sbo41 webirc user guide it

sbo41 webirc user guide it
Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Web Intelligence Rich Client
■ SAP BusinessObjects Business Intelligence Suite 4.1
2013-07-02
Copyright
© 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.Non è ammessa la riproduzione o la
trasmissione del presente documento, né di alcuna delle sue parti, in qualsiasi formato o per qualsiasi
fine senza l’esplicita autorizzazione di SAP AG. Le informazioni qui contenute sono soggette a modifica
senza preavviso. Alcuni prodotti software commercializzati da SAP AG e dai suoi distributori
contengono componenti software di proprietà di altri produttori di software. Le specifiche nazionali
dei prodotti possono variare. Tali informazioni sono fornite da SAP AG e dalle sue affiliate (“Gruppo
SAP”) solo a scopo informativo, senza alcun fine illustrativo o di garanzia di qualsiasi natura; il Gruppo
SAP non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni presenti nelle informazioni.
Le uniche garanzie applicabili ai prodotti e ai servizi del Gruppo SAP sono quelle espressamente
menzionate nelle apposite clausole contrattuali eventualmente previste per i singoli prodotti o servizi.
Nessuna parte del presente documento è da interpretarsi come garanzia aggiuntiva. SAP e gli altri
prodotti e servizi SAP qui menzionati, nonché i relativi loghi, sono marchi o marchi registrati di SAP
AG in Germania e in altri Paesi. Per ulteriori informazioni e comunicazioni sui marchi consultare
http://www.sap.com/italy/about/company/legal/copyright/index.epx.
2013-07-02
Sommario
3
Capitolo 1
Informazioni su Web Intelligence..........................................................................................11
1.1
1.1.1
1.2
1.3
1.3.1
Informazioni su questo manuale dell'utente.............................................................................11
Capitolo 2
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client........................................................21
2.1
2.2
2.3
2.3.1
2.4
2.5
2.5.1
2.5.2
2.5.3
2.5.4
2.5.5
2.6
2.6.1
2.6.2
2.6.3
2.7
2.8
2.9
2.9.1
2.9.2
2.9.3
2.9.4
Installazione di Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad...............................................21
Cronologia documenti: Web Intelligence Rich Client...............................................................11
Informazioni su Web Intelligence............................................................................................13
Componenti dell'applicazione.................................................................................................17
Schede del pannello laterale in Web Intelligence....................................................................18
Installazione di Web Intelligence Rich Client dal CD di SAP BusinessObjects Enterprise........21
Disponibilità della Guida in linea.............................................................................................22
Per specificare la cartella o l'URL per la guida in linea.............................................................22
Icona di notifica di Web Intelligence Rich Client......................................................................22
Modalità di connessione.........................................................................................................23
Informazioni sui diritti di protezione delle connessioni e sulle operazioni in locale....................23
Modalità Connesso................................................................................................................24
Modalità offline......................................................................................................................26
Modalità autonoma.................................................................................................................28
Definizione delle impostazioni proxy in Web Intelligence Rich Client.......................................28
Impostazioni internazionali dell'interfaccia e dei documenti.....................................................29
Impostazioni internazionali del prodotto..................................................................................30
Impostazioni internazionali per i documenti.............................................................................31
Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite.............................................................32
Impostazione delle preferenze di visualizzazione.....................................................................32
Modifica della password.........................................................................................................33
Utilizzo di universi in Web Intelligence Rich Client..................................................................33
Operazioni con gli universi in modalità Connesso...................................................................33
Operazioni con gli universi in modalità Offline.........................................................................34
Operazioni con gli universi in modalità Autonomo...................................................................34
Impostazione dell'universo predefinito per un documento.......................................................34
2013-07-02
Sommario
4
Capitolo 3
Creazione e utilizzo di documenti.........................................................................................37
3.1
3.2
3.3
3.4
3.5
3.5.1
3.5.2
3.5.3
3.6
3.6.1
3.6.2
3.6.3
3.6.4
3.7
3.7.1
3.7.2
Per selezionare cartelle predefinite per universi e documenti locali.........................................37
Capitolo 4
Creazione di query................................................................................................................53
4.1
4.1.1
4.1.2
4.1.3
4.1.4
4.2
4.2.1
4.2.2
4.2.3
4.2.4
4.2.5
4.2.6
4.2.7
4.2.8
4.2.9
4.3
4.3.1
4.3.2
4.3.3
4.3.4
Informazioni sulle query .........................................................................................................53
Creazione di una query da un'origine dati diversa in un documento esistente.........................37
Per creare un documento vuoto.............................................................................................37
Per aprire un documento dal repository..................................................................................38
Invio di documenti..................................................................................................................38
Per inviare un documento tramite posta elettronica................................................................38
Invio di un documento a un altro utente o gruppo nel CMS....................................................39
Per inviare un documento tramite FTP....................................................................................39
Salvataggio ed esportazione di documenti, report e dati in Web Intelligence..........................40
Salvataggio di un documento nel repository aziendale in Web Intelligence Rich Client............41
Salvataggio di un documento come foglio di lavoro Excel in Web Intelligence Rich Client.......42
Salvataggio di un documento come file PDF nell'interfaccia Web Intelligence Rich Client.......43
Esportazione o salvataggio dei dati in un file CSV in Web Intelligence Rich Client..................44
Impostazione delle proprietà del documento...........................................................................45
Configurazione delle proprietà del documento........................................................................50
Eliminazione di query nei documenti.......................................................................................50
Informazioni sui diritti utente per query e documenti ..............................................................54
Definizione di query non gerarchiche......................................................................................54
Definizione di query gerarchiche.............................................................................................54
Oggetti disponibili nelle query.................................................................................................59
Creazione di query sugli universi............................................................................................65
Selezione di un universo predefinito ......................................................................................65
Creazione di una query in un universo....................................................................................66
Selezione dei membri di una gerarchia....................................................................................67
Risoluzione delle query ambigue.............................................................................................79
Impostazione dell'ambito di analisi..........................................................................................81
Visualizzazione dello script generato da una query.................................................................83
Restrizione della quantità di dati restituiti dalle query..............................................................84
Per impostare il tempo massimo di esecuzione di una query..................................................87
Per consentire ad altri utenti di modificare query....................................................................88
Creazione di query basate su query BEx................................................................................88
Quali interfacce è necessario utilizzare per lavorare con le query BEx?...................................89
Metadati supportati per query BEx.........................................................................................89
Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx...........................................................................91
Accesso alle query BEx..........................................................................................................95
2013-07-02
Sommario
5
4.3.5
4.4
4.4.1
4.4.2
4.4.3
4.5
4.5.1
4.5.2
4.5.3
4.6
4.6.1
4.7
4.7.1
4.7.2
4.7.3
4.7.4
4.7.5
4.7.6
4.7.7
4.7.8
4.8
4.8.1
4.8.2
4.9
4.9.1
4.9.2
4.9.3
4.9.4
4.9.5
4.10
4.10.1
4.10.2
4.10.3
4.11
Creazione di una query Web Intelligence a partire da una query BEx......................................96
4.11.1
Aspetti da considerare prima di aggiornare un documento da BI Launch Pad........................170
Capitolo 5
Creazione di report.............................................................................................................173
5.1
5.1.1
5.1.2
Utilizzo dei report.................................................................................................................173
Creazione di query su file di dati locali..................................................................................112
Per creare una query su un file di testo................................................................................112
Per creare una query su un file Excel....................................................................................113
Modifica di una query basata su un file di dati locale.............................................................114
Creazione di query su origini dati di servizi Web...................................................................115
Prerequisito per l'utilizzo del plug-in Servizio Web................................................................115
Per creare una query in base a un servizio Web...................................................................116
Per modificare una query in base a un servizio Web.............................................................118
Creazione di query in visualizzazioni di Advanced Analysis...................................................119
Creazione di una query in una Visualizzazione analisi............................................................119
Gestione di query in Web Intelligence Rich Client.................................................................120
Gestione delle query mediante Gestore dati.........................................................................120
Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente......................................121
Impostazione delle date principali delle query.......................................................................121
Per visualizzare in anteprima i dati della query......................................................................122
Interruzione di una query......................................................................................................122
Rimozione di una query........................................................................................................123
Duplicazione di una query.....................................................................................................123
Modifica dell'origine dati di una query...................................................................................124
Uso di query multiple............................................................................................................127
Query multiple, query combinate e query sincronizzate a confronto......................................127
Aggiunta di una query a un documento esistente..................................................................127
Utilizzo di query combinate...................................................................................................128
Utilizzo di query combinate...................................................................................................129
Modalità di generazione delle query combinate....................................................................130
Creazione di una query combinata........................................................................................130
Struttura della query combinata............................................................................................131
Precedenza delle query combinate.......................................................................................132
Utilizzo dei dati nelle query...................................................................................................135
Filtraggio dei dati mediante i filtri di query.............................................................................135
Filtro di dati con prompt........................................................................................................153
Filtraggio dei dati utilizzando sottoquery...............................................................................164
Aggiornamento dei documenti Web Intelligence basati su origini dati personali e personalizzate
da BI Launch Pad.................................................................................................................168
Dati gerarchici e non gerarchici............................................................................................173
Ricerca di testo....................................................................................................................187
2013-07-02
Sommario
5.1.3
5.1.4
5.1.5
5.1.6
5.1.7
5.2
5.2.1
5.2.2
5.2.3
5.2.4
5.3
5.3.1
5.3.2
5.3.3
5.3.4
5.3.5
5.3.6
5.4
5.4.1
5.4.2
5.5
5.5.1
5.5.2
5.5.3
5.5.4
5.5.5
5.6
5.6.1
5.6.2
5.6.3
5.7
5.7.1
5.7.2
5.7.3
5.7.4
5.7.5
5.7.6
5.7.7
5.7.8
6
Modalità di visualizzazione....................................................................................................187
Raggruppamento e separazione dei dati del report...............................................................190
Visualizzazione di tutto il contenuto nascosto in un report....................................................191
Formattazione del layout del report......................................................................................192
Stampa di report..................................................................................................................194
Uso delle tabelle..................................................................................................................194
Visualizzazione dei dati nelle tabelle.....................................................................................194
Visualizzazione dei dati nelle celle indipendenti.....................................................................213
Organizzazione dei dati con sezioni, interruzioni e ordinamenti.............................................216
Formattazione di numeri e date............................................................................................229
Utilizzo dei grafici.................................................................................................................235
Apertura di grafici creati con Web Intelligence 3.x ...............................................................236
Tipi di grafico........................................................................................................................236
Aggiunta, copia e rimozione dei grafici..................................................................................242
Cambiamento del tipo di grafico...........................................................................................246
Posizionamento e dimensionamento dei grafici.....................................................................247
Formattazione dei grafici......................................................................................................249
Filtraggio dei dati del report..................................................................................................265
Filtraggio dei dati del report..................................................................................................265
Filtraggio dei dati utilizzando i controlli di input......................................................................276
Operazioni con i dati del report.............................................................................................283
Drill sui dati di un report.......................................................................................................283
Unione di dati da dimensioni e gerarchie..............................................................................303
Classifica dei dati di un report..............................................................................................319
Evidenziazione dei dati mediante la formattazione condizionale.............................................327
Rilevamento delle modifiche apportate ai dati.......................................................................333
Miglioramento dei report con calcoli, formule e variabili........................................................345
Uso dei calcoli standard.......................................................................................................346
Operazioni con le formule.....................................................................................................346
Operazioni con le variabili.....................................................................................................348
Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence.......................................................349
Cronologia documenti: funzioni, formule e calcoli di Web Intelligence...................................349
Informazioni sul manuale......................................................................................................350
Utilizzo di calcoli standard e personalizzati............................................................................350
Comprensione dei contesti di calcolo...................................................................................359
Calcolo dei valori con indicatori intelligenti............................................................................379
Funzioni, operatori e parole chiave.......................................................................................387
Risoluzione dei problemi relativi alle formule.........................................................................527
Confronto di valori mediante funzioni....................................................................................532
2013-07-02
Sommario
7
Capitolo 6
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report.......................................................543
6.1
6.1.1
6.1.2
6.1.3
6.1.4
6.1.5
6.1.6
6.1.7
6.2
6.2.1
6.2.2
6.2.3
6.2.4
6.2.5
6.3
6.3.1
6.3.2
6.4
6.4.1
6.4.2
6.4.3
6.4.4
6.4.5
Collegamento ad altri documenti..........................................................................................543
Capitolo 7
Analisi dei dati in report Web Intelligence..........................................................................589
7.1
7.2
7.2.1
7.2.2
7.2.3
7.3
7.4
7.4.1
7.5
7.5.1
7.6
7.6.1
7.6.2
Funzioni disponibili in modalità Lettura di Web Intelligence....................................................589
Celle definite come collegamenti ipertestuali........................................................................543
Un collegamento ipertestuale associato a una cella..............................................................544
Collegamento a un altro documento nel CMS......................................................................546
Apertura di un documento da un collegamento ipertestuale..................................................550
Modifica di un collegamento ipertestuale in una cella............................................................551
Eliminazione di un collegamento ipertestuale........................................................................551
Formattazione dei colori dei collegamenti ipertestuali...........................................................551
Formattazione dei report con i fogli di stile CSS...................................................................552
Utilizzo di un foglio di stile CSS nei documenti.....................................................................552
Modifica dello stile predefinito del documento......................................................................553
Modifica e utilizzo dello stile predefinito standard.................................................................554
Sintassi del foglio di stile CSS Web Intelligence ..................................................................554
Stile e documenti 3.x............................................................................................................562
Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici..................................................................563
Sintassi del file di configurazione della tavolozza aziendale...................................................563
Definizione di una tavolozza aziendale per i grafici................................................................564
Condivisione di contenuti con altre applicazioni....................................................................565
Disponibilità dei dati per il filtraggio in un servizio Web.........................................................565
Pubblicazione di un blocco di report come servizio Web.......................................................566
Visualizzazione e gestione del contenuto pubblicato.............................................................568
Importazione e utilizzo di query QaaWS come servizio BI.....................................................570
Struttura di servizi BI............................................................................................................571
Apertura e creazione di documenti.......................................................................................591
Per aprire un documento dal repository................................................................................592
Per aprire un documento in Web Intelligence........................................................................592
Per creare un documento senza un'origine dati....................................................................592
Salvataggio ed esportazione di documenti in modalità Lettura..............................................593
Stampa di report..................................................................................................................594
Per stampare i report...........................................................................................................594
Ricerca di testo in un documento.........................................................................................594
Per trovare testo in una pagina del report.............................................................................594
Invio di documenti................................................................................................................595
Per inviare un documento tramite posta elettronica..............................................................595
Invio di un documento a un altro utente o gruppo nel CMS..................................................596
2013-07-02
Sommario
8
7.6.3
7.7
7.7.1
7.7.2
7.7.3
7.8
7.9
7.9.1
7.9.2
7.9.3
7.9.4
7.9.5
7.9.6
7.10
7.10.1
7.10.2
7.10.3
7.11
7.11.1
7.11.2
7.12
7.12.1
7.13
7.13.1
7.14
Per inviare un documento tramite FTP..................................................................................596
Capitolo 8
Messaggi di errore di Web Intelligence..............................................................................611
8.1
8.2
8.2.1
8.2.2
8.2.3
8.2.4
8.2.5
8.3
8.3.1
8.4
8.4.1
Informazioni sui messaggi di errore di Web Intelligence........................................................611
Modalità di visualizzazione....................................................................................................597
Modalità di visualizzazione Pagina .......................................................................................597
Modalità Visualizzazione rapida............................................................................................597
Passaggio da una modalità di visualizzazione all'altra............................................................599
Rilevamento delle modifiche apportate ai dati.......................................................................599
Drill sui dati di un report in modalità Lettura..........................................................................600
Impostazione delle opzioni di drill..........................................................................................600
Esecuzione del drill su indicatori nelle tabelle e sezioni.........................................................601
Esecuzione del drill su dimensioni nelle tabelle e sezioni.......................................................601
Drill in base ad altre dimensioni di un report.........................................................................601
Drill sui grafici......................................................................................................................603
Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report........................................................603
Blocco di intestazioni, colonne e righe della tabella ..............................................................604
Blocco delle intestazioni di tabella........................................................................................604
Blocco delle righe superiori in una tabella orizzontale...........................................................605
Sblocco delle colonne di sinistra in una tabella verticale.......................................................605
Sblocco di intestazioni, colonne e righe della tabella.............................................................605
Sblocco delle intestazioni di tabella......................................................................................606
Sblocco di righe e colonne in tabelle verticali e orizzontali....................................................606
Utilizzo di filtri di report semplici...........................................................................................606
Creazione dei filtri di report semplici.....................................................................................607
Raggruppamento e separazione dei dati del report...............................................................608
Raggruppamento e separazione dei dati del report...............................................................609
Icone di avviso nei grafici......................................................................................................609
Messaggi di errore del modulo Web Intelligence .................................................................611
Messaggi di errore di Web Intelligence (WIJ).......................................................................611
Messaggi di errore dell'interfaccia HTML di Web Intelligence Desaktop (WIH).....................619
Messaggi di errore di Web Intelligence Desktop (WIO)........................................................621
Messaggi di errore di Web Intelligence Server (WIS)...........................................................622
Messaggi di errore relativi a Information Engine Services (IES).............................................633
Messaggi di errore relativi al modulo di report......................................................................672
Messaggi di errore relativi a Web Intelligence Report Engine (RWI) .....................................672
Messaggi di errore dell'origine dati personalizzata................................................................689
Messaggi di errore del framework dell'origine dati personalizzata (Custom Data Source,
CDS)...................................................................................................................................689
2013-07-02
Sommario
Appendice A
Indice
9
Ulteriori informazioni...........................................................................................................703
705
2013-07-02
Sommario
10
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Informazioni su Web Intelligence
1.1 Informazioni su questo manuale dell'utente
Nel presente manuale viene descritta l'applicazione Web Intelligence Rich Client.
Le interfacce di Web Intelligence HTML e di Web Intelligence Applet vengono descritte nel Manuale
dell'utente di SAP BusinessObjects Web Intelligence.
1.1.1 Cronologia documenti: Web Intelligence Rich Client
La seguente tabella contiene una panoramica delle modifiche principali apportate al documento.
11
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Versione
Data
SAP BusinessObjects Interactive 30 noveAnalysis Desktop 4.0
mbre 2010
Descrizione
Inizialmente rimarchiato Interactive Analysis. Prima
versione di questo documento.
SAP BusinessObjects Interactive 25 febbraio Pacchetto di supporto 1
Analysis Desktop 4.0 SP01
2011
BusinessObjects Web Intelligence Rich Client 4.0 SP02
15 giugno
2011
Pacchetto di supporto 2. Rimarchiato come Web Intelligence
Ulteriore diritto di sicurezza definito dall'amministratore, denominato "Scarica connessione in locale" per
gli oggetti connessione
Miglioramenti del pannello delle query:
• Vengono visualizzate informazioni sul fattore di
scala delle query BEx.
• Il Pannello delle query indica la gerarchia attivata
in una query BEx.
• Nei report viene visualizzato il nome tecnico.
• Gerarchie predefinite gestite.
• Prompt alla selezione dei membri.
• Possibilità di selezionare tutti i membri delle gerarchie a una profondità specificata.
• Selezione dei membri basata sul livello.
Grafici:
• Possibilità di utilizzare i grafici a cascata per visualizzare le barre verticali.
• È disponibile lo spostamento gerarchico.
BusinessObjects Web Intelligence Rich Client 4.0 SP03
20 febbraio Feature Pack 3
2012
Nuova funzionalità di aggiornamento automatico
Funzionalità linea Zero
Funzionalità di ordinamento personalizzato
Funzionalità Pannello delle query
12
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Versione
Data
Descrizione
BusinessObjects Web Intelligence Rich Client 4.0 SP04
Luglio 2012 Pacchetto di supporto 4
Eliminazione degli ultimi valori di prompt selezionati
quando si modificano le query in Gestore dati
Unione/Separazione dei prompt (variabili BEx) da
impostare nel riquadro delle proprietà del documento
BusinessObjects Web Intelligence Rich Client 4.0 SP05
Novembre
2012
Support Package 5
• La cronologia delle versioni relativa alle gerarchie
per le query BEx è supportata. Nei casi opportuni
la versione della gerarchia è visualizzata anche
nella tabella dei report.
• Prima dei livelli della gerarchia viene aggiunto un
numero intero che indica il livello nella gerarchia
(1, 2, 3...).
• L'eliminazione di query è ora impostata automaticamente per le query BEx.
• L'amministratore può utilizzare l'impostazione di
estensione al livello per impostare il livello in base
al quale i dati vengono recuperati dalla query BEx.
• La funzionalità per il testo a capo è ora disponibile
per i grafici a torta.
BusinessObjects Web Intelligence Rich Client 4.1
Maggio
2013
Versione 4.1
• Tavolozze personalizzate
• Blocca pannello
• Miglioramento dell'aggiornamento automatico per
una migliore gestione della funzionalità di eliminazione delle query
• Migliore gestione del messaggio #NON DISPONIBILE
• Migliore gestione delle gerarchie
• Interfaccia utente da destra a sinistra per le impostazioni locali della lingua araba (non disponibile
per l'interfaccia HTML di Web Intelligence).
• Aspetto dell'interfaccia utente personalizzabile
dall'amministratore della CMC
1.2 Informazioni su Web Intelligence
13
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
L'analisi dei dati viene eseguita in SAP BusinessObjects Web Intelligence utilizzando report basati su
diverse origini dati.
Diritti di protezione
La modalità di analisi dei dati nei report dipende dalla licenza, dai diritti utente e dai diritti di protezione
di cui si dispone. Ad esempio, è possibile eseguire le operazioni seguenti:
•
•
•
•
Filtrare i dati
Eseguire il drill down dei dati per mostrare altri dettagli
Unire dati di origini differenti
Visualizzare i dati nei grafici
Interfaccia personalizzata
L'amministratore della CMC può personalizzare l'interfaccia utente nascondendo elementi, come
pannelli, riquadri, caselle degli strumenti, menu e voci di menu. Se un elemento di interfaccia utente
necessario non è disponibile, contattare l'amministratore della CMC.
Origini dati
I dati dei documenti Web Intelligence possono provenire da:
•
•
•
Universi, che organizzano i dati da database relazionali o OLAP in oggetti o gerarchie
Fornitori di dati personali come file di Microsoft Excel o .csv, query BEx basate su InfoCube SAP,
servizi Web o spazi di lavoro di Advanced Analysis
È possibile connettersi alle origini dati HANA (High-Performance Analytical Appliance) per utilizzare
il calcolo in memoria.
Nota:
Gli universi HANA basati sulle viste HANA con variabili non sono supportati in Web Intelligence.
Web Intelligence supporta gli universi HANA ma non è in grado di gestirne le variabili e restituisce
pertanto errori.
Nota:
Web Intelligence supporta origini dati Hadoop, ma non supporta codice SQL personalizzato.
I fornitori di dati vengono utilizzati per recuperare dati da queste origini e si creano report in base ai
dati presenti nei fornitori di dati.
Creazione di documenti in Web Intelligence
Per creare e configurare un documento, attenersi alla procedura illustrata di seguito:
1. Aprire una delle interfacce di Web Intelligence e creare un documento.
2. Impostare le proprietà dei documenti e connetterle a un'origine dati.
3. Utilizzare gli oggetti recuperati dall'origine dati per creare una query.
4. Eseguire la query per creare un documento con un report predefinito.
5. Creare altri report nel documento, se richiesto.
14
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Informazioni sulle tre interfacce di Web Intelligence
Per i documenti di Web Intelligence sono disponibili tre interfacce.
•
•
Creazione e modifica di query e documenti
Creazione, modifica e visualizzazione di report
Selezionare l'interfaccia che si preferisce nelle preferenze di BI Launch Pad per Web Intelligence.
Tramite BI Launch Pad è possibile utilizzare l'interfaccia HTML di Web Intelligence e l'interfaccia di
Web Intelligence Applet per creare documenti che analizzano i dati. È anche possibile utilizzare Web
Intelligence Rich Client per eseguire l'analisi dei dati. Web Intelligence Rich Client consente di lavorare
in locale, senza una connessione a un repository. Ulteriori informazioni sono disponibili nel Manuale
dell'utente di SAP BusinessObjects Web Intelligence Rich Client.
L'interfaccia avviata quando si apre un documento da "visualizzare" o "modificare" in BI Launch Pad
dipende dalle impostazioni delle "Preferenze" di BI Launch Pad per Web Intelligence.
Nota:
a seconda della versione di Windows in uso, dopo aver avviato per la prima volta Web Intelligence Rich
Client e averlo chiuso, sulla barra degli strumenti risulta disponibile l'icona di avvio rapido. Tale icona
consente di avviare rapidamente l'interfaccia.
Tabella 1 - 1: Interfacce di Web Intelligence
Interfaccia
Descrizione
Talvolta anche definita interfaccia DHTML.
HTML Web Intelligence
Viene avviata tramite BI Launch Pad. A seconda dei diritti di cui si
dispone, è possibile effettuare le operazioni seguenti:
• Creare e modificare le query in base a "Nessuna origine dati",
agli universi.unx e .unv ma non alle query BEx.
• Visualizzare, creare, modificare e aggiornare tutti i tipi di report.
Talvolta anche definita applet Java.
Interfaccia di Web Intelligence
Applet
15
Viene avviata tramite BI Launch Pad. A seconda delle autorizzazioni
di cui si dispone, è possibile effettuare le operazioni seguenti:
• Creare e modificare query in base a "Nessuna origine dati", agli
universi.unx e .unv, alle query BEx, alle visualizzazioni analisi
(spazi di lavoro di Advanced Analysis) e alle origini testo.
• Visualizzare, creare, modificare e aggiornare tutti i tipi di report.
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Interfaccia
Descrizione
Web Intelligence Rich Client, anche denominato Desktop, è una
versione di Web Intelligence installata sul computer che consente
di creare e modificare query, nonché visualizzare, creare, modificare
e aggiornare i report. È possibile installare Web Intelligence Rich
Client sul computer in due modi:
• Da BI Launch Pad
• Quale parte di un'installazione della piattaforma BI.
È possibile utilizzare entrambe le versioni di Web Intelligence Rich
Client per creare e modificare le query in base a Nessuna origine
dati, agli universi .unx e .unv e ai file di Excel e di testo.
Tabella 1 - 2: Le origini dati a cui è possibile accedere dipendono
dalla modalità di connessione
Web Intelligence Rich Client
Origine dati
Autonoma
Offline
Standard
(CORBA)
HTTP
Universo .unv
Sì*
Sì*
Sì
Sì
Universo dimensionale .unx
Sì*
No
Sì*
No
Universo relazionale .unx
Sì*
No
Sì
No
Universo con
più origini .unx
No
No
Sì
Sì
Fornitore di
dati personale
Sì
Sì
Sì
Sì
Query BEx
No
No
Sì*
No
Visualizzazioni analisi e
MSAS2005
No
No
Sì*
No
Suggerimento:
Nelle preferenze di BI Launch Pad è possibile scegliere in quale interfaccia Web Intelligence aprire i
documenti quando si fa clic con il pulsante destro del mouse su un documento e si seleziona Visualizza.
Quando si fa clic con il pulsante destro del mouse su un documento e si seleziona Modifica, viene
visualizzata un'interfaccia utente Web Intelligence diversa. È ad esempio possibile collegare solo le
celle ai documenti nell'interfaccia HTML di Web Intelligence e utilizzare solo le query basate sulle origini
16
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
dati QaaWS (Query as a Web Service) nell'interfaccia di Web Intelligence Applet o Web Intelligence
Rich Client.
Potrebbe essere necessario utilizzare due interfacce di Web Intelligence: una per la visualizzazione e
una per la modifica dei documenti. In tal caso, utilizzare l'interfaccia HTML di Web Intelligence per
visualizzare i documenti e l'interfaccia di Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client per
modificare i documenti.
1.3 Componenti dell'applicazione
L'applicazione include i seguenti componenti:
Componente
Barra degli strumenti principale
Descrizione
La barra degli strumenti principale consente di aprire, salvare e stampare documenti, monitorare le modifiche ai dati e visualizzare la
struttura del report.
La barra degli strumenti principale viene visualizzata nella scheda
File quando l'applicazione è in modalità "Progettazione".
Le barre degli strumenti consentono di utilizzare i fornitori di dati ed
eseguire attività di progettazione e analisi dei report.
Barre degli strumenti
Pannello laterale
Le barre degli strumenti vengono visualizzate nella parte superiore
dell'applicazione solo nelle modalità "Dati" e "Progettazione". Nella
modalità "Dati" sono attive solo le barre degli strumenti correlate alle
attività con i fornitori di dati.
Il pannello laterale raggruppa una serie di riquadri che forniscono diverse visualizzazioni del documento corrente.
Le schede File e Proprietà sono disponibili solo nelle modalità "Progettazione" e "Dati".
Schede File e Proprietà
La scheda File contiene gli strumenti del menu File principale.
La scheda Proprietà consente di impostare le proprietà Visualizzazione, Documento e Applicazione.
Pannello dei report
17
Il "Pannello dei report" visualizza i report in un documento.
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Componente
Descrizione
Barra di stato
La "barra di stato" viene visualizzata sotto il "Pannello dei report" e
consente di eseguire azioni quali l'attivazione del rilevamento o la
modifica della modalità di visualizzazione. Può essere attivata e disattivata nel menu Visualizzazione della scheda Proprietà.
Barra degli strumenti "Filtro
report"
Questa barra degli strumenti viene utilizzata per aggiungere filtri semplici ai report.
Barra degli strumenti "Drill"
Quando l'opzione "Drill" è attivata in un documento viene visualizzata
questa barra degli strumenti, che mostra gli oggetti drill attivi.
Argomenti correlati
• Creazione dei filtri di report semplici
• Schede del pannello laterale in Web Intelligence
• Drill down sui dati di un report
1.3.1 Schede del pannello laterale in Web Intelligence
Le schede disponibili nel pannello laterale dipendono dall'interfaccia selezionata.
Tabella 1 - 4: Interfacce di Web Intelligence e modalità per i documenti
Interfaccia di Web Intelligence Applet
Modalità >
Interfaccia HTML di
Web Intelligence
Pro
getta
zione
Lettura
Proget
tazione
Riepilogo dei documenti
Sì
Sì
Sì
Sì
Mappa di spostamento
Sì
Sì
Sì
Sì
scheda del riquadro
Dati
Lettura
Web Intelligence Rich
Client
Dati
Proget
tazione
Lettura
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
V
Abbinamento di report
Controlli di input
Immissione prompt utente
18
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
Interfaccia di Web Intelligence Applet
Interfaccia HTML di
Web Intelligence
Web Intelligence Rich
Client
Oggetti disponibili
Sì
Sì
Sì
Struttura e filtri del documento
Sì
Sì
Sì
Web Service Publisher
Sì
Dati
Sì
Sì
Sì
Le schede consentono di accedere a riquadri in cui è possibile visualizzare e configurare le informazioni
e gli oggetti dei documenti.
•
•
•
•
•
•
Il riquadro "Riepilogo dei documenti" offre una panoramica delle proprietà dei documenti.
(Interfaccia di Web Intelligence Applet) Nel riquadro "Mappa di spostamento" sono elencati tutti i
report di un documento. Questo riquadro è identico al riquadro "Abbinamento di report" nell'interfaccia
HTML di Web Intelligence.
(Interfaccia HTML di Web Intelligence e Web Intelligence Rich Client) Nel riquadro "Abbinamento
di report" sono elencati tutti i report di un documento. Questo riquadro è identico al riquadro "Mappa
di spostamento" nell'interfaccia di Web Intelligence Applet.
Il riquadro "Controlli di input" consente di aggiungere e modificare i controlli di input applicati al
documento.
Nel riquadro "Web Service Publisher" sono elencati i servizi BI pubblicati dal documento.
Nel riquadro "Oggetti disponibili" sono elencati i fornitori di dati e gli oggetti disponibili per essere
inclusi nei report.
Nota:
Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence non vengono visualizzate formule in questo pannello.
•
Nel riquadro "Struttura e filtri del documento" sono visualizzati la struttura del documento in una
visualizzazione struttura e i filtri applicati ai diversi elementi del report.
Nota:
Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence non vengono visualizzati filtri in questo riquadro. Se si
desidera applicare filtri, utilizzare l'interfaccia di Web Intelligence Applet.
•
•
19
Il riquadro "Dati" viene visualizzato solo in modalità Dati e consente di esplorare i fornitori di dati di
un documento.
Nel riquadro "Immissione prompt utente" sono elencati i valori predefiniti per un prompt. Nella casella
di testo dei valori è consentita anche l'immissione di testo. I singoli elementi sono separati da un
punto e virgola (;).
2013-07-02
Informazioni su Web Intelligence
20
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.1 Installazione di Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad
1. Accedere a BI Launch Pad.
2. Fare clic su Preferenze.
3. Fare clic su Web Intelligence.
4. Nella sezione "Modifica", fare clic su (installazione richiesta) dopo "Desktop (Rich Client, solo
Windows, installazione richiesta)".
Viene visualizzato un pannello in cui è richiesto se si desidera eseguire o salvare WebSetup.exe
sul computer.
5. Fare clic su Esegui.
Web Intelligence Rich Client viene scaricato nel computer e avviato quando si avvia l'applicazione
da BI Launch Pad. A causa della dimensione del file, il processo potrebbe richiedere alcuni minuti.
6. Fare clic su Salva e chiudi.
Nota:
Se si installa Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad, la Guida in linea non viene installata nel
computer locale. Se si lavora in modalità "Connesso", Web Intelligence Rich Client visualizza le pagine
della Guida memorizzate nel server. Se si lavora in modalità "Offline" o "Autonomo", le pagina della
guida non sono disponibili.
Argomenti correlati
• Modalità di connessione
2.2 Installazione di Web Intelligence Rich Client dal CD di SAP BusinessObjects
Enterprise
•
21
Per istruzioni complete sull'installazione, consultare la versione per UNIX o Windows del Manuale
di installazione della piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence per la Piattaforma SAP
BusinessObjects Business Intelligence 4.0. Questo manuale è disponibile nel SAP Help Portal
("http://help.sap.com/").
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.3 Disponibilità della Guida in linea
Se si installa Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad, la Guida in linea non viene installata nel
computer locale. Ciò ha il seguente effetto sulla disponibilità della Guida in linea:
• Se si lavora in modalità "Connesso", Web Intelligence Rich Client visualizza le pagine della Guida
memorizzate nel server.
• Se si lavora in modalità "Autonomo", le pagine della Guida non vengono visualizzate se BI Launch
Pad è in esecuzione.
• Se si lavora in modalità "Offline", le pagine della Guida non sono disponibili.
È possibile rendere disponibile la Guida in linea specificando una cartella locale o un URL in cui Web
Intelligence Rich Client possa accedere alla Guida in linea.
Argomenti correlati
• Modalità di connessione
2.3.1 Per specificare la cartella o l'URL per la guida in linea
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Applicazione.
3. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Generale.
4. Fare clic su Sfoglia accanto a ? e selezionare una cartella.
È anche possibile digitare un URL come percorso della guida in linea.
5. Fare clic su Apri, quindi su OK.
2.4 Icona di notifica di Web Intelligence Rich Client
Ogni volta che si apre un documento Web Intelligence.wid in Web Intelligence Rich Client, sulla barra
delle applicazioni di Windows viene visualizzata un'icona di notifica Web Intelligence Rich Client che
rimane attiva durante la sessione Windows. Utilizzare questa icona per eseguire le seguenti operazioni:
•
•
22
Avviare l'applicazione in una nuova finestra.
Uscire da Web Intelligence Rich Client.
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
Suggerimento:
in Windows 7 quando si apre Web Intelligence Rich Client, sulla barra delle applicazioni di Windows
appare un'icona che scompare quando si chiude una finestra Web Intelligence Rich Client. Per rendere
persistente l'icona Web Intelligence Rich Client sulla barra delle applicazioni, fare clic con il pulsante
destro del mouse sull'icona e scegliere Aggiungi questo programma alla barra delle applicazioni.
2.5 Modalità di connessione
È possibile utilizzare Web Intelligence Rich Client nelle seguenti modalità di connessione: "Connesso",
"Offline" o "Autonomo".
2.5.1 Informazioni sui diritti di protezione delle connessioni e sulle operazioni in
locale
Gli amministratori BI possono utilizzare il diritto di protezione "Scarica connessione in locale" nel CMS
per controllare i diritti di protezione delle connessioni in Web Intelligence Rich Client.
Quando viene concesso il diritto di protezione "Scarica connessione in locale" agli oggetti connessione,
viene eseguito un aggiornamento locale se il middleware è correttamente installato e configurato. Se
il diritto di protezione viene negato, non viene eseguito alcun aggiornamento locale. L'aggiornamento
viene delegato al lato server. La creazione e la modifica delle query sono possibili solo per le query
che non utilizzano una connessione protetta.
Se si lavora con un documento di BusinessObjects XI 4.0 o versione precedente, salvare il documento
e riaprirlo. Il diritto di protezione verrà applicato correttamente.
Nota:
L'amministratore BI deve definire la protezione associata alla connessione, ad esempio le informazioni
di connessione riservate che possono essere scaricate in locale e gli utenti che possono scaricarle.
Se l'opzione di protezione è stata attivata:
• Non è consentito il transito delle informazioni di connessione sul lato client (modalità ultrasicura).
• Nella modalità offline limitata, non è possibile eseguire aggiornamenti in locale.
• Nella modalità completamente offline, è possibile aprire i report, visualizzarli e modificarli, ma non
aggiornarli, e non è possibile modificare la query.
Nota:
Se si lavora con più query in un documento, l'operazione di aggiornamento agisce solo sulle connessioni
non protette. Se anche una sola delle query utilizza una connessione protetta viene visualizzato un
avviso.
23
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.5.2 Modalità Connesso
In modalità "Connesso" si lavora mentre si è connessi a un CMS (Central Management Server). È
possibile lavorare con i documenti presenti nel CMS oppure con documenti protetti o non protetti in
locale. In base ai diritti di protezione di cui si dispone nel CMS, è possibile effettuare le operazioni
indicate di seguito:
• Importare documenti e universi dal CMS
• Aprire, creare, modificare e aggiornare documenti locali
• Salvare documenti in locale
• Esportare documenti nel CMS
Protezione in modalità Connesso
Quando si utilizzano i documenti in modalità "Connesso", i diritti di protezione previsti dal proprio account
utente vengono applicati dal CMS.
Collegamento al CMS in modalità Connesso
È possibile avviare Web Intelligence Rich Client eseguendo la connessione al CMS in due modi diversi:
•
•
Se avviato da BI Launch Pad, Web Intelligence Rich Client si connette al CMS nella stessa sessione
di BI Launch Pad, pertanto non sono richieste le informazioni per l'accesso. La comunicazione con
il CMS avviene tramite HTTP a un server di applicazioni, che inoltra le chiamate al CMS e al
repository. Non è richiesto alcun middleware locale.
Quando si avvia Web Intelligence Rich Client localmente tramite il menu Start di Windows o facendo
doppio clic su un documento .wid, Web Intelligence Rich Client si connette al CMS in modalità
client-server tramite il framework OCA/CORBA dell'SDK Enterprise. È richiesto il middleware di
database appropriato sul computer locale.
Nota:
per connettersi a un'origine dati OLAP Essbase da prodotti OLAP SAP BusinessObjects, quali ad
esempio Universe Design Tool, Web Intelligence Rich Client e Web Intelligence, assicurarsi che il
middleware Essbase Client sia correttamente installato e configurato sui computer che ospitano tali
prodotti OLAP SAP BusinessObjects. Verificare in particolare che le variabili di ambiente di Essbase
Client ARBORPATH e ESSBASEPATH vengano create e impostate come variabili di ambiente di sistema
Windows, anziché come variabili di ambiente utente Windows.
Argomenti correlati
• Utilizzo di un documento in locale in modalità Connesso
• Utilizzo della modalità Connesso da BI Launch Pad
24
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.5.2.1 Utilizzo della modalità Connesso da BI Launch Pad
Nella modalità "Connesso" la protezione è gestita dal server CMS. Si utilizzano i report nello stesso
modo in cui si procede in BI Launch Pad. Non è richiesto un middleware per database sul computer
locale quando si avvia Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad.
1. Accedere a BI Launch Pad.
2. Fare clic su Preferenze nella parte superiore del portale BI.
3. Nella finestra di dialogo "Preferenze", selezionare Web Intelligence.
4. Nella sezione "Modifica" selezionare Desktop.
5. Fare clic su Salva e chiudi per chiudere la dalla finestra di dialogo "Preferenze".
6. In BI Launch Pad, fare clic sulla scheda Documenti.
7. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Modifica.
Web Intelligence Rich Client viene avviato sul computer in modalità "Connesso". Se non è ancora
installato nel computer, viene installato da BI Launch Pad.
Se Web Intelligence Rich Client è già in esecuzione nel computer, l'avvio da BI Launch Pad determina
l'apertura di una nuova istanza dell'applicazione. Il documento non viene aperto nell'istanza
dell'applicazione che era già in esecuzione.
Argomenti correlati
• Modalità di connessione
2.5.2.2 Utilizzo di un documento in locale in modalità Connesso
Web Intelligence Rich Client deve essere installato sul computer per poterlo avviare in locale in modalità
"Connesso". È necessario che sia stata già effettuata almeno una volta la connessione al CMS con cui
si desidera lavorare utilizzando Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad.
È richiesto un middleware per la connessione al CMS installato sul computer. Nella modalità "Connesso"
la protezione è gestita dal server CMS.
1. Avviare Web Intelligence Rich Client dal menu Start di Windows.
2. Selezionare un documento nella finestra di dialogo "Documenti recenti".
3. Nella finestra di dialogo "Identificazione utente" immettere un nome utente e una password validi.
4. Selezionare una modalità di autenticazione dall'elenco.
25
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
Non scegliere Autonomodall'elenco a discesa "Sistema" se si desidera lavorare in modalità
"Connesso". Se si sceglie l'autenticazione Autonomo, si lavora in modalità "Autonomo", senza
connessione CMS.
Avvertenza:
assicurarsi che l'opzione Utilizza in modalità offline non sia selezionata.
5. Fare clic su Accedi.
Web Intelligence Rich Client viene avviato in modalità "Connesso". Se Web Intelligence Rich Client era
già in esecuzione sul computer, il nuovo avvio da InfoView apre una nuova istanza dell'applicazione.
Argomenti correlati
• Modalità di connessione
2.5.3 Modalità offline
In modalità "Offline", non si è connessi a un CMS, ma la protezione CMS è comunque applicata. È
possibile utilizzare i documenti e gli universi in locale che sono protetti dal CMS selezionato al momento
dell'accesso oppure con i documenti e gli universi in locale che non sono protetti. È possibile effettuare
le operazioni indicate di seguito:
• Aprire documenti in locale
• Creare documenti (richiede l'universo in locale e il server di connessione in locale)
• Modificare documenti
• Aggiornare documenti (richiede l'universo in locale e il server di connessione in locale)
• Salvare documenti in locale
In modalità Offline, non è possibile importare o esportare i documenti in un CMS.
Protezione in modalità Offline
Quando ci si collega a un CMS in modalità "Connesso", i propri diritti di protezione definiti in tale CMS
vengono scaricati sul computer. Ciascun documento e universo scaricati da un CMS contengono un
elenco di controllo degli accessi in cui sono identificati i gruppi e gli utenti che hanno diritto di accesso
al documento. In modalità "Offline", i diritti di protezione CMS vengono applicati associando i diritti di
accesso del documento o dell'universo al file delle protezioni memorizzato in locale. Ad esempio, se
un documento è stato scaricato da un CMS sul computer locale e non si dispone dei diritti per aprire il
documento nel CMS da cui il documento è stato scaricato, non sarà possibile aprire il documento sul
computer locale. Se le impostazioni di protezione per gli oggetti non consentono di lavorare in modalità
offline, gli oggetti non potranno essere inclusi quando il documento verrà in seguito utilizzato.
Per poter lavorare in modalità "Offline" con i documenti o gli universi protetti da un CMS, è necessario
connettersi prima almeno una volta al CMS in modalità "Connesso". In questo modo le informazioni di
protezione del CMS verranno scaricate nel computer locale e il CMS risulterà incluso tra le opzioni
dell'elenco a discesa "Sistema" nella pagina "Identificazione utente". Quindi, è possibile accedere in
26
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
modalità "Offline" e lavorare senza la connessione al CMS poiché le informazioni sulla protezione del
CMS sono leggibili dal file locale.
Quando si lavora in modalità "Offline", sono richiesti universi appropriati e il middleware del database
deve essere installato nel computer per consentire la creazione o l'aggiornamento dei documenti. Se
tale server non è disponibile, è comunque possibile aprire, modificare e salvare i documenti in locale
se si dispone dei diritti di protezione appropriati.
Le informazioni di protezione di un CMS sono memorizzate in un file di informazioni sulla protezione
con estensione LSI. In uno stesso computer è possibile memorizzare i file LSI di numerosi CMS.
2.5.3.1 Utilizzo della modalità Offline
È necessario che sia già stata effettuata almeno una volta la connessione al CMS da cui è stato esportato
il documento che si desidera utilizzare, avviando Web Intelligence Rich Client da BI Launch Pad e
aprendovi il documento.
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
2. Per aprire un documento, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Nell'elenco "Documenti recenti" del riquadro "Apri documento", selezionare un documento
esportato dal CMS i cui dettagli di protezione sono memorizzati nel computer locale.
• Fare clic su Apri nella barra degli strumenti, quindi individuare un file .wid e farvi doppio clic.
3.
4.
5.
6.
Nella finestra di dialogo "Identificazione utente" selezionare il CMS dall'elenco a discesa "Sistema".
Digitare nome utente e password.
Selezionare il metodo di autenticazione dall'elenco a discesa "Autenticazione".
Selezionare Utilizza in modalità offline.
7. Fare clic su Accedi.
2.5.3.2 Per selezionare cartelle predefinite per universi e documenti locali
In Web Intelligence Rich Client e nell'interfaccia Web Intelligence Applet, è possibile selezionare una
cartella in cui i documento locali e gli universi vengono archiviati per impostazione predefinita nel
computer locale.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic su Applicazione nella
scheda Proprietà.
2. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Generale.
3. Accanto a "Documenti utente", fare clic su Sfoglia e selezionare una cartella per i documenti.
4. Accanto a "Universi", fare clic su Sfoglia e selezionare una cartella per gli universi.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
27
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.5.4 Modalità autonoma
In modalità "Autonomo", non si è connessi a un CMS e non viene applicata alcuna protezione. È
possibile lavorare solo con i documenti e gli universi in locale e non protetti. È possibile effettuare le
operazioni indicate di seguito:
•
•
Aprire, creare, modificare e aggiornare documenti
Salvare documenti in locale
Non è possibile importare o esportare i documenti in un CMS.
Il middleware richiesto per creare e aggiornare i documenti locali e non protetti con universi locali e
non protetti deve essere installato nel computer in cui viene eseguito Web Intelligence Rich Client.
2.5.4.1 Utilizzo della modalità Autonomo
Qualsiasi middleware richiesto per lavorare con i documenti e gli universi non protetti devono essere
installati sul computer.
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
2. Scegliere Apri dal menu, passare a un documento .wid e farvi doppio clic.
3. Nella finestra di dialogo "Identificazione utente" selezionare Autonomo dall'elenco a discesa
"Sistema".
4. Fare clic su Accedi.
2.5.5 Definizione delle impostazioni proxy in Web Intelligence Rich Client
Le impostazioni proxy vengono definite quando si utilizza un server proxy Internet per accedere a URL
o immagini presenti nei report. Non è necessario definire queste impostazioni per le immagini incorporate
in un report. Verificare le impostazioni del browser Internet per ottenere le informazioni necessarie per
definire le impostazioni proxy. Per definire le impostazioni proxy, attenersi alla procedura seguente:
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Applicazione.
3.
4.
5.
6.
28
Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", fare clic sulla scheda "Proxy".
Definire l'"Host proxy Http".
Definire la "Porta proxy Http".
Specificare un valore in "Impostazioni porta e host Https" oppure selezionare Uguale a proxy Http.
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
7. Fare clic su OK per salvare le impostazioni e chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
2.6 Impostazioni internazionali dell'interfaccia e dei documenti
Le impostazioni internazionali determinano l'aspetto dell'interfaccia dell'applicazione (ad esempio, voci
di menu e testo di pulsanti) e dati (ad esempio, formattazione di date e numeri) in relazione alle
preferenze locali.
Impostazioni internazionali utilizzate da Web Intelligence:
Impostazioni internazionali
Descrizione
Impostazioni internazionali del prodotto
Il controllo della lingua e dell'allineamento dell'interfaccia dell'applicazione Web Intelligence. Queste impostazioni internazionali possono
essere selezionate nelle seguenti posizioni:
• Nell'interfaccia HTML Web Intelligence o Web Intelligence Applet,
l'impostazione si trova tra le preferenze di BI Launch Pad.
• In Web Intelligence Rich Client, l'impostazione si trova tra le proprietà
dell'applicazione.
Impostazioni internazionali di visualizzazione
preferite
Le impostazioni internazionali preferite per la visualizzazione dei dati
del documento. Queste impostazioni internazionali possono essere
selezionate nelle seguenti posizioni:
• Nell'interfaccia HTML Web Intelligence o Web Intelligence Applet,
l'impostazione si trova tra le preferenze di BI Launch Pad.
• In Web Intelligence Rich Client, l'impostazione si trova tra le proprietà
dell'applicazione.
Impostazioni internazionali del documento
Le impostazioni internazionali per data e numero nel documento.
• Nell'interfaccia HTML Web Intelligence o Web Intelligence Applet,
queste impostazioni internazionali non possono essere selezionate.
• In Web Intelligence Rich Client, l'impostazione "Formattazione internazionale permanente" è disponibile nelle proprietà del documento.
Allineamento da destra a sinistra in Web Intelligence
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet e in Web Intelligence Rich Client, l'allineamento dell'interfaccia
dell'applicazione e dei dati del documento è da destra a sinistra quando si selezionano impostazioni
internazionali in determinate lingue.
Nota:
l'allineamento da destra a sinistra non è disponibili nell'interfaccia HTML Web Intelligence.
29
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
Impostazioni internazionali del prodotto e allineamento dell'interfaccia da destra a sinistra
Quando si sceglie l'arabo per le Impostazioni internazionali prodotto, gli elementi dell'interfaccia
dell'applicazione Web Intelligence sono allineati sempre da destra a sinistra, con un effetto a specchio
rispetto all'allineamento da sinistra a destra. Ad esempio, il pannello laterale per le impostazioni
internazionali da destra a sinistra si trova sulla destra, mentre per le impostazioni internazionali da
sinistra a destra, si trova sulla sinistra.
Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite e allineamento da destra a sinistra
Se si sceglie arabo, ebraico, farsi, urdu o divehi per Impostazioni internazionali di visualizzazione
preferite, gli elementi e i dati nei documenti creati in queste impostazioni internazionali sono disposti
da destra a sinistra. Ad esempio, in un campo incrociato, la colonna di intestazione laterale si trova
sulla sinistra nelle impostazioni internazionali da sinistra a destra. Nelle impostazioni internazionali da
destra a sinistra, tale colonna si trova invece sulla destra.
Avvertenza:
•
•
•
•
Nell'interfaccia HTML Web Intelligence i documenti creati nelle impostazioni internazionali di
visualizzazione preferite da destra a sinistra non possono essere visualizzati o modificati.
I documenti creati nelle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite da destra a sinistra
non possono essere convertiti in un formato di documento da sinistra a destra.
I documenti creati nelle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite da sinistra a destra
possono essere modificati in impostazioni internazionali equivalenti ma non possono essere convertiti
in un formato da sinistra a destra.
I grafici sono allineati da sinistra a destra, in base agli standard di prodotto per la globalizzazione
SAP.
Argomenti correlati
• Impostazioni internazionali del prodotto in Web Intelligence Rich Client
• Associazione di impostazioni internazionali a un documento in Web Intelligence Rich Client
• Configurazione delle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite in Web Intelligence Rich
Client
2.6.1 Impostazioni internazionali del prodotto
Impostazioni internazionali del prodotto controlla l'interfaccia utente, ad esempio, le voci di menu e il
testo dei pulsanti.
2.6.1.1 Impostazioni internazionali del prodotto in Web Intelligence Rich Client
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Applicazione.
30
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
3. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Impostazioni
internazionali.
4. Selezionare le impostazioni internazionali dall'elenco "Impostazioni internazionali del prodotto".
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
6. Chiudere e riavviare Web Intelligence Rich Client.
2.6.2 Impostazioni internazionali per i documenti
Le impostazioni internazionali del documento, generate da Web Intelligence, formattano i dati nei
documenti. Ad esempio, le impostazioni internazionali del documento determinano la visualizzazione
di date e numeri.
Per impostazione predefinita, vengono utilizzate le impostazioni locali del browser. Non è possibile
associare in modo permanente a un documento le impostazioni internazionali del documento corrente
mediante l'opzione Formattazione internazionale permanente selezionata nella finestra di dialogo
"Riepilogo dei documenti". Selezionare questa opzione per fare in modo che i dati del documento siano
sempre formattati utilizzando le impostazioni internazionali del documento salvate. Questo
comportamento si applica a tutti gli utenti che visualizzano il documento, non solo a quelli che attivano
Formattazione internazionale permanente.
In Web Intelligence Rich Client, se l'impostazione Utilizza le impostazioni internazionali del
documento per formattare i dati è selezionata nelle proprietà dell'applicazione, le impostazioni
internazionali del documento determino la formattazione delle date e dei numeri.
Argomenti correlati
• Associazione di impostazioni internazionali a un documento in Web Intelligence Rich Client
2.6.2.1 Associazione di impostazioni internazionali a un documento in Web
Intelligence Rich Client
Questa operazione non funziona nell'interfaccia HTML Web Intelligence o Web Intelligence Applet.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic su Documento nella scheda
Proprietà.
2. Nella finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti" selezionare Formattazione internazionale
permanente.
3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti".
4. Salvare il documento.
31
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2.6.3 Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite
Le "Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite" sono le impostazioni internazionali selezionate
per visualizzare i dati del documento.
Quando si crea un documento, le "Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite" dall'utente
sono sempre assegnate come""impostazioni internazionali del documento iniziali, indipendentemente
dal fatto che abbiano o meno la priorità.
Nota:
se le impostazioni non danno priorità alle "Impostazioni internazionali di visualizzazione preferite"
dall'utente, i dati vengono formattati in base alle impostazioni internazionali salvate con il documento.
In Web Intelligence Rich Client, se le impostazioni internazionali danno la priorità alle "Impostazioni
internazionali di visualizzazione preferite" dell'utente tramite l'impostazione Utilizza le impostazioni
internazionali di visualizzazione preferite per formattare i dati nelle proprietà dell'applicazione, le
impostazioni internazionali del documento vengono impostate sulle "Impostazioni internazionali di
visualizzazione preferite" quando si apre un documento. Quando si salva il documento, queste
impostazioni internazionali vengono salvate insieme al documento.
2.6.3.1 Configurazione delle impostazioni internazionali di visualizzazione
preferite in Web Intelligence Rich Client
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Applicazione.
3. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Impostazioni
internazionali.
4. Selezionare le impostazioni internazionali dall'elenco a discesa Impostazioni internazionali di
visualizzazione preferite.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
6. Chiudere e riaprire eventuali documenti aperti in modo da applicare le nuove impostazioni
internazionali.
2.7 Impostazione delle preferenze di visualizzazione
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
32
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
2. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic su Applicazione
nella scheda Proprietà.
3. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Visualizzazione.
4. Selezionare un'unità di misura per la visualizzazione del report nella sezione Unità di misura.
5. Per visualizzare una griglia per l'allineamento degli elementi del report, selezionare Mostra griglia.
6. Per allineare automaticamente gli elementi del report alla griglia, selezionare Blocca sulla griglia.
7. Per definire la quantità di spazio tra le linee della griglia, impostare il valore in Spaziatura della
griglia.
8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
2.8 Modifica della password
1. Avviare Web Intelligence Rich Client dal menu Start di Windows e connettersi al server in modo
che sia attiva la modalità "Connesso".
2. Selezionare Preferenze nella barra degli strumenti di BI Launch Pad.
3. Selezionare Cambia password.
Nota:
se l'opzione è disattivata, l'amministratore BI ha disabilitato la modifica della password da parte
dell'utente.
4. Digitare la password attuale nella casella Vecchia password.
5. Digitare la nuova password nella casella Nuova password.
6. Digitare nuovamente la nuova password nella casella Conferma nuova password.
Viene impostata la nuova password.
Argomenti correlati
• Utilizzo di un documento in locale in modalità Connesso
2.9 Utilizzo di universi in Web Intelligence Rich Client
2.9.1 Operazioni con gli universi in modalità Connesso
33
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
Quando si esegue un'analisi dei dati del desktop in modalità "Connesso", si accede agli universi CMS
in remoto. Il CMS applica i diritti di protezione direttamente, esattamente come se si stesse eseguendo
un'analisi dei dati da BI Launch Pad.
2.9.2 Operazioni con gli universi in modalità Offline
Per creare o aggiornare un report in modalità "Offline", è prima necessario essere connessi al CMS in
modalità "Connesso" in modo da consentire il download nel computer in uso di un file LSI contenente
i diritti di accesso per le risorse nel CMS.
Quando si crea o si aggiorna un report in modalità "Offline", è possibile utilizzare:
•
•
Universi installati in locale che non sono protetti dal CMS
Universi installati in locale a cui si è autorizzati ad accedere a seguito della verifica del file LSI
Non è possibile accedere agli universi sul CMS in remoto, poiché in modalità "Offline" si lavora senza
essere collegati al CMS.
Nota:
È necessario disporre di un Connection Server installato nello stesso computer in cui si esegue un'analisi
dei dati del desktop per poter creare o aggiornare documenti in modalità "Offline".
2.9.3 Operazioni con gli universi in modalità Autonomo
In modalità "Autonomo", si lavora senza protezione e collegamento al CMS. È possibile lavorare solo
con gli universi non protetti e installati in locale. In modalità "Connesso", non è possibile accedere agli
universi in locale protetti dal CMS. È necessario accedere agli universi CMS in remoto.
Il middleware richiesto per creare e aggiornare i documenti locali e non protetti con universi locali e
non protetti deve essere installato nel computer in cui viene eseguita l'analisi del desktop.
Quando si copia il file universo in locale, è consigliabile salvarlo nella seguente cartella:
<percorso_installazione>\SAP BusinessObjects\SAP BusinessObjects Enterprise
XI 4.1\Universes.
2.9.4 Impostazione dell'universo predefinito per un documento
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Applicazione.
34
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
3. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Generale.
4. Nella sezione "Seleziona universo predefinito", fare clic su Seleziona un universo.
5. Fare clic su Sfoglia.
6. Nella finestra di dialogo "Universo", selezionare un universo e fare clic su Seleziona.
7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
35
2013-07-02
Installazione e utilizzo di Web Intelligence Rich Client
36
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Creazione e utilizzo di documenti
3.1 Per selezionare cartelle predefinite per universi e documenti locali
In Web Intelligence Rich Client e nell'interfaccia Web Intelligence Applet, è possibile selezionare una
cartella in cui i documento locali e gli universi vengono archiviati per impostazione predefinita nel
computer locale.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic su Applicazione nella
scheda Proprietà.
2. Nella finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence", selezionare la scheda Generale.
3. Accanto a "Documenti utente", fare clic su Sfoglia e selezionare una cartella per i documenti.
4. Accanto a "Universi", fare clic su Sfoglia e selezionare una cartella per gli universi.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Opzioni Web Intelligence".
3.2 Creazione di una query da un'origine dati diversa in un documento esistente
1. In Web Intelligence Rich Client, aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Accesso ai dati, all'interno della sottoscheda Fornitori di dati, selezionare un'origine
dati nell'elenco a discesa "Nuovo fornitore di dati".
3. Creare ed eseguire la query.
3.3 Per creare un documento vuoto
1. In qualsiasi versione aperta di Web Intelligence, fare clic sul pulsante Nuovo sulla barra degli
strumenti.
2. Selezionare Nessuna origine dati, quindi OK.
È possibile creare una query nel documento in un secondo momento per recuperare i dati nel
documento.
37
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Nota:
se si è appena avviato Web Intelligence Rich Client, fare clic su Documento vuoto nella finestra
di dialogo "Nuovo documento".
Argomenti correlati
• Creazione di una query da un'origine dati diversa in un documento esistente
3.4 Per aprire un documento dal repository
1. In qualsiasi versione di Web Intelligence, effettuare una delle operazioni seguenti:
•
•
Se è aperto un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati", fare clic su Apri
nella scheda File della barra degli strumenti principale.
Se è appena stato avviato Web Intelligence Rich Client o è aperto un documento Web Intelligence
in modalità "Lettura", fare clic sul pulsante Apri.
2. Fare clic su Enterprise nella finestra di dialogo.
3. Se si è in Web Intelligence Rich Client, accedere al repository.
4. Esplorare il repository e selezionare il documento.
Se un documento viene impostato per l'aggiornamento dei dati all'apertura (quando la proprietà del
documento Aggiorna all'apertura è selezionata), riporta le informazioni più recenti.
Nota:
l'opzione Aggiorna all'apertura dipende dalle seguenti impostazioni CMS:
•
•
In CMC > Applicazione > Webi > Proprietà, l'impostazione di protezione Selezionare il diritto
di protezione "Disabilita l'aggiornamento automatico all'apertura per tutti i documenti" è
abilitata.
In CMC > Applicazione > Protezione utente, il diritto di protezione Disabilita l'aggiornamento
automatico all'apertura per tutti i documenti è disabilitato per questo utente.
3.5 Invio di documenti
3.5.1 Per inviare un documento tramite posta elettronica
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Lettura", eseguire una delle operazioni
seguenti:
38
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
•
•
Nell'interfaccia Web Intelligence HTML selezionare Invio sulla barra degli strumenti e scegliere
Posta elettronica.
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client, fare clic sulla freccia
accanto a Invia come allegato di posta elettronica.
2. Specificare l'indirizzo di posta elettronica e digitare un messaggio se viene richiesto.
3. Fare clic su Invio.
3.5.2 Invio di un documento a un altro utente o gruppo nel CMS
Nota:
Questa opzione non è disponibile in Web Intelligence Rich Client.
1. Aprire un documento Web Intelligence nell'interfaccia Web Intelligence HTML o Web Intelligence
Applet.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", selezionare Invia all'utente dall'elenco a discesa Invia a.
• Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", nella barra degli strumenti della scheda "File"
selezionare Invia all'utente dall'elenco a discesa Invia a.
3. Dall'elenco di utenti e gruppi selezionare gli utenti o gruppi a cui si desidera inviare il documento.
4. Fare clic su Usa nome generato automaticamente per inviare il documento con un nome generato
automaticamente.
5. Fare clic su Usa nome specifico e immettere il nome nella casella se si desidera assegnare un
nome al documento da inviare.
6. Fare clic su Collegamento per inviare un collegamento al documento o su Copia per inviarne una
copia.
7. Fare clic su Invia.
3.5.3 Per inviare un documento tramite FTP
1. Aprire un documento Web Intelligence nell'interfaccia Web Intelligence HTML o Web Intelligence
Applet.
Nota:
•
•
Questa opzione non è disponibile in Web Intelligence Rich Client.
Salvare le eventuali modifiche apportate al documento prima di inviarlo.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", dall'elenco a discesa "Invia a", selezionare Invia a FTP.
39
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
•
Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", nella scheda "File" selezionare Salva su
Enterprise dall'elenco a discesa "Menu Salva".
Nota:
È necessario disporre delle autorizzazioni necessarie per l'invio di file tramite FTP. Se non si dispone
delle autorizzazioni, la finestra di dialogo "Invia a FTP" non viene visualizzata oppure viene
visualizzata con un messaggio di errore.
3. Immettere il nome host nella casella Nome.
4. Immettere la porta nella casella Porta.
5. Immettere il nome utente e la password nelle caselle Nome utente e Password.
6. Immettere l'account nella casella Account.
7. Immettere la directory nella casella Directory.
8. Fare clic su Usa nome generato automaticamente per inviare il documento con un nome generato
automaticamente.
9. Fare clic su Usa nome specifico e immettere il nome nella casella se si desidera assegnare un
nome al documento da inviare.
10. Fare clic su Invia.
3.6 Salvataggio ed esportazione di documenti, report e dati in Web Intelligence
Web Intelligence offre la possibilità di salvare o esportare i documenti in diversi formati.
A seconda della versione di Web Intelligence in uso, è possibile eseguire le operazioni di salvataggio
ed esportazione indicate di seguito.
Applicazione
Esportazione come
Salvataggio come
CSV
Archivio CSV
Excel
Interfaccia HTML di Web Intelligence HTML
Web Intelligence
Excel 2007
PDF
Testo
40
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Applicazione
Esportazione come
Salvataggio come
Archivio CSV
Excel
Excel 2007
Interfaccia di Web Intelligence Applet
CSV
PDF
Testo
Web Intelligence
Archivio CSV
Excel
Excel 2007
Web Intelligence Rich Client
CSV
PDF
Testo
Web Intelligence
Per istruzioni su come salvare i diversi formati nell'interfaccia in uso, fare riferimento agli argomenti
appropriati di questo documento.
Argomenti correlati
• Salvataggio dei dati di un documento in un file zip di archivio CSV
• Salvataggio di un documento nel repository aziendale in Web Intelligence Rich Client
• Salvataggio di un documento come foglio di lavoro Excel in Web Intelligence Rich Client
• Salvataggio di un documento come file PDF nell'interfaccia Web Intelligence Rich Client
• Esportazione o salvataggio dei dati in un file CSV in Web Intelligence Rich Client
• Salvataggio dei dati di un documento in un file zip di archivio CSV
3.6.1 Salvataggio di un documento nel repository aziendale in Web Intelligence Rich
Client
1. Avviare "Web Intelligence Rich Client".
2. Aprire un documento Web Intelligence in qualsiasi modalità.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
41
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
•
•
Se è attiva la modalità "Lettura", dall'elenco a discesa "Menu Salva", selezionare Salva su
Enterprise.
Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", nella scheda "File" selezionare Salva su
Enterprise dall'elenco a discesa "Menu Salva".
4. Selezionare il repository aziendale nella finestra di dialogo.
5. Per salvare in un repository aziendale disponibile, selezionare Enterprise nella finestra di dialogo
e accedere al repository.
6. Fare clic su Cartelle o Categorie per visualizzare il repository in base alle cartelle o alle categorie.
7. Nella casella di testo Nome file, digitare il nome del documento.
8. Per visualizzare altre opzioni del documento, fare clic su Avanzate.
Le opzioni aggiuntive sono sempre visualizzate.
9. Digitare una descrizione del documento nella casella di testo Descrizione.
10. Nella casella di testo Parole chiave, digitare le parole chiave che consentono di eseguire la ricerca
del documento.
11. Per aggiornare il documento ogni volta che viene aperto, selezionare Aggiorna all'apertura.
Nota:
L'opzione Aggiorna all'apertura dipende dalle seguenti impostazioni CMS:
•
•
In CMC > Applicazione > Webi > Proprietà, l'impostazione di protezione Selezionare il diritto
di protezione "Disabilita l'aggiornamento automatico all'apertura per tutti i documenti" è
abilitata.
In CMC > Applicazione > Protezione utente, il diritto di protezione Disabilita l'aggiornamento
automatico all'apertura per tutti i documenti è disabilitato per questo utente.
12. Per preservare la formattazione internazionale del documento, selezionare Formattazione
internazionale permanente.
13. In Web Intelligence Rich Client:
• Per rimuovere tutte la protezione del documento e renderlo accessibile in modalità "Autonomo",
selezionare Rimuovi protezione documento.
• Per verificare che il documento non sia bloccato dall'utente corrente, selezionare Salva per tutti
gli utenti.
14. Fare clic su Salva.
3.6.2 Salvataggio di un documento come foglio di lavoro Excel in Web Intelligence
Rich Client
Per esportare immagini insieme al documento, accertarsi che siano state apportate le modifiche seguenti
nel Registro di sistema di Windows o nel file boconfig.cfg sui sistemi UNIX:
•
•
42
« ResolveHTTPUrl » => dati valore « yes »
Verificare che sia stata aggiunta la chiave seguente: « PROXY » => dati valore « <proxycliente>:<numeroporta> »
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
2. Aprire un documento ed effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", dall'elenco a discesa "Menu Salva", selezionare Salva con
nome.
• Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", nella scheda "File" selezionare Salva con nome
dall'elenco a discesa "Menu Salva".
3. Nella finestra di dialogo "Salva documento", selezionare Computer, Desktop o Documenti nella
finestra di dialogo e accedere alla cartella in cui si desidera salvare il documento.
4. Nell'elenco a discesa "Tipo di file" selezionare Excel o Excel 2007 .
Ogni foglio di lavoro Excel 2007 può contenere fino a 1 milione di righe di dati esportati. Se si salva
in Excel invece che in Excel 2007, ogni 65.000 righe di dati esportati vengono inserite in un nuovo
foglio di lavoro.
5. Selezionare i report che si desidera salvare in formato Excel o selezionare Seleziona tutto per
salvare tutti i report.
Se si sceglie di salvare l'intero documento in Excel, ogni report all'interno del documento viene
salvato in un foglio di lavoro separato all'interno del file Excel.
6. Per ottenere un layout e una formattazione il più possibile simili nel file Excel, selezionare Priorità
per il formato dei documenti.
7. Per evitare quanto più possibile di unire più celle all'interno delle celle di Excel in modo da sfruttare
le funzionalità di elaborazione di Excel, selezionare Priorità per l'elaborazione semplice dei dati
in Excel.
8. Fare clic su Salva.
Nota:
tutti i grafici vengono automaticamente convertiti in immagini nei fogli di lavoro Excel.
Per impostare le preferenze di formattazione per il salvataggio in formato Excel, vedere i collegamenti
correlati riportati di seguito.
3.6.3 Salvataggio di un documento come file PDF nell'interfaccia Web Intelligence
Rich Client
1. Avviare Web Intelligence Rich Client.
Avvertenza:
L'impostazione per la formattazione delle celle delle tabelle "Leggi contenuto come collegamento
ipertestuale" non è supportata quando si esporta un documento o un report in formato PDF. Tutte
le celle delle tabelle con questa impostazione appariranno vuote nel PDF generato. Per ottenere il
contenuto in PDF, è necessario deselezionare questa proprietà. A tale scopo:
a. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella cella della tabella e scegliere
b. Formato cella.
c. Nella scheda "Generale", modificare il valore di Leggi contenuto come in uno diverso da HTML.
43
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
L'impostazione viene applicata all'intera colonna.
2. Aprire un documento ed effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", dall'elenco a discesa "Menu Salva", selezionare Salva con
nome.
• Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", nella scheda "File" selezionare Salva con nome
dall'elenco a discesa "Menu Salva".
3. Selezionare Computer, Desktop o Documenti nella finestra di dialogo e accedere alla cartella in
cui si desidera salvare il documento.
4. Nell'elenco a discesa "Tipo di file" selezionare PDF.
Suggerimento:
Quando un report contiene grafici e immagini, per ottimizzare le dimensioni del documento esportato,
scegliere l'opzione 96 dpi. Questa scelta può essere utile per le pubblicazioni online.
5. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per selezionare report specifici da salvare, selezionare Seleziona report, quindi selezionare i
report nell'elenco.
• Per salvare il report corrente e selezionare le pagine da salvare, selezionare Report attuale.
6. Fare clic su Salva.
3.6.4 Esportazione o salvataggio dei dati in un file CSV in Web Intelligence Rich Client
Si utilizza l'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client per eseguire questa
operazione. Per visualizzare i dati che verranno esportati, fare clic sulla scheda Dati. Si noterà se il
documento contiene ancora tutte le colonne eliminate dalla tabella dei report.
Quando si esporta un documento in un file CSV, tutto il contenuto del database viene salvato in un file.
Se si salva in un file di archivio CSV, solo i dati del documento corrente vengono salvati in un file ZIP,
con ogni report in un file CSV separato.
1. Aprire Web Intelligence Rich Client.
2. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per esportare tutto il contenuto del database come un unico file CSV, nella scheda "Accesso ai
dati" selezionare la sottoscheda "Strumenti" e quindi fare clic su Esporta dati.
• Per salvare i dati del documento corrente come file ZIP, nel menu sopra il pannello laterale
selezionare Salva con nome nell'elenco a discesa Salva. Selezionare il formato Archivio CSV.
4. Immettere un nome per il file.
5. Scegliere un qualificatore di testo, un delimitatore di colonna e un set di caratteri.
6. Se si desidera che le opzioni selezionate nel passaggio precedente diventino le opzioni predefinite
quando si salva in formato CSV, selezionare Imposta come valori predefiniti.
7. Se si crea un file di archivio CSV, selezionare i report da esportare.
44
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
8. Fare clic su Salva.
Nota:
Il salvataggio in formato CSV consente di salvare i dati non elaborati e non solo quelli delle tabelle
modificate del report. Per visualizzare i dati che verranno esportati, fare clic sulla scheda "Dati". Si
noterà che il documento contiene ancora tutte le colonne eliminate dalla tabella dei report.
3.6.4.1 Salvataggio dei dati di un documento in un file zip di archivio CSV
Nell'interfaccia Web Intelligence Rich Client e Web Intelligence Applet, è possibile salvare i dati del
documento nel formato di archivio CSV che genera un file di archivio (.zip) contenente un file CSV
per report.
Ogni file CSV contiene i dati del report senza intestazioni, piè di pagina o grafici.
È possibile configurare i seguenti oggetti:
•
•
•
Qualificatore di testo
Delimitatore di colonna
Set di caratteri
È anche possibile salvare tutti o alcuni report nel file di archivio CSV.
Nota:
questa funzionalità non è disponibile nell'interfaccia HTML Web Intelligence.
Esempio: Contenuto di un file di archivio <Nome_documento>.zip
<Nome_report1>.csv
<Nome_report2>.csv
<Nome_reportN>.csv
3.7 Impostazione delle proprietà del documento
Nella tabella seguente sono elencate le proprietà del documento che possono essere visualizzate nel
riquadro "Riepilogo dei documenti" nel pannello laterale o impostare nella finestra di dialogo "Riepilogo
dei documenti" accessibile in Proprietà > Documento:
45
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
46
Proprietà
Descrizione
Titolo
Il nome del documento in BI Launch Pad. Viene visualizzato al
di sopra delle proprietà generali e non può essere modificato.
Tipo
Il tipo di documento. Questa opzione è disponibile solo nell'interfaccia HTML Web Intelligence.
Autore
L'autore del documento.
Data creazione
La data di creazione del documento.
Impostazioni internazionali
Impostazioni internazionali di formato del documento.
Descrizione
Informazioni facoltative che descrivono il documento.
Parole chiave
Parole chiave facoltative che possono essere utilizzate per ricercare il documento in BI Launch Pad.
Data ultimo aggiornamento
Nel pannello laterale questo campo indica quando è avvenuto
l'ultimo aggiornamento dei risultati con i dati più recenti del database.
Data ultima modifica
Nel pannello laterale questo campo indica quando è stata apportata l'ultima modifica al documento.
Ultima modifica eseguita da
Nel pannello laterale questo campo indica la persona che ha
modificato per ultima il documento.
Durata dell'aggiornamento precedente
Nel pannello laterale questo campo indica il tempo impiegato per
recuperare i dati dal database durante l'ultimo aggiornamento
dei risultati.
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Proprietà
Descrizione
Aggiorna automaticamente i risultati nei report con i dati più recenti del database ogni volta che il documento viene aperto.
Quando si seleziona Aggiornamento all'apertura, il rilevamento
dati non mostra le differenze tra i dati prima dell'aggiornamento
e dopo l'aggiornamento. I dati dopo l'aggiornamento vengono
trattati come nuovi dati perché l'aggiornamento elimina il documento.
Aggiorna all'apertura
Nota:
L'opzione Aggiorna all'apertura dipende dalle seguenti impostazioni CMS:
• In CMC > Applicazione > Webi > Proprietà, l'impostazione
di protezione Selezionare il diritto di protezione "Disabilita
l'aggiornamento automatico all'apertura per tutti i documenti" è abilitata dall'amministratore BI.
• In CMC > Applicazione > Protezione utente, il diritto di
protezione Disabilita l'aggiornamento automatico
all'apertura per tutti i documenti è disabilitato per questo
utente dall'amministratore BI.
Formattazione internazionale
permanente
Formatta il documento in base alle impostazioni internazionali di
formato con cui è stato salvato.
Usa drill della query
Consente di eseguire il drill nella modalità di drill della query.
Abilita eliminazione query
Genera query che utilizzano solo oggetti che contribuiscono ai
report in cui sono utilizzati. Ogni volta che una query viene aggiornata, gli oggetti che non vi contribuiscono vengono ignorati. Solo
i dati pertinenti vengono recuperati dal fornitore di dati. Questa
funzionalità ottimizza le prestazioni.
Nota:
per impostazione predefinita, l'eliminazione di query è abilitata
per le query BEx.
47
Nascondi icone di avviso nel grafico
Nasconde le icone di avviso per migliorare la leggibilità.
Cambia stile predefinito
Questo pulsante è disponibile solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet e in Web Intelligence Rich Client. Nella finestra di
dialogo "Riepilogo dei documenti" è possibile modificare lo stile
predefinito per il documento. È possibile importare un nuovo stile
o esportare quello corrente.
Modalità di riferimento rilevamento dati
Nel pannello laterale questo campo indica se il rilevamento dati
è attivato o meno.
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Proprietà
Descrizione
Rilevamento dati
È possibile rilevare i seguenti tipi di modifica dei dati:
• Dati inseriti
• Dati eliminati
• Dati modificati
• Valori aumentati
• Valori diminuiti
Unisci automaticamente dimensioni
Unisce automaticamente le dimensioni con lo stesso nome e
dello stesso universo. La dimensione unificata è visibile nell'elenco degli oggetti disponibili, seguita dalle dimensioni unificate al
suo interno.
Le dimensioni unificate sono il metodo per sincronizzare i dati
provenienti da diversi fornitori di dati.
Se selezionata, questa opzione estende i valori delle dimensioni
unite. Le dimensioni unificate sono il metodo per sincronizzare i
dati provenienti da diversi fornitori di dati. Ciò consente di controllare i risultati quando una tabella contiene dati sincronizzati.
Estendi valori delle dimensioni
uniti
Se una tabella contiene una dimensione utilizzata in un'unione,
questa dimensione restituisce il valore della relativa query in aggiunta ai valori delle altre dimensioni unite di altri fornitori di dati
per cui è presente un oggetto nella tabella.
Quando questa opzione non è selezionata, se una tabella contiene una dimensione utilizzata in un'unione, questa dimensione
restituisce il valore della relativa query.
48
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Proprietà
Descrizione
Questa opzione, disponibile nel pannello "Riepilogo dei documenti", quando viene attivata determina l'aggiornamento automatico
del documento.
Aggiorna automaticamente
L'opzione Aggiorna automaticamente si applica all'uso degli
indicatori delegati. Gli elementi di blocco su cui ha effetto questa
opzione includono l'aggiunta/eliminazione di una colonna, l'inserimento di un'interruzione, nonché l'inclusione di un piè di pagina,
una barra filtro, un controllo di input e così via. Quando questa
opzione è selezionata e si aggiunge o rimuove un oggetto della
query o quando si seleziona un altro valore da un elenco della
barra "Filtro report" (tutti i valori o i valori semplici), il documento
viene aggiornamento automaticamente. Il messaggio #AGGIOR
NARE non viene visualizzato nei report in quanto l'aggiornamento
è automatico.
Questa opzione si applica solo agli indicatori delegati aggregati,
ad esempio quando si aggiunge un totale a una tabella di un report.
L'uso di tale opzione può rallentare le prestazioni. Se la riduzione
delle prestazioni rappresenta un problema, si consiglia di deselezionarla. In tal caso, quando il report viene modificato, viene visualizzato il messaggio #AGGIORNARE.
Nota:
questa opzione può essere modificata solo se l'amministratore
BI l'ha abilitata nelle proprietà dell'applicazione Web Intelligence
dalla CMC.
Stile predefinito
È possibile modificare lo stile predefinito utilizzato per il documento. È possibile eseguire le operazioni seguenti:
• Importare un foglio di stile .css diverso per sostituire quello
esistente.
• Esportare il foglio di stile corrente per salvarlo o utilizzarlo in
un'altra posizione.
• Reimpostare il documento per utilizzare il foglio di stile originale installato con il prodotto. Questa opzione è disponibile
solo quando il foglio di stile del documento corrente è diverso
da quello originale.
Nota:
questa opzione è disponibile solo nell'interfaccia Web Intelligence
Applet e in Web Intelligence Rich Client.
49
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Proprietà
Descrizione
Unisci prompt (variabili BEx)
Selezionare questa opzione per unire i prompt creati in Web Intelligence dalle variabili BEx presenti nella query BEx originale.
Vengono unite solo le variabili BEx con lo stesso nome tecnico.
Quando questa opzione è deselezionata, tutte le variabili BEx
unite in precedenza vengono separate e considerate come prompt
distinti.
Prompt
Nel pannello laterale questa casella indica i prompt immessi
dalla visualizzazione corrente del documento.
Date principali
Nel pannello laterale questa casella indica eventuali date principali associate al documento.
Argomenti correlati
• Unione di dati da dimensioni e gerarchie
• Uso del drill di query
• Rilevamento dati e aggiornamento all'apertura
3.7.1 Configurazione delle proprietà del documento
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati", effettuare una delle operazioni
seguenti:
• Fare clic su Documento nella scheda Proprietà.
• Nel pannello laterale selezionare il riquadro "Riepilogo dei documenti", quindi fare clic su Modifica.
2. Nella finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti", modificare le proprietà del documento.
3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti".
Argomenti correlati
• Impostazione delle proprietà del documento
3.7.2 Eliminazione di query nei documenti
L'eliminazione di query è una funzionalità di creazione report che può essere utilizzata per ottimizzare
le prestazioni. L'eliminazione di query è utilizzata solo da SAP BusinessObjects Web Intelligence.
50
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
Per gli universi relazionali, l'eliminazione di query è abilitata solo se sono impostati i parametri seguenti:
•
•
•
L'opzione Consenti eliminazione query è selezionata nelle proprietà del livello aziendale in
Information Design Tool (non selezionata per impostazione predefinita).
L'opzione Abilita eliminazione query è selezionata nelle proprietà del documento in Web Intelligence
(non selezionata per impostazione predefinita).
L'opzione Abilita eliminazione query è selezionata per il fornitore di dati nelle proprietà di query
in Web Intelligence (selezionata per impostazione predefinita).
Per gli universi OLAP, l'eliminazione di query è abilitata per impostazione predefinita.
Quando l'eliminazione di query è abilitata, la query viene riscritta per fare riferimento solo agli oggetti
utilizzati nel report. Si consideri ad esempio una query contenente tre oggetti risultato: Paese, Città
e Fatturato. Un report basato su questa query può contenere solo Città e Fatturato. Se
l'eliminazione di query è abilitata, quando il report viene aggiornato, la query recupererà solo i dati per
Città e Fatturato.
Negli universi relazionali, un report in cui sia abilitata l'eliminazione di query può restituire dati diversi
(in genere più righe) rispetto a quando l'eliminazione di query è disabilitata, in base allo schema della
base dati. L'eliminazione di query comporta la riscrittura della query affinché contenga solo gli oggetti
a cui si fa riferimento nel report ed eventuali join che riguardano tali oggetti.
Per questo motivo, è consigliabile disabilitare l'eliminazione query nelle situazioni seguenti:
•
•
•
•
La base dati contiene join esterni.
La base dati contiene join autovincolanti (filtri colonna).
La base dati contiene join diretti.
Il riconoscimento degli aggregati è definito al livello aziendale (utilizzando la funzione @Aggre
gate_aware nella definizione degli oggetti del livello aziendale).
Si esamini di nuovo l'esempio di query contenente Paese, Città e Fatturato di vendita. Nella
base dati è presente un join autovincolante sulla tabella Paese che vincola il paese agli Stati Uniti.
Se l'eliminazione di query è disabilitata, il report su Città e Fatturato restituisce il fatturato solo per
le città degli Stati Uniti.
Se l'eliminazione di query è abilitata, il report restituisce il fatturato per le città in tutti i paesi, poiché la
tabella Paese è stata eliminata dalla query.
Argomenti correlati
• Impostazione delle proprietà del documento
• Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx
51
2013-07-02
Creazione e utilizzo di documenti
52
2013-07-02
Creazione di query
Creazione di query
4.1 Informazioni sulle query
Quando si crea un documento o si aggiungono dati a un documento, si utilizzano query per recuperare
dati da un'origine dati nel documento. Per creare query si utilizza il "Pannello delle query" di Web
Intelligence.
A seconda dell'interfaccia utilizzata, è possibile creare query basate su:
•
•
•
•
•
universi, che rappresentano dati in database relazionali o OLAP sotto forma di oggetti
origini dati locali, ad esempio file di testo o di Microsoft Excel
SAP InfoCube presenti in un SAP BW Business Warehouse tramite query BEx
origini dati Pioneer
servizi Web
La query viene eseguita per restituire dati in un report che è quindi possibile analizzare ulteriormente,
ad esempio filtrandone o classificandone i dati.
Gli indicatori sono comuni a tutte le query e restituiscono dati, spesso numerici, che vengono calcolati
in base ad altri oggetti nella query (dimensioni o gerarchie).
Le query basate sugli universi possono essere gerarchiche o non gerarchiche. Le query non gerarchiche
organizzano i dati in dimensioni senza alcuna relazione gerarchica. Una query contenente ad esempio
una dimensione Cliente e un indicatore Fatturato calcola il fatturato per ogni cliente.
Le gerarchie organizzano i dati secondo relazioni gerarchiche. Una gerarchia geografica, ad esempio,
può contenere dati su paesi, stati e città (livelli diversi della gerarchia). Una query contenente una
gerarchia geografica e un indicatore di fatturato calcola il fatturato ai diversi livelli della gerarchia (paese,
stato, città).
Il fatto che una query universo sia gerarchica o meno dipende dal database dal quale l'universo recupera
i dati.
Argomenti correlati
• Creazione di query sugli universi
• Indicatori
• Gerarchie
53
2013-07-02
Creazione di query
4.1.1 Informazioni sui diritti utente per query e documenti
I diritti sono definiti dagli amministratori BI, i quali possono visualizzare e modificare le query anche se
i diritti di accesso sono stati concessi a un sottoinsieme limitato di utenti. La possibilità di visualizzare,
creare, modificare o eliminare le query e gli oggetti correlati, nonché i documenti o i report, dipende dai
diritti utente assegnati.
4.1.2 Definizione di query non gerarchiche
Le query non gerarchiche sono query basate su universi che non includono oggetti che organizzano i
dati gerarchicamente. Per creare una query non gerarchica è necessario utilizzare dimensioni, attributi
e indicatori. Le dimensioni rappresentano oggetti aziendali quali clienti o città. Gli indicatori derivano i
risultati, in genere numerici, dalle dimensioni incluse nella query. Una query contenente la dimensione
[Cliente] e l'indicatore [Fatturato] restituisce ad esempio il fatturato per cliente.
Le query non gerarchiche producono insiemi di risultati in cui le dimensioni non sono correlate. Ogni
oggetto nella query produce una colonna semplice nell'insieme di risultati.
Le query non gerarchiche non includono gli oggetti seguenti: gerarchie, livelli, membri o insiemi
denominati.
Argomenti correlati
• Creazione di una query in un universo
• Indicatori
• Gerarchie
4.1.3 Definizione di query gerarchiche
Una query gerarchica contiene almeno un oggetto gerarchico. È possibile creare query gerarchiche
basate su universi che supportano dati gerarchici o basate su query BEx che accedono direttamente
a Info Query SAP. I dati gerarchici possono provenire da database relazionali o OLAP, a seconda di
come i dati sono strutturati nell'universo.
Nota:
un'origine dati relazionale non è una vera e propria gerarchia, ma un percorso di navigazione.
54
2013-07-02
Creazione di query
È possibile includere le gerarchie come oggetti risultato o filtro. Quando si crea una query gerarchica,
il "Pannello delle query" di Web Intelligence offre ulteriori funzionalità per l'utilizzo dei dati gerarchici.
Se, ad esempio, si include una gerarchia come oggetto risultato, è possibile scegliere membri della
gerarchia da visualizzare nel risultato. Le funzionalità disponibili nel Pannello delle query gerarchiche
dipendono dall'origine dei dati gerarchici a cui si accede.
L'insieme di risultati generati da una query gerarchica consente di eseguire un'analisi dei dati gerarchici.
Ogni oggetto della gerarchia nella query produce una colonna gerarchica nel report. È possibile
espandere i membri per visualizzarne i membri secondari, ad esempio è possibile espandere il membro
[US] per visualizzarne gli stati in una gerarchia [Geografia].
Gli indicatori nel blocco vengono aggregati in base al membro a cui sono associati. Una query gerarchica
contenente la gerarchia [Clienti] e gli indicatori [Vendite unitarie] e [Costo negozio] restituisce ad esempio
l'insieme di risultati seguente:
Clienti
Vendite unitarie
Costo negozio
Tutti i clienti
364.707
371.579
276.773
234.555
CA
45.506
67.999
OR
32.104
56.700
10.324
12.325
US
Albania
Argomenti correlati
• Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
• Indicatori
• Gerarchie
4.1.3.1 Inclusione di più gerarchie in una query
Quando si combinano più gerarchie in una query, i risultati per tutte le combinazioni di membri nelle
diverse gerarchie sono visualizzati nel documenti risultante.
Esempio: Inclusione di due gerarchie in una query
Si dispone di due gerarchie, [Sesso] (contenente i membri [Tutti], [Maschio] e [Femmina]) e [Geografia
cliente]. Combinate in una query con un indicatore, le due gerarchie restituiscono il risultato seguente:
55
2013-07-02
Creazione di query
Geografia cliente
Tutti i clienti
Sesso
Importo vendite Internet
Tutti i sessi
$ 29.358.677
Femmi
na
$ 10.000.000
Maschio
$ 19.358.677
Tutti i sessi
Francia
Femmi
na
$ 1.058.677
Maschio
$ 1.285.340
Tutti i sessi
Pierre
Femmi
na
Tutti i sessi
Alain
$ 2.644.017
Femmi
na
$ 1.249
$ 1.249
$ 1.155
$ 1.155
4.1.3.2 Restrizioni relative all'utilizzo di gerarchie
Nota:
Di seguito sono elencate le restrizioni valide quando si utilizzano gerarchie.
56
2013-07-02
Creazione di query
Funzione della gerarchia
Restrizione in Web Intelligence
Filtro su una gerarchia (restrizione relativa Un filtro può rimuovere un nodo intermediario di una gerarall'espansione)
chia. L'utente non può accedere al livello successivo del
membro dal nodo principale con una semplice azione di
espansione. Per visualizzare il discendente del nodo principale, utilizzare l'opzione Espandi tutto.
Filtro su una gerarchia (report/tabella)
Un filtro di report o tabella in cui esiste una gerarchia può
causare la rimozione di righe senza rispettare la struttura
della gerarchia. Un filtro può rimuovere un nodo principale
attualmente espanso, ma mantenere le foglie o i nodi compressi. Per evitare di restituire una tabella vuota, il sistema
espande automaticamente le gerarchie nei blocchi e visualizza i membri ottenuti.
Nota:
quando si filtra una gerarchia e si seleziona un nodo al suo
interno, il sistema non restituirà gli elementi secondari della
gerarchia a meno che non li si aggiunge esplicitamente alla
definizione del filtro.
Filtro su un oggetto OLAP
Quando si filtra dall'interfaccia, il filtro è basato sulla chiave
dell'oggetto in questione.
Filtro da un controllo di input su una dime- Valori predefiniti, valori personalizzati e campo di immissione
nsione OLAP
si basano sulla didascalia; negli altri casi, il filtro si basa
sulla chiave.
57
Filtro dalla barra filtro
Il filtro viene applicato sulla didascalia (anche per gli oggetti
aziendali OLAP che includono una chiave).
Barra filtro (barra dei drill)
Quando si applica il filtro attraverso la barra filtro su una
gerarchia e si seleziona un nodo che non viene visualizzato
nella tabella perché compresso, la tabella risulta vuota. Per
visualizzare tutti i valori, utilizzare la funzione Espandi.
Ordinamento in base alle gerarchie
L'ordinamento in base a una gerarchia, o a una dimensione
nel caso di un'origine OLAP, si basa sull'ordine del membro
nel sistema sottostante e non sull'ordine lessicografico come
con altri oggetti aziendali. L'ordinamento in base alla gerarchia rispetta la struttura della gerarchia e gestisce i membri
di pari livello a un determinato livello.
Ordinamento in base alle misure in una
tabella
L'ordinamento in base a una misura non salvaguarda l'ordine
dei membri in una gerarchia nella stessa tabella. Il sistema
visualizza la gerarchia semplice nelle parti della tabella cui
è applicato l'ordinamento.
2013-07-02
Creazione di query
Funzione della gerarchia
Restrizione in Web Intelligence
Compressione o espansione simmetrica- Quando si esegue una compressione o un'espansione su
asimmetrica su una gerarchia
una gerarchia accanto a un'altra gerarchia, il sistema esegue
una compressione o espansione asimmetrica. L'azione di
compressione o espansione viene eseguita solo per il membro selezionato o per un determinato membro sulla gerarchia sulla sinistra. È possibile chiedere esplicitamente una
compressione o espansione simmetrica, in modo che
l'azione venga eseguita per qualsiasi istanza del membro
selezionato. Per impostazione predefinita, il sistema esegue
la compressione o espansione simmetrica su una gerarchia
accanto alla dimensione (in tal caso la compressione o espansione predefinita e la compressione o espansione simmetrica restituiscono lo stesso risultato).
Compressione/espansione su una gerar- Quando la gerarchia cambia durante l'aggiornamento (vachia
riabile del nodo della gerarchia, selezione del membro richiesto, modifica a livello del cubo), è possibile che questa
operazione venga bloccata dopo un aggiornamento
dall'anteprima del "Pannello delle query". In tal caso, trascinare e rilasciare nuovamente la gerarchia nella colonna per
risolvere il problema.
Appiattimento delle gerarchie
Quando una gerarchia diventa semplice, il sistema visualizza
tutti i membri della gerarchia allo stesso livello di una dimensione, senza utilizzare + o - per la navigazione e senza il
menu di scelta rapida Espandi/Riduci.
Classifica e gerarchie
La classifica su una tabella in cui è presente una gerarchia
non tiene conto della struttura gerarchica dei dati. Quando
si definisce una classifica in una tabella che contiene una
gerarchia, la classifica diventa semplice.
Inserimento di un'interruzione in una mi- Un'interruzione è sempre associata all'ordinamento
sura o dettaglio
sull'oggetto in cui si applica. Qualsiasi gerarchia in una tabella in cui viene applicata un'interruzione diventa semplice.
Rimuovere l'interruzione sull'oggetto sottostante per ripristinare la gerarchia.
Unione basata su chiave per l'oggetto
aziendale OLAP
La sincronizzazione dei dati dello stesso oggetto con origine
identica (query BEx) si basa sulla chiave interna del valore
di tale oggetto; negli altri casi, la sincronizzazione si basa
sulla didascalia.
Aggregazione dell'indicatore di query BEx Gli indicatori che si aggregano con la funzione di somma
aggregano la somma in Web Intelligence. Altri tipi di aggregazione degli indicatori vengono delegati.
58
2013-07-02
Creazione di query
Funzione della gerarchia
Restrizione in Web Intelligence
Aggregazione degli indicatori delegati
Restituisce #AGGIORNARE quando l'aggregazione richiesta
non è disponibile nella query. Aggiornare il documento per
ottenere un nuovo livello di aggregazione. Attivare l'opzione
di aggiornamento automatico per evitare di visualizzare il
messaggio #AGGIORNARE.
Aggregazione degli indicatori delegati
Restituisce #NON DISPONIBILE se utilizzata in una formula
di una dimensione, in un filtro multivalore (ad esempio un
controllo di input) in una dimensione che non si trova nel
contesto dell'aggregazione dell'indicatore o in un filtro su
una variabile qualificata come dimensione, come nel caso,
ad esempio, di una "dimensione in cui l'indicatore > N". In
questo caso, è consigliabile convertire la formula in un dettaglio di variabile associato alla dimensione originale e includere tale dimensione nel blocco dopo aver nascosta.
Eliminazione di query
Disponibile per origini di query .unv, OLAP e BEx. Per altri
tipi di origine la funzione non è disponibile.
Funzionalità di sostituzione del drill
Non è disponibile una funzionalità di sostituzione del drill
su un oggetto proveniente da una query BEx (non esiste
un percorso di navigazione).
Drill di query su origini OLAP
Non è utilizzabile su origini OLAP.
Membri della dimensione OLAP nell'Ele- L'ordine dei membri della dimensione OLAP nell'Elenco dei
nco dei valori di un report
valori di un report (barra filtro o controllo di input) è lessicografico.
4.1.4 Oggetti disponibili nelle query
Nelle query di Web Intelligence è possibile utilizzare gli oggetti seguenti:
• classi e sottoclassi
• dimensioni
• attributi
• gerarchie
• oggetti livello
• membri
• insiemi denominati
• membri calcolati
• indicatori
59
2013-07-02
Creazione di query
4.1.4.1 Classi e sottoclassi
Gli oggetti vengono raggruppati in cartelle denominate classi. Ogni classe può inoltre contenere una o
più sottoclassi. Le sottoclassi contengono oggetti che rappresentano un’ulteriore sottocategoria degli
oggetti presenti nel livello superiore della classe.
Il ruolo delle classi è quello di organizzare gli oggetti all’interno di gruppo logici. Al momento della
creazione di query sull’universo, le classi consentono di individuare gli oggetti che rappresentano le
informazioni da utilizzare in una query.
Argomenti correlati
• Informazioni sulle query
4.1.4.2 Dimensioni analisi
Una dimensione analisi contiene una raccolta di gerarchie correlate. Le dimensioni analisi non vengono
visualizzate come oggetti risultato nelle query. Se si seleziona una dimensione analisi, la relativa
gerarchia predefinita viene visualizzata nella query.
Per le dimensioni analisi viene utilizzata l'icona seguente:
Argomenti correlati
• Gerarchie
4.1.4.3 Dimensioni
Una dimensione può rappresentare dati non gerarchici in un report. Ad esempio, in una query contenente
una dimensione non gerarchica [Cliente] e l'indicatore [Fatturato], i risultati mostrano il fatturato generato
da ogni cliente in colonne non gerarchiche.
Nelle origini dati gerarchiche le gerarchie vengono visualizzate al di sotto delle dimensioni su cui si
basano nell'elenco di oggetti disponibili. Quando si include la dimensione in una query, vengono restituiti
dati gerarchici.
60
2013-07-02
Creazione di query
Argomenti correlati
• Gerarchie
4.1.4.4 Attributi
Un attributo fornisce dati descrittivi su una dimensione o gerarchia. Età, ad esempio, può essere un
attributo della dimensione Cliente.
Gli attributi devono avere una relazione uno-a-uno con la dimensione a essi associata. A ogni valore
di un oggetto dimensione può essere associato un solo valore di un attributo. Utilizzando l'esempio
nell'argomento Dimensione, a ogni valore Cliente può essere associato un solo valore nell'oggetto
dettaglio Età.
Se, a causa di un errore di progettazione dell'universo, un oggetto dettaglio tenta di restituire più valori
per un valore dimensione, nella relativa cella viene visualizzato il messaggio di errore #VALOREMULTI.
Per gli attributi viene utilizzata l'icona seguente:
Nota:
Per gli universi .unv creati mediante Universe Design Tool, gli attributi vengono indicati come dettagli
e sono applicabili alle origini dati relazionali.
Argomenti correlati
• #VALOREMULTI
• Dimensioni
4.1.4.5 Gerarchie
Una gerarchia è un insieme di membri dati organizzati in livelli o relazioni principale-secondario. Ad
esempio, una gerarchia [Geografia] potrebbe contenere i livelli [Nazione], [Provincia] e [Città]. Gli oggetti
gerarchici vengono utilizzati nelle origini dati BEx, OLAP e relazionali.
Le gerarchie producono colonne gerarchiche nell'insieme di risultati generato dalla query. È possibile
espandere gli elementi della gerarchia per esplorarne i dati. Ad esempio, è possibile espandere il livello
[California] di una gerarchia [Geografia] per esplorare i dati relativi alla California.
È possibile scegliere i membri da visualizzare nel set di risultati mediante la finestra di dialogo "Selettore
membri" accessibile dal "Pannello delle query".
61
2013-07-02
Creazione di query
Nelle origini dati gerarchiche, le gerarchie sono associate a una dimensione e vengono visualizzate al
di sotto della dimensione a cui sono associate nell'elenco degli oggetti disponibili. Con gli oggetti della
gerarchia vengono visualizzate anche le seguenti informazioni:
Oggetto visualizzato
Descrizione
Si tratta della gerarchia predefinita di Web Intelligence. È il segnaposto della gerarchia recuperata.
'
[n] dove 'n' è un numero intero
Un segno di spunta bianco (V) in un cerchio nero.
Si tratta dell'interruttore di convalida e indica che
l'oggetto è la gerarchia 'attiva' in BEx, MSAS ed Essbase (per descrivere la gerarchia attiva in MSAS si
utilizza il termine predefinita).
Si applica alle query BEx. Si tratta del numero di
versione della gerarchia BW utilizzata in fase di
progettazione. Per queste gerarchie, Web Intelligence visualizza ora la versione dopo il nome della
gerarchia. Ad esempio: gerarchia Paese [2]. Per
maggiore chiarezza, durante la progettazione della
query BEx è possibile aggiungere una stringa prima
del numero di versione, ad esempio: [versione 2].
Questa versione è visualizzata anche nell'intestazione della tabella dei report.
Argomenti correlati
• Dimensioni
• Definizione di query gerarchiche
4.1.4.6 Oggetti livello
Un livello è un insieme di membri di una gerarchia che si trovano alla stessa distanza dall'elemento
principale della gerarchia. Ad esempio, [Città] potrebbe essere un livello di una gerarchia [Geografia]
e contenere membri quali [Los Angeles] e [San Francisco]. Prima dei nomi di livello viene aggiunta la
profondità. I numeri sono contigui e iniziano sempre con il numero 1 per il livello principale, come
illustrato di seguito:
1 - Livello a
2 - Livello b
3 - Livello c
62
2013-07-02
Creazione di query
I livelli producono colonne semplici nell'insieme di risultati generato dalla query. Ad esempio, una query
contenente il livello [Paese] e oggetti [Fatturato] produce un risultato come il seguente:
Paese
Fatturato
USA
10.123.121
Francia
8.232.231
Germania
7.342.342
UK
9.343.092
Non tutte le gerarchie contengono livelli. I livelli non sono disponibili nelle gerarchie delle query BEx.
Per i livelli viene utilizzata l'icona seguente:
Argomenti correlati
• Creazione di query basate su query BEx
• Gerarchie
4.1.4.7 Membri
Un membro è un singolo elemento dati in una gerarchia. La gerarchia [Geografia], ad esempio, può
contenere membri quali [Francia] al livello [Paese] o [Las Vegas] al livello [Città].
È possibile selezionare singoli membri di una gerarchia per includerli nel risultato della query se non
si desidera includerli tutti. È inoltre possibile definire un insieme denominato contenente un insieme di
membri.
Argomenti correlati
• Gerarchie
• Set denominati
4.1.4.8 Set denominati
63
2013-07-02
Creazione di query
In insieme denominato è un'espressione con nome che restituisce un insieme di membri Gli insiemi
denominati possono essere definiti in database OLAP o in universi basati su database relazionali o
OLAP.
4.1.4.9 Membri calcolati
I membri calcolati sono membri restituiti da un'espressione MDX. MDX è la lingua utilizzata per accedere
ai dati gerarchici nei database OLAP.
L'amministratore di un database OLAP può creare membri calcolati disponibili per le query MDX che
accedono al database.
Per i membri calcolati viene utilizzata l'icona seguente:
4.1.4.10 Indicatori
numerico, database. L'oggetto Fatturato, ad esempio, è il calcolo derivato dalla moltiplicazione tra il
numero di articoli venduti e il prezzo di ciascun articolo. Gli oggetti Indicatore sono spesso posizionati
nella classe Indicatori.
Per impostazione predefinita, gli indicatori vengono calcolati aggregando i valori dettagliati restituiti dal
database.
Gli indicatori intelligenti sono uno speciale tipo di indicatori che vengono calcolati dal database stesso
e restituiti dalla query già aggregati. In alcune situazioni, gli indicatori intelligenti influiscono sulla modalità
di visualizzazione dei calcoli. Per ulteriori informazioni sugli indicatori intelligenti, consultare il manuale
Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence.
Gli indicatori restituiscono risultati in base agli oggetti a cui sono associati in una query. Una query
contenente la dimensione [Cliente] e l'indicatore [Fatturato] restituisce ad esempio il fatturato per cliente.
Una query contenente la gerarchia [Geografia] e l'indicatore [Fatturato] restituisce il fatturato calcolato
per tutte le diverse aggregazioni possibili nella gerarchia.
Per gli oggetti indicatore viene utilizzata l'icona seguente:
Argomenti correlati
• Gestione dei raggruppamenti
• Gerarchie
64
2013-07-02
Creazione di query
4.2 Creazione di query sugli universi
Gli universi presentano dati di origini dati relazionali o OLAP come raccolte di oggetti correlati. Gli
universi contengono due tipi di dati:
Tipo di dati
Descrizione
Relazionale
I dati relazionali sono organizzati come una raccolta di oggetti correlati (dimensioni,
dettagli e indicatori). Gli oggetti dell'universo vengono combinati in una query
eseguita per generare un report. Una query contenente la dimensione Cliente e
l'indicatore Fatturato genera, ad esempio, un report che mostra il fatturato generato dal cliente.
Gerarchico
I dati gerarchici sono organizzati come membri di gerarchie correlate. Una gerarchia Geografia, ad esempio, può contenere livelli che mostrano paesi, stati e città.
Una query basata sulla gerarchia Geografia e sull'indicatore Fatturato genera un
report che mostra il fatturato generato a livelli differenti della gerarchia (fatturato
per paese, per stato e per città). La query calcola automaticamente i valori del
fatturato a livelli differenti della gerarchia.
Nota:
Restrizioni relative alle proprietà di visualizzazione degli universi .unv e .unx definite mediante Information
Design Tool:
Web Intelligence prende in considerazione solo le proprietà di visualizzazione seguenti impostate
nell'editor del formato di Information Design Tool:
•
•
Universi in formato unx.: sono supportate solo le proprietà definite nella scheda Dati.
Universi in formato unv.: sono supportate solo le proprietà definite nella scheda Numero.
Argomenti correlati
• Gerarchie
4.2.1 Selezione di un universo predefinito
È possibile selezionare un universo predefinito per le query basate sull'universo in modo che, quando
si crea un documento, la finestra di dialogo "Selezionare un universo" mostri l'universo predefinito.
1. In BI Launch Pad, fare clic su Preferenze.
2. Selezionare Web Intelligence nell'elenco "Preferenze".
65
2013-07-02
Creazione di query
3. Fare clic su Sfoglia sotto all'opzione Selezionare un universo predefinito e accedere all'universo
da selezionare come predefinito.
4. Selezionare un universo e fare clic su Salva e chiudi.
5. Per rendere effettiva la modifica è necessario selezionareDisconnessione e quindi Accedi.
Quando si crea un documento basato su un universo e si sceglie l'origine dati, viene selezionata la
nuova origine dati predefinita. È possibile selezionare un'altra origine dati, se necessario.
4.2.2 Creazione di una query in un universo
1. Aprire Web Intelligence e fare clic sull'icona Nuovo nella barra degli strumenti File.
2. Selezionare l'universo in cui creare un documento.
Se si utilizza Web Intelligence Rich Client, fare clic su Seleziona.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Selezionare gli oggetti che si desidera inserire nella query e trascinarli nel riquadro Oggetti risultato.
Suggerimento:
Per aggiungere tutti gli oggetti della classe, trascinare la classe nel riquadro Oggetti risultato.
4. Ripetere la fase precedente finché la query non contiene tutti gli oggetti che si desidera inserire.
5. Fare clic su Ordinamento nella barra degli strumenti Oggetti risultato e ordinare i risultati della
query nella finestra di dialogo "Ordinamento".
6. Selezionare gli oggetti per i quali si desidera definire filtri di query e trascinarli nel riquadro Filtri di
query. Per creare un filtro rapido su un oggetto, selezionare l'oggetto nel riquadro Oggetti risultato,
quindi fare clic sull'icona Aggiungi filtro rapido nella barra degli strumenti Oggetti risultato.
7. Impostare l'ambito di analisi e altre proprietà della query.
8. Per rimuovere un oggetto dal riquadro Oggetti risultato o Filtri di query, fare clic sull'icona Rimuovi
nell'angolo superiore del riquadro.
9. Per rimuovere tutti gli oggetti dal riquadro Oggetti risultato o Filtri di query, fare clic sull'icona
Rimuovi tutto nell'angolo superiore del riquadro.
10. Fare clic su Esegui query. Se sono presenti più query e si desidera eseguirne solo una, fare clic
su Esegui query e selezionare la query da eseguire.
Nota:
Se un documento viene creato con due fornitori di dati (query) basati sulla stessa origine dati
(universo) e si cambia l'origine di una delle query, l'origine dell'altro fornitore di dati non viene
modificata.
Argomenti correlati
• Per visualizzare in anteprima i dati della query
• Definizione di query non gerarchiche
66
2013-07-02
Creazione di query
4.2.3 Selezione dei membri di una gerarchia
Quando in una query sono presenti membri di una gerarchia, utilizzare la finestra di dialogo "Selettore
membri", disponibile nel "Pannello delle query", per selezionare i membri della gerarchia da visualizzare
nel report generato dall'insieme di risultati della query. Una volta selezionati, i membri vengono visualizzati
al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel "Pannello delle query".
È possibile selezionare i membri in modo esplicito o implicito mediante le funzioni. È ad esempio
possibile selezionare in modo esplicito i membri [California] e [Los Angeles] della gerarchia [Geografia].
È anche possibile selezionare i membri secondari del membro [US] (per specificare gli stati US), nonché
selezionare i membri inclusi in un insieme denominato, ad esempio Città principali per fatturato, per
includere le città che generano il fatturato maggiore.
Argomenti correlati
• Panoramica della finestra di dialogo Selettore membri
• Selezione di membri gerarchici e filtri di query
4.2.3.1 Selezione di membri gerarchici e filtri di query
Quando si filtrano i membri in un filtro di query, si influisce anche sull'aggregazione degli indicatori. La
selezione dei membri della gerarchia mediante la finestra di dialogo "Selettore membri" non influisce
invece sugli indicatori.
Esempio: Selezione membri e filtro gerarchico
In questo esempio si dispone dei dati seguenti:
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 29.358.677,22
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Germania
$ 2.894.312,34
Brandeburgo
67
$ 119.871,08
2013-07-02
Creazione di query
Importo vendite Internet
Geografia cliente
Hessen
$ 794.876,08
Se si selezionano solo i membri relativi alla Francia nella finestra di dialogo "Selettore membri", non
si influisce sul valore dell'indicatore per Tutti i clienti:
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 29.358.677,22
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Se si imposta il filtro su Germania e i relativi membri secondari utilizzando un filtro di query, si influisce
sull'indicatore Tutti i clienti perché le cifre tedesche non vengono più visualizzate nell'aggregazione:
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 26.464.364,08
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Argomenti correlati
• Selezione dei membri di una gerarchia
• Gerarchie
4.2.3.2 Panoramica della finestra di dialogo Selettore membri
68
2013-07-02
Creazione di query
La finestra di dialogo "Selettore membri", accessibile tramite il "pannello delle query", consente di
visualizzare e selezionare i membri in una gerarchia. È possibile utilizzare i membri in modo esplicito
o con insiemi di membri forniti, ad esempio, da funzioni, insiemi denominati o livelli della gerarchia.
È inoltre possibile utilizzare "Selezione membri" per definire i prompt, in modo che gli utenti possano
selezionare i membri da includere in una gerarchia durante l'esecuzione della query.
La finestra di dialogo "Selettore membri" può essere aperta dagli oggetti della gerarchia aggiunti alla
query nel "pannello delle query".
Nella tabella seguente vengono descritte le schede disponibili in "Selettore membri".
Scheda
Descrizione
Membri
Nella scheda Membri sono visualizzati i membri disposti in ordine gerarchico. I membri calcolati sono visualizzati all'interno della gerarchia nella
posizione definita dall'amministratore BI.
Livelli
Nella scheda Livelli sono contenuti i livelli della gerarchia (se la gerarchia
supporta i livelli), gli insiemi denominati e i membri calcolati.
Prompt
I prompt consentono di rimandare la selezione dei membri fino all'esecuzione della query mostrando un prompt che consente agli utenti di
selezionare i membri.
Nota:
nella finestra di dialogo "Selettore membri" è possibile scegliere di visualizzare i nomi tecnici e aziendali
degli oggetti o gli oggetti della gerarchia. Il nome tecnico è il nome che identifica l'oggetto in aggiunta
al nome aziendale. I nomi tecnici non sono localizzati, mentre quelli aziendali lo sono. Ad esempio,
"Cliente" potrebbe essere un nome aziendale, mentre "Z_CUSTOMER" un nome tecnico.
Argomenti correlati
• Selezione dei membri di una gerarchia
4.2.3.3 Selezione di membri della gerarchia
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda "Fornitore di dati", fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Membri selezionare i membri da includere nella query.
69
2013-07-02
Creazione di query
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Nota:
se non si seleziona alcun membro, nel risultato della query viene utilizzato il membro predefinito della
gerarchia definito nel database. Se non è stato definito alcun membro predefinito, viene utilizzato il
membro di livello superiore.
4.2.3.4 Selezione esplicita di membri della gerarchia
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda "Fornitore di dati", fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Nella scheda Membri selezionare i membri facendo clic sulla casella di controllo accanto al membro
nella visualizzazione della gerarchia.
I membri vengono visualizzati nell'elenco di membri selezionati nella finestra di dialogo "Selettore
membri".
4. Effettuare una delle seguenti operazioni per un membro:
• Per selezionare tutti i membri nella gerarchia, nell'elenco a discesa Seleziona tutti i membri
fare clic su Seleziona. Questa opzione è utile quando si desidera includere tutti i membri anche
se la struttura della gerarchia cambierà successivamente.
• Per selezionare i membri fino a un livello denominato, selezionare un livello nell'elenco Seleziona
tutti i membri fino a livello denominato. Un livello denominato è, ad esempio Paese o Città.
Si desidera il livello Paese o Città indipendentemente dalla posizione nella gerarchia.
• Per selezionare tutti i membri fino a un livello specifico, selezionare il livello nell'elenco Seleziona
tutti i membri fino a.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel "pannello delle
query".
Argomenti correlati
• Selezione di membri della gerarchia
• Ricerca di membri nella finestra di dialogo Selettore membri
4.2.3.4.1 Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
Utilizzare la finestra di dialogo "Selettore membri", disponibile da un oggetto gerarchia nel "Pannello
delle query", per selezionare i membri di una gerarchia per la query. Nella gerarchia seguente viene
illustrato il comportamento di selezione dei membri nelle query BEx.
70
2013-07-02
Creazione di query
Mondo
EMEA
Europa
Medio Oriente
Africa
America del Nord
Asia PAC
Asia
Pacifico
Australia
Filippine
Nuova Zelanda
America del Sud
71
Regola
Esempio
Se si seleziona un membro di una gerarchia a un
dato livello, vengono selezionati tutti i membri
padre della gerarchia.
È sempre selezionato il livello principale. Non è
possibile selezionare un livello specifico.
Se si deseleziona un membro quando il relativo
membro principale è già selezionato, vengono
deselezionati anche tutti i membri secondari del
membro principale.
Se Pacifico e tutti i membri secondari sono già
selezionati e si deseleziona Australia, vengono
deselezionate anche Filippine e Nuova Zelanda.
Vengono visualizzate le selezioni dei membri seguenti:
• Europa
• Pacifico
Se si seleziona un membro con alcuni dei relativi
membri secondari già selezionati, vengono selezionati tutti i membri secondari.
Se Europa è selezionato e si seleziona EMEA,
vengono selezionati anche Medio Oriente e Africa.
Vengono visualizzate le selezioni dei membri seguenti:
• EMEA
• Elementi secondari di EMEA
2013-07-02
Creazione di query
Regola
Esempio
Se si seleziona un membro quando i membri discendenti sono già selezionati, vengono selezionati
anche tutti gli elementi secondari del membro e
tutti gli elementi di pari livello dei membri discendenti selezionati.
Se si seleziona Asia PAC quando Australia è già
selezionato, vengono selezionati anche Asia,
Pacifico (elementi secondari di Asia PAC) e Filippine e Nuova Zelanda (elementi di pari livello di
Australia). Vengono visualizzate le selezioni dei
membri seguenti:
• Asia PAC
• Elementi secondari di Asia PAC
• Pacifico
• Elementi secondari di Pacifico
Argomenti correlati
• Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx
• Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
4.2.3.5 Selezione di membri della gerarchia negli universi OLAP mediante la
relazione
Limitazione:
questa attività riguarda solo i membri della gerarchia negli universi relazionali OLAP.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda "Fornitore di dati", fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Membri fare clic con il pulsante destro del mouse su un membro.
Nel menu vengono visualizzate le opzioni seguenti:
72
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Descrizione
Aggiunge tutti i membri secondari del membro all'elenco dei membri selezionati.
Elementi secondari
I membri vengono visualizzati come Elementi secondari di [membro
selezionato] nell'elenco.
Nota:
non è possibile includere elementi secondari e discendenti dello stesso membro. Se si seleziona Discendenti quindi Elementi secondari, i discendenti
vengono rimossi dall'elenco e sostituiti con gli elementi secondari.
Aggiunge tutti i membri discendenti del membro all'elenco di membri selezionati.
Discendenti
I membri vengono visualizzati come Discendenti di [membro selezio
nato] nell'elenco.
Nota:
non è possibile includere elementi secondari e discendenti dello stesso membro. Se si seleziona Elementi secondari quindi Discendenti, gli elementi
secondari vengono rimossi dall'elenco e sostituiti con i discendenti.
Il membro immediatamente sopra il membro selezionato è il relativo elemento
principale.
Questa opzione aggiunge il membro principale del membro all'elenco di membri selezionati
Elemento principale
Il membro viene visualizzato come Elemento principale di [membro
selezionato] nell'elenco.
Nota:
non è possibile includere l'elemento principale e gli antenati dello stesso
membro. Se si seleziona Antenati quindi Elemento principale, gli antenati
vengono rimossi dall'elenco e sostituiti con l'elemento principale.
La funzione Elemento principale non è disponibile nelle query BEx.
73
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Descrizione
Tutti i membri sopra il membro selezionato nella gerarchia sono i relativi antenati.
Questa opzione aggiunge i membri antenati all'elenco dei membri selezionati.
Antenati
I membri vengono visualizzati come Antenati di [membro seleziona
to] nell'elenco.
Non è possibile includere gli antenati e l'elemento principale dello stesso
membro nell'elenco. Se si seleziona Elemento principale quindi Antenati,
l'elemento principale viene rimosso dall'elenco e sostituito con gli antenati.
La funzione Antenati non è disponibile nelle query BEx.
Elementi di pari livello
Tutti i membri dello stesso livello del membro selezionato e che condividono
lo stesso elemento principale sono i relativi elementi di pari livello. I membri
vengono visualizzati come Elementi di pari livello di [membro
selezionato] nell'elenco.
Questa opzione aggiunge il membro selezionato e i relativi membri di pari livello all'elenco di membri selezionati.
La funzione Elementi di pari livello non è disponibile nelle query
BEx.
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Argomenti correlati
• Selezione di membri della gerarchia
• Per selezionare i membri della gerarchia di query BEx per relazione
4.2.3.6 Informazioni sulla selezione dei membri basata sul livello
È possibile selezionare i membri di un oggetto gerarchico per livello nella scheda "Livelli" della finestra
di dialogo "Selettore membri", accessibile dal "Pannello delle query".
È possibile selezionare tutti i membri di una gerarchia in un percorso specificato. I membri della gerarchia
selezionata verranno visualizzati nel report fino alla profondità specificata.
74
2013-07-02
Creazione di query
Quando è definita una variabile di gerarchia per una caratteristica, nella struttura universo del "Pannello
delle query" viene visualizzata solo una gerarchia predefinita.
4.2.3.7 Selezione dei membri della gerarchia da un livello
È possibile selezionare tutti i membri di un determinato livello della gerarchia se questa è organizzata
in livelli.
Nota:
•
le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web
Intelligence Rich Client tramite BI Launch Pad.
• non tutte le gerarchie sono organizzate in livelli.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Livelli selezionare i livelli da includere.
I membri vengono visualizzati come Tutti i membri dal livello [livello selezionato]
nell'elenco "Riepilogo".
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Argomenti correlati
• Selezione di membri della gerarchia
4.2.3.8 Selezione di membri calcolati
Il database su cui si basa l'universo supporta i membri calcolati.
Nota:
le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence
Rich Client tramite BI Launch Pad.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
75
2013-07-02
Creazione di query
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Livelli selezionare un membro calcolato.
Nota:
•
•
la posizione del membro calcolato nella gerarchia è determinata dall'amministratore BI.
non è possibile applicare funzioni, quali Elementi secondari o Elemento principale, a
un membro calcolato.
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Argomenti correlati
• Selezione di membri della gerarchia
• Membri calcolati
4.2.3.9 Selezione degli insiemi denominati
Nota:
le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence
Rich Client tramite BI Launch Pad.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Livelli selezionare un insieme denominato nella cartella Insiemi denominati.
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Nota:
per includere un insieme denominato è anche possibile selezionarlo nell'elenco di oggetti query
disponibili. Gli insiemi denominati vengono visualizzati al di sotto della dimensione dell'analisi contenente
la gerarchia a cui sono associati. Quando si seleziona un insieme denominato, la relativa gerarchia
76
2013-07-02
Creazione di query
principale viene inclusa come oggetto risultato e l'insieme denominato viene visualizzato come selezione
membri al di sotto dell'oggetto gerarchia.
4.2.3.10 Esclusione di membri della gerarchia
Nota:
non è possibile escludere membri nelle query BEx.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Selezionare i membri o gli insiemi di membri da escludere.
6. Fare clic su Escludi accanto ai membri selezionati.
7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri esclusi vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, questi membri vengono esclusi dalla gerarchia.
4.2.3.11 Ricerca di membri nella finestra di dialogo Selettore membri
È possibile cercare membri specifici in una gerarchia nella finestra di dialogo "Selettore membri".
Nota:
la ricerca viene eseguita sempre sull'intera gerarchia memorizzata nel database, anziché solo sui
membri già recuperati mediante la finestra di dialogo "Selettore membri".
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Membri fare clic sul pulsante Cerca per aprire la finestra di dialogo "Cerca".
Nota:
se Abilita livelli è selezionato nella scheda "Livelli", il pulsante Cerca è disabilitato.
77
2013-07-02
Creazione di query
6. Immettere il testo nella casella "Cerca testo".
Nella ricerca è consentito l'uso dei caratteri jolly.
Carattere jolly
Descrizione
*
Sostituisce qualsiasi stringa di caratteri
?
Sostituisce un singolo carattere
7. Selezionare una delle opzioni seguenti:
• Fare clic su Cerca nel testo per cercare il testo visualizzato dei membri.
• Fare clic su Cerca nella chiave per cercare nelle chiavi di database.
8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
4.2.3.12 Creazione di prompt per selezionare i membri mediante la finestra di
dialogo Selettore membri
È possibile rimandare la selezione finché la query non verrà eseguita. In questo caso, all'utente verrà
richiesto di selezionare i membri durante l'esecuzione della query.
Nota:
•
•
•
le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web
Intelligence Rich Client tramite BI Launch Pad.
la selezione nei prompt dei membri è limitata alla selezione esplicita dei membri. L'utente non può
selezionare i membri utilizzando funzioni quali Antenati o Elemento principale.
in questa fase si applicano le regole sulla selezione dei membri mediante funzioni. Fare riferimento
al collegamento alla fine di questo argomento.
Per creare prompt per la selezione di membri:
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Prompt fare clic su Abilita parametro.
Nota:
quando si seleziona questa opzione, le selezioni nelle altre schede vengono disattivate.
6. Immettere il testo nella casella Testo del prompt.
78
2013-07-02
Creazione di query
7. Se si desidera che il prompt selezioni per impostazione predefinita i valori selezionati in precedenza
quando viene visualizzato, fare clic su Mantieni selezionati gli ultimi valori.
8. Se si desidera che il prompt selezioni i valori predefiniti quando viene visualizzato, fare clic su
Imposta valori predefiniti, quindi su Modifica e selezionare i valori predefiniti.
9. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Elenco di valori".
10. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
Il testo del prompt viene visualizzato al di sotto della gerarchia nel "pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare i membri della gerarchia di query BEx per relazione
4.2.4 Risoluzione delle query ambigue
Per query ambigua si intende una query contenente uno o più oggetti che potenzialmente possono
restituire due tipi diversi di informazioni.
In un universo, è possibile che determinate dimensioni dispongano di valori utilizzati per due scopi
diversi nel database. Ad esempio, la dimensione [Paese] nella query riportata di seguito può restituire
due tipi di informazioni:
•
•
I clienti e il paese in cui hanno trascorso le vacanze.
I clienti e il paese da cui hanno effettuato la prenotazione.
Il ruolo svolto dalla dimensione Paese in questa query è ambiguo. Un valore relativo al paese può
rappresentare il paese in cui è stata venduta la vacanza o il paese in cui è stata prenotata la vacanza.
Uno rappresenta le informazioni esistenti (vendite), mentre l’altro le informazioni future (prenotazioni).
Per evitare eventuali ambiguità in una query, il designer dell’universo identifica i vari modi in cui gli
oggetti possono essere utilizzati nell’universo, quindi implementa le restrizioni relative alle modalità
secondo cui tali oggetti possono essere combinati. Tali restrizioni sono denominate contesti.
4.2.4.1 Contesti in una query
Per contesto si intende un gruppo definito di oggetti che condividono un obiettivo aziendale comune.
Generalmente, tale obiettivo è costituito dal tipo di informazioni rappresentate dagli oggetti correlati.
Ad esempio, un contesto di vendite è un raggruppamento di tutti gli oggetti che è possibile utilizzare
per la creazione di query relative alle vendite. Un contesto di prenotazioni è un raggruppamento di tutti
gli oggetti che è possibile utilizzare nelle query relative alle prenotazioni. In un universo, i contesti
vengono definiti mediante Universe Designer.
79
2013-07-02
Creazione di query
Per creare una query, è possibile combinare tutti gli oggetti desiderati presenti nello stesso contesto,
nonché oggetti inclusi in contesti diversi. Se si utilizza un oggetto comune a più contesti in una query
e non è possibile stabilire quale sia il contesto migliore, che comprenda tutti gli altri oggetti della query,
viene visualizzato un messaggio con la richiesta di scegliere il contesto da applicare.
4.2.4.2 Scelta di un contesto per l'esecuzione di una query
Quando si crea una query o si aggiorna un report, a volte viene richiesto all'utente di scegliere un
contesto prima dell'esecuzione della query. I contesti vengono utilizzati negli universi per evitare query
ambigue.
È necessario scegliere un contesto ogni volta che si esegue la query se è selezionata la proprietà della
query Reimposta contesti all'aggiornamento nel pannello "Proprietà della query". Se nelle proprietà
della query è stata selezionata l'opzione Cancella contesti, è inoltre necessario scegliere i contesti.
Nota:
dopo aver selezionato l'opzione Cancella contesti, il prompt successivo sui contesti continuerà a
mostrare l'ultimo contesto selezionato; se si desidera selezionare un altro contesto, è necessario per
prima cosa rimuovere la selezione esistente.
.
1. In un documento Web Intelligence, eseguire una query contenente più contesti.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Selezionare un contesto".
2. Selezionare un contesto.
4.2.4.3 Per reimpostare i contesti quando una query viene aggiornata
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sull'icona Proprietà della query nella barra degli strumenti del "Pannello delle query" per
visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà della query".
4. Selezionare Reimposta contesti all'aggiornamento.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Proprietà query".
4.2.4.4 Per cancellare contesti da una query
80
2013-07-02
Creazione di query
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sull'icona Proprietà della query nella barra degli strumenti del "Pannello delle query" per
visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà della query".
4. Fare clic su Cancella contesti.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Proprietà query".
4.2.5 Impostazione dell'ambito di analisi
L'ambito di analisi per una query corrisponde ai dati supplementari che è possibile scaricare dal database
disponibile per offrire più dettagli sui risultati forniti. Tali dati supplementari non vengono visualizzati
nel primo report dei risultati, tuttavia rimangono disponibili nel cubo di dati da cui è possibile importarli
nel report per accedere ai dettagli in qualsiasi momento. Il processo che consente di ottenere dati più
precisi a livelli inferiori di dettaglio è denominato drill down su un oggetto.
Nota:
l'opzione "Pannello Ambito di analisi" nel "pannello delle query" è disponibile solo per gli universi unx
relazionali, e non per gli universi OLAP o per le query BEx.
Nell'universo, l'ambito di analisi corrisponde ai livelli gerarchici al di sotto dell'oggetto selezionato per
una query. Ad esempio, il livello dell’analisi di un livello inferiore rispetto all’oggetto Anno può includere
l’oggetto Trimestre, che viene visualizzato subito sotto ad Anno.
È possibile impostare tale livello al momento della creazione di una query per consentire agli oggetti
in basso nella gerarchia di essere inclusi nella query, senza la necessità che vengano visualizzati nel
riquadro "Oggetti risultato". Le gerarchie di un universo consentono di selezionare il livello dell’analisi
e il corrispondente livello di drill disponibile. È anche possibile creare un ambito di analisi personalizzato,
selezionando dimensioni specifiche da includere nell'ambito.
Argomenti correlati
• Recupero di più livelli di dati nel report
• Esecuzione del drill al di fuori dell'ambito di analisi
• Opzione Visualizza un prompt se il drill richiede dati supplementari
4.2.5.1 Livelli di analisi
Di seguito sono riportati i livelli di analisi che è possibile impostare.
81
2013-07-02
Creazione di query
Livello
Descrizione
nessuno
Nella query vengono inclusi solo gli oggetti visualizzati nel riquadro
"Oggetti risultato".
•
•
•
un livello
due livelli
tre livelli
Per ogni oggetto presente nel riquadro "Oggetti risultato", nella
query vengono inclusi uno, due o tre oggetti sottostanti della
struttura gerarchica. I dati relativi a tali oggetti restano memorizzati
nel cubo fino a quando non vengono aggiunti al documento.
personalizzato
Nella query vengono inclusi tutti gli oggetti aggiunti manualmente
al riquadro "Ambito di analisi".
Avvertenza:
l'inclusione di un ambito di analisi in un documento aumenta nettamente le dimensioni del documento
poiché i dati necessari per l'ambito specificato vengono salvati con il documento. Non è visibile nei
report a meno che non si avvii la modalità drill e si esegua il drill dei dati per visualizzare i valori
corrispondenti.
Per ridurre al minimo le dimensioni dei documenti e ottimizzare le prestazioni, includere un ambito di
analisi solo nei documenti in cui sarà necessario eseguire il drill.
4.2.5.2 Impostazione dell'ambito di analisi
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sul pulsante Pannello Ambito di analisi.
"Pannello Ambito di analisi" viene visualizzato nella parte inferiore del "Pannello delle query". L'ambito
di analisi predefinito è Nessuno. Ciascuna dimensione nel riquadro Oggetti risultato viene
visualizzato nel riquadro "Ambito di analisi".
4. Fare clic sulla freccia verso il basso nella casella di riepilogo a discesa Livello ambito e selezionare
un livello per l'ambito di analisi.
Il livello viene visualizzato nella casella di riepilogo e le dimensioni in ordine gerarchico sotto ciascuna
dimensione nel riquadro Oggetti risultato sono riportate nel riquadro "Ambito di analisi".
5. Se si desidera aggiungere dimensioni selezionate all'ambito di analisi oppure creare un ambito di
analisi personalizzato, selezionare le dimensioni nella struttura dati e trascinarle nel riquadro "Ambito
di analisi".
82
2013-07-02
Creazione di query
4.2.5.3 Disattivazione di un ambito di analisi in una query
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
3. Nel "Pannello delle query" fare clic sull'icona Pannello Ambito di analisi per visualizzare il riquadro
"Ambito di analisi".
4. Nel riquadro "Ambito di analisi" impostare "Livello ambito" su nessuno.
5. Fare clic su Esegui query.
4.2.6 Visualizzazione dello script generato da una query
Quando si crea una query, essa genera "dietro le quinte" uno script SQL o MDX da eseguire a fronte
del database per restituire il risultato della query. SQL è il linguaggio di query compreso da tutti i
database relazionali. MDX è il linguaggio di query compreso dai database OLAP.
È possibile visualizzare e modificare il codice SQL generato dalla query. È possibile visualizzare le
query MDX ma non modificarle.
Nota:
Non è possibile visualizzare lo script delle query che chiamano le stored procedure del database.
4.2.6.1 Visualizzazione e modifica dello script generato
Nota:
non è possibile modificare il codice SQL della query se contiene prompt facoltativi. Rimuovere i prompt
facoltativi dalla query prima di provare a modificare il codice SQL.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sul pulsante Visualizza script sulla barra degli strumenti della query per visualizzare la
finestra di dialogo "Visualizzatore Script query".
Se lo script non è modificabile, i valori forniti in risposta ai prompt vengono riportati direttamente
nella query.
83
2013-07-02
Creazione di query
Ad esempio, se "UK" è stato fornito in risposta a un prompt in [Paese], nella query viene visualizzata
una riga simile alla seguente:
Resort_country.country In ('UK')
Se per il prompt non è ancora stato specificato alcun valore, nella query viene visualizzata la sintassi
di Web Intelligence per i prompt (descritta di seguito).
4. Per rendere modificabile lo script generato, fare clic su Utilizza script query personalizzato.
Quando si rende modificabile lo script, la sintassi di Web Intelligence per i prompt viene visualizzata
nella query.
Ad esempio, nella query viene visualizzata una riga simile alla seguente:
Resort_Country.country = @prompt('Enter Country:','A','Resort\Country',
Mono,Free,Persistent,,User:0)
5. Fare clic su Convalida dopo aver modificato lo script per controllare la validità delle modifiche
apportate.
6. Fare clic su Copia per copiare lo script negli Appunti.
Nota:
questa opzione non è disponibile nell'interfaccia Web Intelligence HTML; è tuttavia possibile
selezionare il testo, farvi clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Copia.
7. Fare clic suStampa per stampare lo script.
Nota:
questa opzione non è disponibile nell'interfaccia Web Intelligence HTML o Web Intelligence Applet.
È possibile copiare il testo e incollarlo in un documento di testo che può essere stampato.
Argomenti correlati
• Filtro di dati con prompt
• Rimozione di un prompt
4.2.7 Restrizione della quantità di dati restituiti dalle query
4.2.7.1 Come limitare la quantità di dati restituiti da una query
È possibile limitare la quantità di dati restituiti dalle query impostando il massimo numero di righe che
una query può restituire, utilizzando un set di risultati campionati, scegliendo se recuperare le righe
vuote e le righe duplicate.
84
2013-07-02
Creazione di query
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic su Proprietà della query sulla barra degli strumenti del "Pannello delle query".
4. Nella finestra di dialogo "Proprietà della query" selezionare una delle seguenti opzioni:
Opzione
Selezionare per...
Disponibile in
N. max di righe recuperate
Selezionare un numero massimo di righe
per il recupero. Se si utilizza questa opzione, sarà necessario anche impostare
il numero massimo di righe da recuperare.
Tutte le istanze.
Includere le righe duplicate.
Recupera righe duplicate
In un database, gli stessi dati possono
essere ripetuti su più righe. È possibile
scegliere che la query restituisca le righe
ripetute o solo le righe uniche.
File relazionali e .unx
OLAP. Non disponibile
nelle query BEx.
L'opzione non è disponibile nelle query
BEx o non è disponibile se non supportata dal database sottostante.
Set di risultati campione
Restituire un set di risultati campione.
Per utilizzare il campionamento fisso,
fare clic su Fisso. Il campionamento non
è disponibile nelle query BEx. L'opzione
Fisso è visibile, ma non attivata se non
è supportata dall'origine dati.
File .unx relazionali. Non
disponibile nei file .unx
OLAP o nelle query BEx.
Recupero di righe vuote
Includere le righe vuote nel risultato.
File .unx OLAP. Non disponibile nelle query BEx.
5. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Proprietà di query Set di risultati campione
• Proprietà di query N. max di righe recuperate
• Creazione di query basate su query BEx
85
2013-07-02
Creazione di query
4.2.7.2 Proprietà di query N. max di righe recuperate
La proprietà N. max di righe recuperate determina il numero massimo di righe di dati che vengono
visualizzate quando viene eseguita una query. Se è necessaria solo una certa quantità di dati, è possibile
impostare questo valore per limitare il numero di righe di dati nel documento.
La proprietà N. max di righe recuperate viene applicata a livello del database se il database la supporta.
In caso contrario, le righe vengono eliminate dopo essere state recuperate dal database.
La proprietà N. max di righe recuperate non prevede la distinzione tra i livelli dei dati gerarchici. Se
il N. max di righe recuperate è impostato su 3, i dati della prima tabella in basso vengono troncati
come nella seconda tabella.
Clienti
Vendite unitarie
Costo negozio
US
276.773
234.555
CA
45.506
67.999
OR
32.104
56.700
10.324
12.325
Clienti
Vendite unitarie
Costo negozio
US
276.773
234.555
CA
45.506
67.999
OR
32.104
56.700
Albania
La proprietà Set di risultati campione applica anche una restrizione sul numero di righe nella query,
ma al livello di database. Se si impostano le proprietà N. max di righe recuperate su 2000 e Set di
risultati campione su 1000, la query recupera solo un massimo di 1000 righe.
Questa impostazione può essere ignorata in base alle limitazioni definite dall’amministratore BI nel
profilo di protezione. Se, ad esempio, N. max di righe recuperate viene impostato su 400 righe, ma
il limite previsto dal profilo di protezione è pari a 200 righe, durante l'esecuzione della query verranno
recuperate solo 200 righe di dati.
Argomenti correlati
• Proprietà di query Set di risultati campione
• Come limitare la quantità di dati restituiti da una query
86
2013-07-02
Creazione di query
4.2.7.3 Proprietà di query Set di risultati campione
La proprietà Set di risultati campione nel "pannello delle query" determina il numero massimo di righe
restituite da una query. Questa restrizione è applicata solo al livello del database, nello script generato
utilizzato per la restituzione dei dati.
Nota:
l'opzione Set di risultati campione è disponibile solo per gli universi .unx relazionali, e non per gli
universi .unx OLAP o per le query BEx.
L'opzione Fisso utilizza il campionamento fisso. Ogni volta che vengono aggiornati i dati, la query
restituisce sempre le stesse righe. Se non viene impostata l'opzione Fisso, il campionamento è casuale.
Ogni volta che vengono aggiornati i dati, la query restituisce un insieme diverso di righe a campione.
La proprietà Set di risultati campione è più efficiente della proprietà N. max di righe recuperate, che
scarta le righe che superano il limite massimo solo dopo che sono state recuperate tutte le righe nella
query.
Non tutti i database supportano il campionamento. Se il campionamento non è supportato, l'opzione è
disattivata. Analogamente, è possibile che l'opzione Fisso non sia supportata da determinati database.
In tal caso, l'opzione Fisso risulta disattivata. Il campionamento non è disponibile nelle query BEx o
negli universi .unx OLAP.
Argomenti correlati
• Proprietà di query N. max di righe recuperate
• Creazione di query basate su query BEx
• Come limitare la quantità di dati restituiti da una query
4.2.8 Per impostare il tempo massimo di esecuzione di una query
Nota:
questa funzionalità non è disponibile per le query BEx.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sul pulsante Proprietà della query nella barra degli strumenti del "Pannello delle query"
per visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà della query".
4. Selezionare Tempo di recupero massimo (s) e immettere il tempo in secondi.
87
2013-07-02
Creazione di query
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo e tornare al "Pannello delle query".
4.2.9 Per consentire ad altri utenti di modificare query
Per impostazione predefinita le query possono essere modificate solo dall'utente che le ha create. È
possibile consentire la modifica degli utenti agli utenti che dispongono dei diritti di modifica query
assegnati dall'amministratore di BI.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic sull'icona Proprietà della query nella barra degli strumenti del "Pannello delle query" per
visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà della query".
4. Fare clic su Consenti ad altri utenti di modificare tutte le query.
5. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
4.3 Creazione di query basate su query BEx
I documenti e i report vengono creati, modificati e aggiornati in base alle query BEx (query di Business
Exchange) utilizzando l'interfaccia di Web Intelligence Applet o il client Web Intelligence Rich Client
avviato da BI Launch Pad. Nell'interfaccia di Web Intelligence HTML è possibile visualizzare e aggiornare
i documenti ma non modificarli.
Le query BEx sono query create utilizzando SAP BEx Query Designer, in base a InfoCube SAP in SAP
NetWeaver Business Warehouse (SAP NetWeaver BW). Le query BEx recuperano i metadati dall'origine
dati. Web Intelligence consente di connettersi a una query BEx tramite una connessione BICS (BI
Consumer Services) e recuperare quindi i dati per la creazione di report.
Web Intelligence mappa automaticamente i dati della query BEx a gerarchie, attributi, dimensioni e
indicatori, come nelle query gerarchiche basate su universi. L'accesso diretto a una query BEx SAP
(tramite connessione BICS) non consente di rinominare, modificare o aggiungere metadati. Non è
necessario creare un universo per le query BEx.
Il microcubo risultante viene rappresentato nel riquadro "Oggetti disponibili" sotto forma di struttura
degli oggetti, ma utilizza un sottoinsieme delle funzionalità disponibili nelle query gerarchiche basate
sugli universi. Le funzioni dei membri ElementiDiPariLivello, Elemento principale e Ante
nato non sono disponibili per le query BEx nella finestra di dialogo "Selettore membri". Queste restrizioni
sono descritte nella documentazione relativa alle funzionalità.
Nota:
•
88
È possibile accedere solo alle query BEx per le quali è stato abilitato il flag per l'accesso esterno.
2013-07-02
Creazione di query
•
•
La mappatura di oggetti non è sempre equivalente; fare riferimento alle pagine relative alle
equivalenze e alle restrizioni per assicurarsi che le query possano essere utilizzate correttamente.
Web Intelligence consente di creare un documento su una query BEx solo quando l'autenticazione
della connessione alla query BEx è predefinita. La modalità di autenticazione richiesta non è
supportata sulla query BEx al momento della creazione di un documento.
Argomenti correlati
• Per creare una query basata su una query BEx senza variabili
4.3.1 Quali interfacce è necessario utilizzare per lavorare con le query BEx?
Per creare query, visualizzare report, modificare o aggiornare report, si utilizzano le interfacce descritte
di seguito.
Creazione di query
Per creare un documento o creare una query basata su una query BEx, è necessario utilizzare una
delle seguenti interfacce:
• L'interfaccia di Web Intelligence Applet, accessibile da BI Launch Pad.
• Web Intelligence Rich Client installato dalla suite SAP Business Objects.
Utilizzo dei report
Per visualizzare, modificare o aggiornare i report, è possibile utilizzare una delle interfacce di Web
Intelligence:
• L'interfaccia HTML di Web Intelligence, accessibile da BI Launch Pad
• L'interfaccia di Web Intelligence Applet, accessibile da BI Launch Pad
• Web Intelligence Rich Client scaricato e installato da BI Launch Pad
• Web Intelligence Rich Client installato come componente della suite SAP Business Objects.
4.3.2 Metadati supportati per query BEx
Sono supportate le funzionalità dei metadati NetWeaver BW seguenti.
89
2013-07-02
Creazione di query
Metadati in query BEx
Supportati
Caratteristiche (incluse ora e unità)
Sì
Gerarchie
Sì
Cifre chiave di base
Sì
Attributi di navigazione
Sì
Attributi di visualizzazione
Sì
Cifre chiave/formule calcolate
Sì
Cifre chiave limitate
Sì
Strutture personalizzate
Sì
Variabili
Sì
I tipi di metadati vengono mappati agli oggetti dell'universo che possono essere utilizzati per creare le
query ed eseguire report.
Tabella 4 - 16: Mappatura dei metadati per query BEx
Questi metadati per query BEx
vengono mappati a questo oggetto Web Intelligence 4.x
Caratteristica
Dimensione
Gerarchia
Gerarchia
Livello gerarchia
N/D (i livelli sono visualizzati nella finestra di dialogo "Selettore membri")
Attributo
Attributo
Proprietà della caratteristica (chiave, didascalia,
descrizione breve, descrizione media, descrizione
lunga)
Attributo
Indicatore (numerico)
Cifra chiave senza unità/valuta
Valore della proprietà formattato (stringa)
Indicatore (numerico)
Cifra chiave con unità/valuta
Unità/valuta della proprietà (stringa)
Valore della proprietà formattato (stringa)
90
2013-07-02
Creazione di query
Mappatura delle cifre chiave di SAP Business Warehouse a oggetti indicatore di Web
Intelligence
Per le origini dati basate su query BEx, le cifre chiave di BW vengono mappate a oggetti indicatore di
Web Intelligence. A seconda del tipo di dati della cifra chiave di BW, a questi indicatori è assegnato un
tipo specifico, ovvero STRING, DATE o NUMERIC.
Tuttavia, nella progettazione di query BEx, se gli oggetti cifra chiave e caratteristica vengono disposti
in righe e colonne in modo che le colonne dei risultati contengano tipi di oggetti diversi in ogni riga, il
tipo dell'oggetto indicatore visualizzato nel report Web Intelligence sarà "STRING". Per evitare problemi
in Web Intelligence, adottare la regola in base alla quale a ogni colonna corrisponde un solo tipo di
dati. Il tipo di dati "STRING" viene quindi applicato quando riconosce tipi di dati eterogenei nella colonna.
Questa situazione si verifica, ad esempio, quando la struttura di cifre chiave è impostata solo sull'asse
Colonne. È inoltre possibile inserire entrambe le strutture sullo stesso asse della query BEx.
Esempio:
Se una query BEx presenta una struttura contenente UNIT (ad esempio Valuta), TIME (ad esempio
Data), una formula (ad esempio "Città è la X percentuale di Stato") e una stringa basata su Caratteristica
(ad esempio Città), ognuno di questi tipi, una volta aggiunto, costituisce una riga separata della
colonna. Nella sezione Colonne viene aggiunta una Cifra chiave, ad esempio Importo ordine. Il set di
risultati quando si esegue questa query BEx è una tabella che include tutti questi oggetti/tipi differenti
nelle righe della colonna. Tenere presente che UNIT e STRING sono tipi di dati che non è possibile
ottenere in una DataCell (DataCell = ogni intersezione di due strutture BEx). Sono invece possibile i
tipi NUMERIC (INTEGER o DOUBLE), PERCENT, DATE e TIME. Quando si crea un report Web
Intelligence in base a questa query, l'oggetto indicatore viene mostrato come "STRING" a causa dei
diversi oggetti/tipi inclusi nel set di risultati per la colonna.
Nota:
Se si desidera manipolare i risultati aggiungendo aggregazioni, è possibile modificare l'indicatore di
Web Intelligence mappato nel report convertendolo, tramite una formula, in tipi di dati diversi.
4.3.3 Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx
Nota:
L'amministratore BI deve verificare che la query BEx sia conforme alle restrizioni relative alla creazione
dei report descritte nella tabella riportata di seguito.
91
2013-07-02
Creazione di query
Funzionalità query BEx
Restrizione in Web Intelligence
Nodi collegati
I nodi collegati non vengono visualizzati.
Nodi di livello inferiore
I nodi di livello inferiore vengono sempre visualizzati dopo
il nodo principale.
Numero decimale
La definizione di numero decimale della query BEx non
viene utilizzata in Web Intelligence. Utilizzare invece il valore
formattato, se è necessario mantenere l'esatta impostazione
decimale nel report. È anche possibile applicare l'impostazione decimale nella tabelle e nel grafico del report.
Numero di oggetti consentiti in una query Non utilizzare più di 50 oggetti in una query BEx, altrimenti
si verificherà un errore.
Variabili dipendenti in caratteristiche com- Quando sono presenti dipendenze tra le variabili in caratteposite e oggetto principale
ristiche composite e relativo oggetto principale, le dipendenze non sono garantite.
Visualizzazione di righe/colonne in forma Non è possibile visualizzare una gerarchia globale da una
gerarchica
gerarchia dell'asse. Le caratteristiche, le gerarchie e le cifre
chiave che compongono la gerarchia vengono conservate.
92
Variabili su valori predefiniti
Non definire variabili su valori predefiniti in query BEx. Le
variabili verranno richieste senza alcun effetto sulla query
BEx. Definire invece il valore predefinito nel filtro.
Variabili pronte per l'input
Se si definiscono variabili pronte per l'input in BEx Query
Designer, non è possibile immettere manualmente una
stringa nel pannello del prompt in Web Intelligence. È solo
possibile effettuare una selezione da un elenco di valori.
L'input manuale non è attualmente supportato per le query
BEx. Evitare di utilizzare variabili abilitate per l'input perché
vengono utilizzate solo nelle eccezioni. Le eccezioni non
vengono valutate, pertanto non verrà visualizzato nessun
prompt a tale riguardo.
Filtri come valori predefiniti
Non supportati, vengono rimossi dalla query BEx. Il filtro
verrà ignorato o, se viene utilizzata una variabile, verrà visualizzato il relativo prompt ma la risposta dell'utente verrà
ignorata. Spostare qualsiasi restrizione basata su una variabile nell'area dei filtri, perché venga presa in considerazione
per la creazione di report.
Operatore OR
Non supportato. L'operatore OR non è supportato da alcune
origini dati OLAP come le query BEx né dagli universi unx
OLAP in Microsoft Analysis Services (MSAS) e Oracle Essbase.
2013-07-02
Creazione di query
Funzionalità query BEx
Restrizione in Web Intelligence
Espansione a livello
Per impostazione predefinita, le gerarchie non vengono
espanse a un determinato livello. Livello00 è sempre il livello
predefinito. Per riprodurre questo comportamento, espandere la tabella e il grafico presenti nel report, quindi salvare
il documento. L'amministratore IT può ridefinire questo valore predefinito utilizzando l'interfaccia CMC. Tenere presente però che se il valore è troppo elevato, Web Intelligence
recupera i dati dell'intera gerarchia e questo potrebbe influire
notevolmente sulle prestazioni e sulla stabilità del sistema.
L'autore del report deve sempre indicare in modo esplicito
il numero di livelli della gerarchia che desidera recuperare
durante la progettazione delle query di report.
Classifica e gerarchie
La classifica su una tabella in cui è presente una gerarchia
non tiene conto della struttura gerarchica dei dati. Quando
si definisce una classifica in una tabella che contiene una
gerarchia, la classifica diventa semplice.
Unione sulla chiave per l'oggetto aziendale OLAP
La sincronizzazione dei dati dello stesso oggetto dalla stessa
origine (cubo o query BEx) si basa sulla chiave interna del
valore di tali oggetti.
Aggregazione dell'indicatore di query BEx Gli indicatori che si aggregano con la funzione di somma
aggregano la somma in Web Intelligence. Altri tipi di aggregazione degli indicatori vengono delegati.
93
Eliminazione di query
Disponibile per origini di query .unv, OLAP e BEx. Per altri
tipi di origine la funzione non è disponibile.
Eccezioni delle query
Non vengono tenute in considerazione in Web Intelligence.
In Web Intelligence applicare invece la formattazione condizionale.
Selezione complessa
Quando viene definita una variabile per supportare la selezione complessa, non sono disponibili equivalenti. Questa
restrizione è limitata alla selezione intervalli.
Omissione degli zeri
Le righe con valori pari a zero non vengono rimosse dalla
tabella prodotta.
Layout predefinito della query
Le posizioni predefinite delle caratteristiche in righe e colonne non vengono riprodotte.
Posizione dei nodi di livello inferiore
Si trovano sempre sotto i livelli superiori.
Calcoli locali ("Classifica", "Minimo")
Le cifre chiave per la definizione dei calcoli locali vengono
rimosse dalla query BEx. Evitare di utilizzarli e preferire nel
report la funzione di calcolo equivalente.
2013-07-02
Creazione di query
Funzionalità query BEx
Calcoli/Calcoli locali
Restrizione in Web Intelligence
Gli indicatori in cui viene utilizzato "Calcola singolo valore
come" verranno omessi. Comporterebbero infatti la visualizzazione di risultati incoerenti negli strumenti client. Il calcolo
dipende principalmente dal layout dei dati richiesti, ad esempio ordine in cui sono richieste le caratteristiche, attivazione/disattivazione della riga dei risultati, pertanto può essere facilmente interpretato in modo errato. Per evitare errori di interpretazione, questi calcolo vengono automaticamente disattivati.
È consigliabile non utilizzare le seguenti funzioni di calcolo:
%GT, %CT, SUMCT, SUMRT, Leaf perchè, come spiegato
in precedenza, potrebbero non funzionare correttamente
negli strumenti client. Non è possibile filtrarle perché i dati
relativi ai calcoli non vengono esposti tramite l'interfaccia,
pertanto Query Designer deve assicurarsi che tali calcoli
non vengano utilizzati. Se si attiva il flag MDX in BEx Query
Designer, viene verificato l'utilizzo di questi calcoli.
94
Righe di risultati
Si consiglia di utilizzare in sostituzione i riepiloghi Web Intelligence.
Formula con calcolo
Si consiglia di evitare di utilizzare Formula con calcolo
perché potrebbe non essere supportata nel layout del report,
ad esempio nel caso di un report relativo alla quota percentuale dei risultati.
Strutture di indicatori gerarchiche
Le strutture di indicatori gerarchiche vengono visualizzate
come elenchi semplici di indicatori, ma è possibile utilizzare
strutture non di indicatori gerarchiche.
Visualizzazione gerarchica di un intero
asse
Tale funzione non è supportata. È possibile ottenere risultati
analoghi direttamente in Web Intelligence.
Funzionalità di sostituzione del drill
Non è disponibile una funzionalità di sostituzione del drill
su un oggetto proveniente da una query BEx (non esiste
un percorso di navigazione).
Condizioni
Non utilizzare condizioni. Quando viene eseguita la query,
le condizioni, se presenti nella query, non vengono applicate.
Indicatori
Non possono essere utilizzati nei filtri.
2013-07-02
Creazione di query
Funzionalità query BEx
Restrizione in Web Intelligence
Gerarchia
Non può essere utilizzata contemporaneamente in set di
risultati e filtri.
Attributi
Non può essere utilizzata contemporaneamente in set di
risultati e filtri.
Layout predefinito
L'accesso Web Intelligence non tiene in generale conto del
layout predefinito della query BEx. Utilizzare il Pannello
delle query per ottenere i seguenti effetti:
• Disposizione delle caratteristiche in righe e colonne
• Presentazione predefinita (ad esempio Testo/Presentazione chiave)
• Membri della struttura con lo stato nascosto (visualizzabile) o visibile
Argomenti correlati
• Eliminazione di query nei documenti
4.3.4 Accesso alle query BEx
Per accedere alle query BEx è necessario soddisfare le seguenti condizioni:
•
•
È possibile accedere solo alle query BEx per le quali è stata abilitata l'opzione per l'accesso esterno
in BEx Query Designer.
È necessario disporre dei diritti di protezione appropriati per accedere alle query BEx e utilizzarle
per la creazione di report.
L'amministratore BI definisce la connessione nella CMC o, in alternativa, è possibile utilizzare Information
Design Tool per pubblicare la connessione alla CMC. Il metodo più semplice è utilizzare la CMC.
4.3.4.1 Abilitazione dell'accesso alle query BEx
Alle query BEx è possibile accedere solo mediante altri strumenti, incluso Web Intelligence, se per tali
query è stato abilitato l'accesso esterno in BEx Query Designer. È necessario effettuare le attività
seguenti o chiedere al proprio amministratore BI di effettuarle.
1. In BEx Query Designer selezionare la query a cui accedere tramite Web Intelligence.
2. Nel riquadro "Proprietà" selezionare Avanzate e assicurarsi che sia stato abilitato l'accesso esterno.
95
2013-07-02
Creazione di query
3. Salvare la query.
4. Ripetere i passaggi precedenti per tutte le query BEx che si desidera rendere disponibili per Web
Intelligence.
Web Intelligence può ora accedere alle query BEx.
4.3.4.2 Definizione di una connessione BICS tramite la CMC
È possibile connettersi alle query BEx tramite le connessioni BICS create e salvate nella Central
Management Console. È necessario disporre dei diritti appropriati per utilizzare la CMC. Per connettersi
a una query BEx, è anche necessario definire una connessione BICS in Information Design Tool.
È possibile definire una connessione a una singola query BEx o a un InfoProvider contenente più query
BEx.
1. Accedere alla CMC.
2. Scegliere Connessioni OLAP.
3. Definire una nuova connessione.
Nella finestra "Nuova connessione", nella finestra di dialogo "Provider", selezionare "SAP Business
Information Warehouse".
4. Immettere le informazioni sulla connessione e i dettagli del sistema.
5. Salvare la connessione.
4.3.4.3 Definizione di una connessione BICS a una query BEx in Information
Design Tool
Per connettersi a una query BEx, è possibile definire una connessione BICS in Information Design
Tool. È possibile definire una connessione a una singola query BEx o a un InfoProvider contenente più
query BEx.
1. In Information Design Tool utilizzare la procedura guidata "Nuova connessione OLAP" per definire
una connessione OLAP e scegliere il driver middleware per il client BICS di SAP NetWeaver BW.
2. Pubblicare la connessione in un repository accessibile da parte di Web Intelligence.
È ora possibile utilizzare Web Intelligence per selezionare la connessione e connettersi alla query BEx.
4.3.5 Creazione di una query Web Intelligence a partire da una query BEx
96
2013-07-02
Creazione di query
Una volta connessi alla query BEx, Web Intelligence mappa i metadati della query BEx agli oggetti
queryWeb Intelligence.
Per selezionare gli oggetti appropriati per la creazione di una query gerarchica è necessario utilizzare
il Pannello delle query di "Web Intelligence". È possibile aggiungere filtri e prompt esattamente come
quando si creano query sugli universi, anche se in alcuni casi vengono applicate determinate restrizioni.
Fare riferimento alla sezione Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx.
Argomenti correlati
• Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx
• Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
4.3.5.1 Definizione di query gerarchiche
Una query gerarchica contiene almeno un oggetto gerarchico. È possibile creare query gerarchiche
basate su universi che supportano dati gerarchici o basate su query BEx che accedono direttamente
a Info Query SAP. I dati gerarchici possono provenire da database relazionali o OLAP, a seconda di
come i dati sono strutturati nell'universo.
Nota:
un'origine dati relazionale non è una vera e propria gerarchia, ma un percorso di navigazione.
È possibile includere le gerarchie come oggetti risultato o filtro. Quando si crea una query gerarchica,
il "Pannello delle query" di Web Intelligence offre ulteriori funzionalità per l'utilizzo dei dati gerarchici.
Se, ad esempio, si include una gerarchia come oggetto risultato, è possibile scegliere membri della
gerarchia da visualizzare nel risultato. Le funzionalità disponibili nel Pannello delle query gerarchiche
dipendono dall'origine dei dati gerarchici a cui si accede.
L'insieme di risultati generati da una query gerarchica consente di eseguire un'analisi dei dati gerarchici.
Ogni oggetto della gerarchia nella query produce una colonna gerarchica nel report. È possibile
espandere i membri per visualizzarne i membri secondari, ad esempio è possibile espandere il membro
[US] per visualizzarne gli stati in una gerarchia [Geografia].
Gli indicatori nel blocco vengono aggregati in base al membro a cui sono associati. Una query gerarchica
contenente la gerarchia [Clienti] e gli indicatori [Vendite unitarie] e [Costo negozio] restituisce ad esempio
l'insieme di risultati seguente:
Clienti
Vendite unitarie
Costo negozio
Tutti i clienti
364.707
371.579
276.773
234.555
45.506
67.999
US
CA
97
2013-07-02
Creazione di query
Clienti
OR
Albania
Vendite unitarie
Costo negozio
32.104
56.700
10.324
12.325
Argomenti correlati
• Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
• Indicatori
• Gerarchie
4.3.5.2 Fattori di scala nelle query BEx
Quando una query BEx contiene indicatori che vengono mappati da cifre chiave scalate, il fattore di
scala sull'indicatore viene visualizzato nel report risultante. Se il fattore di scala viene modificato per la
cifra chiave, la modifica viene riflessa nel report quando questo viene aggiornato. Il fattore di scala
viene visualizzato per il nome dell'indicatore nel report e per l'attributo dell'indicatore nel "pannello delle
query".
4.3.5.3 Variabili del nodo della gerarchia nelle query BEx
I prompt presenti sulle caratteristiche dei nodi della gerarchia nelle query BEx vengono definiti variabili
dei nodi della gerarchia. Nel caso siano presenti tali variabili, la funzione di selezione dei membri viene
disabilitata per la gerarchia interessata. Il prompt correlato alla variabile del nodo della gerarchia viene
visualizzato in fase di esecuzione.
4.3.5.4 Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
Utilizzare la finestra di dialogo "Selettore membri", disponibile da un oggetto gerarchia nel "Pannello
delle query", per selezionare i membri di una gerarchia per la query. Nella gerarchia seguente viene
illustrato il comportamento di selezione dei membri nelle query BEx.
98
2013-07-02
Creazione di query
Mondo
EMEA
Europa
Medio Oriente
Africa
America del Nord
Asia PAC
Asia
Pacifico
Australia
Filippine
Nuova Zelanda
America del Sud
99
Regola
Esempio
Se si seleziona un membro di una gerarchia a un
dato livello, vengono selezionati tutti i membri
padre della gerarchia.
È sempre selezionato il livello principale. Non è
possibile selezionare un livello specifico.
Se si deseleziona un membro quando il relativo
membro principale è già selezionato, vengono
deselezionati anche tutti i membri secondari del
membro principale.
Se Pacifico e tutti i membri secondari sono già
selezionati e si deseleziona Australia, vengono
deselezionate anche Filippine e Nuova Zelanda.
Vengono visualizzate le selezioni dei membri seguenti:
• Europa
• Pacifico
Se si seleziona un membro con alcuni dei relativi
membri secondari già selezionati, vengono selezionati tutti i membri secondari.
Se Europa è selezionato e si seleziona EMEA,
vengono selezionati anche Medio Oriente e Africa.
Vengono visualizzate le selezioni dei membri seguenti:
• EMEA
• Elementi secondari di EMEA
2013-07-02
Creazione di query
Regola
Esempio
Se si seleziona un membro quando i membri discendenti sono già selezionati, vengono selezionati
anche tutti gli elementi secondari del membro e
tutti gli elementi di pari livello dei membri discendenti selezionati.
Se si seleziona Asia PAC quando Australia è già
selezionato, vengono selezionati anche Asia,
Pacifico (elementi secondari di Asia PAC) e Filippine e Nuova Zelanda (elementi di pari livello di
Australia). Vengono visualizzate le selezioni dei
membri seguenti:
• Asia PAC
• Elementi secondari di Asia PAC
• Pacifico
• Elementi secondari di Pacifico
Argomenti correlati
• Restrizioni durante l'utilizzo delle query BEx
• Selezione di membri gerarchici nelle query BEx
4.3.5.4.1 Per selezionare i membri della gerarchia di query BEx per relazione
Nota:
Le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia di Web Intelligence Applet o nel client
Web Intelligence Rich Client a cui si accede tramite BI Launch Pad.
1. Aprire un documento "Web Intelligence" che utilizza una query BEx in modalità "Progettazione" o
Dati.
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella scheda secondaria Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "Pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Membri fare clic con il pulsante destro del mouse su un membro al quale applicare
una funzione.
Nel menu vengono visualizzate le opzioni seguenti:
100
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Descrizione
Aggiunge tutti i membri secondari del membro all'elenco dei
membri selezionati.
I membri immediatamente sotto il membro selezionato sono
i relativi elementi secondari.
Elementi secondari
I membri vengono visualizzati come Elementi secondari
di [membro selezionato] nell'elenco.
Nota:
non è possibile includere elementi secondari e discendenti
dello stesso membro. Se è stato già selezionato Discendenti
prima di selezionare Elementi secondari, i discendenti vengono rimossi dall'elenco e sostituiti con gli elementi secondari.
Aggiunge tutti i membri discendenti del membro all'elenco di
membri selezionati.
Tutti i membri immediatamente sotto il membro selezionato
nella gerarchia sono i relativi discendenti.
Discendenti
I membri vengono visualizzati come Discendenti di
[membri selezionato] nell'elenco.
Nota:
non è possibile includere elementi secondari e discendenti
dello stesso membro. Se è stato già selezionato Elementi
secondari prima di selezionare Discendenti, gli elementi
secondari vengono rimossi dall'elenco e sostituiti con i discendenti
101
Elemento principale
La funzione Elemento principale non è disponibile nelle
query BEx.
Antenati
La funzione Antenati non è disponibile nelle query BEx.
ElementiDiPariLivello
La funzione ElementiDiPariLivello non è disponibile
nelle query BEx.
Discendenti fino a livello denominato
Utilizzare l'elenco di nomi di livello per scegliere il livello.
Discendenti fino a
Scegliere il numero di livelli da includere nella selezione.
2013-07-02
Creazione di query
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
I membri selezionati vengono visualizzati al di sotto dell'oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti
risultato. Quando si esegue la query, nel risultato vengono inclusi solo questi membri.
Nota:
Non è possibile escludere i membri della gerarchia nelle query BEx.
Argomenti correlati
• Selezione di membri della gerarchia
• Informazioni sulla selezione dei membri basata sul livello
• Creazione di prompt per selezionare i membri mediante la finestra di dialogo Selettore membri
• Selezione di membri gerarchici e filtri di query
4.3.5.4.2 Ricerca di membri nella finestra di dialogo Selettore membri
È possibile cercare membri specifici in una gerarchia nella finestra di dialogo "Selettore membri".
Nota:
la ricerca viene eseguita sempre sull'intera gerarchia memorizzata nel database, anziché solo sui
membri già recuperati mediante la finestra di dialogo "Selettore membri".
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Membri fare clic sul pulsante Cerca per aprire la finestra di dialogo "Cerca".
Nota:
se Abilita livelli è selezionato nella scheda "Livelli", il pulsante Cerca è disabilitato.
6. Immettere il testo nella casella "Cerca testo".
Nella ricerca è consentito l'uso dei caratteri jolly.
Carattere jolly
Descrizione
*
Sostituisce qualsiasi stringa di caratteri
?
Sostituisce un singolo carattere
7. Selezionare una delle opzioni seguenti:
• Fare clic su Cerca nel testo per cercare il testo visualizzato dei membri.
• Fare clic su Cerca nella chiave per cercare nelle chiavi di database.
8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
102
2013-07-02
Creazione di query
4.3.5.4.3 Creazione di prompt per selezionare i membri mediante la finestra di dialogo Selettore
membri
È possibile rimandare la selezione finché la query non verrà eseguita. In questo caso, all'utente verrà
richiesto di selezionare i membri durante l'esecuzione della query.
Nota:
•
•
•
le query BEx possono essere modificate solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web
Intelligence Rich Client tramite BI Launch Pad.
la selezione nei prompt dei membri è limitata alla selezione esplicita dei membri. L'utente non può
selezionare i membri utilizzando funzioni quali Antenati o Elemento principale.
in questa fase si applicano le regole sulla selezione dei membri mediante funzioni. Fare riferimento
al collegamento alla fine di questo argomento.
Per creare prompt per la selezione di membri:
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia al riquadro Oggetti risultato nel "pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda Prompt fare clic su Abilita parametro.
Nota:
quando si seleziona questa opzione, le selezioni nelle altre schede vengono disattivate.
6. Immettere il testo nella casella Testo del prompt.
7. Se si desidera che il prompt selezioni per impostazione predefinita i valori selezionati in precedenza
quando viene visualizzato, fare clic su Mantieni selezionati gli ultimi valori.
8. Se si desidera che il prompt selezioni i valori predefiniti quando viene visualizzato, fare clic su
Imposta valori predefiniti, quindi su Modifica e selezionare i valori predefiniti.
9. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Elenco di valori".
10. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
Il testo del prompt viene visualizzato al di sotto della gerarchia nel "pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare i membri della gerarchia di query BEx per relazione
4.3.5.4.4 Per selezionare i membri di un nodo selezionato in base alla profondità relativa
È possibile definire la profondità di una gerarchia per la quale si desidera recuperare le informazioni.
Per definire la profondità relativa, utilizzare il selettore dei membri.
103
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
Questa funzionalità è disponibile solo quando la query BEx include una variabile del nodo della gerarchia
nella caratteristica utilizzata per la query.
1. Aprire in modalità "Progettazione" o "Dati" un documento Web Intelligence che utilizza una query
BEx.
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella scheda secondaria Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti risultato del "Pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda "Profondità relativa" selezionare:
• Tutti i discendenti del nodo della gerarchia per la query per gestire tutti i discendenti del nodo
della gerarchia selezionato.
• Membri della gerarchia in base a profondità relativa per restituire dati da una profondità
relativa nella gerarchia. Selezionare il numero di livelli sotto il nodo selezionato per i quali vengono
restituiti i dati. È possibile impostare un livello di profondità differente per ogni variabile del nodo
della gerarchia.
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
Quando si esegue la query, viene richiesto di selezionare un nodo; la query restituisce i dati dal nodo
selezionato fino alla profondità specificata.
4.3.5.4.5 Per selezionare i membri di un nodo selezionato in base ai livelli
È possibile definire fino a quale livello di una gerarchia si desidera recuperare le informazioni. Per
definire il livello utilizzare il selettore dei membri. I dati vengono recuperati fino al livello specificato,
procedendo verso il basso. I livelli devono iniziare dalla radice selezionata e non possono essere
ignorati.
1. Aprire in modalità "Progettazione" o "Dati" un documento Web Intelligence che utilizza una query
BEx.
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella scheda secondaria Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Aggiungere un oggetto della gerarchia nel riquadro Oggetti risultato del "Pannello delle query".
4. Fare clic sulla freccia accanto all'oggetto della gerarchia per aprire la finestra di dialogo "Selettore
membri".
5. Nella scheda "Livelli" selezionare Abilita livelli e scegliere i livelli fino ai quali si desidera restituire i
dati.
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Selettore membri".
Quando si esegue la query, i dati vengono recuperati fino al livello selezionato. Se si seleziona un'altra
gerarchia in fase di aggiornamento, la selezione dei livelli viene ancora applicata alla nuova gerarchia
e restituisce i nodi/valori della nuova gerarchia, fino al livello selezionato.
104
2013-07-02
Creazione di query
4.3.5.5 Informazioni sulla finestra di dialogo Imposta variabili
Quando si crea per la prima volta un documento basato su una query BEx che contiene variabili, se la
query BEx include almeno una variabile obbligatoria senza un valore predefinito, la finestra di dialogo
"Imposta variabili" viene visualizzata automaticamente con tutte le variabile e i relativi valori predefiniti,
se disponibili (incluse le variabili facoltative). Utilizzare la finestra di dialogo "Imposta variabili" per
immettere o modificare i valori delle variabili nella query BEx. Quando si salvano i valori delle variabili,
viene visualizzato il "Pannello delle query" ed è possibile selezionare gli oggetti per il documento.
Nota:
Attualmente, l'opzione "Imposta prompt" relativa a ogni variabile non viene visualizzata automaticamente
quando si seleziona per la prima volta la query BEx per il documento. Dopo la creazione dell'universo
transitorio e la visualizzazione degli oggetti nel "Pannello delle query", è possibile aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili" e accedere alla finestra di dialogo "Imposta prompt".
4.3.5.6 Per creare una query basata su una query BEx senza variabili
Per accedere alla query BEx, è necessario che l'opzione Autorizza accesso esterno alla query sia
abilitata in BEx Query Designer.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", fare clic sull'icona
Nuovo nella barra degli strumenti File.
2. Nell'elenco "Seleziona un'origine dati", selezionare Bex, quindi OK.
3. Selezionare la connessione BICS appropriata nella finestra di dialogo.
4. Selezionare la query BEx nel riquadro laterale e fare clic su OK. Se una connessione BICS è basata
su un InfoCube, potrebbero essere disponibili diverse query BEx.
Se nella query BEx sono presenti variabili, a seconda del tipo di variabile, viene visualizzata la
finestra di dialogo Imposta variabili nella quale è possibile definire le proprietà delle variabili. Per
ulteriori informazioni sulle variabili BEx e sulla finestra di dialogo Imposta variabili, vedere il
collegamento in basso. Viene visualizzato il "Pannello delle query" in cui vengono mostrati gli oggetti
della query come gerarchie, dimensioni e attributi. Se la query BEx desiderata non è visualizzata,
utilizzare BEx Query Designer per assicurarsi che nella query sia selezionata l'opzione Autorizza
accesso esterno alla query.
5. Definire la query e i filtri di query utilizzando gli oggetti disponibili.
Nota:
quando si crea una query Web Intelligence basata su una query BEx che contiene una o più variabili
obbligatorie alle quali non è assegnato un valore predefinito, se si seleziona un elenco di valori o si
prova a utilizzare la finestra di dialogo "Selettore membri", viene visualizzato un messaggio di errore.
Utilizzare la finestra di dialogo "Imposta variabili" per impostare i valori per la variabile obbligatoria.
105
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
nelle query BEx non è possibile applicare un filtro agli oggetti risultato.
Nota:
se la query BEx connessa include variabili lato server SAP, è possibile modificare il valore della
variabile nel "Pannello delle query". Fare clic sull'icona Imposta variabili nella barra degli strumenti
di "Pannello delle query" e selezionare una nuova variabile.
6. Per eseguire la query, fare clic su Esegui query. Se sono presenti più query e si desidera eseguirne
solo una, fare clic su Esegui query e selezionare la query da eseguire.
4.3.5.7 Per creare un documento basato su una query BEx che utilizza variabili
Il nuovo documento che si sta creando è basato su una query BEx contenente variabili.
Quando una query BEx selezionata contiene variabili, seguire la procedura riportata di seguito e fare
riferimento alla tabella sui passaggi specifici da eseguire.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", fare clic sull'icona
Nuovo nella barra degli strumenti File.
2. Nell'elenco "Seleziona un'origine dati", selezionare Bex, quindi OK.
3. Selezionare la connessione BICS appropriata nella finestra di dialogo.
4. Selezionare la query BEx nel riquadro laterale e fare clic su OK. Se una connessione BICS è basata
su un InfoCube, potrebbero essere disponibili diverse query BEx.
Se nella query BEx sono presenti variabili, a seconda del tipo di variabile, viene visualizzata la
finestra di dialogo Imposta variabili nella quale è possibile definire le proprietà delle variabili. Vedere
la tabella in basso per ulteriori informazioni sulla definizione delle variabili BEx e l'utilizzo della
finestra di dialogo "Imposta variabili".
5. Definire la query e i filtri di query utilizzando gli oggetti disponibili.
Nota:
quando si crea una query Web Intelligence basata su una query BEx che contiene una o più variabili
obbligatorie alle quali non è assegnato un valore predefinito, se si seleziona un elenco di valori o si
prova a utilizzare la finestra di dialogo "Selettore membri", viene visualizzato un messaggio di errore.
Utilizzare la finestra di dialogo "Imposta variabili" per impostare i valori per la variabile obbligatoria.
Nota:
nelle query BEx non è possibile applicare un filtro agli oggetti risultato.
Nota:
se la query BEx connessa include variabili lato server SAP, è possibile modificare il valore della
variabile nel "Pannello delle query". Fare clic sull'icona Imposta variabili nella barra degli strumenti
di "Pannello delle query" e selezionare una nuova variabile.
Se la query BEx selezionata contiene variabili, è necessario utilizzare la finestra di dialogo "Imposta
variabili" per definire o modificare i valori delle variabili. I passaggi da eseguire dipendono dal tipo di
variabile (obbligatoria o facoltativa) e dalla presenza o meno di un valore predefinito.
106
2013-07-02
Creazione di query
Tabella 4 - 22: Impostazione delle variabili per le query BEx
Se la query BEx contiene…
Operazione da eseguire
Utilizzare la finestra di dialogo "Imposta variabili" per inserire
le variabili obbligatorie. Il pulsante OK è abilitato quando tutte
le variabili obbligatorie presentano un valore. A questo punto,
viene visualizzato il "Pannello delle query" e la struttura mostra il contenuto della query BEx così come è stato generato
nell'universo transitorio. È dunque possibile aprire di nuovo
la finestra di dialogo "Imposta variabili" e modificare le proprietà di "Imposta prompt".
Variabili obbligatorie in cui almeno
una variabile non prevede un valore
predefinito.
Nota:
Se si annullano le impostazioni della finestra di dialogo "Imposta variabili":
a. Se si utilizza l'interfaccia dell'applet, viene visualizzata
l'interfaccia principale di Web Intelligence senza documenti
aperti. Se era già aperto un altro documento durante questo
passaggio, sarà stato già richiesto di salvare o ignorare le
modifiche all'inizio della creazione della query BEx.
b. Se si utilizza l'interfaccia Rich Client, viene visualizzata la
home page.
Variabili obbligatorie con valori predefiniti (le variabili facoltative non influiscono sul comportamento).
Viene automaticamente visualizzata la finestra di dialogo
"Imposta variabili" durante la creazione dell'universo transitorio e nel "Pannello delle query" vengono visualizzati i metadati.
Solo variabili facoltative, in cui almeno
una variabile non prevede un valore
predefinito.
Viene creato l'universo transitorio e nel "Pannello delle query"
vengono visualizzati i metadati senza aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili".
Variabili facoltative, ognuna delle
quali prevede un valore predefinito.
Non sono disponibili variabili obbligatorie.
Viene creato l'universo transitorio e nel "Pannello delle query"
vengono visualizzati i metadati senza aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili".
È ora possibile eseguire la query per il documento. È possibile modificare le variabili in un secondo
momento accedendo alla finestra di dialogo "Imposta variabili" tramite il "Pannello delle query".
4.3.5.8 Per aggiungere un secondo fornitore di dati di query BEx a un documento
107
2013-07-02
Creazione di query
Il documento corrente è già basato su una query BEx e si desidera aggiungere una seconda query BEx
come ulteriore fornitore di dati.
Per aggiungere una seconda query BEx a un documento che si basa già su un'altra query BEx, seguire
la procedura illustrata di seguito.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati" fare clic sull'icona
Aggiungi un nuovo fornitore di dati nella barra degli strumenti File.
2. Nell'elenco "Seleziona un'origine dati", selezionare Bex, quindi OK.
3. Selezionare la connessione BICS appropriata nella finestra di dialogo.
4. Selezionare la query BEx nel riquadro laterale e fare clic su OK. Se una connessione BICS è basata
su un InfoCube, potrebbero essere disponibili diverse query BEx.
Se nella query BEx aggiuntiva sono presenti variabili, a seconda del tipo di variabile, viene visualizzata
la finestra di dialogo Imposta variabili nella quale è possibile definire le proprietà delle variabili.
Vedere la tabella in basso per ulteriori informazioni sulla definizione delle variabili BEx e l'utilizzo
della finestra di dialogo Imposta variabili.
5. Definire la query e i filtri di query utilizzando gli oggetti disponibili.
Nota:
quando si crea una query Web Intelligence basata su una query BEx che contiene una o più variabili
obbligatorie alle quali non è assegnato un valore predefinito, se si seleziona un elenco di valori o si
prova a utilizzare la finestra di dialogo "Selettore membri", viene visualizzato un messaggio di errore.
Utilizzare la finestra di dialogo "Imposta variabili" per impostare i valori per la variabile obbligatoria.
Nota:
nelle query BEx non è possibile applicare un filtro agli oggetti risultato.
Nota:
se la query BEx connessa include variabili lato server SAP, è possibile modificare il valore della
variabile nel "Pannello delle query". Fare clic sull'icona Imposta variabili nella barra degli strumenti
di "Pannello delle query" e selezionare una nuova variabile.
108
2013-07-02
Creazione di query
Tabella 4 - 23: Impostazione delle variabili per una query BEx aggiuntiva
Se la query BEx contiene…
Operazione da eseguire
Quando si seleziona la nuova query BEx, nella finestra di
dialogo "Imposta variabili" vengono visualizzate tutte le variabili della query BEx appena aggiunta con gli eventuali valori
predefiniti. Vengono visualizzate solo le variabili del fornitore
di dati appena aggiunto.
Se le variabili sono condivise tra la query BEx originale e la
nuova query BEx, i relativi valori non vengono precompilati
con quelli immessi per la query iniziale. Sebbene l'opzione
di unione delle variabili BEx sia attiva, in questa fase non
viene eseguita alcuna unione. Immettere le variabili obbligatorie e fare clic su OK.
Variabili obbligatorie in cui almeno
una variabile non prevede un valore
predefinito.
Viene visualizzato il "Pannello delle query" e la struttura mostra il contenuto della nuova query BEx generato dall'universo
transitorio sottostante.
Creare ed eseguire la query.
Nella finestra di dialogo dei prompt visualizzata vengono
mostrate le variabili dei due fornitori di dati in base all'impostazione dell'opzione "Unisci prompt (variabili BEx)" del documento:
• Se l'opzione Unisci è attiva, nella finestra di dialogo vengono uniti i prompt condivisi dalle due query BEx. I valori
da visualizzare sono quelli immessi in precedenza per il
primo fornitore di dati.
• Se l'opzione Unisci non è attiva, nella finestra di dialogo
i singoli prompt vengono visualizzati separatamente, con
valori distinti per ogni fornitore di dati.
109
Variabili obbligatorie con valori predefiniti (le variabili facoltative non influiscono sul comportamento).
Viene creato l'universo transitorio e nel "Pannello delle query"
vengono visualizzati i metadati senza aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili".
Solo variabili facoltative, in cui almeno
una variabile non prevede un valore
predefinito.
Viene creato l'universo transitorio e nel "Pannello delle query"
vengono visualizzati i metadati senza aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili".
Variabili facoltative, ognuna delle
quali prevede un valore predefinito.
Non sono disponibili variabili obbligatorie.
Viene creato l'universo transitorio e nel "Pannello delle query"
vengono visualizzati i metadati senza aprire la finestra di
dialogo "Imposta variabili".
2013-07-02
Creazione di query
4.3.5.9 Per modificare un documento basato su una query BEX
Il documento include diversi fornitori di dati, alcuni dei quali (non tutti) si basano sulle query BEx.
Quando si modificano i fornitori di dati, viene visualizzata la finestra di dialogo "Imposta variabili" se è
presente una variabile obbligatoria senza valori. Questa situazione può verificarsi solo se è stata
aggiunta una variabile obbligatoria a una delle query BEx sottostanti in seguito alla creazione e al
salvataggio del documento.
1. Nella scheda Accesso ai dati fare clic su Modifica.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Imposta variabili" con le variabili della query BEx relative
al primo fornitore di dati basato su BEx nel documento, che presenta variabili obbligatorie senza
valori. Vengono visualizzate tutte le variabili della query BEx, non solo quelle obbligatorie senza
valori.
2. Immettere i valori delle variabili obbligatorie mancanti e fare clic su OK.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Imposta variabili" con le variabili della query BEx relative
al secondo fornitore di dati basato su BEx nel documento, che presenta variabili obbligatorie senza
valori. Vengono visualizzate tutte le variabili della query BEx, non solo quelle obbligatorie senza
valori.
3. Immettere i valori delle variabili obbligatorie mancanti per la seconda query BEx e fare clic su OK.
4. Ripetere il passaggio precedente finché non vi saranno più fornitori di dati BEx con variabili
obbligatorie senza valori predefiniti.
Viene visualizzato il "Pannello delle query" con gli oggetti disponibili.
5. Nella finestra di dialogo dei prompt visualizzata vengono mostrate le variabili di tutti i fornitori di dati
in base all'impostazione dell'opzione "Unisci prompt (variabili BEx)" del documento:
a. Se l'opzione Unisci prompt (variabili BEx) è abilitata, nella finestra di dialogo vengono uniti i
prompt condivisi dalle query BEx. I valori da visualizzare sono quelli immessi in precedenza per
il primo fornitore di dati.
b. Se l'opzione Unisci prompt (variabili BEx) è disabilitata, nella finestra di dialogo i singoli prompt
vengono visualizzati separatamente, con valori distinti per ogni fornitore di dati.
Dopo aver immesso i valori dei prompt, è possibile eseguire la query per il documento.
4.3.5.10 Per annullare una modifica
Si dispone di un documento Web Intelligence con uno o più fornitori di dati aperti per la modifica.
1. Nella scheda "Accesso ai dati" fare clic su Modifica.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Imposta variabili" con le variabili della query BEx relative
al primo fornitore di dati basato su BEx nel documento, che presenta variabili obbligatorie senza
110
2013-07-02
Creazione di query
valori. Vengono visualizzate tutte le variabili della query BEx, non solo quelle obbligatorie senza
valori.
2. Chiudere la finestra di dialogo "Imposta variabili".
La chiusura della finestra di dialogo "Imposta variabili" comporta l'annullamento dell'intera operazione
di modifica. La finestra di dialogo "Imposta variabili" non viene visualizzata per gli altri fornitori di
dati.
4.3.5.11 Informazioni sull'anteprima dei dati quando la query BEx include variabili
Le variabili con valori mancanti non influiscono su questa funzione. La finestra di dialogo dei prompt di
runtime viene visualizzata e invita l'utente a rispondere alle variabili in tutti i casi. In questa fase, inoltre,
l'utente dovrebbe avere già risposto alle variabili nella finestra di dialogo "Imposta variabili" durante la
creazione del documento o durante la modifica della query. È possibile visualizzare l'anteprima della
query come qualsiasi altro documento.
4.3.5.12 Modifica dell'origine dati per le query BEx
È possibile modificare l'origine dati di un documento basato su una query BEx nel modo seguente:
Origine dati originale
Modificata in...
Una query BEx
Un universo .unv in un'origine OLAP
Una query BEx
Un'altra query BEx
Quando si modifica l'origine, viene avviato automaticamente il "Pannello delle query". ed è necessario
modificare la query di conseguenza.
4.3.5.13 Modifica dell'origine dati quando le query BEx contengono variabili
Quando si modifica il documento da un tipo di origine dati in un'origine dati BEx in cui la query BEx
include variabili obbligatorie senza valori, Web Intelligence applica i valori più appropriati alle variabili.
Quando si mappa la query al Pannello delle query, utilizzare la finestra di dialogo Imposta variabili per
verificare o modificare il valore delle variabili nel modo appropriato.
1. Con un documento Web Intelligence aperto, selezionare "Modifica origine".
111
2013-07-02
Creazione di query
2. Selezionare una o più origini dati esistenti dal documento e scegliere una query BEx che disponga
almeno di una variabile obbligatoria senza valori predefiniti come origine dati di destinazione.
Nel passaggio di mappatura vengono generati oggetti di destinazione e i valori mancanti vengono
inseriti automaticamente tramite un meccanismo detto di "migliore adattamento".
3. Convalidare la mappatura.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
4. Nel "Pannello delle query" aprire la finestra di dialogo "Imposta variabili" e convalidare o modificare
i valori delle variabili nel modo appropriato.
È possibile eseguire la query e salvare il documento.
4.4 Creazione di query su file di dati locali
Utilizzare Web Intelligence Rich Client per creare query su file di dati locali, ad esempio file di testo e
fogli di calcolo di Excel installati localmente.
Argomenti correlati
• Per creare una query su un file di testo
• Per creare una query su un file Excel
• Per creare una query su un file Excel
• Modifica di una query basata su un file di dati locale
4.4.1 Per creare una query su un file di testo
1. Aprire Web Intelligence Rich Client.
Nota:
Non è possibile creare una query basata su un file di testo nell'interfaccia Web Intelligence HTML
o Web Intelligence Applet.
2. Per creare una query utilizzando un file di testo, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Fare clic su Nuovo nel menu File.
• Nella finestra di dialogo "Crea un nuovo documento Web Intelligence", selezionare Testo come
origine dati.
• Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, selezionare Da testo dall'elenco
a discesa Nuovo fornitore di dati.
3. Fare clic su Sfoglia e selezionare il file di testo.
4. Impostare le opzioni per importare i dati dal file.
112
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Separatore dati
Delimitatore di testo
La prima riga contiene
nomi di colonna
Descrizione
Il carattere che separa i dati relativi a ciascun oggetto risultato.
• Tabulazione: i dati vengono separati da tabulazioni.
• Spazio: i dati vengono separati da spazi.
• Carattere: i dati vengono separati con il carattere specificato.
Il carattere che racchiude i dati relativi a ciascun oggetto risultato.
• Virgolette doppie: i dati sono racchiusi tra virgolette doppie
• Virgolette singole: i dati sono racchiusi tra virgolette singole
• Nessuno: i dati non sono racchiusi tra caratteri
La prima riga di ogni colonna contiene il nome della colonna.
Impostazioni internazioLe impostazioni internazionali dei dati nel file di testo. Se, ad esempio,
nali
questa opzione è impostata su Francese (Francia), le virgole nei numeri
sono interpretate come separatori decimali, perché in francese i decimali sono separati da virgole.
Charset
Il set di caratteri utilizzato dal file di testo.
Formato data
Il formato data da utilizzare nel report.
5. Fare clic su Avanti.
Viene aperto il "Pannello delle query", in cui i dati contenuti nel file di testo sono visualizzati come
oggetti del report.
6. Fare clic su Esegui query per creare un report sulla base dei dati del file di testo. Se sono presenti
più query e si desidera eseguirne solo una, fare clic su Esegui query e selezionare la query da
eseguire.
4.4.2 Per creare una query su un file Excel
1. Aprire Web Intelligence Rich Client.
Nota:
Non è possibile creare una query basata su un file di testo nell'interfaccia Web Intelligence HTML
o Web Intelligence Applet.
2. Per creare una query utilizzando un file Excel, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Fare clic su Nuovo nel menu File.
• Nella finestra di dialogo "Crea un nuovo documento Web Intelligence", selezionare Excel come
origine dati.
113
2013-07-02
Creazione di query
•
Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, selezionare Da Excel dall'elenco
a discesa Nuovo fornitore di dati.
3. Fare clic su Sfoglia e selezionare il file di testo.
4. Impostare le opzioni per importare i dati dal file.
Opzione
Descrizione
Nome foglio
Il nome del foglio di lavoro contenente i dati.
Selezione campo > Tutti i
campi
Tutti i dati del foglio di lavoro vengono considerati come dati di
query.
Selezione campo > Definizione intervallo
I dati dell'intervallo specificato vengono considerati come dati di
query.
Selezione campo > Nome in- I dati dell'intervallo denominato vengono considerati come dati di
query.
tervallo
La prima riga contiene nomi La prima riga dell'intervallo fornisce i nomi degli oggetti risultato.
di colonna
5. Fare clic su Avanti.
Viene visualizzato il "Pannello delle query", che visualizza i dati contenuti nel file Excel come oggetti
del report.
6. Fare clic su Esegui query per creare un report sulla base dei dati del file Excel. Se sono presenti
più query e si desidera eseguirne solo una, fare clic su Esegui query e selezionare la query da
eseguire.
4.4.3 Modifica di una query basata su un file di dati locale
1. Aprire Web Intelligence Rich Client in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
3. Modificare la query nel "Pannello delle query".
Avvertenza:
Se si seleziona un file diverso contenente l'origine dati nella casella "Percorso origine", la struttura
del nuovo file deve corrispondere alla struttura del file esistente.
4. Modificare le opzioni per l'importazione dei dati dal file facendo clic su Modifica impostazioni nel
riquadro Definizione query.
5. Fare clic su Esegui query per applicare le modifiche alla query.
114
2013-07-02
Creazione di query
4.5 Creazione di query su origini dati di servizi Web
Il plug-in Servizi Web consente di creare un documento Web Intelligence utilizzando Documento come
servizio Web (DaaWS) come origine dati.
Sebbene tale plug-in sia sviluppato per l'uso con documento come servizio Web, può essere anche
utilizzato per servizi Web generici con le seguenti proprietà:
• SOAP 1.1
• WSDL 1.0
• Documento e valore letterale RPC
• WSDL pubblici
Per i servizi Web generici, Web Intelligence Rich Client non supporta:
•
•
•
•
Schemi con riferimenti ciclici
Importazioni nidificate; è supportato un solo livello di importazioni
Elementi di attributo in uno schema XML
Schemi che fanno riferimento a piattaforme specifiche come Microsoft o a tipi Java come
http://microsoft.com/wsdl/types/, mappe, oggetti e così via.
Nota:
per informazioni su come sviluppare, configurare e distribuire il plug-in del fornitore di dati personalizzato,
consultare il Manuale per gli sviluppatori del plug-in del fornitore dati personalizzato.
4.5.1 Prerequisito per l'utilizzo del plug-in Servizio Web
Prima di utilizzare il plug-in Servizio Web per creare un documento Web Intelligence, l'amministratore
BI deve verificare che si stia utilizzando il linguaggio WSDL di un servizio DaaWs o di un servizio Web
generico come input del plug-in in questione. DaaWS espone un set di contenuti delle parti del report
Web Intelligence come servizio Web che è possibile chiamare internamente ed esternamente ai client
Web Intelligence.
Per ulteriori informazioni sulla creazione di un WSDL DaaWS, vedere l'argomento correlato riportato
di seguito.
Argomenti correlati
• Condivisione di contenuti con altre applicazioni
115
2013-07-02
Creazione di query
4.5.1.1 Impostazioni proxy per il plug-in Servizio Web
Quando si utilizza il server proxy Internet per accedere a qualsiasi URL o WSDL mediante il plug-in
Servizio Web, l'amministratore BI deve aggiornare le impostazioni proxy nel file net.properties
disponibile nel percorso: <DIR_INSTALL_BOBJ>/SAP BusinessObjects Enterprise XI
4.1/win64_x86/jdk/jre/ con le informazioni seguenti:
•
Fornire i valori per i parametri HTTP seguenti:
http.proxyHost= <http proxy hostname>
http.proxyPort=<http proxy port number>
http.nonProxyHosts=<http hosts for which proxy is not
required>
Dove:
• proxyHost è il nome del server proxy, ad esempio proxy.mydomain.com.
• proxyPort è il numero di porta da utilizzare. Per impostazione predefinita, il valore è 80.
• nonProxyHosts è l'elenco di nomi host separati da '|' a cui è possibile accedere direttamente
tramite la rete, ignorando il server proxy. Il valore predefinito è localhost & 127.0.0.1
•
Fornire i valori seguenti per i parametri HTTPS:
https.proxyHost=<http proxy hostname>
https.proxyPort=<http proxy port number>
Dove:
• proxyHost è il nome del server proxy, ad esempio proxy.mydomain.com.
• proxyPort è il numero di porta da utilizzare. Per impostazione predefinita il valore è 443. I
gestori del protocollo HTTPS utilizzano l'elenco http nonProxyHosts.
Nota:
I file .pac non sono supportati. L'amministratore BI deve configurare esplicitamente il server proxy
nelle impostazioni proxy.
4.5.2 Per creare una query in base a un servizio Web
È possibile creare query che utilizzano Documento come un servizio Web (DaaWS) o qualsiasi servizio
Web generico come un'origine dati.
1. Avviare Web Intelligence Rich Client e connettersi al CMS configurato per i servizi Web.
2. Per creare una query utilizzando un servizio Web come origine dati, eseguire una delle operazioni
seguenti:
• Fare clic su Nuovo nel menu File e selezionare Servizi Web.
116
2013-07-02
Creazione di query
•
•
Nella finestra di dialogo "Crea un nuovo documento Web Intelligence" selezionare Servizi Web
come origine dati.
Nella scheda Accesso ai dati, nella scheda secondaria Fornitori di dati, selezionare Da servizio
Web nell'elenco a discesa Nuovo fornitore di dati.
3. Immettere l'URL del servizio QaaWS nella casella di testo "Percorso origine" e fare clic su Invia.
Nota:
Questo URL deve portare a un CMS abilitato per i servizi Web.
URL di esempio: http://dewdftv00458q.dhcp.corp:80/ dsws/qaawsser
vices/biws?WSDL=1& cuid=AcFqxUlcxKVPtBMyI4M1ziY
Dove:
Nome server: http://dewdftv00458q.dhcp.corp:80/
Servizio Web: dsws/qaawsservices/biws?WSDL=1&
ID CMS: cuid=AcFqxUlcxKVPtBMyI4M1ziY
Le sezioni "Dettagli servizio" e "Dettagli messaggio" vengono visualizzate nella stessa finestra di
dialogo.
4. Nella sezione "Dettagli servizio" configurare le impostazioni seguenti, se non lo sono già per
impostazione predefinita:
a. Nell'elenco a discesa "Nome servizio" selezionare il servizio QaaWS.
b. Nell'elenco a discesa "Nome porta" selezionare il nome della porta.
c. Nell'elenco a discesa "Nome operazione" selezionare il nome dell'operazione.
5. Per abilitare l'autenticazione SSO, selezionare la casella di controllo SSO abilitato.
Nota:
Se SSO non è stato abilitato nel CMS, questa opzione non è visibile nella finestra di dialogo.
Se si seleziona la casella di controllo SSO abilitato, non è possibile configurare il nome utente e la
password.
Per l'autenticazione SSO viene utilizzato l'ID di sessione di Web Intelligence. Quando si accede a
Web Intelligence Rich Client utilizzando la modalità di autenticazione Windows NT o autonoma,
l'opzione SSO è disabilitata. È pertanto necessario immettere le credenziali di accesso per accedere
al servizio Web. Quando si accede a Web Intelligence Rich Client utilizzando altre modalità di
autenticazione, è possibile immettere il nome utente e la password o utilizzare la modalità di
autenticazione SSO per accedere ai servizi Web.
Nota:
l'autenticazione SSO è supportata solo se Web Intelligence Rich Client è connesso al CMS in cui
viene distribuito il servizio Web. In caso contrario, è necessario fornire le credenziali di accesso per
accedere al servizio Web. Se Web Intelligence Rich Client è connesso a un altro CMS, non è possibile
aggiornare i documenti creati utilizzando l'autenticazione SSO.
6. Se non si utilizza l'autenticazione SSO, specificare i dettagli di autenticazione:
a. Se l'opzione SSO abilitato è disponibile nella finestra di dialogo, assicurarsi che non sia
selezionata.
117
2013-07-02
Creazione di query
b. Nella sezione "Dettagli messaggio", nell'elenco "Messaggio di input", selezionare login e immettere
il nome utente CMS nella casella di testo "Immetti valore".
c. Nello stesso elenco selezionare password, immettere la password per l'utente CMS nella casella
di testo "Immetti valore" e fare clic su Applica.
7. Per impostare un filtro report per l'operazione GetReportBlock, eseguire le operazioni seguenti:
a. Nella sezione "Dettagli messaggio", nell'elenco "Messaggio di output", fare clic su + per espandere
la dimensione sulla quale deve essere applicato un filtro.
b. Selezionare un oggetto, immettere un valore nella casella di testo "Immetti valore" e fare clic su
Applica.
c. Selezionare operator e scegliere un valore nell'elenco a discesa "Seleziona valore".
Nota:
Specificare il valore e l'operatore solo per le dimensioni a cui applicare il filtro.
8. Per impostare i filtri per un servizio Web generico, eseguire le operazioni seguenti:
a. Nella sezione "Dettagli messaggio", nell'elenco "Messaggio di input", selezionare un campo di
input e immettere un valore nel campo "Immetti valore".
b. Nell'elenco "Messaggio di output" selezionare i campi di output.
È necessario selezionare almeno un campo nel pannello "Messaggio di output". Per selezionare
più campi nel pannello "Messaggio di output", premere Ctrl e selezionare i campi.
9. Fare clic su Avanti.
Nota:
È possibile utilizzare il pulsante Reimposta per rimuovere il valore di ogni campo nella sezione
"Dettagli messaggio" del pannello "Seleziona dettagli servizio Web". Il pulsante Reimposta tutto
consente di rimuovere i valori di tutti i campi nella sezione "Dettagli messaggio".
Viene visualizzato il "Pannello delle query". Salvare la query e configurarla nel modo appropriato.
Argomenti correlati
• Struttura di servizi BI
• GetReportBlock_<nomeblocco>
• Drill_<nomeblocco>
4.5.3 Per modificare una query in base a un servizio Web
1. In Web Intelligence Rich Client aprire il documento in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda secondaria Fornitori di dati della scheda Accesso ai dati fare clic su Modifica.
3. Nel "Pannello delle query" modificare i parametri di query elencati di seguito.
• "Proprietà dell'oggetto": è possibile modificare le proprietà degli oggetti quali il nome, la qualifica,
il tipo, la funzione di aggregazione e la dimensione di aggregazione.
118
2013-07-02
Creazione di query
•
"Proprietà della query": è possibile modificare le proprietà delle query quali Nome, URL di origine,
Aggiornabile e Modificabile.
Nota:
Se si modifica l'URL di origine nel "Pannello delle query", verificare che il nuovo URL del servizio
QaaWS abbia la stessa struttura del WSDL che sostituisce.
•
"Definizione query": è possibile modificare la definizione delle query facendo clic su Modifica
impostazioni.
4. Fare clic su Esegui query per applicare le modifiche.
Verrà visualizzato un nuovo report.
Per informazioni sulla creazione del fornitore di dati personalizzato, consultare il Manuale per gli
sviluppatori del plug-in del fornitore dati personalizzato.
4.6 Creazione di query in visualizzazioni di Advanced Analysis
SAP BusinessObjects Analysis è uno strumento di analisi OLAP che consente agli utenti di definire
analisi in modo interattivo per esplorare i dati nelle origini dati OLAP. Gli utenti possono esportare dati
nelle proprie analisi come Visualizzazione analisi per utilizzarli in altre applicazioni tra cui SAP
BusinessObjects Web Intelligence.
È possibile creare query su Visualizzazione analisi per analizzarne i dati nei documenti Web Intelligence.
I dati in Visualizzazione analisi vengono mostrati nel "Pannello delle query" come oggetti report, quali
gerarchie, dimensioni e attributi.
Nota:
le visualizzazioni di analisi con oggetti personalizzati non sono supportate. Sono supportate solo le
visualizzazioni di analisi provenienti direttamente da NetWeaver BW.
4.6.1 Creazione di una query in una Visualizzazione analisi
Nota:
non è possibile creare una query su una Visualizzazione analisi con l'interfaccia Web Intelligence HTML.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati", selezionare Accesso
ai dati > Nuovo > Da Visualizzazione analisi per visualizzare la finestra di dialogo "Seleziona una
Visualizzazione analisi".
2. Per creare una query utilizzando un file di testo, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Fare clic su Nuovo nel menu File, selezionare Visualizzazione analisi e fare clic su OK.
119
2013-07-02
Creazione di query
•
•
Nella finestra di dialogo "Crea un nuovo documento Web Intelligence", selezionare
Visualizzazione analisi come origine dati.
Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, selezionare Da Visualizzazione
analisi dall'elenco a discesa Nuovo fornitore di dati.
3. Selezionare la cartella contenente la Visualizzazione analisi nell'elenco "Cartelle".
4. Selezionare la Visualizzazione analisi nel pannello laterale.
Viene visualizzato il "Pannello delle query", che visualizza i dati contenuti nella Visualizzazione
analisi come oggetto del report.
5. Fare clic su Esegui query. Se sono presenti più query e si desidera eseguirne solo una, fare clic
su Esegui query e selezionare la query da eseguire.
4.7 Gestione di query in Web Intelligence Rich Client
4.7.1 Gestione delle query mediante Gestore dati
È possibile visualizzare, esplorare e gestire tutte le query di un documento utilizzando "Gestore dati".
"Gestore dati" elenca tutte le query e consente di eseguire azioni quali rinominare una query o cambiare
l'origine dati su cui è basata.
1. Aprire un documento Web Intelligence in Web Intelligence Rich Client o nell'interfaccia Web
Intelligence Applet in modalità "Dati".
Nella modalità "Dati" sono elencati gli oggetti presenti nella query selezionata. Sono disponibili solo
gli elementi della casella degli strumenti utilizzabili per la gestione di query.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per modificare una query, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Modifica
oppure nella scheda Fornitori di dati fare clic su Modifica. Viene visualizzato il "Pannello delle
query" relativo alla query selezionata.
• Per eliminare una query di dati, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Farvi clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Svuota nel menu.
• Fare clic su Svuota nella scheda "Fornitore di dati".
•
•
Per rinominare una query, farvi clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Rinomina,
quindi digitare il nuovo nome.
Per cambiare l'origine dati di una query:
•
•
120
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla query e selezionare Cambia origine.
Nella scheda Strumenti fare clic su Cambia origine.
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
quando si utilizza una query servizi Web o un'origine dati Excel in Web Intelligence Rich Client,
l'opzione Cambia origine non è disponibile. Aprire il "Pannello delle query" e nella scheda
"Proprietà query" selezionare un file diverso per Percorso origine.
Nota:
per informazioni sulla modifica dell'origine dati di una query, vedere il collegamento alla fine di questo
argomento.
Argomenti correlati
• Modifica dell'origine dati di una query
4.7.2 Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Nella barra degli strumenti sopra il pannello laterale, fare clic sul pulsante Modifica fornitore di
•
dati (
).
Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
4.7.3 Impostazione delle date principali delle query
Nota:
questa opzione viene applicata a una query utilizzando un'origine dati SAP NetWeaver BW.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, selezionare Date principali.
3. Selezionare Utilizza la data predefinita per tutte le query per impostare ogni query sulla relativa
data principale predefinita.
4. Selezionare Imposta data per tutte le query e scegliere la data da specificare quale data principale
per tutte le query.
5. SelezionareAvvisa utenti quando si aggiornano i dati per visualizzare un prompt per la data
principale ogni volta che si aggiorna una query contenente una data principale.
Nota:
per modificare le variabili dei valori delle date chiave, aprire la query per la modifica nel "Pannello delle
query" e fare clic sull'icona Imposta variabili.
121
2013-07-02
Creazione di query
4.7.4 Per visualizzare in anteprima i dati della query
Nel "Pannello delle query" sono stati definiti gli oggetti risultato e gli oggetti filtro.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda "Accesso ai dati", sottoscheda "Fornitore di dati", fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Fare clic su Mostra/Nascondi pannello anteprima dati nella barra degli strumenti del "Pannello
delle query" per visualizzare il riquadro "Anteprima dati".
4.7.5 Interruzione di una query
È possibile interrompere una query prima che tutti i dati vengano restituiti nel documento.
Quando si interrompe una query, al documento vengono restituiti solo dati parziali. I valori visualizzati
nel documento non riflettono in modo accurato la definizione della query.
Quando si interrompe il recupero dei dati, è possibile scegliere quali dati visualizzare.
Nota:
nell'interfaccia Web Intelligence HTML, quando si annulla una query in esecuzione, viene ripristinato
lo stato precedente del documento e non viene proposta l'opzione per l'interruzione del recupero dei
dati.
1. In un documento Web Intelligence, fare clic sull'icona Aggiorna.
2. Nella finestra di dialogo "Recupero dei dati", fare clic su Annulla.
3. Selezionare una delle opzioni seguenti nella finestra di dialogo "Interrompi recupero dei dati":
122
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Descrizione
Ripristina i risultati del precede- Consente di ripristinare i valori del documento recuperati
nte recupero di dati.
all'ultima esecuzione della query. I valori visualizzati non saranno i dati più aggiornati disponibili nel database. È possibile
eseguire la query in un secondo momento per recuperare i
valori aggiornati del database.
Elimina tutti i dati del documen- Visualizza il documento senza valori. La struttura e la formattato.
zione del documento sono conservate. È possibile eseguire la
query in un secondo momento per restituire i valori aggiornati
del database.
Restituisce i risultati parziali.
Visualizza i nuovi valori recuperati fino a quel momento nelle
parti adeguate del documento. Nella parte restante del documento verranno visualizzati i valori recuperati durante l'ultima
esecuzione della query.
4. Fare clic su "OK".
4.7.6 Rimozione di una query
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Nella parte inferiore del "Pannello delle query", selezionare la scheda relativa alla query che si
desidera rimuovere.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Elimina.
5. Fare clic su Esegui query.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.7.7 Duplicazione di una query
È necessario eseguire la query prima che sia possibile duplicarla.
Suggerimento:
Se si desidera creare una query diversa su un universo già in uso nel documento, è possibile duplicare
la query esistente su quell'universo e quindi modificarla, invece di crearla da zero.
123
2013-07-02
Creazione di query
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda "Accesso ai dati", sottoscheda "Fornitore di dati", fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Nella parte inferiore del "Pannello delle query", selezionare la scheda relativa alla query che si
desidera duplicare.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda e scegliere Duplica.
5. Fare clic su Esegui query.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.7.8 Modifica dell'origine dati di una query
È possibile modificare l'origine dati di una query. Questo è utile, ad esempio, se si desidera sviluppare
un documento su un universo in un ambiente di prova e quindi passare a un universo in un ambiente
di produzione.
È possibile modificare l'origine dei dati, ma è necessario mappare gli oggetti a diversi oggetti nella
stessa query o di una query diversa.
Non è possibile eseguire la modifica tra tutte le origini dati. Nella tabella seguente vengono elencate
le possibili modifiche da un'origine a una destinazione.
Destinazione
Universo
UNV
Universo
UNX su origine dati relazionale
Universo
UNX su origine dati
OLAP
Modifica possibile
Modifica possibile
Modifica possibile
Modifica
possibile
Universo
UNX su origine dati relazionale
Modifica possibile
Modifica possibile
Modifica
possibile
Universo
UNX su origine dati
OLAP
Modifica possibile*
Modifica possibile
Modifica
possibile
Origine
Universo
UNV
124
Fornitore di
dati personale (CSV, Excel)
Query BEx
Visualizzazione Advanced Analysis
2013-07-02
Creazione di query
Destinazione
Origine
Universo
UNV
Universo
UNX su origine dati relazionale
Universo
UNX su origine dati
OLAP
Fornitore di
dati personale (CSV,
Excel)
Query BEx
Visualizzazione Advanced Analysis
Fornitore di
dati personale (CSV, Excel)
Query BEx
Visualizzazione Advanced Analysis
Modifica possibile
Modifica
possibile
Modifica possibile
Nota:
•
•
* quando si passa da un'origine a un'altra, può essere necessaria una nuova mappatura completa
degli oggetti.
** quando si utilizza un'origine dati Excel in Web Intelligence Rich Client, le opzioni Strumenti >
Modifica origine della scheda "Accesso ai dati" non sono disponibili. Se è necessario modificare
l'origine dati di un documento basato su un'origine dati Excel, aprire il "Pannello delle query" e nella
scheda "Proprietà query" utilizzare il menu Percorso origine per selezionare un file di origine
diverso.
È possibile modificare l'origine dati solo nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence
Rich Client. In Web Intelligence Rich Client è anche possibile modificare l'origine dati delle query basate
su file di dati personali, ad esempio i file Excel.
Nota:
•
•
se un report contiene due query basate sullo stesso universo, è possibile modificare il fornitore di
dati per una delle query, passando da un universo a una query BEx.
se l'origine di una query è un universo (file .unv), è possibile modificare l'origine in una query BEx.
Nella nuova origine dati sarà poi necessario rimappare gli oggetti al tipo di oggetto corrispondente.
4.7.8.1 Modifica dell'origine dati di una query
Se possibile, gli oggetti di origine e destinazione vengono mappati per impostazione predefinita in base
al nome, al tipo di oggetto, al tipo di dati e alla posizione nell'origine dati. non è possibile mappare gli
oggetti filtro query.
125
2013-07-02
Creazione di query
È possibile modificare o creare manualmente le mappature per gli oggetti che non possono essere
mappati per impostazione predefinita.
1. Aprire un documento Web Intelligence nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence
Rich Client in modalità "Dati".
2. Nell'elenco dei fornitori di dati fare clic con il pulsante destro del mouse sulla query di cui si desidera
modificare l'origine e scegliere Modifica origine.
Quando si utilizza un'origine dati Excel in Web Intelligence Rich Client, le opzioni Strumenti >
Modifica origine della scheda "Accesso ai dati" non sono disponibili. Aprire il "Pannello delle query"
e nella scheda "Proprietà query" utilizzare il menu Percorso origine per selezionare un file di origine
diverso.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per scegliere un'origine dati di destinazione già utilizzata nel documento, selezionare Scegli
un'origine dati esistente dal documento.
• Per scegliere un'origine dati diversa, selezionare Specifica una nuova origine dati, quindi
specificare l'origine.
Negli elenchi vengono visualizzate solo le origini dati per le quali è possibile una modifica rispetto
all'origine dati corrente.
4. Fare clic su Avanti.
Gli oggetti di origine e destinazione vengono visualizzati nelle mappature predefinite. Se le origini
dati contengono dati gerarchici, tutti gli oggetti nella gerarchia vengono visualizzati sotto la rispettiva
gerarchia principale.
5. Per ogni coppia di oggetti che si desidera mappare manualmente, fare clic su ... per visualizzare la
finestra di dialogo "Mappa oggetto".
6. Scegliere nel nuovo universo l'oggetto che deve sostituire quello nell'universo corrente.
Gli oggetti vengono mappati per impostazione predefinita in base al tipo di oggetto, al tipo di dati,
al nome e al percorso nelle origini dati di origine e destinazione. È possibile accettare la mappatura
predefinita o sceglierne una personalizzata.
Se non è possibile eseguire la mappatura predefinita, l'oggetto viene visualizzato come Rimuovi
oggetto risultato nell'origine dati di destinazione. Se non si seleziona un oggetto nella nuova origine
dati, l'oggetto non mappato viene rimosso dalla query quando si cambia l'origine dati.
Se l'oggetto rimosso è l'oggetto filtrato o basato sulla classifica in una classifica del database, viene
visualizzato un messaggio di avviso. Se si decide di rimuovere gli oggetti, questi vengono rimossi
dalla classifica o dalla sottoquery.
Se l'oggetto rimosso è l'oggetto di filtro in una query sul filtro di query, viene visualizzato un messaggio
di avviso. Se si rimuove l'oggetto, il filtro di query viene rimosso.
7. Fare clic su Fine per modificare l'origine dati.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
126
2013-07-02
Creazione di query
4.8 Uso di query multiple
È possibile includere una o più query in un documento. Queste query possono essere basate su qualsiasi
origine dati supportata.
Ad esempio, è possibile inserire i dati delle vendite e i dati dei clienti nello stesso documento. In questo
caso, i dati aziendali relativi alla linea di prodotti sono disponibili in un universo, mentre i dati dei clienti
si trovano in un altro universo. Si desidera presentare i risultati delle vendite per la linea di prodotti e
le informazioni sulle fasce di età dei clienti nello stesso report. A questo scopo, è necessario creare un
unico documento che includa due query: una in ciascun universo. È possibile includere e formattare i
risultati di entrambe le query nello stesso report.
La definizione di più query in un unico documento è necessaria quando i dati da inserire in un documento
sono disponibili in diverse origini dati o quando si desidera creare diverse query concentrate su argomenti
diversi nella stessa origine dati. Tale definizione può essere effettuata nel momento in cui si crea un
documento o si aggiungono altre query a un documento esistente. È possibile presentare le informazioni
di tutte le query in un unico report oppure su diversi report nello stesso documento.
4.8.1 Query multiple, query combinate e query sincronizzate a confronto
È possibile mettere in relazione più query in un documento in diversi modi.
•
•
Le query multiple di livello più semplice estraggono dati non correlati da origini diverse.
Le “query sincronizzate” mettono in relazione i dati di query diverse su una dimensione che contiene
dati comuni a entrambe le query. Questo tipo di dimensioni vengono definite dimensioni di unione.
Le dimensioni vengono unite dopo aver creato ed eseguito più query.
•
Le “query combinate” generano SQL contenenti gli operatori UNION, INTERSECT e MINUS (se
supportati dal database) o simulano l'effetto di tali operatori.
Le query combinate consentono di rispondere a domande aziendali complesse, difficili da formulare
mediante le query convenzionali.
Nota:
questa opzione non è disponibile per i database OLAP o per i database relazionali .unx. È disponibile
solo per gli universi relazionali .unv.
4.8.2 Aggiunta di una query a un documento esistente
127
2013-07-02
Creazione di query
È possibile aggiungere query a un documento esistente.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3.
4.
5.
6.
Fare clic sull'icona "Aggiungi una query combinata" nella barra degli strumenti.
Se necessario, selezionare un'origine dati.
Selezionare gli oggetti per la query aggiuntiva.
Fare clic su Esegui query.
7. Nella casella "Nuova query" specificare la modalità di visualizzazione dei dati aggiunti:
Opzione
Descrizione
Inserisci una tabella in un nuovo report
Visualizzare i dati di un nuovo report nel documento
Inserisci una tabella nel report corre- Visualizzare i dati del report attualmente selezionato in
una nuova tabella
nte
Inserire gli oggetti risultato nel docu- Inserire i dati nel documento senza visualizzarli in un report.
mento senza generare una tabella
Nota:
È possibile aggiungere gli oggetti restituiti dalla query nel
report in un secondo momento.
8. Fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Creazione di una query in una Visualizzazione analisi
• Per creare una query basata su una query BEx senza variabili
• Creazione di una query in un universo
• Creazione di query su file di dati locali
• Per creare una query in base a un servizio Web
4.9 Utilizzo di query combinate
Una query combinata è un gruppo di query che funzionano insieme per restituire un unico risultato. È
possibile combinare le query in tre relazioni:
•
•
128
UNION
INTERSECT
2013-07-02
Creazione di query
•
MINUS
Una query UNION acquisisce i dati da entrambe le query, elimina le righe duplicate e crea un insieme
di dati combinato.
Una query INTERSECT restituisce l'insieme di dati comune a entrambe le query.
Una combinazione MINUS restituisce i dati della prima query che non sono presenti nella seconda.
Nota:
non è possibile combinare le query BEx o OLAP.
Esempio: Query UNION, INTERSECT e MINUS
Nell'esempio sono presenti due query che restituiscono elenchi di paesi, come illustrato nella seguente
tabella:
Query
Valori
Query 1
Stati Uniti; Regno Unito; Germania; Francia
Query 2
Stati Uniti; Spagna
I diversi tipi di query combinate restituiscono i valori seguenti:
Tipo di combinazione
Valori
UNION
Stati Uniti; Regno Unito; Germania; Francia;
Spagna
INTERSECT
Stati Uniti;
MINUS
Regno Unito; Germania; Francia
Argomenti correlati
• Creazione di query basate su query BEx
4.9.1 Utilizzo di query combinate
Le query combinate consentono di rispondere a domande che, altrimenti, sarebbe difficile o impossibile
racchiudere in una query standard.
129
2013-07-02
Creazione di query
Esempio: Restituire un insieme di dati utilizzando una query combinata
L'universo di esempio Vacanze da sogno contiene la dimensione Anno che, insieme a Clienti, restituisce
i clienti che hanno già soggiornato nella località di villeggiatura, e Anno di prenotazione con Clienti,
che restituisce i clienti che hanno prenotato il soggiorno. A causa della struttura del database e
dell'universo, questi oggetti sono incompatibili; ciò significa che non è possibile includerli nello stesso
blocco in un report.
Se si desidera restituire un unico elenco contenente sia gli anni in cui n clienti hanno soggiornato in
un luogo di villeggiatura sia gli anni in cui n clienti hanno prenotato un soggiorno in un luogo di
villeggiatura, è possibile utilizzare una query combinata, come segue:
Query
Restituisce
Query 1
Anni in cui più di n clienti hanno soggiornato in
un luogo di villeggiatura
UNION
Query 2
Anni in cui più di n clienti hanno prenotato un
soggiorno in un luogo di villeggiatura
La combinazione di queste due query restituisce un elenco degli anni desiderati.
4.9.2 Modalità di generazione delle query combinate
Le query combinate operano a livello del database alterando la query inviata al database. A questo
scopo, generano script di query contenenti operatori UNION, INTERSECT e MINUS.
Se il database non supporta il tipo di combinazione della query, la combinazione viene eseguita dopo
il recupero dei dati. Le query multiple restituiscono dati al report e questi dati vengono quindi risolti nello
stesso risultato generato da una query combinata a livello di database.
4.9.3 Creazione di una query combinata
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitore di dati, fare clic su "Modifica".
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
3. Creare una query iniziale nel "Pannello delle query".
130
2013-07-02
Creazione di query
4. Fare clic sull'icona Aggiungi una query combinata sulla barra degli strumenti per visualizzare il
pannello "Query combinate" al di sotto dell'elenco degli oggetti query.
Nel riquadro "Query combinate" è visualizzata la query corrente. È possibile modificare il nome della
query facendo clic sulla query nel riquadro, selezionando Modifica nome nel menu e digitando un
nuovo nome nella casella Nome della finestra di dialogo che verrà visualizzata.
5. Fare clic su Aggiungi query. La seconda query viene visualizzata nel riquadro "Query combinate"
e presenta le seguenti condizioni:
• È combinata con la query originale in una relazione UNION.
• È denominata Query combinata #n.
6. Per passare alla query, selezionarla nel riquadro "Query combinate".
Nota:
per eliminare una query, selezionarla nel riquadro Query combinate e premere "Canc" oppure
trascinarla nella struttura universo.
7. Per modificare il tipo di combinazione, selezionare l'operatore. L'operatore si sposta attraverso la
sequenza UNION, MINUS, INTERSECT.
8. Creare ogni query all'interno della query combinata nello stesso modo in cui si procede per le normali
query.
9. Fare clic su Esegui query.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.9.4 Struttura della query combinata
Le query all'interno di una query combinata devono restituire lo stesso numero di oggetti con lo stesso
tipo di dati, inoltre, gli oggetti devono apparire nello stesso ordine. Se il numero di oggetti nei risultati
di query e i tipi di dati di quegli oggetti non sono identici, non sarà possibile combinare le query. Ad
esempio, non è possibile combinare una query che restituisce Anno con una query che restituisce Anno
e Fatturato, oppure combinare una query che restituisce Anno con una query che restituisce Fatturato.
Inoltre, è necessario prestare attenzione alla semantica delle query combinate. Nonostante sia possibile
combinare una query che restituisce Anno con una query che restituisce Regione, se entrambe le
dimensioni sono dello stesso tipo, è improbabile che il risultato (un elenco misto di anni e regioni) sia
significativo. Generalmente, se la prima query contiene una dimensione Anno, anche la seconda query
contiene una dimensione che restituisce un elenco di anni.
4.9.4.1 Esempio: una query di presenza di clienti e tassi di prenotazione annuali
131
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
per eseguire questa attività è necessario accedere all'universo di esempio Vacanze da sogno in Web
Intelligence.
Si desidera creare una query che restituisce un elenco di anni relativo agli anni in cui n clienti hanno
soggiornato in un luogo di villeggiatura e gli anni in cui più di n clienti hanno prenotato un soggiorno in
un luogo di villeggiatura. L'oggetto sottoposto a filtraggio deve anche essere visualizzato nel riquadro
"Oggetti risultato".
1. In Web Intelligence, creare un documento e selezionare l'universo Vacanze da sogno nell'elenco
di universi.
2. Nel "pannello delle query", trascinare gli oggetti Anno, Numero di clienti e N. preventivo
di clienti nel riquadro "Oggetti risultato".
3. Trascinare l'oggetto Numero di clienti nel riquadro "Filtri di query" e creare un filtro di report
che limita il Numero di clienti a un numero maggiore di n.
4. Fare clic sull'icona Aggiungi una query combinata.
Sotto l'elenco di oggetti nel "pannello delle query" viene visualizzato il riquadro "Query combinate",
in cui sono mostrate le due query con un join di unione.
5. Fare clic sulla seconda query e rimuovere gli oggetti Anno e Numero di clienti.
6. Trascinare l'oggetto Anno di prenotazione sul riquadro "Oggetti risultato".
7. Trascinare l'oggetto N. preventivo di clienti nel riquadro "Filtri di query" e creare un filtro
di report che limita i clienti futuri a un numero maggiore di n.
8. Fare clic su Esegui query.
La query restituisce l'elenco combinato di Anni e Anni di prenotazione.
Argomenti correlati
• Creazione di una query in un universo
4.9.5 Precedenza delle query combinate
L'ordine di esecuzione in una query combinata è cruciale per determinare il risultato finale.
Nella forma più semplice di query combinata l'utente combina due o più query in una relazione, come
segue:
Query 1
INTERSECTION
Query 2
Query 3
132
2013-07-02
Creazione di query
In questo caso il primo risultato a essere calcolato è l'intersezione tra Query combinata n e Query
combinata n + 1. Il risultato successivo è l'intersezione tra il primo risultato e il risultato di Query
combinata n + 2. L'esecuzione delle query continua in questo modo per tutte le query della relazione.
Il risultato sarà:
Query
Dati
Query 1
Stati Uniti; Regno Unito; Francia; Germania
Query 2
Stati Uniti; Francia; Finlandia
INTERSECTION di 1 e 2
Stati Uniti; Francia
Query 3
Stati Uniti; Spagna
INTERSECTION finale
US
4.9.5.1 Query combinate nidificate
Per impostazione predefinita, ogni volta che si aggiunge una query, questa viene combinata al livello
di combinazione iniziale con le query esistenti. Ogni query aggiunta estende l'elenco delle query
combinate. Se si aggiunge Query 3 a Query 1 e Query 2, che sono già combinate in una relazione
UNION, si ottiene il risultato seguente:
Query 1
UNION
Query 2
Query 3
È anche possibile nidificare query combinate in relazioni multilivello complesse per controllare l'ordine
di esecuzione, come nell'esempio che segue, che combina il risultato di Query 1 MINUS Query 2 in
una relazione INTERSECT con Query 3.
Query combinata 1
MINUS
INTERSECT
Query combinata 2
Query 3
In un'impostazione internazionale LTR i gruppi di query vengono elaborati da destra a sinistra e dall'alto
verso il basso all'interno di ciascun gruppo. In un'impostazione internazionale RTL i gruppi di query
133
2013-07-02
Creazione di query
vengono elaborati da sinistra a destra e dall'alto verso il basso all'interno di ciascun gruppo. La modalità
di elaborazione dei gruppi di query dipende dalle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite
selezionate nelle preferenze di BI Launch Pad. Alcune impostazioni internazionali, come quelle in
inglese, utilizzano il posizionamento dell'interfaccia da sinistra a destra, mentre altre, come quelle in
arabo, utilizzano il posizionamento dell'interfaccia da destra a sinistra.
Query
Risultato
Query 1
Stati Uniti; Regno Unito; Spagna; Germania
Query 2
Germania
Query 1 MINUS Query 2
Stati Uniti; Regno Unito; Spagna
Query 3
Stati Uniti; Spagna; Finlandia
(Query 1 MINUS Query 2)
INTERSECT
Stati Uniti; Spagna
Query 3
Nota:
Se il database supporta direttamente il tipo di query combinata che si desidera eseguire, lo script
generato dalla query contiene direttamente gli operatori di combinazione. In questo caso, l'ordine di
precedenza dipende dall'ordine di precedenza definito nel database. Contattare l'amministratore del
database per ulteriori dettagli.
4.9.5.2 Per impostare l'ordine di precedenza delle query combinate
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di dati per
la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Creare le query che si desidera organizzare nel riquadro "Query combinate".
3. Per nidificare una coppia di query, fare clic sul pulsante Aggiungi nuovo nodo di query combinate.
Questa azione crea un nodo di query combinate.
4. Trascinare una query su un'altra query con cui si desidera associare la coppia nidificata.
Il nuovo nodo di query combinate è per impostazione predefinita una relazione UNION.
5. Continuare ad aggiungere le query al gruppo nidificato trascinandole sullo spazio tra le due query
già presenti nel gruppo.
6. Per creare altri gruppi nidificati all'interno di un gruppo con precedenza più elevata esistente, ripetere
i due passaggi precedenti.
134
2013-07-02
Creazione di query
7. Se necessario, fare clic sugli operatori di combinazione di tutti i gruppi nella query per modificarli.
8. Eseguire la query.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Creazione di una query combinata
4.10 Utilizzo dei dati nelle query
4.10.1 Filtraggio dei dati mediante i filtri di query
All'interno di un documento i filtri possono essere applicati a due livelli:
•
•
filtri di query – filtri definiti sulla query che consentono di limitare i dati recuperati dall'origine dati e
restituiti nel documento.
Filtri di report – filtri che consentono di limitare i valori visualizzati in report, tabelle, grafici e sezioni
del documento, ma che non implicano la modifica dei dati recuperati dall'origine dati; questi filtri
nascondono i valori a livello di report.
I filtri di query consentono di:
•
•
•
Recuperare solo i dati necessari a rispondere ad una domanda aziendale specifica
Nascondere determinati dati a utenti specifici quando questi accedono al documento
Ridurre la quantità di dati restituiti nel documento per ottimizzare le prestazioni.
Ad esempio, è possibile filtrare la dimensione Anno per visualizzare solo il fatturato relativo alle vendite
dell'anno 2003; oppure è possibile filtrare la dimensione Reddito annuo per visualizzare solo i clienti le
cui entrate annue sono pari o superiori a 1,5 milioni di dollari.
Esempio: Nel quarto trimestre del 2002, quali negozi della regione di vendita hanno
raggiunto margini superiori a € 130.000?
In qualità di manager regionale del marketing per l'Italia, si è interessati solo ad analizzare i margini
relativi all'Italia, tuttavia l'universo vendite include i dati relativi a tutta l'Europa. Inoltre, si desidera
visualizzare solo le informazioni sui negozi i cui margini del quarto trimestre del 2002 hanno superato
la cifra prestabilita per trimestre, ovvero € 130.000. Per creare un documento contenente solo le
informazioni necessarie, applicare un filtro alle dimensioni Stato, Anno e Trimestre e uno all’indicatore
Margine.
135
2013-07-02
Creazione di query
Tabella 4 - 34: Oggetti filtro
Anno uguale a 2002
Trimestre uguale a Trimestre 4
AND
Stato uguale a Italia
Margine maggiore di o uguale a € 130.000
Per non visualizzare i valori filtrati Italia, 2002 e T4 nelle colonne Anno, Trimestre e Stato della tabella,
escludere gli oggetti Anno, Trimestre e Stato dal riquadro Oggetti risultato. Alla creazione del report,
i relativi valori corrisponderanno ai negozi dell'Italia i cui margini del quarto trimestre del 2002 sono
maggiori o uguali a €130000.
Nome del negozio
Fatturato di vendita
Margine
e-Moda Roma Bellavista
307.914
133.802
e-Moda Roma Termini
316.232
136.055
Argomenti correlati
• Utilizzo di filtri di report semplici
• Creazione dei filtri di report semplici
4.10.1.1 Struttura dei filtri di query
I filtri di query presentano la seguente struttura: oggetto filtrato, operatore, operando.
Nel filtro [Paese] In elenco (US;Francia), la dimensione [Paese] è l'oggetto filtrato, In
elenco è l'operatore e l'elenco di valori (US;Francia) è l'operando. Il filtro rimuove tutti i valori di
[Paese] diversi da US e Francia dal risultato della query.
136
2013-07-02
Creazione di query
Tabella 4 - 36: Componenti del filtro di query
Componente
Descrizione
L'oggetto filtrato è l'oggetto i cui valori vengono filtrati. Dimensioni,
attributi, indicatori, gerarchie e livelli possono essere utilizzati come
oggetti filtrati.
Oggetto filtrato
Con l'eccezione delle query BEx, l'oggetto filtrato non deve necessariamente essere visualizzato come oggetto risultato nella query.
Ad esempio, per una query che contiene gli oggetti [Cliente] e
[Fatturato] il filtro può essere l'oggetto [Regione]. Se il filtro è [Re
gione] Uguale a "Sudovest", la query restituisce solo i clienti
della regione Sudovest.
Operatore
L'operatore consente di confrontare l'oggetto filtrato con l'operando.
Ad esempio, l'operatore "Uguale a" mantiene solo i valori dell'oggetto
filtrato che corrispondono esattamente al valore dell'operando.
Operando
L'operando fornisce i valori utilizzati per filtrare l'oggetto. Nella tabella
che segue sono descritti i tipi di operandi.
Tabella 4 - 37: Tipi di operandi
Tipo di operando
Descrizione
L'operando costante viene utilizzato per digitare i valori direttamente.
Ad esempio, è possibile utilizzare una costante per digitare "Francia"
nel filtro [Paese] Uguale a Francia.
Costante
137
L'operando non può essere una costante se l'oggetto filtrato è una
gerarchia, a meno che la gerarchia non venga utilizzata insieme
all'operatore Corrisponde ai criteri di ricerca o Non
corrisponde ai criteri di ricerca.
Elenco dei valori
L'operando Elenco dei valori consente di selezionare i valori
dall'elenco associato all'oggetto filtrato. Se, ad esempio, l'oggetto
filtrato è [Città], è possibile utilizzare Elenco dei valori per selezionare una o più città tra quelle associate all'oggetto.
Prompt
Un prompt è un filtro dinamico a cui viene data risposta all'aggiornamento della query.
2013-07-02
Creazione di query
Tipo di operando
Descrizione
È possibile selezionare un oggetto dall'universo per filtrare l'oggetto
filtrato a fronte dei suoi valori.
Oggetto universo
Risultato da un'altra query
Nota:
Non è possibile selezionare un oggetto universo come operando
in alcune origini dati OLAP o se l'oggetto filtrato è una gerarchia.
È possibile confrontare l'oggetto filtrato con i valori restituiti da
un'altra query.
Argomenti correlati
• Creazione di query basate su query BEx
4.10.1.1.1 Queryoperatori filtro di e prompt
Elenco degli operatori
Operatore Uguale a
Utilizzare l'operatore Uguale a per recuperare dati uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per ottenere i dati solo per US, creare il filtro "Paese Uguale a US".
Operatore Diverso da
Utilizzare l'operatore Diverso da per recuperare dati diversi da un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi a tutti i paesi ad eccezione di US, creare il filtro "Paese Di
verso da US".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
Operatore Maggiore di
Utilizzare l'operatore Maggiore di per recuperare dati maggiori di un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare dati per i clienti la cui età è maggiore di 60 anni, creare il filtro "[Età cliente]
Maggiore di 60".
138
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
Operatore Maggiore o uguale a
Utilizzare l'operatore Maggiore o uguale a per recuperare dati maggiori o uguali a un valore
specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi al fatturato a partire da 1,5 milioni di dollari, creare il filtro
"[Fatturato] Maggiore o uguale a 1500000".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le gerarchie BEx.
Operatore Minore di
Utilizzare l'operatore Minore di per recuperare dati con un valore minore del valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i voti di un esame minori di 40, creare il filtro "[Voto esame] Minore di
40".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP, per le gerarchie nei filtri o per
le gerarchie nelle query BEx.
Operatore Minore o uguale a
Utilizzare l'operatore Minore o uguale a per recuperare dati minori o uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi ai clienti di età inferiore a 30 anni, creare il filtro "[Età] Minore
o uguale a 30".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie e gli universi .unx OLAP nei filtri o per le
gerarchie nelle query BEx.
Operatore Tra
Utilizzare l'operatore Tra per recuperare i dati tra due valori limite inclusi. Il primo valore dichiarato
deve essere inferiore al secondo.
Ad esempio, per recuperare i dati per le settimane a partire dalla 25 fino alla 36 (inclusa la settimana
25 e 36), creare il filtro "[Settimana] Tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
139
2013-07-02
Creazione di query
Operatore Non compreso tra
Utilizzare l'operatore Non compreso tra per recuperare dati non compresi nell'intervallo tra due
valori specificati.
Ad esempio, per recuperare dati relativi a tutte le settimane dell'anno, ad eccezione delle settimane
dalla 25 alla 36, creare il filtro "[Settimana] Non compreso tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
Operatore In elenco
Utilizzare l'operatore In elenco per recuperare i dati corrispondenti ai valori riportati in un elenco.
Per recuperare ad esempio i dati solo per i paesi Stati Uniti, Regno Unito e Giappone, creare il filtro
[Paese] In elenco. Quando sarà disponibile il campo Digitare un valore, è necessario immettere
i valori Stati Uniti;Regno Unito;Giappone.
Se utilizzato in un filtro di query con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un
elenco di valori gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore In elenco consente
di selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore In elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada] al
livello Paese nel prompt.
Se utilizzato in un filtro del report, l'operatore In elenco produce un elenco semplice di valori.
Operatore Non in elenco
Utilizzare l'operatore Non in elenco per recuperare dati che non corrispondono a più valori specificati.
Ad esempio, per non recuperare dati per US, UK e Giappone, creare il filtro "[Paese] Non in elenco".
Nel campo Digitare un valore immettere US;UK;Giappone.
Se utilizzato con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un elenco di valori
gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore Non in elenco consente di
selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore Non in elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada]
al livello Paese nel prompt.
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato in determinati tipi di gerarchia. Può ad esempio essere
utilizzato nelle gerarchie basate sul livello.
Operatore Corrisponde ai criteri di ricerca
Utilizzare l'operatore Corrisponde ai criteri di ricerca per recuperare i dati che includono
una stringa specifica o parte di una stringa.
140
2013-07-02
Creazione di query
Ad esempio, per recuperare i clienti nati nel 1972, creare il filtro [DOB] Corrisponde ai criteri
di ricerca "72".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie BEx.
Operatore Non corrisponde ai criteri di ricerca
Utilizzare l'operatore Non corrisponde ai criteri di ricerca per restituire i dati che non
includono una stringa specifica.
Ad esempio, per recuperare i clienti che non sono nati nel 1972, creare il filtro [DOB] Non corrisponde
ai criteri di ricerca '72'.
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie basate su principale di universi .unx OLAP
e BEx.
Operatore Entrambi
Utilizzare l'operatore Entrambi per recuperare i dati che corrispondono a due valori.
Ad esempio, per recuperare i clienti che hanno sia un numero di telefono fisso che di cellulare, creare
il filtro [Tipo account] Entrambi 'Fisso' E 'Cellulare.
Nota:
Questo operatore non è supportato per i filtri basati su oggetti gerarchia o in universi basati su origini
dati OLAP.
Operatore Tranne
Utilizzare l'operatore Tranne per recuperare i dati che corrispondono a un valore e ne escludono un
altro.
Ad esempio, per recuperare i clienti che hanno un telefono fisso ma non un cellulare, creare il filtro
[Tipo account] 'Fisso' Tranne 'Cellulare'.
L'operatore Tranne è più restrittivo dell'operatore Diverso da o Non in elenco. Ad esempio, un
report che restituisce clienti e include il filtro [Linee] Diverso da 'Accessori' esclude tutti i
record sulle vendite in cui l'articolo venduto è parte della linea 'Accessori'. Se lo stesso cliente ha
acquistato articoli della linea Accessori ma anche articoli di altre linee, il cliente risulta comunque
nell'elenco, ma la sua spesa totale include solo gli articoli delle linee diverse da Accessori.
Se il filtro è [Linee] Tranne 'Accessori', solo i clienti che non hanno acquistato accessori
vengono inclusi nel report.
Nota:
L'operatore non è supportato negli universi basati su origini dati OLAP.
141
2013-07-02
Creazione di query
Argomenti correlati
• Operatore Non in elenco
Restrizioni sugli operatori di filtro
Nella tabella che segue sono elencate le restrizioni sui prompt e gli operatori di filtri in base all'oggetto
filtrato e al tipo di query.
Oggetto
Filtri disponibili
Uguale a
Diverso da
In elenco
Gerarchia basata su livelli
Non in elenco
Non corrisponde ai criteri di ricerca
Corrisponde ai criteri di ricerca
Uguale a
Gerarchia principale-secondario
In elenco
Corrisponde ai criteri di ricerca
Uguale a
Gerarchia nella query BEx
In elenco
4.10.1.2 Tipi di filtri di query
Sono disponibili i seguenti tipi di filtri di query in Web Intelligence:
142
Filtro di query
Descrizione
Filtri predefiniti
Filtri creati dall'amministratore BI.
Filtri personalizzati
Query definite dall'utente
2013-07-02
Creazione di query
Filtro di query
Descrizione
Filtri rapidi
Una forma semplificata di filtro personalizzato.
Prompt
È possibile definire questi filtri dinamici per visualizzare una domanda o
un elenco di valori in modo che gli altri utenti possano selezionare diversi
valori di filtro ad ogni esecuzione della query.
È possibile combinare tipi differenti di filtri in un'unica query.
4.10.1.2.1 Filtri di query predefiniti
I filtri predefiniti rendono costantemente disponibili i dati specifici che in genere risultano maggiormente
necessari per i report. Questi filtri vengono creati da un amministratore BI e salvati con l'universo. I filtri
predefiniti contengono spesso espressioni complesse che richiedono una conoscenza approfondita
della struttura del database. Includendo i filtri predefiniti nell'universo, non è necessario creare gli stessi
filtri personalizzati ad ogni creazione di nuovi documenti basati sullo stesso universo.
Non è possibile visualizzare le parti che compongono i filtri predefiniti né modificarli.
Selezione di un filtro di query predefinito
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Fare doppio clic su un filtro predefinito o trascinarlo nel riquadro "Filtri di query".
Quando si esegue la query, i dati corrispondenti ai filtri di query selezionati vengono restituiti nel report.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.10.1.2.2 Filtri rapidi
I filtri rapidi consentono di definire rapidamente i valori da recuperare per uno specifico oggetto risultato
senza aprire l'editor dei filtri. Per impostazione predefinita, i filtri rapidi utilizzano l'operatore "Uguale a"
se viene selezionato un valore singolo oppure l'operatore "InElenco" se ne vengono selezionati diversi.
Ad esempio:
•
•
Se si seleziona la dimensione [Stato pagamento] e il valore “non pagato?", si crea il seguente filtro:
[Stato pagamento] Uguale a “non pagato?"
Se si seleziona la dimensione [Paese] e i valori USA, Giappone, Germania, si crea il seguente filtro:
[Paese] InElenco "US;Giappone;Germania?"
Nota:
i filtri rapidi non sono disponibili nelle query BEx.
143
2013-07-02
Creazione di query
Argomenti correlati
• Creazione di query basate su query BEx
Creazione o rimozione di un filtro rapido
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Selezionare l'oggetto da filtrare.
3. Fare clic sull'icona Aggiungi filtro rapido nell'angolo superiore del riquadro Oggetti risultato.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Aggiungi filtro rapido". I valori dell'oggetto selezionato
figurano in un elenco.
4. Selezionare i valori che si desidera recuperare dal database e fare clic sulla freccia accanto all'elenco
"Valori selezionati".
Ad esempio, per filtrare la query per i valori del primo trimestre, selezionare la dimensione [Trimestre],
quindi T1 dall'elenco dei valori.
5. Fare clic su OK.
Il nuovo filtro viene visualizzato nel riquadro Filtri di query.
6. Per rimuovere il filtro, selezionarlo nel riquadro Filtri di query e premere il tasto "CANC".
7. Fare clic su Esegui query.
8. Salvare il documento.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.10.1.2.3 Filtri di query personalizzati
È possibile creare filtri di query personalizzati per limitare i dati nei documenti alle informazioni
corrispondenti a:
•
•
Una domanda di business specifica
Le esigenze di informazioni di business di un gruppo di utenti specifico.
Ad esempio, è possibile creare filtri personalizzati per recuperare i dati relativi ai risultati delle vendite
per date, prodotti o servizi specifici oppure per visualizzare solo le informazioni sui clienti ad elevato
reddito o che vivono in una determinata regione.
Aggiunta e rimozione di filtri di query personalizzati
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Selezionare l'oggetto da filtrare e trascinarlo nel riquadro "Filtri di query".
144
2013-07-02
Creazione di query
Il filtro di query viene visualizzato nel riquadro "Filtri di query".
3. Fare clic sulla freccia accanto all'operatore predefinito (In elenco) e, dall'elenco di operatori,
selezionare un operatore di query.
4. Fare clic sulla freccia accanto al filtro di query e selezionare il tipo di filtro da applicare:
Opzione
Descrizione
Costante
È possibile confrontare l'oggetto con un valore
costante per filtrare il risultato delle query.
Valori dell'elenco
È possibile confrontare l'oggetto con i valori da
un elenco di valori per filtrare il risultato delle
query.
•
•
•
Se l'oggetto filtrato è una dimensione, un attributo o un indicatore, è possibile selezionare
uno qualsiasi dei valori dell'oggetto.
Se l'oggetto filtrato è una gerarchia, è possibile selezionare qualsiasi membro della gerarchia.
Se l'oggetto filtrato è un livello, è possibile
selezionare qualsiasi membro del livello.
Prompt
È possibile creare un filtro che richiede all'utente
di fornire valori di filtro nell'aggiornamento dati.
Oggetto da questa query
È possibile confrontare l'oggetto con i valori restituiti da un oggetto nella stessa query.
Risultato da un'altra query, Risultato da
È possibile confrontare l'oggetto con i valori resun'altra query (Qualsiasi), Risultato da un'altra
tituiti da un oggetto di un'altra query (query di filquery (Tutto)
tro) per filtrare il risultato della query.
5. Immettere/selezionare la costante, l'elenco dei valori o l'oggetto che si desidera includere nel filtro.
6. Per rimuovere il filtro, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Selezionare il filtro e premere il tasto "CANC" della tastiera.
• Fare clic su Rimuovi nell'angolo superiore del riquadro "Filtri di query".
• Per rimuovere tutti i filtri, fare clic su Rimuovi tutto nell'angolo superiore del riquadro "Filtri di
query".
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
145
2013-07-02
Creazione di query
Selezione di valori da un elenco di valori
Quando si effettua una selezione in un elenco di valori per una query, gli elementi nell'elenco possono
essere visualizzati come un elenco composto da una o più colonne, oppure in una gerarchia, a seconda
dell'oggetto. In un elenco con più colonne, le colonne aggiuntive contengono valori correlati al valore
principale. In un elenco gerarchico i valori vengono visualizzati in relazione gerarchica.
Quando si aggiorna un report contenente prompt, gli elenchi di valori per i prompt vengono visualizzati
in un elenco semplice senza colonne multiple.
1. In un elenco di valori, selezionare gli elementi da visualizzare.
• Se l'elenco di valori non viene visualizzato all'apertura della finestra di dialogo, aggiornare l'elenco
o eseguire una ricerca nell'elenco per recuperare i valori. Alcuni elenchi di valori richiedono una
ricerca iniziale per mostrare i valori poiché sono troppo estesi per essere caricati completamente.
•
Se l'elenco di valori è diviso in intervalli, utilizzare il controllo posto sopra l'elenco per spostarsi
tra gli intervalli. Alcuni elenchi di valori estesi sono divisi in intervalli per ridurre la quantità di dati
recuperati dal database. Quando si seleziona un intervallo, nell'elenco vengono visualizzati i
valori inclusi nell'intervallo.
•
Se l'elenco di valori dipende da altri elenchi di valori, specificare i valori dipendenti nella finestra
di dialogo del prompt che viene visualizzata. Un elenco di valori può essere dipendente da altri
elenchi di valori, ad esempio se fa parte di un elenco gerarchico di valori. Ad esempio, se l'elenco
di valori contiene città e l'oggetto Città fa parte della gerarchia Paese > Regione > Città, è
necessario specificare valori prima per il Paese e la regione per filtrare l'elenco di città.
Nota:
gli elenchi di valori dipendenti vengono visualizzati solo nelle query. Non vengono visualizzati
quando si esegue una selezione da un elenco di valori in un report.
Quando si visualizza inizialmente l'elenco di valori, viene aperta la finestra di dialogo "Prompt"
che consente di specificare i valori dipendenti. Dopo aver specificato i valori dipendenti, è possibile
selezionare i valori dall'elenco filtrato.
•
Per visualizzare i valori chiave nelle query OLAP o BEx, fare clic su Mostra/Nascondi valori
chiave.
I valori chiavi non sono indicati nell'elenco "Valori selezionati", ma solo nell'elenco dei valori
disponibili. Alcuni elenchi di valori contengono valori chiave, ovvero valori univoci che possono
essere utilizzati per identificare valori con lo stesso valore di visualizzazione. Se l'elenco di valori
contiene più colonne, solo la chiave della colonna di filtro viene visualizzata.
•
Per cercare valori nell'elenco, digitare il testo da cercare nella casella sotto l'elenco e selezionare
una delle opzioni seguenti dall'elenco a discesa Cerca.
Opzione
Descrizione
Viene fatta la distinzione tra lettere maiuscole e minuscole.
Maiuscole/minuscole
146
Questa opzione non è disponibile quando sono selezionate le
opzioni Cerca nelle chiavi o Cerca nel database.
2013-07-02
Creazione di query
Opzione
Descrizione
La ricerca utilizza chiavi di valori univoche anziché visualizzare i
valori.
Cerca nelle chiavi
Questa opzione è disponibile solo negli elenchi di valori che supportano valori chiave.
La ricerca include tutti i valori memorizzati nel database anziché
essere limitata ai valori caricati nell'elenco. Questa opzione migliore l'accuratezza della ricerca ma ne riduce la velocità.
Questa opzione è disponibile solo negli elenchi di valori che supportano le ricerche nel database.
Cerca nel database
La ricerca nel database migliorano l'accuratezza a scapito delle
prestazioni. È utile quando non vengono recuperati tutti i valori
contenuti nell'elenco. Questo può verificarsi quando il numero
totale dei valori contenuti nell'elenco supera quello definito nella
proprietà della queryN. max di righe recuperate.
La ricerca nel database è particolarmente utile quando l'elenco
di valori è gerarchico poiché i valori vengono caricati dal database
solo in risposta all'espansione del relativo valore principale nella
gerarchia. Ad esempio, in una gerarchia geografica i valori secondari del valore California (città della California) non vengono
caricati dal database fino a quando non si espande il valore. Se
l'opzione è selezionare, la ricerca include questi elementi anche
se California non è stato espanso.
La ricerca include tutti gli intervalli se l'elenco è diviso in intervalli.
Nelle stringhe di ricerca, il carattere jolly '*' rappresenta qualsiasi stringa di caratteri e il carattere
jolly '?' rappresenta qualsiasi carattere singolo. Ad esempio, il valore "March" può essere restituito
dalle stringhe di ricerca "M*" o "Mar?h". Se si desidera includere i caratteri "*" e "?" nel loro
significato letterale invece che come caratteri jolly, farli precedere da "\" nella stringa di ricerca.
•
Immettere i valori dell'elenco direttamente se l'elenco supporta l'immissione diretta dei dati oppure
selezionare i valori dall'elenco.
2. Fare clic su OK oppure su Esegui query secondo le esigenze.
Argomenti correlati
• Proprietà di query N. max di righe recuperate
147
2013-07-02
Creazione di query
Filtraggio di una query sui valori restituiti di un'altra query
È possibile filtrare una query sui valori restituiti da un'altra query. Se, ad esempio, si desidera restituire
i risultati per tutti i paesi in Query 1 che abbiano un paese corrispondente in Query 2, è possibile filtrare
l'oggetto [Query 1].[Paese] sui valori dell'oggetto [Query 2].[Paese].
La query filtrata deve trovarsi in un universo in base a un'origine dati relazionale (RDBMS). La query
che fornisce i valori di filtro (query di filtro) può basarsi su un'origine dati relazionale, OLAP o locale.
Quando si crea una query su un'altra query, la query di filtro non viene visualizzata nell'elenco delle
query che possono essere utilizzate come query di filtro fino a quando non viene eseguita o salvata.
Il filtro di query può essere applicato a tutti o solo ad alcuni dei valori restituiti dalla query di filtro. Nella
tabella seguente sono indicate le combinazioni supportate di modalità di filtro e operatore. Se non si
sceglie un operatore dalla tabella, la voce di menu "Risultato da un'altra query" non è disponibile.
Operatore
Modalità filtro Descrizione
Uguale a
Qualsiasi
Diverso da
Tutti
Maggiore di
Qualsiasi
Maggiore o uguale a
Mantiene i valori della query filtrata uguali a qualsiasi valore
restituito dalla query di filtro.
Mantiene i valori della query filtrata diversi da tutti i valori
restituiti dalla query di filtro.
Mantiene i valori della query filtrata maggiori o uguali a
qualsiasi valore della query di filtro.
In altre parole, mantiene i valori della query filtrata maggiori
o uguali al valore minimo restituito dalla query di filtro.
Maggiore di
Tutti
Maggiore o uguale a
Mantiene i valori della query filtrata maggiori o uguali a
qualsiasi valore della query di filtro.
In altre parole, mantiene i valori della query filtrata maggiori
o uguali al valore massimo restituito dalla query di filtro.
Minore di
Minore o uguale a
Qualsiasi
Mantiene i valori della query filtrata minori o uguali a qualsiasi
valore della query di filtro.
In altre parole, mantiene i valori della query filtrata minori o
uguali al valore massimo restituito dalla query di filtro.
148
2013-07-02
Creazione di query
Operatore
Minore di
Modalità filtro Descrizione
Tutti
Minore o uguale a
Mantiene i valori della query filtrata minori o uguali a qualsiasi
valore della query di filtro.
In altre parole, mantiene i valori della query filtrata minori o
uguali al valore minimo restituito dalla query di filtro.
In elenco
Qualsiasi
Non in elenco
Qualsiasi
Mantiene i valori della query filtrata che corrispondono a uno
dei valori dell'elenco di valori restituiti dalla query di filtro.
Mantiene i valori della query filtrata che non corrispondono
ad alcun valore dell'elenco di valori restituiti dalla query di
filtro.
4.10.1.2.4 Combinazione di filtri di query
Per le domande aziendali è necessario recuperare informazioni che soddisfano più criteri. Se, ad
esempio, si stanno analizzando i dati relativi al supporto tecnico, è probabile che si desideri concentrare
l’attenzione sui clienti compresi in un periodo di tempo e una regione specifici, nonché in un determinato
livello di contratto di supporto tecnico. È possibile recuperare dati che rispondano a più criteri combinando
filtri nella stessa query.
Esempio: Analisi del fatturato relativo alle vendite dell'anno corrente nei negozi la cui
metratura è superiore ai 400 m2 e il cui fatturato è uguale o inferiore a 1,5 milioni di dollari
In questo esempio, l'utente è un responsabile delle vendite di una catena di negozi che desidera
analizzare le informazioni relative ai negozi di grandi dimensioni della catena il cui fatturato è inferiore
a quello prestabilito dall'azienda.
A tale scopo:
1. Aggiungere un filtro predefinito alla dimensione [Anno] per specificare che si desidera recuperare
i valori per questo anno.
2. Creare un secondo filtro sulla dimensione [Dimensioni negozi] per specificare che si desidera
recuperare solo i dati relativi ai negozi con metratura superiore a 400 m2.
3. Creare un terzo filtro sull'indicatore [Fatturato di vendita] per specificare che si desidera recuperare
solo i dati relativi ai negozi il cui fatturato di vendita è uguale o inferiore a 1,5 milioni di dollari.
4. Combinare questi tre filtri mediante l'operatore AND:
Ultimo anno
And
Categoria di superficie di vendita Maggiore o uguale a: 4000
Fatturato di vendita inferiore a 1.500.000
149
2013-07-02
Creazione di query
Quando viene eseguita la query, nel report verranno restituiti solo i dati relativi ai negozi che soddisfano
tutti e tre i criteri.
Argomenti correlati
• Combinazione di filtri di query
• Filtri di query nidificati
Combinazione di filtri di query
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Creare i filtri e aggiungerli al riquadro "Filtri di query".
Per impostazione predefinita, i filtri sono combinati mediante l'operatore AND.
3. Fare clic sull'operatore oppure fare clic sulla freccia accanto alla casella di controllo dell'operatore
e selezionare l'altro operatore per passare da AND a OR e viceversa.
Nota:
l'operatore OR non è supportato da alcune origini dati OLAP come le query BEx né dagli universi
.unx OLAP in Microsoft Analysis Services (MSAS) e Oracle Essbase.
Argomenti correlati
• Combinazione di filtri di query
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
Filtri di query nidificati
I filtri di query nidificati consentono di creare condizioni di filtro più complesse di quanto non sia possibile
combinando filtri allo stesso livello.
Nidificando i filtri si imposta l'ordine in cui vengono valutati. Ad esempio, è possibile restituire i dati
forniti da due filtri di query uniti in una relazione OR (dove l'una o l'altra condizione di filtro è true) e
quindi restringere ulteriormente i dati applicandovi un altro filtro. In questo caso, i due filtri di una relazione
OR vengono nidificati, quindi confrontati all'altro filtro in una relazione AND.
Esempio: Elencare tutte le vendite effettuate in Giappone nel Trimestre 4 o per le quali il
reddito era maggiore di 1000000
Per rispondere a questa domanda, creare il seguente filtro di query nidificato:
150
2013-07-02
Creazione di query
Paese Uguale a Giappone
Trimestre Uguale a Trimestre 4
And
Or
Fatturato Maggiore di 1000000
La combinazione di filtri di query restituisce innanzitutto i dati delle vendite effettuate nel Trimestre 4
o in cui il fatturato era maggiore di 1.000.000, quindi restringe ulteriormente i dati per restituire solo
le vendite effettuate in Giappone.
Argomenti correlati
• Nidificazione dei filtri di query
• Combinazione di filtri di query
Nidificazione dei filtri di query
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Trascinare e rilasciare un oggetto report in un filtro di query esistente.
Il profilo di un filtro di query nell'oggetto report viene visualizzato in una relazione "AND" nidificata
con il filtro di query esistente.
3. Definire il nuovo filtro di query.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Filtri di query nidificati
• Combinazione di filtri di query
4.10.1.3 Filtro di query gerarchiche
4.10.1.3.1 Modalità di filtro delle query gerarchiche mediante livelli
Un livello utilizzato come filtro di query rimuove i membri specificati dal livello e tutti i relativi membri
secondari dalla gerarchia. Il filtro influisce anche sull'aggregazione degli indicatori.
151
2013-07-02
Creazione di query
Esempio: Filtro su un livello
Si hanno i seguenti dati, su cui viene applicato il filtro livello [Paese] Diverso da Germania.
Per applicare il filtro, trascinare il livello [Paese] nel riquadro "Filtri di query" del "Pannello delle query",
selezionare l'operatore "Diverso da", quindi selezionare "Germania" dall'elenco di valori del livello.
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 29.358.677,22
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Germania
$ 2.894.312,34
Brandeburgo
$ 119.871,08
Hessen
$ 794.876,08
Dopo l'applicazione del filtro, i dati sono visualizzati nel modo seguente:
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$26.464.364,88
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Quando viene applicato il filtro, Germania e tutti i membri discendenti vengono filtrati dalla gerarchia.
Anche il valore di [Importo vendite Internet] per Tutti i clienti risulta ridotto, perché
il valore per Germania non fa più parte dell'aggregazione.
4.10.1.3.2 Modalità di filtro delle query gerarchiche mediante indicatori
Un filtro su un indicatore si applica a tutti i livelli di una gerarchia e non influisce sull'aggregazione degli
indicatori nel risultato filtrato.
152
2013-07-02
Creazione di query
Esempio: Filtro su un indicatore
Si hanno i seguenti dati, a cui viene applicato il filtro [Importo vendite Internet] Maggiore
di 500.000.
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 29.358.677,22
Francia
$ 2.644.017,71
Hauts de Seine
$ 263.416,19
Senna (Parigi)
$ 539.725,80
Germania
$ 2.894.312,34
Brandeburgo
$ 119.871,08
Hessen
$ 794.876,08
I dati filtrati sono visualizzati nel modo seguente:
Geografia cliente
Importo vendite Internet
Tutti i clienti
$ 29.358.677,22
Francia
$ 2.644.017,71
Senna (Parigi)
Germania
$ 539.725,80
$ 2.894.312,34
Hessen
$ 794.876,08
Il filtro viene applicato a tutti i membri, indipendentemente dal livello della gerarchia in cui si trovano,
e la rimozione dei membri filtrati non influisce sugli indicatori aggregati. Ad esempio, l'importo Tutti i
clienti rimane di $ 29.358.677,22.
4.10.2 Filtro di dati con prompt
Un prompt è un tipo speciale di filtro di query. È un filtro dinamico che visualizza una domanda ogni
volta che si aggiornano i dati di un documento. L'utente risponde al prompt prima di aggiornare i dati
153
2013-07-02
Creazione di query
digitando o selezionando i valori che desidera visualizzare. La query recupera quindi solo i valori del
database specificati e li restituisce nei report del documento.
I prompt consentono a diversi utenti che visualizzano un unico documento di specificare un diverso
sottoinsieme di dati del database e di visualizzarlo in tabelle e grafici dello stesso report. I prompt
riducono anche il tempo necessario per recuperare i dati dal database.
Un prompt contiene gli elementi seguenti:
•
•
•
Un oggetto filtrato
Un operatore
Un messaggio
Ad esempio, per richiede agli utenti di selezionare un anno specifico, occorre definire un prompt sulla
dimensione [Anno].
Year Equal To ("Which year?)
In questo prompt, l'oggetto filtrato è [Anno], l'operatore è Uguale a e il messaggio del prompt è "Quale
anno?"
È possibile definire prompt su dimensioni, indicatori, attributi, gerarchie e livelli. Ad esempio, è possibile
filtrare la dimensione [Anno] affinché vengano restituiti i valori di un anno specifico, l'indicatore [Fatturato
di vendita] affinché vengano restituiti i valori di un intervallo di cifre di fatturato, oppure la gerarchia
[Geografia] affinché vengano restituiti membri della gerarchia.
Nota:
•
•
in Web Intelligence Rich Client o nell'interfaccia Web Intelligence Applet, durante il filtraggio degli
indicatori è possibile digitare solo una costante per gli universi .unx OLAP.
Web Intelligence Rich Client o nell'interfaccia Web Intelligence Applet non è possibile aggiungere
indicatori o oggetti dettaglio nel pannello Filtro per le query BEx.
È possibile creare più prompt, correlati dagli operatori AND e OR, nella stessa query. Inoltre, è possibile
nidificare i prompt. Quando l'utente esegue una query, vengono visualizzati i prompt.
Nota:
per le query BEx e gli universi .unx OLAP è possibile utilizzare solo l'operatore AND.
I prompt vengono visualizzati nello script generato dalla query come valore fornito nella risposta al
prompt o come sintassi speciale del prompt. Ad esempio, un prompt su [Paese] può essere visualizzato
nel codice SQL generato come:
Resort_Country.country = @prompt('Enter Country:','A',
'Resort\Country', Mono,Free,Persistent,,User:0)
oppure come
Resort_country.country In ('UK')
I prompt possono essere obbligatori o facoltativi. Non si è obbligati a fornire valori per i prompt opzionali.
Se non si fornisce un valore, il prompt viene ignorato.
È possibile creare prompt personalizzati o selezionarli da quelli già definiti nell'universo.
154
2013-07-02
Creazione di query
4.10.2.1 Prompt uniti
Se un documento contiene più fornitori di dati, vengono uniti tutti i prompt che includono oggetti con lo
stesso tipo di dati, operatori dello stesso tipo e che utilizzano lo stesso testo di prompt.
Quando tutti i fornitori di dati vengono aggiornati, per questi prompt viene visualizzato un unico
messaggio.
L'elenco dei valori utilizzati dal prompt unito è l'elenco associato all'oggetto del prompt che dispone del
maggior numero di limitazioni delle proprietà di visualizzazione.
4.10.2.2 Prompt gerarchici
I seguenti oggetti visualizzano i relativi elenchi di valori gerarchicamente in un prompt:
• Gerarchie
• Livelli
• Dimensioni associate a un elenco di valori gerarchico
Un elenco di valori gerarchico viene visualizzato in forma di struttura. È possibile esplorare la struttura
spostandosi verso l'alto e verso il basso fino agli elementi desiderati. A seconda dell'operatore di filtro
del prompt, è possibile selezionare elementi da diversi livelli dell'elenco di valori, oppure solo dal livello
più basso.
4.10.2.3 Queryoperatori filtro di e prompt
4.10.2.3.1 Elenco degli operatori
Operatore Uguale a
Utilizzare l'operatore Uguale a per recuperare dati uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per ottenere i dati solo per US, creare il filtro "Paese Uguale a US".
Operatore Diverso da
Utilizzare l'operatore Diverso da per recuperare dati diversi da un valore specificato.
155
2013-07-02
Creazione di query
Ad esempio, per recuperare i dati relativi a tutti i paesi ad eccezione di US, creare il filtro "Paese Di
verso da US".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
Operatore Maggiore di
Utilizzare l'operatore Maggiore di per recuperare dati maggiori di un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare dati per i clienti la cui età è maggiore di 60 anni, creare il filtro "[Età cliente]
Maggiore di 60".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
Operatore Maggiore o uguale a
Utilizzare l'operatore Maggiore o uguale a per recuperare dati maggiori o uguali a un valore
specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi al fatturato a partire da 1,5 milioni di dollari, creare il filtro
"[Fatturato] Maggiore o uguale a 1500000".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le gerarchie BEx.
Operatore Minore di
Utilizzare l'operatore Minore di per recuperare dati con un valore minore del valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i voti di un esame minori di 40, creare il filtro "[Voto esame] Minore di
40".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP, per le gerarchie nei filtri o per
le gerarchie nelle query BEx.
Operatore Minore o uguale a
Utilizzare l'operatore Minore o uguale a per recuperare dati minori o uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi ai clienti di età inferiore a 30 anni, creare il filtro "[Età] Minore
o uguale a 30".
156
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie e gli universi .unx OLAP nei filtri o per le
gerarchie nelle query BEx.
Operatore Tra
Utilizzare l'operatore Tra per recuperare i dati tra due valori limite inclusi. Il primo valore dichiarato
deve essere inferiore al secondo.
Ad esempio, per recuperare i dati per le settimane a partire dalla 25 fino alla 36 (inclusa la settimana
25 e 36), creare il filtro "[Settimana] Tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
Operatore Non compreso tra
Utilizzare l'operatore Non compreso tra per recuperare dati non compresi nell'intervallo tra due
valori specificati.
Ad esempio, per recuperare dati relativi a tutte le settimane dell'anno, ad eccezione delle settimane
dalla 25 alla 36, creare il filtro "[Settimana] Non compreso tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
Operatore In elenco
Utilizzare l'operatore In elenco per recuperare i dati corrispondenti ai valori riportati in un elenco.
Per recuperare ad esempio i dati solo per i paesi Stati Uniti, Regno Unito e Giappone, creare il filtro
[Paese] In elenco. Quando sarà disponibile il campo Digitare un valore, è necessario immettere
i valori Stati Uniti;Regno Unito;Giappone.
Se utilizzato in un filtro di query con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un
elenco di valori gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore In elenco consente
di selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore In elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada] al
livello Paese nel prompt.
Se utilizzato in un filtro del report, l'operatore In elenco produce un elenco semplice di valori.
Operatore Non in elenco
Utilizzare l'operatore Non in elenco per recuperare dati che non corrispondono a più valori specificati.
Ad esempio, per non recuperare dati per US, UK e Giappone, creare il filtro "[Paese] Non in elenco".
Nel campo Digitare un valore immettere US;UK;Giappone.
157
2013-07-02
Creazione di query
Se utilizzato con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un elenco di valori
gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore Non in elenco consente di
selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore Non in elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada]
al livello Paese nel prompt.
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato in determinati tipi di gerarchia. Può ad esempio essere
utilizzato nelle gerarchie basate sul livello.
Operatore Corrisponde ai criteri di ricerca
Utilizzare l'operatore Corrisponde ai criteri di ricerca per recuperare i dati che includono
una stringa specifica o parte di una stringa.
Ad esempio, per recuperare i clienti nati nel 1972, creare il filtro [DOB] Corrisponde ai criteri
di ricerca "72".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie BEx.
Operatore Non corrisponde ai criteri di ricerca
Utilizzare l'operatore Non corrisponde ai criteri di ricerca per restituire i dati che non
includono una stringa specifica.
Ad esempio, per recuperare i clienti che non sono nati nel 1972, creare il filtro [DOB] Non corrisponde
ai criteri di ricerca '72'.
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie basate su principale di universi .unx OLAP
e BEx.
Operatore Entrambi
Utilizzare l'operatore Entrambi per recuperare i dati che corrispondono a due valori.
Ad esempio, per recuperare i clienti che hanno sia un numero di telefono fisso che di cellulare, creare
il filtro [Tipo account] Entrambi 'Fisso' E 'Cellulare.
Nota:
Questo operatore non è supportato per i filtri basati su oggetti gerarchia o in universi basati su origini
dati OLAP.
Operatore Tranne
Utilizzare l'operatore Tranne per recuperare i dati che corrispondono a un valore e ne escludono un
altro.
158
2013-07-02
Creazione di query
Ad esempio, per recuperare i clienti che hanno un telefono fisso ma non un cellulare, creare il filtro
[Tipo account] 'Fisso' Tranne 'Cellulare'.
L'operatore Tranne è più restrittivo dell'operatore Diverso da o Non in elenco. Ad esempio, un
report che restituisce clienti e include il filtro [Linee] Diverso da 'Accessori' esclude tutti i
record sulle vendite in cui l'articolo venduto è parte della linea 'Accessori'. Se lo stesso cliente ha
acquistato articoli della linea Accessori ma anche articoli di altre linee, il cliente risulta comunque
nell'elenco, ma la sua spesa totale include solo gli articoli delle linee diverse da Accessori.
Se il filtro è [Linee] Tranne 'Accessori', solo i clienti che non hanno acquistato accessori
vengono inclusi nel report.
Nota:
L'operatore non è supportato negli universi basati su origini dati OLAP.
Argomenti correlati
• Operatore Non in elenco
4.10.2.3.2 Restrizioni sugli operatori di filtro
Nella tabella che segue sono elencate le restrizioni sui prompt e gli operatori di filtri in base all'oggetto
filtrato e al tipo di query.
Oggetto
Filtri disponibili
Uguale a
Diverso da
In elenco
Gerarchia basata su livelli
Non in elenco
Non corrisponde ai criteri di ricerca
Corrisponde ai criteri di ricerca
Uguale a
Gerarchia principale-secondario
In elenco
Corrisponde ai criteri di ricerca
Uguale a
Gerarchia nella query BEx
In elenco
159
2013-07-02
Creazione di query
4.10.2.4 Creazione di un prompt
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Trascinare l'oggetto che si desidera filtrare con un prompt e rilasciarlo nel riquadro "Filtri di query".
Il filtro di query viene visualizzato nel riquadro "Filtri di query". Nella struttura sono visualizzati
l'oggetto filtrato, l'operatore e il tipo di filtro applicato all'oggetto. Per impostazione predefinita il filtro
è una costante.
3. Selezionare un operatore di filtro dall'elenco.
Nota:
l'elenco degli operatori disponibili dipende dal tipo dell'oggetto filtrato.
4. Fare clic sulla freccia accanto al filtro di query della struttura e selezionare Prompt dal menu per
filtrare l'oggetto utilizzando un prompt.
Nota:
se il documento contiene più fornitori di dati ed è già presente un prompt che include oggetti con lo
stesso tipo di dati, operatori dello stesso tipo e che utilizza un testo di prompt identico al nuovo,
viene visualizzato un messaggio di avviso che indica l'avvenuta unione dei due prompt. Ciò significa
che quando tutti i fornitori di dati vengono aggiornati, per i due prompt viene visualizzato un unico
messaggio.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Prompt.
5. Selezionare Prompt con elenco di valori per consentire all'utente di rispondere al prompt scegliendo
da un elenco di valori.
Nota:
•
•
•
L'opzione è selezionata per impostazione predefinita se all'oggetto filtrato è associato un elenco
di valori nell'universo.
L'opzione è selezionata per impostazione predefinita e non può essere deselezionata se l'oggetto
filtrato è una gerarchia.
Non selezionare questa opzione se l'oggetto filtrato è una data e si desidera che venga visualizzato
un calendario popup da cui gli utenti potranno scegliere la data.
Se si deseleziona l'opzione Prompt con elenco di valori, digitare il testo del prompt (ad esempio
"Immettere una città") nella casella Testo del prompt.
6. Nella finestra di dialogo "Proprietà parametro", effettuare una delle seguenti operazioni:
• Selezionare Seleziona solo dall'elenco per limitare le opzioni disponibili per gli utenti ai soli
valori disponibili nell'elenco.
160
2013-07-02
Creazione di query
Nota:
•
•
•
l'opzione è impostata per impostazione predefinita se all'oggetto filtrato è associato un elenco
di valori nell'universo e non può essere deselezionata se l'oggetto filtrato è una gerarchia.
non selezionare questa opzione se l'oggetto filtrato è una data e si desidera che venga
visualizzato un calendario popup da cui gli utenti potranno scegliere la data.
Selezionare Mantieni selezionati gli ultimi valori per far sì che, per impostazione predefinita,
il prompt selezioni i valori che l'utente ha selezionato l'ultima volta che ha risposto al prompt.
L'opzione è impostata per impostazione predefinita se all'oggetto filtrato è associato un elenco
di valori nell'universo e non può essere deselezionata se l'oggetto filtrato è una gerarchia.
•
Selezionare Imposta valori predefiniti se si desidera che per impostazione predefinita il prompt
selezioni valori quando viene visualizzato e digitare un valore nella casella Digitare un valore
oppure fare clic su ... e selezionare valori predefiniti nella finestra di dialogo Elenco di valori.
Nota:
il pulsante è disabilitato se all'oggetto filtrato non è associato un elenco di valori.
•
Selezionare Prompt facoltativo per rendere il prompt facoltativo. Se l'utente non fornisce un
valore per un prompt facoltativo, il prompt viene ignorato. Fare clic sull'icona accanto alla casella
di testo e utilizzare la finestra di dialogo per impostare le proprietà del prompt.
Il prompt viene visualizzato ad ogni aggiornamento del documento.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Definizione della visualizzazione dei prompt
• Prompt uniti
4.10.2.5 Per selezionare un prompt esistente
È possibile selezionare un prompt tra quelli esistenti per aggiungerlo a una query. Vengono visualizzati
solo i prompt esistenti compatibili con l'oggetto che si sta filtrando.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Trascinare l'oggetto a cui si desidera applicare un prompt e rilasciarlo nel riquadro "Filtri di query".
Il filtro di query viene visualizzato nel riquadro "Filtri di query".
3. Fare clic sulla freccia accanto al filtro di query e selezionare Prompt dal menu.
4. Fare clic su Da universo, selezionare un prompt esistente e fare clic su OK.
Nell'elenco sono visualizzati solo i prompt dell'universo compatibili con l'oggetto che si sta filtrando.
Ad esempio, l'oggetto filtrato e il prompt dell'universo devono avere lo stesso tipo di dati.
161
2013-07-02
Creazione di query
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.10.2.6 Rimozione di un prompt
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Selezionare il prompt nel riquadro "Filtri di query" e fare clic sull'icona Elimina.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.10.2.7 Definizione della visualizzazione dei prompt
Per impostazione predefinita, i prompt visualizzano una finestra e un elenco dei valori. È possibile
rispondere al prompt digitando i valori nella finestra di dialogo oppure selezionandoli dall'elenco.
È possibile modificare il tipo di visualizzazione dei prompt selezionando una, alcune o tutte le opzioni
seguenti. Nella finestra di dialogo "Proprietà parametro" sono disponibili le opzioni seguenti:
162
Se si desidera che il prompt visualizzi...
Utile quando...
Quindi...
L'elenco dei valori associato alla
dimensione, indicatore o dettaglio filtrati.
Si desidera visualizzare tutti i
valori dell'oggetto e quindi selezionarne uno.
Lasciare l'opzione selezionata
per impostazione predefinita:
Prompt con elenco di valori
I valori specificati l'ultima volta
che si è risposto al prompt (gli
utenti possono selezionare valori diversi).
Si utilizzano gli stessi valori
predefiniti all'aggiornamento del
documento, ma si desidera
avere la possibilità di selezionare un valore diverso quando
necessario, come il nome del
mese corrente.
Selezionare l'opzione: Mantieni
selezionati gli ultimi valori
2013-07-02
Creazione di query
Se si desidera che il prompt visualizzi...
Utile quando...
Quindi...
I valori specificati come predefiniti (gli utenti possono selezionare valori diversi).
Si riselezionano quasi sempre
gli stessi valori all'aggiornamento del documento, ma si desidera avere la possibilità di selezionare un valore diverso quando
necessario, come il nome
dell'anno corrente.
Selezionare l'opzione: Imposta
valori predefiniti
Un elenco dei valori da cui gli
utenti selezionano uno o più
valori.
Si desidera evitare che gli utenti
digitino un valore che non esiste
nel database o che non si vuole
visualizzare.
Selezionare l'opzione: Seleziona solo dall'elenco
Per rendere il prompt facoltativo, selezionare Prompt facoltativo. L'utente non è obbligato a specificare
un valore nel prompt: se non si specifica un valore, il prompt viene ignorato.
Nota:
se il prompt è relativo a una data, verranno visualizzati il calendario popup e un elenco dei valori. Se
si desidera che gli utenti visualizzino il calendario popup per selezionare le date, deselezionare Prompt
con elenco di valori.
4.10.2.8 Combinazione di prompt
La combinazione di più prompt in una singola query consente di filtrare i dati restituiti nel documento,
in modo tale che ciascun utente che utilizza i report visualizzi solo le informazioni pertinenti alle proprie
esigenze aziendali. Ad esempio, se in un documento Contabilità clienti vengono combinati i tre prompt
riportati di seguito:
•
•
•
Quale cliente?
Quale conto?
Quale periodo: da? a?
In questo modo ogni dirigente del settore contabilità può utilizzare il documento per visualizzare i valori
del report relativi al conto di un cliente specifico per un periodo di tempo specifico.
È possibile combinare i prompt allo stesso modo dei filtri di query.
4.10.2.8.1 Combinazione di prompt con i filtri di query
La combinazione di prompt su una singola query consente di scegliere i valori relativi ad alcuni oggetti
selezionati della query mediante l’uso di filtri, nonché i valori di altri oggetti selezionati mediante l’uso
163
2013-07-02
Creazione di query
di prompt. Ad esempio, se in un documento delle Risorse Umane vengono combinati i filtri riportati di
seguito:
•
•
•
[Anno] Uguale a Anno corrente
[Titolo della mansione] Diverso da Direttore
Quale dipendente?
Gli utenti che utilizzano il documento possono selezionare il dipendente di cui visualizzare i dati. Tuttavia,
tali informazioni saranno pertinenti al solo anno corrente e non sarà possibile visualizzare i dati relativi
ai direttori.
4.10.2.9 Modifica dell'ordine dei prompt
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Fare clic su Proprietà della query sulla barra degli strumenti del "Pannello delle query".
3. Selezionare il prompt da spostare in alto o in basso nell'ordine dei prompt nella finestra di dialogo
Ordine dei prompt, quindi premere la freccia Su o Giù accanto alla casella.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
4.10.3 Filtraggio dei dati utilizzando sottoquery
Una sottoquery è un filtro di query flessibile che consente di limitare i valori in maniera più sofisticata
rispetto a un filtro di query ordinario.
Le sottoquery sono più potenti rispetto ai filtri di query ordinari in quanto:
•
•
•
Permettono di confrontare i valori dell'oggetto i cui valori vengono usati per restringere la query con
valori di altri oggetti.
Permettono di limitare i valori restituiti da una sottoquery con una clausola WHERE.
Consentono di porre domande complesse che, altrimenti, sarebbe difficile o impossibile formulare
con filtri di query semplici. Ad esempio, qual è l'elenco di clienti e il relativo fatturato in cui si indica
che il cliente ha acquistato un servizio precedentemente riservato (da qualsiasi cliente) nel primo
trimestre del 2003?
Le sottoquery modificano l'SQL generato per recuperare i dati della query. L'SQL contiene una sottoquery
che restringe i dati restituiti da una query esterna. SQL è il linguaggio di query supportato da tutti i
164
2013-07-02
Creazione di query
database relazionali (RDBMS), sebbene ciascun database utilizzi la propria sintassi. Per ulteriori
informazioni sulle sottoquery SQL, consultare qualsiasi manuale relativo all'SQL.
Nota:
•
•
Le sottoquery non sono supportate in tutti i database. Se non sono supportate, l'opzione per la
creazione di sottoquery non viene visualizzata nel "Pannello delle query".
È possibile creare sottoquery mediante dimensioni, attributi e indicatori. Non è possibile creare
sottoquery utilizzando oggetti gerarchici.
Argomenti correlati
• Creazione di una sottoquery
• Parametri delle sottoquery
4.10.3.1 Creazione di una sottoquery
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Aggiungere al riquadro "Oggetti risultato" gli oggetti che si desidera visualizzare nella query.
3. Nel riquadro "Oggetti risultato" selezionare l'oggetto da filtrare con una sottoquery e fare clic su
Aggiungi sottoquery nella parte superiore destra del riquadro "Filtri di query".
Il profilo della sottoquery viene visualizzato nel riquadro" Filtri di query". Per impostazione predefinita,
l'oggetto selezionato viene visualizzato come oggetto Filtro e Filtra per.
4. Per aggiungere una condizione WHERE alla sottoquery, trascinare un oggetto report nell'area della
sottoquery sotto l'immagine "Rilasciare un oggetto qui".
è possibile usare una sottoquery esistente o un filtro query standard come condizione WHERE per
la sottoquery. Per fare ciò, trascinare e rilasciare il filtro o la sottoquery esistente nell'area della
sottoquery sotto le caselle "Rilasciare un oggetto qui". Per copiare o spostare il filtro esistente nella
condizione WHERE, tenere premuto il tasto CTRL durante l'operazione di trascinamento e rilascio.
In tal caso il filtro esistente rimane nella posizione iniziale e diventa parte della condizione WHERE
della sottoquery.
5. Selezionare l'operatore e i valori utilizzati per applicare i filtri all'oggetto nella condizione WHERE.
6. Fare clic su Sottoquery per aggiungere un'ulteriore sottoquery al filtro di query.
Oltre a collegare le sottoquery in relazioni AND o OR, è possibile annidarle (creare quindi sottoquery
entro sottoquery) trascinando una sottoquery esistente nell'area sotto le caselle Rilasciare un
oggetto qui. In tal caso la sottoquery interna diventa parte della condizione WHERE della sottoquery
esterna. Per copiare o spostare la sottoquery nella condizione WHERE, tenere premuto il tasto
CTRL durante l'operazione di trascinamento e rilascio. In questo caso la seconda sottoquery rimane
allo stesso livello della prima e diventa parte della clausola WHERE della prima sottoquery.
165
2013-07-02
Creazione di query
Per impostazione predefinita, le due sottoquery vengono collegate con una relazione AND. Fare
clic sull'operatore AND per passare alternativamente da AND a OR.
7. Per nidificare una sottoquery, ovvero creare una sottoquery in un'altra sottoquery, trascinare una
sottoquery esistente nell'area sotto l'immagine "Rilasciare un oggetto qui".
Per copiare o spostare la sottoquery nella condizione WHERE, tenere premuto il tasto CTRL durante
l'operazione di trascinamento e rilascio. In questo caso la seconda sottoquery rimane allo stesso
livello della prima e diventa parte della clausola WHERE della prima sottoquery.
La sottoquery interna diventa parte della condizione WHERE della sottoquery esterna.
Argomenti correlati
• Apertura per la modifica del fornitore di dati di una query esistente
• Filtraggio dei dati utilizzando sottoquery
• Esempio: individuazione dei clienti che hanno acquistato un servizio riservato nel primo trimestre del
2003 e del fatturato da essi generato
• Parametri delle sottoquery
• Query combinate nidificate
4.10.3.2 Esempio: individuazione dei clienti che hanno acquistato un servizio
riservato nel primo trimestre del 2003 e del fatturato da essi generato
Nota:
per questo esempio viene utilizzato l'universo di esempio Vacanze da sogno in Web Intelligence.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" o "Dati", aprire il fornitore di
dati per la modifica.
Viene visualizzato il "Pannello delle query".
2. Trascinare gli oggetti Cliente e Fatturato sul riquadro "Oggetti risultato" del "Pannello delle
query".
3. Selezionare l'oggetto Servizio.
4. Fare clic su Sottoquery.
Il profilo della sottoquery viene visualizzato nel riquadro" Filtri di query".
Nota:
L'oggetto selezionato viene visualizzato in entrambe le caselle nel profilo della sottoquery. Spesso
si utilizza lo stesso oggetto in entrambe le caselle, sebbene non sia necessario. Se gli oggetti non
restituiscono alcun valore comune, la sottoquery non restituisce alcun valore, di conseguenza anche
la query non restituisce nessun valore.
5. Trascinare l'oggetto Anno di prenotazione nell'area della struttura della sottoquery al di sotto
dell'oggetto Servizio per aggiungere una condizione WHERE sull'oggetto Anno di prenota
zione.
166
2013-07-02
Creazione di query
6. Impostare l'operatore di condizione Anno di prenotazione su Uguale a.
7. Digitare FY2003 nella casella Inserisci costante.
8. Trascinare l'oggetto Trimestre di prenotazione nell'area della struttura della sottoquery al
di sotto dell'oggetto Servizio per aggiungere l'oggetto Trimestre di prenotazione alla
condizione WHERE.
9. Impostare l'operatore di condizione "Trimestre di prenotazione" su Uguale a.
10. Digitare Q1 nella casella Inserisci costante.
11. Fare clic su Esegui query.
4.10.3.3 Parametri delle sottoquery
Una sottoquery o un insieme di sottoquery contiene i seguenti parametri:
Parametro
Descrizione
L'oggetto i cui valori vengono utilizzati per filtrare gli oggetti risultato.
Oggetti filtro
È possibile includere più oggetti filtro. In questo caso, i valori degli
oggetti selezionati sono concatenati.
L'oggetto che determina i valori dell'oggetto filtro restituiti dalla sottoquery.
Oggetti Filtra per
È possibile includere più oggetti Filtra per. In questo caso, i valori degli
oggetti selezionati sono concatenati.
L'operatore che specifica la relazione tra l'oggetto filtro e l'oggetto Filtra
per.
Operatore
A causa delle limitazioni del database non è possibile utilizzare contemporaneamente determinate combinazioni di operatori e oggetti Filtra
per. Ad esempio se si utilizza l'operatore "Uguale a" con un oggetto
Filtra per che restituisce più valori, il database rifiuta l'SQL perché
questo tipo di sottoquery richiede un oggetto Filtra per per restituire
un solo valore.
Nei casi in cui l'SQL generato è rifiutato dal database, viene visualizzato un messaggio di errore con la descrizione dell'errore restituito
dal database.
167
2013-07-02
Creazione di query
Parametro
Descrizione
Condizione WHERE (facoltativa)
Una condizione aggiuntiva che limita l'elenco dei valori dell'oggetto
Filtra per. Nella condizione WHERE è possibile utilizzare gli oggetti
del report ordinario, le condizioni predefinite o i filtri di query esistenti,
incluse le sottoquery.
Questo operatore determina il rapporto tra le sottoquery se sono presenti più sottoquery.
Operatore di relazione
AND: devono essere soddisfatte le condizioni di tutte le sottoquery.
OR: devono essere soddisfatte le condizioni di una delle sottoquery
4.11 Aggiornamento dei documenti Web Intelligence basati su origini dati personali
e personalizzate da BI Launch Pad
È possibile aggiornare da BI Launch Pad i documenti Web Intelligence creati da origini dati personali,
quali file di testo e di Excel, e da origini dati personalizzate, come i Servizi Web.
Per gestire l'opzione di aggiornamento di un documento Web Intelligence creato utilizzando un file di
testo o di Excel, è necessario modificare il parametro RefreshOnServer nel registro con uno dei
valori seguenti:
• NO o DISABLE: per disabilitare l'opzione di aggiornamento.
• YES o ENABLE: per abilitare l'opzione Aggiorna su server e utilizzare i file delle origini dati da
Server_Path. Se il percorso dell'origine dati non è specificato in Server_Path, viene utilizzata
la posizione dell'origine dati originale, ovvero la posizione dell'origine dati da cui viene creato il
documento Interactive Analysis. Per impostazione predefinita, il parametro RefreshOnServer è
impostato su ENABLE.
• ALLOW_USE_WINDOWS_SHARE: per abilitare l'opzione di aggiornamento dal percorso di Windows
Posizione condivisa/UNC. Come meccanismo di fallback, se non è possibile raggiungere
l'origine, questa viene cercata in Server_Path.
Nota:
•
•
168
Server_Path è un parametro del registro che specifica il percorso delle origini dati personali sul
server. Per impostazione predefinita, la cartella Server_Path non viene creata durante l'installazione
ed è quindi necessario crearla manualmente. È anche possibile modificare il valore Server_Path
nel registro modificando il parametro Server_Path.
Il parametro del registro RefreshOnServer non è applicabile alle origini dati personalizzate. Per
le origini dati personalizzate basate su file, è disponibile un plug-in che implementa il meccanismo
di ricerca e fallback dell'origine dati.
2013-07-02
Creazione di query
Aggiornamento del parametro RefreshOnServer sulle piattaforme Windows
Sulle piattaforme Windows è necessario modificare il parametro RefreshOnServer disponibile nella
posizione seguente del registro:
• Testo: [HKEY_LOCAL_MACHINE]\SOFTWARE\SAP BusinessObjects\Suite XI
4.0\default\Web Intelligence\Calculator\PDP\TXT
• Excel: [HKEY_LOCAL_MACHINE]\SOFTWARE\SAP BusinessObjects\Suite XI
4.0\default\Web Intelligence\Calculator\PDP\XLS
Per modificare il valore del parametro Server_Path, è necessario modificare la voce Server_Path
in: [HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SAP BusinessObjects\Suite XI 4.0\default\Web
Intelligence\Calculator\PDP
Per impostazione predefinita, il valore del parametro Server_Path è <DIR_INSTALL_SAP_BOBJ>\Per
sonalDPFiles>.
Aggiornamento del parametro RefreshOnServer sulle piattaforme UNIX
Sulle piattaforme UNIX per gestire l'opzione di aggiornamento di un documento creato utilizzando origini
dati personali di testo ed Excel, è necessario modificare il parametro RefreshOnServer con il valore
YES/ENABLE o NO/DISABLE nel file .registry. Il valore predefinito del parametro RefreshOnServer
è ENABLE. È possibile trovare il file .registry nelle posizioni seguenti:
•
•
Testo: <DIR_INSTALL_SAP_BOBJ>/sap_bobj/data/.bobj/registry/64/software/sap
businessobjects/suite xi 4.0/default/webintelligence/calculator/pdp/txt
Excel: <DIR_INSTALL_SAP_BOBJ>/sap_bobj/data/.bobj/registry/64/software/sap
businessobjects/suite xi 4.0/default/webintelligence/calculator/pdp/xls
Per modificare il valore del parametro Server_Path, è necessario modificare il file .registry in:
<DIR_INSTALL_SAP_ BOBJ>/sap_bobj/data/.bobj/registry/64/software/sap
businessobjects/suite xi 4.0/default/webintelligence/calculator/pdp/
Per impostazione predefinita, il valore del parametro Server_Path è il seguente:home/<nomeute
nte>/<DIR_INSTALL_SAP_BOBJ>/PersonalDPFiles
Esempio: Aggiornamento di documenti Web Intelligence basati su un'origine dati Excel
Scenario A: l'utente A crea un documento Web Intelligence utilizzando Web Intelligence Rich Client
e un'origine dati Excel disponibile in C:\xyz.xls. L'utente esporta questo documento nel repository.
L'utente desidera visualizzare e aggiornare il documento utilizzando BI Launch Pad, in un ambiente
in cui il server Web Intelligence è installato su un altro computer.
Per aggiornare il documento:
1. Posizionare il file xyz.xls nella directory C:\ del computer server.
2. Posizionare il file xyz.xls in un percorso predefinito del server. Il percorso predefinito del server
è <DIR_INSTALL>\Business Objects\PersonalDPFiles. È possibile cambiare questo
percorso modificando il valore di Server_Path nel registro:
[HKEY_LOCAL_MACHINE]\SOFTWARE\Business Objects\Suite
12.0\default\WebIntelligence\Calculator\PDP]
169
2013-07-02
Creazione di query
Scenario B: l'utente B crea un documento Web Intelligence utilizzando Web Intelligence Rich Client
e un'origine dati Excel disponibile nel percorso UNC: \\MySharedLocation\MYXLSFILEs\xyz.xls
Per aggiornare il documento, l'utente deve posizionare l'origine dati in Server_Path, come illustrato
nello scenario A precedente, o impostare il valore del parametro RefreshOnServer su AL
LOW_USE_WINDOWS_SHARE. Questo valore consente un aggiornamento nei percorsi condivisi di
Windows. Tuttavia, se il percorso UNC non è accessibile dal server, è disponibile un meccanismo di
fallback alla posizione di Server_Path.
Nota:
•
Questo esempio è applicabile anche alle origini dati di testo.
•
Server Intelligence Agent (SIA) deve essere gestito con un'autenticazione utente valida nel dominio
di rete. SIA viene gestito con un account di sistema locale. Pertanto, se si utilizza lo scenario B, il
servizio non è in grado di accedere alla posizione condivisa del file Excel, anche se è possibile
accedere al file tramite start > Esegui > \\MySharedLocation\MYXLSFILEs. In questo caso, è
possibile avviare l'agente SIA utilizzando le credenziali che consentono di accedere alla posizione
condivisa o posizionare il file in Server_Path.
4.11.1 Aspetti da considerare prima di aggiornare un documento da BI Launch Pad
Prima di aggiornare un documento da BI Launch Pad, assicurarsi di verificare quanto segue:
• Se è vietato l'uso di percorsi UNC (Universal Naming Convention) anche se è la posizione originale
dell'origine dati, è necessario collocare il file dell'origine dati sul server SAP BusinessObjects
Enterprise in Server_Path. Se il server SAP BusinessObjects Enterprise è incluso in un cluster,
è necessario aggiornare ogni cluster con la stessa copia del file dell'origine dati.
• Se è consentito l'uso dei percorsi UNC, Server Intelligence Agent (SIA) deve essere gestito con un
account utente che abbia accesso al dominio di rete. Nelle normali installazioni SIA utilizza l'account
di sistema locale, tuttavia questa non è una scelta consigliata poiché i percorsi UNC potrebbero non
essere accessibili con tali account.
Per gestire l'agente SIA con un account particolare (nome utente/password), l'amministratore BI
può attenersi alla procedura seguente:
1. Avviare Central Configuration Manager (CCM).
2. Interrompere l'agente SIA.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'agente SIA e scegliere Proprietà.
4. Nella scheda "Proprietà", in "Accedi come", se l'opzione Account sistema è selezionata,
deselezionarla e immettere le credenziali utente e la password.
5. Fare clic su Applica, quindi su OK.
6. Avviare il SIA.
Nota:
questa procedura riguarda solo Windows.
170
2013-07-02
Creazione di query
•
Per aggiornare un documento in base a un servizio Web generico, aggiornare il file net.properties
disponibile nei percorsi seguenti:
• Per Windows: <DIR_INSTALL_SAP_BOBJ>\SAP BusinessObjects Enterprise XI
4.0\win64_x64\sapjvm\jre\lib
• Per UNIX: <DIR_INSTALL_BOBJ>/sap_bobj/enterprise_xi40/<piattaforma>_x64/sap
jvm/jre/lib
Aggiungere il testo seguente:
http.proxyHost=<http proxy hostname>
http.proxyPort=<http proxy port number>
http.nonProxyHosts=localhost|127.0.0.1
Dove:
• proxyHost è il nome del server proxy, ad esempio proxy.mydomain.com.
• proxyPort è il numero di porta da utilizzare. Per impostazione predefinita, il valore è 80.
• nonProxyHosts è un elenco di nomi host separati da '|' che devono essere accessibili
direttamente, ignorando il server proxy. Per impostazione predefinita il valore è localhost e
127.0.0.1.
•
Fornire i valori seguenti per i parametri HTTPS:
https.proxyHost=<http proxy hostname>
https.proxyPort=<http proxy port number>
Dove:
• proxyHost è il nome del server proxy, ad esempio proxy.mydomain.com.
• proxyPort è il numero di porta da utilizzare. Per impostazione predefinita, il valore è 443. I
gestori del protocollo HTTPS utilizzano l'elenco HTTP nonProxyHosts.
171
2013-07-02
Creazione di query
172
2013-07-02
Creazione di report
Creazione di report
5.1 Utilizzo dei report
5.1.1 Dati gerarchici e non gerarchici
A seconda dell'origine dati, i report possono contenere dati gerarchici o non gerarchici. I dati gerarchici
e non gerarchici presentano comportamenti diversi e modalità di utilizzo diverse.
5.1.1.1 Operazioni con i dati non gerarchici
I dati non gerarchici non presentano relazioni principale-secondario. Le dimensioni sono un esempio
di oggetto non gerarchico. Ad esempio, i valori delle dimensioni [Paese]e [Città] visualizzate in una
tabella si presentano come segue:
Paese
Città
US
New York
US
Atlanta
Francia
Parigi
Francia
Rennes
Sebbene i dati presentino una relazione gerarchica (ad esempio, "New York" e "Atlanta" sono valori
secondari di "US", i dati vengono visualizzati in colonne non gerarchiche e la relazione
principale-secondario non è espressa nella struttura dei dati.
È possibile analizzare i dati non gerarchici in numerosi modi nei report, ad esempio ordinandoli o
filtrandoli.
173
2013-07-02
Creazione di report
5.1.1.2 Operazioni con i dati gerarchici
I dati gerarchici sono organizzati in relazioni principale-secondario che è possibile utilizzare per esplorare
e analizzare i dati e i risultati restituiti dagli indicatori correlati.
Gli indicatori associati alle gerarchie sono aggregati in base alla posizione dei dati nella gerarchia. Ad
esempio, se è associato a una gerarchia [Geografia], l'indicatore [Fatturato] calcola il fatturato totale
per [San Diego] e per [California] a un livello di aggregazione meno dettagliato. L'esplorazione della
gerarchia consente di esplorare diversi valori dell'indicatore a diversi livelli della gerarchia.
Il modo in cui i dati gerarchici vengono visualizzati e il loro comportamento dipendono dall'elemento
del report che li contiene.
Compressione ed espansione delle gerarchie
Quando l'utente esegue una compressione o un'espansione su una gerarchia accanto a un'altra
gerarchia, il sistema esegue una compressione o espansione asimmetrica. L'azione di compressione
o espansione viene eseguita solo per il membro selezionato di un dato membro della gerarchia. L'utente
può possibile chiedere esplicitamente una compressione o espansione simmetrica. In tal caso l'azione
viene eseguita per qualsiasi istanza del membro selezionato.
Il sistema esegue una compressione o espansione simmetrica per impostazione predefinita su una
gerarchia accanto a una dimensione (in tal caso la compressione o espansione predefinita e la
compressione o espansione simmetrica stanno producendo lo stesso risultato).
La compressione o espansione su una gerarchia che si modifica quando viene aggiornata (variabile
del nodo della gerarchia, selezione del membro richiesto, modifica a livello del cubo) potrebbe essere
bloccata dopo un aggiornamento dall'anteprima del "Pannello delle query". In tal caso, l'utente può
nuovamente trascinare e rilasciare la gerarchia nella colonna.
Argomenti correlati
• Operazioni con i dati non gerarchici
5.1.1.2.1 Restrizioni relative alla creazione di report con dati gerarchici
Nella tabella riportata di seguito sono indicate le restrizioni che si applicano durante la creazione di
report su dati gerarchici. Tali restrizioni vengono ripetute nelle sezioni appropriate di questa guida.
174
2013-07-02
Creazione di report
Tabella 5 - 2: Restrizioni relative alla creazione di report con gerarchie
La restrizione riguarda...
Descrizione
Indicatori di query BEx
Indicatori che si aggregano con la funzione di somma in Web Intelligence e non nella query BEx. Gli altri tipi di aggregazione degli
indicatori vengono delegati.
Interruzione su indicatore o dettaglio
Un'interruzione è sempre associata all'ordinamento sull'oggetto
in cui si applica. Per questo motivo, qualsiasi gerarchia nella tabella in cui si applica l'interruzione diventa semplice. L'utente può
rimuovere l'interruzione sull'oggetto sottostante per ripristinare la
gerarchia.
Questa restrizione si applica ogni volta che vengono utilizzati gli
indicatori delegati e non è specifica della creazione di report sui
dati gerarchici. L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce
#AGGIORNARE quando l'aggregazione richiesta non è disponibile
nella query. L'utente deve aggiornare il documento per ottenere
il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra filtro e l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i
valori" e viceversa quando quest'ultimo viene selezionato prima
di un valore selezionato.
Aggregazione degli indicatori
delegati
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio
#NON DISPONIBILE se l'indicatore delegato si trova in una formula di una dimensione o in un filtro multivalore (ad esempio un
controllo di input) di una dimensione che non si trova nel contesto
dell'aggregazione dell'indicatore. Ciò si verifica ad esempio quando
si definisce un URL su una dimensione in una tabella in cui è
presente un indicatore delegato. In questo caso è consigliabile
creare una variabile sulla formula URL come dettaglio della dimensione originale e includere, nascondendola, la dimensione originale nel blocco.
Nella formula: If (condizione) then [dimensione1] else [dimensione2], qualsiasi indicatore delegato specificato con questa formula restituirà sempre #NON DISPONIBILE.
Drill
Non è disponibile una funzionalità di sostituzione del drill su oggetti provenienti da una query BEx (non esiste un percorso di
navigazione).
Non esistono drill di query su origini .unx OLAP.
175
2013-07-02
Creazione di report
La restrizione riguarda...
Descrizione
Un filtro di report/tabella in cui esiste una gerarchia può causare
la rimozione di righe senza rispettare la struttura della gerarchia.
Per questo motivo, un filtro può rimuovere un nodo principale attualmente espanso ma mantenere le foglie o i nodi compressi.
Per evitare di restituire una tabella vuota, il sistema espande automaticamente la gerarchia nel blocco per mostrare i membri ottenuti.
Applicazione del filtro sulle gerarchie
Un filtro può rimuovere un nodo intermediario di una gerarchia.
In tal caso, l'utente non può accedere al livello successivo del
membro dal nodo principale con una semplice azione di espansione. Per vedere il discendente del nodo principale, l'utente può
eseguire un'operazione Espandi tutto.
Non è possibile applicare il filtro a un oggetto unito basato su una
gerarchia.
Barra filtro (barra dei drill): quando si applica il filtro attraverso la
barra filtro su una gerarchia, se si seleziona un nodo che non
viene visualizzato nella tabella perché compresso, la tabella risulta
vuota. Per visualizzare tutti i valori, l'utente può eseguire un'operazione "Espandi tutto".
Quando si applica il filtro dalla barra filtro, il l'operazione viene
eseguita sulla didascalia anche per gli oggetti aziendali OLAP
che includono una chiave.
Appiattimento delle gerarchie
176
Quando una gerarchia diventa piatta, il sistema ne mostra tutti i
membri allo stesso livello di una dimensione senza utilizzare + o
- per navigare e senza il menu di scelta rapida "Comprimi/Espandi".
2013-07-02
Creazione di report
La restrizione riguarda...
Descrizione
Un oggetto unito basato su una gerarchia non può essere utilizzato
direttamente nel report. Ciò accade in quanto nelle situazioni in
cui la gerarchia originale è in conflitto con la struttura della gerarchia (un membro A è discendente di un altro membro B, mentre
nell'altra gerarchia il membro A è antenato del membro B), il sistema non può creare una gerarchia unita. Il sistema impedisce il
trascinamento dell'oggetto unito.
Oggetti uniti
Se l'utente crea una formula utilizzando l'oggetto unito, il sistema
restituisce #SINTASSI. L'utente può utilizzare direttamente la
gerarchia originale anziché il report.
Un'unione su una chiave per l'oggetto aziendale OLAP è una sincronizzazione dei dati dello stesso oggetto dalla stessa origine
(cubo o query BEx) e si basa sulla chiave interna del valore di
tali oggetti. Può anche essere basata sulla didascalia.
Non è possibile applicare il filtro a un oggetto unito basato su una
gerarchia.
L'ordine di un membro della dimensione OLAP nell'Elenco dei
valori di un report (barra filtro, controllo di input) è lessicografico
e ascendente.
OLAP
Il filtro su un oggetto OLAP dal filtro UI è basato sulla chiave
dell'oggetto in questione.
Il filtro da un controllo di input su una dimensione OLAP consiste
nell'applicare il filtro sulla didascalia. Il filtro su una gerarchia consiste nel filtrare su una chiave.
177
Eliminazione di query
L'eliminazione di query è disponibile solo per origini di query .unv,
OLAP e BEx.
Classificazione su dati gerarchici
in una tabella
Una classificazione su una tabella in cui è presente una gerarchia
non tiene conto della struttura della gerarchia dei dati. Per questo
motivo, qualsiasi gerarchia in una tabella in cui l'utente definisce
una classificazione diventa piatta.
2013-07-02
Creazione di report
La restrizione riguarda...
Descrizione
L'ordinamento di una gerarchia e, nel caso delle origini OLAP, di
una dimensione è basato sull'ordine del membro nel sistema
sottostante. È basato sull'ordinale dell'origine definito ordine naturale, ma non sull'ordine lessicografico come per l'altro tipo di oggetto aziendale. L'ordinamento su una gerarchia rispetta la struttura della gerarchia e gestisce i membri di pari livello a un determinato livello.
Ordinamento
L'ordinamento in base a una misura non salvaguarda l'ordine dei
membri in una gerarchia nella stessa tabella. Per questo motivo
il sistema visualizza la gerarchia semplice in una tabella in cui
l'utente ha applicato un ordinamento sull'indicatore.
Variabile (formula) sulla gerarchia: una formula basata su una
gerarchia produce sempre un elenco di valori piatto (senza dati
gerarchici).
Variabili
5.1.1.2.2 Operazioni con i dati gerarchici nelle tabelle
Le gerarchie sono visualizzate nelle tabelle come colonne gerarchiche. Una colonna gerarchica visualizza
la gerarchia in forma di relazioni principale-secondario. È possibile esplorare la gerarchia espandendone
e riducendone i valori.
Esempio:
Nella tabella che segue sono visualizzati la gerarchia [Prodotto] e l'indicatore [Fatturato]:
Prodotto
Fatturato
Generi di drogheria
203.124
Prodotti da forno
100.101
Bevande
54.345
Pane
48.678
L'indicatore visualizza il fatturato totale per il valore corrispondente nella gerarchia. Ad esempio, il
fatturato totale per Generi di drogheria è 203.124.
Per maggiori informazioni su Bevande, espandere il membro [Bevande]:
178
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Fatturato
Generi di drogheria
203.124
Prodotti da forno
100.101
Bevande
54.345
Bibite analcoliche
10.100
Soda
20.200
Latte
24.045
Pane
48.678
Quando si espande il membro, nella colonna Fatturato vengono visualizzati anche i valori dell'indicatore
associati a diversi tipi di bevande.
5.1.1.2.3 Dati gerarchici nelle tabelle a campi incrociati
Nelle tabelle a campi incrociati i dati gerarchici si comportano come nelle tabelle. Se un asse della
tabella a campi incrociati è basato su una gerarchia, è possibile fare clic su un elemento per espanderlo.
Esempio: Dati gerarchici in una tabella a campi incrociati
La seguente tabella a campi incrociati presenta la gerarchia [Tempo] sull'asse verticale e la gerarchia
[Prodotto] sull'asse orizzontale.
Time
Generi di drogheria
2008
203.110
2009
321.400
2010
350.444
Se si fa clic sull'elemento [Generi di drogheria], esso viene espanso per visualizzare gli elementi
secondari e visualizza i valori dell'indicatore corrispondenti.
Generi di drogheria
Time
179
Prodotti da forno
Bevande
Pane
2008
54.570
67.000
81.540
2009
101.000
98.990
121.410
2013-07-02
Creazione di report
Generi di drogheria
Time
2010
Prodotti da forno
Bevande
Pane
124.000
133.000
93.444
5.1.1.2.4 Esplorazione di gerarchie nelle query basata sugli universi OLAP
Espansione e compressione di tutte le gerarchie in una tabella
In una tabella con valori gerarchici, è possibile espandere tutte le gerarchie per mostrare tutte le
combinazioni possibili dei membri della gerarchia.
1. Da BI Launch Pad, aprire un documento basato su un universo OLAP .unx in Web Intelligence
Rich Client o nell'interfaccia Web Intelligence Applet.
2. Passare alla modalità "Lettura" o "Progettazione".
3. Per espandere tutte le gerarchie in una tabella, fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto
qualsiasi della tabella e scegliere Spostamento gerarchico > Tutto > Espandi tutte le gerarchie.
4. Per comprimere tutte le gerarchie in una tabella, fare clic con il pulsante destro del mouse in un
punto qualsiasi della tabella e scegliere Spostamento gerarchico > Tutto > Comprimi tutte le
gerarchie.
Esplorazione asimmetrica di una gerarchia
L'esplorazione asimmetrica è la modalità di esplorazione predefinita delle gerarchie quando si
selezionano membri per espanderli o comprimerli.
Nell'esplorazione asimmetrica di una gerarchia le azioni di espansione e compressione vengono
applicate solo al valore corrente delle altre dimensioni mostrate accanto alla gerarchia esplorata.
Esempio: Esplorazione asimmetrica
Una tabella contiene la dimensione [Prodotto] e la gerarchia [Geografia].
Prodotto
Geografia
Fatturato
Generi di drogheria
California
540.000
Bevande
California
453.300
Se si espande il membro [California] per visualizzare le città della California nella prima riga della
tabella, l'espansione viene applicata solo al valore corrente (Generi di drogheria) della dimensione
[Prodotto].
180
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Geografia
Fatturato
California
540.000
Los Angeles
320.000
San Diego
100.000
San Francisco
120.000
Generi di drogheria
Bevande
California
453.300
Argomenti correlati
• Esplorazione asimmetrica di una gerarchia
• Espansione e compressione di tutte le gerarchie in una tabella
Esplorazione asimmetrica di una gerarchia
1. Aprire in qualsiasi modalità un documento Web Intelligence basato su un'origine dati gerarchica.
2. Per espandere i membri secondari di un membro, fare clic su quest'ultimo o fare clic con il pulsante
destro del mouse e selezionare Espandi elementi secondari dal menu.
La gerarchia viene espansa solo per il valore corrente delle dimensioni o delle gerarchie mostrate
accanto alla gerarchia espansa nella tabella.
3. Per espandere tutti i membri discendenti di un membro, fare clic su quest'ultimo o fare clic con il
pulsante destro del mouse e selezionare Espandi discendente.
La gerarchia viene compressa solo per il valore corrente delle dimensioni o delle gerarchie mostrate
accanto alla gerarchia espansa nella tabella.
4. Per comprimere i membri secondari di un membro, fare clic sul membro espanso o fare clic con il
pulsante destro del mouse e selezionare Comprimi elementi secondari.
La gerarchia viene compressa solo per il valore corrente delle dimensioni o delle gerarchie mostrate
accanto alla gerarchia compressa nella tabella.
Esplorazione simmetrica di una gerarchia
Nell'esplorazione simmetrica di una gerarchia le azioni di espansione e compressione vengono applicate
in relazione a tutti i valori delle altre gerarchie o dimensioni mostrate accanto alla gerarchia esplorata
nella tabella.
Esempio: Esplorazione simmetrica
Una tabella contiene la dimensione [Prodotto] e la gerarchia [Geografia].
181
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Geografia
Fatturato
Generi di drogheria
California
540.000
Bevande
California
453.300
Se si espande il membro [California] nella prima riga per visualizzare le città della California,
l'espansione viene applicata a entrambi i valori della dimensione [Prodotto].
Prodotto
Geografia
Fatturato
California
540.000
Los Angeles
320.000
San Diego
100.000
San Francisco
120.000
Generi di drogheria
California
453.300
Los Angeles
120.000
San Diego
200.000
San Francisco
133.300
Bevande
Argomenti correlati
• Espansione e compressione di tutte le gerarchie in una tabella
• Esplorazione simmetrica di una gerarchia
Esplorazione simmetrica di una gerarchia
1. Aprire in qualsiasi modalità un documento Web Intelligence basato su un'origine dati gerarchica.
2. Per espandere gli elementi secondari di un membro, fare clic con il pulsante destro del mouse su
quest'ultimo e scegliere Spostamento gerarchico > Simmetrico > Espandi elementi secondari.
La gerarchia viene espansa per tutti i valori delle dimensioni o delle gerarchie mostrate accanto alla
gerarchia espansa nella tabella.
3. Per espandere tutti gli elementi discendenti di un membro, fare clic con il pulsante destro del mouse
su quest'ultimo e scegliere Spostamento gerarchico > Simmetrico > Espandi discendenti.
La gerarchia viene espansa per tutti i valori delle dimensioni o delle gerarchie mostrate accanto alla
gerarchia espansa nella tabella.
4. Per comprimere gli elementi secondari di un membro, fare clic con il pulsante destro del mouse su
quest'ultimo e scegliere Spostamento gerarchico > Simmetrico > Comprimi elementi secondari.
182
2013-07-02
Creazione di report
La gerarchia viene compressa per tutti i valori delle dimensioni o delle gerarchie mostrate accanto
alla gerarchia compressa nella tabella.
Modifica della concentrazione drill di una gerarchia
È possibile modificare la concentrazione drill quando si esplorano le gerarchie. Modificando la
concentrazione drill si esclude mediante filtro il membro principale e tutti i membri del livello e al di
sopra di esso quando lo si espande.
La modifica della concentrazione drill è utile quando si creano grafici su dati gerarchici. Poiché i valori
indicatore associati ai membri principali sono più aggregati rispetto ai relativi membri secondari, è
difficile visualizzarli sullo stesso asse del grafico utilizzando la stessa scala. Rimuovendo il membro
principale è possibile visualizzare i valori per i membri secondari utilizzando la stessa scala.
Esempio: Drill down su una gerarchia
In una tabella sono disponibili i dati seguenti:
Time
Fatturato
2008
29.358.677,22
2009
30.242.323
2010
45.320.243
Quando si esegue il drill down sul membro [2010], viene visualizzato quanto segue:
Time
Fatturato
T1
12.500.650
T2
14.353.231
T3
8.342.231
T4
10.124.131
I membri anno, con valori che sono molto più grandi dei valori dell'indicatore dei membri trimestre,
non vengono inclusi nella visualizzazione.
Modifica della concentrazione drill di una gerarchia
1. Aprire il documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Per eseguire il drill down su una gerarchia delle tabelle, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Nell'interfaccia Web Intelligence HTML fare clic con il pulsante destro del mouse sul membro da
espandere e scegliere Avvia drill > Drill down verso.
183
2013-07-02
Creazione di report
•
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, fare clic con il pulsante
destro del mouse sul membro da espandere e scegliere Avvia drill > Drill .
3. Per eseguire il drill up su una gerarchia delle tabelle, fare clic con il pulsante destro del mouse su
qualsiasi membro secondario su cui precedentemente è stato eseguito il drill down e selezionare
Concentrazione drill > Drill up.
5.1.1.2.5 Aggregazione di dati gerarchici
I dati indicatore gerarchici vengono aggregati in modo differente a seconda che il metodo di aggregazione
sia predefinito o esplicito. La logica di aggregazione si basa sulle regole seguenti:
• Insiemi di dati utilizzati per l'aggregazione:
1. Quando è presente una gerarchia nel contesto di un indicatore, i valori dell'indicatore per i membri
principali della gerarchia vengono aggregati. Questa operazione viene eseguita per impostazione
predefinita (il meccanismo Aggregato() non viene dichiarato in modo esplicito).
2. Per i tipi espliciti (SOMMA, MAX, MIN), la natura gerarchica dei dati viene ignorata. Tutti i dati
visibili vengono aggregati, inclusi quelli che lo sono già, ovvero i membri principali già aggregati.
•
Sensibilità allo stato compresso/espanso.
1. L'aggregazione esplicita consente di aggregare solo i dati visibili, tranne quando l'espressione
impostata viene utilizzata per una gerarchia specifica, nel qual caso vengono aggregati gli oggetti
definiti in tale espressione.
2. L'aggregazione predefinita, che include la funzione aggregate(), non è sensibile allo stato
compresso/espanso.
Aggregazione predefinita
L'aggregazione predefinita, che include la funzione Aggregato(), consente di eseguire un'aggregazione
non ridondante, ovvero senza conteggi doppi. L'aggregazione predefinita utilizza la funzione di
aggregazione predefinita per i dati della gerarchia. Se si include un indicatore in una cella senza
specificare una funzione di aggregazione oppure se si utilizza la funzione di aggregazione l'indicatore
viene calcolato utilizzando la funzione di aggregazione predefinita.
L'aggregazione predefinita utilizza i valori di rollup restituiti dal database, ovvero è compatibile con i
valori aggregati restituiti dal database. I valori predefiniti vengono calcolati applicando la funzione di
aggregazione predefinita a tutti i valori radice della gerarchia. Di conseguenza, l'aggregazione predefinita
non conteggia i valori più di una volta, tranne che in situazioni in cui lo stesso valore viene visualizzato
sotto diversi elementi radica di una gerarchia. Nell'esempio seguente gli elementi radice sono [Bibite]
e [Generi alimentari] e nessun elemento è presente sotto entrambi gli elementi radice.
Esempio: Aggregazione predefinita
Posizionare [Vendite unitarie] in una cella indipendente di un report che contiene la gerarchia
seguente. La funzione di aggregazione predefinita è Somma; di conseguenza, il valore nella cella
indipendente è 43.791 (24.597 + 19.194). L'applicazione restituisce un valore applicando la funzione
di aggregazione predefinita ai valori radice della gerarchia.
184
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Vendite unitarie
Bibite
24.597
Bevande alcoliche
6.838
Bevande
13.573
Generi alimentari
19.194
Prodotti da forno
7.870
Aggregazione esplicita
L'aggregazione esplicita include una funzione di aggregazione esplicita (ad esempio SOMMA)
direttamente in una formula. Se lo stesso valore è incluso più di una volta in un'aggregazione esplicita,
può essere conteggiato più di una volta in base allo stato visivo della gerarchia. Se ad esempio si
espande un elemento e un'aggregazione esplicita fa riferimento sia ad esso che a uno dei relativi
elementi secondari, a seconda del calcolo di rollup, il valore dell'elemento secondario potrebbe essere
calcolato due volte: una per se stesso e una volta con il valore del relativo elemento principale. Il motivo
di ciò è che Web Intelligence sta aggiungendo sia il valore dell'elemento secondario che quello
dell'elemento principale.
Nell'aggregazione esplicita l'applicazione fa riferimento allo stato visivo della gerarchia. Di conseguenza,
i valori possono essere conteggiati più di una volta e il risultato dei calcoli può cambiare se un elemento
è espanso o compresso.
Restrizione relativa all'aggregazione esplicita basata su insiemi
Quando una misura è aggregata insieme a gerarchie che non fanno parte dell'espressione set dichiarata
nella funzione di aggregazione, l'aggregazione non è implicita.
Ad esempio, quando in una tabella sono presenti gerarchie, l'aggregazione che utilizza set è inclusa
nel piè di pagina della tabella e le gerarchie nella tabella non sono specificate nell'espressione set, se
in altre parti del report è presente un filtro che rimuove gli elementi principali iniziali della gerarchia della
tabella, il sistema non aggregherà i valori per tali elementi principali, ma per gli elementi principali
originali non filtrati (risultato originale della query).
Argomenti correlati
• Esempi di aggregazione predefinita ed esplicita
185
2013-07-02
Creazione di report
Esempi di aggregazione predefinita ed esplicita
Esempio: Aggregazione predefinita ed esplicita
Si ottiene una gerarchia con i seguenti dati che viene visualizzata completamente espansa in un
report:
Prodotto
Vendite unitarie
Bibite
24.597
Bevande alcoliche
6.838
Bevande
13.573
Generi alimentari
19.194
Prodotti da forno
•
•
•
•
•
7.870
Posizionato nel piè di pagina tabella, [Vendite unitarie] restituisce 43.791. Questa
aggregazione predefinita restituisce il valore total aggregato per l'indicatore (24.597 + 19.194).
Posizionato nel piè di pagina tabella, Somma(Vendite unitarie]) restituisce 72.072. Questa
aggregazione esplicita conteggia ogni valore visibile nella gerarchia (24.597 + 6.838 + 13.573 +
19.194 + 7.870).
L'aggregazione esplicita Somma([Vendite unitarie];[Prodotto]&[Bibite].children)
restituisce 20.411 (6.838 + 13.573) poiché [Bibite] è espanso.
L'aggregazione esplicita Somma([Vendite unitarie];{[Prodotto]&[Bibite];[Prodot
to]&[Bevande]}) restituisce 38.170 (24.597 + 13.573). Il valore per [Bevande] è presente
due volte nel calcolo poiché [Bibite] è espanso.
L'aggregazione esplicita Aggregato([Vendite unitarie];{[Prodotto]&[Bibite];[Pro
dotto].[Bevande]}) restituisce 24.597. Il valore per [Bevande] non è presente due volte nel
calcolo.
Se si comprime il nodo [Bibite] nel report, i calcoli vengono visualizzati nel modo seguente:
•
•
•
•
•
186
[Vendite unitarie] restituisce 43.791. L'aggregazione predefinita non subisce modifiche in
seguito al cambiamento della visualizzazione.
Somma([Vendite unitarie]) restituisce 51.661 (24.597 + 19.194 + 7.870). L'aggregazione
esplicita utilizza tutti i valori visibili per restituire il valore.
Somma([Vendite unitarie];[Prodotto]).&[Bibite].children) restituisce un valore
non NULL anche se i membri secondari di [Bibite] non sono visibili.
Somma([Vendite unitarie];{[Prodotto].&[Bibite];[Prodotto].&[Bevande]})
restituisce 38.170 poiché [Bevande] non è visibile. L'aggregazione esplicita utilizza solo i valori
visibili.
Aggregato([Vendite unitarie];{[Prodotto].&[Bibite];[Prodotto].&[Bevande]})
restituisce 24.597. L'aggregazione predefinita non subisce modifiche in seguito al cambiamento
della visualizzazione.
2013-07-02
Creazione di report
5.1.2 Ricerca di testo
5.1.2.1 Per trovare testo in una pagina del report
1. Aprire un documento Web Intelligence.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", fare clic sull'icona Trova sulla barra degli strumenti.
• Se è attiva la modalità "Progettazione", fare clic sull'icona Trova sulla barra degli strumenti nella
scheda File.
La barra "Trova" viene visualizzata nella parte inferiore del pannello del report.
3. Digitare il testo nella casella "Trova" e premere INVIO oppure fare clic sull'icona Trova testo nella
pagina corrente.
Nota:
Per eseguire una ricerca con distinzione tra maiuscole e minuscole, fare clic sulla freccia accanto
alla casella e selezionare Maiuscole/minuscole.
4. Se il testo ricorre più di una volta, fare clic su Successivo o su Precedente per evidenziare le altre
occorrenze.
Nota:
Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, fare clic su Evidenzia
tutto per evidenziare tutte le occorrenze del testo nella pagina.
Nota:
Per chiudere la casella "Trova", fare clic sulla X in alto a destra della barra "Trova".
5.1.3 Modalità di visualizzazione
Nelle modalità documento "Lettura" e "Progettazione" è possibile visualizzare i report in diversi modi a
seconda di come si desidera utilizzare i dati e del tipo di visualizzazione dei dati desiderato. Le modalità
di visualizzazione vengono controllate mediante pulsanti nella parte inferiore della schermata di Web
Intelligence, sulla barra di stato.
187
2013-07-02
Creazione di report
5.1.3.1 Modalità di visualizzazione Pagina
Nelle modalità documento "Lettura" e "Progettazione", la modalità di visualizzazione "Pagina" consente
di visualizzare il layout di pagina dei report, inclusi margini, intestazioni e piè di pagina.
Utilizzare la modalità di visualizzazione "Pagina" se si desidera ottimizzare la formattazione delle tabelle
e dei grafici e il layout delle pagine del report.
5.1.3.1.1 Impostazione delle dimensioni del report in modalità Pagina
È possibile impostare come dimensione di un report una percentuale specifica, o uno specifico numero
di pagine in modalità "Pagina". Se, ad esempio, per un report viene impostata l'altezza di una pagina,
tutti gli elementi del report vengono riorganizzati in modo da rientrare in un'unica pagina orizzontale.
L'impostazione delle dimensioni del report sostituisce tutte le altre impostazioni che controllano il layout
di pagina di un report. Se, ad esempio, un report è costituito da tre sezioni ed è impostato in modo che
ogni sezione inizi in una nuova pagina, il report conterrà comunque una sola pagina se è impostata
l'altezza di una pagina.
L'impostazione della dimensione del report è effettiva solo nella modalità "Pagina".
Impostazione della dimensione del report
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare la scheda "Imposta
pagina".
2. Nella sottoscheda "Scala alla pagina" selezionare la larghezza del report nella casella Larghezza
e l'altezza nella casella Altezza, o impostare la dimensione del report come percentuale nella casella
Scala.
Se si definisce una percentuale, la larghezza e l'altezza vengono calcolate automaticamente.
5.1.3.2 Modalità Visualizzazione rapida
Nelle modalità documento "Lettura" e "Progettazione", "Visualizzazione rapida" è la modalità di
visualizzazione predefinita. È una modalità di formattazione che si basa sui dati e non sulle dimensioni
fisiche delle pagine del report. La modalità "Visualizzazione rapida" mostra le tabelle, i report e le celle
indipendenti nei report e visualizza un numero massimo di record in verticale e in orizzontale, a seconda
delle impostazioni definite."" La modalità "Visualizzazione rapida" specifica anche la larghezza e l'altezza
minime della pagina e la quantità di spazio intorno ai margini del report.
Poiché la modalità "Visualizzazione rapida" limita il numero delle righe orizzontali e verticali, è possibile
che un report non contenga tutti i dati disponibili.
188
2013-07-02
Creazione di report
Utilizzare la modalità "Visualizzazione rapida" se si desidera concentrarsi sui risultati dell'analisi,
aggiungere calcoli o formule, oppure organizzare i risultati mediante l'inserimento di interruzioni o
ordinamenti.
Le proprietà della modalità "Visualizzazione rapida" possono essere configurate dall'amministratore BI
o direttamente nell'applicazione.
Proprietà
Configurazione
Numero massimo record verticali
Amministratore BI
Numero massimo record orizzontali
Amministratore BI
Note
Larghezza pagina mini- Amministrama
tore BI
Altezza pagina minima Amministratore BI
Right padding
Amministratore BI
Spaziatura inferiore
Amministratore BI
Record verticali per
pagina
Applicazione
•
•
•
Record orizzontali per Applicazione
pagina
•
•
Interessa solo le tabelle a campi incrociati e le tabelle
orizzontali
Le tabelle orizzontali non vengono mai troncate in senso
verticale
Il numero di righe nella tabella orizzontale viene ignorato
nel calcolo dei record verticali
Interessa solo le tabelle a campi incrociati, i moduli e le
tabelle verticali
Il numero di righe nella tabella verticale viene ignorato nel
calcolo dei record orizzontali
Altre note:
• Le intestazioni e i piè di pagina della tabella non vengono conteggiati come righe.
• Le celle indipendenti e i grafici non vengono conteggiati come righe.
• Le celle delle sezioni non vengono conteggiate come righe se la sezione non è vuota.
• Le celle delle sezioni vengono conteggiate come righe verticali se la sezione è vuota.
• L'opzione Evita interruzioni pagina nel blocco non ha alcun effetto in modalità "Visualizzazione
rapida".
189
2013-07-02
Creazione di report
5.1.3.2.1 Per modificare le impostazioni della modalità Visualizzazione rapida
È possibile cambiare il numero di record orizzontali e verticali per pagina nella modalità "Visualizzazione
rapida".
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul report e scegliere Formato report per visualizzare la finestra di dialogo "Formato report".
2. Fare clic sulla scheda Generale.
3. Selezionare il numero di record orizzontali e verticali per pagina nella sezione Contenuto pagina
(solo modalità Visualizzazione rapida).
4. Fare clic su OK per tornare al "pannello delle query".
5.1.3.3 Passaggio da una modalità di visualizzazione all'altra
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Lettura" o "Progettazione".
2. Nella barra di stato nella parte inferiore del documento, selezionare una delle seguenti icone:
• Per visualizzare un report in modalità "Visualizzazione rapida", fare clic sull'icona Visualizzazione
rapida.
• Per visualizzare un report in modalità "Pagina", fare clic sull'icona Pagina.
5.1.4 Raggruppamento e separazione dei dati del report
È possibile visualizzare e nascondere i dati di report raggruppando e separando la visualizzazione di
elementi di report diversi.
È possibile raggruppare e separare sezioni, interruzioni e tabelle. I dati vengono nascosti e visualizzati
in diversi modi a seconda dell'elemento del report.
190
2013-07-02
Creazione di report
Elemento report
Sezione
Tabella o interruzione
Risultato
Quando una sezione viene raggruppata, i dettagli vengono nascosti e vengono
visualizzate solo le celle libere. In modalità "Lettura", è possibile raggruppare e
separare le sezioni mediante l'interfaccia HTML Web Intelligence, l'interfaccia
Web Intelligence Applet e Web Intelligence Rich Client.
Quando una tabella o un'interruzione viene raggruppata, le righe vengono nascoste
e vengono visualizzati solo intestazioni e piè di pagina. Per poter essere raggruppate e separate, le tabelle devono includere intestazioni e piè di pagina.
È possibile raggruppare e separare le tabelle verticali, le tabelle orizzontali e le
tabelle a campi incrociati.
In modalità "Lettura", è possibile raggruppare e separare le sezioni mediante
l'interfaccia , Web Intelligence Applet e Web Intelligence Rich Client. Non è possibile raggruppare e separare le tabelle mediante l'interfaccia HTML Web Intelligence.
5.1.4.1 Raggruppamento e separazione dei dati del report
È possibile raggruppare e separare i dati in modalità "Lettura" e "Progettazione" attivando la struttura.
1. Aprire un documento Web Intelligence.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
•
•
In modalità "Lettura" fare clic su Struttura.
In modalità "Progettazione", all'interno della scheda "Analisi", selezionare la sottoscheda
"Interagisci" e fare clic su Struttura.
Le barre raggruppate e separate vengono visualizzate a lato e sopra il pannello dei report, a seconda
della struttura del report.
3. Utilizzare le icone a freccia +/- presenti sulle barre, che corrispondono ai singoli elementi di report
e con cui sono allineati, per raggrupparli e separarli.
4. Utilizzare le icone a lato e nella parte superiore della barra per raggruppare e separare tutte le
istanze di un tipo di elemento di report.
5.1.5 Visualizzazione di tutto il contenuto nascosto in un report
È possibile nascondere tabelle, celle e sezioni nei report.
191
2013-07-02
Creazione di report
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul report in cui è presente il contenuto nascosto e fare
clic su Mostra tutti i contenuti nascosti.
5.1.6 Formattazione del layout del report
È possibile formattare il report e gli elementi in esso contenuti per presentarlo con uno stile aziendale.
Questa operazione può essere eseguita manualmente oppure creando un foglio di stile aziendale con
un file CSS. È possibile aggiungere uno sfondo colorato, immagini aziendali e così via. Per modificare
il formato del report, è necessario visualizzarlo in modalità Progettazione per poter accedere alle relative
opzioni di formattazione. È possibile formattare i seguenti elementi del report:
Elemento da impostare
Operazione
Nome del report
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Generale, quindi assegnare un nome al report.
Numero di record per pagina Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Generale, quindi impostare il numero di record per pagina.
Stile del bordo del report
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Bordo, impostare lo stile, lo spessore e il colore del bordo.
Sfondo del report
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Aspetto e impostare lo sfondo (colore, motivo, immagine).
Dimensione pagina
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e selezionare una dimensione di pagina.
Orientamento
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e selezionare l'orientamento orizzontale o verticale.
Proporzioni pagina
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e selezionare le proporzioni di pagina.
Margini pagina
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e impostare dimensioni di margine diverse a seconda
delle esigenze.
Intestazione visualizzata o
nascosta
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e selezionare o deselezionare Mostra intestazione.
oppure
Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'intestazione del report,
scegliere Formato intestazione e selezionare o deselezionare Mostra
intestazione.
192
2013-07-02
Creazione di report
Elemento da impostare
Operazione
Dimensione dell'intestazione Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e immettere una dimensione per l'intestazione.
oppure
Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'intestazione del report,
scegliere Formato intestazione e immettere una dimensione per l'intestazione.
Stile del bordo dell'intestazione
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel piè di pagina del report,
scegliere Formato piè di pagina e selezionare uno stile per il bordo
del piè di pagina.
Sfondo dell'intestazione
Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'intestazione del report,
scegliere Formato intestazione, selezionare un colore e un motivo
per lo sfondo o immettere l'indirizzo di un'immagine.
Piè di pagina visualizzato o
nascosto
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e selezionare o deselezionare Mostra piè di pagina.
oppure
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel piè di pagina del report,
scegliere Formato piè di pagina e selezionare o deselezionare Mostra
piè di pagina.
Dimensione del piè di pagina Fare clic con il pulsante destro del mouse nel report, scegliere Formato
report > Layout e immettere una dimensione per il piè di pagina.
oppure
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel piè di pagina del report,
scegliere Formato piè di pagina e immettere una dimensione per il
piè di pagina.
Stile del bordo del piè di pagi- Fare clic con il pulsante destro del mouse nel piè di pagina del report,
na
scegliere Formato piè di pagina e selezionare uno stile per il bordo
del piè di pagina.
Sfondo del piè di pagina
Fare clic con il pulsante destro del mouse nel piè di pagina del report,
scegliere Formato piè di pagina, selezionare un colore e un motivo
per lo sfondo o immettere l'indirizzo di un'immagine.
Argomenti correlati
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
• Formattazione di tabelle e celle di tabelle
193
2013-07-02
Creazione di report
5.1.7 Stampa di report
È possibile stampare uno o più report di un singolo documento Web Intelligence.
I documenti vengono stampati direttamente dall'interfaccia di Web Intelligence Applet e da Web
Intelligence Rich Client. Tuttavia, se si stampa dall'interfaccia HTML di Web Intelligence, il documento
deve essere esportato in un file PDF che potrà essere stampato.
Nota:
Se le dimensioni del report superano la larghezza del formato impostato in "Layout di pagina del report",
vengono inserite interruzioni di pagina. Il formato carta e l'orientamento della pagina per la stampa
possono variare rispetto ai valori impostati per i report quando vengono visualizzati nell'interfaccia di
Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client.
5.1.7.1 Per stampare i report
1. Aprire un documento Web Intelligence.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", fare clic sull'icona Stampa.
• Se è attiva la modalità "Progettazione" o "Dati", fare clic sull'icona Stampa sulla barra degli
strumenti nella scheda "File".
• Se si sta utilizzando l'interfaccia HTML Web Intelligence, viene visualizzata la finestra di dialogo
"Download del file". Aprire il file PDF e stampare il report.
• Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, viene visualizzata
la finestra di dialogo "Stampa". Scegliere le opzioni di stampa desiderate e stampare il report.
5.2 Uso delle tabelle
5.2.1 Visualizzazione dei dati nelle tabelle
194
2013-07-02
Creazione di report
Quando si crea un documento e si esegue la query alla prima visualizzazione dei risultati, il documento
contiene un report che include i risultati della query in una tabella verticale. È possibile effettuare le
operazioni indicate di seguito:
• Modificare l'organizzazione della tabella
• Rimuovere o aggiungere dati
• Inserire altre righe o colonne
• Nascondere colonne (vedere la nota sotto)
• Modificare il tipo di tabella
• Trasformare la tabella in un grafico
• Inserire altre tabelle
Nota:
quando si crea un nuovo nome per una colonna, si tratta di un'intestazione personalizzata non collegata
alla dimensione. Pertanto, quando si nasconde la colonna e la si visualizza di nuovo, verrà ripristinato
il nome precedente. Se si desidera visualizzare un nuovo nome e fare in modo che questo venga
mantenuto, è necessario creare una variabile.
5.2.1.1 Tipi di tabella
5.2.1.1.1 Tabelle verticali
Nelle tabelle verticali, le celle di intestazione sono visualizzate nella parte superiore della tabella, mentre
i dati corrispondenti sono visualizzati all’interno di colonne. Per impostazione predefinita, nelle celle di
intestazione sono visualizzati i nomi di dimensioni, dettagli e indicatori inclusi nella tabella. Nelle celle
del corpo sono visualizzati i valori corrispondenti.
5.2.1.1.2 Tabelle orizzontali
Nelle tabelle orizzontali, le celle di intestazione sono visualizzate sul lato della tabella, mentre i dati
corrispondenti sono visualizzati all’interno di righe. Per impostazione predefinita, nelle celle di intestazione
195
2013-07-02
Creazione di report
sono visualizzati i nomi di dimensioni, dettagli e indicatori inclusi nella tabella. Nelle celle del corpo
sono visualizzati i valori corrispondenti.
5.2.1.1.3 Campi incrociati
Nei campi incrociati, i valori delle dimensioni sono visualizzati sugli assi laterali. Nel corpo sono
visualizzati i valori di un indicatore corrispondenti a quelli della sezione trasversale delle dimensioni.
Valori nei campi incrociati
Nell'esempio seguente, questo campo incrociato mostra i valori per [Trimestre] sull'asse superiore e i
valori di [Stato] sull'asse laterale. Nel corpo sono visualizzati i valori di [Fatturato] per ogni trimestre in
ogni regione.
Più dimensioni in campi incrociati
All’interno dei campi incrociati è possibile includere più dimensioni. Nell'esempio seguente, il campo
incrociato mostra due dimensioni. I valori dell’indicatore [Fatturato] sono relativi ad ogni stato per
trimestre per ciascuna linea.
Quando si creano campi incrociati contenenti dimensioni nel corpo, i valori delle celle del corpo sono
calcolati in funzione di un modello di dati multidimensionale. Nell'esempio seguente i valori visualizzati
nel corpo sono calcolati in funzione di tutte le coordinate degli assi della tabella, indipendentemente
dalla presenza di una riga per le coordinate specifiche nei dati.
196
2013-07-02
Creazione di report
5.2.1.1.4 Moduli
È possibile utilizzarli nei report per visualizzare informazioni dettagliate per cliente, prodotto o partner.
Ad esempio, è possibile utilizzare un modulo per visualizzare informazioni sui clienti, quali conto, nome,
indirizzo e così via.
I moduli sono inoltre utili per la formattazione di etichette di indirizzi da applicare alle buste.
5.2.1.2 Creazione e modifica delle tabelle
5.2.1.2.1 Creazione di una tabella mediante il trascinamento di oggetti in un report
Si sta lavorando con un report e si desidera inserire una tabella al suo interno. Vengono utilizzati gli
oggetti disponibili restituiti dalla query.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic sull'icona Oggetti disponibili
per visualizzare l'elenco "Oggetti disponibili" nel pannello laterale.
2. Selezionare uno o più oggetti e trascinarli con il cursore del mouse in una parte vuota del report.
Quando si rilascia il pulsante del mouse, gli oggetti vengono visualizzati come colonne in una tabella
verticale.
3. Per aggiungere uno o più oggetti alla tabella, trascinarli in una tabella esistente.
Ad esempio:
• Per aggiungere una colonna accanto a una colonna esistente, trascinare e rilasciare l'oggetto
accanto alla colonna.
• Per sostituire una colonna esistente, trascinare e rilasciare l'oggetto al centro della colonna.
197
2013-07-02
Creazione di report
5.2.1.2.2 Creazione di una tabella
Quando si lavora in modalità "Struttura" è possibile definire e visualizzare in anteprima una nuova
tabella senza i dati del server.
1. In un documento Web Intelligence, dall'elenco a discesa della modalità "Progettazione" nell'angolo
superiore della barra degli strumenti, fare clic su Solo struttura per passare alla modalità "Struttura".
2. Nella scheda "Elementi report" selezionare la sottoscheda "Tabelle".
3. Selezionare una delle opzioni seguenti:
• Definisci tabella verticale
• Definisci tabella orizzontale
• Definisci campo incrociato
• Definisci modulo
4. Fare clic sul report nella posizione in cui si desidera visualizzare la tabella.
5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul bordo della tabella e scegliere Assegna dati nel menu
di scelta rapida.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Assegna dati".
6. Fare clic sulla freccia nella casella di testo "Scegli" e dall'elenco a discesa selezionare l'oggetto da
associare alla colonna, alla riga o alla cella del corpo della tabella.
Nota:
è possibile associare una formula anziché un oggetto report al componente facendo clic sulla freccia
accanto al componente, selezionando Modifica formula e definendo la formula nell'"Editor delle
formule".
7. Per aggiungere un altro elemento della tabella, fare clic su + accanto alla casella di testo "Scegli".
8. Per eliminare un componente della tabella, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Fare clic sull'icona X.
• Fare clic sulla freccia accanto a una casella di testo di elemento e selezionare Elimina dal menu
di scelta rapida.
9. Al termine della definizione della tabella, selezionare Progettazione > Con dati per popolare la
tabella con i dati oppure fare clic su OK.
5.2.1.2.3 Modifica del formato di una tabella
È possibile trasformare una tabella in un formato diverso o in un grafico utilizzando l'opzione Trasforma
tabella in. In alternativa, è possibile selezionare lo stile della tabella o del grafico dalla sezione
"Strumenti" della scheda "Elementi report".
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla tabella da riformattare, quindi scegliere Trasforma tabella in per visualizzare le
opzioni di "Trasforma in".
2. Scegliere un tipo di tabella o di grafico.
198
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
Quando si trasforma una tabella con un carattere Unicode in un grafico, il carattere non viene conservato
se Unicode non è definito come carattere predefinito per i grafici. Per ulteriori informazioni su come
impostare Unicode come carattere predefinito, contattare l'amministratore BI.
5.2.1.2.4 Aggiunta di righe e colonne di tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" selezionare una cella nella
colonna o nella riga accanto alla quale si desidera inserire un'altra colonna o riga.
2. Eseguire una delle procedure seguenti:
• Selezionare la scheda "Elemento del report" e nella sottoscheda "Layout tabella" selezionare
una delle seguenti opzioni dall'elenco "Inserisci":
• Inserisci righe sopra
• Inserisci righe sotto
• Inserisci colonne a sinistra
• Inserisci colonne a destra
•
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e selezionare Inserisci, quindi effettuare
una delle operazioni seguenti:
• Inserisci riga sopra
• Inserisci riga sotto
• Colonna a sinistra
• Colonna a destra
3. Trascinare un oggetto dal riquadro Oggetti disponibili del pannello laterale nella colonna o nella
riga vuota inserita.
5.2.1.2.5 Rimozione di righe o colonne di una tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla colonna o sulla riga della tabella da rimuovere e scegliere Elimina dal menu.
Per impostazione predefinita, se si seleziona Elimina dal menu, viene eliminata la colonna in una
tabella verticale o una riga in una tabella orizzontale.
2. Selezionare Riga o Colonna.
3. Fare clic su OK.
5.2.1.2.6 Spostamento di una riga o una colonna
•
In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", trascinare la colonna o la riga
selezionata, quindi rilasciarla prima o dopo un'altra colonna o un'altra riga della tabella.
Quando si trascina una riga o una colonna, l'intestazione di colonna o di riga viene visualizzata
accanto al puntatore.
5.2.1.2.7 Inversione di una riga o una colonna
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
199
2013-07-02
Creazione di report
2. Trascinare la colonna o la riga selezionata nella colonna o nella riga con cui si desidera effettuare
l'inversione.
5.2.1.2.8 Cancellazione del contenuto delle celle di una tabella
In una tabella, è possibile cancellare i tipi di cella riportati di seguito:
• celle di intestazione. È possibile cancellare ciascuna cella di intestazione separatamente
• celle di piè di pagina. È possibile cancellare ciascuna cella di piè di pagina separatamente
• celle del corpo correlate. Cancellando una cella del corpo, viene automaticamente cancellato il
contenuto di tutte le celle del corpo incluse nella stessa colonna o nella stessa riga della tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare la cella che si
desidera cancellare.
I bordi della cella sono evidenziati.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella selezionata e scegliere Cancella contenuti.
5.2.1.2.9 Rimozione di una tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic sul bordo superiore
della tabella da rimuovere.
Intorno alla tabella viene visualizzato un bordo grigio.
2. Premere il tasto CANC della tastiera.
5.2.1.2.10 Copia di una tabella
È possibile copiare e incollare le tabelle all'interno di un report o in applicazioni esterne di Microsoft
Office, ad esempio Excel o Word.
Avvertenza:
non è possibile copiare le tabelle da una versione a un'altra di Web Intelligence.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare e fare clic con il
pulsante destro del mouse sulla tabella da copiare.
2. Selezionare Copia.
3. Per incollare la tabella in un'altra parte del report, fare clic con il pulsante destro del mouse nel punto
in cui si desidera visualizzare la tabella, quindi selezionare Incolla.
4. Per incollare la tabella in un'altra applicazione, incollare il contenuto nell'altra applicazione.
5.2.1.3 Formattazione di tabelle e celle di tabelle
In Web Intelligence, è possibile definire i seguenti aspetti visivi di tabelle e celle nei report:
• Selezionare un colore per lo sfondo della tabella
• Inserire un'immagine o un aspetto in una tabella
200
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
•
•
•
Formattare celle o bordi della tabella
Formattare il testo nelle celle della tabella
Impostare l'altezza e la larghezza delle celle
Copiare e incollare la formattazione
Impostare la posizione della tabella nella pagina del report
Definire i livelli delle tabelle e delle celle
Unire celle della tabella
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.1 Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
È possibile impostare il colore di sfondo per una tabella o per le relative celle. Quando si definisce il
colore di sfondo delle celle (anche se si tratta del bianco), esso ha la precedenza sul colore di sfondo
della tabella. Se si tenta di applicare un colore di sfondo a un'intera tabella e le celle restano bianche,
assicurarsi che non siano state impostate con uno sfondo bianco.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla tabella o sulla cella e scegliere Formato tabella o Formato cella dal menu di scelta
rapida.
2. Nella scheda "Aspetto", fare clic sul pulsante di opzione accanto all'icona della tavolozza colori.
3. Fare clic sulla freccia accanto alla tavolozza colori per visualizzarla.
4. Selezionare un colore dalla tavolozza.
5. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
201
2013-07-02
Creazione di report
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.2 Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla tabella e scegliere Formato tabella dal menu di scelta rapida.
2. Nella sezione "Colore alternativo" della scheda "Aspetto" impostare la frequenza con cui si desidera
visualizzare il colore della riga alternativo nella casella combinata accanto a Frequenza.
3. Fare clic sulla freccia accanto a Colore e selezionare il colore dalla tavolozza.
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.3 Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla tabella e scegliere Formato tabella dal menu di scelta rapida.
2. Nella scheda "Aspetto", eseguire una delle operazioni seguenti:
• Per visualizzare un aspetto, selezionare Aspetto, quindi scegliere un aspetto dall'elenco.
Nota:
Per consentire la visualizzazione dell'aspetto, è necessario impostare un valore maggiore di 0
per la spaziatura interna orizzontale o verticale nella sezione "Spaziatura e spaziatura interna"
di questa scheda.
202
2013-07-02
Creazione di report
•
Per fare riferimento a un'immagine utilizzando un URL, selezionare Immagine da URL, quindi
digitare l'URL.
Per accedere a un'immagine sul server aziendale, digitare il nome dell'immagine. L'applicazione
inserisce boimg:// quando si fa clic su Applica.
•
Per accedere direttamente a un file di immagine, fare clic su Immagine da file, quindi fare clic
su Sfoglia per accedere al file.
Nota:
Per rimuovere l'immagine o il motivo, selezionare Nessuno per il motivo.
3. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.4 Formattazione dei bordi della tabella o della cella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla tabella o sulla cella e scegliere Formato tabella o Formato cella dal menu di scelta
rapida.
2. Nella scheda "Bordo" utilizzare i controlli nella scheda per configurare gli stili e i colori del bordo.
Ogni volta che si modifica un'impostazione di stile, è necessario fare clic sul quadrato o su uno dei
pulsanti di linea in modo da applicarla alla sezione "Anteprima"; in caso contrario, non verrà applicata
alla cella o alla tabella.
3. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
203
2013-07-02
Creazione di report
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.5 Formattazione del testo nelle celle della tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare le celle di cui si
desidera formattare il testo.
Suggerimento:
Se si seleziona una sola cella in una colonna, verranno selezionate tutte le celle nella colonna. Per
selezionare più colonne o celle, selezionare la prima colonna o cella, tenere premuto il tasto CTRL
e continuare a selezionare le altre colonne o celle.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla selezione di cella e scegliere Formato cella.
3. Nella scheda "Carattere" selezionare il carattere, lo stile, le dimensioni e gli effetti, se richiesto.
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.6 Per attivare il testo a capo in una cella di tabella
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare una cella nella tabella ed eseguire una delle operazioni seguenti:
• Nella scheda "Formato" o "Formattazione" e nella scheda secondaria "Allineamento" fare clic
sull'icona Testo a capo.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse nella cella ed eseguire una delle operazioni seguenti:
• Selezionare Testo, quindi "Testo a capo".
204
2013-07-02
Creazione di report
•
Selezionare Formato cella. Nella finestra di dialogo "Formato cella" selezionare Allineamento
nel riquadro laterale e attivare l'opzione Testo a capo. Fare clic su OK per chiudere la finestra
di dialogo.
Per disattivare il testo a capo in una cella, dopo averla selezionata applicare una delle tecniche descritte
sopra e deselezionare l'opzione Testo a capo.
5.2.1.3.7 Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
È possibile definire l'altezza e la larghezza delle celle utilizzando il trascinamento della selezione o
specificando la dimensione delle celle nella finestra di dialogo "Formato cella".
Se si desidera nascondere il contenuto della cella sui report, impostare la larghezza della cella a 0,1
cm in modo da poterla modificare per visualizzare il contenuto della cella.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Per impostare una larghezza e un'altezza fisse per le celle, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Trascinare i bordi della cella fino a ottenere l'altezza e la larghezza desiderate.
• Selezionare le celle da modificare, farvi clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Formato
cella. Nella scheda "Generale" impostare l'altezza e la larghezza delle celle.
3. Per impostare la cella in modo da adattarne le dimensioni al testo in essa contenuto, eseguire una
delle operazioni seguenti:
• Selezionare Adatta automaticamente larghezza al contenuto e/o Adatta automaticamente
altezza al contenuto e impostare il valore minimo di larghezza e altezza.
L'opzione Adatta consente di mantenere le dimensioni correnti della cella come dimensioni
minime e di ingrandire la cella nel caso in cui la stringa in essa contenuta superi le dimensioni
minime specificate.
Alcune funzioni non sono compatibili con le celle adattate automaticamente. Se si inserisce una
di queste funzioni in una cella adattata automaticamente, la funzione restituisce il messaggio di
errore #RICORSIVO.
•
•
Per impostare la larghezza di una cella adattata automaticamente, fare doppio clic su uno dei
lati della cella.
Per impostare l'altezza di una cella adattata automaticamente, fare doppio clic sul bordo inferiore
della cella.
Nota:
•
•
la visualizzazione dei documenti contenenti tabelle con dimensione di cella impostata su Adatta
richiede più tempo rispetto ai documenti le cui tabelle contengono celle con larghezza e altezza
fisse.
le proprietà Adatta automaticamente altezza al contenuto e Adatta automaticamente
larghezza al contenuto non hanno effetto se l'opzione Leggi contenuto come è impostata su
HTML.
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
205
2013-07-02
Creazione di report
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
Effetti dell'adattamento automatico e del testo a capo nelle celle delle tabelle
Nella tabella seguente sono riportati gli effetti delle funzioni Adatta e Testo a capo, quando vengono
utilizzate separatamente e in combinazione:
Funzionalità
Effetto
Testo a capo
Il testo viene riportato a capo alla fine della cella.
Adatta automaticamente larghezza al contenuto La larghezza della cella viene adattata per visualizzare tutto il testo.
Adatta automaticamente altezza al contenuto L'altezza della cella viene adattata per visualizzare
tutto il testo.
Adatta automaticamente larghezza al contenuto La larghezza e l'altezza della cella vengono adat+ Adatta automaticamente altezza al contenuto tate per visualizzare tutto il testo.
206
2013-07-02
Creazione di report
Funzionalità
Effetto
Testo a capo + Adatta automaticamente larghez- La larghezza della cella viene adattata in base alla
parola più lunga. Poiché l'altezza della cella non
za al contenuto
viene modificata in base al numero delle righe di
testo, il testo potrebbe risultare troncato in verticale.
Testo a capo + Adatta automaticamente altezza L'altezza della cella viene adattata in base al numero di righe di testo generate a causa della funal contenuto
zione Testo a capo. Poiché la larghezza della cella
non viene adattata in base alla parola più lunga, il
testo potrebbe risultare troncato in orizzontale.
Testo a capo + Adatta automaticamente altezza L'altezza e la larghezza della cella vengono adatal contenuto + Adatta automaticamente larghez- tate al testo; il testo non viene troncato in nessuna
direzione.
za al contenuto
Argomenti correlati
• Per attivare il testo a capo in una cella di tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
5.2.1.3.8 Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
Utilizzare lo strumento "Copia formato" per applicare rapidamente la formattazione di un report, una
tabella o una cella ad altri report, tabelle o celle.
Le opzioni di formattazione applicate dipendono dagli oggetti scelti come origine e destinazione. In
generale, vengono applicate solo le proprietà che impattano sulla formattazione visiva, ad esempio lo
stile del carattere, il colore di sfondo e così via. Le proprietà che influiscono sulla visualizzazione dei
dati, ad esempio le proprietà della tabella tra cui Evita aggregazione righe duplicate, non vengono
applicate.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare il report, la tabella
o la cella di cui applicare la formattazione.
2. Nella sottoscheda "Strumenti" della scheda "Formattazione", fare clic su Copia formato per applicare
la formattazione una volta oppure doppio clic per applicarla più volte.
3. Fare clic sul report, sulla tabella o sulla cella a cui si desidera applicare la formattazione.
Se si fa clic (una sola volta) sull'icona Copia formato, l'opzione viene disattivata.
Se si fa doppio clic su Copia formato, l'opzione rimane attivata. Per disattivarlo, fare clic nuovamente
su Copia formato oppure premere ESC per annullare l'operazione di formattazione.
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
207
2013-07-02
Creazione di report
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.9 Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul bordo della tabella o del grafico e scegliere Formato tabella o Formato grafico.
2. Nella scheda "Layout" del panello di formattazione della tabella o del grafico, utilizzare i controlli
nella sezione "Posizione relativa" per impostare la posizione della tabella o del grafico in relazione
ad altri elementi del report.
Suggerimento:
è anche possibile accedere alla scheda "Layout" nel pannello di formattazione della tabella o del
grafico in uno dei modi seguenti:
• Nella scheda "Elementi del report", nella sottoscheda "Posizione", fare clic su Allinea.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella o sul grafico e scegliere Allinea, quindi
selezionare un'opzione di allineamento.
3. Fare clic su OK per tornare al "pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
208
2013-07-02
Creazione di report
5.2.1.3.10 Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
La definizione dei livelli determina il modo in cui le tabelle e le celle vengono visualizzate quando
occupano lo stesso spazio in un report. Un oggetto con un livello più alto nell'ordine dei livelli viene
visualizzato sopra un altro oggetto che invece è definito con un livello più basso.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare la tabella o la
cella di cui impostare il livello.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla selezione, fare clic su Ordine e selezionare l'opzione
di definizione dei livelli.
Opzione
Descrizione
Porta in primo piano
Imposta la tabella o la cella come primo oggetto nell'ordine di definizione
dei livelli.
Porta in secondo
piano
Imposta la tabella o la cella come ultimo oggetto nell'ordine di definizione
dei livelli.
Porta avanti
Sposta la tabella o la cella di un livello più in alto nell'ordine di definizione
dei livelli.
Porta indietro
Sposta la tabella o la cella di un livello più in basso nell'ordine di definizione
dei livelli.
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.3.11 Unione delle celle della tabella
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", per selezionare le celle da
unire tenere premuto il tasto CTRL e fare clic sulle celle.
2. Mantenere premuto il pulsante CTRL, fare clic con il pulsante destro del mouse sulle celle selezionate
e scegliere Unisci.
209
2013-07-02
Creazione di report
Avvertenza:
Quando si uniscono le celle, la cella unita risultante contiene solo i dati della prima cella selezionata.
I dati delle altre celle vanno persi.
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina del report
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.2.1.4 Controllo della visualizzazione delle tabelle
5.2.1.4.1 Per visualizzare o nascondere tabelle, righe o colonne
È possibile che nelle tabelle o in righe o colonne specifiche non venga visualizzato alcun valore. Ad
esempio, se le vendite di un prodotto specifico sono interrotte, le righe o le colonne della tabella che
dovrebbero visualizzare i risultati di quel prodotto sono vuote. Per impostazione predefinita, le righe,
le colonne o le tabelle vuote vengono visualizzate.
È possibile scegliere se visualizzarle o nasconderle. Quando si nasconde una tabella o un elemento,
il nome appare in corsivo e in grigio nel pannello laterale del riquadro "Struttura e filtri del documento".
È anche possibile visualizzare e nascondere le tabelle in base al risultato di una formula.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Generale" selezionare una delle seguenti opzioni:
• Per nascondere la tabella, selezionare Nascondi sempre.
• Per nascondere la cella quando è vuota, selezionare Nascondi se vuoto.
• Per nascondere la tabella quando la formula è true, selezionare Nascondi se la seguente
formula è true e digitare una formula nella casella.
210
2013-07-02
Creazione di report
•
•
Per visualizzare le righe con valori dell'indicatore vuoti, selezionare Mostra righe con tutti i
valori di indicatore vuoti.
Per visualizzare righe con valori di dimensioni vuoti, selezionare Mostra righe con valori di
dimensioni vuoti.
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.2 Visualizzazione di tabelle, celle o sezioni nascoste
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare una delle opzioni
seguenti:
• La tabella, la cella indipendente o la sezione nascosta nella scheda "Struttura e filtri del
documento" del pannello laterale.
• L'oggetto report nascosto nella tabella in cui è visualizzato.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto e selezionare Nascondi > Mostra.
Suggerimento:
Per mostrare tutti gli elementi nascosti in un report, fare clic con il pulsante destro del mouse sul
report e scegliere Mostra tutti i contenuti nascosti.
5.2.1.4.3 Come nascondere dimensioni nelle tabelle
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare la colonna della
tabella contenente la dimensione che si desidera nascondere.
2. Nella scheda "Elementi report" selezionare la sottoscheda "Comportamenti".
3. Fare clic su Nascondi > Nascondi dimensione.
5.2.1.4.4 Visualizzazione di tutte le dimensioni nascoste
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare una tabella
contenente le dimensioni nascoste.
2. Nella scheda "Elementi report" selezionare la sottoscheda "Comportamenti".
3. Fare clic su Nascondi > Mostra dimensioni nascoste per visualizzare di nuovo le dimensioni.
Suggerimento:
Se le dimensioni nascoste erano gli unici oggetti nella tabella, fare clic con il pulsante destro del
mouse sulla tabella nel riquadro "Struttura e filtri del documento" del pannello laterale e selezionare
Nascondi > Mostra dimensioni nascoste.
5.2.1.4.5 Come evitare l'aggregazione di righe duplicate
Quando le righe contengono dati duplicati, per impostazione predefinita i valori degli indicatori vengono
aggregati. In questa situazione è possibile scegliere di non aggregarli.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Generale" selezionare Evita aggregazione righe duplicate.
211
2013-07-02
Creazione di report
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.6 Per mostrare o nascondere le intestazioni e i piè di pagina della tabella
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella finestra di dialogo "Formato tabella", selezionare la scheda "Generale".
4. Per l'intestazione della tabella, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Per visualizzare le intestazioni:
•
•
•
Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence HTML, selezionare Intestazioni tabella o, nel caso
di un campo incrociato, Intestazione in alto o Intestazione a sinistra oppure entrambi.
Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare
Mostra intestazioni tabella oppure, nel caso di un campo incrociato, Mostra intestazione
in alto o Mostra intestazione a sinistra oppure entrambi.
Per nascondere le intestazioni, deselezionare le relative opzioni.
5. Per il piè di pagina della tabella, eseguire una delle operazioni seguenti:
• Per visualizzare i piè di pagina:
•
•
•
Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence HTML, selezionare Piè di pagina tabella o, nel
caso di un campo incrociato, Piè di pagina inferiore o Piè di pagina destro oppure entrambi.
Se si utilizza l'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare
Mostra piè di pagina tabella oppure, nel caso di un campo incrociato, Mostra piè di pagina
inferiore o Mostra piè di pagina destro oppure entrambi.
Per nascondere i piè di pagina, deselezionare le relative opzioni.
6. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.7 Avvio delle tabelle su una nuova pagina del report
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Layout" selezionare Inizia su una nuova pagina nel riquadro "Verticale" o
"Orizzontale".
I riquadri "Orizzontale" e "Verticale" fanno riferimento agli assi della tabella.
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.8 Visualizzazione dei nomi degli oggetti nelle intestazioni di tabelle a campi incrociati
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Generale" fare clic su Mostra nomi oggetto per visualizzare i nomi dell'oggetto in
altre intestazioni sulla tabella a campi incrociati.
212
2013-07-02
Creazione di report
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.9 Come evitare le interruzioni di pagina nelle tabelle
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Layout" selezionare Evita interruzioni di pagina nelle tabelle nel riquadro "Verticale"
o "Orizzontale".
I riquadri "Orizzontale" e "Verticale" fanno riferimento agli assi della tabella.
4. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.1.4.10 Ripetizione di intestazioni o piè di pagina di tabella nelle pagine del report
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il cursore del mouse sul bordo della tabella finché non diventa un segno più (+), fare
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato tabella dal menu di scelta rapida.
3. Nella scheda "Layout" selezionare Ripeti intestazione su ogni pagina o Ripeti piè di pagina su
ogni pagina nel riquadro "Verticale" o "Orizzontale".
I riquadri "Orizzontale" e "Verticale" fanno riferimento agli assi della tabella.
4. Fare clic su OK nel "Pannello delle query".
5.2.2 Visualizzazione dei dati nelle celle indipendenti
Le celle indipendenti sono celle singole autonome all’interno dei report È possibile inserire testo o
formule in una cella indipendente oppure è possibile utilizzare celle indipendenti predefinite che mostrano
informazioni specifiche.
Per ulteriori informazioni sulle funzioni utilizzate nelle celle indipendenti, consultare il manuale Utilizzo
di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence o la Guida in linea.
Funzioni di celle di formula e testo nelle celle indipendenti
213
Funzione
Descrizione
Cella vuota:
cella vuota nella quale è possibile immettere qualsiasi testo o formula.
Filtri di drill:
utilizza la funzione FiltriDrill per visualizzare dettagli dei filtri di drill
applicati al report.
Data ultimo aggiornamento:
utilizza la funzione DataUltimaEsecuzione per visualizzare la data
dell'aggiornamento del documento.
2013-07-02
Creazione di report
Funzione
Descrizione
Nome documento:
utilizza la funzione NomeDocumento per visualizzare il nome del documento.
Riepilogo query:
utilizza la funzione RiepilogoQuery per visualizzare i dettagli delle
query nel documento.
Riepilogo prompt:
utilizza la funzione RiepilogoPrompt per visualizzare i dettagli dei
prompt nel documento.
Riepilogo filtri report:
utilizza la funzione RiepilogoFiltroReport per visualizzare i filtri di
report applicati al report.
Funzioni delle celle di numero pagina nelle celle indipendenti
Funzione
Descrizione
Numero di pagina:
utilizza la funzione Pagina per visualizzare il numero di pagine nel report.
Numero di pagina/Totale
pagine:
utilizza le funzioni Pagina e NumeroDiPagine per visualizzare il numero
di pagina corrente e il numero totale di pagine nel report.
Numero totale di pagine:
utilizza la funzione NumeroDiPagine per visualizzare il numero totale di
pagine nel report.
5.2.2.1 Inserimento di una cella indipendente in un report
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda "Elemento
report".
2. Nella scheda secondaria "Cella" eseguire una delle operazioni seguenti:
• Fare clic su Vuoto per inserire una cella vuota.
• Selezionare Predefinito e scegliere una cella predefinita nell'elenco di celle per inserirla.
3. Posizionare il mouse sulla parte del report in cui si desidera inserire la cella e fare clic con il pulsante
sinistro del mouse.
4. Se è stata inserita una cella vuota, digitare il testo o la formula della cella sulla "Barra delle formule".
Nota:
Per attivare la "Barra delle formule", fare clic sull'icona Barra delle formule nella scheda "Analisi".
5. Per eliminare la cella, selezionarla e premere il tasto Canc.
214
2013-07-02
Creazione di report
5.2.2.2 Per nascondere le celle indipendenti
È possibile nascondere le celle indipendenti incondizionatamente, se sono vuote, o in base al risultato
di una formula.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" fare clic con il pulsante destro del
mouse nella cella indipendente e scegliere Formato cella nel menu di scelta rapida.
2. Nella scheda "Generale" della finestra di dialogo "Formato cella" selezionare una delle opzioni
seguenti:
• Per nascondere la cella incondizionatamente, selezionare Nascondi sempre.
• Per nascondere una cella quando è vuota, selezionare Nascondi se vuoto.
• Per nascondere la cella in base al risultato di una formula, fare clic su Nascondi quando la
seguente formula è true e digitare la formula nella casella.
3. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
Argomenti correlati
• Visualizzazione di tabelle, celle o sezioni nascoste
5.2.2.3 Copia di una cella indipendente
È possibile copiare e incollare le celle indipendenti all'interno di un report o in applicazioni esterne di
Microsoft Office, ad esempio Excel o Word. Non è possibile copiare celle indipendenti da un'applicazione
all'altra.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella indipendente e scegliere Copia nel menu di
scelta rapida.
3. Per incollare la cella indipendente in un'altra parte del report, fare clic con il pulsante destro del
mouse nel punto in cui si desidera visualizzare la cella indipendente, quindi dal menu selezionare
Incolla.
4. Per incollare la cella indipendente in un'altra applicazione, incollare il contenuto degli Appunti
nell'applicazione.
inoltre, la stessa operazione di copia può essere effettuata trascinando direttamente la cella
indipendente nel documento aperto nell'applicazione di destinazione. Quando si trascina una cella
indipendente in un'applicazione di Microsoft Office, il testo contenuto nella cella viene incollato
nell'applicazione.
215
2013-07-02
Creazione di report
5.2.3 Organizzazione dei dati con sezioni, interruzioni e ordinamenti
5.2.3.1 Utilizzo delle sezioni per raggruppare i dati
Le sezioni consentono di suddividere le informazioni del report in parti più piccole, di più facile
comprensione.
Esempio: Raggruppamento in sezioni del fatturato di vendite trimestrali in un report
Immaginiamo di essere il manager delle vendite per la regione Texas. Si riceve un report contenente
il fatturato dei negozi della regione per il 2003, suddiviso in base a città e trimestri.
Città
Trimestre
fatturato di vendita
Firenze
T1
314430
Firenze
T2
273608
Firenze
T3
294798
Firenze
T4
252644
Dallas
T1
215874
Dallas
T2
194689
Dallas
T3
204066
Dallas
T4
188791
Roma
T1
572177
Roma
T2
619924
Roma
T3
533765
Roma
T4
520332
Per procedere a un confronto dei risultati di ogni città per trimestre, occorre impostare [Trimestre]
come valore di sezione. Il report viene suddiviso in quattro sezioni separate per trimestre.
T1
216
2013-07-02
Creazione di report
Città
fatturato di vendita
Firenze
314430
Dallas
215874
Roma
572177
T2
Città
fatturato di vendita
Firenze
273608
Dallas
194689
Roma
619924
T3
Città
fatturato di vendita
Firenze
294798
Dallas
204066
Roma
533765
T4
Città
fatturato di vendita
Firenze
252644
Dallas
188791
Roma
520332
È possibile creare un'unica azione o includere diverse sezioni con sottosezioni in un report. Inoltre, è
possibile rimuovere o riposizionare le sezioni all’interno del report.
È possibile creare una sezione da una o due origini:
•
•
da una dimensione visualizzata in una tabella o in un grafico: fare clic con il pulsante destro del
mouse sulla dimensione e scegliere Imposta come sezione.
da una dimensione inclusa nel documento, ma non visualizzata in una tabella o in un grafico
non è possibile creare una sezione mediante un oggetto indicatore.
217
2013-07-02
Creazione di report
5.2.3.1.1 Per creare una sezione da una colonna
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla colonna che si desidera definire come una sezione
e fare clic su Imposta come sezione.
5.2.3.1.2 Per creare una sezione da una dimensione
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare la scheda "Elementi
report".
2. Nella sottoscheda Sezione, fare clic su Inserisci sezione.
3. Fare clic nel report nella posizione in cui si desidera visualizzare la sezione.
4. Selezionare la dimensione nella finestra di dialogo che viene visualizzata e fare clic su OK per
inserire la sezione.
5.2.3.1.3 Utilizzo di filtri di report in sezioni del report
È possibile applicare filtri di report alle sezioni in base ai valori nell'intestazione delle sezioni o che
appaiono all'interno della sezione.
Filtri su un'intestazione di sezione
In un report con la sezione [Paese], è possibile utilizzare nel filtro la sintassi [Paese] = "US" per
escludere tutte le sezioni in paesi diversi da "US".
Filtri sui dati della sezione
Se in un report è presente una sezione [Regione] e nella sintassi del filtro si utilizza [Prodotto]="Be
vande" nella sezione, il report contiene tutte le sezioni in cui è presente il prodotto "Bevande".
Il filtro è basato sui dati della sezione, ma viene indirettamente applicato ai dati presenti nell'intestazione
della sezione.
Argomenti correlati
• Per creare, modificare ed eliminare filtri di report standard
5.2.3.1.4 Sezioni basate su una gerarchia
Se si crea una sezione in una gerarchia, ogni membro della gerarchia diventa un'intestazione di sezione.
È possibile espandere le sezioni nello stesso modo in cui si espandono i membri in una colonna di
tabella.
Si ottiene un report con i seguenti dati:
218
2013-07-02
Creazione di report
Geografia cliente
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
235.243
Femmina
254.342
Maschio
34.342
Femmina
45.464
Maschio
12.232
Femmina
14.242
Maschio
17.343
Femmina
18.001
Tutti i clienti
Australia
Canada
Francia
Se si crea una sezione in [Geografia cliente], il report inizialmente ha il seguente aspetto:
Tutti i clienti
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
235.243
Femmina
254.342
Se si espande l'intestazione della sezione, il report ha il seguente aspetto:
Tutti i clienti
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
235.243
Femmina
254.342
Australia
219
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
34.342
2013-07-02
Creazione di report
Sesso
Importo vendite Internet
Femmina
45.464
Canada
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
12.232
Femmina
14.242
Francia
Sesso
Importo vendite Internet
Maschio
17.343
Femmina
18.001
5.2.3.1.5 Rimozione di una cella di sezione o una sezione
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una cella della sezione ed eseguire una delle operazioni
seguenti:
• Selezionare Elimina > Solo cella per eliminare la cella della sezione.
• Selezionare Elimina > Sezione e cella per eliminare la sezione e la cella.
5.2.3.1.6 Impostazione del layout di pagina per una sezione
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse su una sezione e scegliere Formato sezione dal menu.
2. Nella scheda "Layout" selezionare una delle seguenti opzioni:
• Selezionare Inizia su una nuova pagina per iniziare ogni sezione su una nuova pagina.
• Selezionare Evita interruzioni di pagina per evitare interruzioni di pagina nella sezione.
• Selezionare Ripeti su ogni pagina per ripetere la sezione su ogni pagina.
3. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.3.1.7 Come nascondere le sezioni
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare una sezione.
220
2013-07-02
Creazione di report
2. Nella scheda "Elementi del report", sottoscheda "Comportamenti", fare clic sulla freccia accanto al
pulsante Nascondi e selezionare una delle seguenti opzioni:
•
•
•
Per nascondere la sezione, selezionare Nascondi.
Per nascondere la sezione quando è vuota, selezionare Nascondi se vuoto.
Per nascondere la sezione quando una formula specificata è true, selezionare Nascondi se,
selezionare Nascondi se la seguente formula è true e digitare una formula nella casella. La
formula deve restituire un valore booleano (True o False).
Argomenti correlati
• Visualizzazione di tabelle, celle o sezioni nascoste
5.2.3.1.8 Definizione di colori e immagini in una sezione
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro
del mouse sulla sezione e scegliere Formato sezione.
2. Nella scheda "Aspetto", definire i colori e le immagini.
3. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.3.2 Uso delle interruzioni
Un’interruzione è una separazione in un blocco in cui i dati vengono raggruppati in base a una
dimensione, un dettaglio o un indicatore selezionati in sezioni indipendenti. Tali sezioni sono
rappresentate da tabelle più piccole nello stesso blocco di dati.
Le interruzioni consentono di visualizzare separatamente tutti i dati per ogni valore unico di un oggetto.
Le interruzioni offrono i vantaggi seguenti:
•
•
•
È possibile organizzare la rappresentazione dei dati in modo più efficace
È possibile visualizzare i totali parziali.
È possibile visualizzare le aggregazioni secondarie.
5.2.3.2.1 Interruzioni e sezioni
Una sezione suddivide i dati in più celle indipendenti denominate intestazioni di sezione, ciascuna delle
quali contiene il valore di una dimensione, con un blocco di dati corrispondente a tale valore.
Un’interruzione suddivide i dati all’interno del blocco. Una colonna contiene i valori relativi a una
dimensione, un dettaglio o un indicatore che sono ripetuti per ogni riga di valori inclusa nel blocco.
5.2.3.2.2 Applicazione di interruzioni alle gerarchie
Quando si applica un'interruzione a una gerarchia, questa viene applicata a tutti i membri di qualsiasi
livello della gerarchia.
221
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Interruzione applicata a una gerarchia
Si ottiene un report con i seguenti dati:
Cliente
Sesso
Vendite unitarie
ALL
F
131.587
M
138.215
F
131.587
M
138.215
F
36.759
M
37.989
USA
CA
Se si applica un'interruzione alla gerarchia [Cliente], viene visualizzato quanto segue. L'interruzione
è applicata a ogni membro di [Cliente].
Cliente
Sesso
Vendite unitarie
F
131.587
M
138.215
ALL
ALL
Cliente
269.802
Sesso
Vendite unitarie
F
131.587
M
138.215
USA
USA
Cliente
269.802
Sesso
Vendite unitarie
F
36.759
M
37.989
CA
CA
222
74.748
2013-07-02
Creazione di report
5.2.3.2.3 Ordinamento predefinito nelle interruzioni
Quando su un oggetto viene inserita un’interruzione, i valori dell’oggetto vengono ordinati
automaticamente in ordine crescente, come segue.
•
•
Se i valori sono numerici, il valore più basso appare nella prima riga della tabella, e il più alto
nell'ultima riga.
Se i valori sono alfanumerici, vengono ordinati in ordine alfabetico dalla A alla Z.
È possibile impostare più interruzioni tra vari dettagli di dimensioni o misure e impostare una priorità
di ordinamento per ogni interruzione.
5.2.3.2.4 Inserimento di un'interruzione
Nota:
Non è possibile inserire interruzioni nelle tabelle modulo.
1. In una tabella di un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare una colonna
alla quale si desidera applicare un'interruzione.
2. Nella scheda secondaria Visualizza della scheda Analisi selezionare Aggiungi interruzione
nell'elenco a discesa Interruzione.
La tabella è divisa in tante mini tabelle quanti sono i valori univoci nella colonna. Ogni mini tabella
ha un piè di pagina.
Argomenti correlati
• Per gestire le interruzioni
5.2.3.2.5 Rimozione di un'interruzione
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la colonna per la quale
è definita l'interruzione.
2. Nella scheda secondaria Visualizza della scheda Analisi selezionare Rimuovi interruzione
nell'elenco a discesa Interruzione.
Nota:
Se non è stata definita un'interruzione per la colonna, la voce di menu Rimuovi interruzione non
risulta disponibile.
3. Per rimuovere tutte le interruzioni, selezionare una colonna nella tabella e scegliere Rimuovi tutte
le interruzioni nell'elenco a discesa Interruzione.
La voce di menu Rimuovi tutte le interruzioni non è disponibile se per la tabella non è stata definita
un'interruzione.
5.2.3.2.6 Per gestire le interruzioni
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare una colonna in una
tabella.
223
2013-07-02
Creazione di report
2. Nella scheda secondaria Visualizza della scheda Analisi selezionare Gestisci interruzioni
nell'elenco a discesa Interruzione.
Nella finestra di dialogo "Gestisci interruzioni" vengono visualizzate le interruzioni definite nella
tabella. Nel caso di una tabella a campi incrociati, nella finestra di dialogo sono visualizzate le
interruzioni su entrambi gli assi, orizzontale e verticale. Ogni interruzione è rappresentata dalla
dimensione su cui è definita. L'ordine in cui vengono visualizzate le dimensioni indica l'ordine di
applicazione delle interruzioni.
3. Per modificare la priorità di un'interruzione, selezionare la dimensione e fare clic sulla freccia "Su"
o "Giù" per spostarla nell'ordine di priorità delle interruzioni.
4. Per aggiungere un'interruzione, fare clic su Aggiungi e selezionare la dimensione a cui si desidera
applicare l'interruzione.
5. Per rimuovere un'interruzione, selezionare la dimensione e fare clic suRimuovi.
6. Per impostare le proprietà di un'interruzione, selezionare la dimensione e quindi le proprietà nella
sezione sul lato opposto nella finestra di dialogo. Per informazioni sulle proprietà dell'interruzione
che è possibile impostare, vedere il collegamento alla fine di questo argomento.
7. Fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Proprietà delle interruzioni
5.2.3.2.7 Proprietà delle interruzioni
È possibile impostare le seguenti proprietà delle interruzioni:
224
Proprietà
Descrizione
Intestazione interruzione
All’inserimento di un’interruzione, per ogni parte
della tabella, della tabella a campi incrociati o del
modulo viene visualizzata un’intestazione.
Piè di pagina interruzione
Visualizza un piè di pagina per ogni interruzione
contenuta in una sezione, anche dopo l'ultima riga
di una tabella o di una colonna di una tabella a
campi incrociati quando si inserisce un'interruzione. Se ai dati viene applicato un calcolo, il relativo risultato viene visualizzato nel piè di pagina.
Applica ordinamento
Applica l'ordinamento predefinito ai valori dell'interruzione.
Valori duplicati: Visualizza tutto
Visualizza tutti i valori dell'interruzione, anche se
duplicati.
Valori duplicati: Visualizza primo
Visualizza il primo valore solo quando i valori sono
duplicati.
2013-07-02
Creazione di report
Proprietà
Descrizione
Valori duplicati: Unisci
Unisce le celle contenenti valori duplicati e visualizza un unico valore sulle celle unite.
Valori duplicati: Ripeti primo ad ogni nuova
pagina
Visualizza il primo valore di un gruppo di valori
duplicati all'inizio dell'interruzione e in ogni nuova
pagina.
Inizia su una nuova pagina
Visualizza ogni parte della tabella o del modulo
creata con un'interruzione su una nuova pagina.
Evita interruzioni di pagina nel blocco
Dove possibile, mantiene ogni sezione di interruzione sulla stessa pagina. Questa opzione non è
disponibile se un blocco occupa più di una pagina.
Ripeti intestazione ad ogni pagina
Se la tabella continua in una nuova pagina, ripete
l’intestazione nella parte superiore della tabella
in ogni nuova pagina.
Ripeti piè di pagina su ogni pagina
Se la tabella continua in una nuova pagina, ripete
il piè di pagina nella parte inferiore della tabella
in ogni nuova pagina.
5.2.3.3 Utilizzo degli ordinamenti per organizzare i dati nei report
È possibile applicare ordinamenti ai valori visualizzati in tabelle, sezioni e grafici al fine di organizzare
l'ordine di visualizzazione dei valori nel report. Per impostazione predefinita, l'ordinamento viene applicato
a partire dalla prima colonna.
Nota:
•
•
quando si esegue l'ordinamento in report in cui la query sottostante ha già effettuato un'operazione
di questo tipo, verificare che la dimensione della query ordinata si trovi innanzitutto nella tabella del
report. In caso contrario, si perderà l'effetto della dimensione ordinata nel report. In alternativa,
modificare la query per far sì che la dimensione ordinata sia restituita per prima.
Quando le impostazioni locali dell'interfaccia utente sono diverse dalle impostazioni locali del
documento (set di caratteri diversi) e pertanto incompatibili, l'ordinamento nelle tabelle del documento
potrebbe non funzionare. Per poter effettuare l'ordinamento nei documenti che utilizzano impostazioni
locali diverse da quelle dell'interfaccia utente, contattare l'amministratore e richiedere una modifica
alla chiave del Registro di sistema di Windows o, per i sistemi UNIX, una modifica al file bocon
fig.cfg come illustrato di seguito:
In Windows, sui computer server e client, modificare la dichiarazione della chiave di registro seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SAP BusinessObjects\Suite XI
225
2013-07-02
Creazione di report
4.0\...\WebIntelligence\Calculator : SortLocale = PVL, quindi chiudere e riaprire
eventuali documenti di Web Intelligence aperti.
In UNIX, sui computer server e client, aprire il file boconfig.cfg (in $installdir/setup/boconfig.cfg),
aggiungere la dichiarazione della chiave di registro: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\SAP
BusinessObjects\Suite XI 4.0\...\WebIntelligence\Calculator : SortLocale
= PVL, quindi chiudere e riaprire eventuali documenti di Web Intelligence aperti.
Quando si esegue un ordinamento, sono disponibili gli ordinamenti seguenti:
Ordinamento
Descrizione
Predefinito
Viene talvolta definito l'ordine naturale. A seconda del tipo di dati sulla colonna
o sulla riga, i risultati sono ordinati come segue:
• ordine numerico crescente per i dati numerici
• ordine cronologico crescente per le date
• ordine cronologico per i mesi
• ordine alfabetico per i dati alfanumerici
Crescente
Quando selezionato, i risultati vengono organizzati in ordine crescente, a
partire dal valore più basso nella parte superiore della colonna.
Ad esempio: 100, 200, 300 o California, Colorado, Florida.
Decrescente
Quando selezionato, i risultati vengono organizzati in ordine decrescente, a
partire dal valore più alto nella parte superiore della colonna.
Ad esempio: 300, 200, 100 o Florida, Colorado, California.
226
2013-07-02
Creazione di report
Ordinamento
Descrizione
È possibile definire un tipo di ordinamento personalizzato. "Ordine personalizzato" è disponibile per dimensioni e attributi.
Nota:
•
•
Ordine personalizzato
•
•
"Ordine personalizzato" non è disponibile per gerarchie, livelli e indicatori.
non è possibile aggiungere manualmente valori all'elenco "Ordine personalizzato". Per gli oggetti dettaglio il campo è attivo, ma i valori immessi
non vengono aggiunti all'elenco.
"Ordine personalizzato" non è disponibile nell'interfaccia Web Intelligence
HTML in modalità "Progettazione".
per impostazione predefinita, il numero massimo di valori per le dimensioni
viene impostato su valori differenti nel client e nel server. Per evitare conflitti, si consiglia di impostare entrambi sullo stesso valore.
Valore predefinito server: 100 elementi (parametro MaximumCustomSort
Size nelle proprietà WebIntelligenceProcessingServer della CMC)
Valore predefinito client: 1000 elementi (parametro WebiParamCustomSort
MaxSize nel file WebIContainer_ClientDescriptor.xml)
5.2.3.3.1 Ordinamento di dati gerarchici
Gli ordinamenti si applicano ai dati gerarchici all'interno di ogni elemento principale della gerarchia. Gli
ordinamenti non interrompono i collegamenti tra elementi principali ed elementi secondari.
Esempio: Ordinamento di dati gerarchici
La tabella che segue contiene la gerarchia [Prodotto] nello stato non ordinato:
Prodotto
Generi di drogheria
Prodotti da forno
Bevande
Bibite analcoliche
Latte
Soda
Pane
227
2013-07-02
Creazione di report
Dopo l'applicazione di un ordinamento decrescente, la gerarchia viene visualizzata nel modo seguente:
Prodotto
Generi di drogheria
Pane
Bevande
Bibite analcoliche
Soda
Latte
Prodotti da forno
L'ordinamento colloca i tipi di generi di drogheria e le bevande in ordine decrescente nel relativo
elemento principale. Le bevande ordinate conservano il collegamento gerarchico con l'elemento
principale.
5.2.3.3.2 Per inserire un ordinamento
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare la colonna da ordinare.
3. Nella scheda Analisi, sottoscheda Visualizza, selezionare Crescente o Decrescente dall'elenco
Ordinamento per ordinare la colonna con ordinamento crescente o decrescente.
5.2.3.3.3 Per rimuovere un ordinamento
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare una colonna
ordinata.
2. Nella scheda Analisi, sottoscheda Visualizza, selezionare Nessuno dall'elenco Ordinamento.
Per rimuovere tutti gli ordinamenti dalla tabella, selezionare una colonna e scegliere Rimuovi tutti
gli ordinamenti.
5.2.3.3.4 Gestione degli ordinamenti
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare la tabella o il
grafico in cui gestire gli ordinamenti.
2. Nella sottoscheda Visualizza della scheda Analisi selezionare Avanzato nell'elenco a discesa
Ordinamento.
Nella finestra di dialogo "Gestione ordinamenti" sono visualizzati gli ordinamenti applicati alla tabella
o al grafico. Nel caso di una tabella a campi incrociati, vengono visualizzati gli ordinamenti su
entrambi gli assi, orizzontale e verticale. Ogni ordinamento è rappresentato dal nome della dimensione
228
2013-07-02
Creazione di report
ordinata, e una freccia indica la direzione dell'ordinamento (crescente o decrescente). L'ordine in
cui vengono visualizzate le dimensioni indica l'ordine di applicazione degli ordinamenti.
3. Eseguire una delle operazioni seguenti:
• Per modificare la priorità di un ordinamento, selezionare la dimensione e fare clic su "Su" o "Giù"
per spostarla nell'ordine di priorità dell'ordinamento.
Nota:
non è possibile modificare la priorità di un ordinamento se per la dimensione è stata definita
un'interruzione ordinata.
•
•
•
•
Per cambiare la direzione di un ordinamento, fare doppio clic sulla dimensione o selezionarla e
scegliere Crescente o Decrescente dall'elenco Ordine.
Per aggiungere un ordinamento, fare clic su Aggiungi e selezionare dall'elenco la dimensione
che si desidera ordinare.
Per rimuovere un ordinamento, selezionare la dimensione e fare clic su Rimuovi.
Per personalizzare un ordinamento scegliendo l'ordine desiderato o aggiungendo valori all'elenco
di valori da ordinare, fare clic su Valori sotto Ordine personalizzato e definire l'ordinamento
personalizzato.
Nota:
•
•
•
il pulsante Valori è disabilitato se non è possibile applicare l'ordinamento personalizzato.
l'ordine personalizzato viene applicato all'intero documento e non solo alla dimensione nel
blocco selezionato.
Per reimpostare un ordinamento personalizzato riportandolo a quello standard, selezionare la
dimensione e fare clic su Reimposta.
Nota:
•
•
se l'ordinamento applicato alla dimensione selezionata non è personalizzato, il pulsante
Reimposta è disabilitato.
consultare la tabella contenuta nell'argomento Ordinamento dei risultati visualizzati nei report
per informazioni sulle restrizioni dell'opzione Ordine personalizzato.
4. Fare clic su OK per salvare le modifiche e chiudere la finestra di dialogo "Gestione ordinamenti".
Argomenti correlati
• Utilizzo degli ordinamenti per organizzare i dati nei report
5.2.4 Formattazione di numeri e date
È possibile modificare la modalità di visualizzazione dei valori in celle specifiche o sugli assi del grafico
utilizzando i formati predefiniti disponibili nell'applicazione oppure creando i propri formati personalizzati.
È inoltre possibile salvare i formati personalizzati per riutilizzarli in più blocchi e report nello stesso
documento.
229
2013-07-02
Creazione di report
5.2.4.1 Formati predefiniti
Per le celle, sono disponibili i seguenti formati predefiniti.
Formato
Descrizione
Predefinito
Formato definito per l’oggetto nell’universo.
Numero
Formati per valori decimali o interi.
Valuta
Formati per i valori monetari.
Data/Ora
Formati di data e ora.
Valore booleano
Formati per i valori True e False.
Argomenti correlati
• Applicazione di un formato di numero personalizzato a una cella
• Definizione di un formato personalizzato
5.2.4.1.1 Applicazione di un formato predefinito a una cella
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare una cella.
2. Per selezionare un formato predefinito:
• Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence, nella scheda Formattazione, selezionare la scheda
secondaria Numeri e scegliere un formato nell'elenco a discesa "Formato numero".
• In Web Intelligence Rich Client, nella scheda secondaria Numeri della scheda Formato,
selezionare un formato nell'elenco a discesa PREDEFINITO.
3. Salvare il documento.
5.2.4.2 Formati personalizzati
Nella tabelle è possibile utilizzare il tipo di formato personalizzato per definire un formato personalizzato
da applicare alle celle.
Nelle funzioni Web Intelligence vengono applicate le definizioni dei caratteri del giorno/data, del
calendario e dell'ora del giorno elencate di seguito.
230
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
non è possibile applicare formati personalizzati ai numeri nelle tabelle dell'interfaccia HTML di Web
Intelligence.
Nella seguente tabella sono elencate le stringhe che è possibile utilizzare per creare i formati
personalizzati:
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
#
La cifra corrispondente. Se il
numero ha meno cifre del numero di caratteri # utilizzati per
specificare il formato, non vengono inseriti zero iniziali.
‘12345’ con il formato #,##0 restituisce ‘12,345’ (se le impostazioni internazionali definiscono la virgola come
separatore delle migliaia) oppure ‘12
345’ (se le impostazioni internazionali
definiscono lo spazio come separatore delle migliaia).
0
La cifra corrispondente. Se il
numero ha meno cifre del numero di caratteri 0 utilizzati per
specificare il formato, viene inserito uno zero prima del numero.
‘123’ con il formato #0,000 restituisce ‘0,123’
Il separatore di gruppo definito
dalle impostazioni internazionali.
‘1234567’ con il formato #,##0 restituisce ‘1,234,567’ (se le impostazioni
internazionali definiscono la virgola
come separatore delle migliaia) o ‘1
234 567’ (se le impostazioni internazionali definiscono lo spazio come
separatore delle migliaia)
.
Il separatore decimale definito
dalle impostazioni internazionali.
‘12.34’ con il formato #.#0 restituisce ‘12.34’ (se le impostazioni internazionali definiscono il punto come
separatore decimale) o ‘12,34’ (se le
impostazioni internazionali definiscono la virgola come separatore decimale)
[%]%
Visualizza un segno di percentuale (%) dopo il risultato e
moltiplica il risultato per 100.
0.50 diventa 50%.
%
Il segno % dopo il risultato, ma
non moltiplica il risultato per
100.
0.50 diventa 0.50%
Uno spazio unificatore ( )
‘1234567’ con il formato # ##0 restituisce ‘1234 567’
,
231
2013-07-02
Creazione di report
232
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
1, 2, 3, a, b, c, $,
£, € (e così via)
Il carattere alfanumerico.
‘705.15’ con il formato $#.#0 restituisce ‘$705.15’ o con il formato #,#0 €
restituisce ‘705,15 €’
[Red], [Blue],
[Green], [Yellow],
[Gray], [White],
[Dark Red], [Dark
Blue], [Dark Green]
Il valore nel colore specificato.
‘150’ con il formato #,##0[Red]
restituisce ‘150’ #,##0[Blue] restituisce ’150’
Caratteri giorno/da
ta
(giorno, data)
d
Il numero del giorno nel mese
senza zeri all'inizio. Se il numero del giorno è inferiore a due
caratteri, la data viene visualizzata senza zero iniziale.
Il primo giorno di un mese con il formato d restituisce ‘1’
dd
Il numero del giorno con zeri
all'inizio. Se il numero del giorno
è inferiore a due caratteri, la
data viene visualizzata con uno
zero iniziale.
Il primo giorno di un mese con il formato dd restituisce ‘01’
ddd
Il nome abbreviato del giorno.
La prima lettera è maiuscola se
le impostazioni locali selezionate prevedono l'utilizzo della
lettera maiuscola per i nomi dei
giorni.
'Lunedì' con il formato ddd restituisce
'Lun' in italiano, mentre in inglese
'Monday' restituisce 'Mon'.
Dddd
Uso forzato dell'iniziale maiuscola nel nome del giorno, per
tutte le impostazioni locali.
'Lunedì' con il formato Dddd restituisce 'Lun' in italiano, mentre in inglese
'Monday' restituisce 'Mon'.
dddd
Il nome intero del giorno. La
prima lettera è maiuscola se le
impostazioni locali selezionate
prevedono l'utilizzo della lettera
maiuscola per i nomi dei giorni.
'Lunedì' con il formato dddd restituisce 'Lunedì' in italiano. In inglese, il
giorno è Monday.
DDDD
Il nome intero del giorno in lettere maiuscole.
'Lunedì' con il formato DDDD restituisce 'LUNEDÌ' in italiano. In inglese,
il giorno è MONDAY.
2013-07-02
Creazione di report
233
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
dddd dd
Il giorno della settimana seguito
da uno spazio e il numero del
giorno.
‘Lunedì’ con il formato dddd gg restituisce ‘Lunedì 01’
Caratteri calendario
(mese, anno)
M
Il numero del mese senza zeri
all'inizio. Se il numero del mese
è inferiore a due caratteri, il numero viene visualizzato senza
zero iniziale.
‘Gennaio’ con il formato M restituisce
'1'
MM
Il numero del mese con zeri
all'inizio. Se il numero del mese
è inferiore a due caratteri, il numero viene visualizzato con uno
zero iniziale.
‘Gennaio’ con il formato MM restituisce 01
mmm
Il nome abbreviato del mese.
La prima lettera è maiuscola se
le impostazioni locali selezionate prevedono l'utilizzo della
lettera maiuscola.
'Gennaio' con il formato mmm restituisce Gen in italiano. In inglese, restituisce 'jan'.
Mmmm
Il nome abbreviato del mese.
La prima lettera è maiuscola per
tutte le impostazioni locali.
'Gennaio' con il formato mmm restituisce Gen in italiano. In inglese, restituisce 'Jan'.
mmmm
Il nome intero del mese. La prima lettera è maiuscola se le
impostazioni locali selezionate
prevedono l'utilizzo della lettera
maiuscola.
'Gennaio' con il formato mmmm restituisce 'Gennaio' in italiano, 'January' in
inglese.
MMMM
Il nome intero del mese con
tutte le lettere maiuscole.
'Gennaio' con il formato MMMM restituisce 'GENNAIO' in italiano, 'JANUARY' in inglese.
yy
Le ultime due cifre dell'anno.
‘2003’ con il formato yy restituisce
‘03’
yyyy
Le quattro cifre dell'anno.
‘2003’ con il formato yyyy restituisce
‘2003’
Caratteri dell'ora
del giorno
(ore, minuti, secondi,
am/pm)
2013-07-02
Creazione di report
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
hh:mm:ss a
L'ora senza zeri iniziali e i minuti
e i secondi con zeri iniziali. Il
carattere "a" visualizza AM o
PM dopo l'ora, se disponibile.
‘21:05:03’ con il formato hh:mm:ss
a restituisce ‘9:05:03 PM’ per le impostazioni internazionali per l'inglese
H
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 0. Nessuno zero iniziale
per le ore con una singola cifra.
'21:00' con il formato H restituisce
'21'. I valori possibili sono 0-23.
HH
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 0.
'21:00' con il formato HH restituisce
'21'. I valori possibili sono 00-23.
k
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 1. Nessuno zero iniziale
per le ore con una singola cifra.
'21:00' con il formato k restituisce
'21'. I valori possibili sono 1-24.
kk
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 01.
'21:00' con il formato kk restituisce
'21'. I valori possibili sono 01-24.
hh
L'ora su 12 ore.
‘21:00’ con il formato hh restituisce
‘09’
HH:mm
L'ora e i minuti con zero iniziale.
‘7.15 am’ con il formato HH:mm restituisce ‘07:15’
HH:mm:ss
L'ora, i minuti e i secondi con
zero iniziale.
‘7.15 am’ con il formato HH:mm:ss
restituisce ‘07:15:00’
mm:ss
I minuti e i secondi con zero iniziale.
‘07:15:03’ con il formato mm:ss restituisce ‘15:03’
5.2.4.2.1 Definizione di un formato personalizzato
Nota:
Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence HTML non sono disponibili formati personalizzati per i numeri.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda Formato,
quindi la scheda secondaria Numeri.
2. Fare clic su Personalizzato per visualizzare il pannello "Formato personalizzato".
3. Selezionare un formato elencato nel riquadro Esempi, quindi fare clic su Personalizzato.
4. Modificare il formato selezionato digitando altri caratteri in una o più caselle di testo.
Se, ad esempio, si desidera creare un formato personalizzato per un valore numerico, digitare il
formato personalizzato desiderato nelle caselle di testo Positivo, Negativo e Uguale a zero. Se si
desidera creare un formato personalizzato per i valori Booleano, digitare il formato personalizzato
nelle caselle Vero e Falso.
5. Fare clic su Aggiungi.
234
2013-07-02
Creazione di report
non è possibile eliminare o modificare i formati personalizzati. Per modificare un formato
personalizzato, occorre creare un nuovo formato personalizzato e applicarlo alle celle selezionate.
I formati personalizzati non applicati alle celle in un documento vengono eliminati automaticamente
quando la sessione viene chiusa.
Il formato personalizzato viene visualizzato nella scheda Personalizzato del pannello "Formatta
numero".
6. Fare clic su OK per tornare al "Pannello delle query".
5.2.4.2.2 Applicazione di un formato di numero personalizzato a una cella
Nota:
Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence HTML non sono disponibili formati personalizzati per i numeri.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare le celle alle quali si
desidera applicare un formato personalizzato.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Nella scheda Formato selezionare la scheda secondaria Numeri. Selezionare la formula
personalizzata nell'elenco a discesa.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sulle celle selezionate e scegliere Formatta numero
nel pannello "Formatta numero". Nella scheda Personalizzato selezionare il formato
personalizzato. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.2.4.3 Per formattare un numero come valuta
Nota:
Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence HTML non sono disponibili formati personalizzati per i numeri.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare una cella.
2. Nella scheda Formato selezionare la scheda secondaria Numeri.
3. Nell'elenco a discesa selezionare il formato valuta.
Se il formato desiderato non è visualizzato, è possibile crearne uno.
Argomenti correlati
• Definizione di un formato personalizzato
5.3 Utilizzo dei grafici
235
2013-07-02
Creazione di report
Nei report di un documento è possibile inserire uno o più grafici. È possibile creare un grafico quando
si genera un nuovo documento oppure inserire grafici in un documento esistente.
Nota:
Quando si esporta un documento contenente un grafico in formato Excel, il grafico viene convertito in
un'immagine.
Argomenti correlati
• Aggiunta di un grafico a un report
5.3.1 Apertura di grafici creati con Web Intelligence 3.x
Questa versione del software supporta la compatibilità con le versioni precedenti di Web Intelligence
XI 3.x.
I grafici esistenti vengono convertiti automaticamente quando vengono aperti. Tuttavia, se si apre un
grafico 3D esistente, diverso da un grafico a barre 3D, tale grafico verrà convertito in un grafico a barre
3D.
5.3.2 Tipi di grafico
In un report i risultati vengono visualizzati in blocchi. È possibile formattare il blocco come tipo di grafico
specifico.
Nota:
In questa versione del prodotto non sono più disponibili grafici a linee 3D, aree 3D e superfici 3D.
Quando uno di questi grafici è presente in documenti e report migrati in Web Intelligence XI 4.x, viene
trasformato in grafici a barre 3D.
5.3.2.1 Istogrammi
Nei grafici a barre i dati vengono visualizzati come rettangoli con orientamento orizzontale. Questo tipo
di grafici risulta utile per il confronto tra gruppi di dati simili, ad esempio fatturato da un periodo di tempo
a un altro.
236
2013-07-02
Creazione di report
Tabella 5 - 43: Tipi di grafici a barre
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico a barre
Grafico composto da rettangoli con orientamento orizzontale. Le lunghezze dei rettangoli sono proporzionali ai valori associati a elementi di
categorie diverse.
Grafico a barre in pila
Grafico composto da rettangoli colorati in pila con orientamento orizzontale. L'altezza dei rettangoli è proporzionale ai valori associati a elementi
di categorie diverse. I rettangoli sono colorati in base alle voci della legenda.
Grafico a barre in pila %
Grafico con i dati visualizzati come parti di un tutto (in percentuale). Il
tutto è indicato da un rettangolo e la serie è indicata come suddivisione
del rettangolo.
5.3.2.2 Grafici a scatola
Un grafico a scatola (anche chiamato grafico azionario) visualizza un riepilogo a cinque numeri basato
sulla distribuzione di un insieme di dati: i valori massimo, minimo, primo quartile, terzo quartile e mediana.
Può anche mostrare valori anomali chiamati outlier.
5.3.2.3 Istogrammi
Gli istogrammi rappresentano una serie come un insieme di barre verticali raggruppate per categoria.
Sono utili per mostrare le modifiche dei dati in un periodo di tempo o per illustrare confronti tra elementi.
Web Intelligence offre gli istogrammi elencati di seguito.
237
Tipo di grafico
Descrizione
Istogramma
Grafico composto da rettangoli con orientamento verticale. L'altezza dei rettangoli è proporzionale ai valori associati a elementi di
categorie diverse.
2013-07-02
Creazione di report
Tipo di grafico
Descrizione
Istogramma con asse valore
doppio
Grafico con due assi di valori. Consente di tracciare una parte di
una serie di dati rispetto a un asse e un'altra parte rispetto al secondo asse.
Grafico a linee e istogramma
combinati
Grafico che visualizza una combinazione tra un istogramma e un
grafico a linee. I tipi di grafico condividono lo stesso asse valore.
Istogramma e grafico a linee
combinati con asse valore
doppio
Grafico che visualizza una combinazione tra un istogramma e un
grafico a linee. Ogni tipo di grafico dispone del proprio asse valore.
Istogramma in pila
Grafico composto da rettangoli colorati in pila con orientamento
verticale. L'altezza dei rettangoli è proporzionale ai valori associati
a elementi di categorie diverse. I rettangoli sono colorati in base
alle voci della legenda.
Istogramma in pila 100%
Grafico con i dati visualizzati come parti di un tutto (in percentuale),
dove il tutto è indicato da una colonna e la serie è indicata come
suddivisione della colonna. Se il grafico contiene una sola serie,
tutte le colonne occuperanno il 100% dell'area del grafico.
Istogramma 3D
Grafico simile a un istogramma con l'aggiunta di una dimensione
3D.
5.3.2.4 Grafici a linee
I grafici a linee consentono di collegare valori di dati specifici mediante linee, verticali o orizzontali.
Questo tipo di grafici è utile per illustrare tendenze o cambiamenti dei dati nel tempo.
Tabella 5 - 45: Tipi di grafici a linee
238
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico a linee
Grafico XY che visualizza linee di collegamento a plot. Le posizioni dei plot
sull'asse di valori sono espresse da elementi della categoria di analisi. Le posizioni dei plot sull'asse di valori secondario rappresentano i valori associati.
2013-07-02
Creazione di report
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico a linee
con assi duplici
Grafico XY con due assi che visualizza linee di collegamento a plot. Il plot
dell'asse categoria rappresenta elementi della categoria di analisi. Le posizioni
dei plot sull'asse di valori, su entrambi gli assi, rappresentano i valori associati.
Grafico ad area
Un grafico ad area è un grafico XY che visualizza una superficie composta da
un insieme di plot.
5.3.2.5 Diagrammi
Sono disponibili i diagrammi elencati di seguito.
Tipo di grafico
Descrizione
Diagramma ad albero
Grafici che visualizzano i valori all'interno di rettangoli nidificati che possono
essere colorati. I livelli della nidificazione corrispondono al livello della suddivisione gerarchica. Sia le dimensioni dei rettangoli che il loro colore esprimono
un insieme di valori.
Mappa termica
Grafici che visualizzano i valori rappresentati dai colori in una mappa utilizzando
un'asse categoria e un secondo asse categoria facoltativo. I colori dei rettangoli
sono determinati dal valore di un indicatore.
5.3.2.6 Grafici a torta
I grafici a torta consentono di visualizzare i dati come segmenti di un insieme. Questo tipo di grafici è
utile se si desidera illustrare il modo in cui ogni parte dei dati del report contribuisce al totale.
Nei grafici a torta semplici è possibile inserire solo un oggetto indicatore oppure due nei grafici a torta
con una profondità. Se in un report esistono più indicatori, occorre scegliere un altro tipo di grafico.
Per ottenere un migliore layout, è possibile portare a capo il testo nelle etichette dati dei grafici a torta.
Nel riquadro "Valori dati" della scheda "Formato grafico" è possibile utilizzare l'opzione di "Criterio
testo"A capo.
239
2013-07-02
Creazione di report
Tabella 5 - 47: Tipi di grafici a torta disponibili
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico di forma circolare diviso in settori. L'area del cerchio rappresenta un totale e i settori del cerchio rappresentano le parti del
totale.
Grafico a torta
Inoltre, da un grafico a torta è possibile visualizzare un grafico
ad anello. È simile a un grafico a torta ma con il centro vuoto e
la forma di un anello.
Grafico a torta con profondità
sezione variabile
Grafico di forma circolare diviso in settori. L'area del cerchio rappresenta un totale e i settori del cerchio rappresentano le parti del
totale. I settori possono avere una profondità che esprime un terzo
valore.
5.3.2.7 Grafici a punti
La categoria Grafico a punti include grafici a dispersione, polari e a bolle.
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico a dispersione
Grafico XY che visualizza plot. I plot vengono posizionati in base alle
coordinate generate da una coppia di valori. Ciascun plot può contenere
simboli colorati che rappresentano l'elemento della categoria di analisi
associato ai valori
I grafici a dispersione sono simili a quelli a linee, con la differenza che i
marcatori di dati vengono tracciati senza una linea che li collega. Tali
grafici sono utili per confrontare marcatori di dati specifici.
Grafico a bolle
240
Grafico bidimensionale di punti che rappresenta una raccolta di dati. Le
dimensioni dei punti rappresentano variabili supplementari.
2013-07-02
Creazione di report
Tipo di grafico
Descrizione
Grafico polare
Grafico XY che visualizza plot. I plot vengono posizionati in base alle
coordinate generate da una coppia di valori. Ciascun plot può essere
dimensionato in base a valori aggiuntivi.
Tracciato polare a dispersione
Grafico con un asse radiale e un asse angolare, in cui ogni marcatore
di dati è rappresentato da un simbolo. Simile al grafico a bolle, ma senza
il dimensionamento dei punti.
Grafico a bolle Polar
Grafico bidimensionale con un asse radiale e un asse angolare di punti
che rappresenta una raccolta di dati. Le dimensioni dei punti rappresentano variabili supplementari.
5.3.2.8 Grafici radar
Il grafico radar (anche noto con il nome di grafico a stella) visualizza più assi che hanno un'origine
comune e utilizzano la stessa scala. Ciascun asse rappresenta un elemento della categoria analizzata.
I dati vengono tracciati direttamente sull'asse in base ai valori associati e possono essere collegati da
linee.
Questo tipo di grafici è utile per analizzare diversi fattori relativi ad un elemento. Ad esempio, è possibile
utilizzare un grafico a radar per visualizzare i dati del fatturato di servizi diversi in un albergo. Su un
asse, è possibile visualizzare il fatturato relativo alle stanze, mentre sull’altro, il fatturato relativo a
ristorante e così via.
5.3.2.9 Grafici nuvola di tag
Un grafico nuvola di tag è una visualizzazione monodimensionale che rappresenta i dati sotto forma
di parole, dove la dimensione del carattere della parola rappresenta il suo valore relativo nel dataset.
5.3.2.10 Grafici a cascata
241
2013-07-02
Creazione di report
Un grafico a cascata (anche noto come grafico a ponte) visualizza barre verticali. Ciascuna di queste
barre inizia al livello in cui termina la barra precedente, producendo un effetto di mobilità. Questo tipo
di grafico è utile per visualizzare come cresce o decresce un indicatore, per rappresentare modifiche
positive o negative o per illustrare effetti di innalzamento e abbassamento.
A seconda del tipo di origine dati, sono disponibili due tipi di grafico a cascata:
• Un grafico generato da una dimensione piatta è un grafico a cascata semplice.
• Un grafico generato da dati gerarchici è un grafico a cascata complesso.
Nota per la gestione dei totali parziali:
•
•
I totali intermedi vengono generati solo da nodi di strutture gerarchiche. Per generare totali intermedi
da una dimensione semplice è necessario utilizzare il raggruppamento.
I totali intermedi (nodi di struttura) vengono visualizzati come una cascata.
Per la restrizione dei feed:
• L'asse categoria è limitato a una dimensione (o gerarchia).
• L'asse valore è limitato a un indicatore.
Per la gestione dei colori:
• Non è possibile assegnare colori specifici a valori iniziali, totali, totali parziali o variazioni
positive/negative.
• Poiché nel grafico a cascata viene utilizzato un solo colore, non viene visualizzata alcuna legenda
dei colori.
5.3.3 Aggiunta, copia e rimozione dei grafici
5.3.3.1 Aggiunta di un grafico a un report
Nota:
se è attiva la modalità "Progettazione"solo con la struttura, tutti i grafici risultano disattivati.
Per aggiungere un grafico a un report:
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Nella scheda "Elementi del report", selezionare un grafico e trascinare le dimensione e le misure
desiderate dal riquadro "Oggetti disponibili". Il grafico viene visualizzato vuoto in grigio chiaro.
Questo tipo di grafico viene definito anche "ghost". A questo punto è possibile alimentare il grafico.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Inserisci, quindi effettuare una delle
operazioni seguenti:
242
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
Selezionare un istogramma, un grafico a linee, un grafico a torta o un grafico a dispersione.
Per inserire un diverso tipo di grafico rispetto a quelli elencati sopra, fare clic su Inserisci un
elemento del report.
Selezionare la tabella da trasformare in un grafico ed effettuare una delle operazioni seguenti:
• Selezionare Trasforma in nella sottoscheda Strumenti.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Trasforma tabella in, quindi selezionare
un tipo di grafico.
Argomenti correlati
• Assegnazione di dati a un grafico
5.3.3.2 Assegnazione di dati a un grafico
A seconda del grafico, vengono assegnati oggetti (operazione anche nota come feed) a driver differenti.
Alcune dimensioni e alcuni indicatori generano valori o etichette di assi mentre altri determinano il colore
delle serie.
Nella tabella vengono illustrati i diversi elementi per l'assegnazione dei dati a un grafico.
Scopo
Feed
Tipo di oggetto
Collegamento di oggetti
ad assi
Assi di valori
Indicatori
Assi di categoria
Dimensioni, dettagli e nomi indicatori
• Colore regioni
Definizione di serie (*)
• Forma regione (grafici a radar e a punti)
Dimensioni, dettagli e nomi indicatori
• Dimensione/altezza settore torta
Definizione di dimensioni
delle serie
• Peso rettangolo diagramma ad albero
Indicatori
• Altezza/larghezza bolla
Colorazione condizionale (*)
243
• Rettangoli mappa
Indicatori
• Zone di testo nuvola di tag
2013-07-02
Creazione di report
(*) Facoltativo
5.3.3.2.1 Assegnazione di dati a un grafico
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Nel pannello laterale selezionare "Oggetti disponibili". Dal pannello "Oggetti disponibili" trascinare
gli indicatori, le dimensioni e/o i dettagli nel grafico. Tali elementi verranno spostati
automaticamente nelle aree appropriate.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse nel grafico per visualizzare il menu contestuale.
Selezionare Assegna dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Assegna dati" con i valori
scelti visualizzati. È possibile aggiungere, eliminare, riordinare (spostare in alto, in basso, in cima
o in fondo) o nascondere i valori, nonché modificare o creare una formula.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.3.3 Applicazione di uno stile del grafico
Quando si crea un grafico, è consigliabile indicare tutte le dimensioni necessarie, applicare lo stile e
quindi modificare le impostazione per specificare il formato del grafico. Se si modifica un'impostazione
prima di applicare un modello, è possibile che tale modifica venga alterata se l'impostazione è inclusa
nella definizione del modello. In tal caso, l'unico modo per ripristinare l'impostazione consiste nell'eseguire
un'azione Annulla.
Uno stile del grafico è un gruppo di impostazioni archiviate in un file di origine. Lo stile del grafico
consente di modificarlo a vari livelli (grafico, regione e proprietà) prima del rendering. Gli stili del grafico
consentono di assemblarli utilizzando un insieme di impostazioni predefinite che includono gli stili attuali
del grafico (ad esempio anti-alias, lucido e in rilievo). Gli stili del grafico adattati offrono soluzioni intuitive
di personalizzazione dell'output del grafico con impostazioni predefinite e temi. Contengono un gruppo
di impostazioni per un grafico, tra cui:
•
•
•
•
•
•
•
•
layout - le impostazioni che determinano il modo in cui ogni grafico viene visualizzato
elementi del grafico (ad esempio il titolo, la legenda e gli assi)
posizione del grafico (ad esempio la posizione degli elementi del grafico, se sono visibili)
tema - le impostazioni che determinano l'aspetto del grafico
tavolozze dei colori
trame (ad esempio la trama dello sfondo)
ombreggiature
caratteri
Nota:
È possibile scegliere tra le tavolozze di colori predefinite.
244
2013-07-02
Creazione di report
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare un grafico esistente oppure crearne uno.
3. Dopo aver selezionato il grafico, nella scheda Formattazione selezionare uno stile nell'elenco a
discesa Formato stile grafico:
•
•
•
Stile vistoso
Stile normale
Alto contrasto
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.3.4 Copia di un grafico
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Copia.
Il grafico viene copiato negli appunti.
2. Per incollare il grafico su un'altra parte del report, fare clic con il pulsante destro del mouse nel punto
in cui si desidera visualizzare il grafico, quindi scegliere Incolla.
3. Per incollare il grafico in un'altra applicazione, incollare il contenuto degli Appunti dell'altra
applicazione.
inoltre, la stessa operazione di copia può essere effettuata trascinando direttamente il grafico nel
documento aperto nell'applicazione di destinazione.
Nella stessa applicazione, il grafico copiato sarà dinamico. Tuttavia, se il grafico viene incollato in
un'altra applicazione, verrà visualizzato come un'immagine.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.3.5 Rimozione di un grafico
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sul riquadro del grafico, quindi scegliere Elimina.
• Selezionare il pannello "Struttura e filtri del documento". Fare clic con il pulsante destro del mouse
sul nome del grafico, quindi scegliere Elimina.
• Selezionare il grafico e, nella barra degli strumenti Pannello laterale, fare clic sull'icona "Elimina".
245
2013-07-02
Creazione di report
Il grafico è stato eliminato.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.4 Cambiamento del tipo di grafico
5.3.4.1 Per cambiare il tipo di grafico con la funzione Trasforma in
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sulla tabella o sul grafico.
2. Selezionare Trasforma tabella in o Trasforma grafico in.
3. Per visualizzare una finestra di dialogo con tutte le opzioni, selezionare Altre trasformazioni.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Trasforma in".
4. Fare clic sulla categoria di grafico desiderata, quindi sull'icona di un grafico.
5. Scegliere OK.
Il modello selezionato viene applicato al blocco e i dati vengono visualizzati sotto forma del tipo di
grafico scelto.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
• Grafici a linee
5.3.4.2 Trasformazione di query gerarchiche in grafici
È possibile trasformare una query gerarchica in un grafico.
Suggerimento:
I totali gerarchici non devono essere visualizzati nei grafici a torta o in una nuvola di tag. La
visualizzazione dei totali può provocare distorsioni di scala, in particolare se il tipo di indicatore è
aggregativo. Per nascondere i totali gerarchici, utilizzare livelli per il feed, spostarsi nella tabella con
l'opzione Concentrazione drill o deselezionare l'opzione Mostra nodi principali nella finestra di
dialogo "Formato grafico" (Blocco grafico > Generale).
246
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
Utilizzare solo una gerarchia per il feed di un diagramma ad albero.
Argomenti correlati
• Definizione di query gerarchiche
• Per cambiare il tipo di grafico con la funzione Trasforma in
5.3.4.3 Passaggio tra barre, linee e superfici
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare l'area del grafico "Blocco grafico" e quindi
la scheda Tipo regione.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare Globale >
Tipo regione.
2. Per ogni indicatore selezionare il tipo di regione appropriato: barre, linee o superficie.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.3.5 Posizionamento e dimensionamento dei grafici
5.3.5.1 Impostazione della posizione di una tabella o di un grafico nella pagina
del report
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul bordo della tabella o del grafico e scegliere Formato tabella o Formato grafico.
2. Nella scheda "Layout" del panello di formattazione della tabella o del grafico, utilizzare i controlli
nella sezione "Posizione relativa" per impostare la posizione della tabella o del grafico in relazione
ad altri elementi del report.
Suggerimento:
è anche possibile accedere alla scheda "Layout" nel pannello di formattazione della tabella o del
grafico in uno dei modi seguenti:
• Nella scheda "Elementi del report", nella sottoscheda "Posizione", fare clic su Allinea.
247
2013-07-02
Creazione di report
•
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella o sul grafico e scegliere Allinea, quindi
selezionare un'opzione di allineamento.
3. Fare clic su OK per tornare al "pannello delle query".
Argomenti correlati
• Per selezionare un colore per lo sfondo della tabella o delle celle
• Definizione di colori alternati per le righe e le colonne di una tabella
• Inserimento di un'immagine o dell'aspetto in una tabella
• Formattazione dei bordi della tabella o della cella
• Formattazione del testo nelle celle della tabella
• Impostazione dell'altezza e della larghezza delle celle
• Per copiare la formattazione utilizzando lo strumento Copia formato
• Definizione dei livelli delle tabelle e delle celle
• Unione delle celle della tabella
• Formattazione del layout del report
• Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
5.3.5.2 Posizionamento di un grafico rispetto ad altri grafici o tabelle
Se esistono più blocchi (tabella, grafico, o forma) nel report, è possibile utilizzare il posizionamento
relativo, Il posizionamento relativo consente di posizionare un blocco selezionato (ad esempio un
grafico) rispetto ad altri blocchi nel report.
Se i nuovi dati del database modificano la dimensione delle tabelle o dei grafici, il posizionamento
relativo fa in modo che le varie tabelle e i vari grafici vengano visualizzati correttamente senza
sovrapposizioni.
Nota:
se si posiziona un grafico in relazione a un altro blocco (cioè un grafico, una tabella o un modulo), la
posizione del blocco viene modificata automaticamente se si modifica il posizionamento del grafico.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare l'area del grafico "Blocco grafico" e quindi
la scheda Layout.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare Globale >
Layout.
2. Nell'area "Posizione" configurare la posizione sinistra e destra del grafico in prossimità di un blocco
specificato.
248
2013-07-02
Creazione di report
Suggerimento:
è anche possibile accedere alla finestra di dialogo Layout effettuando una delle operazioni seguenti:
•
•
Nella scheda Elementi del report, nella sottoscheda Posizione, fare clic su Allinea.
Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella o sul grafico e scegliere Allinea.
5.3.5.3 Ridimensionamento di un grafico
È inoltre possibile ridimensionare il grafico utilizzando il mouse.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Eseguire le operazioni seguenti:
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare la scheda Generale.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare la pagina
Globale.
3. Immettere la larghezza del grafico nella proprietà Larghezza e l'altezza nella proprietà Altezza.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6 Formattazione dei grafici
È possibile formattare un'area del grafico o un'area del grafico selezionata (titolo, legenda, assi, area
del tracciato, titolo dell'area) e formattarla utilizzando la barra degli strumenti "Formato".
5.3.6.1 Formattazione di un grafico
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nella finestra di dialogo "Formato grafico" selezionare l'area del grafico da formattare.
Nota:
Se è stata preselezionata un'area del grafico prima di aprire la finestra di dialogo, tale area viene
visualizzata automaticamente.
249
2013-07-02
Creazione di report
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• In Web Intelligence Rich Client, selezionare la scheda funzionale che si desidera modificare nel
pannello laterale.
• Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, espandere la scheda corrispondente all'area del grafico
da formattare e quindi selezionare la scheda funzionale.
4. Dopo aver eseguito le modifiche, fare clic su Applica per visualizzare le modifiche o per eseguire
altre modifiche prima di chiudere la finestra di dialogo. In caso contrario, fare clic su OK per salvare
le modifiche e chiudere la finestra di dialogo.
Suggerimento:
un altro modo per accedere alla finestra di dialogo "Formato grafico" consiste nel selezionare il grafico.
Nella scheda Formattazione, nella sottoscheda Stile grafico, fare clic su Formato grafico.
5.3.6.2 Formule negli elementi del grafico
I seguenti elementi del grafico possono utilizzare una formula:
• Titolo del grafico
• Titolo legenda
• Titoli degli assi
• Valori minimo e massimo per la scala dell'asse
È possibile utilizzare l'Editor delle formule (icona fx) per definire e modificare le formule.
Per ulteriori informazioni sulle funzioni utilizzate nelle celle indipendenti, consultare il manuale Utilizzo
di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence o la Guida in linea.
5.3.6.3 Icone di avviso nei grafici
Le icone di avviso disponibili sono:
250
•
Avvisi generali, ovvero icone visualizzate nell'angolo in alto a sinistra del grafico.
• X rossa su uno sfondo bianco: impossibile generare il grafico. Questo potrebbe essere dovuto
a un problema della cache. Provare a cancellare gli oggetti temporanei dalla cache.
• X rossa in un cerchio rosso: impossibile trovare l'immagine. L'amministratore BI deve verificare
le impostazioni relative al bilanciamento del carico e abilitare il monitoraggio del servizio come
descritto nel Manuale dell'amministratore della piattaforma Business Intelligence.
• Avviso giallo: ad esempio, insieme di dati troppo grande (limite tecnico del server), necessità di
aggiornare l'insieme di dati, altri errori del cubo.
• Avviso blu: limite per un rendering ottimale
•
Avvisi di prevenzione degli errori, ovvero una piccola icona gialla visualizzata sul punto dati.
2013-07-02
Creazione di report
Si verificano se le icone di avviso sono attivate nelle opzioni di formato del grafico. L'insieme di dati
non è coerente con i parametri del grafico. Ad esempio, un grafico a torta con valori negativi, valori
negativi per una scala logaritmica o valori gerarchici incoerenti per un diagramma ad albero.
Restrizione
Definizione
Limiti tecnici del Numero massimo di righe
server CVOM
Definita dell'amministratore BI
Valore predefinito: 50.000
Limite per un
rendering ottimale
Risultato
Rendering parziale dell'insieme di dati
e icona di avviso con descrizione comandi
Calcolato da CVOM in base al tipo di grafi- Icona di avviso
co e alle dimensioni
e descrizione comandi con linee guida
per l'ottimizzazione
5.3.6.3.1 Visualizzazione delle icone di avviso nei grafici
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Selezionare l'area del grafico Blocco grafico.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare la scheda Generale.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o Web Intelligence Rich Client, selezionare la pagina
Globale.
4. Selezionare Mostra icone di avviso.
5. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.3.6.4 Inserimento e formattazione del titolo di un grafico
Le informazioni relative al titolo possono essere modificare in due luoghi. In Area del grafico > Blocco
grafico > Visualizzazione area è possibile solo visualizzare o nascondere il titolo, immettere un'etichetta
per il titolo o utilizzare una formula, e modificare/definire la posizione del titolo. In Selezionare l'area
del grafico > Titolo > Progettazione è possibile modificare tutte le impostazioni del titolo.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Selezionare in "Selezionare l'area del grafico" una delle opzioni seguenti:
• Blocco grafico per modificare il titolo del grafico nella scheda Regola layout. Per la larghezza
e lunghezza del titolo del grafico è stabilito un valore assoluto e uno proporzionale corrisponde
a una percentuale delle dimensioni del grafico.
251
2013-07-02
Creazione di report
•
Titolo per modificare il titolo del grafico nella scheda Progettazione.
3. Completare le modifiche e fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.5 Visualizzazione di un grafico in formato 3D
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare l'area del grafico Blocco grafico e quindi
la scheda Stile tavolozza.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet, selezionare Globale > Tavolozza e stile.
2. Selezionare Aspetto 3D.
Avvertenza:
alcuni tipi di istogrammi con Effetti visualizzazione barra non hanno un aspetto soddisfacente se si
utilizza anche Aspetto 3D.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.6 Assegnazione di colori ai grafici
È possibile personalizzare l'aspetto dei grafici nei report di Web Intelligence assegnando manualmente
colori agli oggetti dimensione oppure utilizzando tavolozze colori incorporate o personalizzate. È possibile
conservare questa assegnazione dei colori in modo che un determinato colore rimanga assegnato a
un oggetto dimensione.
Quando si crea un grafico in un report Web Intelligence, i colori della tavolozza colori predefinita vengono
assegnati automaticamente agli oggetti dimensione procedendo dall'alto verso il basso. Tale ordine
rimane identico nelle varie sezioni e pagine. Tuttavia, i colori assegnati tramite le tavolozze colori non
vengono conservati quando il report viene aggiornato all'apertura o quando si cambia il numero di
oggetti visualizzati in un grafico filtrando o utilizzando drill di istantanee.
Se si desidera visualizzare in modo coerente un determinato oggetto, ad esempio [Linea prodotti] o
[Area vendite], in base a un ordine specifico, è possibile assegnare manualmente un colore specifico
252
2013-07-02
Creazione di report
all'oggetto oppure assegnare una tavolozza colori incorporata o personalizzata e impostare
l'assegnazione dei colori come predefinita.
Quando si imposta l'assegnazione dei colori come predefinita, i colori assegnati agli oggetti dimensione
non cambiano se si utilizzano filtri o drill di istantanee o se il report viene aggiornato all'apertura. È
possibile reimpostare tutti i colori applicando una nuova tavolozza al grafico oppure utilizzando un'opzione
dedicata.
Nota:
•
Quando si converte un grafico in un altro tipo di grafico, la mappatura colori viene mantenuta solo
se vengono rispettate le condizioni seguenti:
• Il colore della legenda per la dimensione primaria (assegnata al colore Tipo regione o Torta) è
identico.
• Le voci della legenda sono identiche (non aggiungere né rimuovere una dimensione primaria
per la Forma regione).
•
Non è possibile assegnare colori ai grafici con asse valore doppio o ai grafici che utilizzano una
colorazione basata sugli indicatori, ad esempio Mappa termica, Diagramma ad albero e Nuvola di
tag.
Argomenti correlati
• Creazione di uno stile di tavolozza personalizzato per i grafici
• Per assegnare un colore a un oggetto nel grafico
È possibile assegnare colori personalizzati agli oggetti dimensione nei grafici contenuti nei
report Web Intelligence.
• Per assegnare colori agli oggetti nei grafici utilizzando le tavolozze colori
È possibile assegnare tavolozze colori predefinite o personalizzate agli oggetti dimensione
nei report Web Intelligence, nonché conservare l'assegnazione dei colori quando il report
viene aggiornato all'apertura e quando si utilizzano filtri, controlli di input o drill di istantanee.
5.3.6.6.1 Aggiunta di colori di sfondo a un grafico
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare l'area del grafico Blocco grafico e quindi
la scheda Sfondo.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet, selezionare Globale > Sfondo
2. Selezionare un colore e la trasparenza oppure definire una tonalità. Se si sceglie un colore, verrà
visualizzato un dispositivo di scorrimento che consente di scegliere il valore di trasparenza. 0% è
trasparente e 100% è opaco.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
253
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.6.2 Selezione di una tavolozza per un grafico
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare o inserire un grafico.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'area del grafico e scegliere Formato grafico nel
menu di scelta rapida. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Formato grafico". Selezionare la
•
scheda Tavolozza e stile. Nell'elenco a discesa "Tavolozza colori" (
), selezionare
uno stile di tavolozza.
Nella scheda Formato, all'interno della sottoscheda "Stile del grafico", nell'elenco a discesa "Stile
tavolozza" (
) selezionare uno stile di tavolozza.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci tavolozze", in cui è selezionata la tavolozza
predefinita o l'ultima tavolozza applicata al grafico.
Il grafico viene visualizzato con i colori della tavolozza selezionata. Se i colori non sono quelli preferiti,
è possibile selezionare un altro stile di tavolozza dall'elenco a discesa oppure creare una tavolozza
personalizzata.
Argomenti correlati
• Modifica di uno stile personalizzato di tavolozza del grafico
• Creazione di uno stile di tavolozza personalizzato per i grafici
5.3.6.6.3 Creazione di uno stile di tavolozza personalizzato per i grafici
È possibile creare uno stile di tavolozza personalizzato basato su uno stile esistente.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare o inserire un grafico.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'area del grafico e scegliere Formato grafico nel
menu di scelta rapida. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Formato grafico". Selezionare la
•
scheda Tavolozza e stile. Nell'elenco a discesa "Tavolozza colori" (
), selezionare
Personalizzata.
Nella scheda Formato, all'interno della sottoscheda "Stile del grafico", nell'elenco a discesa "Stile
tavolozza" (
) selezionare Personalizzato.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci tavolozze", in cui è selezionata la tavolozza
predefinita o l'ultima tavolozza applicata al grafico.
4. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se la tavolozza attualmente selezionata è quella da cui si desidera creare una tavolozza
personalizzata, fare clic su Nuova.
254
2013-07-02
Creazione di report
•
Se si desidera creare una tavolozza basata su un'altra tavolozza incorporata, selezionare tale
tavolozza e fare clic su Nuova.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Crea tavolozza".
5. Immettere un nome per la tavolozza.
6. Fare clic su una cella nell'area "Impostazioni colore" e quindi selezionare un colore diverso nell'elenco
a discesa "Colore".
7. Impostare l'opacità, se necessario.
8. Dopo aver personalizzato le celle, fare clic su OK.
La tavolozza personalizzata verrà visualizzata nella sezione Personalizzata della finestra di dialogo
Gestisci tavolozze.
La tavolozza personalizzata creata verrà visualizzata nei seguenti luoghi quando viene selezionata
per un grafico:
•
•
Nell'elenco a discesa "Tavolozza colori" della finestra di dialogo "Formato grafico".
Nell'elenco a discesa "Stile tavolozza" della sottoscheda "Stile del grafico".
Se non è selezionata per un grafico, è possibile accedere alla tavolozza nella finestra di dialogo
"Gestisci tavolozze".
Argomenti correlati
• Modifica di uno stile personalizzato di tavolozza del grafico
• Selezione di una tavolozza per un grafico
5.3.6.6.4 Modifica di uno stile personalizzato di tavolozza del grafico
È possibile modificare solo gli stili del grafico personalizzati. Sebbene gli stili predefiniti non possano
essere modificati, è possibile creare uno stile di tavolozza del grafico da uno stile predefinito.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare o inserire un grafico.
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'area del grafico e scegliere Formato grafico nel
menu di scelta rapida. Viene visualizzata la finestra di dialogo "Formato grafico". Selezionare la
•
scheda Tavolozza e stile. Nell'elenco a discesa "Tavolozza colori" (
), selezionare
Personalizzata.
Nella scheda Formato, all'interno della sottoscheda "Stile del grafico", nell'elenco a discesa "Stile
tavolozza" (
) selezionare Personalizzato.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Gestisci tavolozze", in cui è selezionata la tavolozza
predefinita o l'ultima tavolozza applicata al grafico.
4. Selezionare la tavolozza personalizzata da modificare e fare clic su Modifica.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Crea tavolozza".
255
2013-07-02
Creazione di report
5. Modificare le impostazioni della tavolozza in base alle esigenze.
6. Dopo aver completato le modifiche, fare clic su OK.
Argomenti correlati
• Creazione di uno stile di tavolozza personalizzato per i grafici
• Selezione di una tavolozza per un grafico
5.3.6.6.5 Per assegnare un colore a un oggetto nel grafico
È possibile assegnare colori personalizzati agli oggetti dimensione nei grafici contenuti nei report Web
Intelligence.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare un oggetto dimensione o un elemento legenda in un grafico.
3. Nella sottoscheda Stile della scheda Formattazione fare clic sulla freccia accanto all'icona Colore
sfondo.
4. Nell'elenco a discesa Colore sfondo effettuare una delle operazioni seguenti:
•
•
Per assegnare un colore predefinito, selezionare un colore.
Per assegnare un colore personalizzato, fare clic su Altri colori, impostare un colore e fare clic
su OK.
Il colore viene assegnato all'oggetto dimensione.
5.3.6.6.6 Per assegnare colori agli oggetti nei grafici utilizzando le tavolozze colori
È possibile assegnare tavolozze colori predefinite o personalizzate agli oggetti dimensione nei report
Web Intelligence, nonché conservare l'assegnazione dei colori quando il report viene aggiornato
all'apertura e quando si utilizzano filtri, controlli di input o drill di istantanee.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare un grafico.
3. Nella sottoscheda Stile del grafico della scheda Formattazione selezionare una tavolozza nell'elenco
a discesa Stile tavolozza oppure fare clic su Personalizzato per creare una tavolozza personalizzata.
I colori della tavolozza vengono assegnati agli oggetti dimensione.
4. Se si desidera conservare questa assegnazione dei colori, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul grafico.
5. Selezionare Colori serie > Imposta come colori predefiniti.
Suggerimento:
Se si desidera cancellare l'assegnazione dei colori, fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico
e scegliere Colori serie > Cancella assegnazione colori.
Argomenti correlati
• Creazione di uno stile di tavolozza personalizzato per i grafici
256
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.7 Modifica dei bordi del grafico
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare l'area del grafico Blocco grafico e quindi
la scheda Bordo.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet, selezionare Globale > Bordo.
2. Utilizzare l'"Editor dei bordi" per formattare i bordi.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.8 Formattazione dello sfondo del grafico a scatola
Le opzioni disponibili dipendono dal tipo di grafico.
Esistono due opzioni per la griglia e lo sfondo:
•
Sfondo normale
• Colore sfondo
• Colore della griglia per le griglie verticali/orizzontali (le opzioni della griglia variano in base al tipo
di grafico: nessuna griglia per i grafici a torta, griglia radiale/concentrica per i grafici radar e
specifiche opzioni, tre griglia per i grafici 3D)
•
Sfondo a fascia, con colori alternati al posto di una griglia. L'opzione di sfondo a fascia potrebbe
non essere disponibile in base al tipo di grafico, come nel caso dei grafici a torna e 3D.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Selezionare l'area del grafico Area del tracciato, quindi la scheda Sfondo.
3. Regolare il colore di sfondo e selezionare un gradiente in base alle esigenze.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
257
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.9 Visualizzazione e formattazione della legenda del grafico
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Selezionare Legenda nell'elenco "Seleziona grafico".
3. Nella scheda "Progettazione" è possibile scegliere di rendere visibile o meno la legenda, regolare
le dimensioni dei simboli, modificare la posizione e il layout, raggruppare per dimensione, modificare
le impostazioni del testo, del bordo e dello sfondo.
4. Nella scheda "Titolo" è possibile definire le impostazioni del titolo della legenda, tra cui: Titolo
automatico o Titolo personalizzato. Titolo personalizzato consente di definire una formula per
il titolo della legenda.
5. Fare clic su OK per tornare al documento.
Suggerimento:
il titolo della legenda può anche essere modificato nell'area del grafico Blocco grafico, nella scheda
Visualizzazione area. È possibile visualizzare o nascondere la legenda e il titolo della legenda, oltre
che impostarne la posizione in relazione al grafico.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
• Formule negli elementi del grafico
5.3.6.10 Come evitare interruzioni di pagina nei grafici
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nella scheda Layout per l'area del grafico "Blocco grafico", selezionare Evita interruzioni di pagina
nei grafici. È possibile selezionare questa opzione sia per le interruzioni orizzontali che per quelle
verticali.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
258
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.11 Gestione delle opzioni di presentazione in pila
Istogramma in pila globale significa che anche gli indicatori sono in pila. In pila 100% può essere
utilizzato sulla modalità in pila selezionata. Poiché la disposizione in pila viene eseguita asse per asse,
è possibile scegliere di disporre in pila alcuni dati e non altri.
Nota:
solo i grafici con assi valore possono essere disposti in pila.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Asse valore, selezionare la scheda Progettazione.
3. In "In pila", selezionare una delle opzioni seguenti: "Non in pila", "Grafico in pila" o "Grafico in pila
globale".
4. Selezionare Grafico 100% in pila per misurare più serie come una proporzione rispetto al tempo,
oppure se si dispone di tre o più serie di dati e si desidera confrontare le distribuzioni nelle categorie
e, al contempo, visualizzare le differenze tra le categorie. Ogni barra rappresenta il 100% dei valori
per tale categoria.
5. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.3.6.12 Assegnazione delle etichette degli assi nei valori dei dati
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Blocco grafico, selezionare la scheda Valori dati.
3. Selezionare Modalità di visualizzazione etichetta dati.
4. Selezionare il Tipo di dati appropriato.
5. È anche possibile modificare le altre impostazioni dei valori dati in questa pagina, come Modalità
nascosta automatica e le impostazioni del carattere, del bordo, della linea e dello sfondo.
6. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
• Come visualizzare o nascondere i valori dei dati
259
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.13 Formattazione del titolo di categoria o dell'asse valore
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Asse categoria o Asse valore selezionare la scheda Titolo.
3. Modificare le impostazioni del titolo, che includono:
• Etichetta del titolo e visibilità
• Spaziatura layout
• Formattazione del testo
• Bordi e sfondo
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.14 Formattazione di valori, numeri e testo delle griglie degli assi
Per impostazione predefinita, l'asse Valore corrisponde all'asse Y e l'asse Categoria corrisponde all'asse
X. Se si inverte l'ordine del grafico, la relazione X-Y si interrompe. La linea orizzontale continua ad
essere l'asse X e l'asse verticale continua a essere l'asse Y.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Asse categoria o Asse valore selezionare la scheda Progettazione e definire
le impostazioni di formattazione nelle sezioni seguenti:
• In Generale è possibile specificare che l'asse deve essere visibile.
• In "Layout" è possibile visualizzare l'asse, mostrare le etichette, modificare l'orientamento, regolare
le etichette, ridurre automaticamente il carattere delle etichette visualizzate nella griglia, invertire
l'ordine sull'asse delle categorie, impostare la modalità di eliminazione delle etichette sull'asse
e mostrare un layout asse continuo.
• In "Opzioni di colore" è possibile selezionare il colore dell'asse, della griglia e dello sfondo della
griglia.
• In "Testo" è possibile scegliere il carattere e il criterio del testo (testo a capo o troncato).
• In "Numero" selezionare il criterio desiderato per i numeri del grafico.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
260
2013-07-02
Creazione di report
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.15 Visualizzazione di un intervallo specifico di valori degli assi
Nota:
Scala non valida: una visualizzazione specifica indica che una barra è incompleta (il valore è al di fuori
dei valori minimi e massimi dell'asse).
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Asse valore, selezionare la scheda Progettazione.
3. In "Scala", per impostare il "Valore minimo" e il "Valore massimo", selezionare Valore fisso, quindi
immettere un valore.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.16 Scale degli assi lineari e logaritmici
Per impostazione predefinita, l'applicazione visualizza l'asse Valore sui grafici come scala lineare.
Questo asse può essere impostato su scala logaritmica. Le scale logaritmiche consentono di esaminare
i valori che comprendono molti ordini di grandezze senza perdere informazioni sulle scale più esigue.
Nella scala lineare, le graduazioni dell’asse sono disposte ad intervalli regolari. Le scale lineari si basano
su addizioni. Si consideri, ad esempio, la sequenza lineare 1, 3, 5, 7, 9
Per ottenere il numero successivo nella sequenza, si addiziona 2 al numero precedente.
Le scale logaritmiche si basano piuttosto sulle moltiplicazioni. In una scala logaritmica, le fasi aumentano
e diminuiscono proporzionalmente. Le scale logaritmiche si basano sulle moltiplicazioni (o divisioni).
Si consideri, ad esempio, la sequenza logaritmica 2, 4, 8, 16, 32
Per ottenere il numero successivo nella sequenza, si moltiplica il numero precedente per 2. Possiamo
considerare che questa sequenza è su ``base 2.''
Si consideri la seguente sequenza: 1, 10, 100, 1000, 10000
Questa sequenza è su ``base 10,'' poiché il valore successivo nella sequenza si ottiene moltiplicando
il precedente per 10.
261
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.16.1 Visualizzazione logaritmica dell'asse Valore
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Asse valore, selezionare la scheda Progettazione.
3. In "Scala", selezionare Logaritmica per "Scala dell'asse".
una scala logaritmica presenta uniformemente le modifiche in percentuale invece di presentarle in
punti. In altri termini, la distanza da 1 a 2 (100% di aumento) corrisponde alla distanza da 2 a 4
(ancora 100% di aumento).
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Nota:
se si dispone di un valore di dati negativo e sono state attivate le icone di avviso, viene visualizzata
un'icona di avviso.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
• Scale degli assi lineari e logaritmici
5.3.6.17 Visualizzazione e formattazione dei dati del grafico
5.3.6.17.1 Per nascondere un grafico vuoto
A volte un grafico non visualizza valori. Ad esempio, se le vendite di un prodotto specifico sono interrotte,
un grafico che di solito visualizza i risultati relativi a tale prodotto, risulterà vuoto. Per impostazione
predefinita, l'applicazione visualizza i grafici vuoti nei report. È possibile impostare l'applicazione affinché
nasconda i grafici vuoti.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
2. Nell'area del grafico Blocco grafico, selezionare la scheda Generale.
3. Nella sezione "Visualizzazione", selezionare uno degli elementi seguenti:
• Selezionare Nascondi sempre per nascondere il grafico.
• Selezionare Nascondi se vuoto per nascondere il grafico quando è vuoto.
• Selezionare Nascondi se la seguente formula è true e digitare una formula nella casella per
nascondere il grafico quando la formula è true.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
262
2013-07-02
Creazione di report
5.3.6.17.2 Esclusione di righe contenenti valori zero nelle tabelle e nei grafici
Le righe contenenti valori zero o somme che restituiscono zero possono essere omesse dai grafici in
quanto i dati in esse contenuti potrebbero essere inutili. È possibile includere righe contenenti valori di
indicatore pari a zero o in cui i valori di somma o di indicatore siano pari a zero o entrambi i tipi di valore.
Quando questa opzione è disattivata, non sono presenti righe nella tabella né elementi/dettagli nel
grafico. I valori zero vengono omessi. La somma viene utilizzata soprattutto nelle tabelle a campi
incrociati.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" fare clic con il pulsante destro del
mouse sul grafico o sul riquadro della tabella e scegliere Formato grafico o Formato tabella.
2. Fare clic sulla scheda Generale.
Nota:
Se è aperta la finestra di dialogo "Formato grafico", selezionare l'area del grafico Blocco grafico.
3. Per eliminare i valori di indicatore uguali a zero, deselezionare Mostra righe in cui tutti i valori
dell'indicatore = 0.
4. Per eliminare i valori di indicatore la cui somma è uguale a zero, deselezionare Mostra righe in cui
la somma dei valori dell'indicatore = 0. Questa opzione è applicabile anche alle tabelle a campi
incrociati.
5. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.3.6.17.3 Impostazione di stili, effetti ombreggiatura e indicatori di dati per i dati del grafico
Questa attività riguarda i grafici a linee, a barre, a punti, radar e gli istogrammi.
Nota:
i grafici a due assi utilizzano due tavolozze di colori.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, all'interno dell'area del grafico Blocco grafico, selezionare
la scheda Stile tavolozza.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet, nella scheda Globale, selezionare la sottoscheda
Tavolozza e stile.
2. In "Tavolozza e stile" configurare gli elementi seguenti:
• In "Stile delle serie di grafici" selezionare un effetto.
• Selezionare la "tavolozza colori" e la percentuale di trasparenza.
• In "Indicatore" scegliere i simboli, le dimensioni dei simboli, le tavolozze dei simboli, il bordo e il
colore del bordo.
• In "Stile delle serie di grafici" scegliere "Effetti barra".
• In "Effetti di luce e ombra" selezionare molti effetti di luce e ombra: offset, colore, ombreggiatura
e ombra 1 lato.
3. Fare clic su OK per tornare al documento.
263
2013-07-02
Creazione di report
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.3.6.17.4 Gestione della colorazione basata sugli indicatori nei diagrammi ad albero, nelle mappe
termiche e nei grafici nuvola di tag
Il metodo di colorazione determina il colore dei rettangoli o dei tag in base al valore di un indicatore di
riferimento.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence, nell'area del grafico Blocco grafico, selezionare la
scheda Stile tavolozza.
b. Nell'interfaccia di Web Intelligence Applet selezionare la scheda Globale, quindi la scheda
secondaria Tavolozza e stile.
2. Selezionare un metodo di colorazione e definire il numero di intervalli di colore.
Opzione
Descrizione
Colore tavolozza
È possibile definire il numero di intervalli e i colori vengono associati automaticamente in base alla tavolozza
selezionata. È anche possibile stabilire la definizione di
intervallo e il colore per i valori null o vuoti.
Colore tavolozza basato su tonalità
È possibile definire una tonalità a 2 o 3 colori associata
agli intervalli.
Colore tavolozza basato su tonalità
utilizzando la polarità dell'indicatore
È possibile definire una tonalità a 2 o 3 colori associata
agli indicatori con polarità neutra.
Colore intervallo personalizzato
È possibile definire gli intervalli manualmente e associare
i colori in base a un valore percentuale o assoluto.
3. Se necessario, definire un intervallo per i valori degli indicatori e associare un colore a ogni valore
dell'intervallo.
4. Selezionare un colore per i valori null o vuoti.
5. Definire la tonalità per i metodi basati sulla tonalità o associare un colore a ogni intervallo per il
metodo personalizzato. Per Colore intervallo personalizzato, definire i valori Massimo e Minimo
degli intervalli di colori (automatico per gli altri metodi).
6. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.3.6.17.5 Come visualizzare o nascondere i valori dei dati
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sul riquadro del grafico e scegliere Formato grafico.
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, all'interno dell'area del grafico Blocco grafico, selezionare
la scheda Valori dati.
264
2013-07-02
Creazione di report
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet, nella scheda Globale, selezionare la sottoscheda Valori
dati.
2. Selezionare Modalità di visualizzazione etichetta dati per visualizzare i dati.
3. È possibile definire le impostazioni per vari parametri, in base al tipo di grafico. Ad esempio, per un
grafico a torta, selezionare il tipo di grafico, la posizione dei dati, le dimensioni del bordo, il colore
di sfondo e così via.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
Argomenti correlati
• Formattazione di un grafico
5.4 Filtraggio dei dati del report
5.4.1 Filtraggio dei dati del report
È possibile filtrare i report per limitare i risultati visualizzati. Ad esempio, è possibile limitare i risultati
visualizzati alle informazioni relative a un cliente specifico o a un periodo di vendita. I dati che vengono
esclusi dal filtro rimangono nel documento, ma non sono più visualizzati nelle tabelle né nei grafici del
report. Ciò significa che è possibile modificare o rimuovere i filtri dei report per visualizzare i valori
nascosti, senza modificare la query su cui è basato il documento.
È possibile applicare diversi filtri alle varie parti del report. Ad esempio, è possibile limitare i risultati di
tutto il report ad una linea di prodotti specifica e poi limitare ulteriormente i risultati in una tabella o
grafico per concentrarsi sui risultati per una regione specifica o un profilo di cliente.
Per creare un filtro di report, è necessario specificare gli elementi seguenti:
• Un oggetto filtrato
• Un operatore
• Valori dei filtri
• L'elemento report da filtrare (l'intero report, sezioni o blocchi)
Nel pannello laterale, fare clic sulla scheda "Struttura e filtri del documento" per visualizzare la struttura
del documento e gli elementi del report filtrati in base all'operatore e al valore.
Argomenti correlati
• Utilizzo di filtri di report in sezioni del report
265
2013-07-02
Creazione di report
5.4.1.1 Confronto tra filtri di query e filtri di report
All'interno di un documento i filtri possono essere applicati a due livelli:
•
•
Filtri di query – filtri definiti sulla query che consentono di limitare i dati recuperati dall'origine dati e
restituiti nel documento.
Filtri di report – filtri che consentono di limitare i valori visualizzati in report, tabelle, grafici e sezioni
del documento, ma che non implicano la modifica dei dati recuperati dall'origine dati; questi filtri
nascondono i valori a livello di report.
Nota:
l'opzione Elenco dei valori [EMPTY_VALUE] può essere anch'essa inclusa nel filtro quando sono
presenti valori nulli. [EMPTY_VALUE] funziona unicamente quando si esegue il filtro di query e non di
report.
5.4.1.2 Operatori di filtri di report
5.4.1.2.1 Operatore Uguale a
Utilizzare l'operatore Uguale a per recuperare dati uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per ottenere i dati solo per US, creare il filtro "Paese Uguale a US".
5.4.1.2.2 Operatore Diverso da
Utilizzare l'operatore Diverso da per recuperare dati diversi da un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi a tutti i paesi ad eccezione di US, creare il filtro "Paese Di
verso da US".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
5.4.1.2.3 Operatore Maggiore di
Utilizzare l'operatore Maggiore di per recuperare dati maggiori di un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare dati per i clienti la cui età è maggiore di 60 anni, creare il filtro "[Età cliente]
Maggiore di 60".
266
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le query BEx.
5.4.1.2.4 Operatore Maggiore o uguale a
Utilizzare l'operatore Maggiore o uguale a per recuperare dati maggiori o uguali a un valore
specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi al fatturato a partire da 1,5 milioni di dollari, creare il filtro
"[Fatturato] Maggiore o uguale a 1500000".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie di tipo principale-secondario degli universi
.unx OLAP o per le gerarchie BEx.
5.4.1.2.5 Operatore Minore di
Utilizzare l'operatore Minore di per recuperare dati con un valore minore del valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i voti di un esame minori di 40, creare il filtro "[Voto esame] Minore di
40".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP, per le gerarchie nei filtri o per
le gerarchie nelle query BEx.
5.4.1.2.6 Operatore Minore o uguale a
Utilizzare l'operatore Minore o uguale a per recuperare dati minori o uguali a un valore specificato.
Ad esempio, per recuperare i dati relativi ai clienti di età inferiore a 30 anni, creare il filtro "[Età] Minore
o uguale a 30".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per le gerarchie e gli universi .unx OLAP nei filtri o per le
gerarchie nelle query BEx.
5.4.1.2.7 Operatore Tra
Utilizzare l'operatore Tra per recuperare i dati tra due valori limite inclusi. Il primo valore dichiarato
deve essere inferiore al secondo.
Ad esempio, per recuperare i dati per le settimane a partire dalla 25 fino alla 36 (inclusa la settimana
25 e 36), creare il filtro "[Settimana] Tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
267
2013-07-02
Creazione di report
5.4.1.2.8 Operatore Non compreso tra
Utilizzare l'operatore Non compreso tra per recuperare dati non compresi nell'intervallo tra due
valori specificati.
Ad esempio, per recuperare dati relativi a tutte le settimane dell'anno, ad eccezione delle settimane
dalla 25 alla 36, creare il filtro "[Settimana] Non compreso tra 25 e 36".
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato per gli universi .unx OLAP o per le gerarchie BEx nei filtri.
5.4.1.2.9 Operatore In elenco
Utilizzare l'operatore In elenco per recuperare i dati corrispondenti ai valori riportati in un elenco.
Per recuperare ad esempio i dati solo per i paesi Stati Uniti, Regno Unito e Giappone, creare il filtro
[Paese] In elenco. Quando sarà disponibile il campo Digitare un valore, è necessario immettere
i valori Stati Uniti;Regno Unito;Giappone.
Se utilizzato in un filtro di query con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un
elenco di valori gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore In elenco consente
di selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore In elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada] al
livello Paese nel prompt.
Se utilizzato in un filtro del report, l'operatore In elenco produce un elenco semplice di valori.
5.4.1.2.10 Operatore Non in elenco
Utilizzare l'operatore Non in elenco per recuperare dati che non corrispondono a più valori specificati.
Ad esempio, per non recuperare dati per US, UK e Giappone, creare il filtro "[Paese] Non in elenco".
Nel campo Digitare un valore immettere US;UK;Giappone.
Se utilizzato con un elenco di valori gerarchico, da una dimensione associata a un elenco di valori
gerarchico, un oggetto gerarchia o un oggetto livello, l'operatore Non in elenco consente di
selezionare più membri da qualsiasi livello della gerarchia. Ad esempio, un prompt sulla gerarchia
[Geografia] con l'operatore Non in elenco consente di selezionare [Parigi] al livello Città e [Canada]
al livello Paese nel prompt.
Nota:
questo operatore non può essere utilizzato in determinati tipi di gerarchia. Può ad esempio essere
utilizzato nelle gerarchie basate sul livello.
5.4.1.2.11 Operatore IsNull
Utilizzare l'operatore "IsNull" per recuperare dati per i quali non sono disponibili valori nel database.
Ad esempio, per recuperare i clienti senza bambini (la colonna dei bambini nel database non contiene
valori), creare il filtro [Bambini] IsNull.
268
2013-07-02
Creazione di report
5.4.1.2.12 Operatore Non è null
Utilizzare l'operatore "Non è null" per recuperare dati per cui esiste un valore nel database.
Ad esempio, per recuperare i clienti con bambini, creare il filtro [Bambini] Non è null.
5.4.1.3 Tipi di filtri di report
I filtri di report sono filtri che è possibile applicare a diversi elementi del report: report, sezione, tabella,
grafico. Ne sono disponibili due tipi:
•
Filtri di report standard.
I filtri di report standard rappresentano il tipo di filtri di report più flessibile. Possono utilizzare qualsiasi
operatore di filtro e possono essere utilizzati su singoli valori o su elenchi di valori.
•
Filtri di report semplici.
I filtri di report semplici consentono di creare facilmente i filtri utilizzando l'operatore Uguale a.
Possono filtrare solo valori singoli e vengono applicati a un intero report, non a un intero documento
o a un elemento del report.
5.4.1.4 Per creare, modificare ed eliminare filtri di report standard
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione", selezionare l'elemento del
report che si desidera filtrare.
2. Nella scheda Analisi selezionare la sottoscheda Filtri.
3. Nell'elenco a discesa "Filtro", selezionare Aggiungi filtro.
4. Fare clic su Aggiungi filtro nella finestra di dialogo "Filtro report" per visualizzare gli oggetti da
filtrare.
5. Nel pannello "Oggetti disponibili", selezionare gli oggetti da filtrare e fare clic su OK.
Se si seleziona più di un oggetto, gli oggetti filtrati vengono visualizzati in una relazione AND. Fare
doppio clic sull'operatore AND per sostituirlo con l'operatore OR.
6. Per ogni filtro, selezionare l'operatore di filtro dall'elenco.
7. Immettere i valori direttamente nella casella sopra l'elenco di valori dell'oggetto oppure selezionarli
dall'elenco e fare clic su > per aggiungerli all'elenco di valori filtrati.
I valori che possono essere immessi o selezionati dipendono dall'operatore. Ad esempio, se si
seleziona l'operatore "Uguale a", è possibile immettere o selezionare un solo valore.
269
2013-07-02
Creazione di report
Se l'oggetto filtrato è una gerarchia, i valori vengono visualizzati gerarchicamente. Tutti i membri
della gerarchia sono visibili anche se sono compressi nel report. È necessario selezionare i membri
gerarchici dalla gerarchia, poiché non è possibile immetterli manualmente. Tutti i valori dei membri
selezionati nel "Pannello delle query" vengono visualizzati in grigio e non sono selezionabili se non
sono inclusi nel report finale in quanto non sono collegati ad alcun indicatore. Per facilitare la selezione
dei valori appropriati, è possibile anche fare clic sull'icona della chiave per vedere sia il testo che il
valore dell'ID chiave per i membri.
Se l'oggetto filtrato è un livello, i valori vengono visualizzati in un elenco. Non è possibile digitare i
valori.
8. Fare clic su OK per applicare il filtro del report all'elemento.
9. Per modificare un filtro di report, selezionare l'elemento del report, quindi scegliere Modifica filtro
dall'elenco a discesa "Filtro" e modificare il filtro nella finestra di dialogo. Fare clic su OK per tornare
al documento.
Suggerimento:
Nell'interfaccia Web Intelligence HTML, un metodo rapido per trovare un filtro nel documento consiste
nel passare alla scheda "Struttura e filtri del documento" nel pannello laterale. Passare al filtro, farvi
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Modifica filtro.
10. Per eliminare un filtro di report, selezionare l'elemento del report, quindi selezionare Rimuovi filtro
dall'elenco a discesa "Filtro".
Questa procedura consente di rimuovere tutti i filtri per l'elemento del report selezionato. Per
rimuovere solo un filtro, fare clic su Modifica filtro, quindi nella finestra di dialogo "Filtro report"
selezionare il filtro e fare clic sull'icona Rimuovi.
Suggerimento:
Nell'interfaccia Web Intelligence HTML, un metodo rapido per trovare un filtro nel documento consiste
nel passare alla scheda "Struttura e filtri del documento" nel pannello laterale. Passare al filtro, farvi
clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Rimuovi filtro.
5.4.1.4.1 Selezione di valori da un elenco di valori
Quando si effettua una selezione in un elenco di valori per una query, gli elementi nell'elenco possono
essere visualizzati come un elenco composto da una o più colonne, oppure in una gerarchia, a seconda
dell'oggetto. In un elenco con più colonne, le colonne aggiuntive contengono valori correlati al valore
principale. In un elenco gerarchico i valori vengono visualizzati in relazione gerarchica.
Quando si aggiorna un report contenente prompt, gli elenchi di valori per i prompt vengono visualizzati
in un elenco semplice senza colonne multiple.
1. In un elenco di valori, selezionare gli elementi da visualizzare.
• Se l'elenco di valori non viene visualizzato all'apertura della finestra di dialogo, aggiornare l'elenco
o eseguire una ricerca nell'elenco per recuperare i valori. Alcuni elenchi di valori richiedono una
ricerca iniziale per mostrare i valori poiché sono troppo estesi per essere caricati completamente.
•
270
Se l'elenco di valori è diviso in intervalli, utilizzare il controllo posto sopra l'elenco per spostarsi
tra gli intervalli. Alcuni elenchi di valori estesi sono divisi in intervalli per ridurre la quantità di dati
recuperati dal database. Quando si seleziona un intervallo, nell'elenco vengono visualizzati i
valori inclusi nell'intervallo.
2013-07-02
Creazione di report
•
Se l'elenco di valori dipende da altri elenchi di valori, specificare i valori dipendenti nella finestra
di dialogo del prompt che viene visualizzata. Un elenco di valori può essere dipendente da altri
elenchi di valori, ad esempio se fa parte di un elenco gerarchico di valori. Ad esempio, se l'elenco
di valori contiene città e l'oggetto Città fa parte della gerarchia Paese > Regione > Città, è
necessario specificare valori prima per il Paese e la regione per filtrare l'elenco di città.
Nota:
gli elenchi di valori dipendenti vengono visualizzati solo nelle query. Non vengono visualizzati
quando si esegue una selezione da un elenco di valori in un report.
Quando si visualizza inizialmente l'elenco di valori, viene aperta la finestra di dialogo "Prompt"
che consente di specificare i valori dipendenti. Dopo aver specificato i valori dipendenti, è possibile
selezionare i valori dall'elenco filtrato.
•
Per visualizzare i valori chiave nelle query OLAP o BEx, fare clic su Mostra/Nascondi valori
chiave.
I valori chiavi non sono indicati nell'elenco "Valori selezionati", ma solo nell'elenco dei valori
disponibili. Alcuni elenchi di valori contengono valori chiave, ovvero valori univoci che possono
essere utilizzati per identificare valori con lo stesso valore di visualizzazione. Se l'elenco di valori
contiene più colonne, solo la chiave della colonna di filtro viene visualizzata.
•
Per cercare valori nell'elenco, digitare il testo da cercare nella casella sotto l'elenco e selezionare
una delle opzioni seguenti dall'elenco a discesa Cerca.
Opzione
Descrizione
Viene fatta la distinzione tra lettere maiuscole e minuscole.
Maiuscole/minuscole
Questa opzione non è disponibile quando sono selezionate le
opzioni Cerca nelle chiavi o Cerca nel database.
La ricerca utilizza chiavi di valori univoche anziché visualizzare i
valori.
Cerca nelle chiavi
Questa opzione è disponibile solo negli elenchi di valori che supportano valori chiave.
271
2013-07-02
Creazione di report
Opzione
Descrizione
La ricerca include tutti i valori memorizzati nel database anziché
essere limitata ai valori caricati nell'elenco. Questa opzione migliore l'accuratezza della ricerca ma ne riduce la velocità.
Questa opzione è disponibile solo negli elenchi di valori che supportano le ricerche nel database.
Cerca nel database
La ricerca nel database migliorano l'accuratezza a scapito delle
prestazioni. È utile quando non vengono recuperati tutti i valori
contenuti nell'elenco. Questo può verificarsi quando il numero
totale dei valori contenuti nell'elenco supera quello definito nella
proprietà della queryN. max di righe recuperate.
La ricerca nel database è particolarmente utile quando l'elenco
di valori è gerarchico poiché i valori vengono caricati dal database
solo in risposta all'espansione del relativo valore principale nella
gerarchia. Ad esempio, in una gerarchia geografica i valori secondari del valore California (città della California) non vengono
caricati dal database fino a quando non si espande il valore. Se
l'opzione è selezionare, la ricerca include questi elementi anche
se California non è stato espanso.
La ricerca include tutti gli intervalli se l'elenco è diviso in intervalli.
Nelle stringhe di ricerca, il carattere jolly '*' rappresenta qualsiasi stringa di caratteri e il carattere
jolly '?' rappresenta qualsiasi carattere singolo. Ad esempio, il valore "March" può essere restituito
dalle stringhe di ricerca "M*" o "Mar?h". Se si desidera includere i caratteri "*" e "?" nel loro
significato letterale invece che come caratteri jolly, farli precedere da "\" nella stringa di ricerca.
•
Immettere i valori dell'elenco direttamente se l'elenco supporta l'immissione diretta dei dati oppure
selezionare i valori dall'elenco.
2. Fare clic su OK oppure su Esegui query secondo le esigenze.
Argomenti correlati
• Proprietà di query N. max di righe recuperate
5.4.1.5 Utilizzo di filtri di report semplici
I filtri di report semplici consentono di ordinare le informazioni in un report Web Intelligence aperto, non
il documento o in oggetti specifici del report. La barra degli strumenti "Filtro report" consente di aggiungere
rapidamente filtri di report semplici ai report.
272
2013-07-02
Creazione di report
È possibile ordinare in base ai seguenti oggetti di un report:
• Oggetti dimensione o dettaglio
• Gerarchie, caratteristiche o attributi per universi OLAP o query BEx (ma non sul livello della gerarchia
o su indicatori)
Con i filtri di report semplici è possibile utilizzare solo l'operatore "Uguale a" e filtrare solo in base a un
singolo valore. È possibile utilizzare l'operatore "Tutti i valori".
Argomenti correlati
• Creazione dei filtri di report semplici
5.4.1.5.1 Creazione dei filtri di report semplici
1. Aprire un documento Web Intelligence.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• In modalità "Lettura" fare clic su Barra filtro.
• In modalità "Progettazione", nella scheda Analisi, selezionare la sottoscheda Interagisci e fare
clic su Barra filtro.
Viene visualizzata la barra degli strumenti "Filtro report".
Nota:
•
Quando si apre la barra dei filtri, i filtri vengono inseriti automaticamente quando gli ambiti del
report sono:
• Valore singolo (operare "Uguale a")
• Con l'operatore "Tutti i valori"
Questi filtri non sono più visualizzati nella casella Filtro.
•
Quando si comprime la barra degli strumenti "Filtro report", tutti i "filtri semplici" diventano
nuovamente filtri di report "Uguale a" o "Tutti i valori" che applicano il filtro all'intero report. Per
evitare la creazione di filtri "Tutti i valori", rimuovere l'oggetto dalla barra filtro prima di comprimerla.
3. Fare clic sull'icona "Aggiungi filtro report semplice" sulla barra degli strumenti e selezionare l'oggetto
a cui si desidera applicare il filtro nel menu.
È possibile aggiungere più oggetti alla barra degli strumenti per creare più filtri.
Nota:
A seconda delle origini dati e degli oggetti selezionati, i valori o gli oggetti disponibili in un filtro
possono dipendere dai valori impostati in un altro oggetto filtro.
4. Selezionare il valore da filtrare nell'elenco a discesa.
Nota:
Per gli oggetti non gerarchici l'elenco include tutti i valori contenuti nel report per questo oggetto
dopo aver applicato tutti gli altri filtri dell'ambito del report. Ad esempio, se si dispone di un filtro "In
elenco" che riduce i valori di questo oggetto, si otterrà questo elenco di valori per il filtro "Uguale a"
della barra filtro.
273
2013-07-02
Creazione di report
Per gli oggetti gerarchici, l'elenco contiene l'elenco semplice di tutti i valori dei membri a qualsiasi
livello. Questo elenco è organizzato in base alla visualizzazione struttura, non in ordine alfabetico.
Il report viene filtrato in base al valore dell'oggetto selezionato. Ad esempio, se si seleziona "US"
nell'elenco dei valori dell'oggetto Paese, il report viene filtrato in modo da escludere tutte le righe in
cui Paese non contiene il valore "US".
Suggerimento:
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client, è possibile trascinare
oggetti dalla visualizzazione struttura alla barra degli strumenti "Filtro report".
Per rimuovere un filtro:
•
•
Nell'interfaccia Web Intelligence HTML aperta in modalità "Lettura" o "Progettazione", selezionare
(Rimuovi) dall'elenco a discesa per l'operatore nella barra degli strumenti "Filtro report".
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client aperto in modalità
"Progettazione", selezionare il filtro e trascinarlo e rilasciarlo nel report.
Argomenti correlati
• Per creare, modificare ed eliminare filtri di report standard
5.4.1.6 Creazione di filtri nidificati in un report
Un filtro di report nidificato contiene più filtri che utilizzano le clausole AND e OR.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Per aggiungere un filtro all'elenco di filtri esistente, nella scheda Analisi selezionare la sottoscheda
Filtri.
3. Nell'elenco a discesa "Filtro", fare clic su Aggiungi filtro.
4. Nel pannello "Filtro report", fare clic su Aggiungi filtro, selezionare uno o più oggetti per il filtro e
fare clic su OK.
5. Selezionare un operatore e i valori per il filtro.
6. Fare clic sull'operatore per passare dal tipo di operatore AND a OR e viceversa.
7. Una volta completata l'aggiunta di filtri, fare clic su OK per tornare al documento.
5.4.1.7 Filtro di dati con prompt
È possibile filtrare i dati del report fornendo valori per i prompt.
274
2013-07-02
Creazione di report
Quando si aggiorna un report con i prompt, la finestra di dialogo "Prompt" contiene un riepilogo di tutti
i prompt definiti nel riquadro Riepilogo prompt. Si seleziona il prompt a cui si desidera rispondere e
si forniscono i valori nel riquadro Specifica valori per i prompt della finestra di dialogo.
A seconda del prompt selezionato, è possibile digitare i valori direttamente o selezionarli da un elenco.
Un elenco di valori può contenere soltanto valori visualizzati oppure i valori e i corrispondenti valori
chiave del database. I valori chiave del database sono valori univoci utilizzati per identificare il valore
di visualizzazione all'interno del database.
Gli elenchi di valori possono essere organizzati in modo gerarchico se l'elenco è stato definito come
gerarchia mediante Universe Designer o il prompt è basato su una gerarchia o su un oggetto del livello.
Gli elenchi di valori possono essere suddivisi in intervalli per migliorare le prestazioni.
È possibile eseguire ricerche sugli elenchi di valori o filtrarli per accedere più agevolmente ai valori a
cui si è interessati.
I prompt possono essere facoltativi o obbligatori. Se non viene fornito un valore per un prompt facoltativo,
il prompt viene ignorato. Per poter filtrare i dati eseguendo i prompt è necessario fornire valori per tutti
i prompt obbligatori.
I prompt possono dipendere da altri prompt. Ad esempio, un prompt su un oggetto Città può dipendere
da un prompt su un oggetto Regione. Fornendo i valori per il prompt Regione si limita il numero di valori
possibili del prompt Città.
È possibile fornire valori per i prompt dipendenti solo quando sono stati forniti valori per tutti i prompt
da cui essi dipendono. Se si desidera fornire valori ai prompt dipendenti di un prompt facoltativo, è
necessario fornire valori anche per il prompt facoltativo.
Argomenti correlati
• Selezione di valori da un elenco di valori
5.4.1.7.1 Immissione di valori per i prompt
1. Aprire un documento Web Intelligence contenente un prompt a livello di query in modalità
"Progettazione".
2. Fare clic sul pulsante Aggiorna.
3. Selezionare il prompt nel riquadro "Riepilogo prompt".
4. Se il prompt ha un elenco di valori e i valori non sono visualizzati, fare clic sul pulsante Aggiorna
per visualizzarli. In questo caso, nell'elenco viene visualizzato il testo "Per visualizzare il contenuto
dell'elenco, fare clic su Aggiorna".
Se il prompt dipende da altri prompt, nell'elenco dei valori vengono visualizzati collegamenti ai
prompt dipendenti. Per poter fornire un valore al prompt corrente, è necessario fornire prima i valori
per i prompt dipendenti. I gruppi di prompt dipendenti vengono visualizzati in gruppi separati nel
riquadro "Riepilogo prompt".
I valori possono essere visualizzati singolarmente, in più colonne (nelle colonne aggiuntive sono
fornite informazioni relative alla colonna di filtro principale) o gerarchicamente, in base al prompt.
275
2013-07-02
Creazione di report
Se l'elenco di valori è troppo esteso per essere visualizzato tutto insieme, verrà diviso in intervalli
e una casella sopra l'elenco mostrerà l'intervallo corrente. È possibile scorrere gli intervalli per vedere
tutti i valori nell'elenco.
5. Selezionare i valori e fare clic su > per aggiungerli all'elenco di valori selezionato oppure digitare i
valori direttamente, se il prompt lo consente.
Non è possibile digitare valori direttamente se l'elenco di valori è gerarchico.
Se il prompt richiede una data, è possibile selezionarla dal calendario che viene visualizzato nella
casella in cui è stato selezionato il valore.
Nota:
le date principali SAP vengono visualizzate come prompt data, con gli altri prompt della stessa
origine dati visualizzati come prompt dipendenti.
6. Ripetere il passaggio precedente se il prompt consente la selezione di più valori.
Se un prompt consente di selezionare più valori da un elenco gerarchico, è possibile selezionare
valori a diversi livelli della gerarchia. Se il prompt consente di selezionare solo valori singoli, è
possibile selezionare i valori solo dal livello più basso della gerarchia.
Se un prompt consente di digitare direttamente i valori e ammette valori multipli, è possibile specificare
più valori separati da ";", ad esempioCalifornia;Nevada;Iowa. Dopo aver digitato o incollato
l'elenco separato da virgole, fare clic sulla descrizione comandi con il testo "Fare clic qui per
interpretare l'elenco come valori multipli." Se si fa clic su >, l'elenco viene interpretato come un valore
unico.
7. Eseguire la query:
a. Nell'interfaccia Web Intelligence HTML fare clic su Esegui query per eseguire la query.
b. In Web Intelligence Applet o nell'interfaccia Web Intelligence Rich Client fare clic su OK per
eseguire la query.
I dati del report vengono filtrati in base alle opzioni selezionate.
Argomenti correlati
• Selezione di valori da un elenco di valori
• Creazione di un prompt
5.4.2 Filtraggio dei dati utilizzando i controlli di input
I controlli di input rappresentano un metodo pratico e di semplice accesso per filtrare e analizzare i dati
dei report. I controlli di input vengono definiti utilizzando controlli di finestre standard quali caselle di
testo e pulsanti di opzione. Associare questi controlli con elementi di report, quali tabelle o intestazioni
di sezioni, e utilizzarli per filtrare i dati negli elementi dei report. Quando si selezionano valori nel controllo
di input, i valori vengono filtrati negli elementi del report associati in base ai valori selezionati.
È inoltre possibile definire tabelle e grafici come controlli di input. Quando si seleziona un valore nella
tabella o nel grafico, i valori vengono filtrati negli elementi del report associati in base ai valori selezionati.
276
2013-07-02
Creazione di report
È possibile utilizzare i controlli di input per analizzare scenari diversi modificando il valore delle variabili.
Definire una variabile con un valore costante, quindi assegnare un controllo di input, ad esempio un
indicatore, alla variabile. È quindi possibile modificare il valore della variabile mediante il controllo
indicatore; se la variabile è compresa in una formula, è possibile utilizzare il controllo indicatore per
esaminare i diversi risultati della formula in base al valore della variabile.
I controlli di input sono specifici per ogni report Sono raggruppati nella scheda Controlli di input nel
pannello sinistro.
5.4.2.1 Utilizzo dei controlli di input con i dati gerarchici
È possibile utilizzare i controlli di input per i dati gerarchici. Quando si seleziona un nodo in una gerarchia,
è possibile selezionare un singolo valore e utilizzare l'operatore "Uguale a" oppure selezionare più
valori da un elenco struttura gerarchico.
Quando si seleziona un elenco struttura gerarchico, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere
il membro, i relativi elementi secondari o i discendenti nella gerarchia. Gli elementi della gerarchia
selezionati vengono visualizzati nel riquadro del report. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla
versione PDF della documentazione.
5.4.2.2 Aggiunta di un controllo di input
Per aggiungere controlli di input, è necessario di disporre di sufficienti diritti di modifica dei documenti.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", all'interno della scheda Analisi
selezionare la sottoscheda Filtri.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Nell'interfaccia HTML Web Intelligence, dall'elenco a discesa Controlli di input selezionare
Definisci controllo.
Se si seleziona un'intera tabella o un grafico prima di fare clic su Definisci controllo, è possibile
selezionare Includi oggetti solo dal blocco selezionato per restringere l'elenco di oggetti agli
oggetti contenuti nella tabella o nel grafico selezionato.
•
In Web Intelligence Rich Client, dall'elenco a discesa Controlli di input selezionare Definisci
controllo.
È possibile anche selezionare il tipo di controllo di input direttamente dall'elenco di controlli in
Analisi > Filtri > Controlli invece di selezionare Definisci controllo. I controlli non compatibili
con i dati dell'elemento del report selezionato sono disabilitati. Il controllo è associato
automaticamente all'oggetto del report che fornisce i dati all'elemento del report selezionato e
ne utilizza le proprietà predefinite, e si passa direttamente alla selezione degli elementi del report
che si desidera siano filtrati dal controllo di input.
277
2013-07-02
Creazione di report
Suggerimento:
un altro modo per aprire il pannello "Seleziona oggetto report" consiste nel fare clic su Nuovo nella
scheda "Controlli di input" del pannello laterale.
3. Nel pannello "Seleziona oggetto report" selezionare l'oggetto report per fornire i valori per il controllo
di input, quindi fare clic su Avanti.
4. Selezionare il tipo di controllo di input.
L'elenco dei tipi di controlli è determinato dal tipo di dati dell'oggetto del report.
5. Per definire il controllo di input, selezionare un controllo di input e impostarne le proprietà.
Se si utilizza Web Intelligence Rich Client, fare clic sul campo vuoto accanto alla proprietà del
controllo di input.
Le proprietà disponibili sono determinate dal tipo di controllo.
Proprietà di Rich
Client
Proprietà interfaccia HTML
Descrizione
Etichetta
Nome
Il nome del controllo di input
Descrizione
Elenco di valori
La descrizione del controllo di input
L'elenco dei valori disponibili nel controllo di input. È possibile utilizzare questi valori dell'oggetto del report su cui si
basa il controllo di input (predefinito) oppure definire un
elenco di valori personalizzato.
Se si definisce un elenco di valori personalizzato per l'oggetto del report, questa impostazione filtra i dati nell'elemento del report assegnato al controllo di input in base a
questo elenco di valori. Anche se nel controllo di input non
è selezionato alcun valore, i valori non contenuti nell'elenco
limitato vengono esclusi dall'elemento del report filtrato dal
controllo di input.
Usa elenco di valori limitato
Se, ad esempio, un controllo di input basato sulla dimensione Paese è ristretto ai valori "USA" e "Francia", una tabella filtrata dal controllo di input mostra esclusivamente i
dati per USA e Francia, anche se non viene selezionato
alcun valore nel controllo di input.
Se si deseleziona Usa elenco di valori limitato, tutti i valori di Paese appariranno nella tabella se non viene selezionato alcun valore nel controllo di input.
Operatore
Operatori di
filtro
Valori predefiniti
278
L'operatore utilizzato dal controllo di input per filtrare gli
elementi del report associati.
I valori predefiniti utilizzati dal controllo di input per filtrare
gli elementi del report associati.
2013-07-02
Creazione di report
Proprietà di Rich
Client
Proprietà interfaccia HTML
Numero di righe
Descrizione
Il numero di righe visualizzate dal controllo di input nel riquadro "Controlli di input". Ad esempio, un elenco di cinque
pulsanti di opzione con Numero di righe impostato su 3
visualizza solo tre pulsanti di opzione per impostazione
predefinita. Utilizzare la barra di scorrimento per accedere
agli altri due pulsanti di opzione.
Valore minimo
Valore minimo
Il valore numerico minimo che è possibile selezionare nel
controllo di input.
Valore massimo
Valore massimo
Il valore numerico massimo che è possibile selezionare
nel controllo di input.
Incremento
L'importo in base al quale il controllo di input aumenta/riduce un valore numerico se si sceglie un valore.
6. Fare clic su Avanti.
7. Nel pannello "Assegna elementi di report" selezionare gli elementi di report che devono essere filtrati
dal controllo di input.
Nota:
Ogni volta che un documento viene salvato, i controlli di input a cui non è associato alcun elemento
del report vengono rimossi.
8. Fare clic su Fine.
Il controllo di input viene visualizzato nel riquadro "Controlli di input".
5.4.2.3 Modifica di un controllo di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare la scheda Controlli di
input nel pannello laterale.
2. Selezionare il controllo di input, quindi fare clic sull'icona Modifica nella barra degli strumenti del
controllo di input per visualizzare la finestra di dialogo "Modifica controllo di input".
3. Per modificare le proprietà dei controlli di input:
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence modificare le proprietà dei controlli di input nella scheda
Proprietà.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client modificare le proprietà
dei controlli di input nella scheda Controllo.
4. Modificare gli elementi del report associati al controllo di input nella scheda Dipendenze.
5. Fare clic su OK per tornare al documento.
279
2013-07-02
Creazione di report
5.4.2.4 Evidenziazione delle dipendenze dei controlli di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic sulla scheda Controlli di
input nel pannello laterale.
2. Eseguire le operazioni seguenti:
a. Nell'interfaccia HTML Web Intelligence selezionare il controllo di input nell'elenco, quindi fare
clic sull'icona Evidenzia dipendenze sulla barra degli strumenti del controllo di input.
b. Nell'interfaccia Web Intelligence Applet o in Web Intelligence Rich Client, fare clic sull'icona
Mostra dipendenze sulla barra degli strumenti del controllo di input.
Gli elementi del report associati al controllo di input vengono evidenziati.
5.4.2.5 Organizzazione dei controlli di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare la scheda Controlli di
input nel pannello laterale.
2. Trascinare e rilasciare i controlli di input per spostarli verso l'alto o verso il basso nel riquadro
Controlli di input.
3. Selezionare un controllo di input, quindi fare clic sull'icona Rimuovi sulla barra degli strumenti del
controllo di input per rimuoverlo dal riquadro "Controlli di input".
4. Fare clic su Sì per confermare l'operazione.
5.4.2.6 Visualizzazione della mappa dei controlli di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare la scheda Controlli di
input nel pannello laterale.
2. Fare clic su Mappa nella parte superiore della scheda Controlli di input.
5.4.2.7 Utilizzo di tabelle e grafici come controlli di input
È possibile definire tabelle e grafici come controlli di input. I controlli di input basati su tabelle e grafici
vengono visualizzati nel pannello "Controlli di input" esattamente come i controlli di input standard, ma
280
2013-07-02
Creazione di report
è possibile selezionare valori nella tabella o nel grafico stesso per filtrare gli elementi di report dipendenti.
Se si selezionano celle, colonne o righe nelle tabelle, oppure aree di dati selezionabili nei grafici, i valori
negli elementi di report associati vengono filtrati in base ai valori selezionati.
Se si seleziona un controllo basato su una tabella o un grafico nel riquadro "Controlli di input", la tabella
o il grafico utilizzato come controllo di input vengono evidenziati.
Se un report è in modalità Drill, i controlli di input basati su tabelle o grafici sono disattivati e vengono
riattivati quando la modalità Drill viene disabilitata.
5.4.2.7.1 Definizione di una tabella o un grafico come controllo di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", fare clic con il pulsante destro del
mouse sulla tabella o sul grafico e selezionare Collegamento > Aggiungi collegamento
all'elemento.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per definire tutti gli oggetti nella tabella o nel grafico come oggetti di filtro, selezionare Tutti gli
oggetti.
• Per definire un singolo oggetto nella tabella o nel grafico come oggetto di filtro, selezionare
Singolo oggetto e quindi selezionare un oggetto.
Nota:
è possibile selezionare solo dimensioni come oggetti di filtro se si definisce una tabella o un grafico
come controllo di input.
3. Fare clic su Avanti.
4. Digitare un nome e una descrizione per il controllo di input, quindi fare clic su Avanti.
5. Selezionare gli elementi del report che si desidera filtrare per mezzo del controllo di input.
Nota:
Non è possibile selezionare la tabella o il grafico definiti come controlli di input dall'elenco degli
elementi di report.
6. Fare clic su Fine.
Il controllo di input tabella o grafico viene visualizzato nel riquadro Controlli di input. Quando si fa
clic su Mostra dipendenze, viene evidenziata la tabella o il grafico definito come controllo di input.
7. Per modificare la modalità di filtraggio in una tabella o un grafico degli altri elementi di report, fare
clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella o sul grafico e scegliere Collegamento > Aggiungi
collegamento all'elemento.
8. Per rimuovere un collegamento tra una tabella o un grafico e altri elementi di report, disabilitare il
collegamento, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella o sul grafico e scegliere
Collegamento > Rimuovi.
Argomenti correlati
• Modifica di un controllo di input
281
2013-07-02
Creazione di report
5.4.2.8 Filtraggio dei dati utilizzando i controlli di input
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare la scheda Controlli di
input nel pannello laterale.
Nota:
nel controllo di input viene visualizzato il seguente messaggio se gli elementi del report filtrati dal
controllo di input non sono più presenti nel report: "Nel report non sono presenti elementi dipendenti".
2. Selezionare i valori nel controllo di input.
Gli elementi del report associati vengono filtrati in base ai valori selezionati. Se, ad esempio, si
seleziona il valore "USA" della dimensione [Paese], l'operatore di filtri è Uguale a ed è disponibile
una tabella associata al controllo di input, la tabella viene filtrata in base alla condizione [Paese] =
"USA".
3. Per filtrare utilizzando una tabella o un grafico definito come controllo di input, selezionare i valori
di dimensione nella tabella (righe, colonne o celle) o nel grafico (aree di dati selezionabili).
Nota:
•
•
•
•
•
282
Le tabelle o i grafici definiti come controlli di input possono eseguire operazioni di filtro solo
utilizzando valori di dimensioni.
Nell'interfaccia Web Intelligence Applet viene visualizzato un messaggio di avviso quando si
eliminano gli oggetti utilizzati da un controllo di input.
Nel controllo di input viene visualizzato il messaggio seguente se la tabella o il grafico non è più
presente nel report: "La tabella o il grafico non si trova nel report".
Nel controllo di input viene visualizzato il messaggio seguente se le dimensioni di filtro non sono
più presenti nella tabella o nel grafico: "Le dimensioni di filtro non sono nella tabella o nel grafico."
È possibile utilizzare nuovamente il controllo di input se si aggiungono le dimensioni alla tabella
o al grafico.
Nel controllo di input viene visualizzato il messaggio seguente se il report è in modalità Drill:
"Impossibile utilizzare il controllo se il report è in modalità Drill." Per poter utilizzare il controllo di
input, è necessario disattivare la modalità Drill.
• I controlli di input basati su tabelle e grafici sono indicati con un'icona nell'angolo superiore
della tabella o del grafico. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona per visualizzare
le seguenti opzioni di menu:
2013-07-02
Creazione di report
Comando
Descrizione
Modifica
Modifica il controllo di input
Evidenzia dipendenze (interfaccia HTML Web Intelli- Evidenzia gli elementi del report filtrati dal controllo di input
gence)
Mostra dipendenze (interfaccia Web Intelligence Applet)
Reimposta
Rimuove i filtri applicati dal controllo
di input
Disabilita/Abilita
Disabilita o abilita il controllo di input
4. Per rimuovere tutti i filtri applicati dal controllo di input, fare clic su Reimposta nella parte superiore
del riquadro "Controlli di input".
5.5 Operazioni con i dati del report
5.5.1 Drill sui dati di un report
Il drill consente di avere una visione più approfondita dei dati per visualizzare i dettagli relativi ad un
risultato di riepilogo positivo o negativo visualizzato nelle tabelle, nei grafici o nelle sezioni.
Tabella 5 - 52: Restrizioni
283
Restrizione
Descrizione
Query su query BEx
Non è possibile utilizzare un percorso di navigazione per
query BEx. Il percorso di navigazione (precedentemente denominato percorso di drill) è stato sostituito dal workflow di
compressione/espansione sulla gerarchia reale.
Query su universi .unv e .unx
È possibile eseguire il drill su un universo .unv o .unx solo
se i percorsi di drill sono già in esso definiti.
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Per quale motivo si è verificato un aumento delle vendite di accessori, soprabiti
e cappotti nel terzo trimestre?
L’utente lavora presso una catena di negozi di abbigliamento negli Stati Uniti ed è responsabile delle
vendite delle linee di abbigliamento Accessori, Soprabiti e Cappotti negli stati occidentali. L’utente
riscontra che il fatturato è nettamente superiore nel terzo trimestre rispetto agli altri trimestri. Per
comprendere perché, si esegue il drill down per esaminare i fattori da cui deriva il risultato, e si riscontra
che le vendite di gioielli sono state molto più alte a luglio.
5.5.1.1 Impostazione dell'ambito di analisi
L'ambito di analisi per una query corrisponde ai dati supplementari che è possibile scaricare dal database
disponibile per offrire più dettagli sui risultati forniti. Tali dati supplementari non vengono visualizzati
nel primo report dei risultati, tuttavia rimangono disponibili nel cubo di dati da cui è possibile importarli
nel report per accedere ai dettagli in qualsiasi momento. Il processo che consente di ottenere dati più
precisi a livelli inferiori di dettaglio è denominato drill down su un oggetto.
Nota:
l'opzione "Pannello Ambito di analisi" nel "pannello delle query" è disponibile solo per gli universi unx
relazionali, e non per gli universi OLAP o per le query BEx.
Nell'universo, l'ambito di analisi corrisponde ai livelli gerarchici al di sotto dell'oggetto selezionato per
una query. Ad esempio, il livello dell’analisi di un livello inferiore rispetto all’oggetto Anno può includere
l’oggetto Trimestre, che viene visualizzato subito sotto ad Anno.
È possibile impostare tale livello al momento della creazione di una query per consentire agli oggetti
in basso nella gerarchia di essere inclusi nella query, senza la necessità che vengano visualizzati nel
riquadro "Oggetti risultato". Le gerarchie di un universo consentono di selezionare il livello dell’analisi
e il corrispondente livello di drill disponibile. È anche possibile creare un ambito di analisi personalizzato,
selezionando dimensioni specifiche da includere nell'ambito.
Argomenti correlati
• Recupero di più livelli di dati nel report
• Esecuzione del drill al di fuori dell'ambito di analisi
• Opzione Visualizza un prompt se il drill richiede dati supplementari
5.5.1.1.1 Livelli di analisi
Di seguito sono riportati i livelli di analisi che è possibile impostare.
284
2013-07-02
Creazione di report
Livello
Descrizione
nessuno
Nella query vengono inclusi solo gli oggetti visualizzati nel riquadro
"Oggetti risultato".
•
•
•
un livello
due livelli
tre livelli
Per ogni oggetto presente nel riquadro "Oggetti risultato", nella
query vengono inclusi uno, due o tre oggetti sottostanti della
struttura gerarchica. I dati relativi a tali oggetti restano memorizzati
nel cubo fino a quando non vengono aggiunti al documento.
personalizzato
Nella query vengono inclusi tutti gli oggetti aggiunti manualmente
al riquadro "Ambito di analisi".
Avvertenza:
l'inclusione di un ambito di analisi in un documento aumenta nettamente le dimensioni del documento
poiché i dati necessari per l'ambito specificato vengono salvati con il documento. Non è visibile nei
report a meno che non si avvii la modalità drill e si esegua il drill dei dati per visualizzare i valori
corrispondenti.
Per ridurre al minimo le dimensioni dei documenti e ottimizzare le prestazioni, includere un ambito di
analisi solo nei documenti in cui sarà necessario eseguire il drill.
5.5.1.1.2 Impostazione dell'ambito di analisi
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Accesso ai dati, sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
3. Nel "Pannello delle query" fare clic sul pulsante Pannello Ambito di analisi per visualizzare il
riquadro "Ambito di analisi".
Tutte le dimensioni nel riquadro Oggetti risultato vengono visualizzate nel riquadro Ambito di
analisi. Il "livello di ambito" predefinito è "Nessuno", per indicare che non sono disponibili ulteriori
livelli selezionati per l'analisi.
4. Selezionare un livello dell'analisi dall'elenco a discesa Livello ambito nell'angolo superiore del
riquadro "Ambito di analisi".
Gli oggetti gerarchicamente sotto agli oggetti nel riquadro Oggetti risultato vengono mostrati nel
riquadro Ambito di analisi sotto al numero di livelli selezionato.
5. Per aggiungere dimensioni selezionate all'ambito di analisi oppure creare un ambito di analisi
personalizzato, selezionare le dimensioni in Query Manager e trascinarle nel riquadro "Ambito di
analisi".
6. Fare clic su Esegui query.
5.5.1.1.3 Recupero di più livelli di dati nel report
Quando si esegue il drill in un report, è possibile eseguire il drill up o il drill down su una dimensione
che non rientra nel livello dell’analisi definito per il documento. Per consentire la restituzione dei dati
aggiuntivi è necessario eseguire una nuova query che includa le dimensioni aggiuntive specificate. In
tal modo si estende il livello dell’analisi.
285
2013-07-02
Creazione di report
l'ambito di analisi può essere esteso solo durante le sessioni di drill, se il profilo di protezione lo consente.
Il profilo di protezione viene controllato dall'amministratore BI.
Se le opzioni di drill non sono impostate per visualizzare il messaggio del prompt "Estendi ambito di
analisi" durante il drill, l'utente non può selezionare i filtri se il drill viene eseguito oltre i dati già disponibili
nel documento. In questo caso, la nuova query viene eseguita automaticamente e restituisce i dati per
tutti i valori delle dimensioni su cui si esegue il drill.
Esecuzione del drill al di fuori dell'ambito di analisi
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Lettura" o in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Posizionare il puntatore del mouse sopra il valore di una dimensione che si trova alla fine dell'ambito
di analisi.
Una descrizione comandi indica che per la restituzione dei dati supplementari nel documento occorre
una nuova query.
4. Eseguire il drill sulla dimensione.
Se le opzioni di drill sono impostate in modo che venga visualizzato un prompt quando un'operazione
di drill necessita di una nuova query, viene visualizzata la finestra di dialogo "Estendi ambito di
analisi".
La finestra di dialogo elenca le dimensioni della gerarchia sopra e sotto il valore del drill. Le dimensioni
già incluse nel documento sono selezionate. Nella finestra di dialogo sono inoltre visualizzati i filtri
che è possibile selezionare per filtrare la nuova query.
5. Selezionare le caselle di controllo accanto alle dimensioni di cui si desidera eseguire il drill.
6. Selezionare le caselle di controllo accanto ai filtri che si desidera applicare alla query.
7. Fare clic su OK.
Una nuova query restituisce i dati supplementari per il documento e i risultati per la dimensione di
cui è stato eseguito il drill vengono riportati nella tabella.
5.5.1.2 Percorsi drill e gerarchie
Quando i dati vengono analizzati in modalità Drill, occorre seguire un percorso di drill. Tali percorsi si
basano sulle gerarchie delle dimensioni impostate dal designer degli universi. I designer degli universi
organizzano gli oggetti in classi all’interno di una gerarchia in cui gli oggetti più generici si trovano nella
parte superiore e quelli più dettagliati nella parte inferiore. Pertanto, se si desidera creare un report di
livello elevato, si è certi che occorre che gli oggetti nella query siano inclusi nella parte superiore
dell’elenco. Per ottenere informazioni più dettagliate, è possibile passare in modalità "Drill" per effettuare
il drill-down sul valore di ogni dimensione visualizzato nei report.
Ad esempio, se i dati provenienti da [Trimestre] non illustrano sufficientemente un risultato, è possibile
eseguire il drill-down su [Mese] o [Settimana], in base al modo in cui il designer degli universi ha
286
2013-07-02
Creazione di report
impostato la gerarchia. Quando si effettua il drill su un livello diverso, gli indicatori, come [Fatturato] o
[Margine], vengono ricalcolati di conseguenza.
I percorsi di drill seguono abitualmente lo stesso ordine gerarchico delle classi in un universo. Ad
esempio, una classe denominata Cronologia comprende abitualmente la dimensione [Anno] rispetto
alla classe, seguita dalle dimensioni [Trimestre], [Mese] e [Settimana]. Le gerarchie per il drill all’interno
della gerarchia cronologica seguono abitualmente lo stesso ordine, in quanto gli utenti desiderano
effettuare il drill sui risultati annui per analizzare i dettagli per trimestre, mese e così via. È tuttavia
possibile che il designer degli universi definisca delle gerarchie personalizzate.
Nota:
Poiché una dimensione può appartenere a diverse gerarchie, Quando si effettua il drill su un risultato
in una dimensione che appartiene a più di una gerarchia, è necessario rispondere a un prompt per
selezionare il percorso di drill.
5.5.1.2.1 Visualizzazione delle gerarchie drill
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Dati" o in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Fornitori di dati, fare clic su Modifica.
3. Nel "pannello delle query", in "Struttura universo", selezionare Visualizza per percorso di
navigazione dall'elenco a discesa "Prospettiva principale".
5.5.1.3 Opzione Visualizza un prompt se il drill richiede dati supplementari
Quando si esegue il drill sui risultati visualizzati in un report, è possibile passare a un livello di informazioni
più sintetiche o più dettagliate che non sono comprese nell'ambito di analisi del documento. Per
recuperare questi dati occorre una nuova query.
Poiché le query su vaste selezioni di dati possono richiedere molto tempo, è possibile scegliere di
essere avvisati con un messaggio ogni volta che è necessaria una nuova query. Il messaggio del prompt
invita l'utente a scegliere se si desidera eseguire un'altra query. Inoltre, il prompt consente di applicare
filtri alle dimensioni supplementari incluse nella nuova query. Questo significa che è possibile limitare
le dimensioni della query ai soli dati necessari per l'analisi.
È necessario ottenere l'autorizzazione dall'amministratore BI per eseguire il drill dell'ambito di analisi.
5.5.1.4 Impostazione delle opzioni di drill
Prima di avviare una sessione di drill, è possibile impostare le opzioni di drill per definire il tipo di
cambiamento che avviene sui report ogni volta che si esegue un drill. La modalità di impostazione delle
opzioni di drill dipende dall'interfaccia utilizzata.
287
2013-07-02
Creazione di report
•
•
BI Launch Pad, se si utilizza l'interfaccia HTML Web Intelligence o Web Intelligence Applet oppure
Web Intelligence Rich Client.
Il computer, se si utilizza Web Intelligence Rich Client dalla distribuzione della piattaforma BI sul
computer.
Argomenti correlati
• Per impostare le opzioni di drill in BI Launch Pad
• Impostazione delle opzioni di drill in Web Intelligence Rich Client
• Opzione Sincronizza il drill sui blocchi del report
• Opzione Nascondi barra degli strumenti Drill all'avvio
• Opzione Avvia drill su report esistente
• Opzione Avvia drill su un report duplicato
5.5.1.4.1 Per impostare le opzioni di drill in BI Launch Pad
1. In BI Launch Pad, fare clic su Preferenze.
2. Nella sezione Web Intelligence selezionare le opzioni di drill in "Opzioni di drill" e "Avviare la
sessione di drill".
5.5.1.4.2 Impostazione delle opzioni di drill in Web Intelligence Rich Client
1. In Web Intelligence Rich Client, fare clic su Proprietà > Applicazione.
2. Fare clic su Strumenti e selezionare Opzioni dal menu che si trova nell'angolo superiore, accanto
al menu ? per visualizzare la finestra di dialogo "Opzioni".
3. Selezionare la scheda Drill.
4. Selezionare le opzioni di drill.
5.5.1.4.3 Opzione Sincronizza il drill sui blocchi del report
Quando si seleziona l'opzione Sincronizza il drill sui blocchi del report per Web Intelligence nelle
preferenze di BI Launch Pad, la visualizzazione di tutti i blocchi cambia per corrispondere alle azioni
di drill. Ad esempio, se si esegue il drill down su un blocco da Anno a Trimestre e il report contiene
anche un grafico che mostra i dati per anno, anche il grafico cambia per mostrare i dati per trimestre.
Se non si seleziona questa opzione, cambia solo la struttura del blocco su cui vengono eseguite
operazioni di drill. I filtri di drill vengono applicati all'intero report.
Sincronizzazione del drill tra varie tabelle e grafici
Un report può contenere più tabelle o grafici. Il termine generico utilizzato per tabelle e grafici nel
presente manuale è blocchi. Esistono due metodi per eseguire il drill su un report con più blocchi:
•
•
Eseguire simultaneamente il drill su ogni blocco del report contenente la dimensione su cui è stato
eseguito il drill
Eseguire il drill solo sul blocco di dati corrente
L'opzione Sincronizza il drill sui blocchi del report consente di impostare la modalità di esecuzione
del drill sui report.
288
2013-07-02
Creazione di report
Se si sincronizza il drill tra tutti i blocchi di un report, il drill verrà eseguito su ogni blocco del report che
contiene la dimensione oggetto del drill. La dimensione successiva nel percorso di drill sostituisce quella
precedente in tutti i blocchi del report.
Se non si sincronizza il drill su tutti i blocchi di un report, la dimensione successiva nel percorso di drill
sostituisce la dimensione precedente solo nel blocco attuale del report.
5.5.1.4.4 Opzione Nascondi barra degli strumenti Drill all'avvio
Quando si esegue il drill su un valore di un report, viene visualizzata la barra degli strumenti "Drill "con
il valore su cui è stato eseguito il drill. Il valore visualizzato sulla barra degli strumenti filtra i risultati
mostrati nel report analizzato.
Ad esempio, se si esegue il drill sull'anno 2010, i risultati visualizzati nella tabella di drill sono T1, T2,
T3 e T4 dell'anno 2010. I valori relativi ai trimestri sui quali è stato effettuato il drill vengono filtrati per
2001.
Nota:
La barra degli strumenti "Drill" consente di selezionare valori alternativi sullo stesso livello per filtrare i
risultati in modo diverso. Ad esempio, se si utilizza la barra degli strumenti "Drill" mostrata sopra per
selezionare "2002", la tabella di drill mostra i risultati T1, T2, T3 e T4 per l'anno 2002.
Nella sezione Web Intelligence di BI Launch Pad Preferenze, è possibile selezionare Nascondi barra
degli strumenti Drill all'avvio per nascondere la barra degli strumenti "Drill" quando si avvia la modalità
drill. La barra degli strumenti "Drill" è utile solo se si desidera applicare i filtri durante la sessione di drill.
5.5.1.4.5 Opzione Avvia drill su report esistente
Nella sezione Web Intelligence di BI Launch Pad Preferenze, selezionare Avviare la sessione di drill
> Su report esistente in modo da poter eseguire il drill del report corrente quando si avvia la modalità
drill. Quando si conclude la modalità drill, il report visualizza i valori analizzati.
5.5.1.4.6 Opzione Avvia drill su un report duplicato
Nella sezione Web Intelligence di BI Launch Pad Preferenze, selezionare Avviare la sessione di drill
> Su report duplicato per eseguire il drill su un duplicato del report corrente quando si lavora in modalità
drill. Ciò consente di mettere a confronto i risultati del report originale con quelli rilevati durante l'analisi
drill.
5.5.1.5 Passaggio alla modalità Drill
Per avviare il drill su un report, passare in modalità "Drill" oppure, se il report è stato salvato in tale
modalità, avviare direttamente""il drill.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare il report di cui eseguire
il drill.
289
2013-07-02
Creazione di report
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
Nota:
quando si apre un documento che è stato salvato in modalità Drill, viene aperto in tale modalità se
si dispone dell'autorizzazione all'esecuzione del drill sui documenti.
Per impostazione predefinita, un'icona di drill viene visualizzata nella scheda del report su cui si può
eseguire il drill. A seconda delle opzioni di drill selezionate nella pagina "Preferenze" in BI Launch
Pad, è possibile eseguire il drill sul report selezionato o su un suo duplicato creato a questo scopo.
Argomenti correlati
• Opzione Avvia drill su un report duplicato
5.5.1.6 Scelta di un percorso di drill tra vari percorsi disponibili
Una dimensione può appartenere a più gerarchie. Quando si esegue il drill down su un valore di tale
dimensione, il percorso di drill da seguire non è chiaro. È necessario definire il percorso di drill.
Nota:
se il valore di dimensione selezionato per il drill è il risultato di un drill precedente, il percorso di drill è
già noto. Quindi non è necessario selezionare un percorso del drill.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Eseguire il drill sulla dimensione.
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Seleziona il percorso del drill". La finestra di dialogo elenca
le dimensioni della gerarchia sopra e sotto il valore del drill. Accanto a ciascuna dimensione
sottostante quella analizzata viene visualizzata una casella di controllo per permettere all'utente di
selezionare le dimensioni che si desidera recuperare dal database. Nella finestra di dialogo sono
inoltre visualizzati i filtri che è possibile selezionare per filtrare la nuova query.
4. Selezionare il percorso di drill desiderato.
5. Fare clic su OK.
5.5.1.7 Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Lettura" o in modalità "Progettazione".
2. Attivare la modalità Drill:
• Se è attiva la modalità "Lettura", selezionare Avvia modalità Drill dall'elenco a discesa "Drill".
290
2013-07-02
Creazione di report
•
Se è attiva la modalità "Progettazione", selezionare la scheda Analisi e, nella sottoscheda
Interagisci, selezionare Avvia modalità Drill dall'elenco a discesa "Drill".
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", selezionare Istantanea dall'elenco a discesa "Drill".
• Se è attiva la modalità "Progettazione", selezionare la scheda Analisi e, nella sottoscheda
Interagisci, selezionare Istantanea dall'elenco a discesa "Drill".
Un nuovo report viene visualizzato nel documento esistente in cui sono contenuti i risultati di drill.
5.5.1.8 Esecuzione del drill su indicatori nelle tabelle e sezioni
Quando si esegue il drill su un valore di indicatore, il drill viene effettuato a un livello inferiore per ogni
dimensione correlata nel blocco e viene visualizzato l’indicatore calcolato per le dimensioni visualizzate.
Esempio: Drill sui risultati annuali del fatturato di vendita per vedere le suddivisioni per
città e per trimestre
Ad esempio, si effettua il drill down sul valore del fatturato di vendita del 2003 per California, che viene
visualizzato su una tabella a campi incrociati con il fatturato per anno e per stato.
Nel report su cui è stato eseguito il drill viene visualizzato il fatturato di vendita per trimestre (un livello
al di sotto di Anno) e per città (un livello al di sotto di Stato) per la California.
5.5.1.9 Esecuzione del drill su dimensioni nelle tabelle e sezioni
Generalmente, le dimensioni rappresentano dati di tipo carattere, quali nomi di clienti o aziende, e date.
I calcoli sono basati sulle dimensioni contenute in un report. Ad esempio, un report calcola il fatturato
di vendita totale di una regione per un determinato anno in cui l'indicatore Fatturato di vendita viene
calcolato in base alle dimensioni Stato e Anno.
Quando si effettua il drill su una dimensione per visualizzare un numero maggiore di dati relativi al
risultato visualizzati, il fatturato di vendita viene calcolato in base ai valori di drill. Se si esegue il drill
sulla dimensione Anno, vengono visualizzati i fatturati di vendita per stato e trimestre, poiché Trimestre
è la dimensione successiva nella gerarchia temporale riportata sotto Anno.
Nota:
non è possibile eseguire il drill su oggetti di tipo dettaglio nei report.
291
2013-07-02
Creazione di report
5.5.1.9.1 Drill down sui dati di un report
Il drill-down consente di visualizzare dati più dettagliati che sono sintetizzati nei risultati di riepilogo
visualizzati nei report. In questo modo è possibile capire come si è arrivati a risultati ottimi o pessimi.
Esempio: Uso dell’analisi di drill per comprendere la drastica diminuzione delle vendite
nel 2003
In questo esempio, si riceve un report che visualizza i risultati del fatturato per la linea accessori del
negozio al dettaglio eModa. La seguente tabella a campi incrociati indica che la linea Accessori ha
subìto un calo nel 2003.
Per analizzare con più precisione la diminuzione, eseguire il drill down sul valore della cella 2003 per
visualizzare i dati dettagliati per ogni trimestre.
Quando si effettua un drill down sul valore della cella 2003, nella barra degli strumenti Drill appare
un filtro per indicare che i valori del trimestre sui quali è stato effettuato il drill vengono filtrati per l'anno
2003. Il grafico sul quale è stato effettuato il drill indica chiaramente che il calo è iniziato nel T4 del
2003.
Per trovare quali categorie della linea Accessori erano responsabili del calo, effettuare di nuovo un
drill down sul valore della cella Accessori.
La tabella a campi incrociati dopo il drill mostra la categoria che ha provocato il calo di fatturato per
il T4.
292
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
Se si esegue il drill su una dimensione già visualizzata in un'altra colonna o riga della stessa tabella,
viene visualizzata automaticamente la dimensione disponibile successiva nel percorso del drill.
Esecuzione del drill down su un valore in una cella di tabella o di sezione
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. In una tabella o cella di sezione, posizionare il puntatore sul valore della dimensione su cui si vuole
eseguire il drill.
Viene visualizzata una descrizione comandi che illustra la dimensione successiva nel percorso di
drill. Se il report sul quale è stato effettuato il drill include le dimensioni di più fornitori di dati, la
descrizione dei comandi visualizza il nome della query e la dimensione del valore.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e scegliere Drill, quindi selezionare la direzione
di drill.
La tabella o la sezione su cui è stato effettuato il drill visualizza i dati scendendo di un livello di
dimensione. La barra degli strumenti Drill, nella parte superiore del report, visualizza i valori da cui
si è eseguito il drill. Tali valori filtrano quelli visualizzati nella tabella su cui è stato eseguito il drill.
Argomenti correlati
• Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
5.5.1.9.2 Drill up sui dati di un report
È possibile eseguire il drill up sul valore di una dimensione per vedere come i dati più dettagliati vengono
aggregati per ottenere un risultato di livello più elevato. Ad esempio, se è stato eseguito il drill-down
su Anno per analizzare i dati relativi ad ogni trimestre e si desidera vedere come tali dati vengono
aggregati per i risultati annuali, è possibile eseguire il drill up.
Durante il drill-up sul valore di una dimensione, si passa dai dati di livello inferiore a quelli di livello
superiore nel percorso di drill. Ad esempio, se è stato eseguito il drill-down su [Anno] per [Trimestre],
eseguendo il drill up su [Trimestre], si torna a [Anno].
È possibile eseguire il drill up sul valore di una dimensione solo se è stato in precedenza eseguito il
drill down sulla dimensione oppure è stato definito il percorso drill appropriato nell'ambito di analisi.
Esecuzione del drill up sul valore di una dimensione o di un indicatore
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. In una cella di tabella o di sezione effettuare una delle seguenti operazioni:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e scegliere Drill > Drill up.
• Fare clic sull'icona "Drill up" accanto al valore della dimensione di cui eseguire il drill up.
293
2013-07-02
Creazione di report
Se la tabella è una tabella a campi incrociati senza intestazioni che visualizza i nomi delle dimensioni
sulla tabella, l'icona Drill up è disponibile accanto a ogni valore sul quale è possibile effettuare il drill
up.
Argomenti correlati
• Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
5.5.1.9.3 Drill in base ad altre dimensioni di un report
Quando si esegue il drill down oppure il drill up, ci si sposta all'interno di una gerarchia una dimensione
per volta. Tuttavia, è possibile ottenere un'altra visualizzazione dei dati sezionandoli in modo diverso
e osservandoli quindi in altre gerarchie. Per eseguire questa operazione si esegue il drill per le altre
dimensioni di interesse.
Nota:
è possibile utilizzare "Drill per" solo per una dimensione inclusa nell'ambito di analisi del documento.
Esempio: Drill trasversale sulla gerarchia Prodotti per suddividere i risultati del fatturato
di vendita per prodotto
L’utente è un manager regionale della California in un negozio di abbigliamento che ha ricevuto il
seguente report in cui sono mostrati i fatturati di vendita trimestrali per stato.
Si è interessati solo nell'analisi dei risultati della Spagna. Inoltre, si desidera analizzare il fatturato di
vendita suddiviso per linea di prodotti. Per far ciò, occorre posizionare il puntatore del mouse sulla
cella della tabella in cui figura Spagna.
Effettuando ora il drill-down si ottengono i risultati per ogni città della Spagna, poiché [Città] è la
dimensione al di sotto di [Stato]. Invece, si seleziona Drill per nel menu Drill e ci sposta tra le dimensioni
della gerarchia Prodotti selezionando i sottomenu finché non si raggiunge la dimensione [Linee].
294
2013-07-02
Creazione di report
Il report sul quale è stato effettuato il drill visualizza i risultati del fatturato di vendita per ogni linea di
prodotti venduta in California.
Esecuzione del drill in base al valore di una dimensione
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul valore di una dimensione in una cella di tabella o di
sezione.
Viene visualizzato un menu di scelta rapida, che visualizza i percorsi di drill possibili.
4. Fare clic su Drill per.
Nota:
se questa opzione non viene visualizzata nel menu di scelta rapida, la cella non dispone di livelli
inferiori di dati.
295
2013-07-02
Creazione di report
5. Selezionare la classe e quindi la dimensione in cui eseguire il drill.
Il report visualizza ora i valori delle dimensioni su cui si è eseguito il drill.
Argomenti correlati
• Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
5.5.1.10 Drill sui grafici
Il drill down, drill up e drill trasversale in un grafico forniscono una spiegazione grafica a risultati sintetici
alti o bassi.
È possibile eseguire il drill su:
•
•
dimensioni, eseguendo il drill sugli assi del grafico o sulla legenda del grafico
indicatori, eseguendo il drill sulle barre o gli indicatori di dati nel corpo del grafico
Non è possibile eseguire l'operazione Drill per in base alle dimensioni presenti negli assi dei grafici.
Tuttavia, è possibile eseguire l'operazione Drill per in base alle dimensioni, sulle legende del grafico.
Argomenti correlati
• Drill sulle legende degli assi
• Drill sulle dimensioni mediante gli assi dei grafici
• Drill sugli indicatori nei grafici
• Restrizioni relative al drill degli indicatori sui grafici
5.5.1.10.1 Drill sulle dimensioni mediante gli assi dei grafici
Nei grafici 2D, è possibile eseguire il drill sulle dimensioni mediante l'asse X. Nei grafici 3D, è possibile
eseguire il drill sulle dimensioni mediante l'asse X e Z. I grafici possono contenere una o più dimensioni
su un unico asse. Quando un asse contiene diverse funzioni, ogni possibile combinazione dei valori
delle dimensioni viene visualizzata sull'asse (il risultato viene definito prodotto cartesiano).
Quando si esegue il drill su un valore di un asse con diverse dimensioni, i risultati del drill sono filtrati
per entrambe le dimensioni.
Esecuzione del drill su un asse del grafico
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per eseguire il drill down sul valore di una dimensione, fare clic sul valore.
296
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
Per eseguire il drill up sul valore di una dimensione, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul valore e selezionare Drill up.
Per eseguire il drill down sul valore di una dimensione, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul valore e selezionare Drill down.
Per eseguire il drill in base al valore di una dimensione, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul valore e selezionare Drill per.
Nota:
l'opzione Drill per non è disponibile se l'asse contiene più dimensioni.
5.5.1.10.2 Drill sugli indicatori nei grafici
È possibile eseguire il drill sugli indicatori visualizzati nei seguenti tipi di grafico:
•
•
•
istogrammi, eseguendo il drill sulle barre
grafici a linee e radar, eseguendo il drill sugli indicatori di dati
grafici a torta, eseguendo il drill sui segmenti
Quando si esegue il drill su indicatori, il drill viene eseguito su ogni dimensione visualizzata sugli assi
del grafico. I nuovi calcoli di indicatori visualizzati nelle barre o negli indicatori di dati del grafico su cui
si esegue il drill corrispondono alle dimensioni di livello più alto o più basso verso cui si è eseguito il
drill. Le etichette degli assi del grafico visualizzano il nome delle dimensioni su cui si è eseguito il drill.
Esempio: Analisi delle informazioni dettagliate dell'indicatore Fatturato di vendita in un
grafico
Ad esempio, questo istogramma 3D visualizza i valori della dimensione [Stato] sull'asse X e i valori
della dimensione [Linee] sull'asse Z. Ciò significa che l'istogramma visualizza valori per fatturato di
vendita per stato per linea.
Come illustrato nell'esempio seguente, quando si esegue il drill down sulla barra corrispondente a
“Pantaloni da città” in “Spagna” si esegue anche il drill down da [Stato] a [Città] sull'asse X e da [Linee]
a [Categoria] sull'asse Y.
Il grafico visualizza ora il fatturato di vendita per città per categoria per la linea di abbigliamento
“Pantaloni da città”.
297
2013-07-02
Creazione di report
Esecuzione del drill su un indicatore in un grafico
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per eseguire il drill down sul valore di un indicatore, fare clic sulla barra o sull'indicatore di dati.
• Per eseguire il drill up sul valore di un indicatore, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla
barra o sull'indicatore di dati, quindi fare clic su Drill up.
Nei grafici, ogni indicatore è rappresentato da una barra (negli istogrammi) o da un indicatore di dati
(su grafici a linee e a linee e radar).
Restrizioni relative al drill degli indicatori sui grafici
Quando si esegue il drill su grafici diversi dai grafici a barre, l'azione di drill potrebbe essere eseguita
solo su alcune dimensioni degli assi del grafico. Quando si esegue il drill sugli indicatori dei seguenti
tipi di grafico, l'azione di drill viene eseguita solo sui valori contenuti nella legenda degli assi:
•
•
grafici ad area 2D, 3D e in pila
grafici radar e a dispersione, tutti i tipi
Nota:
non è possibile eseguire il drill sugli indicatori presenti nei grafici ad area tridimensionali.
5.5.1.10.3 Drill sulle legende degli assi
È possibile eseguire il drill sui grafici mediante la legenda del grafico se la legenda elenca le dimensioni
visualizzate nel grafico. Tuttavia, quando la legenda del grafico elenco gli indicatori visualizzati nel
grafico, il drill sulla legenda non è possibile.
298
2013-07-02
Creazione di report
Il drill su una legenda è utile, se si lavora con un grafico a torta, perché le etichette degli assi, che
visualizzano i nomi delle dimensioni rappresentate da ogni segmento della torta spesso non sono
visualizzate.
Nota:
Sulla legenda di un grafico è possibile utilizzare solo l'operazione Drill per, se è presente una sola
dimensione sull'asse.
Esecuzione del drill sulla legenda degli assi
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Effettuare una delle operazioni seguenti:
•
•
•
Per eseguire il drill down sul valore di una dimensione, fare clic sul colore associato al valore.
Per eseguire il drill up in base al valore di una dimensione, fare clic con il pulsante destro del
mouse sul colore associato e fare clic su Drill up.
Per eseguire il drill in base al valore di una dimensione, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul colore associato e fare clic su Drill per.
5.5.1.11 Uso dei filtri per il drill
Quando si esegue il drill su un valore di dimensione o indicatore in una tabella o grafico, i risultati del
drill vengono filtrati in base alla dimensione o all'indicatore su cui si è eseguito il drill. Il filtro viene
applicato a tutti i risultati visualizzati nel report del drill.
I filtri vengono visualizzati in caselle di riepilogo nella barra degli strumenti di "drill". Ogni casella di
riepilogo contiene i valori associati al filtro. Per selezionare i dati visualizzati nella tabella o nel grafico,
si scelgono i valori adeguati nelle caselle di riepilogo.
Nota:
È anche possibile utilizzare la barra degli strumenti "Drill" quando non è attiva la modalità Drill per
aggiungere velocemente filtri di report semplici ai report. In questo contesto, la barra degli strumenti è
conosciuta con il nome "Filtro report".
Esempio: Filtraggio dei report di drill per diversi stati
Se, ad esempio, se si esegue il drill down su una cella di tabella che visualizza "Spagna" per
visualizzare i risultati delle città della Spagna, vengono filtrati i valori dell'intero report per Spagna e
nel report sono visualizzati solo i risultati relativi alla Spagna.
Modificando il valore dei filtri, è quindi possibile visualizzare dati per altri valori della dimensione su
cui si esegue il drill. Ad esempio, è possibile selezionare Paesi Bassi nel filtro per stato.
299
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
se il report sul quale è stato eseguito il drill include dimensioni di più fornitori di dati, quando si punta
il cursore sul valore del filtro viene visualizzata una descrizione comandi. che indica il nome della
query e la dimensione relativa al valore.
Argomenti correlati
• Creazione dei filtri di report semplici
5.5.1.11.1 Aggiunta o rimozione di un filtro di drill
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella sottoscheda Interagisci della scheda Analisi, selezionare Avvia drill dall'elenco a discesa
"Drill".
3. Dall'elenco "Oggetti disponibili", trascinare la dimensione contenente i valori sulla base dei quali si
desidera filtrare il report nella barra degli strumenti "Drill".
Nella barra degli strumenti di "drill" viene visualizzato il nuovo filtro nella casella di riepilogo. Per
filtrare i risultati visualizzati nella tabella, grafico o report su cui è stato effettuato il drill, il valore può
essere selezionato dall’elenco dei valori.
4. Per rimuovere un filtro di drill, trascinare la dimensione all'esterno della barra degli strumenti "drill".
5.5.1.12 Salvataggio dei report con filtri di drill
Quando un documento con report viene salvato in modalità "Drill", i filtri generati durante il drill vengono
salvati con il documento. Quando si apre un documento salvato in modalità "Drill", la barra degli strumenti
di "drill" viene visualizzata sui report che hanno subito il drill e mostra i filtri generati durante l’ultima
sessione di drill.
Nota:
i documenti salvati in modalità "Drill" richiedono più tempo per essere aperti.
5.5.1.13 Aggiornamento dei dati in un report con prompt su cui è stato eseguito
il drill
Alcuni report contengono prompt. Quando si aggiorna il documento, i prompt richiedono di specificare
i valori da recuperare dal database e li restituiscono ai report del documento. Ad esempio, un prompt
può richiedere di specificare un anno per il quale si intendono recuperare i dati. Il report su cui è stato
eseguito il drill mostra valori per l'anno 2003, l'anno selezionato per il prompt.
300
2013-07-02
Creazione di report
Se il report del drill è filtrato per l'anno 2003 e si aggiorna il documento selezionando l'anno 2002 come
risposta al prompt, il report visualizza i risultati per il 2002 invece che per il 2003.
5.5.1.14 Uso del drill di query
Quando si attiva il drill di query, si esegue il drill modificando la query sottostante (aggiungendo e
rimuovendo dimensioni e filtri di query) oltre ad applicare filtri di drill.
Il drill di query si usa quando il report contiene indicatori aggregati calcolati a livello del database. In
particolare, è progettato per fornire una modalità di drill adatta a database come Oracle 9i OLAP, che
contengono funzioni aggregate non supportate in Web Intelligence o che non possono essere calcolate
accuratamente nel report durante una sessione di drill.
Il drill di query è utile anche per ridurre la quantità di dati memorizzati localmente durante una sessione
di drill. Poiché il drill di query riduce l'ambito dell'analisi durante il drill up, i dati non necessari vengono
eliminati.
Esempio: Drill down da mese a settimana
In questo esempio, Mese è la dimensione di livello più basso attualmente disponibile nella query da
una gerarchia di tempo e Settimana è la dimensione immediatamente successiva nella gerarchia.
Se si esegue un drill down su Mese = Gennaio, si verifica quanto segue:
•
•
•
La dimensione Settimana viene aggiunta all'ambito dell'analisi.
Un filtro di query limita Mese a "Gennaio".
Un filtro di drill viene aggiunto per limitare Mese a "Gennaio".
Se si esegue un drill up da Settimana a Mese, il processo è invertito.
•
•
•
La dimensione Settimana viene rimossa dall'ambito dell'analisi.
Il filtro di query viene rimosso.
Il filtro di drill viene rimosso.
Nota:
I filtri di drill non sono strettamente necessari nella modalità di drill di query. Essi vengono applicati
per coerenza con la modalità di drill standard. Ad esempio, la funzione FiltriDrill restituisce il
valore corretto nella modalità drill di query poiché vengono applicati filtri di drill che corrispondono ai
filtri di query.
Argomenti correlati
• Impostazione dell'ambito di analisi
301
2013-07-02
Creazione di report
5.5.1.14.1 Drill down con drill di query
Quando si esegue il drill down, il drill di query funziona come il drill standard finché i dati non si trovano
all'esterno dell'ambito di analisi.
Una dimensione su cui è stato eseguito il drill viene filtrata in modalità drill di query aggiungendo un
filtro di query al filtro di drill. Se, ad esempio, si esegue il drill su Anno=2001, si aggiunge un filtro di
query per limitare la dimensione Anno a 2001. Per questo motivo, l'unico valore che viene visualizzato
nella barra degli strumenti di drill per la dimensione interessata è il valore su cui si è eseguito il drill (in
questo caso 2001). Si tratta di una differenza rispetto alla modalità drill standard, in cui tutti i valori della
dimensione sono visibili nella barra degli strumenti. Ne risulta che non è possibile modificare i valori
del filtro in modalità di drill di query (ad esempio, eseguire il drill su Anno=2001, poi passare ad
Anno=2003), come è possibile farlo nella modalità di drill standard.
Poiché il drill di query estende automaticamente l'ambito di analisi, è possibile utilizzarlo solo se si
dispone del diritto di eseguire il drill fuori dall'ambito di analisi. Per ulteriori informazioni, contattare
l'amministratore BI.
Argomenti correlati
• Impostazione dell'ambito di analisi
5.5.1.14.2 Drill up con drill di query
Quando si esegue il drill up, il drill di query rimuove dimensioni dalla query. Ad esempio, se si esegue
il drill up da Mese a Trimestre, Mese viene rimosso dalla query. Vi sono due conseguenze:
•
•
Il drill di query è incompatibile con le istantanee del drill.
Non è possibile eseguire il drill up oltre le dimensioni visualizzate come oggetti del report. Ad esempio,
se il report visualizza Anno, Trimestre e Fatturato di vendita, non è possibile eseguire il drill up da
Trimestre ad Anno perché ciò rimuoverebbe Trimestre dall'elenco degli oggetti del report.
Argomenti correlati
• Drill di query e istantanee del drill
• Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
5.5.1.14.3 Drill di query e istantanee del drill
Non utilizzare istantanee di drill quando si lavora in modalità drill di query, perché ciò implica che non
è possibile garantire che le istantanee rimangano uguali.
In modalità drill di query, le istantanee cambiano al momento del drill up su una dimensione inserita
nell'istantanea. Siccome il drill up rimuove la dimensione dalla query sottostante, la rimuove anche
dall'istantanea.
Argomenti correlati
• Creazione di un'istantanea dei risultati di drill del report
302
2013-07-02
Creazione di report
5.5.1.14.4 Drill di query ed altri report basati sullo stesso fornitore di dati
Se il documento presenta altri report contenenti dimensioni su cui si esegue il drill in modalità drill di
query, tali report sono modificati perché il drill di query interviene sulle dimensioni in essi presenti.
Per evitare questa situazione (se si è disposti a duplicare i dati), è possibile creare un nuovo fornitore
di dati e ricreare il report sulla base di esso. In questo modo, quando si esegue il drill in modalità drill
di query, l'altro report rimane inalterato.
Esempio: Drill su una dimensione presente in un altro report
Se si hanno due report basati su una query contenente Anno, Trimestre e Fatturato di vendita e si
usa il drill di query per eseguire un drill down su Anno = 2001 nel primo report, anche i dati di Anno
nel secondo report vengono filtrati per mostrare solo 2001.
5.5.1.14.5 Attivazione del drill di query
Nota:
l'opzione Usa drill di query non è disponibile se è attivato un ambito di analisi nel "pannello delle
query".
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" o in modalità "Dati".
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Documento per visualizzare la finestra di dialogo "Proprietà
documento".
3. Selezionare Usa drill di query.
Se è già stato definito un ambito dell'analisi per il report, viene visualizzato un messaggio di errore
in cui si indica di cancellare l'ambito dell'analisi prima di attivare il drill della query.
4. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Proprietà documento".
Argomenti correlati
• Impostazione dell'ambito di analisi
5.5.2 Unione di dati da dimensioni e gerarchie
È possibile sincronizzare i dati restituiti da dimensioni, gerarchie o attributi creando oggetti uniti che li
incorporino. I dati vengono uniti da diversi fornitori di dati. Ad esempio, se si ha un fornitore di dati
contenente informazioni dettagliate sui clienti ed un altro contenente i dati relativi alle vendite, è possibile
sincronizzare i due fornitori di dati intorno al cliente.
Se si uniscono dati della stessa origine dati (ad esempio lo stesso universo o query BEx), l'unione si
basa sull'ID interno di ciascun membro dati. Se si uniscono dati di fornitori diversi, l'unione si basa sulla
didascalia di ciascun membro dati. Se, ad esempio, si sincronizzano due gerarchie [Geografia] basate
sulla stessa origine dati, il membro dati [Los Angeles] viene unito con [Los Angeles] tramite il suo ID
303
2013-07-02
Creazione di report
interno. Se invece le gerarchie si trovano in origini dati differenti, i membri vengono uniti in base alla
didascalia "Los Angeles".
Nei casi in cui l'unione è basata sulla didascalia e diversi membri con la stessa didascalia hanno membri
principali differenti, non è possibile unire membri e viene generato l'errore #VALOREMULTI.
Se un oggetto unito contiene una gerarchia, non è possibile includerlo direttamente in un report, ma è
comunque possibile visualizzare i dati gerarchici sincronizzati utilizzando le gerarchie originali. Se si
include in un report un oggetto unito senza gerarchie, e successivamente vi si aggiungono gerarchie,
l'oggetto restituisce l'errore #CALCOLO.
Argomenti correlati
• Unione di gerarchie
5.5.2.1 Unione di fornitori di dati in base alle chiavi
Quando si uniscono due origini dati in base agli oggetti dettaglio di una query basata sui servizi BICS,
le chiavi della query BEx vengono mappate ai dettagli. In questo modo è possibile unire i fornitori di
dati in base alle chiavi. Dopo aver eseguito l'unione, l'attributo viene utilizzato nel report allo stesso
modo di una dimensione.
5.5.2.2 Scelta dei dati da unire
Si uniscono dati quando un report acquisisce i dati da origini diverse ma correlate. Ad esempio, si
dispone di un report contenente gli obiettivi di vendita e il fatturato. Il report contiene delle sezioni basate
su Anno e ciascuna di esse mostra gli obiettivi di vendita e il fatturato. Se i dati relativi al fatturato e alle
vendite provengono da due diverse origini dati, essi non vengono sincronizzati. La sincronizzazione
dei dati viene eseguita mediante l'unione dei due fornitori di dati in un'unica dimensione comune: Anno.
L'unica limitazione tecnica imposta alle dimensioni unite è che devono contenere lo stesso tipo di dati:
Ad esempio, è possibile unire due dimensioni contenenti dati carattere. Ma non ha senso unire le
dimensioni non correlate, anche quando i relativi dati sono dello stesso tipo. Ad esempio, risulta inutile
unire una dimensione contenente i nomi dei clienti con una dimensione contenente le aree di vendita.
Spesso, alle dimensioni unite viene assegnato lo stesso nome in entrambe le origini dati, ma non è
obbligatorio. Se le dimensioni contengono dati correlati, è preferibile unirle con nomi differenti.
Per unire correttamente le dimensioni, è necessario conoscere la semantica dei dati (a cosa si riferiscono
tali dati) nelle diverse origini dati. I nomi e i tipi di dati della dimensione rappresentano una guida
approssimativa solo per l'adattabilità delle dimensioni da unire.
304
2013-07-02
Creazione di report
5.5.2.3 Esempio di dimensione unita
Il seguente esempio con due fornitori di dati illustra l'effetto dell'unione delle dimensioni:
Esempio: Unione di dimensioni Città
Fornitore di dati 1:
Paese
Città
US
New York
USA
Los Angeles
Francia
Parigi
Francia
Tolosa
Fornitore di dati 2:
Città
Fatturato
New York
100000
Los Angeles
75000
Parigi
90000
Tolosa
60000
Se non si uniscono le dimensioni Città, inserendo gli oggetti Paese, Città e Fatturato nella stessa
tabella si ottiene il risultato seguente:
305
Paese
Città
Fatturato
USA
New York
325000
USA
Los Angeles
325000
Francia
Parigi
325000
Francia
Tolosa
325000
2013-07-02
Creazione di report
Poiché non vi è alcun collegamento tra i due fornitori di dati mediante una dimensione unita, i fatturati
relativi alle città non sono correlati ai paesi. Nella tabella è indicato il fatturato totale nel fornitore di
dati 2 per ogni coppia Paese/Città.
Se le dimensioni Città vengono unite si ottiene il risultato seguente:
Paese
Città
Fatturato
USA
New York
100000
USA
Los Angeles
75000
Francia
Parigi
90000
Francia
Tolosa
60000
5.5.2.4 Unione di gerarchie
Non è possibile utilizzare le gerarchie unite in un report, ma è possibile sfruttare la sincronizzazione
dei dati utilizzando le gerarchie originali che compongono quella unita. I dati del report assumono la
struttura della gerarchia selezionata.
Esempio: Gerarchie unite
Sono presenti due origini dati, ciascuna delle quali utilizza una gerarchia che è stata unita in un oggetto
unito. Il fornitore di dati 1 contiene i dati seguenti:
Prodotto
Fattura negozio
Sport
5401
Palestra
Nuoto
Campeggio
Pantaloni
1236
Maglie
1208
Pesi
1629
1328
16961
Tende
306
4073
3534
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Fattura negozio
Sacchi a pelo
3423
Attrezzatura da cucina
5352
Materiale elettrico
4652
Il fornitore di dati 2 contiene i dati seguenti:
Prodotto
Unità ordinate
Sport
13348
Palestra
8814
Pantaloni
1231
Maglie
3241
Pesi
4342
Nuoto
4534
Campeggio
34234
Se si utilizza la prima gerarchia in un report, i dati vengono strutturati nel modo seguente:
Prodotto
Fattura negozio
Unità ordinate
Sport
5401
13348
4073
8814
Pantaloni
1236
1231
Maglie
1208
3241
Pesi
1629
4342
1328
4534
16961
34234
Palestra
Nuoto
Campeggio
307
Tende
3534
Sacchi a pelo
3423
Attrezzatura da
cucina
5352
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Fattura negozio
Materiale elettrico
Unità ordinate
4652
Gli elementi secondari di [Campeggio] sono visualizzati nella gerarchia perché lo sono nella gerarchia
selezionata. L'indicatore [Unità ordinate] non visualizza valori per questi membri perché essi non sono
presenti nella seconda origine dati.
Se si seleziona la seconda gerarchia, i dati uniti sono strutturati nel modo seguente:
Prodotto
Fattura negozio
Unità ordinate
Sport
5401
13348
4073
8814
Maglie
1236
1231
Pantaloni
1208
3241
Pesi
1629
4342
1328
4534
16961
34234
Palestra
Nuoto
Campeggio
I membri secondari di [Campeggio] non sono visualizzati, in quanto non presenti nella gerarchia
originale selezionata.
5.5.2.5 Unione di tipi di oggetti diversi
Negli oggetti uniti è possibile includere dimensioni, attributi e gerarchie. Non è possibile includere un
oggetto unito contenente una gerarchia direttamente in un report, ma è possibile includervi gli oggetti
che compongono la gerarchia unita. La struttura dei dati visualizzati nel report dipende dall'oggetto
scelto.
Esempio: Unione di una dimensione e una gerarchia
Si hanno due origini dati, una contenente una dimensione e l'altra una gerarchia. Il fornitore di dati 1
contiene la dimensione [Paese], come segue:
308
2013-07-02
Creazione di report
Città
Articoli in magazzino
Los Angeles
4545
San Francisco
6465
San Diego
4564
Il fornitore di dati 2 contiene la gerarchia [Geografia], come segue:
Geografia
Fatturato
USA
54342
California
6996
Los Angeles
3423
San Francisco
2342
San Diego
1231
La dimensione e la gerarchia vengono unite in un oggetto unito. Non è possibile includere l'oggetto
unito in un report perché contiene una gerarchia. Se si include la dimensione [Paese] in un report, i
dati vengono visualizzati nel modo seguente:
Città
Articoli in magazzino
Fatturato
Los Angeles
4545
3423
San Francisco
6465
2342
San Diego
4564
1231
Se si inserisce la gerarchia [Geografia] in un report, il risultato è il seguente:
Articoli in magazzino
Prodotto
USA
54342
California
309
Fatturato
6996
Los Angeles
4545
3423
San Francisco
6465
2342
San Diego
4564
1231
2013-07-02
Creazione di report
5.5.2.6 Forzatura di calcoli uniti con la funzione ForzaUnione
Per impostazione predefinita, nei calcoli non vengono prese in considerazione le dimensioni unite se
non appaiono esplicitamente nel contesto di calcolo.
Esempio: Calcolo del fatturato con la funzione ForzaUnione
Questo esempio ha i due seguenti fornitori di dati:
Fornitore di dati 1:
Paese
Città
US
New York
USA
Los Angeles
Francia
Parigi
Francia
Tolosa
Fornitore di dati 2:
Città
Fatturato
New York
100000
Los Angeles
75000
Parigi
90000
Tolosa
60000
Se si uniscono le dimensioni [Città] e si crea una tabella con [Paese] e [Fatturato], viene visualizzato
il seguente risultato:
310
Paese
Fatturato
USA
325000
USA
325000
Francia
325000
Francia
325000
2013-07-02
Creazione di report
Poiché Città, la dimensione unita, non è visualizzata nella tabella, essa non influisce sul calcolo del
fatturato. Il fatturato totale nel secondo fornitore di dati viene visualizzato per ogni paese.
Per visualizzare il risultato corretto, sostituire Fatturato nella seconda colonna con la formula ForzaU
nione([Fatturato]):
Città
Fatturato
USA
175000
USA
175000
Francia
150000
Francia
150000
Ora la relazione tra paesi e città influisce sul calcolo del fatturato.
Nota:
se nell'esempio in alto Fatturato è un indicatore intelligente, ForzaUnione([Fatturato]) restituisce
#VALOREMULTI. Ciò si verifica perché il raggruppamento (Paese) non esiste per l'indicatore Fatturato.
ForzaUnione([indicatore_smart]) restituisce sempre #VALOREMULTI, a meno che non siano
necessarie aggregazioni per calcolare l'indicatore.
Argomenti correlati
• Calcolo dei valori con indicatori intelligenti
5.5.2.7 Per unire dettagli, dimensioni o gerarchie
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Accesso ai dati, nella sottoscheda Oggetti dati, fare clic su Unisci.
3. Tenere premuto il tasto CTRL e selezionare le dimensioni o le gerarchie che si desidera unire.
4. Fare clic su OK.
È possibile visualizzare l'oggetto unito nel riquadro "Oggetti disponibili" del pannello laterale. Le
gerarchie o dimensioni originali che compongono l'oggetto sono visibili al di sotto di esso. È possibile
modificare o rimuovere la dimensione o la gerarchia unita nel riquadro "Oggetti disponibili".
Suggerimento:
in Web Intelligence Rich Client è anche possibile selezionare gli oggetti nel riquadro "Oggetti
disponibili", fare clic con il pulsante destro del mouse sugli oggetti selezionati e scegliere Unisci.
5. Per aggiungere altri oggetti a un gruppo di oggetti uniti:
311
2013-07-02
Creazione di report
a. Selezionare il pulsante Oggetti disponibili nel pannello laterale.
b. Selezionare l'oggetto unito.
c. Tenere premuto il tasto "CTRL" e selezionare uno o più oggetti da aggiungere al gruppo.
Nota:
gli oggetti selezionati devono avere un tipo di dati corrispondente a quello degli oggetti già uniti.
d. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla selezione e scegliere Aggiungi a unione dal
menu di scelta rapida.
Argomenti correlati
• Divisione degli oggetti
• Per modificare oggetti uniti
5.5.2.8 Unione automatica delle dimensioni
È possibile unire automaticamente le dimensioni se dispongono dello stesso nome e tipo di dati, e se
si trovano nello stesso universo. L'unione automatica avviene solo a livello del documento.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Proprietà fare clic su Documento.
3. Nella finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti" selezionare Unisci automaticamente dimensioni.
Avvertenza:
se questa opzione è attivata, Web Intelligence cerca tutte le dimensioni che condividono lo stesso
nome e tipo di dati in un universo e le unisce. Se lo stesso oggetto è disponibile con più nomi, è
consigliabile unire manualmente le dimensioni.
Nota:
quando si disattiva l'opzione, le dimensioni vengono divise. Attivare questa opzione all'inizio in modo
che tutte le dimensioni simili vengano unite, quindi disattivare l'opzione in modo che non si verifichino
comportamenti imprevisti in seguito.
4. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Riepilogo dei documenti".
5.5.2.9 Per modificare oggetti uniti
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare il pulsante Oggetti
disponibili nel pannello laterale.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una dimensione unita e scegliere Modifica proprietà.
312
2013-07-02
Creazione di report
3. Nella finestra di dialogo "Modifica dimensione unita" digitare il nome della dimensione unita nella
casella di testo Nome dimensione unita.
4. Digitare una descrizione nella casella "Descrizione".
5. Selezionare una dimensione da cui sono prese le proprietà predefinite della dimensione unita
nell'elenco a discesa "Dimensione origine".
6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Modifica dimensione unita".
5.5.2.10 Divisione degli oggetti
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione", selezionare il pulsante Oggetti
disponibili nel pannello laterale.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per dividere un gruppo di oggetti, fare clic con il pulsante destro del mouse su una dimensione
divisa e fare clic su Dividi dal menu di scelta rapida.
• Per rimuovere un oggetto da un gruppo unito, fare clic con il pulsante destro del mouse nel
gruppo e scegliere Rimuovi da unione dal menu di scelta rapida.
3. Fare clic su Sì per confermare.
5.5.2.11 Effetti dei dati uniti
In alcune situazioni l'unione dei dati comporta implicazioni per i risultati dei report. Per utilizzare al
meglio le dimensioni unite e i dati sincronizzati, è necessario conoscere tali implicazioni.
Nota:
Se si utilizzano formule create a partire dalla versione 4.0.x di Web Intelligence e che contengono un
calcolo sugli oggetti
inclusi nell'oggetto unione, tenere presente che nella versione SP05 per la formula viene utilizzato
l'oggetto unito anziché
l'oggetto incluso nell'oggetto unione. Per ottenere nella versione SP05 gli stessi risultati, sostituire nella
formula il nome
dell'oggetto incluso nell'unione con quello dell'oggetto unito.
Ad esempio:
Merge = [Dimensione1] [Dimensione2]
var = count ( funzione ( [Dimensione1] ) )
Tra le versioni 4.0 e SP05 la funzione viene conteggiata anche in base al valore di Dimensione2.
313
2013-07-02
Creazione di report
A partire da Web Intelligence 4.0 SP05 la funzione count è basata solo sul valore di Dimensione1.
Per ottenere lo stesso risultato ottenuto con le formule della versione 4.0.x di Web Intelligence, sostituire
[Dimensione1] con [Merge].
5.5.2.11.1 Sincronizzazione dei fornitori di dati con diversi livelli di aggregazione
È possibile sincronizzare i fornitori di dati con diversi livelli di aggregazione. Questo può comportare
implicazioni per il calcolo degli indicatori.
Esempio: Sincronizzazione dei fornitori di dati con diversi livelli di aggregazione
In questo esempio, sono disponibili due fornitori di dati:
Cliente
Anno
Fatturato
Jones
2004
1500
Jones
2005
2000
Smith
2005
1500
Cliente
Numero di vendite
Jones
12
Smith
10
Se si uniscono due fornitori di dati e le proprietà della tabella Evita aggregati di righe duplicate e
Mostra righe con valori di dimensioni vuoti non sono selezionate, il risultato è il seguente:
Cliente
Anno
Fatturato
Numero di vendite
Jones
2004
1500
12
Jones
2005
1500
12
Smith
2005
1500
10
Non è possibile stabilire il numero di vendite per anno del cliente Jones perché il fornitore di dati che
memorizza il numero delle vendite non le suddivide in base all'anno. In ogni riga sarà invece visualizzato
il numero totale delle vendite.
Nota:
nonostante i valori per Numero delle vendite siano duplicati, se nella parte inferiore della colonna si
aggiunge un calcolo standard (ad esempio, Somma o Media), il risultato sarà corretto.
314
2013-07-02
Creazione di report
Un modo per risolvere questo problema consiste nell'aggiungere al secondo fornitore di dati le
dimensioni che consentono di calcolare il livello di dati appropriato. Se questo non è possibile, occorre
conoscere tutte le situazioni in cui non è possibile aggregare i dati al livello di dettaglio necessario.
Argomenti correlati
• Per visualizzare o nascondere tabelle, righe o colonne
• Come evitare l'aggregazione di righe duplicate
5.5.2.11.2 Attributi e dimensioni unite
Gli attributi sono associati alle dimensioni e forniscono ulteriori informazioni sulla dimensione.
Deve esistere una relazione 1 a 1 tra le dimensioni e gli attributi, ad esempio un attributo può avere
solo un valore per ogni valore della dimensione associata. Gli oggetti attributo non vengono presi in
considerazione durante la sincronizzazione dei dati. Il seguente esempio ne illustra le ragioni.
Nota:
Alcune versioni precedenti di (SAP BusinessObjects Web Intelligence (Web Intelligence, Desktop
Intelligence e BusinessObjects) consentivano una relazione uno a molti tra dimensioni e attributi. Se
si esegue la migrazione di un report creato utilizzando uno qualsiasi di questi prodotti e l'attributo
contiene più valori, nella cella dell'attributo viene visualizzato l'errore #VALOREMULTI.
Esempio: Sincronizzazione di fornitori di dati con attributi
In questo esempio sono presenti due fornitori di dati, e Indirizzo è un attributo di Cliente:
Cliente
Indirizzo
Fatturato
John
Londra
10000
Paul
Liverpool
15000
Paul
Londra
27000
Cliente
Numero di telefono
John
1234
Paul
5678
Se per sincronizzare i fornitori di dati si crea una dimensione Cliente unita, e la dimensione Indirizzo
può contenere più di un valore per ciascun cliente, il risultato sarà ambiguo perché non esiste un
valore comune per la sincronizzazione dei dati:
315
2013-07-02
Creazione di report
Nell'esempio, Paul ha indirizzi a Liverpool e Londra, ciò significa che non esiste una riga ‘Paul’ univoca
con cui sincronizzare il numero di telefono di Paul. Paul ha un numero di telefono differente per ogni
indirizzo e non si sa a quale indirizzo associare il numero di telefono:
Cliente
Indirizzo
Numero di telefono
John
Londra
1234
Paul
#VALOREMULTI
5678
Se la relazione tra Cliente e Indirizzo è di 1 a 1, durante la sincronizzazione Indirizzo può essere
ignorato. Questo rimuove l'ambiguità:
Cliente
Indirizzo
Numero di telefono
John
Londra
1234
Paul
Liverpool
5678
Argomenti correlati
• Attributi
• #VALOREMULTI
5.5.2.11.3 Oggetti incompatibili e dimensioni unite
Come regola generale, non è possibile inserire nella stessa tabella dimensioni di diversi fornitori di dati.
Questo per evitare prodotti cartesiani (la visualizzazione di tutte le possibili combinazioni di valori da
oggetti non correlati) o altri risultati ambigui, in base alla struttura dell'universo.
È sempre possibile inserire in una tabella indicatori di provider di dati differenti. Il calcolo dell'indicatore
dipende dalle dimensioni disponibili. Ad esempio, se si inserisce un indicatore in una tabella che non
contiene dimensioni provenienti dallo stesso fornitore di dati, il calcolo restituisce il valore totale nella
tabella.
È possibile inserire in una tabella una dimensione unita a condizione che la tabella contenga altre
dimensioni di un provider di dati che partecipa all'unione. Inoltre, è possibile inserire in una tabella gli
attributi di fornitori di dati differenti, a condizione che i dettagli siano associati a dimensioni che fanno
parte di una dimensione unita.
In alcune situazioni, è possibile inserire in una tabella una dimensione di un altro fornitore di dati, anche
quando il software non lo permette. Questo si verifica quando la dimensione incompatibile ha una
relazione di tipo uno a uno o uno a molti con una dimensione già presente nella tabella. Tenere presente
che è disponibile un solo valore della dimensione incompatibile associato alla dimensione nella tabella
(relazione uno a uno). D'altra parte, lo stesso valore della dimensione incompatibile può essere associato
a più valori della dimensione nella tabella (relazione uno a molti).
316
2013-07-02
Creazione di report
Nella tabella seguente, la relazione tra Indirizzo e Nome è conforme alle regole: Indirizzo ha
un'associazione di tipo uno a uno o uno a molti con Nome. Nell'altra direzione non esiste un'associazione
di tipo uno a molti tra Nome e Indirizzo (un nome con più di un indirizzo):
Dimensione nella tabella (Nome)
Dimensione incompatibile (Indirizzo)
John
Londra
Paul
Londra
George
Liverpool
In questo caso la progettazione dell'universo non è corretta, la dimensione incompatibile (Indirizzo)
dovrebbe essere definita come un dettaglio della dimensione nella tabella (Nome). In questo caso,
contattare l'amministratore BI e richiedere la riprogettazione dell'universo.
Suggerimento:
Se la modifica dell'universo non è un'operazione pratica:
1.
2.
3.
4.
Creare una variabile a livello di report.
Definire questa variabile come un dettaglio.
Associarla alla dimensione nella tabella.
Specificare il nome della dimensione incompatibile come definizione di variabile.
La variabile restituisce gli stessi valori della dimensione incompatibile. Poiché nella tabella la variabile
è definita come un dettaglio della dimensione, è possibile inserirla nella stessa tabella della dimensione.
Argomenti correlati
• Per creare una variabile
5.5.2.11.4 Filtro e drill delle dimensioni unite
L'unione delle dimensioni comporta implicazioni per l'applicazione dei filtri.
Nota:
Non è possibile applicare un filtro a un oggetto unito che contiene gerarchie.
Filtri di blocco e dimensioni unite
Quando si applica un filtro di blocco a una dimensione che fa parte di una dimensione unita, il filtro
viene applicato al blocco, ma non agli altri fornitori di dati sincronizzati tramite la dimensione unita..
Filtri di sezione e dimensioni unite
Se una dimensione che fa parte di una dimensione unita viene impostata come intestazione di sezione,
ogni filtro applicato alla sezione viene applicato anche ai blocchi dei fornitori di dati sincronizzati all'interno
della sezione.
317
2013-07-02
Creazione di report
Filtri di report e dimensioni unite
Quando si applica un filtro di report a una dimensione che fa parte di una dimensione unita, il filtro viene
applicato a tutti i blocchi correlati del report che utilizzano la dimensione unita (o a tutte le dimensioni
coinvolte nell'unione).
Esempio:
In presenza di due query con una dimensione comune unita e di due tabelle in un report, con ogni
tabella contenente dati provenienti da una query diversa, quando si esegue il filtraggio in base alla
dimensione unita in una delle query, il filtro viene applicato anche alla dimensione corrispondente
nella seconda query e di conseguenza nella seconda tabella.
Drill sulle dimensioni unite
Quando si uniscono le dimensioni, la nuova dimensione unita rientra nelle gerarchie di tutte le dimensioni
implicate nell'unione.
5.5.2.11.5 Estensione dei valori restituiti dalle dimensioni unite
Se si uniscono dimensioni di fornitori di dati diversi, Web Intelligence crea una nuova dimensione unita.
Quando si inserisce la dimensione unita nel report, vengono restituiti solo quei valori di dimensione i
cui valori corrispondenti nei fornitori di dati sono stati sincronizzati tramite l'unione.
Nota:
Web Intelligence e Desktop Intelligence gestiscono le dimensioni in modo diverso. È quindi necessario
tenerne conto quando si effettua la migrazione di report da Desktop Intelligence e Web Intelligence.
Desktop Intelligence non crea una dimensione basata sulla dimensione unita per il report. Nella seguente
sezione viene spiegato in che modo le differenze influiscono sui report.
Differenze tra Web Intelligence e Desktop Intelligence
Esempio: Comportamento di Web Intelligence e Desktop Intelligence al momento dell'unione
delle dimensioni
Si ottiene un report con i seguenti fornitori di dati:
Paese di origine
Fatturato
Germania
470
Paese di origine
Quantità
Giappone
499
Web Intelligence restituisce i valori della dimensione Paese di origine tramite i valori restituiti
dall'indicatore Fatturato.
318
2013-07-02
Creazione di report
Se si include la dimensione Paese di origine da Fornitore di dati 1 e l'indicatore Quantità da Fornitore
di dati 2 nello stesso blocco, in Web Intelligence viene restituito il seguente risultato:
Paese di origine
Quantità
Germania
Lo stesso blocco in Desktop Intelligence restituisce il seguente risultato:
Paese di origine
Quantità
Germania
Giappone
499
Per ottenere la stessa tabella dei risultati precedente con Web Intelligence, è necessario estendere
i valori delle dimensioni.
Estensione di valori di dimensioni
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Proprietà selezionare Documento.
3. Nel riquadro "Proprietà documento" selezionare l'opzione Estendi valori delle dimensioni uniti.
4. Fare clic su "OK" per chiudere il riquadro "Proprietà documento".
5.5.3 Classifica dei dati di un report
La classifica consente di isolare i primi e gli ultimi record in un set in base a una serie di criteri. Ad
esempio, se si dispone di un blocco che mostra i paesi e i relativi fatturati, la classifica consente di
classificare i dati nel blocco in modo da visualizzare solo i primi 3 paesi, in base al fatturato da essi
generato.
La classifica consente di rispondere a domande aziendali quali:
•
•
•
Quali sono le 3 regioni che generano il fatturato più elevato?
Quali sono gli ultimi negozi (che equivalgono al 10%) classificati tali in base al fatturato da essi
generato?
Qual è il gruppo di negozi migliore che genera un fatturato combinato fino a un totale massimo di
€10.000.000?
Per rispondere a questo genere di domande aziendali è possibile classificare i dati in diversi modi. È
possibile:
319
2013-07-02
Creazione di report
•
classificare il n massimo e/o minimo di record per dimensione (ad esempio, Paese), sulla base della
somma di un indicatore correlato (ad esempio, Fatturato)
classificare il n% massimo e/o minimo del numero totale di record per dimensione, sulla base del
valore di un indicatore correlato, come percentuale del valore totale dell’indicatore
classificare il n massimo e/o minimo di record per dimensione, sulla base della somma cumulativa
di un indicatore correlato
classificare il n massimo e/o minimo di record per dimensione, sulla base del valore di un indicatore
correlato, come percentuale cumulativa del valore totale dell'indicatore
•
•
•
5.5.3.1 Classifiche e ordinamenti
Per visualizzare la classifica di dati classificati, è necessario ordinarli. Ad esempio, se si classificano i
primi 3 negozi in base al fatturato, i negozi vengono ordinati in ordine decrescente sulla base del fatturato
generato.
Gli ordinamenti applicati per visualizzare le classifiche hanno la precedenza su quelli precedentemente
applicati ai dati. Se, ad esempio, l'elenco dei negozi era stato precedentemente ordinato in ordine
alfabetico, l'ordinamento definito per la classifica sostituisce quello alfabetico.
5.5.3.2 Classifiche limitate
Alle classifiche limitate vengono assegnati valori di classifica uguali e i valori di classifica successivi
vengono spostati all'indietro di conseguenza. Ciò significa che il n minimo di una classifica può restituire
più di n record.
Esempio: prime e ultime classifiche limitate
Nella tabella che segue sono visualizzate classifiche limitate dei primi 3 e degli ultimi 3 valori..
Dimensione
Indicatore
Classifica primi 3
Classifica ultimi 3
A
10
4
1
B
20
3
2
C
30
1
3
D
30
1
3
Ogni classifica include i record fino al terzo incluso. Per una classifica dei primi 3, il risultato è:
320
2013-07-02
Creazione di report
Dimensione
Indicatore
D
30
C
30
B
20
Per una classifica degli ultimi 3, il risultato è:
Dimensione
Indicatore
A
10
B
20
C
30
D
30
5.5.3.3 Classifica e ordine dei dati
Non è possibile classificare un oggetto i cui valori dipendono dall'ordine dei dati, perché la classifica
cambia l'ordine dei dati. L'ordine dei dati cambia, a sua volta, i dati dell'oggetto, i quali quindi richiedono
un nuovo calcolo della classifica. Il risultato è una dipendenza circolare non risolvibile tra la classifica
e l'oggetto.
Se si crea una classifica su un indicatore i cui valori dipendono dall'ordine dei dati, ad esempio un
indicatore che utilizza la funzione Precedente o qualsiasi funzione di aggregazione in esecuzione,
come SommaCumulata, in tutte le celle del blocco viene visualizzato il messaggio di errore #RANGO.
5.5.3.4 Parametri di classifica
I seguenti parametri possono essere configurati nella finestra di dialogo "Classifica".
321
2013-07-02
Creazione di report
Parametro
Descrizione
Quando la modalità di calcolo è Numero, la classifica restituisce il numero
massimo/minimo di record in base all'indicatore specificato nel parametro
"Basato su". Ad esempio, i 3 paesi per fatturato massimo generato e le 3
combinazioni anno/trimestre per fatturato minimo generato.
Minimo/Massimo
Se la modalità di calcolo è Percentuale, la classifica restituisce il numero
minimo/massimo del numero totale di record in base all'indicatore specificato nel parametro "Basato su". Ad esempio, se viene classificato il 10%
massimo dei 100 record presenti, la classifica restituisce i 10 record con
valore massimo.
Se la modalità di calcolo è Somma cumulativa, la classifica restituisce i
record massimo/minimo per cui la somma cumulativa dell'indicatore specificato come parametro "Basato su" non supera n.
Se la modalità di calcolo è Percentuale cumulativa, la classifica restituisce
i record massimo/minimo per cui la somma cumulativa dell'indicatore
specificato come parametro "Basato su" non supera n% del totale dell'indicatore.
Basato su
L'indicatore sul quale si basa la classifica.
Ordinato per
La dimensione di classifica. Se si specifica una dimensione di classifica,
i valori aggregati del parametro "Basato su", calcolati per la dimensione,
determinano la classifica. Se non si specifica questa dimensione, i valori
del parametro "Basato su" calcolati per tutte le dimensioni del blocco determinano la classifica. In altre parole, la classifica restituisce le prime/ultime X righe nel blocco in base all'indicatore.
Modalità di calcolo
Il tipo di calcolo utilizzato per creare la classifica. Per ulteriori informazioni,
vedere la descrizione dei parametri Minimo/Massimo in questa tabella.
Argomenti correlati
• Creazione di una classifica
5.5.3.4.1 Esempio di classifica
Una tabella contiene i dati seguenti:
322
Anno
Trimestre
Fatturato
2006
T1
100
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Fatturato
2006
T2
200
2006
T3
300
2006
T4
500
2007
T1
400
2007
T2
700
2007
T3
300
2007
T4
600
2008
T1
200
2008
T2
200
2008
T3
400
2008
T4
500
Totale Q1: 700
Totale Q2: 1100
Totale Q3: 1000
Totale Q4: 1600
Se si classificano i primi 2 di ogni trimestre in base al fatturato, la classifica filtra tutte le altre righe di
T1 e T3 poiché T4 e T2 hanno i fatturati aggregati più alti.
5.5.3.5 Classifica dei workflow
Sono disponibili due modi per classificare i dati. È possibile:
•
•
creare una classifica mediante l'interfaccia
utilizzare la funzione Classifica per restituire un valore di classifica
Una classifica utilizza ordinamenti e filtri che vengono applicati in modo trasparente in base alla classifica
specificata dall'utente. Ad esempio, se si classificano i primi 3 paesi in un blocco in base al fatturato, i
paesi vengono implicitamente ordinati in ordine decrescente per fatturato, quindi il blocco viene filtrato
in modo da rimuovere tutti gli altri paesi che non presentano il medesimo fatturato.
323
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
Quando si crea una classifica mediante l'interfaccia, la funzione Classifica viene utilizzata in
background per assegnare valori di classifica.
5.5.3.5.1 Creazione di una classifica
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare il blocco da classificare.
3. Nella scheda Analisi, sottoscheda Filtri, fare clic su Classifica.
4. Nella finestra di dialogo "Classifica", effettuare una delle seguenti operazioni:
• Per classificare i record più alti nel blocco, fare clic su Massimo e selezionare il numero di record
da classificare.
• Per classificare i record più bassi nel blocco, fare clic su Minimo e selezionare il numero di record
da classificare.
• Selezionare l'indicatore su cui si basa la classifica nell'elenco Basato su.
• Per classificare in base a una particolare dimensione anziché a tutte le dimensioni del blocco,
fare clic su Ordinato per e selezionare la dimensione su cui è basata la classifica.
• Selezionare una modalità di calcolo della classifica nell'elenco Modalità calcolo.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Classifica".
Argomenti correlati
• Parametri di classifica
5.5.3.6 Esempi di classifica
Nei seguenti esempi, sono presenti una dimensione, Regione, e un indicatore, Fatturato, che forniscono
i seguenti valori:
324
Regione
Fatturato
% del fatturato totale
Sud-est
1000000
7%
Sud-ovest
2000000
13%
Nord-est
3000000
20%
Nord-ovest
4000000
24%
Centrale
5000000
33%
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Classificare le prime 3 regioni in base al fatturato generato
Per eseguire tale classifica impostare i seguenti parametri:
Parametro
Valore
In alto
3
Ordinato per
Regione (o non specificato in quanto Regione è
l’unica dimensione nel blocco, pertanto è la dimensione predefinita per la classifica)
Basato su
Fatturato
Modalità di calcolo
Conteggio
Questa classifica darà il risultato seguente:
Regione
Fatturato
Centrale
5000000
Nord-ovest
4000000
Nord-est
3000000
I passaggi impliciti nel calcolo di questa classifica sono:
•
•
Ordinare i record in ordine decrescente.
Visualizzare i primi 3 record.
Esempio: Classificare le ultime regioni (che equivalgono al 40% delle regioni totali) in base
al fatturato da esse generato
Per eseguire tale classifica impostare i seguenti parametri:
Parametro
Valore
In basso
40%
Ordinato per
Regione
Basato su
Fatturato
Modalità di calcolo
Percentuale
Questa classifica darà il risultato seguente:
325
2013-07-02
Creazione di report
Regione
Fatturato
Sud-est
1000000
Sud-ovest
2000000
I passaggi impliciti nel calcolo di questa classifica sono:
•
•
Ordinare il record in ordine crescente.
Elaborare i record fino a raggiungere il 40% del numero totale di record visualizzati
Esempio: Classificare le prime regioni il cui fatturato cumulativo è minore o uguale a
10.000.000
Per eseguire tale classifica impostare i seguenti parametri:
Parametro
Valore
In alto
10000000
Ordinato per
Regione
Basato su
Fatturato
Modalità di calcolo
Somma cumulativa
Questa classifica darà il risultato seguente:
Regione
Fatturato
Centrale
5000000
Nord-ovest
4000000
I passaggi impliciti nel calcolo di questa classifica sono:
• Ordinare i record in ordine decrescente.
• Elaborare i record fino a raggiungere il record con cui il totale cumulativo dell’indicatore supera
10.000.000.
• Includere i record il cui totale cumulativo non supera 10.000.000
Esempio: Classificare le ultime regioni il cui fatturato cumulativo è minore o uguale al 30%
del fatturato totale
Per eseguire tale classifica impostare i seguenti parametri:
326
2013-07-02
Creazione di report
Parametro
Valore
In basso
30%
Ordinato per
Regione
Basato su
Fatturato
Modalità di calcolo
Percentuale cumulativa
Questa classifica darà il risultato seguente:
Regione
Fatturato
Sud-est
1000000
Sud-ovest
2000000
I passaggi impliciti nel calcolo di questa classifica sono:
• Ordinare i record in ordine crescente.
• Elaborare i record fino a raggiungere il record che fa sì che il totale cumulativo dell'indicatore,
espresso come percentuale del totale complessivo dell’indicatore, superi il 30%.
• Visualizzare i record la cui percentuale cumulativa non supera il 30%.
5.5.4 Evidenziazione dei dati mediante la formattazione condizionale
La formattazione condizionale consente di evidenziare risultati o modificare la formattazione a seconda
dei dati. È possibile, ad esempio, applicare la formattazione condizionale ai risultati per evidenziare
quelli particolarmente alti o bassi con colori specifici o commenti di testo, ad esempio "Alte prestazioni"
o "Basse prestazioni".
La formattazione condizionale può essere applicata agli elementi seguenti:
• Colonne di una tabella verticale
• Righe di una tabella orizzontale
• Celle in moduli e tabelle a campi incrociati
• Intestazioni di sezione
• Celle indipendenti
A ogni documento è possibile applicare fino a 30 regole di formattazione condizionale. Le regole possono
essere applicate a un massimo di 20 colonne o righe di tabelle, celle indipendenti o celle di sezione
327
2013-07-02
Creazione di report
del report. È possibile applicare fino a 10 diverse regole a un'unica colonna o riga di tabella, cella
indipendente o cella di sezione.
È possibile definire regole di formattazione condizionale per attivare le seguenti modifiche della
formattazione:
•
•
•
colore, dimensioni e stile del testo
colore e stile dei bordi delle celle
visualizzazione dello sfondo della cella: colori, immagini o collegamenti a pagine Web specifici
È possibile inoltre definire regole che visualizzino un testo o una formula, un'immagine o un collegamento
ipertestuale. In questo caso, i risultati che soddisfano la condizione definita nella regola saranno sostituiti
dal testo o dalla formula.
La formattazione condizionale è dinamica. Quando si aggiornano report con i dati più recenti del
database, le regole evidenziano i nuovi risultati.
Se si applica la formattazione condizionale a una riga o colonna di tabella con un'interruzione, la regola
viene attivata solo quando il valore che soddisfa la condizione della regola condizionale viene visualizzato
nella prima riga dell'interruzione.
5.5.4.1 Condizioni della formattazione condizionale
Le regole di formattazione condizionale contengono più condizioni, che consentono di applicare diversi
formati a seconda dei dati. Espressa in parole, una regola di formattazione condizionale funziona nel
modo seguente:
If <Main Condition> is true, Apply <Main Format>
ElseIf <Second Condition> is true, Apply <Second Format>
ElseIf <Third Condition> is true, Apply <Third Format>
ElseIf...
Else Apply <Default Format>
Nell'esempio precedente, se la <Condizione principale> è Fatturato di vendita> 100.000
e <Formato principale> formatta il testo in blu, la formattazione condizionale visualizza in blu tutti
i casi in cui l'indicatore Fatturato di vendita è maggiore di 100.000.
Se la <Seconda condizione> è Fatturato di vendita < 10.000 e <Secondo formato>
formatta il testo in rosso, la formattazione condizionale visualizza anche l'indicatore in rosso in tutti i
casi in cui il relativo valore è minore di 10.000.
Ogni condizione può contenere più verifiche, e tutte devono restituire True affinché la formattazione
condizionale venga applicata. Una condizione può, ad esempio, verificare i valori degli oggetti [Paese]
e [Località di soggiorno]. Perché la formattazione venga applicata, entrambi gli oggetti devono restituire
il valore specificato nella verifica.
328
2013-07-02
Creazione di report
5.5.4.2 Per definire una regola di formattazione condizionale
Nota:
Questa opzione non è disponibile nell'interfaccia HTML di Web Intelligence. Per creare o modificare la
formattazione condizionale, utilizzare l'interfaccia di Web Intelligence Applet o di Web Intelligence Rich
Client.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Analisi selezionare la scheda secondaria Condizionale.
3. Fare clic su Nuova regola per visualizzare il pannello "Editor regole di formattazione".
4. Immettere un nome e una descrizione per la regola.
5. Fare clic su ... accanto alla casella Oggetto o cella filtrati e selezionare gli oggetti.
Non è possibile definire una regola su una cella contenente dati di tipo data o numerico (per esempio,
una data o un calcolo), perché l'applicazione considera qualsiasi valore digitato nella casella di testo
Valore una stringa di caratteri.
6. Selezionare un operatore.
7. Immettere il valore che attiva la regola di formattazione nella casella Operandi.
•
•
•
•
Per immettere direttamente un valore, digitarlo nella casella.
Per selezionare un valore nell'elenco di valori, fare clic su ... accanto alla casella Operandi e
scegliere un valore.
Per modificare l'oggetto o la variabile come valore, fare clic su ... accanto alla casella Operandi,
scegliere Selezionare un oggetto o una variabile nel menu, quindi selezionare un oggetto o
una variabile differente.
Per deselezionare la casella Operandi, fare clic su ... accanto alla casella e scegliere Vuoto.
8. Per aggiungere altro testo alla condizione, fare clic sul segno + accanto alle condizioni esistenti,
quindi scegliere la cella o l'oggetto filtrato, l'operatore e il valore, come descritto in precedenza.
9. Per rimuovere una condizione, fare clic sul segno x accanto alla casella Condizione.
10. Per attivare la condizione utilizzando una formula, fare clic sulla freccia accanto a "Condizione" e
selezionare Fx.
11. Fare clic su Fx accanto alla casella della formula per visualizzare l'"Editor delle formule" in cui creare
le formule.
• Se si desidera che la formula restituisca una stringa di testo, non includere virgolette prima o
dopo il testo. Ad esempio, se il segnalatore deve visualizzare IN RITARDO, digitare IN RITARDO.
• La formula deve restituire i valori True o False. Il valore True attiva la condizione, False non lo
attiva. Ad esempio, se la formula è IndiceRighe()=3, la formattazione condizionale viene
visualizzata nella quarta riga della tabella.
12. Per aggiungere un'altra condizione alla regola, fare clic su Aggiungi nell'angolo superiore della
casella per visualizzare un'ulteriore casella di condizione, quindi definire le condizioni o creare una
formula come descritto in precedenza.
È possibile aggiungere più condizioni.
329
2013-07-02
Creazione di report
13. Per impostare il formato che viene visualizzato all'attivazione della regola, fare clic su Formato nel
pannello "Se quanto precede è vero, visualizzare".
Viene visualizzata la finestra di dialogo "Visualizzazione regole di formattazione" che consente di
impostare il formato.
14. Fare clic su OK per salvare i formati IF/THEN e di nuovo su OK per impostare il formato delle regole
nel report.
5.5.4.3 Per impostare il formato visualizzato mediante una regola di
formattazione condizionale
Nota:
Questa opzione non è disponibile nell'interfaccia HTML di Web Intelligence. Per creare o modificare la
formattazione condizionale, utilizzare l'interfaccia di Web Intelligence Applet o di Web Intelligence Rich
Client.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Analisi selezionare la scheda secondaria Condizionale.
3. Fare clic su Regole di formattazione.
4. Selezionare una regola nell'elenco e fare clic su Modifica.
5. Nella finestra di dialogo "Editor regole di formattazione" fare clic su Formato per visualizzare la
finestra di dialogo "Visualizzazione regole di formattazione".
6. Per visualizzare testo o una formula, selezionare la scheda Visualizza e definire la formula nella
casella.
• Per definire il testo o la formula visualizzati come HTML, un URL immagine o un collegamento
ipertestuale, fare clic su Leggi contenuto come, quindi selezionare HTML, URL immagine o
Collegamento ipertestuale nell'elenco.
Nota:
Quando si seleziona Leggi contenuto come: HTML, le proprietà Adatta larghezza e Adatta
altezza non funzionano perché la dimensione dei dati HTML in una cella non può essere
decodificata correttamente dal browser. Il contenuto HTML fornito dall'utente viene visualizzato
direttamente dal browser. L'applicazione non modifica il codice HTML fornito dal'utente per
impostare la larghezza e l'altezza.
•
Per cambiare il formato numerico, selezionarlo dall'elenco Formatta numero o fare clic su
Personalizzato e selezionare il formato nella finestra di dialogo "Formatta numero".
7. Per cambiare lo stile del carattere, fare clic sulla scheda Testo e definire il carattere utilizzando i
controlli disponibili nella scheda.
8. Per modificare lo stile dello sfondo, selezionare la scheda Sfondo e definire lo sfondo utilizzando i
controlli disponibili nella scheda.
9. Per modificare lo stile del bordo, selezionare la scheda Bordo e definire il bordo utilizzando i controlli
disponibili nella scheda.
10. Fare clic su OK, quindi di nuovo su OK per tornare al documento.
330
2013-07-02
Creazione di report
Argomenti correlati
• Per definire una regola di formattazione condizionale
5.5.4.4 Applicazione della formattazione condizionale
È possibile applicare le regole di formattazione condizionale precedentemente definite agli elementi
dei report. È possibile formattare i seguenti elementi del report:
• Colonne di una tabella verticale
• Righe di una tabella orizzontale
• Celle in moduli e tabelle a campi incrociati
• Intestazioni di sezione
• Celle indipendenti
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare un elemento del report
al quale si desidera applicare una formattazione condizionale.
2. Nella scheda Analisi selezionare la scheda secondaria Condizionale.
3. Fare clic sulla freccia accanto a Regole di formattazione e selezionare la regola da applicare
nell'elenco.
4. Salvare il documento.
5.5.4.5 Per gestire i formati condizionali
Nota:
Questa operazione non è consentita nell'interfaccia HTML di Web Intelligence.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Nella scheda Analisi selezionare la scheda secondaria Condizionale.
3. Nell'elenco a discesa Regole di formattazione selezionare Gestisci regole per visualizzare la
finestra di dialogo "Formati condizionali".
4. Per assegnare a una regola una priorità più o meno elevata nell'elenco, selezionare la regola e fare
clic sul pulsante su o giù accanto all'elenco.
5. Per duplicare una regola, selezionarla e fare clic suDuplica.
6. Per rimuovere una regola, selezionarla e fare clic suRimuovi.
7. Fare clic su OK per tornare al documento.
331
2013-07-02
Creazione di report
5.5.4.6 Uso di formule per creare regole di formattazione condizionale avanzate
È possibile creare regole di formattazione condizionale avanzate utilizzando il linguaggio formula invece
delle opzioni Oggetto o cella filtrati, Operatore e Valore disponibili nell'"Editor regole di formattazione".
Esempio: Individuazione di tre intervalli di risultati del fatturato di vendita trimestrale
calcolati come percentuali del fatturato di vendita medio
In questo esempio, si creano tre regole per colorare il fatturato di vendita in funzione della relazione
con il fatturato di vendita medio. La tabella comprende i risultati di tre anni e si tratta di una media a
cui confrontare ogni risultato di fatturato calcolato per trimestre e per linea di prodotti.
Utilizzando l'opzione Formula dell'"Editor regole di formattazione" viene definita la regola che segue,
che contiene le tre condizioni elencate di seguito.
Condizione:
[Sales revenue] < ((Average([Sales revenue]) In Block) * 0.8)
Condizione Altrimenti:
=[Sales revenue] < ((Average([Sales revenue]) In Block) * 1.2)
Condizione Altrimenti:
=[Sales revenue] > ((Average([Sales revenue]) In Block) * 1.2)
La formula specificata per ciascuna condizione agisce nel modo seguente:
• La prima condizione si applica quando i fatturati di vendita sono inferiori a 0,8, o l'80%, della media.
• La seconda condizione si applica quando i fatturati di vendita sono inferiori a 1,2, o inferiori al
120%, della media.
• La terza si applica quando i fatturati di vendita sono inferiori a 1,2, o superiori al 120%, della media.
Viene quindi utilizzata la finestra di dialogo "Visualizzazione regole di formattazione" che consente di
specificare la formattazione condizionale che si desidera visualizzare nelle celle del report che
soddisfano una delle condizioni. È possibile scegliere le seguenti opzioni di formattazione:
•
•
Nelle celle del report che contengono un fatturato inferiore all'80% del fatturato medio (la prima
condizione) il fatturato viene visualizzato in rosso.
Nelle celle del report che contengono un fatturato inferiore al 20% in più del fatturato medio (la
seconda condizione) il fatturato viene visualizzato in blu.
Nota:
Questa condizione è applicabile a valori inclusi anche nella prima condizione. Se, ad esempio, la
media è 100, 79 è inferiore sia all'80% della media che al 20% in più rispetto alla media. In questo
caso, la prima condizione ha la precedenza.
•
332
Nelle celle del report che contengono un fatturato superiore al 20% in più del fatturato medio (la
terza condizione) il fatturato viene visualizzato in verde.
2013-07-02
Creazione di report
Questa formattazione consente di vedere in un colpo d'occhio quali linee di prodotti generano un
fatturato superiore, inferiore o simile al fatturato medio.
5.5.5 Rilevamento delle modifiche apportate ai dati
Per prendere decisioni di business intelligence in modo consapevole ed efficace, è necessario capire
come i dati su cui si basano tali decisioni variano nel tempo.È possibile rilevare e visualizzare le modifiche
apportate ai dati per permettere all'utente di concentrarsi sulle analisi delle aree principali evitando di
sprecare tempo con dati irrilevanti.
Quando si rilevano le modifiche apportate ai dati, si seleziona un aggiornamento dati particolare come
punto di riferimento. Questi dati sono noti come dati di riferimento. Quando si attiva il rilevamento dei
dati, questi vengono visualizzati in relazione ai dati di riferimento.
Di seguito sono riportati alcuni esempi di rilevamento dei dati:
•
•
Se un punto vendita non viene più visualizzato in un elenco dei punti vendita principali ordinati in
base alle vendite, verrà considerato come eliminato dall'elenco. È possibile utilizzare queste
informazioni per capire perché il punto vendita non si trova più tra i più importanti.
Se le vendite di una regione sono diminuite, il rilevamento dati visualizzerà tale calo. Sarà quindi
possibile eseguire il drill down dei dati della regione per comprendere il motivo di tale calo nel
fatturato.
In entrambi i casi, il rilevamento dati rende i dati correnti più significativi inserendoli nel contesto con
dati precedenti. Senza tale contesto sarebbe molto più complesso identificare le tendenze.
Nota:
Il rilevamento delle modifiche apportate ai dati opera a livello di documento e non a livello di report. Se
un documento contiene diversi report, il rilevamento si applicherà a tutti i report. Le informazioni nella
barra di stato nella parte inferiore del report indicano lo stato del livello del documento. Un asterisco
sulla scheda di un report indica che il rilevamento delle modifiche è attivato sul report.
Argomenti correlati
• Tipi di modifiche dei dati
• Modalità di rilevamento degli aggiornamenti automatici
• Modalità di rilevamento dei dati con riferimenti assoluti
• Attivazione del rilevamento dati
• Visualizzazione dei dati modificati
• Configurazione dell'aspetto dei dati modificati
• Configurazione dell'aspetto dei dati modificati
• Visualizzazione dei dati modificati in blocchi
• Visualizzazione dei dati modificati in blocchi con interruzioni
• Visualizzazione dei dati modificati in sezioni
• Visualizzazione dei dati modificati in report con dimensioni unite
333
2013-07-02
Creazione di report
• Visualizzazione dei dati modificati in grafici
5.5.5.1 Tipi di modifiche dei dati
È possibile rilevare i seguenti tipi di modifica dei dati:
•
•
•
•
•
Dati inseriti
Dati eliminati
Dati modificati
Valori aumentati
Valori diminuiti
Per configurare la visualizzazione di queste modifiche è possibile utilizzare l'interfaccia o il linguaggio
delle formule. Il linguaggio delle formule fornisce agli utenti avanzati prestazioni ottimizzate e maggiore
flessibilità per la visualizzazione e la formattazione dei dati modificati.
5.5.5.2 Modalità di rilevamento degli aggiornamenti automatici
Nella modalità di rilevamento dei dati "Aggiorna automaticamente", si confrontano sempre i dati correnti
con i dati precedenti all'ultimo aggiornamento. A tale scopo è necessario impostare automaticamente
i dati correnti come dati di riferimento prima di ogni aggiornamento. I dati di riferimento risultano sempre
meno aggiornati rispetto a quelli correnti.
Il rilevamento automatico dei dati è appropriato per i documenti pianificati quando si confrontano i dati
correnti con quelli precedenti all'ultimo aggiornamento.
5.5.5.3 Modalità di rilevamento dei dati con riferimenti assoluti
Nella modalità di rilevamento "Dati fissi", selezionare manualmente i dati di riferimento nella finestra di
dialogo "Rilevamento dati". Tali dati continuano a essere utilizzati come punto di riferimento finché
quest'ultimo non viene aggiornato.
5.5.5.4 Attivazione del rilevamento dati
334
2013-07-02
Creazione di report
Nota:
Se i diritti utente disponibili non consentono il rilevamento dei documenti, le opzioni menzionate di
seguito non sono attive.
1. Aprire un documento Web Intelligence.
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• In qualsiasi modalità, fare clic su Rileva modifiche sulla barra di stato nella parte inferiore della
finestra.
• In modalità "Lettura" fare clic su Rileva nella barra degli strumenti.
• In modalità "Progettazione", nella scheda Analisi, selezionare la sottoscheda Rilevamento dati
e fare clic su Rileva.
3. Nella finestra di dialogo "Rilevamento dati", selezionare la scheda Dati.
4. Per confrontare i dati con l'ultimo aggiornamento, selezionare Confronta con ultimo aggiornamento
dati.
Quando si seleziona questa opzione, i dati correnti diventano i dati di riferimento dopo ogni
aggiornamento dei dati. Il report mostra sempre la differenza tra i dati più recenti e i dati prima
dell'ultimo aggiornamento.
Se questa opzione è selezionata, sulla barra di stato viene visualizzato "Rileva modifiche:
aggiornamento automatico".
5. Per confrontare i dati con un aggiornamento dati specifico, selezionare Confronta con
aggiornamento dati da e scegliere la data dell'aggiornamento dati nell'elenco.
Quando si seleziona questa opzione, l'aggiornamento dati scelto rappresenta i dati di riferimento.
Nel report viene sempre mostrata la differenza tra i dati più recenti e l'aggiornamento dati scelto.
Se questa opzione è selezionata, sulla barra di stato viene visualizzato "Rileva modifiche: dati fissi".
6. Nell'elenco "Report con rilevamento dati visualizzato" selezionare i report nei quali si desidera
visualizzare il rilevamento dati.
7. Selezionare Aggiorna dati ora per aggiornare i dati alla chiusura della finestra di dialogo.
8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Rilevamento dati".
5.5.5.5 Visualizzazione dei dati modificati
5.5.5.5.1 Visualizzazione dei dati modificati
È possibile scegliere se visualizzare i dati modificati quando il rilevamento dati è attivato.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Lettura" o "Progettazione".
2. Attivare il rilevamento dati.
3. Eseguire una delle operazioni seguenti:
• Se è attiva la modalità "Lettura", selezionare Rileva > Mostra modifiche.
335
2013-07-02
Creazione di report
•
Se è attiva la modalità "Progettazione", nella scheda Analisi, sottoscheda Rilevamento dati,
fare clic su Mostra modifiche
4. Selezionare di nuovo l'opzione per disattivare la visualizzazione dei dati modificati.
Argomenti correlati
• Configurazione dell'aspetto dei dati modificati
• Attivazione del rilevamento dati
5.5.5.5.2 Configurazione dell'aspetto dei dati modificati
È possibile configurare l'aspetto (stile, dimensioni e colore del carattere) dei dati modificati nel documento.
È possibile configurare separatamente l'aspetto delle seguenti modifiche:
•
•
Dimensioni inserite ed eliminate e valori dei dettagli modificati
Valori di indicatore aumentati o diminuiti
I valori di indicatore possono anche adottare la formattazione dei valori di dimensione inseriti o eliminati.
Ad esempio, se un valore di dimensione non viene più visualizzato in un elenco di valori di un blocco
e il blocco mostra anche un valore di indicatore per la dimensione, entrambi i valori di dimensione e
indicatore appaiono come dati eliminati.
L'amministratore BI definisce l'aspetto predefinito dei dati modificati nel Central Management Server
(CMS). Quando si configura localmente l'aspetto dei dati modificati, i valori predefiniti del CMS vengono
ignorati.
Configurazione dell'aspetto dei dati modificati
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Lettura" o "Progettazione".
2. Fare clic su Rileva modifiche sulla barra di stato nella parte inferiore della finestra per visualizzare
la finestra di dialogo "Rilevamento dati".
3. Nella scheda Opzioni selezionare ogni tipo di dati modificati da visualizzare e fare clic su Formato
per specificare in che modo si desidera che le modifiche vengano visualizzate.
4. Fare clic su "OK" per chiudere la finestra di dialogo "Rilevamento dati".
Argomenti correlati
• Evidenziazione dei dati mediante la formattazione condizionale
5.5.5.5.3 Visualizzazione dei dati modificati in blocchi
Esempio: Dati modificati in un blocco semplice
Questo esempio utilizza un documento con un blocco che mostra [Paese], [Anno] e [Fatturato]. I dati
originali erano i seguenti:
336
2013-07-02
Creazione di report
Paese
Anno
Fatturato
Francia
2003
1000
Francia
2004
2000
Giappone
2002
1000
Polonia
2002
1500
Dopo un aggiornamento, i dati sono i seguenti:
Paese
Anno
Fatturato
Francia
2004
3000
Giappone
2003
900
Polonia
2002
800
UK
2004
900
Quando è attivato il rilevamento dati e vengono visualizzati i dati modificati, il blocco è il seguente:
•
337
Paese
Anno
Fatturato
Formattazione
Francia
2003
1000
[formattazione dei dati eliminati in tutte le celle]
Francia
2004
3000
[formattazione dei dati aumentati nella cella Fatturato]
Giappone
2002
1000
[formattazione dei dati eliminati in tutte le celle]
Giappone
2003
900
[formattazione dei dati inseriti
in tutte le celle]
Polonia
2002
800
[formattazione dei dati diminuiti nella cella Fatturato]
UK
2004
900
[formattazione dei dati inseriti
in tutte le celle]
Le righe che mostrano il fatturato del 2003 per la Francia e quello del 2002 per il Giappone
rappresentano i dati che non esistono più dopo l'aggiornamento.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
Il fatturato del 2004 per la Francia è aumentato.
Il fatturato del 2002 per la Polonia è diminuito.
Le righe che mostrano il fatturato del 2003 per il Giappone e quello del 2004 per il Regno Unito
continuano a essere visualizzate dopo l'aggiornamento.
5.5.5.5.4 Visualizzazione dei dati modificati in report con dimensioni unite
Una dimensione risulta modificata solo se vengono modificate anche tutte le dimensioni che partecipano
all'unione.
Esempio: Dati modificati e dimensioni unite
In questo esempio, Paese è una dimensione unita contenente le dimensioni Paese di due fornitori di
dati. Prima dell'aggiornamento, i dati sono i seguenti:
Paese(FD1)
Fatturato(FD1)
Paese(FD2)
Vendite (DP2)
US
10000
US
5000
Francia
4000
UK
5000
UK
3000
Germania
1000
Germania
1000
Dopo un aggiornamento, i dati diventano appaiono come segue:
Paese(FD1)
Fatturato(FD1)
Paese(FD2)
Vendite (DP2)
US
10000
US
4000
Francia
4000
Francia
3000
UK
6000
UK
4000
Polonia
2000
Quando vengono visualizzati in un blocco con la dimensione Paese unita e con le modifiche apportate,
i dati sono i seguenti:
338
Paese
Fatturato
Sales
Formattazione
US
10000
4000
[formattazione dei dati diminuiti nella cella Vendite]
2013-07-02
Creazione di report
Paese
Fatturato
Sales
Formattazione
Francia
4000
3000
[formattazione dei dati inseriti
nella cella Fatturato]
UK
6000
4000
[formattazione dei dati aumentati nelle celle Fatturato e
Vendite]
Germania
1000
1000
[formattazione dei dati eliminati in tutte le celle]
Polonia
2000
[formattazione dei dati inseriti
nelle celle Paese e Fatturato]
Nella riga della Francia, tale paese non appare come inserito in quanto una riga di questo tipo non è
stata inserita in entrambi i fornitori di dati. Il fatturato appare come inserito in quanto è un nuovo valore
di indicatore, successivo all'aggiornamento dei dati.
Nella riga della Polonia, tale paese appare come inserito in quanto è un nuovo valore di dimensione,
successivo all'aggiornamento dei dati.
5.5.5.5.5 Visualizzazione dei dati modificati in sezioni
Esempio: Dati modificati in un report con sezioni
In questo esempio, viene utilizzato un documento con un blocco che mostra [Paese], [Anno] e
[Fatturato]. I dati originali erano i seguenti:
Paese
Anno
Fatturato
Francia
2003
1000
Francia
2004
2000
Giappone
2002
1000
Polonia
2002
1500
US
2003
US
2004
Dopo un aggiornamento, i dati sono i seguenti:
339
2013-07-02
Creazione di report
Paese
Anno
Fatturato
Francia
2004
3000
Giappone
2003
900
Polonia
2002
800
UK
2004
900
Se si crea una sezione in [Paese] e si visualizzano le modifiche dei dati, il report è il seguente:
Francia [senza formattazione]
Anno
Fatturato
Formattazione
2003
1000
[formattazione dei dati eliminati in tutte le
celle]
2004
3000
[formattazione dei dati aumentati nella
cella Fatturato]
Giappone [senza formattazione]
Anno
Fatturato
Formattazione
2002
1000
[formattazione dei dati eliminati
in tutte le celle]
2003
900
[formattazione dei dati inseriti in
tutte le celle]
Anno
Fatturato
Formattazione
2002
800
[formattazione dei dati diminuiti
nella cella Fatturato]
Polonia [senza formattazione]
Regno Unito [formattazione dei dati inseriti]
340
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Fatturato
Formattazione
2004
900
[formattazione dei dati inseriti in
tutte le celle]
I dati vengono visualizzati nell'intestazione di sezione in uno dei due modi seguenti, a seconda delle
modifiche apportate ai dati nella sezione:
•
•
Se le righe nel blocco della sezione sono state modificate nello stesso modo, l'intestazione di sezione
viene visualizzata con la stessa formattazione delle righe.
Se le righe sono state modificate in modi diversi, o se sono state modificate solo alcune righe,
l'intestazione di sezione mantiene il formato predefinito.
5.5.5.5.6 Visualizzazione dei dati modificati in blocchi con interruzioni
Quando un blocco contiene un'interruzione ed è impostata la proprietà del blocco Unisci, la
visualizzazione del valore centrato segue regole simili a quelle per le intestazioni di sezione.
•
•
Se tutte le righe dell'interruzione sono state modificate nello stesso modo, il valore centrato viene
visualizzato con la stessa formattazione delle righe.
Se le righe sono state modificate in modi diversi, o se sono state modificate solo alcune righe, il
valore centrato mantiene la formattazione predefinita.
5.5.5.5.7 Visualizzazione dei dati modificati in grafici
Dopo la modifica dei dati di un grafico, al di sopra del grafico viene visualizzata l'icona dei dati modificati.
Quando si fa clic sull'icona, il grafico viene trasformato in una tabella per consentire la visualizzazione
dei dettagli delle modifiche.
5.5.5.6 Restrizioni al rilevamento dati
Se si modifica o si elimina un fornitore di dati, nel report non vengono più visualizzati i dati modificati.
Se il fornitore di dati è cambiato, la versione corrente del documento non è più compatibile con la
versione di riferimento. Se i dati sono stati cancellati, non risultano più disponibili per il confronto.
Di conseguenza, le seguenti azioni sono incompatibili con il rilevamento dati:
•
•
•
•
•
341
Drill fuori dal livello
Drill della query
Eliminazione di una query
Eventuali modifiche (incluse quelle dei diritti di protezione) che cambiano l'SQL generato da un
fornitore di dati
Svuotamento dei dati del documento
2013-07-02
Creazione di report
Quando si eseguono queste azioni, la cronologia dei dati del documento viene cancellata perché le
azioni non sono compatibili con la visualizzazione dei dati modificati. Ad esempio, se si modifica una
query, anche i dati inclusi nel documento subiscono modifiche. Qualsiasi confronto tra questi dati e i
vecchi dati generati da un'altra query risulta fuorviante.
Nota:
Quando si utilizza il drill di query o il drill fuori dal livello, la cronologia dei dati viene cancellata perché
queste azioni modificano il fornitore di dati. Ciò non dovrebbe avere alcun impatto sull'utente dato che,
all'avvio del drill, saranno già stati identificati i dati che richiedono un'ulteriore analisi. Il rilevamento dati
è stato eseguito correttamente ed è ora possibile continuare l'analisi dei dati.
Argomenti correlati
• Esecuzione del drill al di fuori dell'ambito di analisi
• Uso del drill di query
• Gestione delle query mediante Gestore dati
5.5.5.6.1 Rilevamento dati e aggiornamento all'apertura
Quando un documento è impostato su Aggiornamento all'apertura, il rilevamento dati non mostra le
differenze tra i dati prima dell'aggiornamento e dopo l'aggiornamento. I dati dopo l'aggiornamento
vengono considerati nuovi perché l'aggiornamento elimina il documento.
Nota:
l'opzione Aggiorna all'apertura dipende dalle seguenti impostazioni CMS:
•
•
In CMC > Applicazione > Webi > Proprietà, l'impostazione di protezione Selezionare il diritto di
protezione "Disabilita l'aggiornamento automatico all'apertura per tutti i documenti" è abilitata
dall'amministratore BI.
In CMC > Applicazione > Protezione utente, il diritto di protezione Disabilita l'aggiornamento
automatico all'apertura per tutti i documenti è disabilitato per questo utente dall'amministratore
BI.
In questi casi, anche se il documento non è impostato come Aggiorna all'apertura, verrà comunque
aggiornato all'apertura.
5.5.5.7 Utilizzo di formule per la registrazione dei dati modificati
Quando si utilizza l'interfaccia per configurare la visualizzazione dei dati modificati, le modifiche vengono
rilevate utilizzando speciali segnalatori in background. Questi segnalatori speciali non risultano inclusi
nell'elenco dei segnalatori standard.
Le formule nelle celle consentono di creare segnalatori personalizzati per la formattazione delle modifiche
dei dati. È anche possibile utilizzare formule con calcoli speciali in base alle modifiche dei dati. Ad
esempio, è possibile includere un calcolo per mostrare la differenza tra il valore precedente e quello
corrente di un indicatore.
342
2013-07-02
Creazione di report
5.5.5.7.1 Funzione ValoreRif
Il linguaggio della formula fornisce l'accesso ai dati modificati attraverso la funzione ValoreRif. Questa
funzione fornisce il valore dei dati di riferimento per un indicatore. Se non vi sono dati di riferimento, la
funzione restituisce un valore nullo.
Ad esempio, se l'indicatore [Fatturato] al momento ha un valore pari a 1000 e il suo valore di riferimento
è 900, la formula RefValue([Fatturato]) restituisce 900.
Argomenti correlati
• ValoreRif
Creazione di formule utilizzando la funzione ValoreRif
È possibile utilizzare la funzione RefValue per creare formule che forniscono informazioni sul confronto
tra i dati correnti e i dati di riferimento.
Esempio: Identificazione della differenza tra il valore di riferimento e il valore corrente
La seguente formula restituisce la differenza tra il valore di riferimento e il valore corrente dell'indicatore
[Fatturato]:
=If(Not(IsNull([Fatturato])) Or Not (IsNull(RefValue([Fatturato]))); [Fat
turato]-RefValue([Fatturato]))
La seguente tabella mostra i dati precedenti all'ultimo aggiornamento:
Cliente
Fatturato
Johnson
2000
Smith
3000
Wilson
3500
Dopo l'aggiornamento, i dati modificati sono i seguenti:
Cliente
Fatturato
Johnson
3000
Smith
2500
Posizionata in una terza colonna, la formula restituisce le seguenti cifre:
343
2013-07-02
Creazione di report
Cliente
Fatturato
Differenza
Johnson
3000
1000
Smith
2500
-500
Wilson
3500
5.5.5.7.2 Funzione DataValoreRif
La funzioneDataValoreRif restituisce la data dei dati di riferimento utilizzati per il rilevamento dati.
Argomenti correlati
• DataValoreDiRiferimento
5.5.5.7.3 La funzione RispostaUtenteValoreRif
La funzione RispostaUtenteValoreRif viene utilizzata per il rilevamento dei prompt e restituisce
il valore della risposta utente dei dati di riferimento (prompt) utilizzati per il rilevamento dei dati.
Argomenti correlati
• ValoreRifRispostaUtente
5.5.5.8 Dati modificati e contesto di calcolo
Quando il rilevamento dei dati è attivato, i dati vengono visualizzati come modificati solo quando il
contesto di calcolo resta invariato.
Ad esempio, se un valore di indicatore viene modificato a seguito della modifica del contesto di calcolo
di un blocco, il nuovo valore non presenta il flag di modifica.
Esempio: Modifica del contesto di calcolo
In questo esempio, un blocco mostra [Città], [Cliente] e [Fatturato] come segue:
344
Città
Cliente
Fatturato
San Francisco
Smith
1000
2013-07-02
Creazione di report
Città
Cliente
Fatturato
San Francisco
Jones
2000
Los Angeles
Wilson
3000
Los Angeles
Harris
4000
Se si rimuove [Cliente] dal blocco, il fatturato viene aggregato per città:
Città
Cliente
San Francisco
3000
Los Angeles
7000
I fatturati non risultano aumentati perché il loro importo non ha subito modifiche. È cambiato solo il
contesto di calcolo. I fatturati sono ora aggregati solo per città e restituiscono cifre più elevate.
Se, dopo un aggiornamento dei dati, il fatturato di Jones scende a 1000 e quello di Wilson cresce a
4000, i dati sono i seguenti:
Città
Cliente
San Francisco
2000
Los Angeles
8000
I dati risultano modificati perché, indipendentemente dalla modifica del contesto di calcolo, il fatturato
totale per San Francisco è diminuito mentre quello per Los Angeles è aumentato.
5.6 Miglioramento dei report con calcoli, formule e variabili
È possibile aggiungere ai report calcoli, formule e variabili (denominati formule). Per informazioni
dettagliate sui calcoli disponibili, consultare il manuale Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in Web
Intelligence o la guida in linea.
345
2013-07-02
Creazione di report
5.6.1 Uso dei calcoli standard
5.6.1.1 Inserimento di un calcolo standard in una tabella o in una tabella a campi
incrociati
È possibile inserire calcoli standard in tabelle o tabelle a campi incrociati per eseguire calcoli rapidi sui
dati delle tabelle. Per ulteriori informazioni sui calcoli standard, consultare il manuale Utilizzo di funzioni,
formule e calcoli in Web Intelligence o la Guida in linea.
È possibile inserire più calcoli in una tabella o tabella a campi incrociati. Quando a tali tabelle vengono
applicati due calcoli, per ognuno dei risultati viene aggiunto un piè di pagina. In entrambe le
visualizzazioni Risultati e Struttura, la modalità di inserimento di più calcoli equivale a quella di
inserimento di un unico calcolo, con la differenza che occorre ripetere la procedura tante volte quanti
sono i calcoli da inserire.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" fare clic sulla cella della tabella
contenente i dati da calcolare.
2. Nella scheda secondaria Funzioni della scheda Analisi selezionare un calcolo.
Questo passaggio può essere ripetuto per aggiungere più calcoli alla stessa colonna.
Suggerimento:
Fare doppio clic su una cella per avviare la barra degli strumenti "Editor delle formule" con cui è
possibile modificare la formula.
Sotto la colonna viene aggiunto un piè di pagina contenente il risultato del calcolo.
5.6.1.2 Rimozione di un calcolo standard
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'elenco che contiene il calcolo da rimuovere e scegliere
Elimina.
5.6.2 Operazioni con le formule
346
2013-07-02
Creazione di report
5.6.2.1 Per immettere una formula digitandola
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda Proprietà.
2. Nell'elenco a discesa Visualizza selezionare Barra delle formule per visualizzare la "Barra delle
formule".
3. Selezionare o inserire una cella o una casella di testo nel report.
4. Digitare una formula nella casella Formula.
5. Per creare una formula utilizzando l'"Editor delle formule", fare clic sull'icona Editor delle formule
sulla "Barra delle formule".
6. Creare la formula.
7. Per confermare e applicare la formula, eseguire una dell operazioni seguenti:
• In Web Intelligence Rich Client fare clic su Convalida.
• Nell'interfaccia HTML di Web Intelligence o di Web Intelligence Applet fare clic su OK.
5.6.2.2 Per creare una formula nell'editor delle formule
È possibile utilizzare l'"Editor delle formule" per definire la formula per una cella di tabella.
1. In un documento Web Intelligence aperto in modalità "Progettazione" selezionare la cella di tabella
in cui inserire la formula.
2. Nella scheda Proprietà selezionare Barra delle formule nell'elenco a discesa Visualizza per
visualizzare la "Barra delle formule".
3. Per creare una formula utilizzando l'"Editor delle formule", fare clic sull'icona Editor delle formule
sulla "Barra delle formule".
4. Fare doppio clic per selezionare un oggetto per la formula nel riquadro "Oggetti disponibili".
5. Fare doppio clic per selezionare una funzione per la formula nel riquadro "Funzioni disponibili".
6. Fare doppio clic per selezionare un operatore per la formula nel riquadro "Operatori disponibili".
Se la formula richiede la selezione di uno o più valori da un elenco di valori, procedere nel modo
seguente:
a. Selezionare un oggetto nell'elenco "Operatori disponibili".
b. Fare doppio clic sull'elemento Valori per aprire la finestra di dialogo "Elenco dei valori".
c. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Per selezionare un valore, scegliere il valore e fare clic su OK.
• Per selezionare valori contigui, scegliere il primo valore. Durante la pressione del tasto Maiusc
fare clic sull'ultimo valore e quindi su OK.
• Per selezionare diversi valori non contigui, scegliere il primo valore. Durante la pressione del
tasto Ctrl fare clic sugli altri valori da selezionare e quindi su OK.
347
2013-07-02
Creazione di report
7. Per confermare e applicare la formula, fare clic su OK.
5.6.3 Operazioni con le variabili
5.6.3.1 Per creare una variabile
Nota:
Se si seleziona una cella prima di aprire l'"Editor delle formule", la formula creata viene assegnata alla
cella.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Per visualizzare la "Barra delle formule", nella scheda Proprietà, selezionare Barra delle formule
nell'elenco a discesa Visualizza.
3. Fare clic sull'icona Crea variabile sulla "Barra delle formule" per visualizzare il pannello "Crea nuova
variabile" o "Crea variabile".
4. Digitare il nome della variabile nella casella Nome.
5. Nella casella "Formula" creare una formula per la variabile, se non ne è già visualizzata una.
6. Selezionare un tipo di variabile.
7. Fare clic su OK per salvare la variabile e tornare al documento.
5.6.3.2 Modifica di una variabile
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda Oggetti
disponibili nel pannello laterale.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla variabile da modificare e scegliere Modifica.
Viene visualizzato il pannello "Editor delle variabili" o "Modifica variabile".
3. Modificare la variabile.
4. Fare clic su OK per tornare al documento.
5.6.3.3 Eliminazione di una variabile
348
2013-07-02
Creazione di report
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda Oggetti
disponibili nel pannello laterale.
2. Nell'elenco fare clic con il pulsante destro del mouse sulla variabile da eliminare e scegliere Rimuovi.
5.6.3.4 Per rinominare una variabile
Questa azione è possibile nell'interfaccia di Web Intelligence Applet e di Web Intelligence Rich Client,
ma non nell'interfaccia HTML di Web Intelligence.
1. In un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione" selezionare la scheda Oggetti
disponibili nel pannello laterale.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla variabile da rinominare e scegliere Rinomina.
3. Rinominare la variabile e salvarla.
5.7 Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence
5.7.1 Cronologia documenti: funzioni, formule e calcoli di Web Intelligence
La seguente tabella contiene una panoramica delle modifiche principali apportate al documento.
349
2013-07-02
Creazione di report
Versione
Data
SAP BusinessObjects Interactive 30 noveAnalysis 4.0
mbre 2011
Descrizione
Inizialmente rimarchiato Interactive Analysis. Prima
versione di questo documento
SAP BusinessObjects Interactive 25 febbraio Pacchetto di supporto 1
Analysis 4.0 Service Pack 1
2011
BusinessObjects Web Intelligence 15 giugno
4.0 Service Pack 2
2011
Pacchetto di supporto 2. Rimarchiato come Web Intelligence
BusinessObjects Web Intelligence 20 febbraio Feature Pack 3
4.0 Feature Pack 3
2012
BusinessObjects Web Intelligence 10 maggio
4.1
2013
Include il supporto RTL (Right-to-Left) per le impostazioni locali della lingua araba. Questa novità influisce
soprattutto sul significato delle funzioni carattere seguenti per le impostazioni locali RTL:
• Sinistra
• RiempiSpaziASinistra
• EliminaSpaziASinistra
• Destra
• RiempiSpaziADestra
• EliminaSpaziADestra
5.7.2 Informazioni sul manuale
Il manuale Utilizzo di funzioni, formule e calcoli in Web Intelligence contiene informazioni dettagliate
sulle funzionalità di calcolo avanzate disponibili quando si esegue un'analisi dei dati. Il manuale contiene
anche informazioni di riferimento sulla sintassi delle funzioni e degli operatori disponibili.
5.7.3 Utilizzo di calcoli standard e personalizzati
È possibile utilizzare le funzioni di calcolo standard per eseguire calcoli rapidi sui dati. Se i calcoli
standard non sono sufficienti per le proprie esigenze, è possibile utilizzare il linguaggio delle formule
per creare calcoli personalizzati.
350
2013-07-02
Creazione di report
5.7.3.1 Calcoli standard
È possibile utilizzare le funzioni di calcolo standard per eseguire calcoli rapidi sui dati. Sono disponibili
i seguenti calcoli standard:
Calcolo
Descrizione
Somma
Calcola la somma dei dati selezionati.
Conteggio
Consente di contare tutte le righe di un oggetto
indicatore o le righe distinte di una dimensione o
dettaglio.
Media
Calcola la media dei dati selezionati.
Minimo
Consente di visualizzare il valore minimo tra i
dati selezionati.
Massimo
Consente di visualizzare il valore massimo tra i
dati selezionati
Visualizza i dati selezionati come percentuale del
totale. I risultati di percentuale sono visualizzati
in una colonna o riga supplementare aggiunta
alla tabella.
Percentuale
Predefinito
Nota:
Le percentuali sono calcolate per l'indicatore selezionato confrontato ai risultati totali dell'indicatore sulla tabella o interruzione. Per calcolare la
percentuale di un indicatore confrontato ad un
altro indicatore, occorre creare un calcolo personalizzato.
Applica la funzione di aggregazione predefinita
a un indicatore standard o la funzione di aggregazione del database a un indicatore intelligente.
Quando si applicano calcoli standard alle colonne di tabella, i risultati del calcolo vengono visualizzati
nei piè di pagina. Per ogni calcolo viene aggiunto un piè di pagina.
351
2013-07-02
Creazione di report
5.7.3.2 Utilizzo di formule per creare calcoli personalizzati
I calcoli personalizzati consentono di aggiungere ulteriori calcoli al report oltre agli oggetti di base e ai
calcoli standard.
È possibile aggiungere un calcolo personalizzato scrivendo una formula. Una formula può essere
costituita da variabili, funzioni, operatori e contesti di calcolo di base del report.
Per calcolo personalizzato si intende una formula che può essere composta da oggetti, funzioni e
operatori del report. Le formule dispongono di un contesto di calcolo che è possibile specificare, se
necessario.
Esempio: Visualizzazione del fatturato medio per vendita
Si ipotizzi che in un report contenente gli oggetti Fatturato e Quantità venduta si desideri aggiungere
il fatturato per vendita. Il calcolo [Fatturato vendite]/[Numero vendite] restituisce questo
valore dividendo il fatturato per il numero di articoli venduti per restituire il fatturato per elemento.
Argomenti correlati
• Definizione di contesti di calcolo
5.7.3.2.1 Utilizzo di variabili per semplificare le formule
Se una formula è di tipo complesso, è possibile utilizzare le variabili per semplificarla. Mediante le
variabili, è possibile suddividere una formula complessa in parti gestibili e semplificarne la lettura,
nonché ridurre la possibilità di errori nella creazione delle formule.
È possibile utilizzare variabili create in precedenza in una formula così come si utilizzano altri oggetti
del report. Le variabili vengono visualizzate nell'editor delle formule nella cartella Variabili.
È possibile digitare questo nome di variabile in una formula o trascinare la variabile nella barra delle
formule come un oggetto qualsiasi del report.
Argomenti correlati
• Semplificazione di una formula di varianza mediante le variabili
5.7.3.3 Utilizzo delle funzioni
352
2013-07-02
Creazione di report
Un calcolo personalizzato contiene talvolta solo oggetti report, ad esempio [Fatturato vendite]/[Nu
mero di vendite]. I calcoli includono inoltre funzioni oltre agli oggetti report.
Una funzione riceve zero o più valori come input e restituisce l'output in base a tali valori. Ad esempio,
la funzione Somma consente di calcolare i totali di tutti i valori di un indicatore, quindi restituisce il risultato.
La formula Somma([Fatturato vendite]) restituisce un totale di fatturati di vendita. In questo
caso, l’input della funzione è l’indicatore Fatturato di vendita, mentre l’output è il totale di tutti gli indicatori
Vendite.
Argomenti correlati
• Operatori funzione e formula
• Funzioni
5.7.3.3.1 Inserimento di funzioni nelle celle
Il testo nelle celle del report inizia sempre con ‘=’ . Il testo letterale è racchiuso tra virgolette, a differenza
delle formule. Ad esempio, la formula Media([Fatturato]) viene visualizzata in una cella come =Me
dia([Fatturato]). Il testo "Fatturato medio?" viene visualizzato come ="Fatturato medio?".
È possibile utilizzare testo semplice in una cella o combinare formule e testo utilizzando l'operatore "+".
Se si desidera che una cella visualizzi il fatturato medio preceduto dal testo "Fatturato medio", il testo
della cella presenta il seguente aspetto: ="Fatturato medio: "+ Media([Fatturato])
Si noti lo spazio al termine della stringa di testo, in modo che il testo e il valore non siano direttamente
a contatto nella cella.
5.7.3.3.2 Sintassi delle funzioni
Per utilizzare una funzione, occorre essere a conoscenza del suo nome, della quantità di valori di input
ad essa necessari e dei tipi di dati dei suddetti valori. È inoltre necessario conoscere il tipo di dati
restituito dalla funzione.
Ad esempio, la funzione Somma riceve un oggetto numerico come input (ad es., un indicatore che
visualizza il fatturato di vendita) e restituisce i dati numerici (la somma di tutti i valori dell'oggetto
indicatore).
Di seguito è indicata la sintassi della funzione Ass:
num Abs(number)
Questa sintassi indica che la funzione Ass accetta un singolo numero come input e restituisce un
numero come output.
L'editor delle formule visualizza la sintassi delle funzioni selezionate.
353
2013-07-02
Creazione di report
5.7.3.3.3 Esempi di funzioni
Esempio: Immissione prompt con funzione RispostaUtente
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato. Nei dati del report figura anche l’oggetto
Stato, sebbene non sia visualizzato. Al momento dell’esecuzione del report, viene visualizzato un
prompt in cui viene richiesto di selezionare uno stato. Si ipotizzi di voler visualizzare lo stato selezionato
nel titolo del report. Se il fornitore di dati è “eFashion” e il testo del prompt è “Seleziona uno stato”, la
formula del titolo è:
"Quarterly Revenues for " + UserResponse( "eFashion";"Choose a State")
Se l'utente sceglie Illinois come stato quando aggiorna il fornitore di dati, viene prodotto il report
seguente:
Esempio: Calcolo di una percentuale utilizzando la funzione Percentuale
La funzione Percentuale consente di calcolare le percentuali. Mediante tale funzione viene calcolata
la percentuale di un numero in base al relativo contesto. Ad esempio, nella seguente tabella sono
riportati i fatturati per anno e trimestre. Nella colonna Percentuale è contenuta la formula Percentuale
( Fatturato
354
2013-07-02
Creazione di report
In questo caso, la funzione calcola ogni fatturato come percentuale del fatturato totale. In questo
esempio, il contesto è il fatturato totale, ossia l’unica cifra del fatturato pertinente al di fuori della
suddivisione per anno e trimestre nella tabella.
Se il report è suddiviso in sezioni per anno, il contesto al di fuori della tabella diventa il fatturato totale
della sezione.
Se la cella Percentuale viene posizionata al di fuori della tabella ma si trova ancora nella sezione, il
contesto diventa il fatturato totale. In tal caso, la funzione Percentuale calcola il fatturato totale della
sezione come percentuale del fatturato totale complessivo.
355
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Calcolo di una percentuale utilizzando la funzione Somma
Utilizzando la funzione Somma, anziché la funzione Percentuale, è possibile controllare in modo
ottimale il contesto in cui viene calcolata una percentuale. Se una cifra viene divisa in un insieme di
cifre per il totale delle suddette, è possibile ottenere la percentuale del totale. Ad esempio, la formula
[Fatturato di vendita]/Somma([Fatturato di vendita]) restituisce il fatturato di vendita come percentuale
del fatturato totale.
Nella tabella riportata di seguito, la colonna Percentuale del totale ha la formula
[Sales revenue]/(Sum([Sales revenue] In Report))
e la colonna Percentuale di Anno utilizza la formula:
[Sales revenue]/(Sum([Sales revenue] In Section))
Tali formule si avvalgono della sintassi estesa delle parole chiave Report e Sezione per istruire la
funzione Somma affinché calcoli rispettivamente il fatturato totale complessivo e il fatturato annuo.
Argomenti correlati
• Modifica del contesto di calcolo predefinito con sintassi estesa
356
2013-07-02
Creazione di report
Semplificazione di una formula di varianza mediante le variabili
Varianza è un termine statistico. La varianza di un insieme di valori misura la dispersione di tali valori
rispetto alla relativa media. La funzione Varianza calcola la varianza in un unico passaggio, ma il
calcolo manuale della varianza offre un buon esempio di come semplificare una formula complessa
tramite le variabili. Per calcolare manualmente la varianza occorre:
•
•
•
•
Calcolare il numero medio di articoli venduti
Calcolare la differenza tra ogni numero di articoli venduti e la media, quindi calcolare il quadrato del
valore ottenuto
Sommare le differenze al quadrato
Dividere il totale ottenuto per il numero di valori - 1
In un report sono visualizzati i numeri di articoli venduti per trimestre e si desidera includere la varianza.
Senza l’uso delle variabili per semplificarla, questa complessa formula ha il seguente aspetto:
Sum((([Quantity sold] - Average([Quantity sold] ForEach [Quarter]) In Report)*([Quantity sold] - Average([Qua
ntity sold] ForEach [Quarter]) In Report)) In [Quarter])/(Count ([Quantity sold] ForEach [Quarter]) - 1)
Creazione della formula di varianza
La creazione di una formula di varianza implica numerosi passaggi. Ognuna delle procedure viene
inclusa in una variabile. Le variabili create sono:
• Numero medio di articoli venduti
• Numero di osservazioni (ossia, numero di valori distinti del numero di articoli venduti)
• Differenza tra un’osservazione e la media, al quadrato
• Somma di tali differenze divisa per il numero di osservazioni - 1.
Le formule delle variabili sono le seguenti:
Variabile
Formula
Media venduta
Media([Quantità venduta] In ([Trimestre])) In Report
Numero di osservazioni
Conteggio([Quantità venduta] In ([Trimestre])) In
Report
Differenza al quadrato
Potenza(([Quantità venduta] - [Media venduta]);2)
Varianza
Somma([Differenza al quadrato] In ([Trimestre]))/[Numero di osservazioni] - 1)
La formula finale è ora
Sum ([Difference Squared])/[Number of Observations] - 1)
La formula diventa di più facile comprensione. Tale versione semplificata della formula fornisce una
visione chiara dello scopo della formula piuttosto che illustrare i dettagli che creano confusione. È
357
2013-07-02
Creazione di report
possibile esaminare le formule delle variabili con riferimento nella formula di alto livello per capire le
parti che la compongono.
Ad esempio, la formula si riferisce alla variabile Differenza al quadrato, che a sua volta fa riferimento
alla variabile Media venduta. Esaminando le formule di Differenza al quadrato e Media venduta, è
possibile eseguire il drill down sulla formula per ottenere i dettagli di ciò che sta facendo.
5.7.3.3.4 Operatori funzione e formula
Gli operatori consentono di collegare i vari componenti di una formula. Le formule possono contenere
operatori matematici, condizionali, logici, della sintassi estesa o specifici di funzioni.
Operatori matematici
Gli operatori matematici si avvalgono di operazioni aritmetiche tradizionali. Esistono operatori di addizione
(+), sottrazione (-), moltiplicazione (*), divisione (/) che consentono di eseguire operazioni matematiche
all’interno di una formula. La formula [Fatturato di vendita] - [Costo delle ven
dite]contiene un operatore matematico, in questo caso sottrazione.
Nota:
Se utilizzato con stringhe di caratteri, l’operatore ‘+’ diventa un operatore di concatenamento di stringhe,
ovvero funge da elemento di unione di stringhe di caratteri. Ad esempio, la formula "John" + "Smith"
restituisce "John Smith".
Operatori condizionali
Gli operatori condizionali determinano il tipo di confronto da eseguire tra valori.
Operatore
Descrizione
=
Uguale a
>
Maggiore di
<
Minore di
>=
Maggiore o uguale
<=
Minore o uguale a
<>
Diverso da
Gli operatori condizionali vengono utilizzati con la funzione Se come in:
If [Revenue]>10000 Then "High" Else "Low"
che restituisce "Alto" per tutte le righe in cui il fatturato è maggiore o uguale a 10000 e "Basso" per tutte
le altre righe.
358
2013-07-02
Creazione di report
Operatori logici
Gli operatori logici sono E, O, Non, Tra e InElenco. Gli operatori logici vengono utilizzati nelle
espressioni booleane, che restituiscono True o False.
Operatori contestuali
Gli operatori contestuali fanno parte della sintassi di calcolo estesa. La sintassi estesa consente di
definire le dimensioni prese in considerazione da un indicatore o da una formula all’interno di un calcolo.
Operatori specifici per la funzione
Alcune funzioni possono avere operatori specifici come argomenti. Ad esempio, la funzione Indietro
può utilizzare l'operatore Self.
Tutte le funzioni utilizzano ) e ( per racchiudere gli argomenti delle funzioni. Le funzioni che accettano
più parametri utilizzano ; per separare i parametri.
5.7.4 Comprensione dei contesti di calcolo
5.7.4.1 Definizione di contesti di calcolo
Il contesto di calcolo è dato dai dati considerati da un calcolo per generare un risultato. Ciò significa
che il valore fornito da un indicatore è determinato dalle dimensioni utilizzate per calcolare l'indicatore.
Un report contiene due tipi di oggetti:
•
•
Le dimensioni rappresentano i dati aziendali che generano cifre. Punti vendita, anni o regioni sono
esempi di dati di dimensioni. Ad esempio, un punto vendita, un anno o una regione possono generare
fatturato: è possibile parlare di fatturato per punto vendita, per anno o per regione.
Gli indicatori sono dati numerici generati dai dati delle dimensioni. Esempi di indicatori sono il fatturato
e il numero di vendite. Ad esempio, possiamo parlare del numero di vendite effettuate in quel
particolare punto vendita.
Gli indicatori possono anche essere generati da combinazioni di dati di dimensioni. Ad esempio,
possiamo parlare di fatturato generato da un particolare punto vendita nel 2005.
Il contesto di calcolo di un indicatore presenta due componenti:
• la dimensione o l'elenco delle dimensioni che determinano il valore dell'indicatore
• la parte della dimensione che determina il valore dell'indicatore
359
2013-07-02
Creazione di report
Il contesto di calcolo presenta due componenti:
•
•
Contesto di input
Contesto di output
Argomenti correlati
• Contesto di input
• Contesto di output
5.7.4.1.1 Contesto di input
Il contesto di input di un indicatore o formula è l'elenco delle dimensioni del calcolo.
L'elenco delle dimensioni in un contesto di input appare tra le parentesi della funzione che restituisce
il valore. L'elenco delle dimensioni deve anch'esso essere racchiuso tra parentesi (anche se contiene
una sola dimensione) e le dimensioni devono essere separate da punti e virgola.
Esempio: Specifica di un contesto di input
In un report con sezioni Anno e un blocco in ciascuna sezione con colonne Cliente e Reddito, i contesti
di input sono:
Parte del report
Contesto di input
Intestazione di sezione e piè di pagina del blocco
Anno
Righe nel blocco
Anno, Cliente
In altre parole, le intestazioni di sezione e i piè di pagina del blocco mostrano il fatturato aggregato
per Anno e ogni riga del blocco mostra il fatturato aggregato per Anno e Cliente (il fatturato generato
da quel cliente nell'anno in questione).
Se specificati in modo esplicito in una formula, questi contesti di input sono:
Sum ([Revenue] In ([Year]))
Sum ([Revenue] In ([Year];[Customer]))
Le dimensioni del contesto di input sono visualizzate all’interno delle parentesi della funzione (in
questo caso, Somma) di cui si sta specificando il contesto di input.
5.7.4.1.2 Contesto di output
Il contesto di output di una formula fa sì che quest'ultima restituisca un valore se viene inserita nel piè
di pagina di un blocco contenente un'interruzione.
360
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Specifica di un contesto di output
Nel report seguente sono visualizzati il fatturato per anno e trimestre, con un’interruzione sull’anno,
e il fatturato minimo calcolato per anno.
Se si desidera visualizzare il fatturato minimo per anno in un blocco senza interruzioni, è possibile
specificare il contesto di output in una formula. In questo caso, la formula sarà simile alla seguente:
Min ([Revenue]) In ([Year])
Il contesto di output appare dopo le parentesi della funzione di cui si sta specificando il contesto di
output. In questo caso, il contesto di output calcola il fatturato minimo per anno.
Se al blocco viene aggiunta un’altra colonna contenente questa formula, si otterrà il seguente risultato:
361
2013-07-02
Creazione di report
Nella colonna Min per anno sono visualizzati i fatturati minimi contenuti nei piè di pagina d'interruzione
del report precedente.
Si noti che in questo esempio il contesto di input non è specificato, in quanto si tratta del contesto
predefinito (Anno, Trimestre) del blocco. In altre parole, il contesto di output determina di quale fatturato
per anno e trimestre restituire il risultato. Con entrambe le formule di input e output esplicitamente
specificate, la formula sarà simile alla seguente:
Min ([Sales Revenue] In([Year];[Quarter])) In ([Year])
In termini semplici, questa formula calcola i fatturati per anno per trimestre, quindi restituisce il fatturato
minimo per ogni anno.
Cosa succederebbe se non venisse specificato il contesto di output nella colonna Min per anno? In
questo caso, le cifre di questa colonna corrisponderebbero a quelle della colonna Fatturato. Perché?
perché il contesto predefinito di un blocco include le dimensioni presenti in tale blocco. Il fatturato
minimo per anno per trimestre corrisponde al fatturato per anno per trimestre, in quanto per ogni
combinazione anno/trimestre esiste un solo fatturato.
5.7.4.2 Contesti di calcolo predefiniti
Un indicatore presenta un contesto di calcolo predefinito che dipende dalla sua posizione nel report.
Le cifre restituite da un indicatore dipendono dalle dimensioni a cui sono associate. Questa combinazione
di dimensioni rappresenta il contesto di calcolo.
È possibile modificare il contesto predefinito con la sintassi estesa. In altre parole, è possibile determinare
l'insieme delle dimensioni utilizzate per generare un indicatore. Questo è il significato di contesto di
calcolo.
362
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Contesti predefiniti in un report
In questo esempio viene descritto il contesto di calcolo predefinito degli indicatori in un report semplice.
Nel report è segnalato il fatturato generato da clienti e suddiviso in sezioni in base all'anno.
2005
Totale: 8000
Cliente
Fatturato
Harris
1000
Jones
3000
Walsh
4000
Totale:
8000
Report totale: 8000
Nella tabella seguente è elencato il contesto di calcolo degli indicatori in questo report:
Indicatore
Valore
Contesto
Report totale
20000
Totale di tutti i fatturati nel report
Intestazione di sezione totale
8000
Anno
Cliente totale
1000, 3000, 4000
Anno;Cliente
Piè di pagina totale
8000
Anno
Argomenti correlati
• Definizione di contesti di calcolo
• Modifica del contesto di calcolo predefinito con sintassi estesa
5.7.4.2.1 Contesti predefiniti in una tabella verticale
Una tabella verticale è una tabella di report standard che dispone di intestazioni nella parte superiore,
di dati disposti dall’alto verso il basso e di piè di pagina nella parte inferiore. Di seguito sono riportati i
contesti predefiniti in una tabella verticale.
363
2013-07-02
Creazione di report
Quando il calcolo si trova
Il contesto di input è costituito
da
Il contesto di output corrisponde
Intestazione
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare il corpo del blocco
A tutti i dati aggregati; la funzione di calcolo restituisce un
solo valore
Nel corpo del blocco
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare la riga corrente
Al contesto di input
Piè di pagina
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare il corpo del blocco
A tutti i dati aggregati; la funzione di calcolo restituisce un
solo valore
5.7.4.2.2 Contesti predefiniti in una tabella orizzontale
Una tabella orizzontale è simile a una tabella verticale ma capovolta lateralmente.
L'aspetto della tabella orizzontale dipende dalle Impostazioni locali di visualizzazione preferite selezionate
nelle preferenze di BI Launch Pad. Alcune impostazioni locali, ad esempio Inglese, utilizzano il
posizionamento dell'interfaccia da sinistra a destra (LTR), mentre altre, ad esempio Arabo, utilizzano
il posizionamento dell'interfaccia da destra a sinistra (RTL).
Nelle impostazioni locali LTR le intestazioni vengono visualizzate a sinistra, i dati sono disposti da
sinistra a destra e i piè di pagina si trovano a destra. Nelle impostazioni locali RTL le intestazioni vengono
visualizzate a destra, i dati sono disposti da destra a sinistra e i piè di pagina si trovano a sinistra.
I contesti predefiniti di una tabella orizzontale corrispondono a quelli di una tabella verticale.
5.7.4.2.3 Contesti predefiniti in una tabella a campi incrociati
In una tabella a campi incrociati, i dati sono visualizzati in una matrice con gli indicatori visualizzati in
corrispondenza delle intersezioni delle dimensioni. Di seguito sono riportati i contesti predefiniti in una
tabella a campi incrociati.
364
Il calcolo si trova
Il contesto di input è costituito
da
Il contesto di output corrisponde
Intestazione
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare il corpo del blocco
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Nel corpo del blocco
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare il corpo del blocco
Come il contesto di input.
2013-07-02
Creazione di report
Il calcolo si trova
Il contesto di input è costituito
da
Il contesto di output corrisponde
Piè di pagina
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare il corpo del blocco
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Nel piè di pagina del corpo verticale
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare la colonna attuale.
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Nel piè di pagina del corpo orizzontale
Dimensioni e indicatori utilizzati
per generare la riga corrente.
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Nel piè di pagina verticale
Come nel piè di pagina.
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Nel piè di pagina orizzontale
Come nel piè di pagina.
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Esempio: Contesti predefiniti in una tabella a campi incrociati
Nell'esempio riportato di seguito sono illustrati i contesti predefiniti in un campo incrociato:
5.7.4.2.4 Contesti predefiniti in una sezione
Una sezione è costituita da un’intestazione, un corpo e un piè di pagina. Di seguito sono riportati i
contesti predefiniti di una sezione.
365
Il calcolo si trova
Il contesto di input è costituito
da
Il contesto di output corrisponde
Corpo
Dimensioni e indicatori del report, filtrati per limitare i dati a
quelli della sezione.
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Contesti predefiniti in una sezione
Nell'esempio riportato di seguito sono illustrati i contesti predefiniti in un campo incrociato:
5.7.4.2.5 Contesti predefiniti in un'interruzione
Un’interruzione è costituita da un’intestazione, un corpo e un piè di pagina. Di seguito sono riportati i
contesti predefiniti di un’interruzione.
366
Il calcolo si trova
Il contesto di input è costituito
da
Il contesto di output corrisponde
Intestazione
Occorrenza attuale dell’interruzione
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
Piè di pagina
Occorrenza attuale dell’interruzione
Tutti i dati vengono aggregati;
la funzione di calcolo restituisce
un solo valore.
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Contesti predefiniti in un'interruzione
Nell'esempio riportato di seguito sono illustrati i contesti predefiniti in un'interruzione:
5.7.4.3 Modifica del contesto di calcolo predefinito con sintassi estesa
La sintassi estesa si avvale degli operatori contestuali che vengono aggiunti a una formula o a un
indicatore per specificarne il contesto. Il contesto di una formula o di un indicatore è dato dal contesto
di input e dal contesto di output.
5.7.4.3.1 Operatori di sintassi estesa
Specificare in modo esplicito i contesti di input e output con gli operatori di contesto. Nella tabella
seguente sono elencati gli operatori di contesto:
Operatore
Descrizione
In
Specifica un elenco esplicito di dimensioni da
utilizzare nel contesto.
PerOgni
Aggiunge dimensioni al contesto predefinito
PerTutto
Rimuove dimensioni dal contesto predefinito
Gli operatori PerTutto e PerOgni risultano particolarmente utili nel caso di un contesto predefinito
contenente più dimensioni. Spesso, risulta più semplice aggiungere o sottrarre dimensioni dal contesto
utilizzando PerTutto e PerOgni piuttosto che specificare l'elenco in modo esplicito utilizzando In.
367
2013-07-02
Creazione di report
Operatore contestuale In
L'operatore contestuale In specifica in modo esplicito le dimensioni in un contesto.
Esempio: Uso di In per specificare le dimensioni in un contesto
In questo esempio, è riportato un report contenente Anno e Fatturato. Il fornitore di dati contiene inoltre
l'oggetto Trimestre, tuttavia tale dimensione non viene inclusa nel blocco. Viene inclusa una colonna
aggiuntiva in cui si desidera visualizzare il fatturato massimo per trimestre di ogni anno. Il report sarà
simile al seguente.
Anno
Fatturato di vendita
Fatturato trimestrale massimo
2001
$8.096.123,60
$2.660.699,50
2002
$13.232.246,00
$4.186.120,00
2003
$15.059.142,80
$4.006.717,50
È possibile risalire alla provenienza dei valori contenuti nella colonna Fatturato trimestrale massimo
confrontando questo blocco con il blocco contenente la dimensione Trimestre:
368
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
2001
T1
$2.660.699,50
2001
T2
$2.279.003,00
2001
T3
$1.367.841,00
2001
T4
$1.788.580,00
Max:
$2.660.699,50
Trimestre
Fatturato di vendita
T1
$3.326.172,00
T2
$2.840.651,00
T3
$2.879.303,00
T4
$4.186.120,00
Max:
$4.186.120,00
Trimestre
Fatturato di vendita
T1
$3.742.989,00
T2
$4.006.717,50
T3
$3.953.395,00
T4
$3.356.041,00
Max:
$4.006.717,50
Anno
Anno
Nella colonna Fatturato trimestrale massimo è visualizzato il fatturato trimestrale più alto di ogni anno.
Ad esempio, poiché T4 presenta il fatturato massimo del 2002, nella colonna Fatturato trimestrale
massimo il fatturato di T4 viene visualizzato nella riga relativa a 2002.
Se viene utilizzato l’operatore In, la formula per il fatturato trimestrale massimo sarà
Max ([Sales Revenue] In ([Year];[Quarter])) In ([Year])
Questa formula calcola il fatturato massimo per ogni combinazione (Anno,Trimestre), quindi restituisce
questa cifra per anno.
Nota:
poiché il contesto di output predefinito del blocco è Anno, in questa formula non occorre specificare
in modo esplicito tale contesto.
369
2013-07-02
Creazione di report
Operatore contestuale PerOgni
L’operatore PerOgni consente di aggiungere dimensioni ad un contesto.
Esempio: Uso dell’operatore PerOgni per l’aggiunta di dimensioni ad un contesto
Nella tabella seguente viene illustrato il fatturato massimo di ogni trimestre in un report contenente la
dimensione Trimestre ma non in un blocco:
Anno
Fatturato di vendita
Fatturato trimestrale massimo
2001
8096123,60
2660699,50
2002
13232246
4186120
2003
15059142,80
4006717,50
È possibile creare una formula per la colonna Fatturato trimestrale massimo che non include l'operatore
PerOgni:
Max ([Sales Revenue] In ([Year];[Quarter])) In ([Year])
Utilizzando l'operatore di contesto PerOgni, è possibile ottenere lo stesso risultato mediante la formula
seguente:
Max ([Sales Revenue] ForEach ([Quarter])) In ([Year])
Perché? Perché la dimensione Anno è il contesto di input predefinito nel blocco. Utilizzando l'operatore
PerOgni, si aggiunge la dimensione Trimestre al contesto, dando un contesto di input ([Anno];[Trimestre]).
Operatore contestuale PerTutto
L’operatore contestuale PerTutto consente di rimuovere le dimensioni da un contesto.
Esempio: Uso dell’operatore PerTutto per la rimozione di dimensioni da un contesto
Si ipotizzi che ad un report contenente Anno, Trimestre e Fatturato si desideri aggiungere una colonna
in cui venga visualizzato il fatturato totale di ogni anno, come illustrato nel blocco riportato di seguito.
370
2013-07-02
Creazione di report
Per calcolare il totale dei fatturati per anno, il contesto di input deve essere (Anno); per impostazione
predefinita, tale contesto è (Anno; Trimestre). Pertanto, è possibile rimuovere Trimestre dal contesto
di input specificando PerTutto ([Trimestre]) nella formula, che sarà simile alla seguente:
Sum([Sales Revenue] ForAll ([Quarter]))
Per ottenere lo stesso risultato, è possibile utilizzare l'operatore In; in questo caso la formula sarà:
Sum([Sales Revenue] In ([Year]))
In questa versione della formula, viene specificato esplicitamente Anno come contesto, piuttosto che
procedere alla rimozione di Trimestre per lasciare Anno.
5.7.4.3.2 Parole chiave di sintassi estesa
Le parole chiave della sintassi estesa sono forme brevi che consentono di fare riferimento a dimensioni
nella sintassi estesa senza specificare tali dimensioni in modo esplicito. Ciò consente di ottenere report
affidabili; se le formule non contengono riferimenti codificati alle dimensioni, continueranno ad operare
anche se le dimensioni vengono aggiunte o rimosse dal report.
Sono disponibili cinque parole chiave della sintassi estesa: Report, Sezione, Interruzione, Blocco e
Corpo.
Parola chiave Report
Nella tabella riportata di seguito sono descritti i dati a cui fa riferimento la parola chiave Report, a
seconda del punto del report in cui viene inserita.
371
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
A tutti i dati inclusi nel report
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
A tutti i dati inclusi nel report
2013-07-02
Creazione di report
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
A tutti i dati inclusi nel report
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
A tutti i dati inclusi nel report
Esempio: Parola chiave Report
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato. Tale report presenta una colonna, Totale
report, contenente il totale di tutti i fatturati del report.
La formula della colonna Totale report è Somma([Fatturato di vendita]) In Report. Senza la parola
chiave Report, in tale colonna sarebbero state visualizzate le stesse cifre della colonna Fatturato, in
quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito ([Anno];[Trimestre]).
Parola chiave Sezione
Nella tabella riportata di seguito sono descritti i dati a cui fa riferimento la parola chiave Sezione, a
seconda del punto del report in cui viene inserita.
372
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
A tutti i dati inclusi nella sezione
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
A tutti i dati inclusi nella sezione
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
A tutti i dati inclusi nella sezione
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Parola chiave Sezione
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato.
Tale report dispone di una sezione basata su Anno. La colonna Totale sezione contiene la formula:
Sum ([Sales Revenue]) In Section
La cifra nella colonna Totale sezione è il fatturato totale per il 2001, perché l'interruzione avviene
sull'oggetto Anno. Senza la parola chiave Sezione, in tale colonna sarebbero state visualizzate le
stesse cifre della colonna Fatturato, in quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito
([Anno];[Trimestre]).
Parola chiave Interruzione
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave
Interruzione, a seconda del punto del report in cui viene inserita.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Dati nella parte di un blocco delimitata da un’interruzione
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Dati nella parte di un blocco delimitata da un’interruzione
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Non applicabile
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
Esempio: Parola chiave Interruzione
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato di vendita:
373
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Totale interruzione
2001
T1
$2.660.700
$8.096.124
T2
$2.279.003
$8.096.124
T3
$1.367.841
$8.096.124
T4
$1.788.580
$8.096.124
Tale report presenta un'interruzione in corrispondenza di Anno. La colonna Totale interruzione contiene
la formula:
Sum ([Sales Revenue]) In Break
Senza la parola chiave Interruzione, in tale colonna sarebbero state visualizzate le stesse cifre della
colonna Fatturato di vendita, in quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito
([Anno];[Trimestre]).
Parola chiave Blocco
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave Blocco,
a seconda del punto del report in cui viene inserita. La parola chiave Blocco spesso comprende gli
stessi dati della parola chiave Sezione. La differenza è che Blocco fa riferimento ai filtri inclusi in un
blocco, mentre Sezione li ignora.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Ai dati inclusi in tutto il blocco, ignorando le interruzioni e rispettando i filtri
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Ai dati inclusi in tutto il blocco, ignorando le interruzioni e rispettando i filtri
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Non applicabile
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
Esempio: Parola chiave Blocco
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato. Tale report dispone di una sezione basata
su Anno. Il blocco viene filtrato in modo da escludere il terzo e il quarto trimestre.
374
2013-07-02
Creazione di report
La colonna Media annuale ha la formula
Average([Sales revenue] In Section)
e la colonna Media prima metà ha la formula
Average ([Sales revenue]) In Block
È possibile notare come la parola chiave Blocco prenda in considerazione il filtro incluso nel blocco.
Parola chiave Corpo
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave Corpo,
a seconda del punto del report in cui viene inserita.
375
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Ai dati inclusi nel blocco
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Ai dati inclusi nel blocco
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Ai dati inclusi nella sezione
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Ai dati inclusi nel report
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Parola chiave Corpo
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato, con un'interruzione su Anno. Il report
dispone di una sezione basata su Anno e di un'interruzione su Trimestre.
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Corpo
2001
T1
2.660.700
2.660.699,5
T2
2.279.003
2.279.003
T3
1.367.841
1.367.840,7
T4
1.788.580
1.788.580,4
2001
8.096.123,6
La colonna Corpo ha la formula
Sum ([Sales Revenue]) In Body
I totali visualizzati nella colonna Corpo corrispondono a quelli della colonna Fatturato, in quanto la
parola chiave Corpo fa riferimento ai dati inclusi nel blocco. Se fosse stato rimosso l’oggetto Mese,
le cifre visualizzate nella colonna Blocco sarebbero state modificate in modo da corrispondere a quelle
modificate della colonna Fatturato. Se la formula fosse stata inserita nel piè di pagina del report,
avrebbe restituito il fatturato totale del corpo.
Uso delle parole chiave per rendere i report generici
Le parole chiave della sintassi estesa consentono di proteggere il report da eventuali modifiche. Facendo
riferimento ai dati in modo esplicito (specificando le dimensioni utilizzando In, PerOgni o PerTutto), è
possibile che i report restituiscano dati non previsti nel caso in cui le dimensioni vengano aggiunte o
rimosse. Il seguente esempio ne è un'illustazione.
Esempio: Uso della parola chiave Report per la visualizzazione delle percentuali
In questo esempio, viene preso in considerazione un blocco contenente gli oggetti Anno, Trimestre
e Fatturato di vendita. Si ipotizzi di voler visualizzare i fatturati per anno e trimestre, quindi la percentuale
del fatturato totale del report rappresentato da ciascun fatturato singolo, come illustrato.
376
2013-07-02
Creazione di report
La formula della colonna Percentuale del totale è:
([Sales revenue]/(Sum([Sales revenue]) In Report)) * 100
In un blocco, il Report include tutti i dati del report, pertanto questa formula potrebbe essere scritta
come segue:
([Sales revenue]/Sum([Sales revenue] ForAll ([Year];[Quarter]))) * 100
Questa formula rimuove Anno e Trimestre dal contesto di output (ovvero calcolare un totale
complessivo), perché nel report non sono presenti altre dimensioni. La formula quindi divide ciascun
fatturato per il totale complessivo per fornire la percentuale del totale.
Sebbene in questo caso sia possibile utilizzare PerTutto, si consiglia di utilizzare la parola chiave
Report. Perché? Cosa succederebbe se la dimensione Mese venisse aggiunta al report in un momento
successivo? La versione della formula che utilizza la parola chiave Report calcola ogni percentuale
correttamente, mentre la versione in cui le dimensioni Anno e Trimestre sono specificate in modo
esplicito risulta adesso errata.
377
2013-07-02
Creazione di report
Spiegazione Il problema è dovuto a:
Sum ([Sales Revenue] ForAll ([Year];[Quarter))
Se Anno e Trimestre fossero le uniche dimensioni contenute nel report, ciò sarebbe equivalente a
"un totale generale di tutti i fatturati". Una volta aggiunta la dimensione Mese, questa espressione
rimuove Anno e Trimestre dal contesto di output predefinito, ma lascia Mese.
La formula ora presenta un'interruzione sul mese. In altre parole, in ogni riga dove Mese è 1, questa
espressione ora significa "il fatturato totale di tutti i mese 1". In ogni riga dove Mese è 2, essa significa
"il fatturato totale di tutti i mesi 2". Di conseguenza, le percentuali non sono quelle previste.
378
2013-07-02
Creazione di report
5.7.5 Calcolo dei valori con indicatori intelligenti
Gli “indicatori intelligenti” sono indicatori i cui valori sono calcolati dal database (relazionale o OLAP)
o su cui è basato un universo. Sono diversi dai normali indicatori, che vengono calcolati a partire dai
valori dettagliati restituiti dal database. I dati restituiti dagli indicatori intelligenti vengono aggregati
secondo modalità non supportate in origine dal componente Web Intelligence della piattaforma SAP
BusinessObjects Business Intelligence.
Le query che contengono indicatori intelligenti calcolano gli indicatori in tutti i contesti di calcolo richiesti
in un report. Tali contesti possono variare quando il report cambia. Di conseguenza, la query cambia
a ogni aggiornamento dei dati successivo alla modifica dei contesti richiesti.
Quando si modifica questo tipo di report, il messaggio #AGGIORNARE viene automaticamente inserito
nel report per ricordare all'utente che è necessario aggiornare il report per riflettere le modifiche. È
possibile scegliere di aggiornare il report automaticamente selezionando l'opzione di aggiornamento
automatico nella finestra di dialogo delle proprietà del documento.
Nota:
La delega dell'indicatore è statica e viene definita in base alla definizione del report in fase di
progettazione. In alcuni casi (formula basata su "if [opzione]= 1 then [dimensione 1) else [dimensione
2]" ) il conteso dimensionale è variabile in fase di runtime. In questo caso, il sistema non è in grado di
delegare il calcolo dell'indicatore e restituisce un valore vuoto.
Gli indicatori intelligenti si comportano in modo diverso dagli indicatori classici, i quali supportano un
insieme di base di funzioni di aggregazione (Max, Min, Conteggio, Somma, Media) che possono essere
calcolate in tutti i contesti senza l'aiuto del database. Ad esempio, se si crea una query che contiene
le dimensioni [Paese] e [Regione] e l'indicatore [Fatturato] (che calcola la somma del fatturato), Paese,
Regione e Fatturato vengono inizialmente visualizzati in un blocco. Se Regione viene rimosso dal
blocco, è comunque possibile calcolare il fatturato per ogni paese senza un aggiornamento dei dati,
sommando i fatturati di tutte le regioni del paese. In questa situazione, un indicatore intelligente richiede
un aggiornamento dei dati.
I contesti di calcolo sono rappresentati da “raggruppamenti” nella query generata.
Argomenti correlati
• Impostazione delle proprietà del documento
5.7.5.1 Insiemi di raggruppamento e indicatori intelligenti
379
2013-07-02
Creazione di report
Un “insieme di raggruppamento” è un insieme di dimensioni che genera un risultato per un indicatore.
L'SQL generato che restituisce i dati in un indicatore intelligente include raggruppamenti per tutte le
aggregazioni dell'indicatore incluse nel report.
Esempio: Insiemi di raggruppamento in una query
Una query contiene le dimensioni [Paese], [Regione], [Città] e l'indicatore intelligente [Fatturato].
Questi oggetti implicano che i seguenti insiemi di raggruppamenti calcolino il fatturato in tutti i contesti
possibili:
• Valore totale degli indicatori intelligenti
• valore degli indicatori intelligenti per (Paese, Regione, Città)
• valore degli indicatori intelligenti per (Paese, Città)
• valore degli indicatori intelligenti per (Città)
• valore degli indicatori intelligenti per (Regione, Città)
• valore degli indicatori intelligenti per (Regione)
• valore degli indicatori intelligenti per (Paese, Regione)
• valore degli indicatori intelligenti per (Paese)
Se il database supporta UNION, ogni raggruppamento è rappresentato in una clausola UNION nell'SQL
generato.
I raggruppamenti vengono aggiornati in base ai contesti di calcolo richiesti dal report, che possono
variare in risposta alle modifiche della struttura del report.
5.7.5.1.1 Gestione dei raggruppamenti
Quando si crea e si esegue per la prima volta una query che contiene indicatori intelligenti, l'SQL
generato include il raggruppamento necessario per calcolare gli indicatori intelligenti al livello più
dettagliato utilizzato dagli oggetti query.
Ad esempio, se si crea una query che contiene le dimensioni [Paese], [Regione] e [Città] e l'indicatore
intelligente [Fatturato], il raggruppamento (Paese, Regione, Città) è presente nell'SQL generato. Il
raggruppamento più dettagliato viene sempre visualizzato nell'SQL. Altri raggruppamenti vengono
aggiunti o rimossi a seconda delle modifiche al report.
Se la dimensione [Città] viene rimossa dal blocco, per restituire i valori del fatturato è necessario il
raggruppamento (Paese, Regione). Questo raggruppamento non è ancora disponibile nell'SQL della
query, di conseguenza nelle celle [Fatturato] viene visualizzato #AGGIORNARE. Quando i dati vengono
aggiornati, #AGGIORNARE viene sostituito dai valori del fatturato.
Se in seguito si sostituisce la dimensione [Città] nel blocco, l'insieme di raggruppamento (Paese,
Regione) non è più necessario. Esso viene rimosso dall'SQL della query e i relativi valori vengono
eliminati al successivo aggiornamento dei dati.
Ogni volta che i dati del report vengono aggiornati, i raggruppamenti vengono inclusi o eliminati a
seconda dei contesti di calcolo richiesti dal report.
In alcune situazioni non è possibile visualizzare il valore degli indicatori intelligenti. In questo caso, nelle
celle dell'indicatore viene visualizzato l'errore #NON DISPONIBILE.
380
2013-07-02
Creazione di report
5.7.5.2 Indicatori intelligenti e ambito di analisi
Quando si crea una query con un ambito di analisi, il raggruppamento iniziale che contiene gli oggetti
risultato, ma non gli oggetti ambito. La query non genera tutti i possibili raggruppamenti dalla
combinazione degli oggetti risultato con gli oggetti ambito.
Esempio: Una query con un ambito di analisi e un indicatore intelligente
Una query presenta gli oggetti risultato [Paese] e [Fatturato]. Il ambito di analisi contiene le dimensioni
[Regione] e [Città]. Quando si esegue la query, il relativo SQL contiene il raggruppamento (Paese) e
[Paese] e [Fatturato] vengono visualizzati in un blocco.
5.7.5.3 Indicatori intelligenti e SQL
5.7.5.3.1 Insiemi di raggruppamento e operatore UNION
Alcuni database supportano esplicitamente gli insiemi di raggruppamento con l'operatore GROUPING
SETS. Se si definisce una query contenente indicatori intelligenti, l'SQL generato utilizza più insiemi di
risultati e l'operatore UNION per simulare l'effetto di GROUPING SETS.
Esempio: Insiemi di raggruppamento recuperati con l'operatore UNION
In questo esempio viene illustrata una query che contiene le dimensioni [Paese], [Regione], [Città] e
l'indicatore intelligente [Fatturato].
Nota:
Per semplicità, l'indicatore intelligente calcola una somma. In pratica, questa aggregazione non richiede
un indicatore intelligente, perché le somme sono supportate in modo nativo in Web Intelligence.
Quando la query viene eseguita per la prima volta, l'insieme di raggruppamento è (Paese, Regione,
Città). L'intera query SQL restituisce questo insieme di raggruppamento e l'operatore UNION non è
necessario in SQL.
Se si rimuove la dimensione [Città] dalla tabella, il raggruppamento (Paese, Regione) è necessario
per la visualizzazione del fatturato (che inizialmente viene visualizzato come #AGGIORNARE). Dopo
l'aggiornamento dei dati, l'SQL è il seguente:
SELECT
SELECT
0 AS GID,
country.country_name,
region.region_name,
NULL,
381
2013-07-02
Creazione di report
sum(city.revenue)
FROM
country,
region,
city
WHERE
( country.country_id=region.country_id
AND ( region.region_id=city.region_id
GROUP BY
country.country_name,
region.region_name
UNION
SELECT
1 AS GID,
country.country_name,
region.region_name,
city.city_name,
sum(city.revenue)
FROM
country,
region,
city
WHERE
( country.country_id=region.country_id
AND ( region.region_id=city.region_id
GROUP BY
country.country_name,
region.region_name,
city.city_name
)
)
)
)
Ciascun insieme di raggruppamento è rappresentato da un'istruzione SELECT e dispone del proprio
ID colonna GID). Gli insiemi di raggruppamento che non contengono l'insieme completo di dimensioni
includono colonne vuote (SELECT) poiché ogni istruzione SELECT in una query che comprende UNION
deve avere lo stesso numero di colonne.
Se si aggiunge al report un nuovo blocco contenente [Paese] e [Fatturato], il raggruppamento (Paese)
è necessario. L'SQL generato ora comprende tre insiemi di raggruppamento come indicato di seguito:
SELECT
0 AS GID,
country.country_name,
region.region_name,
NULL,
sum(city.revenue)
FROM
country,
region,
city
WHERE
( country.country_id=region.country_id
AND ( region.region_id=city.region_id
GROUP BY
country.country_name,
region.region_name
UNION
SELECT
1 AS GID,
country.country_name,
NULL,
NULL,
sum(city.revenue)
FROM
country,
city,
region
WHERE
( country.country_id=region.country_id
AND ( region.region_id=city.region_id
GROUP BY
country.country_name
UNION
SELECT
2 AS GID,
382
)
)
)
)
2013-07-02
Creazione di report
country.country_name,
region.region_name,
city.city_name,
sum(city.revenue)
FROM
country,
region,
city
WHERE
( country.country_id=region.country_id
AND ( region.region_id=city.region_id
GROUP BY
country.country_name,
region.region_name,
city.city_name
)
)
5.7.5.4 Indicatori intelligenti e formule
5.7.5.4.1 Indicatori intelligenti e dimensioni contenenti formule
Se una formula o una variabile viene visualizzata come dimensione nel contesto di calcolo di un
indicatore intelligente e la formula determina l'insieme di raggruppamento richiesto dall'indicatore, sarà
possibile visualizzare i valori dell'indicatore intelligente (operazione non consentita in precedenza).
Ad esempio, indicatori intelligenti e dimensioni ora restituiscono valori in questi casi:
•
•
•
Per un URL creato tramite l'Assistente Collegamento ipertestuale.
Per il concatenamento semplice in una dimensione (o rimozione degli spazi).
Quando FormatDate viene utilizzato il giorno [date]
Nota:
Il messaggio #NON DISPONIBILE viene ancora restituito per le funzioni seguenti: PerOgni, PerTutto,
In, Dove, Classifica, Precedente, ValoreRelativo, DataRelativa, DimensioneOra e nella funzione
Aggregazione quando Min, Max, Ultimo o Primo vengono utilizzati nella formula: if ([selection] =1) then
[dim1] else [dim2]
5.7.5.4.2 Indicatori intelligenti nelle formule
Se inseriti nelle formule, gli indicatori intelligenti possono restituire valori anche quando la formula
richiede un contesto di calcolo diverso da quello implicato dalla posizione della formula.
Ad esempio, si supponga che un report contenga un blocco come il seguente:
383
Paese
Regione
Fatturato
USA
Nord
10000
US
Sud
15000
US
Est
14000
2013-07-02
Creazione di report
Paese
Regione
Fatturato
US
Ovest
12000
Se si include una colonna aggiuntiva nella tabella con la formula
[Revenue] ForAll ([Region])
il valore iniziale della colonna è #AGGIORNARE, perché la formula, che esclude le regioni dal calcolo,
richiede il raggruppamento (Paese). Con l'aggiornamento dei dati, alla query viene aggiunto il
raggruppamento (Paese) e vengono visualizzati i valori dell'indicatore.
Argomenti correlati
• Operatore contestuale PerTutto
5.7.5.5 Indicatori intelligenti e filtri
5.7.5.5.1 Restrizione relativa a indicatori intelligenti e filtri
Un indicatore intelligente può essere valutato nel corpo di una tabella quando non vi è alcun filtro nella
tabella o nel contesto principale (un filtro di report). Nella tabella seguente è descritto in che modo
vengono valutati gli indicatori intelligenti quando sono presenti filtri.
Tabella 5 - 132: Modalità di valutazione degli indicatori intelligenti quando è presente un filtro nel report
384
Quando il filtro è su...
L'indicatore intelligente viene valutato in questo
modo
Un indicatore
L'indicatore intelligente viene valutato correttamente, ma alcune righe vengono rimosse dalla tabella.
Una dimensione che fa già parte dell'asse della
tabella
L'indicatore intelligente viene valutato correttamente, ma alcune righe vengono rimosse dalla tabella. L'indicatore intelligente può essere valutato,
perché non vi è alcuna aggregazione dopo il filtro.
Una dimensione che non fa parte dell'asse della
tabella e quando l'operando del filtro è di tipo
monovalore (il filtro restituisce un valore per riga).
L'indicatore intelligente viene valutato correttamente. L'indicatore intelligente può essere valutato,
perché non vi è alcuna aggregazione dopo il filtro.
2013-07-02
Creazione di report
Quando il filtro è su...
L'indicatore intelligente viene valutato in questo
modo
Una dimensione che non fa parte dell'asse della
tabella e se l'operando del filtro è di tipo multivalore (il filtro restituisce più valori per riga).
L'indicatore intelligente non può essere valutato
(viene visualizzato #NON DISPONIBILE) poiché
in questo caso il filtro viene eseguito prima
dell'aggregazione, e per una riga della tabella è
richiesta l'aggregazione.
5.7.5.5.2 Indicatori intelligenti e filtri su dimensioni
Se viene applicato un filtro a una dimensione da cui dipende il valore di un indicatore intelligente, ma
la dimensione compare in modo esplicito nel contesto di calcolo dell'indicatore, l'indicatore intelligente
non può restituire un valore e nella cella viene visualizzato #NON DISPONIBILE. Questo comportamento
si verifica anche quando un filtro report proviene da un controllo di input.
L'errore #NON DISPONIBILE viene visualizzato perché l'indicatore deve essere filtrato nel report e
quindi aggregato, ma un indicatore intelligente non può essere aggregato dopo l'applicazione di un
filtro a livello di report. Il calcolo dell'indicatore sarebbe possibile aggiungendo un filtro di query all'SQL
generato, ma questa soluzione comporta il rischio di influire sigli altri report basati sulla stessa query.
Nota:
•
•
Un filtro a più valori filtra valori multipli utilizzando operatori quali Maggiore di, In elenco o Minore
di. È possibile applicare filtri a valore singolo come Uguale a senza causare l'errore ##NON
DISPONIBILE.
Esiste una soluzione per i casi che non richiedono l'aggregazione, ovvero definire la formula come
variabile la cui qualifica è un indicatore e verificare che la dimensione utilizzata sia inclusa nel blocco
con la variabile (è possibile nascondere tale colonna per migliorare la visualizzazione).
Esempio: Un indicatore intelligente e un filtro su una dimensione
Una query contiene le dimensioni Paese e Prodotto e l'indicatore intelligente Fatturato. Paese e
Fatturato vengono visualizzati in un blocco. Se si applica un filtro report che limita i valori di Prodotto
a "Abiti" o "Giacche", nelle celle Fatturato viene visualizzato #NON DISPONIBILE.
Paese
Fatturato
Francia
#NON DISPONIBILE
USA
#NON DISPONIBILE
Somma:
#NON DISPONIBILE
Se si limita Prodotto solo a "Giacche", vengono visualizzati i valori.
385
2013-07-02
Creazione di report
Paese
Fatturato
USA
971.444
Somma:
971.444
Nota:
Un filtro multivalore su Paese restituirà risultati perché il filtro è incluso nella tabella.
5.7.5.5.3 Filtro di indicatori intelligenti
Il valore nel piè di pagina della tabella deve essere il risultato dell'aggregazione di quanto l'utente
visualizza nella tabella: se i dati visualizzati dall'utente nella tabella sono filtrati in locale, il sistema non
può restituire l'aggregazione delegata di tali dati.
Esempio: Filtro di un indicatore intelligente
Paese
OrderAmountDel
Brasile
28.833,36
Cina
51.384,33
Francia
68.630,22
USA
3.529.511,14
Totale:
3.678.359,05
Somma:
3.678.359,05
Quando i dati della tabella che segue vengono filtrati per OrderAmountDel > 60.000
Nella tabella sono mostrate le righe per le quali OrderAmountDel nel contesto della tabella (per paese)
è maggiore di 60.000:
La somma nel piè di pagina è il risultato della somma delle righe visibili.
Il totale restituisce #NON DISPONIBILE perché il calcolo spinge l'aggregazione verso l'esterno, ma
poiché Web Intelligence ha eseguito il filtro locale, non è possibile delegare l'aggregazione.
386
2013-07-02
Creazione di report
Paese
OrderAmountDel
Francia
68.630,22
USA
3.529.511,14
Totale:
#NON DISPONIBILE
Somma:
3.598.141,36
5.7.5.5.4 Indicatori intelligenti e filtri di drill
Un filtro di drill è un filtro a valore singolo. È possibile eseguire il drill utilizzando direttamente la barra
dei drill.
5.7.5.5.5 Indicatori intelligenti e filtri O nidificati
I filtri O nidificati in cui almeno una delle dimensioni filtrate non viene visualizzata in un blocco generano
l'errore #NON DISPONIBILE per un indicatore intelligente del blocco. Questo si verifica in quanto
l'indicatore intelligente deve essere aggregato in locale dopo un'elaborazione locale (ad esempio il filtro
di alcune formule specifiche di Web Intelligence) che non viene delegata.
5.7.6 Funzioni, operatori e parole chiave
5.7.6.1 Funzioni
Le funzioni sono suddivise nelle seguenti categorie:
387
Categoria
Descrizione
Aggregato
Dati aggregati (ad esempio sommando o calcolando la media di un insieme di valori)
Carattere
Gestisce le stringhe di caratteri
Data e ora
Restituisce i dati relativi a data o ora
Documento
Restituisce i dati relativi ad un documento
2013-07-02
Creazione di report
Categoria
Descrizione
Fornitore di dati
Restituisce dati relativi a un fornitore di dati di un
documento
Logica
Restituisce TRUE o FALSE
Numerico
Restituisce i dati numerici
Varie
Funzioni che non rientrano nelle categorie di cui
sopra
Insieme
Restituisce insiemi di membri dalle gerarchie
5.7.6.1.1 Formati personalizzati
Nella tabelle è possibile utilizzare il tipo di formato personalizzato per definire un formato personalizzato
da applicare alle celle.
Nelle funzioni Web Intelligence vengono applicate le definizioni dei caratteri del giorno/data, del
calendario e dell'ora del giorno elencate di seguito.
Nota:
non è possibile applicare formati personalizzati ai numeri nelle tabelle dell'interfaccia HTML di Web
Intelligence.
Nella seguente tabella sono elencate le stringhe che è possibile utilizzare per creare i formati
personalizzati:
388
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
#
La cifra corrispondente. Se il
numero ha meno cifre del numero di caratteri # utilizzati per
specificare il formato, non vengono inseriti zero iniziali.
‘12345’ con il formato #,##0 restituisce ‘12,345’ (se le impostazioni internazionali definiscono la virgola come
separatore delle migliaia) oppure ‘12
345’ (se le impostazioni internazionali
definiscono lo spazio come separatore delle migliaia).
0
La cifra corrispondente. Se il
numero ha meno cifre del numero di caratteri 0 utilizzati per
specificare il formato, viene inserito uno zero prima del numero.
‘123’ con il formato #0,000 restituisce ‘0,123’
2013-07-02
Creazione di report
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
Il separatore di gruppo definito
dalle impostazioni internazionali.
‘1234567’ con il formato #,##0 restituisce ‘1,234,567’ (se le impostazioni
internazionali definiscono la virgola
come separatore delle migliaia) o ‘1
234 567’ (se le impostazioni internazionali definiscono lo spazio come
separatore delle migliaia)
.
Il separatore decimale definito
dalle impostazioni internazionali.
‘12.34’ con il formato #.#0 restituisce ‘12.34’ (se le impostazioni internazionali definiscono il punto come
separatore decimale) o ‘12,34’ (se le
impostazioni internazionali definiscono la virgola come separatore decimale)
[%]%
Visualizza un segno di percentuale (%) dopo il risultato e
moltiplica il risultato per 100.
0.50 diventa 50%.
%
Il segno % dopo il risultato, ma
non moltiplica il risultato per
100.
0.50 diventa 0.50%
Uno spazio unificatore ( )
‘1234567’ con il formato # ##0 restituisce ‘1234 567’
1, 2, 3, a, b, c, $,
£, € (e così via)
Il carattere alfanumerico.
‘705.15’ con il formato $#.#0 restituisce ‘$705.15’ o con il formato #,#0 €
restituisce ‘705,15 €’
[Red], [Blue],
[Green], [Yellow],
[Gray], [White],
[Dark Red], [Dark
Blue], [Dark Green]
Il valore nel colore specificato.
‘150’ con il formato #,##0[Red]
restituisce ‘150’ #,##0[Blue] restituisce ’150’
Caratteri giorno/da
ta
(giorno, data)
d
Il numero del giorno nel mese
senza zeri all'inizio. Se il numero del giorno è inferiore a due
caratteri, la data viene visualizzata senza zero iniziale.
,
389
Il primo giorno di un mese con il formato d restituisce ‘1’
2013-07-02
Creazione di report
390
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
dd
Il numero del giorno con zeri
all'inizio. Se il numero del giorno
è inferiore a due caratteri, la
data viene visualizzata con uno
zero iniziale.
Il primo giorno di un mese con il formato dd restituisce ‘01’
ddd
Il nome abbreviato del giorno.
La prima lettera è maiuscola se
le impostazioni locali selezionate prevedono l'utilizzo della
lettera maiuscola per i nomi dei
giorni.
'Lunedì' con il formato ddd restituisce
'Lun' in italiano, mentre in inglese
'Monday' restituisce 'Mon'.
Dddd
Uso forzato dell'iniziale maiuscola nel nome del giorno, per
tutte le impostazioni locali.
'Lunedì' con il formato Dddd restituisce 'Lun' in italiano, mentre in inglese
'Monday' restituisce 'Mon'.
dddd
Il nome intero del giorno. La
prima lettera è maiuscola se le
impostazioni locali selezionate
prevedono l'utilizzo della lettera
maiuscola per i nomi dei giorni.
'Lunedì' con il formato dddd restituisce 'Lunedì' in italiano. In inglese, il
giorno è Monday.
DDDD
Il nome intero del giorno in lettere maiuscole.
'Lunedì' con il formato DDDD restituisce 'LUNEDÌ' in italiano. In inglese,
il giorno è MONDAY.
dddd dd
Il giorno della settimana seguito
da uno spazio e il numero del
giorno.
‘Lunedì’ con il formato dddd gg restituisce ‘Lunedì 01’
Caratteri calendario
(mese, anno)
M
Il numero del mese senza zeri
all'inizio. Se il numero del mese
è inferiore a due caratteri, il numero viene visualizzato senza
zero iniziale.
‘Gennaio’ con il formato M restituisce
'1'
MM
Il numero del mese con zeri
all'inizio. Se il numero del mese
è inferiore a due caratteri, il numero viene visualizzato con uno
zero iniziale.
‘Gennaio’ con il formato MM restituisce 01
2013-07-02
Creazione di report
391
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
mmm
Il nome abbreviato del mese.
La prima lettera è maiuscola se
le impostazioni locali selezionate prevedono l'utilizzo della
lettera maiuscola.
'Gennaio' con il formato mmm restituisce Gen in italiano. In inglese, restituisce 'jan'.
Mmmm
Il nome abbreviato del mese.
La prima lettera è maiuscola per
tutte le impostazioni locali.
'Gennaio' con il formato mmm restituisce Gen in italiano. In inglese, restituisce 'Jan'.
mmmm
Il nome intero del mese. La prima lettera è maiuscola se le
impostazioni locali selezionate
prevedono l'utilizzo della lettera
maiuscola.
'Gennaio' con il formato mmmm restituisce 'Gennaio' in italiano, 'January' in
inglese.
MMMM
Il nome intero del mese con
tutte le lettere maiuscole.
'Gennaio' con il formato MMMM restituisce 'GENNAIO' in italiano, 'JANUARY' in inglese.
yy
Le ultime due cifre dell'anno.
‘2003’ con il formato yy restituisce
‘03’
yyyy
Le quattro cifre dell'anno.
‘2003’ con il formato yyyy restituisce
‘2003’
Caratteri dell'ora
del giorno
(ore, minuti, secondi,
am/pm)
hh:mm:ss a
L'ora senza zeri iniziali e i minuti
e i secondi con zeri iniziali. Il
carattere "a" visualizza AM o
PM dopo l'ora, se disponibile.
‘21:05:03’ con il formato hh:mm:ss
a restituisce ‘9:05:03 PM’ per le impostazioni internazionali per l'inglese
H
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 0. Nessuno zero iniziale
per le ore con una singola cifra.
'21:00' con il formato H restituisce
'21'. I valori possibili sono 0-23.
HH
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 0.
'21:00' con il formato HH restituisce
'21'. I valori possibili sono 00-23.
k
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 1. Nessuno zero iniziale
per le ore con una singola cifra.
'21:00' con il formato k restituisce
'21'. I valori possibili sono 1-24.
kk
L'ora nel formato 24 ore, a partire da 01.
'21:00' con il formato kk restituisce
'21'. I valori possibili sono 01-24.
2013-07-02
Creazione di report
Carattere(i)
Testo visualizzato
Esempio
hh
L'ora su 12 ore.
‘21:00’ con il formato hh restituisce
‘09’
HH:mm
L'ora e i minuti con zero iniziale.
‘7.15 am’ con il formato HH:mm restituisce ‘07:15’
HH:mm:ss
L'ora, i minuti e i secondi con
zero iniziale.
‘7.15 am’ con il formato HH:mm:ss
restituisce ‘07:15:00’
mm:ss
I minuti e i secondi con zero iniziale.
‘07:15:03’ con il formato mm:ss restituisce ‘15:03’
5.7.6.1.2 Funzioni di aggregazione
Aggregato
Descrizione
Restituisce l'aggregazione predefinita di un indicatore per un determinato insieme di membri
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Aggregato(indicatore[;insieme_membri])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
insieme_membri L'insieme di membri utilizzato per calcolare
l'aggregazione
Insieme di memNo
bri
Note
•
•
•
•
•
392
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione Aggregato.
Se si include insieme_membri, Aggregato restituisce il valore aggregato dell'indicatore per tutti
i membri dell'insieme di membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
2013-07-02
Creazione di report
•
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Esempi
Se l'aggregazione predefinita dell'indicatore [Fatturato di vendita] è Somma e [California] è un membro
della gerarchia [Geografia] (Paese > Stato > Città), Aggregato([Fatturato di vendita];Dis
cendenti([Geografia]&[US].[California];1)}) restituisce il fatturato di vendita totale di
tutte le città della California.
Argomenti correlati
• Riferimento ai membri e agli insiemi di membri nelle gerarchie
Media
Descrizione
Restituisce il valore medio di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Media(indicatore[;insieme_membri][;IncludiVuoto])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
insieme_mem- Un insieme di membri
bri
IncludiVuoto
Insieme di me- No
mbri
Include righe vuote nel Parola chiave
calcolo
No
(Righe vuote escluse per impostazione
predefinita)
Note
•
•
•
•
393
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con Media.
Se si include insieme_membri, Media restituisce il valore medio dell'indicatore per tutti i membri
dell'insieme di membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Esempi
Se l'indicatore [Fatturato di vendita] ha i valori 41569, 30500, 40000 e 50138, Media([Fatturato
di vendita]) restituisce 40552.
Se [California] è un membro della gerarchia [Geografia] (Paese > Stato > Città), Media([Fatturato
di vendita];{[Geografia]&[US].[California].ElementiSecondari}) restituisce il
fatturato di vendita medio di tutte le città della California.
Argomenti correlati
• Riferimento ai membri e agli insiemi di membri nelle gerarchie
• Operatore IncludiVuoto
Conteggio
Descrizione
Restituisce il numero di valori di un insieme di valori
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
intero Conteggio(dati_aggregati[;insieme_membri][;IncludiVuoto][;Distinto|Tutto])
394
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dati_aggre- Qualsiasi insieme di membri, dimensioni, indicato- Insieme di membri, dime- Sì
gati
ri, gerarchie o livelli
nsioni, indicatori, gerarchie
inL'insieme di membri utilizzato per calcolare il co- Insieme di membri
sieme_me- nteggio
mbri
No
IncludiVuo- Include valori vuoti nel calcolo
to
Parola chiave
No
Distinto|Tut- Include solo valori distinti (impostazione predefinita Parola chiave
to
per le dimensioni) oppure tutti i valori (impostazione predefinita per gli indicatori) nel calcolo
No
Note
•
•
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con Conteggio.
Se si specifica IncludiVuoto come secondo argomento, la funzione considera i valori vuoti (null)
nel calcolo.
Se non si specifica il parametro Distinto|Tutto, i valori predefiniti sono Distinto per le
dimensioni e Tutto per gli indicatori.
Se si include insieme_membri, Conteggio limita il conteggio al numero di valori contenuti in
insieme_membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Esempi
Conteggio("Test") restituisce 1
Conteggio([Città];Distinto) restituisce 5 città diverse in un elenco di città, anche se ci sono
più di 5 righe nell'elenco per via della presenza di duplicati.
Conteggio([Città];Tutto) restituisce 10 se ci sono 10 città in un elenco di città, anche nel caso
di presenza di duplicati.
395
2013-07-02
Creazione di report
Conteggio([Città];IncludiVuoto) restituisce 6 se ci sono 5 città e una riga vuota in un elenco
di città.
Conteggio([Prodotto];{[Geografia]&[Stato]}) restituisce il numero totale di membri al
livello [Stato] della gerarchia [Geografia].
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Distinto/Tutto
Primo
Descrizione
Restituisce il primo valore di un insieme di dati
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
tipo_input Primo(dimensione|indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
dimensione|indicatore Qualsiasi dimensione o indica- Dimensione o indicatore
tore
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
Se posizionata nel piè di pagina di un'interruzione pagina, la funzione Primo restituisce il primo
valore nell'interruzione.
Se posizionata nel piè di pagina di una sezione, la funzione Primo restituisce il primo valore nella
sezione.
Esempi
Se posizionata nel piè di pagina di una tabella, la funzione Primo([Fatturato]) restituisce il primo
valore di [Fatturato] nella tabella.
Ultimo
Descrizione
Restituisce l'ultimo valore in una dimensione o in un indicatore.
Gruppo di funzioni
Aggregato
396
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
tipo_input Ultimo(dimensione|indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
dimensione|indicatore Qualsiasi dimensione o indica- Dimensione o indicatore
tore
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
Se posizionata nel piè di pagina di un'interruzione pagina, la funzione Ultimo restituisce l'ultimo
valore nell'interruzione.
Se posizionata nel piè di pagina di una sezione, la funzione Ultimo restituisce l'ultimo valore nella
sezione.
Esempi
Se posizionata nel piè di pagina di una tabella, la funzione Primo([Fatturato]) restituisce il primo
valore di [Fatturato] nella tabella.
Max
Descrizione
Restituisce il valore più alto di un insieme di valori.
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
tipo_input Max(dati_aggregati[;insieme_membri])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dati_aggre- Qualsiasi insieme di membri, dimensioni,
gati
indicatori, gerarchie o livelli
Insieme di membri, dimensioni, Sì
indicatori, gerarchie o livelli
inUn insieme di membri
sieme_membri
Insieme di membri
No
Note
•
•
•
397
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con Max.
Se si include insieme_membri, Max restituisce il valore massimo dei dati aggregati per tutti i
membri dell'insieme di membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Esempi
Se l'indicatore [Fatturato] presenta i valori 3000, 60034 e 901234, Max([Fatturato]) restituisce
901234.
Se l’indicatore [Città] presenta i valori "Aberdeen" e "Londra", Max ([Città]) restituisce "Londra".
Se [US] è un membro della gerarchia [Geografia] (Paese > Stato > Città), Max([Fatturato di ve
ndita];{[Geografia].[US].ElementiSecondari}) restituisce il massimo fatturato per uno
Stato degli Stati Uniti.
Mediana
Descrizione
Restituisce il valore medio di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Mediana(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
Se l'insieme contiene un numero paro di valori, la funzione Mediana() calcola la media dei due valori
medi.
Esempi
Mediana([Fatturato]) restituisce 971.444 se [Fatturato] contiene i valori 835420, 971444 e
1479660.
398
2013-07-02
Creazione di report
Min
Descrizione
Restituisce il valore più basso di un insieme di valori.
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
qualsiasi_tipo Min(dati_aggregati[;insieme_membri])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dati_aggre- Qualsiasi insieme di membri, dimensioni,
gati
indicatori, gerarchie o livelli
Insieme di membri, dimensioni, Sì
indicatori, gerarchie o livelli
inUn insieme di membri
sieme_membri
Insieme di membri
No
Note
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con Min.
Se si include insieme_membri, Min restituisce il valore minimo dei dati aggregati per tutti i membri
dell'insieme di membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Esempi
Se l'indicatore [Fatturato di vendita] presenta i valori 3000, 60034 e 3000, Min([Fatturato])
restituisce 3000.
Se la dimensione [Città] contiene i valori Aberdeen e Londra, Min([Città]) restituisce "Aberdeen".
Min([Fatturato di vendita];{[Geografia]&[US].ElementiSecondari}) restituisce il
fatturato più basso per uno Stato degli Stati Uniti se [US] è un membro della gerarchia [Geografia] con
livelli [Paese] > [Stato] > [Città].
399
2013-07-02
Creazione di report
Modo
Descrizione
Restituisce il valore più ricorrente in un insieme di dati
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
input_type Mode(dimension|measure)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
dimensione|indicatore
Qualsiasi dimensione o indica- Indicatore
tore
Obbligatorio
Sì
Note
•
Modo restituisce un valore nullo se l'insieme di valori non contiene un valore che ricorre più
frequentemente di tutti gli altri.
Esempi
Modo([Fatturato]) restituisce 200 se [Fatturato] ha i valori 100, 200, 300, 200.
Modo([Paese]) restituisce il valore più ricorrente di [Paese].
Percentuale
Descrizione
Esprime un valore di indicatore come percentuale del contesto generale
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Percentuale(indicatore[;Interruzione][;Riga|Col])
400
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Interruzione
Riferimenti alle interruzioni di tabel- Parola chiave
la
No
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
No
Parola chiave
Esempi
Nella seguente tabella la colonna Percentuale contiene la formula Percentuale ([Fatturato
di vendita])
Anno
Fatturato di vendita
Percentuale
2001
1000
10
2002
5000
50
2003
4000
40
Somma:
10000
100
Per impostazione predefinita il contesto generale è il totale dell'indicatore nella tabella. È possibile
impostare l'argomento facoltativo Interruzione in modo che la funzione tenga conto delle interruzioni
presenti nella tabella. In questo caso il contesto generale predefinito diventa la sezione della tabella.
Nella tabella seguente la colonna Percentuale contiene la formula Percentuale([Fatturato di
vendita];Interruzione)
401
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Percentuale
2001
T1
1000
10
T2
2000
20
T3
5000
50
T4
2000
20
2001
Somma:
10000
100
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Percentuale
2002
T1
2000
20
T2
2000
20
2013-07-02
Creazione di report
2002
T3
5000
50
T4
1000
10
Somma:
10000
100
È possibile utilizzare la funzione Percentuale su diverse colonne o righe, specificandolo esplicitamente
mediante l'argomento facoltativo Riga|Col. Ad esempio, nella tabella a campi incrociati seguente, la
colonna % contiene la formula Percentuale ([Fatturato di vendita];Riga).
T1
%
T2
%
T3
%
Q4
%
2001
1000
10
2000
20
5000
50
2000
20
2002
2000
20
2000
20
5000
50
1000
10
Percentile
Descrizione
Restituisce il percentile di un indicatore
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
num Percentile(indicatore;percentile)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
percentile
Una percentuale espressa come de- Numero
cimale
Sì
Note
Il valore percentile nth è un numero maggiore o uguale a n% dei numeri in un insieme. n% viene
espresso come 0.n.
Esempi
Se [indicatore] presenta l'insieme di numeri (10;20;30;40;50),Percentile([indicatore];0.3)
restituisce 22, maggiore o uguale al 30% dei numeri nell'insieme.
402
2013-07-02
Creazione di report
Prodotto
Descrizione
Moltiplica i valori di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Prodotto(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Esempi
Prodotto([Indicatore]) restituisce 30 se [Indicatore] ha i valori 2, 3, 5.
MediaCumulata
Descrizione
Restituisce la media attiva di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num MediaCumulata(indicatore[;Riga|Col][;IncludiVuoto][;(dim_reimpostazione)])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
No
IncludiVuoto
Include valori vuoti nel calcolo
Parola chiave
No
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensio- No
ni
Note
•
•
403
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con MediaCumulata.
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento MediaCumulata, la media attiva viene
calcolata dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
MediaCumulata non ripristina automaticamente la media dopo un'interruzione di blocco o una
nuova sezione.
Esempi
MediaCumulata([Fatturato]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Media cumulata
US
Hawaii
1.479.660
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
1.225.552
Francia
Costa Azzurra
835.420
1.095.508
MediaCumulata([Fatturato];([Paese])) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Media cumulata
US
Hawaii
1.479.660
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
1.225.552
Francia
Costa Azzurra
835.420
835.420
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
ConteggioCumulato
Descrizione
Restituisce il numero attivo di un insieme di numeri
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
int ConteggioCumulato(dimensione|indicatore[;Riga|Col][;IncludiVuoto][;(dim_reimpostazione)])
404
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dimensione|indica- Qualsiasi dimensione o indicatore
tore
Dimensione o indi- Sì
catore
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
No
IncludiVuoto
Include valori vuoti nel calcolo
Parola chiave
No
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensio- No
ni
Note
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con ConteggioCumulato.
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento ConteggioCumulato, il conteggio
attivo viene calcolato dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
ConteggioCumulato non ripristina automaticamente il conteggio dopo un'interruzione di blocco
o una nuova sezione.
Esempi
ConteggioCumulato([Fatturato]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Conteggio cumulato
US
Hawaiian Club
1.479.660
1
US
Bahamas Beach
971.444
2
Francia
Costa Azzurra
835.420
3
ConteggioCumulato([Fatturato];([Paese])) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Conteggio cumulato
US
Hawaiian Club
1.479.660
1
US
Bahamas Beach
971.444
2
Francia
Costa Azzurra
835.420
1
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
405
2013-07-02
Creazione di report
• Operatore IncludiVuoto
• Operatore IncludiVuoto
MaxCumulato
Descrizione
Restituisce il valore massimo attivo di una dimensione o indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
input_type RunningMax(dimension|measure[;Row|Col][;(reset_dims)])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dimensione|indica- Qualsiasi dimensione o indicatore
tore
Dimensione o indi- Sì
catore
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensio- No
ni
No
Note
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con MaxCumulato.
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento MaxCumulato, il valore massimo attivo
viene calcolato dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
MaxCumulato non ripristina automaticamente il massimo dopo un'interruzione di blocco o una
nuova sezione.
Esempi
MaxCumulato([Fatturato]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
406
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Valore massimo attivo
Francia
Costa Azzurra
835.420
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
971.444
2013-07-02
Creazione di report
US
Hawaiian Club
1.479.660
1.479.660
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
MinCumulato
Descrizione
Restituisce il valore minimo attivo di una dimensione o indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
tipo_input MinCumulato(dimensione|indicatore;[Riga|Col];[(dim_reimpostazione)])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
dimensione|dettaglio|in- Qualsiasi dimensione o indicatore
dicatore
Dimensione o indi- Sì
catore
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
No
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensioni
No
Note
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione MinCumulato.
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento MinCumulato, il valore minimo attivo
viene calcolato dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
MinCumulato non ripristina automaticamente il minimo dopo un'interruzione di blocco o una nuova
sezione.
Esempi
MinCumulato([Fatturato]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
407
Località di soggiorno
Fatturato
Min cumulato
2013-07-02
Creazione di report
Francia
Costa Azzurra
835.420
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
835.420
US
Hawaiian Club
1.479.660
835.420
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
ProdottoCumulato
Descrizione
Restituisce il prodotto attivo di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num ProdottoCumulato(indicatore[;Riga|Col][;(dim_reimpostazione)])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
No
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensio- No
ni
Note
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa ProdottoCumulato.
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento ProdottoCumulato, il prodotto attivo
viene calcolato dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
ProdottoCumulato non ripristina automaticamente il prodotto dopo un'interruzione di blocco o
una nuova sezione.
Esempi
ProdottoCumulato([Numero di ospiti]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
408
2013-07-02
Creazione di report
Paese di origine
Città
Numero di clienti
Prodotto cumulato
Giappone
Kobe
6
6
Giappone
Osaka
4
24
US
Chicago
241
5.784
ProdottoCumulato([Numero di ospiti];([Paese di origine])) restituisce questi risultati
nella tabella seguente:
Paese di origine
Città
Numero di clienti
Prodotto cumulato
Giappone
Kobe
6
6
Giappone
Osaka
4
24
US
Chicago
241
5784
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
SommaCumulata
Descrizione
Restituisce la somma attiva di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num SommaCumulata(indicatore[;Riga|Col][;(dim_reimpostazione)])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Riga|Col
Imposta la direzione del calcolo
Parola chiave
No
dim_reimpostazione
Ripristina il calcolo sulle dimensioni
specificate
Elenco di dimensio- No
ni
Note
•
409
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione SommaCumulata.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
•
È possibile impostare la direzione di calcolo con gli operatori Riga e Col.
Se si applica un ordinamento all'indicatore cui fa riferimento la funzione SommaCumulata, la somma
attiva viene calcolata dopo l'ordinamento dell'indicatore.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
SommaCumulata non ripristina automaticamente la somma dopo un'interruzione di blocco o una
nuova sezione.
Esempio
SommaCumulata([Fatturato]) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Somma cumulata
Francia
Costa Azzurra
835.420
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
1.806.864
US
Hawaiian Club
1.479.660
3.286.524
SommaCumulata([Fatturato];([Paese])) restituisce questi risultati nella tabella seguente:
Paese
Località di soggiorno
Fatturato
Somma cumulata
Francia
Costa Azzurra
835.420
835.420
US
Bahamas Beach
971.444
971.444
US
Hawaiian Club
1.479.660
2.451.104
Argomenti correlati
• Operatore IncludiVuoto
• Operatori Riga/Col
ValoreServer
Descrizione
Restituisce il valore di database di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num ValoreServer([indicatore])
410
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
•
ValoreServer ignora tutti i filtri locali applicati agli indicatori o alle gerarchie utilizzate per calcolare
l'indicatore
Esempio
ValoreServer([Importo vendite Internet] restituisce il valore di database dell'indicatore
[Importo vendite Internet]
DeviazioneStandard
Descrizione
Restituisce la deviazione standard di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
numero DeviazioneStandard(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
La deviazione standard è un indicatore della dispersione statistica in un insieme di numeri. Viene
calcolata nel modo seguente:
• calcolando la media dell'insieme di numeri
• sottraendo la media da ogni numero dell'insieme e calcolando il quadrato della differenza
• sommando tutti i quadrati delle differenze
• dividendo la somma per (numero di numeri nell'insieme - 1)
• calcolando la radice quadrata del risultato
Esempi
Se indicatore presenta l'insieme di valori (2, 4, 6, 8) DeviazioneStandard([indicatore])
restituisce 2,58.
Argomenti correlati
• Varianza
411
2013-07-02
Creazione di report
DeviazioneStandardPop
Descrizione
Restituisce la deviazione standard della popolazione di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num DeviazioneStandardPop(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
La deviazione standard della popolazione è un indicatore della dispersione statistica in un insieme di
numeri. Viene calcolata nel modo seguente:
• calcolando la media dell'insieme di numeri;
• sottraendo la media da ogni numero dell'insieme e calcolando il quadrato della differenza;
• sommando tutti i quadrati delle differenze;
• dividendo la somma per (numero di numeri nell'insieme);
• calcolando la radice quadrata del risultato.
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione DeviazioneStan
dardPop.
Esempi
Se indicatore presenta l'insieme di valori (2, 4, 6, 8) DeviazioneStandardPop([indicatore])
restituisce 2,24.
Somma
Descrizione
Restituisce la somma di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num Somma(indicatore[;insieme_membri])
412
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
insieme_membri
Un insieme di membri
Insieme di membri
No
Note
•
•
•
•
•
•
•
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione Somma.
Se si include insieme_membri, Somma restituisce la somma dell'indicatore per tutti i membri
dell'insieme di membri.
insieme_membri può includere insiemi multipli separati da punto e virgola (;).
L'elenco di insiemi di membri deve essere racchiuso tra {}.
Se l'espressione dell'insieme dei membri non specifica un membro o un nodo esatto, la gerarchia
cui viene fatto riferimento deve essere presente nella tabella. L'espressione dell'insieme dei membri
farà quindi riferimento al membro corrente nella gerarchia della tabella. Se la gerarchia non è presente
nella tabella, la funzione restituisce il messaggio #VALOREMULTI.
L'aggregazione degli indicatori delegati restituisce il messaggio #AGGIORNARE quando
l'aggregazione richiesta non è disponibile nella query. L'utente deve aggiornare il documento per
ottenere il nuovo livello di aggregazione nei casi in cui, ad esempio, si utilizza la barra del filtro
quando l'utente seleziona un valore prima di "Tutti i valori" e viceversa quando quest'ultimo viene
selezionato prima di un valore selezionato.
Quando si esegue la migrazione da XIR2 a XIR3, le funzioni di aggregazione contenenti clausole
IN e WHERE in query XI2 devono essere incluse nella funzione Somma utilizzando le parentesi,
come descritto di seguito:
In XIR2 la formula: =Somma([Indicatore] In ([Dim 1];[Dim 2])) In ([Dim 1]) Dove
([Dim 3]="Costante")
A partire da XI3, modificare la dichiarazione: =Somma(([Indicatore] In ([Dim 1];[Dim
2])) In ([Dim 1]) Dove ([Dim 3]="Costante"))
Esempi
Se l'indicatore Fatturato di vendita presenta i valori 2000, 3000, 4000 e 1000, Somma([Fatturato])
restituisce 10000.
Se [California] è un membro della gerarchia [Geografia] (Paese > Stato > Città), Somma([Fatturato
di vendita];{Discendenti[Geografia]&[US].[California];1)}) restituisce il fatturato
di vendita totale di tutte le città della California.
Varianza
Descrizione
Restituisce la varianza di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
413
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
num Varianza(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
La varianza è un indicatore della dispersione statistica in un insieme di numeri. Viene calcolata nel
modo seguente:
• calcolando la media dell'insieme di numeri
• sottraendo la media da ogni numero dell'insieme e calcolando il quadrato della differenza
• sommando tutti i quadrati delle differenze
• dividendo la somma per (numero di numeri nell'insieme - 1)
La varianza è il quadrato della deviazione standard.
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione Varianza.
Esempi
Se indicatore presenta l'insieme di valori (2, 4, 6, 8) Varianza([indicatore]) restituisce 6,67.
Argomenti correlati
• DeviazioneStandard
VarianzaPop
Descrizione
Restituisce la varianza della popolazione di un indicatore
Gruppo di funzioni
Aggregato
Sintassi
num VarianzaPop(indicatore)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Note
La varianza della popolazione è un indicatore della dispersione statistica in un insieme di numeri. Viene
calcolata nel modo seguente:
414
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
calcolando la media dell'insieme di numeri
sottraendo la media da ogni numero dell'insieme e calcolando il quadrato della differenza
sommando tutti i quadrati delle differenze
dividendo la somma per (numero di numeri nell'insieme)
La variazione della popolazione è la radice quadrata della deviazione standard della popolazione.
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione VarianzaPop.
Esempi
Se indicatore presenta l'insieme di valori (2, 4, 6, 8) VarianzaPop([indicatore]) restituisce
5.
Argomenti correlati
• DeviazioneStandardPop
5.7.6.1.3 Funzioni carattere
Asc
Descrizione
Restituisce il valore ASCII di un carattere
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
int Asc(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
Qualsiasi stringa
Stringa
Sì
Note
Se stringa contiene più di un carattere, la funzione restituisce il valore ASCII del primo carattere nella
stringa.
Esempi
Asc("A") restituisce 65.
Asc("ab") restituisce 97.
Asc([Paese]) restituisce 85 se il valore di [Paese] è "US".
415
2013-07-02
Creazione di report
Car
Descrizione
Restituisce il carattere associato a un codice ASCII
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Car(codice_ASCII)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
codice_ASCII
Un codice ASCII
Numero
Sì
Note
Se numero è un valore decimale, la funzione ignora le cifre decimali.
Esempio
s
Car(123) restituisce "{".
Concatenamento
Descrizione
Concatena (unisce) due stringhe di caratteri.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Concatenamento(prima_stringa;seconda_stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
prima_stringa
La prima stringa.
Stringa
Sì
seconda_stringa
La seconda stringa.
Stringa
Sì
Note
È anche possibile utilizzare l'operatore '+' per concatenare le stringhe.
("Primo" + "Secondo") restituisce "Primo Secondo"
416
2013-07-02
Creazione di report
("Primo" + "Secondo" + "Terzo") restituisce "Primo Secondo Terzo".
È possibile utilizzare il concatenamento per inserire dimensioni multiple in una funzione di aggregazione.
Ad esempio, Conteggio([Responsabile vendite]+[Trimestre]+[Località]) è equivalente
alla sintassi Conteggio(<Responsabile vendite>,<Trimestre>,<Località>) ammessa da
Desktop Intelligence.
Esempi
Concatenamento("Primo ";"Secondo") restituisce "Primo Secondo".
Concatenamento("Primo ";Concatenamento("Secondo ";"Terzo")) restituisce "Primo
Secondo Terzo".
Ricopia
Descrizione
Crea una stringa ripetendo la stringa n volte
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Ricopia(stringa_ripetizione;num_ripetizioni)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_ripetizione
La stringa da ripetere.
Stringa
Sì
num_ripetizioni
Il numero di ripetizioni
Numero
Sì
Esempi
Ricopia ("New York";2) restituisce "New York New York".
FormatoData
Descrizione
Formatta una data sulla base di un formato indicato
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa FormatoData(data;formato_stringa)
417
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data da formattare
Data
Sì
formato_stringa
Il formato da applicare
Stringa
Sì
Note
•
•
Il formato dell'output dipende dal formato della data applicato alla cella.
Le stringhe di formattazione dei colori, ad esempio [Rosso], [Blu] e così via, non possono essere
applicate alla funzione FormatoData.
Esempi
FormatoData(DataCorrente();"dd/MM/yyyy") restituisce "15/12/2005" se la data corrente è
15 dicembre 2005.
FormatoNumero
Descrizione
Formatta un numero sulla base di un formato indicato
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa FormatoNumero(numero;formato_stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
numero
Il numero da formattare Numero
Sì
formato_stringa
Il formato da applicare
Sì
Stringa
Obbligatoria
Note
•
•
Il formato dell'output dipende dal formato dei numeri applicato alla cella.
Le stringhe di formattazione dei colori, ad esempio [Rosso], [Blu] e così via, non possono essere
applicate alla funzione FormatoNumero.
Esempi
FormatoNumero([Fatturato];"#,##.00") restituisce 835.420,00 se [Fatturato] è 835,420.
CodificaHTML
Descrizione
Applica le regole di codifica dell'HTML a una stringa
418
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa CodificaHTML(html)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
html
Una stringa HTML
Stringa
Sì
Esempi
CodificaHTML("http://www.sap.com") restituisce "http%3A%2F%2Fwww%2Esap%2Ecom ".
Maiuscola
Descrizione
Imposta in maiuscolo la prima lettera di una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Maiuscola(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
stringa
La stringa a cui applicare il maius- Stringa
colo
Obbligatorio
Sì
Esempi
Maiuscola("questa affermazione sembra evidente") restituisce "Questa affermazione
sembra evidente".
Sinistra
Descrizione
Restituisce i caratteri più a sinistra di una stringa.
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione restituisce i primi caratteri dell'inizio logico della stringa.
419
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Sinistra(stringa;num_car)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
La stringa di input.
stringa
Sì
num_car
Il numero di caratteri da restituire dall'inizio
della stringa.
numero
Sì
Esempio
Sinistra([Paese];2) restituisce "Fr" se il valore della variabile [Paese] è "Francia".
RiempiSpaziASinistra
Descrizione
Completa una stringa alla sinistra con un'altra stringa.
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione riempie la stringa prima dell'inizio logico con i caratteri
di un'altra stringa.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa RiempiSpaziASinistra(stringa_allungata;lunghezza;stringa_sinistra)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_allungata La stringa originale
Stringa
Sì
lunghezza
La lunghezza della stringa di output
Numero
Sì
stringa_sinistra
La stringa da aggiungere all'inizio di
stringa_allungata
Stringa
Sì
Note
•
420
Se lunghezza è minore del totale della lunghezza di stringa_sinistra e stringa_allungata,
il valore di stringa_sinistra viene troncato.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
Se lunghezza è minore o uguale alla lunghezza di stringa_allungata, la funzione restituisce
il valore di stringa_allungata.
Se lunghezza è maggiore del totale della lunghezza di stringa_allungata e stringa_sini
stra, il valore di stringa_sinistra viene ripetuto o parzialmente ripetuto le volte necessarie
fino a raggiungere il valore di "lunghezza".
Esempi
RiempiSpaziASinistra("York",;8,"New ") restituisce "New York".
RiempiSpaziASinistra("York";6;"New ") restituisce "NeYork"
RiempiSpaziASinistra("York";11;"New ") restituisce "New NewYork"
RiempiSpaziASinistra("New ";2;"York") restituisce "New".
EliminaSpaziASinistra
Descrizione
Elimina gli spazi iniziali da una stringa.
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione rimuove i primi spazi dall'inizio logico della stringa.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa EliminaSpaziASinistra(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_tagliata
La stringa da cui si vogliono eliminare
gli spazi.
Stringa
Sì
Esempi
EliminaSpaziASinistra([Paese]) restituisce "Francia" se il valore della variabile [Paese] è "
Francia".
Lunghezza
Descrizione
Restituisce il numero di caratteri di una stringa di caratteri.
421
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
int Lunghezza(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
La stringa di input.
Stringa
Sì
Esempi
Lunghezza([Cognome]) restituisce 5 se il valore della variabile [Cognome] è "Smith".
Minuscole
Descrizione
Converte una stringa in lettere minuscole.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Minuscole(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
stringa
La stringa da convertire in minu- Stringa
scole
Obbligatorio
Sì
Esempi
Minuscole("New York") restituisce "new york".
Confronta
Descrizione
Determina se una stringa corrisponde a un criterio di ricerca.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
booleano Confronta(stringa_test;criterio)
422
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
stringa_test
La stringa da confrontare con il criterio di stringa
ricerca
Sì
criterio
Il criterio di ricerca
Sì
stringa
Obbligatorio
Note
•
Il criterio di ricerca può contenere i caratteri jolly "*" (sostituisce un insieme di caratteri) o "?"
(sostituisce un carattere).
Esempi
Confronta([Paese];"F*") restituisce vero se il valore della variabile [Paese} è "Francia".
Confronta([Paese];"?S?") restituisce vero se il valore della variabile [Paese] è "USA".
Confronta("New York";"P*") restituisce falso.
Pos
Descrizione
Restituisce la posizione iniziale di una sequenza di testo in una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
int Pos(stringa_test;criterio)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_test
La stringa da verificare per il criterio di
ricerca
stringa
Sì
criterio
Il criterio di ricerca
stringa
Sì
Note
•
Se la sequenza ricorre più di una volta, Pos restituisce la posizione della prima occorrenza.
Esempi
Pos("New York";"Ne") restituisce 1.
Pos("New York, New York";"Ne") restituisce 1.
Pos("New York"; "York") restituisce 5.
423
2013-07-02
Creazione di report
Sostituisci
Descrizione
Sostituisce una parte di una stringa di caratteri con un'altra stringa di caratteri.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Sostituisci(sostituisci_in;stringa_sostituita;sostituisci_con)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
sostituisci_in
La stringa in cui viene sostituito il
testo
stringa
Sì
stringa_sostituita
Il testo da sostituire
stringa
Sì
sostituisci_con
Il testo che sostituisce stringa_so stringa
stituita
Sì
Esempi
Sostituisci("New YORK";"ORK";"ork") restituisce "New York".
Destra
Descrizione
Restituisce i caratteri più a destra di una stringa (quelli alla fine della stringa).
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione restituisce i primi caratteri dell'inizio logico della stringa.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Destra(stringa;num_car)
424
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
Qualsiasi stringa
stringa
Sì
num_car
Il numero di caratteri della stringa da restituire, a numero
partire da destra
Sì
Esempi
Destra([Paese];2) restituisce "ia" se [Paese] è "Francia".
RiempiSpaziADestra
Descrizione
Completa una stringa alla destra con un'altra stringa (aggiungendo una stringa all'inizio della stringa
originale).
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione aggiunge una stringa ai primi caratteri dell'inizio logico
della stringa.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa RiempiSpaziADestra(stringa_allungata;lunghezza;stringa_destra)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_allungata
La stringa originale
Stringa
Sì
lunghezza
La lunghezza della stringa di output
Numero
Sì
stringa_destra
La stringa da aggiungere alla fine di
stringa_allungata
Stringa
Sì
Note
•
•
•
425
Se lunghezza è minore del totale della lunghezza di stringa_destra e stringa_allungata,
il valore di stringa_destra viene troncato.
Se lunghezza è minore o uguale alla lunghezza di stringa_allungata, la funzione restituisce
il valore di stringa_allungata.
Se lunghezza è maggiore del totale della lunghezza di stringa_allungata e stringa_destra,
il valore di stringa_destra viene ripetuto o parzialmente ripetuto le volte necessarie fino a
raggiungere il valore di "lunghezza".
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
RiempiSpaziADestra("New ",;8,"York") restituisce "New York"
RiempiSpaziADestra("New ",; 6,"York") restituisce "New Yo"
RiempiSpaziADestra("New ";11;"York") restituisce "New YorkYor"
RiempiSpaziADestra("New ";2;"York") restituisce "New".
EliminaSpaziADestra
Descrizione
Elimina gli spazi finali da una stringa.
Nota:
Se le impostazioni locali selezionate per l'interfaccia sono configurate sulla lingua araba (visualizzazione
e lettura da destra a sinistra), questa funzione elimina lo spazio finale dalla fine logica della stringa.
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa EliminaSpaziADestra(stringa_tagliata)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa_tagliata
La stringa da cui si vogliono eliminare
gli spazi.
Stringa
Sì
Esempi
EliminaSpaziADestra([Paese]) restituisce "Francia" se [Paese] è "Francia".
Sottostringa
Descrizione
Restituisce parte di una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Sottostringa(stringa;inizio;lunghezza)
426
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
Qualsiasi stringa
Stringa
Sì
inizio
La posizione iniziale della stringa
estratta
Numero
Sì
lunghezza
La lunghezza della stringa estratta.
Numero
Sì
Esempi
Sottostringa ("Gran Bretagna";1;5) restituisce "Gran".
Sottostringa ("Gran Bretagna";7;7) restituisce "Bretagna".
EliminaSpazi
Descrizione
Elimina gli spazi iniziali e finali da una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa EliminaSpazi(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
La stringa da cui si vogliono eliminare
gli spazi.
Stringa
Sì
Esempi
EliminaSpazi(" Gran Bretagna ") restituisce "Gran Bretagna".
Maiuscole
Descrizione
Converte una stringa in lettere maiuscole
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa Maiuscole(stringa)
427
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
stringa
La stringa da convertire Stringa
Obbligatorio
Sì
Esempi
Maiuscole("New York") restituisce "NEW YORK".
CodificaURL
Descrizione
Applica le regole di codifica dell'URL a una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa CodificaURL(html)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
html
L'URL da codificare
Stringa
Sì
Esempi
CodificaURL("http://www.sap.com") restituisce "http%3A%2F%2Fwww%2Esap%2Ecom".
TuttoMaiuscole
Descrizione
Mette la lettera maiuscola all'inizio di tutte le parole di una stringa
Gruppo di funzioni
Carattere
Sintassi
stringa TuttoMaiuscole(stringa)
428
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
stringa
La stringa da convertire in maiu- Stringa
scolo
Obbligatorio
Sì
Esempi
TuttoMaiuscole("Fatturato di vendita per marzo") restituisce "Fatturato di vendita per
marzo".
5.7.6.1.4 Funzioni di data e ora
DataCorrente
Descrizione
Restituisce la data corrente formattata secondo le impostazioni internazionali
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
data DataCorrente()
Esempi
DataCorrente() restituisce 10 settembre 2002 se la data è 10 settembre 2002.
OraCorrente
Descrizione
Restituisce l'ora attuale formattata secondo le impostazioni internazionali
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
ora OraCorrente()
Esempi
OraCorrente restituisce 11:15 se l'ora corrente è 11:15.
NomeGiorno
Descrizione
Restituisce il nome del giorno in una data
429
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
stringa NomeGiorno(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
NomeGiorno([Data della prenotazione]) restituisce "Sabato" se la data di [Data della
prenotazione] è 15 dicembre 2001 (che è un sabato).
Nota
La data di input deve essere una variabile. Non è possibile specificare direttamente la data, come in
NomeGiorno("07/15/2001")
NumeroGiornoDelMese
Descrizione
Restituisce il numero del giorno in un mese
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int NumeroGiornoDelMese(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
NumeroGiornoDelMese([Data della prenotazione]) restituisce 15 se la data di [Data della
prenotazione] è 15 dicembre 2001.
NumeroGiornoDellaSettimana
Descrizione
Restituisce il numero del giorno in una settimana
430
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int NumeroGiornoDellaSettimana(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Note
La funzione considera lunedì come il primo giorno della settimana.
Esempi
NumeroGiornoDellaSettimana([Data prenotazione]) restituite 1 quando la data in [Data
prenotazione] è 2 maggio 2005 (che corrisponde a lunedì).
NumeroGiornoAnno
Descrizione
Restituisce il numero del giorno in un anno
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int NumeroGiornoAnno(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
NumeroGiornoAnno([Data della prenotazione]) restituisce 349 se la data di [Data della
prenotazione] è 15 dicembre 2001.
GiorniTra
Descrizione
Restituisce il numero di giorni tra due date.
Gruppo di funzioni
Data e ora
431
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
int GiorniTra(prima_data;ultima_data)
Nota:
È necessario assicurarsi che le date specificate negli argomenti siano espresse nello stesso fuso orario
per tutte le operazioni relative alle date, ovvero confronto e calcolo.
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
prima_data
La prima data
Data
Sì
ultima_data
L'ultima data
Data
Sì
Esempi
GiorniTra([Data della vendita];[Data della fattura]) restituisce 2 se [Data della
vendita] è 15 dicembre 2001 e [Data della fattura] e 17 dicembre 2001.
UltimoGiornoDelMese
Descrizione
Restituisce la data dell'ultimo giorni di un mese
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
data UltimoGiornoDelMese(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
data
Qualsiasi data del mese Data
Obbligatorio
Sì
Esempi
UltimoGiornoDelMese([Data della vendita]) restituisce 31 dicembre 2005 se [Data della
vendita] è 11 dicembre 2005.
UltimoGiornoDellaSettimana
Descrizione
Restituisce la data dell'ultimo giorno in una settimana
Gruppo di funzioni
Data e ora
432
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
data UltimoGiornoDellaSettimana(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
data
Qualsiasi data della settima- Data
na
Obbligatorio
Sì
Note
La funzione considera lunedì come il primo giorno della settimana.
Esempi
UltimoGiornoDellaSettimana([Data della vendita]) restituisce 15 maggio 2005 (che
corrisponde a domenica) se [Data della vendita] è 11 maggio 2005.
Mese
Descrizione
Restituisce il nome del mese in una data
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
stringa Mese(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
Mese([Data della prenotazione]) restituisce "Dicembre" se la data in [Data della prenotazione]
è 15 dicembre 2005.
NumeroMeseAnno
Descrizione
Restituisce il numero del mese in una data
Gruppo di funzioni
Data e ora
433
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
int NumeroMeseAnno(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
data
Qualsiasi data nell'anno Data
Obbligatorio
Sì
Esempio
NumeroMeseAnno([Data della prenotazione]) restituisce 12 se la data in [Data della
prenotazione] è 15 dicembre 2005.
MesiTra
Descrizione
Restituisce il numero di mesi tra due date.
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int MesiTra(prima_data;ultima_data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
prima_data
La prima data
Data
Sì
ultima_data
L'ultima data
Data
Sì
Esempi
MesiTra([Data vendita];[Data fattura]) restituisce 1 se [Data vendita] è 2 dicembre 2005
e [Data fattura] è 2 gennaio 2006.
MesiTra([Data vendita];[Data fattura]) restituisce 1 se [Data vendita] è 31/03/2008 e [Data
fattura] è 30/04/2008.
MesiTra([Data vendita];[Data fattura]) restituisce 118 se [Data vendita] è 07/01/1993 e
[Data fattura] è 06/11/2002.
Trimestre
Descrizione
Restituisce il numero di trimestre in una data
434
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int Trimestre(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
Qualsiasi data nel trimestre
Data
Sì
Esempi
Trimestre([Data della prenotazione]) restituisce 4 se la data in [Data della prenotazione]
è 15 dicembre 2005.
DataRelativa
Descrizione
Restituisce una data relativa a un'altra data
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
data DataRelativa(data_inizio;num_giorni)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data_inizio
La data di inizio
Data
Sì
num_giorni
Il numero di giorni dalla data di in- Numero
izio
Sì
Note
Il parametro num_giorni può essere negativo per la restituzione di una data precedente alla data_in
izio.
Esempi
DataRelativa[Data della prenotazione];2) restituisce 17 dicembre 2005 se [Data della
prenotazione] è 15 dicembre 2005.
DataRelativa[Data della prenotazione];-3) restituisce 9 gennaio 2007 quando [Data della
prenotazione] è 12 gennaio 2007.
435
2013-07-02
Creazione di report
DimensioneOra
Descrizione
La dimensione temporale DimensioneOra consente di creare un asse temporale da un oggetto
universo del tipo di dati. DimensioneOra restituisce i dati relativi alle date specificate come primo
parametro nei periodi di tempo specificati come secondo parametro. Se ci sono periodi senza dati,
viene restituito il primo giorno di ogni periodo vuoto. In questo modo è garantito un asse completo per
il periodo specificato. Ciò garantisce:
• Che l'asse conservi l'ordine temporale naturale (dagli oggetti meno recenti a quelli più recenti).
• Che l'asse contenga tutti i periodi compresi tra le date minima e massima del contesto corrente.
Nota:
Non è possibile utilizzare la funzione DimensioneOra per applicare un filtro alle formule, ad esempio
in un filtro, controllo di input, collegamento a elemento, barra filtro/barra dei drill). È invece necessario
applicare il filtro direttamente alla dimensione data sottostante.
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
Dimensione ora([Tipo di data]; Tipo di periodo)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
Tipo di data
L'oggetto data per il report, ad esempio DataFattura.
Data
Sì
Predefinito
Facoltativo
Tipo periodo Periodo dei risultati, dai seguenti valori:
• PeriodoGiorno
• PeriodoMese
• PeriodoTrimestre
• PeriodoAnno
Se non è selezionato alcun valore, viene utilizzato Perio
doGiorno per impostazione predefinita. Questo oggetto
deve essere un oggetto fornitore di dati, deve essere disponibile negli oggetti report e non può essere una variabile.
Utilizzare la funzione precedente insieme alle seguenti funzioni:
• NomeGiorno
• GiornoMese
• GiornoSettimana
• GiornoAnno
• Mese
436
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
MeseAnno
Trimestre
Anno
FormatoData
Esempio
La prima tabella riportata di seguito contiene i dati relativi esclusivamente a determinate date. Gli esempi
di query che seguono mostrano come vengono interpretati i risultati.
Data fattura
Fatturato
1/3/00
31.607
1/8/00
31.244
7/3/00
38.154
La formula seguente NomeGiorno(DimTemp([Data fattura] ; PeriodoTrimestre) restituisce
i valori giornalieri ricavati dalla tabella precedente.
Data fattura
Fatturato
1/3/00
31.607
1/8/00
31.244
4/1/00
7/3/00
38.154
È consigliabile formattare i risultati della funzione DimensioneOra con la funzione Trimestre, per
restituire i risultati per trimestre (T1, T2 e così via) e produrre la seguente tabella di risultati:
Data fattura
Fatturato
T1
62.851
T2
T3
38.154
InData
Descrizione
Converte una stringa di caratteri in una data. Specificare il formato della data come parametro per
indicare a Web Intelligence come convertire la stringa in una data. Il formato della data immesso deve
437
2013-07-02
Creazione di report
corrispondere al formato della data nella stringa originale. Per i possibili formati di dati, fare riferimento
al collegamento che segue.
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
data InData(stringa_data;formato)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
stringa_data
La data da formattare.
stringa
Sì
formato
Il formato della data.
stringa
Sì
Esempi
InData("15/12/2002";"dd/MM/yyyy") restituisce 15/12/2002.
InData("15/12/02";"dd/MM/yy") restituisce 15/12/02.
InData("15/12/02";"dd/MMMM/yy") restituisce 15/DICEMBRE/02.
Argomenti correlati
• Formati personalizzati
Settimana
Descrizione
Restituisce il numero della settimana nell'anno
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int Settimana(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
Settimana([Data della prenotazione]) restituisce 1 se la data in [Data della prenotazione]
è il 4 gennaio 2004 (che capita nella prima settimana del 2004).
438
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Descrizione
Restituisce l'anno in una data
Gruppo di funzioni
Data e ora
Sintassi
int Anno(data)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
data
La data di input.
Data
Sì
Esempi
Anno([Data della prenotazione]) restituisce 2005 se la data di [Data della prenotazione] è 15
dicembre 2005.
5.7.6.1.5 Funzioni fornitori di dati
Connessione
Descrizione
Restituisce i parametri della connessione al database utilizzata da un fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa Connessione(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
439
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Per motivi di sicurezza l'output della funzione non include il nome host, il nome utente e la password
del database.
2013-07-02
Creazione di report
FornitoreDiDati
Descrizione
Restituisce il nome del fornitore di dati contenente un oggetto report.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa FornitoreDiDati(ogg)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
ogg
Un oggetto report
Oggetto report
Sì
Esempi
FornitoreDiDati([Fatturato totale]) restituisce "Vendite" se l'indicatore [Fatturato totale] si
trova in un fornitore di dati chiamato "Vendite".
DataPrincipaleFornitoreDiDati
Descrizione
Restituisce il nome di un fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
data DataPrincipaleFornitoreDiDati(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
La data principale restituita viene formattata in base alle impostazioni internazionali del documento
Esempi
DataPrincipaleFornitoreDiDati([Vendite]) restituisce 3 agosto 2007 se la data principale
del fornitore dati Vendite è 3 agosto 2007.
440
2013-07-02
Creazione di report
DidascaliaDataPrincipaleFornitoreDiDati
Descrizione
Restituisce la didascalia della data principale di un fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa DidascaliaDataPrincipaleFornitoreDiDati(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Esempi
DidascaliaDataPrincipaleFornitoreDiDati([Vendite]) restituisce "Data calendario attuale"
se la didascalia della data principale nel fornitore dati Vendite è "Data calendario attuale".
FornitoreDiDatiSQL
Descrizione
Restituisce l'SQL generato da un fornitore dati
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa FornitoreDiDatiSQL(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
441
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
FornitoreDiDatiSQL([Query 1]) restituisce SELECT country.nome_paese FROM country
se il fornitore di dati SQL è SELECT country.nome_paese FROM country.
TipoFornitoreDiDati
Descrizione
Restituisce il tipo di un fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa TipoFornitoreDiDati(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
TipoFornitoreDiDati restituisce "Universo" per i fornitori di dati di tipo universo o "Dati personali"
per i fornitori di dati di tipo personale.
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Esempi
TipoFornitoreDiDati([Vendite]) restituisce "Universo" se il fornitore di dati "Vendite" si basa
su un universo.
ÈPromptConRisposta
Descrizione
Determina se è stata fornita una risposta a un prompt
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
booleano ÈPromptConRisposta([fd;]prompt_stringa)
442
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati che contiene il
prompt
Fornitore di dati
No
prompt_stringa
Il testo del prompt
Stringa
Sì
Note
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Esempi
ÈPromptConRisposta("Scegliere una città") restituisce vero se è stata fornita una risposta
al prompt identificato dal testo "Scegliere una città".
ÈPromptConRisposta([Vendite];"Scegliere una città") restituisce True se è stata fornita
una risposta al prompt identificato dal testo "Scegliere una città" nel fornitore di dati [Vendite].
DataUltimaEsecuzione
Descrizione
Restituisce la data dell'ultimo aggiornamento del fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
data DataUltimaEsecuzione(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
•
Se il report contiene solo un fornitore di dati, è possibile omettere il parametro fd.
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
Esempi
DataUltimaEsecuzione([Query sulle vendite]) restituisce "3/4/2002" se il fornitore di dati
Query sulle vendite è stato aggiornato l'ultima volta il 4 marzo 2002.
Argomenti correlati
• FornitoreDiDati
443
2013-07-02
Creazione di report
DurataUltimaEsecuzione
Descrizione
Restituisce la durata dell'ultimo aggiornamento di un fornitore di dati
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
num DurataUltimaEsecuzione(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Esempi
DurataUltimaEsecuzione([Vendite]) restituisce 3 se il fornitore di dati "Vendite" ha impiegato
3 secondi per restituire i dati durante l'ultima esecuzione.
OraUltimaEsecuzione
Descrizione
Restituisce l'ora dell'ultimo aggiornamento del fornitore di dati.
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
ora OraUltimaEsecuzione(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
•
444
Se il report contiene solo un fornitore di dati, è possibile omettere il parametro fd.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
OraUltimaEsecuzione([Query sulle vendite]) restituisce "2:48:00 PM" se il fornitore di dati
della query sulle vendite è stato aggiornato l'ultima volta alle 2:48:00 PM.
Argomenti correlati
• FornitoreDiDati
NumeroFornitoreDati
Descrizione
Restituisce il numero di fornitori dati di un report
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
int NumeroFornitoreDati()
Esempi
NumeroFornitoreDati() restituisce 2 se il report ha due fornitori di dati.
NumeroRighe
Descrizione
Restituisce il numero di righe in un fornitore di dati
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
int NumeroRighe(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
Esempi
NumeroRighe([Query 1]) restituisce 10 se il fornitore di dati "Query 1" ha 10 righe.
445
2013-07-02
Creazione di report
Argomenti correlati
• FornitoreDiDati
DataValoreDiRiferimento
Descrizione
Restituisce la data dei dati di riferimento utilizzati per il rilevamento dei dati
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
data DataValoreDiRiferimento()
Esempi
DataValoreDiRiferimento() restituisce 15 dicembre 2008 se la data di riferimento è 15 dicembre
2008.
ValoreRifRispostaUtente
Descrizione
Restituisce la risposta a un prompt quando i dati di riferimento erano i dati correnti
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa ValoreRifRispostaUtente([fd;]prompt_stringa[;Indice])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di
dati
No
prompt_stringa Il testo del prompt
Stringa
Sì
Indice
Parola chiave No
Indica alla funzione di restituire le chiavi primarie di
database dei valori di prompt
Note
•
•
•
446
La funzione restituisce una stringa vuota se il rilevamento dati non è attivato.
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
2013-07-02
Creazione di report
•
Se è stato selezionato più di un valore in risposta a un prompt, la funzione restituisce una stringa
contenente un elenco di valori (o chiavi primarie se viene specificato l'operatore Indice) separati
da un punto e virgola.
Esempi
ValoreRifRispostaUtente( "Quale città?" ) restituisce "Los Angeles" se l'utente ha immesso
"Los Angeles" in "Quale città?" nel momento in cui i dati di riferimento erano i dati correnti.
ValoreRifRispostaUtente([Query sulle vendite];"Quale città?") restituisce "Los
Angeles" se l'utente ha immesso "Los Angeles" in "Quale città?" con il fornitore dati "Query sulle vendite"
nel momento in cui i dati di riferimento erano i dati correnti.
NomeUniverso
Descrizione
Restituisce il nome dell'universo su cui si basa un fornitore di dati
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa NomeUniverso(fd)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di dati
Sì
Note
•
•
•
Il valore di dp nella formula viene aggiornato automaticamente se cambia il nome del fornitore di
dati. Se il nome del fornitore di dati viene modificato in "Q1", la formula diventa NomeUniver
so([Q1]).
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
Esempi
NomeUniverso([Query 1]) restituisce "eModa" se [Query 1] è basato sull'universo eModa.
Argomenti correlati
• FornitoreDiDati
RispostaUtente
Descrizione
Restituisce la risposta a un prompt
447
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Fornitore di dati
Sintassi
stringa RispostaUtente([fd;]prompt_stringa[;Indice])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Il fornitore di dati
Fornitore di
dati
No
prompt_stringa Il testo del prompt
Stringa
Sì
Indice
Parola chiave No
Indica alla funzione di restituire le chiavi primarie di
database dei valori di prompt
Note
•
•
•
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
È possibile utilizzare la funzione FornitoreDiDati per fornire un riferimento a un fornitore di dati.
Se si seleziona più di un valore in risposta a un prompt, la funzione restituisce una stringa contenente
un elenco di valori (o chiavi primarie se viene specificato l'operatore Indice) separati da un punto
e virgola.
Esempi
RispostaUtente("Quale città?") restituisce "Los Angeles" se l'utente ha immesso "Los Angeles"
in "Quale città?" .
RispostaUtente([Query sulle vendite];"Quale città?") restituisce "Los Angeles" se
l'utente ha immesso "Los Angeles" in "Quale città?" prompt nel fornitore di dati "Query sulle vendite".
RispostaUtente([Query sulle vendite];"Quale città?" ;Indice) restituisce 23 se
l'utente ha immesso "Los Angeles" in "Quale città?" prompt nel fornitore di dati "Query sulle vendite" e
la chiave primaria di database di Los Angeles è 23.
5.7.6.1.6 Funzioni di documento
AutoreDocumento
Descrizione
Restituisce le informazioni di accesso InfoView dell'autore del documento.
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
stringa AutoreDocumento()
448
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
AutoreDocumento() restituisce "gkn" se il nome utente di accesso dell'autore del documento è "gkn".
DataCreazioneDocumento
Descrizione
Restituisce la data di creazione di un documento.
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
data DataCreazioneDocumento()
Esempi
DataCreazioneDocumento() restituisce 15 dicembre 2008 se il documento è stato creato il 15
dicembre 2008.
OraCreazioneDocumento
Descrizione
Restituisce l'ora di creazione di un documento
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
ora OraCreazioneDocumento()
Esempi
OraCreazioneDocumento() restituisce 11:15 se il documento è stato creato alle 11:15.
DataDocumento
Descrizione
Restituisce la data dell'ultimo salvataggio di un documento
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
data DataDocumento()
449
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
DataDocumento() restituisce 8 agosto 2005 se il documento è stato salvato l'ultima volta l'8 agosto
2005.
NomeDocumento
Descrizione
Restituisce il nome del documento.
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
stringa NomeDocumento()
Esempi
NomeDocumento() restituisce "Report vendite" se il nome del documento è "Report vendite".
ProprietarioDocumento
Descrizione
Restituisce l'accesso/il nome utente BI Launch Pad del proprietario del documento (l'ultima persona
che ha salvato il documento). (Per tornare all'autore/creatore originale del documento, utilizzare la
funzione AutoreDocumento.)
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
stringa ProprietarioDocumento()
Esempi
ProprietarioDocumento() restituisce "gkn" se l'ultima persona che ha salvato il documento ha
utilizzato "gkn" come nome utente o informazioni di accesso.
DocumentoParzialmenteAggiornato
Descrizione
Determina se un documento è stato parzialmente aggiornato.
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
valore booleano DocumentoParzialmenteAggiornato()
450
2013-07-02
Creazione di report
Note
DocumentoParzialmenteAggiornato() restituisce un valore booleano che è possibile utilizzare
con la funzione If().
Esempi
DocumentoParzialmenteAggiornato() restituisce Vero se il documento è stato parzialmente
aggiornato.
OraDocumento
Descrizione
Restituisce l'ora dell'ultimo salvataggio del documento
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
ora OraDocumento()
Note
Il formato dell'ora restituita varia a seconda del formato della cella.
Esempio
OraDocumento() restituisce 15:45 se il documento è stato salvato l'ultima volta alle 15:45.
FiltriDrill
Descrizione
Restituisce i risultati dei filtri di drill applicati a un documento o un oggetto in un report dichiarato in
modalità Drill. È possibile dichiarare un report differente all'interno del documento. Se non si dichiara
alcun report, viene utilizzato il report attivo corrente.
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
stringa FiltriDrill ([ogg|separatore[;report]])
451
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
ogg
Un oggetto report
Oggetto re- oggetto o sepa
port
ratore sono obbligatori
separatore
Il separatore del filtro di drill
Stringa
oggetto o sepa
ratore sono obbligatori
report
Facoltativo. Il nome del report che si desidera utiliz- Stringa
zare. Deve essere contenuto nel documento. Se non
vengono dichiarati report, viene utilizzato il report
corrente.
oggetto o sepa
ratore sono obbligatori
Note
•
•
È possibile inserire direttamente la funzione FiltriDrill() senza la necessità di immettere la
formula manualmente compilando la cella FiltriDrill.
Se non si specifica un oggetto, la funzione restituisce tutti i filtri di drill applicati al documento.
Esempi
FiltriDrill() restituisce "US" se il documento ha un filtro di drill che limita l'oggetto [Paese] a US.
FiltriDrill() restituisce "US - 1999" se il documento ha un filtro che limita l'oggetto [Paese] a "US"
e l'oggetto [Anno] a 1999.
FiltriDrill("/") restituisce "US / 1999" se il documento ha un filtro che limita l'oggetto [Paese]
a "US" e l'oggetto [Anno] a 1999.
FiltriDrill([Trimestre]) restituisce "T3" se il documento ha un filtro di drill che limita [Trimestre]
a "T3".
RiepilogoPrompt
Descrizione
Restituisce il testo del prompt e la risposta utente di tutti i prompt in un documento
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
string PromptSummary()
Esempi
Di seguito è riportato un esempio di output della funzione RiepilogoPrompt:
Enter Quantity Sold: 5000
452
2013-07-02
Creazione di report
Enter value(s) for State (optional): California, Texas, Utah
Enter Customer (optional):
RiepilogoQuery
Descrizione
Restituisce informazioni sulle query in un documento
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
stringa RiepilogoQuery([fd])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
fd
Un fornitore di dati
Fornitore di dati
No
Note
•
È necessario racchiudere il nome del fornitore di dati tra parentesi quadre.
Esempi
RiepilogoQuery() restituisce informazioni su tutte le query in un documento.
RiepilogoQuery([Query 1]) restituisce informazioni sulle query in base al fornitore di dati [Query
1].
Esempio di output:
Query 1:
Universe: eFashion
Last execution time: 1s
NB of rows: 34500
Result objects: State, Year, Sales Revenue
Scope of analysis: State, City, Year, Quarter, Month
Filters:
(State inlist{"US";"France";}
And (Sales Revenue Greater Than 1000000
Or Sales Revenue Less Than 10000))
Query 2:
Source file: D:\Data\datacar.xls
Result objects: State, Year, Sales Revenue
FiltroReport
Descrizione
Restituisce i filtri di report applicati a un oggetto o report
Gruppo di funzioni
Documento
453
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
stringa FiltroReport(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
ogg
Un oggetto report
Oggetto report
Sì
Esempi
FiltroReport([Paese]) restituisce "USA" se sull'oggetto Paese è applicato un filtro di report che
limita l'oggetto a "USA".
RiepilogoFiltroReport
Descrizione
Restituisce un riepilogo dei filtri di report in un documento o report
Gruppo di funzioni
Documento
Sintassi
string ReportFilterSummary(report_name)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
nome_report
Il nome del report
Stringa
No
Note
Se nome_report viene omesso, ReportFilterSummary restituisce un riepilogo di tutti i filtri di report
in tutti i report nel documento.
Esempi
ReportFilterSummary() restituisce informazioni su tutti i filtri di report in un documento.
ReportFilterSummary("Report1") restituisce informazioni sui filtri di report nel report "Report1".
Di seguito è riportato un esempio di output della funzione RiepilogoFiltroReport:
Filters on Report1:
(Sales Revenue Greater Than 1000000
Or (Sales Revenue Less Than 3000))
Filters on Section on City:
(City InList{"Los Angeles";"San Diego";})
Ranking Filter:
(Top 10 & Bottom 10 [Customer] Based on [Sales Revenue] (Count))
454
2013-07-02
Creazione di report
5.7.6.1.7 Funzioni logiche
Pari
Descrizione
Determina se un numero è pari
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano Pari(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Note
•
•
Pari restituisce un valore booleano che è possibile utilizzare con la funzione If.
Se si inserisce Pari direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false). È
possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
Pari(4) restituisce Vero.
Pari(3) restituisce Falso.
Pari(23,2) restituisce Falso.
Pari(-4) restituisce Vero.
Pari(-2,2) restituisce Falso.
ÈData
Descrizione
Determina se un valore è una data.
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈData(oggetto)
455
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈData() restituisce un valore booleano che può essere utilizzato con la funzione If.
Se si inserisce ÈData direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈData([Data della prenotazione]) restituisce Vero se [Data della prenotazione] è una data.
Se(ÈData([Data della prenotazione]) Quindi "Data" Altrimenti "Non una data"
restituisce "Data" se [Data della prenotazione] è una data.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
ÈErrore
Descrizione
Determina se un oggetto restituisce un errore
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈErrore(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈErrore() restituisce un valore booleano che può essere utilizzato con la funzione If.
Se si inserisce ÈErrore direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈErrore([Fatturato]) restituisce falso se la variabile [Fatturato] non restituisce un errore.
ÈErrore([Media ospiti]) restituisce vero se la variabile [Media ospiti] restituisce un errore di
divisione per zero (#DIV/0).
456
2013-07-02
Creazione di report
Se ÈErrore([Media ospiti]) Quindi "Errore" Altrimenti "Nessun errore" restituisce
"Errore" se la variabile [Media ospiti] restituisce un errore di divisione per zero (#DIV/0).
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
ÈLogico
Descrizione
Determina se un valore è di tipo booleano
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈLogico(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈLogico() restituisce un valore booleano che può essere utilizzato con la funzione If.
Se si inserisce ÈLogico direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈLogico(ÈStringa([Paese])) restituisce vero.
ÈLogico([Paese]) restituisce falso se la variabile [Paese] restituisce dati diversi da valori booleani.
Se ÈLogico(ÈData([Paese])) Quindi Valore booleano" Altrimenti "Valore non
booleano" restituisce "Valore booleano".
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
ÈNull
Descrizione
Determina se un valore è nullo
457
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈNull(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈNull restituisce un valore booleano che è possibile utilizzare con la funzione Se.
Se si inserisce ÈNull direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈNull([Fatturato]) restituisce falso se la variabile [Fatturato] non è nulla.
ÈNull([Media ospiti]) restituisce vero se la variabile [Media ospiti] è nulla.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
ÈNumero
Descrizione
Determina se un valore è un numero.
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈNumero(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
458
ÈNumero restituisce un valore booleano da utilizzare nella funzione If.
Se si inserisce ÈNumero direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
ÈNumero([Fatturato]) restituisce vero se la variabile [Fatturato] è un numero.
ÈNumero([Nome cliente]) restituisce falso se la variabile [Nome cliente] non è un numero.
Se ÈNumero([Nome cliente]) Quindi "Numero" Altrimenti "Non è un numero"
restituisce "Non è un numero" se la variabile [Nome cliente] non è un numero.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
ÈStringa
Descrizione
Determina se un valore è una stringa.
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈStringa(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈStringa restituisce un valore booleano che è possibile utilizzare con la funzione If.
Se si inserisce ÈStringa direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈStringa([Fatturato]) restituisce False se la variabile [Fatturato] non è una stringa.
ÈStringa([Nome cliente]) restituisce True se la variabile [Nome cliente] è una stringa.
Se ÈStringa([Nome cliente]) Quindi "Stringa" Altrimenti "Non è una stringa"
restituisce "Stringa" se la variabile [Nome cliente] è una stringa.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
459
2013-07-02
Creazione di report
ÈOra
Descrizione
Determina se una variabile è un'ora
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano ÈOra(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
•
•
ÈOra restituisce un valore booleano da utilizzare nella funzione If.
Se si inserisce ÈOra direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false). È
possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Esempi
ÈOra([Ora della prenotazione]) restituisce True se la variabile [Ora della prenotazione] è una
variabile di ora.
ÈOra([Media ospiti]) restituisce False se la variabile [Media ospiti] non è una variabile di ora.
Se ÈOra([Media ospiti]) Quindi "Ora" Altrimenti "Non è un'ora" restituisce "Non
è un'ora" se la variabile [Media ospiti] non è una variabile temporale.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
Dispari
Descrizione
Determina se un numero è dispari
Gruppo di funzioni
Logica
Sintassi
valore booleano(numero)
460
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Note
•
•
•
Dispari restituisce un valore booleano da utilizzare nella funzione If.
Se si inserisce Dispari direttamente in una colonna, restituisce un numero intero (1=true; 0=false).
È possibile formattare questo numero utilizzando un formato di numero booleano.
Dispari ignora la parte decimale dei numeri decimali.
Esempi
Dispari(5) restituisce Vero.
Dispari(4) restituisce Falso.
Dispari(23,2) restituisce Vero.
Dispari(24,2) restituisce Vero.
Dispari(-23,2) restituisce Vero.
Dispari(-24,2) restituisce Vero.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
5.7.6.1.8 Funzioni numeriche
Ass
Descrizione
Restituisce il valore assoluto di un numero.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Ass(numero)
461
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempi
Ass(25) restituisce 25.
Ass(-11) restituisce 11.
InteroSup
Descrizione
Restituisce un numero arrotondato all'intero immediatamente superiore.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
num InteroSup(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempi
InteroSup(2,4) restituisce 3.
InteroSup(3,1) restituisce 4.
InteroSup(-3,1) restituisce -3.
Cos
Descrizione
Restituisce il coseno di un angolo
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Cos(angolo)
462
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
angolo
Un angolo in radianti
Numero
Sì
Esempio
Cos(180) restituisce -0,6.
EuroConvertiDa
Descrizione
Converte un importo in euro in un'altra valuta
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero EuroConvertiDa(importo_euro;codice_valuta;arrotondamento)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
importo_non_in_euro
L'importo in euro
Numero
Sì
codice_valuta
Codice ISO della valuta desiderata.
Stringa
Sì
arrotondamento Il numero di decimali a cui deve essere arroto- Numero
ndato il risultato
Sì
Note
Il codice della valuta deve essere il codice di una delle 12 valute dell'Unione Europea i cui valori sono
stati fissati rispetto all'euro prima della loro abolizione nel gennaio del 2002. Se il codice non corrisponde
a una di queste valute, la funzione restituisce #ERRORE. Le valute sono:
463
BEF
Franco belga
DEM
Marco tedesco
GRD
Dracma greca
ESP
Peseta spagnola
FRF
Franco francese
IEP
Lira irlandese
ITL
Lira italiana
2013-07-02
Creazione di report
LUF
Franco lussemburghese
NLG
Fiorino olandese
ATS
Scellino austriaco
PTS
Escudo portoghese
FIM
Marco finlandese
Esempi
EuroConvertiDa(1.000;"FRF";2) restituisce 6.559,57.
EuroConvertiDa(1.000;"FRF";1) restituisce 6.559,60.
EuroConvertiDa(1.000,04 ;"DEM";2) restituisce 1.955,83.
EuroConvertiDa(1.000,04 ;"DEM";1) restituisce 1.955,80.
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
EuroConvertiIn
Descrizione
Converte un importo in euro
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero EuroConvertiIn(importo_non_in_euro;codice_valuta;arrotondamento)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
imporL'importo nella valuta diversa dall'euro
to_non_in_euro
Numero
Sì
codice_valuta
Stringa
Sì
Il codice ISO della valuta diversa dall'euro
arrotondamento Il numero di decimali a cui deve essere arroton- Numero
dato il risultato
Sì
Esempio
EuroConvertiIn(6559;"FRF";2) restituisce 999,91.
464
2013-07-02
Creazione di report
EuroConvertiIn(6.559;"FRF";1) restituisce 999,90.
EuroConvertiIn(1.955;"DEM";2) restituisce 999,58.
EuroConvertiIn(1.955;"DEM";1) restituisce 999,60.
Nota
Il codice della valuta deve essere il codice di una delle 12 valute dell'Unione Europea i cui valori sono
stati fissati rispetto all'euro prima della loro abolizione nel gennaio del 2002. Se il codice non corrisponde
a una di queste valute, la funzione restituisce #ERRORE. Le valute sono:
BEF
Franco belga
DEM
Marco tedesco
GRD
Dracma greca
ESP
Peseta spagnola
FRF
Franco francese
IEP
Lira irlandese
ITL
Lira italiana
LUF
Franco lussemburghese
NLG
Fiorino olandese
ATS
Scellino austriaco
PTS
Escudo portoghese
FIM
Marco finlandese
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
ErroreArrotondamentoDaEuro
Descrizione
Restituisce l'errore di arrotondamento in una conversione da euro
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero ErroreArrotondamentoDaEuro(importo_euro;codice_valuta;arrotondamento)
465
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
imporL'importo in euro
to_non_in_euro
Numero
Sì
codice_valuta
Stringa
Sì
Codice ISO della valuta desiderata.
arrotondamento Il numero di decimali a cui deve essere arroton- Numero
dato il risultato
Sì
Output
L'errore di arrotondamento del calcolo.
Esempi
ErroreDaArrotEuro(1.000;"FRF";2) restituisce 0. (Non c'è differenza tra una conversione senza
arrotondamento e una conversione con arrotondamento a 2 cifre decimali.)
ErroreDaArrotEuro(1.000;"FRF";1) restituisce 0,03. (Il valore della conversione con
arrotondamento è 6.559,57. Il valore della conversione con arrotondamento a 1 cifra decimale è 6.559,6.
L'errore di arrotondamento è 0,03.)
ErroreDaArrotEuro(1000;"DEM";2) restituisce 0. (Non c'è differenza tra una conversione senza
arrotondamento e una conversione con arrotondamento a 2 cifre decimali.)
EuroConvertiDaErroArrot(1.000;"DEM";0) restituisce -0,01. (Il valore della conversione con
arrotondamento è 1.955,83. Il valore della conversione con arrotondamento a 1 cifra decimale è 1.995,8.
L'errore di arrotondamento è -0,03.)
Nota
Il codice della valuta deve essere il codice di una delle 12 valute dell'Unione Europea i cui valori sono
stati fissati rispetto all'euro prima della loro abolizione nel gennaio del 2002. Se il codice non corrisponde
a una di queste valute, la funzione restituisce #ERRORE. Le valute sono:
466
BEF
Franco belga
DEM
Marco tedesco
GRD
Dracma greca
ESP
Peseta spagnola
FRF
Franco francese
IEP
Lira irlandese
ITL
Lira italiana
LUF
Franco lussemburghese
2013-07-02
Creazione di report
NLG
Fiorino olandese
ATS
Scellino austriaco
PTS
Escudo portoghese
FIM
Marco finlandese
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
ErroreAArrotEuro
Descrizione
Restituisce l'errore di arrotondamento in una conversione in euro
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero ErroreAArrotEuro(importo_non_in_euro;codice_valuta;arrotondamento)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
imporL'importo nella valuta diversa dall'euro
to_non_in_euro
Numero
Sì
codice_valuta
Stringa
Sì
Il codice ISO della valuta diversa dall'euro
arrotondamento Il numero di decimali a cui deve essere arroton- Numero
dato il risultato
Sì
Esempi
ErroreAArrotEuro(6559;"FRF";2) restituisce 0. (Non c'è differenza tra una conversione senza
arrotondamento e una conversione con arrotondamento a 2 cifre decimali.)
ErroreAArrotEuro(6.559;"FRF";1) restituisce -0,01. (Il valore della conversione con
arrotondamento è 999,91. Il valore della conversione con arrotondamento a 1 cifra decimale è 999,9.
L'errore di arrotondamento è -0,01.)
ErroreAArrotEuro(1.955;"DEM";2) restituisce 0. (Non c'è differenza tra una conversione senza
arrotondamento e una conversione con arrotondamento a 2 cifre decimali.)
ErroreAArrotEuro(1.955;"DEM";1) restituisce 0,02. (Il valore della conversione con
arrotondamento è 999,58. Il valore della conversione con arrotondamento a 1 cifra decimale è 999,6.
L'errore di arrotondamento è 0,02.)
467
2013-07-02
Creazione di report
Nota
Il codice della valuta deve essere il codice di una delle 12 valute dell'Unione Europea i cui valori sono
stati fissati rispetto all'euro prima della loro abolizione nel gennaio del 2002. Se il codice non corrisponde
a una di queste valute, la funzione restituisce #ERRORE. Le valute sono:
BEF
Franco belga
DEM
Marco tedesco
GRD
Dracma greca
ESP
Peseta spagnola
FRF
Franco francese
IEP
Lira irlandese
ITL
Lira italiana
LUF
Franco lussemburghese
NLG
Fiorino olandese
ATS
Scellino austriaco
PTS
Escudo portoghese
FIM
Marco finlandese
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
Exp
Descrizione
Restituisce un valore esponenziale (e elevato a una potenza).
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Esp(potenza)
468
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
potenza
La potenza.
Numero
Sì
Note
Un valore esponenziale è la costante di e (2,718...) elevato a una potenza.
Esempi
Esp(2,2) restituisce 9,03.
Fatt
Descrizione
Restituisce la fattoriale di un numero.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
int Fatt(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Note
Il fattoriale di numero è il prodotto di tutti i numeri interi da 1 a numero.
Esempi
Fatt(4) restituisce 24.
Fatt(5,9) restituisce 120.
InteroInf
Descrizione
Restituisce un numero arrotondato all'intero immediatamente inferiore.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
int InteroInf(numero)
469
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempio
InteroInf(24,4) restituisce 24.
Interpolazione
Descrizione
Calcola i valori degli indicatori vuoti tramite l'interpolazione
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
num Interpolation(measure[;PointToPoint|Linear]
[;NotOnBreak|(reset_dims)][;Row|Col])
470
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
PuntoAPunto|Lineare
Il metodo di interpolazione
Parola
chiave
No
•
•
NonSuInterruzione| dim_reimpostazione
•
•
Riga|Col
PuntoAPunto - interpolazione puntopunto
Lineare - regressione lineare con interpolazione dei minimi quadrati
NonSuInterruzione: impedisce che
la funzione possa reimpostare il calcolo
sulle interruzioni dei blocchi e delle sezioni
dim_reimpostazione: l'elenco delle
dimensioni utilizzate per reimpostare
l'interpolazione
Imposta la direzione del calcolo
(PuntoAPunto è l'impostazione predefinita)
Parola
No
chiave| elenco dimensioni
Parola
chiave
(Riga è l'impostazione
predefinita)
Note
•
•
•
•
•
•
•
La funzione Interpolazione è particolarmente utile quando bisogna creare un grafico a linee su
un indicatore che contiene valori mancanti. L'uso di questa funzione assicura che venga stampato
un grafico con una linea continua anziché con linee discontinue e punti.
La regressione lineare con l'interpolazione dei minimi quadrati determina i valori mancanti calcolando
un'equazione lineare nel formato f(x) = ax + b che prende in considerazione tutti i valori più vicini
disponibili dell'indicatore.
L'interpolazione point-to-point determina i valori mancanti calcolando un'equazione lineare nel
formato f(x) = ax + b che prende in considerazione due valori adiacenti dei valori mancanti.
L'ordinamento dell'indicatore influisce sui valori che vengono restituiti dalla funzione Interpola
zione.
Non è possibile applicare un ordinamento o una classificazione a una formula che contiene la
funzione Interpolazione.
Se l'elenco dei valori contiene un solo valore, la funzione Interpolazione utilizza questo valore
per fornire tutti i valori mancanti.
I filtri applicati a un indicatore interpolato possono cambiare i valori restituiti dalla funzione Inter
polazione in base ai valori su cui ha influenza il filtro applicato.
Esempi
Interpolazione([Valore]) fornisce i seguenti valori mancanti utilizzando il metodo di interpolazione
point-to-point predefinito:
471
2013-07-02
Creazione di report
Giorno
Valore
Interpolazione([Valore])
Lunedì
12
12
Martedì
14
14
Mercoledì
Giovedì
15
16
16
Venerdì
17
Sabato
18
Domenica
19
19
Argomenti correlati
• Operatore Lineare
• Operatore PuntoAPunto
Ln
Descrizione
Restituisce il logaritmo naturale di un numero.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Ln(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempi
Ln(10) restituisce 2.
Log
Descrizione
Restituisce il logaritmo di un numero in una base specificata.
472
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Log(numero;base)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
base
La base del logaritmo.
Numero
Sì
Esempi
Log(125;5) restituisce 3.
Log10
Descrizione
Restituisce il logaritmo in base 10 di un numero
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Log10(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempi
Log10(100) restituisce 2.
Resto
Descrizione
Restituisce il resto di una divisione tra due numeri
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Resto(dividendo;divisore)
473
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Il dividendo.
Numero
Sì
valore_percentile
Il divisore.
Numero
Sì
Esempi
Resto(10;4) restituisce 2.
Resto(10.2;4.2) restituisce 1.8.
Potenza
Descrizione
Restituisce un numero elevato a potenza.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Potenza (numero;potenza)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
numero
Il numero da elevare a pote- Numero
nza
Sì
potenza
La potenza.
Sì
Numero
Obbligatoria
Esempio
Potenza(10;2) restituisce 100.
Classifica
Descrizione
Classifica un indicatore in base alle dimensioni
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
int Classifica(indicatore;[classificazione_dim][;Alto|Basso][;(dim_reimpostazione)])
474
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
L'indicatore da classificare
Indicatore
Sì
classificazione_dim
Le dimensioni utilizzate per classificare l'indicatore Elenco di di- No
mensioni
Alto|Basso
Imposta l'ordine di classificazione:
• Alto - decrescente
• Basso - crescente
Parola
chiave
dim_reimpos- Le dimensioni che ripristinano la classificazione
tazione
No (Alto è l'impostazione predefinita)
Elenco di di- No
mensioni
Note
•
•
•
•
Se non si specificano dimensioni di classificazione, la funzione utilizza il contesto di calcolo predefinito
per calcolare la classificazione.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate o di classifica è presente una sola dimensione.
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate o di classifica è necessario separarle con
dei punti e virgola.
Per impostazione predefinita, la classifica viene ripristinata su un'interruzione di sezione o blocco.
Esempi
Nella seguente tabella la classifica è data da Classifica([Fatturato];([Paese])):
Paese
Fatturato
Classifica
Francia
835.420
2
US
2.451.104
1
Nella seguente tabella la classifica è data da Classifica([Fatturato];([Paese]);Basso)
L'argomento Basso significa che gli indicatori sono classificati in ordine decrescente.
Paese
Fatturato
Classifica
Francia
835.420
1
US
2.451.104
2
Nella seguente tabella la classifica è data da Classifica([Fatturato];([Paese];[Località
di soggiorno])):
Paese
475
Località di soggiorno
Fatturato
Classifica
2013-07-02
Creazione di report
Francia
Costa Azzurra
835.420
3
US
Bahamas Beach
971.444
2
US
Hawaiian Club
1.479.660
1
Nella seguente tabella la classifica è data da Classifica([Fatturato];([Paese];[An
no];([Paese])). La classifica viene ripristinata sulla dimensione Paese.
Paese
Anno
Fatturato
Classifica
Francia
AF1998
295.940
1
Francia
AF1999
280.310
2
Francia
AF2000
259.170
3
US
AF1998
767.614
3
US
AF1999
826.930
2
US
AF2000
856.560
1
Argomenti correlati
• Operatori Basso/Alto
Arrot
Descrizione
Arrotonda un numero
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Arrot(numero;arrotondamento)
476
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Il numero da arrotondare.
Numero
Sì
arrotondamento Il numero di posizioni decimali a cui deve essere Numero
arrotondato il valore
Sì
Esempi
Arrot(9,44;1) restituisce 9,4.
Arrot(9,45;1) restituisce 9,5.
Arrot(9,45;0) restituisce 9.
Arrot(9,45;-1) restituisce 10.
Arrot(4,45;-1) restituisce 0.
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
Segno
Descrizione
Restituisce il segno di un numero
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
int Segno(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Note
Segno restituisce -1 se numero è negativo, 0 se numero è zero e 1 se numero è positivo.
Esempi
Segno(3) restituisce 1.
Segno(-27,5) restituisce -1.
477
2013-07-02
Creazione di report
Sen
Descrizione
Restituisce il seno di un angolo
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Sen(angolo)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
angolo
Un angolo in radianti
Numero
Sì
Esempio
Sen(234542) restituisce -0,116992.
RadQ
Descrizione
Restituisce la radice quadrata di un numero.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero RadQ(numero)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Qualsiasi numero
Numero
Sì
Esempio
RadQ(25) restituisce 5.
Tan
Descrizione
Restituisce la tangente di un angolo
478
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero Tan(angolo)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
angolo
Un angolo in radianti
Numero
Sì
Tipo
Obbligatorio
Esempi
Tan(90) restituisce -2.
InNumero
Descrizione
Restituisce una stringa come numero.
Gruppo di funzioni
Numerico
Sintassi
numero InNumero(stringa)
Input
Parametro
Descrizione
stringa
Un numero come stringa Stringa
Sì
Note
Se stringa non è un numero, InNumero restituisce #ERRORE.
Esempi
InNumero("45") restituisce 45.
Tronca
Descrizione
Tronca un numero
Gruppo di funzioni
Numerico
479
2013-07-02
Creazione di report
Sintassi
numero Tronca(numero;livello_troncamento)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
numero
Il numero da arrotondare.
Numero
Sì
livello_troncame- Il numero di posizioni decimali a cui deve essere Numero
nto
troncato il valore
Sì
Note
Esempio
Tronca(3,423.2) restituisce 3,42.
Argomenti correlati
• Arrotondamento e troncamento di numeri
5.7.6.1.9 Funzioni Set
ElementiSecondari
Descrizione
Restituisce i membri secondari di un membro
Gruppo di funzioni
Set
Sintassi
member_set member.Children
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
•
480
ElementiSecondari non viene utilizzata come funzione autonoma, ma viene inserita nel parametro
di input delle funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
[Geografia].[US].[California].ElementiSecondari restituisce [Los Angeles], [San
Francisco], [San Diego].
[Geografia].ElementiSecondari restituisce [Los Angeles], [San Francisco], [San Diego] se
[California] è il membro corrente nella gerarchia [Geografia].
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
Profondità
Descrizione
Restituisce la profondità di un membro di una gerarchia
Gruppo di funzioni
Set
Sintassi
int membro.Profondità
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
•
•
La profondità è la distanza del membro dal livello principale della gerarchia.
Il livello superiore della gerarchia è il livello 0.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Esempi
[Geografia].[US].[California].[Los Angeles].Profondità restituisce 2.
481
2013-07-02
Creazione di report
Discendenti
Descrizione
Restituisce i membri discendenti di un membro
Gruppo di funzioni
Set
Sintassi
member_set Descendants(member[;level|distance][;desc_flag])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
livello
Il livello dei discendenti
livello
No (il livello del membro è l'impostazione predefinita)
distanza
La distanza del livello discendente int
dal livello corrente
desc_flag
Determina quali membri discende- parola chiave No (il valore predefinito è Self)
nti vengono restituiti
No (il livello del membro è l'impostazione predefinita)
Note
•
•
•
•
•
•
482
Discendenti non viene utilizzata come funzione autonoma, ma viene inserito nel parametro di
input delle funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Self in desc_flag si riferisce al livello specificato dal parametro livello|distanza.
Prima in desc_flag si riferisce a tutti i livelli al di sopra del livello specificato dal parametro livel
lo|distanza.
Dopo in desc_flag si riferisce a tutti i livelli al di sotto del livello specificato dal parametro livel
lo|distanza.
I valori di desc_flag sono i seguenti:
2013-07-02
Creazione di report
•
Self
Restituisce i discendenti al livello specificato dal parametro livello|distan
za, incluso il membro corrente, se si trova a questo livello.
Prima
Restituisce il membro corrente e tutti i discendenti al di sopra del livello specificato dal parametro livello|distanza.
Dopo
Restituisce i discendenti al di sotto del livello specificato dal parametro livel
lo|distanza.
Self_Before
Restituisce il membro corrente e tutti i discendenti al livello specificato dal parametro livello|distanza e al di sopra di esso.
Self_Dopo
Restituisce il membro corrente e tutti i discendenti al livello specificato dal parametro livello|distanza e al di sotto di esso.
Before_After
Restituisce il membro corrente e tutti i discendenti eccetto quelli al livello specificato dal parametro livello|distanza.
Self_prima_dopo
Restituisce il membro corrente e tutti i discendenti.
Foglie
Restituisce tutti i membri tra il membro corrente e il livello specificato dal parametro livello|distanza che non hanno membri figlio.
Il parametro distanza deve essere positivo.
Esempi
Tutti gli esempi sono basati sui dati seguenti:
USA
Spagna
Los Angeles
San Diego
Nevada
San Francisco
Las Vegas
Reno
Carson City
Discendenti([Geografia].[US].[California];[Geografia].[Città]) restituisce [San
Francisco], [San Diego], [Los Angeles].
Discendenti([Geografia];1) restituisce [California], [Nevada] se il membro corrente è [US].
Discendenti([Geografia].[US];2;Prima) restituisce [US], [California], [Nevada].
Discendenti([Geografia].[US];[Geografia].[Città],Self_Before) restituisce [US],
[California], [Nevada], [San Francisco], [San Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson City].
Discendenti([Geografia];[Geografia].[Stato];Dopo) restituisce [San Francisco], [San
Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson City] se il membro corrente è [US].
Discendenti([Geografia];1;Self_Dopo) restituisce [US], [California], [Nevada], [San Francisco],
[San Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson City] se il membro corrente è [US].
483
2013-07-02
Creazione di report
Discendenti([Geografia].[US];[Geografia].[Stato];Before_After) restituisce [US],
[San Francisco], [San Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson City].
Discendenti([Geografia].[US];[Geografia].[Stato];Self_prima_dopo) restituisce
[US], [California], [Nevada], [San Francisco], [San Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson
City].
Discendenti([Geografia].[US];[Geografia].[Città];Foglie) restituisce [San Francisco],
[San Diego], [Los Angeles], [Las Vegas], [Reno], [Carson City].
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
ÈFoglia
Descrizione
Determina se un membro è un membro foglia
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
membro booleano.ÈFoglia
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
•
Un membro foglia è un membro privo di membri figlio.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Esempi
[Geografia].[US].[California].ÈFoglia restituisce False se [California] ha i membri figlio
[Los Angeles], [San Diego], [San Francisco].
484
2013-07-02
Creazione di report
[Geografia].ÈFoglia restituisce True se il membro corrente della gerarchia [Geografia] è [Nevada]
e [Nevada] non ha membri figlio.
Chiave
Descrizione
Restituisce la chiave di un membro
Sintassi
stringa member.Key
Gruppo di funzioni
Set
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
•
La chiave è l'identificativo interno di un membro.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Esempio
[Geografia].[US].Key restituisce "XYZ" se la chiave del membro [US] è "XYZ".
Lag
Descrizione
Restituisce un membro allo stesso livello del membro corrente e a una data distanza prima di esso
Sintassi
membro member.Lag(distanza)
Gruppo di funzioni
Set
485
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
distanza
La distanza del membro dal mem- int
bro corrente
Sì
Note
•
•
•
•
Lag non viene utilizzata come funzione autonoma, ma viene inserito nel parametro di input delle
funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
Se distanza è un valore positivo, Lag restituisce il membro distanza posizioni prima del membro.
Se distanza è un valore negativo, Lag restituisce il membro distanza posizioni dopo il membro.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Lag utilizza l'ordine dei membri nella gerarchia e nella query per restituire il relativo membro.
Esempi
[Geografia].[US].[California].[San Francisco].Lag(1) restituisce [San Diego] se [San
Diego] è il membro che precede [San Francisco] al livello Città.
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
Elemento principale
Descrizione
Restituisce il membro principale di un membro
Gruppo di funzioni
Set
Sintassi
member member.Parent
486
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
•
Elemento principalenon viene utilizzato come funzione autonoma, ma viene inserito nel
parametro di input delle funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Esempi
[Geografia].[US].[California].[Los Angeles]) restituisce [California].
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
ElementiDiPariLivello
Descrizione
Restituisce il membro con i relativi membri di pari livello.
Gruppo di funzioni
Set
Sintassi
member_set member.Siblings
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
Note
•
487
ElementiDiPariLivello non viene utilizzata come funzione autonoma, ma viene inserito nel
parametro di input delle funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
I membri di pari livello sono membri dello stesso livello e con lo stesso elemento principale del mem
bro.
Esempi
[Geografia].[US].[California].ElementiDiPariLivello restituisce [Nevada], [Arizona]
se [Nevada] e [Arizona] si trovano allo stesso livello di [California].
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
5.7.6.1.10 Funzioni varie
Antenato
Descrizione
Restituisce un membro antenato di un membro
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
member Ancestor(member;level|distance)
488
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
membro
Qualsiasi membro
membro
Sì
livello
Il livello dell'antenato
livello
L'immissione del parametro livello
o distanza è obbligatoria
distanza
La distanza del livello dell'antena- int
to dal livello corrente
L'immissione del parametro livello
o distanza è obbligatoria
Note
•
•
•
Antenato non viene utilizzata come funzione autonoma, ma viene inserita nel parametro di input
delle funzioni di aggregazione che specifica l'insieme di membri per l'aggregazione.
Il parametro membro viene specificato esplicitamente o rappresenta il membro corrente di una
gerarchia. Se si specifica il membro esplicitamente è necessario indicare il percorso completo della
gerarchia. Se si specifica una gerarchia e la gerarchia non si trova nel contesto della formula, la
formula restituisce un valore vuoto.
Il parametro distanza deve essere positivo.
Esempi
Tutti gli esempi si basano sulla gerarchia [Geografia] (Paese > Stato > Città). Nella tabella seguente
viene mostrato un sottoinsieme dei dati inclusi nella gerarchia.
USA
Spagna
Los Angeles
San Diego
Nevada
San Francisco
Las Vegas
Reno
Carson City
Antenato([Geografia].[US].[California].[Los Angeles];1) restituisce [California].
Antenato([Geografia];[Geografia].[Stato]) restituisce [California] se il membro corrente
è [San Diego].
Argomenti correlati
• Aggregato
• Media
• Conteggio
• Max
• Min
• Somma
489
2013-07-02
Creazione di report
NomeBlocco
Descrizione
Restituisce il nome del blocco
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa NomeBlocco()
Esempi
NomeBlocco() restituisce "Blocco1" se si trova in un blocco chiamato "Blocco1".
NumeroColonna
Descrizione
Restituisce il numero di colonna
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
int NumeroColonna()
Esempi
NumeroColonna() restituisce 2 se la formula si trova nella seconda colonna di una tabella.
UtenteAttuale
Descrizione
Restituisce il login per BI Launch Pad dell'utente corrente
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa UtenteAttuale()
Esempi
UtenteAttuale() restituisce "gkn" se l'account di accesso dell'utente attuale è "gkn".
490
2013-07-02
Creazione di report
ForzaUnione
Descrizione
Include dimensioni sincronizzate nel calcolo degli indicatori quando le dimensioni non sono presenti
nel contesto del calcolo degli indicatori
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
num ForceMerge(measure)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
indicatore
Qualsiasi indicatore
Indicatore
Sì
Output
Il risultato del calcolo con le dimensioni sincronizzate prese in considerazione
Note
•
•
ForzaUnione restituisce #VALOREMULTI se applicata a un indicatore intelligente, se l'insieme di
raggruppamento necessario per calcolare l'indicatore intelligente non esiste.
ForzaUnione è l'equivalente della funzione Multicube di BusinessObjects/Desktop Intelligence.
Esempi
ForzaUnione([Fatturato]) restituisce il valore di [Fatturato], considerando tutte le dimensioni
sincronizzate che non sono presenti nello stesso blocco dell'indicatore [Fatturato].
OttieniImpostazioniInternazionaliContenuto
Descrizione
Restituisce le impostazioni internazionali dei dati contenuti nel documento (impostazioni internazionali
del documento)
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa OttieniImpostazioniInternazionaliContenuto()
Note
Le impostazioni internazionali del documento vengono utilizzate per formattare i dati in un documento.
491
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
OttieniImpostazioniInternazionaliContenuto() restituisce "fr_FR" se l'impostazione
internazionale del documento è "Francese (Francia)".
OttieniImpostazioniInternazionaliDiVisualizzazionePreferiteDominanti
Descrizione
Restituisce le impostazioni internazionali dominanti nel gruppo di impostazioni internazionali di
visualizzazione preferite dell'utente
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
string GetDominantPreferredViewingLocale()
Note
•
•
Ogni gruppo di impostazioni internazionali contiene un'impostazione dominante, usata come base
per tutte le altre impostazioni del gruppo. Ad esempio, Inglese (Stati Uniti) ("en_US") è l'impostazione
internazionale dominante del gruppo di impostazioni relative all'inglese. Anche Inglese (Nuova
Zelanda) ("en_NZ") è un membro del gruppo.
Il manuale di Translation Manager contiene un elenco di tutte le impostazioni internazionali di
visualizzazione preferite dominanti.
Esempi
OttieniImpostazioniInternazionaliDiVisualizzazionePreferiteDominanti restituisce
"en_US" se l'impostazione internazionale di visualizzazione preferita è "Inglese (Nuova Zelanda)".
Argomenti correlati
• OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazionePreferite
GetLocale
Descrizione
Restituisce le impostazioni internazionali dell'utente utilizzate per formattare l'interfaccia utente
(impostazioni internazionali del prodotto)
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
GetLocale() stringa
492
2013-07-02
Creazione di report
Note
Le impostazioni internazionali del prodotto sono le impostazioni internazionali dell'interfaccia utente
(ad esempio, voci di menu e testo dei pulsanti).
Esempi
GetLocale() restituisce "en_US" se l'impostazione internazionale del prodotto è "Inglese (Stati Uniti)".
OttieniLocalizzato
Descrizione
Restituisce una stringa localizzata in base alle impostazioni internazionali di visualizzazione preferite
dall'utente
Sintassi
string GetLocalized(string[;comment])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
stringa
Stringa da tradurre
stringa
Sì
commento
Commento di supporto per i tradutto- stringa
ri
No
Note
•
•
•
Il parametro stringa può essere una stringa in qualsiasi formula, ad esempio in una cella, un
messaggio di avviso o una definizione di variabile.
In fase di progettazione di un report è possibile utilizzare il parametro commento per fornire ulteriori
informazioni e assistere i traduttori nella traduzione della stringa. Il commento viene visualizzato
con la stringa nello strumento Translation Manager utilizzato per tradurre i report.
Ogni coppia stringa + commento genera una stringa separata da tradurre nello strumento
Translation Manager. Di conseguenza, OttieniLocalizzato("Product Total";"Max 20
characters") e OttieniLocalizzato("Product Total";"Use no more than 20
characters") potrebbero restituire traduzioni diverse.
Esempi
OttieniLocalizzato("Total for all products") restituisce la traduzione in lingua francese
di "Total for all products" se l'impostazione internazionale di visualizzazione preferita è "fr_FR".
OttieniLocalizzato("Total for all products";"Try not to use more than 20
characters") restituisce la traduzione in lingua tedesca di "Total for all products" se l'impostazione
internazionale di visualizzazione preferita è "de_DE". Grazie a questa funzione, inoltre, il traduttore del
report saprà che la traduzione della stringa non potrà superare, se possibile, i 20 caratteri.
Argomenti correlati
• OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazionePreferite
493
2013-07-02
Creazione di report
OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazionePreferite
Descrizione
Restituisce le impostazioni internazionali preferite dell'utente per la visualizzazione dei dati del documento
(impostazioni internazionali di visualizzazione preferite)
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazionePreferite()
Esempi
OttieniImpostazioniInternazionaliVisualizzazionePreferite restituisce "en_US" se
l'impostazione internazionale di visualizzazione preferita è "Inglese (Stati Uniti)".
Argomenti correlati
• OttieniLocalizzato
• OttieniImpostazioniInternazionaliDiVisualizzazionePreferiteDominanti
Se...Quindi...Altrimenti
Descrizione
Restituisce un valore basato sul fatto che un'espressione è vera o falsa.
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
If bool_value Then true_value [Else false_value]
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
valore_booleano Un valore booleano
Booleano
Sì
valore_vero
Il valore da restituire se va
lore_booleano è vero
Qualsiasi
Sì
valore_falso
Il valore da restituire se va
lore_booleano è falso
Qualsiasi
Sì se è inclusa la funzione
Altrimenti
Note
•
•
494
valore_vero e valore_falso possono essere tipi di dati misti.
È possibile utilizzare gli operatori booleani E, Tra, InElenco, Or e Non con la funzione Se.
2013-07-02
Creazione di report
•
È possibile nidificare condizioni Se sostituendo eventuali condizioni Altrimenti con condizioni
ElseIf. Questa sintassi descrive un livello di nidificazione:
If bool_value Then true_value [ElseIf bool_value Then true_value Else
false_value…]
•
È supportata anche la sintassi originale della funzione If, If(valore_booleano;valore_ve
ro;valore_falso).
Esempi
Se [Fatturato di vendita]>1000000 Quindi "Fatturato elevato" restituisce "Fatturato
elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di 1.000.000. Non restituisce alcun valore per tutte
le altre righe.
Se [Fatturato di vendita] >1000000 Quindi "Fatturato elevato" Altrimenti
Fatturato restituisce "Fatturato elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di 1.000.000.
Restituisce il valore Fatturato per tutte le altre righe.
Se [Fatturato di vendita]>1000000 Quindi "Fatturato elevato" Altrimenti
"Fatturato basso" restituisce "Fatturato elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di
1.000.000. Restituisce il valore "Fatturato basso" per tutte le righe il cui fatturato è minore di 1.000.000.
Se [Fatturato di vendita]>1000000 Quindi "Fatturato elevato" ElseIf [Fattu
rato di vendita] > 800000 Quindi "Fatturato medio" Altrimenti "Fatturato
basso" restituisce "Fatturato elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di 1000000, "Fatturato
medio" per tutte le righe il cui fatturato è compreso tra 800000 e 1000000 e "Fatturato basso" per tutte
le altre righe.
Argomenti correlati
• If
• Operatore E
• Operatore Tra
• InElenco, operatore
• Operatore Or
• Operatore Non
If
Descrizione
Restituisce un valore basato sul fatto che un'espressione è vera o falsa.
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
If(bool_value;true_value;false_value)
495
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
valore_booleano
Un valore booleano
Booleano
Sì
valore_vero
Il valore da restituire se valore_boo
leano è vero
Qualsiasi
Sì
valore_falso
Il valore da restituire se valore_boo
leano è falso
Qualsiasi
Sì
Note
•
•
valore_vero e valore_falso possono essere tipi di dati misti.
È possibile nidificare condizioni Se sostituendo valore_falso con altre condizioni If. Questa
sintassi mostra un livello di nidificazione:
If(bool_value;true_value;If(bool_value;true_value;false_value);false_value)
•
È supportata anche la sintassi Se...Quindi...Altrimenti.
Esempi
If([Fatturato di vendita]>1000000;"Fatturato elevato";"Fatturato basso")
restituisce "Fatturato elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di 1.000.000 e "Fatturato
basso" per tutte le righe il cui fatturato è minore di 1.000.000.
If([Fatturato di vendita] >1000000;"Fatturato elevato";[Fatturato]) restituisce
"Fatturato elevato" per tutte le righe il cui fatturato è maggiore di 1.000.000 e il valore del fatturato per
tutte le altre righe.
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
NumeroRiga
Descrizione
Restistuisce il numero della riga in una tabella
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
int NumeroRiga()
Note
La numerazione delle righe in una tabella inizia dell'intestazione, che è quindi la riga 1.
496
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
NumeroRiga restituisce 2 quando la funzione viene visualizzata nella seconda riga della tabella.
NomeDi
Descrizione
Restituisce il nome di un oggetto
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa NomeDi(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Note
La funzione NomeDi viene visualizzata nelle intestazioni di colonna e di riga dei report.
Esempi
NomeDi([Data della prenotazione]) restituisce "Data della prenotazione".
NessunFiltro
Descrizione
Ignora i filtri durante il calcolo di un valore
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
tipo_input NessunFiltro(ogg[;Tutto|Drill])
497
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatorio
oggetto
Qualsiasi oggetto Report
Oggetto report
Sì
Tutto|Drill
•
•
•
Nessuna parola chiave specificata - filtri di report e di Parola
chiave
blocco ignorati
Tutto - ignora tutti i filtri
Drill - ignora i filtri di report e i filtri di drill
No
Note
•
•
NessunFiltro(oggetto;Drill) non funziona in modalità drill di query poiché i filtri di drill
vengono applicati alla query e non ai dati del report.
Se si esce dalla modalità drill con i filtri di drill applicati, tali filtri diventano filtri del report e possono
modificare il valore degli oggetti a cui è associata la funzione NessunFiltro(oggetto;Drill).
Esempi
Se posizionata nel piè di pagina di un blocco, la funzione NessunFiltro(Somma([Fatturato di
vendita])) restituisce il fatturato di vendita totale di tutte le possibili righe nel blocco, anche quando
è applicato un filtro che esclude righe dal blocco.
NessunFiltro(Somma([Fatturato di vendita]);Tutto) restituisce la somma dei fatturati di
vendita di tutti i paesi, inclusi la Francia, anche se è applicato un filtro che esclude la Francia dal report.
NessunFiltro(Somma([Fatturato di vendita]);Drill) restituisce la somma dei fatturati di
vendita di tutti i paesi, anche se è applicato un filtro di drill alla dimensione [Paese].
NumeroDiPagine
Descrizione
Restituisce il numero di pagine di un report
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
intero NumeroDiPagine()
Esempi
TotalePagine()restituisce 2 se il report ha due pagine.
Pagina
Descrizione
Restituisce il numero di pagina attuale di un report
498
2013-07-02
Creazione di report
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
intero Pagina()
Esempio
Pagina()restituisce 2 se appare nella seconda pagina del report.
Precedente
Descrizione
Restituisce un valore precedente di un oggetto
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
tipo_input Precedente(dimensione|indicatore|Self[;(dim_reimpostazione)][;offset][;NoNull])
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
dimenLa dimensione o l'indicatore il cui valore precedente Dimensione, indica- Sì
sione|indica- viene restituito dalla funzione oppure la parola
tore o parola
tore|Self
chiave Self
chiave
dim_reimpo- L'elenco delle dimensioni utilizzate per ripristinare
stazione
il calcolo
Elenco di dimensio- No
ni
offset
Specifica il valore della dimensione o dell'indica Intero
tore vale a dire le righe di offset che precedono
la riga corrente
No (il valore
predefinito è
1)
NoNull
Indica alla funzione di restituire il primo valore non Parola chiave
nullo a partire dall'offset
No
Note
•
•
•
•
•
499
Il valore predefinito dell'offset è 1. Precedente([Fatturato];1) e Precedente([Fattura
to]) sono funzionalmente uguali.
Quando si include l'argomento NoNull, la funzione restituisce il primo valore non nullo dell'oggetto,
a partire dalle righe di offset della cella prima della riga corrente e procedendo all'indietro.
È possibile utilizzare gli operatori di contesto della sintassi estesa con la funzione Precedente.
L'operatore Self consente di fare riferimento al valore precedente di una cella quando il contenuto
è diverso da quello di un oggetto report.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
ripristinate è presente una sola dimensione.
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
•
•
•
•
•
Quando si specifica un insieme di dimensioni ripristinate è necessario separarle con dei punti e
virgola.
La funzione Precedente viene applicata dopo l'applicazione di tutti i filtri report, sezione e blocco,
e dopo tutti gli ordinamenti.
Non è possibile applicare filtri o ordinamenti a formule che utilizzano Precedente.
Se la funzione Precedente viene applicata a un indicatore e questo restituisce un valore indefinito,
la funzione Precedente restituisce un valore indefinito anche se la riga precedente ha restituito
un valore.
La funzione Precedente ignora le interruzioni quando si trovano al di fuori di un'intestazione o una
nota a piè di pagina dell'interruzione.
La funzione Precedente restituisce il valore nell'istanza precedente dell'intestazione quando si
trova nella nota a piè di pagina nell'interruzione.
La funzione Precedente viene reimpostata in ogni sezione del report.
Quando utilizzata in una tabella a campi incrociati, la funzione Precedente non considera l'ultimo
valore in una riga come il valore precedente del primo valore della riga successiva.
Esempi
Precedente([Paese];1) restituisce i seguenti valori nella seguente tabella:
Paese
Fatturato
Precedente
US
5.000.000
UK
2.000.000
USA
Francia
2.100.000
UK
Precedente([Fatturato]) restituisce i seguenti valori nella seguente tabella:
Paese
Fatturato
Precedente
US
5.000.000
UK
2.000.000
5.000.000
Francia
2.100.000
2.000.000
Precedente ([Fatturato];([Paese]) restituisce i seguenti valori nella seguente tabella:
Paese
Regione
Fatturato
US
Nord
5.000.000
Sud
7.000.000
Nord
3.000.000
UK
500
Precedente
5.000.000
2013-07-02
Creazione di report
Sud
4.000.000
3.000.000
Precedente([Fatturato]) restituisce i seguenti valori nella seguente tabella a campi incrociati:
2004
Precedente
2005
Precedente
US
5.000.000
6.000.000
5.000.000
UK
2.000.000
2.500.000
2.000.000
Francia
3.000.000
2.000.000
3.000.000
Precedente ([Fatturato] restituisce i seguenti valori nella seguente tabella con un'interruzione
su [Paese]:
Paese
Regione
Fatturato
US
Nord
5.000.000
Sud
7.000.000
US
Precedente
5.000.000
12.000.000
Paese
Regione
Fatturato
Precedente
UK
Nord
3.000.000
7.000.000
Sud
4.000.000
3.000.000
7.000.000
12.000.000
UK
Precedente([Fatturato]);2;NoNull) restituisce i seguenti valori nella seguente tabella:
501
Anno
Trimestre
Fatturato
Precedente
2008
T1
500
2008
T2
2008
T3
400
500
2008
T4
700
500
2008
T1
300
400
2008
T2
700
2013-07-02
Creazione di report
2008
T3
2008
T4
300
200
300
2*Precedente(Self) restituisce la sequenza 2, 4, 6, 8, 10...
Argomenti correlati
• Confronto dei valori utilizzando la funzione Precedente
• Operatore Self
ValoreRif
Descrizione
Restituisce il valore di riferimento di un oggetto del report quando è attiva la funzione di rilevamento
dati
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
tipo_input ValoreRif(oggetto)
Esempi
La funzione ValoreRif([Regione con migliori risultati]) restituisce "South West" se il
valore della variabile [Regioni con migliori risultati] è "South West" nei dati di riferimento.
La funzione ValoreRif([Fatturato]) restituisce 1000 se il valore dell'indicatore [Fatturato] è 1000
nei dati di riferimento.
ValoreRelativo
Descrizione
Restituisce valori precedenti o seguenti di un oggetto
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
input_type RelativeValue(measure|detail;slicing_dims;offset)
502
2013-07-02
Creazione di report
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
Obbligatoria
indicatore|det- Qualsiasi indicatore o un dettaglio di una dimensione del Indicatore o
taglio
blocco
dettaglio
Sì
dimensioni_sezioni
Le dimensioni che forniscono il contesto di calcolo
Elenco di di- Sì
mensioni
offset
Specifica il valore dell'indicatore o dettaglio vale
a dire le righe di offset rimosse dalla riga corrente
Intero
Sì
Note
•
•
L'oggetto deve essere un indicatore o un dettaglio di una dimensione disponibile nel blocco.
Il tipo di ordinamento dell'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni viene utilizzato per
determinare l'output della funzione.
Il tipo di ordinamento è determinato da due fattori: l'ordinamento applicato alle dimensioni delle
sezioni e l'ordine con cui le dimensioni delle sezioni vengono elencate nella funzione.
•
•
•
•
•
Una dimensione utilizzata come sezione master può essere specificata come dimensione della
sezione.
Tutte le dimensioni delle sezioni devono essere presenti nel blocco o nell'intestazione della sezione
del blocco in cui si trova la funzione. Se successivamente viene rimossa dal blocco una dimensione
della sezione, la funzione restituisce l'errore #CALCOLO.
Se l'offset supera il numero di righe nell'elenco di valori della dimensione della sezione, la funzione
restituisce un valore nullo.
ValoreRelativo non può essere utilizzato in modo ricorsivo.
È sempre necessario indicare le dimensioni tra parentesi, anche se nell'elenco delle dimensioni
delle sezioni è presente una sola dimensione.
Esempi
La colonna ValoreRelativo nella tabella seguente contiene la formula seguente:
RelativeValue([Revenue];([Year]);-1)
503
Year
Trimestre
Addetto alle vendite Fatturato
2007
T1
Smith
1000
2007
T2
Jones
2000
2007
T3
Wilson
1500
2007
T4
Harris
3000
2008
T1
Smith
4000
ValoreRelativo
1000
2013-07-02
Creazione di report
Year
Trimestre
Addetto alle vendite Fatturato
ValoreRelativo
2008
T2
Jones
3400
2000
2008
T3
Wilson
2000
1500
2008
T4
Harris
1700
3000
Argomenti correlati
• #CALCOLO
• Confronto dei valori utilizzando la funzione ValoreRelativo
NomeReport
Descrizione
Restituisce il nome di un report.
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa NomeReport()
Esempi
La funzione NomeReport() restituisce "Report vendite" se è posizionata in un report chiamato "Report
vendite".
IndiceRighe
Descrizione
Restituisce il numero di una riga
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
intero IndiceRighe()
Note
•
•
504
La numerazione delle righe inizia da 0.
IndiceRighe restituisce #VALOREMULTI se viene inserito in un'intestazione o un piè di pagina
della tabella.
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
IndiceRighe restituisce 0 se viene visualizzato sulla prima riga di una tabella.
NomeUnicoDi
Descrizione
Restituisce il nome unico di un oggetto
Gruppo di funzioni
Varie
Sintassi
stringa NomeUnicoDi(oggetto)
Input
Parametro
Descrizione
Tipo
oggetto
Qualsiasi oggetto Report Oggetto report
Obbligatorio
Sì
Esempi
NomeUnicoDi([Data della prenotazione]) restituisce "Data della prenotazione".
5.7.6.2 Operatori funzione e formula
Gli operatori consentono di collegare i vari componenti di una formula. Le formule possono contenere
operatori matematici, condizionali, logici, della sintassi estesa o specifici di funzioni.
5.7.6.2.1 Operatori matematici
Gli operatori matematici si avvalgono di operazioni aritmetiche tradizionali. Esistono operatori di addizione
(+), sottrazione (-), moltiplicazione (*), divisione (/) che consentono di eseguire operazioni matematiche
all’interno di una formula. La formula [Fatturato di vendita] - [Costo delle ven
dite]contiene un operatore matematico, in questo caso sottrazione.
Nota:
Se utilizzato con stringhe di caratteri, l’operatore ‘+’ diventa un operatore di concatenamento di stringhe,
ovvero funge da elemento di unione di stringhe di caratteri. Ad esempio, la formula "John" + "Smith"
restituisce "John Smith".
5.7.6.2.2 Operatori condizionali
Gli operatori condizionali determinano il tipo di confronto da eseguire tra valori.
505
2013-07-02
Creazione di report
Operatore
Descrizione
=
Uguale a
>
Maggiore di
<
Minore di
>=
Maggiore o uguale
<=
Minore o uguale a
<>
Diverso da
Gli operatori condizionali vengono utilizzati con la funzione Se come in:
If [Revenue]>10000 Then "High" Else "Low"
che restituisce "Alto" per tutte le righe in cui il fatturato è maggiore o uguale a 10000 e "Basso" per tutte
le altre righe.
5.7.6.2.3 Operatori logici
Gli operatori logici sono E, O, Non, Tra e InElenco. Gli operatori logici vengono utilizzati nelle
espressioni booleane, che restituiscono True o False.
Operatore E
Descrizione
L'operatore E collega i valori booleani. Se tutti i valori booleani collegati dall'operatore E restituiscono
Vero, anche la combinazione di tutti i valori restituisce Vero.
Sintassi
valore_booleano E valore_booleano [E valore_booleano...]
Esempi
Se [Località di soggiorno] = "Bahamas Beach" E [Fatturato]>100.000 Quindi
"Fatturato elevato Bahamas " restituisce "Fatturato elevato Bahamas" se [Località di soggiorno]
= "Bahamas Beach" E [Fatturato]>100.000.
Operatore Or
Descrizione
L'operatore Or collega i valori booleani. Se uno qualunque dei valori booleani collegati dall'operatore
Or restituisce Vero, anche la combinazione di tutti i valori restituisce Vero.
Sintassi
valore_booleano Or valore_booleano [Or valore_booleano...]
506
2013-07-02
Creazione di report
Esempi
Se [Località di soggiorno] = "Bahamas Beach" O [Località di soggiorno]="Ha
waiian Club" Quindi "USA" Altrimenti "Francia" restituisce "USA" se [Località di
soggiorno]="Bahamas Beach" o "Hawaiian Club" oppure, in caso contrario, "Francia".
Operatore Non
Descrizione
L'operatore Non restituisce l'opposto di un valore booleano.
Sintassi
valore booleano Non(valore_booleano)
Esempi
If Not([Paese] = "USA") Quindi "Non USA" restituisce "Non USA" se [Paese] contiene
qualsiasi valore diverso da "USA".
Operatore Tra
Descrizione
L'operatore Tra determina se una variabile è compresa tra due valori.
Sintassi
valore booleano Tra(primo_valore;secondo_valore)
Note
•
•
L'operatore Tra viene utilizzato con la funzione Se e con l'operatore Dove.
La modifica delle impostazioni internazionali del documento può influire sui risultati restituiti
dall'operatore Tra.
Esempi
Se [Fatturato] Tra(800.000;900.000) Quindi "Fatturato medio" restituisce "Fatturato
medio" se [Fatturato] è compreso tra 800.000 e 900.000.
[Fatturato di vendita] Tra (10.000;20.000) restituisce Vero se il fatturato è compreso tra
10.000 e 20.000.
If ([Fatturato di vendita] Tra (200.000;500.000);"Fatturato medio";"Fatturato
basso/elevato") , Then restituisce "Fatturato medio" se [Fatturato di vendita] è 300.000
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
• Operatore Dove
507
2013-07-02
Creazione di report
InElenco, operatore
Descrizione
L'operatore InElenco determina se un valore si trova in un elenco di valori.
Sintassi
booleano valore_test InElenco(elenco_valore)
Note
È la combinazione di valore_test + InElenco che restituisce un valore booleano, non soltanto
InElenco.
Esempi
If Not ([Paese] InElenco("Inghilterra";"Scozia";"Galles")) Quindi "Non In
ghilterra" Altrimenti "Inghilterra" restituisce "Non Inghilterra" se [Paese] non è uguale
a "Inghilterra", "Scozia" o "Galles" oppure, in caso contrario, "Inghilterra".
Se [Località di soggiorno] InElenco("Bahamas Beach";"Hawaiian Club") Quindi
"Località di soggiorno USA" restituisce "Località di soggiorno USA" se [Località di soggiorno]
è uguale a "Bahamas Beach" o "Hawaiian Club".
Argomenti correlati
• Se...Quindi...Altrimenti
• Operatore Dove
5.7.6.2.4 Operatori specifici per la funzione
Alcune funzioni possono avere operatori specifici come argomenti. Ad esempio, la funzione Indietro
può utilizzare l'operatore Self.
Tutte le funzioni utilizzano ) e ( per racchiudere gli argomenti delle funzioni. Le funzioni che accettano
più parametri utilizzano ; per separare i parametri.
Operatore Tutto
L'operatore Tutto indica alla funzione NessunFiltro di ignorare tutti i filtri oppure indica alla funzione
Conteggio di contare tutti i valori, inclusi i valori duplicati.
Argomenti correlati
• Conteggio
• Operatori Distinto/Tutto
• NessunFiltro
• Operatori Tutto/Drill
508
2013-07-02
Creazione di report
Operatori Tutto/Drill
Descrizione
Gli operatori Tutto/Drill determinano i filtri che la funzione NessunFiltro ignora.
•
•
•
Non specificato - La funzione NessunFiltro ignora i filtri di report e i filtri di blocco
Tutto - La funzione NessunFiltro ignora tutti i filtri
Drill - La funzione NessunFiltro ignora i filtri di report e i filtri di drill
Operatori Basso/Alto
Descrizione
Gli operatori Basso/Alto indicano alla funzione Classifica di eseguire la classificazione in ordine
decrescente o crescente.
• Alto - classifica in ordine decrescente
• Basso - classifica in ordine crescente
Esempi
Classifica([Fatturato];([Paese]);Alto classifica i paesi in base al fatturato da quello
maggiore a quello minore.
Argomenti correlati
• Classifica
Operatore Interruzione
Descrizione
L'operatore Interruzione indica alla funzione Percentuale di tenere conto delle interruzioni della
tabella.
Esempi
La formula Percentuale([Fatturato]) dà il seguente risultato nella tabella sotto (le percentuali
sono calcolate sul fatturato totale nel blocco):
509
Anno
Trimestre
Fatturato
Percentuale
2005
T1
10000
10%
2005
T2
20000
20%
2006
T1
30000
30%
2013-07-02
Creazione di report
2006
T2
40000
40%
La formula Percentuale([Fatturato];Interruzione) fornisce il seguente risultato nella tabella
seguente (le percentuali sono calcolate sul fatturato totale in ogni parte del blocco):
Anno
Trimestre
Fatturato
Percentuale
2005
T1
10000
33,3%
2005
T2
20000
66,6%
2006
T1
30000
42,9%
2006
T2
40000
57,1%
Argomenti correlati
• Percentuale
Operatori Distinto/Tutto
Gli operatori Distinto/Tutto indicano alla funzione Conteggio di contare solo i valori distinti o tutti
i valori.
Esempi
Conteggio([Fatturato];Distinto) restituisce 3 se [Fatturato] presenta i valori (5;5;6;4).
Conteggio([Fatturato];Tutto) restituisce 4 se [Fatturato] presenta i valori (5;5;6;4).
Argomenti correlati
• Conteggio
Operatore IncludiVuoto
Descrizione
L'operatore IncludiVuoto indica ad alcune funzioni aggregate di includere i valori vuoti nei calcoli.
Esempi
Media([Fatturato];IncludiVuoto) restituisce 3 se [Fatturato] presenta i valori (5;3;<vuoto>;4).
510
2013-07-02
Creazione di report
Argomenti correlati
• Media
• Conteggio
• MediaCumulata
• ConteggioCumulato
Operatore Indice
Descrizione
L'operatore Indice indica alle funzioni Risposta utente e ValoreRifRispostaUtente di
restituire la chiave primaria del database della risposta del prompt.
Argomenti correlati
• RispostaUtente
• ValoreRifRispostaUtente
Operatore Lineare
Descrizione
L'operatore Lineare indica alla funzione Interpolazione di utilizzare la regressione lineare con
l'interpolazione dei minimi quadrati per fornire i valori degli indicatori mancanti.
La regressione lineare con l'interpolazione dei minimi quadrati determina i valori mancanti calcolando
un'equazione lineare nel formato f(x) = ax + b che prende in considerazione tutti i valori più vicini
disponibili dell'indicatore.
Argomenti correlati
• Interpolazione
Operatore NoNull
Descrizione
L'operatore NoNull indica alla funzione Precedente di ignorare i valori null.
Se utilizzata con l'operatore NoNull, la funzione Precedente restituisce il primo valore non nullo
dell'oggetto, a partire dalle righe di offset della cella prima della riga corrente e procedendo all'indietro.
Argomenti correlati
• Precedente
511
2013-07-02
Creazione di report
Operatore NonSuInterruzione
Descrizione
L'operatore NonSuInterruzione indica alla funzione Interpolazione di ignorare le interruzioni
su blocchi e sezioni.
Argomenti correlati
• Interpolazione
Operatore PuntoAPunto
Descrizione
L'operatore PuntoAPunto indica alla funzione Interpolazione di utilizzare l'interpolazione
point-to-point per fornire i valori degli indicatori mancanti.
L'interpolazione point-to-point determina i valori mancanti calcolando un'equazione lineare nel formato
f(x) = ax + b che prende in considerazione due valori adiacenti dei valori mancanti.
Argomenti correlati
• Interpolazione
Operatori Riga/Col
Descrizione
Gli operatori Riga/Col impostano la direzione del calcolo delle seguenti funzioni: Percentuale, Me
diaCumulata, ConteggioCumulato, MaxCumulato, MinCumulato, ProdottoCumulato, Som
maCumulata.
Note
L'operatore Riga consente di calcolare ogni valore della riga come percentuale del valore totale di tutte
le righe nel contesto generale. L'operatore Col consente di calcolare ogni valore della colonna come
percentuale del valore totale di tutte le colonne nel contesto generale.
In una tabella a campi incrociati, il valore contenuto in ogni cella viene calcolato per impostazione
predefinita come percentuale del valore totale della tabella a campi incrociati. L'operatore Riga consente
di calcolare i valori contenuti nelle righe come percentuali del valore totale della riga. L'operatore Col
consente di calcolare i valori contenuti nelle colonne come percentuali del valore totale della colonna.
Esempi
In una tabella a campi incrociati, Percentuale([Indicatore]) dà il seguente risultato:
Indicatore
512
Percentuale
Indicatore
Percentuale
2013-07-02
Creazione di report
100
10%
500
50%
200
20%
200
20%
Percentuale([Indicatore];Riga) dà il seguente risultato:
Indicatore
Percentuale
Indicatore
Percentuale
100
16,7%
500
83,3%
200
50%
200
50%
Percentuale([Indicatore];Col) restituisce il seguente risultato:
Indicatore
Percentuale
Indicatore
Percentuale
100
33,3%
500
83,3%
200
66,6%
200
16,7%
L'operatore Riga calcola il valore aggregato attivo per riga. L'operatore Col calcola il valore aggregato
attivo per colonna.
In una tabella a campi incrociati, SommaCumulata([Indicatore]) o SommaCumulata([Indica
tore];Riga) restituisce il seguente risultato:
Indicatore
SommaCumulata
Indicatore
SommaCumulata
100
100
200
300
400
700
250
950
In una tabella a campi incrociati, SommaCumulata([Indicatore];Col) restituisce il seguente
risultato:
Indicatore
SommaCumulata
Indicatore
SommaCumulata
100
100
200
700
400
500
250
950
Argomenti correlati
• Percentuale
513
2013-07-02
Creazione di report
• MediaCumulata
• ConteggioCumulato
• MaxCumulato
• MinCumulato
• ProdottoCumulato
• SommaCumulata
Operatore Self
Descrizione
Associare la funzione Precedente alla cella precedente quando non contiene un oggetto report.
Esempi
5 +
Precedente(Self) restituisce la sequenza 5, 10, 15, 20, 25, 30...
1 + 0,5 * Precedente(Self) restituisce la sequenza 1, 1.5, 1.75, 1.88...
Argomenti correlati
• Precedente
Operatore Dove
Descrizione
L'operatore Dove limita l'uso dei dati per il calcolo di un indicatore.
Esempi
La formula Media ([Fatturato di vendita]) Dove ([Paese] = "US") calcola la media
delle vendite nel paese "US".
La formula Media ([Fatturato di vendita]) Dove ([Paese] = "US" Or [Paese] =
"Francia") calcola la media delle vendite nei paesi "US" o "Francia".
La formula [Fatturato] Dove (Non in([Paese] InElenco ("US"; "Francia"))) calcola
il fatturato per i paesi diversi da US e Francia.
La variabile [Fatturato elevato] ha la formula [Fatturato] Dove [Fatturato > 500000]. Se
posizionata in un blocco, la variabile [Fatturato elevato] visualizza il fatturato solo quando il valore è
maggiore di 500000. Se posizionata nel piè di pagina in fondo alla colonna [Fatturato elevato], la formula
Media ([Fatturato elevato]) restituisce la media di tutti i fatturati maggiori di 500000.
Argomenti correlati
• Operatore E
• Operatore Tra
• InElenco, operatore
514
2013-07-02
Creazione di report
• Operatore Or
• Operatore Non
5.7.6.2.5 Operatori di sintassi estesa
Specificare in modo esplicito i contesti di input e output con gli operatori di contesto. Nella tabella
seguente sono elencati gli operatori di contesto:
Operatore
Descrizione
In
Specifica un elenco esplicito di dimensioni da
utilizzare nel contesto.
PerOgni
Aggiunge dimensioni al contesto predefinito
PerTutto
Rimuove dimensioni dal contesto predefinito
Gli operatori PerTutto e PerOgni risultano particolarmente utili nel caso di un contesto predefinito
contenente più dimensioni. Spesso, risulta più semplice aggiungere o sottrarre dimensioni dal contesto
utilizzando PerTutto e PerOgni piuttosto che specificare l'elenco in modo esplicito utilizzando In.
Operatore contestuale In
L'operatore contestuale In specifica in modo esplicito le dimensioni in un contesto.
Esempio: Uso di In per specificare le dimensioni in un contesto
In questo esempio, è riportato un report contenente Anno e Fatturato. Il fornitore di dati contiene inoltre
l'oggetto Trimestre, tuttavia tale dimensione non viene inclusa nel blocco. Viene inclusa una colonna
aggiuntiva in cui si desidera visualizzare il fatturato massimo per trimestre di ogni anno. Il report sarà
simile al seguente.
Anno
Fatturato di vendita
Fatturato trimestrale massimo
2001
$8.096.123,60
$2.660.699,50
2002
$13.232.246,00
$4.186.120,00
2003
$15.059.142,80
$4.006.717,50
È possibile risalire alla provenienza dei valori contenuti nella colonna Fatturato trimestrale massimo
confrontando questo blocco con il blocco contenente la dimensione Trimestre:
515
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
2001
T1
$2.660.699,50
2001
T2
$2.279.003,00
2001
T3
$1.367.841,00
2001
T4
$1.788.580,00
Max:
$2.660.699,50
Trimestre
Fatturato di vendita
T1
$3.326.172,00
T2
$2.840.651,00
T3
$2.879.303,00
T4
$4.186.120,00
Max:
$4.186.120,00
Trimestre
Fatturato di vendita
T1
$3.742.989,00
T2
$4.006.717,50
T3
$3.953.395,00
T4
$3.356.041,00
Max:
$4.006.717,50
Anno
Anno
Nella colonna Fatturato trimestrale massimo è visualizzato il fatturato trimestrale più alto di ogni anno.
Ad esempio, poiché T4 presenta il fatturato massimo del 2002, nella colonna Fatturato trimestrale
massimo il fatturato di T4 viene visualizzato nella riga relativa a 2002.
Se viene utilizzato l’operatore In, la formula per il fatturato trimestrale massimo sarà
Max ([Sales Revenue] In ([Year];[Quarter])) In ([Year])
Questa formula calcola il fatturato massimo per ogni combinazione (Anno,Trimestre), quindi restituisce
questa cifra per anno.
Nota:
poiché il contesto di output predefinito del blocco è Anno, in questa formula non occorre specificare
in modo esplicito tale contesto.
516
2013-07-02
Creazione di report
Operatore contestuale PerOgni
L’operatore PerOgni consente di aggiungere dimensioni ad un contesto.
Esempio: Uso dell’operatore PerOgni per l’aggiunta di dimensioni ad un contesto
Nella tabella seguente viene illustrato il fatturato massimo di ogni trimestre in un report contenente la
dimensione Trimestre ma non in un blocco:
Anno
Fatturato di vendita
Fatturato trimestrale massimo
2001
8096123,60
2660699,50
2002
13232246
4186120
2003
15059142,80
4006717,50
È possibile creare una formula per la colonna Fatturato trimestrale massimo che non include l'operatore
PerOgni:
Max ([Sales Revenue] In ([Year];[Quarter])) In ([Year])
Utilizzando l'operatore di contesto PerOgni, è possibile ottenere lo stesso risultato mediante la formula
seguente:
Max ([Sales Revenue] ForEach ([Quarter])) In ([Year])
Perché? Perché la dimensione Anno è il contesto di input predefinito nel blocco. Utilizzando l'operatore
PerOgni, si aggiunge la dimensione Trimestre al contesto, dando un contesto di input ([Anno];[Trimestre]).
Operatore contestuale PerTutto
L’operatore contestuale PerTutto consente di rimuovere le dimensioni da un contesto.
Esempio: Uso dell’operatore PerTutto per la rimozione di dimensioni da un contesto
Si ipotizzi che ad un report contenente Anno, Trimestre e Fatturato si desideri aggiungere una colonna
in cui venga visualizzato il fatturato totale di ogni anno, come illustrato nel blocco riportato di seguito.
517
2013-07-02
Creazione di report
Per calcolare il totale dei fatturati per anno, il contesto di input deve essere (Anno); per impostazione
predefinita, tale contesto è (Anno; Trimestre). Pertanto, è possibile rimuovere Trimestre dal contesto
di input specificando PerTutto ([Trimestre]) nella formula, che sarà simile alla seguente:
Sum([Sales Revenue] ForAll ([Quarter]))
Per ottenere lo stesso risultato, è possibile utilizzare l'operatore In; in questo caso la formula sarà:
Sum([Sales Revenue] In ([Year]))
In questa versione della formula, viene specificato esplicitamente Anno come contesto, piuttosto che
procedere alla rimozione di Trimestre per lasciare Anno.
5.7.6.2.6 Operatori Insieme
Gli operatori Insieme agiscono sui membri nei dati gerarchici.
Operatore intervallo
Descrizione
L'operatore di intervallo (:) restituisce un insieme di membri compresi tra due membri allo stesso livello,
inclusi i due membri
Sintassi
primo_membro:ultimo_membro
Esempi
[Geografia]&[US].[California].[Los Angeles]:[Geografia]&[US].[California].[San
Francisco] restituisce [Los Angeles], [San Diego], [San Francisco] se i membri del livello sono
nell'ordine ...[Los Angeles], [San Diego], San Francisco]...
Somma([Fatturato];{[Geografia]&[US].[California].[Los Angeles]:[Geogra
fia]&[US].[California].[San Francisco]}) restituisce il fatturato totale per Los Angeles,
San Diego e San Francisco.
518
2013-07-02
Creazione di report
5.7.6.3 Parole chiave di sintassi estesa
Le parole chiave della sintassi estesa sono forme brevi che consentono di fare riferimento a dimensioni
nella sintassi estesa senza specificare tali dimensioni in modo esplicito. Ciò consente di ottenere report
affidabili; se le formule non contengono riferimenti codificati alle dimensioni, continueranno ad operare
anche se le dimensioni vengono aggiunte o rimosse dal report.
Sono disponibili cinque parole chiave della sintassi estesa: Report, Sezione, Interruzione, Blocco e
Corpo.
5.7.6.3.1 Parola chiave Blocco
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave Blocco,
a seconda del punto del report in cui viene inserita. La parola chiave Blocco spesso comprende gli
stessi dati della parola chiave Sezione. La differenza è che Blocco fa riferimento ai filtri inclusi in un
blocco, mentre Sezione li ignora.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Ai dati inclusi in tutto il blocco, ignorando le interruzioni e rispettando i filtri
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Ai dati inclusi in tutto il blocco, ignorando le interruzioni e rispettando i filtri
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Non applicabile
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
Esempio: Parola chiave Blocco
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato. Tale report dispone di una sezione basata
su Anno. Il blocco viene filtrato in modo da escludere il terzo e il quarto trimestre.
519
2013-07-02
Creazione di report
La colonna Media annuale ha la formula
Average([Sales revenue] In Section)
e la colonna Media prima metà ha la formula
Average ([Sales revenue]) In Block
È possibile notare come la parola chiave Blocco prenda in considerazione il filtro incluso nel blocco.
5.7.6.3.2 Parola chiave Corpo
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave Corpo,
a seconda del punto del report in cui viene inserita.
520
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Ai dati inclusi nel blocco
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Ai dati inclusi nel blocco
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Ai dati inclusi nella sezione
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Ai dati inclusi nel report
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Parola chiave Corpo
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato, con un'interruzione su Anno. Il report
dispone di una sezione basata su Anno e di un'interruzione su Trimestre.
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Corpo
2001
T1
2.660.700
2.660.699,5
T2
2.279.003
2.279.003
T3
1.367.841
1.367.840,7
T4
1.788.580
1.788.580,4
2001
8.096.123,6
La colonna Corpo ha la formula
Sum ([Sales Revenue]) In Body
I totali visualizzati nella colonna Corpo corrispondono a quelli della colonna Fatturato, in quanto la
parola chiave Corpo fa riferimento ai dati inclusi nel blocco. Se fosse stato rimosso l’oggetto Mese,
le cifre visualizzate nella colonna Blocco sarebbero state modificate in modo da corrispondere a quelle
modificate della colonna Fatturato. Se la formula fosse stata inserita nel piè di pagina del report,
avrebbe restituito il fatturato totale del corpo.
5.7.6.3.3 Parola chiave Interruzione
Nella tabella riportata di seguito sono descritte le dimensioni a cui fa riferimento la parola chiave
Interruzione, a seconda del punto del report in cui viene inserita.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
Dati nella parte di un blocco delimitata da un’interruzione
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
Dati nella parte di un blocco delimitata da un’interruzione
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
Non applicabile
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
Esempio: Parola chiave Interruzione
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato di vendita:
521
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Fatturato di vendita
Totale interruzione
2001
T1
$2.660.700
$8.096.124
T2
$2.279.003
$8.096.124
T3
$1.367.841
$8.096.124
T4
$1.788.580
$8.096.124
Tale report presenta un'interruzione in corrispondenza di Anno. La colonna Totale interruzione contiene
la formula:
Sum ([Sales Revenue]) In Break
Senza la parola chiave Interruzione, in tale colonna sarebbero state visualizzate le stesse cifre della
colonna Fatturato di vendita, in quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito
([Anno];[Trimestre]).
5.7.6.3.4 Parola chiave Report
Nella tabella riportata di seguito sono descritti i dati a cui fa riferimento la parola chiave Report, a
seconda del punto del report in cui viene inserita.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
A tutti i dati inclusi nel report
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
A tutti i dati inclusi nel report
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
A tutti i dati inclusi nel report
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
A tutti i dati inclusi nel report
Esempio: Parola chiave Report
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato. Tale report presenta una colonna, Totale
report, contenente il totale di tutti i fatturati del report.
522
2013-07-02
Creazione di report
La formula della colonna Totale report è Somma([Fatturato di vendita]) In Report. Senza la parola
chiave Report, in tale colonna sarebbero state visualizzate le stesse cifre della colonna Fatturato, in
quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito ([Anno];[Trimestre]).
5.7.6.3.5 Parola chiave Sezione
Nella tabella riportata di seguito sono descritti i dati a cui fa riferimento la parola chiave Sezione, a
seconda del punto del report in cui viene inserita.
Se la parola chiave è inserita
Fa riferimento
In un blocco
A tutti i dati inclusi nella sezione
In un’interruzione del blocco (intestazione o piè
di pagina)
A tutti i dati inclusi nella sezione
In una sezione (intestazione, piè di pagina o
all’esterno di un blocco)
A tutti i dati inclusi nella sezione
All’esterno di tutti i blocchi o di tutte le sezioni
Non applicabile
Esempio: Parola chiave Sezione
Si ha un report che visualizza Anno, Trimestre e Fatturato.
523
2013-07-02
Creazione di report
Tale report dispone di una sezione basata su Anno. La colonna Totale sezione contiene la formula:
Sum ([Sales Revenue]) In Section
La cifra nella colonna Totale sezione è il fatturato totale per il 2001, perché l'interruzione avviene
sull'oggetto Anno. Senza la parola chiave Sezione, in tale colonna sarebbero state visualizzate le
stesse cifre della colonna Fatturato, in quanto sarebbe stato utilizzato il contesto di output predefinito
([Anno];[Trimestre]).
5.7.6.4 Arrotondamento e troncamento di numeri
Diverse funzioni contengono un parametro che determina il livello di arrotondamento o troncamento
dei valori da restituire. Questo parametro accetta un valore intero che sia maggiore di 0, 0, o minore
di 0. La tabella che segue spiega in che modo i numeri vengono arrotondati e troncati in questi casi:
524
2013-07-02
Creazione di report
Parametro
>0
Descrizione
La funzione arrotonda/tronca a <parametro> posizioni decimali.
Esempi:
Arrot(3,13;1) restituisce 3,1
Arrot(3,157;2) restituisce 3,16
0
La funzione arrotonda/tronca al valore intero più vicino.
Esempi:
Tronca(3,7;0) restituisce 3
Tronca(4,164;0) restituisce 4
<0
La funzione arrotonda/tronca alla decina più vicina (parametro = -1), 100 (parametro = -2), 1.000 (parametro = -3) e così via.
Esempi:
Arrot(123,76;-1) restituisce 120
Arrot(459,9;-2) restituisce 500
Tronca(1.600;-3) restituisce 1.000
Nota:
i numeri sono rappresentati internamente come doppi e sono precisi fino a sedici cifre.
Argomenti correlati
• Arrot
• Tronca
• EuroConvertiIn
• EuroConvertiDa
• ErroreArrotondamentoDaEuro
• ErroreAArrotEuro
5.7.6.5 Riferimento ai membri e agli insiemi di membri nelle gerarchie
Per fare riferimento ai membri e agli insiemi di membri nelle funzioni, utilizzare la sintassi [gerar
chia]&percorso.funzione. percorso e funzione sono facoltativi. In percorso si fa riferimento
525
2013-07-02
Creazione di report
a ogni membro tra parentesi quadre, con i membri separati mediante punti. I nomi dei membri e dei
livelli supportano la distinzione tra maiuscole e minuscole.
Nota:
i set di membri consentono di sostituire il contesto di calcolo predefinito per una gerarchia. Nelle funzioni
che accettano insiemi di membri, è necessario racchiudere l'insieme tra {}.
Per fare riferimento a intervalli di membri, utilizzare i due punti (:) tra il membro iniziale e quello finale,
specificando l'intero percorso per ogni membro. Un intervallo include tutti i membri allo stesso livello di
quelli specificati.
Un esempio di sintassi è: [Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE];[Gra
nde].[Nancy Davolio]: [Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE];[Gra
nde].[Andrew Smith].
Esempio: Riferimento ai membri e agli insiemi di membri
È disponibile la seguente gerarchia:
Gerarchia vendite
Importo ordine
Tipo_cliente
277.290.434
ENTERPRISE
180.063.361
Grande
GLOBALE
•
•
•
•
•
526
113.905.997
Nancy Davolio
44.855.689
Janet Leverling
44.050.308
Andrew Smith
30.000.000
91.157.363
[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE].[Grande].ElementiSecondari
fa riferimento ai membri [Nancy Davolio], [Janet Leverling] e [Andrew Smith].
Somma([Importo ordine];{[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTER
PRISE].[Grande].children}) restituisce 113.905.997 (la somma degli indicatori per i tre
membri secondari).
[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE].[Grande].[Janet Leverling]
fa riferimento al membro [Janet Leverling].
Somma([Importo ordine];{[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTER
PRISE].[Grande].[Janet Leverling];[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[EN
TERPRISE].[Grande].[Nancy Davolio]}) restituisce 88.905.997 (la somma degli indicatori
per i due membri).
[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE].[Grande].[Nancy Davo
lio]:[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTERPRISE].[Grande].[Andrew
Smith] fa riferimento ai membri [Nancy Davolio], [Janet Leverling] e [Andrew Smith].
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
Somma([Importo ordine];{[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[ENTER
PRISE].[Grande].[Nancy Davolio]:[Gerarchia vendite]&[Tipo_cliente].[EN
TERPRISE].[Grande].[Andrew Smith]}) restituisce 113.905.997 (la somma dell'indicatore
per i tre membri nell'intervallo).
[Gerarchia vendite].children fa riferimento a tutti i membri nella gerarchia [Gerarchia
vendite].
Somma([Imposto ordine];{Gerarchia vendite].children}) restituisce 277.290.434.
5.7.7 Risoluzione dei problemi relativi alle formule
5.7.7.1 Messaggi di errore e di informazioni delle formule
In alcuni casi è possibile che una formula non sia in grado di restituire un valore e restituisce un
messaggio di errore o di informazioni che inizia con '#". Il messaggio viene visualizzato nella cella in
cui si trova la formula.
È possibile formattare i dati del report che restituiscono messaggi di errore utilizzando la formattazione
condizionale.
5.7.7.1.1 #CALCOLO
L'errore #CALCOLO si verifica quando una dimensione della sezione specificata nella funzione Valo
reRelativo non è più disponibile nel contesto di calcolo del blocco in cui si trova la funzione.
Il messaggio di errore #CALCOLO viene visualizzato anche quando un oggetto unito contenente una
gerarchia viene incluso in un report.
L'errore #CALCOLO è relativo anche all'uso erroneo di operatori di contesto in una formula.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.7.1.2 #CONTESTO
L'errore #CONTESTO viene visualizzato in un indicatore quando questo dispone di un contesto di
calcolo inesistente.
#CONTESTO è correlato ai messaggi di errore #INCOMPATIBILE e #SINCDATI e viene visualizzato
nelle dimensioni quando un blocco contiene un contesto di calcolo inesistente.
527
2013-07-02
Creazione di report
Nel caso di #INCOMPATIBILE il contesto è inesistente poiché le dimensioni sono incompatibili; nel
caso di #SINCDATI il contesto è inesistente poiché le dimensioni provengono da più fornitori di dati
non sincronizzati.
Esempio: Contesto di calcolo inesistente in una query
Se un blocco basato sull'universo Vacanze da sogno contiene gli oggetti Anno di prenotazione e
Fatturato, viene visualizzato il messaggio di errore #CONTESTO in quanto non è possibile aggregare
il fatturato in base all'anno di prenotazione. (Le prenotazioni non hanno ancora generato un fatturato).
5.7.7.1.3 #SINCDATI
L'errore #SINCDATI si verifica quando una dimensione di un fornitore di dati diverso viene inserita in
un blocco contenente le dimensioni di un altro fornitore di dati e i due fornitori di dati non sono
sincronizzati mediante una dimensione unita. L'errore #SINCDATI viene visualizzato in tutte le dimensioni
nel blocco, mentre l'errore #CONTESTO negli indicatori.
Esempio: Dimensioni di diversi fornitori di dati in un blocco
Se un report basato sull'universo Vacanze da sogno contiene fornitori di dati con gli oggetti (Anno,
Fatturato) e (Trimestre), in un blocco contenente Anno, Trimestre e Fatturato verrà visualizzato l'errore
#SINCDATI nelle colonne Anno e Trimestre, in quanto i due fornitori di dati non sono sincronizzati
mediante una dimensione unita.
5.7.7.1.4 #DIV/0
L'errore #DIV/0 si verifica quando una formula tenta di dividere un numero per zero, operazione
matematicamente impossibile. in quanto zero non può essere un divisore.
Esempio: Calcolo del fatturato per articolo
Si prenda in considerazione un report in cui sono visualizzati i fatturati, i numeri di articoli venduti e il
fatturato per articolo (calcolato dividendo il fatturato per il numero di articoli venduti).
Si ipotizzi di aver avuto un pessimo trimestre in cui non è stato realizzato alcun fatturato; nella colonna
Fatturato per articolo, viene restituito #DIV/0 per questo trimestre, in quanto la formula tenta di dividere
per zero, ovvero tenta di dividere il fatturato per il numero di articoli venduti che è pari a zero.
5.7.7.1.5 #ERRORE
#ERRORE è il messaggio di errore predefinito relativo a tutti gli errori non risolti da altri messaggi di
errore.
5.7.7.1.6 #EXTERNAL
Il messaggio di errore #ESTERNO viene visualizzato quando una formula fa riferimento a una funzione
esterna non disponibile in Web Intelligence.
528
2013-07-02
Creazione di report
5.7.7.1.7 #INCOMPATIBILE
L'errore #INCOMPATIBILE si verifica se un blocco contiene oggetti incompatibili.
Esempio: Oggetti incompatibili in una query
Se un blocco basato sull'universo Vacanze da sogno contiene le dimensioni Anno e Anno di
prenotazione, le colonne contenenti tali dimensioni riportano l'errore #INCOMPATIBILE perché questi
oggetti sono incompatibili.
5.7.7.1.8 #MIX
Il messaggio di errore #MIX viene visualizzato quando un indicatore aggregato presenta unità differenti.
Ad esempio, #MIX viene visualizzato in una cella in cui sono aggregati valori valuta espressi in diverse
valute.
5.7.7.1.9 #VALOREMULTI
L'errore #VALOREMULTI si verifica quando si inserisce una formula che restituisce più valori in una
cella che fornisce come risultato un solo valore.
Esempio: Più valori in una cella
Si ipotizzi di avere un report in cui sono visualizzati Paese, Località di soggiorno e Fatturato e di
aggiungere una cella contenente la formula [Fatturato] PerOgni ([Paese]). Questa cella restituisce
#VALOREMULTI, in quanto Paese dispone di due valori nel report: ‘US’ e ‘Francia’.
In una sola cella non possono essere visualizzati i fatturati relativi a US e Francia. Se collocata fuori
dalla tabella, una cella contenente il fatturato può aggregare solo i fatturati inclusi nella tabella, ad
esempio calcolandone la somma o la media.
Se il report è suddiviso in sezioni in corrispondenza di Paese, la formula sarà corretta se inserita in
una sezione, poiché per ogni sezione esiste un solo valore relativo a Paese. Tuttavia, se inserita fuori
da una sezione, la formula restituirà sempre #VALOREMULTI.
5.7.7.1.10 #OVERFLOW
L'errore #OVERFLOW si verifica quando un calcolo restituisce un valore troppo grande che il software
non è in grado di gestire. Questo valore, in forma esponenziale, è 1,7E308 (1,7 seguito da 307 zeri).
5.7.7.1.11 #RISULTATOPARZIALE
L'errore #RISULTATOPARZIALE si verifica quando non sono state recuperate tutte le righe associate
all'oggetto di un report.
Se l'errore #RISULTATOPARZIALE si verifica spesso nei report e si dispone dei diritti di protezione
appropriati, modificare la proprietà di query N. max di righe recuperate per consentire il recupero
529
2013-07-02
Creazione di report
di un maggior numero di dati. Se non si dispone dei diritti per modificare la query, contattare
l'amministratore BI.
Se il report contiene indicatori intelligenti, vi è una maggiore probabilità che venga visualizzato #RISUL
TATOPARZIALE, poiché gli indicatori intelligenti richiedono il recupero di maggiori quantità di dati rispetto
agli indicatori classici.
5.7.7.1.12 #RANK
L'errore #RANK si verifica quando si tenta di classificare i dati basati su un oggetto che dipende
dall'ordine dei valori. (Gli oggetti che utilizzano la funzione Precedente o qualsiasi funzione di
aggregazione in esecuzione dipendono dall'ordine dei valori.) A causa del tentativo di classificare i dati,
è necessario che gli oggetti ricalcolino i relativi valori; questi ultimi, a loro volta, modificano la classifica,
dando come risultato una dipendenza circolare. Una dipendenza di questo tipo può verificarsi se per
creare una classifica si utilizza la finestra di dialogo Classifica o la funzione Classifica.
Esempio: Classifica dei valori precedenti o della media in esecuzione
Se si tenta di classificare un blocco su una colonna che contiene la funzione Precedente o qualsiasi
funzione di aggregazione in esecuzione, l'intero blocco restituisce #RANGO.
5.7.7.1.13 #RECURSIVE
Il messaggio di errore #RICORSIVO si verifica quando non è possibile eseguire un calcolo a causa di
una dipendenza circolare.
Esempio: Utilizzo della funzione NumeroDiPagine()
Se la funzione NumeroDiPagine viene inserita in una cella per cui sono impostate le proprietà Adatta
altezza o Adatta larghezza, la cella restituisce #RICORSIVO perché il posizionamento di questa
formula in una cella con adattamento automatico crea una dipendenza circolare. Per restituire un
valore, la funzione richiede la dimensione esatta del report, ma la dimensione della cella, che influisce
sulle dimensioni del report, è determinata dal suo contenuto.
5.7.7.1.14 #AGGIORNA
Il messaggio di errore #AGGIORNA viene visualizzato nelle celle i cui valori sono ricavati da oggetti
eliminati e poi nuovamente aggiunti alla query. Gli oggetti vengono eliminati da una query quando è
selezionata la proprietà Abilita eliminazione query e gli oggetti non contribuiscono ad alcun report
basato sulla query.
Quando la query viene aggiornata, i valori degli oggetti vengono reinseriti nelle celle.
Argomenti correlati
• Eliminazione di query nei documenti
530
2013-07-02
Creazione di report
5.7.7.1.15 #FORMULAREP
Impossibile trovare un'equivalenza Web Intelligence.
5.7.7.1.16 #SECURITY
L'errore #PROTEZIONE si verifica quando si tenta di utilizzare una funzione senza disporre dei relativi
diritti di protezione.
Esempio: Utilizzo della funzione FornitoreDiDatiSQL()
Se un utente che non dispone del diritto che gli consente di visualizzare l'SQL del fornitore di dati
posiziona la funzione FornitoreDiDatiSQL() in una cella, in quest'ultima viene visualizzato il messaggio
#PROTEZIONE.
5.7.7.1.17 #SINTASSI
L’errore #SINTASSI si verifica quando una formula fa riferimento ad un oggetto non più presente nel
report.
Esempio: Riferimento a un oggetto inesistente
Si prenda in considerazione un report in cui originariamente erano visualizzati Anno, Trimestre e
Fatturato, con una colonna aggiuntiva contenente la differenza tra il fatturato e il fatturato annuale
medio. Tale cifra si ottiene dalla variabile Differenza dalla media annuale.
Se la variabile Differenza dalla media annuale viene eliminata dal report, la colonna che lo contiene
restituisce #SINTASSI.
5.7.7.1.18 #AGGIORNARE
L'errore #AGGIORNARE viene visualizzato nelle celle basate su indicatori intelligenti quando il valore
restituito dall'indicatore intelligente non è disponibile. Questa situazione si verifica quando l'“insieme di
raggruppamento” contenente il valore non è disponibile nel fornitore di dati.
È possibile rimuovere l'errore #AGGIORNARE aggiornando i dati.
Alcuni degli indicatori sono “delegati” (in BW questo termine è in genere riferito a un indicatore che non
viene aggregato con SOMMA): quando si definisce una tabella o un calcolo su un indicatore, l'indicatore
viene interrogato nel contesto specifico dell'aggregazione (viene cioè assegnato l'indicatore per un
insieme di dimensioni). Se tale insieme di dimensioni è un sottoinsieme dell'insieme di dimensioni della
query, l'indicatore deve essere aggregato insieme all'insieme di dimensioni specificato (o al
raggruppamento che fa riferimento al gruppo in base a una clausola in SQL).
Per gli indicatori normali è il sistema a eseguire l'aggregazione, mentre per quelli delegati l'aggregazione
è delegata al database sottostante. Per questo motivo il sistema deve nuovamente interrogare il
database. Poiché questa operazione non è automatica, viene visualizzato il messaggio #AGGIORNARE
e il sistema attende che l'utente proceda con un aggiornamento. Una volta completato l'aggiornamento,
531
2013-07-02
Creazione di report
il sistema eseguirà la query aggiuntiva per ottenere l'aggregazione richiesta e sostituire #AGGIORNARE
con il valore appropriato.
5.7.7.1.19 #NON DISPONIBILE
Il messaggio di errore #NON DISPONIBILE viene visualizzato quando non è possibile calcolare il valore
di un indicatore intelligente.
Questa situazione si verifica quando non è possibile visualizzare i valori in un indicatore intelligente
filtrato senza applicare un filtro alla query. Poiché questo comporta il rischio di produrre effetti su altri
report basati sulla stessa query, non viene applicato alcun filtro.
5.7.8 Confronto di valori mediante funzioni
5.7.8.1 Confronto dei valori utilizzando la funzione Precedente
La funzione Precedente restituisce un valore comparativo precedente di un'espressione. Il valore
restituito dipende dal layout del report.
Per capacità di confronto più efficaci, utilizzare la funzione ValoreRelativo. ValoreRelativo
restituisce un valore comparativo precedente o successivo di un'espressione. Il valore restituito non
dipende dal layout del report.
Argomenti correlati
• Precedente
• ValoreRelativo
• Confronto dei valori utilizzando la funzione ValoreRelativo
5.7.8.2 Confronto dei valori utilizzando la funzione ValoreRelativo
La funzione ValoreRelativo restituisce i valori comparativi di un'espressione. La funzione restituisce
tali valori indipendentemente dal layout di un report.
Quando si utilizza la funzione ValoreRelativo, specificare quanto segue:
532
2013-07-02
Creazione di report
•
•
•
L'espressione di cui si desidera trovare il valore comparativo (l'espressione deve essere un indicatore
o un dettaglio di una dimensione disponibile nel blocco).
L'elenco delle “dimensioni delle sezioni”
L'offset.
La funzione utilizza le dimensioni delle sezioni, l'offset e le “dimensioni degli assi secondari” (utilizzate
dalle dimensioni delle sezioni) per restituire un valore comparativo. Le dimensioni degli assi secondari
sono tutte le altre dimensioni del contesto del calcolo oltre alle dimensioni delle sezioni.
In termini generali, la funzione ValoreRelativo restituisce il valore dell'espressione nella riga in cui,
nell'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni, le righe di offset sono rimosse dalla riga corrente
e dove i valori delle dimensioni degli assi secondari sono gli stessi della riga corrente.
Nota:
Tutte le dimensioni delle sezioni devono essere presenti nel contesto di calcolo del blocco in cui si trova
la funzione. Se in seguito una dimensione della sezione viene rimossa, la funzione restituisce l'errore
#CALCOLO.
Esempio:
In questo esempio, la colonna ValoreRelativo contiene la formula seguente:
RelativeValue([Revenue];([Year]);-1)
•
•
•
L'espressione è [Fatturato];
La dimensione della sezione è [Anno];
L'offset è -1 (la funzione restituisce il valore immediatamente precedente nell'elenco).
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
2007
T1
Smith
1000
2007
T2
Jones
2000
2007
T3
Wilson
1500
2007
T4
Harris
3000
2008
T1
Smith
4000
1000
2008
T2
Jones
3400
2000
2008
T3
Wilson
2000
1500
2008
T4
Harris
1700
3000
ValoreRelativo
Espressa come una domanda aziendale, la formula restituisce il fatturato generato dallo stesso addetto
alle vendite nello stesso trimestre nell'anno precedente.
Espressa come calcolo in forma di parole, la formula restituisce il valore di [Fatturato] (l'espressione)
nella riga, dove il valore di [Anno] (la dimensione della sezione) è il valore precedente nell'elenco dei
533
2013-07-02
Creazione di report
valori dell'oggetto [Anno] e i valori di [Trimestre] e [Addetto alle vendite] (le dimensioni degli assi
secondari) sono gli stessi della riga corrente.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.8.2.1 Dimensioni delle sezioni e funzione ValoreRelativo
La funzione ValoreRelativo utilizza l'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni per trovare la
riga comparativa. La funzione restituisce il valore comparativo dell'espressione specificata nella funzione,
che rappresenta il numero di righe offset di distanza nell'elenco delle dimensioni delle sezioni.
Quindi, l'ordinamento delle dimensioni delle sezioni è fondamentale per determinare l'output della
funzione.
Esempio: Dimensioni delle sezioni multiple
Nella tabella seguente, la colonna ValoreRelativo contiene la seguente formula:
RelativeValue([Revenue];([Year];[Quarter]);-1)
•
•
•
534
L'espressione è [Fatturato];
Le dimensioni delle sezioni sono ([Anno];[Trimestre]);
L'offset è -1 (la funzione restituisce il valore immediatamente precedente nell'elenco).
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
2007
T1
Smith
1000
2007
T2
Smith
2000
2007
T3
Smith
1500
2007
T4
Smith
3000*
2007
T1
Jones
4000
2007
T2
Jones
3400
2007
T3
Jones
2000
2007
T4
Jones
1700
2008
T1
Smith
5000**
ValoreRelativo
3000*
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
ValoreRelativo
2008
T2
Smith
3000***
5000**
2008
T3
Smith
2700****
3000***
2008
T4
Smith
6800
2700****
Espressa come una domanda aziendale, la formula restituisce il fatturato generato dallo stesso addetto
alle vendite nel trimestre precedente.
Espressa come calcolo in forma di parole, la formula restituisce il valore di [Fatturato] nella riga, dove
i valori di [Anno] e [Trimestre] rappresentano il valore precedente ([Anno];[Trimestre]) nell'elenco dei
valori e il valore di [Addetto alle vendite] è lo stesso della riga corrente.
La funzione utilizza l'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni per trovare il fatturato comparativo:
Anno
Trimestre
2007
T1
2007
T2
2007
T3
2007
T4
*
2008
T1
**
2008
T2
***
2008
T3
****
2008
T4
Il tipo di ordinamento delle dimensioni delle sezioni determina l'output della funzione. Il carattere *
nelle tabelle mostra il tipo di ordinamento.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.8.2.2 Dimensioni delle sezioni e sezioni
Una dimensione della sezione può trovarsi in una cella principale si sezione di un report.
535
2013-07-02
Creazione di report
Esempio:
Nella tabella seguente, la colonna ValoreRelativo contiene la seguente formula:
RelativeValue([Revenue];([Year];[Quarter]);-1)
2007
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
ValoreRelativo
T1
Smith
1000
T2
Smith
2000
T3
Smith
1500
T4
Smith
3000*
T1
Jones
4000
T2
Jones
3400
T3
Jones
2000
T4
Jones
1700
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
ValoreRelativo
T1
Smith
5000**
3000*
T2
Smith
3000***
5000**
T3
Smith
2700 ****
3000***
T4
Smith
6800
2700****
2008
La funzione utilizza l'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni per trovare il fatturato comparativo:
536
Anno
Trimestre
2007
T1
2007
T2
2007
T3
2007
T4
*
2008
T1
**
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
2008
T2
***
2008
T3
****
2008
T4
Il tipo di ordinamento delle dimensioni delle sezioni determina l'output della funzione. Il carattere *
nelle tabelle mostra il tipo di ordinamento.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.8.2.3 Ordine delle dimensioni delle sezioni
Poiché l'ordinamento dell'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni determina l'output della funzione
ValoreRelativo, l'ordine con cui vengono specificate le dimensioni delle sezioni influisce sull'output
della funzione.
Esempio: Ordine delle dimensioni delle sezioni
Nella tabella seguente, la colonna ValoreRelativo contiene la seguente formula:
RelativeValue([Revenue];([Year];[Quarter]);-1)
537
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
2007
T1
Smith
1000
2007
T2
Smith
2000
2007
T3
Smith
1500
2007
T4
Smith
3000*
2007
T1
Jones
4000
2007
T2
Jones
3400
2007
T3
Jones
2000
2007
T4
Jones
1700
2008
T1
Smith
5000**
ValoreRelativo
3000*
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
ValoreRelativo
2008
T2
Smith
3000***
5000**
2008
T3
Smith
2700****
3000***
2008
T4
Smith
6800
2700****
Espressa come una domanda aziendale, la formula restituisce il fatturato generato dallo stesso addetto
alle vendite nel trimestre precedente.
L'ordinamento delle dimensioni delle sezioni è il seguente:
Anno
Trimestre
2007
T1
2007
T2
2007
T3
2007
T4
*
2008
T1
**
2008
T2
***
2008
T3
****
2008
T4
La funzione è cambiata in:
RelativeValue([Revenue];([Quarter];[Year]);-1)
L'ordinamento delle dimensioni delle sezioni diventa:
538
Trimestre
Anno
T1
2007
*
T1
2008
**
T2
2007
***
T2
2008
****
T3
2007
*****
2013-07-02
Creazione di report
Trimestre
Anno
T3
2008
******
T4
2007
*******
T4
2008
********
L'ordinamento influisce nel modo seguente sul risultato della funzione:
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
2007
T1
Smith
1000*
2007
T2
Smith
2000***
2007
T3
Smith
1500*****
2007
T4
Smith
3000*******
2007
T1
Jones
4000
2007
T2
Jones
3400
2007
T3
Jones
2000
2007
T4
Jones
1700
2008
T1
Smith
5000**
1000*
2008
T2
Smith
3000****
2000***
2008
T3
Smith
2700******
1500*****
2008
T4
Smith
6800********
3000*******
ValoreRelativo
Espressa come una domanda aziendale, ora la formula restituisce il fatturato generato dallo stesso
addetto alle vendite nello stesso trimestre nell'anno precedente.
La modifica all'ordinamento della dimensione della sezione cambia il significato della formula. Il
carattere * nelle tabelle indica il tipo di ordinamento.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.8.2.4 Dimensioni delle sezioni e ordinamenti
Poiché l'ordinamento dell'elenco dei valori delle dimensioni delle sezioni determina l'output della funzione,
un ordinamento applicato a una dimensione nelle dimensioni delle sezioni influisce sull'output della
funzione.
539
2013-07-02
Creazione di report
Esempio: Un ordinamento personalizzato applicato a una dimensione della sezione
Nella tabella seguente, la colonna ValoreRelativo contiene la seguente formula:
RelativeValue([Revenue];([Year];[Quarter]);-1)
Un ordinamento personalizzato (T1, T2, T4, T3) viene applicato a [Trimestre], fornendo il risultato
seguente alla funzione:
Anno
Trimestre
Addetto alle vendite
Fatturato
2007
T1
Smith
1000
2007
T2
Smith
2000
2007
T4
Smith
3000
2007
T3
Smith
1500*
2007
T1
Jones
4000
2007
T2
Jones
3400
2007
T4
Jones
1700
2007
T3
Jones
2000
2008
T1
Smith
5000**
1500*
2008
T2
Smith
3000***
5000**
2008
T4
Smith
6800****
3000***
2008
T3
Smith
2700
6800****
ValoreRelativo
L'elenco ordinato delle dimensioni delle sezioni è il seguente:
540
Anno
Trimestre
2007
T1
2007
T2
2007
T4
2007
T3
*
2008
T1
**
2013-07-02
Creazione di report
Anno
Trimestre
2008
T2
***
2008
T4
****
2008
T3
Il carattere * nelle tabelle mostra il tipo di ordinamento.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
5.7.8.2.5 Uso della funzione ValoreRelativo nelle tabelle a campi incrociati
La funzione ValoreRelativo può essere utilizzata sia nelle tabelle a campi incrociati che nelle tabelle
verticali. Il layout dei dati in una tabella a campi incrociati non influenza l'output della funzione.
Argomenti correlati
• ValoreRelativo
541
2013-07-02
Creazione di report
542
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
6.1 Collegamento ad altri documenti
Le celle dei documenti possono essere impostate come collegamenti ipertestuali. I collegamenti
ipertestuali nelle celle sono simili a quelli del World Wide Web che consentono di aprire una pagina
Web differente da quella correntemente visualizzata.
Quando si fa clic su una cella che contiene un collegamento ipertestuale, viene aperto il documento di
destinazione specificato nel collegamento. Il documento di destinazione può essere un altro documento
Web Intelligence, un sito Web, nonché un documento PDF, Excel o Word oppure qualsiasi risorsa
accessibile tramite un collegamento ipertestuale.
I collegamenti ipertestuali possono essere statici o dinamici. Quelli statici collegano sempre allo stesso
documento e allo stesso modo. Quelli dinamici possono collegare diversamente, in base ai dati del
documento contenente il collegamento ipertestuale.
È possibile creare diversi tipi di collegamento ipertestuale:
•
•
•
Una cella in cui il testo rappresenta il collegamento ipertestuale.
Una cella con un collegamento ipertestuale associato.
Un collegamento a un altro documento nel CMS. Utilizzare l'interfaccia HTML Web Intelligence per
questa operazione. Per i documenti di destinazione che fanno riferimento alle query BEx, agli universi
.unx o agli universi .unv contenenti prompt che utilizzano Riconoscimento indice, è necessario
impostare altri parametri.
Quando si crea un collegamento utilizzando l'interfaccia HTML Web Intelligence, il collegamento viene
definito con la sintassi OpenDocument. Se si desidera, è possibile creare i collegamenti manualmente
utilizzando OpenDocument. Per ulteriori informazioni sulla sintassi OpenDocument, consultare il
manuale Visualizzazione di documenti mediante OpenDocument.
Analogamente al collegamento tra documenti, è possibile collegare gli elementi di report dello stesso
report definendoli come “controlli di input” che filtrano i valori presenti in altri elementi di report.
6.1.1 Celle definite come collegamenti ipertestuali
Quando si definisce una cella come un collegamento ipertestuale, il testo della cella diventa il testo
attivo del collegamento ipertestuale. Ad esempio, se si definisce come collegamento ipertestuale una
543
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
cella indipendente contenente il testo http://www.sap.com, quando si fa clic sulla cella, si viene
indirizzati alla pagina Web di SAP.
Questo metodo è più adatto ai collegamenti ipertestuali statici, dove il testo nelle celle rimane sempre
lo stesso e collega alla stessa risorsa nello stesso modo.
Nota:
è possibile rendere dinamico questo tipo di collegamento ipertestuale utilizzando la formula di una cella
per modificare il testo della cella in base ai dati del report.
6.1.1.1 Definizione di una cella come collegamento ipertestuale
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare o digitare il testo del collegamento ipertestuale in una cella.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e scegliere Collegamento > Leggi contenuto
come collegamento ipertestuale.
6.1.2 Un collegamento ipertestuale associato a una cella
Un collegamento ipertestuale associato a una cella si collega che al documento di origine quando si
fa clic sulla cella. Il testo della cella non rappresenta il collegamento ipertestuale.
Questo è il metodo consigliato per la creazione dei collegamenti ipertestuali dinamici per i seguenti
motivi:
•
•
•
Questo metodo è particolarmente adatto per l'utilizzo dei parametri nei collegamenti ipertestuali
dinamici.
In questo modo non ci si deve preoccupare della complessità della sintassi per i collegamenti
ipertestuali, poiché il collegamento viene definito utilizzando un'interfaccia grafica e la sintassi viene
generata e gestita "dietro le quinte".
Consente di definire il testo del collegamento ipertestuale differente dal testo della cella.
6.1.2.1 Aggiunta di un collegamento ipertestuale a una cella
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una cella e selezionare Collegamento > Aggiungi
collegamento ipertestuale per visualizzare la finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale"
o "Collegamenti ipertestuali".
544
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
3. Se si utilizza l'interfaccia HTML Web Intelligence, selezionare la scheda Collega a pagina Web.
4. Digitare o incollare il testo del collegamento ipertestuale nella casella.
5. Fare clic su Analizza.
Eventuali parametri del collegamento ipertestuale vengono visualizzati nell'area "Personalizza
parametri URL".
I collegamenti ipertestuali dinamici contengono parametri i cui valori possono cambiare. I parametri
appaiono come parti nome=valore alla fine del collegamento ipertestuale dopo il punto interrogativo.
Ad esempio, l'URL seguente contiene un parametro, reportname, il cui valore è “products":
http://salesandproductreport/default.asp?reportname=products
Ogni parametro viene riportato su una riga separata con il nome del parametro a sinistra e il valore
del parametro a destra. La parte statica del collegamento ipertestuale, ovvero la parte senza
parametri, viene riportata nella sezione "Principale".
6. Per fornire dati da formule o variabili come valori di parametri, fare clic sulla freccia accanto a ogni
valore di parametro e selezionare un'opzione.
Opzione
Descrizione
Genera formula
È possibile generare una formula utilizzando l'"editor delle formule" per fornire
l'output della formula come valore del parametro.
Seleziona ogget- È possibile scegliere l'oggetto dall'elenco nella finestra di dialogo "Oggetti disto
ponibili" per fornire il relativo valore come valore del parametro.
Nota:
Quando si modifica un parametro, l'intera sintassi del collegamento ipertestuale cambia in modo da
riflettere la modifica nella casella nella parte alta dello schermo.
7. Per aggiungere o rimuovere un parametro, modificare la sintassi del collegamento ipertestuale,
quindi fare clic su Analizza.
Nota:
Non è possibile aggiungere o rimuovere i parametri direttamente nell'elenco dei parametri nell'area
Personalizzare parametri URL. È necessario modificare direttamente la sintassi dell'URL.
8. Digitare il testo della descrizione comandi nella casella Descrizione comandi oppure creare una
descrizione comandi dinamica utilizzando le opzioni Genera formula o Seleziona variabile.
Opzione
Descrizione
Genera formula
È possibile generare una formula utilizzando l'"editor delle formule" per fornire
l'output della formula come descrizione comandi.
Seleziona ogget- È possibile scegliere l'oggetto dall'elenco nella finestra di dialogo "Oggetti disto
ponibili" per fornire il relativo valore come descrizione comandi.
La descrizione comandi viene visualizzata quando si passa il puntatore del mouse sulla cella
contenente il collegamento ipertestuale.
545
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
9. Fare clic sulla freccia accanto a Finestra di destinazione per definire la modalità di visualizzazione
dell'URL di destinazione.
Opzione
Descrizione
Finestra corrente L'URL di destinazione sostituisce il documento che contiene il collegamento
ipertestuale nella finestra corrente.
Nuova finestra
L'URL di destinazione viene visualizzato in una nuova finestra del browser.
10. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale" o "Collegamenti
ipertestuali".
6.1.3 Collegamento a un altro documento nel CMS
Nell'interfaccia HTML Web Intelligence è possibile creare un collegamento a un altro documento nel
CMS utilizzando la finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale". Il collegamento utilizza la
funzione OpenDocument. I parametri passati alla funzione sono determinati dalle opzioni selezionate
nella finestra di dialogo.
È possibile utilizzare la funzione OpenDocument direttamente, digitando la sintassi in una cella.
Valori e istanze di documenti passati ai prompt
I collegamenti ipertestuali forniscono valori ai prompt nel documento di destinazione in due modi:
•
•
Passando i valori direttamente ai prompt.
Aprendo un'istanza del documento in base ai valori passati.
Nel primo caso, il collegamento fornisce i valori direttamente ai prompt del documento di destinazione.
Nel secondo caso, il collegamento apre l'istanza del documento i cui valori del prompt memorizzati
corrispondono ai valori passati dal collegamento ipertestuale. Quando si fa clic sull'URL, viene
automaticamente aggiornato il documento di destinazione, anche se l'opzione Aggiorna all'apertura
è disattivata.
Risulta più efficace scegliere l'istanza di un documento basata sui parametri passati se il documento
di destinazione è di grandi dimensioni.
Collegamento a documenti di grandi dimensioni
Se il documento di destinazione contiene una grande quantità di dati, è preferibile collegarsi a un'istanza
anziché aprire e recuperare il documento con un valore di parametro passato. È possibile pianificare
e recuperare in precedenza più istanze con valori di parametri diversi. Consente di pianificare e
recuperare in precedenza il documento con valori di parametri diversi.
Quando si fa clic sul collegamento ipertestuale, il collegamento apre l'istanza appropriata recuperata
in precedenza anziché utilizzare il valore passato per aprire il documento e recuperare i dati.
546
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
Esempio: Collegamento a un report delle vendite di grandi dimensioni
In questo esempio, ci si collega a un report delle vendite di grandi dimensioni per recuperare le vendite
per regione. Il report presenta un parametro che consente all'utente di selezionare la regione. Esistono
quattro regioni: Nord, Sud, Est e Ovest.
Il documento di origine presenta una dimensione [Regione]. Eseguire le operazioni seguenti:
•
•
•
•
Configurare il collegamento ipertestuale per passare il valore di [Regione] come parametro.
Creare quattro istanze del report delle vendite, ognuna per ogni valore di [Regione].
Pianificare le istanze per il recupero preliminare.
Configurare il collegamento ipertestuale per aprire l'istanza più recente il cui valore di parametro
corrisponde al valore passato dal collegamento ipertestuale.
Presupponendo che il documento abbia la dimensione [Regione], le impostazioni sono le seguenti:
Impostazione Collega l'istanza del documento
Corrispondenza valore più recente
Valori prompt corrispondenti più recenti
[Regione]
6.1.3.1 Collegamento a un altro documento nel CMS
L'opzione Aggiungi collegamento al documento è disponibile solo quando si modifica un report
nell'interfaccia HTML Web Intelligence. Questa opzione non è disponibile nell'interfaccia Web Intelligence
Applet o in Web Intelligence Rich Client.
Nota:
se il documento di destinazione fa riferimento a un universo .unx, a un universo .unv contenente un
prompt Riconoscimento indice o a una query BEx, è possibile selezionare altri oggetti.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Effettuare una delle operazioni seguenti:
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella in cui si desidera creare il collegamento e
selezionare Collegamento > Aggiungi collegamento al documento.
• Nella scheda Elementi del report, all'interno della sottoscheda Collegamento, selezionare
Aggiungi collegamento al documento dall'elenco a discesa "Documento".
3. Nella finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale" selezionare la scheda Collega a
documento.
4. Fare clic su Sfoglia e nella finestra di dialogo "Scegli documento" selezionare il documento di
destinazione o digitare l'ID del documento nella casella "ID documento".
Se sono presenti prompt nel documento a cui si crea il collegamento, viene visualizzato il pannello
"Selezionare i prompt".
547
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
5. Nel pannello "Selezionare i prompt" selezionare i prompt che si desidera visualizzare e fare clic su
OK, oppure se non si desidera effettuare selezioni, fare clic su Annulla.
6. Nella sezione "Proprietà collegamento ipertestuale":
• Per verificare che il collegamento utilizzi l'intero percorso URL anziché un percorso relativo dal
documento corrente, selezionare Utilizza il percorso URL completo per creare il collegamento
ipertestuale.
• Per aggiornare i dati del documento di destinazione quando si seleziona il collegamento
ipertestuale, selezionare Aggiorna all'apertura.
• Per creare un collegamento a un'istanza del documento selezionato, selezionare Collega
all'istanza del documento, quindi selezionare un'opzione dalle'elenco a discesa.
Opzione
Descrizione
Il collegamento ipertestuale apre l'istanza più recente.
Più recente
Nota:
Quando si sceglie questa opzione, non è possibile specificare valori di parametro nel collegamento ipertestuale. Il
collegamento ipertestuale non passa i valori dei parametri.
Tutti i parametri sono impostati su Usa i valori predefiniti
del documento e non possono essere modificati.
Il collegamento ipertestuale apre l'istanza più recente che
appartiene all'utente corrente.
Più recente, utente corrente
Nota:
Quando si sceglie questa opzione, non è possibile specificare valori di parametro nel collegamento ipertestuale. Il
collegamento ipertestuale non passa i valori dei parametri.
Tutti i parametri sono impostati su Usa i valori predefiniti
del documento e non possono essere modificati.
Il collegamento ipertestuale apre l'istanza più recente il cui
valore del prompt corrisponde ai valori passati dal collegamento.
Più recente, valori prompt corrispondenti
548
Questa opzione è utile per stabilire il collegamento a un
documento di grandi dimensioni che contiene prompt.
È necessario specificare almeno un valore di parametro.
Senza almeno un valore specificato, il collegamento ipertestuale restituisce un errore quando selezionato. L'errore
si verifica poiché il collegamento deve recuperare un'istanza basata sui valori dei parametri ma nessun valore è
stato specificato per il confronto con l'istanza.
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
•
•
Se si crea un collegamento a un documento Web Intelligence, selezionare Nome report e quindi
il nome del report da collegare a un report specifico.
Per creare un collegamento a una parte specifica di un report:
a. Selezionare Parte del report.
b. Fare clic su Seleziona.
c. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla parte del report (ad esempio una tabella) e
selezionare Seleziona questa parte del report.
d. Per visualizzare solo la parte del report, selezionare Visualizza solo parte report.
e. Per concentrarsi sulla parte del report pur visualizzando l'intero report nel documento di
destinazione, selezionare Posiziona su parte report (documento completo disponibile).
Nota:
Per creare collegamenti tra elementi di report è possibile definire un elemento di report come
“controllo di input” che filtra i valori presenti in altri elementi di report. Nel caso ad esempio di un
report contenente due tabelle è possibile filtrare i valori di una delle tabelle in base a quelli
selezionati nell'altra.
7. Nella sezione "Personalizzare l'aspetto e il comportamento del collegamento ipertestuale" effettuare
una delle operazioni seguenti:
• Selezionare il formato del documento di destinazione nell'elenco a discesa "Formato documento".
Il formato del documento determina le opzioni disponibili durante la definizione del collegamento.
Non è ad esempio possibile creare un collegamento a una parte del report in un documento PDF.
Per un documento che fa riferimento a una query BEx o a un universo .unx o .unv con un
prompt che utilizza il riconoscimento dell'indice:
a. Selezionare la chiave.
b. Fare clic sulla casella di riepilogo a discesa delle chiavi, selezionare Genera formula e digitare
=<nomeoggetto>.key(). L'oggetto non deve essere una variabile e deve includere una
chiave.
c. Verificare che <nomeoggetto>.key() restituisca i risultati previsti. Se il risultato non
restituisce la chiave, chiedere informazioni sulla procedura per ottenere la chiave allo
sviluppatore dell'universo.
•
•
549
Per definire il modo in cui viene aperto il documento di destinazione, selezionare Nuova finestra
o Finestra corrente dall'elenco a discesa "Finestra di destinazione".
Opzione
Descrizione
Nuova finestra
Il documento viene aperto in una nuova finestra del browser.
Finestra corrente
Il documento viene aperto nella finestra del browser corrente
e sostituisce il documento contenente il collegamento ipertestuale.
Digitare il testo nella casella Descrizione comandi oppure creare una descrizione comandi
dinamica utilizzando le opzioni Genera formula o Seleziona oggetto. La descrizione comandi
verrà visualizzata quando si passa il puntatore del mouse sulla cella contenente il collegamento
ipertestuale.
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
Opzione
Descrizione
Genera formula
È possibile generare una formula utilizzando l'"editor delle
formule" per fornire l'output della formula come descrizione
comandi.
Seleziona oggetto
È possibile scegliere la variabile dall'elenco nella finestra di
dialogo "Oggetti disponibili" per fornire il relativo valore come
descrizione comandi.
8. Nella sezione "Prompt documento", per ogni prompt esistente nel documento selezionare una delle
opzioni seguenti nell'elenco a discesa.
Opzione
Descrizione
Genera formula
Utilizzare l'"editor delle formule" per generare una formula per passare
un valore al prompt.
Seleziona oggetto
Selezionare un oggetto il cui valore viene passato al prompt.
Chiedi all'utente in fase
di esecuzione
L'utente specifica un valore per il prompt quando si fa clic sul collegamento ipertestuale.
Usa i valori predefiniti
del documento
Configurare il collegamento ipertestuale per non passare un parametro
al documento di destinazione e il documento di destinazione viene
aperto con il valore predefinito per il prompt. Il valore predefinito è l'ultimo valore specificato per il prompt o il valore predefinito specificato
nel documento.
Immettere una costante Immettere una stringa alfanumerica costante da inserire per il prompt.
6.1.4 Apertura di un documento da un collegamento ipertestuale
Nota:
i collegamenti ipertestuali tra documenti possono essere impostati solo nella versione DTHML di Web
Intelligence.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Posizionare il puntatore del mouse su una cella con un collegamento ipertestuale per visualizzare
la descrizione comandi, se ne è stata definita una.
Nota:
la sintassi generata del collegamento ipertestuale viene visualizzata nella "barra delle formule". Non
modificare direttamente questa sintassi. Se è necessario aggiornarla, utilizzare la finestra di dialogo
"Crea collegamento ipertestuale".
550
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
3. Fare clic sul collegamento ipertestuale per aprire il documento di destinazione.
In base a come è configurato il collegamento ipertestuale, il documento di destinazione viene aperto
in una nuova finestra del browser oppure sostituisce il documento corrente nella finestra del browser
corrente.
6.1.5 Modifica di un collegamento ipertestuale in una cella
Nota:
i collegamenti ipertestuali tra documenti possono essere impostati solo nella versione DTHML di Web
Intelligence.
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla casella che contiene il collegamento ipertestuale,
quindi scegliere Collegamento ipertestuale > Modifica.
3. Nella finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale" modificare il collegamento ipertestuale.
4. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Crea collegamento ipertestuale".
6.1.6 Eliminazione di un collegamento ipertestuale
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Selezionare la casella che contiene il collegamento ipertestuale, quindi Collegamento > Rimuovi.
6.1.7 Formattazione dei colori dei collegamenti ipertestuali
È possibile definire i colori utilizzati per visualizzare i collegamenti ipertestuali già selezionati (collegamenti
ipertestuali visitati) e per quelli non ancora selezionati (non visitati).
6.1.7.1 Impostazione dei colori per i collegamenti ipertestuali
1. Aprire un documento Web Intelligence in modalità "Progettazione".
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota del report che contiene collegamenti
ipertestuali e selezionare Formato report.
3. Nella finestra di dialogo "Formato report", fare clic sulla scheda Aspetto.
551
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
4. Nella sezione Colore collegamento ipertestuale, fare clic sulle frecce accanto a Visitato e Non
visitato, quindi selezionare un colore predefinito oppure fare clic su Altri colori per definire un
colore personalizzato.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo "Formato report".
6.2 Formattazione dei report con i fogli di stile CSS
I fogli di stile CSS (Cascading Style Sheet) di Web Intelligence definiscono come visualizzare i report
e determinano la presentazione dei documenti, possono inoltre essere modificati per applicare uno
stile specifico alla presentazione dei documenti. È possibile esportare il file, modificare gli stili in base
alle proprie esigenze e quindi importare di nuovo il file. È inoltre possibile distribuire il foglio di stile ad
altri utenti come stile standard.
Il file CSS Web Intelligence è conforme alla sintassi principale del file CSS W3C. Tuttavia, la sintassi
principale non riguarda i nomi, i tipi e la semantica delle proprietà. I file CSS Web Intelligence supportano
fogli di stile specifici delle impostazioni locali.
Nota:
•
•
il foglio di stile CSS non controlla il colore dei grafici. Per la definizione delle tavolozze aziendali per
i grafici esiste un file separato.
I fogli di stile CSS derivano dai file CSS W3C. per modificare il file CSS dei propri documenti, è
necessario avere dimestichezza con la sintassi principale dei fogli di stile CSS di W3C. Per ulteriori
informazioni, consultare "www.w3.org".
L'utilizzo di un file CSS consente di:
•
•
•
•
Definire un foglio di stile a livello aziendale per stabilire delle impostazioni standard (ad esempio il
logo della società).
Definire stili diversi per presentare un tipo specifico di informazioni. Ad esempio, è possibile utilizzare
un colore per i prodotti venduti, un altro colore per le spese e un altro colore ancora per i fatturati.
Creare un foglio di stile per codificare le preferenze personali.
Personalizzare la presentazione dei documenti creati.
Argomenti correlati
• Formattazione del layout del report
• Creazione di una tavolozza aziendale per i grafici
• Formattazione di tabelle e celle di tabelle
6.2.1 Utilizzo di un foglio di stile CSS nei documenti
552
2013-07-02
Pubblicazione, formattazione e condivisione di report
Quando si crea un report o un elemento report in un documento Web Intelligence, la formattazione
viene interamente basata sullo stile predefinito.
Se su questi elementi si esegue una specifica formattazione dal menu di scelta rapida visualizzato
facendo clic con il pulsante destro del mouse (opzione Formato), le proprietà modificate sovrascriveranno
in locale i valori acquisiti dallo stile predefinito.
Per rimuovere questa formattazione specifica, fare clic con il pulsante destro del mouse sul report e
selezionare Formato > Cancella formato.
6.2.2 Modifica dello stile predefinito del documento
Lo stile predefinito del documento viene memorizzato in un foglio di stile CSS incorporato nel documento
stesso.
•
Per modificare lo stile predefinito, esportare il file CSS. Per esportare un file CSS, nella scheda
Proprietà fare clic su Documento > Cambia stile predefinito > Esporta stile.
•
Per modificare un file CSS è possibile utilizzare qualsiasi editor di testo. Una volta modificato il file,
salvarlo e importarlo per applicare le modifiche.
Nota:
è necessario importare il file CSS ogni volta che lo si modifica.
Per importare un file CSS, nella scheda Proprietà fare clic su Documento > Cambia stile predefinito
> Importa stile. Il file CSS importato verrà applicato al report.
Nota:
Se le proprietà di un elemento sono state impostate tramite l'interfaccia utente (casella degli strumenti,
menu di scelta rapida, finestra di dialogo), non sono influenzate dal CSS importato.
•
Per applicare un CSS a un elemento che è già stato formattato tramite l'interfaccia utente, è
necessario cancellare il formato. Per cancellare il formato di un elemento, fare clic con il pulsante
destro del mouse sull'elemento e selezionare Formato > Cancella formato.
•
Per cancellare il formato di tutti gli elementi di una pagina, fare clic con il pulsante destro del mouse
sul corpo del report e selezionare Formato > Cancella formato.
Nota:
è necessario cancellare