Introduzione_a_PHP_5

Introduzione_a_PHP_5
Introduzione a PHP 5
Corso Interazione Uomo – Macchina
AA 2005/2006
Un po' di storia 1/2
• A metà degli anni Novanta il Web era ancora formato in gran
•
•
•
parte da pagine statiche, cioè da documenti HTML il cui
contenuto non poteva cambiare fino a quando qualcuno non
interveniva manualmente a modificarlo
PHP nasce nel 1994, ad opera di Rasmus Lerdorf, come una
serie di macro la cui funzione era quella di facilitare ai
programmatori l'amministrazione delle home page personali:
da qui trae origine il suo nome, che allora significava appunto
Personal Home Page
Essendo un progetto di tipo open source, ben presto si formò
una ricca comunità di sviluppatori che portò alla creazione di
PHP3
Alla fine del 1998 erano circa 250.000 i server Web che
supportavano PHP: un anno dopo superavano il milione
Un po' di storia 2/2
• I 2 milioni furono toccati in aprile del 2000, e alla fine dello stesso
•
•
anno erano addirittura 4.800.000. Il 2000 è stato sicuramente l'anno
di maggiore crescita del PHP, coincisa anche con il rilascio della
versione 4.0.0, con un nuovo motore (Zend) molto più veloce del
precedente ed una lunga serie di nuove funzioni, fra cui quelle
importantissime per la gestione delle sessioni
La crescita di PHP, nonostante sia rimasta bloccata fra luglio e ottobre
del 2001, è poi proseguita toccando quota 7.300.000 server alla fine
del 2001, per superare i 10 milioni alla fine del 2002, quando è stata
rilasciata la versione 4.3.0.
Oggi PHP è conosciuto come PHP: Hypertext Preprocessor, ed è
un linguaggio completo di scripting, sofisticato e flessibile, che può
girare praticamente su qualsiasi server Web, su qualsiasi sistema
operativo (Windows o Unix/Linux, ma anche Mac, AS/400, Novell,
OS/2 e altri), e consente di interagire praticamente con qualsiasi tipo
di database (MySql, PostgreSql, Sql Server, Oracle, SyBase, Access e
altri)
Cos'è
• È un linguaggio di programmazione di tipo
scripting (Bash, Tcl, Javascript, Perl, …):
– Interpretato (non compilato)
– Tipizzazione minima (casting implicito)
– Esecuzione di comandi di shell
• È un linguaggio procedurale con estensioni ad
•
•
oggetti
È un linguaggio di programmazione utilizzato per
lo sviluppo di pagine web dinamiche “lato
server”
Quando un browser richiede una pagina PHP, il
server processa i comandi PHP in essa ed invia i
risultati al browser
Dinamicità e Web: Client
• Dinamicità “lato client”
– Presentazione dinamica:
• filtraggio dei contenuti ricevuti dal server.
• maggiore interazione coi contenuti (nuovi media,
mappe, menu, interattori, ...).
• migliore organizzazione dei contenuti e del layout.
• ...
– Tecnologie:
• Javascript.
• Applet Java.
• ...
Dinamicità lato Client
Client
JS
<HTML>
<script
lang=JS>
</script>
Risposta
POST
Server
HTTP Server
Richiesta
GET <url>
HTML
Docs
• Il browser richiede al server una pagina
•
HTML che verrà poi visualizzata
La pagina HTML può contenere codice
(Javascript) che, eseguito dal browser,
introduce elementi di dinamicità
Dinamicità e Web: Server
• Dinamicità “lato server”
– Contenuti dinamici
• informazioni prelevate da diverse sorgenti (file, DB,
Internet, ...).
• processamento testo/immagini.
• gestione profili, sessioni.
• ...
– Tecnologie:
• Common Gateway Interface (CGI).
• Scriptlet (PHP, Perl, ASP, JSP, …).
Dinamicità lato Server: CGI
Client
JS
<HTML>
<script
lang=JS>
</script>
Risposta
POST
Server
HTTP Server
Richiesta
GET
<script-url>
CGI
HTML
Docs
DB
• Il client richiede al server di eseguire uno
•
•
programma (CGI)
L'esecuzione del CGI ha come risultato una
pagina HTML
Il server invia la pagina ottenuta al browser
per la visualizzazione.
Dinamicità lato Server: scriptlet
Client
JS
<HTML>
<script
lang=JS>
</script>
Risposta
POST
Server
HTTP Server
PHP
<HTML>
<?php
… ?>
Richiesta
GET
<scriptlet-url>
HTML
Docs
DB
• Il client richiede al server di processare una
•
•
scriptlet (HTML+codice eseguibile)
Il server esegue il codice ignorando i tags
HTML che vengono restituti in output
L'HTML risultato conterrà parti dinamiche
effetto dell'esecuzione del codice.
CGI e PHP: qualche differenza
Il PHP si sta affermando come linguaggio principe di scripting
per la generazione di pagine dinamiche (ASP è proprietario),
sostituendo pian piano CGI:
• in primo luogo perchè è multipiattaforma, ossia è possibile
trovare il motore PHP per le più diffuse piattaforme
• PHP è un linguaggio embeeded nel codice HTML delle pagine,
e non necessita quindi di ulteriori file esterni per essere
eseguito
• uno script PHP, di fatto, non ha bisogno di installazione come
avviene per uno script CGI
• con il PHP non si ha più bisogno di particolari configurazioni
del webserver in modo da abilitare directory cgi-bin oppure
abilitare l'esecuzione di determinati file con determinate
estensioni
• le potenzialità del PHP (dalla versione 4) sono praticamente
identiche a quelle dei CGI in Perl
Perché scegliere PHP?
Che cosa c'è dietro questo grande successo?
• E' un prodotto Open Source e gratuito, quindi a disposizione di tutti. Il
vantaggio garantito dall'Open Source non è limitato al non dover
sborsare denaro ma essi generano delle vaste comunità di utenti
• La portabilità è un altro fattore determinante
• Le prestazioni PHP non rimane certo indietro: il motore Zend2,
introdotto con PHP 4, ha fornito un formidabile aumento della velocità
di esecuzione, portando PHP sugli stessi livelli di ASP, ed in alcuni casi
anche oltre
• PHP è facile da imparare: la sua sintassi deriva dal C
• Nonostante la sua semplicità, PHP è però un linguaggio dalle
potenzialità vastissime: le sue funzioni infatti partono dalle più
tradizionali operazioni di programmazione e ci permettono di
realizzare le più svariate funzioni legate al mondo del web: elaborare i
moduli html, gestire i cookies, manipolare documenti pdf, etc.
• La possibilità di connettersi ad una vasta gamma di database
PHP e HTML
PHP è un linguaggio di programmazione,
immerso nel codice HTML di pagine web, la
cui funzione fondamentale è quella di
produrre codice HTML condizionato ai
risultati di un'elaborazione di informazioni
Realizziamo così il Web dinamico
Tags
• Per inserire codice PHP nelle pagine web si
usano speciali tags:
<?php ... ?>
//il più usato
<? ... ?>
//tag brevi
<script language="php">
...
</script>
//classico tag Script
<% ... % >
//stile ASP
N.B. a parte il primo tag gli altri devono essere abilitati nel file di configurazione
di PHP: php.ini
Tags PHP e HTML
• Questi tag delimitano il codice PHP, e il
codice contenuto al loro interno non sarà
inviato al browser, ma eseguito e
interpretato
• Da questo potremmo dedurre che tutto ciò
che sta fuori da questi tag non verrà
toccato da PHP, che si limiterà a passarlo
al browser così com'è
Un primo esempio
• Per generare il codice da inviare al browser
abbiamo due funzioni, che possiamo considerare
equivalenti, che sono: print() e echo() (con o
senza parentesi, ogni riga PHP termina con
punto e virgola)
CODICE HTML
<HTML>
<HTML>
<HEAD>
<HEAD>
<TITLE>Pagina
di prova in PHP</TITLE>
<TITLE>Pagina
di prova in PHP</TITLE>
</HEAD>
</HEAD>
<BODY>
<BODY>
<?php
Buongiorno a tutti!<br>
print("Buongiorno
tutti!<br>\n");
print "Buongiorno
tutti!<br>\n";
E' unaaabellissima
giornata
echo("E'
una
echo "E'</BODY>
una bellissima
bellissima giornata");
giornata";
?>
</BODY>
Formattare il codice e la pagina
Facciamo caso ad un dettaglio: nelle istruzioni in cui stampavamo
"Buongiorno a tutti", abbiamo inserito, dopo il "<br>", il simbolo
"\n". Questo simbolo ha una funzione abbastanza importante, anche
se non fondamentale, che serve più che altro per dare leggibilità al
codice HTML che stiamo producendo
<?php
print("prima riga\n");
print("seconda riga<br>");
print("terza riga");
?>
CODICE HTML
prima riga
seconda riga<br>terza riga
OUTPUT
prima riga seconda riga
terza riga
I Commenti
• Un commento serve per documentare e rendere più
chiari gli script:
– descrivere il contenuto delle variabili utilizzate
– chiarire il significato dei parametri da passare ad una funzione
– spiegare cosa si sta facendo in un certo punto del codice
(specialmente in caso di script molto lunghi o frammentati)
// Commento in stile C++
# Commento in stile Perl
/* Questo è un commento in stile C,
che può occupare più righe ma deve
essere chiuso con l'apposito simbolo */
Le variabili
• Le variabili sono alcuni dei componenti fondamentali di qualsiasi
linguaggio di programmazione.
• Il nome di una variabile inizia sempre con dollaro ($)
• In PHP possiamo scegliere il nome delle variabili usando lettere,
numeri e l'underscore (_). Il primo carattere del nome deve essere
però una lettera o un underscore (non un numero) ed è case
sensitive
• PHP non richiede che le variabili vengano dichiarate prima del loro
uso
$a = 5;
• Qualche operazione più complicata con le variabili
$a = 9;
$b = 4;
$c = $a * $b;
Variabili dinamiche
• In qualche situazione può presentarsi la necessità
di utilizzare delle variabili senza sapere a priori
come si chiamano. In questi casi, il nome di queste
variabili sarà contenuto in ulteriori variabili
$pippo = 'gawrsh!';
$pluto = 'bau!';
$paperino = 'quack!';
$nome
print
$nome
print
$nome
print
= 'pippo';
($$nome.'<br>');
= 'pluto';
($$nome.'<br>');
= 'paperino';
($$nome.'<br>');
CODICE HTML
gawrsh!<br>bau!<br>quack!<br>
OUTPUT
gawrsh!
bau!
quack!
Nota: il punto serve a concatenare i valori che vengono stampati
Variabili pre-assegnate
Eliminare una variabile
• In alcune situazioni ci può capitare di
avere la necessità di eliminare una
variabile: in questo caso PHP ci mette a
disposizione l'istruzione unset():
unset($variabile);
Dopo l'istruzione unset, sarà come se la
variabile non fosse mai esistita.
I tipi di variabile
• I tipi in PHP si dividono in:
– Tipi semplici:
• Booleani
• Interi
• Numeri in virgola mobile
• Stringhe
– Tipi composti:
• Array
• Oggetti
Tipi semplici: booleani
• Le variabili booleane sono le più semplici:
il loro valore può essere TRUE o FALSE
(vero o falso)
$vero = TRUE;
$falso = FALSE;
Tipi semplici: interi
• Un numero intero, positivo o negativo, il cui valore
•
•
massimo (assoluto) può variare in base al sistema
operativo su cui gira PHP, ma che generalmente si può
considerare di circa 2 miliardi (2 elevato alla 31esima
potenza).
Hanno sempre il segno
Possono essere espressi sia in base 10, in ottale (0…) o
in esadecimale (0x…)
$int1
$int2
$int3
$int4
=
=
=
=
129;
-715;
5 * 8;
$int1 + $int2
//$int3 vale 40
//$int4 vale -586
Tipi semplici: numeri in virgola mobile
• I numeri in virgola mobile corrispondono in PHP
•
al tipo di dato double
Le notazioni supportate sono:
– Notazione in virgola mobile
– Notazione scientifica con esponente
$vm1 = 4.153; // 4,153
$vm2 = 3.2e5; // 3,2 * 10^5, cioè 320.000
$vm3 = 4E-8; // 4 * 10^-8, cioè 4/100.000.000 = 0,00000004
Tipi semplici: stringhe
• Una stringa è un qualsiasi insieme di
caratteri, senza limitazione. Le stringhe
possono essere espresse in tre modi:
– Delimitate da apici (singoli)
– Delimitate da virgolette (doppie)
– Con la sintassi heredoc
Stringhe delimitate da apici
• Le stringhe delimitate da apici singoli sono
la forma più semplice, consigliata quando
all'interno della stringa non vi sono
variabili di cui vogliamo ricavare il valore
$frase = 'Anna disse: "Ciao a tutti!" ma nessuno rispose';
print $frase;
OUTPUT
Anna disse: "Ciao a tutti!" ma nessuno rispose
Stringhe delimitate da virgolette
• Le virgolette ci consentono di usare le stringhe
in una maniera più sofisticata, in quanto, se
all'interno della stringa delimitata da virgolette
PHP riconosce un nome di variabile, lo
sostituisce con il valore della variabile stessa (la
variabile viene risolta)
$nome = 'Anna';
print "$nome è simpatica... a pochi";
print '$nome è simpatica... a pochi';
OUTPUT
Anna è simpatica... a pochi
$nome è simpatica... a pochi
Stringhe con sintassi heredoc
• Questa sintassi ci consente di delimitare una stringa con i caratteri
<<< seguiti da un identificatore (in genere si usa 'EOD', ma è solo
una convenzione). Tutto ciò che segue questo delimitatore viene
considerato parte della stringa, fino a quando non viene ripetuto
l'identificatore seguito da un punto e virgola.
$nome = “Paolo”;
$stringa = <<<EOD
Il mio nome è $nome
EOD;
print $stringa;
OUTPUT
Il mio nome è Paolo
$frase = “ciao a tutti”;
$stringa = <<<EOT
Il mio saluto è "$frase"
EOT;
print $stringa;
OUTPUT
Il mio saluto è "ciao a tutti"
Attenzione: l'identificatore di chiusura deve occupare una riga a sé stante, deve iniziare a colonna
1 e non deve contenere nessun altro carattere (nemmeno spazi vuoti) dopo il punto e virgola
Tipi composti: array (creazione) 1/2
• Un array è una variabile complessa che contiene una
serie di valori ciascuno dei quali caratterizzato da una
chiave (indice numerico o alfanumerico)
• E' possibile creare gli array in due modi, tramite la
funzione array()
$colori = array('bianco', 'nero', 'giallo', 'verde', 'rosso');
• Oppure lo si può creare implicitamente, aggiungendovi
elementi
$colori[]
$colori[]
$colori[]
$colori[]
$colori[]
=
=
=
=
=
'bianco';
'nero';
'giallo';
'verde';
'rosso';
$colori[0]
$colori[1]
$colori[2]
$colori[3]
$colori[4]
=
=
=
=
=
'bianco';
'nero';
'giallo';
'verde';
'rosso';
Tipi composti: array (creazione) 2/2
Nel caso di un array con chiavi associative:
• Mediante la funzione array()
$cibo = array('es' => "paella",
'it' => "pasta",
'jp' => "sushimi");
• Oppure lo si può creare implicitamente,
aggiungendovi elementi
$cibo['es'] = "paella";
$cibo['it'] = "pasta";
$cibo['jp'] = "sushimi";
Tipi composti: array (attenzione)
• Attenzione: capita qualche volta di leggere che PHP
gestisce due tipi di array: numerici ed associativi. Per
array associativi si intendono quelli che hanno chiavi (o
indici) in formato stringa, come nell'ultimo esempio che
abbiamo visto. In realtà però questo non è esatto: infatti
PHP gestisce un unico tipo di array, le cui chiavi possono
essere numeriche o associative. La differenza è sottile, ma
significativa: infatti le chiavi numeriche ed associative
possono coesistere nello stesso array.
$formazione[1] ='Buffon';
$formazione[2] ='Panucci';
$formazione[3] ='Nesta';
$formazione[4] ='Cannavaro';
$formazione[5] ='Coco';
$formazione[6] ='Ambrosini';
$formazione[7] ='Tacchinardi';
$formazione[8] ='Perrotta';
$formazione[9] ='Totti';
$formazione[10] ='Inzaghi';
$formazione[11] ='Vieri';
$formazione['ct'] = 'Trapattoni';
Tipi composti: array (accesso)
• A questo punto ciascuno dei nostri cinque colori è
caratterizzato da un indice numerico, che PHP
assegna automaticamente a partire da 0
print $colori[1]; //stampa 'nero'
print $colori[4]; //stampa 'rosso'
• Mentre per l'array associativo ciascuno dei piatti è
caratterizzato da un indice alfanumerico
print $cibo['es']; //stampa 'paella'
print $cibo['jp']; //stampa 'sushimi'
• Mentre per l'array misto
print $formazione[1];
print $formazione['ct'];
//stampa 'Buffon'
//stampa 'Trapattoni'
Tipi composti: array multidimensionali
• Un array a più dimensioni è un array nel quale
uno o più elementi sono degli array a loro volta
(non per forza tutti con la stessa struttura).
$persone = array(
$persone
= array(
array('nome'
=> 'Mario', 'cognome' => 'Rossi',
1
=> array('nome'
=> 'Mario Rossi',
'residenza'
=> 'Roma',
'data_nascita'
=> '1973/06/15',
'residenza'
=> 'Roma'),
'ruolo'
=> 'impiegato'),
array('nome'
=> 'Paolo', 'cognome' => 'Bianchi',
2
=> array('nome'
'Paolo Bianchi',
'data_nascita'
=>
'data_nascita'
=> =>
'1968/04/05',
'residenza'
=> 'Torino'),
'1968/04/05',
'residenza'
=> 'Torino'),
array('nome' =>
'Luca', 'cognome'
=> 'Verdi',
'totale_elementi'
2);
'data_nascita' => =>
'1964/11/26',
'residenza' => 'Napoli'));
print
print
print
$persone[1]['residenza'];
$persone[0]['cognome'];
$persone['totale_elementi'];
$persone[1]['residenza'];
$persone[2]['nome'];
//
//
//
stampa
stampa
stampa
'Roma'
'Rossi'
'2'
'Torino'
'Luca'
Contare gli elementi di un array
• Se vogliamo sapere di quanti elementi è
composto un array, possiamo utilizzare la
funzione count()
$numero_elementi = count($formazione);
• Nell'esempio visto prima, la variabile
$numero_elementi assumerà il valore 12:
infatti abbiamo 11 elementi con chiavi
numeriche e 1 ('ct') con la chiave
associativa.
Eliminazione su array
• Le istruzioni riportate di seguito sono utilizzate
per eliminare soltanto un suo elemento o un
intero array
unset($colori[2]); // elimina l'elemento 'giallo'
unset($formazione); // elimina l'intero array $formazione
• Con la prima di queste due istruzioni abbiamo
eliminato l'elemento con chiave 2 dall'array
$colori. Questo creerà un 'buco' nell'array, che
passerà così dall'elemento 1 all'elemento 3. Con
la seconda istruzione invece eliminiamo l'intero
array $formazione.
Gli operatori aritmetici
• Gli operatori sono un altro degli elementi di base di
•
qualsiasi linguaggio di programmazione, in quanto ci
consentono non solo di effettuare le tradizionali
operazioni aritmetiche, ma più in generale di manipolare
il contenuto delle nostre variabili.
Il più classico e conosciuto degli operatori è quello di
assegnazione:
$nome = 'Giorgio';
$a = 5;
$b = $a;
• Altri operatori molto facili da comprendere sono quelli
aritmetici: addizione, sottrazione, divisione,
moltiplicazione, modulo.
$a = 3 + 7; //addizione
$c = 9 * 6; //moltiplicazione
$e = 7 % 4; //modulo
$b = 5 - 2; //sottrazione
$d = 8 / 2; //divisione
Gli operatori di incremento e
decremento
• Operatori ancora più sintetici che si
possono utilizzare per incrementare o
decrementare i valori di una unità
//incrementa di 1: equivale ad $a = $a + 1, o $a += 1
$a++;
++$a;
//decrementa di 1: equivale ad $a = $a - 1, o $a -= 1
$a--;
--$a;
Gli operatori per le stringhe
• Uno degli operatori più utilizzati è quello che
serve per concatenare le stringhe: il punto.
$nome = 'pippo';
$stringa1 = 'ciao '.$nome; //$stringa1 vale 'ciao pippo'
$a = 'pippo';
$x = 'ciao';
$x .= $a;
//La stringa $a viene concatenato a $x
Gli operatori di confronto
• Gli operatori di confronto sono fondamentali perché ci
permettono, effettuando dei confronti fra valori, di
prendere delle decisioni, cioè di far svolgere al nostro
script determinate operazioni invece di altre
ESEMPI
NUMERICIdi questa operazione sarà, ogni volta, vero
• Il risultato
$a =(true)
7;SU$bSTRINGHE
7.0; (false)
$c = 4; //assegnamo valori a tre variabili
ESEMPI
o=falso
$a = 'Mario'; $b = 'Giorgio'; $c = 'Giovanni'; $d = 'antonio';
•$e==
Gli
operatori
$a
//vero sono:
= $b;
'4
gatti';
$a ==• $c;
== ://falso
uguale
$a <===
$b;
//falso,
$a è intero
$a
$b;
//falso,
la perché
'G' precede
la 'M‘ mentre $b è float
• !=
: diverso
$a <> $c;
$c; //vero,
//vero la 'r' ('Gior') precede la 'v' ('Giov')
$b
•
===
: identico $c
(cioè
uguale
e dello stesso tipo: ad esempio per
$c >>=$a;
$a;//vero,
//falso,
è minuscola
minore di è$a'maggiore' delle maiuscole
$d
la
'a'
due//falso,
variabili dihanno
tipo intero)
$a
<
$b;
lo stesso
valore di qualsiasi cifra
$c > $e; //vero, ogni lettera
è 'maggiore'
> : maggiore
$c <=• $b;
//vero
• >= : maggiore o uguale
• < : minore
• <= : minore o uguale
Gli operatori logici
• Con gli operatori logici possiamo combinare più valori booleani,
oppure negarne uno (nel caso di NOT). Questi valori sono:
• or: valuta se almeno uno dei due operatori è vero; si può indicare con
'Or' oppure '||'
• and: valuta se entrambi gli operatori sono veri; si indica con 'And' o
'&&'
• xor: viene chiamato anche 'or esclusivo', e valuta se uno solo dei due
operatori è vero: l'altro deve essere falso; si indica con 'Xor'
• not: vale come negazione e si usa con un solo operatore: in pratica è
vero quando l'operatore è falso, e viceversa; si indica con '!'
ESEMPI
10 > 8 And 7 < 6;
10 > 8 Or 7 < 6;
9 > 5 And 5 == 5;
9 > 5 Xor 5 == 5;
4 < 3 || 7 > 9;
6 == 6 && 1 > 4;
//falso, la prima è vera - la seconda è falsa
//vero
//vero: entrambe le condizioni sono vere
//falso: solo una delle due deve essere vera
//falso: nessuna delle due condizioni è vera
//falso: solo la prima condizione è vera
Espressioni
• PHP si può definire un linguaggio orientato alle
•
•
espressioni
Un’espressione è “qualsiasi cosa che abbia un valore”
Il procedimento che, a partire da una data espressione,
restituisce il valore corrispondente viene definito
valutazione dell'espressione
• Sono espressioni:
– tipi scalari (costanti booleane, numeri interi ed in virgola mobile,
stringhe)
– tipi compositi (array ed oggetti)
– le variabili
– le funzioni, con valore quello restituito dalla funzione stessa
– combinazione di espressioni con operatori (booleani, di
confronto, …)
• Altre espressioni: l’assegnazione ($n=2) e l’espressione
condizionale (expr1 ? expr2 : expr3)
Strutture di controllo: condizioni
(if-then-else)
• Con le strutture di controllo andiamo ad analizzare un
•
altro degli aspetti fondamentali della programmazione: la
possibilità cioè di eseguire operazioni diverse, ed
eventualmente di eseguirle più volte
La principale di queste istruzioni è la if-then-else
if ($nome == 'Luca') {
print
"bentornato
Luca!";
if ($nome
== 'Luca')
{
if
($nome
==
'Luca')
{
}
print "bentornato Luca!";
print
"ciao
Luca!<br>";
elseif
($cognome
== 'Luca')
'Verdi') {
if
} ($nome ==
print "dove
sono
tuoi
amici?<br>";
signor
Verdi";
print
"ciaoi Luca!<br>";
else "Buongiorno,
{
}
print "ciao $nome!";
print
"ciao
a tutti voi";
else { }
print "ciao $nome!";
}
Strutture di controllo: condizioni
(switch-case)
• Passiamo ora a verificare una seconda istruzione
che ci permette di prevedere diversi valori
possibili per un'espressione:
switch ($nome) {
case 'Luca':
print "E' tornato Luca!";
break;
case 'Mario':
print "Ciao, Mario!";
break;
case 'Paolo':
print "Finalmente, Paolo!";
break;
default:
print "Benvenuto, chiunque tu sia";
}
Strutture di controllo: cicli
(for)
• I cicli sono un altro degli elementi fondamentali
•
di qualsiasi linguaggio di programmazione, in
quanto ci permettono di eseguire determinate
operazioni in maniera ripetitiva.
Il costrutto for ci consente di eseguire il ciclo un
numero di volte prefissato, utilizzando un indice
for ($mul = 1; $mul <= 10; $mul++)
{
$ris = 5 * $mul;
print("5 * $mul = $ris<br>");
}
Strutture di controllo: cicli
(while, do-while)
• Il costrutto while si può considerare come una
specie di if ripetuto più volte: infatti la sua
sintassi prevede che alla parola chiave while
segua, fra parentesi, la condizione da valutare, e
fra parentesi graffe, il codice da rieseguire
$mul = 1;
while ($mul <= 10) {
$ris = 5 * $mul;
print("5*$mul=$ris<br>");
$mul++;
}
$mul = 11;
do {
$ris = 5 * $mul;
print("5*$mul=$ris<br>");
$mul++;
} while ($mul <= 10)
Strutture di controllo: cicli
(foreach)
• Quest’ultimo particolare tipo di ciclo, é
pensato appositamente per il trattamento
degli array. Questo ci permette di costruire
un ciclo che viene ripetuto per ogni
elemento dell'array che gli passiamo.
foreach ($arr as $chiave => $valore) {
....istruzioni da ripetere....
}
foreach ($arr as $valore) {
....istruzioni da ripetere....
}
Strutture di controllo: cicli
Uscire da un ciclo
• Abbiamo a disposizione due strumenti per
modificare il comportamento del nostro script
dall'interno del ciclo:
– continue (non completa la presente iterazione e
passare alla successiva)
– break (interrompe definitivamente l'esecuzione del
ciclo)
for ($ind = 1; $ind < 500; $ind++) {
if ($ind % 100 == 0) {
break;
}elseif ($ind % 25 == 0) {
continue;
}
print("valore: $ind<br>");
}
Funzioni
• La dichiarazione di funzioni avviene con la parola chiave function e
consente di estendere il linguaggio, aggiungendovi nuovi comandi
function nome-funzione (argomento, ...) {
blocco-istruzioni;
}
• nome-funzione è il nome da assegnare alla funzione e con cui essa
verrà invocata
• argomento,... è un elenco, eventualmente vuoto, di argomenti (o
parametri) da fornire alla funzione
• blocco-istruzioni rappresenta il corpo della funzione (qualunque
codice PHP valido, persino altre funzioni e definizioni di classe)
• Il risultato viene restituito con return(valore) che provoca l'uscita
dalla funzione (può essere restituito qualsiasi tipo, incluse liste e
oggetti)
• L'esecuzione dello script riprende dal punto in cui essa era stata
invocata
Funzioni: cosa accade?
• Quando viene chiamata una funzione:
– PHP cerca la funzione per nome (se non la trova genera un errore)
– PHP sostituisce le variabili nell’elenco di parametri della definizione
con i valori degli argomenti (passaggio per valore o per
riferimento)
– Vengono eseguite le istruzioni nel corpo della funzione, restituendo
l’eventuale valore se viene eseguita l'istruzione return
function maggiorenne($a) {
if ($a >= 18) $res = TRUE;
else $res = FALSE;
return($res);
}
//La variabile $eta è già definita
if (maggiorenne($eta)) echo("Puoi accedere al sito<BR>");
else echo("Non puoi accedere<BR>");
Argomenti di Funzioni
• PHP è tollerante rispetto al numero di parametri passati alla funzione (di
•
conseguenza non possono esistere due funzioni con lo stesso nome)
Una funzione può definire valori (solo costanti) pre-definiti per gli argomenti
(gli argomenti pre-definiti devono sempre seguire tutti quelli non pre-definiti)
function anagrafe($nome, $cf='non disponibile') {
print "Nome: $nome<br>";
print "Codice fiscale: $cf<br>";
}
• Di default, gli argomenti della funzione sono passati per valore (se cambiate il
valore dell'argomento nel corpo della funzione, esso non cambierà al di fuori)
• Per passare ad una funzione un argomento per riferimento, dovete anteporre
un ampersand (&) al nome dell'argomento nella definizione della funzione:
function aggiungi_qualcosa(&$string) {
return $string .= 'e qualche altra cosa.';
}
$str = 'Questa stringa, ';
echo aggiungi_qualcosa($str);
// l'output sarà 'Questa stringa, e qualche altra cosa.'
Funzioni variabili
• PHP supporta il concetto di funzioni variabili
• PHP cercherà una funzione con lo stesso nome
del valore della variabile e cercherà di eseguirla
function foo1() {
echo "Eseguo foo1()<br>\n";
}
function foo2($arg1 = "null", $arg2 = "null") {
echo "Eseguo foo2($arg1,$arg2)<br>\n";
}
$array_foo = array('a'=> 'foo1', 'd'=> 'foo2);
foreach ($array_foo as $funzione) {
$funzione("hello", "world");
}
Funzioni: variabili e visibilità
• Le variabili all’interno di una funzione sono sempre
private, tranne quando sono definite con la parola chiave
global
• Le funzioni non tengono memoria della loro esecuzione a
•
•
meno dell’uso della parola chiave static
Una funzione definita in uno script è disponibile ovunque
in esso
Solitamente le funzioni sono definite in file separati
(librerie) da includere all'occorrenza nel programma
– include(filename) (e require(filename)) include un file e lo
valuta
– I costrutti sono diversi solo per il fatto che include ritorna un
warning in caso di fallimento, require ritorna un fatal error
• Se l'inclusione si verifica dentro una funzione tutto il
codice nel file chiamato seguirà lo scope della funzione
OOP: definizioni generali
• I concetti base della OOP: classe ed oggetto (o istanza): una classe
è l’astrazione di un oggetto, mentre un oggetto è istanza di una
classe
• La classe definisce un nuovo tipo di dato, caratterizzato da:
– Un insieme di variabili, detti attributi (proprietà)
– Un insieme di funzioni che operano su di essi, detti metodi
• Caratteristiche della OOP:
– Incapsulamento dati – i dati interni di una classe sono trasparenti al
programmatore, che opererà su di essi solo tramite i metodi
– Protezione dati e metodi – l'accesso a dati e metodi “privati” di una
classe è disciplinato secondo diverse politiche (vari livelli di protezione)
– Interfaccia – i metodi rappresentano, nella semantica e non nella
implementazione, l’interfaccia per usare la classe
– Modularizzazione – il programma viene decomposto in moduli, che
possono essere stati sviluppati da altri utenti (Riuso del codice)
– Ereditarietà – le classi ereditano metodi e attributi da altre classi (Riuso
del codice)
OOP: proprietà e metodi
•
ESEMPIO CLASSE CARRELLO
In PHP
la dichiarazione
di una classe avviene tramite la
class
Carrello
{
parola
chiave class,
seguita
nome della classe e dal
var $items;
// Articoli
neldal
carrello
corpo
// Aggiunge $num articoli di $artnr nel carrello
add_item
$num)
{
Ilfunction
corpo della
classe($artnr,
ne fornisce
l’implementazione
ed è
$this->items[$artnr]
$num;
costituito
da dichiarazioni di+=proprietà
e metodi
}
Una
proprietà è una variabile dichiarata all'interno della
//Rimuove $num articoli di $artnr dal carrello
classe;
la dichiarazione deve essere esplicita, attraverso la
function remove_item ($artnr, $num) {
parolaifchiave
var
($this->items[$artnr]
> $num) {
La dichiarazione
di un metodo è del
$this->items[$artnr]
-= tutto
$num; analoga a quella
return TRUE;
di una funzione
} else
{
Accesso
ad una
proprietà o metodo nella classe
return FALSE;
$this->variabile;
}
e}fuori dalla classe $oggetto->variabile; $this->metodo(...);
}
$oggetto->metodo(...);
•
•
•
•
•
OOP: costruttore
• La parola chiave new ci consente di istanziare una
•
•
•
classe, cioè creare un oggetto istanza di una classe
Il costruttore di classe è il metodo, con lo stesso
nome della classe, che è richiamato automaticamente
alla creazione di un'istanza della classe
Se all'interno di una classe base non è presente un
costruttore, in automatico viene invocato quello della
classe padre
Esiste in PHP 5 un nome standardizzato per i
costruttori, _construct(), così se la classe dovesse
essere rinominata non sarà necessario modificare
anche il nome del suo costruttore
OOP: distruttore
• In PHP5 è stato introdotto il distruttore
_destruct(): la funzione che viene richiamata
automaticamente quando la classe viene
distrutta
• Non è possibile richiamare un distruttore di una
classe padre
• I distruttori sono utili per "operazioni di pulizia",
come ad esempio eliminare file temporanei e
chiudere le connessioni a database
OOP: ereditarietà
• È possibile generare classi per estensione di altre
•
•
•
classi
Una classe estesa o derivata ha tutte le variabili
e le funzioni della classe di base (ereditarietà)
più tutto ciò che viene aggiunto dall'estensione
Una classe estesa dipende sempre da una
singola classe di base (no ereditarità multipla)
Le classi si estendono usando la parola chiave
extends
class Carr_con_nome extends Carrello
Eccezioni: throw-try-catch
• Con l'avvento del PHP5 è possibile gestire le
•
eccezioni ovvero è possibile gestire le situazioni
di errore in modo più evoluto
Le eccezioni vengono definite dalla terna:
– throw: genera l'eccezione (nuova istanza nella classe
eccezione o una estesa)
– try: esegue un blocco di istruzioni con abilitato il
meccanismo di cattura delle eccezioni
– catch: specifica il blocco di istruzioni da eseguire in
caso di eccezione (gestore dell'eccezione)
Eccezioni: esempio
function a() {
echo "dentro a()\n";
echo " Emetto l'exception \n";
throw new Exception ("hei");
echo "esco da a();\n";
}
try {
a();
echo "Dopo a()\n";
} catch (Exception $e) {
echo " Eccezione:".$e->getMessage();
echo "\n";
}
echo "finito";
OUTPUT
dentro a()
Emetto l'exception
Eccezione:hei
finito
PHP5: Riferimenti
• www.php.net
• www.apache.org
• freephp.html.it
• pear.php.net
• pecl.php.net
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertising