05
Indice
protezione, estensioni di elaborazione
53
pubblicazione 153
diritti 169, 171
integrazione SAP 173
profili, ruolo 143
pubblicazioni 153, 173
apertura 175
creazione
in BI Launch Pad 174
nella CMC 174
destinatari dinamici 157, 177
destinatari Enterprise, aggiunta 177
destinazioni 158, 159
documenti di origine, aggiunta 175
estensioni delle pubblicazioni 167
finalizzazione 201
formati 164, 165
inserimento di contenuto nella
posta elettronica 181
opzioni aggiuntive 192
per SAP BusinessObjects Live
Office 173
personalizzazione 167
personalizzazione dei nomi 163,
179
pianificazione 183, 203
proprietà generali 175
regole di consegna 155
report bursting 154
ridistribuzione di istanze 206
segnaposto 167
sottoscrizione e annullamento della
sottoscrizione 168, 202
test 201
visualizzazione dei risultati 203
pubblicazioni di grandi dimensioni
154, 208
pubblicazioni non riuscite, nuovo
tentativo 207
PVL 18
Q
query di relazione 40
query, relazioni 40
218
R
regole di consegna 155
destinatario 193
globali 193
regole di consegna globali 193
report 31
migrazione con il contenuto SAP
NetWeaver BW 59
Report Application Server 45, 210
report Crystal
stampa 192
report Crystal,
Job Server per pianificazione 45
report tradotti
visualizzazione 60
ricerca 35
risoluzione dei problemi
documenti di origine 209
istanze di pubblicazione via posta
elettronica 211
origini destinatario dinamico 210
prestazioni 208
pubblicazioni non riuscite 207
RTF, formati pianificazione 98
S
SAP BusinessObjects Enterprise 61
personalizzazione in 61
SAP BusinessObjects Enterprise SDK
53
SAP BusinessObjects Live Office 173
SAP BW
aggiunta di report da 59
SAP Easy Access 60
SAP NetWeaver BW
aggiunta di report da 58
migrazione dei sistemi 59
schede dei report, pubblicazioni 190
script, programmi 66
segnaposto 163, 167, 179
segnaposto personalizzato 164, 181
selezione
destinatari Enterprise 177
server
per visualizzazione e modifica dei
report 45
predefinito, per la pianificazione di
oggetti 45
server (segue)
risoluzione dei problemi 208
Server di elaborazione 45, 209
sottocartelle, eliminazione 26
sottoscrizione 168, 202
spostamento, tra report 55
stampa
assegnazione di stampanti 51
pubblicazioni di report Crystal 192
report Crystal 50
strumenti, amministrazione 15
T
testo normale, formati pianificazione
98
TXT, formati pianificazione 98
V
valori nulli 63
valori predefiniti 62
valori separati, formati pianificazione
98
variabili di ambiente 70
variabili, valori di profilo 148
W
Web Intelligence, documenti
formati, specifica 190
personalizzazione 191
prompt 48
pubblicazione di formati 165
risoluzione dei problemi 209
selezione delle opzioni della cache
103
server per la pianificazione 45
visualizzazione universi 58
Word, formati pianificazione 98
workflow
avvisi 130
profili e pubblicazione 143
X
XML, formati pianificazione 98
2012-12-05
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement