ISTRUZIONI PER L`USO E L`INSTALLAZIONE INSTRUCTIONS

ISTRUZIONI PER L`USO E L`INSTALLAZIONE INSTRUCTIONS
Pag. 1 di 44
K500
Mod.
Misure in mm/inch - Mesures en mm/inch - Measurements in mm/inch - Abmessungen in mm/inch - Medidas en mm/pulgadas
Operatore
Operateur
Operator
Torantrieb
Operador
K500
K500
K500
ventilato/ventilé/
ventilated/mit Ventilator/ventilado
K500
K500
K500
ventilato/ventilé/
ventilated/mit Ventilator/ventilado
Alimentazione
Alimentation
Power Supply
Stromspannung
Alimentación
230V 50/60Hz
230V 50/60Hz
230V 50/60Hz
120V 60Hz
120V 60Hz
120V 60Hz
Con quadro
Avec coffret
With control board
Mit Steuerung
Con el tablero de control
K-CRX
K-CRX
Spinta max
Poussée maxi
Max Thrust
Max Schubkraft
Empuje K
N 400
N 400
N 400
codice
code
code
code
código
AA33694
AA33695
AA33697
K-CRX
K-CRX
500Kg / 1103lbs
500Kg / 1103lbs
500Kg / 1103lbs
N 400
N 400
N 400
AA33693
AA33696
AA33698
Pag. 2 di 44
INDICE
Controllo pre-installazione .......................................................................................pag.6
Caratteristiche Tecniche ..........................................................................................pag.6
Sblocco d’emergenza ..............................................................................................pag.7
Fissaggio motore e cremagliera ..............................................................................pag.7
Fissaggio finecorsa .................................................................................................pag.7
Manutenzione .........................................................................................................pag.7
Collegamenti elettrici ..............................................................................................pag.8
Connessioni, Settaggi .............................................................................................pag.9
Controllo senso di rotazione del motore ................................................................pag.10
Programmazione Tempi, Programmazioni codici radio ........................................pag.10
Funzionamento Accessori di Comando .................................................................pag.10
Funzionamento Accessori di Sicurezza.................................................................pag.11
Accessori ...............................................................................................................pag.12
Dichiarazione di Conformità...................................................................................pag.42
Esploso ..................................................................................................................pag.44
Pag. 3 di 44
I
F
- ATTENZIONE É IMPORTANTE PER LA SICUREZZA DELLE PERSONE CHE VENGANO SEGUITE
TUTTE LE ISTRUZIONI
GB
1° - Questo libretto d'istruzioni è rivolto esclusivamente a del personale
specializzato che sia a conoscenza dei criteri costruttivi e dei dispositivi di
protezione contro gli infortuni per i cancelli, le porte e i portoni motorizzati (attenersi
alle norme e alle leggi vigenti).
2° - L’installatore dovrà rilasciare all’utente finale un libretto di istruzioni in accordo alla
EN 12635.
3° - L’installatore prima di procedere con l’installazione deve prevedere l’analisi dei rischi
della chiusura automatizzata finale e la messa in sicurezza dei punti pericolosi
identificati (seguendo la norma EN 12453/EN 12445).
4° - Il cablaggio dei vari componenti elettrici esterni all’operatore (ad esempio fotocellule,
lampeggianti, ecc.) deve essere effettuato secondo la EN 60204-1 e le modifiche a
questa apportate dal punto 5.2.2 della EN 12453.
5° - L’eventuale montaggio di una pulsantiera per il comando manuale del movimento
deve essere fatto posizionando la pulsantiera in modo che chi la aziona non si trovi
in posizione pericolosa; inoltre si dovrà fare in modo che sia ridotto il rischio di
azionamento accidentale dei pulsanti.
6° - Tenete i comandi dell'automatismo (pulsantiera, telecomando etc.) fuori dalla portata
dei bambini. I comandi devono essere posti ad un’altezza minima di 1,5mt dal suolo
e fuori dal raggio d’azione delle parti mobili.
7° - Prima di eseguire qualsiasi operazione di installazione, regolazione, manutenzione
dell’impianto, togliere la tensione agendo sull’apposito interruttore magnetotermico
collegato a monte dello stesso.
- ATTENZIONE UNA SCORRETTA INSTALLAZIONE PUÓ PORTARE A DANNI RILEVANTI
LA DITTA RIB NON ACCETTA NESSUNA RESPONSABILITÀ per eventuali danni
provocati dalla mancata osservanza nell'installazione delle norme di sicurezza, delle
leggi attualmente in vigore e delle istruzioni stesse.
CONSERVARE CON CURA QUESTE ISTRUZIONI
IMPORTANTI ISTRUZIONI DI SICUREZZA PER
L’INSTALLAZIONE
1° - Se non é previsto nella centralina elettrica, installare a monte della medesima
un'interruttore di tipo magnetotermico (onnipolare con apertura minima dei contatti
pari a 3mm) che riporti un marchio di conformità alle normative internazionali. Tale
dispositivo deve essere protetto contro la richiusura accidentale (ad esempio
installandolo dentro quadro chiuso a chiave).
2° - Per la sezione ed il tipo dei cavi la RIB consiglia di utilizzare un cavo di tipo H05RNF con sezione minima di 1,5mm2 e comunque di attenersi alla norma IEC 364 e alle
norme di installazione vigenti nel proprio Paese.
3° - Posizionamento di un’eventuale coppia di fotocellule: Il raggio delle fotocellule deve
essere ad un’altezza non superiore a 70 cm dal suolo e ad una distanza dal piano di
movimento dell’anta non superiore a 20 cm. Il loro corretto funzionamento deve
essere verificato a fine installazione in accordo al punto 7.2.1 della EN 12445.
4° - Per il soddisfacimento dei limiti imposti dalla EN 12453, se la forza di picco supera il
limite normativo di 400 N è necessario ricorrere alla rilevazione di presenza attiva
sull’intera altezza del cancello (fino a 2,5m max) - Le fotocellule in questo caso sono
da applicare all’esterno tra le colonne ed all’interno per tutta la corsa della parte
mobile ogni 60÷70cm per tutta l’altezza delle colonne del cancello fino ad un
massimo di 2,5m (EN 12445 punto 7.3.2.1) - es. colonne alte 2,2mt => 6 coppie di
fotocellule - 3 interne e 3 esterne (meglio se dotate di sincronismo - 6 FIT SYNCRO
con 2 TX SYNCRO).
N.B.:É obbligatoria la messa a terra dell'impianto
I dati descritti nel presente manuale sono puramente indicativi.
La RIB si riserva di modificarli in qualsiasi momento.
Realizzare l’impianto in ottemperanza alle norme ed alle leggi vigenti.
D
ES
I
Pag. 4 di 44
F
IMPORTANT SAFETY INSTRUCTIONS
WICHTIGE ANWEISUNGEN FÜR DIE SICHERHEIT
GB
D
ES
Pag. 5 di 44
I
F
GB
D
ES
I
T
A
L
I
A
N
O
Pag. 6 di 44
LAY-OUT IMPIANTO
1 - Operatore K500
2 - Fotocellule esterne
3 - Cremagliera Modulo 4
4 - Selettore a chiave
5 - Antenna radio
6 - Lampeggiatore
7 - Limitatori di corsa (camme)
8 - Costola meccanica
9 - Costola pneumatica o Fotocosta
10 - Fotocellule interne
11 - Colonnine per fotocellule
12 - Fermi meccanici
Fig. 1
CONTROLLO PRE-INSTALLAZIONE
!! IL CANCELLO DEVE MUOVERSI SENZA ATTRITI !!
N.B. È obbligatorio uniformare le caratteristiche del cancello alle norme e
leggi vigenti. Il cancello può essere automatizzato solo se in buono stato e
se rispondente alla norma EN 12604.
- L’anta non deve presentare porte pedonali. In caso contrario occorrerà
prendere opportune precauzioni in accordo al punto 5.4.1 della EN12453
(ad esempio impedire il movimento del motore quando il portoncino è
aperto, grazie ad un microinterruttore opportunamente collegato in
centralina).
- Non bisogna generare punti di intrappolamento (ad esempio tra anta
aperta del cancello e cancellata).
- Oltre ai finecorsa presenti nell’unità, è necessario che a ciascuna delle
due posizioni estreme della corsa sia presente un fermo meccanico fisso
che arresti il cancello nel caso di malfunzionamento dei finecorsa. A tal
fine il fermo meccanico deve essere dimensionato per sopportare la
spinta statica del motore più l’energia cinetica del cancello (12) (Fig. 2).
- Le colonne del cancello devono avere superiormente delle guide
antideragliamento (Fig. 3) per evitare involontari sganciamenti.
N.B.: Eliminare fermi meccanici del tipo descritto in figura 3.
Non devono essere presenti fermi meccanici al di sopra del cancello
perché non sono sufficientemente sicuri.
Componenti da installare secondo la norma EN12453
TIPO DI COMANDO
a uomo presente
a impulsi in vista (es. sensore)
a impulsi non in vista (es. telecomando)
automatico
USO DELLA CHIUSURA
Persone esperte
Persone esperte
(fuori da area pubblica*) (area pubblica)
A
B
CoE
CoE
CoE
C e D, o E
C e D, o E
C e D, o E
CARATTERISTICHE TECNICHE
Operatori irreversibili per cancelli scorrevoli aventi un peso massimo di 500Kg.
L'irreversibilità di questo operatore fa si che il cancello non richieda alcun tipo di
serratura elettrica per un'efficace chiusura.
Il motore è protetto da una sonda termica che in caso di utilizzo prolungato interrompe
momentaneamente il movimento.
K500
Peso max cancello
kg
500
Coppia di spinta
N/mt
10
Forza max di spinta
N
400
Cremagliera modulo
4
Alimentazione e frequenza CEE
230V~
50Hz
60Hz
Potenza motore
W
229
228
Assorbimento
A
1,21
Condensatore
µF
n° di cicli normativi
1,05
10
12 - 30s/2s
n° di cicli consigliati al giorno
300
Servizio
60%
n° cicli consecutivi garantiti
Fig. 3
non possibile
C e D, o E
C e D, o E
C e D, o E
* esempio tipico sono le chiusure che non accedono a pubblica via
A: Pulsante di comando a uomo presente (cioè ad azione mantenuta), come cod. ACG2013
B: Selettore a chiave a uomo presente, come cod. ACG1010
C: Regolazione della forza del motore
D: Costole come cod. ACG3010 e/o altri dispositivi di limitazione delle forze entro i limiti della norma
EN12453 - Appendice A.
E: Fotocellule, es. cod.ACG8026 (Da applicare ogni 60÷70cm per tutta l’altezza della colonna del
cancello fino ad un massimo di 2,5m - EN 12445 punto 7.3.2.1)
CARATTERISTICHE
TECNICHE
Fig. 2
Uso illimitato
10 - 30s/2s
25/5m
Lubrificazione a grasso
Peso max
kg
Rumorosità
db
<70
Temperatura di lavoro
°C
Grado di protezione
IP
54
8
Pag. 7 di 44
Misure in mm
SBLOCCO
Da effettuare dopo aver tolto l'alimentazione elettrica al motore.
Per poter agire manualmente sul cancello è sufficiente inserire l’apposita chiave e
ruotarla 3 volte in senso antiorario (Fig. 8).
Per poter eseguire in modo sicuro la movimentazione manuale dell’anta occorre
verificare che:
- sull’anta siano presenti maniglie idonee;
- tali maniglie siano posizionate in modo da non creare punti di pericolo durante il loro
utilizzo;
- lo sforzo manuale per muovere l’anta non superi i 225N per i cancelli posti su siti privati
ed i 390N per i cancelli posti su siti commerciali ed industriali (valori indicati nel punto
5.3.5 della norma EN 12453).
Fig. 4
Fig. 8
FISSAGGIO MOTORE E CREMAGLIERA
Fig. 5
Il K500 viene fornito completo di una piastra di base che consente la regolazione in
altezza.
Questa regolazione in altezza è utile per mantenere un agio di 1mm tra l’ingranaggio di
traino e la cremagliera.
La piastra di base è dotata di tre zanche che possono essere utilizzate per la
cementazione a terra. In alternativa è possibile richiedere l'apposita piastra da
cementare per K500 cod. ACG8108.
È altresì possibile posizionare il K500, con la relativa piastra di base, direttamente al di
sopra della piastra da cementare dedicata all'operatore K5 (cod.ACG8101).
La piastra di base del K500 è inoltre dotata di 4 fori per il fissaggio a terra con 4 viti ad
espansione.
La cremagliera deve essere fissata a una certa altezza rispetto all’appoggio del motore.
Questa altezza può essere variata grazie alle asole presenti sulla cremagliera.
La registrazione in altezza viene fatta affinché il cancello, durante il movimento, non si
appoggi sull'ingranaggio di trazione del K500 (Fig. 4 e 5).
Per fissare la cremagliera sul cancello eseguire dei fori di Ø 5 mm e filettarli utilizzando
un maschio del tipo M6.
L'ingranaggio di traino deve avere circa 1 mm di agio rispetto alla cremagliera.
FISSAGGIO FINECORSA
Per determinare la corsa della parte mobile si devono posizionare due camme alle
estremità della cremagliera (Fig. 9).
La regolazione della corsa di apertura e chiusura, si ottiene spostando le medesime sui
denti della cremagliera.
Per bloccare le camme alla cremagliera avvitare a fondo le viti in dotazione.
N.B: Oltre alle camme di fermo elettrico sopraesposte è obbligatoria l'installazione di
fermi meccanici robusti che non permettono la fuori uscita del cancello dalle guide
superiori.
Fig. 6
Fig. 9
MANUTENZIONE
Fig. 7
Da effettuare solamente da parte di personale specializzato dopo aver tolto
l'alimentazione elettrica al motore.
Pulire periodicamente, a cancello fermo, la guida di scorrimento da sassi e altra
sporcizia.
I
T
A
L
I
A
N
O
I
T
A
L
I
A
N
O
Pag. 8 di 44
SPARK
COLLEGAMENTO
MOTORE
TX1
RX1
RX2
TX2
BLOCK
o
pulsantiera
FLAT
COSTA
Pag. 9 di 44
Cod. BC07056 K-CRX 230-50/60Hz
Cod. BC07057 K-CRX 120-60Hz
A - CONNESSIONI
J1=>
NON TOCCARE IL PONTICELLO !
SE VIENE RIMOSSO L’OPERATORE NON FUNZIONA!
Antenna radio
Contatto finecorsa che ferma la chiusura
Contatto finecorsa che ferma l’apertura
Comune dei contatti
Alimentazione 230Vac 50/60Hz (120V/60Hz a richiesta)
Collegamento dei conduttori di terra (Obbligatorio)
Connettore per radio ricevitore RIB a innesto 12Vdc (modelli non CRX)
Modulo radio incorporato (modelli CRX)
Alimentazione accessori a 12Vdc
Comune dei contatti
Contatto impulso singolo (NA)
Contatto fotocellule (NC)
Contatto coste in apertura e chiusura (NC)
Buzzer - Collegamento segnalatore sonoro (12Vdc max 200 mA)
J7 =>
Lampeggiatore (max 40W )
U - MOTOR
Collegamento comune motore
V-W - MOTOR Collegamento invertitori e condensatore motore
J8 => PROBE
connettore per collegamento sonda riscaldatore (Cod. ACG4665 opzionale)
regolazione della velocità di rallentamento in
apertura e chiusura
regolatore elettronico della forza
RELE’ E COMANDO MOTORE
K1 =>
K2 =>
K3 =>
Q1 =>
Comando lampeggiatore
Comando direzione chiusura
Comando direzione apertura
TRIAC - Comando motore in apertura e chiusura
CONTROLLO SENSO DI ROTAZIONE DEL MOTORE (ON)
(PUNTO C).
DIP 2 PROGRAMMAZIONE TEMPI (ON) (PUNTO D).
DIP 1-2 MEMORIZZAZIONE/CANCELLAZIONE CODICI RADIO (DIP 1 ON seguito da
DIP 2 ON) (PUNTO E) SOLO PER MODELLI CRX.
Tempo di attesa prima della chiusura automatica (ON)
Fotocellule sempre attive (OFF) - Fotocellule attive solo in chiusura (ON)
Prelampeggio (ON) - Lampeggio normale (OFF)
Comando impulso singolo (K BUTT e RADIO) passo passo (ON) - automatico
(OFF)
Freno elettronico (ON-attivato)
Rallentamento (OFF)
S1 => PROG. Pulsante per la programmazione
JP1 => Jumper di reset (in caso di necessità, ponticellate il jumper di RESET almeno
per 1 secondo (operazione eseguibile anche con un cacciavite).
JP2 => A disposizione per implementazioni future
JP3 => Se chiuso la funzione black out non é attiva
Se aperto la funzione black out é attiva (vedi TAB1 pag.10)
TORQUE - REGOLATORE ELETTRONICO DELLA FORZA
La regolazione della forza viene fatta ruotando il Trimmer TORQUE che serve a variare la
tensione di uscita ai capi del motore (ruotando in senso orario si da più forza al motore).
Tale forza si include automaticamente dopo 3 secondi dall’inizio di ogni manovra.
Questo per dare il massimo di spunto al motore al momento della partenza.
NOTA: SE QUESTO TRIMMER VIENE REGOLATO DOPO AVERE ESEGUITO LA
PROCEDURA DI PROGRAMMAZIONE, E’ POSSIBILE CHE LA MISURA DI
INIZIO RALLENTAMENTO SUBISCA DELLE VARIAZIONI (IN PIU’ O IN MENO
RISPETTO ALLA PRECEDENTE), PERTANTO SE SI ESEGUE UNA NUOVA
REGOLAZIONE DEL TRIMMER, SI CONSIGLIA DI RIESEGUIRE LA
PROGRAMMAZIONE DEI TEMPI.
LOW SPEED
REGOLATORE DELLA VELOCITA’ DI RALLENTAMENTO
Se DIP 8 su OFF, la regolazione del rallentamento viene fatta ruotando il Trimmer LOW
SPEED che serve a variare la velocita del motore in fase di accostamento di fine apertura
e chiusura (ruotandolo in senso orario si da più velocità al motore).
Il rallentamento viene determinato automaticamente dalla centralina in fase di
programmazione tempi, e viene attivato a circa 15÷20 cm prima del raggiungimento del
I
T
A
L
I
A
N
O
I
T
A
L
I
A
N
O
Pag. 10 di 44
finecorsa di apertura o di chiusura.
PARTENZA GRADUALE
Ogni volta che viene comandato il cancello viene eseguita di default una partenza
graduale pari a 1 secondo.
FRENO ELETTRONICO
Se non usato il rallentamento (DIP 8 ON), consigliamo di abilitare il DIP 7 a ON
usufruendo di un freno elettronico che limita l’inerzia del cancello quando raggiunge i
finecorsa elettrici.
SEGNALAZIONI LED
DL1 - (Rosso)
DL2 - (Verde)
DL3 - (Rosso)
DL4 - (Rosso)
DL5 - (Rosso)
DL6 - (Verde)
DL7 - (Rosso)
DL8 - (Rosso)
- Programmazione attivata
- Programmazione radio attivata (solo nei modelli CRX)
- Contatto finecorsa di apertura (NC)
- Contatto finecorsa di chiusura (NC)
- Cancello in chiusura
- Cancello in apertura
- Contatto fotocellule (NC)
- Contatto coste (NC)
C - CONTROLLO SENSO DI ROTAZIONE DEL MOTORE
Questo controllo ha il compito di agevolare l’installatore durante la messa in opera
dell’impianto, o per eventuali controlli successivi.
1 - Sbloccare il K500, tramite lo sblocco manuale, e posizionare le camme di finecorsa.
Portare il cancello a metà corsa e bloccare l’operatore.
2 - Mettere il DIP1 in posizione ON => il led DL1 inizia a lampeggiare.
3 - Premere e mantenere premuto il pulsante PROG (il movimento é eseguito ad uomo
presente, apre-stop-chiude-stop-apre-etc...) => il LED ROSSO DL5 “CLOSE” si
accende e il cancello deve chiudere (nel caso contrario rilasciare il pulsante PROG e
invertire i fili del motore V e W) e fermarsi in seguito al contatto con il finecorsa
elettrico (se questo non succede rilasciare il pulsante PROG ed invertire i due fili del
finecorsa LSO e LSC).
4 - Premere il pulsante PROG e mantenerlo premuto => il LED VERDE DL6 “OPEN” si
accende e il cancello deve aprire e in seguito fermarsi al contatto con il finecorsa
elettrico.
5 - Dopo 2 sec. e fino a 10 sec di lavoro consecutivi in apertura o chiusura, si
innesca automaticamente la frizione elettronica. Eseguite la regolazione della
frizione elettronica agendo sul trimmer TORQUE.
6 - Dopo 10 sec. di lavoro consecutivi in apertura o in chiusura, si innesca
automaticamente il rallentamento (se DIP 8 OFF). Eseguite la regolazione della
velocità rallentata agendo sul trimmer LOW SPEED scegliendo la velocità
desiderata.
7 - Al termine del controllo e delle regolazioni dei trimmer rimettere DIP1 in
posizione OFF. Il led DL1 si spegne segnalando l’uscita dal controllo.
N.B.: Durante questo controllo le coste e le fotocellule non sono attive.
D - PROGRAMMAZIONE TEMPI
ATTENZIONE: Se gli ingressi PHOT e EDGE non sono collegati eseguire dei
ponticelli tra COM-PHOT e COM-EDGE prima di procedere con la
programmazione. In caso contrario il quadro non entra in
programmazione.
La programmazione può essere eseguita con il cancello in qualsiasi posizione.
1 - Mettete il microinterruttore DIP 2 in posizione ON => Il led DL1 emetterà dei lampeggi
brevi.
2 - Premete il pulsante PROG. => il cancello si chiude. Dopo 2 secondi che si é chiuso, il
cancello si riapre automaticamente. A fine apertura si ferma. Attendete il tempo che
desiderate il cancello resti aperto (escludibile con DIP3 OFF).
3 - Premete il pulsante PROG. per comandare la chiusura del cancello (il led DL1 smette
di lampeggiare, nello stesso istante si ferma anche il conteggio del tempo d’attesa
prima della chiusura automatica - max 5 minuti).
4 - Raggiunto il finecorsa di chiusura il cancello si ferma.
5 - A FINE PROGRAMMAZIONE RIMETTERE IL DIP 2 SU OFF.
DURANTE LA PROGRAMMAZIONE LE SICUREZZE SONO ATTIVE ED IL LORO
INTERVENTO FERMA LA PROGRAMMAZIONE (IL LED DL1 DA LAMPEGGIANTE
RIMANE ACCESO FISSO). PER RIPETERE LA PROGRAMMAZIONE POSIZIONARE
IL DIP 2 SU OFF E RIPETERE LA PROGRAMMAZIONE SOPRA DESCRITTA.
NOTA: Il rallentamento viene determinato automaticamente dalla centralina in fase di
programmazione tempi, e viene attivato a circa 15÷20 cm prima del
raggiungimento del finecorsa di apertura o chiusura. Tale misura può variare
leggermente a secondo della temperatura.
E – PROGRAMMAZIONE CODICI RADIO
(SOLO MODELLI CRX)
1 - La programmazione può essere eseguita con il cancello in qualsiasi posizione.
ATTENZIONE: se DIP 3 ON (tempo di attesa prima della chiusura automatica) la
programmazione non può essere effettuata a cancello totalmente aperto.
2 - Posizionare DIP 1 - ON e successivamente il DIP 2 - ON => il led DL1 di
programmazione lampeggerà, con frequenza di 1 sec. ON e 1 sec. OFF, per 10
secondi che è il tempo utile alla programmazione del codice.
3 - Premere il tasto del telecomando (normalmente il canale A) entro i 10 secondi
impostati. Se il telecomando viene correttamente memorizzato il led DL2 (verde)
emette un lampeggio.
4 - Il tempo di programmazione dei codici si rinnova automaticamente per poter
memorizzare il telecomando successivo.
5 - Per terminare la programmazione lasciare trascorrere 10 sec., oppure premere per un
attimo il pulsante PROG. => il led DL1 di programmazione smetterà di lampeggiare.
6 - Riposizionare DIP 1 - OFF e DIP 2 - OFF.
7 - Fine procedura.
PROCEDURA CANCELLAZIONE TOTALE CODICI RADIO
La programmazione può essere eseguita con il cancello in qualsiasi posizione.
ATTENZIONE: se DIP 3 ON (tempo di attesa prima della chiusura automatica) la
programmazione non può essere effettuata a cancello totalmente
aperto.
1 - Posizionare il DIP 1 - ON e successivamente il DIP 2 - ON.
2 - Il led DL1 di programmazione lampeggerà con frequenza di 1 sec. ON e 1 sec. OFF
per 10 sec.
3 - Durante i 10 secondi => premere e mantenere premuto il pulsante PROG. per 5
secondi => la cancellazione della memoria viene segnalata da due lampeggi del led
verde DL2.
4 - In seguito il led DL1 di programmazione rimane attivo ed è possibile inserire nuovi
codici come da procedure sopra descritte.
SEGNALAZIONE MEMORIA SATURA
La programmazione può essere eseguita con il cancello in qualsiasi posizione.
ATTENZIONE: se DIP 3 ON (tempo di attesa prima della chiusura automatica) la
programmazione non può essere effettuata a cancello totalmente
aperto.
1 - Posizionando DIP 1 - ON e successivamente DIP 2 - ON.
2 - Il led verde DL2 lampeggia per 6 volte segnalando memoria piena (60 codici presenti).
3 - Successivamente il led DL1 di programmazione rimane attivo per 10 secondi,
consentendo un eventuale cancellazione totale dei codici.
FUNZIONAMENTO ACCESSORI DI COMANDO
PULSANTE DI COMANDO (COM-K BUTTON)
Se DIP6 su ON => Esegue un comando ciclico dei comandi apre-stop-chiude-stop-apreecc.
Se DIP6 su OFF => Esegue l’apertura a cancello chiuso.
Se azionato durante il movimento di apertura non ha effetto.
Se azionato a cancello aperto lo chiude e durante la chiusura se azionato lo fa riaprire.
FUNZIONE OROLOGIO (solo in modalità di funzionamento automatico DIP 6 OFF)
Questa funzione é utile nelle ore di punta, quando il traffico veicolare risulta rallentato (es.
entrata/uscita operai, emergenze in zone residenziali o parcheggi e, temporaneamente,
per traslochi).
MODALITÁ DI APPLICAZIONE
Collegando un interruttore e/o un orologio di tipo giornaliero/settimanale (al posto o in
parallelo al pulsante di comando n.a. “COM-K BUTTON”), é possibile aprire e mantenere
aperto il cancello finché l’interruttore rimane premuto o l’orologio rimane attivo.
A cancello aperto vengono inibite tutte le funzioni di comando.
Al rilascio dell’interruttore, o allo scadere dell’ora impostata, si avrà la chiusura immediata
dell’automazione.
TELECOMANDO
Se DIP6 su ON => Esegue un comando ciclico dei comandi apre-stop-chiude-stop-apre
etc.
Se DIP6 su OFF => Esegue l’apertura a cancello chiuso.
Se azionato durante il movimento di apertura non ha effetto.
Se azionato con cancello aperto, lo chiude e durante la chiusura se azionato lo fa riaprire.
CHIUSURA AUTOMATICA CON APERTURA TOTALE
I tempi di pausa prima di avere la chiusura automatica in apertura totale del cancello
vengono registrati durante le programmazioni dei tempi.
Il tempo di pausa massimo e di 5 minuti.
l tempi di pausa sono attivabili o disattivabili tramite DIP3 (ON attivo).
RIPRESA DEL FUNZIONAMENTO DOPO BLACK OUT
ATTENZIONE: Se JP3 é chiuso la funzione black out non é attiva.
Se JP3 é aperto la funzione black out é attiva.
A fronte di un black out, e quindi al ritorno dell’alimentazione di rete, il cancello si
comporterà come da tabella TAB1 nella pagina seguente.
Pag. 11 di 44
ATTENZIONE: Se JP3 é chiuso la funzione black out non é attiva.
Se JP3 é aperto la funzione black out é attiva
Al momento del black-out
Se il cancello è totalmente chiuso
Se il cancello è in fase di apertura
Se il cancello è totalmente aperto (con dip 3 OFF)
Se il cancello è totalmente aperto (con dip 3 ON)
TAB1
Se il cancello è in fase di chiusura
Se il cancello è in allarme da coste
Se il cancello è in fase di apertura o in fase di chiusura o totalmente
aperto con dip 3 ON o OFF, e viene sbloccato e posizionato
manualmente a cancello chiuso
Se il cancello è in fase di apertura, in fase di chiusura, totalmente
aperto con dip 3 ON, e poi viene sbloccato e aperto manualmente
Se il cancello è in fase di apertura o in fase di chiusura o totalmente
aperto con dip 3 OFF, e viene sbloccato e aperto manualmente
FUNZIONAMENTO ACCESSORI DI SICUREZZA
FOTOCELLULA (COM-PHOT.)
Se DIP 4 su OFF - A cancello chiuso se un ostacolo é interposto al raggio delle
fotocellule, il cancello non apre. Durante il funzionamento le fotocellule
intervengono sia in apertura (con ripristino del moto in apertura dopo
un tempo di mezzo secondo), che in chiusura (con ripristino del moto
inverso dopo un secondo).
Se DIP 4 su ON - A cancello chiuso se un ostacolo é interposto al raggio delle fotocellule
e viene comandata l’apertura, il cancello apre (durante l'apertura le
fotocellule non intervengono). Durante il funzionamento le fotocellule
intervengono solo in fase di chiusura (con ripristino del moto inverso
dopo un secondo anche se le stesse restano impegnate).
NOTA: se questo ingresso non viene utilizzato, eseguire un ponticello tra i morsetti COMPHOT.
COSTE PNEUMATICHE - MECCANICHE O FOTOCOSTA (COM - EDGE)
Il collegamento delle sicurezze dipende dalla collocazione delle medesime sull'impianto
stesso.
Nel caso si voglia proteggere il raggio d'azione del cancello durante l'apertura e la
chiusura collegare le coste ai morsetti COM-EDGE.
Se la costa viene azionata, durante il movimento, il cancello effettuerà un'inversione di
marcia.
NOTA: se questo ingresso non viene utilizzato, eseguire un ponticello tra i morsetti COMEDGE.
ALLARME DA COSTE
Se durante un ciclo di funzionamento le coste intervengono per 2 volte, dopo il secondo
impatto il cancello esegue una piccola inversione per poi fermarsi nella condizione di
allarme, segnalata dal buzzer attivo per 5 minuti e dal lampeggiatore attivo per 1 minuto.
PULSANTE DI STOP
(collegabile in serie al morsetto comune dei finecorsa)
Questo collegamento si consiglia quando viene usata la modalità di funzionamento
automatico (DIP 6 OFF).
Durante qualunque operazione il pulsante di STOP esegue il fermo del cancello.
LAMPEGGIATORE
N.B.: Questo quadro elettronico può alimentare SOLO LAMPEGGIATORI CON
CIRCUITO LAMPEGGIANTE (ACG7059) con lampade da 40W massimo.
FUNZIONE PRE-LAMPEGGIO
Con DIP 5 su OFF => il motore, il lampeggiatore ed il buzzer partono
contemporaneamente.
Con DIP 5 su ON => il lampeggiatore ed il buzzer partono 3 secondi prima del motore.
BUZZER (Opzionale)
Corrente fornita per il funzionamento del buzzer 200 mA a 12Vdc.
Durante l'apertura e la chiusura il buzzer darà un segnale sonoro intermittente. Nei casi di
intervento delle sicurezze (allarme costa) questo segnale sonoro aumenta la frequenza
dell'intermittenza.
Al ritorno dell’alimentazione di rete
Rimarrà chiuso
Continuerà ad aprire
Rimarrà aperto. Successivamente sarà possibile comandarlo in chiusura
Rimarrà aperto, ma allo scadere del tempo di chiusura automatica si
avvierà in chiusura.
Continuerà a chiudere.
L’allarme da coste verrà rinnovato
Rimarrà chiuso
Rimarrà aperto, ma allo scadere del tempo di chiusura automatica si
chiuderà.
Rimarrà aperto. Successivamente sarà possibile comandarlo in
chiusura
CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI
Range di temperatura
Umidità
Tensione di alimentazione
Frequenza
Microinterruzioni di rete
Potenza massima gestibile all'uscita del motore
Carico massimo all'uscita del lampeggiatore
Assorbimento massimo scheda (esclusi accessori)
Corrente disponibile per le fotocellule
Grado di protezione
Peso apparecchiatura
Ingombro
-10±55°C
<95% senza condensazione
230V±10% (120V±10% a richiesta)
50/60Hz
20ms
1CV
40W con carico resistivo
40mA
0,4A±15% 12Vdc
IP54
0,80 Kg
14,7 x 6 x 18cm
CARATTERISTICHE TECNICHE RADIO (solo modelli CRX)
Frequenza Ricezione
Impedenza
Sensibilità
Tempo eccitazione
Tempo diseccitazione
Codici memorizzabili
Corrente disponibile su connettore radio
433,92MHz
52Ω
>2,24µV
300ms
300ms
N° 60
200mA 12Vdc
- Tutti gli ingressi devono essere utilizzati come contatti puliti perché l’alimentazione è
generata internamente alla scheda ed è disposta in modo da garantire il rispetto di
isolamento doppio o rinforzato rispetto alle parti in tensione.
- Tutti gli ingressi vengono gestiti da un circuito integrato programmato che esegue un
autocontrollo ad ogni avvio di marcia.
I
T
A
L
I
A
N
O
Pag. 12 di 44
I
T
A
L PIASTRA DA CEMENTARE
I
A
N
O
ACCESSORI
FIT SYNCRO
cod. ACG8108
FOTOCELLULE FIT SYNCRO DA PARETE Cod. ACG8026
Portata settabile 10÷20mt 49÷100”
Sono applicabili più coppie ravvicinate tra loro grazie al circuito sincronizzatore.
Aggiungere il TRASMETTITORE SYNCRO cod. ACG8028 per più di 2 coppie di
fotocellule (fino a 4).
COPPIA DI CESTELLI DA INCASSO PER FIT SYNCRO
Cod. ACG8051
CREMAGLIERA MOD.4 IN NYLON
con angolare zincato in barre da 1mt.
Ideale per cancelli fino a 1000Kg / 2200lbs di peso.
cod. ACS9000 1mt / 3,28”
cod. ACS9001 10mt / 32,8” (1mt/3,28” x 10)
COSTOLA MECCANICA L=2MT - 6,56 FEET
Con doppio contatto di sicurezza e tagliabile a misura.
TELECOMANDO MOON
ACG6082
ACG6081
ANTENNA SPARK
Per ottenere le migliori prestazioni degli apparati sopracitati, bisogna installare
un’antenna accordata sulla frequenza del radio ricevitore installato .
N.B. Fare molta attenzione che il filo centrale del cavo non vada a contatto con la
calza in rame esterna, ciò renderebbe nullo il funzionamento dell’antenna.
L’antenna va installata perpendicolarmente e deve essere in vista del telecomando.
ANTENNA SPARK 433
cod. ACG5252
LAMPEGGIATORE SPARK con scheda intermittente incorporata cod. ACG7059
PROBE
Cod. ACG4665
Sonda di rilevamento temperatura ambiente motore per riscaldamento dello stesso in
climi particolarmente freddi, fino a -30°C (collegare a connettore J8).
PROBE
Pag. 13 di 44
Fig. 1
Componenti da installare secondo la norma EN12453
TYPE DE COMMANDE
K500
Kg
N/mt
10
N
400
500
Fig. 2
4
230V~
W
229
228
A
1,21
1,05
µF
60Hz
10
12 - 30s/2s
10 - 30s/2s
300
60%
Fig. 3
50Hz
25/5m
Poids maximum
Kg
8
Bruit
db
<70
°C
IP
54
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
Fig. 4
Fig. 8
Fig. 5
Fig. 6
Fig. 9
Fig. 7
Pag. 15 di 44
SPARK
RX1
RX2
TX2
FLAT
CORDON DE
SÉCURITÉ
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
Pag. 16 di 44
A - BRANCHEMENTS
J1=>
J7 =>
J8 => PROBE
RELAIS ET COMMANDE MOTEUR
K1 =>
K2 =>
K3 =>
Q1 =>
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
TAB1
433,92MHz
52Ω
>2,24µV
300ms
300ms
N° 60
200mA 12Vdc
Pag. 19 di 44
code ACG8101
code ACG1053
code ACG1048
TELECOMANDO MOON
CORDON MÉCANIQUE L=2MT
ACG6082
ACG6081
code ACG3010
PROBE
F
R
A
N
Ç
A
I
S
E
Pag. 20 di 44
Fig. 1
K500
Kg
500
4
50Hz
Nm
N
Motor capacity
W
229
228
A
1,21
1,05
µF
10
400
10
120V~ 60Hz
Nm
12
N
500
Motor capacity
W
259
Power absorbed
A
3,05
µF
35
No. normative cycles 230V/50
12 - 30s/2s
10 - 30s/2s
9 - 30s/2s
300
60%
Fig. 3
60Hz
Fig. 2
25/5m
Kg
8
Noise
db
<70
Working temperature
°C
IP
54
Pag. 21 di 44
Dimensions in mm/inches
4,2”
8,8”
1,2”
Fig. 4
4,9”
4,4”
Fig. 8
9,2”
1,0”
Fig. 5
4,4”
9,2”
1,0”
Fig. 6
Fig. 9
Pag. 22 di 44
SPARK
MOTOR
CONNECTION
TX1
RX1
TX2
RX2
Pag. 23 di 44
B - ADJUSTING THE MICROSWITCHES
A - CONNECTIONS
J1=>
J7 =>
J8 => PROBE
RELAYS AND MOTOR CONTROL
K1 =>
K2 =>
K3 =>
Q1 =>
CHECKING THE ROTATION DIRECTION OF THE MOTOR (ON)
(POINT C)
DIP 2 TIMING (ON) (POINT D)
DIP 1-2 READ IN /CANCELLATION RADIO CODES FOR MOTOR CONTROL (DIP 1
ON FOLLOWED BY DIP 2 ON) (PUNTO E) ONLY FOR CRX MODELS
Pag. 24 di 44
C – CHECKING THE ROTATION DIRECTION OF THE MOTOR
OPERATION OF THE OPERATING ACCESSORIES
MEMORY SATURATION SIGNALING
TAB1
433,92MHz
52Ω
>2,24µV
300ms
300ms
N° 60
200mA 12Vdc
Pag. 26 di 44
code ACG8101
BLOCK
BLOCK KEY SELECTOR FOR WALL-INSTALLATION
BLOCK KEY SELECTOR TO BUILD-IN
code ACG1053
code ACG1048
MECHANICAL STRIP
code ACG3010
ACG6082
ACG6081
PROBE
Pag. 27 di 44
ANLAGEN LAY-OUT
1
2
3
4
5
6
7
8
9
K500
Kg
500
N/mt
10
Max Schubkraft
N
400
4
230V~
50Hz
60Hz
W
229
228
A
1,21
Kondensator
µF
12 - 30s/2s
10 - 30s/2s
300
60%
25/5m
Abb. 3
1,05
10
Kg
8
db
<70
Betriebstemperatur
°C
IP
54
Pag. 28 di 44
Abb. 4
Abb. 8
Abb. 5
Abb. 6
Abb. 9
INSTANDHALTUNG
Abb. 7
Pag. 29 di 44
SPARK
MOTORANSCHLUSS
TX1
RX1
RX2
TX2
Pag. 30 di 44
Cod. BC07056 K-CRX 230-50/60Hz
Cod. BC07057 K-CRX 120-60Hz
A - VERBINDUNGEN
J1=>
J7 =>
J8 => PROBE
Pag. 32 di 44
TAB1
433,92MHz
52Ω
>2,24µV
300ms
300ms
N° 60
200mA 12VGS
Pag. 33 di 44
Code ACG8101
Code ACG1053
Code ACG1048
FERNSENDER MOON
MECHANISCHE KONTAKTLEISTEN L=2MT
ACG6081
PROBE
Pag. 34 di 44
E
S
P
A
N
O
L
Fig. 1
K500
Peso máx. verja
Kg
500
N/mt
10
N
400
Fig. 2
4
230V~
50Hz
60Hz
Potencia motor
W
229
228
A
1,21
Condensador
µF
n. de ciclos normativos
12 - 30s/2s
N° manobrias diarias sugeridas
300
Servizio
60%
n° manobrias garantizados
Fig. 3
1,05
10
10 - 30s/2s
25/5m
Engrase
Kg
db
<70
°C
IP
54
8
Pag. 35 di 44
Medidas en mm/pulgadas
Fig. 4
Fig. 8
ANCLAJE MOTOR Y CREMALLERA
Fig. 5
Fig. 6
Fig. 9
MANTENIMIENTO
Fig. 7
E
S
P
A
N
O
L
Pag. 36 di 44
E
S
P
A
N
O
L
SPARK
CONEXION
MOTOR
TX1
RX1
RX2
TX2
BLOCK
o
botonera
FLAT
COSTA
Pag. 37 di 44
E
S
P
A
N
O
L
Cod. BC07056 K-CRX 230-50/60Hz
Cod. BC07057 K-CRX 120-60Hz
A - CONEXIóN
J1=>
J7 =>
J8 => PROBE
RELE’ Y MANDO MOTOR
K1
K2
K3
Q2
CONTROL DEL SENTIDO DE ROTACION DEL MOTOR (ON)
(PUNTO C).
DIP 2 PROGRAMACION TIEMPOS (ON) (PUNTO D).
DIP 1-2 MEMORIZAC IòN / Cancelación CODIGOS RADIO (DIP 1 ON a seguir DIP 2
ON) (PUNTO E) SOLO PARA MODELOS CRX.
Pag. 38 di 44
E
S
P
A
N
O
L
SEÑALES DEL PILOTO
DL1 - (Rojo)
DL2 - (Verde)
DL3 - (Rojo)
DL4 - (Rojo)
DL5 - (Rojo)
DL6 - (Verde)
DL7 - (Rojo)
DL8 - (Rojo)
TAB1
-10±55°C
<95% senza condensazione
230V±10% (120V±10% bajo
requesta)
50/60Hz
20ms
1CV
40W con carico resistivo
40mA
0,4A±15% 12Vdc
IP54
0,80 Kg
14,7 x 6 x 18cm
433,92MHz
52Ω
>2,24µV
300ms
300ms
N° 60
200mA 12Vcc
E
S
P
A
N
O
L
Pag. 40 di 44
E
S
P
A
N
O
L
OPTIONALES
PLACA A CEMENTAR
cód. ACG8101
cód. ACS9000
cód. ACS9001
cód. ACG1053
cód. ACG1048
cód. ACG3010
ACG6082
ACG6081
PROBE
Pag. 41 di 44
REGISTRO DI MANUTENZIONE - DOSSIER D’ENTRETIEN
MAINTENANCE LOG - WARTUNGSREGISTER - REGISTRO DE MANTENIMIENTO
Il presente registro di manutenzione contiene i riferimenti tecnici e le registrazioni delle attività di installazione, manutenzione, riparazione e modifica svolte, e dovrà essere reso disponibile per eventuali ispezioni da parte di organismi autorizzati.
Ce dossier d’entretien contient les références techniques et les enregistrements des opérations d’installation, d’entretien, de réparation et de modification effectuées, et devra être rendu disponible pour les inspections éventuelles de part
d’orgenismes autorisée
This maintenance log contains the technical references and records of installation works, maintenance, repairs and modifications, and must be made available for inspection purposes to authorised bodies.
Dieser Wartungsregister enthält die technischen Hinweise, sowie die Eintragung der durchgeführten Installation-, Reparatur- und Änderungstätigkeiten, und er muss zur Verfügung der zuständigen Behörden für etwaige Inspektionen gesetzt
werden, wenn sie das erfordern.
El presente registro de mantenimiento contiene las referencias técnicas y la indicación de las actividades de instalación, mantenimiento, reparación y modificación realizadas, y deberá conservarse para posibles inspecciones por parte de
organismos autorizados.
NOME, INDIRIZZO, TELEFONO - NOM, ADRESSE, TÉLÉPHONE - NAME, ADDRESS, TELEPHONE NUMBER - NAME, ADRESSE, TELEFON - NOMBRE, DIRECCIÓN, TELEFONO
ES
NOME, INDIRIZZO, TELEFONO - NOM, ADRESSE, TÉLÉPHONE - NAME, ADDRESS, TELEPHONE NUMBER - NAME, ADRESSE, TELEFON - NOMBRE, DIRECCIÓN, TELEFONO
MATERIALE INSTALLATO
MATERIEL INSTALLEE
INSTALLATION MATERIAL
INSTALLIERTES MATERIAL
MATERIAL INSTALADO
Data
Date
Date
Datum
Fecha
I
Descrizione dell’intervento (installazione, avviamento, verifica delle sicurezze, riparazioni, modifiche)
Firma del tecnico
Firma del cliente
Description de l’intervention (installation, mise en marche, réglage, contrôle des sécurités, réparations, modifications)
Signature du techicien
Signature du client
Description of the operation (installation, start-up, adjustement, safety device check, repair, modifications)
Technician’s signature
Customer’s signature
Beschreibung der Kundendienstleistung (Installation, Inbetriebnahme, Überprüfung der Sicherheitsvorrichtungen, Reparaturen Änderungen)
Unterschrift des Technikers Unterschrift des Kunden
Descripción de la intervención (instalción, puesta en marcha, reglaje, comprobación de los dispositivos de seguridad, reparaciones o modificaciones)
Firma del técnico
Firma del cliente
I
Pag. 42 di 44
R.I.B. S.r.l.
25014 Castenedolo - Brescia - Italy
Via Matteotti, 162
Telefono ++39.030.2135811
Fax ++39.030.21358279 - 21358278
http://www.ribind.it - email: [email protected]
DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ - DECLARATION OF COMPLIANCE
DÉCLARATION DE CONFORMITÉ - ÜBEREINSTIMMNUGSERKLÄRUNG
DECLARACIÓN DE CONFORMIDAD
Dichiariamo sotto la nostra responsabilità che l’operatore K500 è conforme alle seguenti norme e Direttive:
L’opérateur K500 se conforme aux normes suivantes:
We declare under our responsibility that K500 operator is conform to the following standards:
Wir erklaeren das der K500 den folgenden EN-Normen entspricht:
Declaramos bajo nuestra responsabilidad que los operators K500 es conforme a la siguientes normas y disposiciones:
EN 55014-1
EN 55014-2
EN 60335-1
2000
1997
2002
2000
1995
2001
1999
2001
2001
Inoltre permette un’installazione a Norme - Permit, en plus, une installation selon les normes suivants
You can also install according to the following rules - Desweiteren genehmigt es eine Installation der folgenden Normen:
Además permite una instalación según las Normas:
EN12453
2000
EN 12445
2002
EN 13241-1
2003
89/336/EEC
92/31/EC
Il presente prodotto non può funzionare in modo indipendente ed è destinato ad essere incorporato in un impianto costituito da ulteriori elementi. Rientra perciò
nell’Art. 6 paragrafo 2 della Direttiva 2006/42/CE (Macchine) e successive modifiche, per cui segnaliamo il divieto di messa in servizio prima che l’impianto sia
stato dichiarato conforme alle disposizioni della Direttiva.
Le présent dispositif ne peut fonctionner de manière indépendante, étant prévu pour être intégré à une installation constituée d'autres éléments. Aussi rentre-t-il dans
le champ d'application de l'art. 6, paragraphe 2 de la Directive machines 2006/42/CEE et de ses modifications successives. Sa mise en service est interdite avant
que l'installation ait été déclarée conforme aux dispositions prévues par la Directive.
This product can not work alone and was designed to be fitted into a system made up of various other elements. Hence, it falls within Article 6, Paragraph 2 of the
EC-Directive 2006/42 (Machines) and following modifications, to which respect we point out the ban on its putting into service before being found compliant with
what is provided by the Directive.
Dieses Produkt kann nicht allein funktionieren und wurde konstruiert, um in einen von anderen Bestandteilen zusammengesetzten System eingebaut zu werden. Das
Produkt fällt deswegen unter Artikel 6, Paragraph 2 der EWG-Richtlinie 2006/42 (Maschinen) und folgenden.
Este producto no puede funcionar de manera independiente y se tiene que incorporar en una instalación compuesta por otros elementos. Está incluido por lo tanto
en el Art. 6 párrafo 2 de la Disposición 2006/42/CEE (Maquinaria) y sus siguientes modificaciones, por lo cual destacamos que está prohibido poner la instalación
en marcha antes de que esté declarada conforme a la citada Disposición.
Legal Representative
Pag. 43 di 44
NOTE:
Pag. 44 di 44
K500
Questo prodotto è stato completamente progettato e costruito in Italia · Ce produit a été complètement développé et fabriqué en Italie · This product has been
completely developed and built in Italy · Dieses Produkt wurde komplett in Italien entwickelt und hergestellt · Artìculo totalmente proyectado y producido en Italia
Denominazione Particolare
Codice
Denominazione Particolare
BC07041
CMO1346
Statore K500 120/60 1P
Corona elicoidale
Carcassina + campana motore K500
CCA1178
CCA1179
CCA1324
CCA1325
Gruppo piastra base
Perno cerniera scatola QE
nuova Camme finecorsa DX
nuova Camme finecorsa SX
CCM6005ZZ
CCM6202ZZ
Cuscinetto motore 6005ZZ
Cuscinetto motore 6202 ZZ
Passacavo PG9
Passacavo PG16
Microrot
Condensatore 10Mf con cavetto
Supporto sella
Cavetto terra
Ingranaggio di traino
Albero di traino
Perno sblocco
Rotore con albero K500 ventilato
Campana motore K500 ventilato
Rotore con albero K500
Statore K500 230/50-60 1P
Guida porta cilindro
Coperchio per viti
Cassetto copri serratura
Tappo per carter
Sfera per molla
Flangia finecorsa
Boccola
Carter K500
Scatola QE
Coperchio scatola QE
Paraolio 20x30x5
Seeger E20
Seeger E10 inox K500 ventilato
Molla finecorsa Inox
Molla per sblocco
Spina CIL 8x32 non temprata
Molla trazione coperchio
Spina CIL10x55
Anello di tenuta OR_158
Anello di tenuta OR2037
Paraolio 25x40x7
CVA1060
CVA1587
CVA1667
Guarnizione K
Serratura M8
Ventola K500 ventilato
Codice
DAC4X10
DSB6x25
DSC3x20Z
DTE8x40
DTB63x25
DAC5x10
DAS42x16
DAE55x16
DAC42x16
DAC39x95
DAC35x95
DAC35x65
DAC29x95
DDD6MA
DDMM8
DDMM3Z
DRD4
DRL8x26
DST8x45
Via Matteotti, 162
Telefono ++39.030.2135811
Telefax ++39.030.21358279-21358278
automatismi per cancelli
automatic entry systems http://www.ribind.it - e-mail: [email protected]
Denominazione Particolare
Vite Autom. TC CR 4x10 TRIL.UNI
Vite TSPEI 6x25 UNI5933
Vite TSP.CR 3x20
Vite TE 8x40 UNI5739
Vite TCEI 6.3x25 AUTOF.ZINC.
Vite Autom. TC CR 5x10 TRIL UNI8112
Vite Autom. TS CR 4.2x16 DIN7982
Vite aut. TE 5.5x16 P.Tronca Z
Vite auto. TC.CR. 4.2x16
Vite aut.TC.CR 3.9x9.5 DIN798
Vite aut.TC.CR 3.5x9.5
Vite aut.TC.CR 3.5x6.5 DIN7981
Vite aut.TC.CR. 2.9x9.5 ZINCAT
Dado autob. 6MA ALTO
Dado 8MA medio UNI5588
Dado 3MA medio UNI5588
Rond. dent. D=4 piano DIN6798
Rond. piana 8.5x26x2.5
Grano M8x45 UNI5927
Codice
Was this manual useful for you? yes no
Thank you for your participation!

* Your assessment is very important for improving the work of artificial intelligence, which forms the content of this project

Scaricare PDF

annuncio pubblicitario

In altre lingue

Seules les pages du document en Italien ont été affichées.