Trasmettitore di temperatura 3144P Rosemount con protocollo HART ® Guida rapida

Trasmettitore di temperatura 3144P Rosemount con protocollo HART ® Guida rapida
Guida rapida
00825-0102-4021, Rev. JA
Gennaio 2014
Trasmettitore di temperatura 3144P
Rosemount con protocollo HART®
Gennaio 2014
Guida rapida
AVVISO
La presente guida illustra le fasi per l’installazione del modello 3144P Rosemount. La guida
non contiene istruzioni dettagliate relative a configurazione, diagnostica, manutenzione,
servizio, risoluzione dei problemi e installazioni a prova di esplosione, a prova di fiamma o a
sicurezza intrinseca. Per informazioni più dettagliate, consultare il manuale di riferimento del
modello 3144P (documento numero 00809-0100-4021).
Il manuale e la presente guida di installazione rapida sono disponibili anche in formato
elettronico sul sito web www.emersonprocess.com.
AVVERTENZA
Le esplosioni possono causare infortuni gravi o mortali:
L’installazione del presente trasmettitore in un’area esplosiva deve essere conforme alle
procedure, alle normative e agli standard locali, nazionali e internazionali. Per informazioni
relative alle limitazioni associate a un’installazione sicura, consultare la sezione dedicata alle
certificazioni del presente manuale.
Le perdite di processo possono causare infortuni gravi o mortali.
 Installare e serrare i pozzetti termometrici o i sensori prima di applicare pressione.
 Non rimuovere il pozzetto termometrico mentre è in funzione.
Le scosse elettriche possono causare infortuni gravi o mortali.
 Evitare il contatto con conduttori e terminali. L'alta tensione presente nei conduttori può
causare scosse elettriche.
Entrate conduit/cavi
 Le entrate conduit/cavi nella custodia del trasmettitore presentano una filettatura da
1/2-14 NPT.
 Per l'installazione in aree pericolose, utilizzare nelle entrate conduit/cavi esclusivamente
tappi, pressacavi o adattatori correttamente elencati o dotati di certificazione Ex.
Sommario
Fase 1: approntamento del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Fase 2: verifica della configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3
Fase 3: impostazione degli interruttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Fase 4: montaggio del trasmettitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Fase 5: collegamento e accensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Fase 6: esecuzione di un loop test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Sistemi di sicurezza strumentati (SIS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Certificazioni del prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2
Guida rapida
Gennaio 2014
Fase 1: approntamento del sistema
Conferma della compatibilità della revisione HART


Se si usano sistemi di controllo o di gestione degli asset a base HART, prima di
installare il trasmettitore confermare la compatibilità della revisione HART di
questi sistemi. Non tutti i sistemi sono in grado di comunicare con il
protocollo HART revisione 7. Questo trasmettitore può essere configurato sia
per la revisione HART 5 che 7.
Per istruzioni su come modificare la revisione HART del trasmettitore, vedere
a pagina 4.
Identificare
l'apparecchiatura
Driver apparecchiatura da
campo
Revisione
software
NAMUR
Revisione
software
HART
Revisione
universale
HART
Revisione
apparecchiatura
7
6
Mar. 2012
1.1.1
2
5
5
Feb. 2007
N.d.
1
5
4
Data di
rilascio
software
Leggere le istruzioni
Numero documento
manuale
00809-0100-4021
00809-0100-4021
Fase 2: verifica della configurazione
Il modello 3144P Rosemount comunica tramite un comunicatore da campo (la
comunicazione richiede una resistenza del circuito compresa tra 250 e 1100 Ω) o
AMS Device Manager. Non usare l’unità se la tensione al terminale del
trasmettitore è inferiore a 12 V c.c. Per ulteriori informazioni consultare il
manuale di riferimento del modello 3144P (documento numero
00809-0100-4021) e il manuale di riferimento del comunicatore da campo
(documento numero 00809-0100-4276).
Aggiornamento del software del comunicatore da campo
Per comunicare correttamente con il modello 3144P, il comunicatore da campo
deve essere dotato della revisione apparecchiatura da campo Dev v5 o v6, DD v1
o superiore. Le descrizioni apparecchiatura (DD) sono disponibili con i nuovi
comunicatori sul sito www.emersonprocess.com o possono essere caricate
su comunicatori esistenti presso qualsiasi centro di assistenza
Emerson Process Management.
Le DD sono le seguenti:
Apparecchiatura in modalità HART 5: Dev v5 DD v1
Apparecchiatura in modalità HART 7: Dev v6 DD v1
Per determinare se è necessario un aggiornamento, attenersi alla seguente
procedura. Fare riferimento alla Figura 1.
1. Collegare il sensore (fare riferimento allo schema elettrico ubicato sulla parte
interna del coperchio della custodia).
3
Gennaio 2014
Guida rapida
2. Collegare l’alimentatore del banco di prova ai terminali di alimentazione (“+” o
“–”).
3. Collegare un comunicatore da campo al circuito attraverso un resistore del
circuito o ai terminali di alimentazione/segnale sul trasmettitore.
4. Se una versione precedente della descrizione apparecchiatura (DD) è installata
nel comunicatore, verrà visualizzato il seguente messaggio:
NOTICE: Upgrade the communicator software to access new XMTR functions.
Continue with old description? (AVVISO: aggiornare il software del
comunicatore per accedere alle nuove funzioni del trasmettitore. Continuare
con la vecchia descrizione?)
Nota:
Se questo messaggio non compare, è installata l’ultima versione di DD.
Il comunicatore comunica correttamente anche se la versione più recente non è
disponibile, ma quando il trasmettitore viene configurato, alcune nuove
funzionalità potrebbero non essere visibili.
Per evitare che questa situazione si verifichi, è necessario aggiornare il sistema
con l’ultima versione di DD o rispondere NO al messaggio precedente, scegliendo
di utilizzare il trasmettitore secondo la sua impostazione predefinita generica.
Figura 1. Collegamento di un comunicatore al circuito del banco
Terminali di alimentazione/segnale
250  RL  1100 Alimentatore
Modifica della modalità di revisione HART
Se lo strumento di configurazione HART non è in grado di comunicare con la
revisione HART 7, sul modello 3144P verrà caricato un menu generico con
funzionalità limitate. Per passare dal menu generico alla modalità di revisione
HART, attenersi alle procedure seguenti:
1. Manual Setup>Device Information>Identification>Message (Impostazione
manuale>Informazioni apparecchiatura>Identificazione>Messaggio).
a. Per cambiare l’apparecchiatura alla revisione HART 5, immettere: “HART5”
nel campo Messaggio
b. Per cambiare l’apparecchiatura alla revisione HART 7, immettere: “HART7”
nel campo Messaggio
4
Guida rapida
Gennaio 2014
Funzione
Tasti veloci HART 5
Tasti veloci HART 7
2-wire Offset Sensor 1 (Sfasamento sensore 1 a 2 fili)
2, 2, 1, 5
2, 2, 1, 6
2-wire Offset Sensor 2 (Sfasamento sensore 2 a 2 fili)
2, 2, 2, 5
2, 2, 2, 6
Alarm Values (Valori di allarme)
2, 2, 5, 6
2, 2, 5, 6
Analog Calibration (Taratura analogica)
3, 4, 5
3, 4, 5
Analog Output (Uscita analogica)
2, 2, 5
2, 2, 5
Average Temperature Setup (Impostazione
temperatura media)
2, 2, 3, 3
2, 2, 3, 3
Burst Mode (Modo burst)
2, 2, 8, 4
Comm Status (Stato comunicazioni)
1, 2
Configure additional messages (Configura messaggi
aggiuntivi)
2, 2, 8, 4, 7
Configure Hot Backup (Configura backup caldo)
2, 2, 4, 1, 3
2, 2, 4, 1, 3
Date (Data)
2, 2, 7, 1, 2
2, 2, 7, 1, 3
Descriptor (Descrizione)
2, 2, 7, 1, 3
2, 2, 7, 1, 4
Device Information (Informazioni apparecchiatura)
2, 2, 7, 1
2, 2, 7, 1
Differential Temperature Setup (Impostazione
temperatura differenziale)
2, 2, 3, 1
2, 2, 3, 1
Filter 50/60 Hz (Filtro da 50/60 Hz)
2, 2, 7, 5, 1
2, 2, 7, 5, 1
Find Device (Trova apparecchiatura)
3, 4, 6, 2
First Good Temperature Setup (Impostazione prima
temperatura valida)
2, 2, 3, 2
2, 2, 3, 2
Hardware Revision (Revisione hardware)
1, 8, 2, 3
1, 11, 2, 3
HART Lock (Blocco HART)
Intermittent Sensor Detect (Rilevamento sensore
intermittente)
2, 2, 9, 2
2, 2, 7, 5, 2
2, 2, 7, 5, 2
Lock Status (Stato di blocco)
1, 11, 3, 7
Long Tag (Targhetta estesa)
2, 2, 7, 2
Loop Test (Loop test)
3, 5, 1
3, 5, 1
LRV (Lower Range Value) (LRV (valore minimo del
campo di lavoro))
2, 2, 5, 5, 3
2, 2, 5, 5, 3
Message (Messaggio)
2, 2, 7, 1, 4
2, 2, 7, 1, 5
Open Sensor Holdoff (Blocco sensore in posizione
aperta)
2, 2, 7, 4
2, 2, 7, 4
Percent Range (Campo percentuale)
2, 2, 5, 4
2, 2, 5, 4
Sensor 1 Configuration (Configurazione sensore 1)
2, 2, 1
2, 2, 2
Sensor 1 Serial Number (N. di serie sensore 1)
2, 2, 1, 7
2, 2, 1, 8
Sensor 1 Setup (Impostazione sensore 1)
2, 2, 1
2, 2, 1
5
Gennaio 2014
Guida rapida
Funzione
Tasti veloci hart 5
Sensor 1 Status (Stato sensore 1)
Tasti veloci hart 7
2, 2, 1, 2
Sensor 1 Type (Tipo sensore 1)
2, 2, 1, 2
2, 2, 1, 3
Sensor 1 Unit (Unità sensore 1)
2, 2, 1, 4
2, 2, 1, 5
Sensor 2 Configuration (Configurazione sensore 2)
2, 2, 2
2, 2, 2
Sensor 2 Serial Number (N. di serie sensore 2)
2, 2, 2, 7
2, 2, 2, 8
Sensor 2 Setup (Impostazione sensore 2)
2, 2, 2
2, 2, 2
Sensor 2 Status (Stato sensore 2)
2, 2, 2, 2
Sensor 2 Type (Tipo sensore 2)
2, 2, 2, 2
2, 2, 2, 3
Sensor 2 Unit (Unità sensore 2)
2, 2, 2, 4
2, 2, 2, 5
Sensor Drift Alert (Allarme di deriva del sensore)
2, 2, 4, 2
2, 2, 4, 2
Simulate Device Variables (Simulazione variabili
apparecchiatura)
3, 5, 2
Software Revision (Revisione software)
1, 8, 2, 4
1, 11, 2, 4
Tag (Targhetta)
2, 2, 7, 1, 1
2, 2, 7, 1, 1
Terminal Temperature Units (Unità di temperatura
terminale)
2, 2, 7, 3
2, 2, 7, 3
URV (Upper Range Value) (URV (valore massimo del
campo di lavoro))
2, 2, 5, 5, 2
2, 2, 5, 5, 2
Variable Mapping (Mappatura variabili)
2, 2, 8, 5
2, 2, 8, 5
Thermocouple Diagnostic (Diagnostica della
termocoppia)
2, 1, 7, 1
2, 1, 7, 1
Min/Max Tracking (Rilevamento min./max.)
2, 1, 7, 2
2, 1, 7, 2
Fase 3: impostazione degli interruttori
Modifica della modalità di revisione HART
Il modello 3144P è dotato di interruttori meccanici che consentono di configurare
gli allarmi e di bloccare l'apparecchiatura. Per impostare gli interruttori attenersi
alla seguente procedura.
Senza visualizzatore LCD
1. Impostare il circuito in modalità manuale (se possibile) e scollegare
l’alimentazione.
2. Rimuovere il coperchio del comparto dell’elettronica.
3. Impostare gli interruttori di allarme e sicurezza nella posizione desiderata.
Installare di nuovo il coperchio del comparto dell’elettronica.
4. Riapplicare l’alimentazione e impostare il circuito in modalità di controllo
automatico.
6
Gennaio 2014
Guida rapida
Con visualizzatore LCD
1. Impostare il circuito in modalità manuale (se possibile) e scollegare
l’alimentazione.
2. Rimuovere il coperchio del comparto dell’elettronica.
3. Svitare le viti del visualizzatore LCD e sfilare l’indicatore.
4. Impostare gli interruttori di allarme e sicurezza nella posizione desiderata.
5. Installare di nuovo il visualizzatore LCD e il coperchio del comparto
dell’elettronica (prendere in considerazione l’orientamento del visualizzatore
LCD; se necessario, ruotarlo in incrementi di 90 gradi).
6. Riapplicare l’alimentazione e impostare il circuito in modalità di controllo
automatico.
Fase 4: montaggio del trasmettitore
Montare il trasmettitore in un punto alto del conduit, in modo da evitare
l’infiltrazione di umidità all’interno della custodia del trasmettitore.
Installazione tipica per montaggio sul campo
1. Montare il pozzetto termometrico sulla parete del contenitore di processo.
Installare e serrare i pozzetti termometrici. Controllare che non vi siano
perdite.
2. Installare i giunti a tre pezzi, gli accoppiamenti e i raccordi di estensione
necessari. Sigillare le filettature dei raccordi con un sigillante per filettature
approvato, come silicone o nastro in PTFE (se necessario).
3. Avvitare il sensore nel pozzetto termometrico o direttamente nel processo
(a seconda dei requisiti di installazione).
4. Verificare tutti i requisiti di tenuta.
5. Collegare il trasmettitore al gruppo pozzetto termometrico/sensore. Sigillare
tutte le filettature dei raccordi con un sigillante per filettature approvato,
come silicone o nastro in PTFE (se necessario).
6. Installare il conduit per cablaggio di campo nell’entrata libera del conduit del
trasmettitore (per montaggio remoto) e introdurre i fili nella custodia del
trasmettitore.
7. Far passare i conduttori del cablaggio di campo attraverso il lato terminali
della custodia.
8. Collegare i conduttori del sensore ai terminali del sensore del trasmettitore
(fare riferimento allo schema elettrico ubicato sul lato interno del coperchio
della custodia).
7
Gennaio 2014
Guida rapida
9. Installare e serrare entrambi i coperchi del trasmettitore.
C
B
A
E
D
A = pozzetto termometrico
B = estensione (nipplo)
C = giunto a tre pezzi o accoppiamento
D = conduit per cablaggio di campo (alimentazione c.c.)
E = lunghezza del raccordo di estensione
Installazione tipica per montaggio remoto
1. Montare il pozzetto termometrico sulla parete del contenitore di processo.
Installare e serrare i pozzetti termometrici. Controllare che non vi siano
perdite.
2. Collegare una testina di connessione al pozzetto termometrico.
3. Inserire il sensore nel pozzetto termometrico e collegarlo alla testina di
connessione (fare riferimento allo schema elettrico all’interno della testina di
connessione).
4. Montare il trasmettitore su una palina da 50 mm (2 in.) o su un pannello
utilizzando una delle staffe di montaggio opzionali (nella figura seguente è
raffigurata la staffa B4).
5. Collegare dei pressacavi al cavo schermato tra la testina di connessione e
l’entrata del conduit del trasmettitore.
6. Disporre il cavo schermato dall’entrata opposta del conduit del trasmettitore
fino alla sala controllo.
7. Inserire i conduttori del cavo schermato attraverso le entrate cavi nella testina
di connessione/trasmettitore. Collegare e serrare i pressacavi.
8. Collegare i conduttori del cavo schermato ai terminali della testina di
connessione (ubicati all’interno della testina di connessione) e ai terminali del
cablaggio del sensore (ubicati all’interno della custodia del trasmettitore).
A
D
E
B
C
A = pressacavo
B = cavo schermato dal sensore al trasmettitore
C = cavo schermato dal trasmettitore alla sala controllo
D = palina da 50 mm (2 in.)
E = staffa di montaggio B4
8
Guida rapida
Gennaio 2014
Fase 5: collegamento e accensione
Collegamento del trasmettitore

Gli schemi elettrici sono ubicati sul lato interno del coperchio della
morsettiera. Fare riferimento a Modello 3144P a sensore singolo di seguito.
Modello 3144P a sensore singolo
Termoresistenza
RTD a 2 fili e 
Termoresistenza Termoresistenza Termocoppie
RTD a 3 fili e ** RTD a 4 fili e 
e mV
Termoresistenza
RTD con circuito di
compensazione*
* Per riconoscere una termoresistenza RTD con un circuito di compensazione, i trasmettitori devono essere
configurati per una termoresistenza RTD a 3 fili.
**Rosemount fornisce sensori a 4 fili per tutte le termoresistenze RTD a singolo elemento. Per usare tali
termoresistenze RTD in configurazioni a 3 fili è sufficiente lasciare scollegati i fili non utilizzati e isolarli con
nastro isolante.
Modello 3144P a sensore doppio
T/Hot
T/Hot
T/Hot
Backup/sensore
Backup/sensore Backup/sensore
doppio con
doppio con 2
doppio con 2
termoresistenze
termoresistenze termocoppie*
RTD/termocoppie*
RTD*
T/Hot
T/Hot
Backup/sensore
Backup/sensore
doppio con 2
doppio con
termoresistenze
termoresistenze
RTD/termocoppie* RTD con circuito di
compensazione*
* Rosemount fornisce sensori a 4 fili per tutte le termoresistenze RTD a singolo elemento. Per usare tali
termoresistenze RTD in configurazioni a 3 fili è sufficiente lasciare scollegati i fili non utilizzati e isolarli con nastro
isolante.
Alimentazione del trasmettitore

Per il funzionamento del trasmettitore è necessario un alimentatore esterno.
Terminali del sensore (1 - 5)
“—”
“+”
Prova
Massa
1. Rimuovere il coperchio della morsettiera.
2. Collegare il conduttore di alimentazione positivo al terminale “+”.
3. Collegare il conduttore di alimentazione negativo al terminale “–”.
4. Serrare le viti dei terminali.
5. Installare di nuovo e serrare il coperchio.
6. Applicare l’alimentazione.
9
Gennaio 2014
Guida rapida
Limiti di carico

La potenza richiesta ai terminali di alimentazione del trasmettitore è
compresa tra 12 e 42,4 V c.c. (i terminali di alimentazione hanno una tensione
nominale di 42,4 V c.c.). Per prevenire danni al trasmettitore, evitare che la
tensione dei terminali scenda al di sotto di 12,0 V c.c. durante la modifica dei
parametri di configurazione.
Carico ()
Carico massimo = 40,8 x (tensione di alimentazione — 12,0)1
1240
1100
1000
4—20 mA c.c.
750
Campo di esercizio
HART e analogico
500
250
0
Campo di esercizio
solo analogico
10
18,1 30
42,4
12,0 min.
Tensione di alimentazione (V c.c.)
1. Senza protezione per sovratensioni (opzionale)
Messa a terra del trasmettitore
Ingressi da termocoppia isolata, mV e da termoresistenza RTD/ohm
Ciascuna installazione di processo presenta requisiti di messa a terra diversi.
Utilizzare le opzioni di messa a terra previste dallo stabilimento per il tipo
specifico di sensore o iniziare con l’opzione di messa a terra 1 (la più comune).
Opzione 1 (per custodie del trasmettitore non messe a terra):
1. Collegare lo schermo del cavo di segnale allo schermo del sensore.
2. Controllare che i due schermi siano uniti e isolati elettricamente dalla custodia
del trasmettitore.
3. Mettere a terra lo schermo solo sul lato alimentatore.

Verificare che lo schermo del sensore sia isolato elettricamente da eventuali
apparecchiature messe a terra vicine.
Custodia sensore
remoto
Sensore
Trasmettitore
Punti di messa a
terra dello schermo
Opzione 2 (per custodie del trasmettitore messe a terra):
1. Collegare lo schermo del sensore alla custodia del trasmettitore (solo se la
custodia è messa a terra).
2. Verificare che lo schermo del sensore sia isolato elettricamente da eventuali
apparecchiature vicine che possono essere messe a terra.
10
Guida rapida
Gennaio 2014
3. Mettere a terra lo schermo del cavo di segnale sul lato alimentatore.
Trasmettitore
Custodia sensore
remoto
Punto di messa a
terra dello schermo
Sensore
Opzione 3:
1. Se possibile, mettere a terra lo schermo del sensore al sensore.
2. Verificare che lo schermo del sensore e lo schermo del cavo di segnale siano
isolati elettricamente dalla custodia del trasmettitore e da altre
apparecchiature che possono essere messe a terra.
3. Mettere a terra lo schermo del cavo di segnale sul lato alimentatore.
Trasmettitore
Sensore
Punto di messa
a terra dello
schermo
Ingressi da termocoppia isolata
1. Mettere a terra lo schermo del sensore al sensore.
2. Verificare che lo schermo del sensore e lo schermo del cavo di segnale siano
isolati elettricamente dalla custodia del trasmettitore e da altre
apparecchiature che possono essere messe a terra.
3. Mettere a terra lo schermo del cavo di segnale sul lato alimentatore.
Trasmettitore
Circuito 4-20 mA
Fili del sensore
Punto di messa a terra dello schermo
11
Guida rapida
Gennaio 2014
Fase 6: esecuzione di un loop test
Il comando Loop Test (Prova del circuito) consente di verificare l’uscita del
trasmettitore, l’integrità del circuito e il funzionamento di registratori o di
apparecchiature simili installate nel circuito.
Device Dashboard (revisione apparecchiatura 5 e 6,
DD v1)
Avvio di un loop test
1. Collegare in serie un amperometro esterno con il circuito del trasmettitore
(in modo che l’alimentazione al trasmettitore passi attraverso l’amperometro
in un punto del circuito).
2. Nella schermata Home (iniziale), selezionare 3 Service Tools, 5 Simulate, 1
Perform Loop Test (3 Strumenti di servizio, 5 Simulazione, 1 Esegui loop test).
Sul comunicatore viene visualizzato il menu del loop test.
3. Scegliere un livello di milliampere discreto per il segnale di uscita del
trasmettitore. In Choose Analog Output (Seleziona uscita analogica),
selezionare 1 4 mA, 2 20 mA o selezionare 4 Other (4 Altro) per immettere
manualmente un valore compreso tra 4 e 20 milliampere. Selezionare Enter
(Invio) per visualizzare il segnale di uscita fissato. Selezionare OK.
4. In test loop, controllare che l’uscita in mA effettiva del trasmettitore e la
lettura in mA HART siano uguali. Se le letture non corrispondono,
il trasmettitore potrebbe necessitare di una taratura dell’uscita o
l’amperometro è difettoso.
5. Al termine della prova, sullo schermo sarà visualizzata di nuovo la schermata
del loop test per consentire all’utente di scegliere un altro valore di uscita. Per
terminare il loop test, selezionare 5 End (Fine) ed Enter (Invio).
Avvio della simulazione di allarme
1. Nella schermata iniziale, selezionare 3 Strumenti di servizio, 5 Simulazione,
1 Esegui loop test, 3 Simulazione allarme.
2. L'uscita del trasmettitore corrisponderà al livello di corrente di allarme in base
alla configurazione del parametro di allarme e alle impostazioni
dell’interruttore.
3. Selezionare 5 Fine per tornare alle normali condizioni del trasmettitore.
12
Gennaio 2014
Guida rapida
Sistemi di sicurezza strumentati (SIS)
Per installazioni di sicurezza certificate, consultare il manuale di riferimento del
modello 3144P Rosemount (documento numero 00809-0100-4021). Il manuale
è disponibile in formato elettronico sul sito www.rosemount.com o contattando
un rappresentante Emerson Process Management.
13
Guida rapida
Gennaio 2014
Certificazioni del prodotto
Informazioni sulle direttive europee
Una copia della dichiarazione di conformità CE è disponibile in coda alla guida
rapida. La revisione più recente della dichiarazione di conformità CE è disponibile
sul sito www.rosemount.com.
Certificazione per aree sicure conforme agli
standard FM
Il trasmettitore è stato esaminato e collaudato per determinare se il suo design è
conforme ai requisiti elettrici, meccanici e di protezione contro gli incendi
secondo le certificazioni FM, un laboratorio di prova riconosciuto a livello
nazionale (NRTL) e accreditato dall’ente per la sicurezza e la salute sul lavoro
statunitense (OSHA).
Nord America
E5 FM, a prova di esplosione, a prova di accensione per polveri e prova di accensione
Certificato: 3012752
Norme utilizzate: FM Classe 3600: 1998, FM Classe 3611: 2004, FM Classe 3615: 1989,
FM Classe 3810: 2005, NEMA-250: 1991, ANSI/ISA 60079-0: 2009,
ANSI/ISA 60079-11: 2009
Marcature: XP CL. I, DIV. 1, GRUPPI A, B, C, D; T5(–50 °C Ta +85 °C); DIP CL. II/III,
DIV. 1, GRUPPI E, F, G; T5(–50 °C Ta +75 °C); T6(–50 °C Ta +60 °C); se installato
secondo il disegno Rosemount 03144-0320; NI CL. I, DIV. 2, GRUPPI A, B, C, D;
T5(–60 °C Ta +75 °C); T6(–60 °C Ta +50 °C); se installato secondo il disegno
Rosemount 03144-0321, 03144-5075;
I5 FM, a sicurezza intrinseca e a prova di accensione
Certificato: 3012752
Norme utilizzate: FM Classe 3600: 1998, FM Classe 3610: 2010, FM Classe 3611: 2004,
FM Classe 3810: 2005, NEMA-250: 1991, ANSI/ISA 60079-0: 2009,
ANSI/ISA 60079-11: 2009
Marcature: IS CL. I / II / III, DIV. 1, GRUPPI A, B, C, D, E, F, G; T4(–60 °C Ta +60 °C);
IS [entità] CL. I, Zona 0, AEx ia IIC T4(–60 °C Ta +60 °C); NI CL. I, DIV. 2, GRUPPI A, B,
C, D; T5(–60 °C Ta +75 °C); T6(–60 °C  Ta +50 °C); se installato secondo il disegno
Rosemount 03144-0321, 03144-5075;
I6 CSA, a sicurezza intrinseca e Divisione 2
Certificato: 1242650
Norme utilizzate: CAN/CSA C22.2 n. 0-M91 (R2001), CAN/CSA-C22.2 n. 94-M91,
standard CSA C22.2 n. 142-M1987, CAN/CSA-C22.2 n. 157-92, standard
CSA C22.2 n. 213-M1987;
Marcature: a sicurezza intrinseca per aree di Classe I, Gruppi A, B, C e D; Classe II,
Gruppi E, F, G; Classe III;
A sicurezza intrinseca per l’uso in aree di Classe I, Zona 0, Gruppo IIC; T4(–50 °C Ta 
+60 °C); tipo 4X;
Adatto ad aree di Classe I, Div. 2, Gruppi A, B, C, D;
Adatto per aree di Classe I, Zona 2, Gruppo IIC; T6(–60 °C Ta +60 °C);
T5(–60 °C Ta +85 °C); se installato secondo il disegno Rosemount 03144-5076;
14
Gennaio 2014
Guida rapida
K6 CSA, a prova di esplosione, a sicurezza intrinseca e Divisione 2
Certificato: 1242650
Norme utilizzate: CAN/CSA C22.2 n. 0-M91 (R2001), standard CSA C22.2 n. 30-M1986;
CAN/CSA-C22.2 n. 94-M91, standard CSA C22.2 n. 142-M1987,
CAN/CSA-C22.2 n. 157-92, standard CSA C22.2 n. 213-M1987;
Marcature: a prova di esplosione per aree di Classe I, Gruppi A, B, C, D; Classe II,
Gruppi E, F, G; Classe III;
Adatto per aree di Classe I, Zona 2, Gruppo IIC;
A sicurezza intrinseca per aree di Classe I, Gruppi A, B, C, D; Classe II, Gruppi E, F, G;
Classe III;
Adatto per aree di Classe I, Zona 0, Gruppo IIC; T4(–50 °C Ta +60 °C); tipo 4X;
Adatto per aree di Classe I, Div. 2, Gruppi A, B, C, D;
Adatto per aree di Classe I, Zona 2, Gruppo IIC; T6(–60 °C Ta +60 °C);
T5(–60 °C Ta +85 °C); se installato secondo il disegno Rosemount 03144-5076;
Europa
E1 ATEX, a prova di fiamma
Certificato: FM12ATEX0065X
Norme utilizzate: EN 60079-0: 2012, EN 60079-1: 2007, EN 60529:1991 +A1:2000
Marcature:
II 2 G Ex d IIC T6…T1 Gb, T6(–50 °C  Ta +40 °C), T5…T1(–50 °C  Ta 
+60 °C);
Per le temperature di processo, vedere la Tabella 1 alla fine della sezione Certificazioni
del prodotto.
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Per il campo di temperatura ambiente, fare riferimento alla certificazione.
2. È possibile che sull'etichetta non metallica si accumuli una carica elettrostatica, che
può divenire una fonte di ignizione in ambienti Gruppo III.
3. Proteggere il coperchio del visualizzatore LCD da energie da impatto superiori a 4 J.
4. Per informazioni relative alle dimensioni per giunti a prova di fiamma, contattare il
produttore.
I1 ATEX, a sicurezza intrinseca
Certificato: BAS01ATEX1431X;
Norme utilizzate: EN 60079-0: 2012; EN 60079-11:2012;
Marcature:
II 1 G Ex ia IIC T5/T6 Ga; T6(–60 °C Ta +50 °C), T5(–60 °C Ta 
+75 °C);
Per i parametri di entità, vedere la Tabella 2 alla fine della sezione Certificazioni del
prodotto.
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Se dotata di opzioni di protezione per sovratensioni, l’apparecchiatura non è in
grado di superare il test isolamento di 500 V. È opportuno tenere presente tale
considerazione durante la fase di installazione.
2. La custodia può essere in lega di alluminio e rivestita di vernice protettiva in
poliuretano; tuttavia è necessario prestare la massima attenzione per evitare urti o
abrasioni in caso di utilizzo in Zona 0.
15
Guida rapida
Gennaio 2014
N1 ATEX, tipo n
Certificato: BAS01ATEX3432X
Norme: EN 60079-0:2012, EN 60079-15:2010
Marcature:
II 3 G Ex nA IIC T5/T6 Gc; T6(–40 °C  Ta  +50 °C), T5(–40 °C  Ta 
+75 °C);
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Se dotata di opzioni di protezione per sovratensioni, l’apparecchiatura non è in
grado di resistere al test isolamento di 500 V previsto dalla Clausola 6.5.1 della
norma EN 60079-15: 2010. È opportuno tenere presente tale considerazione
durante la fase di installazione.
ND ATEX, a prova di polvere
Certificato: FM12ATEX0065X
Norme utilizzate: EN 60079-0: 2012, EN 60079-31: 2009, EN 60529:1991 +A1:2000
Marcature:
II 2 D Ex tb IIIC T130 °C Db, (–40 °C  Ta +70 °C); IP66
Per le temperature di processo, vedere la Tabella 1 alla fine della sezione Certificazioni
del prodotto.
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Per il campo di temperatura ambiente, fare riferimento alla certificazione.
2. È possibile che sull'etichetta non metallica si accumuli una carica elettrostatica, che
può divenire una fonte di ignizione in ambienti Gruppo III.
3. Proteggere il coperchio del visualizzatore LCD da energie da impatto superiori a 4 J.
4. Per informazioni relative alle dimensioni per giunti a prova di fiamma, contattare il
produttore.
Certificazioni internazionali
E7 IECEx, a prova di fiamma
Certificato: IECEx FMG 12.0022X
Norme utilizzate: IEC 60079-0:2011, IEC 60079-1:2007-04, IEC 60079-31:2008
Marcature: Ex d IIC T6…T1 Gb, T6(–50 °C  Ta +40 °C), T5…T1(–50 °C  Ta  +60 °C);
Ex tb IIIC T130 °C Db, (–40 °C  Ta  +70 °C); IP66;
Per le temperature di processo, vedere la Tabella 1 alla fine della sezione Certificazioni
del prodotto.
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Per il campo di temperatura ambiente, fare riferimento alla certificazione.
2. È possibile che sull'etichetta non metallica si accumuli una carica elettrostatica, che
può divenire una fonte di ignizione in ambienti Gruppo III.
3. Proteggere il coperchio del visualizzatore LCD da energie da impatto superiori a 4 J.
4. Per informazioni relative alle dimensioni per giunti a prova di fiamma, contattare il
produttore.
I7 IECEx, a sicurezza intrinseca
Certificato: IECEx BAS 07.0002X
Norme utilizzate: IEC 60079-0: 2011; IEC 60079-11: 2011;
Marcature: Ex ia IIC T5/T6 Ga; T6(–60 °C Ta +50 °C), T5(–60 °C Ta +75 °C);
Per i parametri di entità, vedere la Tabella 2 alla fine della sezione Certificazioni del
prodotto.
16
Gennaio 2014
Guida rapida
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Se dotato di opzioni di protezione per sovratensioni, l’apparato non è in grado di
resistere al test isolamento di 500 V previsto dalla Clausola 6.3.13 della norma
IEC 60079-11: 2011. È opportuno tenere presente tale considerazione durante la
fase di installazione.
2. La custodia può essere in lega di alluminio e rivestita di vernice protettiva in
poliuretano; tuttavia è necessario prestare la massima attenzione per evitare urti o
abrasioni in caso di utilizzo in Zona 0.
N7 IECEx, tipo n
Certificato: IECEx BAS 070003X
Norme utilizzate: IEC 60079-0:2011, IEC 60079-15:2010
Marcature: Ex nA IIC T5/T6 Gc; T6(–40 °C  Ta  +50 °C), T5(–40 °C  Ta  +75 °C);
Brasile
E2 INMETRO, a prova di fiamma
Certificato: CEPEL 04.0307X
Norme utilizzate: ABNT NBR IEC 60079-0:2008, ABNT NBR IEC 60079-1:2009,
ABNT NBR IEC 60079-26:2008, ABNT NBR IEC 60529:2009
Marcature: Ex d IIC T* Gb; T6(–40 °C Ta +65 °C), T5(–40 °C Ta +80 °C)
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Gli accessori per entrate cavi o conduit devono essere certificati a prova di fiamma e
adatti alle condizioni d’uso.
2. Per temperature ambiente superiori a 60 °C, il cablaggio deve avere una temperatura
di isolamento minima di 90 °C per rispettare la temperatura di esercizio
dell’apparecchiatura.
3. Se l’ingresso elettrico viene effettuato tramite conduit, il dispositivo di tenuta
richiesto deve essere montato accanto alla custodia.
I2 INMETRO, a sicurezza intrinseca
Certificato: CEPEL 05.0723X
Norme utilizzate: ABNT NBR IEC 60079-0:2008, ABNT NBR IEC 60079-11:2009,
ABNT NBR IEC 60079-26:2008, ABNT NBR IEC 60529:2009
Marcature: Ex ia IIC T* Ga; T6(–60 °C Ta +50 °C), T5(–60 °C Ta +75 °C),
T4(–60 °C Ta +60 °C); IP66 (custodie in alluminio), IP66W (custodie in acciaio
inossidabile)
Per i parametri di entità, vedere la Tabella 2 alla fine della sezione Certificazioni del
prodotto.
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. La custodia dell’apparato può contenere metalli leggeri. L’apparato deve essere
installato in modo da ridurre al minimo il rischio di urto o di attrito con altre superfici
metalliche.
2. Nell’eventualità che venga installato un dispositivo di protezione per sovratensioni
opzionale, l’apparecchiatura non supererà il test di 500 V.
Cina
E3 Certificazioni cinesi, a prova di fiamma
Certificato: GYJ11.1650X
Norme utilizzate: GB3836.1-2000, GB3836.2-2010
Marcature: Ex d IIC T5/T6 Gb
17
Gennaio 2014
Guida rapida
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Il simbolo “X” viene usato per indicare specifiche condizioni d’uso: per informazioni
sulle dimensioni dei giunti a prova di fiamma, rivolgersi al produttore. Tali
informazioni devono essere riportate nel manuale.
2. Il rapporto fra il codice T e il campo di temperatura ambiente è:
Codice T
Temperatura ambiente
T6
–40 °C Ta +70 °C
T5
–40 °C Ta +80 °C
3. La struttura di collegamento a terra nella custodia deve essere affidabile.
4. Durante l’installazione non devono essere presenti miscele dannose per la custodia
a prova di fiamma.
5. Per l’installazione in aree pericolose, usare pressacavi, conduit e tappi di chiusura
dotati di certificazione Ex d IIC Gb rilasciata da enti di ispezione riconosciuti.
6. Durante l’installazione, il funzionamento e la manutenzione in atmosfere con gas
esplosivi, attenersi all’avvertenza “Non aprire se sotto tensione”.
7. Gli utenti finali non sono autorizzati a sostituire componenti interni. Per risolvere
eventuali problemi, rivolgersi al produttore per evitare danni al prodotto.
8. Durante l’installazione, il funzionamento e la manutenzione del prodotto, attenersi
alle norme seguenti:
GB3836.13-1997 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 13:
riparazione e revisione per apparati usati in atmosfere con gas esplosivo”
GB3836.15-2000 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 15:
installazioni elettriche in aree pericolose (diverse dalle miniere)”
GB3836.16-2006 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 16:
ispezione e manutenzione di installazioni elettriche (diverse dalle miniere)”
GB50257-1996 “Codice per la costruzione e accettazione di dispositivi elettrici per
atmosfere esplosive e progettazione dell’installazione di apparecchi elettrici a
rischio di incendio”
I3 Certificazioni cinesi, a sicurezza intrinseca
Certificato: GYJ11.1536X
Norme utilizzate: GB3836.1-2000, GB3836.4-2010
Marcature: Ex ia IIC T4/T5/T6
Condizioni speciali per l'uso sicuro (X):
1. Il simbolo “X” viene usato per indicare specifiche condizioni d’uso:
a. La custodia può contenere metalli leggeri. Se viene utilizzata in aree Zona 0,
prestare attenzione ed evitare il rischio di ignizione causata da urti o attrito.
b. Se dotato di “opzione di protezione per sovratensioni”, l’apparato non è in grado
di resistere al test isolamento di 500 V richiesto dalla Clausola 6.3.12 della norma
GB3836.4-2010.
2. Il rapporto fra il codice T e il campo di temperatura ambiente è:
Codice T
T6
T5
18
Temperatura ambiente
–60 °C Ta +50 °C
–60 °C Ta +70 °C
Guida rapida
Gennaio 2014
3. Parametri:
Terminali di circuito/alimentazione (+ e –)
Tensione di
alimentazione
massima:
Ui (V)
Corrente
massima in
ingresso:
li (mA)
Potenza
massima in
ingresso:
Pi (W)
Parametri interni
massimi:
Ci (nF)
Li (H)
30
300
1
5
0
Terminali del sensore (1 - 5)
Tensione di
alimentazione
massima:
Uo (V)
Corrente
massima in
ingresso:
lo (mA)
Potenza
massima in
ingresso:
Po (W)
Parametri interni
massimi:
Ci (nF)
Li (H
13,6
56
0,19
78
0
Carico collegato ai terminali del sensore (1 - 5)
Parametri esterni massimi
Gruppo
IIC
IIB
IIA
Co (F)
Lo (mH)
0,74
5,12
18,52
11,7
44
94
I trasmettitori di temperatura sono conformi ai requisiti per apparecchiature da campo
FISCO specificati nella norma GB3836.19-2010. I parametri FISCO sono i seguenti:
Tensione
massima in
ingresso:
Ui (V)
Corrente
massima in
ingresso:
Ii (mA)
Potenza
massima in
ingresso:
Pi (W)
Parametri interni
massimi:
Ci (nF)
Li (H)
17,5
380
5,32
2,1
0
4. Il prodotto deve essere usato con apparato associato con certificazione Ex per
stabilire un sistema di protezione dalle esplosioni che possa essere usato in
atmosfere con gas esplosivi. Il cablaggio e i terminali devono essere conformi alle
istruzioni riportate nei manuali del prodotto e dell’apparato associato.
5. I cavi tra il prodotto e l’apparato associato devono essere cavi schermati e isolati. La
schermatura del cavo deve essere messa a terra in modo affidabile in un’area non
pericolosa.
6. Gli utenti finali non sono autorizzati a sostituire componenti interni. Per risolvere
eventuali problemi, rivolgersi al produttore per evitare danni al prodotto.
7. Durante l’installazione, il funzionamento e la manutenzione del prodotto, attenersi
alle norme seguenti:
19
Gennaio 2014
Guida rapida
GB3836.13-1997 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 13:
riparazione e revisione per apparati usati in atmosfere con gas esplosivo”
GB3836.15-2000 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 15:
installazioni elettriche in aree pericolose (diverse dalle miniere)”
GB3836.6-2006 “Apparato elettrico per atmosfere con gas esplosivo Parte 16:
ispezione e manutenzione di installazioni elettriche (diverse dalle miniere)”
GB50257-1996 “Codice per la costruzione e accettazione di dispositivi elettrici per
atmosfere esplosive e progettazione dell’installazione di apparecchi elettrici a
rischio di incendio”
Giappone
E4 TIIS, a prova di fiamma
Certificato: TC16120, TC16121
Marcature: Ex d IIB T6 (–20 °C  Ta +55 °C)
Certificato: TC16127, TC16128, TC16129, TC16130
Marcature: Ex d IIB T4 (–20 °C Ta +55 °C)
Combinazioni
K1
K2
K5
K7
KA
KB
Combinazione di E1, I1, N1 ed ND
Combinazione di E2 e I2
Combinazione di E5 e I5
Combinazione di E7, I7, N7
Combinazione di K1 e K6
Combinazione di K5, I6 e K6
Tabelle
Tabella 1. Temperature di processo
Temperatura di processo senza coperchio
del visualizzatore LCD (°C)
Classe di
temperatura
Temperatura
ambiente
T6
T5
T4
T3
T2
T1
Da –50 °C a +40 °C
Da –50 °C a +60 °C
Da –50 °C a +60 °C
Da –50 °C a +60 °C
Da –50 °C a +60 °C
Da –50 °C a +60 °C
Senza
estens.
3 pollici
6 pollici
9 pollici
55
70
100
170
280
440
55
70
110
190
300
450
60
70
120
200
300
450
65
75
130
200
300
450
Tabella 2. Parametri di entità
Tensione Ui (V)
Corrente Ii (mA)
Potenza Pi (W)
Capacitanza Ci (nF)
Induttanza Li (mH)
20
Fieldbus/Profibus
HART 5
30
300
1
5
0
30
300
1,3
2,1
0
Guida rapida
Gennaio 2014
EC Declaration of Conformity
No: RMD 1045 Rev. G
We,
Rosemount Inc.
8200 Market Boulevard
Chanhassen, MN 55317-9685
USA
declare under our sole responsibility that the product,
Model 3144P Temperature Transmitter
manufactured by,
Rosemount Inc.
8200 Market Boulevard
Chanhassen, MN 55317-9685
USA
to which this declaration relates, is in conformity with the provisions of the European
Community Directives, including the latest amendments, as shown in the attached schedule.
Assumption of conformity is based on the application of the harmonized standards and, when
applicable or required, a European Community notified body certification, as shown in the
attached schedule.
Vice President of Global Quality
(function name - printed)
(signature)
6 May, 2013
Kelly Klein
(name - printed)
(date of issue)
Page 1 of 3
Document Rev: 2013_A
21
Gennaio 2014
Guida rapida
EC Declaration of Conformity
No: RMD 1045 Rev. G
EMC Directive (2004/108/EC)
All Models
Harmonized Standards: EN61326-1:2006, EN61326-2-3: 2006
ATEX Directive (94/9/EC)
Model 3144P Temperature Transmitter (4-20mA/Hart Output)
BAS01ATEX1431X – Intrinsic Safety Certificate
Equipment Group II, Category 1 G (Ex ia IIC T6/T5 Ga)
Harmonized Standards Used:
EN60079-0:2012, EN60079-11:2012
BAS01ATEX3432X – Type n Certificate
Equipment Group II, Category 3 G (Ex nA IIC T6/T5 Gc)
Harmonized Standards Used:
EN60079-0:2012, EN60079-15:2010
Model 3144P Temperature Transmitter (Fieldbus Output)
Baseefa03ATEX0708X – Intrinsic Safety Certificate
Equipment Group II, Category 1 G (Ex ia IIC T4 Ga)
Harmonized Standards Used:
EN60079-0:2012, EN60079-11:2012
Baseefa03ATEX0709 – Type n Certificate
Equipment Group II, Category 3 G (Ex nA IIC T5 Gc)
Harmonized Standards Used:
EN60079-0:2012, EN60079-15:2010
Page 2 of 3
22
Document Rev: 2013_A
Guida rapida
Gennaio 2014
EC Declaration of Conformity
No: RMD 1045 Rev. G
Model 3144P Temperature Transmitter (all Output Protocols)
FM12ATEX0065X – Dust Certificate
Equipment Group II, Category 2 D (Ex tb IIIC T130°C Db)
Harmonized Standards Used:
EN 60079-0:2012, EN 60079-31:2009
FM12ATEX0065X – Flameproof Certificate
Equipment Group II, Category 2 G (Ex d IIC T6…T1)
Harmonized Standards Used:
EN 60079-0:2012, EN 60079-1:2007
ATEX Notified Bodies for EC Type Examination Certificate
BASEEFA Limited [Notified Body Number: 1180]
Rockhead Business Park
Staden Lane
Buxton, Derbyshire SK17 9RZ
United Kingdom
FM Approvals Ltd. [Notified Body Number: 1725]
1 Windsor Dials
Windsor, Berkshire, SL4 1RS
United Kingdom
ATEX Notified Body for Quality Assurance
BASEEFA Limited [Notified Body Number: 1180]
Rockhead Business Park
Staden Lane
Buxton, Derbyshire SK17 9RZ
United Kingdom
Page 3 of 3
Document Rev: 2013_A
23
Gennaio 2014
Guida rapida
Dichiarazione di conformità CE
N. RMD 1045 Rev. G
Il costruttore,
Rosemount Inc.
8200 Market Boulevard
Chanhassen, MN 55317-9685
USA
dichiara, sotto la propria esclusiva responsabilità, che il seguente prodotto,
Trasmettitore di temperatura modello 3144P
fabbricato da:
Rosemount Inc.
8200 Market Boulevard
Chanhassen, MN 55317-9685
USA
oggetto della presente dichiarazione, è conforme a quanto previsto dalle direttive comunitarie,
compresi gli emendamenti più recenti, come riportato nella tabella allegata.
L’assunzione di conformità è basata sull’applicazione delle norme armonizzate e, quando
applicabile o richiesto, sulla certificazione da parte di un ente accreditato dalla Comunità
Europea, come riportato nella tabella allegata.
Vice Presidente, Qualità globale
(nome funzione - stampato)
(firma)
Kelly Klein
6 maggio 2013
(nome - stampato)
(data di pubblicazione)
Pagina 1 di 3
24
Rev. documento: 2013_A
Guida rapida
Gennaio 2014
Dichiarazione di conformità CE
N. RMD 1045 Rev. G
Direttiva EMC (2004/108/CE)
Tutti i modelli
Norme armonizzate: EN61326-1:2006, EN61326-2-3: 2006
Direttiva ATEX (94/9/CE)
Trasmettitore di temperatura modello 3144P (con uscita 4–20 mA/Hart)
BAS01ATEX1431X – Certificazione di sicurezza intrinseca
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 1 G (Ex ia IIC T6/T5 Ga)
Norme armonizzate utilizzate:
EN60079-0:2012, EN60079-11:2012
BAS01ATEX3432X – Certificazione tipo n
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 3 G (Ex nA IIC T6/T5 Gc)
Norme armonizzate utilizzate:
EN60079-0:2012, EN60079-15:2010
Trasmettitore di temperatura modello 3144P (con uscita fieldbus)
Baseefa03ATEX0708X – Certificazione di sicurezza intrinseca
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 1 G (Ex ia IIC T4 Ga)
Norme armonizzate utilizzate:
EN60079-0:2012, EN60079-11:2012
Baseefa03ATEX0709 – Certificazione tipo n
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 3 G (Ex nA IIC T5 Gc)
Norme armonizzate utilizzate:
EN60079-0:2012, EN60079-15:2010
Pagina 2 di 3
Rev. documento: 2013_A
25
Gennaio 2014
Guida rapida
Dichiarazione di conformità CE
N. RMD 1045 Rev. G
Trasmettitore di temperatura modello 3144P (tutti i protocolli di uscita)
FM12ATEX0065X – Certificazione a prova di polvere
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 2 D (Ex tb IIIC T130 °C Db)
Norme armonizzate utilizzate:
EN 60079-0:2012, EN 60079-31:2009
FM12ATEX0065X – Certificazione a prova di fiamma
Attrezzatura Gruppo II, Categoria 2 G (Ex d IIC T6…T1)
Norme armonizzate utilizzate:
EN 60079-0:2012, EN 60079-1:2007
Enti accreditati ATEX per attestato di certificazione CE
BASEEFA Limited [numero ente accreditato: 1180]
Rockhead Business Park
Staden Lane
Buxton, Derbyshire SK17 9RZ
Regno Unito
FM Approvals Ltd. [numero ente accreditato: 1725]
1 Windsor Dials
Windsor, Berkshire, SL4 1RS
Regno Unito
Ente accreditato ATEX per garanzia di qualità
BASEEFA Limited [numero ente accreditato: 1180]
Rockhead Business Park
Staden Lane
Buxton, Derbyshire SK17 9RZ
Regno Unito
Pagina 3 di 3
26
Rev. documento: 2013_A
Gennaio 2014
Guida rapida
27
Guida rapida
00825-0102-4021, Rev. JA
Gennaio 2014
Rosemount Inc.
8200 Market Boulevard
Chanhassen, MN USA 55317
Tel. (USA) (800) 999-9307
Tel. (tutti gli altri Paesi) +1 (952) 906-8888
Fax +1 (952) 906-8889
Emerson Process Management srl
Via Montello, 71/73
I-20038 Seregno (MI)
Italia
T: +39 0362 2285 1
F: +39 0362 243655
Email: [email protected]
Web: www.emersonprocess.it
Emerson Process Management
Asia Pacific Private Limited
Emerson Process Management
(India) Private Ltd.
Emerson Process Management
GmbH & Co. OHG
Emerson Process Management,
Brazil
Beijing Rosemount Far East
Instrument Co., Limited
Emerson Process Management,
Russia
1 Pandan Crescent
Singapore 128461
Tel. +(65) 6777 8211
Fax +(65) 6777 0947/+65 6777 0743
Argelsrieder Feld 3
82234 Wessling, Germania
Tel. +49 (8153) 9390,
Fax +49 (8153) 939172
No. 6 North Street, Hepingli,
Dong Cheng District
Pechino 100013, Cina
Tel. +(86) (10) 6428 2233
Fax +(86) (10) 6422 8586
Delphi Building, B Wing, 6th Floor
Hiranandani Gardens, Powai
Mumbai 400076, India
Tel. +(91) 22 6662-0566
Fax +(91) 22 6662-0500
Emerson Process Management,
Dubai
Emerson FZE
P.O. Box 17033,
Jebel Ali Free Zone - South 2
Dubai, E.A.U.
Tel. +(971) 4 8118100
Fax +(971) 4 8865465
Emerson Process Management
Latin America
1300 Concord Terrace, Suite 400
Sunrise Florida 33323 USA
Tel. +1 954 846 5030
Av. Hollingsworth, 325 – Iporanga
Sorocaba, SP – 18087-000, Brasile
Tel. +(55) 15 3238-3788
Fax +(55) 15 3228-3300
29 Komsomolsky prospekt
Chelyabinsk, 454138
Russia
Tel. +(7) 351 798 8510
Fax +(7) 351 741 8432
© 2014 Rosemount Inc. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
Il logo Emerson è un marchio di fabbrica e un marchio di servizio di Emerson Electric Co.
Rosemount e il logotipo Rosemount sono marchi depositati della Rosemount Inc.
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Related manuals

Download PDF

advertisement