Riduttori di pressione DP27, DP27E, DP27R e DP27Y

Riduttori di pressione DP27, DP27E, DP27R e DP27Y
3.519.5275.193
IM-P470-03
CH Ed. 5.1 IT - 2012
Riduttori di pressione auto-servoazionati a pilota
DP27, DP27E, DP27R e DP27Y
Istruzioni di installazione e manutenzione
1. Informazioni generali
per la sicurezza
2. Informazioni generali di prodotto
3.Installazione
4. Messa in servizio
5.Manutenzione
6.Ricambi
7. Ricerca guasti
© Copyright 2008
2
3.519.5275.193
ATTENZIONE
Lavorare in sicurezza con apparecchiature
in ghisa e vapore
Working safely with cast iron products on steam
Informazioni di sicurezza supplementari - Additional Informations for safety
Lavorare in sicurezza con prodotti
in ghisa per linee vapore
I prodotti di ghisa sono comunemente presenti
in molti sistemi a vapore.
Se installati correttamente, in accordo alle
migliori pratiche ingegneristiche, sono dispositivi
totalmente sicuri.
Tuttavia la ghisa, a causa delle sue proprietà
meccaniche, è meno malleabile di altri materiali
come la ghisa sferoidale o l’acciaio al carbonio.
Di seguito sono indicate le migliori pratiche
ingegneristiche necessarie per evitare i colpi
d'ariete e garantire condizioni di lavoro sicure
sui sistemi a vapore.
Movimentazione in sicurezza
La ghisa è un materiale fragile: in caso di
caduta accidentale il prodotto in ghisa non è
più utilizzabile. Per informazioni più dettagliate
consultare il manuale d'istruzioni del prodotto.
Rimuovere la targhetta prima di effettuare la
messa in servizio.
Working safely with cast iron
products on steam
Cast iron products are commonly found on steam
and condensate systems.
If installed correctly using good steam
engineering practices, it is perfectly safe.
However, because of its mechanical properties,
it is less forgiving compared to other materials
such as SG iron or carbon steel.
The following are the good engineering practices required to prevent waterhammer and
ensure safe working conditions on a steam
system.
Safe Handling
Cast Iron is a brittle material. If the product is dropped
during installation and there is any risk of damage
the product should not be used unless it is fully
inspected and pressure tested by the manufacturer.
Please remove label before commissioning
Prevenzione dai colpi d’ariete - Prevention of water hammer
Scarico condensa nelle linee vapore - Steam trapping on steam mains:
Intervalli di 30÷50 m. intervals
Penden
za - Gra
Vapore
Steam
dient 1:1
00
Gruppo di scarico
Trap set
Condensa - Condasate
Penden
za - Gra
dient 1:1
Gruppo di scarico
Trap set
Condensa - Condasate
Esempi di esecuzioni corrette ( ) ed errate (
Steam Mains - Do's and Dont's:
Flusso
Flow
Vapore
Steam
00
Flusso
Flow
Vapore
Steam
Gruppo di scarico
Trap set
Condensa - Condasate
) sulle linee vapore:
Prevenzione delle sollecitazioni di trazione
Prevention of tensile stressing
Evitare il disallineamento delle tubazioni - Pipe misalignment:
Installazione dei prodotti o loro rimontaggio post-manutenzione:
Installing products or re-assembling after maintenance:
Evitare l’eccessivo serraggio.
Utilizzare le coppie di serraggio
raccomandate.
Do not over tighten.
Use correct torque figures.
Per garantire l’uniformità del carico e dell'allineamento,
i bulloni delle flange devono essere serrati in modo
graduale e in sequenza, come indicato in figura.
Flange bolts should be gradually tightened across
diameters to ensure even load and alignment.
Dilatazioni termiche - Thermal expansion:
Gli esempi mostrano l’uso corretto dei compensatori di dilatzione. Si consiglia di richiedere una
consulenza specialistica ai tecnici dell’azienda che produce i compensatori di dilatazione.
Examples showing the use of expansion bellows. It is highly recommended that expert advise is
sought from the bellows manufacturer.
Guide
Guides
Movimento assiale
Axial movement
Distanza breve
Short distance
Punto di fissaggio
Fixing point
Movimento assiale
Axial movement
Guide
Guides
Guide
Guides
Tiranti limitatori
Limit rods
Distanza
media
Medium
distance
Piccolo
movimento
laterale
Small
lateral
movement
Ampio
movimento
laterale
Large
lateral
movement
Punto di fissaggio
Fixing point
Tiranti limitatori
Limit rods
Guide
Guides
Piccolo
movimento
laterale
Small
lateral
movement
Ampio
movimento
laterale
Large
lateral
movement
1. Informazioni generali per la sicurezza
Un funzionamento sicuro di questi prodotti può essere garantito soltanto se essi sono installati, messi
in servizio, usati e manutenuti in modo appropriato da personale qualificato (vedere il paragrafo 1.11
di questo documento) in conformità con le istruzioni operative. Ci si dovrà conformare anche alle
Istruzioni generali di installazione di sicurezza per la costruzione di tubazioni ed impianti, nonché
all’appropriato uso di attrezzature ed apparecchiature di sicurezza.
1.1 Uso previsto
Con riferimento alle istruzioni di installazione e manutenzione, alla targhetta dell’apparecchio ed alla
Specifica Tecnica, controllare che il prodotto sia adatto per l’uso/l’applicazione previsto/a. I prodotti
sotto elencati sono conformi ai requisiti della Direttiva Europea per Apparecchiature in Pressione
97/23/EC e portano il marchio , quando è richiesto. Gli apparecchi ricadono entro le seguenti
categorie della Direttiva per Apparecchiature in Pressione:
Modello prodotto
DP27 e tutti i modelli derivati
DN15÷40
DN50
Gas Gruppo 2
SEP
1
i) Gli apparecchi sono stati progettati specificatamente per uso su vapore, aria e gas industriali inerti
che sono inclusi nel Gruppo 2 della sopra indicata Direttiva per Apparecchiature in Pressione.
L’uso dei prodotti su altri fluidi può essere possibile ma, se contemplato, si dovrà contattare
Spirax Sarco per confermare l’idoneità del prodotto all’applicazione considerata.
ii) Controllare l’idoneità del materiale, la pressione e la temperatura e i loro valori minimi e massimi.
Se le condizioni di esercizio massime del prodotto sono inferiori a quelle del sistema in cui deve
essere utilizzato, o se un malfunzionamento del prodotto può dare origine a sovrappressioni o
sovratemperature pericolose, accertarsi di includere un dispositivo di sicurezza nel sistema per
impedire il superamento dei limiti previsti.
iii) Determinare la posizione di installazione corretta e la direzione di flusso del fluido.
iv) I prodotti Spirax Sarco non sono previsti per far fronte a sollecitazioni esterne che possono
essere indotte dai sistemi in cui sono inseriti. È responsabilità dell’installatore tener conto di
questi sforzi e prendere adeguate precauzioni per minimizzarli.
v) Rimuovere le coperture di protezione da tutti i collegamenti e, se necessario, il film protettivo
da tutte le targhette identificative prima dell’installazione su impianti a vapore o su altri impianti
ad alta temperatura.
1.2Accesso
Garantire un accesso sicuro e, se è necessario, una sicura piattaforma di lavoro (con idonea protezione) prima di iniziare ad operare sul prodotto. Predisporre all’occorrenza i mezzi di sollevamento adatti.
1.3Illuminazione
Garantire un’illuminazione adeguata, particolarmente dove è richiesto un lavoro dettagliato o
complesso.
1.4 Liquidi o gas pericolosi presenti nella tubazione
Tenere in considerazione il contenuto della tubazione od i fluidi che può aver contenuto in precedenza.
Porre attenzione a: materiali infiammabili, sostanze pericolose per la salute, estremi di temperatura.
1.5 Situazioni ambientali di pericolo
Tenere in considerazione: aree a rischio di esplosione, mancanza di ossigeno (p.e. serbatoi, pozzi),
gas pericolosi, limiti di temperatura, superfici ad alta temperatura, pericolo di incendio
(p.e. durante la saldatura), rumore eccessivo, macchine in movimento.
1.6 Il sistema
Considerare i possibili effetti del lavoro previsto sul sistema completo. L’azione prevista (p.e. la chiusura di valvole di intercettazione, l’isolamento elettrico) metterebbe a rischio altre parti del sistema
o il personale? I pericoli possono includere l’intercettazione di sfiati o di dispositivi di protezione o
il rendere inefficienti comandi o allarmi. Accertarsi che le valvole di intercettazione siano aperte e
chiuse in modo graduale per evitare variazioni improvvise al sistema.
3.519.5275.193
3
1.7 Sistemi in pressione
Accertarsi che la pressione sia isolata e scaricata in sicurezza alla pressione atmosferica. Tenere in
considerazione un doppio isolamento (doppio blocco e sfiato) ed il bloccaggio o l’etichettatura delle
valvole chiuse. Non ritenere che un sistema sia depressurizzato anche se il manometro indica zero.
1.8Temperatura
Attendere finché la temperatura si normalizzi dopo l’intercettazione per evitare rischi di ustioni.
1.9 Attrezzi e parti di consumo
Prima di iniziare il lavoro, accertarsi di avere a disposizione gli attrezzi e/o le parti di consumo adatte.
Usare solamente ricambi originali Spirax Sarco.
1.10 Vestiario di protezione
Tenere in considerazione se a Voi e/o ad altri serva il vestiario di protezione contro i pericoli, per
esempio, di prodotti chimici, alta/bassa temperatura, radiazioni, rumore, caduta di oggetti e rischi
per occhi e viso.
1.11 Permesso di lavoro
Ogni lavoro dovrà essere effettuato o supervisionato da una persona competente. Il personale di
installazione ed operativo dovrà essere istruito nell’uso corretto del prodotto secondo le Istruzioni
di manutenzione ed installazione. Dove è in vigore un sistema formale di "permesso di lavoro", ci
si dovrà adeguare. Dove non esiste tale sistema, si raccomanda che un responsabile sia a conoscenza dell’avanzamento del lavoro e che, quando necessario, sia nominato un assistente la cui
responsabilità principale sia la sicurezza. Se necessario, affiggere il cartello "avviso di pericolo".
1.12Movimentazione
La movimentazione manuale di prodotti di grandi dimensioni e/o pesanti può presentare il rischio di
lesioni. Il sollevamento, la spinta, il tiro, il trasporto o il sostegno di un carico con la forza corporea
può provocare danni, in particolare al dorso. Si prega di valutare i rischi tenendo in considerazione il
compito, l’individuo, il carico e l’ambiente di lavoro ed usare il metodo di movimentazione appropriato
secondo le circostanze del lavoro da effettuare.
1.13 Altri rischi
Durante l’uso normale, la superficie esterna del prodotto può essere molto calda. Se alcuni prodotti
sono usati nelle condizioni limite di esercizio, la loro temperatura superficiale può rag­giungere i
300°C. Molti prodotti non sono auto-drenanti. Tenerne conto nello smontare o rimuovere l’apparecchio dall’impianto (fare riferimento alle istruzioni di ‘Manutenzione’).
1.14Gelo
Si dovrà provvedere a proteggere i prodotti che non sono auto-drenanti dal danno del gelo in ambienti dove essi possono essere esposti a temperature inferiori al punto di formazione del ghiaccio.
1.15 Informazioni di sicurezza / specifiche di prodotto
Per dettagli specifici riguardanti gli apparecchi fare riferimento alle istruzioni di installazione e manutenzione di seguito riportate.
4
3.519.5275.193
1.16Smaltimento
A meno che non sia diversamente definito nelle Istruzioni di installazione e manutenzione, questo
prodotto è riciclabile, e non si ritiene che esista un rischio ecologico derivante dal suo smaltimento,
purché siano prese le opportune precauzioni. Per le esecuzioni che contengano componenti in
PTFE occorre prendere le necessarie precauzioni per evitare potenziali danni fisici associati con la
decomposizione e l’incenerimento di tale materiale.
PTFE:
- Può essere smaltito solo con metodi approvati, non mediante incenerimento.
- Mantenere i rifiuti di PTFE in un contenitore separato senza mescolarli con altri rifiuti e consegnarlo
ad una discarica per l’interramento.
1.17 Reso dei prodotti
Si ricorda ai clienti ed ai rivenditori che, in base alla Legge EC per la Salute, Sicurezza ed Ambiente,
quando rendono prodotti a Spirax Sarco, essi devono fornire informazioni sui pericoli e sulle precauzioni da prendere a causa di residui di contaminazione o danni meccanici che possono presentare
un rischio per la salute, la sicurezza e l’ambiente. Queste informazioni dovranno essere fornite in
forma scritta, ivi comprese le schede relative ai dati per la Salute e la Sicurezza concernenti ogni
sostanza identificata come pericolosa o potenzialmente pericolosa.
3.519.5275.193
5
2. Informazioni generali di prodotto
2.1 Descrizione generale
Le valvole DP27, DP27Y, DP27E e DP27R sono riduttori di pressione dotati di servopilota e costruiti
con corpo in ghisa sferoidale.
Queste istruzioni sono applicabili a tutte le versioni sopra citate. Per l’uso con aria compressa e gas
industriali non pericolosi è raccomandata la versione DP27G, dotata di tenuta nitrilica soffice sia per
la valvola principale che per la valvola pilota (si consulti a tal proposito l'istruzione 3.519.5275.191).
Nota: per ulteriori informazioni consultare la specifica tecnica TI-P470-01.
2.2 Attacchi e diametri nominali
-
-
-
-
6
Filettati femmina UNI-ISO 7/1 Rp gas (standard) o NPT DN½" LC, ½", ¾" e 1"
Flangiati EN 1092 PN16/25 (standard) DN15 LC, 15, 20, 25, 32, 40 e 50
Flangiati ASME/ANSI B16.5 serie 150 DN½" LC, ½", ¾", 1", 1¼", 1½" e 2"
Flangiati ASME/ANSI B16.5 serie 300 DN½" LC, ½", 1", 1¼", 1½" e 2"
3.519.5275.193
2.3 Condizioni limite di utilizzo
Condizioni di progetto del corpo
PMA - Pressione massima ammissibile
A-D-E
A-B-C
TMA - Temperatura massima ammissibile
Temperatura minima ammissibile
PMO - Pressione massima di esercizio
TMO - Temperatura massima di esercizio
DP27, DP27Y e DP27R
DP27E
DP27, DP27Y e DP27R
DP27E
Temperatura minima di esercizio
DP27, DP27Y e DP27R
DP27E
Pressione di progetto massima per prova idraulica a freddo
Nota: con organi interni montati la pressione massima di prova è di
∆PMX - Pressione differenziale massima
PN25
@ 120°C
25 bar
@ 40°C 17,2 bar
@ 21 bar
232°C
-10°C
17 bar
10 bar
@ 17 bar
232°C
@ 10 bar
190°C
0°C
17 bar
10 bar
38 bar
25 bar
DP27,
DP27Y
e
DP27R
Temperatura °C
Diagramma pressione - temperatura
Curva del
vapor saturo
DP27E
Temperatura °C
Pressione bar
Curva del
vapor saturo
Area di non utilizzo
Pressione bar
Area di limitazione operativa (pericolo di danneggiamento dei componenti interni)
Area di limitazione operativa (condizione limite di utilizzo dell'elettrovalvola)
A-D-E Esecuzioni filettate, flangiate PN25 e ASME/ANSI serie 300
A-B-C Esecuzioni flangiate ASME/ANSI serie 150
G-G Esecuzione DP27E (limitata a 10 bar e 190°C dall'elettrovalvola)
Campi di regolazione della pressione ridotta determinati dalla molla di taratura contraddistinta
dal colore:
Rosso: da 0,2 bar a 17 bar (molla conica a reazione progressiva; standard)
Giallo: da 0,2 bar a 3 bar (molla ad elevata sensibilità; per DP27Y)
Per DP27R: pressione ridotta massima 15 bar: il segnale pneumatico di controllo per la taratura
della pressione ridotta deve essere di circa 0,7 bar superiore al valore della pressione controllata
desiderata.
3.519.5275.193
7
3. Installazione
Nota: prima di effettuare l'installazione consultare le "Informazioni generali per la sicurezza"
al capitolo 1.
Con riferimento alle Istruzioni di installazione e manutenzione, alla targhetta dell’apparecchio
e alla specifica tecnica, controllare che la valvola sia adatta all’installazione prevista.
3.1 Tipi di riduttori di pressione
DP27 (Fig.1)
Le valvole, fornite già pronte per l’installazione, sono dotate di una molla di regolazione conica a
reazione progressiva per pressioni ridotte nel campo 0,2÷17 bar.
DP27Y (Fig. 1)
Le valvole DP27Y sono identiche alle DP27 ma equipaggiate con una molla di regolazione ad elevata
sensibilità per pressioni ridotte nel campo 0,2÷3 bar.
Vite di regolazione
Dado di bloccaggio
Molla di regolazione
della pressione
Connessione per il tubicino presa di
pressione interna od esterna (vedere
paragrafo 3.8)
Tubicino presa di pressione
interna
Fig. 1 - DP27 e DP27Y
8
3.519.5275.193
DP27E
La DP27E (Fig. 2) è fornita come la precedente DP27, ma la pressione massima di esercizio è limitata
a 10 bar per la presenza dell'elettrovalvola. L’elettrovalvola è installata sulla tubazione fra la valvola
pilota e la camera dei diaframmi principali e risulta così in serie con la valvola pilota.
La funzione dell'elettrovalvola è quella di escludere la valvola pilota provocando la chiusura della
valvola principale. L’elettrovalvola può essere controllata da un qualsiasi dispositivo di sicurezza in
grado di interrompere l’alimentazione di corrente alla bobina solenoide.
Il solenoide apre la valvola quando la bobina viene energizzata e interrompe la corrente quando
è richiesta la chiusura della valvola principale. Si realizza così un funzionamento in sicurezza che
chiude la valvola anche nel caso di interruzione dell’alimentazione elettrica.
Nota: nella versione ‘E’ viene utilizzata una particolare valvola pilota che permette di prevenire
eventuali perdite del pilota stesso quando interviene l'elettrovalvola per chiudere la valvola.
Alimentazione elettrica
È importante che l’alimentazione elettrica abbia il corretto voltaggio. Quindi, controllare sempre
sulla targhetta dell'elettrovalvola le indicazioni relative all’alimentazione prima di fare i collegamenti.
La connessione elettrica avviene per mezzo di un connettore DIN 43650. Tutti i cablaggi, i
connettori, ecc... in prossimità della valvola devono essere resistenti al calore e ottemperare alle
normative locali e nazionali in materia di elettricità.
Messa a terra
L'elettrovalvola deve essere adeguatamente collegata a terra.
Elettrovalvola
Fig. 2 - DP27E
3.519.5275.193
9
DP27R
Il riduttore DP27R (Fig. 3) è fornito già pronto per l’installazione. Il valore della pressione a valle
può essere impostato a distanza tramite l’alimentazione regolata di aria compressa alla camera di
comando della valvola. L’aria deve essere superiore di circa 0,7 bar alla pressione a valle richiesta
ed essere controllata da un regolatore con corpo metallico e sfiato automatico di sovrappressione.
Si deve installare una valvola di ritegno per impedire l’ingresso del vapore nel circuito dell'aria, nel
malaugurato caso di danneggiamento dei diaframmi pilota. Il filtro per l’aria compressa deve avere
la tazza metallica ed essere installato preferibilmente a monte della valvola di ritegno.
Il tubicino di alimentazione dell’aria di comando controllata dal regolatore, deve essere collegato al
riduttore di pressione attraverso l’apposito raccordo come illustrato in Fig. 4. Tale raccordo è adatto
per tubicini in rame aventi diametro esterno 6 mm. La pressione massima ridotta ottenibile dalla
valvola DP27R è 15 bar.
Un’installazione tipica è rappresentata in Fig. 9.
Fig. 3 - DP27R
10
3.519.5275.193
3.2Montaggio (Figg. 4, 5 e 6)
La valvola deve sempre essere installata su tubazioni orizzontali, con la camera dei diaframmi
principali rivolta verso il basso (Fig. 4). In caso di portate elevate, di carichi ampiamente variabili o
quando ci sia la necessità di avere una valvola sempre pronta in "stand-by", possono essere usate
due o più valvole in parallelo (Fig. 5).
Per applicazioni in cui sia richiesta un'estrema stabilità con rapporti di turndown superiori a 10:1
potrebbe essere consigliabile l’uso di due valvole in serie. Per non avere instabilità, il volume e,
quindi, la portata della tubazione tra le due valvole dovrebbe corrispondere ad almeno 50 volte il
diametro parametrato su tutta la sua lunghezza. Per assicurare un adeguato drenaggio del tratto
di tubazione tra le due valvole di riduzione, deve essere previsto un gruppo di scarico condensa
come mostrato in Fig. 6.
Riduttore di
Filtro con pressione
elemento
filtrante
Tubo di presa
100 mesh
pressione
Separatore di umidità
Valvola di
sicurezza
Tubo di
scarico
Tubicino di
drenaggio
Ingresso
vapore
Camera
Spiratec
Filtro
Scaricatore di
condensa
a galleggiante
DP27, DP27Y e DP27E
Tratto libero pari a 0,9 m o 15 diametri
di tubazione (su ambedue i lati)
Valvola di
*Vedere paragrafo 3.6
intercettazione che
permette la taratura
del riduttore di pressione
in assenza di carico
Valvola
di ritegno
Scaricatore di condensa
a galleggiante
Alternativa
di drenaggio
di umidità
separatore
Filtro
Valvola
di ritegno
Indicatore
di passaggio
Ingresso aria
compressa
Valvola
di ritegno
Separatore
di umidità
Regolatore
Ingresso aria
compressa
Filtro
DP27R
Installazione per
aria compressa
Scaricatore di condensa
per aria compressa
Fig. 4 - Installazione consigliata
3.519.5275.193
11
Ingresso
vapore
Vedere paragrafo 3.6
Fig. 5 - Due riduttori di pressione installati in parallelo
3.3 Dimensionamento delle tubazioni
Le tubazioni da entrambi i lati della valvola devono essere dimensionate in modo che la velocità non
superi 25-30 m/s; questo significa che una valvola correttamente dimensionata sarà di dimensioni
inferiori alla stessa tubazione a cui è connessa.
3.4 Sollecitazioni sulle tubazioni
Il corpo del riduttore non dovrà essere soggetto alle sollecitazioni imposte alle tubazioni derivanti
da dilatazione o da staffaggi e supporti inadeguati.
3.5 Valvole di intercettazione
Queste valvole devono essere preferibilmente del tipo a passaggio pieno.
3.6 Eliminazione della condensa
Si consiglia di installare a monte della valvola un separatore con scaricatore di condensa per assicurare le migliori condizioni di vapor saturo secco.
Se vi è una risalita o un innalzamento della tubazione di bassa pressione, occorre prevedere un ulteriore punto di drenaggio per mantenere la valvola efficientemente drenata in ogni condizione di lavoro.
Ingresso
vapore
Separatore
Vedere paragrafo 3.6
Gruppo di scarico condensa
Gruppo di scarico condensa
Fig. 6 - Due riduttori di pressione installati in serie
12
3.519.5275.193
3.7 Protezione dalla sporcizia
Il riduttore di pressione dovrà essere protetto da un filtro di linea dotato di elemento filtrante da
100 mesh. Il filtro dovrà essere montato con la y in posizione orizzontale per impedire l’accumulo
di acqua. L’elemento filtrante del filtro dovrebbe essere ispezionato e pulito ad intervalli regolari.
3.8 Presa di pressione esterna
Per le applicazioni in cui è richiesto un controllo particolarmente accurato, una maggiore stabilità
o la massima capacità, si deve realizzare una presa di pressione esterna in quanto quella interna
può risentire delle turbolenze che si verificano immediatamente a valle dell’otturatore della valvola.
Disponendo di una valvola predisposta con presa interna, per la conversione procedere come segue:
Rimuovere completamente il tubicino di presa pressione interna. Il foro di presa (filettato da 1/8"
gas) sul corpo valvola deve essere chiuso con il tappo fornito in dotazione (nell'apposito sacchetto
di tela). L'altro foro di presa (filettato da 1/8" gas) sulla camera della valvola pilota deve, invece,
essere connesso al tubicino di presa pressione esterna (non fornito in dotazione). Utilizzare, a tale
scopo, un tubicino da 6 mm di diametro esterno e i necessari raccordi previsti nell'apposito kit di
montaggio "gruppo presa di pressione". Qualora il tubicino da 6 mm non fosse disponibile, togliere il
corrispondente raccordo di connessione ed avvitare direttamente un comune tubicino d'acciaio da ¼".
La presa di pressione deve essere collegata alla parte superiore della linea principale a valle, in un
punto nel quale in entrambe le direzioni ci sia un tratto libero di tubazione rettilinea lungo almeno
1 m o 15 volte il diametro della tubazione stessa, se maggiore. Si dovrà assicurare una pendenza
positiva, verso il punto di presa pressione, in modo da evitare che possa entrare un po' di condensa
nella valvola.
Se, per motivi d'ingombro, la connessione del tubicino di presa pressione alla parte superiore della
tubazione principale risulta difficoltosa, la stessa può essere fatta lateralmente, ovvero sul fianco
della tubazione principale.
3.9Manometri
È indispensabile prevedere un manometro a monte ed uno a valle in modo tale che la valvola possa
essere appropriatamente tarata e monitorata
3.10 Funzionamento continuo
In funzionamento continuo è essenziale assicurare un'alimentazione di vapore costante. In tal
caso, per la manutenzione periodica si consiglia l'installazione in parallelo di un'altra stazione di
riduzione (Fig. 5). Alternativamente si può installare una linea di by-pass (Figg. 8 e 9); è importante
che il by-pass abbia la stessa capacità di portata della valvola di riduzione ovvero che la valvola
di by-pass sia opportunamente dimensionata o si utilizzi un orifizio ridotto in linea. Il volantino sarà
bloccabile per evitarne l'uso a personale non autorizzato e durante l'impiego manuale sarà sotto
costante sorveglianza.
La valvola di by-pass sarà installata sopra o sullo stesso piano del gruppo riduttore, ma mai al di sotto.
3.11 Valvola di sicurezza
La valvola di sicurezza protegge l’apparecchiatura a valle da pressioni eccessive. Dovrà essere
predisposta per operare a valori di pressione inferiori a quelli di sicurezza delle apparecchiature a
valle e, normalmente, avrà dimensioni che consentono il passaggio della portata piena del riduttore
di pressione, in caso di malfunzionamenti nella condizione di apertura completa. Se è installata una
valvola di by-pass, la valvola di sicurezza deve essere dimensionata per la portata maggiore tra quella
del riduttore e quella del by-pass stesso.
La pressione di taratura della valvola di sicurezza deve tener conto del suo "turndown" e della
pressione di taratura del riduttore in assenza di carico. Per esempio, il valore tipico di scarico di
una valvola di sicurezza (differenziale di richiusura) per le versioni DIN è pari al 10% del valore di
taratura. La pressione di taratura minima per una valvola di sicurezza deve quindi essere uguale
alla pressione di taratura del riduttore di pressione in assenza di carico, maggiorata del valore di
scarico della valvola di sicurezza, più un piccolo margine di sicurezza di almeno 0,1-0,2 bar. Non
rispettando queste precauzioni, se la pressione di esercizio del riduttore fosse troppo vicina al suo
valore di taratura, la valvola di sicurezza non sarebbe più in grado di chiudere adeguatamente, andrebbe in fluttuazione e creerebbe perdite che spesso vengono attribuite erroneamente al riduttore.
La tubazione di scarico della valvola di sicurezza deve essere convogliata in un luogo sicuro.
3.519.5275.193
13
3.12 Posizionamento del riduttore di pressione rispetto alle altre
valvole di regolazione
Fig. 7 - Posizionamento del riduttore rispetto alle altre apparecchiature
A monte del riduttore di pressione devono essere previste delle valvole di intercettazione di linea
o di sistema a comando manuale o remoto, per eventuali necessità di intervento o manutenzione.
In presenza di un sistema di regolazione (B) a valle, in particolare ad azione rapida (per esempio
valvole a pistone), assicurarsi che il dispositivo di regolazione sia lontano almeno 50 diametri di
tubazione dal riduttore di pressione DP27, per evitare che eventuali fluttuazioni e impulsi di ritorno della pressione possano essere trasmessi indietro al regolatore e causare così instabilità di
funzionamento e usura prematura degli organi interni. Se tale distanza non può essere rispettata,
interporre la capacità di un barilotto.
Laddove siano presenti sia una valvola di sicurezza (C), a protezione del sistema a valle del riduttore,
sia una valvola per la regolazione della temperatura, anch'essa a valle della DP27, è consigliabile
installare la valvola di sicurezza dopo quella di regolazione, piuttosto che tra le due valvole. In questo modo, pur assicurando la completa protezione del sistema a valle, si potrà evitare che piccoli
trafilamenti possano determinare l'inutile intervento della valvola di sicurezza.
Quando a valle del riduttore sono installate altre valvole di regolazione (B), il tratto di tubazione
intermedio deve essere opportunamente drenato (D), per assicurare che non si possa accumulare
condensa tra le due valvole e garantire l’assenza di pericolosi colpi d’ariete.
14
3.519.5275.193
4. Messa in servizio
4.1 Procedura di taratura (Figg. 8 e 9)
1. Assicurarsi che tutte le connessioni siano effettuate
correttamente e che tutte le valvole siano chiuse.
DP27, DP27Y e DP27E (Fig. 8)
2.Chiudere tutte le valvole del gruppo di
riduzione compresa la valvola di by-pass,
se installata.
3.Controllare che la vite di regolazione sia
completamente allentata girandola in senso antiorario fino a quando la molla risulti
completamente scaricata.
DP27R (Fig. 9)
2.Chiudere tutte le valvole del gruppo di
riduzione compresa la valvola di by-pass,
se installata.
3.Controllare che l’alimentazione dell’aria
compressa sia chiusa e la pressione sia a
zero.
4.Controllare che i rubinetti di intercettazione dei manometri siano
aperti.
5.Per il corretto funzionamento del riduttore è importante che le
valvole pilota e principale non si sporchino. Quindi, prima di
mettere in funzione il riduttore, assicurarsi che la tubazione a
monte sia stata spurgata da sporcizia e particelle solide e che
il filtro a Y sulla tubazione principale venga ispezionato e pulito,
se necessario.
6.Aprire lentamente la valvola d’intercettazione a monte fino a
quando è completamente aperta.
DP27, DP27Y e DP27E
7.Usando una chiave da 19 mm, ruotare
lentamente la vite di regolazione in senso
orario fino a leggere la pressione a valle
desiderata.
8.Mantenendo la posizione della vite di
regolazione per mezzo della chiave, stringere il controdado per bloccare la taratura
ottenuta.
DP27R
7.Aprire lentamente il flusso dell’aria compressa, agendo sul regolatore di pressione
fino ad ottenere la pressione a valle desiderata.
Nota
Per facilitare la ritaratura della valvola di
riduzione, è bene posizionare il manometro
della pressione a valle in un punto visibile e
vicino al regolatore d’aria. Se per fare questo
è necessario posizionare il manometro sotto
la tubazione del vapore, la tubazione di interconnessione deve essere drenata nel punto
più basso, altrimenti il manometro potrebbe
indicare un valore errato.
9. Aprire lentamente la valvola a valle fino a quando sarà completamente aperta.
Nota: dopo l’installazione o la manutenzione, assicurarsi che l’intero sistema sia funzionante.
Effettuare la prova di corretto funzionamento di ogni dispositivo di allarme o protezione.
Dopo l’avviamento è consigliabile sostituire il filtro della valvola pilota con quello di ricambio fornito
con la valvola.
3.519.5275.193
15
4.2 Due o più valvole di riduzione in parallelo
Quando si utilizzano più riduttori di pressione può essere vantaggioso sceglierli di misura diversa;
il più piccolo, per entrare in azione in condizioni normali di funzionamento (basso carico) e il più
grande, per far fronte alla domanda di carico massimo. È necessario che i due riduttori vengano
avviati, uno alla volta separatamente, seguendo la procedura indicata al paragrafo 4.1, regolando
quello più piccolo a una pressione leggermente superiore rispetto a quello più grande.
Connessione opzionale di by-pass (vedere paragrafo 3.10)
Ingresso vapore
Scarico condensa
Vedere paragrafo 3.6
Fig. 8 - Procedura di taratura per DP27, DP27Y e DP27E
Connessione opzionale di by-pass (vedere paragrafo 3.10)
Ingresso vapore
Scarico condensa
Vedere paragrafo 3.6
Fig. 9 - Procedura di taratura per DP27R
16
3.519.5275.193
5. Manutenzione
Nota: prima di effettuare qualunque intervento di manutenzione
consultare le "Informazioni generali per la sicurezza" al capitolo 1.
Attenzione
La guarnizione del coperchio (tutte le versioni della DP27) e della camera di comando (DP27R)
contiene un sottile anello in acciaio inox che può provocare danni fisici se non è maneggiato
e/o smaltito con precauzione.
5.1 Manutenzione ordinaria
Si consiglia lo smontaggio della valvola una volta ogni dodici - diciotto mesi per una revisione completa e preferibilmente dopo aver rimosso la valvola dalla tubazione.
Le parti che richiedono di essere manutenute ed eventualmente sostituite sono:
-Sede e otturatore della valvola principale
-Gruppo valvola pilota
-Filtro della valvola pilota
-Filtro della valvola principale
-Diaframmi principali
-Diaframmi pilota
Gruppo valvola pilota
Elemento filtrante
della valvola pilota
Diaframmi pilota
Guarnizione del corpo
valvola
Elemento filtrante della
valvola principale
Sede e otturatore della
valvola principale
Diaframmi principali
3.519.5275.193
17
5.2 Sostituzione del filtro della
valvola pilota
1.Isolare la valvola di riduzione e scaricare la pressione azzerandola.
2.Svitare il tappo del filtro ed estrarre con cautela
l’elemento filtrante.
3.Sostituire l’elemento filtrante ed avvitare il tappo
serrandolo con una coppia pari a 90 - 100 N m.
Nota: la guarnizione è di tipo riutilizzabile.
Elemento
filtrante
Tappo
del filtro
5.3 Sostituzione della molla di
regolazione della pressione
Per la sostituzione della molla di taratura della pressione, isolare la valvola di riduzione e scaricare la
pressione azzerandola.
1.Allentare il dado di bloccaggio
2.Ruotare la vite di regolazione in senso antiorario.
Accertarsi che non ci sia alcuna compressione
residua sulla molla di regolazione della pressione.
3.Svitare i 4 dadi di fissaggio dell’alloggiamento della
molla e toglierlo.
4.Togliere la molla di regolazione della pressione ed
il relativo piattello spingi molla superiore.
5.Riassemblare in ordine inverso.
5.4 Sostituzione del gruppo valvola pilota
6.DP27, DP27Y e DP27E
Isolare la valvola di riduzione e scaricare la pressione azzerandola. Accertarsi che non ci sia alcuna
compressione residua sulla molla di regolazione
della pressione; svitare i 4 dadi di fissaggio dell’alloggiamento della molla e toglierlo. Togliere la molla
con i piattelli superiore e inferiore ed i diaframmi.
DP27R
Intercettare l’alimentazione dell’aria di comando ed
azzerare la pressione nella camera di taratura della
pressione di regolazione.
Svitare i 4 dadi di fissaggio del coperchio della
camera di comando e toglierlo; togliere anche i
diaframmi.
7.Svitare e togliere il gruppo valvola pilota (chiave da 19 mm). Il gruppo pilota è provvisto di una
tenuta integrale in PTFE per cui dovranno essere osservate le seguenti precauzioni di manipolazione.
Precauzioni per la manipolazione del PTFE
Entro il proprio campo di temperatura di utilizzo il PTFE è un materiale completamente inerte, ma
se riscaldato fino alla sua temperatura di sinterizzazione dà luogo allo sviluppo di prodotti gassosi
di decomposizione o fumi che, se inalati possono produrre effetti spiacevoli. I fumi possono essere
prodotti, ad esempio, per il riscaldamento per effettuarne la sinterizzazione oppure quando si
effettuino brasature di cavi isolati con PTFE. L’inalazione di questi fumi può essere facilmente
evitata con l’uso locale di un aspiratore sistemato il più vicino possibile alla fonte dei fumi stessi.
Deve essere proibito fumare nei locali in cui viene maneggiato il PTFE perché il tabacco contaminato con il PTFE, durante la combustione, genera fumi polimerici. E’ altresì importante evitare
la contaminazione degli indumenti, specialmente le tasche; mantenere anche una normale pulizia personale lavandosi accuratamente le mani ed eliminando le eventuali particelle di PTFE
annidatisi sotto le unghie.
18
3.519.5275.193
8. Avvitare la nuova valvola pilota nel proprio alloggiamento e serrare con una coppia pari a
45 - 50 N m.
9. Controllare che rimanga un gioco molto piccolo tra la sommità del pistoncino ed un righello di
riferimento piazzato sul piano di alloggiamento per i diaframmi del pilota come indicato dalla
figura sottostante.
Righello
9
10. Rimontare i due diaframmi, assicurandosi che siano sistemati nello stesso senso di quando
sono stati rimossi e che tutte le superfici di contatto siano pulite. Diaframmi che mostrino segni
di usura o danneggiamento devono essere sostituiti.
11. DP27, DP27Y e DP27E
Riposizionare il piattello spingi molla inferiore la molla ed il piattello superiore.
12. DP27, DP27Y e DP27E
Riassemblare l’alloggiamento della molla e serrare i dadi con la coppia prescritta ed indicata
nella tabella 1.
DP27R
Rimontare il blocco della camera di controllo e serrare i dadi con la coppia prescritta ed indicata
in tabella 1.
Rieffettuare le operazioni di avviamento seguendo tutti i passi necessari di cui al capitolo 4.
3.519.5275.193
19
Tabella 1
Coppie di serraggio raccomandate per i dadi del coperchio
dell’alloggiamento molla di regolazione (DP27, DP27Y e DP27E) o
della camera di comando (DP27R)
DN valvola
Dimensione dado
Coppia di serraggio
½" - ¾" - 1"
DN15, 20, 25 e 32
M 10
40 - 50 N m
DN40 e 50
M 12
45 - 55 N m
20
3.519.5275.193
5.5 Pulizia o sostituzione del filtro della valvola principale
Intercettare la valvola di riduzione e scaricare completamente la pressione.
DP27, DP27Y e DP27E
Scaricare completamente la molla di regolazione della pressione svitando la vite di taratura.
DP27R
Intercettare la valvola di riduzione e chiudere l’aria di alimentazione per la taratura; scaricare completamente la pressione.
13. Svitare i raccordi liberando i tubicini dei segnali.
14. Svitare i dadi della camera del pilota.
15. DP27, DP27Y e DP27E
Rimuovere la camera del pilota completa del gruppo molla di taratura.
DP27R
Rimuovere la camera del pilota completa della camera superiore per l’aria compressa.
16. Togliere l’elemento filtrante della valvola principale e procedere alla pulizia od alla sua sostituzione.
17. Assicurarsi che i piani di appoggio delle guarnizioni siano puliti.
18. Controllare che la molla di contrasto della valvola principale sia posizionata correttamente.
19. Montare la nuova guarnizione.
20. Posizionare l’elemento filtrante della valvola principale.
21. DP27, DP27Y e DP27E
Montare il blocco della valvola pilota completo del gruppo custodia molla e stringere i dadi
secondo la coppia di serraggio indicata in tabella 1.
DP27R
Montare il blocco della valvola pilota completo del gruppo dell’aria di regolazione e stringere i
dadi secondo la coppia indicata in tabella 1.
22. Riposizionare i tubicini e stringere i raccordi per assicurare una tenuta perfetta.
Rieffettuare le operazioni di avviamento seguendo tutti i passi necessari di cui al capitolo 4.
3.519.5275.193
21
5.6 Sostituzione dei diaframmi pilota
Intercettare la valvola di riduzione e scaricare completamente la pressione.
DP27, DP27Y e DP27E
Scaricare completamente la molla di regolazione della pressione svitando la vite di tartura.
DP27R
Intercettare l’alimentazione dell’aria di azionamento e scaricare completamente la pressione.
23. DP27, DP27Y e DP27E
Svitare i dadi e togliere la custodia della molla, il piattello inferiore della molla e i diaframmi
usurati.
DP27R
Svitare i dadi ed estrarre il blocco dell’aria di regolazione e i diaframmi usurati.
24. Assicurarsi che tutte le superfici di contatto siano pulite. I nuovi diaframmi dovrebbero essere
montati in modo tale che il materiale di tenuta preapplicato (presente solo su un diaframma) sia
rivolto verso il basso a contatto con la superficie di tenuta della camera dei diaframmi.
25. DP27, DP27Y e DP27E
Rimontare il piattello inferiore della molla.
26. DP27, DP27Y e DP27E
Montare la custodia della molla e stringere i dadi secondo la coppia di serraggio indicata nella
tabella 1.
DP27R
Montare il blocco dell’aria di regolazione e stringere i dadi secondo la coppia di serraggio indicata
in tabella 1.
Rieffettuare le operazioni di avviamento seguendo tutti i passi necessari di cui al capitolo 4.
5.7 Sostituzione o pulizia dei diaframmi principali
Intercettare la valvola di riduzione e scaricare completamente la pressione.
27. Svitare il dado del raccordo lungo e allontanarlo.
28. Svitare i dadi e i bulloni M12 della camera dei diaframmi.
29. Togliere la camera inferiore dei diaframmi, i due diaframmi, il piattello dei diaframmi ed il gruppo
asta di comando.
30. Pulire a fondo la camera inferiore ed assicurarsi che le superfici di contatto siano pulite.
22
3.519.5275.193
31. Rimontare il piattello dei diaframmi ed il gruppo asta e posizionare senza serrare la camera inferiore
dei diaframmi, trattenendola in posizione con i due bulloni posti ai due lati dell’attacco al tubicino
di modo che la parte imboccata venga a trovarsi nel rispettivo alloggiamento.
32. Tenere uniti i due nuovi diaframmi facendo attenzione che il materiale di tenuta preapplicato deve
essere rivolto verso l’esterno ed inserirli nella loro posizione. Qualora i diaframmi non debbano
essere sostituiti, ma solamente puliti, bisognerà fare attenzione a montarli nella loro posizione
originale.
33. Posizionare la camera inferiore dei diaframmi sistemandola nell’alloggiamento e reinserire i dadi
e i bulloni M12. Stringere progressivamente ed in modo alternato fino a raggiungere una coppia
finale di 80 - 100 N m.
34. Stringere il raccordo lungo del tubicino per assicurare una tenuta perfetta.
Rieffettuare le operazioni di avviamento seguendo tutti i passi necessari di cui al capitolo 4.
5.8 Manutenzione o sostituzione di otturatore e sede della valvola
principale
Intercettare la valvola di riduzione e scaricare completamente la pressione.
DP27, DP27Y e DP27E
Scaricare completamente la molla di regolazione della pressione svitando la vite di tartura.
DP27R
Intercettare l’alimentazione dell’aria di azionamento e scaricare completamente la pressione.
35. Svitare i raccordi liberando i tubicini dei segnali.
36. Svitare i dadi della camera del pilota.
37. DP27, DP27Y e DP27E
Rimuovere la camera del pilota completa del gruppo molla di taratura.
DP27R
Rimuovere la camera del pilota completa della camera superiore per l’aria compressa.
3.519.5275.193
23
38. Togliere l’elemento filtrante ed effettuarne la pulizia.
39. Rimuovere la molla e l’otturatore principale. Pulire rimuovendo, se necessario eventuali depositi
ed incrostazioni.
40. Rimuovere la sede e pulire eliminando, se necessario, eventuali depositi ed incrostazioni.
Nota: esaminare le superfici dell’otturatore e della sede. Se sono leggermente consumate, sia
l’otturatore che la sede possono essere smerigliati su un piano levigato usando una pasta di
grado fine. Se sono entrambi molto consumati o inutilizzabili, bisognerà sostituirli.
41. Rimontare la sede della valvola applicando una pasta sigillante per alte temperature sulle superfici di tenuta e serrando secondo la coppia indicata in tabella 2.
Laddove è stato montato un nuovo componente, sarà necessario regolare l’asta di comando
della valvola principale per permettere una corretta alzata della valvola.
Per fare questo, è necessario mettere allo scoperto il piattello dei diaframmi principali ed il gruppo
asta di comando.
42. Svitare il raccordo lungo del tubicino e liberarlo.
43. Svitare i dadi M12 togliendo i bulloni.
44. Allontanare la camera inferiore dei diaframmi, i due diaframmi, il piattello dei diaframmi ed il
gruppo asta di comando.
24
3.519.5275.193
Tabella 2
Coppie di serraggio raccomandate per la sede della valvola principale
DN valvola
½" e ½" LC
15 e 15 LC
¾" e 20
1" e 25
32
40
50
Dimensione chiave (mm)
Coppia di serraggio
30 (esterno)
110 - 120 N m
36 (esterno)
19 (interno)
24 (interno)
30 (interno)
41 (interno)
140 - 150 N m
230 - 250 N m
300 - 330 N m
450 - 490 N m
620 - 680 Nm
45. Riposizionare il gruppo piattello - asta.
46. Riposizionare l’otturatore ed assicurarsi che l’otturatore si appoggi sulla sede.
47. Controllare che l’alzata dell’otturatore sia quella indicata in tabella 3 utilizzando un calibro di
profondità e, se necessario regolare la corsa avvitando o svitando l’asta sul piattello dei diaframmi
bloccando poi il controdado di fermo.
Calibro di profondità
Tabella 3
Corsa dell’otturatore
DN valvola
15 LC e ½" LC
15 e ½"
20 e ¾"
25 e 1"
32
40
50
3.519.5275.193
Corsa otturatore
2,5 mm
2,5 mm
2,5 mm
3,0 mm
3,5 mm
4,5 mm
5,0 mm
25
48. Pulire a fondo la camera inferiore ed assicurarsi che le superfici di contatto siano pulite.
49. Riposizionare il piattello dei diaframmi ed il gruppo asta e rimontare senza serrare la camera
inferiore dei diaframmi trattenendola in posizione con i due bulloni posti ai due lati dell’attacco
al tubicino di modo che la parte imboccata venga a trovarsi nel rispettivo alloggiamento.
50. Riposizionare i diaframmi esattamente allo stesso modo di quando sono stati smontati.
51. Posizionare la camera inferiore dei diaframmi sistemandola nell’alloggiamento e reinserire i dadi
e i bulloni M12. Stringere progressivamente ed in modo alternato fino a raggiungere una coppia
finale di 80 - 100 N m.
52. Stringere il raccordo lungo del tubicino per assicurare una tenuta perfetta.
53. Riposizionare l’otturatore principale.
54. Inserire la molla di contrasto dell’otturatore.
55. Posizionare la nuova guarnizione.
56. Reinserire l’elemento filtrante.
57. DP27, DP27Y e DP27E
Montare il blocco della valvola pilota completo del gruppo molla e stringere i dadi secondo la
coppia indicata in tabella 1.
DP27R
Montare il blocco della valvola pilota con il gruppo dell’aria di comando e stringere i dadi secondo
la coppia indicata in tabella 1.
58. Rimontare i tubicini e stringere i raccordi per assicurare una tenuta perfetta.
Rieffettuare le operazioni di avviamento seguendo tutti i passi necessari di cui al capitolo 4.
26
3.519.5275.193
5.9 Manutenzione o sostituzione dell'elettrovalvola
DP27E
Portare la valvola a pressione atmosferica e staccare l'alimentazione.
59. Svitare il dado di fissaggio e sfilare l’intero blocco bobina-connettore dalla parte sottostante.
60. Svitando il tubo guida dell'otturatore (nucleo magnetico), si ha accesso alla molla, all’otturatore,
alla guarnizione e alla sede del corpo valvola, per eventuale controllo, pulizia o sostituzione.
Per i migliori risultati sostituire il gruppo completo contraddistinto con W nel disegno esploso
dei ricambi a pag. 29.
61. Riassemblare in senso inverso facendo riferimento al disegno riportato sotto.
Avvertenza
Bobina e nucleo devono essere riassemblati completamente
in quanto sono parte integrante del circuito magnetico
5.10 Sostituzione della bobina
DP27E
Staccare l'alimentazione e il connettore dall'involucro della bobina.
62. Svitare il dado di fissaggio.
63. Sfilare la rondella, la rondella isolante e l'involucro della bobina dalla parte sottostante. Riassemblare
procedendo in senso inverso (vedere l’avvertenza sottostante il disegno).
3.519.5275.193
27
6. Ricambi
I ricambi sono disponibili secondo i raggruppamenti di tabella e rappresentati nel disegno con linea
continua. Nessun altro particolare rappresentato con linea tratteggiata è fornibile come ricambio.
Ricambi disponibili
Kit di manutenzione (comprendente tutti i ricambi evidenziati con*)
Diaframmi principali
(2 pezzi)
A
* Diaframmi pilota
(2 pezzi)
B
C o C1
* Gruppo valvola pilota
* Elemento filtrante e guarnizione tappo
(confezione da 3 pezzi)
EeF
del filtro valvola pilota
* Gruppo valvola principale
KeL
Filtro della valvola principale
M
* Molla di ritorno valvola principale
N
DP27 e DP27E
0,2÷17 bar
* Molla di regolazione pressione
O
(non per DP27R)
DP27Y
0,2÷3 bar
Gruppo tubicini di comando
P
* Gruppo tubicini presa di pressione interna
Q
* Guarnizione del corpo valvola
(3 pezzi)
R
Guarnizione della camera di comando (solo per DP27R)
R1
Gruppo prigionieri e dadi per fissaggio (confezione da 4 pezzi)
S
alloggiamento molla di regolazione
Gruppo prigionieri e dadi per fissaggio (confezione da 4 pezzi)
T
corpo valvola
valvola DN15÷32
(confezione da 10 pezzi)
Gruppo bulloni e dadi per fissaggio
V
camera dei diaframmi principali
valvola DN40 e 50
(confezione da 12 pezzi)
Asta di comando e piattello diaframmi principali
Y
Ricambi disponibili solo per DP27E
Elettrovalvola completa
Bobina per elettrovalvola
Gruppo sede e otturatore per elettrovalvola
W
X1
X2
Ordinare i ricambi usando sempre la descrizione fornita nella tabella e precisare il tipo di valvola, il
diametro nominale e il campo di pressione.
Esempio: N° 1 Gruppo valvola principale per riduttore di pressione auto-servoazionato Spirax Sarco
DP27 DN40, campo di regolazione 0,2÷17 bar.
28
3.519.5275.193
3.519.5275.193
Gruppo valvola principale
Gruppo elettrovalvola
DP27,
DP27R
e
DP27Y
oppure
DP27E
29
Intercambiabilità dei componenti
La tabella seguente mostra i componenti comuni a più diametri nominali contrassegnati dalla
stessa lettera.
Ad esempio, la seconda riga indica che ci sono tre tipi di diaframmi principali rispettivamente per tre
differenti gruppi di diametri nominali: un tipo per i diametri nominali DN½"LC-15LC, ½"-15 e ¾"-20;
un secondo tipo per DN1"-25 e 32; un terzo tipo per DN40 e 50. Tutti i ricambi sono validi anche
per i regolatori di temperatura e di pressione DP27T; laddove contrassegnati con il simbolo + sono
validi anche per i termoregolatori 37D e TR5037T. **
** Nota: questa intercambiabilità non si applica alle valvole pilota con sede morbida DP27G e
DP27GY e al gruppo valvola principale.
con attacchi filettati
con attacchi flangiati
DN Valvola
½"LC ½" ¾"
1" 15LC 15
20
25
32
40
Kit di manutenzione
a
a
a
b
f
f
a
b
c
d
Diaframmi principali
a
a
a
b
a
a
a
b
b
c
+ Diaframmi pilota
a
a
a
a
a
a
a
a
a
a
Camera e gruppo
a
a
a
a
a
a
a
a
a
b
valvola pilota
Elemento filtrante della
a
a
a
a
a
a
a
a
a
a
valvola pilota
Guarnizione tappo del
a
a
a
a
a
a
a
a
a
a
filtro della valvola pilota
Guarnizioni di tenuta
a
a
a
a
a
a
a
a
a
a
in PTFE
+ Gruppo valvola principale
a
b
c
d
a
b
c
d
e
f
Filtro
della
valvola
+ principale
a
a
a
b
f
f
a
b
c
d
Molla
di
ritorno
valvola
+ principale
a
a
a
a
a
a
a
a
a
c
Molla di regolazione
a
a
a
a
a
a
a
a
a
a
pressione
tubicini di
+ Gruppo
a
a
a
b
f
f
a
b
c
d
comando
Gruppo tubicini presa
a
a
a
b
f
f
a
b
c
d
di pressione interna
del
+ Guarnizione
a
a
a
a
a
a
a
a
a
b
corpo valvola
Gruppo prigionieri/dadi
per fissaggio
a
a
a
a
a
a
a
a
a
b
alloggiamento molla di
regolazione pressione
Gruppo prigionieri/dadi
+ per fissaggio
a
a
a
a
a
a
a
a
a
b
corpo valvola
Gruppo viti/dadi per
+ fissaggio camera dei
a
a
a
a
a
a
a
a
a
b
diaframmi principali
Asta di comando e
piattello diaframmi
a
a
a
b
a
a
a
b
b
c
principali
30
50
e
c
a
b
a
a
a
g
e
c
a
e
e
b
b
b
b
c
3.519.5275.193
7. Ricerca guasti
7.1 Operazioni preliminari
Prima di intraprendere la seguente procedura di ricerca guasti, il riduttore dovrà essere intercettato e
le pressioni a monte e a valle azzerate. I controlli per risolvere eventuali anomalie sono qui riportati
in ordine logico.
7.2 Pressione a valle inesistente o troppo bassa
Se la pressione a valle del riduttore scende sotto la pressione di taratura prevista o va a zero vuol
dire che si è verificata una delle seguenti situazioni:
1.Al riduttore di pressione non arriva il vapore ad alta pressione. Controllare che il vapore fluisca
correttamente e che il filtro sia pulito (per facilitare la messa in servizio e la ricerca guasti si consiglia di montare un manometro a monte).
2.La molla di regolazione della pressione è rotta.
3.I tubicini di comando sono ostruiti. Rimuoverli, svitando i tre raccordi di connessione alla valvola,
e soffiare con aria compressa per eliminare l’ostruzione.
4.Il foro calibrato attraverso il quale il gruppo tubicini di comando è collegato alla camera dei diaframmi principali è ostruito. Svitare il raccordo prolungato del tubicino e quello alloggiato nella
camera (contraddistinto da una scanalatura sulla testa esagonale, per una migliore identificazione)
ed eliminare l'ostruzione.
5.I diaframmi principali sono rotti. Sostituirli secondo le istruzioni del paragrafo 5.7.
6.L'asta di comando della valvola pilota è troppo corta. Controllare le istruzioni del paragrafo 5.4
(punto 9).
7.La portata del riduttore insufficiente per le condizioni a valle.
a.Controllare che la pressione a monte sia corretta. Se troppo bassa, la portata del riduttore
diminuirà drasticamente.
b.Verificare che il tubo di presa pressione sia montato correttamente (secondo le istruzioni del
paragrafo 3.8) e, all’occorrenza, montare un tubicino di presa pressione esterna. Se la pressione
a valle è ancora troppo bassa, è necessario sostituire il riduttore con un altro di maggiore portata.
7.3 Pressione a valle troppo alta
Se la pressione a valle del riduttore supera quella di taratura prevista, vuol dire che si è verificata
una delle seguenti situazioni:
1.Il tubicino di presa pressione è ostruito. Smontarlo e soffiare con aria compressa per eliminare
l'ostruzione.
2.Il foro calibrato attraverso il quale il gruppo tubicini di comando è collegato al corpo della valvola
è ostruito. Svitare il raccordo del tubicino e quello alloggiato nel corpo valvola (contraddistinto da
una scanalatura sulla testa esagonale, per una migliore identificazione) ed eliminare l'ostruzione.
3.I diaframmi della valvola pilota sono rotti. Sostituirli secondo le istruzioni del paragrafo 5.6.
4.La valvola pilota o l'asta della valvola pilota sono bloccate. Seguire le istruzioni del paragrafo 5.4
(punti 6÷9). Controllare le restanti istruzioni del paragrafo 5.4 (punti 10÷12).
5.La valvola principale non si posiziona correttamente sulla sede. Controllarla e se necessario
sostituirla (paragrafo 5.8).
6.L'asta di comando della valvola principale è bloccata. Seguire le istruzioni del paragrafo 5.7.
7.L'asta di comando della valvola pilota è troppo lunga. Controllare le istruzioni del paragrafo 5.4
(punto 9).
8.La valvola pilota non si posiziona correttamente sulla sede. Controllare le istruzioni del paragrafo 5.4.
7.4 Fluttuazioni della pressione
Le fluttuazioni di pressione possono coincidere con le variazioni nel carico del fluido controllato. In
tal caso, effettuare i seguenti controlli prima di smontare la valvola:
1.Controllare che la pressione a monte sia stabile. Se a pieno carico la pressione scende, è possibile che a monte vi sia un’ostruzione parziale o che le tubazioni siano sottodimensionate. Se la
pressione a monte è troppo bassa, si ridurrà la portata del riduttore e, probabilmente, la pressione
a valle in condizioni di pieno carico non potrà più essere mantenuta.
3.519.5275.193
31
2.Se la pressione a monte è corretta e stabile, tarare il riduttore in condizioni dead-end (carico zero).
Applicare il pieno carico al riduttore.
Se in condizioni di pieno carico la pressione a valle scende eccessivamente, vuol dire che, probabilmente, il riduttore è troppo piccolo e deve essere sostituito.
Una volta determinato che la pressione a monte è corretta e stabile e che il riduttore è di dimensioni idonee, eseguire il seguente controllo sul riduttore:
3.Il vapore è molto umido. Controllare che l’installazione del riduttore sia come illustrato in Fig. 4.
4.Il punto in cui il tubicino di presa pressione esterna viene inserito nella linea principale a valle si
trova in una zona di turbolenza. Far riferimento al paragrafo 3.8.
5.Presenza di sporco nel gruppo tubicini di comando. Rimuoverli e soffiare con aria compressa per
pulirli.
6.La valvola pilota o l’asta della valvola pilota sono bloccate. Seguire le istruzioni del paragrafo 5.4
(punti 6÷9).
7.L’asta di comando della valvola principale è bloccata. Seguire le istruzioni del paragrafo 5.7.
8.I diaframmi pilota o principali sono deformati. Per sostituirli seguire le istruzioni del paragrafo 5.6.
RIPARAZIONI
In caso di necessità, prendere contatto con la nostra Filiale o Agenzia più vicina, o direttamente con la Spirax-Sarco
Via per Cinisello, 18 - 20834 Nova Milanese (MB) - Tel.: 0362 49 17.1 - Fax: 0362 49 17 307
PERDITA DI GARANZIA
L'accertata inosservanza parziale o totale delle presenti norme comporta la perdita di ogni diritto relativo alla
garanzia.
Spirax-Sarco S.r.l. - Via per Cinisello, 18 - 20834 Nova Milanese (MB) - Tel.: 0362 49 17.1 - Fax: 0362 49 17 307
3.519.5275.193 CH Ed. 5.1 IT - 2012.12
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Download PDF

advertisement